Sei sulla pagina 1di 212

Copertina:OK COPERTINA 2009 31/08/10 14:52 Pagina 1

KEL12 • CATALOGO SETTEMBRE 2010 / SETTEMBRE 2011 • VERSO CULTURE SCONOSCIUTE

www.kel12.com l’insolito non è l’impossibile


Copertina:OK COPERTINA 2009 31/08/10 14:52 Pagina 3

Il cerchio magico
dove saltano le regole del gioco

Viaggiatori
viaggianti
Percorrere terre di incontri, incontrando la storia,
l’arte, la religione; entrando in contatto, per
viverlo, con uno straordinario patrimonio, culturale
e umano. Non sentirsi appagati da un semplice
incontro, banale e frettoloso, o da una rapida,
seppur emozionante, visione dei luoghi. Avere,
anche individualmente, il tempo e la possibilità di
vivere quei momenti come spazi personali,
secondo le proprie esigenze e le proprie curiosità.
Viaggiare da soli comporta attenzione, nella scelta
iniziale così come nell’incontro con l’altro:
guardare, capire, senza prevaricare. Viaggiare in
gruppo richi ede lo stesso dato ma “solo” un
obbligo in più: uniformità di comportamenti tra tutti
i partecipanti quanto a umiltà (nel porsi di fronte
“all’altro”), a disponibilità e a comprensione delle
diversità. In questo Tour Leader e guide scelte
svolgono con sensibilità il loro compito di
mediatori e facilitatori, aiutando e non
prevaricando, spiegando e non imponendo una
visione personale o un approccio univoco.
E’ una visione colta del viaggio, là dove per cultura
si intende “tutto”; un tutto facilmente intuibile se si
parte dal presupposto che parliamo di viaggi di
ricerca, di scoperta, di incontro.
E’ banale dire che un viaggio è “culturale”, termine
ormai inflazionato e spesso abusato, definizione
ingenuamente generalizzata. Eppure basta
attenersi ad una regola semplice: voglia di
rispettare. Che si traduce nella volontà di vedere i
paesi non come musei, ma come un’entità in
continuo movimento, che parte dalla storia e
percorre periodi di declino e di crescita, a volte di
magnificenza, per allacciarsi all’oggi. Per questo
nei nostri viaggi facciamo irrompere la quotidianità:
mercati e feste, spirito religioso e leggende, arte
antica e creatività di oggi; e luoghi piccoli,
suggestivi, accanto alla grandiosità della natura.
Cultura come rispetto della sua integrità, come
capacità di salvaguardia. La natura è magica,
dominatrice e grandiosa. Lo è proprio perché è
integra. A noi capirlo e comportarci di
conseguenza. Lasciando solo piccole tracce del
nostro passaggio, orme che il vento possa
cancellare nello spazio di un soffio. Cultura come
dovere: di preservarne la sontuosità, di rispettarne
la magnificenza, di conservarne il fascino.
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 28/06/10 17:18 Pagina 1

I cataloghi sono “luoghi del viaggiare”, tra la mente e il corpo. Sono stimoli, suggestioni, racconti, piccole anticipazioni.
Se sviluppassimo sul catalogo la mole di informazioni che per ogni nostro itinerario diamo al viaggiatore avremmo cataloghi
ingestibili (e forse un po’ noiosi…). Per questo cerchiamo di sollecitarvi dando poche note e lasciando la curiosità: quando
un certo viaggio vi interessa chiedeteci i dettagli, lo svolgimento giorno per giorno, i servizi, il minimo e massimo dei nostri
gruppi. Scrivere che spesso (quando è necessario) i nostri massimi corrispondono al minimo di altri non è uno slogan.
Non è nemmeno polemica: è ribadire e valorizzare la nostra specificità. Tra le difficoltà di un catalogo di emozioni c’è
quella di far capire quante e quali tipologie di viaggio possono essere sviluppate. E in un catalogo come il nostro sappiamo
bene che risaltano soprattutto alcuni viaggi di gruppo con Tour Leader. Spesso ai viaggiatori sfugge il fatto che amiamo
e facciamo molto bene anche i viaggi individuali, quelli costruiti su misura, per il viaggiatore e con il viaggiatore.

Percorsi paralleli,
senza contraddizioni
Piccoli gruppi. Con accompagnatore. Ci sono viaggi Viaggi individuali e su misura. Si possono organizzare
che hanno “bisogno” di piccoli gruppi. Difficoltà, necessità sempre, a volte con estrema semplicità, altre studiando
che ogni partecipante sia protagonista, volontà di desideri, difficoltà organizzative, necessità. In un caso si
rispettare tempi e modi impongono che il numero di tratta di riformulare tempi e modi e fare una proposta
viaggiatori sia proporzionale alle esigenze organizzative di economica (che per altro la nostra programmazione ha già
quel certo viaggio, cosicché si formi tra i viaggiatori il spesso ipotizzato); nel secondo caso, di affidare alla
giusto spirito di coesione, di partecipazione, di scambio. programmazione e all’operativo le richieste, farle vagliare
Certo, c’è viaggio e viaggio: ci sono molti itinerari che quanto a fattibilità nei modi e soprattutto nei tempi richiesti,
raccontano luoghi e culture in regioni note, lungo piste già dare risposte che spesso sono prodighe di consigli per
lungamente battute; così come ci sono, all’opposto, e arricchire il viaggio. Sul terreno saranno poi le guide locali a
passando per spedizioni di varia difficoltà, viaggi di garantire lo svolgimento e a soddisfare quella voglia di
ricognizione, per i quali al viaggiatore sono richiesti, ancor conoscere e di incontrare che è parte essenziale del
più, attitudine al cambiamento, spirito di adattabilità e viaggio. Saranno loro a svolgere con soddisfazione quel
capacità di condivisione. Accompagnatori e guide. Sono la ruolo centrale di mediazione ed organizzazione che
chiave di volta del viaggio, la pietra angolare capace di determina la buona riuscita dell’itinerario. Guide selezionate
sostenere questo complesso edificio. A loro si chiede di negli anni, capaci di regalare quel qualcosa in più che
essere mediatori all’interno del gruppo e, allo stesso tempo e appartiene solo a chi “è” quel Paese.
soprattutto, tra viaggiatori e luoghi visitati. I Tour leader A noi il compito di capire le vostre esigenze, ma ancor più
italiani, e ancor più gli esperti, sono a volte indispensabili in i vostri desideri, i vostri sogni. Capire per consigliare: non
questo ruolo, o per la difficoltà della mediazione o per la vi diremo sempre “si può fare”, vi diremo anche
complessità del terreno. Sono un privilegio per chi viaggia. “cambiamo, cerchiamo un’alternativa al percorso,
Una grande orchestra... Alla fine, per il viaggio, cosa c’è aggiungiamo...”. Un viaggio su misura vive di tante
di meglio di un palcoscenico di luoghi e genti lontani, di componenti, ma ha il privilegio di far discutere di ogni
un buon direttore d’orchestra che aiuta e media con la aspetto e di poter scegliere secondo le proprie esigenze:
sua esperienza e la sua conoscenza del paese, di uno dal mezzo di trasporto ai lodge e agli hotel, dai tempi ai
straordinario gruppo di solisti, voi viaggiatori, che sanno modi. Lo sappiamo fare, lo vogliamo fare. Così come vi
essere anche squadra, così che tante individualità si diremo qualche garbato no, con la stessa lealtà verso i
trasformino in una grande orchestra? viaggiatori abbiamo deciso di non proporre viaggi
individuali in tutti i paesi del mondo toccati dalla nostra
programmazione, in cui operiamo. Abbiamo selezionato
solo quelli in cui il corrispondente e le guide sono in
grado di garantirci quell’ottimo livello dei servizi individuali
che sono la nostra vera garanzia nei vostri confronti.
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 28/06/10 17:18 Pagina 2
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 28/06/10 17:18 Pagina 3

se il Viaggio è
uno spazio in cui formare i propri passi
I viaggi si creano insieme: Kel12 con i suoi viaggiatori, viaggiatori con viaggiatori
Nascono così gli itinerari più emozionanti e rigorosi, ricchi di tutta la poesia possibile
e di tutta la lucidità necessaria. È l’amore per il viaggio l’intonaco di questa costruzione comune

tra curiosità e appagamento, realtà e sogno

Viaggiare è...
Il Viaggio è il luogo dello smarrirsi, del ritrovamento dell’inaspettato; è il tempo dello stupore
Nel viaggio i sensi si risvegliano, diventano più vigili, si stupiscono di fronte a usanze e accadimenti
Il viaggio è umiltà: bisogna ricominciare a imparare, non si può più dare nulla per scontato
Smarrirsi di fronte a usanze e situazioni che non conoscevamo o credevamo di non conoscere

cambiare latitudine per cambiare prospettiva


È il tempo dell’incontro per eccellenza, visto che ogni popolo osserva,
accudisce e ama cose diverse

è conoscere: capire, non solo raccontare


Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 28/06/10 17:18 Pagina 4

Libia: le grandi dune del Murzuq

Alla fine abbiamo amato il deserto e lui ci ha amato.


All’inizio sembra fatto di nient’altro che di vuoto e di silenzio:
ma solo perchè non si dà ad amanti di un solo giorno.
Se per esso non rinunciamo a molto del resto del mondo,
se non entriamo a far parte delle sue tradizioni, e le sue usanze,
delle sue rivalità non sapremo nulla di lui.

Antoine de Saint-Exupéry, Terre degli uomini


Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 28/06/10 17:19 Pagina 5

Egitto: il gran mare di sabbia verso il Gilf Kebir

Carovana Tuareg: il trasporto del sale


Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 28/06/10 17:19 Pagina 6

Libia: improvvisi i laghi tra le alte dune

Il Sahara è il paese del mondo


di cui la nostra fantasia altera
nella maniera più strana
forme e colori.
Ciascuno ha il suo Sahara.
Ciascuno sogna in quella remota
lontananza un deserto di poesia
popolato di esseri bizzarri.

Auguste Choisy
Il Sahara: da vivere, da ascoltare
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 28/06/10 17:19 Pagina 7

Mali: la santa moschea di Djennè e il mercato settimanale

La tua ombra cambia forma


in viaggio, si spezzetta nel sole,
si frantuma sui sassi, vibra
tra le voci di un mercato,
si irrigidisce nel tedio di una
pianura. Danza su un telo
mosso dal vento, si impenna
nel riflesso del sole dando
al tuo profilo angoli bizzarri.
Vedendo l’ombra cambiare,
ti accorgi che muovendoti
non rimani mai uguale.

Marco Aime, Sensi di viaggio


Mali: il fiume Niger, profili al tramonto
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 28/06/10 17:19 Pagina 8

Benin: danze Egun a Bohicon

Mali: paese Dogon, l’uscita delle maschere e la danza della tradizione


Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 02/08/10 16:38 Pagina 9

Madagascar: Fort Dauphine, baia di Lokaro

Camminando vengono in mente


cose di ogni genere.
Si ritorna sul passato, si rifà
ciò che è già stato, si contraddice
o si sistema la propria esistenza,
a volte fino a contraffarla.
Ci si posa là dove si riposa.
Là dove si calpesta la terra
ci si libera la mente.
Si è se stessi e l’altro.
Ci si mescola e ci si immischia
nelle civiltà, nei costumi,
nei sogni e nelle certezze.
Jacques Lanzmann, Il canto del viaggio
Uganda: regione di Bunyarugura, il rientro al villaggio
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 02/08/10 16:38 Pagina 10

Kel 12: per viaggiare e conoscere...


Una premessa è doverosa: nella presentazione dei viaggi, sul operativi modificati dalle Compagnie aeree, il senso del viag-
catalogo, vengono segnalate le cose indispensabili e quelle più gio (non la sua essenza) venga modificato, ci siano dei cam-
importanti. Non vengono segnalati i supplementi: sono “volu- biamenti anche nel numero di notti in tenda o hotel. Le infor-
bili” (basti pensare alle tasse di volo) e non possono sempre mazioni generali e il day by day mandati al momento dell’i-
essere segnalati in tutte le loro possibili voci (ci sono, a volte, scrizione confermano o modificano quanto scritto su questo
molte stagionalità che non sempre coincidono, all’interno catalogo e fanno testo. (Vedi regolamento anche per le
dello stesso viaggio, per quanto riguarda voci diverse: terre- modalità inerenti ai cambiamenti determinati dai Vettori).
stre, voli, camere singole, ecc.). Può succedere che al momen-
to del viaggio, spesso molto dopo la chiusura del catalogo, Il prezzo del viaggio si riferisce alle date pubblicate. Per partenze
qualche servizio cambi, alcune date vengano rimodulate su in date diverse il prezzo va riconfermato alla prenotazione.

La dicitura: “in hotel” Viaggi in Pool semplicemente pensiamo che paese per paese,
Abbiamo per lo più eliminato la distinzione tra Sono viaggi effettuati in pool con altri ope- viaggio per viaggio, stato d’animo per stato
hotel e lodge mentre conserviamo il più possibile ratori italiani e stranieri, di solito organiz- d’animo portino a scelte. Vi aiutiamo a farle, vi
quella tra gli altri vari tipi di strutture fisse. zati dal corrispondente: un modo per far sì presentiamo viaggi a volte simili o uguali, ma
Inoltre, rimandiamo alle schede del viaggio per che il viaggio raggiunga il minimo di parte- da vivere in maniera diversa. All’inizio le cate-
la distinzione tra strutture la cui definizione cipanti e parta. Una formula, lo ribadiamo, gorie erano molte di più, ma alla fine abbiamo
cambia da Paese a Paese. Esistono viaggi nei che non è di più basso profilo. semplificato: viaggi di gruppo con il Tour
quali le notti al campo sono trascorse in struttu- Leader e viaggi privati ed esclusivi. Tutti i
re fisse di alto livello, con tende fornite di lettini, Alcune norme per i voli nostri Tour Leader sono esperti dei luoghi in
lenzuola e servizi privati. Difficile non conside- L’impossibilità a modificare alcune richieste di cui vanno: accompagnano con professionalità,
rarli dei veri e propri hotel. In Mongolia, al con- voli, soprattutto per congiunzioni interne, non conoscendo i luoghi, valutando le situazioni,
trario, ci sono itinerari senza tende, ma nelle dipende certo da cattiva volontà, ma dai rego- aprendovi alla conoscenza di quel certo paese
yurte si dorme spesso in più di due e i servizi sono lamenti delle Compagnie aeree che vietano o di quella particolare popolazione. A volte
a volte in comune: come considerli un “tutto modifiche ai biglietti emessi o confermati; sono esperti di una zona del mondo o di una
hotel”? In alcuni Paesi è consigliabile portare quando lo fanno richiedono penali che a noi materia applicabile a quel viaggio. I viaggi di
sacco a pelo o sacco lenzuolo (e vi avvisiamo, dispiace di dovervi domandare e a voi di dover gruppo diventano la categoria che accumuna
specificandone la ragione), ma sono garantiti, in pagare. Così come praticamente tutti i Vettori tutti quelli accompagnati. Mentre protagonisti
albergo, i servizi privati anche se si tratta di vietano il “cambio nome”. A tal riguardo si dei viaggi individuali diventano le guide locali:
strutture locali modeste. La classificazione in prega di comunicare sempre il nome esatto e mediatori tra voi e il paese altrettanto validi
questo caso sarà comunque “in hotel”. Quale è, completo che appare sui vostri passaporti o seppur non sempre in sintonia completa con la
allora, il criterio di classificazione? Quello della documenti di viaggio: in caso contrario, il con- nostra mentalità europea.
possibilità o meno di garantire dei servizi privati trollo al check-in potrebbe portare a spiace-
o quanto meno di livello. voli inconvenienti. La stagionalità aerea può I Tour Leader: da dove
subire variazioni decise dalle Compagnie. A volte il Tour Leader parte con voi dall’Italia,
I mezzi di trasporto altre volte lo troverete in loco. In alcuni viaggi
Per altre informazioni ci affidiamo al buon In viaggio con l’esperto viene segnalato se è italiano o se “semplicemen-
senso: scrivere 4x4 tipo Toyota e farvi trovare Troverete i viaggi divisi per “categorie”: non è te” parla la lingua italiana. In questo secondo
delle Nissan, perché il corrispondente ha cam- un modo per dare classificazioni di merito, per caso si tratta quasi sempre di Tour Leader euro-
biato il mezzo, così come scrivere pulmino o privilegiarne alcuni, per dare pagelle di diffi- pei, ma che parlano un ottimo italiano; sono
minibus, o ancora pubblicare “voli di linea Thai” coltà o intensità. E’ un modo che riteniamo sempre dei grandi conoscitori dei luoghi e spesso
e farvi volare con Lufthansa (solo per fare un interessante per aiutarvi a scegliere, secondo vivono nei Paesi in cui accompagnano. Allo stes-
esempio), siamo sicuri che ce lo perdonerete. Dal desideri e necessità del momento. Non pensia- so modo segnaliamo se la guida locale parla ita-
momento che vi garantiamo lo stesso grado di mo affatto che ci siano tipologie di viaggiatori liano o se ha competenze specifiche.
sicurezza e un livello qualitativo elevato. o che i viaggiatori siano differenti tra loro:
I gruppi speciali
È possibile organizzare viaggi ad hoc, per sin-
Viaggi con esperto, con più date goli o per gruppi, della durata desiderata, an-
Troverete, nel calendario partenze così come nelle pagine che raccontano un certo viag- che modificando gli itinerari secondo le esi-
gio, itinerari con più date accompagnati da differenti Tour Leader e/o esperti. Fin qui genze dei viaggiatori. Per alcune destinazioni
abbastanza normale, ma potrebbe verificarsi il fatto che un viaggio con lo stesso titolo, è necessario valutare, per motivi organizzativi,
nello stesso paese, possa mostrare, nella lettura del day by day, delle differenze. A volte l’opportunità di utilizzare più veicoli: di conse-
minime, altre significative. O, più banalmente, che possano cambiare alcuni parametri,
guenza a volte è opportuno un numero mini-
dai giorni al prezzo. Singolare, strano, sbagliato? E’ vero solo il primo aggettivo perché
non si tratta di errori o stranezze, ma di una cosa “normale”, certamente logica. Ogni mo di partecipanti, per contenere i costi e per
esperto porta, in quello stesso viaggio, la sua esperienza, la sua cultura, la sua specifi- garantire la sicurezza senza mai snaturare lo
cità, la sua sensibilità, le sue “preferenze”: luoghi, popoli, arte, cultura, storia, archeo- spirito dei nostri viaggi. È determinante la
logia sono componenti a volte fondamentali dello stesso viaggio. E chi vi accompagna, tempestività nelle richieste.
pur non trascurandone alcuna, può raccontarvi l’anima di quel paese partendo da uno
di quegli aspetti, privilegiandolo nel racconto. E’ chiaro che non sempre lo stesso viag-
gio sarà “più viaggi”; il più delle volte la sensibilità verso luoghi e popoli è la stessa. Così
come è certo che quel certo viaggio vi permetterà di vedere comunque le cose impor-
tanti. Per cui guardate i viaggi, “leggete” le differenze, scegliete a sensazione quale
aspetto del paese vi piacerà maggiormente conoscere... e via, sacco in spalla.

10
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 02/08/10 16:38 Pagina 11

LE NOSTRE PROPOSTE... LE NOSTRE PROPOSTE INDICE LE NOSTRE PROPOSTE... LE NOSTRE PROPOSTE

쎲 Soggetti ad adeguamento valutario


SAHARA E AFRICA DEL NORD INDIA E SUBCONTINENTE IND
Libia da 28 a 37 India 쎲 da 150 a 159
Egitto da 38 a 45 Ladakh 쎲 153
Algeria da 46 a 51 OCEANO INDIANO Nepal 쎲 155
Tunisia 52 e 53 Sri Lanka 쎲 154 e 159
Madagascar da 120 a 123
Marocco da 54 a 57
Reunion 125
Nepal 쎲 98
Seychelles 124 CINA TIBET GIAPPONE
AFRICA NERA
Cina 쎲 da 162 a 167
Mali da 60 a 65 VICINO ORIENTE Tibet 쎲 166 e 167
Guinea 64 Giappone 쎲 165
Giordania 쎲 da 130 a 134
Etiopia 쎲 da 66 a 71
Siria 132 e 134
Ghana Togo Benin da 72 a 77
Giordania Israele 쎲 131 BIRMANIA INDOCINA
Cameroun 73
Israele 쎲 130 e 131
Myanmar 쎲 da 170 a 173
AFRICA AUSTRALE E DELL’EST Vietnam 쎲 da 176 a 178
PENISOLA ARABICA 181 e 183
Namibia 쎲 da 82 a 89 e 93 Laos 쎲 da 178 a 180
Botswana 쎲 da 92 a 95 e 100 Oman 쎲 138 Cambogia 쎲 da 176 a 178
Sud Africa 쎲 da 98 a 101 Soqotra 139 180, 181 e 183
Tanzania 쎲 da 104 a 109
Kenya 쎲 104 e 107 ASIA CENTRALE
Uganda Rwanda 쎲 107 INDONESIA
Mozambico 쎲 da 112 a 115 Mongolia 쎲 142 e 143 Indonesia 쎲 186 e 187
Malawi 쎲 116 Turchia 144
Zambia 쎲 116 e 117 Uzbekistan 쎲 145
OCEANIA, AMERICHE E OLTRE...

L’indice è abitualmente una pagina fredda, necessaria e utile sebbene non indispensabile. Noi Papua 쎲 190
non facciamo eccezione. E non è certo questo il luogo per tesserne l’elogio o sottoscriverne l’i- Australia 쎲 191
nutilità. Eppure quell’elenco di nomi nasconde scelte molto precise: la filosofia di viaggio, ancor Isole Marchesi 쎲 193
prima l’idea stessa che si ha del viaggio (e per un operatore, la necessità di capire l’idea degli Nuova Caledonia 쎲 192
altri, di uniformarla alla propria e se “succede” di spingere un’idea nuova). L’indice nasconde Patagonia 쎲 194
scelte, cela luoghi da vedere per la prima volta o da guardare con occhi nuovi. Scelte… Kel12 Guatemala Messico 쎲 195
ne ha sempre fatte di importanti, da quando nel lontano 1978 ha deciso di spingere un nuovo
Canada Alaska 쎲 196
modo di viaggiare a quando ha preso atto che i viaggiatori scalpitavano per viaggiare “da soli”,
per prendere sulle proprie spalle, ma senza rinunciare all’aiuto di un operatore e dei suoi esperti,
il sogno da cui parte il viaggio, la sua modulazione, la sua realizzazione sul terreno affiancati
ANTICIPAZIONI
da brave guide locali. Ha seguito il mercato? Forse, in parte. Ha seguito l’evoluzione dei suoi
viaggiatori? Di sicuro. Con la stessa determinazione ha ora ripreso in mano le modalità del viag- Di tutto un po’ 197
gio certa che i viaggiatori vogliano una distinzione netta tra viaggi di gruppo e viaggi indivi-
duali. Non più antitetici, non rispondenti alla “moda”, ma forti di una pari dignità. Non esistono
viaggiatori “da individuali” e viaggiatori di “gruppo”. Esiste un viaggiatore che di volta in volta Per viaggiare e conoscere pag. 010
ha bisogno di un itinerario tagliato su misura come un buon abito di sartoria, ricco di piccoli
Turismo e sostenibilità pag. 014
e grandi particolari-desideri personali, o di un viaggio in cui la presenza dell’esperto o del Tour
Leader danno quell’innegabile qualcosa in più. Se ci rinunciamo pur di soddisfare la voglia di Dalla parte degli altri pag. 015
costruire un viaggio personale e autonomo facciamo una scelta. Se riteniamo “inutile” il Tour I libri in valigia pag. 016
Leader sbagliamo totalmente. Noi crediamo fermamente (così siamo nati oltre 30 anni fa e non Il sonno il relax la “casa” pag. 018
abbiamo cambiato idea) che avere con sé un esperto, avvalersi di un Tour Leader, avere come Normali con brio, speciali... pag. 019
compagno di viaggio un conoscitore profondo dei luoghi e dei popoli sia un privilegio al quale In viaggio con l’esperto pag. 020
nessun viaggiatore può e deve sottrarsi: se lo fa, perde molto. Nei viaggi con Tour Leader cre-
Calendario partenze con TL pag. 022
diamo e puntiamo, perché siamo certi che siano non solo un valore aggiunto, un elemento utile
e distintivo, ma soprattutto la chiave più importante per entrare “nel paese”. Abbiamo basato Assicurazioni pag. 198
molto la programmazione su questo aspetto (e ne fa fede il Calendario partenze con Tour Regolamento pag. 200
Leader, ch per altro non contiene tutti i viaggi perché abbiamo in serbo molte novità) perché
siamo certi di aver nella squadra persone di straordinario valore, capaci di farvi conoscere luoghi
e popoli con occhi diversi, in grado soprattutto di farvi “vivere” il viaggio.

11
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 02/08/10 16:38 Pagina 12

Kel 12: per viaggiare e conoscere...


Chi siamo ché altrimenti “passa” l’idea che siamo più
Kel12 è una “tribù che viaggia” con passione cari mentre ogni scelta di prezzo viene fatta
da trentadue anni. Negli uffici di Milano “controllando la concorrenza”. Certo, a volte
lavorano 20 persone. Con loro un gruppo facciamo scelte più costose, ma sempre
stabile di accompagnatori di grande espe- pensando al viaggio e ai viaggiatori. I nostri
rienza, ai quali è anche demandato il compi- gruppi sono per lo più piccoli; le auto 4x4
to di “provare” i nuovi itinerari; un gruppo di caricano al massimo 4 viaggiatori e non i 6/7
collaboratori, spesso residenti all’estero, possibili (salvo eccezioni in Africa Australe e
profondi conoscitori della realtà e cultura dell’Est, con apposite auto da safari); quasi
dei Paesi nei quali i viaggi sono programma- sempre sui pulmini tutti hanno il finestrino
ti; un valido gruppo di consulenti, di promo- (quando è utile). Noterete che molte attività
ters, di formatori e una rete di agenzie di norma lasciate come extra sono invece
“esperte” in continua espansione. incluse, perché siamo convinti che siano
parte determinante di quella esperienza di
Il rispetto per “l’altro” viaggio. Con lealtà abbiamo effettuato con-
Abbiamo fondato tutti i viaggi sul rispetto fronti: possiamo reggere il paragone! Sicu-
delle popolazioni e degli ambienti che vi ramente non intendiamo tradire la nostra
portiamo ad incontrare, seguendo regole scelta: creare itinerari rari, spesso unici.
che rispettiamo e riteniamo compito di un
operatore far rispettare. Siamo sicuri di Verso culture sconosciute
averlo fatto sempre, autorizzando gli ac - Da sempre il nostro obiettivo è quello di
compagnatori a “far pressione” su quei viag- costruire itinerari che permettano di acco-
giatori che non le capivano o non volevano stare realtà quasi sconosciute e difficilmente
accettarle. Le regole di base sono poche e accessibili, da scoprire in condizioni di mas-
semplici (senza dimenticare che ogni Paese sima sicurezza e con tutte le garanzie offerte
ha variabili proprie): non alterare i ritmi di da un’organizzazione modernamente attrez-
vita locali; non scattare foto “contro” un zata. Questo è anche quanto ci chiede chi,
soggetto, ma con lui; non farsi prendere condividendo il nostro spirito e la nostra pas-
dall’ansia di “fare e vedere tutto” ad ogni sione, sceglie di viaggiare con Kel12. Accanto
costo; prendersi del tempo per stabilire un Prenotare per tempo agli itinerari capaci di soddisfare la vocazio-
buon rapporto di confidenza con le persone; Spesso siamo costretti a dire di no o a tenere ne al diverso e all’insolito ne abbiamo elabo-
ricordarsi che anche le vaccinazioni hanno sulle spine qualche nostro viaggiatore per- rato molti su destinazioni “classiche”, sem-
ripercussioni, (“aumentare” un dosaggio o ché i servizi sono su richiesta o non possia- pre studiando un modo di viaggiare diverso,
prendere prodotti troppo forti indurrà forti e mo garantire il visto. Anche le compagnie più curioso che avventuroso, più riflessivo
pericolosi casi di resistenza a danno delle aeree e i corrispondenti hanno, in molti che teso ad accumulare chilometri.
popolazioni e dei viaggiatori); non dare Paesi, le loro (giuste) esigenze e conservano
denaro per “liberarsi la coscienza”, ma farlo prenotazioni e posti solo fino ad una certa La nostra filosofia di viaggio
in cambio di un piccolo servizio; non abban- data prima della partenza; da quel momento Pensiamo che ogni esperienza di viaggio sti-
donare mai involucri e oggetti che non siano in poi “su richiesta”. Per questo vi esortiamo moli la capacità di adattamento, ma questo
rapidamente biodegradabili; non assecon- a prendere una decisione... Veloce. non deve essere confuso con l’approssima-
dare il mercato di oggetti in corallo, avorio o zione. L’immagine del viaggiatore con il
palesemente trafugati da luoghi di culto. Un cambio dichiarato sacco in spalla, in tasca un biglietto a data
Non possiamo fare previsioni sul rapporto
futuro tra monete per cui chiudiamo questo
catalogo, a luglio, dichiarando il valore di
cambio utilizzato. Per ogni “settore”, a volte
anche con una divisione per viaggi, informia-
mo nell’indice e nei programmi che inviamo,
sulla percentuale dei nostri costi che è stata
calcolata in moneta estera. Su quella percen-
tuale procederemo agli adeguamenti valutari,
se ci saranno.
Più cari o scelte costose?
Alcuni viaggi Kel12 possono sembrare cari
rispetto ai prezzi di altri operatori ed è
opportuno chiarirne le ragioni tecniche, per-

12
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 06/07/10 10:25 Pagina 13

...buoni motivi per viaggiare con noi


aperta, nello sguardo un orizzonte incerto è I campi, le tende igloo
una realtà completamente estranea ai nostri La vita al campo permette un contatto diret-
viaggi. Vero è, invece, che nessun nostro to con la natura, gli autoctoni e all’interno
viaggiatore rinuncerebbe a vedere luoghi del gruppo. Non è necessario avere prece-
straordinari, altrimenti non visitabili, solo denti esperienze di campeggio né un partico-
per non “subire” qualche disagio come un lare spirito di avventura per “affrontare” le
percorso in fuoristrada su piste a volte scon- notti in uno dei nostri campi. La motivazione
nesse o alcune notti in tenda, ove non vi sia culturale e la coscienza della necessità di
altra possibilità. Questo non significa che adattarsi sono sufficienti a superare even-
non si possano realizzare e proporre, dove tuali piccole difficoltà. In alcune destinazioni
possibile, circuiti molto particolari anche con l’acqua è un bene prezioso che non può esse-
tutti i pernottamenti in hotel; e lo facciamo. re usato oltre il necessario. Non mancherà
mai l’acqua da bere, perfettamente potabile
Un modo “nuovo” di viaggiare? o “potabilizzata”, né un minimo di acqua per
Kel12 non ha inventato questa concezione la vostra toilette.
del viaggio, ma l’ha profondamente condivi-
sa e interpretata. Siamo debitori ad alcuni Sicurezza, igiene e sanità
veri pionieri, come Sergio Scarpa, ma cre- Tutti gli itinerari sono rigorosamente prepa-
diamo di avere il merito di aver strutturato rati per garantire la massima sicurezza,
questo tipo di viaggio adeguandolo alle esi- infatti, in tanti anni, non si sono mai presen-
genze e alle richieste dei viaggiatori, grazie sivi. Per alcuni circuiti verranno utilizzate tati problemi. Gli inconvenienti sono in
ai loro consigli. È nato così lo stile Kel12: guide locali, parlanti l’italiano o altre lingue genere dovuti a mancanza di attenzione e,
grande preparazione, ottima conoscenza dei europee. Questa e altre evenienze sono sem- soprattutto, alla trasgressione delle regole
luoghi e della cultura locale, accompagna- pre specificate negli ”Aspetti pratici” riporta- di prudenza. L’organizzazione ha provvedu-
tori di alto livello, una organizzazione sul ti sul catalogo e/o nelle ”Informazioni gene- to a pianificare anche la soluzione dei pro-
campo che nulla tralascia per garantire rali” che riceverete con la documentazione blemi che dovessero nascere a seguito di
comodità e sicurezza. dettagliata. A tutti gli effetti, anche al di queste “disattenzioni”. Con gli stessi criteri
là del catalogo, fanno fede la scheda prez- abbiamo considerato e segnalato tutto ciò
Bisogno di un consiglio? zi e le informazioni che vi verranno inviate che riguarda l’igiene nei Paesi visitati: fare le
Le motivazioni che inducono a privilegiare con l’itinerario o all’atto dell’iscrizione. profilassi quando richieste, bere solo l’acqua
una destinazione o una tipologia di viaggio fornita dall’organizzazione o quella in botti-
sono soggettive, ma è fondamentale infor- L’attrezzatura e l’equipaggiamento glie sigillate, evitare di bagnarsi in luoghi
marsi bene e scegliere consapevolmente il L’organizzazione fornisce ai partecipanti sconsigliati dall’accompagnatore o dalle
proprio viaggio, per evitare delusioni. Chia- tutto il materiale da campo nei viaggi in cui guide. I viaggi sono difficili solo quando
mateci. Vi aiuteremo a scegliere tenendo è previsto, ad eccezione del sacco a pelo, non si affrontano con una buona prepa-
conto delle vostre esperienze e dei vostri gusti. oggetto troppo personale per poter essere razione. Con il gruppo viaggia sempre una
condiviso. I pasti saranno il più vario possi- “cassetta-farmacia” contenente prodotti di
L’organizzazione degli itinerari bile, in relazione alle possibilità che offre il primo intervento, farmaci essenziali e anche
Ogni itinerario è pianificato con largo antici- Paese nel quale si viaggia, anche grazie ad dotazioni particolari che verranno utilizzate
po, così da essere il più completo possibile. interventi dei nostri accompagnatori. Sono solo in presenza di un medico. Vi invitiamo a
Accanto a itinerari di largo respiro ne propo- previste integrazioni alimentari dall’Italia portare i farmaci di prima necessità ai quali
niamo altri che mirano a soddisfare il piacere tutte le volte che sia necessario in rapporto siete abituati o che state assumendo al
del particolare. In Paesi molto vasti, propo- alle difficoltà di approvvigionamento locale. momento del viaggio.
niamo viaggi in zone diverse, pur lasciando
un nucleo centrale “da non perdere” comune
Le nostre Compagnie aeree
a tutti i circuiti. A volte gli itinerari richiedo-
no spirito di adattamento, ma anche gli La scelta delle Compagnie aeree è una forma di attenzione nei confronti dei nostri viaggiatori. Per
tutte le destinazioni abbiamo scelto le compagnie che davano le maggiori garanzie di professiona-
imprevisti, se avvengono nel quadro di una
lità, sicurezza, efficienza e operatività, in relazione alle esigenze della nostra programmazione dei
buona organizzazione, rendono l’esperienza circuiti. Vi sono destinazioni per le quali è necessario l’utilizzo di una specifica linea aerea, solita-
più vera. Kel12 si avvale della collaborazione mente quella nazionale; per altre è possibile una scelta quasi sempre effettuata da noi, a volte affi-
di capi spedizione di grande professionalità, data ai viaggiatori. Le Compagnie con le quali operiamo dimostrano sempre grande disponibilità nei
spesso archeologi e antropologi. A volte tro- confronti delle esigenze (le più disparate!) dei nostri viaggiatori. E non è, il loro, un merito da poco.
verete il T.L. direttamente nel Paese di desti-
Lufthansa China Airlines Royal Jordanian
nazione: problemi di visto, di uscite multiple, Alitalia Egyptair SAS
di numero massimo di permessi per uno stes- Aeroflot Emirates South African Airways
so Paese, rendono talvolta opportuno man- Aerolineas Argentinas Ethiopian Airlines Singapore Airlines
tenere lo stesso T.L. in loco per gruppi succes- Afriqiyah Airways Iberia Syrian Arab Airlines
Air Algerie Iran Air Swiss
Air Botswana Kenya Airways
Air France KLM Tap Portugal
Air Namibia Lan Airlines Thai Airways
Air Niugini Libyan Airlines Tunis Air
Austrian Airlines Malaysia Airlines Turkish Airlines
Brussels Airlines Qatar Airways Uzbekistan Airways
Cathay Pacific Royal Air Maroc Yemenia Yemen Airways

13
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 06/07/10 10:25 Pagina 14

UN PATRIMONIO DELLA NOSTRA CULTURA turismo e PORTARE E LASCIARE RISORSE AI LOCALI

sostenibilità
Il processo di sensibilizzazione al nei costi o nella qualità del prodotto
rispetto per l’ambiente è un patrimo- proposto; implica un lavoro di do-
nio della nostra cultura ormai pro- saggio costante per non dimenticare
fondamente radicato. Al di là del il primo dei nostri doveri: la tutela
valore delle parole ciò che conta e che dobbiamo al viaggiatore, l’at-
che ha sempre contato nelle scelte tenzione e la cura (che vuole dire
Non bisogna mai pensare a cultu-
della Kel12 è la concretezza dei pro- re diverse come a cose separate, alta qualità) per il suo benessere.
getti che sosteniamo. Il nostro impe- ma piuttosto a pareti della stessa La sostenibilità è dunque un impera-
gno per la tutela dell’ambiente ha stanza che sono necessarie perché tivo categorico a cui non intendiamo
avuto in questi anni sigle e nomi la stanza esista. (Amitav Ghosh) sottrarci, ma è anche una realtà in
diversi: TOI, Trust the Forest, Socotra movimento, che va monitorata, che
Eco-Tourism Society, Ecofac, Zar- Viaggiare vuole dire accettare il si bilancia tra operatori e viaggiatori,
ckouma, Amani. In ognuno di questi, confronto e la differenza. Vuole di- tra ambiente e risorse. Gli interventi
ed in altri abbiamo investito, e con- re essere consapevoli che chiunque che la consolidano vanno studiati
tiamo di investire, risorse ed energie, in un paese diverso dal suo è un insieme, viaggiatori ed operatori, ma
ma c’è bisogno di fare un passo ospite. Che il nostro passaggio la- anche di volta in volta corretti e cali-
avanti, una virata che sposti l’atten- scia tracce importanti. Che essere brati sul campo. Per fare questo ci
zione dall’ecologismo a mirate stra- accettati può essere gravoso per serve, come sempre, la vostra colla-
tegie di mercato e per il mercato. chi ci accoglie. E che non possia- borazione da cui attingere contributi
“Salvare l’ambientalismo” è l’inci- mo sempre pensare di “dover” in- preziosi, con cui misurarci.
pit provocatorio di un articolo in cui segnare qualcosa agli altri. La Kel12 è una realtà che si muove, si
l’Economist invitava ad abbandona- Bisogna ricordare che per impo- sposta, sceglie i sentieri e li percorre,
re le ideologie per una politica ra - stare un confronto utile si deve ma deve farlo in modo compatto e
gionata di costi e benefici. Siamo essere in due, ma che ognuna del- condiviso, perché è questo l’unico
convinti che al di là delle doverose le parti deve avere un ruolo ben modo in cui ci piace riconoscerci.
scelte etiche, sia questa la direzione preciso: solo così avranno e avre- Abbiamo anche stampato una nostra
giusta in cui andare: per salvare mo la parte migliore di tutti e due “visione” della Carta etica del viag-
l’ambientalismo e gli ecosistemi pla- questi mondi, il loro e il nostro. gio, di come tutti dovremmo viag-
netari, si deve cominciare a ragiona- giare per conoscere senza stravolge-
re, in modo non ideologico, di costi e re luoghi e culture; e senza la pretesa
benefici e soluzioni “di mercato”. Ma di voler “insegnare” (vecchio male…)
non può e non deve essere solo eco- corrispondenti locali e ai viaggiatori. sempre qualcosa ai popoli che in-
logismo o ambientalismo, deve es- Avvalersi delle strutture del luogo, contriamo: la consegneremo a tutti i
sere soprattutto sostenibilità: dei così come sostenere i “loro” progetti, viaggiatori e anche nei loro confronti
luoghi, delle persone, dei progetti lo- è un altro modo per portare e lasciare è ben lungi da noi l’idea di volere
cali. Rientra in questa strategia an- risorse alle popolazioni, per creare insegnare qualcosa. Vogliamo sem-
che la scelta e l’utilizzo di strutture e sviluppo, trasmettere know how e per plicemente condividere un modo di
personale locale, lì dove è possibile, valorizzare l’esperienza di chi è nato viaggiare che riteniamo comune.
un valore aggiunto per noi irrinun- nel luogo, ne conosce i ritmi e gli
ciabile, che vale l’impegno che com- equilibri e ne sa esaltare la bellezza. Lasciare piccole impronte
porta l’opera costante di sensibiliz- Non è sempre una scelta facile per Chiunque vada in un altro, diverso,
zazione e formazione rivolta ai nostri un operatore perché a volte incide Paese lascia sempre tracce di sé.
L’importante è che siano piccole
impronte, capaci di dare qualcosa e
Da molti anni Kel12 crede che la sostenibilità non sia solo una parola astratta o non di togliere. Bastano piccole
un atteggiamento “morale” che si può non avere... Soprattutto crede che il turi- regole, attenzioni del tutto normali.
smo possa e debba essere ideato e vissuto seguendo modelli sostenibili, che La sostenibilità non è semplice
incontrino cioè le necessità del presente senza compromettere la possibilità delle ambientalismo: è rapporto tra cultu-
generazioni future di vivere in un contesto preservato e protetto. Difendere non re e civiltà, è incontro di persone e
significa isolare i territori, ma dotarsi di strumenti che rendano il turismo compa- popoli. Ma salvaguardare l’ambien-
tibile con un approccio rispettoso. Si tratta di non consumare, ma valorizzare e te, che spesso è il vero patrimonio di
tutelare, soprattutto quei Paesi in cui la tutela dell’ambiente e della cultura non paese, è salvaguardare e aiutare quei
sono ancora una priorità. Visitare un paese significa, come prima cosa, confron- paesi e quei popoli; quindi sostenere.
tarsi con culture differenti, con altre religioni e tradizioni. Significa essere asso-
lutamente consapevoli che dovremo mettere in discussione molte delle nostre
certezze e che è necessario capire e accettare, ma soprattutto che bisogna evitare
la tentazione di modificare quella realtà piegandola alla nostra visione del
mondo. E’ un approccio estremamente delicato e da questo dipendono sia la riu-
scita di un viaggio che soprattutto la salvaguardia e lo sviluppo del mondo.

14
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 06/07/10 10:25 Pagina 15

VIAGGIO NEL MONDO DELL’IMPEGNO dalla parte CONOSCERE E SOSTENERE CHI AIUTA

degli altri
Aiutare, sostenere “in loco” senza
interferire prevaricando. Trasmettere
risorse per creare sviluppo (Padre Kizito)

Medici Senza Frontiere, conosciamoli e sosteniamoli


I Medici Senza Frontiere sono ovunque c’è bisogno di aiuto. Sono i primi ad arrivare, gli ultimi a
lasciare il campo, seguendo le regole non scritte di quanti, credendo nel proprio compito umanita-
rio, si gettano nella mischia senza sottili distinguo politici tra aggressori e aggrediti; perché, come
dice uno dei loro principi ispiratori, il dolore non ha colore. Non chiedono pubblicità, lavorano.
Crediamo sia giusto dare a tutti la possibilità di conoscerli meglio e di aiutarli nella loro missione.
Come aiutarli? Ecco le coordinate:
c/c postale n. 87486007
c/c bancario n. 1420095 Monte dei Paschi di Siena, ag. 6 Roma
Donazione con carta di credito telefonando al n. 0657300900

Dalla parte dei popoli e dei loro progetti Dalla parte dei bambini, nel mondo
Per chi vuole conoscerla, Kel12 sostiene e collabora attivamente con l’Ecpat
l’Associazione Amani ha sede nella campagna contro la prostituzione infantile, la
a Milano in Via Gonin, 8 pornografia e la pedofilia legate al turismo sessuale.
Tel. 02.4121011-48301938 Ecpat (End Child Prostitution, Child pornograghy
Fax 02.48302707 and Trafficking) è un’Associazione attiva in 30 Paesi
e-mail: amani@iol.it e si batte contro lo sfruttamento minorile.
www.peacelink.it/amani.html Ecpat Italia 06.69380406
c.c.p. n. 37799202 e-mail: info@ecpat.it - www.ecpat.it
intestato ad Amani Una campagna attivamente sostenuta da ASTOI

15
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 06/07/10 10:25 Pagina 16

parole in
LIBRI DA METTERE IN VALIGIA DI VIAGGIO, NON SOLO DI VIAGGIO
movimento

30 pagine di emozioni, ragionamenti, tradizione araba, ma anche di pace e di silenzio, riverbero del sole
racconti, ricordi, riflessioni. Partendo da tornato sull’Algeria. Come raccontare Alberto Moravia e i suoi
Kapuscinski e parlando del Viaggio. In appunti sull’Africa, A quale tribù appartieni?, meglio di lui? Certo,
viaggio con Kapuscinski: un libretto, un consigliare un libro è darne un giudizio, raccontarne i pregi e i
libricino, un taccuino di appunti, un difetti, ma se sei “solamente” d’accordo con l’autore perchè privarvi
pamphlet? Nient’affatto, un libro. Parole del piacere di lasciare raccontare da lui un perchè? Questo libro è
di carta in continuo movimento, che stato scritto nel modo seguente: viaggiando in Africa per svago e
parlano, si fanno avanti, si ripiegano per per desiderio di estraneamento, senza fare inchieste né ricerche né
meditare e capire. Partendo dal grande nulla di tutto ciò che, quando si ha intenzione di scrivere su un viag-
giornalista e scrittore, Andrea Semplici gio, si fa apposta. In Africa ho voluto portare soltanto me stesso,
parla di viaggio, dialoga sull’arte del così come ero, con la cultura e l’informazione di cui già disponevo e
partire, ragiona sul nomadismo come niente più. Insomma, si tratta di un libro di impressioni; cioè della
ragione di vita e filosofia. La vita di Kapuscinski è stata faticosa, storia di una felice e invaghita disponibilità. Così il fine che il libro si
dura, a volte contraddittoria, sicuramente affollata di compromessi. propone è di ispirare nel lettore la setssa simpatia e lo stesso inte-
Intensa di amicizie preziose e importanti e, allo stesso tempo, è stata resse che mi hanno spinto a viaggiare per il continente nero”.
una vita solitaria. Chi parte sa che non vedrà maturare quei pomo- Leggendo Moravia ti pare di avvertire il
dori che ha appena piantato, che non vedrà le foglie delle sue betulle sottile piacere di usare parole abituali
arrossare in autunno”. Quanti chilometri ha percorso Kapuscinski? per raccontare cose normali, mentre le
E’ una domanda priva di senso: nel viaggio conta davvero la qualità pagine trattengono la forza di un con-
e non la quantità; essere parte e non partecipe. I suoi racconti non tinente niente affatto banale. Un
avevano mai veramente un fine, così beduino, ladro di professione, che inse-
come un viaggio non è mai veramente gue la libertà nei vasti spazi del deser-
finito, nemmeno quando torni a casa. to; una giovane sposa persiana in viag-
30 pagine per capire un uomo, per fare gio verso Damasco per incontare un
del suo esempio un filosofia di viaggio: marito mai visto; una serva abissina di
avere rispetto del mondo; avere anche sublime bellezza; un finto Darviscio con
dubbi e timori, ma continuare a viag- la pelle “troppo” chiara; un cadavere...
giare. Bianco d’Algeria, di Assia Djebar. colmo di saggezza. Sono I Viaggiatori dell’alba, pellegrini sulla via
Quando la scrittura va al cuore delle dalla Mecca a Medina, viandanti in cammino lungo le strade intri-
cose, per intensità di stile e per essen- cate e meravigliose dell’esistenza. Bahiyyih Nakhjavani, scrittrice
zialità dei temi, è impossibile costringe- iraniana che vive e insegna in Francia, mescola le loro voci e le loro
re un libro in un definizione di genere: esistenze per darci un racconto a più voci ricco e prezioso, sorpren-
narrazione, biografia, storia, documen- dente per la sua intensità: hanno storie, paure e sogni diversi, ma
to... Se proprio vogliamo dare una definizione, possiamo dire che senza saperlo cercano la stessa cosa. Sarà una bisaccia dal conte-
qui i confini del libro vengono dilatati fino a farne una autobiogra- nuto cangiante e imperscrutabile come il mistero della vita a deci-
fia dell’autrice ma anche di tutto il suo popolo. La perdita, la can- dere il loro destino, a salvarli e farli rinascere o a condannarli per
cellazione e il distacco, ma anche la capacità dei morti di vivere sempre. Sopra la storia, l’affresco luminoso e indimenticabile di
nell’anima di chi resta, abitano queste pagine con la solennità di un una regione del mondo in cui realtà e leggenda, mistero e fatali-
rito. E poco importa se ad essere evocati sono gli amici o gli scrittori smo ancora si sommano. Per capirla prima e poi racontarla ha stu-
di generazioni passate come Albert Camus o Frantz Fanon, o i gior- diato la sua lingua così da poter cogliere nei suoi scritti ogni vibra-
nalisti uccisi dall’estremismo islamico: zione, ogni sottinteso, ogni guizzo,
uniti da un’idea comune, dare della ogni segreto racconto. Non è facile
propria penna uno strumento di rinno- capire l’animo profondo e inquieto di
vamento. Al di là degli episodi, una una donna libera come Annemarie
scrittura spoglia e straordinariamente Scwarzenbach, scrittrice e fotografa,
suggestiva al servizio di una cultura archeologa e giornalista, viaggiatrice
millenaria e della sua rivisitazione, una curiosa al di là del limite. Eppure
cultura sospesa tra passato e presente, Melania Mazzucco c’è riuscita...Nel suo
influenzata dalle contraddizioni tipiche Lei così amata ce ne fa un ritratto che
della convivenza di popoli diversi. Una va al di là della biografia e ci regala, in
storia che sembra svolgersi in un bian- un libro che ha rigore biografico e pas-
co accecante, simbolo di morte nella sionalità da romanzo, un personaggio

16
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 06/07/10 10:26 Pagina 17

parole
...SUL VIAGGIO, CHE NON E’ SOLO MACINARE KILOMETRI
di carta

femminile straordinario, figlio del secolo come pochi altri. Ecco un itinerario, quello di Lindqvist, che è resoconto di viaggio, per-
allora la Mazzucco muoversi, tra documenti ed invenzioni fantasti- corso letterario, analisi ed autobiografia. La Strada di Smirne, libro
che, sulle orme di una donna ricca di fascino, misteriosa e il più intenso, naturale seguito della Masseria delle Allodole, libri con i
delle volte inafferrabile, la cui vita, irregolare e troppo breve, fu quali Antonia Arslan scuote le coscienza ripercorrendo la tragica
sempre appassionante. Non era facile raccontarla, soprattutto fare storia di un intero popolo: gli Armeni. Se nella Masseria si narrava
capire quella donna così audace, così libera e forse così sola. Capire la storia e la fuga dall’eccidio, in questo secondo libro la fuga è
al di là dei libri che la Scwarzenbach ci ha lasciato: lì ha travestito finita, ma non la tragedia. Al sicuro sulla nave che li porterà in
il suo Io di mille maschere, ha cercato in ogni modo di occultare le Italia, i protagonisti si lasciano alle spalle le atrocità: è il passato.
tracce che potevano portare a lei, ha cercato di essere autobiogra- Ora, mentre i giovani si adattano dolorosamente ad una nuova
ficamente impersonale, di essere solo un soggetto che attraversa realtà ma iniziano una nuova vita lontani, l’altra grande protago-
avidamente il mondo, incapace di possederlo e afferrarlo. Solo così, nista della Masseria, la lamentatrice greca che li ha strappati alla
raccontandosi in questo modo, Annemarie ha probabilmente scon- morte, cerca di salvare altre vite prendendosi cura degli orfani che
fitto il nemico che temeva di più, la solitudine. Viaggiatrice e scrit- vagano per le stradine di Aleppo. Ma proprio quando nella piccola
trice dalla penna sicura ed elegante città siriana dove tutto ha avuto inizio qualcuno torna per ripren-
poteva essere raccontata solo da una dersi quel che gli appartiene, ogni speranza di un futuro sereno
donna con le stesse capacità, libera, cade in frantumi. Non è facile narrare la tragedia, tanto più quando
viaggiatrice e scrittrice come lei: per è la tragedia di un popolo sebbene vissuta attraverso le vicissitudi-
questo la Mazzucco ci è riuscita appie- ni, i dolori, di alcune famiglie. Il pericolo è di cadere nella retorica,
no. Sven Lindqvist è pioniere, con nella banalità, nella ricerca della commiserazione e della approva-
Chatwin e Magris, di un genere lettera- zione ad ogni costo. Ci vogliono il cuore, la scrittura asciutta e
rio in cui viaggiare nello spazio è anche coinvolta e la capacità di narrazione della Arslan per testimoniare
viaggiare nel tempo. E se serve un le vicende di un popolo condannato all’esilio e per dipingere, nelle
esempio, ecco Nei deserti. Serve capire stesse righe, con tratti marcati e decisi un mondo vivo e pulsante
di cosa si parla? Eccolo nel, parole del- fatto di uomini e donne straordinari. Se
l’autore: “Qui vorrei sempre ritornare; la Arslan narra le vicissitudini cruente
qui, all’hotel El Gourara, passerei l’in- di un popolo, Nagib Mahfuz ci fa
verno con il mio computer e una piccola biblioteca dei classici del- entrare in punta di piedi, con il suo
l’egoismo moderno, da Hobbes a Huysmans. Ma soprattutto con Miramar, nelle contraddizioni, meglio,
qualche vecchio e consunto romanzo sul deserto di Pierre Loti. nelle diversità di un Egitto che ha
Eccola la mia visione romantica del deserto! Qui vivrei senza essere ancora mille anime e che continua a
disturbato dalle complicazioni umane; vivrei di pane e datteri, cercare un punto di sintesi tra le sue
osserverei la monachella e la cornacchia del deserto, ascolterei le tante contraddizioni. Mahfuz non è
tortore delle palme quando lanciano il loro grido lamentoso nel solamente un Nobel della letteratura, e
boschetto di datteri. All’alba mi metterei seduto a contemplare, gliene dà atto una scrittura forte, inci-
godendo del silenzio del deserto”. Al di là del genere letterario, un siva, elegante, ma è soprattutto un
libro vero, aperto al vento della vita, illuminato dalla poesia del rac- uomo capace di usare la scrittura per
conto; lontano da ogni esotismo, ma non privo di personaggi intri- “far capire”. Ecco allora sfilare, nella pensione Miramar, dall’elegan-
ganti e di avventure. Aiuta a scoprire l’uomo facendoci vedere cosa za decaduta ma capace di conservare le tracce di un passato gran-
c’è dentro il deserto, nella sabbia sgretolata dal vento, là dove il dioso, tutta una serie di personaggi a volte simili, il più delle volte
paesaggio - pietra e polvere, colori e suoni, terra e cielo - è un ter- contraddittori, sempre capaci di interpretare le diverse anime della
ritorio in cui l’autore sa inoltrarsi alla società egiziana. In un continuo altalenare tra passato e presente,
ricerca dell’umanità con la potenza di voce narrante in voce narrante. Scorrono le storie... il vecchio
visionaria della poesia. Un viaggio in giornalista in pensione che ha militato nel vecchio partito liberal-
compagnia di Isabelle Eberhardt e nazionalista, l’anziano esponente dell’aristocrazia, il giovane con-
Pierre Loti, campioni del romanticismo quistatore, il ricco proprietario terriero, la padrona della pensio-
del deserto, di Eugène Fromentin, cam- ne, la sua domestica, una bella ex contadina: i suoi diversi modi
pione dell’estetica del Sahara, di Michel di entrare in relazione con gli ospiti della pensione rispecchiano
Vieuchange, per il quale il deserto era simbolicamente proprio le principali realtà politiche e sociali del
ormai diventato come una magnifica Paese. A fare da scenario Alessandria, che offre un ritratto com-
ossessione, di Andrè Gide e Antonie de plesso e profondo dell’Egitto, della sua anima troppo spesso con-
Saint-Exupèrie... Un viaggio in cui l’au- traddittoria, dei suoi problemi; lo fa con un senso di nostalgia che
tore non sposa nessuno degli eccessi, sa però quasi sempre mescolarsi al sorriso.

17
Sud Africa, resort nel parco Jambulani Marocco, Riad Maison Arab Kenya, Africa dell’Est, campo tendato di lusso

18
TANTI MODI DIVERSI PER AVERE OVUNQUE
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 06/07/10 10:26 Pagina 18

il relax
il sonno

la “casa”
“QUATTRO MURA” INTORNO CHE FANNO CASA

Indonesia, Tugu Bali Hotel Apertivo e cena nel Bush

Sopra: Campo mobile in Egitto Sotto: Birmania, Inle Princess Lodge


Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 06/07/10 10:26 Pagina 19

Normali con brio, speciali, con specialitista


Quanti modi per interpretare un viaggio (magari non sempre lo
stesso, impresa il più delle volte impossibile), per assaporare un
paese o una sua specificità, per capire un luogo o una cultura,
per leggere con occhi diversi la storia, per avvicinare un popolo
e soprattutto “il perché” di certe tradizioni o di certi riti…
Tutti i viaggi sono una cosa speciale, un evento speciale, la rea-
lizzazione di un desiderio speciale. Togliamo subito di mezzo la
sensazione che ci siano non tanto viaggi più belli e meno belli
(appartiene alla sfera del personale) quanto viaggi di prima e di
seconda categoria. Chi dice che il “mio” viaggio della vita sia
meno importante o ricco di fascino ed emozioni di un altro?
Resta la necessità di classificare o, meglio, di dare “definizioni”
che spesso rispondono al criterio dell’usualità. Se scrivo specia-
le posso dire molte cose: che si fa raramente, che non sempre è
possibile farlo, che non sempre o quasi mai è possibile farlo se
non “in compagnia di”, che semplicemente corrisponde ad un
evento più o meno speciale quanto a ripetitività (pensate alle
feste che avvengono una volta all’anno; o magari ogni decen-
nio) o quanto a unicità (se pensate all’eclisse pensate a un
evento raro che ogni volta… si sposta. E spostandosi porta con
sé suggestioni diverse: ora i grandi spazi liberi ora l’incredulità
e la paura dei popoli più lontani e socialmente isolati).
Ci sono viaggi, tra quelli che già fanno parte della programma-
zione di questo catalogo, che sono “specialissimi”. In definitiva
tutti quelli che partono prevedendo dall’Italia un Tour Leader
assommano particolarità e specificità che richiedono una visio-
ne d’insieme per cui solo un grande mediatore tra voi e i luoghi,
le genti, le culture può garantire quello che promettiamo.
Intendiamoci, in viaggio anche una buona guida locale può
dare molto e tutto, ma si richiede una “vocazione” del viaggia-
tore ad essere attore in prima persona, a voler interpretare sog-
gettivamente situazioni e culture, ad essere pronto a rinunciare
a qualcosa che solo un profondo conoscitore dei luoghi e dei
popoli può garantire.
Poi ci sono gli accompagnatori che interpretano la parte dei
protagonisti di un viaggio “in compagnia di”. Che possono in
alcuni casi essere gli stessi che abbiamo incontrato come Tour
Leader in altri viaggi, ma che questa volta spendono la loro pre-
parazione, la loro curiosità, la loro voglia di condividere con voi
eventi, paesi, feste, incontri, per i quali hanno un preparazione
specifica, accompagnando un loro viaggio, un itinerario che
sono i primi a voler fare e che a volte è il sogno (uno dei sogni...)
nel cassetto. Con quella conoscenza dei luoghi che permette
loro di promettere cose che sicuramente manterranno, che per-
mette loro di essere protagonisti non solo nella fase dell’attua-
zione del viaggio, ma anche in quelle dell’ideazione, della ste-
sura, dell’organizzazione, delle scelte anche logistiche. E che è
già stata alla base delle loro ricognizioni.

Come vi informeremo? Con le NL, comunicando eventi, sul sito,


durante le serate, telefonicamente (e spesso, con quelli che con
loro hanno già viaggiato saranno gli stessi accompagnatori a
farlo), con il solito tam tam o passaparola che dir si voglia.
19
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 06/07/10 10:26 Pagina 20

In viaggio con l’esperto


Marino Bonomelli Anna Canuto
Ha provato più volte ha rallentare la Una viaggiatrice vera, di quelle che
corsa verso il mondo. Come i fumatori hanno ancora mille curiosità e una
incalliti ha provato a smettere, quanto grande voglia di cercare, conoscere,
meno a ridurre, ma non c’è riuscito. capire. Quando si è innamorata del
Sono passati moltissimi anni da quando, deserto ha deciso di studiare l'arabo. Se
sacco in spalla, curiosità senza fine, pas- sai l'arabo non ti fermi nel deserto... fai
sione per il viaggio, Marino si è messo in tutta l'Africa del nord, sconfini con
cammino. Prima da solo, per capire se di passione vera si trattava, poi entusiasmo in un Medio Oriente fatto di culture raffinate e di arte
con la determinazione di chi il mondo vuole farlo conoscere agli altri. preziosa. Non vi meravigliate di vederla viaggiare in molti angoli
Così da trenta anni viaggia, approfondisce, incontra. Da solo o come del mondo, a cominciare dall'Oriente che l'intriga. Detta così si può
Tour Leader. Passando gli anni, visitando il mondo, senza scegliere pensare ad una grande viaggiatrice solo ricca di curiosità e passio-
paesi, ma amandone e conoscendone di più alcuni, ha affinato la sua ne. Invece Anna porta in tutti i viaggi quel bagaglio di conoscenze
sensibilità verso alcuni aspetti, ha seguito l’istinto per approdare a e di capacità di confrontarsi con “l’altro” che sono da sempre la
esperienze forti, si è aperto strade che ora mette a disposizione di chi sua “vera” passione. Non ha esitato a riprendere gli studi e a lau-
viaggia con lui. Dai deserti del Sahara a quelli della Mongolia, dai rearsi in antropologia. Ama i popoli ma continua con l’entusiasmo
mercati africani, ricchi di umanità e rumori, ai silenzi delle savane. di sempre a scoprire posti in cui poi ci "condurrà per mano".

Luciana Crosazzo Elena Dacome


Cittadina torinese, fin da giovane nutre Elena ha potuto viaggiare dall'Africa
una vera passione per la montagna, all'Asia Centrale innamorandosi di quei
(alpinismo, trekking, freeclimber e pra- popoli nomadi che dalla Mauritania
tica scialpinismo). Dai silenzi della alla Mongolia attraversano i deserti
montagna a quelli del deserto: vive nel come pastori e regalano incontri spe-
Sahara per 5 anni vivendo con e come ciali a chiunque li incroci. La passione
la gente del posto. La chiamano Aisha, etnografica la sta avvicinando alla lau-
impara l'arabo e un po' di tamashek. La conoscenza delle lingue le rea in antropologia all'università Cà Foscari di Venezia. Decisa e
ha aperto molte porte e il desiderio di condividere, con la propria sicura, attenta ai dettagli del viaggio e alle esigenze dei viaggiatori,
cultura, il bagaglio di conoscenze racchiuso nel cuore la porta ad induce ad immergersi nella realtà visitata per condividerne ogni
iniziare ad accompagnare gruppi nel deserto del Sahara e poi nel aspetto ed emozione. Ha il deserto nel sangue e una passione
deserto della Mongolia: i nomadi hanno codici che parlano la stes- profonda per lo Yemen. Passioni che l’hanno tenuta distante dai
sa lingua. Non manca la passione per l'Africa nera. In medio orien- suoi approfondimenti antropologici: ecco le genti africane e quelle
te scopre le bellezze della natura e della popolazione dell'Oman e orientali. Dopo aver trascorso due mesi nel deserto del Tenerè al
qui prende il brevetto di diver approfittando dei fondali meravi- seguito di una carovana di Tuareg, ha iniziato a studiare il tama-
gliosi e della temperatura mite dell'acqua anche d'inverno. sheq e ha pubblicato il libro La carovana del sale per Vivalda.

Giovanni Dardanelli Carla Diamanti


Giovanni Dardanelli non è "solo" un Tour Scrittrice e giornalista di viaggio, Personal
Leader, così come non è "solo" un viaggia- Travel Designer, esperta di luoghi e di per-
tore innamorato del mondo o di una corsi, è nata a Roma e dopo lunghe per-
parte di esso, è un uomo curioso che ai manenze negli Stati Uniti, ad Haiti, nel
luoghi che più ama ha dedicato e dedica Vicino Oriente e in giro per l’Europa, oggi
impegno, ricerca, studio, lunghi soggiorni, vive tra Torino e Parigi. Ha studiato
capacità di entrare nelle tradizioni e nei Turismo, si è laureata con lode in Scienze
costumi per capirle. Nasce così, su molti paesi, la sua capacità di far Politiche, è iscritta all’Ordine nazionale dei Giornalisti, al Gruppo
vivere quei luoghi in piena armonia: non solo conoscerli, capirli. Una Italiano Stampa Turistica (GIST) e all’European Travel Press (ETP).
storia che nasce da lontano, a 24 anni, nel 1983, con un impegno di Appassionata di culture e popoli, utilizza le mappe geografiche come
diversi anni in Etiopia, organizzando viaggi, ma anche studiando il lo strumento principale del suo mestiere, si fa guidare dal suo intuito
Paese. Poi ha allargato la sua area di lavoro ad altri Paesi sahariani e per conoscere i luoghi e diventare parte della loro gente. Dalle sue
sub-sahariani, all'Asia, all'Indocina, al Medio Oriente e all'Asia Centrale. peregrinazioni nascono reportage, libri, fotografie, itinerari fuori dal
In quasi trent'anni di impegno e lavoro, ha maturato una importante comune e soprattutto uno straordinario patrimonio interiore. Firma
preparazione sia dal punto di vista dello sviluppo del viaggio che in guide per prestigiose case editrici, collabora con testate nazionali e con
quello dell'approfondimento degli aspetti storici, artistici e religiosi. l’Università di Torino come docente di Master di primo livello.

20
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 02/08/10 16:38 Pagina 21

In viaggio con l’esperto


Gabriele Fiorese Annamaria Fumagalli
Animo inquieto, da sempre. Skipper per Fra le tante cose ha studiato Hindi
passione e viaggiatore per irrefrenabile all'ISMEO e Filosofia con indirizzo antro-
impulso. Come tutti i viaggiatori "marinai pologico all'Università Statale di Milano.
di testa" cambia approdi, scopre luoghi Parla diverse lingue, perché vuole comu-
nuovi che diventano nuovi amori, ripren- nicare con tutti. Ha interessi e passioni
de decine di volte le stesse piste per farle come la storia e la storia dell'arte. Ama
sue in ogni angolo e poi, improvvisamen- disegnare l'architettura islamica e i visi
te, si lancia su nuovi sentieri, nuove ricognizioni. Da una parte all'altra, della gente. E' una sportiva e pratica hata yoga da lungo tempo, ma
dagli anni trascorsi come residente in Africa Australe e dell'Est (a quel il suo vero e grande amore è il movimento, il viaggiare. Per vedere,
periodo risale la conoscenza dello swahili) ai silenzi, amati, del Sahara. guardare, conoscere. Curiosa da sempre, ama visitare i Paesi molte
La permanenza, come residente e gestore, in paesi lontani e non sem- volte per "tentare" di capire e li studia dai vari punti di vista. Ha sog-
pre facili ha acuito la sua capacità di gestire i gruppi anche in situa- giornato a lungo in Nord Africa (Marocco, Tunisia, Egitto), in India, in
zioni faticose e lungo itinerari dalle tappe non ben definite. Tailandia, ma anche a Parigi e a Londra. La sua grande passione sono
Nonostante il suo modo di fare cordiale e amichevole che lo fa sem- i popoli, i nomadi e l'India, dove ha accompagnato gruppi un centi-
brare più un compagno di viaggio che un capo spedizione, ha tutte le naio di volte. Conosce in maniera approfondita l'Oriente, l'Estremo e
armi e tutta la grinta per portare a buon fine ogni tipo di spedizione. il Vicino Oriente, ma è anche innamorata dell'America Latina.

Paolo Ghirelli Raffaella Musso


Nato a Sanremo ( Imperia ) il 3 Maggio Programmatrice Oriente di Kel 12.
1957 e laureato in filosofia. Come rap- L'occhio e l'esperienza sul mondo, ma
presentante del Museo "G. Cortesi" è l'amore, quello vero e profondo, fatto di
stato membro delle spedizioni scienti- passione e curiosità continua, è laggiù,
fico-alpinistiche che hanno raggiunto in Oriente. Che siano continenti più che
aree himalayane in Ladakh ( India ) nel paesi, come la Cina e l'India, o grandi
1987, il Tibet nel 1990 e ancora in "Regioni" come l'Indocina dalle culture
Ladakh - Zanskar nel 1998, e la catena dei Monti Urali nella Siberia differenti poco cambia. Passione per quei popoli, per la loro cultura,
occidentale nel 1992. E' co-autore nella stesura dei volumi "Alla i loro miti, le loro feste; passione e interesse per la loro religione, che
ricerca di un oceano scomparso", "Tethys", "Ural" e "Sulle tracce di è in primis un modo di essere e di vivere, da condividere. Amore fa
Cesare Calciati", editi a Piacenza con i risultati delle spedizioni. rima con studio, confronto, analisi, accettazione critica senza la
Socio fondatore dell'Associazione Archeologica "Malena" a banalità di dire "sono come loro"... Il piacere intimo di luoghi dove i
Piacenza nel 1996, ha partecipato ad alcuni scavi archeologici e segni di una cultura si confrontano e si fondono con quelli di altre,
paleontologici nel territorio piacentino. Ha frequentato il corso di diverse, viene da Raffaella trasportato nell'attività, nella voglia di fare
archeologia subacquea ad Ustica organizzato da "Archeologia tutti partecipi di culture diverse e preziose. Accompagna con il piglio
Viva" nel Settembre 1997 e specializzato nei viaggi culturali. dell’esperto e la sorridente gioia di una compagna di viaggio.

Nicola Pagano Mario Romualdi


Chi ferma un curioso antropologo Di Mario Romualdi potremmo scrivere più
(trentino, ma università di Bologna... di un curriculum mettendo in evidenza
tanto per non stare mai a casa)? aspetti diversi, ma sempre dicendo la
Aspetto scanzonato, fede Rasta, l'amo- verità. Ha infatti passato, con grande
re per il mondo e i suoi popoli (la pas- determinazione, tutti "gli stadi" di un viag-
sione? per il Sahara, tutto, anche se giatore curioso e dalle molte risorse che
non ci sono etnie...). Centinaia di gior- ha saputo e voluto affrontare il viaggio (di
nate passate in accompagnamento e molte di più a studiare sul volta in volta, spesso contemporaneamente) da: viaggiatore, Tour
campo, solitario, culture e usanze lontane. Bastano 8 mesi fra gli Leader, scrittore, responsabile prodotto, programmatore, organizzatore.
aborigeni australiani vivendo come loro e come loro migrando in Molti modi e tutti assolutamente affrontati con la stessa professiona-
continuazione? E quelli fra i Koma dei Monti Alantika in lità. Forse scrivendo queste cose non diciamo di Mario Romualdi quello
Cameroun? Non meravigliatevi di trovarlo in Yemen (la regina di che a lui piace essere più di ogni altra cosa: un viaggiatore che conosce
Saba e i rasta sono parenti stretti), Soqotra e la Mongolia. Vita e scopre e che non vuole tenere scoperte e gioie per sé, ma farne un
tumultuosa e esperienze dure sul campo come antropologo lo bagaglio ricco e importante da condividere con altri viaggiatori. Eccolo,
hanno spinto verso i silenzi del deserto e quelli degli altopiani tibe- dunque, essere per Kel12 protagonista a tutto campo dei viaggi che
tani. Mete che oggi alimentano il suo studio dei popoli. accompagna, dall'ideazione dell'itinerario alla stesura dei testi.

21
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 02/08/10 16:38 Pagina 22

Calendario partenze con l’esperto


Da qualche parte, nel profondo di tutti noi, c’è il desiderio di perdersi crescita e piacere profondo: un “lusso”. Tra i più importanti: avere
nel deserto della natura, nel cuore pulsante di una città, nell'anima al fianco chi può aprirci le porte dei luoghi e della gente.
della campagna. Con i sensi acutizzati e la mente disposta ad acco- E’ questo che vi offriamo: il dono di un amico, un compagno di
gliere l’ignoto, proviamo gioia quando il nuovo si riversa su di noi. viaggio che si unirà a voi per tutto il cammino. Uomini e donne
Quante volte usiamo in modo banale il termine “lusso” sciocca- che, condividendo il nostro stesso punto di vista, amano il lusso
mente accostato “solo” a strutture, comodità, fattori estetici o di viaggiare in modo diverso. Sicuri nelle loro mani, indugerete,
ludici? E perdiamo il senso del lusso più vero, quello che appaga esplorerete, farete conversazioni e darete forma al vostro
l’occhio, il fisico, ma anche il cuore. Quello che più che soddisfa- viaggio. E’ tempo di ridefinire il lusso nel viaggio, è tempo di risco-
zioni dà emozioni. Il lusso come privilegio: di esser in un luogo, di prire un'arte perduta.
essere in un posto unico e raro, di godere dell’esclusività di una Perché un accompagnatore, un esperto, un Tour Leader?
situazione o di un paesaggio. Il lusso, dei viaggiatori antichi, di non Uomini e donne con superba intuizione, sensibilità, conoscenza e
avere l’assillo del tempo, ma di seguire il ritmo della natura. Cosa umorismo; scelti per la loro intimità con l'ambiente e la cultura
di meglio di quando il lusso è: il tempo per indugiare, le buone del paese e per il loro carattere aperto che li aiuta ad entrare e a
conversazioni da assaporare, gli interessi da nutrire, il coraggio, la farvi entrare in contatto con “l’altro”. Un accompagnatore inse-
costanza e la pazienza di scoprire. gna a vedere, piuttosto che semplicemente a guardare, ad ascol-
Entrare “sotto la pelle” di un luogo, o lasciare che un luogo entri tare, piuttosto che solamente a sentire. Un accompagnatore fa la
sotto la nostra pelle (lavoro né facile né rapido). Dopo tutto, la differenza nell’apprezzamento dei luoghi.
parola “travel” deriva da travail, lavoro, appunto. La sfida che porta Viaggiare con un accompagnatore è un vero privilegio.

Africa Nera Mali Timbuctu, Dogon e fiume Niger 01/10/2010 Nicola Pagano
Africa Australe e dell’Est Namibia Ambienti africani 03/10/2010 Tour Leader in loco
Oriente Laos Cambogia Vietnam Patrimonio dell'umanità 03/10/2010 Elena Dacome
Africa Nera Ghana Togo Benin L'oro degli Ashanti 07/10/2010 Marino Bonomelli
Oriente Nepal La Valle, il Lago, la Foresta 08/10/2010 Mario Romualdi
Africa Nera Mali Paesaggi senza tempo 15/10/2010 Nicola Pagano
Asia Centrale e Medio Oriente Giordania Tra pietre, sale, sabbia e facce 15/10/2010 Francesca Serafin
Asia Centrale e Medio Oriente Siria La rivale del Paradiso 15/10/2010 David Lovelock
Penisola Arabica Oman Cultura e natura 16/10/2010 Luciana Crosazzo
Africa Australe e dell’Est Uganda Rwanda La terra dei primati 21/10/2010 Tour Leader in loco
Africa Nord e Sahara Libia Aramat, Erg Titersine, Col D'Anai, Murzuq 22/10/2010 Giovanni Dardanelli
Asia Centrale e Medio Oriente Siria Giordania Palme e ulivi 22/10/2010 Tour Leader dall'Italia
Oriente Birmania Il festival del lago Inle e i villaggi Kayan 23/10/2010 Raffaella Musso
Africa Australe e dell’Est Namibia Ambienti africani 24/10/2010 Tour Leader in loco
Africa Nord e Sahara Algeria Adrar Ahnet 27/10/2010 Luciana Crosazzo
Africa Nord e Sahara Egitto Gilf Kebir 29/10/2010 Marino Bonomelli
Oriente India Orissa quasi Africa: popoli e arte 03/11/2010 Tour Leader dall'Italia
Africa Australe e dell’Est Namibia Deserto e nomadi 06/11/2010 Tour Leader in loco
Africa Nord e Sahara Libia Murzuq, l'impero delle sabbie 06/11/2010 Gabriele Fiorese
Oriente Cina Guizhou Etnie e paesaggi: Capodanno dei Miao 07/11/2010 Tour Leader dall'Italia
Africa Nera Etiopia Venti caldi dal Kenya e dal Sudan 08/11/2010 Nicola Pagano
Africa Nera Mali Timbuctu, Dogon e fiume Niger 12/11/2010 Elena Dacome
Asia Centrale e Medio Oriente Israele La terra del nuovo millennio 13/11/2010 Fabrizio Dembech
Oriente Cambogia Thailandia La via reale Khmer 14/11/2010 Raffaella Musso
Africa Nord e Sahara Libia Traversata Rebyana Namus diretta 15/11/2010 Gabriele Fiorese
Americhe Argentina Terra selvaggia 15/11/2010 Tour Leader in loco
Africa Nera Ghana Togo Benin L'oro degli Ashanti 18/11/2010 David Lovelock
Penisola Arabica Oman Cultura e natura 20/11/2010 Luciana Crosazzo
Africa Nord e Sahara Egitto El Baz Krater 21/11/2010 Alberto Addis
Africa Nera Mali Paesaggi senza tempo 26/11/2010 Elena Dacome
Americhe Guatemala Messico Copàn (Honduras) Pietre antiche, tra foreste e fiumi 27/11/2010 Mario Romualdi
Africa Australe e dell’Est Namibia Ambienti africani 28/11/2010 Tour Leader in loco
Oriente India L'India, quella del sud 30/11/2010 Annamaria Fumagalli
Asia Centrale e Medio Oriente Giordania Tra pietre, sale, sabbia e facce 03/12/2010 Tour Leader dall'Italia
Africa Nera Etiopia Venti caldi dal Kenya e dal Sudan 20/12/2010 Giovanni Dardanelli
Americhe Argentina Terra selvaggia 21/12/2010 Tour Leader in loco
Africa Australe e dell’Est Namibia Deserto e nomadi 23/12/2010 Tour Leader in loco
Asia Centrale e Medio Oriente Siria La rivale del paradiso 24/12/2010 Tour Leader dall'Italia
Penisola Arabica Oman Cultura e natura 25/12/2010 Tour Leader dall'Italia
Africa Australe e dell’Est Bostwana In mezzo agli animali 26/12/2010 Tour Leader in loco

22
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 02/08/10 16:38 Pagina 23

Calendario partenze con l’esperto


Africa Australe e dell’Est Namibia Ambienti africani 26/12/2010 Tour Leader in loco
Africa Nera Cameroun Africa di gente e colori 26/12/2010 Nicola Pagano
Africa Nera Guinea Bissau, Guinea Conakry e Mali Dal arcipelago delle Bijagos al Mali 26/12/2010 Tour Leader dall'Italia
Africa Nord e Sahara Algeria Faraglioni di arenaria 26/12/2010 Tour Leader dall'Italia
Oriente Birmania Pagode e minoranze 26/12/2010 Tour Leader in loco
Oriente Vietnam Cambogia Civiltà perdute 26/12/2010 Raffaella Musso
Africa Nera Etiopia La Dancalia. Il senso della terra 27/12/2010 Anna Canuto
Africa Nera Mali Paesaggi senza tempo 27/12/2010 Gabriele Fiorese
Asia Centrale e Medio Oriente Siria Giordania Palme e ulivi 27/12/2010 Annamaria Fumagalli
Oriente India Capolavori dell'India centrale 27/12/2010 Tour Leader dall'Italia
Africa Nera Etiopia Lalibela, in occasione del Natale Copto 28/12/2010 Tour Leader dall'Italia
Africa Nord e Sahara Egitto Archeologia e oasi 28/12/2010 Francesca Serafin
Africa Nord e Sahara Libia Murzuq, l'impero delle sabbie 28/12/2010 Marino Bonomelli
Americhe Argentina Patagonia, Carretera e Terra del Fuoco 28/12/2010 Tour Leader in loco
Asia Centrale e Medio Oriente Giordania Giordania e Israele. Il sacro e il bello 28/12/2010 Fabrizio Dembech
Oriente Laos Cambogia Dal Mekong ad Angkor 28/12/2010 Elena Dacome
Africa Australe e dell’Est Uganda Rwanda La terra dei primati 29/12/2010 Tour Leader in loco
Africa Nord e Sahara Egitto Siwa e la pace dell'oasi 29/12/2010 David Lovelock
Africa Nera Ghana Togo Benin L'oro degli Ashanti 30/12/2010 Tour Leader dall'Italia
Africa Nera Etiopia Lalibela, in occasione del Timkat 10/01/2011 Giovanni Dardanelli
Oriente Vietnam Cambogia Tra cielo e terra, per vie d'acqua 12/01/2011 Mario Romualdi
Africa Nord e Sahara Egitto Il Gran Mare di Sabbia 14/01/2011 Gabriele Fiorese
Africa Nord e Sahara Libia Traversata Rebyana Namus diretta 17/01/2011 Nicola Pagano
Americhe Argentina Patagonia, Carretera e Terra del Fuoco 18/01/2011 Annamaria Fumagalli
Africa Nord e Sahara Algeria Faraglioni di arenaria 21/01/2011 Elena Dacome
Africa Nord e Sahara Algeria Adrar Ahnet 26/01/2011 Luciana Crosazzo
Africa Nera Mali Timbuctù, Dogon e fiume Niger 04/02/2011 Marino Bonomelli
Americhe Argentina Patagonia, Carretera e Terra del Fuoco 06/02/2011 Tour Leader in loco
Penisola Arabica Yemen L'isola di Soqotra 08/02/2011 Tour Leader dall'Italia
Oriente Laos Un paese segreto 09/02/2011 Nicola Pagano
Oriente Vietnam Lento scorre il tempo 09/02/2011 Tour Leader dall'Italia
Africa Nera Ghana Togo Benin L'oro degli Ashanti 10/02/2011 David Lovelock
Oriente India Rajasthan Festival di Nagaur 10/02/2011 Raffaella Musso
Oriente Vietnam Cambogia Mosaico di etnie, templi e paesaggi 10/02/2011 Elena Dacome
Africa Nord e Sahara Algeria A piedi sul Tassili 11/02/2011 Fabrizio Dembech
Africa Australe e dell’Est Tanzania Grande nord: Emozione Africa 12/02/2011 Gabriele Fiorese
Africa Nera Etiopia Dancalia, il senso della terra 12/02/2011 Giovanni Dardanelli
Africa Australe e dell’Est Uganda Rwanda La terra dei primati 17/02/2011 Tour Leader in loco
Africa Nera Mali Paesaggi senza tempo 18/02/2011 Marino Bonomelli
Africa Nord e Sahara Libia I laghi della Ramla Zellaf 19/02/2011 Sabina Migliori
Americhe Guatemala Messico Copàn (Honduras) Pietre antiche, tra foreste e fiumi 19/02/2011 Anna Canuto
Oriente Tailandia e Laos Vie d’Acqua in Tailandia, Mekong, Laos 22/02/2011 Tour Leader dall'Italia
Oriente India In barca sul Gange: Mahashivaratri 25/02/2011 Raffaella Musso
Penisola Arabica Oman Cultura e natura 26/02/2011 Luciana Crosazzo
Africa Nera Etiopia Venti caldi dal Kenya e dal Sudan 28/02/2011 Marino Bonomelli
Africa Nera Guinea Bissau, Guinea Conakry e Mali Dal arcipelago delle Bijagos al Mali 03/03/2011 Tour Leader dall'Italia
Africa Nera Mali Timbuctu, Dogon e fiume Niger 04/03/2011 Nicola Pagano
Africa Nord e Sahara Egitto El Baz Krater 05/03/2011 Giovanni Dardanelli
Africa Australe e dell’Est Kenya Deserto e tribù 06/03/2011 Tour Leader dall'Italia
Oriente Birmania Pagode e minoranze 06/03/2011 Tour Leader in loco
Oriente Birmania Vie d'acqua nella Birmania di Upagot 08/03/2011 Mario Romualdi
Africa Nord e Sahara Algeria Ghardaia e Timimoun 09/03/2011 Elena Dacome
Oriente Vietnam Lento scorre il tempo 09/03/2011 Tour Leader dall'Italia
Oriente Vietnam Cambogia Crocevia di etnie nell'Asia 09/03/2011 Annamaria Fumagalli
Oriente Nepal La Valle, il Lago, la Foresta 11/03/2011 Tour Leader dall'Italia
Americhe Argentina Patagonia, Carretera e Terra del Fuoco 13/03/2011 Tour Leader in loco
Oriente India Il sud: Tamil Nadu, Kerala e Karnataka 13/03/2011 Raffaella Musso
Africa Nord e Sahara Libia Il gran mare di sabbia: traversata 14/03/2011 Gabriele Fiorese
Africa Nera Mali Paesaggi senza tempo 18/03/2011 Nicola Pagano
Africa Nord e Sahara Algeria Ghardaia e Timimoun 18/03/2011 Elena Dacome
Africa Nord e Sahara Egitto Il Gran Mare di Sabbia 18/03/2011 Giovanni Dardanelli
Penisola Arabica Oman Cultura e natura 19/03/2011 Luciana Crosazzo

23
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 02/08/10 16:38 Pagina 24

Calendario partenze con l’esperto


Asia Centrale e Medio Oriente Israele La terra del nuovo millennio 26/03/2011 Francesca Serafin
Africa Australe e dell’Est Namibia Ambienti africani 27/03/2011 Tour Leader in loco
Africa Nord e Sahara Algeria Le città Romane 27/03/2011 Tour Leader dall'Italia
Oriente India L'India, quella del sud 29/03/2011 Tour Leader dall'Italia
Penisola Arabica Oman Cultura e natura 02/04/2011 Elena Dacome
Africa Nord e Sahara Algeria Faraglioni di arenaria 08/04/2011 Nicola Pagano
Asia Centrale e Medio Oriente Siria e Giordania Palme e ulivi 08/04/2011 Tour Leader dall'Italia
Africa Nord e Sahara Egitto Gilf Kebir 09/04/2011 Giovanni Dardanelli
Africa Nord e Sahara Libia Murzuq, l'impero delle sabbie 09/04/2011 Gabriele Fiorese
Oriente Cina Cina, perché no? 09/04/2011 Mario Romualdi
Oriente Cina Guizhou Etnie e paesaggi: Festival Sister's Meal 14/04/2011 Raffaella Musso
Asia Centrale e Medio Oriente Giordania Tra pietre, sale, sabbia e facce 15/04/2011 Mario Romualdi
Oriente Buthan Dove il vento recita preghiere 15/04/2011 Tour Leader dall'Italia
Africa Nord e Sahara Libia Traversata Rebyana Namus diretta 18/04/2011 Gabriele Fiorese
Oriente Cina Tesori nascosti 18/04/2011 Annamaria Fumagalli
Africa Australe e dell’Est Bostwana In mezzo agli animali 20/04/2011 Tour Leader in loco
Africa Nord e Sahara Egitto Archeologia e oasi 21/04/2011 David Lovelock
Africa Nord e Sahara Egitto Siwa e la pace dell'oasi 21/04/2011 Tour Leader dall'Italia
Africa Nord e Sahara Algeria Ghardaia e Timimoun 22/04/2011 Nicola Pagano
Africa Nord e Sahara Algeria Le città Romane 22/04/2011 Tour Leader dall'Italia
Asia Centrale e Medio Oriente Siria La rivale del paradiso 22/04/2011 Tour Leader dall'Italia
Asia Centrale e Medio Oriente Giordania Tra pietre, sale, sabbia e facce 22/04/2011 Tour Leader dall'Italia
Asia Centrale e Medio Oriente Giordania Giordania e Israele. Il sacro e il bello 23/04/2011 Carla Diamanti
Africa Australe e dell’Est Namibia Ambienti africani 24/04/2011 Tour Leader in loco
Asia Centrale e Medio Oriente Turchia Chiese, moschee e caravanserragli 04/05/2011 Giovanni Dardanelli
Asia Centrale e Medio Oriente Giordania Giordania e Israele. Il sacro e il bello 07/05/2011 Tour Leader dall'Italia
Africa Australe e dell’Est Namibia Tra i popoli della Namibia 10/05/2011 Paolo Ghirelli
Oceania Nuova Caledonia L'isola dai mille colori 12/05/2011 Anna Canuto
Asia Centrale e Medio Oriente Siria La rivale del paradiso 13/05/2011 David Lovelock
Africa Australe e dell’Est Namibia Deserto e nomadi 14/05/2011 Tour Leader in loco
Asia Centrale e Medio Oriente Israele La terra del nuovo millennio 14/05/2011 Tour Leader dall'Italia
Africa Australe e dell’Est Bostwana Avventura africana 15/05/2011 Gabriele Fiorese
Asia Centrale e Medio Oriente Siria Siria Charme. Il piacere del particolare 16/05/2011 Mario Romualdi
Africa Australe e dell’Est Bostwana In mezzo agli animali 18/05/2011 Tour Leader in loco
Africa Nord e Sahara Algeria Le città Romane 20/05/2011 Tour Leader dall'Italia
Oriente Tibet Friendship Highway: Lhasa - Kathmandu 21/05/2011 Giovanni Dardanelli
Africa Australe e dell’Est Sudafrica I deserti dell'ovest 21/05/2011 Marino Bonomelli
Africa Australe e dell’Est Namibia Ambienti africani 29/05/2011 Tour Leader in loco
Asia Centrale e Medio Oriente Siria Siria Charme. Il piacere del particolare 30/05/2011 Annamaria Fumagalli
Africa Australe e dell’Est Namibia Deserto e nomadi 04/06/2011 Tour Leader in loco
Africa Australe e dell’Est Mozambico Traversata fino all'oceano 06/06/2011 Tour Leader dall'Italia
Africa Australe e dell’Est Bostwana In mezzo agli animali 08/06/2011 Tour Leader in loco
Africa Australe e dell’Est Madagascar L'ultimo Gondwana 10/06/2011 Tour Leader dall'Italia
Oriente Tibet Saga Dawa 10/06/2011 Giovanni Dardanelli
Africa Australe e dell’Est Tanzania Il Selous e Kilwa: natura e cultura 11/06/2011 Gabriele Fiorese
Grande Nord Islanda Viaggio al centro della terra 11/06/2011 Paolo Ghirelli
Africa Australe e dell’Est Bostwana Nella terra dei San 12/06/2011 Elena Dacome
Africa Australe e dell’Est Namibia Ambienti africani 12/06/2011 Tour Leader in loco
Americhe Perù Inti Raymi, omaggio al sole 15/06/2011 Tour Leader dall'Italia
Africa Australe e dell’Est Uganda Rwanda La terra dei primati 16/06/2011 Tour Leader in loco
Africa Australe e dell’Est Tanzania Grande nord: Emozione Africa 18/06/2011 Marino Bonomelli
Asia Centrale e Medio Oriente Mongolia Gobi sconosciuto: Festa del Naadam 02/07/2011 Elena Dacome
Africa Australe e dell’Est Namibia Ambienti africani 03/07/2011 Tour Leader in loco
Africa Australe e dell’Est Mozambico Traversata fino all'oceano 04/07/2011 Tour Leader dall'Italia
Africa Australe e dell’Est Namibia Deserto e nomadi 09/07/2011 Tour Leader in loco
Oriente Tibet Friendship Highway: Lhasa - Kathmandu 09/07/2011 Giovanni Dardanelli
Africa Australe e dell’Est Bostwana Avventura africana 10/07/2011 Gabriele Fiorese
Africa Australe e dell’Est Tanzania Grande nord: Emozione Africa 10/07/2011 Tour Leader dall'Italia
Oriente India Ladakh, il paese dei monti ruggenti 10/07/2011 Tour Leader dall'Italia
Africa Australe e dell’Est Tanzania Il Selous e Kilwa: natura e cultura 15/07/2011 Marino Bonomelli
Africa Australe e dell’Est Madagascar L'ultimo Gondwana 15/07/2011 Tour Leader dall'Italia
Asia Centrale e Medio Oriente Mongolia C'era una volta la Mongolia… c'è ancora 15/07/2011 Mario Romualdi

24
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 02/08/10 16:40 Pagina 25

Calendario partenze con l’esperto


Americhe Canada e Alaska British Columbia: l'incanto del nord-ovest 16/07/2011 Anna Canuto
Oceania Australia Nella terra degli aborigeni 23/07/2011 Nicola Pagano
Africa Nera Ghana Togo Benin L'oro degli Ashanti 28/07/2011 Tour Leader dall'Italia
Africa Australe e dell’Est Namibia Ambienti africani 29/07/2011 Tour Leader in loco
Asia Centrale e Medio Oriente Mongolia Gobi sconosciuto 29/07/2011 Tour Leader dall'Italia
Africa Australe e dell’Est Namibia Deserto e nomadi 30/07/2011 Tour Leader in loco
Africa Australe e dell’Est Bostwana In mezzo agli animali 31/07/2011 Francesca Serafin
Africa Australe e dell’Est Namibia Deserto e nomadi 02/08/2011 David Lovelock
Oriente Vietnam Lento scorre il tempo 02/08/2011 Tour Leader dall'Italia
Africa Australe e dell’Est Uganda Rwanda La terra dei primati 03/08/2011 Tour Leader in loco
Africa Australe e dell’Est Madagascar Un'isola un continente 05/08/2011 Elena Dacome
Asia Centrale e Medio Oriente Giordania Tra pietre, sale, sabbia e facce 05/08/2011 Tour Leader dall'Italia
Africa Australe e dell’Est Zambia Malawi Mozambico Una forte esperienza africana 06/08/2011 Gabriele Fiorese
Americhe Canada e Alaska British Columbia: l'incanto del nord-ovest 06/08/2011 Fabrizio Dembech
Oriente India Rajasthan, viaggio in una fiaba antica 06/08/2011 Annamaria Fumagalli
Oriente Tibet Friendship Highway: Lhasa - Kathmandu 06/08/2011 Giovanni Dardanelli
Africa Australe e dell’Est Bostwana Avventura africana 07/08/2011 Marino Bonomelli
Africa Australe e dell’Est Bostwana Nella terra dei San 07/08/2011 Tour Leader dall'Italia
Africa Australe e dell’Est Kenya Deserto e tribù 07/08/2011 Tour Leader dall'Italia
Oriente Indonesia Sumba e Flores 07/08/2011 Raffaella Musso
Oriente Laos Cambogia Vietnam Patrimonio dell'umanità 07/08/2011 Tour Leader dall'Italia
Africa Australe e dell’Est Mozambico Traversata fino all'oceano 08/08/2011 Tour Leader dall'Italia
Africa Australe e dell’Est Tanzania Grande nord: Emozione Africa 08/08/2011 Tour Leader dall'Italia
Africa Australe e dell’Est Namibia Ambienti africani 09/08/2011 Tour Leader in loco
Oceania Australia Nella terra degli aborigeni 09/08/2011 Nicola Pagano
Africa Australe e dell’Est Bostwana In mezzo agli animali 10/08/2011 Francesca Serafin
Oceania Papua Nuova Guinea Giungla e case degli spiriti: il Sing Sing 10/08/2011 Anna Canuto
Oriente India Ladakh, il paese dei monti ruggenti 10/08/2011 Paolo Ghirelli
Africa Australe e dell’Est Uganda Rwanda La terra dei primati 11/08/2011 Tour Leader in loco
Asia Centrale e Medio Oriente Mongolia Gobi sconosciuto 12/08/2011 Tour Leader dall'Italia
Africa Australe e dell’Est Namibia Deserto e nomadi 13/08/2011 Tour Leader in loco
Africa Australe e dell’Est Tanzania Il Selous e Kilwa: natura e cultura 13/08/2011 Tour Leader dall'Italia
Africa Australe e dell’Est Namibia Deserto e nomadi 16/08/2011 David Lovelock
Africa Australe e dell’Est Uganda Rwanda La terra dei primati 18/08/2011 Tour Leader in loco
Africa Australe e dell’Est Bostwana In mezzo agli animali 20/08/2011 Francesca Serafin
Africa Australe e dell’Est Namibia Ambienti africani 21/08/2011 Tour Leader in loco
Asia Centrale e Medio Oriente Siria Siria Charme. Il piacere del particolare 03/09/2011 Tour Leader dall'Italia
Asia Centrale e Medio Oriente Turchia Chiese, moschee e caravanserragli 07/09/2011 Giovanni Dardanelli
Africa Australe e dell’Est Namibia Deserto e nomadi 10/09/2011 Tour Leader in loco
Africa Australe e dell’Est Namibia Dalle Epupa Falls al Fish River Canyon 10/09/2011 Elena Dacome
Oriente Cina Dal deserto all'Himalaya 10/09/2011 Annamaria Fumagalli
Oriente Giappone Tra storia, tradizione e modernità 10/09/2011 Raffaella Musso
Africa Australe e dell’Est Sudafrica Namaqaland: il deserto fiorito 10/09/2011 Marino Bonomelli
Africa Australe e dell’Est Uganda Rwanda La terra dei primati 15/09/2011 Tour Leader in loco
Africa Australe e dell’Est Namibia Ambienti africani 18/09/2011 Tour Leader in loco
Africa Australe e dell’Est Namibia Ambienti africani 02/10/2011 Tour Leader in loco
Africa Australe e dell’Est Namibia Deserto e nomadi 15/10/2011 Tour Leader in loco
Africa Nord e Sahara Algeria Faraglioni di arenaria 21/10/2011 Gabriele Fiorese

25
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 02/08/10 16:40 Pagina 26
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 02/08/10 16:40 Pagina 27

Sahara
Un luogo da vivere e non solo da vedere, uno spazio da usare,
una dimensione da assaporare, una palestra per il corpo e per la mente

La palestra più grande del mondo


Il deserto: per “essere”, per stare, per pensare, per capire; per essere avvinto e non dimenticare
Per provare le emozioni più pure, per sentire il vento ma anche il silenzio
Per trovare forse se stessi, certamente la libertà assoluta della propria mente
Per incontrare una cultura “altra”. Per provare cosa è il nomadismo. Per non conoscere frontiere

Africa del nord


Per guardare, osservare, conoscere e capire altre culture, altre tradizioni e altri stili di vita
Per vedere terre che sembrano “lontane” ma che hanno con noi molto in comune
Per aiutarci a ricordare come a volte sia facile combinare la realtà con il sogno

luogo di emozioni e di culture vive


Dove si impara che viaggiare vuol dire accettare il confronto e la differenza “con l’altro”
Dove si capisce che ogni popolo vive dimensioni proprie e non spetta a noi giudicare
Dove si riesce a conoscere se stessi nell’incontro con culture che sono a noi molto vicine
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 02/08/10 16:40 Pagina 28

Libia

Mar Mediterraneo
Sabratha Tripoli
Al Bayda Darnah
Leptis Magna
Al Marj Tobruk
Yafran
Banghazi
YAFRAN Gharyan Misuratah AL FATIH DARNAH Bardiyah
Bani Walid Sirte BANGHAZI
GHADAMES SAWFAJJIN
Ajdabiya
GHARYAN Marsa al
Ghadames SURT Burayqah
ALGERIA

Al Giarabub
Hun Waddan AJDABIYA
TUBRUQ
Jalu
ASH SHATI
Birak
AI JUFRAH Waw an
Adiri Namus
SEBHA
EGITTO

Awbari Sebha
AWBARI Zawilah Tazirbu
Murzuq
Ghat AKAKUS MURZUQ
AL KUFRAH
Al Qatrun

Al Jawl

Cufra

NIGER Ma tan as Sarah Al’Uwaynat

CIAD

Perché con noi


La nostra programmazione nasce “da lontano” e propone itinerari che rappresentano, nella varietà e completezza delle
proposte, “la Libia”. Essere stati tra i primi oltre 20 anni fa, e i primi nel ’92 alla riapertura dopo le note tensioni interna-
zionali, ci dà la tranquillità e la consapevolezza di conoscere questo paese in tutti i suoi risvolti, nelle sue bellezze e nei
piccoli e grandi problemi organizzativi e burocratici. Per questo, oltre ai viaggi di programmazione, ci sentiamo assoluta-
mente sicuri nella creazione di viaggi su misura individuali e per gruppi. Nelle zone più semplici e in quelle poco esplorate.
Inseriamo itinerari nuovi accanto a quelli già collaudati. Grazie anche alla maestria di un corrispondente che della Libia ha
fatto la sua dimora: Dar Sahara. Primo a proporre un campo fisso, sempre attento ai dettagli nelle spedizioni. Una sintonia
quasi naturale, visto che a creare Dar Sahara è stato quel Sergio Scarpa che nel ’78 ha ideato Kel12.

28
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 21/07/10 10:00 Pagina 29

Perché andare

La Libia l’abbiamo vista crescere e arricchirsi di percorsi possibili. Il deserto, la nostra passione di sempre, qui si
mostra in tutti i suoi aspetti. Le dune, gli uadi, le formazioni rocciose, l’arte semplice e preziosa delle pitture e delle
incisioni rupestri e poi i laghi, circondati di palme: l’acqua nel deserto è un miraggio che prende forma, è l’imma-
ginario che diventa realtà, emozionando ogni volta come un sogno. La gente cordiale e semplice nei vicoli della
Medina di Tripoli ti saluta, qualche volta in italiano; le città romane sulla costa sono un brivido storico ineffabile,
accentuato da contesti paesaggistici di bellezza assoluta. Il dettaglio di un mosaico, un capitello miracolosamente
preservato… i siti archeologici, si sa, sono come li ha saputi lasciare il tempo, ma la verticalità dei monumenti a
Leptis Magna lascia senza fiato. Molti percorsi possono portare a scoprire il sud e a visitare il deserto nel modo più
semplice, ponendo il campo poco prima del tramonto, dove il paesaggio invita a farlo, oppure sfruttando la como-
dità di un campo fisso, che ti accoglie ogni sera, contenitore confortevole e silenzioso delle immagini che ha rega-
lato il giorno e della stanchezza serena che si vive al ritmo del deserto. La costa può essere vissuta in modo mirato
per chi vuole cogliere i tratti essenziali dell’impero romano oppure in modo più approfondito, per chi se ne può
concedere il tempo. I viaggiatori scoprono la Libia e vi ritornano con la consapevolezza di poter ammirare nuovi
siti o ritrovare la magia del deserto, che è lì e aspetta con secolare bellezza. Per chi, come noi programma e per
chi accompagna i viaggiatori in Libia, l’emozione di chi si avvicina per la prima volta al deserto è un regalo alla vo-
glia mai sopita di proporlo in ogni modo e di farne un tesoro condiviso, fra viaggiatori.

Dune e miraggi. Gli esperti sono impietosi: per loro si chiama “accumulo dei materiali di deflazione”. Lasciamo per-
dere. Pagato il tributo alla terminologia scientifica, guardiamo con occhi diversi alla danza delle grandi, splendide
dune dei deserti libici. E scopriremo che non ci sono aggettivi per definirle. E’ uno spettacolo sensuale. Il vento è un
architetto erotico che non ha eguali. Solleva granelli di sabbia omogenei (mai meno di 0.15 millimetri, mai più di
0.40), compie una selezione perfetta, ignora i più pesanti, disperde i più fini: niente deve turbare l’equilibrio dinamico
delle dune. L’erg è davvero un mare di sabbia: le dune sono permanenti, ma mai le stesse, come le onde del mare. Le
grandi piramidi, chiamate ghurd, con le loro creste sinuose, sono punti di riferimento per i nomadi del deserto: sono
sempre nello stesso posto, ma non sono mai formate dagli stessi granelli. Sono le barcane ad essere autentiche dune
mobili che si piegano seguendo le folate dei venti dominanti. Forme, colori dalle tonalità lievi o accese e…miraggi.
Rifrazioni ottiche che ballano sugli strati più caldi dell’aria, avvicinano montagne, illudono facendo comparire laghi,
confondono con palme inesistenti. In alcuni luoghi, paradossalmente, sono talmente ripetitivi da diventare, per la
gente del deserto che li conosce, veri punti di riferimento (…) Andrea Semplici, Libia

29
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 21/07/10 10:00 Pagina 30

Libia

Aramat, Erg Titersine, Col D’Anai, Erg Murzuq


16 8
GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL TENDA

Cominciamo il nostro viaggio dagli antichi wady a ridosso del confine algerino. Fino agli anni 50
gli alvei di questi fiumi asciutti sono stati le vie di accesso più naturali per le carovane di asini che,
attraverso il Tassili algerino, portavano le merci da un Paese all’altro. I cacciatori ed i pastori del
periodo neolitico hanno lasciato incisioni e pitture di altissima qualità che fino a pochi anni addie-
tro i ricercatori non avevano ancora scoperto. Magnifiche le cadute di enormi stalattiti sul fianco
della falesia del wady Aramat dove una goccia antica ancora stilla e dà vita ad inaspettati e deli-
catissimi ciuffetti di capelvenere o rametti slanciati di oleandro come testimonianze di una natura
sopraffatta che ritorna viva tra la pietra e le sabbie. Da questo intreccio di wady, attraversando le
dune dell’Erg Titersine, si sbuca sul panorama più settentrionale dell’Akakus libico le cui falesie si
prolungano a perdita d’occhio verso Ghat, l’ultima oasi libica del Fezzan prima del territorio alge-
rino. Il nostro viaggio lasciandosi al fianco il complesso di rocce erose dell’Akakus, che molti hanno
già visitato, discende lungo l’Erg Ouan kasa fino al passaggio nel varco di Tilemsin che ci porta al
primo contatto con le sabbie dell’Erg Murzuq. Grandissime sabbie, rossicce, che ci accompagnano
fino al colle di Anai, il punto estremo dei confini meridionali della Libia. Dal colle di Anai, il pano-
rama si apre sulle sabbie rosse algerine di Tin Merzouga e sui contrafforti del Tassili di Djanet.
Voltiamo le spalle a questo panorama e penetriamo tra le grandi dune dell’Erg Murzuq. Comincia
la traversata meridionale dell’insieme di sabbie che in un affascinante e suggestivo alternarsi di
dune, corridoi interdunari e paleosuoli in catini nerastri ci condurrà fino al centro di Tadjari, oasi
tebu sulla linea delle carovaniere che dal Chad e dal Niger portavano le merci dell’Africa nera Come si viaggia:
verso il Mediterraneo... Qui si aprono le porte sui percorsi lenti che attraverso scorci su diatomee, • Hotel e tenda (13 notti)
legni fossili, calcari bianchi e arenarie gialle in sedimentazioni alternate e parallele, sbucano nella • Trattamento: come da programma
infinita piana del serir Tibesti che scivola liscio e veloce fino alle sabbie nere della grande caldera
• Itinerario in 4x4
di Waw an Namus. Questo percorso è stato composto in seguito alle ultime esperienze di viaggio
• guida locale
nel deserto libico. L’itinerario si sviluppa in aree la cui conoscenza, dal punto di vista turistico, è
cominciata soltanto negli ultimi due o tre anni. Grazie alla complessità dello sviluppo di tali cir-
cuiti il numero di viaggiatori che ha potuto visitare queste zone è fino ad oggi molto limitato.

2010: 22 ottobre
in compagnia di Giovanni Dardanelli Si prova rispetto per questi
paesaggi intatti che non
Da Milano a partire da € 2820 ci hanno domandato nulla
minimo 8 partecipanti e che farebbero volentieri
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200 a meno della nostra presenza
e che sono là comunque,
I luoghi: semplicemente maestose.
Italia · Tripoli · Sebha · Al Aywanat · Magdar Bocha · Wady Allone · Wady Aramat · Wady
Karpentina · Attraversamento Erg Titersine · Erg Ouan Kasa · Fianco occidentale Erg Murzuq · verso
il Colle di Anai · Fascia meridionale delle sabbie dell’ Erg Murzuq · Tadjari · Valle delle Diatomee · Théodore Monod
foresta fossile · Serir Tibesti · Waw an Namus · Djebel Waddan · Tmissah · Sebha · Tripoli · Italia

30
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 21/07/10 10:00 Pagina 31

Viaggi di gruppo con TL

Murzuq l’impero delle sabbie


11 8
GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL TENDA

Spazi di grande respiro, rocce sedimentarie intersecate da letti disseccati di antiche vie
d’acqua, piccole e grandi dune caotiche, pianure nerastre, pareti rocciose bizzarre, archi
pietrificati, torrioni isolati emergenti dalla sabbia. Poi i cordoni di dune imponenti, altissi-
me che sembrano invalicabili. Enorme e inospitale cuore di sabbia: inizia in silenzio il viag-
gio, sottovoce e ti porta nell'ignoto. E’ l'erg Murzuq... Traversare è una scommessa con noi
stessi, una sfida con il deserto. Attacchiamo da nord, dalla cittadina di Murzuq, testimone
di storici momenti sahariani. Giornate impegnative: troveremo i difficili passaggi tra i cor-
doni, attraverso dune “vive”. Impossibile ripetere traiettorie già conosciute: occorre ogni
volta valutare le migliori sulla sabbia. Gli antichi reperti archeologici capaci di testimonia-
re l'evoluzione dell'uomo più a sud le dune si spaziano, tutto è più agevole. Ecco il col di
Anäi, siamo fuori! Ecco il Messak Mellet, l'altopiano bianco, capace di offrire paesaggi
mozzafiato. Incisioni, capolavori: un grande bufalo antico e due giraffe di rara fattura e
bellezza dopo tanta sabbia. Un passaggio roccioso: la piana di Taita preannuncia Uan Kaza;
una poderosa barriera di dune separa l'Acacus dal Messak Settafet, l'altopiano nero. Tra le
più belle e difficili avventure sahariane! Servono solidarietà collaborazione, pazienza.

2010: 6 novembre Come si viaggia:


in compagnia di Gabriele Fiorese • Hotel e tenda (8 notti)
28 dicembre • Trattamento: come da programma
in compagnia di Marino Bonomelli • Itinerario in 4x4;
• transfer in pullmino;
• guide locali.
2011: 9 aprile
in compagnia di Gabriele Fiorese

Amo tutti i deserti disabitati


Da Roma a partire da € 2250 i luoghi dove lo spazio
minimo 8 partecipanti
non ha né limiti né tempo,
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200 ma solo memorie.
Sconfinato come noi vorremmo
che fossero le nostre anime.

I luoghi: Percy B. Shelley


Italia · Tripoli · Sebha · Germa · valle dell’Ajal · il fortino turco · l’erg di Murzuq · Col di Anai ·
Messak Mellet · erg di Uan Kaza · Acacus · Tadrart · piana di Taita · Ubari · Tripoli · Italia

31
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 21/07/10 10:00 Pagina 32

Libia

Traversata Rebiana - Namus diretta


10 8
GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL TENDA

Un’esplorazione intensa dedicata al sud-est libico, una traversata “diretta”, così l’abbiamo
chiamata, affidata al “fiuto” del capo spedizione, al “senso del terreno” e alla perizia degli
autisti. Perché non dirlo? Una spedizione è anche fatica, ricerca dei passaggi, insabbiamen-
ti inevitabili; è “lavoro” nello studio del terreno, nell’osservazione del colore della sabbia
per capire quando è calda e quando è fredda, quando terrà le auto e quando le farà bloc-
care; è perizia, ma anche fatica nell’individuare i passaggi, nell’interpretare il riflesso del
sole e le risposte della sabbia. Poi il deserto ripaga di tutto! Le rotondità sinuose delle dune
di Rebyana, lo spettacolo dell’oasi abbandonata di Bzema, e ancora paesaggi mozzafiato,
rilievi sparsi di arenaria, corsi di fiumi fossili con rade acacie, piccole creste rocciose insab-
biate ci conducono all’imponente cratere nero di Uan Namus: forte il contrasto con le sab-
bie lontane. Dal bordo si dispiega una vista ineffabile: in fondo al cono, tre laghetti dalle
acque blu, verdi e rossastre circondati da palme e canneti, chiazze bianche di sale, un tap-
peto di ceneri grigie e lapilli neri. Un luogo mitico per i cammellieri che transitavano sulla
piste del Fezzan; un sogno per i geologi; uno scenario unico, dove ci accamperemo.

2010: 15 novembre Come si viaggia:


in compagnia di Gabriele Fiorese • Spedizione in hotel e tenda (7 notti)
• Notte in Hotel a Tripoli
2011: 17 gennaio • Trattamento: come da programma
• Veicoli fuoristrada
in compagnia di Nicola Pagano
• Guida locale
18 aprile
in compagnia di Gabriele Fiorese

Da Roma a partire da € 2180


minimo 8 partecipanti Mentre il nomade
stà sempre in ascolto,
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200 il sedentario chiude le orecchie
e la mente a tutte le voci.

Marie Madeleine Davy


I luoghi:
Italia · Bengasi · Kufra · Rebyana · oasi di Bzema, il popolo Tebu · Cratere di Waw An Namus ·
Waw el Kebir · Djebel Waddan · Zwila · Tmissah · Sebha · Tripoli · Italia

32
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 21/07/10 10:00 Pagina 33

Viaggi di gruppo con TL

Il gran mare di sabbia I laghi della Ramla Zellaf


16 8
GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL TENDA
11 8
GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL TENDA

La traversata del deserto libico, uno dei luoghi più aridi del In un paese dinamico dove sono rappresentati gli aspetti
mondo, eppure molto vario. Una spedizione che dall’antica oasi morfologici del deserto, l'erg di Ubari "è" uno spettacolo,
di Auglia si inoltra fino a Al Jaghbub, Giarabub. Kufra e una sorpresa della natura: forme e linee, colori delle dune
Rebianah, attraverso il Grande mare di sabbia, per raggiungere di sabbia finissima, massicci di rocce scocese, piatti fondi
Waw An Namus. Lungo le piste un’infinita varietà di paesaggi, calcarei. Una traversata dalle mille emozioni! Incontrare,
ricchi paleosuoli e curiosità geologiche. Resti di foreste pietri- inattesi, insoliti laghi fuori dalle piste battute; zigzag e
ficate, laghi salati, depositi marini abbondanti di fossili, limoniti saliscendi tra dune di sabbie spesso difficili fino a
“bizzarre”. Tra le lave di Al Haruji e le enormi distese di sabbia, Mandara e Umm el Maa. Un itinerario che sfida cordoni
un antico giacimento di amazzonite. Gli spazi incredibili e le dunari con dislivelli anche di cento metri e che “proteggo-
imponenti, alte, dune del Gran Mare di sabbia da scavalcare. Gli no” il lago Umm el Ressas: palme e giunchi, acqua... fino
spettacolari cordoni di sabbia dell’erg di Rebianah, onde alte e all'uadi Zellaf. Qui la sabbia di mescola al fondo roccioso,
lunghe, irregolari. La nera caldera di Waw An namus, al cui l'erg si appiattisce, compaiono la sebkha e ampie vallate.
interno si mostrano alcuni laghi color azzurro. Piane ruvide di Certo meno fascino, ma è il deserto, con tutte le sue diver-
sabbia e roccia sbriciolata: i letti di fiumi antichi ci indicano la sità. Poi risalire le falesie che si susseguono con continui
strada. Dalla nera caldera alle piste color oro: tra paesaggi paesaggi che rubano l'anima: montagnette erose, terreni
sahariani importanti fino a Sebha. Una spedizione, un’esperien- compatti, dune sparse, legno fossile, letti di fiumi antichi.
za sahariana da togliere il fiato: emozione allo stato puro. Eccola Ghadames: segna la fine di questa grande spedizio-
ne... ma anche l'oasi sarà una inattesa, bella sorpresa.
Come si viaggia:
• Hotel e tenda (13 notti) NOVITA’: UNA “PRIMA” KEL12.
• Trattamento: come da programma
• Itinerario in fuoristrada; transfer in minibus
Come si viaggia:
• Guida locale
• Hotel e tenda (6 notti)
• Trattamento: come da programma
2011: 14 marzo • Itinerario in fuoristrada; transfer in minibus
• Guida locale
in compagnia di Gabriele Fiorese

2011: 19 febbraio
Da Roma a partire da € 3150 in compagnia di Sabina Migliori
minimo 8 partecipanti
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pag. 200
Da Roma a partire da € 2380
minimo 8 partecipanti
I luoghi: * Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pag. 200
Italia · Bengasi · Augila · Golfo della Sirte · la foresta pietrificata ·
la depressione di Giarabub · La Piana di Kalenso · Il Grande
Mare di Sabbia · Kufra · Ramlat Rebianah · Waw An NAmus · I luoghi:
Waw El Kebir · Djebel Waddan · Tmissah · Sebha · Tripoli · Italia Italia · Tripoli · Sebha · Ramla Zellaf · Idri · Ghadames · Tripoli · Italia

33
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 21/07/10 10:00 Pagina 34

Libia

Akakus e città romane


10 4
GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL CAMPO FISSO

Un modo “soft” di avvicinare il deserto, senza rinunciare a qualche comfort. La comodità


di un campo fisso con grandi tende, letti, lenzuola e piumini, i servizi e le docce. Insomma,
un Sahara meno spartano e più stanziale che in altri itinerari, da condividere con amici o
familiari che non amano rifare le borse tutte le mattine. Ma siamo nel Sahara, quello del-
l’immaginario e del sogno! La comodità del campo (il suo lusso, in rapporto al luogo) nulla
toglie alle emozioni che può e sa dare questo lembo di Sahara, tra i più belli e i più amati,
forse il più vicino all’idea di deserto che molti hanno, quello caratterizzato da dune
immense, grandi corridoi, arte rupestre incisa su pareti di arenaria capaci di creare, nel loro
insieme, suggestivi musei all’aria aperta. Il campo diventa solo un luogo immerso nel
deserto per “immergersi” in vari luoghi del deserto: ognuno con le sue specificità, dalla
pura sabbia che si estende all’infinito agli antichi letti dei fiumi, dal caos dell’arenaria alle
pareti che sono più opere d’arte che ambiti ripari all’ombra. Poi la Roma imperiale, l’ar- Come si viaggia:
cheologia dell’Impero in Africa. Sabratha e Leptis Magna, due capolavori pressoché intatti. • Campo tendato fisso (3 notti) e hotel
Forme architettoniche grandiose e arte raffinata, testimoni della grande civiltà del passa- • Trattamento: come da programma
to, tracce importanti che regalano al viaggiatore la sensazione di vivere il passato in prima • Itinerario in fuoristrada; transfer in minibus
persona in un ambiente unico: alle spalle il deserto, come sfondo il blu del Mediterraneo. • TL di lingua italiana; guide locali

Qualità nei viaggi in Libia


Da Milano a partire da € 2095 In Libia il turismo si è molto aperto e tante
minimo 4 partecipanti sono ormai le proposte di corrispondenti
locali più o meno improvvisati. Un viaggio
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200 di qualità nasce anche dalla scelta, prima-
ria, del corrispondente. Il nostro ha una
storia, in quel Paese, che inizia nel 1998. Il
suo campo fisso è stato il primo ad essere
Partenza ogni sabato costruito e ancora oggi è un modello per
dal 18 settembre al 7 maggio gli aspetti fondamentali: il luogo, bellissi-
mo e protetto dai venti; tende, con bagno,
dai tessuti tecnologici, per una maggior
protezione dal caldo e dalla luce, avendo a
Viaggio in pool con altri operatori, organizzato dal nostro corrispondente.
cuore più il dato tecnico che “l’esoticità”
Come per tutti i viaggi in pool non può essere rispettato il massimo 16 partecipanti.
nell’aspetto; costruzioni effettuate nel
pieno rispetto dell’ambiente, quindi senza
ferro e cemento ma solo legno. Le strutture
I luoghi: e gli uomini: tutti i viaggi sono assistiti da
Italia · Tripoli · Sebha · Campo fisso · Akakus · Germa · Mathendush · I laghi salati · Sebha · Tripoli · persone competenti per illustrare gli aspet-
Leptis Magna · Sabatha · Italia ti culturali dei viaggi a Nord e a Sud.

34
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 21/07/10 10:00 Pagina 35

Con campo fisso

Il deserto per tutti Tracce di storia


8 4
GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL CAMPO FISSO
11 6
GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL CAMPO FISSO

Un itinerario intenso con un livello di comfort realizzabile solo L’immersione nella storia della civiltà mediterranea è davvero
da pochi anni. È l’occasione di avvicinare e vivere il deserto totale, se si considera che l’itinerario abbraccia in un unicum
senza essere dei “sahariani itineranti” convinti, per chi non le pitture rupestri dell’Akakus e i celebri siti di Sabratha e
ama rifare i bagagli tutte le mattine e dormire in tende igloo. Leptis Magna: il viaggio nel passato dell’uomo e della civiltà
Ecco, allora, il campo fisso: grandi tende, letti con lenzuola e mediterranea è davvero totale. Accanto all’arte e alla storia,
piumino, una serie di docce nelle quali “lavare via” la sabbia, l’esperienza di un deserto bellissimo. Alcune notti nel campo
una tenda ristorante per stare assieme; insomma, la como- tendato, estremamente confortevole, ma sempre molto sug-
dità... E lo straordinario deserto libico a fare da corona, al desi- gestivo, offriranno la profondità infinita del cielo notturno,
derio di deserto finalmente appagato. Qui la natura “è” di l’immensità dei silenzi e il fascino del fuoco al bivacco. Un
assoluto rilievo: dai laghi, circondati da palme, incastonati tra viaggio comodo che riunisce elementi diversi e complementa-
alte dune, all’ambiente maestoso dell’Akakus, dalla raffinata ri. La parte archeologica è curata da professionisti, gli sposta-
arte rupestre celata tra le sue rocce agli archi pietrificati che menti nel deserto da guide e Tour Leader esperti. Lasciamoci
“sorgono” possenti dalla sabbia. Un mondo unico. andare a questo concentrato di bellezza...

Come si viaggia:
Come si viaggia: • Campo tendato fisso (3 notti) e hotel
• Campo tendato fisso (3 notti) e hotel • Trattamento: come da programma
• Trattamento: come da programma • Itinerario in fuoristrada; transfer in minibus
• TL di lingua italiana; guide locali
• Itinerario in fuoristrada; transfer in minibus
• TL di lingua italiana; guide locali
2010: 28.09 - 12.10 - 26.10 - 09.11 - 23.11
07.12 - 28.12
Da Milano a partire da € 1740
base 4 partecipanti 2011: 01.02 - 01.03 - 29.03 - 12.04 - 26.04

* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pag. 200 Da Milano a partire da € 2250
base 6 partecipanti
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pag. 200
Partenza ogni sabato dal 18 Settembre a 7 Maggio
In pool con altri operatori, organizzato dal nostro corrispondente.

Viaggio in pool con altri operatori, organizzato dal Viaggio in pool con altri operatori, organizzato dal
nostro corrispondente. nostro corrispondente.
Come per tutti i viaggi in pool non può essere rispet- Come per tutti i viaggi in pool non può essere rispet-
tato il massimo 16 partecipanti. tato il massimo 16 partecipanti.

I luoghi:
I luoghi: Italia · Tripoli · Sebha · Campo fisso · Leptis Magna · Sabratha ·
Italia · Tripoli · Sebha · Campo fisso · Acacus · Germa · Tripoli · Italia Tripoli · Italia

35
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 21/07/10 10:00 Pagina 36

Libia

Profili di dune
8 2
GIORNI BASE PARTEC. HOTEL PREALLESTITE

Provate a descrivere il deserto… Solo chi lo ha visto riesce a immaginarne la bellezza e


soprattutto la forza, i silenzi che conquistano, gli scenari grandiosi. Il deserto non si descri-
ve, si vive e non è un modo di dire per sbrigarsela. E’ realmente il luogo delle suggestioni,
ancor più delle emozioni. Ma emozioni e sensazioni interiori, legate al momento, all’animo
di ognuno, alla propria sensibilità. E ogni volta in ognuno di noi possono cambiare…. Anche
per questo resta il vecchio dubbio: è meglio vivere il deserto con punti fissi, con un campo
fisso o impadronirsene un poco alla volta essendo nomadi, scegliendo ogni notte sotto
quali stelle dormire? Questo viaggio prova a metter assieme le due cose: maggior comodità
e nomadismo. E parte da come ognuno sogna il deserto, perché anche chi lo sogna sa
immaginarlo: come gli piacerebbe che fosse, probabilmente come è. Spesso ti ferma la
paura di un viaggio scomodo, di un viaggio itinerante, “nomade”, che comporta l’uso di
tende igloo spartane. Magari non lo attrae nemmeno il campo fisso, bello ma non itine-
rante. Ecco, allora, questo viaggio nel Sahara libico più classico, tra dune e contrafforti
dell’Acacus, ai laghi che si aprono improvvisi tra dune e palme, davanti a ripari di arenaria 1° giorno: Tripoli-Sebha-Germa. Verso...i
Garamanti.
su cui la mano dell’uomo preistorico ha espresso la sua arte: un viaggio con comode tende 2° giorno: Germa-Uan Kaza. La valle
preallestite, pronte all’arrivo, dopo avere vagato tra tanta bellezza… dell’uadi El Agial, in direzione sud ci
annuncia alle prime dune dell’erg di Uan
Kaza, una lingua di sabbia lunga.
3°-5° giorno: Acacus. Le valli tra labirin-
Come si viaggia: ti di arenarie frastagliate dalle forme biz-
zarre; scoveremo le cavità e i ripari che
• Hotel, maxi tende in campo preallestito (5 notti)
furono utilizzati come abitazioni dai pasto-
• Trattamento: come da programma ri del neolitico; il grande arco naturale di
• Itinerario in fuoristrada, minibus Afozzigiar, il wadi Marajeli, Tin Lalan ci
• Guida locale parlante italiano faranno scoprire le meraviglie racchiuse in
questo strepitoso ambiente.
6°-7°-8° giorno: l’erg Ubari-Sebha-
Tripoli. Le creste affilate dell’erg di Ubari,
insieme di dune ondulate e spettacolari;
Da Milano laghi incastonati tra le dune come diaman-
base 2 partecipanti a partire da € 4480 ti; bianco e viola-rosato, verde di palme,
giallo-oro… emozioni.
base 4 partecipanti a partire da € 2900
base 6 partecipanti a partire da € 2280

Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base della data e della vostra preferenza
quanto a compagnia aerea.

NOVITA’:
Partenza cosigliata il sabato UNA ESCLUSIVA KEL12.

36
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 02/08/10 16:40 Pagina 37

Viaggi privati ed esclusivi

Weekend a Tripoli Tripolitania, Cirenaica e Ghadames


4 2
GIORNI BASE PARTEC. HOTEL
9 2
GIORNI BASE PARTEC. HOTEL

Sera d'estate sul lungomare. Arrossano le mura del Castello, la Un itinerario che non deluderà le attese, una tappa obbligata
gente invade la passeggiata che costeggia il porto. Nei bar per gli amanti dell’archeologia e del mondo antico. Un viaggio
all'aperto si fuma il narghilé, si beve il té, si gioca a domino. Le che si può effettuare con guide e accompagnatori cultori della
ragazze passeggiano a braccetto, i bambini giocano alle gio- materia, per ricordare che la costa della Libia rivendica il suo
stre...". Siamo sul Mediterraneo, siamo a Tripoli nella deliziosa ruolo cruciale all’interno del mondo classico. Cirene: colonne
descrizione che ne fa Andrea Semplici in una delle ultime eleganti, capitelli fioriti e il colore delle pietre. Il teatro di
guide uscite sulla Libia. È magnifica la Medina, un dedalo di Apollonia, la perfezione dei mosaici di Sabratha. Leptis Magna,
vicoli cresciuto là dove sorgeva l'Oea romana; sono dense di pressoché intatta: una foresta di bianche colonne che si sta-
bellezza con le due perle archeologiche di Sabratha e Leptis gliano sul Mediterraneo. Sulle coste della Libia si compie la
Magna. Si resta incantanti dal teatro di Sabratha, dai mosaici, storia dello scontro tra Roma e Atene. Qui i greci esaltarono la
dalla sua posizione sul mare. Leptis Magna è di più. Si offre loro voglia di migrazione narrando leggende e storie e arric-
nella sua bellezza antica, intatta: la verticalità dei suoi monu- chendole di arte; qui trionfò l’ambizione e la forza dell’Impero
menti fa rivivere la maestosità di un tempo. romano. Due potenze imperiali erano troppe...
Come si viaggia: Come si viaggia:
• Hotel • Trattamento: come da programma • Hotel • Trattamento: come da programma
• Trasferimenti in minibus o auto • Itinerario in minibus
• Guide locali parlanti italiano • Guide locali

Da Roma Da Roma
base 2 partecipanti a partire da € 980 base 2 partecipanti a partire da € 2680
base 4 partecipanti a partire da € 870 base 4 partecipanti a partire da € 2130
base 6 partecipanti a partire da € 770 base 6 partecipanti a partire da € 1830
Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base
della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea. della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea.

Partenza consigliata il venerdì Partenza consigliata il martedì

1° giorno: Tripoli. Incontro con Tripoli e il suo miscuglio di In pool con altri operatori, organizzato dal nostro corrispondente.
identità: la medina, il quartiere italiano, le mura possenti e
intatte, i ricordi della storia coloniale nonostante il tentativo 1°-3° giorno: Bengasi - Qsar Libya - Apollonia - Cirene.
di cancellare la storia; il suq animato e gli artigiani; le moder- Apollonia i preziosi resti greci e romani; Cirene, l’Atene
ne torri, il futuro. d’Africa, lo splendore dell’arte greca: sullo sfondo lo stesso
2° giorno: Leptis Magna. ...Leptis, davvero la Roma d’Africa! mare delle grandi città romane.
una città creata per cantare il potere e la forza di Roma: le terme, 4° giorno: Tripoli-Leptis Magna-Tripoli. Leptis, autentico
il teatro spettacolare con il proscenio che guarda il mare, il merca- gioiello archeologico; una dimostrazione della potenza di
to, l’arco di Settimio, l’imponente basilica. Roma in Africa attraverso lo spendore della sua arte.
3° giorno: Sabratha. La perfezione dei mosaici, i bassorilievi 5° giorno: Bengasi - Tripoli - Sabratha. Splendore di rovi-
in marmo; isolato, solitario, bellissimo il tempio di Iside; le sue ne affacciate sul mare.
colonne rossastre si alzano contro il blu del Mediterraneo... e il 6-8° giorno: Tripoli - Ghadames. La capitale e la città bian-
teatro, il più grande, il più bello: imponente. ca alle porte del deserto.
4° giorno: Tripoli. Dopo un’Africa che ci è vicina, il ritorno. 9° giorno: Tripoli.

37
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 02/08/10 16:40 Pagina 38

Egitto

Mar Mediterraneo
LE
ISRAE

Marsa Matruth Alessandria Damietta


Kafr ash Shaykh Port Said
As Sallum
Tanta Al Mansura
Shibin el Kom Zagazig
Bentha Cairo GIORDANIA
Suez

Sudr
Siwah

Al Fayyum ARABIA
Al Bawiti Ra’s Gharib
Al Tur
SAUDITA
Al Minya Sharm ash Shaykh
Oasi di Baharya AL Ghardaqah
CO

Asyut
AN

Bur Safajah
Oasi di Farafra
BI

Qina
LIBIA
O
RT

Suhaj Al Qusayr
SE

Luxor
DE

Oasi di Dakla
Marsa al Alam
Mut Idfu
Oasi di Carga
Aswan
Baris Baranis

Mar
Gilf Kebir Rosso
Abu Sunbul

SUDAN

Perché con noi. Abbiamo messo a punto itinerari che consentono di scoprire nel modo migliore i vari aspetti dell’Egitto,
senza pretendere di essere esaustivi, ma con il desiderio di rispondere in modo professionale, da viaggiatori, ad esigenze
diverse. Alcuni itinerari sono volutamente (e necessariamente) complementari, perché è inverosimile pensare di poter
saziare la curiosità che risveglia l’Egitto con un solo viaggio. Abbiamo scelto diversi modi di avvicinarci all’Egitto, variabili
per durata e sistemazioni perché ci piace che tutti possano trovare una risposta ai propri desideri e alle proprie esigenze
in viaggio. E lavoriamo con più di un corrispondente in loco per soddisfare al meglio queste richieste. Itinerari in hotel,
lungo le oasi, e in tenda per spingersi per giorni all’interno del deserto e porre il campo proprio lì vicino alle pitture più
belle. O in piccoli, nuovi hotel, come a Siwa, dove l’apertura recente di una deliziosa struttura consente di passare qui più
di una notte per “gustare” il clima dell’oasi. E al deserto egiziano, tra i meno conosciuti, abbiamo dal ‘90 dedicato grande
attenzione e moltissime ricognizioni (11 nel solo Gilf Kebir prima di “aprirlo”). Fascino assoluto dell’ignoto...

38
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 02/08/10 16:40 Pagina 39

Perché andare

Parlare di Egitto senza banalizzare è quasi impossibile. Le icone della sua civiltà sono un retaggio universalmente condiviso
e ampiamente celebrato nella letteratura, nel cinema, nei reportage di viaggio, nei libri di testo, dalle elementari agli
approfondimenti accademici… Noi, semplicemente, ci siamo innamorati del suo deserto, davvero unico per vastità e
varietà, per poi scoprirne le oasi e i siti archeologici. Il deserto egiziano è vastissimo e le storie degli esploratori che l’hanno
percorso, sin dai tempi remoti, appassionanti. Ci sono enigmi del passato che in un mondo spesso dominato dall’ovvio pre-
servano uno spazio prezioso per la fantasia e la sfida. Erodoto racconta di un’armata persiana di cinquantamila uomini
inghiottita da un mare di sabbia: l’armata scomparsa di re Cambise… Il conte Almasy, che ha ispirato il film Il paziente
inglese, ha vagato in questo deserto sulle tracce della leggendaria oasi di Zarzura. Il fascino di un’esplorazione lontanissima
nel tempo o il clima di una spedizione nel deserto negli anni Trenta… queste e altre storie ci hanno portato con itinerari
sempre diversi a scoprire piano piano il Gilf Kebir, il deserto bianco, le oasi, da Siwa, già famosa nell’antichità, a Baharia,
la cui fama recente è dovuta al casuale ritrovamento delle “mummie d’oro”. Viaggi più recenti hanno permesso di scoprire
pitture antiche di pregevole fattura, che sfidano in bellezza la già nota “grotta dei nuotatori”, rinnovando l’emozione della
scoperta; una scoperta che qui, dove molto è ancora ignoto, è possibile rinnovare. Un deserto di dune, formazioni rocciose,
faraglioni di calcare, uadi, forme bizzarre di un bianco abbagliante formate da antiche diatomee, sconvolgenti opere monu-
mentali… Ma basta abbassare lo sguardo e l’attenzione è rapita da un terreno ricco di fossili, conchiglie, manufatti che
parlano di epoche diverse, frammenti del passato: dal granello di sabbia alle sfingi, un luogo intenso nella sua bellezza.

Tutti i deserti sono affascinanti e tutti possono diventare ”noiosi“, come dice chi non è abituato a guardare un
immenso vuoto, che si rivela per chi ha occhio un immenso pieno. Ora mi viene in mente il deserto egiziano occiden-
tale, che va dal Nilo alla Libia (il deserto del ”Paziente Inglese“) e in particolare il tratto dall'oasi di Siwa, la leggen-
daria oasi del tempio di Giove Ammone all'oasi di Baharia. Una volta la guida-autista che mi accompagnava lungo
questa splendida, abbastanza facile pista, volle fermarsi in una raduna disseminata di pietre grandi e piccole, alle
quali non avevo fatto molto caso. Solo quando la guida cominciò a sistemarle in cerchio come riparo dal vento per il
focolare che stava accendendo, mi accorsi che queste pietre avevano forme meravigliose, create milioni di anni fa
dai cataclismi tellurici e primordiali che sconvolsero la terra e alcune sembravano delle sculture di Brancusi, altre
erano identiche alle sculture cicladiche del museo Goulandris di Atene, altre ancora ad opere di pura avanguardia.
La natura aveva anticipato le rivoluzioni artistiche o i rivoluzionari avevano copiato. Per altro, i deserti non sono
complicati, sono solo diversi dai luoghi ai quali noi europei siamo abituati. Stefano Malatesta

39
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 02/08/10 16:40 Pagina 40

Egitto

El Baz Crater
16 10
GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL TENDA

Esistono ancora luoghi da scoprire? Evidentemente sì ed il deserto egiziano, scarsamente noto


(colpa grave per un viaggiatore…), ci offre ancora mille opportunità in un viaggio a volte indietro
nel tempo. Non solo grotte ricche di arte rupestre, ma uadi che sembrano chiusi e che, se sai supe-
rarli, aprono su vallate, canyon, insenature ricche di reperti capaci di far emozionare il più incallito
dei sahariani. E’ il caso del Baz Krater, isolato e sconosciuto perché di difficilissimo accesso. In molti
ci hanno provato, i più hanno desistito, qualcuno crede di esserci entrato ed è invece rimasto sola-
mente ai margini di una caldera che ha passaggi difficili e obbligati. A conoscerli è ancora una volta
il colonnello Hamed El Mistekawi, assieme a Lame e Monod, altri due leoni del mito sahariano, il
vero “signore del deserto egiziano”. Anni di comando delle guarnigioni di confine, in un deserto ino-
spitale e senza vita, hanno solo affinato il suo amore (e la conoscenza profonda, unica) per queste
sabbie, per le grandi dune che si spostano, per quel Gilf Kebir che riproduce in tutte le difficoltà e
bellezze lo stesso intrigante, “completo”, deserto che è anche là sotto, 300 o 400 metri più in basso,
nella piana. La ripetizione, dopo molti anni, di un viaggio che fu una delle 11 ricognizioni nella zona
fatte da Mistekawi, Addis e alcuni straordinari viaggiatori Kel12. Zigzagando tra canaloni e uadi del
Gilf si può raggiungere questa piccola depressione, questo cratere certamente frutto dell’impatto di Come si viaggia:
un meteorite e che sa conservare reperti dell’antica civiltà come è difficile trovare in tutto il deserto, • Hotel e tenda (14 notti)
non solo egiziano. Il neolitico e ancor più il paleolitico, con amigdale, punteruoli, seghetti, manufatti • Trattamento: come da programma
di ogni tipo e su pietre differenti qui trovano la loro esaltazione, una presenza così ricca da sembrare • Itinerario in fuoristrada
incredibile. Avvicinandosi e tornando ci avvince e circonda un deserto che ci regala le sensazioni, le
emozioni dei primi esploratori. Godremo di tutto: del Gilf, immenso e maestoso, dell’arte rupestre,
dei reperti che la sabbia cela con un sottile velo di sabbia impalpabile, delle dune arroventate dal
sole; il grande mare di sabbia, la Silica Glass, i letti prosciugati di antichi laghi, ricoperti di mum-
moliti bianche e nere, piccole e tonde come pedine di dama, i faraglioni di diatomee bianche che
svettano verso il cielo in forme spesso bizzarre a rendere il Deserto Bianco un luogo dal fascino
unico. Un viaggio inusuale in luoghi poco conosciuti e puntando ad un unicum che definire “sco-
nosciuto” non è un’esagerazione: questa la forza di un itinerario pieno di suggestioni, di sorprese.
Ecco, avanza il crepuscolo;
2010: 21 novembre il vecchio nemico si tuffa
in compagnia di Alberto Addis finalmente nelle brume
2011: 5 marzo violette dell'occidente.
in compagnia di Giovanni Dardanelli Ecco l'ora benedetta fra tutte,
nel deserto. Il tramonto, ancora
Da Roma/Milano a partire da € 3080
minimo 10 partecipanti tutto colorato di rosa e d'oro, si
stempera già sotto il velo
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200 dell'oscurità che si opacizza.
I luoghi:
Italia · Cairo · Farafra · Abu Ballas · Wadi Soura · Baz Krater · Gilf Kebir · Wadi Hamra · Théodore Monod
Silica Glass · Great Sand Sea · il deserto bianco · Baharia · Western Desert · Cairo · Italia

40
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:28 Pagina 41

Viaggi di gruppo con TL

Gilf Kebir altopiano inesplorato


15 10
GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL TENDA

Spedizione complessa, vera, nel più profondo sud del deserto occidentale dell’Egitto.
Spedizione che segue dieci ricognizioni alla fine degli anni 90 e moltissimi viaggi negli anni
successivi. Abbiamo messo a punto molti itinerari, spesso paralleli, a volte totalmente diffe-
renti. Ce lo ha permesso la particolare conformazione del Gilf, ce lo ha consentito la possi-
bilità di “attaccarlo” da più punti, ce ne ha dato la possibilità il fatto di poter completare l’e-
splorazione dell’altopiano con altri luoghi di straordinario interesse: di volta in volta la Silica
Glass o una completa risalita del Gran Mare di Sabbia, l’esplorazione degli uadi più interes-
santi e profondi che si aprono alla base del Gilf o la prosecuzione verso Uweinat, passando
dalla tomba del Principe. Navigare in una delle aree più remote e sicuramente meno esplo-
rate al mondo, “vuota”. Con un profondo conoscitore di questa distesa desertica che le carte
egiziane ignorano. L’altopiano del Gilf Kebir: ripide pareti nere fanno da sbarramento alle
dune e ai “fiordi”. La salita, le dune in movimento, la ricerca dei passaggi; la discesa dal passo
Monod. Silica Glass: misteriose pietre sfaccettate simili a giada, forse dovute a un meteorite.
Paleosuoli ricchi di testimonianze del paleolitico e del neolitico: amigdale, raschietti... I campi Come si viaggia:
dei primi esploratori; “perdersi” nell’immenso fra alte dune intriganti e cordoni. Possente, • Hotel e tenda (12 notti)
infinito, ammaliante, il Grande Mare di Sabbia: oceano di dune, disabitato; vallate sperdute, • Trattamento: come da programma
sabbia senza tracce, resti di antiche auto bloccate da un deserto difficile. La depressione di • Itinerario in fuoristrada
Farafra e la sua oasi, il piacere di ritrovare l’acqua che corre, il verde. Il Deserto Bianco: un • Volo aereo Cairo-Luxor
mondo lunare e unico nel suo genere, forme bizzarre erose dal vento.

Come ovunque nel Sahara viaggiamo con


2010: 29 ottobre massimo 4 persone per auto in modo da
in compagnia di Marino Bonomelli non utilizzare la panchetta posteriore sco-
moda e soprattutto con cattiva visuale.
2011: 9 aprile
in compagnia di Giovanni Dardanelli

Da Roma/Milano a partire da € 3080 Dio ha creato l’acqua


minimo 10 partecipanti per dar da bere
agli uomini.
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200 Il deserto per dissetare
la loro anima.

I luoghi: Proverbio Tuareg


Italia · Luxor · Dahkla · Bir Tarfawi · Wadi Soura · Gilf Kebir · Wadi Hamra · la Silica Glass ·
Great Sand Sea · Gebel El-Mawta · Fetnas Baharia · Western Desert · Cairo · Italia

41
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:28 Pagina 42

Egitto

L’archeologia e le oasi Siwa e la pace dell’oasi


11 10
GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL
8 10
GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL

Un viaggio per chi non sa fare a meno dei paesaggi gran- Un viaggio per “vivere” la vita di un’oasi. Il tempio di Ammone
diosi e silenziosi del deserto, ma senza rinunciare a capire e il celebre oracolo: per rivivere la storia di Alessandro Magno.
cosa “copre” quel deserto, quale straordinaria civiltà è qui Gioielli che hanno reso nota l’oasi di Siwa. Ancor più sorpren-
vissuta, quali resti sapranno ancora regalarci le sabbie, gli dente è scoprire, a Siwa, l’antico villaggio di Shali, addentrarsi
anfratti, le pareti di arenaria. Un viaggio tra le vestigia nel grande palmeto. Intorno a Siwa, altre emozioni: dune, pal-
dell’Egitto dei faraoni e il deserto che vide marciare le legio- meti, laghi salati; un deserto dolce come sempre lo è nell’im-
ni romane e sparire nel nulla l’armata di Cambise. Un itine- maginario. Le dune vicino alle sorgenti calde, dove provare un
rario per conoscere e capire le antiche tecniche di irrigazio- bagno inusuale; i laghi salati blu o bianchi, incrostati di sale.
ne, per incontrare gli abitanti dell’oasi e ammirare le testi- Poi Alessandria, capitale della civiltà ellenistico-romana.
monianze del passato: il Tempio di Ammone e la stanza Un’anima cosmopolita, perché forse non c’è al mondo un altro
dell’oracolo a Siwa; il Monte dei Morti e le mummie d’oro posto dove culture, lingue e religioni hanno celebrato così
di Baharia; le antiche celle della sepoltura, ai margini di intensamente la loro convivenza: i mussulmani di Cordoba e i
laghi salati, “tra” le sabbie; i ritrovamenti di Karga, l’antica pellegrini di tutto il mondo, gli europei e gli ebrei.
Hibis dei greci, e di Dakla. Poi lo spettacolo magico e irripe-
tibile del Deserto Bianco: un mondo minerale dalle forme
magiche e strane. Gran finale: i templi di Luxor e Karnak, il Come si viaggia:
Nilo, arteria d’Africa! Un viaggio vario dalle mille suggestio- • Hotel
ni, dormendo nei piccoli, graziosi alberghi delle oasi. • Trattamento: come da programma
• Itinerario in fuoristrada
Come si viaggia: • Guide locali parlanti italiano
• Hotel, tenda (1 notte), campo fisso (1 notte)
• Trattamento: come da programma
• Itinerario in pulmino
• Guide locali parlanti italiano
2010: 29 dicembre
in compagnia di David Lovelock
2010: 28 dicembre
2011: 21 aprile
in compagnia di Francesca Serafin
con Tour Leader
2011: 21 aprile
in compagnia di David Lovelock Da Roma/Milano a partire da € 2080
minimo 10 partecipanti
Da Roma/Milano a partire da € 2680 * Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pag. 200
minimo 10 partecipanti
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pag. 200
I luoghi:
I luoghi: Roma · Cairo · El Alamein · l’Oasi di Siwa · le sorgenti calde ·
Roma · Cairo · Alessandria · El Alamein · l’Oasi di Siwa · Bahariya · i laghi salati · le antiche necropoli · l’attacco del gran mare di sabbia ·
Deserto Bianco · Farafra · Dakhla · Kharga · Luxor · Roma Alessandria · Cairo · Roma

42
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:28 Pagina 43

Viaggi di gruppo con TL

Gran mare di sabbia


10 8
GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL TENDA

Estreme ondulazioni nord orientali del Sahara: si affacciano tra le sabbie le fertili oasi.
Adagiate entro conche appena al di sopra del mare, interrompono l’aridità della sabbia.
Luoghi e natura, palme e sabbia, nuovi ritrovamenti archeologici e antiche necropoli. Siwa
dalla struttura di villaggio fortificato, con raffinate ed originarie tecniche di irrigazione.
Incredibili, inattesi, i laghi salati tra le alte dune e le bianche fungaie di calcari fossiliferi.
Baharia ci regala “nuove” mummie nere e la necropoli reale, Siwa le necropli rupestri. Non
solo oasi. Qui passa la storia di Alessandro, qui l’oracolo nel tempio di Ammone. Avreste
immaginato di bagnarvi nella piscina di Cleopatra prima di “attaccare” il deserto? Great
Sand Sea, “Grande Mare di Sabbia’’, una delle più grandi distese sahariane di dune.
Continuo succedersi di altissimi cordoni di dune che procedono “di traverso”, possenti.
Mondo minerale, assoluto e “vuoto”, dai contorni inquietanti, dimora del dio Seth. Un iti-
nerario emozionante, con tutto il fascino della scoperta, un ambiente di sabbia tipicamen-
te sahariano, dove si viaggia navigando a vista ma ancor più col satellitare, senza incon-
trare tracce umane o solchi di automezzi alla continua scoperta di ambienti geografici che
le carte malamente riportano. Un deserto il cui fascino risiede soprattutto nel fatto che è
“il nulla” per uno spazio quasi infinito. “Gioia penetrante, ebrezza a un tempo sottile e bru-
tale, violenta e dolce; ci si tuffa imbevuti di benessere nelle calde radiazioni che ristagnano
nell’incavo della duna; in lontananza il falso orizzonte di un miraggio. (Théodore Monod)”. Come si viaggia:
Infine il Deserto Bianco, strane formazioni di diatomee dalle forme più incredibili. • Hotel e tenda (8 notti)
• Trattamento: come da programma
• Itinerario in fuoristrada
• Guide locali
2011: 14 gennaio
in compagnia di Gabriele Fiorese

18 marzo
in compagnia di Giavanni Dardanelli
Lo sai anche tu: una casa,
una vera casa di pietra
Da Roma/Milano a partire da € 2250 o di mattoni è come una tomba.
minimo 8 partecipanti
Si può vivere qualche volta
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200 sotto una tenda: la cosa migliore
per noi è dormire sotto il cielo
e guardare le stelle negli occhi.
I luoghi:
Italia · Cairo · Baharia · Dahkla · Bir Tarfawi · Wadi Soura · Gilf Kebir · Wadi Hamra · la Silica Glass · Proverbio nomade
Great Sand Sea · Gebel El-Mawta · Fetnas Baharia · Western Desert · Cairo · Italia

43
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:28 Pagina 44

Egitto

Weekend al Cairo Siwa e la pace dell’oasi


4 2
GIORNI BASE PARTEC. HOTEL
8 2
GIORNI BASE PARTEC. HOTEL

Nelle parole di Naghib Mahfuz, premio Nobel per la letteratura Un viaggio per “vivere” la vita di un’oasi e del deserto che la cir-
nel 1988, Il Cairo che amiamo: “C’è chi ha girato il mondo, e conda. Un viaggio per vivere con calma, scandendosi i tempi,
lo descrive come fosse un vicolo. C’è chi conosce solo un vico- situazioni nuove, luoghi rilassanti e carichi di suggestioni, di
lo, e lo descrive come fosse il mondo. Il mio “vicolo” è l’Egitto; emozioni, incontri ricchi di interesse e di... sorrisi. Con la possi-
l’Egitto per me è il mondo”. Un suo consiglio: “Andate a leg- bilità di godersi tramonti infuocati sul deserto, leggendo un
gere alcune delle molte storie delle Mille e una notte ambien- buon libro, dalla terrazza di un resort, lo Shali, di classe, di gran-
tate al Cairo, come quella di Ali az-Zabaq il Cairino, o quella de comfort, perfettamente inserito nell'ambiente. Siwa va vis-
di Ma’aruf il Ciabattino. Noterete che, in fondo, lo spirito del suta, la vita dell'oasi va vissuta. Poi, intorno e dentro l'oasi cose
Cairo non è mutato mai. Visitate pure i celebri monumenti e di assoluto interesse e di grande bellezza: il verde palmeto, le
tuttavia non dimenticate i quartieri più defilati. Lì conoscerete dune, i laghi salati blu o bianchi. Le sorgenti calde, dove provare
il vero Egitto”. Una guida locale parlante italiano vi conduce a un bagno inusuale. Il tempio di Ammone e il celebre oracolo:
scoprire i luoghi dell’immaginario, dalle Piramidi al Museo per rivivere la storia di Alessandro Magno. Gioielli che hanno
Egizio, al vivace mercato di Khan El Khalily. reso nota l’oasi di Siwa. Poi Alessandria, capitale della civiltà
ellenistico-romana. Un’anima cosmopolita, perché forse non
Come si viaggia: c’è al mondo un altro posto dove culture, lingue e religioni
• Hotel hanno celebrato così intensamente la loro convivenza. I mus-
• Trattamento: come da programma sulmani di Cordoba e i pellegrini, gli europei e gli ebrei.
• Trasferimenti in minibus o auto
• Guide locali parlanti italiano Come si viaggia:
• Hotel • Trattamento: come da programma
• Itinerario in fuoristrada
Dal Cairo • Guide locali parlanti italiano
base 2 partecipanti a partire da € 590
Dal Cairo
base 4 partecipanti a partire da € 530 base 2 partecipanti a partire da € 1280
base 4 partecipanti a partire da € 1080
Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base
della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea. Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base
della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea.
1° giorno: Il Cairo. Incontro con la città, il suo traffico, la sua 1°-3° giorno: Il Cairo - Baharia-Siwa. Direzione sud ovest,
gente: insomma, la sua personalità; piccola crociera sul Nilo, subito la piccola oasi di Baharia, custode delle preziose mum-
per conoscerlo. mie dorate e dipinte e di tombe finemente affrescate; verso
2° giorno: Il Cairo. La visione delle Piramidi e della Sfinge: Siwa, l'inizio del Gran Mare di sabbia; i laghi salati, palme e
emozione forte; la visita del mitico Museo Egizio, per restare a acqua tra le dune, lo stupore entra in scena.
bocca aperta; scovare con stupore i quartieri più defilati, gli 4°-5° giorno: l’oasi di Siwa. Alla scoperta della quotidianità
angoli meno noti di una città che conquista. di un’oasi i palmeti, le coltivazioni, la gente; l’oracolo di
3° giorno: Il Cairo. L’enorme cupola colorata e i minareti Ammone, la leggenda di Alessandro; archeologia di un leggen-
della moschea nella cittadella di Saladino; ...ancora il Nilo, dario passato e i dintorni fatti di dune, laghi, sorgenti calde;
ma in feluca; colori e suoni al mercato di Khan El Khalily dove un bagno inusuale in tiepide acque termali.
acquistare o perdersi guardando. 6° giorno: Marsa Matruh - El Alamein. Dal deserto ad un
4° giorno: Il Cairo. Un buon modo per ricordare e portarsi mare poco conosciuto verde azzurro, una costa ancora selvaggia.
addosso l’atmosfera di una città rara: leggere sull’aereo “Trilogia 7°-8° giorno: Alessandria - Il Cairo. Alessandria, città mito, capi-
del Cairo” e a casa le Storie delle Mille e una notte. tale della civiltà ellenistico-romana; la biblioteca restaurata.

44
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:28 Pagina 45

Viaggi privati ed esclusivi

L’archeologia e le oasi
11 2
GIORNI BASE PARTEC. HOTEL

Un itinerario capace di soddisfare molte delle nostre curiosità legate alla cultura e alla sto-
ria dell'Egitto. Che spesso non combaciano perché queste terre sono state teatro di inva-
sioni, di conquiste, di passaggio di eserciti. Perché il deserto ha "vissuto" una vita e una
storia propria anche se ha "ospitato" l'Egitto dei Faraoni e le colonie romane, se ha sorretto
Alessandro, se ha seppellito l'armata di Cambise. Vivere in libertà questi luoghi e le sue
differenze permette di scegliere a cosa dedicare più tempo e più energie, quanto lasciarsi
portare dalla curiosità che spinge a vagare e quanto dalla voglia di soffermarsi e approfon-
dire. Certamente un viaggio per quanti amano diversificare. Un viaggio tra le vestigia
dell’Egitto dei faraoni e il deserto che vide marciare le legioni romane e sparire nel nulla
l’armata di Cambise. Un itinerario per conoscere e capire le antiche tecniche di irrigazione,
per incontrare gli abitanti dell’oasi e ammirare le testimonianze del passato: il Tempio di
Ammone e la stanza dell’oracolo a Siwa; il Monte dei Morti e le Mummie d’oro di Baharia,
le antiche celle della sepoltura, ai margini di laghi salati “tra” le sabbie, i ritrovamenti di
Karga, l’antica Hibis dei greci, e di Dakla. Poi lo spettacolo magico e irripetibile del Deserto
Bianco: un mondo minerale dalle forme magiche e strane. Gran finale: Templi di Luxor e
Karnak, il Nilo, arteria d’Africa! Un viaggio vario dalle mille suggestioni, dormendo nei pic- Come si viaggia:
coli, graziosi alberghi delle oasi. • Hotel, tenda (1 notte),
campo fisso (1 notte)
• Trattamento: come da programma
Da Milano • Itinerario in pulmino
base 2 partecipanti a partire da € 2300 • Guide locali parlanti italiano
base 4 partecipanti a partire da € 1850

Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base della data e della vostra preferenza
quanto a compagnia aerea.
Amo i luoghi dove lo spazio
non ha né limiti né tempo,
1°-2° giorno: Il Cairo: il superbo Museo Egizio; l’arte, le moschee. ma solo memorie. I luoghi
3° giorno: Alessandria - El Alamein: Preziosa ed elegante ma Biblioteca; il vivace souk; il pas-
sato riaffiora a El Alamein.
dove noi possiamo prendere
4°-5° giorno: l’Oasi di Siwa. Nel verde del palmeto, dietro una cornice di dune: Siwa, l’oasi per il piacere di credere che ciò
eccellenza; il Bagno di Cleopatra, il Tempio di Amun...; le dune del Grande Mare di Sabbia, la che vediamo è sconfinato.
pace dell’oasi al Siwa Shali Resort.
6°-7° giorno: Bahariya - Deserto Bianco. Piccole oasi, archeologia, tombe, mummie; il bizzar-
Sconfinato come noi vorremmo
ro Deserto Bianco, abbagliante di giorno si traveste di rosa al tramonto. fossero le nostre anime.
8°-9° giorno: Farafra - Dakhla - Kharga. Di oasi in oasi: dal tempio dedicato al dio Amon, a
Karga agli ultimi ritrovamenti. Percy Bisshe Shelley
10°-11° giorno: Kharga - Luxor. L’antica Tebe, le fertili rive del Nilo; i Templi di Luxor e
Karnak, le cinte murarie, il Nilo.

45
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:28 Pagina 46

Algeria e Tunisia

Mar Mediterraneo
Algeri Skikda Annaba Tunisi
Tipaza Tizi Quzou
El Taref
Blida Bouira Costantine Souk Ahras
Stretto di Relizane Medsea
Gibilterra Oran Oum el Bouaghl
Oceano Masoara Batna
Atlantico Tlemcen M’Sila Tebessa
Tiaret Khenchels
Siada Biskra
Djelfa
NAAMA El Bayadh
TUNISIA
Laghouat El Oued Dgerba
LAGHOUAT Touggourt
Naama
MAROCCO EL OUED Ksar Ghilane
Ainsefra Tozeur
GRANDE ERG Tataouine
ELBAYADH Ouargla ORIENTALE
Bechar Tembaine
GHARDAIA
OUARGLA
Abadia
El Golea

GRANDE ERG
TINDOUF OCCIDENTALE Timimoun

ALGERIA Bordj Omar Driss


Adrar I-n-Amenas LIBIA
Tindouf ILLIZI
Reggane I-n-Salah
Chenachane
Illizi

ADRAR TASSILI
N’AJJER

MAURITANIA TAMANGHASSET Djanet

HOGGAR

Poste Maurice Cortier


Tamanrasset

MALI Bardjle Prieur

Ti-n-Zaousatene
NIGERIA

Perché con noi


Come tutte le cose facili…diventa difficile dirle. Cosa scriviamo? Che siamo “nati”, nel 1978, tra queste sabbie? Che è stato il
primo amore e che è ancora il primo amore: non solo quello che non si scorda mai, ma quello che si ama ancora intensamente?
Che laggiù abbiamo passato anni straordinari per creare una struttura che ha retto alle mode, agli eventi, alle passioni dell’animo
sahariano di moltissimi viaggiatori? Che laggiù abbiamo fatto le prime esperienze, prima come viaggiatori e poi come operatori,
ma che non ci siamo mai fermati, non ci siamo mai cullati sui successi, ma abbiamo continuato a migliorare? Che le guide tuareg
più capaci sono da sempre “vecchi amici” che non tradiranno mai la fiducia dei viaggiatori? Che laggiù si sono “formate” schiere
di Tour leader, tra dune cangianti e pinnacoli infiniti? Che ancora oggi abbiamo nostre strutture e che le abbiamo curate anche
negli anni in cui i viaggiatori frequentavano poco questo Sahara di infinita e varia bellezza? Si, lo scriviamo…

46
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:28 Pagina 47

Perché andare

Antoine de Saint-Exupery (autore del Piccolo Principe) tentò di spiegare a un vecchio tuareg algerino che grazie al suo pic-
colo aeroplano avrebbe raggiunto la meta in due ore. Le carovane avrebbero impiegato almeno due mesi per percorrere la
stessa distanza. Il vecchio attese a rispondere, quasi non si vedevano gli occhi sotto le alte fasce dello chech: “e poi cosa fai
nel tempo che ti rimane?”. E’ una delle tante storie che, tra realtà e immaginazione, raccontano il mito, i tempi, il fatalismo,
la serenità del deserto. E chi pensa al deserto, al Sahara, pensa all’Algeria. L’Algeria è tutto il deserto o, se preferite, un deserto
“fatto di tutto”: qui veramente si può dire che non esiste tipologia di deserto che non sia presente. C’è un’Algeria della costa,
ricca di vestigia, capace di riportarci agli insediamenti delle legioni romane, capace di regalarci momenti di gioia lungo le
coste e tra i vicoli delle casbah. Attimi di entusiasmo davanti alla Roma che si affaccia sul Mediterraneo e al cospetto di
città pulsanti come Algeri, con le sue case “francesi” tutte giocate tra il bianco e il blu. C’è l’Algeria delle Oasi, della geniale
distribuzione dell’acqua attraverso le foggarà e c’è l’Algeria delle antiche e mai spente tradizioni. C’è un’Algeria dei grandi
spazi silenziosi dove tutto sembra fermarsi e quella pulsante che vuole crescere, vuole “fare”, vuole recuperare il suo tempo.
Poi c’è l’Algeria lontana, il Sahara profondo, il deserto assoluto. Le guglie dei Tassili sono frammenti superstiti di quando la
morfologia del terreno era ben più dolce; e sono veramente il castello delle fate: torrioni merlati che chiudono, come un
grande sipario scuro, l’orizzonte. Le dune immense mostrano solo alla luce della luna i loro rassicuranti profili, capaci di
scomparire nel riverbero accecante del sole. Ma è anche il luogo della storia raccontata sulle ripide pareti di arenaria, in
ripari incerti: qui, diecimila anni fa, quando cambiarono le rotte dei monsoni, le savane del Sahara cominciarono a trasfor-
marsi, con lentezza inesorabile, nel deserto; e di quel periodo ci parlano le straordinarie gallerie di arte rupestre disseminate
tra i tassili algerini. Così come i quasi invisibili graffiti di Abalemma ci parlano delle Pleiadi, il simbolo dell’acqua. Un labirinto
di spirali che era una vera invocazione alla pioggia. Poi irrompe un nuovo deserto, simile e contiguo, fatto di possenti
dune: è il sud della Tunisia. Deserto poco noto, ancora inviolato, emozionante...

Niente può eguagliare lo splendore, il mistero delle notti di luna nel deserto di sabbia. Il caos delle dune, le guglie svet-
tanti, le grandi pareti, tutto sfuma e si fonde. Il deserto, di un candore di neve, si riempie di fantasmi, di riflessi ora rosa
ora azzurri, di incerte luci argentee…. Nessun contorno nitido, e preciso, nessuna forma definita e distinta: tutto riluce,
tutto scintilla all’infinito, ma tutto è vago. Le dune sembrano vapori addensati all’orizzonte. I pendii più vicini svani-
scono nell’infinita chiarità del cielo. Gli uomini, vestiti di bianco camminano simili ad apparizioni, appena distinguibili,
come vaporosi (…) E una pace profonda, infinita, scende nella mia anima. Si può, in quelle ore benedette, fare astra-
zione da ogni cosa, da ogni circostanza dolorosa, e abbandonarsi ad altre impressioni, quelle che portiamo in noi e
quelle che ci vengono dall’Ignoto, attraverso il prisma sublime del vasto Universo. Isabelle Eberhardt

47
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:29 Pagina 48

Algeria e Tunisia

A piedi sul Tassili Faraglioni di arenaria


10 8 10 8
ALGERIA

ALGERIA

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL TENDA

Djanet, incantevole angolo sperduto nel Sahara, lontano dalle Viaggio spettacolare, a partire dall’oasi di Djanet, la ”perla del
piste più battute. La quiete del villaggio, il mercatino, il palme- Tassili”, nel Tadrart Akakus, un mondo di guglie e torrioni, fun-
to, gli orti e le sue genti, i Tuareg. Una lunga camminata tra gaie di pietra, arcate, corridoi dalle forme strane. In fuoristra-
meraviglie della natura e significativi reperti dell’arte rupestre. da, con alcune piacevoli passeggiate per esplorare pitture ed
Paesaggi di straordinaria forza che lasciano senza fiato per la incisioni rupestri del neolitico. Conche sabbiose, faraglioni,
loro bellezza e varietà: valli incassate fra pareti rocciose, guglie castelli di roccia e sabbia contro un cielo di un azzurro abba-
e torrioni, sabbie dorate dalle quali spuntano neri pinnacoli. gliante. La gueltà di Adjiri, circondata da un grandioso anfitea-
Intorno il silenzio del deserto. Passo dopo passo alla scoperta tro, che si svela all’improwiso, emozionante, in fondo ad un
delle pitture rupestri, sempre emozionanti, un vero museo canyon dalle pareti scoscese. Le dune rosse di Ti-n-Merzouga,
all’aperto. La valle dei cipressi millenari, conservati nelle zone al confine con la Libia, un unicum che colpisce, una pennellata
più riparate, all’ombra di alte pareti rocciose, come veri e pro- di colore intenso sul giallo, un impasto di colori e contrasti; il
pri fossili viventi. La storia del Sahara preistorico raccontata labirinto di guglie di Alidemma, immerse in finissima sabbia; i
nelle migliaia di pitture conservate sulle pareti e nei ricoveri monti Gautier, altrettante isole emergenti come in un mare di
naturali. Cinquemila dipinti fanno di Jabbaren il santuario miraggi. I faraglioni di Tegheghart e le splendide incisioni,
archeologico più ricco e completo del mondo. Un viaggio per capolavoro delI’arte rupestre sahariana. “Les vaches qui pleu-
chi ama l’arte espressa dalla mano dell’uomo e disegnata dalla rent”, toccante scena pastorale, incisa a memoria del tempo in
natura. Un itinerario per chi ama il deserto e camminare. cui l’acqua abbondava e i buoi, in questo stesso angolo di
deserto, andavano all’abbeverata.

Come si viaggia: Come si viaggia:


• Hotel e tenda (7 notti) • Trattamento: come da programma
• Hotel e tenda (7 notti)
• Guide locali
• Trattamento: come da programma
• Itinerario a piedi; trasferimenti in fuoristrada 2010: 26 dicembre
• Guide locali con Tour Leader dall’Italia
2011: 21 gennaio
2011: 11 febbraio in compagnia di Elena Dacome
8 aprile
in compagnia di Fabrizio Dembech
in compagnia di Nicola Pagano
21 ottobre
in compagnia di Gabriele Fiorese
Da Milano a partire da € 1680
minimo 8 partecipanti
Da Milano a partire da € 1780
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pag. 200 minimo 8 partecipanti
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pag. 200
I luoghi: I luoghi:
Milano · Algeri · Djanet · Tamrit · Tin · Tazarift · Sefar-Tin Kani · Milano · Algeri · Djanet · gueltà di Adjiri · In Djeran · Tin Merzugà ·
Ozanearé · Jabbaren · Djanet · Algeri · Milano Alidemma · erg d’Admer · Djanet · Algeri · Milano

48
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:29 Pagina 49

Viaggi di gruppo con TL

Tassili Ahnet
15 8
ALGERIA

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL TENDA

Un viaggio nuovo in una zona sconosciuta ai più (e può essere normale…), ma anche ai
viaggiatori sahariani. Luogo sconosciuto o troppo “diverso” per accontentare gli oltranzisti
di un deserto che deve essere solo sabbia, o solo rocce o solo...? L’Anhet è un mondo a sé
o se preferite un mondo in cui convivono cose diverse, particolari; o semplicemente un
Sahara in cui, a tratti, non si è più molto convinti di essere nel deserto… Eppure ci sono
tassili possenti, grandi dune che sbarrano il cammino, pinnacoli che svettano e grotte che
custodiscono preziosi e ricchi esempi di arte rupestre, montagne dalla punta mozzata e
antichi letti di fiumi e laghi, gheltà nascoste che a volte sono solo fenditure nella roccia e
piccoli bacini e altre vere cascatelle e piscine di acqua tiepida. Ci sono, soprattutto,
“anche” improvvise visioni che non ti aspetti come l’erba che lambisce le grandi dune. Come si viaggia:
Come l’inattesa apparizione, mentre tutto parla di un deserto disabitato e silenzioso, di • Hotel e tenda (12 notti)
nomadi e grandi greggi, di gruppi di cammelli che si abbeverano in improbabili pozze, di • Trattamento: come da programma
pozzi profondi “abitati” da Tuareg che chiacchierano aspettando il turno per dare da bere • Itinerario in fuoristrada
agli animali, accampamenti che sembrano villaggi, bimbi che lasciano le greggi e corrono • Passeggiata
a sorriderti. Una natura da vivere con grande calma, lunghe passeggiate, una giornata a • Guide locali
piedi o a cammello per scoprire i tempi e i silenzi del mondo tuareg.

2010: 27 ottobre
in compagnia di Luciana Crosazzo

2011: 26 gennaio
in compagnia di Luciana Crosazzo

Nessuno può vivere questa vita


e non uscirne cambiato.
Da Milano a partire da € 2680 Porterà con sé l’impronta
minimo 8 partecipanti del deserto, il marchio che segna
il nomade. Perchè questa terra
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200
può gettare un incantesimo che
nessun clima temperato
può in alcun modo eguagliare.
I luoghi: Wilfred Thesiger
Italia · Tamanrasset · Uadi Tiquiet · Dune di Affaraggan · Uadi Ait Elkhah · Anfus · Fum Asgag ·
Uadi Amassine · Erg Oulaouin · Erg Mehedjebat · Mausoleo di Mulay Hassin · Tamanrasset · Italia

49
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:29 Pagina 50

Algeria e Tunisia

Ghardaia e Timimoun Oasi e città romane


8 8 8 8
ALGERIA

ALGERIA

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL

C’è una parte dell’Algeria meno nota ai viaggiatori solo perché più Un viaggio archeologico e paesaggistico. Alla scoperta dei teso-
nascosta e preziosa. Si tratta della zona centrale del paese a sud ri custoditi lungo la costa e nell'entroterra. Si sa, gli insedia-
delle ultime propaggini dell’Atlante e a sud-est del Grande Erg menti romani piuttosto che fenici sono collocati con sapienza,
occidentale, sconfinato mare di dune, taglienti e sinuose. C’è un’ ma la meraviglia è molta, ancora oggi, nell'ammirare Timgad,
ampia mezzaluna di terra in cui l’erg concede spazio ad una vallata Djemila o Tipasa proprio per l'estrema bellezza dei luoghi in cui
disseminata di oasi e palmeti a nord del Plateau di Tademait. Un si trovano. Tipasa, lungo una costa tutta mediterranea, si
tempo vi era un enorme lago, oggi chiamato sebka, conca salina mostra con gli ulivi piegati dal vento che sembrano lottare per
asciutta sui cui bordi sorgono alcune delle più belle oasi del Sahara. proteggere la storia. Alcune località poco visitate celano mera-
I palmeti si stendono per centinaia di chilometri. Le oasi, eventi mai viglie, come Setif che conserva il più superbo mosaico pavi-
spontanei, esempio altissimo del connubio felice tra opera dell’uo- mentale di tutta l'Africa romana, il trionfo di Bacco. Il tempo si
mo e doni della natura, si annidano tra le palme o si addensano in è fermato in Algeria perché davvero le affascinanti descrizioni
posizione difensiva sui colli emergenti della valle del fiume M’zab. delle Guides Bleus sono attuali e capita di ritrovarti in pieno
Ed ecco Timimoun la rossa, dal colore dell’argilla con cui sono nella descrizione di un quartiere di Algeri o tra le remote vesti-
costruite le case, e poi Ghardaia città bianco-azzurra la cui archi- gia di Djemila. Ma c’è anche grande vivacità nell’attuale lette-
tettura funzionale e rarefatta si sposa con un urbanistica fitta ratura algerina e le montagne poco distanti da Algeri sono le
come la trama di un tessuto. Ed infine, Algeri, la “ville blanche” si stesse che ritrovi nei libri di Jasmina Kadra. C’è un Paese da
mostra di un bianco abbagliante che ben si sposa con il blu del riscoprire che dall’isolamento ha saputo trarre lo stimolo per la
Mediterraneo. E poi la Casbah, Patrimonio dell’Umanità, una tutela di tradizioni preziose e di paesaggi grandiosi.
Casbah ritrovata dagli scorci unici: preziose moschee, vivaci mer-
cati, viuzze strette... l’andirivieni vociante dei bimbi, delle donne,
della folla. Il Museo del Bardo per pregustare un viaggio nel deserto Come si viaggia:
del Sahara attraverso i suoi magnifici reperti …Passato e presente. • Hotel • Trattamento: come da programma
• Itinerario in minibus o auto
Come si viaggia: • Guide locali parlanti italiano
• Hotel • Trattamento: come da programma
• Itinerario in minibus e fuoristrada
• Guide locali parlanti italiano
2011: 27 marzo - 22 aprile - 20 maggio
2011: 9 marzo con Tour Leader dall’Italia
in compagnia di Elena Dacome
18 marzo
in compagnia di Elena Dacome
22 aprile Da Milano/Roma da definire
in compagnia di Nicola Pagano minimo 8 partecipanti

Da Milano a partire da € 1850 * Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pag. 200
minimo 8 partecipanti
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pag. 200
I luoghi:
I luoghi: Italia · Algeri · Tipasa · Setif · Djemila · Batna · Timgad · Tebessa ·
Milano · Algeri · Timimoun · El Golea · Ghardaia · Tipasa · Algeri · Milano Costantine · Algeri · Italia

50
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:29 Pagina 51

Viaggi di gruppo con TL

Weekend ad Algeri
3 2
ALGERIA

GIORNI BASE PARTEC. HOTEL

È bella Algeri, se possibile più bella che in passato, perché


come la sua gente ha voglia di farsi rivedere, di essere ammi-
rata, di fare festa per una serenità e un’identità ritrovate.
Algeri, la “ville blanche”, già da lontano si mostra di un bianco
abbagliante che si sposa con il blu del Mediterraneo. Anche da
vicino rispetta i suoi colori, quelli che l’hanno fatta bella e
gioiosa: sono il bianco e il blu degli eleganti palazzi dal passa-
to coloniale. Poi la Casbah, patrimonio dell’Umanità. Una
Casbah ritrovata, dagli scorci unici: preziose moschee, vivaci
mercati, viuzze strette... Il Museo del Bardo, per pregustare un
viaggio nel deserto… Tipasa, l’Africa Romana... Algeri è ricca di
storia e avida di futuro. È bello qui guardare una gioventù che
conserva la capacità di sognare.

Come si viaggia:
• Hotel • Trattamento: come da programma
• Transfer in minibus o auto
• Guide locali parlanti italiano

Da Algeri a partire da € 800


base 2 partecipanti

Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base
della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea.

Partenze il venerdì

1° giorno: Algeri. L’incontro con la “ville blanche”: il bianco


dei palazzi, il blu del mare; nel pomeriggio a passeggio tra
architettura coloniale e tè alla menta serviti in deliziosi caffé
dove respirare gli umori dell'Algeria di oggi.
2° giorno: Algeri - Tipasa - Algeri. La deliziosa strada che da
Algeri va lungo la costa fino a Tipasa: le rovine sono belle davve-
ro e a renderle uniche ci pensano la macchia mediterranea e il
mare; pietre preziose all’ombra di ulivi secolari; uno degli esempi
più belli dell’arte e della archeologia di Roma in terra d’Africa.
3° giorno: la Casbah - Algeri. A spasso in città, dal porto
alle vie piene di gente, dai bastioni recuperati agli animati
mercati; librerie dove scoprire la vivacità della letteratura
algerina; la Casbah, le viuzze, gli slarghi con fontane, la gente:
restaurata e proclamata Patrimonio Unesco.

51
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:29 Pagina 52

Algeria e Tunisia con Tour Leader

Gran tour dell’erg orientale


7 10
TUNISIA

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL TENDA

El Mida, Tembaine, Lago Erreched…Alzi la mano chi sa dove sono! Sulla carta (quando li
trovi…) isolati puntini, laggiù nel sud profondo, persi tra sabbie di un caldo color pesca e
oro. Non sabbia qualunque, ma dune possenti, sahariane, da aggredire, scavallare, conqui-
stare. Una conquisa che regala piaceri forti, come sempre nel deserto. Un itinerario saha-
riano vero, in fuoristrada, con molte chicche. Eccole, sebbene non in sequenza. Due sorgenti
calde (quella di Ksar Ghillane, l’oasi più estrema, spersa nel nulla, ti rapisce con le sue tame-
rici brulicanti di uccelli…), un campo fisso che ti aspetteresti (e accetteresti) essenziale e
che invece è una vera sorpresa: la cura dl particolare, la ricerca dei materiali e degli abbel-
limenti, il servizio ne fanno un luogo di classe ancor più che di lusso; maison d’hotes raffi-
nate a Tozeur, in cui riposare è bello, costruite secondo i canoni dell’architettura berbera;
bivacchi sotto le stele, tra le dune, in comode tende igloo con tappeti, materassi alti, da 20
cm, e lenzuola. Improvvisi, spettacolari, i laghi salati tra le dune, sorgenti di acque calde in
cui immergersi; gli specchi di cristalli scintillanti (gli chotts), il deserto di pietra e gli ksour. Come si viaggia:
Qui finalmente capisci che il deserto tunisino non è solo quello che ti offrono esaltando il • Hotel, maison d’hôtes, campo mobile,
fatto che è dietro la porta del tuo albergo: è deserto vero, a tratti difficile, sconfinato e campo tendato fisso di lusso
• Tende igloo per i bivacchi con tappeti,
silenzioso. Qui finalmente riscopri un paese che non ha nulla di scontato.
materassi da 20 cm e lenzuolo
• Trattamento: come da programma
• Itinerario in fuoristrada
• Guida parlante italiano
2010: 4 dicembre
con Tour Leader dall’Italia

2011: 26 febbraio
con Tour Leader dall’Italia
Ora dopo ora,
giorno dopo giorno
abbiamo proseguito e
nulla è cambiato;
Da Milano a partire da € 1700
minimo 10 partecipanti
il deserto si incontrava
con il cielo vuoto sempre
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200 alla stessa distanza,
davanti a noi.
Il tempo e lo spazio
erano una cosa sola
I luoghi:
Italia · Tozeur · Ksar Ghilane · El Mida · Le notti nel deserto · il Lago Erreched · Campo fisso di lusso Wilfred Thesiger, Sabbie arabe
a Tembaine · Douz · Tamerzà · Tozeur · Italia

52
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:29 Pagina 53

Viaggi privati ed esclusivi

Scoperta del Grande Erg Alle sorgenti calde


5 2 8 2 TREKKING
TUNISIA

TUNISIA

GIORNI BASE PARTEC. HOTEL GIORNI BASE PARTEC. HOTEL (3 giorni)


Un approccio intenso al grande erg orientale, un mare di dune Il deserto si può vivere in decine di modi diversi. Tra i più emo-
e grandi bacini di acque salate, di pozze calde, di piccole oasi zionanti, a piedi. Ecco allora un piccolo trekking (con il supporto
che il deserto tenta di divorare e che invece resistono impavi- di guide e di cammelli che portano bagagli, tende, vettovagli)
de. Un itinerario nel sahara tunisino; e ci piace precisare saha- tra le sabbie del deserto tunisino. Scavalcando con calma alte
ra per togliere l’impressione che si tratti del giretto nel deserto, dune, ascoltando il silenzio più totale, vivendo con calma e
quel deserto “fuori dalla porta dell’albergo”, che promette l’in- individualmente la vita del deserto. Quattro giorni di immersio-
contro con il sahara e ti regala solo una visione molto parziale, ne totale in questo luogo magico, ascoltando solo se stessi (e
sprazzi di che cosa è un mare di dune… Qui è deserto vero, che se si vuole i propri compagni..), i racconti delle guide, il “canto”
da qui parte e si proietta attraverso molti paesi, creando uno delle dune che impercettibilmente si spostano, la brezza not-
dei deserti più estesi, una delle maggiori estensioni di dune al turna: un mondo talmente perfetto da sembrare irreale.
mondo. Certo, solo un assaggio, per chi ha poco tempo, ma Durante la settimana, le suggestioni del prima e del dopo: l’ar-
non vuole rinunciare ad un “assaggio” che lo farà poi per rivo scavalcando le dune, le oasi e le fonti di acqua calda, il
affrontare in tutta la sua vastità un lembo di sahara forte e lago Erreched tra le dune; il campo fisso di raffinata eleganza
allo steso tempo dolce, a tratti difficile, sempre appagante. a Tembaine, una maison d’hotes a Tozeur che nulla ha da invi-
Godrà in questi pochi giorni la bellezza delle dune, in Campo diare ai decantati hotel boutique, il prezioso hotel di Tamerza,
Fisso di lusso di Tembaine, le oasi ridenti nel deserto, una notte di certo uno degli alberghi più belli della Tunisia. Una esperien-
di bivacco (comodo…) tra le dune. za facile ma intensa, non di gruppo, per vivere emozioni.
Come si viaggia:
Come si viaggia: • Hotel, maison d’hôtes, campo mobile, campo fisso di lusso
• Hotel, maison d’hôtes, 1 notte in campo mobile preallestito, • Tende igloo con tappeti, materassi da 20 cm e lenzuolo
campo tendato fisso di lusso • Trattamento: come da programma
• Trattamento: come da programma • Itinerario di avvicinamento in fuoristrada, cammelli di appoggio
• Itinerario in fuoristrada • Guida-accompagnatore parlante italiano
• Guida-accompagnatore parlante italiano
Da Tozeur
Da Tozeur base 2 partecipanti a partire da € 850
base 2 partecipanti a partire da € 760 Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base
della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea.
Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base
1° giorno: Tozeur.
della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea. 2° giorno: Tembaine. Attraverso il Chott el Djerid, superata
Douz, ecco il campo fisso...
1° giorno: Tozeur. 3° giorno: Hamami, nel deserto. Attraverso le grandi dune
2° giorno: Tembaine. Attraverso il Chott el Djerid, superata dell'Erg orientale fino al centro di un grande bacino sabbioso.
Douz, ecco il campo fisso... Incontro con guide e cammelli: inizio della "camminata".
3° giorno: Ksar Ghilane. Alla scoperta di un a delle oasi più pia- 4° giorno: alla scoperta delle sorgenti calde, nel silen-
cevoli, con acque fredde e calde. Intorno alte dune: la notte in zio del deserto. Improvviso, tra le dune, il Lago Erreched.
bivacco, con comode e grandi tende igloo, dà la possibilità di sco- 5° giorno: Tembaine. Lasciato il deserto più profondo, con le
prire il piacere nomade del deserto, i suoi silenzi, la sua magia. auto a Tembaine, al campo fisso.
4° giorno: Tamerza. Relax in un hotel di straordinaria bel- 6° giorno: Tamerza. Un hotel di straordinaria bellezza, il Palace.
lezza, il Palace. 7° giorno: Lle oasi di montagna di Chebika e Mides.
5° giorno: Tozeur. 8° giorno: Tozeur.

53
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:29 Pagina 54

Marocco

SPAGNA

Stretto di Gibilterra
Tangeri Tetouan
Al Hoceima Nador
Chechaouene
Oceano Kenitra Taounate Oujda
Atlantico Rabat
Fes
Casablanca Meknès
Al Jadida Settat Boulemane
Khouribga Khenitra
Safi Figuig
El Kelaa des Srarhna Beni Mellal
Azjlar Kaar es Soul
Essaouira Marrarech GOLE DEL
DADES
Ouarzazate
Agadir

Zagora
Tiznit

Tan Tan
ALGERIA

MAURITANIA

Perché con noi


Un paese dalle molte possibilità, in gruppo o viaggiando da soli. La nostra programmazione propone vari viaggi che rap-
presentano “il Marocco”, ma le proposte possono essere modificate e adattate ai desideri e necessità di ognuno: lo con-
sente il paese con le meraviglie che offre e le strutture che ormai propone e soprattutto lo consente la presenza di una
organizzazione in loco diretta da italiani, corrispondenti ma prima di ogni altra cosa, grandi viaggiatori e amanti del
Sahara, che hanno trovato in Marrakesh un luogo dove vivere e dove svolgere al meglio l’attività, proponendo il Marocco
con passione, in sintonia con i desideri dei viaggiatori. Viaggi in hotel, riad, tenda; nelle città e nel deserto; camminate e
trekking, a piedi e a dorso di mulo, facili e al tempo stesso magnifici tra montagne perse nel tempo che custodiscono vil-
laggi sconosciuti. Viaggi con auto e autista, con guide locali o con Tour Leader italiani, per godersi “in pochi” o in gruppo
un viaggio personalizzato con persone affidabili e selezionate, veri compagni di viaggio.

54
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:29 Pagina 55

Perché andare

“La nostra maniera di viaggiare è anche questa volta molto diversa ed il paese ci appare sotto il suo vero aspetto. Non si
dispiacciano i dignitari rimasti a Fez, preferiamo girare così, come dei bravi marocchini qualsiasi, ascoltando i mille dettagli
di un Marocco intimo” (Pierre Lotti, Al Marocco)

...e così viaggiando incontrò il Marocco vero, quello che ancora oggi ti apre le porte con le sue diversità, con le sue emo-
zioni, con la sua “intimità”. L’importante è saperlo riconoscere, saperlo cogliere: lasciandosi prendere dai vecchi mercati di
grandi e piccole cittadine, lasciandosi conquistare dal fascino delle vecchie kasba; lasciandosi coinvolgere nell’aria sempre
festosa che si respira nelle grandi piazze delle antiche città imperiali; facendosi trasportare nel ritmo della musica e del
ballo. Come sempre l’emozione parte dagli occhi per arrivare al cuore e il Marocco è una fonte inesauribile di immagini e
di emozioni. Le spiagge bianche lambite dall’Oceano e le dune che corrono parallele al mare, le valli costellate di villaggi
in pietra seguendo regole antiche, le oasi di montagna e le catene montuose, i cui picchi forano le nuvole, dove i colori
cangianti della roccia e il verde della vegetazione si inseguono di continuo. Immagini ed emozioni: la verde vallata del Draa
che si scontra con il deserto in un forte contrasto di colore; le gole scavate dalla forza delle acque di fiumi impetuosi,
l’Atlante ricoperto di millenarie foreste di cedri e querce e ricco di sorgenti, cascate e laghetti; le piane colorate dai ricchi
frutteti e ricolme di palme. L’architettura marocchina, fascinoso insieme di aspetti diversi e singolari, dalla ricchezza delle
mederse di ispirazione moresca alla grandiosità delle moschee, dalla raffinatezza delle maioliche decorative alla bellezza
geometrica dei decori degli ksur. Poi il deserto, i suoi silenzi, le mille cose da scoprire e da leggere sulle sue sabbie …

In un luogo senza nome, sulla sommità di un’alta collina, davanti ad un orizzonte tranquillo, c’è una sorta di piccolo plateau
circolare, con terrazze attorniate da palme nane, come la bordura di un giardino. Su questo plateau Allah ha steso per noi un
tappeto bianco, blu e rosa, assolutamente inviolato, dove mai nessuno ha posato il suo piede; anemoni, malve e genziane qui
si stringono le une alle altre, si sormontano e si fondono come in un grande mazzo fiorito. Sul terreno un sottile velo sabbioso
che il sole fa risplendere. L’aria è dolce, ricca di profumi soavi. Davanti, sulle pendici della collina, un grande bosco di ulivi.
Nel cielo blu che inizia ad impallidire, a tornare al suo azzurro più pallido, un gioco di piccole nuvole sembra un tessuto rica-
mato posato tra cielo e terra. Non una presenza umana oltre la nostra per questa sosta, calma come mai ne abbiamo avuto.
E’ tutto solo per noi: la pace, i fiori, il gioco di nuvole, la musica degli insetti, tutto questo grande splendere di colori vivi, l’aria
stessa… Una sera di maggio così, su un plateau selvaggio, non può che essere la più pura interpretazione della vera pace
dell’Eden. E’ quello che dovevano essere le lunghe serate del tempo preistorico, quando gli uomini non avevano ancora deva-
stato la terra. (…) Pierre Loti, Al Marocco

55
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:29 Pagina 56

Marocco

Weekend a Marrakech Il Sud, la Via delle Kasbe


4 2
GIORNI BASE PARTEC. HOTEL
8 2
GIORNI BASE PARTEC. HOTEL

Un weekend lungo, un piccolo viaggio in una città preziosa Un itinerario alla scoperta del sud del Marocco, il meno cono-
come Marrakech, a poche ore di volo. Qualche giorno senten- sciuto. La fertile valle del Draa e i suoi palmeti; il paesaggio
dosi liberi di scoprirla, senza vincoli di orari, impegni… Ma al “minerale” delle rocce, modellate, scolpite dall’erosione del
tempo stesso senza dover cercare il giusto riad, il buon risto- massiccio vulcanico del Sarhro; le gole scavate dalle acque
rante, l’hammam, perché ce ne occupiamo noi. Avvicinarsi alla impetuose del Dadès; i valichi dove le cime forano le nuvole;
vita pulsante di piazza Jemaa el Fna, nell’intreccio di stradine l’ambiente sahariano di Zagora, l’ultima oasi. Le kasbah, tradi-
strette della Medina: i giocolieri, i cantastorie, gli incantatori zionali costruzioni fortificate in terra cruda, ormai castelli
di serpenti, i souk speziati. Visitare le tombe saadiane e la senza signore. Le affabili genti berbere e i loro ritmi antichi. La
Medersa Ben Youssef per poi sorseggiare lenti un tè tra fra- regione montuosa e la mescolanza delle tonalità della roccia.
granze di gelsomino. Le luci soffuse e le ombre di viuzze intri- La mitica Marrakech, città berbera in cui si uniscono influenze
cate aprono l’orizzonte intorno al profilo bianco di un minare- magrebine, sahariane e africane; ove ancora si respira l’aria
to. Qualche giorno, per aprire le porte e intuire il cuore di delle antiche città imperiali: sontuosi palazzi e piazze con gio-
Marrakech, fascinosa città millenaria. colieri, incantatori di serpenti, musici...

Come si viaggia: Come si viaggia:


• Hotel e Riad • Hotel, Kasba e Auberge
• Trattamento: come da programma • Trattamento: come da programma
• Trasferimenti in pullmino o auto • Itinerario in fuoristrada; transfer in minibus
• Possibilità di guide locali parlanti italiano • Guida locale parlante italiano

Da Marrakech Da Marrakech
base 2 partecipanti a partire da € 1280 base 2 partecipanti a partire da € 1770
base 4 partecipanti a partire da € 1140 base 3 partecipanti a partire da € 1500
base 6 partecipanti a partire da € 1090
Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base
della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea.
Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base
della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea.
1° giorno: Marrakech. La “perla imperiale del sud”.
2° giorno: Tizi n’Test - Taraudant. Le vecchie casbah della
1° giorno: Marrakech. Le luci e i suoni della Medina, le prime vallata di Nfis; la strada tortuosa e il Passo che apre a sud.
emozioni; l’atmosfera di un riad e una cena tradizionale. 3° giorno: Agdz - Zagora. Mandorle, zafferano e henn; aga-
2° giorno: Marrakech. Una guida per scoprire un po’ la città dir e ksar, cortili silenziosi, la stanza della favorita, i magaz-
dalla Medina, ai palazzi dei sultani, alla vita pulsante in zini e i posti di vedetta; animati suq e palmeti nella valle del
Piazza Jemaa el Fna; poi l’hammam, momento di ristoro tra Draa; la forza lineare degli ksour: le fortezze.
aromi inebrianti; dietro l’angolo, villaggi fortificati, kasbeh 4° giorno: Nekob - Boumalne. Lo spettacolo suggestivo di
antiche, monti dell’Alto Atlante, Essaouira. montagne “nude”; i picchi verticali della porta di Alì; il passo
3° giorno: Marrakech... in libertà! Per girovagare, perdersi di Tizi-n-Tazazert, da cui spaziare.
nel suq, per tornare alla piazza Jemaa el Fna. Una cena tra- 5° giorno: Ouarzazate. Gole e casbah nell’aridità presahariana.
dizionale per custodire i sapori e gli aromi di una terra che 6° giorno: Ait Benhaddou - Marrakech. L’Alto Atlante al passo
incanta; bere un tè tradizionale tra fragranze di gelsomino. del Tizi-n-Tichka: rocce multicolori “giocano” con la vegetazione.
4° giorno: Marrakech. Leggere in volo “Al Marocco” di P. Lotti. 7°-8° giorno: Marrakech.

56
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:30 Pagina 57

Viaggi privati ed esclusivi

Viaggio relax e cultura Città imperiali e Medine senza tempo


9 2
GIORNI BASE PARTEC. HOTEL
8 2
GIORNI BASE PARTEC. HOTEL

Un raffinato mix di relax e cultura, tra città imperiali di raffi- I classici non hanno età nè moda perché ci sono luoghi che
nata eleganza, di intensa vita culturale ed artistica. Un viaggio non perdono il loro fascino nel tempo. Solo sette giorni per
che unisce città e natura, scoperte artistiche e luoghi dell’emo- godere in coppia o in gruppo di città ricche di storia e tra-
zione, scoperta e riposo, suk affollati e raffinati giardini esotici. dizione, per visitare alcune delle medine più antiche del
E che non disdegna alcuni giorni un una bella struttura davanti mondo arabo, i cuori immutati di città moderne che pure
al mare: eleganza, comfort e una SPA completa per rimettersi pulsano secondo i ritmi di un tempo. Da Rabat a
in forza. Da Fes, la più antica e affascinante tra le città impe- Marrakech passando per lagune, cittadelle coloniali, anti-
riali, metropoli religiosa, intellettuale ed artistica, custode delle che cisterne. Il quartiere dei tintori di Fes ha il sapore di
tradizioni ed erede della cultura arabo-andalusa, culla dell’arte un girone dantesco: colori, odori forti, vasche, uomini sono
e del sapere, Fes vanta una delle più antiche medine medievali parti di uno stesso quadro medievale. Poi Meknes e le rovi-
esistenti. Dopo Rabat, la capitale, preziosa, la costa Atlantica ne romane di Volubilis con i mosaici a cielo aperto. Infine
caratterizzata da lunghe spiagge battute dal vento, Skhirat e Marrakech, la rossa, il fitto palmeto e chilometri di vicoli
l’Amphitrite Palace, per un relax di classe. Infine Marrakech, la invasi dal profumo delle spezie. Un viaggio comodo per
rossa, che non ha certo bisogno di esser presentata. scoprire gli aspetti più classici della cultura e dell’arte.
Come si viaggia:
• Hotel e riad • Trattamento: come da programma Come si viaggia:
• Itinerario in auto o minibus (a seconda del numero degli iscritti) • Hotel e riad • Trattamento: come da programma
• Guide locali parlante italiano • Itinerario in auto o minibus (a seconda del numero degli iscritti)
• Guide locali parlante italiano
Da Fes
base 2 partecipanti a partire da € 2080 Da Casablanca
base 4 partecipanti a partire da € 1680 base 2 partecipanti a partire da € 1980
base 6 partecipanti a partire da € 1580 base 4 partecipanti a partire da € 1550
Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base base 6 partecipanti a partire da € 1420
della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea.
Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base
1°-2° giorno: Fes. La più antica delle città imperiali del
Marocco; custode delle tradizioni ed erede della cultura arabo-
della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea.
andalusa, culla dell’arte e del sapere,
3° giorno: Fes - Rabat - Skhirat. Direzione di Rabat via 1°-2° giorno: Casablanca - Fes. Fes, città color avorio; l’intrico
autostrada. Arrivo a Rabat e visita della capitale del Regno: la infinito dei vicoli stretti, le botteghe del suq, le ceramiche verdi
Torre Hassan, il mausoleo di Mohamed V, la kasbah degli e blu, il quartiere dei tintori: un angolo di passato intatto.
Oudaya. A fine visita trasferimento a Skirat Plage 3° giorno: Fes-Meknes - Volubilis - Rabat. Le doppie mura
4°-5° giorno: Skhirat-Jardins Bouknadel. Relax al mare e di Meknes, i granai smisurati, magnifica selva di colonne; i
escursione a Bou Knadel dove si visitano i celebri giardini esotici. mosaici all’aperto della Volubilis romana stesa su colline brulle.
6° giorno: Skhirat - Marrakech. Improvvisa, magica... 4°-5° giorno: Rabat - El Jadida - Marrakech. La capitale del
7°-9° giorno: Marrakech. "La millenaria" aggredisce e sor- Regno: il mausoleo e la kasba, il famoso minareto incompiuto
prende con la sua animazione, i suoi colori, l’odore delle spezie, e la necropoli mirinide; l’eden dove regnano le cicogne; il forte
i monumenti possenti e l’arte raffinata. Il fascino della vita portoghese di El Jadida; poi verso...
pulsante della sua famosa piazza, la Jemaa el Fna. La Medina 6°-7° giorno: Marrakech. La medina, i suq, e la fumosa e
e i suoi souk, il Minareto e la Moschea della Koutoubia, le incantata frenesia della Piazza Jemaa el Fna, piazza simbolo
Tombe Saadiane, il Palazzo Bahia, la Medersa Ben Youssef, e di una città magica e vitale.
per finire i giardini Majorelle. 8° giorno: Marrakech. Volo di rientro in Italia.

57
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:30 Pagina 58
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:30 Pagina 59

Africa Nera
Un museo di popoli, un intricato labirinto di riti, un sovrapporsi di tradizioni

Un mosaico linguistico, una terra che sembra modellata da un ciclope

Un mondo che ti scava dentro, che lascia tracce nella tua anima di bianco

Terra di luoghi e terra di uomini


Un’enciclopedia geografica che racchiude i molti e spesso oscuri segreti di ogni
era geologica, di ognuno dei tanti sommovimenti di questa terra viva

La storia e la cultura dell’Africa: una sorta di memoria ancestrale del pianeta terra

Lasciarsi stordire dall’euforia dei mercati, inebriare dai colori e dagli odori della terra

Il culto degli antenati, le feste, i riti: espressioni di una religiosità primitiva, viva, intensa
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:30 Pagina 60

Mali e Guinea

ALGERIA

TOMBOUCTOU

KINDAL

MAURITANIA MALI
Kidal
NIGER

Tombouctou GAO

Goundam
Gao Menaka

Nampala
SENEGAL Nioro duSahel Mourdiah MOPTI
Mopti Bandiagara
Niono
Kayes Djenne
Segou
Koulikoro San
Kita

Koundara Mali GUINEA Bamako BURKINA


Koubia Koutiaja
Gaoual Labe Dinguiraye Siguiri FASO
Isole Kouroussa
Bijagos Bissau Telimele Dalaba Bougouni Sikasso
Kindia Mandiana
Boffa Dobreka Faranah Kankan
Forecariah
Keurouane
SIERRA COSTA
LEONE Gueekedou Macenta D’AVORIO
Nzerekore Lola
Oceano
Yomou
Atlantico
LIBERIA

Perché con noi


E’ stato il primo paese africano, tanti e tanti anni fa..., della storia di Kel12. Il Mali era voglia di popoli stanziali, di villaggi
radicati, di mercati animati, di una vita pulsante che non poteva essere solo quella delle grandi oasi. Nel Mali abbiamo
creduto e crediamo perché è un’Africa sorridente, aperta, ricca di umori, di calore, di voci e musica. E’ l’Africa che “vuoi”
ed è come ti piace ritrovarla ogni volta che ci arrivi. Per questo oltre 20 anni fa capimmo che qui potevamo mettere radici
e le abbiamo messe. Che in questa terra potevamo creare strutture (e fu Touguna, la kel12 maliana) e le abbiamo create,
che potevamo instaurare una serie di contatti, di amicizie e collaborazioni in grado di farci essere protagonisti anche in
questo paese spesso dimenticato: e lo abbiamo fatto. Lo abbiamo girato, conosciuto, osservato, soprattutto “compreso”.
Da quegli anni ci portiamo ancora dentro un’esperienza che va sempre più affinandosi, allargandosi: per scoprire non solo
cose nuove, ma soprattutto nuovi modi per vedere e rivedere il paese, conoscere la sua gente, amarla. Per questo con noi…

60
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:30 Pagina 61

Perché andare

Il Mali ti afferra. Più di altri paesi. Ti scava dentro, lascia tracce nella tua anima di bianco. E’ vero, verissimo. Il Mali è la
baraonda di Bamako, la città, la capitale-mercato del Paese. Il Mali è il caleidoscopio, qui quasi più inestricabile che altrove,
di popoli africani: i Bambara, contadini delle pianure, i Bozo, pescatori del fiume Niger, i Tuareg serissimi di Timbuctù, i
Peul, pastori delle savane, i Dogon della falesia di Bandiagara, i Bobo dell’altopiano screziato di rocce. Il Mali è l’intrico tra
le nuove religioni, l’Islam e il Cristianesimo, che hanno cercato (vanamente?) di svellere l’architrave delle tradizioni, degli
indovini, delle magie, delle anime nascoste in ogni creatura. I Dogon lo sanno bene, loro hanno resistito a fatica (e qualche
volta ceduto) ai predicatori mussulmani: andà è il luogo abitato dagli uomini, il villaggio recintato; ogulù è lo spazio degli
spiriti, dei mulinelli alzati dal vento, è il mondo disabitato dove finiscono le coltivazioni e dominano gli alberi, le rocce e il
vento. Qui si avventurano solo i veggenti-guaritori, gli uomini del terzo occhio, capaci di trasformarsi in falchi o coccodrilli,
pur di interpretare i segni della divinità, i pericoli dei demoni e cercare nella boscaglia le piante medicinali della guarigione.
Raccontata così sembra una favola gioiosa, il regno degli gobbi ed invece è una cultura antichissima, profonda, che va al
di là delle parole ed è regola. Perché in Mali tutto questo è realtà, è verità. Bisogna crederci. Tutto è mischiato. Tutto si
muove nel nome della tradizione. Persino la geografia ha una “visione” slegata dalla semplice morfologia e geologia dei
luoghi. Qui è antropomorfa: parola da antropologi visionari e ammattiti. Un uomo immenso è sdraiato sulla mappa del
Mali è ha il cuore che pulsa a Djénné. E’ la meraviglia, è il centro delle linee spirituali della geografia sovranaturale del
Mali. Un paese che sorride, che affascina, che è tradizione ma anche luoghi, che è il lungo Niger, che lo taglia e lo condi-
ziona, che è architettura strana e straordinaria. Il fango, l’argilla, la terra cruda è il Mali. Qui sono state costruite case mira-
colo, friabili come palazzi di sabbia, modellate dal segno affaticato delle mani, di mille mani. Che siate scettici o meno
sulle tradizioni che pulsano di magia, che siate più o meno sicuri delle vostre certezze di bianchi occidentali, questo Paese
non lascia indifferenti, né uguali. Qualcosa cambia in chiunque ci viaggi per la prima volta…

Timbuctù, la regina delle sabbie. Apparve per la prima volta in una mappa Catalana del XIV° secolo. I Tuareg che trecento
anni prima avevano fondato un insediamento ai confini del Sahara ne avevano affidato la vita quotidiana a una donna di
nome Buctu. Da allora Timbuctù ha fatto impazzire gli uomini. Città-leggenda, città-mito di ogni viaggiatore, città-frontiera,
città-mistero, “regina delle sabbie”. Cinquantadue giorni di viaggio in dromedario da Zagora, in Marocco, quindici giorni di
carovana dalle miniere di sale di Taoudéni, tre giorni di navigazione da Mopti: Timbuctù esiste sul serio. Città di sabbia e pol-
vere, città sbriciolata e diroccata. Città dove le donne mostrano un solo occhio perchè nessun uomo al mondo potrebbe reg-
gere la loro bellezza. Città senza mura: la sua bellezza fermerebbe da sola qualsiasi nemico. Andrea Semplici

61
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:30 Pagina 62

Mali e Guinea

Timbuctù Dogon e fiume Niger


14 4
MALI

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL TENDA

Timbuctù, Djenné, Segou... nomi che richiamano alla mente un passato di intensi traffici.
Ricchezza culturale, ricerca architettonica, culto della bellezza, difesa delle tradizioni.
Djenné, “la regina”, isola del delta interno del Niger con i minareti della moschea in argilla.
Il paese Dogon: case antropomorfe, villaggi fortificati, minuscola moschea a Nando. Grotte
sepolcrali a Ireli, insediamenti abbarbicati alla falesia, villaggi sparsi nella piana. I caratte-
ristici Toguna dai sostegni di legno scolpito: gli anziani si vedono e decidono. La mitica
Timbuctù, la “porta del deserto”, che evoca leggende e storie del deserto. Nella città del
mito, le moschee aprono le quiete sale di preghiera al volo delle rondini. Il porto di Mopti,
brulicante di piroghe e di merci accatastate, luogo insostituibile di incontri tra le genti del
fiume e quelle dell’interno; luogo di scambi e di socialità, ricco di suoni, di voci, di profumo
di spezie. La suggestione della navigazione in piroga sul Niger: un’esperienza indimentica-
bile. Sul fiume, sospinte dal vento e dalle pertiche, le imbarcazioni dalle improbabili vele.
Dopo i villaggi rivieraschi, i bivacchi lungo le rive, arricchiti dai tramonti sulle acque calme.

2010: 1 ottobre Come si viaggia:


in compagnia di Nicola Pagano • Hotel e tenda (7 notti)
12 novembre • Trattamento: come da programma
in compagnia di Elena Dacome • Itinerario in 4x4 e minibus
• Guida locale
• Escursione di 3 giorni in piroga
2011: 4 febbraio
in compagnia di Marino Bonomelli
4 marzo
in compagnia di Nicola Pagano

Vivere per alcuni giorni


Da Milano a partire da € 2650 senza luce elettrica, andare
minimo 4 partecipanti a piedi seguiti da asini
che tirano carretti scricchiolanti,
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200 ci riporta ad una sorta
di passato mitico che
pensiamo di avere perduto.
I luoghi:
Italia · Bamako · Timbuctu · il fiume Niger · i villaggi lungo il fiume · Konna · Douenza · Bamba · Marco Aime, Diario Dogon
Diankabou · Ireli · Tireli · Banani · Mopti · Djenné · San · Segou · Bamako · Italia

62
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:31 Pagina 63

Viaggi di gruppo con TL

Paesaggi senza tempo


11 4
MALI

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL

Un paese sorridente, ricco di cultura e tradizioni, aperto all’incontro con i viaggiatori. Un


popolo complesso, formato da etnie a volte assolutamente diverse per storia, cultura, tradi-
zioni, attività sociale, struttura. Un itinerario capace di legare luoghi e popoli, culture e tra-
dizioni, paesaggi e fiume, arte e architettura. Insomma, un viaggio dalle tante sfaccettature,
un viaggio che lascia il segno. La civiltà cosmica dei Dogon, “popolo delle stelle” e le loro
maschere, mappe del cielo di straordinaria precisione. Lo scorrere lento del fiume Niger, il
silenzio e i colori del deserto, la purezza delle architetture di fango, i mercati coloratissimi di
Bamako, Mopti e Djennè, “regina del delta” dai suggestivi quartieri in stile arabo-africano.
Timbuctù, fondata dai Tuareg, leggendario punto d’incontro fra le carovane che scendevano
dal Maghreb e le piroghe che percorrevano il fiume Niger con carichi d’oro provenienti dalle
miniere del Burem. La navigazione in piroga, i pescatori Bozo e Somono, i villaggi rivieraschi
dei pastori Peulh. I villaggi tradizionali di Sanga, sul bordo dell’altopiano, e la scarpata ver-
tiginosa. Le falesie impervie che hanno “offerto il fianco” ai villaggi dei Dogon.

2010: 15 ottobre Come si viaggia:


in compagnia di Nicola Pagano • Hotel
26 novembre • Trattamento: come da programma
in compagnia di Elena Dacome • Itinerario in minibus e 4x4
• Guida locale
27 dicembre
• Escursione di 1 giorno in piroga
in compagnia di Gabriele Fiorese

2011: 18 Febbraio
in compagnia di Marino Bonomelli
18 Marzo
in compagnia di Nicola Pagano
Gli anziani si riunirono e
accettarono di ospitarmi.
Da Milano a partire da € 2850 Da loro ho imparato la grandezza
minimo 4 partecipanti della semplicità e l’arte di non
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200 prendersi mai troppo sul serio:
forse la più bella lezione
che l’Africa mi abbia impartito.
I luoghi:
Italia · Bamako · Timbuctù · Mopti · Djenné · Paese Dogon · la falesia · la Piana Dogon · Bandiagara · Marco Aime, Le nuvole dell’Atakora
Konna · Mopti · Segou · Bamako · Italia

63
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:31 Pagina 64

Mali e Guinea Viaggi con TL

Dall’arcipelago delle Bijagos al Mali


16 9
GUINEA BISSAU - GUINEA CONAKRY - MALI

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL TENDA CAMPO FISSO

Un “grande viaggio” che parte dall’oceano per terminare nelle aride distese Saheliane, passando
da foreste e savane. Un itinerario in regioni ancora vergini per incontrare etnie che hanno con-
servato intatti l’uso delle maschere, delle foreste sacre ed i riti di iniziazione, ma anche molto
altro nei più bei paesaggi del West Africa. Navigando con un veloce motoscafo, dalla Guinea
Bissau all’arcipelago delle Bijagos, un vero “gioiello naturale” composto di 88 isole ed isolotti,
dichiarato “Riserva della Biosfera” dall’UNESCO per difenderne il raro ecosistema ricco di luoghi
di nidificazione e i rarissimi (unici) ippopotami d’acqua salata. Grazie al grande isolamento anche
le culture tribali sono rimaste intatte: le donne vestono ancora il gonnellino di paglia e gli uomini
passano sette anni della loro vita nella “casa degli iniziati”. Ritornati sul continente si continua
verso la Guinea Conakry, che con i maggiori insiemi montuosi dell’Africa Occidentale è alle ori-
gini dei tre fiumi che hanno dato il nome a quattro nazioni africane: Senegal, Gambia, Niger e
Nigeria. Catene montuose, foreste umide e savane del nord fanno di questo paese quello con
maggiori “diversità” di tutta la regione. I paesaggi alterneranno montagne, altipiani rocciosi
coperti da boschi, savane, praterie con valli profondissime dalle pareti verticali; sullo fondo la
vegetazione lussureggiante della foresta. Qui visiteremo le più alte cascate del West Africa che
in un unico lungo balzo congiungono la savana alla foresta. Volontà politica e barriere naturali
di montagne e grandi fiumi hanno isolato i vari gruppi etnici permettendo di conservare costumi
ancestrali come l’uso delle maschere. L’arrivo dello straniero è un’eventualità così rara che gli
stessi capi tradizionali verranno ad invitarci nella “casa dei saggi”. Più a nord i paesaggi sono Come si viaggia:
marcati dalla siluette dei Baobab e dai villaggi dagli alti tetti conici. Bouré, regione a cavallo di • Hotel e tenda
Guinea e Mali; da qui proveniva l’oro dell’impero del Mali (12° secolo), da qui partivano le caro- • Trattamento: come da programma
vane che attraversavano il Sahara verso il mare. Ancor oggi i cercatori d’oro si calano in pozzi. • Itinerario in 4x4 e barche

2010: 26 dicembre (le tartarughe escono dall’oceano per deporre le uova)


in compagnia di Alberto Nicheli
2011: 3 marzo (carnevale alle Bijagos, una vera “festa tribale”)
con Tour Leader dall’Italia
19 novembre (le maschere degli “uomini uccello”) Donna nera, vestita del
con Tour Leader dall’Italia tuo colore che è vita, della
tua forma che è bellezza!
Da Milano a partire da € 3850 Tamtam scolpito, tamtam teso
minimo 9 partecipanti che risuoni sotto le dita
del vincitore. La tua grave
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200
voce di contralto è il canto
spirituale dell’Amata.
I luoghi:
Italia · Bissau · Arcipelago delle Bijagos · i villagi dell’interno · la Guinea Conakry · Kankan · Boure · Léopold Sédar Senghor
Bamako · Italia

64
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:31 Pagina 65

Viaggi privati ed esclusivi

Culla dell’Africa Nera Paesaggi senza tempo


8 2 HOTEL
10 2 HOTEL
MALI

MALI

GIORNI BASE PARTEC. HOTEL


DE CHARME GIORNI BASE PARTEC. HOTEL
DE CHARME

I confini del Mali racchiudono ambienti diversissimi: paesaggi La civiltà cosmica dei Dogon, “popolo delle stelle” e le loro
solcati dal fiume, il cui largo letto percorre lentamente il Paese maschere, mappe del cielo di straordinaria precisione. Lo scor-
e “lo condiziona”; la savana, grande distesa punteggiata da rere lento del fiume Niger, il silenzio e i colori del deserto, la
imponenti baobab e da acacie spinose; la falesia, arida e pie- purezza delle architetture di fango, i mercati coloratissimi di
trosa muraglia che si eleva possente sulla piana sabbiosa e che Bamako, Mopti e Djennè, “regina del delta” dai suggestivi
accoglie, in grotte primordiali nella parete di roccia, le spoglie quartieri in stile arabo-africano. Timbuctù, fondata dai Tuareg,
degli antenati. Poi, architetture, mercati, città: Bamako, vivace leggendario punto d’incontro fra le carovane che scendevano
capitale, Mopti, porto animatissimo, le tipiche costruzioni in dal Maghreb e le piroghe che percorrevano il fiume Niger con
argilla e paglia di Djenné, vero spettacolo di architettura in carichi d’oro provenienti dalle miniere del Burem...
banco, e la sua moschea, l’esempio più bello e grandioso di Questo viaggio (simile a quello con TL dall’Italia ma con
architettura religiosa; i villaggi Peulh, Bobo, Bambara; gli inse- alcune differenze) così come “Culla dell’Africa Nera” verrà
diamenti Dogon della grande falesia. Un viaggio attraverso effettuato utilizzando una nuova catena di Hotel De
tradizioni radicate e riti antichissimi. Charme, che permette al Mali di avere strutture di livello.

Come si viaggia:
Come si viaggia:
• Hotel • Pensione completa eccetto Bamako
• Hotel • Pensione completa eccetto Bamako
• Itinerario in minibus e 4x4
• Itinerario in minibus e 4x4
• Guida locale-accompagnatore parlante italiano
• Guida locale-accompagnatore parlante italiano
• Escursione di 1 giorno in piroga

Da Bamako Da Bamako
base 2 partecipanti a partire da € 2180 base 2 partecipanti a partire da € 3550
base 4 partecipanti a partire da € 1580 base 4 partecipanti a partire da € 2650

Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base
della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea. della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea.

1°-2° giorno: Bamako - Timbuctù. Il cous-cous nel mitico


1° giorno: Bamako - Segou. Bamako, sulle rive del fiume crocevia carovaniero; moschee dove volano le rondini, stradine
Niger: i suoi colorati mercati con venditori sorridenti. brulicanti, alte dune che scendono nel fiume.
2° giorno: Segou - Djenné. Djenné e la sua moschea, il 3° giorno: Timbuctù - Mopti. Piroghe, stuoie e genti del fiume Niger.
monumento in argilla più grande del mondo. 4° giorno: Mopti - Djenné. architetture arabo-africane; la
3° giorno: Djenné - Mopti. Il mercato di Djenne, suoni colori moschea, la più grande struttura religiosa al mondo in argil-
gente; Mopti animatissimo porto e punto di incontro tra le la; etnìe in costume riunite al mercato.
genti del fiume. 5° giorno: Djenné - Paese Dogon. I villaggi fortificati dei
4°-5° giorno: Mopti - Paese Dogon. L’incontro con i Dogon Dogon; maschere e cosmogonia; riti iniziatici e culto degli avi
etnia interessante e originale: le loro case, le loro tradizioni, i 6°-7° giorno: la falesia Dogon. Un popolo “incastonato” in
Togu’na, case del consiglio degli uomini. un ambiente unico.
6° giorno: i villaggi di Sangha e San. L’organizzazione 8° giorno: la Piana Dogon. I Togu’na, capolavori dell’arte tribale
sociale dei villaggi della piana e della falesia, la differenza tra 9° giorno: Bandiagara - Konna - Mopti. navigazione del
etnie e culture; le piccole moschee, la vita nei campi. delta e villaggi Peul e Bozo.
7°-8° giorno: Segou - Bamako. Un ultimo sguardo all’Africa 10° giorno: Segou - Bamako. Regno Bambàra e essenza
e all’africanità. africana di Bamako.

65
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:31 Pagina 66

Etiopia

Mar
Rosso
ER ARABIA
Aksum Adigrat IT SAUDITA
Himora
TIGRAY RE
GONDER Lalibela A
Mek’ele
SUDAN Gondar
Lago Tana Debre WELO
Tabor
Dese Golfo di Aden
Bahir Dar Debre IA
AL
GOJAM Mark’os ANC
D
Asosa Dire Dawa
SHEWA
WELEGA
Nek ermte Addis Ababa
Jiliga
SOMALIA
Nazret Harare Degeh Bur
Gambela Gore Awash
ARSI HARERGE
ILUBABOR Jima
Goba
KEFA Arba Awasa Werder
Minch BALE Gode
VALLE Kibre
DELL’OMO Mendist
Negele
Kelerm
SIDAMO
Moyale

UGANDA
KENYA

Perché andarci
Un ciclope colossale ha modellato l’Etiopia, un imponente Gargantua africano ha scavato i suoi canyon, le sue gole, le sue
vallate, le sue improvvise montagne rocciose. Ha aperto, con graffi giganteschi, migliaia di ferite nelle sue “terre alte”. Ha
spianato savane senza fine. L’Etiopia è una enciclopedia geografica che racchiude i segreti di ogni era geologica. L’alto-
piano è uno sterminato tavolato equidistante tra il Tropico del Capricorno e l’Equatore. Un tavolato naturale che attraversa
tutta l’Etiopia da nord a sud e non scende mai sotto i 2000 metri. Lo storia dell’Etiopia è stata modellata da questa geo-
grafia imponente, la sua storia geologica è una sorta di memoria ancestrale del pianeta terra. Terra di luoghi e terra di
uomini. Mai come altrove le parole di studiosi, di ricercatori, di eruditi trovano immediate conferme: l’Etiopia è un museo
di popoli, un labirinto etnico intricato, un mosaico linguistico inestricabile.

66
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:31 Pagina 67

Perché andare

Perché con noi


Abbiamo una conoscenza dell’Etiopia che viene da lontano, da sempre sostenuta da un amore per il paese e le sue tante
caratteristiche che ci ha portato a esplorarla in ogni suo angolo. Siamo stati tra i primi, decenni fa, a fare qui viaggi di cono-
scenza e di ricerca; siamo stati i primi oltre dieci anni fa a “riaprire” il nord, a tornare a Lalibela e a partecipare con centinaia
di migliaia di pellegrini alla prima Timkat dopo i molti anni di guerra civile in cui quella zona del Tigrai è rimasta rigorosa-
mente chiusa. Essere i primi non dà la patente di migliori, ma sicuramente dà la garanzia di una conoscenza e di una espe-
rienza rare. E in una Etiopia che per molti, i più, “aveva valore” solo per la sua storia e cultura religiosa, ci siamo mossi sin
dall’inizio anche verso il sud, spinti da quella passione per le popolazioni che in Etiopia trova la sua massima espressione.
Esperienza e conoscenza, utilizzo di mezzi idonei, capacità di fare cose diverse e cose “classiche” diversamente; l’affiata-
mento, da sempre, con corrispondenti che condividono la nostra filosofia di viaggio e ci aiutano ad applicarla sul terreno; le
guide locali che da decenni lavorano con noi e sanno aprire le porte dei villaggi più dispersi, che sanno favorire il contatto
con etnie a volte ancora primordiali e scoprire piste dimenticate e chiese nascoste, capaci di convincere i monaci a mostrare
al viaggiatore rari testi sacri e ornamenti preziosi. Guide capaci di affiancare i nostri accompagnatori, ma anche di far cono-
scere, in tutta sicurezza e con il massimo di informazioni, l’Etiopia a viaggiatori individuali o in piccoli gruppi. Per loro co-
struiamo itinerari, nelle zone più semplici e in quelle poco esplorate. Tanti anni di presenza non ci hanno appagato: inseriamo
itinerari nuovi accanto a quelli già collaudati, che non smettiamo di rivedere, correggere, arricchire. Consapevoli che la curio-
sità che suscita un paese complesso e vario come l’Etiopia non può essere saziato con un solo viaggio frettoloso.

L’Etiopia è il paese dei ragazzi. Dappertutto ragazzi, fitti come l’erba, vispi come uccelli. Lo stesso paesaggio (parlo spe-
cialmente dell’Altopiano, dei margini dàncali e delle frontiere meridionali sembra creato apposta per fare da sfondo a
un immenso popolo di ragazzi. Direi che Dio, nel creare quelle altissime montagne, quegli enormi fiumi, quegli stermi-
nati laghi, quelle infinite distese di pascoli verdi, gialli, purpurei, non abbia mai perso d’occhio i ragazzi, perché il rap-
porto tra la natura e la giovinezza, sebbene su scala gigantesca, non risultasse sproporzionato. E i ragazzi, in quel
ciclopico paesaggio così in armonia con la loro ancor piccola statura, si muovono con una grazia e una fierezza che
sono come il ricordo di un’età antichissima e favolosa, ormai a volte, spesso, spento nella mente degli uomini, ma
tutt’ora vivo nell’istinto infantile. La mia segreta ambizione sarebbe scrivere un libro sui ragazzi d’Etiopia perché è su
loro, proprio su loro, che va fondato il futuro... Curzio Malaparte, Viaggio in Etiopia e altri scritti africani

67
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:31 Pagina 68

Etiopia

Timkat e le feste Copte Sud: venti caldi dal Kenya e dal Sudan
10 8
GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL
17 10
GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL TENDA

Oltre ai grandiosi paesaggi, l’Etiopia, antico bastione cristiano La sconfinata piana del lago Turkana è spesso battuta da
in terra d’Africa, offre ai visitatori le sue tradizioni immutate. brezze che vengono da sud. I Dassanech, figure lunghe e
Quando un viaggio coincide con le feste religiose copte, sco- magre, sembrano silouettes fluttuanti nella polvere tra le
prirete anche l’aspetto biblico dell’Etiopia, con le sue proces- staccionate dei recinti delle capre e le povere capanne.
sioni, i suoi costumi di sete preziose e le danze sacre che si Quando il caldo comincia a rendere inospitale la savana, si
muovono al lento ritmo degli strumenti. La straordinaria disperdono nella lunga piana e svaniscono emigrando ve-
varietà di colori e suoni possono essere interpretati come fol- loci verso l’ acqua... Un viaggio nella valle dell’ Omo per
clore locale, ma si tratta di un folclore vero, intriso di mistici- rivisitare quelli che sono ancora realmente territori tribali.
smo e religiosità. Durante le Feste i luoghi delle celebrazioni Un itinerario in quelle che sono le vere terre dei Borana,
divengono veramente teatro di vivaccissime esplosioni di un con le voci dei “Pozzi Cantanti”, degli Hamer, dei Dassa-
misticismo quasi parossistico, che riesce a coinvolgere tutti i nech ( Galeb), dei Bume e dei Mursi. Verso le paludi del lago
presenti: religiosi, pellegrini, asceti o semplici osservatori. Poi Turkana, verso i villaggi al di là del fiume nelle terre che
ovviamente la bellezza straordinaria delle undici chiese scava- guardano il Sudan e quelli stagionali e isolati degli Omo
te nella roccia di Lalibela, luogo sacro e raro, unico. Mursi. Per ripetere emozionanti situazioni già vissute, per
viverne di nuove: perché i popoli migranti regalano sempre
situazioni, emozioni, incontri. Popoli che ancora svelano le
Come si viaggia: antiche tradizioni. Tradizioni di popoli con un passato per
• Hotel lo più importante: una lunga storia scritta sull’erba secca
• Trattamento: come da programma della savana e tra le capanne dei villaggi. A noi rileggerla...
• Itinerario in fuoristrada
• Barca sul lago Tana Come si viaggia:
• Guida locale • Hotel e tenda • Trattamento: come da programma
• Itinerario in fuoristrada
• Guida locale
2010: 28 dicembre 2010: 8 novembre
con Tour Leader dall’Italia in compagnia di Nicola Pagano
20 dicembre
2011: 10 gennaio, Timkat in compagnia di Giovanni Dardanelli
in compagnia di Giovanni Dardanelli
2011: 28 febbraio
in compagnia di Marino Bonomelli
Da Roma a partire da € 2950
minimo 8 partecipanti Da Roma a partire da € 3280
minimo 10 partecipanti
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pag. 200
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pag. 200
I luoghi:
I luoghi: Roma · Addis Abeba · Langano · Awash NP · Arba Minch ·
Roma · Addis Abeba · Lalibela · le chiese nella roccia · Gondar · la valle dell’omo · Turny · Mago national park · Omo Rate ·
Lago Tana · Bahir Dar · il Nilo Azzurro · Addis Abeba · Roma Jabelo · Addis Abeba · Roma

68
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:31 Pagina 69

Viaggi di gruppo con TL

Dancalia, il senso della terra


14 6
GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL TENDA

Alla scoperta di un territorio da esplorare e del quale esistono descrizioni molto scarse.
Colori intensi, ambienti forti, zone ricche di vegetazione ed estensioni totalmente aride.
Ma anche villaggi, mercati improvvisati o strutturati, capanne isolate, popolazioni nomadi,
uomini fieri, pendolari dell’impossibile. Verso il lago assurdo di Afrera attraverso terre di
confine tra un mondo di arsura e di vuoti. Inondati da luci e rifrazioni, abbacinati dalle
distese di sale, colpiti dalle macchie di zolfo. Dalle ambe più sacre, con chiese abbarbicate,
scavate nella roccia, alla Piana del sale. Eccolo l’inferno Dancalo, primordiale; discendendo
dall’altopiano fin sotto il livello del mare. Viaggio “nel nulla” incontrando carovane, pas-
sando da villaggi irreali, con capanne a cono. Su terreni irregolari di una depressione mac-
chiata dal giallo dello zolfo e dal verde e dal rosso delle concrezioni saline, immersi in un
ambiente difficile, forte, ostile. Dallol: iceberg sulla crosta salina, luogo di magia dove le
acque impazziscono, bollono. L’Erta Ale, “il centro”, la caldera sempre attiva cui affacciarsi:
vapori e lingue rosse. Sale e zolfo, bianco e nero di lava, luci vivide e lingue rosse che con-
trastano con la notte. Il lago Afrera, 140 metri sotto il livello del mare, uno specchio sal-
mastro tra neri basalti, una fornace umida, un luogo dove dar senso alla parola “nulla”.

2010: 27 dicembre Come si viaggia:


in compagnia di Anna Canuto • Hotel, lodge e tenda (6 notti)
• Trattamento: come da programma
2011: 12 febbraio • Itinerario in fuoristrada
• Guida locale
in compagnia di Giovanni Dardanelli

Da Roma a partire da € 3350


minimo 6 partecipanti Le ultime gocce d’acqua
furono ripartite, in Dancalia,
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200 come fossero il contenuto
dell’ultima bottiglia di un vino
d’annata di inestimabile pregio.

L. M. Nesbit, Deserti e foreste


I luoghi:
Italia · Addis Abeba · Awash NP · Bilen · Asayta · Lago Afrera · Erta Ale · Dallol · Piana del sale ·
Canyon del Saba · Tigray · Amba Gheralta · Makallé · Addis Abeba · Italia

69
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:31 Pagina 70

Etiopia

Lalibela, Gerusalemme d’Africa


8 2
GIORNI BASE PARTEC. HOTEL

I grandi scenari dell’altopiano etiopico, il lago Tana e le sue isole su cui dominano gli anti-
chi monasteri con i preziosi manoscritti medioevali, le pitture sacre, i tabernacoli, le ricche
croci finemente cesellate, le stanze segrete custodi di storie e di leggende. Il Nilo Azzurro,
le verdi rive che solcano l’altopiano, la grandiosità della sua cascata. Gondar, gli antichi
castelli medioevali e i piccoli monasteri copti: due facce della stessa storia. Poi, Lalibela,
villaggio tra monti di difficile accesso, che si apre con il fascino delle sue chiese nascoste
di pietra di un intenso color rossastro: luoghi mistici in cui si rivela tutto lo splendore della
Chiesa copta. Ogni chiesa è costruita in un unico blocco di pietra ancorato alla roccia,
lavorato dall’esterno e traforato per ottenere porte e finestre. Bisogna entrare in quelle 11
chiese, bisogna sentire la potenza della pietra scavata che non si sente però violata dalla
mano dell’uomo, ma abbellita, alleggerita e resa sacra. Bisogna vedere, per capire, la
durezza del lavoro, il cesello delle aperture, l’altezza delle stanze: lì senti la forza dello
scalpello, la tenacia di uomini e monaci che per salvare le relique dalla furia dell’Islam
invasore hanno celato segreti, arte, libri della legge, fede.

Da Addis Abeba
base 2 partecipanti a partire da € 1950 Come si viaggia:
base 4 partecipanti a partire da € 1380 • Hotel
• Trattamento: come da programma
• Itinerario in fuoristrada
• Guida locale parlante italiano
Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base della data e della vostra preferenza
quanto a compagnia aerea.

Estensioni: Axum in volo (2 notti) e Harar (3 notti)


Il viaggiatore si posa
là dove si riposa.
Là dove calpesta la terra
1° giorno: Addis Abeba. Alla scoperta di una capitale ricca di fascino.
2°-3° giorno: Lalibela. La Gerusalemme etiope; le chiese nella roccia; le tradizioni immutate;
si libera la mente.
durante le festività copte un baillame di colori e canti. E’ se stesso e l’altro.
4°-5° giorno: Gondar. Le piste dell’altopiano; i villaggi, la gente; terrazzamenti duramente Si mescola e si immischia
lavorati, costoni boscosi, pianure, villaggi; torri e grandi vasche; castelli medievali e piccoli
monasteri, due facce della stessa storia.
nelle civiltà, nei costumi,
6°-7° giorno: il lago Tana - le chiese copte - Bahir Dar - il Nilo Azzurro. In barca sul lago: nei sogni e nelle certezze.
sulle rive e sulle isole chiese e monasteri custodi delle antiche tavole di preghiera preziose di
dipinti; la cascata del Nilo Azzurro, possente. J. Lanzmann, Il canto del viaggio
8° giorno: Debre Libanos - Addis Abeba. Monastero di grande valore storico religioso; Addis,
il “nuovo fiore”, la città coloniale.

70
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:31 Pagina 71

Viaggi privati ed esclusivi

Tra le Ambe etiopi


7 2
GIORNI BASE PARTEC. HOTEL

Un viaggio dedicato a chi desidera approfondire e conoscere un territorio molto ricco e


vario, con ritmi non lenti ma… tranquilli. Panorami suggestivi sulle Ambe etiopi, tra le quali
ancora si celano alcune delle più belle, preziose e antiche chiese rupestri. Non solo archi-
tettura religiosa, ma valli sconosciute e mercati, feste e carovane del sale, atmosfere
remote. Un viaggio per chi magari conosce già l’Etiopia ma ha voglia di viverla: un viaggio
speciale per chi ama immergersi profondamente nella natura e nell’arte. Certo, paesaggi
tra i più panoramici del paese e arte, villaggi che furono e sono punto di snodo delle caro-
vane Afar del sale e chiese nella roccia. Luogo di grandi storie, di momenti importanti per
l’Etiopia, luogo di chiese rupestri “impossibili” che arrivi a pensare siano false tanto sono
inaccessibili, così abbarbicate alla roccia, “dentro” la montagna, da sembrare dipinte. Un
albergo, per soggiornare, comodo e ridente, costruito due anni fa ma dalle atmosfere anti-
che, gestito da un italiano. Un lodge sulla sommità dell’Amba Gheralta, orgogliosa custode
di un quarto dei grandi monumenti sacri di pietra di tutta la regione.

Da Addis Abeba Come si viaggia:


base 2 partecipanti € 1500 • Hotel e Lodge
base 4 partecipanti € 1350 • Trattamento: come da programma
• Itinerario in minibus e fuoristrada
• Guide locali parlanti italiano

Partenze speciali per festività

Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base della data e della vostra preferenza
quanto a compagnia aerea.
Vagabondare significa
lasciarsi portare non
1° giorno: Addis Abeba. Lo spettacolo di uno dei più grandi mercati di tutta l’Africa; intorno, dalle gambe ma dai sensi.
ondulate colline. Significa inseguire un colore,
2° giorno: Makallé - Amba Gheralta. L’aspra ed immensa regione del Tigray; le prime chiese
nella roccia; un comodo lodge costruito da italiani; amba Gheralta cela alcuni dei centri religiosi imbattersi in un odore,
più importanti. lasciarsi attirare dai suoni,
3°-6° giorno: le chiese del Tigray. Gheralta è un amba orgogliosa: qui un quarto dei grandi vivere d’aria.
monumenti di pietra della regione; centinaia di “impossibili” chiese rupestri aggrappate a mon-
tagne inaccessibili; anche la geografia è una delle più panoramiche del nord Etiopia; Maryam e
Daniel Korkor, Debre Selam, Mikael Imba, Gwahegot, la basilica di Qiat; Berhale, l’ultimo, gran- Pascal Dibie, La passione dello sguardo
de villaggio, già in terra Afar, animato punto di arrivo delle carovane del sale della Dancalia.
7° giorno: Makallé - Addis Abeba.

71
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:31 Pagina 72

Ghana, Togo, Benin, Cameroun

BURKINA
FASO NIGER
UPPER
UPPER EAST
WEST Mango
Natitingou

Wa NORTHERN
BENIN
Tamale Sokodè
Djougou
TOGO
GHANA
O

Atakpamè
VO A
RI

NIGERIA
D’A OST

BRONG-AHAFO
VOLTA
Sunyani
Abomey
ASHANTI
C

Ho
Kumasi EASTERN Ganviè
Awaso Cotonou
Koforidua
Lomè

WESTERN CENTRAL Accra


Cape Coast
Golfo di Guinea

Oceano Atlantico

Ognuno potrebbe “inventarsi” un perché. E l’invenzione non toglierebbe nulla alla veridicità di ciò che viene scritto. In ogni
scelta ci sono molti perché possibili. A noi piace restare alle cose semplici, alle ragioni evidenti, a motivazioni che vanno al
concreto e non solo all’autoincensazione. Con noi perché siamo stati i primi “curiosi” a sviluppare questi paesi, anche grazie
all’amicizia con chi, italiano, in questi paesi si è trasferito, ha aperto un’agenzia, ha capito il paese e studiato gli itinerari più
coerenti (migliori è una parola stantia, a volte falsa). Poi la coerenza di alcune scelte. Specializzarsi in paesi simili “è” un fatto
di coerenza. Trovare un filone di studio e conoscenza antropologici tra genti solo apparentemente simili è coerenza, così come
è coerente studiare gli spostamenti di etnie che sono le stesse di qua e di là di confini “solo” politici. Per chi ha tra i suoi obiet-
tivi, da sempre, la scoperta di culture “altre”, poco conosciute, non poteva che essere di grande interesse e di enorme approfon-
dimento un’area come questa. Lo abbiamo fatto, iniziando 20 anni fa e lo facciamo ancora. Coerenza, appunto.

72
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 11:40 Pagina 73

Perché andare

"Intrigante" presentare non un paese, ma una zona. Di paesi tra loro a volte diversissimi, ma uniti da un filo sottile e resi-
stentissimo fatto di tradizioni e stili di vita simili; di una storia che si rincorre tra i vari paesi determinando una cultura solo
apparentemente diversa. Al di là delle evidenti diversità, una terra antica e selvaggia, dove quasi tutto ha avuto origine e
dove tutto è ancora legato alle origini; dove si sente palpitare il cuore dell'Africa profonda. Culla di imperi medievali, vera
galleria di gruppi etnici tenacemente attaccati alle proprie tradizioni. Paesi la cui storia parla di commerci, di sfruttamento
e di razzie (mettendo alcuni di questi paesi in totale conflitto), ma anche di millenarie culture che, mantenendo vive comun-
que le proprie diversità, non sono state alterate dalle influenze occidentali. I riti, le danze con le maschere, il culto degli ante-
nati; le statue rituali con le braccia levate verso un cielo del quale questi popoli sembrano conoscere i più oscuri segreti; le
pratiche magiche, gli oracoli e le divinazioni, i guaritori e gli stregoni, gli antichi feticci e tutto un labirinto di dèi poveri ma
potenti: tutto questo li unisce... Paesaggi spesso austeri, fessurati, a volte squarciati da profondi calanchi; montagne dai pic-
chi imponenti e dai grandi pianori, distese di un verde brillante. Terra varia e multicolore, terra "vera", ricca di sensualità e
di odori, ove spesso lo spazio diventa un'astrazione. Mercati vocianti e allegri, punto di incontro settimanale o mensile, o
mercati che sono quotidianamente alla base della vita stessa, in una cultura fatta di scambi. E gli uomini... popoli come gli
Ashanti del Ghana, con storie spesso ricche di una ritualità sfarzosa e piena di significati, o come i Peul Mbororo, incontra-
stati signori del Cameroun, alla cui etnia appartengono tutti i re della regione. Senza dimenticare i Pigmei, schivi abitatori
delle foreste più profonde, tenacemente avversi ad ogni forma di modernizzazione. Popoli che sanno esprimere una religio-
sità complessa, a volte "totale" e basta guardare al vudù. Con un’arte e una cultura in cui trovi un modo di pensare assolu-
tamente parallelo al nostro eppure differente: a testimoniare ed affermare l'orgoglio di una storia antica!

Le religioni africane, che operano più attraverso i sacrifici che le preghiere, cercano di captare la maggior quantità di
forza possibile, per metterla al servizio della comunità e della prosecuzione della vita. Uno dei valori e delle preoccu-
pazioni centrali dell'esistenza delle persone e di quella comunità è proprio la fecondità, tanto delle donne che degli
animali e dei campi. A questo si contrappone la stregoneria che invece persegue finalità più individualistiche, anche
a costo di mettere a repentaglio il bene comune o la vita dei parenti. Tutto ciò fa si che si guardi all'altro mondo più
nella prospettiva di un miglioramento della vita terrena che in quello di una salvezza eterna. E' significativo a questo
proposito che non vi siano immagini della divinità creatrice. Forse ciò è dovuto al fatto che si ritiene che non se ne
possa dare una rappresentazione in immagini, ma probabilmente rimanda anche alla convinzione che sia troppo lon-
tana dalle vicende umane perché se ne possa interessare. (...) Ivan Bargna, L'arte africana

73
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 11:40 Pagina 74

Ghana, Togo, Benin, Cameroun

Oro degli Ashanti


15 10
GHANA - TOGO - BENIN

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL TENDA

Una regione in cui il passato vive strettamente a contatto col presente. Il castello di Elmina,
imponente fortezza portoghese. L’incontro con gli Ashanti, i loro culti, le tradizioni e la capitale
del loro regno, Kumasi. Il territorio Lobi, una delle regioni più intatte dell’Africa; l’altopiano di
Tongo, sede degli déi, e il suo oracolo al quale i locali si recano in continuo pellegrinaggio; la
civiltà delle case fortificate dei Somba e dei Tamberma, singolari esempi di arte; le singolari
capanne d’argilla dalle forme rotondeggianti con i bizzarri, artistici affreschi dei Gurounsi.
Abomey, la residenza dei re negrieri, e l’arte ingenua dei bassorilievi del palazzo reale; le palafitte
di Ganvié, al centro del lago Nokwé. Le diverse espressioni della religiosità primitiva: l’animismo,
il culto degli antenati come pratica primaria, i riti frenetici di possessione vudù. Le feste tribali:
Akwasidae, ricca manifestazione ashanti; Zangbeto e Gelede e l’uscita delle policrome maschere
delle società segrete. I mercati più strani e suggestivi: sull’acqua a Ganvié, dei feticci a Lomé.

2010: 7 ottobre Come si viaggia:


in compagnia di Marino Bonomelli • Hotel
• Trattamento: come da programma
18 novembre - 30 dicembre
• Itinerario in minibus o fuoristrada
con Tour Leader dall’Italia • Guide locali parlanti italiano

2011: 10 febbraio - 28 luglio


con Tour Leader dall’Italia

Da Milano a partire da € 3380


minimo 10 partecipanti
E’ proprio attraverso il viaggio
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200 - mentale o reale che sia,
interiore o avventuroso -
che ogni generazione
costruisce la propria memoria
Tutte le date sono in concomitanza con le celebrazioni dell’Akwasidae e, a ben guardare, anche
la propria leggenda.

Pier Vittorio Tondelli


I luoghi:
Italia · Accra · Castelli della tratta · Kumasi · Oracolo di Tongo · regione Taneka · Ganvié · Lomè · Italia

74
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 11:40 Pagina 75

Viaggi di gruppo con TL

Africa di genti e colori


16 8
CAMEROUN

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL TENDA

Mousgoum, Mbororo, Goudour, Matakam, Kapsiki, Haoussa... genti diverse che si incontrano
tutte ai mercati settimanali; volti pieni di storie, bruciati dalla fatica, volti scarificati con arte,
straordinariamente tatuati. Visi paffuti, sognanti, di marmocchi avvinghiati al dorso della madre;
stravaganti acconciature e bizzarri copricapo. È una festa per i sensi, in un mosaico di razze: i
colori si mescolano agli odori delle spezie, alle nenie modulate, al continuo discutere degli uomi-
ni, al cicaleccio delle donne intente a mercanteggiare l’affare del giorno. Mercati delle cose più
varie, a volte merci incredibili: degli animali, della birra di miglio, degli utensili... Così è tra le dita
di lava dei Monti Mandara, territorio dai paesaggi grandiosi costellato di picchi vulcanici, puntati
come dita verso il cielo; così è sulle sponde del Logone tra le ultime case a forma di obice dei
Mousgoum; cosi è nella medievale Rey Bouba e sul lago Tchad, nei villaggi rivieraschi che si rag-
giungono in piroga; così è per le divinazioni dello stregone del granchio. Un viaggio in una terra
ricca di sensualità su cui regnano i “lamido’’, i sultani circondati da uno stuolo infinito di mogli
e cortigiani, un mondo dove le tradizioni ancestrali si mescolano al quotidiano: un’Africa vera e
ancora esclusa dal turismo “di massa”. Così è sui Monti Alantika tra i Koma, gli ultimi “selvaggi”,
padroni di un territorio isolato nel mondo dove raramente finora il “bianco” ha messo piede. Un
viaggio intenso in un paese che veramente merita l’appellativo di Africa in miniatura, concen- Come si viaggia:
trato di originalità, nei cui confini si succedono paesaggi disuguali e tradizioni molto diverse. • Hotel e tenda (4 notti)
• Trattamento: come da programma
• Itinerario in fuoristrada e/o minibus
• Guide locali parlanti francese
• Trekking leggero
2010: 23 dicembre
in compagnia di Nicola Pagano

Da Milano a partire da € 3080 Viaggiare non è vedere


minimo 8 partecipanti cose nuove: è lasciarsene
altre indietro.
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200 Non è aprire porte ma
chiudersene altre alle spalle.
Per non tornare più.
I luoghi: Jan Myrdal
Italia · Douala · Garoua · Wangay · Monti Alantika · i Koma · Parco della Benoué · Rey Bouba ·
Maroua · Monti Mandara · Mokolo · Kwiapé · Waza · Goulfey · Blangwa · isola di Kofia · Waza ·
Garoua · Douala · Limbé · Parigi · Italia

75
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 11:40 Pagina 76

Ghana, Togo, Benin, Cameroun

Oro degli Ashanti Riti e culture


14 2 11 2
GHANA - TOGO - BENIN

GHANA - TOGO

GIORNI BASE PARTEC. HOTEL GIORNI BASE PARTEC. HOTEL

Qui il passato vive strettamente a contatto col presente senza Un Paese che non ha perso identità e tradizioni. Una regio-
rinunciare alle radici. Il castello di Elmina, imponente fortezza ne in cui il passato vive strettamente a contatto col pre-
portoghese che riporta al tempo degli schiavi. L’incontro con gli sente e dove si alternano paesaggi di colline, foreste,
Ashanti, i loro culti, le tradizioni e la capitale del loro regno, spiagge incontaminate sull'oceano blu. Il castello di
Kumasi. Il territorio Lobi, tra i più intatti dell’Africa e l’altopiano Elmina, imponente fortezza portoghese. L'incontro con gli
di Tongo, sede eletta degli déi. L’ardita civiltà delle case fortifi- Ashanti, le cerimonie e il culto degli antenati, le maschere
cate dei Somba e dei Tamberma, particolari esempi di arte. in oro, capolavori d'arte. Le etnie: le capanne in argilla dei
Singolari capanne d’argilla dei Gurounsi dalle forme rotondeg- Gonja; i Dagomba e l'udienza col capo tribù dei Bassar; i
gianti. Abomey, la residenza dei re negrieri, e l’arte ingenua dei riti d'iniziazione e le architetture dei Tamberma, che gio-
bassorilievi del palazzo reale. Diverse, intense espressioni della cano e danzano col fuoco. Il palazzo reale di Abomey, nel
religiosità primitiva: l’animismo, il culto degli antenati. I riti fre- regno Dahomey dei re negrieri. Nella terra del Vudù. La
netici di possessione vudù, gli animali sacrificati, i guaritori, le cura della follia e il ritmo ipnotico dei tam-tam, le prati-
trances autentiche. Feste tribali: Akwasidae, ricca manifesta- che di possessione fino allo stato di trance, manifestazione
zione ashanti e riti dello Zangbeto, danza delle maschere delle di una profonda comunione religiosa.
società segrete. Singolarità nei mercati più suggestivi: sull’ac-
qua a Ganvié, dei feticci a Lomé. Un viaggio ricco di sorprese. Come si viaggia:
• Hotel • Trattamento: come da programma
Come si viaggia: • Itinerario in minibus
• Hotel • Trattamento: come da programma • Guida locale parlante italiano
• Itinerario in fuoristrada o minibus
• Guida locale parlante italiano Da Lomé
base 2 partecipanti a partire da € 3250
Da Lomé base 4 partecipanti a partire da € 2350
base 2 partecipanti a partire da € 4600 base 6 partecipanti a partire da € 1980
base 4 partecipanti a partire da € 3045
Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base
base 6 partecipanti a partire da € 2700 della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea.
Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base 1°-2° giorno: Lomè - Gran Popo. I riti che sono storia e cul-
della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea. tura: celebrazione del vudu Koku, il vudu della guerra.
3°-5° giorno: Ouidh - Dassa - Natitongu. Navigazione sul
1°-2° giorno: Accra. La vita del quartiere indigeno, i fabbri- fiume Mono alla scoperta di piccoli villaggi; l’etnia Tofinou; il
canti di sarcofagi, dalle forme “fantasy”. palazzo reale d’Abomey; un tempio in argilla, polvere d’oro e
3°-4° giorno: Castelli della tratta. I re Ashanti, i loro spet- sangue umano; i Taneka.
tacolari funerali. 6° giorno: Kara. Trekking tra i Tamberma: castelli e feticci.
5°-6° giorno: Kumasi. Lobi, melodie e sculture; Gurunsi, case dipinte. 7°-8° giorno: Tamale - Kumasi. I popoli: incontro con i
7°-9° giorno: Oracolo di Tongo. Le possenti costruzioni dei Bassar; l’etnia Dagomba dalle case tonde; le streghe; i funerali
Moba, le case dei Tamberma e dei Somba, l’altopiano di Tongo. Ashanti, sontuoso rito collettivo.
10°-12° giorno: regione Taneka - Ganvié. La montagna dei 9°-10 giorno: Obuasi - Anomabu. La città sotterranea di
“feticheur”, i villaggi lacustri, alla scoperta dei villaggi Taneka, Obuasi: miniera d’oro degli Ashanti; il castello di Elmina,
il Palazzo di Abomey, Ganviè villaggio su palafitte, la splendida imponente e suggestiva fortezza portoghese, dichiarata
Ouidah, l’emozione e lo stupore di vedere una cerimonia vudù! Patrimonio dell’Umanità.
13°-14° giorno: Lomè. Lomè e l’incredibile mercato dei feticci. 11° giorno: Accra. Sarcofagi “fantasy” nella metropoli africana.

76
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 11:40 Pagina 77

Viaggi privati ed esclusivi

Terra di vudu
8 2
TOGO - BENIN

GIORNI BASE PARTEC. HOTEL

Terra che regala emozioni e bellezze naturali. Paesi dominati


da antiche culture, fatte di riti e leggende, di tradizioni ance-
strali cui nessuno vuole rinunciare. Riti che sono religione, cre-
denza e medicina, che vanno al di là della parvenza per dive-
nire sostanza. Lomè è una capitale ridente, colorata, orgoglio-
sa del suo mercato centrale con le Nana-Benz, del quartiere
con i palazzi coloniali, del singolare mercato dei feticci, dove
si vendono gli ingredienti per realizzare i sacrifici vudù. Riti
antichi e “forti” a Ouidah, una delle capitali del vudù africano;
ritualità nelle maschere delle etnie Yuruba e Fon. Non solo
“religiosità”: l’architettura come arte, nei colori della terra dei
villaggi Taneka, nelle dimore fortificate dei Somba, nelle case
su palafitte, nel palazzo reale di Abomey.

Come si viaggia:
• Hotel • Trattamento: come da programma
• Itinerario in minibus
• Guida locale parlante italiano

Da Lomé
base 2 partecipanti a partire da € 2600
base 4 partecipanti a partire da € 1760
base 6 partecipanti a partire da € 1470
Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base
della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea.

1° giorno: Lomè - Sokode. Il singolare mercato dei feticci di


Lomè, la vorticosa danza del fuoco a Sokode.
2°-3° giorno: Sokode - Kara - Natitingou. Incontro con i
popoli: i Bassar e i Kabye: l’arte della lavorazione del ferro,
l’Atakora e l’incontro con i Tamberma e i Somba, le loro tradi-
zioni, le grandi dimore fortificate.
4°-5° giorno: Bohicon - Ouidah. Architettura degli antichi
villaggi Taneka, ricchi dei colori della terra; Palazzo Reale
d’Abomey; i Tofinou abitanti delle palafitte.
6° giorno: Ouidah - Lago Togo. Ouidah, vivace capitale del vudù
africano; lungo il fiume Mono gli antichi e insoliti procedimenti di
estrazione del sale; le maschere Zangbeto, più rito che oggetto.
7°-8° giorno Lago Togo - Lomè. Al suono incalzante di tam-
tam e canti la celebrazione vudù, “vera”; arte tribale e antiqua-
riato nella capitale del Benin.

77
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 11:40 Pagina 78
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 11:40 Pagina 79

Africa dei parchi:


La terra scaldata dal sole al crepuscolo respira dei tanti odori di una natura
che si risveglia, calma e potente, accarezzata dai colori e dalle luci indimenticabili
dei tramonti africani, quelli che tingono l’animo e si ricordano per sempre

pennellate di colore che pulsano


di vita e di poesia
La vita animale ripropone i propri ritmi: la preda e il cacciatore, le nascite e le migrazioni
Un barrito eccheggia possente al sorgere del sole: la natura si risveglia
Visioni di un’Africa vera, dura e varia, emozionante, tutta da conquistare

dove la libertà è declinata in mille modi


Le sistemazioni esclusive, il piacere di viaggiare anche da soli, i luoghi incontaminati
Il lusso delle sistemazioni e quello garantito dall’unicità dei luoghi e delle situazioni
L’impatto emotivo dell’incontro senza mediazioni con la natura: anche questo è lusso
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 11:40 Pagina 80

Namibia

ANGOLA ZAMBIA
Kauma
Mulilo
Oshakati Rundu
Opuwo Ondangwa Bagani CAPRIVI
OWAMBO
KAOKOLAND KAVANGO
SK

PARCO
EL

Sesfonteirli Okaukuejo ETOSHA Grootfontein BOESMANLAND


ET
ON

Outjo Tsumkwe
CO

Khorixas
AS
T

DAMARALAND OTJIWARONGO
Usis HEREROLAND
OKAHANDJA
Karibib Okahandja
BOTSWANA
Windhoek Gobabis
Oceano Swakopmund
NAMIB D

Atlantico Reboboth
Aranos
ESERT

Maltahohe Meriental
SOSSUSVLEI
NAMALAND

Bethanien
Keetmanshoop
Luderitz

Oranjemund Karasbung

SUD
AFRICA

Perché con noi


Abbiamo sempre creduto in questo paese che è “molti paesi”. Anche quando sembrava lontano e molti lo consideravano un
ibrido all’interno di quell’Africa Australe e dell’Est che nell’immaginario dei viaggiatori è (dovrebbe essere…) animali e natura.
A noi è piaciuto proprio quel suo essere diversa, quel suo essere deserto, acqua, riserve ricche di verde e di specie animali;
quel suo “custodire” etnie antiche e legate a tradizioni che non abbandonano nemmeno ora che il turismo ha “invaso” le
loro regioni. Se un luogo lo ami, puoi sottrarti? Certamente no: qui, a rafforzare la nostra conoscenza del paese abbiamo
residenti italiani, accompagnatori che ci vivono gran parte dell’anno e per questo a volte vi troverete come guida locale uno
di loro. Qui abbiamo selezionato, vivendoci, itinerari e luoghi; e naturalisti e guide capaci di portarvi nei luoghi e di farveli
vivere. Anche questo ci permette di offrire viaggi indimenticabili anche a chi vuole viaggiare da solo o in piccoli gruppi.

80
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 11:40 Pagina 81

Perché andare

La Namibia l’amiamo soprattutto per la varietà incredibile di ambienti che racchiude: aspre montagne rocciose, savane
alberate, immense estensioni di sabbia e dune, praterie così vaste e selvagge da dare l’impressione di potersi perdere
in un ambiente primordiale fatto di spazi infiniti. Le dune del Namib, il “mare di nessuno”, sconfinano nell’Oceano
Atlantico, immerse nella nebbia marina che aumenta l’indecisione dei contorni. Ma un viaggio in Namibia è anche un
viaggio fra i popoli africani che nei secoli hanno incrociato i loro itinerari di migrazione in questo Paese ultimo, ai con-
fini occidentali del mondo; è il deserto, il mare, le genti, ma anche gli animali, i grandi animali dei parchi. I tour e i
safari possono avere luogo in tutte le stagioni… Ecco, una delle grandi bellezze risiede proprio nel fatto che ogni sta-
gione si presta ai safari. Ogni tour visita più aree, ognuna ha il suo microclima e le sue peculiarità. Anche se oramai è
sempre più difficile parlare di stagioni rigidamente definite, ogni periodo offre uno spettacolo unico, in generale si può
dire che l’inverno australe (da maggio a ottobre) è il periodo della stagione secca e fresca, ovvero la “yellow season”,
l’epoca in cui tutto diventa magnificamente giallo e gli animali si raccolgono numerosi vicino alle fonti di acqua.
L’estate australe (da novembre a aprile) invece è il periodo caldo e degli acquazzoni seguiti dalle veloci schiarite, ovvero
la “green season”, l’epoca in cui tutto ritorna incredibilmente verde, gli animali celebrano la vita e l’avifauna è al com-
pleto in quanto arrivano gli uccelli migratori dall’emisfero nord. Naturalmente essendo la Namibia un paese molto de-
sertico, soprattutto a sud, ci sono zone dove non piove mai o quasi. Non piove, ma ci regala alcune delle dune più alte
al mondo, sabbie che passano dal giallo al pesca, dal rosso all’ocra.

81
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 11:41 Pagina 82

Namibia

Deserto e nomadi
16 8
GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL CAMPO FISSO

Un viaggio attraverso scenari possenti, un viaggio completo, che permette di visitare le aree
più interessanti della Namibia, anche quelle che fino a poco tempo fa erano riservate sola-
mente ai viaggiatori più “smaliziati” e curiosi. L’immersione in una terra varia, complessa e
completa, in cui il deserto fronteggia il mare. La spettacolare e sconfinata Kaokoland, la
terra dei nomadi Himba, fieri ed eleganti. Scenari grandiosi, zone ancora primitive, erg
immensi, possenti monoliti di granito, deserto e dune dai colori intensi che si fondono in
giochi cromatici, piante rare. Le sabbie rosa e arancio del Namib; il Damaraland; Sossusvlei,
con le sue dune immense; la Costa degli Scheletri e la “vociante” colonia di otarie di Cape
Cross. Le cascate di Epupa, all’estremo nord. Il Parco Etosha, il suo abbagliante “Pan”, gli in-
contri ravvicinati con gli animali radunati alle pozze. La ricerca degli elefanti del deserto del
Kaokoland. Paesaggi ed emozioni, ma anche uomini. Se gli Herero rappresentano il mondo
coloniale, gli Himba sono il passato che non vuole rinunciare alle tradizioni, che non ha nes-
suna voglia di abdicare ai propri costumi. E nom meravigliatevi di vedere una donna Himba
vestita solo di pelli e di ornamenti fatti di ferro e conchiglie, con il corpo spalmato di grasso Come si viaggia:
ed ematite, aggirarsi in un supermercato di Opuwo con un bimbo al collo. • Hotel, lodge e campi tendati fissi
• Trattamento: come da programma
• Itinerario in minibus e 4x4 per i safari
• Guida locale parlante italiano
2010: 16 ottobre - 6 novembre - 23 dicembre • Tasse entrate nei parchi incluse
con Tour Leader in Loco

2011: 14 maggio - 4 giugno - 9 luglio - 30 luglio


2 agosto - 13 agosto - 16 agosto - 10 settembre Gruppi di massimo 10 partecipanti.
con Tour Leader in Loco

Da Milano a partire da € 3950


minimo 8 partecipanti In un luogo può non esserci
nulla di speciale da vedere,
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200
ma ci si può concedere
lo stordimento che dà il mondo
Etosha e Kaokoland: safari con 4x4 aperte dell’assenza e del vuoto,
punto massimo
di contemplazione
I luoghi:
Italia · Windhoek · Namib · Swakopmund · Walvis Bay · Cape Cross · Skeleton Coast · Damaraland · Gianni Celati, Avventure in Africa
Twyfelfontein · l’estremo nord · Parco Etosha · Windhoek · Italia

82
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 11:41 Pagina 83

Viaggi di gruppo con TL

Ambienti africani
10 6
GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL CAMPO FISSO

Un viaggio comodo, con tutti i pernottamenti in hotel e lodge, che non tralascia gli aspetti più Come si viaggia:
interessanti e vari della Namibia. Un itinerario che permette di penetrare nel cuore dell’Africa • Hotel, lodge e campi tendati fissi
degli spazi e degli animali, di conoscere un mondo dove si intrecciano realtà ambientali di grande • Trattamento: come da programma
varietà: dune color rosa e arancio, oppure di un malva tenue; depressioni desertiche e oasi verdi, • Itinerario in minibus e 4x4 per i safari
distese di lava, canyon, coste battute dal vento e dalle alte onde dell’oceano. Il Parco Etosha ha • Guida locale parlante italiano
al suo centro il “Pan”: superficie di argilla e sale che riflette abbagliando, un poderoso specchio • Tasse entrate nei parchi incluse
all’interno di una natura verde e lussureggiante. Nel parco, soprattutto nei periodi secchi, attorno
a grandi pozze d’acqua, si vedono facilmente raggruppati i branchi di animali selvaggi. Le mon-
tagne di arenaria del Damaraland, tra i cui aspri rilievi si trovano le incisioni rupestri di
Twyfelfontein, sono uno spettacolo forte di una natura straordinaria. La Costa degli Scheletri e Gruppi di massimo 10 partecipanti.
il volo delle migliaia di uccelli che la popolano; le lagune di Walvis Bay, ricche di fenicotteri e
pellicani, vero paradiso degli ornitologi; le dune di Sossusvlei, le più alte del mondo: sabbie rosa
e malva dove la luce “gioca” aumentando il contrasto dei colori. Il Namib, “mare di nessuno”... e
il Kalahari, deserto rosso.
QUALCHE COSA IN PIÙ

• Nel Kalahari e all’Etosha il safari verrà


effettuato con fuoristrada aperti
2010: 3 ottobre - 24 ottobre - 28 novembre - 26 dicembre
con Tour Leader in loco • Nel Namib verrà effettuata
una escursione in Quad Bike
2011: 27 marzo - 24 aprile - 29 maggio - 12 giugno • È possibile effettuare voli scenici su
3 luglio - 29 luglio - 9 agosto - 21 agosto - 18 settembre varie zone della Namibia
con Tour Leader in loco

Da Milano a partire da € 3750


minimo 6 partecipanti Quando uno va molto lontano
viaggia anche nel tempo.
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200 E’ questa la ragione per cui
la mia vita mi sembra
così interminabilmente lunga?

Graham Greene, Due diari Africani


I luoghi:
Italia · Windhoek · Kalahari · Sossusvlei · Sesriem · Namib Desert · Swakopmund · Swakopmund ·
Walvis Bay · Cape Cross · Skeleton Coast · Damaraland · Twyfelfontein · Etosha · Windhoek · Italia

83
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 11:41 Pagina 84

Namibia

Africa di popoli dalla cultura originaria


17 10
GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL CAMPO FISSO

Una dei molti modi in cui si presume di poter etichettare la Namibia (paese dalle molte
varietà e, a volte, complessità) è di paese “vuoto”. Lo suggerisce un rapporto popolazione-
vastità del territorio che di certo regala quella prima impressione: circa 1.500.000 di abi-
tanti, su una superficie che è quasi tre volte l'Italia. La Namibia è invece, in realtà, anche
un interessante e composito mosaico di popoli, lingue e culture. E questo itinerario va alla
scoperta di questo intreccio di culture, ma anche di umanità; intreccio di tradizioni, modi
di vivere, specificità, capacità di inserirsi in un contesto sociale che vede la Namibia sem-
pre più vicina ai “nostri” canoni piuttosto che a quelli di un Paese dove alcune etnie con-
tinuano a rifiutare qualsiasi forma di “banale ammodernamento”. Tra tutti gli Himba e i
Boscimani (passando per gli Herero e gli Ovambo), che non sono popoli “folcloristici”, ma
i rappresentanti di una cultura assolutamente integra e originaria. Un viaggio non può,
però, analizzare solo un aspetto di un paese: ecco allora i “classici, dal parco Etosha alle
immense dune, dalle coste ai terreni aridi, alle città.

Come si viaggia:
• Hotel, lodge e campi tendati fissi
• Trattamento: come da programma
2011: 10 maggio • Itinerario in minibus, safari in 4x4
in compagnia di Paolo Ghirelli • Entrate ai parchi incluse

Da Milano/Roma a partire da € 4600 Non bisogna mai pensare


minimo 10 partecipanti a due culture diverse
come a due cose separate,
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200 due isole attraversate
da un mare, ma piuttosto
a due pareti della stessa
stanza, necessarie perché
la stanza esista.

I luoghi: Amitrav Ghosh


Italia · Windhoek · regione di Otjivarongo · Tsumkwe · parco Etosha · Ovamboland · Epupa falls ·
Damaraland · Cape Cross · Swakopmund · Deserto del Namib · Sossusvlei · Windhoek · Italia

84
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 11:41 Pagina 85

Viaggi di gruppo con TL

Namibia da nord a sud, dalle Epupa Falls al Fish Canyon


19 10
GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL CAMPO FISSO

Dici Namibia e dici ambienti diversi, spazi a volte sconfinati, particolarità geologiche e QUALCHE COSA IN PIÙ
specie animali che si adattano e modificano per adattarsi al terreno e alle complicate
situazioni ambientali. Se un Paese merita la denominazione di “molte Afriche” questo è • Nel Kalahari e all’Etosha il safari verrà
effettuato con fuoristrada aperti
proprio la Namibia. Che non solo ha tutto, ma lo ha anche nelle sue forme migliori e a
volte più estreme: dune tra le più alte dell’Africa e quindi del mondo, sabbie di forme e • Nel Namib verrà effettuata
colori differenti, mare e deserto che ci precipita dentro, animali nella savana e animali che una escursione in Quad Bike
vanno a scorazzare sulla battigia dell’Oceano, popoli sedentarizzati ed etnie che rifiutano
caparbiamente ogni contaminazione e occidentalizzazione; città che escono dal passato e • È possibile effettuare voli scenici su
varie zone della Namibia
miniere d’oro, spazi infiniti e particolarità morfologiche, colonie di otarie ed elefanti sulle
dune. Un itinerario completo che nulla tralascia degli ambienti namibiani: Il deserto del
Kalahari, Keetmanshoop e la foresta di kokerboom (dove domina l’endemica aloe
Dichotoma), le profondità del Fish River canyon, Luderitz e la città fantasma di Kolmaskop,
il deserto del Namib e le dune rosse di Sossusvlei, Swakopmund e la costa, il Damaraland
e il Kaokoland con i villaggi Himba; il Parco Etosha…

Come si viaggia:
• Hotel, lodge e campi tendati fissi
• Trattamento: come da programma
• Itinerario in minibus, safari in 4x4
2011: 10 settembre • Entrate ai parchi incluse
in compagnia di Elena Dacome

Da Milano/Roma a partire da € 4780


minimo 10 partecipanti

* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200 Il viaggio è uno spazio
in continuo movimento,
dove sembra fermarsi
soltanto il tuo tempo interiore

I luoghi: Javier Reverte, Vagabondo in Africa


Italia · Windhoek · il deserto del Kalahari · Keetanshoop · Fish River Canyon · Luderitz e la città
fantasma di Kolmaskop · Deserto del Namib · Sossusvlei · Swakopmund · Damarland · Kaokoland ·
Parco Etosha · Windhoek · Italia

85
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 11:41 Pagina 86

Namibia

Tre paesi, tre realtà in volo


17 2
NAMIBIA - BOTSWANA - ZAMBIA

GIORNI BASE PARTEC. HOTEL CAMPO FISSO

Per chi ama i safari, i deserti, i contrasti… Per chi desidera l’ insolito, per chi ha occhi dif- 1° - 4° giorno: Windhoek - Kaokoland -
Purros. Volo privato. Si parte per le grandi
ferenti. Uno sguardo impareggiabile dall’alto ma non solo, l’ottimizzazione dei tempi ed il distese della Namibia: la cordigliera, il
massimo comfort. Alla ricerca degli elefanti del deserto, tra fiumi secchi e sabbiosi nel Damaraland, le rocce rosse, le aspre distese
Kaokoland, lungo la striscia di Caprivi nel piccolo Okavango del Nord fino alle Cascate del Kaokoland. E’ un’ Africa più selvaggia,
più abbandonata. Sono qui le escursioni
Vittoria ma dalla parte dello Zambia in particolari lodge a ridosso delle cascate. Questo iti- migliori tra gorge e stretti passaggi.
nerario prevede il deserto del Namib, l’Oceano Atlantico e la parte Nord Ovest della 5° e 6° giorno: Kaokoland - Kunene
Kaokoland, l’area più selvaggia della Namibia che ancora non toccata dal grande turismo River. Sorvolo straordinario dell’area più
sperduta della Namibia sul fiume Kunene.
offre grandi emozioni in un elegante e raffinato campo. Ci si addentra nelle zone più remote 7° e 8° giorno: Caprivi - Kwando River.
alla ricerca degli elefanti da sabbia ed i famosi leoni della Skeleton Coast fuori dai parchi Ecco il Caprivi, dalla vegetazione lussureg-
nazionali. Si prosegue lungo la linea del Caprivi in un angolo di Africa lussureggiante con giante protetta ed alimentata dai grandi
fiumi: Okavango, Kwando e Zambesi.
splendidi safari tra i canneti e i papiri del piccolo delta dell’Okavango del nord. Gli ambienti 9° e 11° giorno: Botswana - Canale di
diventano più aridi quando si attraversa la steppa del Savute e arrivando alle Cascate Savuti. In volo da Susuwe a Kasane, al
Vittoria (tra lo sfavillio di tanti arcobaleni e il “canto” incessante di milioni di litri d’acqua) Savute. Due giorni in una zona di savana
arida dove si nascondono molti felini.
nella parte dello Zambia, si incontra un ambiente particolare dove Livingstone si affacciò 12° e 13° giorno: Chobe National Park.
per la prima volta nella grande spaccatura. Gioielli della natura, da vivere con il massimo Uno splendido sorvolo ed ecco il Chobe: gran-
comfort, facendo convivere il pregio delle strutture con quello dei luoghi incontaminati. Le di branchi di elefanti e molti felini...
14° e 15° giorno: Matetsi Water Lodge
notti: campi di charme, strutture capaci di rasserenare, una natura all’estremo confine… (Zimbabwe): Trasferimento via strada dal
grande parco del Chobe. Due giorni di relax
libero, con safari, in vetture aperte, notturni e
diurni, camminate, canoa.
16° e 17° giorno. Sindabezi a Living-
Come si viaggia: stone. Due notti a Sindabezi Island, piccola
• Hotel, lodge e campi tendati fissi isola sempre a ridosso delle cascate: una pic-
cola avventura elegante. Tongabezi va vissuto
• Trattamento: come da programma come parte di Africa genuina, molto elegante
• Itinerario in volo, fuoristrada e minibus e aperta completamente al fiume.
• Ranger-guide residenti parlanti inglese
• Tasse entrate nei parchi incluse
Volare è non essere
in nessun luogo
per una certa durata,
Da Windhoek una specie di vuoto nel tempo.
base 2 partecipanti a partire da € 10700 Poi appari in un luogo e
base 4 partecipanti a partire da € 9700 in un momento senza
rapporto col dove e col quando
in cui eri partito. Intanto cosa fai?

Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base della data e della vostra preferenza Italo Calvino, Se una notte d’inverno
quanto a compagnia aerea.

86
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 11:41 Pagina 87

Viaggi privati ed esclusivi

Suggestioni Africane, in volo


10 2
GIORNI BASE PARTEC. HOTEL CAMPO FISSO

ESTENSIONI POSSIBILI Il volo porta dritto al cuore del Parco Etosha, per due giorni di
NEI VIAGGI IN NAMIBIA foto-safari. Seguendo piste in terra battuta si va alla ricerca di
gruppi di elefanti raccolti attorno alle pozze d’acqua, di bran-
chi di erbivori in perenne movimento, di giraffe, felini…
• IL SUD. Il canyon più grande e spettacolare Dormiremo nell’Ongava Game Reserve, un gioiello al confine
dell’Africa, la foresta più “strana” e... meridionale del Parco dedito alla protezione dei rinoceronti.
Poi in volo verso lo spettacolare Damaraland, la terra del popo-
• NAMIB RAND NATURE RESERVE. lo Damara, dove possono essere avvistati i timidi “elefanti del
deserto” e i rari rinoceronti neri. Altre immagini: l’arte rupestre
Quando la conservazione raggiunge a Twyfelfontein, la sorvolata della Skeleton Coast, l’escursione
l’eccellenza. in barca a Walvis Bay, habitat di otarie e delfini. Il fascino del
Namib, uno dei luoghi più belli del mondo: dune arancioni e
• PARCO DELLA COSTA DEGLI SCHELETRI. silenzi abissali; vertiginose dune a Sossusvlei.
Atmosfere quasi surreali: Come si viaggia:
il deserto entra nell’Oceano. • Campi tendati fissi, lodge e hotel
• Trattamento: come da programma
• Itinerario in volo, fuoristrada e minibus
• MARE IN MOZAMBICO. • Ranger-guide residenti parlanti inglese
A completamento di un viaggio in Paesi • Tasse entrate nei parchi incluse
dell’emisfero australe, alcuni giorni di relax Da Windhoek
al mare nelle affascinanti isole dell’Oceano base 2 partecipanti a partire da € 4700
Indiano o lungo la costa mozambicana; base 4 partecipanti a partire da € 3400
destinazioni conosciute come...
Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base
“lusso a piedi scalzi”: gli arcipelaghi di della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea.
Bazaruto e delle Quirimbas, la Penisola di
1° giorno: Windhoek. All’arrivo in Namibia ci accolgono
Barra. Durata minima consigliata 4-5 notti. architetture teutoniche e costumi Herero.
Estensione possibile solo via Johannesburg. 2°-3° giorno: Ongava G.R. - Parco Etosha. Safari no-stop;
campo/lodge ad Ongava, al confine meridionale del Parco,
dove si “proteggono” i rinoceronti; il regno della fauna nami-
biana; gli animali alle pozze.
4°-5° giorno: Damaraland. Verso sud e la terra del popolo
Damara, paesaggi mozzafiato e contrasti di colore, rocce scure
e arenarie rossastre; elefanti del deserto e rinoceronti neri.
6°-8° giorno: Swakop - l’oceano e il Namib. Dune arancio-
ni e oceano blu; con un volo spettacolare si osservano le sagome
dei relitti delle navi; escursione in barca; il Namib, immensa
distesa di silenzio.
9°-10° giorno: Windhoek. Volo tra l’altopiano e la fascia
costiera, poi imbarco su volo di linea e rientro.

87
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 11:41 Pagina 88

Namibia

Conoscere la Namibia Kaokoland


10 2
GIORNI BASE PARTEC. HOTEL CAMPO FISSO
3 2
GIORNI BASE PARTEC. HOTEL CAMPO FISSO

Costruendo un catalogo si possono fare due scelte: moltipli- Con questa integrazione siamo al caso in cui un viaggio
care i viaggi o prenderne alcuni come base e poi diversificare. si trasforma in un “altro viaggio” perchè alcune gior-
Il che non vuole dire fare solo piccole estensioni o rapidi “toc- nate vanno (ancor più che possono) inserite all’interno
cata e fuga”, ma poter disegnare “viaggi altri”. Se a 11 giorni dell’itinerario base. Certo, si potrebbe immaginare una
in Namibia (viaggio completo, ma di certo non esaustivo del semplice estensione, una sorta di allungamento capace
Paese) aggiungi ad esempio il Kaokoland fai un altro viaggio di far vedere e conoscere altri aspetti del paese, ma
(per completezza e tempi); se aggiungi alcuni giorni in solo l’inserimento all’interno dell’itinerario, con una
Botswana non hai sommato alla Namibia la visione del Delta, collocazione ben precisa, permette di dare continuità,
fai un altro viaggio. E’, dicevamo, una questione di scelte: puoi evidenza e rigore al viaggio.
pubblicare 10 viaggi diversi o “solo” alcuni viaggi e trasfor-
mandoli (aggiungere, intercalare, modificare il senso stesso di A bordo di un piccolo monomotore, che ci permette di
un viaggio) renderli nuovi, diversi, più adatti alle esigenze, ai ammirare la natura, varia e “strana”, da un punto di vista
desideri, ai gusti del viaggiatore. assolutamente privilegiato, voliamo dalle rocce rosse del
Come si viaggia: Damaraland verso le aspre distese del Kaokoland.
• Hotel, lodge e campi tendati fissi Immediatamente si avverte un altro tipo di Africa, più sel-
• Trattamento: come da programma vaggia, più abbandonata, in qualche caso più desolata. La
• Itinerario in fuoristrada
sabbia a volte bianca a volte nera si alterna a sperdute
• Guida locale-accompagnatore parlante italiano
• Tasse entrate nei parchi incluse oasi di palme. Si è sulla rotta degli elefanti del deserto che
attraversano, grazie anche alla modificazione genetica,
Da Windhoek per adattarsi ad una natura difficile, delle poderose zampe,
base 2 partecipanti a partire da € 3900 immensi fiumi secchi e sabbiosi. La scelta di soffermarsi in
base 4 partecipanti a partire da € 3200 questa zona è per l’ambiente circostante e per un’escur-
base 6 partecipanti a partire da € 2800 sione inclusa con ranger e con le loro vetture alla ricerca
Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base dell’elefante del deserto e spesso, quasi sempre si incon-
della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea. trano famiglie intere. Sono qui le escursioni migliori tra
gorge e stretti passaggi fino ai fiumi che segnano un per-
1°-2° giorno: Windhoek - Kalahari. La sabbia rossa dell’an-
tico deserto e l’incontro con i suoi abitanti “antichi”. corso importante per questi animali. E' un'esperienza indi-
3°-4° giorno: Sossusvlei - Sesriem. Le vertiginose dune menticabile seguire le loro impronte lungo fiumi secchi e
albicocca di Sossusvlei; un’Africa dei grandi spazi e dei colori. sabbiosi tra piccole oasi di verde dove questi animali tro-
5° giorno: Namib Desert - Swakopmund. Il “luogo senza nes-
suno”; gli enormi monoliti, la valle della Luna, l’Oceano a Swakop. vano sorgenti naturali. Ultimamente sono stati avvistati
6° giorno: Swakopmund - Walvis Bay. Tra oceano e dune che leoni che percorrono queste aspre piste inseguendo gaz-
si perdono nelle onde; un autentico paradiso per gli ornitologi. zelle, orici, giraffe e zebre. Sistemazione in pensione com-
7° giorno: Cape Cross - Skeleton Coast. Un ecosistema
unico e delicato; le otarie. pleta nell’elegante Okahirongo Elephant Camp.
8° giorno: Damaraland - Twyfelfontein. Il popolo Damara,
la sua antica cultura e le tradizioni; la storia nell’arte rupestre. Da Twyfelfontein
9°-10° giorno: Etosha - Windhoek. Gli animali e le pozze
d’acqua, spesso insieme; il rito quotidiano dell’abbeverata; il base 2 partecipanti a partire da € 1350
Pan, abbagliante superficie di argilla e sale. base 4 partecipanti a partire da € 1150

88
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:35 Pagina 89

Viaggi privati ed esclusivi

Delta dell’Okavango Kalahari e Fish River Canyon


3 2
GIORNI BASE PARTEC. HOTEL CAMPO FISSO
3 2
GIORNI BASE PARTEC. HOTEL CAMPO FISSO

Questa integrazione ha il pregio di poter essere inserita, Si può configurare come un’estensione o come un’integrazio-
come una vera estensione, alla fine del viaggio: lo arricchi- ne. Sta bene alla fine del viaggio, perchè lo completa, e allo
sce senza nulla togliere alla logica e alla continuità dell’i- stesso tempo dà la possibilità al viaggiatore di ampliare quella
tinerario base. Sicuramente trasforma il viaggio in Namibia conoscenza del paese che trasforma l’itinerario in un viaggio
in un “altro viaggio”: è in questo senso che parliamo e scri- completo alla scoperta delle tante diversità della Namibia.
viamo di integrazioni capaci di creare un viaggio nuovo.
Verso sud, direzione Sud Africa. Le prime suggestioni:
Volo di linea per Maun e successivo trasferimento in volo nel Keetmanshoop e la foresta di kokerboom con la sua endemica
Delta dell'Okavango. Il volo, che si svolge a bassa quota, offre aloe dichotoma. Ambienti desertici e montagnosi in cui domi-
l'opportunità impareggiabile di osservare un paesaggio unico al nano i beige e i marroni delle rocce, in contrasto con i violenti
mondo: solo dall’alto si riesce ad avere una visione veramente blu dei cieli sempre tersi. Improvviso il Fish River Canyon, il
d’insieme. Il Delta è un ecosistema senza uguale situato al cen- canyon più spettacolare ed esteso del continente. La cena e il
tro di una delle maggiori distese di sabbia del mondo, il Bacino pernottamento al Canon Lodge saranno il giusto relax dopo le
del Kalahari, proprio come un’oasi in un territorio inospitale. La prime, importanti emozioni. Ancora adrenalina da viaggiatore
vegetazione e’ lussureggiante e l’avifauna è tra le più ricche alle prime luci del mattino. Il Fish River Canyon si presenta in
d’Africa. Il fiume Okavango ha la propria sorgente nell'Alto- tutta la sua maestosità: 160 km di lunghezza per 27 km di lar-
piano di Benguela in Angola e prima di penetrare in Botswana ghezza con una profondità del canyon interno pari a 550 metri.
attraversa circa 1.300 km di sabbia, poi si allarga e si disperde Le gole sono il risultato di migliaia di anni di erosione da parte
formando tre corsi principali ed un infinito numero di ramifi- del Fiume Fish che ancora oggi scorre nei mesi di marzo-aprile
cazioni: rivi, pozze e lagune di acqua incredibilmente limpida e prima di gettarsi nel Fiume Orange, 70 km più a sud. Si cambia
pura che coprono una superficie di circa 16.000 kmq. I paesag- direzione: destinazione costa atlantica, costeggiando il famoso
gi dell'Okavango, le oltre 600 specie di animali e uccelli che vi “Sperrgebiet” ovvero la zona diamantifera proibita. Singolare il
abitano, la vita acquatica, tutto rende questa parte del conti- Garup dove, con un po’ di fortuna si vedono i cavalli selvaggi del
nente africano, totalmente sconosciuta ai più, una delle mete deserto del Namib, l’unica “specie” adattatasi alla vita nel deser-
più straordinarie. In questo connubio di terra e acqua è il vero to e la cui origine è fonte di varie speculazioni. Ecco Luderitz,
trionfo della natura: pellicani, egrette, cicogne, aquile pescatri- surreale e unica: un gruppetto di case in stile bavarese arroccate
ci, pesci tigre, coccodrilli, ippopotami, elefanti e anche, con un sulla ventosa costa che condividono le spiagge desolate con
po’ di fortuna, predatori. Giornate interamente dedicate ai otarie, pinguini e fenicotteri. Dormire qui è come dormire nel
foto-safari e alla scoperta di questa parte del Delta con safari passato... Si affaccia il terzo giorno con la curiosità di vedere
a piedi accompagnati dal ranger e in mokoro - le piroghe “loca- cosa rimane di Kolmanskop, la “città mineraria fantasma”:
li” condotte da esperti piroghieri - lungo i rivi e le lagune da cui curiosità appagata. Un ultimo obiettivo, Diaz Point, 22 km a sud,
emerge la ricca vegetazione: papiri e giunchi, alte palme, can- ove si ammirano il faro e la lapide che commemora il viaggio del
dide ninfee e boschetti di mopane. L’accesso alla zona è solo 1488 di Bartolomeu Diaz, navigatore portoghese.
per via aerea. Pasti e pernottamenti a Camp Okavango.
Da Windhoek
base 2 partecipanti a partire da € 1760
Da Maun a partire da € 1450 base 4 partecipanti a partire da € 1200
base 2 partecipanti base 6 partecipanti a partire da € 1000

89
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:35 Pagina 90

Botswana

ZAMBIA

Kasane
Delta Parco
dell’Okavango Chobe
Xai Xai Parco Moremi ZIMBABWE
Bacino salato
Tsau Makgadikgadi
NAMIBIA
Maun Rakops CENTRAL NORTHEAST
Orapa Francistowo
Ghanzi Letlhakane
Serowe
GHANZI Sefophe
Palapye
Mahalapye
KWENENG KGATLENG
Tshane
Molepole Mochudi
KGALAGADI Gaborone
Kanye SOUTHEAST
Deserto del Kalahari
SOUTHERN

SUD AFRICA

Perché con noi


Se vi dicessimo che abbiamo scoperto questo paese avreste tutto il diritto di sorridere. Fenomeni straordinari, unici,
sconvolgenti come il Delta, con le sue acque che affiorano e spariscono, non “si scopre”. Certo, e lo abbiamo fatto, si
può scoprire e far scoprire che il Botswana non è solo il Delta, che si possono fare itinerari e scoprire luoghi oltre il
Delta. Che si può armonizzare il desiderio di ricerca, la voglia di soddisfare la propria curiosità di viaggiatori, senza
impattare sull’ambiente, senza accalcarsi tutti “e solo” tra lagune, canneti, ninfee e animali all’abbeverata. Per noi il
Botswana è acqua, ma anche terra. Per questo alterniamo safari di acqua e safari di terra. Per questo possiamo, senza
tema di smentita, offrire un’esperienza trentennale nel paese suggerendo itinerari originali e curati fino nel più piccolo
dettaglio soddisfacendo ogni vostro desiderio. E scegliendo le migliori strutture e quelle più adatte alla situazione.

90
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:35 Pagina 91

Perché andare

Difficile domandarsi perché andare in Botswana. Difficile perché scontata la risposta: si può rinunciare ad un unicum? Una
rarità difficile da descrivere, un paese dominato da “elementi” quali l’acqua, il sale e la sabbia? Dove tutto parla di natura,
di animali, di Africa? Certo, pensi al Botswana e immediatamente vai con la mente al Delta dell’Okavango. Né potrebbe
essere diversamente visto che parliamo di un fenomeno che non ha eguali (almeno in queste proporzioni, con questa inten-
sità) al mondo. Eppure è difficile raccontare l’emozione, più ancora della suggestione, di questo luogo; parlare della sor-
presa, riviverne la magia, narrarne le mille diversità, le atmosfere rarefatte, le suggestioni, la prorompente vitalità. La sor-
presa, ovviamente! Di vedere l’acqua irrompere e poi sparire, ricomparire ed acquattarsi sotto un velo di sabbia, creare
canali e lagune ed abbellirli con ninfee e giochi di canne. Certo, la presenza di animali è importante, dà vita, rende tutto
più “completo”, ma nulla batte l’atmosfera, i colori pastello che tingono le acque al tramonto, il silenzio rotto solo dal con-
certo degli uccelli, veri protagonisti, “padroni” del Delta. Ma non facciamo l’errore di pensare che il Botswana sia solo il
Delta. Certo è la sua parte più nota e singolare, ma qui conta anche “la terra”. Quella dei parchi grandiosi ed abitati da
tutta la fauna africana; quella del grande deserto del Kalahari, cerniera tra più paesi, deserto vero, arido, forte, isolato,
ancor più duro perché caratterizzato da piane inospitali più che da formazioni dunarie. Deserto invivibile, ma non per i
Boscimani, i piccoli uomini del deserto capaci di adattarsi. Non ci sono più i grandi gruppi dei San, ma sopravvive la loro
cultura, antica, viva molto più di quanto si possa pensare. A questi popoli e alla loro cultura vanno ascritte le prime, in
assoluto, espressioni di arte rupestre. Più che di luoghi racconta di emozioni, trance, visioni. Infine il sale: affiorante, capace
di ricoprire di uno specchio abbacinante gli antichi laghi ormai secchi. Capace di essere cerniera tra terra e acqua.

91
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:35 Pagina 92

Botswana

In mezzo agli animali La terra dei San


12 4
GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL PREALLESTITE
14 8
GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL PREALLESTITE

Un ambiente in cui terra e acque si fondono. L’immenso Delta Il Botswana, ancora molto spesso erroneamente considerato
dell’Okavango, una distesa enorme di lagune, rivi ed isole; il come “troppo conosciuto”. Un Paese capace invece di rega-
fiume, al margine della distesa di arenaria del Kalahari, si allar- lare luoghi ancora intatti e suggestioni tutte da scoprire. Il
ga e si disperde su 16.00, Km2 formando insenature, pozze Delta dell’Okavango, confusione di terra e acque al margine
ricoperte di papiri e ninfee e limpide lagune che improvvisa- della distesa del Kalahari. l’arido regno dei San, i “boscimani”:
mente scompaiono nel sottosuolo: luogo spettacolare e unico. un deserto in cui si aggira il leone dalla criniera nera.
In barca, a piedi, con i mokoro a pertica, immersi in una natura Regalano emozioni le notti al campo, ammantate dalle mille
intatta da millenni e abitata da più di seicento specie di ani- voci di una natura forte. L’abbeverata delle zebre e degli gnu,
mali: un mondo di colori e di armonia. Il Parco Moremi, uno i nugoli di fenicotteri e pellicani, gli uccelli diversi e rari. Le
dei grandi “santuari” della natura e il Parco del Chobe, una irruzioni dei predatori intorno alle affollate pozze delle piane
vasta estensione di foresta e savana; il Savuti dove abbondano di sale di Makgadikgadi. Il Kalahari, di aspra bellezza, orizzon-
tutte le specie. Infine le Cascate Vittoria, milioni di litri d’aqua te senza fine di erbe che “si infiammano” al tramonto. In
che precipitano con rumore assordante creando suggestivi piroga fra giunchi, papiri, lagune nel Delta dell’Okavango, un
arcobaleni. Nei campi, che troveremo allestiti dallo staff, tende ambiente primordiale. Attorno a Tsodillo Hills, si tramandano
alte, lettini, materassi, doccia e wc da campo mobile. i miti e le “favole” dei Mbukushu e dei San... Su rocce solitarie
autentici tesori di arte rupestre raccontano la vita di popoli e
di luoghi. Stile di vita, metodi di guarigione, tecniche di cac-
Come si viaggia: cia dei nomadi San, cacciatori-raccoglitori.
• Campi tendati preallestiti e hotel
• Trattamento: come da programma
Come si viaggia:
• Itinerario in fuoristrada
• Hotel e campi tendati preallestiti
• Guida locale parlante inglese
• Trattamento: come da programma
• Tasse entrate nei parchi escluse
• Itinerario in fuoristrada
• Guida locale parlante inglese
• Tasse entrate nei Parchi escluse
2011: 20 aprile - 18 maggio - 8 giugno
con Tour Leader in loco 2011: 12 giugno
31 luglio - 10 agosto - 20 agosto in compagnia di Elena Dacome
in compagnia di Francesca Serafin 7 agosto
con Tour Leader dall’Italia
Da Milano a partire da € 3550 Da Milano a partire da € 4950
minimo 4 partecipanti
minimo 8 partecipanti
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pag. 200 * Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pag. 200

I luoghi:
I luoghi: Italia · Maun · Nxai · Makgadikgadi · Riserva del Kalahari Centrale ·
Italia · Maun · Delta dell’Okavango · Riserva di Moremi · Savuti · Delta dell’Okavango · Xai Xai, l’incontro con i San · Tsodillo Hills ·
Parco Chobe · Cascate Vittoria · Victoria Falls · Italia Maun · Italia

92
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:36 Pagina 93

Viaggi di gruppo con TL

Avventura africana
14 6
BOTSWANA - NAMIBIA - ZIMBABWE

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL PREALLESTITE CAMPO FISSO

ll viaggio è una proposta “speciale” costruita inserendo ciò che più valorizza questa parte
dell’Africa. Un viaggio che tocca tre Paesi: Botswana, Namibia e Zimbabwe percorrendo strade
che attraversano parchi e deserti. Un viaggio nell'Africa dei parchi più spettacolare, per chi desi-
dera scoprire o risentire il richiamo di una natura ancora intatta, un viaggio che permette l'in-
contro con la fauna africana. A cominciare da uno dei luoghi più magici del pianeta: dove l'acqua
si fonde con la terra e così permette la vita… Il Delta dell’Okavango: uno spettacolo unico in cui
acqua e terra si fondono; un angolo di mondo caratterizzato dalla particolarità geologica di un
fiume che scompare nel deserto dopo essersi diviso in tre rami principali ed in una ragnatela di
piccoli corsi d’acqua, rivi, lagune, pozze ricoperte di ninfee, argini ricchi di alti papiri. Un paradiso
dai mille colori da percorrere in barca, assaporandone piano tutta la calma armonia e tutto il
singolare, unico fascino. Dopo il Delta, ecco la vegetazione lussureggiante del parco Moremi; poi
il Chobe, un parco dalle mille sorprese, con il maggior numero di elefanti dell’Africa; la savana
del Savuti, dove abbondano animali di moltissime specie. Un viaggio per chi non vuole rinunciare Come si viaggia:
alla bellezza dei campi tendati mobili ma cerca anche un certo comfort. • Hotel
• Campi tendati fissi e campi tendati
mobili preallestiti
• Trattamento: come da programma
• Itinerario in fuoristrada
• Guida locale parlante inglese
2011: 10 maggio - 10 luglio • Tasse entrate nei Parchi escluse
in compagnia di Gabriele Fiorese
7 agosto
in compagnia di Marino Bonomelli

Da Milano a partire da € 4500


minimo 6 partecipanti Sembra che solo gli uccelli
abbiano l’indole di essere
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200 allegri e felici per sempre:
cantano uscendo dall’uovo,
cantano da adulti e
cantano da vecchi

I luoghi: Njunaj
Italia · Maun · Delta dell’Okavango · il deserto del Kalahari · Tsodillo Hills · il Caprivi · il parco Chobe ·
le Victoria Falls · Italia

93
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:36 Pagina 94

Botswana

In volo sulla natura Vie d’acqua, in volo


8 2 10 2
BOTSWANA - NAMIBIA - ZAMBIA

GIORNI BASE PARTEC. HOTEL CAMPO FISSO GIORNI BASE PARTEC. HOTEL CAMPO FISSO

Un viaggio capace, grazie alla possibilità di ottimizzare i tempi, Sui grandi fiumi dell’Africa Australe. Un viaggio accompa-
di “ridisegnare” il Botswana facendolo uscire dallo stereotipo gnati dalla magia dell’acqua, seguendo e sorvolando tre grandi
di “Paese del Delta”. Perché questo paese non è solo quel mira- fiumi Africani: il Kunene, che segna il confine tra Angola e
colo sconvolgente dell’acqua che affiora e sparisce, che scorre Namibia, l’Okavango, unico fiume che “va a morire” nelle sab-
lenta o si nasconde in lagune colorate. In alcune zone non è il bie di un grande deserto, e maestoso fiume Zambesi che ci
regno di “tutti” gli animali, ma il paradiso di milioni di uccelli riporta alle prime esplorazioni di Livingstone. Le suggestioni
di specie diverse e rare; dove le zone asciutte sono maggiori, dell’acqua legate ad ambienti naturali diversissimi sebbene
diviene centro di raccolta di branchi di animali al pascolo o in legati da una natura integra, emozionante, di grandissimo
caccia, ospitandoli poi, sulle rive delle lagune. Un viaggio che respiro, regno incontrastato di tutte le specie animali. E se il
alterna safari di terra e d’acqua distinguendo le zone e non Kunene segna singolarmente il deserto, l’Okavango ci si perde
risiedendo sempre nello stesso lodge, pur esclusivo e di char- in quell’oceano di acqua e vegetazione che è il Delta, un luogo
me. Non solo il Delta, ma anche Savuti, Linyanti e Chobe. dal fascino unico. Sorvolati grandi parchi e quel Caprivi lonta-
All’insegna dell’acqua, infine le Cascate Vittoria. no da ogni meta turistica, ecco irrompere con tutta la sua
potenza il grande Zambesi e le sue rive animate.
Come si viaggia:
• Hotel, lodge e campi tendati di lusso
• Trattamento: come da programma Come si viaggia:
• Itinerario in volo con escursioni e safari in 4x4 • Hotel, lodge e campi tendati fissi
• Escursioni nel Delta in barca, mokoro e a piedi • Trattamento: come da programma
• Ranger-guide residenti parlanti inglese • Itinerario in volo, safari in barca e 4x4, trasferimenti in minibus
• Tasse entrate nei parchi incluse • Ranger-guide residenti parlanti inglese
• Tasse entrate nei parchi incluse
Da Victoria Falls a partire da € 3000
base 2 partecipanti Da Windhoek
base 2 partecipanti a partire da € 5900
Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base base 4 partecipanti a partire da € 5600
della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea.
1° giorno: Johannesburg - Victoria Falls. Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base
2°-3° giorno: Victoria Falls - Parco Chobe. Il mitico fiume della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea.
Zambesi si getta da ben 95 m. nel vuoto creando nubi di vapore
acqueo che si innalzano nel cielo come arcobaleni. Il Parco 1°-3° giorno: Windhoek - il Kaokoland - Kunene River.
Nazionale del Chobe, la numerosa popolazione di elefanti che Sorvolo nell’area più sperduta della Namibia sul fiume Kunene.
segue precise rotte migratorie. Presente tutta la “popolazione” ani- 4-5° giorno: Caprivi - Okavango River. Si sorvola il nord
male dell’Africa, anche l’avifauna è particolarmente ricca: aquile del paese, dapprima seguendo il percorso del fiume Kunene per
pescatrici, oche selvatiche, cicogne, egrette, pivieri, pellicani, etc… poi entrare nella striscia del Caprivi, zona poco conosciuta.
4° e 5° giorno: Riserva di Moremi. Volo panoramico fino alla 6°-7° giorno: Matetsi Water Lodge (Zimbabwe).
Riserva di Moremi, sulle sponde orientali del Delta dell'Okavango Trasferimento via strada dal grande parco del Chobe. Safari
di cui ne incorpora ben il 20%. Uno dei più bei parchi d’Africa sia in vetture aperte notturne e diurne, crociere in barca e canoa.
per i paesaggi che per l’abbondanza della fauna africana. 8°-9° giorno: Sindabezi a Livingstone. Fascino straordina-
6° e 7° giorno: Delta dell'Okavango. Giornate indimenticabili rio per la conclusione del viaggio. Trasferimento via terra a
in un ecosistema unico al mondo. Da vivere e non da descrivere. Tongabezi e Sindabezi Island. Due notti a Sindabezi Island:
Un connubio di terra e acqua che è un vero trionfo della natura. piccola isola sempre a ridosso delle cascate; l’ambiente è verde
8° giorno: Delta - Maun - Johannesburg. A Maun in volo: e folto. Una piccola avventura elegante.
un’ultima panoramica sull’affascinante mondo del Delta. 10° giorno: rientro in Italia.

94
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:36 Pagina 95

Viaggi privati ed esclusivi

Sabbia, sale, acqua: il sud


8 2
GIORNI BASE PARTEC. HOTEL CAMPO FISSO

Un itinerario ben pensato per fare certe zone, scoprire certi


aspetti, approfondire “alcuni” luoghi. Cominciamo col Delta:
animali all’abbeverata e soprattutto uccelli, di mille specie, di
infiniti colori. Poi “la terra”. Per terra intendiamo ad esempio il
“pan”: piane di sale, le più ampie al mondo, punteggiate di isole
di vegetazione e, dopo il periodo delle piogge, invase da enormi
mandrie di orix, zebre e gnu. Zone protette, riserve naturali per
difendere ecosistemi altrimenti in via di estinzione. Non solo
acqua e non solo sale. Ecco irrompere il deserto, ecco gli immen-
si spazi, gli orizzonti senza fine, un mare di erba dorata, albe e
tramonti di fuoco e una ricchezza di felini da lasciare senza
fiato. E’ il Kalahari centrale: godiamocelo!

Come si viaggia:
• Hotel, lodge e campi tendati fissi
• Trattamento: come da programma
• Itinerario in volo, safari in 4x4
• Ranger-guide residenti parlanti inglese
• Tasse entrate nei parchi incluse

Da Maun a partire da € 5820


base 2 partecipanti

Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base
della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea.

1°-2° giorno: Maun - Makgadikgadi Pans. Maun, la cittadina


di “frontiera”; i Makgadikgadi Pans, piane di sale, fra le piu’ ampie
al mondo, punteggiate da isole di vegetazione, interessanti durante
e dopo le piogge, quando mandrie sconfinate migrano nei bacini
erbosi del Nxai. Incontri con: leoni, iene, giraffe, kudu, impala,
struzzi, springbok, sciacalli, otocioni, …e naturalmente l’avifauna.
3°-4° giorno: Riserva del Kalahari Centrale. L’affascinante e
remota regione del Central Kalahari: immensi spazi, orizzonti
senza fine, un mare di erba dorata, albe e tramonti di fuoco, …La
Riserva è ubicata in mezzo al “deserto” omonimo, e con i suoi
52.000 kmq di territorio è il parco più grande del Botswana.
5°-7°giorno: Maun e Delta dell'Okavango. In volo a bassa
quota per il Delta, per osservare un paesaggio unico al mondo, per
avere una visione veramente d’insieme. Alla scoperta del Delta a
piedi, in jeep e in mokoro: lagune, papiri e giunchi, alte palme, can-
dide ninfee e boschetti di mopane. Paesaggi e oltre 600 specie di
animali e uccelli: il Delta, una delle mete più straordinarie.
8° giorno: Maun, partenza. Ultimo volo panoramico sul delta.

95
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:36 Pagina 96

Sud Africa

ZIMBAWE

Messina
Parco
NORTHERN Kruger
TRANSVAAL
BOTSWANA (LIMPOPO)
Nylstroom
MOZAMBICO

Pretoria Nelspruit
Mmabatho Johannersburg EASTERN
NORTH-WEST TRANSVAAL
NAMIBIA GAUTENG
KALAHARI SWAZILAND
Klerksdem Standerton
Vryburg
DESERT Hotazel
Kroonstad Golela
Sishent
KWAZULU
Upington ORANGE FREE NATAL Ulundi
STATE
Kimbarley Ladysmith
Mt. Drakensberg Mpumalanga
Port Nolloth Bloemfontein
Springbok NORTHER LESOTHO
Durban
CAPE
De Aar
Port Shepstone
Victoria West
Calvinia Middelburg Umtata
Queenstown
Vanrhynsdorp
Oceano
EASTERN CAPE
Beaufort West
East London
Indiano
Saldanha Bisho
WESTERN CAPE
Worcester
Cape Town Garden Route
Swllwndam Port Elizabeth

Oceano
Atlantico

Perché con noi.


Facile scrivere: perché ci abbiamo creduto quando ancora in pochi ci andavano. E perché non abbiamo mai voluto vedere
nel Sud Africa una gallina dalle uova d’oro: la meta super gettonata da “vendere” senza tanti perché, in grandi numeri,
senza scelta, senza innovazione, nei “soliti” seppur bellissimi parchi, sfruttando a volte più la bellezza di alcuni lodge che
quella straordinaria della natura. La nostra programmazione ha sempre cercato luoghi diversi o modi diversi per vedere ciò
che non si può non vedere, ma puntando a farlo con occhio diverso e tempi congrui. Ci hanno affascinato i Parchi e le
Riserve, ma tra quelle a tanti posti letto e quelle, magari private, con poche stanze abbiamo naturalmente scelto le secon-
de. Così come abbiamo evitato il “solo e tutto animali” per indagare anche luoghi di grande interesse e comunque diversi.
Insomma un Sud Africa che guarda ai Big Five, ma anche agli uomini, alla cultura, all’arte, al mare, alle città.

96
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:36 Pagina 97

Perché andare

I geografi sono pignoli: quasi il 90% del territorio del Sud Africa è coperto da foreste e savane; insomma, è territorio di
animali di ogni specie. Detta così (e se i geografi sbagliano non fa grande differenza: di riserve, parchi e savane ce n’è da
perdere la testa e il conto) pare che tutto il Sud Africa sia praticamente un grande parco, che gli animali siano dietro ad
ogni angolo, che la monotonia regni sovrana… Certo, di Africa della natura (o Africa degli animali) ce n’è una certa quan-
tità. Ma uscito dai documentari che su questo paese sono stati prodotti a migliaia, ti accorgi che il Sud Africa è “anche”
quello e molto altro ancora. Se ti aveva fatto sorridere la semplicistica definizione “l’Africa in un paese”, cominci a ripen-
sarci e a non sorridere di questo. Certo, non c’è proprio tutta, mancano i deserti sconfinati e attraversabili, quelli delle dune
come onde e del grande silenzio; non mancano i mercati, ma manca il vociare frenetico di certi paesi sub sahariani; ci sono
le etnie, ma quelle rimaste a livello primordiale non le trovi. Eppure…eppure tutto questo non ti manca. Il Sud Africa è
molto, moltissimo. E’ diversità di ambienti, diversità di situazioni. Parrà un paradosso, ma è anche diversità di parchi e riser-
ve. Quasi si specializzassero per caratteristiche morfologiche e per specie presenti. Il Sud Africa è mare, è scogliere, è capi
che si protendono tra le onde dell’Oceano ed è baie preservate, fiordi, lagune. E’ territorio di elezione per foche, pinguini e
leoni marini, ma anche luogo eletto dalle balene per “svernare”, per accoppiarsi, per far nascere i piccoli ed allenarli al mare
aperto. Il Sud Africa è singolarità geologiche, è montagne che sfidano il cielo, è altopiani; è vaste estensioni di vigne e
altrettanto numerose cantine dove il vino si fa degustare. E’ un paese che si permette persino il lusso, nonostante tanta
vegetazione, di esser per larghissima parte malaria-free. Così come ha ormai raggiunto la capacità di accogliere in strut-
ture di comfort, di classe, di lusso. In questo senso fa molto “un po’ di Europa in Africa”.

Gli uomini scendevano tra due filari lunghi, regolari di alberi. Uno degli uomini camminava avanti e, tenendo un pic-
colo fanale di bicicletta, che funzionava a pile, faceva strada mentre quelli dietro di lui danzavano al buio.
Tutt’intorno la notte era silenziosa, ora che i grilli avevano cessato il loro stridio leggero, ma in lontananza altri, che
non avevano percepito la presenza degli uomini, continuavano il loro monotono cri-cri. Da una qualche parte, ancor
più lontano, un cane abbaiò con guaiti brevi, acuti; poi all’improvviso smise. Gli uomini stavano attraversando un
frutteto di limoni e l’odore aspro, dolceamaro degli agrumi fluttuava nell’aria notturna. “Non andare così veloce –
disse l’ultimo del gruppo - qui dietro è buio come l’anima di un kaffir”. Parlò piano, come se l’oscurità richiedesse il
silenzio. Nel buio il viso dell’uomo non era che un’ombra sfuocata, più scura nelle cavità e più chiara nelle sporgenze.
L’oscurità della notte si accoccolò sul frutteto e le foglie frusciarono con un mormorio disarmonico, in contrasto con
il profumo dei limoni. Poi la luna uscì dalle nuvole bagnando d’argento le foglie degli alberi.
Alex La Guma, L’Agrumeto (da: racconti dall’Africa)

97
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:36 Pagina 98

Sud Africa

Classico con charme Fuga al capo


10 2
GIORNI BASE PARTEC. HOTEL CAMPO FISSO
12 2
GIORNI BASE PARTEC. HOTEL CAMPO FISSO

La classicità, se vogliamo, è una definizione della nostra cul- Viaggio in un Paese dai contrasti forti e dalle molte attrattive,
tura occidentale, ma quando ci riferiamo a questo viaggio tra ambienti africani veri e "mondi" occidentali. L'incontro con
intendiamo, non solo l’estetica del gusto anglosassone mesco- gli elefanti e la grande fauna africana nell'Addo National Park.
latosi nella storia delle culture sudafricane, ma anche l’incon- Ambienti selvaggi e città come Cape Town, un angolo
tro con ciò che più si identifica con il nostro immaginario. d'Europa. Un fiorire di colori e i lembi più estremi della terra
L’eclettica Città del Capo ci introduce in siti unici come il pit- d'Africa. Spunti che suscitano emozioni continue: antiche
toresco “quartiere malese” dalle case colorate con il tetto piat- città e paesaggi di terra e di mare. La forte e al contempo
to, o al Cape Castle, il più antico castello del Sud Africa o sul- dolce natura di Cape Peninsula tra passeggiate e un'uscita in
l’isola di Robben, triste prigione di Nelson Mandela; ma anche barca che porta a contatto con otarie e pinguini. La punta
alle meraviglie della Penisola del Capo, a vedere le otarie, i pin- meridionale dell'Africa e le balene australi che qui vengono a
guini, i babbuini. Da Johannesburg ad uno dei Canyon più partorire; Cape Agulhas, il punto all'estremo sud del continen-
profondi del mondo, al Kruger N.P. dove, durante i safari, i te africano; la Garden Route e le bianche spiagge, i parchi, le
grandi mammiferi dei nostri sogni compariranno liberi... vallate, le gole, le foreste che incontrano il mare.
Come si viaggia: Come si viaggia:
• Hotel 5 e 4 stelle, lodge e campi tendati fissi • Piccoli hotel 4 e 5 stelle, lodge, rest camps 3 stelle
• Trattamento: come da programma • Trattamento: come da programma
• Itinerario in minibus e 4x4 al Kruger NP • Itinerario in minibus e 4x4 • Tasse entrate nei parchi incluse
• Guida locale parlante italiano • Tasse entrate ai parchi incluse

Da Città del Capo Da Città del Capo


base 2 partecipanti a partire da € 2950 base 2 partecipanti a partire da € 2980
base 4 partecipanti a partire da € 2200 base 4 partecipanti a partire da € 2000
base 6 partecipanti a partire da € 1850 base 6 partecipanti a partire da € 1700

Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base
della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea. della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea.

1° giorno: Città del Capo. “La città madre”, la “taverna dei 1°-4° giorno: Città del Capo. Lo spirito libero e allegro della
mari”, l’incontro tra cultura Africana ed Europea. città chiamata “La taverna dei mari”; l’approfondimento cultu-
2°-3° giorno: Cape Penisula. In barca, tra otarie e pinguini; lo rale; la Penisola del Capo e la magnificenza di una natura forte
spettacolo dei “tre Capi”; la natura si adatta, ecco i pinguini africa- e varia; da qui un viaggio tra storie e culture diverse.
ni; i giardini botanici di Kirstenbosh e una natura lussureggiante. 5°-6° giorno: l’Estremo Sud. Dove vengono a partorire le
4° giorno: intorno a Città del Capo. Il quartiere malese e balene australi, la migliore base di terra al mondo per il loro
il più antico castello del Sud Africa; la baia; Table Mountain. avvistamento; Hermanus e Cape Agulhas, il punto all’estremo
5°-6° giorno: Johannesburg - Mpumalanga. “Il luogo dove sud del continente Africa.
sorge il sole”; Blyde River Canyon, tra i più profondi del 7°-9° giorno: Little Karoo - Garden Route. La panoramica
mondo; eleganti erosioni nella roccia calcarea. Route 62, suggestiva; Tsitsikamma Park: le foreste che incon-
7°-8° giorno: Kruger - Riserva privata. Il parco più famo- trano l’oceano; spiagge bianche e gite in barca.
so; 2 milioni di ettari di natura incontaminata; la Rhino 10°-12° giorno: Addo Elephant N.P. I safari fotografici
Wilderness Concession, un paradiso protetto, dove tutto è inte- nell’incontro con le icone d’Africa: elefanti, rinoceronti neri,
grato; i grandi animali africani. bufali, eland, kudu, suricate e dolci paesaggi: una natura
9°-10° giorno: Johannesburg. incontaminata dove è bello calarsi.

98
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:36 Pagina 99

Viaggi privati ed esclusivi

Cape Town e Garden Route


7 2
GIORNI BASE PARTEC. HOTEL

COSA PUO’ ESSERCI DI “DIVERSO” Un viaggio nell'Africa in qualche caso più “classica”, ma che
NEI VIAGGI IN SUD AFRICA? merita di essere vista aggiungendo alcuni tocchi particolari: e
questa regione lo permette appieno. Non solo perché ci apre le
porte della regione più australe del Sud Africa, ma perché per-
Ne accenniamo, tra le righe, nella mette di unire in molte maniere, a volte diverse per luoghi e
presentazione, ma qui vogliamo modi, l'incontro con la natura africana, sempre spettacolare ed
sintetizzare alcuni aspetti: estremamente varia, alla visita della magnifica città simbolo del
Paese, alla scoperta di una costa dove le lunghe spiagge si alter-
nano ai ripidi pendii scoscesi che precipitano nell’Oceano, dove
• “Pochi” partecipanti, non i 20/40 “abituali” il verde lussureggiante dei parchi e delle foreste si amalgama
con ampie zone erbose, serene, ridenti. Tutto questo in un viag-
• Hotel 5 e 4 stelle, piccoli, “coccoli”, gio assolutammete confortevole, comodo, per di più in una zona
invece di hotel standard con una totalmente non malarica. Via, dunque, a questo viaggio (qui
sotto “i luoghi” toccati) che non solo apre le porte ad una natura
moltitudine di camere capace di coinvolgere, ma che regala sguardi preziosi su un
paese pronto a meravigliarci ad ogni angolo.
• Minibus veloci e non pullman, Come si viaggia:
per tempi più veloci e maggior possibilità • Piccoli hotel 4 e 5 stelle, lodge, rest camps 3 stelle
di vedere con calma • Trattamento: come da programma
• Itinerario in minibus e 4x4 • Tasse entrate nei parchi incluse

• Una guida parlante italiano sempre con voi Da Città del Capo
base 2 partecipanti a partire da € 1980
base 4 partecipanti a partire da € 1550
• Molte delle visite sono “comprese” base 6 partecipanti a partire da € 1250
Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base
• Una riserva privata di lusso nel Kruger NP, della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea.
per vivere l’esperienza di un luogo 1° giorno: la "Città del Capo". La Città Madre, la più antica
preservato e integrato dal punto del Sud Africa. Table Mountain, un massiccio blocco di arenaria.
2° giorno: Cape Town. Robben Island, la prigione di Nelson
di vista ambientale Mandela; il “quartiere malese”; Cape Castle, il più antico castello.
3° giorno: Cape Peninsula. La Penisola del Capo: le otarie a
Duiker Island; gli scenari lungo il Chapman's Peak; “i Capi”.
4° giorno: Hermanus. La punta più meridionale del continente:
tra giugno e novembre le balene australi e tutto l’anno i delfini.
5° giorno: L'estremo sud dell'Africa! Cape Agulhas, il relitto
“Meisho Maru” e “Il cimitero delle navi”.
6° giorno: la Garden Route. Un mondo di laghi, fiumi, estuari
e spiagge bianche, lagune, verdi foreste e alte montagne.
7° giorno: Tsitsikamma NP - George - Johannesburg. Il
Tsitsikamma National Park: una bellezza ancora selvaggia.

99
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:36 Pagina 100

Sud Africa

Pride of Africa Terra di giganti e leggende


11 2 9 2
SUD AFRICA - BOTSWANA

GIORNI BASE PARTEC. HOTEL GIORNI BASE PARTEC. HOTEL CAMPO FISSO

Benvenuti in questo lembo d’Africa, anzi di Sud Africa! E non vi Un viaggio nella grande Africa classica con alcuni tocchi par-
inganni il titolo, che ci ricorda uno dei momenti (tra i più sin- ticolari. Via terra per la regione di Mpumalanga, il “luogo ove
golari e suggestivi) del viaggio, la traversata di tre giorni in sorge il sole” lungo una straordinaria strada panoramica sco-
treno, il Rovos Rail appunto (treni di altri tempi, a vapore, con priamo il Blyde River Canyon, spettacolare. Il Kruger National
servizio di classe, con eleganza molto inglese...) tra Park, che ospita la fauna africana più varia e selvaggia, con-
Johannesburg, la capitale, e Città del Capo, la “città madre”, sente diverse prospettive di safari, all’alba, al tramonto, di
perché sono tanti i momenti e i motivi di piacere. Su tutto la notte, in jeep, a piedi… per immergersi nella natura e scoprirsi
straordinaria natura! L’Oceano, il terzo canyon al mondo per piccolissimi. Attraverso paesaggi grandiosi nella loro semplice
profondità, le curiose rocce a padella, le Riserve e i Parchi. Il bellezza raggiungiamo le Montagne di Soutpansberg, terra
Parco Kruger ci mostra un’imponente paese della natura, ma la delle leggende del popolo Venda. I miti dei popoli del “selvati-
chicca e il Rhino Walking Safaris, al suo interno, una conces- co” nord, il “bushveld”, sono intessuti in ogni luogo. L’angolo
sione, l’unica data nel parco: 12.000 ettari di un terreno per- sud-orientale del Botswana, il Tuli Block, è invece la “terra dei
fettamente conservato e salvaguardato dal punto di vista eco- giganti africani”: l’elefante, il leone...
logico e geografico, ricco di tutte le principali specie animali.
Come si viaggia:
Come si viaggia: • Hotel, lodge, guest house, campi tendati fissi 3 e 4 stelle
• Hotel, lodge, treno di lusso • Trattamento: come da programma
• Trattamento: come da programma • Itinerario in minibus e fuoristrada
• Itinerario in treno e minibus • Safari con vetture 4x4 • Guida locale parlante italiano
• Tasse entrate nei parchi incluse
Da Johannesburg
base 2 partecipanti a partire da € 4450 Da Johannesburg
base 4 partecipanti a partire da € 3900 base 2 partecipanti a partire da € 4150
base 6 partecipanti a partire da € 3200 base 4 partecipanti a partire da € 3400
Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base
base 6 partecipanti a partire da € 2950
della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea.
Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base
1° giorno: Johannesburg e Mpumalanga. L’area di Blyde River della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea.
Canyon nellìarea di Mpumalanga, il “luogo ove sorge il sole”.
2° giorno: Mpumalanga panoramica. Il terzo canyon più profon- 1° giorno: Johannesburg. La città e la “città dentro la città”: Soweto.
do del mondo, la roccia a forma di padella, la cittadina-museo. 2° giorno: Pretoria - Mpumalanga. La regione “dove sorge
3° giorno: Kruger National Park e Rhino Wilderness il sole”; la cittadina-museo di Pilgrim’s Rest e gli Union uil-
Concession. La Concessione Rhino Walking Safaris: ricchissima di dings di Pretoria; lungo una strada panoramica, improvviso il
fauna, unica concessione all’interno del Greater Kruger N.P. Si dorme Blyde River Canyon, il terzo più profondo del mondo.
in un elegante lodge con 8 suites costruito solo con materiali naturali. 3° giorno: Kruger National Park. 336 tipi di alberi, 49 di
4° giorno: Rhino Wilderness Concession nel Kruger N.P. pesci, 34 di anfibi, 114 di rettili, 507 di uccelli e 147 di mam-
12.000 ettari perfettamente integrato con l’ambiente naturale circo- miferi; l’esperienza del fotosafari serale.
stante del Kruger. Siamo in territorio dei “Big Five”. 4°-5° giorno: Limpopo - Soutpansberg. Le piantagioni del
5°-9° giorno: Johannesburg, “crociera” a bordo del Rovos Rail, té; le montagne custodi delle leggende del popolo Venda; i miti
“Città del Capo”. 3 giorni sul Rovos Rail attraverso altipiani e deserti dei popoli del Nord; i centri no-profit.
fino alle coste frastagliate dell’oceano atlantico ed alla “città madre”. 6°-7° giorno: Tuli Block - Mashatu G.R. Il selvaggio sud-est
10°-11° giorno: Cape Peninsula. La dolce e forte natura di questa del Botswana, alla ricerca del leopardo, la “terra dei giganti”.
regione, tra mare, flora e fauna, promontori e “Capi”, pinguini. 8°-9° giorno: Mashatu G.R. Fotosafari all’alba e partenza.

100
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:36 Pagina 101

Viaggi privati ed esclusivi

Self-drive: Mosaico della natura


14 2
GIORNI BASE PARTEC. HOTEL CAMPO FISSO

La natura: una parola che si coniuga perfettamente con il con-


cetto di libertà. Libertà di scegliere luoghi e tempi, di farsi dare
una traccia e poi disegnarsi le giornate, guardare un tramonto,
avvolto dai colori magici dell’Africa. Un’Africa in pieno spolve-
ro, capace di dare il meglio, di offrire il meglio. L’Africa dagli
aspetti più vari: foreste e fiumi, estuari e laghi, oceano; safari
e camminate, uscite in barca ed escursioni, semplicemente la
ricerca delle tartarughe che depongono le uova; un contatto
vario e “attivo” con la natura. In luoghi spesso lontani dalle
zone più frequentate: KwaZulu Natal e Swaziland, Parco di
Hluhluwe-Umfolozi e Riserva Kosy Bay, le spiagge selvagge del
Thonga Beach Lodge. Certo, anche il Kruger, ma nell’esclusiva
Concessione Rhino Wilderness…
Come si viaggia:
• Lodge e campi tendati, 3-5 stelle
• Trattamento: come da programma
• Itinerario: auto a nolo secondo scelta
• Briefing all’arrivo sull’itinerario
• Attività e safari inclusi: dettaglio nell’itinerario

Da Johannesburg
base 2 partecipanti a partire da € 3750
base 4 partecipanti a partire da € 3720
base 6 partecipanti a partire da € 3650
Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base
della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea.
1°-2° giorno: Johannesburg. Zululand e Greater St. Lucia
Wetland Park; il più grande estuario marino dell’Africa.
3°-4° giorno: parchi e riserve. Safari in jeep, barca, canoa
e a piedi; dal Parco di Hluhluwe-Umfolozi, il più vecchio del
Paese, al Phinda Private Game Reserve.
5°-6° giorno: Kosi Bay Nature Reserve. La foresta di rafia;
in barca esplorando i tre laghi; in canoa discendendo il fiume
7°-8° giorno: l’Oceano. Selvaggia spiaggia del Thonga
Beach Lodge; passeggiate, immersioni, tartarughe, relax; vive-
re la natura e il mare in piena libertà.
9° giorno: Swaziland, paesaggi... Il piccolo stato ci apre le
porte…; nella Valle di Ezulwini il Milwane Sanctuary.
10°-12° giorno: il Kruger National Park. Vivere la natura in una
concessione privata, ricca di stile, la Rhino Wilderness Concession.
13°-14° giorno: Johannesburg.

101
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:36 Pagina 102

Kenya, Tanzania, Uganda, Rwanda

SUDAN
ETIOPIA
Lokichokio
Lago
Turkana Chalbi Ramu
Desert Moyale
Lodwar
EASTERN
RIFT
UGANDA VALLEY
Marsabit
Wajir
Kitale NORTH S O M A L I A
WESTERN
KENYA EASTERN
ZAIRE Kampala Kakamega Isiolo Mado Gashi
Queen Elizabeth
N.P. Nakuro Nyeri
Entebbe Samburu Garissa
Bwindi N.P. Lago NYANZA CENTRAL
Vittoria Narok
Mt. Kenya
Nairobi
Park des Bukoba Masai Amboseli
Volcans Musoma Mara
Kigali Magadi Lamu
L. Kivu Serengeti Garsen
Mwanza EASTERN
N.P. Kilimangiaro COAST
RWANDA MWANDA Ngorongoro Moshi Malindi
Arusha
SHINYANGA Mombasa
Manyara ARUSHA
KIGOMA Same
Kigoma Tabora Wete Pemba
Singida Kondoa Korogwe Oceano
Uvinza Urambo
TABORA TANGA Indiano
Mpanda
SINGIDA Dodoma Zanzibar

RUKWA TANZANIA Morogoro Dar es Salaam


Sumbawanga MBEYA Iringa
PWANI
IRINGA Ifakara Mafia
Mbeya
Tunduma MOROGORO LINDI
Tukuyu Njombe
RUVUMA Liwale

Katavi N.P. Ruha N.P. Selus Game


ZAMBIA Reserve
Songea
MbamaBay Tunduru

MOZAMBICO
MALAWI

Perché con noi


Per la sua natura selvaggia e i paesaggi altamente suggestivi, questo angolo di Africa della natura è una meta che propo-
niamo con passione e ci prendiamo volentieri la libertà di declinarla in molti modi, anche per la qualità delle infrastrutture e
il fascino di sistemazioni spesso davvero esclusive per comfort e contesto. La presenza da oltre 25 anni in questi paesi ci ha
permesso di esplorarli con passione in molti modi e di proporla con una varietà di itinerari e servizi consolidati. Anche qui, a
sostenerci, alcuni operatori locali che condividono la nostra filosofia e che assecondano con professionalità il nostro desiderio
di scoprire cose nuove, aprire nuove piste ed esplorare nuovi, piccoli parchi, avvicinare popolazioni. La loro organizzazione, le
guide, i ranger ci permettono non solo di proporre viaggi di programmazione, ma ci danno la possibilità di accontentare tutti
i desideri di coloro che vogliono viaggiare da soli o in piccoli gruppi senza nulla perdere della bellezza di questi paesi.

102
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:36 Pagina 103

Perché andare

La terra, scaldata dal sole implacabile del giorno, al crepuscolo respira dei mille odori di una natura che si risveglia, calma
e potente, accarezzata dai colori e dalle luci indimenticabili dei tramonti africani, quelli che tingono l’anima per sempre...
La Tanzania e il Kenya, un concentrato delle Riserve naturali più belle del mondo; percorrendo le loro immense pianure e
i loro altipiani ci si imbatte in mandrie di animali selvatici che rendono un safari in queste zone un’esperienza davvero toc-
cante. Dalle sterminate pianure del Serengeti, teatro della grandiosa migrazione di un milione fra gnu e zebre, al cratere
di Ngorongoro, ottava meraviglia naturalistica del mondo, dal Masai Mara alle rive del Turcana, il lago di giada, l’impatto
emotivo è alto. Emozione alla vista degli elefanti del parco Tarangire, ad esempio, o dei leoni del Manyara che hanno la
strana abitudine di arrampicarsi sugli alberi; il lago Nakuru dove vanno in scena fenicottri e pellicani e i laghi meno noti
della Rift Valley, come il Natron, dominato dal vulcano Oldonyo Lengai; Il Masai Mara, con la più alta concentrazione di
leoni, e i crateri di vulcani sacri ai Masai. Paesi che “vanno oltre” e racchiudono anche Parchi e Riserve meno noti, ma
estremamente interessanti: per un viaggio “diverso”, alla scoperta delle aree più selvagge dove si vive in un’immersione
totale nella natura. Poi l’emozione, l’adrenalina vera nel contatto ravvicinato con loro, i grandi primati d’Africa, i gorilla di
montagna: padri, fratelli, antenati? Uganda e Rwanda sono veramente un cuore dell’Africa. Non solo gorilla, ma magiche
bellezze della natura, paesaggi grandiosi e dolci, foreste profonde e umide. Natura ma non solo: uomini, popoli, tradizioni,
culture. Una regione, quattro paesi dove anche il mare può essere splendido e dove è possibile avvalersi di un’alta qualità
delle strutture, giusto complemento ad una cornice naturale, emozionante, che non lascia indifferente nessuno.

(…) Davanti a lui si trovava il ruscello a cui era affezionato. Le acque fresche scorrevano con civetteria, brillando nella
luce del sole mattutino. Avevano il potere di rinfrescargli il cuore. Mambo contemplò l’acqua a lungo, come se volesse
berla con gli occhi. Ah, era un ruscello meraviglioso! Egli stesso lo chiamava “la fatina”, senza sapere perché. Le
acque erano celesti la mattina presto, quando il cielo si schiariva, mentre l’aria aleggiava la foschia; erano un miscu-
glio di oro e di giallo a mezzogiorno, quando il sole vi riversava i suoi raggi infuocati; erano di un color verde chiaro
la sera, quando i mogani schermavano la luce del sole al tramonto; erano d’argento la notte, quando la luna piena
diffondeva la sua luce fredda; era solo qualcosa di nascosto, bello, che intonava i canti del viandante solitario quan-
do regnava l’oscurità. Sgorgava dalla sorgente che si apriva un varco nel sottobosco; scorreva al centro della valle,
sotto gli alberi e in mezzo ai campi, bagnandoli. Era la speranza dei contadini. Per Mambo era il flusso della serenità.
Mohamed S. Mohamed, Libertà per un giorno (da: Racconti dall’Africa)

103
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:36 Pagina 104

Kenya, Tanzania, Uganda, Rwanda

Deserto e tribù
14 10
KENYA

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL TENDA

Un grande itinerario, un contatto autentico con la natura. Uno dei viaggi più particolari.
Un litorale intenso nell’Africa più spettacolare, per chi desidera sentire le voci della natura
e a ritrovare, magicamente, l’Africa e il suo fascino; un viaggio in alcuni dei luoghi più
magici del pianeta, per chi è disposto a rinunciare a qualche comfort pur di non rinunciare
a tanta emozione. Una spedizione importante, fino al grande Lago Turkana che unisce il
Kenya all’Etiopia. L’Ovest e il Nord, alla scoperta di luoghi suggestivi, i più noti, ma anche
quelli sconosciuti. Lava al posto delle sabbie, dall’acqua al deserto, da un deserto all’altro;
e pozzi scavati... Dalle lagune salmastre e dai laghi della Rift Valley all’emozione forte del
Lago Turkana. Lo smeraldo uscito dal vulcano, un lago che cambia il proprio colore seguen-
do il vento. La nostra meta, un luogo di grande fascino; un mondo magico nel quale navi-
gare. Gli altopiani e le vaste pianure della Rift Valley con gli animali, le savane, le acacie.
Oasi naturali come il Lago Bogoria, grandi distese verdi, montagne, foreste tropicali, acqua.
Uomini che danno carattere ad un ambiente forte; popolazioni rudi, tradizioni radicate. I
Turkana, guerrieri e artigiani; gli El Molo, particolari pescatori; i rudi pastori Samburu. I Come si viaggia:
Rendille, che abitano le impervie regioni, i Borana, i Gabbra... Africa vera, da toccare. • Hotel e tenda
• Trattamento: come da programma
• Itinerario in fuoristrada
• Guida locale parlante inglese
• Tasse di ingresso ai parchi escluse
2011: 6 marzo
con Tour Leader dall’Italia

7 agosto
con Tour Leader dall’Italia

Da Milano a partire da € 3700


minimo 10 partecipanti Dovunque l’uomo vaghi,
egli rimane sempre legato
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200 alla catena che lo collega
alla sua gente

Alexander Kinglake
I luoghi:
Italia · Nairobi · Lago Bogoria · Maralal National Sanctuary · Parsaloi e South Horr · Lago Turkana ·
Chalbi · Kaisut · Le “Montagne Ndotos” · Samburu National Park · Nairobi · Italia

104
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:38 Pagina 105

Viaggi di gruppo con TL

Grande Nord: emozione Africa


16 10
TANZANIA

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL CAMPO FISSO

Un viaggio nuovo e completo nella regione Nord: mete classiche e luoghi meno noti. Per
chi vuole approfondire una regione unendo la componente naturalistica e quella etnica. Un
tour circolare che ogni giorno "vive intensamente": necessari flessibilità e adattamento.
Sulle pendici dei Monti Kilimanjaro e Meru: 4000 ettari come habitat 63 specie di mam-
miferi. Foresta, boscaglia e savana alberata: l'ambiente del lussureggiante parco del Lake
Manyara, punteggiato da folti stormi di fenicotteri rosa e paradiso di milioni di uccelli di
molte spece diverse. Il fondo della fossa tettonica: numerosi corsi d'acqua sulle pareti fil-
trando dal sottosuolo. Lago Eyasi: intorno al grande lago alcalino abitano gli Hzdapi, noma-
di cacciatori-raccoglitori. Tradizioni ancestrali per un popolo che vive ancora cacciando in
modo tradizionale: con l'arco. Allevatori Datoga: poligami, di ceppo nilotico, vivono in vil-
laggi di case fatte in sterco e argilla. Un'autentica Arca di Noé nella "infinita" caldera del
Ngorongoro: un ecosistema unico e primordiale, con alberi ad alto fusto, licheni ed orchi-
dee selvatiche. Un altro cratere, quello di Olmoti: alte pareti ricoperte di foresta "scivolano"
nel Ngorongoro. Il Serengeti, sconfinate savane ricchissime di grandi erbivori e predatori e
il Lago Natron, dalla forte concentrazione alcalina che determina l’ambiente e la vita degli Come si viaggia:
animali;passando per il Lago Vittoria, un ecosistema intenso, a tratti lunare. • Hotel, lodge e campi fissi
• Trattamento: come da programma
• Itinerario in fuoristrada
• Guide locali
2011: 12 febbraio • Tasse dei Parchi escluse
in compagnia di Gabriele Fiorese
18 giugno
in compagnia di Marino Bonomelli
10 luglio e 8 agosto
con Tour Leader dall’Italia

Non ero io ad andarmene,


Da Milano a partire da € 4650 io non avevo il potere
minimo 10 partecipanti
di lasciare l’Africa,
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200 ma era l’Africa che
lentamente, gravemente
si ritirava da me.

I luoghi: Karen Blixen


Italia · Arusha · Pendici del Kilimanjaro · Arusha NP · Manyara NP · Lago Eyasi · Crateri del gorongoro
e di Olmoti · Lago Ndutu · il Serengeti · il Lago Vittoria · Lago Natron · Tarangire NP · Arusha · Italia

105
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:38 Pagina 106

Kenya, Tanzania, Uganda, Rwanda

Il Selous e Kilwa: natura e cultura


9 8
TANZANIA

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL CAMPO FISSO

Ci sono molti viaggi ancora capaci di regalare anche al viaggiatore più esperto momenti difficil-
mente dimenticabili. Momenti di emozione, di scoperta, di approfondimento anche quando un
viaggio sembra “solo” di natura. E qui, accanto ai santuari naturali trovi in continuazione tracce di
quella cultura Kiswahili che ha nella tradizione il suo punto di forza. Poi, avvincente, la natura, con
i suoi ritmi, i suoi passaggi ora dolci ora aspri, un mondo animale fatto di momenti idilliaci e di
cacce cruenti, quando ti ritrovi a “tifare” contro i felini… Certo, tutto questo significa a volte vita
spartana, flessibilità di scelte, strutture ben organizzate e confortevoli, ma non certo di lusso.
Eppure chi rinuncerebbe? Siamo in una Tanzania meno conosciuta, eppure ricca di un Parco, il
Selous, tra i più grandi in assoluto, dal nome meno noto, ma ricco di tutto e attraversato da un
grande, placido fiume, il Rufiji, che fa da catalizzatore per tutte le specie animali, che sulle sue rive
si ritrovano per l’abbeverata, a volte con i leoni non distanti dalle timide gazzelle. Ed uno dei piaceri
sarà discendere quel fiume in barca, per osservare. Difficile dire quali sono gli animali più presen-
ti… Di certo qui la fanno da padroni gli elefanti (che guadano il fiume qui e là con inaspettata leg-
gerezza; gli ippopotami, presenti a volte in centinaia di esemplari; varie specie di sonnolenti coc-
codrilli che scivolano regali nell’acqua; uccelli di ogni colore e grandezza e capaci di modulare cose
diversissime; felini, bufali, zebre…fanno la loro parte. Ma la particolarità, nel Selous, è la possibilità Come si viaggia:
del safari a piedi: un’occasione di contatto diretto, di emozioni improvvise; per capire come rumori • Hotel, campi tendati fissi, lodges
e silenzi denuncino nello stesso modo la presenza degli animali. Un modo straordinario per immer- e guesthouses
gersi e capire la natura. Poi è l’Oceano ed è quel gioiello di Kilwa, città antica, patrimonio • Trattamento: come da programma
dell’Umanità, per tre secoli città-stato dominante sulla regione, crocevia di popoli e culture, ancora • Itinerario in fuori strada, minibus e barca
oggi capace di emozionarci con strutture architettoniche che vanno dalle moschee (qui si ammi- • Guide locali parlanti inglese
rano i resti più importanti dell’architettura islamica di tutta l’Africa a sud del Sahara) agli antichi • Tasse d’ingresso ai parchi escluse
palazzi, ai possenti castelli; qui è il trionfo della pietra a quello degli stucchi.

2011: 11 giugno
in compagnia di Gabriele Fiorese
15 luglio
in compagnia di Marino Bonomelli
13 agosto Un altro paese, altre persone
con Tour Leader dall’Italia intorno a sé, che si agitano
in un modo un po’ bizzarro.
Da Milano a partire da € 3250 L’infinito si apre soltanto per voi,
minimo 8 partecipanti un piccolo infinito
e voi ci cadete dentro.
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200
Louis-Ferdinand Cèline
I luoghi: Viaggio al termine della notte
Italia · Dar Es Salaam · Selous Game Reserve · Kilwa Masoka · Kilwa Kivinje · Kilwa Kisiwani ·
Dar Es Salaam · Italia

106
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:38 Pagina 107

Viaggi di gruppo con TL

La terra dei Primati


10 6
UGANDA - RWANDA

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL

Nell’Africa sconosciuta e selvaggia dell’Equatore; “il” viaggio in uno degli ultimi santuari
per vivere l’incontro con primati d’eccezione: il gorilla di montagna e lo scimpanzé.
Un’emozione unica, ma anche parchi e paesaggi, animali e vulcani, foreste dense e grandi
spazi, corsi d’acqua e grandi piantagioni, villaggi di uomini. Tra le cose di maggiore sugge-
stione, il raro rinoceronte bianco nel Ziwa Rhino Sanctuary e la Riserva del Murchison Falls
National Park, divisa in due dal lento Nilo Vittoria; i leggendari Ruwenzori, le “montagne
della luna”, e la foresta tropicale del Kibale Forest National Park. Poi il Rwanda, panorami
mozzafiato e vegetazione esuberante, un’Africa delle emozioni, spettacolare, tra santuari
di rara suggestione. Eppure un’Africa dolce e sorridente, tra quinte di un raro fascino. Il
Parc National des Volcans e “l’incontro” con i gorilla: il momento più intenso riuniti in
famiglie sono guidati da un possente maschio anziano dal dorso argenteo. Curiosi e allegri
accettano di essere avvicinati se in compagnia di rangers che riconoscono amici. Urla, boc-
cacce, parodie di assalto sono solo un modo per ricordarci che siamo “ospiti”. Il lago Kivu
e il relax nelle sue piccole, protette baie… Ci sarà pure una ragione se Winston Churchill Come si viaggia:
definì questa terra come “dall’inizio alla fine un bellissimo giardino, la Perla dell’Africa”. • Hotel e lodge
• Trattamento: come da programma
• Itinerario in jeep 4x4
• Guida locale-accompagnatore
2010: 21 ottobre e 29 dicembre parlante italiano
con Tour Leader in loco • Tasse di entrata ai parchi e per l’escursione
ai gorilla e scimpanzé: escluse

2011: 17 febbraio - 16 giugno - 3 agosto


con Tour Leader in loco
11 agosto - 18 agosto - 15 settembre
con Tour Leader in loco

Per quanto viaggiamo


Da Milano a partire da € 3250 in tutto il mondo per trovare
minimo 6 partecipanti
ciò che è bello,
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200 dobbiamo portarlo con noi
oppure non lo troveremo.

Ralph Valdo, Emerson


I luoghi:
Italia · Kampala · Parco di Murchison Falls · Fort Portal · Kibale Forest · Queen Elizabeth National Park ·
Parc National des Volcans · Lago Kivu · Kigali · Italia

107
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:38 Pagina 108

Kenya, Tanzania, Uganda, Rwanda

I Parchi del Nord I selvaggi Parchi del Sud


8 2 9 2
TANZANIA

TANZANIA

GIORNI BASE PARTEC. HOTEL CAMPO FISSO GIORNI BASE PARTEC. HOTEL CAMPO FISSO

Una delle aree naturalistiche più spettacolari di tutta l’Africa. Dall’oceano alla savana, in un ambiente nel quale si inseguono
Le immense piane del Serengeti, punteggiate dalle acacie ad monti, forre, foreste, valli e depressioni, boscaglie e grandi
ombrello, dove si concentrano migliaia di animali. E ancora: la distese. Dagli scenari forti dei Monti Uluguru al Selous. Le
spaccatura della Rift Valley, un evento geologico unico; le dor- piste, difficili, lungo un percorso affascinante, fino al Ruaha
sali pietrose, le colline, gli stagni, i giganteschi baobab della National Park, una delle riserve meglio mantenute e ancora
savana: siamo nel Parco del Tarangire. L’itinerario si dispiega poco frequentate della Tanzania: uno scrigno naturale con
fra le suggestive gole dell’Olduvai e ci porta al cratere del tutta la grande fauna. Eccolo, il Selous: grandi spazi e natura
Ngorongoro, ottava meraviglia naturalistica del mondo con la lussureggiante, in cui foresta, boscaglia e savana si confondo-
sua immensa caldera, l’incredibile concentrazione di fauna no. Nella quiete del Rufiji Camp, affacciati su un fiume bruli-
africana in un ambiente primordiale, con alberi di alto fusto e cante di vita, alloggiati in grandi tende con servizi privati, a
licheni, nei quali lo sguardo si perde. Un incontro diretto con predominare e a “dominarci” sarà una natura grandiosa e
gli animali; un contatto con l’Africa più genuina, densa di sug- forte; l’emozione dei safari in barca, in jeep e a piedi, tra eco-
gestioni, con i sui ritmi e le sue leggi. sistemi che rendono rara, unica questa riserva.
Come si viaggia: Come si viaggia:
• Campi tendati fissi, lodge e hotel • Hotel, lodge e campo tendato fisso
• Trattamento: come da programma • Trattamento: come da programma
• Itinerario in fuoristrada • Itinerario in fuoristrada, barca e volo
• Guida locale parlante italiano • Ranger-guide residenti parlanti inglese
• Tasse entrata parchi escluse • Trekking a Mahale • Tasse di entrata ai parchi escluse

Da Arusha Da Dar es Salaam


base 2 partecipanti a partire da € 2100 base 2 partecipanti a partire da € 3280
base 4 partecipanti a partire da € 1730 base 4 partecipanti a partire da € 2700
base 6 partecipanti a partire da € 1700 base 6 partecipanti a partire da € 2500
Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base
della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea. della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea.

1°-2° giorno: Arusha - Tarangire National Park. Primo incon- 1° giorno: Dar es Salaam. Un ex borgo di pescatori.
tro con la fauna selvaggia e la varietà dei paesaggi africani, safari. 2° giorno: dall’oceano alla savana. Una traversata che
fotografici fra distese di acacie, savana e baobab; il fiume richiama offre l’essenza del Paese.
all’abbeverata centinaia di animali di specie diversa. 3°-4° giorno: Ruaha National Park. Fotosafari in un vero
3° giorno: Cratere di Ngorongoro. Un ecosistema unico al scrigno naturale della fauna selvaggia africana.
mondo che preserva le specie animali, uno scenario “immenso”, 5° giorno: Isimilia e Morogoro. Isimilia: archeologia
una caldera popolata, selvaggia, primordiale. dell’Età della Pietra.
4°-6° giorno: Serengeti. Immenso santuario della fauna selvati- 6° giorno: verso Selous. Percorso tra i più affascinanti, emo-
ca: savana erbosa all’infinito, zone di boscaglie e foreste, i corridoi zionanti e selvaggi della Tanzania.
di passaggio degli gnu, un’Africa degli animali genuina e “vera”. 7°-8° giorno: Selous Game Reserve. Emozione del safari a
7° giorno: Olduvai Gorge - Arusha. Un’immensa gola: qui il piedi, in barca, in jeep; il piacere di vivere “nella” natura
ritrovamento dei primi ominidi, una svolta per l’evoluzionismo. vivendo i suoi ritmi, i suoi tempi, le sue emozioni.
8° giorno: Arusha. Si torna a casa, negli occhi il ricordo di alcu- 9° giorno: Dar es Salaam. Volo panoramico per Dar, per
ne delle aree più spettacolari dell’Africa. guardare l’Africa da un punto di vista privilegiato.

108
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:38 Pagina 109

Viaggi privati ed esclusivi

Dall’alto, con lusso


9 2
TANZANIA

GIORNI BASE PARTEC. HOTEL CAMPO FISSO

ESTENSIONI PER TUTTI I VIAGGI IN TANZANIA Il mondo animale riproduce i propri riti: la preda e il cacciato-
re, le nascite, l’abbeverata e il pascolo. Ci sono molti modi di
avvicinarsi a questa Africa palpitante e il viaggio che propo-
• MARE A ZANZIBAR, MAFIA, PEMBA, MNEMBA niamo permette di viverla pienamente, perché le sorvolate
Relax, visite, sport, immersioni sono un modo privilegiato di ridimensionare le distanze, ma
nelle affascinanti isole dell’Oceano Indiano anche un punto di vista estremamente suggestivo. A questo si
lungo la costa. aggiunge l’emozione del safari fotografico, in una terra che al
crepuscolo si risveglia accarezzata dai tramonti africani, sol-
cata dal volo di migliaia di uccelli, resa viva dagli animali in
• PARCHI DEL SUD: caccia. E poi i lodge: esclusivi e immersi nella bellezza.
Selous e Ruaha Un’eleganza essenziale di forme che cela massimi livelli di
comfort, da prenotare con molto anticipo. Le piste d’Africa
• PARCHI DELL’OVEST: non si limitano a regalare emozioni senza fine, ma nascondo-
no e svelano anche questo.
Mahale e Katavi
Come si viaggia:
• KILIMANJARO: • Hotel, campi tendati fissi e lodge di lusso
• Trattamento: come da programma
Una settimana per salire a quota 5.892, • Itinerario in volo e fuoristrada
seguendo la via Marangu • Ranger-guide residenti parlanti inglese
o la via Machame. Da Arusha a partire da € 5700
base 2 partecipanti
• GORILLA IN RWANDA:
Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base
In uno degli ultimi santuari rimasti della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea.
per incontrare il primate d’eccezione,
il gorilla di montagna. Prenotare con largo anticipo
Minimo 2-3 notti. Inizio tour Arusha. Hotel.
Manyara National Park. Il Manyara, la fauna africana; osserva-
re il volo di migliaia di uccelli e la forza degli animali in caccia,
Prenotare con largo anticipo: permessi limitati. vivendo il lusso di una natura viva, dei suoi ritmi: un’emozione forte.
Tarangire National Park. Nel Tarangire distese di acacia,
savana e baobab, mentre il fiume richiama all’abbeverata ani-
mali di tutte le specie.
Serengeti National Park. Il Serengeti, panoramica aerea in
direzione nord; scesi a terra “tocchiamo con mano” quello che
abbiamo visto dal cielo: safari fotografici nel parco più famoso
della Tanzania; qui il mondo animale viene “vissuto” nella
intensità dei suoi ritmi.
Ngorongoro Crater C.A. La caldera del Ngorongoro: vivere
un ecosistema unico, una vera “arca di Noè”.

109
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:38 Pagina 110

Zambia, Malawi, Mozambico

Mpulungu TANZANIA
Mporokoso
LUAPULA Isoka
ZAIRE Kasama
NORTHERN
i

Mueda
Lago Malaw

Mansa Mzuzu Isole


Mpika Comore
Mwinilunga CABO
Solwezi Lundazi NIASSA DELGADO
Ndula Lichinga Pemba
Chipata
i

Serenje Marrupa Montepuez


Fiume Zambes

Lilongwe
Catur
ZAMBIA Luangwa Katete
Nacala
Valley NAMPULA
MALAWI
ique

Kaoma Mumbka Lusaka


Mongu TETE
amb

LUSAKA Cuamba
ico

Blantyre Nampula
WESTERN
Moc

SOUTHERN AltoMolocue Angoche


mb

Tete
de

Monza Plateao di Zomba


Ilha

za

Choma
MOZAMBICO Pebane
o

Livingstone
l M

MANICA Quelimane
de

Inhaminga
le

ZIMBABWE Chimoid
na

BOTSWANA Vilado Dondo


Ca

Beira
SOFALA

NovaMambone
Inhassoro
Vilanculos
Chicualacuala

INHAMBANE
GAZA
Inhambane
Massingir
SUD Chokwe Inharrime Oceano
AFRICA Xai-Xai Indiano
Maputo

Perché con noi.


Basta avere intravisto nella straordinaria diversità dei paesi un filo comune, una traccia che li unisce, li lega? A noi è bastato,
tanti anni fa. Vivere con noi questi paesi è scoprire come si possono fondere insieme tutti gli aspetti dell'Africa che vivono
nel nostro immaginario; è sorprendersi di come l'armonia di acqua e vegetazione sia una prerogativa principalmente afri-
cana; è emozionarsi al cospetto di una natura integra in paesi dove la presenza "estranea" non è ancora incombente. Il
safari a piedi in Zambia regala emozioni, ma soprattutto una maniera diversa di vivere la natura e il mondo animale; il lago
Malawi è un concentrato di tutto il paese e allo stesso tempo possiede tutte le particolarità degli altri paesi; il Mozambico
è un concentrato dell'Africa, di tutto quello che vorresti trovare nel Continente nero. Proporli assieme vuole dire aver capito
che questo angolo di mondo può mostrarti l'Africa di luoghi e popoli che ami, che vorresti sempre trovare.

110
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:38 Pagina 111

Perché andare

A volte mettere assieme paesi differenti è solo un interessante e divertente "esperimento"; a volte è solo difficile, qualche volta
semplicemente... inutile. Zambia, Malawi e Mozambico, a guardarli distrattamente sulle carte, sembrano dal punto di vista
geografico un blocco unico; se vai ad analizzarli li trovi assolutamente diversi per caratteristiche (l'unica non può sempre esse-
re il binomio parco-animali!), per interessi, per capacità di offrire ed offrirsi al viaggiatore. Cosa c'entra il Malawi, un piccolo
gioiellino che vive intorno al suo grande lago, con quel concentrato di mare e parchi, di gente e di tradizioni che è il
Mozambico? Terra d'Africa uno, terra africana che ha molto subito le influenze del colonialismo l'altro. Siccome due paesi non
bastano, ecco irrompere lo Zambia; e con lui la domanda su cosa ci sta a fare assieme agli altri due. Paese di grandi fiumi e
grandi riserve, paese dalla natura grandiosa e non ancora profanata, paese che permette agli uomini di fare safari a piedi, ma
non può impedire ad enormi mandrie di elefanti di "radere al suolo", per mangiarne la corteccia ed i rami teneri, intere foreste.
Un puzzle che sembra senza senso e senza soluzione e che invece un poco alla volta si ricompone, mostra i collegamenti, dà
vita ad un grande affresco africano. Ecco che i contrafforti del Mozambico si sposano con quelli dello Zambia; ecco che le
foreste diventano autostrade per branchi di animali che non conoscono frontiere; ecco che i grandi fiumi dello Zambia parlano
di paesi in cui l'acqua domina, così come il lago Malawi "è" il Malawi e sulle sue sponde si vive, si lavora, si sviluppano le
attività quotidiane di piccoli e grandi villaggi, si "prendono i bagni" come sulle rive del mare e come in mare si pesca, si fa
snorkeling, si... prende il sole. La natura ricompone tutto, in un grande mosaico colorato, dove il verde la fa da padrone, dove
l'azzurro di fiumi e laghi porta la vita, dove i tramonti commuovono, dove la gente sorride. Ti accorgi di mescolare Afriche
diverse, ma anche che solo così si riesce a capire l'anima profonda, vera, spesso capace di nascondersi, dell'Africa. Che al di là
dei confini politici tra stati è sempre la stessa: impareggiabile, unica, coinvolgente.

111
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:38 Pagina 112

Zambia, Malawi, Mozambico

Una forte esperienza africana


18 8
ZAMBIA - MALAWI - MOZAMBICO

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL CAMPO FISSO

Una spedizione per viaggiatori dal palato esigente, ma con una buona capacità di adatta-
mento. Un viaggio che non può essere all’insegna del lusso, ma che spesso offre strutture
di buon livello e di grande fascino. La varietà del percorso rende molto eterogenei gli stan-
dard ricettivi e la tipologia dei mezzi di trasporto: dalle 4x4 alla barca a motore, dagli
aeroplanini al minibus, dal treno al dhow, alla motonave. Il Parco del South Luangwa è una
chicca naturalistica: se qui gli animali di grande taglia e i felini accendono la fantasia, l’in-
credibile avifauna rallegra gli occhi e le orecchie. Poi il Lago Malawi, la prima riserva d’ac-
qua del pianeta, un autentico mare interno che attraverseremo, su acque inattese per tra-
sparenza, a bordo della storica Motonave Ilala: per i “turisti” solo cinque cabine di prima
classe e... qualche orario elastico. Poi il Mozambico del nord, una terra selvaggia e scono-
Come si viaggia:
sciuta; il viaggio in treno e minibus attraverando paesi sperduti. Fascinosa, Ilha de
• Hotel, campi tendati fissi, lodge,
Moçambique... Struggente l’oceano indiano nell’ora dolce in cui rientrano, al tramonto, le guesthouse, motonave
barche. Un incredibile fascino che deriva da un mix lusitano, arabo e africano, un’atmo- • Trattamento: come da programma
sfera sottile che avvolge e incanta. Poi Pemba, piccola città protesa verso la pesca e porta • Itinerario in fuoristrada, minibus,
d’accesso a quell’estremo nord del Mozambico ancora remoto e poco conosciuto. Qui la volo, treno, motonave, barche a motore
natura affascina, lo sguardo corre verso il canale di Mozambico, verso l’Africa. Qui la luce • Tasse di ingresso ai parchi incluse
è carica d’Africa e di mare.

2011: 6 agosto
in compagnia di Gabriele Fiorese

A conti fatti gli africani sono


insieme giovani e vecchi.
Da Milano a partire da € 7200 Dopo essere rimasti fermi per
minimo 8 partecipanti millenni provano a passare
oggi, con salto vertiginoso,
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200 alla cultura neocapitalista.
Ma un viggio in Africa
può ancora essere
un tuffo nella preistoria.
I luoghi: A. Moravia
Italia · Lilongwe · South Luangwa · Lago Malawi · Manda Wilderness · Likoma · Lichinga · Cuamba ·
Ilha · Ilha de Moçambique · Pemba · Italia

112
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:39 Pagina 113

Viaggi di gruppo con TL

Traversata fino all’oceano


11 8
MOZAMBICO

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL CAMPO FISSO

Una spedizione attraverso il nord del Mozambico, in luoghi unici dal punto di vista storico
e ambientale; per scoprirlo, per conoscerlo. Da Maputo, mix di architettura portoghese e
spontaneità africana, a Lichinga, nella frescura di grandi viali alberati. Un’esperienza
diversa e ricca di stimoli: in treno da Cuamba a Nampula, verso oriente, verso il mare, in
un mondo incredibile e brulicante, fatto di uomini e luoghi. Poi Ilha de Moçambique, l’o-
ceano, il mito a portata di mano, i viali nell’ora del tramonto: un mélange di Africa e di
mondo arabo, una identità squisitamente Swahili. I profumi, le voci, l’atmosfera: tutto ti
“avvolge”. Storia e luoghi: Pemba e le Quirimbas. Pemba è proprio l’oceano con i villaggi
di capanne, la lunga attesa sulle spiagge dei pescatori, le atmosfere ora ovattate ora ricche
di voci e di intensità: un mondo che non si dimentica. Un itinerario per chi si sente pronto
a vivere varietà e flessibilità nei mezzi di trasporto e nelle sistemazioni, pur di entrare in
contatto con una vita che è ancora intatta. Uno di quei viaggi ancora capaci di regalare
momenti di suggestione e di emozione anche ai viaggiatori più esperti. Un itinerario per Come si viaggia:
viaggiatori dal palato esigente, ma anche capaci di adattarsi quando è necessario. • Hotel, lodge, guest house
• Trattamento: come da programma
• Itinerario in minibus, fuoristrada e treno
• Guida locale parlante inglese
2011: 6 giugno
con Tour Leader dall’Italia

4 luglio
con Tour Leader dall’Italia

8 agosto
con Tour Leader dall’Italia

Quando ci muoviamo
Da Milano a partire da € 4350 con i nervi all’erta e ascoltiamo,
minimo 8 partecipanti osserviamo e respiriamo
in sintonia con il mondo
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200 attorno a noi, creiamo un’area
o momento di natura selvaggia.

James Hillman, Anima Mundi


I luoghi:
Italia · Maputo · Lichinga · Cuamba · Nampula · Ilha · Ilha de Moçambique · Pemba · Johannesburg · Italia

113
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:39 Pagina 114

Zambia, Malawi, Mozambico

Mozambico nord Mozambico sud


9 2 8 2
MOZAMBICO

MOZAMBICO

GIORNI BASE PARTEC. HOTEL GIORNI BASE PARTEC. HOTEL TENDA CAMPO FISSO

Per chi si sente pronto a vivere un viaggio mettendo in conto Un viaggio a contatto con una natura capace di sorprendere,
la necessità di essere flessibili, adattabili, per chi alla propria un viaggio in regioni ricche di spunti, ma che richiedono da
curiosità non mette il limite delle strutture. In cambio una parte del viaggiatore flessibilità, capacità di adattarsi, voglia di
natura incontaminata, popoli sorridenti e “antichi”, vestigia di “costruire” in viaggio alternative. Un itinerario immaginato per
una storia importante. Se Maputo offre un raffronto serrato mettere insieme paesaggi di grande suggestione, natura incon-
tra l’antica architettura portoghese e la voglia forte di moder- taminata, un Oceano (quello indiano) che qui si esprime in
nità, Lichinga, capitale del Niassa, riporta ad atmosfere ovat- tutta la sua grandiosità, luoghi e monumenti che parlano di
tate, lunghi viali alberati, ritmi africani. Poi ecco il Mozambico, una storia antica ma anche più recente. Architettura portoghe-
per soddisfare la voglia di un paese “altro”. Inizia l’itinerario in se, foreste verdi, piste di terra rossa, grandi dune di sabbia che
treno: curioso, riposante, esaltante, da Cuamba a Nmpula, si perdono nell’Oceano. Ecco Inhambane, la seconda città più
guardando, scoprendo. Ecco Ilha de Mocambique, patrimonio antica, ecco la penisola di Barra, con la lunga spiaggia bianca
dell’UNESCO: la costa, l’Oceano, il mito… Antica capitale che non che fronteggia la grande laguna. Poi le Isole Bazaruto, cinque
dimentica il suo passato: un mix lusitano, arabo, africano. Mare isole, cinque gioielli: il trionfo di un mare dai mille colori, a lam-
chiama mare: Pemba, le spiagge, il relax, le acque cristalline. bire foreste capaci di trasformare le isole in paradisi.
Come si viaggia: Come si viaggia:
• Hotel, lodge, guesthouse • Trattamento: come da programma • Hotel, lodge, guesthouse • Trattamento: come da programma
• Itinerario in fuoristrada, minibus e treno • Itinerario in fuoristrada
• Guida locale parlante inglese da Maputo • Guida locale parlante inglese da Maputo

Da Maputo Da Maputo
base 2 partecipanti a partire da € 3650 base 2 partecipanti a partire da € 2750
base 4 partecipanti a partire da € 3100 base 4 partecipanti a partire da € 2500
base 6 partecipanti a partire da € 2950 base 6 partecipanti a partire da € 2350
Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base
della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea. della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea.
1° giorno: Maputo. Architettura portoghese e spontaneità africana. 1°-2° giorno: Maputo. Architettura portoghese, spontaneità afri-
2° giorno: Lichinga. Un imprevisto senso di ordine che non ha cana, caos moderno e cucina “creola”… E’ il Mozambico.
nulla di urbano ma è identificato dall’ampiezza dello sguardo. 3°-4° giorno: Maputo - Foce del Limpopo. Bellissima la lussu-
3°-4° giorno: Cuamba. Lungo la pista, incontrando villaggi, reggiante vegetazione. La pista di terra rossa e le foce del mitico
comincia la percezione del Mozambico come di un luogo altro. fiume africano tra dune di sabbia, lunghe spiagge isolate e foresta.
5° giorno: Cuamba - Nampula - Ilha. In treno da Cuamba a 5°-6° giorno: Zongoene - Inhambane - Barra. Verso nord.
Nampula. Per un giorno presi dal mondo brulicante, per noi raro, Forte il contrasto tra il verde della vegetazione e il rosso della terra.
che si percepisce all’arrivo nelle varie stazioni. Poi Ilha de Si giunge ad Inhambane, uno dei più antichi insediamenti europei
Moçambique... la costa, l’oceano, il leggendario ponte. sulla costa dell’Africa Australe. Poi la penisola di Barra con la
6°-7° giorno: Ilha de Moçambique. Un mix lusitano, arabo e laguna da una parte e la grande spiaggia bianca dall’altra.
africano. L’atmosfera, un mélange tra l’Africa e il mondo arabo: la 7°-8° giorno: Inhambane - Vilanculos - Johannesburg.
vera identità sincretica, squisitamente Swahili di Ilha. Qualunque Vilanculos, la vivace cittadina che è la porta di accesso alle Isole
cosa facciate a Ilha vi ritroverete sull’Oceano. Bazaruto. Vegetazione tropicale, palme e baobab. Giornate di relax
8°-9° giorno: Ilha de Moçambique - Pemba, rientro. A piedi e mare soggiornando in una “casa lontano da casa” dall’atmosfera
sul ponte del Fiume Lurio: scorci ed incontri. Pemba è l’oceano, qui rilassata e tranquilla, costituita da poche camere, su un piccolo
la luce è possente e dolce, carica d’Africa e di mare. promontorio baciato da una leggera brezza, con una superba vista.

114
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:39 Pagina 115

Viaggi privati ed esclusivi

Mozambico mare
2
MOZAMBICO

BASE PARTEC. HOTEL

Vilanculos è il punto d’accesso alle isole Bazaruto, IBO - 2 giorni


1° giorno: Pemba, Ibo. (30 minuti di volo) Una giornata che rappresen-
splendido arcipelago situato a poche decine di ta frammenti preziosi del viaggio... A bordo di un piccolo aeroplano si
chilometri dalla costa di fronte alla cittadina di procede ancora più verso nord, cercando di cogliere i giochi di colore
Vilanculos ed è costituito da una “catena” di cinque tra l’azzurro del cielo, il blu del mare, il bianco delle spiaggie e il verde
della vegetazione. La traversata avvicina velocemente a Ibo, luogo
isole, cinque gioielli nel mare turchese ancora abitate pieno di una storia dolente che oggi è solo un frammento di terra dove
da circa 3500 pescatori. Uno degli ultimi rifugi degli si trascorrono notti che chiudono giornate di abbandono: tracce di sto-
ria, luoghi intatti, oceano. Siamo nell’Arcipelago delle Quirimbas, alcu-
schivi dugong (i lamantini ovvero le mitiche “sirene”) ne minuscole isole incastonate in un oceano di incredibile bellezza e
della costa orientale dell’Africa, Bazaruto offre una dolcezza. Ibo è la più famosa e fino ad appena 2 secoli fa era un fio-
delle barriere coralline più vergini dell’Oceano Indiano rente centro di commercio, secondo per importanza solo a Ilha, ora è
luogo di atmosfere irreali e magiche. Scoperta dell’isola a piedi: il vec-
ed un ecosistema unico che si è potuto ben conservare chio villaggio, i tre fortini, i vecchi palazzi coloniali abbandonati, gli
grazie al suo isolamento. Per gli ambientalisti l’unicità artigiani che lavorano l’argento... Pranzo libero, cena e pernottamento
del posto risiede nella fragile diversità: uccelli residenti in Guest House 5 Portas o similare (solo 7 camere e tutte con letto
matrimoniale). NB: per il soggiorno a Ibo si potra’ portare solo un pic-
e migratori, fenicotteri, falconi, fregate minori, colo bagaglio col necessario; non c’è elettricità nella cittadina di Ibo. Su
coccodrilli, piccole antilopi, lucertole, roditori, scimmie richiesta e con supplemento, pernottamento a Ibo Lodge 4*.
samango, scoiattoli, tartarughe (almeno 5 specie: 2° giorno: Ibo e Pemba. (30 minuti di volo) Rientro sempre in volo a
Pemba, ripercorrendo la ormai familiare rotta... la condizione del partire
Loggerhead, Leatherback, Green, Hawksbill, Ridley), favorisce come sempre una vena di rimpianto per questo mondo bello,
delfini (5 specie), balene Humpback e Minke (tra luglio dolce, vasto, semplice... Pranzo libero, cena in ristorante locale, notte al
Wimbi Sun Hotel.
e ottobre), squali balena, mante, coralli, anemoni, pesci
colorati, … Una parte dell’arcipelago è parco nazionale ISOLE QUIRIMBAS
marino. Tre le isole maggiori che compongono durata soggiorno consigliata: 5 pernottamenti
Alcuni giorni di relax al mare nelle affascinanti isole dell’Oceano
l’arcipelago: Bazaruto, Benguerra e Magaruque. Indiano... destinazioni conosciute come “lusso a piedi scalzi”. Il magni-
fico arcipelago nella provincia settentrionale di Cabo Delgado com-
prende alcune verdi isole incastonate in un oceano blu di incredibile
bellezza e dolcezza... Anche se l’arcipelago è ufficialmente costituito da
27 isole di origine corallina, solo 11 che si trovano nella parte meridio-
nale e si estendono su più di 100 kmq fanno parte del Parco Marino
Nazionale di Quirimbas. Il parco fu stabilito nel 2002 su richiesta della
comunità locale per proteggere il delicato ambiente naturale ed è un
vero paradiso per gli amanti del mare, dei fondali e della natura in
genere. Una delle caratteristiche di queste isole sono le “pareti” verticali
che scendono improvvisamente anche di 400 m e che abbondano di
grotte, formazioni di corallo e pesci di ogni tipo e grandezza. Per gli
amanti della natura, l’unicità del posto risiede nella fragile biodiversità:
uccelli migratori, tartarughe, delfini, balene Humpback e Minke (tra
luglio e novembre), coralli, anemoni, più di 350 specie di pesci...

115
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:39 Pagina 116

Zambia, Malawi, Mozambico

Il Lago delle mille stelle In volo e in barca


11 2 11 2
ZAMBIA
MALAWI - MOZAMBICO

GIORNI BASE PARTEC. HOTEL GIORNI BASE PARTEC. HOTEL

Un piccolo Paese dove la natura ha due alleati capaci di ren- Per chi ama i safari, i grandi paesaggi che lasciano senza fiato,
derla rigogliosa e verde: l’acqua e la terra. A cavallo di questi gli animali nel loro habitat, l’acqua e le foreste. Per chi ama
due elementi si snoda tutto il viaggio, tra emozioni, scenari farlo nelle maniere più disparate: in jeep scoperte e a piedi, in
forti e paesaggi riposanti. Una riserva ricca di animali, fiumi e canoa e in barca, volando in aereo o in elicottero sulla natura
laghi da navigare per vivere la natura osservandola dalle rive per coglierne mille particolari. Per chi, soprattutto, vuole un
nelle ore dell’abbeverata. Spiagge, vere, su cui rilassarsi per viaggio nuovo e completo, ma ottimizzando i tempi, “stringen-
godere di momenti di “soggiorno balneare” del tutto singolare. do” sui lunghi spostamenti. E, per finire, per chi tutto questo
Come nei campi tendati fissi sulle isole in mezzo al lago e in lo vuole con il massimo comfort. Lusso di strutture, lusso di
lodge esclusivi che garantiscono “lusso a piedi scalzi”. luoghi incontaminati. Qui non manca nulla: le cacce e le
Spostamenti in auto, in barca e in volo per “tagliare” i tempi. numerose mandrie; i grandi felini africani, i maestosi ippopo-
Uscite in kayak, immersioni, snorkelling, vela, bird-watching... tami; ...e tramonti che ti restano nell’animo! Gioielli esclusivi:
Le popolazioni, i villaggi, le missioni, il contatto vero e totale il Lower Zambesi NP, il South Luangwa NP, il Kafue NP, lo spet-
con una terra che preserva natura e tradizioni. tacolo “assordante” delle Cascate Vittoria.
Come si viaggia: Come si viaggia:
• Hotel, campi fissi e lodge esclusivi • Hotel, lodge e campi tendati di lusso
• Trattamento: come da programma • Trattamento: come da programma
• Itinerario in fuoristrada, minibus, barca e in volo • Itinerario in volo, fuoristrada e barca
• Ranger-guide residenti parlanti inglese • Escursioni in barca, mokoro e a piedi
• Tasse di entrata ai parchi incluse • Ranger-guide residenti parlanti inglese
• Tasse di entrata ai parchi incluse
Da Blantyre
base 2 partecipanti a partire da € 3700 Da Lusaka a partire da € 7200
base 4 partecipanti a partire da € 3540 base 2 partecipanti
base 6 partecipanti a partire da € 3470
Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base
della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea. della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea.

1°-2° giorno: Blantyre - Liwonde. Acqua e terra, i due 1°-3° giorno: Lusaka - South Luangwa NP. I grandi pre-
alleati di questa regione; i safari: in barca, a piedi e notturni! datori e le specie endemiche, gli uccelli e gli animali del fiume;
3° giorno: Liwonde NP e Lago Malawi. La Great Rift i safari fotografici, soprattutto a piedi, in questa riserva
Valley, Mangochi, la gente; vivere la bellezza del tramonto immensa paradiso della fauna.
sulla spiaggia del grande mare interno. 4°-5° giorno: Lower Zambesi N.P. Grandi paesaggi che
4°-5° giorno: Lago Malawi - Cape Maclear. Il Lago lasciano senza fiato; un parco, un gioiello riservato a pochi;
Malawi, di sorprendente bellezza, in un ambiente fortemente tutte le attività: barca e canoa, jeep aperte e a piedi, per coglie-
africano vissuto da un’isola esclusiva; le albe, i tramonti. re “la vita” lungo lo Zambesi.
6°-7° giorno: le rive settentrionali. La missione di Mua, la 6°-8° giorno: Kafue National Park. Godere di uno dei più
scoperta dei villaggi; battute di pesca, windsurf, la vela e la bici. remoti parchi africani; la pianura di Busanga: isole alberate
8°-9° giorno: sulla riva mozambicana. Mchenga Nkwichi, in un mare di savana; le piane alluvionali e i “dambos”; in eli-
“la sabbia che canta e squittisce” nella Manda Wilderness Reserve cottero sulle regioni settentrionali; una fauna imponente.
10°-11° giorno: Likoma Isl. - Lilongwe. La famosa cattedrale 10°-11° giorno: le Cascate Vittoria. Un tripudio di arcoba-
anglicana e “l’ospedale” dello sciamano; spiagge di sabbia dorata. leni sull’acqua, il “canto” assordante di milioni di litri d’acqua.

116
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:39 Pagina 117

Viaggi privati ed esclusivi

Africa d’altri tempi


9 2
MALAWI - ZAMBIA

GIORNI BASE PARTEC. HOTEL CAMPO FISSO

INTEGRAZIONI DI VIAGGIO Un itinerario che fonde diversi aspetti dell’ambiente afri-


cano. I baobab giganteschi del Malawi, le piste di terra
rossa, il lago sconfinato, la savana popolata giorno e notte
E’ possibile inserire nei viaggi altre dai grandi animali e dalle loro agili prede. Il primo incontro
località del paese visitato o è con lo Zambia alla scoperta del Parco del South Luangwa
di quelli vicini. Possono essere con veicoli fuoristrada aperti per osservare gli animali e le
semplici estensioni o vere e proprie loro abitudini. L’emozione del safari a piedi, accompagnati
integrazioni che “creano” un viaggio da rangers armati. Poi il Malawi: un ambiente fortemente
africano, gli animali nell’armonia del Parco di Liwonde, i
nuovo e diverso. safari in barca, l’emozionante incontro con il rinoceronte,
le albe e i tramonti sulle sponde del lago Malawi. Il fascino
di un campo tendato fisso su due isolette disabitate, in
ESTENSIONI posizione spettacolare. L’altopiano di Zomba, dalle atmo-
sfere molto particolari.
Spiaggia e “mare” al Lago Malawi Come si viaggia:
le Cascate Vittoria • Hotel, lodge e campo tendato fisso
• Trattamento: come da programma
l’esclusivo Lower Zambesi N.P. • Itinerario in fuoristrada, pulmino e in volo
il mare del Mozambico • Ranger-guide residenti parlanti inglese
• Tasse di entrata ai parchi escluse

Da Lusaka a partire da € 3700


base 2 partecipanti

Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base
della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea.

1° giorno: Lusaka - Mfuwe. Il primo emozionante safari.


2°-4° giorno: Parco del South Luangwa. Ancora e sempre
safari in fuoristrada e a piedi accompagnati da rangers, in un
vero paradiso: la più grande concentrazione di animali dello
Zambia; vivere di giorno e di sera la natura e i riti degli ani-
mali: la caccia, l’abbeverata, il riposo, gli amori.
5° giorno: Lilongwe e Lago Malawi. Un’isola, al cospetto della
natura, per vivere in maniera esclusiva la bellezza dei luoghi.
6°-7° giorno: Parco Nazionale Liwonde. In campo tendato
sul fiume Shire, che esce dal Lago Malawi; il fascino di safari a
tutte le ore, soprattutto in barca.
8° giorno: Plateau di Zomba. Dalla savana della piana alle
montagne; sulla cima del Plateau, a 2000 mt, viste spettacolari.
9° giorno: Blantyre. Lungo le alture dello Shire Highlands.

117
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:39 Pagina 118

Madagascar, Oceano Indiano

Aldabra
Isole Seichelles

Diego Suarez
Antsiranana
Antsohimbondrona
Andoany
Iharana
Nosy Be Ambanja
ANTSIRANANA
co

Bealanana
bi

Andapa
Antsohihy
am

Antalaha
Mahajanga MAHAJANGA
oz
l M

Marovoay Ille de Sainte Marie


Soalala MananaraAvaratra
de

Besalampy Andilamena
Maewatanana Sonaieranalvongo
le

Fenoarivo Atsinana
Kandreho
na

Maintirano Ambatondrazaka
ANTANANARIVO Toamasina
Ca

Antananarivo
Ankavandra P.N. Perinet
Miandrivazo Soavinandriana
Antsirabe Antanifotsy
Belotsiribihina
Morondava Mahabo
Mahanoro Oceano
Ambositra Varika
Mandabe FIANARANTSOA Indiano
Manja Mananjary
Fianarantsoa
Parco Ambalavao
Nazionale Manakara
Isalo Ihosy
Farafangana
Tulear
Oceano MidingyAtsimo
Beraketa Tsivory
Indiano Ampanihy
Fort Dauphin
Ambovombe

Perché con noi. Ci siamo arrivati tanti anni fa, quando pochi o nessuno vedeva in quella grande isola un luogo bello da
scoprire, da vedere, da capire. Lo abbiamo fatto anche grazie ad un corrispondente italiano che laggiù viveva e che ci aveva
fatto capire la bellezza e l'interesse del Madagascar. Poi... poi le difficoltà di trattare con un'unica compagnia aerea, che
faceva del protezionismo ancor più che dell'ostruzionismo, ci aveva fatto allontanare. Non si possono programmare viaggi
che poi rischiano di non partire; peggio, non si possono immaginare viaggi che "dovranno" subire modifiche perché i voli
non sono prenotabili ad un certo costo e in una data ben precisa. Come due innamorati che vivono in città lontane e non
riescono a vedersi quando e soprattutto come desiderano, ci siamo persi. Da 5 anni, normalizzati i voli, è ripreso l'idillio,
abbiamo riposizionato gli itinerari anche sulla base di varie ricognizioni (gli amori, in realtà, non si interrompono mai del
tutto), abbiamo ripreso a cercare, curiosare, scoprire, capire, innovare. Nel Madagascar crediamo ancora molto.

118
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:39 Pagina 119

Perché andare

Cento volti contrastanti sono troppi? Certamente sì, ma non sono comunque pochi quelli che il Madagascar sa regalare.
Paese intrigante, a volte capace di nascondere ciò che ha di diverso e di più vero, sempre ricco di suggestioni. Un paese
che proprio per queste sue diversità, continue, stordisce il viaggiatore. Siamo in un paese che si fa amare o si fa dete-
stare, senza vie di mezzo, senza condizioni intermedie, forse senza appello. Eppure è un'Isola che dà molto, che offe
molto e che si apre a chi vuole vederla con occhi nuovi, diversi; perché le differenze non vanno solo notate ed annotate,
vanno vissute con animo lieve e curioso. E' che questo sia un paese che ama i viaggiatori curiosi e che da loro si fa
facilmente amare è certo. E' questo il punto: il Madagascar si dà solo ai viaggiatori veri, a quelli che non lanciano giudizi
dopo uno sguardo furtivo, a quelli che sanno guardare con occhi complici. A quelli che non amano il mordi e fuggi, a
quelli che sentono propri anche i luoghi degli altri. Isola complessa, come sono complessi i suoi itinerari: per coglierne
lo spirito più profondo bisogna sapersi adattare ai cambi repentini di immagini e suggestioni, alla varietà e alle con-
traddizioni. Bisogna avere la capacità di passare da villaggi e mercati dove l'animazione è quasi frenetica, vociante, al
silenzio delle spiagge isolate, delle coste; dalle lagune serene alle scogliere erose dal vento: dalle piantagioni a perdita
d'occhio alle foreste lussureggianti. Un'esplosione di emozioni... Il canto delle conchiglie spostate dalle onde sulle spiag-
ge di Tulear e la severità dei paesaggi dell'Isalo, il deserto spinoso e le foreste a galleria contornate di tamerici; la poten-
za dei baobab e la sontuosa delicatezza delle orchidee e le pianure verdeggianti e il mare dalle trasparenze cristalline.
Un'Africa vera, coinvolgente. Poi l'Oceano Indiano, in barca, per capire che le Seichelles non sono solo spiagge e fondali
e che la più lontana, Aldabra, ha il fascino delle cose remote ancora tutte da scoprire.

119
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:39 Pagina 120

Madagascar, Oceano Indiano

L’ultimo Gondwana
16 10
MADAGASCAR

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL

L’ultimo Gondwana: isola possente, a tratti massiccia e spesso lieve e luminosa di colori
pastello; contraddittoria quanto a paesaggi e situazioni di vita; capace di farsi scoprire solo
a tratti, sempre prodiga di luoghi nuovi; regno di profonde, dense foreste, a volte inacces-
sibili e quasi ostili, ma anche di estese piane verdi, di spiagge dove il canto delle onde e
delle conchiglie ipnotizza, di grandi lagune e di baie serene. Il Madagascar ha in sé tutti gli
aspetti capaci di farti venire voglia di viverci, o quanto meno di passarci lunghi periodi sere-
ni. La sua forza è la capacità di mostrare il volto di un angolo di mondo dove, senza eccessi,
molto è rimasto a decenni fa: il ritmo di vita, le tradizioni vissute serenamente, le lunghis-
sime piste ancora di terra rossa battuta, una sorta di serpentone che si snoda sinuoso tra
foreste a perdita d’occhio, le piccole barche a vela con pescatori che buttano le reti in un
mare che è ancora generoso, le spiagge lunghissime, di un bianco che contrasta con acque
smeraldo e blu. Un ecosistema unico al mondo, con piante e animali endemici; foreste plu-
viali e picchi montani; l’altopiano d’Isalo, segnato da canyons profondi e piscine naturali, e
la vegetazione tropicale della costa occidentale; le barriere coralline e le baie serene. E sem-
pre, ovunque, un popolo sorridente, ancorato alle proprie tradizioni, vissute in maniera sere-
na. Un viaggio “classico e confortevole”, ma ricco di spunti nuovi; un viaggio in albergo che Come si viaggia:
comunque richiede un certo spirito di adattamento. A ripagarci un’isola unica…” • Hotel e lodge
• Trattamento: come da programma
• Itinerario in minibus con aria condizionata
• Escursioni a piedi
2011: 10 giugno • Guide locali
con Tour Leader dall’Italia

15 luglio
con Tour Leader dall’Italia

Da Milano a partire da € 4550 Giovane viaggiatore


minimo 10 partecipanti dimentica le stanchezze
del tuo viaggio,
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200
procedi con coraggio.
Non spegnere nell’anima
la luce del tuo cammino.
I luoghi:
Italia · Antananarivo · Forth Dauphin · Riserva del Berenty · Penisola di Lokaro · Tulear · Anakao · Rabindranath Tagore
Nosy Ve · Parco Isalo · Ambalavao · Finarantsoa · Ranomafana · Antsirabe · Riserva Perinet ·
Antananarivo · Italia

120
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:40 Pagina 121

Viaggi di gruppo con TL

Un’isola, un continente
21 10
MADAGASCAR

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL TENDA

Un viaggio spedizione alla scoperta di paesaggi ed etnie. Alla scoperta della natura sorpren-
dente di un’isola grande come un intero paese: canyon, sorgenti calde, palme, rocce spet-
tacolari, sontuose fioriture di orchidee selvagge e possenti baobab, la foresta spinosa e le
piante endemiche. Una natura dai cento volti capace di stordire il viaggiatore. Mille sugge-
stioni, mille motivi di emozione. Una “piccola” fauna straordinaria e i simpatici lemuri.
Decine di baobab nell’Avenue des Baobabs di Morondava; l’incredibile fiume e i bizzarri pin-
nacoli di pietra, gli Tsingy, le grotte nella regione sacra. Dalle risaie dell’altopiano centrale
fino a Miandrivazo, crocevia etnico, dove inizia la navigazione dello Tsiribihina, campeg-
giando fra le sue lunghe lingue di sabbia. I giganteschi baobab della regione di Tsimafana,
luogo dei Sakalava, veneratori degli antenati, e dei Vezo, pescatori nomadi. La magia che
Come si viaggia:
incanta del suono di migliaia di conchiglie mosse dal mare a Tulear. La suggestione delle • Hotel e tenda (2 notti)
sconfinate piantagioni di agavi. L’incontro ravvicinato con i timidi lemuri. Relax e attività • Trattamento: come da programma
di fronte al reef della barriera corallina, gli altopiani centrali, l’Isalo National Park e la fore- • Itinerario in fuoristrada, barca e minibus
sta pluviale del Ranomafana National Park; poi Antsirabe e infine Antananarivo che ci sedu- • Escursioni a piedi
ce con il suo sorriso malgascio, che ci inebria di suoni, luci, colori, odori intensi di spezie. • Guide locali

2011: 5 agosto
in compagnia di Elena Dacome

Da Milano a partire da € 4380


minimo 10 partecipanti
C’è saggezza nel passare
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200 il più spesso possibile
dal noto all’ignoto:
mantiene agile la mente,
uccide il pregiudizio e
incoraggia l’umorismo.
I luoghi:
Italia · Parigi · Antananarivo · Antsirabe · Miandrivazo · in barca sul Tsiribihina · Parco Nazionale George Santayana, Filosofia del viaggiare
des Tsingy · Tuléar · Anakao · Parco Nazionale de l’Isalo · Ambalavao · Fianar · Ranomafana ·
Ambositra · Antsirabe · Antananarivo · Italia

121
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:41 Pagina 122

Madagascar, Oceano Indiano

Africa verde e remota Naturalmente Madagascar


10 2 10 2
MADAGASCAR

GIORNI BASE PARTEC. HOTEL GIORNI BASE PARTEC. HOTEL

Un Paese che piace a tutti i grandi viaggiatori, che amano sco- Al di là di alcune magnificenze, qui è l’atmosfera che detta i
prire luoghi nuovi e complessi. Lascia indifferente chi al viag- tempi, è la diversità che incuriosisce, è l’intensità di situazioni e
gio chiede solo una carrellata superficiale di luoghi. Il luoghi che appaga. Pensi al Madagascar e pensi ai lemuri (a
Madagascar è complesso, i suoi itinerari lo sono; per coglierne cominciare dal più grande,l’Idri Idri, che vedremo nel suo habitat
lo spirito bisogna adattarsi alla sua varietà e alle contraddizio- migliore), ma ti ritrovi contornato da decine e decine di specie
ni: cambi repentini di immagini e suggestioni; scenari in movi- diverse di animali; così come ti accompagna, sempre, il canto di
mento, capaci di dare sensazioni belle e forti. Dal caos del migliaia di uccelli… Pensi al Madagascar e ti vengono in mente
coinvolgente mercato di Antananarivo alla bella Ambalavao, le foreste tropicali, poi incontri piante endemiche, fiori rari, sco-
con le casette colorate dai tetti aguzzi. Dal fascino austero del pri oltre cento specie diverse di orchidee, ammiri giacinti d’ac-
Parco dell’Isalo con cascate e pianure dorate a Fianarantsoa, qua così grandi da meritarsi il sopranome di “orecchie di elefan-
nel cuore di una delle regioni più fertili, fino alla Foresta te”. Le Riserve naturali, i villaggi Betsimisaraka, le persone sor-
Pluviale di Ranomafana, lussureggiante. Il Madagascar è so- ridenti, i pescatori. Relax in una splendida isola giardino, Sainte
prattutto questo; è Africa verde e remota. Marie, ricca di suggestioni, antico rifugio dei pirati.
Come si viaggia:
Come si viaggia:
• Hotel • Trattamento: come da programma
• Hotel • Trattamento: come da programma
• Auto e barca; alcuni voli interni
• Itinerario in minibus; escursioni a piedi
• Guide locali
• Guida locale parlante italiano
Da Antananarivo
Da Antananarivo base 2 partecipanti a partire da € 2480
base 2 partecipanti a partire da € 2850 base 4 partecipanti a partire da € 2250
base 4 partecipanti a partire da € 2150 base 6 partecipanti a partire da € 2150
base 6 partecipanti a partire da € 1900
Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base
Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea.
della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea. 1°-2° giorno: Antananarivo - Andasibe. Antsiraka e le sue
ricchezze. La riserva di “Peyrieras” e il “Museo della
1°-2° giorno: Tana - Antsirabe. L’altopiano centrale ad oltre Gendarmeria”. La riserva di Vakona: il “Cryptocropta ferox”.
1800 metri; il caos coinvolgente, divertente della capitale. 3° giorno: Andasibe. Il Parco Nazionale di Analamazaotra e
3°-4° giorno: Ambositra - Ranomafana. Eucalipti fino a la più grande specie di lemuri, l’Indri Indri o “Babakoto”. Flora
Ambositra; alte case in mattoni rossi; lemuri nella lussureg- endemica, “l’albero del viaggiatore”, 100 specie di orchidee.
giante Foresta Pluviale in uno dei parchi più noti. 4° giorno: Andasibe - Manambato. Attraverso la foresta
5° giorno: Fianarantsoa. Nel cuore di una delle regioni più vergine e i tipici villaggi Betsimisaraka. I laghi salati.
fertili e rinomate per la produzione di tè e di vino. 5° giorno: Lago Rasoamasay. Palmarium, riserva privata
6°-7° giorno: Isalo - Ambalavao. La produzione artigianale su una penisola di 46 ettari: i lemuri “Varecia variegata”.
della seta; pianure dorate intervallate da grandi pinnacoli di are- 6° giorno: Lago Rasoamasay - Tamatave. In fuoribordo
naria, cascate, lenti corsi d’acqua, canyon profondi e dense foreste. nel Canale di Panganales; i giacinti d’acqua, “orecchie di ele-
8°-9° giorno: Tuléar e Ifaty. I villaggi dei cercatori di zaffiri, fante”; il mercato galleggiante del porto fluviale di Tamatave.
le tombe Mahafaly, il reef della grande barriera: scenari in 7°-9 giorno: Tamatave - Sainte Marie. L’isola-giardino,
movimento, immagini, suggestioni. antico nascondiglio dei pirati. Da giugno a settembre il pas-
10° giorno: Antananarivo. Variopinti mercati di tessuti, saggio delle balene “Megaptera Novaeangliae” per partorire.
spezie inebrianti. 10° giorno: Sainte Marie - Antananarivo. Il rientro.

122
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:41 Pagina 123

Viaggi privati ed esclusivi

Natura e relax
11 2
MADAGASCAR

GIORNI BASE PARTEC. HOTEL

PER TUTTI GLI ITINERARI IN MADAGASCAR Paese che può sembrare contraddittorio, ma che tale non è. Ecco
è possibile effettuare le seguenti estensioni: allora un viaggio che ha nel suo “lento” svolgimento la chiave
per farci capire le diversità di questa isola di straordinario inte-
resse e di non comune bellezza, sono i tempi scelti per vedere le
• Spiaggia e mare nelle Isole dell’Oceano Indiano: cose classiche e qualcosa di più il vero plus del viaggio. Poi ci
Nosy Be nel Canale di Mozambico, pensa il Madagascar! La capitale incanta: suoni, vociare di gente
l’Arcipelago di Ankazoberavina e quello di Mitsio, allegra, mercati animati, bellezze architettoniche: a fare da
l’Isola di Sainte Marie. quinte teatrali, montagne verdi e risaie a perdita d’occhio.
Cantano i milioni di conchiglie sulla spiaggia di Tulear quando
l’onda dolce di risacca le sposta, le sconvolge, le accarezza.
• Ancora spiaggia e mare, Attraggono l’occhio le artistiche steli funerarie che punteggiano
lungo la costa nord occidentale del Paese, la piana; affascina il Parco dell’Isalo con il suo dedalo di canyon,
con il lusso di Anjajavy. foreste primarie, cascate e corsi d’acqua. Ettari e ettari di pianu-
re dorate cosparse di pinnacoli di arenaria. Affascina il richiamo
primordiale, nella Riserva del Perinet, dell’Idri-Idri, il lemure più
• Il Sud-Est, nell’area di Fort Dauphin grande…. Poi è il mare, la barriera, le lagune calme, le spiagge
con la Riserva Privata di Berenty dorate, il gioco dei pesci multicolori. Pace e relax a Nosy Be.
ove è possibile il contatto con i lemuri, Come si viaggia:
animali “affabili” e curiosi; • Hotel • Trattamento: come da programma
l’incredibile Foresta di Spine, • Auto e barca • Guide locali

i popoli Antandroy e Antanosy; Da Antananarivo


la Penisola di Lokaro, l’oceano. base 2 partecipanti a partire da € 3360
base 4 partecipanti a partire da € 3120
• La Riserva di Perinet base 6 partecipanti a partire da € 2860
Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base
della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea.
1° giorno: Antananarivo. Una città costruita su tre livelli; il
Palazzo della Regina; intorno gli altipiani e le risaie.
2°-4° giorno: Tulear - Parco Nazionale di Isalo. Molte
etnie convivono; la barriera coraliina e le spiagge di conchi-
glie; le steli funerari dipinte. Isalo: un dedalo di corsi d’acqua,
cascate, fiumi, pianure doirate con alti pinnacoli di arenaria.
5°-7° giorno: Riserva del Perinet (Andisibe N. P.). Un richia-
mo primordiale nella foresta: l'Indri-Indri, il più grande lemure
esistente. Animali e canto di uccelli nella foresta lussureggiante.
8°-10° giorno: Nosy Be. L’Amarina hotel, raffinatezza e di
autenticità affacciate sulla spiaggia di Amporaha. Il parco
tropicale sulla laguna d'Ambohiday.
11° giorno: Nosy Be - Antananarivo.

123
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:41 Pagina 124

Madagascar, Oceano Indiano

Crociera e mare nell’Oceano Indiano Isole Aldabra


9 2 10 2
SEYCHELLES VAGABONDE

SEYCHELLES

GIORNI BASE PARTEC. HOTEL GIORNI BASE PARTEC. HOTEL

Un modo particolare di ammirare le uniche isole granitiche Una vera e propria spedizione in angoli raramente visitati, per
del mondo. Un viaggio itinerante alla scoperta di un arci- gli appassionati del mare e per chi apprezza il fascino dei luo-
pelago mozzafiato, dedicato agli amanti della natura ghi remoti. Si effettua solo nei mesi di marzo e aprile ed è
incontaminata. A bordo di vascelli confortevoli dal fascino quindi cruciale prenotare con ampio anticipo. A bordo di
antico (imbarcazioni d’inizio secolo costruite in Europa), imbarcazioni molto confortevoli, con tutte le cabine con
ogni giorno si visitano isole diverse, angoli di spiagge, lagu- bagno e la possibilità di una suite: i Sailing Yacht Sea Star e/o
ne, barriere coralline, parchi e foreste. Non si tratta di una Sea Bird, progettati per traversate oceaniche. Ogni giorno si
vacanza balneare classica, ma di una modalità unica, visitano atolli, spiagge, lagune, barriere coralline e lussureg-
confortevole e versatile, che consente di scoprire il meglio gianti foreste di mangrovie. Impressionante il salto oceanico,
di ogni isola. Interessante il rapporto qualità-prezzo, visto la caduta verticale e vertiginosa della barriera verso i profon-
che il bed & breakfast con escursioni in ogni isola costereb- dissimi fondali. Pesci di grandi e piccole dimensioni per gli
be di più e non consentirebbe la stessa libertà. Ogni giorno amanti dell’immersione. Una crociera riservata agli amanti
navigazione, relax, escursioni... nuotate. Su richiesta barca della natura, ai subacquei e ai “viaggiatori”.
di standard superiore.
Come si viaggia:
Come si viaggia: • Yacht (cabine con bagno privato)
• Vascelli europei dal fascino antico • Guest house a Mahé
• Guest house a Mahé • Trattamento: come da programma
• Trattamento: come da programma • Personale di bordo parlante inglese e francese
• Personale di bordo parlante inglese e francese • Naturalista di lingua inglese e francese
• Trasferimenti in minibus e in volo (estate) • Trasferimenti in minibus e in volo

Da Mahé a partire da € 1600 Da Mahé a partire da € 4700


base 2 partecipanti
base 2 partecipanti

Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base
della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea. Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base
della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea.
1°-giorno: Mahé. L’allegra capitale; osservare dal mare le
uniche isole granitiche del mondo; ammirare in relax le fitte 1°-2° giorno: Mahé - Assumption. Le fitte foreste tropicali
foreste tropicali. montane, i fondali preziosi, le magnifiche spiagge costiere.
2° giorno: Isl. Curieuse. Foreste di mangrovie e tartarughe giganti. 3°-6° giorno: Aldabra. Un eden terrestre e sottomarino; il
3° giorno: Isola di La Digue. Spettacolari formazioni grani- piacere di scoprire una natura ricca di segreti. Luoghi remoti,
tiche; le magnifiche spiagge costiere. angoli raramente visitati. Razze, squali e la fregate marine.
4° giorno: Isola di Praslin. La Riserva Naturale della Vallée 7°-8° giorno: Atollo Cosmoledo. Le colonie di sule di Noth
de Mai, il coco-de-mer, il raro Black Parrot. Island. Nuotare con intorno pesci dai mille colori.
5-6° giorno: Isole Cousin e Praslin. Snorkelling 9° giorno: Isola di Astove. Tartarughe e ”l’occhio bianco del
nell’Oceano Indiano. Madagascar”. Fare il bagno tra emozioni e incontri rari.
7°-8° giorno: Praslin - Mahé. Dopo il piacere della naviga- 10° giorno: Assumption - Mahé. La capitale dominata da
zione, un poco di snorkelling, di shopping e di relax. montane lussureggenti che proiettano il proprio profilo nel
9° giorno: Mahé. Nostalgia di un mare unico. mare. La costa di spiagge con sabbia finissima.

124
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:41 Pagina 125

Viaggi privati ed esclusivi

Self-drive: una diversità che incanta


9 2
REUNION

GIORNI BASE PARTEC. HOTEL

Voglia di cose belle e diverse: è questo che spinge a Réunion,


un’isola dove alternare il piacere di una natura forte con la
voglia di nuotare in acque trasparenti che lambiscono spiagge
accoglienti. La maggiore delle tre Mascaregne, al largo del
Madagascar, che si innalzano dalle acque dell’Oceano Indiano.
A tratti brulla a tratti esuberante di vegetazione: giungla e
cascate, spiagge solitarie e vulcani, case coloniali e villaggi
festosi. Se il Piton des Neiges è quieto ormai da lungo tempo,
il Piton de La Fournaise lascia attive alcune delle sue bocche.
Zone bruciate dalla lava, con pareti intagliate da corsi d’acqua
e piccole cascate, sul cui fondo vivono pochi abitanti in un
ambiente veramente grandioso. Réunion è selvaggia bellezza,
è mosaico di paesaggi; è cultura creola.

Come si viaggia:
• Hotel (formula open voucher)
• Trattamento: come da programma
• Itinerario secondo richiesta
• Auto a nolo, categoria A, per 7 giorni
• Briefing in italiano all’arrivo a Reunion

Da Reunion
base 2 partecipanti a partire da € 950
base 4 partecipanti a partire da € 850

Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base
della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea.

Partenze individuali su richiesta

I luoghi da scegliere:
il Piton des Neiges e quello della Fournaise · il centro termale,
l’unico nell’oceano indiano, di Cirque Cilaos · la costa ovest e
quella nord · montagne a est e a sud

125
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:41 Pagina 126
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:41 Pagina 127

Vicino oriente
e Asia centrale
Le cupole acqua marina rimandano la luce del sole sulle pareti
piastrellate di verde e di blu, di oro e turchese...

cerniera di culture uniche e particolari


Case come merletti, architettura d’argilla che proprio per questo diviene arte

Luoghi santi: il silenzio regna sovrano senza imposizione


e la preghiera risuona come un eco

Paesaggi tormentati e vari, caos e serenità, deserti e palmeti,


altissime vette, spazi infiniti: orizzonti remoti ma accessibili

Gioielli architettonici scavati nella pietra, “nascosti” ma pronti a sfidare


il mondo: Petra è la magia

Costumi e tradizioni, stili di vita, come ai tempi di Marco Polo


Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:41 Pagina 128

Siria, Giordania, Israele

TURCHIA

Al Hasakah
Aleppo
Idlib Ar Raqqah
Latakia
Hamah Dayr az Zaw
CIPRO Tartus
Hims SIRIA
Mar Damasco
Mediterraneo IRAQ
Al Qunayurah
ISRAELE As Suwayda
Daria
Ajlun Al Mafraq GIORDANIA
Gerusalemme Amman
Madaba
Al Karaka
Petra
SINAI
Wadi Rum ARABIA
Al Aqabah
SAUDITA

Perché con noi E’ sbagliato confessare che abbiamo avuto un approccio graduale, a volte forse sospettoso per paesi e luo-
ghi che abbiamo molto amato (e amiamo) e visitato come viaggiatori, ma che ci preoccupavano come operatori? “Troppa”
gente, troppo classico senza vie di fuga, troppa confusione. O, se preferite, poca possibilità (così ci pareva) di differenziare,
scoprire, innovare. Eppure Paesi di straordinaria cultura, di grande ricchezza artistica e ambientale, capaci di emozionare
ancor più che di suggestionare. Poco alla volta siamo entrati sotto la pelle dei paesi (da oltre 10 anni…), abbiamo elaborato
e sperimentato itinerari alternativi o rivisitato quelli più classici, abbiamo privilegiato alcuni aspetti rispetto al tutto. Dando
più tempo (e Petra ne è l’esempio più lampante) ai luoghi di maggior interesse rispetto a quel mordi e fuggi che ci aveva
tanto frenato. Da lì siamo ripartiti: rivisitando gli itinerari, rimaneggiando i tempi, scoprendo strutture di fascino e charme.
E’ quello che vi proponiamo: vedere con altri occhi “oltre” gli itinerari e i luoghi.

128
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:41 Pagina 129

Perché andare

Come la giri e la volti, per indicare questa regione si parla sempre di Medio Oriente o di Vicino Oriente. E quel termine oriente
è una sorta di ineliminabile attributo. Eppure sono mondi culturalmente distanti, artisticamente agli opposti. Qui brillano al sole
alcuni abbellimenti, molta “preziosità”, ma è architettura islamica, di una voluta nudità. Qui le pietre ricordano, possenti, piut-
tosto la Grecia e Roma che l’arte Kmer e nulla hanno a che vedere con il cesello d’Oriente. E’ un po’ come voler togliere a questa
regione una sua identità. O se preferiamo, quasi volerle regalare qualcosa, puntare ad “abbellire, arricchire” una identità artistica
e culturale (soprattutto artistica) povera. Mentre povera non è e di essere abbellita non ha alcun bisogno… Paesi che raccon-
tano… Ricchi di storia e di cultura, di eventi; al centro di tante storie, ma soprattutto della Storia, che qui ha visto i luoghi del
passaggio e spesso della mediazione tra occidente e oriente. Paesi dalle culture “molte” e dalla grande complessità. Un aggettivo
che non sempre è negativo perché spesso indica (ed è il caso) ricerca, affinamento, integrazione, arricchimento. Quanti popoli
e quante civiltà qui si sono incontrate e a volte scontrate, ma tutto ha contribuito a rendere grandi e potenti queste culture!
Che, in realtà, mai hanno avuto periodi di decadenza. Storia, cultura, tradizione, Roma sulle rive del Giordano e su quelle
dell’Eufrate. Tutto ha contribuito a rendere grande questa regione, pur nella sua specificità. Petra non ha eguali, come capacità
di esprimere potenza e complessità, ma anche poesia e mistero. E le abili e sapienti mani che l’hanno scavata e costruita hanno
sfruttato la bellezza della pietra, la sua molteplicità di colori e venature, il suo sapersi adattare sotto le mani dell’uomo. Pietra…
Balbeek è il trionfo della pietra, una magnificenza lapidaria al cui cospetto le grandi costruzioni dei giorni nostri sembrano solo
dimore di formiche. Ha la consistenza del marmo e le sue striature color oro ingentiliscono una pietra senza trasparenze. Sorge
potente Palmira, a ricordarci un passato non certo banale, a ricordo di eventi che lasciarono il segno: sfidano il cielo le colonne
e persino i basamenti nudi sembrano avere un’identità vivente. Non fanno differenza di campanile i grandi castelli che in un
paese e nell’altro sfidarono in potenza le legioni nemiche. Oggi è bello far correre lo sguardo oltre le mura, intravedere il cielo
e i monti, cogliere all’orizzonte, in Siria, i colori accesi del cielo del Libano e in Giordania sentire, oltre quei bastioni, il vuoto del
deserto, la sua aria inebriante, il suo nulla. Israele, paese giovane e vibrante, irrompe tra tanta Storia, fa capolino, chiede di
essere conosciuto e capito al di là della storia moderna, che come sempre e per chiunque non ha ancora la S maiuscola.

Damasco, 12 settembre. L’Oriente nella sua antica confusione. E’ l’alba. La gente, svegliata dagli acuti ultraterreni del muezzin sul
piccolo minareto qui di fronte, e da altri che gli fanno eco da punti lontani, comincia a muoversi. Fra non molto riprenderà il clamore
dei venditori e il calpestio degli zoccoli degli animali. I palazzi a colonnati e i castelli sulle rocce sono veri e propri paesaggi e non
semplici decorazioni, come rivela l’attenzione per l’individualità di un albero o l’energia di un ruscello. La loro fattura non può che
essere greca: denunciano infatti, molto appropriatamente, le vedute di Toledo dipinte dal Greco. Ancor oggi, mentre il sole colpisce
un frammento del muro esterno, si può immaginare l’antica magnificenza del verde e dell’oro, quando l’intero cortile risplendeva
delle magiche scene concepite dalla fantasia degli arabi per compensare le aride eternità del deserto. Lord Byron, La Via per l’Oxiana

129
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:41 Pagina 130

Siria, Giordania, Israele

Palme e ulivi Terra del nuovo millennio


11 10 8 8
GIORDANIA

ISRAELE

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL

Le vie percorse fra le “civiltà degli ulivi e palme” iniziano Nulla delle sacralità d’Israele manca nel nostro itinerario. “La
dalle fragranze nel suq di Aleppo, deviano tra le armonie Città Santa”: qui, durante le “guerre sante” la croce è divenuta
di San Simeone, proseguono nella piana dell’imprescindi- randello e spada. Gerusalemme non ci si presenterà più solo
bile Ebla. Si perdono ad Apamea fra colonne a spirale della come un insieme di strutture architettoniche che glorificano le
più maestosa via romana al mondo, ed i torrioni del Crac, diverse sfaccettature di quel Dio comunque supposto unico. I
senza paragoni in M.O. Le ritroviamo sull’Oronte nel canto blocchi di pietra del “Muro del Pianto”, del Santo Sepolcro” e
lamentoso delle norie di Hama. Proseguono sino alle deli- della Moschea di Al-Aqsa”, ci parleranno di passioni nobilissime
zie di Palmira, sostano a Bosra tra le gradinate nere del più forti e antiche che ancora oggi scaldano i cuori. Questa “Terra
integro teatro romano esistente, ci portano sino alle sab- Santa” concentra in sé elementi sociali davvero straordinari.
bie del Wadi Rum, “il più bel deserto della terra”. Sostano Durante il nostro itinerario avremo occasione di sentire parlare
due notti a Petra per apprezzarne ogni sfumatura, ricon- di ebrei, ashkenaziti, mizrahi, sefarditi, “falasha”, della dinastia
ducono a nord verso luoghi biblici. Obbligano alla tappa di hashemita, palestinesi, cristiani, samaritani, beduini, drusi, scii-
Jerash per confrontarla con Palmira. Poi Damasco che non ti, sunniti, circassi… Ascolteremo di Gesù e Islam, stupendoci di
ha rivali, se non in paradiso. alcune comunanze tra aspetti della religione musulmana e cri-
stiana. Gerusalemme, non è una città in carne ed ossa, ma un
mondo. Gerico ci parla del più antico passato, Qumran ha sve-
Come si viaggia:
lato verità bibliche, Masada emoziona ancora per l’eroismo di
• Hotel 5 stelle • Trattamento: come da programma
• Itinerario in pulmino non dimenticati ebrei… Ciò è contorno alla Città Sacra, dove
• Guida locale parlante italiano architetture e fisicità delle pietre scompaiono, sommerse dalle
emozioni dei viaggiatori anche non credenti.
2010: 22 ottobre Come si viaggia:
• Hotel e kibutz • Trattamento: come da programma
con Tour Leader dall’Italia • Itinerario in minibus • Guida locale parlante italiano
27 dicembre
in compagnia di Annamaria Fumagalli 2010: 13 novembre
in compagnia di Fabrizio Dembech
2011: 8 aprile 2011: 26 marzo
con Tour Leader dall’Italia in compagnia di Francesca Serafin
14 maggio
con Tour Leader dall’Italia
Da Roma a partire da € 2950
minimo 10 partecipanti Da Roma a partire da € 1880
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pag. 200 minimo 8 partecipanti
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pag. 200
I luoghi I luoghi:
Italia · Aleppo · San Simeone · Ebla · Apamea · Crac · Hama · Italia · Tel Aviv · Cesarea · Haifa · Galilea · Cafarnao · Tabgha ·
Palmira · Bosra · Amman · Wadi Rum · Petra · Nebo · Madaba · Beit Shean · Jerico · Qumran · Mar Morto · Masada · Ein Gedi ·
Betania · Amman · Jerash · Damasco · Italia Gerusalemme · Yad Vashem · Betlemme · Tel Aviv · Italia

130
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:41 Pagina 131

Viaggi di gruppo con TL

Il Sacro e il Bello
11 12
GIORDANIA - ISRAELE

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL

Il “Sacro” e il “Bello” a volte s’incontrano. Pietra ed evanescenza sembrerebbero trovare nella


pesantezza materiale dell’arenaria di Petra o nella durezza del Muro del Pianto motivo per non
incontrarsi mai. Così non è, in questi luoghi e tra genti assai ospitali con gli stranieri e troppo spes-
so ostili fra loro. In Giordania ed Israele, “sacro e bello” non è fumosità dell’imponderabile, dell’in-
consistenza ma, al contrario, definizione precisa di quei rapporti con le religioni e con l’arte che
si sono espressi nei secoli dando vita alle forme architettoniche che saranno oggetto della nostra
attenzione. Per questo, se potessimo dare un consiglio a chi sceglierà di condividere il nostro tra-
gitto, indipendentemente dall’essere attratti da una fede o da una sana curiosità culturale, direm-
mo di sforzarsi per riuscire ad osservare, specie in Israele, le pietre che segnano fatti religiosi e
credenze popolari in modo “sfumato”, “evanescente”, appunto. La bellezza di quelle pietre non va
cercata tanto e non solo nel grado del suo valore artistico, ma in ciò che quelle pietre rappresen-
tano, manipolate dall’uomo a memoria di eventi che la tradizione dei credenti assegna loro. Solo
in questo modo le “pietre” possono divenire “sacre” e dare senso al titolo e al viaggio stesso. Tra
terre tagliate da un fiume grande per storia e devozione. Nulla delle pietre antiche giordane e delle
sacralità d’Israele, manca nel nostro itinerario. Amman; Jerash, la più bella delle Decapoli; i mosai-
ci a Madaba e Umm Rasas; il ricordo di Mosè dal Monte Nebo; il tè al tramonto nel Wadi Rum; Come si viaggia:
Kerak col castello grande e Shobak col più intrigante; due notti a Petra per conoscerne ogni sen- • Hotel 5 e 4 stelle
tiero; l’aspro Mar Morto. Oltre un confine che solo la storia recente insiste a segnare, • Trattamento: come da programma
• Itinerario in minibus e fuoristrada
Gerusalemme, non una città in carne ed ossa, ma un mondo conteso dai tre monoteismi. nel Wadi Rum
Betlemme, Nazareth, Cana, Tiberiade, Jerico... contorno alla Città Sacra, dove architetture e fisicità • Guide locali parlanti italiano
delle pietre scompaiono, sommerse dalle emozioni dei viaggiatori anche non credenti.

2010: 28 dicembre
in compagnia di Fabrizio Dembech

2011: 23 aprile
in compagnia di Carla Diamanti
7 maggio E vanno gli uomini
con Tour Leader dall’Italia a contemplare le cime dei monti,
i vasti flutti del mare,
Da Roma a partire da € 3050 le ampie correnti dei fiumi,
minimo 12 partecipanti l’immensità degli oceani,
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200 il corso degli astri.
E trascurano se stessi
I luoghi:
Italia · Amman · Jerash Madaba · Monte Nebo · Wadi Rum · Petra · Shobak · Kerak · Umm Rasas · Francesco Petrarca
Gerusalemme · Jerico · Qumran · Mar Morto · Italia

131
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:41 Pagina 132

Siria, Giordania, Israele

Il piacere del particolare La rivale del paradiso


12 15 11 10
SIRIA - CHARME

SIRIA

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL

Voi scegliete il paese in cui andare, noi vi suggeriamo il modo ”Se il paradiso è in terra, senza dubbio è Damasco; se è in
più opportuno e gratificante di visitarlo. Per questo proponiamo Cielo… essa rivaleggia in gloria con lui” (Ibn Battuta, XIV
“Siria Charme” pernottando tra la grazia e il fascino delle sue sec.). Ma, “la Rivale del Paradiso” non è un’isola fiorita tra
antiche residenze riconvertite in piccoli “boutique hotel”. Non desolata sabbia. Le fanno compagnia le essenze mediorien-
alberghi “in stile” ma secolari eleganti case rivisitate, lontane da tali di Aleppo e il miraggio lucente di Sergiopolis. I resti di
ogni tentazione di eccessi o banalità. Un itinerario corposo da Halabie che si specchiano nell’Eufrate e quelli di Dura
nord a sud ad est. Mete classiche e tutti i 5 siti Patrimonio Europos che cercano di sottrarsi allo strapiombo. Palmira,
Unesco, ma anche tanti luoghi ignoti ai più. Damasco ,“la Rivale che reclama ancora la presenza della sua regina, vezzosa e
del Paradiso”, non teme la concorrenza del Cielo ma dei luoghi orgogliosa non si arrende al tempo proprio come Zenobia. Il
in terra della Siria. Aleppo, vicina alla “mezzaluna fertile”, con gemere dei neri legni delle norie di Hama. La piana di Ebla
case ornate di fregi e maioliche, suq ricolmi. Così forse sarebbero e l’alta brughiera erbosa. La possanza del Crac e del teatro
Babilonia e Ur, ma solo Aleppo è riuscita a vincere la storia. di Bosra, la modestia sacrale di Mar Musa, Maalula e
L’impatto di grandiosa desolazione di Sergiopolis e Serjilla, la più Saydnaya. “La Rivale del Paradiso” non teme la concorrenza
“viva” delle “città morte”. L’Eufrate e Dura Europos che vuole del Cielo ma degli altri luoghi della Siria.
sottrarsi alle vertigini dello strapiombo sulle sue acque.
L’eleganza pietrificata delle colonne d’Apamea e la nera Bosra. Come si viaggia:
Il Crac, “il castello”. Ebla che vive grazie all’opera del professor • Hotel 5 stelle
Matthie. Palmira: fregi, tombe, colonnati, pietre intarsiate come • Trattamento: come da programma
• Itinerario in minibus
gioie protette dalle sabbie. Coccolata dall’oasi che le dà nome, • Guida locale parlante italiano
Palmira reclama ancora la presenza della sua Regina.
Come si viaggia: 2010: 15 dicembre
• Hotel 5* e strutture di charme • Trattamento: da programma in compagnia di David Lovelock
• Itinerario in auto o minibus • Guida locale parlante italiano 24 dicembre
con Tour Leader dall’Italia
2011: 16 maggio
in compagnia di Mario Romualdi 2011: 22 aprile
30 maggio con Tour Leader dall’Italia
in compagnia di Annamaria Fumagalli 13 maggio
3 settembre in compagnia di David Lovelock
con Tour Leader dall’Italia
Da Milano a partire da € 3000 Da Roma a partire da € 2450
minimo 10 partecipanti
minimo 15 partecipanti
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pag. 200 * Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pag. 200

I luoghi: Italia · Aleppo · S. Simeone · Ebla · Serjilla · Apamea · Hama · I luoghi:


Oronte · Sergiopolis · Lago Assad · Jaabar Castle · Eufrate · Deir Ezzor · Italia · Aleppo · San Simeone · Rasafa · Halabie · Dura Europos ·
Dura Europos · Qasr Al Sharqi · Palmira · Crac dei Cavalieri · Palmira · Hama · Ebla · Apamea · Haffe · Latakia · Tartus · Amrit ·
Maalula · Damasco · Mar Musa · Shahba · Bosra · Italia Crac · M.Musa · Bosra · Damasco · Italia

132
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:41 Pagina 133

Viaggi di gruppo con TL

Tra pietre, facce, sale


8 15
GIORDANIA

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL

Quanta morbida colorata durezza delle rocce rosicchiate dalla mano dell’uomo passato avremo
da raccontare, ricordando una bellezza che schiaccia e fa sentire piccoli piccoli. Petra è uno dei
dieci luoghi al mondo da non perdere. Ne conosciamo anche gli aspetti meno noti. Per questo,
con tre notti di permanenza e visite di oltre due giorni, vedremo che non ha ancora rivelato ogni
segreto perché ve n’è una che non tutti quelli che ci vanno possono conoscere. Ne percorriamo
ogni sentiero e andiamo, su un dromedario o a piedi sino alla tomba di Aronne, per osservare la
città da dove pochi l’hanno vista. Attraversiamo anche una Petra con belle architetture in cui
incontrare turisti è certo raro ma dove ancora vivono i “discendenti” dei nabatei. Lungo questo
itinerario, un’antica tomba, oggi casa per una famiglia che ancora vive a Petra, sarà interessante
sosta per apprezzare l’ospitalità locale. Non manchiamo il tramonto nel Wadi Rum, sorseggiando
tè tra le dune, dopo la ricerca su jeep dei luoghi più amati dal mitizzato Lawrence d’Arabia, (a sua
volta poco amato dagli arabi). Avremo un po’ d'insolito anche nel Mar Morto dove non faremo
solo un bagno, ma trascorreremo l’ultima notte in Giordania nell’apro scenario di questo strano
mare. Visitiamo pure Jerash, Siq al Barid, Kerak, Madaba… e poi Umm Qais, per costeggiare i
Territori Palestinesi, giungere all’estremo nord del paese e osservare il Lago di Tiberiade con il
Golan al confine siriano. Così apprezzeremo che anche una meta in preda al turismo può offrire Come si viaggia:
aspetti ancora ignoti e non stravolti dalla massificazione. Passiamo una notte tra rocce e sabbie • Hotel 5 stelle
del Wadi Rum in un campo tendato allestito solo per il nostro gruppo. Un fuoco, il suono della • Trattamento: come da programma
rababa, l’arak, la capra che gira suo malgrado sullo spiedone... Succhieremo al meglio la malia di • Itinerario in pulmino
un deserto con la seduzione di luoghi che vanno assaporati in modo esclusivo. Qui la magia è vera. • Guida locale parlante italiano

2010: 15 ottobre
in compagnia di Francesca Serafin
3 dicembre 3 notti a Petra
con Tour Leader dall’Italia

2011: 15 aprile
in compagnia di Mario Romualdi
22 aprile e 5 agosto
con Tour Leader dall’Italia Se vuoi vedere le valli
sali in vetta a una montagna;
Da Roma a partire da € 2500 se vuoi vedere la vetta, sali
minimo 15 partecipanti su una nuvola; se invece aspiri
a comprendere la nuvola, parti.
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200
Kahil Gibran
I luoghi
Italia · Amman · Umm Qais · Jerash · Amman · Madaba · Wadi Mujib · Kerak · Petra (Siti Bassi e Alti) ·
Piccola Petra · Wadi Rum · Mar Morto · Amman · Italia

133
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:41 Pagina 134

Siria, Giordania, Israele

Magie Nabatee Siria con charme


8 2 12 2
GIORDANIA

GIORNI BASE PARTEC. HOTEL GIORNI BASE PARTEC. HOTEL

L’arenaria che attende da sempre di cambiare colore ad ogni Un viaggio concepito utilizzando strutture di charme così da
ora del giorno è lo sfondo d’un viaggio intenso di luoghi ed valorizzare quel piacere del particolare che è un po’ la
emozioni. Le jeep nel Wadi Rum col tè al tramonto, una bel- caratteristica del viaggio ma anche del paese. Qui si con-
lezza che schiaccia e fa sentire piccoli, e gli oltre due giorni a centrano suq, moschee, cittadelle, musei che coincidono
Petra ci fanno conoscere il cuore della Giordania. Un cuore con ciò che immaginiamo sia il M.O. Così Salah ad-Din non
tenero facile da scolpire per i Nabatei ed esposto alla corrosio- sarà più solo il "feroce Saladino" e "Mamelucco" non resterà
ne del tempo che deforma le linee originarie, offuscandone i sinonimo di stupido. Andando ad Ebla ci stupirà che una
contorni per consegnarli alle sensibilità di noi viaggiatori. delle note tavolette riporti l'ammenda di tre buoi per chi
Cerchiamo angoli non percorsi da turisti, incontrando i vecchi seducesse la moglie del proprio ospite. Per strada individue-
abitanti di Petra. Le tante luminarie amplificano il silenzio del remo l'etnia dei passanti dagli occhi chiari dei circassi e
nostro andare di notte nel siq di Petra. Poi il pernottamento nel dalla statura degli armeni. Scopriremo che vi sono ventimila
paesaggio del Mar Morto, Umm Qais e Jerash, i luoghi della siti archeologici, tante tracce di popoli, alcuni spersi tra gli
cristianità, il castello di Shobak... anfratti della storia altri che hanno lasciato segni gloriosi.
Conosceremo miti controversi, conflittuali religiosità... Il
3 notti a Petra termine caleidoscopio evoca la variegata realtà siriana. Ma,
Come si viaggia: forse, basta ricordare che la Siria "è" il Medio Oriente.
• Hotel 5 stelle • Trattamento: come da programma
• Itinerario in pulmino, fuoristrada nel Wadi Rum Come si viaggia:
• Guida locale parlante italiano • Hotel 5 stelle e strutture di charme
• Trattamento: come da programma
Da Amman • Itinerario in auto o minibus • Guida locale parlante italiano
base 2 partecipanti a partire da € 2100 Da Aleppo
base 4 partecipanti a partire da € 1650 base 2 partecipanti a partire da € 4100
base 6 partecipanti a partire da € 1550 base 4 partecipanti a partire da € 3100
Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base base 6 partecipanti a partire da € 2950
della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea.
Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base
1° giorno: Amman. della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea.
2° giorno: Umm Qais - Jerash - Amman. I panorami gran-
diosi e dolci ed il sito romano-ottomano; Gerasa ci accoglie con 1°-3° giorno: Aleppo - San Simeone. La colonna dello stilita e
la più bella piazza ovale del Vicino Oriente. i resti delle basiliche; l’arte militare islamica della cittadella; i cor-
3° giorno: Betania - Mar Morto. La “città bianca” e quella tili silenziosi e la città vecchia con i suoi suq animati e colorati.
antica; il battistero di Gesù; pernottiamo sull’enigmatico mare. 4°-5° giorno: Ebla - Apamea - Hama - Rasafa - Serjilla - Deir
4° giorno: Wadi Rum - Petra. Chiamano “deserto” un luogo Ezzor. Gli scavi più famosi; le colonne più possenti; ecco il castello
tanto affollato d’emozioni, jeep tra sabbie e rocce. per eccellenza; l’Oronte che muove le norie; il miraggio nel deserto.
5°-6° giorno: l’Altra Petra. Due giorni pieni percorrendo 6° giorno: Duro Europos - Qasr Al Sharqi. A strapiombo sul fiume.
ogni sentiero anche quelli senza turisti andando dove resistono 7° giorno: Palmira. Altezzosa e nobile, sola nel deserto, protetta
ancora i vecchi abitanti di Petra. dall’oasi che le dà nome e dall’ammirazione stupita e partecipe
7° giorno: Shobak - Madaba - Monte Nebo - Amman. Il dei viaggiatori: fregi, architravi e colonnati sparsi sulle sabbie.
più sorprendente castello giordano; mosaici e luoghi biblici 8°-12° giorno: Bosra - Mar Musa - Shahba - Damasco. Il
della cristianità. nero e non corroso teatro; le tessere del “Matrimonio d’Arianna”
8° giorno: Amman. Uno sguardo curioso alla capitale. a Shahba; luci e ombre della “capitale del Medio Oriente”.

134
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:41 Pagina 135

Viaggi privati ed esclusivi

Distillati di viaggi La rivale del paradiso


11 2
WEEK END: SIRIA e GIORDANIA

SIRIA

Petra: forme dell’emozione (5 giorni) GIORNI BASE PARTEC. HOTEL

Pietra, rocce e sabbia: questo approccio alla Giordania non


tralascia nulla della materia che forma i luoghi da non perdere. ”Se il paradiso è in terra, senza dubbio è Damasco; se è in
Petra, perla nabatea; l’abbraccio di un canalone di roccia che Cielo… essa rivaleggia in gloria con lui” (Ibn Battuta, XIV
accoglie, protegge e offre riparo. Madre terra allo stato puro. sec.). Ma, “la Rivale del Paradiso” non è un’isola fiorita tra
La necropoli scavata nella roccia, in rocce inverosimili che per- desolata sabbia. Le fanno compagnia le essenze mediorien-
corrono una scala cromatica inimmaginabile, strati viola e tali di Aleppo e il miraggio lucente di Sergiopolis. I resti di
ocra, rosa e arancione, grigi e blu. Un mondo a parte che è giu- Halabie che si specchiano nell’Eufrate e quelli di Dura
sto vedere e vivere senza correre, con un tempo più che ragio- Europos che cercano di sottrarsi allo strapiombo. Palmira,
nevole per capire ed emozionarvi. Poi il deserto del Wadi Rum: che reclama ancora la presenza della sua regina, vezzosa e
i suoi silenzi, le sue alte pareti, le falesi a strapiombo, gli archi orgogliosa non si arrende al tempo proprio come Zenobia. Il
naturali, le piccole oasi. Qui la magia è vera. gemere dei neri legni delle norie di Hama. La piana di Ebla
e l’alta brughiera erbosa. La possanza del Crac e del teatro
Damasco e Baalbeck: paradiso in Terra (4 giorni) di Bosra, la modestia sacrale di Mar Musa, Maalula e
Saydnaya. “La Rivale del Paradiso” non teme la concorrenza
“Se il Paradiso è in terra, senza dubbio è Damasco; se è in Cielo,
del Cielo ma degli altri luoghi della Siria.
essa è tale che rivaleggia in gloria con lui e gli sta alla pari”. A
queste parole di Ibn Battuta fanno da cornice quelle di Bayron: Come si viaggia:
“Damasco è l’oriente nella sua antica confusione”. Damasco è • Hotel 5 stelle • Trattamento: come da programma
sete, profumi e suggestioni letterarie; è la luce dell’alba, e il • Itinerario in minibus
mito e la storia. E’ marmi policrami e alberi d’arancio. E’ cultura, • Guida locale parlante italiano
è storia di epoche sovrapposte. Poi nel Paese dei cedri,
Baalbeck, l’antica Heliopolis, tra i fiumi Litani e As, ai piedi dei Da Aleppo
monti dell'Antilibano. Un tempo città ricca e sontuosa, ha con- base 2 partecipanti a partire da € 3050
servato le importanti rovine di monumenti antichi: tra tutti, gli base 4 partecipanti a partire da € 2250
imponenti templi di Giove e di Bacco, con i propilei e i cortili base 6 partecipanti a partire da € 2050
che d’estate sono il palcoscenico di un prestigioso festival.
Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base
Tel Aviv - Gerusalemme (5 giorni) della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea.
La quintessenza di Israele: trasgressione e spiritualità, archi-
1°-2° giorno: Aleppo - San Simeone. Resti della chiesa un
tetture vertiginose e pietre antiche. Tel Aviv e Gerusalemme tempo più grande al mondo; Aleppo con i suoni del suq e delle
sono i due volti contrapposti dello stesso Paese. Due anime estranianti e ipnotiche danze di “dervisci”.
distinte, lontanissime sebbene a pochi chilometri di distanza. 3°-4° giorno: Rasafa - Halabie - Dura Europos - Palmira.
Tel Aviv, la giovane, con il suo lungomare che di sera si popola Inatteso luccicore a Rasafa; due città protette ed esposte
sull’Eufrate; l’oasi fluente cornice ai tesori e catene di Zenobia
e Gerusalemme, l’eterna, dove i campanili svettano accanto ai 5°-6° giorno: Hama - Ebla - Apamea - Haffe - Latakia.
minareti e dove il tempo sembra essersi fermato ai piedi del L’Oronte e le dolenti norie; l’italiana Ebla; le imperdibili colonne
Muro del Pianto. Due città che sono due mondi, in un viaggio di Apamea; il Castello di Saladino; Ugarit col primo alfabeto.
pensato per scoprirle come due facce della stessa medaglia… 7°-8° giorno: Tartus - Amrit - Crac - M. Musa. La torre
bianca di Safita; la severa Tartus; la fenicia Amrit; il più bel
Castello Crociato; sacro trittico Mar Musa-Maalula Saydnaya.
Chiedete i programmi dettagliati. Scegliete le sistemazioni 9°-11° giorno: Bosra - Damasco. Bosra e l’impeccabile tea-
che preferite. Chiedeteci il viaggio che “avete pensato”. tro; i mosaici di Shahba e poi la “Rivale del Paradiso”.

135
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:41 Pagina 136

Penisola Arabica

IRAN
Abu Dhabi

Mascate

Ibri
Fuhud Nazwa Sun
Jibal Adam Al Kamil
ARABIA
Ghabah
SAUDITA Dawwah
Nafun

OMAN Duqm

Dawkah Mamul

Thamarit
Sa’dah
AL JAWF HADRAMAWAT AL MAHRAH
Hajjah Amran Al Hazm Al Ghaydah
Ma’rib YEMEN
Al Mahwit Sanaa
Dhamar SHABWAH
Ibb Al Bayda Ataq Al Mukalla
Ad Dali
ABYAN
Mar Arabico
Ta’izz Lahij
Zinjibar
Aden
ADAN

SOMALIA

Perché con noi. Era il 1992 e una kel12 votata all’Africa decideva di aprire le porte ad un Oriente vicino, conosciuto da uno
dei suoi viaggiatori-programmatori che ne aveva fatto la terra del grande amore. C’è piaciuto negli anni scoprire villaggi
remoti, città carovaniere nel deserto, antiche vestigia sulla costa; un “inizio antico”, quando il turismo non abbandonava il
giro classico, quando lo Yemen era ancora il nord e il sud, divisi, quando l’Oman era una speranza… Prima è stato il paese
della Regina di Saba, con la sua magia, le sue leggende, la sua gente, l’architettura fatta di bellezza e contrasti; poi, molti
anni dopo, quando ha deciso di aprirsi al mondo del turismo e dei viaggi, l’Oman. Terra non solo attigua, non solo con un
cordone ombelicale possente, il deserto, che l’univa allo Yemen, ma anche paese dalle molte somiglianze: dalla natura gene-
rosa e varia alla preziosità delle architetture. In più, paesi capaci ancora, dopo anni, di svelare luoghi nuovi o nuovi modi di
vederli, capaci di regalare itinerari nuovi per nuove emozioni. Paesi, soprattutto, capaci di coniugare il passato con il futuro.

136
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:43 Pagina 137

Perché andare

Da molti è definita la più bella regione del Medio Oriente e bella lo è davvero tanto. Una ricca e preziosa architettura in
pietra, alabastro, vetri colorati e decori sontuosi; altrettanto preziosa nella sua semplicità l’architettura in argilla e fango
delle zone montuose, delle città abbarbicate alle montagne: nello Yemen così come in Oman. Singolari e molto “africane”
le capanne in paglia di alcuni villaggi della costa, quella affacciata sul continente (d’Africa). Siti archeologici suggestivi,
una natura forte e intatta (montagne con terrazze antichissime coltivate a caffè e qat, coste sabbiose, deserto, un mare
intatto brulicante di pesci, con isole vulcaniche o ricche di vegetazione rara). Yemeniti e Omaniti sono custodi di tradizioni
antiche. Sostare in una casa tradizionale gustando i piatti tipici seduti su tappeti e cuscini e sbirciare dai vetri colorati la
vita quotidiana è spesso davvero un viaggio nel tempo e nello spazio. Poi c’è l’universo femminile, un altro “contatto” tra
i due paesi e il loro modo di vivere: veli e lunghe sottane che profumano d’incenso, antica arma di seduzione! Mani e piedi
dipinti con l’henné, sguardi intensi sottolineati dal khol, sguardi da Regina di Saba… La “Venezia nella polvere”, San’a,
splendida, preziosa e irripetibile, in un tripudio di finestrelle, merletti, decori: una meraviglia più che di architettura, di arte.
Oggi si mostra splendidamente restaurata con un insieme di alti palazzi vicinissimi, viuzze strette e fresche, il suk smisurato
diviso per mercanzie. Il settore delle spezie è forse il più suggestivo, prima di scorgerlo lo annusi, i profumi intensissimi ti
avvolgono: zenzero? Curry? Cardamomo? Gli stessi profumi del suk di Muskat, dei tanti suk in terra d’Oman: noce moscata,
chiodi di garofano, cannella. E incenso e mirra e cassia e cinnamomo e ladano... Un sottile profumo di essenze rare che
incuriosì e sedusse persino Erodoto, che la considerava la “terra da cui esala un profumo di divina dolcezza”. Senza inop-
portuni paragoni con il grande storico, questa terra, sugli inaccessibili altipiani deserti, nelle aspre regioni infuocate dal
sole, lungo coste animate di pescatori, in città che incantano per bellezza e armonia, è entrata nella storia di Kel 12.

Mi imbattei nelle donne arabe che andavano al bagno. Vi si recavano sempre in gruppo, portandosi un cambio di
vesti nei cesti tra le braccia o sopra la testa. Camminavano velate, ridendo, visibili solo negli occhi. Le dita colorate
di henné reggevano i veli. Le ampie gonne bianche e le cinture pesantemente ricamate davano loro un’aria piena,
come i cuscini sui quali amavano sedere. Era carne pesante che si muoveva dentro vesti bianche, carne nutrita di
dolci e d’inerzia, di sguardi passivi dietro a finestrelle grigliate. Questo era uno dei loro pochi momenti di libertà, una
delle poche volte in cui comparivano per le strade. Si muovevano in gruppo, con le loro serve, i bambini, i fagotti di
panni puliti, ridendo, chiacchierando, strascicando i piedi nelle loro pianelle ricamate. Mi stavano nascostamente,
ma nemmeno troppo, osservando tutte, commentando la mia figura. Mi chiesero infine se ero un adolescente con-
tando gli anni sulle dita. Non avevo grasso, dovevo esser una ragazza… Anais Nin, Diario, volume II

137
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:43 Pagina 138

Penisola Arabica

Cultura e natura
9 10
OMAN

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL TENDA

Malìa di un Paese che c'era una volta e continua ad esserci. Una terra tutta da scoprire, tra
montagne scoscese, grandi distese desertiche, coste selvagge. Ti sorprende la varietà dei
paesaggi, la possibilità di passare da scenari sereni a terre aspre e brulle, in cui improvvise
si rincorrono alte dune che ricordano il sahara più duro ma anche più autentico; ti meravi-
glia la capacità di questo paese di mostrare nel giro di pochi chilometri violente formazioni
rocciose e piccole, ridenti oasi coltivate. Qui la natura e le costruzioni dell’uomo entrano
magicamente in armonia, sia che si tratti di villaggi isolati che di alte case fortificate abbar-
bicate alla roccia. D’altra parte, con il suo mimetismo, con la sua natura prorompente, con
la preziosità dei manufatti l’Oman merita appieno la qualifica di “Oriente dell’Arabia”. La
capitale delle terre di Simbad ci riporta al tempo delle fiabe. Il vecchio porto, il mercato del
pesce, il brulichio del suq, il palazzo del sultano... Il "marinaio" salpa tra miraggi e illusioni
narrative in contrasto con la realtà di mura e torri, immutate da secoli. A Sur, la città vec-
chia offre stradine ed antiche case con porte e finestre intarsiate, e la maestria degli arti-
giani che costruiscono i dhow narra della necessità di affrontare mari. Ma il piccolo spopo-
lato Oman è famoso per le atmosfere quasi oniriche: dune alte che piombano nel mare, suq
tradizionali col fermento di voci, architetture possenti ed essenziali di forti guardiani del Come si viaggia:
nulla nel deserto, cinte murarie di pietre e argille, palmeti, dimore di sultani... • Hotel 5, 4 e 2 stelle; tenda (1 notte)
• Trattamento: come da programma
• Itinerario in fuoristrada e minibus
2010: 16 ottobre - 19 novembre • Guida locale parlante italiano
in compagnia di Luciana Crosazzo
25 dicembre
con Tour Leader dall’Italia

2011: 26 febbraio - 19 marzo


in compagnia di Luciana Crosazzo
2 aprile
in compagnia di Elena Dacome
Se non dovessi tornare,
sappiate che non sono
Da Roma a partire da € 2950 mai partito.
minimo 10 partecipanti Il mio viaggiare è stato
tutto un restare qua,
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200
dove non fui mai

I luoghi: Giorgio Caproni


Italia · Muscat · Qurayat · Mazarie · Sur · Wahiba Sands · Nizwa · Jebel Akhdar · Wadi Bani · Satyr ·
Muscat · Italia

138
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:43 Pagina 139

Viaggi di gruppo con TL

Soqotra, Yemen ma non solo


12 10
YEMEN

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL TENDA

Ci sono ancora dei posti da scoprire, l’isola di Soqotra è sicuramente uno di questi. Un progetto
delle Nazioni Unite, con ricercatori italiani, la sta attivamente preservando. Ultimo paradiso
naturalistico, con una flora unica: l’incenso e la dracaena cinnabari. L’albero del drago, la pianta
dell’aloe, l’adenium obesum e innumerevoli specie grasse. Un paesaggio marino unico per bel-
lezza: coste con verdi scogliere, dune di sabbia. Sabbia bianchissima che entra in un mare di baie,
grotte, insenature, acqua cristallina. Tra le onde, pescatori dalle barche colorate, accompagnati
da delfini e pesci colorati. Montagne ora dolci ora forti, attraversate da uadi e tappezzate da
alberi di ogni tipo. Piccoli villaggi di pescatori o ben arroccati sui monti, con le case in blocchi
di corallo. Abitanti desiderosi di raccontarsi, delle razze più diverse: capelli ricci africani e... lisci.
“Miscuglio” interessante: occhi scuri o verde intenso, colori arabi, africani, soqotrini. Soqotra,
dove la lingua aumenta il mistero, è Yemen, ma non solo: è anche molto di più. E lo Yemen irrom-
pe con la sua magia a Sana’a! Per respirare il profumo di una terra le cui origini si perdono nella
notte dei tempi; una terra che fu luogo di incontro delle genti d’Oriente, di quelle di Occidente
e di quelle mediterranee e che fu capace di esprimere così una cultura unica e originale. E’ suf-
ficiente “guardare” Sana’a, alla fine o all’inizio del viaggio, per chi vorrà concedersi il piacere, la
malia che sa regalare questa città, per entrare in un mondo fatto di leggende, ricco di favole. Il
ritorno ad un Medioevo “bello”: una città preziosa di vetri colorati e di elaborate architetture, di Come si viaggia:
case di pietra e di case di argilla senza fondamenta, di elaborate finestre di alabastro. • Hotel, funduq e tenda (5 notti)
• Trattamento: come da programma
• Itinerario in fuoristrada
• Imbarcazioni a motore per il giro dell’Isola
• Guide locali
2011: 8 febbraio
con Tour Leader dall’Italia

Da Roma a partire da € 2480 Il mondo pensa per schemi,


minimo 10 partecipanti consueti, pigri e logori.
Al viandante non domanda
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200 dove sta andando, ma
da dove viene. Eppure
al viandante importa la meta,
non la provenienza
I luoghi:
Italia · Sana’a · Soqotra · Hadibu · Lagoon · Diahammeri · Ras Ersel · Homhil · Nojed · Diksam · Joseph Roth, Ebrei erranti
Qalansiyyah · Shoab · Hadibu · Sana’a · Italia

139
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:43 Pagina 140

Turchia, Uzbekistan, Mongolia

RUSSIA KAZAKISTAN

Muynoq
HOVSGOL
QARAQALPOGHISTON
Ulaangom Qunghirot RESPUBLIKASI
Suhbaatar
BAYAN
OLGIY
UVS Moron BULGAN SELENGE Nukus UZBEKISTAN
Choybalsap
DZAVHN Bulgan Uchquduq TOSHKENT
Olgiy Ondorhaan
ARHANGAY Urganch NAMANGAN
Dund-Us Ulan Bator NAWAOIY Toshkent
I Uliastay TOV KHORAZM Chirchiq
HOVD DORNOD ANDIJON
JIZZAKH
Altay MONGOLIA SUHBAATAR BUKHORO SIRDARYO
FARGHONA
Mandalgovi Nawaoiy Jizzakh
Garison
GOVI-ALTAY OVORH
ANGAY DUNDGOVI Buyany-Uhaa
TURKMENISTAN SAMAROAND
Bukhoro
BAYANHONGOR Samarqand
Dalandzadgad DORNOGOVI Qarshi
CINA
Deserto del Gobi QASHQADARYO TAGIKISTAN
OMNOGOVI
SURKHONDARYO
Termiz
CINA
AFGHANISTAN

M K
RUSSIA
Mar Nero
ROMANIA
GEORGIA
U
Istanbul
Trebisonda
Kars
Bursa Monte
Erzurum Ararat

Kutahya
Ankara
Mar Izmir TURCHIA Bitlis Van
Egeo
Konya Diyarbarkir
Burdur Adiyaman IRAN
Urfa Mardin

IRAQ
SIRIA
Mar
Mediterraneo

Perché con noi


Abbiamo visitato, scoperto, amato i paesi di più antica tradizione. Abbiamo raggiunto ed esplorato le regioni più lontane,
dato volto e itinerari a paesi dell’immaginario cui ci legavano personaggi straordinari come Tamerlano e Gengis Kan. Lì
abbiamo costruito realtà capaci di affiancarci in precise scelte di viaggio: abbiamo trovato corrispondenti capaci di seguirci,
di suggerire, di organizzare; abbiamo modificato proposte; ci sono paesi nei quali operano persone che per anni sono state
nostri TL e che, per amore di quei luoghi, si sono trasferiti laggiù e ora ci fanno da corrispondenti e partner. E se ci siamo
innamorati delle cupole azzurre e delle preziose madrasse, abbiamo anche scoperto luoghi e popoli, altipiani e vallate, città
e tradizioni, nomadi da seguire nel loro peregrinare, sempre alla ricerca di novità. Paesi straordinari in cui condurvi in grup-
po, ma anche da soli, grazie alla presenza di strutture e guide locali, parlanti italiano, di altissimo livello.

140
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:43 Pagina 141

Perché andare

Qui si parla di una regione complessa. Da tutti i punti di vista: geografico, politico, storico, artistico, culturale. E ogni paese
è prezioso, unico, ricco di tradizioni, carico di storia, bello di cose preziose. Questo non significa che tutti i paesi citati o solo
sfiorati in questa presentazione siano presenti nella nostra programmazione. Lo sono stati, ritorneranno in catalogo, ma per
ora sono solo dedicati a quanti ci chiederanno un viaggio dedicato. Non li stiamo trascurando, ma semplicemente lasciando
in quell’ambito dei viaggi “personali ed esclusivi” dove comunque facciamo valere la nostra profonda conoscenza dei paesi.
L’Asia Centrale: spazi infiniti dove cavalcano solitari i cavalieri, eredi di un mondo, quello di Gengis Khan, che rivive nei loro
gesti; poi le dune del deserto del Gobi, le mandrie e le carovane di cammelli, i costumi dei nomadi, il bianco delle yurte. Con
questi ingredienti ci ha sedotto la Mongolia, svelandosi poi nelle zone meno conosciute: il nord ai confini con la Siberia, i
suoi laghi, le foreste, le verdi colline dolcemente ondulate, i corsi d’acqua limpidi e impetuosi, le etnie, i fieri kazaki, l’antica
capitale Kharakorum. L’Asia centrale è un connubio intenso di storia e vita, fortemente influenzati dal paesaggio, come in
Uzbekistan. Ricco di scenari forti e di grande fascino, il Paese di Samarcanda e Bukhara rappresenta un orizzonte remoto e
tuttavia accessibile, limite estremo di quell’oriente arrivato storicamente ad affacciarsi sul Mediterraneo. Altre regioni dai
paesaggi tormentati sono l’Armenia e la Georgia, con l’immenso cono del biblico Ararat che domina onnipresente; conventi
e chiese austere, templi ellenistici e vestigia urartee. È imperdibile la possibilità di raffrontare Islam e cultura cristiana nel
Caucaso: un’architettura religiosa preziosa ed una essenziale. Poi c’è l’Iran, l’antica Persia che ci riporta in un modo quasi
onirico, mitico e suggestivo. Il Gran Kevir, la piana del sale, il deserto assoluto, la terra finissima crepata in piccole foglie rico-
perte di croste di sale; gli insediamenti ai bordi del deserto, in fango o mattoni cotti, le torri “acchiappavento” che svettano
oltre i tetti e le cupole. Lussureggianti palme da dattero lungo i piccoli canali, città incantate plasmate nell’argilla; riflessi di
piastrelle blu notte nella “Casa del Sapere” di Shiraz. Con l’occhio del miraggio è possibile intuire la sagoma di persiani dalle
lunghe vesti e dai copricapo piumati, in cammino tra i cortei di dignitari achemenidi, nella magica Persepoli.

Un unico edificio e un’unica epoca sovrastano Bukhara come un deformante ricordo. Mentre mi avvicinavo alla
rampa d’ingresso, questo senso di disorientamento aumentò. Due alte torri serravano il passaggio fino a ridurlo a una
cruna d’ago. Un tempo, nella loggia soprastante, i musicanti di corte intonavano macabri rullii di tamburi e squilli di
corni. In questo punto era appeso un orologio meccanico progettato da un prigioniero italiano che, grazie a esso, nel
1851 riscattò temporaneamente la sua vita; ma adesso non c’era più. Vagavo con una sensazione di annoiata sor-
presa. Per settant’anni l’intero elaborato, apparato di sostentamento del palazzo, popolato da tremila fra cortigiani
e soldati, concubine ed efebi, si era disgregato in un mosaico di vuote corti. Stavo camminando sopra le macerie di
tutta la storia recente di Bukhara. Colin Thubron

141
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:43 Pagina 142

Turchia, Uzbekistan, Mongolia

Gobi sconosciuto
15 10
MONGOLIA

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL CAMPO FISSO

Mongolia, spazi infiniti dove cavalcano solitari i cavalieri, eredi di un mondo, quello di
Gengis Khan, che trova oggi in loro i personaggi di ieri. Oggi non c’è più quell’antico e remo-
to regno dell’Asia, ma i nomadi, con i loro costumi, le tradizioni ancestrali e gli sconfinati
paesaggi naturali, sono rimasti quasi come al tempo di Marco Polo. In questa terra che nei
secoli non ha cambiato le sue regole tutto appare con dimensioni diverse, quasi senza
tempo. Ma la Mongolia non è solo steppe e cavalieri: è deserto del Gobi, oceano di dune
che questo viaggio esplora in profondità, dove le carovane di cammelli dal lungo pelo per-
corrono le piste di sempre; è arte nei tesori architettonici dei palazzi di Bogd Khan e di
Chijin Lama, è atmosfera dei monasteri di Erdene Zu e di Gandan. E’ vero, la Mongolia,
anche oggi che non c’è più lo Gran Cane, come lo chiamava Marco Polo, conserva intatta
la sua storia e la sua cultura, ma rispetto ai tempi di Gengis ha imparato la dote della tol-
leranza e della convivenza tra etnie diverse, soprattutto tra religioni diverse. Dove un tempo
c’era un popolo guerriero dominante ed etnie fatte di pastori-servitori, oggi c’è un popolo
che sa vivere in armonia la sfida di una terra difficile, a volte ostica, dove il generale inverno
detta le sue leggi coprendo tutto con un grande manto di neve e ghiaccio, dove la steppa
Come si viaggia:
anche in estate è difficile, dove le foreste e i laghi sono in zone difficili, a volte impervie • Hotel e ger
sebbene capaci d’estate di ricoprirsi di un mantello fiorito e di ospitare migliaia di uccelli • Trattamento: come da programma
migratori che qui migrano, dove il nomadismo con le greggi non è sempre una scelta, ma • Itinerario in fuoristrada
un necessità. Eppure, al di là di una facile letteratura, un popolo sorridente, ospitale, sempre • guide locali
pronto a dar vita ad una festa…

2011: 2 luglio (in occasione del Naadam)


in compagnia di Elena Dacome
29 luglio
con Tour Leader dall’Italia
12 agosto
con Tour Leader dall’Italia
Mai la civiltà sembra così
attraente come quando si è
Da Italia prezzo da definire circondati dalla barbarie; e per
minimo 10 partecipanti strano che possa sembrare,
mai la barbarie appare
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200 suggestiva come quando
si è circondati dalla civiltà
I luoghi:
Italia · Mosca · Ulan Bator · Khogno Khan · Karakorum · Valle Orkhon · Ongiin · Biayanzag · la Valle delle Aquile · Henry Morton Stanley
Tsaagan Suvragan · Baga Chuluu · Parco Nazionale Terely · Ulan Bator · Italia

142
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:44 Pagina 143

Viaggi di gruppo con TL

C’era un volta la Mongolia… e c’è ancora


11 15
MONGOLIA

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL CAMPO FISSO

Dimenticate l’accattivante Julia Roberts che in un famoso documentario descrive le gioie della
steppa. La Mongolia è altro, non una vacanza ma un viaggio vero. C’era una volta un posto dove
gli uomini, (pochi), vivevano dell’essenziale adattandosi ad una natura, (sconfinata), a volte
amica, spesso spietata. Se andate nella steppa mongola c’è ancora. Benvenuti nel paese con la
più bassa densità abitativa al mondo, col rapporto 1 a 10 tra uomini e animali. Regala piacere a
chi ami territori non sporcati da confini. Un sogno con le sembianze di cavalli, yak, aquile e cam-
melli, veri, nel deserto del Gobi. Grandi greggi che hanno come pastore il cielo. Facce severe, sor-
ridenti e ospitali. Le rughe dei vecchi ricordano le sterrate che tagliano il paese. Solo qui quelli
“con gli occhi da mongolo” sono davvero mongoli. Gare fra abili cavalieri, lottatori e arcieri.
Convivono buddista e sciamano, dalla loro unione è nato “l’ovoo”. Dinosauri e monasteri, il “mal
d’Asia” è qui, nel Luogo del Cielo blu. Il re dell’inverno è il freddo, quello della breve estate è il
vento. Stelle alpine e vodka, cachemire e un biliardo all’aperto nella steppa accanto ad una
“ger”… Si dice che vi siano più uova di dinosauro che di gallina. Cultura e monasteri buddisti,
sorprendenti per lo scenario che li ospita. Qui, per il viaggiatore, il superfluo è ciò di cui non
dispone. Ma dormiamo in ger non sempre spartane, in luoghi solo immaginabili. Per qualche
giorno anche noi saremo nomadi, seppur privilegiati. Un’esperienza fatta di panorami mai car-
tolina, col fascino d’un incombente pieno senso di vuoto, stracolmi di piccoli eventi da raccon-
tare. Il Deserto del Gobi, tanto evocato è qui. Monotona la Mongolia? Solo per chi non possieda
il sentimento del guardare. Per giorni non si incontra un solo bipede ma gazzelle, capre, yak, asini,
lupi, mucche, pecore, marmotte, renne, avvoltoi, upupa e “mandrie di cammelli pensosi”. Questo
Come si viaggia:
e molto altro è la Mongolia e non va legata banalmente a Gengis Khan o a specifiche architet- • Hotel e ger
ture. Non esiste un Colosseo o Machu Picchu. E’ incontrare terra, sabbia e uomini, con tante • Trattamento: come da programma
semplici e forti emozioni di visioni “vuote” ma colme di cose da raccontare. La mungitura d’una • Itinerario in fuoristrada
giumenta, l’invito ad accettare un tè salato, il volteggiare d’un rapace, la cerimonia in un mona- • guide locali
stero, la visita nella nostra “ger” di chi di notte viene a ravvivare il fuoco della stufa…

2011: 15 luglio
in compagnia di Mario Romualdi Era una sensazione di
rinnovamento anche dolce,
come un ritorno alla prima
Da Milano prezzo da definire giovinezza; una sensazione
minimo 15 partecipanti
di mattino e di innocenza.
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200 Questo mi dava il viaggio
ma solo nei luoghi più lontani
I luoghi:
Italia · Mosca · Ulan Bator · Khogno Khan · Karakorum · Valle Orkhon · Ongiin · Biayanzag · la Valle delle Aquile · Rudyard Kipling
Tsaagan Suvragan · Baga Chuluu · Parco Nazionale Terely · Ulan Bator · Italia

143
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:44 Pagina 144

Viaggi di gruppo con TL

La Turchia che guarda ad oriente


11 10
TURCHIA

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL

Nelle terre alte e isolate della Turchia del monte Ararat e del lago Van. Attraverso le valli
dell’ altopiano Anatolico, tra i resti di grandi popoli antichi, gli Ittiti e gli Urartu, e la sovrap-
posizione culturale delle grandi religioni monoteiste. Snodo focale di genti e di merci tra
oriente e occidente. Terra di nascita del Tigri e dell’ Eufrate. Un mondo poco conosciuto con
il volto segnato dall’intreccio vorticoso delle più antiche culture. La conoscenza di questa
terra è un patrimonio di cultura per saper interpretare tante altre parti del mondo occiden-
tale ed orientale. Un viaggio così ricco e complesso, caratterizzato da un incontro approfon-
dito con il territorio, ma anche con la sua arte e la sua spettacolare architettura religiosa e
civile (in poche parole, con la sua storia e la sua cultura) che è necessario leggere il lungo
e articolato programma. Qui ci limitiamo ad alcuni cenni, capaci di regalarci quelle sugge-
stioni che il viaggio saprà trasformare in emozioni. I mosaici di santa Sofia, "solo" un assag-
gio dello splendore e della ricchezza di quelli di Trebisonda. Le moschee di pietra lavica, dai
singolari riflessi ai minareti in cui dominano i rivestimenti policromi. I castelli possenti e le
chiese cristiane "trasformate" dopo il passaggio a luoghi di culto dell'Islam. Può non susci-
tare stupore la chiesa armena dei santi Apostoli, un gioiello d'architettura con la cupola
sormontata da un tamburo di dodici arcate cieche e le figure scultoree dei dodici apostoli,
il tutto sormontato da un tetto conico? Lasciata Kars, la città fantasma, può non suscitare
commozione avvicinarsi alla base del Monte Ararat? Lasciamo agli archeologi la ricerca, alla
base dei ghiacciai, dell'arca di Noè che qui si sarebbe arenata, cogliamo la bellezza dei
palazzi fortezza, ma lasciamo che la mente e il cuore si aprano al cospetto della montagna Come si viaggia:
• Hotel
e delle lunghe pianure sottostanti, lasciando correre l'occhio fino ai confini dell'Armenia: • Trattamento: come da programma
verde di colline e rosso di falesie. Colate laviche e cime innevate fino al lago di Van, per poi • Itinerario in bus; con mezzi locali
navigare verso l'isola di Akdamar: la chiesa della Santa Croce, a pianta cruciforme, con fregi per la salita al monte Ararat
e bassorilievi, è un regalo del lago... Così come le sue acque azzurre che abbracciano i man- • Guide locali
dorli e i cardi selvatici. Poi le gole, il fiume. le pianure fertili...

2011: 4 maggio
in compagnia di Giovanni Dardanelli
7 settembre La terra aveva la stessa vastità
in compagnia di Giovanni Dardanelli del cielo, la stessa uniformità.
Il cielo su di essa specchiava
Da Milano a partire da € 2750 le sue luci diverse come
minimo 10 partecipanti su una superficie liquida.
La terra sempre ripeteva
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200
il suo spettacolo
I luoghi:
Italia · Istanbul · Trebisonda · Erzurum · Kars · Ani · Monte Ararat · Dogubeyazit · Van · Bitlis · Corrado Alvaro, Viaggio in Turchia
Diyarbarkir· Mardin · Harran · Urfa · Nemrut Dagi · Adiyaman · Istanbul · Italia

144
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:44 Pagina 145

Viaggi privati ed esclusivi

Nel regno di Tamerlano Città di storia e leggenda


8 2 11 2
UZBEKISTAN

UZBEKISTAN

GIORNI BASE PARTEC. HOTEL GIORNI BASE PARTEC. HOTEL

Chiuso nel cuore dell’Asia centrale e separato dal mondo A nord-est della Persia, sopra l’Afghanistan, è situato
da aspri deserti e montagne, l’Uzbekistan affascina sem- l’Uzbekistan. Le sue genti turbolente per secoli hanno raz-
plicemente raccontando di imperi fiabeschi, tappeti capaci ziato specie nelle terre dei potenti persiani, riportando
di unire civiltà e uomini, caravanserragli. Qui, dove passa- bottino e schiavi. Ricco di scenari forti e fascinosi, il Paese
vano le carovane lungo la Via della Seta, le città hanno di Samarcanda e Bukhara evoca miti ed orizzonti remoti
nomi che aprono la mente a mille storie, ricordi, leggende: accessibili alla curiosità dei viaggiatori sensibili. Un Paese
Samarcanda, Bukara, Khiva. Qui, dove si mescolano culture con luoghi in cui storia e storie si contaminano per rac-
altrove inconciliabili, una volta si scontrarono genio e lun- contarci di pietre uomini e fantasie. Samarcanda, situata
gimiranza di Tamerlano e la furia distruttrice di Gengis nell’oasi bagnata dallo Zeravan, è una delle città più anti-
Khan. Colpiscono la bellezza delle grandi moschee e le che dell’Asia centrale: mattoni policromi, maioliche arabe-
madrasse in cui l’azzurro dei turchesi sfida le sfumature scate, decorazioni con raffinato mosaico, marmo, oro.
della volta celeste. Città di storia e mito che fonde natura Bukhara: dove preziosità architettonica e artistica si con-
e arte: la potenza della pietra e l’armonia degli spazi rega- centrano nello spazio del tappeto. Una volta talmente fio-
lano solidità e leggerezza. rente da suscitare l’odio di Gengis Kan.

Come si viaggia: Come si viaggia:


• Hotel • Trattamento: come da programma • Hotel • Trattamento: come da programma
• Itinerario in pulmino • Itinerario in pulmino
• Guida locale parlante italiano • Guida locale parlante italiano

Da Tashkent a partire da € 1250 Da Tashkent a partire da € 1950


base 2 partecipanti base 2 partecipanti

Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base
della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea. della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea.

1°-2° giorno: Urgench - Khiva. Khiva, la più bella dell’Asia 1°-2° giorno: Tashkent - Termez. Storia sulle sponde del gran-
centrale: tra i tanti minareti e moschee si rincorrono le chiamate de fiume Oxsus; sullo sfondo ci sono proprio i monti afghani.
alla preghiera; lo stile indoislamico Mughul dei mausolei di 3°-4° giorno: Baisun - Samarcanda. L’antica Via della Seta,
Said Alauddin e di Pakhlavan Mahmud con le sue preziose porte montagne e pitture rupestri; Shakhrisabz, la città verde la cui
d’avorio cesellato; città-museo tra vicoli tortuosi e accoglienti. via principale si chiama ancora Via della Seta; Samarcanda,
3°-4° giorno: Bukhara. Lungo la “Shahrah” accompagnati architetture e mito tra tetti intarsiati e ricchi bazar.
dall’Amu Darya; Bukhara, qui la contemporaneità è ancora 5° giorno: Nurata - Gijduvan - Bukhara. Nurata: tra pia-
lontana; non solo tappeti e bazar; città dai maestosi edifici e nure fertili e selvagge steppe offre ricordi di Alessandro Magno
dalle vasche di pietra, tra storia e storie di nemici illustri: e antichi “suzani”; le ceramiche di Gjiduvan e il pranzo nella
Tamerlano e Gengis Khan. casa di un artigiano.
5°-6° giorno: Bukhara - Samarcanda. A Shakhrisabz riaf- 6°-7° giorno: Bukhara. Genti, bazar, architetture, tappeti…
fiora il fascino di un tempo glorioso; Samarcanda, architetture 8°-9° giorno: Khiva. I miraggi del deserto di Kizilkum;
e mito, il volto della Via della Seta. Khiva, la corposa realtà di un integro centro antico.
7°-8° giorno: Taskhent. Taskhent, città capitale, città double 10°-11° giorno: Khiva - Tashkent. Luoghi sospesi tra passa-
face: islam e realismo. to, presente e futuro.

145
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:44 Pagina 146
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:44 Pagina 147

Oriente
Là dove le emozioni sono profonde, umane ed estetiche, e spiritualità e
tradizioni si intrecciano all’arte

Il fascino del diverso, raro, lontano


Paesi dove il divino è presente nella quotidianità della gente
come in nessun altro luogo

Mostrare la quotidianità in maniera intrigante appagando


il desiderio di piccoli lussi

La religiosità è in ogni immagine: nella folla di Calcutta,


tra i pellegrini di Rangoon, nelle grotte...

Permettersi dettagli di fascino e strutture uniche


per vivere emozioni fuori misura
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:44 Pagina 148

India, Nepal, Sri Lanka

AFGHANISTAN

Valle di
Nubra Hundar
Lamayuru Alchi
Srinagar
Leh
LADAKH
Tsomoriri
Hemis

HIMACHAL
PRADESH

Shimia
CINA
Chandigarh
PUNJAB Dehradun
PAKISTAN HARYANA
UTTARANCHAL
Silgadi Jumia
Dadeldhura Dunai

Delhi Dhangadhi
NEPAL ARUNACHAL
Tulsipur Baglun Pokhara SIKKIM PRADESH
Nepalganj Kathmandu
Butawal Sindhulimadi Taplejun Gangtok
BHUTAN
UTTAR PRADESH Hetauda Dharan Ilam
Jaipur Lucknow Rajbiraj
Agra Dispur ASSAM
NAGALAND
Jodhpur RAJASTHAN Shillong
BIHAR Kohima
MEGHALAYA
Patna
INDIA Varanasi BANGLADESH Imphal
MANIPUR
JHARKHAND Argatala
Gandhinagar Alzawl
Ujjain WEST TRIPURA
Bhopal BENGAL MIZORAM
Ranchi

GUJARAT Indore MADHYA PRADESH CHHATTISGARH Kolkata


BIRMANIA
Diu
Daman Bhubaneshwar
Silvassa ORISSA Golfo del
DADRA &
NAGAR HAVELI Bengala

Mumbai MAHARASHTRA Nagpur

Hyderabad

ANDHRA
PRADESH
Mare Panaji
Arabico GOA KARNATAKA

Bangalore Chennai Mar delle


Andamane
Pondicherry
TAMIL
Kavaratti NADU
KERALA
Cochin Point Pedro
Madurai
Jaffna Elephant Pass
Mulaittiyu
Mankulam Pulmoddal
Vavuniya
Thruvananthapuram Trincomalee
Oceano Anuradhapura Oceano
Habarane
Indiano Maho Indiano
Kurunegala
Kandy
Badulla
SRI LANKA
Sri Jayewardenepura
Ratnapura Kumana
Hambantota
Galle

Perché con noi


Viaggiare in India con Kel12 vuole dire privilegiare gli aspetti più raffinati di un paese che si presta meravigliosa-
mente a mostrare la quotidianità in modo estremamente intrigante e ad appagare desideri di piccoli lussi. Dove è
possibile, abbiamo scelto di fermarci a dormire in palazzi nobili o dimore patrizie, a volte gestite dalla stessa fami-
glia (dove magari il nobile proprietario si aggira per la casa). Permettersi qualche volta dettagli di fascino e strut-
ture uniche, trasforma un viaggio “classico” in uno speciale ed è per noi difficile resistere al piacere di farvi vivere
emozioni fuori misura. Oltre che interpretare e rendere la bellezza di un luogo, con strutture adeguate, abbiamo
fatto in modo che ci sia sempre una guida parlante italiano.

148
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:44 Pagina 149

Perché andare

“In India ci sono nato. Se il buon Dio mi avesse consultato sull’argomento, avrei scelto un paese più autorevole e meno affol-
lato, meno rigido in materia di cibo e alcolici. La nostra rivoluzione verde ci ha reso oggi quasi autosufficienti per il cibo e
produciamo auto e PC. Ci barcameniamo tra Krishna e il Dio dei Cip.” (Khushwant Singh)

Ancora oggi nell’India pur modernizzata e in parte occidentalizzata, il divino è presente nella quotidianità della gente come
in nessun altro Paese. È nel contadino che automaticamente tocca la terra prima di uscire di casa al mattino, è nel gesto di
versare alcune gocce d’acqua sul cibo prima di mangiarlo; è nel modo stesso in cui la gente si saluta. Noi ci stringiamo la
mano dopo averla aperta per mostrare che non nascondiamo armi, qui la gente unisce le mani al petto e si dice reciproca-
mente “namasté”: saluto la divinità che è in te.
In India tutto è permeato dalla forza di una intensa sacralità; anche le immagini più crude che a volte colpiscono noi occi-
dentali come un pugno nello stomaco hanno, inserite in quel contesto, la capacità di “aprirti la mente”. Aveva ragione
Moravia quando annotava, durante il viaggio negli anni 60 insieme a Pasolini, che la religione indiana è ossessivamente pre-
sente in ogni immagine che questo paese offre al nostro sguardo: è nella folla di Calcutta, nell’odore dolciastro dei vicoli di
Benares, nelle sublimi torri dei templi del Sud. Il pensiero occidentale si snoda nell’intreccio sacro-tempo avendo cura di non
sciogliere il vincolo fondante; quello indiano si sviluppa non curandosi di dare un senso alla realtà. L’errore da non commet-
tere è di tradurre la celebrazione indiana del sacro con parametri occidentali, perché si rischia, in questa drammatica com-
mistione, di elaborare un confronto da cui Oriente e Occidente escono ugualmente impoveriti e diversamente sconfitti.

La strada di fronte a te, che è stata calcata dai piedi di milioni di pellegrini come te, è eccessivamente ripida e incre-
dibilmente ardua; e tu, che con i tuoi polmoni non hai mai respirato aria al di sopra del livello del mare, che non sei
mai salito su nulla di più alto del tetto della tua casa, che non hai mai calcato con i piedi qualcosa di più duro che
cedevole sabbia, soffrirai enormemente. Ci saranno chissà quanti momenti, quando con il respiro affannoso suderai
sette camicie su per la parete di ripide montagne, in cui ti chiederai se la ricompensa futura che cerchi vale il prezzo
che stai pagando in quel momento di sofferenza; ma essendo un buon indù ti farai forza con il pensiero che più gran-
de è la sofferenza in questo mondo, più grande sarà la ricompensa nell’altro. Stefhen Alter, Acque Sacre

149
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:44 Pagina 150

India, Nepal, Sri Lanka

Rajasthan, viaggio in una fiaba antica


21 10
INDIA

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL

Un viaggio intenso perché denso di coinvolgimenti emotivi e visite. Lo garantiscono i luoghi,


l’arte, la religiosità, la preziosità dei palazzi fastosi e il fascino delle antiche haveli, le dimore
nobiliari. Lo garantisce la gente nei villaggi e l’animazione dei bazar non soffocati o imbar-
bariti da un turismo di massa. Viaggio non difficile ma che ha nel tempo la sua maggiore dif-
ficoltà: servono tre settimane per allontanarsi da quei circuiti “soffocati” da folle di un turi-
smo ordinario e vivere un Rajasthan “diverso”. C’era una volta il Rajasthan: ecco il filo con-
duttore di questo itinerario che si fa bello della raffinatezza dello stile Rajput o indo-islamico
della regione... Come si confà ad una fiaba, soggiorneremo in antiche regge e palazzi nobiliari
(più o meno spettacolari a seconda della località), ma questa nostra scelta non va vista come
un’imposizione di lusso a tutti i costi: è invece una scelta quasi obbligata e in armonia con
il percorso. Di regge e palazzi in Rajasthan ce n’è una profusione (e in molte dello nostre
località “minori” sono l’unica possibilità di pernottamento) perché questa, fin dal medioevo,
è sempre stata una terra di capi clan, ciascuno signore di un piccolo regno a sé. Faremo però
anche esperienza di due notti in campo tendato fisso, nel miglior stile rajput: tende di gran
lusso con aria condizionata e servizi privati! Oltre agli haveli, le dimore affrescate ed oggi
abbandonate dello Shekawhati, vera “galleria d’arte a cielo aperto”, ammireremo la decora- Come si viaggia:
zione complessa e delicata dei templi jainisti di Mount Abu e poco lontano, verso Dungarpur • Hotel; Palazzi nobiliari e antiche Haveli
al confine con il Gujarat, verremo a contatto con le tribù Rabari, Bhil e Garasia che hanno trasformati in hotel; campo tendato di lusso
mantenuto vive tradizioni affascinanti. Non solo monumenti, ma campagna, villaggi, vita • Trattamento: come da programma
• Itinerario in pulmino, jeep, calesse
contadina, qualche improvvisa festa, un matrimonio tradizionale…

2011: 6 agosto
in compagnia di Annamaria Fumagalli

L’unica scelta sta tra realismo


Da Milano a partire da € 4750
minimo 10 partecipanti
magico e rinuncia mistica,
tra pura sensualità e
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200 pura perversione.
Bisogna scegliere se essere
Cesare a Roma
o un sognatore in viaggio
I luoghi
Italia · Delhi · Mandawa · Churu · Gajner · Bikaner · Nagaur · Khimsar · Jaisalmer · Pokharan ·
Marguerite Yourcenar
Jodhpur · Mount Abu · Jharole · Dungarpur · Udaipur · Devigarh · Kumbalgarh · Ranakpur ·
Deogarh · Minal · Bundi · Bardoli · Samode · Jaipur · Bharatpur · Agra · Italia

150
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:44 Pagina 151

Viaggi di gruppo con TL

Nagaur e Baneshwar In barca sul Gange


12 10 16 10
INDIA
INDIA RAJASTHAN

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL

Un viaggio due volte “speciale” come due sono i Festival ai La navigazione sul Gange, il fascino dell’India rurale, le rovine
quali si assiste: uno profano a Nagaur ed uno religioso a sconosciute del Madhya Pradesh. Il viaggio ha inizio sulle spon-
Baneshwar nei pressi di Dungarpur. Circondata da imponenti de del Gange, il grande fiume sacro, da secoli simbolo della cul-
bastioni, Nagaur è una delle città più pittoresche dei Rajput tura e della civiltà indiana. Nei pressi di Allahabad ci si imbarca
(“figli di re”), il potente ceto di principi guerrieri che governa- su una tradizionale barca locale e per quattro giorni si naviga
rono l’Hindustan occidentale a partire dal IX sec. La fiera del dolcemente verso Varanasi: è un mondo pittoresco e suggestivo
bestiame di Nagaurè una delle più importanti del Rajasthan fatto di luci e di atmosfere soffuse. Vediamo scorrere gli abba-
anche se non conosciuta come quella di Pushkar. Le varie glianti banchi di sabbia, i nugoli di uccelli che attraversano il
comunità tribali, abbigliate alla maniera tradizionale raggiun- cielo. Sbarchiamo di tanto in tanto per raggiungere a piedi i vil-
gono Nagaur con i loro carretti e il loro bestiame per conclu- laggi dei contadini che, a fatica, coltivano appezzamenti di terra
dere affari redditizi. Comprando e vendendo cammelli, buoi e resa fertile dalle grandi piene del Gange e per visitare i templi e
cavalli. Oltre alla fiera, Nagaur offre l’opportunità di visitare le i santuari che punteggiano il nostro viaggio. Per tre sere, nella
splendide vestigia della sua passata gloria. Baneshwar signifi- quiete della campagna, viene posato il campo costituito da
ca “Signore del delta” e questo nome fu conferito al Lingam di ampie tende con letti e toilette privata. L’arrivo a Varanasi è
Shiva. Il festival si tiene presso il piccolo delta formato dai segnalato dalla moltitudine di devoti giunti in occasione della
fiumi Som e Mahi. Dal momento in cui il sacerdote si bagna Festa di Mahashivaratri “la grande notte di Shiva”, dove si
nelle acque del fiume, si suppone che l’acqua divenga sacra. In festeggia anche il matrimonio fra Shiva e Parvati. Lasciato il
seguito a ciò, le persone intervenute alla cerimonia si bagnano fiume sacro, il Madhya Pradesh alla scoperta di affascinanti
insieme a lui nel fiume. E’ un festival prettamente tribale, dato testimonianze del passato: i palazzi affrescati della città-fanta-
che più della metà dei fedeli sono Bhil. Si riuniscono in occa- sma di Orcha, i grandi stupa di Sanchi, il tempio di Ujjain...
sione di questo evento e consegnano le ceneri dei propri
defunti nel punto di confluenza delle acque. Come si viaggia:
• Hotel, Palazzo nobiliare a Maheshwar
Come si viaggia: • Trattamento: come da programma
• Hotel 5 stelle, Palazzi nobiliari o regge di maharaja, • Itinerario in barca, pullman e treno
Tende spaziose con letti e bagno privato a Nagaur e Samode • Guida locale parlante italiano a Delhi
• Trattamento: come da programma
• Itinerario in pullman • Guide locali parlanti italiano
2011: 25 febbraio (in occasione del Mahashivaratri)
2011: 10 marzo (in occasione dei Festival) in compagnia di Raffaella Musso
in compagnia di Raffaella Musso
Da Milano a partire da € 4380
Da Milano a partire da € 3950 minimo 10 partecipanti
minimo 10 partecipanti * Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pag. 200
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pag. 200
I luoghi:
I luoghi: Italia · Delhi · Allahabad · Sitamarhi · Vindyachal · Mirzapur ·
Italia · Delhi · Mandawa · Nagaur · Jodhpur · Jaipur · Samode · Chunar · Varanasi · Khajuraho · Orcha · Jhansi · Bhopal · Sanchi ·
Bundi · Minal · Dungarpur · Udaipur · Kumbhalgarh · Ranakpur · Italia Ujjain · Mandu · Maheshwar · Indore · Mumbai · Italia

151
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 04/08/10 10:44 Pagina 152

India, Nepal, Sri Lanka

Il grande Sud: Tamil Nadu, Kerala e Karnataka


22 15
INDIA

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL

Il sud "canonico" percorre il Tamil Nadu e il Kerala, questo viaggio "completa" il sud ma ha chia-
ramente bisogno di molto tempo. I grandi monumenti del'India dravidica, ma anche quelli meno
noti ma di grande pregio, le etnie (come i 5 gruppi etnici di Wayanad); l'archeologia e luoghi
sacri come il monolito di Sravanabenagola. Di certo un viaggio che non può trascurare
Vijayanagar in Karnataka, uno dei siti storici più affascinanti dell’intero sud dell’India, in uno
strano paesaggio disseminato di macigni rocciosi. Il viaggio è intenso, per questo ci prendiamo
un giorno di relax in un bel resort fra le palme ed il relax continua il giorno dopo a bordo delle
house boats nei canali del Kerala. Non è "un" viaggio nel sud India ma è "il" viaggio... Un viaggio
molto particolare in un’India del sud poco conosciuta. Una regione nella quale la presenza di un
accompagnatore esperto nell’arte e nella cultura della regione diviene indispensabile o quanto
meno determinante. Come sempre in India, ogni regione ha tali diversità da rendere necessaria
una scelta iniziale: visione di insieme o, come in questo caso, uno sguardo approfondito, già nella
stesura dell’itinerario e nel testo che accompagnerà i viaggiatori, assolutamente “indagatore”
(dire specialistico sarebbe sbagliato). Dalle città sacre dell’Induismo all’arte, scultorea e architet-
tonica, dei Pallava; i templi a torre, i santuari-grotta, i monoliti scolpiti. I templi, rari, in cui Shiva
è rappresentato come idolo e non sotto forma di lingham. L’architettura dei Chola, le città- tem-
pio e le fortezze-terriere. Città “di oggi” animate, dai mercati ricchi di colore, regioni come il
Kerala, dove l’arte si confonde con paesaggi rasserenanti. I due giorni sereni navigando a bordo
delle “kettuvalloms”, tipiche imbarcazioni per il trasporto del riso trasformate in raffinate hou-
seboats, per una crociera lungo le backwaters, le cui acque color smeraldo sono circondate da
palmizi e piccoli villaggi. Le città di mare, in cui ancora si sentono gli influssi delle dominazioni
portoghesi, poi nuovamente all’interno, tra piantagioni di tè e foreste. Uno sguardo agli interes- Come si viaggia:
santi gruppi etnici ed è nuovamente immersione in un mondo in cui arte, religiosità, spiritualità, • Hotel; kettuvalam private
tradizione si fondono e confondono, in cui all’induismo si affianca il jainismo, alla scultura su con aria condizionata
pietra fa da contraltare il caleidoscopio di vetrate colorate e specchi degli antichi palazzi nobi- • Trattamento: come da programma
liari. Un’altra India, ma sempre India: con la sua maestosa, appagante, a volte scioccante, realtà. • Itinerario in pulmino e kettuvalam

2011: 13 marzo
in compagnia di Raffaella Musso
Il viaggio può essere faticoso,
Da Milano a partire da € 4480 ma è sempre un’occasione
minimo 15 partecipanti di confronto e di arricchimento.
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200 Certo, non è detto che sia
I luoghi: divertente. Ma chi ha detto che
Italia · Chennai · Mahabalipuram · Kanchipuram · Pondicherry · Chidambaram · Swamimalai · ci si deve divertire a ogni costo?
Tanjore · Trychi · Karaikudi · Madurai · Kanyakumari (Cape Comorin) · Padmanabhapuram · Poovar ·
Kumarakom (Crociera nelle Backwaters) · Allepey · Cochin · Edakkal (Wavanad) · Mysore · Carlo Oliva, Stanziali, turisti e insabbiati
Sravanabelagola · Belur · Halebid · Chikmagalur · Hospet · Hampi · Aihole · Pattadakal · Badami ·
Hubli · Bangalore · Italia

152
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 27/07/10 12:12 Pagina 153

Viaggi di gruppo con TL

Orissa quasi Africa: popoli e arte Ladakh: i monti ruggenti


14 10 14 10
INDIA

LADAKH

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL

L’Orissa è un luogo che affascina sia chi è interessato alle Un piccolo ex regno buddista, sempre mitizzato dai racconti dei
popolazioni tribali, ai mercati e villaggi abitati da etnie che grandi viaggiatori. Un luogo nel quale la grandiosità dei pae-
hanno culti, lingue e costumi completamente diversi dalla tra- saggi si fonde con la profonda spiritualità. Rispetto delle tradi-
dizione ariana, sia chi ricerca i segni della religione induista. zioni e della sacralità: sono ancora oggi un aspetto imprescin-
Sulla costa, infatti, nel cosiddetto "triangolo sacro", si ergono dibile. In questo Paese dalla storia antica e dai paesaggi moz-
gli antichi templi in stile Nagar di Bhubaneswar, la Pagoda zafiato, un itinerario originale. Luoghi classici e zone meno fre-
Nera di Konarak coperta di sculture erotiche, e la città sacra di quentate: la sconosciuta Valle di Nubra e la valle di Ruspo.
Puri. Costeggiando a tratti il lago Chilika, la laguna salmastra L’antico passaggio per le carovane lungo la via della seta, vali-
più grande dell’Asia, si entra nell’area tribale. Nei colorati mer- cando il Kardung-La. Visione emozionante: il passo transitabile
cati settimanali affluiscono sempre i Desia e Mallia Kondh, i più alto del mondo affacciato su valli segrete. I monasteri tibe-
Dhongariya, i Paraja e i Gadhaba per vendere e scambiare i tani, rifugio dei monaci fuggiti davanti alla furia della rivolu-
prodotti con la popolazione indiana. Le donne, molto belle e zione cinese. Castelli “appollaiati” sui monti, antichi palazzi
talvolta tatuate, indossano con innata eleganza monili in reali, piccoli monasteri sulle sponde di un lago. Pregevoli esem-
bronzo e alluminio e anelli alle narici. Ma l’etnia dell’Orissa che pi di arte indiana, nepalese e tibetana: un confronto tra culture
più di qualsiasi altra ha mantenuto gli usi e i costumi tradizio- antiche. Alle costruzioni dall’ingegno umano si contrappongo-
nali è quella dei Bonda, il “popolo nudo”. Paesaggi straordinari no quelle grandiose della natura. Nei festival, autentiche esplo-
di risaie e dolci colline fanno da cornice ai villaggi tradizionali sioni di colori, luci, suoni, canti e danze della tradizione.
con il “totem” centrale, luogo di sacrificio del bufalo. All’inizio
del viaggio la straordinaria Calcutta, senza tempo e fuori dal Come si viaggia:
tempo, un luogo che lascia il segno. • Hotel 5 e 2 stelle, campi tendati fissi
• Trattamento: come da programma
• Itinerario in fuoristrada e volo
Come si viaggia: • Guide locali parlanti inglese
• Hotel 5, 4 e 3 stelle
• Trattamento: come da programma
• Itinerario in pulmino 2011: 10 luglio
con Tour Leader dall’Italia
2010: 3 novembre 10 agosto
con Tour Leader dall’Italia in compagnia di Paolo Ghirelli

Da Milano a partire da € 2980


Da Milano a partire da € 3000 minimo 10 partecipanti
minimo 10 partecipanti
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pag. 200
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pag. 200
I luoghi:
I luoghi: Italia · Delhi · Leh · Likir · Alchi · Nurla · Lamayuru · Phyang ·
Italia · Calcutta · Bhubaneshwar · Puri · Konarak · Barkul (lago Chilika) · Deskit · Hundar · Sumoor (valle di Nubra) · Shey · Thiksey ·
Gopalpur on Sea · Bataguda · Rayagada · Chatikona · Jeypore · Lago Tso Kar (valle di Rupso) · lago Tso Moriri · Korzok · Leh ·
Koraput · Kundli · Visakhapatnam · Hyderabad · Italia Stok · Hemis · Leh · Delhi · Italia

153
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 27/07/10 12:12 Pagina 154

India, Nepal, Sri Lanka

India, quella del Sud, e Sri Lanka


14 15
INDIA - SRI LANKA

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL

Nel “Viceconsole” Marguerite Duras scrive: “Ci sono le mie Indie, le vostre, queste, quelle”. Non ve
n’è una sola. Tra le tantissime possibili, nel sud scegliamo l’itinerario che mostra più placida
distensione. Lo chiamiamo “Le Due Vie”. La prima, nel Tamil Nadu, dei templi e pellegrini, percorre
un gigantesco tracciato colmo di fedeli e punteggiato dalla religiosità edificata. La seconda, nel
Kerala, della natura e dell’ayurvedica, attraversa paesaggi con contorni di risaie ombreggiate da
palme che fanno da guard rail alle vie d’acqua. “La Via dei Templi” e “La Via della Contemplazione”
sono un miscuglio d’architetture grandiose per decoro, raffinatezza ed imponenza, natura ecla-
tante, vesti colorate, mercati, religiosità, ayurvedica, complessi rupestri, uomini… Una mescolanza,
con individualità definite, che non trovi in egual misura in nessun’altra India. Il tutto condito
anche con pernottamenti in hotel certo non casuali, piccole graziose barche in cui dormiremo, per
attraversare un Kerala verde traboccante, con canali e risaie, fiumi e palmeti, lagune e fiori… Ci
doneremo, in un periodo climatico ottimale, due giorni in un ambiente di puro piacere estetico
che riempiremo discrezionalmente con pratiche ayurvediche e relax. Nel sud che incontriamo,
l’India rallenta. Il ritmo che sospinge persone, vacche, pellegrini, risciò, carri, treni, che in altre parti
sembrano un moto perpetuo, qui vanno più piano. Le atmosfere descritte da Kipling in “Kim”,
“dell’andare e venire di bramani e facchini, calderai e banchieri, pellegrini e vasai”, che nel nord
paiono un fiume in piena, nel Kerala perde velocità e violenza emotiva. E’ frenato da quieti canali,
risaie e lagune che sfiorano le coste del “Malabar”, parola con sorgente araba non a caso suadente Come si viaggia:
e musicale. Tutto si fa più dolce. Si dice che il sud sia più “autentico” del nord perché non troppo • Hotel 5 e4 stelle
contagiato dall’Islam. Più che subìre cannonate, ha intrattenuto commerci con altri popoli, facen- • Trattamento: come da programma
do delle sue coste approdo di diverse facce e culture, non perdendo la sua personalità e imma- • Itinerario in pullman e barche private
gazzinando sensibilità che hanno modellato forme d’arte irripetibili. Forse, per questo, qui, indiani • Guide locali
e “visitatori trovano il tempo e l’atmosfera adatta per annusare i fiori”.
2010: 30 novembre
in compagnia di Annamaria Fumagalli
2011: 29 marzo
con Tour Leader dall’Italia
Da Milano a partire da € 3500 Il desiderio, la ricerca dell’assoluto
minimo 15 partecipanti sono i motivi profondi
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200 che spingono ogni vero
Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base della data e della vostra preferenza inguaribile viaggiatore.
quanto a compagnia aerea. E forse io sono una di loro
I luoghi:
Annemarie Schwarzenbach
Italia · Chennai · Kanchipuram · Mamallapuram · Chidambaram · Swamimalai · Kumbakonam ·
Thanyavur · Chettinat · Karaikudi · Tirichirappalli · Madurai · Riserva N. di Periyar · Alleppy · barche
per pernottamento ed escursioni nelle lagune · Kumarakom · barca sul L. Vembanad · Kochi · Italia

154
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 27/07/10 12:12 Pagina 155

Viaggi di gruppo con TL

La Valle, il Lago, la Foresta (la via delle felci)


14 15
NEPAL

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL

La Valle, il Lago, la Foresta, (e “la Via delle Felci”) I Beatles, per completare il “periodo orientale”,
ebbero indicazione dal maestro di sitar, Ravi Shankar, di andare in Nepal perché ciò che in India
rischia d’essere anche “eccessivo” per il carico di “pesanti emozioni” cui sottopone, qui è più ovat-
tato e godibile, “meno impegnativo”. Anche in Nepal ci sono fiumi sacri, cremazioni, sadhu, l’in-
duismo permea la quotidianità e la realtà è assai diversificata in bilico tra il dolce “namaste” e i
temibili “Gurka”. Qui, però, puoi sostare sui gradini d’un tempio a Patan o Bhaktapur, con una pia-
cevolezza non sempre consentita in India. Torniamo in Nepal quando è più verde e il clima godi-
bilissimo, grazie al passato monsone. Cielo terso e montagne nitide, impossibili in altri periodi.
Visite studiate a fondo da chi conosce il paese da trent’anni, senza fretta. Servizi eccellenti, i
migliori. Trasferimenti non stressanti, soste anche in luoghi poco gettonati, tra cui la graziosa
Bandipur e Changu Narayan con il tempio più integro e artisticamente apprezzabile del Nepal.
Soggiorniamo 7 notti nell’hotel più fascinoso del Nepal, “Dwarika’s “, un po’ museo un po’ boutique
hotel. Non è il solito lussuoso 5* in cui non sai se sei a New York o Roma. Nel Dwarika’s sei in Nepal,
e te ne accorgi. Prevediamo escursioni nella Valle di Kathmandu per rientrare ogni sera nella capi-
tale. Due notti a Pokhara, nel non anonimo Shangri-La Village, per navigare sul lago e osservare Come si viaggia:
l’Annapurna che finalmente lascia le pagine delle riviste di montagna per farsi visione ravvicinata. • Hotel 5 stelle
Due giorni nel Chitwan Park, Patrimonio Unesco, nel Rhino Residence Resort accanto al Rapti River. • Trattamento: come da programma
A dorso d’elefante vedremo rinoceronti e sul fiume a bordo di canoe al mattino presto sorprende- • Itinerario in pullman
remo i coccodrilli. Gli alberghi sono molto gratificanti in sintonia con le sensazioni che il Nepal • Guide locali parlanti italiano
offre a chi visiti approfonditamente una realtà che non può essere appendice d'altri viaggi.

2010: 8 ottobre (quando è verde)


in compagnia di Mario Romualdi

2011: 11 marzo
con Tour Leader dall’Italia

Da Milano a partire da € 3350 Selvaggia e insaziabile


minimo 15 partecipanti
è la voglia autentica di viaggiare.
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200 Non esiste però
un conoscere risolutivo
I luoghi: che possa calmarlo
Italia · Kathmandu · Swyambunath · Pashupatinath · Bodhanath · Gokarna Mahadev · Dakshinkali ·
né un’esperienza
Chobar · Shesh Narayan · Bungamati · Patan · Kirtipur · Bhadgaon (Bhaktapur) · Changu · Narayan ·
Bandipur · Pokhara · Sarangkot · Lago Fewa · Chitwan Park · Kathmandu · Italia che possa soddisfarlo

Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base della data e della vostra preferenza Hermann Hesse
quanto a compagnia aerea.

155
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 27/07/10 12:12 Pagina 156

Viaggi con Tour Leader

Capolavori dell’India Centrale Estensioni India


14 10
INDIA

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL


Abbiamo identificato e “assegnato” le estensioni ad alcuni viag-
gi, considerandole più integrazioni al viaggio che estensioni vere
Un itinerario che non ti aspetti così vario e ricco, un viaggio e proprie. Possono essere, ovviamente, effettuate collegandole
capace di soddisfare anche i palati più “difficili” dei viaggiatori anche ad altri viaggi. Parliamo di Orcha, Khajuraho, Varanasi,
smaliziati e di quelli che già conoscendo l’India aspettano Gwalior e Ranthambore nel Rajasthan. Parliamo di Chettinad da
sempre cose diverse. E capace, il che non guasta..., di soddisfa- Madurai nel viaggio di Tamil Nadu e Kerala, parliamo di
re anche la voglia di alberghi di charme, sui ghat o in luoghi Kathmandu nel viaggio al nord dell’India.
antichi.. Viaggiare in treno da Delhi al Madhya Pradesh; resta- Esistono ovviamente estensioni più “rilassanti”, al mare. E anche
re affascinati dall’architettura Moghul, che è arte di palazzi e queste possono essere collegate a tutti i viaggi.
di templi. Scoprire località incantate: Gwalior, Datia, Orcha,
scrigni di cultura e di architetture ardite. Perdersi nei contrasti Laccadive, uno straordinario patrimonio (7 giorni)
di Bhopal: sereni templi indiani e severe moschee islamiche. Un’estensione importante, un vero e proprio viaggio. L’arci-
Ritrovarsi nell’architettura greco-buddista di Sanchi e nell’arte pelago delle Laccadive, ad ovest della costa dello stato del
rupestre delle grotte di Bhimbetka; farsi trasportare dalle Kerala, è costituito da 36 isole di cui solo 10 abitate. Le isole
atmosfere romantiche di Mandu, cittadella fortificata scono- aperte al turismo sono solo 5 per un preciso intento di conser-
sciuta alle culture occidentali, e abbagliare dal complesso vazione dello straordinario patrimonio naturale da parte del
templare di Maheshwar, sviluppato attorno all’antico Forte, governo indiano. L’Isola di Bangaram, vero paradiso per pochis-
ora hotel de charme che accoglierà il nostro sonno. Templi a simi ospiti, è la più ambita ma dispone di un solo resort dove
più piani, arte e preziosi intarsi. Un volo: ecco in chiusura il trovano posto solo 60 persone per volta. Il Bangaram Resort
Maharashtra, scrigno dell’antica architettura rupestre indiana. sorge direttamente sulla spiaggia privata ed è costituito da 30
bungalow in muratura con tetto di fronde di palma.
Come si viaggia: Confortevoli ma semplici, per riscoprire uno stile di vita sempli-
• Hotel 5 e 4 stelle; Palazzi Indiani nobiliari e antiche haveli ce e legato alla natura. Molte sono le attività di mare possibili.
• Trattamento: come da programma Un viaggio esclusivo che va però pianificato con largo anticipo:
• Itinerario in pulmino il turismo è centellinato. Richiedete itinerario e informazioni.
• Guida locale parlante italiano
Andamane: un mare esclusivo
Vero paradiso ornitologico, le isole Andaman sono ricche di
2010: 27 dicembre vegetazione e si trovano nella parte meridionale del Golfo del
con Tour Leader dall’Italia Bengala. Marco Polo, non le visitò, ma ne parla chiamandole
Angamanain, che dovrebbe essere una storpiatura dell’arabo col
significato di “i due angamani”, dovuto alla leggenda che gli
Da Milano a partire da € 3980 abitanti dell’isola fossero dei cannibali bifronti e dal viso canino.
minimo 10 partecipanti
Per rilassarsi sono un paradiso perfetto: un lussureggiante giar-
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pag. 200 dino tropicale di 300 isole quasi disabitate circondate dalla bar-
riera corallina e da un mare cristallino; isole coperte di jungla
I luoghi:
che si inseguono nell’Oceano Indiano tra la costa indiana e
Milano · Delhi · Gwalior · Datia · Orcha · Jhansi · Bhopal · quella birmana conservando il fascino misterioso di isole
grotte di Bhimbetka · Ujjain · Mandu · Maheshwar · dimenticate, meta ideale per chi preferisce l’inconsueto e riser-
Aurangabad · Ajanta · Ellora · Mumbai · Milano vate ai veri viaggiatori. Richiedete itinerario e informazioni.

156
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 27/07/10 12:13 Pagina 157

Viaggi privati ed esclusivi

Estensioni Rajasthan Rajasthan, i colori dell’India


12 2
INDIA

GIORNI BASE PARTEC. HOTEL


Il Rajasthan permette tutta una serie di estensioni che possono,
in alcuni casi essere considerate vere e proprie integrazioni
capaci di trasformare il viaggio base in un “altro” viaggio. Jaipur, la “città rosa” e Udaipur, “la città dell’aurora” sono le
irrinunciabili mete classiche di questo itinerario che ci
Gwalior - Orcha (2 giorni) introduce in un intreccio fra India regale e India rurale nella
In treno (il Shatabdi Express) per Gualior, nel nord del Madya quale i paesaggi, le architetture e le genti preservano il
Pradesh, una caotica cittadina circondata dall’Altipiano e fascino di mondi antichi. In Rajasthan si possono trovare
dominata alle sue spalle da una collina rocciosa sulla quale si riuniti molti degli elementi che hanno forgiato l’idea della
arrocca a strapiombo la maestosa fortezza fra cui spiccano i terra da favola esotica. Coinvolgente Jaisalmer in pieno
due templi Sas Bhau dell’XI° secolo. Il Man Mandir, tra i più deserto. Emozionante il “palazzo del piacere” nella fortezza
antichi esempi di architettura dei palazzi Indu con chioschi a di Amber, il candido Taj Mahal e il forte in arenaria rossa di
cupoletta sorretti da esili colonne, con fregi e intarsi in cera- Agra. Superbo il tempio jainista di Ranakpur, meta di pelle-
mica policroma a smalto: campeggia il turchese intenso. Verso grinaggi, gigantesco nelle proporzioni, suggestivo nel gioco
Orcha, ecco Datia con l’imponente palazzo Govind in stile di luci e ombre. Vanno aggiunte le atmosfere “vive” dei vil-
Moghul. Infine Orcha, oggi una suggestiva città fantasma che laggi e le suggestioni dei luoghi di culto che trasmettono la
conserva nel suo prestigioso passato palazzi decorati con forte spiritualità che aleggia nel Paese.
affreschi, edifici divorati dalla vegetazione, chiostri leggiadri.
Come si viaggia:
Orcha - Khajuraho - Varanasi (4 giorni) • Hotel 5 e 4 stelle; Palazzi Indiani nobiliari;
Boutique Hotel a Delhi
Da Agra alla città fantasma e ai suoi palazzi affrescati e oggi • Trattamento: come da programma • Itinerario in pulmino
divorati dalla vegetazione. Poi Khajuraho: sono due i complessi • Guida-accompagnatore locale parlante italiano
templari della dinastia Chandela. I templi combinano l’eleganza
dell’architettura con la grazia delle sculture. Sono proprio le
sculture, in particolare quelle a soggetto erotico, che hanno reso
Da Delhi
famosa la città. In volo alla città eterna, Varanasi, la più sacra
base 2 partecipanti a partire da € 1850
base 4 partecipanti a partire da € 1450
dell’India. La città vecchia è sulla sponda del Gange e si estende base 6 partecipanti a partire da € 1250
in un intricato groviglio di viuzze. Lungo le gradinate (Ghat) che
portano al fiume scendono milioni di fedeli per le abluzioni
Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base
rituali nelle acque sacre della Ganga. Al tramonto la cerimonia della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea.
dell’Aarti: suono di cimbali e lumini ad olio sull’acqua. All’alba in
barca per assistere al saluto al sole prima delle abluzioni. 1-2° giorno: Delhi - Mandawa. Città fantasma, splendide case.
3°-5° giorno: Bikaner - Jaisalmer. Deserto del Thar: in un
Parco di Ranthambore (2 giorni) orizzonte sconfinato, il Forte di Junagarh; gli incredibili
Sulle colline del Rajasthan orientale dominate da una fortezza palazzi di filigrana, le dune al tramonto.
6°-8° giorno: Jodhpur - Ranakpur - Udaipur - Deogarh. La
Rajput dell’XI sec. fra boschi e piccoli laghi, il Ranthambore città azzurra ai piedi della rocca; il tempio jainista dai ricchi
National Park (kmq. 410) ospita, oltre ad una trentina di tigri, ornamenti; la città dell’aurora fra il mito e la storia, una fascino-
coccodrilli, varie specie di cervi e di daini, orsi e circa 300 tipi sa dimora principesca circondata da suggestivi paesaggi rurali.
di uccelli. Per avvistare la tigre si effettuano due uscite al gior- 9°-10° giorno: Pushkar - Jaipur. Unico tempio dell’India dedi-
cato a Brahma; i mosaici di specchio del Palazzo del piacere.
no in jeep, guidate da un esperto naturalista del parco. Al rien- 11°-12° giorno: Fatehpur Sikri - Agra - Delhi. La città fan-
tro il Taj Mahal, una delle sette meraviglie del mondo. tasma voluta da Akba; il Taj Mahal, splendore architettonico.

157
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 27/07/10 12:13 Pagina 158

India, Nepal, Sri Lanka

Arte e cultura del Nord Karnataka


10 2 9 2
INDIA

INDIA

GIORNI BASE PARTEC. HOTEL GIORNI BASE PARTEC. HOTEL

L’India è un continente più che un Paese, da vivere totalmente Viaggio in una regione dell’India poco interessata dai grandi cir-
lasciandosi coinvolgere dalle sue atmosfere avvolgenti. cuiti turistici ma ricchissima di un’architettura templare dalle
Itinerario classico, che tocca i principali centri di interesse del linee purissime. Il Karnataka però non è solo storia e arte, è una
Nord, ideale per chi si affaccia per la prima volta su questo Paese terra ricca di profumi e aromi che scaturiscono dall'incredibile
di grande cultura e spiritualità. Da un lato la mano dell’uomo, varietà di piante e fiori, celebri le essenze di gelsomino e di rose,
visibile nelle città: Jaipur, la capitale del Rajasthan, attraente gli incensi a base di legno di sandalo e il caffè che in questo stato
con i suoi edifici principali dipinti di rosa; Agra, col suo forte, la crescono ovunque. Da Bangalore, cosmopolita capitale orientale
cui costruzione occupò quattro generazioni di potenti re delle nuove tecnologie, a Mysore punto di partenza per le visite
moghul e dove si trova il Taj Mahal, la più celebre struttura straordinarie alle antiche capitali della dinastia Hoysala. Non è
architettonica dell’India, dalle perfette proporzioni; dall’altro la un viaggio stancante ma richiede adattamento ad alberghi sem-
spiritualità che si fa forma ed ecco Varanasi, la città più sacra plici in un paio di località, a percorsi inesorabilmente lenti, a ritmi
all’Induismo, che non offre solo monumenti architettonici e mentalità opposte alle proprie. A conclusione del viaggio pos-
importanti, ma è essa stessa un monumento unico all’essenza sibilità di estensione al mare in un luogo che trasmette tran-
dell’India. A conclusione del viaggio possibilità di estensione quillità e benessere: il Swa Swara Resort sulla leggendaria Om
a Kathmandu. Un’integrazione vera, non una estensione Beach nei pressi di Gokarna, per chi desideri un totale relax.
mordi e fuggi solo per dire di essere stati anche in Nepal. Come si viaggia:
Nella capitale Nepalese ritroveremo molti riferimenti in ter- • Hotel • Trattamento: come da programma
mini di religiosità (valutare le differenze è utile), ma soprat- • Trasferimenti in minibus/auto • Guida locale parlante italiano
tutto di monumentalità, di arte preziosa, di cultura e storia.
Da Bangalore a partire da € 1980
Come si viaggia:
base 2 partecipanti
• Hotel 5 e 4 stelle • Trattamento: come da programma
• Itinerario in pulmino, treno e voli interni Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base
• Guida-accompagnatore locale parlante italiano della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea.
Da Delhi 1°-2° giorno: Bangalore - Srirangapatnam - Mysore.
base 2 partecipanti a partire da € 2100 Bangalore, un perfetto mix di bellezza naturale, architettura e
tecnologia. Verso Mysore: il leggendario palazzo del sultano.
base 4 partecipanti a partire da € 1800 3° giorno: Mysore. Il Palazzo del Maharaja, un caleidoscopio
base 6 partecipanti a partire da € 1600 di vetrate colorate e specchi. Somnathpur: il Tempio di Keshava.
Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base 4° giorno: Sravanbelagola - Belur - Halebid - Hassan.
Sravanabelagola, uno dei più importanti luoghi di pellegrinaggio dei
della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea.
Jainisti in India centrale. La gigantesca statua monolitica di
1° giorno: Delhi. Una città che pulsa, un mosaico di stili. Gomateshvara. Belur e Halebid: templi Hoysala, architettura hindu.
2°-3° giorno: Jaipur. Il pittoresco borgo di Samode, la “città rosa”, 5° giorno: Chitradurga - Hospet. Alla volta di Chitradurga
l’osservatorio astronomico, possente la fortezza-palazzo di Amber. fra valli e colline pittoresche. La fortezza che domina la citta-
4°-5° giorno: Agra. La fortezza in arenaria rossa, il mitico Taj dina. Hospet nel Karnataka centrale, poi l’antica capitale.
Mahal dalle proporzioni perfette, il mausoleo di Itimad-ud-Daulah. 6° giorno: Hampi - Hospet. Vijayanagar, uno dei siti storici
6°-7° giorno: Jhansi - Orcha - Khajuraho. Magnifici affre- più affascinanti dell’intero sud dell’India. Il Tempio di Vittala,
schi purtroppo “divorati” dalla vegetazione; una città-fanta- dichiarato Patrimonio mondiale dell’umanità dall’UNESCO.
sma; templi e grande eleganza dell’architettura. 7°-8 giorno: Hospet - Aihole - Pattadakal - Badami.
8°-10° giorno: Varanasi - Delhi. Città “eterna”, essenza Pattadakal e Aihole: architettura religiosa dell’India del sud e
dell’India, la più sacra dell’induismo: abluzioni rituali, fuoco delle templi a torre. I santuari rupestri, le antiche fortificazioni.
pire, preghiere, spiritualità; le rive sacre e la meditazione... 9° giorno: Hubli - Mumbai.

158
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 27/07/10 12:13 Pagina 159

Viaggi privati ed esclusivi

Sri Lanka piccola isola verde Tamil Nadu e Kerala


7 2 10 2
SRI LANKA

INDIA

GIORNI BASE PARTEC. HOTEL GIORNI BASE PARTEC. HOTEL

Una grande varietà di paesaggi e culture racchiusi in una pic- Il giardino degli dei. Come altro potremmo definire questo
cola isola verde dell’Oceano Indiano troppo spesso sottovaluta- angolo prezioso e calmo dell’India del sud? Qui tra suggestivi
ta e considerata un’appendice ad un viaggio in India del sud. paesaggi fanno capolino città sacre all’induismo, santuari e
Sri Lanka invece offre una specifica e corposa realtà culturale, grotte, città tempio. Un itinerario attraverso i luoghi ma anche
artistica, ambientale e umana. Il santuario rupestre di Dam- attraverso il tempo. Un viaggio attraverso secoli e regni, per
bulla, con il Tempio d’oro, un monastero rupestre le cui cinque conoscerne la potenza, le divinità e il modo di strutturarne la
grotte-santuario sono interamente ricoperte di pitture murali convivenza. La ricchezza della cultura domina il Tamil Nadu:
dai vividi colori ocra e vermiglio; la passata grandezza di dagli albori della storia del popolo Tamil, nella regione sono
Anuradhapura e Polannaruwa, le antiche capitali di Sri Lanka fiorite espressioni culturali e artistiche di altissimo livello. Qui
dichiarate Patrimonio mondiale, ricche di testimonianze artisti- anche la natura è ricchissima e spazia fra coltivazioni di tè,
che e religiose; l’orfanotrofio degli elefanti di Pinnawela. Kandy, cascate e riserve naturali. L’intera vita del Tamil Nadu è ritma-
attorniata dalla foresta nel XVI sec. accolse la famosa reliquia ta dalla religione. Spesso ci si riferisce a questo Stato come “lo
del Dente del Buddha in un tempio dall’eleganza sobria. Poi la Stato dei templi”, perchè vi sono intere città la cui vita ruota
natura: il mare e la densa foresta, le piane verdi e le sterminate totalmente intorno a questi luoghi. Si passa poi al Kerala, la
piantagioni di tè a Nuwara Eliya. Non ultimo l’incontro con un bellissima terra degli Dei: mondo di templi e di arte, ma anche
popolo “provato”, ma che non ha mai perso il sorriso. di serenità. La leggenda racconta che questo luogo fu scelto
Come si viaggia: dal dio Shiva per stabilirsi e vegliare sul genere umano...
• Hotel • Trattamento: come da programma Come si viaggia:
• Itinerario in auto o minibus (secondo numero di partecipanti) • Hotel • Kettuvallam con aria condizionata nelle backwaters
• Guida locale parlante italiano • Trattamento: come da programma
• Itinerario in pulmino, aereo e kettuvallam
Da Chennai (Madras) • Guida-accompagnatore locale parlante italiano
base 2 partecipanti a partire da € 1050
base 4 partecipanti a partire da € 0980 Da Chennai
base 6 partecipanti a partire da € 0980 base 2 partecipanti a partire da € 1580
Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base base 4 partecipanti a partire da € 1180
della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea. base 6 partecipanti a partire da € 1080
1° e 2°giorno: Colombo - Pinnawela - Dambula. L’orfa- Il volo aereo verrà prenotato (da voi o tramite noi) sulla base
notrofio per elefanti feriti e abbandonati. della data e della vostra preferenza quanto a compagnia aerea.
3°giorno: Anuradhapura e Polonnaruwa. Le antiche capi-
tali dichiarate Patrimonio dell’umanità. La pietra a mezzaluna, 1-2° giorno: Chennai - Kanchipuram - Mahabalipuram.
le 4 statue rupestri del Buddha, le delicate pitture murali. Una delle sette città sacre; templi a torre e santuari nelle grotte.
4° e 5°giorno: Sigirya - Kandy. Il Tempio d’oro di Dambulla, 3°-4° giorno: Tanjore - Trichy. Tempio Brahadeeshwar, massi-
monastero rupestre con cinque grotte-santuario interamente ma espressione dell’architettura dei Chola; il Rock Fort e il
ricoperte di pitture ocra e vermiglio. La cittadella di Sigiriya, su Tempio di Srirangam, dedicato a Vishnu, esempio di città-tempio.
un monolito di pietra rossa. Kandy: il centro del buddhismo, 5°-6° giorno: Madurai - Periyar. Suggestiva cerimonia al
dell’arte, dell’artigianato e della cultura di Sri Lanka. tempio di Sri Meenakshi; il Parco Nazionale di Periyar.
6°giorno: Nuwara Eliya. Sui contrafforti del Picco di Adamo 7°-8° giorno: Kumarakom - Alleppey. Palme da cocco fra
e i terrazzamenti di Uva, il tè è il signore dell’isola. verdi distese di tè, pittoresca rete di lagune della costa.
7°giorno: Mount Lavinia - Colombo. A 12 km da Colombo, 9°-10° giorno: Cochin - Mumbai. Antico porto lungo la via
circondato da spiagge, ristorantini e boutique: in attesa del volo. delle spezie; una capitale affacciata sul Golfo del Bengala.

159
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 27/07/10 12:13 Pagina 160

Cina, Tibet, Giappone

RUSSIA

HEILONGJIANG

Harbin
MONGOLIA

KAZAKISTAN Urumqi
JILIN
NEI MONGOL Changchurl
Shenyang
XINJIANG LIAONING
GANSU Hohhot
Mar del
Yinchuan BEIJING Giappone
Taiyuan HEBEI TIANJIN

SHAANX Shijiazhuang
Xining NINGXIA
QINGHAI
Jinan GIAPPONE
Lanzhou SHAANXT SHANDONG
Mar Tokyo
Zhengzhou Giallo

HENAN JANGSU

TIBET
SICHUAN
CHINA ANHUI Nanjing

HUBEI Hefei SHANGHAI


XIZANG Wunhan Mar Cinese
Chengdu CHOOGQING Orientale
Hengzhou
Chengqing Changsha Nanchang ZHEJIANG
NEPAL
BHUTAN GUIZHOU HUNAN JIANGXI
Kunming Guiyang Fuzhou
FUJIAN
BANGLADESH YUNNAN GUANGDONG Oceano
Guangzhou
INDIA GUANGXI Pacifico
Nanning Zhanjiang HONG KONG
VIETNAM
BIRMANIA Golfo del Haikou
LAOS Tonchino
Mar Cinese
HAINAN
Meridionale

THAILANDIA FILIPPINE

Perché con noi


Provate a percorrere il tratto della muraglia di Badaling, affollata di turisti e di negozi di souvenir come San Marino ad
agosto, oppure imbarcatevi in una crociera sul fiume Li di Guilin dietro ad un’interminabile fila di battelli tipo navigazione
sul Nilo a Natale, e non vi sarà difficile scegliere, come abbiamo fatto noi “un’altra” Cina. Certo alcune scelte hanno un
costo, sia in termini economici che di “comodità”, ad esempio è un po’ più faticoso percorrere il tratto di muraglia che noi
percorriamo, ma il poco sforzo permette di vivere un’esperienza di autenticità altrimenti impossibile. Noi pensiamo che sia
questo il valore aggiunto per chi si rivolge ad un operatore come Kel12 per un viaggio “importante”: essere messo nelle
condizioni di gustare fino in fondo la sua specificità e la sua bellezza, di avere la possibilità di incontrare la vera Cina.

160
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 27/07/10 12:13 Pagina 161

Perché andare

“Colui che è esperto nel prender cura della propria vita non incontrerà nei suoi viaggi né rinoceronti né tigri e nei com-
battimenti, non dovrà allontanar da sé le armi. Un rinoceronte non troverebbe in lui nessun punto dove affondare il suo
corno! Né una tigre dove piantare i suoi artigli! Né un’arma dove far penetrare la sua lama! E perché, dunque! Non vi è in
lui posto per la morte! (Lao Tzu)

Gli itinerari che sono proponibili ed effettuabili in Cina danno la possibilità di appagare il forte desiderio di scoprire un
paese che ha un grande ed illustre passato, ma un presente che, soprattutto nelle grandi città, ha subito la furia livellatrice
dei bulldozer, che hanno distrutto la sua memoria urbanistica ed architettonica. Nei luoghi dei grandi flussi turistici è pra-
ticamente impossibile riconoscere i tratti della Cina del nostro immaginario, le tappe di un turismo “classico” trascurano
l’identità millenaria e cancellano la vera forza e bellezza di questo paese straordinario. La Cina è uno dei paesi dove la
popolazione ha maggiormente perso la sua identità. I simboli del passato sono stati dimenticati, il fervore religioso è stato
spento. Soprattutto nella Cina delle grandi città. La nostra Cina si dipana principalmente nelle regioni del Guizhou, nello
Shanxi e nel Gansu, dal deserto del Gobi all’Himalaya, tutte zone dove ancora le tradizioni si sono preservate intatte, pro-
prio perché queste lontane regioni sono poco conosciute e ancora meno visitate: ancora più affascinanti! Lo stesso vale
per il Tibet. Quello classico, perché è d’obbligo visitare Lhasa e la valle di Tsetan, ma anche itinerari (nei quali non mancano
gli aspetti più noti del paese e della sua cultura) sul plateau tibetano, dove per fortuna sopravvive ancora un’autentica tra-
dizione locale fatta di costumi, di monasteri non rifatti, di popolazioni semplici e vere.

Facemmo colazione nella stanza del Lama: Ci condusse nella “Stanza dell’Universo”. Immaginai avremmo percorso chissà
quali corridoi o cunicoli, invece le due stanze erano adiacenti. “Dovere guardare il soffitto” e ci fece stendere su grandi tappeti.
Dapprima non vidi nulla, poi mi accorsi che il soffitto era costellato da piccole luci. Provai a fissarne una. Si ingrandì e sembrò
avvicinarsi. Oppure ero io ad andarle incontro? La luce aveva la forma di un fiore di loto, dal numero infinito di petali. Viaggiai
tra i petali luminosi. Ogni petalo conteneva universi e mondi abitati, che potevo osservare nei minimi particolari. Mi rituffai di
corsa tra i petali di luce. Giunsi al centro del fiore. C’era uno specchio che rifletteva il mio volto, tutti i miei volti, da quando
nacqui a quando sarei morto; contemporaneamente. E i volti delle mie vite passate e delle mie vite future, se ha un qualche
senso dire “mie” poiché vidi anche i volti di tutti gli altri esseri viventi e non mi parvero tanto diversi dal mio. Immaginai tutto
questo ed ebbi qualche problema di identità… Il suono di due campanelle tibetane che si incontrarono per mano del Lama
interruppero il viaggio. Il risveglio fu dolce. Il suono dei cimbali ci riportò alla realtà. Massimo Dusi, Il lago delle visioni

161
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 27/07/10 12:13 Pagina 162

Cina, Tibet, Giappone

Tesori nascosti
14 10
CINA

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL

La Cina è uno dei paesi dove la popolazione ha maggiormente perso la sua identità. I sim-
boli del passato sono stati distrutti, il fervore religioso è stato spento. In Cina la distruzione
delle memorie urbanistiche ed architettoniche e dei simboli religiosi, che ha lacerato le
grandi città, ha risparmiato province come lo Shanxi, una provincia ricca di storia, vera e
propria miniera di cultura e arte, scrigno di templi, monasteri e dimore sontuose. Un iti-
nerario insolito, vario, ricco di monumenti artistici e splendidi paesaggi. Non è certo per il
gusto di viaggiare in una regione della Cina ancora preservata che proponiamo questo
viaggio: sarebbe riduttivo. Qui invece si trovano cose di grande pregio che meritano di
essere viste al di là di una Cina che cambia. Dai tesori architettonici della Villa Estiva
Imperiale di Chengde, ai grandi ambienti buddisti di Datong, alle Grotte di Yungang,
tagliate nelle falesie dei Monti Wuzhou fra il 460 e il 494 d.C. Il Tempio Pensile di Hunyuan
a Wutaishan o la Pagoda Mu Ta del XI sec., torre lignea a 9 piani senza chiodi. Poi il vil-
laggio di Pinyao, concentrato d’arte e di vita autentica, una reliquia imperiale intatta. Nel
1997 questo villaggio divenne il primo luogo in Cina dichiarato dall’Unesco patrimonio
mondiale dell’umanità. Un itinerario in un mondo poco conosciuto e preservato, in cui, per
contrasto, Pechino all’inizio, con le sue strutture “contraddittorie”, e Shanghai alla fine del Come si viaggia:
viaggio ci proiettano invece nella Cina del terzo millennio: un’altra Cina, che cambia. • Hotel 5* a Pechino, Shanghai,
Wutaishan e Pinyao, 4* nelle altre località
• Trattamento: come da programma
• Itinerario in treno, pulmino, voli interni
• Guida locale parlante italiano a Shanghai
2011: 18 aprile
in compagnia di Annamaria Fumagalli

Da Milano a partire da € 2980


minimo 10 partecipanti
Anche un viaggio
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200 di mille miglia
comincia
dal primo passo

Lao Tzu
I luoghi:
Pechino · Grande Muraglia · Chengde · Datong · Hunyuan · Taihuai (Wutaishan) · Taiyuan · Pinyao ·
Lingshi · Taigu · Yuci · Shanghai

162
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 27/07/10 12:13 Pagina 163

Viaggi di gruppo con TL

Guizhou: architettura di etnie e paesaggi


11 8
CINA

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL

Un viaggio lontano dalla Cina che ha come primo obiettivo quello di mostrare la sua gran-
dezza e la sua preziosità con dovizia di templi, di monasteri e di dimore sontuose. Un iti-
nerario insolito, ricco di splendidi paesaggi capace di mostrarci l’altro volto della Cina. Di
una Cina più legata alla terra, alle tradizioni, all’artigianato, ad un’architettura che si fa
arte. Un viaggio forse nel poco conosciuto ma non nell’incerto, capace di appagare la
curiosità anche dei viaggiatori “che hanno visto tutto”. Un viaggio focalizzato sulle mino-
ranze etniche cinesi che vivono nel Guizhou: in virtù del secolare isolamento, hanno con-
servato i gesti della tradizione, le abilità architettoniche e un ricco artigianato.
Numericamente prioritarie le etnie Miao e Dong. Paesaggi spettacolari: verdissime monta-
gne terrazzate, colline con alberi e risaie strappate ai fianchi dei monti. Templi e singolari,
pregevoli, architetture “etniche”, come le torri dei tamburi al confine con la provincia di
Guangxi o, a Diping, il più bel “ponte del vento e della pioggia” della regione, interamente
in legno. Il volo a Shanghai ci proietta nella Cina del Terzo Millennio, in una animata
metropoli che però conserva angoli antichi. Un viaggio che, come molti altri della “nostra”
Cina, ci regala un paese ricco del fascino delle tradizioni, di una cultura millenaria, di etnie Come si viaggia:
ancora protette dal flusso dell’innovazione. La Cina che abbiamo sempre immaginato... • Hotel 4 stelle
• Trattamento: come da programma
• Itinerario in pulmino e voli interni
• Guide locali parlanti inglese
2010: 7 novembre (in occasione del capodanno dei Miao)
con Tour Leader dall’Italia
Da Milano, 11 giorni a partire da € 2790
minimo 8 partecipanti
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200

2011: 14 aprile (in occasione del festival Sister’s Meal) Coloro che partono
in compagnia di Raffaella Musso per mete lontane
si espongono a trovare
Da Milano, 13 giorni a partire da € 2890 solo quello che si aspettavano...
minimo 8 partecipanti
Il viaggio impossibile
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200 è quello che non faremo,
che avrebbe potuto aprirci
lo spazio degli incontri
I luoghi
Italia · Guiyang · Kaili · Shidong · Zhenyuan · Leishan · Rongjiang · Congjiang · Zhaoxing · Sanjang · Marc Augé
Shanghai · Italia

163
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 27/07/10 12:13 Pagina 164

Cina, Tibet, Giappone

Cina, perché no?


15 15
CINA

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL

Sul pavimento d’accesso alla Grande Pagoda di Xi’an, il vecchio scrive una poesia con un pen-
nello intinto nell’acqua. Con un tempismo straordinario, calcolato, le prime parole scompaiono,
assorbite dalla pietra scaldata dal sole, prima che sia terminata l’ultima frase. Secondo lui le poe-
sie andrebbero solo recitate, non scritte, perché devono lasciare traccia solo nell’animo di chi le
ascolti. Lui però è muto e, non potendo declamarle, le pennella sulla pietra, certo che subito spa-
riscano per restare impresse solo in chi le legga. La Cina, terzo paese dopo Italia e Spagna per
siti Patrimonio Unesco, è però temuta come “pericolo giallo” o acclamata come grande occasio-
ne del capitalismo, mettendo in ombra questo aspetto, oltre quello di luogo dove un vecchio scri-
ve ancora poesie con l’acqua. Perché non recarci dove sono nati fuochi d’artificio e spaghetti,
Shanghai ha il doppio dei grattacieli di New York, e mostra antiche meraviglie che “si vedono
dalla luna”? Non immaginatevi un luogo ricco d’arte e storia ma con un retrogusto di socialismo
reale. Non ci faremo mancare nulla della passata supremazia e della prorompente contradditto-
ria modernità. E’ cosciente di tornare ad essere, caso unico nella storia, nuova “superpotenza”
mondiale, basandosi su un modello altrui avversato violentemente fino a pochissimi decenni fa.
A Pingyao pernotteremo nello charme antico dell’International Financiers Club, residenza dal-
l’atmosfera Ming, (“per chi non badi a spese”), con arredi particolari per un percorso indietro nel Come si viaggia:
tempo tra i suoi 18 cortili. Ci sorprenderemo pure di ciò che la “prodigiosa” modernità di • Hotel
Shanghai mette a disposizione. In Cina si concentra la possenza di grandi realizzazioni antiche, • Trattamento: come da programma
gli scenari dentati di Guilin, ma anche la grazia di piccole gioie meno note a Jinci, Pingyao, • Itinerario in pulmino, treno, aereo e barca
Shuanglin, Yangshuo, Zhuijao. Tutto ciò resta nelle mille foto scattate. A noi, però, piace pure • Guide locali
ricordare l’aquilone che ci verrà offerto di far volare nella piazza Tien An Men.
Un “viaggio 5 stelle”, molto curato, nel periodo ottimale.

2011: 9 maggio
in compagnia di Mario Romualdi

Da Milano a partire da € 3500 Il viaggio è il passaggio


minimo 15 partecipanti da sé all’altro,
il ponte tra due mondi.
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200 Invita al desiderio dell’alterità
come a quello dell’altrove

Franck Michel, Il settimo senso


I luoghi:
Italia · Pechino · treno veloce per Tayuan · Pingyao · Jinci · Shuanglin · Xian · Yangshuo · Shanghai ·
Zhujiao · Pechino · Italia

164
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 27/07/10 12:13 Pagina 165

Viaggi di gruppo con TL

Tra storia, tradizione e modernità


14 15
GIAPPONE

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL

Un viaggio in un paese emblematico, la cui essenza pare sempre sfuggire al viaggiatore “occi-
dentale”. Il Giappone si “ritrae”, pare ritrarsi ancor prima di offrirsi; forse non si offre per nien-
te! Si lascia osservare, non si nasconde, ma non apre commercialmente la propria anima, non
svela a viaggiatore poco colto la propria natura più profonda, non si dà ad occhi indiscreti.
Eppure sono passati gli anni in cui i Ryokan erano tabù per un “non giapponese”: non sarebbe
stato accolto facilmente (e in alcuni, per niente) negli hotel tradizionali. O se si veniva accolti
avveniva con un costo di riservatezza e di rigore che spesso inducevano a desistere. Sono pas-
sati quegli anni, il paese ha fatto grandi passi verso una presunta occidentalizzazione (ma per
quale motivo doveva aprirsi lui a noi?), conserva tradizioni rigidissime almeno in alcuni strati
sociali, preserva con tenacia la propria identità. Insomma, la fa vedere, si fa capire, ma non si
concede: questo è il punto. Avanzando in punta di piedi, scoprendo un traccia “saggia” da
seguire per entrare e capire ecco che il Giappone viene fuori. Paese di contraddizioni anche
negli aspetti più esteriori: antiche città rimaste a secoli fa e quartieri mostruosamente
moderni; isole sacre, ma raggiunte con avveniristici ponti; città segrete, ma collegate dal
“treno fulmine”. Eccolo dunque il nostro Giappone: che guarda, osserva, capisce, riprende
tratti di una storia antica e di usi ancora più antichi. Un itinerario che non si nega nulla di
importante e che lentamente, ma inesorabilmente scopre il Giappone più vero, più prezioso, Come si viaggia:
più autentico (e non si rinuncia a due notti nei Ryokan…). Viaggio che non tocca solo le città • Hotel 5 e 4 stelle e
classiche (Tokyo, Kyoto, Nara) ma anche Kanazawa, sulla costa del Mar del Giappone, e i pit- ryokan a Hakone e Ueno
toreschi villaggi dichiarati Patrimonio dell'Umanità della zona di Shirakawa-go nella valle di • Trattamento: come da programma
Shokawa e la valle di Kiso meta d’obbligo per avere un'idea di come doveva essere il Giappone • Itinerario in pulman e “treno proiettile”
prima dei grattacieli. Narai, è stata conservata come museo virtuale del passato feudale. Solo • Guide locali parlanti italiano
alcune delle chicche di un viaggio in Giappone, un paese tutto da scoprire.

2011: 10 settembre
in compagnia di Raffaella Musso

Per nature come la mia


Da Milano a partire da € 4980 che amano sostare e
minimo 15 partecipanti
soffermarsi sulle cose,
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200 un viaggio è inestimabile:
anima, corregge,
istruisce ed educa
I luoghi:
Italia · Tokyo · Nikko · Yokohama · Kamakura · Enoshima · Hakone · Owaku · Dani Valley · Kyoto · J. Wolfgang Goethe
Nara · Uji · Hikone · Kanazawa · Shirakawa-go · Takayama · Narai · Matsumoto · Nagano ·
Nanmoku · Ueno · Tokyo · Italia

165
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 27/07/10 12:13 Pagina 166

Cina, Tibet, Giappone

Dal deserto del Gobi all’Himalaya


14 10
CINA - TIBET

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL

Viaggio affascinante ed insolito che colpisce la fantasia e l’anima del visitatore. Da


Pechino, modernissima metropoli che tuttavia rimane il fulcro della storia imperiale cinese,
si vola a Lanzhou antica roccaforte lungo la Via della Seta sulle rive del Fiume Giallo. Con
un treno notturno in confortevole scompartimento di prima classe si raggiunge Jiayuguan,
ritenuto tradizionalmente il punto in cui finiva la Cina civilizzata prima del deserto, dove
i Ming costruirono l’ultima fortezza della Grande Muraglia a oltre 6.000 km dall’estremità
orientale. A Dunhuang, oasi ai margini del deserto del Gobi ed importante punto di incon-
tro tra Cina e mondo esterno durante le dinastie Han e Tang, le magnifiche Grotte di
Mogao costituiscono un esempio unico nel panorama della pittura e scultura buddhista.
Nei pressi di Xi’an una delle più rilevanti scoperte archeologiche di tutti i tempi: i seimila
soldati, conosciuti come “ l’esercito di terracotta” realizzati con un realismo straordinario.
Poi “l’avventura tibetana”, il volo per il tetto del mondo, per conoscere i suoi spazi scon-
finati, le sue terre spesso aride, la sua magia, una spiritualità che non è nè fatto solo inte-
riore nè manifestazione solo esteriore: è essenza di vita, capacità di superare una vita dif-
ficile, faticosa “credendo”. Lhasa ci apre le sue porte ed è il simbolo delle contraddizioni Come si viaggia:
di questa terra che la Cina ha voluto come simbolo di potere politico da mostrare al • Hotel 4 e 3 stelle
mondo. Certo, la capitale è pesantemente rovinata dall’intervento urbanistico cinese; • Trattamento: come da programma
ingrandita e abbruttita da sovrastrutture occidentali, eppure il suo cuore, e lo senti... ha • Itinerario in pulmino, aereo, treno
mantenuto la sua incredibile, ineliminabile autenticità tibetana.

2011: 10 settembre
in compagnia di Annamaria Fumagalli

Da Milano a partire da € 4350 Non ci si rende conto


minimo 10 partecipanti di quanto sia bello viaggiare
finchè non si torna a casa
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pagina 200 e si posa la testa
sul vecchio, caro cuscino.

Lin Yutang
I luoghi:
Italia · Pechino · Lanzhou · treno per Jiayuguan · Dunhuang · Xi’an · Lhasa · Pechino · Italia

166
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 27/07/10 12:13 Pagina 167

Viaggi di gruppo con TL

Saga Dawa “Friendship Highway”


16 8 16 8
CINA - TIBET

NEPAL - TIBET

GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL GIORNI MIN. PARTEC. HOTEL

Ci sono momenti sull’altopiano del Tibet, ormai da decenni tra- Questo viaggio è un percorso attraverso due terre combacianti
volto dal confronto politico-culturale con la Cina, in cui la sto- eppure completamente differenti: il Nepal è l’acqua, il verde, il
ria si riavvolge su sé stessa. E’ come se il tempo si fermasse, si riso, il caldo, i fiori che inghirlandano le figure sacre; il Tibet è
estraesse dalla modernità e, riavvolgendosi come un film, ritor- la pietra, il turchese dei laghi, il bianco lattescente degli im-
nasse a vivere l’antica tradizione della preghiera, delle cerimo- mensi nevai, è il lumino tremolante delle lampade a burro nei
nie religiose e del flusso “anacronistico” dei nomadi verso la templi bui. Dove per secoli sono passati solo sentieri tracciati da
città sacra, Lhasa. E’ il tempo del Saga Dawa, il momento più carovane di yak e dal cammino dei pellegrini è nata una strada
propizio per i pellegrinaggi. Centinaia e centinaia di pellegrini camionabile. E’ la “Friendship highway” la cosidetta “Strada
dalle terre lontane del Tibet si portano verso il territorio cen- dell’Amicizia” costruita, dall’accordo comune di Nepal e Cina,
tro-occidentale e si disperdono verso i centri religiosi che sono per collegare le due terre saldate dal cordone himalayano: il
stati i veri pilastri delle antiche scuole religiose medievali. Gli Tibet e il Nepal. La strada percorre il plateau tibetano e scende
atteggiamenti e le loro fogge ci raccontano dell’immensa Asia alle valli nepalesi. Quest’arteria inaugurata nel 1987 è il filo
centrale. L’altopiano del Tibet così protetto dalle sue monta- conduttore del nostro viaggio tra le città, i paesi, i monasteri, le
gne, così irraggiungibile per tanti mesi dell’anno, è stato un terre e le genti che hanno serbato l’originalità delle antiche ed
piccolo laboratorio dove l’arte, manifestandosi quasi timida- affascinanti tradizioni himalayane. Terre di agricoltori, di pasto-
mente, ha testimoniato il passaggio di tanti uomini di terre ri; terre di eremiti, di monaci, di patriarchi, terre di magia e di
lontane. Proprio questo ha dato lo spunto al viaggio: guardare preghiera. Marpa, maestro del grande eremita Milarepa, lasciò
con occhi nuovi e diversi, attraverso lo sguardo dei pellegrini, i il Tibet natale per raggiungere l’India, la madre dei testi sacri
luoghi dove le culture straniere si sono incontrate. Un viaggio buddisti. Scese dall’altopiano e soggiornò per mesi, per accli-
sull’altopiano nel periodo dei pellegrinaggi cercando i pellegri- matarsi alle basse quote, nella valle di Kathmandu presso lo
ni là dove l’arte e l’architettura ritraggono il Paese nei suoi stupa di Swayambunath detto “l’autogenerato”. Sono trascorsi
momenti più eloquenti. A dettare i nostri passi una particolare mille anni eppure i valori spirituali del popolo himalayano sono
attenzione ai rilievi pittorici e architettonici... rimasti, incredibilmente, pressoché immutati.
Come si viaggia: Come si viaggia:
• Hotel • Trattamento: come da programma • Hotel • Trattamento: come da programma
• Itinerario in Minibus • Itinerario in minibus in Nepal, in 4x4 in Tibet

2011: 10 giugno 2011: 25 maggio, 7 luglio e 6 agosto


in compagnia di Giovanni Dardanelli in compagnia di Giovanni Dardanelli

Da Milano a partire da € 3450 Da Milano a partire da € 3580


minimo 8 partecipanti minimo 8 partecipanti
* Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pag. 200 * Per i supplementi vedere nota nel regolamento a pag. 200
I luoghi: I luoghi:
Italia · Chengdu · Chengdu · Tsetang · Dranang · Mindoling · Italia · Kathmandu · Pashupatinath · Baktapur · Patan ·
Yumubulakang · Tandruk · Tsetang · Samye · Gyantse Kumbum · Boudanath · Lhasa · Drepung · Dorje · Drak · Samye · Tsetang ·
Monstero Palkhor Chode · Shalu · Shigatse · Pintsoling · Sakya · Yamdrok · Gyantse · Shalu · Shigatse · Sakya · Dong La · Xegar ·
Lhasa · Ganden o Tsurphu · Chengdu · Italia campo base dell' Everest · Zhangmu · Dhulikel · Kathmandu · Italia

167
Impaginato:235x330 CATALOGO AFRICA 2009 27/07/10 12:13 Pagina 168

Birmania

Putao
Shingbwiyang
KACHIN
INDIA STATE
Myithyina
CINA
Katha Bhamo
SAGAING
DIVISION
BANGLADSH Shwebo Hsipaw Lashio

Haka SHAN
Sagaing STATE
CHIN Maymyo
STATE MANDALAY Ta-Kaw
Keng
DIVISION Tung
Namsang
RAKHINE Magwe
STATE Loi-Kaw
MAGWAY
DIVISION
Tuongo
Golfo del BAGO
Bengala DIVISION
KAYAH
YANGON STATE
DIVISION
Bassain
Rangoon TAHILANDIA
AYEYARWADY MOULMEIN
DIVISION Golfo di
Martaban
MON
STATE