Sei sulla pagina 1di 4
K NOWLEDGE A DDICTION Azienda Creatività Flow Gratificazione Benessere Attività Clima Committment Esperienza Performance Prestazione Ottimale

KNOWLEDGE ADDICTION

Azienda Creatività Flow Gratificazione Benessere Attività Clima Committment Esperienza Performance Prestazione Ottimale Passione Entusiasmo Trascinati Produttività
Azienda
Creatività
Flow
Gratificazione
Benessere
Attività
Clima
Committment
Esperienza
Performance
Prestazione
Ottimale
Passione
Entusiasmo
Trascinati
Produttività
Compito
Leadership
Potenziale
Risorse
Collaboratori
Libertà
Management
Feedback

I PERCORSI DI QUESTO NUMERO

IL FLOW

Il termine flow, tradotto come

“flusso”, descrive lo stato

di

gratificazione

che

proviamo

nel sentirci coinvolti completa- mente da ciò che stiamo facendo, nell’essere immersi e

assorbiti

in

una

specifica

attività

al

punto

da perdere

quasi

la

consapevolezza

di

noi,

della fatica

e

del

tempo

che trascorre.

 

Nei momenti di flusso tutto si

svolge

in

una

completa

armonia tra ciò che ci

appassiona, ciò

in

cui

riusciamo

a

esprimere

al

meglio le nostre potenzialità e

le nostre motivazioni intrinse- che.

IL FLOW NELLE ORGANIZZAZIONI

Sperimentare il

flusso

all’interno della vita professio- nale consente di vivere

esperienze

professionali

più

ricche, soddisfacenti e produttive, oltre a comportare vantaggi per l’organizzazione, in termini di benessere, clima aziendale e committment. L’individuo è, in qualche modo, “catturato” dalla sfida

rappresentata dall’attività, dall’interesse che gli suscita e dalla gratificazione che prove

nello

svolgerla.

Si

tratta

di

un’attività che rappresenta una sfida a dare il meglio di

sé, ma senza viverne la preoccupazione per il risultato

KNOWLEDGE ADDICTION

Lo psicologo svizzero Carl Gustav Jung scrisse che ogni tipo di

dipendenza è cattiva; non importa se

il narcotico sia l'alcool, la morfina o l'idealismo. Da allora, anno dopo

anno, le possibili forme di

dipendenza (in inglese: addiction)

sono aumentate in modo

esponenziale, tanto da portare alcuni a definire il nostro secolo come l'era delle dipendenze. Oltre alle infinite sostanze, chimiche

o naturali, abbiamo scoperto di poter

diventare dipendenti dal lavoro, dal

cibo, dal sesso, da Internet, dal gioco

d'azzardo o dallo shopping!

Vogliamo giocosamente provare

a contraddire il noto psicologo

inventando una nuova dipendenza “buona”: la Knowledge Addiction, la dipendenza da conoscenza.

Questa newsletter, ogni mese,

cercherà di dare a tutti i “dipendenti

da (o della) formazione” una dose di

conoscenza, su aspetti generali o

specifici del mondo della formazione e dell'apprendimento. Buona lettura!

COME FACILITARE IL FLOW?

Una delle sfide principali per favorire l’esperienza del flusso per i propri collaboratori è rappresentata dalla necessità di personalizzare il lavoro a seconda dell’individuo che lo svolge. È molto importante che il leader si attivi per identificare e valorizzare il potenziale e le risorse possedute dai suoi collaboratori, e offra loro sfide e opportunità a un livello adeguato. Secondo Csikszentmihalyi (2007), il primo step è riuscire a comprendere cosa interferi- sce con il flow, cosa causa inefficacia negli individui.

Il flusso Sentirsi trascinati Completa armonia Stare nel flusso Piacere vs Gratificazione I L FLOW Il
 
Il flusso

Il flusso

Sentirsi trascinati

Sentirsi trascinati

Completa armonia

Completa armonia

Stare nel flusso

Stare nel flusso

 

Piacere

vs
 

vs

Gratificazione

IL FLOW

Il termine flow, tradotto come “flusso”, descrive lo stato di gratificazione che proviamo nel sentirci

 

coinvolti

completamente

da

ciò

che

stiamo

facendo, nell’essere

immersi e assorbiti

in

una

specifica

attività

al

punto

da perdere quasi la

consapevolezza di noi, della fatica e del tempo che

trascorre.

Il

flow

è

un’esperienza ottimale: la

 

prestazione

è

al

culmine,

lo

il flusso è necessario

un

stato d'animo è positivo,

coinvolgimento

 

attivo

della

proviamo entusiasmo appassio-

nostra

persona,

delle

nostre

nato.

risorse

e

abilità,

l’attenzione

Per indicare tale stato è

totale, che il corpo e la mente

utilizzata

l’immagine

di

un

siano impegnati al punto

che

flusso, che deriva dalla

nient’altro

 

è

in

grado

di

descrizione

che

gli

individui

distoglierci da ciò

che stiamo

fanno della sensazione vissuta,

facendo.

ossia di “essere come trascinati

Secondo

Csikszentmihalyi

da una corrente d’acqua”

e di

(1993), lo studioso

che

ha

sentirsi “completamente uniti a

introdotto

il

concetto di

flow,

   

l’esperienza ottimale presenta

ciò che fanno”. Nei momenti di flusso

tutto si

una

serie

di caratteristiche

svolge in una completa armonia

peculiari:

tra ciò che ci appassiona, ciò in cui riusciamo a esprimere al meglio le nostre potenzialità e le nostre motivazioni

tra ciò che ci appassiona, ciò in cui riusciamo a esprimere al meglio le nostre potenzialità

il compito da portare avanti costituisce una sfida e richiede la messa in gioco di abilità;

intrinseche: lo sportivo

che

si

intrinseche: lo sportivo che si alto grado di concentrazione;

alto grado di concentrazione;

allena per migliorare il suo

allena per migliorare il suo gli obiettivi sono chiari;

gli obiettivi sono chiari;

record, il musicista che compone, l’artista che crea una

record, il musicista che compone, l’artista che crea una si prova un coinvolgimento profondo e istintivo;

si prova un coinvolgimento profondo e istintivo;

nuova opera, ma anche una persona che si dedica al suo

nuova opera, ma anche una persona che si dedica al suo senso di controllo in ciò

senso di controllo in ciò che si sta facendo;

hobby, la mineralogia, e mentre è dedito a osservare al

hobby, la mineralogia, e mentre è dedito a osservare al la percezione del tempo trascorso si

la percezione del tempo trascorso si annulla;

microscopio

un

cristallo,

si

microscopio un cristallo, si perdita di

perdita

di

accorge che è giunta la sera

autoconsapevolezza.

soltanto

perché

la

visibilità

Il concetto

di

flow

ha trovato

nella stanza è diminuita.

 

ampio spazio e applicazione in

Il

flow

non deriva da

momenti

ambito sportivo. Le prestazioni

di apatia, passività

o rilassa-

di grandi campioni

sono le

tezza alla ricerca di un semplice

descrizioni

 

maggiormente

piacere: non sperimentiamo il

esplicative di cosa

si intende

flow

attraverso

la

piacevole

per esperienza ottimale.

sensazione di un bagno caldo e

L’attenzione attuale è rivolta a

dall’ascolto della nostra musica

comprendere

 

le implicazioni

preferita.

che tale esperienza può avere

Perché possiamo sperimentare

all’interno di un’organizzazione.

Coinvolgimento delle abilità
Coinvolgimento
delle abilità
Coinvolgimento delle abilità Il flow sul posto di lavoro Dedizione & Passione Attività sfidanti Prestazioni efficaci

Il flow sul posto di lavoro

Coinvolgimento delle abilità Il flow sul posto di lavoro Dedizione & Passione Attività sfidanti Prestazioni efficaci

Dedizione & Passione

Coinvolgimento delle abilità Il flow sul posto di lavoro Dedizione & Passione Attività sfidanti Prestazioni efficaci

Attività sfidanti

Coinvolgimento delle abilità Il flow sul posto di lavoro Dedizione & Passione Attività sfidanti Prestazioni efficaci

Prestazioni efficaci

IL FLOW NELLE ORGANIZZAZIONI

Il flow è uno stato che presuppone passione e creatività, coinvolgimento delle migliori abilità della persona, attenzione totale, padronanza e controllo. Sperimentare il flusso all’interno della propria vita professionale consente di vivere esperienze professionali più ricche, soddisfacenti e produttive, oltre a comportare vantaggi per l’organizzazione, in termini di benessere percepito, clima aziendale e committment. Ma proviamo a vedere come può manifestarsi lo stato di flow sul posto di lavoro.

La persona è immersa nell’attività lavorativa che svolge al punto da non preoccuparsi quasi più dell’impatto che la sua performance ha sul suo futuro, di eventuali problematiche e difficoltà che potrebbe incontrare o presenti nel contesto: tutta l’energia e l’attenzione sono rivolte a come svolgere al meglio l’attività in cui si è impegnati. L’individuo è, in qualche modo, “catturato” dalla sfida rappresentata dall’attività, dall’interesse che gli suscita e dalla gratificazione che prove nello svolgerla. Si tratta di un’attività che rappresenta una sfida a dare il meglio di sé, ma senza viverne la preoccupazione per il risultato (Csikszentmihalyi, 2007). Una persona che raggiunge lo stato di flow all’interno della propria attività lavorativa, sarà sicuramente portata a trascorrere meno tempo in attività irrilevanti e non inerenti al lavoro. L’impatto sulla produttività non è direttamente misurabile, perché ogni azienda ha differenti indicatori e modalità di valutazione. Quello che è certo, che si evince dalla descrizione che ne fanno le

persone che lo sperimentano, è che gli individui che riescono a vivere il flow sono più dediti e appassionati alla propria professione e anche meno propensi a lasciare la realtà organizzativa. Le organizzazioni si differenziano rispetto alle tipologie di sfide e di opportunità che offrono ai propri dipendenti. Alcune aziende adottano uno stile di management che consente alle persone di sperimentarsi in attività sempre più sfidanti, di prendere iniziative e

di esplorare nuove opportunità; per altre le condizioni di lavoro sono più ripetitive, vincolate a dei sistemi molto proceduralizzati che sicuramente consentono minore spazio e possibilità per esperienze riconducibili allo stato di flow. Alcune persone sembrano avere un potenziale maggiore di quanto richiesto dal loro lavoro; per altre è posibile raggiungere lo stato di flow anche svolgendo attività di poca importanza. All’interno di alcune organizzazioni l’attività lavorativa rappresenta effettivamente un’occasione di esperienza ottimale, ma, ahimè, ciò non accade in tutte le realtà e per tutti i lavoratori. Ma come può fare l’organizzazione a favorire il flow nei propri

dipendenti? Quali comportamenti un leader deve mettere in atto per ottenere dai propri collaboratori delle prestazioni ottimali in modo che ne traggano profitto sia l’organizzazione sia le persone?

C OME FACILITARE IL FLOW ? Identificare i punti di forza Una delle sfide principali per

COME FACILITARE IL FLOW?

Identificare i punti di forza Una delle sfide principali per favorire l’esperienza del flusso per i
Identificare
i punti di forza
Una delle sfide principali per favorire l’esperienza del flusso per i
propri collaboratori è rappresentata dalla necessità di
personalizzare il lavoro a seconda dell’individuo che lo svolge:
Comprendere cosa
interferisce con il flow
Concentrazione e
obiettivi chiari
considerare i punti di forza e gli interessi dei collaboratori, così
come il loro potenziale. È molto importante che il leader si attivi
per identificare e valorizzare il potenziale e le risorse possedute dai
suoi collaboratori, e offra loro sfide e opportunità a un livello
adeguato.
Secondo Csikszentmihalyi (2007), il primo step è riuscire a
comprendere cosa interferisce con il flow, cosa causa ansia e
inefficacia negli individui. Se il lavoratore è costantemente
preoccupato dal giudizio sul suo operato, del non essere ritenuto
efficace e adeguato dal proprio capo, tutta la sua concentrazione ed
energia saranno riversati negativamente su ciò che sta facendo. Di
conseguenza, fondamentale è sviluppare una relazione di fiducia
con i propri collaboratori, in modo che le persone sentano la libertà
di fare ciò che ritengono giusto per il raggiungimento dell’obiettivo
aziendale. La concentrazione è una condizione di base affinché il
flow possa manifestarsi: è necessario evitare tutto ciò che
interferisce con la capacità del collaboratore di svolgere il lavoro
con piena attenzione e concentrazione. Per raggiungere uno
stato di flow, gli individui necessitano di obiettivi chiari rispetto a ciò
che ci si attende da loro e a ciò che possono ottenere dall’attività
che svolgono. Il capo dovrebbe incontrare con regolarità la
persona per capire di che cosa si sta occupando, eventuali
difficoltà, come si sente, se vive qualche particolare stress.

CARATTERE

 

CONTATTI

COPYRIGHT ©

La

Newsletter

è

stata

Via S. Tommaso d’Aquino, 66

Eulab Consulting s.r.l Tutti i

stampata

utilizzando

il

00136 Roma (RM)

diritti riservati

carattere ECOFONT realizzato

Tel. 06.97.61.60.75

dalla

SPRANQ

Creative

Fax 06.97.61.95.67

Communications (Utrecht).

 
Communications (Utrecht). Ciascun marchio di fabbrica

Ciascun marchio di fabbrica

ECOFONT consente un risparmio del 20% dell’inchiostro. Il risparmio di inchiostro deriva da dei microfori presenti
ECOFONT
consente
un
risparmio del
20%
dell’inchiostro. Il risparmio di
inchiostro
deriva
da
dei
microfori
presenti
all’interno

citato in questa newsletter è

proprietà

delle

 

rispettive

aziende.

Ricevi questo messaggio

Ricevi

questo messaggio

perché hai espresso interesse

per

i prodotti

e

i

servizi di

LO STAFF DI EULAB CONSULTING

Eulab Consulting.

Eulab Consulting protegge la

di ciascun carattere percepibili solo in caso di ingrandimento. Per informazioni:

Tel. 06.97.61.60.75 Fax 06.97.61.95.67 E-mail:

tua riservatezza non cedendo in nessun modo il tuo indirizzo e-mail a terze parti.

www.ecofont.eu

 

newsletter@eulabconsulting.it