Sei sulla pagina 1di 4

21.09.

16

Che cosa un testo letterario? Che differenza c tra un testo letterario e uno non
letterario? difficile stabilirlo. Innanzitutto, qual il proposito di un testo letterario? In un
testo letterario non ci viene raccontata la verit, ma essa traspare attraverso la finzione
che viene narrata. Di conseguenza il testo letterario non un testo che ci racconta
finzione; il modo in cui lavora complesso, ci muove verso valori estetici e trasmette
messaggi al di l delle semplici parole scritte. Quindi la funzione del testo letterario
quella di provocare una reazione nel lettore. Questa reazione pu essere filosofica,
etica, emotiva ecc. Oltre a raccontare qualcosa, unopera artistica ti dice anche cosa si
prova in determinate situazioni e ti trasmette quelle sensazioni, fino a farti immedesimare
nel contesto.

Per riuscire a trasmettere tutte queste cose, uno scrittore utilizza delle figure retoriche,
sempre per provocare reazioni sia emotionally sia rationally.

Le storie sollevano dei problemi, anche se non narrano di fatti reali, ma dipingono il mondo
come appare. La letteratura fa vedere, pensare e sentire (feel), tutto nello stesso tempo.
Per questo i testi letterari sono complessi. Le qualit estetiche di unopera risiedono in
tanti elementi, come il plot, i personaggi, le sensazioni evocate. Il valore estetico dellopera
la risposta che provoca nel lettore.

Se un testo ci piace, perch ci piace? O perch no? Il linguaggio pu solo riferirsi a un


numero limitato di significati; la poesia serve proprio a dare nuove definizioni, a insegnare
cose che prima non si sapevano, a definire emozioni che non si conoscevano. Attraverso
un testo possiamo imparare qualcosa di nuovo, anche su noi stessi.

How does a text engage with the reader and with truth? Nel testo c sempre una verit,
anche se la storia inventata. Come fa il testo a riuscire a connettersi con noi?

Studiare letteratura significa cercare di dare delle risposte a queste domande. Il compito
della critica proprio questo. Si sono sviluppate nel tempo diverse critical schools, come
ad esempio:

Quelle che analizzano un testo in base alla biografia del suo scrittore (biografical
schools)

Cultural study, cio in base alla societ in cui stato scritto

Historical study

Gender approaches, quindi ad es. come le donne o omosessuali ecc sono trattati
allinterno della storia

Social classes

Dal punto di vista della forma, quindi versi e metafore.


Nel corso analizzeremo i testi a partire dalla loro forma, per capire quali valori voleva
trasmettere lautore.

La narratologia (narratology) una branca dello strutturalismo, che divent scuola del
literary criticism. Secondo lo strutturalismo, la struttura di un testo pu essere decodificata
e analizzata. Il libro da cui prende nascita lo strutturalismo la linguistica generale di
Saussure. Il corso di Saussure, che doveva essere linguistico, divenne pi di stampo
letterale perch faceva molti esempi letterari ai suoi studenti durante le sue lezioni. Nel
testo si trova la distinzione tra LANGUE e PAROLE, language and word. Il linguaggio un
sistema, mentre la parola uno degli elementi che lo compongono. Questo rapporto
parte/tutto pu essere applicabile a qualsiasi cosa. Di conseguenza la letteratura pu
essere studiata in DUE modi:

Come un libro si situa in rapporto ad un insieme pi grande, ad ex un genere


letterario o unepoca, cosa lo differenzia dagli altri e cosa, al contempo, lo rende
parte dello stesso sistema

Come una parte di un libro (capitolo o narrative frame o addirittura parola) si situa
nel contesto del libro stesso.

Al giorno doggi lo strutturalismo stato abbandonato perch non si cerca pi di trovare


nei libri le varie sequenze in maniera schematica, ma la narratologia viene utilizzata. Essa
studia il modo in cui funziona la narrativa. una sorta di grammatica della narrazione,
studia le strutture e i devices (Propp) utilizzati nei testi. I primi narratologi volevano
mappare i patterns per trovarli tutti, e pensavano che per poterci riuscire fosse necessario
leggere quanti pi testi possibile. Ora usiamo la narratologia in modo diverso: qualche
pattern sempre ricorrente nei testi, come lautore, il pubblico a cui si rivolge,
lavvenimento di qualcosa, il tempo e lo spazio. Ma sono categorie pi ampie.

28.09.16 (Iannaccaro)

TEATRO in Gran Bretagna

Idea della rappresentazione, generalizzazione della condivisa attitudine che sia scrittori e
lettori pensano del potere dell'arte in generale nel rappresentare la vita, nel XIX secolo.

Romanzo realistico: l'idea del realismo, della fiducia nella possibilit di rappresentare la
realt com'.

Cos'era leggere un libro, romanzo, cosa significava al pubblico della Victorian Age?
Significava divertimento, la ragione chiave del leggere un romanzo, ma divent anche il
rappresentare da un lato e denunciare dall'altro problemi sociali, per farli conoscere e
focalizzare l'attenzione sui problemi sociali, tentando di cambiarli e, soprattutto, per
leggere l'offerta che stiamo per imparare dall'autore e questo significa che l'etica la morale
e l'arte sono legate un'unica cosa, per insegnare cosa morale. La letteratura qualcosa
che eleva lo statura umano. Si ha un revival dell'etica oggi, dell'arte.

Breve excursus storico:

- Regina Vittoria muore nel 1901

- Edoardo VII, regna fino al 1910, re dal 1901 del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda,
re dei Domini britannici e imperatore d'India

- Giorgio V regna dal 1910 fino al 1936

- Edoardo VIII (Windsor) regna poco tempo nel 1936, abdica e lascia il trono al fratello

- Giorgio VI (Il discorso del re) regna dal 1936 al 1952 (imperatore d'India fino al '47

L'India diventa indipendente nel 1947.

- Elisabetta II regna dal 1952 ai giorni nostri, regina dei domini del Regno Unito di Gran
Bretagna e Irlanda del Nord ed a capo del Commonwealth (istituito dal 1926). Regina
solo formale.

Spesso ci viene detto che il XIX secolo non il secolo del teatro, ricordando che
Shakespeare a cavallo tra XVI e XVII, poi che alla fine del XVII sec ci fu la restaurazione
del teatro, importante, e infine che tra la fine del XIX e l'inizio del XX sec c' una rinascita
del teatro in Gran Bretagna, ma si dice che nel XIX sec il teatro non fu molto importante,
ma non vero! Bisogna distinguere tra lo scrivere per il teatro e rappresentare delle
performance. Ci fu la fioritura dell'attivit teatrale, i teatri di Londra erano sempre piene e
la gente adorava andare a teatro. Cos fu per Oscar Wilde o Bernard Shaw e poi altri
autori. Loro furono i primi a scrivere qualcosa di nuovo. Le performances erano
dappertutto e di ogni tipo, perch si possono avere vari remake, traduzioni, adattamenti.

Bisogna considerare che il linguaggio teatrale non concerne solo la parola, ma la


scenografia, i costumi, luci, suoni, dispositivi teatrali, musica, ecc.

Questo il periodo in cui, grazie allo sviluppo tecnico degli strumenti teatrali, lo spettacolo
miglior molto. Il Rinascimento davvero il periodo della parola, mentre il teatro vittoriano
ha lo scopo di essere realistico, la scenografia e i costumi si cambiano velocemente, nulla
lasciato all'immaginazione dello spettatore come in precedenza, per coinvolgere il pi
possibile lo spettatore.

Un'et in cui davvero la gente adorava andare a teatro. Un linguaggio differente si


sviluppava per il teatro. Popolare anche tra gli scrittori/romanzieri. Dickens amava il teatro.
Nelle sue opere utilizza descrizioni teatrali e caratteristiche teatrali anche nei suoi dialoghi.
Il teatro faceva quindi davvero parte della forma creativa del XIX secolo.
C'erano anche problemi sociali, culturali, giuridici perch nella prima parte del secolo,
scrivere commedie era un'attivit sottopagata, sottovalutata, mancanza di sperimentazione
perch era difficile, dal punto di vista economico e per il fatto che gli scrittori erano
sottovalutati e non molto considerati. Erano persone che cercavano di sopravvivere col
loro lavoro. Era meno costoso, sia economicamente che energicamente, riadattare
qualcosa rispetto a sperimentare e costruire qualcosa di nuovo. Poi questo cambi nella
seconda met del secolo, quando ci fu un'inversione di tendenza in favore del playwriting
e delle performances. E poi c'erano altre arti. E verso il XX secolo ci fu questa rinascita del
teatro con personalit come Wilde e Bernard Shaw.

La censura fu un vero e proprio ostacolo per pubblicare delle opere. Fu abolita nel 1968.
C' una specifica figura istituzionale, il Lord Chamberlain, molto attivo fino al 1968.

Ragioni per cui una commedia pu essere censurata:

- politiche

- religiose

- etiche/morali

GEORGE BERNARD SHAW sulla censura

Scrisse un saggio sulla censura e sul teatro nel 1909 intitolato Statement of the evidence
in chief of George Bernard Shaw before the Joint-Committee on Stage Plays (Censorship
and Theatre Licensing). Si pu trovare su internet.

Perch lo scrive? Per motivi personali, prima di tutto, perch la sua attivit teatrale fu
fermata dalla censura. Ma non solo per motivi personali. Lo scopo permettere alle
persone di riflettere sul perch certe opere vengano censurate, perch sono contro
l'opinione pubblica, la tradizionale nozione di moralit. Il problema era: cosa
consideriamo morale o immorale? Lui deplorava l'operato del Lord Chamberlain,
discutendo anche le ragioni per cui la censura debba essere considerata ..

Si definisce provocatoriamente un appassionato di immoralit ed eresia. Dice che vitale


essere d'accordo sul corretto uso della parole immoralit. Non si pu condannare
un'opera se c' disaccordo su cos' morale o immorale.

Sull'immoralit dice che deve essere protetta gelosamente dagli attacchi di quelli che non
accettano il costume.