Sei sulla pagina 1di 9

TEMI mantegazza 29-09-2005 12:41 Pagina 30

Innovazione nella
pavimentazioni civili ed
ibride strutturali e
di Giovanni Mantegazza *

In questo lavoro vengono descritte le propriet dei


Anche su questo numero pubblichia-
calcestruzzi fibrorinforzati con fibre polimeriche ibri-
mo alcuni articoli rivolti allargomen-
de strutturali (FPIS) e il loro utilizzo nella progetta-
I temi

to calcestruzzi fibrorinforzati, dedi-


zione delle pavimentazioni civili ed industriali, im-
cando spazio a contributi tecnici
piegando un programma di calcolo fondato sulle piu
sulluso di diverse tipologie di fibre.
aggiornate teorie dei calcestruzzi fibrosi.
Si tratta di opinioni e ricerche che si
Risale agli anni 80 il nostro impegno nella ricer-
basano su dati diversi, non sempre in
ca e sviluppo di materiali compositi non metallici,
accordo tra loro, ma che in questo con-
con particolare riferimento allo studio di fibre sin-
30
tinuo confronto sulla nostra rivista con-
tetiche strutturali per migliorare le propriet mec-
tribuiscono a fornire ulteriori infor-
caniche di malte e calcestruzzi. del 1991 il bre-
mazioni agli utenti del settore.
vetto Procedimento per lottenimento di additivi
Ovviamente la rivista non si schiera al-
per compositi cementizi e additivi cos ottenuti,
linterno di questo dibattito. Il suo com-
che tratta dello studio e realizzazione delle prime
pito quello di rappresentare lo stru-
fibre di carbonio corte per sostituire quelle dacciaio
mento di comunicazione e di
nei conglomerati cementizi. Gi nel 2001 abbiamo
informazione del settore, non di quali-
introdotto nel settore dei calcestruzzi fibrorinforzati
ficazione tra le diverse soluzioni.
una fibra polimerica ibrida e strutturale.
Da quando abbiamo avviato il dibat-
tito su questa materia gli operatori del
CARATTERISTICHE FISICO-MECCANICHE
settore hanno risposto con molta at-
DELLE FIBRE FPIS
tenzione e nei prossimi numeri verr
La fibra FPIS una fibra sintetica ibrida strutturale,
avviata una tavola rotonda virtuale
progettata per migliorare la durabilit e le propriet
chiamando ad esprimere un loro pa-
meccaniche del calcestruzzo e dello sprayed concrete
rere tutte le aziende coinvolte. In tal
(calcestruzzo proiettato). Essa composta da un mo-
senso opportuno che chi interessa-
nofilamento non fibrillato costituito da una copoli-
to lo comunichi alla redazione della ri-
mero del polipropilene e del polietilene e da una fi-
vista. Nel frattempo buona lettura.
bra fibrillata di polipropilene, in grado di ridurre, e
in alcuni casi eliminare totalmente, il ritiro plastico.
A. Dari
Questa nuova fibra, a differenza delle fibre metalli-
che, non si corrode, non magnetica, resistente al
* Direttore Tecnico Ruredil Spa 100% agli acidi, alle basi e in genere a tutti gli am-
giovanni.mantegazza@ruredil.it bienti aggressivi, essendo chimicamente inerte.
TEMI mantegazza 26-09-2005 18:30 Pagina 31

progettazione delle
industriali: fibre polimeriche
software di calcolo
CONFRONTO PRESTAZIONALE CON LE delle due fibre che 4,5 kg di FPIS danno le mede-
FIBRE METALLICHE sime prestazioni di 40 kg di fibra metallica uncina-
Sono stati realizzati due calcestruzzi fibrorinforza- ta, a parit di mix design del calcestruzzo.
ti di identico mix design, impiegando in un caso
FPIS e nellaltro una fibra metallica uncinata, en- LE PAVIMENTAZIONI CIVILI E INDU-
trambe dosate allo 0.5% in volume. I grafici sforzo STRIALI PROGETTATE CON LE NUOVE FI-

I temi
deformazione, sotto riportati, mostrano la perfetta BRE POLIMERICHE IBRIDE STRUTTURALI
equivalenza prestazionale dei due calcestruzzi in La maggior parte delle pavimentazioni realizzate
termini di tenacit secondo i principi della mecca- in Italia non vengono progettate in quanto consi-
nica della frattura. derate opere edili minori e vengono realizzate,
Questo significa, tenendo conto del peso specifico senza alcuna prescrizione, dallimpresa o dal for-
nitore di calcestruzzo preconfezionato.
Calcestruzzo con FPIS Questi operatori, per consuetudine, pre- 31
vedono la messa in opera della pavi-
mentazione con una rete elettrosaldata,
senza sapere il perch o pensando che ser-
va a distribuire i carichi. In realt luni-
ca funzione della rete elettrosaldata nel-
le pavimentazioni poggianti direttamente
sul terreno - slab on ground - quella di
contenere gli effetti meccanici di trazio-
ne generati dalle azioni termoigrometri-
che gradiente termico che si instaura tra
la superficie e il fondo nelle prime ore di
Calcestruzzo con fibra metallica uncinata maturazione del getto di calcestruzzo.
Attraverso il programma di calcolo di
seguito illustrato, offriamo agli ope-
ratori del settore (progettisti, pavi-
mentisti, fornitori di calcestruzzo pre-
confezionato, imprese), uno strumento
semplice ed efficace, che consente di
progettare correttamente le pavimen-
tazioni non lasciando nulla al caso o
allimprovvisazione.
Linnovazione introdotta consiste nel-
laver correlato i risultati numerici
TEMI mantegazza 26-09-2005 18:30 Pagina 32

(indici di tenacit, resistenza a trazione residua, raggiungere il fine di progettare correttamente


ecc.) provenienti da una propria ricerca esegui- le prestazioni meccaniche del pavimento con
ta su centinaia di calcestruzzi fibrorinforzati limpiego di fibre sintetiche strutturali, evita lin-
(FPIS), con le teorie pi avanzate della proget- sorgere di fenomeni di corrosione (cui vanno
tazione delle pavimentazioni oggi disponibili. soggette reti e fibre metalliche) comprometten-
Da questo connubbio - risultati sperimentali e do le prestazioni meccaniche della pavimenta-
I temi

teoria progettuale - stato realizzato un pro- zione stessa.


gramma di calcolo che centra lobiettivo di af-
frontare la progettazione delle pavimentazioni CRITERIO DI DIMENSIONAMENTO
da un punto di vista olistico perch consente di Il programma calcola il dosaggio di fibre FPIS
modificare, secondo le specifiche richieste pro- specifiche, necessario in una pavimentazione di
gettuali della pavimentazione, lo spessore, la re- calcestruzzo una volta assegnato lo spessore.
32 sistenza a trazione residua, il modulo elastico e Si considerano i casi di:
il dosaggio di fibre FPIS. - carico di risultante P applicato su un cerchio
In conclusione le fibre FPIS rappresentano un di diametro a disposto lontano dai bordi del-
avanzamento tecnologico rispetto: la lastra;
alle fibre metalliche che sono soggette a cor- - due carichi concentrati di risultante P ciascu-
rosione chimica; no applicati su due cerchi di diametro a ciascu-
alle reti elettrosaldate che non danno nessun no, lontani dai bordi; i centri dei cerchi sono di-
contributo meccanico; stanti l.
a quelle fibre sintetiche di cui non dimostrata La valutazione della quantit di fibre necessaria
sperimentalmente e teoricamente lefficacia nel per un dato spessore effettuata nello spirito del-
progettare le propriet delle pavimentazioni. la Yeld Line Theory, secondo quanto indica-
to nei lavori citati in bibliografia.
PROGRAMMA DI CALCOLO Si considera un pavimento appoggiato su suo-
La Direzione Tecnica sulla base delle propriet lo elastico alla Winkler. Il pavimento si fessura
chimico-fisico-meccaniche delle fibre polime- per il momento positivo presente sotto il carico.
riche ibride strutturali FPIS, ha ideato, con rife- Spessore e dosaggio di fibre sono determinati in
rimento alla pi avanzate conoscenze nel set- modo che il calcestruzzo non si fessuri per il mas-
tore, un sistema per la progettazione delle simo momento negativo presente a una certa di-
pavimentazioni civili industriali poggianti sul stanza dal carico (il massimo momento negati-
terreno, eliminando completamente le reti elet- vo viene quindi posto uguale al momento di
trosaldate e le fibre metalliche. prima fessurazione del calcestruzzo).
Leliminazione degli elementi metallici (reti e In altre parole, si considera che per carichi cre-
fibre) un approccio innovativo alla proget- scenti si produce, dapprima, la fessurazione a
tazione delle pavimentazioni in quanto oltre a momento positivo sotto il carico (momento mas-
TEMI mantegazza 29-09-2005 13:58 Pagina 33

simo); al crescere del carico au-


menta la fessurazione radiale
intradossale finch il massimo
momento negativo non tale da
fessurare il calcestruzzo alle-
stradosso. Questa condizione

I temi
considerata lo Stato Limite
Ultimo del pavimento.
Si considera, inoltre, che il mo-
mento positivo si trasmetta nelle
sezioni fessurate grazie alla pre-
senza delle fibre.
Per il calcestruzzo fibroso si as- 33
sume infatti a trazione il legame
costitutivo di grafico 1 in cui fct
la resistenza a trazione del cal-
Graf. 1 - Legame costitutivo a trazione del calcestruzzo con fibre FPIS cestruzzo (considerata indipen-
dente dal dosaggio di fibre) e la
resistenza residua fres dovuta alla
presenza delle fibre che attraver-
sano la fessura e consentono il
Fres passaggio di tensioni di trazione
tra i suoi lembi. La resistenza re-
sidua dipende da:
- classe del calcestruzzo (Rck);
- dosaggio di fibre e tipo di fi-
bre (Vf).
Il legame fres = fres(Rck, Vf) stato
determinato sulla base di risulta-
ti sperimentali condotti con di-
versi dosaggi di fibre FPIS e di-
Vf verse classi di calcestruzzo ed
del tipo di grafico 2.
Il momento flettente Mres che si
Graf. 2 - Andamenti di Fres con il dosaggio di fibre FPIS
trasmette grazie alla presenza del-
le fibre in una sezione fessurata
TEMI mantegazza 26-09-2005 18:31 Pagina 34

I temi

Graf. 3 - Momento dato dalle fibre


34
determinato con lo schema di grafico 3. resistenza a trazione di calcolo del calcestruzzo
Si sottolinea che il procedimento descritto rappre- (fctd in kg/cm2); tale resistenza pu, in alternativa,
senta un calcolo a rottura, pertanto il carico P deve essere valutata automaticamente in funzione della
rappresentare la condizione di carico allo Stato Limite classe del calcestruzzo con la formula fctd = 0.7 1.2
Ultimo (tipicamente: carichi permanenti moltipli- 0.27 (Rck)2/3/ 1.6 (Rck e fctd in N/mm2) se attivata
cati per 1.4 e carichi accidentali moltiplicati per 1.5). lopzione calcola dall Rck;
Lo stesso deve essere considerato per la resistenza modulo elastico del calcestruzzo (Ec in kg/cm2);
a trazione del calcestruzzo che deve rappresentare tale modulo pu, in alternativa, essere valutato au-
un valore di calcolo di detto parametro. tomaticamente in funzione della classe del calce-
struzzo con la formula Ec = 5700 ( Rck )1/2 (Rck e Ec
PARAMETRI IN ENTRATA in N/mm2) se attivata lopzione calcola dallRck;
Parametri da inserire per il calcolo sono: costante elastica di sottofondo (k in kg/cm3); sono
diametro a dellarea di impronta o delle impron- inseriti alcuni valori di riferimento (sottofondo sof-
te di carico (cm); fice, sottofondo mediocre, sottofondo di riporto co-
distanza l tra i centri delle aree di impronta nel caso stipato, sottofondo di riporto ben costipato), per i
di due carichi (cm); quali si ha ripsettivamente k = 1.5 kg/cm3, k =
carico P corrispondente alla combinazione di ca- 3 kg/cm3, k = 6 kg/cm3, k = 10 kg/cm3;
richi allo Stato Limite Ultimo (kg); spessore desiderato (h in cm); rappresenta un va-
classe del calcestruzzo (Rck in kg/cm2); la classe del lore di tentativo dello spessore del pavimento.
calcestruzzo deve essere inserita in tutti i casi in quan-
to viene utilizzata per la valutazione delleffetto del- PARAMETRI IN USCITA
le fibre (la stessa quantit di fibre produce benefici Con questi dati il programma fornisce:
pi evidenti su calcestruzzi di classi elevate); un diagramma che mette in relazione lo spessore
TEMI mantegazza 29-09-2005 13:47 Pagina 35

del pavimento con il dosaggio di fibre necessario sulle quattro ruote:


(tale diagramma utile per indirizzare i tentativi P = 1.5 Q/4 = 3750 kg
successivi, qualora il dosaggio di fibre corrispon- il coefficiente 1.5 introdotto in quanto si sta ef-
dente allo spessore di tentativo sia troppo elevato o fettuando un calcolo a rottura;
sia possibile ridurre lo spessore; a = 30 cm
il dosaggio di fibre corrispondente allo spessore diametro dellimpronta di ogni ruota ( a = 2 (P/ q)1/2,

I temi
inserito, determinato con i criteri sopra esposti; essendo q la pressione di gonfiaggio dei pneumatici;
larea di carico equivalente, nel caso di due cari- l = 40 cm
chi posti ad una certa distanza. distanta tra le ruote pi vicine;
l1 = 300 cm
OSSERVAZIONI distanza tra le coppie di ruote;
Il programma prevede un dosaggio minimo di fi- k = 3 kg/cm3
bre pari a 1.5 kg/m3, comunque necessario per con- costante di sottofondo; 35
trastare le fessurazioni dovute al ritiro e alle varia- Rck = 30 N/mm2
zioni termiche. classe del calcestruzzo;
La presenza delle fibre consente cos di evitare la v = 0.15
messa in opera della rete elettrosaldata. coefficiente di Poisson del calcestruzzo.
La pavimentazione deve comunque prevedere la Le altre caratteristiche del calcestruzzo (calcolate
presenza di giunti di dilatazione. in funzione di Rck) sono:
fctd = 13.7 kg/cm2
ESEMPIO DI DIMENSIONAMENTO resistenza a trazione per flessione di calcolo;
Asse di Autoarticolato Ec = 312200 kg/cm2
Dati di partenza modulo elastico.
Asse da Q = 10 t su quattro ruote come da schema.
Si suppone che il carico si ripartisca equamente Calcolo del pavimento
Il calcolo pu essere effettuato conside-
rando dapprima solo una coppia di carichi
P a distanza l e poi verificando il dimen-
sionamento ottenuto per i casi di carico
singolo e di tutti i carichi.

Coppia di carichi P a distanza l


Con questi dati e considerando uno spes-
sore di tentativo h = 15 cm, si ottiene:
Vf = 1.72 kg/m3
dosaggio di fibre;
TEMI mantegazza 26-09-2005 18:31 Pagina 36

aeq = 72.2 cm
diametro dellarea di impronta equiva-
lente alle due considerate.

Singolo carico P
Considerando un singolo carico e ancora
I temi

h = 15 cm, si ottiene:
Vf = 1.5 kg/m3
dosaggio di fibre.

Presenza di tutti i carichi


Si pu schematizzare ogni coppia di carichi
36 vicini come un carico P1 = 2P = 7500 kg dis-
tribuito su un cerchio di raggio a1 = aeq =
72.2 cm. Si pu quindi effettuare il calco-
lo considerando i due carichi P1 ciascuno
applicato su un cerchio di diametro aeq po-
sti alla distanza l1 = 300 cm.
Considerando ancora lo spessore di tentati-
vo h = 15 cm si ottiene:
Vf = 1.85 kg/m3
dosaggio di fibre;
aeq = 187 cm
diametro dellarea di impronta equivalente.
In alternativa si pu considerare lo spes-
sore h = 17 cm; si ottiene:
Vf = 1.50 kg/m3
dosaggio di fibre;
aeq = 198 cm
diametro dellarea di impronta equivalente.

Container
Dati di partenza
Nuovo Polo Fieristico di Milano. Due container sovrapposti del peso
Pavimentazione della Passerella dellAsse Centrale realizzata in
Q = 12 t ciascuno appoggiati al pavi-
calcestruzzo fibrorinforzato con FPIS (lunghezza circa 1 km)
mento secondo lo schema:
TEMI mantegazza 29-09-2005 13:54 Pagina 37

Calcolo del pavimento


Il calcolo pu essere effettuato consideran-
do dapprima solo una coppia di carichi P a
distanza l e poi verificando il dimensiona-
mento ottenuto per i casi di carico singolo
e di tutti i carichi.

I temi
Coppia di carichi P a distanza l
Con questi dati e considerando uno spesso-
re di tentativo h = 18 cm si ottiene:
Vf = 2.58 kg/m3
Si suppone che il carico si ripartisca equamente sui dosaggio di fibre;
quattro sostegni: aeq = 116 cm 37
P = (2 Q / 4) 1.5 = 9000 kg il coefficiente 1.5 diametro dellarea di impronta equivalente alle due
introdotto in quanto si sta effettuando un calcolo a considerate.
rottura;
a = 17 cm Singolo carico P
diametro dellimpronta di ogni appoggio Considerando un singolo carico e ancora
(a = 2 (A/)1/2, essendo A = 225 cm2 larea di h = 18 cm si ottiene:
impronta effettiva); Vf = 2.64 kg/m3
l = 235 cm dosaggio di fibre.
distanta tra gli appoggi pi vicini;
l1 = 595 cm Presenza di tutti i carichi
distanza tra gli appoggi pi lontani; Si pu schematizzare ogni coppia di carichi
k = 10 kg/cm3 vicini come un carico P1 = 2P = 18000 kg di-
costante di sottofondo; stribuito su un cerchio di raggio a1 = aeq = 116
Rck = 30 N/mm2 cm. Si pu quindi effettuare il calcolo con-
classe del calcestruzzo; siderando i due carichi P1 ciascuno applicato
v = 0.15 su un cerchio di diametro aeq posti alla distanza
coefficiente di Poisson del calcestruzzo. l1 = 595 cm.
Le altre caratteristiche del calcestruzzo (calcolate Considerando ancora lo spessore di tentativo
in funzione di Rck) sono: h = 18 cm si ottiene:
fctd = 13.7 kg/cm2 Vf = 2.628 kg/m3
resistenza a trazione per flessione di calcolo; dosaggio di fibre;
Ec = 312200 kg/cm2 aeq = 213 cm
modulo elastico. diametro dellarea di impronta equivalente.
TEMI mantegazza 29-09-2005 13:54 Pagina 38

with Structurally Active


Reinforcement, ACI Journal,
Title 75-66, nov.-dic. 1978.
- ACI, 544.4R-88, Design
Considerations for Steel
Reinforced Concrete, Reported
I temi

by ACI Committee 544, 1988.


- CBI Report 1:89, ke
Skarendahl, Bo Westerberg,
Handledning fr dimensione-
ring av fiberbetonggolv, 1989.
- ACI 360R-92, Design of
38 Slabs on Grade, Reported by
ACI Committee 360, 1992.
- Soroushian, P., Tlili, A., Alhozaimy,
A., Khan, A. Development and
Characterization if Hybrid
Polyethylene Fiber Reinforced
Cement Composites, ACI Materials
Centro commerciale di Carpi. Pavimentazione industriale di circa 70.000 mq
Journal, Vol. 90 n. 2, 1993.
realizzate in calcestruzzo fibrorinforzato con FPIS - Bayasi, Z., Zeng, J. Properties
of Polypropylene Fiber
BIBLIOGRAFIA Reinforced Concrete, ACI Materials Journal,
- Westergaard, H. M. New formulas for Stresses Vol. 90 n. 6, 1993.
in Concrete Pavements of Airfields, ASCE, - Ruredil, Ruredil X Fiber 54, Scheda tecnica.
vol.113, pp.425-444, 1926. - Di Prisco M., Toniolo G., Editors Proceedings of
- Johansen, K. W., Yeld-Line Theory, Cement the International Workshop Structural Applications
and Concrete Association, London, 1962. of Steel Fibre Reinforced Concrete, 2000.
- Meyerhof, G. G. Load-Carrying Capacity of - RILEM TC 162-TDF: Test and Design
Concrete Pavements, Journal of Soil Mechanics Methods for Steel Fibre Reinforced Concrete -
and Foundations Division, Proceedings of the s-e Desigh Method, Materials and Structures,
American Society of Civil Engineers, 1962. Vol. 33, March 2000, pp. 75-81.
- Leonards, G. A., Harr, M. E., Analysis of - RILEM TC 162-TDF, Test and Design
Concrete Slabs on Ground, ASCE, Vol. 85, pp. Methods for Steel Fibre Reinforced Concrete
35-58, 1959. Bending test, Materials and Structures, Vol. 35,
- Losberg, A., Pavements and Slabs on Grade November 2002, pp. 579-582.