Sei sulla pagina 1di 2

VIA A.

RATTI 130
20017 RHO MI
T. 029300894
Il Pavimento in pillole F. 029300612
renzoaic@tin.it

LA PLANARITA DEI PAVIMENTI INDUSTRIALI


Di Renzo Aicardi segretario tecnico ENCOPER
(estratto dal volume pavimentazioni industriali Ed Simone Milano)

Il pavimento industriale in calcestruzzo deve trovarsi, una volta realizzato, alla quota di livello stabilita
dai punti di raccordo quali soglie di locali confinanti, quote di chiusini o pozzetti piani di carico e
quantaltro posto in quota prima della costruzione del pavimento.
Per meglio interpretare la situazione leggere anche il paragrafo 7.3.3 sulla progettazione di pavimenti
a planarit restrittiva.
Preme ricordare il concetto che lo spessore del pavimento dipende dal grado di planarit del supporto
di base e dalla precisione con cui vengono posti in opera dallimpresa generale di costruzioni, i punti di
raccordo.
Infatti lo spessore utile del pavimento dato dai punti alti esistenti nel supporto di base raccordati alle
quote pi basse di pozzetto o soglie che siano. Riducendo lo spessore riservato al pavimento si
ridurranno anche le prestazioni meccaniche attese dal pavimento stesso.
Siccome neppure in meccanica si riesce ad ottenere un piano perfetto oltre il metro quadrato, anche
allesecuzione del pavimento devono essere concesse delle tolleranze. La norma sui pavimenti di
calcestruzzo spiega nei dettagli il metodo di misura, che il metodo del passa o non passa usando
una staggia di due metri, ma non stabilisce alcun valore. La commissione di normativa ha cos lasciato
alla libera definizione tra le parti la tolleranza concessa ai pavimenti di calcestruzzo. Viene per data
unindicazione generale di riferimento:
per il pavimento a spolvero 9mm su due metri;
per il pavimento a pastina 5 mm su due metri.
per il pavimento costruito con la laser screed 5mm su due metri

Nel caso fossero necessarie tolleranze pi restrittive si deve ricorrere ai rivestimenti resinosi.

La foto a sinistra ripropone il problema della planarit influenzata dalle lavorazioni di


finitura. Con un pavimento di calcestruzzo sar impossibile ottenere quanto non si
riesce in meccanica oltre il metroquadrato. La foto di sinistra mostra i riccioli
inevitabilmente lasciati dalla frattazzatrice. Il disegno di destra mostra il metodo di
misura della planarit cos come indicato dalla Norma UNI 11146. Le tolleranze
invece andranno stabilite tra le parti

La richiesta del grado di planarit deve essere inserita in capitolato, in quanto un fattore
determinante per la quotazione ed il metodo applicativo dello strato dusura.
Il controllo della planarit non verr effettuato lungo lallineamento dei giunti e ad almeno 50 cm dagli
spiccati in elevazione, e dai punti di raccordo (soglie, pozzetti, pedane, guide ecc), e non oltre le 72
ore dallultimazione del pavimento. Questo per ovviare agli inconvenienti derivanti dalle deformazioni
spontanee del materiale (imbarcamento) e per poter consentire in caso di non conformit, di
VIA A. RATTI 130
20017 RHO MI
T. 029300894
Il Pavimento in pillole F. 029300612
renzoaic@tin.it

modificare o la miscela di calcestruzzo, o il metodo costruttivo del pavimento o il metodo applicativo


dello strato dusura.
Cosa indagare
Il contratto tra le parti dovrebbe prevedere il grado di tolleranza concessa, mentre il metodo di
misurazione quello stabilito dalla norma UNI 11146.
Il committente ed i tecnici devono attribuire la giusta importanza alla planarit senza voler eccedere e
pretendere tolleranze che neppure in meccanica possono essere mantenute oltre il metro quadrato.
Dopotutto la domanda sorge spontanea sul perch si investano 100.000 e pi uro per acquistare un
carrello che dovr viaggiare su una superficie cementizia, il cui costo a metroquadrato inferiore ad
un kg di pane. Anche il buon senso deve giocare un ruolo da buon comprimario!.
Come risolvere la situazione
Qualche non conformit sulla tolleranza deve e pu essere concessa. Nel caso le non conformit
siano un po troppe (secondo buon senso se di buon senso si pu parlare quando ci sono in gioco dei
soldi). I punti alti possono essere levigati e poi impregnati e consolidati con resina epossidica in fase
solvente.
Nel caso di pavimento fuori tolleranza, si pu intervenire con un pavimento in malta spatolata dallo
spessore variabile tra i punti alti ed i punti bassi. Questo tipo di pavimento si realizza generalmente
nelle corsie di transito tra gli scaffali. Attenzione ad eliminare i movimenti verticali nei giunti imbarcati.