Sei sulla pagina 1di 4

NICOL MACCHIAVELLI

Nicol Machiavelli Secondo la tradizione fondata e considerato il fondatore della politica e della storia intese
come campi autonomi e come scienze sullanalisi dei fatti.
Negli ultimi tempi per si d uninterpretazione di un Machiavelli letterato.
Infatti dove vivere in un contesto quale quello del Rinascimento pieno della crisi del Rinascimento.

La vita
Nasce nel 1469, anno di coronazione di Lorenzo il Magnifico, ha una buona educazione Umanista. Tra gli
autori prediletti abbiamo TITO LUCREZIO CARO di cui tradusse il de rerum natura.
La sua vita politica prevedeva la carica di segretario della seconda cancelleria della repubblica fiorentina, per
cui gli vengono assegnati diversi incarichi. Lavora inoltre al progetto di sostituire i mercenari con contadini
del contado(difendere proprie terre).
Compito non importante furono le legazioni e le ambascerie. Tra le pi importanti: 1) Luigi XII 2) Cesare
Borgia detto Duca Valentino.
Nel 1512 ripreso il potere da parte dei medici vengono allontanati tutti coloro che erano fautori della
Repubblica ==> viene esonerato dal compito assegnatogli.
Il 12 febbraio 1513 Machiavelli viene arrestato con laccusa di aver partecipato alla congiura Antimedica,
viene anche torturato ma linchiesta si conclude con nessuna prova a suo carico. Viene infatti amnistiato ma
costretto andare via da Firenze e si ritir allAlbergaccio.
E cos obbligato a riversare la poesia politica nellattivit teorica.
Scrive nelle 1513 IL PRINCIPE nel 1517 conclude I DISCORSI SOPRA LA PRIMA DECA DI TITO
LIVIO. ==> interrotti per la stesura del principe
Fra il 1519/1520 compone 7 LIBRI DELLARTE DI GUERRA e negli stessi anni conclude la sua opera
teatrale LA MANDRAGOLA rappresentata a Venezia nel 1522.
Machiavelli tenta di riavvicinarsi ai Medici negli anni successivi: terreno favorevole fu lelezione di Giulio
de Medici che gli affid compiti ed incarichi militari e diplomatici.
Ma poco dopo nel periodo di restaurazione della Repubblica, a causa delle ultime attivit svolte per i Medici
viene allontanato da ogni incarico politico.
Muore nel 1527.

Letteratura e influenza classica


Fin dai primi tempi hanno un compito importante per Macchiavelli gli uomini classici quali:
SCRITTORI LATINI:
Lucrezio (epicureo) visione materialistica
Tito Livio (storico romano)
Tacito
SCRITTO IN VOLGARE
Dante
Boccaccio
Petrarca
Proprio di Boccaccio e lilluminazione della novella di BELFOGOR e LA MANDRAGORA

Il pensiero
Concezione naturalistica delluomo e del mondo
Trova fondamento ciao pensiero macchiavellico: fondamentalmente esso poggia sullidea che fenomeni
naturali e azioni umane non siano regolate da provvidenza divina ma si spieghino grazie ad una realt tutta
mondana e imminente.
Secondo lautore grazie ai fatti storici passati e presenti possiamo formulare delle leggi fisse e immutabili
che regolano la natura stessa umana.
Parla inoltre della non uguaglianza degli uomini a stessi, ma bens della dominazione da parte di interessi e
passioni.
La visione antropologica una visione della vita pessimistica in cui la natura umana sempre identica.
Lo Stato un organo biologico= NASCE CRESCE MUORE
A differenza della concezione storica teologica medievale, che vedeva la storia come qualcosa che proiettava
verso il trascendente, il Machiavelli oppone la teoria dello Stato biologico.
Arriva anche ad affermare la ciclicit degli eventi futuri nonch alla previsione degli eventi futuri
sullinterpretazione falsa di quelli passati.
La storia quindi il frutto dellagire umano, concepito autonomamente cio vincolato da ogni prospettiva
finalistica e trascendente.

I nodi fondamentali
Parte fondamentale del pensiero macchiavelliano, approda nella concezione della politica come ambito
autonomo(dalla religione), come scienza dotata di principi e fini propri.
Infatti con il PRINCIPE dichiara di considerare la politica dello Stato come realt effettuali,
Machiavelli traccia nel PRINCIPE il perfetto uomo politico capace di fondare e mantenere lo stato.

Virt e Fortuna
La politica il campo di scontro di queste due forze. La virt serve per fondare e mantenere lo stato, il
principe(la rappresenta). La virt macchiavelliana essenzialmente politica con finalit pratiche e terrene.
Ostacolo della virt una forza oscura la FORTUNA In questo concetto il Machiavelli inserisce tutto
ci che appartiene al caso( imprevedibile nella vita umana).
Macchiavelli ritiene che la fortuna domini per met le vicende umane.
Il politico deve trovare nelle virt la forza di influenzare la fortuna
Donna e va bastonata piacciono i giovani

Morale e Politica
Il principe deve apparire buona il giusto e a volte deve esserlo effettivamente, Se lo ritenesse a suo
vantaggio. Quando ci non possibile bisogna compiere scelleratezze per mantenere il potere senza alcun
ritegno per si pu arrivare al limite del necessario. Bene e male non devono riguardare il principe sotto
laspetto morale ma bens unitario ovvero per il bene dello stato.
Critiche saranno fatte alla Chiesa ma verranno accolte dal Realismo politico sotto il nome di RAGION DI
STATO.
Tanto da usare i termini MACCHIAVELLISMO E MACCHIAVELLICO per i comportamenti pi subdoli
e utilitari.
Inoltre riassume il suo pensiero la frase IL FINE GIUSTIFICA I MEZZI(Non sua).
Macchiavelli in realt vuole dire che in politica bisogna agire nelle minore tempo possibile in modo d
preservare integrit dello Stato.

AFFERMA == A-MORALIT COME LEGGE NECESSARIA DELLA POLITICA

La religione
Per osservare laspetto religioso e rapporti con la Chiesa ci basta osservare i primi due libri dei Discorsi.
Secondo Machiavelli la religione cattolica in contrapposizione a quella romana antica glorifica gli uomini
inattivi ed esalta umilt e dispregio delle cose umane, portando ad un effetto negativo cio un uomo debole
pi per la sopportazione che per lazione.
OPERE
IL PRINCIPE
Titolo, dedica e composizione
Il titolo tende a sottolineare la figura centrale il governatore, esso volgarizzato dalloriginale che era DE
PRINCIPATIBUS SUI PRINCIPATI nella pi famosa lettera allamico VETTORI.
Nella stessa lettera ci presenta la dedica ovvero a chi dedicato: Giuliano de Medici, ma in realt non sar
lui ma Lorenzo de Medici.
La composizione sarebbe avvenuta in pochi mesi del 1513, ma pubblicata con la prima edizione solo dopo il
1532.
Genere
Imprima luogo un PAMPHLET militare e politico. Cio uno scritto politico di occasione(trattato politico
didascalico), formato da 26 capitoli, definito come un semplice opuscolo.
Machiavelli lo scrisse nel momento in cui Giuliano de Medici divenne Papa.

Contenuto
o Vari generi di principato
o Il comportamento del principe da tenere nelle diverse situazioni politiche
o il problema delle milizie e del loro arruolamento
Il problema delle milizie una questione interna dello stato in cui Machiavelli si sofferma molto.

Realt e ideale
Si incontrano al suo interno le due coordinate fondamentali della formazione e della mediazione politica: le
cose antiche e le esperienze delle cose moderne.
Lo studio linterpretazione della storia antica attraverso il magistero di Tito Livio, servono a Macchiavelli
per formulare leggi generali sullagire politico. Vuole sostituire infatti allanalisi dei principi come
dovrebbero essere, quella dei principi come effettivamente sono.==> STUDIO DELLA REALT
EFFETTUALE

I DISCORSI SOPRA LA PRIMA DECA DI TITO LIVIO


Sono tre libri. Al suo interno contiene una serie di commenti e dislocazioni sui primi 10 libri delle STORIE
DI TITO LIVIO.
La datazione oggetto di discussioni. Secondo alcuni risale al 1513 poco prima della stesura del principe poi
interrotto e successivamente ripreso dopo la fine della stesura del principe.

Contenuto
primo libro troviamo lidentificazione del miglior governo come la Repubblica mista romana. Inoltre loda
la religione pagana e accusa la Chiesa di avere attraverso la corruzione fatto s che gli italiani diventassero
senza religione e cattivi.

Contrasti politici
evidente che due componimenti pi importante di Machiavelli abbiano orientamenti politici
diversi(monarchia e repubblica).
Non c dubbio che lo scrittore, pur ritenendo migliore e superiore la forma repubblicana, auspici in
determinate circostanze storiche la possibilit risolutiva del principe.

LA MANDRAGOLA
Unopera unopera tra le migliori del teatro del 500.
Il titolo rimanda alla radice afrodisiaca dellomonima pianta.
Trama
Il giovane Callimaco appena ritornato a Firenze da Parigi si innamora di Lucrezia, giovane donna
castissima, sposata con Messer Nicia un anziano. Sapendo che non potevano avere figli e della stupidaggine
del marito, propone loro un inganno: ti vince medico da al marito da dare alla moglie un infuso di
mandragola che la far restare incinta, per il primo uomo che passer la notte con lei morir. Nicia accetta
la proposta accetta anche che un giovane di strada passi la notte insieme alla moglie. In questo momento
intervengono la madre della moglie Sostrata e un frate Timoteo con lo scopo di convincerla. Il frate con un
pagamento in denaro comincer la giovane. Callimaco cos riesci a soddisfare il suo desiderio passionale ma
tale che Lucrezia decide di continuare a incontrarlo in segreto.

Ambiguit
Da una parte abbiamo il desiderio di Callimaco e il successo della burla, dallaltra il trionfo dellinganno.
Possiamo riassumere la commedia come il volto malvagio di Firenze quel tempo.

Errori di interpretazione
1) Credere che Machiavelli abbia impartito insegnamenti moralmente negativi ovvero che
abbia pervertito la morale, tanto che laggettivo machiavellico si caricato di un significato
negativo.
La Chiesa mise proprio allindice i suoi libri.

Machiavelli non ha mai avuto come obiettivo,un obiettivo individuale ma lutile allo Stato
(al contrario di Guicciardini)

2) Interpretazione obliqua democratica(affiorir con Rousseau nel 700 e poi con Foscolo)
Si credeva che il Machiavelli vincesse di istruire il principe, ma in realt vorrebbe
denunciare le nefandezze della tirannia.

3) Interpretazione patriottica dellultimo capitolo del principe: un anacronismo storico, che si


afferma nel 800. Concetto di nazione che si manifesta nel 800.
Viene visto come un educatore del popolo che condanna lidea di immoralit.

Concetti chiave
Realt effettuale prima idealistica
Concezione naturalistica
Concezione pessimistica ====pessimismo aperto; aperto ad una
speranza
Virt
Fortuna