Sei sulla pagina 1di 225

Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

UNIVERSIT DEGLI STUDI DI PADOVA

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, EDILE ED


AMBIENTALE - ICEA

Laurea Magistrale in Ingegneria Civile Strutture

ANALISI LIMITE DEI PONTI AD ARCO IN MURATURA


LIMIT ANALYSIS OF MASONRY ARCH BRIDGES

Relatore: Prof. Ing. CLAUDIO MODENA

Correlatore: Ing. PAOLO ZAMPIERI

Laureando: Stefano Fuser 1013793

Anno Accademico 2012/2013

-1-
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

-2-
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

INDICE

1 INTRODUZIONE............................................................................................................... - 7 -
2 PONTI AD ARCO IN MURATURA ................................................................................. - 8 -
3 EVOLUZIONE TECNOLOGICA DEI PONTI IN MURATURA ................................... - 9 -
3.1 PONTI ROMANI ........................................................................................................ - 9 -
3.2 PONTI IN EPOCA MEDIEVALE ........................................................................... - 11 -
3.3 PONTI NEL RINASCIMENTO ............................................................................... - 13 -
3.4 PONTI DAL SETTECENTO AI GIORNI NOSTRI ................................................ - 14 -
4 ELEMENTI COSTITUTIVI DEI PONTI IN MURATURA .......................................... - 17 -
4.1 ARCATE ................................................................................................................... - 18 -
4.2 SPALLE .................................................................................................................... - 22 -
4.3 PILE .......................................................................................................................... - 23 -
4.4 PILESPALLE .......................................................................................................... - 24 -
4.5 FONDAZIONI .......................................................................................................... - 24 -
4.6 RINFIANCO ............................................................................................................. - 26 -
4.7 CAPPA ...................................................................................................................... - 27 -
4.8 RIEMPIMENTO ....................................................................................................... - 28 -
4.9 TIMPANO ................................................................................................................. - 28 -
4.10 MURI DALA ......................................................................................................... - 28 -
5 PONTI FERROVIARI IN ITALIA E REGOLE DI PROGETTO .................................. - 29 -
6 COMPORTAMENTO STRUTTURALE DEI PONTI AD ARCO ................................. - 34 -
6.1 COMPORTEMENTO DELLARCO SOTTO CARICHI VERTICALI .................. - 34 -
6.2 COMPORTAMENTO ARCO SOTTO CARICHI ORIZZONTALI ....................... - 36 -
7 ANALISI CINEMATICA DELLE STRUTTURE .......................................................... - 39 -
8 ANALISI CINEMATICA DEI PONTI MONOCAMPATA........................................... - 46 -
8.1 COSTRUZIONE DEL CINEMATISMO DI COLLASSO ...................................... - 46 -
8.1.1 Definizione di curva delle pressioni .................................................................... - 46 -
8.1.2 Costruzione della curva delle pressioni............................................................... - 48 -
8.1.3 Esempi di curve delle pressioni........................................................................... - 51 -
8.1.4 Confronto con soluzioni esistenti ........................................................................ - 56 -
8.2 CALCOLO DEL MOLTIPLICATORE CRITICO................................................... - 59 -
8.3 CALCOLO SPOSTAMENTO ULTIMO ................................................................. - 63 -

-3-
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

8.4 CONFRONTO CON SOLUZIONI ESISTENTI ...................................................... - 67 -


8.5ANALISI PONTI MONOCAMPATA SOLLECITATI DA CARICHI DA TRENO- 70 -
9 ANALISI CINEMATICA DI PONTI MULTICAMPATA............................................. - 78 -
9.1 ESEMPI CURVA DELLE PRESSIONI ................................................................... - 79 -
9.1.2 Ponte a due campate ............................................................................................ - 79 -
9.1.2 Ponte a tre campate ............................................................................................. - 82 -
9.2 CALCOLO DEL MOLTIPLICATORE CRITICO................................................... - 84 -
9.3 CALCOLO SPOSTAMENTO ULTIMO ................................................................. - 89 -
10 ANALISI MEDIANTE MODELLI FEM ...................................................................... - 92 -
10.1 CENNI SUL TOTAL STRAIN CRACK MODEL................................................. - 93 -
10.2 VALIDAZIONE DEL LEGAME COSTITUTIVO ................................................ - 98 -
10.2.1 Prova a compressione ........................................................................................ - 98 -
10.2.2 Rottura per ribaltamento ................................................................................. - 104 -
10.2.3 Rottura a taglio ................................................................................................ - 110 -
10.2.4 Capacit di implementazione delle diverse non linearit ................................ - 113 -
10.3 ANALISI FEM SU STRUTTURE AD ARCO..................................................... - 115 -
10.3.1 Arco privo di riempimento soggetto a sollecitazioni orizzontali .................... - 115 -
11 VALIDAZIONE DEL MODELLO CINEMATICO DI COLLASSO CON
RIEMPIMENTO ............................................................................................................. - 119 -
11.1 CALIBRAZIONE DEL MODELLO ATTRAVERSO IL CONFRONTO CON
PROVE SPERIMENTALI ......................................................................................... - 121 -
11.2 ANALISI DELLAPPLICABILIT DELLE IPOTESI DI HEYMAN ............... - 130 -
11.3 ANALISI DEL RIEMPIMENTO SOGGETTO A SISMA .................................. - 132 -
12 ANALISI CINEMATICA IN DIREZIONE TRASVERSALE DEI PONTI
MULTICAMPATA ........................................................................................................ - 138 -
12.1 CINEMATISMO DI COLLASSO TRASVERSALE........................................... - 139 -
12.2 CALIBRAZIONE DEL CINEMATISMO DI COLLASSO NEI PONTI A TRE
CAMPATE................................................................................................................. - 149 -
12.2.1 Descrizione modelli fem utilizzati .................................................................. - 150 -
12.2.2 Calibrazione del modello ................................................................................ - 152 -
12.3 ANALISI PARAMETRICA TRASVERSALE DEI PONTI A TRE CAMPATE - 156 -
12.4 ESEMPIO DI UTILIZZO DELLE CURVE ISOACCELERAZIONE................. - 164 -
12.5 APPLICABILITA DELLE CURVE ISOACCELERAZIONE ........................... - 165 -
13 ANALISI DI PONTI ESINSTENTI ............................................................................ - 170 -

-4-
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

13.1 TEST1 PONTE A SINGOLA CAMPATA .......................................................... - 170 -


13.1.1 Requisiti di sicurezza e prestazioni attese ....................................................... - 170 -
13.1.2 Dati necessari alla definizione del ponte ......................................................... - 171 -
13.1.3 Analisi dei carichi ........................................................................................... - 172 -
13.1.4 Definizione dellazione sismica ...................................................................... - 175 -
13.1.5 Comportamento longitudinale ......................................................................... - 177 -
13.1.6 Comportamento trasversale ............................................................................. - 182 -
13.1.7 Verifica delle spalle......................................................................................... - 187 -
13.1.8 Sintesi dei risultati ........................................................................................... - 193 -
13.2 TEST 2: PONTE MULTICAMPATA .................................................................. - 195 -
13.2.1 Requisiti di sicurezza e prestazioni attese ....................................................... - 196 -
13.2.2 Dati necessari per la definizione del ponte ..................................................... - 196 -
13.2.3 Analisi dei carichi ........................................................................................... - 198 -
13.2.4 Definizione dellazione sismica ...................................................................... - 200 -
13.2.5 Comportamento longitudinale ......................................................................... - 202 -
13.2.6 Comportamento trasversale globale ................................................................ - 207 -
13.2.7 Comportamento trasversale locale .................................................................. - 209 -
13.2.8 Verifica delle spalle......................................................................................... - 214 -
13.2.9 Verifica delle pile ............................................................................................ - 219 -
13.2.10 Sintesi dei risultati ........................................................................................ - 220 -
14 CONCLUSIONI ........................................................................................................... - 222 -
15 BIBLIOGRAFIA .......................................................................................................... - 224 -

-5-
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

-6-
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

1 INTRODUZIONE

I recenti eventi sismici che hanno interessato il nostro paese hanno messo in evidenza la
vulnerabilit dellattuale patrimonio edilizio, composto ancora oggi in maggior parte da
strutture in muratura o in calcestruzzo, realizzate senza considerare la possibilit che tali
eventi si verifichino. Nel ramo delle opere civili, quella dei ponti in particolare, rappresenta
una componente strategica per la salvaguardia nazionale. In Italia i ponti ad arco in muratura
sono assai diffusi nella rete infrastrutturale; si tratta di opere costruite per lo pi nel secolo
scorso, che svolgono tuttora la propria attivit a pieno regime.

Il recente adeguamento delle Norme Tecniche per le Costruzioni riporta in primo piano la
necessit di effettuare valutazioni di vulnerabilit sismica sui manufatti esistenti, gestiti da
Enti pubblici e privati, allo scopo di adeguarli in tempi successivi ai nuovi standard di
sicurezza introdotti dalla normativa vigente.

Per tali motivazioni si rivelato importante la ricerca dei comportamenti principali che
caratterizzano questo tipo di strutture, in modo da rendere lo studio pi rapido e preciso.
Lanalisi attraverso modellazione fem per tali di strutture richiede un notevole onere
computazionale a causa della complessit della geometria e dei legami costitutivi che
descrivono il comportamento del materiale. Inoltre, la grande quantit di queste opere presenti
nel territorio nazionale rende molto difficile percorrere la strada della modellazione numerica.

Lo scopo di questa tesi stato pertanto quello di ricercare una metodologia di verifica adatta
allanalisi dei ponti ad arco in muratura, tale da rendere possibile lanalisi di una grande
quantit di strutture nel minor tempo possibile. A tal fine stato sviluppato un programma
implementato in un foglio elettronico, basato sullo studio del comportamento delle strutture
sotto azioni sismiche, per stabilire un appropriato fattore di sicurezza sul comportamento
globale e locale dellopera soggetta ad una qualsiasi azione sismica.

La potenzialit di una simile analisi notevole in quanto rappresenta la pi probabile


risposta della struttura note sole alcune sue caratteristiche. Ci consentirebbe lesecuzione di
analisi parametriche i qualsiasi tipo in modo da determinare comportamenti comuni nelle
diverse costruzioni.

-7-
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

2 PONTI AD ARCO IN MURATURA

Si definisce genericamente con il termine ponte lopera che permette di realizzare la


continuit di un percorso che si interrompe per la presenza di una discontinuit morfologica
esistente sul terreno attraversato.

Le singole parti che compongono un ponte vengono usualmente indicate con termini
specifici il cui significato sar chiarito di seguito:

- Impalcato: il complesso strutturale che sostiene la via carrabile, ferroviaria o pedonale.


- Spalle: sono le opere di sostegno e di vincolo dellimpalcato. Con tale termine, nelle
opere a pi luci si indicano i sostegni di estremit.
- Pile: sono le opere intermedie di sostegno e di vincolo dellimpalcato negli schemi a pi
luci.
- Luce: lampiezza dellopera in senso longitudinale. Con il termine luce netta si intende
la distanza fra i paramenti interni delle spalle o delle pile. Con il termine luce teorica di
calcolo si intende la distanza fra i vincoli dellimpalcato. Con il termine luce totale si
intende la distanza fra i due appoggi o spalle alle estremit opposte dellopera.

I ponti in muratura sono le strutture pi antiche assieme ai ponti in legno. A differenza di


questi ultimi per lottima conservabilit del materiale, sono giunti ai nostri giorni degli esempi
veramente notevoli per bellezza della forma o per la grandezza dellopera. La struttura da
ponte eseguita in muratura di mattoni o di pietrame stata usata dal tempo dellimpero
romano fino ai primi decenni del secolo scorso. Anche dopo lavvento dellacciaio stata
preferita da molti costruttori. Le opere in muratura presentano esclusivamente forma di
impalcato a volta e si impiegano sia per la realizzazione di tombini che di ponticelli e ponti
veri e propri.

-8-
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

3 EVOLUZIONE TECNOLOGICA DEI PONTI IN MURATURA

3.1 PONTI ROMANI


I primi ponti ad arco in muratura si ebbero in Mesopotamia (verso il IV millennio a.C.) e
successivamente in Egitto edd in Persia. Anche in Grecia furono costruiti ponti ad arco in
pietra, in genere di modestee dimensioni ed ad arcata unica spesso con pile parzialmente o
totalmente interrate, per usare il terreno come rinfianco.

I Romani furono i veri maestri dellesecuzione dei ponti ad arco, anche se i loro primi ponti
furono in legno, come il Ponte Sublicio sul Tevere il quale oltre a garantire il collegamento
con la sponda destra del fiume, costituiva un valido elemento di difesa in quanto poteva essere
es
smontato in condizioni di pericolo.

Il primo ponte in pietra attribuito ai Romani lEmilio (figura 3.1).. Questo sub numerose
peripezie e venne ricostruito lultima volta da Gregorio XIII nel 1575, che volle mantenere la
severit e le grandiosit primitive.
imitive. La ricostruzione non ebbe molta fortuna perch gi nel
1598 due archi caddero, da allora
llora il ponte fu detto Rotto [20].

Figura 3.1: Ponte Emilio a Roma detto ponte Rotto

Lo sviluppo dellala tecnologia romana del ponte ad arco fu volta alla costruzione di volte
circolari aventi linee robuste ed eleganti; in preferenza le arcate sono in numero dispari,
preferibilmente con profilo ad arco di cerchio ribassato, o a tutto sesto. In particolare la grossa
evoluzione fu nella tendenza ad aumentare la luce dellarco per arrivare al terreno della riva
che in genere presentava caratteristiche meccaniche migliori, piuttosto che fondare le pile
nellalveo torrentizio.. Tale condizione port ad avere luci di 30-40m
30 notevoli per
p lepoca. La
grandezza nello sviluppo della tecnologia del ponte Romana si rileva soprattutto nella

-9-
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

costruzione degli acquedotti, i quali potevano presentare da uno tre ordini, di arcate. Un
esempio significativo di tali strutture rappresentato dal acquedotto del Gard (20-10 a.c.) in
Francia, che portava lacqua a Nimes, ha tre ordini di arcate di larghezza decrescente verso
lalto: le luci degli archetti superiori sono di 4,4 m e, scendendo, si varia da 15,5 m a 24,4 m,
distribuiti in modo non regolare. I Romani costruivano ponti con asse in genere rettilineo, ma
andamenti curvi o spezzati venivano comunque costruiti allo scopo di posare le pile su
affioramenti rocciosi [2]. La presenza di archi a tutto sesto rendeva estensione del timpano
notevole, per questo motivo veniva traforato per lo scarico delle acque sopra le pile.

Il ponte in muratura si presenta come una struttura di notevole peso, che grava su una
superficie limitata di terreno. Per garantirne la stabilita era perci fondamentale la cura dei
sistemi di fondazione. Gi Vitruvio, nel suo trattato, individua come condizione fondamentale
la ricerca del solido su cui impostare la fondazione, il cui spessore dovr essere superiore a
quello del muro sovrastante. Particolare attenzione era posta ai terreni argillosi, non in grado
di garantire la ricercata solidit. In questi casi, si prevedeva linfissione di pali di quercia per
consolidare il sottosuolo. Le estremit dei pali erano dotate di coni metallici per proteggere la
punta durante linfissione, mentre lestremo su cui batteva la mazza era rinforzato con delle
cerchiature.

Un altro problema che si pose ai costruttori romani fu quello dellinterazione tra la corrente
dellacqua e la struttura del ponte. Per limitare lazione diretta dellacqua sulla parte bassa del
pilone, questo poteva essere munito di uno sperone che fungeva da frangiflutti, mentre sulla
faccia del pilone rivolta a valle un altro sperone si opponeva ai mulinelli dacqua, che si
venivano a formare.

Figura 3.2: Ponte Fabricio a Roma

- 10 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Altro accorgimento fu quello di progettare archi di luce sempre maggiore, con un


conseguente minor numero di pile disposte nellalveo. Il numero ridotto delle arcate e luso
esclusivo dellarco a tutto sesto determinavano, per, una considerevole altezza del ponte,
pertanto questo veniva, alloccorrenza, dotato di una rampa, che saliva dalla riva allaltezza
della chiave del primo arco. unaltra soluzione per limitare la spinta dellacqua fu,
linserimento nei piloni di un archetto, che garantiva lo sfogo della piena, come nel ponte
Fabricio (figura 3.2).

3.2 PONTI IN EPOCA MEDIEVALE


Durante il periodo il medioevo il sapere relativo alla costruzione dei ponti venne custodito
dagli ordini religiosi. Nel passaggio fra periodo romano e medioevale non si hanno perci
sostanziali innovazioni a livello tecnico, ma le variazioni vanno ricercate in una nuova
concezione del manufatto. In questo periodo, a causa delle scarsit dei movimenti
commerciali, nessuna opera di rilievo venne costruita fino alla fine del dodicesimo secolo
quando furono istituiti i gruppi di fratellanza per la costruzione dei ponti [20]:

- Fratres Pontificies in Italia


- Freres Pontiffes in Francia
- Brother of Bridges in Inghilterra

Nel medioevo la costruzione dei ponti era commissionata in particolar modo da mercanti e
monaci ed era votata quasi esclusivamente alla realizzazione di itinerari verso i luoghi di
pellegrinaggio. Di conseguenza la teoria e la pratica della costruzione dei ponti fu affidata ad
istituzioni di carattere religioso Collegium Pontifices che aveva il controllo di strade e ponti.

Nel periodo medioevale in Italia i Fratres Pontificies progettavano e costruivano ponti


sicuramente senza calcolare le forze che questi esercitavano, ma erano a conoscenza del fatto
che larco si comporta in maniera opposta al ponte sospeso, il che fu un grande passo avanti
sulla conoscenza empirica delle forze interne dellarco a seconda della sua forma. I materiali
utilizzati in questo periodo rimasero comunque di qualit media il che significava avere
strutture massicce e pesanti. Una delle maggiori difficolt del periodo rimase comunque la
progettazione di adeguate imposte per resistere alla spinta esercitata dalla volta.

In questo periodo la forte influenza della cultura orientale modifica la tecnologia costruttiva
di riferimento specialmente nellItalia meridionale. Tali strutture erano caratterizzate da una
forma dellarco molto ribassata e spesso policentrica. In Francia nello stesso periodo iniziano
a svilupparsi nuove tecniche costruttive con ponti ad arco aventi la volta parabolica ad anelli
accostati. Le luci di queste strutture arrivavano a luci di 20-25m con uno spessore dellarco di
70cm.

- 11 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Figura 3.3: Ponte di Castelvecchio a Verona

Nel XIV secolo si verificano progressi nella costruzione dei ponti, che si discostano dal
modello romano attraverso la frequente introduzione di linee ribassate, non mai per
geometricamente diverse dal segmento di cerchio. Si tende inoltre ad aumentare la luce,
mentre viene ridotto lo spessore in chiave. Esempi notevoli di questa tendenza sono il Ponte
Vecchio a Firenze e quello di Castelvecchio di Verona (figura 3.3).. Questultimo ha la volta
maggiore di 48,7m con le arcate aventi un rapporto tra luce e altezza
altezza dellarco di 1/4.
1/4 Tali
strutture a causa della loro forma presentano da analisi recenti sforzi notevoli sui materiali.

Figura 3.4:: Ponte della Maddalena sul Serchio in provincia di Lucca

- 12 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Sempre in questo periodo numerosi sonosono poi i ponti ad un solo arco, con linea estradossale
che segue la curvatura, con il caratteristico andamento a schiena dasino. Tra gli esempi pi
notevoli non si pu dimenticare il ponte della Maddalena che attraversa il fiume Serchio nei
pressi di Borgo a Mozzano in provincia di Lucca (figura 3.4).

3.3 PONTI NEL RINASCIMENTO


Il rinascimento rappresenta una svolta nella costruzione dei ponti, infatti lo sviluppo dei
trasporti rese necessaria la costruzione di ponti adatti al passaggio dei mezzi. Questo richiese
archi a profilo ribassato per consentire il mantenimento del piano stradale al livello pi basso
possibile e non ostruire il passaggio alla navigazione fluviale.
fluviale. Un esempio di questo tipo di
strutture rappresentato dal ponte di
di Santa Trinit a Firenze (1570) il quale presenta tre arcate
a profilo ribassato con unaltezza pari ad 1/7 della luce (figura 3.5).. Ad unestrema riduzione
dellaltezza dellarcata corrisponde un continuo aumento della larghezza delle pile a causa
della tecnologia di costrizione dellepoca che considerava le pile come delle spalle che
dovevano assorbile gli sforzi orizzontali della volta a causa della realizzazione di unarcata
un
alla volta per consentire lo spostamento delle centine. Ci rappresentava un problema
p per
lostruzione che queste generavano sullalveo.

Figura 3.5: Ponte di Santa Trinit a Firenze (1570)

Per valutare le tecniche costruttive utilizzate in questo periodo si pu far riferimento al De re


aedificatoria, famosoo trattato redatto da Leon Battista Alberti, probabilmente gi compiuto
nel 1452, ma pubblicato postumo nel 1485. LAlberti, dopo aver constatato che la stabilit
dellarco garantita dal corretto dimensionamento delle sue parti principali, quali fondazioni,
fondazio
pile e volta, propone delle regole pratiche e geometriche per un corretto funzionamento della
struttura. Per le fondazioni, che dovranno essere ben salde e ferme, ripropone le due ormai
note tipologie di fondazione diretta e fondazione palificata, prediligendo
prediligendo per la seconda, la
cui superficie dimposta dovr avere una larghezza doppia di quella delle pile. Le pile che
poggiano sulla fondazione dovranno avere uno spessore di 1/3 della luce. Per la volta egli
propone uno spessore di 1/10 della luce, riducendo
riducendo tale valore ad 1/15 per i ponti urbani. Si
ripropongono cos quei principi di solidit e robustezza, dedotti dallo studio dei ponti romani.

- 13 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

3.4 PONTI DAL SETTECENTO AI GIORNI NOSTRI


Nel 700, con la nascita dellingegneria moderna, la costruzione dei ponti diventa una
disciplina scientifica: il primo trattato del 1714, ad opera del francese Gautier; sempre in
Francia nel 1716, nascono i Corps des Ponts et Chausses e nel 1747 lEcole des Ponts et
Chausses, ritenuta la prima scuola di ingegneria. Le murature iniziano ad essere costruite
con molta cura e con leganti adatti, gli sforzi in fondazione sono studiati per essere ripartiti
uniformemente, con zoccoli e riseghe; inoltre viene data importanza alla fase di centinatura e
disarmo, che procede dalle imposte alla chiave, appena le malte offrano una certa resistenza
[2].

I ponti in muratura raggiungono il loro apogeo grazie alle innovazioni studiate e proposte
dallingegnere francese Giovanni Rodolfo Perronet. Egli aveva infatti intuito che il criterio,
sino ad allora considerato di massima sicurezza, di costruire delle pile con spessore pari a 1/5
dellapertura dellarco rappresentava in realt una scelta progettuale assolutamente errata, sia
per leccessivo appesantimento dellintera struttura, sia per le alterazioni causate al sistema
idraulico del fiume. La soluzione consisteva nelladozione di pile sottili, sfruttando i vantaggi
offerti dalla mutua elisione delle spinte laterali degli archi; in tal modo le pile potevano essere
ritenute sottoposte solo a sforzi normali. Una volta dimostrata linfondatezza delle tradizionali
regole costruttive, Perronet ebbe quindi modo di sostenere le sue due principali innovazioni:

- Assottigliamento delle pile: lo spessore delle pile veniva ridotto esclusivamente a quello
necessario ad assorbire le spinte verticali degli archi, lasciando che le opposte spinte
orizzontali degli archi contigui si bilanciassero, rafforzando invece le spalle del ponte.
- Ribassamento delle volte: in modo da offrire alla corrente il flusso pi libero possibile e
di proteggere le volte dallazione distruttiva delle acque.

Lidea di queste volte ribassate, quasi assimilabili a delle travi orizzontali, appoggiate su pile
estremamente sottili, alla base dei ponti moderni e ha richiesto sostanziali modifiche a
livello di cantiere. La contemporanea realizzazione di tutte le centine di un ponte, condizione
necessaria per ottenere delle pile sottili, richiedeva infatti un investimento economico
nettamente superiore a quello effettuato quando le volte venivano costruite una per volta,
spesso riutilizzando il legname delle centine. Il primo ponte che Perronet realizz applicando
queste soluzioni innovative fu il Pont de Neuilly, cominciato nel 1767. Il ponte demolito nel
1939, aveva una lunghezza complessiva di 195 metri e attraversava la Senna in 5 arcate di 39
metri di luce ribassate di 1/4 , appoggiate su delle pile spesse 4,22 metri: il rapporto tra lo
spessore delle pile e lapertura degli archi passava dal tradizionale valore di 1/5 a 1/9,23
dimezzandosi [2].

- 14 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Figura 3.6: Pont de la Concorde a Parigi

Dopo il Pont de Neuilly, Perronet progetto altri quindici ponti, dei quali solo sette furono
realizzati; oggi rimangono soltanto il Pont de la Concorde (figura 3.6),, ampliato tra il 1929 e
il 1931, e il Pont de Nomours

Altri esempi furono il ponte sulla Dora a Torino costruito da C.B.Mosca, ingegnere della
Scuola parigina di Ponti e Strade, ed uno degli esempi migliori per la costruzione in pietra
da taglio; lintradosso dellarco circolare, con luce di 45 m e freccia di 5.5 m, i conci
dimposta sono molto grossi e pesanti.

Figura 3.7: Ponte sul Piave linea Calalzo-Venezia


Calalzo (1928) in fase di costruzione (Foto archivio storico E.Bassi)

Dalla met dell800 migliorano le conoscenze sul comportamento delle volte nei riguardi
delle azioni esterne, si adottano nuovi sistemi di fondazione, si utilizzano cerniere permanenti

- 15 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

o temporanee durante il disarmo. Nascono teorie per risolvere il problemi dellarco incastrato:
Moseley e Mry (1840) col principio di minima spinta e la costruzione della curva delle
pressioni, Culmann con il principio del valor minimo della tensione massima, cio
landamento pi favorevole per la curva delle pressioni, Castigliano (1876) con il calcolo
dell'arco elastico. Inoltre si dimostra come un tracciamento razionale dellasse dellarco
(come curva funicolare del peso proprio) renda ragionevole determinati ardimenti nelle
proporzioni.

Con tali conoscenze vengono costruiti ponti sempre pi arditi nella forma e nelle
dimensioni. Inoltre lestremo sviluppo delle reti ferroviarie favorirono lulteriore studio del
problema con opere di notevole importanza. In particolare in questo periodo vengono
apportate alcune migliorie nelle tecniche costruttive (figura3.7) e nei materiali con un pi
accurato utilizzo dei materiali di qualit soprattutto nei riguardi dei viadotti molto frequenti
nelle reti ferroviarie, perch rendono possibile muoversi attraverso morfologie di terreno non
regolari: i viadotti pi antichi hanno molti ordini (quattro il Viadotto di Goeltschtal) e gli
archi di quelli inferiori tendono a ridursi a sbadacchi, restringendosi e diventando pi
ribassati. I viadotti pi recenti hanno un solo ordine, con pile anche molto alte (Ponte di Sitter,
90 m). Nei ponti italiani ricostruiti dopo le guerre, le pile-spalle e gli ordini intermedi sono
aboliti, anche per altezze di 65m.

- 16 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

4 ELEMENTI COSTITUTIVI DEI PONTI IN MURATURA

La maggioranza dei ponti significativi in muratura stata costruita tra la seconda met del
diciannovesimo secolo e la prima met del ventesimo. In questo breve lasso di tempo stata
costruita la quasi totalit dellattuale rete ferroviaria italiana di conseguenza dovendo eseguire
unanalisi sui ponti ad arco in muratura relativi alla rete ferroviaria Italiana ci si limiter alla
descrizione delle caratteristiche tipologiche di questi ultimi.

Con riferimento alla figura 4.1 si possono individuare le seguenti parti costitutive del ponte
in muratura [2]:

 Arcata; elemento fondamentale del ponte che sostiene il piano ferroviario


 Spalle; elemento di appoggio e smorzamento delle spinte posto ai lati della struttura
 Pile; elemento di appoggio intermedio di connessione tra una campata e laltra
 Fondazioni; elemento necessario a trasferire i carichi nel terreno
 Rinfianco; Elemento di rinforzo alla base dellarco
 Cappa; strato isolante a protezione dellarco
 Riempimento; elemento necessario alla costruzione del piano ferroviario
 Timpano; muro di contenimento del riempimento
 Muri dala; muri di contenimento delle scarpate laterali

Figura 4.1: Principali elementi costitutivi di un ponte ad arco in muratura

Le tipologie pi comuni di ponti vengono solitamente suddivise in base al numero di


campate, si possono perci individuare le due macroclassi dei ponti monocampata e dei ponti
multicampata. Nella categoria dei ponti multicampata si pu individuare unulteriore
suddivisione tra i ponti ad arco propriamente detti e i viadotti, distinti dai primi in base
allaltezza delle pile.

- 17 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

4.1 ARCATE
Larco nel ponte in muratura rappresenta lelemento dominante, in quanto consente alla
struttura di trasferire i carichi derivanti dal peso proprio e dalle relative sottostrutture.
Presentano solitamente la forma di una volta a botte con pianta solitamente retta. Larco che
costituisce la volta presenta spesso una forma circolare e raramente presenta una forma di tipo
parabolico.

Le volte si possono distinguere in base al rapporto tra laltezza dellarco e la luce (rapporto
f/L figura 4.2):

- arco a tutto sesto (f/L=0,4-0,5): rappresentano la struttura del classico arco molto
alto. Questa struttura consente il trasferimento di spinte relativamente basse.
- arco ribassato (f/L=0,1-0,4): rappresentano la soluzione ottimale nel caso di vincoli
in altezza del ponte, questi presentano sollecitazioni pi alte.
- arco ogovale (f/L>0,5): rappresenta una soluzione poco utilizzata nel nostro paese,
questa consente la forte riduzione delle sollecitazioni orizzontali ma richiede un forte
ingombro in altezza.

c) Arco a tutto sesto a) Arco ogivale

b) Arco a sesto ribassato

Figura 4.2: Classificazione geometrica degli archi

Larco a tutto sesto ha trovato un largo impiego nel caso dei viadotti, prevalentemente per
ragioni strutturali in fase esecutiva. La realizzazione del viadotto per avanzamenti successivi,
infatti, definisce alcune fasi operative in cui lultima arcata realizzata poggia sullultima pila
completata, senza il contrasto delle arcate successive. In questa condizione larco
semicircolare, risulta la struttura meno spingente e che, quindi, induce le minime
sollecitazioni flessionali nellultima pila.

- 18 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Larco acuto o ogivale impiegato solo nel caso che sulla chiave insista un carico
concentrato (ad, esempio per mezzo di una pila). Per le altre condizioni di carico invece la sua
risposta risulta peggiore di quella delle altre tipologie.

Altro elemento tipico dellarcata larmille che costituisce la parte di rifinimento esterno ai
lati della volta. Questa costituita da elementi di maggiore qualit o in pietra da taglio e
possono in alcuni casi sporgere di alcuni centimetri dal muro di testa.

La muratura dellarcata viene realizzata utilizzando pietra da taglio, pietra concia oppure
mattoni di laterizio. La pietra concia invece si ricava da pietre tenere, preparate a forma di
cuneo o parallelepipedo e poste in opera con malta. Il mattone di laterizio caratterizzato da
leggerezza, facilit di posa in opera ed economicit. Impiegando laterizi e malte a lenta presa
si possono raggiungere resistenze pari a quelle delle volte in pietra. Affinch sia possibile
trasferire rilevanti azioni verticali e orizzontali alle reni necessario che la muratura della
volta abbia una specifica tessitura in cui i conci devono presentare angoli retti e i giunti si
devono intersecare perpendicolarmente. In una volta a pianta rettangolare, i conci vengono in
genere disposti secondo la tessitura retta o tessitura ordinaria, ovvero con file parallele alle
generatrici, facendo in modo che in chiave si trovi sempre un concio e non un giunto. Ogni
fila viene posata sfalsando i giunti rispetto a quella precedente. Per ridurre il rischio di
scorrimenti, il giunto tra due file deve essere il pi possibile perpendicolare alla curva delle
pressioni [2].

Le arcate non sempre presentano superfici comprese fra due curve parallele in quanto a volte
lo spessore dellarcata aumenta procedendo verso le imposte. In alcuni casi lestradosso
stato costruito scalettato, per facilitare il collegamento dei cunei delle arcate con quelli dei
timpani sulle fronti.

La particolarit degli archi, che ne costituisce un grosso pregio ma anche un limite, che la
capacit di sopportare i carichi data praticamente solo dalla geometria. Infatti, eccetto che
per alcuni casi in cui la forma dellarcata particolarmente ardita, la tensione interna nel
materiale generalmente bassa. Il problema che ne deriva dato dal fatto che per la
costruzione della volta necessaria la costruzione centine temporanee che sopporti i carichi
sino alla posa della chiave. Tali strutture temporanee erano costituite da forme reticolari
lignee disposte in vari modi a seconda della tecnologia utilizzata.

La costruzione delle centine costituisce un grosso vincolo nella costruzione delle arcate in
quanto necessitavano di molto materiale e impegnavano lo spazio sottostante per lunghi
periodi. Solitamente le centinature venivano riutilizzate per la costruzione delle arcate
adiacenti [2].

Le centine possono essere fisse o a sbalzo. Le prime (figura 4.4) sono appoggiate a pali
direttamente infissi nel terreno mentre le seconde (figura 4.3) sono appoggiate direttamente
sulle pile e sulle spalle mediante mensole incastrate nel paramento delle stesse, oppure su
riseghe appositamente ricavate. Comunemente solo i ponti di altezza contenuta si prestano
allimpiego di centine fisse. Leliminazione delle strutture provvisionali permessa da due
cunei, la cui rimozione, completata la volta, consente il graduale abbassamento delle centine.

- 19 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Figura 4.3: Esempio di centina a sbalzo

Figura 4.4: Esempio di centina fissa

La muratura dellarcata viene realizzata utilizzando pietra da taglio, pietra concia oppure
mattoni di laterizio. Per motivi economici e decorativi luso della pietra da taglio stato
spesso limitato allarco frontale e alla chiave dellarco, mentre la rimanente parte della
struttura stata realizzata in laterizio. La pietra concia invece si ricava da pietre tenere,
preparate a forma di cuneo o parallelepipedo e poste in opera con malta.

La costruzione della volta successiva alla posa delle centine pu avvenire secondo diverse
tecnologie. La prima denominata metodo ordinario (figura 4.5). In questo caso ciascun filare
viene completato prima di iniziare il successivo. In questo caso si ha linconveniente che lo
spessore dello strato di malta non costante su tutto lo spessore dellarco e potrebbe
raggiungere dimensioni eccessive e conferire alla volta una deformabilit non omogenea. Si
impone inoltre luso di robuste centine, poich larco viene realizzato in tutto il suo spessore
per ogni concio, e le zone laterali possono fessurare durante la costruzione a causa della
deformazione della centina.

- 20 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Figura 4.5: Costruzione della volta con metodo ordinario

Una seconda metodologia detta metodo delle zone concentriche (figura 4.6) consiste nella
costruzione per strati della volta. Il primo strato pu cos gi essere utilizzato come supporto
per il secondo strato, e cos via per quelli successivi. In questo caso la centina deve sostenere
solo il primo strato di arcata, ma i vari anelli non hanno un comportamento omogeneo in
quanto quello inferiore, sostenendo il peso degli strati superiori, risulta pi sollecitato degli
altri. Fenomeni di deformazione differita dei giunti tendono a ridistribuire e ad uniformare lo
stato tensionale. Le arcate multistrato si trovano solo nelle volte in muratura di mattoni di
forte spessore, negli altri casi si preferito utilizzare lapparecchio ordinario. Esistono anche i
sistemi misti, i quali realizzano per strati solo la parte centrale della volta e con il metodo
ordinario la zona in prossimit delle imposte.

Figura 4.6: Costruzione della volta con il metodo delle zone concentriche

- 21 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

4.2 SPALLE
Le spalle costituiscono lelemento di assorbimento e trasferimento dei carichi derivanti dalla
volta superiore. Per assorbire gli sforzi orizzontali derivanti dalla forma dellarco la spalla
deve avere una dimensione notevole in modo da rendere la fondazione sottostante interamente
reagente. Infatti, il momento alla base che si sviluppa non si pu ridurre, ma si pu solo
diminuirne leffetto aumentando la base dappoggio a terra. Per tali motivi le spalle possono
essere riconducibili ad un massiccio muro di sostegno. La spalla infatti oltre ad assorbire i
carichi verticali e o orizzontali derivanti dalle arcate ha la funzione di contenimento del
terreno a monte. I materiali che costituiscono la spalla sono in genere di media bassa qualit
eccetto che per le zone esterne e di appoggio dellarco. Questo perch la costruzione della
spalla richiede una grossa quantit di materiale. Nella zona di imposta dellarco come gi
accennato pu presentare un cambiamento nella tessitura dei mattoni per riuscire ad assorbire
e a trasferire le sollecitazioni della volta (figura 4.7).

Figura 4.7: Disposizione di blocchi nell'imposta della volta

Le spalle sono generalmente pi ampie della loro parte visibile e, se di spessore rilevante,
possono essere alleggerite mediante la realizzazione di volte interne alla spalla talvolta visibili
dallesterno se costituiscono passaggi pedonali (figura 4.8).

- 22 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Figura 4.8: Esempio di alleggerimento della spalla mediante volte interne

4.3 PILE
Le pile rappresentano lelemento di appoggio intermedio delle arcate nei ponti
multicampata. Queste sono costituite da una muro verticale pi esile delle spalle. Il materiale
con cui sono costruite in genere uguale a quello delle spalle. Come per le spalle se la
sezione notevole la pila pi risultare cava o costituita da un materiale di scarsa qualit nella
sezione centrale.

Le pile hanno normalmente forma verticale la loro altezza inferiore a i 12-15m. per altezze
superiori queste presentano solitamente una leggera rastremazione verso lalto per ridurre il
materiale impiegato. Le pile situate allinterno di un corso dacqua presentano sia a monte che
a valle due appendici detti rostri con la funzione di modificare gradualmente la sezione
dellalveo, di deviare i sedimenti trasportati dal fiume e di diminuire il rischio di erosione del
fondo. La sezione orizzontale dei rostri semicircolare di diametro pari alla larghezza della
pila, un triangolo isoscele con base coincidente con la larghezza della pila, oppure formata da
due archi di cerchio. I rostri si estendono fino allaltezza di massima piena, ma in alcuni casi
arrivano fino al piano del ferro, dove vengono usati per ricavare piazzole per il rifugio del
personale addetto alla manutenzione. I rostri sono rifiniti in sommit con cappucci in pietra da
taglio.

- 23 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

4.4 PILESPALLE
Le pile-spalle rappresentano un caso particolare di pile. Queste infatti presentano una
sezione notevole rispetto alle normali pile. Lutilizzo di questo particolare tipo di pile
necessario in ponti con un gran numero di campate. In tali ponti si vuole evitare che
leventuale crollo di unarcata porti al collasso a catena di tutta la struttura a causa
dellintabilit negli sforzi orizzontali che si viene a generare. Perci buona regola
posizionare ad intervalli regolari (ogni 4-5 campate) pile molto massicce in grado di assorbire
gli sforzi orizzontali derivanti dalleventuale crollo di una delle due arcate adiacenti (figura
4.9), da qui il nome di pila-spalla, in quanto questa struttura assolve in pieno le funzioni di
una spalla laterale. In passato come gi accennato tutte le pile erano considerabili pile-spalle
in quanto le strutture venivano realizzate una campata alla volta per riutilizzare le centine,
questo imponeva perci la capacit delle pile di assorbire gli sforzi orizzontali di ogni arcata.

Figura 4.9: Esempio di pila-spalla

4.5 FONDAZIONI
Le fondazioni rappresentano lelemento strutturale necessario a trasferire i carichi delle
sovrastrutture al terreno. Le forme fondazionali sono rimaste praticamente immutate da quelle
moderne eccetto che per i materiali e le tecnologie costruttive.

Le tipologie di fondazioni che si possono presentare nei ponti dellepoca sono


essenzialmente:

- Fondazioni profonde su pali


- Fondazioni superficiali
- Fondazioni a pozzo

Le fondazioni su pali sono di concezione antica, infatti veniva utilizzata anche ai tempi dei
Romani. Tale tecnologia prevedeva linfissione di pali in legno del diametro di 20-30cm per

- 24 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

lunghezze che arrivavano sino ai 10m (figura 4.10). I pali venivano infissi secondo maglie
regolari a distanze tra 80 e 150cm. Successivamente le teste dei pali che rimanevano scoperte
venivano collegate e fuse insieme attraverso un riempimento in pietra tenera e malta per uno
spessore pari a circa laltezza delle testa del palo. Al di sopra delle strato di riempimento
veniva posto un tavolato di legno, che faceva da base per la posa in opera del dado di
fondazione. In tempi pi recenti levoluzione delle tecniche costruttive permise
lapprofondimento delle teste dei pali. Questo permise una maggior protezione delle teste e
quindi consentiva un aumento della durabilit dellopera.

Figura 4.10: Fondazione su pali con blocco di calcestruzzo, getto eseguito


sottacqua allinterno di una cortina di palancole

In anni pi recenti si sviluppata la tecnologia del cassone affondato pi economica e


veloce, e per questo meno soggetta al pericolo di eventuali piene improvvise. Il cassone
veniva assemblato a riva, riempito nella parte inferiore con 3 o 4 corsi di muratura a formare
la base dello scafo e affondato in corrispondenza della pila [2]. La costruzione della pila
procedeva allinterno del cassone fino al livello dellacqua. Il cassone veniva poi smontato e
riutilizzato per le altre pile.

Infine la tecnologia delle fondazioni superficiali si pu ritrovare solo nel caso in cui il
substrato roccioso si trova a breve distanza dal piano di campagna. Per le opere importanti la
fondazione della pila era realizzata mediante un allargamento, ottenuto mediante un aumento
della pendenza dei paramenti delle pile o tramite una successione di riseghe, fino a formare
una sorta di plinto di fondazione. In alcuni casi in cui lo strato roccioso posizionato pi in
profondit si utilizzavano cassoni privi di chiusura inferiore che venivano affondati sul piano
di fondazione. La base del cassone era costituita da un sacco impermeabile riempito di argilla

- 25 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

che consentiva al cassone di adattarsi alle severit del fondo, permettendo il getto del
calcestruzzo a secco allinterno del cassone.

Spesso la struttura di fondazione era fortemente ingrossata nel senso della corrente al fine di
limitare lerosione della struttura fondale. Per contenere limpiego di materiale era
consuetudine realizzare camere interne al contrafforte che, per non alleggerire la struttura di
fondazione, venivano anche riempite con terreno o materiale sciolto. Per contrastare
lerosione furono realizzate spesso anche delle cortine di pali e di palancole solidali con la
struttura fondale.

4.6 RINFIANCO
Il rinfianco quelelemento posizionato alle reni delle arcate necessarie al rinforzo della
struttura. Questo infatti aiuta la struttura ad assorbire le spinte orizzontali trasferendo parte
della sollecitazione direttamente alla pila o alla spalla grazie al zavorramento fornito.

I rinfianchi sono costituiti da un conglomerato di caratteristiche piuttosto buone o da


muratura scadente e veniva collocato tra i timpani e sopra allestradosso dellarcata. Il
rinfianco pu avere profilo superiore rettilineo o, pi raramente, convesso verso lalto, con
pendenza generalmente di 3/11 per consentire lallontanamento delle acque meteoriche [2]. Il
rinfianco. Negli archi di estremit le pendenze dei rinfianchi proseguono per tutto lo spessore
delle spalle.

Figura 4.11: Esempio di pila alleggerita mediante fori interni

- 26 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Per ponti di grande luce, realizzati con archi a tutto sesto o poco ribassati, solitamente per
ridurre le masse in gioco si ritrovano dei fori (figura 4.11), detti occhi di ponte, al di sopra
delle pile o anche in prossimit delle reni delle volte con la funzione di ridurre i pesi al di
sopra delle pile. Gli occhi di ponte posti in prossimit delle reni alleggeriscono la struttura in
una parte dove il peso risulta essere a sfavore della sicurezza portando la curva delle pressioni
verso il centro dellarco.

Lalleggerimento del rinfianco solitamente s realizzato con due diverse modalit. La prima
consiste nella sostituzione del rinfianco e del riempimento con una o pi volte nascoste
allinterno dei timpani, mentre la seconda consisteva nel realizzare limpalcato su arcate
secondarie con pile appoggiate sulla struttura principale

4.7 CAPPA
La cappa assolve alla funzione di impermeabilizzazione del ponte, ed eseguita con malta
cementizia, e di spessore compreso tra i 5 ed i 10cm. Spesso anche costituita da malta
idraulica, confezionata con molto legante, preparata con sabbia e ricoperta di asfalto
bituminoso. Le superfici dei rinfianchi hanno inclinazioni opposte alterne, in modo tale da
realizzare, in corrispondenza delle pile, delle canalette di raccolta dove vengono convogliate
le acque infiltratesi dal ballast (figura 4.12). Il materiale drenante (pietrisco) nelle cunette
facilita la raccolta delle acque, che vengono poi allontanate dagli sfogatoi, disposti
perpendicolarmente allintradosso dellarco [2]. Unaltra geometria di rinfianco e cappa
prevede il raduno delle acque nella mezzeria dellarcata. In questo caso la dimensione del
rinfianco notevole, per cui questo tipo di geometria piuttosto raro per il peso ed il costo
che ne deriva.

Figura 4.12: Schema di drenaggio delle acque

- 27 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

4.8 RIEMPIMENTO
Lo scopo del riempimento quello di creare un piano utilizzabile nel ponte. Il solo rinfianco
infatti non costituisce un superficie piana superiormente. Il riempimento generalmente
costituito da terreno drenante e leggero. Questo strato favorisce inoltre la ripartizione dei
carichi concentrati applicati sul piano del ferro. Laltezza del riempimento tra la suola della
rotaia ed il punto pi alto della cappa deve essere almeno di 40cm per ripartire in maniera
adeguata i carichi.

4.9 TIMPANO
Il timpano o muro andatore quellelemento necessario al contenimento del rinfianco e del
riempimento. Sono realizzati al si sopra delle arcate e collegano tutte le volte garantendo
anche una funzione di stabilizzazione delle volte. Oltre alla funzione propriamente strutturale
questo assolvono anche una funzione estetica di rifinitura della parte esterna.

I timpani, in genere, erano costruiti con murature pi leggere di quelle dellarco stesso e del
rinfianco per garantire un peso relativamente omogeneo sulla volta. Al di sopra dei timpani si
ritrovano le cornici di coronamento, di dimensione mediamente 50x70cm, al di sopra delle
quali viene collocato il parapetto di altezza compresa fra 90 e 100cm e larghezza fra 20 e
60cm. Sia le cornici sia la sommit del parapetto sono realizzati in pietra tagliata o mattoni a
coltello.

4.10 MURI DALA


I muri di accompagnamento (detti anche muri di risvolto), hanno la funzione di
contenimento del rilevato di accesso al ponte e sono collocati sui lati della spalla. Nel caso in
cui sono disposti in direzione parallela allasse del ponte, essi divengono dei contrafforti di
irrigidimento della spalla. Questi muri possono per anche presentare un andamento
curvilineo verso il terrapieno. Il paramento dei muri di risvolto verticale o a scarpa inclinata.
Lo spessore minimo in sommit di 40-50cm. Nel caso in cui le arcate del ponte sono molto
ampie, le spalle sono irrigidite da un contrafforte interno. In luogo dei muri di
accompagnamento si possono trovare i muri dala, disposti in prosecuzione della spalla e
generalmente con svasatura di 60-80 rispetto allasse del ponte. Allattacco con la spalla
presentano la sua stessa altezza e successivamente si abbassano seguendo la scarpa del
rilevato fino ad un altezza di 1-2 m dalla fondazione.

- 28 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

5 PONTI FERROVIARI
FERROVI IN ITALIA E REGOLE DI PROGETTO

Le Ferrovie in Italia nacquero nel 1838 durante il Regno delle Due Sicilie, prima ancora
dell'unificazione, e solo nove anni dopo la nascita ufficiale delle ferrovie nel 1829, anno in cui
G. Stephenson con la sua locomotiva The Rocket vinse il concorso per la ferrovia Liverpool
- Manchester in Inghilterra [1].
[1]

In Italia, il primo tronco ferroviario, costruito a doppio binario da Napoli a Granatello di


Portici (km 7,640), venne inaugurato il 3 ottobre 1839 dal re Ferdinando II di Borbone. Il 1
agosto 1842 la ferrovia aveva raggiunto Castellammare di Stabia e due anni dopo Pompei e
Nocera, ma lo sviluppo successivo non fu altrettanto celere, all'unit infatti la linea arrivava
arriva
soltanto a Capua e a Salerno.
no. Nel giro di pochi anni lo sviluppo delle ferrovie ebbe un grosso
incremento grazie alle pressioni degli industriali e agli scopi bellici che queste potevano
avere. Successivamente, dopo lUnit di Italia, la rete divent di propriet dello Stato Italiano
Italia
e la rete ebbe un enorme sviluppo (figura 5.1).

Nel 1910 la rete ferroviaria italiana si era ormai estesa in tutto il territorio italiano, si
giunsero ai 16000km di rete ferrata, un numero che rimase inalterato per molti anni, basti
pensare che dopo settantasei
tantasei anni, cio nel 1986, la rete si port a 16500km: un incremento di
soli 500Km.

Figura 5.1: Evoluzione della rete ferroviaria in Italia dal 1861 al 1870

Lorografia del territorio italiano implicava la costruzione di una grande quantit di ponti.
Questo aspetto, assieme alla velocit con cui nata ed cresciuta la rete ferroviaria italiana,
italian
impose una sorta di standardizzazione nelle forme geometriche dei ponti,
ponti che allepoca erano

- 29 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

in gran parte in muratura. In Italia infatti lo scarso sviluppo industriale e la mancanza di


materie prime imped la costruzione di ponti in acciaio, presenti in maggior quantit in
Inghilterra.

I ponti in muratura dellepoca erano progettati seguendo regole geometriche. Questo fu il


criterio pi seguito per la costruzione di ponti, fondato sulla convinzione che strutture
geometricamente simili dovessero avere le stesse propriet statiche. Basandosi su questo
concetto numerosi autori definirono, in termini geometrici, la figura delle volte e le
proporzioni tra gli elementi in modo che rispondessero ai caratteri stilistici della tradizione
classica, senza alcun riferimento alla statica. Successivamente, la maggior parte dei metodi di
progetto, sviluppati in particolare nel XIX secolo, fu finalizzata alla verifica della stabilit del
ponte. In fase di progetto era necessario il ricorso a regole che consentissero di stabilire
preventivamente le dimensioni delle diverse parti del ponte, in modo che tali dimensioni si
avvicinassero quanto pi possibile a quelle effettivamente richieste per la stabilit della
costruzione.

Nel ponte ferroviario in muratura, si rileva lintroduzione di una visione ingegneristica


dellopera: al dimensionamento, infatti, seguiva una verifica, finalizzata allottimizzazione
delle dimensioni. Questo controllo era realizzato con metodi pi o meno elaborati, molto
spesso attraverso costruzioni grafiche, e riguardava, principalmente, la sola arcata.

La ricerca di una procedura di validit generale avrebbe dovuto tenere conto di tutte le
variabili interessate nella progettazione di un ponte, vale a dire della luce dellarcata, del
profilo dell'intradosso, della resistenza del materiale impiegato nella costruzione, dellentit e
della ripartizione dei carichi. Ovviamente una procedura spiega la definizione di varie regole,
in cui venivano di volta in volta considerati solo alcuni degli aspetti sopra elencati.
Frequentemente, nei trattati furono inserite tavole di proporzionamento delle principali parti
del ponte, seguite dalla raccomandazione che il loro uso fosse limitato alla determinazione in
prima approssimazione della geometria dellarco, alla quale doveva necessariamente seguire
uno studio pi approfondito sulla stabilit dellopera.

Figura 5.2: Nomenclatura parametri geometrici

- 30 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Il primo elemento oggetto di dimensionamento larcata che consiste generalmente (Baggi,


1926) in una volta a botte, cio compresa tra due superfici cilindriche ottenute dalla
traslazione di generatrici orizzontali su una direttrice ad arco di linea corrispondente ad archi
di circonferenza, di ellisse, curve policentriche o ogive [25].

Gli archi a sesto acuto, od ogivali, sono giustificati solo nel caso che si abbiano forti carichi
in chiave; per questa ragione nei ponti, in condizioni di carico usuali, non tipico l'uso di
questo tipo di arco. Tuttavia, alcuni ponti con arcate a sesto acuto sono stati costruiti lungo la
linea Milano-Venezia, nei pressi di Desenzano.

Se tutti i pesi propri ed i sovraccarichi non fossero soggetti a variazioni, la forma ottimale da
assegnare alla volta sarebbe la curva funicolare del sistema di forze agente sull'arco. Poich,
invece, una parte dei carichi variabile, questo procedimento sarebbe suscettibile di
restrizioni nella sua applicazione. In realt, i carichi variabili sono spesso di molto inferiori ai
pesi propri, per cui la curva funicolare non subisce grandi spostamenti al variare della
posizione del carico mobile. Per questa ragione era usuale definire la forma dell'arco
attraverso la ricerca del poligono funicolare per un sistema di forze pari al peso proprio della
struttura, con l'aggiunta di un carico uniformemente distribuito sul piano stradale (Baggi,
1926). Seguendo queste regole, le volte di piccoli ponti e di ponti ordinari vengono costruite
con direttrici ad arco di circonferenza. Larco a tutto sesto la forma maggiormente usata
nelle volte raccordate ai piedritti, sia a causa della semplicit di costruzione del profilo a
curvatura costante, sia perch ritenuto che tale arco non causasse spinte orizzontali
allimposta. La grandezza caratteristica per gli archi ribassati il rapporto f/L tra la monta e la
luce, rapporto detto ribassamento. Per la volta circolare ribassata stato comunemente
adottato il rapporto f/L minore di 1/4, mentre per rapporti maggiori preferibile l'uso della
volta ellittica o policentrica, anche se questi tipi di volte sono state usate anche in altri casi,
generalmente per ragioni estetiche (Baggi, 1926).

Una volta determinata la direttrice della volta, il progettista si trova a dover determinare lo
spessore e della stessa. Il primo problema da risolvere la ricerca dello spessore dellarco
nella sezione di chiave. Alberti, Palladio e Serlio (Corradi, 1998) furono i primi a fissare un
rapporto s/L tra lo spessore in chiave e la luce dellarco, consigliando rispettivamente un
valore pari a 1/15, 1/12 e 1/17 [25].

Successivamente, a partire dallinizio del XVIII secolo, furono definite numerose regole
empiriche, le regole dellarte, per la determinazione dello spessore in chiave, in funzione della
forma dellintradosso e della luce della campata. Come riporta il Campanella (1928), nel XIX
secolo molti autori forniscono lo spessore dellarco e in chiave in base alla luce L ed al raggio
di curvatura r in chiave. Sia per archi a tutto sesto, ribassati ed ellittici, alcuni di essi
(Perronet, Dejardin, Gautier, L'veill, gli ingegneri russi e tedeschi) propongono regole in

mentre altri autori forniscono una dipendenza dello spessore dellarco in chiave da 
cui la dipendenza dalla luce o dal raggio lineare (nella forma s=a+bL oppure s=a+br),

(Dupuit, Lesguillier) o da  (Dupuit, Rankine) [25].

- 31 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Il manuale del Colombo (1923) riporta la regola di Kaven, in cui lo spessore in chiave dato
in funzione della luce e della freccia, con correzioni legate alle caratteristiche del riempimento
ed alluso (ponte stradale o ferroviario). Questa formula, per, viene proposta con pesanti
limitazioni. Una delle formule pi recenti (Baggi, 1926) stata proposta, dopo uno studio
approfondito delle opere esistenti, da Croizette Desnoyers (1885) nella forma s=a+b2R ; i
coefficienti variano a seconda del tipo di curva di intradosso e della destinazione duso del
manufatto [25].

Nel 1907 la Direzione Generale delle Ferrovie dello Stato produsse una disposizione interna
dal titolo Modalit da adottarsi per la compilazione dei progetti dei manufatti muri e
gallerie, contenente tabelle per il dimensionamento degli elementi strutturali di ponti ad arco
in muratura. Queste tabelle riassumono alcuni criteri adottati dalle Ferrovie nella costruzione
dei ponti ad arco avvenuta fino a tale data, divenendo regole da adottarsi nelle costruzioni
successive. Non tutti i ponti costruiti in epoche precedenti rispettano queste regole.

Le disposizioni delle ferrovie riguardano ponti con arcate di luce fino a 15 metri; per arcate
maggiori non vengono fornite indicazioni lasciando il progettista la scelta pi opportuna sul
piano statico.

Vengono considerate arcate a tutto sesto e ribassate con sei valori differenti di ribassamento:
1/3, 1/4, 1/5, 1/6, 1/8 e 1/10 per le quali vengono tabellati gli spessori da assegnare per tre
diversi tipi di resistenza del mattone: 10, 20 e 30MPa. Tali spessori sono necessariamente
multipli della dimensione del mattone e di dimensione pi prossima a quella delle indicazioni
[25].

Il secondo elemento caratteristico da dimensionare rappresentato dalle spalle. Tale


elemento pensato per assicurare lequilibrio delle forze trasferite dallarco nella sezione di
imposta. Anche in questo caso, il metodo di progetto pi rapido quello di predimensionare
lelemento mediante formule empiriche e poi verificare la sua effettiva stabilit. Queste
regole, riferite prevalentemente a spalle di sezione rettangolare e a volte rette, sono state
determinate statisticamente facendo riferimento ad opere gi esistenti in condizioni
eterogenee, senza considerare leffetto della resistenza del terreno e della geometria della
scarpata. Tuttavia queste formule sono state utilizzate frequentemente nel progetto di ponti ad
arco in muratura. I parametri che si riscontrano nelle formule per la determinazione dello
spessore delle spalle, sono la luce L dellarco, la freccia f, lo spessore e in chiave, laltezza h1
delle spalle dal piano di fondazione o di risega al piano di imposta, laltezza h del
riempimento in chiave; viene spesso utilizzata una quantit h, pari a h1+f+s+0,60 oppure
h1+f+s+h rispettivamente se h minore o maggiore di 0,60 [25].

Le Ferrovie dello Stato (1907) hanno fornito le dimensioni degli spessori delle spalle SS per
ponti aventi arcate di luce inferiore a 15 metri. Gli spessori risultano tabellati a seconda del
tipo di arcata, sia questa a tutto sesto o ribassata per sei valori tipici di ribassamento, 1/3, 1/4,
1/5, 1/6, 1/8 e 1/10 [25].

La dimensione SS da assegnare alle spalle funzione della luce dellarcata e dellaltezza h1


della spalla misurata dalla risega di fondazione. Le regole delle Ferrovie dello Stato si

- 32 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

limitano a considerare altezze h1 delle spalle inferiori a 4 metri per arcate a tutto sesto e 5
metri per arcate ribassate, mentre per viadotti a tutto sesto le Ferrovie dello Stato hanno
predisposto una tabella dedicata. Le regole delle Ferrovie dello Stato ricalcano le formule di
Lesguillier dove SS = (0,60 +0,04 h1) con L in metri [25].

Le pile devono equilibrare i carichi permanenti e variabili, e devono resistere alla


composizione delle spinte prodotte da due archi adiacenti. Inoltre, se la pila situata nel letto
di un corso dacqua, deve resistere alla pressione del fluido in movimento. Le dimensioni
possono talvolta essere maggiori di quelle richieste per la stabilit, per soddisfare requisiti
estetici [25].

Nellipotesi che le due arcate producano spinte circa uguali, lo spessore delle pile pu essere
calcolato mediante la formula fornita da LEveill (Corradi, 1998). Essa dipende, oltre che
dalle usuali grandezze geometriche, dalla posizione di quello che veniva chiamato giunto di
rottura, vale a dire linizio strutturale dellarco, dal volume del semiarco, da un fattore di
sicurezza. A seconda della geometria dellarco veniva individuata la posizione del giunto di
rottura, tramite, per esempio, il metodo delle curve ipotetiche di pressione del Mry.

Nel predimensionamento si utilizzavano quindi informazioni derivanti dal calcolo a collasso


su strutture con geometria simile.

Le Ferrovie dello Stato (1907) danno indicazioni solamente per larghezze in sommit di pile
di viadotti a tutto sesto, che risultano essere tabellate in funzione della luce delle arcate e
dellaltezza della pila stessa misurata dalla risega di fondazione allimposta [25].

- 33 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

6 COMPORTAMENTO STRUTTURALE DEI PONTI AD ARCO

In questo capitolo sar affrontano brevemente il comportamento a collasso delle strutture da


ponte ad arco soggette a collasso per carichi verticali e successivamente per carichi
orizzontali. Questo per capire come tali strutture si comportano in generale in modo tale da
avere uno sguardo critico sulle ipotesi e sui risultati ottenibili. Largomento sar approfondito
in maniera pi completa nei successivi capitoli.

6.1 COMPORTEMENTO DELLARCO SOTTO CARICHI VERTICALI


Si consideri un arco non necessariamente circolare di spessore t=t(s), dove s la coordinata
curvilinea relativa allasse dellarco caricato dal solo peso proprio. Tale struttura a seconda
della forma si comporta in modi diversi. Questo significa assumere implicitamente che il
comportamento delle strutture ad arco sia governato non tanto dalla resistenza dei materiali
ma quanto dalla geometria. Infatti, da analisi delle modalit di rottura di opere esistenti e
confronti con modelli agli elementi finiti si pu osservare come per quanto di bassa qualit
della muratura la rottura dellarco avviene per la formazione di cinematismi labili con solo un
parziale interessamento delle zone compresse. Questo concetto alla base delle ipotesi
formulate da Heyman [17] in The safety of masonry arch sulle caratteristiche della muratura.

1) Assenza di resistenza a trazione; La malta comunque quando presente, si ipotizza


deteriorata dal tempo
2) Resistenza a compressione infinita; Ci possono essere schiacciamenti locali ma in
genere non causano effetti globali
3) Assenza di scorrimento.

Analizzando levoluzione del carico sullarco si pu notare che per piccoli carichi la
struttura presenta una risposta completamente elastica, con larco soggetto nel suo spessore a
sole tensioni di compressione, o al massimo piccole tensioni di trazione, compatibili con la
massima resistenza della malta di collegamento tra i mattoni.

Oltre tale soglia, nel momento in cui la resistenza a trazione degli elementi viene superata in
alcuni punti, si ha un radicale cambiamento del comportamento strutturale. Infatti, nei punti in
cui il momento massimo si ha la parzializzazione della sezione, come noto per i materiali
non resistenti a trazione. Come conseguenza di tale meccanismo, si ha un notevole aumento
delle rotazioni relative nellintorno della zona parzializzata. Questa zona pu essere
facilmente associata ad uno schema strutturale di una cerniera. Nella pratica tale meccanismo
detto, impropriamente, cerniera plastica. Questa denominazione comunque accettabile, in
quanto alla sua formazione, la capacit di resistenza rimane comunque sostanzialmente
inalterata con la possibilit di aumentare le rotazioni. La creazione del cinematismo di
collasso presuppone la formazione di un certo numero di cerniere plastiche. Solitamente come
natura insegna il numero di cerniere il minimo necessario alla formazione del meccanismo il
che significa soddisfare una condizione di energia minima. Perci analizzando il caso

- 34 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

dellarco il numero minimo di cerniere quattro. La particolare simmetria di cui gode larco
per va ad aumentare lenergia necessaria alla formazione del meccanismo di collasso con la
nascita di cinque cerniere, una in pi del minimo necessario (figura 6.1).

Figura 6.1: Andamento del momento flettente e conseguente cinematismo di collasso nell'arco soggetto a soli carichi
gravitazionali simmetrici

Tale modalit di rottura presuppone che le spalle non si rompano. Questo non sempre vero
in quanto se queste sono sufficientemente snelle la rottura potrebbe coinvolgere anche queste
con un cinematismo cosiddetto globale (figura 6.2).

Figura 6.2: Cinematismo del ponte ad arco monocampata con pile snelle soggetto a carichi gravitazionali
simmetrici

Le strutture multicampata possono presentare delle rotture per carichi gravitazionali in una
sola arcata o nellintera struttura. Solitamente le condizione pi frequente che porta al collasso
della struttura la presenza di carichi elevati in una sola arcata, la quale va a generare un
cinematismo globale nellintera struttura. casi di crolli pi frequenti sono rappresentati dal
cedimento di una fondazione di una pila. Questa va ad imporre uno spostamento imposto
allattacco delle arcate adiacenti, che va a creare un cinematismo di collasso sulla struttura

- 35 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

sovrastante. Questa condizione abbastanza frequente nelle struttura da ponte con pile in
alveo. Queste infatti se non opportunamente progettate dal punto di vista idraulico possono
presentare erosioni notevoli andando ad intaccare il piano di posa delle fondazioni.

6.2 COMPORTAMENTO ARCO SOTTO CARICHI ORIZZONTALI


Si consideri ancora un arco non necessariamente circolare di spessore t=t(s), dove s la
coordinata curvilinea relativa allasse dellarco, in equilibrio con i carichi fissi esterni, al
quale si applica unaccelerazione alla base. Il comportamento di tale struttura, sar
estremamente diverso a seconda del valore di tale sollecitazione orizzontale.

Analizzeremo ora il comportamento strutturale dellarco soggetto ad accelerazioni


orizzontali costanti nel tempo, situazione assimilabile ad una forza statica costante
orizzontale, applicata ai baricentri delle masse della struttura. Questo necessario per capire il
reale funzionamento dellarco soggetto a carichi orizzontali.

Per piccole accelerazioni orizzontali la struttura presenta una risposta completamente


elastica, con larco soggetto nel suo spessore a sole tensioni di compressione, o al massimo
piccole tensioni di trazione, compatibili con la massima resistenza della malta di
collegamento tra i mattoni. Oltre tale soglia, si ha la formazione delle cerniere plastiche
(figura 6.3) che costituiscono il cinematismo di collasso.

Figura 6.3: Andamento qualitativo delle curvature lungo l'arco con meccanismo attivato

Alla formazione della prima cerniera si ha ancora una struttura iperstatica. Laumento della
sollecitazione orizzontale, per, ben presto va a generare altre zone critiche, sino al
raggiungimento di una situazione in cui si forma un cinematismo labile. Tale situazione

- 36 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

comunque non porta subito al collasso, in quanto per muovere in cinematismo bisogna
consumare energia. Ci significa che la configurazione di equilibrio
equilibrio ancora stabile.

EQUILIBRIO
Energia potenziale INSTABILE

EQUILIBRIO
STABILE

Energia potenziale
Lavoro forze verticali

Spostamento orizzontale del punto di controllo

Figura 6.4:: Andamento qualitativo dell'energia potenziale durante il movimento del cinematismo

Per ulteriori aumenti di accelerazione al suolo si pu arrivare ad una situazione in cui


lequilibrio non pi stabile, in quanto ad ulteriori aumenti di spostamento orizzontale non
pi necessario fornire energia per incrementarlo (figura 6.4).

Dal punto di vista degli spostamenti rilevabili si pu osservare come nello stato iniziale conco
tutte le sezioni dellarco interamente reagenti, la struttura si presenta come estremamente
rigida, grazie proprio alla particolare geometria dellarco e al suo principio di funzionamento.
Gli spostamenti perci relativi a questa condizione sono molto piccoli.
piccoli. Alla formazione delle
prime cerniere la rigidezza della struttura va calare progressivamente,
progressivamente con un conseguente
aumento della capacit di spostamento. Il comportamento cambia notevolmente alla
formazione della quarta cerniera quando la struttura va a perdere qualsiasi riserva di resistenza
formando un meccanismo labile. Ci permette alla struttura di compiere spostamenti
teoricamente indefiniti mantenendo lazione orizzontale costante. Come precedentemente
detto per si arriva ad una condizione di instabilit
instabilit del cinematismo labile. A questo punto gli
spostamenti che si possono registrare sono notevolmente maggiori rispetto a quelli iniziali.

Simile il discorso per accelerazioni variabili nel tempo. Infatti mentre per accelerazioni basse
anche se variabili
iabili la struttura rimane in campo elastico per accelerazioni maggiori in cui si
forma il cinematismo il discorso cambia. Infatti, Infatti se per sollecitazioni statiche esiste
unaccelerazione tale per cui la struttura si instabilizza nel caso di sollecitazioni variabili nel
tempo la struttura pu resistere ad azioni pi grandi di quelle statiche in quanto il
raggiungimento di una condizione ultima necessita di una certa quantit di tempo per essere
attivata (figura 6.5).

- 37 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Accelerazione orizzontale

COLLASSO

SI FORMA IL Moltiplicatore statico


CINEMATISMO MA
NON CROLLA

a0
IL CINEMATISMO NON SI ATTIVA

Durata dell'impulso

Figura 6.5: Comportamento dell'arco sotto accelerazioni variabili nel tempo

Come nellanalisi del cinematismo sotto carichi verticali nelle strutture monocampata si
possono registrare meccanismi che coinvolgono le spalle (figura 6.6) con la formazione di
cerniere alla base di queste ultime.

Figura 6.6: Cinematismo del ponte ad arco con pile snelle

In strutture a pi campate il comportamento strutturale caratterizzabile da due possibili


cinematismi come osservato per i monocampata. Si possono osservare infatti cinematismi
globali di collasso che coinvolgono tutte le campate e le pile, e cinematismi in cui il collasso
avviene solo in alcune arcate pi sensibili a seconda delle dimensioni relative che si possono
riscontrare. Considerazioni pi approfondite saranno sviluppate nei prossimi capitoli.

- 38 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

7 ANALISI CINEMATICA DELLE STRUTTURE

Lanalisi cinematica una delle possibili modalit di verifica di strutture in muratura


sottoposte ad azioni sismiche. Tale metodologia consente di valutare il grado di sicurezza
attraverso lanalisi di un cinematismo congruente con i vincoli strutturali.

Lanalisi cinematica una della possibili applicazioni dellanalisi limite la quale si fonda sui
seguenti teoremi:

 Teorema del limite superiore (moltiplicatore dei carichi cinematicamente congruente):

se esiste un meccanismo di collasso plastico tale che il lavoro degli sforzi esterni
coincide con quello degli sforzi interni, allora si verifica il collasso e il sistema dei
carichi esterni risulta non minore del carico di collasso.

 Teorema del limite inferiore (moltiplicatore dei carichi staticamente ammissibile):

se esiste un sistema di carichi esterni in equilibrio con una distribuzione di sforzi interni
tale che in nessun punto viene violato il criterio di resistenza del materiale, allora il
collasso non si verifica e il sistema dei carichi esterni risulta non maggiore del vero
carico di collasso

Nel caso in esame viene utilizzato il teorema del limite superiore, costruendo per lappunto
un cinematismo labile congruente con la struttura determinando il moltiplicatore dei carichi
orizzontali tale per cui il lavoro delle forze verticale sia uguale al lavoro delle forze
orizzontali.

La peculiarit dellanalisi limite sta nel fatto che le soluzioni ricavabili sono in linea di
principio infinite ma solo una corretta, nel senso che lunica soluzione corretta quella che
rispetta entrambi i teoremi (figura 7.1). Questo ci fa capire come lanalisi limite inferiore va a
generare un moltiplicatore in generale sempre pi piccolo della soluzione esatta, mentre
lanalisi limite superiore fornisce una soluzione sempre maggiore di quella esatta. Di
conseguenza il moltiplicatore dei carichi esatto ricavato sfruttando il teorema del limite
superiore, costruendo a priori un cinematismo congruente, deve essere il minore tra tutti i
cinematismi possibili. Questo pu risultare un grosso problema, in quanto la determinazione
del cinematismo che fornisce il moltiplicatore minimo non banale.

Figura 7.1: Andamento dei moltiplicatori statici e cinematici

- 39 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Tralasciando per il momento il problema della definizione del cinematismo pi appropriato,


si andr adesso a definire la modalit con cui si va a calcolare il moltiplicatore dei carichi.
Perci noto il comportamento dellarco sotto azioni orizzontali si pu procedere alla
determinazione del moltiplicatore cinematico critico definito dalla normativa, al paragrafo
C8A.4.1. del D.M. 14.01.2008 [15]:

[]Per ottenere il moltiplicatore orizzontale 0 dei carichi che porta allattivazione del
meccanismo locale di danno si applicano ai blocchi rigidi che compongono la catena le
seguenti forze: i pesi propri dei blocchi, applicati nel loro baricentro; i carichi verticali
portati dagli stessi (pesi propri e sovraccarichi dei solai e della copertura, altri elementi
murari non considerati nel modello strutturale); un sistema di forze orizzontali proporzionali
ai carichi verticali portati, se queste non sono efficacemente trasmesse ad altri parti di
edificio; eventuali forze esterne (ad esempio quelle trasmesse da catene metalliche) ed
eventuali forze interne (ad esempio le azioni legate allingranamento tra i conci murari).
Assegnata una rotazione virtuale k al generico blocco k, possibile determinare in funzione
di questa e della geometria della struttura, gli spostamenti delle diverse forze applicate nella
rispettiva direzione. Il moltiplicatore 0 si ottiene applicando il Principio dei Lavori Virtuali,
in termini di spostamenti, uguagliando il lavoro totale eseguito dalle forze esterne ed interne
applicate in corrispondenza dellatto di moto virtuale:

   

  
,  
,    
,   
  
   

dove:

n il numero di tutte le forze peso applicate ai diversi blocchi della catena cinematica;
m il numero di forze peso non direttamente gravanti sui blocchi le cui masse, per
effetto dellazione sismica, generano forze orizzontali sugli elementi della catena
cinematica, in quanto non efficacemente trasmesse ad altre parti delledificio;
o il numero di forze esterne, non associate a masse, applicate ai diversi blocchi;
Pi la generica forza peso applicata (peso proprio del blocco, applicato nel suo
baricentro, o un altro peso portato);
Pj la generica forza peso, non direttamente applicata sui blocchi, la cui massa, per
effetto dellazione sismica, genera una forza orizzontale sugli elementi della catena
cinematica, in quanto non efficacemente trasmessa ad altre parti delledificio;
x,i lo spostamento virtuale orizzontale del punto di applicazione delli-esimo peso Pi,
assumendo come verso positivo quello associato alla direzione secondo cui agisce
lazione sismica che attiva il meccanismo;
x,j lo spostamento virtuale orizzontale del punto di applicazione dellj-esimo peso Pj,
assumendo come verso positivo quello associato alla direzione secondo cui agisce
lazione sismica che attiva il meccanismo;
y,i lo spostamento virtuale verticale del punto di applicazione delli-esimo peso Pi,
assunto positivo verso lalto;

- 40 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Fh la generica forza esterna (in valore assoluto), applicata ad un blocco;


h lo spostamento virtuale del punto dove applicata la h-esima forza esterna, nella
direzione della stessa, di segno positivo se con verso discorde;
Lfi il lavoro di eventuali forze interne.[]

Tale moltiplicatore critico per come definito quello che associato ad una sollecitazione
statica che va a produrre il primo innesco del cinematismo.

Determinato il moltiplicatore si va a determinare lo spostamento massimo che il


cinematismo pu sopportare prima che questo si in stabilizzi. Tale operazione consiste nel
determinare una posizione in cui il lavoro delle forze esterne sia nullo. Questo significa
andare a trovare la posizione in cui lenergia potenziale massima determinando una
posizione di equilibrio instabile.

La complessit delle strutture solitamente analizzate impone di calcolare lo spostamento di


un solo punto significativo detto punto di controllo.

Note le caratteristiche meccaniche del cinematismo e la sua evoluzione si deve andare a


definire un sistema confrontabile con dei valori limite definiti delle normative. questo il
caso delloscillatore semplice ad un grado di libert. Bisogna trovare un modo univoco per
eseguire tale operazione consentendo di trasformare un sistema ad infiniti gradi di libert ad
uno a singolo grado di liber.

Questa procedura definita da normativa al paragrafo C8A.4.2.2 come:

[]Noto landamento del moltiplicatore orizzontale dei carichi in funzione dello


spostamento dk del punto di controllo della struttura, deve essere definita la curva di capacit
delloscillatore equivalente, come relazione tra laccelerazione a* e lo spostamento d*. La
massa partecipante al cinematismo M* pu essere valutata considerando gli spostamenti
virtuali dei punti di applicazione dei diversi pesi, associati al cinematismo, come una forma
modale di vibrazione:


 
, 
 
! 
 
,

dove:

- n+m il numero delle forze peso Pi applicate le cui masse, per effetto dell'azione sismica,
generano forze orizzontali sugli elementi della catena cinematica;

- x,i lo spostamento virtuale orizzontale del punto di applicazione delli-esimo peso Pi.

Laccelerazione sismica spettrale a* si ottiene moltiplicando per laccelerazione di gravit il


moltiplicatore e dividendolo per la frazione di massa partecipante al cinematismo.

- 41 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Laccelerazione spettrale di attivazione del meccanismo vale quindi:

 
   !
"  
 #
$ #
dove:

- g laccelerazione di gravit;

- $  ! / 
  la frazione di massa partecipante della struttura;

- FC il fattore di confidenza. Nel caso in cui per la valutazione del moltiplicatore a non si
tenga conto della resistenza a compressione della muratura, il fattore di confidenza da
utilizzare sar comunque quello relativo al livello di conoscenza LC1.

Lo spostamento spettrale d* delloscillatore equivalente pu essere ottenuto come


spostamento medio dei diversi punti nei quali sono applicati i pesi Pi , pesato sugli stessi. In
via approssimata, noto lo spostamento del punto di controllo dk possibile definire lo
spostamento spettrale equivalente con riferimento agli spostamenti virtuali valutati sulla
configurazione iniziale:


 
,
'  '(


,( 
 
,

dove n, m, Pi , x,i sono definiti come sopra e x,k lo spostamento virtuale orizzontale del
punto k, assunto come riferimento per la determinazione dello spostamento dk.

Nel caso in cui la curva presenti un andamento lineare (C8A.4.2), fatto che si verifica quando
le diverse azioni vengono mantenute costanti, la curva di capacit assume la seguente
espressione:

"  " )1  ' ' ,

dove: d0* lo spostamento spettrale equivalente corrispondente allo spostamento dk,0.[]

Noto la curva di capacit (figura 7.2) riferita ad un oscillatore semplice si pu procedere al


confronto dei parametri con dei livelli limite definiti a seconda della tipologia di struttura e al
sito in cui posta.

0.40
a0*
0.30
a* [g]

0.20

0.10
d0*
0.00
0 0.005 0.01 0.015 0.02 0.025 0.03 0.035 0.04 0.045 0.05
d* [m]

Figura 7.2: Esempio di curva di capacit di un sistema ad un grado di libert

- 42 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Le tipologie di verifica delle struttura sono rivolte al controllo dello stato limite di danno e
allo stato limite di salvaguardia della vita. Tali verifiche sono espresse dalla normativa al
paragrafo C8A.4.2.3 come segue:

 Stato limite di danno

La verifica di sicurezza nei confronti dello Stato limite di danno soddisfatta qualora
laccelerazione spettrale di attivazione del meccanismo sia superiore all'accelerazione di
picco della domanda sismica.

Nel caso in cui la verifica riguardi un elemento isolato o una porzione della costruzione
comunque sostanzialmente appoggiata a terra, laccelerazione di attivazione del
meccanismo viene confrontata con laccelerazione al suolo, ovvero lo spettro elastico
definito nel 3.2.6, valutato per T=0:

" - ". )/0 , 2

dove:

- ag funzione della probabilit di superamento dello stato limite scelto e della vita di
riferimento come definiti al 3.2 delle NTC;

- S definito al 3.2.3.2.1 delle NTC.[]

Il significato di tale verifica consiste in breve nel garantire la non attivazione del meccanismo
di rottura nella struttura sollecitata da un sisma con un determinato tempo di ritorno.

 Stato limite di salvaguardia della vita

La verifica allo Stato limite di salvaguardia della vita dei meccanismi locali, pu essere
svolta con uno dei criteri seguenti.

1) Verifica semplificata con fattore di struttura q (analisi cinematica lineare).

Nel caso in cui la verifica riguardi un elemento isolato o una porzione della
costruzione comunque sostanzialmente appoggiata a terra, la verifica di sicurezza
nei confronti dello Stato limite di salvaguardia della vita soddisfatta se
l'accelerazione spettrale a0* che attiva il meccanismo soddisfa la seguente
disuguaglianza:

". )/0 , 2
" -
3

in cui ag funzione della probabilit di superamento dello stato limite scelto e della
vita di riferimento come definiti al 3.2 delle NTC, S definito al 3.2.3.2.1 delle
NTC e q il fattore di struttura, che pu essere assunto uguale a 2.0.

- 43 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

2) Verifica mediante spettro di capacit (analisi cinematica non lineare)

La verifica di sicurezza dei meccanismi locali nei confronti dello Stato limite di
salvaguardia della vita consiste nel confronto tra la capacit di spostamento ultimo
du* del meccanismo locale e la domanda di spostamento ottenuta dallo spettro di
spostamento in corrispondenza del periodo secante Ts. Definito lo spostamento
ds*=0,4du* ed individuata sulla curva di capacit (vedi paragrafo Analisi
cinematica non lineare) l'accelerazione as*, corrispondente allo spostamento ds* ,
il periodo secante calcolato come:

'5
45  278
"5

La domanda di spostamento d(Ts) sar cos ottenuta:[] nel caso in cui la verifica
riguardi un elemento isolato o una porzione della costruzione comunque
sostanzialmente appoggiata a terra, la verifica di sicurezza nei confronti dello Stato
limite di salvaguardia della vita si considera soddisfatta se:

'9 - 2:; )45 ,

dove SDe lo spettro di risposta elastico in spostamento, definito al 3.2.3.2.2 delle


NTC.

Il significato della prima verifica allo stato limite di collasso consiste nel garantire una certa
resistenza alle azioni a cui soggetta la struttura considerando una certa duttilit.

possibile curva di capacit determinando il picco di resistenza )"5 ; '5 , e la relativa rigidezza
Nel secondo caso invece la normativa va a dare delle indicazioni sulla costruzione di una

residua del sistema che permette la valutazione del periodo proprio della struttura Ts. Questo
permette di determinare lo spostamento richiesto dallo spettro e confrontarlo con lo
spostamento ultimo del cinematismo (figura 7.3).

- 44 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Differenza tra capacit e domanda


di spostamento

1.0

0.9 Curva di capacit


Curva di capacit NTC
a* [g]

0.8 Curva di domanda


0.7 SDe(Ts)
a0*
0.6
as*;ds*
0.5

0.4
du*
0.3
PGA/q
0.2

0.1
d0*
0.0
0 0.01 0.02 0.03 0.04 0.05 0.06 0.07 0.08 0.09
d* [m]
Differenza tra laccelerazione
resistente e sollecitante per
Figura 7.3: Esempio di confronto tra capacit e domanda di spostamento
lattivazione del cinematismo

Se tutte le verifiche riportate risultano soddisfatte si pu dire che la struttura in muratura


presenta un certo grado di sicurezza nei riguardi delle sollecitazioni a cui pu essere
assoggettata durante la sua vita.

- 45 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

8 ANALISI CINEMATICA DEI PONTI MONOCAMPATA

La caratterizzazione del cinematismo della struttura per il calcolo del moltiplicatore critico,
passa per la definizione della posizione delle cerniere di cui questo composto. Infatti, uno
dei problemi della determinazione del moltiplicatore cinematico rappresentato dal fatto che
questo viene ricavato facendo riferimento allanalisi limite ed in particolare al limite
superiore. perci fondamentale determinare il cinematismo che fornisca il valore minimo
del moltiplicatore, garantendo contemporaneamente una soluzione staticamente ammissibile.
Per tali motivi la determinazione del cinematismo deve essere fatta passando da una
risoluzione di tipo statico della struttura. Tale soluzione pu essere facilmente rappresentata
attraverso la cosiddetta curva delle pressioni a cui soggetta la struttura.

8.1 COSTRUZIONE DEL CINEMATISMO DI COLLASSO

8.1.1 Definizione di curva delle pressioni


La curva delle pressioni una linea che rappresenta punto per punto la posizione della
risultante dello sforzo di compressione della sezione. Da questa affermazione si pu
facilmente capire come la correlazione tra curva delle pressioni e il momento agente sulla
sezione sia molto stretta. Infatti leccentricit dellapplicazione del carico direttamente
proporzionale al momento applicato sulla sezione.

Immaginando di prendere in considerazione una sezione particolare e pensando di spostare


la curva delle pressioni e quindi lo sforzo normale agente via via verso lesterno si possono
osservare i diversi comportamenti della sezione. Nellapplicazione seguente applicazione e
per tutte le successive saranno applicate le ipotesi di Heyman che affermano:

1) resistenza a trazione nulla,


2) resistenza a compressione della muratura virtualmente infinita,
3) non si verifica lo scorrimento dei giunti dellarco luno rispetto allaltro.

La prima ipotesi formulata per semplificare il problema e risulta a favore della sicurezza,
la seconda ipotesi si basa sulla constatazione che il collasso di una struttura in muratura, a
causa del basso livello degli sforzi presenti, non dovuto allo schiacciamento di alcuni
elementi, ma allapertura di fessure e alla formazione di un meccanismo. Con la terza ipotesi
si suppone che il coefficiente di attrito tra i conci sia sufficientemente elevato o che le pietre
siano ben interconnesse tra loro.

Ritornando allanalisi del comportamento della sezione (figura 8.1), si pu osservare che
con lo sforzo normale applicato al centro la sezione risulta interamente compressa con una
curvatura nulla della sezione. A piccoli spostamenti della curva delle pressioni si osserva una
variazione della distribuzione delle tensioni che porta alla nascita di un momento flettente che
va a generare una piccola curvatura della sezione. La sezione rimane comunque interamente
reagente.

- 46 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Oltrepassata la posizione del nocciolo centrale dinerzia si pu osservare che una porzione
della struttura risulta tesa. Questo significa che immaginando di trascurare la resistenza a
trazione la sezione inizia a parzializzarsi. Leccentricit del carico pu aumentare sino al
raggiungimento del bordo della sezione. In questo istante la capacit di rotazione della
sezione passa istantaneamente ad un valore indeterminato.

a) Stato tensionale dellarco b) Arco soggetto a sforzo c) Stato tensionale nellarco


soggetto a sforzo normale normale nel bordo del durante la formazione del
centrato nocciolo centrale dinerzia cinematismo

d) Cerniera plastica al limite del e) Curva delle pressioni esterna alla


collasso. (situazione ammissibile sezione. La capacit di resistenza
con le ipostesi di Heyman) nulla

Figura 8.1: Stati tensionali all'interno dello spessore dell'arco

Nellanalisi dei cinematismi si presa in considerazione una rigidezza infinita dei blocchi.
Questo permette di analizzare con una certa facilit la struttura, infatti si pu affrontare il
problema della determinazione della posizione delle cerniere del cinematismo studiando la
struttura nella sua configurazione iniziale. Questa anche se non rappresenta una situazione
realistica accettata, in quanto la rigidezza strutturale data dalla forma dellarco comunque
elevata ed inoltre il valore del moltiplicatore che si va a ricavare a spostamento nullo.
Quindi analizzando levoluzione del meccanismo allaumentare dello spostamento si pu
stimare il reale moltiplicatore allo spostamento ultimo della struttura.

- 47 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Detto ci sfruttando la curva delle pressioni si pu andare a definire la pi probabile


localizzazione delle cerniere nei punti in cui la curva delle pressioni risulta tangente al bordo
della sezione.

8.1.2 Costruzione della curva delle pressioni


La costruzione della curva delle pressioni della struttura passa per la definizione precisa
della posizione dei carichi effettivi e della geometria della struttura. Fatto ci si deve andare a
costruire il poligono funicolare dei carichi agenti ricostruendo attraverso questo la geometria
della curva nellarco.

La geometria della struttura stata schematizzata suddividendo larco in conci verticali


(figura 8.2). La zona nellintradosso stata suddivisa in sottoelementi in base allangolo .
Facendo ci la parte rappresentante lintradosso pu essere discretizzata in modo che i carichi
verticali siano allineati in modo da rendere molto pi veloce lindividuazione della risultanti.
Cos facendo la struttura presenta ulteriori due conci, rappresentanti le zone sopra le spalle
che saranno calcolate a parte, ma che comunque entrano in gioco nella costruzione del
poligono funicolare.

Figura 8.2: Schematizzazione della geometria della struttura per la costruzione della curva delle pressioni

Con tale schematizzazione strutturale molto facile inserire dei carichi esterni di qualsiasi
forma siano essi puntuali o distribuiti. Nel caso dei carichi concentrati per semplicit
andranno applicati al concio di appartenenza come distribuito nella piccola area superficiale
del concio.

Per ogni singolo elemento si deve andare a determinare il peso del volume di riempimento
ed il peso proprio dellarco. Questi contributi definiscono la quota parte del carico verticale

- 48 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

agente, che sommato alla forza esterna va a definire il carico verticale che si trasferisce concio
per concio allintera struttura.

Per gestire il comportamento sotto azioni sismiche si considerato di applicare ai pesi propri
e portati il moltiplicatore dei carichi, il quale andr a definire linclinazione della retta
dazione di carichi.

Figura 8.3: Somma dei carichi agenti sul concio

La risultante dei carichi stata fatta semplicemente come una somma di vettori (figura 8.3).
Questo possibile grazie alla forma con cui stato suddiviso larco infatti ogni sottoparte
presenta i baricentri dei carichi praticamente allineati.

Figura 8.4: Posizionamento finale delle forze sollecitanti l'arco

- 49 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Eseguite questa operazione per ogni concio si pu andare a costruire il poligono funicolare.
Tale costruzione geometrica rappresenta un vero e proprio solutore della struttura, infatti
permette di risolvere completamente il problema determinando le reazioni vincolari ai lati e le
sollecitazioni in tutte le sezioni della struttura. Tutte le potenzialit di questa risoluzione sono
per vanificate dalla indeterminazione intrinseca del sistema. Questa indeterminazione nasce
dal fatto che la risoluzione del problema necessita dellindividuazione della posizione di un
punto caratteristico detto polo del poligono.

Figura 8.5: Costruzione del poligono funicolare

La posizione del polo definita dalle coordinate xP e yP relative al sistema di riferimento con
cui stato costruito il sistema di forze. Il problema descritto nel piano risulta doppiamente
indeterminato. Nel caso specifico la posizione del polo determinata per tentativi. Questo
reso possibile grazie alla costruzione del problema in un foglio elettronico, per mezzo del
quale possibile ridefinire facilmente di volta in volta il problema. Assunta nota la posizione
del polo il problema si risolve descrivendo le congiungenti delle forze al polo (figura 8.5).
Tali rette rappresentano la risultante degli sforzi di compressione agenti sulla sezione di
confine tra concio e concio. Tali sforzi sono rappresentati nel poligono come vettori in cui
nota la direzione e lintensit ma non si conosce il reale punto di applicazione.

Il passo successivo quello di riportare le rette costruite nel poligono nella sezione reale
della struttura (figura 8.6). Prendendo in via esemplificativa la retta i-1 riportata nellesatta
posizione nello spessore dellarco la si fa intersecare con la retta di applicazione della forza
agente sul concio i. A questo punto nellintersezione tra le due rette si fa partire la nuova retta
i, che va a rappresentare la risultante delle compressioni, tra il concio i e i+1.
Allintersezione con la retta di applicazione della forza i+1 si va ad individuare la nuova
direzione della risultante delle pressioni. Questa operazione va eseguita per tutti i conci
andando a definire una spezzata rappresentante per lappunto la curva delle pressioni.

- 50 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Figura 8.6: Costruzione della curva delle pressioni nello spessore dell'arco

Un altro problema nella costruzione della curva delle pressioni dato dal fatto che, per il suo
posizionamento necessario definire un punto di partenza, il che costituisce unaltra
indeterminazione del problema statico. Nel caso dellarco la notevole esperienza nelle
modalit di rottura garantita da prova sperimentali ed elaborazioni numeriche, permette di
individuare allinterno della struttura almeno un punto in cui si praticamente sicuri della
formazione della cerniera plastica. Nel caso di sismico, ad esempio, si evidenzia la
formazione di una cerniera plastica sempre allimmorsamento dellarco nella spalla nel lato
opposto alla direzione della sollecitazione. Queste considerazioni permettono di costruire una
curva delle pressioni realistica del comportamento strutturale.

8.1.3 Esempi di curve delle pressioni


Saranno ora trattati degli esempi realistici in cui si andr a costruire la curva delle pressioni
per verificare la bont del metodo utilizzato.

8.1.3.1 Arco soggetto a carico uniforme verticale


Nella seguente applicazione si andr a caricare la struttura con un carico uniforme verticale
in modo da simulare il comportamento a rottura per collasso sotto carichi statici allo stato
limite ultimo. In questo caso la struttura caricata dal peso proprio strutturale e dal
riempimento. Come si vede dalla figura 8.7 il cinematismo della struttura si attiva attraverso
la formazione di cinque cerniere plastiche. Quindi una in pi del numero minimo necessario
alla formazione di un cinematismo qualsiasi. Questo particolare caso, infatti, presenta una
forte simmetria nei carichi e nella geometria che si ripercuote sul fatto che i punti in chiave
possono muoversi solo nella loro verticale. La presenza di pi cerniere del necessario
dimostra la forte capacit di questa struttura di resistere a carichi verticali simmetrici.

La costruzione della curva delle pressioni in questo caso presenta un grado di


indeterminazione in meno. Infatti, la simmetria del problema ci permette di capire che le

- 51 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

reazioni vincolari agli incastri sono uguali, il che permette di conoscere a priori la coordinata
yP del polo.

4.0

3.5 C
3.0

2.5

2.0

1.5
B D
1.0

0.5 A
E
0.0
-0.5 0.0 0.5 1.0 1.5 2.0 2.5 3.0 3.5 4.0 4.5 5.0 5.5 6.0 6.5 7.0

Figura 8.7: Curva delle pressioni per l'arco caricato da un carico distribuito verticale

La forma del cinematismo paragonabile a quella che si determina sperimentalmente e


studiata da molti autori.

Forze orizzontali [kN]


-80

-60

-40

-20

20
0

-20

-40

-60

-80

-100
Forze verticali [kN]

-120
Polo
-140

-160

-180

-200

-220

-240

-260

-280

-300

-320

Figura 8.8: Rappresentazione del poligono funicolare relativo al carico distribuito verticale

- 52 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

8.1.3.2 Arco soggetto a carico concentrato applicato a L/4


Altro caso importante e molto studiato quello dellarco soggetto ad un carico concentrato
applicato a L/4.

4.0
F
3.5

3.0
B
2.5

2.0
C
1.5
A
1.0

0.5
D
0.0
-0.5 0.0 0.5 1.0 1.5 2.0 2.5 3.0 3.5 4.0 4.5 5.0 5.5 6.0 6.5 7.0

Figura 8: Arco soggetto a carico concentrato posizionato a L/4

Forze orizzontali [kN] Questo rappresenta il caso pi sfavorevole dal punto di


-60

-40

-20

vista statico in quanto la condizione di simmetria va ad


20
0

0
annullarsi instaurando delle condizioni per cui il
-20 cinematismo si attiva con sollecitazioni relativamente basse.
-40
Dalla figura 8.9 si vede come il cinematismo si attiva con
-60 la formazione di quattro cerniere, numero minimo
-80
necessario per rendere labile il sistema. Dalla curva delle
pressioni si osserva che il metodo utilizzato riesce a cogliere
Forze verticali [kN]

-100
leffetto della singolarit del punto in cui applicata la
Polo
-120 sollecitazione. Si vede infatti che al di sotto del carico la
curva delle pressioni presenta una variazione brusca di
-140
curvatura assimilabile ad una cuspide. La causa di questo la
-160 si vede bene nella costruzione del poligono funicolare
-180 (figura 8.10) in quanto lentit della sollecitazione
concentrata notevole rispetto a quelle distribuite
-200
generando una forte variazione della pendenza delle rette
-220 prima e dopo il carico. Anche in questo caso la soluzione
-240 ritrovata assimilabile a quella ottenuta sperimentalmente
infatti si nota come una delle cerniere plastiche si forma al
-260
di sotto del carico concentrato.
Figura 8.10: Poligono funicolare relativo
al caso di carico concentrato

- 53 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

8.1.3.3 Arco soggetto ad accelerazione sismica orizzontale


A questo punto si pu provare il metodo di costruzione della curva delle pressioni per un
arco soggetto ad un accelerazione orizzontale che va ad agire sulle masse costituenti la
struttura e il riempimento del ponte (figura 8.11).
4.0

3.5 B
3.0

2.5

2.0
A C
1.5

1.0

0.5
D
0.0
-0.5 0.0 0.5 1.0 1.5 2.0 2.5 3.0 3.5 4.0 4.5 5.0 5.5 6.0 6.5 7.0

Figura 8.11: Arco soggetto ad accelerazione sismica orizzontale

Forze orizzontali [kN]


Anche in questo caso si osserva che il cinematismo si
-40

-20

20

40
0

0 pu formare con il numero minimo di cerniere e quindi


con energia minima. Il cinematismo in questo caso in
-20
qualche modo assimilabile a quello che si forma per un
-40 carico concentrato. La presenza di sforzi orizzontali la si
riscontra nella costruzione del poligono funicolare dove si
-60
pu notare linclinazione delle forze agenti sul concio
-80 (figura 8.12).
Forze verticali [kN]

Polo
-100

-120

-140

-160

-180

-200

-220

Figura 8.12: Poligono funicolare relativo


all'arco soggetto ad accelerazione sismica
orizzontale

- 54 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

8.1.3.4 Arco soggetto ad accelerazione sismica orizzontale con carico verticale distribuito.
In questo caso si presa in considerazione la struttura soggetta ad un carico distribuito
verticale agente su met arco in concomitanza di unaccelerazione sismica agente sulle masse
della struttura (figura 8.13).

3.0

2.5

2.0 B
1.5
C
1.0

0.5
D
0.0 A
-0.5 0.0 0.5 1.0 1.5 2.0 2.5 3.0 3.5 4.0 4.5 5.0 5.5 6.0 6.5 7.0

Figura 8.13: Arco soggetto ad accelerazione sismica orizzontale con carico da treno su met campata

Forze orizzontali [kN]


-40

-20

Si pu notare come anche in questo caso


20

40

60

80
0

0
la struttura va a formare un cinematismo
-20
con quattro cerniere. La differenza sta nel
fatto che la curva delle pressioni nella
-40 parte al di sotto del carico presenta una
curvatura maggiore, data dalla maggiore
-60
intensit delle forze verticali. Questo lo si
-80 nota facilmente dal poligono funicolare
Forze verticali [kN]

(figura 8.14), dove si vede che le forze


-100 nella prima met dellarco sono molto
Polo meno inclinate che nella seconda met.
-120

-140

-160

-180

-200

-220

Figura 8.14: Poligono funicolare relativo al caso di


accelerazione orizzontale e carico verticale su met
campata

- 55 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

8.1.4 Confronto con soluzioni esistenti


Per validare la curva delle pressioni costruita attraverso il foglio elettronico saranno ora
confrontate le posizioni delle cerniere ricavate con quelle calcolate da Clemente (1998), il
quale ha ottenuto attraverso analisi sperimentali la forma dei cinematismi di diversi archi.

rapporto =/> e dellangolo di apertura .


Esso ha descritto i suoi risultati attraverso un grafico adimensionale costruito in funzione del

Saranno ora calcolate le posizioni delle cerniere per due diversi archi per poter garantire il
funzionamento del sistema nelle diverse situazioni.

 Arco n1: s/R=0,15 e =180

Il primo arco rappresenta il tipico esempio di un arca a tutto sesto con uno spessore
medio. Nellesempio sono state calcolate le posizioni delle cerniere plastiche e
confrontate con quelle definite da Clemente

4.0
B

BC B  0,116
3.0

A
BF B  0,453M
2.0

@BJ B  0,793
C
? B: B  1,000
1.0 A
D
0.0
-1.0 0.0 1.0 2.0 3.0 4.0 5.0 6.0 7.0 8.0
Di seguito (figura 8.15) si riportato il grafico di clemente nel quale si entra attraverso i
parametri s/R e .

Figura 8.15: Grafico di Clemente (1998) per il posizionamento delle cerniere

- 56 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Le posizioni delle cerniere ottenute dal grafico di clemente sono:

BC B  0,12
A
BF B  0,45M
@BJ B  0,79
? B: B  1,00

 Arco n2 s/R=0,07 e =90

Un secondo esempio riguarda un arco a sesto molto ribassato e spessore relativamente


basso rispetto al raggio. Questo esempio pu presentare delle criticit a causa
dellelevata resistenza ai carichi orizzontali che genera una forte inclinazione delle rette
di applicazione dei carichi.

La posizione delle cerniere ottenute dalla curva delle pressioni :

B B  0,000
A C
BF B  0,219M
2.0

@BJ B  0,693
? B: B  1,000
1.0
B
C
A D
0.0
-1.0 0.0 1.0 2.0 3.0 4.0 5.0 6.0 7.0

Di seguito (figura 8.16) si riportato il grafico di clemente nel quale si entra attraverso i
parametri s/R e

Figura 8.16: Grafico di Clemente (1998) per il posizionamento delle cerniere

- 57 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Le posizioni delle cerniere ottenute dal grafico di clemente sono:

BC B  0,00
A
BF B  0,21M
@BJ B  0,69
? B: B  1,00

Dalle due applicazioni si pu osservare come la metodologia utilizzata per il calcolo


delle cerniere plastiche presenta una sufficiente precisione. Infatti, lerrore che si
riscontra tra i due dell1,8% generato in gran parte dallapprossimazione nella lettura
del dato dal grafico.

Si pu perci affermare che, il modello utilizzato per lanalisi del cinematismo


corretto nei riguardi del comportamento sotto carichi orizzontali. Il grosso vantaggio in
questo caso sta nella versatilit del processo potendo, infatti, analizzare in maniera
semiautomatica qualsiasi tipologia di condizione di carico e geometria con una buona
precisione. Uno dei difetti dellutilizzo del grafico, infatti, sta nel fatto che per
migliorarne la comprensione descrive solo alcune geometrie strutturali e non tiene in
conto della presenza di eventuali carichi esterni.

- 58 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

8.2 CALCOLO DEL MOLTIPLICATORE CRITICO


Lanalisi dellarco passa per la definizione del meccanismo di collasso, quindi la descrizione
del cinematismo essenziale e rappresenta lossatura del modello meccanico per poter
rappresentare gli spostamenti virtuali di tutto il sistema.

Figura 8.17: Cinematismo dell'arco a spalle rigide

Figura 8.18: Cinematismo dell'arco quando coinvolge le spalle

Questo di facile costruzione, infatti necessita del posizionamento delle sole quattro
cerniere in un piano cartesiano. Note queste si determina la posizione del centro istantaneo di
rotazione. Questo si determina considerando lintersezione della retta passante per le cerniere
A e B e la retta passante per le cerniere C e D.

>$NN" O"=="PN$ O$ Q $ R T  UCF V 3CF


TF  TC
WXY$: UCF  ; 3CF  TC  UCF VC
VF  VC

>$NN" O"=="PN$ O$ W $ # T  UJ: V 3J:


T:  TJ
WXY$: UJ:  ; 3J:  TJ  UJ: VJ
V:  VJ
U
3CF  3J: UCF [X  3J:
[X  U
J:
; \X 
1  UCF UJ:
J:

- 59 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Ovviamente, come mostrato nelle figure 8.17 e 8.18, bisogna fare molta attenzione alla
tipologia di cinematismo utilizzato. Infatti, bisogna considerare la possibilit che il
movimento delle masse possa coinvolgere altre strutture adiacenti generando un meccanismo
pi debole del solo arco.

Nel caso dei ponti monocampata la distinzione tra le due tipologie di rottura, viene fatta in
funzione della snellezza delle spalle, rispetto alla luce. Questo perch prendendo in
considerazione la spalla, come una mensola incastrata alla base, con una forza orizzontale
applicata in sommit, questa presenter un momento massimo alla base, proporzionale
allaltezza della stessa spalla. Se laltezza sufficiente, si pu arrivare ad una condizione in
cui leccentricit del carico alla base della spalla crea una cerniera plastica, ancora prima che
si formi sullarco. Questa per lappunto la situazione in cui il cinematismo non coinvolge
pi il solo arco, ma va ad interessare entrambe la spalle. Solitamente la distinzione tra i casi
risulta la seguente:

Spalle alte se ] - 0,75


Spalle rigide se ] ^ 0,75
-
-

Tali condizioni sono per puramente indicative. necessario perci verificare lipotesi
adottata con la verifica delle spalle eseguibile solo dopo la risoluzione del comportamento
longitudinale.

Note tutte le posizioni dei centri di rotazione, si pu andare a definire il legame tra le diverse
rotazioni sfruttando delle semplici relazioni geometriche (figura 8.19). Infatti, per la
definizione delle rotazioni si sfruttata lipotesi delle piccole rotazioni e piccoli spostamenti.
Questo permette di semplificare notevolmente le relazioni confondendo la tangente e il seno
dellangolo con langolo stesso.

Con riferimento al diagramma


degli spostamenti verticali:

QR Rq

pCF prF

q# #W

prF p:J

Figura 8.19: Cinematismo dell'arco con relativi spostamenti

- 60 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Per la definizione del moltiplicatore critico questa semplificazione non ha un significativo


impatto sul suo valore, stessa cosa non si pu dire per la determinazione delle caratteristiche
geometriche al collasso, dove gli spostamenti e soprattutto le rotazioni sono tuttaltro che
infinitesime. Per la determinazione della geometria a rottura, perci, si sfruttato un
procedimento a passi, seguendo levoluzione del cinematismo applicando piccoli incrementi
di spostamento sino al raggiungimento del collasso.

Figura 8.20: Evoluzione dello spostamento analizzato per piccoli passi successivi

Definita lossatura del cinematismo si pu andare ad individuare tutta la parte geometrica di


dettaglio quale larco e il riempimento. Questo viene fatto suddividendo i blocchi omogenei di
arco in conci (figura 8.21). Da questi vengono poi definiti i conci di riempimento come
mostrato di seguito.

Figura 8.21: Suddivisione della struttura per conci

- 61 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

- Caratteristiche conci arco:

 B
V   > sin u  B v
t 2 2 M
B
T  > cos u  B v  )>  w,
2

xyzy z  = > B

- Caratteristiche riempimento:

 = B
V| 
 }> ~ sin u  B v
t 2 2 2 M
= B B 1 = B B
T|  }> ~ cos u  B v  > cos u v Tz  }> ~ cos u  B v  > cos u v
2 2 2 2 2 2 2
B = B = B
x| ;  Tz > cos u v  }> ~ cos u  B v }>  ~ B cos u  B v
2 2 2 2 2

Definita la struttura in dettaglio, in modo che il sistema di coordinate coincida con quello
individuato per lossatura del cinematismo, si passato alla definizione degli spostamenti
virtuali di ogni parte della struttura, in modo da poter determinare i lavori virtuali compiuti
dalle forze verticali e alle forze orizzontali.


V  )T  TC ,
pCF M
Tronco AB 

T  )V  VC ,
pCF


V  )Tr  T ,
prF M
Tronco BC 

T  )Vr  V ,
prF


V  )T  T: ,
p:J M
Tronco CD 

T  )V  V: ,
p:J

A questo punto si pu passare allapplicazione del principio dei lavori virtuali, per la
determinazione del moltiplicatore dei carichi statici che garantiscono lequilibrio come
definito da normativa.

;  

Scrivendo i singoli contributi:

   

  
,  
,    
,   
  
   

- 62 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

E distinguendo I lavori delle forze verticali da quelle orizzontali:

 )r ,  /    0

Il moltiplicatore dei carichi si pu riscrivere come:

/
 
r

8.3 CALCOLO SPOSTAMENTO ULTIMO


Oltre al moltiplicatore bisogna determinare lo spostamento ultimo del sistema. Questo pu
essere determinato imponendo nullo il lavoro delle forze verticali ad un piccolo incremento di
spostamento. Tale operazione coincide con la determinazione del punto in cui lenergia
potenziale delle masse costituenti il ponte massima. In alcuni casi, per, il collasso pu
avvenire prima del raggiungimento della massima energia potenziale, in quanto si viene a
creare una condizione di instabilit geometrica del cinematismo (figura 8.22).

Figura 8.22: Schema del cinematismo al raggiungimento del collasso per instabilit geometrica

Per lapplicazione pratica del calcolo dello spostamento ultimo si applicato un metodo
dicotomico che permette di determinare lo zero dellequazione che esprime il lavoro delle
forze verticali.

Il metodo dicotomico richiede che il punto cada allinterno di un determinato intervallo


[a;b], ad ogni iterazione lampiezza dellintervallo viene dimezzata fino a che si arriva al
valore cercato.

In generale non ci si pu aspettare di trovare la radice esatta dellequazione, di conseguenza


il procedimento si arresta quando raggiunta una determinata tolleranza.

- 63 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Si riportano di seguito i grafici relativi allandamento del lavoro delle forze esterne (figura
8.23), e allenergia potenziale (figura 8.24) del sistema allaumentare dello spostamento del
punto di controllo relativo ad un caso di studio (Lnetta=4m; s/R=0,083; =123,86).

La costruzione dei grafici relativi allandamento del lavoro stata fatta valutando al variare
dello spostamento il lavoro necessario per compiere un piccolo incremento di rotazione.
Questo possibile grazie alla conformazione del foglio elettronico costruito, che permette di
calcolare il lavoro delle forze agenti sul sistema ad ogni spostamento. Questa funzione stata
inserita per la determinazione dello spostamento ultimo, infatti come precedentemente scritto
la condizione di collasso si ha per lannullamento del lavoro delle forze verticali.

lavoro necessario per incrementare di


la rotazione del tronco rigido. Perci, definendo un
Quindi definito lo spostamento impresso come rotazione del tronco AB si determina il

range di rotazioni impresse si determinano i relativi lavori dai quali si pu estrapolare il


comportamento energetico della struttura.

Dalla figura 8.23 si evince come il lavoro da compiere per incrementare lo spostamento
vicino alla configurazione di equilibrio stabile basso, andando poi a incrementare sino a
raggiungere un punto in cui massimo. Successivamente il lavoro necessario diminuisce
progressivamente, finch non si annulla in corrispondenza del punto di equilibrio instabile. In
questo punto, infatti, si ha un incremento di spostamento a forza costante il che corrisponde
alla definizione di collasso strutturale.

0.4
0.3
Lavoro delle forze verticali [kNm]

Punto in cui lequilibrio


0.2 diventa instabile

0.1
0
0 0.05 0.1 0.15 0.2 0.25 0.3 0.35 0.4 0.45 0.5 0.55 0.6
-0.1
-0.2
-0.3
-0.4
-0.5
-0.6
Rotazione tronco AB [rad]

Figura 8.23: Lavoro necessario per incrementare lo spostamento di x

Dal grafico relativo ai lavori interessante ricavare landamento dellenergia potenziale.


Questa la si pu determinare calcolando il lavoro totale necessario per generare lintero
spostamento. Assumendo come riferimento per lenergia potenziale la posizione di equilibrio
iniziale si pu affermare che lenergia potenziale del sistema al variare dello spostamento
pari al lavoro necessario per muovere le masse del sistema. Detto ci il calcolo dellenergia

- 64 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

potenziale determinabile come integrazione dei lavori incrementali allaumentare dello


spostamento.


),  ' 


 

Dallandamento della curva dellenergia potenziale, si pu notare come landamento


dellenergia rispecchia le affermazioni fatte sulle posizioni di equilibrio stabile ed instabile. Si
pu vedere come a spostamento nullo lenergia presenta una condizione di minimo, andando
ad aumentare con allaumentare dello spostamento. Questo avviene sino al raggiungimento di
un altro punto singolare, in cui lenergia raggiunge un punto di massimo.

0.2
Energia potenziale delle masse del ponte

0.18
0.16
0.14
0.12
Punto in cui lequilibrio
[kNm]

0.1 diventa instabile


0.08
0.06
0.04
0.02
0
0 0.05 0.1 0.15 0.2 0.25 0.3 0.35 0.4 0.45 0.5 0.55 0.6
Rotazione tronco AB [rad]

Figura 8.24: Energia potenziale delle masse associate al ponte al variare della
rotazione del tronco AB

Raggiunta tale posizione, la struttura si trova in una nuova condizione di equilibrio, dove ad
un piccolo incremento di spostamento la struttura inizia a muoversi, senza opporre resistenza,
situazione questa per lappunto definibile come equilibrio instabile (incremento di
spostamento a forza costante).

Noto lo spostamento ultimo, si pu arrivare a rappresentare lintero processo con cui larco
arriva dalla posizione iniziale di stabilit al collasso finale. Tale costruzione stata fatta
rappresentando levoluzione del cinematismo nei diversi incrementi di spostamento adottati.

- 65 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

2.0

1.5

1.0

0.5

0.0
0.0 0.5 1.0 1.5 2.0 2.5 3.0 3.5 4.0

2.0

1.5

1.0

0.5

0.0
0.0 0.5 1.0 1.5 2.0 2.5 3.0 3.5 4.0 4.5 5.0

Figura 8.25: Esempi di evoluzione dello spostamento sino al collasso per diverse
geometrie di ponti a spalle rigide

2.0

1.0

0.0

-1.0

-2.0

-3.0

-4.0

-5.0
-1.0 0.0 1.0 2.0 3.0 4.0 5.0 6.0

Figura 8.26: Esempio di evoluzione dello spostamento sino al collasso per un ponte a spalle snelle

Come si vede dai grafici in questi casi la rottura avviene per il raggiungimento di una
posizione di equilibrio instabile dal punto di vista energetico, poich lallineamento delle
cerniere A B e C non si raggiunge.

- 66 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

8.4 CONFRONTO CON SOLUZIONI ESISTENTI


A questo punto, si definito un processo semiautomatico che permette il calcolo delle
caratteristiche dinamiche della struttura soggetta ad unaccelerazione sismica orizzontale e a
carichi verticali si qualsiasi forma. Tale processo deve essere confrontato con delle soluzioni
esistenti per poter essere validato. Nel caso specifico, come fatto per il posizionamento delle
cerniere plastiche, si pu far riferimento alle soluzioni ricavate da Clemente [7] relative a
ponti ad arco in cui il cinematismo non coinvolge le spalle e privi di carichi esterni. Per
confrontare i risultati si sono presi in considerazione diversi archi, in modo da avere un
confronto diretto con i risultati grafici relativamente allintera panoramica delle possibili
geometrie.

I confronti saranno eseguiti verificando tutte le componenti necessarie per la definizione del
cinematismo. Saranno perci paragonate dapprima le posizioni delle cerniere, per poi
verificare i valori dei diversi moltiplicatori dei carichi e la rotazione ultima del tronco AB che
definisce lo spostamento ultimo.

Di seguito (figura 8.27) si riportano schemi statici e una tabella relativa ai casi presi in
considerazione con i relativi risultati:

Figura 8.27: Schemi statici utilizzati

- 67 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

caratteristiche
n Geometria arco Posizione cerniere
cinematismo
prova
s/R A/ B/ C/ D/ v
1 0,010 45 0,000 0,210 0,695 1,000 0,994 0,051
2 0,020 45 0,000 0,175 0,668 1,000 2,086 0,113
3 0,025 45 0,000 0,141 0,639 1,000 2,670 0,176
4 0,050 90 0,000 0,267 0,724 1,000 0,657 0,097
5 0,080 90 0,000 0,216 0,673 1,000 1,088 0,200
6 0,120 90 0,000 0,161 0,612 1,000 1,896 0,416
7 0,050 125 0,020 0,416 0,787 1,000 0,195 0,026
8 0,100 125 0,000 0,304 0,726 1,000 0,504 0,128
9 0,150 125 0,000 0,263 0,703 1,000 0,780 0,231
10 0,100 155 0,068 0,424 0,777 1,000 0,190 0,040
11 0,150 155 0,000 0,364 0,742 1,000 0,378 0,111
12 0,130 180 0,156 0,471 0,790 1,000 0,081 0,017
13 0,170 180 0,106 0,435 0,778 1,000 0,205 0,054
14 0,200 180 0,060 0,403 0,767 1,000 0,287 0,091

Inserendo i risultati ottenuti nei rispettivi grafici di Clemente si ottengono i confronti con le
soluzioni ricavate attraverso il foglio elettronico.

1.0

0.9
10 12
0.8 7 13 14
11
0.7 1 2 4 8 9
5 6
0.6 3

i/ 0.5
10 12
7 13 14
0.4 11
8
0.3 4
1 5 9
0.2 6 12
3
2 13
0.1 14
7 10
0.0
0.01 0.03 0.05 0.07 0.09 0.11 0.13 0.15 0.17 0.19 0.21
s/R

Figura 8.28:: Confronto posizione delle cerniere con grafico di Clemente (1998)

- 68 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

3
2.5

2 6
2

1.5

5
1 1 9
4
8
0.5 11
13 14
7 10
12
0
0.01 0.03 0.05 0.07 0.09 0.11 0.13 0.15 0.17 0.19 0.21
s/R

Figura 8.27:: Confronto valore del moltiplicatore con grafico di Clemente (1998)

0.5

6
0.4

0.3

v [rad] 9
5
0.2
3
8
4 11 14
2
0.1
13
1 10
7 12
0
0.01 0.03 0.05 0.07 0.09 0.11 0.13 0.15 0.17 0.19 0.21
s/R

Figura 8.30:: Confronto valore della rotazione ultima con il grafico di Clemente (1998)

- 69 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

I confronti con le soluzioni esistenti sono stati fatti inserendo direttamente i risultati ottenuti
nelle curve ricavate da Clemente (1998), come si pu vedere dalle figure 8.28, 8.27 e 8.30.
Dai confronti, si nota che il funzionamento dei diversi cinematismi rispecchia quanto ricavato
dallautore con differenze molto piccole imputabili in gran parte allimprecisione intrinseca
nella lettura dei valori dai grafici. Da ci si pu facilmente concludere che, lanalisi dei ponti
monocampata attraverso il foglio elettronico costruito sufficientemente preciso, nei riguardi
delle soluzioni esistenti. Il grosso vantaggio della soluzione generata attraverso il foglio
elettronico non tanto quello di ritrovare i risultati di Clemente, ma quanto la capacit di
rappresentare la soluzione del problema sotto qualsiasi tipologia di carico agente, sia esso
distribuito o concentrato. Tali condizioni, infatti, sono in grado di modificare in maniera
sensibile le posizioni delle cerniere avendo uninfluenza diretta sulla costruzione della linea
della curva delle pressioni.

8.5ANALISI PONTI MONOCAMPATA SOLLECITATI DA CARICHI DA


TRENO
Vista la capacit del modello costruito di rappresentare strutture di ponti monocampata con
qualsiasi carico applicato pu risultare interessante analizzare linfluenza che eventuali carichi
possono avere sul comportamento cinematico della struttura. Detto ci si proceduto
allesecuzione di una serie casi con variazioni di geometria e condizione di carico. I carichi
applicati sono rappresentati dai treni di carico modello definiti in normativa (NTC08
5.2.2.3.1):

1) Treno di carico LM71 (traffico normale)

2) Treno di carico SW/0 (traffico ferroviario pesante)

3) Treno di carico SW/2 (traffico ferroviario pesante)

- 70 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Essendo il calcolo unanalisi del comportamento in condizione sismiche, i carichi


considerati sono stati moltiplicati per gli opportuni coefficienti di combinazione sismica.
Nella seguente analisi stato considerato il solo carico LM71, in quanto data la luce in genere
ridotta dei monocampata, linfluenza del carico concentrato pi importante rispetto a quella
generata dai carichi pi distribuiti.

Figura 8.31: Schema di applicazione del carico da treno

Lanalisi stata fatta considerando il ponte caricato dal treno LM71 mantenendo la sola
parte di carico concentrato (figura 8.31), condizione sfavorevole dal punto di vista della
sicurezza. Questa operazione permessa dalla normativa:

Il carico distribuito presente alle estremit del treno tipo LM 71 deve segmentarsi al di
sopra dellopera andando a caricare solo quelle parti che forniscono un incremento del
contributo ai fini della verifica dellelemento per leffetto considerato []

La parte di sollecitazione che simula la motrice attraverso i quattro carichi concentrati stata
simulata, in via semplificata, attraverso un carico distribuito. Questo sempre permesso da
normativa considerando una distribuzione dei carichi attraverso le traversine e la successiva
massicciata.

Una prima applicazione stata fatta considerando la risultante del carico LM71 applicata ad
un quarto della luce del ponte, situazione che a prima vista sembra la pi sfavorevole, in
quanto analisi presenti in letteratura evidenziano questa come situazione pi sfavorevole. Si
riporta di seguito il grafico ottenuto per varie aperture dellarco e della luce (figura 8.32). In
questo modo si cercato di rappresentare in via semplificata una grossa variet di ponti.
Parametro invariato il rapporto s/R mantenuto costante e pari a 0,15.

- 71 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

3
f/L=0,25
Moltiplicatore di innesco del cinetismo 0

2.8 Ponte scarico


2.6 Ponte carico LM71
2.4 Luce critica
2.2
2
1.8 f/L=0,30
1.6
1.4 f/L=0,25
1.2
1
0.8
f/L=0,30
0.6
0.4 f/L=0,40
0.2 f/L=0,50
0
0 2 4 6 8 10 12 14 16 18 20 22 24 26 28 30 32 34 36 38 40 42
Luce netta dell'arco [m]

Figura 9: Grafico rappresentante l'andamento dei moltiplicatori al variare della condizione di carico

Dal grafico stata estrapolata una linea ideale rappresentante il confine di separazione tra la
condizione in cui considerare o meno il carico a favore o meno della sicurezza.
sicurezza. Si pu infatti
osservare che a destra della curva di separazione considerare il carico a favore della
sicurezza mentre a sinistra di tale curva consigliabile considerare il carico da treno.

Tale applicazione, che in prima analisi pu essere utile


utile risulta insufficiente,
insufficiente se si inizia a
considerare variabile la posizione del carico. Infatti,
Infatti laffermazione che il carico applicato ad
un quarto della luce valida solo per forze concentrate. Nella seguente analisi si pu
affermare che la condizione in cui il carico da treno pu essere assimilato ad una
sollecitazione concentrata valida solo per ponti con luci notevoli superiori ai 15m.
15

Dopo tali affermazioni, si proceduto ad analizzare il problema in maniera pi completa,


completa
considerando varie posizioni
ioni delle sollecitazioni.

Si riportano di seguito i grafici ricavati analizzando il moltiplicatore dei carichi a0* al


variare della posizione del carico e della luce del ponte con un rapporto s/R=0,1. Per una
maggior comprensione si sono costruiti diversi grafici per ogni rapporto f/L considerato.
Successivamente su ogni grafico stata tracciata una curva di inviluppo delle accelerazioni
critiche, in modo da individuare in maniera grafica il valore del moltiplicatore critico
prescindendo dalla posizione del
d carico da treno.

- 72 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

0.40

0.35

0.30 Scarico
x=1/2L
0.25
x=1/4L
a0* [g]

0.20 x=0
x=-1/4L
0.15 x=-1/2L

0.10 Inviluppo

0.05

0.00
3 6 9 12 15 18 21 24 27 30
Luce L [m]

Figura 8.33:: Moltiplicatore a0* al variare della posizione del carico per ponti f/L=0,5

0.50

0.45

scarico
0.40
x=1/2L
a0* [g]

x=1/4L
0.35
x=0
x=-1/4L
0.30
x=-1/2L
Inviluppo
0.25

0.20
3 6 9 12 15 18 21 24 27 30
Luce L [m]

Figura 8.34: Moltiplicatore a0* al variare della posizione


one del carico per ponti f/L=0,45

- 73 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

0.60

0.55
scarico
0.50 x=1/2L
x=1/4L
a0* [g]

0.45 x=0
x=-1/4L
0.40 x=-1/2L
Inviluppo
0.35

0.30
3 6 9 12 15 18 21 24 27 30
Luce L [m]

Figura 8.35: Moltiplicatore a0* al variare della posizione


ne del carico per ponti f/L=0,40

0.70

0.65
scarico
0.60 x=1/2L
x=1/4L
a0* [g]

0.55 x=0
x=-1/4L
0.50 x=-1/2L
Inviluppo
0.45

0.40
3 6 9 12 15 18 21 24 27 30
Luce L [m]

Figura 8.36: Moltiplicatore a0* al variare della posizione


ne del carico per ponti f/L=0,35

- 74 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

0.90

0.85

scarico
0.80
x=1/2L
a0* [g]

x=1/4L
0.75
x=0
x=-1/4L
0.70
x=-1/2L
Inviluppo
0.65

0.60
3 6 9 12 15 18 21 24 27 30
Luce L [m]

Figura 8.37: Moltiplicatore a0* al variare della posizione del carico per ponti f/L=0,30
f/L=

Analizzando brevemente i grafici (figure 8.33, 8.34, 8.35, 8.36 e 8.37) si mette subito in
evidenza come la condizione analizzata in precedenza solo una delle possibili condizioni di
utilizzo. perci necessario considerare situazioni pi generali.

Di seguito si riportano le equazioni ricostruite nellinviluppo delle accelerazioni:


897 429 29597
w  ^ 9 "    
 0,50 t 250000 6250 200000 M
 199 3419 321
 - 9 "  

 
1666667 500000 2500

925 27 1017
w  ^ 9 "    
 0,45 t 400000 625 12500 M
 157 1577 2597
 - 9 "  

 
3333333 500000 10000

389 761 287


w  ^ 9 "    
 0,40 t 333333 33333 1000 M
 311 479 1869
 - 9 "  

 
5000000 142857 5000

1183 1237 467


w  ^ 9 "    
 0,35 t 2500000 100000 1000M
 231 679 2599
 - 9 "  

 
5000000 250000 5000

21 119 1553
w  ^ 9 "    
 0,30 t 15625 5000 2500 M
 9 49 1419
 - 9 "    
200000 20000 2000

Costruiti i grafici relativi ad ogni rapporto f/L si proceduto a riunire tutte le informazioni in
ununica rappresentazione (figura 8.38), in modo da avere una panoramica completa sul
comportamento delle strutture monocampata al variare della geometria della struttura.

- 75 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

0.80
f/L=0,30

0.70

0.60 f/L=0,35

0.50
f/L=0,40
a0* [g]

0.40
f/L=0,45

0.30
f/L=0,50

0.20

0.10 Ponte carico LM71


Ponte scarico

0.00
3 6 9 12 15 18 21 24 27 30
Luce L [m]

Figura 8.38:: Confronti tra i moltiplicatori dei carichi per ponti scarichi e caricati da treno LM71

In particolare, dallunione di tutti i dati si pu osservare che,


che in generale la condizione pi
sfavorevole
avorevole pu essere ricercata nella condizione in cui il ponte caricato. Leffetto
dellapplicazione di un sovraccarico in situazione sismica molto forte in generale soprattutto
per piccole luci. Questo considerando il solo carico applicato ad un quarto
quar della luce non
avveniva in quanto essendo la sollecitazione distribuita su una superficie per piccole luci il
carico risulta a favore della sicurezza andando a sollecitare anche parti che stabilizzano il
cinematismo.

-100
moltiplicatore rispetto al ponte scarico

-90
Differenza in percentuale del

-80
-70
-60
-50 f/L=0,50
f/L=0,45
-40
f/L=0,40
-30 f/L=0,35
f/L=0,30
-20
-10
0
3 6 9 12 15 18 21 24 27 30
Luce L [m]

Figura 8.39: differenze tra i moltiplicatori


iplicatori dei carichi relativi ai ponti carichi rispetto ai ponti scarichi al
variare della luce dellarco espresse in percentuale.

- 76 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Dallosservazione del grafico riportato in figura 8.39 si pu mettere in evidenza come le


arcate di luce maggiore sono meno sensibili al carico applicato. In particolare oltre alla luce di
18m la differenza tra i moltiplicatori inferiore al 10%

-60
Differenza in percentuale del moltiplicatore
L=5m
-50 L=10m
L=15m
rispetto al ponte scarico

L=20m
-40 L=25m
L=30m

-30

-20

-10

0
0.3 0.35 0.4 0.45 0.5
rapporto f/L

Figura 8.40: differenze tra i moltiplicatori dei carichi relativi ai ponti carichi
caric i rispetto ai ponti scarichi al
variare dellapertura dellarco espresse in percentuale.
percentuale

Dal grafico riportato in figura 8.40 invece si pu osservare come nelle arcate a sesto
ribassato leffetto del carico poco influente ed in particolare per campate di apertura f/L
inferiore a 0,38 si presenta una differenza
di inferiore al 10%.

In conclusione si pu affermare come le strutture pi sensibili alleffetto dei sovraccarichi


sono quelle di luce mediamente piccola e di altezza delle volte maggiore.. Questi sono inoltre i
casi in cui le strutture sono in generale
generale pi vulnerabili agli eventi sismici.
sismici Perci la
considerazione di eventuali sovraccarichi pu essere determinante per la loro verifica in
condizioni sismiche.

Tale applicazione comunque molto cautelativa. Infatti,Infatti da ricordare come durante


levento sismico
ismico molto improbabile che uneventuale treno si trovi nella posizione pi
sfavorevole per tutto il periodo in cui agisce il sisma. Inoltre si ricorda come il moltiplicatore
critico quel valore di accelerazione costante nel tempo che innesca il cinematismo
cinem del ponte.
Quindi pensando alla reale condizione di utilizzo si pu affermare che la struttura in grado
di resistere a sollecitazioni maggiori con lunica condizione che queste siano limitate nel
tempo.

- 77 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

9 ANALISI CINEMATICA DI PONTI MULTICAMPATA

Nel seguente capitolo sar affrontato il problema dellanalisi dei ponti multicampata.
Strutture, queste, molto pi complesse degli archi a singola campata ed in genere pi
importanti dal punto di vista dimensionale. Come per i ponti monocampata la risoluzione
dellanalisi cinematica passa per la definizione del cinematismo di rottura pi probabile. Nel
caso delle strutture ad arco monocampata la definizione del cinematismo stata fatta
risolvendo il problema per via statica attraverso luso della curva delle pressioni.

Per la risoluzione del problema della definizione del cinematismo compatibile, che fornisca
contemporaneamente il moltiplicatore di collasso minimo, nei ponti multicampata stata
utilizzata ancora una volta la curva delle pressioni. Nel caso dei ponti multicampata la
costruzione della curva delle pressioni non semplice, in quanto liperstaticit della struttura
notevolmente maggiore, rispetto al problema del singolo arco. La risoluzione del problema
attraverso luso del poligono funicolare necessita a causa di questo di alcune ipotesi
semplificative, esprimibili attraverso alcune osservazioni fatte sulla geometria della struttura.

La soluzione del problema attraverso la costruzione del poligono funicolare notevolmente


complessa, analizzando la struttura nella sua interezza, in quanto oltre alla difficolt
nellindividuazione del polo risolta nei monocapata si aggiunge la definizione delle reazioni
alla base delle pile le quali sono incognite a causa dellipertaticit del problema. Una prima
semplificazione pu essere fatta proprio su questo valori. Infatti, osservando la geometria si
pu assumere che le sezioni alla base delle pile siano sollecitate da uno sforzo normale pari al
peso gravante sulla specifica pila contemporaneamente ad uno sforzo orizzontale derivante
dallinerzia della stessa massa agente sulla pila.

Unulteriore analisi sulla struttura sollecitata da azioni sismiche si pu fare osservando


come, alla base delle pile si raggiunge sicuramente la condizione di massimo momento
sollecitante. Questo vero, in quanto, si pu pensare alla struttura come una mensola
incastrata alla base, sollecitata allestremit superiore da una forza orizzontale e da un
momento flettente. La prima sollecitazione genera, ovviamente, una condizione in cui la
sollecitazione flettente massima allincastro, mentre la seconda genera un momento
massimo sul punto di applicazione della sollecitazione esterna con una flessione alla base pari
alla met del momento sollecitante. Osservando il comportamento strutturale, si pu
affermare la sollecitazione prevalente quella generata dalla forza orizzontale applicata in
sommit alla pila. Di conseguenza si pu concludere che con buona probabilit una plausibile
posizione di una delle cerniere costituenti il cinematismo situabile alla base delle pile.

Prendendo in considerazione lintera struttura con le soluzioni appena stimate riguardo le


reazioni alle pile e le relative posizioni delle cerniere si pu osservare che il poligono
funicolare globale costituito da un numero di poligoni funicolari locali sovrapposti pari al
numero di campate. Da questa considerazione si pu dedurre, come il problema del
tracciamento del poligono funicolare per ponti ad arco multicampata pu essere notevolmente
semplificato, tracciando separatamente le diverse curve delle pressioni.

- 78 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Il problema cos costruito semplifica la costruzione della soluzione statica, permettendo di


analizzare separatamente le arcate considerando il legame tra esse attraverso il moltiplicatore
dei carichi orizzontali. La convergenza della soluzione avviane attraverso un processo
iterativo, nel quale si va a ricercare di volta in volta la posizione delle cerniere nelle singole
arcate aggiornando il valore del moltiplicatore dei carichi.

Ovviamente, nella costruzione della curva delle pressioni sono state considerate ancora
valide le ipostesi di Heyman sulla capacit di resistenza del materiale.

Le ipotesi introdotte, sul posizionamento delle cerniere alla base delle pile e nel considerare
i problemi delle singole arcate in maniera separata, non influisco sulla possibilit del
problema di considerare carichi esterni di qualsiasi forma, il che permette al metodo di
mantenere una certa validit generale.

9.1 ESEMPI CURVA DELLE PRESSIONI


Saranno ora riportati alcuni esempi di tracciamento di curve delle pressioni relativi a ponti
ad arco multi campata. In particolare, sono si riporta un esempio riguardante ad un ponte a
due campate e uno relativo ad un ponte a tre campate. Le due curve e le relative posizioni
delle cerniere saranno poi confrontare e validate attraverso luso di modelli fem

9.1.2 Ponte a due campate


Il seguente esempio relativo ad un ponte a due campate nel quale la due arcate presentano
la seguente geometria:

- L = 10 m
- s = 0,6 m
- f=4m

Le due arcate sono relativamente ribassate sono perci a sesto acuto con un angolo di
apertura =154

Dallesempio (figura 9.1) si pu subito notare quanto detto nellesplicitazione delle ipotesi
del modello con il posizionamento delle cerniere alla base della pila. Si pu notare dalla
figura il metodo utilizzato per il tracciamento dove le due arcate sono trattate separatamente,
infatti, si vede come nel secondo arco la curva delle pressioni scollegata da quella derivante
dal primo arco.

- 79 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

6.0
5.0
B
4.0 E
3.0
C F
2.0
1.0
H
0.0
A
-1.0
-2.0
-3.0
-4.0
-5.0 D
-6.0
-1.0

0.0

1.0

2.0

3.0

4.0

5.0

6.0

7.0

8.0

9.0

10.0

11.0

12.0

13.0

14.0

15.0

16.0

17.0

18.0

19.0

20.0

21.0

22.0

23.0

24.0
Figura 9.1: esempio di curva delle pressione relativa ad un ponte a due campate

Le posizioni delle cerniere che fanno scattare il cinematismo sono:

BC B  0,00 B B  0,27
Arco n1 BF B  0,36M Arco n2 B B  0,70 M
BJ B  0,77 B B  1,00

Una validazione del metodo pu essere fatta costruendo un modello fem della struttura,
eseguendo una soluzione di tipo statico. Infatti, dallandamento delle sollecitazioni si pu
arrivare ad individuare la pi probabile posizione delle cerniere che si creano durante un
evento sismico. Nel caso specifico stato costruito un semplice modello monodimensionale
costituito da elementi beam rappresentanti, rispettivamente, lo spessore dellarco e la pila. I
carichi alla struttura sono stati assegnati attraverso le specifiche masse strutturali, applicando
unaccelerazione in direzione orizzontale in contemporanea al peso proprio strutturale.

La massa del riempimento stata simulata attraverso degli elementi plate di peso specifico
pari a quello del materiale di riempimento, con una rigidezza molto bassa rispetto a quella
strutturale, per mantenere le ipotesi di base del metodo. In questo modo gli elementi
bidimensionali vanno ad agire in modo equivalente allapplicazione di forze concentrane nei
singoli nodi. Questo rappresenta una grossa facilitazione nellimplementazione dei dati.

Costruito il modello lanalisi sulla pi probabile posizione delle cerniere costituenti il


cinematismo del ponte sotto azioni sismiche, pu essere fatta considerando landamento delle
sollecitazioni. Grazie allutilizzo di elementi beam, per rappresentare il comportamento delle
strutture lanalisi delle sollecitazioni questa operazione molto semplice. Infatti, utilizzando
elementi piani per la modellazione, situazione pi naturale per la modellazione piana del
ponte, la posizione delle cerniere individuata dai punti in cui la tensione di trazione
massima. La complessit degli stati di sollecitazione e delle orientazioni degli elementi rende
difficile linterpretazione con unincertezza sulla reale posizione delle tensioni maggiore. Gli

- 80 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

elementi beam, al contrario, semplificano molto il problema, in quanto le tensioni vengono


integrate nelle sollecitazioni.

Detto ci le possibili posizioni delle cerniere plastiche si localizzano nei punti in cui le
sollecitazioni flettenti sono massime (figura 9.2). Questo perch nei punti in cui la flessione
massima si ha la maggior probabilit di raggiungere prima di altre sezioni la condizione di
rottura per trazione delle fibre tese, andando a parzializzare la risposta esercitata dalla sezione.
In poche parole, si analizza la stessa condizione ricercata nel tracciamento della curva delle
pressioni.

Cerniera B Cerniera F
Cerniera C Cerniera E

Cerniera A
Cerniera E

Cerniera D

Figura 9.2: Modello fem del ponte a due campate con andamento dei momenti flettenti

Cerniera B Cerniera F
Cerniera E
Cerniera C

Figura 9.3: Modelle fem del ponte a due campate con andamento della sollecitazione tagliante

Osservando il modello, sono di immediata comprensione le posizioni delle cerniere nei


vincoli, dove si pu osservare che il momento flettente inequivocabilmente massimo. Nelle
zona allinterno dellarco il posizionamento delle cerniere di pi facile comprensione
grafica, analizzando landamento del taglio sollecitante (figura 9.4). Infatti, osservando i punti

- 81 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

in cui il taglio si annulla si realizza una condizione di momento massimo. Detto la forma del
cinematismo ricavata dal modello fem data dalle seguenti cerniere plastiche:

BC B  0,00 B B  0,26
Arco n1 BF B  0,35M Arco n2 B B  0,70M
BJ B  0,79 B B  1,00
Con un veloce confronto con le posizioni determinate utilizzando la curva delle pressioni si
pu osservare che lerrore massimo rilevato pari a circa 3,7% localizzato nella cerniera E,
mentre le altre cerniere presentano una differenza allincirca del 2% . Bisogna comunque
osservare che la variazione nel posizionamento delle cerniere nellintorno della posizione
esatta provoca una cambiamento trascurabile nel valore finale del moltiplicatore. Tali errori
sono perci totalmente accettabili.

9.1.2 Ponte a tre campate


Il seguente esempio relativo ad un ponte a tre campate nel quale le arcate presentano la
seguente geometria:

- L=6m
- s = 0,36 m
- f=2m

Anche in questo esempio si riporta un ponte multicampata con arcate leggermente ribassate
con un angolo di apertura =134

3.0
B
2.0 E H
1.0 C F I
L
0.0 A
-1.0

-2.0
D G
-3.0
-1

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

Figura 9.4: esempio di curva delle pressione relativa ad un ponte a tre campate

Dalla figura 9.4 si pu notare come il cinematismo del ponte di attiva dopo la formazione di
dieci cerniere che consentono alla struttura di diventare labile. Le posizioni rilevate sono le
seguenti:

BC B  0,00 B B  0,25
M B B  0,27M
Arco n1 BF B  0,31 Arco n2  Arco n3 B B  0,69 M
B B  0,75
BJ B  0,75 B B  1,00

- 82 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Anche questa applicazione stata verificata attraverso la modellazione della struttura agli elementi
finiti. I criteri di modellazione utilizzati sono gli stessi utilizzati per la struttura a due campate.
Analizzando i diagrammi del momento (figura 9.5) e del taglio (figura 9.6) relativi alle strutture
principali si possono individuare le posizioni delle cerniere costituenti il cinematismo come segue.

Cerniera C Cerniera F

Cerniera B Cerniera E Cerniera H


Cerniera I
Cerniera A
Cerniera L

Cerniera D Cerniera G

Figura 9.5: Modello fem del ponte a tre campate con andamento dei momenti flettenti

Cerniera B Cerniera E Cerniera H

Cerniera C Cerniera F Cerniera I

Figura 9.6: Modelle fem del ponte a tre campate con andamento della sollecitazione tagliante

BC B  0,00 B B  0,26
M B B  0,28M
Arco n1 BF B  0,32 Arco n2  Arco n3 B B  0,70 M
B B  0,73
BJ B  0,77 B B  1,00

Confrontando i risultati si pu osservare come i due cinematismi sono assolutamente


confrontabili, avendo la medesima forma di collasso. Gli errori che si riscontrano sono
comunque molto bassi, con un valore medio del 2% e un errore massimo del 3,8% misurato
sulla cerniera H. Come scritto per il due campate questi errori, anche se molto bassi,
influiscono molto poco nel calcolo del moltiplicatore critico.

Da queste due applicazioni si pu affermare che il modello utilizzato per la costruzione delle
curve delle pressioni sufficientemente preciso, anche per rappresentare la strutture dei ponti
multicampata, anche se con imprecisioni leggermente pi elevate.

- 83 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

9.2 CALCOLO DEL MOLTIPLICATORE CRITICO


Per la soluzione del problema la definizione del meccanismo essenziale e rappresenta
lossatura del modello meccanico per poter rappresentare gli spostamenti virtuali di tutto il
sistema. Faremo ora riferimento al problema del ponte a tre campate. Ovviamente, la
costruzione pu essere in maniera analoga ampliate per un qualsiasi numero di arcate.

Lossatura del meccanismo di facile costruzione, infatti necessita del posizionamento


cerniere in un piano cartesiano. Note queste si determina la posizione dei vari centri istantanei
di rotazione, come descritto in figura 9.7:

Figura 9.7: Cinematismo di rottura globale

>$NN" O$ Q $ R; T  UCF V 3CF >$NN" O$ W $ ; T  U: V 3: >$NN" O$ $ ; T  U V 3

>$NN" O$ W $ #; T  UJ: V 3J: >$NN" O$ $ ; T  U V 3 >$NN" O$  $ ; T  U V 3

U U U
A 3CF 3J: CF A 3: 3 : A 3 3
UJ: U U
[X  U [X  U: [X  U
1  CF M 1 1
UJ: U M U M
@ [X  3J: @ @
\X  
\X  [X  3 \X  [X  3
? UJ: ? U ? U

- 84 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Quello globale uno dei cinematismi possibili. Infatti, se laltezza delle pile
sufficientemente piccola il meccanismo di collasso pu localizzarsi nel singolo arco,
generando una rottura del tutto simile a quella analizzata per il monocampata (figura 9.8).

Figura 9.8: Cinematismo Multicamapta con pile tozze

La discriminante tra i due cinematismi come accennato laltezza delle pile in funzione
della loro larghezza. Nella pratica si vanno a distinguere casi come segue:

1,5 $ =P$$
R
^ 1,5 $ NX$
R
Perci si andr a caratterizzare il cinematismo in base alle pile, infatti in presenza di pile
snelle il cinematismo risulta globale andando a coinvolgere nel movimento anche le pile.
Mentre in presenza di pile tozze si andr a definire il cinematismo che coinvolge le sole arcate
e la soluzione sar del tutto coincidente con quella descritta per le strutture monocampata.

Note tutte le posizioni dei centri di rotazione, si pu andare a definire il legame tra i diversi
tronchi, sfruttando delle semplici relazioni geometriche (figura 9.9). Per la definizione delle
rotazioni si sfruttata lipotesi delle piccole rotazioni e piccoli spostamenti. Questo permette
di semplificare notevolmente le relazioni confondendo la tangente e il seno dellangolo con
langolo stesso.

- 85 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Figura 9.9: Cinematismo dell'arco con relativi spostamenti

Con riferimento al diagramma degli spostamenti verticali:

QR Rq #W q  q 
     
pCF prF p:J pr p pr p

Per la definizione del moltiplicatore critico questa semplificazione non ha un significativo


impatto sul suo valore, stessa cosa non si pu dire per la determinazione delle caratteristiche
geometriche al collasso, dove gli spostamenti e soprattutto le rotazioni sono tuttaltro che
infinitesime. Per la determinazione della geometria a rottura perci si sfruttato un
procedimento a passi seguendo levoluzione del cinematismo applicando piccoli incrementi di
spostamento sino al raggiungimento del collasso.

Definita lossatura del cinematismo si pu andare a definire tutta la parte geometrica di


dettaglio quale larco e il riempimento. Questo viene fatto suddividendo i blocchi omogenei di
arco in conci (figura 9.10). Da questi vengono poi definiti i conci di riempimento come
mostrato di seguito.

- 86 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Figura 9.10: Suddivisione della struttura per conci

Definizione della struttura della prima arcata:

- Caratteristiche conci arco:

 B
V   > sin u  B v
t 2 2 M
B
T  > cos u  B v  )>  w,
2

xyzy z  = > B

- Caratteristiche riempimento:

 = B
V|   }> ~ sin u  B v
t 2 2 2 M
= B B 1 = B B
T|  }> ~ cos u  B v  > cos u v Tz  }> ~ cos u  B v  > cos u v
2 2 2 2 2 2 2
B = B = B
x| ;  Tz > cos u v  }> ~ cos u  B v }>  ~ B cos u  B v
2 2 2 2 2

- 87 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Per la definizione delle arcate successive si fa riferimento alle medesime formule, con
lunica eccezione che bisogna aggiungere il valore coordinata dellorigine del sistema di
riferimento locale dellarcata i-esima.

Individuata la struttura in dettaglio in modo che il sistema di coordinate coincida con quello
definito per lossatura del cinematismo si passato alla descrizione degli spostamenti virtuali
di ogni parte della struttura, in modo da poter determinare i lavori virtuali compiuti dalle forze
verticali e alle forze orizzontali.

V  )T  TC ,
pCF M
Tronco AB 

T  )V  VC ,
pCF


V  )Tr  T ,
prF M
Tronco BC 

T  )Vr  V ,
prF


V  )T  T: ,
p:J M
Tronco CDE 

T  )V  V: ,
p:J


V  )Tr  T ,
pr M
Tronco EF 

T  )Vr  V ,
pr


V  )T  T ,
p M
Tronco FGH 

T  )V  V ,
p


V  )Tr  T ,
pr M
Tronco HI 

T  )Vr  V ,
pr


V  )T  T ,
p M
Tronco LI 

T  )V  V ,
p

A questo punto si pu passare allapplicazione del principio dei lavori virtuali, per la
determinazione del moltiplicatore dei carichi statici che garantiscono lequilibrio come
definito da normativa.
;  
Scrivendo i singoli contributi:

   

  
,  
,    
,   
  
   

E distinguendo I lavori delle forze verticali da quelle orizzontali:

 )r ,  /    0

/
Il moltiplicatore dei carichi si pu riscrivere come:

 
r

- 88 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

9.3 CALCOLO SPOSTAMENTO ULTIMO


Oltre al moltiplicatore bisogna determinare lo spostamento ultimo del sistema. Questo pu
essere determinato imponendo nullo il lavoro delle forze verticali. Tale operazione coincide
con la determinazione del punto in cui lenergia potenziale massima. In alcuni casi, per, il
collasso pu avvenire prima del raggiungimento della massima energia potenziale, in quanto
si viene a creare una condizione di instabilit geometrica del cinematismo.

Per lapplicazione pratica del calcolo dello spostamento ultimo si applicato un metodo
dicotomico che permette di determinare lo zero dellequazione che esprime il lavoro delle
forze verticali.

Il metodo dicotomico richiede che il punto cada allinterno di un determinato intervallo


[a;b], ad ogni iterazione lampiezza dellintervallo viene dimezzata fino a che si arriva al
valore cercato.

In generale non ci si pu aspettare di trovare la radice esatta dellequazione, di conseguenza


il procedimento si arresta quando raggiunta una determinata tolleranza.

0.6

0.4 Punto in cui lequilibrio


Lavoro delle forze verticali [kNm]

diventa instabile
0.2

0
0 0.01 0.02 0.03 0.04 0.05 0.06 0.07 0.08 0.09 0.1
-0.2

-0.4

-0.6

-0.8

-1

-1.2
Rotazione tronco AB [rad]

Figura 9.11: Lavoro esercitato dalle forze verticali nellincremento lo spostamento di x

Analizzando il grafico rappresentante il lavoro compiuto dalle forza esterne per


incrementare lo spostamento (figura 9.11) si pu osservare che, come per i ponti
monocampata, lincremento di spostamento partendo dalla condizione iniziale necessita del
compimento di un certo lavoro esterno negativo. Questa situazione continua ad essere vera
sino a che ad un certo spostamento il lavoro compiuto per incrementare lo spostamento
nullo. Tale situazione corrisponde al punto in cui la struttura si instabilizza. Di pi facile
comprensione il grafico riguardante landamento dellenergia potenziale (figura 9.12)
ricavabile dal primo nel quale si notano le diverse condizioni di equilibrio a cui la struttura
soggetta.

- 89 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

0.07

Enercia potenziale delle masse del ponte


0.06

0.05

0.04
[kNm]

Punto in cui lequilibrio


0.03 diventa instabile

0.02

0.01

0
0 0.01 0.02 0.03 0.04 0.05 0.06 0.07 0.08 0.09 0.1
Rotazione tronco AB [rad]

Figura 9.12: Energia potenziale delle masse associate al ponte al variare


della rotazione del tronco AB

Noto lo spostamento ultimo della struttura si pu costruire la sua forma deformata andando
ad analizzare levoluzione della forma strutturale sino al collasso. Dal disegno relativo al
ponte a tre campate esaminato in precedenza, si pu osservare che gli spostamenti delle
singole parti della struttura vanno ad aumentare verso sinistra. In altre parole la campata che
subisce gli spostamenti maggiori la terza. Tale condizione realistica, in quanto a seguito di
unaccelerazione orizzontale la struttura tende a spostarsi di conseguenza, aumentando le
deformazioni campata dopo campata trovando per un impedimento sulla spalla verso cui
diretta la sollecitazione.

Si riportano di seguito (figure 9.13 e 9.14) alcune deformate ottenute dai fogli excel costruiti
relative ad esempi di vari ponti multicampata:
4.0

3.0

2.0

1.0

0.0

-1.0

-2.0

-3.0
0.0 1.0 2.0 3.0 4.0 5.0 6.0 7.0 8.0 9.0 10.0 11.0 12.0 13.0 14.0 15.0 16.0 17.0 18.0 19.0 20.0 21.0 22.0

Figura 9.13: Evoluzione dello spostamento sino al collasso dei un ponte a tre campate

- 90 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

10.0

5.0

0.0

-5.0

-10.0
0 5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 55 60 65 70 75 80 85 90 95 100

Figura 9.14: Evoluzione dello spostamento sino al collasso dei un ponte a sette campate

Preso atto di tali osservazioni si pu affermare che in generale nelle strutture multicampata
le arcate critiche nel caso di sollecitazioni sismiche sono quelle ai lati.

- 91 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

10 ANALISI MEDIANTE MODELLI FEM

Lanalisi mediante modelli fem rappresenta ancora una strada con grandissime potenzialit,
ma ancora non del tutto sfruttata. La modellazione attraverso gli elementi finiti consente la
rappresentazione completa dei diversi comportamenti dei materiali, dal pi semplice elastico
lineare ai pi complessi in grado di rappresentare le condizioni di plasticit e rotture locali.
Nellambito dei materiali fragili la modellazione fem ancora in fase di evoluzione, ma
sufficientemente precisa per la rappresentazione delle modalit di rottura che si potrebbero
verificare.

Lanalisi fem consente lesecuzione di procedure che, altrimenti sarebbero impossibili


manualmente come lanalisi pushover prevista da normativa per la verifica sismica delle
strutture. Per lapplicazione dellanalisi pushover, infatti si devono utilizzare software di
calcolo fem avanzati che dispongano di una libreria di legami costitutivi dei materiali
adeguata per la modellazione di strutture in muratura e possibilit di eseguire analisi non
lineari per materiale e geometria che colgono il comportamento non lineare del materiale, la
frattura discreta e diffusa e i problemi di contatto, nonch gli effetti di non linearit
geometrica. Nel caso specifico tali analisi sono state fatte mediante luso del software MIDAS
FEA.

Lanalisi finalizzata allottenimento tramite unanalisi incrementale di spinta di una curva


globale Forza-Spostamento, che caratterizza il comportamento a rottura del sistema globale a
molti gradi di libert di partenza.

Il materiale muratura pu essere modellato con diversi gradi si approssimazione, definendo i


singoli elementi che la costituisce in particolare prendendo in considerazione il singolo
mattone e le interconnessioni tra i diversi mattoni con un diverso legame costitutivo, oppure
definendo un materiale omogeneo, che consideri leffetto globale della malta nei giunti e della
resistenza del mattone. La prima metodologia di calcolo detta micro-modeling mentre la
seconda descritta definita macro-modeling.

In questa tesi si considerato la singola procedura macro-modeling, in quanto pi


adeguata per la rappresentazione di strutture complesse. Il legame costitutivo utilizzato per la
rappresentazione della muratura stata mediante lutilizzo del total strain crack model
implementato in MIDAS e in grado di simulare il comportamento dei materiali fragili.

- 92 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

10.1 CENNI SUL TOTAL STRAIN CRACK MODEL


MIDAS implementa un modello a rottura denominato total strain crack model. Come
mostrato in figura 10.1 il software implementa il modello in due diversi modi, il fixed crack
model e il rotating crack model. I due si distinguono in base agli assi di riferimento assunti
per il calcolo. Il primo assume un sistema di riferimento fisso, in cui il legame costitutivo
viene di volta in volta ridefinito mentre il secondo prende un sistema di riferimento variabile
che segue le direzioni principali di deformazione [22].

b) fixed crack model a) rotating crack model

Figura 10.1: Sistema di riferimento dei due metodi di implementazione

In entrambi i casi i modelli fixed e rotating la prima fessura inizia sempre secondo le
direzioni principale di deformazione. La muratura, nei primi istanti, assume un
comportamento assimilabile ad un materiale isotropo mentre allapertura delle prime fessure
questo diventa anisotropo. MIDAS tratta questo problema utilizzando un modello isotropo nei
primi istanti, implementando successivamente un legame costitutivo di tipo ortotropo dopo
lapertura della prima fessura. In questa fase la tensione normale e lo sforzo tangenziale sono
calcolati nella superficie della fessura. In questo modo, la direzione di espansine della fessura
rimane inalterata nel modello fixed crack. Nel modello rotating crack la direzione della
fessura, al contrario di prima, si evolve, seguendo le direzioni principali di deformazione,
ignorando il modo in cui le fessure precedenti si sono formate, cos sono presenti solo le
tensioni normali alla superficie di rottura. Si pu perci affermare che, i modelli fixed crack e
rotating crack utilizzano, rispettivamente, i concetti del metodo sforzo-deformazione fisso e
del metodo sforzo-deformazione coassiale. Poich MIDAS considera solamente i casi di
angoli di fessura perpendicolari, il modello fixed crack e rotating crack possono essere
classificati come modelli a rottura ortogonale [22].

Bench il modello fixed crack possa stimare le caratteristiche fisiche del materiale in
maniera pi realistica, il modello di fessura ortogonale tende a sovrastimare la rigidezza del
materiale, rispetto al modello di fessura non ortogonale. Al contrario, lalgoritmo del modello
rotating crack relativamente semplice e converge pi velocemente, in quanto non considera
le condizioni di rottura al passo precedente. Per tali motivi, nelle analisi non lineari dei

- 93 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

materiabili rappresentabili con il total strain crack model il modello rotating crack
solitamente preferibile, rispetto al fixed crack.

Il modello costitutivo basato sulla deformazione totale fondato sulla teoria del campo della
compressione modificata, proposta da Vecchio e Collins. Tale teoria basata su modelli
bidimensionali. MIDAS implementa estensioni a modelli tridimensionali secondo le
formulazioni di Salby e Vecchio [22].

Il modello implementato in MIDAS in grado di rappresentare tutti gli stati ultimi dei
materiali, come la frattura per trazione, lo schiacciamento per compressione, e quella per
taglio. La fase di scarico definita nel modello total strain crack model attraverso due punti,
uno nella curva sforzo deformazione e uno nellorigine del diagramma.

Figura 10.2: Curva carico-scarico [22]

Il modello costitutivo del total strain crack model ha la particolarit di definire la tensione
allinterno del materiale in funzione della deformazione (figura 10.2). Questo concetto, in cui
la curva di carico-scarico segue lo stesso percorso della curva sforzo-deformazione,
solitamente noto come ipo-elasticit. In MIDAS la curva si carico-scarico calcolata in modo
separato, rispetto alla curva sforzo deformazione, in particolar modo questo accade in fase di
scarico modellato con scarico secante. Per la relazione sforzo deformazione possibile
limplementazione di diversi modelli alcuni preimpostati nel software.

Il concetto di modello a rottura ortogonale rappresenta un metodo largamente utilizzato nelle


analisi a rottura. Questo definisce il legame sforzo-deformazione in funzione delle direzioni
principale di deformazione.

Il modello di rottura rotating anche conosciuto come metodo sforzo-deformazione


coassiale. Tale modello molto apprezzato, in quanto in grado di predire molto bene i
comportamenti delle struttura in calcestruzzo armato. Daltra parte il modello di rottura fixed

- 94 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

noto come metodo sforzo-deformazione fisso. Questo modello ridefinisce le relazioni


sforzo-deformazione di tutte le fessure successive sulla base di un sistema di riferimento fisso.

nelle direzioni definite dalle direzioni della fessura. Il vettore di deformazione  nel
Il concetto base del Total Strain Crack Model, sta nel fatto che la tensione viene valutata

sistema di coordinate dellelemento xyz aggiornato con lincremento di deformazione 


secondo la espressione:

    
 


La deformazione della direzione di frattura viene calcolata moltiplicando il tensore delle


deformazioni definite nel singolo elemento per la matrice di trasformazione T

5  4 
 


La matrice di trasformazione T nel modello rotating crack determinata in funzione del


tensore delle deformazioni corrente:

4  4 
  

Nel modello fixed crack la matrice T di trasformazione fissata nella direzione della
nascente fessura. La trasformazione della matrice di deformazione fatta attraverso il metodo


Jacobiano. Il tensore delle deformazioni espresso da:

   


Gli auto vettori relativi sono forniti dalla matrice di rotazione R:

#  # 5 #
>  P = N  # #5 #
# #5 #

Dove #   cos  il coseno tra gli assi i e j. La matrice T di trasformazione della


deformazione quindi calcolata sostituendo gli appropriati valori.

Il modello costitutivo fondato nel sistema di coordinate della fessura e generalmente dato
da:

5   
5 


Il tensore delle tensioni finale dato dalla nuova rotazione questa volta allindietro per
ritornare al sistema di riferimento del singolo elemento:

   4  
5 


- 95 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

4  
   dallo sforzo corrente. Nel modello fixed crack la matrice di trasformazione
Nel modello rotating crack la matrice di trasformazione T determinata come

definita dalla nascente fessura [22].

A questo punto la modalit di calcolo delle tensioni in funzione della deformazione


esplicitato. necessario, perci, definire leffettivo legame costitutivo del materiale,
costruendo le appropriate curva sforzo-deformazione

Il comportamento a trazione pu essere modellato usando diversi approcci (figura 10.3). Per
il modello Total crack Strain, sono applicate quattro tipologie di rammollimento basate
sull'energia di frattura:

- rammollimento lineare
- rammollimento esponenziale
- rammollimento non lineare
- rammollimento non lineare secondo Hordijk

In tutti i modelli, eccetto che per il legame elastico, necessario definire il fattore di scala h.
Sono anche implementati un comportamento di trazione costante, un comportamento multi
lineare e un comportamento fragile.

Figura 10.3: Legami sforzo-deformazione relativi allo stato di trazione implementabili in MIDAS [22]

Per il comportamento a compressione sono disponibili vari legami costitutivi (figura 10.4),
oltre al legame elasto-plastico perfetto esistono leggi caratterizzati da ramo Softening e leggi
con ramo incrudente.

- 96 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Figura 10.4: Legami sforzo-deformazione relativi allo stato di compressione implementabili in MIDAS [22]

Il modello del comportamento a taglio necessario solo nel modello fixed crack dove la
rigidezza a taglio di solito ridotta dopo la rottura. Nellimplementazione in MIDAS
necessario inserire il fattore di riduzione del taglio dove 01

y|  B

- 97 -
Analisi limite dei ponti ad arco in
i muratura

10.2 VALIDAZIONE DEL LEGAME COSTITUTIVO


La verifica del modello non lineare di analisi dei materiali non resistenti a trazione stata
fatta controllando la capacit del legame costitutivo di rappresentare i vari
var tipi di rottura al
quale la muratura pu essere sottoposta. In particolare,
particolare stato costruito un modello
rappresentante una prova a compressione, uno rappresentante le rottura a taglio di una parete
ed in fine uno riguardante le rottura per flessione di una parete snella

10.2.1 Prova a compressione


La prova a compressione rappresenta la prima modalit di verifica del modello. In particolare,
particolare
in questo caso si fatto riferimento alle prove sperimentali eseguite in laboratorio da Stefano
De Santis (2011) nella tesi Load-carrying
Load carrying capability and seismic assessment of masonry
bridges [13] (figura 10.5).. Nel caso specifico sono state eseguite varie prove di laboratorio
basate su provini costruiti per lo scopo. In particolare sono stati realizzati quattro provini
provin
testati sotto un carico assiale uniforme. Le dimensioni del provino sono 140x140x310mm e
consiste nella sovrapposizione
ovrapposizione di cinque mattoni intervallati da giunti di malta di 10mm di
spessore.

Figura 10.5:: Modalit di esecuzione prova a compressione Stefano De Santis (2011) Load-carrying
Load capability
and seismic assessment of masonry bridges [13]

Dalle prove sono state ricavate le principali caratteristiche della muratura testata (figura
10.5).. In particolare quelle necessarie a definire il problema nellanalisi
nellanalisi fem sono [13]:

Massima resistenza a compressione: w  7,43 "


compressione:   18,1 10
-

Rigidezza iniziale della muratura:   662,1 "


- Deformazione relativa alla massima resistenza a compressione:
-

- 98 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Figura 10.6:: Curva sforzo deformazione ottenuto da diverse prove Stefano De Santis (2011) Load-carrying
Load
capability and seismic assessment of masonry bridges [13]

In particolare nella seguente applicazione si provato ad implementare il modello


costitutivo ricavato per
er la muratura testata nella prova a compressione. Il modello cos
costruito stato provato nelle varie modalit,
modalit in modo da capire quali tipologie di legame
costitutivo sono pi adatte a rappresentare la muratura.

Figura 10.7: Modello fem del provino di muratura

- 99 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Il modello fem stato costruito attraverso una modellazione tridimensionale (figura 10.7),
simulando la prova nella sua intera forma. La forma del provino stata discretizzata mediante
elementi finiti cubici ad otto nodi. Il modello stato studiato applicando il legame costitutivo
total strain crack model, analizzando le diverse opzioni che questo consente. In particolar
modo stato studiato il legame sforzo deformazione relativo alla parte compressa. Infatti, si
pu affermare con una certa sicurezza che il materiale a trazione ha una resistenza molto
bassa e una rottura di tipo fragile, il che significa assumere un modello che consideri un
comportamento lineare sino alla rottura con un conseguente tratto di rammollimento molto
breve, in modo da simulare un comportamento fragile. Per tale motivo il legame sforzo
deformazione assunto quello denominato dal programma come linear, con le seguenti
caratteristiche:

w  0,05"   662,1 "   0,01 UU ]  150UU

Nei riguardi del comportamento a compressione si sono considerati diversi modelli per
capire il reale comportamento del materiale. In particolare dopo varie prove si sono ritenuti
validi i due comportamenti del materiale definiti dal programma come Costant ed Parabolic.
Il primo pi semplice da calibrare considera un comportamento elastico perfettamente
plastico. In questo caso gli unici parametri in imput sono rappresentati dalla tensione di
snervamento e dal modulo elastico iniziale del materiale:

wy  7,43 "   662,1 "

- 100 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

del parametro y detta energia di frattura del materiale. Questa infatti definisce la forma del
Il secondo modello richiede una calibrazione pi accurata in quanto richiede lesplicitazione

legame ed in particolare da una sorta di peso per capire lentit del ramo di rammollimento
del materiale. Nel caso specifico il legame costitutivo implementato :

  662,1 " y  30 UU ]  150UU


wy  7,43" 150

Le analisi sono state fatte per entrambi i legami


lega costitutivi, utilizzando un formulazione in
controllo di spostamenti, situazione che si realizza anche nel provino dove la sollecitazione
imposta attraverso un piano che si muove a velocit costante misurando la reazione opposta
dal materiale sollecitato.
ato. Per garantire una corrispondenza con la prova a compressione le
tensioni sono state calcolate come reazione conseguente allo spostamento imposto. Per
simulare il piano rigido dellelemento di spinta si considerata la superficie di carico
collegata daa collegamenti rigidi che vanno a simulare inoltre le forze attritive che nascono per
effetto dellespansione laterale.

6
Tensione media [MPa]

3
Prova a compressione
2
Parabolic

1 Costant

0
0 0.005 0.01 0.015 0.02 0.025 0.03
Deformazione media

Figura 10.8:: Grafico sforzo deformazione ottenuti dalla prova a compressione

- 101 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

I risultati ottenuti sono stati inseriti in un grafico rappresentante nellasse delle ordinate la
tensione media registrata per effetto dello spostamento impresso e nelle ascisse la
deformazione media registrata nel provino (figura 10.8). Analizzando il grafico riportante i
risultati ricavati, si pu osservare che si registra una certa differenza tra i vari comportamenti.

Analizzando in dettaglio il comportamento dei due modelli si pu osservare che entrambi


riescono a ritrovare la tensione di compressione massima implementata come imput. Per il
legame elastico perfettamente plastico presenta una rigidezza complessiva costante
allaumentare del carico, come ci si aspetta dallimposizione iniziale del modello. Questo
come precedentemente scritto non pregiudica la capacit del modello di trovare il valore di
rottura, ma fa registrare questo valore per deformazioni minori. Successivamente, raggiunto il
valore di picco il modello presenta una tensione pressoch costate con una certa tendenza al
rammollimento.

Il legame costitutivo parabolic, come il precedente riesce a trovare la tensione massima


implementata con la differenza che questa si registra in corrispondenza della deformazione
misurata nelle prova sperimentale. Landamento della parte di carico abbastanza simile a
quello sperimentale mentre la parte di rammollimento dopo il raggiungimento del picco
risulta simile solo per pochi attimi. Successivamente il modello presenta una certa instabilit
portando la reazione del materiale a valori molto bassi in poco tempo. Tale comportamento
rilevabile per qualsiasi valore dellenergia di frattura con lunica differenza che questo tratto
si sposta verso destra o verso sinistra.

Successivamente alle analisi implementate si pu affermare che il modello costitutivo total


strain crack model in grado di rappresentare con sufficiente precisione la rottura a
compressione, in particolare nei riguardi della tensione di picco e la relativa deformazione. La
parte rammollente del comportamento modellabile con meno accuratezza, ma comunque
con una precisione accettabile per le applicazioni a cui si far riferimento nel caso dei ponti.

Particolare curioso da analizzare la modalit di rottura a cui soggetto il provino


analizzando la forma delle fessure che si instaurano nel modello. Dalla figura 10.9 si evince
come la fratture corrispondono al quelle reali con uninclinazione di circa 45 sulle parti
dappoggio e verticale sulla zona centrale, effetto delle tensioni di trazione generate
dallespansione laterale del materiale.

Per semplicit di comprensione viene di seguito riportata la forma di rottura relativa ad un


provino cubico. Dalla figura 10.10, infatti si pu osservare ancora come le direzioni delle
fessure sono abbastanza realistiche, con un andamento di circa 45 vero linterno e una parte
fessurata nel cuore del provino a causa della forte compressione.

- 102 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Direzione frattura

Figura 10.9: Tensioni verticali nel piano medio ed individuazione delle fessure

Frattura effetto
dellimmorsamento
delle teste

Rottura per
compressione

Figura 10.10: Forma di rottura relativa ad un provino di forma cubica

- 103 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

10.2.2 Rottura per ribaltamento


Sar ora analizzata la capacit del modello costitutivo di rappresentare la rottura per
flessione. In particolare stato analizzato il problema di una parete sottile caricata da una
sollecitazione orizzontale, che tende a farla ribaltare al di fuori del piano (figura 10.11). La
soluzione di tale problema determinabile anche per via analitica, attraverso un semplice
equilibrio dei momenti attorno allo spigolo di base. Ovviamente, tale soluzione considera una
resistenza a compressione del materiale infinita e nulla a trazione, con una rigidezza
estremamente grande del materiale (ipotesi di Heyman). Nel caso specifico lanalisi del
problema per via numerica stata fatta prendendo in considerazione varie mesh, per capire il
grado di finezza che questa deve avere per simulare le risposta in maniera corretta. In
particolare si presa in considerazione una mesh poco fitta, costituita da elementi rettangolari
a quattro nodi quindi con formulazione lineare, successivamente la stessa mesh stata
costruita attraverso elementi ad otto nodi, migliorando linterpolazione della soluzione. Infine,
stato costruito un modello costituito sempre da elementi rettangolari a quattro nodi dove
per in corrispondenza della zona di frattura stata eseguito un forte infittimento.

Figura 10.11: Geometria del modello per la rottura a flessione

Detto ci, si pu descrivere il problema analizzato. La parete modellata rappresenta una


semplice applicazione di un cinematismo in cui la parete ruota rigidamente attorno allo
spigolo di base. La soluzione analitica rappresentabile attraverso il moltiplicatore critico
degli sforzi orizzontali, che in questo caso risulta essere pari a:

 5 1,5
   0,167
5 0,25

Costruita la soluzione analitica, si pu passare alla modellazione fem. Come


precedentemente descritto una prima prova stata fatta modellando la parete con elementi
rettangolari a quattro nodi con media finezza della mesh. Nel caso specifico stato utilizzato

- 104 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

un modello piano in stato piano di deformazione,


deformazione con un legame costitutivo di tipo linear per
la trazione e costant per la compressione. Le caratteristiche assunte per il materiale sono le
seguenti:

 5000" Y  0,25

"   0,001 UU ]  1000UU


w  0,05"

wy  5"

La risoluzione del problema stata fatta attraverso unanalisi non lineare in controllo di
forze. Loutput del problema rappresentato dalla curva forza spostamento in cui la forza
rappresentata dallaccelerazione orizzontale impressa (figura 10.12).

0.18

0.16

0.14

0.12
Formazione
0.1 cerniera alla
[g] base
0.08

0.06

0.04 Modello fem

Analitica
0.02

0
0 0.2 0.4 0.6 0.8 1 1.2 1.4 1.6 1.8 2
Spostamento punto di controllo [mm]

Figura 10.12:: Curva forza spostamento relativa alla mesh mediamente fine con elementi a 4 nodi

- 105 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Analizzando landamento della curva forza su spostamento si osserva, come dopo una prima
parte di rigidezza costante, rappresentante la condizione in cui la muratura completamente
in campo elastico, la curva comincia a diminuire di pendenza, in maniera abbastanza brusca in
corrispondenza della formazione della cerniera alla base della parete.

Inizio formazione fessura Formazione della cerniera e Configurazione in cui la


per unaccelerazione del consecutivo meccanismo cerniera completamente
orizzontale pari a circa di collasso per formata e il materiale plasticizza
0,13g unaccelerazione di 0,14g per compressione acc.=0,16g

Figura 10.13: diversi stadi di formazione del cinematismo

Tale comportamento realistico rappresenta abbastanza bene il comportamento della


parete. Infatti confrontando il risultato con la soluzione analitica si osserva che queste tendono
ad avvicinarsi. La soluzione analitica tende a sovrastimare il carico ultimo, a causa delle
ipotesi semplificative introdotte sul materiale.

Utilizzando un modello con elementi finiti ad interpolazione quadratica, si pu osservare un


comportamento molto simile al precedente, con lunica eccezione che la formazione della
fessura alla base avviene per valori dellaccelerazione alla base leggermente pi bassi.
Lutilizzo di elementi con formulazione quadratica permette unapprossimazione migliore
delle equazioni che governano il problema. Questo permette una definizione pi accurata
delle zone critiche della mesh. utile per osservare come la forma di rottura assume una
configurazione leggermente diversa con la nascita di una seconda frattura posta superiormete
alla principale (figura 10.15).

- 106 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

0.18
0.16

0.14
0.12
0.1
[g]
0.08
0.06
Modello fem
0.04 Analitica
0.02
0
0 0.2 0.4 0.6 0.8 1 1.2 1.4 1.6 1.8 2
Spostamento punto di controllo [mm]

Figura 10.14: Curva forza spostamento relativa alla mesh mediamente fine con elementi a 8 nodi

Inizio formazione fessura Formazione della cerniera e Configurazione


onfigurazione in cui la
per unaccelerazione del consecutivo meccanismo cerniera completamente
orizzontale pari a circa di collasso per formata e il materiale plasticizza
0,12g unaccelerazione di 0,132g per compressione acc.=0,16g

Figura 10.15:
10.15 diversi stadi di formazione del cinematismo

- 107 -
Analisi limite dei ponti ad arco in
i muratura

Infine, lo stesso problema stato studiato utilizzando una discretizzazione molto spinta della
mesh. Poco utile ai fini del calcolo del moltiplicatore,
moltiplicatore ma interessante nei riguardi della forma
di fessura. Linfittimento della mesh stato fatto in particolar modo nella zona in cui si va a
formare la fessura per unaltezza pari allo spessore della parete. Il legame sforzo
accelerazione come gi accennato non cambia molto con un addolcimento dei salti di
rigidezza registrati in precedenza
denza (figura 10.16).

0.18
0.16
0.14
0.12
0.1
[g]
0.08
0.06
0.04 Modello fem
0.02 Analitica

0
0 0.2 0.4 0.6 0.8 1 1.2 1.4 1.6 1.8 2
Spostamento punto di controllo [mm]

Figura 10.16:Curva
Curva forza spostamento
spostamento nel caso del infittimento della mesh alla base

Inizio formazione fessura Espansione della zona Configurazione in cui Evoluzione del
per unaccelerazione scarica 0,12g la cerniera cinematismo e del
orizzontale pari a circa completamente formata quadro fessurativo
0,11g 0,14g 0,15g

Figura 10.17:
10.17 diversi stadi di formazione del cinematismo

- 108 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Molto interessante nel seguente caso lanalisi delle fratture che si generano alla base della
del
parete (figura 10.17). Infatti,, dopo la formazione della cerniera alla base individuata dal
distacco netto della parte tesa dallincastro,
dallincastro si osserva la formazione di una seconda fessura
pi in alto solo accennata nei casi precedenti. Questa seconda crepa
crepa spiegabile con la rottura
per trazione della muratura,
ura, a causa del peso dei mattoni sottostanti e degli sforzi di taglio che
ch
nascono a causa dei forti gradienti di tensione tra la zona compressa e la zona scarica. Tali
considerazioni sono molto importanti
importanti quando si in presenza di una costruzione esistente e si
vuole analizzare la forma e le cause di fessure presenti.

Confrontando le diverse curve forze spostamento ottenute si pu osservare come la


soluzione nel complesso poco sensibile al grado di discretizzazione (figura 10.18). La
differenza sostanziale che si nota riguarda la formazione dalla cerniera di base con una
continua riduzione dellaccelerazione orizzontale necessaria alla sua formazione. Questo
aspetto non implica un diverso comportamento,
comportamen in quanto alla formazione della cerniera segue
una diversa riserva di rigidezza. Si pu infatti vedere come nel modello pi approssimato alla
formazione della cerniera si ha un brusco aumento degli spostamenti mentre con soluzioni pi
accurate si ha un passaggio pi graduale dalla soluzione elastica a quella plastica.

0.18

0.16

0.14

0.12

0.1
[g]
0.08
mesh poco fitta 4 nodi
0.06 mesh poco fitta 8 nodi
mesh fitta 4 nodi
0.04
Analitica
0.02

0
0 0.2 0.4 0.6 0.8 1 1.2 1.4 1.6 1.8 2
Spostamento punto di controllo [mm]

Figura 10.18:
10.18 Confronto tra le diverse curve forze spostamento

- 109 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

10.2.3 Rottura a taglio


Ultima modalit di rottura da verificare quella a taglio. importante, infatti, verificare la
capacit del modello di rappresentare la rottura a taglio della muratura, in quanto nella pratica
si possono ritrovare pareti sufficientemente tozze da rompersi per sollecitazioni taglianti.

La seguente applicazione consiste nella modellazione di una parete tozza caricata


verticalmente dal peso proprio e da un carico superiore (figura 10.19). Questa una situazione
tipica delle muratura degli edifici. Infatti, questo modello pu essere visto come il setto
murario compreso tra sue finestre, tipica zona di rottura degli edifici in condizioni sismiche
con la classica forma a croce delle fessure.

Figura 10.19: Geometria modello con i carichi considerati

Il legame costitutivo implementato il medesimo della precedente applicazione con una


formulazione elasto-perfettamente plastica per la parte di compressione ed elasto-fragile per la
parte di trazione.

Le caratteristiche del materiale possono essere cos riassunte:

materiale in fase elastica:  5000" Y  0,25


materiale soggetto a trazione: w  0,05"   0,001 UU ]  1000UU
-

materiale soggetto a compressione: wy  5"


-
-

- 110 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

1600

1400

1200

1000
F [N]
800

600
Modello fem
400
Soluzione NTC
200

0
0 0.2 0.4 0.6 0.8 1 1.2 1.4 1.6 1.8 2
Spostamento punto di controllo [mm]

Figura 10.20:: curva forza spostamento relativa alla rottura a taglio della muratura

Dallanalisi della curva forza spostamento si evince subito come la rottura in questo caso
di tipo fragile (figura 10.20), in quanto il comportamento passa istantaneamente da un legame
elastico lineare ad un legame in cui gli spostamenti sono indefiniti con una sollecitazione
costante. Ci significa che la formazione del meccanismo di rottura istantanea. Questo lo si
nota anche nel modello dove da uniterazione e laltra si ha la rottura del materiale. Una
validazione del modello stata fatta confrontando il taglio resistente ottenuto con quello
previsto da normativa (NTC08 7.8.2.2.2) per la verifica dei setti murari.

La resistenza a taglio di ciascun elemento strutturale


strutturale valutata per mezzo della
relazione seguente:

x  Nw
dove:
- l la lunghezza della parte compressa della parete

- w  w( definito al 4.5.6.1, calcolando la tensione normale media (indicata


- t lo spessore della parete

.   )N,
con n nel paragrafo citato) sulla parte compressa della sezione .

Nel seguente caso si assunta una resistenza a taglio del materiale w =2,095MPa
calcolato come suggerito da norma in base allo sforzo normale (N=3250N)) applicato partendo
dalla tensione resistente a taglio di 0,095MPa.
0,095

conseguente taglio resistente di x  1362. Nel caso specifico la differenza tra i due valori
In base allo sforzo normale applicato la zona compressa risultata essere di 650mm
650 con un

si rilevata
ilevata essere di circa 5%.

- 111 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Eseguiti i confronti in termini di taglio resistente si proceduto allanalisi del meccanismo


di collasso che si viene a creare al raggiungimento del carico ultimo attraverso lanalisi del
quadro fessurativo.

Direzione del
puntone compresso

Figura 10.21: Forma di rottura a taglio della parete

Lanalisi del modello mette in evidenza la formazione delle fessure tipiche della rottura a
taglio della muratura con delle crepe diagonali corrispondenti alla direzione principale di
trazione (figura 10.21). Questo significa che il modello in grado di rappresentare la
formazione del tipico comportamento puntone-tirante delle struttura tozze.

- 112 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

10.2.4 Capacit di implementazione delle diverse non linearit


In questa applicazione sar verificata la capacit del programma fem di rappresentare le
diverse non linearit. In particolare in precedenza stata dimostrata la
la possibilit del software
di rappresentare la non linearit per materiale,
materiale verificando la capacit di rappresentazione
delle diverse modalit di rottura. La non linearit geometrica consiste nel considerare la
presenza di sollecitazioni secondarie che nascono
nascono allevoluzione della deformazione, dato
importante nel caso di eventuali instabilit dovute alla forma della struttura.

In questo caso il software stato testato analizzando il comportamento sino al collasso di un


pilastro in muratura caricato da uno sforzo orizzontale posto in sommit della struttura. Tale
applicazione soffre di evidenti problemi di non linearit geometrica,
geometrica causati dagli effetti
secondari generati dallo spostamento in direzione orizzontale con il momento alla base che
tende ad aumentare per il solo effetto del peso proprio.

Le caratteristiche del materiale utilizzate per lapplicazione sono:

materiale in fase elastica:  5000" Y  0,25


materiale soggetto a trazione: w  0,05"   0,001 UU ]  1000UU
-

riale soggetto a compressione: wy  5"


-
- materiale

Per individuare le criticit del comportamento strutturale si proceduto con una


formulazione del problema in termini di spostamento attribuendo perci alla sommit del
pilastro uno spostamento incrementale misurando
misurando la reazione opposta dalla struttura.
Nelleseguire lanalisi si sono considerati diversi incrementi di spostamento ottenendo la
risposta con accuratezze diverse. Lanalisi stata svolta con i seguenti incrementi:

1) 1,00mm
2) 0,25mm
3) 0,10mm
4) 0,05mm

1200

1000 1,00mm
0,25mm
Forza orizzontale applicata [N]

800 0,10mm
0,05mm
600

400

200

0
0 2 4 6 8 10 12 14 16 18 20 22 24 26
Spostamento in testa [mm]

Figura 10.22:: Curve forze spostamento al cariare del passo di calcolo

- 113 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Dallanalisi si sono ottenute le diverse curve forze spostamento dalle quali si evince come la
parte di carico essenzialmente coincidente nei diversi casi con un carico ultimo di circa
1000N contro i 1125N rilevabile analiticamente.

Ad analisi pi attenta si nota per che gli spostamenti durante la fase di rammollimento sono
sensibilmente diversi. Questo aspetto si piega semplicemente con i diversi cinematismi di
collasso che si generano allaumentare della precisione di calcolo. Infatti osservando la figura
10.23 si pu notare come per step troppo alti la modalit di rottura dellelemento non
corretta inficiando la risposta nei successivi passi. Osservando le curve ottenute per step di
carico piccoli si evince come ottenuto il meccanismo di calcolo corretto la parte di
rammollimento non pi influenzata dalla finezza della soluzione.

c) Passo 1,00mm a) Passo 0,25mm b) Passo 0,10mm d) Passo 0,05mm

Figura 10.23: Cinematismi al variare del passo di calcolo

Concludendo si pu affermare come il software in grado di implementare la non linearit


geometrica. comunque doveroso ricordare la necessit di definire un passo di calcolo
sufficientemente piccolo in modo da ritrovare il cinematismo pi verosimile per la struttura.

- 114 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

10.3 ANALISI FEM SU STRUTTURE AD ARCO


A questo punto definite le potenzialit dei modelli fem nella rappresentazione del materiale
possibile eseguire delle analisi specifiche,
specifiche per osservare il comportamento che si riscontra
nellarco soggetto a sollecitazioni di tipo sismico.

Losservazione del comportamento di tali strutture stato fatto per gradi analizzando prima
di tutto la struttura del solo arco definendo il legame costitutivo pi appropriato per
caratterizzare
terizzare il materiale. Successivamente si definito il legame costitutivo relativo al
riempimento confrontando il modello con soluzioni ottenute su modelli sperimentali.

10.3.1 Arco privo di riempimento soggetto a sollecitazioni orizzontali


Una semplice applicazione per la verifica del modello costitutivo total strain crack
cra riguarda
lanalisi dellarco soggetto al solo peso proprio sollecitato da unaccelerazione sismica
orizzontale incrementale. Larco stato modellato attraverso un modello in stato pianopia di
deformazione. La struttura si presenta vincolata solamente alla base dove lincastro presenta
la modellazione pi adeguata del vincolo. La soluzione di un simile modello risolata molto
bene dal punto di vista analitico come mostrato nei capitoli precedenti.
precedenti. Si ha perci un valido
termine di confronto.

Il comportamento del materiale nella fase iniziale stato modellato come elastico lineare
con un modulo elastico iniziale stimato in 5000MPa.
5000 . A compressine stato modellato
attraverso un legame di tipo costant in cui la resistenza massima a compressione stata
assunta pari a 5MPa.. Questo perch si pensa che leffetto di confinamento che si genera nella
zona compressa fa assumere alla muratura un comportamento assimilabile a quello elasto-elasto
plastico perfetto. Infine, il comportamento del materiale a trazione stato modellato
attraverso un legame di tipo linear con una resistenza a trazione di 0.1MPa
MPa.
Formazione cerniere B e C
0.5
0.45
Accelerazione orizzontale [g]

0.4
0.35
0.3
Formazione cerniera A
0.25
0.2 Formazione cerniera D
0.15
0.1 Modello fem
Analisi limite
0.05
0
0 0.05 0.1 0.15 0.2 0.25 0.3 0.35 0.4 0.45 0.5
Spostamento punto di applicazione del carico [mm]

Figura 10.24: Curva forza-spostamento


forza spostamento relativa all'arco privo di riempimento

- 115 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Lanalisi stata fatta applicando in primo luogo il peso proprio e successivamente


applicando laccelerazione orizzontale in modo incrementale da un valore nullo sino al
collasso della struttura.

Dal grafico forza-spostamento (figura 10.24), ottenuto si pu osservare in dettaglio il


comportamento dellarco ed in particolar modo levoluzione della formazione del
cinematismo. Infatti, dopo una prima parte elastica si osserva ad unaccelerazione orizzontale
di 0,26g la formazione di una prima cerniera alla base dellarco (figura 10.25).
Successivamente, la rigidezza diminuisce anche se rimane comunque elevata. Ad una
accelerazione di 0,39g si ha la formazione della seconda cerniera nellaltra imposta dellarco
dove si nota una significativa diminuzione della rigidezza globale.

Formazione cerniera D per Formazione cerniera A per


accelerazione pari a 0,26g accelerazione pari a 0,39g

Figura 10.25: Stato ferrurativo del materiale in confronto con la curva forza-spostamento

Aumentando leggermente la sollecitazione si ha il completamento della formazione del


cinematismo (0,45g) con la nascita quasi contemporanea delle cerniere centrali (figura 10.26).
In tale situazione la struttura in grado di assorbire ancora piccoli ulteriori sforzi orizzontali a
causa della necessit del materiale di completare la rottura della zona tesa. Oltre la soglia di
0,46-0,47g la soluzione inizia a presentare spostamenti importanti il che dimostra la completa
formazione del meccanismo labile.

Formazione cerniere B e C
per accelerazione pari a 0,47g

Figura 10.26: Stato fessurativo dell'arco alla formazione del cinematismo

Tale applicazione dimostra la bont del legame costitutivo total strain in quanto oltre
allesatta determinazione del moltiplicatore critico dei carichi rappresenta in maniera
completa le cerniere che costituiscono il meccanismo di collasso.

- 116 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Si nota la concentrazione della cerniera nellunica sezione parzializzata con il materiale


limitrofo che rimane rigido a dimostrazione delle ipotesi di Heyman.

Particolare apertura delle cerniere


concentrata in una singola sezione

Figura 10.27: Forma del cinematismo di collasso

Tale comportamento si conferma dallanalisi delle tensioni principali (figura 10.28) dove si
nota la forate concentrazione delle tensioni nella zona compressa in corrispondenza delle
cerniere (figura 10.29), ricreando parzialmente la forma della curva delle pressioni.

Concentrazione delle tensioni


di compressione nellintorno
della cerniera
Figura 10.28: Andamento delle tensioni principali di compressione all'interno dell'arco

- 117 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Tensioni concentrate in una


piccola area della sezione in
corrispondenza della cerniera

Figura 10.29: Particolare della concentrazione delle tensioni di compressione nella cerniera C

Unulteriore osservazione pu essere fatta sul posizionamento delle cerniere allinterno della
struttura. Infatti confrontando la soluzione fem con quella ottenuta mediante la costruzione
dalla curva delle pressioni si notano con differenze massime del 3-4%.

2.5
B
2.0

1.5
C
1.0

0.5
D
0.0 A
-0.5 0.0 0.5 1.0 1.5 2.0 2.5 3.0 3.5 4.0 4.5 5.0 5.5 6.0 6.5 7.0

Figura 10.30: Tracciamento curva delle pressioni ed individuazione cerniere

B B  0,000 B B  0,000
A C A C
BF B  0,328 BF B  0,331M M
UX'$X w$U "P"= "P"N"
@BJ B  0,732 @BJ B  0,750
? B: B  1,000 ? B: B  1,000

Da questa applicazione si pu concludere che il comportamento dellarco in muratura ben


rappresentato utilizzando un legame costitutivo di tipo total strain.

- 118 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

11 VALIDAZIONE DEL MODELLO CINEMATICO DI


COLLASSO CON RIEMPIMENTO
Nota la capacit del legame costitutivo di tipo total strain di rappresentare la rottura tipica
delle arcate, diventa utile capire il reale comportamento del complesso arco riempimento.
Questo aspetto presenta notevoli aspetti di indeterminatezza, infatti uno dei pochi studi
eseguiti sul cinematismo dei ponti ad arco provvisti di riempimento quello eseguito da
Paolo Clemente esposto nel volume Verifica degli archi a conci lapidei (ENEA -
Dipartimento Ambiente Centro Ricerche Casaccia, Roma)
Nel suo lavoro lautore individua quattro diversi modelli di applicazione degli effetti del
riempimento alle arcate. Innanzitutto, Clemente sintetizza il riempimento come delle forze
esterne applicate in diversi modi al baricentro dellarco (figura 11.1).

Schema M1

Schema M2

Schema M3

Schema M4

Figura 11.1: Schema dei modelli di carico previsti da P. Clemente ( Verifica degli archi a conci lapidei) [7]

- 119 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Le modalit di applicazione dei carichi previste da Clemente sono le seguenti:

- Schema M1; Prevede lapplicazione del riempimento come carico gravitazionale per tutto
lo sviluppo dellarco e lapplicazione delle forze sismiche come peso di volume dei conci
orizzontali di riempimento, della sola parte sinistra dellarco (direzione del sisma). La
met si destra, invece, non sollecitata direttamente dal sisma pensando ad un distacco
del riempimento dalla superficie della volta.
- Schema M2; Prevede lapplicazione del carico gravitazionale lungo tutta larcata e come
per lo schema M1 lapplicazione della sollecitazione sismica attraverso il peso di volume
dei conci orizzontali di riempimento. In questo caso, per, la sollecitazione agisce lungo
tutta larcata.
- Schema M3; Prevede lapplicazione del carico gravitazionale lungo tutta larcata e
lapplicazione delle sollecitazioni sismiche pari esattamente al peso dei conci verticali
agenti lungo tutta larcata
- Schema M4; prevede come per gli altri schemi lapplicazione dei carichi gravitazionali
lungo tutta la struttura, ma in questo caso a differenza degli altri schemi la sollecitazione
sismica applicata come carico distribuito applicato alla sola parte sinistra dellarco la
cui risultante pari allintero peso della struttura riempimento compreso.

Come spesso accade tutti questi schemi di calcolo degli effetti del riempimento non sono
esenti da errori. Sar perci utile determinare la condizione meno sbagliata, quella perci che
porta a risultati pi simili alla realt.

Per fare ci ci si serviti di prove sperimentali riguardanti lanalisi di ponti realmente


esistenti. Essendo impossibile eseguire una prova sul comportamento sismico su modelli reali,
sono stati utilizzati dei modelli fem tarati attraverso prove eseguite in modo da avere un
comportamento verosimile a quello reale. Le modalit di esecuzione della validazione sono
esplicitate nel seguente schema:

Esecuzione della prova di carico


Prova sperimentale eseguita
su un ponte esistente
Determinazione delle principali caratteristiche
meccaniche dei diversi materiali

Costruzione modello fem del ponte esistente utilizzando i


parametri determinati dalle prove di laboratorio Calibrazione del modello fem

Analisi sismica del ponte esistente


attraverso i parametri determinati

Confronto con le soluzioni analitiche calcolate


applicando i diversi schemi di carico

Individuazione dello schema di carico


pi appropriato

- 120 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

11.1 CALIBRAZIONE DEL MODELLO ATTRAVERSO IL CONFRONTO


CON PROVE SPERIMENTALI
Lindividuazione del modo pi corretto di modellare la struttura arco-riempimento stata
fatta con riferimento alla prova sperimentale eseguita da Andrea Cavicchi e da Luigi
Gambarotta (figura 11.3) i cui risultati sono stati pubblicati nellarticolo Collapse analysis of
masonry bridges taking into account archfill interaction [4]. In questo lavoro stato portato
a rottura un ponte ad arco in muratura la cui geometria esplicitata in figura 11.2 .

Figura 11.2: geometria del modello [A. Cavicchi e L. Gambarotta, Dipartimento di Ingegneria Strutturale e
Geotecnica, Universit di Genova 2005]

Tale struttura stata successivamente portata alla condizione di collasso applicando un


carico distribuito su di una piccola superficie. Dallanalisi sperimentale il carico ultimo
rilevato risultato essere Pexp=228kN. La forma di collasso si rilevata essere costituita da un
cinematismo labile formato da quattro cerniere.

Figura 11.3: meccanismo di collasso a rottura [A. Cavicchi e L. Gambarotta, Dipartimento di Ingegneria
Strutturale e Geotecnica, Universit di Genova 2005]

- 121 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Il modello fem stato costruito come in precedenza applicando uno stato piano di
deformazione. Le caratteristiche dei materiali utilizzate sono quelle riportate nellarticolo che
sono:

-   15000"
1) Arco

-   20 U
- y  4,5"

-   300"
2) Riempimento

-   20 U
-  37
-  0,01"

Larco stato modellato attraverso lutilizzo del total strain crack model nelle stesse
modalit utilizzate nellapplicazione precedente. Noto il comportamento del materiale
costituente larco stato modellato il riempimento attraverso diversi legami costitutivi:

1) Elastico lineare
  300"

2) Drucker Prager
  300"
 37
 0,01"
3) Total strain crack model

  300"
Fase elastica

w  0,1"
Resistenza a trazione

  0,001 UU
]  200UU

I tre modelli utilizzati sono di complessit crescente, infatti mentre il primo rappresenta il
materiale con un semplice materiale elastico lineare, il secondo ed il terzo entrano nel
complesso campo della non linearit con il consecutivo aumento dellonere computazionale.

Una prima prova stata eseguita trascurando la presenza del riempimento. In questo caso
lunico elemento considerato larco modellato attraverso il legame costitutivo total strain
crack model. Lanalisi stata fatta applicando uno spostamento incrementale a L/4 ottenendo
la curva forza spostamento relativa figura 11.4.

- 122 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

45
40 Soluzione analitica Pu=35,02kN

Carico applicato [kN]


35
30
25
20
15
10
5
0
0 0.05 0.1 0.15 0.2 0.25 0.3 0.35 0.4
Spostamento punto di applicazione del carico [mm]

Figura 11.4: Curva forza- spostamento relativa al ponte privo di riempimento

Dal grafico (figura 11.4) si pu notare come la sollecitazione applicabile piuttosto bassa
rispetto al carico registrato dellanalisi sperimentale. La soluzione comunque paragonabile a
quella analitica calcolata sfruttando il cinematismo implementato in un foglio elettronico. La
differenza che si nota con il modello risultata essere del 3,6%. Ci dimostra leffetto
stabilizzante del riempimento sullapplicazione dei carichi eccentrici.

Figura 11.5: Deformata al collasso relativa all'arco privo di riempimento.

Dalla figure 11.5 e 11.6 si mette in evidenza la forma di collasso dellarco soggetto al carico
concentrato. Dallanalisi delle tensioni interne si pu notare la formazione delle quattro
cerniere, che innescano il cinematismo di collasso, nelle sezioni in cui le tensioni si
concentrano al sul bordo esterno.

Figura 11.6: Andamento tensioni principali all'interno dell'arco privo di riempimento.

- 123 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Detto ci si passati allanalisi vera e propria sulla modellazione del riempimento. In primo
luogo si modellato il riempimento come materiale elastico lineare mantenendo la rigidezza
indicata nellarticolo. Come in precedenza si determinata la curva forza spostamento relativa
al punto di applicazione della forza concentrata (figura 11.8). Da analisi si notato come
leffetto dellinterazione tra riempimento e arco risulta condizionante nei riguardi della
risposta. Questo avviene a causa della resistenza a trazione che presenta il materiale elastico
di riempimento. Tale effetto tende ad aumentare la resistenza della struttura dopo il
raggiungimento del carico ultimo. Per ovviare a questo problema si inserito un elemento di
interfaccia tra larco ed il riempimento, in grado di trasferire gli sforzi di compressione ma
non quelli di trazione. Il modello di interfaccia consente nellinserimento di un elemento di
separazione tra due diverse parti della struttura. In particolare questa metodologia di analisi
consiste nellapposizione di una sorta di molle tra gli elementi attraverso le quali trasmettono
gli sforzi da una parte allaltra (figura 11.7). La natura dellelemento di interfaccia pu essere
espressa secondo diverse modalit consentendo la trasmissione di solo parte degli sforzi a cui
soggetta la struttura.

Figura 12: schema di interfaccia implementato in Midas [22]

Nel seguente caso il modello di interfaccia utilizzato del tipo Dilatancy Crack. Questo tipo
di legame permette la trasmissione dei soli sforzi di compressione assegnando al materiale un
comportamento di tipo elastico nei confronti degli sforzi di compressione. Nei confronti degli
sforzi di trazione il legame costitutivo di tipo elasto-fragile. La componente tagliante
modellata come per la compressione attraverso un comportamento elastico. Le caratteristiche
meccaniche inserite nel modello di interfaccia sono:

- Rigidezza componente compressionale Kn=1200000N/mm3


- Rigidezza componente tagliante Kt=1500000N/mm3
- Resistenza a trazione ft=0,05MPa

- 124 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Con tale modellazione si nota dopo il raggiungimento del carico ultimo un ramo di continuo
rammollimento.

240
220 Sperimentale
Analisi limite
200
fem senza interfaccia
180
Carico applicato [kN]

fem con interfaccia


160

-   15000"
140 Arco:

-   20 U
120

- wy  4,5"
100
80

-   300"
Riempimento:
60

-   20 U
40
20
0
0 0.1 0.2 0.3 0.4 0.5 0.6 0.7 0.8 0.9 1 1.1 1.2 1.3 1.4 1.5
Spostamento punto di applicazione del carico [mm]

Figura 11.8: Curva forza- spostamento relativa al ponte modellato con riempimento elastico lineare

Dal grafico si pu facilmente notare come il carico ultimo di collasso calcolato nel modello
fem molto vicino a quello misurato sperimentalmente. Nello specifico il carico massimo
registrato pari a 202kN. La differenza con lanalisi sperimentale di circa il 10%. Bisogna
comunque considerare gli arrotondamenti e le approssimazioni utilizzate nella determinazione
dei parametri meccanici. Successivamente allapertura delle quattro cerniere lo sforzo da
applicare tende di nuovo ad aumentare per effetto della tendenza del cinematismo a tornare
alla condizione iniziale. Raggiunto il massimo dellenergia potenziale del sistema lo sforzo da
applicare cala repentinamente in quanto la struttura in fase di collasso. La resistenza residua
opposta spiegabile solamente con la resistenza a trazione esplicata dal riempimento che
ricordiamo stato modellato come elastico, quindi non reale.

Figura 11.9: Deformata del ponte con riempimento elastico lineare allinnesco del cinematismo completo

Oltre allanalisi del solo carico ultimo risulta interessante osservare landamento delle
tensioni principali allinterno del riempimento per capire come questo si comporta
allapplicazione della sollecitazione concentrata.

- 125 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Figura 13: Andamento delle tensioni principali all'interno del riempimento

Da una prima osservazione si nota la forte concentrazione delle tensioni al di sotto del carico
che almeno in parte tendono a distribuirsi andando successivamente a caricare larco come si
pu vedere dalla figura 11.10 e 11.11.

Nelle altre zone si nota un cambiamento delle direzioni delle tensioni principali per effetto
del movimento dellarco. Questo effetto esplicitato in modo evidente in figura 11.12 dove si
vedono i vettori delle tensioni principali ruotare in senso orizzontale.

Figura 11.11: Particolare dell'andamento delle tensioni nel riempimento nella zona di applicazione del carico

Figura 11.12: Particolare dell'andamento delle tensioni nel riempimento nella met arco scarica

Confrontando il risultato ottenuto con landamento delle tensioni ottenute dalle analisi di
Cavicchi e Gambarotta (figura 11.13), si osserva come landamento ricavato attraverso

- 126 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

lanalisi del materiale elastico abbastanza simile con un picco meno elevato delle tensioni al
di sotto del carico ma congruente nelle zone circostanti.

Figura 11.13: Tensioni nel riempimento ottenuto dalle analisi di A. Cavicchi e L. Gambarotta, [Dipartimento di
Ingegneria Strutturale e Geotecnica, Universit di Genova 2007]

Laffinamento successivo del modello stato fatto simulando il comportamento del


riempimento attraverso un legame costitutivo di tipo non lineare alla Drucker Prager relativo
appunto ai terreni granulari. I parametri utilizzati sono i medesimi riportati da Cavicchi nel
suo articolo. In questo caso la forte instabilit del sistema blocca lanalisi a carichi molto
bassi. Il carico ultimo rilevato in questo caso di 57kN, comunque paragonabile a quello
ottenuto dalle prime analisi numeriche riportate nellarticolo.

Lultima analisi eseguita ha riguardato la modellazione del riempimento attraverso un


legame costitutivo del tipo total strain. Infatti, pensando al riempimento come materiale non
resistente a trazione e parzialmente cementato pu in via approssimata essere rappresentato da
un materiale simile alla muratura. In questo caso le caratteristiche meccaniche utilizzate per il
riempimento vanno a cogliere in qualche modo quelle del terreno. Infatti, come resistenza a
trazione si assunto il valore della coesione come un materiale quasi fragile, mentre per la
compressione si assunto un comportamento lineare considerando anche il fatto che le
tensioni di compressione nel terreno sono in genere basse eccetto che per le parti al di sotto
del carico. In questo caso il carico ultimo ottenuto di 203kN praticamente uguale a quello
ricavato con riempimento elastico. La differenza con il primo la si rileva negli spostamenti
infatti il modello a riempimento elastico si presenta leggermente pi rigido. Tale
comportamento lo si rileva a causa dellapertura di una grossa frattura nel riempimento per un
carico di circa 97kN in corrispondenza della zona di carico che rende la struttura meno rigida
globalmente.

- 127 -
Analisi limite dei ponti ad arco in
i muratura

240
220
200
180
Carico applicato [kN]

160
140
120 Sperimentale
100 Analisi limite
80 Riemp. elastico
60 Riemp. Drucker Prager
40 Riemp. total strain
20
0
0 0.1 0.2 0.3 0.4 0.5 0.6 0.7 0.8 0.9 1 1.1 1.2 1.3 1.4 1.5
Spostamento punto di applicazione del carico [mm]

-   15000" -  37
Arco: Drucker Prager

-   20 U -  0,01"
- wy  4,5"
4
- w  0,1"
Total strain crack model

-   300"
300
Riempimento
to:
-   0,001 UU
-   20 U
- ]  200UU

Figura 11.14: Confronti


onfronti tra le curve forza- spostamento relativee ai diversi modelli di riempimento

La risoluzione del problema per via analitica stata fatta attraverso limplementazione di un
meccanismo di collasso labile in cui la rappresentazione del riempimento stata fatta
considerandone leffetto attraverso dei carichi concentrati applicati al baricentro dei singoli
conci. Nel caso dellanalisi del cinematismo sotto carico concentrato si simulato anche
leffetto
tto prodotto dagli effetti di contorno. Infatti nel caso del cinematismo che si forma sotto
il carico concentrato lentit degli spostamenti orizzontali non indifferente, il che va ad
attivare tutti quei meccanismi di spinta nel riempimento ai lati dellarco
dell (figura 11.15).
11.1 Si
ritenuto perci congruente assumere la formazione completa del meccanismo di spinta attiva
nella parte sinistra dellarco, quella in cui applicato il carico, mentre nella parte destra a
causa dellinnalzamento accompagnato da uno uno spostamento verso destra si assunta la nascita
del cuneo di spinta passiva che tende a stabilizzare il cinematismo.

- 128 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Figura 11.15: Schema di applicazione dei carichi nell'analisi limite

Dal meccanismo di collasso applicato il carico ultimo che si rilevato risultato essere pari
a 207,8kN molto vicino a quello ricavato dallanalisi sperimentale con una differenza dell8%.
Tale carico comunque coincidente con quelli rilevati dalle analisi fem il che conferma il
range ottenibile dalle modellazioni analitiche e numeriche.

Da questa esperienza si pu giungere alla facile conclusione che la rappresentazione del


riempimento pu essere semplicemente fatta assumendo il materiale come elastico lineare.
Questa assunzione rende il modello sovrastima leggerete le rigidezza del materiale per carichi
elevati ma giunge a valori di carico accettabili. Modelli pi sofisticati rilevano comportamenti
pi dettaglio nella struttura ma rendono il modello estremamente oneroso dal punto di vista
computazionale come dimostrato nel modello di Druker Prager.

Lanalisi cinematica mediante modelli fem in generale pu essere condotta considerando


leffetto del riempimento solamente come massa applicata allarco assumendo una materiale
elastico lineare con rigidezza di qualche ordine di grandezza pi basso rispetto a quella
dellarco.

- 129 -
Analisi limite dei ponti ad arco in
i muratura

11.2 ANALISI DELLAPPLICABILIT


APPLICABILIT DELLE IPOTESI DI HEYMAN
Unutile analisi del modello fem riguarda la valutazione della variazione della capacit
portante della struttura al variare della tensione
tensi resistente della muraturaa costituente larco.
Questa applicazione utile per la validazione delle ipotesi di Heyman sulla resistenza dei
materiali.

Considerando il modello del ponte in precedenza calibrato lo si andr ad analizzare variando


la resistenza
nza del materiale dellarco. In prima battuta si considerato il caso dellarco privo di
riempimento per escludere eventuali effetti secondari generati dal riempimento. I risultati
ottenuti dallapplicazione sono stati inseriti in un grafico riassuntivo (figura
figura 11.16)
11. in cui oltre
ai risultati ottenuti dal modello fem sono stati inseriti i risultati ottenuti da Cavicchi e
Gambarotta [5].

55
50
45
40
Carico ultimo P [kN]

35
30
25
20
15
Analisi limite
10 modello fem
5 Cavicchi-Gambarotta
Gambarotta 2007

0
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Valore della resistenza a compressione dell'arco c [MPa]

Figura 11.16:: Grafico riportante la variazione del carico critico in funzione della resistenza del materiale c

Dal grafico si evince come la soluzione ottenuta da modello fem si stabilizza al valore
ottenuto attraverso il modello cinematico per valori di tensione relativamente bassi. Infatti
oltre a tensioni di 1MPa la soluzione assume il valore ottenuto da analisi limite.
limite Tale tensione
corrisponde a murature di qualit molto bassa,
bassa che difficilmente si ritrova nelle strutture da
ponte.. La soluzione ottenuta dal modello di Cavicchi e Gambarotta invece riporta un
andamento diverso con un aumento maggiore del carico ultimo
ultimo allaumentare della resistenza
a compressione.

Dalla seguente esperienza si pu concludere come lapplicazione del cinematismo di


collasso secondo le ipotesi di Heyman corretta eccetto che per strutture di scarsa qualit.

La stessa analisi stata eseguita per la struttura completa di riempimento.


riempimento Nel seguente caso
oltre al confronto con la soluzione analitica si ha a disposizione il risultato sperimentale.
Dallanalisi si nota come i precedenti risultati si rispecchiano anche nellanalisi con

- 130 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

riempimento
imento dove la stabilizzazione della soluzione avviene per resistenze dellarco superiori
a 1,5MPa.

240

210 ANALISI CON


RIEMPIMENTO

180
Carico ultimo P [kN]

150 Sperimentale
Analisi limite
120 modello fem
Cavicchi-Gambarotta
Gambarotta 2007
90

60
ANALISI SENZA
RIEMPIMENTO
30

0
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Valore della resistenza a compressione dell'arco c [MPa]

d materiale c
Figura 11.17:: Grafico riportante la variazione del carico critico in funzione della resistenza del

Dal grafico (figura 11.17) si evince come le ipotesi di Heyman sul calcolo del carico ultimo
di collasso sono ancora valide per murature ordinarie. Nel grafico come in precedenza si
riportata la soluzione ottenuta dal modello costruito da Cavicchi e Gambarotta dove si nota
come il carico ultimo aumenta progressivamente
progressivam allaumentare della resistenza del materiale,
materiale
sino a raggiungere in maniera asintotica il valore sperimentale per resistenze dei materiali
molto alte.

Dalla seguente applicazione si pu giungere alla conclusione che il modello fem costruito
presenta una
na certa stabilit al variare della resistenza del materiale,
materiale, con un valore del carico
ultimo molto simile al carico ultimo calcolato analiticamente. Questo va a convalidare le
ipotesi formulate da Heyman anche per strutture caricate dal riempimento.

- 131 -
Analisi limite dei ponti ad arco in
i muratura

11.3 ANALISI DEL RIEMPIMENTO SOGGETTO A SISMA


A questo punto il modello numerico calibrato e riesce a rappresentare in maniera
sufficientemente accurata la rottura che si verifica nella struttura reale. Il modello fem
perci pronto per essere analizzato in condizioni sismiche
sismiche, applicando unaccelerazione
orizzontale in direzione longitudinale.

Come fatto i precedenza una prima valutazione stata fatta per la struttura priva di
riempimento in modo da distinguere leffetto
lef dei due diversi materiali.

Dallanalisi fem si ritrova una curva forza spostamento rappresentante levoluzione dello
spostamento della struttura allaumentare della sollecitazione orizzontale (figura 11.18).
Come noto il collasso della struttura avviene
avviene per la formazione di un cinematismo labile che
porta allinstabilit strutturale.

Dallosservazione della curva si osserva una riduzione della rigidezza allaumentare della
sollecitazione conseguente alla formazione delle cerniere. A differenza dellesempio
delles riportato
nei paragrafi precedenti la formazione delle cerniere pi graduale
graduale e di conseguenza la curva
presenta un andamento pi regolare.

0.6

0.5
Acclerazione orizzontale [g]

0.4

0.3
Analisi limite
Analisi fem ft=0,05MPa
0.2
Analisi fem ft=0,1MPa
Analisi fem ft=0,15MPa
0.1

0
0 0.05 0.1 0.15 0.2 0.25 0.3 0.35 0.4 0.45 0.5
Spostamento punto di controllo [mm]

Figura 11.18:: Curva forza spostamento relativa al ponte privo di riempimento

Tale comportamento spiegabile


spiegabile con lapertura molto bassa dellarco. Nel caso di archi con
rapporto f/L basso infatti gli sforzi di compressine allinterno delle arcate sono molto elevati
condizionando parzialmente la formazione della curva forzo deformazione.

Dallanalisi fem si osserva


rva un moltiplicatore ultimo di 0,46g perfettamente compatibile con
quello calcolato analiticamente che si rilavato essere di 0,48g.
0,4

Questo conferma la bont del modello numerico costruito per il solo arco. Il passo
successivo stato quello di inserire leffetto del riempimento durante lazione sismica.

- 132 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Il riempimento stato modellato come un materiale elastico collegato allarco attraverso uno
strato di interfaccia che in trasferisce gli sforzi di trazione
trazione tra larco e il riempimento, come
calibrato in precedenza.

Dallanalisi fem dellarco con riempimento si estrapolata la curva forza spostamento


(figura 11.19), dalla quale si determinato il pi probabile moltiplicatore dei carichi.
carichi

0.6

0.5 Schema M1
Acclerazione orizzontale [g]

0.4 Schema M3
Schema M2
Schema M4
0.3

Modello fem fc=4,5MPa


0.2 Modello fem fc=1MPa
Modello fem fc=0,75MPa
Modello fem fc=0,5MPa
0.1 Analisi limite

0
0 0.05 0.1 0.15 0.2 0.25 0.3
Spostamento punto di controllo [mm]

Figura 11.19: Curva


rva forza spostamento del ponte con riempimento confrontato con i diversi modelli di
riempimento al variare della resistenza a compressione del muratura per ft=0,05MPa.

0.6

0.5 Schema M1
Acclerazione orizzontale [g]

0.4 Schema M3
Schema M2
Schema M4
0.3

0.2 Modello fem ft=0,05MPa


Modello fem ft=0,1MPa
Modello fem ft=0,15MPa
0.1 Analisi limite

0
0 0.05 0.1 0.15 0.2 0.25 0.3
Spostamento punto di controllo [mm]

Figura 11.20: Curva forza spostamento del ponte con riempimento confrontato con i diversi
div modelli di
riempimento al variare della resistenza a trazione del muratura per fc=4,5MPa.

- 133 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Le curve forze spostamento sono state determinate per diversi valori di resistenza a
compressione in equivalenza a quanto fatto per lanalisi sotto carico concentrato. Dallanalisi
eseguita si osservato come il raggiungimento del moltiplicatore di collasso raggiunge un
valore stabile per tensioni di compressione relativamente basse.

Dallanalisi della curva forza spostamento si osserva una diminuzione della rigidezza della
struttura nel suo complesso. Leffetto del riempimento perci rende la struttura pi debole.

Dallanalisi fem il moltiplicatore dei carichi ottenuto risulta essere pari a 0,45g. A questo
punto possibile eseguire il confronto con le soluzioni analitiche costruite con i diversi
schemi di carico.

I risultati analitici ottenuti applicando i diversi modelli di riempimento sono:

- Schema M1 0,50g differenza con fem: +10%


- Schema M2 0,35g differenza con fem: -28%
- Schema M3 0,41g differenza con fem: -10%
- Schema M4 0,32g differenza con fem: -42%

Dal confronto tra i diversi schemi di riempimento si osserva immediatamente come i modelli
di carico M2 e M4 possono essere immediatamente scartati, perch eccessivamente
cautelativi. I due modelli rimanenti presentano la stessa differenza in percentuale, con il
valore ottenuto per via numerica. Per, mentre nello schema M3 il carico ultimo
leggermente in sottostima nello schema M1 la resistenza dellarco sovrastimata. Perci
applicando un concetto a favore di sicurezza si pu affermare come il modello di carico pi
plausibile rappresentato dallo schema M3. Si precisa, comunque, come i modelli M1, M2 ed
M3 forniscono sempre un valore di collasso plausibile. Lo schema M4 invece tende a
sottostimare eccessivamente la resistenza della struttura.

Una conferma sul modello di riempimento applicato avviene dallanalisi delle tensioni
principali allinterno del riempimento (figura 11.21). Osservando tali tensioni, infatti, si pu
in qualche modo risalite al comportamento del materiale soggetto a sisma.

Figura 11.21: Andamento delle tensioni principali nel riempimento

Nella parte sinistra dellarco (figura 11.22), direzione dalla quale arriva la sollecitazione
orizzontale si pu vedere come leffetto del sisma sulle tensioni tende a farle ruotare andando
a comprimere larco soprattutto nellimposta. Nella zona al di sopra delle reni le tensioni sono
ancora orientate verso destra il che deriva dallapplicazione del peso proprio. Nella zona

- 134 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

vicino alla chiave dellarco le tensioni tendono ad aumentare e a disporsi in senso quasi
orizzontale.

Figura 11.22: Particolare dellandamento delle tensioni principali nella parte sinistra dell'arco.

Nella parte destra dellarco (figura 11.23) si vede ancora un andamento delle tensioni ancora
poste inclinate nel senso della direzione del sisma. Il valore degli sforzi al bordo dellarco
sono ancora notevoli rispetto alle zone limitrofe il che va a confermare quanto ipotizzato nello
schema M3 dove gli sforzi sono trattati allo stesso modo nelle due met dellarco.

Figura 11.23: Particolare dellandamento delle tensioni principali nella parte sinistra dell'arco

Osservando ulteriormente landamento degli sforzi nel riempimento si conferma quanto


scritto in precedenza sulle differenze tra il modello di riempimento M1 ed M3. Infatti si pu
affermare come il modello numerico implementa un meccanismo ibrido dei due con una
sovrastima nel modello M1 causato dalleffetto instabilizzante non considerato generato dal
terreno a destra dellarco mentre una sottostima per il modello M3 a causa delleffetto
leggermente eccessivo del terreno a destra dellarco.

- 135 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Per concludere secondo lanalisi eseguita si pu affermare come lo schema dei carichi pi
appropriato risulta essere il modello M3 come per altro consigliato dallo stesso Cavicchi.

Unosservazione interessante sulleffetto del riempimento sulla struttura pu essere fatta


analizzando la variazione della forma della curva delle pressioni allinterno dello spessore
dellarco e la conseguente variazione del posizionamento delle cerniere del cinematismo
(figure 11.24 e 11.25).
2.0

1.5
B
1.0
C
0.5
D
A
0.0
0 0.5 1 1.5 2 2.5 3 3.5 4 4.5 5 5.5 6 6.5 7

Figura 11.24: Posizione cerniere del meccanismo di collasso relative al ponte senza riempimento

2.0

1.5 B'
B C
1.0
C'
0.5
D
A
0.0
0 0.5 1 1.5 2 2.5 3 3.5 4 4.5 5 5.5 6 6.5 7

Figura11.25: Posizione cerniere del meccanismo di collasso relative al ponte con riempimento schema M3

Dal confronto si evince come leffetto del riempimento genera uno spostamento verso
sinistra delle cerniere centrali, a causa dellasimmetria dello schema di carico che genera una
sollecitazione nella sola parte sinistra dellarco con una conseguente variazione della forma
della curva delle pressioni.

Confrontando il posizionamento delle cerniere ottenute dalla soluzione analitica attraverso il


modello di carico M3 e le cerniere ottenute dal modello fem (figura 11.26) si osserva come le
cerniere A, C e D risultano posizionate correttamente, mentre la cerniera B risulta essere
leggermente pi bassa.

- 136 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

2.0

1.5

B
1.0 C

0.5
D
A
0.0
0 0.5 1 1.5 2 2.5 3 3.5 4 4.5 5 5.5 6 6.5 7

Figura 11.26: Confronto tra i cinematismi ottenuti analiticamente e numericamente

Figura 11.27: Andamento delle tensioni principali all'interno dell'arco

Unulteriore conferma sul posizionamento delle cerniere avviene analizzando landamento


delle tensioni principali nellarco (figura 11.27) dalle quali si osserva la corrispondenza con
le posizioni ritrovate dallanalisi della curva delle pressioni.

In definitiva si pu affermare che lo schema di applicazione del riempimento M3 il pi


adatto al calcolo del moltiplicatore ed inoltre il cinematismo di collasso che si crea molto
simile nei due diversi modelli il che conferma la capacit dello schema dei carichi.

- 137 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

12 ANALISI CINEMATICA IN DIREZIONE TRASVERSALE DEI


PONTI MULTICAMPATA
Lanalisi del comportamento trasversale dei ponti ad arco multicampata rappresenta da
sempre un grosso problema, a causa della forma e dellelevata iperstaticit della struttura. Il
problema dellanalisi della vulnerabilit trasversale dei ponti ad arco, attualmente,
risolvibile solamente attraverso dei modelli agli elementi finiti. Tali modelli, per
rappresentare la risposta strutturale, devono essere di forma tridimensionale, a causa della
complessit della geometria del sistema. La forma del problema, infatti, non pu essere ridotta
di dimensione, poich nelle tre direzioni principali le grandezze sono simili. Questo per non
lunico problema, in quanto se il comportamento della struttura fosse simile sezione per
sezione lungo la direzione longitudinale la struttura potrebbe essere schematizzata attraverso
un problema piano. Tale situazione per non si verifica, in generale, per i ponti, a causa della
non omogeneit della distribuzione delle condizioni al contorno lungo la direzione
longitudinale. Per tali motivazioni, lunica possibilit di modellazione della struttura per la
simulazione del comportamento trasversale quella di utilizzare una formulazione
tridimensionale. Dal punto di vista teorico tale condizione non rappresenta certo un problema,
in quanto si va a modellare la reale geometria della struttura analizzando il comportamento
sotto condizioni al contorno pi precise. Nella realt, per, la modellazione di geometrie cos
complesse e di dimensioni ragguardevoli piuttosto difficile ed in particolare lonere
computazionale che unanalisi simile comporta notevole.

Per tali motivi, la ricerca di un possibile cinematismo di rottura della struttura nella
direzione trasversale pu rappresentare un grosso vantaggio. Come gi accennato le maggiori
criticit di una simile modellazione sta nel fatto che bisogna usare una formulazione
tridimensionale con la conseguente generalizzazione della tipologia dei vincoli che devono
essere in grado di rappresentare tutti i comportamenti fuori dal piano.

Si ricorda che lanalisi cinematica unapplicazione dellanalisi limite. Questo aspetto non
secondario, in quanto lerrata simulazione del meccanismo di rottura porta ad una sovrastima
del moltiplicatore critico. In questo caso non possibile individuare delle soluzioni statiche in
modo da individuare le esatte criticit locali del problema, quindi opportuno tener conto
dellapprossimazione nella forma del meccanismo attraverso parametri correttivi che riportino
alla soluzione esatta.

Nel caso specifico lanalisi del problema sar condotta ipotizzando la formazione di un
particolare cinematismo di collasso, costruito analizzando il collasso di ponti esistenti e le
forme di collasso registrate nella simulazione attraverso modelli fem.

- 138 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

12.1 CINEMATISMO DI COLLASSO TRASVERSALE.


I problemi che si evidenziano nella costruzione del cinematismo, come precedentemente
accennato si riscontrano nella formulazione tridimensionale del problema. Questo va a
rendere difficile la definizione dei vincoli che collegano la struttura alla base e che
permettono la continuit strutturale tra i vari conci.

Per la costruzione del cinematismo di collasso si fatto riferimento a modelli fem di tipo
tridimensionale. Le modalit di costruzione dei diversi modelli e le particolarit sui materiali
utilizzati sono esposte nei paragrafi successivi.

Dallanalisi dei modelli si evince come la struttura nella sua complessit presenta
sicuramente un comportamento trasversale globale simile a quello che si pu rilevare
attraverso lo studio del primo modo di vibrare. Prendendo in considerazione strutture
multicampata regolari nella forma, quindi con pile di dimensione simile e arcate dello stesso
ordine di grandezza, si pu affermare che la forma di rottura coinvolge le pile alla loro base.
Questo verosimile in quanto si pu pensare di approssimare le pila come un pendolo inverso
in cui lelemento pila incastrato alla base. Tale struttura sollecitata alla base da un peso
verticale, pari alla massa della quota parte del peso del ponte sollecitante la pile, e da una
forza inerziale orizzontale generata sempre dalla massa applicata alla pila. Per tali motivi
verosimile assumere che alla base delle pile si formino delle cerniere che attivino il
cinematismo trasversale.

Osservando landamento dello spostamento orizzontale trasversale lungo la direzione


longitudinale si vede un andamento assimilabile ad unevoluzione parabolica dello
spostamento. Tale comportamento causato da diversi aspetti. Il primo sicuramente la
diversa rigidezza e massa tra le pile e le spalle, dove queste ultime risultano notevolmente pi
pesanti a causa della necessit di assorbire gli sforzi orizzontali derivanti dalle spinte delle
arcate laterali. Un'altra causa dellandamento parabolico degli spostamenti orizzontali
imputabile allimmorsamento delle spalle. Questo genera unulteriore vincolo nelle spalle, che
tendono ad immobilizzarsi. Queste particolarit nella struttura dei ponti comportano la diversa
distribuzione delle sollecitazioni allinterno della struttura in direzione longitudinale andando
a deformare in maggior luogo la fascia centrale del ponte. Tale comportamento genera la
formazione di un cinematismo in direzione longitudinale nel piano dellimpalcato.

Lanalisi del cinematismo che si forma nel piano dellimpalcato abbastanza complesso a
causa della forma tridimensionale delle strutture portanti. Il grosso vantaggio della
modellazione fem attraverso il legame costitutivo total strain la capacit del solutore di
mettere in evidenza le principali fratture che si instaurano nella struttura, come mostrato in
figura 12.1.

- 139 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Fessure nelle volte

Fessure dovute al
ribaltamento del
timpano.

Formazione cerniera
alla base delle pile e
delle spalle

Figura 12.1: Quadro fessurativo registrato da analisi fem

Tendenza del
timpano a
ribaltarsi. Fessure dovute al ribaltamento
del timpano.

Figura 12.2: Particolare del cinematismo nella spalla con tendenza al ribaltamento del timpano.

Dallanalisi del quadro fessurativo si evince come la struttura genera un cinematismo basato
sulla formazione di cerniere alla base degli elementi dappoggio, a causa della
parzializzazione della sezione. Questo comportamento pi evidente analizzando

- 140 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

landamento delle reazioni vincolari alla base della struttura (figura 12.3), dove si nota per
lappunto una fascia scarica che non trasferisce tensioni alla sovrastruttura. Lunico elemento
di trasferimento degli sforzi dalla struttura alla fondazione rimane una piccola fascia
compressa attorno alla quale la struttura inizia il suo movimento rotazionale.

Figura 12.3: Reazioni vincolari generate dai vincoli sulle pile e le spalle

Losservazione del comportamento del ponte sollecitato da un sisma agente in direzione


trasversale forse di pi facile comprensioni analizzando landamento delle tensioni
principali allinterno della struttura.

Dallanalisi delle tensioni (figura 12.4 e 12.5) si evince come allinterno delle pile e delle
spalle lo stato tensionale da distribuito con una pressione uniforme nella zona di imposta
dellarco passa ad una stato in cui le tensioni vanno a concentrarsi gradualmente verso lo
spigolo inferiore opposto alla direzione del sisma. Questo aspetto va ad ulteriore conferma
della modalit di rottura globale delle pile e delle spalle.

Osservando con pi attenzione la zona compressa si pu vedere come lasse attorno al quale
la struttura innesca la sua rotazione molto vicina allo spigolo esterno il che fa capire come
sebbene la struttura sia molto grande e le forze in gioco notevoli le ipotesi di Heyman possono
ancora essere considerate valide.

- 141 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Zona scarica

Zona carica

Figura 12.4: Andamento delle tensioni principali di compressione nel modello

Tensioni rimangono
verticali a causa degli
effetti del bordo libero
aumentando per di
valore. Inclinazione della tensione
dovuta allaccelerazione
orizzontale.
Zona in cui si vanno a
localizzare le tensioni
di compressione con la Zona alla base della pila
formazione della che va a scaricarsi e a
cerniera. rompersi a causa della
bassa resistenza a trazione
della muratura.

Figura 12.5: Andamento delle tensioni principali nella pila

Capito la modalit di rottura delle pile e delle spalle si cercato di interpretare come le
arcate si rompono, analizzando la formazione delle fessure (figura 12.1) e landamento delle
tensioni principali nelle volte (figura 12.5).

- 142 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Zona in cui probabile lapertura delle


fessure nelle arcate a causa dellassenza di
sforzi di compressione.

Figura 12.5: Andamento delle tensioni principali di compressione delle arcate

Tensioni di compressine allinterno


della volta, basse rispetto alle
tensioni nelle pile.

Zona nella volta che tende a scaricarsi.


Sintomo dellapertura di una fessura nelle volta

Figura 12.6: Particolare dellandamento delle tensioni all'interno dell'arcata centrale.

Osservando i modelli possibile pensare in prima approssimazione di assumere la rottura


dellarcata per effetto di un diverso spostamento orizzontale in direzione trasversale delle

- 143 -
Analisi limite dei ponti ad arco in
i muratura

imposte come alla frattura in chiave dellintera arcata. Il collegamento tra le diverse campate
campat
pertanto garantito da una cerniera applicata al bordo esterno dellarcata che garantisce la
continuit strutturale tra i diversi conci e al contempo permette alla struttura di rappresentare
la variazione di spostamento orizzontale.

Figura 12.7: Suddivisione in conci della struttura

A questo punto possibile definire il meccanismo di collasso della struttura. Per semplicit
sar adesso esplicitata la formulazione adottata per la struttura a tra campate. Il cinematismo
definito rappresentabile attraverso
ttraverso la corruzione di quattro macroconci che descrivono
rispettivamente la pila e la quota parte delle campate gravanti su di essa (figure 12.7 e 12.8).
12.8

Figura 12.8:: Schema tridimensionale del cinematismo di collasso in direzione trasversale.

- 144 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Figura 12.9: Configurazione deformata del ponte a tre campate ottenuta da modello fem

A questo punto definito in generale il cinematismo di collasso trasversale si pu passare alla


definizione particolareggiata del suo comportamento.

Figura 12.10: Deformata dell'impalcato sotto carichi orizzontali in direzione trasversale

Il modello costruito definito attraverso limposizione di spostamenti orizzontali nella


direzione trasversale, analogamente a quanto succede durante un evento sismico.
Landamento degli spostamenti orizzontali lungo la direzione longitudinale stato assunto in
via approssimata come composto da una parte traslazionale uniforme per tutta la lunghezza e
da una parte non uniforme (figura 12.10), approssimata per semplicit computazionale come
un arco di circonferenza (figura 12.11). Tale assunzione permette di considerare la diversa
rigidezza delle spalle rispetto alle pile.

- 145 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Figura 12.11: schema semplificato di calcolo degli spostamenti non uniformi in direzione trasversale

/2

sin)2,

VV    )V, )  ',

VV  V V cos )
,

A questo punto sono stati definiti gli spostamenti trasversali a livello del baricentro
strutturale del ponte per ogni punto dellimpalcato lungo la direzione longitudinale.

Figura 12.12: Cinematismo verticale della pila

Tale spostamento genera nelle pile e nelle spalle un sollevamento conseguente


allimpedimento nello spostamento orizzontale dato dalle fondazioni (figura 12.12).
Linnalzamento dellimpalcato conseguente alla rotazione delle pile e delle spalle lungo il
piano verticale attorno alla cerniera alla di base.

- 146 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Linnalzamento delle pile e delle spalle conseguente allo spostamento orizzontale


lelemento che genera gran parte della resistenza alle azioni sismiche in direzione trasversale.
Questo perch linerzia fornita dalla massa degli elementi strutturali va a contrastare lo
spostamento generato dalle sollecitazioni orizzontali.

Il valore numerico degli spostamenti verticali nelle pile e nelle spalle sono valutati
sfruttando alcune semplici considerazioni geometriche di seguito riportate (figura 12.13).

Figura 12.13: Schema di calcolo spostamenti

T.  >. sin)  ,  T.

.  .  >. cos)  ,

Nel caso della cerniera di base possibile oltrepassare le ipotesi di Heyman sui cinematismi.
Infatti alla base delle pile noto con sufficiente precisione il carico verticale agente, il che
permette di definire con buona approssimazione attraverso la resistenza a flessione del
materiale costituente la pila una probabile posizione della cerniera plastica. Larretramento
della cerniera di base stato determinato pensando ad una distribuzione delle tensioni di
compressione di tipo stress-block lungo la direzione trasversale. Questo ha permesso
limmediata determinazione della posizione dellasse neutro in condizioni ultime nota la
resistenza del materiale e lo sforzo di compressione agente.

A questo punto lintero meccanismo di collasso della struttura definito ed possibile


esplicitare gli spostamenti dei vari conci per definire i lavori incrementali conseguenti ad uno
spostamento impresso alla struttura. Noti questi parametri possibile definire il moltiplicatore
critico di attivazione del cinematismo e lo spostamento ultimo della struttura. Il moltiplicatore
critico di attivazione della struttura determinato come per il comportamento longitudinale
imprimendo uno spostamento molto piccolo ricavando il lavoro necessario per produrlo.

- 147 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Lo spostamento ultimo analogamente a quanto fatto per il comportamento longitudinale


stato ricavato ricercando la condizione di annullamento del moltiplicatore dei carichi
orizzontali, che corrisponde allannullamento del lavoro incrementale verticale. Come fatto
per il comportamento longitudinale possibile ricavare da questa formulazione landamento
dei lavori verticali necessari per incrementare lo spostamento orizzontale (figura 12.14). Da
ci possibile avere una prima valutazione del modello cinematico costruito. Infatti
osservando landamento del lavoro si pu notate come lo sforzo necessario per incrementare
lo spostamento, partendo dalla posizione iniziale, va a crescere in valore assoluto sino a
raggiungere un valore massimo. Oltrepassato tale punto, il lavoro necessario cala
progressivamente sino a raggiungere una posizione in cui lincremento di spostamento
richiede uno sforzo nullo, coincidente con la condizione di collasso.

1
Lavoro delle forze verticali

0.5 Punto in cui lequilibrio


diventa instabile
0
0 0.5 1 1.5 2 2.5 3 3.5 4
[kNm]

-0.5

-1

-1.5

-2
Spostamento punto di controllo [m]

Figura 12.14: Lavoro esercitato dalle forze verticali nellincremento lo spostamento di x

Tale comportamento verosimile con la realt, infatti, osservando il relativo grafico


dellandamento dellenergia potenziale (figura 12.15) si nota come questa cresca
progressivamente accumulando il lavoro consumato. Raggiunto per il punto in cui il lavoro
nullo lenergia potenziale tende a diminuire. Questa condizione come scritto per il
comportamento longitudinale corrisponde al raggiungimento di una condizione di equilibri
instabile, oltre al quale la struttura registra spostamenti indefiniti, con le forze peso che
risultano favorevoli al suo incremento.

4.5
Energia potenziale delle
masse del ponte [kNm]

4
3.5
3 Equilibrio stabile
2.5
2
1.5
Punto in cui lequilibrio
1 diventa instabile
0.5
0
0 0.5 1 1.5 2 2.5 3 3.5 4
Spostamento punto di controllo [m]

Figura 12.15: Lavoro esercitato dalle forze verticali nellincremento lo spostamento di x

- 148 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

12.2 CALIBRAZIONE DEL CINEMATISMO DI COLLASSO NEI PONTI A


TRE CAMPATE
Definita la forma di collasso del ponte multi capata soggetto a sisma in direzione trasversale
bisogna procedere alla calibrazione dellunico parametro rimasto libero. Questo si reso
necessario per riuscire a ridurre gli effetti delle ipotesi introdotte nella modellazione.

La calibrazione del modello riguarda essenzialmente la determinazione del parametro K che


corrisponde al rapporto tra spostamento non uniforme e spostamento uniforme. Perci quando
si nella situazione in cui K=1 (figura 12.18) il cinematismo si attiva con uno spostamento
nullo delle spalle mentre per K=0 (figura 12.16) il cinematismo si attiva come un ribaltamento
generalizzato e uniforma di tutta la struttura. La determinazione del parametro K deve essere
fatta su soluzioni esistenti o su teorie analitiche.
4

-2

-4

-6
-6 -4 -2 0 2 4 6 8 10 12 14 16 18 20 22 24 26 28

Figura 12.16: Spostamenti trasversali nel caso in cui K=0

-2

-4

-6
-6 -4 -2 0 2 4 6 8 10 12 14 16 18 20 22 24 26 28

Figura 12.17: Spostamenti trasversali nel caso in cui K=0,5

2
0
-2

-4
-6
-6 -4 -2 0 2 4 6 8 10 12 14 16 18 20 22 24 26 28

Figura 12.18: Spostamenti trasversali nel caso in cui K=1

- 149 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Purtroppo lanalisi trasversale non mai stata trattata in maniera approfondita dal punto di
vista cinematico. Si rileva perci fondamentale luso di modelli fem. Si infatti verificato in
precedenza la capacit di questi modelli di rappresentare in maniera sufficientemente precisa
il cinematismo si collasso delle strutture in muratura.

Luso massiccio di questi modelli permette la definizione di un sufficiente numero di


casistiche il che consente la definizione appropriata del parametro K.

12.2.1 Descrizione modelli fem utilizzati


I modelli fem costruiti per lanalisi di tipo parametrico del comportamento trasversale sono
stati realizzato attraverso una modellazione tridimensionale completa a causa della
complessit della forma geometrica del problema.

Sono state modellate le geometrie delle pile e delle spalle. Queste nellanalisi parametrica
presentano la medesima altezza e la larghezza della spalla stata assunta sempre pari al
doppio della larghezza della pila, valore ritenuto congruo rispetto alle costruzioni esistenti.

Le arcate sono state modellate con il medesimo materiale delle pile mentre la parte di
riempimento con un materiale di tipo elastico lineare con rigidezza abbastanza bassa in modo
che questo fornisca quasi esclusivamente un contributo di tipo massivo alla struttura.

Lanalisi fem di tipo parametrico stata fatta prendendo in considerazione le seguenti


geometrie:

L [m] 6 12 18
f [m] f/L=0,5 3 6 9
s [m] s/L=0,08 0.48 0.96 1.44
B [m] 1.8 2.4 3
4 7.2 9.6 12
H/B 2 3.6 4.8 6
1 1.8 2.4 3

Tali geometrie possono essere considerate rappresentative della variet dei ponti ferroviari a
tre campate.

Si riporta di seguito (figura 12.19) lesempio di uno dei modelli fem utilizzati. Si nota in
particolare la modellazione tridimensionale con la rappresentazione completa della geometria.
Inoltre si pu vedere la modalit con cui la struttura vincolata al suolo. Nellesempio si
riporta anche il particolare della rappresentazione del timpano modellato con la reale
geometria e costituito dal medesimo materiale delle arcate.

- 150 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Particolare sulla
modellazione del
timpano

Figura 12.19: Schema tipo di modello fem utilizzato nell'analisi trasversale

Le propriet meccaniche utilizzate per la rappresentazione della muratura sono le medesime


adoperate nelle prove di validazione. La rigidezza stata assunta pari a 5000MPa con una
resistenza a compressione di tipo elasto-plastico perfetto di 5MPa e resistenza a trazione di
0,1MPa. Il peso specifico del materiale stato assunto pari a 18kN/m3. Il materiale di
riempimento stato assunto elastico lineare con modulo elastico di 500MPa e peso specifico
pari ancora a 18kN/m3.

Noti i moltiplicatori critici da analisi fem relativi alle geometrie modellate si proceduto
alla calibrazione del paramento K confrontando il valore ottenuto con quelli ricavati dal
modello meccanico.

- 151 -
Analisi limite dei ponti ad arco in
i muratura

12.2.2
.2.2 Calibrazione del modello
Eseguiti i modelli fem relativi al comportamento tridimensionale dei ponti ad arco in
muratura si semplificata la curva forza spostamento attraverso una formulazione bilineare.
Questa operazione permette di determinare del moltiplicatore critico dei carichi che rende la
struttura un cinematismo labile.

Determinato il valore
ore dellaccelerazione critica da modello fem lo si confrontato con le
soluzioni analitiche. Questo stato fatto per via grafica,
grafica costruendo la curva relativa
allandamento del moltiplicatore in funzione del rapporto K,, confrontando i valori con quelli
ottenuti attraverso lanalisi fem. Il valore del rapporto K pi plausibile cos ottenuto
attraverso lintersezione delle due curve.

Si riportano di seguito i grafici relativi alla determinazione dei valori del rapporto K (figure
12.20, 12.21 e 12.22).. Questi sono stati calcolati per le diverse geometrie prese in
considerazione nella modellazione fem.

0.70

0.60 H/B=1

0.50
H/B=2
/B=2
a0* [g]

0.40

0.30 H/B=4
/B=4

0.20
Valori modello
Soluzione fem
0.10
Calibrazione

0.00
0 0.125 0.25 0.375 0.5 0.625 0.75 0.875 1
k

Figura 12.20:: Calibrazione dei ponti a tre campate con luce della singola campate di 6m

- 152 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

0.40

0.35

0.30 H/B=1

0.25
a0* [g]

H/B=2
0.20
H/B=4
0.15

0.10
Valori modello
Soluzione fem
0.05 Calibrazione

0.00
0 0.125 0.25 0.375 0.5 0.625 0.75 0.875 1
k

Figura 12.21: Calibrazione dei


dei ponti a tre campate con luce della singola campate di 12m

0.40

0.35

0.30

0.25
a0* [g]

0.20 H=B=1

0.15 H/B=2
/B=2
H/B=4
/B=4
0.10
Valori modello
0.05 Soluzione fem
Calibrazione

0.00
0 0.125 0.25 0.375 0.5 0.625 0.75 0.875 1
k

Figura 12.22: Calibrazione dei ponti a tre campate con luce della singola campate di 18m

Noti i valori del rapporto K relativi alle diverse geometrie analizzate si pu ricostruire un
andamento generale
enerale del coefficiente in modo da rappresentare in maniera completa il
problema dei ponti a tre campate.

Da una prima analisi si pu osservare come il valore del coefficiente di calibrazione non
varia sostanzialmente al cambiare della luce della capata (figura 12.23).

- 153 -
Analisi limite dei ponti ad arco in
i muratura

1
0.9
0.8
Rapporto K 0.7
0.6
0.5
0.4 H/B=4
0.3 H/B=1
H/B=2
0.2
0.1
0
6 8 10 12 14 16 18
Luce singola campata L [m]

Figura 12.23:: Andamento del rapporto K al variare della luce della singola campata

Riunendo i risultati in funzione del rapporto H/B si pu osservare come landamento del
rapporto K sostanzialmente lineare. Dal grafico riportato in figura 12.24 si pu infatti notare
come landamento lineare quello che approssima meglio landamento del coefficiente.

1
0.9
0.8
0.7
Rapporto K

0.6
0.5
0.4 L=6m
L=12m
0.3
L=18m
0.2 Interpolazione
0.1
0
1 1.5 2 2.5 3 3.5 4
Rapporto H/B

Figura 12.24:: Andamento del valore di K al variare del rapporto H/B

Dalle varie analisi si pu giungere alla conclusione che landamento del valore di K
costante al variare della luce delle campate mentre varia linearmente con il rapporto H/B con
unequazione:

23 4731

250 R 5000

- 154 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Il valore di K determina la forma con cui la struttura


struttura si deforma nel piano orizzontale,
orizzontale risulta
perci interessante valutare la differenza che si rileva tra il modello cinematico ed il modello
fem. Per fare si sono confrontati i risultati ottenuti relativi ad un caso specifico in cui la luce
delle campate pari a 12m e con rapporto H/B=4.

1.2
adimensinalizzato d/du

1
0.8
Spostameto

0.6
0.4
Modello fem
0.2 Modello cinematico
0
-2.2 -1.8 -1.4 -1
1 -0.6 -0.2 0.2 0.6 1 1.4 1.8 2.2
Coordinata in direzione longitudinale adimensinalizzata in funzione della luce della campata x/L

Figura 12.25:: confronto tra le deformate ottenute dal modello cinematico con il modello fem

Dal confronto (figura 12.25) si pu osservare come le due deformate non sono esattamente
coincidenti, ma si pu affermare
fermare come il suo andamento verosimile. Infatti gli spostamento
in direzione trasversale per lintera estensione del monte mantiene la medesima forma e
ordine di grandezza. Questo conferma la bont del modello costruito e della calibrazione.

- 155 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

12.3 ANALISI PARAMETRICA TRASVERSALE DEI PONTI A TRE CAMPATE


Determinato il comportamento in direzione trasversale dei ponti ad arco in muratura risulta
interessante eseguire lanalisi parametrica di tali strutture, in modo da avere una panoramica
completa sul comportamento delle diverse strutture ad arco.

Nel caso specifico dei ponti a tre campate sono state eseguite molte analisi considerando una
grossa quantit di possibili configurazioni. Le diverse geometrie prese in considerazione sono
le seguenti:

L4-6-8-10-12-14-16-18m

f/L0,5-0,4-0,3-0,2-0,1

s/L0,06-0,08-0,1

H/B6-4-2-1

P5-10m

Le larghezze delle pile considerate sono state ricavate in funzione di analisi di tipo statistico
su rilevazione di ponti esistenti. Tali grandezze risultano essere le seguenti in funzione della
luce delle singole campate:

L4m B1,4m
L6m B1,8m
L8m B2,0m
L10m B2,2m
L12m B2,4m
L14m B2,6m
L16m B2,8m
L18m B3,0m

Eseguendo tutte le possibili combinazioni si ottengono 960 diversi ponti. La versatilit del
modello analitico costruito rende possibile una simile analisi. Infatti, eseguire un tale numero
di modelli attraverso formulazioni fem sarebbe unimpresa ardua senza considerare il
notevole onere computazionale.

Attraverso il modello cinematico implementato nel foglio elettronico mediante lutilizzo di


sottoprogrammi scritti in Visual Basic possibile eseguire lintera analisi nellarco di unora
circa.

Eseguite le analisi possibile esprimere alcune considerazioni sullandamento del


moltiplicatore critico relazionando i risultati mediante la costruzione di grafici riassuntivi.

- 156 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Una prima osservazione pu essere fatta valutando limportanza dello spessore delarco sul
comportamento globale della struttura. Infatti,
In costruendo dei grafici in cui il moltiplicatore
dei carichi espresso in funzione dello spessore dellarco adimensionalizzato
adimensi ato si pu osservare
la sua influenza nel comportamento strutturale (figure 12.26, 12.27 e 12.28).
12.28

0.80
H/B=1
H/B=2
0.70
H/B=4
H/B=6
0.60

0.50
a0* [g]

0.40

0.30

0.20

0.10

0.00
0.06 0.07 0.08 0.09 0.1
rapporto s/L

Figura 12.26:
12.26 a0* in funzione di s/L per L=6m e f/L=0,5

0.80
H/B=1
0.70 H/B=2
H/B=4
0.60 H/B=6

0.50
a0* [g]

0.40

0.30

0.20

0.10

0.00
0.06 0.07 0.08 0.09 0.1
rapporto s/L

Figura 12.27:
12.27 a0* in funzione di s/L per L=12m e f/L=0,5

- 157 -
Analisi limite dei ponti ad arco in
i muratura

0.80
H/B=1
0.70
H/B=2
0.60 H/B=4
H/B=6
0.50
a0* [g]
0.40

0.30

0.20

0.10

0.00
0.06 0.07 0.08 0.09 0.1
rapporto s/L

Figura 12.28:
12.28 a0* in funzione di s/L per L=18m e f/L=0,5

Dai grafici si pu facilmente osservare come linfluenza dello spessore dellarco poco
importante sul comportamento globale del ponte. Linfluenza dello spessore presenta, inoltre,
allincirca lo stesso rapporto con il valore del moltiplicatore al variare della luce dellaltezza
delle pile il che fa sembrare leggermente pi importante
i lo spessore nei ponti
pont di luce pi
modesta. I grafici riportati fanno riferimento ad arcate a tutto sesto, altri confronti sono stati
fatti per arcate pi basse osservando le medesime condizioni appena rilevate.

Una seconda valutazionee sul comportamento del ponte stata fatta analizzando landamento
del moltiplicatore al variare del rapporto f/L.. Questo consente di valutare linfluenza della
geometria dellarcata sul comportamento globale.

Tale andamento stato valutato per le luci di 6-12-18m


6 in modo da avere una panoramica
completa sul comportamento dei ponti a tre campate.

1.20
H/B=1
H/B=2
1.00
H/B=4
H/B=6
0.80
a0* [g]

0.60

0.40

0.20

0.00
0.1 0.2 0.3 0.4 0.5
rapporto f/L

Figura 12.29: a0* in funzione di f/L per L=6m

- 158 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

1.20
H/B=1
1.00 H/B=2
H/B=4
H/B=6
0.80

a0* [g]
0.60

0.40

0.20

0.00
0.1 0.2 0.3 0.4 0.5
rapporto f/L

Figura 12.30: a0* in funzione di f/L per L=12m

1.20
H/B=1
H/B=2
1.00 H/B=4
H/B=6
0.80
a0* [g]

0.60

0.40

0.20

0.00
0.1 0.2 0.3 0.4 0.5
rapporto f/L

Figura 12.31: a0* in funzione di f/L per L=18m

Dai grafici riportati nelle figure 12.29,


12.2 12.30 e 12.31 si evince come leffetto dellapertura
dellarco significativo nel comportamento strutturale globale nei confronti delle azioni
orizzontali. Si pu notare, infatti,
infatti come per ponti composti da arcate a tutto sesto la sensibilit
alle azioni trasversali maggiore. Questo comportamento pu essere spiegato oltre che
maggiore sensibilit dellarco data dalla sua forma dallinnalzamento delle masse del ponte
dovute alla freccia dellarcata.

Noto in generale il comportamento della struttura al variare delle diverse


di componenti
geometriche diventa utile il tracciamento di curve isoaccelerazione,
isoaccelerazione tali da rendere pratico
lutilizzo del modello analitico e comprendere al meglio le diverse dinamiche che concorrono
alla risposta del ponte.

In precedenza si notato come


come il comportamento globale della struttura sotto accelerazioni
orizzontali sostanzialmente funzione delle seguenti grandezze geometriche che definiscono
la forma della struttura; L, H/B e f/L.

- 159 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Si ritenuto perci utile costruire diverse curve isoaccelerazione in funzione della forma
dellarco. Individuato il rapporto f/L si costruito il relativo grafico isoaccelerazione posto su
un piano definito dagli assi coordinati rappresentanti rispettivamente la luce della singola
campata e il rapporto H/B. In questo modo si riesce a definire in forma completa il
comportamento di un qualsiasi ponte a tre campate appartenente alla famiglia dei ponti
oggetto dellanalisi anagrafica.

La costruzione delle curve isoaccelerazione passa per la definizione del comportamento


della struttura al variare della luce delle singole campate. Per fare ci si sono costruiti dei
grafici in cui viene riportato il valore dellaccelerazione in relazione della luce delle campate
(figure 12.32, 12.33 e 12.34). La grande variet di ponti analizzati ha permesso la definizione
di equazioni sufficientemente precise in grado di interpolare i punti individuati.

Nel caso specifico dopo unattenta analisi delle possibili funzioni interpolanti si ritenuto
pi appropriato usare delle funzioni di tipo potenziale le quali rappresentano in maniera fedele
landamento del moltiplicatore. Tale procedura stata svolta per rapporti f/L rispettivamente
di 0,5-0,3-0,1 e per rapporti H/B rispettivamente di 6-4-2-1.

1.6
H/B=1
H/B=2
1.4 H/B=4
H/B=6
1.2
H/B=1 y = 3.7623x-1.025

1.0 H/B=2 y = 2.5098x-0.962


a0* [g]

H/B=4 y = 1.4375x-0.89

0.8 H/B=6 y = 0.9835x-0.852

0.6

0.4

0.2

0.0
4 6 8 10 12 14 16 18
Luce singola campata L [m]

Figura 12.32: a0* in funzione della luce della singola campata L [m] per f/L=0,5

- 160 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

1.60
H/B=1
1.40 H/B=2
H/B=4
H/B=6
1.20
H/B=1 y = 4.3007x-0.959
1.00 H/B=2 y = 2.7017x-0.896
a0* [g]

H/B=4 y = 1.4765x-0.83
0.80 H/B=6 y = 0.9903x-0.797

0.60

0.40

0.20

0.00
4 6 8 10 12 14 16 18
Luce singola campata L [m]

Figura 12.33: a0* in funzione della luce della singola campata L [m] per f/L=0,3

1.6
H/B=1
H/B=2
1.4 H/B=4
H/B=6
1.2
H/B=1 y = 4.9926x-0.846
1.0
H/B=2 y = 2.9149x-0.798
a0* [g]

H/B=4 y = 1.5043x-0.746
0.8 H/B=6 y = 0.9854x-0.721

0.6

0.4

0.2

0.0
4 6 8 10 12 14 16 18
Luce singola campata L [m]

Figura 12.34: a0* in funzione della luce della singola campata L [m] per f/L=0,1

Costruiti i diversi grafici e definite le equazioni interpolanti si passato alla costruzione


delle curve isoaccelerazione. Queste sono state fatte ritrovando per via inversa la luce della
campate imponendo un valore dellaccelerazione di collasso fissato. Questo permette la facile

- 161 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

costruzione delle curve isoaccelerazione. Si riportano di seguito i grafici relativi alla


rappresentazione delle curve isoaccelerazione per ponti le cui arcate hanno un rapporto f/L
rispettivamente di 0,5-0,3-0,1 (figure 12.35, 12.36 e 12.37).

5.5

4.5

4
H/B
3.5

2.5

1.5

1
4 6 8 10 12 14 16 18
Luce singola campata L[m]

Figura 12.35: Curve isoaccelerazione per ponti a tre campate di arcate f/L=0,5

5.5

4.5

4
H/B
3.5

2.5

1.5

1
4 6 8 10 12 14 16 18
Luce singola campata L[m]

Figura 12.36: Curve isoaccelerazione per ponti a tre campate di arcate f/L=0,3

- 162 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

5.5

4.5

4
H/B
3.5

2.5

1.5

1
4 6 8 10 12 14 16 18
Luce singola campata L[m]

Figura 12.37: Curve isoaccelerazione per ponti a tre campate di arcate f/L=0,1

A questo punto si possiede uno strumento molto utile per la valutazione qualitativa del
comportamento di un qualsiasi ponte a tre campate.

Lutilizzo di tali curve presuppone la definizione dellapertura dellarco per decidere di


conseguenza il grafico pi appropriato. Successivamente, a seconda della luce delle campate e
del rapporto H/B si determina il moltiplicatore critico dei carichi relativo alla struttura
ricercata.

Osservando i diversi grafici si vede come landamento dellaccelerazione di collasso in


generale tende ad aumentare per ponti di piccola luce e con pile molto basse, mentre va a
diminuire in maniera brusca allinizio e sempre pi dolcemente allaumentare della luce e
dellaltezza delle pile, il che ci fa campire come per ponti di piccola luce la determinazione
delle caratteristiche molto pi importante che per i ponti di luce maggiore.

- 163 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

12.4 ESEMPIO DI UTILIZZO DELLE CURVE ISOACCELERAZIONE


A questo punto noto il comportamento in generale dei ponti in direzione trasversale. Nel
seguente paragrafo sar esplicitato il funzionamento dei grafici isoaccelerazione relativamente
ad un caso studio di un ponte a tre campate realmente esistente.

Tale opera per lappunto un ponte costituito da tre campate di ugual luce con arcate a tutto
sesto. Le pile presentano una larghezza di 1,4m e altezza di 5,6m. la larghezza dellimpalcato
e delle pile di circa 5m. ulteriori caratteristiche geometriche sono riportate pi in dettaglio in
figura 12.38.

Figura 12.38: Schema geometrico del ponte a tre campate analizzato

Parametri in input per la germinazione per via grafica del moltiplicatore critico sono il
rapporto f/L il rapporto H/B e la luce della singola campata L.

Scelto il grafico in base al rapporto f/L si procede allindividuazione del moltiplicatore


critico dei carichi semplicemente in base al rapporto H/B e la luce L. Infatti entrando nel
grafico (figura 12.39) e partendo dal rapporto H/B si traccia una linea orizzontale, mentre in
parallelo si traccia una linea verticale partendo dal valore di L. Nellintersezione tra le due
linee si va ad individuare il valore corrispondente dellaccelerazione resistente in base alle
curve di livello. Nel caso in cui lintersezione cada al di fuori delesatta curva di livello si pu
procedere ad una semplice interpolazione lineare.

- 164 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

5.5

4.5

4
H/B
3.5

2.5

1.5

1
4 6 8 10 12 14 16 18
Luce singola campata L[m]

Figura 12.39: Calcolo grafico dell'accelerazione resistente in direzione trasversale

Laccelerazione resistente del cinematismo in direzione trasversale che si determina per via
grafica risulta essere pari a 0,29g.

12.5 APPLICABILITA DELLE CURVE ISOACCELERAZIONE


Il modello di collasso trasversale non ha ovviamente una validit generale. Infatti, oltre le
condizioni di utilizzo descritte il cinematismo pu non essere sufficientemente preciso. Oltre
tali considerazioni si deve precisare il fatto che la modalit di rottura considerata nel
meccanismo di collasso prevede un comportamento prevalentemente flessionale. In altre
parole nella costruzione del cinematismo si considerata predominante la componente
flessionale rispetto a quella tagliante. Tale assunzione pu essere considerata valida in
generale per ponti in cui il rapporto H/B sufficientemente grande. Tale affermazione per
non sufficiente a dire quando il modello applicabile o meno.

Una formulazione pi precisa ed oggettiva pu essere fatta eseguendo delle verifiche


secondo quanto previsto da normativa NTC08 paragrafo 7.8.2.2.2.

La verifica delle pile nei confronti della sollecitazione tagliante stata fatta assumendo uno
schema statico semplificato, immaginando le diverse pile e le spalle come semplici mensole
incastrate alla base alla cui sommit applicata la massa rappresentante il concio (figura
12.40). La massa applicata in corrispondenza del baricentro del concio considerato. Tale
modello verosimile nei riguardi del comportamento reale della struttura eccetto che per la
parte superiore in cui leffetto irrigidente dato dalle arcate stato trascurato.

- 165 -
Analisi limite dei ponti ad arco in
i muratura

Le sollecitazioni agenti alla base della mensola sono rappresentate dallo sforzo normale dato
dal peso strutturale, dal taglio dal peso strutturale moltiplicato per il moltiplicatore di collasso
e dalla flessione che deriva dallaltezza dellapplicazione della massa.

Figura 12.40:
12.40: Modellazione schema statico per la verifica a taglio

A questo punto sono note, anche se in modo semplificato, le sollecitazioni agenti alla base
della pila nelle condizioni di collasso e sii pu procedere con la verifica della struttura nei
riguardi delle sollecitazioni taglianti. La verifica secondo normativa prevede il calcolo di un
taglio resistente (cap 7.8.2.2.2
.8.2.2.2 NTC) da confrontare con quello sollecitante determinato in
funzione del moltiplicatore
ltiplicatore dei carichi e del peso proprio della struttura. Di seguito (figura
12.41) si riportano due esempi di grafici in cui si suddivide la zona in cui la rottura
sicuramente di tipo flessionale e una un cui la rottura mista tra flessionale e tagliante.
tagl

1.40 1.40
H/B=1 H/B=1
H/B=2 1.20 H/B=2
1.20
H/B=4 H/B=4
H/B=6 H/B=6
1.00 1.00

0.80
a0* [g]

0.80
a0* [g]

0.60 0.60

0.40 0.40

0.20 0.20

0.00 0.00
5 6 7 8 9 10 5 6 7 8 9 10
P [m] P [m]

Figura 12.41:Verifica
Verifica a taglio per ponti L=6m f/L=0,5 e L=12m
m f/L=0,5

- 166 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Nei due grafici si osserva come la rottura di tipo esclusivamente flessionale avviene
preferibilmente per ponti di luce maggiore e rapporto H/B maggiore come precedentemente
accennato. In questo caso stato eseguito un confronto variando la profondit P del ponte.
Questo parametro influisce sensibilmente sul comportamento strutturale del ponte
aumentando notevolmente la resistenza nei confronti delle azioni sismiche. sismich Tale
considerazione
onsiderazione per non tiene certo
certo delleventuale rottura di tipo tagliante. Questo diventa un
problema nel caso di ponti di piccola luce dove si nota come la rottura di tipo flessionale
avviene solo per rapporti H/B alti. Per ponti di luce di 18m si osservata la validit del
modello in qualsiasi condizione per entrambe le profondit analizzate.

Tutte le verifiche eseguite sono state riunite in modo sintetico nei grafici isoaccelerazione in
modo da capire le condizioni di applicabilit
applicabilit del modello cinematico costruito. stata perci
aggiunta una linea di separazione tra le due condizioni di rottura alla destra della quale la
rottura sicuramente di tipo flessionale,
flessionale mentre alla sua sinistra la rottura risulta una
combinazione tra collasso tagliante e flessionale.

Per semplificare la comprensione dei grafici stata colorata la parte in cui la rottura una
combinazione tra flessione e taglio (figure 12.42, 12.43 e 12.44).

La validit delle curve isoaccelerazione confermata nelle nelle aree trasparenti


trasparent dei grafici
mentre nellaa zona evidenziata in grigio le curve possono ancora essere utilizzate ma con una
cautela maggiore. Questo confermato dalla fase di calibrazione dove alcuni modelli
presentavano caratteristiche di rottura a taglio.
taglio. In questi casi il moltiplicatore dei carichi non
subiva sostanziali modifiche consentendo unesatta calibrazione del modello a rottura
flessionale.

5.5

4.5

4
H/B
3.5

2.5

1.5

1
4 6 8 10 12 14 16 18
L [m]

Figura 12.42:: Curve isoaccelerazione per ponti a tre campate di arcate f/L=0,5

- 167 -
Analisi limite dei ponti ad arco in
i muratura

5.5

4.5

4
H/B
3.5

2.5

1.5

1
4 6 8 10 12 14 16 18
L [m]

Figura 12.43: Curve isoaccelerazione per ponti a tre campate di arcate f/L=0,3

5.5

4.5

4
H/B
3.5

2.5

1.5

1
4 6 8 10 12 14 16 18
L [m]

Figura 12.44:: Curve isoaccelerazione per ponti a tre campate di arcate f/L=0,1

- 168 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Osservando i grafici importante mettere in evidenza come la separazione tra rottura di tipo
esclusivamente flessionale e rottura di tipo tagliante avviene in tutti i casi per accelerazioni di
circa 0,45g. Infatti la curva di separazione praticamente coincide con la suddetta curva di
livello. Comportamento simile lo si era notato nei grafici in figura 12.41.

Per concludere, si pu affermare come la soluzione del modello cinematico applicabile in


tutti i casi assimilabili alle geometrie analizzate con la restrizione, alla possibilit che la
rottura possa essere di tipo tagliante. Come confermato dai modelli fem la possibilit che la
rottura sia di tipo tagliante non cambia sostanzialmente le caratteristiche cinematiche del
collasso, consentendo un utilizzo pi generale delle curve isoaccelerazione con la
consapevolezza, per, della possibilit che il moltiplicatore possa essere leggermente diverso.

- 169 -
Analisi limite dei ponti ad arco in
i muratura

13 ANALISI DI PONTI ESINSTENTI

Saranno ora affrontati due esempi di analisi di strutture ad arco esistenti,


esistenti in modo da
specificare i particolari neluso del metodo cinematico. Sar inoltre eseguita la verifica
completa delle sottostrutture.

13.1 TEST1 PONTE A SINGOLA CAMPATA


Il ponte situato sulla linea ferroviaria Metaponto-Reggio
Metaponto Reggio Calabria al chilometro 137+991
nel comune di Corigliano Calabro (figura 13.1).
"NN'P$: 3937 29,88 M
sono 
XP!N'P$: 1631 32,88
88
Le coordinate del sito sono:

Il ponte ad arco in muratura, e presenta


una campata di 4,00m con pianta retta. La
quota del piano del ferro raggiunta con
materiale di riempimento di spessore pari a
circa 0,45m a partire dallestradosso della
chiave di volta, contenuto lateralmente da
timpani realizzati in muratura.
muratur La volta a
sesto ribassato con freccia 1,20 m. Lo
spessore della volta di 0,36 m. Le spalle
misurano 1 m circa dal piano di posa delle
fondazioni. La larghezza complessiva del
Figura 13.1:Ponte sulla linea Metaponto-Reggio
Metaponto Calabria ponte nella direzione ortogonale allasse
stradale di 5,00 m.

Il ponte riportato ad una campata di piccole dimensioni, con arco ribassato (f/L=0,3),
( le
spalle sono tozze e lo spessore dellarco pu considerarsi medio-piccolo
medio piccolo per la classe di
appartenenza (s/L=0,083).

13.1.1 Requisiti di sicurezza e prestazioni attese


la conoscenza del ponte bassa, perch si in possesso esclusivamente di dati ricavati da
rilievo geometrico-fotografico
fotografico per questo motivo il livello di conoscenza ipotizzato pari a
LC1 e la verifica sar di conseguenza di livello 1.

I ponti ad arco in muratura


uratura ad una campata sono tipologie di ponti per i quali la vulnerabilit
sismica collegata alla fragilit di un certo numero di elementi, che intervengono nel
meccanismi di collasso legati allazione nel piano longitudinale e trasversale; per ciascuno di
questi meccanismi possibile calcolare il moltiplicatore di collasso:
  "
che rappresenta la massima accelerazione spettrale a0* sopportabile dal ponte prima che si
determini linnesco del cinematismo collegato al collasso dellelemento i-esimo.
i esimo.

- 170 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Gli elementi di cui necessario valutare la vulnerabilit sismica sono i seguenti:

Elemento Meccanismo Moltiplicatore


Arco Longitudinale 1
Timpano Trasversale 2
Spalla Longitudinale 3, 4, 5
Fondazione spalla longitudinale 6, 7

13.1.2 Dati necessari alla definizione del ponte


Per eseguire le analisi di valutazione di sicurezza di livello 1 sono stati ricavati i dati
geometrici da materiale derivante da ispezioni geometrico-fotografiche. Le caratteristiche di
resistenza della muratura fanno riferimento a quanto riportato nella tabella C8A.1.A.4 della
circolare applicativa del DM2008.

GEOMETRIA DELL'ARCO
Ln [m] Lunghezza campata all'intradosso 4,00
fn [m] Freccia all'intradosso 1,20
s [m] Spessore dell'arco 0,36
h [m] Distanza tra estradosso e piano del ferro 0,45
P [m] Profondit ponte 5,00

GEOMETRIA DEL TIMPANO


H [m] Altezza media del timpano 0,85
t [m] Spessore del timpano 0,50

GEOMETRIA DELLA SPALLA


Hs [m] Altezza della spalla 1,20
Hf [m] Altezza dado fondazione 1,00
B [m] Larghezza dado fondazione 4,00
b [m] Larghezza della spalla alla base 1,50
Ps [m] Profondit della spalla 5,00
- nbinari 1

- 171 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Figura 13.2:Annotazioni utilizzate per la definizione della geometria

13.1.3 Analisi dei carichi


I carichi agenti sulla struttura necessari per la verifica sismica del ponte sono rappresentati
essenzialmente dai pesi proprio strutturali e non e dai carichi portati rappresentai dai carichi
da treno previsti da normativa.

 Carichi permanenti strutturali

I carichi permanenti strutturali sono rappresentati dal peso proprio dellarco. Sono perci di
facile determinazione nota la geometria. Nel caso dellarco il peso proprio proiettato
sullorizzontale genera una distribuzione del carico parabolica con unintensificazione del
carico distribuito verso i lati (figura 13.3). Tale condizione impedisce una valutazione globale
del carico costringendo ad unanalisi per conci successivi. Nel caso specifico la sollecitazione
globale relativo ad una sezione di un metro di spessore determinabile calcolando larea dell
arco e moltiplicandola per il peso specifico della muratura.

Area arco: Aarco=1,909m2


Peso specifico muratura: arco=18kN/m3
Sollecitazione globale agente sui vincoli G0=Aarcoarco=34,36kN/m (per un metro di
larghezza)

- 172 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Figura 13.3: Rappresentazione carico permanete portato

 Carichi permanenti portati

I carichi permanenti portati sono rappresentati dal riempimento dellarco. In questo caso si
pu aver a che fare con diversi materiali con pesi specifici non omogenei. Nel caso in esame
si prender un peso specifico medio stimato in 18kN/m3. Il carico da riempimento proiettato
sullorizzontale presenta una forte variabilit con un andamento pressoch parabolico (figura
13.4). Questo come per la parte strutturale non consente una valutazione media del carico
necessitando di una definizione locale attraverso una suddivisione in conci. Una valutazione
globale del peso del riempimento pu essere fatta misurando la superficie di riempimento
moltiplicandola per il peso specifico stimato:

Area riempimento: Ariemp.=3,945m2


Peso specifico riempimento: riemp.=18kN/m3
Sollecitazione globale agente sui vincoli G1=Ariemp.riemp.=71,01kN/m (per un metro di
larghezza)

Figura 13.4:Rappresentazione carico permanente portato

- 173 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

 Carichi da traffico

I carichi da traffico agenti sulla struttura sono rappresentati da dei particolari modelli di
carico definiti in maniera univoca da normativa. In particolare lNTC08 fornisce due treni di
carico distinti: il primo rappresentativo del traffico normale (Treno di carico LM 71), il
secondo rappresentativo del traffico pesante (Treno di carico SW). I valori dei suddetti carichi
dovranno essere moltiplicati per un coefficiente di adattamento , variabile in ragione della
tipologia dellInfrastruttura (ferrovie ordinarie, ferrovie leggere, metropolitane, ecc.). La
normativa considera tre tipologie di carico i cui valori caratteristici sono definiti di seguito.

4) Treno di carico LM71 (traffico normale)

5) Treno di carico SW/0 (traffico ferroviario pesante)

6) Treno di carico SW/2 (traffico ferroviario pesante)

I diversi treni di carico sono definiti come dei carichi distribuiti lineari agenti sullintero
complesso traversine-rotaie. necessario perci diffondere il carico attraverso le traversine e
la massicciata per definire un carico per unit di superficie.

I carichi da treno in combinazione sismica devono essere ridotto al 20% del valore iniziale
(NTC08 tab. 5.2.V)

Ulteriori carichi agenti sulla struttura non sono stati presi in considerazione in quanto
lanalisi piana del cinematismo non permette di considerare eventuali marciapiedi o
contemporaneit di treni di carico nel caso di ponti con pi binari. Si pu per affermare che
questa assunzione comunque a favore di sicurezza in quanto il carico va a rappresentare una
condizione raramente raggiungibile dalla struttura.

- 174 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

13.1.4 Definizione dellazione sismica


Le verifiche sismiche sono condotte con riferimento allo stato limite considerato in funzione
della vita nominale, della classe duso, dalla vita di riferimento, delle caratteristiche
topografiche e del sottosuolo secondo quanto stabilito dalla norma.

Per ponti ferroviari si considerata una vita nominale della struttura pari a 50 anni (punto 2
tab. 2.4.I - 2.4.1. D.M. 14.01.2008), e la classe duso ( 2.4.2. D.M. 14.01.2008) stata
considerata pari a classe III: Ponti e reti ferroviarie la cui interruzione provochi situazioni di
emergenza. ecc..

Vita nominale
TIPI DI COSTRUZIONE
VN (in anni)
1 Opere provvisorie -Opere provvisionali-Strutture in fase costruttiva 10
Opere ordinarie, ponti, opere infrastrutturali e dighe di dimensioni
2 50
contenute o di importanza normale
Grandi opere, ponti, opere infrastrutturali e dighe di grandi dimensioni o
3 100
di importanza strategica

Pertanto, la VR (vita di riferimento) della struttura sar pari a:

x0  x #  50 1,5  75"PP

dove CU (coefficiente duso) si determina utilizzando i dati di Tabella 2.4.II del D.M.
14.01.2008.

CLASSE D'USO I II III IV


COEFFICIENTE Cu 0,7 1,0 1,5 2,0

Nota la posizione del sito e il periodo di riferimento si ricavano le caratteristiche del sisma
atteso sullo strato roccioso di riferimento:

PVR [%] TR [anni] ag [g] F0 Tc* [s]


SLO 81 45 0,075 2,308 0,305
SLD 63 75 0,098 2,323 0,324
SLV 10 712 0,271 2,446 0,383
SLC 5 1462 0,358 2,476 0,408
Noti i parametri di riferimento si deve andare a definire lo spettro relativo al sito reale in
base alle caratteristiche del sito, in particolare al suolo e alla condizione topografica:

Suolo D
- S=SSST
- Ss Cc Categoria
T1 SLO 1,800
topografica
SLO 1,800 2,265 SLD 1,800
ST 1,0
SLD 1,800 2,195 SLV 1,406
SLV 1,406 2,020 SLC 1,071
SLC 1,071 1,957

- 175 -
Analisi limite dei ponti ad arco in
i muratura

Note le caratteristiche del sito e quindi lamplificazione a cui soggetta lazione sismica si
pu andare a definire lo spettro elastico relativo al specifico stato limite (figure 13.5 e 13.6)

1.0
0.9
0.8 SLO
0.7 SLD
0.6 SLV
ag/g

0.5 SLC
0.4
0.3
0.2
0.1
0.0
0 0.5 1 1.5 2 2.5 3 3.5 4 4.5 5 5.5 6 6.5 7 7.5 8
Periodo T [s]

Figura 13.5: Spettri di risposta elastici in accelerazione

0.60

0.50

0.40
Spostamento [m]

SLO
0.30 SLD
SLV
0.20 SLC

0.10

0.00
0 0.5 1 1.5 2 2.5 3 3.5 4 4.5 5 5.5 6 6.5 7 7.5 8
Periodo T [s]

Figura 13.6: Spettri di risposta elastici in spostamento

- 176 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

13.1.5 Comportamento longitudinale


Lanalisi del comportamento longitudinale consiste in questo caso nel calcolo del
cinematismo di rottura dellarco. In questo caso data la scarsa altezza della spalla
improbabile la presenza di un cinematismo globale. Come descritto nei capitoli precedenti il
cinematismo stato definito attraverso la costruzione della curva delle pressioni (figura 13.7)
dalla quale si sono individuate le quattro cerniere relative al ponte scarico la cui posizione
risulta essere:

BC B  0,000
A
BF B  0,242M
@BJ B  0,691
? B: B  1,000
1.6

1.4

1.2
B
1.0

0.8 C
0.6

0.4

0.2
D
0.0
A
-0.2 0.0 0.2 0.4 0.6 0.8 1.0 1.2 1.4 1.6 1.8 2.0 2.2 2.4 2.6 2.8 3.0 3.2 3.4 3.6 3.8 4.0 4.2 4.4 4.6 4.8

Figura 13.7: Andamento curva delle pressioni lungo l'arco

Dallanalisi del cinematismo longitudinale il moltiplicatore critico dei carichi dato dal
rapporto tra i lavori verticali e i lavori orizzontali risulta essere:

/
 
r

Definito il modo in cui viene calcolato il moltiplicatore dei carichi, si deve andare a cercare
quello minimo, che determina la condizione di pi sfavorevole per la struttura. Per fare ci si
analizzata la costruzione sollecitata da un treno di carico modello definito da norma. Nel
caso specifico si considerato il treno di carico LM71 in combinazione sismica, definito
come effetto del traffico ferroviario normale (figura 13.8).

Figura 13.8: Schema di carico treno LM71

- 177 -
Analisi limite dei ponti ad arco in
i muratura

Tale situazione, in generale, per questo tipo di ponti rappresenta la condizione pi


sfavorevole in quanto si ritrova il carico pi intenso e localizzato. Questo perch il
cinematismo della struttura richiede carichi di estensione limitata per non risultare favorevoli
fav
dal punto di vista della sicurezza. Inoltre,
Inoltre per lo stesso motivo i due carichi laterali
rappresentanti i vagoni vengono trascurati pensando, perci, al carico come ad una singola
motrice in transito. Dallanalisi si osservato che i quattro carichi
carichi concentrati ripartiti
attraverso le traversine e la massicciata possono essere facilmente assimilati ad un carico
distribuito, per una lunghezza di 6,4m.
6,4

Sono di seguito riportate le diverse condizioni di carico prese in considerazione con i relativi
risultati (figura 13.9).

Figura 13.9: Schemi di carico analizzati

Che riassunti in un grafico (figura 13.10) in cui lasse delle ascisse rappresenta la posizione
della risultante dei carichi rispetto al sistema di riferimento con cui stata definita la
geometria dellarco risulta:

2.0

1.5
0
1.0

0.5 Ponte carico LM71


Ponte scarico
Moltiplicatore critico
0.0
-3 -2.5 -2 -1.5
1.5 -1 -0.5 0 0.5 1 1.5 2 2.5 3 3.5 4
Posizione della risultante del carico distribuito

Figura 13.10:: Grafico dell'andamento del moltiplicatore critico al variare della


della posizione del carico

- 178 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

posizionato a 1,5U in cui il moltiplicatore critico risulta essere   0,649


Dal grafico si vede come la condizione pi sfavorevole risulta essere quella in cui il carico

Noto il moltiplicatore si va a determinare lo spostamento ultimo calcolato come descritto nei


capitoli precedenti annullando il termine indicante lincremento dei lavori verticali per uno
spostamento incrementale imposto. Questa condizione coincide con la determinazione del
punto di energia potenziale massima. Nella determinazione dello spostamento ultimo bisogna
porre attenzione alleventuale raggiungimento di uninstabilit di tipo geometrico in cui il
collasso avviene per lallineamento dei tre delle quattro cerniere come mostrato in figura
13.11:

Figura 13.11: Schema del cinematismo al raggiungimento del collasso per instabilit geometrica

Dal calcolo dello spostamento ultimo si possono ricavare le seguenti curve relative
allandamento dellenergia (figura 13.13) e del lavoro incrementale (figura 13.12). Per la loro
costruzione si rimanda ai precedenti capitoli.

0.4
0.3
Lavoro delle forze verticali [kNm]

Punto in cui lequilibrio


0.2
diventa instabile
0.1
0
0 0.05 0.1 0.15 0.2 0.25 0.3 0.35 0.4 0.45 0.5 0.55 0.6
-0.1
-0.2
-0.3
-0.4
-0.5
-0.6
Rotazione tronco AB [rad]

Figura 13.12: Lavoro necessario per incrementare lo spostamento di x

- 179 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

0.2

Energia potenziale delle masse del


0.18
0.16
0.14

ponte [kNm]
0.12
Punto in cui lequilibrio
0.1
diventa instabile
0.08
0.06
0.04
0.02
0
0 0.05 0.1 0.15 0.2 0.25 0.3 0.35 0.4 0.45 0.5 0.55 0.6
Rotazione tronco AB [rad]

Figura 13.13: Energia potenziale delle masse associate al ponte al variare


della rotazione del tronco AB

Noto lo spostamento ultimo si pu arrivare a rappresentare lintero processo con cui larco
arriva dalla posizione iniziale di stabilit al collasso finale (figura 13.14).
1.75

1.50

1.25

1.00

0.75

0.50

0.25

0.00
0.00 0.25 0.50 0.75 1.00 1.25 1.50 1.75 2.00 2.25 2.50 2.75 3.00 3.25 3.50 3.75 4.00 4.25 4.50 4.75

Figura 13.14: Evoluzione dello spostamento sino al collasso

Come si vede dal grafico in questo caso la rottura avviene per il raggiungimento di una
posizione di equilibrio instabile dal punto di vista energetico, poich lallineamento delle
cerniere A B e C non si raggiunge.

Nel caso in esame le caratteristiche dellarco a rottura riferite al moltiplicatore minimo


risultano:

'(z  0,338U

Con una rotazione ultima del tronco AB di  0,47rad (26,96)

E un angolo tra le cerniere tra le congiungenti delle cerniere B e C con A di FCJ  3,64

- 180 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Note le caratteristiche meccaniche del cinematismo e la sua evoluzione si deve andare a


definire un sistema ad un grado di libert confrontabile con dei valori limite definiti delle
normative.

Il sistema equivalente add un grado di libert si ricava attraverso la formula e descritte in


precedenza:


 
, 
 
 7649!
! 
 
,

 
   !
"    0,61!
 #
$ #

 
,
'  '( '  0,081U

,( 
 

Pensando di dare alla funzione un andamento lineare "  " )1  ' ' , si ottiene la curva
di capacit del sistema ad un grado di libert definita da normativa (figura 13.15).
13.15)

0.80
a0*
0.60
a* [g]

0.40

0.20
d0*
0.00
0 0.01 0.02 0.03 0.04 0.05 0.06 0.07 0.08 0.09
d* [m]

Figura 13.15:: Curva di capacit dell'oscillatore semplice equivalente

Costruita
ta la curva di capacit si pu procedere alla verifica della struttura come prevista da
norma:

"  0,610! - ". )/0 , 2  0,176!


- Verifica allo stato limite di danno:

- Verifica allo stato limite di salvaguardia della vita:


1) Mediante fattore di struttura q (analisi cinematica lineare)

". )/0 , 2 0,308


"  0,610! -   0,190!
!
3 2

2) Mediante spettro di capacit (analisi cinematica non lineare)

'5 0,013
45  278  278  0,318=
"5 0,514

'9  0,032U - 2:; )45 ,  0,023U

- 181 -
Analisi limite dei ponti ad arco in
i muratura

1.0
0.9 Curva di capacit
SDe(Ts) Curva di capacit NTC
0.8
Curva di domanda
0.7
a0*
0.6
a* [g]

as*;ds*
0.5
0.4
du*
0.3
0.2
PGA/q
0.1
d0*
0.0
0 0.05 0.1 0.15 0.2 0.25 0.3 0.35 0.4 0.45 0.5 0.55
d* [m]

Figura 13.16:
13.16 Confronto capacit su domanda di spostamento

Eseguito gli opportuni confronti si pu affermare che dal punto di vista del comportamento
longitudinale la struttura soddisfa le verifiche proposte da normativa.

13.1.6 Comportamento trasversale


trasvers
La verifica della sicurezza in direzione
direzione trasversale allarco, riguarda essenzialmente la
possibilit che il timpano si ribalti. Dal punto di vista della sicurezza strutturale, in generale, il
ribaltamento del timpano non comporta un grosso problema. Notevolmente diverso il
problema riguardante ante la funzionalit dellopera. Infatti,
Infatti la mancanza del timpano, che
contiene il riempimento comporta linterruzione del traffico sovrastante soprattutto se questo
di tipo sciolto e non cementato. Inoltre la possibilit che un elemento cos importante cada
di notevole interesse nel momento in cui al di sotto dellopera ci sia una qualche ulteriore
attivit che possa comportare la presenza di persone.

La verifica del timpano stata fatta applicando lanalisi cinematica delle strutture in
muratura determinando, come in precedenza, un moltiplicatore
moltiplicatore critico e lo spostamento
ultimo trasformando il tutto in un sistema da un grado di libert.

Lanalisi del cinematismo del timpano a differenza di prima molto pi semplice, in quanto
lunico elemento soggetto a movimento il muro che va a ruotare rigidamente attorno ad una
cerniera posta alla base di questo. Il cinematismo appena descritto rappresenta senzaltro la
situazione pi sfavorevole, in quanto se pensiamo alla struttura come ad una trave incastrata
alla base il momento massimo lo si va a registrare
registrare alla base, quindi posizione dove si
raggiunge prima la condizione necessaria per la rottura.

Per lanalisi del cinematismo del timpano si sono prese in considerazione le forze statiche
agenti su di esso (figura 13.17),
13.17) derivanti dal peso proprioo e dalla spinta generata dal
riempimento sul paramento verticale del muro, e le forze dinamiche generate dal peso proprio
del muro e del cuneo di spinta attiva.

- 182 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Figura 13.17: Schema di carico utilizzato per l'analisi del timpano

La spinta del terreno stata determinata attraverso il coefficiente di spinta attiva definito da
Coulomb attraverso langolo dattrito interno del materiale di riempimento.

Per la definizione del problema bisogna prima di tutto definire la geometria del timpano.
Lungo la direzione longitudinale del ponte laltezza del timpano varia notevolmente. Infatti,
partendo dalla spalla questo presenta la sua altezza massima che progressivamente cala sino
allaltezza minima che si registra in chiave come si nota dal seguente grafico (figura 13.18).

180
160
140
120
100
80
60
40
20
0

Figura 13.18: Andamento delle altezze del timpano lungo la direzione longitudinale

Limplementazione di un cinematismo che consideri questa variazione abbastanza

esame si riscontra unaltezza media di ]  0,853U


complessa. Si pu in via semplificata determinare unaltezza media del timpano. Nel caso in

- 183 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Figura 13.19: Cinematismo del timpano

Le sollecitazioni agenti sul timpano (figura 13.19) possono essere cos sintetizzate:

- Sriemp. Quota parte di spinta attiva derivante dal terreno agente sulla superficie del timpano
applicata ad un terzo dellaltezza.

1
2| ;  | ;   1,8
2

| ;  18/U il peso specifico del materiale di riempimento


Dove:

  0,85U laltezza media del timpano


 0,27 il coefficiente di spinta attiva

- Smass. Quota parte di spinta attiva derivante dal sovraccarico della massicciata applicata a
met altezza del timpano.

255  | ; 55   0

| ;  18/U il peso specifico del materiale di riempimento


Dove:

55  0 lo spessore della massicciata


 0,27 il coefficiente di spinta attiva

- Ppar. Peso del parapetto sovrastante il timpano applicato nel baricentro geometrico del
parapetto.

|  9|z |. N|.  0

9|z  18/U il peso specifico materiale costituente il parapetto


Dove:

|  0 laltezza del parapetto in questo caso assente


N|  0 lo spessore del parapetto in questo caso assente

- 184 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

- Ptimp. Peso del timpano applicato nel baricentro geometrico del timpano

   9|z  N   7,7

9|z  18/U il peso specifico materiale costituente il timpano


Dove:

  0,85U laltezza media del timpano


N   0,5U lo spessore medio del timpano

- Ppar. Forza inerziale generata dalla massa del parapetto applicata al baricentro del parapetto
stesso

- Ptimp. Forza inerziale generata dalla massa del timpano applicata al baricentro del timpano
stesso.

- Pterr. Forza inerziale generata dalla massa del cuneo di terreno a tergo del timpano in fase
di spinta attiva.

;||  12,5

La determinazione del moltiplicatore critico pu essere fatta simulando una piccola


rotazione del timpano, dalla quale si possono ricavare gli spostamenti virtuali di ogni forza
applicata, determinando i lavori virtuali e applicando il principio dei lavori virtuali come fatto
per larco. Nel caso specifico per data la semplicit del cinematismo ci si pu facilmente
riferire ad un equilibrio dei momenti attorno alla cerniera O.

/ 5
    0,165
r |

Determinato il moltiplicatore critico si procede con la ricerca dello spostamento ultimo,


quello per il quale nullo il moltiplicatore. Nel caso specifico si assunto come punto di
controllo il baricentro del timpano. Per la determinazione dello spostamento ultimo si agito,
come per lanalisi longitudinale, usando un metodo dicotomico che permette di trovare lo zero
dellequazione che esprime landamento del valore. Nel caso in esame non si reso
necessario calcolare la progressione dello spostamento per via iterativa in quanto la semplicit
della struttura permette di definire grandi spostamenti con semplici relazioni trigonometriche,
come mostrato per il punto di controllo.
T(
V(  )V(  V , )T(  T , sin uarctan u v v  V(
V(
T(
T(  )V(  V , )T(  T , cos uarctan u v v  T(
V(

In questo caso lo spostamento ultimo del punto di controllo risultato pari a '(z 
0,125U

Con una rotazione ultima di  15,77

- 185 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Noto il comportamento del sistema a molti gradi di libert si passa a definire il sistema a
singolo grado di libert


 
, 
   780!
! 
 
,

 
   !
"    0,122!
 # $ #

 
,
'  '(

'  0,125U

,( 
 
,

0.14
a0*
0.12
0.10
0.08
a* [g]

0.06
0.04
0.02
d0*
0.00
0 0.02 0.04 0.06 0.08 0.1 0.12 0.14
d* [m]

Figura 13.20: Curva di capacit dell'oscillatore semplice equivalente

Costruita la curva di capacit si pu procedere alla verifica della struttura come prevista da
norma:

- Verifica allo stato limite di danno:

"  0,122! - ". )/0 , 2  0,176!

- Verifica allo stato limite di salvaguardia della vita:


1) Mediante fattore di struttura q (analisi cinematica lineare)

". )/0 , 2 0,308


"  0,122! -   0,190!
3 2

2) Mediante spettro di capacit (analisi cinematica non lineare)

'5 0,020
45  278  278  0,884=
"5
0,103

'9  0,050U - 2:; )45 ,  0,158U

- 186 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

1.0
0.9
Curva di capacit
0.8 SDe(Ts)
Curva di capacit NTC
0.7 Curva di domanda
0.6
a* [g]

0.5
0.4
0.3 PGA/q
0.2
as*;ds*
0.1 du*
d0*
0.0
0 0.05 0.1 0.15 0.2 0.25 0.3 0.35 0.4 0.45 0.5 0.55
d* [m]

Figura 13.21: Confronto capacit su domanda

Dalle verifiche si pu affermare che nella direzione trasversale la struttura non sicura, in
quanto entrambi i confronti in termini di accelerazione non sono soddisfatte. Ci significa che
il cinematismo si attiva abbastanza facilmente sotto lazione sismica. da dire per anche
an che
nel caso in esame allattivazione del cinematismo la struttura completamente svincolata da
terra, nel senso che una volta innescato il cinematismo eccetto che per la forza peso non c
nessuna parte che svolge unazione che tenda a stabilizzare il
il muro. Questo comportamento
in genere migliorato con interventi ci consolidamento del timpano.

13.1.7 Verifica delle spalle


Noto il comportamento della parte superiore del ponte,
ponte si deve andare a verificare la capacit
delle spalle di sopportare i carichi
carichi a cui sono soggette. Lo schema statico della spalla intesa
come struttura assestante abbastanza complesso. Nel caso specifico si assumer per la spalla
un comportamento a mensola incastrata alla base. Questo permette di capire quanto forte
lipotesi iniziale del comportamento dellarco. Infatti,
Infatti la struttura del cinematismo presa in
considerazione presuppone che la spalla non subisca alcun movimento significativo andando
a definire come sezione critica quella allimposta dellarco. Se per il momento alla base
troppo elevato la sezione critica dove si crea una cerniera plastica risulta essere nella spalla. In
questo caso il comportamento della struttura cambia notevolmente diventando un ponte ad
arco cosiddetto a spalle alte con un cinematismo che coinvolge
coinvolge anche le spalle. Se ci accade
bisogna ripetere tutte le verifiche previste per il comportamento longitudinale implementando
il nuovo cinematismo.

Definito lo schema statico della spalla (figura 13.22) si possono andare a descrivere le
sollecitazioni
oni a cui questa sar coinvolta. Innanzitutto si possono definire i carichi propri della
struttura quali pesi propri della spalle e del ponte sovrastante. I primi determinati
semplicemente a attraverso il volume di materiale mentre i secondi sono stimati attraverso
a il
poligono funicolare dei carichi che va a considerare i carichi esterni applicati e le
sollecitazioni sismiche indotte attraverso il moltiplicatore dei carichi.

- 187 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Figura 13.22:Schema di carico utilizzato per l'analisi della spalla

Atre sollecitazioni derivano dalle spinte orizzontali del terreno a tergo del paramento
verticale del muro. Queste sono calcolate attraverso il coefficiente di spinta attiva determinato
secondo Coulomb. Le spinte orizzontali derivanti dallazione simica si sono determinate
utilizzando il moltiplicatore dei carichi, ricavato nellanalisi del comportamento longitudinale.
Questo per verificare quanto detto in precedenza sulla capacit della spalla di generare il
cinematismo definito.

In questo caso i carichi sono definiti per la sola spalla sinistra in quanto supponendo lazione
sismica, nellistante in cui valutata proveniente da sinistra, questa risulta essere quella pi
sollecitata. Le sollecitazioni descritte sono di seguito descritte brevemente:

- S1. Quota parte di spinta attiva derivante dal terreno agente sulla superficie della spalla
applicata ad un terzo dellaltezza.

1
2  5 5  3,1/U
2
Dove:

5  19/U il peso di volume saturo del terreno a tergo della spalla


5  1,2U laltezza della spalla
 0,27 il coefficiente di spinta attiva

- S2. Quota parte di spinta attiva derivante dal sovraccarico del terreno sovrastante e
dalleventuale presenza di sovraccarichi esterni applicata a met altezza della spalla.

2  5 ;| 5 35  16,2/U

5  19/U il peso di volume saturo del terreno di riempimento


Dove:

5  1,2U laltezza della spalla

- 188 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

;|  2,01U lo spessore di terreno di riempimento sopra il livello della spalla


3  22/U il sovraccarico da traffico LM71
 0,27 il coefficiente di spinta attiva

- Psp. il peso della spalla applicato nel rispettivo baricentro

5  5 5 R  71,5/U

5  18/U il peso specifico del materiale costituente la spalla


Dove:

5  1,2U laltezza della spalla


R  1,5U lo spessore medio della spalla

- Psopra spalla. il peso gravante sulla spalla al netto della sollecitazione trasmessa dallarcata

B
5z| 5  | ; ;| )R  = sin u v,  71,5/U
2

| ;  18/U il peso specifico del materiale di riempimento


Dove:

;|  2,01U lo spessore di terreno di riempimento sopra il livello della spalla


R  1,5U lo spessore medio della spalla
=  0,36U lo spessore dellarco

- Pponte. la sollecitazione gravante sulla spalla derivante dal trasferimento del carico della
campata sulla spalla

Componente verticale z;  80,0/U


Componente orizzontale z;  15,1/U

- Pspalla. la sollecitazione inerziale dovuta alla massa della spalla applicata nel baricentro
della stessa

5  21,0

- Pterr. la sollecitazione inerziale dovuta alla mobilitazione del cuneo di spinta attiva
applicato a met altezza della spalla

;||  4,6

Le sollecitazioni definite che si instaurano alla base della spalla sono:

5  34,7U
5  192,2
x5  29,7

- 189 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Note le sollecitazioni indotte alla struttura si pu passare alla verifica a flessione della spalla.
In questo caso si andr a confrontare il momento sollecitante con il momento ultimo
determinato secondo quanto detto in normativa al paragrafo 7.8.2.2.1 dellNTC:

La verifica a pressoflessione di una sezione di un elemento strutturale si effettua


confrontando il momento agente di calcolo con il momento ultimo resistente calcolato
assumendo la muratura non reagente a trazione ed una opportuna distribuzione non
lineare delle compressioni. Nel caso di una sezione rettangolare tale momento ultimo
pu essere calcolato come:
 
9  } N ~ u1  v
2 0,85w

dove:
- Mu il momento corrispondente al collasso per pressoflessione
- l la lunghezza complessiva della parete (inclusiva della zona tesa)

 la tensione normale media, riferita allarea totale della sezione ( = P/(lt),


- t lo spessore della zona compressa della parete
-
con P forza assiale agente positiva se di compressione). Se P di trazione, Mu = 0
- fd = fk / M la resistenza a compressione di calcolo della muratura

Perci per quanto scritto il momento ultimo che si ricava pari a:

9  72,6U 5  34,7U

Verificato il comportamento flessionale della muratura si deve andare a controllare il


comportamento a taglio. La resistenza ultima a taglio definita da normativa al paragrafo
7.8.2.2.2 dellNTC:

La resistenza a taglio di ciascun elemento strutturale valutata per mezzo della


relazione seguente:

x  Nw
dove:
- l la lunghezza della parte compressa della parete

- w  w( definito al 4.5.6.1, calcolando la tensione normale media


- t lo spessore della parete

.  )N,
(indicata con sn nel paragrafo citato) sulla parte compressa della sezione

Per quanto scritto il valore del taglio che si ricava pari a:

x  69,0 x5  29,7

Dai confronti eseguiti si pu affermare che le spalle sono verificate e sono in grado di
sopportare gli sforzi a cui soggetta nel caso in cui un sisma attivi il cinematismo dellarco.
Ci significa che leventuale crollo non dovrebbe coinvolgere le spalle.

- 190 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Verificato il comportamento strutturale della spalla bisogna come ultima cosa controllare il
comportamento del terreno sotto lazione sismica. Per fare ci si sono trasferiti i carichi
determinati in precedenza fino alle fondazioni determinando le sollecitazioni al livello del
piano di fondazione confrontandoli con la capacit portante corrispondente.

Le sollecitazioni che tendono ad instabilizzare la spalla sono riassunte nella seguente tabella:

Peso Peso Pponte + Terreno


Spalla fond. sovracc. Tergo

Pi [kN] 32.4 96.0 183.9 152.5


bri [m] 0.8 2.0 2.0 2.8
Msi [kNm] 24.3 192.0 367.8 419.3

Le sollecitazioni che tendono a stabilizzare la spalla sono riassunte nella seguente tabella:

Terreno sovracc. P terr. P sp. P fond.

Si [kN] 10.3 29.61 15.5 21.0 62.3


brSi [m] 0.7 1.1 1.1 1.6 0.5
MrSi [kNm] 7.6 32.6 17.1 33.6 31.1

Una prima verifica riguarda la possibilit che il paramento verticale della spalla possa
ribaltarsi o scorrere sul piano di fondazione. Per fare ci si assimilata la spalla ad un muro di
sostegno eseguendo perci le verifiche a ribaltamento e a scorrimento.

- Verifica a ribaltamento attorno al bordo esterno della fondazione:

Il momento stabilizzante dovuto alle forze peso risulta essere pari a 5  1003U
contro unazione ribaltante  5  122U.

5  1003U  5  122U

- La struttura risulta verificata rispetto al ribaltamento della spalla.

La spinta sollecitante agente sulla spalla risulta essere 25  123,2 contro unazione
resistente di 2|  200,5 calcolata assumendo in via cautelativa un coefficiente dattrito
terreno-fondazione peri ai due terzi dellangolo dattrito interno del terreno.

2|  200,5 25  123,2

Anche nei confronti dello scivolamento la struttura risulta verificata.

- 191 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

- Verifica capacit portante

La capacit portante stata determinata mediante la formula trinomia definita da Terzaghi e


successivamente modificata e affinata da altri autori. Nel caso specifico stata utilizzata al
formula trinomia riportata in eurorocodice7 appendice B:

3   12 R = 3 = y =y y

agente usando R  )R  2$, invece che B, della forma della fondazione attraverso i
Tale equazione riferita alle condizioni drenate del terreno e tiene conto del momento

coefficienti (=y ; = ; = ) in questo caso rettangolare e dellinclinazione del carico dovuto alle
azioni orizzontali (y ; ; ).

Le azioni a cui soggetta la fondazione sono:

5  2277 ; x5  1041 ; 5  671U


Il carico limite calcolato risulta essere pari a:

3   0,61"
Per una capacit portante di:

>|  4939 5  2277


Anche in questo caso si vede come la struttura della spalla risulta verificata nei confronti
delle azioni sismiche, molto pi vincolanti rispetto alle condizioni statiche a causa
dellinclinazione del carico, che agendo sui coefficienti ii riduce notevolmente la capacit
portante, nel caso specifico in particolare le forze inerziali riducono la capacit postante al
55% di quella iniziale.

- 192 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

13.1.8 Sintesi dei risultati


Per ognuno degli stati limite considerati si assume come coefficiente di sicurezza (FS)
globale quello corrispondente alla verifica dellelemento con il coefficiente di sicurezza
minimo.

AZIONE SISMICA  ANALISI LONGITUDINALE


VN [anni] 50 Comportamento arco
Classe d'uso III 1 Verifica arco 0,611
Cat. Terreno D Comportamento spalle
Cat. Topografica T1 3 Flessione spalle 0,798
agSLV[g] 0,271 4 Taglio spalle 0,707
S=STSS 1,41 5 Ribaltamento spalle 3,134
agSLV S 0,381 6 Scorrimento spalle 0,620
q (C.A.4.9) 2 7 Qlim fondazione 0,826
agSLV S/q 0,190  ANALISI TRASVERSALE
Comportamento timpano
2 Verifica timpano 0,122

COMPORTAMENTO GLOBALE DELLA STRUTTURA


a0*min min(1,2,3,4,5,6,7) 0,122
FATTORE DI SICUREZZA DELLA STRUTTURA (SLV)
FS a0*min/[agSLVS/q] 0,642

Si vede dal fattore di sicurezza globale che la struttura esaminata non sicura dal punto di
vista sismica poich risulta minore di uno. In particolare la criticit della struttura la si
riscontra nel comportamento trasversale.

Al fine di rendere pi semplice la procedura di verifica utilizzata si riporta di seguito un


organigramma (figura 13.23), con descritti sinteticamente i passaggi necessari per la verifica
della struttura attraverso il foglio excel.

- 193 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Definizione caratteristiche
sismologiche del sito

Definizione caratteristiche
geometriche del ponte

Definizione caratteristiche
dei materiali

Definizione dei carichi da


traffico

Analisi comportamento Analisi comportamento


trasversale longitudinale

Ipotesi sul tipo di rottura

Ipotesi sulla posizione delle


cerniere del cinemantismo

Risoluzione del cinematismo


dell'arco e calcolo
moltiplicatore Aggiorna la Il meccanismo
posizione delle coivolge le
cerniere spalle. Cambio
Costruzione curva delle cinematismo
pressioni

Posizione delle cerniere


NO
esatta?

SI

Cinematismo coinvolge le
spalle?

SI NO

Verifica spalle

Flessione alla base della


NO
spalla soddisfatta?

SI

Verifiche fondazioni

Calcolo FS globale

Figura 13.23: Schema logico per la verifica dei ponti ad arco moncampata in muratura

- 194 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

13.2 TEST 2: PONTE MULTICAMPATA


Il ponte situato sulla linea ferroviaria Orte-Falconara al chilometro km 236+178 nel
comune di Genga.

"NN'P$: 4323 34,44 M


sono 
XP!N'P$: 125838,6464
Le coordinate del sito sono:

Il ponte ad arco in muratura,


muratura e presenta tre campate di 6,00 m ciascuna, con pianta retta.
retta
La quota del piano del ferro raggiunta con materiale di riempimento di spessore pari a circa
cir
0,755 m a partire dallestradosso della chiave di volta, contenuto lateralmente da timpani
realizzati
ti in muratura. La volta a tutto sesto con freccia 3 m. Lo spessore della volta di
0,36 m. Le spalle misurano 1 m circa dal piano di posa delle fondazioni. Le pile misurano
circa 5,6 m dal piano campagna all'imposta. La larghezza complessiva del ponte nella
direzione ortogonale
nale allasse stradale di 5,2m.
5,2

Figura 13.24:Ponte
13.24 sulla linea Orte-Falconara km 236+178

Il ponte riportato a 3 campate di dimensioni medio-piccole,


medio piccole, con arco a tutto sesto
(f/L=0,5), le spalle sono tozze e lo spessore dellarco pu considerarsi medio-piccolo
medio per la
classe di appartenenza (s/L=0,057
/L=0,057).

- 195 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

13.2.1 Requisiti di sicurezza e prestazioni attese


La conoscenza del ponte bassa perch si in possesso esclusivamente di dati ricavati da
rilievo geometrico-fotografico, per questo motivo il livello di conoscenza ipotizzato pari a
LC1 e la verifica sar di conseguenza di livello 1.

I ponti ad arco in muratura ad una campata sono tipologie di ponti, per i quali la
vulnerabilit sismica collegata alla fragilit di un certo numero di elementi, che
intervengono nel meccanismi di collasso legati allazione nel piano longitudinale e
trasversale; per ciascuno di questi meccanismi possibile calcolare il moltiplicatore di
collasso:

  "

che rappresenta la massima accelerazione spettrale a0* sopportabile dal ponte prima che si
determini linnesco del cinematismo collegato al collasso dellelemento i-esimo.

Gli elementi di cui necessario valutare la vulnerabilit sismica sono i seguenti:

Elemento Meccanismo Moltiplicatore


Arco Longitudinale 1
Timpano Trasversale 2
Spalla Longitudinale 3, 4, 5
Fondazione spalla Longitudinale 6, 7
Fondazione pila Longitudinale 8
Arco-Pile Trasversale 9

13.2.2 Dati necessari per la definizione del ponte


Per eseguire le analisi di valutazione di sicurezza di livello 1 sono stati ricavati i dati
geometrici da materiale derivante da ispezioni geometrico-fotografiche. Le caratteristiche di
resistenza della muratura fanno riferimento a quanto riportato nella tabella C8A.1.A.4 della
circolare applicativa del DM2008.

GEOMETRIA DELL'ARCO
Ln [m] Lunghezza campata all'intradosso 6,00
fn [m] Freccia all'intradosso 3,00
s [m] Spessore dell'arco 0,36
h [m] Distanza tra estradosso e piano del ferro 0,75
P [m] Profondit ponte 5,20

GEOMETRIA DEL TIMPANO


H [m] Altezza media del timpano 1,75
t [m] Spessore del timpano 0,80

- 196 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

GEOMETRIA DELLA SPALLA


Hs [m] Altezza della spalla 3,60
Hf [m] Altezza dado fondazione 1,00
B [m] Larghezza dado fondazione 5,00
b [m] Larghezza della spalla alla base 2,50
Ps [m] Profondit della spalla 5,20
- nbinari 1

GEOMETRIA DELLA PILA


Hp [m] Altezza della pila 4,60
Hf [m] Altezza dado fondazione 1,00
B [m] Larghezza dado fondazione 4,00
b [m] Larghezza della pila alla base 1,40

Figura 13.25:Annotazioni utilizzate per la definizione della geometria

- 197 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

13.2.3 Analisi dei carichi


I carichi agenti sulla struttura necessari per la verifica sismica del ponte sono rappresentati
essenzialmente dai pesi proprio strutturali e non e dai carichi portati rappresentai dai carichi
da treno previsti da normativa.

 Carichi permanenti strutturali

I carichi permanenti strutturali sono rappresentati dal peso proprio degli archi delle pile e dei
timpani. Sono perci di facile determinazione nota la geometria. Nel caso dellarco il peso
proprio proiettato sullorizzontale genera una distribuzione del carico parabolica con
unintensificazione del carico distribuito verso i lati (figura 13.26). Tale condizione impedisce
una valutazione globale del carico costringendo ad unanalisi per conci successivi. Nel caso
specifico la sollecitazione globale relativo ad una sezione di un metro di spessore
determinabile calcolando larea dell arco e moltiplicandola per il peso specifico della
muratura.

Area arco: Aarco=3,56m2


Peso specifico muratura: arco=18kN/m3
Sollecitazione globale agente sui vincoli G0i=Aarcoarco=64,44kN/m (per un metro di
larghezza)

Area pila: Apila=7,84m2


Peso specifico muratura: pila=18kN/m3
Sollecitazione globale agente sui vincoli G0j=Apilapila=141,12kN/m (per un metro di
larghezza)
G0tot=3Aarco2Apila=475,56 kN/m

Figura 13.26: Rappresentazione carico permanete portato

- 198 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

 Carichi permanenti portati

I carichi permanenti portati sono rappresentati dal riempimento. In questo caso si pu aver a
che fare con diversi materiali con pesi specifici non omogenei. Nel caso in esame si prender
un peso specifico medio stimato in 18kN/m3. Il carico da riempimento proiettato
sullorizzontale presenta una forte variabilit con un andamento pressoch parabolico (figura
13.27). Questo come per la parte strutturale non consente una valutazione media del carico
necessitando di una definizione locale attraverso una suddivisione in conci. Una valutazione
globale del peso del riempimento pu essere fatta misurando la superficie di riempimento
moltiplicandola per il peso specifico stimato:

Area riempimento: Ariemp.=35,57m2


Peso specifico riempimento: riemp.=18kN/m3
Sollecitazione globale agente sui vincoli G1=Ariemp.riemp.=640,26kN/m (per un metro di
larghezza)

Figura 13.27:Rappresentazione carico permanente portato

 Carichi da traffico

I carichi da traffico agenti sulla struttura sono rappresentati da dei particolari modelli di
carico definiti in maniera univoca da normativa. Per una pi approfondita discussione si
rimanda allanalisi dei carichi relativa al ponte monocampata.

- 199 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

13.2.4 Definizione dellazione sismica


Le verifiche sismiche sono condotte con riferimento allo stato limite considerato in funzione
della vita nominale, della classe duso, dalla vita di riferimento, delle caratteristiche
topografiche e del sottosuolo secondo quanto stabilito dalla norma.

Per ponti ferroviari si considerata una vita nominale della struttura pari a 50 anni (punto 2
tab. 2.4.I - 2.4.1. D.M. 14.01.2008), e la classe duso ( 2.4.2. D.M. 14.01.2008) stata
considerata pari a classe III: Ponti e reti ferroviarie la cui interruzione provochi situazioni di
emergenza. etc..

Vita nominale
TIPI DI COSTRUZIONE
VN (in anni)
1 Opere provvisorie -Opere provvisionali-Strutture in fase costruttiva 10
Opere ordinarie, ponti, opere infrastrutturali e dighe di dimensioni
2 50
contenute o di importanza normale
Grandi opere, ponti, opere infrastrutturali e dighe di grandi dimensioni o
3 100
di importanza strategica

Pertanto, la VR (vita di riferimento) della struttura sar pari a:

x0  x #  50 1,5  75"PP

dove CU (coefficiente duso) si determina utilizzando i dati di Tabella 2.4.II del D.M.
14.01.2008.

CLASSE D'USO I II III IV


COEFFICIENTE Cu 0,7 1,0 1,5 2,0

Nota la posizione del sito e il periodo di riferimento si ricavano le caratteristiche del sisma
atteso sullo strato roccioso di riferimento:

PVR [%] TR [anni] ag [g] F0 Tc* [s]


SLO 81 45 0,069 2,459 0,287
SLD 63 75 0,085 2,473 0,297
SLV 10 712 0,201 2,484 0,334
SLC 5 1462 0,258 2,513 0,339

Noti i parametri di riferimento si deve andare a definire lo spettro relativo al sito reale in
base alle caratteristiche del sito, in particolare al suolo e alla condizione topografica:

Suolo D
- S=SSST
- Ss Cc Categoria
T1 SLO 1,800
topografica
SLO 1,800 2,333 SLD 1,800
ST 1,0
SLD 1,800 2,294 SLV 1,651
SLV 1,651 2,163 SLC 1,427
SLC 1,427 2,147

- 200 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Note le caratteristiche del sito e quindi lamplificazione a cui soggetta lazione sismica si
pu andare a definire lo spettro elastico relativo al specifico stato limite (figure 13.28 e
13.29).

1.0
SLO
0.9 SLD
0.8 SLV
SLC
0.7
0.6
ag/g

0.5
0.4
0.3
0.2
0.1
0.0
0 0.5 1 1.5 2 2.5 3 3.5 4 4.5 5 5.5 6 6.5 7 7.5 8
Periodo T [s]

Figura 13.28:
13.28 Spettri di risposta elastici in accelerazione

0.50
0.45
0.40
0.35
Spostamento [m]

0.30 SLO
SLD
0.25
SLV
0.20
SLC
0.15
0.10
0.05
0.00
0 0.5 1 1.5 2 2.5 3 3.5 4 4.5 5 5.5 6 6.5 7 7.5 8
Periodo T [s]

Figura 13.29: Spettri di risposta elastici in spostamento

- 201 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

13.2.5 Comportamento longitudinale


Il calcolo del moltiplicatore critico stato eseguito definendo un cinematismo appropriato
come descritto in precedenza determinando la posizione delle cerniere attraverso il
tracciamento della curva delle pressioni (figura 13.30). In questo caso data la dimensione
delle pile in particolare dal rapporto H/B si pu pensare che molto probabilmente il
meccanismo di rottura va a coinvolgere sia le spalle che le pile determinando un tipo di
rottura globale.

4.0
B E H
3.0

2.0

1.0
C F I
A
0.0
L
-1.0

-2.0

-3.0

-4.0

-5.0
D G
-6.0
0.0

1.0

2.0

3.0

4.0

5.0

6.0

7.0

8.0

9.0
-1.0

10.0

11.0

12.0

13.0

14.0

15.0

16.0

17.0

18.0

19.0

20.0

21.0

22.0
Figura 13.30: Curva delle pressioni nel ponte a tre campate in esame

Dal tracciamento della curva delle pressioni si determinano le seguenti posizioni delle
cerniere plastiche relative al ponte scarico allinterno delle arcate.
 Arco n1
BQ B  0,12
BR B  0,43M
B# B  0,80

 Arco n2
B B  0,43M

B B  0,80

 Arco n3
B B  0,43M

B B  0,80

Nota la posizione delle cerniere nota anche la forma del cinematismo ed possibile
definire il moltiplicatore critico dei carichi attraverso il rapporto tra i lavori verticali ed
orizzontali.

Definito il modo in cui viene calcolato il moltiplicatore dei carichi si deve andare a cercare
quello minimo che determina la condizione di pi sfavorevole per la struttura. Per fare ci si

- 202 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

analizzata la costruzione sollecitata da un treno di carico modello definito da norma. Nel caso
specifico si considerato il treno di carico LM71 definito come effetto del traffico ferroviario
normale (figura 13.31).

Figura 13.31: Schema di carico treno LM71

Tale situazione in generale per questo tipo di ponti rappresenta la condizione pi


sfavorevole, in quanto si ritrova il carico pi intenso e localizzato. Questo perch il
cinematismo della struttura richiede carichi di estensione limitata per non risultare favorevoli
dal punto di vista della sicurezza. Inoltre per lo stesso motivo i due carichi laterali
rappresentanti i vagoni vengono trascurati, pensando perci al carico come ad una singola
motrice in transito. Dallanalisi si osservato che i quattro carichi concentrati ripartiti
attraverso le traversine e la massicciata possono essere facilmente assimilati ad un carico
distribuito per una lunghezza di 6,4m.

Sono di seguito riportate le diverse condizioni di carico prese in considerazione con i relativi
risultati (figura 13.32).

Figura 13.32: Schemi di carico analizzati

- 203 -
Analisi limite dei ponti ad arco in
i muratura

Che riassunti in un grafico in cui lasse delle ascisse rappresenta la posizione della risultante
dei carichi rispetto al sistema di riferimento con cui stata definita la geometria dellarco
risulta:

0.18
0.16
0.14
0.12

00.10
0.08
0.06 Ponte carico LM71
Ponte scarico
0.04 Moltiplicatore critico
0.02
0.00
-3 -1 1 3 5 7 9 11 13 15 17 19 21
Posizione della risultante del carico distribuito

Figura 13.33:: Grafico dell'andamento del moltiplicatore critico al variare della posizione del carico

posizionato a 1/6 in cui il moltiplicatore critico risulta essere   0,087


087
Dal grafico si vede come la condizione pi sfavorevole risulta essere quella
quella in cui il carico

Noto il moltiplicatore bisogna determinare lo spostamento ultimo del sistema. Questo pu


essere determinato imponendo nullo il lavoro delle forze verticali
vertica (figura 13.34).
13.34) Tale
operazione coincide con la determinazione del punto in cui lenergia potenziale massima
(figura 13.35).. In alcuni casi per il collasso pu avvenire prima del raggiungimento della
massima energia potenziale, in quanto si viene a creare creare una condizione di instabilit
geometrica del cinematismo.

Durante il calcolo dello spostamento ultimo come per il monocampata possibile risalire
allandamento dellenergia potenziale e del lavoro incrementale verticale.

0.6
0.4 Punto in cui lequilibrio
Lavoro delle forze verticali

0.2 diventa instabile


0
-0.2 0 0.01 0.02 0.03 0.04 0.05 0.06 0.07 0.08 0.09 0.1
[kNm]

-0.4
-0.6
-0.8
-1
-1.2
Rotazione tronco AB [rad]

Figura 13.34:: Lavoro esercitato dalle forze verticali nellincremento lo spostamento di x

- 204 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

0.07

Energia potenziale delle masse


0.06

del ponte [kNm]


0.05

0.04

0.03
Punto in cui lequilibrio
0.02 diventa instabile
0.01

0
0 0.01 0.02 0.03 0.04 0.05 0.06 0.07 0.08 0.09 0.1
Rotazione tronco AB [rad]

Figura 13.35: Energia potenziale delle masse associate al ponte al variare della rotazione del tronco AB

Noto lo spostamento ultimo si pu arrivare a rappresentare lintero processo con cui larco
arriva dalla posizione iniziale di stabilit al collasso finale (figura 13.36).
4

-1

-2

-3

-4

-5

-6
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22

Figura 13.36: Evoluzione dello spostamento sino al collasso

Come si vede dal grafico in questo caso la rottura avviene per il raggiungimento di una
posizione di equilibrio instabile dal punto di vista energetico poich lallineamento delle
cerniere non si raggiunge.

Nel caso in esame le caratteristiche del ponte a rottura riferite al moltiplicatore minimo
risultano:

'(z  0,210U

Con una rotazione ultima del tronco AB di  4,83

Langolo tra le cerniere tra le congiungenti delle cerniere B e C con A di FCJ  27,9
Langolo tra le cerniere tra le congiungenti delle cerniere D e E con F di :  22,2
-

E langolo tra le cerniere tra le congiungenti delle cerniere G e H con I di  20,5


-
-

- 205 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Note le caratteristiche meccaniche del cinematismo e la sua evoluzione si deve andare a


definire un sistema ad un grado di libert, confrontabile con dei valori limite definiti delle
normative.

Il sistema equivalente ad un grado di libert si ricava attraverso la formula e descritte in


precedenza:


 
, 
 
 75370!
! 
 
,

 
   !
"    0,087!
 #
$ #

 
,
'  '( '  0,370U

,( 
 

Pensando di dare alla funzione un andamento lineare "  " )1  ' ' , si ottiene la curva
di capacit del sistema ad un grado di libert definita da normativa (figura 13.37).

0.10
ao*
0.08
0.06
a* [g]

0.04
0.02 d0*
0.00
0 0.05 0.1 0.15 0.2 0.25 0.3 0.35 0.4
d* [m]

Figura 13.37: Curva di capacit dell'oscillatore semplice equivalente

Costruita la curva di capacit si pu procedere alla verifica della struttura come prevista da
norma:

- Verifica allo stato limite di danno:

"  0,089! ^ ". )/0 , 2  0,153!

- Verifica allo stato limite di salvaguardia della vita:


1) Mediante fattore di struttura q (analisi cinematica lineare)

". )/0 , 2 0,332


"  0,089! ^   0,166!
3 2
2) Mediante spettro di capacit (analisi cinematica non lineare)

'5 0,059
45  278  278  1,787=
"5
0,075

'9  0,148U ^ 2:; )45 ,  0,264U

- 206 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

0.9
Curva di capacit
0.8
Curva di capacit NTC
0.7 Curva di domanda
a* [g] 0.6
0.5
0.4 SDe(Ts)
0.3
PGA/q
0.2
a0* ds*;as*
0.1
du* d0*
0.0
0 0.05 0.1 0.15 0.2 0.25 0.3 0.35 0.4
d* [m]

Figura 13.38:
13.38 Confronto capacit su domanda di spostamento

Analizzando le verifiche si osserva che dal punto di vista del comportamento longitudinale
lon
la struttura non garantisce unadeguata resistenza.
resistenza

13.2.6 Comportamento trasversale globale


Per lanalisi della vulnerabilit in direzione trasversale stato utilizzato il modello
cinematico costruito per la valutazione del moltiplicatore di collasso e dello spostamento
ultimo.

La valutazione del moltiplicatore critico di collasso stata fatta costruendo un cinematismo


di collasso costituito da quattro macroconci vincolato al suolo attraverso delle cerniere
rotazionali. I parametri in input sono rappresentati
rappresentati essenzialmente dalla geometria della
struttura e dal peso specifico dei singoli materiali costituenti.

a:   0,411. Mentre
lo spostamento ultimo risultato '(  3,212U
Dallanalisi il moltiplicatore critico dei carichi risultato essere pari a: 

4
K
2

0 Ki
-6 -4 -2 0 2 4 6 8 10 12 14 16 18 20 22 24 26
-2

-4

-6

-8

Figura 13.39:
13.39 Evoluzione del cinematismo sino al collasso

- 207 -
Analisi limite dei ponti ad arco in
i muratura

Dal moltiplicatore e lo spostamento calcolati per il sistema a pi gradi di libert si passati


al calcolo del moltiplicatore di collasso e allo spostamento ultimo definiti per un oscillatore
semplice
ce in modo da poter eseguire le verifiche previste da normativa.


 
, 
   865282!
! 
 
,

 
   !
"    0,325!
 # $ #

 
,
'  '(

'  0,904U

,( 
 
,

A questo punto
nto sono note le caratteristiche del sistema ad un grado di libert equivalente ed
cos possibile eseguire le verifiche previste da normativa:

- Verifica allo stato limite di danno:

"  0,325! ". )/0 , 2  0,153!

- Verifica allo stato limite di salvaguardia della vita:


1) Mediante fattore di struttura q (analisi cinematica lineare)

". )/0 , 2 0,332


"  0,325!   0,166!
!
3 2
2) Mediante spettro di capacit (analisi cinematica non lineare)

'5 0,362
45  278  278  2,308=
"5
0,273

'9  0,904U 2:; )45 ,  0,264U

0.9
0.8 Curva di capacit
Curva di capacit NTC
0.7 Curva di domanda
0.6
a* [g]

0.5
0.4
a0*
0.3 SDe(Ts)

0.2 PGA/q ds*;as* du*

0.1
d0*
0.0
0 0.25 0.5 0.75 1 1.25 1.5 1.75 2 2.25 2.5
d* [m]

Figura 13.40:
13.40 Confronto capacit su domanda di spostamento

- 208 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Dai confronti eseguiti si pu affermare che la struttura risulta verificata nei confronti delle
azioni sismiche agenti in direzione trasversale.

13.2.7 Comportamento trasversale locale


La verifica della sicurezza in direzione trasversale allarco, riguarda essenzialmente la
possibilit che il timpano si ribalti. La verifica nel caso dei ponti multicamapta risulta del tutto
simile a quella eseguita per il monocampata con lunica differenza che laltezza media del
timpano deve essere valutata in tutta la lunghezza del ponte

La verifica del timpano stata fatta applicando lanalisi cinematica delle strutture in
muratura determinando, come in precedenza, un moltiplicatore critico e lo spostamento
ultimo trasformando il tutto in un sistema da un grado di libert.

Figura 14: Schema di carico utilizzato per l'analisi del timpano

La definizione della geometria del timpano lungo la direzione longitudinale del ponte va
fatta determinando laltezza media lungo tutto il ponte (figura 13.42).

400

300

200

100

Figura 13.42: Andamento delle altezze del timpano lungo la direzione longitudinale

- 209 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Limplementazione di un cinematismo che consideri questa variazione abbastanza

esame si riscontra unaltezza media di ]  1,75U


complessa. Si pu in via semplificata determinare unaltezza media del timpano. Nel caso in

Figura 15: Cinematismo del timpano

Le sollecitazioni agenti sul timpano possono essere cos sintetizzate:

- Sriemp. Quota parte di spinta attiva derivante dal terreno agente sulla superficie del timpano
applicata ad un terzo dellaltezza.

1
2| ;  | ;   7,5
2

| ;  18/U il peso specifico del materiale di riempimento


Dove:

  1,75U laltezza media del timpano


 0,27 il coefficiente di spinta attiva

- Smass. Quota parte di spinta attiva derivante dal sovraccarico della massicciata applicata a
met altezza del timpano.

255  | ; 55   0

| ;  18/U il peso specifico del materiale di riempimento


Dove:

55  0 lo spessore della massicciata


 0,27 il coefficiente di spinta attiva

- Ppar. Peso del parapetto sovrastante il timpano applicato nel baricentro geometrico del
parapetto.

|  9|z |. N|.  0

- 210 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

9|z  18/U il peso specifico materiale costituente il parapetto


Dove:

|  0 laltezza del parapetto in questo caso assente


N|  0 lo spessore del parapetto in questo caso assente

- Ptimp. Peso del timpano applicato nel baricentro geometrico del timpano

   9|z  N   25,2

9|z  18/U il peso specifico materiale costituente il timpano


Dove:

  01,75U laltezza media del timpano


t  0,8m lo spessore medio del timpano

- Ppar. Forza inerziale generata dalla massa del parapetto applicata al baricentro del parapetto
stesso

|  0

- Ptimp. Forza inerziale generata dalla massa del timpano applicata al baricentro del timpano
stesso.

   2,9

- Pterr. Forza inerziale generata dalla massa del cuneo di terreno a tergo del timpano in fase
di spinta attiva.

;||  6,0

La determinazione del moltiplicatore critico pu essere fatta simulando una piccola


rotazione del timpano, dalla quale si possono ricavare gli spostamenti virtuali di ogni forza
applicata, determinando i lavori virtuali e applicando il principio dei lavori virtuali come fatto
per larco. Nel caso specifico per data la semplicit del cinematismo ci si pu
tranquillamente riferire ad un equilibrio dei momenti attorno alla cerniera O.

/ 5
    0,084
r |

Determinato il moltiplicatore critico si procede con la ricerca dello spostamento ultimo,


quello per il quale nullo il moltiplicatore. Nel caso specifico si assunto come punto di
controllo il baricentro del timpano.

Noto il moltiplicatore dei carichi si passato al calcolo dello spostamento ultimo della
struttura. Come per il ponte monocampata la determinazione dello spostamento ultimo stata
fatta ricavando la posizione in cui lenergia potenziale massima. Come prima il calcolo
dello spostamento tiene conto delleffettiva geometria del sistema prendendo in
considerazione lipotesi di grandi spostamenti:

- 211 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

T(
V(  )V(  V , )T(  T , sin uarctan u v v  V(
V(
T(
T(  )V(  V , )T(  T , cos uarctan u v v  T(
V(

In questo caso lo spostamento ultimo del punto di controllo risultato pari a '(z 
0,113U

Con una rotazione ultima di  7,23

Noto il comportamento del sistema a molti gradi di libert si passa a definire il sistema a
singolo grado di libert

 
, 

   2569!
! 
 
,

 
   !
"    0,062!
 # $ #

 
,
'  '(

'  0,113U

,( 
 
,

0.25
a0*
0.20

0.15
a* [g]

0.10

0.05
d0*
0.00
0 0.01 0.02 0.03 0.04 0.05 0.06 0.07 0.08 0.09 0.1 0.11 0.12 0.13
d* [m]

Figura 13.44: Curva di capacit dell'oscillatore semplice equivalente

Costruita la curva di capacit (figura 13.44) si pu procedere alla verifica della struttura
come prevista da norma:

- Verifica allo stato limite di danno:

"  0,062! ^ ". )/0 , 2  0,153!

- Verifica allo stato limite di salvaguardia della vita:


1) Mediante fattore di struttura q (analisi cinematica lineare)

". )/0 , 2 0,308


"  0,062! ^   0,166!
3 2

- 212 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

2) Mediante spettro di capacit (analisi cinematica non lineare)

'5 0,018
45  278  278  1,184=
"5
0,052

'9  0,045U ^ 2:; )45 ,  0,175U

0.9
Curva di capacit
0.8
Curva di capacit NTC
Curva di domanda
0.7

0.6 SDe(Ts)
a* [g]

0.5

0.4

0.3

0.2 PGA/q

0.1 ds*;as*
du* d0*
0.0
0 0.05 0.1 0.15 0.2 0.25 0.3 0.35 0.4
d* [m]

Figura 13.45:
13.45 Confronto capacit su domanda di spostamento

Dalle verifiche si pu affermare che nella direzione trasversale la struttura non verificata,
verifica in
quanto entrambi i confronti in termini di accelerazione non sono soddisfatte. Ci significa che
il cinematismo si attiva abbastanza facilmente sotto lazione sismica. da dire per anche che
nel caso in esame allattivazione del cinematismo la struttura completamente svincolata da
terra, nel senso che una volta innescato il cinematismo eccetto che per la forza peso non c
nessuna parte che svolge unazione che tenda a stabilizzare il muro. Questo comportamento
in genere migliorato con interventi ci consolidamento del timpano.

- 213 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

13.2.8 Verifica delle spalle


Noto il comportamento della parte superiore del ponte si deve andare a verificare la capacit
delle spalle di sopportare i carichi a cui sono soggette. Lo schema statico della spalla intesa
come struttura assestante abbastanza complesso.

La struttura delle spalle stata modellata allo stesso modo del ponte monocampata
assumendo per la spalla un comportamento a mensola. Tale verifica ci permette di capire se il
cinematismo pu coinvolgere o meno le spalle. Infatti se la spalle non sono in grado di
resistere alla flessione indotta dalle arcate e dal terreno a cinematismo attivo questultimo non
ammissibile e bisogner ridefinire un meccanismo diverso.

Definito lo schema statico della spalla (figura 13.46) si possono andare a descrivere le
sollecitazioni a cui questa sar coinvolta. Innanzitutto si possono definire i carichi propri della
struttura quali pesi propri della spalle e del ponte sovrastante. I primi determinati
semplicemente a attraverso il volume di materiale, mentre i secondi sono stimati attraverso il
poligono funicolare dei carichi che va a considerare i carichi esterni applicati e le
sollecitazioni sismiche indotte attraverso il moltiplicatore dei carichi.

Figura 13.46:Schema di carico utilizzato per l'analisi della spalla

Atre sollecitazioni derivano dalle spinte orizzontali del terreno a tergo del paramento
verticale del muro. Queste sono calcolate attraverso il coefficiente di spinta attiva determinato
secondo Coulomb.

Le spinte orizzontali derivanti dallazione simica si sono determinate utilizzando il


moltiplicatore dei carichi ricavato nellanalisi del comportamento longitudinale. Questo per
verificare quanto detto in precedenza sulla capacit della spalla di generare il cinematismo
definito.

- 214 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

In questo caso i carichi sono definiti per la sola spalla sinistra in quanto supponendo lazione
sismica, nellistante in cui valutata proveniente da sinistra, questa risulta essere quella pi
sollecitata. Le sollecitazioni descritte sono di seguito descritte brevemente:

- S1. Quota parte di spinta attiva derivante dal terreno agente sulla superficie della spalla
applicata ad un terzo dellaltezza.

1
2   27,6/U
2 5 5
Dove:

5  19/U il peso di volume saturo del terreno a tergo della spalla


5  3,6U laltezza della spalla
 0,27 il coefficiente di spinta attiva

- S2. Quota parte di spinta attiva derivante dal sovraccarico del terreno sovrastante e
dalleventuale presenza di sovraccarichi esterni applicata a met altezza della spalla.

2  5 ;| 5 35  63,1/U

5  19/U il peso di volume saturo del terreno di riempimento


Dove:

5  3,6U laltezza della spalla


;|  4,1U lo spessore di terreno di riempimento sopra il livello della spalla
3  22/U il sovraccarico da traffico LM71
 0,27 il coefficiente di spinta attiva

- Psp. il peso della spalla applicato nel rispettivo baricentro

5  5 5 R  155,5/U

5  18/U il peso specifico del materiale costituente la spalla


Dove:

5  3,6U laltezza della spalla


R  2,4U lo spessore medio della spalla

- Psopra spalla. il peso gravante sulla spalla al netto della sollecitazione trasmessa dallarcata

B
5z| 5  | ; ;| )R  = sin u v,  173,1/U
2

| ;  18/U il peso specifico del materiale di riempimento


Dove:

;|  4,1U lo spessore di terreno di riempimento sopra il livello della spalla


R  2,4U lo spessore medio della spalla
=  0,36U lo spessore dellarco

- 215 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

- Pponte. la sollecitazione gravante sulla spalla derivante dal trasferimento del carico della
campata sulla spalla

Componente verticale z;  105,7/U


Componente orizzontale z;  24,5/U

- Pspalla. la sollecitazione inerziale dovuta alla massa della spalla applicata nel baricentro
della stessa

5  17,8

- Pterr. la sollecitazione inerziale dovuta alla mobilitazione del cuneo di spinta attiva
applicato a met altezza della spalla

;||  7,3

Le sollecitazioni definite che si instaurano alla base della spalla sono:

5  144,7U
5  423,6
x5  77,5

Note le sollecitazioni indotte alla struttura si pu passare alla verifica a flessione della spalla.
In questo caso si andr a confrontare il momento sollecitante con il momento ultimo
determinato secondo quanto detto in normativa al paragrafo 7.8.2.2.1 dellNTC:

La verifica a pressoflessione di una sezione di un elemento strutturale si effettua


confrontando il momento agente di calcolo con il momento ultimo resistente
calcolato assumendo la muratura non reagente a trazione ed una opportuna
distribuzione non lineare delle compressioni. Nel caso di una sezione rettangolare
tale momento ultimo pu essere calcolato come:
 
9  } N ~ u1  v
2 0,85w

dove:
- Mu il momento corrispondente al collasso per pressoflessione
- l la lunghezza complessiva della parete (inclusiva della zona tesa)

-  la tensione normale media, riferita allarea totale della sezione ( = P/(lt),


- t lo spessore della zona compressa della parete

con P forza assiale agente positiva se di compressione). Se P di trazione, Mu =


0
- fd = fk / M la resistenza a compressione di calcolo della muratura

Perci per quanto scritto il momento ultimo che si ricava pari a:

9  156,8U 5  144,7U

- 216 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Verificato il comportamento flessionale della muratura si deve andare a controllare il


comportamento a taglio. La resistenza ultima a taglio definita da normativa al paragrafo
7.8.2.2.2 dellNTC:

La resistenza a taglio di ciascun elemento strutturale valutata per mezzo della


relazione seguente:

x  Nw

dove:
- l la lunghezza della parte compressa della parete

- w  w( definito al 4.5.6.1, calcolando la tensione normale media


- t lo spessore della parete

.  )N,
(indicata con sn nel paragrafo citato) sulla parte compressa della sezione

Per quanto scritto il valore del taglio che si ricava pari a:

x  216,5 x5  77,5

Dalle verifiche eseguite si pu affermare la spalla verificata nei riguardi degli sforzi a cui
soggetta nel caso in cui un sisma attivi il cinematismo dellarco. Ci significa che leventuale
crollo non coinvolger le spalle.

Verificato il comportamento strutturale della spalla bisogna come ultima cosa controllare il
comportamento del terreno sotto lazione sismica. Per fare ci si sono trasferiti i carichi
determinati in precedenza fino alle fondazioni determinando le sollecitazioni al livello del
piano di fondazione confrontandoli con la capacit portante corrispondente.

Le sollecitazioni stabilizzanti risultano:

Peso Peso Pponte + Terreno


Spalla fond. sovracc. Tergo
Pi [kN] 155.5 120.0 434.3 380.9
bri [m] 1.2 2.5 2.5 3.7
Msi [kNm] 186.6 300.0 1085.8 1409.2

Le sollecitazioni intabilizzanti risultano:

Terreno sovracc. P terr. P sp. P fond.

Si [kN] 45.1 80.62 12.0 17.8 13.7


brSi [m] 1.5 2.30 2.3 2.8 0.5
MrSi [kNm] 69.2 185.4 27.5 49.8 6.9

- 217 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Una prima verifica riguarda la possibilit che il paramento verticale della spalla possa
ribaltarsi o scorrere sul piano di fondazione. Per fare ci si assimilata la spalla ad un muro di
sostegno eseguendo perci le verifiche a ribaltamento e a scorrimento.

- Verifica a ribaltamento attorno al bordo esterno della fondazione:

Il momento stabilizzante dovuto alle forze peso risulta essere pari a 5  238,4U
contro unazione ribaltante  5  370,4U.

5  2838,0U  5  370,4U

- La struttura verificata rispetto al ribaltamento della spalla.

La spinta sollecitante agente sulla spalla risulta essere 25  172,2 contro unazione
resistente di 2|  445,7 calcolata assumendo in via cautelativa un coefficiente dattrito
terreno-fondazione peri ai due terzi dellangolo dattrito interno del terreno.

2|  445,7 25  172,2

Anche nei confronti dello scivolamento la struttura risulta verificata.

- Verifica capacit portante

La capacit portante stata determinata mediante la formula trinomia definita da Terzaghi e


successivamente modificata e affinata da altri autori. Nel caso specifico stata utilizzata al
formula trinomia riportata in eurorocodice7 appendice B:

3   12 R = 3 = y =y y

agente usando R  )R  2$, invece che B, della forma della fondazione attraverso i
Tale equazione riferita alle condizioni drenate del terreno e tiene conto del momento

coefficienti (=y ; = ; = ) in questo caso rettangolare e dellinclinazione del carico dovuto alle
azioni orizzontali (y ; ; ).

Le azioni a cui soggetta la fondazione sono:

5  6581

x5  1638,8

5  2037,25U

Il carico limite calcolato risulta essere pari a:

3   1,02"

Per una capacit portante di:

>|  2804 5  2665

- 218 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Anche in questo caso si vede come la struttura della spalla risulta verificata nei riguardi delle
azioni sismiche, molto pi vincolanti rispetto alle condizioni statiche a causa dellinclinazione
del carico, che agendo sui coefficienti ii riduce notevolmente la capacit portante.

13.2.9 Verifica delle pile


Nel caso dei ponti multicampata bisogna verificare la capacit portante del terreno al di sotto
delle pile. Nel caso specifico le sollecitazioni derivanti dalla sovrastruttura riguardano
essenzialmente il carico verticale applicato con uneccentricit pari alla posizione della
cerniera. Infatti tulle le sollecitazioni flettenti non vanno considerate in quanto la cerniera del
costituente il cinematismo genera un cambiamento di schema statico da mensola incastrata
alla base ad asta incernierata alla base.

La capacit portante stata calcolata allo stesso modo con cui stata calcolata per la spalla.

La carico limite esercitato dal terreno stimato risulta pari a:

3   1,29"

Per una capacit portante di:

>|  11936 5  1249

Anche in questo caso perci la struttura risulta verificata se sollecitata da azioni sismiche.

- 219 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

13.2.10 Sintesi dei risultati


Per ognuno degli stati limite considerati si assume come coefficiente di sicurezza (FS)
globale quello corrispondente alla verifica dellelemento con il coefficiente di sicurezza
minimo.

AZIONE SISMICA  ANALISI LONGITUDINALE


VN [anni] 50 Comportamento arco
Classe d'uso III 1 Verifica arco 0,087
Cat. Terreno D Comportamento spalle
Cat. Topografica T1 3 Flessione spalle 0,360
agSLV[g] 0,201 4 Taglio spalle 0,927
S=STSS 1,65 5 Ribaltamento spalle 2,543
agSLV S 0,332 6 Scorrimento spalle 0,859
q (C.A.4.9) 2 7 Qlim fondazione 0,538
agSLV S/q 0,166 Comportamento pile
8 Qlim fondazione 0,440
 ANALISI TRASVERSALE
Comportamento timpano
2 Verifica timpano 0,062
Comportamento globale
9 Verifica globale 0,325

COMPORTAMENTO GLOBALE DELLA STRUTTURA


a0*min min(1,2,3,4,5,6,7) 0,062
FATTORE DI SICUREZZA DELLA STRUTTURA (SLV)
FS a0*min/[agSLVS/q] 0,374

Si vede dal fattore di sicurezza globale che la struttura esaminata non sicura dal punto di
vista sismica poich risulta minore di uno. In particolare la criticit della struttura la si
riscontra nel comportamento trasversale del timpano e nel cinematismo globale longitudinale
del ponte.

Al fine di rendere pi semplice la procedura di verifica utilizzata si riporta di seguito un


organigramma (figura 13.47) con descritti sinteticamente i passaggi necessari per la verifica
della struttura attraverso il foglio excel.

- 220 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Definizione caratteristiche
sismologiche del sito

Definizione caratteristiche
geometriche del ponte

Definizione caratteristiche
dei materiali

Definizione dei carichi da


traffico

Analisi comportamento Analisi comportamento


trasversale longitudinale

Analisi del timpano Ipotesi sul tipo di rottura

Ipotesi sulla posizione delle


Analisi trasversale globale
cerniere del cinemantismo

Risoluzione del cinematismo


dell'arco e calcolo
moltiplicatore Aggiorna la Il meccanismo
posizione delle coivolge le
cerniere pile. Cambio
Costruzione curva delle cinematismo
pressioni
Il meccanismo
coivolge le
Posizione delle cerniere spalle. Cambio
NO
esatta? cinematismo

SI

Cinematismo coinvolge le
pile?

SI NO

Verifica pile

Flessione alla base delle pile


NO
soddisfatta?

SI

Cinematismo coinvolge le
Verifiche fondazioni spalle?

SI NO

Verifica spalle

Calcolo FS globale Verifiche fondazioni


Flessione alla base della
SI NO
spalla soddisfatta?

Figura 13.47 Schema logico per la verifica dei ponti ad arco multi campata

- 221 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

14 CONCLUSIONI

Nella tesi sono stati trattati i diversi aspetti dellanalisi limite determinando le caratteristiche
proprie del collasso delle strutture ad arco in muratura. stata posta particolare attenzione
nellindividuazione dellesatta modalit di collasso per garantire lindividuazione di una
soluzione che rispettasse entrambi i teoremi dellanalisi limite. stato perci trattato in
maniera approfondita il problema del calcolo della curva delle pressioni, la quale ha permesso
di ricavare una soluzione di tipo statico in modo semiautomatico attraverso la semplice
costruzione del poligono delle forze. Tale trattazione ha permesso lanalisi di molteplici
problemi e diverse modalit di carico grazie allelasticit del programma implementato.

La costruzione delle soluzioni analitiche mediante analisi limite stata accompagnata da una
trattazione di tipo numerico. Lanalisi in parallelo del problema ha permesso la validazione
del problema cinematico confrontando in particolare la forma del cinematismo.

Il passo successivo stato quello di determinare la schematizzazione pi adeguata alla


rappresentazione del materiale di riempimento delle volte in condizioni sismiche. Ci stato
fatto attraverso lanalisi di prove sperimentali. La costruzione di modelli che simulassero le
prove di carico ha permesso la calibrazione del modello numerico che successivamente stato
utilizzato per lanalisi del ponte sotto sollecitazioni sismiche. Attraverso questo procedimento
stato validata la schematizzazione del riempimento proposta da Clemente P. in particolare
si rilevato come modello pi appropriato lo schema M3 come suggerito gi da Clemente ma
senza opportuni riscontri.

Costruito il modello cinematico del comportamento longitudinale stato possibile eseguire


unanalisi di tipo parametrico per determinare linfluenza della presenza di eventuali carichi
accidentali durante un evento sismico. Grazie alla costruzione della curva delle pressioni
stato possibile analizzare in maniera accurata il problema al variare della posizione dei carichi
accidentali. Dallanalisi si evidenziata una sensibile variazione della resistenza nei confronti
delle azioni sismiche per strutture monocampata di luce modesta. Mentre si osservata una
poca influenza per arcate ribassate.

Noto il comportamento delle strutture nella sola direzione longitudinale si passati alla
definizione di un appropriato cinematismo di collasso per la rappresentazione del
comportamento dei ponti multicampata sollecitati da azioni orizzontali agenti in direzione
trasversale. Tale modalit di rottura stata confermata e validata attraverso il confronto con
analisi fem dalle quali peraltro si calibrato il modello. La calibrazione del modello
cinematico stata fatta prendendo in considerazione una serie di ponti per capire landamento
del parametro libero al variare della geometria della struttura. La costruzione di un modello
cinematico per la rappresentazione del comportamento trasversale ha permesso lanalisi di
tipo parametrico di una grossa quantit di ponti grazie alla quale stato possibile costruire
delle curve isoaccelerazione, le qual permettono una stima immediata del moltiplicatore di
collasso.

- 222 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

Per concludere si pu affermare come lobbiettivo della tesi sia stato raggiunto, con
laggiunta delle verifiche delle relative sottostrutture, quali pile, spalle e fondazioni.
Limplementazione del problema attraverso fogli elettronici ha permesso inoltre lanalisi di
una qualsiasi da ponte struttura ad arco in muratura in pochi minuti grazie allanalisi di tipo
limite. La particolare attitudine del programma implementato a rappresentare la risoluzione
del problema delle strutture soggette a sforzi sismici permette la verifica dei ponti
determinando un fattore di sicurezza globale che individua le criticit proprie dei singoli
elementi. Perci prendendo in considerazione la grande quantit di ponti ferroviari in
muratura tuttora presenti in Italia ed ancora in esercizio possibile la verifica sistematica di
tali strutture, previa la raccolta dei dati geometrici identificativi dellopera, in modo da
individuare le strutture che realmente necessitano di intervento.

- 223 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

15 BIBLIOGRAFIA

[1] Al Santoro D., Verifica sismica di ponti ferroviari in muratura Tesi di laurea in
Ingegneria Civile, Universit degli studi di Padova, A.A. 2010/2011.

[2] Brencich A., Appunti del corso di Costruzioni di infrastrutture per i trasporti , Universit
di Genova, 2005.

[3] Camata G., Tarque N., Espacone E., Varum H., Blondet M., Numerical modelling of in-
plane behavior of adobe walls, 8 congersso de sismologia e endenharia sismica 2010.

[4] Cavicchi A., Gambarotta L., Collapse analysis of masonry bridges taking into account
archfill Interaction Engineering Structures 2005.

[5] Cavicchi A., Gambarotta L., Lower bound limit analysis of masonry bridges including
archfill Interaction Engineering Structures 2007.

[6] Clemente P., Introduction to dynamics of stone arches, Earthquake engineering and
structural dynamics, 1998.

[7] Clemente P., La verifica degli archi a conci lapidei, ENEA Dipartimento Ambiente
Centro Ricerche Casaccia, Roma.

[8] Da Porto F., Franchetti P., Grendene M., Ranzato L., Valluzzi M., C. Modena Structural
capacity of masonry arch bridges to horizontal loads Universit degli studi di Padova,
Dipartimento di Costruzioni e Trasporti 2007.

[9] Di Pasquale S., Messina C., Paolini L., Furiozzi B. Corso di Costruzioni Le Monnier.

[10] De Luca A., Giordano A., Mele E., A simplified procedure for assessing the seismic
capacity of masonry arches Engineering Structures 2004.

[11] De Nicolo B., Meloni D., Modellazione di volte e archi in muratura Dipartimento di
Ingegneria strutturale Universit di Cagliari.

[12] De Santis S., de Felice G., Resistenza di archi murari ad azioni impulsive Dipartimento
di Strutture, Universit degli Studi Roma Tre.

[13] De Santis S., Load-carrying capability and seismic assessment of masonry bridges Tesi
di Dottorato Universit Roma tre 2011.

[14] Gilbert M., Limit analysis applied to masonry arch bridges: state-of-the-art and recent
developments University of Sheffield, Department of Civil & Structural Engineering,
Sheffield, UK.

[15] D.M. 09/01/2008, Norme Tecniche per le Costruzioni.

- 224 -
Analisi limite dei ponti ad arco in muratura

[16] Grossrubatscher F., Modellazione e analisi di ponti ad arco in muratura: il caso del
ponte di Bagno di Piano, Tesi di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile, A.A. 2006/2007,
Universit degli Studi di Bologna.

[17] Heyman J, The Stone Skeleton, Cambridge University Press, 1995.

[18] Loureno Paulo B., Structural masonry analysis: recent developments and prospects,
ISISE, University of Minho, Department of Civil Engineering, Portugal.

[19] Leone Corradi Dellacqua, Meccanica delle strutture, la valutazione della capacit
portante McGraw-Hill.

[20] Menegon A., Storia, tecniche costruttive e analisi statica del ponte di Nobili Tesi di
laurea in Ingegneria Civile, Universit degli studi di Brescia, A.A. 2000/2001.

[21] Messina C., Paolini L., Furiozzi B. Prontuario per il calcolo di elementi strutturali Le
Monnier.

[22] Midas fea manual Analysis and Algorithm.

[23] Ranzato, Verifica sismica di ponti in muratura Tesi di laurea in Ingegneria Civile,
Universit degli studi di Padova, 2006.

[24] Resemini S., Vulnerabilit sismica dei ponti ferroviari ad arco in muratura Tesi di
Dottorato in Ingegneria strutturale e geotecnica, Universit di Genova, 2003.

[25] Sinagra.R., Analisi dinamica non lineare di ponti ad arco in muratura, Tesi di laurea in
Ingegneria Civile, Universit degli studi di Bologna, A.A. 2006/2007.

- 225 -

Potrebbero piacerti anche