Sei sulla pagina 1di 72

MANUALE Release.

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

INDICE

1. INTRODUZIONE.................................................................................................................... 4

2. NORMATIVA ......................................................................................................................... 5

3. ASSICURAZIONE DELLA QUALIT..................................................................................... 6

4. CERTIFICAZIONI .................................................................................................................. 6

5. CLASSIFICAZIONE DI TUBI E RACCORDI .......................................................................... 7

6. GIUNTI................................................................................................................................... 8

6.1 Giunti non bloccati ......................................................................................................... 8


6.2 Giunti bloccati .............................................................................................................. 10

7. MATERIE PRIME................................................................................................................... 14

7.1 RESINE.......................................................................................................................... 14
7.2 FIBRE DI VETRO DI RINFORZO ......................................................................................... 15
7.3 MATERIE PRIME AUSILIARIE ............................................................................................ 16

8. PRODUZIONE ....................................................................................................................... 17

8.1 TUBAZIONI ..................................................................................................................... 17


8.1.1 Metodi di produzione...........................................................................................................17
8.1.2 Struttura di parete ...............................................................................................................18
8.2 RACCORDI ..................................................................................................................... 19
8.2.1 Sistemi di produzione..........................................................................................................19
8.2.2 Struttura di parete ...............................................................................................................19

9. .PROPRIETA DEI LAMINATI................................................................................................ 20

10. CARATTERISTICHE IDRAULICHE ..................................................................................... 21

10.1 CALCOLO DELLE PERDITE DI CARICO ............................................................................. 21


10.2 COLPO DARIETE .......................................................................................................... 25

1
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

11. PROGETTAZIONE .............................................................................................................. 26

11.1 FILOSOFIA DELLA PROGETTAZIONE ............................................................................... 26


11.2 CONDIZIONI DI PROGETTO ............................................................................................ 26
11.3 PROPRIET DEL TUBO .................................................................................................. 26
11.4 CLASSE DI PRESSIONE INTERNA .................................................................................... 27
11.5 CLASSI DI RIGIDEZZA .................................................................................................... 27

12. PROGETTO DI TUBAZIONE FUORI TERRA...................................................................... 28

12.1 PROGETTO .................................................................................................................. 28


12.1.1 Pressione esterna o vuoto .................................................................................................28
12.1.2 Allungamento di una tubazione non bloccata.....................................................................29
12.2 FORZE DI ESTREMITA IN UNA LINEA BLOCCATA .............................................................. 29
12.3 SUPPORTI E ANCORAGGI .............................................................................................. 29
12.4 CAMPATA .................................................................................................................... 30
12.5 LOOP DI ESPANSIONE ................................................................................................ 34
12.6 CAMBI DI DIREZIONE ..................................................................................................... 35

13. PROGETTAZIONE DI TUBAZIONI INTERRATE................................................................. 35

13.1 CONDIZIONI DI PROGETTO E PARAMETRI DI POSA ........................................................... 37


13.2 REQUISITI DI PROGETTO ............................................................................................... 37
13.3 GALLEGGIAMENTO ....................................................................................................... 43

14. INSTALLAZIONE E TIPI DI GIUNTO................................................................................... 45

15. INSTALLAZIONE FUORI TERRA........................................................................................ 46

16. INSTALLAZIONE INTERRATA ........................................................................................... 49

16.1 SISTEMA TERRENO - TUBO ........................................................................................... 49


16.2 CLASSIFICAZIONE DEI TERRENI NATIVI ........................................................................... 50
16.3 INTERRAMENTO DELLA TUBAZIONE ................................................................................ 51
16.4 METODI DI COMPATTAZIONE ......................................................................................... 54
16.5 INGHISAGGIO IN CALCESTRUZZO ................................................................................... 55
16.6 TABELLE PROFONDIT DI POSA ..................................................................................... 57

17. BLOCCHI DI ANCORAGGIO............................................................................................... 60

2
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

17.1 PROGETTO .................................................................................................................. 60


17.2 REALIZZAZIONE............................................................................................................ 61
17.2.1 Blocchi a gravit................................................................................................................61
17.2.2 Blocchi a reazione.............................................................................................................61
17.2.3 Blocchi misti......................................................................................................................62
17.2.4 Blocchi di linea..................................................................................................................62
17.2.5 Tipi di blocchi di ancoraggio ..............................................................................................63
17.2.6 Calcolo dei blocchi dancoraggio .......................................................................................64

18. INSTALLAZIONE SUBACQUEA ......................................................................................... 66

19. STOCCAGGIO, MOVIMENTAZIONE, RIPARAZIONI .......................................................... 68

19.1 MATERIALI DI SALDATURA ............................................................................................. 68


19.2 MOVIMENTAZIONE ........................................................................................................ 68
19.3 ISPEZIONE E RIPARAZIONE ............................................................................................ 68

20. AZIONE SISMICA SU TUBAZIONI IN PRFV ....................................................................... 70

20.1.1 Deformazione sismica del terreno .....................................................................................71


20.1.2 Deformazione assiale del tubo ..........................................................................................71

3
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

1. INTRODUZIONE

Il processo SARPLAST ad avvolgimento di fili (filament winding) per la costruzione di


tubazioni in resine termoindurenti (poliestere e vinilestere), rinforzate con fibre di vetro, offre
una superiore resistenza alla corrosione e una combinazione di elevate propriet fisiche e
meccaniche, che sono state verificate nelle pi impegnative condizioni in tutto il mondo.

Lo scopo del Manuale Tubi in PRFV di Iniziative Industriali quello di fornire ai tecnici uno
strumento utile per la progettazione, la specifica e linstallazione delle tubazioni tipo
PLASTIWIND (tubo in resina termoindurente rinforzata con fibra di vetro) e tipo
PLASTISAND (tubo in resina termoindurente rinforzata con fibra di vetro con contenuto di
aggregati), per installazioni fuori terra, interrate e subacquee.

Le informazioni fornite da questo Manuale sono applicabili ai diametri da 25 a 3000 mm. Per
diametri superiori a DN 1200 mm, oppure per applicazioni non standard, si consiglia
comunque di contattare lUfficio Tecnico di Iniziative Industriali.

Sulla base di una esperienza di pi di 25 anni nellingegneria delle tubazioni in PRFV,


Iniziative Industriali pu fornire soluzioni ad una ampia gamma di condizioni operative e
trovare la soluzione pi idonea a nuove richieste tecniche.

I settori ricoperti dai prodotti SARPLAST sono i seguenti:


a - distribuzione acqua (civile e industriale)
b - sistemi fognari (urbani e industriali)
c - reti irrigue
d - sistemi di presa per acqua di raffeddamento
e - scarichi a mare
f - linee sottomarine
g - linee di processo per impianti industriali
h - reti antincendio
i - camini di gas corrosivi
l - tubi camicia, risers e filtri per pozzi
m - condotte forzate
p - tubi per applicazioni navali e marine

4
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

2. NORMATIVA

La normativa seguita per progetto, prove e applicazioni di tubi in PRFV la seguente:

Classificazione e specifiche del prodotto


ANSI/AWWA C950-95 Standard for Fiberglass Pressure Pipe
ASTM D2310 Standard Classification for Machine-Made Reinforced
Thermosetting-Resin Pipe
ASTM D2996 Standard Specification for Filament-Wound "Fiberglass" (Glass-
Fiber Reinforced Thermosetting-Resin) Pipe
ASTM D3262 Standard Specification for "Fiberglass" (Glass-Fiber-Reinforced
Thermosetting-Resin) Sewer Pipe
ASTM D3517 Standard Specification for "Fiberglass" (Glass-Fiber-Reinforced
Thermosetting-Resin) Pressure Pipe
ASTM D3754 Standard Specification for "Fiberglass" (Glass-Fiber-Reinforced
Thermosetting-Resin) Sewer and Industrial Pressure Pipe
ASTM D4161 Standard Specification for "Fiberglass" (Glass-Fiber-Reinforced
Thermosetting-Resin) Pipe Joints Using Flexible Elastomeric Seals
BS 5480 - 90 British Standard Specification for Glass reinforced plastics (GRP)
pipes, joints and fittings for use for water supply or sewerage.
BS 7159 - 89 Design and construction of glass reinforced plastics (GRP) piping
systems for individual plants or sites
UNI 9032 Tubi di resine termoindurenti rinforzate con fibre di vetro (PRFV)
con o senza cariche. Tipi, dimensioni e requisiti.
Guide pratiche
ASTM C581 Standard Practice for Determining Chemical Resistance of
Thermosetting Resins Used in Glass-Fiber-Reinforced Structures
Intended for Liquid Service
ASTM D2488 Standard Practice for Description and Identification of Soils
ASTM D2563 Standard Practice for Classifying Visual Defects in Glass-
Reinforced Plastic Laminate Parts
ASTM D2992 Standard Practice for Obtaining Hydrostatic or Pressure Design
Basis for "Fiberglass" (Glass-Fiber-Reinforced Thermosetting-
Resin) Pipe and Fittings Procedure B - Steady pressure
ASTM D3567 Standard Practice for Determining Dimensions of Reinforced
Thermosetting Resin Pipe (RTRP) and Fittings
ASTM D3839 Standard Practice for Underground Installation of "Fiberglass"
(Glass-Fiber-Reinforced Thermosetting-Resin) Pipe

5
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

BS 8010 B.S. Code of practice for Pipelines - Section 2.5 Glass reinforced
thermosetting plastics
Metodi di prova

ASTM D1598 Standard Test Method for Time-to-Failure of Plastic Pipe Under
Constant Internal Pressure
ASTM D1599 Standard Test Method for Short Term Hydraulic Failure Pressure of
Plastic Pipe, Tubing and Fittings
ASTM D2412 Standard Test Method for Determination of External Loading
Characteristics of Plastics Pipe by Parallel-Plate Loading
ASTM D2924 Standard Test Method for External Pressure Resistance of
Reinforced Thermosetting-Resin Pipe
ASTM D3681 Standard Test Method for Chemical Resistance of "Fiberglass"
(Glass-Fiber-Reinforced Thermosetting-Resin) Pipe in a Deflected
Condition
BS 5480-90 British Standard Specification for Glass reinforced plastics (GRP)
pipes, joints and fittings for use for water supply or sewerage
UNI 9033 Tubi di resine termoindurenti rinforzate con fibre di vetro (PRFV)
con o senza cariche. Metodi di prova.
Flange e Raccordi

Le flange e i raccordi sono realizzati in accordo allo standard NBS PS 15-69.

3. ASSICURAZIONE DELLA QUALIT

Il Sistema di Assicurazione Qualit di Iniziative Industriali in accordo alle ISO 9001. Esso
stato certificato da DNV (Det Norske Veritas).

4. CERTIFICAZIONI

Le tubazioni SARPLAST sono idonee al convogliamento di acqua per uso potabile in


accordo alla Circolare 102 (2/12/78) del Ministero della Sanit:
I prodotti Sarplast sono inoltre cerificati:
BUREAU VERITAS
DNV Det Norske Veritas
FM Factory Mutual
KIWA
Lloyds Register
NSF National Sanitation Foundation
RINA Registro Navale Italiano

6
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

5. CLASSIFICAZIONE DI TUBI E RACCORDI

Diametro Nominale

Le dimensioni nominali dei tubi e raccordi sono basate sul diametro interno. Lelenco
completo dei diametri prodotti da Iniziative Industriali contenuto nella tabella 4.1.

Classi di Pressione Nominale

Tubi e raccordi sono classificati in accordo alla Pressione Nominale. Le classi di pressione
standard sono 4, 6, 10, 16, 20 e 25 bar. Classi intermedie o superiori di pressione intermedie
sono considerate su richiesta o in funzione delle effettive condizioni di progetto.

Classi di Rigidezza trasversale

Le tubazioni sono classificate anche secondo la rigidezza trasversale. Le classi di rigidezza


trasversale standard sono 1250, 2500, 5000 e 10000 Pa. Classi di rigidezza intermedie o
superiori sono disponibili su richiesta o in funzione delle condizioni di progetto.
Tab 4.1 - Tabella dei Diametri Nominali prodotti da Iniziative Industriali

mm inch mm inch mm inch mm inch mm inch

25 1 200 8 600 24 1000 40 1900 76

40 1 1/2 250 10 650 26 1100 44 2000 80

50 2 300 12 700 28 1200 48 2200 88

65 2 1/2 350 14 750 30 1300 52 2400 96

75 3 400 16 800 32 1400 56 2500 100

100 4 450 18 850 34 1500 60 2600 104

125 5 500 20 900 36 1600 64 2800 112

150 6 550 22 950 38 1800 72 3050 120

Lunghezza Nominale

Le barre di tubo sono lunghe 6 m fino al DN 150 mm e 12 m per i diametri superiori.

Raccordi

E disponibile unampia gamma di raccordi come curve, flange, T, croci, riduzioni, fondi
bombati, ecc.

7
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

6. GIUNTI

I giunti delle tubazioni in PRFV rientrano in due categorie:


a) giunti non bloccati, che resistono solo alla pressione circonferenziale;
b) giunti bloccati, che resistono anche a forze longitudinali.

6.1 Giunti non bloccati

A bicchiere con doppio anello elastomerico di tenuta (B/2R)

Il bicchiere ed il maschio sono monolitici con le estremit della tubazione. La tenuta idraulica
realizzata attraverso due anelli elastomerici, alloggiati dentro cave circonferenziali parallele
ricavate sullestremit maschio. Per mezzo di un nipplo, inserito attraverso il bicchiere nella
posizione tra gli anelli elastomerici, possibile provare il giunto subito dopo lassemblaggio.
La prova del nipplo d grande affidabilit allinstallazione e pu consentire di evitare il collaudo
idraulico finale. Lapplicazione del nipplo standard per DN > 250.

Nipplo di pressatura

Doppio O-Ring

Bicchiere Maschio

Il giunto con doppio O-ring consente una deviazione angolare. La tabella raccoglie i valori
massimi raccomandati in accordo a BS 5480.

8
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

Tab. 5.1 - Valori massimi raccomandati

Diametro Nominale Deviazione angolare

mm gradi

< 500 3

>= 500 a < 900 2

>= 900 a < 1800 1

> 1800 0.5

Campo di applicazione

Diametri Pressioni
da 25 mm a 500 mm fino a 30 bar
da 550 mm a 1200 mm fino a 20 bar
da 1300 mm a 3000 mm fino a 16 bar

Pressioni pi elevate possono essere realizzate su richiesta.

Giunto ad accoppiamento meccanico

I giunti ad accoppiamento meccanico realizzano la tenuta mediante lutilizzo di guarnizioni


che sono compresse sul diametro esterno delle estremit piane dei tubi. La maggior parte dei
giunti meccanici comunemente disponibili in commercio possono essere usati per le tubazioni
SARPLAST.

9
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

Accoppiatore metallico guarnizione


Tubo
PRFV

6.2 Giunti bloccati

A bicchiere con doppio O-ring e cavetto antisfilante (B/2RLJ)

Bicchiere Maschio

Doppio O-ring
antisfilante

nipplo di pressatura

10
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

Il giunto a bicchiere con doppio O-ring e cavetto antisfilante, il quale viene inserito attraverso
il bicchiere nella cava. Il cavetto antisfilante di materiale plastico resistente a taglio o
metallico.

Questo giunto resiste a sforzi longitudinali ed anchesso consente una deviazione angolare. I
massimi valori raccomandati per la posa sono gli stessi indicati in tabella 5.1.

Campo di applicatione

Diametri Pressioni
da 25 mm a 500 mm fino a 30 bar
da 550 mm a 1200 mm fino a 16 bar
da 1300 mm a 3000 mm fino a 10 bar

Pressioni pi elevate possono essere realizzate su richiesta.

Giunto saldato (testa/testa)

Questo giunto consiste nella polimerizzazione di mat e stuoie di vetro impregnati di resina, che

ID

11
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

sono laminati secondo una larghezza ed uno spessore dati. Il giunto laminato garantisce la
continuit delle caratteristiche in direzione circonferenziale ed assiale.

Le dimensioni del giunto testa/testa sono calcolate con le seguenti formule:

t = P (ID + 2 tp) / (2 all - P)

L = P (ID + 2 tp) / ( 2 all)

dove:
t = spessore della laminazione, mm
P = pressione di progetto, MPa
ID = diametro interno del tubo, mm
L = lunghezza della laminazione, mm
tp = spessore del tubo, mm
all = sollecitazione ammissibile circonferenziale, MPa
all = sollecitazione ammissibile a taglio, MPa

Giunto flangiato

FLANGIA FISSA BOCCHELLO CON FLANGIA LIBERA

Le flange in PRFV possono avere foratura in accordo ad ANSI, DIN, BS, UNI ecc.

Le flange sono di due tipi: Flangia fissa (F/F) e Bocchello con flangia libera in acciaio (F/L).

12
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

Ciascun tipo di flangia disponibile con estremit piana, maschio o bicchiere.

La tenuta realizzata con una guarnizione elastomerica. La guarnizione standard piana. In


alcune applicazioni per diametri >1200 mm e PN > 10 bar si consiglia di utilizzare la
guarnizione ad anello elastomerico, che viene alloggiata in una cava ricavata sulla faccia
piana della flangia.

Campo di appicazione
Diametri Pressioni
da 25 mm a 500 mm fino a 30 bar
da 550 mm a 1200 mm fino a 16 bar
da 1300 mm a 3000 mm fino a 10 bar

I valori del momento torcente sono soggetti ad aggiustamenti in cantiere in funzione


dellapplicazione. Assicurarsi che i tiranti siano nuovi ed oliati in modo da raggiungere
lappropriato valore del momento torcente ed utilizzare rondelle sia sotto i dadi che sotto le
teste dei bulloni.

13
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

7. MATERIE PRIME

Le materie prime utilizzate per produrre le tubazioni SARPLAST sono:


Resine
Fibre di vetro
Materie prime ausiliarie

7.1 RESINE

I tubi Sarplast sono prodotti utilizzando i seguenti tipi di resine:

Poliestere Isoftalica
Vinilesterere
Poliestere Bisfenolica
Resine speciali (per alte temperature, ritardo della fiamma, resistenza allabrasione
ecc.)

Le resine indicate sopra hanno diverse importanti caratteristiche come:


- polimerizzazione a temperatura ambiente
- bassa tossicit durante il maneggio e la polimerizzazione
- alta resistenza chimica
- buona adesione alle fibre di vetro.

La resina poliestere Isoftalica ha una buona resistenza allacqua ed ai fluidi con basso
contenuto acido fino ad una massima temperatura di esercizio di circa 60 C.

La resina poliestere bisfenolica mostra una elevata inerzia chimica sia agli acidi forti che alle
basi anche a temperatura elevata.

La resina vinilestere combina unottima inerzia chimica agli acidi forti ed alle basi con elevate
propriet meccaniche dei laminati.

Nei casi in cui sono richieste una resistenza a temperatura pi elevata o propriet specifiche
come ritardo della fiamma, conduttivit o migliorata resistenza allabrasione, vengono formulate
resine vinilesteri speciali.

14
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

Alcune propriet tipiche delle resine liquide sono:

Propriet Isoftalica Bisfenolica Vinilestere

Stirolo, % 48 48-50 45-48

Viscosit Brookfield, mPa.s a 25 C 400 450 500

Peso specifico a 25 C [g/cm3] 1.07 1.03 1.02

Mesi di stabilit allo stoccaggio (mesi) 6 6 6

La resina polimerizzata ha le seguenti propriet a temperatura ambiente:

Prova Isoftalica Bisfenolica Vinilestere

Resistenza a trazione, MPa 80-90 60-70 81-83

Modulo elastico a trazione, GPa 3.0-3.9 3.0-3.5 3.3-3.5

Resistenza a flessione, MPa - 110 -125 124 -153

Modulo elastico a flessione, GPa - 3.0 - 3.5 3.1-3.5

Temperatura di distorsione termica, C 95-115 100-120 102-115

Durezza hardness 35-40 35-40 35-40

Le propriet della resina sono controllate su ogni lotto in accordo al piano di Ispezione e
Controlli di Qualit di Iniziative Industriali .

7.2 FIBRE DI VETRO DI RINFORZO

I tipi di vetro utilizzati per produrre tubi e raccordi in PRFV sono:


vetro "C" chimico-resistente, grado III DIN 12111
vetro E con eccellenti propriet elettriche e meccaniche, ISO 2078

I rinforzi tipici in fibra di vetro sono:


- velo di superficie "C", costituito da fibre di vetro disposte casualmente e tenute insieme
da resina polistere, usato generalmente come rinforzo del primo strato del laminato;

15
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

- mat di fibra di vetro "E" , costituito da fibre di vetro tagliate e tenute insieme da un
legante; il mat E utilizzato nei procedimenti di applicazione manuale (hand lay-up) o
di stampaggio per contatto (contact molding);
- fili continui di vetro "E" con eccellenti propriet di adesione con resina poliestere e
vinilestere, utilizzati nei sistemi ad avvolgimento di fili (filament winding).
- stuoia tessuta di vetro E compatibile con la maggior parte delle resine poliesteri ed
utilizzata nel sistema ad applicazione manuale (hand lay-up).

Le pi significative propriet della fibra di vetro impiegata come rinforzo sono:

Propriet Valore

Resistenza a trazione, MPa 1.400

Modulo di elasticit, GPa 70

La supeficie della fibra di vetro trattata con agenti (sostanze silaniche) che ne aumentano la
compatibilit con la resina.

7.3 MATERIE PRIME AUSILIARIE

Sono tutti quegli additivi tecnologici utilizzati nel processo delle resine rinforzate come
catalizzatori, acceleranti, inibitori, addensanti, correttori della viscosit, aggregati e pigmenti.

16
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

8. PRODUZIONE

8.1 TUBAZIONI

8.1.1 Metodi di produzione

Le tubazioni sono prodotte utilizzando il sistema ad avvolgimento di fili su macchine controllate


da computer (CAM).

Combinando la velocit di rotazione del mandrino con il movimento longitudinale del carrello
distribuzione delle fibre di vetro, impregnate di resina, si ottengono strati avvolti elicoidalmente
a differente angolazione.

Il diametro interno del tubo definito dal diametro esterno del mandrino e lo spessore di
progetto si ottiene con passaggi ripetuti. Il diametro esterno determinato dallo spessore di
parete.

Per ottenere un valore superiore di rigidezza trasversale della tubazione, soprattutto su grandi
diametri, si aggiungono inerti silicei negli strati paralleli della parete resistente.

Le principali caratteristiche di questo sistema sono:

17
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

- le estremit maschio e bicchiere sono monolitiche con la parete del tubo;

- si ottimizzano le caratteristiche assiali e circonferenziali cambiando langolo di avvolgimento;

- la resistenza assiale normalmente maggiore che nei tubi prodotti con altri procedimenti;

- la rigidezza trasversale del giunto superiore alla rigidezza del tubo.

I tubi, prodotti utilizzando il procedimento ad avvolgimento di fili discontinuo, sono impiegati sia
sotto che fuori terra, a pelo libero, a media ed alta pressione interna.

8.1.2 Struttura di parete

La parete del tubo in PRFV costituita da tre strati perfettamente aderenti luno allaltro ed
aventi differenti caratteristiche in relazione alle loro funzioni.

Liner

Il liner o strato chimicamente resistente lo strato interno del tubo, in contatto con il fluido
convogliato. Questo strato ha la funzione di garantire la resistenza alla corrosione chimica e
limpermeabilit del tubo. Esso ha la superficie a contatto con il fluido particolarmente liscia.
Questa caratteristica riduce al minimo le perdite di carico e si oppone alla crescita di
incrostazioni e/o alghe.

Il liner costituito da due sottostrati: linterno, a diretto contatto con il fluido, rinforzato con

velo di vetro "C" da 33 g/m2, con contenuto di resina da 80% a 90% in peso; quello esterno

rinforzato con mat di vetro "E" da 375 g/m2 , con contenuto di resina da 60% a 70% in peso.

Il liner ha spessore di circa 0.8-1.2 mm; spessori maggiori sono prodotti su richiesta.

Strato meccanico resistente

Le fibre di vetro garantiscono la resistenza meccanica del tubo nei confronti della pressione
internal e/o esterna, dei carichi esterni dovuti alla movimentazione e alla posa, e dei carichi
termici.

Questo strato ottenuto applicando, sul liner parzialmente polimerizzato, fili continui di vetro
imbevuti di resina, sotto tensione controllata. Questo strato pu contenere aggregati
(materiale granulare inerte o sabbia silicea) per aumentare la rigidezza trasversale del tubo. Lo
spessore funzione delle condizioni di progetto.

Strato esterno

18
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

Consiste di resina pura additivata con inibitori dei raggi UV per proteggere la tubazione dalla
esposizione ai raggi solari.

In condizioni ambientali severe, come terreni aggressivi e ambiente corrosivo, questo strato
pu essere rinforzato con un velo di superficie o additivato con cariche o pigmenti.

8.2 RACCORDI

8.2.1 Sistemi di produzione

I raccordi possono essere costruiti con i procedimenti di stratificazione manuale (hand lay-
up), stampaggio per contatto (contact molding) e applicazione con pistola a spruzzo (spray-
up).

Nei procedimenti di stratificazione manuale e stampaggio per contatto strati alterni di mat e
stuoia, impregnati di resina, vengono applicati su uno stampo. Loperazione ripetuta fino a
raggiungere lo spessore richiesto.

Nel sistema di applicazione con pistola a spruzzo, la fibra di vetro passando attraverso una
taglierina fuoriesce in fibre corte che sono sparate contro lo stampo. Da un ugello della pistola
fuoriesce la resina, anchessa sparata contro lo stampo, che impregna le fibre di vetro.
Loperazione ripetuta fino a raggiungere lo spessore richiesto.

8.2.2 Struttura di parete

La parete dei raccordi in PRFV come la parete del tubo costituita da tre strati perfettamenti
aderenti luno allaltro in modo da avere una struttura monolitica. Il liner e lo strato esterno
sono come nel tubo. La differenza nello strato meccanico ed dovuta al differente tipo di
rinforzo di vetro adoperato.

19
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

9. .PROPRIETA DEI LAMINATI

Le seguenti tabelle si riferiscono a laminati ottenuti con il sistema ad avvolgimento di fili


(filament winding) con angolo di avvolgimento di 55.

Propriet meccaniche

Propriet Tubo Raccordo

Resistenza circonferenziale a trazione 220-250 110-150 N/mm2

Resistenza assiale 110-130 110-150 N/mm2

Resistenza circonferenziale a flessione 330-370 130- 170 N/mm2

Modulo elastico circonfer. a trazione (Eh) 20000-25000 9000-13000 N/mm2

Modulo elastico assiale (El) 10000-14000 9000-13000 N/mm2

Modulo elastico circonfer. a flessione (Ef) 20000-25000 9000-13000 N/mm2

Coeff. di Poisson per sforzo circonfer., hl 0.5-0.55 0.3 ---

Coeff. di Poisson per sforzo assiale, lh hl *El/Eh 0.3 ---

Propriet fisiche

Propriet Tubo Raccordo

Contenuto di vetro (in peso) 65 - 75 35 - 50 %

Peso specifico 1850 1650 kg/m3

Coeff. di dilatazione termica lineare 1.8-2.2*10-5 1.8-2.2*10-5 1/C

Conducibilit termica 0.26 0.26 W/m*K


9 9
Resistivit elettrica (tubo standard) 10 10 Ohm/m

Resistivit elettrica (tubo conduttivo) <105 <105 Ohm/m

20
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

10. CARATTERISTICHE IDRAULICHE

I tubi in PRFV, grazie alla superficie interna estremamente liscia, alla loro resistenza alla
corrosione ed alla assenza del fenomeno di incrostazione, hanno eccellenti caratteristiche
idrauliche ed offrono vantaggi economici nei confronti dei materiali tradizionali.

10.1 CALCOLO DELLE PERDITE DI CARICO

Sono numerose le formule per calcolare le perdite di carico nelle tubazioni. Tra le pi utilizzate
troviamo la formula di Darcy-Weisbach con il fattore dattrito di Colebrook e le formule di
Hazen-William e di Manning.

La superficie interna della tubazione in PRFV ha una scabrezza pari a 25 m.

Con il giunto a bicchiere la scabrezza equivalente della linea pari a 70 m.

Formula di Darcy-Weisbach

fv 2
J=
2gD

dove:
g = accelerazione di gravit, 9.81 m/s2
J = perdita di carico, m/m
v = velocit, m/s
D = diametro interno, m
f = fattore di attrito (da Colebrook):
1 2.51
= 2 l og +
f 3.71 D Re f

dove :
= scabrezza a lungo termine, (70 m per il PRFV)
Re = vD / = numero di Reynolds
= viscosit cinematica, m2/s (1.14 * 10-6 a 15C per acqua)

21
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

Formula di Hazen-William

v = 0.85CR 0.63J 0.54


dove:
v = velocit, m/s
C = coefficiente di Hazen-Williams, (145 per il PRFV)
R = raggio idraulico, m
J = gradiente idraulico, m/m

Formula di Manning

1
v = R 0.667 J0.5
n

where:
v = velocit, m/s
n = coefficiente di Manning, (0.01 per il PRFV)
R = raggio idraulico, m
J = gradiente idraulico, m/m

Velocit massima raccomandata

Fluido pulito fino a 4.0 m/s

Fluidi corrosivi o erosivi fino a 2.0 m/s

Perdita di carico nei raccordi

La perdita di carico H (m) nei raccordi pu essere calcolata usando il fattore K nella formula:

v2
H=K
2g

valori tipici di K per raccordi in PRFV sono indicati in tabella.

22
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

Valori K per raccordi in PRFV

Tipo di raccordo fattore K

curva a 90 0.5

curva a 90, spicchio singolo 1.4

curva a 90 a due spicchi 0.8

curva a 90 a tre spicchi 0.6

curva a 45 0.3

curva a 45, spicchio singolo 0.5

tee, flusso diretto 0.4

tee, flusso alla derivazione 1.4

tee, flusso dalla derivazione 1.7

riduzione (di un solo diametro) 0.7

I diagrammi delle pagine seguenti consentono di ottenere le perdite di carico della tubazione,
data la velocit del fluido, per il campo dei diametri da DN 50 a DN 700, e da DN 800 a DN
3000.

Sono altres riportate le tabelle delle perdite di carico calcolate con le formulle di Darcy-
Weisbach e Colebrook, con scabrezza pari a 70 m, relative ai seguenti diametri:

- 50, 75, 100, 125, 150, 200, 250, 300, 350, 400, 450, 500, 600, 700, 800, 900, 1000,
1100, 1200, 1300, 1400, 1500, 1600, 1800, 2000, 2200, 2400, 2500, 2600, 2800 e
3000 mm.

23
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

Perdite di Carico
DN 50 - DN 700
1000

50
100

150 200
100 250
350
450 600

V [m/s]
300 400
Perdite di Carico [m/km]

500
700

10

3.5
3.0
2.5
1
2.0

1.5

1.0
0
1.00 10.00 100.00 1,000.00 10,000.00
Portata Q [l/s]

Perdite di Carico
ND 800 - ND3000
100

2600
800 2200
1000
1400 1800
900 2400 3000
1200
10 2000
Perdite di Carico [m/km]

1600
V [m/s]

1
3.5
3.0

2.5

2.0
1.0
0 1.5
100 1,000 10,000 100,000
Portata Q [l/s]

24
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

10.2 COLPO DARIETE

Il colpo dariete funzione del modulo elastico circonferenziale e del rapporto


spessore/diametro (t/D). Minore il modulo elastico, pi bassa la sovrappressione. Si hanno
valori pi bassi di colpo dariete in tubi in PRFV che hanno un modulo di elasticit pi basso.
La celerit della perturbazione "c" funzione delle caratteristiche del tubo e delle propriet di
flusso del fluido.

Il valore di "c" dato da:

K /
c=
KD
1+
E t

dove:
= densit dellacqua = 1000 N s2 / m4
K = modulo di comprimibilit dellacqua = 2200x106 Pa (a 15 oC e fino a 10 bar)
D = diametro interno, mm
E = modulo elastico circonferenziale del tubo, Pa
t = spessore meccanico resistente, mm

Il valore teorico della massima/minima sovrapressione si ottiene con la formula:

H = c v / g
dove :
H = sovrappressione, m
v = variazione di velocit del liquido, m/s

Nei casi di cambiamenti improvvisi della portata (avviamento o interruzione della pompa,
rapida chiusura della valvola), v uguale alla velocit media del fluido.

E comunemente ammesso per il tubo in PRFV (AWWA C 950/95) :


Pw < NP
Pw + Ps < 1.4 NP
dove:
Pw = pressione operativa
Ps = sovrapressione di colpo dariete
NP = pressione nominale
Ci significa che la massima pressione ammessa nelle linee con tubi in PRFV (inclusa la
sovrappressione da colpo dariete) pu superare del 40% il valore della pressione nominale.

25
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

11. PROGETTAZIONE

11.1 FILOSOFIA DELLA PROGETTAZIONE

Nella progettazione delle tubazioni SARPLAST sono utilizzati metodi razionali e metodi
sperimentali. La maggior parte dei limiti di resistenza sono ricavati dalle caratteristiche a lungo
termine.

La procedura della progettazione comprende la definizione delle condizioni di progetto, la


scelta della classe del tubo e le sue propriet, la scelta dei parametri di installazione, ed infine
la esecuzione dei calcoli per verificare la corrispondenza ai requisiti progettuali. La procedura
richiede di solito un calcolo iterativo, che pu essere semplificato con lausilio di un computer.
Iniziative Industriali ha sviluppato programmi dedicati al calcolo di sollecitazioni e deformazioni
per tubazioni interrate e fuori terra.

11.2 CONDIZIONI DI PROGETTO

Prima di scegliere un tubo in PRFV si dovrebbero stabilire le seguenti condizioni di progetto:


Diametro Nominale
Pressione operativa Pw

Sovrapressione da colpo dariete Ps

Depressione per condizioni di vuoto interno Pv

Condizioni di installazione: fuori terra, interrata, subacquea


Temperatura media di servizio e suo intervallo

11.3 PROPRIET DEL TUBO

La scelta preliminare delle classi di pressione e di rigidezza del tubo fatta sulla base delle
condizioni di progetto.

Le propriet del tubo, necessarie per eseguire il calcolo, comprendono:


Spessore meccanico di parete t e spessore del liner tL, in mm

Modulo elastico circonferenziale, a trazione EH e a flessione E in MPa

HDB o deformazione ammissibile

26
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

Coefficienti di Poisson hl, lh

11.4 CLASSE DI PRESSIONE INTERNA

La pressione nominale dovrebbe essere la pi gravosa pressione interna operativa, a cui il


tubo sar sottoposto nelle condizioni di lavoro, inclusi avviamenti, fermate, schiacciamento
nelle condizioni di installazione interrata, posa fuori terra, ecc., attraverso lintera vita del
sistema. La Pressione Nominale PN dovrebbe essere:

Pw NP e Pw + Ps < 1.4 NP

La classe di pressione secondo AWWA C950-95 correlata alla resistenza a lungo termine
del tubo (HDB), come segue:

HDB su base deformazione

HDB 2EH t
Pc
FS D

dove:
FS = fattore minimo di progetto, 1.8
D = diametro medio del tubo, mm

L HDB (hydrostatic design basis) per la classe di pressione interna basato su una prova a
lungo termine eseguita in accordo alla procedura B della norma ASTM D2992.

11.5 CLASSI DI RIGIDEZZA

La Rigidezza trasversale di un tubo definita come la sua resistenza allo schiacciamento


circonferenziale in risposta ad un carico esterno applicato lungo un piano diametrale.
La Rigidezza trasversale S (N/m2) del tubo data da S = EI/D3 , dove

E = modulo elastico circonferenziale a flessione, Pa


I = momento dinerzia della parete, I = t3/12 (mm3)
D = diametro medio del tubo, mm

27
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

12. PROGETTO DI TUBAZIONE FUORI TERRA

12.1 PROGETTO

Le tubazioni fuori terra sono generalmente appoggiate su selle sospese a supporti.

Nelle installazioni fuori terra consigliabile utilizzare un tipo di giunto bloccato assialmente (a
bicchiere con antisfilante, saldato o flangiato). Solo in caso di linee ben supportate e per
utilizzi non in pressione si adopera il giunto non bloccato assialmente (a bicchiere, giunto
meccanico).

La scelta preliminare delle classi di pressione e rigidezza fatta sulla base delle condizioni di
progetto. In particolare, la classe di rigidezza sar tale da consentire alla tubazione di
sostenere la pressione esterna come descritto di sguito.

La tubazione ed i supporti devono essere progettati tenendo conto sia della pressione che
dellallungamento termico, pi i carichi di flessione dovuti ai supporti ed alle campate.

12.1.1 Pressione esterna o vuoto

La pressione critica (implosione) Pb (Mpa) calcolata come segue:

EH t 3 S
Pb = = 24 *
4(1 hl lh )R 3
(1 hl lh ) * 10 6

dove:
R = raggio medio, mm
S = rigidezza del tubo; Pa

Sar:
EP < Pb * SF

dove:
EP = pressione esterna, MPa
SF = fattore di sicurezza = 3

28
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

12.1.2 Allungamento di una tubazione non bloccata

Lallungamento l di una tubazione non bloccata dovuto a variazioni di temperatura si


determina con la formula:

l = t L

dove:

= coefficiente di dilatazione termica lineare, 1/ oC


L = lunghezza iniziale della tubazione, mm
t = Td - Ti, oC
dove
Td = temperatura di progetto, oC
Ti = temperatura di montaggio, oC

12.2 FORZE DI ESTREMITA IN UNA LINEA BLOCCATA

Le forze di estremit nei tubi in PRFV sono inferiori a quelle dei tubi metallici a causa del pi
basso modulo elastico assiale della tubazione in PRFV.

Lequazione per calcolare il carico termico di estremit F :

F= t El A
dove:

A = area della sezione, mm2


El = modulo elastico longitudinale, MPa

12.3 SUPPORTI E ANCORAGGI

Esistono diversi tipi di supporti per i tubi in PRFV. Tra il tubo ed il collare daccaio si interpone
una sella in PVC oppure una fascia in gomma per evitare labrasione. Si adopera la sella in
PVC quando si vuole consentire il libero scorrimento assiale.

Gli ancoraggi impediscono il movimento assiale del tubo e possono esssere disposti in
direzione orizzontale o verticale.

29
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

GUIDE SUPPORT

PVC SADDLE

12.4 CAMPATA

La campata LS definita come la distanza tra due successivi supporti o ancoraggi.

Essa condizionata dai seguenti parametri:

1) lo sforzo assiale massimo non deve superare il valore ammissibile;

2) la freccia in mezzeria deve essere <1/300 della campata.

Il valore ammissibile dello sforzo dato dalla sollecitazione assiale ammissibile meno la
sollecitazione assiale dovuta alla pressione.

La campata massima deve essere calcolata per la condizione di singola campata quando il
giunto non soggetto a carichi di flessione (B/2R, meccanico o flangiato) quando c un
cambiamento direzionale della tubazione, un giunto di espansione oppure un loop, e quando
c una valvola. In tale caso la campata la distanza LS tra due supporti posizionati su una
barra singola.

30
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

LS calcolato mediante le seguenti equazioni:

a) basata sullo sforzo assiale ammissible:

8w b l
LS1 =
W
dove:
l = all ax e lo sforzo assiale ax :

PD m
ax = in caso di sforzo assiale ( Flangiato, ecc.)
4t

PD m
ax = in caso di sforzo non assiale ( B/2R, ecc.)
8t

LS1 = campata massima (mm)


wb = modulo della sezione del tubo (mm3)
l = sforzo assiale rimanente, Mpa
allow = sforzo assiale ammissibile, Mpa
P = pressione di lavoro, Mpa
W = peso del tubo pieno dacqua (N/mm)
Dm = diametro medio del tubo (mm)
t = spessore minimo di parete (mm)

b) basato sulla deflessione

1 384 ElI z
LS 2 = 3
300 5 W

dove:
El = modulo elastico assiale del tubo (N/mm2)
IZ = momento dinerzia del tubo (mm4 )
W = peso del tubo pieno dacqua (N/mm)

Il valore della campata massima LS per una tubazione semplicemente appoggiata il pi


basso tra LS1 e LS2.

La Tab. 11.1 mostra le lunghezze di campata massima consigliate dallUfficio Tecnico di


Iniziative Industriali per tubo standard SARPLAST PLASTIWIND realizzato con resina
isoftalica con angolo di avvolgimento a 55, pieno dacqua alla temperatura di 40C e
pressione operativa di NP.

31
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

Tab. 11.1 Lunghezze di singola campata (m) a 40 C

ND NP 6 NP 10 NP 16

25 - - 2.0

50 - - 2.5

75 - - 3.0

100 - - 3.0

125 - - 3.5

150 - - 3.5

200 - - 3.5

250 - 4.0 4.5

300 - 4.0 4.5

350 4.0 4.5 5.0

400 4.0 4.5 5.0

450 4.0 4.5 5.5

500 4.0 4.5 5.5

600 5.0 5.5 6.0

700 5.0 5.5 6.0

800 6.0 6.0 6.0

900 6.0 6.0 6.0

1000 6.0 6.0 6.0

1200 6.0 6.0 6.0

Il valore di massima campata deve essere valutata con riferimento ad una campata continua
quando il giunto trasmette carichi di flessione (testa/testa, B/2RLJ). In questo caso la campata
la distanza LC tra due supporti di tubo, collocati a 0.2 LC dal giunto, a sinistra del bicchiere.

LC si calcola come segue:

32
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

a) Basata sullo sforzo assiale ammissibile:

12w b l
LC1 =
W

b) Basata sulla deflessione:

ElI z
LC2 = 12429
. *3
W

La campata massima LC per un sistema semplicemente supportato il valore pi basso tra


LC1 e LC2.

Da un confronto tra LS e LC si trova:

LC1 = 1.22 LS1 basata sullo sforzo assiale ammissibile

LC2 = 1.71 LS2 basata sulla deflessione ammissibile

Quando il peso specifico del fluido maggiore di quello dellacqua, la campata del supporto
finale si riduce a:

Lsup = Lsup0 * Kj
dove:
Lsup = campata del supporto finale
Lsup0 = campata standard
Kj = fattore di correzione del peso specifico

Peso specifico del fluido Fattore di correzione

kg/m3 Kj
1.000 1.00
1.250 0.90
1.500 0.85
1.800 0.80

Per temperature maggiori di 40 C occorre utilizzare un coefficiente Kt di riduzione del modulo


elastico assiale del tubo.

33
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

In ogni caso si consiglia di contattare lUfficio Tecnico di Iniziative Industriali per calcolare il
valore appropriato della campata.

12.5 LOOP DI ESPANSIONE

Lattivazione dei giunti di espansione dipende sia dalle forze indotte sulla tubazione dalla
variazione di temperatura che dallattrito tra tubo e supporti. Nei casi in cui c limitata
possibilit di spostamento oppure sono in gioco elevate forze di attivazione dei giunti di
espansione si utilizzano loops per compensare lespansione termica.

I loops di espansione sono archi di tubo compresi tra due punti fissi, i quali si flettono per
assecondare gli allungamenti della linea. Il metodo di progettazione deriva dalla sollecitazione
sviluppata in una trave a sbalzo con un carico concentrato alla estremit guidata.

Lanalisi ignora la flessibilit delle curve e del braccio parallelo alla linea.

klElD e
H=
i

dove:
H = lunghezza del braccio, mm
k = coefficiente = 3 (per una trave a sbalzo)
l = variazione di lunghezza, mm
El = modulo elastico longitudinale, MPa
De = diametro esterno, mm
l = sollecitazione assiale rimanente, Mpa = allow - p
allow = sollecitazione assiale ammisssibile, MPa
p = sollecitazione di pressione, MPa

La lunghezza B si assume di solito pari a 2 volte H .

GUIDE ANCHOR
ANCHOR
EE

34
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

12.6 CAMBI DI DIREZIONE

In alcune installazioni, i cambiamenti di direzione della linea si comportano come loop di


espansione. La sollecitazione nel tubo in un cambiamento direzionale dipende
dallallungamento da assorbire e dalla distanza H al primo supporto dopo il cambiamento di
direzione. I supporti devono impedire il movimento laterale o limplosione del tubo.

Il calcolo della lunghezza richiesta per compensare una data espansione analogo a quello
dei loops utilizzando un valore di k uguale a 1.5.

1.5 lElD e
Lh =
i

dove:
Lh = lunghezza dal cambio direzionale al primo supporto, mm
l = variazione di lunghezza, mm
El = modulo elastico longitudinale, MPa
De = diametro esterno, mm

Come detto in precedenza, il modulo minore dei tubi in PRFV riduce le forze di estremit ed
anche i valori di H e Lh (braccio e lunghezza dal cambio di direzione) se comparati a quelli
generati nelle tubazioni metalliche.

13. PROGETTAZIONE DI TUBAZIONI INTERRATE

Lo Standard ANSI/AWWA C950-95 ed il Manuale AWWA M45 sono i testi di riferimento per
scegliere il tubo per installazione interrata.

Il Manuale AWWA M45 (I ediz. 1996) d i requisiti di progetto ed i criteri per la progettazione
dei tubi in pressione interrati.

I tubi in PRFV sono flessibili e sopportano notevoli deformazioni senza danni per il materiale.

I carichi verticali (ricoprimento del terreno, traffico, falda dacqua) determinano una deflessione
che funzione della compattazione del terreno e della rigidezza del tubo.

35
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

La figura illustra la distribuzione del carico e la mobilitazione della reazione del terreno.

truck

Ground Level

Water table h

hw

36
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

13.1 CONDIZIONI DI PROGETTO E PARAMETRI DI POSA

La deflessione del tubo dipende dalle sue caratteristiche, dal tipo di terreno e dalla procedura
di posa.

La deflessione del tubo influenzata principalmente dai seguenti parametri:

modulo elastico circonferenziale a flessione

geometria della sezione di parete.

Le condizioni del terreno e la procedura di posa limitano la deflessione ed i principali parametri


sono:

tipo del terreno: peso specifico s, profondit di interramento (min/max)

sottofondo e ricoprimento del tubo, compattazione del terreno

carichi del traffico veicolare P

pressione di vuoto interno Pv

La combinazione del tipo e grado di compattazione del terreno nativo e del terreno intorno al
tubo, insieme con la larghezza della trincea, determinano i seguenti parametri di posa per il
calcolo di progetto:

- coefficiente di deflessione Kx

- modulo di reazione del terreno E'

- fattore di ritardo della deflessione DL

13.2 REQUISITI DI PROGETTO

Le propriet del tubo necessarie per eseguire il calcolo sono analoghe a quelle descritte nel
Capitolo 10.

Il Manuale AWWA M45 ammette che la progettazione del tubo pu seguire due differenti
procedure, basate sullo sforzo oppure sulla deformazione. Iniziative Industriali segue la
procedura della deformazione.

La procedura di progetto segue i seguenti passaggi:

37
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

1. Verifica della pressione operativa Pw

La pressione operativa deve essere < alla classe di pressione, Pw < Pc

2. Verifica della sovrappressione Ps

Il valore massimo di pressione deve essere < a 1.4 volte la classe di pressione
Pw+Ps<1.4Pc

3. Verifica della flessione circonferenziale

Il valore di deformazione ammissibile a lungo termine alla flessione circonferenziale legato


alla deflessione verticale ammissibile a lungo termine.

y t S
b = Df a t b
D D FS

dove:
Df = fattore di forma, dato da Tab. 5.1 di AWWA M45.
Si utilizzano I seguenti valori conservativi, dipendenti solo dalla rigidezza del tubo.

Rigidezza [Pa] 1250 2500 5000 10000


Df 8.0 6.5 5.5 4.5

tt = spessore totale del tubo


D = diametro medio del tubo
ya = deflessione ammissibile
Sb = deformazione a lungo termine di flessione circonferenziale
FS = fattore di progetto, 1.5
La deflessione ammissibile a lungo termine sar:

y a 1 Sb D

D D f FS t t

4. Verifica della deflessione

I carichi esterni (terreno e veicolare) non devono causare a lungo termine una diminuzione del
diametro verticale superiore al 5% o quella ammessa dal tubo, comunque la minore delle due:

y y
min 5%, a =
D D D

38
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

La deflessione verticale a lungo termine prevista si calcola come segue:

y
=
(DL WC + WL )K x o
(DL WC + WL )K x
D 0.149 PS +0.061E' 8S +0.061E'

dove:
y = deflessione verticale del tubo
DL = fattore di ritardo della deflessione [adimensionale]; converte il valore attuale della
deflessione in quello a lungo termine; per interramenti poco profondi con moderata o
alta compattazione DL=2.0, con leggera compattazione o alla rinfusa DL =1.5.
Wc = carico verticale del terreno [N/m2] = S H
s = peso specifico del terreno [N/m3] (19000 - 20000 N/m3)
H = profondit di interramento [m]

WL = carico veicolare [N/m2] =( P If ) / ( L1 L2 )


P = carico ruota [N] = 16000 libbre (configurazione HS-20)
If = fattore di impatto, adimensionale
= 1.1 per 0.6 m< H < 0.9 m
= 1 per H 0.9 m
L1 = larghezza del carico, parallela al tubo
= 0.253 + 1.75 H
L2 = larghezza del carico, perpendicolare al tubo
= 0.51 + 1.75 H per 0.6 m < H < 0.76 m
= (13.31 + 1.75 H) / 8 pe H 0.76 m
Kx = coefficiente di deflessione; riflette il grado di supporto fornito dal terreno.
= 0.083 per supporto del fondo uniforme e sagomato
= 0.1 per interramento diretto
EI = fattore di rigidezza trasversale, EI = 0.149 F r3 / Dy
S = Rigidezza trasversale S=EI/D3
dove:
E = modulo elastico circonferenziale del tubo (MPa)
I = momento dinerzia per unit di lunghezza di parete del tubo (mm4/m)

EI calcolato con la prova ai piatti paralleli mediante la formula EI = 0.149 r3 (F/y), dove F
la forza per unit di lunghezza e y la deflessione verticale del tubo. La prova viene eseguita
alla deflessione del 5%.
E' = modulo composto di reazione del terreno [MPa]:

E = Sc Eb

39
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

dove
Eb = modulo di reazione del terreno (zona di sottofondo/rinfianco tubo), dalla tabella

Modulo di reazione Eb per la zona di sottofondo/rinfianco del tubo [MPa] M45 Tab. 5-5
Rigidezza terreno Max.contenuto Grado di compattazione
Categoria di fini
Alla rinfusa Leggero Moderato Alto
<85% Proctor 85-95% Proctor >95% Proctor

SC1 5% 6.9 20.7 20.7 20.7

SC2 12% 1.4 6.9 13.8 20.7

SC3 a 50% 0.69 2.8 6.9 13.8

SC3 b 70% 0.69 2.8 6.9 13.8

SC4 100% 0.34 1.4 2.8 6.9

SC1, SC2 e SC3a sono definiti come terreni a grana grossolana con fini. SC3b e SC4 sono terreni a grana fine con
plasticit da media a nulla. Terreni a grana fine altamente comprimibili (SC5) non dovrebbero essere usati per la
zona di sottofondo e rinfianco. SC3a e SC3b danno lo stesso modulo ma lo sforzo di compattazione differente.
Sc = fattore combinato di supporto del terreno, funzione dei rapporti (larghezza trincea)
/(diametro) e moduli di reazione (terreno nativo)/(sottofondo/rinfianco), dalla tabella :

Bd/D

En'/E'b 1.50 2.00 2.50 3.00 4.00 5.00

0.10 0.15 0.30 0.60 0.80 0.90 1.00

0.20 0.30 0.45 0.70 0.85 0.92 1.00

0.40 0.50 0.60 0.80 0.90 0.95 1.00

0.60 0.70 0.80 0.90 0.95 1.00 1.00

0.80 0.85 0.90 0.95 0.98 1.00 1.00

1.00 1.00 1.00 1.00 1.00 1.00 1.00

1.50 1.30 1.15 1.10 1.05 1.00 1.00

2.00 1.50 1.30 1.15 1.10 1.05 1.00

3.00 1.75 1.45 1.30 1.20 1.08 1.00

5.00 2.00 1.60 1.40 1.25 1.10 1.00

Bd = larghezza di trincea (allasse tubo)

40
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

En= modulo di reazione del terreno nativo allasse tubo, da Tab. 5-6 di AWWA M45:
Terreni Granulari Terreni Coesivi Modulo del Terreno
Nativo (MPa)
Colpi/ft Descrizione qu (Ton/ft2) Descrizione
0-1 molto, molto sciolto 0-0.125 molto, molto soffice 0.34
1-2 molto sciolto 0.125-0.25 molto soffice 1.38
2-4 0.25-0.50 soffice 4.83
4-8 sciolto 0.50-1.0 medio 10.3
8-15 leggermente 1.0-2.0 rigido 20.7
compatto
15-30 compatto 2.0-4.0 molto rigido 34.5
30-50 denso 4.0-6.0 duro 69.0
>50 molto denso >6.0 molto duro 138

Nella maggior parte dei casi si adopera SC=1. Solo in caso di terreno nativo molto scadente o
condizione di carico molto dura occorre eseguire un calcolo pi accurato.

Casi particolari di terreno nativo sono:

trincea in roccia : En = 345 MPa

geotessili : il modulo del terreno nativo pu essere aumentato di 1.5 volte

palancole permanenti : Sc = 1 con qualsiasi suolo nativo

sabbia stabilizzata con cemento (1 sacco/ton): En=170MPa quando indurito, come


semplice sabbia compattata prima dellindurimento

5. Verifica carico combinato

In presenza di deflessione e pressione interna entrambe le seguenti equazioni saranno


verificate:

r
1 b c
pr Sb

HDB FSpr


1 pr
b rc HDB
=
Sb FSb

41
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

dove :
2
rc = coefficiente di riarrotondamento, rc = 1 - Pw/3 (Pw<3 N/mm )
Pw D
pr = deformazione di pressione interna, pr =
2E H t

d t
b = deformazione di flessione, b = Df t
D D

FSb = fattore di progetto a flessione, 1.5


Fspr = fattore di progetto a pressione, 1.8

6. Verifica allimplosione

La somma dei carichi esterni sar < al carico ammissibile allimplosione qa, calcolato con

lequazione:

1
qa = 32 Rw B' E' S
FS

dove :
FS = fattore di progetto, 2.5
1
B' = coefficiente empirico di supporto elastico, B' = (h in metri)
1 + 4e 0 .213 h
Rw = fattore di galleggiamento in acqua, Rw = 1 - 0.33 (hw/h) per 0<hw<h
hw = altezza dellacqua sulla generatrice superiore del tubo, m
h = altezza del terreno sulla generatrice superiore del tubo, m
S = Classe di Rigidezza del tubo

Lequazione valida nelle seguenti condizioni:


senza vuoto interno 0.6 m < h < 24.4 m
con vuoto interno 1.2 m < h < 24.4 m

Con vuoto interno e 0.6 m<h<1.2 m, qa si calcola con la formula di von Mises:


+ n 2 1 + 2n 1 hl 8 S
2Et 2
qa =
1

( )
D n 2 1 (1 + K )
2

1+ K
(1 hl lh )

dove :
n = numero dei lobi formati allimplosione, >2

42
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

K = (2nL/D)2
L = distanza tra rinforzi circonferenziali; per tubi senza rinforzi circonferenziali L la
distanza tra i giunti (bicchieri, manicotti, flange, ecc.).

La verifica allimplosione soddisfatta per le usuali installazioni dalla condizione:

w hw + Rw (W c ) + Pv q a

dove:
w = peso specifico dellacqua
Pv = pressione di vuoto interno

Se sono presi in considerazione i carichi veicolari, la verifica allimplosione soddisfatta da:

w hw + RW (W c ) + W L q a

Non viene normalmente presa in considerazione lapplicazione simultanea di carico veicolare e


vuoto interno.

La presenza di livello dellacqua al di sopra del tubo viene considerata attraverso il fattore RW .

13.3 GALLEGGIAMENTO

In presenza di livello dacqua al di sopra della generatrice superiore del tubo, occorre eseguire
la verifica al galleggiamento con il tubo vuoto.

Il carico per unit di lunghezza dovuto al terreno deve essere maggiore della forza di
galleggiamento (Fup).

(
Fup = SF Wp + Ws )
dove:
/4 D e w
2
Fup = forza di spinta verso lalto (galleggiamento) =
Ws = peso del terreno sul tubo = De s Rw H
Wp = peso del tubo
De = diametro esterno del tubo
s = peso specifico del terreno asciutto
Rw = fattore di galleggiamento in acqua = 1 - 0.33 (hw/H)
hw = altezza di falda sopra la generatrice superiore del tubo
H = altezza del terreno sopra la generatrice superiore del tubo

43
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

w = peso specifico dellacqua


SF = fattore di sicurezza, 1.5

44
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

14. INSTALLAZIONE E TIPI DI GIUNTO

Per la posa delle tubazioni sono disponibili i seguenti tipi di giunzione:


Bicchiere/maschio con doppio O-ring di tenuta
Bicchiere/maschio con doppio O-ring di tenuta e cavetto antisfilamento
Giunto meccanico
Testa/testa
Flangiato
Le procedure di assemblaggio dei vari tipi di giunzione sono descritte nelle specifiche tecniche
di Iniziative Industriali.

Per la posa di tubi e raccordi si possono scegliere i seguenti metodi:

a) La linea si realizza utilizzando componenti standard. In questo caso i giunti vanno fatti in
cantiere. Le giunzioni sono laminate (testa/testa).

b) La linea si realizza con parti prefabbricate, costituite da tubi, curve, riduzioni, ecc. e fornite
con differenti tipo di giunto. Questo metodo consente un facile e veloce montaggio, tolleranze
strette, minori giunzioni in cantiere, pi bassi costi di posa.

45
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

15. INSTALLAZIONE FUORI TERRA

Le installazioni fuori terra si possono dividere in due categorie:

a) linee che sono posate direttamente sul terreno;

b) linee che sono posate su supporti.

Nel caso a) si consiglia comunque di poggiare la tubazione su selle in legno o di cemento, per
evitare danneggiamenti dovuti a pietre e/o altri oggetti appuntiti.

In quasi tutte le applicazioni fuori terra si dovrebbero utilizzare giunti resistenti assialmente.
Solo in caso di linee ben supportate e per applicazioni non in pressione si pu usare un tipo di
giunto non resistente assialmente.

La tubazione orizzontale deve essere supportata ad intervalli come previsto dai dati relativi alle
campate.

Per supportare le tubazioni si utilizzano diversi tipi di staffe. Occorre evitare contatti su una
sola generatrice e carichi puntuali localizzati; bisogna interporre tra il tubo ed il collare
dacciaio una sella in PVC o una fascia in gomma per ridurre al minimo la possibilit di
abrasione. La sella in PVC utilizzata quando deve essere consentito lo scorrimento assiale
della tubazione.

Le valvole devono essere supportate indipendentemente dal tubo per evitare di


sovraccaricarlo.

Variazioni di temperatura inducono variazioni di lunghezza e carichi di estremit nella


tubazione in PRFV, la quale pertanto deve essere progettata tenendo conto anche di questi
effetti. Nelle linee lunghe o quando gli sbalzi termici sono elevati occorrer utilizzare loop o
giunti di espansione.

Per contrastare il movimento della tubazione si pu utilizzare con successo un punto fisso che
la blocchi. I punti fissi possono essere installati sia in direzione orizzontale che in quella
verticale.

I punti fissi sulla tubazione dividono la linea in sezioni e devono essere ancorati ad una
struttura che sia in grado di resistere alle forze applicate. In alcuni casi le pompe, i serbatoi ed

46
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

altre apparecchiature simili funzionano da punti fissi. Altri punti fissi sono di solito localizzati in
corrispondenza di valvole, cambi di direzione e stacchi sulla linea.

Quando si utilizzano giunti meccanici oppure giunti non bloccati assialmente, la linea deve
essere bloccata ad ogni cambio di direzione.

Il corretto posizionamento dei punti di ancoraggio viene definito da stress analysis.

Per bloccare la tubazione si suggerisce di realizzare una laminazione in PRFV a entrambi i lati
del collare. Per bloccare il movimento del tubo in un solo verso basta applicare una sola
laminazione sul lato opposto. Il movimento laterale deve essere impedito dallo staffaggio.

Quando si monta il giunto con doppio O-ring e antisfilante, esso deve essere allungato per
evitare il movimento delle barre di tubo ed il sovraccarico nei cambi di direzione come curve e
T. E preferibile realizzare meccanicamente lallungamento ma esso pu essere anche fatto
mettendo in pressione la linea (0.8 x pressione esercizio). Il risultato si osserva con lispezione
della posizione del cavetto antisfilante attraverso il foro di ingresso. Lallungamento deve
essere realizzato prima di posizionare eventuali stacchi.

Si consiglia di evitare il collegamento diretto con apparecchiature soggette a vibrazioni. Una


gravosa condizione si ha quando la frequenza della vibrazione uguale o prossima alla
frequenza naturale della tubazione. Un sistema per evitare le vibrazioni quello di interporre
un giunto flessibile tra la sorgente della vibrazione ed il tubo.

I tubi in PRFV della SARPLAST, esposti ai raggi ultravioletti, non sono soggetti al decadimento
della resina, poich contengono inibitori che ne impediscono lazione.

LAMINAZIONE

TUBO IN
PRFV

PUNTO FISSO

47
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

SUPPORTO
VERTICALE

30

CONCRETE

SUPPORTO VALVOLA

48
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

16. INSTALLAZIONE INTERRATA

16.1 SISTEMA TERRENO - TUBO

I carichi esterni (terreno e veicolare) sul tubo in PRFV interrato producono una diminuzione del
diametro verticale ed un aumento di quello orizzontale, che inducono sollecitazioni nella parete
del tubo.

Il movimento orizzontale provoca la reazione del terreno, che aiuta la tubazione a sostenere i
carichi verticali.

Le tubazioni interrate in PRFV consentono di solito una deflessione a lungo termine del 4-5%
senza danni. La scelta della classe di rigidezza del tubo ed il tipo di installazione contribuisce a
tenere la deflessione entro i limiti ammissibili.

larghezza trincea

rinterro secondario

rinterro primario

sottofondo (letto)

fondazione

assicurare il supporto in questa zona

49
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

16.2 CLASSIFICAZIONE DEI TERRENI NATIVI

I terreni nativi, in accordo alla norma AWWA 950/95, sono classificati secondo 4 categorie di
rigidezza. I gruppi dipendono sia dai tipi (classificazione) che dalla densit dei terreni, che
insieme definiscono il modulo di reazione del terreno. I simboli GW, GP, SW, SP, GM, GC,
SM, SC, ML, CL ecc. sono in accordo ad ASTM D2488.

Categoria 1 di rigidezza del terreno (SC1)

Roccia frantumata e ghiaia con sabbia <15% e fini < 5%. I materiali SC1 forniscono il supporto
massimo al tubo per una data densit a causa del basso contenuto di sabbia e fini. Con il
minimo sforzo questi materiali possono essere posati con valori relativamente alti di rigidezza
entro un vasto campo di contenuto di umidit. In aggiunta, lalta permeabilit dei materiali SC1
aiuta a tenere sotto controllo lacqua, ed essi sono spesso richiesti per il letto ed il rinfianco in
rocce tagliate dove si incontra spesso lacqua. Comunque, quando prevista la falda dacqua,
occorre tenere conto della possibile migrazione di fini dai materiali adiacenti nei materiali sciolti
graduati SC1.

Categoria 2 di rigidezza del terreno (SC2)

Terreni a grana grossolana con pochi o niente fini (GW, GP, SW, SP) o terreni con simboli
doppi o terreni limite classificati con una designazione tipo GW-GC contenenti il 12% di fini o
meno.

I materiali SC2, quando compattati, forniscono un relativamente alto livello di supporto del
tubo; comunque, gruppi sciolti graduati possono consentire la migrazione e le dimensioni
dovrebbero esere controllate per accertare la compatibilit con il materiale adiacente.

Categoria 3 di rigidezza del terreno (SC3)

Terreni a grana grossolana con fini (GM, GC, SM, SC) o terreni con simboli doppi o terreni
limite aventi una designazione con pi del 12% di fini; e ML, CL, o terreni limite con una
designazione tipo ML/CL, con particelle a grana grossolana > al 30%.

I materiali SC3 forniscono minore supporto per una data densit dei materiali SC1 ed SC2.
Sono richiesti sforzi di compattazione maggiori e deve essere controllato il livello di umidit.
Questi materiali forniscono adeguati livelli di sostentamento del tubo, una volta raggiunta la
giusta densit.

Categoria 4 di rigidezza del terreno (SC4)

50
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

Terreni a grana fine con media o nessuna plasticit (ML, CL) o terreni limite con una
designazione tipo ML/MH con particelle a grana grossolana meno del 30%.

I materiali SC4 richiedono una valutazione geotecnica prima delluso. Il contenuto di umidit
deve essere ottimale per minimizzare lo sforzo di compattazione ed ottenere la densit
richiesta. Una volta posati e compattati, i materiali SC4 forniscono adeguato sostentamento al
tubo; comunque questi materiali possono non essere adatti in caso di posa superficiale o
molto profonda. Non sono da usare quando la presenza di acqua nella trincea impedisce una
adeguata compattazione.

16.3 INTERRAMENTO DELLA TUBAZIONE

Scavo della trincea

Nei cantieri preferibile che le fasi di scavo, posa della tubazione e rinterro siano vicine
temporalmente per ridurre al minimo i problemi logistici e ridurre i costi di supervisione.

La costruzione della trincea varia in funzione dei tipi di terreno incontrati (stabile o instabile). In
ogni caso il fondo della trincea sar piano e continuo.

Pareti di trincea stabile o trincea in roccia

La parete della trincea pu essere normalmente verticale dal letto alla sommit del tubo senza
limpiego di puntelli o palancole.

Pareti e fondo di trincea instabile

La trincea sar scavata a parete verticale con puntelli, sistema di posa 1 o con la naturale
pendenza del terreno, metodo di posa 2.

La fondazione richiesta quando il fondo trincea instabile, ovvero fatta di terreni che hanno
elevati smottamenti. In funzione delle condizioni del fondo della trincea instabile possono
essere richiesti differenti tipi di fondazione come:
stabilizzazione del materiale di fondo, rimuovendolo per una profondit minima di 200
mm e sostituendolo con sabbia o ghiaia stabilizzata, in cui il terreno instabile non
penetrer (portanza del terreno da 0.7 a 0.9 kg/cm2);
cemento con profondit min. di 150 mm (portanza del terreno da 0.5 a 0.7 kg/cm2);
pali ricoperti di cemento (portanza del terreno da 0.5 a 0.7 kg/cm2).

51
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

ricoprimento

rinterro

sottofondo
(letto)
fondazione

assicurare il supporto in questa zona

Metodo di posa 1

ricoprimento

sottofondo

fondazione
assicurare il supporto in questa zona

Metodo di posa 2

Trincea in terreno granulare

Le pareti della trincea saranno secondo la naturale pendenza del materiale nativo granulare. Il
tubo sar posato come mostrato nella figura relativa alla trincea instabile, metodo di posa 2.

Trincea in terreno soffice

Quando il nativo composto da materiale molto comprimibile, con un contenuto di acqua


superiore al 50%, come argille soffici, fanghiglia, ecc., il terreno granulare usato per il letto ed

52
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

il riempimento pu essere assorbito dal terreno nativo. In tal caso opportuno ricoprire il letto
e le pareti con un tessuto non-tessuto (geotessile), che ha la funzione di separare gli strati ed
impedirne il mescolamento.

Larghezza di trincea

La larghezza della trincea deve garantire una distanza minima tubo/parete da consentire la
compattazione. I valori consigliati per la larghezza della trincea sono:

DN < 400 L= DN + 400 mm

400 < DN < 1000 L= DN + 600 mm

DN > 1000 L= DN + 800 mm

Se il terreno non in grado di fornire la portanza richiesta, la trincea sar approfondita di 20


cm o pi, secondo le prescrizioni del progettista. Se devono essere eseguite laminazioni
occorre allargare, allungare ed abbassare la trincea nella zona di giunzione per consentire le
operazioni.

Scavo di trincea sotto il livello dellacqua

In presenza di falda dacqua il fondo della trincea deve essere stabilizzato prima di posare le
tubazioni, abbassando il livello dellacqua di circa 30 cm sotto il fondo tubo per mezzo di
pompe.

Sottofondo o letto di posa

Il letto di posa sar di uno spessore minimo di 150 mm e fornir alla tubazione un supporto
uniforme e continuo su tutta la sua lunghezza. In corrispondenza dei giunti saranno lasciate
delle nicchie, da riempire dopo la posa e la giunzione.

Si raccomanda luso di ghiaietto o roccia frantumata o sabbia come materiale di letto, con un
contenuto di fini non superiore al 12%. Per fini si intendono quei materiali passanti al setaccio
ASTM 200. Le dimensioni massime del materiale di letto non dovrebbero essere superiori a 20
mm.

Il letto di posa deve essere compattato fino a raggiungere il 70% della sua massima densit,
prima della posa del tubo (90% Proctor Standard).

Rinterro

53
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

Il materiale di rinterro sar identico a quello utilizzato per il letto (max. contenuto di fini 12% e
max. dimensione delle particelle 20 mm).

Il rinterro idealmente diviso in due zone:

a) rinterro primario, dalla generatrice inferiore del tubo fino al 70% del diametro;

b) rinterro secondario, che si estende fino a 15 cm sopra la generatrice superiore del tubo.

Il rinterro sar posato in strati alti 200-250 mm, compattati singolarmente, fino al 70% del
diametro e alti 300 mm fino in cima al tubo.

Il rinterro fino al livello del terreno si completa con il terreno nativo.

La compattazione pu essere realizzata per mezzo di un compattatore a impulsi o altra idonea


attrezzatura.

Si prega di contattare lUfficio Tecnico per le prescrizioni relative alla compattazione ed alla
profondit del letto di posa.

16.4 METODI DI COMPATTAZIONE

La raccomandazioni seguenti consentono di ottenere il massimo valore pratico della densit


del materiale. Una eccessiva compattazione ovvero una compattazione con apparecchiature
non appropriate possono far deformare il tubo o farlo sollevare dal letto di posa. Durante la
compattazione del rinterro controllare la forma della sezione del tubo.

Terreni a grana grossolana - 5% di fini. La massima densit si ottiene con la compattazione,


la saturazione e la vibrazione. Il rinterro posato in strati da 0.15 a 0.3 m. Bisogna evitare il
galleggiamento della tubazione durante la saturazione del rinterro. Il getto dacqua porta via il
supporto laterale del tubo e per questo non raccomandato. La posa del rinterro al di sopra
del tubo deve essere evitata mentre viene saturata la zona di materiale attorno al tubo. Questa
condizione caricherebbe il tubo prima che inizi la reazione di sostentamento.

Terreni a grana grossolana - 5-12% di fini. La compattazione dei terreni a grana grossolana,
con fini tra il 5 e il 12%, viene eseguita mediante costipamento o saturazione e vibrazione. Il
metodo dovrebbe fornire la massima densit del materiale di rinterro.

Terreni a grana grossolana - >12% di fini. I terreni a grana grossolana con pi del 12% di fini
si compattano meglio per costipazione meccanica in strati da 0.1 a 0.15 m. Per terreni a grana

54
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

fine, il modulo (resistenza passiva del terreno) sensibile alla densit e occorrer un maggiore
sforzo di compattazione per ottenere la densit Protor richiesta dal progetto.

Compatazione e Posa. Controllo Qualit

I controlli della deflessione devono essere eseguiti quando sono stati posati e ricoperti i primi
tubi. Controlli periodici successivi devono essere condotti durante tutto lo svolgimento del
progetto. Quando possibile, occorre eseguire sul posto la misura della densit del materiale
compattato della zona primaria, per verificarne laccordo con le assunzioni progettuali.

16.5 INGHISAGGIO IN CALCESTRUZZO

Quando una tubazione attraversa una parete di cemento si avvolge una fascia di gomma
(larga 100-200 mm, spessa 10-20 mm in funzione del diametro) attorno al tubo nella zona di
ingresso della struttura in calcestruzzo.

Inoltre necessario ottenere le seguenti condizioni:

a) minima profondit di letto non inferiore a 1 DN, per una lunghezza > 2 DN;

b) larghezza minima di trincea 3 DN, per una lunghezza > 3 DN.

Le figure seguenti illustrano la sezione e la pianta del collegamento con la parete in


calcestruzzo.

fascia in gomma

spessore letto

SEZIONE

55
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

trincea allargata

fascia in gomma

PIANTA

56
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

16.6 TABELLE PROFONDIT DI POSA

A titolo esemplificativo, di sguito, vengono proposte due tabelle per valutare la profondit di
posa di un tubo in PRFV in funzione della rigidezza (1250, 2500, 5000 e 10000 N/m2) e del
modulo di reazione del terreno che avvolge il tubo, con e senza carico veicolare.

a) con carico veicolare 10000 kg/ruota

8.0

7.0
Modulo del Terreno E' [MPa]

6.0

5.0

4.0

3.0

2.0

1.0

0.0
1 2 3 4 5 6

Ricoprimento del Tubo [m]


1250 2500 5000 10000

57
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

b) senza carico veicolare

8.0

7.0
Modulo del Terreno E' [MPa]

6.0

5.0

4.0

3.0

2.0

1.0

0.0
1 2 3 4 5 6

Ricoprimento del Tubo [m]


1250 2500 5000 10000

Nella seguente tabella si riportano i valori medi del modulo di reazione del terreno E (MPa)
che avvolge il tubo in PRFV.

scaricato costipamento costipamento costipamento


Gruppi tipo di terreni alla leggero moderato elevato
avvolgenti il tubo in PRFV rinfusa <85% Proctor 85-95% Proctor >95% Proctor
<40% densit rel. 40-70% dens.rel. >70% dens.rel.
I Terreni a grana fine con
particelle a grana grossolana 0.34 1.4 2.8 6.9
<25%; plasticit da media a
nulla.
II Terreni a grana fine con
particelle a grana grossolana 0.69 2.8 6.9 13.8
>25%; plasticit da media a
nulla. Terreni a grana
grossolana con fini >12%.
III Terreni a grana grossolana con
pochi fini o nessuno (<12% di 1.4 6.9 13.8 20.7
fini).
IV Roccia frantumata. 6.9 -- 20.7 --
Gruppo I: argille inorganiche con plasticit da bassa a media; limo inorganico; sabbia molto fine.

58
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

Gruppo II: terreni del gruppo I con particelle a grana grossolana > 25%; miscele di ghiaia; sabbia e
limo (o argilla) mal graduate; sabbie con limo.
Gruppo III: miscele di ghiaia e sabbia con pochi fini o nessuno; sabbie ghiaiose con pochi fini o
nessuno.

59
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

17. BLOCCHI DI ANCORAGGIO

17.1 PROGETTO

Con tubi interrati aventi il giunto non bloccato assialmente (B/2R o giunti meccanici)
opportuno prevedere blocchi dancoraggio in calcestruzzo su curve, tee, riduzioni, flange
cieche, ecc.

Lutilizzo di giunti bloccati ad una certa distanza da una curva o tee pu fornire una soluzione
migliore. In tale caso occorre valutare la lunghezza teorica di ancoraggio LAN.

ID * PD
L AN =
4(ID + t)Ff

dove:
ID = diametro interno, mm
PD = pressione di progetto, Mpa
t = spessore, mm
Ft = forza dattrito tra tubo e terreno, N/mm2
(0.0010.003 N/mm2 per limi argillosi e terreni umidi,
0.0030.01 N/mm2 per sabbie argillose e terreni sabbiosi)

Per i raccordi si ha:

Curve

La spinta agisce lungo la bisettrice della curva.

F = 2 P A sin(/2)
dove:
P = pressione di collaudo, N/mm2
A = area del flusso, mm2
= angolo di deviazione

Punti particolari

La spinta agisce lungo lasse del flusso:

F = P (A - A1)
dove:
A = sezione del diametro maggiore

60
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

A1 = sezione del diametro minore o di riduzione (0 in caso di tee o flangia cieca)

17.2 REALIZZAZIONE

I blocchi dancoraggio possono essere realizzati in tre modi:


1. a gravit
2. a reazione
3. misti

NOTA: I blocchi dancoraggio non devono inglobare la sezione del tubo, ma essere
modellati su di essa per consentire la deflessione del tubo sotto il carico del
terreno. Una striscia di gomma (spessa 10-30 mm e lunga 150-200 mm) sar posta
tra tubo e calcestruzzo alluscita del tubo dai blocchi di ancoraggio.

17.2.1 Blocchi a gravit

I blocchi dancoraggio a gravit reagiscono solo attraverso lattrito con il piano del terreno.
Leventuale falda dacqua va considerata in quanto riduce il peso del blocco in calcestruzzo.
Un adeguato coefficiente di attrito terreno/calcestruzzo viene scelto in base al tipo ed alle
condizioni del terreno.

F
F
G

17.2.2 Blocchi a reazione

I blocchi dancoraggio a reazione sono realizzati quando il terreno stabile (terreno roccioso,
suolo compatto e solido). In particolare richiesta una profondit di interramento non minore di
1 m. I blocchi sfruttano la reazione passiva del terreno; essi sono gettati contro la parete
verticale indisturbata del terreno.

61
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

A
SEZIONE "A-A
PIANTA

17.2.3 Blocchi misti

I blocchi dancoraggio misti (a reazione e a gravit) sono realizzati in caso di terreno di tipo
misto (terreno parzialmente stabile) e quando possibile sfruttare sia le caratteristiche a
gravit che la reazione dei blocchi.

NOTE: Per ciascun tipo di blocco dancoraggio va curata la compattazione del terreno
circostante e la stabilizzazione del terreno sottostante, se necessario.

17.2.4 Blocchi di linea

I blocchi dancoraggio sono utilizzati per tenere sotto controllo i movimenti di tubazioni interrate
aventi giunti scorrevoli (a bicchiere o manicotto). I movimenti possono essere causati da
variazioni di pressione o di temperatura. I blocchi dancoraggio possono essere collocati sotto
la tubazione e connessi alla stessa con fasce di nylon.

In alternativa i blocchi dancoraggio possono essere realizzati con calcestruzzo fluido (50-70
3
kg/m ), per una lunghezza opportuna, lasciando che il calcestruzzo fluisca secondo il suo
angolo naturale di attrito; in entrambi i casi il tubo avr un rinforzo circonferenziale in PRFV
(spesso 25 mm, largo 150 mm).

62
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

1D

17.2.5 Tipi di blocchi di ancoraggio

Alcuni tipi di blocchi di ancoraggio sono illustrati in figura. Essi possono essere utilizzati
durante la posa di tubazioni interrate (curve altimetriche, tee, flange cieche, ecc.).

Le valvole vengono bloccate per scaricare sul terreno la sollecitazione dovuta ai movimenti
operativi ed alle spinte che si verificano quando esse sono chiuse.

63
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

17.2.6 Calcolo dei blocchi dancoraggio

Per il calcolo dei blocchi dancoraggio in calcestruzzo occorre tenere conto dei seguenti
parametri:
a. angolo di attrito interno
b. coesione
c. peso specifico
d. coefficiente dattrito calcestruzzo/terreno
e. reazione passiva del terreno
Angolo dattrito Coesione (c) Peso specifico Coeff. dattrito
Tipi di terreno interno [Pa] [N/m3] cls/terreno
)
(
terreni bagnati, limi argillosi, 20o 10000 18000 0.30
terreni organici
25o
terreni sabbiosi, sabbie argillose, 30o 5000 17000 0.50
sabbia 0
35o
terreni asciutti, ghiaietto, roccia 40o 0 16000 0.70
frantumata
Il calcolo segue i seguenti passi:

A. Calcolo della spinta F [N]

B. Calcolo della reazione passiva del terreno Ts [N]

La reazione passiva del terreno contro il blocco in calcestruzzo :

( 2 2
) ( )
Ts = 0.5 s H1 H2 Btg 2 (45 + / 2) + 2c H1 H2 B tg 2 (45 + / 2)

dove

s = peso specifico del terreno, N/m3


Ts = reazione del terreno, N
H1 = distanza dal piano di calpestio alla base del blocco, m
H2 = distanza dal piano di calpestio alla cima del blocco, m
B = larghezza del blocco in contatto con il terreno, m

C. Calcolo della forza di attrito calcestruzzo/terreno Tf [N]

Tf = ( Vc c + Vs s )f

dove:
Vc = volume del blocco in calcestruzzo, m3

64
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

Vs = volume di terreno sopra il blocco in calcestruzzo, m3


f = coefficiente di attrito calcestruzzo/terreno
D. Bilanciamento delle spinte

Si controlla che la reazione passiva del terreno Ts pi la forza di attrito Tf sia > della spinta F:

Ts + Tf 15
. F

E. Verifica della massima sollecitazione nel calcestruzzo

Si controlla che la sollecitazione nel calcestruzzo sia inferiore allammissibile.

F. Verifica della massima sollecitazione a compressione del terreno

Si verifica che la sollecitazione a compressione del terreno, dovuta alla reazione passiva, sia
inferiore allammissibile.

65
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

18. INSTALLAZIONE SUBACQUEA

La scelta del PRFV per la posa subacquea di tubazioni offre molti vantaggi, connessi con le
caratteristiche del materiale. La tubazione in PRFV pienamente resistente alla corrosione.

Per la posa subacquea di tubazioni in PRFV si adottano le seguenti metodologie:


1. tiro a rimorchio;
2. tiro sul fondale;
3. posa dal barcone.

1. Tiro a rimorchio

La tratta di tubo assemblata sulla spiaggia, trainata a mare da un rimorchiatore ma tenuta in


galleggiamento durante il traino. In corrispondenza della zona di posa la tratta viene affondata.

barca di fine tratta barca di traino

galleggianti

tubo in galleggiamento

2. Tiro sul fondale

Il metodo consiste nellassemblare tratte di tubo sulla spiaggia e nel tirarle lungo una via a rulli
per mezzo di un verricello posto sul rimorchiatore di tiro.

Lutilizzo di questo metodo richiede la disponibilit di unarea livellata sulla spiaggia, dove sia
possibile preassemblare lunghe tratte di tubo in PRFV. Le tratte sono varate in sequenza
trasferendo le successive sulla via di varo. La tubazione tirata mediante un verricello,
agganciato ad una testa di tiro, collegata alla prima tratta.

Una volta varata una tratta di tubo, la successiva viene trasferita sulla rampa di varo e
collegata alla precedente. Le operazioni di giunzione sono realizzate sulla spiaggia.

Questo metodo consente la posa contemporanea di pi linee parallele. Le tubazioni possono


essere varate vuote, affondate o allegerite per mezzo di galleggianti. La tubazione pu

66
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

avanzare direttamente sul fondo precedentemente preparato o dentro una trincea, scavata in
precedenza.

ancora
barcone di tiro

battigia cavo di tiro

verricello
rulliere collegamento
giunti

Cantiere sulla spiaggia

3. Posa dal barcone

E forse il metodo pi usato oggi, specie per grandi diametri. Il barcone deve avere dimensioni
tali da contenere le barre e lequipaggiamento per la loro giunzione.

Le dimensioni del barcone, oltre alle operazioni di giunzione e di varo, influiscono sulla
tempistica del lavoro. Ciascuna barra sollevata dalla gru di bordo ed abbassata in mare,
dove viene collocata sul fondale nei pressi della barra precedente gi posata.

La giunzione delle barre realizzata da esperti subacquei per mezzo di martinetti idraulici, i
quali sono applicati a dei collari montati sulle estremit dei tubi.

gru

fondo
m a rino

67
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

19. STOCCAGGIO, MOVIMENTAZIONE, RIPARAZIONI

Tubi e raccordi dovrebbere rimanere sulle selle utilizzate per il trasporto. Quando ci non
possibile, i tubi possono essere stoccati sulla sabbia o su listelli di legno. Devono essere tenuti
lontano da sorgenti di fiamma, come liquidi infiammabili.

19.1 MATERIALI DI SALDATURA

La durata media dei materiali di saldatura 6 mesi per le resine, se stoccate al chiuso ed a
temperatura massima di 25 C. Per temperatura superiore a 25 C, la durata delle resine
diventa tanto pi bassa quanto maggiore la temperatura di stoccaggio, che in ogni caso
deve essere inferiore a 40 C.

La fibra di vetro non richiede particolari condizioni di stoccaggio. E comunque consigliabile


una temperatura di stoccaggio non maggiore di 40 C ed umidit non superiore al 75%.

Le resine devono essere stoccate nei fusti originali, che garantiscono il buio assoluto. I
materiali in fibra di vetro vanno stoccati negli imballi originali. Sia i fusti che gli imballi devono
essere aperti al momento dellutilizzo dei prodottii.

I materiali di saldatura sono altamente infiammabili. Essi non devono essere esposti a fiamme
libere e sorgenti di calore. I catalizzatori non vanno stoccati con gli altri materiali,
particolarmente i perossidi organici.

19.2 MOVIMENTAZIONE

Le tubazione devono essere sollevate per mezzo di fasce di juta o nylon di adeguata
resistenza. A causa della superficie liscia consigliabile sollevare la barra di tubo in due punti,
simmetrici rispetto al centro.

Evitare di sollevare la barra mediante una fascia fatta passare allinterno del tubo. Durante la
movimentazione occorre evitare gli urti, specialmente alle estremit.

19.3 ISPEZIONE E RIPARAZIONE

Allarrivo in cantiere o allapertura delle gabbie tutti i tubi ed i raccordi devono essere
accuratamente ispezionati internamente ed esternamente.

I danni si riparano come segue:

68
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

Scalfittura superficiale
Interno tubo: rimuovere il lucido e ricoprire con resina.
Esterno tubo: nessuna riparazione richiesta.
Rotture superficiali
Interno tubo
a) molare la zona danneggiata per tutto lo spessore del liner;
b) lavare con acetone la superficie molata per rimuovere la polvere;
c) applicare uno strato di resina contro la superficie da riparare;
d) applicare mat di vetro "E" mat e impregnarlo con resina, usando un pennello;
e) comprimere lo strato con un rullo per eliminare le bolle daria;
f) ripetere le fasi (d) ed (e) fino a ripristinare lo spessore del liner;
g) applicare un velo di superficie "C" e impregnarlo con resina, usando un pennello;
h) dopo unora la resina indurita; molare fino ad avere una superficie uniforme e pitturare
con resina paraffinata.

Esterno del tubo


a) molare la zona danneggiata fino a rimuovere la parte rovinata;
b) lavare con acetone la superficie molata per rimuovere la polvere;
c) applicare uno strato di resina sulla superficie da riparare;
d) applicare mat di vetro "E" mat e impregnarlo con resina, usando un pennello;
e) comprimere lo strato con un rullo per eliminare le bolle daria;
f) ripetere le fasi (d) ed (e) fino a ripristinare lo spessore rimosso;
g) dopo unora la resina indurita; pitturare con resina paraffinata.

69
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

20. AZIONE SISMICA SU TUBAZIONI IN PRFV

Il sisma esplica la sua azione lungo le tre direzioni nello spazio; ma solo due di esse (direzioni
verticale e parallela alla linea) hanno effetti pratici.
Azione Verticale
Lazione del sisma si manifesta con un aumento del valore della accelerazione di gravit, che
significa un carico maggiore del terreno sulla tubazione ed unazione di taglio sul tubo.
Azione Parallela
Il movimento del terreno lungo la tubazione determina, a causa dellattrito con il terreno, lo
scorrimento dei giunti se essi sono a bicchiere con doppio O-ring, oppure una sollecitazione
assiale se i giunti sono a bicchiere con doppio O-ring e cavetto antisfilante.
Lazione sismica lungo la direzione perpendicolare alla tubazione e parallela al terreno
trascurabile.
Calcolo dellaccelerazione sismica
Le accelerazioni verticale ed orizzontale, dovute al sisma, si calcolano come segue:
av =mCIg
ah =RCIg

dove :
2
- av = accelerazione verticale, m/s
- ah = accelerazione orizzontale, m/s2
-m = coefficiente adimensionale, di solito m=2
-C = coefficiente di intensit sismica, C=(S-2)/100
-I = coefficiente di protezione sismica, di solito I=1.2
-R = coefficiente di risposta della struttura
2
-g = accelerazione di gravit, g=9.81 m/s
-S = grado sismico (S>=2), di solito S=9
R (coefficiente di risposta) si assume come una funzione del periodo fondamentale To della

struttura, per oscillazioni lungo la direzione considerata:


0.667
per To > 0,8 s R = 0.862 / To

per To <= 0.8 s R=1

In caso di incertezza di To si assume R=1 (massimo valore).

Le accelerazioni verticale ed orizzontale, dovute al sisma, sono:

70
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

2
av = 2 * (9 - 2) / 100 * 1.2 * g = 0.17 g = 1.65 m/s
2
ah = 1 * (9 - 2) / 100 * 1.2 * g = 0.084 g = 0.82 m/s

Laccelerazione durante levento sismico :


Azione Verticale

av + g = 1.17 g = 11.5 m/s2

Azione Orizzontale

ah = 0.08 g = 0.82 m/s2

Verifica allimplosione della tubazione durante il sisma


Lazione verticale aumenta i pesi del terreno e dei carichi dinamici operanti sulla tubazione.
Questa condizione determina una riduzione del fattore di sicurezza allimplosione.

Limplosione verificata alla profondit prevista in progetto mediante le seguenti formule


(AWWA Manual M45, I ediz. 1996):

qa = (1/FS)(32 Rw B E S)1/2 (vedi 11.3)

W W a +g
qex = R W C + L v qex = carichi esterni, N/mm2
D D g

qa / qex 1

20.1.1 Deformazione sismica del terreno

Per calcolare lazione sismica lungo la direzione parallela alla tubazione occorre considerare la
deformazione del terreno durante il sisma:

g ( )
= Tg a h / ( 2v s )

dove:
Tg = periodo dellonda sismica, s
ah = accelerazione orizzontale, m/s2
vs = velocit di propagazione dellonda sismica, m/s

20.1.2 Deformazione assiale del tubo

Il giunto a bicchiere con doppio O-ring e antisfilante trasmette gli sforzi assiali e consente la
rotazione tra una barra di tubo e la successiva.

71
MANUALE Release. 3

TUBI IN PRFV Data : Gen-2000


Iniziative Industriali S.p.A.

Si deve determinare la deformazione assiale dovuta al sisma, aggiungere la deformazione


della pressione operativa e verificare che le deformazione totale sia inferiore al valore
ammisibile

Il giunto a bicchiere con doppio O-ring non trasmette gli sforzi assiali ma consente la rotazione
tra una barra di tubo e la successiva.

Si deve determinare la deformazione assiale dovuta al sisma e verificare che lo scorrimento


del giunto non porti alla fuoriuscita del maschio dal bicchiere.

Nota

Questo manuale per tecnici che hanno una preparazione adeguata alla comune pratica industriale e
alle usuali condizioni operative degli impianti. Tutte le informazioni contenute sono corrette al momento
dellemissione del documento. Variazioni di prodotto o sistema, descritti in questo documento, possono
essere apportate senza preavviso. Si declina ogni responsabilit sullaccuratezza del contenuto.

72