Sei sulla pagina 1di 4

6/4/2014 ARCO N6 2005 - La via dell'arciere mediterraneo - Vittorio Brizzi e Giovanni Amatuccio - Greentime Editori

La via dellarciere mediterraneo


Arco n.6 DI VITTO R IO BR IZZI E GIO VANNI AMATUC C IO
2005 prima parte

Quali sono le radici del tiro istintivo? A ben pensarci i testi antichi possono esserci di aiuto. Si
tratta di riscoprire il senso di parole chiave quali precisione, forza, velocit, mobilit,
miglioramento delluomo e formazione.
Arco n.1 Larcie re m e dite rrane o vuole e sse re una ve ra e propria proposta di form azione , basata
Franco C arm inati: Un su docum e ntazioni de llO rie nte e che indubbiam e nte hanno influe nzato la nostra
viaggio nel tempo da indocum e ntabile (o quasi) tradizione arcie ristica m e dite rrane a, in cui si tracciano line e
Parigi a Londra guida ispirate ad una scie nza antica e stre m am e nte e fficace e pragm atica. In sinte si, com e
Arco n.1 m e glio vi apparir le gge ndo e se gue ndo que sta rubrica, vi trove re te a contatto con e se m pi
Ale ssio C e nni: Le tante de lla didattica antica talm e nte concre ti, fam iliari e costruttivi, che probabilm e nte vi
vite della balestra dom ande re te com e m ai solo ora e m e rsa que sta ide a. Noi ce lo siam o gi chie sto. In
re alt sono anni che si discute di que sta possibilit: nasce inizialm e nte com e dile tto
Arco n.2
accade m ico, poi com e sogno applicativo, dopo ancora dive nta proge tto e am bizioso
R obe rt W .Halpin:
de side rio di re alizzarlo. stata intrapre sa unope razione m onum e ntale di de cifrazione (qui
Trattato sui materiali
non si pu parlare solo di traduzione ) di antichi trattati de l m e dio orie nte che si rivolgono
delle corde per archi (I) ai doce nti de lle scuole di tiro (e h s ), agli allie vi arcie ri, agli ufficiali e strate ghi, insom m a
allute nza spe cializzata che , tram ite la parola scritta, pone le basi di una scuola di tiro. Il
Arco n.3
tutto spalm ato in dive rsi se coli e culture , m a con e le m e nti com uni e fili conduttori paralle li,
R obe rt W .Halpin:
be n te si e vibranti. Inutile dire che studiando e discute ndo i m ode lli didattici proposti da
Trattato sui materiali
que sti m ae stri stupisce la m ode rnit (!) e la concre ta applicabilit de l m e todo che e m e rge
delle corde per archi
dalla straordinaria cultura (psicologica, anatom ica, m e dica, fisica, m ate m atica, pe dagogica
(II)
e didattica) di cui sono portatori. Un m e ritato e logio alla cultura de l prossim o O rie nte , m ai
Arco n.3
com e oggi frainte sa, una cultura propria di une poca in cui in O ccide nte non si andava
De borah Mauro: A nsia
cos pe r il sottile . Il lavoro di sinte si ne ce ssario, m olto im pe gnativo, ci fornisce spunti
somatica ed interventi
dire tti pe r una Scuola di arcie ria assolutam e nte profonda, coe re nte e d inte re ssante . Q ue sti
di mental training trattati (in O ccide nte bisogne r atte nde re forse Ascham , m a noi che tipo di occide ntali
siam o?) che spaziano dallanno m ille ai prim i de l se dice sim o se colo, e spongono i
Arco n.4 fondam e ntali, le re gole , le prassi, gli alle nam e nti, le condotte m orali, spe cializzazioni, fino
Vittorio Brizzi: Gli archi ad un e sote rism o sottile m a insinuante , in cui i valori de lla dottrina ve ngono dichiarati
di Montale parte inte grante de llalle nam e nto e de llappre ndim e nto de llarte . Q uale la figura di
Arco n.4 arcie re che ne e m e rge ? Un uom o in grado di fronte ggiare il ne m ico in svariate situazioni e
Ale ssio C e nni: Un capace di dom inare la paura, forte e d e fficace , a fronte di un duro m a strutturato
millenario esercito di inse gnam e nto pe r gradi. Un gue rrie ro di spicco, con un ruolo spe cializzato, quotato e
terracotta appre zzato dive rsam e nte dallarcie re m e die vale m itte le urope o che , pur e fficace e
Arco n.4 ne ce ssario ne lle conom ia de i fatti be llici, sfum a ne lla le tte ratura com e protagonista a
Matte o Iuso: La fronte de l cavalie re a cui tutto dovuto. Il m ode llo di inse gnam e nto, quindi, a fronte di
costruzione delle frecce un lavoro di am m ode rnam e nto (in te rm ini com unicativi) ne ce ssario, dive nta un siste m a
nel Medioevo inte grato basato sulluom o e sul suo m iglioram e nto, che m ai com e oggi rite niam o
ne ce ssario.
Arco n.6
Vittorio Brizzi - Giovanni
Am atuccio: La via
dellarciere
mediterraneo (I)
Arco n.6
Ale ssio C e nni: Frecce
da guerra e da caccia

http://web.archive.org/web/20120129154633/http://www.arcosophia.net/database/ARCO/Anno_2005/Arco_n6_2005/Articolo_Brizzi_Amatuccio/brizzi6-05.htm 1/4
6/4/2014 ARCO N6 2005 - La via dell'arciere mediterraneo - Vittorio Brizzi e Giovanni Amatuccio - Greentime Editori

Foto_1) Formella di bronzo (XII sec.). Assieme ad altre fa parte delle porte bronzee delle
cattedrali di Ravello (Sa) e Trani (Ba) realizzate dallo scultore Barisano da Trani e fuse a
Costantinopoli.

Colpire a distanza il suo punto forte


Lasciam o pe rde re pre conce tti ide ologici, m a basiam oci sui fatti: larco nasce com e arm a e
com e tale ha de lle pre rogative che lo re ndono rivoluzionario rispe tto alle altre arm i.
C olpire a distanza il suo punto forte . Ma farlo con pote nza, pre cisione e abilit (che
sare bbe la totale padronanza, le ggi com unione de l be rsaglio con il proprio corpo oppure
larco e la fre ccia che dive ntano parte de lla propria corpore it) dive ntano la m issione da
com pie re ne l suo insie m e . O ggi, inutile dirlo, solo la pre cisione (e la parabola piatta) il
fine . I trattati inse gnano varie Scuole , m a ne ssuna si discosta dallobie ttivo sinte tizzato
dagli Ark an (i pilastri) che sono le qualit base . Ne ssuna de ve e sse re dim e nticata, tutte
coltivate con pe rse ve ranza. Il quadro di stupe nda arcie ristica naturale zza che e m e rge dalle
righe di que sti te sti, quando de scrive larcie re che supe ra difficolt e cim e nti non
pone ndosi altro proble m a de lla fluidit ne lle e se cuzioni de i tiri e sulla qualit de gli
im patti, m e tte ndo in pratica e se rcizi dive rte ntissim i (!) com uni a ce rti gioche tti che sfido
tutti a ne garlo abbiam o sicuram e nte com piuto in passato tra am ici o ne i roving di
fam iglia (m agari poi ve rgognandoce ne , quasi la sindrom e da Pe te r Pan fosse una fase
ricorsiva de lla nostra m alattia da guarire a suon di gare ufficiali e re golam e nti se ri) qui
dive ntano la re gola. Non si tratta di arcie ria storica com e oggi la si inte nde n re -
e nacte m e nt ludico culturale . Non si tratta di una alte rnativa sportiva o di una nuova
disciplina m arziale tout court. Non ne anche un approccio accade m ico. tutte que ste cose
insie m e , pe r un ce rto ve rso, m a anche qualcosa di talm e nte ve cchio (antico) che brilla pe r
la sua m ode rnit ontologica. Se m bra paradossale , m a oggi tra te nde nze , m ode e
atte ggiam e nti di parte , si fa un gran danzare intorno a conce tti antichi (il tirare darco un
principe tra que sti conce tti) m a ci si lim ita, sove nte , a vive rli tram ite aspe tti m arginali,
spe ttacolari. Ne lla m igliore de lle ipote si si fa un nuovo gioco, m a spe sso con e sso si
pe rdono i colle gam e nti con la tradizione e con le radici. Vole ndo spie gare m e glio, il nostro
sport tale da poco pi di due se coli, o m e glio ce le brato com e tale solo da quando il
fine di colpire un be rsaglio ha sm e sso di e sse re une sige nza continge nte , di vita e
m orte , ve rso i propri sim ili o ve rso la se lvaggina. Uno sport che , e volve ndosi, ha pe rso il
controllo sul sogge tto e d il proce sso (lindividuo e sul suo m iglioram e nto) pe r spostarsi
ve rso logge tto (lattre zzo) com e e le m e nto principale , e nfatizzando una pe rform ance
autore fe re nziale che non ha pi nulla che ve de re con la base m otivazionale che ha spinto
luom o ad inve ntarsi un siste m a e fficie nte pe r colpire a distanza com e larco. Eppure
dovre m m o m ostrargli pi rispe tto, a que llarcie re . Gi la sua nascita rappre se nta un
e le m e nto sim bolico in s , intorno a que lla non be n pre cisa fine stra te m porale che ve de
labbandono de lle pratiche di sussiste nza basate sulla caccia-e -raccolta pe r que lle di
alle vam e nto e sfruttam e nto inte nsivo de l suolo. Ha i suoi albori ne l pale olitico supe riore
com e raffinatissim o e d innovativo proce sso di ve nazione pe r dive ntare via via pe rfe zionato
siste m a pe r com batte re i propri sim ili, a cavallo de lla rivoluzione ne olitica che rappre se nta
la prim a sconvolge nte e radicale trasform azione de lla socie t de gli um ani. Luom o pe rde ,
da que l m om e nto e se m pre in m aggiore m isura, il contatto con la sua radice se lvaggia,
naturale . La fre ccia ne protagonista e te stim one , strum e nto di accom pagnam e nto e di
acce le razione . Lungi dalle sse re la se de adatta pe r discute rne il ruolo (in que sta
rivoluzione ) m a e le m e nto su cui m e ditare : larco e la fre ccia com e fosse ro lultim a
re m ine sce nza di una socie t dive rsa, forse scom oda, m a sicuram e nte pi inte grata con le
basi originarie . Ele m e nto forte m e nte sim bolico, quindi, se nza nulla toglie re al fatto che

quindicim ila anni (com e m inim o) sono be n di pi pote nti di qualche se colo, anche se le
de cine danni re ce nti ne hanno viste , ve ram e nte , di cotte e di crude .

Foto_2) Particolare di mosaico del palazzo della Zisa di Palermo (XII sec.).
Tipica espressione di arte arabo-normanna siciliana.

Che cosa significa arcieria mediterranea?


Se bbe ne larco sia stato patrim onio di tutte le culture e di tutti i gruppi um ani dal
pale olitico in avanti in ogni angolo de l globo, le sue se dim e ntazioni storiche e le sue
tracce pi consiste nti le ritroviam o ne lle grandi civilt de l Me dio e d Estre m o O rie nte
http://web.archive.org/web/20120129154633/http://www.arcosophia.net/database/ARCO/Anno_2005/Arco_n6_2005/Articolo_Brizzi_Amatuccio/brizzi6-05.htm 2/4
6/4/2014 ARCO N6 2005 - La via dell'arciere mediterraneo - Vittorio Brizzi e Giovanni Amatuccio - Greentime Editori
tracce pi consiste nti le ritroviam o ne lle grandi civilt de l Me dio e d Estre m o O rie nte
(bizantini, pe rsiani, turchi, cine si, ind; m a ancor prim a e gizi, assiri, sciti e cc.). Q ue ste
raffinate civilt - accom unate dalluso de llarco di tipo com posito (corno, le gno te ndine ),
che costituiva unarm a m icidiale - produsse ro ne l corso de i se coli di que llo che noi
chiam iam o Me dio Evo, una vasta le tte ratura sulle te cniche di uso e adde stram e nto al tiro
con larco. Lunificazione de l Me dio O rie nte sotto le bandie re de llIslam e il conse gue nte
pre vale re de lla lingua araba quale m om e nto unificatore de i popoli conquistati, favor il
fiorire di una vasta le tte ratura di tipo te cnico-scie ntifico, che com e in m olti altri cam pi de l
sape re um ano, inte re ss anche le arti m ilitari e d in particolare il tiro con larco. Inoltre , gli
arabi se ppe ro raccoglie re e trasform are in te oria scritta anche le se colari e spe rie nze
pratiche , m a non codificate , de i popoli de lle ste ppe asiatiche , soprattutto pe r quanto
conce rne nte il tiro da cavallo. Furono cos tradotti o re datti in arabo num e rosi trattati
riguardanti le te cniche di tiro e di adde stram e nto, trattati rivolti soprattutto agli arcie ri de gli
e se rciti arabi (in particolare i m am e lucchi), i quali, a diffe re nza de gli arcie ri occide ntali
de llo ste sso pe riodo, e rano alfabe tizzati e , quindi, in grado di le gge re e studiare tali
trattati. Q ue sti te sti stupiscono pe r la loro ricche zza di dati, conosce nze , inform azioni sul
m odo di conce pire il tiro con larco, sulle te cniche di alle nam e nto e di adde stram e nto e
sulle conce zioni filosoficore ligiose ad e sso le gate . Tale civilt de llarco si diffuse in tutto
il bacino de l Me dite rrane o, trovando te rre no fe rtile ne lle re gioni che gi e rano state od
e rano sotto linflue nza de i bizantini (i rom ani de l m e dite rrane o m e die vale ) , toccando
anche le nostre sponde , in particolare ne llItalia Me ridionale , m a anche ne i te rritori che
e rano stati gi de lle sarcato bizantino (R ave nna) o di que lle che pi rise ntiranno
de llinflue nza ottom ana (Ve ne zia). C i rise rviam o di trattare que sti te m i in se di pi
appropriate , quali ad e se m pio Arcosophia (sulla quale Giovanni Am atuccio ha com inciato a
pubblicare una sorta di storia de llarcie ria Islam ica a puntate ) in que sta se de , inve ce , ci
pre m e m aggiorm e nte adde ntrarci in un te rre no pi politico, ne l se nso di parte cipazione
ad un dibattito orm ai in corso da te m po sulle radici de llarcie ra tradizionale . Da que sti m ie i
studi, infatti, e m e rgono e le m e nti in grado di rappre se ntare un contributo spe ro positivo al
dibattito in corso sul conce tto de l cosidde tto tiro istintivo o tradizionale .

Il tiro istintivo negli antichi testi


Un prim o dato che e m e rge con forza che que llo che oggi vie ne de finito tiro istintivo
non ce rto uninve nzione m ode rna, ope ra di Fre ad Be ar o Howard Hill. In tutti i trattati
de llantichit il conce tto che e m e rge va con forza e ra che larcie re pe r rite ne rsi tale dove va
e sse re in grado di tirare con pre cisione , con forza, ve loce m e nte e in m ovim e nto (suo e /o
de l be rsaglio). Q ue sti e rano i pilastri (in arabo, ark an) de l tiro con larco e gli ste ssi
conce tti si ritrovano ne i m anuali bizantini, ind, cine si. Q ue ste abilit ne l loro insie m e
face vano larcie re com ple to. C e rto, tali abilit si riface vano allarcie re m ilitare o cacciatore ,
m a c da dire che anche le attivit puram e nte ludiche conse rvavano que ste
caratte ristiche , probabilm e nte pe rch , in ultim a analisi, anche le gare e rano una form a di
adde stram e nto. e vide nte che pe r coltivare linsie m e di que ste caratte ristiche non si
pote va non e sse re istintivi cio tirare con forza, pre cisione e ve locit allo ste sso
m om e nto. A caccia o in battaglia non ce ra il te m po pe r m irini o falsi scopi. Le cose
com inciano a cam biare in O ccide nte , quando ne l XIX se colo, si assist ad un re vival
de llarcie ria de funta orm ai da qualche se colo com e attivit be llica. Q uando larco ce ss di
e sse re unarm a da gue rra e da caccia fu trasform ato in un attre zzo sportivo ne llacce zione
tipicam e nte anglosassone de l te rm ine . Lingle se Horace Ford, il prim o grande arcie re
sportivo, e labor te cniche e te orie che de m olivano de finitivam e nte il conce tto de l tiro da
gue rra e da caccia. A lui e ai suoi com pagni non inte re ssava pi usare unarm a, m a
se m plice m e nte un attre zzo da dive rtim e nto: addio quindi alla forza, addio alla ve locit di
e se cuzione , addio alla m obilit; lunico fattore che ve niva pe rse guito e sviluppato e ra
que llo de lla pre cisione . Da qui com inci il cam m ino di que lla che poi dive nte r larcie ria
olim pica m ode rna, con i ce rchi, i m irini e tutte le attre zzature atte ad e saltare il m aggior
grado di pre cisione possibile . C ontro que sto m odo dinte nde re il tiro con larco si le v, a
m e t de l se colo scorso, in Am e rica, un nuovo m ovim e nto che te nde va a riportare larcie ria
alle sue caratte ristiche prim itive . Le ge sta di Hill, Be ar e com pagni e ntusiasm arono anche
gli e urope i e nacque ro e spe rie nze quale que lla de lla Fiarc; e , in nom e de lla pratica
ve natoria, conce tti quali forza, ve locit e m obilit ritornavano a far parte de l bagaglio
te cnico de llarcie re . Alla lunga, pe r, le saspe razione agonistica le gata allo sviluppo
se m pre pi vorticoso di nuove te cnologie , sta face ndo rie m e rge re , anche allinte rno di
coloro che ave vano fondato la loro ragione de sse re sui sudde tti principi, le ve cchie
obie zioni di Ford, che parafrasate al m ode rno, suone re bbe ro grosso m odo cos: Larco
non pi unarm a.
A che se rve la forza de lla fre ccia? A che se rve la m obilit? In fondo lunica cosa che conta
fare ce ntro, non im porta com e e con che m e zzi. In que sto m odo si torna a rivalutare
com e unico param e tro que llo de lla pre cisione a discapito de lle altre . Addio, arcie re
com ple to! La nostra ide a, inve ce , que lla di ridare solide basi ai principi tradizionali de l
tiro con larco. Fondare una pratica di tiro che abbia com e scopo la rinascita di que ste
consue tudini se colari; con unope razione m e ritoria ve rso una tradizione cos antica che ,
paradossalm e nte , andata pe rduta da te m po in quasi tutte le re gioni de l lontano e vicino
O rie nte (se si e sclude il Giappone , dove la tradizione stata salvata solo a costo di un
inquadram e nto in rigidi pre ce tti e form e ).

Tre principi fondanti


Da ci e m e rgono tre principi fondanti di tale proce sso di ricostruzione storico-
antropologico-ludico-m arziale , sui quali fondare una rinascita de lle ricordate tradizioni, che
sfugga alle false diatribe e contrapposizioni: m ira o collim azione , istinto o ragione ,
prim itivism o o te cnologism o.
A) R ivalutazione de i quattro pilastri de l tiro con larco: pre cisione , forza, ve locit, m obilit;
ripropone ndo la figura di un arcie re m ode rno in grado di padrone ggiare e di cim e ntarsi
ne llinsie m e di tali abilit.
B) Sce lta di privile giare il m iglioram e nto de lluom o rispe tto a que llo de llattre zzatura.
C ) Privile giare laspe tto de lla form azione , de l pe rcorso, de lla via, rispe tto a que llo de lla
pre stazione , de l risultato a tutti i costi.
Il prim o punto significa innanzitutto rivalutare il conce tto di sim ulazione , ve natoria e
pe rch no be llica, ne l quale si adottino form e di alle nam e nto e di com pe tizione basate su
siste m i di valutazione di tutte e quattro le abilit, insie m e e se paratam e nte .
Il se condo significa adottare attre zzature quanto pi se m plici possibili, consci de l fatto che
solo azze rando il param e tro de llattre zzatura si possa far e m e rge re e te ne re sotto
costante controllo il param e tro um ano. C on il te rzo punto sinte nde de finire un m odo di
conce pire la pratica arcie ristica pi vicino alle arti m arziali che alle saspe rata pratica
agonistica de gli altri sport m ode rni. Insom m a, una via de llarco m e dite rrane a, basata
sulla rice rca de l m iglioram e nto psico-fisico di chi la pratica, ne lla quale ci sia spazio anche
pe r il m om e nto agonistico, m a com e ve rifica de l pe rcorso com piuto e non com e e le m e nto
fine a se ste sso.

http://web.archive.org/web/20120129154633/http://www.arcosophia.net/database/ARCO/Anno_2005/Arco_n6_2005/Articolo_Brizzi_Amatuccio/brizzi6-05.htm 3/4
6/4/2014 ARCO N6 2005 - La via dell'arciere mediterraneo - Vittorio Brizzi e Giovanni Amatuccio - Greentime Editori
Vittorio Brizzi
Giovanni Am atuccio

Home | significati | in edicola | database | collaborare | team | guida al mercato

2006 Gre e ntim e s.p.a. Editore - Tutti i diritti rise rvati

http://web.archive.org/web/20120129154633/http://www.arcosophia.net/database/ARCO/Anno_2005/Arco_n6_2005/Articolo_Brizzi_Amatuccio/brizzi6-05.htm 4/4