Sei sulla pagina 1di 20

1 Benvenuto in KONTAKT

1.1 Cosa KONTAKT?

Semplicemente, KONTAKT una delle soluzioni per il campionamento leader nellindustria dellaudio.
Come tale permette di riprodurre ed elaborare campioni audio, ma questo non rende giustizia alle grandi
capacit intrinseche del programma. Con Kontakt possibile creare sofisticati strumenti virtuali, con i
loro percorsi di segnale che comprendono potenti strutture di DSP, redendo possibile la costruzione di
complesse configurazioni ed ampi percorsi di modulazione con laccesso ad un enorme libreria di
campioni di terze parti.

1.2 La Documentazione

KONTAKT viene fornito con una serie di risorse di documentazione, sia in forma cartacea che
elettronica. Noi non consigliamo di continuare a leggere tutto insieme, ma leggere questa parte potrebbe
essere utile per avere una panoramica sul programma. Poi quando sarete bloccati potete ricercare
largomento che vi daiuto.

1.2.1 Convenzioni Documentazione

Questo documento usa una particolare formattazione per evidenziare argomenti speciali e per avvertirti
di potenziali problemi le icone introducono le note seguenti che ti permettono di conoscere quale tipo di
informazione seguiranno:
La nuvola parlante in formato icona indica un consiglio utile che pu spesso aiutarti a risolvere processi in
modo molto efficiente.

L'icona punto esclamativo evidenzia informazioni importanti che sono essenziali per quel contesto.
L'icona Croce Rossa aperte di seri problemi e potenziale rischi che richiedono una piena attenzione.

Inoltre le seguenti formattazioni sono usate:


Il testo che appare nel menu a discesa (come Open, Save as etc.) Del software e percorsi alle posizioni
sul tuo hard disk o altri dispositivi di memorizzazione stampato in italico.
Il testo che appare ovunque (etichette sui pulsanti, controlli, testi accanto ai segni di spuntaetc.) nel
software sono stampati in blu. Comunque vedi questa formattazione applicata, vedrai lo stesso testo
apparire in qualche punto sullo schermo.
Nomi importanti e concetti sono stampati in grassetto grassetto.
Riferimenti a tasti sulla tastiera del computer mi potrai trovare in parentesi quadra (e.g., Premi [Shift] +
[Enter]).

Istruzioni singole sono introdotte con questo pulsante freccia tipo Play.

I risultati di azioni sono introdotti da una piccola freccia.

1.2.2 Riguardo questo riferimento all'applicazione

Questo riferimento allapplicazione una risorsa documentale molto importante. Essa fornisce una
completa descrizione di tutti gli elementi dellinterfaccia utente, opzione, tools, editors, e moduli di sound
processing di KONTAKT. Potete usarla sia come manuale di riferimento sia come guida approfondita
per lavorare con lapplicazione.

1.2.3 Altre documentazioni

Abbiamo preparato una ricca quantit di informazioni su tutti gli aspetti di KONTAKT, la maggior parte
delle quali possibile trovare in forma di documenti PDF all'interno della directory di installazione
KONTAKT sul disco. Quando si utilizza la versione stand-alone di KONTAKT, possibile accedere a
questi documenti attraverso il menu Aiuto nella parte superiore della finestra dell'applicazione
(Windows) o il desktop (Mac). Altrimenti, basta individuare la directory di installazione sul vostro disco
ed aprire i file con un lettore PDF di vostra scelta.
Oltre a questa guida, KONTAKT viene fornito con i seguenti documenti:
Il documento Getting Started che vi guider attraverso le fasi fondamentali della creazione dei suoni
in KONTAKT per poi farti familiarizzare con gli aspetti fondamentali della sua interfaccia utente.
Dopo la lettura, si dovrebbe essere in grado di iniziare a lavorare con KONTAKT sia in modalit
stand -alone sia come plug-in nel sequencer trovare, caricare e riprodurre suoni, e conoscere il modo
per gestire linterfaccia l'utente. Per questo motivo, si consiglia di dedicare del tempo a leggere questa
guida nella sua interezza.
La Library Manual descrive il contenuto della vasta libreria di strumenti pronti ad essere usati che
viene fornita con KONTAKT. Questo pu essere trovato nella cartella della Libreria di Kontakt.
Il manuale KSP Reference documenta il linguaggio di scripting incorporato, che consente di
incorporare script nello strumento che possono alterare dinamicamente i dati MIDI ed i parametri di
riproduzione nelle loro zone. Come tale, essa dedicata specialmente agli utenti avanzati.
Il Manual Addendum documenta le nuove caratteristiche che sono incluse con ogni aggiornamento
di KONTAKT. Se sei gi familiarit con KONTAKT, questo manuale ti fornir informazioni sulle
ultime caratteristiche e cambiamenti. Se sei nuovo in KONTAKT, questo manuale deve essere tenuto
da parte e considerato unaggiunta a quell odi riferimento.
La KONTAKT Player Getting Started spiega come possibile caricare ed utilizzare campioni di
terze parti contenute in librerie sonore che vengono fornite con il PLAYER KONTAKT o con
KONTAKT 5. Questa guida installata solo con KONTAKT PLAYER.
2 Impostazioni

Una volta che il processo di installazione terminato, si dovrebbe trovare la directory di installazione KONTAKT
5 sul disco rigido. Essa contiene lapplicazione KONTAKT 5 e le risorse di documentazione come descritto nel
capitolo precedente.Prima di iniziare KONTAKT per la prima volta, vale la pena spiegare che ha due fondamentali
differenze nelle modalit di funzionamento.Avete la possibilit di scegliere di usare KONTAKT come una normale
applicazione, in questo caso si comporter come un altro programma sul computer - nella documentazione ci
riferiamo a questa "versione stand- alone" - o, in alternativa , possibile utilizzarlo come strumento virtuale
informato di plug-in all'interno del vostro sequencer o DAW ( Digital Audio Workstation ) .La differenza pi
importante tra queste due modalit riguarda il modo in cui KONTAKT gestisce i flussi audio MIDI. Nel
funzionamento stand-alone, KONTAKT affronter il MIDI e hardware audio direttamente (richiede di specificare
alcuni dettagli circa l'hardware ed i suoi driver) , mentre nel caso di utilizzo di KONTAKT come plug -in , questi
saranno gestiti dall'applicazione host di sequencing . Le sezioni seguenti spiegano entrambe le modalit pi in
dettaglio.

2.1 Operazioni Stand-alone

Quando si avvia l'applicazione KONTAKT 5 nella directory di installazione, KONTAKT si avvier come
programma stand- alone che fornisce il proprio menu dellapplicazione, proprio come qualsiasi altra applicazione
sul vostro computer. In questa modalit, KONTAKT ricever dati MIDI da una o pi porte di un'interfaccia MIDI
ed invier i segnali audio direttamente all'interfaccia audio. Questo pu essere molto utile se non avete bisogno delle
funzionalit aggiuntiva di un ambiente in piena regola di sequencer per il vostro lavoro a portata di mano, per
esempio quando si utilizza KONTAKT come strumento di performance live o come ospite di campionamento su
un computer stand- alone. Inoltre, quando si crea o si modifica complessa libreria di campioni solo, utilizzando la
versione stand- alone spesso pi facile che aprire KONTAKT in un sequencer.
Quando si avvia KONTAKT in modalit stand -alone per la prima volta, si devono configurare i percorsi per i
protocolli audio e MIDI. Al fine di permettere a KONTAKT di ricevere note MIDI dalla tastiera e di suonare, devi
prima configurare l'hardware da usare. Questo viene fatto tramite la Finestra di dialogo Opzioni, che dovrebbe
apparire automaticamente al primo avvio.
Pulsante Options

inoltre possibile aprire questa finestra in qualsiasi momento facendo clic sul pulsante Options nella parte superiore
della finestra principale. Questo la posizione di configurazione di tutti gli aspetti dellinterfaccia utente di
KONTAKT ed il suo motore di riproduzione del campione. In questo capitolo si descrivono solo i tabs Audio e
MIDI in fondo; si possono trovare spiegazioni approfondite delle altre opzioni pi avanti in questo manuale.

2.1.1 Low Memory Warning allavvio

A volte un avviso di memoria viene visualizzato durante l'esecuzione di pi istanze autonome di KONTAKT
contemporaneamente. Questa finestra di avviso "memoria insufficiente" appare quando KONTAKT in esecuzione
senza i privilegi di amministratore o se viene avviata una seconda istanza di KONTAKT che richiede RAM che la
prima istanza ha gi riservato. Pertanto, lesecuzione di pi istanze autonome di KONTAKT contemporanee non
raccomandato.

2.1.2 Configurazione Audio

Nel tab Audio della finestra di dialogo Options, possibile specificare quale dispositivo audio KONTAKT dovrebbe
utilizzare per la riproduzione e la regolazione dei parametri di riproduzione globali.

Audio tab della finestra di dialogo Options


La finestra di dialogo fornisce le seguenti opzioni:
Driver: Con questo menu a discesa, possibile selezionare quale dei driver del sistema operativo larchitettura
audio di KONTAKT deve usare. La maggior parte dei dispositivi audio professionali forniscono driver ASIO,
CoreAudio (Mac) o WASAPI (Windows).
Device: Questo menu elenca tutte le interfacce audio collegate che hanno i driver per l'architettura scelta: vedi
sopra. Utilizzare questa opzione per selezionare l'interfaccia audio che vuoi utilizzare per la riproduzione.
Sample rate: Questo menu a discesa consente di impostare la frequenza di campionamento di riproduzione
globale a cui KONTAKT operer. I valori comuni sono 44100 Hz per la musica e 48000 Hz per la produzione
cinematografica. Si noti che questo non ha nulla a che fare con la velocit di campionamento in cui i campioni
sono stati registrati - se il rate di riproduzione non corrisponde alla rate di registrazione di un campione,
KONTAKT gestir tutte le fasi di conversione necessarie in modo trasparente per voi.
Latency: La dimensione del buffer di riproduzione audio in campioni. Piccoli valori faranno abbreviare il ritardo
tra la pressione di un tasto e la riproduzione del suono risultante (questo chiamata " latenza "), ma pu causare
drop-out e balbuzie quando si riproducono molte voci che, allo stesso tempo. Al contrario, l'impostazione ad un
valore pi alto consente una riproduzione pi affidabile a costo della latenza. Nota che questo controllo non
sempre disponibile, le volte che la latenza gestita dal tuo driver audio.

2.1.3 Ottimizzazione della Latenza

Il carico che i calcoli audio digitali tipici generano sul vostro processore non spesso costante e prevedibile;
modifiche dei parametri, voci aggiuntive o altri processi possono tutti causare momentanei picchi di carico, che
possono risultare come drop-out o altri artefatti audio, se non adeguatamente compensato. Ecco perch i programmi
audio non inviano i segnali audio che generano direttamente all'hardware, ma li scrivono in un breve buffer di
memoria invece per poi inviarli all hardware reale. Questo concetto consente al programma di colmare brevi
irregolarit nel fiume di calcoli e quindi essere pi resistenti ai picchi di elaborazione.
Naturalmente, questa " rete di sicurezza " ha un prezzo - il buffer causa un ritardo, noto come latenza, tra
lattivazione di una nota e lemissione del suono. Questo ritardo si allunga con l'aumentare delle dimensioni del
buffer. Pertanto, fondamentale per regolare la dimensione del buffer al fine di trovare un buon compromesso tra
latenza e affidabilit di riproduzione. Il valore ottimale dipende da fattori diversi come la CPU, i tempi di accesso
di memoria ed hard disk, l'hardware audio ed i driver ed il funzionamento dellambiente di sistema.
Per trovare la dimensione ottimale del buffer per il sistema, si consiglia di iniziare impostando il cursore Latenza
descritto nella sezione precedente ad un valore intermedio tra 384 e 512 campioni, poi gradualmente diminuire il
valore durante il normale lavoro.

Slider Latenza

Quando si iniziano a notare drop-out, aumenta di nuovo il buffer di una piccola quantit.

In generale, una buona idea avere come poche altre applicazioni possibili in esecuzione in background quando si
lavora con software audio. Inoltre, se non possibile ottenere sotto di una certa dimensione del buffer senza ottenere
drop-out, consultare la documentazione del vostro hardware audio per scoprire se possibile accedervi tramite
un'architettura driver alternativa, come alcune architetture consentono pi efficiente accesso a basso livello per
l'hardware di altri.

2.1.4 Configurazione MIDI

Il tab MIDI della finestra di dialogo Options elenca tutti le entrate e le uscite MIDI che possono essere trovate sul
tuo sistema. Queste sono porte di interfacce MIDI fisiche connesse al tuo computer, ma anche qualunque porta
MIDI virtuale che pu essere creata da drivers o altre applicazioni per facilitare luso del MIDI tra le stesse.
Tab MIDI della finestra di dialogo Options

Al fine di rendere KONTAKT attivo per la ricezione dei dati MIDI dall'esterno, dovrete attivare una o
pi porti che compaiono nella lista degli ingressi della scheda MIDI. Assicurati che il pulsante Inputs sia
evidenziato ed identifica la porta (e) che si intende utilizzare per l'ingresso MIDI dalla lista. Se il campo
Status sul lato destro di una voce mostra Off, fai clic su tale valore e assegna ad una delle porte MIDI
lidentificatore (A-D). Questo permette alla porta, di essere identificata dal menu di selezione della porta
dell'interfaccia utente.

2.2 Operativit Plug-in

La versione plug-in di KONTAKT consente di utilizzarlo come strumento virtuale all'interno del vostro
sequencer o DAW. In questo modo, possibile eseguire pi istanze contemporaneamente in KONTAKT
come con gli altri generatori sonori ed effetti plug-in, e possono essere suonati da i dati di tracce MIDI
dal tuo sequencer ed alimentare direttamente le loro uscite audio output audio nel flusso di segnale nel
mixer virtuale.
A seconda del sistema operativo e dalle scelte al momento dellinstallazione, KONTAKT fornisce plug-in VST,
Audio Units (AU), e RTAS.
Fai riferimento alla documentazione del sequencer per scoprire quale di questi formati quello corretto
nel tuo caso, se stato attivato il formato appropriato al momento dellinstallazione, KONTAKT 5
dovrebbe apparire nell'elenco di selezione plug-in all'interno del vostro sequencer. Se non fosse cos,
esegui di nuovo il programma di installazione dal DVD KONTAKT ed assicurarti che l'appropriato plug-
in sia contrassegnato per l'installazione.
Si noti che i plug-in RTAS sono supportati solo in applicativi Digidesign. Per altri host, controllare la
documentazione per la versione di plug-in da utilizzare.

Il modo in cui lo strumento virtuale in formato plug-in integrati nel flusso di lavoro dipende molto dal
vostro sequencer, consultare la documentazione per scoprire come lavorare con il plug -in KONTAKT.

2.2.1 Cambiare le uscite in Pro Tools

1. Dopo aver modificato la configurazione di uscita di Pro Tools, necessario chiudere la sessione in
esecuzione.
2. Scollegare KONTAKT. Uscire da Pro Tools.
3. Riavviare Pro Tools.
4. Inserire una nuova istanza di KONTAKT. Riaprire la sessione.

Quando si imposta la nuova configurazione di output per KONTAKT assicurarsi di selezionare la


configurazione come impostazione predefinita.

2.2.2 Cambiare le uscite in Logic 8

Assicurarsi che la configurazione delle uscite KONTAKT corrispondano alla configurazione del canale scelto in
Logic 8.
In caso contrario, i segnali potrebbero essere indirizzati al canale Aux sbagliato.
3 Elementi interfaccia utente

Durante il vostro lavoro con KONTAKT, imparerete ad usare gli elementi che consentono linterazione con il
programma e sono utilizzati costantemente nellintera interfaccia. Luso di questi elementi comuni sempre lo
stesso, solo il contesto in cui appaiono varia. In questo capitolo, spiegheremo i tipi di elementi di base che si
incontrano, e ci che si pu fare con loro. Prima di iniziare, per, c' una funzione utile che dovete conoscere prima
di tutte le altre, ogni volta che non sei sicuro della funzione specifica della manopola, menu o altro elemento di
interfaccia ferma la freccia del mouse sul controllo, appariranno le informazioni riguardanti il controllo: le Info
Pane.

3.1 Info Pane

un'area situata nella parte inferiore della finestra KONTAKT, appena sopra il fondo- pi la barra di stato.
Per visualizzare Info Pane:
1. Apri il menu Workspace nella testata di KONTAKT.
2. Esegui il Click sullopzione Info.

Questo passa a visibile la Info Pane.

La Info Pane, visualizza una descrizione del pulsante Options nel Main Control Panel
Sulla sua destra, la Info Pane visualizzer un breve aiuto in formato testo riguardante il controllo su cui
il mouse al momento appoggiato. Se non conosci cosa un potenziometro, pulsante, oggetti menu, o altri
elementi di controllo fanno, semplicemente passaci sopra il mouse mentre la Info Pane visibile ed una
descrizione del controllo apparir qui.

Impostare la lingua della Info Pane


Laiuto Info Pane disponibile in cinque lingue: English, German, French, Spanish e Japanese. In
aggiunta, alcune altre parti dellinterfaccia, scome i menu stand-alone, saranno tradotti. Puoi impostare
la tua lingua preferita attraverso il menu a discesa Language nel tab Interface nella finestra di dialogo
Options. necessario riavviare KONTAKT dopo aver selezionato una nuova lingua. Se si seleziona
Automatico, la lingua segue la selezione della lingua del sistema operativo.

3.2 Potenziometri

I potenziometri sono l'elemento di interfaccia utilizzata pi frequentemente per la regolazione dei parametri
numerici.

I potenziometri bipolari come questo hanno lo zero (e di default) impostato in alto ad ore 12.

Sono progettati per assomigliare ai controlli rotativi reali che si possono trovare su console di missaggio ed
altre attrezzature.
Per modificare un valore del potenziometro, esegui il clic e trascina il mouse verso l'alto per spostarlo
in senso orario, o verso il basso per spostarlo in senso antiorario.
Alcuni potenziometri possono essere regolati con maggior precisione se si tiene premuto il tasto [Shift]
sulla tastiera durante lo spostamento dello stesso.
possibile ripristinare un potenziometro al suo valore di default eseguendo il click su di esso tenendo
premuto il tasto [Ctrl] se siete su un sistema operativo Windows, o il tasto [Cmd] se siete su Mac OS X.
Molti parametri legati al tempo in tutto l'ambiente di KONTAKT possono essere sincronizzati al tempo
del brano. Eseguendo il click sull'unit che viene visualizzata nel rispettivo controllo aprir un menu a
tendina a lettura numerica, che contiene una serie di valori di nota; selezionando uno di questi, di fatto
decidendo il numero di note che vuoi coincidere con la lunghezza del ciclo, e quindi si sincronizza il
parametro al tempo corrente. Se si desidera passare al valore sincronizzato del parametro, basta aprire di
nuovo il menu e selezionare a voce di <default>.

Il menu a discesa di sincronizzazione del tempo ti permette di scegliere un valore nota invece di un valore di tempo assoluto per il rispettivo
controllo.

Per creare una nuova assegnazione di modulazione, che utilizza una sorgente di segnale modulato per
cambiare un parametro nel tempo, click destro sul potenziometro rispettivo e scegli una fonte di
modulazione dal menu a discesa che appare. Come funziona il sistema di modulazione
allassegnazione delle fonti in KONTAKT spiegato in dettaglio nel capitolo25, Modulazione in
KONTAKT di questo manuale.
Click Destro su un potenziometro pu anche permettere di impostare la funzione di MIDI-Learn per una
veloce assegnazione di un controller MIDI al potenziometro selezionato.

3.3 Pulsanti

I pulsanti vengono usati ogni qualvolta un parametro pu essere messo in on e off. Ogni click su un
pulsante lo fa passare tra i due stati. Lo stato corrente del pulsante indicato dal colore di sfondo dello
stesso; se un parametro abilitato, il suo pulsante risulter evidenziato.
I pulsanti di opzione attivi sono evidenziati.

3.4 Menu a discesa

Questi menu ti permettono di scegliere tra una lista di valori. Sono alla vista simili ai pulsanti, ma con una
piccola icona di freccia sul lato destro. Eseguendo il click su di esso fa aprire un menu; rimarr aperto fino
alla selezione del nuovo valore o se clicck in qualsiasi punto della finestra di KONTAKT, questultima lascia
invariata il valore. Alcuni menu hanno anche dei sub-menus; questi saranno indicati con una piccola freccia
a destra vicina al loro nome. Muovendo la selezione ad uno di questi oggetti aprir il corrispondente sub-
menu.

Il menu a discesa di mode del Modulo Fonte (Source Module).

3.5 Barre di scorrimento

Le barre di scorrimento appaiono in basso o sul bordo destro del pannello il cui contenuto prenderebbe troppo
spazio per essere visualizzato nel suo contenuto intero. Esegui il click sulla posizione dellindicatore e
trascinalo per poter scorrere lungo il contenuto, invece eseguendo il click sullo spazio vuoto della barra di
scorrimento vi far saltare alla posizione rispettiva. Alcuni contenuti poi possono essere anche ingranditi o
rimiccioliti; questo indicato dai pulsanti + e - ad uno dei confini delle loro barra di scorrimento. Esegui
il click su + per eseguire lo zoom in, o - per eseguire lo zoom out. Alcuni parti in KONTAKT, chiamate
Mapping Editor e Wave Editor, hanno una modalit alternativa per eseguire lo zooming che potrai trovare
pi conveniente nelluso; puoi leggere riguardo a questo metodo, dubbed rubber-band zooming, nel
capitolo dei rispettivi editors.

Barre di scorrimento orizzontali e verticali nel Wave Editor.

3.6 Campi valore

Alcuni campi contengono campi modificabili di solito numerici valori senza controlli aggiuntivi. Questi
appaiono frequentemente in posti dove non c molto spazio per potenziometri o altri controlli, come righe
di tabelle che si possono ridurre o allargare. Ci sono vari modi per modificare il loro valore:
Eseguendo il click sul campo, e poi trascinando il mouse verso lalto per aumentarne il valore e verso il
basso per decrementarlo.
Quando si passa il puntatore del mouse sul campo, appaiono piccole frecce di su e gi sul lato destro. Fai
clic su queste per aumentare o diminuire il valore di una unit alla volta.
Esegui il doppio click sul campo ed digita il nuovo valore con la tastiera.

Campo Valore
3.7 Saving and Loading Presets

Ogni volta che avete creato una patch che volevate in una qualsiasi sezione di KONTAKT, potresti voler
salvarlo per un successivo utilizzo in un altro contesto.
Lambiente di creazione del suono di KONTAKT diviso in moduli, e la maggior parte di questi ha un
menu a discesa di preset che ti permette di gestire presets per il rispettivo modulo. Caricando un preset in
un modulo non colpisce gli altri moduli nel tuo Strumento questo approccio modulare ti da la possibilit
di combinare differenti preset nel tuo Strumento.
I presets sono salvati in files (estensione file: .nkp) che risiedono in una serie di sotto-cartelle all'interno
della cartella "preset". KONTAKT crea due di queste cartelle preset sul tuo sistema: una contiene i presets
di fabbrica, ed posizionata in una cartella che non scrivibile dallutente normale; le altre risiedono nella
tua cartella personale e sar utilizzata per memorizzare i tuoi presets. KONTAKT creer la cartella preset
utente allinizio. Su Windows, le cartelle dei preset di fabbrica e per i preset dellutente saranno create in:
C:\Program Files\Common Files\Native Instruments\Kontakt 5\presets
C:\Users\[username]\Documents\Native Instruments\Kontakt 5\presets
Su Mac OS X, puoi trovare le cartelle factory ed user preset folders in:
Macintosh HD/Library/Application Support/Native Instruments/Kontakt 5/presets
Macintosh HD/Users/[username]/Documents/Native Instruments/Kontakt 5/presets

KONTAKT viene fornito con un largo numero di presets gi confezionati pronit alluso per molti di questi
moduli. Questo un ottimo punto di partenza per le tue impostazioni personali, quindi vale la pena conoscere
i preset preimpostati del modulo quando si deve eseguire una funzione specifica e non sai da dove cominciare.
Come accennato, la gestione preset in KONTAKT avviene all'interno di ogni modulo nel menu a discesa dei
preset.
Puoi accedere a questo eseguendo il click sul menu a discesa nominato Pre o Preset che posizionato sulla
parte sinistra di ogni modulo. Questo contiene tutti i files preset che possono essere trovati nelle rispettive
cartelle dei preset sul tuo disco fisso, con le subdirectories (se ci sono) che appaiono come sub-menus. La
voce Save Preset nella parte inferiore del menu aprir una finestra di dialogo che vi chieder il nome del file.
Digita un nome descrittivo ed esegui il click su Save da adesso in poi le tue impostazioni sono disponibili
nel sub-menu User del menu a discesa presets. Questo non funziona, tuttavia, se si modifica il percorso nella
finestra di salvataggio, quindi sempre consigliabile salvare i preset nel percorso predefinito.

3.8 MIDI Learn

KONTAKT ha una funzione di MIDI Learn per tutti gli sliders e potenziometri. Una volta collegato uno
dei controlli a potenziometro o fader di KONTAKT ad un modulo contoller MIDI, puoi facilmetne
accedere al parametro di Kontakt corrispondente con il controller esterno.
3.8.1 Assegnazione MIDI Controllers

Per assegnare uno degli sliders o potenziometri di KONTAKT a certi controller MIDI controller fai come segue:
1. Click destro sul potenziometro o slider a cui vuoi assegnare il controller MIDI.
2. Seleziona Learn MIDI CC# Automation.
3. Turn the knob or move the slider on your MIDI hardware controller.
The control should pick up the movement instantly.
Ruota il potenziometro o muovi lo slider sul tuo controller MIDI hardware. Il controlllo prender il
movimento allistante. Pio aggiungere controllers MIDI aggiuntivi (CC#s) allo stesso potenziometro di
KONTAKT. Puoi anche assegnare potenziometri multipli o sliders allo stesso controller MIDI.
Se non puoi assegnare MIDI controllers in questo modo, vedi sezione 13.6, Tab Automation,
per un metodo di assegnazione alternativo.

3.8.2 Rimuovere lassegnazione di MIDI Controller

Per rimuovere lassegnazione fatta di un controller specifico fai come segue:


1. In KONTAKT, click destro sul potenziometro o slider.
2. Seleziona Remove MIDI Automation: CC#.
Lassegnazione del MIDI controller sar rimossa.
4 KONTAKT: La Big Picture

KONTAKT uno strumento estremamente potente, complesso, e dalle grandi capacit. Prima di entrare nello
specifico facciamo un passo indietro e descriviamo KONTAKT in termini generali.
La struttura di molti campionatori, hardware o software, simile a quella di un sintetizzatore: in poche parole,
qualche tipo di generatore sonoro emette segnali che vengono trasformati in risposta a segnali di note MIDI in
ingresso; questi segnali vengono poi elaborati in molti modi ed inviati all'uscita.
La differenza che il generatore sonoro di un tipico sintetizzatore crea la sua forma donda fonte interamente con
significati elettrici o matematici, spesso limitati d aun ben definito numero di forme donda, invece un campionatore
pu usare ogni tipo di dati audio precedentemente registrati- strumenti acustici campionati, effetti sonori, voci, e
naturalmente qualsiasi forma donda classica di sintetizzatore conosciuto.
La struttura generale di KONTAKT non differente a questo proposito, anche se molto pi sofisticato di un sacco
di campionatori convenzionali. Per esempio, KONTAKT non ha alcun particolare limite nella struttura del flusso
del segnale sul suo strumento ha un approccio completamente modulare dei parametri di suono, di elaborazione
e di modulazione. Qualunque cosa possibile, dallinnescare un semplice sampione one-shot a costruire sofisticati
strumenti virtuali che riproducono fedelmente tutti gli aspetti e le loro controparti acustiche e rispondonoin modo
intelligente alle vostre performance.
Come sempre, questa potenza ha un prezzo; mentre sarete in grado di caricare e suonare il vostro strumento di
KONTAKT immediatamente, ci vorr un poco di pratica per diventare un maestro della creazione dei vostri
suoni.Speriamo che questo manuale ti aiuti a raggiungere questo; inoltre, ogni volta che sei bloccato, ricorda che
puoi ottenere consigli utili dal riquadro Info Pane descritto nella sezione 3.1, Info Pane in qualsiasi momento.

4.1 Blocchi di Costruzione

Lambiente completo di lavoro di campionamento di KONTAKT diviso in piccole sezioni, che permettono di
concentrarti sul lavoro che stai eseguendo senza essere distratto da altri dettagli. La separazione funzionale si riflette
anche sull'interfaccia utente; la maggior parte degli elementi che appartengono a un tipo specifico di attivit sono
mantenute all'interno di un riquadro separato, tab, o finestra di dialogo.
In questa sezione, si distinguono ulteriormente due tipi generali di blocchi: i blocchi fondamentali, che sono
organizzati gerarchicamente e permettono alla catena di KONTAKT di trasformare i dati MIDI in suono, e i tools,
che ti permettono di usare un ampia gamma di gestione di periferiche, configurazione e monitoraggio attivit.

4.1.1 Blocchi di costruzione Core

Seguiamo il percorso di Kontakt per far diventare un semplice files audio in un setups strumentale suonabile,
partendo dal pi piccolo elemento per poi lavorarlo via via:
Un Sample un semplice file audio sul tuo disco fisso.I campioni possono occasionalmente portare metadati
aggiuntivi, ma nella loro forma pura, essi non forniscono altro che un segnale audio registrato. Un esempio di
un campione potrebbe essere una registrazione digitale di una singola nota di piano. I campioni possono apparire
in vari formati come WAV, AIFF, o REX.
Una Zone in KONTAKT un modo per mettere un Sample in un contesto riproducibile. Pensa ad una zona
come un wrapper around di un campione singolo; in aggiunta al campione stesso, la Zona contiene informazioni
riguardo a quali dati MIDI faranno innescare la riproduzione del campione da parte di KONTAKT, a quale
pitch il campione stato registrato ed altri dettagli. Unesempio di una Zona sarebbe il suddetto pianoforte
campione, con allegate le informazioni che dovrebbe essere suonato senza nessuna trasposizione ogni volta che
KONTAKT riceve una nota F3 con un valore di velocity tra 64 e 95. Come Zone non contengono quantit di
dati aggiuntivi, esistono solo all'interno di un contesto pi ampio e non possono essere salvati e caricati
separatamente.
Un Group un contenitore che ti permette di combinare un numero di Zone. Come ci possono essere Zone in
un Group (e non solo una), ogni strumento deve contenere almeno un Group; di solito, puoi aggiungere molti
pi Groups al fine di creare la vostra Zones per mezzo di aspetti distintivi-i cui aspetti sono scelti interamente
da te , ma ci sono alcuni approcci comuni. Tutte le Zones che sono in uno specifico Group condivideranno un
numero di parametri comuni e moduli del flusso di segnale; per esempio, i loro Campioni saranno suonati dallo
stesso Modulo Fonte. Di conseguenza, se vuoi che alcune delle tu Zone vengano suonate da Moduli Fonte con
diverse impostazioni, devi prima separarle nel loro Group prima. Nel corso della stesura del manuale, moduli
relativi ad un Group vengono denominati Group-level modules. Un esempio tipico di un Group potrebbe
esserewould be tutte le Zones nel mi strumento che devono essere suonate a livello mezzoforte. I Groups
possono essere caricati e salvati separatamente come files con unestensione .nkg.
Un Instrument lentit che tu incontrerai pi frequentemente quando lavorerai con librerie di KONTAKT gi
prontee. Come il suo nome suggerisce, lequivalente virtuale di uno strumento acustico quando suonato,
produce uno specifico intervallo di suoni, possibilmente a diversi timbri, dinamica, ed articolazioni.
Tecnicamente, un KONTAKT Instrument un involucro attorno ad un numero di Groups, le cui uscite di
segnale sono miscelate e passano in una comune catena di segnale; i moduli in questa catena si dice che
risiedono sul Instrument level. Un esempio tipico di un Instrument potrebbe essere un piano. Gli
instruments possono essere salvati e caricati separatamente; i files di KONTAKT Instrument nativi hanno
lestensione .nki.
Un Instrument Bank il solo elemento opzionale della gerarchia del Core di KONTAKT; in altre parole, non
devi usare questa caratteristica se non lo vuoi. Instrument Banks ti permette di combinare fino a 128 Instruments
in un contenitore che risponde ad un singolo canale MIDI; puoi anche cambiare lInstrument attivo mandando
un messaggio di MIDI program change su questo canale. Questo ti permette di creare Questo ti permette di
creare unimpostazione compatibile General MIDI, o combinare Instruments che contengono varie articolazioni
dello stesso strumento acustico in uno slot. Un esempio tipico di Instrument Bank potrebbe essere un numero
di Instruments Violini che contiene campioni di legato, detach, staccato, e pizzicato, rispettivamente, con la
differente articolazione e tecnica di esecuzione cambiabile attraverso messaggi di program change. Instrument
Banks possono essere salvate e caricate separatamente come file con estensionec .nkb.
Infine, un Multi ti permette di combinare liberamente fino a 64 Instruments in un setup di produzione. Il Multi
e lelemento pi alto nella gerarchia di Core di KONTAKT. Ogni Instrument in un Multi risponde ad un
specifico canale MIDI ed invia il suo sengale in uscita ad uno specifico canale duscita, dove i segnali da tutti
gli Instruments saranno miscelati e passati alluscita fisica della tua interfaccia audio o, in alternativa, al tuo
programma host. Un tipico esempio di un Multi potrebbe essere a jazz trio ensemble. Multis possono essere
caricati e salvati come files con lestensione .nkm.

4.1.2 Tools

In aggiunta allarchitettura del Core, KONTAKT offre alcuni tools che possono semplificare il lavoro di tutti i
giorni:
Il Browser localizzato sulla sinistra della tua finestra di KONTAKT e puoi a scelta essere nascosta oer salvare
spazio nello schermo; fornisce un modo conveniente per organizzare e accedere a tutti i files rilevanti di
KONTAKT nel tuo sistema come Instruments, Multis, o Banks. Il riquadro Browser inoltre offre un numero
aggiuntivo di utili funzioni aggiuntive; che saranno descritte in dettaglio nel capitolo13, Il Browser.
Il Database tiene traccia di tutti i files sul tuo sistema che possono essere usati da KONTAKT; esso permette di
sfoglieare ed accedere a questi files senza la pesantezza di un browser completo file system e ti permette di
trovare velocemente attraverso un largo numero di dati. spiegato in dettaglio nella sezione 13.2, Files Tab.
Il Rack occupa la quantit maggiore di spazio nella tua finestra di KONTAKT ; essa opera in uno o due modi
differenti. Nella modalit Multi Instrument, il Rack ti fornisce una panoramica di tutti gli Instruments che sono
al momento nella tua Multi, insieme ad alcuni parametri generali. Esegui il click sulla icona chiave sulla parete
sinistra della testata dellInstrument ed il Rack passer alla modalit Instrument Edit, che fornisce una vista
flessibile e regolabile dei pannelli di moduli contenuti, editors, e e tabelle di modulazione di questo Instrument.
La sezione Outputs un ambiente stile mixer in cui puoi regolare i livelli duscita, assegmale i Canali duscita
alle uscite fisiche, ed usare moduli di processamento di segnale che operano sui segnali in uscita di tutti gli
Instruments nella tua Multi.
La On-Screen Keyboard virtuale, il Master Editor, lInfo Pane e la finestra di dialogo Options fornisce varie
funzioni di utilit e sono spiegate in dettaglio nelle loro rispettive sezioni di questo manuale.