Sei sulla pagina 1di 8

Eccoli eccoli Prima che faccia mattina La notte passa in fretta per chi tira la mattina Quindi legami

e passa in fretta per chi tira la mattina Quindi legami al letto Che equilibrio di mestieri
LA FINE DEL MONDO Arrivano a cacciarci
Appiccican le faccie ai finestrini
Arrivan di notte a prendermi la mano E per chi fuma il pomeriggio marijuana
Le si viene ad imputare, che non fa mai colazione
Legami non farmi uscire
Dove mi porti troia manifesta
Benvenuto al pentimento
Che benvenuto eri
Lampi e tuoni Guidati dallodore dal fetore che Lo specchio si rotto E che ha la faccia da coniglio al mattatoio Un paio dore
Si abbattono dallaere emaniamo segno di sfortuna Mora che mi punti addosso
La barca sta per rompere lormeggio I primi atterrano sul duomo di Milano Dallalto la luna Sbugera il bastardo con le mani nel bottino Quattro pattuglie degli sbirri Con la tua samba africana
Esce dalla bruma Non mi riesco a ricordare la sua faccia lurida Ferme in corso Como Che si sente meno sola
I nani ed i giganti Ecco si apre lo sportello E grattano ai vetri Che per quanto mi ricordi sbascicava La modellina fatta ed ignorante Quando sveglia la savana
Stanno cantando in coro Tutti gridano e calpestano il vicino Coi chiodi della strada Che ci ha reso pi pesante la spettacolariet Non cerca il fumo Benvenuta a mia sorella
Gonfiando la laringe ed il piloro Ecco arriva Poliremo Arrivan di notte a prendermi la mano Il neo senegalese ha soppiantato il marocchino Benvenuta pora stella
Ecco arriva Poliremo Ci vuol lo stomaco per reggere il concetto di perfetto Il traffico diretto regia del celerino Che se non si copre bene
scritto scritto Sette disgrazia E che silenzio nelle facce chiuse in case di citt Milanobabilonia insieme a te Le si vede la stampella
Il verbo ci ha parlato finita finita E tredici sfortuna Chi non si tiene stretto il seme poi si piscer nel letto E benvenuti nel fox-trot
Nessuno resta vivo dalla guerra Perdiamo con onore La cabala ha detto Immolatevi sul rogo alla spettacolariet Sguardi della gente vuoti come unascensore Benvenuti bel e biot
Non abbiam meritato Non fatevi veder cosi impauriti Di andare via di qua Il buttafuori che smascella non li vuole far entrare Benvenute che son perle
Ci vien restituito Mangiati triturati Perch ti striscia il gatto addosso Povera Milano in mano a dei coglioni Quelle donne delle sere
Il sogno di una vita sulla terra Trafitti e digeriti Addosso striscia il gatto Di notte va a mignotte poi vota Berlusconi Che si portano per mano
Se siamo fortunati deportati Arrivan di notte a prendermi la mano Con pensiero sibillino
Al posto nostro i vecchi abitatori
Il troll la grattachecca esploratori E questo stato scritto
MILANOBABILONIA Quindi legami al letto
Legami che non mi muova
E oltretutto solo umano
Legami al letto
Stanno per ritornare ridendo a crepapelle
Ci stanno gi spiando dalle stelle
E questo stato detto
E questo stato scritto e stato detto LA SPETTACOLARIETA Legami al letto
Legami che non mi muova Legami non farmi uscire
E benvenuto junior Bush
Benvenuto in Bangladesh
Benvenuto nellimbuto
Fanti re regine possidenti comunali Possano gli amici miei scucirmi qualche cosa Chiss che pensa della gente il morto Milanobabilonia insieme a te Che si stringe e chiede aiuto
I ricchi feudatari ed i baroni Credano davvero alla spettacolariet Dal sangue rosso Benvenuto a Sandokan
Si attaccano agli averi ARRIVAN DI NOTTE Sulle balconate prego fate accender ceri Sar bruciato sulla tangenziale E alla perla di Labuan
Che non voglion lasciare
Tra loro papa prete e cardinale Quando il giorno finisce
Balleranno i cani sulle zampe per met
Tutti nel mischione con il pasto ed i suoi avanzi
Tutti addosso
IL GROGIUOLO Benvenuto a capo e coda
Lungo il tronco che si snoda
E la finestra sbatte Figlia della meraviglia Benvenuto anche al black block
Latrando la terra Esce dalla sera Le preferisce signorine o un po pi in la E dellinvidia Benvenuto a Picaci Benvenuto elettroshock
Si rotola per terra Con la sua ombra nera Per il palcoscenico la giostra ruminante Madre per met Benvenuto pi di pi Benvenuto al poliziotto
Ruggiti rantolii sprofondamenti Polvere amara Premio dellinferno la spettacolariet Fa la puttana e cha una figlia Benvenuto al cameriere Che si staglia per la via
Malata razza umana E passi sulla ghiaia Milanobabilonia insieme a te Che non serve a chi non siede Passa un cingolato armato
Vissuta nel mio grembo Arrivan di notte a prendermi la mano Cominciamo col processo alla sua vera ispirazione benvenuto al commediar Passa un uomo incappucciato
Vi brucio vi sotterro e mi rammendo Qui c un tavolo coi fogli ed il suo nome Porta ticinese benvenuto al guerreggiar Basta che non passi a spasso
Tu chiudi a chiave la porta La vogliamo incatenare ai servigi musicali In scena col Mostromo benvenuto presidente Sui miei sassi del selciato
Intanto lultimo presidente E butta via la chiave O alle squallide pulsioni editoriali E tutti gli uomini mostruosi che non presidiavi niente
Grida a tutti:Fate attente! Qualcuno mi ha detto Fanno in fretta il coro Benvenuto col palt
il vaticano che vi distrugge col suo raggio! Che sono gi in citt Cuciti lo sguardo la passione fuggitiva Benvenuto a Serran E boia il cane a morsicato
Non ha capito niente E che si sparsa la voce Pettina i capelli con la riga Meglio il bel culo sulla donna piatta Benvenuto col colbacco nero La signora Serbelloni
La morte gi lo attende Si sparsa come farina La cravatta pu restare ma si tolga quel cappello Che lincontrario Me ne faccio un baffo Che si fida degli amanti
Il cielo non lo ascolta indifferente E che finir male Non si usa pi non moderno Milanobabilonia suona la sirena Benvenuto ai giocolieri Se chan gonfi i pantaloni
JACK TAR Labisso verticale
Il fondo del mare
Luce sopra di noi
C la figlia del dottore
Se la fanno a tutte lore
La mia borsa si restringe
Tutta la vita Luce sopra Mentre la passione spinge
A navigare La nave al fondo
Boia che presto sia finita La vecchia vita Brazil se linverno stato inferno
Che sudo sale Luce sopra di noi stata colpa dellestate
Bevo acqua di mare Brazil se lestate stata inferno
Di trafficare in malavita stata colpa dellinverno
E in malaffare Io cerco tra le pagine del vino
Fumare prendere rubare
Mare fino a ubriacare
BRAZIL La mia parte di America latina
La mia sete di battone vecchio stampo
Mesciua a seccar sulle sartie Io cerco tra le pagine del vino Collo grosso e culo basso
La mia parte di America latina Non si cheta con le bosse
Tutta la vita La mia sete di battone vecchio stampo
Dimesso allordine sociale Collo grosso e culo basso
Se vuoi saperlo il capitano Non si cheta con le bosse
Non lo reputo migliore Mani madide di vino
Di un cantante di ballate E la figlia gi a danzare
Usa la cinghia Col turista goliardone
Per punire la bestemmia Tiene alta la pigione
Dio ti prenda vecchio cane
Io non mi infilo negli affari di nessuno Ma lamarezza si fa a sera
Se non nei miei Quando il padre accovacciato
Nel peccato di bahia
C un gran cerchio intorno al sole Ride come chi nel mal contento
brutto segno porta male
Sta per scoppiare il fortunale Cho una figlia che un portento
Perch non la devo usar
Tutta la vita
Bastardi traditori messi ai ferri Brazil se linverno stato inferno
Con una nave da galera e troppi inverni stata colpa dellestate
Sole con un occhio solo Brazil se lestate stata inferno
Rosso come vecchi uccelli stata colpa dellinverno
Giro di chiglia a Jack Tar
Gira la chiglia Jack Tar Qui laria tutta lustra per il sale
Per Dio tutti i pescecani Bordelloni malaffare
Vi spediscano allinferno fan la mia felicit
Branco danimali Traspira laria di particolari
Aspettando la visione Gonzi non ce n ma bari
Schiume donda di sale che si sanno destreggiar
JIMMY COREA Immaginando il piano LA CERA SQUAGLIA
Per jimmy regalaci un podei tuoi sogni La cera squaglia
La posta alta e Jimmy non sa se uscire Da farci un filo o un volo di pensieri Dateci da bere
Lui si gratta il mento muto per pensare Oppure un carro di bottiglie A noi che ci illudiamo
Se andare in miseria sar Piene di desideri Desser peccatori santi
Una corsa verso la libert Da rompere per dimenticare ieri Macchie di vernice
Oppure un altro ostacolo Sulla ceramica del cesso
Al responso del suo oracolo Chi ha avuto ha avuto
Chi ha perduto fa lo stesso
Lui voleva essere un musicista di jazz
Anche se tutti dicevano che non si alza una
lira
AVERTI IN MENTE La cera squaglia
Macchia la tovaglia
Ma il sogno di una bottiglia Averti in mente Carica la voglia
Lo affascinava pi di una famiglia mentire a te In questa arena trafelata
E il suo quattro dassi in mano Ruba ai miei giorni Bischeri citrulli
Poteva portare lontano La mia stanza vuota Barbonate situazioni
E i miei respiri e Curvi sulla barra
Jimmy bada a quello che fai Solo i bicchieri Cambiam mirra con la birra
Questa scommessa quanto la pagherai Si sriempiono per te
Jimmy bada a quello che fai Con la mia anima La cera squaglia
Questa scommessa quanto la pagherai Che se ne va Dateci da bere
A noi che ci illudiamo
Alch picchi pugno e chiese a qualcuno Butta via Desser peccatori santi
perdono I miei vecchi fiori
Stava seduto tra il pianoforte e il suo bicchiere Le notti a stringermi le meni La cera squaglia
di vino E le mie paure Valeriano ha gi una figlia
E lasci tutti parlare Butta via quello che Lo saluta contro voglia
Sul suo vizio di bere Ancora hai di me Dice: Non glie piace o blues
Sulla sua cicatrice sul cuore Quello che adesso Ma il tempo stringe
E presto detto presto fatto Mi porta via da qui Tra femmine dipinte
Luomo uomo Intossicate dalle pinte
Ma jimmy voleva il matto E dimmi che ti ho usata Che non sanno mai tener
E che non sei pi mia
Jimmy bada a quello che fai Ma non ho niente io La cera squaglia
Nemmeno me
Ma si sa lamor di femmina Cosi sicuro La cera squaglia
Passa e vola via Cosi maturo tutta una rovina
Mentre lamor di strada per jimmy Non ce la faccio pi Ti acchiappa per il baffo
Era malattia Dammi unora E ti rinchiude gi in cantina
Lhanno visto vicino un parco Per andare via da qui La notte varichina
Passare sopra a un treno Solo unora E noi che ci illudiamo
Picchiava gli accordi in terra Per scappare via da qui Desser peccatori santi

RINGRAZIAMENTI EIUSMOD TEMPOR INCIDIDUNT UT LABORE ET DOLORE MAGNA ALIQUA. UT ENIM AD MINIM VENIAM, QUIS NOSTRUD EXERCITATION ULLAMCO LABORIS NISI UT ALIQUIP EX EA COMMODO CONSEQUAT. DUIS OR INCIDIDUNT UT LABORE ET DOLORE MAGNA ALIQUA. UT ENIM AD MINIM VENIAM, QUIS NOSTRUD EXERCITATION ULLAMCO LABORIS NISI UT ALIQUIP EX EA COMMODO CONSEQUAT. DUIS SSE CILLUM DOLORE EU FUGIAT NULLA PARIATUR.
AUTE IRURE DOLOR IN REPREHENDERIT IN VOLUPTATE VELIT ESSE CILLUM DOLORE EU FUGIAT NULLA PARIATUR. EXCEPTEUR SINT OCCAECAT CUPIDATAT NON PROIDENT, SUNT IN CULPA QUI OFFICIA DESERUNT MOLLIT ANIM ID EST LABORUM. EXCEPTEUR SINT OCCAECAT CUPIDATAT NON PROIDENT, SUNT IN CULPA QUI OFFICIA DESERUNT MOLLIT ANIM ID EST LABORUM. LOREM IPSUM DOLOR SIT AMET, CONSECTETUR ADIPISICING ELIT, SED DO EIUSMOD TEMPOR INCIDT LABORE ET
LOREM IPSUM DOLOR SIT AMET, CONSECTETUR ADIPISICING ELIT, SED DO EIUSMOD TEMPOR INCIDT LABORE ET DOLORE MAGNA ALIQUA. UT ENIM AD MINIM VENIAM, QUIS NOSTRUD EXERCITATION ULLAMCO LABORIS NISI UT ALIQUIP EX EA DOLORE MAGNA ALIQUA. UT ENIM AD MINIM VENIAM, QUIS NOSTRUD EXERCITATION ULLAMCO LABORIS NISI UT ALIQUIP EX EA COMMODO CONSEQUAT. DUIS AUTE IRURE DOLOR I.
LAFINEDELMONDO ARRIVAN DI NOTTE LA SPETTACOLARIET MILANOBABILONIA IL CROGIUOLO J ACKTAR BRAZIL JIMMYCOREA AVERTIINMENTE LACERASQUAGLIA
LAFINEDELMONDO ARRIVAN DI NOTTE LA SPETTACOLARIET MILANOBABILONIA IL CROGIUOLO J ACKTAR BRAZIL JIMMYCOREA AVERTIINMENTE LACERASQUAGLIA

O DEL CD
RETR