Sei sulla pagina 1di 8

II Lezione introduttoria

La storia
1 tempo: in principio
Quando nasce la vita consacrata? Vi sono diverse scuole di pensiero che
stabiliscono diverse date. Alcuni pensano la Vita consacrata come un prodotto
ecclesiale, altri la pensano come nata con la vita di Ges
Suor Simona pensa che la Vita consacrata di per s nasce con la vita del Figlio, le
Istituzioni nascono con tempi diversi.
I Deodicati erano quelli dedicati alla sola gloria di Dio. La loro nascita si pu far
risalire intorno al III secolo. Nei concili e nelle decretali di quei tempi si fa gi
riferimento a monaci disobbedienti, a vergini consacrateerano quindi non solo
questioni esistenti, ma importanti.
Il prender forma della forma monastica cos come era intesa nel primo
millennio, ossia come monos che vuol dire tanto lappartato (il solitario) quanto
quello che viveva in comunit. una persona che comincia a vivere la sequela
Christi.
Ci va dal tempo delle persecuzioni al tempo della legittimazione (Costantino
Teodosio).
La vita consacrata diventa un po il caso limite, di cristiani che frequentano la
vita cristiana sul crinale, non perfettamente aderenti al comune.
La Sequela Christi:
- Conversio morum
- Fuga Mundi (essere separati, una separazione dal mondo)
Queste esperienze di vita nascono come individuali ma che vengono da subito
riconosciute e valorizzate dalla Chiesa. In tre tempi:
1. Monachesimo di Antonio: anacoreti persone che vivevano una forma di vita
caratterizzata da ascetismo. Il suo successo gli viene dal contatto con il Vescovo
Attanasio che scrive la Vita Antonii che non una regola ma un racconto che il
Vescovo fa della vita di Antonio, che verr assunto come esempio da altri.
inopportuno chiamarla regola. una biografia in cui presentata la forma di
vita di Antonio che pu essere presentata come un modo di vivere la vita
cristiana. Attanasio scrive un primo testo ecclesiale sulla vita consacrata.
2. Monachesimo di Pacomio: cenobitico. Per la prima volta il Monos si coniuga con
un Koinos bios, una vita vissuta in comune. Pacomio era un militare: applica
strutture a lui familiari alla vita religiosa. Vita austera, di ascesi, di penitenza. Il
pi grande nemico del proprio cammino di conversione siamo noi stessi. Si pu
quindi arginare tale nemico educandosi a vivere insieme. Il servizio reciproco
diviene elemento fondamentale di questo stare insieme. Pacomio scrive degli
Asceticon o anche Typicon (piccole rispose a dei casi concreti). La volont
condivisa diviene un argine alla volont del singolo.
3. Monachesimo di Basilio: Basilio ordina e organizza il monachesi precedente.
Egli ricomprese la forma monastica nella vita della Chiesa. Lo aveva iniziato
Attanasio, ma viene fatto con eccellenza da Basilio: vescovo e monaco. Lopera
di Basilio di ricomprendere la realt monastica allinterno della vita ecclesiale.
Ricomprendere il monastero allinterno della Chiesa, come realt ispirata alla
comunit dei dodici apostoli e alle prime comunit cristiani come emergevano
dai testi paolini. La differenza tra questi monachesimi condizionata dalle
persone che li vivono. Antonio un uomo rurale, semplice. Pacomio fissa
condizioni da rispettare. Basilio ci da una lettura teologica di tale forma di vita.
4. Monachesimo occidentale: Girolamo da vita ad un monachesimo urbano,
monachesimo che si diffonde velocemente soprattutto nel ceto alto. Ruolo
fondamentale in esso hanno Benedetto e Gregorio Magno (il Papa monaco).
Gregorio crea unanimit nella vita monastica. Benedetto il primo legislatore del
monachesimo e nella sua regola riassorbe tutto il monachesimo precedente. La
regola il testo fondamentale. Il monachesimo benedettino presenta un nuovo
ideale di vita comunitaria e cristiana. Con un nuovo sistema maschile e
femminile.
La parola ufficiale sulla questione monastica viene con il Concilio di Calcedonia.

Il Circa millennium attorno allanno 1000. Tutta la realt sociale, politica,


culturale viene compresa dal concetto dellordo un modo di vita con cui portare a
compimento la propria vita. Vi era una legge precisa e puntuale per ogni ordo
(corporazioni). Modo preciso di modus vivendi. Inizia a formarsi sotto la Regola di
Benedetto lordo monacorum. A questa poi si univa la regula canonicorum che
vivevano ad instar primitivae ecclesiae, ma con indicazioni di carattere generale.
Si crea una lieson tra lOrdo e una forma di vita. Si vive nellOrdo secondo una
regola, e vivendo secondo una Regola si diventa e si Regolari. La Regola diviene il
grande discrimine per essere considerati Regulares quindi appartenenti alla realt
della Chiesa. Periodo in tre tempi:
1. Renovatio Imperii (950-1100): c un rinnovamento profondo nella vita della
Chiesa che nasce dalla seconda ondata del monachesimo. Rinnovamento delle
esperienze monastiche classiche. Forme in cui si vuole vivere un monachesimo
rinnovato.
2. Fino al 1215 (IV Concilio Lateranense): c una ristrutturazione nella vita della
Chiesa. C una ricomprensione della figura del Romano Pontefice da vicarius
Petri a Monarchia teocratica. il tempo in cui il Papa diviene sempre pi
Imperator, in quanto capo di una realt temporale e spirituale. La societ una
societas cristiana, nella quale il Romano pontefice il monarca assoluto.
3. Fino al XIV secolo: il tempo in cui la Chiesa vive il suo apogeo ma inizia anche
il suo declino. Si crea una nuova figura i predicatori itineranti, i pauperes Christi
che vivevano la loro forma di vita sotto lautorit immediata del Romano
Pontefice. Coloro che vivevano secondo la forma di vita degli Apostoli.
Francescani, Domenicani ma anche Carmelitani e Agostiniani, Ordini
Cavallereschi, Servi di Maria, trinitari, Mercedari, Fatebenefratelli. Il loro
successo fu dovuto ad una particolare soggezione al Romano Pontefice. Una
particolare protezione apostolica per la predicazione.
Caratteristiche sono:
Clericalizzazione: Istituti che non nascono come clericali, ma hanno tutti una
tendenza alla clericalizzazione a favore della cura animarum.
Centralizzazione: c una autorit superiore extraterritoriale di carattere
generale.
Povert: come rinuncia alla gestione dei beni. Nasce la questua che prima era
proibita.
Esenzione: privilegio secondo la quale tale forma di vta dipendeva
direttamente dal Romano Pontefice. I papi sostennero fortemente tale forma
di vita perch fortemente legata a loro. Soggetta alle indicazioni immediate
del Papa. I nuovi consacrati erano i pi osservanti della politica delle riforme
prodotta dai Papi di quel tempo, e per questo vengono tutelati dal Papa. C
una sorta di mutua tutela: il Papa tutela i mendicanti e i mendicanti tutelano
le riforme dei Papi.
Urbanizzazione: le nuove forme di vita si inseriscono nel tessuto sociale:
come uno stare in mezzo alla realt. Compiono un processo di risanamento
con la realt cultura di quel tempo.
Itineranza: al votus stabilitas corrisponde lessere pellegrini e forestieri.
IL MOVIMENTO RELIGIOSO FEMMINILE,
un movimento ultraecclesiale e ultreeuropeo. Fu una vera e propria
rivoluzione perch le donne avevano il doppio binario: aut maritus aut murus. Il
movimento di emancipazione a questo doppio binario tipicamente occidentale.
Gi la ventata dei predicatori itineranti non fu bene accolta, se non dai Papi.
Per le donne vi fu una vera e propria opposizione. I cerc di dare una risposta
attraverso la nascita di monasteri doppi: a latere di un monastero si veniva a creare
una realt femminile emula di quella maschile.
Vi erano 3 figure riconosciute (oltre a quella monastica):
Eremite: vivevano da consacrate ma non in un monastero. Vivevano come
vergini consacrate ma senza essere in un monastero. Tra esse le vergini
familiae o vergini consacrate soggette allautorit del Vescovo.
Recluse: o dette anche incarcerate o sepolte vive. Erano le guardiane
spirituale della citt.
Beghine: mulieres religioses donne dedite alla vita religiosa secondo ideali
pauperistici e apostolici. Creavano dei beghinaggi piccole cittadelle nelle quali
si viveva una vita normale e di assistenza e dalle quali non si poteva uscire. Il
problema che ci fu un beghinaggio ortodosso (approvato da Papa Clemente
V). Ma non tutti accettarono queste forme e si crearono forme di beghinaggio
eterodosso o ereticale.

(lezione 24 ottobre 2017)


Concilio. Lateranenze
C. leonense II 1264. Viene 1311: doppo questa aprovazione fu una grande
effervesenscia che ha creato una confusione al interno del popolo di Dio. Il concilio
de Leone cerca chiarire tante probleme.
C. Viene:
Movimento di rinascita al interno de la vita consecrata, simonia, abusi clericale,
porta a una decadenza della vita religiosa, prima della riforma protestante c una
riforma cattolica. La riforma portata da teresa da Avila la manifestazione de una
riforma al interno della chiesa, una riforma anche culturale da parte dei gesuiti
(nascita da semminari) Riforme interne nelle instituti esempio con i francescani che
volevano vivere da acordo alla osservanza piena della regola, nacque nuove realt,
chierici riformati (trovano un scamotaggio) costituzione per vivere il
riconoscimento dal concilio. Il primo milenio conosce la vita monastica, regolare
quelle che prendono una regola nella sua vita (statu regolarum) nella epoca
moderna si unisci una forma nuova di vita chierici regolare. Al anno 1524 si aprova
la prima forma vita e poi i gesuiti viene un passagio interiore il papa Gregorio xiii
riconosce come una forma di vita vera e propria che porta a una revoluzione vera si
poteva essere religiosi con i votti solenne (certa forma di clausura, addicasio
propietat, impedimento voti) I votti emessi in questa societas e conosciuto come
voti semplice (vera e propria religiosi) Canonisti manifestano che questo non era un
privileggio ma era una dispozzione.
Serivicio apostolico chiedeva una cierta forma de vita diversa (chiaustro, abito,
pastorale) servizio a favore immediato alla necesit attuale, una forma nuova di
viviere il sacerdozio. Questo porta a un cambio di strutura tipica dove si radica la
formazione.
Prendono questa attenzione alla forma de vita apostolica, monachale,
(costituzione) Si rinuncia a un abito tipico, non erano obbligati a la preghiera dell
officio.
La questione feminile provoca un attegiamento grande dentro della chiesa che
produce tante riforme e questo crea una forma di vita nuova al 1500 crea una
rechazo da parte della chiesa.
La consagrazione era inconciliabile con la vita pastorale di quel tempo, si viveva
una vita apostolica comune non venivano emessi i voti, erano dei impegni che
venivano fatta a Dios da parte de associazione senza voti.
Vita apostolica feminile da pauta para che mas tarde se una vita apostolica con tinte
maschile.
Forme di vita: senza voto, senza essempio. Oratoriani-
Non si emeteva voto religiosi- Ess. Paolini
Emeteva voti religiosi ma non era pubblico ess vicenziani.
Il concilio di trento- stabilisce a traverso (regularibus) elementi fondamentali di
questa forma di vita: voti, vita regolari monastica, osservanza della regola, vivere
una vita comunis, la vita comuni diventa un requisito de identit.
Trento: predicazione, clausura,
Un percorso del ordine di rinovamento che rimangono nella stessa forma dei
chierici regolare (passionisti, gesuiti, ecc)Il trionfo delle vita apostolica, dopo la
riforma francesa viene una epoca di riforma dove fiorisci la nascita de nuove forme
di vita. Dedicata a una opera specifica vivendo una forma di consacrazione le
nuove forma di vita creano un grosso problema nel senzo di vivere il voto per il
gioco de parole tra voto semplice e solenne, chi fa superare questo pasaggio sono i
canonisti al spiegare il senzo pieno della parola. Voto semplice e voto solenne la
consecuenza le efetti sono diversi (e questo fanno la diferenza)
C. 605 nuove forme di vita religiosa riconosciuta soltanto della autorita legislativa,
en el 1900 se puede hablar de voto solenne e semplice y concluye el problema que
se habia creado. El codigo del 17 se encuentra con cientros problemas que habian
quedado a raiz de todo esto. La respuesta es dada con la definicion muy precisa
il problema era como llamar a este estilo de vida. Prima di tutto cade nell
riconoscimento de religiosi, che era el testo piu completo si fa una scelta de
tradizione canonica: condizione la stabilita (essere riconosciuto della autorit) e la
asunzione del concilio evangelico del tutto particolare. Tutelate mediante il voto
pubblico sono religiosi quelli che emettono i voti pubblico. C. 417. AL anno 1947
viene aprobata la ultima forma di vita risconosciuta costi. Propia Mater. Cum
Santisimus.

SEGUNDA PARTE
C. 576
HAY UN VACIO BUSCAR EN AUDIO
C. 577
Distinzion que rigurda a la gracia concedida.
C. 578 (muy usado e importante)
Patrimonio lo que lo hace especifico a cada instituto (carisma) no se usa esta
palabra por cuanto se corre el riesgo de caer en un plano muy espiritual y no
juridicio. Qu cosa es el patrimonio? Habla de figuras diversas que son el
entendimiento y proyecto del fundador, sanas tradiciones.
El carisma del fundador es confiado a una persona en particular, pero no es solo del
fundador sino de la fundacin; proyecto, tradiciones que se hallan junto a la
experiencia del fundador. El legislador en esta parte va mas alla del fundador sino
que abarca la totalidad de la experiencia del proyecto con sus tradiciones. Esta
parte se puede misurar con el C. 587 con el derecho proprio
El entendimiento y el proyecto que debe ser reconocido y aprobado. La natura, el
fin, espiritu e indole del Instituto (reconocida en la Iglesia)
La naturaleza del instituto: indica el genero si es religioso o secular. Luego se pasa a
una ulterior especificacion.
El fin: la mision, la finalidad porque ha nacido en la Iglesia (espiritu) un modo
particular de decir Cristo en la historia.
El carisma es un fragmento consegnado del espiritu a la Iglesia, el patrimonio es el
carisma que en la evolucion de la historia es manifestado, en formas concretas.
Este patrimonio: es ab ominus (de todos) ejemplo el capitulo general todos son
llamados a vivir este carisma. Todos son obligados a vivir. Como debe ser vivida la
formacin, la ereccion de nuevas casas, el manejo del dinero. (norma
comportamentale se toma del patrimonio)
C. 579(MODIFICA)
Ayuda a entender mejor el canon 576, Nuevo texto quiere que la consulta venga Ad
validitatem (a hoy se dice que si ha estado consultada al santa sede ) Hoy no se deja
a facultad la consulta sino que es obligacion hacer dicha consulta para que tenga
validez la edificacion de un nuevo instituto.
Norma de ereccin de un Ins. De vida consagrada (cuidado con confundir el c. 579
del 605) Se habla aqui de la ereccion de una nueva congregacin y que es concedida
a un obispo diocesano al cual es confiada una parte de la Iglesia particular.
La ereccin debe venir con un decreto formal no por concenso. Con la intencin
evidente de garantizar la maxima vigilancia de la Iglesia.
Una realidad que es juridicamente reconocida con perpetuidad lo que lleva a la
cuestion de la validad del voto perpetuo.
El derecho ser bajo la aprovacin emitido de una autoridad juridica.
Los bienes materiales seran administrados segun aquello que dice el libro V.
Limite subjetivo, formal (decreto) limite de composicin sentido de la sede
apostolica aunque territorial que puede venir solamente en el territorio diocesano
(cuando sale de este territorio no crea dificultades como persona juridica publica)
C. 580-581-582-583-585
Del C. 580al 585 se habla de la supresion de un instituto ya erecto.
C. 580 En la agregacion se debe especificar la natura, fin. (cuando una provincia se
une a otra)
C. 581: Division en parte que es por cuestion interna del ins. Que debe ser
establecida por norma del derecho proprio (patrimonio) Cada vez que se halla a
norma del Inst. Es de un derecho que debe ser observado donde especifica la
autoridad competente.
C. 582: union y fusin que se transforma en una nueva ereccin. Nace una nueva
figura un Inst. Que nace creando una nueva personeria juridica y a la vez se anula
una ya existente. Debe tener la licencia de la santa sede.
C. 583: Las modificaciones que se hagan se deben dar con la licencia de la Santa
Sede.
C. 584-585: Supresion de un Instituto, es algo definitivo, que debe venir con la
licencia de la Santa sede. En cuanto se refiere a la supresin de un instituto las
constituciones o derecho proprio debe manifestar la manera como se debe gestir los
bienes y cuando no se especifica estos quedan al poder de la Santa Sede o a su vez
una exepcion puede ser que los bienes adquiridos por donaciones seran guiados
por las directrices a las que fueron dadas.
NOTA: Una cosa es la supresion de una personeria juridica y otra de una casa.
580-582 Figuras de comunion
583: figura modalita
584-585: supresion