Sei sulla pagina 1di 12

CORSO DI LAUREA IN LINGUE E LETTERATURE MODERNE

CLASSE: L-11 LINGUE E CULTURE MODERNE

REGOLAMENTO DIDATTICO

ARTICOLO 1

Funzioni e struttura del Corso di studio

È istituito presso l’Università degli studi di Torino, Facoltà di Lingue e Letterature straniere,
il Corso di Laurea in Lingue e Letterature moderne della classe L-11 Lingue e Culture
moderne. Il Corso di Laurea in Lingue e Letterature moderne è organizzato secondo le
disposizioni previste dalla classe delle Lauree in Lingue e Culture moderne di cui al DM 16
marzo 2007 (G.U. n. 155 del 6-7-2007 Suppl. Ordinario n. 153/ G.U. n. 157 del 9-7-2007
Suppl. Ordinario n. 155). Esso rappresenta trasformazione dal precedente Corso di
Laurea in Lingue e Letterature moderne, classe 11.
Il Corso di Laurea in Lingue e Letterature moderne si svolge nella Facoltà di Lingue e
Letterature straniere. La struttura didattica competente è il Consiglio di corso di Laurea in
Lingue e Letterature moderne, di seguito indicato con CCL.
Il presente Regolamento, in armonia con il Regolamento Didattico di Ateneo (RDA) ed il
Regolamento di Facoltà (RDF), disciplina l’organizzazione didattica del Corso di Laurea
per quanto non definito dai predetti Regolamenti. L’ordinamento didattico del corso di
Laurea, con gli obiettivi formativi specifici ed il quadro generale delle attività formative,
redatto secondo lo schema della Banca Dati ministeriale, è riportato nell’ALLEGATO 1,
che forma parte integrante del presente Regolamento. Il Consiglio di Facoltà, di seguito
indicato con CDF, si riserva di disciplinare particolari aspetti dell’organizzazione didattica
attraverso specifici Regolamenti.
La sede e le strutture logistiche di supporto alle attività didattiche e di laboratorio sono di
norma quelle della Facoltà di Lingue e Letterature straniere, fatta salva la possibilità che
alcuni insegnamenti possano essere mutuati o tenuti presso altri corsi di studio
dell’Università degli studi di Torino. Attività didattiche e di tirocinio potranno essere svolte
presso altre strutture didattiche e scientifiche dell’Università degli studi di Torino, nonché
presso Enti esterni, pubblici e privati, nell’ambito di accordi e convenzioni specifiche.
La data di inizio delle lezioni è fissata annualmente dal Consiglio di Facoltà, salvo diverse
indicazioni del Senato accademico.
ARTICOLO 2
Obiettivi formativi specifici, sbocchi occupazionali e professionali
Il Corso di laurea in Lingue e Letterature Moderne intende formare laureati con:
- solida competenza culturale, e linguistica, in due lingue di studio oltre l'italiano;
- competenze in ambito interculturale relative alle lingue-culture oggetto di studio, con
particolare focalizzazione sulle rispettive letterature - oltre alla letteratura italiana - e sugli
aspetti che tradizionalmente costituiscono la cultura "colta" (competenze storiche, storico-
artistiche, filologiche, linguistico-diacroniche, socio-antropologiche)
- conoscenze in ambito glottodidattico e pedagogico, essendo l'insegnamento uno degli
sbocchi occupazionali previsti al termine d'un iter di cui questa laurea triennale è la prima
tappa.
Il Corso di laurea in Lingue e Letterature Moderne prevede tre curricula così denominati:
Lingue e Letterature Straniere, Comparatistico in Lingue e Letterature europee, Avvio
all'insegnamento dell'italiano come lingua straniera.
Agli obiettivi formativi specifici del curriculum Lingue e Letterature Straniere, che si
identificano con quelli del corso di laurea nel suo insieme, si affiancano per il curriculum
Comparatistico insegnamenti volti a creare sensibilità e solida base metodologica in
ambito critico-letterario e letterario comparatistico; per il curriculum Avvio all'insegnamento
dell'italiano come lingua straniera insegnamenti centrati sulla competenza metalinguistica
delle lingue studiate, in particolare dell'italiano e sulla competenza didattica delle
medesime, con particolare attenzione alla lingua italiana.
L'offerta didattica si fonda su tre tipologie di insegnamenti: 1) discipline di base, volte a
fornire le nozioni fondamentali, comuni ai tre curricula, ritenute indispensabili per
contestualizzare gli insegnamenti specifici attraverso una preparazione storico-linguistico-
letteraria che possa anche colmare le eventuali carenze formative degli studenti
(linguistica, storia e geografia, italianistica, antropologia, filologia e, ai fini strumentali,
informatica); per italiano si richiede una opportuna prova propedeutica scritta; 2) discipline
relative alle due lingue e letterature straniere, il cui apprendimento è verificato e valutato
tramite 7/8 esami, che comportano per la loro acquisizione la frequenza a tre annualità di
lettorato e il superamento di due prove scritte propedeutiche per ciascuna lingua, oltre ai
rispettivi esami di letteratura relativi alla storia letteraria e ad argomenti monografici; 3)
discipline caratterizzanti, sia per i tre curricula (es. pedagogia o storia dell'educazione,
filologia classica) che variabili per ciascuno di essi.
Nel corso di studi la formazione degli studenti avviene attraverso varie modalità: lezioni
frontali, lettorati con docenti di madre lingua, seminari, tirocini formativi o corsi presso
aziende, istituzioni e università, italiane o estere, servizio di tutoraggio.
Risultati di apprendimento attesi, espressi tramite i Descrittori europei del titolo di studio
Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
I risultati di apprendimento attesi vanno da una conoscenza delle problematiche culturali
connesse con le lingue e le letterature studiate (esami di una o due annualità) al
raggiungimento del livello C1 nella conoscenza delle lingue straniere scelte,
accompagnato da un relativo quadro letterario di livello alto.
In particolare, al termine del ciclo triennale i laureati dovranno aver acquisito una solida
competenza bibliografica circa gli strumenti cartacei e on line fondamentali per lo studio
mirato e comparato delle lingue e delle letterature(dizionari; grammatiche storiche,
normative e contrastive; storie delle letterature; monografie per secoli, per correnti e per
autori; conoscenza e uso delle principali riviste nazionali e internazionali). Si richiede
inoltre la capacità di orientarsi nelle biblioteche locali, regionali, nazionali ed estere e la
padronanza dei motori diricerca.
Gli strumenti didattici previsti per la verifica del livello di conoscenze acquisito consistono
in prove orali e/o scritte, eventualmente in itinere durante lo svolgimento dei corsi e delle
esercitazioni linguistiche (lettorati) che sempre accompagnano i corsi di lingua, in
seminari, visite guidate la cui partecipazione comporta solitamente redazione di relazione
scritta, o la messa a punto di schedature.
Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledge and
understanding)
I laureati dovranno dimostrare al termine del corso di studi di essere in grado di esprimersi
con fluidità nelle due lingue straniere per potersi inserire agevolmente in ambienti lavorativi
(aziende, istituti di ricerca, biblioteche, organismi internazionali, ecc.) ove non sia utilizzata
la madre lingua. Analogamente, dovranno essere nelle condizioni di partecipare a progetti
di varia natura di ambito europeo ed extra-europeo e seguire convegni e dibattiti
internazionali, nonché di presentare relazioni in lingua straniera. Coerentemente con il
curriculum seguito dovranno dimostrare di cogliere gli aspetti comparativi delle realtà con
cui entreranno in contatto (rapporti letterario-artistici, letterario-sociali per esempio), le
specificità didattiche di un insegnamento linguistico, anche dell'italiano come lingua
straniera. Queste capacità di applicare conoscenza e comprensione saranno
gradualmente verificate tramite prove orali e/o scritte (anche nel quadro delle esercitazioni
linguistiche che affiancano l'insegnamento delle lingue straniere), relazioni e/o
presentazioni orali.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Gli studenti saranno sollecitati allo sviluppo di capacità critiche autonome fondate
sull'esegesi dei testi letterari in lingua originaria, coadiuvate dalle competenze linguistiche
acquisite, in ottica specificamente comparatistica per il curriculum Comparatistico, tenendo
conto anche di realtà e fenomeni letterari, artistici, culturali in senso lato che si esprimono
nelle lingue oggetto di studio. A tale scopo, i corsi monografici dovranno essere indirizzati
su tematiche legate al mondo contemporaneo o idonei a ricostruire i filoni culturali che dal
passato giungono ai giorni nostri: il laureato dovrà poter emettere valutazioni che tengano
conto delle coordinate sincroniche e diacroniche. Le specificità degli aspetti culturali che
ogni lingua veicola dovranno essere continuo punto di riferimento nel metodo d'analisi che
gli studenti dovrebbero acquisire, anche riguardo all'italiano, soprattutto se questa lingua-
cultura viene studiata in ottica didattica (nello specifico curriculum).
Abilità comunicative (communication skills)
All'acquisizione delle abilità comunicative in lingua straniera (scopo ultimo del corso di
studi) si accompagna il potenziamento degli aspetti lessicali, grammaticali e retorici della
lingua madre, indispensabile per ogni operazione linguistica che il laureato sarà chiamato
a sostenere nel mondo del lavoro. Le abilità comunicative non comprendono il solo
aspetto linguistico, ma anche la capacità degli studenti di presentare in modo
comprensibile, chiaro, modulato sui destinatari le proprie competenze, sia in ottica di
comparazione continua di tipologie culturali diverse, sia in ottica di insegnamento-
acquisizione della lingua italiana per un pubblico non necessariamente italofono.
Per un valido apprendimento si offrono agli studenti varie opportunità formative: lezioni
frontali, lettorati con docenti di madre lingua, laboratori linguistici e letterari, seminari,
servizio di tutoraggio. Tali attività sono oggetto di verifica attraverso esami scritti e orali o
frequenza programmata.
Capacità di apprendimento (learning skills)
Forniti di strumenti per interpretare criticamente e con autonomia di giudizio la produzione
letteraria, i fenomeni storici, sociali, artistici e culturali delle aree geografiche in cui si
parlano le due lingue studiate, gli studenti saranno in grado di leggere testi specialistici in
tali lingue - testi a stampa e in rete - al fine di affinare le proprie competenze e di acquisire
nuove modalità espressive e di confronto multiculturale, con particolare attenzione per gli
aspetti glottodidattici.
Sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati
Il laureato potrà accedere ad attività in campo letterario, editoriale, artistico-culturale, di
attenzione all'italiano come lingua straniera, a professioni quali: operatore nelle
biblioteche, negli archivi, nelle sovrintendenze e nei musei; operatore nelle
amministrazioni statali e nelle organizzazioni associative internazionali; addetto stampa;
traduttore letterario; agente pubblicitario. Con l’eventuale conseguimento della laurea
magistrale LM37 (con accesso senza debiti), il laureato potrà esercitare la professione di
insegnante nella scuola media inferiore e superiore. Un ulteriore sbocco potrebbe essere,
attraverso il Dottorato di Ricerca, la carriera universitaria.
I laureati in Lingue e Letterature moderne possono trovare occupazione in qualità di:
Specialisti nelle pubbliche relazioni, dell'immagine e simili
Scrittori ed assimilati
Linguisti e filologi
Archivisti, bibliotecari, conservatori di musei e specialisti assimilati
Istruttori nel campo artistico-letterario

ARTICOLO 3
Requisiti di ammissione e modalità di verifica
Per essere ammessi al Corso di Laurea occorre essere in possesso di un diploma di
scuola secondaria superiore di durata quinquennale o di altro titolo di studio conseguito
all'estero, riconosciuto idoneo ai sensi delle leggi vigenti. Per coloro che sono in possesso
di un diploma di scuola secondaria superiore di durata quadriennale, come previsto dal
CDF nella seduta del 31/01/2007 e previa verifica del curriculum extrascolastico dello
studente, sarà assegnato un debito formativo da soddisfare in via preliminare ai normali
obblighi formativi.
Per poter frequentare lo studente dovrà essere in possesso inoltre di un’adeguata
preparazione iniziale. In particolare saranno richiesti
- Una buona conoscenza della terminologia grammaticale dell'italiano oltre a una buona
competenza comunicativa.
- Una conoscenza generale della storia e della geografia dei paesi in cui si parlano le
lingue che si intendono affrontare a livello universitario.
- Per le lingue apprese nelle secondarie superiori italiane (inglese e francese, solitamente)
si auspica un livello almeno di grado B1 secondo il Quadro di riferimento europeo in modo
che lo studente possa realisticamente arrivare al C1 alla fine del triennio.
- Un interesse particolare per il patrimonio letterario e per il contesto culturale delle lingue
che si intendono studiare.
Prove di accertamento del livello d'ingresso degli studenti potranno essere effettuate
all'inizio del primo anno di corso e accompagnarsi, ove necessario, ad attività formative
che potranno prevedere valutazioni in itinere.
ARTICOLO 4
Durata del corso di studio
1. La durata normale del corso è di tre anni. Per il conseguimento del titolo lo studente
dovrà acquisire 180 CFU, secondo le indicazioni contenute nella scheda delle attività
formative e dei crediti relativi al curriculum del triennio compresa nell'Ordinamento
Didattico del Corso, come disciplinato nel RDA.
2. La quantità media di impegno complessivo di apprendimento, svolto in un anno da uno
studente impegnato a tempo pieno negli studi universitari, è convenzionalmente fissata
in 60 crediti.
3. I crediti corrispondenti a ciascuna attività formativa sono acquisiti dallo studente con il
superamento dell’esame o di altra forma di verifica del profitto, effettuata con le
modalità stabilite nel RDF e all’art. 8 del presente Regolamento.

ARTICOLO 5
Attività Formative, insegnamenti, curricula e docenti
Il Corso di Laurea articola in tre curricula
1. Lingue e Letterature straniere
2. Comparatistico in Lingue e Letterature europee
3. Avvio all’insegnamento dell’italiano come lingua straniera
Il piano di studio, comprensivo dell’articolazione in curricula è descritto nell'art. 6, che
viene annualmente aggiornato.
ARTICOLO 6
Percorso formativo a.a. 2009/2010
Per queste informazioni si rimanda al sito di Facoltà: www.lingue.unito.it
ARTICOLO 7
Tipologia delle attività formative
1. Le attività didattiche dei settori disciplinari si articolano in insegnamenti, secondo un
programma articolato in uno o due periodi didattici (corsi annuali, corsi semestralizzati),
approvato dal CCL e pubblicato nel Manifesto degli studi (Guida dello studente).
L’articolazione dei moduli e la durata dei corsi sono stabilite secondo le indicazioni della
Facoltà. Le attività didattiche (lezioni ed esami) si tengono secondo il calendario stabilito
annualmente dal Consiglio di Facoltà.
2. I corsi, secondo le indicazioni della Facoltà, sono di norma di 54 ore per 9 crediti. I
laboratori corrispondono normalmente a 36 ore per 6 crediti.
3. Il Corso di Laurea, oltre alle attività formative, può organizzare laboratori e stage esterni
in collaborazione con istituzioni pubbliche e private italiane o straniere, a seconda delle
necessità, essendovene concreta praticabilità e riscontrandosene l’opportunità formativa;
devono essere approvate singolarmente dal Consiglio di corso di Laurea e svolgersi sotto
la responsabilità didattica di un docente del Corso di Laurea. I crediti didattici assegnati a
tali attività saranno fissati dal CCL di volta in volta.
4. In accordo con il RDF, gli studenti del Corso di Laurea possono ottenere il
riconoscimento di tirocini, stages ecc., che siano coerenti con gli obiettivi didattici del
Corso, fino a 12 crediti.
5. Nel quadro di una crescente integrazione con istituzioni universitarie italiane e straniere,
è prevista la possibilità di sostituire attività formative svolte nel Corso di Laurea con altre
discipline insegnate in Università italiane o straniere. Ciò avverrà nel quadro di accordi e
programmi internazionali, di convenzioni interateneo, o di specifiche convenzioni proposte
dal Corso di Laurea, e approvate dalla Facoltà, con altre istituzioni universitarie o di
analoga rilevanza culturale.
ARTICOLO 8
Esami ed altre verifiche del profitto degli studenti
Per ciascuna attività formativa indicata è previsto un accertamento conclusivo alla fine del
periodo in cui si è svolta l’attività. Per le attività formative articolate in moduli, ovvero nel
caso delle prove d’esame integrate per più insegnamenti, la valutazione finale del profitto
è comunque unitaria e collegiale. Con il superamento dell’esame o della verifica lo
studente consegue i CFU attribuiti all’attività formativa in oggetto.
Gli accertamenti finali possono consistere in: esame orale o compito scritto o relazione
scritta o orale sull'attività svolta oppure test con domande a risposta libera o a scelta
multipla o prova di laboratorio o esercitazione al computer. Le modalità dell'accertamento
finale, che possono comprendere anche più di una tra le forme su indicate, e la possibilità
di effettuare accertamenti parziali in itinere, sono indicate prima dell’inizio di ogni anno
accademico dal docente responsabile dell'attività formativa. Le modalità con cui si svolge
l’accertamento devono essere le stesse per tutti gli studenti e rispettare quanto stabilito
all’inizio dell’anno accademico.
Il periodo di svolgimento degli appelli d’esame viene fissato all’inizio di ogni anno
accademico.
Gli appelli degli esami di profitto iniziano al termine dell’attività didattica dei singoli corsi di
insegnamento.
Il calendario degli esami di profitto prevede otto appelli, distribuiti nel corso dell’anno
accademico. Gli appelli sono ridotti a 4 per corsi non attivati nell’anno.
L’orario delle lezioni ed il calendario degli esami sono stabiliti dal Preside di Facoltà o dai
suoi delegati, sentiti la commissione didattica competente e i docenti interessati.
Il calendario degli esami viene comunicato con congruo anticipo. La pubblicità degli orari
delle lezioni e degli appelli deve essere assicurata nei modi e nei mezzi più ampi possibili.
Lo stesso vale per ogni altra attività didattica, compresi gli orari di disponibilità dei
professori e dei ricercatori.
Qualora, per un giustificato motivo, un appello di esame debba essere spostato o l’attività
didattica prevista non possa essere svolta, il docente ne dà comunicazione tempestiva agli
studenti ed al responsabile della struttura didattica per i provvedimenti di competenza e
secondo la normativa esistente.
Le date degli esami, una volta pubblicate, non possono essere in alcun caso anticipate; gli
esami si svolgono secondo un calendario di massima predisposto dal docente il giorno
dell’appello.
L’intervallo tra due appelli successivi è di almeno dieci giorni.
Le commissioni esaminatrici per gli esami di profitto sono nominate dal Preside della
Facoltà o per sua delega dai responsabili delle altre strutture didattiche. Sono composte
da almeno due membri e sono presiedute dal professore ufficiale del corso o dal
professore indicato nel provvedimento di nomina. E' possibile operare per
sottocommissioni. Tutti gli studenti, su richiesta, hanno il diritto di essere esaminati anche
dal Presidente della commissione d'esame. I membri diversi dal Presidente possono
essere altri professori, ricercatori, cultori della materia. Il riconoscimento di cultore della
materia è deliberato dal consiglio di Facoltà o dai consigli competenti, per le strutture
esterne alle Facoltà.
Lo studente può presentarsi ad un medesimo esame quattro volte in un anno accademico.
Il Presidente della Commissione informa lo studente dell'esito della prova e della sua
valutazione prima della proclamazione ufficiale del risultato; sino a tale proclamazione lo
studente può ritirarsi dall'esame senza conseguenze per il suo curriculum personale
valutabile al fine del conseguimento del titolo finale e da comunicare in caso di
trasferimento ad altri corsi di studio. La presentazione all'appello deve essere comunque
registrata. Il ritiro dello studente è verbalizzato unicamente sul registro degli esami.
Nella determinazione dell'ordine con cui gli studenti devono essere esaminati, vengono
tenute in particolare conto le specifiche esigenze degli studenti lavoratori.
Il voto d’esame è espresso in trentesimi e l’esame si considera superato se il punteggio è
maggiore o uguale a 18. All'unanimità può essere concessa la lode, qualora il voto finale
sia 30.
Le prove sono pubbliche ed è pubblica la comunicazione del voto finale.
ARTICOLO 9
Prova finale e lingua straniera
1. Dopo aver superato tutte le verifiche delle attività formative incluse nel piano di studio e
aver acquisito 180 crediti, ivi compresi quelli relativi alla preparazione della prova finale, lo
studente, indipendentemente dal numero di anni di iscrizione all’università, è ammesso a
sostenere la prova finale, la quale consiste in una dissertazione scritta su argomento
relativo all’ambito storico-culturale di una delle lingue o letterature studiate (almeno 20
cartelle che dimostrino adeguate capacità critiche ed espositive). La dissertazione è
comprensiva di una sintesi in lingua straniera (a scelta dello studente una delle lingue del
suo iter di studi).
2. La dissertazione va preparata sotto la guida di un relatore docente in uno dei corsi di
Laurea della Facoltà di Lingue e Letterature straniere, a meno di specifica autorizzazione,
da richiedersi al Consiglio di corso di Laurea motivatamente e specificando la natura della
dissertazione.
3. La valutazione conclusiva della carriera dello studente dovrà tenere conto delle
valutazioni riguardanti le attività formative precedenti e la prova finale.
ARTICOLO 10
Iscrizione e frequenza di singoli insegnamenti
1. Chi possegga i requisiti necessari per iscriversi al Corso di Laurea in Lingue e
Letterature moderne oppure ne abbia già conseguito il titolo, può iscriversi anche ad uno
solo o a più insegnamenti impartiti in esso.
2. Nel caso in cui lo studente si iscriva successivamente al Corso di Laurea in Lingue e
Letterature moderne, la frequenza e/o il superamento degli esami effettuati tramite
iscrizione a corsi singoli possono essere riconosciuti e convalidati.
ARTICOLO 11
Propedeuticità, Obblighi di frequenza
Sono previste propedeuticità obbligatorie: l’esame di Lingua (A) e di Lingua (B) prima
annualità dev’essere sostenuto e superato prima del corrispondente esame di Lingua (A) e
di Lingua (B) seconda annualità.
La frequenza alle varie attività formative non è obbligatoria.
ARTICOLO 12
Piano carriera
1. Il CCL determina annualmente nel presente Regolamento e nel Manifesto degli studi i
percorsi formativi consigliati, precisando anche gli spazi per le scelte autonome degli
studenti.
2. Lo studente presenta il proprio piano carriera nel rispetto dei vincoli previsti dal Decreto
Ministeriale relativo alla classe di appartenenza, con le modalità previste nel Manifesto
degli studi.
3. Il piano carriera può essere articolato su una durata più lunga rispetto a quella normale
per gli studenti a tempo parziale, ovvero, in presenza di un rendimento didattico
eccezionalmente elevato per quantità di crediti ottenuti negli anni accademici
precedenti, su una durata più breve.
4. Il piano carriera non aderente ai percorsi formativi consigliati, ma conforme
all’ordinamento didattico, è sottoposto all’approvazione del CCL. Il piano carriera
articolato su una durata differente rispetto a quella normale è sottoposto
all’approvazione sia del CCL sia del CDF.
5. Le delibere di cui al comma 4 sono assunte entro 40 giorni dalla scadenza del termine
fissato per la presentazione dei piani carriera.

ARTICOLO 13
Riconoscimento di crediti in caso di passaggi, trasferimenti e seconde lauree
Trasferimenti e riconoscimenti di prove di esame e crediti.
1. Per il riconoscimento di prove di esame sostenute in corsi di studio diversi dal Corso di
Laurea in Lingue e Letterature moderne della Facoltà di Lingue e Letterature straniere
dell'Università di Torino, relativamente al trasferimento degli studenti da un altro corso di
studio ovvero da un’altra Università, il CCL convaliderà gli esami sostenuti indicando
espressamente la tipologia di attività formativa, l’ambito disciplinare, il settore scientifico
disciplinare ed il numero di CFU coperti nel proprio ordinamento didattico, nonché l’anno di
corso al quale viene inserito lo studente, in base al numero di esami convalidati; nel caso
di esami didatticamente equipollenti, essi devono essere dichiarati tali con specifica
delibera, anche ricorrendo eventualmente a colloqui per la verifica delle conoscenze
effettivamente possedute. Il mancato riconoscimento di crediti sarà motivato; agli studenti
che provengano da corsi di Laurea della medesima classe, viene assicurato il
riconoscimento di almeno il 50% dei crediti maturati nella sede di provenienza.
2. Il numero massimo dei crediti riconoscibili risulta determinato dalla ripartizione dei
crediti stabilita nell'Ordinamento didattico del Corso di Laurea.
3. Per gli esami non compresi nei settori scientifico-disciplinari indicati dall'Ordinamento
didattico del Corso di Laurea o eccedenti i limiti di cui al precedente comma 2, a richiesta
dello studente potrà essere riconosciuto un massimo di 12 crediti a titolo di «Attività
formative a scelta dello studente».
4. Salvo il caso della provenienza da altri Corsi di Laurea della classe L-11, il numero dei
crediti riconosciuti non potrà superare il limite massimo di 140.
ARTICOLO 14
DOCENTI
Elenco dei docenti di ruolo impegnati nei primi due anni del corso di studio e necessari alla
verifica di requisiti minimi come da Decreto Ministeriale 544/2007 stilato sulla base della
attuali risorse di docenza. Esso viene annualmente aggiornato.
prof.ssa Donatella Badin
dott.ssa Ljiljana Banjanin
dott. Enrico Basso
dott.ssa Anna Boccuti
prof.ssa Gabriella Bosco
Prof. Giorgio Cerreti di Castiglione
prof.ssa Carmen Concilio
prof.ssa Anna Cornagliotti
prof. Marco Cugno
prof.ssa Daniela Dalla Valle
prof. Mario Enrietti
prof. Antonio Erbetta
prof.ssa Lucia Folena
prof. Luigi Forte
prof. Gerhard Friedrich
prof. Renato Gendre
prof.ssa Fedora Giordano
prof.ssa Krystyna Jaworska
dott.ssa Elena Madrussan
prof.ssa Giuseppina Magnaldi
dott.ssa Aurelia Martelli
prof.ssa Vittoria Martinetto
prof.ssa Mariarosa Masoero
dott. Matteo Milani
prof. Renato Oliva
dott.ssa Monica Pavesio
prof.ssa Valeria Ramacciotti
Dott.ssa Laura Ramello
prof.ssa Daniela Santus
prof. Mario Squartini
dott.ssa Cristina Trinchero
prof. Sergio Zoppi
dott.ssa Silvia Ulrich
prof. Federico Vercellone
Elenco dei docenti di riferimento come da Decreto Direttoriale 10/06/2008, n. 61, stilato
sulla base delle attuali risorse di docenza. Esso viene annualmente aggiornato.
prof.ssa Giuseppina Magnaldi
prof.ssa Krystyna Jaworska
prof. Mario Squartini
ARTICOLO 15
Orientamento, tutorato
L'attività di tutorato si manifesta sotto varie tipologie:
Tutor disponibili per gli studenti
prof.ssa Donatella Badin
prof.ssa Krystyna Jaworska
dott.ssa Elena Madrussan
ARTICOLO 16
Modifiche al Regolamento
1. Il Regolamento didattico del corso di studio è approvato dal Consiglio di Facoltà, su
proposta del Consiglio del corso di studio, il quale lo sottopone a revisione almeno ogni
cinque anni.
2. La parte relativa agli artt. 5 e 6 viene aggiornata annualmente.

ARTICOLO 17
Norme transitorie
Gli studenti che al momento dell'attivazione del Corso di Laurea in Lingue e Letterature
moderne siano già iscritti in un ordinamento previgente hanno facoltà di optare per
l’iscrizione al nuovo corso. Il Consiglio di corso di Laurea determina i crediti da assegnare
agli insegnamenti previsti dagli ordinamenti didattici previgenti e, ove necessario, valuta in
termini di crediti le carriere degli studenti già iscritti; stabilisce il percorso di studio
individuale da assegnare per il completamento del piano carriera.
Attenzione inserire documento pdf