Sei sulla pagina 1di 17

Dieta mima digiuno (Dr.

Longo): un esempio e
uno schema chiaro su come farla
Si premette subito che il protocollo della dieta mima digiuno stato concepito per essere eseguito
sotto stretto controllo medico. Di conseguenza, si sconsiglia di eseguirlo in forma autonoma,
soprattutto se in stato di salute non perfetto. Anche se si chiama dieta (ritengo un errore averla
definita con questo appellativo) non centra niente con una comune dieta: il suo obbiettivo
principale non far perdere peso, ma attivare un processo di rigenerazione cellulare. Questo
approfondimento frutto del minuzioso incrocio di informazioni parziali e complementari presenti
in numerose interviste e articoli.

Come si arrivati a questa dieta e quali effetti ha sullorganismo il digiuno

Il primo assioma del Dr. Longo, direttore del Longevity Institute della University of Southern
California, rivede sostanzialmente il valore delle proteine. Lo scienziato di origini calabresi ha
dimostrato, con uno studio pubblicato su Cell Metabolism, che chi consuma oltre il 20% delle sue
calorie sotto forma di proteine ha il 75% di rischio di mortalit in pi (negli under 65, dopo la
correlazione perde gradualmente rilevanza). Questo dovuto al semplice fatto che le proteine sono
il principale mediatore dellormone della crescita GH: vale a dire, pi proteine si consumano,
pi ormone della crescita il corpo produce. Se questo meccanismo utile nella fase di sviluppo di
un adolescente, diventa pericolosa in fase adulta. Infatti, lormone della crescita il predecessore
dei fattori di crescita (IGF-1 e IGF-2), i quali fomentano la divisione cellulare che va a nozze con i
tumori, il diabete e i processi dinvecchiamento. Lo studio prende spunto da una scoperta fatta in
Ecuador dallo scienziato Jaime Guevara. Il ricercatore era rimasto colpito dalla singolarit di una
piccola comunit di nani (i Laron, dalla sindrome da cui sono affetti) nella localit di Quito, che
tendeva a non sviluppare n diabete n cancro. Lanomalia ha incuriosito anche il Dr. Longo, con
cui nata una collaborazione nel 2002. Le ricerche hanno svelato che i Laron soffrono di
una deficienza del ricettore dellormone della crescita, che impedisce la sua conversione in IGF-
1 (s, quello di Messi), il potente fattore di crescita fondamentale nella fase di sviluppo. La carenza
indiretta di IGF-1 li rende nani, ma allo stesso tempo li protegge in modo straordinario da tutte le
malattie pi comuni del nostro tempo, nonostante adottino unalimentazione non particolarmente
salutare e vivano in unarea dellEcuador dove le neoplasie hanno unincidenza elevata. Morale
della favola: o avete una carenza del ricettore dellormone della crescita, o risolvete la questione a
monte, facendo s che il vostro corpo produca meno ormone della crescita.

Il secondo assioma tratta del digiuno. Longo e la sua quipe hanno dimostrato, per la prima volta
nella storia in modo cos ampio e approfondito, ci che accade al nostro corpo quando non si
mangia. La pi importante conseguenza, oggetto di un secondo studio tuttavia in corso,
il ringiovanimento degli organi: Da alcune prime indicazioni lorganismo torna a non essere
resistente allinsulina, principale causa del diabete. Come a 18 anni. E la cosa migliore che i
benefici durano per almeno tre mesi. Il digiuno sembra portare il nostro corpo in uno stadio di
rigenerazione, in cui si attiva la produzione interna di cellule staminali. Ci provocherebbe anche un
formidabile reset del sistema immunitario (Circa un terzo viene distrutto, e viene ricostituito
durante il refeeding, quando ricominci a mangiare). Dopo tre cicli di dieta mima digiuno, in
altrettanti mesi, il 50% del nostro sistema immunitario dovrebbe essere completamente nuovo. Il
nuovo studio, attualmente in corso, metter in luce se questa rigenerazione cellulare, basata sulla
morte di cellule vecchie e non efficienti e sullaumento della produzione endogena di cellule
staminali interessi anche altri organi del corpo: potrebbero esserci delle grosse sorprese.
Che differenza c tra la dieta mima digiuno e quella ipocalorica?

I personal trainer e la mania per le proteine. Hanno ragione?

Questa domanda sar venuta in mente a chi ha gi letto sullargomento, giacch si tratta di una dieta
fortemente ipocalorica che viene mantenuta per 5 giorni. Ebbene, la differenza fondamentale, in
grado di attivare tutti i processi di rigenerazione descritti, sta nel basso consumo di proteine e
zuccheri. In genere, quando parliamo di diete ipocaloriche, ci riferiamo a diete in cui viene ridotto
drasticamente il consumo di grassi e carboidrati, in favore delle proteine: la classica dieta che
prescrivono i personal trainer. Lo scopo della dieta mima digiuno invece quello di mandare
volutamente lorganismo in carenza di glucosio e proteine.

Senza glucosio a sufficienza, il corpo costretto a generare risorse energetiche alternative: sono i
corpi chetonici prodotti a partire dalle nostre riserve di grasso. A questo si somma anche un deficit
proteico: in questo modo il corpo alloca le poca risorse proteiche disponibili in modo molto pi
efficiente, tutelando i tessuti nuovi e in buona salute e lasciando morire le cellule vecchie, per poi
riutilizzarle. Come per il digiuno, la privazione selettiva di questi nutrienti attiver una massiccia
produzione di cellule staminali. Proprio grazie alle staminali, tutte le cellule distrutte verranno
sostituite con cellule nuove una volta che si torner a mangiare regolarmente: ci che d come
risultato finale una vera e propria rigenerazione cellulare. Inoltre, sembra che la massa muscolare
non venga minimamente intaccata e anzi possa migliorare in virt di questa sintesi proteica molto
pi efficiente: smentita una falsa credenza dei culturisti. Altri studi hanno dimostrato come
proteine e glucosio siano la benzina che alimenta la crescita dei tessuti tumorali, i quali sembrano
non essere in grado di trarre energia dai corpi chetonici, a differenza delle cellule sane: questo
spiega perch il digiuno intermittente possa essere un killer amico, in grado di stroncare sul nascere
i processi tumorali (meccanismo che stato osservato chiaramente sui topi).

Due domande che fanno riflettere sorgono spontanee

Questi meccanismi stanno forse alla base di una protezione intrinseca del nostro corpo? Il benessere
economico, che non ci fa saltare un pasto in una vita e anzi ci riempie di calorie extra, ci sta
danneggiando anche perch ci priva di questi preziosi meccanismi naturali collegati al digiuno?
Dopotutto, dispense e frigoriferi pieni, a qualsiasi ora, per tutti i giorni della nostra vita (almeno nei
paesi sviluppati), sono una trasformazione radicale che ha meno di 100 anni, quindi recentissima
e brevissima, se prendiamo in esame la lunghissima storia in cui si sviluppato il nostro patrimonio
genetico: per millenni il digiuno stato uneventualit ricorrente e normale, che venuta meno
solo negli ultimi decenni, con conseguenze che forse neanche immaginavamo.

Come si fa la dieta mima digiuno: cosa mangiare e quanto mangiare (Foglio


Excel)

Le verdure sono il cuore della dieta mima digiuno.

Prima di entrare nel dettaglio, ho realizzato un foglio Excel che vi semplificher moltissimo il
calcolo delle quantit e percentuali dei vari nutrienti: lo potete usare anche nella dieta di tutti i
giorni.

Dieta mima-digiuno cosa mangiare


diCollaboratoreGamma Pubblicatoil15marzo2016
Cos la dmd, la dieta che aiuta a rafforzare il sistema immunitario.

Valter Longo un ricercatore italiano che, insieme


a ununiversit statunitense e un centro di ricerca italiano, ha studiato la tanto rinomata dieta mima-
digiuno, ovvero la dmd.

Si tratta di una dieta unica nel suo genere perch, mira non solo a perdere peso, ma soprattutto
rafforza il sistema immunitario, il sistema nervoso, rallenta i processi di invecchiamento e cosa
pi importante, riduce la probabilit di contrarre il cancro.

Qualcosa in pi sulla dmd

Prevede una sorta di digiuno che si protrae solo per cinque giorni. In realt non un vero e proprio
digiuno perch non completo e prevede solo una restrizione nellassunzione di alcuni alimenti.
Pi che di un digiuno si potrebbe parlare quindi di un diverso regime alimentare, da adottare per
cinque giorni nella propria dieta. Consiste in una dieta a basso contenuto di proteine e con una
riduzione delle calorie giornaliere tra il 30 e il 50% circa rispetto al consumo normale. Infatti, la
dieta mima-digiuno prevede lassunzione dell11-14% di proteine, 46% di grassi buoni e il 42%
di carboidrati.

Secondo Longo, la dieta indicata alle persone che hanno raggiunto i 25 anni di et. Consiglia
inoltre alle persone generalmente in salute di seguire la dieta mima-digiuno ogni 3 o 6 mesi, mentre
le persone obese o a rischio elevato di malattie, potrebbero seguire la dieta anche fino ad una volta
ogni 2 settimane. La dieta in questione non pu essere seguita per, da persone con diabete, dagli
anziani e da chi soffre di anoressia.

Prima di prendere qualsiasi iniziativa personale per, altamente consigliato parlarne al proprio
medico e seguire la dmd sotto il suo controllo.

Cosa mangiare durante la dieta mima-digiuno

La risposta al dubbio su cosa mangiare semplice: tanta verdure, poche proteine, carboidrati
contenuti nelle verdure e grassi buoni. Come bevanda concesso il t e come snack, le barrette ai
cereali e le noci. Per chi per ha poco tempo da dedicare alla ricerca degli alimenti adatti, Longo ha
creato L-nutra, ovvero unazienda che testa e produce dei kit contenenti tutti gli alimenti
necessari per il digiuno di 5 giorni. Allinterno infatti ci sono 5 zuppe liofilizzate, bustine di t, noci
e 5 barrette di cereali.
Dieta mima digiuno: cosa mangiare e come
funziona lalimentazione anti cancro
Dieta mima digiuno: cosa mangiare e come funziona lalimentazione anti cancro? Lo scopo di
questo tipo di alimentazione quello di prevenire linsorgenza di alcune malattie e allo stesso
tempo di favorire la perdita di peso. A studiare questo regime alimentare stata una squadra di
esperti guidati dal ricercatore Valter Longo, della University of Southern California. Il tutto in
collaborazione con lIstituto Firc di oncologia molecolare di Milano. Non tutti possono seguire
questa dieta, che va portata avanti sotto stretto controllo medico. Vanno considerate
opportunamente le singole condizioni di salute, visto che questo tipo di alimentazione prevede una
riduzione ingente dei pasti per 5 giorni.

Come funziona

Secondo i sostenitori di questa dieta, considerando lo stato di salute generale del soggetto e la sua
circonferenza addominale, si dovrebbe seguire una riduzione abbondante dei pasti di 5 giorni, una
fase da ripetere ogni 3 o 6 mesi. Non si tratta di un vero e proprio digiuno, come indicherebbe il
nome della dieta. Alcuni cibi vengono evitati e altri vengono introdotti. In generale la dieta divide i
nutrienti in 14% di proteine, 43% di carboidrati, 46% di grassi, riducendo lapporto calorico in
una percentuale che varia dal 34% al 54%.

Cosa mangiare

Non si pu stabilire in maniera generale che cosa mangiare nella dieta mima digiuno. I singoli cibi
vengono stabiliti dal medico, dopo una visita accurata e tenendo conto della salute del paziente.

Si tratta di un regime alimentare molto personale, che intende far perdere peso e prevenire
linsorgenza di malattie gravi. Di solito viene consigliato il consumo di zuppe, di verdure, di
liquidi privi di zuccheri, di frutta secca, di carboidrati semplici e di grassi naturali.

I benefici

La dieta mima digiuno pu portare al raggiungimento di alcuni benefici a vantaggio della salute.
Tutto sta nella riduzione delle calorie, che porta ad una riduzione del rischio dellincidenza del
cancro, ad un ringiovanimento del sistema immunitario, ad un calo delle infiammazioni e ad un
rallentamento della perdita di densit minerale a carico delle ossa.

In particolare gli esperti hanno notato che con questa dieta si riducono i fattori di rischio legati
allinvecchiamento e anche al diabete e alle malattie che interessano lapparato cardiovascolare.
Chi ha problemi di peso, inoltre, pu perdere qualche chilo di troppo. Tuttavia questa dieta non
lascia spazio al fai da te, che deve essere evitato assolutamente. Non tutti possono seguire questo
regime alimentare, anche perch dalle ricerche stato messo in evidenza che, per esempio, questo
tipo di alimentazione non consigliabile a chi ha superato i 65 anni di et.
A digiuno quattro giorni al mese per perdere
peso: lelisir di lunga vita di uno scienziato
genovese
09/07/2015LaCucinaItaliana

SHARE

Se il digiuno pu far perdere chili e vivere meglio? Uno studio direbbe proprio di s: una dieta
serratissima concentrata in pochi giorni, ogni mese, avrebbe notevoli effetti non solo sul girovita,
ma anche contro alcune patologie.

Quattro o cinque giorni a digiuno per vivere di pi. Almeno 96 ore senza toccare cibo come elisir
di lunga vita. Ecco la conclusione alla quale giunto lo scienziato genovese Valter Longo,
direttore dellIstituto di Longevit della University of Southern California di Los Angeles e del
laboratorio oncologia e longevit dellIfom (Fondazione Istituto di oncologia molecolare) di
Milano. Lo studio condotto col suo team ha dimostrato che adottare periodicamente una dieta
mima-digiuno, a basso contenuto di proteine, per 4-5 giorni al mese riduce i fattori di rischio
legati a invecchiamento, malattie cardiovascolari, diabete, obesit e cancro. Provare per credere.
Limportante restare possibilmente sotto il controllo di un medico durante il periodo di
purificazione.

Razionalizzare per star bene

In mancanza di cibo, la teoria di Longo, quella macchina incredibile del corpo umano inizia a
consumare le riserve a disposizione al suo interno, ovvero grassi, glucosio, chetoni. Allo stesso
tempo lorganismo cerca di razionalizzare le risorse, con il sacrificio di quasi un terzo di globuli
bianchi e la pulizia delle cellule danneggiate o allo stato latente. Il corpo umano, quindi, senza cibo
si rigenera e rinforza e allora ecco perch una volta al mese si pu pensare ad uno sforzo del genere.

Le quattro fasi della dieta

Ma rischiosa una prassi mensile di questo tipo? Per Valter Longo no, anche se bene che il
processo venga effettuato sotto stretto controllo medico. Un processo diviso in quattro fasi: la
prima, la pi difficile quella in cui lorganismo comincia a consumare le riserve di grassi, glucosio
e chetoni. Il secondo giorno, poi, inizia il processo di atrofizzazione degli organi e pertanto
consigliabile passeggiare e distrarsi. Il terzo giorno alcune cellule staminali cominciano a
rimpiazzare le cellule scartate, ma pu subentrare un po di torpore. E qui, invece, pertanto
consigliabile stare a riposo, mentre il quarto viene reintrodotto il cibo a piccole dosi e le staminali
portano a termine il processo di rigenerazione. E si pu tornare alle vecchie abitudini. Magari sane,
con alimentazione corretta e un po di attivit fisica.

Lotta al tumore

Oltre che ritardare linvecchiamento, digiunare una volta al mese, proprio grazie alla rigenerazione
del sistema, potrebbe diventare un alleato nelle cure messe in campo nella lotta contro il tumore,
come coadiuvante della chemioterapia. Ma non solo. Secondo Longo, che da anni si guadagna
pagine su riviste specializzate portando avanti teorie su questi suoi studi, la privazione strategica e
periodica di alcuni nutrienti ha una funzione anti-cancerogena (affama le cellule cancerose) e
protegge il sistema immunitario.

Una dieta ipocalorica per restare giovani

La dieta al centro della ricerca, in pratica ipocalorica in quanto lapporto di calorie viene ridotto
fino al 54%, riprogramma il corpo in modo tale da indurre una modalit di invecchiamento pi
lento, e al tempo stesso sollecita la rigenerazione cellulare. Per arrivare a tali conclusioni, si sono
prima analizzati i lieviti e i loro meccanismi biologici e molecolari innescati dal digiuno. Poi si
passati alla restrizione calorica applicata ai topi, che generalmente vivono al massimo tre anni, con
quattro giorni di quasi digiuno, due volte al mese. La durata della loro vita sbalorditivamente
salita dellundici per cento, col sistema immunitario in pratica ringiovanito, minore incidenza dei
tumori, di perdita del tessuto osseo e di malattie infettive. Nei topi pi anziani, invece, c stato
anche un aumento del numero di cellule staminali in vari organi, cervello incluso, dove la dieta ha
migliorato apprendimento e memoria.
Pi magri e pi sani?

Dopo le cavie, si passati alla prova sulluomo, con 19 volontari sani che hanno sperimentato la
restrizione calorica, ovvero tre cicli una volta al mese, per cinque giorni. La dieta messa a punto
dai ricercatori, con una composizione particolare di proteine, carboidrati, grassi e micronutrienti, ha
fatto diminuire i biomarcatori di invecchiamento, diabete, malattie cardiovascolari e cancro. I
fattori di rischio legati al diabete e alle malattie cardiovascolari si sono abbassati, senza effetti
collaterali su muscoli e ossa. Seguendo questa dieta ogni 3-6 mesi, a seconda della circonferenza
addominale e dello stato di salute, Longo ritiene che chiunque sia in grado di ottenere dei benefici.
Addirittura, per obesi e le persone a rischio elevato, il digiuno potrebbe essere applicato, sempre
sotto controllo medico, anche fino a una volta ogni due settimane.

Ma ora, continuando le ricerche, si attende un parere da parte del Ministero della Salute su questa
scoperta. E nel frattempo, il consiglio vero, quello di evitare diete fatte in casa o digiuni
occasionali: senza la supervisione e la consulenza di un dottore non c pancetta che valga rischi
eccessivi per la propria salute.

La Dieta Mima Digiuno: ecco come funziona la DMD e cosa mangiare se si sceglie di seguire
questo piano che mira a prevenire patologie importanti e, al tempo stesso, permette di perdere peso.
Non una dieta miracolosa ma un regime alimentare con digiuno studiato da una equipe guidata dal
ricercatore Valter Longo, in collaborazione con una universit statunitense e un centro di ricerca
italiano.

Il numero delle diete definite miracolose non si contano pi: ne esistono di drastiche, come la
dieta che promette di far perdere 10 kg in un mese, a quelle utili per la salute, basati su regimi
alimentari che ci aiutano ad eliminare i metalli pesanti dal nostro organismo. Una dieta di cui si
discute molto questanno la Dieta Mima Digiuno, messa a punto dal ricercatore italiano Valter
Longo, della University of Southern California, in collaborazione con lIstituto Firc di oncologia
molecolare (Ifom) di Milano. Questa dieta presenta una particolarit non da poco: prevede un
digiuno di 5 giorni. Un regime non adatto a tutti, quindi, ma gli studi evidenziano risultati
incoraggianti per quanto riguarda lo stato di salute di chi si sottoposto a questa dieta: vediamo
cos la Dieta Mima Digiuno, come funziona e cosa mangiare.

Dieta Mima Digiuno: cos?

Questo particolare regime alimentare stato sperimentato non per perdere peso ma per rallentare
linvecchiamento dellorganismo. I risultati, in questo senso, sono stati ottimi, secondo i ricercatori.
Gli studi, infatti, evidenziano come il sistema immunitario ne esca rinforzato, lorganismo
ringiovanito e depurato, con una diminuzione sensibile della presenza di biomarcatori di malattie
del sistema cardiocircolatorio, del diabete, del cancro, senza influire in modo pesante sulla struttura
muscolare o ossea. Inoltre, la DMD salvaguarda le cellule sane durante le chemioterapie e svolge
unimportante funzione anticancro poich le cellule tumorali non trovano pi nutrimento. La
sperimentazione stata condotta sia sui topi sia su 19 cavie umane mentre, nel frattempo, continua
una sperimentazione su altre 70 persone. Se i risultati positivi verranno confermati, sar una sorta di
rivoluzione non solo per dietologi e nutrizionisti, ma anche per i medici che puntano alla
prevenzione di malattie specifiche in pazienti a rischio.

Dieta Mima Digiuno: come funziona?


Questa dieta prevede un digiuno di 5 giorni, da ripetere ogni 3 o 6 mesi, in base alle necessit
dettate dalla circonferenza addominale e dallo stato di salute generale. Il dottor Longo
raccomanda di non seguire la DMD senza uno stretto controllo medico e solo dopo essersi
sottoposti ad una visita generale accurata, soprattutto per i pazienti pi a rischio, come i diabetici. Il
digiuno, ovviamente, non totale, ma vengono banditi altri cibi e introdotti altri. Questa dieta
suddivide cos i nutrienti:

proteine (11-14%)

carboidrati (42-43%)

grassi (46%)

con una riduzione dellapporto calorico che varia dal 34 al 54%.

Dieta Mima Digiuno: cosa mangiare?

La DMD prevede essenzialmente il consumo di zuppe, verdure, liquidi privi di zuccheri, frutta
secca (come le noci), carboidrati semplici e grassi naturali. Un piano standard, sostanzialmente, non
esiste. un regime alimentare strettamente personale, studiato da un medico esperto, che non
mira al semplice calo di peso, ma ad un sistema che prevenga da malattie gravi. Trascorsi i 5 giorni,
il paziente pu tornare al suo regime abituale, ma i ricercatori hanno notato come la DMD abbia
influenzato anche successivamente nella scelta degli alimenti, tanto da indurre le cavie ad
acquistare cibi pi sani, privi di zuccheri raffinati; una sorta di educazione alimentare che giova di
certo alla salute!

Articolo scritto da: Elisa

Dieta mima-digiuno
Ultimi aggiornamenti: 2016

La dieta della longevit o dieta mima-digiuno (Dmd) una nuova proposta alimentare
sperimentata da Valter Longo (University of Southern California) e dallIfom (Istituto Firc di
oncologia molecolare) di Milano.

Gli autori dello studio, pubblicato su Cell Metabolism, affermano che pochi giorni di digiuno (5
ogni 3-6 mesi), sotto controllo medico, favoriscono non solo il dimagrimento, ma anche la
prevenzione di gravi patologie (diabete, obesit, incidenti cardiovascolari, tumori).

La Dmd sarebbe in grado di rallentare quei processi di invecchiamento che accorciano lesistenza;
se seguita in modo corretto, garantirebbe almeno 10 anni in pi di vita.

Longo afferma che si tratta di riprogrammare il corpo in modo tale da farlo entrare in una modalit
di invecchiamento pi lento; ci dovrebbe essere fatto attraverso uno specifico schema alimentare
da seguirsi periodicamente.

Inizialmente Longo ha lavorato sui lieviti; in seguito ha utilizzato delle cavie da laboratorio la cui
aspettativa di vita di circa 2-3 anni.
Dopo cicli di 4 giorni di dieta mima-digiuno per due volte al mese nel corso della mezza et delle
cavie, Longo ha osservato che vi stato un prolungamento della durata della vita dell11%, con
riduzione dellincidenza di tumori, ringiovanimento del sistema immunitario, diminuzione delle
malattie infiammatorie ecc.

Si poi passati alluomo con uno studio su 19 persone relativamente sane. Secondo i ricercatori,
3 cicli di una dieta mima-digiuno somministrata ogni tot mesi hanno ridotto i fattori di rischio e i
biomarcatori di invecchiamento, diabete, malattie cardiovascolari e cancro, senza grossi effetti
collaterali avversi. La riduzione dellapporto calorico andata dal 34 al 54% circa.

Longo ritiene che per la maggior parte delle persone la dieta mima-digiuno possa essere seguita
ogni 3-6 mesi, a seconda della circonferenza addominale e dello stato di salute. Per i soggetti pi a
rischio (per esempio gli obesi), la dieta mima-digiuno periodica potrebbe essere consigliata dal
medico fino a una volta ogni due settimane.

Longo raccomanda a coloro che intendono seguire il


modello alimentare da lui proposto di farsi seguire da un medico in quanto non tutti sono in
condizioni di salute sufficientemente buone da digiunare per 5 giorni e le ripercussioni sulla salute
possono essere gravi per chi lo fa in modo improprio.

Lo scienziato, inoltre, raccomanda molta prudenza nel caso di soggetti affetti da diabete che non
dovrebbero sottoporsi a severe restrizioni caloriche durante lassunzione di insulina, metformina
ecc.

Nelle persone con indice di massa corporea inferiore a 18, infine, la Dmd decisamente
sconsigliata.

Dieta mimadigiuno: il nostro commento

Si sa gi da tempo che mangiare poco allunga la vita. La dieta mima-digiuno ha caratteristiche


decisamente ottimistiche che si basano su classici trucchi statistici (scelta di un opportuno
campione, vedasi Migliora la tua intelligenza). Se si considerano persone normali (dove per
normali si intende nella media della popolazione) e si applica la dieta, ovvio che potranno vivere
pi a lungo e meglio; ma la dieta non centra proprio nulla, solo un modo indiretto di dire alla
persona di mangiare di meno e di diminuire di peso. Se applicata su soggetti sani e magri (si noti il
relativamente sane delle persone scelte per lesperimento) non avrebbe purtroppo nessuna
efficacia. Per chi proprio sano non ed in sovrappeso, che segua la dieta mima-digiuno o
qualunque altro modello alimentare che lo faccia dimagrire, il risulto sarebbe del tutto identico.
La dieta mima digiuno di Valter Longo: nuova
moda o business per la societ fondata dal
ricercatore? A settembre arriva il kit in
farmacia e il volume in libreria
Roberto La Pira 30 agosto 2016 Nutrizione Commenti 5,346 Visto

La dieta mima digiuno un regime vegetariano in


grado di rallentare linvecchiamento

La dieta mima digiuno, ideata e promossa da Valter Longo, apparentemente non vuole essere un
modo per dimagrire come avviene per le altre diete modaiole. Secondo Longo si tratta di un
regime vegetariano in grado di rallentare linvecchiamento, rigenerare le cellule e, solo come effetto
collaterale, permettere la perdita di peso. Linventore precisa in tutte le interviste che il modello
alimentare non va gestito in autonomia, ma va adottato con il supporto di un dietologo o di un
nutrizionista.

La dieta propone di alternare il modello alimentare quotidiano a qualche giorno in cui si mima
il digiuno, assumendo da 800 a 1100 calorie. La maggior parte di queste calorie deve provenire da
grassi (noci, per esempio) e vegetali, e solo in quantit ridotta da zuccheri e proteine. Lidea della
dieta nasce dagli studi sullinvecchiamento condotti da Valter Longo che, allattivit di direttore del
Longevity Institute della University of Southern California, affianca quella di ricercatore presso
lIfom di Milano.
Per abbassare i livelli di IGF1, ormone legato
allinvecchiamento, necessario ridurre la carne e le proteine animali

Il sistema si basa su due elementi. Le popolazioni di alcuni villaggi sulle Ande nellEcuador non si
ammalano quasi mai di cancro e di diabete e le persone sono alte circa un metro e dieci. Il nanismo
infatti una delle caratteristiche peculiari di queste persone (spesso sono anche obese o in
sovrappeso) che sono affette dalla sindrome di Laron. Secondo Longo la chiave di lettura per
giustificare lassenza di malattie correlate allinvecchiamento da attribuire a livelli bassi di IGF1 e
insulina. Poich questo ormone aumenta con lassunzione di proteine animali, un modo per
mimare ci che avviene di positivo nelle persone con la sindrome di Laron agire
sullalimentazione, riducendo la quota di carne, latte, uova, e favorendo: verdure, cereali, proteine
vegetali e al limite il pesce.

Nella dieta mima digiuno si assumono dalle 800 alle


1100 calorie per qualche giorno

La dieta mima digiuno viene presentata dal ricercatore come un tasto di reset, che permette alle
cellule di rigenerarsi e di ripartire. Longo nelle interviste rilasciate precisa che gli studi sono stati
condotti in colture di lievito, di topi e anche nelluomo, attraverso un trial che ha coinvolto 100
individui (numero molto limitato che da un punto di vista scientifico ha scarso valore). Sulla base di
questi elementi Longo propone un regime alimentare con un ridotto consumo di proteine animali,
abbinato a qualche giorno in cui si simula il digiuno, per permettere alle cellule di rigenerarsi. Per la
maggior parte delle persone relativamente sane la frequenza della dieta mima digiuno dovrebbe
essere una volta ogni 3-4 mesi, negli altri casi ogni 30 giorni. La dieta prevede qualche giorno di
mima-digiuno ogni mese,da alternare a unalimentazione normale, che dovrebbe portare ad una
riduzione dellapporto calorico di circa 5000 calorie per gli adulti di sesso maschile.
La dieta mima digiuno non adatta a persone obese,
diabetiche o con malassorbimento intestinale

Enzo Spisni, ricercatore nutrizionista dellUniversit di Bologna abbastanza critico sulla mima-
digiuno e precisa che Molti studi arrivano alla conclusione che la restrizione calorica un modo
per allungare la vita. Il concetto corretto ma solo negli organismi utilizzati in laboratorio. Negli
esperimenti condotti sulle colture di lievito la lunghezza della vita triplica in condizioni di
restrizione calorica, raddoppia nelle prove condotte sui vermi, mentre nei topi aumenta quasi del
30%. Come dire che, salendo la scala evolutiva, gli effetti positivi sembrano affievolirsi. La dieta
del digiuno continua Spisni non va bene per tutti e non deve essere un alibi per le persone che si
sentirebbero legittimate a mangiare di pi dopo il periodo di restrizione. Il regime alimentare non
adatto alle persone obese, a chi soffre di malassorbimento intestinale, cos come ai diabetici. Nelle
situazioni di sovrappeso e obesit, adottare questo modello alimentare significa fare la guerra alle
conseguenze e non cercare di eliminare le cause. Il primo compito di chi segue pazienti obesi o in
forte sovrappeso individuare gli sbagli del pasto quotidiano e gli errori nello stile di vita.
Introdurre giorni di digiuno prestabiliti si rileva in genere poco utile, perch questi periodi
verrebbero compensati con errori maggiori nei giorni successivi.

La dieta mima digiuno non si concilia con lattivit


lavorativa, perch pu provocare affaticamento e scarsa concentrazione

Esistono svantaggi? Secondo Spisni la condizione di lavoro attivo si coniuga male con la dieta
mima digiuno: si rischiano situazioni di ipoglicemia che possono influire negativamente su
concentrazione e attivit fisica. Lo sanno benissimo gli sportivi, che mai affronterebbero
allenamenti in condizioni di digiuno. I nostri avi, quando praticavano i digiuni tradizionali, lo
facevano in una condizione di riposo. Quindi, se si decide di inserire giornate di digiuno o di scarso
apporto calorico, attenzione a farle coincidere con giornate in cui abbiamo poco o nulla da fare, e
possiamo rilassarci, magari allombra di qualche albero.
Valter Longo, con la sua azienda L-NUTRA
commercializza i kit per la dieta mima digiuno

La dieta mima digiuno ha anche un aspetto commerciale. Valter Longo affianca allattivit di
ricercatore, quella di fondatore (oltre che presidente del board scientifico) della societ L-NUTRA
che si occupa di nutritecnologia. La societ ha sviluppato e ha programmato linizio della vendita
negli Usa e in Italia di due kit per seguire la dieta mima-digiuno denominata ProLon. Longo
sottolinea che le sue azioni saranno assegnate a unassociazione no profit e non ricever alcun
compenso, anche se questo aspetto non preclude una sorta di conflitto di interessi. Laltra novit
che il prossimo 15 settembre dovrebbe uscire il libro La dieta della longevit, scritto dallo stesso
Longo ed edito da Vallardi. Anche in questo caso i proventi dellautore andranno a favore della
ricerca.

Valter Longo ha riassunto le sue scoperte e la dieta mima


digiuno nel libro La dieta della longevit

Una delle ambiguit della dieta mima digiuno quella di estendere al grande pubblico e di
proporre i modelli e gli esiti dellesperienza scientifica maturata su pazienti con patologie anche
gravi. La sensazione quella di una nuova dieta vegetariana quasi miracolosa che, oltre a fare
dimagrire, agisce contro linvecchiamento ed in grado di rigenerare e resettare le cellule. Si tratta
di un programma affascinante capace di catturare lattenzione di molti, affiancato dal business della
vendita del kit e dal libro di prossima uscita. Il percorso risulta simile a quello di molte diete
modaiole che durano lo spazio di qualche stagione e promettono di perdere chili senza fatica. Lo
schema ormai standardizzato: si prende un modello scientifico come riferimento, si scrivono libri
e manuali e si vendono in farmacia kit o prodotti alimentari utili per seguire la dieta. La novit di
Longo di consigliare laffiancamento di un dietologo.

Riproduzione riservata
Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

Roberto La Pira

giornalista, tecnologo alimentare

La dieta della longevit mima il digiuno,


bastano 5 giorni ogni 3-6 mesi per vivere di pi
Uno studio propone un'alimentazione con poche proteine. A sperimentarla uno scienziato italiano
che ha fatto anche una serie di test sui topi da laboratorio. Altri studi consigliano questa pratica. Ma
occorre fare attenzione

di VALERIA PINI
Lo leggo dopo

Secondo lo studio pochi giorni di digiuno possono


prevenire alcune malattie UNA DIETA che si avvicina al digiuno, ma non lo . Promette una vita
lunga. Con un ridotto contenuto proteico e a un mix speciale di grassi, carboidrati e micronutrienti,
abbatte l'apporto calorico giornaliero fino a dimezzarlo. Seguita sotto controllo medico per 5 giorni
ogni 3-6 mesi fa dimagrire e aiuta a prevenire malattie cardiovascolari, diabete, obesit e tumori.
Riesce cos a rallentare i processi di invecchiamento che accorciano la vita. Secondo gli esperti, se
seguita in modo meticoloso, in grado di regalare 10 anni in pi di vita. Si chiama 'Dmd', o dieta
mima-digiuno, ed stata sperimentata con successo da uno scienzato italiano Valter Longo, della
University of Southern California (Usc) e dell'Istituto Firc di oncologia molecolare (Ifom) di
Milano. Longo ha testato questo regime su se stesso e un'altra ventina di persone e sulle cavie da
laboratorio.

La sperimetazione. "Si tratta di riprogrammare il corpo in modo tale da farlo entrare in una
modalit di invecchiamento pi lento, ma anche di ringiovanirlo attraverso una rigenerazione che si
basa sulle cellule staminali" spiega Longo. Un anno fa Longo aveva gi dimostrato su 'Cell Stem
Cell' come la periodica privazione strategica di alcuni nutrienti svolga una funzione anticancro,
'affamando' le cellule tumorali e proteggendo il sistema immunitario e le cellule sane dagli effetti
tossici della chemioterapia. Al centro della nuova ricerca, pubblicata sempre su 'Cell Metabolism', il
particolare regime alimentare sui lieviti, nei topi e nell'uomo. Lo studio riguarda ora uno schema
alimentare specifico, che seguito periodicamente riduce il girovita e fa perdere peso.

"Ringiovanisce il sistema immunitario". In una prima fase ha lavorato sui lieviti, semplici
organismi unicellulari che hanno in comune con l'uomo met dei geni e hanno permesso allo
scienziato di scoprire i meccanismi biologici innescati dal digiuno a livello cellulare e molecolare.
Poi il ricercatore passato quindi ai topi, la cui aspettativa di vita di 2-3 anni: cicli di 4 giorni di
Dmd 2 volte al mese durante la 'mezza et' dei roditori hanno prolungato dell'11% la durata della
vita, con riduzione dell'incidenza di cancro, ringiovanimento del sistema immunitario, diminuzione
delle malattie infiammatorie, rallentamento della perdita di densit minerale ossea e, nei topi pi
anziani, aumento del numero di cellule progenitrici e staminali in vari organi. Incluso il cervello,
dove la dieta ha potenziato la rigenerazione neurale e migliorato apprendimento e memoria.

Il test su un gruppo di pazienti. Infine il team ha cercato conferme nell'uomo, con uno studio su
19 persone "relativamente sane". E' emerso che 3 cicli di una dieta mima-digiuno somministrata
ogni mese mesi hanno ridotto i fattori di rischio e i biomarcatori di invecchiamento, diabete,
malattie cardiovascolari e cancro, "senza grossi effetti collaterali avversi". Nelle 'cavie umane' la
Dmd ha ridotto l'apporto calorico del 34-54%. Il regime ha prodotto un calo dell'ormone Igf-I,
necessario per la crescita durante lo sviluppo, ma promotore dell'invecchiamento e collegato alla
predisposizione al cancro. La Dmd ha inoltre aumentato l'ormone Igfbp-1 e ridotto biomarcatori e
fattori di rischio legati a diabete e malattie cardiovascolari (glucosio, grasso del tronco e proteina C-
reattiva), senza influire negativamente sulla massa muscolare e ossea.

"Basta digiunare ogni 3-6 mesi". Dopo il breve periodo di digiuno, terminato il trattamento, i
partecipanti allo studio tornavano alle loro regolari abitudini alimentari buone o cattive che fossero.
Nonostante non fosse stato loro richiesto di modificare la propria dieta, si comunque osservato un
cambiamento positivo. Longo ritiene che per la maggior parte delle persone la dieta mima-digiuno
possa essere seguita ogni 3-6 mesi, a seconda della circonferenza addominale e dello stato di salute.
Per le persone obese o a rischio elevato, la Dmd periodica potrebbe essere consigliata dal medico
fino a una volta ogni 2 settimane.

Si attendono altre conferme. Ora i ricercatori hanno appena completato un pi ampio studio
clinico randomizzato con oltre 70 pazienti. "Se questo studio confermer i risultati della
pubblicazione su 'Cell Metabolism' - afferma Longo - sar possibile a medici e dietologi
raccomandare questa dieta per influenzare i fattori di rischio testati, mentre il suo uso per la
prevenzione e la terapia di patologie dovr aspettare ulteriori studi clinici e l'approvazione del
ministero della Sanit. Negli Usa incontreremo presto i funzionari della Fda per ottenere il
permesso di proseguire con gli studi clinici sul numero di pazienti necessario per l'approvazione
della Dmd in prevenzione e trattamento di alcune malattie".

"Sempre sotto controllo medico". Longo mette rigorosamente in guardia rispetto all'adozione di
forme radicali di dieta, come il digiuno con sola acqua, e dall'affrontare la Dmd senza consultare un
medico e farsi seguire: "Non tutti sono in condizioni di salute sufficientemente buone da digiunare
per 5 giorni - ammonisce - e le ripercussioni sulla salute possono essere gravi per chi lo fa in modo
improprio". Longo consiglia inoltre "estrema prudenza" per i diabetici, che non dovrebbero
effettuare restrizioni caloriche durante l'assunzione di insulina, metformina o farmaci simili. Nelle
persone con indice di massa corporea inferiore a 18, infine, la Dmd sconsigliata del tutto.

Libri e manuali sul digiuno. Da tempo si parla dei benefici del digiuno. Secondo una ricerca
dell'Intermountain Medical Center Heart Institute l'astinenza da cibo non solo riduce il rischio di
malattie coronariche e diabete, ma provoca anche cambiamenti significativi nei livelli ematici del
colesterolo. In Italia l'oncologo Umberto Veronesi ha pubblicato La dieta del digiuno, dove
consiglia di non assumere cibo per una volta a settimana. Mentre un paio di anni fa nel Regno Unito
ha fatto molto discutere Fast diet, un manuale per perdere peso che punta su uno schema che
prevede 2 giornate a 'stecchetto' e 5 dove nutrirsi in modo abbondante. Gli esperti ricordano quanto
sia comunque fondamentale alimentarsi in modo adeguato, evitando zuccheri e grassi. Pochi giorni
fa al congresso dell'American Diabetes Association, i medici hanno stabilito che per prevenire
malattie cardiovascolari e diabete, la cosa migliore da fare seguire la dieta Mediterranea.