Sei sulla pagina 1di 7

NE555 1

NE555
L'NE555 un circuito integrato contenente un multivibratore che pu
essere configurato come monostabile (timer), come astabile
(oscillatore) e come bistabile (flip-flop) permettendo la realizzazione di
numerosissime applicazioni diverse.
Questo integrato stato inventato e progettato da Hans R. Camenzind
nel 1970 e introdotto nel mercato nel 1971 dalla Signetics
(successivamente acquisita da Philips). Il nome originale era
SE555/NE555 e deriva dal fatto che al suo interno ci sono tre resistori
collegati in serie ciascuno del valore di 5 k che forniscono, tramite il
NE555 della Signetics in formato dual in-line
principio del partitore di tensione, i potenziali di riferimento di 1/3 e
2/3 della tensione di alimentazione ai comparatori interni al
dispositivo. La durata dell'impulso o il periodo dell'oscillazione
regolabile da alcune decine di microsecondi ad alcune decine di minuti.

Il circuito interno di questo integrato formato da 23 transistors, 2


diodi e 16 resistori che compongono oltre al gi citato partitore per
ottenere le tensioni di riferimento, due comparatori, un latch e uno
stadio di potenza per pilotare il carico. Il tutto viene fornito
normalmente in un contenitore plastico a 8 pin DIP, ma esistono
versioni in contenitore metallico e in vari contenitori SMT.

Esistono numerose varianti del circuito base, oltre alle varie versioni
CMOS a basso consumo esiste l'NE556 che composto da due NE555
nello stesso contenitore (in questo caso DIP a 16 pin) e l'NE558 che
invece formato da 4 unit con connessioni e caratteristiche leggermente Pin-out del timer NE555

diverse dall'NE555.
Il timer 555 uno dei pi popolari e versatili integrati mai prodotti: nonostante l'et del progetto viene ancora oggi
fabbricato ed utilizzato largamente grazie alla sua semplicit d'uso, economicit e stabilit. Ogni anno ne vengono
prodotte circa un miliardo di unit. [1]
Il 555 e i suoi derivati hanno tre modalit operative:
Monostabile: in questa configurazione, il 555 funziona a "colpo singolo", con un singolo impulso di trigger che
manda l'uscita a +Vcc e fa caricare il condensatore C. Utilizzabile per rilevatori di impulso, antirimbalzo per
pulsanti, timers, interruttori a tocco, etc.
Astabile: il 555 opera come un oscillatore. Utilizzato ad esempio in lampeggiatori per LED o lampade a
incandescenza, come generatore di impulsi, generatore di toni, etc.
Bistabile: il 555 si comporta come un flip-flop, se il pin DIS non viene connesso e non si impiega il condensatore.
NE555 2

Connessioni
La connessione dei pin come di seguito:

Struttura a blocchi del timer 555. THRES, CONT e TRIG sono connessi a due
comparatori logici (dove presente il pallino, ad esempio CONT, lingresso -
del comparatore. Lingresso RESET lingresso R1 (prioritario cio con prevalenza
sullo stato degli ingressi R ed S e con pallino cio vero quando RESET a livello
logico basso) del latch RS. Luscita del latch luscita negata (cio vera quando
bassa e quindi se S a livello logico alto)

Nome Scopo
Nr.

1 GND Massa, livello logico 0

2 TR Un breve impulso alto -> basso sul pin tr (trigger) fa partire il timer

3 Q Durante l'intervallo di temporizzazione, l'output (uscita) resta a +VCC

4 R Un intervallo di temporizzazione pu essere interrotto applicando un impulso di reset, ossia forzando questo pin al livello basso (0
V)

5 CV Tensione di controllo (control voltage) permette l'accesso al partitore di tensione interno (2/3 VCC). Quando questo pin non
collegato si consiglia di inserire un condensatore da 110 nF tra di esso e il pin GND perch pu essere fonte di disturbi che alterano
il comportamento del timer

6 THR La soglia (threshold) a cui termina l'intervallo (termina se VTHR > 2/3 VCC)

7 DIS Connesso a un condensatore il cui tempo di scarica determiner l'intervallo di temporizzazione

8 V+, La tensione positiva di alimentazione, che deve essere compresa tra 5 e 15 V a seconda della tecnologia costruttiva (TTL o CMOS).
VCC Verificare sul datasheet del componente scelto di alimentarlo nei limiti consigliati
NE555 3

Configurazioni

Astabile
In figura rappresentata la configurazione base del 555 come
multivibratore astabile in cui i piedini 2 e 6 sono collegati tra di loro ed
hanno quindi lo stesso potenziale del condensatore C, la resistenza R1
collegata tra l'alimentazione e il terminale 7 mentre R2 viene
collegata tra il terminale 7 e il condensatore.
Con questi collegamenti quando il circuito viene alimentato la tensione
sul condensatore inizia ad oscillare tra i valori Vcc/3 e 2/3 Vcc e di
conseguenza l'uscita varia tra 0 e Vcc con due tempi ricavabili dalle
equazioni di carica del condensatore, il tempo t1 che il tempo in cui
l'uscita alta si calcola con la formula:

multivibratore astabile a 555

mentre il tempo t2 in cui l'uscita bassa si calcola con la formula:

Dalle formule si nota che t1>t2 quindi la forma d'onda avr sempre un duty cycle maggiore del 50% per cui le onde
di uscita non sono mai quadre, in pratica ponendo R1 << R2 il duty cycle si avvicina molto al 50% quindi in prima
approssimazione le onde si potrebbero ritenere quadre. Il valore di R1 e R2 consigliabile che sia compreso tra 1
KOhm e 10 MOhm in quanto valori pi piccoli di 1 KOhm potrebbero causare problemi nel funzionamento del BJT
interno che potrebbe uscire dalla saturazione e nella peggiore delle ipotesi il circuito non oscillerebbe pi.
Per alterare il valore del duty cycle si pu modificare la configurazione base nei seguenti modi:
Duty Cicle = 50%: inserire in parallelo alla resistenza R2 un diodo con il catodo rivolto verso il pin 6.
Duty Cicle < 50%: per questo tipo di configurazione bisogna inserire al posto della R2 due rami resistenza-
diodo in parallelo con i versi dei diodi uno opposto all'altro.

Monostabile
In figura rappresentata la configurazione base del 555 come
multivibratore monostabile in cui la resistenza R collegata tra
l'alimentazione e il pin 7 e il condensatore C tra il pin 7 e la massa, il
pin 6 viene inoltre collegato insieme al 7.
Lo stato dell'uscita basso se l'ingresso 2 Trigger vale Vcc. Infatti il
BJT interno al 555 saturo quindi l'ingresso 6 Threshold a potenziale
0 e gli ingressi R e S del latch interno sono entrambi a 0 cos lo stato
dell'uscita si conserva. Applicando un breve impulso negativo
all'ingresso trigger appena il suo valore scende al di sotto di Vcc/3
Vout diventa uguale a Vcc e il BJT si interdice: il condensatore tende a
caricarsi al valore Vcc attraverso la resistenza R, quando raggiunge il
multivibratore monostabile a 555
valore di 2/3 Vcc si ha S=0 e R=1, quindi Vout=0 e il BJT torna in
saturazione riportando S=R=0 e l'uscita rimane allo stato stabile basso.
Il tempo in cui l'uscita resta alta viene dimensionato attraverso la formula:
NE555 4

Se durante il tempo in cui l'uscita alta si applicano altri impulsi al trigger l'uscita non ne viene influenzata, lo stato
alto termina dopo il tempo fissato dai valori di R e C, in questo caso si dice che il monostabile non retriggerabile.
Esiste anche una configurazione in cui il monostabile retriggerabile,dando un nuovo impulso di trigger quando
l'uscita alta il monostabile torna all'inizio del ciclo, questa possibilit si ottiene collegando il condensatore tra il pin
6 e massa e la resistenza tra l'alimentazione e il pin 2, i pin 2 e 6 vengono inoltre collegati insieme, quindi non viene
utilizzato il pin 7.

Modulatore della durata degli impulsi (PWM)


Se nella configurazione monostabile si collega il pin 5 Control voltage ad un generatore di tensione variabile e si
applica al pin 2 Trigger un treno di impulsi periodici all'uscita si ottengono degli impulsi aventi lo stesso periodo di
quelli di ingresso ma di durata dipendente dall'ampiezza del segnale presente sul pin 5 detto segnale modulante.
Infatti se il valore del segnale modulante maggiore di 2/3 Vcc l'impulso di uscita ha durata maggiore del tempo
dato da 1,1 RC perch la commutazione a 0 avviene quando il pin 6 raggiunge il valore esistente sul pin 5, viceversa
succede quando il segnale modulante presente sul pin 5 vale meno di 2/3 Vcc.

Modulatore di posizione degli impulsi (PPM)


Se nella configurazione astabile si collega il pin 5 Control voltage ad un generatore di tensione variabile si ottengono
in uscita onde rettangolari con frequenza dipendente dall'ampiezza del segnale modulante applicato al pin 5.

Specifiche
Queste specifiche si riferiscono all'NE555. Altri timer 555 possono avere migliori caratteristiche anche in funzione
della tecnologia di costruzione (TTL o CMOS) e della classe (commercial, automotive, militare, medicale ecc.[2] ).

Tensione di alimentazione (VCC) da 4,5 a 15 V

Corrente di alimentazione (VCC = +5 V) da 3 a 6 mA

Corrente di alimentazione (VCC = +15 V) da 10 a 15 mA

Corrente d'uscita (massima) 200 mA

Potenza dissipata 600 mW

Temperatura ambiente operativa tra 0 a 70 C (per la versione detta commercial)

Derivazioni
Varianti compatibili, comprese le versioni CMOS, vengono costruite da vari produttori. Il 555 anche noto sotto
questi nomi:
NE555 5

Produttore Modello Note

[3] [4]
ECG Philips ECG955M

Exar XR-555

Fairchild Semiconductor LM555/NE555/SA555

Harris HA555 obsoleto

Intersil SE555/NE555/ICM7555

Lithic Systems LC555

Maxim [5] CMOS con alimentazione minima di 2 V


ICM7555

Motorola MC1455/MC1555

National Semiconductor LM1455/LM555C

National Semiconductor LMC555 CMOS con alimentazione minima fino a 1,5 V

NTE Sylvania NTE955M

Raytheon RM555/RC555

RCA CA555/CA555C

Sanyo LC7555

STMicroelectronics [6] Versione del timer a 3 V di tensione alimentazione (obsoleto)


NE555/SA555/SE555
TS3V555

Texas Instruments [7]


NA555, NE555, SA555, SE555

Texas Instruments [8] CMOS con alimentazione minima fino a 2 V


TLC555

URSS K10061

Zetex [9] Basso consumo; alimentazione da 0,9 V ma con limite superiore a 6 V


ZSCT1555

Diversi editori, nelle loro collane tecniche, hanno pubblicato veri e propri manuali con schemi di progetto pratici,
orientati a svariate applicazioni di questo dispositivo.

Note
[1] (EN) Intervista a Hans Camenzind (http:/ / www. semiconductormuseum. com/ Transistors/ LectureHall/ Camenzind/ Camenzind_Index.
htm)
[2] Per la classe di applicazione, tra l'altro, varia il campo di temperature ambiente ammesso:
commercial tra 0 e 70C
automotive tra -40 e 80C
militare tra -55 e 125C
[3] (EN) Ora NXP (http:/ / www. nxp. com/ profile/ )
[4] (EN) NE/SA/SE555/SE555C sul sito NXP (http:/ / www. nxp. com/ acrobat_download/ datasheets/ NE_SA_SE555_C_2. pdf)
[5] (EN) ICM7555 Maxim (http:/ / datasheets. maxim-ic. com/ en/ ds/ ICM7555-ICM7556. pdf)
[6] (EN) Datasheet di NE555/SA555/SE555 su STMicroelectronics (http:/ / www. st. com/ stonline/ products/ literature/ ds/ 2182/ ne555. pdf)
[7] (EN) http:/ / focus. ti. com/ lit/ ds/ symlink/ se555. pdf NA555, NE555, SA555, SE555 sul sito Texas Instruments
[8] (EN) TLC555 sul sito Texas Instruments (http:/ / focus. ti. com/ lit/ ds/ symlink/ tlc555-q1. pdf)
[9] (EN) ZSCT1555 sul sito Zetex (http:/ / www. zetex. com/ 3. 0/ pdf/ zsct1555. pdf)
NE555 6

Altri progetti
Wikimedia Commons contiene file multimediali: http://commons.wikimedia.org/wiki/Category:555 timer
IC

Collegamenti esterni
NE555 (http://search.dmoz.org/cgi-bin/search?search=NE555&all=yes&cs=UTF-8&cat=World/Italiano) su
Open Directory Project ( Segnala (http://www.dmoz.org/cgi-bin/add.cgi?where=) su DMoz un collegamento pertinente
all'argomento "NE555")
(EN) Data Sheet (Fairchild) (http://www.fairchildsemi.com/ds/NE/NE555.pdf)
(EN) Simulazione Java (http://www.falstad.com/circuit/ex-555.html) del circuito oscillatore
http://www.webalice.it/crapellavittorio/electronic/ne555_schemi.html Dal sito di i2viu link sul 555
Fonti e autori delle voci 7

Fonti e autori delle voci


NE555 Fonte:: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=45269948 Autori:: .anaconda, Anapoli72, Angelorenzi, Ary29, Ask21, Asteroideumano, Avesan, Calabash, CavalloRazzo, Frammco,
Giovannigobbin, Gvf, Hellis, Ignlig, Issilac, Lulo, M7, Microst, Moreet, Mrdani, No2, Paolo Di Febbo, Piero, Pil56, Poweruser, Sbisolo, Shooke, Ticket 2010081310004741, Tirinto,
Woodstock1, ^musaz, 43 Modifiche anonime

Fonti, licenze e autori delle immagini


File:Signetics NE555N.JPG Fonte:: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Signetics_NE555N.JPG Licenza: GNU Free Documentation License Autori:: Gvf, Shooke, Stefan506, 1
Modifiche anonime
File:555-schem.png Fonte:: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:555-schem.png Licenza: GNU Free Documentation License Autori:: EugeneZelenko, Ilmari Karonen, Jacj,
Omegatron, Shooke, Tano4595, WikipediaMaster
File:NE555 Bloc Diagram.svg Fonte:: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:NE555_Bloc_Diagram.svg Licenza: Public Domain Autori:: BlanchardJ
File:555_Astable_Diagram.svg Fonte:: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:555_Astable_Diagram.svg Licenza: Public Domain Autori:: jjbeard
File:555_Monostable.svg Fonte:: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:555_Monostable.svg Licenza: Public Domain Autori:: Inductiveload
Immagine:Commons-logo.svg Fonte:: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Commons-logo.svg Licenza: logo Autori:: SVG version was created by User:Grunt and cleaned up by
3247, based on the earlier PNG version, created by Reidab.

Licenza
Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 Unported
//creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/