Sei sulla pagina 1di 18

RINA SERVICES SPA - servizio UNICoNTO - abbonamento n.

9454 scadenza: 5/6/2014 - Documento scaricato il 12/11/2011

Controllo non distruttivo delle saldature


NORMA Regole generali per i materiali metallici UNI EN 12062
E U R OP E A

LUGLIO 2004

Versione italiana
Non-destructive examination of welds del maggio 2008
General rules for metallic materials

La norma fornisce una guida per la scelta dei metodi di controllo


non distruttivo delle saldature e per la valutazione dei risultati ai fini
del controllo qualit. Le indicazioni fornite dalla norma tengono
conto dei requisiti di qualit, del materiale, dello spessore della sal-
datura, del procedimento di saldatura e dellestensione dellesame.
La norma specifica inoltre le regole generali e le norme applicabili
per i diversi tipi di controllo sia dal punto di vista metodologico che
da quello dei livelli di accettazione per i materiali metallici.

Norma ritirata

TESTO ITALIANO

La presente norma la versione ufficiale in lingua italiana della


norma europea EN 12062 (edizione agosto 1997), dellaggiorna-
mento A1 (edizione maggio 2002) e dellaggiornamento A2 (edi-
zione dicembre 2003).

La presente norma sostituisce la UNI EN 12062:1998.

ICS 25.160.40

UNI UNI
Ente Nazionale Italiano Riproduzione vietata. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del presente documento
di Unificazione pu essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi, fotocopie, microfilm o altro, senza
Via Sannio, 2 il consenso scritto dellUNI.
20137 Milano, Italia www.uni.com

UNI EN 12062:2004 Pagina I


RINA SERVICES SPA - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 9454 scadenza: 5/6/2014 - Documento scaricato il 12/11/2011

PREMESSA NAZIONALE
La presente norma costituisce il recepimento, in lingua italiana, del-
la norma europea EN 12062 (edizione agosto 1997), dellaggiorna-
mento A1 (edizione maggio 2002) e dellaggiornamento A2 (edizio-
ne dicembre 2003), che assumono cos lo status di norma naziona-
le italiana.

La presente norma stata elaborata sotto la competenza della


Commissione Tecnica UNI
Saldature

La presente norma stata ratificata dal Presidente dellUNI ed


entrata a far parte del corpo normativo nazionale l1 luglio 2004.

Norma ritirata

Le norme UNI sono elaborate cercando di tenere conto dei punti di vista di tutte le parti
interessate e di conciliare ogni aspetto conflittuale, per rappresentare il reale stato
dellarte della materia ed il necessario grado di consenso.
Chiunque ritenesse, a seguito dellapplicazione di questa norma, di poter fornire sug-
gerimenti per un suo miglioramento o per un suo adeguamento ad uno stato dellarte
in evoluzione pregato di inviare i propri contributi allUNI, Ente Nazionale Italiano di
Unificazione, che li terr in considerazione per leventuale revisione della norma stessa.

Le norme UNI sono revisionate, quando necessario, con la pubblicazione di nuove edizioni o
di aggiornamenti.
importante pertanto che gli utilizzatori delle stesse si accertino di essere in possesso
dellultima edizione e degli eventuali aggiornamenti.
Si invitano inoltre gli utilizzatori a verificare lesistenza di norme UNI corrispondenti alle
norme EN o ISO ove citate nei riferimenti normativi.

UNI EN 12062:2004 UNI Pagina II


RINA SERVICES SPA - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 9454 scadenza: 5/6/2014 - Documento scaricato il 12/11/2011

EUROPEAN STANDARD
EN 12062
NORME EUROPENNE
EUROPISCHE NORM August 1997

ICS 25.160.40 + A1 May 2002


+ A2 December 2003

English version

Non-destructive examination of welds - General rules for metallic materials

Contrle non destructif des assemblages souds - Rgles Zerstrungsfreie Prfung von Schweiverbindungen -
gnrales pour les matriaux mtalliques Allgemeine Regeln fr metallische Werkstoffe

This European Standard was approved by CEN on 2 August 1997.


Amendment A1 modifies the European Standard EN 12062:1997; it was approved by CEN on 1 May 2002.
Amendment A2 modifies the European Standard EN 12062:1997; it was approved by CEN on 20 November 2003.
Norma ritirata
CEN members are bound to comply with the CEN/CENELEC Internal Regulations which stipulate the conditions for giving
this European Standard the status of a national standard without any alteration. Up-to-date lists and bibliographical references
concerning such national standards may be obtained on application to the Management Centre or to any CEN member.

This European Standard exists in three official versions (English, French, German). A version in any other language made by
translation under the responsibility of a CEN member into its own language and notified to the Management Centre has the same
status as the official versions.

CEN members are the national standards bodies of Austria, Belgium, Czech Republic, Denmark, Finland, France, Germany,
Greece, Hungary, Iceland, Ireland, Italy, Luxembourg, Malta, Netherlands, Norway, Portugal, Slovakia, Spain, Sweden,
Switzerland and United Kingdom.

EUROPEAN COMMITTEE FOR STANDARDIZATION


COMIT EUROPEN DE NORMALISATION
EUROPISCHES KOMITEE FR NORMUNG

Management Centre: rue de Stassart, 36 B-1050 Brussels

2003 CEN All rights of exploitation in any form and by any means reserved worldwide Ref. No. EN 12062:1997/
A2:2003: E
for CEN national Members.

UNI EN 12062:2004 UNI Pagina III


RINA SERVICES SPA - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 9454 scadenza: 5/6/2014 - Documento scaricato il 12/11/2011

INDICE

PREMESSA ALLA NORMA EN 12062 1

PREMESSA ALLAGGIORNAMENTO A1 1

PREMESSA ALLAGGIORNAMENTO A2 1

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2

2 RIFERIMENTI NORMATIVI 2

3 TERMINI E DEFINIZIONI 3

4 ABBREVIAZIONI 3
prospetto 1 Abbreviazioni .................................................................................................................................................. 3

5 LIMITAZIONI 4
5.1 Stadio di fabbricazione........................................................................................................................... 4
5.2 Entit del controllo .................................................................................................................................... 4
5.3 Materiali .......................................................................................................................................................... 4

6 QUALIFICAZIONE DEL PERSONALE 4

7 ORGANISMO DI CONTROLLO 4

8 DOCUMENTAZIONE 4
8.1 Documentazione prima dellesame ................................................................................................. 4
8.2 Documentazione dopo lesame ......................................................................................................... 5

9 SCELTA DEL METODO DI CONTROLLO 5


9.1 Norma ritirata
Generalit...................................................................................................................................................... 5
9.2 Giunti testa a testa e a T a piena penetrazione ....................................................................... 5
prospetto 2 Metodi generalmente riconosciuti idonei per la rivelazione di imperfezioni superficiali
accessibili per tutti i tipi di saldature, incluse quelle dangolo ........................................................ 6
prospetto 3 Metodi generalmente riconosciuti idonei per la rivelazione di imperfezioni interne per i
giunti testa a testa e a T a piena penetrazione................................................................................... 6
9.3 Giunti testa a testa e a T non a piena penetrazione e giunti dangolo ......................... 6

10 ESECUZIONE DELLESAME 6
10.1 Determinazione della norma da applicare................................................................................... 6
10.2 Condizioni per lesame........................................................................................................................... 7
10.3 Stadio di effettuazione dellesame ................................................................................................... 7
10.4 Indicazioni non accettabili .................................................................................................................... 7

APPENDICE A REGOLE E NORME DA APPLICARE 8


(normativa)
A.1 Esame visivo .............................................................................................................................................. 8
prospetto A.1 Esame visivo (VT) ........................................................................................................................................ 8
A.2 Liquidi penetranti ...................................................................................................................................... 8
prospetto A.2 Liquidi penetranti (PT) ................................................................................................................................. 8
A.3 Particelle magnetiche ............................................................................................................................ 8
prospetto A.3 Particelle magnetiche (MT) ....................................................................................................................... 8
A.4 Correnti indotte .......................................................................................................................................... 9
prospetto A.4 Correnti indotte (ET) .................................................................................................................................... 9
A.5 Radiografia .................................................................................................................................................. 9
prospetto A.5 Radiografia (RT)............................................................................................................................................ 9

UNI EN 12062:2004 UNI Pagina IV


RINA SERVICES SPA - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 9454 scadenza: 5/6/2014 - Documento scaricato il 12/11/2011

A.6 Controllo ultrasonoro di acciai ferritici ........................................................................................... 9


prospetto A.6 Controllo ultrasonoro (UT) di acciai ferritici ........................................................................................ 9

APPENDICE B CLASSIFICAZIONE DELLE INDICAZIONI 10


(informativa)
figura B.1 Classificazione delle indicazioni ........................................................................................................... 10

APPENDICE C ENTIT DEL CONTROLLO 11


(informativa)

APPENDICE D INDICAZIONI NON ACCETTABILI 12


(informativa)

Norma ritirata

UNI EN 12062:2004 UNI Pagina V


RINA SERVICES SPA - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 9454 scadenza: 5/6/2014 - Documento scaricato il 12/11/2011

PREMESSA ALLA NORMA EN 12062


La presente norma europea stata elaborata dal Comitato Tecnico CEN/TC 121
"Saldatura", la cui segreteria affidata al DS.
Alla presente norma europea deve essere attribuito lo status di norma nazionale, o
mediante pubblicazione di un testo identico o mediante notifica di adozione, entro
febbraio 1998, e le norme nazionali in contrasto devono essere ritirate entro
febbraio 1998.
La presente norma europea stata elaborata nell'ambito di un mandato conferito al CEN
dalla Commissione Europea e dall'Associazione Europea di Libero Scambio ed di
supporto ai requisiti essenziali della/e Direttiva/e UE.
In conformit alle Regole Comuni CEN/CENELEC, gli enti nazionali di normazione dei
seguenti Paesi sono tenuti a recepire la presente norma europea: Austria, Belgio,
Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Lussemburgo,
Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Spagna, Svezia e
Svizzera.

PREMESSA ALLAGGIORNAMENTO A1
Il presente documento EN 12062:1997/A1:2002 stato elaborato dal Comitato Tecnico
CEN/TC 121 "Saldatura", la cui segreteria affidata al DS.
Al presente aggiornamento alla norma europea EN 12062:1997 deve essere attribuito lo
status di norma nazionale, o mediante pubblicazione di un testo identico o mediante
notifica di adozione, entro novembre 2002, e le norme nazionali in contrasto devono
essere ritirate entro novembre 2002.
Il presente documento stato elaborato nell'ambito di un mandato conferito al CEN dalla
Commissione Europea e dall'Associazione Europea di Libero Scambio ed di supporto ai
requisiti essenziali della/e Direttiva/e dell'UE.
Per quanto riguarda il rapporto con la/e Direttiva/e UE, si rimanda all'appendice
informativa ZA che costituisce parte integrante
Norma ritirata del presente documento.
L'appendice A normativa, le appendici C e D sono informative.
In conformit alle Regole Comuni CEN/CENELEC, gli enti nazionali di normazione dei
seguenti Paesi sono tenuti a recepire la presente norma europea: Austria, Belgio,
Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Lussemburgo,
Malta, Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Spagna, Svezia
e Svizzera.

PREMESSA ALLAGGIORNAMENTO A2
Il presente documento EN 12062:1997/A2:2003 stato elaborato dal Comitato Tecnico
CEN/TC 121 "Saldatura", la cui segreteria affidata al DS.
Al presente aggiornamento alla norma europea EN 12062:1997 deve essere attribuito lo
status di norma nazionale, o mediante pubblicazione di un testo identico o mediante
notifica di adozione, entro giugno 2004, e le norme nazionali in contrasto devono essere
ritirate entro giugno 2004.
Il presente documento stato elaborato nell'ambito di un mandato conferito al CEN dalla
Commissione Europea e dall'Associazione Europea di Libero Scambio.
In conformit alle Regole Comuni CEN/CENELEC, gli enti nazionali di normazione dei
seguenti Paesi sono tenuti a recepire la presente norma europea: Austria, Belgio,
Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Lussemburgo,
Malta, Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Slovacchia,
Spagna, Svezia, Svizzera e Ungheria.

UNI EN 12062:2004 UNI Pagina 1


RINA SERVICES SPA - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 9454 scadenza: 5/6/2014 - Documento scaricato il 12/11/2011

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE


Tenendo conto dei requisiti di qualit, del materiale, dello spessore della saldatura, del
procedimento di saldatura e dellentit del controllo, la presente norma fornisce una guida
per la scelta dei metodi di controllo non distruttivo delle saldature e per la valutazione dei
risultati ai fini del controllo qualit.
La presente norma specifica anche le regole generali e le norme da applicare nei
differenti tipi di controllo, sia dal punto di vista metodologico che da quello del livello di
accettazione dei materiali metallici.
I livelli di accettazione non possono essere una interpretazione diretta dei livelli di qualit
definiti nella EN 25817 o EN 30042. Essi sono legati alla qualit globale del lotto delle
saldature effettuate.
I requisiti dei livelli di accettazione per i controlli non distruttivi sono conformi ai livelli di
qualit indicati nella EN 25817 o EN 30042 (moderato, medio, elevato) solo su una base
generale e non in dettaglio per ciascuna indicazione.

2 RIFERIMENTI NORMATIVI
La presente norma europea rimanda, mediante riferimenti datati e non, a disposizioni
contenute in altre pubblicazioni. Tali riferimenti normativi sono citati nei punti appropriati
del testo e sono di seguito elencati. Per quanto riguarda i riferimenti datati, successive
modifiche o revisioni apportate a dette pubblicazioni valgono unicamente se introdotte
nella presente norma europea come aggiornamento o revisione. Per i riferimenti non
datati vale l'ultima edizione della pubblicazione alla quale si fa riferimento.
EN 473 Qualification and certification of NDT personnel - General
principles
EN 571-1 Non-destructive testing - Penetrant testing - Part 1: General
principles
EN 970 Non-destructive examination of fusion welds - Visual examination
prEN 1289 Norma ritirataexamination of welds - Penetrant testing of welds
Non-destructive
- Acceptance levels
prEN 1290 Non-destructive examination of welds - Magnetic particle testing
of welds - Method
prEN 1291 Non-destructive examination of welds - Magnetic particle testing
of welds - Acceptance levels
EN 1435 Non-destructive examination of welds - Radiographic examination
of welded joints
EN 1711 Non-destructive examination of welds - Eddy current examination
of weld by complex plane analysis
EN 1712 Non-destructive examination of welds - Acceptance criteria for
ultrasonic examination of welded - Joints - Acceptance levels
prEN 1713 Non-destructive examination of welds - Ultrasonic examination -
Characterization of imperfections in welds
EN 1714 Non-destructive testing of welds - Ultrasonic examination of
welded joints
prEN 12517 Non-destructive examinations of welds - Radiographic
examination of welded joints - Acceptance levels
EN 25817 Arc-welded joints in steel - Guidance on quality levels for
imperfections (ISO 5817:1992)
EN 30042 Arc-welded joints in aluminium and its weldable alloys - Guidance
on quality levels for imperfections (ISO 10042:1992)
EN 45001 General criteria for the operation of testing laboratories
EN ISO/IEC 17025 General requirements for the competence of testing and
calibration laboratories (ISO/IEC 17025:1999)

UNI EN 12062:2004 UNI Pagina 2


RINA SERVICES SPA - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 9454 scadenza: 5/6/2014 - Documento scaricato il 12/11/2011

3 TERMINI E DEFINIZIONI
Ai fini della presente norma si applicano i seguenti termini e definizioni:

3.1 esame: Esame di un materiale in conformit ad una norma, o ad una specifica, o ad una
procedura.

3.2 livello di esame: Grado di completezza e scelta delle regolazioni dei parametri di
applicazione del metodo di controllo. Differenti livelli corrispondono a differenti sensibilit
e/o probabilit di rivelazione. La scelta dei livelli di esame generalmente legata ai
requisiti di qualit.

3.3 livello di valutazione: Livello di esame a partire dal quale una indicazione valutata
(vedere appendice B).

3.4 livello di documentazione: Livello di esame a partire dal quale una indicazione annotata
(vedere appendice B).

3.5 livello di accettazione: Livello di esame al disotto del quale i componenti sono accettati
(vedere appendice B).

3.6 organismo di controllo: Organismo interno o esterno che esegue il controllo non
distruttivo.

3.7 indicazione: Rappresentazione o segnale di una imperfezione nella forma permessa dal
metodo di controllo non distruttivo utilizzato.

3.8 imperfezioni interne: Imperfezioni che non sono affioranti alla superficie o che non sono
accessibili direttamente.

3.9 livello di qualit: Limiti fissati delle imperfezioni corrispondenti alla qualit richiesta di una
saldatura. I limiti sono stabiliti in funzione del tipo delle imperfezioni, della loro entit e
Norma ritirata
delle loro dimensioni effettive.

3.10 lotto di esame: Gruppo di saldature (un gruppo pu essere costituito da parte di una
saldatura o da una saldatura completa o da parecchie saldature) che dovrebbero avere
una qualit uniforme, tenuto conto della procedura di saldatura usata, del materiale, del
tipo di giunto, del saldatore, delle condizioni ambientali durante lesecuzione,
dellintervallo di tempo in cui sono state eseguite o di altri fattori che influiscono sulla
qualit.

4 ABBREVIAZIONI
Ai fini della presente norma, si applicano le abbreviazioni indicate nel prospetto 1.
prospetto 1 Abbreviazioni

Metodo di controllo Abbreviazioni


Correnti indotte ET
Particelle magnetiche MT
Liquidi penetranti PT
Radiografia RT
Ultrasuoni UT
Esame visivo VT

UNI EN 12062:2004 UNI Pagina 3


RINA SERVICES SPA - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 9454 scadenza: 5/6/2014 - Documento scaricato il 12/11/2011

5 LIMITAZIONI

5.1 Stadio di fabbricazione


La presente norma stata elaborata per il controllo di saldature complete (vedere
punto 10.3). I controlli dei materiali base prima della saldatura o tra le singole sequenze di
saldatura non sono coperti dalla presente norma. Comunque, si raccomanda che tali
controlli siano eseguiti in conformit alle norme citate, per quanto riguarda sia i metodi
che i livelli di accettazione.

5.2 Entit del controllo


Lentit del controllo deve essere indicata nella norma di applicazione definita in una
specifica.
Una guida sul controllo a caso riportata nellappendice C.

5.3 Materiali
La presente norma include i requisiti per il controllo di saldature per fusione nei seguenti
materiali, loro leghe e loro combinazioni:
- acciaio;
- alluminio;
- rame;
- nichel;
- titanio.
Luso della presente norma per altri materiali metallici deve essere concordato fra le parti
contraenti.

6 QUALIFICAZIONE DEL PERSONALE


Norma ritirata
Il personale che esegue i controlli non distruttivi e la valutazione dei risultati per
laccettazione finale delle saldature deve essere qualificato in conformit alla EN 473 o
equivalente, al livello appropriato nel settore industriale interessato.

7 ORGANISMO DI CONTROLLO
Lorganismo di controllo dovrebbe essere organizzato indipendentemente dalla
produzione e le sue attivit dovrebbero essere controllate da un sistema di assicurazione
della qualit.
Se richiesto dal contratto, un organismo esterno di controllo deve essere accreditato in
conformit alla EN ISO/IEC 17025.

8 DOCUMENTAZIONE

8.1 Documentazione prima dellesame


Prima dellesame devono essere fornite tutte le informazioni preliminari necessarie,
richieste dalle norme sui metodi di controllo.

8.1.1 Procedure scritte


I controlli devono essere sempre eseguiti in conformit a procedure scritte, come richiesto
dalla norma per il singolo metodo di controllo o come definito in una specifica.

UNI EN 12062:2004 UNI Pagina 4


RINA SERVICES SPA - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 9454 scadenza: 5/6/2014 - Documento scaricato il 12/11/2011

8.1.2 Piano del controllo


In certi casi pu essere necessario eseguire esami ulteriori, comportanti pi di un metodo
di controllo non distruttivo (oltre allesame visivo) o applicazioni multiple di un metodo. In
tali casi, tutti i metodi usati devono essere definiti in un piano di controllo, che deve
stabilire la sequenza e lentit del controllo ed altri aspetti importanti legati alla
sorveglianza degli esami e delle attivit relative.

8.2 Documentazione dopo lesame

8.2.1 Registrazione dei singoli esami


Tutti gli esami devono essere documentati, conformemente alla norma applicabile per il
metodo di controllo considerato.

8.2.2 Rapporto finale


Per ciascun componente o gruppo di componenti, un rapporto finale deve riportare le
informazioni richieste dal piano di controllo e deve comprendere almeno i seguenti dati:
- rapporti richiesti dalle norme per il singolo metodo di controllo;
- identificazione del componente;
- riferimento ai singoli rapporti di esame, incluso lo stato dellesame (pezzo non
esaminato, accettato, scartato);
- identificazione delle saldature esaminate e/o riferimento a documenti che
identificano queste saldature;
- sistema di marcatura delle singole saldature e/o riferimento a documenti descriventi
il sistema coordinato usato per il controllo;
- identificazione del personale e degli organismi che hanno eseguito gli esami;
- rapporto sulle deviazioni rispetto alla norma applicata, per quanto riguarda la tecnica
di esame e i livelli di accettazione.
Norma ritirata
9 SCELTA DEL METODO DI CONTROLLO

9.1 Generalit
La presente norma stabilisce i requisiti relativi alla scelta dei metodi di controllo per i vari
tipi di materiali e di saldature per fusione. Questi metodi possono essere usati da soli o in
combinazione, in modo da ottenere i risultati desiderati.
Prima della scelta dei metodi di controllo e dei livelli di esame, si dovrebbero prendere in
considerazione i seguenti parametri:
- procedimenti di saldatura;
- materiale base, materiale di apporto e trattamento;
- tipo e forma del giunto;
- configurazione del componente (accessibilit, stato della superficie, ecc.);
- livelli di qualit;
- tipo di imperfezione e di orientamento previsto.
Se necessario, si possono scegliere metodi di controllo e livelli di esame diversi da quelli
elencati nellappendice A. Se una norma di applicazione richiede solo unaltra scelta di
metodi, si possono usare, se idonei, i livelli di esame indicati nellappendice A. Tali
cambiamenti devono essere definiti in una specifica.

9.2 Giunti testa a testa e a T a piena penetrazione


Nel prospetto 2 sono indicati i metodi generalmente riconosciuti idonei per il controllo
delle saldature per la rivelazione di imperfezioni superficiali e nel prospetto 3 quelli per la
rivelazione delle imperfezioni interne.

UNI EN 12062:2004 UNI Pagina 5


RINA SERVICES SPA - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 9454 scadenza: 5/6/2014 - Documento scaricato il 12/11/2011

prospetto 2 Metodi generalmente riconosciuti idonei per la rivelazione di imperfezioni superficiali accessibili per
tutti i tipi di saldature, incluse quelle dangolo

Materiali Metodo di controllo


VT
VT e MT
Acciaio ferritico
VT e PT
VT ed (ET)
VT
Acciaio austenitico, alluminio, nichel, rame e titanio VT e PT
VT ed (ET)
( ) Indica che il metodo applicabile con limitazioni

prospetto 3 Metodi generalmente riconosciuti idonei per la rivelazione di imperfezioni interne per i giunti testa a
testa e a T a piena penetrazione

Materiali e tipo di giunto Spessore in mm1)


td8 8  t d 40 t ! 40
Giunti testa a testa in acciaio ferritico RT o (UT) RT o UT UT o (RT)
Giunti a T in acciaio ferritico (UT) o (RT) UT o (RT) UT o (RT)
Giunti testa a testa in acciaio austenitico RT RT o (UT) RT o (UT)
Giunti a T in acciaio austenitico (UT) o (RT) (UT) e/o (RT) (UT) o (RT)
Giunti testa a testa in alluminio RT RT o UT RT o UT
Giunti a T in alluminio (UT) o (RT) UT o (RT) UT o (RT)
Giunti testa a testa in leghe di nichel e di rame RT RT o (UT) RT o (UT)
Giunti a T in leghe di nichel e di rame (UT) o (RT) (UT) o (RT) (UT) o (RT)
Giunti testa a testa in titanio RT RT o (UT)
Norma ritirata
Giunti a T in titanio (UT) o (RT) UT o (RT)
() Indica che il metodo applicabile con limitazioni.
1) Lo spessore t lo spessore nominale del materiale base da saldare.

9.3 Giunti testa a testa e a T non a piena penetrazione e giunti dangolo


Per le saldature testa a testa a parziale penetrazione e per le saldature dangolo la zona
del vertice non fusa pu impedire un esame volumetrico soddisfacente usando i metodi
indicati nel prospetto 3. Nei casi in cui luso di metodi particolari non definito in una
specifica, la qualit della saldatura deve essere assicurata con il controllo del
procedimento di saldatura.
Per determinare il grado effettivo di penetrazione e le dimensioni di altri tipi di imperfezioni
possono essere definite tecniche diverse da quelle indicate nei prospetti 2 e 3.
Si raccomanda che le saldature in acciaio avente un carico di snervamento minimo
maggiore di 280 N/mm2, in acciai austenitici, in alluminio, in leghe di nichel e di rame e in
titanio siano esaminate con uno o pi metodi, oltre al metodo VT, in conformit al
prospetto 2.

10 ESECUZIONE DELLESAME

10.1 Determinazione della norma da applicare


Vedere appendice A.

UNI EN 12062:2004 UNI Pagina 6


RINA SERVICES SPA - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 9454 scadenza: 5/6/2014 - Documento scaricato il 12/11/2011

10.2 Condizioni per lesame


Prima dellesame, il personale di controllo deve poter disporre di tutte le informazioni
relative al pezzo da esaminare, e in particolare:
a) informazioni preliminari necessarie, richieste dalla norma per i singoli metodi di
controllo;
b) piano di controllo, se richiesto;
c) misure da prendere in caso di rilevamento di saldature non conformi;
d) responsabilit del coordinamento del controllo di parti di sottogruppi fabbricati da
subfornitori;
e) stadio e luogo di effettuazione dellesame.

10.3 Stadio di effettuazione dellesame


Lesame dovrebbe essere effettuato dopo il completamento di tutti i trattamenti termici
richiesti. Le saldature su materiali suscettibili alla criccabilit da idrogeno (per esempio
acciai ad alta resistenza) o ad altri tipi la criccabilit ritardata non devono essere
esaminate prima che sia trascorso il tempo minimo richiesto dopo la saldatura, oppure
come definito in una specifica.
Se richiesto in una specifica, in condizioni particolari pu essere necessario effettuare
lesame prima del trattamento termico finale o prima che sia trascorso un certo tempo.
Se richiesto un esame della superficie, esso deve essere eseguito prima di qualunque
esame per la ricerca di imperfezioni interne.

10.4 Indicazioni non accettabili


Nel caso di rilevamento di indicazioni non accettabili, le misure da prendere devono
essere indicate nella norma di applicazione oppure definite in una specifica.
Nel caso di riparazione di imperfezioni che hanno dato luogo ad indicazioni non
accettabili, la saldatura deve essere normalmente esaminata almeno nel modo richiesto
per la saldatura originaria. Norma ritirata
Ulteriori informazioni sono riportate nellappendice D.

UNI EN 12062:2004 UNI Pagina 7


RINA SERVICES SPA - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 9454 scadenza: 5/6/2014 - Documento scaricato il 12/11/2011

APPENDICE A REGOLE E NORME DA APPLICARE


(normativa)
La presente appendice fornisce la correlazione tra i livelli di qualit della EN 25817 o
EN 30042 e le tecniche di controllo, i livelli di esame e i livelli di accettazione delle norme
di controllo non distruttivo.
Si deve notare che le correlazioni non hanno carattere quantitativo.

A.1 Esame visivo


Vedere il prospetto A.1.
prospetto A.1 Esame visivo (VT)

Livelli di qualit in conformit Tecniche e livelli di esame Livelli di accettazione1)


alla EN 25817 o EN 30042 in conformit alla EN 970
B Livello non specificato B
C Livello non specificato C
D Livello non specificato D
1) I livelli di accettazione per lesame visivo sono uguali ai livelli di qualit della EN 25817 o EN 30042.

A.2 Liquidi penetranti


Vedere prospetto A.2.
prospetto A.2 Liquidi penetranti (PT)

Livelli di qualit in conformit Tecniche e livelli di esame Livelli di accettazione


alla EN 25817 o EN 30042 in conformit alla EN 571-1 in conformit al prEN 1289
B
Norma ritirata
Livello non specificato 2X
C Livello non specificato 2X
D Livello non specificato 3X

A.3 Particelle magnetiche


Vedere prospetto A.3.
prospetto A.3 Particelle magnetiche (MT)

Livelli di qualit in conformit Tecniche e livelli di esame Livelli di accettazione


alla EN 25817 in conformit al prEN 1290 in conformit al prEN 1291
B Livello non specificato 2X
C Livello non specificato 2X
D Livello non specificato 3X

UNI EN 12062:2004 UNI Pagina 8


RINA SERVICES SPA - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 9454 scadenza: 5/6/2014 - Documento scaricato il 12/11/2011

A.4 Correnti indotte


Vedere prospetto A.4.
prospetto A.4 Correnti indotte (ET)

Livelli di qualit in conformit Tecniche e livelli di esame Livelli di accettazione


alla EN 25817 o EN 30042 in conformit alla EN 1711
B
da definire
C Livello non specificato in
una specifica
D

A.5 Radiografia
Vedere prospetto A.5.
prospetto A.5 Radiografia (RT)

Livelli di qualit in conformit Tecniche e livelli di esame Livelli di accettazione


alla EN 25817 o EN 30042 in conformit alla EN 1435 in conformit al prEN 12517
B B 1
C B1) 2
D A 3
1) Comunque larea massima per una singola esposizione deve corrispondere ai requisiti della classe A della EN 1435.

A.6 Controllo ultrasonoro di acciai ferritici


Vedere prospetto A.6.
prospetto A.6 Norma
Controllo ultrasonoro (UT) di acciai ferriticiritirata

Livelli di qualit in conformit Tecniche e livelli di esame Livelli di accettazione


alla EN 25817 o EN 30042 in conformit alla EN 17141) in conformit alla EN 1712
B Almeno B 2
C Almeno A 3
2)
D Livello non applicabile non applicabile2)
1) Quando la caratterizzazione delle indicazioni definita in una specifica, si deve applicare la EN 1713.
2) Il controllo UT non raccomandato, ma pu essere definito in una specifica (con gli stessi requisiti del livello di qualit C).

UNI EN 12062:2004 UNI Pagina 9


RINA SERVICES SPA - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 9454 scadenza: 5/6/2014 - Documento scaricato il 12/11/2011

APPENDICE B CLASSIFICAZIONE DELLE INDICAZIONI


(informativa)
Vedere figura B.1.
figura B.1 Classificazione delle indicazioni

Norma ritirata

UNI EN 12062:2004 UNI Pagina 10


RINA SERVICES SPA - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 9454 scadenza: 5/6/2014 - Documento scaricato il 12/11/2011

APPENDICE C ENTIT DEL CONTROLLO


(informativa)
Se lentit del controllo definita come una parte (percentuale p %) di un lotto di esame,
si dovrebbero applicare le regole seguenti, se non diversamente richiesto:
- ciascuna saldatura del lotto di esame dovrebbe essere esaminata per una
lunghezza minima p % della singola lunghezza. La zona da esaminare dovrebbe
essere scelta a caso;
- se la lunghezza totale di tutte le saldature di un lotto di esame minore di xm (per
esempio x = 1), almeno una saldatura dovrebbe essere esaminata per lintera
lunghezza indipendentemente dal valore p %;
- se un lotto di esame costituito da parecchie saldature identiche, ciascuna di
lunghezza minore di x m (per esempio x = 1), si dovrebbero esaminare per lintera
lunghezza un certo numero di saldature scelte a caso per una lunghezza totale
minima p % della lunghezza totale di tutte le saldature del lotto di esame.

Norma ritirata

UNI EN 12062:2004 UNI Pagina 11


RINA SERVICES SPA - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 9454 scadenza: 5/6/2014 - Documento scaricato il 12/11/2011

APPENDICE D INDICAZIONI NON ACCETTABILI


(informativa)
Quando lesame di una parte di un lotto di esame rivela indicazioni non accettabili, si
possono seguire le seguenti linee guida per lentit degli esami ulteriori. Lesame
dovrebbe essere effettuato su saldature eseguite con gli stessi parametri che potrebbero
essere la causa principale dellimperfezione, per esempio saldatore, procedura di
saldatura o altri parametri menzionati nel punto 3.10:
a) due campioni o zone ulteriori della stessa saldatura dovrebbero essere sottoposti
allo stesso tipo di esame; e
b) se i pezzi o zone della stessa saldatura esaminata come richiesto in a) sono
accettabili, il prodotto difettoso dovrebbe essere riparato oppure sostituito e
riesaminato e tutti i prodotti rappresentati da questi due campioni o zone ulteriori
della stessa saldatura dovrebbero essere accettati; ma
c) se qualcuno dei campioni o zone della stessa saldatura esaminata come richiesto in
a) mostra una indicazione non accettabile, dovrebbero essere esaminati due ulteriori
campioni o zone della stessa saldatura per ogni campione difettoso; e
d) se i campioni o zone della stessa saldatura esaminata come richiesto in c) sono
accettabili, il(i) prodotto(i) difettoso(i) dovrebbe(dovrebbero) essere riparato(i)
oppure sostituito(i) e riesaminato(i) e tutti i prodotti rappresentati dai campioni o zone
ulteriori della stessa saldatura dovrebbero essere accettati; ma
e) se qualcuno dei campioni o zone della stessa saldatura esaminata come richiesto in
c) mostra una indicazione non accettabile, tutti i prodotti rappresentati dal
campionamento progressivo dovrebbero:
1) essere riparati o sostituiti e riesaminati come richiesto;
oppure
2) essere esaminati completamente e riparati o sostituiti se necessario, e
riesaminati.
Norma ritirata

UNI EN 12062:2004 UNI Pagina 12


RINA SERVICES SPA - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 9454 scadenza: 5/6/2014 - Documento scaricato il 12/11/2011

Norma ritirata

UNI
Ente Nazionale Italiano Riproduzione vietata - Legge 22 aprile 1941 N 633 e successivi aggiornamenti.
di Unificazione
Via Sannio, 2
20137 Milano, Italia