Sei sulla pagina 1di 1

www.fiscoediritto.

it

CORTE DI CASSAZIONE - SENTENZA 26 APRILE 2010, N. 9916

Svolgimento del processo


Con sentenza 28 gennaio - 4 febbraio 2005, la Corte di appello di ....... confermava la decisione del
Tribunale di ....... - sezione distaccata di ....... - che aveva accolto, in parte, la domanda di
risarcimento danni da responsabilità professionale, avanzata da (...) contro il commercialista (...),
rigettando la domanda di manleva proposta da questi contro la compagnia di assicurazioni X.
Rilevava la Corte territoriale che, sotto un profilo generale, il professionista ha l'obbligo di espletare
l’incarico affidatogli, con diligenza e secondo le regole della professione.
Nel caso di specie, l'Ufficio finanziario di ......... aveva proceduto alla rettifica della dichiarazione
dei redditi presentata dallo (...) per:
- avere il contribuente esposto costi non documentati;
- avere esposto costi non inerenti all'anno al quale si riferiva la dichiarazione dei redditi (1981);
- avere detratto l'ILOR nell'ammontare massimo dell'anno benché lo (...) avesse operato in qualità di
imprenditore individuale solo per alcuni mesi dell'anno.
I giudici di appello sottolineavano che il (...) aveva adombrato la esistenza di un accordo con il
cliente per appostazione di costi non dimostrati (poi contestati dall'Ufficio).
Mancava, in, effetti, la prova di un tale accordo, che comunque sarebbe stato contrario alla legge ed
alle regole professionali. Il commercialista, infatti, era comunque tenuto dal codice di deontologia
professionale ad un comportamento corretto ed era pertanto responsabile per il suo operato.
La colpa del professionista risultava di tutta evidenza. Correttamente, pertanto, il primo giudice
aveva ritenuto che egli dovesse essere condannato al pagamento della metà delle sanzioni applicate
dall’erario (in considerazione della colpa concorrente del contribuente).
Avverso tale decisione il (...) ha proposto ricorso per cassazione sorretto da due motivi, illustrati da
memoria.
Resistono con distinti controricorsi lo (...) ed la compagnia di assicurazione X. Questa ha depositato
anche essa memoria ex art. 378 c.p.c. ……….

°°°°°°°°°°°°
LA VERSIONE INTEGRALE E’ DISPONIBILE AL SEGUENTE LINK:

http://www.fiscoediritto.it/page/CORTE-DI-CASSAZIONE---SENTENZA-26-APRILE-
20102c-N-9916.aspx

°°°°°°°°°°°°

Tutto il materiale contenuto nel presente documento è reperibile gratuitamente in Internet in siti di libero accesso.
FiscoeDiritto.it offre un servizio gratuito ai propri visitatori, così come gratuito è tutto il materiale presente.
FiscoeDiritto.it vuole crescere ed offrire servizi sempre migliori. Abbiamo quindi bisogno anche del tuo aiuto: visitando
i siti sponsor parteciperete al sostentamento di questo sito. Se invece vuoi vedere il tuo banner sulle pagine di questo
sito contattaci a info@fiscoediritto.it

Potrebbero piacerti anche