Sei sulla pagina 1di 14

1

Corso di Sperimentazioni di Fisica 2


Elettromagnetismo e Circuiti

A.A. 2014-2015

Misure elettriche in corrente continua

M. Lunardon e-mail: marcello.lunardon@unipd.it


M. Lunardon, Corso di Sperimentazioni di Fisica 2, Laurea in Fisica, Universit di Padova

Misura della corrente elettrica e del


potenziale elettrico

M. Lunardon, Corso di Sperimentazioni di Fisica 2, Laurea in Fisica, Universit di Padova


3
Misura della corrente e del potenziale

Un semplice
circuito elettrico

V ( A) V ( B) = 4.5 V
B
A i Schematicamente:

M. Lunardon, Corso di Sperimentazioni di Fisica 2, Laurea in Fisica, Universit di Padova

4
Misura della corrente e del potenziale
Misura dellintensit di corrente con strumenti analogici

Lo strumento classico per le misure elettriche lamperometro analogico


che sfrutta il fatto che un filo percorso da corrente elettrica, immerso in un
campo magnetico, soggetto ad una forza.


Forza in un filo percorso da una corrente i, immerso F = il B
per un tratto l in un campo magnetico esterno B:
F = i l B i
M. Lunardon, Corso di Sperimentazioni di Fisica 2, Laurea in Fisica, Universit di Padova
5
Misura della corrente e del potenziale
Misura dellintensit di corrente con strumenti analogici

Strumento a bobina mobile e magnete fisso

M i sin( ) B
magnete sagomato: le spire sono sempre
perpendicolari alla direzione del campo (=cost.),
uniforme nella regione della bobina (B=cost)
M solo a i

La bobina mobile:
- la bobina pu ruotare attorno a un asse fisso con momento di richiamo proporzionale
allangolo di rotazione
- se percorsa da una corrente i (valore incognito da misurare) ogni spira produce un
momento M i che tende a far ruotare la bobina.
- lequilibrio si raggiunge per = Ki con K sensibilit dello strumento.

spostamento dellago misura della corrente che circola nello strumento


M. Lunardon, Corso di Sperimentazioni di Fisica 2, Laurea in Fisica, Universit di Padova

6
Misura della corrente e del potenziale
Misura dellintensit di corrente con strumenti analogici

Principali parametri che definiscono lo strumento:

la portata (valore della corrente di fondo scala ifs)


la classe (permette di valutare lincertezza sulla misura)

Incertezza da attribuire alle misure con uno strumento a classe

Si soliti assumere come accuratezza della misura un errore massimo


costante lungo tutta la scala (iclasse), pari a:

i = classe i 10-2

classe fs

iclasse comprende sia errori sistematici che casuali:


H errore di zero o offset (sist.)
H errore di taratura (sist.)
H errore di linearit (sist.)
H imprecisione di lettura, derive termiche, attriti, ... (casuale)

M. Lunardon, Corso di Sperimentazioni di Fisica 2, Laurea in Fisica, Universit di Padova


7
Misura della corrente e del potenziale

Il milliamperometro analogico del laboratorio

Caratteristiche:

- ifs = 50 mA
- classe 1.5
- resistenza interna RA ~ 6

i = 1.5 50 10-2 = 0.75 mA


ATTENZIONE: la precisione dipende


dalla posizione dellago:

a) valore misurato 10 mA
i = 10.00 0.75 mA (7.5%)

b) valore misurato 50 mA
i = 50.00 0.75 mA (1.5%)

Meglio misurare a fondo scala!


M. Lunardon, Corso di Sperimentazioni di Fisica 2, Laurea in Fisica, Universit di Padova

8
Misura della corrente e del potenziale

Misura della tensione con strumenti analogici


Il cuore del voltmetro analogico un microamperometro

misura la corrente iV

Si sfrutta la legge di Ohm: nota RV con alta precisione: VAB = RV iV



Tarando opportunamente la scala di lettura:

spostamento dellago misura della tensione ai capi dei morsetti

Misure di resistenze con strumenti analogici


Situazione analoga alla precedente: una misura di corrente proporzionale alla
resistenza incognita. Tarando opportunamente la scala di lettura si ottiene una lettura
direttamente in
M. Lunardon, Corso di Sperimentazioni di Fisica 2, Laurea in Fisica, Universit di Padova
9
Misura della corrente e del potenziale
Misure di grandezze elettriche con il multimetro digitale

Permette di misurare diverse grandezze:


convertitore
H tensione (sia in AC che in DC)
analogico-digitale
H corrente (sia in AC che in DC)
H resistenza (solo DC)
H carica/capacit (in alcuni casi)
H altro...

terminali di ingresso

display digitale

Ciascuno dei blocchi VAC, VDC, fornisce in uscita una quantit proporzionale alla
grandezza da misurare. Introduce inoltre un guadagno variabile per adattare la dinamica
del segnale da misurare alla dinamica del convertitore A/D (cambio di fondo scala).

Rispetto agli strumenti analogici:


H semplicit di utilizzo e costi contenuti
H perturbazione estremamente ridotta del circuito misurato (almeno per i multimetri moderni)
H possibilit di migliorare notevolmente laccuratezza della misura
M. Lunardon, Corso di Sperimentazioni di Fisica 2, Laurea in Fisica, Universit di Padova

10
Misura della corrente e del potenziale
Il multimetro digitale
Principali caratteristiche dei multimetri digitali

La risoluzione (per i costruttori di multimetri) definita come la minima


variazione percettibile dallo strumento (quella che fa variare la cifra meno
significativa) e corrisponde a una frazione del valore di FS. Per noi la
sensibilit.

Esempio:
una risoluzione di 2000 punti indica che il display pu segnare da
0000 a 1999
minima variazione della quantit sotto misura = 1/2000 = 0,05% del FS
ADC

Unaltra forma: 3 digit = display a 4 cifre, le tre cifre meno significative possono
assumere valori da 0 a 9, mentre la pi significativa pu valere 0 oppure 1 in
totale 2000 possibili valori.

autorange, autopolarit: lo strumento sceglie automaticamente la scala di lettura


ottimale per la grandezza misurata.

M. Lunardon, Corso di Sperimentazioni di Fisica 2, Laurea in Fisica, Universit di Padova


11
Misura della corrente e del potenziale
Il multimetro digitale
Principali caratteristiche dei multimetri digitali
Anche in questo caso si usa assumere come accuratezza della misura un errore
massimo () che si compone di due contributi:

= % del valore letto + numero di digit

- la % del valore letto tiene conto della incertezza sul guadagno (errore di scala)
- il numero di digit tiene conto essenzialmente delle incertezze di offset, linearit
e troncamento

H La percentuale e il numero di digit dipendono dalla grandezza misurata (VDC =


tensione continua, VAC = tensione alternata, IAC = corrente alternata, IDC =
corrente continua, R = resistenza,) e dal fondo scala scelto. (ad es. 600 , 6
k, 60 k, ...)

Esempio: misura di tensione DC con f.s. = 6000 mV il costruttore fornisce:


0,7 % + 2dgt.
Lettura: 3653 mV V = 3653*0.007+2 = 26+2 = 28 mV
M. Lunardon, Corso di Sperimentazioni di Fisica 2, Laurea in Fisica, Universit di Padova

12
Strumentazione disponibile in laboratorio
Il multimetro digitale Fluke 111
Caratteristiche:
- misure di VAC , VDC , IAC , IDC , R , C , f
- risoluzione: 6000 punti
- autorange, autopolarit
Tabellina riassuntiva dellaccuratezza per le principali grandezze:
grandezza valore di fondo scala err (% rdg) err (digit)
VDC 6 ,60,600 V, 6000 mV 0.7 2
IDC fino a 10 A 1.0 3
C 1000 nF, 10,100F 1.9 2
R 600.0 0.9 2
6,60,600 k, 6M 0.9 1
40 M 1.5 3

Esempio di collegamento
per la misura diretta di
una resistenza

M. Lunardon, Corso di Sperimentazioni di Fisica 2, Laurea in Fisica, Universit di Padova


13
Strumentazione disponibile in laboratorio
Il multimetro digitale Beckman Industrial T110B

Principali caratteristiche:

- misure di VAC , VDC , IAC , IDC , R

- risoluzione: 2000 punti

- selezione manuale del FS

- resistenza interna non trascurabile


(in misure di IDC)

Tabellina riassuntiva delle principali grandezze:

grandezza valore di fondo scala err (% rdg) err (digit)


VDC 200 mV, 2 ,20,200 V 0.25 1
IDC 200 A, 2,20,200 mA 0.75 1
2,10 A 1.5 3
R 200.0 0.5 4
2,20,200 k, 2M 0.5 1
20 M 1.5 5

M. Lunardon, Corso di Sperimentazioni di Fisica 2, Laurea in Fisica, Universit di Padova

14
Strumentazione disponibile in laboratorio
Il multimetro digitale Agilent U1232A

Principali caratteristiche:

- misure di VAC , VDC , IAC , IDC , R, C, ...

- risoluzione: 6000 punti

- due regimi di misure di corrente cc:


60-600 A 6-10 A

Tabellina riassuntiva delle principali grandezze:


grandezza valore di fondo scala err (% rdg) err (digit)
VDC 600 mV, 6 ,60,600 V 0.5 2
IDC 60 A, 600 A 1.0 2
6,10 A 1.0 3

R 600.0 , 6,60,600 k, 6M 0.9 3


60 M 1.5 3
C 1000 nF to 10mF 1.9 2

M. Lunardon, Corso di Sperimentazioni di Fisica 2, Laurea in Fisica, Universit di Padova


15
Strumentazione disponibile in laboratorio
multimetro digitale Fluke 111 milliamperometro analogico

Cassetta componenti
multifunzionale passivi

generatore 3V

boccola per cavo


coassiale

interruttore

potenziometro (max 500)


10 giri x 50 divisioni

Generatore di
tensione continua

M. Lunardon, Corso di Sperimentazioni di Fisica 2, Laurea in Fisica, Universit di Padova

16
Strumentazione disponibile in laboratorio

Basetta millefori per circuiti

collegamento elettrico tra i fori

M. Lunardon, Corso di Sperimentazioni di Fisica 2, Laurea in Fisica, Universit di Padova


17

Misure di resistenze in
corrente continua

M. Lunardon, Corso di Sperimentazioni di Fisica 2, Laurea in Fisica, Universit di Padova

18
Misure di resistenze in corrente continua
Schematizzazione degli strumenti reali e resistenze interne
Generatore di tensione
Un generatore reale di tensione si pu schematizzare con un
generatore ideale pi una resistenza in serie RG (Thevenin).

Effetto della resistenza interna in un circuito con carico RC

A vuoto: Con carico:

i
perdita di tensione
nel generatore
V=RGi

e RC
VAB = f .e.m. = e VAB = RC i = RC = e < e
RC + RG C R + RG

La tensione in uscita dal generatore reale pi piccola di


quella ideale e tende a questa quando RG 0
M. Lunardon, Corso di Sperimentazioni di Fisica 2, Laurea in Fisica, Universit di Padova
19
Misure di resistenze in corrente continua
Schematizzazione degli strumenti reali e resistenze interne
Generatore di corrente
Un generatore reale di corrente si pu schematizzare con un
generatore ideale pi una resistenza in parallelo RG (Norton).

Effetto della resistenza interna in un circuito con carico RC

A vuoto: Con carico:

iG i
perdita di corrente
i* nel generatore
i=i*RC/(RC+RG)

RC RG * 1 RC RG * RG * *
VAB = RC i = i i= i = i < i
RC + RG RC RC + RG RC + RG

La corrente in uscita dal generatore reale pi piccola


di quella ideale e tende a questa quando RG
M. Lunardon, Corso di Sperimentazioni di Fisica 2, Laurea in Fisica, Universit di Padova

20
Misure di resistenze in corrente continua
Schematizzazione degli strumenti reali e resistenze interne

Lamperometro
H La bobina mobile dellamperometro analogico un filo
conduttore avvolto anche se piccola, c una resistenza
(RA) in serie. Anche lamperometro digitale ha una
resistenza in serie, non sempre trascurabile. Questo
schema buono anche se lamperometro digitale
(multimetro digitale)

Il voltmetro
H Il voltmetro digitale (multimetro digitale) pu essere
rappresentato da un voltmetro ideale in parallelo a una
resistenza interna (RV) che tiene conto dellassorbimento
non nullo di corrente da parte dello strumento. Il valore
che leggiamo sul display la d.d.p. reale ai capi terminali
di ingresso.

M. Lunardon, Corso di Sperimentazioni di Fisica 2, Laurea in Fisica, Universit di Padova


21
Misure di resistenze in corrente continua
Schematizzazione degli strumenti reali e resistenze interne
Effetto della resistenza interna dellamperometro
Linserimento dello strumento nel circuito altera il valore della corrente originaria

i ?
A

Sia i la corrente che gira nel circuito (a) e che vogliamo misurare.
Se inseriamo (in serie) lamperometro (b), la corrente nel circuito cambia: i i=imis

R
Dalla legge di Ohm: V = Ri = (R + RA )i mis i mis = i imis < i
R + RA
imis misurato pi piccolo del valore imperturbato i e
tende a questo quando RA 0 (ovvero RA << R )

M. Lunardon, Corso di Sperimentazioni di Fisica 2, Laurea in Fisica, Universit di Padova

22
Misure di resistenze in corrente continua
Schematizzazione degli strumenti reali e resistenze interne
Effetto della resistenza interna del voltmetro
Come per lamperometro, linserimento del voltmetro altera il circuito.

VAB ?
i

RV

Possiamo rappresentare il circuito dove vogliamo misurare la tensione con un


generatore di tensione ideale e una resistenza in serie (equivalente di Thevenin).
Nel caso imperturbato VABimp = Vth.
Quando inseriamo il voltmetro, una piccola corrente comincia a scorrere al suo
interno:
Vth RV
misurato
VAB = RV i = RV = Vth VABmis < VAB
Rth + RV Rth + RV

Anche in questo caso il valore misurato pi piccolo del valore imperturbato.


Lalterazione sar trascurabile quando RV (ovvero RV >> Rth )
M. Lunardon, Corso di Sperimentazioni di Fisica 2, Laurea in Fisica, Universit di Padova
23
Misure di resistenze in corrente continua

Misura della resistenza interna del generatore di tensione

Misura indiretta: si misura la tensione in uscita dal generatore a


vuoto ( V0 ) e quando passa una corrente i ( V ) e si ricava quindi RG :

A

A
1) misura a vuoto: Vmis = VAB = V0

2a) con carico, misurando la corrente: A



A
V V
V = VAB = V0 RG i RG = 0
i B

2b) con carico, senza amperometro e misurando il carico: A


V0 V0 V
V = V0 RG i = V0 RG RG = RC
RC + RG V
B

N.B. non possibile misurare direttamente la RG con lohmetro, in quanto


la f.e.m. del generatore altera la lettura dello strumento!

M. Lunardon, Corso di Sperimentazioni di Fisica 2, Laurea in Fisica, Universit di Padova

24
Misure di resistenze in corrente continua

Misura delle resistenze interne di amperometro e voltmetro

Amperometro (misura indiretta): si misura la


caduta di potenziale V sullamperometro in
corrispondenza di una data corrente i (letta
sullamperometro stesso).
V
RA =
i

Voltmetro (misura indiretta): inserendo il voltmetro in serie in una maglia


con una resistenza di carico di grandi dimensioni (RC~M), la
perturbazione indotta dalla resistenza interna RV diventa significativa e si
pu risalire al valore di RV


A

1) misura a vuoto: Vmis = VAB = V0 i

2) con carico, avendo misurato RC: RV



V0 V
V = RV i = RV RV = RC
RC + RV V0 V B

N.B. in questo caso si potrebbe misurare le Rint direttamente con un ohmetro esterno

M. Lunardon, Corso di Sperimentazioni di Fisica 2, Laurea in Fisica, Universit di Padova
25
Misure di resistenze in corrente continua
Misura volt-amperometrica di una resistenza

Possiamo sfruttare la legge di Ohm per misurare indirettamente una


resistenza incognita Rx

Rs

A
A

A
A

RV

Rx
RV
Rx

B
B

RG

Supponendo RV >> Rx (caso reale in lab.), il circuito pu essere schematizzato


con generatore e strumenti ideali, la resistenza Rx e una resistenza in serie RS che
tiene conto di tutte le altre componenti resistive.

V mis
La misura di Rx data direttamente dal rapporto Rx =
i mis

M. Lunardon, Corso di Sperimentazioni di Fisica 2, Laurea in Fisica, Universit di Padova

26
Misure di resistenze in corrente continua
Misura volt-amperometrica di una resistenza

Variando l'intensit possibile prendere pi misure e verificare landamento


lineare previsto dalla legge di ohm ( V = RI ).

La misura di Rx in questo caso pu essere ricavata come pendenza della retta (si
evitano eventuali errori di zero degli strumenti)

M. Lunardon, Corso di Sperimentazioni di Fisica 2, Laurea in Fisica, Universit di Padova


27
Misure di resistenze in corrente continua
Misura volt-amperometrica di una resistenza
Valutazione delle incertezze
- singola misura:
H dobbiamo considerare le incertezze strumentali su V e I (digit+scala) e
ricavare lincertezza sul rapporto per propagazione le due misure sono
chiaramente indipendenti.
V V2 I2 2
+ X 2 k2X
R= R = R + con X=V ,I = dgt
I V2 I2

- fit lineare:
H in questo caso, se abbiamo avuto laccortezza di non cambiare la scala
di lettura degli strumenti durante la misura, abbiamo un set di coppie di
dati (Vi,Ii) correlate dalle incertezze di scala su V che su I;
H il fit fornisce la pendenza (miglior stima di R) e la sua incertezza, che
rappresenta leffetto dei soli errori casuali (dispersione attorno al valor
medio); rnd = fit R m

H a questa va aggiunto il contributo dovuto allincertezza sul guadagno:

(m | kx,y ) = m kx,y 2
R = m, fit + m kV + m kI
2 2 2 2

M. Lunardon, Corso di Sperimentazioni di Fisica 2, Laurea in Fisica, Universit di Padova