Sei sulla pagina 1di 23

Q ueste pagine intendono offrire un orientamento

meditativo o coloro che, oltre ogni preferenza


dottrioorio o passione o attaccamento - in un mo-
mento della storia deU'uomo la cui gravit non con-
sente indugi in illusori rimedi - sentono la lnizia-
zione come esigenza assoluta. Uoo indicazione versa
tale esperienza - non uoo dimostrozione che non
dimostrerebbe mai nulla - vuole essere il presente
scritto; la cui sostanza stata curata in modo da
non fare apPello al moto di un "sapere" che lascia
inerte la vita, ma alle forze interiori del lettore,
co.ff che possa, l'animarsi di queste, divenire il con-
tenuto a cui si alluso. Esso esige, perci, tma let-
tura attenta che segua, senza omissioni, il percorso
dei pensieri.
COPYRfCHT:At. SCABELLONI
V'la lnnocl)n.$0 X.~ 10 ~ Ro11111

TipoKrafo S. Ciaeppe , Vi<J G. lnclano, 3 , Rom<J


r

1.

a Scienza dello Spirito d modo di ricono-


L scere, attraverso percezione non mediata
da un semplice sapere )) , ma diretta n
e cosciente, come nei tempi che precedono il
Kali-yuga, l'uomo potesse ancora percepire il Di-
vino nella propria natura e nella natura esteriore
internamente congiunte: il Divino animava l'uo-
mo attraverso l'organizzazione corporea, non an-
cora densifcata, e poteva in lui suscitare ispira-
zioni o visioni. L'uomo vedeva l'Eterno sorgere
dal sangue e riconosceva nel capostipite l'ente
spirituale della sua stirpe : un grado della Inizia-
zione era appunto il suo elevarsi alla comunione
diretta con questo ente.
N el proprio essere fisico l'uomo poteva trova-
re il contatto vivificante con quelle forze trascen-
denti che nella natura si vestono di forme, come
d grandi simboli cosmici . Su7ya il Sole, Ushas
l'Aurora, Aghni il Fuoco, Vata il Vento, Soma
la bevanda d'immortalit, sono nei Veda il ricor-
do di una simile comunione. Analogamente nella
tradizione primordiale taoistica viene ricordato che
Khien-uyan, la Causa iniziale della perfezione,
sostiene in un punto identico la vita dell'uomo e

7
la .vita della natura: cosi il bene la conformit t'aspirazione di un mondo tra~ont~to, .di un .m?n-
alla Legge dell'essere, il male la non-conformi- do determinato da una prec1sa d1rez10ne cichca
t. La Tradizione sar poi il ricordo della confor- verso il Kali-yuga: in questa et oscura '', .la
mit, quando questa comincer a essere perduta. vitalit spirituale della natura va ormai ad esaunr-
N o n sar pi la << cosa n, ma il ricordo " della si, perch l'uomo sperimenti la solitudine nel mon-
cosa e il tentativo di restaurarla mediante il ricor- do fisico.
do. La perdita della istintiva armonia umano- Tutto il mondo antico valido in vista di que-
cosmica sar il motivo che potr chiarire il senso sta estinzione del sovrasensibile nel sensibile, che
del cammino dell'uomo verso l'autonoma indivi- si verifica perch l'Io abbia . l'esperienza de~la
dualit e del suo rapporto con la Tradizione E'' l( individuazione ,, e della << libert H e possa m-
appunto un dato tradizionale il fatale decorso ver- di liberamente - non per spinta fatale o mecca-
so il Kali-yuga, il quale iVa cosi contemplato nel nica - riconquistare la smarrita divinit, propri?
quadro di una u involuzione n che conforme alla in quanto gli sia anche possibile perderla defin~-.
interna dinamica della Legge n. Questo andreb- tivamente. L'alternati.va dinanzi all'uomo, ogg1,
be meditato con senso di responsabilit da chi come possibilit di annientamento o di magica re-
accoglie per via semplicemente culturale la dot- surrezione.
trina delle Quattro Et. L e tradizioni segrete dei primi secoli della no-
Al limitare dei nuovi tempi, avvenne un muta- stra ra parlano velatamente di nn cam~!amento
mento di cui ebbe conoscenza diretta soltanto un di polarit: il Divino ormai non sorge pm, come
esiguo gruppo di Iniziati: l'umanit si limit a in antico dal corporeo o dall'anima {ondata sulla
registrare come storia, o a subire come fatto, le organizz~zione corporea, . ma da ci che si. pu
conseguenze esteriori di tale mutamento. Da al- attivare liberamente fuon del corporeo. Chi NO-
lora, il cercatore dello Spirito pote' trovare il Di- glia, pu trovare in ele~enti .mitici, com~ in do-
vino soltanto fuori della propria natura Il, nella cumenti e dati della stona, d1verse eco d1 questo
pura attivit interiore indipendente dalla inclina- cambiamento : stato di fatto che, non percepito
zione a mantenere la conformit a una direzio- nella sua essenza verr accolto come una condi-
ne n che si era esaurita, ossia nel puro conoscere zione 11ormal~ a' se stessa sufficiente, e tale che
non pi1 condizionato dall'essere fisico-sensibile. si pretender ~icostruire i~ passato e la Tradizicr
Da allora, rimettersi a una tradizione spirituale ne mediante forze conosc1ttve che sono la conse-
che era l'eco di quanto fu valido soltanto per guenza della perdita della capa~it di visione .c~e
l'uomo ispirato dal Divino attraverso la natura fu alla base di quel passato e d1 que~l~ TradiZIO-
il sangue la stirpe, divenne un errore. Trovare lo ne. N ancora i cultori della Trad1z1one sanno
Spirito attenendosi alla sola natura e a ci che intendere come basilare sia la riconquista di tale
ormai inconsapevolmente sorge da essa, stata capacit di visione, secondo una tecnica che ten-

8 9
ga conto dello stato di fatto attuale e che perci L'antico mondo tramont allora: e~a ap?ena
non pu essere ritrovata nella Tradizione stessa. t la :filosofia in Occidente, mentre m Onente
Ma solo la riconquista d ella capacit di visione ~t:iffondeva la parola del Buddha e in Estre~o
-che non potrebbe tuttavia essere una ripetizio- Oriente <wevano insegnato Lao-tzu . e Confuc10.
ne di ci che fu un tempo, bensi un possesso co- Da allora, la resurre~ion~ d~l ve~~lO n~ond~, .la
sciente e libero di essa - pu ristabilire il con- restaurazione dei suot restd~t tradlZlonal.t sara ~
tatto con l'essenza del mistero e del mito: altri- consapevolmente un'operaztone cadav~nc~, O~Sl~
menti ci si muove inevitabilmente con l'essere una ricerca del soprannaturale n~lle mclmaz10m
che si , nella tradizione morta a ' cui si chiede degenerescenti che verso esso . nmangono come
'
una conferma metafisica per rimanere ci che -si << tipi 11 0 << idee n del sub-cosctente avulso dalla
, in quanto si ama sub-consciamente rimanere ci sopra-natura. L dove un temp~ .si manifestavano
che si , ossia ombre vaganti sulla terra. direttamente entit sovrasenstbih, nella natura e
L'eco della crisi umano-c-osmica accennata nella razza, per il mutamento accenna:o,, operano
reperibile a chiunque voglia, sul piano della cul- ora le forze arimaniche della terrestnta, mentre
t~ra ordinaria. Si tratta di rendersi conto quale nella polarit opposta - d~ co_ntro alla n~tura ~
s~~:fica~o ~bbia effettivamente una serie di espres- alla razza - ossia in una d1rez1one che nei tempt
stom fatldtche, proprie alla cultura del periodo passati sarebbe stata infrazione, i:regolari~, ~an
a cui si allude : a un dato momento si annuncia conformit al Dharma, appunto m tale dtrez10ne
che Pn o mgas tthneke/ si parla di Exleipsis ora attivo lo Spirito. . .
tOn chrestrion. E' atteso il fanciullo divino )) Sono stati spostati i lumi n. L_' attitud 1~e a. n-
che instaurer il novus orda . La missione del ferirsi alla Tradizione, la resurrezwne d~ll anttca
L6gos solare sulla T erra viene preannunziata dai correlazione con il Divino, sar una via verso
santuari dell'India, dell'Iran e della Caldea e in l'astratto ' anche se un fenomenismo psichico
. . e un
particolare dalla visione di Osiride resuscitato trascendentismo esoterico, tra romantico e tmma-
chiamato nelle cripte egizie il << Sole di mezza: ginoso, daranno l'illusione di. ~n ri~rovato ~etag
notte H. Al tempo stesso cambiano i sigilli e i se- gio iniziatico : impronta despmtuahzzata dt una
gni iniziatici : l'antica astrologia cessa di essere forza che non pi H, come non pi nella tom-
!Valida. Si interrompe l'antica systasis tra il Divi- ba- l'antica natura, l'antico mondo -.~'ess~re
no e l'uomo. E in Oriente si comincia a dire: Il del Cristo. << Colui che cercate non pm q_ut ))
sampradaya perduto '' La Tradizione ormai ~Viene detto a coloro che ignorano la resurrez10ne
pu parlare soltanto a Iniziati solari - . per nulla e cercano il Maestro nella spoglia terrestre. Cos
apparenti sulla scena della storia -che conosco- lo Spirito che si intende ritrovare n~n pi nella
no la conversione del suo linguaggio secondo il spoglia della Tradizione, ~a ormai sco.rre nel-
senso dell'invisibile cambiamento. l'inaspettato, in ci che la libert potenzialmente

IO ll
sorta ~u. creare, in una direzione che non pu delle cose, non dovrebbe impedire di rico-
fi s~oere in essa l'elemento spmtua
.. l t
essere mdtcata da ci che si gi. e nuovo, au en-
nosc . l"b .d l
Il dogmatizzare la Tradizione sar inevitabil- tico, che deve semphcem~nte l erarst . ~ su~po:-
mente un~ correlazione ipnotica con strati oscuri to sensibile per essere cto ch,e P?tenzta men e e.
della cosc~enza pre-individuale, che eserciteranno Sorta grazie alla rottura con l anttco ~onda e alla
dal bass~ Il _loro potere, in quanto non esigeranno ale 1"nd 1"pendenza dalla spontanett naturale,
llllZ1 "b"l" .
u~ moto mdtpe~d~nte,, una creazione fuori del pre- essa Co
ntiene perci la libert come posst 1 tt sta
"bT , d.
VIsto,. un at~o dt !t berta, ma essi stessi tenderanno negativa sia affermativa : come p~s~t. 1, 1t~ 1_ ne-
a prot~tt~rst co~e. valori trascendenti. E proprio gazione di s, ma anch_e come poss1bthta d_1 remt~
una stmtle pr?teziOne, valorizzando in parventi grazione spirituale, estgente una_ nuo~a vta ~edt
forme metafistche o esoteriche un mondo sotter- tativa. Verso la quale le presenti pagme voghono
rane? di ombre e di ricordi, propizier il clima essere un orientamento. Si tratta comunqu~ del-
gr~zt~ a_l qua~e, sul piano esteriore, le scienze ma- l'elemento che solo pu costituire il punto dt pru:-
tenahsttche, m quanto analisi della natura disani- tenza per una reale azione reintegr~trice. Lo s~~
mata -controparte terrestre della Tradizione rito pensa (( materialisticamente ll tl_ mondo: _ciO
spenta- si rafforzeranno, apparendo come scien- un errore se non se ne coglie la rag_t~ne cosmtc~.
ze d~lla realt, e in particolare la psicologia anali- ch questo pensiero forza dello s~mto che_ altrt-
c~ ~mnge~ a trovare l'origine di ogni wicenda menti non si manifesterebbe, e all'mterno d1 que-
mthca e dt ogni valore iniziatico nelle immagini sto processo Na riconquistal~-
dell'inconscio. La spontaneit dell'antlca natura perta~to so-
. Ora, n_onostante che gli assertori della Tradi- pravvive in forme diverse : con:e _un oscuro tmpul-
z~o.ne _e gh psicologhi contemporanei siano in po- so di religiosit, come una mtstlca sub-personal~
st_ztom apparentemente opposte, in sostanza ~Jll che giunge a vestirsi dell'elemento nuov~ e radt
btdue partono da un'identica condizione interiore calmente ad essa antitetico, ossia del penste~o: per
Da es:i, parimenti viene ignorato l'elemento di riNivere, e .cos pu presentarsi come tra~lzt_ona
peren_mta che ormai pu risorgere - ma anche lismo o falso spiritualismo, o come ~aten~hsmo
non nsorgere - nella u nuova ,, attivit cosciente dogmatico : la sostanza sottile ne tdenttca .. ~l
dell'uomo. Questa deve essere detta u nuova ,, pensiero, che l'elemento u ~uo~o , ~ello ~pm
perch non ha precedenti nella storia dell'uomo' to, pu essere usato a dare gmstdi.ca~10n~ d~a~et
q~anto ad a~trattezza e a limitatezza in senso indi~ tica o speculativa al complesso degh a~ttcht nn-
vtduale : m fatti la base necessaria 'ali' attuale pulsi, in quanto ignora se ste~so, n~n st autoper~
c?scienza del! 'io .. ~uttavi~, che essa sia per ora cepisce di qua dalla sua fun~IO~e dt_ t< veste 1: dt
vmcola~a al senstbtle, ossta pensi materialistica- contenuti fittizi o di inclinaztom radtcate nell an-
mente il mondo, sia stimolata solo dall'aspetto tica natura. In tal senso nell'uomo possono agire

12 13
di concerto due forze cosmiche oppositrici: I 'una tenere la sua sovranit sull'uomo, afferm~ndosi
o~erante attraverso il supporto che l'informe
come S ua realt e costringendolo
. b a una, vtcenda

m~scuglio degli istinti legati aH' etknos, alla fami- he ha come forze propu lstve la ram a e 1 eg01smo
gh_a~ alla razza; l'altra attraverso il pensiero in c ome limiti corrispettivi l'errore e il dolore, la
cm e presente la possibilit della libert devian- e ~lattia e la morte. L'antica natura dovrebbe es-
done ~a fun~ione, li~eratrice, cosi che il 'pensiero :re contemplata: allora essa si rivelerebbe COI~e
sca~b.t J?er_ hbe~ta l affermazione non contrastata il (( corpo della memoria '' e come lo (( specch~?
degli tstmtt radtcati nell'antica natura. della forza )l ; nessuna sua funzi?ne potrebbe pm
Tutto ci pu spiegare perch la Guida "dei essere impura, perch, come st vedr oltr~, le
nuovi tempi insegna come una delle tecniche li- forze della contemplazione sono quelle c~e _vmco-
bera~rici la via del pensiero libero dai sensi ,, late ad essa - e vincolanti - ne costttms~on?
grazte alla quale il pensiero pu sperimentare s~
s~~sso come forza pre-dialettica, indipendente da
ed alimentano l'errore. Ecco p_e~ch, com; s: ~~
ceva, per uscire dalla contraddtztone~ d_all_ lnlZla-
cto c~e. nel :rno~do sensibile ne sollecita il processo to dei nuovi tempi viene data la dtsctphna del
che e mevttabtlmente una rift essione n. L 'atti- (( pensiero libero dai sensi ,, . .
vi: del ~ensie~o, secondo una particolare disci- La oscurit .d ella natura e la moltepltce fram-
plma, p_uo spenrnentare se stessa prima del mo- mentariet del mondo sensibile, infatti, possono
~ento n~,esso, realizzando ~osi un grado pi lu- affenmarsi nella coscienza come (( necessit ,, e ap-
crdo e pm. vasto della cosctenza : il principio parire 11 reali ll, in quanto assurgono _a dignit ?i
della nascrta dell' Io fuori delle condizioni del- contenuti pensati, senza esserlo effetttvamente, t~
l'ant_ica natura _la_ quale, soltanto come conseguen- quanto non il pensiero che li pensa, ma sono esst
~a d~ una posstbtle cc resurrezione ,, del princip io a usare il pensiero, riNestendose~e,_ e l'Io p~r con-
mtenore che da lei si affranca, pu attuare ci che seguenza li subisce, illudendosi dt e~ser~ tl sog-
la concerne in quanto natura. In tale condizione getto dei diversi processi dell'anima: tllus10ne che
la saggezz~ tra~izi?nale pu essere compresa, l'es: viene meno ogni qual volta esso travolto dalle
senza de~lt anttcht Misteri pu essere contempla- affermazioni sottili o violente della decaduta na-
ta, l~ chtave dello Yoga pu essere di nuovo co- tura. P erch il pensiero astratto non ha forz~, non
noscmta. costrinrre mentre il pensiero dell'uomo antico re-
M_a _J' an ti~ a ?a tura difficile a ovedersi, perch cava i; ~ un potere sopr~indivi~uale capace d,i
n_on st e fuon dt essa, si nasce in essa, e si ini- imporsi a tutto l'essere : ti penstero moderno e
Zialmente esseri pensanti attraverso essa. Il H nUO- astratto, avulso dal sopraindividuale, in quanto
VO nato n tuttavia, per crescere, deve liberarsi la sua funzione individua, non pu costrmgere
dell'alvo
. mater no. L ' an t.zca natura, m quanto nemmeno ~on i retti giudizi. E' condizione nor-
rvetcolo delle due forze oppositrici, tende a man- male dell'uomo odierno che egli possa anche ave-

14 15
re il u retto giudizio ,, ma non la forza della cor- alistico-astratta - si sarebbe dovuta alimen-
raz10n ai del contenuto mtuttlvo posst'b'l ll
t e a a
rispondente tt retta azione ,, . tare or m Il'
F u~z~o.ne ?el pensiero astratto stata il porre rwersione del penstero astratto, ~ssta a accen-
la posstbtltt mtellettuale della libert, unicamen- cota
na resurrezione interiore, per ,. contmuare
. ad esse-
te come processo logico, a cui, ove la libert deb- al livello dell'intelletto l mterre1aztone neces-
ba realizzarsi, deve seguire un momento dinami- ::ria ai rapporti umani. Non d~ndo~i questo ~uo
co, o magico, che consiste nell'interovento - su- ontenuto, e l'astratto pens1ero hmttandost ad
scitato per virt del pensiero libero- di una forza vosecre t'illusoria attivit dell'intelletto sotto la
es , . l l
pi alta, di ordine sovrarazionale, capace di resti- aie urge come unica realta vtta e a natura
qu . h . . .
tuire all'uomo la << visione delle essenze ,, . N on de-spiritualizzata, evtdente c e Ct SJ avvta vers~
v'era altro oggetto alla moderna esperienza del un'epoca nella qu~le. g~i ~~mini ritornano .ess~n
pensiero e al collaterale processo della filosofia. istintivi, sempre pt tstmtlvt, senza altra dtreztO,-
E' giunto il momento di liberarsi della illusione ne che quella dell'intetletto astratto c.h~ .non p~o
che la moderna cultura sia reale in s: essa il pi nutla, mentre viene meno la posstbtht d~ ~n
risultato di una provvisoria possibilit dell'anima tendersi t'un l'altro per esaurimento dell? spm.to
umana: quella de li 'astratto pensiero. La Scienza logico: la cui contropa:t.e ~ il dilag~re dt ~n dta-
dello Spirito mostra come questo mondo provvi- lettismo raffinato, narctststtco, erudtto e sistem~
s?rio della dialettica astratta la cui positwit con- tico, che spiega tutto, si occupa d~ tut~o, non :~~
sisteva nell'essere un possibile preludio alla libe- sparmia n cielo n terra, n m1stcn, n mtt~
razione cosciente, ha gi superato il suo momento n tradizioni, e tuttavia non afferra un atomo dt
positivo e in tal senso rischia di essere il veicolo realt. . . .
della perdita della libert, in quanto non l'Io auto- Le correnti spiritualistiche ed esotenco-mtstl-
nomo, ma la natura va ad afferrare le forze del che hanno in tal senso assunto la grave responsa-
;volere cosmicamente rispondenti alla esperienza bilit di distogliere l'attenzione dei ~icercatori dal-
della libert cosciente. La logica che ha accompa- l'elemento che giuoca al centro dt tutta qu.esta
gnato la comparsa del pensiero astratto, non es- IVicenda: il pensiero. Per ogni loro assunZione
sendo altro che l'ultima eco dell'antica visione dottrinaria il pensiero viene d.a esse. usato: non
so.vrasensibile perveniente all'uomo nella forma v' loro affermazione che non sta medtata dal pe~
della razionalit, comincia a non essere pi logica. siero, e al tempo stesso, ess~ dis~~noscono o dt-
La logica comincia a non essere pi possibile, sprezzano o ignorano la << vta spmtua~e n che
in quanto, apparsa in un dato momento della sto- possibile al pensiero. Certo, non al penstero .ast:at-
ria dell'uomo come veste di una intuizione della to che non cessa di essere astratto e perct ma-
realt, ormai esaurita -veste nuova di un conte- ~ato anche quando pensa l'Universo! la Sal?ien-
nuto antico, non pi accessibile se non nella forma za, Dio, la Tradizione. Solo quando 1l penstero,

16 17
svincolandosi dai contenuti necessari e contingen-
ti, e parimenti daiie loro ripercussioni astratte,
possa sperimentare se stesso come contenuto a s
trasparente, sino ad attuarsi come forza creante
che per essere non ha bisogno di alienarsi nei sup-
porti della natura, i quali vogliono unicamente se
stessi - supporti che possono parimenti essere di
ordine senziente o mentale - solo allora il pen-
2.
siero pu pensare il mondo e risollevarlo a~la :di-
mensione originaria. Il pensiero, ove si realtzzmo . . tem i gli Iniziati sape-
Sulla soglia det nuovt . pe del L6gos ossia
le condizioni accennate, potr cessare di essere d creazwn
vano che t l mon ~ d.
. ' d.
la passiva mediazione delle cose e delle se~sazio~ ll' inizio del Vangelo l
del Figlio, COI~e Sl ICe ravano il mondo come
ni nella coscienza - che in tal senso sono ureah
Giovanni: esst contemp otevano distinguere gi
- e farsi arto dell' Io, elemento autonomo che creazione d el L 6gos, mta p me orma del Divino
si attiva come oggettivo nesso interiore delle cose
e delle sensazioni. Non riducendosi ad essere la il u creato )) Permanen
. e fase
co originana, . da p nn-
1

che aveva operato m ~na unse con la sostanza
loro e co- ripetizione astratta di un mondo de-re~ . 1 che s1 congt . ,.
lizzato - risorger come forza, o conoscenza li- ctpto spmtua e . er resuscitanvt l mtuna
del mondo mamfestato, p avtJto come conse-
beratrice, che riconnetter questo mondo oscurato . ne aveva .
vita . T ale resu:rezw tamento dei lumi Jl.
guenza, per esst, lo ~~fP~i~lo delle Qu~ttro Et
con la sorgente orig inaria da esso perduta: le
parvenze delle forme e i contenuti finiti potra~no
per tal via avere infine il loro senso, venendo nas- P er Il dec~rso olarit cosmtche, una
verso la inverswne delledp h. a all'uomo verso
sunti nella univocit sovrasensibile delle loro ra- nuova via doveva essere tsc Iun_usordiale >l o della
dici cosmiche, dei loro archetipi, che sono il fon- . . dello a stato pr d
la restttuzwne . . poteva acce ere
damento reale del mondo. Ma ci il pensiero po- . l"t. ma a tale vta eg11 . h
tmmorta 1 , d. 'autocosctenza c e,
ormai solo per for_za t . ~n ress~ve e il suo dia-
tr, solo in quanto realizzi la indipendenza dalla
natura che ora lo usa : natura che pu affiorare
nonostante le sue evt~enze :e ~noscerne l 'essenza,
lettismo, si porr~ a cht _vor~a c anto sar la passi-
anche come inclinazione filosofica o mistica o
esoterica e che si pu esprimere in quanto gi ri- come iniziativa meff~btle, m qu non avendo
.vestita di astratto pensiero: perch l'uomo non
conosce il punto in cui il pensiero nasce come li- bilit di una << creaztOne daldn~er:U~azione dietro
11
alcun modello n alcuna pre e
bert, come pura sorgiva interiore.
di s. . . . . li Iniziati venivano
Nei primi secoh cnstiam, g munge-
. d come
preparati a compren erDe . . ormat, per b.
on potessero . '
ptu
re alla comunione col tvmo, n

18
19
fondarsi sul mistero del sangue, della natura impressa nella loro costituzione e delle quali
della tradizione, perch questo mistero mev~ ; : rmaneva un ~istema d conoscenze tramandato
esaurito la sua funzione : gli .Iniziati dovevano co- da tempi remoti da catena a catena. ,
noscere il sangue la natura e la tradizione come O gni limite pu es~~r ~uperato 9uando e c~
supporti di altre forze, d'ordine tellurico )) , La . to. perci gli ImZ1at1 conseguivano una. VI-
ma~canza di una. s.imile conoscenza poteva porta- nosciu .
sione ch e si esprimeiVa pressapoco net segu~n~1 ter-
re t1 cercatore spmtuale a errori gravi. In origine la terra era un corpo spmtuale
~ oggi. questo pi che mai il pericolo per mtm. 11 . 1
ed era cos possente da dare agh u?mtm a perce-
ogm esote~1~ta che si rimetta a una presunta << cr- . del D ivino : da tale perceziOne
rente tradizwnale >>, senza praticare quella cono- z1one . . . dovevano
scaturire, per ultimo, come ~es~d~1 dt una sa~nen-
scenza di s che gli riiVeli l'attuale invisibile rela- za che non si era pi cap.act d~ ntenere. medtant~
zione. tra forze dello spirito e forze della natura : memoria spirituale talunt testi [sono 1 _Yeda, 1
relaztone che.- come si visto - non pu essere Brahmana, le Upanishad, il Ramayana! rl . Mah~
contemplata ID alcun testo tradizionale, in quanto bharata, l' Yi-ching la Bib?ia, ed ~ltn ] m cm,
sorta come conseguenza di una estinzione del rap- alla vigilia dei nuovi temp1, sono nflesse ~lc~ne
porto tra umano e Divino che fu riflesso antica- eco della T radizione perduta. Ora la terra e d tsa-
me~te n~ll.a Tr~~izione. Non esistono pi organi- nimata e perci non pu pi~ don~r~ nulla all'uo-
smi tradtzwnal~ m sen~o iniziatico, e quelli che mo : ora essa d inanzi agh uommt come natura
passano per tah, sono Sistemi di riti sopravviventi e il pensare dell'uomo d iviene esso stesso. un~
so~o ~eli~ loro modalit esterna: essi sono oggi IVeste astratta della natura, se non sa r~v;1~ar~t.
vetcoh ~~ ~orze che hanno il. cmpit~ di legare e realizzarsi nella sua essenza, come entit mdt-
ancor pm l uomo alla terrestnt medtante l 'illu- pendente da' essa. La terrestrit non dona pi nul-
si.one .di una liberazione che no~ potr mai av.v e- la : chi vi attinge secondo il moto c<?nfor~.e all.a
ntre, ID quanto non pu venir contemplato l'uomo relazione antica viene afferrato dagli De1 mfe:r .
quale fu, dai momento che non si ha il senso del- Ormai si deve giungere per individuale forza m-
l'uomo quale . E soltanto l'esatta conoscenza di teriore al L6gos che l'essenza eternamente crea-
ci che , potrebbe far intendere il limite che va twa del mondo . Sino ad ora si venerato l'ele-
superato.
mento creativo nell'eco del pre-terrestre: ora qu~
. ~el periodo della transizione, gli Iniziati co- sta eco si spenta e il suscitare risona~ze di essa
mmciavano a sapere che dovevano ormai trarre le non pu restituire la sonorit originan~. Or~ va
loro.ispir~zio~i dall'attiiVit interiore pura, per un ritrovato ci che invisibilmente creattvo dtetro
med1tare md1pendente dall'anima razionale-affet- lo schermo sensibile: si pu afferrarlo soltanto
ti~a,. superando la tentazione di appoggiarsi a di- con la forza dell'lo, che in s trovi il fondam~nto:
sctplme verso le quali esisteva gi una disposizio- la forza che si individualizza nell'e~penenza

20 21
sensib.ile ma che proprio a questo livello, si degra- dema non ha alcuna base per poter afferrare il
da e Sl deforma. Da questa contraddizione l'uomo i questa << coscienza corporea 11 che qual-
senso d . d'
p~ uscire grazie a una conoscenza nuova di s. di non riducibile alle dtscorstve nozwm 1
cosa _posciente ,, e dt. . . h l fl
D.t 9ue~ta so?o portatori i Rosa-croce n. I primi Cl su b . . ._
mconsc10 H, e c e. a a sa
cnstlam espnmevano questo annunciando: H La affermazione di s .f~ndata s~ tal~ cosctenza, se
fine del mondo prossima ,, . Essi intendevano ' essere riconosctb1le nel ttpo dt uomo contem-
puo d'
la fine di quel periodo in cui la conoscenza deri- oraneo affetto di una isterica ':olont . .1 po~eo::a
vava all'uomo dalla mediazione corporeo-animica ~d esprimentesi in diversi campt H prat1c1 , e dl~
ossia .da una spo?-tan~it ereditata, senza esiger~ ficilmente ravvisabile quando assume veste esteh-
da lm lo sforzo mtenore dell'autocoscienza Ve- ca esoterica o mistica. . .
ntva al:resi annunciato: << II regno dei Cieli ' La mistica cristiana del MediO E.vo, la sen~
IVlcmo, 1l regno ~ella Terra tramontato n. Ora, delle grandi figure dei Santi, ~o~ sono che l'ult~
la fine del vecchiO mondo in effetto avvenuta : ma eco di un risonare del Dtvmo attraver.s~ .11
p~r ~'uomo veramente cominciato il Regno dei c sentire )) come viatico per l'uomo alla vtgtha
Cteh. Sarebbe grave se egli non cominciasse ad dei nuovi ~empi, ossia per l'epoca in cui, alla~o
avve:d~r.se~e ~ :?ntinuasse a legare alle panvenze alla solitudine nella materialit, sar valida la IVta
sen~1~1h l atttvtt_ del pens~e~o, usando questa per nuova del l< pensare libero dai sen~i 11 c?~ ~i ~ort.a
legittimare la VIcenda fittlZla del mondo esterio- oltre la memoria atavica delle anttche 101Ztazwm,
re, ~entre l'unica vera ragione del sorgere del oltre i residui di una mistica il cui mistero non
pe~s~ero la possibilit dell'esperienza della sua pi ripetibile. Presumere di r~pe.terlo ~on che
enttt allo stato puro, poich in tale condizione luciferica esercitazione, per cu1 Sl soggtace se~lZ3.
essa pu divenire strumento della liberazione. E avvertirlo all'elemento di morte con cui orma1 la
sarebbe grave se .l'.uomo si .desse come surrogato natura grava sull'anima umana. . ...
della nu~va pos~tbtle espenenza dello Spirito, la La Terra, oggi, in quant<:> natura, agh 1n1~1
resta~razwne dt contenuti tradizionali, staccati del suo decadimento. La sctenza naturale, e m
ormat dalla sorgente, e ora inevitabilmente con- particolare la geologia, ci dicono che e~sa e~
nessi a oscuri stati della coscienza corporea. trata in una fase di sterilit e, sotto molti aspetti,
Il pr~~lema ~i ogni ricercatore, oggi, distin- di involuzione. Ci che fisico decade: mondo
guere gh mfluss1 che attraverso la coscienza cor- !Vegetale, razze animali, specie umana, traggono
porea lo spingono verso una qualsiasi affermazio- la loro vita da una spinta del passato: la Terra
ne .di s, dalla .P?ra .attivit dell'lo che sp~rimen nel suo complesso devitalizzata rispetto al su~
ta tl s~vra~en~tbtl~ m q.u.anto possa sciogliersi a stato originario : sempre pi essa ~i fra~tu~a, St
ov?lo~ta .da1 VI~~oh .sottt!t dell'organizzazione fi- polverizza. Gli uomini pi evoluti commctano a
swpstchtca. E muttle dtre che la psicologia mo- perdere l'efficienza degli organi dei sensi. La Ter-

22 23
r~ s'avvia verso oscurit e morte, se l'uomo non e di rappresentazione, si svolge libera-
ensxero
pmente Ll' 1
VI accende una nuova vita, fuori della cultura nell'uom?, poggiando per ora su equt 1-
astratta e dei limiti della civilt meccanicistica b . dei supporti della natura.
se l 'uomo continua ad assumere come vita un~ nouNell'uomo sono l'uno acca~to all'altro il pas-
stato. di morte.' una esteriorit in cui vaga creden- ossibilit dell'aVNemre. Nella natura,
sato e la P . .
do '<h essere ct che , ossia l'ombra di ci che fu tn qu anto minerale e vegetale, solo tl passato.
. .,
in origine. , mento che nell'uomo opera come avvemre gra
1 1
L'Iniziato dei nuovi tempi cosi insegna: n:l epresente, quella che ha in s l'essenza ~ella
u Nel presente, ~.algrado .tutto, esiste gi il ger- libert. Essenza che manca al_Ia. natura. ,JJ~ll el~-
me del fu.turo. C10 che agtsce dal passato da noi me nto invisibile e sovrasens1b1le. che. e m . lm,
n:ascorso m contatto col mondo spirituale, lo ab- ' mo de,ve aspettarsi la remcarnaztone m un~
l uo
btamo nel!' organismo vitale-fisico : ci corrispon- ventura esistenza terrena, ne puo aspe ttarsel a n-
l '

de. allo stato. della natura vegetale e minerale che ardo al suo corpo fisico e a quello et.ereo che
agtsce su no1. Sono in fondo i risultati di un'esi- ~no perituri: cos l'avvenire della Terra non pu
stenza passata e divengono presenti solo per il derivare dai suoi regni minerale e vegetale. Solo
fatto eh~ l~ Terra, avvolta da un elemento spiri- se saremo capaci d'inserire nella Ter:ra qualcosa
tua~e-arumxco, cos1 come l'uomo ne compenetra- ch'essa non possiede, potr. sorgere una Terra
to m quanto sia att~vo interiormente con l'Io e futura. Ora, ci che non estste spontaneament~
l'animico. L'entit minerale della Terra non la- sulla Terra sono soprattutto i pensieri ?Pe:antt
scia fluire in s anima e spirito, ma se ne fa sol- dell'uomo che possano vw~re e tessere tndtpen-
tanto avvolgere come da una veste di luce: anche dentemente dal suo orgamsmo naturale e dalle
la vegetazione non lascia penetrare in s l' animico sue attuali condizioni di equilibrio. Se l'uomo fa
[salvo nel momento delle fioriture] . Nella vita sorgere questi pensieri autonomi, dona_ a~veni~e
de!la Te~ra, nelle forme dei cristalli, nelle vette alla Terra. Ma a ci occorre che egli. h abbta
de1 ~ontt,. n:lle P.iante germinanti e germoglianti, questi pensieri autonomi, perch t?tti :i pensieri
IV~dtamo 1 ncordt d eU' elemento o-i creatore di che egli si forma sull'elemento pentu:o .de~la c~
Vtta, che oggi morituro. Ma nell'uomo stesso noscenza naturale odierna, sono penste:rt nflesst~
~e sa.ppiamo distinguere questo morituro ,1 eh~ non realt. Quando l'uomo si abband.on a a_ quest~
rrradt~ le sue en~rgie dall'esistenza preterrestre e pensieri, non fa che ripetere il ~ass_at_o , vt~e ne~
c~e v1ene a mo;xre n~l corpo vitale e ,fisico, pos- cadaveri del Divino; ma se eglt iVLVl fiea 1 su~t
Siamo vedere l orgamsmo etereo-fisico permeato pensieri, egli si unisce con la propria ~ssenza sp~
del~a luce che l'Io e l'anima potenzialmente ir- rituale, egli attua una nuova Comnn_tone con 1l
radta?o verso l'aiVv~nire: elemento spirituale- Divino che compenetra il mondo e dt que.sto as-
creativo volto verso tl futuro, che come vita di sicura la resurrezione che la sua resmrrezwne n.

24 25
3.

Finch il pensiero l'attivit intellettuale che


si limita a riflettere passivamente il mondo sen-
sibile- ossia la parwenza del creato, del passato,
di ci che non ha pi realt in s - esso si pre-
senta nella sua forma depotenziata e, come tale,
diviene il tessuto di una cultura, di una scienza
e di una concezione del mondo irreali.
Da un punto di vista assoluto, il pensiero, pur
essendo nato come attivit stimolata dal mondo
sensibile, non si sarebbe dovuto limitare a ripetere
astrattamente il sensibile: ci doveva essere una
condizione transitoria. Eppure da tale transito-
riet nata una cultura che ~orrebbe essere de-
finitiva col rendere perenni - si guardino gli
sforzi per il cosiddetto (( progresso )) - le conse-
guenze di un precario rapporto tra ci che peri-
turo nell'uomo e ci che a tale peritura natura
appare del mondo. Simbolo di un simile precario
rapporto la macchina, immagine di un processo
conoscitivo disanimato e, nella scala dei valori or-
ganici, inferiore al minerale: strumentalmente
utile, senza dubbio, anzi necessaria, ma simbolo
di una paralisi dello spirito, in quanto non co-
nosciuta come espressione di un limite che im-

27
, l'astrattezza non lo cost nn ge , m ~t s -
pedir sempre che per mezzo di essa, o con il cuidava, che manca della forza per attuare
pensiero meccanico, si giunga a ci che t'astra.
snultaneam:.Wa libert: egli pu an~he fo~mularr
zione fa intravvedere come coronamento di una
l'elemento . . d' io sulle cose e m pan tempo
evoluzione lungo tale linea. un autonomo gtfu IZ agire di conseguenza.
Il pensiero, si diceva, non doveva limitarsi della orza per . l
mancare . d ue ma privo d i vtta e ta e
alla mediazione del sensibile : tale mediazione Pensiero hb~flro .t~ n~ di, continuo usata dalla _n a.
stata soltanto il primo momento di un atto - ehe 1a sua ueln esst a d 1 dato
dato temperamento, . a que .
tura, dad~. linazioni riunite sotto tl segno dt un
ancora in parte prodotto, nella sua sostanza posi-
tiva, dalle antiche forze dello spontaneit - che gruppo . t mc. . ensiero che manca a se ste.sso
non si compiuto : che si sarebbe dovuto com- cc io n dtscorswo . p . t 'ore e che solo in vtsta
piere in quanto il pensiero potesse passare dalla . li legge tn en
ossta a a sua . l e interiore doveva sorge-
mediazione del sensibile alla mediazione di s, dell' affiorare dt t~lb~l eg;timolato dalla percezione
auto-percependosi indipendentemente da ci che re al mondo senst 1 e,
ha sollecitato la sua auto-percezione. (Operazio- sensoria. . non era arrestarsi alla
ne, questa, che pur dovendo essere espressa in C. ~ptto del penstero
.
.
del mondo estenore' ma
termini pressoch filosofici, non ha nulla a che medtaztone percettwa. d. artenza stimolo
vedere con il filosofare). Non dandosi tale compi- q uesta doveva essergh. p~nto dl. p , . a q~ ella che
mento, le antiche forze della natura, prIVe ormai . 11 medtauone 1 se .
per gtungere a a . . ll'io e l'io allo spl-
anche dell'ultima spinta spirituale che pot espri- 'portare 11 pensare a
so1a pu n . bb dovuto attuarsi come
mersi nella iniziale formulazione logica del pen-
nto. 11 p enstero sare e 'b'l
siero moderno, tendono a riaffermarsi nell'uomo f orza m . , S~vmco an ost. d a l contenuto senst t 'l
. l d e
se, . t . tuttavia, doveva 1
vestendosi della nuova forma di coscienza che le alla cui perceziOne so1tan o ' .
. so in forma nflessa.
conferisce persino uno stato di diritto estetico e suo essersi espres . d' d lla riflessit che gli
scientifico. Sono per, nella sostanza, le forze del- Sperimentandost 1 q~a a . non soltanto
11 penstero
la brama e dell'angoscia, della volont cieca di stata pur necessana, . 11 a natura
. h ' merente a a su
affermazione e della paura, che sempre pi rapi- compte qualca.~a c e ed 1 moderna scienza
0
damente - ora - vanno invasando gli uomini e spirituale ed m acc?r con a ultima istanza,
urgono sotto l'anodina veste del pensiero astratto, della logica svolta smo al~a ~~a:tico canone del-
formalmente ricco di antitesi e contrasti teorici ma al tempo stesso tra~cen ~ vitalit co-
ma qualitatwamente uniforme, libero soltanto co- la meditazione: esso Sl realizza ~u:e. duale pu
me discorsivit o come riflesso della panvenza del smica che, mediante li~ero .atto l~e~~~rme ~ensi
mondo. restituire il contenuto mtenore a hanno realt
Nel pensiero astratto l'uomo effettivam~nte bili. Queste, in quanto parve;za, ~an come stimoli
libero dall'antica ispirazione con cui lo Spirit.) lo in s e in tal senso valgono a prun.a

28 29
all'attivazione ordinaria del pensiero: tale attiva- po, sulle posture rituali, assumendo come base del
zione, limitata normalmente all'impronta astratta sadhana il corpo. Tutto qu~st? er~ r_eg?lare~ a~
delle cose, pu essere con la volont cosciente lora: oggi, ricorrere a una stmtle dtsctplina ~t~m:
portata oltre il limite astratto, sino a che si ria- fica legare ancor~ l?i la vol_ont ~ll.e co?-d~ztom
fisiologiche, molttphcare le difficolta m~eno_rt pro-
ni~i. di interna vitalit, ed questa che pu re-
stltmre alle forme sensibili la realt interiore che prie al tipo um~~o ~ont~ml?oraneo e nschxare la
loro propria e che veniva prima perduta ~ella perdita dell' eqmhbno pstchtco.
P er il discepolo di questo tempo fondamen-
astrazione . Perci si accenna a un superamento
tale giungere a staccare l'attivit meditativa dal
dell'antico canone della meditazione, cui era estra- .
sistema del respiro, cos che questo possa esser~
n_ea la possibilit insita nell'esperienza del pen-
lasciato a s, nel suo riposo naturale, mentre St
stero astratto.
compie il sadhana. Normalmente il re~pir? por-
. L'~niziato tradizionale era ispirato da pensieri
IVlventl che,. evocati nella meditazione, si presen- tato ad intervenire nel processo medttattvo, ma
ci impedisce che quanto si comJ?ie spiritual~ente
tavano a lm da una sfera sopra-individuale e in
certo modo lo obbligavano a una retta IVisione e nella meditazione possa poi sottilmente - d!fem-
a una retta azione. L'iniziato della nuova epoca mo inllvvertitamente - modificare la qualit del
non pu che partire dal pensiero morto che in respiro. E' un punto di p~rte~a _opl?osto a quello
quar~to ~ale, individuale e non obbliga: la 'sua tradizionale, qualcosa che e pm dlffictle accettare e
med1taz10ne deve essere un'opera di resurrezione praticare : non l'esteriore, ma l' inte_riore; non la
che non poteva venir contemplata nella T radizio- natura ma ci che in un certo senso s1 contrappone
ne, in quanto non era necessaria. Questa resurre- alla natura non la disciplina psico-corporea, ma
la disciplin~ di ci che all'interno si r~vela indi-
zione perci simultaneamente individuale e su-
pendente da ogni influsso psico--<;orporeo: l'atto
p~ri?-divi?uale: infatti la possibilit del pensiero
dt ncongmngersi con la sorgente della sua forza, del pensiero.
attraverso la auto-mediazione accennata, e di ri- L 'astrattezza del pensiero inevitabile .come
destare come nuova IVita dalle impressioni sensi- punto d i partenza, ma anche come li_mite che po~
bili l'elemento spirituale attivo in esse e inaViVer- tr essere superato, non certo medtante metodt
tito nella astratta riflessione. tradizionali che tale astrattezza non conoscevano,
E' evidente da ci come la meditazione del bensl mediante una esperienza cosciente di esso:
cercatore spirituale di questo tempo debba pren- ch appunto tale esperienza implica l'intervento
~~r~ _le moss.e da un punto opposto a quello del-
di una pi alta forza alla quale soltanto dato tra-
l xmztato antico: questi poteva agire direttamente smutare l'essere. Va sempre pi chiarito che nel
attraverso la propria costituzione fisico-psichica, pensiero razionale gi possibile la forma astr~tta
facendo leva sul respiro, sulla disciplina del cor- - o negativa- .d ella libert: qui ancora l'antma

30 .31
soggiace alle condizioni della natura. Ma la li- Questa il limite, ma anche il limite che non
b~rt pu ~adursi in una forza attiva se questa si conosce, in quanto si ad essa identificati in
vtene sollec1tata dall'elemento di"libert insito nel forme diverse, persino in quelle che postulano
pensiero astratto: tale forza volont pura fl uen- Io spirituale. E si visto che solo la nascita di
te dallo spirito nella concentrazione che operi se- una vita interiore indipendente dalla natura d
condo il canone del << pensiero libero dai sensi . modo di contemplare e rettificare l'errore e il
La volont pu sollevare il pensiero dal livello male.
della sua disanimazione e restituirgli vita: e que- Ma occorre veder chiaro nel rapporto tra spi-
sta altres la via del rinascere morale dell'uomo. . rito e natura. Con il << pensiero libero dai sensi ,,
Il metodo implica un meditare che sciolga si giunge a far sorgere e a far IVlvere in s la vita
sempre pi il principio interiore dalle condizioni dell'anima normalmente immedesimata nella veste
corporee e psichiche lasciando intatta la natura corporeo-vitale : in sostanza l'anima pu ridestarsi
anche quando sembra che i risultati della medita~ alla sua essenza se si opera su talune facolt che
zione debbano iDIVe.stirla: la natura iVa liberata si manifestano nel mondo dei sensi : usate spiri-
dall'elemento cosciente e questo dalla natura. tualmente, queste assumono tutt'altro valore La
Cos soltanto la natura cessa di essere un ostacolo forza della egoit che sorge e si alimenta nel mon-
e pu nella sua profondit ricongiungersi sponta- do sensibile, deve qui essere smorzata, perch pos-
neamente con la sua base metafisica ricostituen- sa essere ridestata, libera dal corpo, quando spe-
tesi grazie alla meditazione attiva come opposta rimenta lo spirituale. Si pu vedere nel mond?
polarit. fisico il luogo ,, nel quale dato su perare l' egot-
D'altro canto, per questa resurrezione - so- smo che in esso nato : non v' al tra sede per un
li~a_ria e sconosciuta via che, pertanto, la con- simile superamento. Ci ~he forza nel mondo
d!Zlone per l'uscita dalla confusione attuale dei spirituale diviene egoismo centripeto nel mondo
valori, e per la soluzione del problema dell'essere fisico , ma questo stesso egoismo c~e, spostato
e del conoscere - anche da parte di chi ne intrav- dalla dimensione in cui sorto, svmcolato dal
veda la possibilit o creda di seguire la via dei sistema fisio-psichico, pu divenire potenza del-
Rosacroce, non si ha ancora la<< forza del sentire ,, la individualit.
adeguata, perch la natura umana abituata a Ove il sadlzana sia gi inoltrato, il portarsi del-
rispondere misticamente a ci che la sollecita nel l'egoit alla pi intensa affermazione nel mondo
modo << antico ,, , ossia secondo atavica e sub...con- esteriore, sia pure in forme apparentemente _non
scia abitudine. L'entusiasmo e lo slancio dell'ani- volgari, inevitabile. Come conseguenza dt un
ma normalmente si hanno per ci a cui essi pos- rafforzamento interno, si ha un reinsorgere delle
sano reagire istintivamente, ossia secondo la na- forme pi aggressiiVe dell'ego : l' istintivit si ~i
tura che gi si ha. vela. in tutta la sua forza. Ma occorre vedere m

32 33
ci un risultato dell'autoconoscenza: si mostra Il compito dunque trasporre la tensione del-
qualcosa che era latente. II ricercatore spirituale l'io, non farle afferrare il mondo delle parvenze,
pu capire a questo punto il senso dell'c< annul- cambiarle l'oggetto. La tensione nasce come u~
lamento dell'io )) cui alludono mistiche e dottrine fenomeno inferiore dell'io, ma pu trasformarsi
tradizionali. Ma il cmpito, in questo tempo, ben jn una forza magica se il suo oggetto diviene spi-
diverso: non si tratta di annullare l' (( io " bensi rituale, se si sviluppi su un piano puramente so-
di potenziare sempre pi quel centro di s che non iVrasensibile : qui cessa di essere tensione e risorge
pu d~e formarsi nel mondo sensibile e perci come una capacit di reggersi su un fondamento
1mmed1atamente manifestarsi come un cc io infe- . che non pi quello psico-corporeo. E' eviden~e
riore : ma questo stesso che, non rinunciando che tale trasposizione attuabile _in quanto l~ 10
alla sua forza, deve semplicemente spostarla ver- non contrapponga pi a s l'e~penenza se~s~na,
so un'altra direzione, ravvisando la strunzentalit in quanto ritrovi in essa ai
o attwa la propna mte-.
ossia la 1Wn-finalit, del mondo sensibile e la inu~ riorit che sola la rende possibile : ma questo n-
til~t di ~olere qualcosa in tale mondo con la pro-
trovare nel sensibile l'elemento spirituale porta
pna tenswne. l'esperienza del mondo oltre la _mera fase _se?so~
L'esperienza dei sensi risulta in s gi una rio-intellettuale: it mondo estenore, per vutu d1
c< privazione >> che non pu essere superata con la un altro tipo di visione, cessa ?i esistere co~e
tensione del ~Vincolo dell'io da cui scaturisce In parvenza. La parvenza era vera m quanto tracc1a
sostanza si privati di una realt sensibile che si di questo elemento spirituale, assunta cot~~ este-
alimenta contrapponendola a s mediante falsa vi- riorit in s valida: ritrovato r elemento spmtuale,
sione e ricongiungendovisi mediante desiderio: viene meno tutto il dramma dell'ego- della cul-
ma in tal modo essa non mai effettivamente spe- tura della civilt e della societ- che si alimenta
rimentata, perch non sperimentata dall'io, dal fatto che questo giuoco di paliVenze suscita una
bens da una alienazione dell'io: da cui sorgono lotta per la vita, una ossessione dell'esistenza, che
soltanto parvenze, a loro volta necessarie all'alie- sono io definiti;va una lotta per la morte, e per
nazione dell'io. confermare la privazione della vita.
Ch l'esperienza dei sensi pu essere qualcosa L'esperienza sensibile non sta dinanzi all'uo~
soltanto per lo spirito capace di averla senza cor- mo perch egli se ne lasci invadere, attraver_so gh
rompersi o deformarsi in essa, in quanto vi ritrovi organi di percezione, sino a che tutta la ~1~a ne
e resusciti originarie sue forze; ma non sar mai sia impregnata e manov~a~a- questa_ non e m so-
possibile all'anima formatasi secondo un godere stanza l'esperienza sens1b1le, ma la n sposta oscu-
o soffrire per la cieca adesione ad essa : adesione ra del (( corpo del desiderio H, la .mesco_lan.za del~a
che giunge a manovrare il pensiero e a tradursi brama con il contenuto delle percezwm perci
(
persino in termini di cultura e d i morale. mai avuto nella sua concretezza - ma soltanto

34 35
~erch l'uomo risponda ad essa non con il pen- essere malvagi - ossia aberranti, deb~li, ~saltati;
stero modellato dai sensi ma con il pensiero libero istintivi- proprio in quanto possono d1vemre pun
dai sensi, cosi da giungere a un nuovo contenuto esseri di luce e perch, essendo potenzialmente
del mondo: quello per cui pu arrestarsi il proces- tali, debbono sviluppare qualit che divengono
so di morte del mondo e dell'uomo. cc male >> se adoperate nella iVita sensibile dali' es-
Un altro contenuto, dunque: non pi quello sere naturale, dal portatore del temperamento Le
risultante dall'incontro di una natura astratta con qualit che nel mondo spirituale sono fo~za e. pu-
un pensare riflesso, ma quello che sorge dalla riu- rezza d eli' uomo , inserendosi nell' orgamzz~zw~e
nione di due forze che nel Mondo Spirituale sono fisica divengono fangosa sensualit, per:fidta, m-
una.~ che sulla terra sono divenute dualit e op- IVidia, ottuso orgoglio. Ma le qualit c~e p~ssono
postztone a causa della caduta dell'intelletto nella indurlo in errore o renderlo malvagiO, l uomo
patalisi discorsiva e senziente. Le due forze ri- deve poterle riconoscere per svincolare. dal lor~
tornano una nell'interiorit dell'uomo in quanto manifestarsi il principio spirituale che m esse s1
egli s.usciti il loro incontro, recando il c< puro vuo- alienato.
to mcontro alle impressioni del mondo. E il L'Io immortale dell'uomo si riafferma nella
. puro !Vuoto n conseguibile solo dopo l' espe- misura in cui l'io ordinario si rafforzi interioriz-
nenza del << pensiero libero ,, dai sensi: sono due zandosi, ossia separandosi dalla pro~ria n~tura
momenti mediati dal puro meditare. Questo fa pur rimanendo accanto ad essa nell espenenz~
risorgere i contenuti percettivi del mondo a un li- esteriore riconoscendo in essa il passato senza Vt
IVello in cui non sono pi elementi :fittizi che della ta la m~oria disseccata di un mondo in cui un
' .
tempo si esprimeva sp_onta~eame~te la sua t~te-
.

loro fittiziet impregnano l'anima e ne condizio-


nano l'oscillazione continua tra il piacere e il do- riorit. Continuando a tdentdicarst con essa, l uo-
lore, la brama e la nausea, l'esaltazione e la de- mo rimane legato alla terra,. a un .m~ndo di par-
p:e~si~ne, ~a si ani~ano rei~tegrati del lor~ prin-
venze a ombre di remote nvelaz10nt, o ad una
ctplO mtenore, costituendo tl tessuto di ct che scien;a che l'analisi del cadavere dell'antica na-
veramente va conosciuto come realt. E questa tura: in tal senso, tradizionalismo, materia~ismo,
conoscenza liberatrice. cultura e arte moderna si equivalgono. Esst han
L'Iniziato dei nuovi tempi cos insegna: <t Il no !fadice in un'attivit psichica dominat~ da oscu-
male penetra nella vita, la colpa esiste nel mon- ri influssi corporei di cui non si ha cos.ctenza pro-
do, perch l'uomo immerge la sua natura supe- prio per il fatto che possono afferm~rst u7ando la
riore - non destinata alla Terra- nel <<corpo- psiche e l'io, i quali ~re~ono cosi dt .e~pr~mere se
reo n e sviluppa in questo, che di per s non pu stessi. Da qui raViVtsabtle la nece~stta dt u~ me-
essere malvagio, facolt che appartengono non' todo che dia modo all'uomo di nconoscerst nel
ad esso ma allo spirituale ,, . Gli uomini possono suo principio, di essere attivo l dove la sua di-

36 37
stinzione dall'essere della natura ' dalla necessit , non .doorebbe cercarla fuori di quel pensiero me-
dall'elemento samsarico, prakritico, sia ancora ditante che la contempla, ma che potrebbe, allo
possibile. Tale la via del << pensare libero dai stesso fine, contemplare un qualsiasi altro tema.
sensi '' che d all'Io la possibilit di porsi al cen- Chi non sia ipnotizzato .da una Tradizione sub-co-
tro della vita dell'anima, in una relazione creativa scientemente proiettata nel tempo in quanto la si
con la natura dalla quale era prima inconsapevol- oppone al tempo moderno '', e che ormai nulla
mente assorbito anche quando sentiva di poter af- fuori dell'atto conoscitivo individuale, sa che
fermare fortemente se stesso. E' possibile un pun- l'uomo non pu tornare indietro per illusorie re-
to di vista insospettato, dal quale pu essere ve- staurazioni: sa che l'uomo tale in quanto essere
duto che cosa in definitiva l'auto-affermazione nascente - ci la sua libert - e che non pu
titanico-isterica dell'uomo contemporaneo. L'arte cessare di nascere :finch non divenga Colui dal
quale nato. Perci, che egli tenda alt'imagine
moderna la proiezione imaginativa di questa fal-
sa auto-affermazione, cosi come il tradizionalismo tradizionalmente o misticamente riflessa di Colui
dal quale nato, veramente la << contro-inizia-
esoterizzante ne la proiezione metafisica: il
morto passato attiiVO attraverso la natura che si . zrone 11.
La Tradizione n, veduta come un mondo in
s con .s~e proprie legg.i che escludono qualsiasi
atto spmtuale che non sra previsto da esse, ana-
loga alla << natura " che i naturalisti guardano co-
me uno spettacolo che stia loro dinnanzi neces-
sario nella sua (( obiettivit n, senza avved~rsi che
tal~ spe~tacolo esiste non in quanto si spetta-
ton, ma m quanto si attivi in esso. Senza l'inter-
vento coesivo delle rappresentazioni e dei concetti,
quello spettacolo si presenterebbe oome un caos di
percezioni prive di senso. Cosl credere che esista
una Tradizione che stia innanzi all'uomo come
una cosa 11, per cui si possa essere fuori o se-
condo la ~ua regolarit , significa ingenuamen-
t~ ,scan;t~rare un oggetto o un pretesto dell'atti-
vrta sprntuale, con lo spirito stesso. Nella capa-
cit .di m~ditare taluni antichi simboli, pu bensi
e.spnmersr un'attivit dello spirito; ma in defini-
tiva chi iVeramente volesse trovare la Tradizione,

38 39
4.
Quanto stato detto pu essere assunto come
un orientamento a ravvisare nel passato astrat-
tamente inteso, nella natura modernamente con-
cepita, nella tradizione 11 spenta e illusoriamente
resuscitata, il retaggio che si pone in ogni piano
dell'essere come mondo della necessit, ossia co-
me polo opposto alla possibilit in vista della qua-
le tutta la storia dell'uomo si svolta: la libert.
Chi guardi con occhio rischiarato, riconosce
nel mondo della necessit - fisica o psichica -
nel passato e nella natura, ci che rende inevita-
bili il male, la malattia, la morte. E' ci che, ve-
nendo scambiato per iVita, in quanto costituisce le
basi della ordinaria esistenza, porta l'essenza della
vita alla contraddizione radicale con l'essere, or-
mai passi;vamente accettata e persino organizzata
scientificamente, ma ogni volta riemergente nella
sua tragicit attraverso quella misura del reale che
il dolore e la morte.
Questa contraddizione giunta collettivamente
al limite, ormai per la seconda volta, nell'attuale
secolo, conoscer la sua istanza risolutiva nei pros-
simi decenni quando si presenter la terza prova:
la quale virtualmente cominciata e pesa ormai

41
su ciascun essere umano, come segreta angoscia, natura, si esprime con un simbolo : la Coppa di
come segreta paura, come senso d'inutilit e senso c ui si serv il Cristo la sera dell ' ultima cena e nel-
d i impotenza. L 'ora presente grave : non una la quale vennero poi raccolte stille del Suo san-
espressione retorica, questa. Chi conosce come gue da Giuseppe d ' Arimatea n . Secondo la leg-
realmente stiano le cose, sa che quei pochi che genda, la sacra Coppa venne portata dagli Angeli
hanno una qualunque responsabilit interiore, non in Occidente e qui venne eretto per essa un tem-
dovreb bero ormai perde1e pi un minuto di tempo, pio dove i fratelli dell a Ro sa-Croce divennero
non dovrebbero pi rimandare di un attimo la loro custodi del suo contenuto, ossia custodi dell'es-
decisione per quei superamenti che in segreto essi senza del Dio ch e, vincendo la morte, susc ita la
vuamente conoscono di quale natura debbano es- nuova nascita dell'Io . Il Mistero del Dio nOivel-
sere. Compiti d el genere ormai non possono pi lamente nato, oltre il dominio dell a morte, at-
essere rimandati. Occorre nella calma decisione tende inconosciuto l'uomo che sappia siVincolarsi
realizzare qu ell a stessa forza che stato possibile dal l'incantesimo della esistenza esteriore. E' il
evocarc in talun i momenti decisiJvi, quando, per Mistero d el San Graal : che si pone come la via
lo schianto di ogni resistenza um ana, sembrava attuale della Iniziazione . L '.evangelista Giovanni
che doiVessero venir meno le basi della vita. p ot dire: << In principio era il Verbo e il Verbo
S i all a vigilia eli eventi che possono essere era presso Dio c il Verbo e ra Dio n . E pot an-
gr avemente distruttivi per l'uomo o preludere a nunciare che il Verbo si fatto carne >> . Tutta-
una rinascita nel segno dello Sp irito . Coloro che via, ci che questo significa non pu essere ritro-
sino alla nostra epoca sono stati custodi della vato attraverso nessuna p arola scritta o p arlata,
Sapienza primordiale, hanno la missione di in se- ma solo grazie a un rapporto radicale con quello
gnare, a chi si volga acl essi con purit di cuore, che realmente, come evento cosmico , si verifi-
come l' Io Superior e, il Principio Eterno d ell'uo- cato con il Sacri:ficio del Golgotha e che ap-
mo, rimasto intatto nella sua essenza, oltre ogni pena ri fl.esso nei Vangeli.
divenire spazio-temporale, rinato p er l'uomo, La Via del Cristo ha inizio quando ormai tace
grazie a un rito e a un mistero di cui nel mondo si la parola interiore , quando non esistono pi
ha soltanto una debole e d eformata eco . I Mae- lingue capaci di esprimere l' esperienza del s~
stri della .Iniziaz ione hanno potuto comunicare cro : perci nessuna lingua pu per ora dare 11
ci nei seguenti termini : Qu ello che nOIVella- senso di tale Via. Soltanto una conoscenza sovra-
mente nato nell 'umanit, il mistero dell' I o Su- sensibil e, indipendente .dalla disanimata .eco del-
periore, viene c ustodito da una segreta comuni- le antiche iniziazioni - che erano semphcemente
t . La continuit del Mistero che novamente si restaurazion i sempre pi deboli di una illumina-
appressa all 'anima dell 'uomo l dove essa pu zione che si andava perdendo e ormai de fi niti-
trovare il suo intimo principio non riducibil e alla vamente perduta sia in Oriente che in Occidente

42 43
..... l

- e portata agli uomini da uno dei custodi della ginario, debbono affrontare l'enigma dell'espe-
Saggezza primordiale, pu far intr<llvvedere la di- rienza cruciale che suggella il segreto della tra-
rezione iVerso tale via. Egli l'ha veramente mo- srnutazione del male e della morte, attraverso la
strata. E questa nostra sintesi deriva dal suo in- questione ,, risolutiiVa che l'Io pone alla sua es-
segnamento : al quale possiamo rimandare il let- senza perenne, affermandosi gi in ci come un
tore che intenda attingere alla fonte diretta affiorare dell'Io superiore medesimo .
Viene insegnato da tale Maestro come Co- L ' Io che pu risorgere in ogni anima umana,
lui che era al principio con Dio n sia nato di nuo- rivela in questo lfisorgere una connessione essen-
vo nell'Essere che, vincendo la morte, ha impres- ziale con la nascita dell' Io Divino nell'essere co-
so nel segreto della sostanza minerale dell'uomo smico dell'umanit: in ciascun uomo pu nascere
fisico la potenza della Resurrezione. Ormai il com- come culminazione della individualit - il cui
pito dell'iniziato far affiorare in s, per il vei- processo perci non va attutito s~condo la inte~
colo del pensare liberato, il principio interiore, pretazione di certo misticsmo onentale ed occi-
indipendente dalla natura e dalla terra, per via dentale ma vissuto sino alla sua assolutezza -
del quale unicamente ci si pu riconnettere con il l'Io su'periore, cos come nato l'Io Superiore
proprio Maestro : principio della individualit in- dell'umanit.
L'impresa del Graal pi che mai innanzi a~-
tegrale, che perci pu compiere l'Operatio Solis.
Esso pu visitare interiora terrae e suscitare la vir- la decisione dell'uomo, per il suo essere o per 1l ~
t adamantina, il potere che risolve la mineralit suo non essere : l'enigma del Graal attuale ed
della pietra nera ,, . E' la Via del Diamante- la possibilit di liberazione dell'avvenire . ~~ .que-
folgore o Via del San Graal. stione del Graal deve essere posta dall llllZiato, \
Coloro che hanno potuto conoscere la conti- dal ricer<::atore di quel centro spirituale per il qua-

i
nuit del Logos nella umana nascita di esso - le soltanto si dissolvono le parvenze e l'errore del
contenuto vero del sanatana dharma- sanno che mondo. La IVa del Graal ancora oggi scono-
ci che H e ra al principio ,, stato segretamente sciuta, ma pu essere ritrovata, s~ l' attacc~m~nto
custodito di qua dal decorso ciclico !Verso il Kali- alla parvenza terrestre e ad og~1 . sua prmez10ne
yuga, fino a che fossero maturi i nuovi tempi. Al dottrinaria spiritualistica e trad!Zlonale, non ha
principio era il Mistero dell'Io Superiore umano: del tutto spento lo slancio iVe~so . l'i!flperi~uro,
esso permase come segreto della pietra fulgu- l'amore per l'infinito, la volonta dt ltberazwne.
rea perduta prima d a Lucifero e poi ancora da
Adamo. Perci nella Rocca del Graal custodito
il Mistero dell'Io imperituro dell'uomo. Coloro
ai quali possibile contemplare questo Miste-
ro, sanno che per giungere al centro spirituale ori-

44