Sei sulla pagina 1di 24

Carichi critici aste compresse

Il carico critico Euleriano si scrive come


2 EI
PE = 2
l 0

Dove 0 la lunghezza libera di inflessione

l
l0 =

Coefficiente adimensionale che riflette
1l
2
linfluenza dei vincoli
=
1 la pi piccola radice dellequazione che si
ottiene ponendo = 0 il determinante della
matrice dei coefficienti
1
Snellezza
Risulta conveniente considerare la tensione ottenuta dividendo per
larea della sezione trasversale
PE 2 EI 2 E 2
E = = 2 =
A l 0A l20
Dove il raggio di inerzia
I
=
A Snellezza, adimensionale,
l0 l A
Poniamo = = esprime la geometria della
I sezione, lunghezza trave, e
condizioni di vincolo
Si ha 2E
E = 2

2
3
Influenza della deformabilit assiale sul carico
critico
Se si considera la deformabilit assiale il carico critico cambia
Per esempio nel caso della trave doppiamente incernierata

2 EI PE 2 EI 2 EI
PE = 2 (1 + )= 2 + 2 PE
l EA l l EA

2 EI 1
PE = 2

2
l
1

il carico critico cresce rispetto a quello calcolato
senza deformabilit assiale, ma in modo molto
lento al crescere della snellezza ed in modo
marginale per aste tozze
Per esempio se =30 (valore attendibile per molte
travi) PE cresce solo dell 1% 4
Influenza della deformabilit tagliante sul
carico critico
In tal caso, utilizziamo la cinematica della trave deformabile a taglio
di Timoshenko
-la rotazione non coincide con v
-Le variabili cinematiche sono lo spostamento trasversale della linea
media v(x) e la rotazione

le equazioni di equilibrio nel caso di soli carichi assiali si scrivono


come (A* larea ridotta a taglio)
GA * ( v (x) (x)) Pv (x) = 0
EI(x) + GA * ( v (x) (x)) = 0
Dove le equazioni costitutive sono
M (x) = EI' (x), T(x) = GA * ( v ' (x) (x)) Pv (x)
5
Influenza della deformabilit tagliante sul
carico critico

Con riferimento ai casi riportati in figura dove il taglio T()=0,


dopo opportuni passaggi si perviene alla seguente equazione di
equilibrio P
=
2
v ( x) + v ( x) = 0
2
P
EI (1 )
+condizioni al contorno (LC III pag 226) GA *
OSS: lequazione differenziale di equilibrio ha la stessa struttura
dellequazione di equilibrio della trave non deformabile a taglio
dunque i valori di per cui si perde lunicit della soluzione sono gli
stessi ma cambia il valore del carico critico in quanto lespressione
di in funzione di P cambiata 6
Influenza della deformabilit tagliante sul
carico critico
Risolvendo il problema agli autovalori associato allequazione di
equilibrio differenziale si ha che la prima radice sar 1 tale che
12 =(/)2
Risolvendo per PE si ha il carico critico

EI12
PE =
2 EI
1 + 1
GA *
Ponendo
EI EI
= 2
2
= 2
GA *l GA *l 0 2
Il carico critico si esprime come
2 EI 1 2 EI
PE = = PEF , dove PEF = 2
1+ l 2
1+ l
7
Influenza della deformabilit tagliante sul
carico critico
Spesso si utilizza lespressione
PEF
PE =
PEF
1+
GA *
OSS: essa valida per i casi vincolati con V()=0
Tuttavia possiamo dire che si tratta di una condizione
verificata anche per lasta incernierata

8
Influenza della deformabilit tagliante sul
carico critico
Si dimostra che essa valida anche nel caso seguente
Dove il taglio potrebbe esserci ma si annulla in
corrispondenza della deformata critica

Mentre la formula precedente non vale nel caso incastro-


appoggio

9
Influenza della deformabilit tagliante sul
carico critico
In definitiva si utilizza la formula in tutti i casi
1
PE = PEF
1+

Tenendo conto che approssimata, oppure si utilizza la


definizione della tensione corrispondente

E
E = 2 2
eq = 1 +
eq
Oss: Si osservi che PE <PEF

10
Aste vincolate elasticamente
Nel caso di vincoli cedevoli elasticamente occorre
cambiare le condizioni al contorno per tener conto della
presenza delle molle

Per esempio per la trave in figura le condizioni al contorno


sono
v (0) = 0, v (0) = 0, v (l) = 0
k
v (l) + v (l)
2
v (l ) = 0
EI
11
Aste vincolate elasticamente
Il determinante della matrice associata al problema agli
autovalori relativo al calcolo dei carichi critici si annulla
per 3
kl
((l) ) sin l = 0 dove =
2
EI
La pi piccola soluzione significativa 1 = min(

, )
l l
Il carico critico corrispondente
EI k suff. elevato

l2 se 2

PE =
EI Rotazione rigida
2 2 se 2 k <<
l
12
Aste vincolate elasticamente
Esistono in letteratura molte soluzioni per casi particolari
Si segnala in particolare la soluzione di Newmark per il
caso della trave con cerniere elastiche

EI
PE = 22
l
Formula di Newmark
(0.4 + 0 )(0.4 + L ) EI EI
= con 0 = , L =
(0.2 + 0 )(0.2 + L ) K 0l K Ll

Per ogni valore di Ko e KL la formula di Newmark comporta


unapprossimazione < 4%
13
Esempio con aste vincolate elasticamente
Consideriamo il telaio in figura
La trave pu essere vista come una molla
flessionale di rigidezza 3EIt/

3EI t EI p Ipl t
KL = , L = =
lt K L l p 3I t l p

K 0 = , L = 0

(0.4 + 0 )(0.4 + L ) EI EI
= con 0 = , L =
(0.2 + 0 )(0.2 + L ) K 0l K Ll
14
Esempio con aste vincolate elasticamente
Per t=0.6p, It=4Ip, si ha L=0.15
(0.4)(0.4 + 0.15) 2 EI p EI p
= = 3.143 PE = 3.143 2 = 31.020 2
(0.2)(0.2 + 0.15) lp lp
lp
l0 = = 0.564l p

p=5m, sezione circolare cava, raggio medio R=45mm, spessore
b=5mm

l 0 = 2.82m, = 88.7 E = 258.6MPa , PE = 0.366MN


Se la molla in sommit sparisce e rimane solo la cerniera il carico
critico PE = 0.238MN dunque il 54% inferiore allo schema attuale
15
Aste di sezione variabile o soggette a carichi
distribuiti (pile da ponte)
Se esiste un carico assiale distribuito (forza peso) oppure
la sezione trasversale varia, allora la soluzione del

problema agli autovalori generalizzato associato alla


valutazione dei carichi critici si complica notevolmente,
poich lo sforzo assiale N dipende da x
16
Aste di sezione variabile o soggette a carichi
distribuiti (pile da ponte)
Consideriamo dapprima il caso della trave soggetta a
carico assiale uniforme n costante
Lo sforzo normale N 0 (x) = nl(1 x )
l
Lequazione di equilibrio
diventa
EIv (N 0 v ) = EIv (N 0 ) v N 0 v = 0
x
EIv nl(1 ) v nv = 0
+ condizioni al contorno l
v (0) = 0, v (0) = 0, v (l) = 0, v (l) = 0
EI
Risolvendo il problema il carico critico n E = 7.837 3
l17
Aste di sezione variabile o soggette a carichi
distribuiti (pile da ponte)
Consideriamo il caso della pila da ponte di
sezione variabile con inerzia espressa dalla
legge kl x
I ( x) = I
0
kl
dove I0 il momento di inerzia allincastro e k
una costante >=1
Per ogni k di interesse, si pu determinare la pi piccola
radice 1 del polinomio caratteristico del tipo = k 2p 1
4
Cui corrisponde il carico critico nella forma
EI 0 1 1
PE = p E , dove p E = 2 ( + 21 )
l2 k 4
18
Aste di sezione variabile o soggette a carichi
distribuiti (pile da ponte)
I risultati relativi ad alcuni valore del rapporto I/I0
Sono indicati nella tabella sottostante
Per k si ritrova pE= 2/4 relativo allasta di sezione
costante

19
Trave su suolo elastico

Consideriamo il problema agli autovalori generalizzato


associato al problema della stabilit dellequilibrio nel
caso di strutture discrete o rese discrete mediante un
procedimento di discretizzazione (e.g. elementi finiti,
oppure altri metodi variazionali) , dopo avere definito il
vettore V di gradi di libert

K E V pK G V = 0
KE: matrice di rigidezza elastica ((semi-)definita positiva)
KG: matrice di rigidezza geometrica ((semi-)definita positiva)
p: moltiplicatore dei carichi 20
Trave su suolo elastico

Nel caso della trave su suolo elastico, ci si pu


ricondurre al problema agli autovalori generalizzato
nella forma
K E V pK G V = 0
approssimando il campo di spostamento mediante le
autofunzioni * N nx
v = A n sin
n =1 l

21
Trave su suolo elastico

Con riferimento alla trave in figura, lEPT al II ordine si


l
scrive 1 '' 2
2
( v) = (EIv Pv + kv )dx
2
20
Sostituendo v* si ha
1l N n
4
n
2
( v*) = A n EI P + k
2
2 2 n =1 l l

22
Trave su suolo elastico

I valori di Pn che verificano la condizione di


stazionariet della EPT (e la corrispondente deformata
vn) per cui il corrispondente An pu essere 0 sono
2
n k nx
Pn = EI + v n = A n sin
l n
2
l

l
Poniamo Pl 2 kl 4
p= 2 , = 4
EI EI

Si ha che pn = n + 2
2
n 23
Trave su suolo elastico
Pl 2 kl 4
pn = n + 2
2
p= 2 , = 4
n EI EI

Il tratto pieno
indica il carico
critico

2
La spezzata a tratto pieno indica il minimo dei pn quindi indica il carico
critico; al crescere di b cresce il nr. di semionde della deformata critica
Oss: analogia trave su suolo elastico con lastra compressa nel piano..
24