Sei sulla pagina 1di 54

Glossario

Il presente glossario include i lemmi ritenuti pi significati-


vi. Sostantivi e aggettivi sono riportati nella forma del maschile
singolare (si conserva la forma plurale nel caso in cui sia lu-
nica attestata), i verbi allinfinito presente; eventuali ricostru-
zioni sono poste fra parentesi quadre (con indicazione nella
voce delle forme attestate quando ritenute rilevanti). La grafia
dei lemmi tendenzialmente rispettata (ad es. per luso delle
consonanti doppie o scempie); se ammodernata si indica fra pa-
rentesi la scrizione originale. Il significato del lemma dato tra
virgolette semplici, le forme citate sono in corsivo e gli eventua-
li contesti racchiusi fra virgolette doppie alte. Non si esplicita
il significato dei lemmi pi comuni, posponendone eventual-
mente le occorrenze alle accezioni particolari (si vedano ad es.
barba e bocca). Letimologia, proposta se controversa, se non
reperibile nei dizionari o se ritenuta per altri motivi rilevante,
posta fra parentesi tonde, preceduta dal simbolo <. I riferimenti
al Breve rinviano a libro (numeri romani) e capitolo (numeri
arabi) delledizione (per le attestazioni offerte dal rubricario si
premette rubr.); leventuale numero in esponente posto accanto
a quello del capitolo segnala la quantit di occorrenze di una
forma nel capitolo.
Si sono citati i dizionari consultati solo nei casi in cui parso
opportuno un rinvio esplicito. Tutte le abbreviazioni bibliogra-
fiche impiegate sono sciolte nella bibliografia generale.

[abaco] nellespressione per ambaco in numeri arabi: I 22.


abitamento (sempre con h-) casa di a. casa dove si risiede: II
21, 52; III 44, 45, 46.
abreviature abbreviazioni (di parole): I 22.
abrugiare passare (un porco) sopra la fiamma viva per bruciare
le setole, strinare? (TLIO, s.v. abbruciare): II 58; III 292.
absentaria assenza: I 42; att. nel Corpus TLIO solo nel Breve
(TLIO, s.v. assentaria).
accatato ci che si mette insieme con la questua (TLIO, s.v.
accattato): I 24 (la accatato: per lart. vd. nota ad locum).
accomandicia deposito, custodia di beni: II 50.
300 Il Breve di Villa di Chiesa

accomonansa consociazione: IV 94; hapax nel Corpus TLIO.


accomonare (anche acomu-) 1. consociare (le fosse): IV 943; 2.
delegare ad altri (un compito): IV 4.
accordio intesa, patto: IV 882, 100; plur. in IV 88 (accordie), I
51 (acordi).
acquatoio riserva dacqua: II 78; hapax nel Corpus TLIO.
actione (anche acc-) diritto a farsi versare una somma di dena-
ro o consegnare una propriet; carta attestante tale diritto
(cfr. NTF, s.v. azione): rubr. III 49; III 135, 44, 492; IV 55, 59.
adsapere nellespressione fare a. rendere noto (su cui TLIO,
s.v. assapere e Cella, p. 157): IV 71.
albace (e albagio; di etimo incerto: vd. infra) materiale sterile
che accompagna la vena metallifera, scarto proveniente dal-
la nettatura della stessa (Baudi, col. CLXXXVIII): IV 64,
81; albagio in IV 44; att. nel Corpus TLIO solo nel Breve (vd.
TLIO, s.v. albace 1). Varie le ipotesi etimologiche avanza-
te, ma nessuna simpone con evidenza: Marchese, p. XIX
(cfr. anche Marchese, col. CCLXXIX) pensa ad una cor-
ruzione dellespressione ted. der Berg oppure d Berg ste-
rile; Nacci ad una derivazione da Halbierz metallo diviso
(cfr. ted. halbieren bipartire), in base a pratiche minerarie
pi tarde di quelle descritte nel Breve, oppure ad un compo-
sto di Alpe + Berg montagna, nello specifico minerale, o
ancora ad una derivazione dallagg. ted. albern sciocco che,
riferito al contesto minerario, varrebbe minerale senza va-
lore, sterile. Completamente diversa lanalisi semantica di
Scheneberger, pp. 146-47, per il quale la., interpretato
come minerale di alto valore, ossia ad elevato contenuto
argenteo, sarebbe collegabile con albus / albo, per il colore
biancastro dellargento.
albagio vd. albace.
[alfonsino] nome della moneta coniata da Alfonso IV dAra-
gona (TLIO, s.v. e Martinori, p. 6): I 6 ecc. (377 occ.); al-
fonsine in I 6; IV 1. La coniazione dovette iniziare nel 1324,
anno alla fine del quale i conti dei registri dei camerlenghi
venivano gi effettuati sulla base degli alfonsini minuti, non
pi dei precedenti genovini (Mercuriali, p. 408); si veda
ancora ivi, p. 415, per una stima del tenore argentifero degli
alfonsini, calcolato in gr. 2,987 per un alfonsino grosso o
dargento e in gr. 0,180 per uno minuto.
Glossario 301

alienagione trasferimento di propriet di un bene: III 84.


allavare lavare: II 77; hapax nel Corpus TLIO.
allogagione (anche -l-) 1. affitto (cfr. NTF, s.v. allogagione):
rubr. III 57, 58; I 68; III 573, 584, 84; IV 544, 69, 91; 2. asse-
gnazione ad un lavoro retribuito e regolato: IV 46.
allogare 1. affittare: I 36, 68; III 576, 58, 844; IV 545, 98; 2. pren-
dere qno a servizio, assegnargli un compito: rubr. IV 47;
rubr. IV 71; III 61; IV 46, 473, 68, 70, 712, 79.
allogatore (anche -l-) 1. chi affitta: III 578, 58; IV 47, 544, 68; 2.
chi assume un lavoratore: IV 46.
amboro (< ambrum secondo Castellani, Gr. stor., p. 315, n.
316; la forma caratteristica del pisano e lucchese antichi)
indef. solo con funzione agg. ambedue: II 16; III 10, 54; IV
3, 86, 100; amburo in I 9; mboro in III 10.
ammonigione (anche -m-) ingiunzione, ordine: II 642; IV 104.
ammonire 1. notificare ufficialmente nella costruzione a. che:
III 44, 45; IV 28, 104; 2. nellespressione a. a difesa citare
qno a difendersi davanti a un pubblico ufficiale: I 76; II 33,
64.
antefacto contraddote (beni che il marito pattuisce di lasciare
alla moglie come risarcimento della dote, qualora questa ri-
manga vedova): III 675; cfr. TLIO, s.v. antifato, att. solo nel
Breve e in testi senesi; per GDT, s.v. antefaito, lipotesi del
DEI di una derivazione da fatum poco convincente per la
presenza generalizzata di factum nei testi pi antichi. Per la
forma lucchese antefaito Larson suppone unorigine galloi-
talica, forse ligure.
antiguinda (< ante + guindo, dal medio alto ted. Winde: cfr.
Marchese, p. XVI e Casella, p. 103; si veda anche nel
glossario latino-germanico del De re metallica ventus,
wind) comunicazione di aeraggio nelle gallerie?: IV 162;
cfr. Ordinamenta, cap. IIII, p. 66 (anteguindo, anteguin-
dum), cap. VIIII, p. 69 (anteguindum, anteguinda). Ca-
sella, p. 103, specifica che il termine composto indicava
precisamente la camera di aerazione aperta l dove non
si poteva pi affondare il pozzo o procedere nella galleria
mentre Milanesi, basandosi sulledizione curata da Bonai-
ni che legge anneguindus, glossa Argano, Manganella, Ver-
rocchio, dal ted. Winde, donde il bindolo nostro, e labbin
dolare (p. 700). Lipotesi viene ripresa da Scheneberger,
302 Il Breve di Villa di Chiesa

pp. 148-49, secondo cui letimo pi probabile per il guindo


degli Ordinamenta sarebbe il medio alto ted. winde verri
cello e lantiguinda del Breve designerebbe un dispositivo
corrispondente (anti-) allargano collocato sopra al pozzo
minerario, installato in fondo a questultimo. A favore di
questa interpretazione sembrerebbe deporre locc. di anti-
guinda nel Fornimento della fossa le Meloni (1298), dove
il termine collegato a saola (ij saole a lantiguinda, luna
nuova e laltra vecchia), forma pisana per sagola, corda
(cfr. GDLI, s.v. saula 2).
aperto agg. 1. nellespressione tenere a. (detto di bottega o altro
luogo): rubr. II 34; II 343; III 8, 712, 875; IV 101; 2. (detto di
una fossa) in lavorazione: rubr. IV 113; 3. nellespressione
per a. scrittura per iscritto e in modo chiaro: III 27.
aposticcio (anche -ci-) provvisorio: I 25; III 14.
aprire (una montagna) creare un varco, una fossa: IV 834.
aratoia da arare (detto della terra): I 702.
arcivesco arcivescovo: II 8; la forma arcivisco (I 40), esclusiva
del Breve, un interessante esempio di probabile contami-
nazione fonetica fra il tipo pisano apocopato (cfr. Castel-
lani, Gr. stor., p. 347) e -i- tonica dovuta allinflusso del sar-
do (cfr. Ravani, p. 27 e vd. anche vesco).
argentiera (anche gi) miniera dargento (ad es. in II 18) ma
anche arte mineraria (ad es. in II 7) e territorio dove sono
le argentiere (ad es. in I 16): rubr. II 60 ecc., 149 occ. (ampia
esemplificazione in Baudi, col. C); cfr. anche TLIO, s.v.
argentiere chi lavora nellarte dellargento: I 62, 352, 47; II 45;
IV 1, 25; i sing. in I 69; da notare (vd. TLIO, s.v.) argentiere
plur. in quelle due argentiere che vanno ala montagna (I
35) e in quatro buone persone borghesi de la suprascripta
Villa argentiere (IV 25), che potrebbero essere aggettivi ri-
feriti a persone (anche sottintese).
ariento (anche arge-, argie-) 1. minerale dargento estratto (o
da estrarre): I 53; II 152, 65; III 27; IV 72, 736, 79, 82, 964; 2.
marco da.: I 7 ecc. (100 occ.); per i in dittongo da -g- nel-
la forma ariento si pu presupporre un *arigentum (cfr.
REW 640; DEI, s.v. arinto; Tavoni, p. 831 e bibliografia ivi
indicata), ipotesi per esclusa dal LEI (V, col. 1095.16); cfr.
anche TLIO, s.v. argento.
armari armadi, mobili: III 312.
Glossario 303

armentaio (< lat. armentarius) letteralmente guardiano di


armenti ma nellantico sardo amministratore superiore
(cfr. Ravani, p. 35): III 3; il termine att. anche nella Carta
de Logu, a. 1325 e nel Condaghe di San Nicola di Trullas,
ma per una rassegna completa degli ess. in docc. sardi dei
secoli XI-XIV si rinvia ad Atzori, Glossario, s.v. armenta-
gio, armentariu. La forma sarda armentagiu si trova anche
in Meloni, doc. 3, p. 362.
arnese (sing. in senso collettivo; < fr. harneis: cfr. Castellani,
Gr. stor., p. 114 e Cella, pp. 318-20): masserizie, suppellet-
tili domestiche, beni mobili: I 44; II 16; plur. in I 43 (arnesi).
ascino asino: III 21 (per la forma ascino, caratteristica del pi-
sano e del lucchese, cfr. Castellani, Gr. stor., p. 335); plur.
solo asini in I 703; II 33, 60.
assemplare vd. exemplare.
assentaria vd. absentaria.
assessoria ufficio di assessore: I 1.
asta palo divisorio sostenuto da bastoni puntati in terra (Bau-
di, col. CLXXVII): IV 864, 1073; il termine att. nella stessa
accezione negli Ordinamenta, cap. XXI, p. 74 (Casella, p.
103, osserva che tale palo veniva collocato tra fosse che con-
finavano nello sfondo o camera sotterranea).
aulo avo, nonno: III 37; forma toscano-occidentale: cfr. Ca-
stellani, Gr. stor., p. 288.
autentico 1. agg. (detto di un pesone) originale, legalmente
valido: I 222; 2. nellespressione per a. veridicamente, le-
galmente: I 22; 3. sost. documento che attesta lautenticit,
originale: III 22.
avelli fosse da sepoltura, tombe: I 73.
avinghiare arrogarsi (un diritto): IV 23.
avocare (anche adv) 1. esercitare la funzione di avvocato: III
123; 2. pronunciare un discorso in favore o contro qsa: I
642; III 12; IV 96.
azione vd. accione.

baccare (anche -cch-) (etimo incerto: forse dal medio alto ted.
backen cuocere come ritengono Cacciaglia, p. 53 e Ca-
sella, p. 102, oppure da collegare con il lat. tardo bacca
vas aquarium cit. in Du Cange, s.v. bacca 2; per Baudi,
col. CXCV, dal ted. bochwerk) purgare un minerale (il si-
304 Il Breve di Villa di Chiesa

liffo, vd.) dal materiale estraneo mediante cottura (oppu-


re mediante pestatura in vasi pieni dacqua?): IV 28, 909.
Scheneberger, p. 151, propone due etimologie: o dal ver-
bo bauchen (DWB, s.v.) di origine comune al franco bkn
fare il bucato, in cui per problematica la scomparsa della
u, oppure dal medio alto ted. bach ruscello, anche se, am-
mette lo studioso, un verbo che derivi da questa voce non si
trova altrove (ibidem). Per lattestazione negli Ordinamen-
ta, cap. XXXIX, p. 80 (bacchare) Milanesi, p. 701, propone
forse da baccha; e si potrebbe supporre landare rifrustan-
do e rispigolando le colature, le bacche, i piccoli rimasugli
del minerale. Casella, p. 102, chiosa invece torrefare o
incuocere il minerale greggio, per purgarlo e ricavarne il ra-
maccio.
bailia autorit, potest: I 28, 32, 36, 73, 76; II 31; III 58, 64; IV
82; balia in IV 98.
balanci bilancie: III 14 (per lassimilazione vocalica regressiva
cfr. Rohlfs, 332); si confronti con il sardo balntsa (DES,
s.v.): vd. Ravani, p. 33.
banbacio bambagia: I 32 (carta di b.); I 48 (impiegato per i
lucignoli delle candele).
banbagia cotone in fiocchi: I 48 (impiegato per i lucignoli delle
candele); I 57 (usato per la fabbricazione di carta).
bandiere banditore, messo: I 9 ecc. (13 occ.); bandieri sing. in
I 442, 45; II 47; III 65; IV 104.
bandimento messa al bando, condanna: I 44.
bandire 1. proclamare pubblicamente: I 44; II 33; III 18; IV 1;
2. proclamare una vendita pubblica: rubr. III 54; I 43; III
24, 54; 3. mettere al bando, condannare, esiliare: I 47,
672; II 39, 47; IV 111; cfr. anche disbandire e sbandire.
bandoriggiare (< bandora: cfr. TLIO, s.v.) proibire, vietare:
IV 112, anche inf. pres. sost. (lo bando del bandoriggiare);
att. nel Corpus TLIO solo nel Breve, il termine bandoreggiare
si trova anche negli Ordinamenta, cap. XXVIII, p. 76, cap.
LVII, p. 88, glossato da Milanesi, p. 701, Porre, imporre
bandi, proibizioni, pene per trasgressioni; da bannum (cfr.
anche Casella, p. 102: far bando e comminare pene).
bandoriggiati (anche re, gi) soggetti a divieti (detto di gior-
ni): rubr. IV 29; II 49; IV 112, 23, 293; cfr. TLIO, s.v. bando-
reggiato.
Glossario 305

barba 1. filamento (dargento): IV 96; secondo Baudi, col.


CCXVI, quando la quantit dargento era troppo scarsa per
la colatura in piastre, probabilmente il minerale si gettava li-
quido nellacqua, dove raffreddandosi formava dei filamenti
sottili simili a barbe; si potrebbe in alternativa pensare allar-
gento nativo dallaspetto filiforme simile ad una barba; 2.
nellaccezione comune: III 71.
barracano (anche -r-) (< da barrakn grosso cammellotto e
per estensione mantello fatto con la stessa stoffa: cfr. Pel-
legrini, Arabismi, pp. 173, 421 e Castellani, Gr. stor., p.
249) panno grossolano di pelle di capra o di cammello: III
738. Tale variet di panni era importata dalle coste africane
soprattutto attraverso il porto di Pisa (cfr. Bocchi, p. 201).
barrile piccola botte di legno impiegata come contenitore e mi-
sura di capacit per liquidi: III 217, 25.
bastare vd. vastare.
beccho caprone: III 14; per biccho di II 67, probabile sardismo
fonetico, cfr. Ravani, p. 27.
beliffanna, bellifana (< probabile adattamento del ted. Bleipfan-
ne, catino del piombo: vd. infra) fondo di coppella, pro-
dotto ricavato dalla fusione dellargento (da sottoporre a
nuova raffi nazione al termine del processo di coppellazione:
cfr. Marchese, p. XXI; Marchese, col. CCLXXXII; Tan-
gheroni, La citt, p. 108; Cacciaglia, p. 53): IV 69, 73; att.
nel Corpus TLIO solo nel Breve. Il signif. proposto da Mar-
chese ed accolto da Cacciaglia convince anche Scheneber-
ger, che aggiunge unindicazione etimologica a proposito di
Beli-, derivante senzaltro da bl (mat., ma anche bley, blie,
bly, pley - aat.: pl ecc.) = piombo (Scheneberger, p.
152); vd. anche bellitrame.
bellitrame (e bellatrame) (forse dal ted. Blei piombo e tren-
nen separare come ipotizza Cacciaglia, p. 53 che glossa
raffinamento) fondo di coppella, prodotto ricavato dalla
fusione dellargento (Baudi, col. CCXVII): II 15, 65; att.
nel Corpus TLIO solo nel Breve. Nacci ipotizza una compo
sizione dal ted. Blei e Rahm crema, strato, quindi strato
piombifero, la vena ancora da estrarre unita ad altri mine-
rali; vd. anche beliffanna.
beneficare (anche -ni-) rendere migliore, bonificare: I 34, 53;
III 333; IV 82, 11.
306 Il Breve di Villa di Chiesa

berrina (forse dal germanico bretling asse: cfr. DEI, s.v. berli-
na) palco su cui viene esposto pubblicamente un colpevole,
berlina: II 41; hapax nel Corpus TLIO; per -rl- > -rr- cfr.
Ravani, p. 34.
berruere (< fr. ant. berriver) berroviere, sbirro: I 122; cfr. be-
rovieri in Testi pist., p. 322, Testi prat., p. 467 e bibliografia
ivi indicata. Per la forma del Breve, cfr. berruer nellAnoni-
mo genovese (a. 1311) e berrueri nello Statuto dellArte della
Mercanzia Senese (1343).
[biastimare] (biastima, biastimasse, biastimato) bestemmiare:
II 244; cfr. Malagoli, s.v. biastimm.
bilancetta (anche bel-, -cie-) piccola bilancia: I 223; att. nel
Corpus TLIO solo nel Breve.
bistantaria contratto con cui il bistante [v.] si impegnava a fi-
nanziare lestrazione o la lavorazione del minerale: I 6; IV
554, 563, 573, 59, 84; att. nel Corpus TLIO solo nel Breve.
bistante (anche be-) sost. masch. e femm. (< ted. Beistand se-
condo Braunstein, p. 291, ma pi probabilmente dal
medio alto ted. bstant adjutor come ipotizza Schene-
berger, p. 152, che cita il DWB, osservando che bstant si
trasforma in Beistand solo in periodo pi recente, con dit-
tongazione della i; foneticamente inattendibile la proposta
di derivazione dal ted. Besteller committente avanzata da
Marchese, col. CCLXXXIII): 1. sost. masch. chi forniva
il denaro per lestrazione o la lavorazione del minerale: I
32 ecc. (89 occ.); sing. i in I 32; III 30; IV 56, 84; 2. sost.
masch./femm. bistantaria [v.]: I 6; IV 45, 55, 574; sing. i in
III 57; 3. carta di (del) b. documento attestante la stipulazio-
ne di una bistantaria: III 30; IV 532; per Baudi, col. CXIV,
la carta di b. era una scrittura con cui il b. si obbligava al
pagamento delle spese della fossa fino ad una certa somma;
4. scritto di (del) b. documento probatorio relativo a una
bistantaria: III 30; IV 532, 55, 564; att. nel Corpus TLIO solo
nel Breve (vd. TLIO, s.v. bistante). Secondo Cacciaglia, p.
53, la figura del b. corrisponderebbe a quella del portitor de-
gli Ordinamenta e sarebbe quindi un ufficiale addetto alle
riscossioni.
bitusto vd. vitusto.
bocca (sempre -cch- e -ch- tranne in IV 30) 1. apertura, ingres-
so (di una fossa): IV 195, 30. Laccezione documentata an-
Glossario 307

che dagli Ordinamenta, cap. LIII, p. 87 (due occ. di bocchas),


per cui vd. Milanesi, p. 701 e Casella, p. 102; 2. nellac-
cezione comune: III 14; nellespressione a b. a voce: I 30.
boleggia (di etimologia incerta: vd. infra) contenitore e unit
di misura (del carbone) (la misura di capacit per il carbo-
ne negli Ordinamenta invece il bigongius: cfr. Casella,
p. 102): IV 75; bulleggie in IV 96; il termine, att. nel Corpus
TLIO solo nel Breve, assente in tutti i dizionari consulta-
ti; Baudi, col. CCXIX e CCXXI e Tangheroni, La citt, p.
105 non soccorrono. Si potrebbe risalire a un etimo prero-
manzo *blli-/*blli- recipiente (cfr. LEI, s.v.) ma un utile
confronto si potr forse stabilire anche con il sardo bdza
piccolo otre, per cui nella voce relativa del DES si suppone
una base *bulgea. Lipotesi di un rapporto con bullire e
di un confronto con il lucch. bulgghio guazzabuglio, con-
fusione di persone e il crso buleghju (LEI, s.v. bullire, VIII,
col. 42.25-30) non pare soddisfare semanticamente poich
in tal caso la boleggia non sarebbe ununit di misura come
suggerito dai contesti, ma una quantit eterogenea di mate
riale, una mescolanza (cfr. anche DES, s.v. bulidzare me-
scolare).
bolga (LEI, s.v. bulga, *bulgia; oppure adattamento dal ted.
Bulge bisaccia, sacco, otre come ritengono Marchese, p.
XVII, Marchese, col. CCLXXVIII, Bertoni, p. 270 e Ca
sella, p. 102, s.v. bolgaiuolus; per Scheneberger, p. 152,
dal medio alto ted. bulge, [femm.] sacco di cuoio) sacco per
la raccolta e il trasporto di minerali o detriti: IV 117; la b. di
IV 16 potrebbe essere un sacco riempito di materiale inerte
usato come contrappeso nel sistema di funi, se si attribui-
sce valore specificativo al seguente sensa altra ingegnia
(TLIO, s.v. bolga); le bolghe sono cit. anche nel Fornimento
della fossa le Meloni (1298); vd. il derivato bulgaiolo.
bordoni strutture aggettanti formate con assi di legno, con tra-
vi: III 232; cfr. GDT, s.v. bordone.
borghese: rubr. II 31 ecc. (86 occ.); borchese in IV 1; borgisi in I
22; su chi fossero i borghesi ad Iglesias si veda Tangheroni,
La citt, pp. 222-28.
borsotto borsa di medie dimensioni (att. sempre con bussolo,
vd.): IV 1005.
308 Il Breve di Villa di Chiesa

boscaiuoli (-ch-) raccoglitori di legname: IV 75; hapax nel


Corpus TLIO.
bottino (anche -ct-) scavo verticale, pozzo (minerario) (Mar-
chese1, p. XIV; invece secondo Baudi, col. CL-CLII, galle-
ria): rubr. II 60 ecc. (133 occ.); bocteno in IV 172, 38. Appa-
re preferibile lipotesi semantica avanzata da Marchese (ed
accolta da Tangheroni, La citt, p. 99), in partic. sulla base
del cap. IV 16, a proposito del quale si osserva giustamente
che non si capirebbe come la bolga potesse agevolare lan-
dare diritto della fune, se si trattasse di una galleria piut-
tosto che di un pozzo (Marchese1, p. XIV); ad illuminare
la questione, se non bastasse lanalisi testuale condotta da
Marchese, concorre la prevalenza nellIglesiente dei pozzi
nei confronti delle gallerie (Tangheroni, La citt, p. 99),
per cui pare probabile che il pi frequente termine bottino
indicasse un pozzo verticale mentre i canali fossero gallerie;
buctinum att. negli Ordinamenta (cap. I, p. 65; cap. IIII, p.
66; cap. XIII, p. 71; cap. XXVIIII, p. 77; cap. LIII, p. 87) con
il signif. di specie di foro aperto nel monte metallifero, gal-
leria sotterranea (Milanesi, p. 701); Casella, p. 102, glos-
sa la galleria aperta in monte nuovo in modo che il lume
della sua estremit si vedesse dalla bocca e Baldinacci-
Fabretti, p. 157, pozzo, galleria di coltivazione.
braccio 1. come misura di lunghezza: III 872; IV 21, 862; brasso
in IV 86; plur. bracci in III 80, 87, braccia in II 77; III 87; IV
12; 2. nellaccezione comune: II 162, 20, 22.
brutrace sorta di frattaglia o tipo di tessuto?: II 77. La secon-
da ipotesi, di per s meno convincente dato il contesto (vd.
ciampe e interame), si basa sulla possibilit che la t sia in
realt una r e che *brurrace vada ricondotto a borraccio tela
grossolana, di fibre di canapa o lino.
bugeria (da buggerare: cfr. TLIO, s.v. buggera) sodomia: II 45.
buggerare (LEI, s.v. Bulgarus/*bulgerus: cfr. TLIO, s.v. buggera-
re) sodomizzare: II 142.
buggerone (anche -g-) sodomita (TLIO, s.v.): II 14, 26, 45.
[bulgaiolo] (< bolga: cfr. Marchese, pp. XVI, XVII e Mar-
chese, col. CCLXXVIII) lavoratore minerario addetto
al carico e al trasporto delle bolghe (secondo Baudi, col.
CLVI, era invece loperaio che arroventava la roccia con le
bolghe: vd. bolga): bulgaiuoli IV 46, 48; burgaiolo IV 46. Il
Glossario 309

termine att. anche negli Ordinamenta, cap. XXXVII, p.


80 (bolgaiuolo) dove per Milanesi indica genericamente
un lavoratore alle miniere e pare provenire da bolgia, desi-
gnando il cavatore della vena del metallo (p. 701); secondo
Casella, p. 102, il bolgaiuolus si occupava del trasporto
della bolga dallinterno della miniera fino al giorno inten-
dendo per bolga, dal medio alto ted. bulge, il sacco di pelle
per lestrazione del monte scavato o dellacqua nellinterno
della fossa, arnese di fornimento dogni fossa; att. nel Cor-
pus TLIO solo nel Breve.
bussolo contenitore (per conservare oggetti sotto sigillo) (att.
quasi sempre con borsotto, vd.): IV 1006; cfr. Malagoli, s.v.

camarlingo amministratore, tesoriere: rubr. IV 97 ecc. (91


ess.); camerlingo in III 86.
cammare scomparti (cfr. TLIO, s.v. camera e Malagoli, s.v.
cammera): III 31; vd. anche cammerelle e per -mm-, tratto
toscano occidentale, cfr. Castellani, Gr. stor., p. 305.
cammerelle nellespressione mettere a c. dividere per scompar-
ti separati: III 31; vd. anche cammare.
canale 1. galleria sotterranea di coltivazione mineraria (cfr.
Marchese, p. XIV; invece secondo Baudi, col. CXLIX-
CLII, scavo verticale, pozzo, ma vd. bottino): rubr. IV 92
ecc. (47 occ.); 2. condotto adibito allo scorrimento dellac-
qua: rubr. II 77; II 782.
canaletto (anche -ct-) piccolo canale (vd.): IV 272; secondo
Baudi, col. CL, di simile significazione rispetto ai canali.
canapo (e -e; anche -nn-) grossa fune di canapa (per il meta-
plasmo di declinazione, caratteristico del toscano occiden-
tale, cfr. Castellani, Gr. stor., p. 312; vd. inoltre GDT, s.v.
canapo); nellespressione c. di cavalcare fune di lunghezza
proporzionata alla profondit della fossa, con una estremit
fissata alla bocca di essa, munita di dischi forati (posti ad
intervalli regolari sopra dei nodi) sui quali sedevano i lavo-
ratori, impiegata anche per la discesa e la risalita nelle fosse
(cfr. Baudi, col. CLXVI): rubr. IV 104; IV 1044, 117. Il ter-
mine canape att. anche negli Ordinamenta, cap. XXXVIII,
p. 80, nellaccezione di grossa fune che scorreva dalluno
allaltro capo della galleria, servendo di guida a chi vi pene-
trava, poich vi restava attaccato con una correggia mobile
310 Il Breve di Villa di Chiesa

[...] che lo cingeva alla persona (Casella, p. 102). Il chana-


po da chavalchare fa parte degli strumenti minerari citati nel
Fornimento della fossa le Meloni (1298).
cancellamento annullamento (di una sceda, vd.): III 38; hapax
nel Corpus TLIO.
canna misura di lunghezza: I 25 ecc. (14 ess.).
[cansare] (cansa) tirarsi da parte: II 41, 79.
[cantro] (cantara, cantare) (< arabo qintr peso di 100 rotoli,
corrispondente circa a 80 chilogrammi: Pellegrini, Arabi-
smi, pp. 110, 145, 354 e Castellani, Gr. stor., p. 232, n. 233)
misura di peso corrispondente a cento rotoli, pari a 52,8 kg
(cfr. Artizzu, Documenti, vol. I, p. XLII, n. 96): I 222; III 27.
cantina galleria di preparazione che riunisce due scavi di uno
stesso giacimento (cfr. Marchese, p. XIV e Marchese,
col. CCLXXVII): IV 11, 12, 13, 17, 18, 24, 27.
capanna costruzione (nei pressi della bocca della fossa) usata
come riparo o residenza temporanea dai lavoratori: IV 114,
283; cfr. Baudi, col. CXLVI e si veda, nella medesima acce-
zione, lattestazione negli Ordinamenta, cap. L, p. 86 (cfr.
Casella, p. 102).
capiuolo (da capo?) cima, punta?: IV 86; capissolo in IV 88;
Baudi, col. CLXXIV (e CLXXVI) non soccorre, limitandosi
a rilevare la sostituzione di z con s in capissolo secondo la
scrittura Pisana; att. nel Corpus TLIO solo nel Breve.
capitanatico ufficio, carica di capitano: II 17.
capitania ufficio, carica di capitano: I 1.
capomorbo (< capo + morbo) affetto da cimurro (detto di un
cavallo): II 762.
caprioli puntelli, travicelli: II 50; hapax nel Corpus TLIO.
carratello piccola botte da vino: III 252.
carratore (anche -ara-, -ure, -uri) guidatore di un carro, carret-
tiere: rubr. IV 66; II 33, 502, 592; III 772; IV 52, 662, 672, 682,
752, 109; sing. in -i in II 50; plur. in -e in IV 46.
[carreggiare] trasportare sopra un carro: carrigiasseno II 59.
carta (di bistante) vd. bistante.
cartuccia solo nellespressione mettere a c.: IV 1002. Nel Cor-
pus TLIO la forma carthucha del Caternu di Senisio (1371-
1381) attesta il signif. di piccola carta, foglietto ma nel Bre-
ve lespressione mettere a c. in un tegoloccio (ovvero in un
recipiente per la fusione dei metalli) resta di difficile com-
Glossario 311

prensione (Baudi, col. CCIII, non soccorre): in TLIO, s.v. si


ipotizza il signif. mettere per iscritto.
casalino terreno edificabile: I 346, 50; III 334; I. Calabresi, Ca-
salino, Lingua Nostra, XXX (1969), pp. 19-20, ritiene che
il termine, nel senso di terreno fabbricativo o con sopra un
edificio, si sia probabilmente formato nel latino medieva-
le o nel volgare dItalia come aggettivo derivato da casa o,
meglio, da casale e riferito a terreno o fondo... (p. 20).
cascia cassa, contenitore: I 412; IV 34; anche cassia in I 41. Per
lipotesi della derivazione della forma cascia, caratteristica
dei volgari toscani occidentali, dalloccitanico caissa cfr. Ca-
stellani, Gr. stor., p. 336.
castaldo chi amministra un ente o una comunit, economo: I
44; cathaldo in I 45.
castrone agnello castrato: III 144.
catena gogna, berlina: II 9; nelle espressioni mettere, porre, sta-
re alla c. (della vergogna, della berlina): II 162, 41.
cauli cavoli: III 81; per la forma toscana-occidentale cfr. Ca-
stellani, Gr. stor., p. 288; si noti che in Sardegna att. la
forma kaule (vd. DES, s.v.).
cavalcare 1. stare a cavalcioni (di un canapo; vd.): IV 1044; 2.
nellaccezione comune di andare a cavallo: III 58.
cavare 1. estrarre (cfr. Baudi, col. CLIII): rubr. IV 42; rubr.
IV 52; I 3; IV 202, 422, 52, 1094; nellespressione c. al die (per
cui cfr. Baudi, col. CLIV): IV 20; 2. eliminare, togliere: I
7, 15; IV 90; 3. scavare (per deviare un corso dacqua: cfr.
Baudi, col. CXCI): IV 1099; 4. attingere (acqua): III 88; 5.
c. (sangue): II 32, 422; 6. portare via (qno), sottrarre, rubare
(qsa): I 525; II 12, 16; III 782; IV 20, 84; 7. escludere: I 68; 8.
far uscire, liberare: I 492.
cavatore addetto ai lavori di scavo ed estrazione: IV 1092.
cavatura lavoro di scavo: IV 1093.
cenneraccio (anche -c-) (< lat. cineraceus): mistura a base di
cenere impiegata per la raffinazione dellargento, coppella
ed anche per estensione operazione di fusione (per la quale
tale mistura impiegata: cfr. Tangheroni, La citt, p. 105,
n. 41; Marchese, p. XX e Marchese, col. CCLXXXII; di
opinione diversa Baudi, col. CCXV, secondo cui il termine
indicherebbe il litargirio): I 53; IV 793, 80, 96; att. nel Corpus
TLIO solo nel Breve.
312 Il Breve di Villa di Chiesa

ceppa cuneo di legno usato per riempire una cavit, zeppa (cfr.
TLIO, s.v. zeppa): IV 76.
cerbugia specie di berretto (indossato durante lo svolgimento
di una funzione pubblica ufficiale a Pisa e a Villa di Chiesa):
I 42; cfr. TLIO, s.v. cervigia.
cervilliera cuffia di ferro per difendere la testa (da portare
sopra il camaglio): IV 105; cervillera in II 7 (cfr. NTF, s.v.
cervelliera).
chiasso vicolo, strada: I 34; II 662, 73, 78; III 232; chiasse in II
66; III 23; come proposto in GDT, p. 179, una definizione
pi generica di strada sembra preferibile a quella data dal
DELI di vicolo corto e stretto, corretta solo per litaliano
moderno.
chiavare appendere ad un chiodo: I 9.
chiavato 1. appeso con dei chiodi: II 73; 2. tenuto insieme da
chiodi: I 254.
chiletta vd. ghiletta.
ciampe zampe (di animale macellato): II 77.
cigliere (anche -lli-) dispensa, cantina: rubr. II 34; II 343, 462;
III 87; cfr. Malagoli, s.v. ciglieri: linflusso dei suoni pala-
tali avr favorito li per e della sillaba iniziale.
cingia striscia di cuoio (o altro materiale robusto) usata per
cingere un lavoratore a scopo di protezione: IV 1042; cfr.
cinghiam negli Ordinamenta, cap. XXXVIII, p. 80; vd. anche
correggia.
cocina (minuta) verdura: III 81 (vd. anche minuto).
cogliuto (< coglia testicolo) ovino non castrato: III 14; cfr.
con il beccu cuglutu att. nei Doc. pal. (1380), cit. in TLIO, s.v.
colare fondere (un minerale): I 142, 32, 53; II 72, 44; III 78; IV
702, 71, 73, 826, 96; inf. sost. in rubr. IV 70; arte del c. in III
782; IV 73, 75, 84, 96; il termine att. anche negli Ordina-
menta, cap. LXXII, p. 96.
colatori fonditori di metalli preziosi (in partic. di argento): IV
70; colaturi in IV 96; att. nel Corpus TLIO solo nel Breve; il
colator degli Ordinamenta (cap. LXXII, p. 96, cap. LXXIII, p.
96, cap. LXXXI, p. 98), era secondo Casella, p. 102, chi ri-
fondeva il minerale torrefatto o ramaccio, per ripurgarlo.
coltello nellespressione podest di c. fa colt di infliggere
la pena di morte (cfr. Artizzu, Aspetti, p. 82): I 4; nel
laccezione comune (usato come arma): II 20.
Glossario 313

comunali comune: rubr. IV 42; IV 42; cfr. Baudi, col. CXXI;


per -i finale nellagg. al sing. cfr. Ravani, p. 31.
comuno comune: II 38 (per il metaplasmo cfr. Castellani,
Gr. stor., p. 312).
conductore chi prende a pigione un bene, in prestito un ani-
male: I 68 ecc. (29 occ.); condictore in IV 54.
conpagnia 1. associazione, societ: II 7, 173; III 78; conpagna
in II 17; conpagni in I 45; 2. lo stare insieme: III 64; IV 1.
conperature prezzi, condizioni dacquisto: III 302; att. nel Cor-
pus TLIO solo nel Breve.
consigliariato carica di consigliere: I 55; hapax nel Corpus
TLIO.
conspiracione accordo illecito fra appartenenti ad una stessa
categoria per controllare il mercato (TLIO, s.v. cospirazio-
ne): IV 892; sing. anche conspiracioni II 6 (per cui cfr. Ra-
vani, p. 30).
contracarta scrittura, redatta da un pubblico ufficiale davanti
a testimoni, che dimostra lestinzione di un debito (TLIO,
s.v. contracarta): II 40; III 38, 454; att. nel Corpus TLIO solo
nel Breve.
contraparte parte avversaria (in una contesa giuridica): III 36;
IV 39, 502; att. nel Corpus TLIO solo nel Breve.
contratitulo (anche -tol-, -ctol-) titolo, carta o scrittura presen-
tata in contrapposizione a un documento precedente e del
medesimo tipo in sede civile o processuale (TLIO, s.v. con-
tratitolo): I 93; III 362.
contumacio contumacia: II 51; hapax nel Corpus TLIO.
corbello 1. specie di cesta: I 72; II 73; corbella in II 732; 2. per
estens. misura di capacit impiegata per le vene metallifere:
I 694; III 27; IV 17, 24, 40, 43, 443, 645, 1002, 115; corbelle
in IV 132, 64; nellespressione mei corbelli: I 694; IV 4; cfr.
corbelli negli Ordinamenta, cap. XV, p. 100 e nel Fornimento
della fossa le Meloni (1298).
correggia striscia di cuoio indossata alla vita (per il trasporto di
armi): II 7; cfr. correggiam e corrigiam negli Ordinamenta,
cap. XXXVIII, p. 80.
correre (anche ore) 1. trascorrere, passare, essere giuridica-
mente valido entro un determinato lasso di tempo: rubr.
II 41 ecc. (37 occ.); 2. transitivo nellespressione c. i cavalli
cavalcare, far correre i cavalli: rubr. II 41; II 412.
314 Il Breve di Villa di Chiesa

costura cucitura (cfr. TLIO, s.v.): III 73.


credensa 1. segretezza nellespressione tenere c. mantenere il
segreto (cfr. Baudi, col. CXXXIX): I 29, 47; II 9, 48, 49, 50,
58; III 12, 80, 86, 87; IV 92, 103, 118; cridensa in II 24, 76;
III 30; 2. fiducia: III 11; 3. credito nellespressione fare c.:
III 43.
cupa (< lat. cupa botte) copertura di stuoie, a forma di bot-
te, posta entro le sponde di un carro a protezione dal calo-
re (cfr. DES, s.v. kpa; LLS, p. 71; Ravani, p. 36): III 77; il
termine, hapax nel Corpus TLIO, era diffuso nel sardo me-
dievale proprio nellaccezione di botte, tino (cfr. Atzori,
Glossario, s.v. cuba e cupa); il passo mostra la preoccupazio-
ne normativa sulle modalit di riempimento dei carri (Tan-
gheroni, La citt, p. 167).
cupo 1. vuoto, cavo: IV 76; 2. profondo: IV 104; 3. sost. fon-
do nellespressione verso li cupi in profondit: IV 15.
curatore 1. chi esercita la potest di un minorenne, procura-
tore, rappresentante: I 9 ecc. (10 occ.); curaturi in II 38; 2.
(nella Sardegna medievale) funzionario regio a capo della
curadora (cfr. Ravani, p. 36): III 3; come spiega DES, s.v.
kuratore, questo magistrato giuridico ed amministrativo
rappresentava il giudice nelle singole regioni (kuratoras)
governando in suo nome; cfr. anche Casula, p. 39: A capo
della curadora stava il curadri, un funzionario o ufficiale
regio con compiti amministrativi e giudiziari; per gli ess.
in docc. sardi medievali si veda Atzori, Glossario, s.v. cu-
radore e curatoria.
curba (< ted. Kurbel: cfr. Bertoni, p. 110 e Cacciaglia, p. 54)
manubrio in ferro del verricello per lestrazione di mate-
riali o acqua dai pozzi, manovella: IV 28; hapax nel Corpus
TLIO. Scheneberger, p. 152, osserva che nel ted. quat-
trocentesco sono attestate le forme femminili kurbe e korbe.
Anche se la lingua moderna, rileva ancora lo studioso, co-
nosce solo il diminutivo meridionale Kurbel nellaccezione
di manovella, probabile che il termine curba del Breve
designasse le aste incrociate, leggermente curvate, forse ap-
plicate allasse del verricello.

data 1. tassa, dazio: I 11, 45; IV 83 (per Rezasco, s.v. data


VI, imposizione sui beni stabili e talvolta sulle persone); 2.
Glossario 315

nellaccezione comune (nellespressione di prima d., detto di


una sentenza): I 7.
datale sost. masch. indicazione temporale, data (TLIO, s.v.):
III 12, 30, 442; IV 1193; la voce solo pisana: cfr. Malagoli,
s.v. datale.
decettare (-pt-) impedire unazione con una diffida o proibi-
zione (TLIO, s.v.): IV 932.
decettate (-pt-) (detto di bestie) fatte oggetto di proibizione
(TLIO, s.v. decettato): II 67.
decorsione (< decorrere) termine da cui qsa (un bando) comin-
cia ad avere effetto: III 56; dicorsione in II 10; sing. anche de-
corsioni in II 10 (per cui cfr. Ravani, p. 30); att. nel Corpus
TLIO solo nel Breve.
denaro nellespressione a d. bianchi e gialli, indicante un tipo
di scrutinio segreto pare esclusivamente pisano (cfr. Rava-
ni, p. 23): I 28; lespressione documentata altrove nel Cor-
pus TLIO solo in testi pisani, ovvero nel Breve dellOrd. de
Mercat. (1321), nel Breve del Pop. di Pisa (1330) e nel Breve
dellordine del mare di Pisa (1322-1351); cfr. anche Baudi,
col. CCXLVI e CCLII; per denari alfonsini vd. alfonsino;
non si d qui conto delle numerose attestazioni del lemma
nellaccezione comune.
denonciatura denuncia: I 43; hapax nel Corpus TLIO.
derratale (< derrata) contenitore e misura di capacit per il
vino (TLIO, s.v.; Ravani, pp. 21-22): II 462; il termine, att.
anche nelle Ingiurie lucchesi (1330-1384) e nel Bando lucch.
(1346), penetr dalla Toscana in Sardegna (cfr. Lupinu, p.
13).
d (anche die) laperto, superficie del terreno soprastante la
miniera, bocca (di una fossa): verso lo die IV 15 (verso
laperto: Baudi, col. CXLIX); tracto al die IV 17 (estrat-
to: vd. traggere); vena che fusse al die IV 17 (cfr. Baudi,
col. CXXXVII: tratta fuori della fossa); cavare al die IV
20 (cfr. Baudi, col. CLIV: cavarla al die, ossia estrarla);
IV 233 (in partic. secondo Baudi, col. CL, il passo et se-l
lume non si vedesse acceso istando in testa dal d, s lo diano
per volto un po oscuro: si potrebbe parafrasare se non
si vedesse accesa la luce dentro alla miniera in testa, ovve-
ro in fondo al canale stando in superficie presso la bocca
del pozzo, allora questo sia considerato non perpendicola-
316 Il Breve di Villa di Chiesa

re come di norma dovrebbe essere ma obliquo; anche


Scheneberger, p. 159, osserva che per verificare landa-
mento rettilineo degli scavi minerari il Breve disponeva che
si dovesse vedere dallingresso un lume acceso, piazzato in
fondo al canale); d dela [...] fossa IV 28; la piassa del
die IV 28 (tratto di terreno presso la bocca della fossa, dove
si deponevano i materiali estratti e dove si pestava e net
tava la vena, detta del die forse per distinguerla da simili
piazze collocate allinterno della fossa: Baudi, col. CXLVI);
possa rimpiere alcuna fossa n bottino n canali dal d IV
92 (vd. riempire); non segnalo le occorrenze dellaccezione
comune.
[difetto]: 1. penuria (dacqua): deffecto IV 82; 2. perdita mate-
riale (di carte del Breve): deffectu III 83; 3. controversia in
una vendita, lite (cfr. Baudi, col. CCII): deffecto III 36, 74;
IV 993, 1002.
diffendevile destinato alla difesa (detto di armi): I 28, 70; II 75,
23; IV 105; vd. anche offendivele.
difficio cappello mobile (di un forno) (TLIO, s.v. edificio) : II 7
(cfr. Baudi, col. CCXVI).
dificare vd. edificare.
dificiata vd. edificiare.
digainare (da guaina?: cfr. GDT, s.v. disguainare togliere dalla
guaina) scardinare (una porta), scassinare (una serratura):
II 163; att. nel Corpus TLIO solo nel Breve.
[dimettere] 1. allontanare da qno o da un luogo: I 26, 45; II 12,
57; 2. licenziare (da un ufficio, da un incarico): I 32, 40, 41,
42, 63; IV 3, 4, 38, 61.
dirittare tarare (TLIO, s.v.; invece Baudi, col. CCXXIX, paga-
re il diritto): IV 96; hapax nel Corpus TLIO.
[disbandire] (< bandire, vd.) infliggere una condanna, esilia-
re: disbanditi I 9; il verbo att. nel Corpus TLIO solo nel
Breve ma cfr. lagg. disbanditi colpiti da pubblica condanna
att. nellOttimo (a. 1334) e il figurato disbandita nel Trattato
della povertade (prima met XIV sec.); cfr. anche sbandire.
dispi in misura maggiore (TLIO, s.v.): I 54.
[distesamente] 1. interamente: destesamente III 18; 2. [detto
di numeri scritti:] in lettere: distensamente I 22; cfr. Baudi,
col. CCIV.
doctrice amministratrice (di beni) (TLIO, s.v. duttrice): III 64.
Glossario 317

doppieri sing. grande torcia di cera: I 59 (per il suffisso -ieri


al masch. sing., caratteristico del toscano occidentale e del
gruppo aretino-cortonese, cfr. Castellani, Gr. stor., p.
313).
dorgomena (forse da confrontare con il logudorese dragonera
vena dacqua sotterranea [DES, s.v.] oppure con il medio
alto ted. drkmen come propone Scheneberger, p. 154:
cfr. Ravani, p. 35, n. 115) fosso o scavo praticato in relazio-
ne allattivit estrattiva, galleria di collegamento: IV 13, 17,
18, 24, 27; anche dorgomeni in IV 27.

[edificare] (h-, dif) 1. costruire, fabbricare: rubr. III 33; I 40;


III 332; IV 64; 2. rivestire di legno le pareti interne di una
fossa per assicurarne la tenuta, armare (cfr. Baudi, col.
CXLVI e Tangheroni, La citt, p. 98): dificato IV 122.
[edificiare] (dificiata) rivestire di legno le pareti interne di una
fossa per assicurarne la tenuta, armare (cfr. Baudi, col.
CXLVI e Tangheroni, La citt, p. 98; vd. anche edificare e
lantonimo sdifficiare): IV 13.
examinatura (di un testimone) indagine giudiziaria condotta
con interrogatori (TLIO, s.v. esaminatura): I 6, 92; IV 3; att.
nel Corpus TLIO solo nel Breve.
exemplare trascrivere da un originale, copiare: I 272, 322, 57,
72, 76; II 1; III 30, 83; IV 1; in luogo di esemplare si trovano
anche le seguenti forme con scambio di prefisso: asenplare I
7, asenplasse I 9, assemplare IV 1, assenplare I 72, assimplare
I 57.
exertori cessionari del diritto di svolgere un incarico (TLIO,
s.v. esertore): IV 4; hapax nel Corpus TLIO.

fancella fanciulla: II 12, 322; III 624; fancella e fancello [v.] sono
forme caratteristiche della Toscana, ad eccezione di Pistoia
(dove si diceva fancillo) e compresa Firenze, dove il tipo fan-
cello stato sostituito nel Duecento da fanciullo (Castel-
lani, Gr. stor., p. 337); gli allotropi fanciulla e fanciullo non
sono att. nel Breve.
fancello apprendista (vd. anche fancella): rubr. II 32; IV 703,
712, 73; per fancello di truogora (IV 462) vd. truogora.
farsetto (anche -ce-) corpetto di seta o di tela imbottito di bam-
bagia: III 7311.
318 Il Breve di Villa di Chiesa

fattore (anche -ct-) 1. chi fa, facitore, esecutore: I 472, 483; III
30; IV 56; 2. apprendista, operaio: IV 74, 75, 79, 1003; 3.
agente commerciale, di compagnie di traffico: I 14.
feo tributo, salario: I 8, 25, 31, 32, 363, 44, 54, 69; II 1, 2, 6, 9, 14,
33; III 18, 24; IV 46.
[ferire] detto di fosse avere uno sbocco luna nellaltra, incro-
ciarsi: IV 7, 34; non cito ess. dellaccezione comune.
ficcare (riferito ad una modalit di scavo) incidere la roccia,
scavare nelle pareti di roccia?: IV 23 (siliffare n rilivare n
ficcare); il termine affiancato da rilivare come il rificare
di IV 27 (vada rificato o rilivato); Baudi, col. 200, legge
sticcare confessando a col. CL di non capire il passo (per
il termine cos messo a testo vari studiosi hanno ipotizzato
unorigine germanica: cfr. tra gli altri Marchese, p. XVI;
Cacciaglia, p. 57; Scheneberger, p. 159).
focaiuolo fornitore, commerciante di carbone (TLIO, s.v. e
Tangheroni, La citt, p. 109): IV 712, 75, 962.
[fondorare] scavare mettendo in comunicazione un lavoro
sotterraneo con un altro, sfondare (cfr. Baudi, col. CLIII
e Marchese, p. XV; vd. anche fondorato): rubr. IV 31; IV
154, 312; fonderata in IV 35; fondurata in IV 19. Secondo
Tangheroni, La citt, p. 99, le numerose iniziative di sca-
vo, accompagnate da lavori irregolari, creavano spesso pro-
blemi tra fosse vicine, essendo facile che un pozzo fondo-
rasse su quello vicino. Il verbo att., nella forma nel part.
pass. agg., anche negli Ordinamenta, cap. LVII, p. 88 (locis
fondoratis).
fondorato (anche -ct-) vano formato dagli scavi di fossa (vd.
fondorare): rubr. IV 32; IV 21, 31, 323, 88, 107. Il termine
fondoratum att. anche negli Ordinamenta (cap. V, VI,
XVIIII, XXV, XXVIII, XXXVI) dove secondo Milanesi,
pp. 703-704, significherebbe Foro, Sfondo, Comunicazione
sotterranea da un punto a un altro. Casella, p. 102, glossa
il vano finale della galleria e il vuoto o vano formato dagli
scavi; Baldinacci-Fabretti, p. 157, spiega fondoratum
(facere) con sfondare, specificando che il termine si riferi-
sce allatto del mettere in comunicazione gallerie.
fornace (per la fusione del minerale): III 72; cfr. fornaces negli
Ordinamenta, cap. LXXII, p. 95; per Milanesi, p. 704, La
fornace dove si fa la prima fusione della vena del metallo;
Glossario 319

Casella, p. 102, glossa: dove il minerale gi torrefatto o


incotto [...] veniva gettato per la fusione.
fornello spiraglio per la ventilazione di una miniera (Baudi,
col. CLV): IV 21; anche il fornellus degli Ordinamenta, cap.
VIIII, p. 69, glossato da Casella, p. 102, spiraglio desti-
nato a dar vento alla miniera, mentre secondo Milanesi, p.
704, sarebbe un piccolo forno fusorio.
forno (per la fusione di minerali): I 32 ecc. (46 occ.); cfr. fur-
nus negli Ordinamenta (per Casella, p. 102 forno dove si
depura il metallo dopo la prima azione del fuoco); i forni
del Breve erano probabilmente, come supposto da Tanghe-
roni, La citt, p. 107, dei forni a mantici mossi dallener-
gia idrica; cfr. anche Ghiani, p. 159, secondo cui la fusione
avveniva in forni non dissimili da quelli utilizzati dai Roma-
ni, a riverbero per i minerali ricchi, a mantice per quelli
poveri, azionati dalla corrente dacqua dei torrenti adiacenti.
fossa scavo, miniera, pozzo (cfr. Baudi, col. CXLVI; anche la-
voro minerario, per cui cfr. Baudi, col. CXXII e CXLV):
rubr. II 60 ecc. (441 occ.); per il signif. di compagnia della
fossa vd. Baudi, col. CV; per f. dargentiera miniera dar-
gento cfr. Baudi, col. C; vd. anche fovea negli Ordinamenta
(Casella, p. 102).
francare (anche -ch-) (trente o parti) pagare il debito contratto
in ragione delle trente (Baudi, col. CX): rubr. IV 40; rubr.
IV 98; IV 102, 177, 33, 404, 562, 602, 989, 102.
francatura (anche -ch-) pagamento per lestinzione di un debi-
to (cfr. Baudi, col. CX): III 30 ecc. (22 occ.); att. nel Corpus
TLIO solo nel Breve.
franchessa esenzione, privilegio: IV 233; cfr. Baudi, col.
CCXXIX: Dai diritti sulle argentiere godeva franchezza [...]
il canale e qualsiasi altro lavoro dargentiera che si aprisse in
montagna nuova.
franchisie libert, privilegi, immunit: I 16.
[franco] (anche -ch-) 1. nellespressione a parte f. in affitto (pa-
gando un prezzo fisso senza lobbligo di dividere il ricavato:
cfr. Baudi, col. CXI): rubr. IV 54; III 30; IV 33, 546, 69, 91;
2. (detto della testa di uno scavo minerario, ad indicare il
privilegio, finch procedesse diritto, di non essere reciso da
altri lavori di fossa: cfr. Baudi, col. CL): IV 27; 3. nellacce
zione comune di libero: III 53; IV 83, 98.
320 Il Breve di Villa di Chiesa

frascato (anche -ch-) riparo di frasche (cfr. Rohlfs, 1128):


II 723.
fructura frutta: II 69; vd. il parallelo truogura variante di truo-
gora; per gli ess. di fructora e fructura (< *fructura) in
docc. sardi medievali si rinvia a Atzori, Glossario, s.v. fruc-
tora; cfr. inoltre Ravani, p. 26, n. 69.
furo ladro I 492; II 152, 252.
fusto vano, scavo (di una fossa): I 47, 63; IV 153, 212; secondo
Baudi, col. CXLVI, il termine, indicante il vano o scavo del-
la fossa che scendeva in profondit seguendo linclinazione
della vena, corrispondeva al bugnum fovee dei docc. latini
di Toscana; il bungnum fovee degli Ordinamenta in effetti
glossato da Casella, p. 102, il fusto della fossa, il vano del-
la fossa che si sprofonda orizzontalmente a guisa di botte.

gaaro (< lat. tardo catharus o cazarus) cataro: II 143; gas-


saro att. nel lucchese trecentesco, gazzero nel fiorentino e
gazaro a Siena (cfr. Castellani Pollidori, p. 275, n. 19 e
Manni, Il Trecento tosc., p. 339).
gara (< forse dallarabo gra incursione come sostenuto in
DEI, s.v., ma per altre ipotesi cfr. DELI, s.v. e Pellegrini,
Arabismi, p. 99, n. 121 bis) controversia (sorta per fosse
minerarie che si fronteggiano senza avere tra loro un limite
naturale) (Baudi, col. CLXXII): IV 542; il termine si tro-
va impiegato nella stessa accezione negli Ordinamenta: cfr.
Casella, p. 102.
garigiare (detto di fosse minerarie limitrofe) diventare ogget-
to di competizione per lassegnazione della concessione di
sfruttamento (vd. gara): IV 54; cfr. garegiare negli Ordina-
menta, che per Casella, p. 102, glossa fronteggiarsi, pro-
cedere nello scavo da imboccature distinte, ma in modo da
venirsi a incontrare; vd. anche guerrigiare.
gativiera (< ted. Gatten congiungere?: cfr. Marchese, p.
XVI; Bertoni, p. 270; Cacciaglia, p. 55) incontro di vene
metallifere oppure varco o sbocco, munito di griglia, verso
unaltra galleria o pozzo?: IV 16; hapax nel Corpus TLIO.
Per la seconda ipotesi Nacci rinvia a Malagoli, s.v. gatti-
varo del sec. XIV imprigionato e al ted. Gattertor cancel
lo (DWB). Secondo Baudi, col. CLV, la g. coinciderebbe
con il guindone degli Ordinamenta (cap. IIII, p. 66 e cap.
Glossario 321

VIIII, p. 69) mentre lo stesso Marchese (Marchese, col.


CCLXXVIII) ipotizza in alternativa una derivazione, che
sembra foneticamente improbabile, dal ted. Gewehrschlag
colpo di fucile (Querschlag colpo di traverso) e un signif.
affine a quello di dorgomena.
gentile vd. vena.
ghalansa (probabile adattamento del ted. Glanz splendore, lu-
centezza, con epentesi di -a-; da Bleiglanz galena per Mar-
chese, p. XIX, Marchese, col. CCLXXXII e Cacciaglia,
p. 55) solfuro di piombo, galena: IV 64; hapax nel Corpus
TLIO. In DES, s.v., per galntsa, segnalato in logudorese e
campidanese col signif. di pietra di minerale, terra o pie-
tra metallica non si esclude una parentela con litaliano e
lo spagnolo galena, francese galne solfuro di piombo. Per
Scheneberger, p. 154, linterposizione di una -a- fra g ed
l riconducibile alla dominanza della a tematica che reca
laccento ma potrebbe anche ascriversi allinflusso delle-
pentesi sarda nei gruppi consonantici contenenti r o l. Si
veda infine Tangheroni, La citt, p. 100 e n. 19, secondo il
quale galansa, termine che sopravvisse nel sardo, indicava
genericamente la galena ed era quindi quasi un sinonimo
di vena.
ghiletta (da confrontare con il ted. Gltte ossido di piombo
come ritengono Marchese, p. XIX, Marchese, col.
CCLXXXI, Cacciaglia, p. 55 e Scheneberger, p. 154,
ma anche con aghetta e ghetta litargirio, dal lat. medievale
gleta: vd. le rispettive voci del TLIO) prodotto derivato
dalla separazione dellargento dal piombo, litargirio (cfr.
Tangheroni, La citt, pp. 106-107): III 272; IV 97; chiletta
in III 27; gheletta in rubr. IV 97; IV 97; att. nel Corpus TLIO
solo nel Breve. Il termine ted. Glett (forma antica di Gltte)
corrisponde nel glossario del De re metallica alla spuma ar-
genti (cfr. Marchese, col. CCLXXXII).
giarra (< arabo garra: vaso per acqua: Pellegrini, Arabismi,
pp. 164, 265) recipiente di terracotta a due anse: III 25.
giomenti bestie da fatica (tiro o soma): I 702; II 15.
gittaticio materiale di scarto risultante da una prima nettatura
della vena (cfr. Baudi, col. CXXXVII, CLXXXIX): IV 81,
90, 108, 109.
giusta vd. iusta.
322 Il Breve di Villa di Chiesa

gora canale (del forno fusorio): IV 823.


gotti grandi bicchieri, boccali (per vino): II 462.
[gragnare] ridurre in pezzi piccoli o in farina (i chicchi di ce-
reali) (TLIO, s.v.): gragna III 18; hapax nel Corpus TLIO.
Si potrebbe pensare in alternativa ad un sostantivo grana
correlato anzich al verbo si mola ai precedenti grano
e farina, ma lipotesi pare meno probabile. Nel DES, s.v.
granu, sono registrate forme sarde riconducibili ad un latino
volgare *grania (cfr. anche Ravani, p. 33).
grana 1. sottomultiplo del carato: I 226; 2. il materiale pi gra-
nuloso della vena metallifera netta ridotta in polvere (cfr.
Baudi, col. CLXXXVIII): IV 69.
grassa grascia: I 762; III 14, 29, 523; cfr. Malagoli, s.v. grassa.
greia gregge: III 14.
grossa (vena) vd. vena.
grossame vena grossa, grezza, in pezzi (cfr. Baudi, col.
CLXXXVII): IV 83; hapax nel Corpus TLIO.
guadagnaria guadagno: II 47.
guardatura custodia: I 113; II 33; la prima attestazione nota del
lemma offerta dal Conto navale pisano; cfr. Manni, Tosca-
na, p. 299.
guelco (anche qu, ll, ch) (forse dallantico ted. Werk ope-
ra, lavoro: cfr. Baudi, col. CCV e Tangheroni, La citt,
p. 103) addetto alla sorveglianza del forno di fusione: I 22
ecc. (92 occ.). Il termine att. (come guerco) anche negli
Ordinamenta, cap. LXXI, p. 94, cap. LXXVII, p. 97, cap.
LXXVIIII, p. 97, cap. LXXXV, p. 99, dove secondo Mila-
nesi, p. 704, indicava genericamente dei lavoranti alle mi-
niere, opinione che sarebbe confermata da un documento
del 1281, il Libro di uscita di Biccherna, dallArchivio delle
Riformagioni di Siena, p. 174, dove si legge picconeriis, qui
dicuntur guerchi [...] et pro ipsis guerchis; lo stesso testo
citato anche da Casella, p. 103, a sostegno dellipotesi di
una diffusione del vocabolo guercus (< medio alto ted. wr-
ker lavoratore) anche al di fuori del distretto di Massa, in
Toscana, con il signif. pi generico di manovale. Si vedano
inoltre nel Codex Wangianus le forme werchorum (p. 144),
wercus e werchi (p. 444), per le quali plausibile una radi-
ce comune (che i werchi di Trento siano i guelchi del Breve
sostenuto anche da Braunstein, p. 291). In riferimento
Glossario 323

al Codex Wangianus Trener, p. 35, ritiene che il termine


werchus derivi da Gewerk oppure Werkleute operaio ed in-
dichi il minatore in generale. Anche per Scheneberger,
p. 154, il wercus dei documenti trentini la latinizzazione
del sostantivo medio alto tedesco gewerke. Secondo Nacci
guerco potrebbe derivare piuttosto dal sost. Werk(s)mann
operaio con caduta del secondo tema; cfr. infine anche
Cacciaglia, p. 44-45 e p. 55.
guerrigiare (detto di fosse limitrofe prive di una delimitazione
netta naturale): IV 502, 542, 102; cfr. Baudi, col. CLXXII e
vd. anche gara, garigiare.
guscerno (anche scie e sscie) (< ted. Gezeug o Gezhe, op-
pure da Werkzeug?: cfr. Baudi, col. CLXI; Marchese, p.
XVIII; Marchese, col. CCLXXIX) complesso degli uten-
sili o strumenti necessari al lavoro delle fosse: rubr. IV 62;
rubr. IV 117; III 87; IV 17, 462, 6210, 85, 1174; goscerno in IV
62; g. di fosse I 44; III 87; IV 117; att. nel Corpus TLIO solo
nel Breve. Per Braunstein, p. 292, il g. di fossa era lappa-
rato strumentale inserito nei libri di fossa coi prezzi (il g.
del Breve corrisponderebbe quindi al fornimento della fossa
degli Ordinamenta: cfr. Baudi, col. CLXI e Tangheroni,
La citt, p. 97). Lipotesi etimologica foneticamente pi at-
tendibile forse quella avanzata da Cacciaglia, p. 56, da
Gukern anima di fusione, che risulta per poco confa-
cente alla semantica del termine. Scheneberger, p. 155,
propone una derivazione dal medio alto ted. g(e)schirr(e),
g(e)schier o gescherr(e) arnesi. Nacci non esclude invece
la possibilit di una derivazione da guscio con signif. esteso
di contenitore in cui venivano depositati gli strumenti da
lavoro dei minatori.

[imbrigare] (imbriganti, imbrigata) contestare a qno il diritto


di propriet su qsa, molestare (cfr. GDT, s.v. imbrigare e
imbrigante, per la definizione e i numerosi ess. citati, molti
tratti da testi pisani, in cui i termini sono in dittologia con li-
tigare, molestare, ecc.): I 39; III 44; per ogni persona e luogo
imbriganti di I 39, participio presente che potrebbe avere
valore aggettivale, cfr. in partic. la carta lat. cit. dal GDT,
p. 350: om(n)i imbrigante p(er)sona (et) loco; si vedano
anche, nel Corpus TLIO, imbrigare u vero molestare nel
324 Il Breve di Villa di Chiesa

Breve dellordine del mare di Pisa (1322-1351) e embrig


n molest nel padovano Formulario notarile volgare (c.
1375); vd. infine il lat. inbrigare vel molestare nel Formu-
lario notarile fior., p. 56.
incantare mettere, vendere allincanto: rubr. II 62 ecc. (55
occ.); cfr. Baudi, col. CXVII-CXVIII.
incominciatura inizio (di una lite giudiziaria): I 9; hapax nel
Corpus TLIO.
incontinente (e i) subito: I 6 ecc. (31 ess.); nella locuzione
congiuntiva i. che appena: I 10, 60, 66; IV 30.
interame (e interamene) (< lat. *interamen) interiora degli
animali (vd. TLIO, s.v. interame): III 152; interami in rubr.
III 15; interamene in II 77, latinismo da confrontare con i
nomi sardi in mene derivati dai neutri in men di cui tratta
Wagner, La Lingua sarda, p. 324 (cfr. Ravani, p. 34).
involare rubare: II 15, 1611.
iusta (< lat. iuxta) secondo, sempre nellespressione i. loro po-
tere: I 70; III 30; IV 6; cfr. Rohlfs, 806.

ladico laico: III 74; vd. DEI, s.v. ladico (da confrontare con il
lat. medievale ladicus); il termine era diffuso anche nel sar-
do medievale (vd. Atzori, Glossario, s.v. ladicu).
lampana lampada: I 594; cfr. Testi pist., s.v. e soprattutto Testi
prat., p. 64, con bibliografia, per una sintesi delle varie spie-
gazioni della forma.
lavare 1. (detto di vene minerarie, con riferimento alla loro se-
parazione dal materiale sterile di scarto): rubr. IV 81, 112; I
3; II 44; III 43, 59, 864; IV 60, 812, 902, 108, 1092, 1104, 1123; la
lavatura delle vene poneva problemi giuridici ed economici
a causa della siccit del territorio (cfr. Tangheroni, La cit-
t, p. 101); 2. nellaccezione comune (detto di panni o altro):
rubr. II 76; II 773; III 206, 862; IV 109.
lavoratore (di truogora) vd. truogora.
lavoriera prodotto del lavoro e luogo dove si lavora (cfr. Bau-
di, col. CLIII): IV 2, 75, 204, 32, 342; anche lavoreri in IV 34.
leale 1. corrispondente alle prescrizioni, genuino: I 16, 22; II
46; III 18, 22; IV 42; 2. nellaccezione comune di fedele: I 41,
75; III 302, 31; IV 1, 3, 100.
lebrosia lebbra: I 26.
libbra unit di misura di peso (di poco inferiore al mezzo chi-
Glossario 325

lo); anche moneta: I 6 ecc. (362 occ.); livra in I 352, 434, 442,
614; IV 33; llivra in IV 64.
libro: I inc. ecc. (78 occ.); libbri in IV 9, 103, 43, 54, 562; libbro
in IV 18, 45, 543, 562, 65; per il l. della fossa, in cui si regi-
stravano i conti e si annotavano altre informazioni relative a
ciascuna miniera, cfr. Baudi, col. CXXVI, CXXX; nel l. del
guelco si annotavano la quantit di vena metallifera acqui-
stata e la percentuale di piombo e argento in essa contenuta
(Baudi, col. CCVII).
liquida vd. liquido.
liquido valore in denaro di cui si ha effettiva disponibilit, con-
tante (anche agg.) nelle espressioni essere l., a di qno essere
a disposizione, di effettivo possesso di qno (cfr. anche li
quido agg. in Rezasco, s.v., detto di crediti chiaro, evidente,
certo): I 44; II 75; III 33, 443, 472; IV 17, 34, 55, 116. Nel
Corpus TLIO non riscontro paralleli delle espressioni sopra
citate, pare esclusive del Breve.
litare (da lite) contendere in giudizio: III 592; IV 11, 123, 14,
172; il lemma, di uso tecnico-giuridico, da non confondere
con litare (< lat. litare) sacrificare, att. nel Corpus TLIO
(vd. TLIO, s.v. litare 2) anche nel pisano Contrasto di Cristo
e Satana (c. 1300) e nella redazione veronese Contrasto di
Cristo e del diavolo (XIV sec.).
litatore (da litare, vd.) chi contende in giudizio: IV 11; hapax
nel Corpus TLIO.
loghino magazzino? (Baudi, col. CXCVI): IV 55, 100; att. nel
Corpus TLIO solo nel Breve.
lomei piante simili al cedro, limette (DEI, s.v. luma): III 19.
lorda vd. vena.
lume (in terracotta, alimentato con il sevo e impiegato per lil-
luminazione della miniera): II 332; III 29; IV 232, 1112, 117;
cfr. Baudi, col. CLXVI-CLXVII.

macinatrice colei che macina: sing. in III 18 (et ognie maci-


natrice); plur. in I 76 (et sopra macinatrice, fornai), III 18
(et tucte macinatrice); att. nel Corpus TLIO solo nel Breve
e soltanto al femm. Parendo singolare che lattivit venisse
svolta esclusivamente da donne, si pu supporre che il ter-
mine sottintenda un persona (come nel caso di argentiere,
vd. supra); signif. alternativi del tipo luogo dove si macina
326 Il Breve di Villa di Chiesa

o macchina con cui si macina sembrano invece incompa


tibili coi contesti.
maestratico (< maestro con suffisso atico: cfr. Rohlfs,
1131) ufficio del maestro (del monte), maestrato (anche
compenso dovuto a un maestro; cfr. Baudi, col. CXXIII,
CLXIX): IV 9, 36, 38, 44; maistraticho in IV 44.
maestrato ufficio del maestro: IV 1 (cfr. Baudi, col. CLXIX).
maestria 1. ufficio del maestro: III 48; IV 35, 38, 492, 91; mai-
stria in IV 9; 2. collegio dei maestri del monte: IV 5 (cfr.
Baudi, col. CLXIX).
maestro 1. nellespressione m. di (del) monte (calco del ted.
Bergmeister: cfr. Bertoni, p. 270) magistrato preposto alla
giurisdizione sullarte e industria mineraria (cfr. Baudi,
col. CLXIX e Tangheroni, La citt, p. 117): rubr. IV 36
ecc. (143 occ.); il glossario latino-germanico del De re me-
tallica attesta magister metallicorum, bergmeister; 2. nelle
espressioni m. di fossa, delle fosse, di bottino dirigente dei
lavori nella miniera (cfr. Baudi, col. CXXIII): maestri rubr.
IV 35 ecc. (78 occ.).
magaluffo (per Pellegrini, Arabismi, p. 106, dallarabo
mahlf giurato o sostituto: vd. infra) mancia pagata dal
compratore allincantatore: I 43; cfr. anche Rezasco, s.v. Il
termine att. nel Corpus TLIO anche nella Cronaca fior. di
Marchionne (1378-1385) (magaluffi) e nel pisano di Ranieri
Sardo (1354-1399) (maghaluffi). Come osserva Pellegrini,
Arabismi, p. 106, il m. dovette essere in origine un ufficiale
giurato addetto agli incanti, prima che il termine passasse
ad indicare la propina che si d al banditore. Ancora Pel-
legrini, Arabismi, p. 481, riporta macaluffo (e magaluffo)
fra gli esempi di un esito tipico nelle mutazioni dallarabo,
ovvero la risoluzione di nessi consonantici mediante le-
pentesi di una vocale, fenomeno comune per i nessi, come
hl, che avrebbero dovuto dare cl e sono invece passati,
data la rarit della combinazione consonantica, a cal. Ma-
caluffo frequente nellonomastica antica a Genova, nel Pie-
monte e nelle carte siciliane dei sec. XIII e XIV (cfr. ancora
Pellegrini, Arabismi, pp. 507, 528-34 e Pellegrini, Galica
e Macaluffo).
magiore funzionario sardo: III 3; in DES, s.v. mayre si os-
serva che il termine si riferiva nella Sardegna medievale ad
Glossario 327

un titolo comune indicante la preminenza assunta da una


carica sui dipendenti e che la voce si continua come titolo
nel logudorese e campidanese odierni (cfr. Ravani, p. 36);
non si d conto degli ess. nellaccezione comune.
maitina: I 5; IV I2, 117; matina in I 6; IV 2, 70; la forma con
dittongo secondario -ai- usuale in pisano antico (cfr. Ca-
stellani, Gr. stor., p. 339).
malvagio (anche aso): 1. grave (detto di infermit): II 76; 2.
scadente (detto di fieno): I 70; 3. nellespressione per m.
con intenzione fraudolenta (cfr. Baudi, col. CXLIX) : IV
21.
mancamento 1. assenza: I 32; 2. perdita (di materiale nella
fusione) (Baudi, col. CCXIV): I 472, 48; 3. sottrazione in-
debita: III 82.
mancatura (ch) perdita (di materiale nella fusione): I 48.
[manicatoio] (per manicare mangiare cfr. Rohlfs, 253) da
mangiare, commestibile: II 692; III 194, 812, 87; manucatoie
in I 76; il lemma att. nel Corpus TLIO, oltre che nel Breve,
nei lucchesi Ordinamenti di Pontetetto (met XIV sec.).
marco (anche ch) (dargento): I 7 ecc. (105 occ.); il m. dar-
gento doveva equivalere a libre cinque e soldi dieci ma
per lordinario sembra si calcolasse in libre cinque e soldi
otto (Baudi, col. CCLII).
margula (< lat. margo margine?) margine artificiale (di un
pozzo minerario)?: IV 162; si potrebbe in alternativa pensa-
re ad un neutro plur. in a del lat. marculus martelletto,
ma pare improbabile la possibilit di sonorizzazione delloc-
clusiva velare sorda in posizione postconsonantica. Sche
neberger, p. 149, glossa argilla senza ulteriori indicazioni.
mattonari fabbricanti di mattoni: III 724; cfr. GDT, s.v. mat-
tonaio.
medaglia moneta del valore di mezzo denaro (Baudi, col.
CCLII): I 44, 61; III 27; nellespressione vendere a medaglie:
III 81; nellespressione legare erbe a m. comporre mazzi del
valore di una medaglia: III 81.
[mentovare] nominare: mentovando I 9; come osserva Ca-
sapullo, p. 204, il termine sopravvive ancora nei dialetti
centro-meridionali.
messaria (anche mi) ufficio del messo (cfr. Rezasco, s.v.): I
442.
328 Il Breve di Villa di Chiesa

mezanuli (--; anche mi) pieni o sodi posti a divisione di due


fosse (Baudi, col. CLIII): IV 884; la forma mealune (in IV
41) probabilmente dovuta a metatesi sillabica; per letimo-
logia si potrebbe pensare ad una derivazione da mezzano
oppure ad un rapporto con mezzule doga di mezzo nel fon-
do della botte, in cui lo sportello e mezzanino (per cui cfr.
Franceschini, Commenti danteschi, pp. 223-24 e France-
schini, Guido da Pisa, p. 623); cfr. anche Malagoli, s.v.
mezzule.
mezedima (--) mercoled: IV 13; termine un tempo comune
a tutta la Toscana (cfr. Castellani, Mil., p. 378; Sessa, p.
192; Castellani, Gr. stor., p. 274).
minutello (anche me) minerale di seconda qualit pestato
molto minutamente (Baudi, col. CLXXXVII): IV 1032; tale
minerale veniva tritato per la separazione dalla roccia inutile
(Artizzu, Aspetti, p. 93).
minuto (anche me, te, ct) 1. agg., detto di alfonsini: I 6 ecc.
(365 occ.); cfr. Martinori, p. 6; 2. detto di cucina verdura:
III 81; 3. sost. minerale di seconda qualit pestato minuta-
mente (Baudi, col. CLXXXVII): I 3 ecc. (38 occ.); 4. nelle-
spressione vendere a (ad) m.: II 462, 68; III 142.
missatico ufficio del messo, messatico: I 42; hapax nel Corpus
TLIO ma cfr. messatica ambasciata nel Breve del Pop. di
Pisa (1330).
misuratore (anche mes) stimatore, pesatore (di vene metalli-
fere: cfr. Baudi, col. CXCVIII): I 41; III 27; IV 419, 100, 115.
mocchobello (< REW 5250a: arabo makabal; cfr. anche Rava-
ni, p. 23, n. 60) 1. baratto, estorsione: mochubello in I 2;
2. prezzo della barattera: I 33; come spiega Rezasco, s.v.
moccobello, la parola forse dorigine arabica, prima usata
in Pisa, e di l passata in Sardegna (per le altre attestazioni,
tutte di area pisana, si veda TLIO, s.v. moccobello; cfr. anche
Malagoli, s.v.); il termine muccubellu si trova negli Sta-
tuti di Sassari (XIV sec.), capp. XXXVIII, CXIII, CXLVII;
si veda DES, s.v. muccubellu (logudorese antico) e Atzori,
Glossario, s.v. muccubellu imposta gravosa oltre il necessa-
rio ed il giusto.
modolamento atto del modulare, sindacatura: I 33; att. nel
Corpus TLIO anche negli Ordinamenti della dogana del sale
(1339).
Glossario 329

modulare sindacare: I 25, 33, 71, 76; II 6, 14, 17, 55; III 1; IV
64, 1204; modulari in IV 89; cfr. GDLI, s.v.: Nel secolo XIV,
a Lucca e a Pisa, sottoporre a controllo unautorit di grado
inferiore per rilevarne le eventuali irregolarit; per ul in
corrispondenza di er cfr. Castellani, Pis. e lucch., pp.
293-94.
modulatore (anche do) sindacatore (vd. modulare): I 32 ecc.
(35 occ.); secondo Baudi, col. CXCIV, i modulatori erano
forse coloro che classificavano e ripartivano la vena e la ma-
teria frammista prima della lavatura; di opinione diversa
Marchese, p. XIX (cfr. anche Marchese, col. CCLXXX),
secondo cui invece il termine deriverebbe da modulus, cor-
rispondente alla benna o mastello per lestrazione dei mate-
riali e delle acque ed indicherebbe gli artefici che fabbricava-
no queste benne o mastelli o i bottari; cfr. invece GDLI, s.v.:
A Lucca e a Pisa nel secolo XIV, il magistrato che aveva il
compito di sindacare sulloperato degli amministratori pub-
blici e degli ufficiali del Comune.
[molare] macinare: mola III 18.
molentaro (anche aio, are, mu, li) (da molente [vd. molen-
ti]) chi guida asini: rubr. IV 66 ecc. (32 occ.); si confronti
con il campidanese molentru asinaio (DES, s.v. mlere).
molenti asini (cfr. Baudi, col. CLVI; DES, s.v. mlere; REW
5642 molere; Atzori, Glossario, s.v. molenti; molnti AIS
1066): IV 1092; mulenti in II 15; il campidanese molnti att.
nelle Carte volgari e nella CdLA; cfr. anche Ravani, p. 36.
montagna distretto minore (facente parte della zona minera-
ria di Villa di Chiesa: cfr. Artizzu, Aspetti, p. 91): I 32 ecc.
(43 occ.); montagni in IV 2; nellespressione aprire m. nuo-
va (IV 834) iniziare un lavoro dargentiera (bottini, canali
o fosse) in una montagna prima dallora mai scavata a tale
scopo (Baudi, col. CXXXIV).
monte pietrame e terra estratti dalle fosse minerarie (cfr. Bau-
di, col. CLIII e Casella, p. 103, s.v. mons): I 4 ecc. (195
occ.); munte in IV 22; per m. lavorato (IV 22) gettaticcio
siliffo in opposizione al m. sodo (IV 21) cfr. Baudi, col.
CXXXVII e col. CXCIV; per la distinzione fra tenero (IV
26) che si lavora a ferro e m. sodo (IV 21) che si lavora
a fuoco cfr. Baudi, col. CLVI e vd. Ghiani, p. 159: Nelle
330 Il Breve di Villa di Chiesa

rocce pi dure (monte sodo) lazione del ferro era aiutata dal
fuoco; per maestro del m. vd. maestro.
morella muretto, ammasso di pietre? (cfr. GDT, s.v. scapez-
zare): I 25.
morticina (carne) carne di animale morto per malattia: II 683;
cfr. Castellani, Stat. Ol., p. 102.
mortiti (detto di uccelli): II 69; il termine gi att. in un doc.
latino cit. da GDT, s.v. mortido (uscellos mortidos) per il
quale si stabilisce unidentit con mortino relativo al mirto?
(aucellos murtinos, che potrebbe indicare uccelli ghiotti di
bacche di mirto). GDT ricorda inoltre i tordi che ssi man-
giano tutti interi, (...) e particolarmente quando si fanno
in mortidio menzionati da Giordano da Pisa, Quar. fior.
(1305-1306); anche le altre attestazioni del Corpus TLIO,
nello Statuto della gabella di Siena (1301-1303) e nel Co-
stituto del comune di Siena volg. (1309-1310), suggeriscono
che si tratti di un tipo di uccello; i mortiti di Folgre da San
Gimignano (1309) vengono invece spiegati da Contini, PD,
II, p. 417, n. 10, specie di mortadelle (comesse profumate
da bacche di mortella) o, forse meglio, di galantine. Si veda
infine anche Sella, s.v. mortitius, di bestia morta: carnes
mortitias non vendant ad libram.
morto (detto di via, lavoriera, lavoro, segno) non pi sottopo-
sto a lavorazione, concluso, di cessata validit: IV 73, 12, 13,
17, 209, 41; non segnalo ess. dellaccezione comune.
mostratura atto del mostrare: II 30; III 31; att. nel Corpus
TLIO solo nel Breve.
muraiuoli muratori (cfr. GDT, s.v. muraiolo): III 72.

nen n: IV 102, 19, 55, 68; forma diffusa nel sardo medievale
(DES, s.v. nen): cfr. Ravani, p. 34.
netto (anche -ct-) 1. (di vene metallifere) separato dalle mate-
rie estranee (Baudi, col. CLXXXVIII): IV 24, 43, 44, 52, 64,
65, 83; 2. (dellacqua) pulito, non inquinato: I 74.
n vero (congiunzione disgiuntiva rafforzata parallela a ovvero):
I 28; noto un uso analogo nel Corpus TLIO nel Libro de la
destructione de Troya (XIV sec.): sentuto n vero trovato.
notatura redazione di note (in un documento): I 9; nel Cor-
pus TLIO att. anche nel Registro di Santa Maria di Cafaggio
(1286-1290) [2 occ.].
Glossario 331

offendivele destinato alloffesa (detto di armi): I 24, 28, 70; II


7, 202, 23; III 82; IV 105; offendivile in I 70; II 74; offendovele
in II 20; vd. anche diffendevile.
oglio olio: I 592; II 59; III 252; forma con palatalizzazione di -lj-
, che in antico pisano doveva essere lunica adoperata (Ca-
stellani, Mil., pp. 361-62, Castellani, Gr. stor., p. 340),
continuatasi fino ad epoca moderna (cfr. Franceschini,
Lolivicoltura, p. 64).
ogosto (forma toscano-occidentale, secondo Castellani, Gr.
stor., p. 292, derivata da un lat. volg. *agustus) agosto: I
47, 48, 52, 63, 70; II 48; III 23, 262; con aferesi (gosto): I 47,
49.
oliare dare lestrema unzione: I 40.
ombraco (anche ch) tettoia o pergolato vicino alla casa usa-
to come legnaia o stalla (probabile sardismo morfologico:
vd. Ravani, p. 33 e cfr. DES, s.v. umbrgu, logudorese e
campidanese): I 256; II 21, 42, 67, 71, 72; anche umbraco (II
92, 522, 56); come osserva Tangheroni, La citt, p. 144, ne-
gli ombrachi, veri e propri porticati formati da piccoli tetti
di legno appoggiati su colonne, si svolgeva buona parte delle
attivit lavorative e della vita sociale.
orobello (DEI, s.v. orpello: < lat. medievale auripellum, da
confrontare con il fr. antico oripel) lega di rame, zinco e
stagno color oro, orpello (TLIO, s.v. orpello): I 47.

pacificamento attivit di ordine pubblico: I 31; hapax nel Cor-


pus TLIO.
pagaria mallevadoria, cauzione (per Rezasco, s.v., termine
toscano occidentale e sardo; cfr. anche Testi pist., s.v. paga-
rie e DES, s.v. pakare pacara [...] fidanza, mallevadoria, =
tosc. ant. pagaria): I 9 ecc. (21 occ.); cfr. Statuti di Sassari
(XIV sec.), cap. VIII: pacaria; vd. inoltre Atzori, Glos-
sario, s.v. pacaria. Il termine, diffuso in testi toscano occi-
dentali e con due occ. anche in un testo sangimignanese del
1317 (cfr. TS), fu importato in Sardegna.
pagatore (anche -gh-) garante, fideiussore (cfr. Baudi, col.
CXXV; vd. anche Rezasco, s.v.): rubr. III 11 ecc. (74 occ.).
pala strumento di ferro usato per raccogliere dal suolo il mate-
riale minerario, marra ripiegata (cfr. Baudi, col. CLXIV e
Tangheroni, La citt, p. 98): IV 4, 1032.
332 Il Breve di Villa di Chiesa

palafermi (dal lat. medievale parapherna: cfr. DEI e TLIO, s.v.


paraferna) sopraddote: III 66; hapax nel Corpus TLIO.
[panno] nelle espressioni panni di letto e panni di dosso bian-
cheria da letto e abiti: III 42, 44, 57, 61, 66; IV 55; cfr. nel
Corpus TLIO Panni di lecto o di dosso nello Statuto della
gabella di Siena (1301-1303) e pangne de lecto, n de dos-
so nello Stat. Perugia (1342); si veda anche nel Condaghe di
San Nicola di Trullas pannos de lectu; non cito ess. dellac-
cezione comune.
paragio (< fr. parage: DEI, s.v. paraggio 2) discendenza illustre,
nobilt: III 13.
paraula parola: I 9 ecc. (49 occ.); per la forma paravula di III
62, 72 cfr. Ravani, p. 38.
parentessa parentela nellespressione fare p. instaurare un
rapporto di parentela: I 712; al rettore, al giudice ed ai notai
in carica era vietato imparentarsi con gli abitanti della Villa
(cfr. Artizzu, Aspetti, p. 86).
parsonavile (anche ve, vo) possessore di trente, socio (vd.
trenta e cfr. Baudi, col. CV, CVIII, CIX): III 30 ecc. (113
occ.); il termine corrispondeva al partiarius degli Ordina-
menta, glossato da Casella, p. 103, socio dellimpresa del-
lo scavo; cfr. anche parzonaoli nel Fornimento della fossa
le Meloni (1298).
partito limite posto a divisione di due fosse vicine: rubr. IV
41; rubr. IV 86; I 28; IV 22, 32, 37, 412, 8611, 882; partite in IV
3; per p. stanziale vd. stantiale; secondo Casella, p. 103, il
partitum degli Ordinamenta indicava una sezione di mi-
niera [...] assegnata legalmente per lopera di cavo, mentre
partitum facere o ponere significava determinare la sezione,
fissare il limite.
partitura (anche parte) divisione (della vena mineraria fra i
soci di una compagnia) (Baudi, col. CXXI e CV): rubr. IV
42; I 42; IV 422, 43, 44.
passo unit di misura lineare corrispondente a tre braccia: IV
126, 132, 153, 162, 19, 21, 264, 292, 32, 104.
patarinia (anche -ct-) eresia (in senso generico): II 6, 45; vd.
patarino.
[patarino] (tt, -ct-) (DEI, s.v. paterini: lat. medievale pata-
rini: vd. infra): eretico (in senso generico): II 143, 26, 45;
come osservato in DEI, s.v. paterini, tali eretici manichei
Glossario 333

dellXI sec. furono confusi nel secolo successivo con i catari,


finch fra il XIII e il XIV sec. il termine pass ad indicare gli
eretici in generale.
pendie (detto di ville) che si trovano su pendii?: III 63; come
agg. pendio non altrimenti att. nel Corpus TLIO; resta dub-
bia lesattezza della forma, mal leggibile nel ms. (c. 95r.22).
pendige pendici?: I 3.
peschiera vd. pischera.
pesoni contrappesi ad uso delle bilance (cfr. Baudi, col.
CCIV): I 2220.
petraio insieme di grosse pietre contenenti scarso minerale uti-
le, lo sterile (cfr. Baudi, col. CLXXXIX e Tangheroni, La
citt, p. 101): IV 90, 108; petrari in IV 109; il termine ricorre
sempre insieme al gittaticio (vd.).
petrina consistenza rocciosa: IV 95.
petrosemini prezzemolo: III 81; la forma pi diffusa negli an-
tichi volgari italiani era petrosmolo (dal lat. petroselinum:
cfr. Rohlfs, 995) ma come rileva Castellani (Gr. stor.,
pp. 209-11) la Toscana occidentale aveva sia il tipo pe-
trosmolo che petrosmine, forma questultima proba
bilmente trapiantata in Sardegna per influsso del pisano me-
dievale. Si noti infatti la vicinanza della forma petrosemini
att. nel Breve con il campidanese perdusmini (DES, s.v.
petrusmula; cfr. anche Paulis, p. 165).
piassa: rubr. II 54 ecc. (104 occ.); per Baudi, col. CXLVI, la
p. del die (IV 28) era una piazza presso la bocca della fos-
sa, dove si deponeva e pestava il minerale estratto, cos
denominata per distinguerla da altre piazze simili collocate
invece nellinterno delle fosse (vd. anche die); le p. da/di la-
vare (III 59, IV 110) erano invece le piazze dove si lavava il
minerale (Baudi, col. CXCII).
piatire (da piato, vd.) contendere in giudizio: I 64; III 10.
piato (anche aito) lite, controversia giudiziaria: rubr. III 10
ecc. (47 occ.); (cfr. Malagoli, s.v. piato).
picconieri (anche -c-, -ch-) operai addetti agli scavi della fos-
sa mineraria (cfr. Marchese, col. CCLXXIX e picconerius
negli Ordinamenta, cap. XXXVII, p. 80, glossato da Casel-
la, p. 103, colui che lavora di piccone nella miniera): IV
462, 48; dai numerosi ritrovamenti del secolo scorso di pic-
334 Il Breve di Villa di Chiesa

coni nelliglesiente stato possibile accertarne la notevole


variet morfologica (cfr. Tangheroni, La citt, p. 97).
pieno 1. agg. (detto di fede): I 22, 702; III 30, 78; IV 65; (detto
di bailia): I 32, 73; IV 82; (detto di arbitrio): II 31; (detto
di una pala): IV 103; (detto di mezzo corbello): IV 4, 100;
(detto di lavoriere): IV 34; 2. sost. nelle espressioni avere
via, andare sotto in vuoto e/o in p., di signif. non chiaro, im
piegate nel regolamentare la possibilit di attraversare bot-
tini altrui con il proprio: IV 152; la parafrasi di Baudi (col.
CXLVIII-CXLIX) non soccorre. Lespressione in vuoto e/o
in p. si pu per confrontare con lagg. piene riferito a delle
lavoriere (ovvero ai prodotti del lavoro di scavo: vd. supra)
e probabilmente da intendere nellaccezione di contenenti
minerale utile da estrarre.
pischera (anche peschiera) vasca dacqua dove si tengono i pe-
sci vivi: I 723; nella forma pischera, non altrimenti att. nel
Corpus TLIO e caratteristica del campidanese (cfr. piskra,
campidanese per peschiera in DES, s.v. pske, Wagner, La
lingua sarda, p. 192 e HWS, p. 81), sar da vedere un sardi-
smo (Ravani, p. 27).
pistaticcio materiale minerario risultante da una prima pesta-
tura della vena: IV 103.
pistatore chi pesta la vena per separarla dal materiale sterile:
IV 1033; loperazione di pestatura del minerale estratto de-
scritta da Tangheroni, La citt, pp. 100-101, secondo cui i
pestatori percuotevano con grossi martelli la vena deposta
su pietre collocate nella piazza.
poligioni punizione: II 45; non si reperiscono altri ess. nel
Corpus TLIO.
polissa cedola, piccola carta: rubr. IV 114; I 61; II 72, 82; III 304,
43, 732; IV 1002; pulissa in III 30; IV 62, 97.
pontello bastone che sorregge lateralmente lasta (vd. asta): IV
865.
poponi: cocomeri: III 19, 81 (termine toscano: cfr. Casapul-
lo, p. 155).
possi scavi verticali utilizzati come riserve dacqua: III 88.
potulina (da confrontare con il lat. medievale potus bicchiere
cit. in Sella, s.v. potus) unit di misura di capacit (per il
vino): II 46; puttuline in II 46; att. nel Corpus TLIO solo nel
Breve.
Glossario 335

pratargio (da confrontare con il sardo padrargio: cfr. DES, s.v.


prtu e Atzori, Glossario, s.v. pardariu; vd. anche Rava-
ni, p. 36) guardiano del pascolo: I 70; cfr. logudorese pa
drrdzu, campidanese pardu, pradu; padrargiu att.
negli Statuti di Castelsardo, padrargios nella CdLA; hapax
nel Corpus TLIO.
pregione vd. prigione.
prestansa prestito: I 2, 45; III 8; IV 732, 83, 103.
presto prestito: IV 462.
prigione (anche pre) 1. pregione carcere (I 24 ecc., 50 ess.);
pregioni sing. I 245 (soprastante della pregioni, stessi in
pregioni, (2 occ.), alla suprascripta pregioni, ala decta
pregioni); prigione I 66; 2. prigioniero I 242 (dalcuno pre-
gione, guardia dalcuno pregione); pregioni sing. in I 243
(lo p(re)gioni, lo pregioni, lo s(uprascrip)to pregioni),
plur. in I 24 (alcuno delli pregioni), I 492 (Di schapulari
li pregioni, pregioni so(n)). Il plur. pregione prigionieri
di si possa scapolare .vi. pregione (I 49), pi che unesten-
sione della regola sing. e > plur e anche ai sost. maschili
(secondo Castellani, Mil., p. 372 a Pisa il plurale in -e dei
sostantivi e aggettivi della 2 classe ristretto ai femminili,
a conferma della natura morfologica del fenomeno), parreb-
be un semplice caso di oscillazione e/i in posizione finale.
prode interesse: III 65.
produttura (-ct-) atto del produrre, produzione: I 9; hapax nel
Corpus TLIO; per il suffisso -ura cfr. Rohlfs, 1119.
puppulare parte non det. del corpo dellovino: III 14; si po-
trebbe proporre il signif. di testicolo, essendo il cogliuto
lovino maschio non castrato e pensando ad un possibile
rapporto analogico con puppula mammella (att. ad es. nei
pisani Volgariz. A dellArte dAmare, prima met XIV sec. e
in Francesco da Buti, 1385-1395).

quaderno registro: I 22 ecc. (12 occ.); quaterno in III 272, 73;


IV 84; nel q. del guelco (IV 84) si annotavano la quantit e il
tenore della vena comprata, il prezzo di vendita e il nome di
chi lacquistava. Era vietato portare fuori da Villa di Chiesa
tali quaderni o libri, che facevano fede come carta publica
di notajo (Baudi, col. CCVII).
336 Il Breve di Villa di Chiesa

[quarra] misura di capacit (per il grano): quarre III 26; cfr.


quarrarum negli Ordinamenta, cap. LXXVI, p. 96.

ragionamento ragionatura (vd.): IV 14.


ragionare scrivere nei quaderni degli scrivani pubblici, tenere
la contabilit (vd. ragionatura): II 60 ecc. (52 occ.).
ragionatura iscrizione dei dati finanziari e produttivi delle
fosse nei quaderni degli scrivani pubblici, contabilit (cfr.
Tangheroni, La citt, p. 117 e 119): III 305; IV 182, 382; ra-
giunatura in IV 172.
rebottate (-ct-) ritappate, chiuse (cfr. Du Cange, s.v. rebotare
denuo obturare, quod apertum est): II 46.
recare 1. nellespressione r. a/ad fine raffinare (un minerale):
IV 572, 732; ricare in IV 57; ricato in IV 79; non segnalo ess.
nellaccezione comune.
reliqua restante: I 76.
rensa materiale di scarto, ci che si rende: II 79.
ressa patto, convenzione: II 173; IV 893.
ribandimento richiamo, proscioglimento dal bando: I 92, 44;
II 30, 473; cfr. ribandire nel glossario di Sessa, p. 196.
ricessare recedere, allontanarsi (Baudi, col. CXLIX): IV 15.
richiaramento accertamento, chiarimento: I 41.
ricidere (anche ricedere) tagliare, incrociare (fosse o bottini,
sfondandone le pareti): IV 215, 232, 27.
ricogliere (anche recoglere) riscuotere: rubr. III 25; I 11, 233,
72, 753, 762; II 1; III 24, 25, 262, 27, 28, 306, 442, 477, 49; IV 55,
62, 82, 852, 100.
ricoglitore chi riscuote: I 452; III 14, 304, 43; IV 382, 40, 45, 53,
58, 603, 62, 852.
riempire, riempiere (anche rim) 1. introdurre materiale (in
una fossa o in un bottino) allo scopo di ostruire (cfr. Baudi,
col. CXXXVIII: riempiere le fosse dal die, ossia il gettarvi
dentro materiali gi estrattine): IV 925; 2. farcire (detto del
rignone, vd.): III 14.
[rificare] (< da ficcare? vd.) incidere la roccia, scavare nelle pa-
reti di roccia oppure procedere non in linea retta (ma per
accerchiamenti, seguendo un andamento tortuoso) per gua-
dagnare strada sulle fosse circostanti?: rificato IV 27. Il ter-
mine va messo in relazione con il ficcare di IV 23, anchesso
affiancato dal verbo rilivare (vd.). Mentre Marchese, p.
Glossario 337

XVI, propone un confronto con il ted. reifen accerchiare,


dalla radice reif- cerchio, Cacciaglia, p. 56, suppone una
derivazione dal ted. Riefe scanalatura. Accanto allipotesi di
unaccezione armare una galleria che Nacci fa derivare da
Reif, nel linguaggio tecnico minerario arco con cui veniva
rivestita una galleria (DWB, s.v.), la studiosa istituisce un
confronto con i verbi ficcare (ignorando per lattestazione
del Breve, letta sticcare come Baudi di Vesme a col. 200) e
figgere per cui ricostruisce il signif. di scavare nelle pareti di
roccia. Per Scheneberger, p. 160, il verbo sarebbe invece
un iterativo di rifare.
rignone (da un lat. *renio?: cfr. DEI, s.v. rognone) rene delle
bestie da macello: III 14, 29; DES, s.v. rundzne registra il
sassarese rini corrispondente allitaliano rognoni. Mentre
nel gallurese e nel sassarese la voce designa i reni in ge-
nerale (anche quelli delluomo) in logudorese indica spe
cificamente quelli del bue macellato; cfr. anche Ravani, p.
33.
rilivare consolidare (uno scavo) o rialzare? (Baudi, col. CL,
non soccorre): IV 23, 27; considerato il rapporto con rificare
(vd.) dovrebbe trattarsi di una modalit di scavo (vd. anche
ficcare). Secondo Scheneberger, p. 159, il verbo potreb-
be riferirsi alla limitazione della coltivazione verso lalto,
disposizione contenuta anche in altri statuti (ad es. negli
Ordinamenta, cap. VIIII).
rinfrescamento (anche fri) rimarcatura, nuova segnatura
(di una fossa: vd. rinfrescare): IV 112.
rinfrescare rimarcare il segno apposto su una fossa ad indicar-
ne la presa di possesso per la coltivazione: IV 11, 41.
rinfrescatura rinfrescamento (vd.): IV 11.
rinquirere convocare, citare: II 19.
ripigliamento ripresa (del lavoro in una fossa): IV 28; hapax
nel Corpus TLIO.
ripigliare riprendere (il lavoro minerario in una fossa abban-
donata da altri): IV 117, 132, 14, 177, 22, 284, 982; anche infi-
nito sost. in IV 17.
ripigliatore chi riprende (il lavoro in una fossa): IV 172, 28; att.
nel Corpus TLIO solo nel Breve.
ripigliatura ripresa (del lavoro in una fossa): IV 13, 174; att.
nel Corpus TLIO solo nel Breve.
338 Il Breve di Villa di Chiesa

[riprendere] (represa, ripresa, ripresi, ripreso) (il lavoro in una


fossa): IV 142, 1710, 22, 54.
rischiaramento risoluzione di una controversia: IV 1002.
rissare nellespressione r. partito, -i segnare un, dei confini
(provvisori) fra fosse vicine (vd. partito e cfr. Tangheroni,
La citt, p. 99): rubr. IV 86; IV 37, 41, 867.
rivedere (anche re) accertare, verificare: I 41; IV 26, 4, 74, 8,
258, 266, 363; reveggiano in III 31.
rivedimento riveduta (vd.): IV 24, 25.
riveduta (anche revi, reve) accertamento, verifica: IV 14, 24,
72, 92, 20, 252, 262, 362, 39, 412; cfr. reveduta negli Ordina-
menta (Casella, p. 104).
robba 1. beni: II 8; IV 83; 2. veste: I 44; II 16; III 73.
robbaria furto, rapina: II 2; voce dorigine germanica (base
etimologica della famiglia semantica il germanico raubn,
passato al latino popolare e diffusosi poi nel romanzo occi-
dentale: cfr. DEI e DELI, s.v.) att. a partire dal XIII sec. in
partic. in docc. darea pistoiese; il termine si trova anche in
sardo (DES, s.v. arrobbaria, logudorese antico rapina, fur-
to), ad es. negli Statuti di Sassari (XIV sec.): come rileva
Dettori (Lessico, p. 149) in antico sardo le voci rob(b)aria,
(ar)rob(b)are, (ar)rob(b)atore, che ricorrono frequentemen-
te nei testi giuridici, si distinguono rispetto a sinonimi come
fura e furtu per luso della violenza (Dettori, Lessico, p.
150).
robbatore 1. ladro (genericamente, come sinonimo di furo): II
15; 2. r. di strada predone di strada, brigante, grassatore: II
29. La specializzazione semantica del termine stata studia-
ta per gli Statuti di Sassari (XIV sec.) da Dettori (Lessico, p.
150; vd. anche robbaria) secondo cui il lemma designerebbe,
oltre alle estorsioni violente in generale, i saccheggi ad ope-
ra delle navi corsare, le grassazioni nelle pubbliche strade, i
furti con effrazione in abitazioni e campi.
rubbi misure di peso (< da rubc un quarto: Pellegrini, Ara-
bismi, pp. 110, 147, 355; vd. anche DEI, s.v. rubbio): I 413.

saccaione (-ch-) (< sardo sakkyu: cfr. Ravani, p. 37) agnello


di un anno: III 142; att. nel Corpus TLIO solo nel Breve.
saggiatore esperto che valuta la concentrazione di argento
nel minerale estratto (come osservano Baudi, col. CCI e
Glossario 339

Tangheroni, La citt, p. 102, non si trattava di un pubblico


ufficiale ma di un libero lavoratore): IV 996, 1007; anche sag-
giaturi in IV 99; saggiare e saggiatore sono att. anche negli
Ordinamenta: Casella, p. 104, glossa saggiator venarum
et argenti [...] colui che provava e determinava il tenore
della vena.
saggio valutazione del tenore argentifero in una vena; anche la
stessa vena saggiata: rubr. IV 100; I 2217; II 6; IV 42, 65, 95,
9918, 10024, 115.
saggiole piccole bilance: I 22 (cfr. DEI, s.v. saggio, -ulo).
salto ampio territorio boscoso e montuoso: I 50; cfr. saltu
in Guarnerio, p. 249 e nella Carta de Logu, a. 1325, cap.
LXXXXV; vd. anche Wagner, La lingua sarda, p. 104, che
glossa saltus terre lasciate incolte e in abbandono.
sano 1. (detto di un corbello) intero (cfr. Baudi, col. CXCVII):
I 693; 2. (detto di una botte) integro: I 52; 3. (detto di carne
macellata) non tagliato: III 14; 4. nellaccezione comune: II
45; III 52; sost. in II 48.
sardisco sardo: natione sardesca I 1; vino sardisco II 46
(cfr. uinu sardiscu degli Statuti di Castelsardo segnalato da
DES, s.v. sardu); ad modo sardisco, per alcuno modo o
consuetudine sardisca III 32; secondo quanto rilevato in
Corvetto, pp. 126-27 a proposito della donna coyuada
assa sardischa della CdLA, nel matrimonio alla sardesca
non era prevista una dote ma la comunione dei beni; tuttavia
un passo della versione pisana della Carta de Logu secondo
Tangheroni chiarirebbe che il matrimonio alla sardisca si
basava sulla comunione degli acquisti e dei frutti (Tanghe-
roni, Carta de Logu, p. 30): la moglie del dicto malfactore
possa difendere la met di tucti li beni che insieme avesseno
parati e acquistati secondo usansa di sardi (Carta de Logu,
a. 1325, cap. LXXXXV; cfr. anche usansa sardischa nel
cap. LXXXXVIIII). Esempi di aggettivi etnici del suddetto
tipo in testi sardi sono elencati da Larson, Preistoria delli-
taliano esco, pp. 163-64 e spiegati come italianismi dovuti
alla lunga presenza nellisola di elementi genovesi e pisani;
cfr. anche Ravani, p. 34.
sbandire condannare, esiliare (cfr. bandire e disbandire):
rubr. II 30; rubr. II 47; rubr. II 61; rubr. II 63; I 9, 44; II 10,
302, 474, 57, 612, 63, 64; III 69.
340 Il Breve di Villa di Chiesa

sbandito sost. condannato, esiliato (vd. sbandire): rubr. II 29;


rubr. II 45; II 295, 457, 63; III 522, 70.
sboccare (anche -ch-) (una fossa) distruggere (lapertura di una
fossa): IV 303; cfr. Baudi, col. CXLVI.
scaldatoie (anche -ch-) materiale combustibile per forni: II 18;
IV 74, 96; scaldatore in I 53.
scandigliare (anche -ch-) verificare lesattezza di qsa: I 224, 416,
692; II 46; III 752, 802; IV 22, 42, 16, 232, 29, 75; anche scanda-
gliare in I 41.
scandigliatore chi verifica lesattezza di qsa: I 413; anche scan-
dagliatore in I 41.
scandigliatura (anche da) operazione di verifica (cfr. Tan-
gheroni, La citt, p. 99): I 22, 41; IV 2; anche scandaglia-
tura in I 41.
scandiglio strumento per la misurazione, scandaglio: I 69.
scapulare (anche ch, po) liberare (dei prigionieri), scarce-
rare: I 499; II 9.
scapulati scarcerati: I 49.
[scassare] arrecare danno: scassando IV 21.
sceda (< lat. scheda) scrittura notarile: III 38; cfr. negli Statu-
ti di Sassari (XIV sec.) ascedas (capp. LII, LIII), cedas (cap.
LIII), isceda (cap. CXXXIIII), sceda (cap. III); vd. anche
DES, s.v. iskeda, logudorese antico per carta, documen-
to, dallitaliano antico sceda abbozzo di scrittura, carta e
Atzori, Glossario, s.v. ascdas e isceda; cfr. inoltre sceda ne-
gli Ordinamenti della dogana del sale (1339).
scempicare saldare (un conto o un debito) (termine pisano e
lucchese secondo Rezasco, s.v.; vd. anche Ravani, p. 21):
rubr. III 55; III 55; il verbo att. nel Corpus TLIO anche nel
Breve dellarte della lana di Pisa (1304) per cui cfr. Sessa, s.v.
scensa sceda?: I 16; probabile errore di banalizzazione per sce-
da (vd.).
schiaramenti verifiche: IV 116.
scialbare imbiancare, intonacare: I 49.
sciomfa (< ted. Sunft, Sumpf: cfr. Marchese, p. XVII; Mar-
chese, col. CCLXXV; Bertoni, p. 270; Scheneberger,
p. 158; cfr. anche Lacuna, ein sumpff nel glossario latino-
germanico del De re metallica) cavit nella quale si raccol-
gono le acque della miniera, bacino di deposito: IV 902; att.
Glossario 341

nel Corpus TLIO solo nel Breve; si veda anche Tangheroni,


La citt, p. 101: sciomfe (pozze dacqua).
sciomfare (anche scion) (da sciomfa [v.] come ipotizza Nac-
ci; per Marchese, p. XVIII e Marchese col. CCLXXVI
invece direttamente dal ted. Sumpfen; anche secondo
Scheneberger, p. 158, sciomfare corrisponderebbe al ted.
smpfen, smpen) pompare fuori le acque da una miniera,
drenare, prosciugare: II 49; IV 23, 252; att. nel Corpus TLIO
solo nel Breve.
[scopare] trascinare per terra (un condannato) su un determi-
nato percorso (Artizzu, Aspetti, p. 89): scopato I 26; II 165;
IV 85.
scottino (anche -t-) scrutinio: I 283; III 24; la forma, esclusi-
va dellantico pisano (cfr. Malagoli, s.v.), att. due volte
nel Breve del porto di Cagliari (1318-1321) e due nel Breve
dellordine del mare di Pisa (1322-1351).
scritto (di bistante) vd. bistante.
scrivania ufficio dello scrivano: III 30, 48; IV 35.
sdifficiare (anche isdi, fi) privare (una fossa) dellarmatura
di sostegno (Baudi, col. CXLVI): IV 305; vd. anche lanto-
nimo edificiare.
[secco] (secce, secho, ssiccho) 1. detto di un frutto, in opposizio-
ne a fresco: III 19; 2. detto di un muro, nellespressione a s.
costruito con la sovrapposizione di pietre o mattoni senza
limpiego del cemento: IV 30, 92.
segnare (anche si) apporre il segno di una croce (nei pressi
di una fossa per indicarne la presa di possesso, linizio dei
lavori): II 75; III 87; IV 119, 123, 36; cfr. Baudi, col. CXXXV.
segnatura atto del segnare (una fossa per indicarne la presa di
possesso): IV 11; vd. anche rinfrescamento.
segno 1. segnatura (vd.): IV 123, 13, 17, 18, 36, 40; 2. cicatrice
(del volto): II 23; IV 107; signo in II 20, 22; 3. (di SantAnto-
nio): signo II 75.
semana (anche mm e si) (< fr. semaine) settimana: III 30;
IV 1, 2, 4, 7, 17, 382, 462, 654, 75, 95, 106.
sementoso (cfr. DES, s.v. semertsu, -sa agnello o capretto da
uno a due anni, AIS 1068; vd. anche Ravani, p. 37) agnello
giovane: III 142; att. nel Corpus TLIO solo nel Breve. Sulleti
mologia offerta da Spano (da semel tonsum, s.v. semen-
tsu agnello di due anni) ed inizialmente accolta da Wa-
342 Il Breve di Villa di Chiesa

gner, questultimo si ricreduto, ritenendo preferibile (DES,


s.v.) una derivazione da sementis in ragione della funzione
sessuale attribuita a tali animali dagli informatori intervi-
stati: nel Campidano sementsa brima la pecora che ha
figliato per la prima volta, sementsa vidsta quella che ha
figliato tre volte (DES, s.v. semertsu, -sa, p. 403); cfr. an-
che AIS, c. 1068 Cp. Pecora di due anni; inoltre sementusa
in ALS 4290 pecora di due anni.
sevo (< lat. sebum) grasso solido animale, specie dei ruminanti,
impiegato per la fabbricazione di candele: II 562; IV 1112;
cfr. Castellani, Stat. Ol., p. 105.
sfomate (detto di fosse) rimaste prive di fumo (dopo limpiego
del fuoco): IV 1.
sicurt (anche sig, seg, rit) garanzia: II 9, 578; III 82.
siliffare (denominale da siliffo [v.]; per Marchese, p. XV, di-
rettamente dal ted. schleifen, antico ted. sleifan, slifan) sca-
vare la roccia (sconfinando in un canale vicino): IV 23 (ha-
pax nel Corpus TLIO). Marchese nota la vicinanza seman-
tica con schleppen che nel linguaggio minerario indica un
modo di incrociarsi dei filoni metalliferi. Dunque il divieto
di siliffare avrebbe avuto lo scopo di impedire che si inter-
rompesse con uno sconfinamento una galleria che godeva di
testa franca, ovvero di particolari privilegi. Anche secondo
Scheneberger, p. 159, per il quale il verbo indicava lab-
battere il minerale, il divieto era volto ad impedire che il
canale scavato, laddove incrociava un filone, fosse indebita-
mente allargato verso destra o verso sinistra.
siliffo (forse dallantico alto ted. slifan, medio alto ted. sleifen,
sleipfen come ipotizzato da Casella, p. 104, oppure dal me-
dio alto ted. slif, slipf, schlif cascame prodotto dalla lisciatu-
ra, cumulo di materiale abbattuto come ritiene Schene-
berger, p. 158; la congettura di Baudi, col. CLXXXVIII, dal
ted. Schlick pare foneticamente inattendibile) vena ridotta
quasi in polvere frammista a terra e a frantumi di roccia: IV
222, 282, 905; il termine att. anche negli Ordinamenta (cap.
XL, p. 82 coffaro, vena et silliffone, cap. LVII, p. 89 coffari,
vene vel siliffonis) con il signif. di metallo greggio, allo sta-
to naturale, ma in quanto vi si incrociano varii filoni metalli-
feri secondo Casella p. 104, mentre secondo Milanesi, p.
709, in virt della costante unione del termine con coffarum
Glossario 343

e vena si pu congetturare che esso indichi una specie del


rame. Nacci propone di confrontare il termine con il ted.
Schliff, levigatura, affilatura, molatura, medio alto ted. slif,
poich in senso traslato si potrebbe pensare al siliffo come a
qualcosa di liscio, levigato; cfr. anche siliffare.
sindicatura esaminatura, controllo: I 34.
smarrare sradicare con la marra? (da marra zappa grossa, con
ferro largo e corto, atta a lavorare in superficie il terreno;
vd. anche DES, s.v. marra): II 18.
smirare (cfr. DEI, s.v. smerare dal prov. esmerar, lat. tardo ex-
merare; ma vd. anche Marchese, p. XX, che propone un
etimo dal medio alto ted. smiran e cfr. Scheneberger, p.
160) separare largento dal piombo, coppellare (cfr. Tan-
gheroni, La citt, p. 108): II 152, 18; IV 79.
smiratore (vd. smirare) addetto alla coppellazione: IV 80; smi-
raturi in IV 79; nellespressione maestro s. IV 79, 803; cfr.
Tangheroni, La citt, p. 109; il maestro smeratore si trova
nel Corpus TLIO anche nella Pratica della mercatura (prima
met XIV sec.); secondo quanto sostenuto in GDT, s.v. sme-
ratore il nome di mestiere, non attestato dai dizionari italia-
ni, sarebbe un derivato di smerare lustrare, pulire, registra-
to dal TB, insieme allagg. smerato e il sost. smeratezza, a
partire da Jacopone da Todi [...] ed indica probabilmente
un lavoratore metallurgico, un armaiolo.
sodo 1. agg. non lavorato: IV 21; 2. sost. monte non lavorato:
IV 12, 223 (Baudi, col. CXCIV).
soffroctare usufruttare, sfruttare (Marchese, p. XIX): IV
90; cfr. sufrutino in Doc. cors. (1365) (unaltra occorrenza
di suffructar(e) in un testo corso del 1406 ancora inedito,
come mi segnala gentilmente Pr Larson).
solido (anche ll) solo nellespressione in s. secondo un vin-
colo di solidariet (per cui ciascuno degli obbligati resta
tenuto per tutta la somma: Rezasco, s.v.): III 13; IV 59;
anche sollidu in III 13 (per u, probabile sardismo fonetico,
cfr. Ravani, p. 32).
[sopraporre] imporre (una tassa) in aggiunta: sopraposto IV
85.
soprasomma somma di denaro in eccesso o in aggiunta rispet-
to al dovuto (cfr. Baudi, col. CXXX e TLIO, s.v.): III 48; IV
45.
344 Il Breve di Villa di Chiesa

soprastante (anche su) chi ha il compito di controllare, guar-


dia (nella maggior parte dei contesti, di una prigione): I 24
ecc. (40 occ.).
sostenere (anche suste, susti) trattenere con la forza, impri-
gionare condannare, spesso nellespressione s. in persona:
I 11, 66; II 1, 14, 33; III 422, 484, 492, 512, 76, 82; IV 383, 53,
55, 62, 642; sostenno in I 66.
sostenitura trattenimento forzato: III 76.
sottomaestro (-ct-) maestro di grado inferiore: IV 39; hapax
nel Corpus TLIO.
sparrone (< ted. Sparren secondo Marchese, p. XV e Ber-
toni, p. 270; per Scheneberger, p. 160, invece dal medio
alto ted. sparre, antico alto ted. sparro trave, bastone) pun-
tello posto di traverso nei pozzi e nei fornelli per agevolare il
passaggio dei minatori: IV 162; att. nel Corpus TLIO solo nel
Breve. Come specifica Marchese, p. XV, pi che di arma-
ture in legno a sostegno delle pareti si tratterebbe nel caso
delle fosse di Villa di Chiesa, dove le vene erano solitamente
scavate in terreni sodi, di puntelli in traverso, corrispon-
denti agli odierni tiranti.
spartina corda di sparto: IV 1042.
spassatume spazzatura (cfr. spassatura III 192): II 79; per il
suffisso -ume vd. Rohlfs, 1089; il lemma att. nel Cor-
pus TLIO anche nel Commento allArte dAmare di Ovidio
(Volgarizz. A).
spendie spese: I 59.
speraglio (anche spi) pertugio (di una fossa, impiegato per la
ventilazione di questa): IV 198.
spianare 1. passare sulla superficie (del cenneracio) un rastrel-
lo: IV 79; 2. rendere comprensibile, spiegare: I 15; secon-
do Tangheroni tale disposizione era probabilmente dovuta
alla particolare complessit di alcune parti del Breve (Car-
ta de Logu, a. 1325, p. 222).
spicchare (anche -chi-) spegnere (la fiamma di una candela):
I 632.
spulcillare sverginare: II 12; spolcellasse in II 122.
staggiale forse errore per scaggiale cintura (cfr. DEI, s.v.): III
66 (hapax nel Corpus TLIO).
staglio forse errore per stagno (detto di candele): a staglio I
472.
Glossario 345

stallatico spesa per le bestie, stallaggio: IV 2.


stallo (anche l) (per Marchese, p. XVIII e Bertoni, p.
270 forse dal ted. Staller; per Nacci dal ted. stall stalla,
luogo con il signif. esteso di persona addetta ad un luogo
generico) persona delegata allassistenza dei lavori? (che
riceveva dai maestri del monte [v.] lincarico di rivedere le
fosse, ossia di verificare lapplicazione nelle miniere delle
norme stabilite dai maestri stessi): IV 22. In disaccordo con
linterpretazione del termine come germanismo, Schene
berger glossa permanenza, indugio, argomentando che a
suo parere il Breve vietava semplicemente ai Maestri del
monte di fermarsi pi del dovuto nei posti fuori citt, dove
svolgevano le loro mansioni pubbliche e di aumentare cos
illecitamente lonorario (Scheneberger, p. 160).
stantiale (anche nc) nellespressione partito s.: IV 2, 3, 86; cfr.
stantiale negli Ordinamenta; Casella, p. 104, glossa stan-
tiale partitum (e stantialia partita) la camera di sfondo di
una galleria o di un pozzo; i termini stantiales sarebbero le
divisioni o termini o limiti fissati per tenere separati e distin-
ti gli sfondi comuni di gallerie limitrofe; secondo Baudi,
col. CLXXVI, i partiti stanziali erano i limiti definitivi fra
due fosse, diversi da quelli provvisori che si rizzavano al
primo istante, affinch intanto con danno vicendevole non
restassero interrotti i lavori delle due fosse.
starello misura di capacit per cereali: III 172, 18, 26, 75; IV
77; starella in III 263, 75, 872. Si tratta di un diminutivo di
staio, come rilevato nel GDT, s.v. starella, non registrato
dai dizionari italiani e attestato anche nel Breve del porto
di Cagliari (1318-1321). Pi avanti in GDT si nota che Il
plurale starellas della carta del 1199 pare indicare una forma
singolare *starella, probabilmente rifatta sul plurale di tipo
neutro in -a (che sembrerebbe la forma originaria: cfr. staio
/ staia) presente nei due brevi.
statea bilancia a un solo piatto (cfr. Edler, s.v. stadera): I 41
ecc. (22 occ.); per le mercanzie da 50 libbre in su, eccetto
largento, la vendita era considerata allingrosso e si utiliz-
zava pertanto la statea grossa (Baudi, col. CCXXXII, n. 2).
stazina (anche ) sequestro, pignoramento: I 43 ecc. (36
occ.); stasina in I 9, 43; III 8; stasine in I 9; III 8; cfr. Cor-
vetto, p. 885 e Malagoli, s.v. La forma staine di III 42
346 Il Breve di Villa di Chiesa

(possano fare staine ogni cosa) potrebbe essere un errore


per staire.
stazire pignorare, sequestrare: III 426, 438, 49, 52, 57; stasite in
III 42; cfr. Corvetto, p. 885; vd. anche istasire negli Statuti
di Sassari (XIV sec.), p. 119 e stazire nel Malagoli, s.v.
stenere (anche ext) trattenere con la forza: I 28; II 13, 28, 48;
III 49, 50, 69, 76; IV 53, 120; stenno part. pass. in III 73; cfr.
anche sostenere.
stimatori (anche ext) coloro che hanno il compito di valutare
(una spesa, un bene, un danno): I 35, 452, 68, 70; III 44; IV
40, 55; stimaturi in I 35; II 48.
stinimento distenimento, detenzione (vd. stenere): III 76.
[stonfo] (stonfa, stonfi) (forse dal ted. Stufe, Stuffe, dal verbo stu-
fon: cfr. Marchese, p. XVIII; Marchese, col. CCLXXVI-
CCLXXVII; Scheneberger, p. 160) segno inciso nella
roccia per la misurazione dei lavori sotterranei (cfr. stuffe
nel glossario latino-germanico del De re metallica: signo in
saxum inciso pa(n)gere terminos, ein stuffe schlaben): IV
2; att. nel Corpus TLIO solo nel Breve. Per Marchese, p.
XVIII, la derivazione etimologica soddisfa pienamente al
senso del Breve, il quale prescrive quale sia lonorario dovu-
to ai misuratori o cordeggiatori nelle fosse. Il termine era
rimasto oscuro a Baudi di Vesme che ipotizz il signif. di
visita, o verifica sul luogo (Baudi, col. CLXXXII).
suoro sorella: II 29 (metaplasmo di declinazione: cfr. Castel-
lani, Gr. stor., p. 313).

tabacchi cestelli, piattini forati al centro per raccogliere la cera


fusa delle candele?: I 63; Pellegrini, Arabismi, p. 161, re-
gistra lo spagnolo tabaque cestillo att. in un documento
aragonese anteriore al 1331, istituendo un confronto con il
ligure tabacco specie di recipiente di legno.
targia targa, scudo rettangolare (franc. ant. targe, prov. ant.
targa e tarja, dal franco *targa scudo: cfr. Castellani,
Gr. stor., p. 115): I 31.
taule 1. tavole: I 25; IV 162; 2. gioco con pedine o dadi su un
tavoliere, dama: II 93 (cfr. Todde, p. 415).
tauliere tavoliere: I 12; II 9.
taulito tavolato: I 722; II 74.
tavelle (anche i) mattoni piani da tetto: III 723; cfr. Mala-
Glossario 347

goli, s.v.: sorta di materiale murario: mattone di minor


grossezza.
taverna macelleria (accezione toscano occidentale: cfr. infra la
voce tavernaio): III 282, 292.
tavernaio (anche aro, vi) macellaio (vd. taverna): I 47; II
58, 675; III 1412, 152, 283, 294; come osserva Tolaini, p. 101, a
Pisa i tabernarii erano macellai e le loro botteghe macellerie.
tegoloccio (<da tegolo; si pu confrontare il termine con il ted.
ant. tegel, ted. Tiegel seguendo Marchese, p. XX, Caccia-
glia, p. 57 e Scheneberger, p. 161; si veda anche cati-
nus, tiegel nel glossario latino-germanico del De re metalli-
ca) recipiente usato per la fusione di metalli: IV 1002.
tempagno coperchio e fondo (di un barile) (cfr. Ravani, p.
38): III 21.
tenere sost. possesso di beni dato o preso per via di giustizia
(Rezasco, s.v. tenere sost. e tenuta): rubr. II 28; rubr. III 44;
rubr. III 46; I 92, 436; II 42, 285; III 42, 7, 30, 343, 423, 4413, 45,
466, 52; IV 554.
tenero nellespressione lavoro di t. scavo in un terreno friabi-
le: IV 26; era frequente che argille ferruginose pi tenere
accompagnassero le mineralizzazioni: cfr. Ghiani, p. 159.
tenore contenuto, soggetto: I 9.
terrafine esilio: II 5; nellespressione mandare a t. esiliare: II
5; il termine, diffuso insieme al verbo terrafinare in antichi
testi (cfr., per citare solo qualche es., terrofini nei Testi pist.,
terrafine nel Breve del Pop. di Pisa (1330) e lespressione
mandare a t. nello Stat. Perugia del 1342) si trova anche ne-
gli Statuti di Sassari (XIV sec.), cap. LXXXV (cfr. DES, s.v. e
Atzori, Glossario, s.v. terrafinare e terrafine).
terramagnese (dal sardo trra mnna terra ferma, continente:
DES, s.v. trra; cfr. anche Ravani, p. 35 e TLIO, s.v. terra-
magnese) abitante del continente (in opposizione ai sardi):
I 16; II 17; III 2, 3; negli Statuti di Sassari (XIV sec.) oltre
a terra manna, terramangnesos, e terramangesu att. an-
che terramagniscu, forse formazione indigena, analoga al
sardiscu, dal toscano sardesco (Larson, Preistoria delli-
taliano esco, p. 164 e vd. supra la voce sardisco); unaltra
attestazione di terramagnese si trova nella Carta de Logu, a.
1325, cap. VII (per ess. sardi medievali di terramangeso, ter-
ramangiscu e terramanna si rinvia ad Atzori, Glossario); si
348 Il Breve di Villa di Chiesa

veda anche lantroponimo Terramagnin in una poesia ano-


nima (forse di Meo Abbracciavacca) della seconda met del
XIII sec., edita da Contini, PD, I, pp. 329-30.
testa estremit anteriore o inferiore di uno scavo minerario:
IV 233, 27; si omettono gli ess. dellaccezione comune.
testula vaso (DEI, s.v. tstola): II 73.
tettarello (anche ti, -ct-) piccolo tetto: I 253; III 232; come
spiega Tangheroni, La citt, p. 141, i tictarelli servivano a
creare dei piccoli porticati davanti alle case.
tintillo (-ct-) suono di una campana: I 433.
tirari nellespressione t. monte estrarre (la roccia) (Baudi, col.
CLIII, CLVI): IV 1.
tortesse (e issi) candele attorcigliate (DEI, s.v. tortizzo e Ma-
lagoli s.v. tortisso): I 372.
tortissi vd. tortesse.
traficamento traffico, commercio: III 2; hapax nel Corpus
TLIO.
traggere 1. trarre, far uscire (traggere per trarre costante
in pisano e lucchese antichi: cfr. Castellani, Gr. stor., p.
344, n. 181): I 31, 40, 523, 53, 672, 70; II 19; III 17, 47, 71;
IV 192, 72, 88; tracto in I 49; nelle espressioni t. al die una
vena estrarre minerale (tracto IV 17) e t. a fine (largento)
raffinare (tracto IV 732); 2. tirare (per i capelli): trahessi
in II 22.
trattatori (sempre -ct-) lavoratori addetti alle operazioni di fu-
sione del minerale: rubr. IV 79; IV 792, 802.
traxedare (da tragetum?; cfr. DEI, s.v. tragittare) far passare
(parti di un libro vecchio in uno nuovo), trascrivere: III 30.
trenta (da confrontare con il ted. Trennen dividere secondo
Baudi, col. CV, Artizzu, Aspetti, p. 91, Braunstein, p.
291 e Cacciaglia, p. 57; per Scheneberger, pp. 161-
62, derivato dal numero delle 32 azioni in cui era suddivisa
ciascuna propriet di una miniera: vd. infra) quota di pos
sesso, azione della compagnia che sfruttava la miniera: I 62,
74, 142, 352, 42; III 7, 8, 122, 307, 31, 4414, 53, 543, 60, 65; IV
1019, 145, 303, 33, 382, 43, 443, 473, 49, 5412, 56, 574, 593, 603,
61, 647, 65, 83, 88, 943, 984, 1023, 121; trenti in III 30, 57;
cfr. trenta negli Ordinamenta che Casella, p. 104, glossa
una delle azioni della compagnia, che imprendeva lo sfrut
tamento della miniera. Secondo Scheneberger, p. 162,
Glossario 349

sarebbe immotivata lobiezione mossa da Baudi di Vesme


alla derivazione dal numero 30 solo perch le trente erano
trentadue. Lipotesi che limpiego del termine trenta fosse
pi economico rispetto alla frequente ripetizione di tren-
taduesima parte sarebbe a suo parere confortata dal paral-
lelo individuato in un testo ceco del 1579, dove si legge che
le trentaduesime parti venivano indicate brevemente come
trziczat, ovvero trenta.
truogora (< longob. Trog recipiente: cfr. Marchese, p. XIX
e Castellani, Gr. stor., p. 81) recipienti di legno impiegati
per la raccolta delle vene metallifere (per la lavatura della
vena, invece, secondo Baudi, col. CXCIII, ma vd. infra): III
43; nelle espressioni lavoratore di t. e fancello di t. (I 47; II
7; IV 462), ad indicare i cernitori del minerale estratto dalla
fossa alla cui bocca avveniva direttamente la raccolta negli
appositi recipienti. Secondo Tangheroni, La citt, p. 108,
n. 53 i fancelli de truogora erano gli apprendisti-minatori,
lavoratori, di basso rango, che prestavano il loro servizio
presso le miniere (p. 205). Il lemma att. nella forma del
neutro plur. solo nel Breve (altri ess. in TLIO, s.v. truogo). Gli
ess. offerti dallo Statuto de cuoiai e calzolai (1329) (truoghi,
ne quali le cuoia saconciano) e dal Costituto del comune
di Siena volg. (1309-1310) (lavatoio et truoghi et guazatoi:
secondo Lisini canale aperto per limmissione delle acque
nelle fonti ma forse vasca) confrontati con truogora, o di
piasse da lavar la vena di III 43 potrebbero indurre ad acco-
gliere lipotesi semantica di Baudi (vd. supra) ma Marchese
(Marchese1, p. XIX, Marchese, col. CCLXXVIII) argo-
menta che i fancelli di t., designati nel testo come lavoranti
alla bocca delle fosse, non potevano essere i lavatori della
vena, poich questa veniva trasportata per tale operazione
lungo i torrenti (come Canadonica) in apposite piazze (vd.
piasse da/di lavare s.v. piassa).
tulani operai generici?: I 47 (hapax nel Corpus TLIO). Tan-
gheroni riprende lopinione di Marchese (Marchese, p.
XX, Marchese, col. CCLXXX) osservando che quanto ai
tulani non possibile dire niente (Tangheroni, La citt,
p. 205) e che la parola potrebbe essere incompleta per errore
del copista. Lo storico ritiene comunque verosimile linter-
pretazione del Baudi di Vesme secondo cui i t. sarebbero gli
350 Il Breve di Villa di Chiesa

addetti alla lavatura della vena, oppure, pi che di operai


specializzati in tale attivit, si tratterebbe di una numerosa
e poco qualificata manodopera addetta anche ad altri pi
generici servizi. Rispetto alla rassegnazione regnante nella
letteratura sul Breve riguardo alletimologia del termine,
Scheneberger, p. 156, propone il confronto con una
parola tedesca registrata nel DWB con le sue numerose va-
rianti dole, dol, dolen, dohlen, dohle, dolle, dlle, dlen, tole,
tolen, dule, duhlen e tulen scolo, canale, acquedotto, con-
getturando il signif. di lavoratori addetti alla costruzione e
manutenzione dei canali.

uopo vd. vuopo.


uova: II 69; vuova in III 19 (cfr. Castellani, Gr. stor., p. 310).

[valicare] 1. (detto di giorni) trascorrere, superare: II 61; III


34, 43, 44, 47; 2. (detto di fosse o bottini) scavare fino al
raggiungimento della vena (Baudi, col. CXLVII): IV 15;
varicata in IV 15, 22; varicato in IV 24; nella medesima ac-
cezione il varcare degli Ordinamenta (Casella, p. 104).
valsente (dal tema del perfetto: cfr. Rohlfs, 619) disponibi-
lit economica, valore, prezzo (DEI e Rezasco, s.v.): I 362,
75; II 16, 67; III 64; IV 12; valescente in I 72; femm. in II 16.
[vastare] bastare, att. solo al cong. pres. di 3 sing.: I 1, 32, 72; II
5, 30; III 14, 443, 58; IV 172; per la forma toscano-occidentale
vastare cfr. Castellani, Gr. stor., p. 344.
vedua vedova: II 74; cfr. il sost. viduit vedovanza, att. nel
Corpus TLIO in testi pisani come nella Epistola di san Giro-
lamo (a. 1342), in Guido da Pisa, Fatti di Enea (prima met
XIV sec.) e in Francesco da Buti (1385-1395).
vena 1. minerale greggio ancora commisto con corpi metallici
o terrosi (cfr. Casella, p. 104): rubr. II 44 ecc. (220 occ.);
veni in IV 95; nelle espressioni v. gentile minerale di mi-
gliore qualit: IV 642 (cfr. Tangheroni, La citt, p. 100, n.
19); v. lorda: IV 43, 52; v. rossa: IV 642, 89, per cui cfr. Tan-
gheroni, La citt, p. 100, n. 19 che ritiene il termine, in
assenza di indicazioni geologiche che possano giustificare la
denominazione coloristica, assimilabile alla v. grossa vena
in pezzi, grossame (IV 89) come ipotizzato da Baudi, col.
CLXXXVII. Se la presenza della v. grossa nello stesso cap. (IV
Glossario 351

89) induce a ritenere plausibile lipotesi di Baudi di Vesme


e Tangheroni, si pu tuttavia osservare che nel libro quinto
del De re metallica si trova largentum rude rubrum (ovvero
argento rosso grezzo), forse identificabile con la pyrargy-
rite (Hoover - Hoover, p. 108), minerale di colore rosso
scuro abbastanza raro ma reperito in alcune miniere sarde,
utile per lestrazione dellargento (cfr. de Michele, p. 171).
Inoltre Ramin, p. 146, traducendo un passo della Storia Na-
turale di Plinio (XXXIII, 31, 95) in cui si dice che il minerale
grezzo dargento talora rosso, talora color cenere, osserva
che la terra rossa potrebbe essere la pyrargyrite. Nella stessa
Storia Naturale (XXXIII, 31, 98) si legge peraltro che Ar-
genti vena in summo reperta crudaria appellatur, termine
per il quale Rosati ipotizza una connessione alla radice di
cruor, sangue, forse con riferimento al colore del minerale
grezzo (le venae crudariae si trovano anche nellIndice terzo
del De re metallica). La v. rossa del Breve potrebbe quindi
essere una vena superficiale; 2. nellaccezione comune: II 42.
vento ventilazione (della fossa mineraria): IV 192, 2013; cfr.
ventus negli Ordinamenta (che Casella, p. 104, glossa
ventilazione della fossa). Come osservato in Baldinacci-
Fabretti, p. 158, la circolazione daria era sicuramente pro-
dotta da una particolare disposizione di gallerie e cunicoli.
vesco vescovo: II 8; la forma visco di I 40 un interessante
esempio di probabile contaminazione fonetica fra il tipo
pisano apocopato (cfr. Castellani, Gr. stor., p. 347) e -i-
tonica dovuta allinflusso del sardo (cfr. Ravani, p. 27 e vd.
anche arcivesco).
vinaiuola (e iul) vinaia: II 94, 464.
vinaiuolo vinaio (Malagoli, s.v.): I 472; II 94, 469, 72.
vitusto agnello di tre anni (DES, s.v. vetstu, -a; cfr. anche AIS,
c. 1068, Leg. F. I pecora che non ha ancora partorito; cfr.
Ravani, p. 37): III 14; inoltre, con betacismo iniziale, bitu-
sto III 14 (per cui cfr. Ravani, p. 33); att. nel Corpus TLIO
solo nel Breve; si osservi che lorigine, dal lat. vetustus, la
stessa di bedusta terreno incolto (per cui cfr. GDT, s.v.); cfr.
anche bitusta in ALS 4291 capra di due anni.
[vivo] (viva, vive) 1. (detto di una via) libera: IV 20; 2. nellac-
cezione comune: II 672.
vivoli (< lat. medievale vivulae: DEI, s.v. vivole) infiamma-
352 Il Breve di Villa di Chiesa

zione delle parotidi del cavallo (cfr. Trolli, p. 36): III 58;
il lemma att. nel Corpus TLIO anche nella Mascalcia di
Giordano Ruffo volg. in sic. (a. 1368) e nella sabina Mascalcia
di Lorenzo Rusio volg. (fine XIV sec.).
voito agg. e sost. 1. agg. (detto di botte): I 52; 2. agg. (detto di
una mano) disarmata: II 213, 23, 32; 3. agg. (detto di lavo-
riere): IV 34 (vd. pieno); 4. agg. in parte votta (I 34) e terre
voyte (III 33) zone non edificate, sgombre da costruzioni;
5. sost. terreno non edificato: voyto overo casalino III 33;
per le espressioni avere via, andare sotto in v. e/o in pieno si
veda pieno.
vuopo uopo: II 38; IV 4; vuo in I 6 ecc. (372 occ.); per la pro-
stesi di v-, tratto toscano-occidentale, cfr. Castellani, Gr.
stor., p. 310.

zara (-) tipo di gioco con tre dadi: I 11.