Sei sulla pagina 1di 32

CHICANE DEL MORO, DELL'AVVOLTOIO

E DEL
CANE - CON,UN VOLO DI ELICOTTERO I-
NIZIALE. "i

1. Un moro? S1, un moro


un moro in elicottero
col sottosegretario Zamberletti
guardava il Friuli terremotato
volando sopra i tetti
guardava paesi in piedi
ma con piedi addolorati
e quelli tutti travolti
il gi per terra bianchi divorati.
Qui bisogna provvedere
con le solite leggi eccezionali
promettere molti miliardi
a questi bravi ragazzi .
- poi voltandosi al sottosegretario -
per ritorniamo presto a Roma
Ho nove incontri oggi in calendario.
b mi dica che vuole questo Agnelli bimestrale
giugno-luglio 1976
che si presenta candidato? spediz. in abbon.
posto gruppo IV
Donat Cattin lo permette?
non ha paura di restare fregato?
Ma vedremo domani.
E..si fregava le mani. _'_"_. __ ~~_-:'" __
2. E un cavallo di razza?
un uomo brizzolato?
parente di ciuccio
e per giunta addormentato?
Non ha mai lavorato
o ha lavorato solo per insabbiare L.500
, per spezzare le parole. da non dire
con una bocca strascicata
piena di saliva da deglutire.
Sguardo da pesce fritto.
Affossatore di ogni _respiro che fa progredire.
3. Il moro era sempre accompagnato
dal!' avvoltoio
e aveva il nano appresso
nonch il gobbo, un ispido buffone,
e il cane di marmellata.
Questo quintetto viveva alla giornata
ma dur dieci anni e dieci e dieci
per le nostre contrade a imperversare. d
Un giorno il cane si mise a ululare 0'/ /
e mor all'improvviso morso da un'ape, o
il gobbo divor la marmellata O
spalmandola sul VISO al nano
che trafisse il gobbo con la spada.
Sulla spada con un grande volo
cal l'avvoltoio per la cova
per quando fu il tempo
il moro che era in sella
lui da solo divor le uova.
Ultima sua impresa a cuor leggero.
Fatto prigioniero
da pirati urcheschi
fu portato ontano ~'
f:l:
'.

e punito col taglio di una mano. '_____ .


L'avvoltoio (il solo che viveva)'~ ~
lasci la spada arrugginire ~~
nella pancia del gobbo
nel cuore del nano
e nell'intestino del cane.
Intanto il paese pulito dalle acque
in poco tempo, dissero, rinacque.
A Longarone, Belice, Gemona,
a Firenze, nel Delta,
a Melfi, Casamicciola, Salerno
finalmente fu fatta giustizia
e quel paese di merda
divent giardino di delizia.
Ah, sii seppellirono tutte le carogne
gi giin gola al mare
perch il mare insonne le inghiottisse
n le potesse nevermore sputare.
Roberto Roversi

2
Assenti e dappertutto

Da un dibattito con Benotte Groulti au- mettermi in lotta e mi sono accorta che potevo
trice di Ainsi sot-elle, pubblicato dalle esserci davvero in questa lotta solo se ponevo il
ditions des femmes) registrato il6 di- problema delle donne. Non mi sono chiesta se
cembre 1975 alla maison pour tous di era femminismo o no. Ho cercato, passo passo,
Les clayes sous bois. Trad. ciclostilo da di capire dove le cose non funzionavano, o che
Le quotidien des femmes, 6.3.76. cosa non funzionava, da che cosa ero profon-
damente oppressa. E tra l'altro mi parso
chiaro ben presto che una delle cose che mi
opprimevano poteva ben essere una certa ideo-
logia femminista, un certo numero di modelli.
una donna: Anche questa ideologia femminista poteva
Nel suo libro, lei dice contemporaneamente di schiacci armi . su certi punti e opprimermi in
essere diventata femminista, di aver scritto quanto donna che cercava di dire i suoi campi
questo libro e di non essere nel MLF ... di lotta, i propri momenti di contraddizione, le
proprie oppressioni.:
Benote:
L'MLF mi sembra che sia la punta di diaman- Beno1te:
te del femminismo. :g qualcosa che ha sensibi- lo capisco che potesse opprimerla l'ideologia
lizzato molto donne, sia in modo negativo, sia. maschile, l'ideologia della societ, l'immagine
in modo simpatizzante con i problemi femmi- della donna unicamente madre, unicamente in
nili. lo credo che lo specifico delle donne spes- casa, tenuta da parte dalla vita sociale; ma l'i-
so sia di non aver preso coscienza della propria deologia femminista? Devo dire che non capi-
situazione, di aver creduto che i propri proble- sco.
mi fossero dei problemi individuali, dei proble-
mi di coppia, dei problemi di classe. Grazie al- una donna:
l'MLF, certamente, esse hanno preso coscienza lo penso che l dove c' una ideologia c' una
che esiste un problema femminile, che hanno' immagine, e ci che il femminismo proponeva
degli interessi comuni. Escono finalmente dal era, contro una immagine, un'altra. C' qual-
loro isolamento, io credo. Senn che differenza cosa, finch da qualche parte esiste questa
vede lei? Tutte le donne dell'MLF sono femmi- donna che sono, o che non sono ancora, che
niste, no? non sar mai forse, c' qualcosa che rifiutava
un certo numero di immagini che venivano
una donna: proposte. Al posto delle cattive immagini, sa-
Eh no. :g molto difficile da dire ma bisogna rebbero state le buone immagini, se vuole, e
tentare di dirlo - se non di arrivarci. lo credo bisognerebbe andarsi a leggere tutti i testi fem-
di non essere mai stata femminista. di non es- ministi per vedere quali sono le nuove immagi-
serIo mai diventata. Il diventarlo, sarebbe stato ni proposte e sapere se molte donne desiderano
effettivamente entrare in qualcosa che esisteva. cos cambiare di immagine.
L'ho sempre saputo che il femminismo c'era. ... Mi considero non appartenente a nessun i-
Non ho mai potuto aderire a una ideologia smo, E credo che sia urio dei passi fondamen-
femminista. Nel maggio 68 avvenuto un sov- tali delle donne in lotta. Non mi seduce nessun
vertimento certo, ideologico, politico, sociale, ismo, n il trotzkismo, n il marxismo, n il
una riattivazione delle lotte di classe, qualcosa femminismo, n il socialismo.
di molto profondamente sconvolgente che ha Il femminismo con la F maiuscola e l'ISMO
messo davvero a nudo un certo numero di pro- maiuscolo rispunta per rimettere in c1ausura,
blemi e in particolare - dato che partito da per limitare in qualche modo qualcosa che na-
Nanterre - i problemi della sessualt. :g sue- sce, che rinasce, tutti i giorni.
cesso che in quel ~omentoio abbia potuto ( ... )
3
Benote: dizioni domestiche? Si sono staccate da tutto
lo ho cominciato il mio libro senza dirmi chiara- ci?
mente che ero diventata una donna in lotta e poi una donna:
man mano che scrivevo, mi ci appassionavo sem- Certamente. C' qualcosa di equivalente a ci
pre di pi, mi sentivo sempre pi convinta della
, che qui chiameremmo unisex, 'e che laggi sa-
necessit di lottare. Quando si comincia a studia-
rebbe piuttosto l'unisoggetto, o se vuole l'uni-
re questi problemi, non si pu pi, assolutamente
pi tornare a cuccia, come hanno tentato di con- lavoratore. Si sta realizzando un processo di vi-
sigliarcidi fare alla fine dell'anno. rilizzazione generalizzata. Cio esse trovano la
loro identit dalla parte dell'uomo forte, del
valoroso guerriero dell'armata cinese, la trovano
una donna: nell'ambito di un modello maschile.
La casualit della storia, sempre lei, ha voluto
che nello stesso anno, per esempio, le prostitu- Benote:
re facessero parlare di s. Siamo tutte prosti- ( ...)
tute uno slogan del movimento, e anche lei Dei valori femminili ne avremo bisogno, do-
Benote lo dice in Ainsi soit-elle. Sappiamo di vunque essi si trovino.
essere state vendute come merce perch siamo
donne, e le donne circolano come degli oggetti una donna:
- non necessariamente di desiderio - come Sono completamente d'accordo con lei: ne a-
una carne tra maschi che detengono il discor- vremo bisogno, ma temo fortemente che il
so. Tutti lo sentono dentro al proprio corpo, 0- ' cammino della storia si faccia mediante una
gni donna lo sa. Non il caso di appellarsi al cancellazione sistematica, un autentico genoci-
tale o talaltro padre antropologo o etnologo. Le dio delle donne e della differenza. Si pu di-
prostitute sono scese in lotta, ma quando di- ventare femminili, si pu diventare femministe,
ciamo siamo tutte prostitute cosa viene dopo? ma credo che si rischi di non poter mai diven-
Bisogna liberalizzare la prostituzione o invece, tare donne. g una paura ...
quando diciamo siamo tutte prostitute ci ag-
giungiamo che non vogliamo pi essere tutte Benote:
prostitute? A questo punto, quando il proble- Pero un'evoluzione c'. In altri tempi nessuno
ma si pone storicamente, ci sono i rapporti di si sarebbe sognato di parlare contro la guerra.
forza, la lotta politica, il rapporto col potere e Era la faccenda pi nobile.
le stesse donne che l'hanno posto avranno delle
difficolt a risolvere il problema come magari una donna:
vorrebbero. Mi sembra che ci sia un pericolo C' forse un 'altra maniera di fare la guerra, molto
nel femminismo: la liberazione delle donne d- pi sorniona, pi profonda, molto pi assassina e
venta una specie di liberalizzazione a un livello definitiva. C' una distruzione sistematica di quei
infinitamente pi astratto, ideologico, simboli- valori arcaici che rischiano di introdurre una dif-
co, cio che le donne hanno energia mai u tiliz- ferenza l dove tutto deve farsi totalizzante.
zata prima, e pu succedere anche per una
produzione socialista. In Cina le donne guida- Benote: ,
no le locomotive da Shangai e da Canton, han- Ma ci sono gi delle prese di coscienza, ci sono
no tutti i posti che qui si rifiutano loro - posti dei movimenti che esistono e che non credo si
di lavoro alla produzione. Esse alimentano un lasceranno ridurre, al contrario. Credo che
certo tipo di produzione, sono prese da una stiamo per vivere un momento estremamente
stru ttura che si d il caso sia una struttura so- difficile; c' una nuovo tipo di rapporti da sta-
cialista e forniscono energia per qualcosa che bilire tra gli uomini e le donne e ci saranno
non le riguarda necessariamente, o le riguarda parecchi feriti e morti in questa battaglia ... Si
come lavoratori prima che come donne. dice talvolta che il femminismo, le idee nuove,
( ...) portano alla rottura della famiglia e della cop-
pia. Come vede lei il futuro da questo punto di
Benote: vista?
Ma le donne cinesi sono andate avanti rispetto
al piano abituale delle donne, della donna ma- una donna:
dre, della donna custode delle virt e delle tra- lo vedo sopratutto il presente, tutto questo
4
tempo, e mi sembra che ci sia un ritorno al- con questo desiderio profondo che qualcosa di
l'ordine assolutamente organizzato, sistematiz- differente - che non ha mai avuto posto, che
zato. sempre stato censurato, che non ha mai avu-
Mi sembra che ci sia una vasta manovra, un to diritto di cittadinanza, di parola, di presen-
grande accerchiamento da parte del potere l za nella storia - appaia. E le forze del potere
dove esso . S il potere imperialista, il potere che hanno sempre operato questa censura si
capitalista, il potere fallocratico che si ri- organizzano molto molto velocemente per ca-
stru ttura senza sosta, che si rialimenta senza nalizzare, per far s che questa funzione di
che niente effettivamente possa muoversi, che nuovo, apporti di nuovo acqua allo stesso mu-
si muova diversamente; il potere che si ri- lino nelle strutture che devono continuare a
struttura, che pompa, che sfrutta e si alimenta funzionare.
degli sconvolgimenti per farli diventare qualco- ( ...)
sa di liberale. S evidente che non sia stato elet-
to Mitterand alle ultime elezioni. ... Benolte:
lo, io vedo le donne molto pi simili agli uomi-
Benolte: ni, le vedo cadere nelle stesse trappole e corre-
A causa del voto delle donne. re gli stessi rischi.

una donna: una donna:


No, non a causa del voto delle donne, a causa Si cade nelle stesse trappole perch non c' che
di una non politicizzazione, una specie di iner- un solo linguaggio mentre ci sono due corpi di-
zia, di apatia, di privazione di potere politico e versamente sessuati e che sono entrambi preda
di possibilit di agire ... Ma io credo profonda- dello stesso linguaggio. Vi - una sola societ,
mente che le lotte delle donne si articolino alle una sola economia sessuale che domina: una
lotte di classe e alle lotte antiimperialiste. In- societ maschile universale. C' un discorso che
somma per me il problema : si pu essere una appunto la conseguenza del rapporto di
donna in lotta ed essere radicalmente antifem- sfruttamento che il potere ha instaurato sul
minista? Credo che debba essere teoricamente corpo, la carne, ci che vive: l'astrazione, l'i-
possibile, dato che la mia posizione, esatta- dea sulla materia. S il che bisogna condurre u-
mente come si deve poter essere ebrei ed essere na lotta, per far scoppiare questa struttura u-
radicalmente antisionisti. S chiaro? niforme di discorso, di parola, di linguaggio
Credo che ci sono degli ebrei che devono essere che aliena il corpo, che lo sfrutta, che se ne a-
radicalmente antisionisti e che sanno di essere limenta. Una lotta da fare perch, nei fatti, dei
ebrei non per reintrodurre una nozione di clas- corpi viventi, differentemente sessuati, con una
se o di etnia o di razza, ma per cercare di con- forza lavoro differente, possano far andare in
tinuare a elaborare qualcosa che dell'ordine pezzi tutto quello che ci si immagina oggi al
della differenza e che stata sempre vissuta mondo, dalla Cina agli Stati Uniti passando
storicamente come disuguaglianza e momento per l'Africa.
di repressione. lo credo che essere donna non
mai esistito, questo stato il luogo veramente Benote:
censurato, il luogo della repressione radicale. Ma questo, che le cose vadano in pezzi, molti
giovani, molti uomini se lo augurano ugual-
mente. Non un desiderio unicamente femmi-
nile.

una donna:
Sicuramente. S un desiderio, io direi, quasi fi-
sico, carnale, dovunque ci sia vita; ed appun-
Ma sotto questa repressione, sotto questa cen- to qui che c' qualcosa della differenza tra i
sura, c' una differenza alla quale io tengo pi sessi che rimanda a un tipo di sfruttamento
che alla mia vita, una questione di vita o di ancora pi profondo. Lo sfruttamento dei pro-
morte, e che non mi far mai assumere nessun letari da parte dei capitalisti, della gente di co-
partito preso ideologico, mai entrare in nessu- lore da parte dei bianchi, delle donne da parte
na terra promessa, qualunque essa sia. lo cre- degli uomini: io credo che ci sia uno sfrutta-
do che ogni donna che si mette in lotta parte mento simbolico ancora pi importante che ri-
5
guarda le donne: lo sfruttamento del corpo, di Benolte Groult, vorrei che passasse anche
del corpo vivo, del corpo materia da parte del nel lavoro.
discorso, da parte della parola, da parte delle Si cerca sempre di farsi valere un po' quando
idee, da parte dell'astrazione che riducono ogni si donne e si in mezzo a degli uomini.
desiderio e lo rinchiudono. E questo concerne Qualche volta questo avviene a scapito delle al-
sia gli uomini che le donne. tre donne che sono li: si cerca di comportarci
come un uomo, o se no di piacere agli uomini.
Benote: Vorrei che le donne lottassero contro questo.
Ma allora come fate voi dell'MLF, non siete un
movimento detto femminista? una donna:
lo credo anche che ci a cui lei allude la ses-
una donna: sualizzazione del lavoro, cio che veramente il
No, credo che la prima volta che circolato in pi grande crimine che stato fatto contro le
un'assemblea generale del MLF un testo che donne di averle utilizzate perch _sidistrugga-
diceva per un movimento femminista rivolu- no tra di loro, di averle messe in situazione di
zionario credo che una gran parte delle donne rivalit. Ed una delle cose che temo ugual-
presenti siano insorte contro questa specie di mente del femminismo: che ci sia una promo-
monopolizzazione. In questo momento esiste zione come questa delle donne a scapito di ci
un movimento, non so se' l'MLF o no. che continuer ad essere sfruttato, cio di altre
L'MLF, non siamo noi che ci siamo date que- .donne per esempio. Le donne dirigenti contro
sta definizione. La gente l'ha subito chiamato le donne operaie, le donne borghesi contro le
Movimento di Liberazione delle donne e ci sia- donne di servizio, le donne francesi contro le
mo accorte che eravamo noi, noi che ci run- donne spagnole che sono anche donne di servi--
vamo... Si parlava, si programmavano delle e- zio. Cosa che ricalca tutti i tratti di classe e di
splosioni terribili, delle bombe dovunque... si razza.
voleva spaccare tutto, per fortuna. Oggi ci sono
gruppi di donne proprio dappertutto. Ce n' ( ) ...
che si chiamano donne in lotta, donne lavo-
ratrici in lotta, che si definiscono forse come lo credo che sia una fortuna per le lotte di
trotzkiste, o in- altro modo, ci sono molti altri i- classe e le lotte antiimperialiste, che sia un
smi ancora, e ci sono donne che sono fuori da momento di maturit in pi che questa 'nuova
tutti questi ismi e che rifiutano davvero ogni e- lotta si scopra, questa lotta contro le strutture
tichetta. ~ l'opinione pubblica, la faciloneria e simboliche del potere. Porre la questione a ro-
i mass-media oltre al resto che amalgamano tut- vescio, per esempio, non c'entrate niente con le
to ci sotto l'appellativo globale di femmini- lotte di classe, non c'entrate niente con le lotte
smo. Molte donne non sono ancora al punto di antiimperialiste, non materialista. Il materia-
sapere se questo o un altro il modello che vo- lismo storico dice che ad un certo punto della
gliono, esse vogliono semplicemente cominciare storia appare quella certa lotta. Essa pu esse-
a nascere e a rinascere ogni mattina. re completamente sviata, stornata e pu servire
il potere se non si vigilanti e se non si sta at-
...
( )
tente all'articolazione precisa di questi tre livel-
Ieri sera facevamo una riunione sul femmini- li di lotta, se non si cerca di comprendere ci
smo. Ci siamo accorte che, quando si una che la specificit della lotta delle donne ha di
donna in movimento, capita talvolta di sdop- articolato e di profondo con la lotta del prole-
piarsi; ci si mette il cappotto, si esce e si lascia tariato e la lotta antiimperialista. Siamo un
la donna a casa. O anche, per esempio, mi fiume di pi, voglio dire che ingrossiamo il fiu-
comporto come un uomo a casa mia, metto me delle lotte. Ci che il proletariato subisce
tutto in disordine e poi la donna che io sono veramente lo sfruttamento della forza lavoro, e
deve rimetter tutto a posto alla sera, e mi la forza lavoro passa da qualche parte per il
sfrutto io stessa ... corpo. Le lotte antiimperialiste sono lotte che
continuano ad essere fatte contro quel che
un'altra donna: ancora schiavit.
Vorrei parlare un po' di rapporti sul lavoro. Quando si di fronte all'immigrazione per via
Spesso le donne sparlano molto l'una dell'altra del lavoro, non c' solo la forza lavoro degli o-
quest'idea di fraternit che ho visto nel libro perai proletari che pompata, sfruttata, ma
6
c' anche che questa gente che subisce una quello che sono che da qualche parte c' un
tratta, gente che viene dall'Africa del nord, meccanismo che rimasto nascosto: che posto
dalla Spagna, dal Portogallo. I corpi degli ope- occupa la donna esattamente. Marx ha tolto la
rai continuano a circolare, nel sistema capita- censura su questa cosa incredibile, che non era
lista, come corpi di schiavi. I proletari, la gen- visibile, che lo sfruttamento della forza lavoro
te di razza diversa dalla razza bianca e le don- del proletariato, e finch non si smaschera che
ne hanno in comune che i loro corpi sono trat-
tati come merce da tutto ci che detiene il po-
tere. C' una tratta delle bianche ed la pro-
stituzione. C' una tratta della gente di colore
che continua checch se ne dica, c' una tratta
di etnia per il maggior bene del capitale e c'
una tratta dei corpi degli operai a livello di
sfruttamento del proletariato.
( ...)
un' altra donna: la societ riposa da qualche parte sul posto che
lo vorrei riprendere quel che lei ha detto a fatto alle donne si girer in tondo sulla que-
proposito di questo sdoppiamento. Ha detto: stione dei ruoli, che sono come nel teatro gre-
lo mi sfrutto. Credo che quello il nocciolo co, sempre giocati dagli uomini e che una don-
del problema. ~ stato anche detto: C' un solo na pu imitare. Come nel teatro greco, la regia
linguaggio e invece due corpi sessuati diversa- di questa societ di un solo sesso. Tutti i
mente. Se potessimo riparlare di questa donna ruoli sono giocati dagli uomini, assolutamente
divisa in due, di cui una sfrutta l'altra. tutti, cio si pu dire al limite che la femmini-
lit di cui si riempie tanto le orecchie alle don-
una donna: ne, un travestito. Non a caso una serie di uo-
Concretamente, io so per esempio che per fare mini si travestono e incarnano la donna meglio
quel che sto facendo adesso, io mi sfrutto, ho di qualunque donna. .
l'impressione di ripetere delle cose che io ho E non a caso tutti i modelli dell'immagine di
pensato... Ci sono dei momenti in cui ci che donna vengono forniti da uomini omosessuali,
dico qui mi esce dal corpo, e questo deve esse- La femminilit un travestito, un uomo che
re percepibile. Ci sono dei momenti in cui io proietta un'idea della donna dopo averla cen-
ripeto, ed come se ci fosse qualcuno che par- surata, soffocata, messa da parte, messa in un
lasse al posto di quella che ha percepito. In gineceo. Non ha pi diritto alla parola,n al
quei momenti la mia parola si mascolinizza, suo corpo, n al suo godimento; tutto quel che
entra dentro vocaboli che non sono i miei e che Benolte ha potuto dire. Lui si impadronisce
io sono obbligata a prendere a prestito. Ed della rappresentazione, di un sistema di rap-
appunto in questa specie di contraddizione a- presentazione, di una scena storica che vuole
cuta, talvolta perfino tragica, che si trova ogni programmare; la femminilit sar cos, sar un
donna che si mette in lotta; questo contem- uomo travestito, .dopo di che una donna pu
poraneamente, in qualche modo, la cresta, il far ritorno per un effetto di raddoppiamento di
filo . sospeso e l'abisso sopra il quale ella si questo travestimento e imitare il pederasta che
mantiene, questione di vita o di morte, e sem- ha imitato la femminilit. Donna, continua a
pre di morte dell'altra a vantaggio dell'uno, non essercene. ~ difficile da enunciare ma ogni
dell'uno che posso essere se sono una femmini- donna pu sentirlo facilmente, comprenderlo.
sta per esempio, che decide di essere un o una A partire dal momento in cui si mette a parla-
individuo, indivisibile, autonomo e forte, sa- re, a esistere, lei si trova messa a confronto con
pendo che io sono due, sono una moltitudine. problemi che sono tutti maschili, ed questo
Ed ho paura che le donne vengano definitiva- che la mette in pericolo di morte - se non li
mente cancellate, le donne come luogo di una prende a prestito non esiste e se li prende a
differenza che non ha mai avuto luogo, come prestito ci muore dentro. ~ su questo limite
non-luogo. che siamo e che faremo la lotta. Storicamente
( ...) le donne non esistono ancora e scopo del movi-
Quando si parla della societ o delle societ si mento farle apparire, storicamente - come
dimentica di considerare che se le societ sono luogo differenziato. ~ l'alterit, una donna.
7
Right on. Per Mara
(e per Ulrike,ndr)

Jane Delawney aveva un sogno


che nessuno scopri;
nei suoi occhi di perle e ghiaccio,
nel leggero tocco del suo innamorato;
nell' ombra dei salici
aveva un sogno
bianco rosso & verde
il suo sogno sventolava.
Nel paese dei suoi sonni
camminava leggera
il terreno su cui passava
poteva non essere n.
Poteva anche non essere n
Janey Delawney con la sua casa di campagna
Per i Trees Janis Joplin e Slick
e Grace (la Grace di Barilla)
il suo amante la baciava.

ed ora che le parole hanno un suono morto


io funzionario del capitale scrivo
due o tre cose che so di lei:
nata a Omaha, Nebraska, ha 23 anni, ha svaligiato una banca
con F., non l'hanno presa; cominci una ricca corrispondenza con
uno studente di Albany, timido & puritano, convinto che ci che
giusto giusto e comeR. Kennedydiceva
bisogna fare qualcosa, man, e lui
faceva, cercando di capire cosa
funzionava e cosa no nel mondo di merda
del capitale; ma non tutto stato appropriato,
gli diceva lei, non hanno preso
tutto; il mio corpo non stato ancora
preso, o le mie canzoni, e quanto ai monti &
laghi & fiumi alberi di questa terra
c' una lotta in corso, e chi vinca non lo si pu
ancora dire; e la nostra tenerezza non vinta,
sebbene non serva; ma lui era lontano,
e problemi di studi e casa, genitori mezza et
classe media chiesa tutte le domeniche
salutare la bandiera chi se ne frega;
cos lei parti,
e c'era la sua foto sui giornali ormai, ed una
qualche taglia sulla sua testa, e la polizia disse di averla
uccisa ad un posto di blocco, dove con
un altro avevano tentato di passare, ed era una mattina di settembre,
8
grigio e rosso nel Vermont, con luci ondeggianti
dalle auto fra le colline di querce & ippocastani dove avevano l'incontro,
e si fecero strada.

In una stazione di rifornimento a P., un vecchio disse:


Avete-ragione, voi giovani, continuate.
Cosi una fugace stretta di mano; verso Nord. Perch il cerchio
si chiudeva e tutti parlavano di loro, ormai,
e lei doveva servirsi di pseudonimi
e trucchi per scrivere a Tony
nell'Est, fermo con i genitori, e lui non capiva
molto bene cosa stesse succedendo,
ma era sempre pi convinto che fosse giusto.

E quale strada di fuga si poteva prendere, lei non lo sapeva.


Con angoscia dentro & orribili fatiche
per generare un mostro di 9 mesi che vivesse meteora
& morisse pestilenza & non fosse pi

si aggirava per gli USA. Incontrava persone sconosciute,


in persi paesi della campagna, chiedeva
da mangiare e da dormire; passava
sere attorno al fuoco fumando marihuana, assaporando lentamente la dolcezza delle voci
attorno & gli odori di erba umida & fiori
rugiada di mattino
nuovo mattino; passava in giro iljoint,
sorridendo calma, o se era
sola chiudeva gli occhi per guardare. Vedeva
canyon viola, e due lupi silenziosi, e lente
voci nell'erba, mescolate a stelle; viaggiava
tranquilla e sicura,
tranquilla e easy, per una sola sera, prima di
fuggire di nuovo.

Come avere una moto: Concentrare il proprio


sguardo sugli ingranaggi e le cinghie e oliare
bene & tenere tutto a posto: per
educare la mente, e un ordine alla propria
vita. Cosi lei oliava la sua pistola.

Pi tardi, stanca e sfatta, mori ad Acqui, cambiando nome. Fu


rinchiusa in carcere e riusci a scappare, e decise di non tornare
indietro & continuare a combattere. Perch il nemico non era ancora
stato sconfitto & non ci si poteva fermare, & Tony nell'Est poteva
aspettare; & aveva trovato nuovi compagni & volti & amori, e non
c'era pi niente nel suo passato o presente che rimpiangesse, ed
ora lei sapeva continuare.

Giacomo Conserva

9
Il rumore del tempo di lavoro

Raramente mi metto a far conti. E perci solo qualche luogo (incerto, ma sicuramente di /a-
quando necessario. voro) entro 20 minuti qualcun altro morir in
Ad es. mi capitato il 12/2/1975 per il tempo qualche altro luogo (incerto, ma: SICURA-
di lavoro. Per sentire (udire) come si scandisce. MENTE DI LAVORO: Se per un'ora non
Poich non sono bravo a fare i conti preferisco, muore nessuno, nella mezz'ora successiva ne
per sicurezza, registrare tutti i passaggi. Dun- devono morire 3.
que: Se per un giorno non muore nessuno, il
giorno dopo ne deve morire uno ogni 20 minuti
Anno 1955 1970 1972 di lavoro.
Inoltre: sabato e domenica non si lavora
Lavoratori (non si dovrebbe lavorare).
occupati 19,6 milioni 19 18,7 Allora 52 (settimane) X 2 = 104 giorni non la-
vorativi + festivit varie + assenteismo di tut-
Totale ti. Facciamo 120 giorni di riposo, E ricalcolia-
infortuni 1.000.000 1.633.000 1.599.000 mo su questa base. Dunque: 365-120 =245.
Allora, ripartendo dai morti:
Infortuni 4.600:245 = 18,7 morti al giorno
mortali 3.700 4.368 4.600 2150
1900
Poi 8 X 60 =480: 18,7 =25. Un morto ogni 25
Inoltre alla radio hanno detto (c'era un conve- minuti di lavoro effettivo.
gno ad hoc): ogni anno 65.000 invalidit per- Poi: ripetere i conti con questo nuovo valore.
manenti sul lavoro. In 30 anni: un MILIONE Cristo!
di in validi. Meno lavoro = pi vita; rifiuto del lavoro
Inoltre: 80.000 =ottantamila ----- morti. Sul la- = rifiuto di morire. E anche: rifiuto di strazia-
voro. mento del corpo. 65.000 invalidit permanenti
Allora: all'anno, cio:
4.600:365 = 12,5 morti ogni giorno 65.000:265 (giorni lavorativi) + 265 al giorno,
= 950 con un resto- di 75 invalidi permanenti all'an-
2200 no. 480:265 = 1,8 (un invalido permanente o-
Dodici VIRGOLA cinque morti al giorno: vir- gni 1,8 minuti).
gola cinque! 1 morto ogni due ore (anche me- In qualche luogo (di lavoro) in Italia.
no:
24X60 (minuti) = 1.440 minuti: 12,5 = 115. Inoltre, da notare: vita media <li un libero profes-
1~0 sionista-vita media di operaio/ contadino =
= 650 lO anni di differenza
-lavoro =+vita -lavoro operaio = +vita
UN MORTO OGNI 115 MINUTI. Anche di E i liberi professionisti: quanti incidenti sul
notte. Invece: nel solo giorno per es. dalle 8 di lavoro??? LE CLASSI ESISTONO.
mattina alle 12, dalle 14 alle 18, cio in 8 ore
di lavoro: Sembra di sentire il crepitio ininterrotto
degli invalidi e ogni 25 minuti il colpo sordo di
8 X 60 = 480: 125 =38 minuti
una morte.
1050
= 50 f'
Crepitio e corpo scandiscono il tempo di
UN morto ogni 38 minuti. lavoro.
C' una pausa- notturna! Oltre il crepitio e i colpi c' poi il rumore
Se qualcuno morto un quarto d'ora fa in di fondo: gli incidenti che accadono: 1.600.000
10
all'anno. Cio 1.600.000: 245 =6.037 al giorno, sa. E senti che sente e sente che senti. .. Pulire
8161 all'ora (sembra la velocit di un aereo): la morte dalla morte. Che la morte sia: DE-
8161:60 = 13 o 14 infortuni al minuto. 1 ogni cin-. CESSO.
queSECONDl. ..
Poi c' il brusio appena percettibile del Pi che il sesso (generica scopata, la co-
rombo delle macchine, delle presse, frese, gru, siddetta liberazione sessuale) sono rimossi:
carrelli, tomi, catene. CATENE. -l'orrore del lavoro
- l'omosessualit
Da un po' di tempo, dopo questi conti, mi -la morte
trovo sempre pi spesso a non sentire altri ru- in ordine progressivo crescente di rimozione.
mori dnrnate quelle ore di teJ1'100d; lavoro. Sto Invece che orrore del lavoro diciamo salario,
male, molto male, cos vicino al rumore della attivit, onesto lavoro... Invece di omosessua-
realt. g dentro la testa. lit diciamo perversione, poveretti ed altro ...
Debbo in qualche modo riuscire ad evacuarlo. Invece di morte diciamo trapasso decesso.
Per questo ho pensato a un accordo con Dio Poi i parenti, sul giornale, annunciano che
(accordo riformista, rinunciatario, cattolico): qualcuno morto, e (non ancora) sepolto. Do-
un mio braccio in cambio del silenzio del tem- ve, quando, come, di che colore erano le pare-
po di lavoro e del lavoro. (Forse sarei troppo e- ti, pensando cosa, parlando con chi, o tacendo,
goista - anche cattolicamente - per cedere credendo di andare ove, di dove veniva o cre-
una gamba: probabilmente non ci starei. ~ da deva di venire, perch, lo voleva? si ribellava,
aggiungere: a questi scambi penso spesso, sin era inevitabile?
da piccolo e anche solo per evitare una inter- Che ditta l'ha ucciso?
rogazione). Ma Dio morto e, per fortuna, Anche a saperlo, sarebbe solo sociologia,
non possibile essere rinunciatari. Vendersi se non c' vita e c' salario.
per un piatto di lenticchie. Il mio braccio -
terribile - non vale pi di qualsiasi altro brac- Oggi un buon giorno per morire, disse
cio. ~ un braccio. Sono vile, sarei rinunciata- il vecchio capo indiano.
rio: valorizzerei il mio braccio, salverei il mon- Prese una coperta, and sulla collina e at-
do (io e te: Schreber); Dio, castraci, eviraci: e tese la morte. Lo accompagnava un suo giova-
rinnova il mondo fottendoci e chiavandoci e ne amico.
riempiendoci e fecondandoci e allargandoci le La morte non venne, prese la coperta e
chiappe, penetrando orifizi e sfintere e buchi e torn all'accampamento e alla vita, sempre col
ferite (del braccio-pene staccato), non hai biso- suo giovane amico (dal film Piccolo grande
gno di entrare, coi tuoi nervi-raggi sei gi den- uomo)
tro. E dalla nostra fica-cloaca partoriremo re-
denzione. Dove cazzo ce l'abbiamo noi questo bel gior-
no? Chi l'ha soppresso dal calendario della no-
In culo. Se c' Dio scompare il salario, re- stra vita? e soprattutto: perch?
sta solo l'organico. Ci sei cos vicino che l'u- Paolo VI vade retro. Ma la merce, il valo-
nica cosa che vale. Ma dio non c'; C'~ PER- re, il profitto, il lavoro, il feticcio, chi lo pu
CIO' IL SALARIO, tra te e l'organico, tra te e mandare indietro, far arretrare sino all' organi-
la redenzione che non pi redenzione ma ri- co, sino al nostro corpo, ai suoi liquidi, muchi,
voluzione. Il salario dappertutto come forma di secrezioni, dolori, pruriti, svuotamenti e riem-
vita e di distanza dalla vita. E se l'organico pimenti, piaceri, sensazioni, bisogni, bofonchia-
lontano la morte deve essere inesistente. menti e bolle d'aria, tossi, desideri e appaga-
menti, eccitazioni, pulsazioni, ai suoi peli e
Non deve esistere, non deve apparire, ma- unghie e alle sue' venuzze; mio, tutto questo.
nifestarsi, significare, colpire. Non deve essere Quanto ancora e per quanto lontani dalla cir-
vissuta (n da chi muore n da chi sopravvive). colazione del sangue e stimoli e risposte elettri-
Ci vuole pulizia, decenza, dignit, silenzio nel- che? per quanto senza sentire la nostra diversa
la morte (organica per eccellenza). NON si pu consistenza nella nostra carne, pelle, ossa, ve-
ancora morire. ne, nervi? senza sentirei uscire tutti, cadere,
Non dire a chi muore che muore, non sa- dal nostro buco del culo per colare nella madre
pere che chi muore muore, non dirglielo per terra-pavimento? e poi tornarne. O sentire il
non saperlo: e lui sa che tu sai e tu sai che lui traffico del sangue nella nostra coscia sinistra?
11
Studiamo economia. Critica dell'economia
politica. Dobbiamo ridurre la distanza, che
salario. Fondare una scienza dell'ascolto dell'o-
Sull' altalena
zio della contemplazione, della passivit, del-
l'a~tosentirci, autopraticarci, autopenetrarci,
autosodoinzzarci: da soli e con amici. Ma sen-
za seppellire Marx prima di aver SEPPELLI-
diPoe
TO il salario.
Usa essere al di l di Marx. Ma: non di-
susa ancora il salario.
Come valori di scambio tutte le merci non
sono che misure di tempo di lavoro coagulato.
Disse Et salvabit animam suam. In Per la cri-
tica dell'economia politica (1859) e in una lun-
ga lettera il 5 maggio 1875. Ei fu? NO. S an- La follia materialista: l'orologio non cessa
cora. di battere il tempo per te (lo dice la fata nella
Invoglia alquanto alla rivoluzione. pantomima di Twiggy-Cenerentola). Se sei in-
E un giorno qualcosa del genere dovr ac- visibile, perch puoi e sai esserlo. Non sei pi
cadere. O un anno. O un decennio. costretto a pagare il biglietto della metropolita-
na.
Non a macchia d'olio e per lavoro politico Discesi all'inferno nel momento stesso in cui
mio o del Partito (puro lavoro di convinzione, assunsi la certezza che questo mondo in cui vivia-
di convincimento: a questo non credo; pu es- mo il regno dei morti. Vidi i morti percorrere
sere; ma non l'essenziale, il lavoro politico sordi le strade del centro di Londra, fare la spesa
come convinzione a macchia d'olio). nei supermercati, pagare il biglietto della metro-
Da Yenan a Pechino ci si va in Cina. Ma, co- politana. Il fuoco della prima tappa ha i connotati
me funghi: qui e l, a gruppi o solitari: perch dell'ermafrodito: l'esistenza transessuale scopre
le condizioni del terreno, dell'humus, del mu- che la .gente, come minimo, sepolta a met. '
schio, del sottobosco (e delle forze produttive) Molte donne che incontri sugli autobus, pero,
lo richiedono. Perch lo richiede la spinta del stanno viaggiando,' e alcuni uomini scuri calza-
seme. Ma se c' scienza del sottobosco (e delle no scarpe che significano il piede di capro del
forze produttive), poco si sa del seme: anzi dei Diavolo. Il Faust prende un appuntamento un-
semie della loro contemporaneit sincronica. derground e opta per i godimenti del fist-
A quando? fuckine (Faustfick): si fa penetrare l' an~ dal
Il seme, sotterraneo come la talpa, anima pugno nerboruto del partner drogandosi con
terreno. Ben scavato. la trinitrina. Poi, in giro purissima, dona tutto.
Si scava sottoterra, non in cielo. Non l'aquila- quello che ha in tasca ai bambini che cantano ca-
partito, ma la talpa-individuo (di massa) del rols natalizi in una piazza di Chelsea. Poco do-
sottoterra. po, sul marciapiede, incontra un mazzo di car-
Se anche a noi capita in questo periodo di te da gioco sparpagliate. Raccoglie le prime
dover salvar l'anima, salviamola bene e non in (danari) che lo indirizzano. Gli si propone il
modo elitario. Come se Marx non c'entrasse, e .gusto del furto.
il salario nemmeno. L'organico non a portata Nulla fortuito: le cose e gli avvenimenti ti
di mano, se dobbiamo, per sentire polso e ru- paiono connessi in maniera casuale perch non
more della realt, fare 4600:365 =12,5 morti o- sai cogliere il messaggio nel loro rapporto. La
gni giorno ... follia non un trip individualistico: se sei tu .
Paolo Gambazzi che pi o meno vuoi entrarci, A Itri ti danno la
spinta iniziatica e il percorso si snoda in mezzo
agli altri. Per dirla in certi termini, l'Ego non
si arroga pi il monopolio della soggettivit: la
vita reciproca, come lo sempre stata. Le
parole di Dylan e del droghiere sono consigli
determinanti quanto lo furono quelli dei: Bea-
tles per Manson (e per Sharon Tate). Non
v'ho gi detto che la pazzia di cui mi accusate
12
dal nostro inviato

Marco lo conferma in aula


che fu ~)J~11l1J.L"IJC;~~KIJ a rapirlo
anche amava
lui
rrandi distanze.

Abbiamo il piacere di annunciare che a 3- Collettivo A/traverso Alice il diavolo.


partire dal prossimo settembre - ottobre, Sulla strada di Majakovskij: esempi e tesi
per far crescere l'erba pi alta e ancora di una pratica di comunicazione sovversi-
pi lontano, affiancheremo alla rivista u- va.
na serie di quaderni e volumetti. Ecco i 4- Enzo Mari e Francesco Leonetti Atlan-
primi titoli, pressoch definitivi: te secondo Lenin. Da un ostinato lavoro
1- J.J. Abrahams L'uomo col magnetofo- sul campo, 6 carte come strumento teori-
no. Dramma in un atto e due scene con co del materialismo oggi.
grida d'aiuto di uno psicanalista. Con no-
te di J.P. Sartre, J.B. Pontalis, B. Pin- Preciseremo in seguito le modalit di sconto
gaud e E. Fachinelli. e facilitazione per i nostri lettori e abbonati.
Per informazioni, richieste, prenotazioni
2- Theodor W. Adorno Minima (im)mo-
ralia. Tutti gli aforismi tralasciati nel-
l'edizione italiana dei Minima moralia 'I~'
Ji:1I.JIA
(Einaudi, 1954; v. nota in questo nume- "1 JII'I..
:lCJ
r). A cura di Gianni Carchia. v. Lanzone da Corte 7, 20 l 23 Milano.
SOMMARI DEI NUMERI PRECEDENTI Roccocalibrotrentotto (Alfredo Chiappori) - Fonda-
zione della citt di X (Giuliano Scabia).
N. 1, luglio 1971
Insubordinazione di classe (Lea Melandri) - Le ma- N. 8-9, novembre 1972 - febbraio 1973
terie ideologiche (Felice Accame) - Contraddizioni in
Aiuti al Vietnam (Elvio Fachinellit - N uccide pi
seno a _Mao (e.f.) - L'apprendista e il fotoromanzo
la depressione che la repressione (Luisa Muraro) _
(Valentina Degano) - Lettera di alcune sorelle nere
Mancato assalto al Palazzo di Giustizia - Se colpisci
- Nello spirito del socialismo? (Sandro Ricci) - Il
il morto. non muore .(N. Garattoni e G. Leonelli) _
deserto e le fortezze, prima parte (Elvio Fachinelli).
Il focoso tra i banchi (L. De Venut e L. Melandri)
- Il pensiero a quattro ruote (Giorgio Radice) - La
N. 2,settembre 1971
comunicazione un'altra cosa - Mordi e fuggi (G.
L'uomo IBM (Giovanni Losi) - Via Tibaldi e il co- Verna e A. Chiappori) - La risata di Kafka.
munismo (Lea Melandri) - La scuola di Nero Wolfe
e Il buon esempio - Scassabambini (Elvio Fachinell N. 10, marzo-aprile 1973
- La scimmia pedagogica (Luisa Muraro Yaiani) .: La politica separata (Lea Melandrii - Le donne invi-
sibili (Luisa Muraro) - Bollettino di uno scontro -
N. 3-4, febbraio 1972
Il deserto e le fortezze (terza parte): il paradosso della
Se no dopo come prima (Comitato di agitazione o- ripetizione (Elvio Fachinell .-:. Alal e Alal! (Tullio
perai, studenti, insegnanti di Cremona) - Assemblee Pericoli) - L'imbroglio giornalistico (G. P. Del1'Ac-
di notte all'86/41 (Operai della Pirelli Bicocca) - La qua, V. Cordi, P. Brera, L. Carr) - Mordi e fuggi!
bellezza suona il campanello iSilvana Pacor) - Bian- (G. Verna e anonimo).
cosmog e l'ombretto sonnifero - I ragazzi selvaggi
(A. Xibilia e C. Nobile) - Antiautoritarismo e per-
missivit (Lea Melandrit - Una pedagogia comunista N. 11, maggio-giugno 1973
(Walter Benjamin) - Appunti da un reparto psichia- L'anima a servizio (studenti di Padova, L. Muraro,
trico (Sandro Ricci). G. Contri, L. Melandri, E. Fachinelli, G. Jervis, V.
Pagliaro) - Il focoso in tribunale (Marco Ravenna)
N. S, aprile 1972 - Omosessuali fuori (Corrado Levi) - Travestiti (EI-
vio Fachinell - Disegni, foto, fotoromanzi iGabriel-.
La linea Alfa (Operai dell'Assemblea Autonoma del-
la, Kabul, Capa, Carmi e Reiser).
l'Alfa Romeo) - Stanotte incendio al Reichstag
(Giorgio De Maria) - Il deserto e le fortezze, secon-
da parte (Elvio Fachinellit - Sega la vecchia I (A. Al-
N. 12. agosto-settembre 1973
tini, A. Russo e G. M. Sala) - Tutti uniti! Tutti in-
sieme! Ma scusa, quello non Dario Fo? (Paolo Pup- Vedi Napoli e poi muori (Pasquale, G. Fofi, Gruppo
pa) - E la chiamano Statalin (Megi Balboni e Fabri- della mensa per bambini proletari di Napoli) - Detti
zio Cale/fi). memorabili di Topogigio - La conoscenza del potere
- Lingua e Klassenkampf (immigrati di Francoforte)
N. 6, giugno-luglio 1972 - Norma grammaticale e norma sociale (Luisa Mu-
raro) - La trasmissione del sapere (Tullio Pericoli) -
L'agire politico: 4 interventi (Luisa Muraro, Circolo Operai censurati (Lea Melandri) - Nuovo suicidio di
Operaio delle Yallette, Gruppi Volontari di Napoli e Majakowskij (Paolo Puppa).
Lea Melandri) - Diario dell'immaginario politico
(Elvio Fachinelli) - Il preside e la balza (Alfredo
Chiapporit - La terra e cento lire (Centro Studi N. 13-14, ottobre '73 - gennaio '74
Iniziative di Partinico) - Cuore di pietra (Bruno De
Le cucine del futuro (E. Fachinelli, R. Gorgoni, T.
Maria) - Supplemento pedagogico: La mia patria si
Pericoli e E. Pirella) - Quotidianamente (Ferruccio
chiama multinazionale (Eugenio Cefis),
Brugnaro) - La corsa del mammut - Autonomi ti-
ratori (Natalino Badoglio e altri soldati di leva) - Il
N. 7, settembre-ottobre 1972
focoso riabilitato (Antonio Stasi) - Operai, macchi-
Dov' Lin Piao? (Elvio Fachinelli) - Ghetto o contro- ne, sapere (a cura di Lea Melandr - Un incontro a
scuola (Comitato di agitazione di Cremona) - Come Senigallia (R. Ambrogetti, V. Maone, L. Muraro, S.
un treno in discesa (Luisa Murare) - Identikill (T. Sartoris e U. Ugolini) - Liberare mani, scucire boc-
Pericoli e E. Pirella) - Piccolo pene, ascolta (Lea che (G. Scabia, P. Puppa e gruppo leccese) - Lingua
Melandri) - Donne e bambini (Chiara Saraceno) - e Klassenkampf (2a parte).
LATERZA
J\jOVj-r}-\
UNIVERSALE LA~ Il
Gli anni Settanta
in cento film
Giovanni Grazzinl

INVERSALE LA1BIZA Il
Le origni del pensiero
scientifico moderno
Robert Lenoble
Introduzione di Paolo casini

UNIVERSALE LA1BIZA
Primo saggio
sulla popolazione
Thomas Robert Malthus
introduzione di Giorgio Nebbia
ILPUNTOEMME/EMME EDIZIONI

Hermann Nunberg
Contemporonea FRANOIS FAUCHER

LA RIVOLUZIONE
LA TEORIA GENERALE Edizioni PEDAGOGIC~
DELLE NEVROSI DI F.BAKULc
DIARIO DI LAVORO DI UN PIONIERE:
pp. 412, lire 10.000 DAL RECUPERO DEGLI HANDICAPPATI

LUCIANO AD UNA EDUCAZIONE PER TUTTI

Una sintesi della teoria 'classica' della psicoanalisi,


pubblicata nel 1932, rielaborata e ripubblicata nel 1959. PARINETTO
Come ha detto Sigmund Freud, si tratta della esposi-
zione pi completa e accurata ... sulla teoria psicoana-
litica dei fenomeni nevrotici.
n dio
Cari R. Rogers

I GRUPPI DI INCONTRO
n capitale
pp. 168, lire 3.600 Marx

Una delle
mericana
figure pi rappresentative della psicologia a-
contemporanea introduce al mondo delle e-
marxtsmo
sperienze intensive di gruppo. Un quadro vivo ed e- religione
sauriente, frutto di una profonda esperienza personale
coi gruppi di ogni tipo, dai T-Groups alle 'Maratone'.
Emme EJitwn;
S.pA
20123 Milano I VIa S. Maurilio 13/ telefono 021885459-865951
CASA EDITRICE ASTROLABIO - UBALDINI EDI-
TORE pp 314, L. 4.000

scuola notizie edizioni


EDIZIONI IL FORMICHIERE
delle donne
4
ANNO VIII - APRILE 1976 Le Edizioni delle donne nascono
dall'iniziativa di quattro femmi-
GIORGIO GALLI Sommario
niste romane che vengono dalla
militanza nel collettivo femmini-
Storia del PCI L'industria del libro di testo
sta comunista di via Pomponaz-
zi e dal collettivo di Maddalena-
libri.
Interrogativi sulla Con le Edizioni delle donne non
piattaforma contrattuale: proponiamo uno spazio di me-
interventi di Alessandrini, diazione. Vogliamo invece testi-
Renzi, Roscani moniare delle disomogeneit,
l'unica storia del partito lacerazioni, dissonanze attraver-
so le quali il movimento delle
scritta da un non alli- Materiali per il lavoro didat-
donne si costruito e si co-
tico
neato e la sola che ne 1) La comprensione lingui-
struisce, senza cercare pacifica-
zioni e ricmposizioni fittizie.
abbracci tutta la vicenda stica Primi testi in programma:
problema didattico e politico L'occupazione fu bellissima,
dalla fondazione agli an- 2) Punti qualificanti la presa di coscienza della dop-
-, ni settanta e un punto nei programmi dell'lTIS Fer- pia oppressione da parte delle
mi donne che hanno occupato il
\di riferimento per la quartiere della Falchera a Tori-
di Treviso
no,
nuova sinistra Happy new year, il calendario
Informazioni della violenza di cui la donna
vittima quotidiana,
Recensioni e segnalazioni Donne pazze, inchiesta sulla
condizione femminile in mani-
comio.
Quindicinale, abbonamento annuo
L. 3000 (sostenitore L. 5000) Redazione - via Paola 46
sul ccp 1 / 3463 intestato a Scuola ROMA
Notizie, v. Ravenna 9 c, 00161 Roma. tel, 6664681
QUADERNI GUARALDI

151 autaut Bruno lIussolini


Gennaio - febbraio
1976 Bettelheim con.ro Freud
MERIGGI - Terziarizzazione e rl- LA FORTEZZA LA PSICOANALISI
composizione di classe
WOTA NELLA PUBBLICISTICA
CERUTTI - Teoria e analisi delle
classi nel marxismo
DEL FASCISMO
GROSSI - Informazione di massa
e cultura operaia
A CURA DI PIERO MELDINI
FORTINI, LEONETTI, FERRETTI- Con una nota di Glauco Carlonl
Il dibattito su Offlclne
FUGAZZA - Intellettuali e transi-
zione
CRISTOFOLINI - Sulla dialettica
di Gramsci
IRIGARAY - Potere del discor- 520 pagin,. 5200 lire
so/Subordinazione del femmini-
le altri volumi usciti nella
'collana "Saggi blu:
DORFLES - Il oncetto di ostra- Verga e il natura/ismo di
nenje nei formalisti russi e negli Giacomo Debeneaetti,
strutturalisti cecoslovacchi Passi falsi di Maurice
Blanchot

di prossima pubblicazione:
Prouste il mondo sensibile
CORSO DI SOCIOLOGIA di Jean-Pierre Richard e
In 24. dispense. L. 12.000 Antropologia della morte di
(anche In due rate) Louis-Vincent Thomas.
Con quest'iniziativa ~ che si deve
a un gruppo di giovani e qualificati
studiosi, gi da tempo impegnati in
attivit di animazione sociale - la
socio/ogia esce dagli istituti univer-
Garzanti m
sitari per diventare (come voleva-
no i suoi grandi fondatori: Comte,
Marx, Durkheim, Weber, Pareto,
ecc.) patrimonio di tutti.
ti corso presenta in forma semplice
e chiara - ma anche critica ed im-
58-59
pegnata - i grandi temi della so-
ci%gia contemporanea a un vasto
pubblico di interessati. La tratta-
zione centrata sugli argomenti
quaderni
di maggior interesse e di pi viva
attualit. Alle prime dispense, de-
dicate ai concetti analitici fonda-
mentali e a/ processo di sviluppo
piacentini
storico della societ, seguono in-
fatti dispense di sociologia econo- G. Jervis
mica, sociotot politica, soclo/ogla L'IDEOLOGIA DELLA DROGA
urbana, soci%gia del lavoro, socio- E. D'Arcangelo
logia dell'educazione, socioJogia deA. LA NUOVA LEGGE SULLA DROGA
/a cultura, socio/ogia dello svilup- F. Stame
po, ecc. NUOVA SINISTRA E SINISTRA STORICA
A/tre dispense saranno dedicate a1- E.Masi
la condizione femminile, ai proble-
mi dei giovani, alf'emarginazione so. NOTE SULLA DEMOCRAZIA REPRESSI-
cla/e, ecc. mentre dispense pi teo. VA
ncbe affronteranno i rapporti tra R. Parboni
soci%gia e storia, soci%gia e ps;' GLI U.S.A., LA CRISI E IL MERCATOCA-
canalisi, socio/ogia e pSicologia so- PITALISTICO MONDIALE
cia/e, sociologia ed ecologia, so- F. Ciafaloni
cio/ogia e antropologia culturale. ECONOMIA E LOTTA DI CLASSE IN SPA-
GNA
Richieste,accompagna- R. Canosa
te dal relativo im- LA POLIZIA ITALIANA
porto -anche a mezzo D. Bottero
IL PROBLEMA DEI CENTRI STORICI
vaglia postale- a A. Bernardinelli
Edizioni Didattiche, PER UNA ANALISI POLITICA DELLE
via Val Passiria 23~ SCRITTURE
00141 Roma. CINEMAAcuradiG. Fofi
marsilio editori

lathlme
SESSUALITA' cooperativa a r.l.
E via lepanto, 83 - 80125 napoli
POTERE
Gli I.W.W. e il movimento operaio americano.
a cura di Storia e documenti 1905-1914, a cura di Renato
Musto, pp. 320+XLVIII 9 figure fuori testo.
A. Verdiglione L. 3.200

Christian Riechers. Antonio Gramsci. Il marxl-


smo in Italia. (Traduzione da Christian Riechers
- Antonio Gramsci. Marxismus in Italien, 1970,
Frankfurt am Main, Europaische Verlagsanstalt)
pp. 260 L. 2.800

PSICANALISI

JERRY RUBIN
QUINTO:
uccidi
il padre
e la madre

Memorie di un radicale degli


anni '60 CASA EDITRIC; .' .{/ ffJ \
LAVORO LIBERATO
Introduzione di Antonio Ne- VIA GAROFALO 19
gri 20133 MILANO
TEL. 200044
ARCANA esce ora una nuova collezio-
L.2500 ne o serie della casa editrice
Lavoro Liberato. Si tratta di
QUADERNI del giornale La
MarieCardinal
SALVOIMPREVISTh>

Quadrimestrale
voce operaia, organo del Parti-
to comunista (marxista-Ienini-
sta) italiano. In tale pubblicazio-
Le parole perdirlo
di poesia e altro ne (non periodica) sono ripro- IN QUESTO ROMANZO, DENSO DI SCRITTURA E
materiale di lotta dotti con aggiunte e arricchi- PROFONDAMENTE VERO, TUTTE LE DONNE PO-
menti gli scritti del giornale, in TRANNO RICONOSCERE I PROPRI PROBLEMI. NEI
N.7 una collocazione organica. LUNGHI ANNI DI ANALISI, LA PROTAGONISTA (IN
I primi due quaderni sono inti- CUI SI PU ANCHE RICONOSCERE L'AUTRICE,
interamente dedicato tolati: UNA DELLE SCRITTRICI Pi AFFERMATE IN FRAN-
a Pier Paolo Pasolini 1) Per la linea proletaria in Ita- CIA) SCOPRE L'INTIMO LEGAME FRA I TRAUMI
lia: La posizione del Partito co- INCONSCI CHE HANNO COLPITO LA SUA FEMMI-
c/o BETIARINI munista (marxista-Ieninista) ita- NILIT E LE RADICI BORGHESI DELLA SUA EDUCA-
50123 FIRENZE liano (pp. 192) ZIONE: QUESTO IL FILO CONDUTTORE DELLA
Borgo SS. Apostoli 4 2) Per la linea politica proletaria STORIA ESEMPLARE DI UNA DONNA CHE SI LI-
in Italia: l'azione del Partito co- BERATA ATIRAVERSO LA PSICOANALISI. L4,00Q
Prezzo del fascicolo L. 1000, munista (marxista-Ieninista) ita-
abbonamento
1500.
a 3 numeri L. liano nel movimento di massa
oggi (po. 96) BOMPIANI
.
N. 15, febbraio-marzo 1974 >c:::: ~g..
Kissinger, Ezra Pound (K.M.S.) - Infanzia di Zane
)0 111

'l'I.
(Gianni Celati) - Madre mortifera (Lillith, E. Fachi- ~ ~
nell - A proposito del femminismo (P. Bonini) -
i:; ~,~j
li ~Il I

=
Isole, sesso e rivoluzione - La nudit (Antonella I

Napp - Il corpo escluso (L'alternative) - Voci di ~! I cwt.


comuni americani - Il figlio diverso (Davide Bernar- :; ~ 5
dI). ~ ~ ~~t~I
: D: :; 1" ~:::
N. 16, maggio-giugno 1974 Jj ~Ii
_ la
Diario di militante (Luisa Passerini) - Il contenuto ~ .5
del socialismo (Cornelius Castoriadis) - La saponetta
di Cleopatra (Aldo Tagliaferrii - Dora, Freud e la .
violenza (Lea Melandri) - Anche collegno (conversa-
zione con E. Mari) - Speranze a Milano (Caterina
Guerra).
-
0'
1
!
N. 17,agosto-settem bre 1974
Crisi, potere e impotere. li-
~
Il potere travestito - La ricerca dell'oro (Elvio Fachi- o
nell - Bombe sentimentali (Luisa Muraro) - Pe-
o ~.
~
scecanini di san Michele - Economia (Nicola Panic- ~
cia) - Spettrografia del potere (Giuseppe Guarino)
- L'atleta immobile - Certo, sempre pi ma anche
sempre (Lea Melandri) - Tutti al Festival - Riap- ..
propriazione al supermercato (E Minicozzi e R. Musto).

1-4
Z
O
U
Js la
..1-1
'l

~Il
1(
.S! I

N. 18/19, ottobre-gennaio 1975


Diabolik e la Morta Vivente - Proletarizzazione e
l!!mljg
: ,;....!
~ i !l
~ I
l -:2 . l !,

~...
i~
I
differenza (Mario Perniola) -:- Contro la (c) astrazione ~ I l
(Franco Lattanzi) - Pratica dell'inconscio e movi- J:!', l'
~
=
18 l,
mento delle donne (alcune femministe milanesi) - Il
soggetto plurale.
l~~~
..
~ c::J
l_i
.ts \i
1i .
S . $
N. 20, marzo-aprile 1975

Che cosa vuoi dire collettivo?

Sotto la tavola, cagnolini (N. Spinosi) - Centocin-


quanta, io discuto e lui canta (C. Guerra) - Rumore
e tremore (S. Benvenuto) - L'occhio storto - Il sor-
riso di Franti (S. Reggiani) - L'infamia originaria
(L. Melandr - Il buon delatore - Musica in omag-
gio - Facciamo noi la musica (G. Bertelli, P. Puppa)
- L'occhio moltiplicato (gruppo televisione Brera).

N. 21, luglio-agosto 1975


Viaggio in Portogallo (Elvio Fachinelli) - L'alleanza
popolo-MFA - Lisnave: programma di controllo ope-
raio.
o:
N. 22, ottobre-novembre 1975
Corpi e ultracorpi
La produzione della violenza (E. Minicozzi, R. Mu-
sto) - Viaggio attraverso la catena di montaggio (M.
Casarii - L'incontro di Pinarella (Angela Assante) - La
prostituta e le altre tMargherita Giacobino) - La di-
sciplina dei corpi (A. Prete) - Notizie sull'haschisch
(W. Benjamin; con una nota di G. Carchia) - I loro
piedi sul loro deserto (Caterina Guerra) - Il quinto
privilegio dell'inconscio (B. Eizykman, E. Fachinelli),

N. 23, dicembre '75-gennaio '76


Cosa fanno le masse (Franco Berardii - I muri della
neuro - La moneta affettiva (Carlo Silvestro) - Lettere
d'amore a una femminista (Cam) - Il boomerang del
. segno (Ida Travi) - Ahi, elefantine] iMariolina Berti-

i _5~!~i~a Il -
ni) - A proposito di miracoli (L. Onesti, M. Mieli).
J~
~~
I-
go
~~~~~~
i:~u~2j
~i2i~8&~ ~~. ~~
~-~~ ~ ~ i ~~
Il
g
l2 1=
r ~
N. 24/25, febbraio-maggio 1976
L'uomo scimmia e la crisi - Le griglie della sinistra
(Caterina Guerra) - Radio Alice nell'aria (Collettivo

-v a ~~ tg
~~ =~3Jio~ ..l A/traverso) - Delle teste tNanni Balestrin - Due in-
e :1

f:Q
Bc:l I>o~
s~
~ 'Oa8s~o
iSa~~~ 8
'O
~~:
3_8
tl~ Il ~!
:~! "2-
I
t

O =il
~

::i
,
terventi sulle comuni (G. Nogara, F. Berard - Lettere
di operai a un compagno che va a un congresso (ope-
rai dell'Ansaldo di Genova) - Strappate il quotidiano!
=== - uoo8, ;: ,a& 2 i. .s
i ~E3
~'QI!I
N
~i 0:= (L. Sacchi, E. Rasy, N. Spinosi, M. Bertin - Carica-
Z
(Q

u~
~
s~CI
~o=ejl~
_ ",,<o
=Eea~~-'"
o~J~~-~
8
e .... o~.!5;:
.a~Clo~
3-~~~ii
.~;-
.fg;:ti
~I 1 .=
i _eQ~'t:Sa
t ~

1=":1 (J
li
<
!
<C

::;

.;
ture (Corrado Costa).

~ ~ 'O._~s;: Sal
~ ~~U~~Z=~
.asse _~~Io._
. u~ "8 :1 I.

~
i~~8~ I 81: fIl 1 .....
I

> ~;w=.e!~~~ Q

8\l8.~_~CI:!~~G1: 5S~Z~~l) !O j ."..


> s: - 'i1
-< S~~~
B
o~u
~~~~3~
~o .o~ .5i'U<.C
~ u~
a.
i8~~~2't:S
o~- >- ~ l,
",
~
~~~I-f~ ~- i i
. - u t~
l
.t li I fascicoli sono disponibili al prezzo di L .
200 (il n. 1), 400 (il 2; il 5), 600 (il 3-4,' il

!; li-
~~~i~~6~~~2g ~.ag~~b
oSo_,,<.C~~ZoS~~ "'o~.uti;; I
>u "M J.o~u
CluoS
~sl~3~~~~-<o~P~1'"
fs~~~o~t~~~28~~~2~!E
~ ~1a
~J.oO-oo
CI~~
u ~~ I
~~
___
s~ -!
Il
i:!l
6,' il 7), 800 (1'8-9,' il io, 1'11) 1.000 (il 12,'
il 15: il 16: il 17: il 18/ 19: il 20,' il 21,' il 22,'
il 23; il 24/25); 1.600 (il 13/14). Per rice-
~~~~E
~~
u~ SSS8
'Q~ ~
~s ~
~ ~2~
~'O~ _~ I J Il

verli, inviare l'importo corrispondente me-
diante versamento sul conto corrente posta-
le 3/43663, intestato a Elvio Fachinelli, v.
Lanzone da Corte 7,20123 Milano

'I~']!:1I.JiA
,r()(;J'~:I()
Condizioni di abbonamento a 6 numeri:
ordinario L. 2.500 (minimo!), sostenitore L. 5.000
o pi, da venare sul conto corrente postale
n. 3/43663, intestato a Elvio Fachinelll,
v. Lanzone da Corte 7, 20123 Milano
ovvero: cosa nascondi dietro la coscia?

altro non se non iperacutezza dei miei sensi? 1'autista pretende assolutamente che paghi.
(Poe) Inizia a fare boccacce e ad alzare la voce. lo
La vita estetica. Si sveglia la stagione dell'e- non mi lascio prendere dallo sgomento e decido
stro: la giumenta monta lo stallone, la scrofa di pagarlo in natura. Mi tiro su le sottane, tiro
il verro e la tua aria come profumo di zibet- gi le mutande e faccio per cagare sul sedile
tone che incanta i maschi. Reich flippa perch posteriore dell'automobile. Il taxista giunto
i tuoi occhi sono gai e onesti e medita una te- quasi al parossismo e minaccia di spaccarmi i
rapia normalizzante. Ma le mie manfrine, le denti: ma non mi arrendo; soltanto che, invece
mie lacrime esprimono la sensualit di cui tra- di stronzi, non riesco ad emettere che alcuni
bocco. Dal parrucchiere, per la permanente, il poderosi petoni. Un deus ex machina, richia-
caff russo si pone come medium tra me e il mato, verr a tirarmi fuori dagli impicci
garon: il culo un soliloquio senza l'uccello Monto sulle altalene con i bimbi, umile e rag-
che ne accarezzi la palpebra. giante e come gravida di una zia scomparsa da
anni che sto reincarnando. Mi spolvero i capel-
li di borotalco e mi immedesimo in Maria fe-
condata dallo Spirito Santo. Merry Christmas
suona quasi M atv Christmas ...
Ogni notte, in carcere, mi masturbo lunga-
mente, e vengo quattro o cinque volte consecu-
tive e spesso, invece di sperma, eiaculo copiosi
getti di urina (?) bianca. Mi felicito dinnanzi
a questo nuovo - sommamente piacevole -
sintomo- della trasformazione. Poi medito
perdendomi per i labirinti di alberi genealogici
possinil, indagando a quale famiglia reale ap-
partenga. Una sera mi portano a un concerto,
ma sono costretto a fuggire perch avverto che
in quella sala si sta tramando un complotto di
morte contro di me. Un signore dall'aria mal-
sana ha appena detto; Questo pianista assas-
Esiste un cuore segreto della merda, bianco, sina Debussy- ,
sodo e godurioso come pat de foie gras. La Quando torni nuetro- (ma non si torna mai
coprofagia svela il significato simbolico di tutte indietro), oltre la noia, che propriamente
le cose: ti insegna a leggere tra le righe e a co- Langeweile, leggi un sorriso dietro le fiamme
gliere la profondissima influenza esercitata su del Dharmapala e una promessa. Non sai se
di noi dalla pubblicit. La dimensione scatolo- sono idealistiche le paroline sommesse di
gica ti accosta in maniera straordinaria ai Achille Togliani m un'atmosfera carnevaria
bambini e ai cani (pi simpatici e in gamba chandelles-confetti (manca solo lo Champa-
che mai). Giunto a destinazione col taxi, su- gne). Il cuore mio indiscreto ... non si rassegna
bentra il problema dei soldi: davvero non ho alla sua et. Maria. M'le l'l
un singolo penny per pagare la corsa mentre
13
Minima (im)moralia

Al termine della sua introduzione all'edizione (27)


italiana dei Minima Moralia di Adorno (Ei-
naudi, 1954), Renato Salmi poneva una brevis- On parle franais. Chi legge pornografia in u-
sima nota: Questa traduzione non riproduce na lingua straniera, impara quanto intimamen-
interamente il testo dei Minima Moralia. Sono te s'intreccino sesso e linguaggio. Leggendo Sa-
stati tralasciati gli aforismi di contenuto speci- de nell'originale non si ha bisogno di alcun
ficamente tedesco, ricchi di allusioni che sareb- dictionnaire. Anche le espressioni, riferite al-
bero rimaste incomprensibili allettare italiano, l'indecente, pi inconsuete - espressioni la cui
o che avrebbero richiesto note lunghe e ingom- conoscenza non trasmessa da alcuna scuola,
branti. da alcuna casa patema, da alcuna esperienza
Venendo dopo uno scritto di sessanta pagine, letteraria - si comprendono, procedendo come
queste righe sembravano alludere a qualche ta- sonnambuli, al modo in cui nell'infanzia le
glio marginale, anche se era difficile immagi- .manfestazon e le osservazioni pi discoste del
nare un Adorno a tal punto labirintato nella momento sessuale si riconnettono in un'esatta
Selva Nera da riuscire irraggiungibile. Ora, che rappresentazione. :2 come se le passioni pri-
cosa specificamente tedesco nella quaranti- gioniere, chiamate per nome da quelle parole,
na di aforismi tralasciati, di cui presentiamo facessero saltare sia il muro della propria re-
ai nostri lettori un primo campione (li pubbli- pressione, sia quello delle parole cieche e vio-
cheremo tutti in un volumetto. edizioni L'erba lentemente, irresistibilmente urtassero nella
voglio, a settembre)? Il sesso (le donne)? La poli- cellula pi intima del senso che loro somiglia.
tica? La rifless ione incau ta?
Come i lettori possono agevolmente constatare,
questi aforismi sono doppiamente interessanti: (55)
in se stessi, nei loro nessi (recis,) col resto del
grande libro di A dorno; e, soprattutto, come Posso osare (1) - Quando, nel Girotondo di
testi propriamente censurati, che nel loro e- Schnitzler, 'il poeta si avvicina teneramente alla
mergere ora indicano con chiarezza ci che ha dolce, frivola fanciulla, rappresentata come
prodotto la loro censura. Nel loro insieme, essi l'antitesi leggiadra della puritana, essa gli dice:
tracciano una mappa significativa di ci che la Via, non desideri suonare il piano? Essa, co-
cultura italiana di sinistra di quegli anni --:-ma me non pu avere incertezze circa lo scopo del-
solo di quegli anni? - ha temuto o addirittura l'a"angement, neppure offre propriamente una
non visto, e quindi escluso. Per ironia e neces- resistenza. Il suo impulso va pi a fondo dei
sit storica, ci che appariva allora, secondo i divieti convenzionali o psicologici. Esso denun-
casi, sbagliato, pericoloso, dannoso, fuori luo- cia una frigidit arcaica, l'angoscia dell'anima-
go, risulta oggi di gran lungo pi vitale del le femminile innanzi all'accoppiamento che
movimento che lo ha condannato (Elvio Fachi- non gli reca se non dolore. Il piacere un'ac-
nell quisizione tarda, non pi antica certo della co-
scienza. Se si osserva il modo in cui, costritti-
vamente, sotto un sortilegio, gli animali s'in-
contrano, allora l'affermazione secondo cui la
volutt stata concessa al verme, si palesa es-
sere un pezzo di menzogna idealistica, almeno
per ci che concerne le femmine, alle quali l'a-
more capita in assenza di libert e che non al-
trimenti lo conoscono se non in quanto oggetti
di violenza. Di ci qualcosa rimasto alle don-
ne, principalmente a quelle della piccola bor-
14
ghesia, fin dentro l'epoca tardo-industriale. La gannevole messaggera l'adesca pi? E come
memoria dell' antico ferimento sopravvive anco- suona caduca la felicit: Allora Biancaneve gli
ra, mentre il dolore fisico e l'angoscia imme- volle bene e and con lui. Come revocata dal
diata sono tolti dalla civilt. Nessun uomo il malvagio trionfo sulla malvagit (4). Cos,
quale esorti una fanciulla povera ad andare quando speriamo nella salvezza, una voce ci
con lui disconoscer, in quanto non si renda dice che la speranza vana, eppure essa, es-
del tutto ottuso, il momento leggiero del diritto sa soltanto, la speranza impotente, che ci per-
nella sua riluttanza, unica prerogativa che la mette di trarre un respiro. Ogni contemplazio-
societ patriarcale lascia alla donna, la quale, ne non pu fare di pi che ridisegnare pazien-
una volta persuasa, dopo il breve trionfo del no, temente in figure ed approcci sempre nuovi
subito deve pagare lo scotto. Essa sa di essere l'ambivalenza della mestizia. La verit non
fin dai tempi pi remoti, come colei che conce- separabile dall'ossessione che dalle figure del-
de, l'ingannata. Ma se, per questo, essa a- l'apparenza emerga pure infine, senza appa-
vara di s, allora, si, ingannata sul serio. Ci renza, la salvezza.
implicito nel consiglio alla novizia che We-
dekind pone in bocca alla tenutaria d'un bor-
dello: In questo mondo non c' che una via
per essere felici, e cio fare di tutto per rendere (1)
Lo specchio fatato dice alla Regina:
gli altri quanto pi felici possibile. Il piacere Regina la pi bella qui sei tu
proprio ha come presupposto quel gettarsi via ma al di l dei monti e piani
illimitato, di cui le donne, a causa della loro presso i sette nani
arcaica angoscia, sono tanto poco capaci quan- Biancaneve lo molto di pi
to gli uomini nella loro boria. Non solo la pos- [trad. da Grimm di C. Bovero]
sibilit oggettiva - anche la disposizione sog- (2) Una volta nel cuor dell'inverno, mentre i
gettiva alla felicit fa parte propriamente della fiocchi di neve cadevano dal cielo come
libert. piume, una regina cuciva seduta accanto
\
cos bello su quel candore, eh 'ella pens:
cos, cucendo e alzando gli occhi per guar-
(1) Allusione ai versi pronunciati dal Faust di dar la neve, si punse un dito, e caddero
Goethe (nella Parte prima, scena della nella neve tre gocce di sangue. Il rosso era
Strada (I: Mein schiines Friiulein, dar! cos bello su quel candore, ch 'ella penso:
ich wagen, / Meinem Arm und Geleit Ihr "Avessi una bambina bianca come la ne-
Anzutragen ?(N. d. T.). ve, rossa come il sangue e dai capelli neri
come il legno della finestra!". [id.]
(3) Il principe, pur credendo morta Biancane-
(78) ve, chiede ai nani di poterla trasportare
nel suo castello nella sua bara di vetro
Al di l dei monti. (1) - Pi compitamente di per onoraria ed esaltarla come la cosa che
qualsiasi fiaba, Biancaneve esprime la mesti- gli era pi cara al mondo. Ilprincipe or-
zia. La sua immagine pura la regina che din ai suoi servi di portarla sulle spalle.
guarda attraverso la finestra la neve e desidera Ora avvenne che essi inciamparono in uno
una figlia secondo la vivente bellezza senza vita sterpo e per la scossa -quel pezzo di mela
dei fiocchi, la nera afflizione del telaio della fi- avvelenata che Biancaneve aveva trangu-
nestra, la puntura del dissanguamento; (2) e poi giato, le usc dalla gola. [id.]
muore di parto. Di questo per neppure il lieto (4) Ma alla festa [nuziale] invitarono anche
fine porta via nulla. Come l'esaudimento si la perfida matrigna di Biancaneve. ( ... )
chiama morte, la salvazione rimane apparenza. Dapprima non voleva assistere alle nozze,'
Infatti l'osservazione pi profonda non crede ma non trov pace e dovette andare a ve-
che si sia ridestata colei che, simile ad una dere la giovane regina. Entrando, riconob-
dormiente, giace nella bara di vetro. Non be Biancaneve e impietri dallo spavento e
forse il boccone di mela avvelenato (3), che per dall'orrore. Ma sulla brace eran gi pronte
le scosse del viaggio le esce dalla gola, piuttosto due pantofole di ferro: le portarono con le
che un mezzo di assassinio il residuo della vita molle, e le deposero davanti a lei. Ed ella
perduta, della vita proscritta, dalla quale essa dovette calzare le scarpe roventi e danzare
solo ora si salva davvero, ora che nessuna in- finch cadde a terra morta. [id.] (N. d. T.).
1S
(112) Gretchencome ,gutel Seele, / Die sich
einmal nur vergessen.
Et dona ferentes. In Germania i filistei paladi-
ni della libert sono sempre stati particolar-
mente fieri della poesia sul Dio e la bajadera
(1), con la sua fanfara finale secondo cui gli
immortali elevano al cielo con braccia di fuoco 105)
i figli perduti. Non ci si pu fidare di questa
approvata magnanimit. Essa propria fonda- Solo un quarto d'ora. (1). - Notte insonne: se ne
mentalmente del giudizio borghese sull'amore d una definizione come di ore tormentose, te-
mercenario, in quanto essa consegue l'effetto se senza la prospettiva d'una fine e dell'alba
della comprensione e del perdono divini solo nello sforzo vano di dimenticare la vuota dura-
denigrando come perduta, con un brivido esta- ta. Ma orrore, piuttosto, procurano le notti in-
tico, la bella tratta in salvo. L'atto di grazia sonni nelle quali il tempo si contrae e scorre
soggetto a cautele che lo rendono illusorio. Per sterile fra le dita. Qualcuno spegne la luce nel-
meritarsi la redenzione - quasi una redenzio- la speranza di lunghe ore di riposo, che gli
ne meritata fosse ancora tale -, alla fanciulla possano recare conforto. Ma, mentre non sa
concesso di partecipare alla festa gioconda acquetare i pensieri, il salutare patrimonio del-
del talamo non per denaro o volutt. E per- la notte gli si dissipa ed egli, prima che sia ca-
ch mai poi? L'amore puro che le viene attri- pace di non vedere pi nulla negli occhi serra-
buito non offende forse sgraziatamente l'incan- ti, brucianti, sa che troppo tardi, che presto
to che i ritmi di danza di Goethe intrecciano il mattino lo dester di schianto. In maniera
intorno alla figura, incanto che certo non si la- simile, inarrestabili, inutili trascorrono forse i
scia cancellare neppure dalle parole sulla sua momenti estremi di chi condannato a morte.
profonda corruzione? Ma essa pure deve diven- Ma ci che si rivela in tale contrarsi delle ore,
tare, ad ogni costo, un'anima buona tale che l'immagine speculare del tempo adempiuto.
solo una volta ha peccato. (2) Per venire am- Se in questo il potere de111'esperienza 'spezza il
messa nell'ambito chiuso dell'umanit, la cor- sortilegio della durata e raccoglie passato e fu-
tigiana, che l'umanit si vanta di tollerare, de- turo nel presente, cos nella notte precipitosa-
ve anzi tutto cessare di essere tale. La divinit mente insonne la durata suscita insopportabile
si compiace dei peccatori ravveduti. Tutta l'in- orrore. La vita umana diventa istante, non gi
cursione fin l dove sono le ultime case una togliendo la durata, bens rovinando nel nulla,
sorta di slumming party metafisico, -<'unallesti- destandosi alla sua vanit al cospetto della cat-
mento della volgarit maschile per atteggiarsi tiva infinit del tempo. Nel rumoroso ticchettio
in maniera doppiamente grandiosa, dapprima dell'orologio l'insonne percepisce la derisione de-
accrescendo smisuratamente la distanza tra lo gli anni-luce per il breve corso della propria esi-
spirito maschile e la natura femminile e poi, stenza. Le ore, che gi sono trascorse come secon-
successivamente, sventolando come bene supre- di, prima che il senso interiore le abbia afferrate.
mo- il potere asoluto di revocare la differenza e lo trascinano nella loro caduta, gli danno avviso
da esso stesso creata. 11 borghese ha bisogno di come, insieme ad ogni memoria, egli sia votato
della bajadera non soltanto per amore del pia- all'oblio nella notte cosmica. Gli uomini se neac-
cere, che egli al tempo stesso le invidia, bens corgono oggi in maniera coatta.
per sentirsi davvero Dio. Quanto pi egli s'av- Nella condizione della compiuta impotenza, ci
vicina al margine del suo ambito e dimentica la che ancora gli stato lasciato da vivere appare
sua dignit, tanto pi spudorato il rituale all'individuo come una breve dilazione innanzi
della violenza. La notte ha il suo piacere, la al patibolo. Egli non si aspetta di vivere la pro-
puttana, per, viene bruciata. Il resto l'idea. pria vita fino in fondo. La prospettiva, presente
a ciascuno, della morte e del martirio violenti,
si prolunga nell' angoscia perch i giorni sono
contati, la lunghezza della propria vita dipen-
(1) Der Gott und de Bajadere: cos s'intitola de dalla statistica, perch l'invecchiare diven-
la ballata di Goethe alla quale questo afo- tato, per cos dire, un vantaggio sleale, che va
risma si riferisce. carpito con astuzia alla media statistica. Forse
(2) Allusione ai versi 12065/12066 del Faust di si gi dato fondo alla percentuale di vita
Goethe dove contenuta la lode di messa revocabilmente a disposizione dalla so-
16 I
ciet. Tale l'angoscia che il corpo registra nella strascicando la voce. Una buona idea, davve-
fuga delle ore. Il tempo vola. rol E dove vorresti andare, poi? - Dal
mercaol Vuoi comprarti un vestitino nuo-
(1) Nur ein Vertelsttndchen: il titolo dell'a- vot, le chiesi un po' goffamente. Rise forte.
forisma allude al motto ricamato sui cu- Ma va! Figurati! - No, solo degli stracci.
scini dei divani nel salotto borghese tede- Stracci, Lisetta? - S1, certo! Soltanto scam-
sco dell'ottocento. Tale motto citato an- poli, per i costumi dei burattini; mica costano
che nella seguente osservazione del Zen- molto. La povert induce Lisetta a scegliere
tralpark di Walter Benjamin: Per il pen- ci che consunto - stracci -, bench pre-
siero dell'eterno ritorno ha la sua impor- ferisca altre cose. Senza capire, essa deve con-
tanza il fatto che la borghesia non osava siderare con diffidenza eccentrico tutto ci che
pi guardare in faccia il prossimo sviluppo non si giustifica praticamente. L'immaginazio-
dell'ordinamento produttivo da essa posto ne offende la povert. Infatti ci che consun-
in opera. Il pensiero di Zaratustra dell'e- to possiede incanto solo per l'osservatore. Ep-
terno ritorno e il motto della fodera dei pure l'immaginazione ha bisogno della povert,
cuscini: "Solo un quarto d'ora" sono com- alla quale essa reca violenza: la felicit, cui es-
plementi (in: W.B., Gesammelte Sch- sa si abbandona, inscritta nei tratti del dolo-
riften, I, 2, Frankfurt a. M. 1974, p. 677). re. Cos la Justine di Sade, che passa da una
(N.d.T.). tortura all' altra, viene definita notre intres-
sante hroine, e analogamente Mignon nel mo-
mento in cui viene battuta chiamata l'interes-
sante bambina. La principessa di sogno
(108) nello stesso tempo la bambina maltrattata, e di
ci essa nulla sospetta. Tracce di questo esisto-
La. principessa Lucertola. (1) - Proprio quelle no ancora nel rapporto dei popoli nordici con
donne accendono l'immaginazione, alle quali quelli meridionali: i puritani benestanti cerca-
l'immaginazione manca. Di luce pi viva no invano nelle brunette dei paesi stranieri ci
splende l'aura di coloro che, del tutto estrover- che il corso del mondo, da loro dettato, toglie
se, sono affatto sobrie. La loro attrattiva pro- non solo a loro stessi, ma propriamente anche
ai nomadi. Il sedentario invidia il nomadismo,

I~ne dall~ man~ca~~di c~.sl~nza_dl se. an~i


dalla mancanza ai un e m generale: in rela-
zione a ci che Oscar .-.iIde a 'trovato la defi-
nizione di Sfinge senza enigma. Esse somi-
la ricerca di freschi spazi erbosi, e il carrozzone
verde la casa sulle ruote, il cui viaggio segue
il cammino degli astri. L'infantilit, confinata
gliano all'immagine convenuta: quanto pi so- in un moto disordinato, relegata nella spinta
no pura apparenza, non disturbata da alcun momentanea, infelicemente errabonda, a conti-
impulso proprio, tanto pi sono simili ad ar- nuare la vita, sostituisce il non sfigurato, l'a-
chetipi - Preziosa, Peregrina, Albertine -, dempimento, e per li esclude, simile nell'inti-
che appunto fanno supporre come mera appa- mo all'autoconservazione dalla quale si illude
renza ogni individuazione e che pure, per via di redimere. Tale il circolo della nostalgia
di ci che sono, debbono sempre nuovamente borghese per l'ingenuo. La mancanza dell'ani-
deludere. La loro vita viene afferrata come se- ma, grazia e strazio ad un tempo, in coloro ai
rie di i1l~stt'idonL oppure ~come_una_peIl1-etUa quali, ai margini della cultura, il quotidiano
, esta m antile ed una tale ercezione fa torto vieta l'autodeterminazione, diviene fantasma-
a!!!)Qro pove.!!. esistenza emninca. Questo- il goria dell'anima per i ben piazzati, i quali dal-
tema che Storm ha trattato nel suo profondo la cultura hanno appreso a vergognarsi del-
racconto per ragazzi: Paolo il burattinaio. l'anima. L'amore si perde in ci che privo
Il fanciullo della Frisia s'innamora della bam- d'anima come nella cifra dell'animato, poich
bina dei nomadi bavaresi. Quando alla fine per esso i viventi sono scenario per la disperata
tornai indietro, vidi farmisi incontro un abituc- brama del salvare, la quale solo in ci che
cio rosso; ed ecco, s, era la piccola buratti- perduto possiede il suo soggetto: all'amore l'a-
naia; nonostante il suo vestitino sbiadito, essa nima si dischiude solo nella propria assenza.
mi parve cinta di uno splendore di fiaba. Mi Cos, umana proprio l'espressione di quegli
feci coraggio e le parlai: Vuoi fare una pas- occhi i quali sono i pi prossimi a quelli dell'a-
seggiata, Lisetta? Essa mi guard diffidente nimale, a quelli della creatura, lontano dalla
con i suoi occhi neri. Passeggiata? ripet riflessione dell'Io. Alla fine l'anima stessa non
17
che l'anelito dell'inanimato alla salvezza. soffocamento di ogni impulso immediato,
scepsi cinica e cieco piacere del comando, non
(1) La fiaba della Principessa Lucertola rac- riuscirebbe, se gli oppressori, tramite oppressi
conta la vicenda di una crudele e graziosa assoldati, non preparassero a se stessi una par-
principessina che trascorre le sue giornate te dell' oppressione che essi preparano per gli
nel parco del castello paterno, divertendosi altri. Per questo le differenze psicologiche tra
ad infliggere ogni sorta di tormenti ai pic- le classi sono tanto minori di quelle oggettive,
coli animali che cadono in suo potere. economiche. L'armonia dell'inconciliabile torna
Colta per da un sortilegio nell'atto di ta- a profitto del persistere della cattiva totalit.
gliare la coda ad una lucertola, essa tra- La volgarit del comandante e l'arroganza del
sformata in lucertola a sua volta, ed co- soldato semplice vanno d'accordo. Oai dome-
stretta a lunghe e dolorose peregrinazioni stici e dalle governanti, i quali in obbedienza
per il mondo,' infine, seguendo il consiglio alla seriet della vita sottopongono ad angherie
del saggio Re degli Gnomi, ritorna al suo i bambini di buona famiglia, passando attra-
paese d'origine e, dopo aver subito a sua verso gli insegnanti del Westerwald che li di-
volta il supplizio del taglio della coda, ri- savvezzano dall'uso dei termini di origine stra-
trova la forma primitiva. (N. d. T.) niera non meno che dal piacere per qualsiasi
lingua, attraverso i funzionari e gli impiegati
che li mettono in fila, attraverso i caporali che
li calpestano, una linea retta conduce agli aiu-
(117) tanti dei boia della Gestapo e ai burocrati delle
camere a gas. Alla delega della violenza agli
Il servo padrone. (O) - Solo attraverso una per- inferiori corrispondono fin da principio gli im-
manente regressione le classi subalteme diven- pulsi dei superiori. Colui che trova ripugnante
gono capaci delle prestazioni ottuse che la cul- la buona educazione dei genitori, fugge in cu-
tura del dominio esige da loro. Proprio il de- cina e si riscalda alle espressioni forti, volgari,
forme in loro un prodotto della forma socia- della cuoca, espressioni le quali rendono segre-
le. La generazione di barbari da parte della tamente il principio della buona educazione
cultura, per, sempre stata da questa utiliz- parentale. Le persone fini sono attirate da
zata per mantenere in vita la propria essenza quelle grossolane, la cui rozzezza promette loro
illusoriamente ci di cui le priva la propria cul-
tura. Essi non sanno che il grossolano, che
sembra loro anarchica natura, non se non il
riflesso della costrizione alla quale sono rilut-
tanti. Tra la solidariet di classe dei superiori e
la loro comunella con i deputati della classe
subaltema fa da mediatore il loro giustificato
sentimento di colpa nei confronti dei poveri.
Ma chi ha appreso ad adattarsi ai disadattati,
colui al quale il: Qui si fa cos- penetrato fin
nell'intimo, questi alla fine egli stesso dive-
nuto tale. L'osservazione di Bettelheim sull'i-
dentificazione delle vittime con i carnefici dei
lager nazisti contiene il giudizio sulle elevate
serre della cultura, sulla inglese Public School,
sulla germanica accademia dei cadetti. L'as-
surdit si perpetua attraverso se stessa: il do-
barbarica. Il dominio delega la violenza fisica,
sulla quale esso poggia, ai dominati. Questi, minio si trasmette e si continua attraverso i
dominati.
mentre viene procurata loro la soddisfazione di
sfogare come giusto e sacrosanto per il colletti-
vo i propri istinti piegati e distorti, apprendono (O) In italiano nel testo. (N. d. T.).
a perpetrare ci di cui i nobili abbisognano af-
finch possano concedersi di rimanere nobili. T. W.Adorno
L'autoeducazione della cricca dominante, con \

tutto ci che essa esige quanto a disciplina, (Trad. di Gianni Carchia)


18
A proposito di studenti
da il manifesto, 21 aprile 1976: Chi sono i 700 etichette sono iprotagonisti del nuovo movimen to
delegati riuniti a Firenze? Aldil e sotto le degli studenti, di Rina Gagliardi.

I - (una specie di night) senza dubbio


dallo spirito contestatario
certo non siamo pi nel '68 che condusse molti di noi
e anche loro gli studenti alla scoperta della rivoluzione
sono cambiati otto anni fa
siamo in realt la disgregazione
in una specie di night ha fatto passi da gigante
un locale moquettato nella scuola e tra i giovani
architettura a volute questo un insieme aggregato
impianto di luci colorate per aggregarsi
bisogna proprio tornare indietro ha dovuto anche escludere
oggi certo siamo lontani uno studente anonimo studioso
da una spontaneit per cos dire studente inquieto
questo il fatto eccezionale ed esistenziale
discutere scontrarsi spoliticizzato e freak
litigare e rimanere dati i tempi in cui viviamo
tuttavia uniti che permettono pochi lussi
i giovani comunisti della F gci e raramente il lusso
e degli Osa della spontaneit
i giovani del Pdup
e dei Cpu III - (una sede di-battito tutt'al pi?)
i medi di Avanguardia Operaia
e dei Cub e dopo tanti anni
i giovani socialisti ci troviamo
i giovani delle Acli di fronte a un corpo
manca vero Lotta continua non un caso il tema che al fondo domina
proprio
II - (dati i tempi in cui viviamo) la perdita del proprio
la contraddizione
ma che cosa tra l'essere insieme
sono venuti a fare e alloro posto
questi giovani? e chi sono? ed essere la sede in una
sono studenti molto politicizzati superiore unit
i quadri pi maturi del movimento oppure sono soltanto
ha detto Giovanni Lanzone una sede di-battito tutt'al pi?
responsabile efficiente rafforzando la funzione
presidente della seduta attraverso la creazione
conoscono e seguono una associazione
maneggiano con disinvoltura come propone la F gci?
sono abituati alla trattativa l'assemblea partecipa
le ragazze attivamente mostra
come sempre succede di non avere soggezione
in qualsiasi assemblea del palco che la dirige
un po' selezionata ha tributato
sono in minoranza un lunghissimo intervento esecutivo
qualcosa di diverso l Nicola Spinosi
19
Analreligion e dintomi. Appunti.

Accingendosi a ridare le spezzate tavole della Rende STREGHE chi sfugge a quel controllo.
LEGGE a Mos, il misterioso, anonimo dio Non avrai con un uomo relazioni carnali come
d'Israele annuncia: Mi vedrai per di dietro; si hanno con una donna; cosa abominevole
ma la mia faccia non si pu vedere (Esodo, (Levitico XVIII, 22). Se uno ha con un uomo
XXXIII, 23). relazioni carnali come si hanno con una donna,
Nel fatto che il Dio d'Israele al suo servo ambedue hanno commesso cosa abominevole;
Mos (00') mostra soltanto il suo a posteriori dovranno essere messi a morte, e il loro sangue
(cfr. Marx-Engels Opere, 111, p. 192, Editori ricadr su di loro (idem, XX, 12).
Riuniti 1976), deve celarsi un mistero: queno Come pu dimostrare il caso dell' orgasmo pro-
che disarticola la testa dalla legge, che fa coin- statico, naturalmente impossibile che fra uo-
cidere la donazione delle tavole con l'esibizione mini si diano rapporti come si hanno con una
del posteriore. donna, a meno che non si tenga conto sola-
Posteriore indubbiamente divino, aureo, visto mente della fantasmizzazione del rapporto.
che, al suo cospetto, la pelle del viso di Mos Ma al dio-padre-legge interessa non la verit,
era diventata tutta raggiante e talmente acce- ma il divieto, che induce la ruolizzazione.
cante che doveva occultarla al popolo con un Il culo interdetto la LEGGE.
velo (Esodo, XXXIV, 29; 33-35). Dal culo interdetto emana la ruolizzazione:
Non solo la testa divina, ma anche quella di l'uomo che trasgredisce l'interdetto diventa co-
Mos vengono qui cancellate dallo splendore me una donna,' nella fallica societ paternal-
del tiosteriore da cui emana la legge. stica, in cui esiste un solo sesso alienato, quello
Nelle leggi imposte aauatto al popoto, la testa maschile, e dove la donna non esiste, non c'
non appare. ancora, non essendo che una alienata proiezio-
Ha ragione chi ritiene la bibbia ispirata: il rap- ne del maschile, il culo energumeno decade spre-
porto culo (culo alienato, oro) - legge un'al- gevolmen te a fica.
legoria che importa capire. Qui RELIGIONE controllo del culo,' perma-
Dal culo scaturisce la legge. nenza nel maschile, sottomissione ai divieti di dio-
Senza culo, niente legge. padre.
Ma si tratta di un culo divino (alienato, padro-
neggiato) da cui promana un'alienazione (leg- Marx non accetta il religioso dominio sul culo.
ge). . Divarica, infatti, contro l'assorbimento che ne
C' culo (e forse c' veramente) anche senza aveva fatto il culto, il diritto di andar di corpo
legge. dal diritto di andar di religione.
Lo stesso dio che dal culo indiato (alienato) e- Ognuno deve poter soddisfare tanto i suoi bi-
mana la legge, puntualmente ne tradisce l'alie- sogni religiosi quanto i suoi bisogni corporei
nazione. senza che la polizia vi ficchi il naso (cfr. Criti-
L'imperio paterno-padronale , infatti, coman- ca del programma di Gotha): un imperativo
.do di morte: Non lascierai vivere la strega liberale che Marx non accetta, perch, per lui,
(Esodo, XXII, 18). l'andar di religione un diritto alienato, inter-
E pour cause! no all'ideologia del potere borghese e che, dun-
Le streghe adorano il tenebroso culo senza leg- que, dev'essere visto come toglibile insieme ad
ge dell' Avversario: il diavolo. esso.
La legge scaturiente dal didietro indiato pone L'andar di corpo - in altre parole - dev'essere
sotto minuzioso controllo ( Pedanterie, Or- liberato dallo spettro della religione.
dnung) sesso, culo ed escrementi; li pone nello Diritto, quello all' evacuazione (senza che poli-
steccato dell'IMPURO e impuro rende ogni zia-dio-padre-madre-cultura vi ficchino il na-
contatto, non controllato dall'alto, con essi. so); diritto alienato, borghese, quello alla reli-
20
gione (dominio sull'evacuazione). mente l'interdetto sul culo, poich l'Analcha-
Diversamente da Paolo di Tarso, che andava rakter che gli tanto funzionale nasce proprio
dicendo che Cristo era l'evacuazione di dio (Ai dalla perseguita ebraizzazione dell'esito della co-
Filippesi, II, 7), Marx vuol disarticolare evacua- siddettafase anale .
zione da religione e critica l' ebraismo che perfino
della latrina fa un oggetto della legge divina (cfr. Per tenere in ordine gli israeliti, dio si presentava
Marx-Engels Opere I1I. cito p. 187). D'altra par- loro di giorno, in una colonna di nuvola per gui-
te, non poteva il culto dell'oro dell'ebreo tenace darli per il loro cammino; e di notte, in una colon-
(cfr.ibidem p. 189) (ricordarsi l'Eigensinn freu- na di fuoco, per lluminarli- (Esodo, XIII, 21).
diano) evitare una cultualizzazione delle feci, Diversa dalla rossa colonna che il fallico dio
Grund primordiale (e scotomizzato) dell' oro,'non delle tavole teneva sempre ritta davanti al suo
pu la Legge uscita dal di dietro non imperare an- popolo quella di cui parla Freud: Il pene ha
che sulle cloache (luogo assegnato dalla legge alla (... ) il suo precursore nella colonna delle feci,
merda). che riempie e stimola il tubo dell'intestino
-L'ebraismo raggiunge il suo culmine col com- (cfr. Introduzione alla psicoanalisi, Boringhieri
pimento della societ borghese che, a sua vol- 1969, p. 503).
ta, si compie soltanto col mondo cristiano, Questa colonna, fungendo da MASSA stimo-
sicch il cristianesimo (religione del capitale) lante su una superficie mucosa sessualmente
si risolve nell'ebraismo (cfr. ibidem, p. 188). sensibile si comporta come il predecessore di un
C' dunque da sospettare che anche la forma altro organo che entrer in azione solo dopo la fa-
pi funzionale del cristianesimo al capitalismo se dell'infanzia (cfr. La vita sessuale, Boringhieri
- il protestantesimo - passi attraverso la la;' 1970, p. 85).
trina. Sussistenza dell' erotismo anale e sua pratica sono
Se il vulcanico dio d'I sraele emana la legge dal dunque assicurati dall'armonico passaggio dalla
didietro, Lutero ha l'abbacinante rivelazione COLONNA delle feci alla COLONNA del pene.
della giustificazione per fede - come egli stes-
so dice - mentre ero nella latrina della tor- Ma proprio qui che l'Analcharakter impone
re. la sua devianza, il suo alienato ERSA TZ, la
sua COLONNA. .
Quello di Lu tero non il caso unico di un rapporto
teologia-latrina. Aveva gi osservato Montaigne, Il tesaurizzatore (cui i Grundrisse attribuiscono
a proposito di Ario e di Leone -son Pape, chefs la parsimonia) un santo asceta sulla som-
principaux de cette herese- che retirez de la di- mit della colonna metallica del denaro accu-
spute par douleur de ventre la garderobe, tous mulato (cfr. Marx Per la critica dell'economia
deux y rendirent subitement rame (Cfr. Essais, politica, Editori Riuniti 1957, p. 116).
Libro I, XXXII). Sostituendo alla COLONNA del pene la fallica
La luterana Turmerlebnis non toglie la legge, an- COLONNA dell'aureo denaro, l'Analcharaktersi
zi, apre al prete di dentro la prospettiva della ser- fa sostegno psicologico del capitale, splendente
vit assoluta (al di l della norma) al capriccio gra- COLONNA che lo guida nella notte e nel deserto
tuito e dispotico del dio-padrone: prefigurazione dell' alienazione.
religiosa della caduta del libero lavoratore del Eigensinn (pervicacia), Geiz (avarizia), Pedan-
capitale in balia dell'imperscrutabile capriccio terie, Trotz (tracotanza), Ordnung (ordine),
del cielo economico. Sparsamkeit (parsimonia) sono i freudiani at-
Dal Sinai a Lutero, al capitale (e alla democra- tributi dell' Analcharakter: tutti - prevalendo o-
zia formale-rappresentativa della sua borghe- ra l'uno ora l'altro - divengono COLONNA a ca-
sia) la LEGGE dominante (anche nell'ingan- ratteri funzionali al capitale nelle sue variazioni
nevole forma della libera iniziativa del capi- storico-specifiche .
talista singolo). Tutti sono riconducibili alla fondamentale ca-
Qui il pi alto rapporto dell'uomo il rappor- tegoria di accumulazione forzata e di forzata e-
to legale, il rapporto verso le leggi, che per lui vacuazione fecaIi: prefigurazioni, dal profon-
valgono non perch siano le leggi della sua do, di trasposizioni quali l'accumulazione usu-
propria volont ed essenza, ma perch esse do- raria (capitalismo commerciale arcaico) e il
minano e perch l'apostasia da esse viene vendi- consumismo (in vista di maggior accumulazio-
cata (cfr. ibidem, p. 187). ne valorizzatrice) del capitale odierno.
Il rapporto culo-legge vige dunque anche (e so- Analreligion e Analpolitik (revisionismo) sono
prattutto) sotto il capitale che pone coerente- illuminate da questa COLONNA, che si leva
21
sull'alienato rapporto culo - legge. .con ci che poi risulta dalla sua conversione all' e-
braismo.
Si vuol dire, cio, che originariamente la merda
non morte, ma attivit, gioco, vita, eros: ogget-
Nella prima infanzia, l'organo della produzione tivazionee non alienazione del desiderio.
del desiderio il culo. Tutt'altra cosa, dunque, dalla funebre merda di
Per Jung - citabile, una volta tanto - vale Pasolini _ Sade, gi interna al fascismo e al capi-
l'esempio di una bambina che - per defeca- tale.
zione - otteneva (in modo pratico-simbolico) Il capitale odia LE 120 giomate di Sodomaie pos-
quanto desiderava: In questo modo ci si pu sibilmente le interdice, come ha fatto con Pasol-
fare quello che si desidera; e ci che viene fatto ni) perch in esse si trova con terrore davanti al
ci che si era desiderato. La bambina deside- suo proprio specchio: i despoti feudali. che - in
ra ardentemente una bambola o (in definitiva) Sade _ obbligano i loro schiavi a defecare in tem-
un bambino vero ( ... ) e fa la bambola, come pi padronalmente stabiliti e poi ne divorano con
sostituto del bambino o della cosa desiderata in delizia la merda sono la pi illuminante metafora-
generale, nel modo in cui si produce in genera- profezia del tempo di produzione coatta del capi-
le (cfr. La libido: simboli e trasformazioni, tale, che ingoia la produzione forzata e porta poi
Newton Compton 1975, p. 172). alla morte - dopo averlo spremuto nella suafor-
Nella prima infanzia, dunque, produzione di za fecondante- il produttore. .
merda = modo generale di produzione. Ma non si deve adottare - neppure sulla merda
Una modifica dall'esterno di questo autonomo _ il punto di vista del capitale.
modo generale di produzione, l'imposizione e- Se si mette fra parentesi la capitalistica ideologia
stranea di un alienato principio di realt (gesti- del pulito e dello schifo, la funzione originaria,
to da altrettanto alienati adulti) implica l'ob- disalienata, della merda, cui si pu giungere a r-
bligo coatto a un nuovo modo di produzione. salire, quella di una materia primordiale, senza
In questo caso, Yebraismo, che pu allogarsi attributi (almeno negativi),
anche nella fase anale, d le nuove tavole della Sulla merda come materia ludico-produttiva, co-
produzione della merda e trasforma l'auto- me hyle indispensabile alla creazione d'accordo
nomo originario disalienato produttore anale in - col mondo infantile - il mondo mitico.
Analcharakter devoto alla produzione altra, per Cito per la seconda volta (e Freud mi perdoni!)
un padrone: prima esemplificazione - nel Jung: I primi uomini furono fatti di escremen-
profondo - di una situazione proletaria. ti, di argilla o di fango. Il latino lutum, che
Sul piano del profondo, questo pu essere propriamente significa terra inzuppata ha anche
considerato il luogo di nascita del tempo e del il senso traslato di escrementi.
lavoro alienati (in particolare capitalistici), o In Plauto addirittura una parola ingiuriosa,
meglio, di un carattere funzionale al capitale, qualcosa come Sei una merda.
mediante l'induzione di un modo di produzione (cfr. op.cit.p. 173).
alienato (all'interno di un tempo alienato, Come matena primordiale della creazione la
coattamente imposto da un'istanza estranea) merda non appare n sconsacrata dal disgusto
sostituto di quello primordiale e spontaneo. e dallo schifo n stigmatizzata, ma costituisce
~ qui che - nell'ambito dell'esperienza del pro- addirittura l'indispensabile fondamento della
fondo - si comincia a sostituire alla potenziale (infantile e mitica) teoria della nascita per via
Tiitigkeit infantile (attiva autonoma, onnilate- anale (cfr. ibidem,pp.173-174).
rale) l' Arbeit (lavoro alienato, coatto, estraneo ed
esterno, unilaterale). Dio foggia l'uomo dal fango, cio maneggiando
Nella bambola-bambino di merda v' l' ogget- la propria merda: per questo l'uomo simile a
tivazione del desiderio. lui. Deucalione e Pirra ricreano l'uomo gettan-
A quest'et e a questo livello dunque il culo dosi merda alle spalle (cfr. ibidem).
l'organo principale della produzione del desi- La merda dunque l'ingens sylva ongnana
derio: soffocarlo, scotomizzarlo, reprimerlo, della materia che religione e capitale hanno
imbrigliarlo dall'esterno estraneo ed alienato scotomizzato col culto del puro, del pulito, del
la stessa cosa che trattenere il desiderio, dargli cosmo, della legge.
una meta coatta, mentre originariamente esso Per entrare nel regno, per distruggere l'eone
vacanza di meta (libido polimorfa). del capitale e della religione bisogna ridiventa-
Prima di passare attraverso le tavole della leg- re come i bambini, ritornare dalla produzione
ge, la merda non ha dunque nulla a che vedere alienata a quella Iudica, all' attivit che non
22
imbriglia il desiderio, ma lo attua: alla merda ZIONE
e al culo senza padrone. MESSA FRA PARENTESI-EPOCHE'-WELT-
E alla merda deve ritornare il proletariato, se VERNICHTUNG
vuoi togliersiin quanto tale: la merda indica l'al queste (ed altre possibili) trinit (che, giusta la
di l della dialettica' servo-padrone. teologia, sono la stessa cosa) sono attraversate
dalla religione (e dalla religione per eccellenza
Analcharakter religione e capitale anche perch o del capitale: il cristianesimo).
accetta pulizia (polizia), padroneggiamento e leg- RELIGIONE , infatti, anche DIFFERIMEN-
ge. . TO nell' aldil della soluzione delle alienazioni
Chiudere (o aprire) imperiosamente e obbligato- dell' aldiqu; si comporta come se l'aldiqu po-
riamente gli sfin teri, dominare la merda non so- tesse tranquillamente essere messo Ira parente-
lo imbrigliare la materia, instaurare un modo di si: una cosa insignificante (direbbe Pascal) di
produzione alienato e un lavoratore alienato, ma fronte all' eterno.
sottomettere a una istanza estranea'desiderio, go- Dalla religione il tempo considerato poca co-
dimento, sensibilit, corporeit, tempo. sa, possibilmente (vero, don Kierkegaard?) da
Dare LEGGE alla MERDA trasformare un annientare.
caos vitale nel mortuario cosmo del padrone,' RELIGIONE dominazione del tempo da par-
fare uscire dal didietro di dio le tavole della te di un tempo ALTRO.
legge; costringere il corpo a passare attraverso RELIGIONE (in buona parte) tentativo di
la griglia PECCATO-REDENZIONE, tenerlo padroneggiare e (se possibile) sopprimere
pulito: sottomesso alla PO (PU) LIZIA. TUTTO il sensibile.
LEGGE aprire gli sfinteri (o chiuderli) quan- CAPITALE (anche) rsucchiamento del tem-
do lass si vuole. po nel (da esso ritenu to eterno) tempo di lavoro, in
vista della propria valorizzazione:
CAPITALE = RELIGIONE.

RIVOLUZIONE tempo ALTRO.


altro dall' eternit, dal tempo del capitale, dal
tempo delle TAVOLE.
Ricordare l' uccisione del tempo consueto, u-
suale, alienato, pre-rvoluzionario, sui campa-
nili della Parigi insorta, di cui parla Walter
Benjamin.
DIFFERIRE, CONTENERE, TRATTENERE
il tempo della RIVOLUZIONE (e la merda-
massa che ne portatrice) nella sfinterica mor-
La prima cosa che ispeziona, ad Alee (ne sa del tempo del capitale RELIGIONE ANA-,
l'Arancia meccanica), il direttore del carcere LE del revsionismo.
la moralit del buco del culo Eternit (trascendenza verticale) e differimento
LEGGE mettere Ira parantesi le istanze del nel futuro, a dopo la nostra morte, della RI-
QUAGGIU'. VOLUZIONE (alienata trascendenza orizzonta-
Madre-chiesa, madre-cultura, padre-capitale: le) qui fanno un PATTO, impongono TA VOLE,
tutti madri-padri che mettono un ordine altro compromessi, CONCORDATI.
nel culo del bambino. Revisionismo religione della doppia trascen-
LEGGE-RELIGIONE trattengono il sensibile, denza, doppia alienazione.
mettono Ira parentesi il suo TEMPO, lo domi- Se un partito si fa colonna burocratica,
nano con un tempo ALTRO (tempo del capita- organizzazione che incombe sulle masse
le. eternit). e verticalmente le domina,
PECCATO una merda che deve essere trattenu- non a torto pu esser chiamato PAPA' ,
ta nella stretta d'ella colpa ed evacuata col perdo- come ha fatto un accademico psicoanalistain Chri-
no e la redenzione: apertura dall'alto degli sfinte- sto,
.
n. e PAPA' abbastanza nevrotico,
DILAZIONE-DIFFERIMENTO-CONTENI- visto che i sintomi della nevrosi propriamente
MENTO detta costituiscono un COMPROMESSO (Cfr.
LEGGE-PADRONEGGIAMENTO-DOMINA- S. Freud Mos e il monoteismo, Pepe Diaz 1952,
23
p.126). membro immaginario di una sovranit im-
PAPA' in oggettiva coerenza con dio-capitale, maginaria, spogliato della sua reale vita indi-
se un partito (sindacato) che trattiene la merda- viduale e riempito di una universalit irreale
massa, (cfr. Marx Opere, III, cito p. 167): uno stato che
la accumula, la ordina, fa da Cristo fra l'uomo astratto e la sua altret-
in vista di una sua revisionistica evacuazione;
con l'Analgiustizia,
.
tanto astratta ~ (e irraggiungibile) libert (cfr.i-
dem,p.16S).
che per anni infiniti trattieneprocessi per stragi di Con questo Cristo e con la religione (tuttora di
.'Stato; stato) si fanno miracoli .
con Analcommissioni inquirenti, Il dominio della religione la religione del do-
che secolarmente trattengono corruzione e cor- minio (cfr.idem,p.171).
ruttori; . Il compromesso con quella religione il com-
con un parlamento che si fa sfintere caparbio e promesso col dominio e con la sua religione: il
impermeabile della borghesia. capitale.
Se un partito che si vanta delle mani nette, in DeMaistre:larivoluzione ilDIAVOLO.
coerenza col culto borghese della pu (po)lizia; I revisionisti: la rivoluzione il DIAVOLO.
se si presenta, al pulito capitale, mondo della su- A chi al proletariato vuol dare la religione di
burra della RIVOLUZIONE, un nome, una (falsa) coscienza, una cravatta e
-deodorato dal puzzo delle proletarie VIOLENZE. un' aureola, una credibilit per i perbenisti,
La merda sporca, lecito opporre un proletariato violento ed infe-
il peccato sporco, ro, inconscio, autonomo ed una trinit:
la mamma pulisce, MERDA DIAVOLO RIVOLUZIONE
la religione purifica.
RIVOLUZIONE sporco, MERDA, UN SIGNORE (con veletta rosa): Ma questo un
PECCA TO, peccato CAPITALE: delirio!
solo lo sfntere REVISIONISTA pu trattenerla. L'AUTORE: Bien sr, madame!
Hai progettato - in pensieri, parole ed opere -
la RIVOLUZIONE, figliolo (compagno)? Quante Luciano Parinetto
volte? Te ne penti e rientri nel senodella madre-
chiesa (partito)?
Sfintere-chiesa,
ERSA TZ di una chiesa-sfintere esausto. 11 gruppo che discute e organizza il lavoro della
Fuori della chiesa non c' salvezza. rivista si riunisce regolarmente. a Milano. Chiun-
Chi non con me contro di me. que interessato ad, esso pu partecipare alle
Chi ha orecchiper intendere, intenda.
riunioni. Incontri con gruppi o collettivi di lavoro
Nuova chiesa, per un nuovo aldil.
hanno luogo anche fuori Milano. La rivista d
Non ancora (non sar mai) TEMPO,
notizia delle attivit segnalate e risponde a tutte le .
perch TUTTO sia NUOVO.
lettere (i ritardi possono essere nostri, le omissioni
~ tempo, invece, di democrazia, di compro- sono delle poste). Per ogni comunicazione, l'indi-
messo, di religione, di antifascismo super-uni- rizzo :
tario( siamo tutti una sola Iamgla)
.che superunitariamente tollera i fascisti (sovven-
zionati) in parlamento:
'I.j'J;:IUiA.
COLONNE (o meglio STAMPELLE).
,TI)II'I.jJ:IJ
V. Lanzone da Corte 7, 20123 Milano.
Nei santuari, stampelle ex-voto esibiscono mi-
racoli. Per le norme stilla stampa, risulta direttore re-
Nei santuari del capitale pendono revisionisti- sponsabile Elvio Fachinelli.
che STAMPELLE di istituzioni e costituzioni Registraz. del Tribunale di Milano n. 234 del
PADRONALI, 24.6.1971.
sostegni per morti che camminano,
. deodoranti del loro mortuario fetore.
testimoni del capitale miracolato. Tutti i disegni sono di Corrado Costa
MIRACOLO: far funzionare la carcassa del'
capitale, renderla agibile sul palcoscenico dello --------------------
stato democratico-borghese, luogo ove l'uomo Tipografia: ROTOGRAFICA Via Ciovasso 4 MILANO

24