Sei sulla pagina 1di 1

218 Storia ecclesiastica

mato dal fuoco, ordinarono ad un con/ector 7 9 di avvicinarsi a


lui e di trafiggerlo con una spada. 3 9. Fatto questo, sgorg dal
suo corpo una cos grande quantit di sangue da riuscire a spe
gnere il fuoco e a far meravigliare il popolo della grande diffe
renza esistente tra coloro che non credono e gli eletti. Egli era
uno di costoro, il maestro ammiratissimo nei nostri tempi, di
scepolo degli apostoli e profetico vescovo della Chiesa cattoli
ca di Smirne; ogni parola che usciva dalla sua bocca o si era gi
compiuta o si sarebbe compiuta. 40. Ma il demonio, astuto e
invidioso, nemico della progenie dei giusti, vedendo la gran
dezza della sua testimonianza di fede e la sua vita sempre inec
cepibile, che lo cinse della corona dell'immortalit e gli permi
se di riportare il premio inoppugnabile della vittoria, fece in
modo che noi non raccogliessimo neppure il suo corpo, sebbe
ne molti desideravano farlo per tenere con loro le sue sante
spoglie. 4 1 . Alcuni consigliarono a Niceta, padre di Erode, fra
tello di Alce, di recarsi dal procuratore per esortarlo a non dar
ci il suo corpo, dicendogli: "Affinch, abbandonando l'adora
zione di colui che stato crocifisso, non comincino a venerare
costui" . Dissero queste cose su suggerimento e istigazione dei
Giudei - essi infatti ci spiavano quando stavamo per prendere
il suo corpo dal rogo - ignorando che non potremo mai di
menticarci del Cristo, che pat per la salvezza di coloro che so
no salvati in tutto il mondo, n adorare un altro. 42 . Veneria
mo lui che figlio di Dio, e amiamo i martiri come loro spetta
perch discepoli e imitatori del Signore per la loro dedizione
senza pari al proprio re e maestro. Voglia il cielo che noi dive
niamo loro amici e condiscepoli ! 43 . Il centurione, vedendo la
contesa causata dai Giudei, fece porre il cadavere del martire
nel mezzo, come era loro consuetudine, e lo fece bruciare; co
s poi noi, raccolte le sue ossa, pi preziose delle pietre pregia-

79 Era colui che dava il colpo di grazia al lottatore o alla belva ferita nel
l'arena.