Sei sulla pagina 1di 2

La prima parte di questa tecnica consiste nel concentrare il nostro respiro lungo la schiena: quando

inspirate, spostate la vostra attenzione dalla base della colonna vertebrale, lungo la spina dorsale e fuori
dalla parte superiore della testa, come se steste respirando energia.

Non necessario immaginare qualcosa. Non si tratta di fantasia, ma semplice messa a fuoco.

Il nostro corpo in questa fase deve essere vigile ma rilassato, perci non forzate nulla. Dovete
semplicemente suggerire delicatamente allenergia di muoversi in questa direzione. Quindi focalizzate la
vostra attenzione su questo percorso, ma al contempo permettete allenergia di fluire nella direzione che
preferisce.

Pu sembrare molto strano mettere a fuoco il respiro su una parte del corpo che non coinvolta nella
respirazione, ma molto efficace. Il respiro lenergia, il prana. E semplicemente puntando il respiro in
una certa area, lenergia si muove verso quella zona.

Dopo aver praticato per un po questo esercizio, inizierete a sentire lenergia in aumento. Le sensazioni
saranno sottili in un primo momento, ma nel corso del tempo potranno diventare molto coinvolgenti. Si
potr quasi sperimentare un orgasmo, visto che lenergia Kundalini legata allenergia sessuale latente.

Seconda parte

La seconda parte di questa tecnica consiste nello spostare il respiro verso la vostra fronte mentre
espirate.

Durante lespirazione, spostate il respiro dalla parte superiore della testa verso il terzo occhio (che si
trova tra le sopracciglia) e poi in gi fino alla gola e poi al chakra del cuore, che si trova al centro del
petto.

Arrestate il respiro non appena arriverete al centro del petto. A questo punto potete ripartire inspirando
dalla base della colonna vertebrale, ripetendo il processo di cui sopra.
Terza parte

La terza parte consiste nel risvegliare lenergia. Nessun insegnante vi darebbe a questo punto un
vademecum fai da te su come destare la Kundalini, ma vi guiderebbe personalmente nel processo
attraverso lo shaktipat, il tocco per risvegliare la vostra Kundalini attraverso il tatto, cantando o
semplicemente mettendo a fuoco la sua energia su di voi.

Per risvegliare questa energia da soli senza ausili esterni esiste una tecnica semplice ma molto
importante, ovvero quella di ripetere in silenzio il nome di un maestro illuminato, Guru o Santo, che
sentiate particolarmente vicino a voi per qualsiasi motivo. Se siete di una particolare religione,
possibile ripetere il nome di un santo di quella religione. In caso contrario, baster scegliere un maestro
illuminato che ammirate.

possibile ripetere il nome sia mentre si inala che durante lespirazione. Questo processo vi permetter
di assorbire la Shakti (energia) del maestro scelto, e il suo stato di beatitudine al contempo. Questa
tecnica stata impiegata per migliaia di anni.

Se nominare una persona dovesse farvi sentire a disagio, possibile ripetere la parola pace.

Ricordate sempre che state ridestando qualcosa che gi in voi, e non esterno i maestri illuminati sono
semplicemente la manifestazione esteriore di ci che dentro di noi.