Sei sulla pagina 1di 20

CULTURA IN FRIULI III

SETTIMANA DELLA CULTURA FRIULANA


SETEMANE DE CULTURE FURLANE
5-16 maggio 2016

a cura di
Matteo Venier e Gabriele Zanello
Con il sostegno di

2017 - Societ Filologica Friulana Graziadio Isaia Ascoli


Via Manin, 18 - I 33100 Udine
Tel. 0432 501598 - Fax 0432 511766
www.filologicafriulana.it
info@filologicafriulana.it

ISBN 978-88-7636-239-2
INDICE

Presentazione / Presentazion . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13

Introduzione / Introduzion . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17

Venzone, 5 maggio 2016


RECUPERO E RESTAURO DEI BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI.
DALLESPERIENZA DEL TERREMOTO ALLA GESTIONE DELLE CALAMIT

Prevenire e affrontare le emergenze negli archivi


Micaela Procaccia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23

Tutela degli archivi: dallemergenza al quotidiano


Pierpaolo Dorsi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33

Lattenzione per gli archivi ecclesiastici dellArcidiocesi di Udine


Sandro Piussi - Katja Piazza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39

Tramandare la memoria
Renata Da Nova . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55

Il terremoto del Friuli e le biblioteche


Marco Menato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65

Udine, 6 maggio 2016


DAVID MARIA TUROLDO E IL SO FRIUL CUMO CENT AGNS.
DAVID MARIA TUROLDO E IL SUO FRIULI A CENTANNI DALLA NASCITA

Speranza e profezia nella poesia di padre Turoldo


Roberto Iacovissi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 83

San Vito al Tagliamento, 6 maggio 2016


GUGLIELMO DE TOTH, PATRIOTA E GIORNALISTA DA SAN VITO
AL FANFULLA DI ROMA

Le radici sanvitesi del patriota e giornalista Guglielmo De Toth (1830-1900)


Stefania Miotto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
6 Indice

Gorizia, 7 maggio 2016


TRA PACE E GUERRA NELLA STAMPA E NELLA PUBBLICISTICA
NEL FRIULI ITALIANO E NEL LITORALE AUSTRIACO

Da alleato a nemico: la crisi delle relazioni italo-austriache dalle pagine della Soca
Marco Plesnicar . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 107

Tra Austria e Italia. Prese di posizione, cronache locali e corrispondenze


di guerra sulla stampa liberale udinese e su quella cattolica goriziana
Ivan Portelli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123

La spaccatura ideologica tra i cristiano-sociali del Friuli: il forte patriottismo udinese


contrapposto al deciso neutralismo della diocesi di Concordia
Davide Andretta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137

Attese, speranze, illusioni nella stampa liberale italiana e slovena a Trieste e Gorizia
dalla vigilia della guerra allentrata in guerra dellItalia
tefan Cok . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 149

Comeglians, 7 maggio 2016


TESTIMONIANZA DI UNA CIVILT ALPINA TRA FRIULI E IMPERO

Michele Parth: un intagliatore tedesco nella Carnia del Cinquecento.


Testimonianze di una civilt alpina fra il Friuli e l'Impero
Teresa Perusini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 187

Pordenone, 7 maggio 2016


MARIA: LARTE DELLA MISERICORDIA

Laffresco della Madonna degli Angeli di Pordenone e il culto eucaristico


Roberto Castenetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 207

Ipotesi sullorigine iconografica della Madonna della Misericordia


Serena Bagnarol . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 213

Chiese del Pordenonese orientate verso il sorgere del sole:


verifiche, rilevamenti, considerazioni e proposte
Angelo Crosato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 221

Tramonti di Sopra, 7 maggio 2016


TRAMONTI NEL MEDIOEVO

Cortem unam, videlicet, que vocatur Lunas e Castri Tramontis:


proposte per la storia dellinsediamento a Tramonti nel Medioevo
Moreno Baccichet . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 245
Indice 7

Verzegnis, 7 maggio 2016


GJSO: PENSRS, PERAULAS E CJANTS TAL AN DAL CENTENARI

Lur che tu mi s lasst


Paola Fior . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 263

Gjso a Milano
Anselmo Fior . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 271

Gjso Fior: la poesia come ritorno


Gabriele Zanello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 275

Gjso Fior e il canto popolare friulano


Roberto Frisano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 285

Gjso: pensrs, peraulas e cjants tal an dal centenari


Arnaldo De Colle . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 297

Gorizia, 7 maggio 2016


LA NOBILE CONVIVIALIT

La nobile convivialit. Tavola e gastronomia nelle dimore nobili del Friuli Venezia Giulia
Roberto Zottar . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 305

Levoluzione della gastronomia e i quaderni di cucina di Casa Coronini


Roberto Zottar . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 309

Mense e banchetti nella Udine rinascimentale


Angela Borzacconi - Paola Visentini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 319

Carlo Goldoni ospite a casa mia


Carolina di Levetzow Lantieri Piccolomini. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 325

Il matrimonio di Gabriela dAttimis con il conte Gabrielli (1727)


Ernesto Liesch - Alessandra dAttimis-Maniago Marchi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 327

Un banchetto al Castello di Cronberg nei versi di un Trouvre provenal


Cristina Bragaglia Venuti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 331

Leredit della cucina nobile nella cucina borghese


Giovanni Ballarini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 337

I riti della tavola nellarte


Maria Masau Dan . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 343

La convivialit della nobilt friulana attraverso ricettari e men


Carlo del Torre . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 349
8 Indice

Vino e nobilt
Stefano Cosma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 359

Conclusioni
Renzo Mattioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 365

Coltura di Polcenigo, 8 maggio 2016


UNANTICA DEVOZIONE ALLE SORGENTI DELLA LIVENZA

Unantica devozione alle sorgenti del Livenza


Alessandro Fadelli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 369

Gemona, 8 maggio 2016


COROT PAR PRE JOSEF MARCHET. INOVL PAI CINCUANTE AGNS DE MUART

Corot par pre Josef Marchet


Federico Vicario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 381

Torsa di Pocenia, 9 maggio 2016


ONOMASTICA E TOPONOMASTICA NELLA BASSA FRIULANA

Fonti per la ricerca e lo studio dellonomastica nella Bassa friulana occidentale:


dai documenti antichi e moderni alle nuove tecnologie
Benvenuto Castellarin . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 385

I predii romans: gnovis considerazions su la lr distribuzion,


massime par chel che al rivuarde la Basse Furlane
Barbara Cinausero Hofer - Ermanno Dentesano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 407

Ronchi dei Legionari, 10 maggio 2016


DAL PARLAR AL SCRIVAR. SULLA GRAFIA DEL BISIAC
E DI ALTRE PARLATE DELLALTO ADRIATICO

Le difficolt di rappresentazione di un panorama fonetico complesso:


il caso della provincia di Belluno
Luigi Guglielmi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 421

Pasin paseto: vari gradi di normalizzazione per il Veneto


Michele Brunelli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 427

Funzioni e criteri nelle scelte ortografiche del dialetto triestino


Nereo Zeper . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 441
Indice 9

Appunti sullevoluzione della grafia ladina ampezzana


Ernesto Majoni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 445

San Vito di Cadore, 11 maggio 2016


LEDUCAZIONE AL PATRIMONIO CULTURALE

Musei e reti alla ricerca di nuovi linguaggi e ruoli, per riaprire il dialogo
tra patrimonio culturale e territorio
Daniela De Prato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 453

La rete museale della Carnia: sinergie per la valorizzazione


di un patrimonio diffuso sul territorio
Cristiana Agostinis . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 461

Musei e Patrimonio culturale: evoluzioni in corso


Elisa Bellato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 469

Dolomiti Contemporanee. Una prassi di ricerca e rigenerazione


nel/del paesaggio montano, a cavallo tra Dolomiti friulane e bellunesi
Gianluca dInc Levis . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 479

Musei a cielo aperto: dalla musealizzazione del patrimonio


alla valorizzazione del paesaggio
Ivana De Toni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 493

Udine, 12 maggio 2016


LA BIBLIOTECA FLORIO E I SUOI TESORI. IL CODICE DANTESCO
E LA COLLEZIONE ERUDITA

La Biblioteca Florio: un luogo della cultura del Friuli


Andrea Tilatti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 505

Appunti sul codice Florio della Commedia


Paolo Trovato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 513

Esplorazioni in biblioteca: strumenti del mestiere e nuove scoperte


Ilde Menis - Silvia Di Santolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 521

Meduna, 12 maggio 2016


COSA RACCONTANO GLI ARCHIVI PARROCCHIALI

I registri parrocchiali, la comunit di Meduna e la storia


Mauro Fasan . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 529
10 Indice

Aspetti di storia sociale dai registri dei battesimi (secoli XVI-XVIII)


Pier Carlo Begotti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 535

San Canzian dIsonzo, 13 maggio 2016


IL MONASTERO DI AQUILEIA: TESTIMONIANZA MILLENARIA
DELLA CULTURA EUROPEA

Il Monastero di Aquileia: una realt di respiro europeo


Maurizio Buora . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 549

Socchieve, 13 maggio 2016


CASTOIA: ALLA SCOPERTA DELLA PIEVE DI SOCCHIEVE

Unesperienza didattica con il comitato Gianfrancesco da Tolmezzo di Socchieve


Nadia Danelon . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 565

Spilimbergo, 13 maggio 2016


IL TEATRO DI RENATO APPI. IL TEATRO FRIULANO ESCE DALLA
CONSUETUDINE PER INCONTRARE IL SENSO DEL CAMMINO DELLUOMO

Renato Appi ovvero il teatro della dissociazione migrante


Angela Felice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 575

Renato Appi e il teatro: riflessione aperta sul circuito teatrale del Friuli Occidentale
Nico Nanni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 583

Dardago di Budoia, 14 maggio 2016


IL VALORE STORICO E CULTURALE DELLE PERGAMENE

Il restauro dei registri canonici di Dardago


Adriano Macchitella . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 589

Cividale, 14 maggio 2016


ARTE LONGOBARDA IN FRIULI. LARA DI RATCHIS: SUONI E COLORI

Lara di Ratchis, suoni e colori attraverso alcune fonti letterarie altomedievali


Laura Chinellato. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 599
Indice 11

CITT DELLA SPADA, CITT DELLA STRADA


UDINE FRA MEDIOEVO E ET CONTEMPORANEA
a cura di Maria Amalia DAronco

29 novembre 2013
UDINE MEDIEVALE

Il patriarcato di Aquileia: una storia sbagliata


Elisabetta Scarton . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 619

Udine nelleconomia del Patriarcato


Donata Degrassi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 639

Arte a Udine nel basso Medioevo


Giuseppe Bergamini. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 651

Fondi archivistici per la storia di Udine nel periodo medioevale e alto medioevale
Luisa Villotta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 669

Abitatori del castello e comunit, diritti sulle acque


Liliana Cargnelutti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 681

La costruzione di Udine: tracce di lettura lungo le acque, le mura, le case


Anna Frangipane . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 689

15 maggio 2015
UDINE MODERNA: ROTTURA E CONTINUIT

Sterile e litigioso. Il Friuli nelle relazioni cinquecentesche dei Sindici Inquisitori


in terraferma
Andrea Zannini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 701

Famiglie, personaggi e nobilt: le figure femminili


Fabiana Savorgnan Cergneu di Brazz . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 711

Il rito del potere a Udine in unincisione del 1771 di Francesco Del Pedro
Paolo Pastres . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 721

Il ruolo del committente


Marisanta di Prampero de Carvalho . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 729

Gli interventi dellInquisizione nella citt di Udine


Andrea Del Col . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 739
12 Indice

13 maggio 2016
UDINE TRA OTTOCENTO E NOVECENTO

Assistenza e beneficenza nella Udine dellOttocento


Liliana Cargnelutti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 761
PRESENTAZIONE

La raccolta e la pubblicazione delle relazioni e degli interventi presentati allan-


nuale rassegna della Settimana della cultura friulana / Setemane de culture furlane,
che si svolta dal 5 al 16 maggio del 2016, costituisce un ulteriore momento di ri-
flessione e di approfondimento sui temi affrontati durante gli incontri e i convegni
dellanno scorso. Lidea alla base della nostra Settimana della cultura, che invita
alla condivisione del patrimonio dei saperi della nostra terra, incontra sempre di
pi il favore delle associazioni, dei comuni, degli studiosi e della popolazione: sem-
pre pi numerose sono, di fatto, le richieste di adesione e le offerte di collaborazione
al progetto. I relatori che hanno partecipato alla rassegna del 2016 sono stati chia-
mati a fornire, nella pluralit delle prospettive e degli interessi di ricerca, un con-
tributo per accrescere il patrimonio comune di conoscenza sulla storia,
sullambiente, sulle tradizioni, sulle lingue, sulla cultura del Friuli e delle regioni
contermini. La loro collaborazione si confermata pronta e generosa, permettendo
la pubblicazione, in tempi davvero brevi, di questa nuova impegnativa monografia.
A loro va il ringraziamento di tutti noi.
Le relazioni e gli interventi alla Settimana della cultura del 2016 hanno riguar-
dato, ancora una volta, temi di grande interesse per il Friuli: dalla conservazione
dei beni culturali e archivistici alla pubblicistica in tempo di guerra, dallarte ma-
riana alle reti museali, dalla grafia delle variet dialettali nellarco alpino al ricordo
di illustri protagonisti della vita culturale della nostra Regione. Arricchiscono que-
sti atti i lavori presentati ai tre convegni di taglio storico del 2013, 2015 e 2016 de-
dicati alla citt di Udine. Si tratta di convegni che si sono tenuti nellambito della
rassegna, come gli altri, convegni che, per largomento trattato, meritavano di es-
sere presentati in maniera unitaria. Responsabile della raccolta di questi ulteriori
dodici articoli Maria Amalia DAronco, che li riordina e li presenta nella sezione
Citt della spada e citt della strada: Udine tra Medio Evo ed Et contemporanea.
I curatori di questo volume Cultura in Friuli, come dei due precedenti, sono Mat-
teo Venier e Gabriele Zanello, ai quali dobbiamo la nostra viva riconoscenza per aver
portato a termine questo ulteriore impegnativo incarico, svolto con laiuto di Elena
De Sanctis, segretaria di redazione. A tutte le istituzioni friulane che hanno sostenuto,
anche economicamente, la pubblicazione del volume, va la nostra gratitudine.

Federico Vicario
Presidente della Societ Filologica Friulana
PRESENTAZION

La racuelte e la publicazion des relazions e dai intervents presentts ae anul


rassegne de Setemane de culture furlane / Settimana della cultura friulana, che si
tignude dai 5 ai 16 di Mai dal 2016, e rapresente un moment ulterir di riflession
e di aprofondiment sui argoments frontts tai incuintris e cunvignis dal an passt.
Lidee ae fonde de nestre Setemane de culture, che invide ae condivision dai savs
de nestre tiere, e cjate simpri di plui il favr des associazions, dai comuns, dai stu-
dis e de popolazion: simpri di plui a son, di fat, lis richiestis di adesion e lis ufiertis
di colaborazion al progjet. I reladrs cha n cjapt part ae rassegne dal 2016 a son
stts clamts a proponi, te pluralitt des prospetivis e dai inters di ricercje, un con-
tribt par incressi il patrimoni comun di cognossince su storie, ambient, tradizions,
lenghis, culture dal Fril e des regjons vicinis. La lr colaborazion e je stade, come
simpri, pronte e gjenerose, permetint la jessude, in timps cuss strents, di cheste
gnove impegnative monografie. A lr ur va dut il nestri agrt.
Lis relazions e i intervents ae Setemane de culture dal 2016 a n tocjt, ancjem
une volte, argoments di grant inters pal Fril: de conservazion dai bens culturi
e archivistics ae publicistiche in timp di vuere, de art mariane aes rts musels, de
grafie des varietts dialetls dal arc alpin al ricuart di innoments protagoniscj de
vite culturl de nestre Regjon. A insiorin la racuelte i lavrs presentts a tr cun-
vignis di tai storic, dal 2013, 2015 e 2016, cunvignis dedicadis ae citt di Udin. Si
trate di apontaments programts tal ambit de rassegne, come chei altris, aponta-
ments che, pal argoment tratt, a mertavin di jessi presentts intune suaze unitarie.
Responsabil de racuelte di chescj dodis articui su Udin e je Maria Amalia
DAronco, che ju ordene e ju presente te sezion Citt della spada e citt della
strada: Udine tra Medio Evo ed Et contemporanea.
I curadrs di chest volum Cultura in Friuli, come ancje dai doi precedents, a
son Matteo Venier e Gabriele Zanello, cho vin di ringraziju di cr e di parferur
la nestre plui sintude ricognossince par v rivt dapt di chest impegnatf incaric,
cu la colaborazion di Elena De Sanctis, segretarie di redazion. Il nestri agrt al
ancje par dutis lis istituzions furlanis cha n dt un jutori, ancje economic, ae pu-
blicazion dal volum.

Federico Vicario
President de Societt Filologjiche Furlane
INTRODUZIONE

Videsis, benevole lector, novam, maiorem, luculentissimam silvam!


Cos forse avrebbe scritto un umanista, presentando la raccolta terza degli
Atti della Settimana di cultura friulana: pi di settecento pagine, dove, quietamente
assiso accanto al tuo focolare, potrai gustare, in un sol libro raccolti, convegni, con-
ferenze, presentazioni, visite guidate che lanno trascorso abbiamo organizzato e
realizzato in tutto il Friuli e anche nel Veneto.
Silva in latino significa allorigine selva, bosco , ma passa quindi a indicare
una grande e indistinta quantit di cose, ed usato dal poeta Stazio da Dante
amatissimo , a intitolare una raccolta di poesie varie: le Silvae.
Non vogliamo arrogarci tanto vanto, ma converrai che il libro bello per variet
e per ricchezza, cos e pi ancora dei due precedenti: vi potrai leggere, fra laltro,
come siano stati affrontati e risolti i gravi guai causati agli archivi regionali dal ter-
remoto del 1976; vi potrai avvicinare la figura di Guglielmo De Toth, giornalista e
patriota del secolo Diciannovesimo, e gustare belle rievocazioni di due dei pi
grandi friulani del secolo Ventesimo: David Maria Turoldo e Giuseppe Marchetti;
rileggerai le pagine di molte testate locali, italiane e slovene, cattoliche e liberali,
che pubblicavano negli anni della guerra 1914-18; potrai ritornare nella Carnia del
Cinquecento ammirando i volti tardogotici intagliati nel legno dal tedesco Michele
Parth, e, daltra parte, conoscere altres origini ed esempi delliconografia della
Madonna degli Angeli e di quella della Misericordia; e anche potrai scoprire come,
secondo le modalit dellantica tradizione cristiana (converso ad orientem ore),
molti edifici sacri del Pordenonese siano rivolti al sorgere del Sole.
Le pagine sul Medioevo ti condurranno ancora alle origini dellinsediamento
di Tramonti, mentre quelle poetiche di Gjso Fior rievocheranno per te la Carnia
del secondo dopoguerra, ormai depauperata dallemigrazione; quellemigrazione
che, con la guerra, fra i temi cari anche a Renato Appi, il quale, nello scavo esi-
stenziale dei suoi drammi, seppe consegnarci una visione del Friuli originalmente
vestita della favella di Cordenons; ma grazie a questi Atti potrai anche assiderti
idealmente nei nobili conviti goriziani e udinesi, e gustarne le prelibatezze godendo
della raffinata compagnia dei conti Coronini, o anche di quella, ben pi estrosa,
di Carlo Goldoni.
Risalirai alle sorgenti del Livenza per visitare con devozione il santuario della
Santissima Trinit a Coltura di Polcenigo, e nella Bassa friulana potrai interrogare
nomi di persone e nomi di luoghi per scoprirne la loro distribuzione; potrai infor-
18 Introduzione

marti sulla difficolt di rappresentare non soltanto i suoni dei dialetti parlati in-
torno Belluno, e in particolare quelli del ladino ampezzano, ma anche quelli dei
dialetti veneti (triestino compreso); ti potrai financo aggiornare sui nuovi linguaggi
attraverso i quali le istituzioni e le reti museali in Carnia e nel Bellunese cercano
di far dialogare il patrimonio con il pubblico e con il territorio.
Questa stessa silva ti far scoprire, con tua sorpresa, come fra i manoscritti pi
illustri della Commedia (lopera somma che allegr lira al Ghibellin fuggiasco)
ci sia il codice Florio custodito oggi presso la Biblioteca universitaria udinese; essa
anche ti permetter di sfogliare i registri canonici di Meduna e di Dardago, ti in-
segner i colori dellara di Ratchis, ti coinvolger con un brivido nella storia mil-
lenaria del Monastero di Aquileia.
E per suggellare il volume, ti abbiamo tenuto in serbo un dono imprevedibile:
ne potrai godere sfogliando e leggendo le ultime centocinquanta pagine, che ti
condurranno ancora una volta nel passato medievale di Udine, citt della spada,
citt della strada.

Et nunc, lege feliciter!

Matteo Venier
Gabriele Zanello
INTRODUZION

Videsis, benevole lector, novam, maiorem, luculentissimam silvam!


Salacor al vars scrit cuss un umanist, tal present la racuelte la tierce dai Ats
de Setemane de culture furlane: plui di sietcent pagjinis, l che, sentt in ps dongje
dal fogolr, tu podars gjoldi, dadis dongje intal stes libri, di cunvignis, conferencis,
presentazions, visitis vuidadis inmaneadis lan passt par dut il Fril e fintremai
in Venit.
Silva par latin al voleve d tal imprin selve, bosc, ma po al passe a indic une
grande e indefinide cuantitt di cjossis, e al doprt dal poete Stazi une vore
amt di Dante , par intitul une racuelte di poesiis variis: lis Silvae.
No voln cjapsi un tl merit, ma tu convignars ancje tu che il libri al biel
par variett e par ricjece, almancul compagn, se no di plui, dai doi precedents: tu
podars lei, par esempli, cemt che a son stts frontts e risolts i dams une vore
grfs che il taramot dal 1976 al caust ai archivis regjoni; tu podars cognossi di
dongje la figure di Guglielmo De Toth, gjornalist e patriote dal Votcent, e cer
bielis rievocazions di doi dai plui grancj furlans dal Nfcent: David Maria Turoldo
e Josef Marchet; tu tornars a lei lis pagjinis di tancj gjorni loci, talians e slovens,
catolics e liberi, che a publicavin tai agns de Vuere dal 1914-18; tu podars torn
te Cjargne dal Cinccent, rimirant lis musis de ete gotiche tarde intaiadis tal len dal
scultr todesc Michele Parth, e cognossi origjins e esemplis de iconografie de Ma-
done dai Agnui e di ch de Misericordie; tu podars ancje scuvierzi che, dar des
modalitts de antighe tradizion cristiane (converso ad orientem ore), tancj edi-
ficis sacris dal Pordenons a son fats s cu la faade a Soreli jevt.
Lis pagjinis su la Ete di mie ti menaran a lis origjinis dal insediament di Tra-
mon, biel che chs poetichis di Gjso Fior a rivocaran par te la Cjargne dai agns
dasp de seconde vuere mondil, aromai scunide de emigrazion; la stesse emigra-
zion che, cu la vuere, e je fra i argoments favorts di Renato Appi, che, tal cir esi-
stenzil dai siei dramis, nus consegne une vision dal Fril vistt de fevelade di
Cordenons; cun chescj Ats tu podars ancje cjap part in mt idel ai nobii gusts
gurizans e udins, gjoldintint lis bontts parie cu la finece dai conts Coronini, o
ancje cul estri di Carlo Goldoni.
Tu tornars s su la fontane da la Livence par visit cun devozion il santuari de
Santissime Trinitt a Culture di Polcenic, e te Basse furlane tu podars cap la di-
stribuzion di nons di persone e nons di lc; tu podars informti su la dificoltt di
rapresent no dome i suns dai dialets fevelts dongje Belum, e massime chei dal
20 Introduzion

ladin cjadovrin, ma ancje chei dai dialets venits (triestin comprendt); tu podars
ancje inzornti sui gnfs lengas doprts da lis istituzions e da lis rts musels in
Cjargne e tal Cjadovri par f fevel il patrimoni insiemi cul public e cul teritori.
Cheste stesse silva ti fasar scuvierzi, par t sorprese, che jenfri i manuscrits
plui presets de Commedia (la opare sublime che allegr lira al Ghibellin fuggia-
sco) al il codi Florio, custodt in d di vu te Biblioteche de Universitt dal Fril;
tu podars ancje pass i regjistris canonics di Midune e di Dardc, tu viodars i
colrs dal altr di Ratchis, tu sars cjapt dentri dai sgrisui de storie milenarie dal
Munistr di Aquilee.
E a sigjl dal volum, ti vin tignt in bande un regl di no crodi: tu podars pass
e lei lis ultimis cent e cincuante pagjinis, che ti menaran ancjem une volte tal pas-
st medievl di Udin, citt della spada, citt della strada.

Et nunc, lege feliciter!

Matteo Venier
Gabriele Zanello