Sei sulla pagina 1di 23

CONOSCERE I TRANSISTOR

Il transistor il nome di un semiconduttore utiliz- sua barra inclinata sempre presente una freccia
zato in elettronica per amplificare qualsiasi tipo di rivolta verso linterno o verso lesterno.
segnale elettrico, cio dalla Bassa Frequenza al-
la Radio Frequenza. Il terminale Collettore si riconosce perch la sua
barra inclinata non ha nessuna freccia.
Per quanti manuali un principiante possa aver let-
to, difficilmente sar riuscito a capire come real- Il terminale Base si riconosce perch la sua bar-
mente funzioni un transistor perch questo com- ra ha la forma di una grossa I.
ponente viene descritto in modo troppo teorico e
con complesse formule matematiche. Questo stesso simbolo grafico si usa sia per i tran-
In questa Lezione cercheremo di spiegarvi in mo- sistor di dimensioni ridotte sia per i transistor di di-
do completamente diverso e con molti esempi e- mensioni maggiori (vedi fig.413).
lementari che cos e come funziona questo se-
miconduttore chiamato transistor. Solamente guardando il disegno pratico oppure la
foto del montaggio possibile stabilire le reali di-
IL TRANSISTOR mensioni del transistor.

Questo componente pu avere forme e dimensio- Guardando il simbolo grafico del transistor ne-
ni diverse (vedi fig.413). cessario fare molta attenzione alla direzione della
In tutti gli schemi elettrici il transistor viene raffi- freccia posta sul terminale Emettitore.
gurato con il simbolo grafico visibile nelle figg.414-
415, cio con un cerchio dal quale fuoriescono 3 Se la freccia rivolta verso la Base, il transistor
terminali contrassegnati dalle lettere E - B - C. del tipo PNP (vedi fig.414).

la lettera E indica lEmettitore Se la freccia rivolta verso lesterno, il transistor


la lettera B indica la Base del tipo NPN (vedi fig.415).
la lettera C indica il Collettore
La differenza che esiste tra un PNP ed un NPN ri-
Spesso per le lettere E - B - C non vengono ri- guarda solo la polarit di alimentazione da appli-
portate accanto al simbolo grafico dal momento che care sul terminale Collettore.
i tre terminali del transistor sono facilmente iden-
tificabili. Infatti: Nei transistor PNP il terminale Collettore va sem-
pre collegato alla tensione negativa di alimenta-
Il terminale Emettitore si riconosce perch sulla zione (vedi fig.414).
Fig.413 I transistor possono avere forme e dimensioni diverse. Quelli pi piccoli vengo-
no usati nei preamplificatori e quelli pi grandi negli amplificatori finali di potenza.

Nei transistor NPN il terminale Collettore va sem- malmente da sotto, cio dal lato in cui i terminali
pre collegato alla tensione positiva di alimenta- fuoriescono dal loro corpo (vedi fig.417).
zione (vedi fig.415).
Per evitare di leggere in senso inverso la disposi-
Per ricordare quale polarit va collegata sul Col- zione dei piedini, sul corpo di questi componenti
lettore del transistor potete prendere come riferi- sempre presente un riferimento.
mento la lettera centrale delle sigle PNP ed NPN.
Nei piccoli transistor plastici il riferimento co-
Nei transistor PNP, poich la lettera centrale u- stituito dal corpo a forma di mezzaluna (vedi
na N (negativo), dovete collegare il terminale Col- fig.417), mentre nei piccoli transistor metallici da
lettore al Negativo di alimentazione. una minuscola tacca metallica che fuoriesce dal
corpo in prossimit del terminale E.
Nei transistor NPN, poich la lettera centrale u-
na P (positivo), dovete collegare il terminale Col- Nei transistor plastici di media potenza questo ri-
lettore al Positivo di alimentazione. ferimento costituito da una piccola aletta metal-
lica posta da un solo lato del corpo (vedi fig.418).
I TERMINALI E - B - C
Nei transistor metallici di potenza (vedi fig.419) i
A volte identificare i tre terminali E - B - C che fuo- due terminali E - B vengono sempre disposti pi in
riescono dal corpo di un transistor pu risultare basso rispetto alla linea centrale del corpo e con il
problematico anche per un tecnico esperto. terminale E posto sulla sinistra ed il B sulla destra.
In terminale C sempre collegato al corpo metal-
Infatti una Casa Costruttrice pu disporli nellordi- lico del transistor.
ne E - B - C, unaltra Casa nellordine E - C - B,
unaltra ancora nellordine C - B - E (vedi fig.416). PER amplificare un SEGNALE

Un serio schema elettrico dovrebbe sempre reca- Nei transistor il segnale da amplificare viene qua-
re la zoccolatura dei transistor utilizzati, vista nor- si sempre applicato sul terminale Base e per farvi

PNP
Fig.414 I transistor PNP si riconoscono dal-
231
C
C la freccia posta sul terminale Emettitore
B B
che risulta sempre rivolta verso la Base. In
questi transistor il Collettore va collegato
E al Negativo di alimentazione.
E

NPN
C Fig.415 I transistor NPN si riconoscono dal-
C
la freccia posta sul terminale Emettitore
B B
che risulta rivolta verso lesterno. In questi
transistor il Collettore va sempre collegato
E
E al Positivo di alimentazione.
capire come questo terminale riesca a controllare
il movimento degli elettroni, cio ad aumentarli o
a ridurli, paragoniamo un transistor ad un comu-
ne rubinetto idraulico (vedi fig.420).

La leva che comanda lapertura e la chiusura del


flusso dellacqua pu essere paragonata al termi-
E C E B C E nale Base del transistor.
B C B Se posizioniamo la leva del rubinetto a met cor-
Fig.416 I tre terminali che fuoriescono dal sa da questo fuoriuscir un flusso dacqua di me-
corpo del transistor possono essere di- dia intensit.
sposti E.B.C oppure E.C.B o anche C.B.E.
Se posizioniamo la leva verso il basso il flusso
dellacqua cesser, mentre se la posizioniamo ver-
so lalto il flusso dellacqua aumenter.

Se pensate ad un transistor come quello dise-


gnato in fig.421, cio composto da un tubo di en-
trata chiamato Collettore, da un tubo di uscita
chiamato Emettitore e da un rubinetto centrale
chiamato Base, potete intuire subito come funzio-
C E C E C E nano tutti i transistor.
B B B
Se la leva del rubinetto viene tenuta a met cor-
Fig.417 Per individuare i terminali E.B.C si
prende come riferimento la forma a mezza- sa gli elettroni potranno passare al suo interno con
luna del corpo o la tacca metallica. media intensit.

Se la leva viene spostata verso il basso in modo


da chiudere il rubinetto gli elettroni non potranno
pi passare.

Se la leva viene spostata verso lalto in modo da


aprire totalmente il rubinetto gli elettroni potranno
passare con la massima intensit.

Per amplificare un segnale questo rubinetto non


ECB BC E BC E deve essere tenuto n tutto chiuso n tutto aper-
to, ma posizionato in modo da lasciare passare la
Fig.418 Nei transistor di media potenza si met degli elettroni che lo attraverserebbero se lo
prende come riferimento la parte metallica si aprisse totalmente.
posta sempre dietro al loro corpo.
Da questa posizione, se spostiamo la leva verso
lalto il flusso degli elettroni aumenter, se la spo-
stiamo verso il basso il flusso degli elettroni dimi-
nuir.
C
Giunti a questo punto vi chiederete come si fa a re-
golare un transistor affinch questo lasci passare
E B met elettroni ed ancora come si fa a chiuderlo o
ad aprirlo totalmente.
E B C
Guardando lo schema elettrico di uno stadio am-
plificatore che utilizza un transistor NPN (vedi
Fig.419 Nei transistor di potenza i termina- fig.422) possiamo notare che:
li E-B sono collocati sotto alla linea centra-
le e il C sul metallo del corpo. il terminale Collettore collegato al positivo di
alimentazione tramite la resistenza R3,
META' CHIUSO APERTO
Fig.420 Come tutti sanno per
far fuoriuscire da un rubinet-
to pi o meno acqua suffi-
ciente spostare verso lalto o
verso il basso la leva posta sul
suo corpo.

META' CHIUSO APERTO Fig.421 In un transistor per


C C C
B aumentare o ridurre il flusso
degli elettroni bisogna spo-
B stare la leva della Base verso
B lalto o verso il basso utiliz-
E E E zando una tensione.

il terminale Base collegato ad un partitore re- terminali Collettore - Emettitore un valore di ten-
sistivo R1 - R2 collegato tra il positivo ed il negati- sione che risulti molto prossimo alla met del va-
vo di alimentazione, lore di alimentazione.
il terminale Emettitore collegato a massa tra-
mite la resistenza R4. Quindi se si alimenta il transistor con una tensione
di 20 volt, queste resistenze vanno calcolate in mo-
Nota: ovvio che se questo transistor fosse stato do da rilevare tra il Collettore e lEmettitore un va-
un PNP avremmo dovuto collegare sul terminale lore di tensione dimezzato, cio di soli 10 volt (ve-
Collettore la polarit negativa di alimentazione an- di fig.424).
zich la positiva (vedi fig.423). Se lo stesso transistor si alimenta con una tensio-
ne di 12 volt queste resistenze vanno calcolate in
Il valore di queste quattro resistenze viene cal- modo da rilevare tra il Collettore e lEmettitore u-
colato in fase di progettazione per leggere tra i due na tensione di 6 volt (vedi fig.425).

NPN
R1 R3
C2 Fig.422 Per poter variare il flusso di e-
C1 C lettroni in un transistor occorrono solo
B 4 resistenze. Due andranno collegate
sul terminale di Base (vedi R1-R2), una
E R5 sul Collettore (vedi R3) ed una sullE-
R2 R4 mettitore (vedi R4). 233

PNP
R1 R3
C2
Fig.423 Se il transistor anzich essere
C1 C un NPN (vedi fig.422) fosse un PNP do-
B vremmo soltanto invertire la polarit di
alimentazione. La resistenza R5 posta
E R5 sul condensatore elettrolitico C2 la co-
R2 R4 siddetta resistenza di CARICO.
20 V. 12 V.
R1 R3 POWER
POWER
R1 R3 POWER
OHM POWER OHM
O O
F
F ON
V 20 200 1000 750 200
V H
I LO
F
F ON
V 20 200 1000 750 200 V H
I LO

C1 C 200m
2
20
2
200m
C1 C 200m
2
20
2
200m
20M 20M

B 200K
2M
200
2m
20m
B 200K
2M
200
2m
20m

10 V. 20K
10A

6 V. 20K
10A

A
200m 200m
2K 2 2K 2
200H 2 200H 2
i 200 2m 20m 200m 200 2m 20m 200m
i

E
10A 10 A
E
10A 10 A
A A
V-A- V-A-

R2 R4 COM
R2 R4 COM

Fig.424 Tra i due terminali Collettore e Fig.425 Con una Vcc di 20 volt (vedi
Emettitore di un transistor, dovrebbe fig.424) tra i terminali C-E dovremmo
sempre risultare presente una tensione leggere 10 volt e con una Vcc di 12 volt
pari alla met della Vcc. dovremmo leggere solo 6 volt.

Solo quando sul Collettore risulta presente met spinge verso lalto (vedi fig.431) lopposta estre-
tensione di alimentazione avremo dimezzato il mit scende.
flusso degli elettroni e solo in questa condizione
riusciremo ad amplificare i segnali applicati sulla Poich un piccolo spostamento sul lato corto del-
Base senza nessuna distorsione. la Base corrisponde ad un ampio spostamento del
lato opposto pi lungo, che altro non che il Col-
Per spiegarvi perch tra i due terminali Collettore lettore, otterremo un movimento notevolmente am-
- Emettitore deve risultare presente met tensio- plificato.
ne di alimentazione simuliamo con alcuni disegni il
funzionamento di una comune leva meccanica con Quindi per amplificare un qualsiasi segnale la pri-
il fulcro posto fuori centro (vedi fig.426). ma operazione da compiere quella di applicare
sul lato corto della leva un peso idoneo a solle-
Per il nostro esempio, il lato pi corto sar il ter- vare il lato pi lungo in posizione perfettamente o-
minale della Base ed il lato pi lungo il terminale rizzontale.
del Collettore.
In un transistor questo peso si ottiene applicando
sul terminale Base un valore di tensione in grado
Poich il Collettore risulta pi lungo della Base il
di far scendere la tensione presente sul terminale
suo peso lo far appoggiare sul terreno.
Collettore ad un valore pari alla met di quella di
alimentazione.
Se ora proviamo a muovere la parte pi corta ver-
so il basso, la parte opposta si alzer (vedi fig.427),
Per comprendere perch la tensione sul Colletto-
ma se proviamo a muoverla verso lalto la parte
re deve risultare pari alla met di quella di ali-
pi lunga non potr scendere perch appoggia gi
mentazione prendete un foglio di carta a quadretti
sul terreno (vedi fig.428).
e su questo tracciate una prima linea in basso che
corrisponde al terminale Emettitore ed una se-
Perch il lato Collettore possa muoversi libera-
conda linea in alto che corrisponde alla tensione
mente sia verso lalto sia verso il basso dobbiamo
di alimentazione.
necessariamente collocare questa leva in posizio-
ne orizzontale. Se la tensione di alimentazione risulta di 12 volt
distanziate le due linee di 12 quadretti in modo da
Per portarla in posizione orizzontale basta appli- assegnare ad ogni quadretto il valore di 1 volt (ve-
care sul lato pi corto (lato della Base) un peso di fig.432).
in grado di sollevare il lato pi lungo fino a met
altezza (vedi fig.429). Ammesso che il transistor risulti correttamente po-
larizzato in modo da rilevare sul suo Collettore u-
Ottenuto questo equilibrio, quando sulla Base na tensione di 6 volt, tracciate una terza linea sul
giunge una tensione che la spinge verso il basso 6 quadretto.
(vedi fig.430) lopposta estremit si alza.
Se il transistor amplifica il segnale di 10 volte, ap-
Quando sulla Base giunge una tensione che la plicando sulla Base un segnale sinusoidale di 1,2
BASE

Fig.426 Per capire perch sul Collet-


tore deve risultare presente met
COLL tensione di alimentazione possiamo
ETTO
RE paragonare il transistor ad una leva
meccanica il cui lato corto la Base
ed il lato lungo il Collettore.

Fig.427 Se spingiamo verso il basso


il lato della Base, la parte opposta del
Collettore si alzer. La differenza di
spostamento tra la Base e il Collet-
tore pu essere paragonata allam-
plificazione.

Fig.428 Se spingiamo verso lalto il


lato Base, la parte opposta non po-
tr scendere perch poggia sul ter-
reno. Per poterla muovere sia verso
lalto che verso il basso la leva do-
vrebbe trovarsi a met altezza.

PESO
Fig.429 Per portare la leva in posi-
zione orizzontale occorre applicare
sulla Base un peso in grado di sol-
levare il Collettore a met corsa. In
un transistor questo peso si ottiene
variando i valore di R1-R2.

P ES O Fig.430 Una volta posto il Collettore 235


in posizione orizzontale, se spinge-
remo verso il basso il lato Base, la
parte opposta corrispondente al Col-
lettore si alzer fino a raggiungere
laltezza massima.

PESO

Fig.431 Se spingeremo verso lalto il


lato della Base, la parte opposta del
Collettore si abbasser fino a tocca-
re il terreno e oltre a questa posizio-
ne non potr pi scendere.
volt picco/picco, vale a dire composto da una se- volte non potremo applicare sulla Base un segna-
mionda positiva che raggiunge un massimo di 0,6 le maggiore di 1,2 volt picco/picco.
volt ed una semionda negativa che raggiunge un
minimo di 0,6 volt, sul terminale Collettore ritro- Nota: un segnale di 1,2 volt picco/picco com-
veremo la stessa sinusoide amplificata di 10 vol- posto da una semionda negativa di 0,6 volt e da
te (vedi fig.432), ma invertita di polarit. una semionda positiva di 0,6 volt.

Infatti ritroviamo la semionda positiva di 0,6 volt Se alimentiamo il transistor con una tensione di 20
applicata sulla Base che far scendere la tensio- volt ed amplifichiamo il segnale sempre di 10 vol-
ne sul Collettore di: te potremo applicare sulla Base un segnale di 2
volt picco/picco.
0,6 x 10 = 6 volt
Infatti, bisogna sempre tenere presente che il se-
mentre ritroviamo la semionda negativa di 0,6 volt gnale amplificato pu salire fino al massimo del-
applicata sulla Base che far salire la tensione sul la tensione di alimentazione e scendere fino ad un
Collettore di: minimo di 0 volt.

0,6 x 10 = 6 volt Quindi con una tensione di alimentazione di 12 volt


noi potremo amplificare un segnale che abbia
Questa inversione di polarit rispetto al segnale unampiezza di 1,2 volt picco/picco fino a:
applicato sulla Base si ottiene perch, come gi vi
abbiamo dimostrato con lesempio della leva mec- 12 : 1,2 = 10 volte massimo
canica (vedi figg.430-431), se spingiamo verso il
basso il lato della Base si alza il lato del Collet- Con una tensione di alimentazione di 20 volt noi
tore, e se spingiamo verso lalto il lato della Base potremo amplificare un segnale che abbia unam-
si abbassa il lato del Collettore. piezza di 1,2 volt picco/picco fino a:

Poich la tensione sul Collettore diventa 6 volt pi 20 : 1,2 = 16,6 volte massimo
negativa e 6 volt pi positiva rispetto ai 6 volt
presenti su questo terminale, la semionda che Dobbiamo far presente che il segnale verr tosa-
scende assumer un valore di: to anche quando la tensione presente tra Collet-
tore ed Emettitore non risulta esattamente pari al-
6 6 = 0 volt la met di quella di alimentazione.

e la semionda che sale un valore di: Supponiamo che la tensione presente tra i due ter-
minali Collettore - Emettitore risulti di 8 volt an-
6 + 6 = 12 volt zich di 6 volt (vedi fig.434).
Se sulla Base applichiamo un segnale sinusoida-
Come potete vedere in fig.432 la nostra sinusoide le di 1,2 volt picco/picco e lo amplifichiamo di 10
amplificata rimane allinterno del tracciato. volte, in teoria dovremmo prelevare sul Colletto-
re due semionde con questi valori:
Se sulla Base applichiamo un segnale sinusoida-
le che raggiunge un massimo di 0,8 volt positivi 0,6 x 10 = 6 volt positivi
e di 0,8 volt negativi (vedi fig.433), amplificando 0,6 x 10 = 6 volt negativi
questo segnale di 10 volte si dovrebbe in teoria
prelevare sul Collettore un segnale di: Se sommiamo i 6 volt positivi agli 8 volt presenti
sul Collettore otteniamo un valore di:
0,8 volt x 10 = 8 volt negativi
0,8 volt x 10 = 8 volt positivi 8 + 6 = 14 volt positivi

In realt poich la tensione presente sul Colletto- Poich la semionda positiva supera i 12 volt po-
re di 6 volt, londa amplificata verr tosata su sitivi di alimentazione la sinusoide positiva verr
entrambe le estremit (vedi fig.433) perch le due tosata sul valore di 12 volt (vedi fig.434).
semionde negativa e positiva supereranno le due
linee del tracciato. Se sottraiamo i 6 volt negativi agli 8 volt presenti
sul Collettore otteniamo una tensione di:
Quindi se alimentiamo un transistor con una ten-
sione di 12 volt ed amplifichiamo un segnale di 10 8 6 = 2 volt positivi
12 V.
Fig.432 Se sul Collettore del tran-
GUADAGNO sistor presente met tensio-
10 volte R3
ne Vcc, potremo amplificare di 10
6 V. volte una sinusoide composta da
una semionda positiva ed una ne-
C gativa di 0,6 volt perch il segna-
0,6 B le amplificato rimarr entro ai 12
0,6
quadretti.
E

12 V.
Fig.433 Se amplifichiamo di 10
GUADAGNO volte una sinusoide composta da
10 volte R3
una semionda positiva ed una ne-
6 V. gativa di 0,8 volt, il segnale am-
plificato, superando alle due e-
C stremit i 12 quadretti, verr to-
0,8 B sato e il segnale amplificato ri-
0,8 sulter distorto.
E

12 V.
Fig.434 Se sul Collettore del tran-
GUADAGNO 8 V.
R3 sistor fosse presente una tensio-
10 volte
ne di 8 volt anzich di 6 volt, am-
plificando di 10 volte una sinu-
soide di 0,6+0,6 volt, verrebbe
C tosata la sola semionda supe-
0,6 B
riore che supera i 12 volt di ali-
0,6
mentazione.
E

237

12 V.
Fig.435 Se sul Collettore del tran-
GUADAGNO
R3 sistor fosse presente una tensio-
10 volte
ne di 4 volt anzich di 6 volt, am-
plificando di 10 volte una sinu-
soide di 0,6+0,6 volt, verrebbe
C tosata la semionda inferiore
0,6 B
0,6 4 V. che non potr mai scendere sot-
to agli 0 volt.
E
Ammesso che sul Collettore risulti presente una e la positiva salirebbe a:
tensione di 4 volt anzich di 6 volt (vedi fig.435),
come gi vi abbiamo spiegato con lesempio della 8 + 3,6 = 11,6 volt
leva la semionda negativa non potr scendere sot-
to agli 0 volt, quindi la sua estremit verr tosata quindi rimarrebbe sempre allinterno del tracciato.
di 2 volt circa.
Lo stesso dicasi se la tensione sul Collettore ri-
A causa delle tolleranze delle resistenze, difficil- sultasse di 4 volt perch la semionda negativa
mente si riesce ad ottenere tra i due terminali Col- scenderebbe a:
lettore - Emettitore una tensione pari alla met di
4 3,6 = 0,4 volt
quella di alimentazione.
e la positiva salirebbe a:
Per evitare che le due estremit della sinusoide
vengano tosate generando una distorsione si pu 4 + 3,6 = 7,6 volt
utilizzare una di queste soluzioni:
Anche in questo caso rimarrebbe sempre allinter-
1 Si applicano sulla Base dei segnali la cui am- no del tracciato.
piezza risulti minore rispetto al massimo accetta-
bile. 3 Come terza soluzione si pu aumentare il va-
Quindi anzich applicare sullingresso un segnale lore della tensione di alimentazione portandola da
di 1,2 volt picco/picco potremo applicare dei se- 12 volt a 15 volt.
gnali di 0,8 volt picco/picco (vedi fig.436). Quindi anche se amplifichiamo di 10 volte un se-
gnale che raggiunge unampiezza massima di 1,2
Amplificando questo segnale di 10 volte dal Col- volt picco/picco non supereremo mai il valore del-
lettore preleveremo due semionde che potranno la tensione di alimentazione, infatti:
raggiungere unampiezza massima di:
1,2 x 10 = 12 volt
0,4 volt x 10 = 4 volt positivi
0,4 volt x 10 = 4 volt negativi Con una tensione di alimentazione di 15 volt non
ci dovremmo pi preoccupare se sul Collettore non
Quindi anche se la tensione sul Collettore risulta di fosse presente met tensione di alimentazione, va-
8 volt oppure di 4 volt la nostra sinusoide non le a dire 7,5 volt, perch se fossero presenti 8 volt
o 6 volt non correremmo mai il rischio di tosare le
verr mai tosata (vedi figg.437-438).
estremit delle due semionde.
2 Se il segnale da applicare sulla Base non pu
scendere sotto il valore di 1,2 volt picco/picco (vi La TENSIONE sul COLLETTORE
ricordiamo che un segnale indicato volt picco/pic-
co sempre composto da una semionda positiva Per ottenere sul Collettore una tensione che si av-
ed una negativa pari alla met dei volt massimi) vicini il pi possibile alla met di quella di alimen-
sufficiente ridurre il guadagno del transistor por- tazione dobbiamo applicare sui tre terminali Col-
tandolo da 10 volte a sole 6 volte. lettore - Base - Emettitore delle resistenze di va-
lore appropriato.
Prima di insegnarvi come calcolare queste resi-
Con un guadagno di 6 volte, sul Collettore del
stenze dobbiamo ricordarvi che la met della ten-
transistor si prelever un segnale amplificato che
sione di alimentazione di un transistor va sempre
potr raggiungere un massimo di:
misurata tra i due terminali Collettore - Emettito-
re (vedi figg.424-425) e non tra il Collettore e la
0,6 volt x 6 = 3,6 volt negativi massa come spesso molti fanno.
0,6 volt x 6 = 3,6 volt positivi
Se misurassimo questa tensione tra il Collettore e
Quindi anche se la tensione sul Collettore risul- la massa commetteremmo un grossolano errore
tasse di 8 volt la nostra sinusoide non verrebbe perch non terremmo conto della caduta di ten-
mai tosata, perch la semionda negativa scende- sione introdotta dalla resistenza R4 presente tra
rebbe a: lEmettitore e la massa.

8 3,6 = 4,4 volt Quindi il valore di alimentazione di un transistor


12 V.
Fig.436 Per evitare che londa si-
GUADAGNO nusoidale fuoriesca dal Colletto-
10 volte R3
re tosata su una delle due e-
6 V. stremit, sar sufficiente applica-
re sulla Base un segnale minore,
C ad esempio di 0,4+0,4 volt anzi-
0,4 B ch di 0,6+0,6 volt come abbiamo
0,4 riportato in fig.432.
E

12 V.
Fig.437 Se sul Collettore del tran-
GUADAGNO 8 V. sistor fosse presente una tensio-
10 volte R3
ne di 8 volt anzich di 6 volt, am-
plificando di 10 volte una sinu-
soide di 0,4+0,4 volt la semionda
C superiore non verr tosata per-
0,4 B ch non riuscir a superare i 12
0,4
volt di alimentazione.
E

12 V.
Fig.438 Se sul Collettore del tran-
GUADAGNO sistor fosse presente una tensio-
10 volte R3
ne di 4 volt anzich di 6 volt, am-
plificando di 10 volte una sinu-
soide di 0,4+0,4 volt, la semionda
C inferiore non verr tosata perch
0,4 B non riuscir mai a scendere sot-
0,4 4 V.
to agli 0 volt.
E

239

12 V.
Fig.439 Se lampiezza del segna-
GUADAGNO
6 volte R3 le che applicheremo sulla Base
non riesce a scendere sotto agli
6 V. 0,6+0,6 volt, per non correre il ri-
schio di tosare le estremit delle
C
due semionde dovremo ridurre il
0,6 B
Guadagno portandolo da 10 vol-
0,6
te a 6 volte.
E
quello che risulta presente tra Collettore ed E- VCB indica che questo transistor pu accettare
mettitore e di conseguenza su questo valore che tra il Collettore e la Base una tensione massima
dovremo calcolare met tensione. di 45 volt.

Supponiamo di alimentare un transistor con una VCE indica che la massima tensione che pos-
tensione di 12 volt e che la resistenza di Emetti- siamo leggere tra i due terminali Collettore ed E-
tore siglata R4 provochi una caduta di tensione di mettitore non dovr mai raggiungere i 30 volt.
1,4 volt. Questo dato ci utile per sapere qual il valore
In queste condizioni il transistor non risulter ali- massimo di tensione a cui possiamo alimentare
mentato, come erroneamente si potrebbe suppor- questo transistor.
re, da una tensione di 12 volt ma da una di soli:
Un transistor che ha una VCE di 30 volt pu es-
12 1,4 = 10,6 volt sere utilizzato in tutti quei circuiti che vengono ali-
mentati con tensioni di 28 - 24 - 18 - 20 - 12 - 9 -
Perci sul Collettore non dovr risultare presente 4,5 volt, ma non in circuiti che vengono alimenta-
un valore di tensione di: ti con tensioni di 30 volt o maggiori.

12 : 2 = 6 volt VEB indica il valore della massima tensione in-


versa che possibile applicare tra il terminale Ba-
ma un valore pari alla met di quello presente tra se e lEmettitore.
Emettitore e Collettore, cio: Ammesso che lEmettitore risulti collegato a mas-
sa, lampiezza totale del segnale alternato che
10,6 : 2 = 5,3 volt possiamo applicare sulla Base non potr mai su-
perare il doppio della tensione VEB.
Ad ogni modo non soffermatevi con troppa pigno- Nel nostro esempio, con una VEB di 6 volt potre-
leria su questo valore di met tensione, perch mo applicare sulla Base una tensione alternata che
non riuscireste mai ad ottenerlo, quindi se in un non superi mai i:
montaggio qualsiasi rileverete una differenza di
qualche volt in pi o in meno non preoccupatevi. 6 + 6 = 12 volt picco/picco
In fase di progettazione si tiene sempre conto di
queste differenze di tensione che possono verifi- Nota: la VEB, che una tensione inversa, non va
carsi per colpa delle tolleranze delle resistenze confusa con la tensione diretta indicata con la si-
ed anche dello stesso transistor. gla VBE che per ogni transistor risulta fissa su un
valore compreso tra 0,6 e 0,7 volt.
Sarebbe anche inutile correggerla perch se un
domani doveste sostituire il transistor con un al- IC indica la corrente massima che possiamo far
tro della stessa Casa Costruttrice e con la stessa scorrere sul Collettore per brevissimi istanti, quin-
sigla, vi ritrovereste sempre con un diverso valore di questa corrente non pu essere mai considera-
di tensione. ta come normale corrente di lavoro.
Le CARATTERISTICHE di un TRANSISTOR Ptot indica la potenza massima che il transistor
pu dissipare ad una temperatura di 25 gradi.
Anche se le caratteristiche di un transistor sono Allatto pratico questa potenza si riduce notevol-
reperibili su quasi tutti i manuali, ad un principian- mente perch quando il transistor lavora, la tem-
te questi dati non servono a molto. peratura del suo corpo aumenta considerevol-
mente, specie nei transistor di potenza.
Tanto per portare un esempio prendiamo un ipo-
tetico transistor ed andiamo a leggere le sue ca- Hfe indica il rapporto che esiste tra la corrente
ratteristiche: di Collettore e quella di Base.
Dato che questo valore quasi identico al Beta
VCB = 45 volt max
(amplificazione di un segnale nella configurazione
VCE = 30 volt max
ad Emettitore comune) viene anche chiamato
VEB = 6 volt max
guadagno.
IC = 100 mA max
Il valore 100-200 riportato nel nostro esempio sta
Ptot = 300 milliwatt
ad indicare che, a causa delle tolleranze, questo
Hfe = 100 - 200
transistor in grado di amplificare un segnale non
Ft = 50 MHz
meno di 100 volte e non pi di 200 volte.
Non c quindi da stupirsi se in possesso di tre i- Applicando sulla Base una determinata corrente,
dentici transistor, uno amplifica 105 volte, uno 160 sul Collettore otterremo una corrente maggiore
volte ed un altro 195 volte. che risulter pari alla corrente di Base moltiplicata
per il valore dellHfe.
Ft significa frequenza di taglio ed indica il valo- In pratica questo aumento corrisponde al guada-
re di frequenza massima che il transistor riesce ad gno statico di corrente del transistor.
amplificare.
Il transistor preso in esame riesce ad amplificare Se non riuscite a reperire il valore Hfe in nessun
qualsiasi frequenza fino ad un massimo di 50 Me- manuale, lo potrete ricavare realizzando il sempli-
gahertz circa, ma non frequenze maggiori. ce provatransistor che vi presentiamo in questa
Lezione.
SIGNIFICATO delle SIGLE
Gain = indica di quante volte viene amplificato il
Nelle formule che vi riportiamo per calcolare il va- segnale applicato sulla Base.
lore delle quattro resistenze R1 - R2 - R3 - R4 tro-
verete delle sigle delle quali diamo di seguito il si- CALCOLO delle resistenze in uno
gnificato: stadio PREAMPLIFICATORE BF

Vcc = valore della tensione di alimentazione. Per calcolare il valore delle quattro resistenze R1
- R2 - R3 - R4 di uno stadio preamplificatore in
Vce = valore della tensione presente tra i due ter- configurazione Common Emitter (vedi fig.441)
minali Collettore - Emettitore. dobbiamo necessariamente conoscere questi tre
Questo valore nella maggioranza dei casi corri- parametri:
sponde a Vcc : 2.
il valore Vcc della tensione di alimentazione,
Vbe = valore che per tutti i tipi di transistor si ag- il valore Hfe del transistor,
gira sui 0,6 - 0,7 volt. Nei calcoli si utilizza il valo- il Guadagno, cio sapere di quante volte desi-
re medio cio 0,65 volt. deriamo amplificare il segnale.

Vb = valore della tensione presente tra il termina- Ammesso di avere a disposizione questi dati:
le di Base e la massa. Questo valore corrisponde
alla tensione presente ai capi della resistenza R4. tensione di alimentazione = 12 volt
valore medio della Hfe = 110
VR4 = valore dei volt presenti ai capi della resi- guadagno richiesto = 10 volte
stenza R4 collegata tra lEmettitore e la massa.
se ricercherete in un qualsiasi testo che insegni a
R1 = valore della resistenza che occorre applicare calcolare i valori delle resistenze necessarie a po-
tra la Base ed il positivo di alimentazione. larizzare correttamente questo o altri transistor, vi
troverete subito in difficolt perch avrete a dispo-
R2 = valore della resistenza che occorre applicare sizione solo delle complesse formule matematiche
tra la Base e la massa. e pochi esempi pratici.
241
R3 = valore della resistenza che occorre applicare Il metodo che vi insegnamo, anche se elementa-
tra il terminale Collettore e la tensione positiva di re, vi permetter di ricavare tutti i valori richiesti per
alimentazione. le resistenze R1 - R2 - R3 - R4.

R4 = valore della resistenza che occorre applicare Non fate mai lerrore che tutti commettono di cal-
tra lEmettitore e la massa. colare il valore delle resistenze in modo da far gua-
dagnare il transistor per il suo massimo.
Ib = valore della corrente di Base in mA.
In pratica per avere la certezza che il segnale am-
Ie = valore della corrente di Emettitore in mA. plificato che preleveremo dal suo Collettore non
venga mai tosato (vedi figg.432), conviene sem-
Ic = valore della corrente di Collettore in mA. pre lavorare con guadagni molto bassi, ad esem-
pio 5 - 10 - 20 volte, poi se lamplificazione risulta
Hfe = il rapporto che esiste tra la corrente di Col- insufficiente sempre consigliabile utilizzare un
lettore e la corrente di Base. secondo stadio preamplificatore.
GUADAGNO 10 GUADAGNO 10
12 V.
10.000 Fig.440 Per non tosare sulle
2.200 R7 due estremit un segnale
18.000 R3 100.000 R5 ohm
ohm ohm sempre consigliabile utilizza-
ohm
R1
TR2 C3
TR1 C2 C re due stadi calcolati per un
C1 C B basso guadagno. Per calcola-
B re i valori delle resistenze si
47.000 parte sempre dal transistor
E 10.000 ohm TR2, poi si passa a TR1.
2.200 R6 1.000 R8
R2 220 ohm ohm
ohm R4
ohm

Volendo ad esempio amplificare un segnale di 100 Limitando il guadagno di un transistor si ottengo-


volte conviene sempre utilizzare due stadi (vedi no tutti questi vantaggi:
fig.440) e calcolare le loro resistenze di polarizza-
zione in modo da ottenere un guadagno per ogni Si evita la distorsione. Se amplifichiamo un se-
stadio di circa 10 volte. gnale con un solo transistor in modo esagerato, i
In questo modo si ottiene un guadagno totale di: picchi delle semionde positive e negative ver-
ranno quasi sempre tosati quindi il nostro segna-
10 x 10 = 100 volte le sinusoidale si trasformer in unonda quadra
generando una notevole distorsione.
Si potrebbe anche calcolare il primo stadio TR1 per Si riduce il fruscio. Pi un transistor amplifica pi
un guadagno di 20 volte ed il secondo stadio TR2 aumenta il fruscio prodotto dagli elettroni in mo-
per un guadagno di 5 volte, ottenendo cos un gua- vimento e ascoltare della musica con del fruscio
dagno totale di: non gradevole.
20 x 5 = 100 volte Si evitano autooscillazioni. Facendo amplifica-
re un transistor per la sua massima amplificazio-
Quindi per ottenere delle elevate amplificazioni ne questo pu facilmente autooscillare generan-
sempre consigliabile usare pi stadi amplificatori do cos delle frequenze ultrasoniche, cio non u-
per evitare tutti i rischi in cui si incorrerebbe am- dibili, che farebbero surriscaldare il transistor al
plificando per il suo massimo un solo transistor. punto da distruggerlo.

12 V. 18 V.
10.000 GUADAGNO 10.000 GUADAGNO
100.000 R3 ohm 10 volte 120.000 R3 ohm 15 volte
R1 R1
ohm 5,5 V. ohm 8,4 V.
C2 C2
C1 C C1 C
B B
0,545 V. 0,57 V.
E 47.000 E 47.000
12.000 R5 8.200 R5
R2 ohm R2 ohm
ohm 1.000 ohm 680
R4 R4
ohm ohm

Fig.441 Stadio preamplificatore calcolato Fig.442 Stadio preamplificatore calcolato


per un Guadagno di 10 volte alimentato con per un Guadagno di 15 volte e alimentato a
12 volt. Sul Collettore vi sono 5,5 volt anzi- 18 volt. Sul Collettore vi sono 8,4 volt anzi-
ch 6 volt perch ai 12 volt Vcc vanno sot- ch 9 volt, perch ai 18 volt Vcc vanno sot-
tratti gli 0,545 volt presenti ai capi della re- tratti gli 0,57 volt presenti ai capi della re-
sistenza R4 di Emettitore. sistenza R4 di Emettitore.
Si evita che il corpo del transistor si surriscal- ohm R3 = R5 : 5
di. In pratica, pi aumenta la temperatura del suo
corpo, pi aumenta automaticamente la corrente 47.000 : 5 = 9.400 ohm
di Collettore e quando questa corrente aumenta
proporzionalmente aumenta anche la temperatu- Poich questo valore non standard utilizziamo il
ra. In queste condizioni sinnesca un fenomeno di valore commerciale pi prossimo, che nel nostro
reazione incontrollata chiamato effetto valanga caso 10.000 ohm.
che porta il transistor alla distruzione.

Per ridurre questo rischio sul corpo dei soli transi- CALCOLARE il valore di R4
stor finali di potenza si applica unaletta di raf-
freddamento per dissipare il pi velocemente Scelto il valore della resistenza R3 sui 10.000 ohm
possibile il calore del loro corpo. possiamo eseguire la seconda operazione che ci
permette di ricavare il valore ohmico della resi-
Non si riduce la banda passante. Infatti pi ri- stenza R4 utilizzando la formula:
sulta elevato il guadagno pi si restringe la ban-
da passante. Questo significa che in un preampli- R4 = R3 : Guadagno
ficatore BF Hi-Fi se facciamo amplificare il transi-
stor non pi di 20 - 30 volte noi riusciamo ad am- Poich, come abbiamo gi spiegato, non conviene
plificare tutta la gamma delle frequenze acustiche mai scegliere dei guadagni superiori a 10 - 20 vol-
partendo da un minimo di 25 hertz circa fino ad te, noi sceglieremo il minimo cio 10 volte.
arrivare ad un massimo di 50.000 hertz.
Avendo scelto per R3 un valore di 10.000 ohm, la
Al contrario se lo facciamo guadagnare 100 volte resistenza R4 deve avere un valore ohmico di:
o pi, non riuscir pi ad amplificare per il suo mas-
simo tutte le frequenze delle note Acute superiori 10.000 : 10 = 1.000 ohm
a 10.000 hertz.

Dopo questa premessa possiamo proseguire spie- CALCOLARE la IC (corrente Collettore)


gandovi quali operazioni occorre effettuare per ri-
cavare il valore delle resistenze R1 - R2 - R3 - R4 Come terza operazione dovremo calcolare il valo-
per uno stadio preamplificatore BF che utilizza un re della corrente che scorre nel Collettore usan-
solo transistor (vedi fig.441). do la formula:

CALCOLARE il valore di R3 Ic mA = [(Vcc : 2) : (R3 + R4)] x 1.000

Per ricavare il valore da assegnare alla resistenza Nota: il numero 1.000 che troviamo alla fine di que-
R3, da collegare sul Collettore, dobbiamo anzitut- sta formula non il valore di R4, ma un moltipli-
to conoscere il valore ohmico della resistenza di catore che ci consente di ottenere un valore di cor-
carico sulla quale verr applicato il segnale am- rente espresso in milliamper.
plificato.
Inserendo i nostri dati nella formula otteniamo: 243
Nellesempio raffigurato in fig.441 il carico costi-
tuito dal valore della resistenza R5 collegata, dopo [(12 : 2) : (10.000 + 1.000)] x 1.000 = 0,545 mA
il condensatore elettrolitico C2, tra il Collettore e
la massa. Quindi nel Collettore scorre una corrente Ic di
0,545 milliamper.
In pratica il valore ohmico della resistenza R3 de-
ve sempre risultare inferiore al valore della resi-
stenza R5. A tal proposito c chi consiglia di sce- CALCOLARE il valore di VR4
gliere un valore minore di 6 - 7 - 8 volte, ma allat-
to pratico si pu utilizzare un valore minore di 5 Proseguendo nei nostri calcoli dobbiamo ora cal-
volte ed anche meno. colare il valore dei volt presenti ai capi della resi-
stenza R4, collegata tra lEmettitore e la massa,
Ammesso che il valore della resistenza R5 sia di utilizzando la formula:
47.000 ohm, per ricavare il valore della resistenza
R3 dovremo eseguire questa semplice divisione: Volt su R4 = (Ic x R4) : 1.000
Eseguendo la nostra operazione otteniamo: Proseguendo dividiamo il primo risultato per il se-
condo:
(0,545 x 1.000) : 1.000 = 0,545 volt
144.000 : 1,195 = 120.500
CALCOLARE il valore di R2
A questo numero sottraiamo il valore di R2:
Il valore della resistenza R2 legato al valore del-
la resistenza R4 ed al valore Hfe medio del tran- 120.000 12.000 = 108.000 ohm
sistor che vogliamo polarizzare.
Poich questo valore non standard possiamo u-
La formula da utilizzare per ricavare il valore della tilizzare per R1 il valore commerciale pi prossimo
resistenza R2 la seguente: che ovviamente 100.000 ohm.

R2 = (Hfe medio x R4) : 10 Se ricordate quando abbiamo calcolato il valore di


R2 potevamo scegliere tra due valori standard cio
Inserendo nella formula i dati che gi conosciamo 10.000 oppure 12.000 ohm e noi abbiamo scelto il
otteniamo: secondo valore.

(110 x 1.000) : 10 = 11.000 ohm Possiamo ora controllare, sempre con la formula
sopra riportata, quale valore avremmo dovuto sce-
Poich questo valore non standard dobbiamo ri- gliere per la resistenza R1 se avessimo scelto per
cercare il valore pi prossimo che nel nostro caso R2 un valore di 10.000 ohm.
potrebbe essere 10.000 o 12.000 ohm.
R1 = [(12 x 10.000) : (0,65 + 0,545)] 10.000
Nel nostro esempio scegliamo per la R2 il valore
pi alto cio 12.000 ohm. [(120.000) : (1,195)] 10.000 = 90.418 ohm

CALCOLARE il valore di R1 poich questo valore non standard dobbiamo ne-


cessariamente scegliere il valore commerciale pi
Trovato il valore della resistenza R2 possiamo ri- prossimo, che potrebbe essere 82.000 ohm oppu-
cavare il valore della resistenza R1 usando questa re 100.000 ohm.
formula:
CALCOLARE il Guadagno
R1 = [(Vcc x R2) : (Vbe + VR4)] R2
Poich in questi calcoli abbiamo arrotondato diversi
I dati da inserire in questa formula li conosciamo valori di resistenze vogliamo conoscere di quante
gi, infatti: volte questo transistor amplificher il segnale ap-
plicato sulla sua Base.
Vcc = 12 volt
R2 = 12.000 ohm Per conoscere il guadagno possiamo usare que-
Vbe = 0,65 volt sta semplice formula:
VR4 = 0,545 volt
Guadagno = R3 : R4
Nota: poich la Vbe di un transistor potrebbe ri-
sultare di 0,7 volt oppure di 0,6 volt conviene sem- Poich abbiamo scelto per la resistenza R3 di Col-
pre scegliere il valore medio pari a 0,65 volt. lettore un valore di 10.000 ohm e per la resisten-
za R4 di Emettitore un valore di 1.000 ohm il tran-
Inserendo i dati nella formula otteniamo: sistor amplificher di:
[(12 x 12.000) : (0,65 + 0,545)] 12.000 10.000 : 1.000 = 10 volte
Come prima operazione eseguiamo la moltiplica-
zione: Se anzich usare per la resistenza R4 un valore di
1.000 ohm avessimo usato un valore di 820 ohm
12 x 12.000 = 144.000 il transistor avrebbe amplificato il segnale di:

poi sommiamo la Vbe con la VR4: 10.000 : 820 = 12,19 volte

0,65 + 0,545 = 1,195 Se avessimo invece usato un valore di 1.200 ohm


il transistor avrebbe amplificato di: sistenza R3 uno di questi tre valori 8.200 - 10.000
- 12.000 ohm.
10.000 : 1.200 = 8,33 volte
CALCOLARE il valore di R4
Con questo esempio vi abbiamo dimostrato che in
uno stadio amplificatore sufficiente variare il Scelto per la resistenza R3 un valore di 10.000
valore della resistenza R4 per aumentare o ridur- ohm, possiamo eseguire la seconda operazione
re il suo guadagno. per ricavare il valore ohmico della resistenza R4 u-
tilizzando la formula che gi conosciamo, cio:
Nota: la formula R3 : R4 valida solo se non ri-
sulta inserito in parallelo alla R4 nessun conden- R4 = R3 : Guadagno
satore elettrolitico come visibile in fig.447.
Per ottenere un guadagno di 15 volte la resisten-
MASSIMO segnale sulla Base za R4 deve avere un valore di:

Conoscendo il guadagno ed il valore della tensio- 10.000 : 15 = 666 ohm


ne di alimentazione Vcc possiamo calcolare il se-
gnale massimo da applicare sulla Base per poter Sapendo che questo valore non standard utiliz-
prelevare dal Collettore un segnale non distorto ziamo quello pi prossimo cio 680 ohm.
utilizzando la formula:

Volt Base = (Vcc x 0,8) : guadagno CALCOLARE Ic (corrente Collettore)

Con un guadagno di 10 volte noi potremo appli- Come terza operazione calcoliamo il valore della
care sulla Base un segnale la cui ampiezza non corrente che scorre nel Collettore usando la for-
dovr mai superare il valore di: mula:

(12 x 0,8) : 10 = 0,96 volt picco/picco Ic in mA = [(Vcc : 2) : (R3 + R4)] x 1.000

Con un guadagno di 12,19 volte potremo applica- A questo punto possiamo eseguire la nostra ope-
re sulla Base un segnale la cui ampiezza non do- razione per ricavare il valore Ic:
vr mai superare il valore di:
[(18 : 2) : (10.000 + 680)] x 1.000 = 0,8426 mA
(12 x 0,8) : 12,19 = 0,78 volt picco/picco
Quindi nel Collettore di questo transistor scorrer
Nota: il fattore di moltiplicazione 0,8 si utilizza per una corrente di 0,8426 milliamper.
evitare di tosare il segnale sulle due estremit nel
caso la tensione presente sul Collettore risulti leg- CALCOLARE il valore della VR4
germente maggiore o minore rispetto al richiesto
(vedi figg.434-435) per colpa della tolleranza del- Ora possiamo calcolare il valore della tensione che
le resistenze. ritroveremo ai capi della resistenza R4 collegata tra
lEmettitore e la massa, cio il valore VR4, utiliz- 245
CALCOLO per un GUADAGNO di 15 volte zando la formula:
alimentando il transistor con 18 VOLT
VR4 = (Ic x R4) : 1.000
Nellesempio precedente abbiamo preso in consi-
derazione una tensione di alimentazione Vcc di 12 Eseguendo la nostra operazione otteniamo:
volt ora vorremmo conoscere quali valori utilizza-
re per le resistenze R1 - R2 - R3 - R4 se lo stes- (0,8426 x 680) : 1.000 = 0,5729 volt
so transistor venisse alimentato con una tensione
di 18 volt (vedi fig.442) e volessimo amplificare CALCOLARE il valore di R2
un segnale di 15 volte.
Il valore della resistenza R2 legato al valore del-
CALCOLARE il valore di R3 la resistenza R4 ed al valore Hfe medio del tran-
sistor che vogliamo correttamente polarizzare.
Ammesso che la resistenza R5 di carico risulti
sempre di 47.000 ohm potremo scegliere per la re- R2 = (Hfe medio x R4) : 10
Utilizzando i dati che gi conosciamo otteniamo: Guadagno = R3 : R4

(110 x 680) : 10 = 7.480 ohm Poich il valore della resistenza R3 applicata sul
terminale Collettore di 10.000 ohm ed il valore
Poich questo valore non standard dobbiamo ri- della resistenza R4 applicata sul terminale Emetti-
cercare per R2 il valore pi prossimo che nel no- tore di 680 ohm, questo stadio amplificher un
stro caso potrebbe risultare di 6.800 ohm oppure segnale di:
di 8.200 ohm.
10.000 : 680 = 14,7 volte
CALCOLARE il valore di R1
cio un valore molto prossimo a 15 volte.
Ammesso di scegliere per R2 un valore di 8.200
ohm per ricavare il valore della resistenza R1 u- Questo guadagno di 14,7 volte comunque teo-
siamo la formula che gi conosciamo, cio: rico in quanto non tiene conto della tolleranza del-
le resistenze.
R1 = [(Vcc x R2) : (Vbe + VR4)] R2 Ammesso che la resistenza R3 abbia un valore rea-
le di 10.450 ohm e la R4 un valore reale di 675
I dati che dobbiamo inserire in questa formula so- ohm noi otterremmo un guadagno di:
no tutti conosciuti, infatti:
10.450 : 675 = 15,48 volte
Vcc = 18 volt
R2 = 8.200 ohm
Se la resistenza R3 avesse un valore reale di 9.600
Vbe = 0,65 volt
ohm e la R4 un valore reale di 689 ohm otter-
VR4 = 0,5729 volt
remmo un guadagno di:
quindi avremo:
9.600 : 689 = 13,93 volte
[18 x 8.200) : (0,65 + 0,5729)] 8.200
A causa delle tolleranze delle resistenze dobbia-
Come prima operazione eseguiamo la moltiplica- mo sempre considerare che il guadagno calcola-
zione: to pu variare di un 5% in pi o in meno.

18 x 8.200 = 147.600
MASSIMO segnale sulla Base
Poi sommiamo la Vbe con la VR4:
Conoscendo il guadagno ed il valore della tensio-
0,65 + 0,5729 = 1,2229 ne di alimentazione Vcc possiamo conoscere qua-
le segnale massimo applicare sulla Base in mo-
Proseguendo dividiamo il primo risultato per il se- do da prelevare dal Collettore un segnale privo di
condo: distorsione utilizzando la formula:

147.600 : 1,2229 = 120.696 Volt Base = (Vcc x 0,8) : guadagno

A questo numero sottraiamo il valore di R2: Con un guadagno di 15 volte ed una tensione di
alimentazione di 18 volt possiamo applicare sulla
120.696 8.200 = 112.496 ohm Base dei segnali la cui ampiezza non deve mai su-
perare un valore di:
Poich questo valore non standard utilizziamo
per R1 il valore commerciale pi prossimo che ov- (18 x 0,8) : 15 = 0,96 volt picco/picco
viamente 120.000 ohm.

CALCOLARE il Guadagno Se il TRANSISTOR avesse una diversa Hfe?

Poich abbiamo arrotondato i valori di diverse re- Nellesempio di fig.442 abbiamo calcolato i valori
sistenze vogliamo conoscere se questo stadio am- delle resistenze R1 - R2 - R3 - R4 prendendo co-
plificher di 15 volte il segnale applicato sulla Ba- me esempio una Hfe media di 110, ma ammesso
se utilizzando la formula: che si sostituisca questo transistor con uno che ab-
18 V. 18 V.

R1 120.000 R3 10.000 hfe 110 R1 82.000 R3 10.000 hfe 80


ohm ohm ohm ohm
C2 C2
C1 C C1 C
B B

47.000 47.000
E R5 E R5
8.200 ohm 5.600 680 ohm
R2 680 R2
ohm R4 ohm ohm R4 ohm

Fig.443 I valori riportati in questo schema Fig.444 Se nello stadio di fig.443 venisse in-
si riferiscono ad uno stadio preamplificato- serito un transistor che ha una Hfe di 80 si
re calcolato per un Guadagno di 15 volte a- dovrebbero in teoria modificare i valori di
limentato a 18 volt utilizzando un transistor R1-R2. Come spiegato nellarticolo, per R1-
che ha una Hfe media di 110. R2 si sceglie sempre un valore medio.

bia la stessa sigla, ma che presenti una Hfe di 80 Come potete notare se il transistor ha una Hfe mi-
quello che potrebbe cambiare nel circuito sareb- nore occorre solo abbassare il valore delle due re-
bero i soli valori delle resistenze R1 - R2. sistenze R1 - R2.
Infatti la Hfe viene utilizzata solo nelle formule che
servono per calcolare la R2 e la R1. Poich sarebbe praticamente impossibile variare in
un circuito i valori delle resistenze R1 - R2 ogni vol-
R2 = (Hfe medio x R4) : 10 ta che si cambia un transistor, in quanto non si sa
se quello che si va a sostituire ha una Hfe di 60 -
R1 = [(Vcc x R2) : (Vbe + VR4)] R2 80 - 100 - 110 - 120 e nemmeno si possono con-
trollare una infinit di transistor per riuscire a tro-
Se inseriamo in queste formule i valori che gi co- varne uno con la Hfe richiesta, per risolvere que-
nosciamo otterremo questi dati: sto problema si fa una media tra il valore che ri-
sulterebbe necessario per una bassa Hfe e per u-
(80 x 680) : 10 = 5.440 ohm per la R2 na elevata Hfe.

poich questo valore non standard usiamo il va- Nel nostro esempio per la resistenza R1 si potreb-
lore pi prossimo cio 5.600 ohm. be scegliere un valore medio di:

R1 = [(18 x 5.600) : (0,65 + 0,5729)] 5.600 (120.000 + 82.000) : 2 = 101.000 ohm

Eseguendo prima tutte le operazioni racchiuse nel- e poich questo valore non standard si user un
le parentesi otteniamo: valore di 100.000 ohm.
247
(100.800) : (1,2229) 5.600 = 76.827 ohm Per la resistenza R2 si potrebbe scegliere un va-
lore medio pari a:
Quindi per la resistenza R1 si dovrebbe usare un
valore di 76.827 ohm, ma poich non standard (8.200 + 5.600) : 2 = 6.900 ohm
dovremo scegliere il valore commerciale pi pros-
simo cio 82.000 ohm. e poich anche questo valore non standard si u-
ser un valore di 6.800 ohm.
Ora se facciamo un confronto tra un transistor che
abbia una Hfe di 110 ed uno che abbia una Hfe di Con questo esempio avrete gi compreso perch
80 (vedi figg.443-444) noteremo queste differenze: in molti schemi identici che utilizzano lo stesso
transistor possiamo trovare dei valori notevolmen-
Hfe di 110 Hfe di 80 Valore medio te diversi di resistenze.
R1 120.000 ohm 82.000 ohm 100.000 ohm
Labilit di un tecnico progettista non quella di
R2 8.200 ohm 5.600 ohm 6.800 ohm prendere un solo transistor e polarizzarlo nel mi-
gliore dei modi, ma calcolare i valori delle resi- CALCOLARE il valore di R3
stenze in modo che senza apportare al circuito nes-
suna modifica si possa inserire un transistor con u- Ammesso di scegliere per R3 un valore di 8.200
na diversa Hfe. ohm proseguiamo con i successivi calcoli.

CALCOLO per amplificare segnali


dampiezza molto elevata (fig.445) CALCOLARE il valore di R4

Negli esempi precedenti abbiamo preso in consi- Conoscendo il valore ohmico di R3 possiamo ese-
derazione dei guadagni di 10 - 15 volte per pream- guire la seconda operazione per ricavare il valore
plificare dei segnali molto deboli, ma ammesso ohmico della resistenza R4 utilizzando la formula:
che il segnale da applicare sulla Base abbia unam-
piezza di 2 volt picco/picco dovremo amplificare R4 = R3 : Guadagno
molto meno per evitare di tosare le due semionde.
Poich ci occorre un guadagno di 4,8 volte la re-
Se usiamo una tensione di alimentazione di 12 volt sistenza R4 dovr avere un valore di:
possiamo calcolare il massimo guadagno che si
pu raggiungere utilizzando la formula: 8.200 : 4,8 = 1.708 ohm

max Guadagno = (Vcc x 0,8) : volt segnale Non essendo questo un valore standard utilizzia-
mo quello pi prossimo cio 1.800 ohm.
quindi non potremo amplificare pi di:
CALCOLARE la Ic (corrente Collettore)
(12 x 0,8) : 2 = 4,8 max Guadagno
Come terza operazione dobbiamo calcolare il va-
Partendo con questi dati: lore della corrente che scorre nel Collettore u-
sando la formula:
tensione di alimentazione 12 volt
valore medio della Hfe 110 Ic in mA = [(Vcc : 2) : (R3 + R4)] x 1.000
guadagno da ottenere 4,8
A questo punto possiamo eseguire la nostra ope-
noi dovremo rifare tutti i nostri calcoli per conoscere razione per ricavare il valore Ic:
quali valori utilizzare per R1 - R2 - R3 - R4.
[(12 : 2) : (8.200 + 1.800)] x 1.000 = 0,6 mA

Quindi nel Collettore di questo transistor scorrer


12 V.
una corrente di 0,6 milliamper.
8.200
GUADAGNO
R1 100.000 R3 4,8 volte
ohm ohm
C2 CALCOLARE il valore della VR4
C1 C
B
Possiamo ora calcolare i volt presenti ai capi della
R5
47.000 resistenza R4 collegata tra lEmettitore e la mas-
E ohm
R2
18.000 1.800 sa, cio il valore VR4, utilizzando la formula:
ohm R4 ohm
VR4 = (Ic x R4) : 1.000

eseguendo la nostra operazione otteniamo:


Fig.445 Se dovete amplificare dei segnali
che hanno delle ampiezze molto elevate,
per evitare di tosare le due estremita delle (0,6 x 1.800) : 1.000 = 1,08 volt
semionde come visibile in fig.433, dovrete
ricalcolare tutti i valori delle resistenze R1- CALCOLARE il valore di R2
R2-R3-R4 in modo da ridurre il guadagno.
Con il valore riportato in questo schema e Per calcolare il valore della resistenza R2 usiamo
con una VCC di 12 volt si ottiene un gua- la solita formula:
dagno di circa 4,8 volte.
R2 = (Hfe medio x R4) : 10
Inserendo i dati che gi conosciamo nella formula Quindi avremo:
otteniamo:
[(12 x 18.000) : (0,65 + 1,08)] 18.000
(110 x 1.800) : 10 = 19.800 ohm per la R2
Come prima operazione eseguiamo la moltiplica-
Poich questo valore non standard dobbiamo ri- zione:
cercare il valore commerciale pi prossimo che po-
trebbe essere 18.000 ohm. 12 x 18.000 = 216.000

CALCOLARE il valore di R1 poi sommiamo la Vbe con la VR4:

Ammesso di scegliere per R2 il valore di 18.000 0,65 + 1,08 = 1,73


ohm per ricavare il valore della resistenza R1 u-
proseguendo dividiamo:
siamo la formula che gi conosciamo:
216.000 : 1,73 = 124.855
R1 = [(Vcc x R2) : (Vbe + VR4)] R2
a questo numero sottraiamo il valore di R2:
I dati da inserire in questa formula li conosciamo
gi, infatti: 124.855 18.000 = 106.855 ohm
Vcc = 12 volt
R2 = 18.000 ohm Poich questo valore non standard utilizziamo il
Vbe = 0,65 volt valore commerciale pi prossimo che ovviamente
VR4 = 1,08 volt 100.000 ohm.

Resistenza di Collettore R3 (ohm) = R5 : 5


Resistenza di Emettitore R4 (ohm) = R3 : Guadagno
Corrente di Collettore IC (mA) = Vcc : 2 x 1.000
R3 + R4
Volt ai capi di R4 VR4 = ( Ic x R4 ) : 1.000
Resistenza di base R2 (ohm) = ( hfe x R4 ) : 10
Vcc x R2 - R2
Resistenza di base R1 (ohm) = 0,65 + VR4
Max segnale in ingresso = ( Vcc x 0,8 ) : Guadagno
Massimo Guadagno = ( Vcc x 0,8 ) : Volt segnale

249

Fig.446 In questa lavagna sono riportate tutte le formule richieste per poter calcolare i va-
lori delle resistenze R1-R2-R3-R4. Per il calcolo della corrente di Collettore IC abbiamo
volutamente riportato Vcc : 2, anzich Vce : 2, perch le piccole differenze che si otten-
gono non potranno mai influenzare il risultato finale.
CALCOLARE il Guadagno Questo condensatore si usa solo quando occorre
amplificare notevolmente un segnale utilizzando
Poich sul Collettore abbiamo una R3 da 8.200 un solo transistor.
ohm e sullEmettitore una R4 da 1.800 ohm que-
sto stadio amplificher un segnale di: Applicando in serie a questo elettrolitico una re-
sistenza (vedi fig.448) noi possiamo ridurre il
8.200 : 1.800 = 4,55 volte massimo guadagno di 10 volte su valori inferio-
ri, ad esempio su valori di 7 - 6 - 5 - 4 - 2 volte.
cio un valore molto prossimo a 4,8 volte.
Pi alto il valore ohmico della resistenza posta
Questo guadagno di 4,55 volte comunque teo- in serie a questo condensatore, pi ridurremo il suo
rico in quanto non tiene conto della tolleranza del- massimo guadagno.
le resistenze, quindi sapendo che questo valore
pu variare di un 5% in pi o in meno non da e- Ammesso che serva un esatto guadagno di 35 vol-
scludere che questo stadio amplifichi un segnale di te la soluzione pi semplice per conoscere il valo-
4,32 volte oppure di 4,78 volte. re ohmico da utilizzare quello di collegare in se-
rie allelettrolitico un trimmer.
IL CONDENSATORE sullEMETTITORE

In molti schemi di stadi preamplificatori normal- Inserendo un segnale nella Base si ruoter il cur-
mente inserito in parallelo alla resistenza R4 di E- sore di questo trimmer fino a quando non otterre-
mettitore un condensatore elettrolitico (vedi mo lesatto guadagno richiesto.
fig.447) e logicamente vi chiederete a cosa serve.
A questo punto si misurer il valore ohmico del
Questo condensatore applicato in parallelo alla R4 trimmer poi lo si sostituir con una resistenza di i-
serve per aumentare il guadagno di circa 10 vol- dentico valore.
te rispetto a quello calcolato.
Quindi se abbiamo un transistor che in condizioni Negli stadi preamplificatori in cui il condensatore ri-
normali amplifica un segnale di 4,55 volte, colle- sulta inserito in parallelo alla resistenza R4, tutte
gando sullEmettitore questo condensatore il se- le resistenze di polarizzazione, cio R1 - R2 - R3
gnale verr amplificato di circa: - R4, vengono calcolate per un guadagno massi-
mo di 2 - 3 volte onde evitare che il segnale am-
4,55 x 10 = 45,5 volte plificato fuoriesca distorto.

Vcc. Vcc.

R3 R3
R1 R1
C2 C2

C1 C C1 C
B B
2.200 ohm
E E
10 F
R2 R2
R4 R4 10 F

Fig.447 Applicando in parallelo alla resi- Fig.448 Per evitare che con un eccesso di
stenza R4 di Emettitore un condensatore e- guadagno il segnale fuoriesca dal suo Col-
lettrolitico da 1 a 22 microfarad riusciremo lettore tosato (vedi fig.433) sufficiente col-
ad aumentare il Guadagno dello stadio legare in serie al condensatore elettrolitico
preamplificatore di circa 10 volte rispetto a un trimmer o un resistenza calcolata in mo-
quanto da noi calcolato. do da ridurre il suo guadagno.
R3
R1 R3
MICROFONO C R1
B C
B

E
R2 E
R4 R2 CUFFIA
R4

Fig.449 Non inserendo nella Base del tran- Fig.450 Non inserendo nel Collettore del
sistor nessun condensatore elettrolitico, la transistor nessun condensatore elettroliti-
tensione presente su questo terminale ver- co la tensione presente su questo termina-
rebbe cortocircuitata a massa dalla bassa le verrebbe cortocircuitata a massa dalla re-
resistenza del microfono impedendo cos al sistenza della cuffia togliendo cos la ten-
transistor di funzionare. sione di alimentazione al Collettore.

IL CONDENSATORE dingresso e duscita limentazione di 12 volt (vedi fig.445) potremo ap-


plicare sulla Base dei segnali la cui ampiezza non
In tutti gli stadi amplificatori c sempre sullingres- dovr mai superare un valore di:
so di Base e sulluscita di Collettore un conden-
satore elettrolitico. (12 x 0,8) : 4,8 = 2 volt picco/picco

Questi due condensatori vengono posti per lasciar Se il segnale da applicare sulla Base avesse
passare il solo segnale alternato verso la Base o unampiezza maggiore di 2 volt, potremo risolvere
per prelevarlo dal suo Collettore cos da applicar- il problema aumentando il valore della resistenza
lo allo stadio successivo senza modificare il valo- R4, portandola dagli attuali 1.800 ohm ad un va-
re della tensione continua presente su questo ter- lore superiore, cio sui 2.200 ohm.
minale perch, come saprete, i condensatori non In questo modo, il guadagno del transistor scen-
lasciano passare la tensione continua. der sul valore di:

Senza questo condensatore se applicassimo sul- 8.200 : 2.200 = 3,72 volte


la Base un microfono che abbia una resistenza di
600 ohm (vedi fig.449) questo valore posto in pa- quindi sulla Base potremo applicare un segnale che
rallelo alla resistenza R2 andrebbe a modificare il potr raggiungere un valore anche di:
valore della tensione presente sulla Base.
(12 x 0,8) : 3,72 = 2,58 volt picco/picco
Se applicassimo direttamente tra il Collettore e la
massa una cuffia con una resistenza di 32 ohm 251
(vedi fig.450) tutta la tensione positiva presente LE 3 CLASSICHE CONFIGURAZIONI
sul Collettore verrebbe cortocircuitata verso mas-
sa dalla bassa resistenza della cuffia. Tutti penseranno che il segnale da amplificare si
debba necessariamente applicare sul terminale di
MASSIMO segnale sulla Base Base e prelevare dal terminale Collettore.
Come ora vedrete, il segnale amplificato si pu an-
Conoscendo il guadagno e il valore della tensio- che applicare sullEmettitore e prelevare dal suo
ne di alimentazione Vcc, potremo conoscere il se- Collettore, oppure applicare sulla Base e prele-
gnale massimo applicabile sulla Base in modo da vare dal suo Emettitore.
prelevare dal suo Collettore un segnale privo di Questi tre diversi modi di utilizzare un transistor co-
distorsione, utilizzando la formula: me stadio amplificatore vengono chiamati:

Volt Base = (Vcc x 0,8) : guadagno Common Emitter o Emettitore comune


In questa configurazione il segnale da amplificare
Con un guadagno di 4,8 volte e una tensione di a- si applica sulla Base ed il segnale amplificato si
preleva dal Collettore (vedi fig.451). Il segnale che si preleva dal suo Emettitore non
Nel Common Emitter una piccola variazione di risulta sfasato, vale a dire che la semionda positi-
corrente sulla Base determina unampia variazio- va applicata sulla Base rimane positiva sulluscita
ne della corrente di Collettore. dellEmettitore e la semionda negativa applicata
Il segnale amplificato che si preleva dal Colletto- sulla Base rimane negativa sullEmettitore.
re risulta sfasato di 180 gradi rispetto a quello ap-
plicato sulla Base vale a dire che la semionda po- Common Base o Base Comune (vedi fig.453)
sitiva si trasforma in negativa e la semionda ne- In questa configurazione il segnale da amplificare
gativa in positiva. si applica sul terminale Emettitore ed il segnale
amplificato si preleva dal Collettore.
Common Collector o Collettore comune Nel Common Base una piccola variazione di cor-
In questa configurazione (vedi fig.452) il segnale rente sullEmettitore determina una media varia-
da amplificare si applica sulla Base ma si preleva zione di corrente sul Collettore.
dall Emettitore anzich dal Collettore. Il segnale che si preleva dal Collettore non risulta
Poich questa configurazione non amplifica vie- sfasato, vale a dire che la semionda positiva e la
ne normalmente utilizzata come stadio separato- semionda negativa che entrano nellEmettitore si
re per convertire un segnale ad alta impedenza in prelevano nuovamente positiva e negativa sul ter-
un segnale a bassa impedenza. minale Collettore.

C C
B B E C

E E
B

Fig.451 Common Emitter. Fig.452 Common Collector. Fig.453 Common Base.

Il segnale viene applicato Il segnale viene applicato Il segnale viene applicato


sulla Base e prelevato dal sulla Base e prelevato dal sullEmettitore e prelevato
terminale Collettore. terminale Emettitore. dal terminale Collettore.

Common Common Common


Emitter Collector Base
Guadagno in tensione medio nullo elevato
Guadagno in corrente medio medio nullo
Guadagno in potenza alto basso medio In questa Tabella sono indicate le
differenze che si ottengono nelle
Impedenza dingresso media elevata bassa tre diverse configurazioni.
Impedenza duscita elevata bassa elevata
Inversione di fase SI NO NO