Sei sulla pagina 1di 7

CaseStudy

Comodepur: Flygt Experior nella stazione di


sollevamento Tavernola

Nella stazione di sollevamento Tavernola si riscontrata la pi alta concentrazione


di corpi solidi nel liquame fognario che obbligavano il personale a continui interventi
per lo sbloccaggio delle pompe. Per risolvere il problema stata installata una
pompa Flygt N Chopper e uno Smart Run per ridurre i consumi di energia elettrica.

Premessa
Comodepur S.p.A lente gestore
del depuratore di Como che tratta
45.000 m3 al giorno di reflui
Sollevamento fognari e si occupa della gestione
Tavernola della rete di collettamento delle
acque reflue al depuratore.
La rete di collettamento raccoglie
le acque reflue della citt di Como,
quelle delle aree limitrofe di
Depuratore Grandate e Lipomo oltre a quelle
dei due collettori sublacunari che
raccolgono gli scarichi dei primi
comuni posizioni sulle due
opposte sponde del lago di Como.
Per far arrivare i liquami al
depuratore posizionato allinterno
della citt di Como, stato
necessario realizzare 14 stazioni
di sollevamento distribuite sul
territorio, a distanze variabili dal
centro operativo presso il
depuratore Comodepur.

Stazione sollevamento SP03 - Tavernola

La stazione di pompaggio Tavernola, costruita negli anni 80, raccoglie le acque


reflue della sponda destra del lago allaltezza della frazione Tavernola in comune di

CaseStudy

Cernobbio. Nella stazione sono installate 4
pompe da 30 kW con girante a 3 canali
aperte che pompano in una condotta in
pressione DN 350 lunga circa 2.000 metri
che scarica nella successiva stazione di
rilancio al depuratore in prossimit del
lungolago di Como. La prevalenza calcolata
di circa 7 metri.

Problematiche rilevate

Le principali problematiche di funzionamento


della stazione sono legate alla frequenza
degli interventi per lo sbloccaggio delle
pompe per lalta quantit di corpi solidi
presenti sia di origine civile ( scarichi
domestici) che degli scarti delle industrie
tessili presenti nella zona . La frequenza di
questi interventi di sbloccaggio di circa 2
volte a settimana con impiego di autospurgo
per risolvere le situazioni di accumulo di
materiale solido nella vasca.
Altro aspetto importante il consumo
energetico delle pompe, vista la potenza
installata, le ore di funzionamento e la
riduzione di efficienza delle pompe conseguente al progressivo intasamento delle
giranti.

Primi tentativi di miglioramento

Per tentare di ridurre i consumi elettrici nel 2009 vengono installati degli inverter per
modulare la velocit di rotazione delle pompe. La riduzione della velocit di rotazione
delle pompe ottiene per leffetto contrario di aumentare in modo esponenziale la
propensione allintasamento delle pompe e il numero degli interventi del personale
per sbloccarle. I risparmi energetici sono inoltre lontani dalle attese in quanto le
pompe intasate hanno un rendimento idraulico significativamente inferiore. La
decisione inevitabile quella di escludere gli inverter e continuare a far funzionare le
pompe con avviamento on/off. Un ulteriore tentativo quello di provare delle nuove
pompe con motore ad alta efficienza, ma i modesti risparmi nei consumi elettrici
vengono penalizzati, anche in questo caso, dallaumento della frequenza dei
bloccaggi delle pompe.

CaseStudy

Sperimentazione tecnologia Flygt Experior

Per trovare una soluzione che risolva definitivamente la problematica dei bloccaggi e
permetta un sensibile risparmio dei costi energetici, i
responsabili tecnici di Comodepur decidono di provare
la soluzione Flygt Experior utilizzando la formula Try &
Buy. il 28 novembre 2012 si decide di sostituire una
delle pompe installate con una pompa Flygt tipo N
Chopper modello NP 3202 HT da 30 kW, con
tecnologia N e dispositivo di taglio con la parte idraulica
realizzata in Hard Iron per aumentare la resistenza
allusura. La slitta originale stata sostituita con un
adattatore per permetterne linstallazione sui piedi di
accoppiamento gi installati nella vasca. Come parte del pacchetto Experior viene
anche installato Il nuovo sistema di controllo a velocit variabile Smart Run che ad
ogni ciclo di pompaggio calcola lenergia specifica consumata e regola la frequenza
alla ricerca delle velocit ottimale di
rotazione delle pompa per ottenere
il minor consumo di energia
elettrica. Il sistema di comando
viene installato nella cabina quadri
ed ad esso sono collegati
direttamente i cavi di alimentazione
della pompa in quanto Smart Run
in grado di gestire autonomamente
il funzionamento della pompa senza
richiedere altri sistemi di controllo.
Come segnale di livello si utilizzano
i sensori ad ultrasuoni esistenti e lo
Smart Run dialoga con il sistema di
telecontrollo esistente trasferendo i
dati di funzionamento al centro di
controllo Comodepur.
Per poterne valutare lefficienza
della nuova soluzione si decide di
effettuare una sperimentazione di 3
mesi al termine della quale
previsto lacquisto se i risultati
saranno conformi alle aspettative.
Sulla base dei dati di questo impianto, utilizzando il simulatore Flygt Experior, si
calcolato un risparmio energetico del 27% e leliminazione dei problemi di bloccaggio
delle pompe.

CaseStudy

Risultati della sperimentazione

Durante i 3 mesi di sperimentazione si sono registrati i seguenti risultati:

Non mai stato necessario eseguire interventi di sbloccaggio della pompa Flygt N
mentre le altre 3 pompe hanno continuato a richiedere interventi di sbloccaggio con
la consueta periodicit

Come impostazioni del quadro, in tutti i cicli di pompaggio, la pompa Flygt stata la
prima ad essere avviata e
le altre sono intervenute
solo quando non era in
grado di smaltire da sola
tutte le portate in arrivo

Nei periodi di basso


afflusso, il sistema Smart
Run ha modulato la
frequenza di
funzionamento della
pompa Flygt permettendo
una riduzione dei consumi
di energia elettrica

Sulla base dei consumi rilevati si pu ipotizzare che il consumo annuo della pompa
Flygt N in prova sia di 159.300 kWh/anno che comparato con i consumi medi
rilevati nei tre anni precedenti pari a 222.800 kWh/anno permetteranno un risparmio
di 63.500 kWh/anno che corrispondono
ad un risparmio di 11.200 Euro/anno (
stimando il costo dellenergia pari a
0,177 Euro/kWh).

A questo valore bisogna aggiungere il


risparmio sui costi del personale per gli
interventi di sbloccaggio delle pompe (
circa 5.000 euro/anno), la pulizia con
autospurgo della vasca con cadenza
almeno bimestrale e i costi dello
smaltimento dei bottini ( circa 12.000
euro/ anno ). Il risparmio annuo totale
per questa stazione di pompaggio
potrebbe essere stimato in circa 28.000
euro/anno

CaseStudy

Dal sistema di telecontrollo installato a Comedepur possibile visualizzare in tempo
reale il funzionamento delle pompe. Nel grafico allegato si vede come lo Smart Run
riduce la velocit di rotazione della pompa Flygt (Correte P-TA3) fino a 34 Hz
durante il periodo di funzionamento notturno con bassi afflussi.

E anche interessante notare che con la sola pompa Flygt N in funzione assorbe 41
A e la portata di 316 metri cubi/ora

Mentre in una evidente situazione di intasamento delle altre due pompe, la portata
complessiva con 3 pompe in funzione raggiunge solo il valore 547 metri cubi/ora

CaseStudy

La pompa P-TA4, evidentemente intasata, continua a funzionare assorbendo ben
58 A che si aggiungono i 37 A della P-TA3 e i 40 A della P-TA1

Dal controllo continuo di questi dati, il


personale Comodepur in grado di
individuare il momento in cui
necessario intervenire per la pulizia delle
pompe intasate.

Controllo finale

Dopo tre mesi di funzionamento la


pompa stata estratta per un controllo
che non ha rilevato nessuna anomalia o
usura dei componenti.

CaseStudy