Sei sulla pagina 1di 5

ATLANTE CAMPAGNA SPACE

Storia Antica del Sistema Helion (la trentesima decade cosmologica, avvento e ascesa dei
Progenitori)

Per quantificare l'evoluzione scientifica e sociale, che una razza avanzata attua nell'arco di centinaia di migliaia di anni,
i cosmologi della corporazione hanno creato il sistema delle Decadi Cosmologiche. Secondo questo schema la
percezione del tempo da parte di qualsiasi essere senziente va via via dilatandosi con la sua evoluzione e, su base
logaritmica, ogni Decade Cosmologica pari alla somma di tutte quelle che l'hanno preceduta. Attualmente l'universo
si trova nella trentaduesima decade e si stima che esaurir tutto il combustibile entro la trentacinquesima (un tempo
comunque pari a pi del doppio rispetto a quello attualmente trascorso).

Chi ha studiato a fondo la storia sa che non vi modo di reperire informazioni in ere geologicamente troppo antiche,
in quanto un sistema stellare soggetto a enormi sconvolgimenti nell'arco di milioni di anni. Le tre lune del pianeta
capitale Helion I suggeriscono che un imponente corpo celeste precipit sulla superficie tra i 600 e i 700 milioni di anni
fa, in corrispondenza della fine della trentesima decade. Appariva tuttavia impossibile spiegare come il pianeta si fosse
potuto solidificare e stabilizzare in cos poco tempo, questo finch la tecnologia non permise di sondarne il nucleo.
I ricercatori dell'Accademia Celeste stavano tenendo una spedizione per indagare sulla vita abissale dell'imponente
oceano di Helion I, quando con grande sorpresa notarono un portale di natura artificiale sul fondale, a ridosso della
dorsale da cui il magma scaturisce dal mantello.

Estratto dai resoconti olografici di Alan Von Drakman, primo ufficiale scientifico della spedizione:
"[...] l'anomalia misura oltre tre km di diametro, nonostante sia saldamente ancorata alla crosta basaltica non sembra
essere influenzata dai flussi magmatici che la circondano. Il materiale sembra di natura metallica ma rimando simili
congetture all'analisi diagnostica [...]"
"[...] le rilevazioni sono contraddittorie. Riscontriamo imponenti campi energetici attorno alla struttura, ma la loro
natura ignota, nessun segno di attivit elettromagnetica, nessun fattore che ci rimandi alla fisica da noi conosciuta.
Battezzo questa nuova scoperta col nome di Energia Oscura e mi appresto a condividerne eventuali applicazioni per il
bene dell'umanit e del progresso scientifico [...]"
"[...] la sonda in avvicinamento, ci apprestiamo ad aprire un varco nel campo energetico, una nuova fase
dell'evoluzione umana sta per iniziare [...]"

I sistemi difensivi dell'anomalia sterminarono l'intera spedizione nel giro di pochi secondi, ma grazie a quei pionieri la
corporazione ha potuto reperire informazioni importanti sulle origini del sistema Helion. L'energia oscura scoperta da
Von Drakman venne successivamente ribattezzata Energia Arcana dal suo allievo e successore Markus Noremberg,
noto ai posteri come primo Tecnomante e fondatore della Gilda degli Arcanisti. Markus fu il primo uomo a varcare il
portale abissale riuscendo a deformare lo spaziotempo attorno alla struttura dopo una vita di studi e tentativi
fallimentari. Quello che si par davanti agli occhi dello scienziato e dei suoi assistenti andava contro qualsiasi umana
comprensione.

Estratto dalle cronache della Trentunesima Decade, ad opera di Markus Noremberg:


"[...] la prima sorpresa, non appena varcammo il portale, fu la rilevazione del mio localizzatore: in un istante ci
trovammo catapultati a centinaia di km nel sottosuolo, quasi come se il varco fosse direttamente collegato a uno
squarcio nello spaziotempo. L'energia necessaria per ottenere una simile curvatura non permetterebbe a nessun
essere vivente di sopravvivere, eppure nessun membro della spedizione aveva accusato sintomi di decadimento
molecolare. L'eccitazione era alle stelle, ci apprestammo ad entrare nella struttura [...]"
"[...] le tenebre furono squarciate dall'improvvisa apparizione di sfere luminose che svelarono una lunghissima
passerella, sospesa su un baratro che ricordava il vuoto dello spazio profondo. Non riuscivo a capacitarmi delle
dimensioni della voragine, cos accesi il mio spettrometro laser per valutare la conformazione del luogo. Li dove
doveva esserci il nucleo del pianeta c'era una cavit perfettamente sferica di natura artificiale, antecedente a
qualsiasi resoconto storico a noi noto. Era chiaramente opera di una razza superiore, le cui conoscenze erano
nettamente pi avanzate delle nostre. Intimoriti ma carichi di curiosit iniziammo a percorrere la passerella [...]"
"[...] stentai a credere ai miei occhi. Il meccanismo al centro del nucleo pulsava di una strana energia bluastra, nessun
pulsante, nessuna iscrizione, solo una sinistra superficie dal colore metallico e della consistenza del mercurio liquido,
costantemente percorsa da pieghe e increspature [...]"
"[...] la superficie del meccanismo inizi a ribollire, come bassorilievi una serie di immagini iniziarono a scorrere
davanti ai nostri occhi. Dapprima apparve un sistema stellare a noi ignoto, una singola stella di medie dimensioni
circondata da quattro giganti gassosi e quattro pianeti rocciosi, uno dei quali presentava evidenti segni di
civilizzazione. Il nostro stupore arriv al culmine quando l'immagine scomparve ed inizi a delinearsi una figura dalle
fattezze decisamente umane, che ci scrutava con occhi vuoti ma carichi di saggezza e conoscenza. Accanto ad essa la
prova definitiva: un frammento di DNA del tutto identico al nostro inizi a ruotare con velocit crescente fino a
dilatarsi in un passaggio che conduceva alla parte interna del meccanismo. Avevamo trovato prove tangibili delle
nostre origini, avevamo trovato i nostri Progenitori [...]"

Il nucleo di Helion I ospita il supercomputer oggi noto come Gaia, un complesso meccanismo carico di energia arcana,
capace di stabilizzare l'orbita e l'asse del pianeta. In caso di cataclisma Gaia in grado di terraformare il pianeta nel
giro di poche decine di anni, e questo spiega come la nostra razza si sia potuta evolvere a seguito del grande impatto
della trentesima decade cosmologica. Noremberg poco prima della sua scomparsa fond la Gilda degli Arcanisti al
centro di Gaia, con lo scopo di studiare e padroneggiare le conoscenze relative all'Energia Arcana. Restano tuttavia
numerosi interrogativi: perch i Progenitori si stanziarono su Helion? Come mai non sono tornati a seguito del grande
cataclisma? Ma soprattutto perch lasciarono noi a presidiare il sistema? La componete tecnica e teorica per
rispondere a questi interrogativi va ben oltre le nostre attuali conoscenze, cos la maggior parte degli avvenimenti
della trentesima decade restano avvolti nel mistero.

Storia Recente del Sistema Helion (la trentunesima decade cosmologica, guerre per le fasce di
asteroidi e nascita della corporazione)

I resoconti storici ricordano la trentunesima decade come un'epoca oscura, caratterizzata da vasti conflitti causati da
una forte disomogeneit politica e culturale. A quel tempo Helion I era diviso in due grandi fazioni apertamente ostili:
i Realisti (di stampo pragmatico, dediti al commercio e allo sviluppo industriale, stanziati al centro del grande
continente, dove la fitta vegetazione lascia spazio a terre brulle e arse da continue eruzioni vulcaniche); i Virtuali
(meno numerosi ma attenti alla conservazione dell'ecosistema e alla ricerca scientifica, stanziati lungo la costa Nord
del grande continente e sul vasto arcipelago di Leviathan). Queste due realt nacquero dalla costante accorporazione
di stati minori con ideologie affini, ma soprattutto grazie a figure carismatiche quali Ivan III Serjei Drakonow
(autoproclamatosi guida e primo imperatore del movimento Realista) e Lilith Maryan l'Eccelsa (fondatrice e guida
della societ matriarcale dei Virtuali). Attorno a queste due grandi potenze gravitavano realt minori, alcune delle
quali sono sopravvissute fino ai giorni nostri, come i Precettori di Sin, di stampo religioso integralista, o i Pirati del
grande Blu, potenti mercenari stanziati sulle isole pi remote dell'immenso oceano di Helion I.

Lo stato di guerra fredda permaneva da circa cent'anni, ma la scoperta di Gaia port ad una vera e propria rivoluzione
sicientifico-tecnologica, in particolare quando i primi Tecnomanti riuscirono ad imbrigliare l'energia arcana e crearono
il motore a reazione perpetua. Questa scoperta permise la creazione dei primi Vascelli Arcani, navi che rendevano
possibile la colonizzazione dei pianeti limitrofi del sistema Helion, ma al contempo accentu i conflitti, in quanto la
Gilda degli Arcanisti vendeva i prototipi al migliore offerente, andando contro ai precetti impartiti dal fondatore
Markus Noremberg, ormai scomparso da anni.

Estratto dal Secondo Ciclo dei Registri della Gilda, autore ignoto:
"[...] un'energia immensa, attuale culmine delle conquiste umane, capace di annullare le soglie di spazio e tempo.
Questa scoperta pone noi Tecnomanti come unici detentori del sapere e ci innalza a custodi dell'umanit. Qualsiasi
fazione che desideri attingere a questo potere dovr essere a noi subordinata, sostenerci ideologicamente ed
economicamente, in quanto solo noi possiamo sondare e manipolare le conoscenze tramandateci dai nostri
Progenitori [...]"
"[...] la nostra comprensione dell'Energia Arcana in rapido sviluppo, cos come l'influenza della nostra gloriosa Gilda.
La colonizzazione di Helion iniziata e con essa i conflitti per lo sfruttamento delle risorse. Proclamo qui la nostra
totale neutralit circa i recenti avvenimenti, non palesiamo interesse per questioni di cos scarso rilievo [...]"
I primi a beneficiare della scoperta furono i Realisti (forti di una maggiore disponibilit economica ed aperti allo
sfruttamento di nuove tecnologie), in particolare la Corporazione degli Ingegneri Siderali, una piccola associazione
fedele all'imperatore Drakonow, ma contraria all'eccessiva tassazione per il reperimento e la detenzione di materie
prime. Il loro leader, ingegnere capo Lucian de Aristis, si present al cospetto dell'imperatore con una delegazione di
dodici tecnomanti, proponendo la colonizzazione e lo sfruttamento dei due pianeti della fascia interna: il caldissimo
Inferis e il pianeta gigante Venus (che dall'atmosfera di Helion I appare come una quarta luna, nonostante sia distante
centinaia di migliaia di km). L'accordo prevedeva (oltre alla percentuale dovuta alla Gilda degli Arcanisti) la totale
libert di azione per gli Ingegneri Siderali riguardo lo sfruttamento dei nuovi pianeti. In cambio Lucian garantiva la
totale fedelt delle colonie all'impero Realista, nonch la gestione delle nuove rotte commerciali all'imperatore stesso.
Sulla carta il progetto sembrava vincente, ma l'impresa present non poche problematiche.

Estratto dai diari privati di Lucian de Aristis, Ingegnere Capo del Grande Impero Realista:
"[...] due vascelli della nostra flotta hanno iniziato la discesa su Venus, le trasmissioni sono disturbate a causa delle
scariche elettrostatiche nella stratosfera. Il pianeta appare perennemente coperto da nuvole e non sappiamo cosa
aspettarci, le rilevazioni mostrano un paesaggio frastagliato, con profondi canyon e cime che farebbero impallidire le
nostre pi imponenti montagne. L'efficienza delle nostre navi incredibile, grazie all'energia arcana possiamo
disintegrare i detriti che ci ostacolano e scrutare la superficie direttamente dall'orbita. Resto in contatto e mi dirigo
alla volta di Inferis con la nave ammiraglia Progenitor [...]"
"[...] c' qualcosa che non va. Sono ormai due giorni che orbitiamo attorno ad Inferis ma abbiamo perso il contatto
con le nostre flotte su Venus. Le operazioni di sbarco non possono iniziare finch non ripristiniamo le trasmissioni.
L'equipaggio sta lavorando senza sosta e siamo tutti molto provati. Il mio sguardo rivolto giorno e notte alla
superficie lavica del pianeta, gli astronomi non potevano trovare nome pi appropriato per questo sasso dimenticato
da dio. Prego che il mio primo ufficiale su Venus sia sano e salvo, non possiamo permetterci di fallire [...]"
"[...] questa mattina sono stato svegliato dal suono del mio olografo. Una trasmissione del mio primo ufficiale Wilelm
Vandelin. Era visibilmente sconvolto, i sistemi della nave devono aver subito gravi danni e numerose interferenze
disturbavano le comunicazioni. Da quel che ho capito abbiamo perso uno dei vascelli, mentre l'altro ha dovuto
lasciare in fretta e furia la superficie. Le parole di Wilielm sono state chiare: fauna ostile, esseri colossali, le nostre
armi non possono nulla, la missione fallita! [...]"
"[...] ho sottovalutato l'impresa. Lo sbarco su Inferis stato problematico. Il pianeta presenta un nucleo ferroso che
ruota a velocit inaspettatamente elevata, il risultato sono forti campi magnetici che scaturiscono dalla superficie e
rendono le nostre operazioni molto difficoltose. La conquista dei pianeti interni richieder pi tempo e risorse di
quanto avevamo previsto [...]"

La risposta alle mire espansionistiche dell'impero, da parte dei Virtuali, fu immediata. Lady Lilith convoc il consiglio
degli eccelsi presso Mater, l'imponente complesso situato nelle profondit di Lashet, prima isola dell'arcipelago
Leviathan, sede del parlamento e dell'Accademia Celeste. La sessione di meditazione al terzo stadio dur cinque giorni
e cinque notti. La coscienza collettiva del consiglio giunse alla conclusione che la dissolutezza della Gilda stesse
alterando il Grande Equilibrio, ma al contempo non potevano fare a meno dei suoi servigi, in particolare per la
creazione di un presidio fisso sulle lune di Aldebaran (primo dei quattro pianeti gassosi della fascia esterna). La
risoluzione del problema arriv dal cielo, in modo del tutto inaspettato.

Estratto dalle Memorie Virtuali del Consiglio, Conquista e Consolidamento, di Lady Eriadan l'Eccelsa:
"[...] quando la terza luna entr in eclissi le nostre coscienze furono bruscamente richiamate sul piano materiale.
Alcuni membri del consiglio vacillarono nel percepire una enorme quantit di energia arcana avvicinarsi con velocit
crescente. Una gigantesca nave sovrastava Mater, oscurando l'intera volta celeste. Non presentava le fattezze di un
vascello della Gilda, ricordava piuttosto un piccolo pianeta dalla consistenza metallica, costantemente percorso da
fasci di plasma pulsante [...]"
"[...] fu la lungimiranza di Lady Lilith ad evitare il panico, dal momento che ordin all'esercito di astenersi da qualsiasi
forma di ostilit e di allestire un presidio per accogliere i visitatori [...]"
"[...] con nostro grande stupore una figura ammantata si materializz al centro del salone circolare del parlamento,
eludendo qualsiasi misura di sicurezza da noi approntata. Non sembrava avere consistenza materiale, e di sicuro non
si trattava di una proiezione olografica. Il membro pi anziano del consiglio, Lord Sigrfid Zenithar, primo ufficiale
scientifico dell'Accademia Celeste, stent a credere ai sui occhi nel riconoscere l'uomo:
si trattava di Markus Normberg, l'uomo che oltre mille anni fa scopr Gaia e fond la Gilda [...]"
"[...] la proiezione di Noremberg alz lo sguardo e in un istante le nostre menti furono percorse da visioni riguardanti
un antico passato. L'uomo abbandon Helion I per stanziarsi sulla terza luna, dove riusc a fondere la propria
coscienza con l'enorme dispositivo arcano che sovrastava le nostre teste. Asser che l'aver trasceso lo spazio e il
tempo rappresenta il sommo potere a cui qualsiasi tecnomante pu aspirare e continu dicendo che la sua coscienza
era stata turbata dai recenti avvenimenti. Con l'avvento di Noremberg noi Virtuali fummo insigniti del titolo di
Guardiani del Grande Equilibrio, ci venne fatto dono del potere arcano, e fummo incaricati di contrastare le crescenti
ingerenze della Gilda e dei suoi affiliati [...]"
"[...] a tutt'oggi aspettiamo il ritorno del Grande Tecnomante, partito alla volta del vuoto intergalattico per cercare
tracce degli antichi Progenitori [...]"

Nel corso di dieci anni il conflitto sfoci in una logorante guerra di posizionamento. Presidi di entrambe le fazioni si
erano consolidati presso le nuove colonie e l'Impero Realista aveva eretto un imponente sistema di difesa planetaria,
occupando Phobos, il pi grande asteroide della fascia interna. Su Phobos schiere di tecnomanti sperimentavano
nuove applicazioni belliche dell'energia arcana, arrivando ad applicare il principio della propulsione perpetua per
manipolare l'orbita di interi corpi celesti. I Virtuali fino ad allora si erano limitati ad attacchi mirati lungo le rotte
mercantili, al fine di stroncare lentamente l'afflusso di risorse per l'Impero e la Gilda, ignari della crescente minaccia.
Era l'anno 721 della trentunesima decade quando la cometa Beretrix entr in collisione con Miranda, la luna
ghiacciata di Aldebaran, prima colonia dei Virtuali. In un istante la crosta innevata di trasform in un mare di lava
incandescente, portando alla morte oltre un milione di individui in poche ore.
Rimarcando il successo dell'operazione (e con non poche minacce) la Gilda degli Arcanisti convoc un concilio presso
Phobos al quale avrebbe dovuto partecipare l'imperatore Drakonow in persona. Uno dei tecnomanti srotol un lungo
foglio in lamina di adamantio, finemente inciso tramite processi arcani, e lo pose nelle mani dell'imperatore.

Estratto dal primo articolo del Codice Phobos, sistema legislativo del sistema Helion:
"[...] quando nel corso degli eventi umani, sorge la necessit che un popolo sia guidato da una casta reggente, non
subordinata al sistema politico delle grandi potenze, la cui sola parola basta a dare il giusto e dovuto indirizzo
all'evolversi della storia, un conveniente riguardo alle opinioni dell'umanit richiede che quel popolo sia reso
partecipe delle ragioni per cui soggetto a tale subordinazione [...]"
"[...] certamente, il diritto alla libert, impone che governi di vecchia data non siano cambiati. Lo stesso dicasi per le
locali forme di culto, le corporazioni minori e la grande flotta dei mercanti. La totale libert di azione sar garantita
nell'ottemperanza e nel rispetto dei precetti della Gilda [...]"

Fu un vero e proprio colpo di stato. La Gilda oltre alla totale libert decisionale circa lo sfruttamento delle risorse
imponeva esose imposte fiscali (in particolare per le questioni riguardanti lo sfruttamento dell'energia arcana, il
possesso e la creazione di nuove tecnologie, la propriet privata e lo stanziamento su nuove colonie). L'Imperatore
non pot fare altro che siglare il codice, scatenando il malcontento delle fasce pi integraliste della popolazione.
Sacche di separatisti iniziarono a nascere lungo tutto il continente. Le lotte intestine si fecero sempre pi intense,
portando ad uno stato di totale anarchia nelle regioni pi remote di Helion I. Gruppi armati presidiavano i confini della
grande foresta, al centro della quale sorgeva il cratere di Barezian, baluardo della maggiore tra le forze separatiste i
Black's Marauders. Il loro leader, Victor Aisemberg Black, fu il primo a dichiarare guerra all'imposizione della Gilda,
creando un esercito di oltre centomila unit nel giro di un anno. Sirius era uno dei primi capitani di vascello
dell'impero Realista e non esit a sfruttare questa posizione per raccimolare un ingente numero di vascelli arcani, al
fine di perseguire la sua causa. I tecnomanti d'altra parte organizzavano vere e proprie battute di caccia ai ribelli,
considerandoli una minaccia facilmente arginabile, non si curarono di adottare misure drastiche, forti dell'appoggio
dell'imperatore e delle colonie della fascia interna.

A milioni di km di distanza la fazione dei Virtuali meditava vendetta dopo la caduta di Miranda. Gli sconvolgimenti
interni dell'impero diedero al consiglio il tempo di espandere i propri confini (con la colonizzazione di Deimos, la luna
gigante del pianeta Idrian) e di approfondire gli studi sull'energia arcana e le scienze naturali. Fu in questo periodo che
venne fondata su Deimos la corporazione dei Tecnomanti del Grande Equilibrio, un ramo dell'Accademia Celeste pi
interessato allo studio dell'energia arcana che alle leggi fisiche dell'universo. Questi uomini (oggi noti come
Tecnomanti di Seconda Generazione o Tecnomanti Bianchi) approfondirono gli insegnamenti di Markus Noremberg,
arrivando a padroneggiare una nuova e potente conoscenza: la Trascendenza.
Estratto dal Terzo Saggio sulle Applicazioni Arcane, Trascendenza e Piano Virtuale, di Miriam Stendarr, Prima
Tecnomante del Grande Equilibrio:
"[...] vincolare la propria coscienza ad un costrutto tramite processi arcani rappresenta una pratica difficoltosa e non
priva di rischi. I cristalli di Argon che solitamente usiamo come conduttori di flusso non presentano una resistenza
tale da poter contenere l'energia richiesta e ci porterebbe alla distruzione immediata della mente che si tenta di
vincolare. Il secondo ciclo di sperimentazione si concentrer sulla risoluzione di questo problema [...]"
"[...] la grande Accademia Celeste ci venuta incontro. La sintetizzazione del nuovo elemento Hiperium ci ha
permesso di progettare un accumulatore abbastanza stabile da sostenere il processo, ma le onde alpha monitorate
nei primi soggetti appaiono instabili. E' chiaro che la quantit di impulsi presente nel piano virtuale non
sopportabile dalla mente umana. La terza fase del progetto sar volta al potenziamento delle nostre capacit
intellettive [...]"
"[...] ci apprestiamo ad eseguire il test definitivo. Vincoler la mia mente al prototipo tra poche ore. La stabilizzazione
del sistema di controllo in corso, cos come il bilanciamento dell'accumulatore. Qualsiasi sia il risultato esprimo
ammirazione per tutto lo staff, e ringrazio tutti per il duro lavoro svolto [...]"

Il perfezionamento della Trascendenza port alla creazione delle potenti macchine arcane note come Phoenix,
costrutti di tipo antropomorfo, delle dimensioni di un comune vascello, ma alimentati e controllati dalla mente stessa
del tecnomante. Fu Lady Lilith in persona a guidare l'assedio alla capitale di Helion I, sbaragliando le difese approntate
dalla Gilda nella stratosfera e scendendo sulla superficie con un battaglione di trentotto possenti Phoenix.
Il tutto fu possibile grazie alla collaborazione di Aisemberg e dei suoi Marauders, che nel corso dei mesi precedenti
avevano condotto con successo numerose azioni di sabotaggio lungo i centri di controllo primario.
La caduta della capitale rappresent un duro colpo per la Gilda, in particolare per la fine del movimento Realista e la
deposizione dell'imperatore Drakonow. Quest'ultimo fu condotto presso il Consiglio degli Eccelsi dove venne
processato per crimini contro l'umanit e condannato al massimo della pena: l'oblio in animazione sospesa nel vuoto
intergalattico.

Un nuovo ordine andava delineandosi, Separatisti e Virtuali collaborarono per prendere il possesso di Gaia,
sterminando (con non poche difficolt) gli ultimi tecnomanti rimasti sul pianeta. Lady Lilith fuse permanentemente la
propria coscienza al nucleo di Gaia, allo scopo di preservare il sapere dei Progenitori nel rispetto del Grande Equilibrio.
Questo avvenimento segn la nascita della Grande Corporazione del Sistema Helion, nonch la messa al bando di
qualsiasi utilizzo illegittimo dell'energia arcana. La transizione richiese ben poco tempo e port al consolidamento
della grande repubblica di cui oggi facciamo parte. L'assegnazione di supervisori ai vari presidi coloniali garant una
buona amministrazione di beni e risorse, mentre la creazione del Grande Esercito della Corporazione assicura ancora
oggi un regime di totale legalit. I pochi tecnomanti della Gilda sopravvissuti all'epurazione si rifugiarono su Phobos,
troppo instabile e remoto per essere attaccato, ed ancora oggi portano avanti i loro oscuri propositi, costituendo una
grave minaccia per il futuro della Corporazione.

Rappresentazione Grafica del sistema Helion (proporzioni e distanze alterate per esigenze grafiche).

1. Helion Alpha; 2. Helion Beta; 3. Phobos (Fascia Interna); 4. Inferis; 5. Venus; 6. Helion I; 7. Micre (Fascia Esterna);
8. Aldebaran; 9. Idrian; 10. Artemis; 11. Oblivion; 12. Thanatos (Orlo Esterno)