Sei sulla pagina 1di 277

- R - R

R K C R K C

- -
n t r ale n t r ale
C e C e
h n a n a hn a
K rish K r i s
a d i o a d io
- R -R
!
! R K C R KC
"#$%&'()*$+&$!",,%!-./0&!1+&).+$&',+$2!!-/&&'!'!*'.'&&'!.'0).($&'!3).!&/&&'!'!4$)0'!
555677&'6,.8!9!5556%.'0#+$6:,;!
!
- -
!
r ale a l e
C !
e n t
C entr
,1)250$=,21(',&23<5,*+7 ',5,772'$8725(!1<-=><?@1A<?B=C!

hna h na
4XHVWDHXQDFRSLDHOHWWURQLFD ILOH GLYDOXWD]LRQHGHOODYHUVLRQHVWDPSDWD FDUWDFHD GHOOLEUR
i s i s h na
i o Kr
FRUULVSRQGHQWH FRQORVWHVVRWLWROR H121(9(1',%,/(4XHVWDFRSLDHLQWHVDVRORSHUVFRSL
i o Kr
Rad Rad
3).0,+$2'D!+,+!:,;;).:'$2'D!'+!$::,.*,!$*!XQXVRUDJLRQHYROHVHFRQGROHOLQHHJXLGDVWDELOLWH
-
*$22)!B)88'!1+&).+$E',+$2'!0/2!:,3F.'8#&6! -
!
RKC RKC
4,&)&)!*'0&.'7/'.)!G/)0&$!:,3'$!*'!($2/&$E',+)!$!:#'/+G/)!$&&.$().0,!'+&).+)&D!HAB-?<-A!
I>?-J1-?K=<-=!)!;$+&)+)+*,!'+&$&&$!2$!3.)0)+&)!'+L,.;$E',+)!*'!:,3F.'8#&D!H=<@?!$88'/+8).)!
QHVRWWUDUUHDOFXQFKHDOILOHRDOVXRFRQWHQXWRHFRPXQTXH6(1=$PRGLILFDUORLQDOFXQPRGR!
! - -
n t r ale t r ale
4,&)&)!/0$.)!'2!3.)0)+&)!L'2)!3).!($2/&$.)!2$!().0',+)!0&$;3$&$!M:$.&$:)$C!*)2!2'7.,!3).!(,0&.,!/0,!
n
C e e
3.'($&,!,!3).!7.)('!)0&.$&&'!'+!2$(,.'!$::$*);':'D!.':).:#)D!$33/+&'!0:,2$0&':'D!3.)0)+&$E',+'!)*!$2&.'!
C
h n a 0';'2'!/0'6!
n a hna
!
K rish K r i s
a d o
1RQSRWHWHULSURGXUUHSLXGHOGLHFLSHUFHQWR  GLTXHVWRILOHFRQTXDOVLDVLPH]]RVHQ]DXQ
i
)03.)00,!3).;)00,!0:.'&&,!*$'!*)&)+&,.'!*)2!:,3F.'8#&6!! a d io
! - R -R
R K C RKC
1+!G/$2/+G/)!.'3.,*/E',+)!*,()&)!'+0).'.)!*,()!0'$!:#'$.$;)+&)!('0'7'2)D!2$!0)8/)+&)!L.$0)!*'!
.'L).';)+&,N!!
!
O=0&.$&&,!*$!OP-'&,2,!*)2!B'7.,QO!*'!H6R6I6!"#$%&'()*$+&$!H($;'!4.$7#/3$*$D!3).!8)+&'2)!
- -
n t ale
S,+&)N!5556.$*',%.'0#+$6:,;! n t ale
:,+:)00',+)!*)22$!"#$%&'()*$+&$!",,%!-./0&!1+&).+$&',+$2D!5556%.'0#+$6:,;!
r r
C e ! C e
h n a n a hna
K rish
4).!G/$20'$0'!'+L,.;$E',+)!,!:,;;)+&,D!3).!:,..'03,+*)+E$!,!3).!:,+0/2&$.)!,+!2'+)!$2&.'!2'7.'!
*)22,!0&)00,!$/&,.)D!('0'&$&)!'2!0'&,!5556.$*',%.'0#+$6:,;!
K r i s
!
a d i o a d io
R
4,&)&)!.':#')*).)!2$!().0',+)!0&$;3$&$!M:$.&$:)$C!*'!G/)0&,!)!*)82'!$2&.'!2'7.'!*'!H6R6I6!
- -R
R K C
.'3,.&$&'!'+!L,+*,!$2!3.)0)+&)!L'2)!)!$22$!3$8'+$!5)7N!5556.$*',%.'0#+$6:,;V&).+'!RKC
"#$%&'()*$+&$!H($;'!4.$7#/3$*$D!'+!1&$2'$+,D!$!>$*',!T.'0#+$!U)+&.$2)!!-).+'D!'!:/'!.):$3'&'!0,+,!

!
(DQFKHSRVVLELOHFRQVXOWDUHRQOLQHLOFDWDORJRGHLOLEULGLVSRQLELOLDOODSDJLQD
- -
5556.$*',%.'0#+$6:,;V2'7.'WX!,!.':#')*).2'!$22$!3$8'+$!5556.$*',%.'0#+$6:,;V:$..)22,!

n
!
t r ale n t r ale
C e !
C e
h n a n a
"#$%&'()*$+&$!",,%!-./0&!1+&).+$&',+$2!!-/&&'!'!*'.'&&'!.'0).($&'!3).!&/&&'!'!4$)0'!
hna
K rish
555677&'6,.8!9!5556%.'0#+$6:,;!
K r i s
a d i o a d io
- R -R
R K C RKC
- -
n t r ale n t r ale
C e C e
h n a n a hna
K rish K r i s
a d i o a d io
- R
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale -R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

- -
n t r ale n t r ale
e e
na C ish n a C
ish n a C
K r K r
dio di o
Ra Ra
SRI CAITANYA
RKC
-
RKC
-

- -
n t rale n t r ale
e e
na C ish n a C
ish n a C
o Kr o K r
GLIC - INSEGNAMENTI
Rad
i
C -R a d i
RK RK
DI
- -
Cent r ale SRI CAITANYA C entr
a l e
C
na n a n a
MAHAPRABHU
adio
Krish
adio
K rish
- R - R
R K C R K C

- -
n tr ale n t rale
Ce Ce C
n a h n a h n a
Di iSua
o K risDivina Grazia io Kris
d d
A.C.RBhaktivedanta - Ra
Svami Prabhupada -R a
KC RKC
Acarya-fondatore dellAssociazione Internazionale per la Coscienza di Krishna

- -
nt rale n t rale
Ce C e C
na n a n a
K rish K r ish
a d i o a d i o
- R - R
R K C R K C

- -
n t rale The Bhaktivedanta Book
r a l e
Trust
nt
Ce C e C
n a n a
2016 The Bhaktivedanta Book Trust International. All rights reserved
n a
K rish K rish
a d io a d io
R - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale - R
2015 -RKC
K C
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.comKC
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

- -
n t r ale n t r ale
e e
na C ish n a C
ish n a C
K r K r
dio di o
- Ra - Ra
RKC RKC
- -
n t rale n t r ale
e e
na C ish n a C
ish n a C
i o Kr i o K r
- Rad - R a d
R K C R K C

- -
nt r ale DEDICATO AL
n t r ale
na Ce Sacro Servizio
di na Ce n a C
is h ish
io Kr
SRILA SACCIDANANDA BHAKTIVINODA THAKURA
i o K r
d
che introdusse gli insegnamenti
a a d
-R
di Sri Caitanya nel mondo occidentale - R
RKC (McGill University, Canada) R K C
nel 1896
lanno della mia nascita
- A.C. BHAKTIVEDANTA SWAMI -
n tr ale n t rale
Ce Ce C
n a n a n a
K rish Kris
h
d io d io
- Ra -R a
RKC RKC
- -
nt rale n t rale
Ce C e C
na n a n a
K rish Kr ish
a d i o a d i o
- R - R
R K C R K C

- -
n t rale n t r ale
Ce C e C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

- -
t r ale t r ale
e n Sommario e n
na C aC
ishn ish n a C
K r K r
dio di o
- Ra - Ra
PREFAZIONE
RKC
PROLOGO DI SRILA BHAKTIVINODA THAKURA
RKC
LA MISSIONE DI SRI CAITANYA
INTRODUZIONE
- -
n t rale n t r ale
e e
na C CAPITOLO
CAPITOLO
1
2
a C
GLI INSEGNAMENTI TRASMESSI A RUPA GOSVAMI
SANATANA GOSVAMI ish n ish n a C
CAPITOLO 3 o Kr
GLI INSEGNAMENTI TRASMESSI A SANATANA GOSVAMI
i i o K r
CAPITOLO 4 Rad
IL SAGGIO
- - R a d
CAPITOLO 5
R K C COME AVVICINARSI A DIO
R K C
CAPITOLO 6 LE SUE FORME NON SONO DIFFERENTI LUNA DALLALTRA
CAPITOLO 7 LE INNUMEREVOLI FORME DI DIO
CAPITOLO 8 GLI AVATARA
- -
nt r ale
CAPITOLO 9 LE OPULENZE DI KRISHNA
n t r ale
na Ce CAPITOLO
CAPITOLO
10
11
LA BELLEZZA DI KRISHNA
IL SERVIZIO AL SIGNORE
na Ce n a C
is h ish
CAPITOLO
CAPITOLO
12
13
IL DEVOTO
io Kr
IL SERVIZIO DEVOZIONALE NELLATTACCAMENTO i o K r
ad a d
CAPITOLO 14 -R
LESTASI DEL SIGNORE E DEI SUOI DEVOTI - R
CAPITOLO
CAPITOLO
15
16
RKC LA SPIEGAZIONE DEL VERSO ATMARAMA NELLO SRIMAD-BHAGAVATAM
CONCLUSIONE DEGLI INSEGNAMENTI A SANATANA GOSVAMI
R K C
CAPITOLO 17 SRI CAITANYA, DIO, LA PERSONA SUPREMA E ORIGINALE
CAPITOLO - 18 LE CONVERSAZIONI CON PRAKASANANDA -
n tr ale
CAPITOLO 19 ALTRE CONVERSAZIONI CON PRAKASANANDA
n t rale
Ce CAPITOLO 20 IL FINE DELLO STUDIO DEL VEDANTA
Ce C
n a CAPITOLO 21 n a
LA CONVERSIONE DEI FILOSOFI MAYAVADI n a
CAPITOLO 22 K rish
LO SRIMAD-BHAGAVATAM Kris
h
CAPITOLO 23 d io
PERCH STUDIARE IL VEDANTA-SUTRA? d io
CAPITOLO 24 - Ra
CONVERSAZIONI CON SARVABHAUMA BHATTACARYA -R a
CAPITOLO 25 RKC LA REALIZZAZIONE PERSONALE E QUELLA IMPERSONALE RKC
CAPITOLO 26 LA CONVERSIONE DI BHATTACARYA
CAPITOLO 27 SRI CAITANYA E RAMANANDA RAYA
CAPITOLO - 28 LA RELAZIONE COL SUPREMO -
nt rale
CAPITOLO 29 IL PURO AMORE PER KRISHNA
n t rale
Ce CAPITOLO 30 C e
I DIVERTIMENTI TRASCENDENTALI DI RADHA E KRISHNA C
na n a n a
CAPITOLO
CAPITOLO
31
32
LA PERFEZIONE SUPREMA
CONCLUSIONE K rish Kr ish
a d i o a d i o
- R
BIOGRAFIA DI SUA DIVINA GRAZIA A.C. BHAKTIVEDANTA SWAMI PRABHUPADA - R
R K C R K C
GLOSSARIO

CONTATTI - -
n t rale n t r ale
Ce C e C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

- -
r ale a le
e n t Prefazione entr
na C n a C n a C
rish di Sri Caitanya presentati in questoKrish
Non ce differenza tra gli insegnamenti
K
diio
libro e gli insegnamentiad d io
Sri Krishna nella Bhagavad-gita. Gli insegnamenti
a
C -R
di Sri Caitanya sono - R di Sri
anzi una dimostrazione pratica degli insegnamenti
C
K
Krishna. NelRconcludere RK
la Bhagavad-gita, il Signore raccomanda a tutti di
sottomettersi a Lui, Sri Krishna, e aggiunge che Lui immediatamente Si
prendera cura di queste anime sottomesse. Il Signore, Dio, la Persona
- -
Suprema, provvede gia al mantenimento della Sua creazione, nella forma di
n t rale t r ale
Ksirodakasayi Visnu, la Sua espansione plenaria. Tuttavia il Signore non Se ne
n
e e
na C ish n C
occupa direttamente. Quando pero il Signore dice che Si prendera cura del
a
Suo puro devoto, indica che Se ne assumera la sorveglianza diretta. Il puro ish n a C
o Kr
devoto e unanima che si e completamente sottomessa al Signore, proprio
i i o K r
Rad
come un bambino si affida ai genitori, o come un animale si affida al padrone.
- - R a d
R K C
Nel corso del processo di sottomissione si deve: 1) accettare cio che e
R K C
favorevole al compimento del servizio devozionale, 2) evitare cio che e
sfavorevole al compimento del servizio devozionale, 3) credere fermamente
che il Signore proteggera sempre il Suo devoto, 4) sentirsi dipendente
- -
nt r ale r ale
esclusivamente dalla misericordia del Signore, 5) non avere interessi separati
n t
na Ce na Ce
dagli interessi del Signore, e 6) sentirsi sempre umili e miti.
n a C
h
Sri Krishna chiede agli esseri umani di sottomettersi a Lui seguendo queste
is ish
Kr
sei direttive, ma i cosiddetti studiosi materialisti di scarsa intelligenza
io i o K r
ad
fraintendono le Sue richieste e inducono la gente a respingerle. Nella a d
-R
Bhagavad-gita, alla fine del nono capitolo, il Signore afferma in modo diretto: - R
RKC
Pensa sempre a Me, diventa Mio devoto, offriMi i tuoi omaggi e adoraMi. R K C
Completamente assorto in Me, certamente verrai a Me. (B.g., 9.34) Ma alcuni
falsi studiosi, con un atteggiamento demoniaco, sviano il pubblico,
- -
n tr ale n t rale
indirizzandolo verso laspetto impersonale non manifestato della Verita eterna
Ce Ce
e non-nata, invece che verso Dio, la Persona Suprema. I filosofi mayavadi
C
n a n a
impersonalisti non accettano che il supremo aspetto della Verita Assoluta sia n a
rish
Dio, la Persona Suprema. Chi desidera conoscere il sole cos come veramente
K Kris
h
d io
deve dapprima studiare i suoi raggi, poi il disco solare, e infine, se sara in d io
- Ra
grado di penetrare il globo solare, avra la possibilita dincontrare -R a
RKC RKC
personalmente la divinita che controlla il sole. Dotati di scarsa conoscenza, i
filosofi mayavadi non sono in grado di andare oltre la radiosita del Brahman,
che puo essere paragonata ai raggi del sole. Le Upanisad confermano che e
- -
necessario penetrare labbagliante radiosita del Brahman, prima di poter
nt rale
contemplare il vero volto di Dio, la Persona Suprema. n t rale
Ce C e
Sri Caitanya cinsegna dunque ladorazione diretta di Sri Krishna, Colui che C
na n a n a
K rish
apparve come il figlio adottivo del re di Vraja. Cinsegna inoltre che il luogo
Kr ish
i o
conosciuto come Vrindavana equivale a Sri Krishna stesso perch non ce
a d a d i o
R
alcuna differenza tra il nome, le qualita, la forma, i divertimenti del Signore e
- - R
K C
tutto cio che Gli appartiene, e Sri Krishna stesso.
R R K C
Sri Caitanya insegno inoltre che lo stadio piu perfetto ed elevato di
adorazione per il Signore e quello a Lui offerto dalle ragazze di Vraja. Le gopi,
- -
le pastorelle di Vrindavana, amavano in tutta semplicita Krishna, senza alcun
n t rale r ale
desiderio di guadagno personale, materiale o spirituale. Sri Caitanya
n t
Ce C e
raccomando inoltre lo Srimad-Bhagavatam come la narrazione piu pura della C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a a
ntilr successo piu alto della vita
entconoscenza trascendentale, aggiungendo che
e
na C umana consiste nello sviluppare un puro
Suprema. ish n a Camore per Krishna, Dio, la Persona
ish n a C
K r K r
a dio corrispondono esattamente agli insegnamenti
Gli insegnamenti di Sri Caitanya
a dio
sankhya. Questo C - R autentico
di Sri Kapila, il maestro
metodo
originale del sankhya-yoga, il sistema- di
di yoga raccomanda la C
R filosofia
meditazione sulla
R K R K
forma trascendentale del Signore. Non e possibile meditare su qualcosa di
vuoto o dimpersonale. Se si medita sulla forma trascendentale di Sri Visnu,
anche senza praticare le posizioni sedute in un luogo e, in unatmosfera
- -
n rale r ale
particolare, e possibile raggiungere il perfetto samadhi. Il perfetto samadhi
t n t
e e
del sankhya-yoga e confermato nella Bhagavad-gita al termine del sesto
na C ish n a C
capitolo, quando il Signore afferma: Tra tutti gli yogi, colui che pensa
ish n a C
i o Kr
costantemente al Signore con amore e devozione nel piu profondo del cuore
i o K r
- Rad
e certamente il piu grande. (B.g., 6.47)
Sri Caitanya diffuse tra la gente questo sankhya-yoga, il sistema filosofico - R a d
R K C R K C
definito acintya-bhedabheda-tattva, secondo il quale Dio e simultaneamente
uguale e differente dalla Sua creazione. Egli insegno questa filosofia col canto
del santo nome del Signore, affermando che il santo nome del Signore e la
- -
nt r ale n t r ale
forma del Signore manifestata nella vibrazione sonora, ed essendo il Signore

na Ce na Ce
il Tutto assoluto, non ce differenza tra il Suo santo nome e la Sua forma
trascendentale. In questo modo, cantando il santo nome del Signore, e n a C
is h ish
io Kr
possibile ottenere la compagnia del Signore Supremo attraverso la vibrazione
i o K r
d
sonora. Questa vibrazione sonora del Signore si sviluppa in tre fasi: 1) la fase
a a d
-R
contaminata dalle offese, 2) la fase di purificazione e 3) la fase - R
RKC
trascendentale. Nella fase offensiva ci si ritrova spesso a desiderare ogni
R K C
genere di felicita materiale, mentre nella seconda fase ci si libera da ogni
contaminazione materiale. Quando pero si giunge al livello trascendentale, si
- -
raggiunge la perfezione piu ambita, lo stadio dellamore per Dio. Sri Caitanya
n tr ale t rale
insegno che questo e il livello della piu alta perfezione per lessere umano.
n
Ce Ce
La pratica dello yoga e destinata soprattutto al controllo dei sensi. La C
n a n a n a
rish
funzione centrale di controllo di tutti i sensi e la mente; percio come prima
K Kris
h
io
cosa si deve praticare il controllo della mente impegnandola nella coscienza di
d d io
- Ra
Krishna. Le attivita grossolane della mente si esprimono attraverso i sensi -R a
RKC RKC
esterni, sia di percezione che di azione (quelli che agiscono spinti dalla
volonta), mentre le attivita sottili della mente sono pensare, sentire e volere.
In relazione al Suo stato di coscienza, lindividuo puo essere puro o
- -
contaminato. Se la mente e fissa su Krishna (sul Suo nome, le Sue qualita, la
nt rale rale
Sua forma, i Suoi divertimenti, su tutto cio che circonda Krishna e Gli
n t
Ce C e
appartiene), tutte le attivita, grossolane e sottili, diventano propizie. Il C
na n a n a
K ish
metodo suggerito nella Bhagavad-gita per purificarsi consiste nel concentrare
r
la mente su Krishna parlare delle Sue attivita trascendentali, pulire il Kr ish
a d i o
tempio del Signore, andare a visitare il tempio del Signore, contemplare la a d i o
- R - R
R K C
bellissima forma trascendentale del Signore cos ben decorata, ascoltare le
R K C
Sue glorie trascendentali, assaggiare cibi offerti al Signore, aspirare il
profumo dei fiori e delle foglie di tulasi offerte al Signore, frequentare i devoti
del Signore, impegnarsi in attivita destinate a soddisfare il Signore, ecc. Non
- -
n t ale n t r ale
e possibile fermare lattivita della mente e dei sensi, ma se ne possono
r
Ce C e
purificare le attivita mediante un cambiamento di coscienza, come
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a r a
entraccomanda la Bhagavad-gita (2.39). Questa
e nttrasformazione della coscienza
na C e indicata nella Bhagavad-gita quando
conoscenza dello yoga, grazie alla
n a C Krishna spiega ad Arjuna la
ishquale si puo agire senza aspirare ai fruttiKrish n a C
K r
io quando agirai con questa intelligenzaadpotrai
dellazione. O figlio di Prtha,
a d io
R
liberarti dai legami- dellazione. - Rcome
A causa di particolari circostanze, la
RK C
malattia, talvolta lessere umano deve subire alcune
RK C
limitazioni nella
gratificazione dei sensi. Ma in questo caso non si tratta di prescrizione. Alcuni
uomini meno intelligenti, non conoscendo il metodo adatto per controllare la
mente e i sensi, vogliono fermarli con la forza, oppure vi si abbandonano e si
- -
n rale r ale
fanno trascinare via dalle onde della gratificazione dei sensi.
t n t
e e
I princpi regolatori e le norme nella pratica dello yoga praticare le
na C ish n a C
differenti posizioni sedute, praticare gli esercizi di respirazione che
ish n a C
i o Kr
permettono di distogliere i sensi dagli oggetti dei sensi, e cos via sono
i o K r
- Rad
destinati a coloro che sono troppo attaccati alla concezione della vita basata
sul corpo. Luomo intelligente, situato nella coscienza di Krishna, non cerca - R a d
R K C R K C
artificialmente di fermare i sensi; li impegna invece al servizio di Krishna. Non
e possibile distogliere un bambino dai suoi giochi lasciandolo inattivo. Si
dovra invece cambiare il corso delle sue attivita, impegnandolo in attivita
- -
nt r ale n t r ale
superiori. Similmente, il forzato controllo dellattivita dei sensi con la pratica

na Ce na Ce
degli otto princpi dello yoga e destinato a uomini di livello inferiore. Gli esseri
umani piu elevati, impegnandosi nelle attivita superiori della coscienza di n a C
is h ish
io Kr
Krishna, si astengono spontaneamente dalle attivita inferiori dellesistenza
i o K r
materiale. ad a d
-R
In questo modo Sri Caitanya cinsegna la scienza della coscienza di Krishna. - R
RKC
Questa scienza e assoluta. Coloro che si dedicano allarida speculazioneR K C
mentale cercano di allontanarsi dallattaccamento materiale, ma in genere si
vede che la mente, troppo irruente per poter essere controllata, trascina
- -
nuovamente queste persone nelle attivita sensuali. Le persone coscienti di
n tr ale t rale
Krishna, invece, non corrono questo rischio. La mente e i sensi devono quindi
n
Ce Ce
essere impegnati in attivita coscienti di Krishna, nel modo dimostrato C
n a n a n a
rish
praticamente dal Signore stesso, Sri Krishna Caitanya.
K Kris
h
io
Prima di accettare il sannyasa, lordine di rinuncia della vita, Sri Caitanya era
d d io
- Ra
conosciuto come Visvambhara. Il termine Visvambhara significa il capo di -R a
RKC RKC
tutti gli esseri viventi, che sostiene e mantiene luniverso intero. Questo
Signore Supremo, capo di tutti gli esseri e sostegno delluniverso, apparve
personalmente nella forma di Sri Krishna Caitanya per rivelarci i sublimi
- -
insegnamenti della vita, e Si dimostro il maestro ideale, perfettamente
nt rale rale
competente a spiegarci le esigenze prime dellesistenza. Egli e il piu munifico
n t
Ce C e
elargitore dellamore per Krishna, ed e la fonte completa di ogni misericordia C
na n a n a
K ish
e fortuna. Come lo Srimad-Bhagavatam, la Bhagavad-gita, il Mahabharata e
r
le Upanisad confermano, Egli e Dio, la Persona Suprema, Krishna stesso, ed Kr ish
a d i o
e degno delladorazione di tutti coloro che vivono in questera di discordia. a d i o
- R - R
R K C
Tutti possono unirsi al Suo movimento del sankirtana, senza bisogno di
R K C
qualifiche precedenti. Seguendo i Suoi insegnamenti ognuno puo diventare
un essere umano perfetto. Chi ha la grande fortuna di essere attratto da tutte
le forme in cui Egli Si manifesta, raggiungera sicuramente il successo della
- -
n t ale n t r ale
sua esistenza. In altre parole, chi desidera raggiungere lesistenza spirituale
r
Ce C e
potra essere facilmente liberato dalle reti di maya per grazia di Sri Caitanya
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a a
tr libro non sono differenti
entMahaprabhu. Gli insegnamenti presentati in nquesto
e
na C dal Signore.
Attaccata al corpo materiale, lanima
n a C
ish condizionata aumenta il numero delleKrish n a C
K r
a dio
pagine di storia che si riferiscono ad attivita materiali di ogni genere.ioGli
d
insegnamenti di Sri - RCaitanya possono aiutare la societa umana- R aa frenare
queste attivita
R KCinutili e temporanee, elevando gli esseri umani
R KCfino al livello
piu alto di attivita spirituale. Tali attivita hanno inizio dopo la liberazione dai
legami materiali. Queste attivita liberate in coscienza di Krishna sono la meta
della perfezione umana. Il falso prestigio acquisito nel tentativo di dominare
- -
n rale r ale
la natura materiale e illusorio, mentre la conoscenza acquisita con gli
t n t
e e
insegnamenti di Sri Caitanya ci illuminera permettendoci di avanzare
na C nellesistenza spirituale.
ish n a C
ish n a C
i o Kr
Tutti devono subire i risultati buoni o cattivi delle proprie azioni; nessuno puo
i o K r
- Rad
opporsi alle leggi della natura materiale che regolano queste reazioni. Finch
simpegna in attivita interessate. luomo restera sicuramente deluso e - R a d
R K C R K C
frustrato nei suoi tentativi di raggiungere il successo finale della vita. Spero
dunque di tutto cuore che con la comprensione di questopera, gli
Insegnamenti di Sri Caitanya, la societa umana ricevera nuova luce nella vita
- -
nt r ale n t r ale
spirituale, e vedra aprirsi lorizzonte delle attivita dellanima pura.

na Ce na Ce n a C
is h ish
io Kr i o K r
ad a d
-R om tat sat - R
RKC R K C

- A.C. Bhaktivedanta Swami -


n tr ale n t rale
Ce Ce C
n a n a n a
K rish Kris
h
io
14 marzo 1968 (anniversario
a d dellapparizione di Sri Caitanya) dio
- RTempio di Sri-Sri-Radha-Krishna - Ra
RKC New York, N.Y.
RKC
- -
nt rale n t rale
Ce C e C
na n a n a
K rish Kr ish
a d i o a d i o
- R - R
R K C R K C

- -
n t rale n t r ale
Ce C e C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

- -
r ale a le
e n t Prologo di Srila Bhaktivinoda entr Thakura
na C n a C n a C
[Questa relazione apparve K rish
originariamente in una breve opera di Srila K rish
dio Sri Caitanya Mahaprabhu: la Sua vita ae di iSuoi
Bhaktivinoda Thakura intitolata
a o
R 1896)]
insegnamenti. (20 -agosto, -R
RK C RK C
Caitanya Mahaprabhu nacque a Mayapur, nel distretto di Nadia, poco dopo il
tramonto, la sera del 23 del mese di phalguna, nellanno 1407 Sakabda, che
- -
corrisponde al 18 febbraio 1486 dellera cristiana. Al momento della Sua
n t rale t r ale
nascita ci fu uneclisse di luna, e gli abitanti di Nadia erano impegnati, come
n
e e
na C ish n C
in altre occasioni simili, a bagnarsi nella Bhagirathi (il fiume Gange), gridando
a
gioiosamente Haribol. Suo padre, Jagannatha Misra, era un povero ish n a C
o Kr
brahmana dellordine vedico, e Sua madre, Sacidevi, era una donna di
i i o K r
Rad
eccezionale virtu. Entrambi discendevano da una comunita di brahmana
- - R a d
R K C
originaria di Sylhet. Mahaprabhu era una bambino meraviglioso, e le signore
R K C
della citta andarono a trovarLo, portando molti doni. Il padre di Sua madre,
Nilambara Cakravarti, che era un famoso astrologo, predisse che il bambino Si
sarebbe rivelato in seguito una personalita eccezionale, e per questo Gli
- -
nt r ale r ale
diede il nome di Visvambhara. Le donne del vicinato Lo chiamavano Gaurahari
n t
na Ce na Ce
per la Sua carnagione dorata e Sua madre Lo chiamava Nimai, perch era
n a C
h
nato nei pressi di un albero nimba. Il piccino era cos bello che tutti
is ish
Kr
desideravano ardentemente vederLo ogni giorno. Crescendo, divenne un
io i o K r
ad
bambino monello e capriccioso. Quando ebbe compiuto i cinque anni, fu a d
-R
ammesso alla scuola, dove in brevissimo tempo acquis la padronanza della - R
RKC
lingua bengalese. R K C
La maggior parte dei biografi Suoi contemporanei ha menzionato alcuni
aneddoti su Caitanya, che sono semplici testimonianze dei Suoi primi miracoli.
- -
n tr ale n t rale
Si dice che ancora molto piccolo, tra le braccia di Sua madre, piangesse in
Ce Ce
continuazione, e interrompeva il pianto solo quando sua madre e le signore
C
n a n a
del vicinato esclamavano Haribol. In questo modo nella casa tutti dicevano n a
rish
continuamente Haribol, anticipando la missione futura di Mahaprabhu. E
K Kris
h
d io
detto che un giorno sua madre Gli diede da mangiare dei dolci, ma Lui Si mise d io
a mangiare la terra. - Ra -R a
RKC RKC
A Sua madre che Gliene chiedeva la ragione, rispose che qualsiasi dolce non
era altro che una trasformazione della terra, percio poteva benissimo
mangiare terra invece che dolci. Sua madre, che era la moglie di un Pandita,
- -
Gli spiego che ogni oggetto, nel suo particolare stato, ha un uso ben preciso.
nt rale t rale
La terra modellata in forma di vaso poteva essere usata per trasportare
n
Ce C e
lacqua, mentre invece un mattone, fatto con la stessa terra, non era in grado C
na n a n a
K rish
di assolvere questa funzione. Largilla poteva dunque essere mangiata solo in
Kr ish
i o
forma di dolci, ma non nelle sue altre forme. Il bambino, convinto, ammise
a d a d i o
R
che mangiare largilla era stupido e acconsent a non ripetere piu lerrore in
- - R
R K C R K C
futuro. E stato riferito anche un altro episodio straordinario. E scritto che un
brahmana in pellegrinaggio si fermo un giorno nella Sua casa, cucino del cibo
e lo benedisse meditando su Krishna. Nel frattempo arrivo il bambino che
-
mangio il riso cucinato per lofferta. Il brahmana, sconcertato dal-
n t rale r ale
comportamento del bambino, acconsent a cucinare di nuovo su richiesta di
n t
Ce C e
Jagannatha Misra. Di nuovo il bambino mangio il riso mentre il brahmana, in C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a a
ntr Il brahmana acconsent a
C entmeditazione, era intento ad offrire il cibo a Krishna.
cucinare per la terza volta. Questa volta C e
tutti nella casa erano profondamente C
na ish
addormentati, e il bambino, mostrandoSi
n a
al pellegrino nella Sua forma di rish
n a
K r K
dio
Krishna, lo benedisse; il brahmana
d i o
allora, nel vedere di fronte a s loggetto
della sua adorazione,
- Rasi sent rapito nellestasi. Si racconta inoltre
- Rache un
RKC rapirono il bambino sulla soglia di casa
giorno due malfattori C lintenzione
RKcon
di spogliarLo dei Suoi ornamenti, e per tenerLo tranquillo Gli diedero dei dolci
mentre Lo portavano via. Il bambino, servendoSi della Sua energia illusoria
confuse i due ladri, i quali ben presto si ritrovarono nuovamente davanti alla
- -
n rale r ale
casa di Jagannatha Misra. Allora, per paura di essere scoperti, fuggirono
t n t
e e
lasciando il bambino. In un altro episodio miracoloso, il bambino chiese e
na C ish n a C
ottenne da Hiranya e Jagadisa tutte le offerte che erano state raccolte per
ish n a C
i o Kr
adorare Krishna nel giorno di Ekadasi. Quando aveva soltanto quattro anni
i o K r
- Rad
ando a sederSi sulle vecchie pentole di terracotta che Sua madre aveva
gettato via considerandole contaminate. In quelloccasione spiego a sua - R a d
R K C R K C
madre che non si poteva parlare di purezza o di contaminazione riferendosi
alle pentole di terraglia gettate via dopo aver cucinato. Tutti questi episodi
avvennero prima dei Suoi cinque anni.
- -
nt r ale n t r ale
Alleta di otto anni fu ammesso nella tola di Gangadasa Pandita a

na Ce na Ce
Ganganagara, nei pressi del villaggio di Mayapur, dove in due anni
padroneggio la grammatica e la retorica sanscrita. In seguito continuo a n a C
is h ish
io Kr
studiare da autodidatta nella propria casa, dove aveva trovato tutti i libri piu
i o K r
d
importanti, appartenenti a Suo padre, che era un grande Pandita. Sembra che
a a d
-R
studiasse da solo lo smrti e il nyaya, in competizione con i Suoi amici che - R
RKC
studiavano presso il famoso Pandita Raghunatha Siromani. R K C
Alleta di dieci anni Caitanya era gia riconosciuto come un esperto di
grammatica, di retorica, dello smrti e del nyaya. Fu allora che Suo fratello
- -
Visvarupa lascio la casa per accettare il sannyasa asrama (lordine di
n tr ale t rale
rinuncia). Pur essendo ancora un ragazzo, Caitanya consolo i Suoi genitori
n
Ce Ce
assicurandoli che li avrebbe serviti per soddisfare Dio. Poco tempo dopo Suo C
n a n a n a
rish
padre lascio questo mondo. Sua madre era sconvolta dal dolore, e
K Kris
h
io
Mahaprabhu, con la Sua abituale serenita, la consolo nella sua vedovanza.
d d io
- Ra
Fu alleta di 14 o 15 anni che a Mahaprabhu fu data in sposa Laksmidevi, la -R a
RKC RKC
figlia di Vallabhacarya, anchegli nativo di Nadia. A quellepoca Sri Caitanya
era considerato uno dei piu esperti studiosi di Nadia, che era un famoso
centro di filosofia nyaya e di studi sanscriti. Non solo gli smarta Pandita, ma
-
persino i seguaci del nyaya temevano di confrontarsi con Lui in una-
nt rale rale
discussione letteraria. Nella Sua nuova posizione di uomo sposato si reco nel
n t
Ce C e
Bengala orientale, sulle rive del Padma, per accumulare un po di denaro. La, C
na n a n a
K ish
grazie alla dimostrazione della Sua cultura, ottenne una discreta somma. In
r
questo periodo comincio a predicare saltuariamente il vaisnavismo. Dopo Kr ish
a d i o
aver insegnato a Tapana Misra i princpi del vaisnavismo, gli ordino di andare a d i o
- R - R
R K C
a vivere a Benares. Mentre Egli Si trovava nel Bengala orientale, Sua moglie
R K C
Laksmidevi lascio questo mondo a causa del morso di un serpente. Tornando
a casa trovo Sua madre in lutto e la consolo con una lezione sulla instabilita
delle cose umane. Fu per richiesta di Sua madre che sposo Visnupriya, la
- -
n t ale n t r ale
figlia del Raja Pandita Sanatana Misra. Al ritorno dal pravasa, dal Suo
r
Ce C e
soggiorno, fu raggiunto dai Suoi compagni. Ormai la Sua fama era tanto vasta
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
a
r tutti Lo consideravano il piu grande studioso a
ntr di Nadia. Kesava Misra del
C entche
Kashmire, che si faceva chiamare il a C e
grande Digvijayi si reco a Nadia con C
na h n
lintenzione di discutere con riisPandita del luogo. Impauriti da questo rish
n a
o K
cosiddetto Pandita sempre ivincitore, i professori dei tola di Nadia lasciarono
i o K
la
d d
Ra stati invitati altrove, e Kesava incontro Mahaprabhu
citta fingendo di essere Ra
- -
RKC di Mayapur. Dopo una brevissima discussione
al Barokona-ghata
RKC con Lui, il
Pandita riconobbe la propria sconfitta, e se ne ando mortificato. Ora Nimai
Pandita era il piu importante maestro dei Suoi tempi.
Alleta di 16 o 17 anni si reco a Gaya seguito da una folla di studenti, e la
- -
n rale r ale
ricevette liniziazione spirituale da Isvara Puri, un sannyasi vaisnava, discepolo
t n t
e e
del famoso Madhavendra Puri. Tornato a Nadia, Nimai Pandita Si rivelo un
na C ish n a C
grande predicatore religioso, e la Sua natura religiosa si manifesto in modo
ish n a C
i o Kr
cos potente che Advaita Prabhu, Srivasa e altri, che gia prima della nascita di
i o K r
- Rad
Caitanya avevano accettato la fede vaisnava, rimasero stupefatti per la
trasformazione del giovane. Non era piu un naiyayika, sempre pronto a - R a d
R K C R K C
misurarsi con lerudizione degli altri, uno smarta dedito ai giochi di parole o
uno studioso di retorica incline alla critica. Al sentire il nome di Krishna
cadeva in deliquio e Si comportava come un uomo ispirato, influenzato dalla
- -
nt r ale n t r ale
potenza dei sentimenti religiosi. Murari Gupta, che fu testimone diretto,

na Ce na Ce
riferisce che Egli manifesto i Suoi poteri divini nella casa di Srivasa Pandita di
fronte a centinaia di seguaci, per la maggior parte grandi studiosi. Fu in quel n a C
is h ish
io Kr
periodo che Mahaprabhu apr nella casa di Srivasa Pandita una scuola di
i o K r
d
kirtana notturni a cui partecipavano i Suoi seguaci sinceri. La Egli predicava,
a a d
-R
cantava, danzava ed esprimeva ogni sorta di sentimento religioso. In quel - R
RKC
periodo Lo raggiunse Nityananda Prabhu, un predicatore del vaisnavismo che
R K C
aveva ormai viaggiato per tutta lIndia. In effetti, una schiera di Pandita
predicatori del vaisnavismo, tutti di cuore sincero, accorsero da differenti parti
- -
del Bengala per unirsi a Lui. Nadia divento la residenza abituale di una
n tr ale t rale
schiera di acarya vaisnava, santi maestri, la cui missione consisteva nello
n
Ce Ce
spiritualizzare lumanita con la sublime influenza della devozione vaisnava. C
n a n a n a
rish
La prima missione che Egli affido a Prabhu Nityananda e ad Haridasa, i Suoi
K Kris
h
io
compagni piu intimi, fu questa: Andate, amici, andate per le strade della
d d io
- Ra
citta, presentatevi alla porta di ogni uomo e chiedetegli di cantare il nome di -R a
RKC RKC
Hari e di vivere santamente, poi tornate a riferirMi ogni sera i risultati della
vostra predica. Seguendo questordine, i due predicatori giunsero ad
incontrare Jagai e Madhai, due personaggi veramente abominevoli. Nelludire
- -
la richiesta di Mahaprabhu, costoro presero a insultare i due predicatori, ma
nt rale rale
ben presto furono convertiti dal potere della bhakti infusa in loro dal Signore.
n t
Ce C e
La gente di Nadia era sorpresa. Tutti dicevano: Nimai Pandita non e soltanto C
na n a n a
K ish
un grande genio, ma e certamente anche un inviato di Dio onnipotente. Da
r
allora fino ai 23 anni, Mahaprabhu predico i Suoi princpi non soltanto a Kr ish
a d i o
Nadia, ma in tutti i villaggi e le citta piu importanti della provincia. In casa a d i o
- R - R
R K C R K C
dei Suoi seguaci compiva miracoli, insegnava i princpi esoterici della bhakti, e
cantava il Suo sankirtana con altri bhakta (devoti). I Suoi seguaci della citta
di Nadia cominciarono a cantare il santo nome di Hari nelle strade e nei bazar,
scatenando una reazione di sentimenti diversi nei diversi quartieri. I bhakta
- -
n t ale n t r ale
erano estremamente soddisfatti, mentre gli smarta, i brahmana attaccati alla
r
Ce C e
casta, invidiosi del successo di Nimai Pandita, andarono a lamentarsi da
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a a
ntr di Caitanya. Il Kazi si reco
C entChand Kazi per il comportamento non ortodosso
allora a casa di Srivasa Pandita e la ruppe C e
una mrdanga (tamburo usato per il C
na sankirtana) dichiarando che seriNimai
n a
sh Pandita non cessava di provocare laKrish n a
confusione con la Sua strana K
io religione, sarebbe stato costretto aa dfarLo io
a d
diventare musulmano,
Mahaprabhu che C - R insieme
ordino agli
con i Suoi seguaci. La notizia fu
abitanti della citta di riunirsi C
quella
- Rriferita
stessa
a
sera,
RK RK
ognuno con una torcia in mano. Cos essi fecero e Nimai inizio la Sua marcia
di protesta con il Suo sankirtana, diviso in 14 gruppi. Giunto alla casa del
Kazi, ebbe con lui una lunga conversazione, e alla fine, toccandolo, infuse in
- -
n rale r ale
lui il Suo potere vaisnava. Il Kazi allora scoppio in lacrime, ammettendo di
t n t
e e
aver sentito una grande potenza spirituale che aveva cancellato ogni suo
na C ish n a C
dubbio e risvegliato in lui un sentimento religioso apportatore della piu
ish n a C
i o Kr
grande estasi. Allora il Kazi si un al gruppo del sankirtana. Il mondo rimase
i o K r
- Rad
stupefatto davanti alla potenza spirituale del grande Signore, e dopo
quellepisodio molte centinaia di eretici si convertirono, riunendosi sotto la - R a d
R K C R K C
bandiera di Visvambhara.
Allora alcuni tra i miserabili e invidiosi brahmana di Kulia vollero opporsi a
Mahaprabhu, e organizzarono un gruppo di oppositori. Per natura Nimai
- -
nt r ale n t r ale
Pandita era una persona molto dolce, anche se di princpi molto saldi.

na Ce na Ce
Dichiaro che il settarismo e il senso di parte erano i due grandi nemici del
progresso e se fosse rimasto un abitante di Nadia, appartenente a una certa n a C
is h ish
io Kr
famiglia, la Sua missione non avrebbe raggiunto il completo successo. Decise
i o K r
d
quindi di diventare cittadino del mondo, tagliando ogni legame con una
a a d
-R
particolare famiglia, casta e credo, e con questa determinazione abbraccio - R
RKC
lordine di sannyasa a Katwa, a ventiquattro anni, sotto la guida di Kesava
R K C
Bharati che viveva in quella citta. Sua madre e Sua moglie piansero
amaramente per quella separazione, ma il nostro eroe, pur essendo di cuore
- -
tenero, era una persona di fortissimi princpi. Lascio dunque il piccolo mondo
n tr ale t rale
della Sua casa per lillimitato mondo spirituale di Krishna, e per lumanita in
n
Ce generale. Ce C
n a n a n a
rish
Dopo aver accettato il sannyasa, desidero andare a visitare la casa di Advaita
K Kris
h
io
Prabhu a Santipura. Advaita Si diede da fare per invitare tutti i Suoi amici e
d d io
- Ra
ammiratori di Nadia e porto Sacidevi a vedere Suo figlio. Sacidevi, nel vedere -R a
RKC RKC
Suo figlio nellabito di sannyasi, si sent invadere dal piacere e dal dolore
contemporaneamente. Nella Sua posizione di sannyasi, Krishna Caitanya
indossava soltanto un kaupina e un bahirvasa (indumento esterno). Il Suo
- -
capo era rasato e in mano portava un danda (bastone) e un kamandalu (il
nt rale rale
vaso per lacqua dellasceta). Il santo figlio Si getto ai piedi della Sua amata
n t
Ce C e
madre e disse: Madre! Questo corpo ti appartiene e Io devo obbedire ai tuoi C
na n a n a
K ish
ordini. PermettiMi di andare a Vrindavana per raggiungere il successo
r
spirituale. Sua madre, dopo essersi consultata con Advaita e altri, chiese al Kr ish
a d i o
figlio di stabilirSi a Puri, la citta del Signore Jagannatha, in modo da poter a d i o
- R - R
R K C
avere ogni tanto Sue notizie. Mahaprabhu accetto la proposta e pochi giorni
R K C
dopo part da Santipura, diretto in Orissa. I Suoi biografi hanno descritto il
viaggio di Krishna Caitanya (questo era il nome che aveva ricevuto dopo aver
abbracciato lordine di sannyasa) da Santipura a Puri, in tutti i particolari.
- -
n t ale n t r ale
Viaggio lungo la riva della Bhagirathi (Gange) fino a Chatrabhoga,
r
Ce C e
attualmente situata a Thana Mathurapura, Diamond Harbour, 24 Pergs. La
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a a
ntr nel distretto di Midnapura.
C entprese una barca e prosegu fino a Prayaga-ghata
Poi viaggio a piedi attraversando Balasore C e
e Cuttack fino a Puri e sulla strada C
na visito il tempio di Bhuvanesvara.
n a
h a Puri, vide Jagannatha nel tempio e rish
isGiunto n a
Si fermo da Sarvabhaumaio K r K
a d su suo invito.
d i o
Sarvabhauma era un - Rgrandissimo Ra
Pandita dellepoca. Aveva letto innumerevoli
-
R il Cmigliore naiyayika dei suoi tempi, conosciuto
testi, ed era K
RKC come il piu
esperto studioso della filosofia del Vedanta nella scuola di Sankaracarya. Era
nato a Nadia (Vidyanagara) e la, nella sua tola, aveva insegnato la filosofia
nyaya a innumerevoli studenti. Era partito per Puri poco prima della nascita di
- -
n rale r ale
Nimai Pandita. Suo cognato, Gopinatha Misra, presento il nuovo sannyasi a
t n t
e e
Sarvabhauma, il quale rimase stupefatto dalla Sua grande bellezza e temette
na C ish n a C
che il giovane non sarebbe riuscito a mantenere il sannyasa-dharma per tutta
ish n a C
i o Kr
la durata della Sua vita. Gopinatha, che conosceva Mahaprabhu dai tempi di
i o K r
- Rad
Nadia, aveva per Lui un grande rispetto e dichiaro che quel sannyasi non era
un comune essere umano. Su questo punto tra Gopinatha e Sarvabhauma - R a d
R K C R K C
nacque unaccesa discussione. Sarvabhauma chiese poi a Mahaprabhu di
ascoltarlo recitare il Vedanta-sutra e Mahaprabhu accetto. Per sette giorni
Caitanya rimase in silenzio ad ascoltare cio che il grande Sarvabhauma
- -
nt r ale n t r ale
enunciava solennemente, e alla fine Sarvabhauma esclamo: Krishna

na Ce na Ce
Caitanya! Penso che Tu non abbia capito il Vedanta, perch anche dopo aver
ascoltato la mia recitazione e le mie spiegazioni non dici nulla. Caitanya n a C
is h ish
io Kr
rispose che capiva benissimo i sutra, ma non riusciva a capire che cosa
i o K r
d
intendesse Sankaracarya con i suoi commenti. A queste parole, stupefatto,
a a d
-R
Sarvabhauma replico: Cosa vuoi dire? Comprendi il significato dei sutra e - R
RKC
non i commenti che spiegano il significato dei sutra? Ah, bene! Se Tu haiR K C
capito i sutra, per favore, fammi ascoltare le Tue spiegazioni! Mahaprabhu
spiego allora tutti i sutra a Suo modo, senza riferirsi ai commenti panteistici
- -
di Sankara. Lacuta intelligenza di Sarvabhauma riconobbe la verita, la
n tr ale t rale
bellezza e larmonia delle argomentazioni nella spiegazione di Caitanya ed egli
n
Ce Ce
si sent pronto a confessare di non aver mai trovato prima una persona che C
n a n a n a
rish
potesse spiegare i Brahma-sutra in un modo cos semplice. Ammise che i
K Kris
h
io
commentari di Sankaracarya non avevano mai offerto una spiegazione cos
d d io
- Ra
naturale del Vedanta-sutra come quella fornita da Mahaprabhu. Si offr poi di -R a
RKC RKC
diventare sostenitore e seguace di Mahaprabhu. In pochi giorni Sarvabhauma
si rivelo uno dei migliori vaisnava dellepoca. La notizia si diffuse velocemente
e tutta lOrissa comincio a tessere le lodi di Krishna Caitanya. Centinaia e
- -
centinaia di persone accorsero da Lui per diventare Suoi seguaci. Nel
nt rale rale
frattempo Mahaprabhu penso di visitare lIndia del sud e part per questo
n t
Ce C e
viaggio accompagnato da un brahmana di nome Krishnadasa. I Suoi biografi C
na n a n a
K ish
ci hanno riferito numerosi particolari di quel viaggio. Egli Si reco dapprima a
r
Kurmaksetra, dove comp un miracolo guarendo il lebbroso Vasudeva. Poi, Kr ish
a d i o
sulle rive della Godavari incontro Ramananda Raya, il governatore di a d i o
- R - R
R K C
Vidyanagara, ed ebbe con lui una discussione filosofica sulla prema-bhakti.
R K C
Comp un altro miracolo facendo scomparire (col tocco della Sua mano) i sette
alberi tala attraverso i quali Ramacandra, il figlio di Dasaratha, aveva
scagliato la Sua freccia per uccidere il grande Bali Raja. Predico il
- -
n t ale n t r ale
vaisnavismo e il nama-sankirtana, cantando i santi nomi di Dio per tutto il
r
Ce C e
viaggio. A Rangaksetra Si fermo per quattro mesi in casa di un certo Venkata
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a a
ntr La convert i componenti
C entBhatta, per lasciar passare la stagione delle piogge.
della famiglia di Venkata, tutti vaisnava C e
seguaci di Ramanuja, in Krishna- C
na bhakta, compreso il figlio di Venkata,
n a
ish un ragazzino di dieci anni chiamatoKrish n a
K r
Gopala, che piu tardi ando
a dio a Vrindavana e divento uno dei sei Gosvami
a d io o
profeti, completamente R dediti a servire la missione di Sri Krishna- RCaitanya.
-imparato
Gopala, che aveva
RK C RKC Sarasvati,
il sanscrito da suo zio, Prabodhananda
scrisse poi numerosi libri sul vaisnavismo. Caitanya visito molti luoghi in India
fino a Capo Comorin, e torno a Puri allo scadere di due anni, passando da
Pandepura sulla Bhima. Qui spiritualizzo un Tukarama, che da quel momento
- -
n rale r ale
divento anche lui un predicatore religioso. Tutti questi fatti sono riportati nei
t n t
e e
suoi abhanga, che furono raccolti poi in un volume dal signor Satyendra Nath
na C ish n a C
Tagore, del Servizio Civile di Bombay. Nel corso del viaggio Si confronto in
ish n a C
i o Kr
vari luoghi con buddisti, giainisti e mayavadi, convertendo ogni oppositore al
i o K r
vaisnavismo.
- Rad
Tornato a Puri, Caitanya Mahaprabhu accolse sotto la Sua bandiera il re - R a d
R K C R K C
Prataparudra-deva e molti brahmana eruditi. Aveva allora ventisette anni. A
ventotto anni Si reco in Bengala e raggiunse Gauda, nella Malda, dove
raccolse due grandi personalita, Rupa e Sanatana. Pur discendendo dalla
- -
nt r ale n t r ale
dinastia dei brahmana di Karna, i due fratelli erano diventati quasi musulmani

na Ce na Ce
a causa dei continui contatti con Hussain Shah, allora imperatore di Gauda.
Limperatore aveva cambiato i loro nomi in Dabir Khas e Sakara Mallik e li n a C
is h ish
io Kr
amava sinceramente perch erano entrambi molto colti, conoscevano molte
i o K r
d
lingue, il persiano, larabo e il sanscrito, ed erano leali servitori dello Stato. I
a a d
-R
due gentiluomini non erano riusciti a trovare il modo di reinserirsi nella - R
RKC
comunita indu e avevano mandato a Mahaprabhu, a Puri, una lettera nellaR K C
quale chiedevano il Suo aiuto spirituale. Mahaprabhu aveva risposto,
annunciando che sarebbe andato da loro per liberarli dalle loro difficolta
- -
spirituali. Ora che era giunto a Gauda, i due fratelli si presentarono davanti a
n tr ale t rale
Lui con le preghiere per tanto tempo serbate nel cuore. Mahaprabhu ordino
n
Ce loro di andare a Vrindavana e di aspettarLo la. Ce C
n a n a n a
rish
Caitanya torno a Puri passando per Santipura, dove incontro di nuovo la Sua
K Kris
h
io
cara madre. Dopo una breve sosta a Puri ripart per Vrindavana, questa volta
d d io
- Ra
accompagnato da Balabhadra Bhattacarya. Dopo aver visitato Vrindavana, -R a
RKC
scese a Prayaga (Allahabad), e in quella citta convert al vaisnavismo
numerosissimi musulmani servendoSi di citazioni tratte dal Corano. I
RKC
discendenti di questi musulmani sono ancora conosciuti come vaisnava
- -
Pathana. Rupa Gosvami incontro Caitanya ad Allahabad e dopo essere stato
nt rale rale
da Lui istruito nella vita spirituale per dieci giorni fu inviato in missione a
n t
Ce C e
Vrindavana. Il suo primo incarico consisteva nello scrivere opere di teologia, C
na n a n a
K ish
al fine di spiegare scientificamente la pura bhakti e prema (il servizio
r
devozionale e lamore per Dio). Il suo secondo compito era quello di riportare Kr ish
a d i o
alla luce i luoghi dove krishnacandra, al termine dello Dvapara-yuga, lera a d i o
- R - R
R K C
precedente, aveva manifestato i Suoi lila (divertimenti) per il bene delle
R K C
persone religiose. Rupa Gosvami part da Allahabad diretto a Vrindavana e
Mahaprabhu Si diresse a Benares. La Si fermo a casa di Candrasekhara e
ogni giorno accettava bhiksa (il pranzo) a casa di Tapana Misra. Qui Lo
- -
n t ale n t r ale
raggiunse Sanatana Gosvami, che per due mesi ascolto i Suoi insegnamenti
r
Ce C e
spirituali. I biografi, specialmente Krishnadasa Kaviraja, ci hanno riportato i
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a a
tr e a Sanatana. Krishnadasa
C entparticolari degli insegnamenti di Caitanya a n
C e Rupa
non era un autore contemporaneo, ama raccolse le sue informazioni dai C
na n
shMahaprabhu. Jiva Gosvami, che era nipoteKrish
Gosvami stessi, i discepoli direttiridi
n a
K
di Sanatana e Rupa e cheioci ha lasciato linestimabile opera Sat-sandarbha,io
a d a d
maestro. Dai K libri
- Rfilosofici basandosi sugli insegnamentiedel
scrisse molti trattati
C di questi grandi autori abbiamo raccolto K C
R grande
-suo
sintetizzato gli
R
insegnamenti di Caitanya.
R
Mentre era a Benares, Caitanya parlo con gli eruditi sannyasi di quella citta
nella casa di un brahmana Maratha, che li aveva invitati tutti a pranzo. In
- -
n rale r ale
quelloccasione Caitanya manifesto un potere miracoloso grazie al quale pot
t n t
e e
attrarre a S tutti i sannyasi. Ne segu un dibattito. I sannyasi erano guidati
na C ish n a C
dal loro capo piu erudito, Prakasananda Sarasvati. Dopo una breve
ish n a C
i o Kr
discussione si sottomisero a Mahaprabhu e ammisero di essere stati sviati
i o K r
- Rad
dalle interpretazioni di Sankaracarya. Perfino i piu grandi studiosi trovavano
impossibile opporsi a lungo a Caitanya, perch in Lui cera qualcosa di - R a d
R K C R K C
straordinario che toccava il cuore e li faceva piangere dal desiderio di
progredire nella spiritualita. Ben presto i sannyasi di Benares si gettarono ai
piedi di Caitanya e Gli chiesero la Sua misericordia (krpa). Allora Caitanya
- -
nt r ale n t r ale
predico la pura bhakti e infuse nel loro cuore lamore spirituale per Krishna

na Ce na Ce
che li costringeva ad abbandonare il loro settarismo. Vedendo la straordinaria
conversione dei sannyasi, lintera Benares si volse al vaisnavismo e si dedico n a C
is h ish
io Kr
a un grandioso sankirtana con il loro nuovo Signore.
i o K r
d
Dopo aver mandato Sanatana a Vrindavana, Mahaprabhu torno di nuovo a
a a d
-R
Puri attraverso la giungla, accompagnato da Balabhadra. Balabhadra racconto - R
RKC
poi che Mahaprabhu aveva manifestato il Suo potere miracoloso nel Suo R K C
viaggio verso Puri, facendo danzare tigri ed elefanti al suono del nome di
Krishna.
- -
Da quel momento, cioe dal Suo trentunesimo anno fino alla Sua scomparsa,
n tr ale t rale
alleta di quarantotto anni, durante il sankirtana nel tempio di Tota-
n
Ce Ce
gopinatha, Mahaprabhu rimase a Puri, in casa di Kasi Misra. Durante questi C
n a n a n a
rish
diciotto anni la Sua vita fu piena damore e di sentimento religioso. Era
K Kris
h
io
circondato da numerosi seguaci, tutti vaisnava del piu alto livello, che si
d d io
- Ra
distinguevano dalla gente comune per il loro comportamento estremamente -R a
RKC RKC
puro e la loro cultura, per la fermezza nei princpi religiosi e lamore spirituale
per Radha-Krishna. Svarupa Damodara, che quando Mahaprabhu era a Nadia
era chiamato Purusottamacarya, Lo raggiunse a Benares e accetto di servirLo
- -
in qualita di segretario. Nessun poeta o filosofo poteva presentare le proprie
nt rale rale
opere a Mahaprabhu se prima Svarupa non le aveva accettate come pure e
n t
Ce C e
utili. Raya Ramananda era il Suo secondo compagno e cantava insieme a C
na n a n a
K ish
Svarupa, mentre Mahaprabhu esprimeva i Suoi sentimenti a un certo punto
r
delladorazione. Paramananda Puri era il Suo ministro in materia di religione. Kr ish
a d i o
Esistono centinaia di aneddoti, riportati dai Suoi biografi, che non crediamo a d i o
- R - R
R K C
opportuno riferire in questa sede. Mahaprabhu dormiva poco. I Suoi
R K C
sentimenti Lo trascinavano sempre piu lontano nel firmamento della
spiritualita, ogni giorno e ogni notte, davanti agli occhi di tutti i Suoi
ammiratori e seguaci. Compiva la Sua adorazione, comunicava con i Suoi
- -
n t ale n t r ale
inviati a Vrindavana e conversava con quegli uomini di religione che Si
r
Ce C e
avvicinavano a Lui per la prima volta, cantava e danzava, senza curarSi di S
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a a
ntr coloro che venivano a Lui Lo
C entstesso, spesso perduto in religiosa estasi. Tutti
riconoscevano come il meraviglioso Signore, C e Dio, apparso in questo mondo C
na inferiore per il bene dellumanita.
n a
h tutta la vita onoro affettuosamente Sua rish
isPer n a
K r K
madre e spesso le mandava
a d io il mahaprasada, il cibo spirituale, affidandolo
a di o a
coloro che andavano
Caitanya era K
- R a Nadia. Di carattere estremamenteCamabile,
laCpersonificazione stessa dellumilta. La SuaKdolce
- Rpresenza
Sri
R R
rallegrava tutti coloro che Lo incontravano. Affido a Prabhu Nityananda il
Bengala e invio a Vrindavana sei discepoli, i Gosvami, affinch predicassero
lamore in quella zona. Pun tutti i Suoi discepoli che si erano allontanati dalla
- -
n rale r ale
via della santita, come accadde nel caso di Haridasa il giovane, n manco
t n t
e e
mai di dare le istruzioni adatte a coloro che Gliele chiedevano, come vedremo
na C ish n a C
nei Suoi insegnamenti a Raghunatha dasa Gosvami. Il Suo comportamento
ish n a C
i o Kr
con Haridasa Thakura dimostra quanto amasse gli uomini dediti alla
i o K r
spirituale. - Rad
spiritualita e come sfidasse le distinzioni di casta per la causa della fratellanza
- R a d
R K C R K C

- -
nt r ale n t r ale
na Ce na Ce n a C
is h ish
io Kr i o K r
ad a d
-R - R
RKC R K C

- -
n tr ale n t rale
Ce Ce C
n a n a n a
K rish Kris
h
d io d io
- Ra -R a
RKC RKC
- -
nt rale n t rale
Ce C e C
na n a n a
K rish Kr ish
a d i o a d i o
- R - R
R K C R K C

- -
n t rale n t r ale
Ce C e C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

- -
t r ale La missione di Sri tr a le
e n enCaitanya
na C n a C n a C
Sri Caitanya Mahaprabhu ordinoK riaishSuoi discepoli di scrivere libri sulla scienzaKrish
di Krishna, compito chea d o seguaci hanno continuato a svolgere afino
i iSuoi d ioad
- R di successione ininterrotta dei maestri
oggi. Grazie al sistema
C C - Rspirituali
RKe lesposizione della filosofia insegnata da Caitanya
lelaborazione RK costituisce
in realta lopera piu voluminosa, precisa e coerente. Eppure, Sri Caitanya,
che nella Sua giovinezza era un famosissimo erudito, lascio soltanto otto
- -
versi, chiamati Siksastaka, nei quali rivela la Sua missione e i Suoi
n t rale t r ale
insegnamenti. Riportiamo qui, tradotte da A.C. Bhaktivedanta Swami
n
e e
na C ish n C
Prabhupada, queste otto preghiere di valore inestimabile.
a
ish n a C
i o Kr i o K r
- Rad - R a d
1.
R K C R K C
Gloria al sankirtana di Sri Krishna che spazza via dai nostri cuori tutta la
polvere accumulata nel corso degli anni, ed estingue il fuoco dellesistenza
condizionata con le sue nascite e morti ripetute. Il movimento del sankirtana
- -
nt r ale r ale
e la piu grande benedizione per tutta lumanita perch diffonde i suoi raggi
n t
na Ce na Ce
come la luna benevola. E la vita di tutta la conoscenza trascendentale,
n a C
h
accresce loceano di felicita trascendentale e permette di gustare pienamente
is ish
Kr
il nettare che desideriamo da sempre.
io i o K r
ad a d
-R - R
RKC R K C
2.
O Signore, il Tuo santo nome puo dare ogni benedizione agli esseri viventi,
- -
n tr ale n t rale
percio Tu possiedi centinaia e migliaia di nomi, come Krishna o Govinda, e in
Ce Ce
questi nomi trascendentali hai investito tutte le Tue potenze trascendentali.
C
n a n a
Non ci sono rigide regole per cantare questi nomi. O Signore, nella Tua infinita n a
rish
misericordia, ci permetti di avvicinarTi facilmente col canto dei Tuoi santi
K Kris
h
d io
nomi, ma io sono cos sfortunato che non ho alcuna attrazione per essi. d io
- Ra -R a
RKC RKC
3.
- -
Si dovrebbero cantare i santi nomi del Signore in un umile stato di mente,
nt rale t rale
considerandoci inferiori a un filo di paglia sulla strada, diventando piu
n
Ce C e
tolleranti di un albero, privi di ogni senso di falso prestigio e sempre pronti a C
na n a n a
K rish
offrire i nostri rispetti agli altri. In questo stato di mente si possono cantare i
Kr ish
i o
santi nomi del Signore costantemente.
a d a d i o
- R - R
R K C R K C
4.
- -
O Signore onnipotente, non desidero ricchezze, non desidero belle donne e
n t rale r ale
non voglio discepoli. Desidero solo impegnarmi nel Tuo incondizionato servizio
n t
Ce damore, vita dopo vita. C e C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

- -
n t r ale n t r ale
e e
na C ish n a C
ish n a C
K r K r
5.
dio di o
Ra
O Krishna, figlio di Nanda Maharaja, sono il Tuo servitore eterno, ma per una
- - Ra
RKC
ragione o per laltra sono caduto nelloceano di nascite e morti. Ti prego,
salvami da questoceano di morti e ponimi come un atomo di polvere ai Tuoi
RKC
piedi di loto.
- -
n t rale n t r ale
e e
na C 6.
ish n a C
ish n a C
i o Kr
O Signore, quando i miei occhi si orneranno di un flusso incessante di lacrime
i o K r
- Rad
damore recitando i Tuoi santi nomi? Quando le mie parole si spezzeranno
pronunciando i Tuoi santi nomi, e quando i peli del mio corpo si rizzeranno al - R a d
R K C R K C
canto dei Tuoi santi nomi?

- -
nt r ale n t r ale
na Ce 7. na Ce
O Govinda, sentendomi separato da Te ogni istante mi sembra durare dodici n a C
is h ish
io Kr
anni o piu. Le lacrime sgorgano dai miei occhi come torrenti di pioggia e il
i o K r
d
mondo intero mi sembra vuoto in Tua assenza.
a a d
-R - R
RKC R K C
8.
- -
Krishna e e sara sempre il mio unico Signore, anche se mi schiacciasse nel
n tr ale t rale
Suo abbraccio o mi spezzasse il cuore con la Sua assenza. Egli e
n
Ce Ce
completamente libero di agire come desidera in ogni circostanza, ma rimarra C
n a n a n a
rish
sempre, incondizionatamente, leterno Signore che io adoro.
K Kris
h
d io d io
- Ra -R a
RKC RKC
- -
nt rale n t rale
Ce C e C
na n a n a
K rish Kr ish
a d i o a d i o
- R - R
R K C R K C

- -
n t rale n t r ale
Ce C e C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

- -
r ale a le
e n t Introduzione entr
na C n a C n a C
K rish
Questo discorso e stato originariamente esposto in cinque lezioni mattutine
K rish
sulla Caitanya-caritamrta
a diola biografia autentica di Sri Caitanya Mahaprabhu
a dio
- R Kaviraja Gosvami davanti allAssociazione
scritta da Krishnadasa
C C -R
RKper la Coscienza di Krishna a New York dal
Internazionale RK10 al 14 aprile
1967.

l e - l e -
a a
entIlr termine tr
Caitanya significa forza vitale. Innquanto
e esseri viventi possiamo
na C muoverci, mentre un tavolo non puo a
realta, i movimenti e le attivita
n C
farlo perch e privo di forza vitale. In
ishpotrebbero essere considerati i segni, Ki rish n a C
sintomi della forza vitale.io K r
a d Si puo dire che non puo esserci attivita senza
a d io
forza vitale. Bench
- Rsia presente nella condizione materiale, la -forza R vitale
non e amrta, C
RK immortale. Lespressione Caitanya-caritamrta C
RK puo dunque
essere tradotta come la caratteristica della forza vitale nellimmortalita.
Ma come si manifesta questa forza vivente nellimmortalita? Non e certo
manifestata dalluomo o da qualche altra creatura di questo universo
- -
nt r ale r ale
materiale, perch nessuno di noi e immortale in questo corpo. Noi siamo
n t
na Ce na Ce
dotati di questa forza vitale, compiamo delle attivita e siamo immortali per
n a C
h
nostra natura e costituzione, ma la condizione materiale in cui siamo stati
is ish
Kr
immessi non ci permette di manifestare questa nostra immortalita. La Katha
io i o K r
ad
Upanisad afferma che leternita e la forza vitale appartengono sia a noi che a a d
-R
Dio. Ma bench sia noi che Dio siamo immortali, ce una differenza. In quanto - R
RKC
esseri viventi, compiamo molte attivita, ma abbiamo la tendenza a cadere R K C
sotto il controllo della natura materiale. Dio non ha una simile tendenza.
Essendo onnipotente, Egli non cade mai sotto il controllo della natura
- -
n tr ale n t rale
materiale. Infatti, la natura materiale non e altro che una manifestazione
Ce delle Sue inconcepibili energie.
Ce C
n a n a
Guardando da terra possiamo vedere soltanto nuvole nel cielo, ma se voliamo n a
rish
al di sopra delle nuvole, potremo vedere il sole che splende. Dal cielo, i
K Kris
h
d io
grattacieli e le citta sembrano davvero minuscoli; similmente, osservata dalla d io
- Ra
posizione di Dio, tutta questa creazione materiale e insignificante. Lessere -R a
RKC
condizionato ha la tendenza a scendere da quelle altezze dove tutto puo RKC
essere visto in prospettiva. Dio, invece, non ha questa tendenza. Il Signore
Supremo non e costretto a cadere nellillusione (maya), proprio come il sole
- -
non e costretto a cadere piu in basso delle nuvole. Poich il Signore Supremo
nt rale t rale
non e soggetto allillusione, non e condizionato, e poich noi, esseri limitati,
n
Ce C e
siamo inclini a cadere nellillusione, siamo condizionati. I filosofi impersonalisti C
na n a n a
K rish
(mayavadi) sostengono che sia lessere individuale sia Dio sono soggetti al
Kr ish
i o
controllo di maya quando scendono in questo mondo materiale. Questo puo
a d a d i o
R
essere vero per lessere individuale, ma non per Dio, perch in ogni caso
- - R
K C
lenergia materiale agisce sotto il Suo controllo. Krishna stesso nella
R R K C
Bhagavad-gita definisce stolti coloro che pensano che il Signore Supremo
possa essere soggetto al condizionamento materiale:
- -
n t rale avajananti mam mudha
n t r ale
Ce C
manusim tanum asritame C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

- -
n t r ale ntr
param bhavam ajananto a le
e e
na C ish n C
mama bhuta-mahesvaram
a
ish n a C
K r K r
a dio scendo in questo mondo nella forma aumana.
Gli stolti Mi denigrano quando
d io
Non conoscono la -Mia R natura trascendentale, n la Mia supremazia
- Rsu tutto
cio che esiste.
RK C
(B.g., 9.11)
RK C
Sri Caitanya Mahaprabhu non devessere considerato come uno di noi. E
Krishna stesso, lEssere Supremo, e in quanto tale non e mai coperto dalla
nuvola di maya. Krishna, le Sue espansioni e perfino i Suoi devoti piu intimi
- -
n rale r ale
non cadono mai nelle reti dellillusione. Sri Caitanya discese sulla Terra
t n t
e e
soltanto per predicare la Krishna-bhakti, lamore per Krishna. In altre parole,
na C ish n a C
Egli e Sri Krishna stesso venuto a insegnare agli esseri viventi il giusto modo
ish n a C
i o Kr
per avvicinarsi a Krishna. E simile a un maestro che vedendo gli scarsi
i o K r
- Rad
progressi di un allievo prende una matita e scrive: Devi fare cos: A, B, C.
Non bisogna scioccamente pensare che il maestro stia imparando a scrivere - R a d
R K C R K C
lABC. Bench Egli Si presenti nella forma di un devoto, dobbiamo sempre
ricordare che Sri Caitanya e Krishna (Dio) stesso venuto per insegnarci come
si diventa coscienti di Krishna, e dobbiamo esaminarLo in questa luce.
- -
nt r ale n t r ale
Nella Bhagavad-gita Sri Krishna esprime cos il piu elevato principio religioso:

na Ce na Ce
sarva-dharman parityajya n a C
is h ish
io Kr
mam ekam saranam vraja
i o K r
ad aham tvam sarva-papebhyo a d
-R moksayisyami ma sucah - R
RKC (B.g., 18.66) R K C
Lascia ogni forma di religione e abbandonati a Me. Io ti liberero da tutte le
-
reazioni del peccato. Non temere. -
n tr ale t rale
Potrebbe sembrare unistruzione molto semplice da seguire, ma
n
Ce Ce
invariabilmente la reazione si manifesta in noi: Sottomettermi? C
n a n a n a
rish
Abbandonare? Ma ho tante responsabilita! E maya, lillusione, ci dice: Non
K Kris
h
io
farlo, altrimenti sfuggirai alla mia presa. Rimani qui con me, affinch io possa
d d io
- Ra
continuare a prenderti a calci. A dire il vero, maya continua a prenderci a -R a
RKC
calci costantemente, cos come lasino si prende sul muso i calci della
femmina quando tenta un approccio sessuale. Similmente, anche cani e gatti
RKC
si azzuffano e gemono quando si accoppiano. Questi sono i trucchi della
- -
natura. Perfino il grande elefante della giungla puo essere catturato se si usa
nt rale rale
unelefantessa ammaestrata che lo porti fino alla trappola. Maya ha molte
n t
Ce C e
risorse, e nel mondo materiale le sue catene piu dure sono rappresentate C
na n a n a
K ish
dalla femmina. Certo, in realta noi non siamo n maschi n femmine
r
queste designazioni si riferiscono solo allinvolucro esterno, al corpo. In Kr ish
a d i o
realta, siamo tutti servitori di Krishna. Ma nella vita condizionata siamo a d i o
- R - R
R K C
incatenati a ceppi di ferro che prendono la forma di una bella donna. Ogni
R K C
maschio quindi e legato al sesso, percio, quando cerca di liberarsi dalle reti
della materia, deve imparare per prima cosa a controllare limpulso sessuale.
Non porsi dei limiti nella vita sessuale significa cadere in pieno nella trappola
- -
n t ale n t r ale
dellillusione. Sri Caitanya Mahaprabhu rinuncio ufficialmente a questa
r
Ce C e
illusione alleta di ventiquattro anni, bench Sua moglie ne avesse sedici e
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
a
r madre settanta, e bench fosse lunicoeuomo a
ntr della famiglia. Pur essendo
C entSua
un brahmana, e non molto ricco, accetto Cil sannyasa, lordine di rinuncia della C
na ish n a
vita, liberandoSi cos dai legami rfamiliari. ish n a
K K r
a d o
Se desideriamo diventare ipienamente coscienti di Krishna, dobbiamo lasciare
a d io
le catene di maya,- R oppure, se rimaniamo con maya, dovremmo Rvivere in
- necessario
modo tale daKC non dover essere soggetti allillusione. Non Ce
R RK
abbandonare la famiglia, perch tra i seguaci piu intimi di Sri Caitanya
cerano molti uomini di famiglia. Cio a cui dobbiamo rinunciare e la tendenza
al piacere materiale. Bench approvasse una vita sessuale regolata, allinterno
- -
n rale r ale
del matrimonio, per gli uomini di famiglia, Sri Caitanya era molto severo con
t n t
e e
coloro che avevano accettato lordine di rinuncia, e arrivo a cacciare via
na C ish n a C
Junior Haridasa perch aveva guardato con lussuria una giovane donna. In
ish n a C
i o Kr
sostanza, nella vita spirituale si deve intraprendere una strada e seguirla in
i o K r
- Rad
modo coerente, rispettando tutte le regole che sono necessarie per ottenere il
successo. La missione di Sri Caitanya consisteva nellinsegnare la via della - R a d
R K C R K C
coscienza di Krishna a tutti gli uomini, al fine di renderli partecipi
dellimmortalita della vita spirituale.
Dalla Caitanya-caritamrta apprendiamo come Caitanya insegnava alla gente il
- -
nt r ale n t r ale
modo di diventare immortale, percio il titolo dellOpera puo essere tradotto

na Ce na Ce
come il carattere immortale della forza vivente. La forza vivente suprema e
Dio, la Persona Sovrana. Egli e anche lEssere Supremo. Gli esseri viventi n a C
is h ish
io Kr
sono innumerevoli, e tutti sono individui. E un concetto molto semplice da
i o K r
d
capire: siamo tutti individui, per pensieri e desideri, e anche il Signore
a a d
-R
Supremo e una persona individuale. Egli, tuttavia, e differente, perch e la- R
RKC
guida suprema, Colui che nessuno puo superare. Tra gli esseri creati, unR K C
individuo puo essere superiore a un altro in una particolare abilita. Anche il
Signore e un individuo, proprio come sono individui tutti gli altri esseri, ma Lo
- -
distingue il fatto che Egli e lindividuo supremo. Dio e anche infallibile, e nella
n tr ale t rale
Bhagavad-gita e chiamato Acyuta, che significa Colui che non cade mai. La
n
Ce Ce
Bhagavad-gita menziona questo nome perch, a differenza di Arjuna, Krishna C
n a n a n a
rish
non era caduto nellillusione. Spesso sentiamo dire che Dio e infallibile, e
K Kris
h
io
nella Bhagavad-gita (14.19) Krishna afferma:
d d io
- Ra -R a
RKC nanyam gunebhyah kartaram
yada drastanupasyati
RKC
gunebhyas ca param vetti
e - mad-bhavam so dhigacchati -
ra l rale
CentQuando C e n t
si ha la giusta consapevolezza che in tutte le attivita sono solo le C
na ish n a
influenze della natura materiale ad agire, e si conosce il Signore Supremo che
ish n a
K r
trascende queste influenze, allora si raggiunge la Mia natura spirituale. Non Kr
a d i o
dovremmo dunque pensare che Krishna sia sopraffatto dalla potenza a d i o
- R - R
R K C
materiale quando Si trova nel mondo materiale. Krishna e le Sue
R K C
manifestazioni non sono soggetti al controllo della natura materiale. Sono
pienamente liberi. Infatti, nello Srimad-Bhagavatam una persona di natura
divina e definita libera dalle influenze della natura materiale, bench si trovi
- -
n t ale n t r ale
ancora nellambito della natura materiale. Se perfino un devoto puo
r
Ce C e
raggiungere questo stato di liberta, che dire dunque del Supremo?
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a a
ntr per restare immuni dalla
entDobbiamo quindi domandarci come fare
e
na C n C
contaminazione della materia mentreaci troviamo nel mondo materiale. Fu
ish restare incontaminati anche in questoKrish
Rupa Gosvami a spiegare che possiamo
n a C
K r
mondo, se facciamo diventare
a d io il servizio offerto a Krishna la nostraadunica
io
offrire questo K
- R qualcuno
ambizione. Giustamente
C
servizio?
potrebbe domandare: In che modo
E ovvio che non si tratta di semplice C - R posso
meditazione,
R RK
che e solo unattivita della mente, ma di unattivita pratica. Lamore per il
servizio di Krishna puo essere raggiunto solo lavorando per Krishna. In
questo lavoro, dobbiamo sfruttare ogni risorsa. Tutto cio che abbiamo, tutto
- -
n rale r ale
cio che esiste, devessere usato per Krishna. Possiamo usare qualsiasi cosa:
t n t
e e
macchine da scrivere, automobili, aeroplani, missili qualsiasi cosa. Anche
na C ish n a C
se ci limitiamo a parlare alla gente della coscienza di Krishna, stiamo
ish n a C
i o Kr
compiendo un servizio. Cos, se impegniamo la mente, i sensi, le parole, il
i o K r
- Rad
denaro e lenergia al servizio di Krishna, non si potra dire di noi che viviamo
ancora nellambito della natura materiale. Grazie alla coscienza spirituale, la- R a d
R K C R K C
coscienza di Krishna, trascendiamo il livello della natura materiale. In realta
Krishna, le Sue espansioni e i Suoi devoti cioe, quelli che lavorano per Lui
non si trovano nella natura materiale, sebbene tale sia limpressione degli
- -
nt r ale
uomini di conoscenza limitata.
n t r ale
na Ce na Ce
La Caitanya-caritamrta insegna che lanima spirituale e immortale, e che
anche le nostre attivita nel mondo spirituale sono immortali. I mayavadi, n a C
is h ish
io Kr
sostenendo la tesi che la Verita Assoluta e impersonale e senza forma,
i o K r
d
contestano che unanima realizzata abbia bisogno di comunicare. Al contrario i
a a d
-R
vaisnava, che sono devoti di Krishna, affermano che quando si e raggiunto il - R
RKC
livello della realizzazione si comincia veramente a comunicare. R K C
Prima dicevamo soltanto assurdita, affermano i vaisnava, ora cominciamo
a comunicare veramente, a parlare di Krishna. I mayavadi citano
- -
frequentemente lesempio del vaso per lacqua, sostenendo che quando il
n tr ale t rale
vaso non contiene acqua produce un suono, mentre quando e pieno non
n
Ce Ce
risuona affatto. Ma noi siamo dei vasi? Come possiamo essere paragonati a C
n a n a n a
rish
vasi? In una buona analogia i due oggetti paragonati sono il piu possibile
K Kris
h
io
simili tra loro. Un vaso per lacqua non e vivo, mentre noi lo siamo. La
d d io
- Ra
meditazione silenziosa puo andare bene per un vaso destinato a contenere -R a
RKC RKC
acqua, ma non per noi. Infatti, una persona realizzata ha tanto da dire su
Krishna che nemmeno ventiquattro ore al giorno sono sufficienti. E soltanto
lo sciocco che puo essere glorificato finch sta zitto, perch appena comincia
- -
a parlare la sua scarsa conoscenza risulta evidente. La Caitanya-caritamrta ci
nt rale rale
dimostra che esistono molte meraviglie da scoprire glorificando il Supremo.
n t
Ce C e
Allinizio della Caitanya-caritamrta Krishnadasa Kaviraja Gosvami scrive: C
na n a n a
K ish
Offro i miei omaggi ai miei maestri spirituali. Egli usa il plurale per indicare
r
la successione dei maestri spirituali. Non offre i suoi omaggi solo al suo Kr ish
a d i o
maestro spirituale diretto, ma allintera parampara, la catena di maestri a d i o
- R - R
R K C R K C
spirituali che ha inizio da Sri Krishna stesso. Lautore parla dunque di guru al
plurale al fine di tributare il massimo rispetto a tutti i vaisnava. Dopo aver
offerto il suo omaggio alla catena di maestri spirituali, lautore offre i suoi
omaggi a tutti gli altri devoti, i suoi confratelli, alle espansioni di Dio e alla
- -
n t ale n t r ale
prima manifestazione dellenergia di Krishna. Sri Caitanya Mahaprabhu
r
Ce C e
(chiamato talvolta Krishna Caitanya) e la personificazione di tutti questi
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a a
ntr di Dio. Nella forma del Suo
entelementi; e Dio, guru, devoto ed espansione
e
na C compagno, Nityananda, Egli e la prima
ish
Advaita, e un avatara; come Gadadhara,
n a C manifestazione di energia; come
e la Sua potenza interna, e come rish
n a C
K r
Srivasa, e lessere viventeiomarginale. Non si deve quindi pensare a Krishna K
d d i o
isolatamente, ma Lo - Rsia deve considerare eternamente unito a tutte
- Rale Sue
RKCcome spiego Ramanujacarya. Nella filosofia
manifestazioni,
RKCvisistadvaita,
lenergia di Dio, le Sue espansioni e le Sue manifestazioni sono considerate
ununita nella diversita. In altre parole, Dio non e separato da questi
elementi; lunione di questi elementi e Dio. In realta la Caitanya-caritamrta
- -
n rale r ale
non e destinata al neofita; infatti essa costituisce la fase piu avanzata nello
t n t
e e
studio della conoscenza spirituale. La via ideale consiste nel cominciare con la
na C ish n a C
Bhagavad-gita, poi nel procedere con la lettura dello Srimad-Bhagavatam fino
ish n a C
i o Kr
ad arrivare alla Caitanya-caritamrta. Bench tutte queste grandi Scritture
i o K r
- Rad
siano situate allo stesso livello assoluto, da unanalisi comparata la Caitanya-
caritamrta risulta essere la piu elevata. Ogni verso di questopera e - R a d
R K C R K C
perfettamente composto. Sri Caitanya e Nityananda sono paragonati al sole e
alla luna perch dissipano le tenebre del mondo materiale. In questo esempio,
il sole e la luna sorgono simultaneamente, ed e quindi appropriato offrire
- -
nt r ale
omaggi direttamente a Sri Caitanya e a Nityananda.
n t r ale
na Ce na Ce
Nel mondo occidentale, dove le glorie di Sri Caitanya sono relativamente
sconosciute, qualcuno potrebbe domandare: Ma chi e Krishna Caitanya? La n a C
is h ish
io Kr
conclusione delle Scritture risponde a questa domanda affermando che Egli e
i o K r
d
Dio, la Persona Suprema. Generalmente, nelle Upanisad la Verita Suprema e
a a d
-R
Assoluta e definita in modo impersonale, ma laspetto personale di questa - R
RKC
Verita Assoluta e descritto nella Isopanisad, e in particolare, dopo una
R K C
descrizione di Colui che pervade ogni cosa, troviamo il verso seguente:

- hiranmayena patrena -
n tr ale satyasyapihitam mukham n t rale
Ce Ce
tat tvam pusann apavrnu C
n a n a n a
rish
satya-dharmaya drstaye
K Kris
h
a d io a d io
O mio Signore, che- R
sostieni R e mi
tutto cio che vive, il Tuo fulgore mi abbaglia
-
C
RK vero volto. Togli, Ti prego, questo velo e rivelaTi
nasconde il Tuo C
RK al Tuo puro
devoto. (Sri Isopanisad, Mantra 15)
Gli impersonalisti non hanno il potere di andare al di la della radiosita di Dio
- -
e di arrivare alla personalita da cui questa radiosita emana. Alla fine della
nt rale rale
Isopanisad, tuttavia, troviamo un inno a Dio, la Persona Suprema. Non che
n t
Ce C e
questo fatto neghi lesistenza del Brahman impersonale; anzi, anche il C
na n a n a
K ish
Brahman e descritto, ma e considerato la radiosita del corpo di Caitanya. In
r
altre parole, Krishna Caitanya e la base del Brahman impersonale. Anche Kr ish
a d i o
nella Bhagavad-gita Krishna afferma che il Brahman impersonale riposa su di a d i o
- R - R
R K C
Lui (brahmano hi pratisthaham, B.g., 14.27) Il Paramatma, lAnima Suprema,
R K C
situata nel cuore di ogni essere vivente e anche in ogni atomo delluniverso,
non e che una rappresentazione parziale di Caitanya. Krishna Caitanya e
dunque lorigine del Brahman e anche Dio, la Persona Suprema. In quanto
- -
n t ale n t r ale
Supremo, possiede al completo le sei opulenze ricchezza, fama, potenza,
r
Ce C e
bellezza, conoscenza e rinuncia. In breve, dobbiamo sapere che Egli e
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a a
r Non si puo concepire nulla
C entKrishna, Dio, e nulla e uguale o piu grande di
C e ntLui.
che Gli sia superiore. Egli e la PersonaaSuprema. C
na ish
Fu Rupa Gosvami, un devoto confidenziale
n che ricevette gli insegnamenti di rish
n a
K r K
dio
Sri Caitanya per piu di dieci giorni consecutivi, a scrivere:
di o
- Ra - Ra
RK C maha-vadanyaya Krishna-prema-pradaya
namo
RKteC
Krishnaya Krishna-Caitanya-namne gaura-tvise namah

Offro i miei rispettosi omaggi al Signore Supremo, Sri Krishna Caitanya, che
- -
n rale r ale
e piu magnanimo di qualsiasi altro avatara, anche di Krishna stesso, perch
t n t
e e
sta distribuendo liberamente cio che nessun altro ha mai distribuito prima
na C il puro amore per Krishna.
ish n a C
ish n a C
i o Kr
Caitanya non insegna un lungo e complicato metodo che porti alla
i o K r
- Rad
realizzazione di Dio. Egli e completamente spirituale, e inizia dal punto in cui
ci si sottomette a Krishna. Non segue le vie del karma-yoga, del jnana-yoga o - R a d
R K C R K C
dellhatha-yoga, ma comincia dal punto in cui si abbandona ogni
attaccamento materiale, cioe col concludersi dellesistenza materiale. Nella
Bhagavad-gita Krishna comincia i Suoi insegnamenti facendo una distinzione
- -
nt r ale n t r ale
tra lanima e la materia, e conclude il diciottesimo capitolo al punto in cui

na Ce na Ce
lanima si sottomette a Lui con devozione. Ai mayavadi piacerebbe che tutto si
concludesse a questo punto, ma e proprio da questo punto che ha inizio la n a C
is h ish
io Kr
vera discussione. E il Vedanta-sutra che inizia con laforisma athato brahma-
i o K r
d
jijnasa: Ora cominciamo a cercare la Suprema Verita Assoluta. Rupa
a a d
-R
Gosvami celebra quindi Sri Caitanya come lavatara piu munifico di tutti - R
RKC K C
perch distribuisce il dono piu grande indicando la piu alta forma di servizio
R
devozionale. In altre parole, Egli risponde alle domande piu importanti che
ognuno puo fare.
- -
Esistono diversi livelli di servizio devozionale e di realizzazione di Dio. In un
n tr ale t rale
certo senso, chiunque accetti lesistenza di Dio e situato nel servizio
n
Ce Ce
devozionale. Riconoscere la grandezza di Dio e gia qualcosa, ma non e C
n a n a n a
rish
molto. Caitanya, predicando da acarya, da grande maestro, insegno che e
K Kris
h
io
possibile stabilire una relazione con Dio e diventare davvero amici di Dio.
d d io
- Ra
Nella Bhagavad-gita Krishna mostro ad Arjuna la forma universale perch -R a
RKC RKC
Arjuna era il Suo carissimo amico. Ma considerando Krishna come il Signore
delluniverso, Arjuna chiese a Krishna di dimenticare la familiarita con la
quale Lo aveva trattato. Caitanya va oltre questo punto. Grazie a Sri Caitanya
- -
possiamo diventare amici di Krishna, e questa relazione di amicizia non ha
nt rale rale
limiti. Possiamo diventare amici di Krishna e guardare Krishna non con
n t
Ce C e
rispetto e venerazione, ma in completa liberta. In questa relazione damore C
na n a n a
K ish
possiamo anche riferirci a Dio come a nostro figlio. Questa non e soltanto la
r
filosofia della Caitanya-caritamrta, ma anche quella dello Srimad- Kr ish
a d i o
Bhagavatam. Non esiste altra Scrittura nel mondo in cui Dio sia considerato il a d i o
- R - R
R K C
figlio di un devoto. Generalmente Dio e considerato il padre onnipotente che
R K C
esaudisce i desideri dei figli. Talvolta, invece, i grandi devoti considerano Dio
come loro figlio in una relazione di servizio devozionale. Il figlio chiede e il
padre da, e nel dare a Krishna il devoto diventa un po come un padre.
- -
n t ale n t r ale
Invece di chiedere a Dio, diamo a Dio. Era in una relazione di questo genere
r
Ce C e
che la madre di Krishna, Yasoda, diceva al Signore: Ecco, mangia questo,
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a a
tr Krishna,
entaltrimenti Ti ammalerai. Mangia tutto.
enCos pur essendo il
na C h n C
proprietario di ogni cosa, dipende dalla misericordia del Suo devoto. Si tratta
a
ish n a C
K ris
di un livello di amicizia estremamente elevato, nel quale il devoto pensa
K r
dio
davvero di essere il padre di Krishna.
di o
Ra
Ma il piu grande dono di Sri Caitanya e linsegnamento che Krishna puo
- - Ra
RKC
essere trattato addirittura come un amante. Il Signore resta a tal punto
conquistato da questa relazione che Si dichiara incapace di ricambiare.
RKC
Krishna era cos grato alle gopi, le pastorelle di Vrindavana, che non Si
sentiva in grado di ricambiare il loro amore. Non posso ricambiare il vostro
- -
n rale r ale
amore, disse loro. Non ho nulla che sia tanto prezioso. Il servizio
t n t
e e
devozionale appartiene dunque a un livello molto elevato e la relazione tra il
na C ish n a C
devoto e Krishna come amante e amato e stata insegnata da Sri Caitanya
ish n a C
i o Kr
Mahaprabhu. Cos Rupa Gosvami scrisse di Caitanya: Il servizio devozionale
i o K r
- Rad
in s e il livello piu elevato, il livello glorioso a cui Tu ci hai innalzato. Tu sei
Krishna dalla carnagione doro, e sei Sacinandana, il figlio di madre Saci. - R a d
R K C R K C
Coloro che ascoltano la Caitanya-caritamrta Ti terranno sempre nel loro
cuore. Attraverso di Te sara facile comprendere Krishna. Caitanya
Mahaprabhu discese dunque per darci Krishna. Il metodo che Egli insegno per
- -
nt r ale n t r ale
giungere alla liberazione non era quello della meditazione, delle attivita

na Ce na Ce
interessate o dello studio delle Scritture, ma lamore.
Spesso abbiamo sentito la frase amore per Dio. La filosofia vaisnava puo n a C
is h ish
io Kr
mostrarci fino a che punto in realta puo arrivare questo amore per Dio. La
i o K r
d
conoscenza teorica dellamore per Dio si puo trovare in numerosi passi delle
a a d
-R
differenti Scritture, ma solo le Scritture vaisnava ci possono realmente - R
RKC K C
insegnare che cose in realta lamore per Dio e come esso si sviluppa. Questo
R
unico ed elevatissimo amore per Dio ci e stato dato da Caitanya Mahaprabhu.
Perfino in questo mondo materiale possiamo avere una pallida idea di che
- -
cosa sia lamore. Come possibile? Cio e dovuto allamore che si trova in Dio.
n tr ale t rale
Tutto cio che e presente nella nostra esperienza di questa vita condizionata
n
Ce Ce
e presente anche nel Signore Supremo, che e la fonte originale di ogni cosa. C
n a n a n a
rish
Nella nostra relazione originale con il Signore Supremo troviamo il vero
K Kris
h
io
amore, e questo amore si riflette in modo distorto attraverso le condizioni
d d io
- Ra
materiali. Il nostro vero amore e continuo e non finisce mai, ma poich si -R a
RKC RKC
riflette in modo distorto in questo mondo materiale, perde continuita e gioia.
Se vogliamo il vero amore trascendentale, dobbiamo trasferire la nostra
tendenza ad amare sul supremo oggetto damore Dio, la Persona Suprema.
-
Questo e il principio fondamentale della coscienza di Krishna. -
nt rale rale
Nella coscienza materiale cerchiamo di amare cio che non puo essere degno
n t
Ce C e
di amore. Diamo il nostro amore ai cani e ai gatti, rischiando cos di pensare a C
na n a n a
K ish
loro al momento della morte, cosa che ci farebbe rinascere in una famiglia di
r
cani o di gatti. Lamore che non si rivolge a Krishna conduce verso il basso. Kr ish
a d i o
Non e vero che Krishna o Dio sia qualcosa di oscuro o qualcosa che soltanto a d i o
- R - R
R K C
pochi eletti possono raggiungere. Caitanya Mahaprabhu e venuto per dirci
R K C
che in ogni paese e in ogni Scrittura ce un accenno allamore per Dio.
Sfortunatamente, nessuno sa cosa sia veramente lamore per Dio. Le
Scritture vediche, pero, sono in qualche modo differenti perch possono
- -
n t ale n t r ale
orientare lindividuo verso il modo giusto di amare Dio. Le altre Scritture non
r
Ce C e
spiegano come sia possibile amare Dio, n descrivono esattamente che cosa o
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
a
r sia Dio in realta. Pur parlando di amoreeper a
ntrDio, non hanno idea del modo
C entchi
di svilupparlo. Caitanya Mahaprabhu, C
invece, ci offre una dimostrazione C
na pratica del modo di amare Dio in
n a
sh relazione coniugale. Assumendo la parteKrish
iuna n a
K r
a dio di amare Krishna come Lo ama Radharani.
di Radharani, Caitanya cerca
a dio
R
Krishna era sempre- meravigliato dellamore di Radharani. Come -eRpossibile
che RadharaniKMi
R C dia un piacere cos grande? Si chiede. Per K C Radharani
R capire
Krishna Si mise nei Suoi panni e cerco di capire S stesso. Questo e il
segreto della manifestazione di Sri Caitanya. Caitanya e Krishna, ma ha
assunto il sentimento o il ruolo di Radharani per mostrarci come amare
- -
n rale r ale
Krishna. Percio ci si rivolge a Lui dicendo: Offro i miei rispettosi omaggi al
t n t
e e
Signore Supremo, che e assorto nei pensieri di Radharani.
na C ish n a C
A questo punto ci si chiedera chi sia Radharani, e che cosa significhi Radha-
ish n a C
i o Kr
Krishna. In realta Radha-Krishna e lo scambio damore. Non si tratta di un
i o K r
- Rad
amore comune; Krishna possiede immense potenze, tra cui tre principali la
potenza interna, quella esterna e quella marginale. Nella potenza interna si - R a d
R K C R K C
distinguono tre categorie: samvit, hladini e sandhini. La potenza hladini e la
potenza di piacere. Tutti gli esseri viventi possiedono questa potenza che
ricerca il piacere, perch tutti gli esseri stanno sempre tentando di ottenere il
- -
nt r ale n t r ale
piacere. Questa e la natura stessa dellessere vivente. Ora cerchiamo di

na Ce na Ce
godere della nostra potenza di piacere attraverso il corpo, in questa
condizione materiale. Attraverso il contatto del corpo cerchiamo di trarre n a C
is h ish
io Kr
piacere dagli oggetti dei sensi materiali. Ma non dobbiamo pensare che
i o K r
d
Krishna, che e sempre spirituale, cerchi il piacere al livello della materia,
a a d
-R
come accade a noi. Krishna descrive il mondo materiale come un luogo - R
RKC
temporaneo, pieno di sofferenze. Come potrebbe dunque cercare il piacere R K C
nella forma materiale? Egli e lAnima Suprema, lo spirito supremo, e il Suo
piacere e al di la della concezione materiale.
- -
Per capire il piacere di Krishna, dobbiamo leggere il decimo Canto dello
n tr ale t rale
Srimad-Bhagavatam, dove la potenza di piacere di Krishna si manifesta nei
n
Ce Ce
Suoi divertimenti con Radharani e con le ragazze di Vraja. Sfortunatamente, C
n a n a n a
rish
gli sciocchi si gettano subito sui giochi di Krishna nel Dasama-skandha, il
K Kris
h
io
decimo Canto. Generalmente gli uomini comuni non comprendono gli abbracci
d d io
- Ra
di Krishna con Radharani, o la Sua danza rasa con le pastorelle, perch questi -R a
RKC
giochi sono visti alla luce della lussuria di questo mondo. Essi pensano
RKC
erroneamente che Krishna sia come loro, e che abbracci le gopi proprio come
un uomo qualsiasi abbraccerebbe una ragazza. Alcuni sinteressano quindi di
- -
Krishna perch pensano che la sua religione incoraggi i rapporti sessuali.
nt rale rale
Questa, pero, non e Krishna-bhakti, amore per Krishna, bens prakrta-
n t
Ce sahajiya lussuria materiale. C e C
na n a n a
K ish
Per non cadere in un simile errore dovremmo capire che cosa e in realta
r
Radha-Krishna. Radha e Krishna manifestano i Loro divertimenti attraverso Kr ish
a d i o
lenergia interna di Krishna. La potenza di piacere dellenergia interna di a d i o
- R - R
R K C
Krishna e estremamente difficile da comprendere, e non puo essere
R K C
compresa se prima non si comprende chi e Krishna. Krishna non trova alcun
piacere in questo mondo materiale, ma e dotato di una potenza di piacere.
Poich siamo parti di Krishna, anche in noi esiste una potenza di piacere, che
- -
n t ale n t r ale
noi cerchiamo di manifestare nella materia. Krishna, invece, non fa un
r
Ce C e
tentativo cos inutile. Loggetto della potenza di piacere di Krishna e
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a a
ntrla Sua energia, nella forma di
C entRadharani. Krishna manifesta la Sua potenza,
Radharani e poi scambia con Lei una C e
relazione damore. In altre parole, C
na Krishna non trae piacere da questa
n a
ish energia esterna, ma manifesta la SuaKrish n a
K r
a d io di piacere, nella forma di Radharani. aKrishna
energia interna, la Sua potenza
dio
R forma di Radharani per manifestare la Sua
Si manifesta quindi- nella - Rpotenza
RK C
interna di piacere. Tra le molte espansioni, estensioni e C
manifestazioni
RK del
Signore questa potenza di piacere e la piu grande e importante.
Non dobbiamo pensare che Radharani sia separata da Krishna. Anche
Radharani e Krishna, perch non esiste differenza tra lenergia e la sua fonte.
- -
n rale r ale
Senza energia, non e possibile parlare della fonte di energia, e senza la fonte
t n t
e e
di energia, lenergia stessa non puo esistere. Similmente, senza Radha,
na C ish n a C
Krishna non ha significato, e senza Krishna, Radha non ha significato. Percio
ish n a C
i o Kr
la filosofia vaisnava prima di tutto rivolge il suo omaggio e la sua adorazione
i o K r
- Rad
alla potenza interna di piacere del Signore Supremo. Cos il Signore e la Sua
potenza sono sempre chiamati Radha-Krishna. Similmente, coloro che - R a d
R K C R K C
adorano il nome di Narayana pronunciano innanzitutto il nome di Laksmi
come Laksmi-Narayana. E coloro che adorano Sri Rama pronunciano prima di
tutto il nome di Sita. In ogni caso Sita-Rama, Radha-Krishna, Laksmi-
- -
nt r ale n t r ale
Narayana la potenza viene sempre per prima. Radha e Krishna

na Ce na Ce
Sidentificano, e quando Krishna desidera godere, Si manifesta nella forma di
Radharani. Lo scambio damore spirituale tra Radha e Krishna e la vera n a C
is h ish
io Kr
manifestazione dellinterna potenza di piacere di Krishna. Bench si dica
i o K r
d
quando Krishna desidera, non possiamo dire esattamente quando Egli lha
a a d
-R
desiderato. Diciamo cos perch nella vita condizionata non riusciamo a - R
RKC
concepire che qualcosa non abbia inizio; nella vita spirituale o assoluta,
R K C
invece, non esistono n inizio n fine. Eppure, per comprendere che Radha e
Krishna Sidentificano pur manifestandoSi separatamente, la domanda
-
quando? si presenta automaticamente nella mente. Quando Krishna -
n tr ale t rale
desidero godere della Sua potenza di piacere, Si manifesto nella forma
n
Ce Ce
separata di Radharani, e quando volle comprendere S stesso attraverso C
n a n a n a
rish
Radha, Si un a Radharani; questa unificazione e detta Sri Caitanya.
K Kris
h
io
Perch Krishna prese la forma di Sri Caitanya Mahaprabhu? E spiegato che
d d io
- Ra
Krishna desidero conoscere la gloria dellamore di Radha. Perch Mi ama -R a
RKC RKC
tanto? Si chiedeva Krishna. Che cosa ce in Me di cos speciale che Lattrae
tanto? Qual e il vero modo in cui Radharani Mi ama? Sembra strano che
Krishna, il Supremo, debba essere attratto dallamore di qualcuno. Noi
- -
cerchiamo lamore di una donna o di un uomo perch siamo imperfetti, e
nt rale rale
qualcosa ci manca. Lamore di una donna, la sua potenza e il suo piacere non
n t
Ce C e
si trovano nelluomo, e proprio per questa ragione luomo vuole una donna, C
na n a n a
K ish
ma non e cos per Krishna che e completo in S stesso. Cos Krishna esprime
r
la Sua sorpresa: Perch sono attratto da Radharani? E quando Radharani Kr ish
a d i o
sente il Mio amore, che cosa prova realmente? Per gustare lessenza di a d i o
- R - R
R K C
questa relazione damore, Krishna apparve proprio come la luna sorge
R K C
allorizzonte sul mare. Come la luna era stata prodotta dallagitazione del
mare, cos con lagitazione della relazione damore spirituale apparve la luna
di Caitanya Mahaprabhu. La carnagione di Caitanya era dorata, proprio come
- -
n t ale n t r ale
la luna. Bench sia metaforico, questo linguaggio suggerisce il significato
r
Ce C e
segreto dellapparizione di Caitanya Mahaprabhu. Il pieno significato della Sua
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a ntr a
C entapparizione sara rivelato nei capitoli che seguono.
C e
La Caitanya-caritamrta spiega anche ale manifestazioni del Supremo. Dopo C
na aver offerto i suoi omaggi a Sri
n
ishCaitanya, Krishnadasa Kaviraja li offre aKrish n a
K r
a d io
Nityananda. Spiega che Nityananda e una manifestazione di Sankarsana,io
a d che

C
seconda e Sankarsana,
- R e inLaseguito
e lorigine di Maha-Visnu.
a Sankarsana Krishna Si C - R come
prima manifestazione di Krishna e Balarama,
manifesta
la
RK RK
Pradyumna. In questo modo molte espansioni Si manifestano. Nonostante
queste numerose espansioni, Sri Krishna rimane lorigine, come e confermato
nella Brahma-samhita. Egli e la candela originaria con la quale si accendono
- -
n rale r ale
migliaia e migliaia di candele. Bench si possano accendere innumerevoli
t n t
e e
candele, la candela originaria mantiene la sua identita in quanto fonte
na C ish n a C
originaria. In questo modo Krishna Si espande in tante luci, e tutte queste
ish n a C
i o Kr
espansioni sono dette visnu-tattva. Visnu e una grande luce, e noi siamo luci
i o K r
- Rad
piccole, ma tutte sono espansioni di Krishna.
Quando si rende necessario creare luniverso materiale, Visnu Si espande - R a d
R K C R K C
come Maha-Visnu. Questo Maha-Visnu Si sdraia sulloceano causale e dalle
Sue narici, col Suo respiro, tutti gli universi si manifestano. Cos, tutti gli
universi che galleggiano nelloceano causale si manifestano a partire da Maha-
- -
nt r ale n t r ale
Visnu e dalloceano causale. A questo proposito ce la storia di Vamana, che

na Ce na Ce
coi Suoi tre passi buco col piede la copertura delluniverso. Attraverso il foro
prodotto dal Suo piede sgorgo lacqua delloceano causale, e si dice che n a C
is h ish
io Kr
questacqua sia diventata il fiume Gange. Percio lacqua del Gange e
i o K r
d
considerata lacqua piu sacra a Visnu ed e adorata da tutti gli indu,
a a d
-R
dallHimalaya fino al golfo del Bengala. - R
RKC
Questo Maha-Visnu che e disteso sulloceano causale e in realta R K C
unespansione di Balarama, che e la prima espansione di Krishna e nei giochi
di Vrindavana e il fratello di Krishna. Nel maha-mantra
- -
n tr ale Hare Krishna Hare Krishna Krishna a le
ntrKrishna Hare Hare
Ce Hare Rama Hare Ramaa C e
Rama Rama Hare Hare, C
n a n n a
K rish K rish
la parola Rama indica d
a io
Balarama. Poich Nityananda e unespansione
a d io di
Balarama, Rama si- R riferisce anche a Sri Nityananda. Cos, cantando
- R Hare
C
Krishna, HareKRama non ci si rivolge soltanto a Krishna e K
R C
R a Balarama, ma
anche a Sri Caitanya e Nityananda.
Largomento della Caitanya-caritamrta tratta principalmente di cio che e al di
- -
la di questa creazione materiale. Lespansione del cosmo materiale e detta
nt rale rale
maya perch non ha unesistenza eterna. Poich talvolta si manifesta e
n t
Ce C e
talvolta non si manifesta, e generalmente considerata illusoria. Ma al di la di C
na n a n a
affermato nella Bhagavad-gita: K ish
questa manifestazione temporanea esiste una natura superiore, come e
r Kr ish
a d i o a d i o
- R - R
R K C paras tasmat tu bhavo nyo
R K C
vyakto vyaktat sanatanah
yah sa sarvesu bhutesu
nasyatsu na vinasyati
le - l e -
ra a
CentEsiste tuttavia un entr ed e
altro mondo, che e eterno
C al di la della materia
C
n a h na n a
Kr i s K r ish
i o i o
- Rad -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale Ra d
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a a
r e mai annientato. Quando
C entmanifestata e non-manifestata. E supremo entnon
tutto in questo mondo e dissolto esso a C e
rimane intatto. (B.g., 8.20) C
na Questa natura suprema si trovarial
n
shdi la del manifestato (vyaktah) e del non-Krish n a
manifestato (avyaktah). QuestaK
io natura superiore, che e situata al di aladdella
io
a d
di ogni essere. CIl
- R in s eecomposto
creazione e dellannientamento,
corpo
la forza vivente che si manifesta
di materia ed e C - Rdi
quindi
nel corpo
natura
RK RK
inferiore, ma e lenergia superiore che muove il corpo. Il sintomo di questa
natura superiore e la coscienza. Nel mondo spirituale, dove tutto e fatto di
natura superiore, tutto e cosciente. Nel mondo materiale gli oggetti inanimati
- -
n rale r ale
non sono coscienti, ma nel mondo spirituale s. La anche un tavolo e
t n t
e e
cosciente, anche la terra e gli alberi sono coscienti ogni cosa e cosciente.
na C ish n a C
Non e possibile immaginare fino a che punto si estenda questa
ish n a C
i o Kr
manifestazione materiale. In questo mondo materiale tutto e calcolato sulla
i o K r
- Rad
base dellimmaginazione o con qualche metodo imperfetto, ma le Scritture
vediche cinformano su cio che sta al di la di questo universo materiale. - R a d
R K C R K C
Coloro che credono nella conoscenza sperimentale potranno mettere in dubbio
le conclusioni dei Veda, perch essi non possono nemmeno calcolare quale sia
lestensione delluniverso n possono raggiungere luoghi lontani nelluniverso.
- -
nt r ale n t r ale
Con mezzi sperimentali non e possibile ottenere informazioni su cio che e al

na Ce na Ce
di la di questa natura materiale. Cio che supera la nostra capacita di
comprensione e detto acintya, inconcepibile. E inutile discutere o speculare n a C
is h ish
io Kr
su cio che e inconcepibile. Se qualcosa e davvero inconcepibile, non puo
i o K r
d
essere soggetto n alla speculazione n allesperimento. La nostra energia,
a a d
-R
come anche la nostra percezione sensoriale, e limitata; percio dobbiamo - R
RKC K C
affidarci alle conclusioni dei Veda quando si tratta di argomenti inconcepibili.
R
La conoscenza della natura superiore devessere semplicemente accettata
senza discutere. Come e possibile discutere di qualcosa a cui non possiamo
- -
avere accesso? Il metodo per comprendere gli argomenti trascendentali e
n tr ale t rale
dato da Sri Krishna stesso nella Bhagavad-gita, allinizio del quarto capitolo
n
Ce quando Krishna dice ad Arjuna: Ce C
n a n a n a
K rish Kris
h
d ioimam vivasvate yogam d io
- Ra proktavan aham avyayam -R a
RKC vivasvan manave praha
manur iksvakave bravit
RKC
- -
Ho insegnato questa scienza immortale dello yoga a Vivasvan, il dio del sole,
nt rale rale
e Vivasvan lha insegnata a Manu, padre dellumanita, e Manu a sua volta lha
n t
Ce insegnata a Iksvaku. (B.g., 4.1) C e C
na n a n a
K ish
Questo e il sistema della parampara, della successione di maestri spirituali.
r
Similmente, nello Srimad-Bhagavatam Krishna trasmise la conoscenza nel Kr ish
a d i o
cuore di Brahma, il primo essere creato delluniverso. Brahma insegno questa a d i o
- R - R
R K C
conoscenza al suo discepolo, Narada, e Narada trasmise questa conoscenza al
R K C
suo discepolo Vyasadeva. Vyasadeva la trasmise a Madhvacarya, e da
Madhvacarya la conoscenza discese a Madhavendra Puri, a Isvara Puri e da lui
a Caitanya Mahaprabhu.
- -
n t ale n t r ale
Qualcuno potrebbe domandarsi perch mai Caitanya Mahaprabhu, che era
r
Ce C e
Krishna stesso, avrebbe dovuto aver bisogno di un maestro spirituale.
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a r a
entNaturalmente Egli non aveva bisogno di
eunntmaestro
spirituale, ma poich
na C ish n C
interpretava la parte dellacarya (colui che insegna con lesempio), accetto un
a
maestro spirituale. Perfino Krishna accetto un maestro spirituale, perch ish n a C
K r K r
dio
questo e il metodo da seguire. In questo modo il Signore da lesempio agli
di o
Ra
uomini. Non dovremmo pensare tuttavia che il Signore accetti un maestro
- - Ra
RKC RKC
spirituale perch manca di conoscenza. Egli vuole soltanto far rilevare che e
molto importante accettare la successione dei maestri spirituali. La
conoscenza affidata ai maestri spirituali che si susseguono nella catena
parampara discende in realta dal Signore stesso, e se la catena non
- -
n rale r ale
sinterrompe, tale conoscenza e perfetta. Anche se non siamo in contatto con
t n t
e e
la personalita che prima insegno questa conoscenza, possiamo ricevere gli
na C ish n a C
stessi insegnamenti attraverso questo metodo di trasmissione della
ish n a C
i o Kr
conoscenza. Nello Srimad-Bhagavatam e detto che Krishna, la Verita
i o K r
- Rad
Assoluta, la Persona di Dio, trasmise la conoscenza trascendentale nel cuore
di Brahma. Questo e dunque uno dei modi in cui si puo ricevere la - R a d
R K C R K C
conoscenza attraverso il cuore. Ci sono quindi due metodi per ricevere la
conoscenza: uno dipende da Dio, la Persona Suprema, che Si trova come
Anima Suprema nel cuore di tutti gli esseri, e laltra dipende dal guru, dal
- -
nt r ale n t r ale
maestro spirituale, che e unespansione di Krishna. Krishna trasmette dunque

na Ce na Ce
queste informazioni sia dallinterno che dallesterno. E dobbiamo soltanto
riceverle. Quando e ricevuta in questo modo, non e piu tanto importante che n a C
is h ish
io Kr
la conoscenza sia inconcepibile oppure no.
i o K r
d
Nello Srimad-Bhagavatam ce unenorme quantita dinformazioni sui sistemi
a a d
-R
planetari Vaikuntha che sono situati al di la delluniverso materiale. - R
RKC
Similmente, anche nella Caitanya-caritamrta ce unenorme quantita R K C
dinformazioni inconcepibili. Ogni tentativo di arrivare a queste informazioni
attraverso la conoscenza sperimentale sara un fallimento. Questa conoscenza
- -
devessere semplicemente accettata. Secondo la metodologia vedica, il sabda,
n tr ale t rale
il suono trascendentale, e considerato la prova decisiva. Il suono e molto
n
Ce Ce
importante nella comprensione dei Veda, perch, quando e puro, e C
n a n a n a
rish
considerato autorevole. Perfino nel mondo materiale cerchiamo moltissime
K Kris
h
io
informazioni che ci vengono trasmesse da migliaia di chilometri di distanza
d d io
- Ra
per telefono o per radio. Nello stesso modo, anche nella nostra vita di tutti i -R a
RKC
giorni consideriamo il suono come una prova. Anche se non possiamo vedere
da chi proviene linformazione, la consideriamo valida semplicemente sulla
RKC
base del suono. La vibrazione sonora e dunque molto importante nella
-
trasmissione della conoscenza vedica. -
nt rale rale
I Veda cinformano che oltre a questa manifestazione cosmica esistono
n t
Ce C e
innumerevoli pianeti e il cielo spirituale. Questa manifestazione materiale e C
na n a n a
K ish
considerata solo una minima parte dellintera creazione. La manifestazione
r
materiale non comprende solo questo universo, ma innumerevoli altri Kr ish
a d i o
universi, eppure tutti gli universi materiali non rappresentano che una a d i o
- R - R
R K C
frazione della creazione complessiva. La maggior parte della creazione e
R K C
situata nel cielo spirituale. Nel cielo spirituale si trovano innumerevoli pianeti,
chiamati Vaikunthaloka. Su ogni Vaikunthaloka Narayana presiede nella forma
delle Sue espansioni a quattro braccia: Sankarsana, Pradyumna, Aniruddha e
- -
n t ale
Vasudeva.
r n t r ale
Ce C e
Come abbiamo gia affermato, gli universi materiali sono manifestati dal
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a a
ntr marito e moglie si uniscono
C entSignore nella forma di Maha-Visnu. Proprio come
C
per generare dei figli, Maha-Visnu Si unisce
e con Sua moglie Maya, la natura C
na materiale. Cio e confermatoris
n a
h nella Bhagavad-gita, dove Krishna rish
anche
n a
afferma: io K i o K
Ra d Ra d
- -
RKC sarva-yonisu kaunteya
murtayah sambhavanti yah
RKC
tasam brahma mahad yonir
- aham bija-pradah pita -
n t rale n t r ale
e e
Sappi, o figlio di Kunti, che tutte le specie di vita hanno origine nella natura
na C ish n a C
materiale, e Io ne sono il padre, che da il seme (B.g., 14.4)
ish n a C
i o Kr
Posando il Suo sguardo su di lei, Visnu feconda maya, la natura materiale.
i o K r
- Rad
Questo e il metodo spirituale. Sul piano materiale siamo limitati, e possiamo
fecondare solo con una parte apposita del nostro corpo, ma il Signore - R a d
R K C R K C
Supremo, Krishna, o Maha-Visnu, puo fecondare qualsiasi parte con qualsiasi
parte. Con un semplice sguardo il Signore puo concepire innumerevoli esseri
viventi nel grembo della natura materiale. Anche la Brahma-samhita
- -
nt r ale n t r ale
conferma che il corpo spirituale del Signore Supremo e cos potente che

na Ce na Ce
qualsiasi parte del Suo corpo puo compiere le funzioni di qualsiasi altra parte.
Noi possiamo toccare solo con le mani o con la pelle, ma Krishna puo toccare n a C
is h ish
io Kr
anche con lo sguardo. Con gli occhi, noi possiamo solo vedere, e non toccare
i o K r
d
o odorare. Krishna, invece, puo odorare e anche mangiare con gli occhi.
a a d
-R
Quando offriamo il cibo a Krishna non Lo vediamo mangiare, ma a Lui per - R
RKC
mangiare basta guardare il cibo. R K C
Non possiamo nemmeno immaginare quale sia il funzionamento delle cose nel
mondo spirituale, dove tutto e spirituale. Non dobbiamo pensare che Krishna
- -
non mangi, o pensare che noi immaginiamo soltanto che Egli mangi; Krishna
n tr ale t rale
mangia davvero, ma il Suo mangiare e diverso dal nostro. Il nostro mangiare
n
Ce Ce
potra essere simile al Suo quando ci situeremo completamente al livello C
n a n a n a
rish
spirituale. A quel livello ogni parte del corpo puo agire per conto di qualsiasi
K Kris
h
altra parte. d io d io
- Ra
Per creare, Visnu non ha bisogno di nulla. Non ha bisogno della dea Laksmi -R a
RKC
per dare alla luce Brahma, perch Brahma e nato da un fiore di loto che
RKC
cresce dallombelico di Visnu. La dea Laksmi e seduta ai piedi di Visnu e Lo
serve. In questo mondo materiale per avere dei figli e necessario un rapporto
- -
sessuale, mentre nel mondo spirituale si possono avere tutti i figli che si
nt rale rale
vogliono senza doversi avvalere dellaiuto della moglie. Poich non abbiamo
n t
Ce C e
alcuna esperienza dellenergia spirituale, pensiamo che la nascita di Brahma C
na n a n a
K ish
dallombelico di Visnu sia una storia inventata. Non siamo consapevoli della
r
potenza dellenergia spirituale; essa e cos potente che puo fare qualsiasi Kr ish
a d i o
cosa. Lenergia materiale dipende da leggi particolari, mentre lenergia a d i o
- R - R
R K C
spirituale e perfettamente indipendente.
R K C
Brahma nasce dallombelico di Garbhodakasayi Visnu che e soltanto una
manifestazione parziale di Maha-Visnu. Innumerevoli universi, simili a semi, si
trovano nei pori della pelle di Maha-Visnu, e quando Egli espira, tutti si
- -
n t ale n t r ale
manifestano. Nel mondo materiale non abbiamo mai sperimentato niente di
r
Ce C e
simile, ma possiamo considerare a titolo desempio il fenomeno, naturalmente
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a a
ntr non possiamo nemmeno
entdistorto e imperfetto, del sudore. Tuttavia,
e
na C n C
immaginare la durata di un respiro diaMaha-Visnu, perch in un solo respiro
ish e poi distrutti. Brahma vive soltanto perKrish
tutti gli universi vengono prima rcreati
n a C
la durata di uno di questi K
iorespiri, e secondo la nostra misura del atempo,io
R a d d
4320000000 di anni
suoi anni. Eppure,C
sono solo dodici ore di Brahma, e Brahma vive
-lintera vita di Brahma e contenuta in un C -R
solo
cento dei
respiro di
R K R K
Maha-Visnu. Non ci e dunque possibile immaginare la potenza del respiro del
Signore Supremo. Questo Maha-Visnu e solo una manifestazione parziale di
Krishna. Krishnadasa Kaviraja Gosvami parla dunque di Sri Caitanya
- -
n rale r ale
Mahaprabhu come di Sri Krishna stesso, Dio, la Persona Suprema, e di
t n t
e e
Nityananda come di Balarama, la prima espansione di Krishna. Advaitacarya,
na C ish n a C
un altro principale discepolo di Sri Caitanya Mahaprabhu, e considerato
ish n a C
i o Kr
unespansione di Maha-Visnu. Anche Advaitacarya, quindi, e il Signore, o piu
i o K r
- Rad
precisamente, unespansione del Signore. Il termine advaita significa non-
duale, ed egli porta questo nome perch non e differente dal Signore - R a d
R K C R K C
Supremo. E chiamato anche acarya, maestro, perch ha diffuso la coscienza
di Krishna. In questa senso e proprio come Caitanya Mahaprabhu. Bench
Caitanya sia Krishna stesso, appare nella forma di devoto per insegnare agli
- -
nt r ale n t r ale
uomini il modo di amare Krishna. Similmente, Advaitacarya apparve proprio

na Ce na Ce
per distribuire la coscienza di Krishna. Per questo anche lui e il Signore che
ha preso la forma di un devoto. Krishna Si manifesta in cinque diverse n a C
is h ish
io Kr
espansioni, e Lui e tutti i Suoi compagni appaiono come devoti del Signore
i o K r
d
Supremo nella forma di Sri Krishna Caitanya, di Nityananda, di Advaitacarya,
a a d
-R
di Gadadhara, di Srivasa e di altri. In ogni caso, Caitanya Mahaprabhu e la - R
RKC
sorgente di energia per tutti i Suoi devoti. E se prendiamo rifugio in Sri
R K C
Caitanya Mahaprabhu al fine di avere successo nel compimento della
coscienza di Krishna, sicuramente faremo progressi. Una canzone devozionale
- -
di Narottama dasa Thakura afferma: Mio caro Sri Caitanya, Ti prego,
n tr ale t rale
mostrami la Tua misericordia. Nessuno e misericordioso quanto Te. La mia
n
Ce Ce
preghiera e la piu urgente perch la Tua missione consiste nel liberare le C
n a n a n a
rish
anime cadute, e non esiste persona piu caduta di me. Io Ti supplico per avere
K Kris
h
la priorita. d io d io
- Ra
Lautore della Caitanya-caritamrta, Krishnadasa Kaviraja Gosvami, era un -R a
RKC RKC
abitante di Vrindavana e un grande devoto. Aveva abitato con la sua famiglia
a Katwa, una piccola citta nella provincia di Burdwan in Bengala. Anche la sua
famiglia adorava Radha-Krishna, ma un giorno, quando nella sua famiglia
- -
sorsero delle controversie riguardo al servizio devozionale, Nityananda Prabhu
nt rale rale
apparve in sogno a Krishnadasa Kaviraja e gli consiglio di lasciare la casa e di
n t
Ce C e
andare a Vrindavana. Nonostante la sua eta molto avanzata, part quella C
na n a n a
K ish
notte stessa e si trasfer a Vrindavana. Al suo arrivo incontro alcuni tra i
r
Gosvami, i principali discepoli di Sri Caitanya Mahaprabhu. Fu a Vrindavana Kr ish
a d i o
che i devoti gli chiesero di scrivere la Caitanya-caritamrta. Bench a d i o
- R - R
R K C
cominciasse lopera a uneta molto avanzata, per la grazia di Sri Caitanya
R K C
riusc a portarla a termine. Fino a oggi questopera rimane il libro piu
autorevole sulla filosofia della vita di Sri Caitanya.
Quando Krishnadasa Kaviraja Gosvami viveva a Vrindavana, non cerano molti
- -
n t ale n t r ale
templi. A quellepoca i tre templi principali erano i templi di Madana-mohana,
r
Ce C e
di Govindaji e di Gopinatha. Come abitante di Vrindavana offr i suoi omaggi
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
a
r Divinita di questi templi e prego di poter tr a
C entalle
progresso nella vita spirituale e molto C e nottenere il favore di Dio: Il mio
lento, percio chiedo il Vostro aiuto. C
na Nella Caitanya-caritamrta lautore
n a
ishoffre dapprima i suoi omaggi a Madana-Krish n a
K r
mohana vigraha, la Divinita
a dio che puo aiutarci a progredire nella coscienza a d io di
Krishna. Nella pratica Rdella coscienza di Krishna, il nostro primo- compito
-conoscere R e
quello di cercare
RK Cdi Krishna e la nostra relazione con
RK C
Lui. Conoscere
Krishna significa conoscere s stessi, e conoscere s stessi significa conoscere
la propria relazione con Krishna. Poich questa relazione puo essere
riscoperta adorando Madana-mohana vigraha, Krishnadasa Kaviraja Gosvami
- -
n rale
volle dapprima stabilire una relazione con Lui.
t n t r ale
e e
Portato a termine questo compito, Krishnadasa comincio ad adorare la
na C ish n a C
Divinita funzionale, Govinda. Govinda abita eternamente a Vrindavana. Nel
ish n a C
i o Kr
mondo spirituale di Vrindavana le case sono fatte di pietre filosofali, le
i o K r
- Rad
mucche sono mucche surabhi e danno latte in abbondanza, e gli alberi sono
alberi dei desideri perch soddisfano ogni desiderio. A Vrindavana Krishna - R a d
R K C R K C
porta al pascolo le mucche surabhi ed e adorato da migliaia e migliaia di gopi,
di pastorelle, che sono tutte dee della fortuna. Quando Krishna discende nel
mondo materiale, questa stessa Vrindavana discende con Lui, proprio come il
- -
nt r ale n t r ale
seguito accompagna un personaggio importante. Quando Krishna discende,

na Ce na Ce
discende anche la Sua terra, percio Vrindavana non e considerata parte del
mondo materiale. Per questa ragione i devoti prendono rifugio a Vrindavana in n a C
is h ish
io Kr
India, che e considerata una replica della Vrindavana originale. Qualcuno si
i o K r
d
potrebbe lamentare che la non si vedono kalpa-vrksa, gli alberi dei desideri,
a a d
-R
ma in realta al tempo dei Gosvami essi erano presenti. Non e sufficiente - R
RKC
avvicinarsi allalbero ed esprimere una richiesta; bisogna prima diventare
R K C
devoti. I Gosvami vivevano sotto un albero per una notte soltanto, e gli alberi
soddisfacevano tutti i loro desideri. Alluomo comune tutto cio puo sembrare
- -
incredibile, ma col graduale avanzamento nel servizio di devozione sara
n tr ale t rale
possibile realizzarlo. Vrindavana puo essere realizzata cos come realmente
n
Ce Ce
dalle persone che hanno interrotto la ricerca del piacere che si puo ottenere C
n a n a n a
rish
dalla materia. Quando la mia mente si sara purificata da ogni desiderio di
K Kris
h
io
piacere materiale, in modo che io possa vedere Vrindavana? si chiede un
d d io
- Ra
grande devoto. Quanto piu diventiamo coscienti di Krishna e avanziamo, -R a
RKC RKC
tanto piu ogni cosa si rivelera a noi nella sua essenza spirituale. Cos
Krishnadasa Kaviraja Gosvami pensava che Vrindavana in India equivalesse
alla Vrindavana del cielo spirituale, e nella Caitanya-caritamrta descrive
- -
Radharani e Krishna seduti sotto un albero dei desideri, a Vrindavana, su un
nt rale rale
trono decorato di gemme preziose. La i cari amici di Krishna, i pastorelli e le
n t
Ce C e
gopi, servono Radha e Krishna cantando, danzando, offrendo noci di betel e C
na n a n a
K ish
rinfreschi, e decorando di fiori i Loro corpi divini. Ancora oggi in India la gente
r
orna il trono delle Divinita e ricrea questa scena durante il mese di luglio. Kr ish
a d i o
Generalmente in questo periodo la gente si reca a Vrindavana per offrire il a d i o
- R - R
R K C
proprio omaggio alle Divinita che sono venerate in quei templi.
R K C
Krishnadasa Kaviraja Gosvami sostiene che le Divinita di Radha e Krishna
cinsegnano ad adorare Radha e Krishna. Le Divinita di Madana-mohana ci
permettono di stabilire: Io sono il Vostro servitore eterno. Con Govinda,
- -
n t ale n t r ale
invece, si ottiene di poter accettare veramente il servizio e per questa ragione
r
Ce C e
Govinda e definito la Divinita funzionale. La Divinita di Gopinatha e Krishna
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
a
r quanto Signore e padrone delle gopi. Colesuono a
ntr del Suo flauto Egli attrasse
C entin
tutte le gopi, le pastorelle, e quando a C
esse arrivarono danzo con loro. Tutte C
na n
ishdecimo Canto dello Srimad-Bhagavatam.Krish
queste attivita sono descritte rnel
n a
o K
Queste gopi erano amiche idinfanzia io
di Krishna ed erano tutte sposate perch
a d a
in India le ragazze -siRsposano alleta di dodici anni. I ragazzi, invece,
d
sposano primaKdeiC diciotto anni, e Krishna, che allora avevaK C - R o non
quindici
si
sedici
R R
anni, non era sposato. Eppure induceva queste ragazze a uscire dalle loro
case e le invitava a danzare con Lui. Questa danza e detta rasa-lila, ed e il
piu elevato tra tutti i divertimenti di Vrindavana. Percio Krishna e detto
- -
n rale
Gopinatha, perch e lamato signore delle gopi.
t n t r ale
e e
Krishnadasa Kaviraja Gosvami implora le benedizioni di Sri Gopinatha. Che
na C ish
Gopinatha, il Signore delle gopi, vi benedica. n a C
ish n a C
i o Kr
Che voi possiate ricevere le benedizioni di Gopinatha. Lautore della Caitanya-
i o K r
- Rad
caritamrta prega che Krishna possa attrarre anche la mente dei lettori con la
Sua vibrazione trascendentale, come attrasse le gopi col dolce suono del Suo - R a d
R K C R K C
flauto. La finalita di questopera, Gli insegnamenti di Sri Caitanya, e quella di
trasmettere lessenza di tale vibrazione mediante uno studio sintetico di facile
lettura.
- -
nt r ale n t r ale
na Ce na Ce n a C
is h ish
io Kr i o K r
ad a d
-R - R
RKC R K C

- -
n tr ale n t rale
Ce Ce C
n a n a n a
K rish Kris
h
d io d io
- Ra -R a
RKC RKC
- -
nt rale n t rale
Ce C e C
na n a n a
K rish Kr ish
a d i o a d i o
- R - R
R K C R K C

- -
n t rale n t r ale
Ce C e C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

- -
n t r ale n t r ale
e e
na C ish n a C
ish n a C
K r K r
dio di o
- Ra - Ra
RKC RKC
- -
rale a l e
e n t entr
na C CAPITOLO
n a C 1 n a C
Krish K rish
dio trasmessi a Rupa Gosvamiadio
Gli insegnamenti
a
C -R C -R
RK RK
Srila Rupa Gosvami, il fratello minore di Sanatana Gosvami, si reco a
Prayaga, lodierna Allahabad, con suo fratello minore Vallabha. Quando essi
seppero che Sri Caitanya Mahaprabhu era l, si sentirono enormemente felici,
- -
nt r ale n t r ale
e andarono da Sri Caitanya proprio mentre il Signore Si stava recando a

na Ce na Ce
visitare il tempio di Bindumadhava. Il Signore camminava, cantando e
danzando, seguito da migliaia di persone. Molti piangevano, ridevano, n a C
is h ish
io Kr
danzavano o cantavano, alcuni cadevano a terra per offrire i propri omaggi al
i o K r
d
Signore, ma tutti con grande strepito cantavano il santo nome di Krishna. Si
a a d
-R
dice che Prayaga, bench situata alla confluenza del Gange con la Yamuna, - R
RKC
non sia mai stata allagata finch lapparizione di Sri Caitanya sommerse la
R K C
citta con la marea dellamore per Krishna.
I due fratelli, Rupa Gosvami e Vallabha, restando a distanza in un luogo
- -
appartato, videro la grande folla e la scena meravigliosa. Il Signore danzava,
n tr ale t rale
alzava le braccia e gridava: Haribol! Haribol! Tutti erano stupefatti nel
n
Ce Ce
vedere le attivita del Signore. Dopo aver visitato il tempio, il Signore accetto C
n a n a n a
rish
il prasada (cibo offerto alla Divinita) nella casa di un brahmana del Deccan.
K Kris
h
io
Mentre Sri Caitanya era seduto in casa di questo brahmana ricevette la visita
d d io
- Ra
dei due fratelli, Rupa e Vallabha. Mentre erano ancora lontani Rupa e Vallabha -R a
RKC RKC
si gettarono a terra per offrire i loro omaggi, e recitarono molti versi sanscriti
dalle Scritture. Vedendo dinanzi a S Rupa Gosvami che Gli offriva i suoi
omaggi, il Signore, molto soddisfatto, gli chiese di alzarsi. Lo informo allora
- -
della misericordia incondizionata che Krishna aveva fatto scendere su di lui,
nt rale rale
liberandolo dal modo di vivere proprio di un materialista che pensa solo al
n t
Ce denaro. C e C
na n a n a
K ish
Il Signore accetto i due fratelli come Suoi devoti, e cito un verso delle
r
Scritture nel quale e affermato che un brahmana, bench abbia studiato i Kr ish
a d i o
quattro Veda, puo anche non essere considerato da Lui un devoto, mentre a d i o
- R - R
R K C
Egli puo considerare puro devoto anche una persona nata in una famiglia
R K C
degradata. Poi il Signore abbraccio i due fratelli, e nella Sua misericordia
poso sulla loro testa i Suoi piedi di loto. Ricevuta questa grande benedizione,
i due fratelli cominciarono a offrire preghiere al Signore, con le quali
- -
n t ale n t r ale
affermavano che Sri Krishna Caitanya Mahaprabhu era Krishna stesso. Egli
r
Ce C e
aveva assunto la forma e la carnagione chiara di Caitanya, ed era quindi
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a a
tr era lavatara piu generoso
entconosciuto col nome di Gauranga (dorato). nEgli
e
na C n C
perch distribuiva lamore per Krishna.aSrila Rupa Gosvami aveva poi recitato
sh libro Govinda-lilamrta (1.2): n a C
un verso che fu piu tardi trovatorinel
K K rish
a dio a dio
R jnana-mattam bhuvanam dayalur
- yo -R
RK C ullaghayann apy akarot pramattam
RK C
svaprema-sampat-sudhayadbhuteham
sri-Krishna-caitanyam amum prapadye
- -
n rale r ale
Mi sottometto ai piedi di loto di Sri Krishna Caitanya Mahaprabhu, che e Dio,
t n t
e e
la Persona Suprema e piu misericordiosa, Colui che libera gli esseri immersi
na C ish n a C
nellignoranza col sublime dono dellamore per Krishna, facendoli impazzire
ish n a C
per la coscienza di Krishna.
i o Kr i o K r
- Rad
Dopo questo avvenimento il Signore fu invitato da Vallabha Bhatta sullaltra
sponda del Gange, e accetto linvito. Da quel momento dovunque il Signore - R a d
R K C R K C
andasse, Rupa Gosvami Lo seguiva, restando al Suo fianco. Poich Si sentiva
a disagio nei luoghi troppo affollati, il Signore chiese a Rupa Gosvami di
accompagnarLo sulla riva del Gange, nel luogo chiamato Dasasvamedha-
- -
nt r ale n t r ale
ghata. La, per dieci giorni, il Signore rivelo a Rupa Gosvami la verita su

na Ce na Ce
Krishna, istruendolo sui princpi del servizio devozionale e sui sentimenti
trascendentali. Parlo diffusamente di questi argomenti in modo che in futuro n a C
is h ish
io Kr
Rupa Gosvami potesse diffondere la scienza di Krishna nel suo libro, il Bhakti-
i o Kr
d
rasamrta-sindhu. Rupa Gosvami accenna a questo episodio nel primo verso
a a d
-R
del Bhakti-rasamrta-sindhu, quando parla della misericordia incondizionata - R
RKC
che il Signore fece scendere su di lui. Dio, la Persona Suprema, e pienaR K C
consapevolezza e onnipotenza e con la Sua misericordia abilita lessere
vivente a ricevere questa misericordia. Generalmente gli uomini, condizionati
- -
dalla vita materiale, si oppongono alla pratica del servizio devozionale e della
n tr ale t rale
coscienza di Krishna. In realta, non conoscendo i princpi della coscienza di
n
Ce Ce
Krishna, ignorano la propria eterna relazione con Dio, la Persona Sovrana, e C
n a n a n a
rish
lobiettivo supremo dellesistenza, che consiste nel tornare a Dio, nella nostra
K Kris
h
io
dimora originale. Lanima condizionata ignora il metodo per tornare al mondo
d d io
- Ra
spirituale, percio nella Sua misericordia incondizionata Sri Caitanya trasmise -R a
RKC RKC
a Rupa Gosvami i princpi del servizio devozionale, e piu tardi Rupa Gosvami
diffuse questa scienza del servizio devozionale per il bene dellumanita.
Nellintroduzione al Bhakti-rasamrta-sindhu (1.1.2) Srila Rupa Gosvami
-
descrive con queste parole Sri Caitanya: -
nt rale n t rale
Ce C e
hrdi yasya preranaya pravartito ham varaka-rupo pi C
na n a n a
ish
tasya hareh pada-kamalam vande caitanyadevasya
Kr Kr ish
Offro i miei rispettosi d i o
aomaggi ai piedi di loto di Dio, la Persona R ad i o
Suprema,
- R
conosciuto comeCSri Caitanyadeva, che mi ha ispirato il profondo -
K
scrivere unRlibro sul servizio devozionale. Per questa R
KC desiderio di
ragione sono ora
impegnato nella stesura di questa grande opera sulla scienza della devozione,
intitolata Bhakti-rasamrta-sindhu.
- -
n t ale n t r ale
Il Signore, Sri Caitanya Mahaprabhu, trasmise i Suoi insegnamenti a Rupa
r
Ce C e
Gosvami per dieci giorni consecutivi, esordendo cos: Mio caro Rupa, la
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a a
ntr un grande oceano, e non e
C entscienza del servizio devozionale e proprio come
possibile mostrartene la piena estensione. C e Cerchero semplicemente di C
na spiegarti la natura di questoceano
n a
ish prendendone una goccia: potrai cosKrish n a
K r
assaggiarla e capire cheiocosa sia in realta questo oceano del servizio
a d a d io
devozionale. R
- che - Resistono
Il Signore spiego
RK C in questo brahmanda, questo C
universo,
RK
innumerevoli esseri viventi, i quali, a seconda delle loro attivita interessate,
vagano da una specie di vita allaltra e da un pianeta allaltro. In questo modo
la loro prigiona nellesistenza materiale si protrae da tempo immemorabile.
- -
n rale r ale
Questi esseri individuali sono frammenti infinitesimali dello spirito supremo.
t n t
e e
Lo Srimad-Bhagavatam spiega che lanima individuale ha le dimensioni di un
na C ish n a C
decimillesimo della punta di un capello. In altre parole, e cos minuscola da
ish n a C
i o Kr
non essere visibile. Questo e confermato anche nella Svetasvatara Upanisad.
i o K r
- Rad
Nel decimo Canto dello Srimad-Bhagavatam uno dei quattro Kumara,
Sanandana, in occasione del compimento di un grande sacrificio disse le - R a d
R K C R K C
seguenti parole: O Verita Suprema! Se gli esseri individuali non fossero
scintille infinitesimali dello spirito supremo, allora ognuno di essi sarebbe
onnipervadente, e non sarebbe controllato da un potere superiore. Ma se li
- -
nt r ale n t r ale
consideriamo minuscoli frammenti del Signore Supremo, il fatto che lessere

na Ce na Ce
individuale sia controllato da unenergia, o da un potere supremo, diventa
implicito. Questa e la sua posizione costituzionale, e se rimane in questa n a C
is h ish
io Kr
posizione, puo raggiungere la piena liberta. (S.B., 10.87.30) Se qualcuno
i o K r
d
erroneamente crede che la propria posizione costituzionale equivalga a quella
a a d
-R
di Dio, la Persona Suprema, sara contaminato dalla dottrina della non- - R
RKC
dualita, e i suoi sforzi nella vita trascendentale resteranno infruttuosi.
R K C
Il Signore Caitanya sviluppo gli insegnamenti dello Srimad-Bhagavatam
spiegando che esistono due categorie di esseri individuali: gli uni sono
- -
eternamente liberati e gli altri eternamente condizionati. Gli esseri
n tr ale t rale
eternamente condizionati si dividono ulteriormente in due categorie: gli esseri
n
Ce Ce
mobili e gli esseri immobili. Quelli che non sono in grado di muoversi, come C
n a n a n a
rish
per esempio gli alberi, sono definiti immobili. Gli esseri che hanno invece la
K Kris
h
io
facolta di muoversi, come gli uccelli e i mammiferi, sono detti jangama,
d d io
- Ra
mobili. A loro volta, questi si dividono in tre categorie: quelli che possono -R a
RKC RKC
volare nel cielo, quelli che possono nuotare nellacqua e quelli che possono
camminare sulla terra. Tra i molti milioni e miliardi di esseri viventi che
abitano sulla terra, le specie di esseri umani sono poche. Nellambito di
- -
questo piccolo gruppo di esseri umani, molti sono completamente alloscuro
nt rale rale
della scienza spirituale, non sono abituati alla pulizia, e sono privi di fede
n t
Ce C e
nellesistenza di Dio, la Persona Suprema. In breve, vivono come animali. C
na n a n a
K ish
Questi individui potrebbero essere considerati non appartenenti alla societa
r
umana, ossia alla civilta. E difficile trovare tra gli esseri umani un gruppo di Kr ish
a d i o
persone che creda nelle Scritture o nellesistenza di Dio, o che, a questo a d i o
- R - R
R K C
proposito, tenga un buon comportamento. Coloro che credono nel valore di
R K C
queste cose sono detti arya, termine che indica il fatto di credere nel
progresso spirituale. Tra le persone che credono nelle Scritture e nel
progresso della civilta umana, si possono individuare due categorie di
- -
n t ale n t r ale
persone: i giusti e gli empi. Gli uomini giusti si dedicano generalmente alle
r
Ce C e
attivita interessate, il che significa che preferiscono dedicarsi ad attivita
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a a
per ottenere qualche beneficiontrpersonale, nella forma di
entvirtuose e persone impegnate in attivita
na C gratificazione dei sensi. Tra queste numerose
n a C
ish la gratificazione, solo qualcuna giunge aKrish
lodevoli e virtuose miranti a ottenere
n a C
K r
sentir parlare della Verita
a d io Assoluta. Queste persone sono definiteadjnani, io
filosofi empirici C - Run lapiccolo
filosofi, perch ricercano
solo numero ottiene veramente la
R
Verita Assoluta. Tra molte centinaia di- migliaia
C
di
liberazione.
RK RK
Liberazione significa raggiungere la conoscenza che lessere vivente non e
fatto di elementi materiali, ma e unanima spirituale, differente dalla materia.
Anche chi raggiunge soltanto la comprensione teorica di questa filosofia, puo
- -
n rale r ale
essere definito mukta, liberato, ma in realta il vero mukta, lanima liberata, e
t n t
e e
colui che comprende la propria posizione costituzionale di frammento
na C ish n a C
spirituale, eterno servitore del Signore. Quando tali anime liberate
ish n a C
i o Kr
simpegnano con fede e devozione al servizio del Signore, sono dette Krishna-
i o K r
- Rad
bhakta, persone coscienti di Krishna.
Queste persone coscienti di Krishna sono libere da ogni desiderio materiale. - R a d
R K C R K C
Coloro che si sono liberati solo teoricamente sanno soltanto che lessere
vivente non e fatto di elementi materiali; pur essendo classificati tra le anime
liberate, hanno ancora desideri personali. Il loro principale desiderio e quello
- -
nt r ale n t r ale
di diventare uno con Dio, la Persona Suprema. Generalmente queste persone

na Ce na Ce
sono molto attaccate ai rituali delle prescrizioni vediche e alle attivita
virtuose, compiute allo scopo di godere di prosperita materiale, e anche n a C
is h ish
io Kr
quando trascendono il piacere materiale, cercano di godere del mondo
i o K r
d
spirituale fondendosi nellesistenza del Signore Supremo. Alcuni di loro,
a a d
-R -
inoltre, desiderano ottenere la perfezione dei poteri mistici mediante la pratica R
RKC
dello yoga. Finch questi desideri persistono nel cuore, non e possibileR K C
comprendere la natura del puro servizio devozionale; non e possibile trovare
la pace, quando si e costantemente turbati da questi desideri. Finch esiste il
- -
desiderio di perfezione materiale, non si puo avere pace. Poich i devoti di Sri
n tr ale t rale
Krishna non hanno desideri di carattere materiale, sono le uniche persone
n
Ce Ce
serene in questo mondo. Lo conferma lo Srimad-Bhagavatam: C
n a n a n a
K rish Kris
h
a d io
muktanam api siddhanam
a d io
- R narayana-parayanah -R
RKC sudurlabhah prasantatma
kotisv api mahamune
RKC
- -
O grande saggio, tra molti milioni di persone liberate o di persone che hanno
nt rale rale
raggiunto il successo nei poteri mistici dello yoga, e molto raro trovare una
n t
Ce C e
persona veramente serena, una persona che si sia completamente dedicata a C
na n a n a
Dio, la Persona Suprema. (S.B., 6.14.5)
K rish
Il Signore continuo la Sua spiegazione affermando che tra le molte migliaia di Kr ish
a d i o
milioni di esseri viventi che vanno errando in questo mondo materiale, molto a d i o
- R - R
R K C
raro e fortunato e colui che, per la grazia di Sri Krishna e del maestro
R K C
spirituale, ottiene il seme del servizio devozionale. Gli uomini virtuosi o
religiosi sono generalmente inclini ad adorare le Divinita nei templi, e se in un
modo o nellaltro, anche senza saperlo, offrono i loro rispettosi omaggi e la
- -
n t ale n t r ale
loro adorazione a Sri Visnu e ricevono il favore di un vaisnava, un devoto del
r
Ce C e
Signore, ottengono in quellistante il beneficio di avvicinarsi a Dio, la Persona
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a a
ntrattraverso la storia del grande
C entSuprema. Cio puo essere facilmente compreso
C e
saggio Narada descritta nello Srimad-Bhagavatam. Nella sua vita precedente C
na Narada aveva avuto loccasionerdi
n a
ishservire i vaisnava, ottenendo cos il favoreKrish n a
dei devoti del Signore. Come K
io risultato, divento un grande saggio, quello ioche
a d
R Narada Muni. a d
oggi e conosciuto come
C - sono
I vaisnava, i devoti, generalmente molto compassionevoli C - Rle anime
verso
RK RK
condizionate. Anche senza ricevere il loro invito, il devoto si reca di porta in
porta per illuminare coloro che vivono nelle tenebre dellignoranza, per
tentare in vari modi dinfondere in loro la conoscenza della loro posizione
- -
n rale r ale
costituzionale di servitori di Krishna. Questi devoti hanno ricevuto dal Signore
t n t
e e
il potere speciale di diffondere tra la gente la coscienza devozionale, la
na C ish n a C
coscienza di Krishna, e sono riconosciuti come maestri spirituali autentici.
ish n a C
i o Kr
Soltanto per la misericordia di uno di questi maestri spirituali autentici lanima
i o K r
- Rad
condizionata riceve il seme del servizio devozionale. La misericordia
incondizionata di Dio, la Persona Suprema, puo essere apprezzata soltanto - R a d
R K C R K C
quando si e in contatto con un maestro spirituale autentico che puo elevare
lanima condizionata fino al piu alto livello di vita devozionale. Per questa
ragione Sri Caitanya affermo che per la misericordia del maestro spirituale si
- -
nt r ale n t r ale
puo ottenere la misericordia incondizionata del Signore, e per la misericordia

na Ce spirituale autentico. na Ce
di Dio, la Persona Suprema, si puo ottenere la misericordia del maestro
n a C
is h ish
io Kr
Cos per la misericordia del maestro spirituale e di Krishna si ottiene il seme
i o K r
d
del servizio devozionale, che deve essere piantato nel giardino del cuore,
a a d
-R
proprio come un giardiniere pianta il seme di un albero pregiato. Dopo averlo - R
RKC K C
piantato, bisogna innaffiarlo ripetendo e ascoltando il santo nome del Signore
R
Supremo, o partecipando a discussioni sulla scienza del servizio devozionale
in compagnia di puri devoti. Quando la pianta del servizio devozionale
- -
germoglia dal seme della devozione, comincia a crescere liberamente.
n tr ale t rale
Raggiunto il pieno sviluppo, supera le dimensioni stesse di questo universo,
n
Ce Ce
ed entra nellatmosfera trascendentale dove ogni cosa e permeata della C
n a n a n a
rish
radiosita del brahmajyoti. In seguito, gradualmente, raggiungera il pianeta
K Kris
h
io
conosciuto come Goloka Vrindavana, dove la pianta si rifugera ai piedi di loto
d d io
- Ra
di Krishna. Questo e il fine supremo del servizio di devozione. Raggiunta -R a
RKC RKC
questa posizione, la pianta produce i suoi frutti nella forma dellamore per
Dio. Il devoto, pero, questo giardiniere trascendentale, deve innaffiare
regolarmente la sua pianta ogni giorno mediante il canto e lascolto. Senza
- -
ascoltare e ripetere, senza innaffiare la pianta alla radice con questacqua, si
nt rale
corre il rischio che la pianta sinaridisca.
n t rale
Ce C e
Il Signore indico poi un altro pericolo, che puo presentarsi innaffiando la C
na n a n a
K ish
radice della pianta. Quando una pianta e un po cresciuta, e probabile che
r
arrivi un animale a mangiarla o a distruggerla, e quando lanimale ha distrutto Kr ish
a d i o
le foglie verdi della pianta, generalmente questa si secca. Lanimale piu a d i o
- R - R
R K C
pericoloso e considerato lelefante impazzito, perch se un elefante pazzo
R K C
entra in un giardino causa un enorme danno alle piante e agli alberi. Unoffesa
rivolta a un puro devoto del Signore e detta vaisnavaparadha, loffesa
dellelefante impazzito. Nel compimento del servizio devozionale, unoffesa
- -
n t ale n t r ale
fatta ai piedi di loto di un puro devoto puo creare la rovina. Percio bisogna
r
Ce C e
proteggere la piantina della bhakti con una recinzione adeguata: in altre
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a a
ntr bisogna stare bene attenti a
C entparole, nel compimento del servizio devozionale
C e
non commettere offese verso i puriadevoti. Se si agisce con cautela, la C
na ish n
pianticella potra svilupparsi rigogliosa. ish n a
K r K r
io che possono essere compiute contro ail dsanto
Esistono dieci offese principali
a d io
C
diffondere le glorie
-delR santo
nome: la prima consiste nel calunniare i grandi devoti che hanno- R
nome in tutto il mondo. Il santo C
nome
cercato di
di Krishna
RK RK
non e differente da Krishna, e chi sta cercando di diffondere il santo nome in
tutto il mondo e molto caro a Krishna. Krishna non tollera offese contro i Suoi
puri devoti. La seconda offesa consiste nel negare che Sri Visnu e la Verita
- -
n rale r ale
Assoluta. Non ce differenza tra il Suo nome, le Sue qualita, la Sua forma, i
t n t
e e
Suoi divertimenti e le Sue attivita, e anche chi li considera differenti
na C ish n a C
commette unoffesa. Inoltre, poich il Signore e lEssere Supremo, nessuno
ish n a C
i o Kr
puo essere considerato uguale o superiore a Lui. Per conseguenza se si pensa
i o K r
- Rad
che i nomi del Signore siano uguali a quelli di un essere celeste, si commette
unoffesa. Il Signore Supremo e gli esseri celesti non devono mai essere - R a d
R K C R K C
considerati allo stesso livello.
La terza offesa consiste nel considerare il maestro spirituale autentico come
un uomo comune. La quarta offesa consiste nellingiuriare le Scritture vediche
- -
nt r ale n t r ale
o le Scritture autorizzate, come i Purana. La quinta offesa consiste nel

na Ce na Ce
considerare esagerate le glorie del santo nome. La sesta, nellinventare teorie
distorte a proposito del santo nome. La settima offesa consiste nel n a C
is h ish
io Kr
commettere attivita illecite contando sulla potenza del canto del santo nome.
i o K r
d
Sappiamo che recitando il santo nome ci si libera dalle reazioni del peccato,
a a d
-R
ma questo non significa che possiamo agire in modo colpevole, confidando - R
RKC
nella potenza del canto del santo nome del Signore. Questa e loffesa piu
R K C
grave. Lottava offesa consiste nel credere che il canto del santo nome
equivalga alle cerimonie rituali religiose, allausterita o alla rinuncia. Il canto
- -
del santo nome non e differente da Dio, la Persona Suprema, mentre le altre
n tr ale t rale
attivita virtuose sono soltanto un mezzo per avvicinarsi a Lui, e possono
n
Ce Ce
inoltre essere compiute per ottenere qualche beneficio materiale. La nona C
n a n a n a
rish
offesa consiste nel predicare le glorie del santo nome di Dio a una persona
K Kris
h
io
priva di fede che non abbia interesse allascolto. La decima e ultima offesa
d d io
- Ra
consiste nel mantenere gli attaccamenti materiali anche dopo aver ascoltato e -R a
RKC
aver cantato i santi nomi di Dio. Il fatto e che il canto del santo nome
RKC
compiuto senza commettere offese puo permetterci di raggiungere lo stadio
liberato nel quale non si e piu schiavi di nessuna forma di attaccamento
- -
materiale. Percio, se una persona che canta il santo nome mantiene ancora
nt rale rale
attaccamenti materiali, sicuramente sta commettendo qualche offesa.
n t
Ce C e
Durante la crescita della pianta del servizio devozionale possono presentarsi C
na n a n a
K ish
anche altri fattori di disturbo. Insieme con la piantina della devozione
r
crescono anche le erbacce dei desideri materiali. Quando una persona avanza Kr ish
a d i o
nel servizio devozionale, e naturale che molte persone si presentino come a d i o
- R - R
R K C R K C
aspiranti e offrano al devoto alcuni benefici materiali. Se il devoto si lascia
attrarre dal crescente numero di discepoli e dai vantaggi materiali che gli
vengono offerti, dimenticando il dovere di un maestro spirituale autentico, la
crescita della pianta del servizio devozionale ne risultera ostacolata. Puo
- -
n t ale n t r ale
accadere che approfittando di questi vantaggi materiali egli sia attratto dal
r
Ce piacere che deriva dal benessere materiale.
C e C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a r a
C entAnche il desiderio di ottenere la liberazione e
desiderio di fare servizio deve essere C e ntconsiderato sfavorevole. Solo il
presente. E sfavorevole anche C
na trascurare le restrizioni o i divieti.
n a
ishLe proibizioni sono citate nelle ScrittureKrish n a
K r
autorizzate. Esse vietano di
a dio indulgere ai rapporti sessuali illeciti, al consumo
a dio
di sostanze inebrianti, Ral consumo di carne e al gioco dazzardo. Queste
-sta - RChi cose
sono vietate a
RK C
chi cercando di ottenere il servizio C
devozionale.
RK non
seguisse questi princpi molto seriamente potrebbe ritrovarsi ad affrontare
grandi ostacoli nel compimento del servizio devozionale.
Bisogna stare particolarmente attenti, altrimenti innaffiando la pianta del
- -
n rale r ale
servizio devozionale anche altre erbacce cresceranno, ostacolando cos il
t n t
e e
progresso del servizio devozionale. Se innaffiamo il giardino, non sara solo la
na C ish n a C
nostra pianta a crescere, ma cresceranno anche le indesiderabili erbacce. Se il
ish n a C
i o Kr
giardiniere non si accorge di questi impedimenti e non li elimina, la pianta
i o K r
- Rad
della devozione sara sopraffatta e soffochera. Se invece ci preoccuperemo di
estirpare le erbacce, la pianta della devozione - R a d
R K C R K C
crescera rigogliosa, raggiungendo la meta suprema, Goloka Vrindavana.
Quando lessere impegnato nel servizio devozionale gusta il frutto dellamore
per Dio, dimentica tutte le attivita rituali e la religiosita destinata a
- -
nt r ale n t r ale
migliorare le condizioni economiche. Allora i desideri della gratificazione dei

na Ce scompariranno. na Ce
sensi e il desiderio di diventare uno col Signore fondendosi nella Sua radiosita
n a C
is h ish
io Kr
Sono molte le fasi della conoscenza spirituale e della felicita trascendentale. A
i o K r
d
un livello si trovano il compimento dei sacrifici rituali raccomandati nei Veda,
a a d
-R -
le austerita, i doveri propri della virtu e la pratica dello yoga mistico, che R
RKC K C
portano a chi li compie diversi risultati. Si tratta pero di risultati che possono
R
attrarre col loro luccicho soltanto finch non ci si eleva al trascendentale
servizio damore offerto al Signore. Lamore di Dio dorme in ogni essere e
- -
puo essere risvegliato dal suo stato di sopore col compimento del puro
n tr ale t rale
servizio di devozione, proprio come una persona morsa da un serpente puo
n
Ce essere risvegliata con luso dellammoniaca. Ce C
n a n a n a
rish
In seguito Sri Caitanya descrisse a Rupa Gosvami il servizio devozionale e le
K Kris
h
io
sue caratteristiche. Egli spiego che nel puro servizio devozionale non puo
d d io
- Ra
essere presente altro desiderio che quello di avanzare nella coscienza di -R a
RKC RKC
Krishna. Nella coscienza di Krishna non ha significato adorare qualche essere
celeste o qualche altra forma di Krishna, n vi e spazio per indulgere alla
filosofia speculativa empirica o alle attivita interessate. Bisogna essere liberi
- -
da tutte queste contaminazioni. Bisogna accettare soltanto cio che e
nt rale rale
favorevole per tenere insieme lanima e il corpo e respingere tutto cio che
n t
Ce C e
serve ad aumentare le richieste del corpo. Bisogna accettare soltanto lo C
na n a n a
K ish
stretto necessario per il mantenimento del corpo, e riducendo al minimo le
r
esigenze fisiche, bisogna dedicarsi soprattutto a coltivare la coscienza di Kr ish
a d i o
Krishna cantando il santo nome di Dio. Puro servizio devozionale significa a d i o
- R - R
R K C R K C
impegnare tutti i nostri sensi al servizio del Signore. Attualmente i nostri sensi
sono soggetti a designazioni perch lo e il nostro corpo; per conseguenza
pensiamo che esso appartenga a una particolare societa, a una particolare
nazione o famiglia. Questa e la ragione di tutte le designazioni legate al
- -
n t ale n t r ale
corpo. Poich appartengono al corpo, che e soggetto a tante designazioni,
r
Ce C e
anche i sensi sono soggetti alle stesse designazioni. Simpegnano quindi a
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a a
ntr e in tal caso non e piu
entfavore dellafamiglia, della societa o della nazione
e
na C possibile coltivare la coscienza di Krishna.
Cio e possibile solo quando siamo
n a C I sensi devono essere purificati.
ish in grado di capire che apparteniamo aKrish n a C
K r
Krishna, che la nostra vitaioappartiene a Krishna, e che la nostra identita
a d a d io e
impegnati al K
- Rdel diSignore.
quella di eterni servitori
C
servizio C
Questo impegno e definito
- Rsaranno
Krishna: in questo modo i nostri sensi
puro servizio
R R K
devozionale.
Il puro devoto accetta il trascendentale servizio damore a Dio, la Persona
Suprema, ma rifiuta ogni forma di liberazione che miri alla propria
- -
n rale r ale
gratificazione personale. Nello Srimad-Bhagavatam (3.29.11-13) il Signore
t n t
e e
Kapiladeva spiega che non appena il puro devoto ascolta il racconto delle
na C ish n a C
glorie e delle qualita trascendentali di Dio, la Persona Suprema, che risiede
ish n a C
i o Kr
nel cuore di ogni essere, sentira che la sua mente corre verso il Signore,
i o K r
- Rad
proprio come le acque del Gange scorrono verso il mare. Questa attrazione
spontanea della mente del devoto verso il servizio offerto a Dio, la Persona - R a d
R K C R K C
Suprema, e importantissimo ai fini del puro servizio devozionale. Il servizio
devozionale e puro quando ci simpegna al servizio di Dio, la Persona
Suprema, senza alcuna motivazione personale e senza essere trattenuti da
- -
nt r ale n t r ale
ostacoli materiali. Il puro devoto non desidera vivere sullo stesso pianeta di

na Ce na Ce
Dio, la Persona Suprema, n godere delle stesse opulenze del Signore, n
avere la stessa Sua forma. Non desidera vivere accanto a Lui, e tantomeno n a C
is h ish
io Kr
desidera fondersi nellesistenza della Persona Suprema. Anche se il Signore gli
i o K r
d
offre tali ricompense, il devoto le rifiuta. Il devoto e cos assorto nel
a a d
-R
trascendentale servizio damore al Signore che non ha tempo di pensare a - R
RKC
qualche altro beneficio tranne quello di essere impegnato nel servizio. Proprio
R K C
come un ordinario uomo daffari, assorto nel suo lavoro, non pensa a
nientaltro, cos un puro devoto, impegnato nel puro servizio devozionale al
-
Signore, non pensa a nientaltro che al suo impegno. -
n tr ale t rale
Se un devoto e cos assorto nellesplicare il suo servizio significa che ha
n
Ce Ce
raggiunto la posizione piu elevata di bhakti. Soltanto con questo C
n a n a n a
rish
trascendentale servizio damore si puo superare linfluenza di maya e gustare
K Kris
h
io
il puro amore per Dio. Finch e presente il desiderio di benefici materiali o di
d d io
- Ra
liberazione, che sono definite le due streghe dellillusione, non e possibile -R a
RKC
gustare il trascendentale servizio damore offerto al Signore Supremo.
RKC
Nel servizio devozionale si distinguono tre stadi: il primo e lo stadio in cui si
comincia a coltivare, il secondo quello della realizzazione del servizio, e il
- -
terzo, lo stadio supremo, e il raggiungiaento dellamore per Dio. Esistono
nt rale rale
nove differenti metodi per coltivare il servizio devozionale: lascolto, il canto, il
n t
Ce C e
ricordo e cos via. Tutte queste pratiche sono impiegate nel primo stadio. Chi C
na n a n a
K ish
simpegna con fede e devozione nel canto e nellascolto vedra gradualmente
r
svanire le sue apprensioni materiali. Gradualmente la fede nel servizio Kr ish
a d i o
devozionale cresce, il che e indicativo del conseguimento di un livello piu a d i o
- R - R
R K C R K C
elevato di perfezione. Cos ci si stabilizza nella devozione, si sviluppa il gusto
e lattaccamento, e sopraggiunge lestasi che corrisponde allo stadio
preliminare dellamore per Dio. Il raggiungiaento dellestasi e dovuto al
compimento del servizio devozionale. Col metodo ininterrotto dellascolto e
- -
n t ale n t r ale
del canto lattaccamento diventa piu consistente e prende il nome di amore
r
Ce per Dio.
C e C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a ntr a
C entQuando si raggiunge il terzo stadio, quello dellamore
C
si possono osservare altri sviluppi, conosciuti
e trascendentale per Dio,
come affetto trascendentale, C
na emozione, estasi, e un eccezionale
n a
ish e intenso attaccamento. Le definizioniKrish n a
K r
tecniche di queste fasi sono
a d ioraga, anuraga, bhava e mahabhava. Il passaggio
a dio
C - R puo
da uno stadio allaltro
della canna daKzucchero.
essere paragonato al raddensamento
Dapprima si estrae il succo della canna C -R
da
del succo
zucchero,
R RK
che e liquido, poi questo liquido, sottoposto allevaporazione, si raddensa e
diventa melassa. Infine si rapprende in granuli e diventa zucchero, zucchero
candito e cos via. Come il succo della canna da zucchero passa da uno stadio
- -
n rale r ale
allaltro, cos lamore trascendentale per il Signore Supremo si sviluppa per
t n t
e stadi. e
na C ish n a C
Quando una persona si e situata al livello trascendentale, diventa stabile.
ish n a C
i o Kr
Finch non si arriva al livello trascendentale, la posizione non e cos sicura e il
i o K r
- Rad
pericolo di cadere e presente. Ma quando si e realmente raggiunto il livello
trascendentale, non si devono piu temere cadute. Questa fase di - R a d
R K C R K C
comprensione e definita tecnicamente sthayi-bhava. A partire dalla posizione
di sthayi-bhava si osservano ancora altri sviluppi, Essi sono: vibhava,
anubhava, sattvika e vyabhicari. Quando questi quattro ingredienti si
- -
nt r ale n t r ale
aggiungono alla stabilita della pura vita trascendentale, si verifica lo scambio

na Ce na Ce
di rasa, ossia lattivita trascendentale col Signore Supremo. Questo scambio
di relazioni damore tra lamante e lamato e chiamato generalmente Krishna- n a C
is h ish
io Kr
bhakti-rasa. Dobbiamo sapere pero che questi scambi di amore
i o K r
d
trascendentale si basano sulla stabilita della posizione di sthayi-bhava, come
a a d
-R
e gia stato spiegato. Il principio fondamentale di vibhava e sthayi-bhava, e- R
RKC K C
le altre attivita svolgono una funzione ausiliaria per lo sviluppo dellamore
R
trascendentale.
Lestasi dellamore trascendentale ha due componenti: il contesto e la causa
- -
dellemozione. Il contesto, a sua volta, si divide in due parti: il soggetto e
n tr ale t rale
loggetto. Lo scambio di servizio devozionale e il soggetto, e Krishna e
n
Ce Ce
loggetto. Le qualita trascendentali di Krishna sono la causa dellemozione. C
n a n a n a
rish
Questo significa che le qualita trascendentali di Krishna spingono il devoto a
K Kris
h
io
servirLo. I filosofi impersonalisti mayavadi affermano che la Verita Assoluta
d d io
- Ra
non e dotata di qualita specifiche, ma i filosofi vaisnava spiegano che la -R a
RKC RKC
Verita Assoluta e definita nirguna (senza qualita) solo per indicare che non
possiede qualita materiali. Le Sue qualita sono spirituali e sono cos grandi e
affascinanti che attraggono perfino le persone liberate. Questa spiegazione e
- -
contenuta nel verso atmarama dello Srimad-Bhagavatam, dove e detto che
nt rale rale
anche coloro che sono gia situati al livello della realizzazione spirituale sono
n t
Ce C e
attratti dalle qualita trascendentali di Krishna, il che significa che le qualita di C
na n a n a
K ish
Krishna non sono materiali: sono qualita pure e trascendentali.
r
A uno stadio piu elevato di estasi si possono notare le seguenti tredici Kr ish
a d i o
attivita trascendentali: 1) danzare, 2) rotolarsi a terra, 3) cantare, 4) battere a d i o
- R - R
R K C
le mani, 5) il rizzarsi dei peli sul corpo, 6) emettere suoni rombanti, 7)
R K C
sbadigliare, 8) respirare con difficolta, 9) dimenticare le convenzioni sociali,
10) eccesso di salivazione, 11) ridere, 12) sentire dolore di testa, 13) tossire.
Questi tredici sintomi non si risvegliano tutti simultaneamente, ma agiscono
- -
n t ale n t r ale
in relazione allo scambio di sentimenti trascendentali. Talvolta prevale un
r
Ce sintomo, talvolta un altro.
C e C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
a a
entIr rasa trascendentali, ntr
ossia le relazioni, si dividono
e in cinque categorie. La
na C n C
fase iniziale e detta santa-rati, ea consiste nellapprezzamento per la
ish da parte di persone che sono libereKrish
grandezza di Dio, la Persona Suprema,
n a C
K r
a dio
dalla contaminazione materiale.
a dio
Chi raggiunge questo
C - Rstadio
damore trascendentale
non e ancora veramente impegnato -nel
offerto al Signore perch questo e C
lo
R servizio
stadio della
R K R K
neutralita. Nel secondo stadio, detto dasya-rati, si apprezza la posizione di
eterna subordinazione al Signore e si considera questa dipendenza come la
misericordia incondizionata della Persona Suprema. A questo punto si
- -
n rale r ale
risveglia un affetto naturale, proprio come un figlio cresciuto comincia ad
t n t
e e
apprezzare le benedizioni del padre. A questo livello lessere individuale
na C ish n a C
desidera servire Dio, la Persona Suprema, invece di servire maya, lillusione.
ish n a C
i o Kr
Nel terzo stadio, detto sakhya-rati, si sviluppa lamore trascendentale e ci si
i o K r
- Rad
associa col Signore a un livello uguale di amore e rispetto. Nellulteriore
sviluppo di questo stadio si manifestano il comportamento scherzoso, gli - R a d
R K C R K C
scambi confidenziali con risate, e cos via. Si verificano cos gli scambi fraterni
con la Persona Suprema, e ci si libera da ogni legame. Praticamente si
dimentica la propria posizione inferiore di essere individuale, pur continuando
- -
nt r ale
a nutrire il piu profondo rispetto per la Persona Suprema.
n t r ale
na Ce na Ce
Nel quarto stadio, detto vatsalya-rati, il sentimento di amicizia fraterna
proprio dello stadio precedente si trasforma in affetto paterno o materno. A n a C
is h ish
io Kr
questo livello lessere individuale, invece di adorare il Signore, si pone come
i o K r
d
genitore, e in quanto genitore, diventa oggetto di adorazione per la Persona
a a d
-R
Suprema. In questo caso il Signore Si rimette alla misericordia del Suo puro - R
RKC
devoto e Si affida al suo controllo per essere allevato con amore. A questo
R K C
stadio il devoto ottiene di stringere il Signore fra le braccia e di baciare la Sua
testa. Nel quinto stadio, definito madhura-rati, si ha lo scambio
- -
trascendentale di amore coniugale tra lamante e lamato. A questo livello
n tr ale t rale
damore, le ragazze di Vraja e Krishna si contemplavano a vicenda in un
n
Ce Ce
sentimento di amore coniugale. A questo livello del trascendentale servizio C
n a n a n a
rish
damore ce uno scambio reciproco di sguardi, di movimenti delle
K Kris
h
io
sopracciglia, di parole dolci e sorrisi affascinanti.
d d io
- Ra
Oltre ai cinque rasa primari ne esistono altri sette secondari: il riso, la -R a
RKC RKC
meraviglia, leroismo, la compassione, la collera, lorrore e la disperazione.
Bhisma, per esempio, ebbe una relazione con Krishna come guerriero nel rasa
di cavalleria, e Hiranyakasipu sperimento uno scambio nel rasa dellorrore e
- -
della devastazione. Le cinque relazioni primarie, dette rasa, rimangono
nt rale rale
costantemente nel cuore del puro devoto, mentre le altre sette, secondarie,
n t
Ce C e
talvolta appaiono e talvolta scompaiono per arricchire le relazioni e i gusti gia C
na n a n a
scompaiono. K ish
esistenti. Dopo aver contribuito alla pienezza del sentimento principale,
r Kr ish
a d i o
Esempi di santa-bhakta, ossia di devoti situati nel sentimento di neutralita, a d i o
- R - R
R K C
sono i nove yogi, chiamati Kavi, Havi, Antariksa, Prabuddha, Pippalayana,
R K C
Avirhotra, Dravida o Drumila, Camasa e Karabhajana, e i quattro Kumara, i
grandi saggi, Sanaka, Sanandana, Sanatkumara e Sanatana. Esempi di devoti
situati nel secondo stadio, il dasya-rasa, la relazione di servizio, sono
- -
n t ale n t r ale
Raktaka, Citraka e Patraka a Gokula. Tutti sono servitori di Krishna. A
r
Ce C e
Dvaraka ce Daruka, e sui pianeti Vaikuntha, Hanuman e altri ancora. Tra i
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

- -
n t r ale
devotisituati nel terzo stadio, il sentimentondi a le
tr amicizia, ci sono Sridama a
e e
na C Vrindavana, e Bhima e Arjuna a Dvaraka
Kuruksetra. Ve ne sono anche molti
n a C e sul campo di battaglia di
ishaltri. Per quanto riguarda i devoti legati aKrish n a C
K r
a d io
Krishna da un sentimento damore parentale, possiamo citare madre Yasoda
a dio e
Nanda Maharaja, lo R -R
zio e altri parenti. Tra i devoti situati nel sentimento
- piu di
amore coniugale,
RK C le grandi devote sono le ragazze di C
Vraja,
RK Vrindavana, e
le regine e le dee della fortuna a Dvaraka. Nessuno e in grado di contare tutti
i devoti situati in questo rasa.
Anche lattaccamento a Krishna puo essere diviso in due categorie: la prima
- -
n rale r ale
categoria e caratterizzata dal rispetto e dalla venerazione. In questa forma di
t n t
e e
attaccamento, manifestato a Mathura e sui pianeti Vaikuntha, si nota una
na C ish n a C
certa mancanza di liberta. In queste dimore del Signore, il sentimento del
ish n a C
i o Kr
servizio damore trascendentale e limitato. A Gokula Vrindavana, invece,
i o K r
- Rad
lamore e liberamente scambiato, e i pastorelli e le ragazze di Vrindavana,
pur sapendo che Krishna e Dio, la Persona Suprema, non mostrano per Lui - R a d
R K C R K C
grande rispetto o venerazione grazie allintimita della loro relazione con Lui.
In queste cinque relazioni trascendentali primarie talvolta il rispetto e la
venerazione sono dostacolo alla percezione della reale grandezza del Signore
- -
nt r ale n t r ale
o al servizio che Gli si offre. Nel caso dellamicizia intima e nellaffetto

na Ce na Ce
parentale, come nellamore coniugale, il rispetto e la venerazione passano in
secondo piano. Devaki e Vasudeva, per esempio, rivolsero al Signore n a C
is h ish
io Kr
preghiere piene di rispetto e venerazione, quando Egli Si manifesto come loro
i o K r
d
figlio, perch avevano capito che il Signore Supremo, Krishna, Visnu, era
a a d
-R
apparso davanti a loro nella forma del loro bambino appena nato. Lo - R
RKC
conferma lo Srimad-Bhagavatam (10.44.51): Devaki e Vasudeva, Gli rivolseroR K C
le loro preghiere, sebbene Egli fosse la, davanti a loro, come loro figlio.
Similmente, alla vista della forma universale di Krishna, Arjuna si sent tanto
- -
pieno di paura che imploro il Suo perdono per leccessiva confidenza che si
n tr ale t rale
era preso trattandoLo come un amico intimo. In questo modo Arjuna spesso
n
Ce Ce
si era comportato confidenzialmente con Krishna, e vedendo la forma C
n a n a n a
universale esclamo:
K rish Kris
h
io io
Rad matva prasabham yad uktam
- sakheti -R a d
RKC he Krishna he yadava he sakheti
ajanata mahimanam tavedam
RKC
maya pramadat pranayena vapi
- -
nt rale yac cavahasartham asatkrto si
n t rale
Ce C e
vihara-sayyasana-bhojanesu C
na n a n a
K ish
eko thavapy acyuta tat-samaksam
r
tat ksamaye tvam aham aprameyam Kr ish
a d i o a d i o
- R - R
R K C
Ignorando le Tue glorie, quante volte nel passato ti ho chiamato cos: O
R K C
Krishna, o Yadava, o amico mio. Perdonami, Ti prego, per tutto cio che ho
potuto fare per pazza o per amore. Quante volte Ti ho mancato di rispetto
quando ci divertivamo insieme, riposavamo sullo stesso letto, talvolta soli,
- -
n t ale n t r ale
talvolta davanti a numerosi amici! Ti prego, perdona le mie offese. (B.g.,
r
Ce 11.41-42)
C e C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a ntr a
C entSimilmente, mentre Krishna scherzava con Rukmini,
C
avesse intenzione di abbandonarla, e rimase
e lei temette che Krishna
cos turbata che lascio cadere il C
na n a
ish e svenne cadendo al suolo priva diKrish
ventaglio con cui Lo stava sventolando
n a
K r
a d io di Yasoda, la madre di Krishna a Vrindavana,
sensi. Diversa e la posizione
a dio
C -R
come spiega lo Srimad-Bhagavatam (10.8.45):
C -R
RK trayya copanisadbhis ca
RK
sankhya-yogais ca satvataih
- upagiyamana-mahatmyam -
n t rale harim samanyatatmajam
n t r ale
e e
na C ish n a C
La Persona di Dio, Krishna, che e adorato da tutti i Veda e le Upanisad, dal
ish n a C
i o Kr
sistema di filosofia sankhya e da tutte le Scritture autorevoli, questo Dio, la
i o K r
- Rad
Persona Suprema, era considerato da lei il suo amato bambino, nato dal suo
ventre. Lo Srimad-Bhagavatam (10.9.12) afferma ancora che madre Yasoda - R a d
R K C R K C
lego il piccolo Krishna con una corda, come se si trattasse di un comune
bambino nato dal suo ventre. Ci sono anche altri esempi in cui Krishna e
considerato una persona comune: sempre nello Srimad-Bhagavatam
- -
nt r ale n t r ale
(10.18.24) e detto che quando era sconfitto nella lotta dai Suoi amici

na Ce na Ce
pastorelli Krishna li portava sulle spalle, in particolare Sridama.
Lo Srimad-Bhagavatam (10.30.36-40) parla inoltre della relazione delle gopi n a C
is h ish
io Kr
con Sri Krishna a Vrindavana: quando Sri Krishna Se ne ando dalla danza
i o K r
d
rasa, portando via con S soltanto Srimati Radhika, lei penso che Krishna
a a d
-R
avesse lasciato tutte le altre gopi. Krishna laveva soddisfatta in quel modo - R
RKC K C
bench tutte le gopi risplendessero della stessa bellezza, e Radhika comincio
R
a pensare con orgoglio: Krishna, il Mio caro Signore, ha lasciato le bellissime
gopi ed e soddisfatto di Me soltanto. Quando furono nella foresta, disse a
- -
Krishna, Mio caro Krishna, non ce la faccio piu a muoverMi. Ora, se lo
n tr ale t rale
desideri, puoi portarMi Tu dove vuoi. A queste parole Krishna rispose: Allora
n
Ce Ce
e meglio che Tu salga sulle Mie spalle, e subito scomparve lasciando Srimati C
n a n a n a
Radhika in preda allafflizione.
K rish Kris
h
io
Quando Krishna scomparve dalla scena della danza rasa, tutte le gopi,
d d io
- Ra
pentite, cominciarono a lamentarsi dicendo: Mio caro Krishna! Siamo venute -R a
RKC RKC
qui lasciando marito, figli, parenti, fratelli e amici! Abbiamo ignorato i loro
consigli per venire da Te, e Tu sai bene qual e la ragione che ci ha condotto
qui. Tu sai che siamo state affascinate dalla dolce canzone del Tuo flauto. Ma
- -
Tu sei stato cos furbo da abbandonare ragazze e donne come noi, nel cuore
nt rale
della notte! Non e molto lusinghiero per Te!
n t rale
Ce C e
Il termine sama significa controllare la mente impedendole di distrarsi in vari C
na n a n a
K ish
modi per fissarla su Dio, la Persona Suprema. Chi riesce dunque a
r
concentrarsi su Dio, la Persona Suprema, si trova a livello di sama. A questo Kr ish
a d i o
livello il devoto comprende che Krishna e il principio fondamentale di tutto a d i o
- R - R
R K C
cio che rientra nel campo della nostra esperienza. La Bhagavad-gita (7.19)
R K C
esprime lo stesso concetto. Tale persona puo capire che Krishna e presente
in ogni cosa, e Si espande in tutta la manifestazione cosmica. Bench ogni
cosa sia soggetta al controllo del Signore Supremo, essendo Sua energia, e
- -
n t ale n t r ale
simultaneamente differente da Krishna nella Sua forma personale. Troviamo
r
Ce C e
la stessa spiegazione anche nel Bhakti-rasamrta-sindhu: chi, comprendendo
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - l e -
a
r fissa a
ntrraggiunto il livello di sama.
entcio, su Krishna la sua attenzione, ha
e
na C Secondo le parole stesse di Dio, la a
buddheh: senza elevarsi allo stadio
n C
Persona Suprema, samo mannisthata
ishdi santa-rati, nessuno puo rimanere fissoKrish n a C
K r
a dio
nella conoscenza della grandezza
a d o
di Krishna, o della diffusione delle iSue
R sono la causa di ogni manifestazione. -LoRSrimad-
differenti energie -che
C
Bhagavatam (11.19.36)
RK ci da ulteriori spiegazioni:
RKC
samo mannisthata buddher
- dama indriya-sanyamah -
n t rale titiksa duhkha-sammarso
n t r ale
e e
jihvopastha-jayo dhrtih
na C ish n a C
ish n a C
i o Kr
Lequilibrio della mente puo essere ottenuto da una persona che ha raggiunto
i o K r
- Rad
la definitiva conclusione che Dio, la Persona Suprema, e la fonte originale di
-
ogni cosa. Quando i sensi possono essere controllati, si raggiunge il livello di
R a d
R K C R K C
sama. Quando si e pronti a tollerare qualsiasi sofferenza allo scopo di
controllare i sensi e di mantenere la mente equilibrata, si ha titiksa, la
tolleranza. E quando gli impulsi della lingua e dei genitali possono essere
- -
nt r ale n t r ale
controllati, si ha dhrtih. Da dhrtih deriva dhira, che significa sereno. Un

na Ce genitali. na Ce
dhira, una persona serena, non e mai turbata dagli impulsi della lingua e dei
n a C
is h ish
io Kr
Quando una persona riesce a fissare la mente su Krishna senza deviare, ha
i o K r
d
ottenuto la posizione di stabilita detta santa-rasa. Nel santa-rasa sono
a a d
-R -
evidenti due caratteristiche: una fede incrollabile in Krishna, e la scomparsa di R
RKC
ogni desiderio materiale. Le qualita specifiche del santa-rasa (la fede R K C
incrollabile in Krishna e lassenza da ogni desiderio che non sia in relazione a
Krishna) sono fattori comuni anche agli altri rasa, proprio come la vibrazione
- -
sonora e generalmente presente in tutti gli altri elementi aria, fuoco, acqua
n tr ale t rale
e terra perch e prodotta dalletere. Similmente, queste due caratteristiche
n
Ce Ce
del santa-rasa sono presenti nelle altre relazioni trascendentali: dasya C
n a n a n a
rish
(servizio), sakhya (fraternita), vatsalya (affetto parentale) e madhura-rasa
K Kris
h
(amore coniugale). d io d io
- Ra
Quando parliamo di cio che non e Krishna, oppure quando desideriamo cio -R a
RKC
che non e collegato a Krishna, non intendiamo dire che qualcosa possa
RKC
esistere senza Krishna. In realta, non puo esistere nulla che sia non-Krishna,
perch ogni cosa e un prodotto dellenergia di Krishna. Poich Krishna non e
- -
differente dalle Sue energie, indirettamente, tutto e Krishna. Per fare un
nt rale rale
esempio possiamo dire che la coscienza e presente in tutti gli esseri viventi,
n t
Ce C e
ma e pura soltanto quando e centrata esclusivamente su Krishna, e allora e C
na n a n a
K ish
chiamata coscienza di Krishna. E la coscienza volta soltanto alla gratificazione
r
dei sensi che puo essere definita non Krishna. Allo stato contaminato, quindi, Kr ish
a d i o
subentra il concetto di non-Krishna. Allo stato puro invece non ce nientaltro a d i o
- R - R
R K C
che la coscienza di Krishna.
R K C
Linteresse attivo per Krishna la comprensione che Krishna e mio, e io sono
di Krishna, e quindi il mio compito e quello di soddisfare i sensi di Krishna
e un livello piu alto della neutralita propria del santa-rasa. Con la
- -
n t ale n t r ale
comprensione della grandezza di Krishna si puo raggiungere lo status del
r
Ce C e
santa-rasa, livello nel quale loggetto di adorazione e il Brahman impersonale
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
a a
C entoer ilauspicata
Paramatma. Questadorazione del Brahman
C e ntrimpersonale e del Paramatma
da coloro che simpegnanoanella speculazione filosofica empirica e C
na nella pratica dello yoga mistico. h n
isTuttavia, quando si avanza sulla via della rish
n a
K r K
spiritualita, nella coscienza
a d io di Krishna, si comprende che il Paramatma,
d i o
lAnima Suprema, e - Rleterno Ra a Lui.
oggetto di adorazione, e ci si sottomette
-
RKC ante jnanavan mam prapadyate (B.g.,
Bahunam janmanam
RKC7.19): Dopo
moltissime vite passate ad adorare il Brahman e il Paramatma, quando si
riconosce in Vasudeva il supremo maestro, e si accetta la posizione di eterni
servitori di Vasudeva, allora ci si eleva veramente al livello delle grandi anime
- -
n rale r ale
realizzate. Da quel momento, grazie alla profonda relazione con la Verita
t n t
e e
Suprema e Assoluta, si comincia a offrire qualche forma di trascendentale
na C ish n a C
servizio damore a Dio, la Persona Suprema, e il livello di santa-rasa, di
ish n a C
i o Kr
neutralita, si trasforma in dasya-rasa, la relazione di servizio.
i o K r
- Rad
Al livello del dasya-rasa si esprime il piu grande rispetto e la piu profonda
venerazione verso il Signore Supremo, il che significa che anche nel dasya- - R a d
R K C R K C
rasa si riconosce la grandezza del Signore Supremo. Bisogna notare che al
livello di santa-rasa lattivita spirituale di servizio non e presente, mentre il
servizio e presente nello stadio iniziale del dasya-rasa. Nel dasya-rasa sono
- -
nt r ale n t r ale
dunque presenti due qualita: la qualita del santa-rasa, piu la coscienza del

na Ce gusto trascendentale del servizio.


na Ce
Le qualita trascendentali sono certamente presenti nel santa-rasa e nel n a C
is h ish
io Kr
dasya-rasa, ma al di la di queste, esiste anche unaltra qualita,
i o K r
d
lattaccamento confidenziale, che e puro amore trascendentale. Questa
a a d
-R
fiducia nella Persona Suprema e definita tecnicamente visrambha. Al livello di- R
RKC K C
visrambha, di fraternita, non si manifestano il rispetto e la venerazione verso
R
Dio, la Persona Suprema. Cos, nella relazione trascendentale fraterna,
conosciuta come sakhya-rasa, vi sono presenti tre caratteristiche
- -
trascendentali: il senso di grandezza, il senso di servizio e quello di intimita
n tr ale t rale
non ostacolata da rispetto o venerazione. Percio il sakhya-rasa, la relazione di
n
Ce Ce
fraternita, si arricchisce di unaltra qualita trascendentale. C
n a n a n a
rish
Similmente, al livello dellaffetto paterno (vatsalya-rasa) troviamo quattro
K Kris
h
io
qualita: alle tre che abbiamo gia menzionato, si aggiunge unaltra sensazione
d d io
- Ra
del devoto, quella che il Signore Supremo dipenda dalla misericordia del Suo -R a
RKC RKC
devoto. Nella sua posizione di genitore di Dio, la Persona Suprema, talvolta il
devoto Lo rimprovera, e pensa di essere lui a mantenerLo. Questa sensazione
trascendentale di essere il sostegno di Colui che e il sostegno supremo e
- -
estremamente piacevole, sia per il devoto che per Dio, il Signore Sovrano.
nt rale rale
Il Signore raccomando a Srila Rupa Gosvami di scrivere lopera
n t
Ce C e
trascendentale intitolata Bhakti-rasamrta-sindhu, la scienza del servizio C
na n a n a
K ish
devozionale, per spiegare lessenza delle cinque relazioni trascendentali. In
r
questa grande opera e spiegato che la qualita fondamentale del santa-rasa Kr ish
a d i o
la ferma fede in Krishna si sviluppa gradualmente nella forma del dasya- a d i o
- R - R
R K C
rasa, con lo spirito di servizio, poi nel sakhya-rasa, con un sentimento di
R K C
fraternita che non si lascia intimidire, e puo svilupparsi ulteriormente fino al
livello trascendentale dellamore parentale, con la sensazione di essere il
sostegno del Signore. Tutte queste relazioni culminano al livello piu alto
- -
n t ale n t r ale
dellamore coniugale, (madhura-rasa) dove esistono simultaneamente tutte le
r
Ce differenti relazioni trascendentali.
C e C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

- -
t r ale t r ale
e n CAPITOLO e 2
n
na C i s hn a C
ish n a C
K r
Sanatana Gosvami K r
a dio di o
- R - Ra
RKC vande nantadbhutaisvaryam
sri-caitanya-mahaprabhum
RKC
nico pi yat-prasadat syad
- bhakti-sastra-pravartakah -
n t rale n t r ale
e e
Offro i miei rispettosi omaggi a Sri Caitanya Mahaprabhu. Per la Sua
na C ish n a C
misericordia anche la persona piu degradata puo trovare la via del
ish n a C
i o Kr
trascendentale servizio di devozione al Signore.
i o K r
- Rad
Dopo aver accettato lordine di rinuncia, il sannyasa, Sri Caitanya Mahaprabhu - R a d
R K C R K C
viaggio per tutta lIndia, e nel corso dei suoi viaggi Si reco a Maldah, un
distretto del Bengala, in un villaggio chiamato Ramakeli. La vivevano due
ministri del governo del Nawab Hussain Shah: Dabir Khas e Sakara Mallik, che
- -
nt r ale n t r ale
piu tardi sarebbero stati conosciuti col nome di Sanatana Gosvami e di Rupa

na Ce na Ce
Gosvami. Questi due fratelli ebbero loccasione dincontrare Sri Caitanya, e
subito dopo, ispirati da Lui, decisero di ritirarsi dal servizio che esplicavano n a C
is h ish
io Kr
nellambito del governo per unirsi al Suo movimento del sankirtana.
i o K r
d
Dopo aver preso questa decisione, si disposero a lasciare i loro impegni
a a d
-R
materiali, e incaricarono due brahmana eruditi di celebrare alcune cerimonie - R
RKC K
rituali vediche che potessero assicurare loro la liberta completa in modo da
R C
potersi dedicare al servizio devozionale a Krishna. Queste attivita
preparatorie conosciute come purascarya, constano di diverse cerimonie. Tre
- -
volte al giorno bisogna offrire rispetto e adorazione agli antenati, versare
n tr ale t rale
oblazioni nel fuoco e presentare rispettosamente del cibo a un brahmana
n
Ce Ce
erudito. Il purascarya e costituito di cinque elementi: il tempo, ladorazione, C
n a n a n a
rish
lofferta di rispetto, loblazione nel fuoco e lofferta di cibo a un brahmana,
K Kris
h
io
come e spiegato nellHari-bhakti-vilasa, il trattato piu autorevole.
d d io
- Ra
Dopo aver completato questi rituali religiosi, il fratello minore, Sakara Mallik -R a
RKC
(Rupa Gosvami), torno a casa con una ingentissima somma di denaro
guadagnata durante il suo servizio al governo. Le monete doro e dargento
RKC
che porto a casa riempivano una grossa barca. Arrivato a casa, distribu la
- -
meta di quelle ricchezze ai brahmana e ai vaisnava. Cos, per la soddisfazione
nt rale rale
di Dio, la Persona Suprema, il cinquanta per cento delle sue ricchezze fu
n t
Ce C e
offerto alle persone impegnate nel trascendentale servizio damore al Signore C
na n a n a
K ish
Supremo. I brahmana hanno il dovere di comprendere la Verita Assoluta, e
r
inoltre, quando simpegnano effettivamente nel servizio damore al Signore, Kr ish
a d i o
possono essere definiti vaisnava. Sia i brahmana che i vaisnava dovrebbero a d i o
- R - R
R K C
essere pienamente impegnati nel servizio trascendentale, e Rupa Gosvami,
R K C
nella giusta considerazione della loro importante posizione trascendentale,
affido loro il cinquanta per cento dei suoi beni. Cio che rimase fu
nuovamente diviso a meta: una parte fu distribuita ai parenti e ai familiari
- -
n t ale n t r ale
che dipendevano da lui, e laltra fu tenuta da parte per eventuali momenti di
r
Ce emergenza.
C e C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a tr a
entQuesta distribuzione dei beni e molto
enistruttiva
per tutti coloro che
na C h n C
desiderano elevarsi nella conoscenza spirituale. Generalmente, una persona
a
ish n a C
K ris
lascia ai parenti tutti i beni che ha accumulato prima di ritirarsi dalle attivita
K r
dio
familiari per progredire nella conoscenza spirituale. Possiamo invece notare
di o
Ra
qui il comportamento esemplare di Rupa Gosvami, che distribu il cinquanta
- - Ra
RKC RKC
per cento dei suoi beni per fini spirituali. Questo dovrebbe essere un esempio
per tutti noi. Quel venticinque per cento che era stato tenuto da parte per i
casi di emergenza personale fu depositato presso una solida ditta
commerciale, perch a quei tempi non esistevano banche. Altre diecimila
- -
n rale r ale
monete furono messe da parte per le spese di suo fratello maggiore,
t n t
e Sanatana Gosvami. e
na C ish n a C
In questo periodo Rupa Gosvami fu informato che Sri Caitanya Mahaprabhu Si
ish n a C
i o Kr
stava preparando a partire da Jagannatha per recarSi a Vrindavana. Rupa
i o K r
- Rad
Gosvami invio allora due messaggeri affinch sinformassero in modo piu
-
preciso sullitinerario del Signore e si preparo a partire per Mathura allo scopo
R a d
R K C R K C
dincontrare il Signore. Sembra che Rupa Gosvami avesse ottenuto il
permesso di recarsi da Sri Caitanya, a differenza di Sanatana Gosvami.
Sanatana Gosvami affido cos le responsabilita di governo ai suoi assistenti
- -
nt r ale n t r ale
piu immediati e rimase in casa a studiare lo Srimad-Bhagavatam. Egli aveva

na Ce na Ce
anche impegnato dieci o venti brahmana eruditi, e insieme con loro comincio
a studiare intensamente lo Srimad-Bhagavatam. Nel frattempo, aveva n a C
is h ish
io Kr
comunicato al Nawab di essere ammalato. Il governatore, pero, era ansioso
i o K r
d
di sentire il suo parere su alcuni affari di governo, e un giorno arrivo
a a d
-R
inaspettatamente a casa di Sanatana Gosvami. Quando il Nawab entro nella - R
RKC
sala doverano riuniti Sanatana Gosvami e i brahmana, tutti si alzarono R K C
rispettosamente per accoglierlo e gli offrirono un seggio.
Il Nawab disse: Mi hai fatto giungere la notizia che eri ammalato, ma il mio
- -
dottore, che e stato qui, ha detto che stai benissimo. Poich volevo sapere
n tr ale t rale
perch ti dai malato e non ti occupi piu del tuo servizio, sono venuto a vedere
n
Ce Ce
di persona. Francamente, sono molto turbato per il tuo comportamento. C
n a n a n a
rish
Come sai bene, io mi sono sempre affidato completamente a te e al tuo
K Kris
h
io
lavoro di responsabilita nel governo. Il fatto di poter contare su di te mi dava
d d io
- Ra
la possibilita dinteressarmi di altre cose, ma se tu non resti accanto a me, -R a
RKC RKC
tutta la tua passata dedizione andra in fumo. Quali sono ora le tue intenzioni?
Dimmelo, per favore.
A queste parole Sanatana Gosvami rispose che non era piu in grado di
- -
lavorare, e che forse il Nawab sarebbe stato cos gentile da incaricare qualcun
nt rale rale
altro del lavoro che gli era stato affidato. Il Nawab si incoller e disse: Tuo
n t
Ce C e
fratello maggiore vive come un selvaggio, e se anche tu lasci il governo, tutto C
na n a n a
K ish
sara perduto. Si diceva che il Nawab trattasse Sanatana Gosvami come un
r
fratello minore. Il Nawab era spesso impegnato in campagne militari in varie Kr ish
a d i o
parti del paese, e in battute di caccia; dipendeva quindi ampiamente da a d i o
- R - R
R K C
Sanatana Gosvami per lamministrazione dello Stato. Il Nawab aggiunse: Se
R K C
anche tu lasci il servizio al governo, come andra avanti lamministrazione?
Con gravita Sanatana Gosvami rispose: Tu sei il governatore di Gauda, e
punisci i criminali in diversi modi. Sei dunque libero di punire qualsiasi
- -
n t ale n t r ale
persona sulla base delle sue azioni. Con queste parole voleva indicare che il
r
Ce C e
capo del governo era impegnato nelluccidere animali durante le battute di
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a r a
entcaccia, e uomini per espandere il suo regno,
e ntlasciando che ognuno soffrisse
na C sulla base delle azioni compiute.
n a C
ish lintento di Sanatana Gosvami. Lascio laKrish
Il Nawab era intelligente e comprese
n a C
casa e poco dopo part io K r
a d per conquistare lOrissa; ordino che Sanatana
a d io
Quando RupaK
- R venne
Gosvami fosse arrestato
C
Gosvami C
a sapere che suo fratello maggiore
- Reraritorno.
e fosse trattenuto in prigione fino al suo
stato
R RK
arrestato dal Nawab, mando a Sanatana un messaggero per informarlo che
diecimila monete erano state lasciate in custodia a un commerciante di Gauda
(Bengala), e che se ne poteva servire per fuggire dalla prigione del Nawab.
- -
n rale r ale
Sanatana offr cinquemila monete al guardiano della prigione in cui si trovava.
t n t
e e
Gli consiglio di accettare tranquillamente le cinquemila monete e di lasciarlo
na C ish n a C
andare, perch accettando quel denaro avrebbe ottenuto un beneficio
ish n a C
i o Kr
materiale e nello stesso tempo avrebbe agito in modo virtuoso, permettendo
i o K r
- Rad
a Sanatana di dedicarsi liberamente alla vita spirituale.
Il guardiano rispose: Ti lascero andare certamente perch tu mi hai aiutato - R a d
R K C R K C
molte volte e sei un uomo del governo, ma temo il Nawab. Cosa fara quando
verra a sapere che sei fuggito? Dovro dare una spiegazione. Come posso
accettare la tua proposta? Sanatana gli sugger una storia sulla sua fuga da
- -
nt r ale n t r ale
raccontare al Nawab e poi alzo la sua offerta a diecimila monete. Allora il

na Ce na Ce
guardiano accetto e lo lascio andare, perch era molto ansioso di mettere le
mani su quel denaro. Nel frattempo, Rupa Gosvami insieme col fratello n a C
is h ish
io Kr
minore, Sri Vallabha, era partito alla volta di Vrindavana per incontrare
i o K r
Caitanya Mahaprabhu. ad a d
-R
Cos Sanatana part per andare da Sri Caitanya Mahaprabhu, ma invece di - R
RKC
prendere la strada pubblica passo attraverso la giungla finch giunse a R K C
Patada, nel Bihar, dove si fermo in una locanda. Il proprietario della locanda
era stato informato da un astrologo, suo dipendente, che Sanatana Gosvami
- -
aveva con s delle monete doro e decise di portargliele via. Percio si rivolse a
n tr ale t rale
lui ostentando un falso rispetto: Stanotte pensate solo a riposarvi, e domani
n
Ce Ce
mattina provvedero io a farvi uscire da questa giungla pericolosa. Sanatana, C
n a n a n a
rish
pero, sinsospett e chiese al servitore che lo accompagnava, Isana, se avesse
K Kris
h
con s del denaro. d io d io
- Ra
Isana gli disse che aveva portato sette monete doro. Sanatana, per nulla -R a
RKC RKC
soddisfatto allidea che il suo servitore portasse con s tanto denaro, lo
rimprovero: Perch porti in viaggio con noi questo presagio di morte?
Immediatamente Sanatana prese le sette monete doro e ando a offrirle al
- -
locandiere, poi gli chiese di aiutarlo a uscire dalla giungla. Gli disse che stava
nt rale rale
facendo un viaggio speciale per il governo e non poteva farsi vedere sulla
n t
Ce C e
pubblica via, percio gli sarebbe stato molto riconoscente se lavesse aiutato C
na n a n a
K ish
ad attraversare la giungla e le montagne. Il proprietario della locanda
r
confesso: Sapevo che portavi con te otto monete doro, e stavo pensando di Kr ish
a d i o
ucciderti per rubartele. Ma vedo che tu sei una brava persona, percio non ce a d i o
- R - R
R K C
bisogno che tu mi offra il tuo denaro.
R K C
Sanatana rispose: Se tu non accetti questo denaro, qualcun altro me lo
rubera. Potrei essere ucciso da qualche brigante, percio e meglio che lo
prendi tu. Te lo offro spontaneamente. Allora il locandiere gli assicuro ogni
- -
n t ale n t r ale
assistenza, e quella notte stessa gli fece attraversare le colline.
r
Ce C e
Quando Sanatana ebbe superato le colline chiese al suo servitore di
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a a
ntrancora con s, perch aveva
enttornarsene a casa con la moneta che aveva
e
na C deciso che avrebbe proseguito da solo.
Sanatana si sent completamente
n a C Dopo la partenza del servitore,
ishlibero. Con gli abiti laceri e portando unaKrish n a C
K r
a dio
brocca per lacqua, sincammino per raggiungere Sri Caitanya Mahaprabhu.
a d io
che gli offr unaC - Ril suocoperta,
Sulla strada incontro
bellissima
ricco cognato, anchegli al servizio del
insistendo perch C
Sanatana
- Rgoverno,
laccettasse.
RK RK
Poi essi si separarono, e Sanatana riprese il viaggio per incontrare Caitanya
Mahaprabhu che Si trovava a Benares.
Giunse infine a Benares e fu molto felice di sapere che il Signore era l. Si
- -
n rale r ale
diresse verso la casa di Candrasekhara Acarya perch aveva saputo dalla
t n t
e e
gente del luogo che Sri Caitanya Mahaprabhu Si trovava la. Caitanya
na C ish n a C
Mahaprabhu, che era in casa, cap che Sanatana Gosvami era arrivato alla
ish n a C
i o Kr
porta; chiese a Candrasekhara di andare a chiamare luomo che stava seduto
i o K r
- Rad
davanti alla sua porta e aggiunse: E un vaisnava, un grande devoto del
Signore. Candrasekhara usc, ma non vide nessun vaisnava. Alla porta cera - R a d
R K C R K C
soltanto un uomo che sembrava un mendicante. Allora il Signore disse che
voleva vedere quel mendicante. Quando Sanatana entro nel cortile della
casa, Sri Caitanya Si precipito ad accoglierlo e lo abbraccio. Tra le braccia del
- -
nt r ale n t r ale
Signore Sanatana si sent travolgere dallestasi spirituale, e comincio a dire:

na Ce abbracciarsi, na Ce
Mio caro Signore, Ti prego, non toccarmi. Ma entrambi continuavano ad
e cominciarono a piangere. Candrasekhara vide il n a C
is h ish
io Kr
comportamento di Sanatana e di Sri Caitanya e ne rimase meravigliato. Infine
i o K r
d
Sri Caitanya chiese a Sanatana di sedersi su una panca con Lui. Mentre
a a d
-R
Caitanya accarezzava Sanatana con la mano, Sanatana Gli ripet: Mio caro - R
RKC K
Signore, per favore, non toccarmi. Il Signore rispose: Voglio toccarti solo
R C
per purificare Me stesso, perch tu sei un grande devoto. Col tuo servizio
devozionale, puoi liberare luniverso intero e farlo tornare a Dio, nella nostra
-
dimora originale. -
n tr ale t rale
Poi il Signore cito un bellissimo verso dello Srimad-Bhagavatam nel quale e
n
Ce Ce
detto che una persona devota di Sri Krishna, e pienamente impegnata nel C
n a n a n a
rish
servizio devozionale, e molto superiore a un brahmana che conosce
K Kris
h
io
perfettamente tutte le Scritture vediche, ma non e impegnato nel servizio di
d d io
- Ra
devozione al Signore. Il devoto puo purificare ogni cosa e ogni luogo, perch -R a
RKC
porta nel cuore il Signore Supremo.
Le Scritture vediche affermano inoltre che Dio, la Persona Suprema, non
RKC
riconosce neppure una persona molto esperta in tutte le parti dei Veda, ma e
- -
attratto dal Suo devoto, anche se e nato in una famiglia degradata. Se si
nt rale rale
offrono doni a un brahmana non-devoto, il Signore non accetta tali doni, ma
n t
Ce C e
se si offrono a un devoto, il Signore li accettera. In altre parole, tutto cio che C
na n a n a
K ish
si desidera offrire al Signore puo essere dato ai Suoi devoti. Caitanya
r
Mahaprabhu cito anche un altro verso dello Srimad-Bhagavatam, nel quale e Kr ish
a d i o
affermato che un brahmana di famiglia nobile, che pure possieda tutte le a d i o
- R - R
R K C R K C
dodici qualita braminiche, e inferiore alla persona piu degradata, se non e
devoto del Signore. Un devoto, invece, anche se nato in una famiglia di
mangiatori di cani (candala), puo purificare tutta la sua famiglia per cento
generazioni passate e future grazie al suo servizio devozionale, mentre un
- -
n t ale n t r ale
brahmana orgoglioso non e in grado neppure di purificare s stesso. LHari-
r
Ce bhakti-sudhodaya (13.2) afferma:
C e C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

- -
n t r ale n t r ale
e e
na C ish n C
aksnoh phalam tvadrsa-darsanam hi
a
tanoh phalam tvadrsa-gatrasangah ish n a C
K r K r
dio
jihva-phalam tvadrsa-kirtanam hi
di o
- Ra sudurlabha bhagavata hi loke - Ra
RKC
O devoto del Signore, vederti e la perfezione degli occhi, toccarti e la
RKC
perfezione delle attivita del corpo, e glorificare le tue qualita e la perfezione
della lingua, perch e molto raro trovare un puro devoto come te.
- -
n rale r ale
Il Signore disse poi a Sanatana Gosvami che Krishna e molto misericordioso,
t n t
e e
ed e il liberatore delle anime cadute: Krishna ti ha salvato dal Maharaurava,
na C ish n a C
Egli disse. Questo Maharaurava, descritto nello Srimad-Bhagavatam, e un
ish n a C
i o Kr
inferno destinato a coloro che sono impegnati nelluccisione di animali. Lo
i o K r
- Rad
Srimad-Bhagavatam afferma che questo inferno e destinato ai macellai e a
coloro che mangiano carne. Sanatana rispose: Io non conosco la misericordia - R a d
R K C R K C
di Krishna, ma vedo la Tua misericordia incondizionata verso di me. Tu mi hai
liberato dai legami della vita materiale.
Poi il Signore chiese: Come sei riuscito a sfuggire alla prigione? Mi era stato
- -
nt r ale n t r ale
detto che eri stato arrestato. Sanatana allora racconto tutta la storia della

na Ce consigliato loro di andare a Vrindavana. na Ce


sua liberazione e Sri Caitanya lo informo: Ho visto i tuoi due fratelli, e ho
n a C
is h ish
io Kr
A questo punto Sri Caitanya presento a Sanatana Candrasekhara e Tapana
i o K r
d
Misra, il quale gentilmente lo invito a pranzo. Il Signore chiese a
a a d
-R
Candrasekhara di portare Sanatana da un barbiere per fargli riprendere - R
RKC
laspetto di un gentiluomo. Sanatana aveva infatti la barba lunga, cosa che R K C
non era gradita a Sri Caitanya Mahaprabhu. Chiese dunque a Candrasekhara
di portare Sanatana a fare un bagno, di farlo radere e di procurargli altri abiti.
-
Dopo il bagno Sanatana ricevette da Candrasekhara dei buoni abiti. Quando-
n tr ale t rale
Sri Caitanya seppe che Sanatana non aveva accettato abiti nuovi e aveva
n
Ce Ce
preso soltanto alcuni abiti usati di Tapana Misra, ne fu molto contento. Il C
n a n a n a
rish
Signore ando a pranzo da Tapana Misra e gli chiese di tenere da parte del
K Kris
h
io
cibo per Sanatana. Tapana Misra, pero, non gli porto subito il pranzo, ma
d d io
- Ra
aspetto che il Signore avesse finito di mangiare per offrire a Sanatana gli -R a
RKC
avanzi del cibo del Signore, mentre il Signore andava a riposare.
Dopo aver riposato, Sri Caitanya presento a Sanatana un brahmana del
RKC
Maharastra, Suo devoto, che invito Sanatana a pranzo ogni giorno a casa
-
sua, per tutto il tempo che sarebbe rimasto a Benares. -
nt rale rale
Per tutto il tempo che restero a Benares andro a chiedere lelemosina di
n t
Ce C e
porta in porta, Sanatana rispose, Ma il Signore, nella Sua bonta, accettera C
na n a n a
ogni giorno questo tuo invito a pranzo.
K rish
Sri Caitanya fu enormemente soddisfatto del comportamento di Sanatana, ma Kr ish
a d i o
aveva notato la ricca coperta che Sanatana aveva ricevuto da suo cognato a d i o
- R - R
R K C
sulla strada per Benares. Anche se Sri Caitanya Mahaprabhu non gli aveva
R K C
accennato alla coperta, Sanatana cap che il Signore non approvava che egli
indossasse un indumento cos prezioso, e decise di liberarsene. Ando subito
sulla riva del Gange, e la vide un mendicante che aveva appena lavato una
- -
n t ale n t r ale
sua vecchia e logora trapunta. Quando gli chiese se voleva scambiare la sua
r
Ce C e
vecchia trapunta con la sua coperta, il povero mendicante penso che
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a ntr a
entSanatana si stesse burlando di lui e lo rimprovero:
e Perch fai cos? Tu mi
na C sembri una persona per bene, eppure a
modo. ish n C
ti stai prendendo gioco di me in questo
ish n a C
K r K r
Non mi sto burlando di te
a dio gli disse Sanatana, sono molto serio. Vuoi a dioper
favore scambiare la
scambio la sua C -Rtua vecchia coperta con questa? Fu cos che
coperta con quella del mendicante e torno dal C - RSanatana
Signore.
RK RK
Dove finita la tua bella coperta? volle sapere il Signore, e Sanatana Gli
racconto come avesse scambiato la costosa coperta con quella vecchia, sulla
riva del Gange. Il Signore sent di amarlo ancora di piu per questo e lo
- -
n rale r ale
ringrazio: Tu sei molto intelligente, e ora hai rinunciato completamente
t n t
e e
allattrazione per la ricchezza materiale. In altre parole, il Signore accetta nel
na C ish n a C
Suo servizio devozionale una persona soltanto quando e completamente
ish n a C
i o Kr
libera da ogni possedimento materiale. Il Signore disse a Sanatana: Non
i o K r
- Rad
sarebbe stato un bellesempio diventare un mendicante e chiedere lelemosina
di porta in porta indossando una coperta cos bella: e una contraddizione, e - R a d
R K C R K C
la gente ne sarebbe rimasta turbata. Sanatana rispose al Signore: Tutto cio
che faccio per liberarmi dallattaccamento materiale e dovuto alla Tua
misericordia. Il Signore fu molto soddisfatto di lui, e insieme parlarono
- -
nt r ale
dellavanzamento spirituale.
n t r ale
na Ce na Ce
Prima dincontrare Sanatana, Sri Caitanya aveva incontrato un Suo devoto
sposato, Ramananda Raya. Durante questo incontro, riportato in un altro n a C
is h ish
io Kr
capitolo, Sri Caitanya aveva fatto alcune domande a Ramananda Raya, e
i o K r
d
Ramananda aveva risposto come se fosse il maestro del Signore. Tuttavia, in
a a d
-R
questo caso e Sanatana a fare le domande, e il Signore risponde. - R
RKC
Gli insegnamenti di Sri Caitanya sono molto importanti per la gente in R K C
generale. Egli insegna il metodo del servizio devozionale, che e la posizione
costituzionale di ogni essere vivente: ogni uomo ha infatti il dovere di
- -
avanzare nella scienza spirituale. Molti argomenti furono discussi estesamente
n tr ale t rale
nel corso della conversazione tra Sri Caitanya e Sanatana Gosvami. Per la
n
Ce Ce
misericordia di Sri Caitanya, Sanatana pot farGli delle domande importanti C
n a n a n a
che ebbero risposte adeguate.
K rish Kris
h
io
Lincontro di Sanatana con Sri Caitanya ci insegna che per comprendere gli
d d io
- Ra
argomenti spirituali bisogna avvicinare un maestro spirituale come Sri -R a
RKC
Caitanya Mahaprabhu e presentare le proprie domande con sottomissione. Lo
RKC
confermano anche gli insegnamenti della Bhagavad-gita (4.34): e necessario
avvicinare un uomo autorevole, e apprendere da lui la scienza spirituale.
- -
nt rale n t rale
Ce C e C
na n a n a
K rish Kr ish
a d i o a d i o
- R - R
R K C R K C

- -
n t rale n t r ale
Ce C e C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

- -
r ale a le
e n t CAPITOLO entr3
na C ish n a C
ish n a C
Gli insegnamenti K r K r
a d io trasmessi a Sanatana Gosvami a dio
C
Dagli insegnamenti
- diR Sri Caitanya a Sanatana Gosvami possiamo
C - Rcapire la
RK RK
scienza di Dio che riguarda la Sua forma trascendentale, le Sue opulenze e il
Suo servizio devozionale, perch il Signore stesso spiego tutto cio a
Sanatana Gosvami. Sanatana Gosvami si getto dunque ai piedi del Signore, e
- -
n rale r ale
molto umilmente Gli chiese di parlargli della sua identita. Sono nato in una
t n t
e e
famiglia degradata, disse Sanatana. Tutte le persone che ho frequentato
na C ish n a C
sono abominevoli, e io sono il piu caduto e miserabile tra gli esseri umani.
ish n a C
i o Kr
Soffrivo nel pozzo oscuro del piacere materiale, e non ho mai saputo quale
i o K r
- Rad
fosse il vero scopo della vita. In verita, non so neppure che cosa sia bene per
me. Bench il mondo mi conosca come un uomo di grande cultura, in realta - R a d
R K C R K C
sono sciocco a tal punto da considerarmi io stesso un erudito. Tu mi hai
accettato come Tuo servitore e mi hai liberato dai legami della vita materiale.
Ora che sono stato liberato, Ti prego, dimmi qual e il mio dovere.
- -
nt r ale n t r ale
Dallargomento introdotto qui da Sanatana Gosvami possiamo capire che la

na Ce na Ce
liberazione non e la perfezione piu alta. Allo stato liberato ci devessere
attivita. Sanatana afferma chiaramente: Tu mi hai salvato dai legami n a C
is h ish
io Kr
dellesistenza materiale. Ora, dopo la liberazione, qual e il mio dovere?
i o K r
d
Sanatana chiese ancora: Chi sono? Perch sono perseguitato dalle tre forme
a a d
-R
di sofferenza? E infine, come potro essere liberato da questi legami materiali?- R
RKC
Io non sono capace di farTi domande sullavanzamento nella vita spirituale,
R K C
ma Ti prego, nella Tua misericordia, spiegami tutto cio che devo sapere.
Questo e il modo in cui il discepolo deve accettare il maestro spirituale: si
- -
deve avvicinare un maestro spirituale, sottomettersi umilmente a lui, e fargli
n tr ale
domande che riguardino il progresso spirituale. n t rale
Ce Ce
Il Signore fu soddisfatto del comportamento umile di Sanatana e rispose: Tu C
n a n a n a
rish
sei gia stato benedetto da Sri Krishna, percio sai ogni cosa e sei gia libero
K Kris
h
io
da tutte le sofferenze dellesistenza materiale. Il Signore preciso inoltre che
d d io
- Ra
trovandosi ora in coscienza di Krishna, Sanatana Gosvami era naturalmente, -R a
RKC RKC
per grazia di Krishna, gia esperto in tutto. Poich sei un devoto umile,
continuo il Signore, Mi stai chiedendo di confermare cio che hai gia
compreso. Cio che fai e molto bello. Queste sono le caratteristiche di un
-
vero devoto. Nel Narada-bhakti-sutra e affermato che una persona -
nt rale rale
seriamente desiderosa di sviluppare la propria coscienza di Krishna, per la
n t
Ce C e
Sua grazia, vedra molto presto soddisfatto il desiderio di comprendere C
na n a n a
Krishna.
K rish
Tu sei una persona adatta a proteggere il servizio devozionale al Signore, Kr ish
a d i o
continuo Sri Caitanya Mahaprabhu. Percio e Mio dovere insegnarti la a d i o
- R - R
R K C
scienza di Dio, e ti spieghero tutto, punto per punto.
R K C
E dovere del discepolo avvicinare un maestro spirituale e informarsi sulla
propria posizione costituzionale. Seguendo questo metodo spirituale,
Sanatana aveva gia chiesto: Chi sono io, e perch subisco le tre forme di
- -
n t ale n t r ale
sofferenza? Le tre forme di sofferenza sono dette adhyatmika, adhibhautika
r
Ce C e
e adhidaivika. Il termine adhyatmika si riferisce alle sofferenze causate dal
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a a
ntr soffre fisicamente, e talvolta
C entcorpo e dalla mente: talvolta lessere individuale
e mentalmente disturbato. Queste a C e
due forme di sofferenza sono dette C
na adhyatmika. Noi sperimentiamo h n
isqueste sofferenze perfino nel grembo di rish
n a
K r K
d o
nostra madre. Come ben isappiamo, sono molte le forme di sofferenza io
d che
Ra del nostro corpo e ci danno dolore. Le- sofferenze
approfittano della fragilita
- Ra
RKCesseri individuali sono dette adhibhautika.RQuesti
causate da altri KC esseri non
devono necessariamente essere grandi, perch esistono piccoli insetti, come
le pulci, che possono tormentarci anche nel letto. Ci sono altri esseri
insignificanti come gli scarafaggi che ci tormentano, oppure anche altri esseri
- -
n rale r ale
nati su pianeti diversi. Quando si parla di sofferenze dette adhidaivika ci si
t n t
e e
riferisce ai disastri naturali provocati dagli esseri celesti dei pianeti superiori.
na C ish n a C
Talvolta, per esempio, soffriamo per un freddo intenso o per un caldo torrido,
ish n a C
i o Kr
per i fulmini o per terremoti, per uragani, siccita e altre calamita naturali.
i o K r
sofferenza. - Rad
Percio, in un modo o nellaltro, siamo sempre in bala di queste tre forme di
- R a d
R K C R K C
La domanda di Sanatana era molto acuta: Qual e la posizione degli esseri
individuali? Perch devono sempre sottostare a queste tre forme di
sofferenza? Sanatana ammette la sua debolezza: bench fosse conosciuto
- -
nt r ale n t r ale
dal popolo come una persona molto colta era effettivamente un grande

na Ce na Ce
studioso di lingua sanscrita e accettasse quella designazione, non
conosceva in realta quale fosse la sua posizione costituzionale, n per quale n a C
is h ish
io Kr
ragione egli dovesse subire la sofferenza nelle sue tre forme.
i o K r
d
Avvicinare un maestro spirituale non e una moda, ma una necessita per colui
a a d
-R
che e veramente consapevole delle sofferenze materiali e che vuole - R
RKC
liberarsene. Queste persone hanno il dovere di avvicinare un maestro R K C
spirituale. Troviamo delle circostanze simili nella Bhagavad-gita. Quando
Arjuna si sent turbato dai molti problemi che riguardavano la sua
- -
partecipazione alla battaglia, accetto Krishna come suo maestro spirituale.
n tr ale t rale
Anche in quel caso vediamo il maestro spirituale supremo che istruisce Arjuna
n
Ce Ce
sulla posizione costituzionale dellessere individuale. C
n a n a n a
rish
La Bhagavad-gita ci informa che per sua natura costituzionale lessere
K Kris
h
io
individuale e unanima spirituale; non e materia. In quanto anima spirituale,
d d io
- Ra
e un frammento dellAnima Suprema, della Verita Assoluta, Dio, la Persona -R a
RKC
Sovrana. Apprendiamo inoltre che lanima spirituale ha il dovere di
sottomettersi perch solo allora potra essere felice. Linsegnamento
RKC
conclusivo della Bhagavad-gita e questo: lanima spirituale deve
- -
sottomettersi completamente allAnima Suprema, Krishna, e in quel modo
nt rale
trovera la felicita.
n t rale
Ce C e
Anche qui Sri Caitanya, rispondendo alle domande di Sanatana, espone la C
na n a n a
K ish
stessa verita. Tuttavia ce una differenza. Qui Sri Caitanya non ripete le
r
informazioni riguardanti lanima spirituale gia descritte nella Bhagavad-gita. Kr ish
a d i o
Egli inizia dal punto in cui Krishna termino i Suoi insegnamenti. Poich i a d i o
- R - R
R K C
grandi devoti riconoscono Sri Caitanya come Krishna stesso, Sri Caitanya
R K C
espone i Suoi insegnamenti a Sanatana, a partire dal punto in cui aveva
concluso gli insegnamenti dati ad Arjuna nella Bhagavad-gita.
Per tua posizione costituzionale tu sei unanima vivente pura, il Signore
- -
n t ale n t r ale
disse a Sanatana. Il tuo vero s non e costituito da questo corpo, n dalla
r
Ce C e
mente, n dallintelligenza n dal falso ego. La tua vera identita consiste
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a a
ntr Krishna. La tua posizione
C entnellessere leterno servitore del Signore Supremo,
C e
e trascendentale. Lenergia superiorea di Krishna e per natura spirituale, C
na n
ish e materiale. Poich ti trovi in unaKrish
mentre lenergia inferiore, esterna,
n a
K r
a d o
posizione intermedia tra ilenergia materiale e lenergia spirituale, la io
a d tua
posizione e definita R
- marginale. In altre parole, poich appartieni allaRpotenza
-Krishna.
RK C
marginale di Krishna, sei simultaneamente uguale e differente
RK C
da In
quanto spirito, non sei differente da Krishna, ma essendo soltanto un Suo
frammento infinitesimale, sei differente da Lui.
La simultanea unita e differenza esiste sempre nella relazione tra lessere
- -
n rale r ale
individuale e il Signore Supremo. Questo concetto di simultanea uguaglianza
t n t
e e
e differenza trova la sua spiegazione nella posizione marginale dellessere
na C ish n a C
vivente. Lessere individuale e come una particella molecolare dei raggi del
ish n a C
i o Kr
sole, mentre Krishna e paragonato al sole stesso, ardente e luminoso. Sri
i o K r
- Rad
Caitanya paragona gli esseri individuali a luminose scintille di un fuoco, e il
Signore Supremo al fuoco ardente del sole. A questo proposito, il Signore cita - R a d
R K C R K C
un verso dal Visnu Purana (1.22.52):

eka-desa-sthitasyagner
tra le - jyotsna vistarini yatha
t r ale
-
C en Cen
parasya brahmanah saktis
C
na is h na
tathedam akhilam jagat
ish n a
i o Kr i o Kr
Rad il fuoco, situato in un luogo preciso, d del
Tutto cio che e manifestato nelluniverso cosmico non e che energia
Signore Supremo.- Come - Raemana
tuttintorno R KCe calore, cos il Signore, pur trovandoSi inRK
luce
C
un luogo preciso
del mondo spirituale, manifesta in ogni luogo le Sue differenti energie. In
realta, lintera manifestazione cosmica e costituita dalla varieta di
-
manifestazioni della Sua energia. -
n tr ale t rale
Lenergia del Signore Supremo e trascendentale e spirituale, e gli esseri
n
Ce Ce
individuali sono frammenti di questa energia. Tuttavia, esiste unaltra energia, C
n a n a n a
rish
definita energia materiale, che e coperta dalle nubi dellignoranza. Questa
K Kris
h
io
energia di natura materiale si divide nei tre guna, cioe nelle tre influenze
d d io
- Ra
della natura materiale (virtu, passione e ignoranza). Citando il Visnu Purana -R a
RKC RKC
(1.3.2) Sri Caitanya spiega che tutte le potenze inconcepibili risiedono in Dio,
la Persona Suprema, e lintera manifestazione cosmica agisce grazie a questa
stessa inconcepibile energia del Signore Supremo.
- -
Il Signore spiego inoltre che gli esseri individuali sono conosciuti anche come
nt rale rale
ksetrajna, ossia i conoscitori del campo dazione. Nel tredicesimo capitolo
n t
Ce C e
della Bhagavad-gita, il corpo e definito campo dazione e lessere C
na n a n a
K ish
individuale ksetrajna, il conoscitore del campo dazione. Pur essendo per
r
natura affine allenergia spirituale, o capace di comprenderla, lessere Kr ish
a d i o
individuale e coperto dallenergia materiale e per conseguenza identifica il a d i o
- R - R
R K C R K C
corpo con il s. Questa falsa identificazione e detta falso ego. Nellesistenza
materiale, illuso da questo falso ego, lessere confuso cambia le sue differenti
forme corporee e subisce differenti specie di sofferenze. La conoscenza della
propria vera posizione e maggiore o minore in relazione alle diverse specie di
- -
n t ale
esseri viventi.
r n t r ale
Ce C e
In altre parole, e necessario capire che lessere individuale e un frammento
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a a
ntrPoich lenergia materiale e
entdellenergia spirituale del Signore Supremo.
e
na C n a C
unenergia inferiore, luomo ha la possibilita di liberarsi dallenergia materiale
ishLa Bhagavad-gita afferma che lenergiaKrish
e di utilizzare lenergia spirituale.
n a C
K r
superiore e talvolta coperta
a d io dallenergia inferiore. A causa di aquesta d io
copertura, lessere- R individuale cade vittima delle sofferenze -del R mondo
RK C
materiale, e soffre in proporzione ai diversi gradi di passione
RK eCignoranza che
lo ricoprono. Le persone che sono in qualche modo illuminate soffrono di
meno, ma in generale tutti sono soggetti alle sofferenze materiali perch sono
coperti dallenergia materiale.
- -
n rale r ale
Caitanya Mahaprabhu cito inoltre il settimo capitolo della Bhagavad-gita, nel
t n t
e e
quale e affermato che terra, acqua, fuoco, aria, etere, mente, intelligenza ed
na C ish n a C
ego si combinano tutti insieme per formare lenergia inferiore del Signore
ish n a C
i o Kr
Supremo. Lenergia superiore, invece, costituisce la vera identita dellessere
i o K r
- Rad
vivente, ed e grazie a questa energia che lintero mondo materiale funziona.
La manifestazione cosmica, costituita di elementi materiali, non ha il potere di- R a d
R K C R K C
agire se non e mossa dallenergia superiore, lessere vivente. Cos, in realta,
si puo dire che la vita condizionata dellessere individuale e dovuta alla
dimenticanza della sua relazione col Signore Supremo nellenergia superiore.
- -
nt r ale n t r ale
Quando si dimentica questa relazione si cade nella vita condizionata. Soltanto

na Ce umano puo raggiungere la liberazione. na Ce


quando recupera la sua vera identita di eterno servitore del Signore, lessere
n a C
is h ish
io Kr i o K r
ad a d
-R - R
RKC R K C

- -
n tr ale n t rale
Ce Ce C
n a n a n a
K rish Kris
h
d io d io
- Ra -R a
RKC RKC
- -
nt rale n t rale
Ce C e C
na n a n a
K rish Kr ish
a d i o a d i o
- R - R
R K C R K C

- -
n t rale n t r ale
Ce C e C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

- -
t r ale t r ale
e n CAPITOLO e 4
n
na C i s hn a C
ish n a C
r
K Il saggio K r
dio di o
- Ra - Ra
RKC
Poich nessuno puo dire quando sia cominciata la storia della prigionia
RKC
dellessere individuale nellenergia materiale, il Signore dice che essa e senza
inizio, per indicare che la vita condizionata e preesistente alla creazione:
semplicemente, diventa manifesta durante e dopo la creazione. A causa della
- -
n rale r ale
dimenticanza della propria natura, lessere individuale, pur essendo spirito,
t n t
e e
subisce ogni genere di sofferenza nel corso dellesistenza materiale.
na C ish n a C
Dobbiamo sapere che esistono anche altri esseri individuali, che non sono
ish n a C
i o Kr
prigionieri dellenergia materiale, ma abitano nel mondo spirituale. Questi
i o K r
- Rad
esseri sono detti anime liberate e simpegnano sempre nella coscienza di
Krishna, nel servizio devozionale. - R a d
R K C R K C
Tutte le attivita delle anime condizionate sono prese in considerazione: le
anime condizionate riceveranno nelle vite successive corpi materiali di diverso
livello, sulla base delle azioni compiute nel passato. Nel mondo materiale
- -
nt r ale n t r ale
lanima spirituale condizionata e soggetta a punizioni e ricompense di vario

na Ce na Ce
genere. La ricompensa per le attivita virtuose e giuste consiste nellessere
elevati ai pianeti superiori, dove si diventa uno dei molti esseri celesti, mentre n a C
is h ish
io Kr
la punizione destinata a coloro che commettono attivita abominevoli consiste
i o K r
d
nel cadere sui pianeti infernali, dove soffriranno pene piu intense di quelle
a a d
-R
sofferte nellesistenza materiale. Sri Caitanya Mahaprabhu ci da un esempio - R
RKC K
molto chiaro di tali punizioni. Un tempo i re erano soliti punire i criminali
R C
tenendoli immersi nellacqua di un fiume, li estraevano un attimo quando essi
erano sul punto di annegare e poi li ricacciavano sottacqua. La natura
- -
materiale punisce e ricompensa lessere individuale esattamente nello stesso
n tr ale
modo. n t rale
Ce Ce
Ora lo punisce sommergendolo nelle acque delle sofferenze materiali, poi lo C
n a n a n a
rish
ricompensa estraendolo dallacqua per un po di tempo. Lelevazione
K Kris
h
io
dellessere individuale ai pianeti superiori non e mai permanente: bisogna
d d io
- Ra
discendere di nuovo per subire la pena di essere immersi nellacqua. Questo -R a
RKC
accade continuamente nellesistenza materiale. Talvolta siamo elevati ai
RKC
sistemi planetari superiori, talvolta siamo gettati nelle condizioni infernali
della vita materiale.
- -
A questo proposito il Signore recita un verso dello Srimad-Bhagavatam tratto
nt rale rale
dagli insegnamenti di Narada Muni a Vasudeva, il padre di Krishna:
n t
Ce C e C
na n a n a
K rish viparyayo smrtih
bhayam dvitiyabhinivesatah
isadoapetasya
syad
Kr ish
a di
tan-mayayato budha abhajet tam a d i o
R
- bhaktyaikayesam - R
RKC C
guru-devatatma
(S.B., 11.2.37) R K
In questo verso Narada Muni riporta le parole dei nove saggi a Maharaja Nimi:
- -
n t ale n t r ale
Maya e la dimenticanza della nostra relazione eterna con Krishna. In realta,
r
Ce C e
maya significa cio che non e. Non ha vera esistenza. Credere quindi che
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a a
r il Signore Supremo e un
entlessere individuale non abbia una relazionentcon
e
na C avere con Lui alcuna relazione, rma
n C
concetto falso. Puo forse non credereaallesistenza di Dio, o pensare di non
ishsi tratta di illusione, maya. Assorto nellaKrish n a C
sua falsa concezione della K
io vita, luomo e sempre spaventato e pieno io di
a d
R una concezione della vita senza Dio e maya. a d
ansieta. In altre parole,
veramente esperto C -nelle Scritture vediche si sottomette al C - RSupremo
Signore
Chi e
RK RK
con grande devozione e Lo accetta come la destinazione suprema. Quando
lessere individuale dimentica la natura costituzionale della propria relazione
con Dio, e immediatamente sopraffatto dallenergia esterna, e questa e la
- -
n rale r ale
causa del falso ego, la falsa identificazione con il corpo materiale. In realta,
t n t
e e
lintera concezione delluniverso materiale nasce dalla falsa identificazione col
na C ish n a C
corpo, a causa dellattaccamento al corpo e ai prodotti del corpo. Per sfuggire
ish n a C
i o Kr
a questa trappola si deve soltanto compiere il proprio dovere e sottomettersi
i o K r
Krishna. - Rad
al Signore Supremo con intelligenza, con devozione e con sincera coscienza di
- R a d
R K C R K C
Lanima condizionata sillude di essere felice nel mondo materiale, ma se
ottiene la misericordia di un puro devoto e ascolta i suoi insegnamenti,
abbandona il desiderio di piacere materiale e riceve lilluminazione della
- -
nt r ale n t r ale
coscienza di Krishna. Non appena entra nella coscienza di Krishna, vede

na Ce na Ce
svanire il desiderio di piacere materiale e si libera gradualmente dai legami
materiali. Non ci puo essere tenebra dove ce la luce, e la coscienza di n a C
is h ish
io Kr
Krishna e la luce che dissipa le tenebre del piacere dei sensi materiale.
i o K r
d
Una persona cosciente di Krishna non e mai soggetta alla falsa concezione di
a a d
-R
essere uno con Dio. Sa bene che non sarebbe felice lavorando per s stessa. - R
RKC
Impegna tutte le sue energie al servizio del Signore Supremo, e cos ottiene
R K C
di liberarsi dalla trappola dellillusoria energia materiale. A questo proposito
Caitanya Mahaprabhu cita un verso dalla Bhagavad-gita (7.14):
- -
n tr ale t
daivi hy esa gunamayi
n rale
Ce mama maya C e
duratyaya C
n a a
n prapadyante
hye h n a
i
mam reva s
K etam taranti te Kris
a d iomayam
a d io
- R -R
Questa
R C
Mia Kenergia
RKC
divina, costituita dalle tre influenze della natura
materiale, e molto potente e molto difficile da superare. Ma chi si sottomette
a Me ne varca facilmente i limiti.
- -
Caitanya Mahaprabhu prosegu spiegando che lanima condizionata dimentica
nt rale rale
la propria vera identita non appena simpegna in qualche attivita interessata.
n t
Ce C e
Talvolta, quando lessere si sente affaticato ed e stanco dalle attivita C
na n a n a
K ish
materiali, desidera la liberazione e aspira a diventare uno col Signore
r
Supremo; altre volte, invece, pensa di poter raggiungere la felicita lavorando Kr ish
a d i o
duramente per la propria gratificazione dei sensi. In un caso come nellaltro, a d i o
- R - R
R K C
egli e sempre coperto dallenergia materiale. Per illuminare queste anime
R K C
condizionate e confuse, il Signore ci ha presentato le voluminose opere
vediche, come i Veda, i Purana e il Vedanta-sutra, tutti destinati a guidare
lessere umano sulla strada che riporta a Dio, nella nostra dimora originale.
- -
n t ale n t r ale
Caitanya Mahaprabhu ha lasciato ulteriori istruzioni spiegando che lanima
r
Ce C e
condizionata, accolta dalla misericordia del maestro spirituale e guidata
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a a
ntr Scritture vediche, riceve
entdallAnima Suprema, come pure dalle varie
e
na C che sente verso i Suoi devoti, Sri h n
isKrishna
C
lilluminazione e progredisce nella vitaa spirituale. Per la grande misericordia
ha presentato tutte queste Scritture rish
n a C
K r K
a d o
che ci permettono di comprendere
i a di o
la nostra relazione con Krishna e di agire
sulla base di questa- Rrelazione, col risultato di ricevere in dono -il R
traguardo
KC
supremo dellesistenza.
R R KC
In realta, ogni essere vivente e destinato a raggiungere il Signore Supremo;
a tutti e concesso di comprendere la propria relazione col Supremo. Il
compimento dei doveri prescritti per raggiungere la perfezione e conosciuto
- -
n rale r ale
come servizio devozionale. Nella sua maturita questo servizio devozionale
t n t
e e
diventa amore per Dio, il vero obiettivo della vita di ogni essere individuale. In
na C ish n a C
realta, lessere vivente non e fatto per raggiungere il successo nei riti
ish n a C
i o Kr
religiosi, nello sviluppo economico o nel piacere dei sensi. Nemmeno la
i o K r
- Rad
liberazione dovrebbe essere la vera meta degli esseri individuali, che dire
-
della religiosita, del successo economico e del piacere dei sensi. Lunico vero
R a d
R K C R K C
desiderio dellessere vivente dovrebbe essere quello di raggiungere il livello
del trascendentale servizio damore offerto al Signore. La forma infinitamente
affascinante di Krishna ci aiuta a raggiungere questo servizio trascendentale,
- -
nt r ale n t r ale
e quando si e impegnati nella coscienza di Krishna si puo comprendere la

na Ce relazione che ci lega a Krishna.


na Ce
A proposito della ricerca del fine supremo della vita, Caitanya Mahaprabhu n a C
is h ish
io Kr
racconta un aneddoto tratto dal commento di Madhva al quinto Canto dello
i o K r
d
Srimad-Bhagavatam (Madhva-bhasya, 5.5.10-13). La storia racconta che
a a d
-R
lastrologo Sarvajna aveva offerto i suoi insegnamenti a un povero che era - R
RKC
andato da lui per farsi predire il futuro. Esaminando loroscopo delluomo,
R K C
Sarvajna fu stupito di vederlo cos povero e gli disse: Ma perch sei cos
infelice? Vedo dal tuo oroscopo che possiedi un tesoro nascosto, ereditato da
- -
tuo padre. Loroscopo dice pero che tuo padre non ha potuto comunicarti il
n tr ale t rale
segreto, perch e morto in un paese straniero, ma ora tu puoi cercare il
n
Ce Ce
tesoro lasciato da tuo padre ed essere felice. Questa storia e citata per C
n a n a n a
rish
indicare che lessere individuale soffre perch non conosce il tesoro nascosto
K Kris
h
io
del suo Padre supremo, Krishna. Questo tesoro e lamore per Dio, e tutte le
d d io
- Ra
Scritture vediche consigliano allanima condizionata di cercarlo. Come e -R a
RKC
affermato nella Bhagavad-gita, lanima condizionata, pur essendo figlia
RKC
dellinfinitamente ricco Dio, la Persona Suprema non se ne rende conto.
Per questa ragione gli sono state date le Scritture vediche, al fine di aiutarla a
-
ritrovare suo Padre e la sua eredita. -
nt rale rale
Lastrologo Sarvajna consiglio ancora il povero: Non scavare a sud della tua
n t
Ce C e
casa per trovare il tesoro nascosto, altrimenti sarai attaccato da una vespa C
na n a n a
K ish
velenosa e rimarrai deluso. Dovrai cercare a oriente, dove ce la vera luce
r
il servizio devozionale, la coscienza di Krishna. A sud si trovano i rituali Kr ish
a d i o
menzionati dalle Scritture vediche, a occidente la conoscenza empirica a d i o
- R - R
R K C
speculativa, e a nord lo yoga della meditazione.
R K C
Tutti devono considerare attentamente il consiglio di Sarvajna. Chi cerca lo
scopo supremo attraverso le cerimonie rituali sara deluso. Questo metodo
comprende la celebrazione di riti sotto la guida di un sacerdote che riceve un
- -
n t ale n t r ale
compenso per il suo servizio. Luomo pensa di poter raggiungere la felicita
r
Ce C e
compiendo questi riti, ma anche se ne trae qualche guadagno, si tratta di un
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a r a
entguadagno temporaneo. Le sue sofferenzentmateriali
e continueranno. Non
na C riuscira mai quindi a essere veramente
anzi, le sue sofferenze materiali h n a Cfelice seguendo le pratiche rituali,
isaumenteranno sempre piu. Scavare a nord rish
n a C
K r K
dio
per cercare il tesoro nascosto
d i o
e unallegoria che indica la ricerca spirituale
attraverso il metodo- Ra Ra si
di meditazione yoga. Chi pratica questo - metodo
considera unoK
R C il Signore Supremo, ma il fatto di fondersi
con
R C Supremo e
Knel
per lessere individuale come essere ingoiati da un grosso serpente. Qualche
volta un grosso serpente ingoia un serpente piu piccolo, e il fondersi
nellesistenza spirituale del Supremo non e molto differente. Il serpente piu
- -
n rale r ale
piccolo che cerca la perfezione e divorato da quello piu grosso, e questa non
t n t
e e
e ovviamente una soluzione. Anche sul lato occidentale ce un ostacolo nella
na C ish n a C
forma dello yaksa, lo spirito maligno che protegge il tesoro. Il fatto e che il
ish n a C
i o Kr
tesoro nascosto non potra essere raggiunto da una persona che cerca il
i o K r
- Rad
favore dello yaksa per farselo consegnare. Il risultato sara soltanto quello di
farsi uccidere. Questo yaksa rappresenta la mente dedita alla speculazione, e - R a d
R K C R K C
in questo caso il metodo speculativo per raggiungere la realizzazione del s,
detto jnana, e un proposito suicida.
Lunica possibilita consiste dunque nel cercare il tesoro nascosto scavando sul
- -
nt r ale n t r ale
lato orientale con il metodo del servizio devozionale, in piena coscienza di

na Ce na Ce
Krishna. In verita, il metodo del servizio devozionale e leterno tesoro
nascosto, e chi lo raggiunge diventa eternamente ricco. Chi e povero di n a C
is h ish
io Kr
servizio devozionale da offrire a Krishna ha sempre bisogno di guadagni
i o K r
d
materiali. Talvolta subisce i morsi di creature velenose, talvolta resta deluso;
a a d
-R
talvolta perde la propria identita seguendo la filosofia del monismo, o viene - R
RKC K
ingoiato da un grosso serpente. Soltanto lasciando tutto questo e diventando
R C
stabile nella coscienza di Krishna, il servizio devozionale offerto al Signore, si
raggiunge la perfezione della vita.
- -
n tr ale n t rale
Ce Ce C
n a n a n a
K rish Kris
h
d io d io
- Ra -R a
RKC RKC
- -
nt rale n t rale
Ce C e C
na n a n a
K rish Kr ish
a d i o a d i o
- R - R
R K C R K C

- -
n t rale n t r ale
Ce C e C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

- -
r ale a le
e n t CAPITOLO entr5
na C i s h na C
ish n a C
Come
r
Kavvicinarsi a Dio K r
a dio di o
-R - Ra
RKC RKC
In realta, tutte le Scritture vediche guidano lessere umano verso lo stadio
perfetto della devozione. Le vie dellattivita interessata, della conoscenza
speculativa e della meditazione non portano alla perfezione, mentre col
metodo del servizio devozionale il Signore diventa veramente accessibile.
- -
n rale r ale
Percio tutte le Scritture vediche raccomandano di accettare questo metodo. A
t n t
e e
questo proposito Caitanya Mahaprabhu cita un verso dello Srimad-
na C ish n a C
Bhagavatam che fa parte delle istruzioni del Signore a Uddhava:
ish n a C
i o Kr i o K r
- Rad na sadhayati mam yogo
na sankhyam dharma uddhava - R a d
R K C R K C
na svadhyayas tapas tyago
yatha bhaktir mamorjita
- -
nt r ale n t r ale
Mio caro Uddhava, n la speculazione filosofica, n lo yoga della meditazione,

na Ce na Ce
n le austerita Mi procurano tanto piacere quanto il servizio devozionale
offerto dagli esseri individuali. (S.B., 11.14.20) Krishna e caro solo ai Suoi n a C
is h ish
io Kr
devoti e puo essere raggiunto soltanto attraverso il servizio devozionale. Se
i o K r
d
una persona di bassa nascita e un devoto, si libera da ogni contaminazione. Il
a a d
-R
servizio devozionale e lunica via che permette di raggiungere Dio, la Persona - R
RKC K
Suprema. Questa e lunica perfezione accettata da tutte le Scritture vediche.
R C
Come un povero trova la felicita appena riceve qualche tesoro, cos chi
raggiunge il servizio devozionale vede dissolversi automaticamente le
- -
sofferenze dellesistenza materiale. Via via che si progredisce nel servizio
n tr ale t rale
devozionale, si raggiunge lamore per Dio, e con lintensificarsi di questo
n
Ce Ce
amore ci si libera da ogni legame materiale. Non si deve tuttavia pensare che C
n a n a n a
rish
la scomparsa della miseria e il fatto di liberarsi dalla prigionia costituiscano i
K Kris
h
io
risultati conclusivi dellamore per Krishna. In realta, lamore per Krishna,
d d io
- Ra
lamore per Dio, consiste nel gustare lo scambio di servizio damore. In tutte -R a
RKC
le Scritture vediche e affermato che il raggiungiaento di questo scambio
damore tra il Signore Supremo e lessere individuale e la funzione del
RKC
servizio devozionale. La nostra vera funzione e il servizio devozionale, e la
- -
nostra meta suprema e lamore per Dio. In tutte le Scritture vediche Krishna
nt rale rale
e presentato come il centro supremo. Infatti, quando si conosce Krishna, tutti
n t
Ce i problemi della vita sono risolti. C e C
na n a n a
K ish
Caitanya Mahaprabhu preciso che sebbene, secondo il Padma Purana,
r
esistano differenti Scritture destinate alladorazione di differenti specie di Kr ish
a d i o
esseri celesti, tali indicazioni in realta confondono gli uomini inducendoli a a d i o
- R - R
R K C
pensare che gli esseri celesti siano supremi. Eppure, con un esame attento e
R K C
con lo studio dei Purana, si trovera che Krishna, Dio, la Persona Sovrana, e
lunico oggetto di adorazione. Il Markanoeya Purana, per esempio, parla
delladorazione di Devi, la dea Durga, detta anche Kali, ma nel medesimo
- -
n t ale n t r ale
canoika e affermato anche che tutti gli esseri celesti anche nella forma di
r
Ce C e
Durga o Kali sono soltanto differenti energie del Visnu Supremo. Lo studio
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
a
r Purana a
tr Persona Suprema, e lunico
entdei ci rivela quindi che Visnu, Dio, nla
e
na C oggetto di adorazione. Possiamo dunque
indirettamente, tutte le forme di h n a C
isadorazione
concludere che, direttamente o
ci guidano in una certa misura rish
n a C
K r K
a d o
verso ladorazione di Dio, ila Persona Suprema, Krishna. Nella Bhagavad-gita
a di o
e confermato che gli
- Radoratori degli esseri celesti stanno, in realta,
- Radorando
KCin quanto gli esseri celesti non sono altroRche
soltanto Krishna,
R KCdifferenti parti
del corpo di Visnu, Krishna. La Bhagavad-gita afferma inoltre che questa
adorazione degli esseri celesti e irregolare (B.g., 7.20-23, 9.23). Lo Srimad-
Bhagavatam conferma questa irregolarita con la seguente domanda: Qual e
- -
n rale r ale
il fine delladorazione delle differenti specie di esseri celesti? Le Scritture
t n t
e e
vediche comprendono diverse categorie di attivita rituali. Una e il karma-
na C ish n a C
kanda, che consiste nelle semplici attivita rituali, e unaltra e il jnana-kanda,
ish n a C
i o Kr
la speculazione sulla Verita Suprema e Assoluta. Qual e dunque lintento
i o K r
- Rad
delle sezioni relative alle attivita rituali nelle Scritture vediche, qual e
-
lintento dei differenti mantra, o inni, che indicano ladorazione dei differenti
R a d
R K C R K C
esseri celesti? Qual e lintento della speculazione filosofica sulla Verita
Assoluta? Lo Srimad-Bhagavatam risponde che tutti questi differenti metodi
delineati nei Veda indicano in realta ladorazione del Signore Supremo, Visnu.
- -
nt r ale n t r ale
In altre parole, sono tutti modi indiretti di adorare Dio, la Persona Suprema. I

na Ce na Ce
sacrifici contenuti nella parte di queste Scritture relativa ai rituali, mirano a
soddisfare il Signore Supremo, Visnu, perch lo yajna, il sacrificio, e n a C
is h ish
io Kr
specificamente destinato alla soddisfazione di Visnu, chiamato anche
i o K r
d
Yajnesvara, il Signore dei sacrifici.
a a d
-R -
Poich i neofiti non si trovano tutti allo stesso livello trascendentale, ricevono R
RKC K C
il consiglio di adorare differenti specie di esseri celesti sulla base della loro
R
posizione nelle diverse influenze della natura materiale, in modo che possano
elevarsi gradualmente al livello trascendentale e impegnarsi poi nel servizio di
- -
devozione a Visnu, Dio, la Persona Suprema. Alcuni neofiti, per esempio, sono
n tr ale t rale
attaccati a mangiare la carne: a loro i Purana consigliano di mangiare solo
n
Ce carne offerta alla divinita di Kali. Ce C
n a n a n a
rish
La parte filosofica degli inni vedici e destinata a permetterci di distinguere
K Kris
h
io
Dio, la Persona Suprema, da maya. Dopo aver compreso la posizione di maya
d d io
- Ra
ci si puo avvicinare a Dio, la Persona Suprema, mediante il puro servizio -R a
RKC RKC
devozionale. Questo e il vero fine della speculazione filosofica, come e
confermato nella Bhagavad-gita:

- bahunam janmanam ante -


nt rale jnanavan mam prapadyate
n t rale
Ce C
vasudevah sarvam itie C
na n a n a
K ish
sa mahatma sudurlabhah
r
(B.g., 7.19) Kr ish
a d i o a d i o
- R - R
R K C
Dopo numerose nascite e morti, colui che ha la vera conoscenza si
R K C
sottomette a Me sapendo che Io sono la causa di tutte le cause e tutto cio
che esiste. Unanima cos grande e molto rara.
Possiamo vedere dunque che tutti i riti vedici e le diverse forme di adorazione
- -
n t ale n t r ale
o di speculazione filosofica sono in definitiva dirette verso Krishna.
r
Ce C e
In seguito Caitanya Mahaprabhu parlo a Sanatana Gosvami delle molteplici
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a r a
C entforme di Krishna e delle Sue infinite opulenze.
C
manifestazione spirituale, della manifestazione
e ntDescrisse anche la natura della
materiale e degli esseri C
na viventi. Spiego inoltre a Sanatana
n a
ishGosvami che i pianeti Vaikuntha del cieloKrish n a
spirituale e i pianeti della io K r
a d a d io
manifestazione materiale differiscono gli uni dagli
-e Rlenergia materiale.
altri, essendo manifestazioni
C
creative di due diverse categorie -diRenergia:
lenergia spirituale
RK R C
Per quanto riguardaKKrishna stesso,
Egli Si trova direttamente situato nella Sua energia spirituale, in particolare,
nella Sua potenza interna. Per aiutarci a comprendere la differenza tra la
manifestazione dellenergia spirituale e quella dellenergia materiale, ce una
- -
n rale r ale
lucida analisi nel secondo Canto dello Srimad-Bhagavatam. Anche Sridhara
t n t
e e
Svami, nel suo commento al primo verso del decimo Canto, ci presenta uno
na C ish n a C
studio analitico altrettanto chiaro. Sri Caitanya Mahaprabhu riconosce in
ish n a C
i o Kr
Sridhara Svami un commentatore autorevole dello Srimad-Bhagavatam, e a
i o K r
- Rad
questo proposito, ne cita gli scritti, spiegando che il decimo Canto del
Bhagavatam tratta della vita e delle attivita di Krishna perch Krishna e il - R a d
R K C R K C
rifugio di ogni manifestazione. Consapevole di cio, Sridhara Svami adorava e
offriva i propri omaggi a Krishna, il rifugio di ogni cosa.
In questo mondo operano due differenti princpi: uno e lorigine, il rifugio di
- -
nt r ale n t r ale
ogni cosa, e laltro principio e dedotto da questo principio originale. La Verita

na Ce na Ce
Suprema e il rifugio di ogni manifestazione ed e chiamata asraya. Tutti gli
altri princpi, che rimangono sotto il controllo dellasraya-tattva, ossia della n a C
is h ish
io Kr
Verita Assoluta, sono detti asrita, corollari e reazioni subordinate. La
i o Kr
d
manifestazione materiale ha lo scopo di offrire alle anime condizionate una
a a d
-R
possibilita per raggiungere la liberazione e il ritorno allasraya-tattva, la - R
RKC K
Verita Assoluta. Poich tutto cio che esiste nella creazione cosmica dipende
R C
dallasraya-tattva, la Verita Suprema e Assoluta, la manifestazione creativa,
la manifestazione di Visnu, i differenti esseri celesti e le manifestazioni di
- -
energia, gli esseri individuali e gli elementi materiali tutto dipende da
n tr ale t rale
Krishna, la Verita Suprema. Lo Srimad-Bhagavatam spiega che ogni cosa,
n
Ce Ce
direttamente o indirettamente, trova il suo rifugio supremo in Krishna. Lo C
n a n a n a
rish
studio analitico di Krishna e dunque la conoscenza perfetta, come e
K Kris
h
confermato nella Bhagavad-gita.
d io d io
- Ra
Sri Caitanya spiego poi i differenti aspetti di Krishna e chiese a Sanatana -R a
RKC RKC
Gosvami di ascoltare attentamente. Egli lo informo che Krishna, il figlio di
Nanda Maharaja, e la Verita Suprema e Assoluta, la causa di tutte le cause e
lorigine di tutte le espansioni e incarnazioni. Eppure a Vraja, a Goloka
- -
Vrindavana, e proprio come un pastorello, ed e il figlio di Nanda Maharaja. La
nt rale rale
Sua forma, tuttavia, e eterna, piena di felicita e di conoscenza assoluta. Egli
n t
Ce C e
e il rifugio di ogni cosa e anche il proprietario di ogni cosa. C
na n a n a
K
trascendentali del corpo di Krishna:
ish
Sri Caitanya cita anche la Brahma-samhita a proposito delle proprieta
r K r ish
a d i o a d i o
- R - R
R K C isvarah paramah Krishnah
R K C
sac-cid-ananda-vigrahah
anadir adir govindah
sarva-karana-karanam
le - l e -
ra a
CentKrishna e Dio, la Persona Suprema, e il Suo
C entrcorpo e pieno di conoscenza, C
na n a n a
K rish K rish
a d io a d io
R - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale - R
2015 -RKC
K C
Riproduzione KC
Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a ntr a
C enteternita e felicita. E la Persona Originale, conosciuto
C e come Govinda, la Causa
di tutte le cause. Non ha altra origine,aed e lorigine di ogni cosa. (B.s., 5.1) C
na In questo modo, Caitanya Mahaprabhu ish n dimostra che Krishna e Dio, la rish
n a
K r K
Persona Suprema e originale,
dio pienamente dotato delle sei perfezioni. Egli
d i o e
Ra e conosciuta come Goloka Vrindavana,- R
Sri Krishna, la cui -dimora il a
sistema
R C
planetario piuKalto nel cielo spirituale.
RK C
Sri Caitanya riporta anche un verso dello Srimad-Bhagavatam, (1.3.28):

- ete camsa-kalah pumsah -


tra l e Krishnas tu bhagavan svayam t r ale
C en e
indrari-vyakulam lokam
C n C
na ish n a
mrdayanti yuge yuge
ish n a
i o Kr i o Kr
- ad espansioni dirette di Krishna, o indirettamente,
Tutte le incarnazioniRsono
- R ad
espansioni di espansioni
C di Krishna. Tuttavia il nome di KrishnaCindica Dio, la
R K
Persona Suprema e originale. Egli appare su questa Terra,R
K
in questo universo
o in qualsiasi altro universo, quando si verificano disordini causati dagli esseri
demoniaci che cercano continuamente di turbare lamministrazione degli
- -
nt ale
esseri celesti.
r n t r ale
na Ce na Ce
Per comprendere Krishna ci sono tre differenti metodi: il metodo della
speculazione filosofica empirica, quello della meditazione nella pratica dello n a C
is h ish
io Kr
yoga mistico, e il metodo della coscienza di Krishna, il servizio devozionale.
i o K r
d
Col metodo della speculazione filosofica empirica, si comprende il Brahman,
a a d
-R
laspetto impersonale di Krishna. Col metodo di meditazione proprio dello - R
RKC
yoga mistico si comprende laspetto dellAnima Suprema, lonnipresente R K C
espansione di Krishna, e col servizio devozionale, in piena coscienza di
Krishna, si realizza Dio, la Persona Suprema. Sri Caitanya cita anche il
-
seguente verso dello Srimad-Bhagavatam (1.2.11): -
n tr ale ntra le
Ce vadanti tat a C e
tattva-vidas C
n a h n h n a
s jnanam advayam
tattvamriyaj
K Kris
a d iobrahmeti paramatmeti
a d io
-R bhagavan iti sabdyate -R
R KC R KC
Coloro che conoscono la Verita Assoluta la descrivono in tre aspetti, come il
Brahman impersonale, come lAnima Suprema localizzata e onnipresente, e
- -
come Dio, la Persona Suprema, Krishna. In altre parole, il Brahman (la
nt rale rale
manifestazione impersonale), il Paramatma (la manifestazione localizzata) e
n t
Ce C e
Bhagavan, Dio, la Persona Suprema, sidentificano. Tuttavia, in relazione al C
na n a n a
K ish
differente metodo adottato, la Verita Assoluta e realizzata nei differenti
r
aspetti, come Brahman, Paramatma o Bhagavan. Kr ish
a d i o
La realizzazione del Brahman impersonale consiste soltanto nel realizzare la a d i o
- R - R
R K C
radiosita emanante dal corpo trascendentale di Krishna. Possiamo paragonare
R K C
questa luce del corpo trascendentale di Krishna alla luce del sole, che e
soltanto lo splendore irradiante del dio del sole originale. Esiste dunque il dio
del sole, il disco solare, e i raggi che sono il fulgore irradiante del dio del sole
- -
n t ale n t r ale
originale. Similmente, la radiosita spirituale, brahmajyoti, il Brahman
r
Ce C e
impersonale, non e altro che la radiosita della persona di Krishna. Per
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a tr a
C entsostenere questa analisi, Sri Caitanya cita unnimportante
samhita, dove Brahma afferma: C e verso della Brahma-
C
na ish n a
ish n a
K r K r
a d io prabhavato jagadanda-koti
yasya prabha
a dio
R asesa-vasudhadi-vibhuti-bhinnam
-kotisv -R
RK C
tad-brahma niskalam anantam asesa-bhutam
RK C
govindam adi-purusam tam aham bhajami

Adoro Dio, la Persona Suprema e originale, Govinda, che con la radiosita


- -
n rale r ale
emanante dalla Sua Persona da origine allillimitato brahmajyoti. In questo
t n t
e e
brahmajyoti si trovano innumerevoli universi, ognuno pieno di numerosissimi
na C pianeti. (B.s., 5.40)
ish n a C
ish n a C
i o Kr
Sri Caitanya spiega ulteriormente che il Paramatma, la forma onnipresente
i o K r
- Rad
situata nel corpo di ogni essere, e soltanto una manifestazione parziale,
unespansione di Krishna, ma poich Krishna e lAnima di tutte le anime, e - R a d
R K C R K C
detto Paramatma, lAnima Suprema. Sri Caitanya cita ancora un verso dello
Srimad-Bhagavatam che si riferisce al dialogo tra Maharaja Pariksit e
Sukadeva Gosvami. Mentre ascoltava i divertimenti trascendentali di Krishna
- -
nt r ale n t r ale
a Vrindavana, Maharaja Pariksit chiese al suo maestro spirituale, Sukadeva

na Ce Sukadeva Gosvami rispose: na Ce


Gosvami, perch gli abitanti di Vrindavana fossero cos attaccati a Krishna.
n a C
is h ish
io Kr i o K r
adKrishnam enam avehi tvam a d
- R atmanam akhilatmanam - R
RKC jagaddhitaya so py atra R K C
dehivabhati mayaya
(S.B., 10.14.55)
le - le -
r a a
tr di tutte le anime, perch
CentKrishna dovrebbe essere riconosciuto come n
e lanima di tutte le anime individuali C e lAnima
e anche lanima del Paramatma C
na n a
sh un essere umano per attrarre a S laKrish
localizzato. A Vrindavana agivaricome
n a
gente e per dimostrare che K
ioEgli non e privo di forma. io
Il Signore Supremo a d
Re un individuo come gli altri esseri viventi, a d
R ma e
differente in K C - C -
RKindividuali sono
R quanto e il Supremo, e tutti gli altri esseri
subordinati a Lui. Anche tutti gli altri esseri individuali possono godere della
felicita spirituale, della vita eterna e della perfetta conoscenza in Sua
- -
compagnia. Sri Caitanya cita un verso della Bhagavad-gita in cui Krishna parla
nt rale rale
ad Arjuna delle Sue diverse opulenze, precisando che Egli entra
n t
Ce C e
personalmente in questo universo nella forma di una delle Sue espansioni C
na n a n a
K ish
plenarie, Garbhodakasayi Visnu, e poi in ogni universo come Ksirodakasayi
r
Visnu, e infine Si espande come Anima Suprema nel cuore di ogni essere. Il Kr ish
a d i o
Signore stesso afferma dunque che se si vuole comprendere perfettamente la a d i o
- R - R
R K C
Verita Suprema e Assoluta, ci si deve dedicare alla pratica del servizio
R K C
devozionale in piena coscienza di Krishna, e allora sara possibile
comprendere la forma originale della Verita Assoluta.
- -
n t rale n t r ale
Ce C e C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

- -
r ale a le
e n t CAPITOLO entr6
na C ish n a C
ish n a C
Le Sue forme non K r K r
a dio sono differenti luna dallaltra a dio
C - R devozionale si puo comprendere che
Attraverso il Kservizio C
R
-Krishna Si
R R K
manifesta innanzitutto come svayam-rupa, la Sua forma personale, poi come
tadekatma-rupa, e poi come avesa-rupa. E in questi tre aspetti che Egli Si
manifesta nella Sua forma trascendentale. La forma svayam-rupa e la forma
- -
n rale r ale
in cui Krishna puo essere compreso anche da chi non comprende le altre Sue
t n t
e e
forme. In altre parole, la forma in cui Krishna viene compreso direttamente e
na C ish n a C
detta svayam-rupa, la Sua forma personale. La tadekatma-rupa e quella
ish n a C
i o Kr
forma che assomiglia di piu alla svayam-rupa, ma presenta qualche piccola
i o K r
- Rad
differenza nellaspetto fisico. La tadekatma-rupa produce due categorie di
manifestazioni le espansioni personali (svamsa) e le espansioni di - R a d
R K C R K C
divertimento (vilasa). La forma avesa-rupa, infine, si ha quando Krishna
investe del Suo potere un essere individuale adatto perch Lo rappresenti.
Quando un essere individuale agisce come rappresentante del Signore
- -
nt r ale n t r ale
Supremo, e quindi chiamato avesa-rupa, o saktyavesa-avatara.

na Ce na Ce
La forma personale di Krishna puo essere classificata in due categorie:
svayam-rupa e svayam-prakasa. Per quanto riguarda la forma svayam-rupa n a C
is h ish
io Kr
(lespansione per divertimento), sappiamo che e in questa forma che Krishna
i o K r
d
rimane sempre a Vrindavana con tutti gli abitanti di Vrindavana. Questa forma
a a d
-R
personale (svayam-rupa) si divide nuovamente in due categorie di forme: le - R
RKC
forme prabhava e le forme vaibhava. Krishna, per esempio, Si espanse in R K C
numerose forme per danzare con ognuna delle gopi che partecipavano alla
danza rasa. In modo analogo, manifesto 16108 forme a Dvaraka per
- -
prenderSi cura delle Sue 16108 mogli. Esistono alcuni esempi di grandi yogi
n tr ale t rale
che possono espandersi in vari modi, ma Krishna non Si espanse con qualche
n
Ce Ce
tecnica di yoga. Ogni espansione di Krishna era un individuo separato. I Veda C
n a n a n a
rish
cinformano che Saubhary Rsi, un grande saggio, si manifesto in otto forme
K Kris
h
io
servendosi del potere dello yoga, ma Saubhary Rsi continuo a rimanere uno
d d io
- Ra
solo. Per quanto riguarda Krishna, invece, quando Egli Si manifesto in -R a
RKC
differenti forme, ciascuna forma era un individuo separato. Quando ando a
trovare Krishna nei Suoi diversi palazzi a Dvaraka, Narada Muni resto
RKC
stupefatto, eppure non si sarebbe meravigliato nel vedere le espansioni del
- -
corpo di uno yogi, perch egli stesso ne conosce il trucco. Lo Srimad-
nt rale rale
Bhagavatam afferma invece che Narada rimase stupefatto nel vedere le
n t
Ce C e
espansioni di Krishna e si domandava in che modo il Signore potesse essere C
na n a n a
K ish
presente in ognuno dei 16108 palazzi, in compagnia delle Sue regine. Con
r
ogni regina Krishna manifestava una forma differente e agiva in differenti Kr ish
a d i o
modi. In una forma era impegnato a giocare con i Suoi figli e in unaltra Si a d i o
- R - R
R K C
dedicava a qualche attivita domestica. Queste differenti attivita sono
R K C
compiute dal Signore nelle Sue diverse forme emozionali, che sono
conosciute come espansioni vaibhava-prakasa. Similmente, esistono
innumerevoli altre espansioni della forma di Krishna, che rimangono sempre
- -
n t ale n t r ale
Krishna, anche quando vengono divise o espanse allinfinito. Non ce
r
Ce C e
differenza tra una forma e laltra: questa e la natura assoluta di Dio, la
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

e - -
r a l r ale
entPersona Suprema.
e n t
na C ish n C
Nel quarantesimo capitolo del decimo Canto dello Srimad-Bhagavatam e
a
affermato che mentre stava accompagnando Krishna e Balarama da Gokula a ish n a C
K r K r
dio
Mathura, Akrura entro nelle acque del fiume Yamuna, e pot vedere in quelle
di o
Ra
acque tutti i pianeti spirituali nel cielo spirituale. La egli vide anche il Signore
- - Ra
RKC
nella Sua forma di Visnu, insieme con Narada e i quattro Kumara, che Gli
stavano offrendo la loro adorazione. Nel Bhagavata Purana (10.40.7) e
RKC
affermato:
- -
n t rale anye ca samskrtatmano
n t r ale
e vidhinabhihitena te e
na C ish n a C
yajanti tvan-mayas tvam vai
ish n a C
i o Kr
bahunurty-ekamurtikam
i o K r
- Rad
Sono molti coloro che vengono purificati dalle differenti forme di adorazione - R a d
R K C R K C
compiute, come i vaisnava, o arya, i quali adorano il Signore Supremo sulla
base delle loro convinzioni e della loro visione spirituale. Ogni metodo di
adorazione comporta la comprensione di differenti forme del Signore
- -
nt r ale n t r ale
menzionate nelle Scritture, ma lo scopo supremo e quello di adorare il

na Ce Signore Sovrano in persona.


na Ce
Nella Sua forma vaibhava-prakasa, il Signore Si manifesta come Balarama. n a C
is h ish
io Kr
Laspetto Balarama e identico a Krishna, con lunica differenza che il colore
i o K r
d
del corpo di Krishna e scuro, e quello di Balarama e bianco. La forma
a a d
-R
vaibhava-prakasa fu manifestata anche quando Krishna apparve nella Sua - R
RKC
forma di Narayana a quattro braccia davanti a Sua madre Devaki, quando Egli R K C
discese in questo mondo. Poi, alla richiesta dei Suoi genitori assunse una
forma a due braccia. Egli quindi manifesta talvolta quattro braccia, e talvolta
- -
due braccia. La Sua forma a due braccia e la vera vaibhava-prakasa, mentre
n tr ale t rale
la forma a quattro braccia e detta prabhava-prakasa. Nella Sua forma
n
Ce Ce
personale Krishna e proprio come un pastorello, e pensa a S stesso in C
n a n a n a
rish
questa forma, ma nella forma di Vasudeva, Egli Si considera figlio di uno
K Kris
h
io
ksatriya, e agisce come amministratore e principe.
d d io
- Ra
Nella Sua forma a due braccia, come il pastorello figlio di Nanda Maharaja, -R a
RKC RKC
Krishna manifesta pienamente la forma, lopulenza, la bellezza, la ricchezza, il
fascino e i divertimenti. Anzi, in alcuni testi vaisnava troviamo che talvolta,
nella Sua forma di Vasudeva, Egli Si sente attratto dalla Sua forma di
- -
Govinda, a Vrindavana. Nella forma di Vasudeva Si diverte talvolta come il
nt rale rale
pastorello Govinda, bench la forma di Vasudeva e quella di Govinda non
n t
Ce C e
siano differenti luna dallaltra. Nel quarto capitolo del Lalita-madhava (4.19), C
na n a n a
K ish
Krishna Si rivolge a Uddhava con queste parole: Mio caro amico, la forma del
r
pastorello Govinda Mi affascina. Mi piacerebbe essere come le ragazze di Kr ish
a d i o
Vraja, che sono attratte da questa forma di Govinda. Ancora, nellottavo a d i o
- R - R
R K C
capitolo, Krishna dice: Oh, che meraviglia! Chi e questa Persona? Al solo
R K C
vederla sono rimasto affascinato, e ora provo il desiderio di abbracciarLa,
proprio come Radhika.
Esistono anche forme di Krishna che presentano qualche particolare
- -
n t ale n t r ale
differente. Queste forme sono dette tadekatma-rupa. Anche nelle forme
r
Ce C e
tadekatma-rupa si distinguono due categorie: vilasa e svamsa, che
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a a
ntraspetti che possono essere
entpresentano a loro volta aspetti differenti,
e
na C ish n C
ulteriormente divisi in prabhava e vaibhava.
a
vilasa, esistono innumerevoli rprabhava-vilasa:
Per quanto riguarda le forme
Krishna Si espande come rish
n a C
o K
Vasudeva, Sankarsana, Pradyumna
i e Aniruddha. Talvolta il Signoreio Si K
d d
Ra talvolta il figlio di Vasudeva, un principe- ksatriya,
considera un pastorello, Ra e
-
R KC di Krishna e definito divertimento. RInKC
questo pensare realta la Sua
prabhava-prakasa e la prabhava-vilasa non sono differenti, ma il Signore
appare in modo differente, come Krishna e Baladeva. La Sua espansione
come Vasudeva, Sankarsana, Pradyumna e Aniruddha, che abbiamo gia
- -
n rale r ale
menzionato, costituisce il catur-vyuha originale, ossia le forme a quattro
t n t
e braccia. e
na C ish n a C
Esistono innumerevoli manifestazioni a quattro braccia, in differenti luoghi e
ish n a C
i o Kr
in differenti pianeti, che sono eternamente manifestate a Dvaraka e a
i o K r
- Rad
Mathura. Da queste quattro forme originali (Vasudeva, Sankarsana,
Pradyumna e Aniruddha), procedono ventiquattro forme principali, dette - R a d
R K C R K C
vaibhava-vilasa, che prendono differenti nomi a seconda della posizione
differente dei simboli che reggono nelle mani, (la conchiglia, la mazza, il fiore
di loto e il disco). Queste quattro manifestazioni principali di Krishna si
- -
nt r ale n t r ale
trovano su ogni pianeta del cielo spirituale: questi pianeti sono detti

na Ce na Ce
Narayanaloka o Vaikunthaloka. Sui Vaikunthaloka Egli Si manifesta nella
forma a quattro braccia di Narayana. A partire da ogni Narayana si n a C
is h ish
io Kr
manifestano le quattro forme di Vasudeva, Sankarsana, Pradyumna e
i o K r
d
Aniruddha. Narayana e dunque il centro, attorniato dalla espansione
a a d
-R
quadrupla di Vasudeva, Sankarsana, Pradyumna e Aniruddha. Ognuna di - R
RKC
queste quattro forme si espande a sua volta in altre tre forme, tutte conR K C
differenti nomi, a cominciare da Kesava. Queste forme sono dodici in tutto, e
sono conosciute con diversi nomi a seconda della diversa posizione dei simboli
-
nelle loro mani. -
n tr ale t rale
Per quanto riguarda la forma di Vasudeva, le Sue tre espansioni sono Kesava,
n
Ce Ce
Narayana e Madhava. Le tre forme di Sankarsana sono conosciute come C
n a n a n a
rish
Govinda, Visnu e Sri Madhusudana. (Dobbiamo notare, pero, che questa
K Kris
h
io
forma di Govinda non e quella stessa forma di Govinda manifestata a
d d io
- Ra
Vrindavana, come il figlio di Nanda Maharaja). Similmente, anche Pradyumna -R a
RKC RKC
si divide in tre forme, dette Trivikrama, Vamana e Sridhara, e Aniruddha in
altre tre forme, dette Hrsikesa, Padmanabha e Damodara.

- -
nt rale n t rale
Ce C e C
na n a n a
K rish Kr ish
a d i o a d i o
- R - R
R K C R K C

- -
n t rale n t r ale
Ce C e C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

- -
r ale a le
e n t CAPITOLO entr7
na C n a C n a C
K rish K rish
Le innumerevoli
dio forme di Dio dio
-R a -R a
RK C
Secondo il calendario C
RK il nome dalle
vaisnava, i dodici mesi dellanno prendono
dodici forme Vaikuntha di Sri Krishna, considerate le loro Divinita protettrici.
Questo calendario inizia col mese di Margasirsa, corrispondente a meta
- -
ottobre inizio novembre. Il resto del mese di novembre e conosciuto dai
n t rale t r ale
vaisnava con il nome di Kesava, dicembre e chiamato Narayana, gennaio e
n
e e
na C C C
chiamato Madhava, febbraio Govinda, marzo Visnu, aprile Sri Madhusudana,
n a n a
Kr ish
maggio Trivikrama, giugno Vamana, luglio Sridhara, agosto Hrsikesa,
settembre Padmanabha, e linizio di ottobre e Damodara. (Il nome Damodara K r ish
i o i o
Rad
fu dato a Krishna quando Egli Si lascio legare da Sua madre con delle corde,
- - R a d
R K C
ma la forma Damodara del mese di ottobre e una manifestazione differente.)
R K C
Con questi stessi nomi del Signore che sono stati attribuiti ai dodici mesi
dellanno i vaisnava segnano dodici parti del corpo. Il tilaka sulla fronte, per
esempio, e chiamato Kesava, e anche nel segnare laddome, il petto e le
- -
nt r ale n t r ale
braccia col tilaka, i vaisnava ricordano gli altri nomi che corrispondono a quelli

na Ce dei mesi.
na Ce
Le quattro forme (Vasudeva, Sankarsana, Pradyumna e Aniruddha) si n a C
is h ish
Kr
espandono anche nelle vilasa-murti, che sono otto e si chiamano
io i o K r
d
Purusottama, Acyuta, Nrsimha, Janardana, Hari, Krishna, Adhoksaja e
a a d
-R
Upendra. Tra questi otto, Adhoksaja e Purusottama sono le forme vilasa di - R
RKC
Vasudeva. Cos, Upendra e Acyuta sono le forme di Sankarsana, Nrsimha e R K C
Janardana sono le forme di Pradyumna, e Hari e Krishna sono le due forme
vilasa di Aniruddha. (Questo Krishna e differente dal Krishna originale).
- -
n tr ale n t ale
Queste ventiquattro forme sono conosciute come la manifestazione vilasa
r
della forma prabhava (a quattro braccia), e hanno differenti nomi a seconda
Ce Ce C
n a a
della diversa posizione delle rappresentazioni simboliche (la mazza, il disco, il
n n a
rish
fiore di loto e la conchiglia). Tra queste ventiquattro forme sono comprese le
K Kris
h
io
forme vilasa e vaibhava. Le forme relative ai nomi che abbiamo menzionato,
d d io
- Ra
Pradyumna, Trivikrama, Vamana, Hari e Krishna hanno anchesse un aspetto -R a
RKC
differente. Se prendiamo in considerazione la prabhava-vilasa di Krishna
(compresi Vasudeva, Sankarsana, Pradyumna e Aniruddha), arriviamo a un
RKC
totale di altre venti variazioni. Tutte queste forme presiedono ai pianeti
- -
Vaikuntha nel cielo spirituale e sono situate in otto diverse direzioni. Bench si
nt rale t rale
trovino tutte eternamente nel cielo spirituale, alcune di loro si manifestano
n
Ce anche nel mondo materiale. C e C
na n a n a
K rish
Nel cielo spirituale tutti i pianeti dominati dalla forma di Narayana sono eterni.
Kr ish
Il pianeta piu alto del cielo spirituale e chiamato Krishnaloka e si divide in tre
i o i o
a d
diverse parti: Gokula, Mathura e Dvaraka. Nella parte di Mathura Si trova
R R a d
C -
sempre la forma di Kesava, rappresentata anche su questo pianeta Terra. In C -
R K R K
India, a Mathura, e adorata la Kesava murti, e ce una forma di Purusottama
a Jagannatha Puri, nellOrissa. Ad Anandaranya ce la forma di Visnu, e a
Mayapur, il luogo dellapparizione di Sri Caitanya, ce la forma di Hari. Molte
- -
n t ale n t r ale
altre forme si trovano in altri luoghi di questa Terra. Le forme di Krishna sono
r
Ce C e
distribuite in differenti luoghi della Terra, non solo in questo universo, ma C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a a
ntrquesta Terra e divisa in sette
entanche in tutti gli altri universi.
Sappiamo che
e
na C isole (i sette continenti), e su ciascuna
n a C
di queste isole ci sono forme simili,
sh solo in India. Nelle Scritture vediche eKrish
anche se attualmente esse sonorivisibili
n a C
detto che esistono forme K
io simili anche in altre parti del mondo, ioma
a d
R dove esse siano situate. a d
attualmente non sappiamo
C
Le differenti forme
- di Krishna sono distribuite in tutto C - Rper dare
luniverso
RK RK
piacere ai devoti. Non e vero che i devoti sono nati solo in India. In ogni
parte del mondo ci sono devoti che hanno semplicemente dimenticato la loro
identita. Queste forme di avatara non discendono soltanto per dare piacere ai
- -
n rale r ale
devoti, ma anche per ristabilire il servizio devozionale e compiere altre
t n t
e e
attivita riguardanti essenzialmente Dio, la Persona Suprema. Alcune tra
na C ish n a C
queste forme sono gli avatara menzionati nelle Scritture, come Visnu,
ish n a C
i o Kr
Trivikrama, Nrsimha e Vamana. Nella Siddhartha-samhita si trova una
i o K r
- Rad
descrizione delle ventiquattro forme di Visnu, che hanno nomi differenti
secondo i differenti simboli che reggono nelle quattro mani. Descrivendo la - R a d
R K C R K C
differente posizione degli oggetti nelle mani della Visnu murti, bisogna
cominciare dalla mano destra in basso, passando alla destra in alto, alla
sinistra in alto, e infine alla sinistra in basso. Cos, Vasudeva e rappresentato
- -
nt r ale n t r ale
con la mazza, la conchiglia, il disco e il fiore di loto, Sankarsana e

na Ce na Ce
rappresentato con la mazza, la conchiglia, il fiore di loto e il disco, Pradyumna
col disco, la conchiglia, la mazza e il fiore di loto, e Aniruddha col disco, la n a C
is h ish
io Kr
mazza, la conchiglia e il fiore di loto. Nel cielo spirituale le rappresentazioni di
i o K r
d
Narayana sono venti, e sono cos descritte: Kesava (fiore di loto, conchiglia,
a a d
-R
disco e mazza), Narayana (conchiglia, fiore di loto, mazza e disco), Sri - R
RKC K
Madhava (mazza, disco, conchiglia e fiore di loto), Sri Govinda (disco, mazza,
R C
fiore di loto e conchiglia), Visnu-murti (mazza, fiore di loto, conchiglia e
disco), Madhusudana (disco, conchiglia, fiore di loto e mazza), Trivikrama
- -
(fiore di loto, mazza, disco e conchiglia), Sri Vamana (conchiglia, disco, mazza
n tr ale t rale
e fiore di loto), Sridhara (fiore di loto, disco, mazza e conchiglia), Hrsikesa
n
Ce Ce
(mazza, disco, fiore di loto e conchiglia), Padmanabha (conchiglia, fiore di C
n a n a n a
rish
loto, disco e mazza), Damodara (fiore di loto, disco, mazza e conchiglia),
K Kris
h
io
Purusottama (disco, fiore di loto, conchiglia e mazza), Acyuta (mazza, fiore di
d d io
- Ra
loto, disco e conchiglia), Sri Nrsimha (disco, fiore di loto, mazza e conchiglia), -R a
RKC RKC
Janardana (fiore di loto, disco, conchiglia e mazza), Sri Hari (conchiglia, disco,
fiore di loto e mazza), Sri Krishna (conchiglia, mazza, fiore di loto e disco),
Adhoksaja (fiore di loto, mazza, conchiglia e disco), Upendra (conchiglia,
-
mazza, disco e fiore di loto). -
nt rale rale
Secondo lHayasirsa-pancaratra esistono sedici forme, tutte differenti per
n t
Ce C e
nome e per la posizione del disco e della mazza. Per concludere, Dio, la C
na n a n a
K ish
Persona Suprema e originale, e Krishna. Egli e chiamato lila-purusottama e
r
risiede principalmente a Vrindavana come figlio di Nanda. LHayasirsa- Kr ish
a d i o
pancaratra afferma inoltre che esistono nove forme che proteggono le due a d i o
- R - R
R K C
Puri conosciute come Mathura Puri e Dvaraka Puri: Vasudeva, Sankarsana,
R K C
Pradyumna e Aniruddha proteggono una Puri e le forme di Narayana,
Nrsimha, Hayagriva, Varaha e Brahma proteggono laltra. Queste sono
differenti manifestazioni delle forme prakasa e vilasa di Sri Krishna. Sri
- -
n t ale n t r ale
Caitanya spiego a Sanatana che esistono anche differenti forme di svamsa,
r
Ce C e
che si dividono nelle forme di Sankarsana, e negli avatara. Dalle forme di
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a ntr a
entSankarsana procedono i tre purusa-avatara:
e Karanodakasayi Visnu,
na C Garbhodakasayi Visnu e Ksirodakasayi
procedono i lila-avatara, come
n a C
Visnu mentre dallaltra categoria,
ishlavatara-Pesce del Signore, lavatara-Krish n a C
K r
Tartaruga, ecc.
a dio a d io
guna-avatara,KC
- R di avatara: 1) i purusa-avatara, 2) i lila-avatara,
Esistono sei categorie
4) i manvantara-avatara, 5) gli yuga-avatara, C - Re 6)3) ii
R RK
saktyavesa-avatara. Tra le sei manifestazioni vilasa di Krishna si distinguono
due categorie basate sulleta, dette balya e pauganda. Nella Sua forma
originale, il figlio di Nanda, Krishna, gode di entrambe queste forme
- -
n rale r ale
dinfanzia, balya e pauganda. Possiamo dunque concludere con certezza che
t n t
e e
non ce fine alle espansioni e agli avatara di Krishna. Sri Caitanya ne descrive
na C ish n a C
alcune a Sanatana solo per dargli unidea del modo in cui il Signore Si
ish n a C
i o Kr
espande e Si diverte. Lo conferma lo Srimad-Bhagavatam (1.3.26), dove e
i o K r
- Rad
affermato che non ce limite al numero degli avatara del Signore Supremo,
proprio come non ce limite alle onde delloceano. - R a d
R K C R K C
Krishna discende dapprima come i tre purusa-avatara, cioe Maha-Visnu o
Karanodakasayi avatara, Garbhodakasayi avatara e Ksirodakasayi avatara.
Cio e confermato anche nel Satvata-tantra. Anche le energie di Krishna
- -
nt r ale n t r ale
possono essere suddivise in tre: lenergia del pensiero, del sentimento e

na Ce na Ce
dellazione. Quando manifesta la Sua energia di pensiero e il Signore
Supremo, quando manifesta la Sua energia di sentimento e Sri Vasudeva, e n a C
is h ish
io Kr
quando manifesta lenergia di azione e Sankarsana Balarama. Senza il Suo
i o K r
d
pensare, sentire e agire non potrebbe esistere la creazione. Bench non si
a a d
-R
possa parlare di creazione del mondo spirituale, perch la i pianeti sono - R
RKC K
eterni ce comunque la creazione di questo mondo materiale. Tuttavia, sia
R C
il mondo spirituale sia il mondo materiale sono manifestazioni dellenergia di
azione di Krishna, nella forma di Sankarsana e Balarama.
- -
Il mondo spirituale dei pianeti Vaikuntha e di Krishnaloka, il pianeta supremo,
n tr ale t rale
e situato nella Sua energia di pensiero. Bench non conosca creazione,
n
Ce Ce
leterno mondo spirituale dipende comunque dallenergia di pensiero del C
n a n a n a
Signore Supremo.
K rish Kris
h
io
Questa energia di pensiero e descritta nella Brahma-samhita (5.2), dove e
d d io
- Ra
affermato che la dimora suprema, conosciuta come Goloka e manifestata -R a
RKC
proprio come un fiore di loto con centinaia di petali. La ogni cosa e
manifestata da Ananta, la forma di Balarama o Sankarsana. La
RKC
manifestazione cosmica materiale e i Suoi differenti universi si manifestano
- -
attraverso maya, lenergia materiale, ma non bisogna pensare che la natura
nt rale rale
materiale, lenergia materiale, sia la causa di tutta questa manifestazione
n t
Ce C e
cosmica. Essa ha invece origine dal Signore Supremo, che Si serve delle Sue C
na n a n a
K ish
differenti espansioni attraverso la natura materiale. In altre parole, senza il
r
controllo del Signore Supremo non ce alcuna possibilita di creazione. La Kr ish
a d i o
forma attraverso cui lenergia della natura materiale opera nel manifestare la a d i o
- R - R
R K C
creazione e detta Sankarsana, ed e chiaro che questa manifestazione
R K C
cosmica e creata sotto il supremo controllo del Signore Sovrano.
Nello Srimad-Bhagavatam (10.46.31) e detto che Balarama e Krishna sono
lorigine di tutti gli esseri viventi, e che queste due personalita entrano in
- -
n t ale n t r ale
ogni cosa. Ecco una lista degli avatara tratta dallo Srimad-Bhagavatam (1.3):
r
Ce C e
i Kumara, 2) Narada, 3), Varaha, 4) Matsya, 5) Yajna, 6) Nara-narayana, 7)
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a a
r Hamsa, 11) Dhruvapriya o
entKardami Kapila, 8) Dattatreya, 9) Hayasirsa,nt10)
e
na C Prsnigarbha, 12) Rsabha, 13) Prthu,
sh
Dhanvantari, 17) Mohini, 18) riVamana,
n a C 14) Nrsimha, 15) Kurma, 16)
19) Bhargava (Parasurama), 20) rish
n a C
Raghavendra, 21) Vyasa, 22)
io K
Pralambari Balarama, 23) Krishna, 24) Buddha,
i o K
25) Kalki. Poich quasi
d
Ratutti i venticinque lila-avatara appaiono in un d
a di
Rgiorno
- -
Brahma (detto
R KCkalpa), sono detti talvolta kalpa-avatara. R KCTra loro, le
incarnazioni di Hamsa e Mohini non sono permanenti, ma Kapila, Dattatreya,
Rsabha, Dhanvantari e Vyasa sono cinque forme eterne, e sono le piu
famose. Le incarnazioni della tartaruga Kurma e del pesce Matsya, Nara-
- -
n rale r ale
narayana, Varaha, Hayasirsa, Prsnigarbha e Balarama sono considerate
t n t
e manifestazioni vaibhava. Similmente, e
esistono tre guna-avatara,
na C ish n a C
manifestazioni delle influenze della natura: Brahma, Visnu e Siva.
ish n a C
i o Kr
I manvantara-avatara sono quattordici: 1) Yajna, 2) Vibhu, 3) Satyasena, 4)
i o K r
- Rad
Hari, 5) Vaikuntha, 6) Ajita, 7) Vamana, 8) Sarvabhauma, 9) Rsabha, 10)
Visvaksena, 11) Dharmasetu, 12) Sudhama, 13) Yogesvara, e 14) - R a d
R K C R K C
Brhadbhanu. Tra questi quattordici manvantara, Yajna e Vamana sono anche
lila-avatara, e gli altri sono manvantara-avatara. Questi quattordici
manvantara-avatara sono conosciuti anche come vaibhava-avatara.
- -
nt r ale n t r ale
Lo Srimad-Bhagavatam descrive anche i quattro yuga-avatara: nel satya-

na Ce na Ce
yuga, la manifestazione di Dio e bianca, nel treta-yuga e rossa, nello
dvapara-yuga nera; anche nel kali-yuga e nera, ma talvolta, in un kali-yuga n a C
is h ish
io Kr
speciale, assume un colore dorato (come nel caso di Caitanya Mahaprabhu).
i o K r
d
Per quanto riguarda i saktyavesa-avatara, possiamo citare Kapila e Rsabha,
a a d
-R
Ananta, Brahma (talvolta e il Signore che assume personalmente la parte di - R
RKC K
Brahma), Catuhsana (lincarnazione della conoscenza), Narada (lincarnazione
R C
del servizio devozionale), il re Prthu (lincarnazione del potere amministrativo)
e Parasurama (lincarnazione che doma i princpi del male).
- -
n tr ale n t rale
Ce Ce C
n a n a n a
K rish Kris
h
d io d io
- Ra -R a
RKC RKC
- -
nt rale n t rale
Ce C e C
na n a n a
K rish Kr ish
a d i o a d i o
- R - R
R K C R K C

- -
n t rale n t r ale
Ce C e C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

- -
t r ale t r ale
e n CAPITOLO e 8
n
na C i s hn a C
ish n a C
r
KGli avatara K r
dio di o
- Ra - Ra
RKC
Sri Caitanya continuo a spiegare a Sanatana Gosvami che quando le
espansioni di Sri Krishna discendono nella creazione materiale sono dette
RKC
avatara, incarnazioni divine. Il termine avatara significa colui che discende,
e in questo caso si riferisce a chi discende dal cielo spirituale. I pianeti
- -
n rale r ale
Vaikuntha del cielo spirituale sono innumerevoli, e da essi discende in questo
t n t
e universo lespansione di Dio, la Persona Suprema. e
na C ish n a C
La prima discesa di Dio, la Persona Suprema, e rappresentata dal purusa-
ish n a C
i o Kr
avatara Maha-Visnu, originato dallespansione di Sankarsana. Come lo
i o K r
- Rad
Srimad-Bhagavatam (1.3.1) conferma, quando Dio, la Persona Suprema,
discende nella forma del primo purusa-avatara per la creazione materiale, - R a d
R K C R K C
manifesta immediatamente sedici energie elementari. Conosciuto come Maha-
Visnu, Egli e disteso nellOceano Causale, ed e la manifestazione originale
nel mondo materiale. E il Signore del tempo, della natura, della causa e
- -
nt r ale n t r ale
delleffetto, della mente, dellego e dei cinque elementi, delle tre influenze

na Ce na Ce
della natura, dei sensi e della forma universale. Pur essendo padrone di tutte
le cose mobili e immobili nel mondo materiale, Egli e del tutto indipendente. n a C
is h ish
io Kr
Come e confermato nello Srimad-Bhagavatam (2.9.10), linflusso della natura
i o K r
d
materiale non puo superare il Viraja, lOceano Causale. Le influenze della
a a d
-R
natura materiale non hanno potere sui pianeti Vaikuntha. La non ce - R
RKC K
mescolanza di virtu, passione e ignoranza, n si sente linfluenza del tempo
R C
materiale. Su questi pianeti vivono le anime liberate, gli eterni compagni di
Krishna, adorati sia dagli esseri celesti che dai demoni.
- -
La natura materiale agisce in due diverse funzioni: maya e pradhana. Maya e
n tr ale t rale
la causa diretta, e pradhana si riferisce agli elementi della manifestazione
n
Ce Ce
materiale. Quando il primo purusa-avatara, Maha-Visnu, posa lo sguardo sulla C
n a n a n a
rish
natura materiale, questa si agita, e in questo modo il purusa-avatara feconda
K Kris
h
io
la materia introducendovi gli esseri viventi. Questo semplice sguardo di Maha-
d d io
- Ra
Visnu da origine alla coscienza, che e conosciuta come mahat-tattva. La -R a
RKC RKC
Divinita che controlla il mahat-tattva e Vasudeva. Questa coscienza creata si
divide poi in tre settori di attivita sulla base dei tre guna, le tre influenze della
natura materiale. La coscienza dominata dalla virtu e descritta
- -
nellundicesimo Canto dello Srimad-Bhagavatam, e la Divinita che la controlla
nt rale rale
si chiama Aniruddha. La coscienza dominata dallinfluenza della passione
n t
Ce C e
materiale produce lintelligenza, la cui Divinita dominante e Pradyumna, il C
na n a n a
K ish
maestro dei sensi. La coscienza dominata dallinflusso dellignoranza e la
r
causa della manifestazione delletere, dello spazio e del senso delludito, Kr ish
a d i o
lorecchio. La manifestazione cosmica e una combinazione di tutte queste a d i o
- R - R
R K C
influenze e in questo modo innumerevoli universi sono creati. Nessuno puo
R K C
valutare il numero degli universi.
Questi innumerevoli universi sono prodotti dai pori del corpo di Maha-Visnu.
Come innumerevoli particelle di polvere passano attraverso gli interstizi di uno
- -
n t ale n t r ale
schermo, cos, innumerevoli universi emanano dai pori del corpo di Maha-
r
Ce C e
Visnu. A ogni espirazione sono prodotti innumerevoli universi, e a ogni
C
n a n a n a
Kr ish K r ish
ad i o a d i o
- R -
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale R
KC KC
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com
- R - R
RK C RK C
2015 RKC - Radio Krishna Centrale - Copia per valutazione personale
Riproduzione Vietata - Fonti : www.radiokrishna.com - rkcpisa@gmail.com

l e - le -
r a a
ntr energie sono spirituali non
C entinspirazione tutti vengono distrutti. Tutte le Sue
hanno niente a che vedere con lenergia C emateriale. Nella Brahma-samhita C
na (5.48), e detto che la divinita
n a
h controlla ogni universo, Brahma, vive rish
ische n a
K r K
d o
soltanto per la durata di iun respiro di Maha-Visnu. Maha-Visnu e dunque
di o
Ra di tutti gli universi ed e anche il loro proprietario.
lAnima Suprema originale
- - Ra
RKC di Visnu, Garbhodakasayi Visnu, entra
Il secondo avatara
RKinCognuno degli
universi; la produce dellacqua dal Suo corpo e vi Si distende. Dal Suo
ombelico spunta lo stelo di un fiore di loto, e su questo fiore di loto nasce la
prima creatura, Brahma. Allinterno dello stelo di quel loto sono contenute le
- -
n rale r ale
quattordici divisioni dei sistemi planetari, che vengono creati da Brahma. In
t n t
e e
ogni universo il Signore e presente come Garbhodakasayi Visnu. Egli e il
na C ish n a C
sostegno delluniverso stesso e provvede alle sue necessita. Bench Si trovi
ish n a C
i o Kr
nelluniverso, linfluenza dellenergia materiale non puo toccarLo. Quando e il
i o K r
- Rad
momento richiesto, questo stesso Visnu, prende la forma di Siva e annienta la
creazione cosmica. I tre avatara secondari, Brahma, Visnu e Siva, sono le - R a d
R K C R K C
divinita che controllano le tre influenze della natura materiale. Il Signore
delluniverso, pero, e Garbhodakasayi Visnu, che e adorato nella forma
dellAnima Suprema, Hiranyagarbha. Gli inni vedici Lo descrivono con migliaia
- -
nt r ale n t r ale
di teste. Pur essendo allinterno della natura materiale, Egli non ne e toccato.

na Ce na Ce
Anche il terzo avatara di Visnu, Ksirodakasayi Visnu, e una manifestazione
dellinfluenza della virtu. Egli e anche lAnima Suprema di tutti gli esseri, e n a C
is h ish