Sei sulla pagina 1di 8

ALLEGATO I.P. AL NR.

11/2007
DICEMBRE 2007 del mensile
SPORTIVO

s
Dir. resp.: Daniele Magagnin
Reg. Trib. Bolzano 04/2004 - ROC. 13847

www.frisbee.eu info@frisbee.eu

w
ne 7
Buone
Feste
Eicma, a Milano
da protagonisti

... quanti nuovi, grandi amici frisbeesti

Capirossi Bettini Cipollini Cassani


Un successo la presenza
alla rassegna internazionale
del ciclo e motociclo

All’Eicma
da protagonisti
La gamma Tecnocarbur in bella mostra alla Fiera di Milano
La Tecnocarbur di Bolzano, azienda produttrice pur di fare in fretta? Questo interrogativo esplicita Al di là delle difficoltà logistiche, per la Tecno-
dei marchi Frisbee e Dinghi è stata protagonista lo straordinario successo di un evento che era carbur i motivi di soddisfazioni sono stati
a Milano in occasione della 65esima Esposizione stato disegnato proprio con l’obiettivo di avvici- moltissimi. Lo stand dell’azienda bolzanina
Internazionale del Ciclo e Motociclo Eicma, che nare al favoloso mondo delle due ruote giovani guidata da Maurizio De Concini era collocato
ha chiuso superando di slancio l’obiettivo dei e anziani, uomini e donne, appassionati e curiosi, nei pressi del velodromo (enorme il successo
cinquecentomila visitatori e con una domanda operatori e consumatori; ma evidenzia anche la della “Quattro giorni” ciclistica, con nomi illustri
non di poco conto: quanti sarebbero stati, se le necessità di correre ai ripari, perché non è giusto del pedale) e accanto alle più prestigiose aziende
vie di accesso alla manifestazione avessero che gli invitati ad una festa siano fermati qualche nazionali e internazionali del settore della
consentito di raggiungere la Fiera a tutti coloro chilometro prima di arrivare, e costretti a tornare bicicletta. L’affluenza enorme di pubblico in
che volevano arrivarci? Se la Polizia stradale indietro. Eicma e Fiera Milano non hanno colpe, genere è motivo di orgoglio per l’impresa bol-
non fosse stata costretta per ben due giorni a comunque si sono impegnati a contribuire a zanina, che ha rappresentato più che degna-
precludere l’accesso al quartiere fieristico, e ad trovare delle soluzioni, dovere questo che appar- mente l’imprenditoria targata Sudtirol-Alto Adi-
autorizzare ad uscire gratuitamente dai caselli, tiene alle istituzioni, a tutti i livelli. ge. L’occasione è stata ghiotta per incontrare
Maurizio De Concini in sella alla softbike all’Eicma. A sinistra con
Daniele Bonifacio e i responsabili del Mondiale di ciclismo su strada
“Varese 2008”

II
Quanti nuovi amici frisbeeisti: a Milano hanno visitato lo le novità: la Dinghi Partner e la Softbike, desti-
stand Tecnocarbur star del calibro del motociclista Loris nate a due diverse utenze, destinate a diventare
Capirossi, dell’ex iridato di ciclismo Mario Cipollini preziosi strumenti.
(a sinistra con Antonio Munari) e dell’attuale campio- A Milano non sono mancati gli ospiti illustri
ne del mondo, Paolo Bettini, a destra con Diego Neri
allo stand dell’impresa bolzanina. Alcuni grandi
campioni dello sport italiano hanno accettato
di firmare la maglia degli ospiti vip, diventando
coloro che in Italia gestiscono Frisbee Store o Lombardia Formigoni, il Presidente di Confindustria di fatto dei frisbeesti. E’ stato un onore accogliere
Frisbee Point e anche coloro che sono intenzionati e Ferrari Montezemolo, Berlusconi, il Presidente un grande del motociclismo come Loris Capirossi,
ad aprire punti vendita in varie zone del Paese, del Coni Petrucci e una lunghissima shiera di il riconfermato campione del mondo di ciclismo
per incontrare quindi venditori, ma anche clienti, campioni, ex campioni, di personaggi, di giornalisti su strada e campione olimpico Paolo Bettini,
tanti clienti interessati, giornalisti, tecnici ed extra settore. Eicma 2007 è stata un successo l’ex iridato Mario Cipollini, il commentatore tv
esperti del settore, anche rappresentanti del mediatico oltre ogni più rosea previsione. ed ex ciclista professionista Davide Cassani e,
mondo delle due ruote tradizionali e tra questi La gamma Tecnocarbur ha riscosso grandi con- ancora, i professionisti delle due ruote Ivan
i massimi dirigenti della Federciclismo e i respon- sensi: le biciclette elettriche della gamma Frisbee Quaranta e Fabio Baldato, l’ex “pro” oggi
sabili dell’organizzazione del Campionato Mon- e Dinghi, la nuovissima Dinghi Partner per il imprenditore di successo Massimiliano Lelli,
diale di ciclismo su strada “Varese 2008”. Una trasporto di cose, la Softbike hanno catturato vicino di stand, attratto e affascinato dalla
vetrina importante insomma per la Tecnocarbur l’attenzione di addetti ai lavori e non solo, che ne Softbike, che ha voluto provare, esprimendo
nell’ambito di una rassegna di enorme prestigio, hanno riconosciuto le indubbie qualità. Quelle un positivo parere. Gentilissimo il sempre po-
che ha contato 45mila operatori nei primi due qualità che permettono alla Tecnocarbur di essere polare “Marione” Cipollini, che si è intrattenuto
giorni del salone, la partecipazione di oltre leader del mercato delle biciclette a pedalata con Ingrid De Concini, insieme al consorte alla
duemila giornalisti e la presenza di tanti ospiti assistita. L’azienda, in costante evoluzione, ha guida della nutrita squadra Frisbee presente
importanti, il Ministro Mussi, il Governatore della voluto distinguersi alla Fiera milanese anche per alla rassegna milanese.

Ingrid de Concini con l’ex ciclista ora commentatore


tv Davide Cassani, che firma la maglia del Club
Frisbee come i “pro” Ivan Quaranta e Fabio Baldato

III
L’evoluzione del mezzo sportivo
La Frisbee Softbike fino ad ora è stata proposta
al pubblico in varie manifestazioni pubbliche
allo scopo di raccogliere commenti e indica-
zioni. In molti hanno provato i diversi prototipi
Softbike, di corsa verso il varo
della versione sportiva della bici elettrica, sia
quelli con le ruote grasse antiforatura, adatti dell’Hockey Club Bolzano Arpand Mihaly (nella per chiedere informazioni o delucidazioni in
anche al fuoristrada, sia quello in versione più foto in alto, in centro). La Softbike presto sarà merito. Nasce in pratica l’organizzazione dei
da strada. La bicicletta a pedalata assistita in lanciata sul mercato nella sua versione defini- frisbeesti, di coloro che amano le biciclette
assetto sportivo ha riscosso grandi entusiasmi tiva. elettriche anche nella versione extra urbana
alla fiera del ciclo e motociclo Eicma di Milano, Al momento può essere comunque ordinata. per praticare sport all’aria aperta con un
dove è stata provata anche da alcuni ex pro- L’obiettivo a medio termine della Tecnocarbur mezzo che impone la pedalata, ma in maniera
fessionisti (nella foto a destra, Massimiliano è quello di lanciare un alternativo modo di soft, consentendo, attraverso l’uso razionale
Lelli), a Bolzano in occasione di Time code-i fare sport e per questo è stata costituita un’as- dell’assistenza elettrica, di migliorare le per-
sabati dello sport, da un testimonial preziosa sociazione sportiva per la pratica esclusiva formance.
di Tecnocarbur come Antonella Bellutti (foto dell’attività con la Softbike. Tutti gli interessati Per informazioni:
sopra) e da alcuni campioni di altre discipline a vario titolo a fare parte del club sono cor- Tecnocarbur, via Copernico 10, Bolzano.
sportive, come ad esempio il forte attaccante dialmente invitati a mettersi in contatto, anche Telefono 0471.935212, softbike@frisbee.eu

“THE ”
M I L E
LAST
DINGHI
PARTNER...
IV
Andrea
PESENTI

L’uomo
dei telai
Un artista della bicicletta
„Muore lentamente chi non vive le passioni“. Andrea Pesenti, specialista E poi?
nella realizzazione di telai con una grande esperienza, vicino alla filosofia “Dapprima ho provato a correre in moto, l’altra mia grande passione,
aziendale e collaboratore stretto della Tecnocarbur, ha fatto tesoro di questa ma ci volevano troppi soldi, e così, dopo aver frequentato una scuola
citazione. La sua storia è ricca di aneddoti e merita di essere raccontata. specializzata, ho iniziato a lavorare in giro per il mondo (Africa, Arabia
Pesenti come inizia l’amore per la Bici? e Nord Europa) come saldatore metallurgico e montatore di impianti
“È un amore iniziato a 14 anni quando ho cominciato a correre in bicicletta, industriali. L’attività era rivolta alle saldature delle “pipe line” che attraver-
prima su strada poi su pista. Mi allenavo quasi tutti i giorni correndo da savano deserti e fondali marini. Certo era un lavoro durissimo ma ho
Romano di Lombardia a Milano dove studiavo e lavoravo e dove mi sono avuto modo di fare grandi esperienze sia sui materiali che sui metodi di
diplomato come disegnatore progettista. saldatura.
Ma con le bici?
Tutto è iniziato quando, tornato in Italia e dopo aver iniziato un’attività
in proprio, sono stato chiamato dalla ditta A.L. Colombo per un intervento
su un impianto di depurazione. La ditta Colombo trafilava tubi speciali
in acciaio sia per il settore industriale che per la costruzione di telai per
bici (Ditta Columbus). Siccome i nostri interventi di saldatura venivano
effettuati con una nuova tecnica “Tig” (tungsten inert gas) la Ditta Columbus
nel 1978 mi propose di costruire e saldare un telaio BMX (specialità molto
in uso in quegli anni in U.S.A.) utilizzando i loro tubi speciali.
Visti gli ottimi risultati La Ditta Columbus, in collaborazione con la consociata
Ditta Cinelli, già nota in campo ciclistico, mi proposero la realizzazione
di alcuni telai campione. Testati in america con successo e superata la
prova di mercato, fondammo la Ditta Formula Bici rivolta alla realizzazione
di telai speciali per la BMX e con vendite negli Stati Uniti”.
Ha funzionato?
“In parte sì. In Italia il successo di oltre oceano non ha attecchito, questione
di cultura. Così dopo 4 anni abbiamo chiuso l’esperienza e la Formula
Bici è stata inglobata dalla Cinelli, diventando il Laboratorio Studi Ricerche
e Realizzazioni Biciclette Speciali, di cui ero il responsabile di laboratorio
e dove è nata la Laser nel 1981”.
Che cos’è la Laser?
“Una bici dall’aerodinamica esasperata con la sezione del telaio a goccia.
Il modello ha vinto il Compasso d’oro ed è stata fornita alla nazionale
azzurra. Su strada ha vinto oltre 30 mondiali conquistando anche un
record dell’ora con il danese Oersted, già vincitore di una trofeo Baracchi
in coppia con Moser. Oggi la Laser è in esposizione permanente al Museo
di Arte Contemporanea di Chicago”.
Nel 1987 fondi la Pesenti Srl…
“Esatto. In proprio ho presentato a Milano la Modular, una bicicletta con
telaio e forcella in carbonio, di cui sono molto orgoglioso, è stata la mia
linea all’avanguardia nella ricerca dei materiali compositi. La numero 4
per esempio ha vinto il premio Contest Design a Colonia nel 1994, mentre
la numero 3 nel 92 con la nazionale olandese ha partecipato alle olimpiadi
di Barcellona. Nel frattempo costruivo telai convenzionali (circa mille

V
I° Premio al
CONTEST DESIGN di COLONIA
1994

all’anno) vendendoli in tutto il mondo a dilettanti e professionisti del ciclismo e con essi anche
la mia esperienza nel materiale composito”. L’ANGOLO DEI CLIENTI: BERGAMO
Poi venne San Patrignano e contemporaneamente la Mizuno.
“Fiera di Milano, 1991. Alcuni ragazzi della comunità si avvicinano e mi illustrano la loro
intenzione a iniziare l’attività nel settore dei telai, proponendomi una collaborazione. Allo
stesso tempo mi contatta la Mizuno, multinazionale leader mondiale in articoli sportivi, avendo
deciso di puntare decisamente sulla produzione di articoli in carbonio, in particolare nel settore
La scelta di Italcementi
ciclo. Ho accettato entrambe”.
Chi le ha dato di più? Biciclette elettriche scontate per i dipendenti
“La Mizuno grazie alla consulenza, progettazione, realizzazione e distribuzione degli articoli
in carbonio relativi alla bicicletta con esclusiva mondiale di cui ne ero a capo, mi ha parecchio
gratificato in termini di carriera, ma l’esperienza avuta con i ragazzi di San Patrignano ha
avuto un fascino più grande. Non tanto per quanto ho dato io a loro, ma per quanto loro
hanno dato a me. Mai nella mia vita mi sono sentito così importante; sentivo di avere in mano
il futuro professionale di quei ragazzi dal passato difficile, ma che però non finivano mai di
meravigliarmi su quello che riuscivano a creare”.
Una favola senza lieto fine, però…
“Alla fine degli anni novanta per gravissimi motivi di salute sono costretto a mollare tutto, il
mondo mi crolla addosso. Dopo tre anni di “dentro e fuori dagli ospedali”, varie terapie ed
un forzato periodo di riposo ritorna il desiderio di occuparmi di nuovo della mia grande
passione. Inizio a fare consulenze a ditte specialistiche realizzando per loro nuovi telai per
bici e riprendo gli insegnamenti ai ragazzi di San Patrignano.
Ed oggi è approdato in Frisbee: un mondo assai lontano dall’integralismo del ciclista.
“Certo ma sempre di bicicletta si tratta. Per me, come per molti, rimane ancora un mondo
misterioso e inesplorato questo della bicicletta elettrica. Un settore dove all’aspetto ciclistico si
sommano quello elettrico e chimico. Il mettere a disposizione la mia esperienza nella ciclistica
nel progetto Frisbee mi rende orgoglioso. Una sfida a cui non sono riuscito a dire di no”. L’Italcementi mette a disposizione dei propri
I punti di forza di Frisbee dipendenti (a Bergamo città oltre 1.000)
“La forza di Frisbee è la Tecnocarbur, cioè la piena consapevolezza aziendale che senza vera
ricerca e sviluppo non si potrà mai essere i numeri 1. Il Centro Ricerche e Studi Tecnocarbur di cui biciclette elettriche Dinghi a prezzo scontato,
sono ormai parte integrante è dando la possibilità di acquistarle con rate
un punto cardine dell’azienda, detraibili dallo stipendio.
che ancora prima di vendere, In meno di un mese sono già 15 persone che
crea. Un altro punto di forza hanno approfittato dell’opportunità, a due di
è la consapevolezza che in loro è stata consegnata la bicicletta in pre-
questo campo non c’è sano senza del mobility manager di Italcementi
commercio senza un’appro- Arrigo Fliri e del Comune di Bergamo Fran-
priata assistenza tecnica. E poi cesco Bianchi (nella foto).
la filosofia aziendale di base La bicicletta elettrica può essere ricaricata
che non mira a vendere un
prodotto fine a se stesso, ma
anche durante l’orario di lavoro: Italcementi
di promuovere un diverso si- infatti sta predisponendo un vero e proprio
stema di mobilità e quindi un distributore di energia alimentato dalle centrali
diverso stile di vita. Il tutto senza idroelettriche Italgen della valle Seriana (ener-
trascurare il piacere del par- gia pulita). In azienda infatti non ci sono solo
ticolare e quella gradevole le bici dei dipendenti da ricaricare, ma an-
sensazione di essere in sella a che un furgone elettrico e i mezzi dei fattorini.
qualcosa di veramente unico”.
Che passione…
“Muore lentamente chi non vive
le passioni. E io mi sento più
vivo che mai.”

VI
I loghi delle
iniziative friulane
e due splendidi
scenari montani

La perla delle Alpi gira in Frisbee


La perla delle Alpi gira in Frisbee. I comuni di Forni di Sopra e Sauris
situati nelle Dolomiti Orientali nelle Alpi Carniche, in Friuli, hanno
adottato quaranta biciclette Frisbee Euro 7, con cui hanno istituito un
noleggio per turisti e residenti. Si tratta di un primo passo di questi
comuni verso una mobilità sostenibile, mirando a ridurre traffico e
inquinamento. Gustare e assaporare i profumi antichi e autentici delle
Dolomiti Orientali, che il famoso accademico del C.A.I. (Club Alpino
Italiano), Berti, definì “le più belle delle più belle”, con oggi è possibile
in tutta libertà e leggerezza in sella a una comodissima Frisbee Euro
7. Ora anche le stradine di montagna attraverso boschi e prati o lungo
gli argini di incantevoli laghetti alpini si lasciano percorrere con
In Friuli bici elettriche a noleggio naturalezza … pedalando una Frisbee, come testimoniano
per ospiti e residenti inequivocabilmente le splendide foto pubblicate in questa pagina.

ECCO TUTTI I MODELLI FRISBEE E DINGHI: PER TUTTI I GUSTI . . .


24” 24” 24” 24”
CR-MO

Frisbee Euro 7 Mobility Frisbee Euro 7 Domino Frisbee Euro 7 Frisbee Euro 7 Touring
Universale Confortevole Efficiente Professionale
€ 890,00 € 930,00 € 1.050,00 € 1.290,00

26” CR-MO 24” 24”


CR-MO

NOVITÀ – 26” NOVITÀ LINEA DINGHI

Frisbee Euro 7 Overdrive Frisbee Euro 7 Dinghi Partner 24” Dinghi Pony € 690,00
Superlativa Soft Bike – Sportiva Arti e mestieri Dinghi Express € 780,00 cambio 6 velocità

€ 1.290,00 “su ordinazione” € 1.300,00 Dinghi Kolibri € 999,00 con batteria litio - 24,6 KG
VI
Vuoi aprire un Frisbee Store o un Frisbee Point ... contattaci: info@frisbee.eu
X
t al e
uon N a
B

Potrebbero piacerti anche