Sei sulla pagina 1di 22

AVVIAMENTO ALLA FILOLOGIA FRANCESE MEDIEVALE

Sommario
1. Lorigine del francese ................................................................................................................. 3

1.1. Lespansione del latino ....................................................................................................... 3

1.2. La conquista e la latinizzazione della Gallia....................................................................... 3

1.3. La differenziazione interna del latino ................................................................................. 5

1.4. Influssi lessicali esterni sul latino gallico ........................................................................... 6

1.5. Lorigine del francese.......................................................................................................... 7

2. Morfologia ................................................................................................................................. 9

2.1. Generalit ........................................................................................................................... 9

2.2. Origine della declinazione .................................................................................................. 9

2.3. I sostantivi .......................................................................................................................... 9

2.3.1. I sostantivi maschili: I classe ....................................................................................... 9

2.3.2. Sostantivi maschili: II classe ...................................................................................... 10

2.3.3. Sostantivi maschili: III classe..................................................................................... 10

2.3.4. La desinenza -z .......................................................................................................... 10

2.3.5. Modifica del radicale ................................................................................................. 11

2.3.6. Sostantivi maschili: indeclinabili .............................................................................. 11

2.3.7. Sostantivi femminili: I classe ..................................................................................... 11

2.3.8. Sostantivi femminili: II classe .................................................................................... 11

2.3.9. Sostantivi femminili: III classe .................................................................................. 12

2.3.10. Sostantivi femminili: indeclinabili ......................................................................... 12

2.4. Evoluzione della declinazione .......................................................................................... 12

2.5. Gli aggettivi ...................................................................................................................... 13

2.5.1. Gli aggettivi: I classe (femminili in -e) ...................................................................... 13

Avviamento alla filologia francese medievale, di A. Varvaro. Riassunto a cura di Enzo Santilli.
Opera trattata per soli fini didattici, tutti i diritti appartengono ai rispettivi proprietari.
Info: enzo.santilli.13@gmail.com Pag. 1
2.5.2. Gli aggettivi: II classe (femminili in consonante) ...................................................... 14

2.5.3. Forma neutra degli aggettivi ..................................................................................... 14

2.5.4. Aggettivi indeclinabili ............................................................................................... 14

2.5.5. Mutamenti nella radice e rifacimenti ........................................................................ 14

2.5.6. Comparativo e superlativo ........................................................................................ 15

2.6. Gli avverbi ........................................................................................................................ 15

2.7. I numerali ......................................................................................................................... 15

2.8. I pronomi .......................................................................................................................... 15

2.8.1. Pronomi personali di I e II persona ........................................................................... 15

2.8.2. Pronomi personali di III persona ............................................................................... 16

2.8.3. Riflessivo ................................................................................................................... 17

2.8.4. Articolo determinativo e indeterminativo ................................................................. 17

2.8.5. Pronomi possessivi .................................................................................................... 17

2.8.6. Pronomi e aggettivi dimostrativi ............................................................................... 17

2.8.7. Pronomi relativi e interrogativi ................................................................................. 18

2.9. Verbi ................................................................................................................................. 18

2.9.1. Alternanze vocaliche e nei radicali ........................................................................... 18

2.9.2. La classificazione dei verbi ........................................................................................ 18

3. Sintassi ..................................................................................................................................... 19

3.1. Il sostantivo. Numero ....................................................................................................... 19

3.2. Il caso retto ....................................................................................................................... 19

3.3. Il caso obliquo .................................................................................................................. 19

3.4. I determinanti e qualificanti del sostantivo ...................................................................... 19

3.5. Il verbo ............................................................................................................................. 20

3.6. Parole invariabili .............................................................................................................. 20

3.7. Lordine delle parole ......................................................................................................... 20

Avviamento alla filologia francese medievale, di A. Varvaro. Riassunto a cura di Enzo Santilli.
Opera trattata per soli fini didattici, tutti i diritti appartengono ai rispettivi proprietari.
Info: enzo.santilli.13@gmail.com Pag. 2
4. Fonetica ................................................................................................................................... 22

1. Lorigine del francese


1.1. Lespansione del latino
Le lingue neolatine nascono geograficamente sulle colline situate attorno al Tevere. Questo
originario gruppo di indoeuropei era circondato in epoca antica dai parlanti etruschi a nord, greci
a sud e italici (umbri, sabelli e osci) lungo la dorsale appenninica, questi ultimi appartenenti ad
un ceppo linguistico non diverso da quello latino ma comunque espressione di una forma
dialettale di questo. Parallelamente ai successi politici e militari di Roma poi, avvenne la
diffusione del latino, seppur i romani non mirassero direttamente, come primo obbiettivo delle
loro mire espansionistiche, alla diffusione della loro parlata. Tuttavia, molti fattori contribuirono a
tale contaminazione: la precedente conquista pacifica dei commercianti latinizzati, limmigrazione
dei coloni latini nei luoghi assoggettati militarmente, e infine il desiderio dei provinciali alloglotti
delle classi pi alte di partecipare alla vita pubblica che naturalmente presupponeva il dominio
della lingua latina. Non meno importante fu lopera di culturalizzazione che il cristianesimo oper
sotto limpero romano.

1.2. La conquista e la latinizzazione della Gallia


La conquista della Gallia fu intrapresa relativamente tardi, dopo cio che era stata conquistata
tutta lItalia e le tre grandi isole tirreniche, nonch la Spagna, lIlliria e la Grecia. I romani
intervengono per la prima volta in suolo francese solo nel 154 a.C. su richiesta dellalleata
Marsiglia a difesa di Antibes e Nizza minacciate dai liguri, mentre il resto della Gallia verr
conquistato con le spedizioni portate fra il 58 e il 52 avanti Cristo. Lavvenimento non di poco
conto perch di fatto gett le basi per lo spostamento dellasse del potere dal bacino mediterraneo
ai luoghi dellEuropa centro-settentrionale. La Gallia romana si estendeva fino al Reno e a
Montreaux ed era divisa in quattro province: la Belgica ad est della Senna e della Sane; la
Lugdunensis fra Loira e Senna; lAquitania fra Loira e Pirenei e la Narbonensis costituita gi nel
121 a.C. nella vittoriosa campagna marsigliese, che comprendeva tutta la fascia mediterranea
della Francia attuale fino a Tolosa.

Avviamento alla filologia francese medievale, di A. Varvaro. Riassunto a cura di Enzo Santilli.
Opera trattata per soli fini didattici, tutti i diritti appartengono ai rispettivi proprietari.
Info: enzo.santilli.13@gmail.com Pag. 3
Le provincie non erano etnicamente omogenee: in Narbonensis vi erano nuclei greci stanziati
lungo le coste e una grande maggioranza di celti misti a iberi, pi i liguri presenti nelle zone
prealpine; gli iberi probabili antenati degli odierni baschi erano inoltre presenti nella bassa
Aquitania mentre la Lugdunensis e la Belgica erano pressoch completamente celtiche. Non a
noi ben chiara la differenza fra galli e belgae, nettissima invece in Cesare.

Della lingua originaria gallica rimangono solo poche testimonianze in iscrizioni o toponimi; si sa
che era una lingua indoeuropea appartenente al gruppo celtico che oggi si ritrova nellirlandese,
nel gallese e nella Francia bretone. Ancora di meno si sa delliberico e del ligure se non che
nessuna delle due fosse una lingua indoeuropea, mentre la narbonese fu latinizzata quasi
immediatamente. Ma se in Narbonensis grazie ad una fitta latinizzazione riuscirono a sorgere
floride scuole culturali veicolatrici di latino, lo stesso non si pu dire delle altre tre province dove
in molte zone il celtico rimase ancora fino al IV secolo la lingua maggiormente parlata soprattutto

Avviamento alla filologia francese medievale, di A. Varvaro. Riassunto a cura di Enzo Santilli.
Opera trattata per soli fini didattici, tutti i diritti appartengono ai rispettivi proprietari.
Info: enzo.santilli.13@gmail.com Pag. 4
dai ceti inferiori. Probabilmente la lingua rimase in uso fino allepoca delle prime invasioni
germaniche e fu soltanto con la fitta opera di cristianizzazione de latinizzazione adoperata dalla
Chiesa che venne definitivamente eradicata. Se non si hanno notizie di resistenza da parte del
ligure, pare che invece laquitano sopravvisse allimpero evolvendo fino alla sua moderna forma di
basco. Il bretone parlato oggi nella Francia nord-occidentale non la diretta conseguenza del
gallico prelatino, ma fu importato dallInghilterra verso la met del V sec. d.C. causando quindi
una regressione del latino, che si verificava contemporaneamente anche pi ad oriente per mano
dei germanici i quali fecero spostare il confine della lingua dal corso del Reno al confine che oggi
divide Belgio e Germania.

1.3. La differenziazione interna del latino


Il latino che si studia a scuola una lingua letteraria solidamente organizzata secondo una
struttura regolare, ma anche noto di come siano esistite diverse variet di quella stessa lingua in
epoche e classi sociali diverse. In parole povere il latino parlato era differente da quello letterario.
Il latino parlato visse unevoluzione in cui si arricch di prestiti dalle lingue delle popolazioni
sottomesse di volta in volta dai romani fino a formare la sua variante letteraria attorno al III
secolo, quella trasmessaci come canonica. Il latino letterario rimarr fino alla fine pressoch
inalterato fungendo anche da paradigma bloccante alle evoluzioni di tutti i latini degli altri livelli
linguistici, pi propensi alla mobilit. Tale complesso di usi costituiva il latino, che veniva poi
trasmesso ai popoli di diversa origine i quali potevano variegatamente modificarlo nella sua forma
parlata a seconda delle consuetudini del luogo.

Com immaginabile il latino di Roma, quello canonico, poteva subire modifiche pi o meno
drastiche man mano che ci si allontanasse dal centro dellImpero, e le prime e pi evidenti sono
quelle di tipo fonetico e lessicale. Basti pensare a CARRUS che in celtico identificava lo strumento
di trasporto a quattro ruote, ben diverso dal CURRUS latino che ne aveva due. Il termine
sopravvisse, cos come ad esempio quello della quercia, CASSANOS > fr. chne, albero sacro alle
popolazioni di quelle terre. Bisogna poi tener conto che alcune zona furono colonizzate da
vincitori provenienti da ceti sociali poco o per nulla letterati, che quindi non parlassero di base un
latino perfettamente standard. Esistevano daltro canto fattori centripeti che bilanciavano ed
equilibravano i cambiamenti linguistici, come appunto la presenza di una lingua letteraria, la
libera circolazione dei cittadini e la presenza di grandi centri culturali anche dopo la caduta

Avviamento alla filologia francese medievale, di A. Varvaro. Riassunto a cura di Enzo Santilli.
Opera trattata per soli fini didattici, tutti i diritti appartengono ai rispettivi proprietari.
Info: enzo.santilli.13@gmail.com Pag. 5
dellimpero. Difatti almeno per quanto riguarda morfologia e sintassi i cambiamenti sono stati
molto pi limitati che nel caso di lessico e fonologia.

Nonostante la nostra conoscenza del latino parlato sia molto lacunosa dobbiamo considerare che
le lingue romanze derivano proprio da questo e per capire come si parlasse nelle diverse situazioni
sociali, storiche e geografiche non possiamo fare altro che servirci di quegli scrittori che
raccontavano gli ambienti volgari, come Petronio, gli autori di commedie e satire, coloro che
utilizzavano terminologie tecniche, gli agricoltori, i medici, e soprattutto coloro che si rivolgevano
al pubblico pi incolto: gli scrittori cristiani. Altrettanto utili sono le grammatiche che segnalano
gli errori di utilizzo della lingua e i glossari, assieme alle iscrizioni e al lavoro dei copisti. Tutte
queste fonti per sono scarse e spesso lacunose, e pertanto vanno prese con estrema cautela.

1.4. Influssi lessicali esterni sul latino gallico


Il latino nel suo complesso ha sempre accolto numerosi prestiti dal greco (ultimi quelli di greco
cristiano che hanno veicolato anche parole ebraiche), ma la Gallia, a parte qualche toponimo
proveniente dalla colonie greche meridionali, sembra essere stata quasi del tutto esente da questo
tipo di penetrazione. Penetrazione riuscita molto bene, invece, al celtico parlato dalle popolazioni
indigene. Daltronde i rapporti fra le due lingue hanno iniziato ad instaurarsi fin dalle prime
incursioni romane del 390 a.C. che portarono alla conquista della Gallia Cisalpina e della
Narbonese; sono riconducibili a questo periodo ad esempio prestiti gallici come GLADIUS spada
corta. Man mano che i rapporti politici, militari e commerciali si rafforzavano, si andavano
intensificando anche gli scambi linguistici; parole come BASIUM bacio, CARPENTUM carro da
guerra, BRACA brache, CAMISIA camicia divennero presto comuni in tutto limpero perch
descrivevano oggetti prima di allora sconosciuti. Se volessimo scrutare i campi di maggiore
influsso ci accorgeremmo che il celtico ha fornito molti termini prima di tutto ai nomi di luogo
con i caratteristici composti in -DUNUM citt, castello, fortezza ed -ACUM campo, che si
ritrovano ad esempio in LUGDUNUM > Lyon e AURELIACUM > Orly, cos come tutti quei toponimi
che derivano dagli antichi nomi delle trib celtiche. PARISIIS >Paris ne solo lesempio pi
celebre. Rimangono un buon numero di parole rurali che dimostrano il bilinguismo e la resistenza
dei termini tecnici e pratici solo a contadini e pastori. Probabilmente infine, il celtico ha anche
modificato parte della fonetica in quanto riconducibile ad esso il passaggio di U lunga latina a
[y] (MURU > mur), di -CT- a -it- (FACTU >fait) e lo spostamento del rapporto di intensit fra vocale
tonica e atona, con conseguente indebolimento dellultima tanto da favorirne la caduta. poi

Avviamento alla filologia francese medievale, di A. Varvaro. Riassunto a cura di Enzo Santilli.
Opera trattata per soli fini didattici, tutti i diritti appartengono ai rispettivi proprietari.
Info: enzo.santilli.13@gmail.com Pag. 6
innegabile linflusso che ebbero sul latino le parlate germaniche, soprattutto tramite commercianti
e soldati: entrarono cos in latino parole militari come *werra guerra ed *helm elmo, colori
come *blank, *brun e *grs originariamente utilizzati per descrivere i peli dei cavalli, o ancora SAPO
sapone e BURGUS castello.

In Gallia si viene quindi a parlare una lingua mista, se pur con prevalenza latina, che inizier a
costituire quella frontiera linguistica tipica del futuro francese. Nel V secolo, quando iniziarono le
invasioni germaniche, si stanziarono man mano in Gallia i visigoti a sud nel 412, i burgundi nella
Francia centro orientale nel 443, i sassoni nelle zone costiere in quegli stessi anni e infine i franchi
nel nord nel 486, i quali poi assorbirono il regno visigoto nel 507 e quello burgundo nel 534.
Nonostante i conquistatori parlassero altre lingue e professassero altre religioni, la presenza di
citt gi tenacemente latine e lespansione della Chiesa mantennero e rafforzarono la presenza del
latino, anche se comunque molti prestiti germanici penetrarono la lingua parlata dai nativi. Data
la situazione sociale dei vincitori la loro lingua ha lasciato tracce nella terminologia militare, in
quella dei campi (*waidanjan far pascolare > fr. gagner > it. guadagnare), in quella dei
sentimenti e del carattere (*urgli > fr. orgueil orgoglio) per non parlare di nomi di persona e
toponimi. Anche in questo caso sono state poche le conseguenze in campo fonetico, una su tutte la
reintroduzione dellaspirata [h].

Ma la principale conseguenza della nuova situazione politica il venir meno delle forze unitarie
anche per quanto riguarda la lingua, ad eccezione dellinfluenza della letteratura, che per
raggiungeva il solo piccolo gruppo delle persone colte. Si restringono gli orizzonti della vita
politica, economica, culturale e viene cos a prevalere il localismo anche nei modi di parlare.

1.5. Lorigine del francese


Per quanto riguarda i primi secoli del Medioevo la documentazione che arrivata ai giorni nostri
risulta scritta in un latino sempre pi scadente. facile immaginare che la parlata dei meno colti,
venuti a mancare i modelli che prima esistevano, sia rapidamente cambiata, orientandosi su
modalit locali e rustiche. Per alcuni secoli questa lingua non raggiunge la scrittura, considerata
ancora privilegio dio pochi, fino a quando, per, non ci si accorge che la lingua scritta
completamente differente da quella parlata.

Sar Carlo Magno, nellVIII secolo, a promuovere una restaurazione del latino, rompendo di fatto
il legame che questo aveva col parlato. Nell813 un sinodo della Chiesa imperiale, per mezzo della

Avviamento alla filologia francese medievale, di A. Varvaro. Riassunto a cura di Enzo Santilli.
Opera trattata per soli fini didattici, tutti i diritti appartengono ai rispettivi proprietari.
Info: enzo.santilli.13@gmail.com Pag. 7
XVII deliberazione del Concilio di Tours, decide che durante la messa la predica, che in latino non
pi compresa, debba essere fatta in rustica romana lingua nelle aree romanze e in theodisca in
quelle germaniche. il riconoscimento dei diversi parlati e, presumibilmente, la nascita delle
lingue romanze. Il mondo carolingio non ignora che il germanico parlato comincia a dare luogo a
monumenti scritti (come lHildebrandslied), n ignora che la vicina Inghilterra anglosassone
favorisce una letteratura nella lingua parlata. Nel desiderio di dare anche alla variet
galloromanza una valenza letteraria, quindi, nel 842 il francese appare per la prima volta nel testo
dei giuramenti di Strasburgo. Si tratta di una trascrizione scritta di un giuramento pubblico
effettuato da Carlo il Calvo e Ludovico il Germanico, ognuno nella lingua dellaltro affinch i
rispettivi eserciti presenti comprendessero; giuramento di fedelt reciproca ai danni del fratello
comune Lotario la cui trascrizione probabilmente era in realt precedentemente preparata ad
opera dello storico Nitardo.

Nei secoli successivi sono stati prodotti svariati testi in quella lingua, prevalentemente destinati
alla lettura pubblica e di stampo religioso (il pi celebre dei quali sicuramente la sequenza di
SantEulalia (868872)), ma solo dopo il 1100 che i testi in francese diventano frequenti e
numerosi. La fase che va da questi anni fino al Quattrocento viene definita antico francese,
seppur sarebbe il caso di distinguere un medio francese che va dal 1300 al 1500, seguita poi dal
francese moderno che va dal 1500 ad oggi. Lantico francese era parlato in un area corrispondente
alla met settentrionale dellodierna repubblica francese e nel sud dellInghilterra dove a partire
dal 1066 si erano stanziati i normanni che riuscirono ad imporre la lingua almeno alle classi
borghesi (mentre quelle pi basse operavano alla costruzione dellodierno inglese); a sud di questa
zona cerano quelle in cui venivano parlate le lingue provenzale (o occitanica) e francoprovenzale.
Larea dellantico francese riconosceva poi svariati dialetti, alcuni pi caratterizzati di altri, i quali
per soccomberanno man mano allavanzata del franciano, parlato a Parigi che era principale citt
della Francia e sede della corona.

Avviamento alla filologia francese medievale, di A. Varvaro. Riassunto a cura di Enzo Santilli.
Opera trattata per soli fini didattici, tutti i diritti appartengono ai rispettivi proprietari.
Info: enzo.santilli.13@gmail.com Pag. 8
2. Morfologia
2.1. Generalit
Sostantivi, aggettivi, pronomi e articoli distinguono un genere grammaticale maschile da uno
femminile generalmente in relazione al sesso delloggetto; esiste anche un terzo genere, neutro,
che si riscontra solo in aggettivi e pronomi. Quando m. e f. sono corradicali, il genere marcato il
f. e la marca pi comune -e con il maschile che si forma per sottrazione.

Il francese antico esprime inoltre una parte delle funzioni sintattiche del nome mediante
opposizioni di caso, normalmente due casi per ciascun numero; esiste dunque per l ant. fr. una
declinazione, presente anche in provenzale ma non attestata nelle altre lingue romanze durante lo
stesso periodo storico, n nel francese moderno. Una parola (generalmente i sostantivi) pu
dunque occorrere in forme diverse, non scambiabili liberamente, per cui la forma del sostantivo
che avr funzione di soggetto apparterr al caso retto mentre quella che avr funzione di oggetto
apparterr a caso obliquo. Genere, numero e caso sono di norma espressi dalla desinenza e
richiedono accordo.

2.2. Origine della declinazione


Il latino possedeva una declinazione assai pi complessa (sei casi: nominativo, genitivo, dativo,
accusativo, vocativo, ablativo) che per collassata ben presto a seguito di processi fonologici e
sintattici, per cui inizi ad essere preferita unespressione dei valori di categorie grammaticali
mediante preposizioni piuttosto che con i casi. In fase medievale il francese come il provenzale
mantengono un sistema ridotto a due forme: il caso retto discende foneticamente dal nominativo
latino (REX > reis) e conserva la funzione di soggetto cui si aggiunge quella di appellativo, il caso
obliquo ricopre tutte le altre funzioni e deriva dallaccusativo latino (REGE(M) > rei). Anche le
distinzioni di genere e numero sono di origine latina, il genere neutro era un genere residuale in
quanto la massa dei sostantivi latini stata assimilata o dai maschili della seconda declinazione
latina oppure i loro plurali in -A sono stati interpretati come femminile singolare dando luogo cos
a forme femminili in ant. fr. (FOLIUM FOLIA pl. n. FOLIA sing. f. > fueille).

2.3. I sostantivi
2.3.1. I sostantivi maschili: I classe
Le forme della declinazione sono differenti a seconda dei generi ma anche allinterno di uno stesso
genere si distinguono differenti classi, per la prima del maschile viene rispettato il seguente
schema:

Avviamento alla filologia francese medievale, di A. Varvaro. Riassunto a cura di Enzo Santilli.
Opera trattata per soli fini didattici, tutti i diritti appartengono ai rispettivi proprietari.
Info: enzo.santilli.13@gmail.com Pag. 9
sing. pl.

r. -s - chevaliers chevalier

obl. - -s chevalier chevaliers

Appartengono a questo gruppo la maggior parte dei sostantivi che discendono dalla II
declinazione latina.

2.3.2. Sostantivi maschili: II classe


Sono apparentemente analoghi a quelli della prima classe ma hanno un comportamento oscillante
rispetto al singolare retto, come si vede nello schema seguente:

sing. pl.

r. -/-s -

obl. - -s

La mancanza di -s si giustifica con il fatto che in questa classe confluiscono i maschili in -ER della
II e III declinazione latina e due maschili in -OR della III.

2.3.3. Sostantivi maschili: III classe


I sostantivi maschili delle prime due classi mantengono uguale radice in tutte le loro forme salvo
rare eccezioni, c per una serie di sostantivi che ha una sillaba in meno rispetto alle altre tre
forme e che quindi si realizzano secondo il seguente schema:

sing. pl.

r. - - ber baron

obl. - -s baron barons

la maggior parte dei sostantivi che confluisce in questa classe deriva dagli imparisillabici latini o
da prestiti germanici, ed una peculiarit della classe la mancanza di costanza dellaccento che in
molti casi rimane fisso sulla stessa sillaba, in altri si sposta in avanti.

2.3.4. La desinenza -z
Nei testi in ant. fr. molti sostantivi escono in -z laddove ci si aspetterebbe unuscita in -s ma spesso
ci avviene a causa di un processo fonologico per cui un sostantivo terminante in dentale (a.e.

Avviamento alla filologia francese medievale, di A. Varvaro. Riassunto a cura di Enzo Santilli.
Opera trattata per soli fini didattici, tutti i diritti appartengono ai rispettivi proprietari.
Info: enzo.santilli.13@gmail.com Pag. 10
amant) deve incontrare linevitabile -s [ts] che pertanto viene realizzata graficamente con -z. si
tratta dunque di un semplice allofono dello stesso fonema e non avremo mai uscite in -z in parole
che allobliquo terminano in vocale a meno che queste in origine non avessero una dentale.

2.3.5. Modifica del radicale


Le radici in genere riscontrano una modifica per ragioni fonetiche o analogiche. Negli
imparisillabi i mutamenti investono la vocale della radice come in ber baron in quanto nel
singolare retto la vocale si trova in posizione tonica e subisce quindi il trattamento fonetico
normale in questo caso, ad esempio il passaggio a > e. La vocale originaria quella delle forme
oblique.

Molto pi frequente il caso in cui la desinenza -s comporta modifiche dei suoni precedenti come
nel caso del radicale terminante in -l che poi evolve in [w] come in chapel chapeaus. Lo stesso
accade quando la radice esce in realt in [] ma il risultato in genere -uz come in aiuel aieus
nonno. Infine [k] finale pu apparire come g, ma lesito naturalmente lo stesso come in borg
borgs borgo, citt.

2.3.6. Sostantivi maschili: indeclinabili


Un certo numero di sostantivi ha una sola forma per tutti i casi sia al singolare che al plurale. Ci
accade quando:

- La radice esce essa stessa in -s o -z. braz corpo, dos dorso, nes naso;
- Il sostantivo di origine germanica. bois bosco, Franeis Francese;
- Il sostantivo un nome di localit terminante in -s. Paris, Le Mans.

2.3.7. Sostantivi femminili: I classe


La maggior parte dei sostantivi femminili che al singolare escono in -e, non hanno distinzione di
caso, ma solo quella di numero (sing. - pl. -s); la massima parte di questi proviene dalla I
declinazione del latino.

2.3.8. Sostantivi femminili: II classe


Sono quelli che terminano in consonante (mort morte) o vocale tonica (lei legge) che in linea
generale seguono lo stesso schema di quelli di prima classe, senza distinzione casuale ma solo di
numero. Si tratta in genere di sostantivi femminili della III declinazione latina; si noti la differenza
fra quelli terminanti in -ORE che in italiano sono maschili mentre in francese femminili (amor,

Avviamento alla filologia francese medievale, di A. Varvaro. Riassunto a cura di Enzo Santilli.
Opera trattata per soli fini didattici, tutti i diritti appartengono ai rispettivi proprietari.
Info: enzo.santilli.13@gmail.com Pag. 11
onor). Qui si inseriscono i sostantivi che apparentemente escono in vocale a seguito del dileguo di
una dentale, come cit citt < CIVITATE; essi hanno al plurale regolarmente -z.

La distinzione dalla I classe opportuna perch accade spesso che al singolare retto di questi
sostantivi appaia una -s. Nei nostri testi troviamo ad esempio claretz, genz e nuiz al sing. r. Si
determina dunque il seguente schema:

sing. pl.

r. -s -s

obl. - -s

Sintende come anche nei sostantivi femminili di questa classe, dove si verifichi incontro tra
luscita consonantica del radicale e la desinenza -s, si abbia modifica del radicale secondo quanto
indicato per i sostantivi maschili in 2.3.5.

2.3.9. Sostantivi femminili: III classe


Anche tra i femminili ci sono sostantivi imparisillabi, sempre con lo spostamento dellaccento.
Cos ad esempio accanto al singolare obliquo seror sorella troviamo un singolare retto suer. In
questa classe si collocano anche un certo numero di nomi propri come Alde-Aldain, Berte-Bertain,
Eve-Evain. I nomi comuni di questa classe sono per lo pi di origine latina, mentre la maggior
parte dei nomi di persona sono di origine germanica.

2.3.10. Sostantivi femminili: indeclinabili


Esistono alcuni sostantivi che non conoscono differenza per numero e caso per le stesse ragioni
espresse in 2.3.6. e si stratta di croiz croce, feiz volta, pais pace, voiz volta.

2.4. Evoluzione della declinazione


Il francese moderno non ha pi differenze di caso allinterno dei numeri, se non per i pronomi
come accade anche in italiano. Il sistema di casi era gi di per s debole e oscillante, nonch
caratterizzato da un forte squilibrio nelloccorrenza delle diverse forme: infatti visto che il caso
obliquo esprimeva tutti i vecchi casi del latino tranne quello di soggetto e di appellativo
appartenenti alle forme rette erano le forme appartenenti a questa categoria quelle che
apparivano pi frequentemente e che quindi venivano considerate non marcate. Al sempre
maggiore utilizzo delle forme oblique a discapito di quelle rette concorre anche il fenomeno del
dileguo della [s] finale, partito dalla Normandia e dilagato in Inghilterra, che ha definitivamente

Avviamento alla filologia francese medievale, di A. Varvaro. Riassunto a cura di Enzo Santilli.
Opera trattata per soli fini didattici, tutti i diritti appartengono ai rispettivi proprietari.
Info: enzo.santilli.13@gmail.com Pag. 12
messo in crisi un sistema basato fondamentalmente su questa distinzione fonologica. Daltro canto
c da dire che anche le lingue che hanno conservato la [s] finale hanno preferito eliminare le
distinzioni di caso e che tale fenomeno stato comunque mantenuto per identificare lopposizione
di numero.

Si deve dunque pensare al coincidere di diverse evoluzioni di lungo periodo che investono tutte le
lingue romanze: la debolezza e scomparsa, in tempi diversi di -s e lo slittamento da
unorganizzazione sintetica della frase, basata sulle desinenze e a ordine delle parole
essenzialmente libero, ad una analitica, basata sulle preposizioni e a ordine delle parole assai pi
bloccato. La declinazione sembra ad ogni modo completamente crollata nel 1300 con lobliquo
come unica forma a sopravvivere. Le forme che rimangono per entrambi i casi assumono col
tempo significati differenti, lesempio pi interessante quello di trouver poeta medievale; chi
trova e troubadour poeta provenzale.

2.5. Gli aggettivi


2.5.1. Gli aggettivi: I classe (femminili in -e)
La declinazione degli aggettivi del tutto analoga a quella dei sostantivi. Abbiamo dunque una
prima classe che si contraddistingue perch la forma femminile esce in -e mentre quella maschile
pu risultare come segue:

- Maschili che escono in consonante:


m. f.
sing r. bels, beaus belle
obl. bel belle
pl. r. bel belles
obl. bels, beaus belles

- Maschili che al caso retto sing. escono in -es:


m. f.
sing r. magnes magne
obl. magne magne
pl. r. magne magnes
obl. magnes magnes

Avviamento alla filologia francese medievale, di A. Varvaro. Riassunto a cura di Enzo Santilli.
Opera trattata per soli fini didattici, tutti i diritti appartengono ai rispettivi proprietari.
Info: enzo.santilli.13@gmail.com Pag. 13
- Maschili che al caso retto sing. escono in -e:
m. f.
sing r. altre altre
obl. altre altre
pl. r. altre altres
obl. altres altres

Ovviamente ci sono anche aggettivi irregolari, come tot per cui il sing. r. m. regolarmente toz
come il pl. obl. m., ma il pl. r. m. tuit.

2.5.2. Gli aggettivi: II classe (femminili in consonante)


Gli aggettivi femminili che terminano in consonante seguono questo schema:

m. f.
sing r. forz fort
obl. fort fort
pl. r. fort forz
obl. forz forz

2.5.3. Forma neutra degli aggettivi


Gli aggettivi posseggono anche una forma neutra che identica al singolare obliquo maschile ma
che pu essere usata solo in riferimento ai soggetti neutri come ce, il. Es. il est vrai.

2.5.4. Aggettivi indeclinabili


Possiamo avere aggettivi al maschile che siano indeclinabili in quanto la loro radice esce in -s o -z.
Esempi possono essere bas, cortoiz, doleus, dolz e questi appariranno identici al singolare e al
plurale sia per il retto caso che per quello lobliquo.

2.5.5. Mutamenti nella radice e rifacimenti


Anche alla radice si applicano i mutamenti che abbiamo visto in 2.3.4. e 2.3.5. che porta ad una
corrispondenza a volte debole fra forma obliqua maschile e femminile: blanc/blanche; ancora
maggiore la divaricazione di casi fra retto maschile e femminile: beaus/belle. Alcune di queste
disparit sono dovute alla divergente evoluzione fonetica tra la forma latina del maschile e quella
del femminile, cos ad esempio da LONGU abbiamo regolarmente lonc ma da LONGA longe.

Avviamento alla filologia francese medievale, di A. Varvaro. Riassunto a cura di Enzo Santilli.
Opera trattata per soli fini didattici, tutti i diritti appartengono ai rispettivi proprietari.
Info: enzo.santilli.13@gmail.com Pag. 14
2.5.6. Comparativo e superlativo
La forma normale , per il comparativo, plus seguito dallaggettivo, per il superlativo relativo le
plus seguito dallaggettivo, per il superlativo assoluto assez, molt, tres, trop seguiti dallaggettivo o
par seguito da un altro termine e poi dallaggettivo.

Esistono per anche comparativi sintetici, ereditati dal latino e che declinano normalmente come
sing. m. r. pire sing. m. obl. peiour n. (avverbio) pis. Dei non molti superlativi assoluti sintetici,
invece, la maggior parte continua il tipo latino in -ISSIMUS > -isime ed il pi ricorrente di questi
saintismes.

2.6. Gli avverbi


Lantico francese possiede un certo numero di avverbi che non hanno una fisionomia riconoscibile
in base a tratti formali, in quanto in particolare la forma sing. m. obl. degli aggettivi pu essere
sempre usata in funzione avverbiale, cos ad esempio bien pu apparire come avverbio. negli
avverbi che discendono da avverbi e da locuzioni avverbiali troviamo spesso una -s che diviene
una vera e propria estensione per marcare lavverbio: fors, plus, jus, tres. Esiste infine come forma
pienamente produttiva la desinenza -ment che viene aggiunta alle forme femminili degli aggettivi
e alle radici sostantivali o avverbiali (certainement, vassaument, ausiment).

2.7. I numerali
Solo le denominazioni dei primi tre numeri cardinali sono declinabili. Troviamo uns uno sing.
m. r. e un obliquo. Mentre non si riscontrano i pl. un e uns alcuni, esiste unes alcune che
anche il plurale del f. sing. une. Per due abbiamo il m. r. dui, doi e lobl. deus e dous; stesse forme
per il femminile. Quanto a tre esistono diverse varianti ma treis sembra la pi ricorrente per
entrambi i casi ed entrambi i generi. I successivi cardinali non hanno declinazione, con le
eccezioni di vint e cent che hanno le forme oblique vinz e cenz, e mil che per migliaia presenta il
plurale mile. Due curiosit sono che gi lantico francese contava in alcuni casi per ventesimi e
che nei testi i numeri venivano indicati con dicitura romana interpuntata: 3 .iii. Tra gli ordinali
per i primi dieci abbiamo quasi sempre una coppia di forme, una corrispondente a quella latina e
una o due nuove.

2.8. I pronomi
2.8.1. Pronomi personali di I e II persona
Per la I pers. sing. distinguiamo tra la forma di caso r. je, ge, jeo e le forme oblique distinte in
toniche, mei e moi, sia come oggetto che come dativo e atone che appaiono solo come me. Per la I

Avviamento alla filologia francese medievale, di A. Varvaro. Riassunto a cura di Enzo Santilli.
Opera trattata per soli fini didattici, tutti i diritti appartengono ai rispettivi proprietari.
Info: enzo.santilli.13@gmail.com Pag. 15
pl. la forma sempre nos o nus o nous sia in sede tonica che atona, sia come soggetto che come
oggetto, che come dativo o dopo la preposizione.

Per la II pers. sing. la forma del caso r. tu sia in posizione atona che tonica. Per le funzioni
dellobliquo abbiamo tei e toi per la forma tonica, te e t per quella atona. La forma plurale
sempre vos o vus.

2.8.2. Pronomi personali di III persona


Premesso che anche qui bisogna distinguere fra forme toniche e atone e che per queste abbiamo,
oltre al caso retto, una forma per il dativo e una per laccusativo, e che esistono forme per il
neutro (in riferimento, cio, allanimato), di seguito riportiamo lo schema delle forme toniche:

m. f. n.
sing. retto il, el el(e) el, aul, au, ol
obl. lui, li li
pl. retto il, ils eles, els
obl. els, eus, euls eles, els
lour, lur, lour

Il comprensibilmente assai pi frequente al singolare che al plurale. Un bellesempio di quattro


forme pronominali diverse el de li et ele de lui egli di lei ed ella di lui, dove compaiono
rispettivamente m. r. e f. obl. e poi f. r. e m. obl. Va inoltre sottolineato che il pu essere utilizzato
come soggetto vuoto in funzione propriamente neutro, come gi accade nella Chanson de Roland:
Il nen est dreiz que Non giusto che. In particolare, il appare come soggetto di verbo
impersonale: sil vos plest se vi piace.

A proposito di ele osserviamo solo che possibile una sua alternanza con el.

Le forme atone invece si distribuiscono come segue:

m. f. n.
sing. r. il ele el
dat. li li
acc. lo, le la, le
pl. r. il eles
dat. lur lur
acc. les les

Avviamento alla filologia francese medievale, di A. Varvaro. Riassunto a cura di Enzo Santilli.
Opera trattata per soli fini didattici, tutti i diritti appartengono ai rispettivi proprietari.
Info: enzo.santilli.13@gmail.com Pag. 16
Lorigine di tutte queste forme nel pronome dimostrativo latino ILLE, il cui dativo ILLI fu rifatto
sul relativo CUI in ILLUI, ILLEI.

2.8.3. Riflessivo
Il riflessivo ha due forme, una tonica (sei, soi) e una atona (se), questa seconda si usa tanto con
verbi transitivi che intransitivi. Naturalmente sei, soi ha la sua gamma di usi come ad esempio
prima del verbo, dove sei rafforzato da misme.

2.8.4. Articolo determinativo e indeterminativo


Ecco le forme dellarticolo determinativo

m. f.
sing. r. li la
obl. lo, lu, le la
pl. r. li les
obl. les les

Nonostante la distribuzione di cui sopra, appare frequente loccorrere di le davanti a sostantivi m.


sing. in caso retto : le rei. Lorigine delle forme dellarticolo nel pronome dimostrativo latino ILLE,
e quindi la stessa del pronome personale di III persona. Come pronome indeterminativo funge il
numerale un.

2.8.5. Pronomi possessivi


Il possessivo di I pers. in sede tonica meins, meie. Le forme in sede atona sono m. mes (sing. r. e
pur. obl.), mon (sing. obl. e pl. r.) e f. sing. ma e pl. mes. Per quanto riguarda la seconda persona
troviamo in sede tonica tuens mentre in sede atona abbiamo m. tes. Il possessivo di terza persona
in sede tonica m. suens sing. r e pl. obl. e suen sing. obl., f. soue. Le forme atone sono ses m. sing. r.
e son m. sing. obl, si m. pl. r., sa f. sing. r. e obl.

Se il possessore al plurale il possessivo assume la forma lor / lur. Il possessivo di prima persona
plurale nostre tonico, noz atono obl.; seconda plurale vostre tonico, voz atono obl.; terza prlurale
lor / lur.

2.8.6. Pronomi e aggettivi dimostrativi


Lantico francese distingue un dimostrativo di vicinanza da uno di lontananza, sempre in rapporto
a chi parla. Esiste poi il pronome neutro o (e io), ce (e ice) ci.

Avviamento alla filologia francese medievale, di A. Varvaro. Riassunto a cura di Enzo Santilli.
Opera trattata per soli fini didattici, tutti i diritti appartengono ai rispettivi proprietari.
Info: enzo.santilli.13@gmail.com Pag. 17
2.8.7. Pronomi relativi e interrogativi
La forma pi comune qui, che presenta varianti per genere, numero e caso. La relazione di
genitivo di cui espressa da dont, dun(t); esiste anche il relativo (il) quel < QUALIS, f. quele;
molto caratteristico il r. sing. on < HOMO, che esprime il soggetto impersonale animato.

2.9. Verbi
La congiunzione ant. fr., come quella dellitaliano e di altre lingue romanze, fortemente
innovativa rispetto al latino. Al posto del passivo antico ci sono forme composte con estre e il
participio perfetto, sono scomparsi i verbi deponenti e i supini, il piuccheperfetto indicativo e
limperativo futuro, il futuro stato sostituito da una perifrasi di infinito + HABERE mentre
perifrasi di HABERE + participio perfetto formano i tempi del passato; appare il condizionale,
frutto di un'altra perifrasi (infinito + HABEBAM); il piuccheperfetto congiuntivo diventa imperfetto.

2.9.1. Alternanze vocaliche e nei radicali


Nella I, II, III e VI persona dei presenti indicativo e congiuntivo e nella II dellimperativo laccento
cade sulla radice, mentre nelle altre persone degli stessi tempi esso cade sulla desinenza. Poich le
vocali si comportano diversamente in sede tonica e atona, i radicali presentano alternanze che poi
sono state a volte estese per analogia dove sarebbero ingiustificate etimologicamente.

2.9.2. La classificazione dei verbi


Una prima distinzione va fatta tra verbi deboli e verbi forti. Un verbo si dice forte quando
laccento rimane sulla radice nella I, nella III e nella VI persona del perfetto, debole se laccento in
queste persone , come nelle altre, sempre sulla desinenza. Tra i verbi deboli distingueremo una I
classe di verbi con linfinito in -(i)er, una II con linfinito in -ir e una III con linfinito che esce in
-re atono. Anche tra i verbi forti distinguiamo tre classi: la prima riunisce quelli che avevano in
latino il perfetto in -I, la II quelli che lo avevano in -SI, la terza quelli con il perfetto latino in -UI.

Di seguito alcuni esempi:

- Verbi deboli, I classe: infinito in -(i)er: chanter


- Verbi deboli, II classe: infinito in -ir: partir
- Verbi deboli, III classe: infinito in -re: rendre
- Verbi forti, I classe: perfetti latini in -I: veeir, venir
- Verbi forti, II classe: perfetti latini in -SI: prendre
- Verbi forti, III classe: perfetto latini in -UI: aveir, voleir.

Esistevano ovviamente le eccezioni dei verbi irregolari.

Avviamento alla filologia francese medievale, di A. Varvaro. Riassunto a cura di Enzo Santilli.
Opera trattata per soli fini didattici, tutti i diritti appartengono ai rispettivi proprietari.
Info: enzo.santilli.13@gmail.com Pag. 18
3. Sintassi
3.1. Il sostantivo. Numero
Esistono sostantivi che, per quanto di genere plurale, non implicano alcuna pluralit delloggetto,
ad. es. braises calzoni, brache, cisoires forbici; alcuni sostantivi di senso collettivo sono
morfologicamente singolari ma, come soggetti, possono avere il verbo al plurale: gent frent
gente vennero. I sostantivi di significato astratto possono assumere forma plurale solo con un
significato concreto: la bont la bont ma les bontez gli atti di bont mentre di norma hanno
solo significato singolare i nomi di luogo e di persona.

3.2. Il caso retto


Il caso retto usato in primo luogo per esprimere il soggetto grammaticale, nonch tutti gli
elementi nominali che concordano con il soggetto grammaticale.

3.3. Il caso obliquo


Il caso obliquo si usa in primo luogo per loggetto diretto dopo i verbi transitivi e per tutti gli
elementi nominali che con tale oggetto diretto si accordano. Dopo tutte le preposizioni si usa
naturalmente il caso obliquo che senza preposizione esprime i rapporti di tempo, direzione,
denominazione, prezzo, circostanziale.

3.4. I determinanti e qualificanti del sostantivo


Larticolo definito ha un debole valore dimostrativo, coerentemente alla sua origine da un
dimostrativo latino, il suo uso comunque non obbligatorio ma in alcuni casi pu avere pieno
valore dimostrativo. Larticolo indefinito introduce un sostantivo che non era stato ancora
menzionato oppure, in relazione alla sua origine da un numerale, vale a particolarizzare un
sostantivo che segue. La funzione di articolo partitivo espressa da de: de la viande (parte) di
tutto il mangiare. Gli aggettivi e i partitivi in funzione aggettivale di norma si accordano in
genere, numero e caso con il sostantivo al quale si riferiscono, se i sostantivi sono pi di uno e
differiscono per genere o numero, laggettivo pu accordarsi a quello pi vicino.

Agli interlocutori si pu dare il tu o il vos, ma la forma di V plurale quella di rispetto. Quando si


succedono due forme pronominali, lordine normale quello oggetto diretto + oggetto indiretto:
si la me dones se me la dai.

Avviamento alla filologia francese medievale, di A. Varvaro. Riassunto a cura di Enzo Santilli.
Opera trattata per soli fini didattici, tutti i diritti appartengono ai rispettivi proprietari.
Info: enzo.santilli.13@gmail.com Pag. 19
3.5. Il verbo
Di seguito alcune peculiarit del sistema verbale ant. francese. Nellindicativo si nota una continua
oscillazione tra luso del presente, dellimperfetto e del perfetto. In teoria il primo dovrebbe
esprimere unazione attuale o anche perfetta (presente storico), il secondo unazione continuata e
il terzo unazione conclusa, ma questa differenza non riscontrabile nelluso, che sembra
sostanzialmente indifferente.

assai frequente che lo stesso verbo possa avere usi transitivi, intransitivi e pronominali. Cos ad
esempio morir non solo intransitivo (morir di dolore), o pronominale (a suo figlio che moriva),
ma anche transitivo, e quindi passivo, nel senso di uccidere (egli fu morto = venne ucciso).

Il prefisso -re, -ra modifica il senso del verbo in modo da indicare la ripetizione dellazione oppure
il ritorno allindietro.

3.6. Parole invariabili


Caratteristica accentuata dellant. fr. , oltre alla possibilit di usare come avverbi buona parte
degli aggettivi, la scarsa distinzione tra avverbi, preposizioni e congiunzioni. Sono numerosissime
le forme che hanno doppio uso come avverbio e preposizione o avverbio e congiunzione. Quando
lavverbio apre la frase, il soggetto si sposta dopo il verbo: es. lors chanta Chantecler un vers allora
Cantachiaro cant una poesia. Laffermazione viene realizzata mediante il raro avverbio o, o per
mezzo del pi frequente ol; la negazione si realizza mediante non o ne.

Tra le numerose congiunzioni le pi importanti sono ne, que, si. Ne deriva dal latino NEC ed in
primo luogo coordinatore di due frasi o due clausole negative. Lant. fr. que, foneticamente
continuatore di lat. QUID e QUOD, la tipica marca di subordinazione come si pu notare in
sempres iert rois, que Franois lont jugi sempre sar re, che i Francesi lo hanno giudicato.
Venendo a si, i suoi valori sono in parte ricavati dal latino SIC, in parte sviluppati in romanzo. Ha
prima di tutto valore ottativo, che si realizza a volte con inversione fra verbo e soggetto (si mast
Diex! Dio maiuti!) ma molto pi caratteristico della lingua medievale luso come coordinatore:
ad es. legua li getent, si moilent su lion lacqua gli gettano e bagnano il suo giaciglio.

3.7. Lordine delle parole


Lordine delle parole in ant. fr. rispetta per lo pi, soprattutto nelle proposizioni principali, la
successione S-V-O. Tale ordine per non obbligatorio, seppur un ordine diverso finisce per avere
un valore marcato a meno che non rientri in particolari schemi. Un esempio di questi schemi la

Avviamento alla filologia francese medievale, di A. Varvaro. Riassunto a cura di Enzo Santilli.
Opera trattata per soli fini didattici, tutti i diritti appartengono ai rispettivi proprietari.
Info: enzo.santilli.13@gmail.com Pag. 20
messa in rilievo delloggetto, dove possiamo avere O-V-S: o (O) dit (V) Ysotlt (S) ci dice Isotta.
Altri schemi particolari riguardano i seguenti ordini:

- V-S-O: si verifica abbastanza spesso, ma a patto che V sia preceduto da espressioni


avverbiali o preposizionali: lors apele (V) li roi (S) Girflet (O) allora chiama il re Girflet;
- Quando S non espresso (non essendo obbligatorio), V di norma preceduto da avverbi o
complementi: espee ceinte est entrez (V) el mostier (O) cinta la spada entrato nella chiesa;
- Altrimenti abbiamo un ordine O-V: la nef (O) desirent (V) a la rive la nave desiderano alla
riva;
- Per avere lordine V-S-O con il verbo in posizione iniziale assoluta dobbiamo avere a che
fare con gli imperativi: Alez (V) vous (S) ent, biaus dous amis andatevene, bel dolce amico;
- Un secondo caso in cui lordine V-S normale la frase che introduce il discorso diretto o
vi intercalata: dist Guillelmes li fier disse Guglielmo il fiero;
- Infine, linversione tra soggetto e verbo, e quindi lordine (O)-V-S diventa quasi di norma
nellinterrogazione Que (O) veut (V) on (S) chaiens? Che vuole uomo da qua dentro?

Avviamento alla filologia francese medievale, di A. Varvaro. Riassunto a cura di Enzo Santilli.
Opera trattata per soli fini didattici, tutti i diritti appartengono ai rispettivi proprietari.
Info: enzo.santilli.13@gmail.com Pag. 21
4. Fonetica
La lingua letteraria ant. fr. possiede in posizione tonica (vale a dire accentata) otto fonemi
vocalici, fonemi la cui identificazione, al di l delle grafie, resa possibile dallanalisi delle
assonanze e delle rime. Infatti ogni fonema vocalico assona o rima con se stesso, e quindi se vocali
graficamente eguali ma di diversa provenienza non assonano o rimano mai tra di loro, appare
verosimile che esse siano realizzazioni di fonemi distinti. Lesame delle corrispondenze con le
parole latine da cui quelle francesi derivano mostra che le vocali francesi presuppongono una
evoluzione del latino analoga a quella presupposta dallitaliano standard. Infatti il latino aveva
dieci fonemi vocalici, in quanto distingueva A, E, I, O, U rispettivamente brevi e lunghe; ma
italiano e francese presuppongono queste semplificazioni:

i e a o u

La /a/ si conserva intatta solo in parole di tradizione religiosa o comunque colta, come pape <
PAPA. In ant. fr. ogni volta che una vocale seguita da una delle tre consonanti nasali (m, n e ),
essa diventa nasale mentre oggi la vocale si realizza nasalmente solo se la consonante nasale che
la segue fa parte della stessa sillaba. I dittonghi pi comuni dellant. fr. erano ai, au, ei, oi, ue, eu,
ou, ie, ui e potevano essere sia discendenti (accento sul primo elemento) che ascendenti (accento
sul secondo), e a questi andavano aggiunti i trittonghi ieu, ueu e eau.

Per quanto riguarda le consonanti, va sottolineato che ben presto scompariranno le affricate
divenendo semplici fricative (perderanno quindi lelemento occlusivo) e, a causa del generale
fenomeno di lenizione che aveva investito gi il tardo latino, possiamo schematizzare dicendo che
in alcuni casi le occlusive sorde doppie diventeranno occlusive sorde semplici, queste
diventeranno sonore, queste fricative e queste spariranno.

Avviamento alla filologia francese medievale, di A. Varvaro. Riassunto a cura di Enzo Santilli.
Opera trattata per soli fini didattici, tutti i diritti appartengono ai rispettivi proprietari.
Info: enzo.santilli.13@gmail.com Pag. 22