Sei sulla pagina 1di 9

Anno Accademico 2017/2018

Conoscenze e abilit da conseguire


Il corso si prefigge di fornire allo studente gli strumenti per conoscere: - le principali caratteristiche
epidemiologiche, eziopatogenetiche, morfologiche, fenotipiche e clinico-patologiche delle pi importanti
patologie non neoplastiche (infiammatorie, ischemiche e degenerative) dei seguenti apparati: cardio-
circolatorio, emolinfopoietico, respiratorio, gastro-enterico, urinario, genitale maschile, genitale femminile
, mammella ed endocrino, nonch del fegato e delle vie biliari, del pancreas, del sistema nervoso centrale
e della cute; - le principali caratteristiche epidemiologiche, eziopatogenetiche, morfologiche, fenotipiche,
molecolari e clinico-patologiche delle pi importanti patologie neoplastiche dei seguenti apparati: cardio-
circolatorio, respiratorio, gastro-enterico, genitale maschile, genitale femminile, mammario, ed
emolinfopoietico, nonch del fegato e delle vie biliari, del pancreas, del sistema nervoso centrale, della
cute, dell osso e dei tessuti molli; Al termine del corso, lo studente in grado di: - decodificare
correttamente la diagnosi di dette patologie, con chiara percezione della loro valenza prognostico-
terapeutica.

Programma/Contenuti
ANATOMIA PATOLOGICA

12 cfu (6 per ciascun semestre IV anno)

Programma Unico Concordato dei Canali A e B

(revisione 27.06.2017)

CONOSCENZE E ABILIT DA CONSEGUIRE:

Per apprendere l'Anatomia e Istologia Patologica sono necessarie conoscenze approfondite di Anatomia
Umana Normale e di Istologia ed Embriologia normali. Come diceva il Professor Pierre Masson (Montreal,
1968) per capire cosa diverso (Anatomia Patologica) occorre conoscere la norma. Infine non si possono
comprendere le parti speciali delle malattie se mancano le basi della Patologia Generale. Conoscenze di
immunologia e di genetica facilitano l'apprendimento. Gli argomenti trattati a lezione si considerano
comunque oggetto di esame, incluse nozioni sulla fissazione e sulla scrittura della diagnosi
anatomopatologica bioptica e autoptica

Il corso si prefigge di fornire allo studente gli strumenti per conoscere:

le principali caratteristiche epidemiologiche, eziopatogenetiche, morfologiche, fenotipiche e clinico-

patologiche delle pi importanti patologie neoplastiche (inclusi i concetti di grading e staging) e non

neoplastiche (infiammatorie, ischemiche o degenerative) dei seguenti organi e apparati: cardio-

circolatorio, respiratorio, gastro-enterico, fegato e vie biliari, pancreas, rene, vie urinarie, genitale

maschile e femminile, mammella, sistema endocrino, sistema nervoso centrale, nervoso periferico,

muscolare scheletrico, osteoarticolare, cute, emopoietico e linfoide.

le metodiche che sottendono alla gestione del materiale bioptico (fase pre-analitica) ed alle procedure

diagnostiche di anatomia patologica.


Al termine del corso, lo studente dovrebbe essere in grado di:

decodificare correttamente la diagnosi di dette patologie, con chiara percezione della loro valenza

prognostico-terapeutica;

saper valutare l'adeguatezza della procedura che ha condotto alla diagnosi.

PROGRAMMA/CONTENUTI

Malattie dell'apparato cardiocircolatorio


In particolare:

Elementi essenziali di patologia delle cardiopatie congenite

Cardiopatia ischemica.

Quadri anatomopatologici e patogenesi di: angina pectoris, cardiopatia ischemica cronica, Infarto del
miocardio (Tempi di comparsa della necrosi nellevoluzione dellinfarto miocardico acuto: metodi
utilizzati per la sua valutazione).

Dalla necrosi al processo riparativo: descrizione dellevoluzione dellinfarto.

Pericardite in corso dinfarto del miocardio.

Le rotture del cuore infartuato: epoca di comparsa e descrizione.

Concetto di shock cardiogeno. Cicatrizzazione dellinfarto: sue peculiarit. Aneurisma ventricolare


postinfartuale: complicazioni connesse. Complicazioni encefaliche nel corso dellinfarto del miocardio.

Morte improvvisa.

Malattie delle valvole cardiache. Quadri anatomopatologici e patogenesi di: cardiopatia reumatica,
stenosi aortica, prolasso della mitrale, endocarditi infettive, endocardite trombotica non batterica; valvole
cardiache artificiali.

Malattie primitive del miocardio. Quadri anatomopatologici e patogenesi di: miocarditi,


miocardiopatie: cardiomiopatia dilatativa, cardiomiopatia ipertrofica, cardiomiopatia restrittiva
(amiloidosi), cardiomiopatia aritmogena.

Malattie del pericardio. Quadri anatomopatologici e patogenesi di: pericarditi e versamenti pericardici

Malattie dei vasi. Quadri anatomopatologici e patogenesi di: arteriosclerosi e aterosclerosi,


neoaterosclerosi (p. es. negli stent) ed aterosclerosi accelerata (p. es. nelle malattie autoimmuni),
malattia ipertensiva.

Vasculiti: cenni riguardo poliarterite nodosa, vasculiti associate ad ANCA, arterite temporale
(gigantocellulare o craniale), arterite di Takayasu; tromboangioite obliterante (malattia di Buerger).
Difficolt classificative delle vasculiti. Ipotesi strutturale ed embriogenetica sulla genesi dei diversi tipi di
vasculite.

Aneurismi: congeniti e acquisiti (aneurisma aterosclerotico, aortite e aneurisma sifilitico). Dissecazione


aortica e sindrome di Marfan.

Malattie dell'apparato respiratorio

In particolare:

Malattie ostruttive. Quadri anatomopatologici e patogenesi di: bronchite cronica, asma, enfisema,
bronchiectasie

Malattie restrittive. Quadri anatomopatologici e patogenesi di: malattie restrittive acute: danno
alveolare diffuso (sindrome da distress respiratorio dell'adulto e dellinfanzia).

Malattie restrittive croniche: inquadramento dei vari tipi di danno anatomopatologico nelle malattie
interstiziali del polmone (polmonite interstiziale usuale).

Pneumoconiosi e in particolare silicosi e asbestosi: diagnosi differenziale morfologica.


Evidenziazione della silice, dei corpi dellasbesto e dellasbesto. Ricerca di minerali nei polmoni
nellaccertamento di malattie professionali.

Malattie granulomatose del polmone: sarcoidosi e tubercolosi (e loro diagnosi


differenziale). Evoluzione della tubercolosi (tubercolosi primaria e postprimaria, caverne, tubercolosi
miliare, laringea, meningea, dellileo, osteoarticolare, urogenitale).

Polmonite da ipersensibilit: sua correlazione con la vita moderna.

Fibrosi polmonare idiopatica e non. Istologia della fibrosi polmonare (polmonite interstiziale usuale,
acuta, desquamativa e non altrimenti specificata). Concetto di stadio finale polmonare o polmone a favo
dapi.

Patologia polmonare non neoplastica da fumo: broncopneumopatia cronica ostruttiva; istiocitosi a


cellule di Langerhans; malattia delle piccole vie aeree; bronchiolite respiratoria.
Edema polmonare

Malattie vascolari polmonari. Quadri anatomopatologici e patogenesi di: tromboembolia, infarto ed


emorragia polmonare. Ipertensione polmonare (primaria e secondaria) e sclerosi vascolare.

Infezioni polmonari. Quadri anatomopatologici e patogenesi di: polmonite e broncopolmonite batterica


acuta, polmonite atipica primaria, tubercolosi, ascessi polmonari, infezioni da Citomegalovirus e da
Pneumocistis carinii.

Lesioni della pleura. Pleuriti e tumori della pleura (tumore fibroso solitario, mesotelioma maligno e
tumori metastatici). Placca pleurica.

Tumori del polmone

Genetica molecolare e lesioni pre-neoplastiche.

Classificazione istologica del carcinoma polmonare secondo Classificazione WHO: carcinoma squamoso,
adenocarcinoma, carcinoma a grandi cellule, carcinoma a piccole cellule, e forme miste, tumori simil-
ghiandola salivare (carcinoma adenoideo-cistico e tumore misto).

Amartoma cartilagineo.

Neoplasie neuroendocrine.

Sindromi paraneoplastiche.

Malattie e tumori del naso faringe: concetti generali; in particolare: carcinoma nasofaringeo.

Laringe: concetti generali; in particolare: noduli e polipi delle corde vocali, papillomi solitari e
papillomatosi. Carcinoma della laringe e suoi precursori.

Malattie del Timo

Malattie dello sviluppo del timo

Iperplasia timica

Timomi (A, AB, B1, B2, B3, C).

Carcinoide timico.

Patologia delle ghiandole salivari

In particolare: adenoma pleomorfo, tumore di Warthin, carcinoma acinico, carcinoma mucoepidermoide,


carcinoma adenoidocistico, lesione linfoepiteliale benigna e maligna. Cisti della regione testa-collo.

Malattie del tratto gastro-enterico

In particolare:

Malattie dell'esofago. Quadri anatomopatologici e patogenesi di: esofagiti, esofago di Barrett,


carcinoma squamoso e adenocarcinoma dell'esofago.

Malattie non neoplastiche dello stomaco. Quadri anatomopatologici e patogenesi di: gastriti (acuta e
cronica) ed ulcere dello stomaco (ulcera peptica ed ulcere acute gastriche). Malattia di Mntriere.

Malattie tumorali e simil-tumorali dello stomaco. Tumori: polipi gastrici, carcinoma gastrico.

Tumori mesenchimali del tratto gastro-intestinale incluso GIST.

Anomalie congenite dell'intestino. Quadro anatomopatologico e patogenesi del megacolon acquisito e


congenito.

Malattie vascolari. Malattia ischemica intestinale.

Enterocoliti. Quadri anatomopatologici e patogenesi di enterocoliti infettive, gastroenterite virale e


batterica, enterocolite necrotizzante, colite pseudomembranosa (antibiotici-associata).

Sindromi da malassorbimento. Quadri anatomopatologici e patogenesi di: morbo Celiaco, morbo.di


Whipple.

Malattie infiammatorie intestinali idiopatiche. Quadri anatomopatologici e patogenesi di: Colite


ulcerosa, M.di Crohn.
Neoplasie del tratto gastro-enterico.

Polipi: concetti generali; in particolare: polipi amartomatosi, di Peutz-Jeghers, iperplastici, serrati,


adenomi tubulari, tubulo-villosi e villosi.

Sequenza adenoma-carcinoma: caratteristiche morfologiche e molecolari.

Adenomi cancerizzati.

Poliposi e sindromi familiari: concetti generali; in particolare: poliposi giovanile, sindrome di Peutz-
Jeghers, sindrome di Cronkhite-Canada, sindrome della poliposi iperplastica, sindrome di Lynch, poliposi
adenomatosa familiare (FAP) e sue varianti, sindrome di Cowden.

Carcinoma del colon e del retto: epidemiologia, eziologia e patogenesi. Aspetti morfologici.

Adenocarcinoma, adenocarcinoma mucinoso (con produzione di mucine extracellulari) e Carcinomi con


cellule ad anello con castone (signet-ring) e con aspetti neuroendocrini.

Neoplasie mesenchimali del tratto-gastro-enterico.

Neoplasie del canale anale: carcinoma basaloide, carcinoma verrucoso, carcinoma squamoso.

Neoplasie neuroendocrine del tratto gastro-enterico.

Appendice. Appendicite acuta, mucocele appendicolare, adenocarcinoma ed adenoma dell'appendice,


pseudomixoma peritonei, carcinoidi.

Malattie del fegato e delle vie biliari

In particolare:

Cirrosi. Quadri anatomopatologici epatici e patogenesi. Conseguenze e quadri anatomopatologici a carico


degli altri organi

Epatite virale. Agenti eziologici, patogenesi e quadri anatomopatologici correlati alle varie sindromi
cliniche. Epatite fulminante, epatite acuta, epatite cronica.

Epatopatie non virali. Quadri anatomopatologici e patogenesi di: epatopatia alcoolica, epatite
autoimmune, epatopatie da farmaci e tossine, emocromatosi, M.di Wilson, deficit di alfa-1 antitripsina,
epatite neonatale. Ascesso epatico.

Malattie delle vie biliari intraepatiche. Quadri anatomopatologici e patogenesi di: cirrosi biliare
primitiva e secondaria, colangite sclerosante primitiva.

Tumori e lesioni simil-tumorali. Angioma epatico. Quadri anatomopatologici, fattori predisponenti ed


evoluzione di: iperplasia nodosa focale, adenoma epatocellulare, carcinoma epatocellulare,
colangiocarcinoma, epatoblastoma.

Tumori metastatici.

Vie biliari extraepatiche. Quadri anatomopatologici e patogenesi dell'ostruzione delle vie biliari
extraepatiche; classificazione, quadri anatomopatologici, fattori predisponenti ed evoluzione del
carcinoma dei dotti biliari extraepatici e dell'ampolla del Vater.

Colecisti. Quadri anatomopatologici di: colecistiti; carcinoma della colecisti.

Malattie del pancreas

Malattie del pancreas esocrino. Quadri anatomopatologici e patogenesi di: pancreatite acuta e
cronica.

Tumori del pancreas esocrino. Carcinoma duttale ed acinare.

Malattie del pancreas endocrino. Classificazione, quadri anatomopatologici, patogenesi, storia


naturale e complicanze del diabete mellito. Classificazione, quadri anatomopatologici e manifestazioni
cliniche dei tumori delle cellule insulari. Quadro anatomopatologico correlato agli insulinomi e ai
gastrinomi (sindrome di Zollinger-Ellison).

Malattie del rene

Peculiarit morfofunzionali del rene: il podocita, le cellule epiteliali e non epiteliali nella patologia e
nellevoluzione verso luremia.
La biopsia renale. Indicazioni. Conservazione per linvio al patologo. Criteri per la valutazione
delladeguatezza del campione prelevato. Tecniche indispensabili per una corretta diagnosi istopatologica.

Diagnosi istopatologica nella patologia glomerulare. Criteri per la formulazione della diagnosi
desumibili dalle glomerulopatie maggiori: Nefropatia da IgA, glomerulosclerosi focale segmentaria,
glomerulopatia diabetica, sindromi nefrosiche, glomerulopatie a C3.

Lupus eritematoso sistemico.

Microangiopatia trombotica sindrome uremico-emolitica (HUS) dellinfanzia

Rene da shock.

Alterazioni macroscopiche del rene nella pielonefrite cronica e nel rene vascolare.

Patologia tubulointerstiziale. Concetti generali

Uremia. Manifestazioni morfologiche renali e sistemiche; indicatori morfologici utili a stabilire levolutivit
di una nefropatia verso lo stadio finale renale.

Tubercolosi renale: Forme classica e odierna.

Rene policistico delladulto.

Sindrome di Alport.

Tumori del rene. Il carcinoma renale a cellule chiare: unentit a parte nelloncologia. Sua storia
naturale e campionamento del materiale chirurgico per una corretta diagnosi istopatologica. Valutazione
critica dei criteri prognostici e predittivi. Correlazioni con la patologia cistica renale.

Nefroblastoma (tumore di Wilms): storia naturale, campionamento del materiale chirurgico. Criteri
prognostici e predittivi. Sequele prevedibili col trascorrere degli anni nei sopravvissuti alla terapia del
nefroblastoma.

Cenni sulle altre neoplasie primitive del rene, benigne e maligne.

Malattie delle vie urinarie

Anomalie congenite della vescica.

Cistiti acute e croniche e varianti particolari (es. Malacoplachia).

Neoplasie della vescica: Neoplasie a cellule uroteliali. Papillomi e carcinomi papillari: criteri
differenziativi. Propensione alla multicentricit ed alle recidive. Aspetti macroscopici del carcinoma
uroteliale. Carcinoma piatto. Utilit del grading. Stadiazione: importanza del livello d'infiltrazione della
parete.

Malattie dellapparato genitale maschile

In particolare:

Patologia non neoplastica e anomalie congenite del testicolo

Tumori del testicolo. Classificazione (secondo Organizzazione Mondiale della Sanit). Quadri
anatomopatologici ed evoluzione di: tumori a cellule germinali (seminoma e tumori non seminomatosi),
tumori dello stroma gonadico, linfoma testicolare.

Malattie e tumori della prostata. Quadri anatomopatologici, patogenesi di: prostatite, iperplasia
benigna e carcinoma della prostata (compresa stadiazione; grading e score di Gleason).

Pene: anomalie congenite, patologie infiammatorie e tumori.

Patologia della mammella

Mammella maschile. Quadro anatomo-patologico della ginecomastia. Carcinoma.

Mammella femminile. Mastiti. La malattia cistica e le sue componenti: cisti, metaplasia apocrina,
fibrosi, elastosi. Le varie forme diperplasia dei dotti e dei lobuli. Loro gradazione relazione con il
carcinoma mammario.

Calcificazioni mammarie. Importanza e modalit di studio delle microcalcificazioni .

Carcinoma della mammella: epidemiologia e prevenzione.


Carcinoma non invasivo (in situ) nelle sue diverse varianti morfologiche.

Carcinoma invasivo (infiltrante) nelle sue forme principali (carcinoma duttale e carcinoma lobulare).

Fattori predittivi (Significato della determinazione dei recettori estrogenici e progestinici. La patologia
molecolare nella tipizzazione del carcinoma mammario) e prognostici (TNM) del carcinoma mammario

Il carcinoma di Paget della mammella.

Cenni alle neoplasie mammarie meno comuni.

Patologia mammaria non maligna: adenosi sclerosante, cicatrici radiali, lesione focale scleroelastotica,
adenoma del capezzolo.

Fibroadenoma. Tumori filloidi benigni e maligni.

Papilloma intraduttale: diagnosi differenziale col carcinoma in situ.

Malattie dellapparato genitale femminile

In particolare:

Patologia neoplastica e pre-neoplastica della vulva, vagina e cervice uterina. Quadri


anatomopatologico e patogenesi di: infezione da papillomavirus umano e correlazioni con le neoplasie
intraepiteliali vulvari (VIN) vaginali (VAIN) e cervicali (CIN e SIL). Il carcinoma squamoso delle vie
genitali femminili (vulva, vagina, cervice uterina): quadro anatomopatologico, storia naturale e diagnosi e
stadiazione patologica.

Endometrite.

Endometriosi ed adenomiosi

Patologia neoplastica e pre-neoplastica del corpo uterino.

Quadri anatomopatologici, patogenesi dell'iperplasia endometriale e sua correlazione con il carcinoma


dell'endometrio. I polipi endometriali. Classificazione, quadri anatomopatologici, stadiazione del
carcinoma dell'endometrio. Il leiomioma e leiomiosarcoma.

Cisti e tumori dell'ovaio. Quadri anatomopatologici e patogenesi di: cisti follicolari e luteiniche. L'ovaio
policistico. Classificazione, quadri anatomopatologici ed evoluzione dei tumori ovarici (sierosi, mucinosi,
endometrioidi, tumore di Brenner, tumori dello stroma gonadico e tumori germinali).

Patologia della gravidanza. Quadri anatomopatologici e patogenesi di: mola completa e parziale, mola
invasiva, coriocarcinoma

Malattie del sistema endocrino

In particolare:

Ipofisi. Quadri anatomopatologici e manifestazioni cliniche degli adenomi ipofisari. Craniofaringioma

Tiroide.

Anomalie congenite

Iper- e ipotiroidismo

Tiroiditi (T. di Hashimoto, T.subacuta)

Iperplasia diffusa e multinodulare: malattia di Graves-Basedow, gozzo multinodulare.

Il nodulo tiroideo

Neoplasie tiroidee: lesioni molecolari, classificazione e concetti generali, manifestazioni cliniche; diagnosi
differenziale tra lesioni benigne e maligne. Neoplasie maligne ben differenziate: carcinoma follicolare e
carcinoma papillifero. Carcinoma scarsamente differenziato (insulare) Carcinoma anaplastico. Carcinoma
midollare sporadico e familiare.

Paratiroidi: ipoparatiroidismo; iperparatiroidismo primario e secondario.

Iperplasia, adenoma e carcinoma delle paratiroidi.

Surrene. Iperfunzione e insufficienza surrenalica. Neoplasie del corticosurrene. Feocromocitoma.


Neuroblastoma.
Paragangliomi.

Sindromi MEN

Malattie della cute

In particolare:

Dermatosi infiammatorie e lupus eritematoso sistemico (LES)

Malattie bollose

Infezioni (verruche, mollusco contagioso, sifilide)

Tumori epiteliali. Quadri anatomopatologici di: lesioni epiteliali benigne e precancerose (cheratosi
seborroica, cheratosi attinica, malattia di Bowen). Verruche. Tumori epiteliali maligni: carcinoma
squamoso, carcinoma basocellulare.

Tumori e lesioni melanocitarie. Quadri anatomopatologici e significato clinico di: nevo nevocellulare
(giunzionale, intradermico, composto), nevo displastico, melanoma maligno. Aspetti istologici con
significato prognostico del melanoma maligno (melanoma in situ, melanoma a diffusione superficiale,
melanoma nodulare, misurazione in livelli di Clark, spessore di Breslow).

Malattie delle ossa e delle articolazioni

In particolare:

Fratture

Osteonecrosi

Infezioni

Tumori e lesioni simil-tumorali dellosso:

Displasia fibrosa e sindrome di McCune-Albright.

Neoplasie benigne dell'osso e della cartilagine, tra cui condroma ed osteocondroma, osteoma,
osteoblastoma, condroblastoma. Sindrome di Maffucci, e malattia di Ollier. Cisti ossea aneurismatica.

Tumore a cellule giganti.

Sarcomi dellosso: Concetti generali, grading e stadiazione.

Osteosarcoma: clinica e sedi tipiche d'insorgenza. Correlazioni con l'accrescimento corporeo e con le
metafisi. Aspetto radiologico e macroscopico tipico. Il triangolo di Codman.

Condrosarcoma.

Sarcoma di Ewing e PNET.

Artropatie: concetti generali; in particolare artrite reumatoide, gotta e pseudogotta.

Tumori e lesioni simil-tumorali delle articolazioni

Tumori e lesioni simil-tumorali dei tessuti molli

In particolare:

Tumori benigni:

Lipoma e varianti.

Leiomioma.

Fibromatosi. Tumori fibrositiocitari. Dermatofibroma. Dermatofibrosarcoma protuberans.

Tumori benigni dei vasi e lesioni vascolari simil-tumorali, incluso il sarcoma di Kaposi.

Neoplasie benigne del nervo periferico

Sarcomi dei tessuti molli:

Concetti generali, grading e stadiazione.

Fibrosarcoma.
Fibroistiocitoma maligno.

Liposarcoma.

Leiomiosarcoma.

Rabdomiosarcoma e relative varianti, tra cui il rabdiomiosarcoma alveolare e il cosiddetto sarcoma


botrioide.

Angiosarcoma.

Sarcoma sinoviale

Neoplasie maligne del nervo periferico

Malattie del muscolo scheletrico e del sistema nervoso periferico

Principali forme di neuropatia.

Classificazione delle miopatie.

Malattie del sistema Nervoso centrale

In particolare:

Edema cerebrale

Idrocefalo

Traumi e lesioni vascolari traumatiche (ematoma epi- e subdurale)

Malattie vascolari. Quadri anatomopatologici e patogenesi di: encefalopatia ipossico-ischemica, infarto


cerebrale, emorragie intracraniche, emorragie intraparenchimali primitive, aneurismi sacculari ed
emorragia subaracnoidea, malformazioni vascolari.

Infezioni. Quadri anatomopatologici e patogenesi di: infezioni epidurali e subdurali. Meningiti (acuta,
cronica, linfocitaria). Infezioni parenchimali (inclusi concetti generali sulle encefaliti), ascessi, encefaliti
spongiformi.

Tumori. Quadri anatomopatologici e classificazione dei tumori cerebrali: gliomi (astrocitomi,


oligodendrogliomi, ependimomi) tumori neuroectodermici, meningiomi. Tumori metastatici.

Malattie degenerative e Demielinizzanti: Sclerosi multipla. Malattia di Alzheimer. Malattia di


Parkinson. Corea di Huntington. Encefalopatie spongiformi: descrizione anatomoclinica. Sclerosi laterale
amiotrofica. Leucodistrofie.

Malattie del sistema emopoietico e linfoide

In particolare:

Malattie neoplastiche dei globuli bianchi. Classificazione e inquadramento dei linfomi maligni
(classificazione WHO): linfoma di Hodgkin, principali linfomi non-Hodgkin di derivazione linfocitaria B
(leucemia linfatica cronica, linfoma follicolare, linfomi marginali, linfoma mantellare, linfoma diffuso a
grandi cellule, linfoma di Burkitt).

Linfadeniti (inclusa infezione da HIV e AIDS).

Splenomegalia e rottura della milza.

Testi/Bibliografia
Robbins e Cotran: Le basi patologiche delle malattie. Ed Masson 9 Edizione

Metodi didattici
Lezioni frontali interattive con discussione con gli studenti di immagini istologiche.

Ogni patologia neoplastica d'organo affrontata con un inquadramento della istologia normale, cenni
epidemiologici, inquadramento delle precancerosi, caraterizzazione delle prinipali neoplasie.

Ogni patologia infiammatoria affrontata con un inquadramento della istologia normale, cenni
epidemiologici, meccanismi etio-patogenetici, descrizione delle alterazioni istologiche tipiche della
malattia
Modalit di verifica dell'apprendimento
Esame orale. Ogni studente verr esaminato da due diversi commissari. Domande multiple scelte su vari
argomenti del programma pubblicato di sopra. Lo studente riceve un voto, in base alla capacit
dimostrata di esporre in modo sintetico e compiuto le specifiche tematiche.