Sei sulla pagina 1di 1

IL QUARTO STATO

Entr a far parte delle Civiche Raccolte dArte di Milano nel 1920 per acquisto con sottoscrizione pubblica promossa dal
Sovrintendente al Castello Sforzesco alla quale aderirono banche, industriali, giornali come Il Corriere della Sera, ma soprattutto
uomini del mondo della cultura e dellarte. Inizialmente venne esposto al Castello Sforzesco, poi nella sala delle commissioni del
Comune di Milano a Palazzo Marino, infine alla Galleria dArte Moderna a Villa Reale e ora al Museo del Novecento.

Eseguito con tecnica divisionista fra il 1898 e il 1901 da Pellizza (1868-1907)1


Presentato alla Quadriennale torinese del 1902 (anno che vide una repressione particolarmente violenta di uno sciopero, proprio a
Torino, e in cui Giolitti, ministro degli interni, diede il via alla neutralit nei conflitti tra padroni e braccianti) non fu premiato come
lautore sperava, anzi fu criticato per il contenuto (perch inefficace nel trasmettere il messaggio) e la forma (per lassenza di
movimento). Solo successivamente cominci ad avere successo e fu riprodotto innumerevoli volte sulla stampa socialista.

Preceduto da un lungo lavoro di elaborazione con una sintesi provvisoria in tre bozzetti successivi realizzati ad olio su
tela.
AMBASCIATORI DELLA FAME - 1892 FIUMANA - 1895 ILCAMMINO DEI LAVORATORI - 1899
Pellizza ha consolidato i rapporti con i
Originato dallo schizzo di uno sciopero operaio divisionisti. Modifica lidea espressa Ultima fase di studio. Lartista cerca
calato nellambientazione della Piazzetta dal primo bozzetto e decide di larmonia compositiva e cromatica con
Malaspina di Volpedo. Al centro due figure guida rappresentare non un singolo episodio, simmetrie dei gesti e tonalit di colore.
maschili con lelemento patetico costituito da un MA IL CONCETTO STESSO DEL In questo modo esprime visivamente la
giovane che si avvicina ai due per indurli a voltarsi PROGRESSO SOCIALE compattezza dei lavoratori nel rivendicare i
perch sua moglie con un bambino in braccio DELLUMANIT. Compare in primo propri diritti.
svenuta per la fame. piano insieme ai due uomini una
donna con bambino in braccio,
linteresse dellartista si concentra sulle
figure eliminando i riferimenti spaziali
alla piazza del paese.

LA VERSIONE DEFINITVA CHE PRESE IL NOME DI QUARTO STATO RAPPRESENTA IL FUTURO VERSO CUI I
LAVORATORI AVANZANO CON UNA MARCIA INARRESTBILE, COMPATTA E DIGNITOSA, VOLGENDO LE SPALLE
AL CREPUSCOLO DEL PASSATO (fondo scuro) UNITI E FIDUCIOSI NEL PROGRESSO (la luce frontale che colpisce
le figure aspetto simbolista).
Aspetti stilistici:
Figure studiate dal vero (modelli sono gli abitanti di Volpedo e la moglie per la figura femminile al centro) e sintetizzate
su modello della grande arte rinascimentale. Da Masaccio (plasticit sintetica) a Piero della Francesca
(geometrizzazione) a Raffaello e Michelangelo (gesti eloquenti monumentalit).
Ci sono riferimenti precisi a modelli rinascimentali: ad esempio luomo che punta il dito a terra (rovesciato
latteggiamento di Platone nella Scuola di Atene di Raffaello) e la donna in primo piano con una rotazione che riprende le
figure michelangiolesche e raffaellesche. Pellizza ha ben presenti questi modelli perch ha nello studio una serie di
fotografie Alinari dei grandi capolavori del passato.
LA FORMA SINTETICA E PLASTICA HA LO SCOPO DI TRASMETTERE LA FORZA MORALE DELLE FIGURE.
Nel gruppo di lavoratori I GESTI SONO RIPETUTI E CONCATENATI (la prima fila costituita da 12 persone
simboleggiano gli apostoli della nuova fede) secondo un sapiente gioco di rimandi e contrasti (pugni chiusi, palme
aperte, movimento diagonale delle figure di lato donna e uomo col bambino il ragazzo con la giacca sulla spalla che
rimanda allatteggiamento del capo, sullo sfondo le teste con la mano sulla fronte e le due braccia con la cesta) I GESTI
E I COLORI SI RIPETONO RITMICAMENTE proprio per rendere chiara la compattezza dei lavoratori che rivendicano i
loro diritti.
I CONTRASTI DI LUCE E OMBRA SOTTOLINEANO LENERGIA VOLUMETRICA DELLA FORMA. La tecnica
divisionista applicata su una preparazione ocra chiara che contribuisce alleffetto omogeneo del colore.
LA STRUTTURA COMPOSITVA EQUILIBRATA, SIMMETRICA ED A CUNEO con le tre figure centrali che
guidano il gruppo che si muove verso lo spazio dellosservatore coinvolgendolo emotivamente.

1
Originario di Volpedo, piccolo centro vicino ad Alessandria, comp studi accademici e cominci a dipingere come pittore realista,
poi ader al Divisionismo e sub linfluenza di Segantini e Previati. Si occup di temi sociali e lesse le opere del maggior esponente
del marxismo ottocentesco italiano Antonio Labriola. Scriver a un amico: SENTO CHE ORA NON PI LEPOCA DI FARE
DELLARTE PER LARTE, MA LARTE PER LUMANIT. Pellizza era convinto che compito dellartista fosse anche educare e
sensibilizzare con le immagini alle problematiche sociali.

Potrebbero piacerti anche