Sei sulla pagina 1di 34
Gioachino Rossini Bianca e Falliero RICORDI OPERA VOCAL SCORE SERIES RIDUZIONE PER CANTO E PIANOFORTE, CONDOTTA SULLEDIZIONE CRITICA VOCAL SCORE BASED ON THE x RITICAL EDITION GIOACHINO ROSSINI Riduzione per canto e pianoforte condotta suledizione critics dell partzara cedita dalla Fondazione Rossini di Pesaro acura di Bianca e Falliero o sia | Il Consiglio dei Tre (Bianca and Falliero or The Council of Three) Melodsamma in due ati di + Melodrama in two acts by Felice Romani Prima rappresentazione | First performance Milano, Teatro alla Scala, 26 dicembre 1819 Gabriele Dotto Reduction for voice and piano based on the critical edition ofthe orchestral score published by the Fondazione Rossini of Pesaro edited by RICORDI INDICE - CONTENTS Personagei Characters Organico / Instrumentation’ Indice dei pezzi /Index of the Pieces ‘Tavola delle abbreviazioni / Table of Abbreviations Fonti principali / Principal Sources Premessa Prefazione L. Notizie storiche H. Fonti del!’edizione TIL Problemi particolari Note critiche Premise Preface History I. Sources for this Edition UL, Specific Problems Critical Notes Bianca e Falliero Sinfonia / Overture Atto Primo / Act One Ato Secondo / Act Two ‘Appendice/ Appendix XXIV XXXIX XLVI XLVI 10 293 469 PERSONAGGI PRIULI, Doge di Venezia. Basso CONTARENO, senatore, Tenore CAPELLIO, senatore, Basso LOREDANO, senatore.* FALLIERO, Generale di Venezia. Contralio BIANCA, figlia di Contareno. Soprano COSTANZA, nutrice di Bianca. Soprano UN CANCELLIERE del Consiglio dei Tre. Tenore [Ufficiale]. Tenore [Usciere]. Tenore ee Cori ¢ Comparse di: Senatori, Nobili Veneziani d’ambi i sessi, Uscieri, Soldati, Domestici di Contareno, Ancelle di Bianca La scena é in Venezia. L’azione & del secolo XVII dopo la famosa congiura del Marchese di Badamar. * Questa breve parte potrebbe essere sostenuta da un memibro del Coro maschile, oppure lasciata muta e assegnata ad una comparsa. Si veda Nota 231-237 al N. 10, vi * La seconda coppia di Com viene wilizzata unicamente nella Sinfonia, Nel 184 Rossini aggivnse una seconda ORGANICO - INSTRUMENTATION 2 Flauti /2 Ottavini 2 Oboi 2 Clarinetti 2 Fagotti 4.Comi* 2 Trombe 3 Tromboni Timpani Gran Cassa, Piatti e Triangolo Archi 2 Flutes / 2 Piccolos 2 Oboes 2 Clarinets 2 Bassoons 4 Homs* 2 Trumpets 3 Trombones Timpani Bass Drum, Cymbals, and Triangle Strings coppia di Com anche al N. 10; si veda I’ Appendice I alla paritra The second pair of hors is used only in the overture. In 1844 Rossini added a second pair of horns to N. 10as well se Appendix I inthe ful score var q N3 NA NT INDICE DEI PEZZI - INDEX OF THE PIECES Sinfonia ATTO PRIMO / ACT ONE Introduzione Dalle lagune Adriache (Contareno, Capellio, Coro) {Recitativo} Dopo 'Introduzione Ministi del consiglio (Contareno, Ufficiale, Doge, Caplio) Coro Viva Faller, lode al guerrier ‘eCavatina Falliero Se per’ Adria il fero sirinsi (Falliero, Contareno, Doge, Capellio, Coro) [Recitative] Dopo la sortita di Falliero Grata Vinegia, o prode Doge) Coro Negli ont di Flora eCavatina Bianca Della rosa il bel vermiglio Bianca, Coro) {Recitativo] Dopo la sortita di Bianca Costanza? ebiven? che cechi? (Bianca, Costanza, Contareno) Recitativa Se "amor mio ti8 caro ed Aria Contareno Pensa che omai resistere (Bianca, Contareno, Coro) [Recitative] Dopo ’Aria Contareno Mai con maggior coraggio in queste soglie ‘(Bianea, Costanza, Falliero) Recitativo _Divisinoil Pur troppo. e Duetto [Bianca Falliero] Sappi che un Dio crudele (Bianca, Falliero) [Recitative] Dopo il Duetto {Bianca —Falliero] Ella mi fugge: «mille dubbi in preda (Costanza, Fallieto) Coro, Fausto Imene edi gioia cagione Finale Primo $i, congiunti, omai son pieni (Bianca, Falliero, Costanza, Contareno, Ufficiale, Capellio, ATTO SECONDO / ACT TWO [Recitativo] Al mio timor, deh! ced (Bianca, Costanza, Falliero) Recitative Dell’onor tuo! crudele! ‘e Duettino [Bianca Falliero] Va crudel.. vedrai'effeto (Bianca, Falliero) {Recitatiyo] Dopo il Duetfinjo Fermate.. siam perdu (Bianca, Costanza, Falliero, Conareno, Capelio) 16 1 89 107 14 us 139 4 146 173 v5 183 293 299 300 313 NB N. Osi NO inca Contareno] Non proferir tl nome (Bianca, Contareno, Capellio) Coro, Ab! qual notte di squallore Scena, Qual funebre apparato, e qual d'intomo Cavatina Falliero Alma, ben mio, si pura (Falliero, Coro) [Recitative] Dopo la Cavatina di Falliero Vieni alliero, Cancebiese) Signor: in altra stanza {Aria Falliero} ‘Tu non sai qual colpo atroce alliero, Coro) {Recitativo] Dopo l’Aria di Falliero No, non reo, misero & solo (alliero, Cancelliere, Usciete, Contareno, Capellio) Recitativo Donna chi sei? eQuartetto Cielo, il mio labbro ispira (Bianca, Falliero, Contareno, Capellio, Coro) [Recitativo] Dopo il Quartetto Innoltrail di. lassal (Costanza, Capeliio) Coro, Vieni: per te temante Recitative Perdona o mia Costanza ed Aria Bianca e Finale Secondo Teco resto: in te rispetto (Bianca, Costanza, Faliero, Contareno, Capellio, Coro) APPENDICE / APPENDIX Vacianti vocal di Rossini Vocal variants by Rossini ‘A) Varianti vocali per la Cavatina Bianca (N. 3) Vocal variants for the Cavatina Bianca (N. 3) B) Varianti yocali per il Duetto Bianca ~ Falliero] (N. 5) Vocal variants for the Duetto [Bianca ~ Falliero] (N. 5) 321 303 350 354 356 361 364 383 388 300 439 44l 444 448 an an, TAVOLA DELLE ABBREVIAZIONI - TABLE OF ABBREVIATIONS Bisnea Ob Oboe(H (Oboels) Cancellere Orch Orchestra Capello ot ttayinot (Piceodo’s Contrabbassi Double Basses) P Pati (Cymbals) ‘Clarinettofi)(Clarineds) r recto Contareno Tp ‘Timpani Como) (Horns) Tb Tromba(e) (Trumpets) Bassi del Coro Tibn ‘Trombone() (Trombone!s) Contralti det Coro rg, ‘Triangolo (Triangle) Soprani del Coro ut Ufficiale ‘Tenor del Coro y verso Costanza Ve ‘Violoncelli (Cellos) folio, oli (ie, fotias) Voc Violoncelie Contrabbassi ui Fallicro (Cellos and Double Basses Fagottoti (Bassoons) together) Flauto(i (Flues) Vie Viote (Visas) Gran Cassa (Bass Dru) Vai Violin (Violins) ‘manoserittti)(manuseripus) ‘numero chiuso,numeri chu det- opera (numberis in the opera) Instrumental cues inthe vocal score: Archi - Strings Legai— Woodwinds ‘Ottoni ~ Brass Fiati - Woodwinds and Brass BR ce. si rferiscono al primo, secondo, ec. tempo della batuta CDG ete. refer to he frst, second, etc. beat of the measure, Le note musical sono citate nel testo italiano seguendh il sistema soto esposto (rga superior): Pitches are cited inthe English text according tothe following system (lower line): si) do*—si* do’ on eee do——si? do db oc! si Il segno “+” fra due o pit note indica che le medesime costituiscono un accordo, I segno “~” indica che le note somo in successione, The sign “-+” between two or more pitches indicates they are a chord. The sign "indicates that they follow ‘one another. “Nota(e)" con la iniziale maiuscola si riferisce alle snnotazioni delle Nove extice. The word “Notefs" with a capital initial refers to the Critical Notes. XI TAVOLA DELLE FONTI PRINCIPAL! - PRINCIPAL SOURCES FONTI MANOSCRITTE / MANUSCRIPTS Partiture autografe / Autograph Scores A ‘Autografo dell’opera (Autograph of the opera), Milano, Archivio Storico Ricordi ANY) ‘Variant vocal per ilN. 3 (Voea! variants for N. 3) New York, Broadcast Music Inc. Archives ‘A(WO) ‘Variant vocali peri N3 (Vocal variants for N.5) London (Ontario), University of Western Ontario Copie / Copies BPL Boston, Public Library, **.60.2 BU Boston University Library Ms. 166 4 FL Firenze, Conservatorio, EPL. 419 i HA Hamburg, Staats- und Universititsbibliothek, MA 218 1 ML Milano, Conservator, Ms. 368 i NAG7 Nopoli, Conservatorio, 31-5-6, 7 1 NA 26 Napoli, Conservatorio, H-1-26 (olim 51-2-17) WA Washington, Library of Congress, ML1SO0 R86B4 Materiale d’orchestra / Performing Parts pBO Bologna, Civico Museo Bibliografico Musicale, QQ 157 (N, 10) pMI Milano, Conservatorio, A-61-241-1 (Sinfonia / overture); Part. Tr. Ms. 368/ a-e (vari brani / various pieces) FONTI A STAMPA / PRINTED SOURCES: Riduzioni per canto e pianoforte / Vocal Scores RAI Ricordi, Milano eBIR Birchall, Londra (N. 10) eRC Ratti e Conceti, Roma (N. 10) Materiale d’orchestra / Performing Parts PC Carli, Parigi (Sinfonia / overture) Libretto Mr Milano, Teatro alla Scala, 26 dicembre 1819 x PREFAZIONE* L Notizie storiche Milano, 1819 Quinta ed ultima opera scritta da Rossini peril Teatro alla Scala di Milano, Bianca e Falliero vi fu rappresentata per la prima vota i 26 dicembre 1819 come inaugurazione dell stagione dicamevale 1820. (Quella serata segnd peril compositore la conclusio- ne di un periodo intensissimo e frenetico. A partire ‘dal 1820 la sua produzione avrebbe segnato una si snificatva iduzione. Proprio alla Scala sette anni prima, il 26 dicem- bre 1812, Rossini, appena ventenne, aveva conse- _guito un successo decisivo per la sua carrier con La pietra del paragone, opera che gli aveva dato gran- de popolarita. Molto meno fortunate erano state le successive due opere seritte pe il teatro milanese, Aureliano in Palmira (26 dicemire 1813) ¢ 1! turco in Italia (14 agosto 1814) il cui esito aveva certo contribuito ad indure i compositore a volgersi ad alte piazze ¢ ad accettare i rasferimento a Napoli ‘Si comprende di conseguenza ta frase che Rossini aveva serittoallimpresario Angelo Petracchi il 29 ‘ottobre 1816 nel momento in cui si progettava lasua quarta opera milanese: “io dunque vert ia Milano Pid presto del mio obbligo. & per farmi strada alla gloria di cui hd gran bisogno in Milano”. Alla Sca- Te era appunto tomato te anni dopo dandoviy it 31 rmaggio 1817, La gazza ladra, uno dei suoi lavori pit impegnativ, aceolta con successo edestinata ad Jmmediata grande diffusione. Ma le sue opere se- rie stentavano a fare breccia nel massimo teatro mi Janes. Trail 1813 (anno del poco felice sito del’Aw- reliano in Palmira) ei 1819, unica sua opera seria rpprescatata alla Scala era stata nel 1818 il giova- nile Ciro in Babilonia?* Date le difficoltaincontraté dal repertorio serio sossiniano alla Scala, la volonta del pesarese di con- 4uistarne i! pubblico diventa ancore pid comprensi- bile se esaminata ala luce del contesto cultural ita- *Preseniimo qui una snes dela Prefazione e del Com: ‘mento Cri ala partiura di Blanca e Falieo in dione Critica delle opere i Gioachino Rossini set. I, vol. 30 (Pero, 1956), *Liorgial di Rosin @andato perduto, a a ras vea- re rcordta al compositor cll steo Petrcchi nll ete 12 del 5 febbaio 1817, rprodota in Gioachino Rossini Let ‘erwedocament acura Brano Cagle Sergio Rugni Pesaro, 1992), vol fp. 195. * Ala presenza i oper serie ossiniane a Milano aveva no supplito in parte teat minor, oviamentesena lofi. on rieazidsponibi nela sla del Pier. xiv liano di quegli anni In epoce napoleoniea Milano vide fiorireun'imponeate “industria” editorial che, come inesorabile polo d’atrazione peri leteat, fee della cit un centro preminente della vita intellet- ‘uale nella penisola,posizone che vide consoidarsi e crescere con la Restaurazione Artefice del ritomo a Milano di Rossini per Za ‘gazzaladra era stato Angelo Peiracchi che, in socie- 1a con tre banchier, era dal 1816 impresario tanto della Scala che del Teatro alla Cannobiana. Con una lettera dell’8 ottobre 1817 Petracchi gti offtiva di inaugurare com una nuova opera la suceessiva sta- sione di camevale' mala proposta non ebbe riscon- iro. Tod alla cariea sei mesi dopo e questa volta Rossini rispose, chiedendo presumiilment lo spo stamento di un anno dellimpegno. La letera del compact non saa nism ma cote ‘ono desumersi dalla risposta invistagli da Porat 16 maggo nella quale gi propose lap ma opera del camevale 1820.* L'insstenza di Peiracchi dimosira quanto interesse si avesse a Mi- Jano per una nuova opera di Rossii, sulla quale fu ragpiunto un accordo Libres desigoato fv il poeta “ufficile” della Scalainqueglianni, Felice Romani, col quale Rossini aveva gia collaborato per Aureliano ¢ Turco in Ita- Tia. Fu Romani a proporte il soggeto, accettato da Rossini con una curios letter del 31 agosto 1819 secita a carateri cubital: Carissimo Amico (Onde risparmiarti La Noja degli Ochiai per leggermi «i Serivo in Caratere Massimo, 1 Sogesto mi piace La Tua Bel’ anima troverd certs. mene di che pascersi da Bravo Offi Tea che mi wovo ‘buon colon per Sporcaria, Ama il tuo AE Amin Rossini ® ‘A quanto pare Rossini contava di essere a Milano git dal mese di settembre, ma, come spesso gli ac: Cadde in quegli anni, i suo arrivo subi un notevole sitardo, causato questa volta non tanto dal rinvio di opere programmate, ma da un sopraggiunto impe- gno a Napoli, dove Domenico Barbaja daverte sup- plire all improvvisa defezione di Spontini,scrteura: to perallestre un’ opera nell’autunno. Per venire in * Pecun quadro esurene, si veda Marino Berengo, ntl: leiual e libra nel Milano della Restaurazione (Milan, 1980), pp. 1-32 “ Leteree document 1: 227-28, 5 Laueree document 1 285.86, Ta Tetera® prota in facsimile nel programa 6 sala della seconda edizione pesarese di Bianca e Falliero (Rossini Opera Festival, 1989), p52. Si vedaanche Lateree ‘ocuaen E393. nem ee ‘ * a a es A ‘contzo al impresario in difficolta, Rossini, che era ‘mpegnato con il San Carlo non prima det 1820, si ‘sobbarcd I'onere di scrivere La donna del lago.' E solo dope aver rappresentato questo lavoro (andato jnscena il 24 otobre 1819) poté meters in viaggio, Nella Gazzetta di Milano del 2 novembre “rosso, ‘Maestro di musica, a Bologna” figura tra gi acivi del 31 ottobre, libretto e il “lieto fine allo spettacolo” soggetto della nuova opera ea tratto da Blanche et Montcassin di Antoine-Vincent Arnault Paris, 1766 - Goderville, 1834), leterato assai legato a Napoleone che aveva segaito nel viaggio in Italia del 1797. Poet, librettista, autore-di favole, ‘epigrammi elitr di memorie, Amaultscrisse anche alcune tragedie cassicheggianti che ebbero unacer- ta notorieta ai sui tempi. Blanche et Montcassn, ‘ou Les Vénitiens,tragedia in cingue ati, fu rappre- sentata per la prima volta nell ottobre det 1798, al ‘Theltre Frangais de la République, uno dei nomi assunti durante la rivoluzionc dalla Comédie; dello stesso anno I'edizione a stampa’ Nel presentare la sua riduzione, Felice Romani non mane’, come era soit fare, di metere le mani avanti, invocando le costrizioni del teatro musicale ‘in un Awertimento pubblicato nel ibretto: La legge che puniva con la pena di morte quatsivogtia nobile veneziano che avesse avutocorrspondenta con gli Ambasciaiori o Ministrt delle estere Potenge, era stata er quaiche tempo dimentiata, come avea ralletato it suo rigore quel formidabile Tribune denominata it Con- siglio dei Tre, cu specialment incombeva Vapplicazione di cotesa legge. Ma nel 1618, dopo la famasa cangiura del Marchese di Bedamar [sic] Ambascatore di Spagna, Pe ale noe «props, val refeione ale artre de Lt donna de ag & eas Cain Sh Eine erica delle opere dt Gioachino Rast, vl 29 (Pera, 1990). "Sula sia wafemazion Wi Stendhal te capil sored We de Roe! (C'est pu pts et Conte de Carmagnol, caged de M. Mascon) Lagi Ro- ‘eon (Gioacchino oss Tein, 1968, p. 162) ¢ Heber ‘esto (Ras Blgrphy ew Va, 1968). p98) hanno sepralat Conte Carmapnoa it Aleeendro Manzoi come fete th Banca alle, A comeggereer sore saree basta eae del Hoe originale ove Sell Averimen, ce porto pi ava, 19 sts Ro- ‘ari ia fot llvoro) ma allen non eee onagu sil piano fog. due eon at elo sesso Ado, tnno comune solo anbiedsaenc calm sie nt (Per ate nol ulaonte veda a prefzone alla Partita di Banca e Faller, pp. xan xxv © Brana Cagh "Te font tetera ele pee i Roni in Basing del contro roniniano distal 1 19TH “nua er nwa VENTS, TAGE 1 cng sere, / Reprtetée pour lo premiere fost Je/ “haar det Répubigue, te 2' Vndbmtae en 7. Paci ‘note. Jaan hc oenvaImprner Lear, tue! Chines ne 12,7 ar eon 1a legge fu rimessainpieno vigore, if Consiglio dei Te, per cos dire ristabilto,raddoppid di vigilancae di seve- rind Le sedate di questo Tribunale si enevano d'ordina ro in una sala del palazzo dS. Marco: Gina si univa- ‘toa qualunque ora ein qualunquefuogo che si rovasse- le sentenze dovevano essere pronunziateall'animi- 18, ed allora si esegulvano immediatamente: se wro del tre Giudieopinava diversamente degli altri due, il Con- Siglio era sciolto, ei proceso istruivasi pubblicamente € nelle forme ondinare innanzi al Senuio, 0 al Consiglio. dei Dieci. Questa legge e questo tribanale sono la base del Melodamma che si offe al Pubblice: i soggetio 2 ‘ia conosiuto per una Tragedia del sig. Amault ma U'Au- tore francese hasostittto a Faliro (0 come air voglo~ ‘no a Foscarini) vero Broe dela tragic avventur, un fran- ese che nomina Montcsssin: Aurore italiano ne cor- sregge Verrore. Obbligato questi a dare un te fine allo spettacolo, ea servire ale leggi del teatro musicale, ben diverse da quell del tata tragic, ha dovutorecare moti ‘cambiamenti nel piano del sig. Araaut, talché if lavoro otrebbe dirsi originale. Le convenienze locali, le ‘costumanze del popolo presso wi succede if fatto che si ‘rappresenta, sono conservate per quanto la comporia ‘questo genere di componimento, che oppone tate dif oltd da sormontare Alla cosiddettacongiura di Bedmar, Romani fa riferimento anche dopo Ielenco dei personagei: La Scena? in Venezia, Lazione 8 del secolo xv dopo a famosa congiura del Marchese di Badamar {sic} La vicenda si inguadra dungue in una delle fai pitt inguiete della storia della repubblica veneziana, é- gata prima dalla lotta politica fra i due gruppi dei “Vecchi” e dei “Giovani”, poi dal’interdetto com- tminato alla cit lagumare da Paolo V e infine dal tentativo della Serenissima di opporsi alla prepon- deranza del blocco ispano-asburgico, tenativo che ‘mise la repubblica in contrasto tanto con gli austria ciche oon gli spagnoti, La presunta congiura, attrbuita ad Alonso, mar- chese di Bedmar, ambasciatore a Venezia di Filippo IM di Spagna e ai duca d’Ossuna, Vieer® di Napoli, fu scoperta nel 1618 e provocd lallontanamento dei marchese e la more di aleuni personagsi di minor ‘conto, Negli anni immediatamente successivi si ina- sprirono i controll e ne fu vitimaillustre Anto Foscarini che era stato capo della fazione dei “Gio- vani”, ambasciatore in Francia e in Inghilterra. Ac- ccusato di aver tradito sepreti di stato, Foscarini era stato gid in carcere dal 1616 a 1618, Dopo alcuni anni fu di nuovo sospettato di relazioni con diplo- ‘matic straniei,imprigionatoe fatto strangolare nel 1622. Ma appena un srno dopo, il Consiglio dei Deci lo riconobbe innocente e ne rabilitd a memoria Laragione peta quele Amaultsostitisce Foscari- ni con Montcassin ?esplicitata gi nella prima see- in, quando il doge elogia Monteassin per aver sal- vato Venezia dalla congiuea e gli comunica che il suo nome ® stat iscrtto nel libro oro insieme con ali eroifondatori di Venezia cosa che gliapre le porte del Consiglio. Al che Montcassin replica: xv Je Hobtiens done ce rang que jos desire! Lo] é pour Iindépendence, aux ives dela Seine, Sujet d'un ro, mon ame etait épublicine. ‘Aux bienfits mendiés, aux serviles grandeur, Préfrant de Veise et es lise es murs, ‘Siamo in pienaerarepubblicanaeil Cittadino Amault ron dimentica di esltare quella ivoluzione che ave~ va spazzato via la monarchia. Inteato che Romani, nel 1819, non poteva certo far proprio. Ma cutioso che i librettist, nel momento stesso diriportarsi al personaggio stotico di Antonio Foscarini dens rare Amault per aver francesizato il protagonista, preferisca poi chiamarlo Faliero, nomee personag- ‘io inesistene, anche sedi eco veneziana, forse adot- {ato per motivi eufonici. Nel realizare il libretto, Romani si tiene abbastanza viino all’originale fino all scena del giudizio nel secondo atto ¢ al famoso uartetto “Cielo i mio labbroispira”. Solo qui cil cambiamento decsivo per introdurre il finale lito. problema posto dalla sen conclusiva dell’ ori- ginale di Amault,rappresentava uno scogtio diffi- cilmente superabile per la drammaturgia dell’opera in musica di quell epoca. In Blanche et Montcassin, «quand Capelio® vuole satvare Montcassin, Contari- nisollevaun velo nero. mostrail corpo del giovane sit strangolato, A quel punto Blanche cade morta sul cadavere, dopodiché Capello denuncia i crimini di Contarini¢ de! sanguinariotribunale. Seguite | teralmente queste scene avrebbe git comporato di verse difficoltd a Romani, data la necessita di collo- cate uno o due numeri conclusivi per i personagg Principali mente uno di ess, Fallieo, giaceva im- mobile coperto a un velo. Nemmeno modificando la scena € facendo portare il corpo di Falliero al momento gusto con un bencollocato coup de thédtre sisarebbe potuto giungere ad una soluzione accetta- bile per qulsiasi cantante in un ruolo primario; ma inpit, tale soluzione avrebbe rappresentato un con- trosenso per!"estetica metastasiana dell’ opera seria, seguita ancora negli anni Dieci da Romane, in fondo, dallo stesso Rossini. La morte di un protago- nista poteva avvenire o per motivi nobili oppure, nel caso di omicidi, il reo (per 1a morale dell’epoca) andava immediatamente punto, In Tancredie Otello (le-uniche precedent opere rossiniane con un finale “tagico” nel senso streto,con la more de protago- nista principale) il protagonista della prima opera muore ert in bttaglia, mente nella seoonda "wor Amaut usa “Capello eso da Romani in “Capelli, ‘ua nel'aiografo Rossin, alo in un cas, serve sempre “Capel”. Si pb dunqu ipotizae che il eambiamenta 8 _venuto in un secondo moment, "Solo te anni dopo Romani avebbe seit i suo primo ‘melodrama coe finale tragio, 'Amletn per Mereadane (Teatro alla Scala, 1823), Si veda Stefano Verdino, “Come Tavorava Felice Romani Dalle font tagiche conemporanss al meloramm ses, in Felice Roman, Melodrama» Poe sie Docent Fienze, 1996), 9.158 XVI cida shakespeariano si giustizia da solo, suicidando- si, Nessuna di quest attenuanti& presente in Blanche dove oltre all’omicidio a tradimento (ordito addirit- ‘tra dal padre del’atraprotagonista), muore di cre- ppacuore I'innocente figlia. ‘A parte questeconsiderazioni era comunque im- probabile che la censura austriaca a Milano avrebbe permesso la rappresentazione di un’autort dispoti- cal punto da far assassinare un imputato innocente «© questo appena due mesi dopo che il periodico 11