Sei sulla pagina 1di 2

Micro-dispensa per Nando. Prima lez.

2017 / 2018

Gli accordi che stai imparando ad utilizzare, nascono da un processo chiamato


armonizzazione, che non abbiamo ancora affrontato e che per ora possiamo
lasciare come termine teorico.

In linea di massima funziona cos: a partire da ogni nota di una scala

Do Re Mi Fa Sol La Si (Do)

(ma vale per qualunque altra scala), si costruiscono agglomerati di tre suoni, uno
sopra laltro (armonizzazione un processo verticale):

sol la si do re mi fa

mi fa sol la si do re

Do - Re Mi Fa Sol La Si - (DO)

M m m M M m dim

Do maggiore; re minore; mi minore; Fa maggiore; Sol maggiore; La minore;


Si diminuito
Tali nuclei di tre suoni sono le triadi gli accordi che, in molti casi, gi conosci.
Per ora mantieniti solo su questa cosa. Ricordando, per, che questi accordi possono
essere maggiori o minori (a seconda del posizionamento di una delle tre note).
Nella raffigurazione sopra ho colorato in blu le triadi maggiori, in verde le minori.

Quello che vale per la tonalit del do Maggiore, vale naturalmente per tutte le altre.

La tua conclusione sar, in questo caso:

NELLA TONALITA DI DO MAGGIORE, FATTI ESCLUSIONE PER TUTTI


QUEGLI ACCORDI CHE POTREI TRANQUILLAMENTE INCONTRARE E
CLASSIFICARE COME FUORI TONO (TE LO HO GIA ACCENNATO E NE
PARLEREMO: RICORDI LE ALTERAZIONI?), RICORDERAI CHE:

SUL PRIMO, QUARTO E QUINTO (DO, FA E SOL) AVRAI ACCORDI


MAGGIORI; MINORI SUL SECONDO TERZO E SESTO (RE, MI, LA), E UNA
TRIADE DIMINUITA SUL SETTIMO GRADO.

Questo ci che terrai presente trovandoti davanti ad un brano che, dietro mia
indicazione o tua conoscenza, sai gi essere in do maggiore.

Come ti suggerivo, potresti ripassare Hallelujah di Buckley, ragionando sugli


accordi che utilizzi e cercando conferme a quanto detto e qui scritto; poi tentare con
Quello che non c degli Afterhours, di cui ti ho gi garantito che la tonalit
proprio quella di cui stiamo parlando, senza sorprese. Sta quindi a te metterla bene
in testa e rintracciare (o almeno provarci) gli accordi corretti.