Sei sulla pagina 1di 19

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE

RAGUSA

SETTORE TECNICO

INTERVENTI URGENTI DI MIGLIORAMENTO DELLE RETI


ELETTRICHE DI MEDIA TENSIONE
FORNITURA IN OPERA DI N. 1 QUADRO DI MEDIA TENSIONE
CABINA PRIMARIA PRESIDIO OSPEDALIERO
GUZZARDI DI VITTORIA

Oggetto: CAPITOLATO TECNICO


1. OGGETTO DELLA FORNITURA

Fornitura quadro di Media Tensione fino a 24kV di tipo modulare atto a realizzare le cabine di
ricevimento, distribuzione e trasformazione MT/BT necessarie al funzionamento dellimpianto a servizio
del P.O. Guzzardi di Vittoria
Il quadro dovr essere completo e pronto al funzionamento in compatibilit con i seguenti limiti meccanici
ed elettrici:

lamiere di chiusura laterali e per chiusura passaggio cavi comprese;


attacchi per collegamento cavi di potenza compresi; cavi e terminali esclusi;
morsettiera per collegamento cavi ausiliari esterni compresa; cavi e capicorda esclusi;

2. CARATTERISTICHE TECNICHE

2.1 NORME DI RIFERIMENTO


Il quadro e le apparecchiature oggetto della fornitura dovranno essere progettate, costruite e collaudate
in conformit alle Norme CEI (Comitato Elettrotecnico Italiano), IEC (International Electrotechnical
Commission) in vigore ed in particolare le seguenti:

- Quadro: CEI EN 62271-200


- Interruttori: CEI EN 62271-100
- Sezionatori e sezionatori di terra: CEI EN 62271-102
- Interruttore manovra-sezionatore: CEI EN 62271-103
- IMS combinato con fusibili: CEI EN 62271-105
- Contattori: CEI EN 62271-106
- Indicatori di presenza di tensione : CEI EN 62271-206
- Trasf. di corrente elettronici : CEI EN 60044-8
- Trasf. di corrente : CEI EN 61869-2
- Trasf. di tensione : CEI EN 61869-3
- Fusibili : CEI EN 60282-1
- Grado di protezione degli involucri: CEI EN 60529
- Compatibilit elettromagnetica: CEI EN 61000-4-4
- Prova sismica: CEI EN 60068-3-3
- Prova sismica IEEE 693/2005
Sar inoltre fabbricato dalla Schneider Electric seguendo un sistema di Garanzia di Qualit conforme alla
norma UNI EN ISO 9001:2000, certificato da ente certificatore accreditato.
Altre caratteristiche costruttive ed elettriche del quadro devono essere indicate nel catalogo Schneider
Electric S.p.A. LEESCAM550.

2.2 - DATI AMBIENTALI


(riferiti al locale ove installato il quadro)

Temperatura ambiente max +40 C


min - 5 C

Umidit relativa 95% massima


Altitudine < 1000 metri s.l.m.

2.3 - DATI ELETTRICI

Tensione nominale fino a: 24 kV


Tensione esercizio fino a: 24 kV
Numero delle fasi : 3
Livello nominale di isolamento
1) Tensione di tenuta ad impulso 1.2/50s a secco
verso terra e tra le fasi (valore di cresta) : 125 kV
2) Tensione di tenuta a frequenza industriale per un minuto a secco verso
terra e tra le fasi : 50 kV
Frequenza nominale : 50/60 Hz
Corrente nominale sbarre principali : () A
Corrente nominale sbarre di derivazione.: () A
Corrente nominale ammissibile di breve durata.: () kA
Corrente nominale ammissibile di picco : () kA
Durata nominale del corto circuito : 1"
Potere di interruzione degli interruttori : () kA

() In accordo al catalogo tecnico LEESCAM550.

2.4 - TENSIONI DI RIFERIMENTO PER LISOLAMENTO


Tensione nominale Kv 7,2 12 17,5 24
Tra le fasi verso massa 20 28 38 50
KV 50 Hz / 1 mn
Sul sezionamento 23 32 45 60
1 kV picco Tra le fasi verso massa 60 75 95 125
1,2/50 s Sul sezionamento 70 85 110 145

2.5 PROTEZIONE ARCO INTERNO


Il quadro dovr garantire la protezione delle persone agli effetti di un arco interno. In funzione delle
condizioni di installazione e dei valori di protezione richiesti il quadro dovr avere una delle seguenti
protezioni:
- protezione allarco interno su tre lati del quadro fino al valore di 16 kA x 1s. (IAC A-FL classe
accessibilit di tipo A, criteri da 1 a 5). Il quadro dovr essere installato a parete e non si dovr
accedere al retro del quadro.

2.6 DATI DIMENSIONALI


Il quadro sar composto da unit funzionali modulari aventi le seguenti dimensioni di ingombro massime :

Larghezza : fino a 750 mm

Profondit : fino a 1230 mm

Altezza unit MT con sfogo gas dal basso: fino a 1600 mm (*)

Altezza unit MT con sfogo gas dallalto: fino a 2000 mm (*)

Si dovr inoltre tenere conto delle seguenti distanze minime di rispetto:


-
Anteriormente: 1200 mm

Posteriormente: vedi il catalogo LEESCAM550

Lateralmente: 40 mm minimo per versione con sfogo gas dal basso. 50 mm minimo per versione con
sfogo gas dallalto. Se il fianco del quadro non viene adossato alla parete possibile installare anche
una squadra di fissaggio a pavimento.
(*) Non considerato il cassonetto BT di altezza 450 mm

Tabella pesi unit funzionali (kg)


- Tipo di unit Versione standard Versione arco interno
IM 120 140
IM-B 120 140
IM-P 150 160
IM-U 190 200
QM 130 150
DM1-A 400 440
DM1-P 400 440
DM1-G 400 440
DM1-J 400 440
DM2 400 440
DM1-R 400 ---
DMVL-A 400 440
DMVL-D 400 440
CM 190 210
CMK 170 190
CM2 190 210
GBC-A1, GBC-A2 290 330
GBM 120 140
GAM2 120 140
GAM 160 180
NSM 260 300
CRM 400 440
CVM 400 440

Nella tabella seguente sono riassunti i dati elettrici e le dimensioni in larghezza delle unit funzionali che
compongono la gamma SM6, mentre nella tabella successiva sono elencati i calibri dei fusibili da abbinare
nella unit funzionale QM per la protezione dei trasformatore.

Corrente di breve durata massima


Sigla Descrizione unit funzionale Larghezza ammissibile (kA / 1s)
7,2 12 17,5 24

IM Unit arrivo linea o partenza con IMS 375 mm 25 25 20 20

IMB Unit congiuntore con IMS e uscita sbarre 375 mm 25 25 20 20


Unit arrivo linea o partenza con IMS e scaricatori
IM-P 500 mm 25 25 20 20
di tensione
IM-U Unit arrivo linea o partenza con IMS, TA e TV 750 mm 25 25 20 20
Unit protezione trasformatore con IMS combinato
QM 375 mm 25 25 20 20
con fusibili
Unit interruttore con sezionatore di isolamento, TA
DM1-A 750 mm 25 25 25 25
e uscita cavi
Unit interruttore con sezionatore di isolamento,
DM1-P 750 mm 25 25 20 25
TA, TV e uscita cavi
Unit interruttore con sezionatore di isolamento, TA
DM1-G 750 mm 25 25 25 25
e risalita sbarre
Unit interruttore con sezionatore di isolamento,
DM1-J 750 mm 25 25 25 25
TA, TV e risalita sbarre
Unit interruttore con doppio sezionatore di
DM2 750 mm 25 25 25 25
isolamento, TA, TV e risalita sbarre
Unit interruttore con sezionatore di isolamento, TA
DM1-R 750 mm 20 20 20 20
e arrivo cavi
Unit interruttore con sezionatore di isolamento, TA
DMVL-A 750 mm 20 20 20 20
e uscita cavi
Unit interruttore con sezionatore di isolamento, TA
DMVL-D 750 mm 20 20 20 20
e uscita sbarre
CM-CMK Unit misure 375 mm 25 25 20 20

CM2 Unit misure 500 mm 25 25 20 20


GBC-A1
Unit risalita sbarre destra o sinistra con TA e TV 750 mm 25 25 25 25
GBC-A2
GBM Unit risalita sbarre destra o sinistra 375 mm 25 25 25 25

GAM2 Unit arrivo linea o partenza 375 mm 25 25 25 25


Unit arrivo linea o partenza con sezionatore di
GAM 500 mm 25 25 25 25
messa aterra
NSM Unit arrivo linea normale o soccorso con IMS 750 mm 25 25 20 20
Unit contattore con sezionatore di isolamento,
CRM 750 mm 25 --- --- ---
fusibili, TA e uscita cavi
Unit contattore con sezionatore di isolamento,
CVM 750 mm 25 --- --- ---
fusibili, TA e uscita cavi

2.7 - SBARRE PRINCIPALI E CONNESSIONI


Le sbarre principali e le derivazioni, saranno realizzate in rame elettrolitico rivestito con isolanti
termorestringenti e dimensionate per sopportare le correnti di corto circuito dellimpianto.

2.8 - MATERIALI ISOLANTI


I criteri di progettazione delle parti isolanti garantiranno la resistenza alla polluzione ed
all'invecchiamento.
Tutti i materiali isolanti, impiegati nella costruzione del quadro, saranno autoestinguenti ed inoltre
saranno scelti con particolare riguardo alle caratteristiche di resistenza alla scarica superficiale ed alla
traccia.

2.9 - IMPIANTO DI TERRA


L'impianto di terra principale di ciascununit sar realizzato con piatto di rame di sezione non inferiore a
2
125 mm al quale saranno collegati con conduttori o sbarre di rame i morsetti di terra dei vari apparecchi,
i dispositivi di manovra ed i supporti dei terminali dei cavi. In prossimit di tali supporti sar previsto un
punto destinato alla messa a terra delle schermature dei cavi stessi.
La sbarra di terra sar predisposta al collegamento all'impianto di messa a terra della cabina.

2.10 - INTERBLOCCHI
Le unit funzionali saranno dotate di tutti gli interblocchi necessari per prevenire errate manovre che
potrebbero compromettere oltre che l'efficienza e l'affidabilit delle apparecchiature, la sicurezza del
personale addetto all'esercizio dell'impianto.

In particolare saranno previsti i seguenti interblocchi:

1) blocco a chiave tra linterruttore e il sezionatore di linea, l'apertura del sezionatore di linea sar
subordinata all'apertura dell'interruttore
2) blocco meccanico tra sezionatore di linea e sezionatore di terra. La chiusura del sezionatore di terra
sar subordinata all'apertura del sezionatore di linea e viceversa

3) blocco meccanico tra il sezionatore di terra e il pannello asportabile di accesso, sar possibile
accedere al comparto MT solo a sezionatore di terra chiuso.

Le serrature di interblocco saranno a matrice non riproducibile in unica copia.

2.11 - VERNICIATURA
Tutta la struttura metallica delle unit funzionali salvo le parti in lamiera zincata a caldo sar
opportunamente trattata e verniciata in modo da offrire unottima resistenza allusura.

Il ciclo di verniciatura sar il seguente:

! fosfosgrassatura
! passivazione cromica
! verniciatura industriale a forno con ciclo a polvere su lamiere elettrozincate.

L'aspetto delle superfici risulter semilucido, goffrato con un punto di colore BIANCO RAL 9003
(interno/esterno).
Lo spessore medio della finitura sar di 50 m.
Le superfici verniciate supereranno la prova di aderenza secondo le norme ISO 2409.
La bulloneria, i leveraggi e gli accessori di materiale ferroso saranno protetti mediante zincatura
elettrolitica.

2.12 - APPARECCHIATURE AUSILIARIE ED ACCESSORI


Le unit funzionali saranno complete di tutti gli apparecchi di comando e segnalazione indicati e
necessari per renderlo pronto al funzionamento.

Sul fronte di ciascuna unit funzionale saranno presenti i seguenti cartelli:

a) Targa indicante il nome del costruttore, il tipo dell'unit, l'anno di fabbricazione, la tensione nominale,
la corrente nominale, corrente di breve durata nominale, numero di matricola, numero del manuale di
manutenzione, classe di accessibilit, valore, tempo e identificazione dei lati protetti ad un eventuale
arco interno.

b) Schema sinottico

c) Indicazioni del senso delle manovre

d) Targa monitoria

2.13 - CAVETTERIA E CIRCUITI AUSILIARI


Tutti i circuiti ausiliari saranno realizzati con conduttori flessibili in rame, isolati in PVC non propagante
l'incendio, del tipo NO 7VK e di sezione adeguata.

Tutti i circuiti ausiliari che attraversino le zone di media tensione, saranno protetti con canaline metalliche
o tubi flessibili con anima metallica.

I conduttori dei circuiti ausiliari, in corrispondenza delle apparecchiature e delle morsettiere saranno
opportunamente contrassegnate come da schema funzionale.

Tutti i conduttori dei circuiti ausiliari relativi allapparecchiatura contenuta nell'unit saranno attestati a
morsettiere componibili numerate.

Il supporto isolante dei morsetti sar in materiale autoestinguente non igroscopico.


Le morsettiere destinate ai collegamenti con cavi esterni al quadro saranno proporzionate per consentire
il fissaggio di un solo conduttore a ciascun morsetto.

2.14 - ISOLATORI
Gli isolatori portanti per il sostegno delle sbarre principali e di derivazione saranno in materiale organico
per tensione nominale fino a 24 KV.

3. - CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE

3.1 - STRUTTURA DEL QUADRO


Il quadro della Schneider Electric, sar formato da unit funzionali affiancabili tipo SM6, ognuna costituita
da diversi compartimenti.

Il quadro sar adatto per installazione all'interno in accordo alla normativa CEI EN 62271-200.

La struttura portante dovr essere realizzata con lamiera d'acciaio di spessore non inferiore a 2 mm.

Gli accoppiamenti meccanici tra le unit funzionali saranno realizzati a mezzo bulloni, mentre sulla base
della struttura portante saranno previsti i fori per il fissaggio al pavimento, di ogni unit.

L'involucro metallico di ogni unit funzionali comprender:


- due aperture laterali in compartimento sbarre per il passaggio delle sbarre principali
- un pannello superiore di chiusura della compartimento sbarre smontabile dall'esterno fissato con
viti
- due ganci di dimensioni adeguate per il sollevamento di ciascuna unit funzionale
- le pareti posteriore e laterali di ciascuna unit funzionale saranno fisse o imbullonate. In
quest'ultimo caso dovranno essere smontabili solo dallinterno
- un pannello frontale di accesso alla compartimento apparecchiature
Tale pannello, sar interbloccato con le apparecchiature interne come previsto nella descrizione delle
varie unit, ed avr un obl di ispezione dellunit funzionale.

Il grado di protezione dell'involucro esterno sar IP3X, il grado di protezione tra i compartimenti che
compongono lunit funzionale e le lunit funzionali adiacenti sar IP20 secondo le norme CEI EN
60529.
Il grado di protezione allimpatto meccanico sar IK 08.

La continuit di servizio delle singole unit funzionali sar secondo la seguente classificazione

Categoria LSC1 Categoria LSC2A


IM IMB IMP IMU NSM QM DM1A
GAM2 CMK GBC A1 GBC A2 - GBM DM1P DM1R DM1G DM1J DM2 DMVLA
DMVLD CRM CVM CM CM2

Con le unit funzionali LSC2A si deve poter accedere alla zona cavi e/o alla zone interruttore
mantenendo energizzate le sbarre omnibus e le altre unit funzionali.

Le unit funzionali saranno realizzate in modo da permettere eventuali futuri ampliamenti sui lati del
quadro, pertanto saranno previste delle chiusure laterali di testa, con pannelli in lamiera smontabili
dallinterno mediante l'utilizzo di appositi attrezzi.
3.2 CASSONETTO ARRIVO CAVI ALTO (possibile se richiesta protezione contro arco interno
IAC AFLR 12,5kA 1s)
In alternativa allarrivo standard dei cavi dal basso, possibile inserire un cassonetto di collegamento che
permetta lallacciamento dei cavi nella parte alta del quadro.
I cassonetti saranno sempre dotati di isolatori capacitivi e relative lampade di segnalazione presenza
tensione.
Il cassonetto disponibile per le unit funzionali IM, IMB, QM, DM1-A, DM1-G, DM1-P, DM1-J, DM2;
eventuali necessit di installazione su altra tipologia di celle sar valutata da Schneider Electric.
Con linstallazione del cassonetto arrivo cavi dallalto, laggiunta di un ulteriore cassonetto di bassa
tensione, per le apparecchiature ausiliarie, escluso nelle unit di larghezza 375 mm, e limitata al
cassonetto da 375 mm nelle unit funzionali di larghezza 750 mm.

3.3 - COMPARTIMENTO APPARECCHIATURE M.T.


Il compartimento apparecchiature MT sar sistemato nella parte inferiore frontale dellunit con
accessibilit tramite pannello asportabile.
Il compartimento, in base alle diverse funzioni, potr contenere:

" Interruttore in SF6 tipo SF1 o Sfset o in vuoto tipo Evolis, montato su carrello, in esecuzione
scollegabile, connesso al circuito principale con giunzioni flessibili imbullonate e completo di blocchi e
accessori.
" Contattore in SF6 o in vuoto
" IMS o sezionatore rotativo a 3 posizioni (chiuso sulla linea, aperto e messo a terra) isolato in SF6.
" Fusibili di media tensione tipo FUSARC - CF.
" Terna di derivatori capacitivi, installati in corrispondenza dei terminali cavi.
" Attacchi per l'allacciamento dei cavi di potenza.
" Trasformatori di misura tipo ARM3-CS300-TLP (TA) e VRQ2-VRC2 (TV).
" Canalina riporto circuiti ausiliari in eventuale cella B.T.
" Comando e leverismi dei sezionatori
" Sbarra di messa a terra

3.4 - COMPARTIMENTO SBARRE


Il compartimento sbarre sar ubicato nella parte superiore dellunit funzionale e conterr il sistema di
sbarre principali in rame elettrolitico.

Le sbarre attraverseranno le unit funzionali senza interposizione di diaframmi intermedi, in modo da


costituire un condotto continuo.

Al fine di garantire al personale le necessarie condizioni di sicurezza, il compartimento sbarre


segregato dal compartimento apparecchiature con grado di protezione IP20 (CEI EN 60529).

3.5 CELLA DI BASSA TENSIONE


L'accessoriamento di bassa tensione potr essere contenuto nel pannello Sepam alto oppure nel
cassonetto di bassa tensione, posizionati sulla parte superiore frontale dellunit, il cassonetto verr
corredato di una portella incernierata, con chiavistelli o serratura a chiave. Dovranno poter contenere:

! Morsettiere per l'allacciamento dei cavetti ausiliari provenienti dall'esterno.


! Tutte le apparecchiature di comando, segnalazione e misura contrassegnate con opportune
targhette indicatrici.
! Rel di protezione tipo Sepam, ecc
3.6 - INTERRUTTORI
Gli interruttori saranno del tipo SF, Sfset o Evolis della Schneider Electric.
Gli interruttori tipo SF1 e SFset isolati in esafluoruro di zolfo con polo in pressione secondo il concetto di
"sistema sigillato a vita" in accordo alla normativa CEI EN 62271-1 con pressione relativa del SF6 di
primo riempimento a 20 C uguale a 0,5 bar.
Gli interruttori tipo Evolis con isolamento in vuoto.

Tutti gli interruttori di uguale portata e pari caratteristiche saranno fra loro intercambiabili.

Gli interruttori saranno predisposti e dotati dei seguenti accessori:


- blocco a chiave
- comando manuale carica molle
- sganciatore di apertura
- contamanovre meccanico
- contatti ausiliari per la segnalazione di aperto - chiuso dell'interruttore
a richiesta potranno essere accesoriati anche con i seguenti accessori:
- comando a motore carica molle
- sganciatore di apertura a mancanza di tensione
- riarmo meccanico dello sganciatore di apertura a mancanza di tensione
- sganciatore di chiusura
Il comando dell'interruttore sar garantito da Schneider Electric per 10.000 manovre.
Manutenzione ordinaria di lubrificazione del comando consigliata dopo 5000 manovre o comunque ogni
5 anni.

Il comando degli interruttori sar del tipo ad energia accumulata a mezzo molle di chiusura precaricate
tramite motore, ed in caso di emergenza con manovra manuale.

Le manovre di chiusura ed apertura saranno essere indipendenti dall'operatore.

Il comando sar a sgancio libero assicurando l'apertura dei contatti principali anche se l'ordine di
apertura dato dopo linizio di una manovra di chiusura, secondo le norme CEI EN 62271-100.
Il gas impiegato sar conforme alle norme CEI EN 60376.

3.7 - CONTATTORI
I contattori saranno del tipo Rollarc della Schneider Electric ad interruzione in esafluoruro di zolfo con
polo in pressione secondo il concetto di "sistema sigillato a vita" in accordo alla normativa CEI EN 62271-
1 con pressione relativa del SF6 di primo riempimento a 20 C uguale a 2,5 bar.
Tutti i contattori di pari caratteristiche saranno fra loro intercambiabili.
I contattori possono essere del tipo a ritenuta meccanica (R400D) oppure con ritenuta elettrica (R400).
I contattori saranno predisposti e dotati dei seguenti accessori:
- blocco a chiave
- sganciatore di apertura
- sganciatore di chiusura
- contamanovre meccanico
- contatti ausiliari per la segnalazione di aperto - chiuso del contattore
Il contattore sar garantito da Schneider Electric per 300.000 manovre meccaniche, la durata elettrica
sar 100.000 manovre a 320A se R400D o 300.000 manovre a 250A se R400 o 250.000 manovre a Ir.
La manutenzione ordinaria sar la sola pulizia esterna e la lubrificazione delle guide del circuito
magnetico dellelettromagnete consigliata dopo 20.000 manovre o comunque 2 volte allanno.

Il comando sar a sgancio libero assicurando l'apertura dei contatti principali anche se l'ordine di
apertura dato dopo linizio di una manovra di chiusura, secondo le norme CEI EN 62271-100.
Il gas impiegato sar conforme alle norme CEI EN 60376.

3.8 - INTERRUTTORE DI MANOVRA-SEZIONATORE (IMS) - SEZIONATORE


Entrambe le apparecchiature avranno le seguenti caratteristiche:
! Essere contenute in un involucro "sigillato a vita, (CEI EN 62271-1) di resina epossidica con
pressione relativa del SF6 di primo riempimento a 20 C uguale a 0.4 Bar.
! Tale involucro, dovr possedere un punto a rottura prestabilito per far defluire verso l'esterno le
eventuali sovrapressioni che si manifestassero all'interno dello stesso
! Il sezionatore sar a tre posizioni ed assumer, secondo della manovra, il seguente stato:
! Chiuso sulla linea, - Aperto, - Messo a terra
! L'uso dell'IMS sar normalmente utilizzato nelle unit prive di interruttore mentre il sezionatore di
manovra a vuoto sar utilizzato sia da solo che in presenza di interruttore.

! Il potere di chiusura della messa a terra dell'IMS sar uguale a 2.5 volte la corrente nominale
ammissibile di breve durata.
! Sar possibile verificare visivamente la posizione dell'IMS o sezionatore a vuoto conformemente
al DPR 547 del 1955 tramite un apposito obl
! Alloccorrenza lIMS dovr ricevere sia la motorizzazione che eventuali blocchi a chiave.
! I comandi dei sezionatori e degli interruttori di manovra-sezionatore saranno posizionati sul
fronte dell'unit.
! Gli apparecchi saranno azionabili mediante una leva asportabile.
! Le manovre si dovranno effettuare applicando allestremit delle manovre un momento non
superiore ai 200 Nm.
! Entrambi gli apparecchi saranno predisposti per gli interblocchi descritti precedentemente. Nel
caso di unit con fusibili o interruttore sar previsto un secondo sezionatore di terra. La manovra
dei due sezionatori sar simultanea.

3.9 AUTOMATIC TRANSFER SYSTEM (ATS)

L'apparecchiatura di manovra con ATS far il controllo e la gestione della commutazione automatica di
due fonti di media tensione oppure tra una linea di media tensione ed una linea di riserva tipo gruppo
elettrogeno usando unit con interruttore di manovra-sezionatore.
La commutazione tra due linee potr essere effettuata fra un minimo 0,34s ed un massimo di 2,24s in
funzione delle regolazioni impostate.
Lapparecchiatura di manovra sar dotata di un meccanismo e blocchi elettrici al fine di evitare errate
operazioni e di un doppio blocco elettrico su bobina di apertura a lancio di tensione.

3.10 QUADRI COMUNICANTI

I quadri di media tensione di Schneider Electric, possono essere accessoriati con comunicazione seriale
e per reti ethernet al fine di poter misurare, monitorare e gestire limpianto da un sistema di supervisione
superiore.
Sar possibile inoltre avere quadri comunicanti con sistema di cuminicazione IEC 61850 ready o con IEC
61850 con messaggistica GOOSE per reti smart grid.

3.11 - TRASFORMATORI DI CORRENTE E DI TENSIONE

I trasformatori di corrente e di tensione della Schneider Electric, avranno caratteristiche elettriche,


prestazioni e classe di precisione indicati nella specifica di progetto. I TA in particolare, dovranno essere
dimensionati per sopportare le correnti di corto circuito, (limite termico/dinamico) dell'impianto.
In base alla necessita impiantistica, i trasformatori di tensione possono essere del tipo polo a terra
(VRQ2) inserzione fase-terra o poli isolati (VRC2) inserzione fase-fase.

I trasformatori di corrente e di tensione di tipo convenzionale, avranno isolamento in resina epossidica,


saranno adatti per installazione fissa all'interno delle unit saranno esenti da scariche parziali.
I trasformatori di corrente di tipo elettronico (toroidali) in scatolato termoplastico, avranno isolamento a
0,72 kV adatti al montaggio su cavo MT, luscita in mV.
Trasformatori di misura di altri fornitori non saranno accettati.
4. CERTIFICATI E GARANZIA

4.1 - PROVE E CERTIFICATI


Il quadro sar sottoposto, presso la Schneider Electric alle prove di accettazione e di collaudo previste
dalle norme CEI/IEC.

Saranno inoltre disponibili presso il costruttore, i certificati relativi alle seguenti prove di tipo eseguite su
unit simili a quelli della presente fornitura:

prova di corrente di breve durata


prova di riscaldamento
prova di isolamento

4.2 - GARANZIA
Durata della garanzia: 12 mesi dalla messa in servizio, ma non oltre 18 mesi dalla consegna.

Sar garantita la buona qualit e costruzione dei materiali; verranno sostituite o riparate durante tutto il
periodo citato nel pi breve tempo possibile, quelle parti che per cattiva qualit di materiale, per difetto di
lavorazione o per imperfetto montaggio si dimostrassero difettose.

Tali lavori dovranno essere eseguiti presso la Schneider Electric oppure sul luogo di installazione da
personale qualificato autorizzato dal costruttore.

5. Quadro: Quadro Ricezione (QR) - Caratteristiche Elettriche Principali

5.1- Quadro SM6 con protezione arco interno sui 3 lati IAC AFL 12,5 kA x 1s
Tensione nominale kV 24
Tensione nominale di tenuta a frequenza industriale 50Hz / 1min valore efficace kV 50
Tensione nominale di tenuta a impulso atmosferico 1,2 / 50 microS valore di picco kV 125
Tensione di esercizio kV 20
Frequenza nominale Hz 50 / 60
N fasi 3
Corrente nominale delle sbarre principali A 630
Corrente nominale max delle derivazioni A 630
Corrente nominale ammissibile di breve durata kA 12,5
Corrente nominale di picco kA 31,5
Potere di interruzione degli interruttori alla tensione nominale kA 12,5
Durata nominale del corto circuito s 1
Tensione nominale degli ausiliari V
Larghezza mm 3418
Altezza mm 2050
Profondit mm 1220

5.2 Composizione quadro:


Il quadro in oggetto composto da 5 unit per una lunghezza totale di 3418 mm.

Codice Descrizione Qt

Accessori
Leva di manovra 1
Pannello finale di chiusura del quadro 2
Quadro
DM1J_SF1 Dispositivo Generale
DM1J SF1 24kV-12.5kA-630A Unita' interr. ris. semplice sez. TA 1
IAC AFL 12,5kA 1s 1
Derivatore capacitivo e lampade presenza di tensione Us da 10 a 20 KV 1
TV f/m VRQ2/S2 Ue20kV Rapp 20000:r3/100:r3/100:3 - 15VA cl05/50VA cl05- 3
3P
Resistenza antiferrorisonanza cablata 1
TA ARM3/N2F Rapp 200/5A-5A 20VA cl05 Fs<10 o 10VA cl5P10 - 1,5VA 3
5P30 Ith25kAx1s
Contatti ausiliari su interr (2NA+2NC+1CO) 1
Blocco chiave tipo tubolare su interr chiave libera in pos. di aperto 1
Sganc di chiusura e rele' antiric per com RI manuale 220Vca-230Vca 1
Contamanovre per com RI 1
Motor per com RI con contamanovre e motore 220Vca-230Vca 1
Interr. con ciclo di operazioni standard (O-03mn-CO-3mn-CO) 1
Sganc semplice di apertura 220Vca-230Vca 1
Com man a manovra dipendente tipo CS1 1
Blocco chiave su SEZ TERRA chiave libera in posizione di aperto 1
Blocco chiave su SEZ chiave libera in posizione di chiuso per Unita' interrutt 1
Cassonetto arrivo cavi dall'alto Us 10-20kV (max 1cavo per fase fino a 1
240mm2)
Cella bassa tens da 375x450mm 1
Res anticondensa 50W 220V 50Hz regolata da termostato e protetta da 1
interruttore
Alimentaz. aux. Sepam 1000+ da 110/240 Vca 1
Sepam S41 CEI 0-16 con visore conn. TA std 1
MES114F. Modulo 10 ingressi + 4 uscite 220/250 Vca/Vcc 1
ACE949-2. Interfaccia comunicazione RS485 2 fili 12/24Vcc 1
Software SFT2841 1
Alimentatore per schede di comunicazione/Ethernet (max 11 dispositivi) 1
CCA612. Cavo modulo comunicazione 3m 1
Toroide omopolare chiuso tipo CSH 160 Diam=160mm CEI 0-16 2
Interruttore automatico protezione circuiti aux 3
Interruttore automatico protezione secondari TV 1
Manipolatore di comando Apri/Chiudi interruttore 1
Selettore locale/distanza 1
Lampada di segnalazione interruttore chiuso (rossa) 1
Lampada di segnalazione interruttore aperto (verde) 1
DM1A_SF1 Protezione Linea Pad. B
DM1A SF1 24kV-12.5kA-630A Unita' interr. semplice sez. e TA 1
IAC AFL 12,5kA 1s 1
TA ARM3/N2F Rapp 100/5-5A 20VA cl05 Fs<10 o 10VA cl5P10 Ith16kAx1s o 3
25kAx05s
Derivatore capacitivo e lampade presenza di tensione Us da 10 a 20 KV 1
Codice Descrizione Qt

Contatti ausiliari su interr (2NA+2NC+1CO) 1


Blocco chiave tipo tubolare su interr chiave libera in pos. di aperto 1
Sganc di chiusura e rele' antiric per com RI manuale 220Vca-230Vca 1
Contamanovre per com RI 1
Motor per com RI con contamanovre e motore 220Vca-230Vca 1
Interr. con ciclo di operazioni standard (O-03mn-CO-3mn-CO) 1
Sganc semplice di apertura 220Vca-230Vca 1
Com man a manovra dipendente tipo CS1 1
Blocco chiave su SEZ TERRA chiave libera in posizione di chiuso 1
Blocco chiave su SEZ TERRA chiave libera in posizione di aperto 1
Blocco chiave su SEZ chiave libera in posizione di chiuso per Unita' interrutt 1
Cella bassa tens da 750x450mm 1
Res anticondensa 50W 220V 50Hz regolata da termostato e protetta da 1
interruttore
Alimentaz. aux. Sepam 1000+ da 110/240 Vca 1
Sepam S40 con visore conn. TA std 1
MES114F. Modulo 10 ingressi + 4 uscite 220/250 Vca/Vcc 1
ACE949-2. Interfaccia comunicazione RS485 2 fili 12/24Vcc 1
CCA612. Cavo modulo comunicazione 3m 1
Software SFT2841 1
Toroide omopolare chiuso tipo CSH 120 Diam=120mm 1
Interruttore automatico protezione circuiti aux 3
Manipolatore di comando Apri/Chiudi interruttore 1
Selettore locale/distanza 1
Lampada di segnalazione interruttore chiuso (rossa) 1
Lampada di segnalazione interruttore aperto (verde) 1
DM1A_SF1 Protezione TR 1
DM1A SF1 24kV-12.5kA-630A Unita' interr. semplice sez. e TA 1
IAC AFL 12,5kA 1s 1
TA ARM3/N2F Rapp 50/5-5A 10VA cl05 Fs<10 o 5VA cl5P10 Ith16kAx1s o 3
25kAx05s
Derivatore capacitivo e lampade presenza di tensione Us da 10 a 20 KV 1
Contatti ausiliari su interr (2NA+2NC+1CO) 1
Blocco chiave tipo tubolare su interr chiave libera in pos. di aperto 1
Sganc di chiusura e rele' antiric per com RI manuale 220Vca-230Vca 1
Contamanovre per com RI 1
Motor per com RI con contamanovre e motore 220Vca-230Vca 1
Interr. con ciclo di operazioni standard (O-03mn-CO-3mn-CO) 1
Sganc semplice di apertura 220Vca-230Vca 1
Com man a manovra dipendente tipo CS1 1
Blocco chiave su SEZ TERRA chiave libera in posizione di chiuso 1
Blocco chiave su SEZ TERRA chiave libera in posizione di aperto 1
Blocco chiave su SEZ chiave libera in posizione di chiuso per Unita' interrutt 1
Cella bassa tens da 750x450mm 1
Res anticondensa 50W 220V 50Hz regolata da termostato e protetta da 1
interruttore
Alimentaz. aux. Sepam 1000+ da 110/240 Vca 1
Sepam S40 con visore conn. TA std 1
MES114F. Modulo 10 ingressi + 4 uscite 220/250 Vca/Vcc 1
ACE949-2. Interfaccia comunicazione RS485 2 fili 12/24Vcc 1
CCA612. Cavo modulo comunicazione 3m 1
Software SFT2841 1
Toroide omopolare chiuso tipo CSH 120 Diam=120mm 1
Interruttore automatico protezione circuiti aux 3
Manipolatore di comando Apri/Chiudi interruttore 1
Selettore locale/distanza 1
Lampada di segnalazione interruttore chiuso (rossa) 1
Lampada di segnalazione interruttore aperto (verde) 1
DM1A_SF1 Protezione TR 2
DM1A SF1 24kV-12.5kA-630A Unita' interr. semplice sez. e TA 1
IAC AFL 12,5kA 1s 1
TA ARM3/N2F Rapp 50/5-5A 10VA cl05 Fs<10 o 5VA cl5P10 Ith16kAx1s o 3
25kAx05s
Derivatore capacitivo e lampade presenza di tensione Us da 10 a 20 KV 1
Contatti ausiliari su interr (2NA+2NC+1CO) 1
Blocco chiave tipo tubolare su interr chiave libera in pos. di aperto 1
Sganc di chiusura e rele' antiric per com RI manuale 220Vca-230Vca 1
Contamanovre per com RI 1
Motor per com RI con contamanovre e motore 220Vca-230Vca 1
Interr. con ciclo di operazioni standard (O-03mn-CO-3mn-CO) 1
Sganc semplice di apertura 220Vca-230Vca 1
Codice Descrizione Qt

Com man a manovra dipendente tipo CS1 1


Blocco chiave su SEZ TERRA chiave libera in posizione di chiuso 1
Blocco chiave su SEZ TERRA chiave libera in posizione di aperto 1
Blocco chiave su SEZ chiave libera in posizione di chiuso per Unita' interrutt 1
Cella bassa tens da 750x450mm 1
Res anticondensa 50W 220V 50Hz regolata da termostato e protetta da 1
interruttore
Alimentaz. aux. Sepam 1000+ da 110/240 Vca 1
Sepam S40 con visore conn. TA std 1
MES114F. Modulo 10 ingressi + 4 uscite 220/250 Vca/Vcc 1
ACE949-2. Interfaccia comunicazione RS485 2 fili 12/24Vcc 1
CCA612. Cavo modulo comunicazione 3m 1
Software SFT2841 1
Toroide omopolare chiuso tipo CSH 120 Diam=120mm 1
Interruttore automatico protezione circuiti aux 3
Manipolatore di comando Apri/Chiudi interruttore 1
Selettore locale/distanza 1
Lampada di segnalazione interruttore chiuso (rossa) 1
Lampada di segnalazione interruttore aperto (verde) 1
QM Protezione TR Emergenza
QM 24kV-12.5kA-200A Unita' protezione trasformatore 1
IAC AFL 12,5kA 1s 1
Derivatore capacitivo e lampade presenza di tensione Us da 10 a 20 KV 1
Fusibile tipo FUSARC-CF Vn =24 KV In=50 A 3
Com man ad accumulo di energia tipo CI2 con puls di ap e puls di ch 1
Sganciatore di apertura per com tipo CI2 man 220Vca-230Vca 1
Cont aux su IMS/SEZ (1NA+1NC+1CO) 1
Cont aux supplementari su IMS/SEZ (1NA su IMS/SEZ + 1NA+1NC su SEZ DI 1
TERRA)
Contatto aux segnalazione fusibile intervenuto (1NA) 1
Blocco chiave su SEZ TERRA chiave libera in posizione di chiuso 1
Blocco chiave su SEZ TERRA chiave libera in posizione di aperto 1
Cella bassa tens da 375x450mm 1
Res anticondensa 50W 220V 50Hz regolata da termostato e protetta da 1
interruttore
Interruttore automatico protezione circuiti aux 1

6. Gruppo UPS
La presente specifica ha lo scopo di definire i requisiti fondamentali di un gruppo di continuit (UPS)
monofase, a doppia conversione Smart-UPS RT. L'UPS deve fungere da sistema attivo di controllo
dell'alimentazione e deve operare congiuntamente all'impianto elettrico dell'edificio al fine di fornire
un'alimentazione in linea condizionata e protetta per i carichi critici.

6.1- LIMITI DI FORNITURA


Il prodotto specificato APC Smart-UPS RT per ambienti informatici ed elettrici.
Temperatura di immagazzinamento: da -20 C a 50 C con batterie;
Temperatura di esercizio: da 0 C a 40 C; da 15 C a 25 C la temperatura ideale per le batterie (se
superiore, la durata delle stesse diminuisce).
Umidit relativa: da 0 a 95%, senza condensa.

6.2 NORME DI RIFERIMENTO


! Sicurezza: EN50091-1
! CEM/IEC EN50091-2 / EN55022 classe A
! Prestazioni: EN/IEC 62040-3
! Classificazione in base allo standard EN/IEC 62040-3: VFI.

6.3 DESCRIZIONE DELLUPS.


A. L'UPS costituito dalle seguenti sezioni: raddrizzatore e inverter facili da riparare e da unit
batterie modulari interne ed esterne semplici da installare.
B. L'UPS fornito con alimentazione unica per la sezione raddrizzatore/inverter e per il sistema di
bypass automatico.

C. Modalit di funzionamento: l'UPS funziona come sistema a doppia conversione per la massima
protezione del carico nelle seguenti modalit:
! Normale: l'inverter e il raddrizzatore devono funzionare in modalit in linea per regolare
l'alimentazione del carico critico in modo continuo. Il raddrizzatore deve derivare
l'alimentazione dalla sorgente di alimentazione CA e fornire tensione di mantenimento CC
alle batterie.
! Batterie: in caso di mancata erogazione da parte della sorgente di alimentazione CA,
l'alimentazione del carico critico deve continuare a essere fornita dall'inverter senza alcuna
commutazione. L'inverter deriva la propria alimentazione dalle batterie.
! Ricarica: al ripristino della sorgente di alimentazione CA, l'UPS alimenta simultaneamente
le batterie e regola l'alimentazione del carico critico a valle.
! Bypass automatico: l'interruttore di bypass automatico deve essere utilizzato per trasferire
il carico critico all'alimentazione. L'interruttore di bypass deve essere a carico nominale
massimo e deve poter funzionare in modalit manuale. L'UPS deve essere in grado di
ricaricare le batterie e nel contempo alimentare completamente il carico tramite l'interruttore
di bypass statico.
! Interruttore bypass di manutenzione interno: l'UPS dotato di interruttore by-pass di
manutenzione interno da utilizzare per alimentare il carico direttamente dalla rete elettrica
quando l'UPS viene rimosso per le operazioni di manutenzione.
! L'UPS dotato di segnalazione RS-232 e integrazione WEB/SNMP (opzionale sulle taglie
pi piccole). Il sistema fornisce gli strumenti per la registrazione e la segnalazione di tutti i
punti monitorati e per la notifica tramite e-mail.
! L'UPS ha una tensione nominale di 230 V (regolabile 220, 230, 240 V)
! L'UPS compatibile con tutti i tipi di data center, data room.

6.4 UPS STATICO


L'UPS deve essere collocato in un armadio indipendente e comprendere la sezione di alimentazione,
l'interruttore di bypass automatico, le batterie per l'esecuzione standard e l'interfaccia a Led, tutti
alloggiati in un armadio. L'UPS deve consentire l'utilizzo di unit batteria installabili e rimovibili dall'utente
a caldo. La sezione di alimentazione deve essere del tipo in linea a doppia conversione con ingressi con
correzione del fattore di potenza.
L'UPS deve essere idoneo ad alimentare un carico con un fattore di potenza di 0,7 / 0,8 (dipende dai
modelli).
Le batterie dell'UPS devono essere idonee ad alimentare il carico con un fattore di potenza di 0,7 / 0,8
(dipende dai modelli) per lautonomia richiesta.

Caratteristiche dingresso del sistema:

! Tensione in ingresso nominale: 230 V / 400V (per alcuni modelli)


! Intervallo tensione in ingresso: 160 - 280 V / 350-420 V (per alcuni modelli)
! Principio di messa a terra: TN-S
! Frequenza in ingresso: 50-60 Hz (rilevamento automatico).
! Fattore di potenza in ingresso: 0,99
! Distorsione della corrente in ingresso senza filtri aggiuntivi: < 7% THDI al 100% del carico.

Caratteristiche duscita del sistema:

! Tensione in uscita nominale: 230 V (regolabile per 220, 230, 240 V)


! Principio di messa a terra: TN-S
! Regolazione frequenza in uscita:
Sincronizzata alla rete nell'intervallo di 50 o 60 Hz durante il funzionamento normale.
50 Hz 1 Hz durante il funzionamento a batterie.

Distorsione armonica tensione di uscita:


! < 3% THD massima
Capacit di sovraccarico:
! 150% per 30 secondi durante il funzionamento normale e a batterie.
! 125% per 1 minuto durante il funzionamento normale e a batterie.
! 105% continuo durante il funzionamento in modalit bypass.

Fattore nominale di potenza in uscita: 0,7 o 0,8 in funzione dei modelli

Efficienza sistema CA-CA con carico al 100% fino a 93% .

Rumore acustico a pieno carico: dB(A) di rumorosit, normalmente misurata a 1 metro dalla superficie
dell'operatore: 55 dBA

6.5 DESCRIZIONE DELLE PARTI DI POTENZA INTERNE ALLUPS.


A. Raddrizzatore
1. Ciascun modulo di alimentazione dell'UPS include un raddrizzatore attivo di tipo IGBT (Insulated
Gate Bipolar Transistor) con correzione del fattore di potenza.
2. La tensione del bus CC deve essere compensata in base alle variazioni della temperatura
(compensazione temperatura batterie) per mantenere costantemente una tensione di
mantenimento ottimale per la carica in presenza di escursioni termiche di 25C. Il tasso di
compensazione della temperatura deve essere pari a 320 mV/C con temperatura ambiente >
20C e a 0 mV/C con temperatura ambiente < 20C.
3. La tensione di ondulazione CC inferiore a 1% del valore nominale senza batterie collegate.
4. Il fattore di potenza in ingresso 0,99 al 100% del carico senza l'utilizzo di filtri passivi. Il
raddrizzatore utilizza tecnologia di controllo elettronico della forma dell'onda per mantenere la
corrente sinusoidale.
5. Il controllo avviene con il controllo della corrente PWM (Pulse Width Modulation, modulazione
della larghezza di impulso). Per tutte le attivit di monitoraggio e controllo si devono utilizzare i
DSP (Digital Signal Processors, processori di segnale digitale). Il controllo analogico non
ammesso.
6. La distorsione armonica totale (THD) della corrente di ingresso non deve superare il 7%
7. Tempo standard di ricarica batterie come specificato in IEEE 485.

B. Batterie
A. La tecnologia standard per le batterie la VRLA (Valve Regulated Lead Acid, al piombo-acido con
regolazione a valvola).
B. Le batterie sono alloggiate nello stesso rack della sezione di alimentazione. Le batterie sono
modulari e posizionate su ripiani estraibili per facilitare le operazioni di sostituzione e
manutenzione.
C. La tensione delle batterie compensata in base alla temperatura delle stesse.
D. Per una maggiore autonomia, necessario proporre moduli batterie esterne all'interno dello stesso
progetto.
E. Limite della corrente di ricarica delle batterie: l'UPS in grado di limitare l'energia ottenuta dalla
rete al fine di ricaricare le batterie. Come impostazione predefinita, l'energia per la carica delle
batterie viene impostata al 100% del valore nominale. Quando segnalato da un contatto libero da
potenziale (ad esempio, da un generatore di emergenza), l'UPS in grado di limitare l'energia per
la carica delle batterie ottenuta dalla rete. Ci possibile con incrementi selezionabili dall'utente di
75%, 50%, 25%, 10% e 0% della potenza nominale di carica. La selezione viene eseguita dal
display del pannello anteriore/unit di controllo dell'UPS.

C. Inverter
1. L'inverter utilizza semiconduttori ad IGBT a commutazione rapida.
2. L'inverter deve essere controllato in modalit PWM. Il controllo di tipo analogico non ammesso.
3. Il fattore di potenza in uscita dei moduli dell'inverter deve essere pari a 0,7 o 0,8 in funzione dei
modelli.
4. La tensione in uscita nominale deve essere 230 V - 50 Hz,
5. Efficienza di ciascun modulo a pieno carico: Non inferiore a : 93 %
6. Distorsione armonica totale della tensione di uscita a pieno carico:
7. Inferiore a 1,5% per carico resistivo al 100%.
8. Inferiore a 3,5% per carico di computer come definito in EN50091-3/IEC 62040-3.
9. Regolazione della tensione di uscita:
10. Statica: inferiore all3 % a pieno carico lineare.
11. Frequenza in uscita: 50 Hz.
12. Fattore di cresta: a 3:1.
13. Lo spegnimento di emergenza (EPO, Emergency Power Off) previsto in dotazione in funzione
dei modelli

D. Interruttore di bypass automatico


1. L'interruttore di bypass automatico trasferisce automaticamente il carico critico all'alimentazione in
ingresso del bypass in seguito al rilevamento da parte della logica di una delle seguenti condizioni:
! Sovraccarico inverter oltre il valore nominale.
! Autonomia delle batterie esaurita e bypass disponibile.
! Guasto dell'inverter.
! Errore irreversibile nel sistema di controllo.
2. L'interruttore di bypass automatico deve ritrasferire automaticamente il carico critico dal bypass
all'inverter al verificarsi di una delle seguenti condizioni:
! Quando, in seguito a un trasferimento istantaneo causato da un sovraccarico, la corrente di
carico tornata a meno del 100% del valore nominale di sistema.
! L'inverter attivo.
3. L'interruttore di bypass automatico dotato di un sistema manuale di trasferimento del carico dal
bypass all'inverter e viceversa.
E. Armadio di contenimento UPS.
La sezione di alimentazione dell'UPS Smart-UPS RT prevista con l 'ingresso dei cavi dal retro, grado di
protezione IP20. LUPS deve poter essere posizionato sia in verticale su appositi piedini modulari atti ad
accogliere eventuali moduli di estensioni batterie, sia in armadio rack 19 se equipaggiato.

6.6 CONTROLLI DI SISTEMA E INDICATORI


Nella parte anteriore del sistema disponibile una serie di segnalazioni a LED con interruttori a pulsante.
Lintero sistema di comunicazione controllata da microprocessore.

1. L'interfaccia utente del pannello frontale dell'UPS dispone dei seguenti elementi:

! pulsanti di accensione e spegnimento


! numero cinque Led indicanti la percentuale di carico applicato ( da 17% al 100%)
! led indicante funzionamento da batteria
! comando manuale test elettronica e batteria
! Led indicante funzionamento da rete
! mumero cinque led indicanti valore tensione dingresso (da 192 a 277 V) o stato di carica
della batteria in mancanza rete ( da 0% a 100%)
! Led indicante funzionamento da bypass
! Led indicante guasto interno
! led indicante funzionamento da batteria
! Led indicante sovraccarico in uscita
! Led indicante batteria guasta

2. Per le comunicazioni in remoto con l'UPS, le seguenti caratteristiche sono disponibili e


contenute nell'UPS in una scheda di interfaccia SmartSlot sostituibile a caldo e rimovibile:

! Porta interfaccia RJ-45 per comunicazioni in remoto con una rete tramite browser Web o
SNMP, oppure APC by Schneider InfraStruXure Manager.
! Funzionalit di monitoraggio dell'ambiente, in grado di monitorare localmente la temperatura
e l'umidit, oltre a due ulteriori set generici di contatti a secco in grado di ricevere un segnale
di input da qualsiasi segnale di attivazione/disattivazione di APC o terzi, come il rilevamento
di acqua, fumo, movimento o incendio.
6.6 BATTERIE
Le batterie dell'UPS sono in una struttura modulare costituita da moduli batteria sostituibili a caldo. Ogni
modulo batteria deve essere monitorato per determinare il pi alto livello di temperatura dell'unit batteria
per l'utilizzo da parte della diagnostica della batteria dell'UPS e della circuiteria del caricabatteria,
compensata in base alla temperatura.
I blocchi degli accumulatori alloggiati in ogni modulo batteria rimovibile devono essere al piombo-acido
con regolazione a valvola (VRLA)

6.7 ACCESSORI
Per estendere l'autonomia delle batterie dell'UPS devono essere rese disponibili delle opzioni di
estensione esterne. L'opzione di estensione dell'autonomia deve essere alloggiata in armadi del tipo a
configurazione integrale e deve contenere l'hardware e i cavi necessari per il collegamento all'UPS o tra
gli armadi. Ciascun armadio deve essere dotato di unit batterie rimovibili e sostituibili a caldo alloggiate
in cartucce estraibili.

Apparecchiatura BT: Smart-UPS-SRT (Smart-UPS-SRT)

Dati Tecnici:

Tensione di ingresso / Tensione di uscita V 230-230


Potenza VA 3000
Frequenza Hz 50/60
Autonomia batterie min 21
Larghezza mm 170
Altezza mm 432
Profondit mm 635
Peso totale KG 7

7. Opere Accessorie

Sono compresi e compensati nel prezzo:


a) Trasporto;
b) La dismissione del vecchio quadro e il conferimento in discarica;
c) Noleggio gru di qualunque dimensione, a qualsiasi altezza, per posizionamento nuovo
gruppo e dismissione vecchio gruppo;
d) Torrini di ventilazione forzata da installare sopra tetto cabina di ricezione;
f) Griglia di aerazione GRIGLIA PER VENTILAZIONE FORZATA CODICE
PRODOTTO: GR/estra. La semigriglia realizzata in resina poliestere rinforzata con bra di
vetro SMC Colore grigio ENEL, autoestinguente, secondo le prescrizioni ENEL DS 4974.
Ha un grado di protezione IP 33 secondo la norma CEI-EN 60529 ed IK10 secondo CEI-EN
50102.
Viene utilizzata per la ventilazione forzata di cabine elettriche secondarie MT/BT.
Sono complete di rete anti-insetto in acciaio inox e di estrattore/ventilatore.
Dimensioni esterne 1205 x 505
Intonaco nito 1165 x 465
Dimensioni esterne vent. 390 x 390 x 280
Sulla griglia applicato un estrattore assiale monofase, rete di protezione lato girante
Portata aria 2200 mc/h
g) Opere murarie per incasso griglia e applicazione torrini di estrazione;
h) guaina impermeabilizzante sguscia torrino di estrazione;
g) Opere elettriche per alimentazione gruppo pompa di aspirazione ivi compreso la
sostituzione degli interruttori di potenza e cavi elettrici di alimentazione, ove necessario.

8. Quadro Economico

Il corrispettivo del presente appalto di fornitura fissato dal sottostante quadro di spesa:

Costo Fornitura
Canone fornitura a base dasta 130.000,00
Oneri sicurezza 1.000,00
sommano 131.000,00
Somme a disposizione
IVA 22% 28.820,00
sommano 28.820,00
Importo complessivo totale 159.820,00

Responsabile Procedimento
Ing. Ivano Caltagirone

Il Direttore Settore Tecnico


Ing. Lorenzo Aprile