Sei sulla pagina 1di 23

Anno VII Numero 21 2 trimestre 2017

IN QUESTO NUMERO:
Editoriale
In fondo forse un gioco?
di Fil Jus pag. 3

LEgitto dei Neter: i Misteri di Osiride


di Nelchael pag. 5

Gli Operai del SADM


di Elisheba pag. 12

Il silenzio iniziatico
di Mi. Ma. Gi. pag. 17
Sophia Arcanorm n.21 pag. 2 trim. 2017
AVVERTENZE
La collaborazione alla raccolta periodica di
studi tradizionali SOPHIA ARCANORUM
aperta a tutti coloro che vorranno contri-
buire con il frutto della loro personale ri-
cerca e con tematiche rientranti nellalveo
Con il patrocinio del
della Tradizione unica e perenne. Sovrano Santuario Tradizionale dItalia
I testi, preferibilmente contenuti entro 3/4 Regime degli Alti Gradi - Filiazione R. Ambelain
cartelle formato A4, potranno essere invia- http://www.santuariotradizionale.it/
ti allindirizzo e-mail della Redazione edi- della Gran Loggia Italiana dei Riti Egizi
toriale indicando il proprio nome e cogno- e dellAssociazione Culturale
me, il recapito telefonico e lo pseudonimo Le Sentinelle della Tradizione
da utilizzare come firma dellAutore nel http://www.sentinelledellatradizione.it
caso il testo fosse scelto per essere inseri-
to nella pubblicazione on line.
I testi proposti devono essere originali, Redazione editoriale:
non violare alcun diritto dautore, ed ogni
citazione bibliografica deve essere espres- Alfredo Marocchino
samente indicata a margine dello scritto. Giuseppe Rampulla
La Redazione editoriale si riserva, a pro-
prio insindacabile giudizio, di pubblicare o
meno gli articoli pervenuti, nonch la facol- Web Master:
t di modificarne la forma e la stesura dei
testi, garantendo il rispetto dei contenuti
Giuseppe Rampulla
ed il pensiero espresso dagli Autori.
Le opinioni espresse nei testi inseriti nella
pubblicazione on line riflettono il pensie-
ro personale degli Autori, non impegnando
in alcun modo la Redazione editoriale.
Gli Autori accettano la collaborazione a
SOPHIA ARCANORUM a titolo totalmen- I numeri arretrati possono essere scaricati dal
sito web
te gratuito.
http://www.sophia-arcanorum.it/
Tutti i diritti di propriet artistica e lettera- e letti on line dal sito web
ria sono riservati. http://issuu.com/nelchael
Ai sensi dell'art.65 della Legge n.633 del
22/4/1941, vietata la riproduzione tota- Indirizzo email:
le o parziale con qualsiasi mezzo, anche Redazione editoriale
informatico, senza che siano citati lAutore
e la fonte.
Resta espressamente vietata la riprodu- Questa raccolta di studi su temi innestati
zione di copie cartacee, parziali o integrali, nella Tradizione Mediterranea non pu
che non siano destinate esclusivamente considerarsi una testata giornalistica o un
ad uso personale. prodotto editoriale ai sensi della legge n.
La presente raccolta studi distribuita a 62 del 07/03/2001, in quanto le ricerche e
titolo gratuito esclusivamente on line a gli approfondimenti che qui compaiono
mezzo internet. vengono proposti ed aggiornati senza al-
cuna periodicit, non sono in vendita,
possono essere consultati via internet, pos-
La Redazione editoriale sono essere stampati in proprio.

Sophia Arcanorm n.21 pag. 2 2 trim. 2017


EDITORIALE
IN FONDO FORSE UN GIOCO?
di Fil-Jus

oglio riportare un classi- consapevolezza che dentro ognu-


co esperimento sul co- no di noi vive il bambino che era-
siddetto effetto di so- vamo, mi ha fatto comprendere il
vragiustificazione com- motivo per cui in tante persone
piuto dagli psicologi D. Greene, che si accostano alle vie iniziati-
B, Sternberg e M. Lepper. che, dopo un primo periodo
Ad alcuni alunni di quarta e dincremento dellentusiasmo per
quinta elementare fu sottoposta ci che stanno sperimentando ed
una grande variet di giochi ma- imparando, pian piano ho visto
tematici. Gli psicologi misurarono affievolirsi linteresse e la loro
il tempo che i bambini trascorre- partecipazione diventata sem-
vano a giocarci e scoprirono che pre pi rara.
sembravano molto interessati: si In Massoneria ho conosciuto tan-
divertivano parecchio. ti fratelli il cui impegno cresceva
Dopo qualche giorno gli psicologi unitamente al loro entusiasmo,
iniziarono a dare una ricompensa man mano che avanzavano nel
ai bambini che giocavano di pi: percorso nei tre gradi, ma tante
chi passava pi tempo sugli indo- volte giunti allo scranno del Mae-
vinelli aveva maggiori probabilit stro Venerabile, mostravano sem-
di vincere il premio in palio. pre maggiore disinteresse, svol-
In un primo momento, i premi gendo quel compito per lo stret-
fecero crescere il tempo che i to necessario.
bambini dedicavano ai giochi. Quelli iscritti che non posso
Quando per tutti i premi venne- definire iniziati nelle Obbe-
ro ritirati, i bambini persero qua- dienze Massoniche pi numerose
si tutto il loro interesse e giocava- riuscivano allora a crearsi altre
no soltanto di rado. mete, altri premi, consistenti in
Cosa era accaduto? Il premio orpelli sempre pi grandi e colo-
aveva demolito linteresse intrin- rati da indossare nelle carnevala-
seco dei bambini! (estratto da un te delle grandi occasioni.
testo di J. A. Paulos). Ma i fratelli privi di tali
Il lettore si chieder cosa centra opportunit profane poich
questo con i percorsi iniziatici di allinterno di piccole Obbedienze,
perfezionamento interiore, cui con scarse prebende pi spes-
solitamente indirizzo il mio inte- so decidevano di cambiare stra-
resse. Centra, eccome! da, lasciando la Libera Muratoria
Quellesperimento, unito alla ed indirizzandosi ad altri giochi

Sophia Arcanorm n.21 pag. 3 2 trim. 2017


EDITORIALE - In fondo forse un gioco?

pseudo-iniziatici od a sette di energie, di denaro, di studio e,


orientaleggianti. nei pochi casi in cui gli sia rima-
Ancora pi grave il fenomeno sta una goccia di saggezza, com-
riscontrabile nei Riti di perfezio- prende che deve ricominciare
namento, visti spesso simili a tutto da capo e ritornare da Ap-
sistemi multi-levels, nei quali prendista nel gabinetto di rifles-
possibile ambire a gradi nume- sione, per riconoscere il buio nel
ricamente maggiori (qualche profondo di s, che tanto tempo
pseudo Gran Ierofante arrivato prima non aveva potuto com-
anche ad autoproclamarsi al prendere.
100 grado. oramai resta solo Forse il percorso circolare a 360
da alzare lasticella ai 360 gra- compiuto li avr riportati s alla
di, nel perfetto angolo giro che li posizione iniziale sul piano a due
riporti allinizio!). dimensioni, ma forse voglio spe-
Anni fa, un fratello affermava che rare ad una quota pi elevata
il Rito in fondo era un gioco: l nello spazio a tre dimensioni.
per l fui scandalizzato dalla af- Forse il percorso non stato
fermazione, poich io ancora ci dunque circolare, ma spiralifor-
credo come 25 anni fa; ma poi mi me, consentendo di ricominciare
sono reso conto che, per buona con la consapevolezza che non si
parte dei fratelli che ho conosciu- poteva avere allinizio.
to, proprio cos: la tensione di Lasciatemi sperare che, forse,
raggiungere gradi pi elevati si lasciando giocare il bambino che
spegne quando ... tutti i premi in noi, si sia anche aggiunta un
sono stati consegnati! po di saggezza!
Solo allora forse qualcuno si Forse
chiede il perch di tanto impegno

Sophia Arcanorm n.21 pag. 4 2 trim. 2017


I MISTERI DI OSIRIDE
di Nelchael

a cosmogonia di Heliopo- procre lintera umanit.


li, la cui conoscenza ci Linsieme delle nove divinit fu
pervenuta attraverso i definita la grande Enneade di He-
cosiddetti "testi delle pira- liopoli (la citt del Sole).
midi", decreta la centralit di A- Questi sono gli archetipi che, con
tum come dio solare preposto alla diversi nomi, si ritrovano in tutti
creazione, in quanto esistente i centri sacri iniziatici dellantico
prima ancora del cielo e della ter- Egitto.
ra, nato proprio dalloceano pri- La cosmogonia di Memphis, nota
mordiale, il Nun. come Trattato di teologia mem-
In alcune tavole geroglifiche Atum phita, ci pervenuta grazie ad
viene rappresentato su unisola, o una stele dell'VIII secolo a.C. con-
una collina attorniata dallacqua, servata al British Museum di
nellatto della masturbazione per- Londra. La tradizione memphita
ch attraverso il suo seme fu fe- vuole che la creazione del mondo
condata la materia prima, fosse stata opera di Ptah, figura
lacqua. demiurgica appellata anche Ar-
Per inciso, di rilevante impor- chitetto dellUniverso, che con il
tanza evidenziare che Eraclito, suo pensiero cardiaco e con la
assieme ai suoi successori Stoici- sua parola, o suono creatore, a-
sti come Cleante, fu assertore vrebbe generato otto divinit co-
della dottrina del logos spermati- me emanazioni di s.
ks, ovvero la "ragione seminale" La tradizione sacra ci racconta
che si diffonde nella materia pri- che Ptah, oltre a creare gli dei,
ma, fecondandola e portando in cre anche le citt e le regioni
essa la vita. egizie, istru gli uomini recando
Cos Atum cre Shu, cio l'aria o benessere e prosperit nel mon-
il vuoto, e Tefnut, lumidit, e da do.
questa coppia fu generata laltra Mentre il sistema teologico di Te-
coppia Geb e Nut, cio la volta be si basa sullOgdoade di Ermo-
celeste e la terra. Dallunione di poli che, secondo unantica leg-
Geb e Nut nacquero due fratelli e genda della citt di Ashmunein,
due sorelle, Osiride e Seth, Iside e si compone di otto divinit pri-
Nephtys. Da queste due coppie si mordiali, quattro maschili raffi-
Sophia Arcanorm n.21 pag. 5 2 trim. 2017
LEgitto dei Neter: i Misteri di Osiride

gurate con testa di rana e quattro successo, Seth invit il fratello a


femminili raffigurate con testa di entrarvi e, appena Osiride vi si
serpente, nate assieme ad una adagi dentro, venne chiuso e
collina di fango emersa dalle ac- sigillato il coperchio. Poi Seth e i
que. suoi complici gettarono il sarco-
Questa leggenda, transitata a fago nel Nilo che lo trasport fino
Tebe, sub una trasformazione e, in mare raggiungendo le spiagge
secondo la tradizione tebana, gli di Byblos, nellodierno Libano,
dei avrebbero creato un uovo, da fermandosi ai piedi di una tame-
cui nacque Amon, il dio-sole. rice. Questalbero in pochissimo
Tutto quanto fin qui detto va con- tempo crebbe cos tanto che il
siderato come una necessaria suo tronco inglob il sarcofago di
minima premessa, perch non si Osiride.
possono comprendere i miti e i Il Re di Byblos, Malcandro, accor-
misteri osiridei e isiaci senza un tosi della maestosit della tameri-
inquadramento generale del ce, ordin di utilizzarla per una
pantheon kemita. colonna nella sua dimora (il pila-
In termini narrativi la leggenda di stro ricavatone identificabile
Osiride pu essere cos riassunta: con lo Djed o Zed, anche detto
Osiride, ricevuto il lignaggio so- non a caso la colonna di Osiri-
vrano dal padre Geb, port la ci- de).
vilt agli uomini, insegn loro a Intanto Iside, venuta a conoscen-
coltivare la terra, produrre il gra- za dell'accaduto, raggiunse
no e trasformarlo con la molitura Byblos e si fece ospitare dalla Re-
in farina, coltivare la vite, pro- gina Nemano, divenendo nutrice
durre il vino dalla fermentazione del piccolo principino tent di
del mosto e fare la birra con l'or- donargli limmortalit con un rito
zo. Per questo fu molto amato e che prevedeva la deposizione del
regn con il consenso del suo po- piccolo tra le braci ardenti. La
polo. Regina cos scopr lidentit di
Seth, accecato dallinvidia verso il Iside che, svelatasi, chiese in do-
fratello e posseduto dalla bramo- no e ottenne la possente colonna
sia di sostituirsi a lui, cospir per contenente il corpo di Osiride.
ucciderlo. Fece costruire in gran Iside con l'aiuto della sorella
segreto un preziosissimo sarcofa- Nephtys voleva riportare Osiride
go ornato doro, realizzato apposi- alla vita usando i suoi poteri ma-
tamente con le dimensioni esatte gici.
del fratello, e poi tenne un ban- Seth, appresa la notizia, temendo
chetto nel quale annunci che ne che Osiride ritornando in vita si
avrebbe fatto dono a colui che si potesse vendicare, simpossess
fosse adattato perfettamente alle nuovamente del corpo del fratello
sue dimensioni. Dopo che alcuni e questa volta lo fece a pezzi na-
complici presenti tentarono senza scondendo le quattordici parti in

Sophia Arcanorm n.21 pag. 6 2 trim. 2017


LEgitto dei Neter: i Misteri di Osiride

vari luoghi. Con Iside si origina l'archetipo


Iside e Nephtys, spinte dal pro- della Vergine e Madre e da que-
fondo amore per lo sposo e fratel- sta leggenda proviene anche il
lo, girarono tutto lEgitto e ritro- termine Figli della Vedova.
varono tutti i pezzi, eccetto il fallo Osiride, rimasto mummificato, fu
che, come afferma lo stesso Plu- destinato agli inferi per giudicare
tarco in DIside e dOsiride, era e ricevere chi fosse degno di rina-
stato mangiato dai pesci Ossirin- scita, e venne anche chiamato
co, Lepidoto e Fagro (da allora gli Neb-er-tcher ("il Signore del limite
Egizi considerarono sacre le tre estremo" o il Signore degli Occi-
specie di pesci e ancora oggi si dentali). Avvenne cos una mu-
astengono da cibarsene). tazione del suo stato, passando
egli dal piano della realt manife-
sta di Sovrano dei viventi, qual
era stato nominato dal padre
Geb, a quello divino di Signore
dellAldil, del Duat: in altre paro-
le, diviene un Dio privo del potere
creatore, e questa condizione
simbolicamente rappresentata
dalla perdita del fallo.
A sottolineare il suo stato di Si-
gnore dellAldil, Osiride viene
raffigurato sempre mummiforme,
cio impossibilitato ad agire, ma
con il volto verde, cio con il colo-
re della Rigenerazione. Il colore
verde per gli Egizi richiama la
rinascita vegetativa del limo ferti-
le dopo la stagione dellinon-
dazione e del ritiro delle acque
del sacro Nilo.
Allegoricamente in questa leggen-
Ra mand in soccorso Anubi e da viene rappresentata la pi
Thot per imbalsamare il corpo complessa via iniziatica detta
ricomposto di Osiride, fasciato e Osirificazione, ovvero laApo-
mummificato. Ma Iside, trasfor- theosis ellenica.
matasi in falco o in rondine, con Il figlio nato dallunione sublima-
il battito delle sue ali e con la for- ta tra Osiride e Iside, Horus,
za dellamore, lo riport in vita quando fu abbastanza grande e
temporaneamente e adagiandosi istruito dalla dea madre, affront
sul suo corpo, anche se privo di Seth in battaglia per vendicare la
organi genitali, rimase gravida. morte del padre. Il combattimen-

Sophia Arcanorm n.21 pag. 7 2 trim. 2017


LEgitto dei Neter: i Misteri di Osiride

to fu lungo, cruento e nella batta- nera terra che, grazie al tepore


glia a Horus venne strappato un della primavera (lamore sublima-
occhio. to di Iside-rondine), torna a vege-
Il conflitto fu interrotto dagli altri tare.
dei che decisero in favore di Ho-
rus e diedero a lui la sovranit
del paese, restituendogli il suo
occhio che divenne il simbolo del-
la sua divinit. LUdjat, locchio
di Horus, fu rappresentato in tut-
te le sepolture degli uomini pi
eminenti dellantico Egitto, a si-
gnificare la loro raggiunta diviniz-
zazione.

Per l'interpretazione astronomica


la vita, la morte e la resurrezione
di Osiride sarebbero il corrispetti-
vo simbolico del ciclo solare, an-
tesignano del culto Mitraico.
Con lavvento del periodo elleni-
Il mito di Osiride, divenuto nel stico dei Tolomei i culti ed i ritua-
corso dei secoli la leggenda nazio- li osiridei arcaici incontrano la
nale egizia, il risultato della fu- nuova mentalit antropocentrica
sione di molte varianti, apparte- proveniente dalla Grecia e si tra-
nenti a vari luoghi e ad epoche sformarono in veri e propri Miste-
diverse. La stessa possibile inter- ri, simili per struttura e contenu-
pretazione del suo contenuto mi- ti a quelli classici, che costitui-
tologico ha originato tesi differen- rono laspetto esoterico del culto
ti, dal raffronto delle quali si pu di alcune divinit greche ed o-
avere un quadro complessivo del- rientali.
la sua leggenda. Nella complessit dei misteri osi-
Per l'interpretazione naturalistica riaci troviamo il principio del
il mito di Osiride simboleggerebbe quaternario nei rapporti delle due
leterno ciclo vegetativo ed i colori coppie Osiride e Iside, Seth e
nero e verde, con i quali icono- Nephtys, e del ternario nella tria-
graficamente raffigurato, rap- de Osiride, Iside, Horus.
presenterebbero la morte e la ri- Mentre nella contrapposizione
nascita di un seme sepolto nella Osiride Seth emerge la dualit

Sophia Arcanorm n.21 pag. 8 2 trim. 2017


LEgitto dei Neter: i Misteri di Osiride.

universale, il bianco ed il nero,


familiare a molti di noi. Due forze
opposte e complementari, come
due facce della stessa medaglia,
l'ordine ed il caos, o meglio, ordo
ab chao.
Osiride rappresenta il riunire ci
che sparso, il ritorno all'uni-
t, il risultato dellazione dell'a-
more sublimato di Iside.
Seth la rappresentazione della
divisione, del disordine nascente
dai bassi istinti, dell'inganno,
dell'azione nefasta nascente dalla La tradizione medievale norrena
spinta dell'invidia e dell'ambizio- narra delle gesta mitologiche e
ne di ottenere ci che non si me- delle religioni misteriche dei po-
rita. Non a caso dal suo nome poli del nord, nelle quali possia-
provengono termini come setta, mo trovare velati richiami al mito
settario, sezionare, separare e di Osiride. In particolare, nel ma-
molti altri ancora. noscritto chiamato Edda poeti-
Nella tradizione teosofica, riser- ca, scritto nel XIII secolo e sud-
vata ad una stretta cerchia di diviso in 29 canti tratti da un al-
iniziati, il dualismo Osiride Seth tro antecedente manoscritto (X
rappresenta in maniera perfetta sec.) conosciuto come il Codex
la duplice componente umana, Regius, viene descritta la storia
quella divina e quella materiale, dellalto sacerdote Sigge che at-
ed indica la via esoterica che travers lEuropa, provenendo
luomo pu percorrere per rag- dal Caucaso, accompagnandosi
giungerne consapevolezza. con la trib che si faceva chiama-
Senza entrare nei dettagli, voglio re Aesir.
ricordare il parallelismo con la Sigge, giunto in Svezia, identifi-
Leggenda di Hiram ed i suoi inse- candosi con Odino (il nordico Wo-
gnamenti ermetici. tan) e cambiando in tal modo il
Hiram Abif, architetto e direttore suo nome, import nel nord Eu-
dei lavori del Tempio di Salomo- ropa un antico culto misterico
ne, fu anchegli ucciso a causa che concepiva lintero universo,
dellinvidia e della bramosia di visibile e invisibile, suddiviso in
potere. Anche il suo corpo fu oc- nove mondi raffigurati in un
cultato e una pianta, in questo Frassino sacro al quale Odino
caso unacacia, ne rivel il luogo rimase impiccato per poi rinasce-
della sepoltura. Anche per lui fu re pieno di conoscenza cosmica.
solo lamore fraterno che lo ripor- Il primo di questi nove mondi era
t in vita. la residenza degli Dei, indicato

Sophia Arcanorm n.21 pag. 9 2 trim. 2017


LEgitto dei Neter: i Misteri di Osiride

con il nome di Asgard, cio giar- sua rigenerazione.


dino degli Aesir, dallo stesso no- Il significato ermetico di queste
me della trib di Odino. allegorie misteriche ci insegna
Non difficile notare lassonanza che non pu essere concessa la
tra il nome di questa trib con conoscenza superiore senza i ne-
quello di Osiride, in egiziano anti- cessari sacrifici che passano dal-
co Asar. la sofferenza e dalla rinuncia a
Sempre Odino sacrific un occhio qualcosa di materiale in cambio
lasciandolo in pegno nella fonte di una conquista spirituale.
di Mimir, il pozzo della conoscen- Le analogie di morte e rinascita,
za e della memoria dove si affac- di cicli ricorrenti del divenire per
ci e si abbever per conquistare la purificazione ed il raggiungi-
la saggezza e la chiaroveggenza. mento di uno stato superiore
Ma il simbolismo dellocchio e la dellessere (la catarsi pitagorica),
leggenda di Odino ci portano di- si possono riscontrare in tante
rettamente a considerare il para- religioni misteriche come quella
gone con lUdjat, locchio che Ho- Mitraica, Orfica, Induista, Buddi-
rus sacrific nella vittoriosa lotta sta, Cristica e molte altre ancora.
contro il malvagio fratello Seth, e Altri temi che invito ad approfon-
con il mito di Osiride, con la sua dire, rivolgendomi a chi pu e
morte, frammentazione e riunifi- vuole, sarebbero le peculiarit
cazione del suo corpo, nonch la dell'Iniziazione Isiaca, fatte pro-
prie nella Tradizione Kremmer-
ziana con la Piromagia della Fra-
ternit di Miriam, e l'Iniziazione
Ammonia, percorso iniziatico so-
lare che contraddistingue il siste-
ma degli Alti Gradi degli Arcana
Arcanorum, ovvero del Regime di
Napoli, gelosamente conservato e
tramandato integralmente dai
Maestri Passati ai pochi eletti.
I misteri di Osiride sono leggibili
anche, o forse principalmente, in
chiave alchemica.
Riportando tutta la leggenda
nell'ambito delle operazioni sa-
pienziali avremo: la morte o la
macerazione della materia, la se-
parazione e la riunificazione del
solve et coagula, la sublimazio-
ne attraverso il fuoco filosofale
dell'amore di Iside ed il trionfo

Sophia Arcanorm n.21 pag. 10 2 trim. 2017


LEgitto dei Neter: i Misteri di Osiride

finale dell'azione trasmutatoria, il quella di conoscere i nomi celati


dio Horus, cio l'oro filosofale. dei Guardiani della soglia.
Dei riti d'iniziazione osiridea ab- Alla fine, dopo essere stato inter-
biamo conoscenza grazie a diver- rogato direttamente da Thoth e
se steli, papiri e testi che vanno rivelato il nome di Osiride, viene
dal XV sec. a.C. al I sec. d.C.. ammesso nella sala di Maat e vie-
Le pi recenti testimonianze sono ne proclamato un Maakheru,
contenute nel X libro delle Meta- ovvero giusto quanto a voce.
morfosi di Lucio Apuleio da Ma- Il termine Maakheru individua
daura e nel papiro di Leida, en- l'Iniziato, l'uomo divenuto dio, in
trambi risalenti al I sec. d.C. ed possesso delle parole sacre, o
entrambi trovano sostanziale ri- meglio del giusto tono vocale che
scontro nei testi pi antichi come gli consente di creare, cio in
il Libro dell'uscire verso la Luce, possesso del Verbo e delle parole
pi noto come Il libro dei Morti. di potenza. Dunque l'Iniziato
Nel capitolo 125 del Libro dell'u- passato dal buio della morte alla
scire verso la Luce, cio il Testo Luce divina e attraverso l'illumi-
per entrare nella sala della Verit nazione trascendentale e un per-
e Giustizia, possiamo leggere del corso purificatorio raggiunge egli
rito subito da un vivente che stesso la sua divinizzazione al
affronta la morte iniziatica. cospetto di Osiride.
L'iniziando si presenta nella sala
di Maat per la confessione in ne- Sintesi della relazione presentata al
gativo con cui elenca tutte le Convegno LEgitto dei Neter orga-
azioni malvagie che non ha com- nizzato dal Centro Studi Jacon Par-
piuto. L'iniziando, dopo essere thenope di Napoli e dallAsso-
purificato, rappresenta Osiride e ciazione culturale Anthropos di Ro-
deve dimostrare di conoscere 42 ma, svoltasi presso lIstituto Italiano
divinit ed i loro segreti, poi af- per gli Studi Filosofici, Palazzo Serra
fronta una serie di prove come di Cassano, Napoli 18/3/2017.

Sophia Arcanorm n.21 pag. 11 2 trim. 2017


GLI OPERAI DEL SADM
di Elisheba

hi sono gli Operai che tempio interiore, il tempio dell'a-


aiutano l'uomo-architetto nima, con l'aiuto di operai che la-
a costruire il proprio Tem- vorano affinch lui riesca nel pro-
pio? E chi sono gli Operai che as- prio progetto, cos il S.A.D.M. re-
sistono l'Architetto Eterno? alizza il proprio disegno con l'aiu-
Che questi Esseri siano Entit a to di pi alte gerarchie spirituali,
s stanti o che siano piani elevati che trasmettono via via ai piani
del nostro stesso Essere poco im- sempre pi densi dell' Energia i
porta, essendo la separazione u- principi con cui realizzare il Suo
na mera illusione! Dal mio livello progetto.
di consapevolezza in cui l'Uno Nel primo caso, cio in riferimen-
ancora in un piano prettamente to ai nostri Operai, potremmo
concettuale, non posso fare a me- pensare alle nostre guide, ai
no di percepire le nostre guide Grandi Maestri Passati, ai Mae-
spirituali come essenze da noi se- stri Ascesi, ai Maestri Invisibili,
parate, seppur, come noi, facenti all'angelo custode, a tutte quelle
parte di quell'Eterno Divenire in entit che guidano l'uomo a cre-
cui il respiro cosmico alterna la scere nella propria Conoscenza e
generazione dall'Uno del moltepli- Spiritualit, guidandolo ed ispi-
ce ed il ritorno del molteplice randolo nelle proprie scelte.
all'Uno. I Grandi Maestri Passati, da noi
A lungo ho studiato e meditato evocati, lavoreranno al nostro
nonch esperito la presenza di fianco per aiutarci a compiere la
quelle entit a cui secondo me il nostra seconda nascita, il ritorno
nostro rituale si riferisce col ter- alla casa del Padre, la Reintegra-
mine di Operai (si noti con la O zione dell'Essere. Non forse
maiusciola). Ho interpretato co- questo lo scopo primo della vera
me segue questo passaggio ogget- Massoneria?
to della mia riflessione: come La costruzione della Grande Ope-
l'uomo si costruisce il proprio ra pu avere luogo grazie all'aiuto
Sophia Arcanorm n.21 pag. 12 2 trim. 2017
Gli Operai del S:.A:.D:.M:.

anche di altre forze spirituali: preposte ad aiutare l'essere uma-


queste sono gli Operai che assi- no nella sua evoluzione. Gli ope-
stono il Grande Architetto, le for- rai di Dio non hanno un corpo fi-
ze energetiche a Lui pi vicine, sico, non l'hanno mai avuto: sono
quindi di altissima vibrazione, pura vibrazione.
quelle che comunemente vengono La tradizione giudaico-cristiana
riconosciute come entit angeli- riconosce 72 entit angeliche, in
che. rappresentanza di altrettanti at-
In tutte le religioni, dall'Islam al tributi divini. A fianco ad essi esi-
Buddismo, allo Zoroastrismo ed stono per altrettante energie o-
in tutte le culture sono presenti scure, che operano in modo con-
delle entit la cui funzione trario. Non a caso la nostra bac-
quella di fare da intermediari tra chetta magica misura 144 cm,
Dio e l'uomo, di essere messagge- proprio ad indicarci che nel piano
ri di Luce per l'umanit e di assi- eterico possiamo entrare in con-
sterla nel difficile cammino a ri- tatto con tutte queste entit, po-
troso di ritorno all'Uno. Esse so- sitive o negative che siano.
no testimoni del disegno buono Il bastone del Maestro delle Ceri-
del Creatore per l'umanit, ange- monie viene consacrato affinch,
li, entit spirituali a noi vicine, conducendo i lavori nel corretto

Sophia Arcanorm n.21 pag. 13 2 trim. 2017


Gli Operai del S:.A:.D:.M:.

modo, attragga le Energie del per la Sua contemplazione. Se-


Cielo. Capiamo dunque, dalla mi- guirebbero Cherubini e Troni
sura della sua lunghezza, che le che, rielaborando le intuizioni e
Energie del Cielo che possiamo la Conoscenza immediata dei Se-
attrarre sono le 144 entit della rafini, creano pensieri di saggez-
Tradizione. Essendo consapevoli za, trasmettendoli ai livelli pi
di questo, prima di svolgere un bassi della emanazione divina,
qualsiasi lavoro sul piano eterico affinch vengano tradotti in ope-
o sul piano astrale, dobbiamo pu- re. E cos, a seguire, il secondo
rificarci, alzare la nostra vibrazio- gruppo di entit angeliche, costi-
ne attraverso la preghiera, la me- tuito da Dominazioni, Potest (gli
ditazione, pensieri ed azioni pure, Elhoim dell'Ebraismo) e Virt: il
una corretta alimentazione, una compito di questi Operai sarebbe
parola saggia ed umile, un appro- quindi di far s che venga esegui-
priato silenzio. Pi alziamo la no- to ci che viene ordinato, nel sen-
stra vibrazione pi il dialogo av- so di messo in ordine, dalle entit
verr con entit sempre pi ele- superiori.
vate. A loro sispirebbero i Principati,
che sono i guardiani dei popoli e
dei regni e gli Arcangeli, preposti
alla guida di grandi gruppi di
persone, cos come delle anime
destinate a pervenire ad un alto
grado di evoluzione e santit.
Tra gli Arcangeli vorrei ricordare
almeno la figura di Uriele, spesso
identificato col Cherubino posto a
guardia dei cancelli dell'Eden,
poich egli viene in genere raffi-
gurato con in mano una spada
fiammeggiante con la quale cac-
ci Adamo ed Eva dal Paradiso
terrestre. Nella "Genesi", si narra
che Dio avesse posto dei Cheru-
bini armati di spade di fuoco a
guardia del sentiero che condu-
ceva all'Albero della Conoscenza:
E pose ad oriente del giardino
Dionigi l'Areopagita, monaco si- d'Eden dei Cherubini, che vibrava-
riano vissuto nel V sec. d.C., nel- no da ogni parte una spada fiam-
la sua concezione distingue nove meggiante per custodire la via
schiere di entit angeliche: pi dell'albero della vita. E' la stessa
vicine a Dio sono i Serafini, creati spada utilizzata dal Maestro Ve-

Sophia Arcanorm n.21 pag. 14 2 trim. 2017


Gli Operai del S:.A:.D:.M:.

nerabile, a simbo- entit spirituali


leggiare la volont un fenomeno co-
divina, che anima nosciuto dai tem-
e protegge i giusti pi pi antichi e la
e punisce gli in- figura angelica,
giusti, respingen- nella doppia va-
do dal nostro lenza di messag-
Tempio ogni tipo gera e mediatrice,
di empiet. Essa presente in tut-
simboleggia anche te le tradizioni re-
la vibrazione, il ligiose ed esoteri-
fuoco che deve a- che.
nimare l'animo del Oggigiorno stia-
Massone. mo assistendo ad un cambia-
Dopo gli Arcangeli, nella gerar- mento vibrazionale, ad una acce-
chia celeste, avrebbero dimora gli lerazione del percorso spirituale,
Angeli, gli esseri pi vicini agli per cui la comunicazione con i
uomini, gli Operai che assistono i nostri Operai o con gli Operai del
singoli individui, che hanno cura Grande Architetto non pi re-
della loro anima e che maggior- taggio solo di alcuni eletti, ma
mente interagiscono con le cose pu coinvolgere la vita di ciascu-
del mondo. Essi sarebbero i cu- no di noi.
stodi degli esseri umani, preposti Sempre pi frequentemente si
alla protezione, all'istruzione ed parla oggi di fenomeni di sensiti-
alla guida dell'uomo nel percorso vit e di canalizzazione; ci acca-
della sua evoluzione spirituale, de poich l'Umanit sta elevando
quindi gli Esseri pi vicini alla il proprio livello vibrazionale.
Terra nella cui sfera possono in- L'uomo composto da un corpo
tervenire, ispirando il nostro agi- fisico, che quello in cui normal-
re, pur nel rispetto della nostra mente ci identifichiamo, e da un
libert di scelta. corpo eterico o energetico che
L'area di attivit degli Angeli, cos non visibile e che il veicolo pre-
come degli Arcangeli, il mondo posto alla salute del fisico ed alla
eterico. Poich anche l'uomo pos- gestione del pensiero.
siede questa dimensione, sarebbe Esiste poi un corpo astrale, o e-
possibile per lui instaurare un di- mozionale, che origina e nutre le
alogo con loro, attraverso la pre- nostre emozioni ed i nostri senti-
ghiera, l'invocazione, la doman- menti. Ma l'uomo composto an-
da. che da una parte divina, spiritua-
Questo dialogo dovrebbe essere le: il S superiore. E' la sede della
sempre volto allevoluzione dell'U- saggezza, del sacro, dell'eterno,
manit. il richiamo dell'anima, il fuoco
D'altronde la comunicazione con che ci spinge alla conoscenza del

Sophia Arcanorm n.21 pag. 15 2 trim. 2017


Gli Operai del S:.A:.D:.M:.

divino, la componente di amore no apparire durante il sonno o la


e di forza creativa. meditazione sotto forma di visio-
In questo momento di enorme ne; possiamo avvertirli su un pia-
cambiamento vibrazionale e di no vibrazionale, come se il nostro
consapevolezza un numero sem- corpo fisico fosse permeato da
pre maggiore di persone sta ri- raggi di amore e di calore.
spondendo ad un richiamo dell'a- Spesso si avverte un cambiamen-
nima, riconosce il proprio S su- to nella percezione del proprio
periore, ci si identifica, individua corpo: il cambio vibrazionale un
la propria missione di vita. Chi sintomo spesso presente poich,
non compie questo passo va ad dovendo noi alzare la nostra vi-
alimentare l'ondata di pura follia brazione per entrare in comuni-
che sta distruggendo il nostro cazione con loro, che a loro volta
pianeta poich l'anima sua non devono abbassare la propria, av-
ancora pronta al cambiamento e vertiamo un cambiamento nella
la persona non in grado di reg- percezione dell'energia e della
gere il passaggio ad una nuova temperatura corporea.
dimensione. Possiamo anche ricevere dei mes-
Chi invece sta lavorando al pro- saggi da loro attraverso le sincro-
prio salto evolutivo avr la possi- nicit di eventi, per lo pi ricono-
bilit di comunicare con le Guide sciute come coincidenze, che noi
Spirituali e con gli Angeli, poich abbiamo il compito ed il dovere di
in questo momento essi ci stanno comprendere.
davvero aiutando: i messaggi non Ci aiutano attraverso l'intuizione,
arrivano solo a mistici o santi o la creativit e in molti altri modi,
sensitivi, ma a tutti coloro che per lo pi soggettivi e personali.
con cuore puro ne facciano ri- Non dobbiamo esitare a chiedere
chiesta. il loro intervento: per gli Operai
Abbiamo strumenti preziosi a di- che ci aiutano alla costruzione
sposizione per dialogare con loro: del nostro Tempio interiore non
i nostri Rituali, ad esempio, che c' maggior gioia di ogni nostro
vanno interiorizzati, vissuti e vivi- piccolo progresso a livello di ani-
ficati in ogni loro singola parola, ma. Ci assistono con Amore puro
in ogni loro concetto, in ogni loro ed incondizionato finch non sia
suono, in ogni loro vibrazione. terminata la costruzione del no-
Abbiamo anche la meditazione e stro Tempio. La loro Gioia la
la preghiera, o qualsiasi stru- nostra realizzazione: per questo
mento che ci predisponga alla sa- sono stati creati.
cralit, permettendo alla nostra Ricordiamoci che i nostri lavori
anima quell'intima comunicazio- vanno condotti per la gloria
ne col piano divino. dell'Architetto Eterno e la Felici-
Gli Angeli possono comunicare t, non solo dell'Umanit, ma di
con noi in diversi modi: ci posso- TUTTI GLI ESSERI.

Sophia Arcanorm n.21 pag. 16 2 trim. 2017


IL SILENZIO INIZIATICO
di Mi.Ma.Gi.

el momento in cui gli vie- natoria di apposita sanzione.


ne conferito lo status di Il secondo costituito, invece,
apprendista, il neofita Li- dalla concessione-assunzione-
bero Muratore assume, fra gli al- osservanza del silenzio, cosiddet-
tri, due obblighi specifici, dei to rituale, allinterno dellIsti-
quali (ma di uno in special modo) tuzione. Tale ultimo condizione
ci accingiamo a parlare in seno al soggettiva che appartiene al Libe-
presente lavoro. ro Muratore solo e in quanto egli
Il primo costituito dal dovere rivesta lo status di Apprendista e
del mantenimento di un silenzio per ci stesso, atteggiamento
particolare (che, nel caso di spe- rituale che coincide, cronologica-
cie , pi precisamente, obbligo mente, con il solo tempo
del silenzio-segreto) nei confronti dellapprendistato, quale che sia
del mondo profano, di quello, cio- la sua estensione temporale. Da
, che agisce al di fuori del Tem- quanto precede, si pu facilmente
pio, sui lavori eseguiti in Loggia e arguire che, in linea di massima,
sul contenuto degli stessi. Obbli- quando si parla del silenzio
go, questo, che non appartenen- dellapprendista, ci si riferisce in
do in modo specifico allo stato i- via preferenziale allatteggia-
niziatico preliminare ma, essendo mento che questultimo assume
comune a tutti i Liberi Muratori, allinterno dellOrdine, e ci per-
ha una sua efficacia erga omnes ch ovvio che rivesta particolare
e, per conseguenza, deve essere rilievo il silenzio rituale, quale
osservato da tutti, ivi compresi gli stato iniziatico proprio ed esclusi-
apprendisti, e perdura, necessa- vo dellapprendista e non anche
riamente, al contrario dellaltro, degli altri gradi.
per tutta la vita. Al fine di una corretta compren-
Come abbiamo detto prima, un sione di questo specifico atteggia-
dovere vero e proprio e per que- mento che assume lapprendista,
sto deve essere osservato perch, abbiamo ritenuto opportuno rife-
in quanto obbligo discendente da rire, anche se in via assoluta-
una norma dellOrdine, la sua os- mente incidentale, compatibil-
servanza imposta sotto commi- mente con la portata di questo
Sophia Arcanorm n.21 pag. 17 2 trim. 2017
Il silenzio iniziatico

scritto, un excursus storico- (Liniziazione, Edizioni Magi, Ro-


teleologico del silenzio iniziatico. ma 2002), che non di vero e pro-
Sembra, oramai, dato pacifico e prio silenzio si trattava poich le
incontroverso che tutti facciano fonti trdite (tra i pi antichi Fi-
discendere, in linea retta, il silen- lolao, importante filosofo croto-
zio dellapprendista Libero Mura- niate discepolo di Pitagora che si
tore, dal silenzio positivo (da con- fatto carico di tramandarci il
trapporre al silenzio negativo- pensiero del Maestro, del quale,
negans di chi intende negare- per altro, non ci sono pervenuti
nascondere qualche cosa) e co- scritti) parlano di echemitha e al-
struttivo (da contrapporre al si- ludono a quel processo viatico at-
lenzio distruttivo-destruens di chi traverso il quale si tende alla
intende demolire, demitizzare e conquista e al conseguente pos-
desacralizzare qualche cosa) che i sesso della parola fondante e cre-
neofiti della Scuola Pitagorica ativa, paradossalmente (ma non
Crotoniate simpegnavano ad as- tanto) con una regressione sino
sumere per i primi due anni della alle origini, a proposito delle qua-
loro vita scolastica. li molteplici fonti appartenenti a
Infatti, concordemente gli studio- varie estrazioni, a volte anche
si attribuiscono a Pitagora e, contendenti tra di loro, afferma-
quindi, alla Schola Italica, no: Al principio era il Verbo .
listituzione del silenzio iniziatico Si tratta, dunque, di atteggia-
che, con molta probabilit, si ri- mento silenzioso volto al recupe-
faceva a sua volta alla riservatez- ro del Verbo iniziale quale arche-
za misterico-iniziatica del rito or- tipo di tutte le parole che sono
fico-eleusino. Occorre precisare, state da quello generate.
tuttavia, come puntualmente os- Per questo, non si pu parlare di
serva Parodi di Belsito silenzio puro e semplice, ovvero-

Sophia Arcanorm n.21 pag. 18 2 trim. 2017


Il silenzio iniziatico

sia dellassenza di suoni orali. Il strava degno del nuovo e superio-


senso teleologico di tale atteggia- re livello di conoscenza.
mento sta nel fine di portare le Sotto altro profilo, il silenzio pita-
personalit proprie dei discenti a gorico (anche questo riscontrato
un nuovo livello di coscienza e di puntualmente da quello iniziati-
dominio di se stessi, attraverso co) si riferiva sia ai contenuti dot-
lintrospezione e la genuflessione trinari professati dalla e nella
dellanima in un raccoglimento scuola per i quali vigeva il divieto
creativo. di propalazione allesterno, sia al-
In buona sostanza e secondo la pratica del silenzio scolastico
linterpretazione corrente, i due inteso come osservanza di un at-
anni di silenzio servivano al neo- teggiamento tipico e tipicizzante,
fita pitagorico per una duplice fi- essendo un momento strutturale
nalit: per un verso, rimanendo e architettonico del rituale
in silenzio, egli si costringeva ad diniziazione.
ascoltare ci che dicevano gli al- Nel processo rituale-iniziatico dei
tri, quelli che, secondo le regole, Pitagorici si possono intravvedere
avevano lo jus loquendi (il diritto almeno quattro fasi liturgiche
di parlare); per altro verso, osser- fondamentali: un primo esame
vando il silenzio, il neofita altro anamnesico e fisiognomico; un
non faceva se non esercitarsi periodo della durata di tre anni
allautocontrollo che era indi- (cosiddetta fase preliminare in cui
spensabile per progredire sulla il neofita sta per varcare simboli-
via della conoscenza. Con tale ti- camente la soglia del percorso i-
rocinio, ove il neofita si fosse ac- niziatico); un periodo della dura-
corto di non essere in grado di ta di cinque anni (liminare vero e
autocontrollarsi, ci sarebbe sta- proprio, fase in cui il neofita ha
ta la prova provata che egli non oltrepassato di fatto la soglia di
era adatto per tale tipo di vita e, entrata e si addentrato sulla pi-
quindi, aveva il dovere di allonta- sta iniziatica); infine, una fase
narsene. Per superare la prova definitiva la quale poteva conclu-
alla quale era sottoposto, di qual- dersi o con laggregazione alla
siasi natura fossero gli stimoli e- communitas o con lespulsione da
sterni da cui venisse colpito, egli essa, se non ritenuto degno.
doveva, in ogni caso, rimanere Tutte le incertezze e controversie
impassibile e in silenzio, dando a erano risolte, allinterno della
se stesso e ai condiscepoli il se- Scuola, tramite il giudizio insin-
gno tangibile del raggiunto auto- dacabile del Maestro: lipse dixit
controllo. Anche la conoscenza aveva il potere di risolvere ogni
pitagorica, come quella libero- possibile dilemma filosofico o em-
muratoria, avveniva per gradi, ai pirico, con lindicazione, in positi-
quali veniva decretato laccesso vo, della soluzione definitiva. Da
man mano che ladepto si dimo- ci deriva latteggiamento di si-

Sophia Arcanorm n.21 pag. 19 2 trim. 2017


Il silenzio iniziatico

lenzio dei discenti della Schola rola proveniente, quindi, da un


pitagorica, da intendersi alla contraddittore, , in questo mo-
stregua di un metus reverentialis mento, da ritenersi quale motivo
discendente dalla evidente e di- e occasione di turbamento e di
chiarata ignoranza del discente distrazione. Da qui, la necessit
in rapporto al sapere oceanico e che lapprendista osservi il silen-
illimitato del Maestro, del quale zio, il quale, si badi bene, non
Egli stesso era il primo assertore. imposto come sarebbe se fosse di
Il percorso iniziatico massonico, tipo sanzionatorio o provenisse
pur recependo il silenzio e dallalto quale regola da osserva-
lobbedienza pitagorici, diverge da re, ma viene, invece, concesso a
questo suo archetipo assumendo titolo di liberalit, cio come un
alcune peculiarit caratteristiche. dono vero e proprio.
E, prima di tutto, venuto meno il Il silenzio, quindi, rappresenta il
pronunciamento ex cathedra del primo passo di questo cammino
Maestro, dovendosi pacificamente che conduce il neofita alla medi-
ritenere che il Maestro Venerabile tazione, attraverso la quale egli
altro non sia se non un punto di comprende e penetra larmonia
riferimento e un mentore per i che la Grande Legge che gover-
Fratelli lungo il loro cammino: e- na la Loggia e i lavori che vi si
gli non un docente, ma costitui- svolgono. Egli, cio, ricerca la
sce un archetipo da ritenersi causa rerum attraverso lintro-
quale esempio. spezione, estraniandosi da tutte
In secondo luogo, il silenzio quelle fonti dalle quali provengo-
dellapprendista libero-muratore no le sensazioni fisiche che ven-
assume un significato metamorfi- gono, poi, mediate dalla ragione e
co, perch assurge a parametro dalle spiegazioni logiche e affi-
del nuovo stato personale che il dandosi solo alla conoscenza che
neofita assume con la qualifica di avviene attraverso i simboli.
apprendista. Egli ha abbandona- Con una bella espressione, sta-
to labito profano larvale per as- to detto che il silenzio il primo
sumere lo stato metamorfico ini- linguaggio del Libero Muratore
ziale della crisalide. che, progredendo, diventer stato
Lapprendista sta in silenzio per meditativo puro.
meditare e raggiungere, con tale Non deve trarre in inganno la cir-
meditazione, una specie di nirva- costanza secondo la quale chi si
na che lo liberi definitivamente candida per essere ammesso, du-
dallabito profano, che non sta- rante la cerimonia diniziazione,
to dismesso del tutto e del quale, interloquisce, in osservanza al ri-
anzi, egli risente ancora gli in- tuale, con il Maestro Venerabile.
flussi. La parola, che non pu a- Tale forma dinterlocuzione, infat-
vere realt ontologica e percepibi- ti, non solo rivolta necessaria-
le se non in rapporto ad altra pa- mente a manifestare e a fare ap-

Sophia Arcanorm n.21 pag. 20 2 trim. 2017


Il silenzio iniziatico

prendere la reale intenzione del Cosmico.


candidato di entrare nellOrdine, Il silenzio, inteso nel modo nel
per cui egli costretto a rispon- quale stato sopra illustrato, ov-
dere alle domande che gli vengo- verosia il silenzio cogitans, che
no rivolte, quanto, come appare non pu essere se non pensoso e
evidente, nel momento in cui egli pensante, tende allannichili-
interloquisce, non avendo ancora mento dellego (e, quindi, di tutte
assunto la veste di neofita, non le sue possibili patologie derivate:
gli stato neppure attribuito dal super io, egoismo, egocentrismo,
Maestro Venerabile lo status di egotismo, egoarchia), per giunge-
apprendista e, di conseguenza, re alla contemplazione dellUno,
non possibile che gli sia stato del Motore Primo e Immobile, che
concesso di osservare il silenzio, Causa Sui (creatore di se stes-
cosa che egli pu fare solo a par- so) e, nel medesimo tempo, Natu-
tire dal momento in cui gli viene ra Naturans (natura che genera,
conferito tale status. Da questo ma che non stata a sua volta
momento e sino a quando non fi- generata, essendo il primo gene-
nir lapprendistato, ha inizio ratore).
lobbligo del silenzio rituale, che Si pu chiamare in mille modi,
altro non se non la testimo- tutti diversi tra loro, ma tutti o-
nianza tangibile dellavvio di quel rientati a esprimere la medesima
processo che volto alla cono- idea di unEntit trascendentale e
scenza del proprio io. metafisica cui sia riconducibile
Limperativo categorico conosci te tutto il creato: Rha, Zeus, Giove,
stesso comune al pensiero filo- Jahveh, Sacra Trimurti (Bhrama,
sofico di tante civilt, da quella Shiva, Visn), Allah, Odino, Ma-
sumero-mesopotamica, da cui, in
linea retta, attraverso altre civilt
mediatrici, discende la nostra, si-
no a quelle odierne dellOc-
cidente.
Il fine ultimo da conseguire tra-
mite il percorso iniziatico indi-
cato nellapprendimento del prin-
cipio universale secondo cui o-
gnuno di noi, come individuo, os-
sia come entit somato-
psicologica non pi suscettibile
di essere ulteriormente tomizzata
dal Tutto, nihil ut singulus,
mentre Tutto quale parte, anche
se infinitesimale e apparente-
mente insignificante, del Tutto

Sophia Arcanorm n.21 pag. 21 2 trim. 2017


Il silenzio iniziatico

nitou, Santissima Trinit (Padre- o Supremo Artefice dei Mondi, in-


Figlio-Spirito Santo). Una cosa tendendo, con questa espressione
certa e, cio, che la maggioranza omnia comprensiva, racchiudere
dellUmanit crede nellesistenza tutti i possibili e particolari teoni-
di un Essere Superiore (che a vol- mi diffusi presso i popoli della
te immaginato come Logos, a Terra.
volte come Intelligenza Pura, a Non si pu revocare in dubbio
volte come Energia incontamina- che tale stato danimo contrasse-
ta, a volte ancora con vere e pro- gnato da una profondissima sere-
prie sembianze antropomorfe), nit interiore sia figlio legittimo e
mentre sparuto , in verit, il nu- diretto proprio di quellat-
mero di quelli che assumono un teggiamento preliminare che ha
atteggiamento negatorio di esso o costituito liniziale viatico dal
restano indifferenti dinanzi al quale il Libero Muratore ha tratto
problema. Riteniamo, tuttavia, alimento per tutto il suo cammi-
che lateo non sia per niente con- no iniziatico, educando lorecchio
vinto della giustezza del suo non- ad ascoltare, in mezzo
sentire e non-credere. Il suo at- allassordante voco profano, la
teggiamento levidente indice di voce del silenzio muratorio.
una grande immaturit, che pog-
gia, in sostanza, sulla grandissi-
ma fobia di affrontare, risolven-
doli, i termini del problema.
Il Libero Muratore, in conseguen- BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE
za delleducazione e informazione
ricevuta, essendo naturalmente - ACETI C. M., Il cammino massonico,
Il Basilisco, 1981;
portato verso la multietnia e mul-
- BAIGENT M.-LEIGH R.-LINCOLN H.,
tireligiosit e, quindi, per ci Il Santo Graal, Mondadori, 1994;
stesso, verso una particolare for- - BONSIRVEN P. (a cura di), La Bibbia
ma di tolleranza, lo chiama apocrifa, Massimo, 1990;
Grande Architetto dellUniverso - BOUCHER J., La simbologia massoni-
ca, Atanr, 1975;
- CASTELLS F. P., English Freema-
sonry, Ryder & Co., 1931;
- FITZMYER A., Qumran. Le domande
e le risposte essenziali sui manoscritti
del Mar Morto, Giornale di Teologia,
1995;
- KNIGHT C.-LOMAS R., La chiave di
Hiram, Oscar Mondadori, 2011;
- MOSCA I., Quaderni di simbologia
muratoria, G.O.I., 1977;
- REGHINI A., Considerazioni sul ritua-
le dellApprendista Libero Muratore,
Ed. Studi Iniziatici, senza data.

Sophia Arcanorm n.21 pag. 22 2 trim. 2017


Sophia Arcanorm n.21 pag. 23 2 trim. 2017