Sei sulla pagina 1di 174
DH. Lawrence Uamante di Lady Chatterley ‘Acura di Marina Premoli Con un commento di Guido Almansi “BIQUOTECA, DEALE TTASCABIE \iemene 938 the annaspa per daze un senso alla propria dif esietenza ~ una scerca Pattee ied | Scemaereoica | Pemsa.ete. | taurenee t |e | ‘quapro pet TEMPO 5 — SS =. = | Ficmmee [emia Aes" | Rea, DDALLERA VIFTORIANA ALLA SOCIETA DL MASSA 8 WecaeRema™” [Reena rates) [ita “Talia d Benessere © i solide moral borghese del uke decennio 1850 [Tegiecdrena |Bensineamle | Sano = ‘delta vitoriana ~ agli allegri anni 1890» ~ nasconde ormaiafatica Vinsoe- fecenweo™ fascetcume Bounty, fase fered lion soc od tuo cou false de 655, reo dl oqo Edoardo VIL (901-1910) vee sited un | fete oti pac on sco manne per Femara Sea oes Danae ee {Eis Sonne acid rok secure veo police Herts. [rt [emite, [Gcuat™ | | Conquers, unpetan peende al aume Nec (ihre [SFrmanele [it |” Sefetesompte pisses mest aime ease poles ane vo: faassen tone Sam speganeto corral conte cnrosane va ee oli (ion [ie femmes | | ovranimannatrmes sre cameo ara tes vio GEN feces (URS | | elem arctin co mous ocopo goes poor ele Bayer 99 ‘Malgrado i progressi della democrazia liberale, anche soto il regno di Gior fo (910198 la endane nl pose & Tn, pocbe dane co = = ae Hepes capone so al por en [Sauna | quan es domo ‘me: 5% della popolazione possiede '87% della ricchezza patrimoniale. La era. fetes seems Prima pcs monde olscala more ala dative cea dod vos [Fo semis | Fe Pama per mo aamonee hela deo Fes on, este (icame orec nel econo cael soc eutopee vn carbine rcs vo ee” leet, (isch | Gheprodhecnl dopoquers nei dell see bende cla propane fewemt, eee [ibinar eps cay brie Ra | Bergin uo fiteec | Se itn ‘Alla fine del periodobelco (durante quale avvene lrvoluione rusia) Eero agort ml oer spp de a mre | dfs lappa de prea peau dca ecelop mate Insaco edie Jip [Uomectuwm, | | So profondancce vols dala Scene mold ements sono rg Asus’ [gly [prea || lt at agp: Venancon de dane ae Kreator, savas ja fercema | | vasccrtatn pe come Ingen supe unvesle mecce vm fisoegrig” |Eiaie, |itacemein Fane wen afanco gol femminde Ls siftsone dev mec di comenensone te Coeene™ (teem [Sa Haare ae ret decane es lemme feemion [eiecae (eet | Bitte ees oct de cic [ETE [Meta bar i pofondee anges ci dei valor adsonal e del oinismo rad ‘liso inden sce flomfca¢ cau verso cnet cana | . tee gi ielroasprane afar vamp tp dela eu del lezen lingo, |e | ee tnp. inane ftarsmo dl pine Nove spar tne fegeac, [ica | aa {Eipeneo di Nicinch e Berpon (ule career pe correo oe Nee Pnme — SPescanma ‘stato liberale), segue nel dopoguerra il surrealismo, che mira a un'espressio- vn [tilmwogon | ir nents celal Caf yomo. ml cine {alererur vive un eiodo grande richee spinal in cus sulin so fee tine eer 10 figure imponent Joye, Musi, Mann, Kafka, Lawrence accomunate, Hewcon, Sammi [ee TeiD le mareme rcs dal-atensone iets de india, ancora ogg cava nel nest an 6 PROFILO DELUAUTORE [CRONOLOGIA DELLA VITA E DELLE OPERE 7 Tra profonda irequierezs, dowa a un intenso dso interioe tr una natura ata ene spirit inimamenteconterplativ,earaterizea opera d Lawrence, ano de grand srt! delta spermetale del romanzoingese nel primo dopopuera. Inteletaae la tert & peri strumento di cono ‘scenza dé ¢ dla reat, ole che modo di eomuniar e prope convo sul eis che investe Fiterasocet ccidentale. Noa ibriliabile ine . “Una demivierge gli aveva ft eco Connie in tono vago. «Per ché? Perché no?» “ Lui la guard ammizato. «Be, Lady Charley, in un certo senso sar cos! Tove che. mi scui. tov0 che non pote! spose in. Jee, eneppurewnilandese.» s ‘«Provi un’americana,» disse Clifford. Oh, uramercanas Michals fee ude una rita cavernos “No, ho chiso al mio ameiere di scovarmi una turea 0 qualeosa + ‘aloud simile a wn orientale» Connie re davrero stpita ci que bizarro, malinconico exempla re dal succeo araordinaio, x dcev ce sol in America vest uh reddit di cingoantamle dollar A tat era bello: alli, quando sbircava con a coda del! occhioo abbaeavalosguardo, la ace ca devas di, possedevs Ia mot, persistent belezza dana masche- ta africana scolpta nl vorio, con pi occhi un po grant ele so. pracila foie, sransmente arcuate, In bocca immobile, serrata uellimmobiltipaseggea, ma esta appieno,uimmobilta tem pore cui aspira i Buddha, che « Senza neppute aspzarv; qoalcora di ancic, di molto antic, cull ‘azz sogiace tactamente Ere d acs soggezione al destino della {azz in loog della noses ressenaindvivale, E poi qualota che seahra psa mace op nto a eae nee oh fume. Connie ebbe un inprowisn steno moro di sinpata per Ii, una simpatia mista «compassion, cvenata di ibezo, qualcoea che somighava quai allmore Lemarginato!L’emarginso!E lo defini ‘ano arivista! Quanto pi rive e autrtaro pparia Cliford! E ten pi supido, anche! Michaels compreseimmediatamente ci aver fatto colo sa di lei Posb su dll rand oech noeciola rane, on tetin sporgent con unespresine di totale ditacco. La stavavaltando, evaitave le porta delTimpresine che le aera fata, Ne appori con ain slesi nla potevaredimerlo dala condizione di Aeppure Tamore.E utavia, «wot, le done si Ines anche le ingle . va Riguardo a Cliford, Michaels sapea benisimo in quali acque si smuovers, Eran due canidirazaa diver che avrebbero volito mo- stars dent avicenda e invece, per neces voridevane. Ma pet anc riguardava la donna, non ea alent scar. a prima coasione veri seria in camera liford non comp tive mai prion di prango, aaa eraun po squalid, Bevto deaf 36 bv. rawnance £, Michaelis, da quell'anima isrequitae insoddisfata che era, si do- ‘mandd che cosa potesse fare. Era una bella giomnata di novembre. bella per Wraghy, quanto meno. Lasci vagare lo sguardo sul pare ‘malinconico. Mio Dio! Che razza di posto! Mando a dite da un domestico se poteva renders utile in qualche ‘modo a Lady Chatterley: pensava di arrivare in automobile fino a Sheffield. Per ruta rispost, fu invitato a sare nel salotto di Lady Chatterley Connie aveva un salttino al terz0 piano, V'utimo del corpo cen- trale della casa. Le stanze di Clifford erano a pian terreno, natural. ‘mente, Michaels fu lusingato dllinvito a salire nel saloto privato di Lady Chaterley. Segut ciecamente il domestic... non notava mai le «ose, né aveva contati con quanto lo circondava, Entrato nel saloti no, adocchid distrattamente le belle riprodzionitedesche di dipinti i Renoir e Cézanne. - moo bello quassi,» disse, col suo sortiso un po’ sbilenco, co. sme se ali costase fatica sorridere, mettere in mostra i dent. aE tata i allulimo piano» > disse lei suo salotto era unica stanza allegra, moderna della casa, unico sangolo di Wragby che rivelasse appiene la sua personalita. Clifford ‘non vi era mai entrato, e Connie ivitava pochissime persone a salir. (Ora, lei e Michaelis sedevano a chiacchirare ai due lati del cami netto, Connie gi chiese di palare di sé, di sua madree di suo padre, dei suoi fratell.. pet Connie, il prossimo era sempre una sorta di prodigi, e quando provava simpatia per qualeuno, dimenticava ogni regiudizo di clase, Michaelis parld di sé con franchezza, una fran ‘his quences non pb contre, ove stra elo idol cere una reasons» de Hammond. Cero cheno, Ped a vate motu un po! sec 2 seguo din- teligenas: aes vole otenere lo scope Personalment,covstero un 0 scloeo i blsceviso; ma de esto consider un po! scoceo an {hei sites sociale dell ecient. Cosiero un po! scicea pe 10 le nostra tanto exalt vita dello apr, Slamo tt indferent Come cei, samo tt impel come iit Smo belacevchi, tut no solo ce cdf con un alo termine. Ci conidesiamo 4, uominlsindi «di Eases cous del bolcevimo Bisogn Sere uma, epotedere un cuore e un pen, se i vole cae dies sere un dio oun bolcevico.. che ® poll tesa con oppo bell perenere veo [Nel leno catico di disapprovzonerisuon® Tansose domanda i Beny ‘Alloa tu cred nll amore, Toma, 2coa?s ‘Che ragtaz0 adorable!» diste Tory. «No, angelo mio, nove vole su dec, nol Ogg come ogg Txnore ® slo tna dalle ante 52_ pi. tawnence ssiocche ein. Ragazisculeani che scopano ragzine sate econ le chiappene da matches come dur boone da collet to! Alludia quel gener di amore? Oppur l gener d amore fonds teal otioe del bea su un Ul chew vorebbe enn, ato ci sprlogu su mao © mogic? No, micro tape, nome credo per niente!» ae a Ma cred in guacoa?> ‘To? Oh inellemalmente cisco nella neces di possedere bo: 13 dicuore un ene ce funsioa,avintligenta vive d compo di die “mera!” n presen d una signa ‘Be, tenon manca proprio sinter comment Ber adorn Dikes sop a twa ce. she age aa Magan! Noi mio cote orp come na pat I pee @ los e non ala ma a teling,e prefe! tapos Pa tonto di die “mera in prsena di mia mac ois ins Sons dae vere sgnore, bade; enon sono davrero imeligente mi pica solo di fie Tiselewuale. Sache meraigse essere elise tllors chemi sent vv in gn in pare omit inom abil, I pene solve capo ef come sa? quae persona inellgeme. Renoir ha detache dpingera soi que col pene che spend quae ha pina! Come vores afar sulcosa Col mio, Dio! Einvece noms fa che pate! Un ale ronments ap tlunt lf Ade! Ed’ sato Socata comincare tutto quanta» “Buonporo! Bao pele da pate su spingere la earoeala super pend. Spo he nn ss ate po nage de Coy ter gundoolt garde l purducreda Se ser pa vteme bests Gl occhi dl vamos fsurono di colpo ne sei, come rita AM'improwio. Avera a vm presen Oh nonon sto nice sae replica. Poila sv ce tite ag aden dele sBuongero te signori!» ‘Sich slope Sia o meno! Ha ancora su madre in pace. ¢ un Sig, credo» rd guard Connie cong occ chars, un pe sporgcn, ssi qual andra calando come un seo vgn nceneca. ope bw wwence fciepareva vigil, ma i soxofondo era come Fatmostera dei Mi lands, foschia,nebbia famosa Esembrava che la fascia talsse a po «0 4 poco. Cos, quando fis} Connie con quella particle espns, sione, dandole quella particolae, precisa informanone, lel bbe a sensatione che in fondo alla mente di Clifrd i dffondese la nck bia, nulla Ene fu spaventata. Faceva vembraveCliford infers: tey fin quas alliozia, "Evagamente Connie si rese conto dl una delle grand lea chego- vernvan Tanne nano: eda che suundc le sees ee tuna grave frit, mail corp retain vit, anima sembraviprenders ‘ia via ches ripzende i corpe. Ma slo in apparensa. Tn real, slo il meccaismo della consuetudine. Pano piano la feta infere alle ‘ima comincia a farsi sentir, come una contusone che lentamene fa sempre pit dolorss finch i dolore contagia anche s pushes E cuando crediamo di essere gua di aver dimentcaosprovre a lora che simanfestano con pid viralenta i sans Tale era I siuazione di Clifford. Una volta eustton, una volte tomato a Wragby, quando si era messo a serverel suo raccont a sentiosicuro della vita, nonostant rt ed che gl crs conte, svevs dato Timpresione di dimentcare di aver risovatoineiene equiibsio mentale. Ora, per, col trascorere lento deg anu on 0’ alla vets Connie sentva vente a gllaecffonders inh gl sus sce dlrs del pr defer. Ber un ce pero das re exa stato cost profondo da sembrare asopito, quai inesiente Ons, lentamente, comincava « manifesare la sua pretenas ty ase sorta di paura dius, quasi patalzante, Mentalmente,Cliford ea sncora vigil. Ma la paali, I contusion del violets ‘colpo rabies andava via via difondendos nel sup io aft. Ea mano a mano che si dilfondeva in i, Connie la sentiva difon- deri anche in sestesa. Un tertoreintetiore, un vuoto, aVindfere, 24 per ogni cos, un po" alla ola si iffondeva nel suo animo. Onan, do Clifford era cect, visciva ancora ad avere una converssccns brillant e, per cost die, a imporre la sua vont al futuro, cove gquando, ne bosco, avevaaccennat alla possiitache lel avcse va filo, per dare un erede a Weaghy. Mad piomo dopo, tut oct dt scont brian git sembravano fogle morte ches aeeanoccineano¢ polverizavuno, priv di quasi signfcato, in bala og rfl vento. Non eran le parle frondose di u'csstensa rele, gonfe dt linia vital e ancora parte integrante dell albere,Erano a ecedine delle foglecadute di una vies priva discon WAMANTE DILADY CHATTERLEY 63 Connie provava la stessa imprestione dovunque. I minatori di Te- vershall parlavano di auovo di uno sciopero, e ancora una volta le sembrava che non si rartasse di una manifestazione di viata, bens) del trauma della guerra che, prima represso, ors lentamente veniva a alla e causava il dolore acuto dellinguietudine e il torpore dello scontento. Il trauma era profondo, profondo, profendo... Era il rau- sma della guerra, falsa e disumana. Ci sarebbero voluti moki anni per chéil sangve vivo delle generazioni rassorbise il varto coagulo nero ellematomea, nel profondo delle loro anime e dei loro comp. Eci se rebbe stato bisogno di una nuova speranza, Povera Connie! Col passare degli anni ea il imore del nulla nella sua vita id che pit laturbava. La vita spirituale, di Clifford eu, un po’ alla volta cominciava a sembrare nulla, ILloro matrimonio, quella vita completa fondata su una abitudine dintimia, quella vita di cui Clifford tanto parlava. C’erano giorni in cui tutte quanto diventava, completamente vuoto einesistente. Erano solo parole, tante parole e niente pit L’unica reali era il nulla e sopra di eso f'ipocrisa dele parole, Cera il successo di Clifford: la dea cagna! Eta ormai diventato {quasi famoso, vero, ei suoi libri gli frutavano un migliai di sterline anno. La sua fotografia compariva dovungue. Cera un busto di lui in una galleria di pittura e un ritrarto in dve alte galleri, Sembrava |a pit moderna delle voci modeme. Grazie al suo istinto pubblicta Fo, quel misterioso intuito di malato, in quattro o cingue anni era di ventato uno dei giovani «intllertuali» pit) conosciuti. Che parte aves Tintelleto in tutto cid, Connie proprio non riusciva a eapirlo, CCliford era davvero abile in quellopera di anal, venata di umoti ‘smo, del'individuo e delle motivazion insite nel suo comportamen- to, che finisce col fare a pezzi ogni cosa, Mail suo mode di procedere «aun po' come quell di un cuecolo che riduce a brandelli cuscini el divano; con Ia diflerenza che non c'sra niente di giovane e gioco- so, in ui, anzi era tutto curiosamente Vecchio, e di una presunzione slquanto cocciuts, Era qualcosa di irreale,¢ insieme era nulla. Era {uesta la sensazione che echeggiava esiecheggiava in fondo all'animo i Connie: tutto quanto era nulla, una splendida ostentazione di nul: lia. Ma pur sempre un’ostentazione. Un'ostentazione! Un'ostenta ‘one! Un’ostentazione! Michaels si era ispirato a Clifford per delinare il protagonista di ‘ust sua commedia; aveva git abbozzato la trama per intero, escritto ‘primo atto. Questo, perché Michaelis era persino pit bravo di Clif 64 bt wawnence ford elfoxtentare mul Era imo brandl di pasion ima 'n qcg vomini piacere deonetaione, Dal pam dita sen, sue, eranoimmunt alla passione, come mor, £1 ques pane ton era pi il denaro, lo scopo peseguto da Nichia Geese Clifford, non era mai andato a caccia di denaro, anche se lo arraffava, guano gi era consentto, perce i dere supgel i macs del success. Ein sstantay cra propto mccews che low ach 10. Desideravano, entrants in mostra fr bale moe 2 con da caturare per quake tempo pan ubbi, ra strano.. uel prstiala dea cagna. Per Connie, che pe 2m strana etn pal ot era dtetta immerse a bio el suces, era ancora una vot sulla. Pernod prouie de apna ee lla, sere gl eminent mnenee vol vale. Vacuta anche questo, Michael srse a Ciford della commedia. Connie, naturalmen ts nee informata da un pez, E Clifford torn s dearansat ie pat etre meso in manta di novo, qua volts guictoo Ia rele meso in mostra, inna ace lunge, Ins Mihai ‘ras per ser mode di leace i primo Michats vee: enat, vest df char e con un pio di ean 4 camo bianco, orcidce color malta per Conn spend ei Primo ato rscosse un grande succes, Pesino Cain @ ena St entusasnd nea mire inated et era ancora apne E Michal, eleuizeto dalla propria capaci d supte, fs dance meri.» ebelisimo, al och Connie, Conic vde oka nmcbt ance di una trea che aon ¢ pi pone lade I stem maniesarone, foe, dionimputs che fa press Ais pice dela sua suprema posizsione ala dea eagas Mil sees brava pot, puro come una mascheraateana rio ches nl oe 16, eau impura in puree nel cure ent pai da oon 1 momento dt perfeto entxntmo condiiso cont Chat, guano alse dl conquicaetclmente Cone eCifor ues pit cian dliera vita di Micha, Ce Teer fate i ave onquiat. Perino Cliford era momentaoeament inasoriee Jats secon st poo de Sicché matin dopo, Mick er pid a diaio che ma itequicto, divorato dal asia, con le mance 8 agazavano nervosa nlc tache de caloni Cone on era andata dl qucle moe "on avers saputo dove andes cecal, Ciera. props ad momento del suo trionfo, an Liauere ot Lay cuarruney 65 1 matinata sl nel sv slotino. Lei sapeva che sarebbe venuto Ela su inguitudine le apparve evident. Michacs le chiese della commedia.le pareva buona? Dove sents elgiare: gli comuni cava estremo, ste brivdo di passione che superava qualis! ot asm sessuale. E Connie la elgi estatica. Eppure in fondo allan ‘Bo eapeva che era vacua, van ‘Senils dive al ine Michels, bracamente sPerché tue on regolarizziamo la nostra posizione? Perché non ci sposiarso?» ‘Ma io sono sposita» dite Connie, sbalordia e tuttavia sna proware eworione «Oh pet queso. Ti conceder il dvori... Perch ws eo non ei siamo? Desdero sposarmi. So che sabe le cosa mipior per tre. spol econdure unt via regolae. Fea una ta comple tamentesbaglita, che mi distrugge. Sent tu io, siamo fa Pano pera de ie gem Rech no span? a luna sola rapione perché non dovremmo?» ‘Connie fo guardavastabilat, ma non provave nulla. Gi won, ecano tutti egal, trascuravano tuto quanto. Esplodevano come pe- tarde pretendevano che lis sepuisse nei loo woi di fantasia. “sai sono gia sposata,» ripe Connie. «Non posso latiare Cl ford, sain «Perché no? Ma perché no?» eslams Ini. «Neppute si accorgers dhcte pesca inept ne gprs erat cea sue, allinfuori della propria. Quelindviduo non su che farsene, di te, 8 quanto posto giudcar; & completamente preso da se stesso.» ‘Connie si ese conto che cera una parte di vera nelle parole Mick, Pero si rese anche conto che non erano certamente detate dll aris, «Gli uomini non sono forse uti quant presi dase sensi?» do mundo, “Oh, pido meno, te lo concede. Bisogna essero, se si vuole sfon: date. Mail punto non ¢ questo. I punto &: che tipo divite un womo & in grado di ofize una donna? Bin grado di endera Felice, oppure 10? Se non pub farlo, non ha alcun drto su dil.» Fece una pau: 18, Bssandola con i gradi occhinocciola, quai ipnotic. «Ora, io vi: tengo» sogiunse adi poter dar «una donna et pacei che posse vomo affond lo guard nel oechi di Connie lconico, sprez zane, senaa nascondere suo semtiment. E di nuovo Connie aro Si rese conto diver fato une senate, che quel womo non a opt on “Come ti chiami?» domand in tono gsio alla babina. «Non vuoi drm come chia? a pccol i cl nao; pl, con voce piagmaclos, in anegia mento i fara «Connie Meer! as “Connie Mellos!E proprio un bel nome! Ese cit col to ps a ela ha spurat al gating? Ma era un eatin cativo!» ‘La bambina I guard, scruandolaspavadamente com li occ sear valutando eel compassion che le manfeseva. Volevo restare con la nonna» de la bambing “Ab, a? Ma dove sta a tua nonna?s 1a piccoa ld un bacco, additando dl senito. «Ala eascinn» «ht cacina!E vores tomare da > UAMANTE DI LADY CHATTERLEY 73 Al ricordo, esplosero improwvs i singhiozi, scuotendola con vio- Jenza, eSile «Alloa vien, ti ci accompagno i, vuoi? Vuoi che ti accompagni dalla nonna? Cos il tuo papa potra fare quel che deve.» Si rivolse al- Tuomo. «E sua fig Lai said sullatenti € abboz2d un piccolo cenno di assento col capo. ‘Penso di potera condiurre a casa» fece Connie. “Come desidera sua signoria.» ‘Tord a fissarla negli occhi, con quel suo sguardo tranquillo,esplo- ante, distacato, Un individuo molto solo, che stava sulle sue. ‘eVorresi venire con me a cas dalla non, cars?e La bambina rialzd gli occhi a sbirciarla. «St,» rispose con una pic- cola smorfia sortidente. ‘A Connie la piceola non piaceva: una femminuccia fala e viziata Ma le asciug® i vis ela prese per mano. Il guardiacaccia salut’ mil tarmente, senza aprir bocca “Buongiorno!» disse Connie. Cera pid di un chilometro per arivare alla casa, e la pit grande delle due Connie ebbe tuto il tempo di annoiarsi della compagnia dela pid piccola, prima che la pitoresca casetta del guardiacacia si profilasse alla vist. La bambina gid dava fondo a tutti suoi artifc, come una scimmietta ammaestrata e pareva molto sicura di sé La porta della cascina era aperta,edallinterno giungevano rumori metallic, Connie indugid, e la bimba le sguscid di mano € corse dentro, «Nonna! Nonna!» Eki, sei gid di rtorno?» La nonna stava dando la piombeggine alla stfa, era sabato mati- ‘a, Si fee sulluscio col grembiule di tela di sacco, un pennello in ‘apo unt machi nero sul at, Era unt done pica ens «Be, che succede?» disse, passandosi in feta il braccio sulla fac- «ia all vista di Connie, rita bt fuori. Buongiorno!» salutd Connie. -