Sei sulla pagina 1di 5

modulo D I ponti Unit 4 I ponti in acciaio 1

ESERCIZIO S V O LTO
I ponti in acciaio
Per il collegamento di due aree destinate a parco pubblico, fra loro separate da una strada larga
9,00 m, si deve realizzare una passerella pedonale in acciaio con la larghezza di 2,50 m.
Effettuare il progetto di massima e le verifiche delle strutture della passerella.

La struttura della passerella viene cos prevista:


pavimentazione in gomma bugnata posata su manto impermeabile a protezione degli assoni;
assoni con sezione di 180 80 mm2 in legno massiccio di rovere con classe di resistenza D35,
fissati alle travi principali con morsetti e bulloni;
n. 3 travi in profilato laminato a caldo con sezione presunta HE360B in acciaio di qualit S235,
poste allinterasse i = 1,25 m;
traversi di irrigidimento per il collegamento trasversale delle travi principali in profilato HE con
interasse i = 3,15 m;
ringhiera in acciaio fissata alle travi principali mediante saldatura, con un peso stimato di 0,30 kN/m.
Trattandosi di ponte di 3a categoria, per lazione variabile da traffico si considera lo schema di
carico 5 pari a 5,00 kN/m2 per le verifiche globali, mentre per quelle locali si assume lo schema di
carico 4 corrispondente al carico concentrato di 10 kN gravante su unimpronta di 0,10 0,10 m2.
In relazione alla tipologia del manufatto, per gli assoni si assume la classe di servizio 2.

Calcolo degli assoni


Viene effettuato solo il calcolo di verifica.

Analisi dei carichi


Permanenti strutturali
Assoni: (1,00 1,00 0,08)m3/m2 6,70 kN/m3 = G1 0,54 kN/m2
Permanenti non strutturali
Pavimento in gomma bugnata: 0,10 kN/m2
Manto impermeabile: 0,10 kN/m2
G2 = 0,20 kN/m2
Ogni assone presenta lo schema statico di trave continua su tre appoggi, ma viene considerato
come una trave semplicemente appoggiata con luce l = 1,25 m.
Sollecitazioni per carichi permanenti
Si applica la combinazione fondamentale e per metro lineare di assone, con interasse i = b = 0,18 m,
U. Alasia - M. Pugno, Corso di Costruzioni 5 SEI, 2011

si ha:
qd = (1,35 0,54 + 1,5 0,20) kN/m2 0,18 m 0,19 kN/m
1 1
MEd = qd l 2 = 0,19 1,25 2 0,04 kN m
8 8
q l 0,19 1,25
VEd = d = 0,12 kN
2 2

Sollecitazioni per carichi variabili del traffico


Schema di carico 5
qd = (Q1 Qk1) i = (1,35 5,00) kN/m2 0,18 m 1,22 kN/m
1
MEd = 1,22 1,25 2 0,24 kN m
8
1,22 1,25
VEd = 0,76 kN
2
modulo D I ponti Unit 4 I ponti in acciaio 2

Schema di carico 4
A livello del piano medio degli assoni il carico concentrato di 10 kN si ripartisce sulla lunghezza
[fig. a]:
l1 = 0,10 + 2 0,06 = 0,22 m
di poco superiore alla base b = 0,18 m di un elemento e quindi, a vantaggio della sicurezza, si
considera gravante su un solo assone.
Per metro lineare si ha:
10
Qk1 = 45,45 kN/m
0,22
e applicando il coefficiente parziale si ottiene:
qd = 1,35 Qk1 = 1,35 45,45 61,36 kN/m
Le massime sollecitazioni flettenti e taglianti risultano [figg. b e c]:
q b l b b 61,36 0,22 1,25 0,222
MEd = d qd = 61,36 3,85 kN m
2 2 2 4 2 2 8
b
qd b + a
2 61,36 0,22 1,14
VEd = = 12,31 kN
l 1,25
Le sollecitazioni pi gravose si verificano per lo schema di carico 4.

a
10 KN
0,02
0,08

0,06 0,10 0,06

l 1 = 0,22

b
M
U. Alasia - M. Pugno, Corso di Costruzioni 5 SEI, 2011

qd

A B

a = 0,515 b = 0,22 a = 0,515

l = 1,25

c
V qd

A B

b= 0,22 a = 1,03
modulo D I ponti Unit 4 I ponti in acciaio 3

Le sollecitazioni totali massime si ottengono come somma di quelle dovute ai carichi permanenti
e al carico dello schema 4:
MEd,max = 0,04 + 3,85 = 3,89 kN m
VEd,max = 0,12 + 12,31 = 12,43 kN
I valori caratteristici di resistenza per flessione e taglio relativi al legname di rovere impiegato,
classe D30, sono:
fm,k = 35 N/mm2
fv,k = 3,4 N/mm2
Con la classe di servizio 2 e assumendo la classe di breve durata del carico si ha kmod = 0,90, per
cui le resistenze di calcolo risultano:
k f 0,90 35
fm,d = mod m,k = = 21,00 N/mm2
M 1,50
k f 0,90 3,4
fv,d = mod v,k = = 2,04 N/mm2
M 1,50

Verifica a flessione
1 1
Wn = b h2 = 180 802 = 192 103 mm3
6 6
MEd,max 3,89 106
m,d = = 20,26 N/mm2 < fmd
Wn 192 103

Verifica a taglio
3 VEd,max 3 12,43 103
d = = 1,29 N/mm2 < fv,d
2 A 2 180 80

Calcolo delle travi principali


La luce teorica di calcolo risulta:
lt = 1,01 9,00 + 0,40 9,50 m

Analisi dei carichi


Permanenti strutturali
1,25
Assoni (da analisi precedente): 0,54 kN/m2 m= 0,34 kN/m
2
U. Alasia - M. Pugno, Corso di Costruzioni 5 SEI, 2011

Travi principali (peso presunto): 1,42 kN/m


Traversi (peso presunto): 0,383 kN/m
G1 = 2,143 kN/m
1,25
Permanenti non strutturali (da analisi precedente) 0,20 kN/m2 m 0,13 kN/m
2
Ferramenta per fissaggio assoni (a stima) 0,50 kN/m
Ringhiera 0,35 kN/m
G2 = 0,98 kN/m
Variabile da traffico
Essendo le travi principali collegate in senso trasversale dai traversi con elevata rigidezza, posti
allinterasse i = 9,50/4 = 2,375 m, si pu considerare un comportamento perfettamente rigido di
tutto limpalcato; di conseguenza viene applicato il criterio di ripartizione trasversale del carico da
traffico, per cui la trave pi caricata quella di riva e il diagramma dei coefficienti di ripartizione
riportato in figura d.
modulo D I ponti Unit 4 I ponti in acciaio 4

La condizione pi sfavorevole si verifica quando il carico per traffico insiste sulla parte positiva del
diagramma [fig. d], la cui lunghezza si ricava per la similitudine di triangoli e risulta d = 2,08 m.
Il carico relativo allo schema 5 qk = 5,00 kN/m2 e quindi sulla lunghezza d e per 1,00 m di fuga
lintensit della risultante :
Q = qk d = 5,00 kN/m2 2,08 m2/m = 10,40 kN/m
Ancora per la similitudine di triangoli viene calcolato il coefficiente di ripartizione per il carico Q:
1,04
ktr = 0,833 0,417
2,08
per cui il carico che grava sulla trave di riva vale:
Qk1 = Q ktr = 10,40 0,417 4,34 kN/m
Applicando i coefficienti parziali di sicurezza, il carico totale sulla trave di riva risulta:
qd = 1,35 G1 + 1,50 G2 + 1,35 Qk1 = 1,35 2,143 + 1,50 0,98 + 1,35 4,34 10,22 kN/m
Le sollecitazioni massime per flessione e taglio sono:
1
MEd = 10,22 9,502 115,29 kN m
8
10,22 9,50
VEd = = 48,55 kN
2
Essendo il profilato HE in classe 1, in grado di sviluppare una resistenza plastica e quindi per il
progetto della sezione si considera il modulo di resistenza plastico:
1,05 MEd 1,05 115,29 106
Wpl = = 515,126 103 mm3
fyk 235
W 515,126 103
Sx = pl = 257,563 103 mm3
2 2
Dal sagomario risulta che occorre il profilato HE220A con Sx = 284 cm3 e Ix = 5410 cm4.
Si effettua ora la verifica a deformazione applicando la combinazione frequente:
qd = G1 + G2 + 11 Qk1 = 2,143 + 0,98 + 0,40 4,34 = 4,859 kN/m

d Q

qk
U. Alasia - M. Pugno, Corso di Costruzioni 5 SEI, 2011
8 2
27

HE 220 A

125 125

104 104

69
- 0,166

0,333

0,417

0,833
modulo D I ponti Unit 4 I ponti in acciaio 5

Volendo limitare al massimo la deformazione, per la freccia ammissibile viene considerato il valore:
1 1
fam = lt = 9500 = 19 mm
500 500
La freccia di calcolo risulta:
5 qd l t 4,859 95004
4
5
f= = 45,36 mm > fam
384 E Ix 384 210 000 5410 104
quindi necessaria una sezione maggiore e si assume un HE280A con Ix = 13 673 cm4 ed Sx = 556 cm3,
ottenendo la freccia f 16,53 mm < fam.

Verifica a flessione
Wpl = 2 Sx = 2 556 = 1112 cm3

Wpl fyk 1112 103 235


Mpl,Rd = = 248,88 106 = 248,88 kN m > MEd
1,05 1,05

Verifica a taglio
Area resistente a taglio:
Av = 1,04 ta h = 1,04 8 270 = 2246,40 mm2
Av fyk 2246,40 235
VRd = = 290,272 103 kN > VEd
1,05 3 1,05 3
I traversi verranno realizzati con profilati HE220A.

U. Alasia - M. Pugno, Corso di Costruzioni 5 SEI, 2011