Sei sulla pagina 1di 3

Stabat Mater - Gregoriano

Sequenza - Beato Fra Jacopone da Todi - XIII sec. - II Modo


__________________________________________________________________

S
Sta - bat Ma - ter - do - lo - ro - sa,
1
# Cu - jus a - ni - mam ge - men - tem,
&

Iu - xta cru - cem - la- cri - mo - sa, Dum pen - d- bat Fi - li - um.
2
# Con - tri - st - tam - et do - ln - tem, Pen - tran - s - vit gl- di - us.
&

O quam tri - stis - et af - fl - cta


4
# Quae mae - r - bat

- et do - l - bat,
&

Fu it il - la - be - ne - d - cta Ma - ter U - ni - g - ni - ti!


5
# Pi - a Ma - ter - , dum vi - d - bat

Na - ti poe- nas n - cly - ti.

&

Quis est ho - mo - qui non fle - ret,


7
# Quis non pos - set - con - tri - st - ri
&

Ma- trem Chri - sti - si vi - d - ret in tan - to sup - pl - ci- o?


8
# pi - am Ma - tre - con- tem- pl - ri Do - ln - tem cum F - li - o?
&

Pro pec - c - tis - su - ae gen - tis


10
# Vi - dit su - um - dul - cem na - tim
&

Vi - dit Ie - sum - in tor- mn - tis, Et fla- gl - lis sb- di - tum.
11
# Mo - ri - n - tem - de - so - l - tum, Dum e - m - sit sp - ri - tum.
&

_________________________________________
CORO JUBILAEUM - direttore e organista Luigi Foresio - Bisceglie, BT, Italia
www.corojubilaeum.it - www.luigiforesio.it - corojubilaeum.lf@gmail.com
Stabat Mater 2
E - ia Ma - ter - , fons a - m - ris,
13
# Fac ut r - de - at cor me - um
&
Me sen - t - re - vim do - l - ris Fac, ut te- cum l - ge- am.
14
# In a - mn- do - Chri - stum De- um, Ut si- bi com- pl - ce - am.
&

San - cta Ma - ter - , i - stud a - gas
16
# Tu - i na - ti - vul - ne - r - ti,
&
Cru - ci - f - xi - fi - ge - pla- gas Cor - di - me - o v - li - de.
17
# Tam di - gn - ti - pro me pa - ti,

Poe- nas me- cum d - vi - de.
&

Fac me ve - re - - te - cum fle - re,


19
# Iu - xta cru - cem - te - cum sta - re,
&

Cru - ci - fi - xo - con - do - l - re, Do - nec e - go vi - xe - ro.
20
# Ac me ti - bi - so - ci - - re In plan- ctu de - s - de - ro.
&
Vir - go - vr - gi - num prae - cl - ra,
22
# Fac ut - por - tem

- Chri - sti mor - tem,

&
Mi - hi iam non - sis a - m - ra: Fac me te - cum pln- ge- re.
23
# Pas - si - - nis - fac me sor- tem, Et pla- gas re - c - le - re.
&
Fac me pla - gis - vul - ne - ra - ri,
25
# Flam - mis u - rar - ne suc - cn - sus,
&
Cru - ce - hac - in - e - bri - - ri, Et cru - - re Fi - li - i.
26
# Per te Vir go - , sim de - fn- sus In di - e iu - d - ci - i.
&

Stabat Mater 3
Fac me cru - ce - cu - sto - d - ri,
28
# Quan - do - cor - pus - mo - ri - - tur,
&

Mor - te Chri - sti - prae- mu - n - ri, Con- fo - v - ri gra - ti - a.


29
# Fac ut - ni - mae do - n - tur

Pa - ra - d - si gl - ri - a.
&

_________________________________________________________________

Stabat Mater dolorsa La Madre addolorata stava | Sancta Mater, istud agas, Santa Madre, fai questo:
iuxta crucem lacrimsa, in lacrime presso la Croce | crucifxi fige plagas imprimi le piaghe del tuo Figlio crocifisso
dum pendbat Flius. su cui pendeva il Figlio. | cordi meo vlide. fortemente nel mio cuore.

E il suo animo gemente,


| Tui Nati vulnerti,
Cuius nimam gemntem, Del tuo figlio ferito
contristtam et dolntem contristato e dolente | tam dignti pro me pati, che si degnato di patire per me,
pertransvit gldius. una spada trafiggeva. | poenas mecum dvide. dividi con me le pene.
|
O quam tristis et afflcta Oh, quanto triste e afflitta | Fac me vere tecum flere, Fammi piangere intensamente con te,
fuit illa benedcta fu la benedetta Crucifxo condolre condividendo il dolore del Crocifisso,
Madre dell'Unigenito!
|
Mater Unigniti ! donec ego vxero. finch io vivr.
|
Quae moerbat et dolbat, Come si rattristava e si doleva | Iuxta crucem tecum stare, Accanto alla Croce desidero stare con te,
pia mater, cum vidbat la pia Madre | te libenter socire in tua compagnia,
nati poenas ncliti. vedendo le pene dell'inclito Figlio! | in planctu desdero. nel compianto.
|
Quis est homo, qui non fleret, Chi non piangerebbe Virgo vrginum praeclra, O Vergine gloriosa fra le vergini
Christi Matrem si vidret al vedere la Madre di Cristo | mihi iam non sis amra, non essere aspra con me,
in tanto supplcio? in tanto supplizio? | fac me tecum plngere. fammi piangere con te.
|
Quis non posset contristri, Chi non si rattristerebbe | Fac, ut portem Christi mortem, Fa' che io porti la morte di Cristo,
piam Matrem contemplri al contemplare la pia Madre
dolente accanto al Figlio ?
| passinis fac me sortem avere parte alla sua passione
dolntem cum Filio ? et plagas reclere. e ricordarmi delle sue piaghe.
|
Pro pecctis suae gentis A causa dei peccati del suo popolo | Fac me plagis vulnerri, Fa' che sia ferito delle sue ferite,
vidit Jesum in tormntis Ella vide Ges nei tormenti, | cruce hac inebriri che mi inebri con la Croce
et flagllis subditum. sottoposto ai flagelli. | et crure Flii. e del sangue del tuo Figlio.
|
Vidit suum dulcem natum Vide il suo dolce Figlio Flammis urar ne succnsus, Che io non sia bruciato dalle fiamme,
morintem desoltum, che moriva, abbandonato da tutti, | per te, Virgo, sim defnsus che io sia, o Vergine, da te difeso
dum emsit spritum. mentre esalava lo spirito. | in die iudcii. nel giorno del giudizio.
|
Eia, mater, fons amris, Oh, Madre, fonte d'amore, | Fac me cruce custodri Fa' che io sia protetto dalla Croce,
me sentre vim dolris fammi provare lo stesso dolore | morte Christi praemunri, che io sia fortificato dalla morte di Cristo,
fac, ut tecum lgeam. perch possa piangere con te. confovri grtia. consolato dalla grazia.
|
Fac, ut rdeat cor meum Fa' che il mio cuore arda | Quando corpus moritur, E quando il mio corpo morir
in amndo Christum Deum, nell'amare Cristo Dio | fac, ut nimae dontur fa' che all'anima sia data
ut sibi complceam. per fare cosa a lui gradita. | paradsi glria. Amen. la gloria del Paradiso. Amen.
_______________________________________________________________________________