Sei sulla pagina 1di 47

Politecnico di Torino

Corso di Laurea Magistrale in


Ingegneria Edile A.A. 2016 2017
Corso di Cartografia numerica e GIS

PROGETTAZIONE DI UN SIT

DOCENTE: GRUPPO 15:

Andrea Lingua Barile Simone


Call Vittorio
Damiani Giacomo
Serra Massimiliano
Progettazione di un SIT 1

Sommario

1 INTRODUZIONE ................................................................................................................. 3

2 MODELLO ESTERNO ......................................................................................................... 5

2.1 Settore Anagrafe Edilizia ....................................................................................... 5

2.1.1 Numero Civico ............................................................................................. 5

2.1.2 Anagrafe Estesa ........................................................................................... 5

2.1.3 Stradario ........................................................................................................ 5

2.1.4 Edificio Catastale ......................................................................................... 5

2.1.5 Unit Immobiliare Urbana (UIU) .................................................................. 6

2.2 Settore Trasporti e Viabilit ................................................................................... 6

2.2.1 Stradario ........................................................................................................ 7

2.2.2 Strade ............................................................................................................ 7

2.2.3 Carreggiata .................................................................................................. 7

2.2.4 Segnaletica Verticale .................................................................................. 7

2.2.5 Segnaletica Orizzontale .............................................................................. 7

2.2.6 Parcheggi ..................................................................................................... 7

2.2.7 Stazione TObike ............................................................................................ 7

2.2.8 Fermata Autobus ......................................................................................... 8

2.2.9 Linea Autobus ............................................................................................. 8

3 MODELLO CONCETTUALE ............................................................................................... 9

3.1 Settore Anagrafe Edilizia ....................................................................................... 9

3.1.1 Edificio Catastale ......................................................................................... 9

3.1.2 Civico .......................................................................................................... 10

3.1.3 Anagrafe Estesa ......................................................................................... 10


Progettazione di un SIT 2
3.1.4 Stradario ...................................................................................................... 10

3.1.5 Unit Immobiliare Urbana ......................................................................... 11

3.2 Settore Viabilit e Trasporti ................................................................................. 12

3.2.1 Strade .......................................................................................................... 12

3.2.2 Fermata Autobus ....................................................................................... 12

3.2.3 Stazione TObike .......................................................................................... 12

3.2.4 Parcheggi ................................................................................................... 10

3.2.5 Segnaletica Orizzontale ............................................................................ 10

3.2.6 Segnaletica Verticale ................................................................................ 10

3.2.7 Linea Autobus ............................................................................................ 10

4 MODELLO LOGICO-RELAZIONALE ................................................................................. 12

5 DEFINIZIONE DEL SISTEMA DI RIFERIMENTO .................................................................. 13

6 CREAZIONE DEL GIS......................................................................................................... 15

6.1 Creazione Entit .................................................................................................. 15

6.2 Join e Relate......................................................................................................... 18

6.3 Hyperlink ............................................................................................................... 20

6.4 Rappresentazione Tematica .............................................................................. 23

6.5 Utilizzo del GIS ...................................................................................................... 26

7 ARCSCENE........................................................................................................................ 33

7.1 Creazione DTM .................................................................................................... 34

7.2 Creazione Modello 3D ........................................................................................ 36

7.3 Utilizzo ArcScene .................................................................................................. 38

8 ELABORATI ...................................................................................................................... 41

8.1 Modello Concettuale ......................................................................................... 41

8.2 Modello Logico .................................................................................................... 42


Progettazione di un SIT 3

1 INTRODUZIONE

La seguente esercitazione ha lobiettivo di progettare un sistema informativo


territoriale (SIT) per una porzione specifica della Circoscrizione 3 del Comune di
Torino, situata tra le vie Pastrengo e Legnano e I Corsi Galileo Ferraris e Re Umberto

Immagine 1 Area di Interesse da GoogleMaps


Progettazione di un SIT 4

Immagine 2 Area di interesse su ArcMap

I temi da affrontare sono due, il primo ha lo scopo di gestire lanagrafe comunale,


dei cittadini, della residenza, degli edifici, dei numeri civici e delle strade,
appartenenti al Settore dellAnagrafe Edilizia.

Il secondo tema ha lo scopo di rispondere alle esigenze della gestione e


manutenzione strade, cantieri attivi e parcheggi, della gestione dei Trasporti
pubblici e del Piano Urbano del Traffico, appartenenti al Settore Trasporti e Viabilit.

Il primo passo per la progettazione di un SIT stato quello di realizzare il Modello


Esterno dove partendo dallanalisi del territorio si sono scelti gli oggetti e si sono
valutate le operazioni da svolgere e i dati per descrivere gli oggetti.

Successivamente si passati al Modello Concettuale che prevede di associare ad


ogni oggetto una entit e definire le relazioni tra tutte le entit rappresentate.

Al modello concettuale segue il Modello Logico, che una schematizzazione del


primo e consiste nella traduzione di questo in un linguaggio fruibile dallelaboratore,
con lindicazione del modo di memorizzazione dei collegamenti.
Progettazione di un SIT 5

Per la progettazione del SIT si utilizzato il software ArcGis. Partendo da


cartografia in formato *.dwg e dalle ortofoto si sono potute disegnare tutte le
entit previste nel modello logico e successivamente si sono realizzati i link fra
queste tramite i comandi join e relate.

Nellultima fase si realizzo un modello tridimensionale dellarea


attraverso il software o ArcScene.

2 MODELLO ESTERNO

2.1 SETTORE ANAGRAFE EDILIZIA


Gli oggetti valutati per il Settore dellAnagrafe Edilizia riguardano:
1. Numero Civico
2. Anagrafe estesa
3. Stradario
4. Edificio Catastale
5. Unit Immobiliare Urbana (UIU)

2.1.1 Numero Civico


E un numero che viene assegnato ad un edificio allo scopo di identificarlo in
modo univoco nel contesto di una certa strada, piazza, o zona.

2.1.2 Anagrafe estesa


Registro in cui sono elencati il numero e lo stato civile degli abitanti di un comune

2.1.3 Stradario
Contiene i nomi delle vie e delle piazze di una citt e la tipologia.

2.1.4 Edificio Catastale

Porzione continua di terreno, ubicata nello stesso comune, che appartiene allo
stesso proprietario, della stessa qualit di coltura o della stessa classe di
produttivit. Una particella viene poi distinta in uno o pi subalterni. Il Catasto
viene detto particellare volendo indicare con questo termine la suddivisione di
Progettazione di un SIT 6

questo territorio in particelle.

2.1.5 Unit Immobiliare Urbana (UIU)


Si Considera UIU ogni parte di immobile che nello stato di fatto in cui si trova, di
per se stessa utile ed atta a produrre un reddito proprio.

2.2 SETTORE TRASPORTI e VIABILITA


Per il Settore Trasporti e Viabilit si sono valutati i seguenti oggetti:
1. Stradario
2. Strade
3. Carreggiata
4. Segnaletica Verticale
5. Segnaletica Orizzontale
6. Parcheggi
7. Stazione TObike
8. Fermata Autobus
9. Linea Autobus
Progettazione di un SIT 7

2.2.1 Stradario
Contiene i nomi delle vie e delle piazze di una citt e la tipologia.

2.2.2 Strade

Area di uso pubblico opportunamente delimitata e per lo pi fornita di


massicciata e pavimentazione destinata al passaggio e al transito di persone e
veicoli

2.2.3 Carreggiata
Parte della strada destinata allo scorrimento dei veicoli; composta da uno o pi
corsie di marcia e, in genere, pavimentata e delimitata da strisce di margine.

2.2.4 Segnaletica Verticale

Insieme dei cartelli che circondano le strade o che sono posti in maniera
verticale.

2.2.5 Segnaletica Orizzontale


E composta da tutte le strisce e le scritte che si possono incontrare sulla
pavimentazione stradale con funzione di prescrizione o di indicazione al fine di
regolamentare la circolazione di veicoli e persone.

2.2.6 Parcheggi
Luogo, spazio o zona adibito alla sosta di veicoli.

2.2.7 Stazioni TObike

E il servizio di Bike Sharing di Torino e di tutti coloro che frequentano la citt per
lavoro, svago o turismo. Abbonandosi al servizio, possibile prelevare la bicicletta
in una delle 116 stazioni presenti in citt e depositarla in una qualsiasi, purch con
parcheggi liberi. Pensato per gli spostamenti brevi, il bike sharing oggi
rappresenta la forma di spostamento urbano pi conveniente, sia in termini di
tempo sia in termini economici. E possibile gestire la prenotazione delle bici o
lindividuazione delle stazioni attraverso unapplicazione per Smartphone. Tutte le
informazioni sul servizio, sono state reperite sul sito internet
(http://www.tobike.it/default.aspx).
Progettazione di un SIT 8

2.2.8 Fermata Autobus

E il punto dove un veicolo del percorso pubblico sosta per caricare o scaricare
passeggeri. Anche in questo caso, possibile individuare le fermate con lorario
di arrivo dei mezzi pubblici attraverso unapplicazione per smartphone della GTT
(Gruppo Trasporti Torino) oppure dal sito della stessa
(http://www.gtt.to.it/cms/percorari).

2.2.9 Linea Autobus

E il pecorso seguito dai mezzi di trasporto pubblico che offre un servizio regolare
con orari fissi e percorso stabilito.
Progettazione di un SIT 9

3 MODELLO CONCETTUALE

Dallanalisi del modello esterno viene tratto il modello concettuale al fine di


formalizzarne le caratteristiche specifiche con una descrizione basata su regole
semplici e ben definite.

Il sistema informativo composto da entit sulle quali sono state registrate delle
informazioni denominate attributi. Tra questi ultimi ne esiste uno definito
identificativo che individua univocamente ciascuna entit. Di seguito sono
riportate tutte le entit e i relativi attributi.

3.1 SETTORE ANAGRAFE EDILIZIA

3.1.1 Edificio Catastale


Lentit edificio, verr rappresentata da uno Shapefile Polygon ed costituita da
diversi attributi quali:

ID Edificio C
Superficie Catastale
Numero di Piani
Numero di Abitanti
Numero Particella
ID Civico
Progettazione di un SIT 10

3.1.2 Civico
Lentit civico verr rappresentata da uno Shapefile Point ed costituita da
diversi attributi quali:

ID Civico
Numero
CAP
ID strade

3.1.3 Anagrafe Estesa


Lanagrafe estesa verr rappresentata da una Tabella Dati ed costituita da
diversi attributi quali:

ID anagrafe
C.F./P.IVA
Cognome e Nome
Data di nascita
Luogo di nascita
Residenza / Sede Legale
Domicilio
ID civico

3.1.4 Stradario
Lentit stradario, verr rappresentata da uno Shapefile Polygon ed
costituita da diversi attributi quali:

ID stradario

Nome Via

Tipologia

Citt

CAP
Progettazione di un SIT 11

3.1.5 Unit Immobiliare Urbana

Lentit Unit Immobiliare Urbana, verr rappresentata da uno Shapefile


Polygon ed costituita da diversi attributi quali:

ID UIU

Superficie UIU

Piano

Abitanti

Numero Particella

Tipologia

ID Civico

E stato inserito un dizionario in funzione della tipologia dello stradario.

Dizionario:
v pd: pedonale
v cr: carrabile
v ztl: zona a traffico limitato
Progettazione di un SIT 12

3.2 SETTORE VIABILITA E TRASPORTI

3.2.1 Strade

Lentit strade verr rappresentata da uno Shapefile Polygon ed costituita da diversi


attributi quali:

ID Strada

Nome

Tipologia

Citt

ID Stradario

3.2.2 Fermata Autobus

Lentit Fermata Autobus, verr rappresentata da uno Shapefile Point ed costituita


da diversi attributi quali:

ID Autobus
Numero Fermata
Tipologia

3.2.3 Stazione TObike

Lentit Stazione TObike verr rappresentata da uno Shapefile Point ed costituita da


diversi attributi quali:

ID Bicicletta

Numero Bike Sharing

Senso di Marcia

Numero Bicicletta
Progettazione di un SIT 10

3.2.4 Parcheggio

Lentit Parcheggio verr rappresentata da uno Shapefile Polygon ed costituita da


diversi attributi quali:
ID Parcheggio
Descrizione
Tipologia

3.2.5 Segnaletica Orizzontale

Lentit Segnaletica Orizzontale verr rappresentata da uno Shapefile Polygon ed


costituita da diversi attributi quali:

ID Segnaletica Orizzontale
Descrizione

Tipologia

3.2.6 Segnaletica Vericale

Lentit Segnaletica Verticale verr rappresentata da uno Shapefile Point ed


costituita da diversi attributi quali:

ID Segnaletica Verticale

Descrizione

Tipologia

3.2.7 Linea Autobus

Lentit Linea Autobus verr rappresentata da uno Shapefile Line ed costituita da


diversi attributi quali:

ID Linea Autobus

Numero Linea

Senso di marcia
Progettazione di un SIT 11

La costruzione del modello della realt si basa essenzialmente sulla percezione di


tre elementi:
Gli oggetti (entit);
Le loro propriet (attributi);
Le relazioni tra tali oggetti (associazioni).

Lentit la rappresentazione di un oggetto del mondo reale di cui si vogliono


registrare delle informazioni. Lattributo una propriet identificativa dellentit.
Lassociazione il legame tra le varie entit. A questi va aggiunta la cardinalit
che rappresenta il numero di volte che lassociazione pu prodursi tra lentit che
lega. Per ogni entit sono specificate due cardinalit che esprimono il minimo e il
massimo numero di occorrenza possibile.

Di seguito si riportano alcuni esempi di associazioni tra entit:

Stazione Tobike
ID Bicicletta
N Bikesharing Stradario
Senso di marcia ID Stradario
N Bicicletta Nome
1,1 Tipo Via
n,n Citt
CAP
Appartiene Appartiene

1,n 1,n
Parcheggio Strade
ID Parcheggio 1,1 1,n ID Strada
Descrizione Appartiene Nome
Tipologia Tipologia Civico
n,n Citt Appartiene ID Civico
ID Stradario 0,n 1,1 Numero
Appartiene n,n 1,n CAP
Strada

Immagine 3 Esempio di Relazione nel Modello Concettuale


Progettazione di un SIT 12

4 MODELLO LOGICO-RELAZIONALE

Il modello logico consiste in una struttura di dati traducibili in modo semplice in un


linguaggio comprensibile allelaboratore. Si definiscono le modalit con cui
memorizzare i dati (numeri, stringhe, identificatori) e come collegare fra loro i vari
dati (link) secondo le specifiche del modello concettuale.

Quindi si permette in modo ormai quasi trasparente alloperatore di tradurre il


modello logico in

files, numeri, stringhe, bytes e bits secondo il linguaggio macchina


dellelaboratore.

Le modalit di memorizzazione dei dati si abbreviano nel seguente modo:

SI = Short Integer;
LI = Long Integer;
VM = Virgola Mobile;
ST = Stringa.

Accanto ad ogni tipologia di dato ne stata indicata la dimensione.

Anagrafe Estesa
ID Anagrafe Long Integer 5
Civico C.F./P.IVA String 30
ID Civico Long Integer 5 Cognome String 20
Numero String 50 Nome String 20
CAP Long Integer 5 1 1 1 Data di nascita String 20
ID Strada Long Integer 5 Luogo di nascita String 20
Residenza/Sede legale String 30
n Domicilio String 20
ID Civico Long Integer 5

Unit immobiliare urbana Edificio catastale


ID UIU Long Integer 5 ID Edificio C LongInteger 5
Superficie UIU Float 10,2 Superficie catastale Float 10,2
Piano Short Integer 3 Piani Short Integer 3
Abitanti Long Integer 5 Abitanti Long Integer 5
N Particella Long Integer 5 N Particella Long Integer 5
Tipologia String 30 n ID Civico Long Integer 5
ID Civico Long Integer 5 n

Immagine 4 Esempio di Relazione nel Modello Logico


Progettazione di un SIT 13

5 DEFINIZIONE DEL SISTEMA DI RIFERIMENTO

Per la creazione di un GIS fondamentale la georeferenziazione della carta nel


sistema di riferimento desiderato. Nel caso in esame tutti i dati di partenza inseriti
nel programma sono in coordinate GAUSS-BOAGA, mentre il sistema di riferimento
desiderato lETRF 2000 UTM Zone, fuso 32N.

Per la trasformazione del sistema di coordinate stato utilizzato il software


CartLab3, di seguito viene riportata unimmagine del software.

Immagine 5 Interfaccia grafica CartLab

Il software non genera i file *.prj, ossia i file che definiscono il sistema di proiezione,
quindi una volta caricati su ArcMap i file convertiti con lausilio di Cartlab,
necessario definirlo attraverso la funzione presente nellArcToolbox.
Progettazione di un SIT 14

Immagine 6 Percorso su ArcMap per la Define Projection

Questo procedimento stato adottato per lutilizzo dellortofoto e della


cartografia in dxf forniti in partenza per lestrazione della zona di interesse su cui
stato poi creato il GIS.
Progettazione di un SIT 15

6 CREAZIONE DEL GIS

6.1 CREAZIONE ENTIT

Il primo passo per la realizzazione del GIS linserimento dei dati di partenza, dati
geometrici raster forniti dallortofoto e dati vettoriali presenti nel file *.dwg.

Sulla base di questi dati sono state inserite le entit descritte nel modello logico e
nel modello concettuale, questo in ArcMap si traduce nella creazione di Shapefile
(.shp), nel caso in esame sono stati creati shapefile di tipo Punto, Poligono e
Polilinea.

Immagine 7 Creazione Shapefile

DallArcCatalog si possono quindi creare i vari tipi di Shapefile che in un secondo


momento, avviando la sessione di Editig, vengono descritti con i propri attributi.

Non tutte le entit sono state rappresentate con degli shapefile, ma anche con
tabelle, create sempre dallArc Catalog, scegliendo la funzione dBASE.
Progettazione di un SIT 16
.

Immagine 8 Creazione Shapefile

Create tutte le entit necessario descriverle attraverso degli attributi, inseriti nel
progetto grazie a due diverse funzioni:

dallArc Toolbox selezionando Data Management Tools e scegliendo la


funzione Fields per aggiungere nuovi campi, Delete Field per eliminarli;

Immagine 9 Aggiungere nuovi campi nelle tabelle dall'ArcToolbox


Progettazione di un SIT 17

direttamente in ciascuna tabella o Shapefile dal comando Add Field.

Immagine 10 Aggiungere nuovi campi direttamente nelle tabelle

Per la compilazione dei campi delle varie tabelle necessario avviare lEditor, ci
si pu fare in modo manuale scrivendo direttamente il dato, o automaticamente
sfruttando le funzioni Calcola campo e Calcola geometria. Questultima funzione
stata utilizzata per calcolare le superfici degli edifici e delle strade e le altezze
degli edifici.
Progettazione di un SIT 18

6.2 JOIN E RELATE

Al fine di semplificare lestrapolazione delle informazioni e la costruzione delle


tabelle, si possono utilizzare le modalit di collegamento presenti in ArcMap. Sono
quindi state utilizzate le funzioni di Join e Relate.

Il Join permette di collegare unentit della prima tabella a unentit della


seconda basandosi quindi su di un attributo comune alle due tabelle e consente
di espandere il contenuto informativo visualizzando in una delle due tabelle anche
il contenuto dell'altra.

La funzione Join stata adottata per collegare:


Stradario e Strade;
Civico e Strade;
Civico e Anagrafe Estesa
Civico ed Edificio Catastale
Civico e UIU

Immagine 11.1 Creare un collegamento Join


Progettazione di un SIT 19

Immagine 11.2 Creare un collegamento Join Stradario

Immagine 11.3 Creare un collegamento Join Stradario


Progettazione di un SIT 20

Immagine 11.4 Creare un collegamento Join UIU


Progettazione di un SIT 20

Il collegamento attraverso la funzione Relate definisce una relazione tra due tabelle
sempre basata su un campo comune, ma le informazioni aggiuntive sono visualizzabili
solo cliccando sullentit.

Il Relate stato utilizzato per i collegamenti di tipo 1 ad N delle seguenti entit:


Civico e Anagrafe Estesa;
Civico e Edificio Catastale;
Civico e UIU;

Immagine 12 Creare un collegamento Relate

6.3 HYPERLINK

Per rendere pi completo il SIT possibile inserire dei collegamenti alle entit che
rimandino ad immagini o a siti web che forniscono informazioni aggiuntive. Nel
caso in esame sono stati inseriti degli Hiperlink per le Stazioni del Servizio di Bike
Sharing TObike e le Fermate con le linee e gli orari del servizio di trasporto urbano
GTT che rimandano rispettivamente ad i siti web dei gestori di queste informazioni.
In particolare sono stati collegati:
Progettazione di un SIT 21

Stazioni TObike:

http://www.tobike.it/frmLeStazioni.aspx

Fermate, Linee e Orari GTT:


http://www.gtt.to.it/cms/percorari/urbano

Sono state inserite anche immagini, reperite direttamente nellarea, delle Fermate
degli Autobus. Anche in questo caso stato sfruttato lHyperlink.

NellImmagine 13 mostrato il metodo utilizzato per inserire gli Hyperlink, attraverso


la finestra di identificazione dei punti, cliccando con il tasto destro sulloggetto si
sceglie il comando Aggiungi Hyperlink e poi si sceglie la tipologia del link, se a
un Documento (utilizzato per le foto) o ad un URL (utilizzato per i siti web).

NellImmagine 14 mostrata la visione del link utilizzando lapposito comando di


ArcMap .

Immagine 13 Inserimento di Hyperlink


Progettazione di un SIT 22

Immagine 13 Inserimento di Hyperlink

Immagine 14 Visualizzazione Hyperlink


Progettazione di un SIT 23

6.4 RAPPRESENTAZIONE TEMATICA

Per rendere pi leggibile il progetto, possibile rappresentare le entit attraverso


dei tematismi: dalla scheda Simbologia delle Propriet delle varie entit si associa
un colore o una simbologia, che pu essere uguale per tutte le entit considerate
(Unique Values), oppure pu differenziarsi in base ad un attributo (Unique Values,
many).

Ad esempio, nel caso in esame, le entit Fermate GTT e Stazioni TObike sono state
rappresentate in funzione della tipologia. Per ciascuna tipologia stato adottato
un simbolo ed un colore differente.

Immagine 15.1 Differenziare la simbologia di entit


Progettazione di un SIT 24

Immagine 15.2 Differenziare la simbologia di entit

Immagine 15.3 Differenziare la simbologia di entit


Progettazione di un SIT 25

Immagine 15.4 Differenziare la simbologia di entit

Immagine 15.5 Differenziare la simbologia di entit


Progettazione di un SIT 26

6.5 UTILIZZO DEL GIS

Una volta completata la progettazione del GIS possibile fare interrogazione per
analizzare determinati aspetti, come quella svolta attraverso i comandi Select by
Attribute o Select by Location.

ESEMPIO 1: selezione di tutti i civici presenti in Via Lamarmora

In questo caso necessario viene effettuata la selezione attraverso la tabella


degli attributi in quanto stato effettuato un Relate. Dalla tabella dello stradario si
seleziona Via Lamarmora (Immagine 16.2) e utilizzando la relazione Ubicazione
civico si collega automaticamente alla tabella collegata, mostrando i civici
presenti nella strada selezionata (Immagine 16.2).

Immagine 16.1 Selezione per Attributo


Progettazione di un SIT 27

Immagine 16.2 Selezione Via Lamarmora

Immagine 16.3 Rilevo Via Lamarmora


Progettazione di un SIT 28

Immagine 16.3 Restituzione Civici su Via Lamarmora

Attraverso la selezione per posizione, vengono selezionati tutti i civici presenti nella
feature selezionata.

ESEMPIO 2: selezione di tutti i parcheggi a pagamento presenti nellarea


considerata

In questo caso stata effettuata la selezione attraverso la tabella degli attributi in


quanto impostando i dovuti parametri di selezione. Dallo shapefile parcheggi si
seleziona il parametro descrizione, e cliccando su valori unici si sceglie
parcheggi a pagamento e questi ultimi appariranno nel modello, come
possibile notare dallimmagine 17.
Progettazione di un SIT 29

Immagine 17 Selezione per Attributo

ESEMPIO 3: selezionare tutti gli edifici con superficie maggiore di 400 metri quadri

Sono state prima selezionate le vie presenti nellarea studio, poi da Selezione per
Posizione sono stati selezionati tutti gli edifici presenti nellarea. Infine tornando alla
Selezione per Attributo, dalla selezione corrente sono stati selezionati solo gli edifici con
superficie maggiore di 400 metri quadri (Immagine 18).

Immagine 18 Selezione per Attributo


Progettazione di un SIT 30

ESEMPIO 4: selezionare tutti gli edifici con volume maggiore di 3000 metri cubi

Dal sommario, stato selezionato Edifici_U00_32 e dalla finestra seleziona per


attributi, si impostano i parametri di ricerca volume > 3000 come in figura 19.

Immagine 19 Selezione per Attributo

ESEMPIO 5: selezionare la segnaletica verticale in relazione alla tipologia

Dalla Selezione per Attributo stato selezionato il layer Segnaletica


Verticale_U00_32. Dai parametri di ricerca di seleziona semaforo come in figura
20.
Progettazione di un SIT 31

Immagine 20 Selezione per Attributo

ESEMPIO 6: seleziona le strade vicino alle Stazioni TObike

Per effettuare questa ricerca stato selezionato il comando Seleziona per Posizione
ed stato spuntato il Layer di destinazione Strade_U00_32, mentre come Layer di
origine stato selezionato Stazione TObike_U00_32 applicando anche una restrizione
ai campi in relazione alla distanza come in figura 21.
Progettazione di un SIT 32

Immagine 21 Selezione per Attributo

ESEMPIO 7: seleziona le linee urbane vicino alle Strade

Per effettuare questa ricerca stato selezionato il comando Seleziona per Posizione
ed stato spuntato il Layer di destinazione Linea Autobus_U00_32, mentre come
Layer di origine stato selezionato Strade_U00_32 applicando anche una restrizione
ai campi in relazione alla distanza come in figura 22.

Immagine 22 Selezione per Attributo


Progettazione di un SIT 33

7 ARCSCENE

ArcScene permette una rappresentazione tridimensionale del lavoro effettuato su


ArcMap e per una visione corretta necessario definire il modello altimetrico del
terreno.

stato creato il DTM, un modello digitale del terreno, partendo dalle informazioni
di quota presenti nel file *.dwg.
Progettazione di un SIT 34
7.1 CREAZIONE DTM


Utilizzando ArcMap sono state inserite esclusivamente le Annotazioni presenti nel
suddetto file, contenenti le quote in gronda e al piede. Selezionando le quote al
piede, stato creato uno Shapefile utilizzando lArcToolbox con il seguente
percorso: Data Managment Tools > Features >Feature to Point.

Immagine 23 Percorso per creare il DTM


Progettazione di un SIT 35

Lo shapefile creato stato convertito con Cartlab come descritto nel capitolo
precedente ed stato reinserito su ArcMap per poter creare il DTM. Utilizzando
nuovamente ArcToolbox ed il percorso 3D Analyst Tools > Raster Interpolation >
Natural Neighbor si crea quindi la superficie del terreno.

Immagine 24.2 Creazione del DTM

Immagine 24.3 Creazione del DTM


Progettazione di un SIT 36

Immagine 24.4 Creazione del DTM

7.2 CREAZIONE MODELLO 3D



Ora quindi possibile inserire il DTM su ArcScene, e dalle propriet stata impostata
laltezza della base in modo da farla galleggiare su se stessa. Sono state quindi caricate
tutte le entit di interesse sul modello in Arc Scene e come per il DTM stata impostata
laltezza alla base per farle giacere sul terreno.
Progettazione di un SIT 37

Immagine 25 Impostazione Altezza alla Base

Il modello 3D stato inoltre integrato con lortofoto relativa allarea di interesse.


E stata definita laltezza degli edifici attraverso il comando di estrusione come in figura

Immagine 26 Selezione valore di estrusione


Progettazione di un SIT 38

Il risultato finale il seguente:

Immagine 27 Visualizzazione su ArcScene

7.3 UTILIZZO ARCSCENE



Come per ArcMap possibile effettuare una rappresentazione basata su tematismi
voluti, di seguito sono riportati due esempi.
Il primo esempio consiste nel rappresentare gli Edifici con un colore diverso con
cromatismo crescente in base alle aree. Dalle propriet dellentit Edifici, su
Simbologia si sceglie lopzione Categorie > Valori Unici. Nel Campo Valore si sceglie
quello di interesse, in questo caso Area a cui viene assegnata una scala
cromatica e vengono aggiunti tutti i valori della tabella con il comando Aggiungi
tutti i valori in basso a sinistra della finestra. Il risultato il seguente:
Progettazione di un SIT 39

Immagine 28 Tematismo 1_Differenziazione per Area

Immagine 28 Tematismo 1_Differenziazione per Area

Un secondo esempio prevede una rappresentazione cromatica degli edifici in


funzione del Numero di Piani. Sempre dalla scheda Simbologia delle Propriet si
sceglie Quantit > Colori Graduati. Nel Campo Valore si sceglie quello di interesse,
in questo caso n_piani. In questo caso la scala cromatica prevede una
colorazione Marrone Scuro per edifici con il maggior numero di Piani e chiaro per
un numero minore di Piani.
Progettazione di un SIT 40

Immagine 28.2 Tematismo 2_Differenziazione per Numero di Piani


8.1 Modello Concettuale

Stazione Tobike
ID Bicicletta
N Bikesharing Stradario
Senso di marcia ID Stradario
N Bicicletta Nome
1,1 Tipo Via
n,n Citt
CAP
Appartiene Appartiene

1,n 1,n 1,1 Edificio catastale


Parcheggio Strade ID Edificio C
ID Parcheggio 1,1 1,n ID Strada Superficie catastale
Descrizione Appartiene Nome Collegato Piani
Tipologia Tipologia Civico Abitanti
n,n
Citt Appartiene ID Civico 1,n ID Civico
ID Stradario 0,n 1,1 Numero N Particella
Appartiene n,n 1,n CAP 1,n Anagrafe Estesa
Strada Possiede ID Anagrafe Unit immobiliare urbana
1,n 1,n 1,n C.F./P.IVA ID UIU
Cognome Superficie UIU
Nome Collegato Piano
Data di nascita Abitanti
Appartiene Appartiene Luogo di nascita 1,1 ID Civico
Residenza/Sede legale N Particella
Domicilio Tipologia
ID Civico
n,n 1,1 1,1
Segnaletica Verticale Fermata Autobus Linea Autobus
ID Segnaletica V ID Autobus ID Linea Autobus
Tipologia N Fermata N Linea
Descrizione Tipologia Senso di marcia

Segnaletica Orizzontale Appartiene


ID Segnaletica O n,n
Tipologia
Descrizione
Progettazione di un SIT
41
8.2 Modello Logico

Stazione Tobike Stradario Fermata Autobus


ID Bicicletta Long Integer 5 ID Stradario Long Integer 5 ID Autobus Long Integer 5 Linea Autobus
N Bikesharing Long Integer 5 n Tipo via String 50 N Fermata Long Integer 5 ID Linea Autobus Long Integer 5
Senso di marcia String 10 Nome String 50 Tipologia String 50 N Linea String 30
N Bicicletta Long Integer 5 Citt String 20 Senso di marcia String 10
CAP Long Integer 10

Parcheggio Strade Anagrafe Estesa


ID Parcheggio Long Integer 5 ID Strada Long Integer 5 ID Anagrafe Long Integer 5
Descrizione String 50 Nome String 50 1 Civico C.F./P.IVA String 30
Tipologia String 50 Tipologia String 50 ID Civico Long Integer 5 Cognome String 20
Citt String 20 Numero String 50 Nome String 20
ID Stradario Long Integer 5 n CAP Long Integer 5 1 1 1 Data di nascita String 20
1 ID Strada Long Integer 5 Luogo di nascita String 20
Residenza/Sede legale String 30
Segnaletica orizzontale n Domicilio String 20
ID Segnaletica O Long Integer 5 ID Civico Long Integer 5
Tipologia String 50
Descrizione String 50 Unit immobiliare urbana Edificio catastale
ID UIU Long Integer 5 ID Edificio C LongInteger 5
Segnaletica verticale Superficie UIU Float 10,2 Superficie catastale Float 10,2
ID Segnaletica V Long Integer 5 Piano Short Integer 3 Piani Short Integer 3
Tipologia String 50 Abitanti Long Integer 5 Abitanti Long Integer 5
Descrizione String 50 N Particella Long Integer 5 N Particella Long Integer 5
Tipologia String 30 n ID Civico Long Integer 5
ID Civico Long Integer 5 n
Legenda:

Poligoni

Punti

Database/Tabelle Dati

Linee