Sei sulla pagina 1di 3

ffi Ft$t0100tfr

TA ffigruAE,gKCA ffiH,tIA
R.H,SPHRAZTONE,
Secondo e ultima parte: onatamia e psicalogia.
L'uso corretto della pressione dell'ora
e Ie tecnche di insegnamento p effcac.

or KrvrN Krlrv, cox AnNo:-o Jncoss t Dnvto Cuctt-t- sione all'interno dei polmoni. Gran parte dei musicisti che
si rivolgono a lacobs ha acquisito l'abitudine di pensare al-
Arnold lacobs basa il suo insegnamento su tutti questi alt ri la pressione dell'aria e non all'aria in movinrento. Poich
aspetti del suono e del fraseggio, ossia i "prodotti" della difficile perdere questa pratica, egli adopera la psicologia
musica, sottolineando la differenza tra anatomia e funzione per creare nuove abitudini e per aiutarli ad usare i muscoli
attraverso quella che chiama "l'attivit computer ciel cervel- in modo corretto.
lo", distinta dalla parte raziocinante I muscoli respiratori vengono coinvolti in tre maniere: una
"Se nel cercare di fare quasiasi cosa mirerete al prodotto fi- per la respirazione stessa, un ciclo completo dell'inspira-
nale, scoprirete che l'atto fisico richiesto per farla si trova zione e dell'espirazione; la seconda ha a che fare con la
nell'ambito dell'attivit computer del cervello. ln altre paro- pressione pelvica quando la parte superiore del passaggic
le, il livello conscio del cervello, dal quale proviene il pen- del flusso d'aria chiusa, e viene aumentata la pressione
siero volitivo, si occupa dei prodotto finale. Un altro livello verso il basso come per la defecazione o per il parto. La ter-
del cervello, la parte raziocinante, si occupa degli impulsi za ha a che fare con gli isometrici della funzione fisica, os
rnotori distribuiti attraverso i ner"-i irr tuto il corpo. Ouesti sia il tipo di contrazione muscolare statica implicata ne
sisterri si innescano a'livello subconscio, proprio come la sollei'amento pesi e nella lotta greco romana.
capacil di camminare, parlare o correre. L'attivit musco- "Un musicista deve assicurarsi di adoperare l'approccio
iare il risultato cli ci che si vuole compiere. Tutte le mac- giusto quando suona uno strumento", dice lacobs. "Non va
chine hanno una serie di comandi: l'automobile, per esem- bene quello che rende immobili, tantomeno queiio che
pio, ha sotto il cofano un meccanismo complicato, ma al- crea forti contrazioni isometriche prive della possibilt di
l'inierno dell'abitacolo controlli semplic. Nulla al mondo movimento. Poich occorre movimento per un flusso conti-
pi compiesso dell'essere umano, ma l'uomo possiede ma- nuo d'ara, il musicista deve mirare alla respirazione."
gnifici dispositivi di comando e attraverso questo sistema "ln tutti noi, musicisti e non, il cervello responsabile per
riesce a funzionare." le risposte, sia condizionate che riflesse, agli stimoli. Oue-
"lntendo dire che ci sono settori del cervello che control- ste sono funzioni non respiratorie. Per la respirazicne i mu-
lano tanti tipi di funzioni fisiche; tagliare cibo, portarlo scoli effettuano uu movimento a mantice. Inspiriamo ed
alla bocca, rnaslicarlo, sistemare il corpo per il riposo espiriamo per il fenomeno di espansione e riduzione. Tutto
nottllrno e perfino diventare matti. I-a parte raziocinante diventa semplice quando pensiamo al rnovimento dell'aria.
del cervello libera di far fronte al mondo che ci circon- Sia che il diaframma si abbassi, sia che la gabbia toracica si
cia, ed con questa che cominciamo a stabilire quale sollevi, ci deve essere un'espansione per ridurre la pressio-
prodotto vogliamo." ne interna al di sotto di quella atmosferica, tanto da per-
"Naturalmente questo che i musicisti devono affrontare; mettere all'aria di riempire i polmoni. La stessa cosa succ-
spesso chi insegna musica sbaglia quando cerca di alterare de quando si riduce la dimensione: Ia pressione dell'aria
l'attivit meccanica anzich il prodotto o ci che vuole ven- aumenta man mano che l'aria fuoriesce. E' cos che soffia-
ga effettuato. L'insegnante d soluzioni meccaniche, ma mo: proprio come respiriamo.
non cos che funziona l'essere umano, dobbiamo sempre
cercare la soluzione facile. E' semplice: se volete tanto fia- Fan trnuovERE..VENTO"
LnnLA,
to, non dovete fare altro che prendere molta aria, non COME SE FOSSE
preoccupatevi di dove va a finire. Se Volete soffiare, soffiate
e basta. Un insegnante dovrebbe sempre fornire agli stu- "La psicologia del soffiare implica sempre il soffiare verso
denti soluzioni facili che apportano la giusta risposta mo- I'estemo, lavorare con il fiato anzich con la pressione del-
toria. Ouesto concetto non appartiene al mondo dell'ana- l'aria. La psicologia al riguardo importante. Ponete la ma-
tomia, ma a quello della psicologia." no ad una certa distanza e soffiateci sopra: la zona su cui
La riposta che lacobs prospetta ai suoi allievi ci che egli concentrarsi quella dove arriva l'aria. Alcuni insegnanti
chiama il "fenomeno del vento", ossia l'idea dell'aria soffia' inducono gli allievi a soffiare con l'idea di passare oltre lo
ta attraverso lo strumento per evitare l'accumulo di pres- sirumento o addirittura la parete opposta della stanza. La

50 T FIATI
tecnica adoperata per motivare Io studente indifferente; quantit di pressione d'aria, con I'addome e il diaframma
la psicologia vuole che l'aria venga mossa come se fosse flosci, questa sposterebbe senrplicemente il pavimento ver-
"vento" e non pressione d'aria "
so il basso Man mano che il musicista aumenta la pressio-
"ll vento implica sempre una pressione dell'aria. Ma la ne, I'aria anzich fuoriuscire abbasserebbe il pavimerrto.
pressione deil'aria non sempre prevede Ia presenza del Perci, pensando al sostegno come se fosse qualcosa che
vento. Se vi concentrate solamente sulla pressione dell'a- manterr il diaframma nella posizione sollevata, si potreb-
ria, cosa che pu verificarsi in qualsiasi cavit corporea, c' be visualizzare la tensione addominale, come se fosse l'ac-
il pericolo che si possa stimolare la manovra Valsalua (nella cumulo di pressione, dal di sotto del pavimento. Tenetelo
quale si tenta di espirare con la bocca e il naso chiusi) o la in una posizione fissa mentre aumentate la pressione attra-
sindrome della pressione pelvica, nonch degli isometrici i verso I'attivit delle costole per poter espellere l'aria in ba-
quali non implicano movimento d'aria." se a questa pressione. Non riesco a concepii-lo in questo
"Ma l'insegnate non riuscir mai a comunicare quest'idea modo, ma so che tanti insegnanti lo immaginano cos. Se-
raccomandando agli studenti di spingere con questo mu- condo me, questo non il sostegno."
scclo o con quell'altro. lo li faccio soffiare e permetto loro "ll sostegno sempre un fenomeno riduttivo. Secondo la
di osservare il proprio corpo senza lo strumento. Adopero legge di Boyle, laddove il musicista aumenta la pressione,
apparecchi particolari, faccio riempire palloncini oppure avr una camera ridotta. Ora, se si pu ingrandire la came-
spegnere fiammiferi; quindi dimostro come si pu prende- ra si pu anche ridurla. Ouando inspirate, diventa pi gr-an-
re quantit d'aria da qualsiasi parte del torace (la parte del de e, al contrario, pi piccola quando espirate. Ouando
corpo tra il collo e l'addome). in altre parole, attraverso un espirate, il cervello disattiva in modo naturale il diaframma
polenziale allenamento possono acquisire familiarit con il Di solito, la funzione espiratoria disattiva Ia funzione inspi-
corpo, al di fuori della musica, in modo da affrontare vari ratoria Se usate l'aria per creare pressione pelvica, il dia-
studi dell'uso che facciamo dell'aria nella vita quotidiana " lramma non si disattiva e rimane stimolato. I muscoll ad-
La confusione che hanno gli insegnanti dominai che di solito funzionano du-
riguardo il ruolo del diaframma e I'idea di rante I'espirazionc cominciano a con-
"sostegno" addominale dell'aria, in gran
trarsi determinando una chiusura o
parle responsabile dela preoccupazione blocco alla gola, lingua o labbra; con ia
di molti allievi per il tipo di pressione ri- conseguente pressione dell'aria verso
sultante da tensioni muscolari sbagliate.
"lnnanzitutto, il termine "sostegno" d . il basso sul diaframma {che gi si con-
]. trae verso il bassol per aumentare la
adjto a molt interrogativi Tante persone pressione pelvica come per I'espulsio-
sbagliano nel presupporre che la con- ne delle feci. Naturalmente, per evitare
trazione muscolare a dare sostegno. L'a- ci dobbiamo sviluppare un modo di
ria sc-rffiata dovrebbe essere il sostegno, soffiare diverso. Bisogna creare una
non la tensione dei muscoli del corpo, nuova abitucjine e questo, si sa, non
bens il flusso d'aria richiesto dall'ancia o avviene immediatamente. Una nr-rova
dalle labbra " abitudine ha bisogno di tempo per far
"Ouando affronlate la meccanica del mo-
s che venga raggiunto il livello sub,
vimento subentra la confusione; si tratta conscio."
di un rapporto causa effetto. Ouando il lacobs adopera una vasta gamma di
musicista soffia, il corpo sottoposto a esercizi non musicali per indurre l'al-
certi cambiamenti. Ci sono aumenti rile- lievo a distinguere fra il modo di sof,
vanti di tensione che si possono riscon- fiare libero e quello strozzato che
trare solamente toccando la persona. comporta un irrigidimento del torace
Verso la fine di un respiro verr stimolato e dei muscoli addominali. Per esem-
un cer[o numero di fibre. Ci sar un au- pio, soffiate sul dorso della mano si-
mento di attivit motoria per permettere bilando tra i denti il pi forte possibi-
a tutta l'aria di fuoriuscire, e ci varier le. Sentirete pochissima aria sulla
secondo la lunghezza la frase e della mano. Se soffiate liberamente sulla
quantit d'aria all'origine nei polmoni; ! mano, sentirete una considerevole
ma "sostegno" non vuol dire mai "musco- : quantit d'aria a bassa pressione. Il
li tesi", n durante una pausa di silenzio sibilo ad alta pressione ma a bassa
o mentre si soffia, n durante un dimi- quantit. Se serrate le labbra nel mez-
nuendo o un crescendo. ln altre parole, zo del sibilo, e quindi rilasciate il suo-
ci che tante persone chiamano "soste- no in modo esplosivo, avrete awertito
gno" non altro che un tipo di contrazio- una considerevole pressione dietro
ne statica, costante e isometrica. Ouesto alle labbra e anche dietro alla lingua.
non ha niente a che fare con il sostegno." Appena dischiudete le labbra, si veri-
"Lo posso spiegare da diversi punti di vi- fica un'immediata mancanza d'aria.
sta. Fate cos: pensate al diaframma co- "Negli allievi, molto spesso vediamo
me se fosse un pavimento, una parte mo- queste chiusure", dice Jacobs, "che
bile tra le cavit toracica ed addominale. hanno origine dalla s sibilante dal retro
Ora, se doveste accumulare una certa della lingua e perfino, in alcuni casi,

I FIATI 51
ffi II$IOIOOIfl/ LA DINAMICA DE,LLA RE,SPIRAZIONE

dall'unione della laringe con l'epiglottide. Se un allievo ra prima di poterla applicare al fagolto ln seguito si faccia
"
blocca l'aria con la lingua, permettendole pochissimo movi- solamente con l'ancia, ma soffiando in modo esagerato
"L'esagerazione uno strumento importante Fare cefte co-
mento, ma ad alta pressione, lo incoraggio immediatamen-
te ad usare una vocale aperta tipo o oppure ah. Si ha a che se in modo semplicemente giusto non quello che si vuo-
fare con il linguaggio per tutta la vita, e il linguaggio implica le Non cos che awiene il riconoscimento. Bisogna anda-
I'uso deila lingua. Con gii anni abbiamo consolidalo una re otre. Siccome non si ha a che fare con la musica' non c'
forlissima riposta riflessiva per conferirle forma. Il suono di alcun rischio. Ouindi, quando si arriva al fagotto non c' da
una tromba o d un fagotlo pu assomigliare ad un cantan- preoccuparsi dei cambiamenti corporei, ma si pensi soltan-
te che canta oft con la voce. Cercate quel suono e la forma to allo studio dell'aria.
"E' naturale che i polmoni si ridinrensionino man mano
della lingua sar corretta. Ouesto si riferisce a qualsiasi bi-
sogno di permettere l passaggio del flusso d'aria." che consumate l'aria L'allieva di fagotto lo ha reso innattt-
Una signora che assisteva ad un recente stage di iacobs al- rale. Come insegnante, occorre un progralrma che la ricon-
la Northwestern University gli chiese come poteva aiutare duca a ci che naturale. Appena iniziato questo processo'
una sua allieva di fagotto, che faceva dell'aria un ostacolo, l'allieva comincia ad adoperare i'aria come fiato per disatti-
"un rruro", cio compressa e tesa, con l'evidente risultato vare il diaframma. Non ci pu essere irrigidimento della pa-
di un suono orribile rete addominale anteriore senza l'antagonista, ossia il dia-
"lnnanzitutto," le rispose, "le tolga il fagotto dalle mani. framma ll cervello disattiver questa azione e' man mano
Non occorre l'uso dell'ancia; semplicemente le metta qual- che il diaframma risale, scoprir che I'allieva in grado di
cosa in bocca. La faccia cominciare a soffiare semplicemen- soffiare contro l'ancia, dove occorre fiato. Se lei le spiega
te o a sofiiare contro qualcosa per poter osseryare quanto bene queste cose, l'allieva capir, ma non sar trr grado di
succede nel punto colpito dall'aria. L'imporlanza di questo conrunicarle al proprio corpo. ll fiato diventa il segnale cor-
approccio non nel correggere ci che sbagliato ma piut- poreo del cambiamento."
tosto nello stabilire ci che corretto "
"lo le darei un paio di cannucce e la farei soffiare contro le St rnnrrn DEL suoNo
pagine di un libro per vedere cosa succede dall'altra parte.
La farei soffiare su fiammiferi oppure gonfiare un vecchio "Ma il fiato, alla fine, solo una parte minore La produzio-
palloncino, ma sempre con I'intenzione di familiarizzarla ne del suono quella maggiore. Adoperiamo il fiato come
con l'aria anzich con la pressione dell'aria. Lo studio del carburante. Utto strumento a fiato fa vibrare ie onde sono-
parlo o del lossire rende f idea di ci che pu fare la pres- re; esso reagisce al suono e lo anrlllifica in base a caratter-
sione dell'aria. Comunque quando studiate l'effetto rinfre- stiche acustiche. Il nostro fiato non usato per riempire
scante del soffiare l'aria su un'ustione della mano o quan- uno strumento. Esso utilizzato dail'inrboccatura come
do fate c che facevo io da ragazzo, sparare piselli alla gen- energia per far vibrare le labbra "
le con una cannuccia, avrete un'allra idea di quello che l'a- "Perci gli strumentisti non dovrebbero preoccuparsi del
ria resce a fare " fiato bens delia qualit del suono. Nell'ottenere il suono,
La signora fece notare che l'allieva in questione era una avrete tutti i suoi requisiti a livello nconscio ll solfiare urr
cantante che aveva iniziato lo studio del lagotto l'anno pre- fattore secondario; il suono non pu esistcre senza tl soffia-
cedente. Chiese: "E' vero che t cantanti hanno bisogno di re, ma il soffiare pu esistere serrza il suono. Come aflisti,
grandi quantit d'aria?" mirate al prodollo, suono e fraseggio e luttc le emozioni
"No, l'esatto contrario," rispose Jacobs. "t cantanti adope- della musica, adoperando i processi del pensero che sti-
rano meno aria di chiunque altro. La loro ancia sta nella molano le funzioni motorie; ma non c' da preoccuparsi
gola e di conseguenza devono mantenere una considerevo- della funzione. Occupatevi del suono. Adopererete il fiato
le pressione nella zona della laringe. Per suonare il fagotto, in base alla necessit. Lo farete principalmente senza ba;
l'allieva adopera la tecnica del canto. In confronto al canto, dare all'aria. Si dovrebbe utilizzare I'aria liberamente; spre-
quando si suona il fagotto si avr l'impressione di un gran- catela, fateci quello che volete. ll musrcista consapevole
de volume d'aria in movimento. E' importante riconoscere della comunicazione del suono a chiunque si rivolga."
che ha gi consolidato delle abitudini." "Ouesto iI caso di qualsiasi strumento a fiato. Si insegna
"Cominci con movimenti meccanici senza lo strumento per la capacit, nonch la bravura, nel fraseggio e nello studio
far s che I'allieva sperimenti cambiamenti nel rapporto ad- della dinamica. Man mano che la produzione del suono di-
dome-diaframma. La costringa a creare movimenti esage- venta sempre pi efficiente, e cos sar, scoprirete di usare
rati nel'area addominale tipo tirare dentro la pancia, spin- il fiato con maggiore facilit lo sono vecchio, ma me la ca-
gerla fuori, all'ins o all'ingi; questa l'area che ha stabi- vo ancora molto bene per quanto riguarda il suonare uno
lizzato, ora la destabilizzi di proposito. Dia inizio all'attivit strumento ad ottone perch le mie labbra rispondono in
muscolare per il cambiamento davanti ad uno specchio in modo rapido ai miei pensieri. Muovere l'aria sotto pressio-
modo che i sensi lavorino insieme per raffozarsi. Non va ne necessario alle mie labbra per vibrare, ma esse non
fatto alcun riferimento alla musica, altrimenti l'allieva sa- cercano di resisterle. Cercano di vibrare secondo i pensieri
rebbe costretta a combattere le proprie abitudini." provenienti dal cervello in termini di suono."
"Ouindi faccia riferimento ai movimenti dell'aria attraverso Naturalmente, ci sono molti modi in cui studenti e pro-
l'uso del moto, tutti i giorni, spegnendo fiammiferi, inspi- fessionisti inibiscono la propria capacit di esprimere li-
rando grandi quantit d'aria, allargando il torace. Ci vorr beramente il suono. Probabilmente il pi comune una
qualche settimana, esercitandosi tutti i giorni. L'allieva, nel- cattiva postura. "La postura molto importante," ricono-
l'area dell'addome, dove era rigida, comincer a stabilire la sce lacobs. "Noi siamo strutturati in modo da avere la
motilit di funzione. La si deve riconoscere in questa manie- massima capacit di uso dell'aria stando in piedi, come

52 I FIATI