Sei sulla pagina 1di 321

settembre/september

2017

1016 LA CITT DELL UOMO


RIMADESIO.IT
THE SPIRIT OF PROJECT
PANNELLI SCORREVOLI SAIL, TAVOLO LONG ISLAND, TAVOLINO TRAY DESIGN G.BAVUSO
LA CITT
T DELL UOM
MO

Termine
La rivista Domus e DIARC Dipartimento di Architettura
per partecipare
dellUniversit degli Studi di Napoli Federico II promuovono
e organizzano la VII edizione del corso di Master in Progettazione
alle selezioni
di Eccellenza per la Citt Storica, che avr inizio nel mese di
novembre 2017 e terminer nel mese di ottobre 2018
18.09.2017
www.masterneapolis.org

MASTER DI II LIVELLO
Docenti invitati Concluso il corso, i progetti
sviluppati verranno discussi
Wiel Arets Vittorio Magnago Lampugnani Jonathan Sergison
da una giuria composta da:
Alberto Campo Baeza Francisco Mangado Jrg Springer
Florian Beigel & Philip Christou Manuel Mateus Peter St John David Chippereld
Peter Cody Vincenzo Melluso Nicola Di Battista
Francesco Collotti Andrs Palffy Hans Kollhoff
Tony Fretton Christopher Platt Eduardo Souto de Moura
Annette Gigon Karl-Heinz Schmitz

ORGANIZZAZIONE E FINALIT SELEZIONE E ISCRIZIONI TEMA DEL PROGETTO

Coordinatore Collegio degli Esperti Il corso riservato a chi in Architettura, citt storica e
Ferruccio Izzo Pasquale Belore possesso di diploma di laurea nella universit sono gli elementi della
Direttore laboratorio David Chippereld classe delle lauree magistrali e ricerca che verr sviluppata nel
ricerca progettuale Vincenzo Corvino specialistiche in architettura e Centro Antico di Napoli.
Alberto Izzo Nicola Di Battista ingegneria. I singoli progetti architettonici
Andrs Palffy La selezione avverr secondo verranno ricondotti allinterno
Direttore laboratorio Ambrogio Prezioso i criteri e le modalit indicate di un insieme coordinato di
ricerca storico-critica Roberto Serino nellapposito bando pubblico interventi, nalizzato alla
Renato De Fusco Eduardo Souto de Moura (vedi: www.masterneapolis.org). realizzazione di un campus
Direttore laboratorio di sostenibilit Francesco Tuccillo Il corso di Master, che si universitario diffuso, integrato in
nanziaria e amministrativa Roberto Vanacore svolger a Napoli negli spazi del modo sinergico con il cuore antico
Pasquale Persico Dipartimento di Architettura a della citt. La ricerca intende
Il corso che verter sulla storia, Palazzo Gravina, ha un costo di mettere in opera un cambiamento
Direttore laboratorio arti visive sullidentit e sulla cultura delle 1.500,00. possibile per la rigenerazione e il
Vincenzo Trione citt storiche europee intende Il master, di durata annuale, rilancio del centro antico di Napoli.
Consiglio scientico Federico II formare progettisti capaci di prevede un periodo di tirocinio
Roberta Amirante lavorare, in contesti storici. presso studi di architettura,
Alessandro Castagnaro Il ne ultimo affrontare la istituzioni o aziende in Italia e
Valeria DAmbrosio rigenerazione della citt europea, allestero da giugno a ottobre 2018.
Giovanni Laino trovando la cultura, i modi e le
Mario Rosario Losasso misure per la sua continuazione.
Gaetano Manfredi
Pasquale Miano
Giovanni Multari
Renata Picone
Michelangelo Russo
LA CITT
T DELL UOM
MO

Domus magazine and the Department of Architecture


Last day
of the University of Naples Federico II (DIARC) are
promoting and organising the seventh edition of the
for application:
master degree course in Design for Historic Cities,
starting November 2017 and ending October 2018 18.09.2017
www.masterneapolis.org

POST GRADUATE
MASTERS DEGREE
Invited lecturers At the end of the course, the
developed projects will be
Wiel Arets Vittorio Magnago Lampugnani Jonathan Sergison
debated by a jury composed oof:
Alberto Campo Baeza Francisco Mangado Jrg Springer
Florian Beigel & Philip Christou Manuel Mateus Peter St John David Chippereld
Peter Cody Vincenzo Melluso Nicola Di Battista
Francesco Collotti Andrs Palffy Hans Kollhoff
Tony Fretton Christopher Platt Eduardo Souto de Moura
Annette Gigon Karl-Heinz Schmitz

ORGANISATION AND AIMS APPLICATION AND SELECTION PROJECT THEME

Coordinator Experts Committee Participation requires a masters Architecture, historic city and
Ferruccio Izzo Pasquale Belore degree. university are the specic elements
Studio director of design research David Chippereld The criteria of the selection process of the research mix within which
Alberto Izzo Vincenzo Corvino are stated in the public notice at individual architecture projects
Nicola Di Battista www.masterneapolis.org will be developed in the old centre
Studio director of historical Andrs Palffy The masters degree course costs of Naples. The single architectural
and critical research Ambrogio Prezioso 1,500 euros and will take place projects will be coordinated within
Renato De Fusco Roberto Serino in Naples at the Department of a masterplan aimed at building
Studio director of nancial and Eduardo Souto de Moura Architecture at Palazzo Gravina. a diffused university campus
administrational sustainability Francesco Tuccillo The Master course organizes for synergically integrated in Naples
Pasquale Persico Roberto Vanacore enrolled students an intership ancient core. The research will be
Studio director of visual arts period from June to October 2018 conducted with the goal
The course focuses on the history, at architectural rms, institutions of proposing a new approach to the
Vincenzo Trione identity and culture of historic or companies in Italy regeneration and rehabilitation of
Federico II Scientic Committee European cities with the aim of the old city centre of Naples.
Roberta Amirante training students to work with the
Alessandro Castagnaro tools of contemporary architecture
Valeria DAmbrosio in that context. Its ultimate goal is
Giovanni Laino the regeneration of European cities
Mario Rosario Losasso through the continuation of their
Gaetano Manfredi own cultures, means and measures
Pasquale Miano
Giovanni Multari
Renata Picone
Michelangelo Russo
Luciano Pagani, Angelo Perversi Flipper FortyFive.
UniFor
via Isonzo, 1 t +39 02 967 191 www.unifor.it vitra. distribuito in Italia da UniFor
22078 Turate (Como) Italy f +39 02 9675 0859 unifor@unifor.it vitra. is distributed in Australia by UniFor
Art Direction Photo
Studio Cerri & Associati Mario Carrieri
TOPS ON TOP
Cindy Crawford per Silestone Eternal Marquina

On Top

Scopri di pi sul sito silestone.com | Seguici su F T

Scopri la
Nuova Finitura
Si ringrazia Cino Zucchi Architetti

Empowering inspirational thinkers. Since 1928.


ABBONATI
DOMUS DIGITAL EDITION
Resta aggiornato sui temi pi rilevanti e i progetti pi
innovativi dellarchitettura e del design contemporaneo

LEGGI DOMUS SU PC, TABLET E SMARTPHONE SENZA LIMITI

A PARTIRE DA 14,99
UNA LETTURA CRITICA
I PROGETTI PI E INDIPENDENTE

settembre/september euro 10.00 Italy only


periodico mensile
2017 d. usc. 01/09/17

1016 LA CITT DELL UOMO

settembre/september euro 10.00 Italy only


periodico mensile
2017 d. usc. 01/09/17

1016 LA CITT DELL UOMO

PI RILEVANTI PI INTERESSANTI

ABBONAMENTO DIGITALE ABBONAMENTO DIGITALE


3 MESI SCONTO 1 ANNO SCONTO
PER TE 3 MESI DI DOMUS DIGITAL PER TE 1 ANNO DI DOMUS DIGITAL
A soli 14,99 anzich 17, 7 16% A soli 42,99 anzich 65,8 35%
Per attivare labbonamento vai su
shoped.it/domusdigital
Tutti i prezzi sono IVA inclusa. Lo sconto computato sul prezzo di copertina. La presente offerta, in conformit con lart.45 e ss. del codice del consumo,
formulata da Editoriale Domus Spa. Per labbonamento digitale non previsto il diritto di recesso. Per maggiori informazioni visita www.shoped.it/cga
Thanks to Cino Zucchi Architetti

Empowering inspirational thinkers. Since 1928.


SUBSCRIPTION OFFER
Since 1928 Domus has set a benchmark for architecture, design and
contemporary art. Subscribe to Domus and get the magazine sent
FKTGEVVQ[QWTJQOGQTQHEGRNWUHTGGCEEGUUVQVJGFKIKVCNGFKVKQP

;'#41(&1/75
+
(4''#%%'5561&1/75&+)+6#.'&+6+10

1 year (11 issues) of Domus + Shipping Charges:


HTGG CEEGUU VQ VJG FKIKVCN GFKVKQP + 72.00 1TFKPCT[ /CKN  9QTNFYKFG
+ 117.00 2TKQTKV[ /CKN  'WTQRG /GFKVGTTCPGCP %QWPVTKGU
1PN[ 72.00 +
+
127.00
137.00
2TKQTKV[ /CKN  #HTKEC #OGTKEC #UKC
2TKQTKV[ /CKN  1EGCPKC
UJKRRKPI EJCTIGU CEEQTFKPI VQ FGNKXGT[ CPF FGUVKPCVKQP

6Q CEEGUU VJG FKIKVCN GFKVKQP KPENWFGF KP [QWT RTKPV UWDUETKRVKQP XKUKV YYYFQOWUYGDKVUWDUETKDGT QT
FQYPNQCF VJG HTGG #RR HTQO #RRNG 5VQTG QT 2NC[ 5VQTG

To start your subscription


XKUKV UJQRGFKVGPFQOWU
FKCN 
 CO   RO  RO   RO

'ORQYGTKPIKPURKTCVKQPCNVJKPMGTU5KPEG
#NNRTKEGUCTGKPENWUKXGQH8#66JGFKUEQWPVKUECNEWNCVGFDCUGFQPVJGEQXGTRTKEGDGHQTGTGVCKNRTQOQVKQPCNQHHGTU6JKUQHHGTKPEQORNKCPEGYKVJCTVCPFUWDUGSWGPVCTVKENGUQHVJG%QPUWOGT
%QFGKUHQTOWNCVGFD['FKVQTKCNG&QOWU5RC;QWOC[YKVJFTCYHTQOVJGQHHGTYKVJKPFC[UQHTGEGKRVQHVJGTUVKUUWG(QTHWTVJGTKPHQTOCVKQPRNGCUGIQVQUVQTGGFKFQOWUKVEICGP
MINIMALIST DESIGN
DEMANDS MAXIMUM PRECISION

Timeless design for timeless architecture, built by SieMatic


W W W. S I E M ATIC.COM /S HOWROOM S
Indoor Outdoor: Mystone Ardesia Cenere
www.marazzi.it

Human Design
Da pi di ottantanni progettiamo ceramiche in cui tecnica e innovazione sono al servizio
delle persone. Perch il vero design nasce sempre attorno alle emozioni di chi lo vive
Tel. +36-1-2561672 KOREA Fax: +974 44429424 / 44373925 Dynapress Marketing SA
Fax +36-1-2568727 Upa Universal Public Agency ROMANIA 38 Avenue Vibert
ICELAND Upa Building II Suite 1002 - 20 Romdidac Sa 1227 CAROUGE
Penninn-Ib Press Distribution Hyoje-Dong, Chongro-ku Mihaela Bolboasa Tel.+41-22-3080808
Grensasvegur 11 SEOUL Sfanta Vineri Street 32 Sec 3 Fax+41-22-3080859
Alfheimun 74 Tel. +82- 2-36720044 030205 BUCHAREST Cumulus Fachbuchhandlung AG
108 REYKJAVIK Fax +82- 2- 36721222 Tel +40-213-212575 Postfach 456
Tel. +354-5402000 Korea Publications Service Inc Fax +40-213-234280 Huegelistrasse 3
Subscription & Distribution Agencies Fax +354-5680411 Mapo P.o.Box 227 RUSSIAN FEDERATION 5040 SCHOEFTLAND
INDIA SEOUL (121-600) Press Point International Tel. +41-62-7393090
A.M. Distributors Tel. +82- 2-31419293 Bol'shaya Pochtovaya Str,36 Fax+41-62-7393099
indicates domestic distributors CZECH REPUBLIC Fax +49-89-2289167 H-28 Sector-12 Noida Fax + 82- 2- 31419291 Bldg 10 Edigroup SA
Linea Ubok Mayer'sche Buchhandlung Gmbh 201301 GAUTAM BUDH NAGAR World Magazines Co. Ltd. 105082 Moscow Case Postale 393
ARGENTINA Na Prikope 27 Matthiashofstrae 28-30 Tel. +91-120-2587358 Yujin Bldg 101 13-7 Nonhyun-Dong Tel. + 7 495 9847287 1225 CHENE-BOURG
Importacion de Publicaciones 11349 PRAHA 1 52064 AACHEN International Subscription Agency Kangnam-Gu Fax + 7 495 9880916 Tel. +41-22-8608404
Subscription Agency Tel. +42-2-72180322 Tel. +49-241-4777400 3rd Floor SEOUL 135-010 Mk-Periodica Fax +41-22-3484482
Juan B Justo 255 Fax +42-2-72180315 Fax +49-241-4777479 New Rajinder Nagar Tel. +82-2-529 9123 Ul. Elektrodnaya 10 Karger Libri AG
6300 SANTA ROSA Myris Trade Ltd Mode....Information Gmbh 110060 NEW DELHI Fax + 82-2-529 9124 111524 MOSCOW P.o Box
Tel. + 54- 2954-410635 V. Stihlach 1311 Pilgerstrae 20 Rhino International Agencies Yes Book Inc. Tel. +7-95-2813322 4009 BASEL
AUSTRALIA 14201 PRAHA 4 05063 OVERATH 4th Floor Sector 17 3F Daekwang Bldg 62-67 Fax +7-95-2813322 Tel. +41-61-3061500
Europress Distributors Pty Ltd Tel. +42-2-4752774 Tel. +49-2206-60070 74 Mahavir Centre Chanchen-Dong Seodaemoon-Ku Metec Ltd Fax +41-61-3061234
123 McEvoy Street Dovoz Tisku Praha Suweco Cz Sro Fax +49-2206-600717 400703 NAVY MUMBAY SEOUL Office 103 Luethy+Stocker AG
2015 ALEXANDRIA NSW Klecakova 347 Otto Harrassowitz Timely Management Tel. +82-2-31414300 21 Vekovaya Street Gurzelngasse 17
Tel. +61-2-96984922 18021 PRAHA 9 Taunusstrae 5 15/4 Shivpurinear Chembur Naka Fax +82-2-31410092 109544 MOSCOW 4500 SOLOTHUM
Fax +61-2-96987675 Tel. +42-2-66317368 P.O. Box 2929 Sion Trombay Road MJS International Inc Tel. +7-95-9157885 Tel. +41-32-6223522
D.A. Books & Journal Fax +42-2-84821646 65183 WIESBADEN 400071 CHEMBUR MUMBAY P.o. Box 9260 Fax +7-95-9157637 Fax +41-32-6221455
648 White Horse Road DENMARK Tel. +49-611-5300 Informatics India Ltd SEOUL 100-692 SINGAPORE Stheli Buchhandlung
3132 VIC MITCHAM A/S Bladkompagniet Fax +49-611-530560 Po Box 400 Journalpia Co Ltd Basheer Graphic Books Postfach
Tel. +61-3-92107777 (Ex Interpress Denmark) Sautter & Lackmann 194 R V Road Asavanagudi C P O Box 5907 Blk 231 - 04 - 19, Bain Street, 8021 ZRICH
Fax +61-3-92107788 Islevdalvej 205 Admiralittstrae 71/72 560 004 BANGALORE SEOUL 100-659 Bras Basah Complex Tel. +44-1-2099111
Hinton Information ServicesLocked Dk 2610 Rodovre 20459 HAMBURG Fax +91-804-0387600 Tel. +82-2-6774713 180231 SINGAPORE Fax +44-1-2099112
Bag 9 Tel. + 45 70207225 Tel. +49-40-373196 India Book House Subscription Fax +82-2-6753719 Tel. +65-63360810 Librairie Ex Nihilo
2122 EASTWOOD Rhodos Fax +49-40-365479 Agency Prudential Publications Inc Fax +65-6334 1950 6 Avenue William Fraisse
Tel. +61- 2-98046199 Strangade 36 Buchhaus Stern Verlag D 302 3rd Floor Twin Arcade C P O Box 3861 SLOVAKIA Case Postale 1016
Fax +61-2-98026344 1401 COPENHAGEN K Postfach 101053 Military Road Marol Andheri SEOUL 100-638 Interpress Slovakia Ltd 1001 LAUSANNE
AUSTRIA Tel. +45-3-1543060 40001 DUESSELDORF 400 059 MUMBAI Tel. +82-2-36754300 Vyhonska 13, Tel. +41-21- 6010747
Morawa Pressevertrieb Gmbh Fax +45-3-2962245 Tel. +49-211-38810 Tel . +91-22-9253552 Fax +82-2-36754303 83106 BRATISLAVA Fax +41-21-6010747
& Co. KG. Bierman & Bierman Is Fax +49-211-3881200 Total I.T. Solutions Pvt Ltd Will Journal Inc. Tel. +421-2-44871501 Schreiber Buchhandlung
Hackingerstrasse 52 Vestergade 126 Wasmuth Buchhandlung 514 Suneja Tower I C P O Box 2024 Fax +421-2-44871346 Postfach
11440 WIEN 99007 GRINDSTED Pfalzburger Strae 43/44 District Center Janak Puri Seoul 100-620 Slovart Kirchgasse 7
Tel. +43-1-910760 Tel. +45-7-5320288 10717 BERLIN 110058 NEW DELHI Dongnam Books Inc Krupinska 4 4603 OLTEN
Ikon Verlagsgesmbh Fax +45-7-5321548 Tel. +49-30-8630990 Tel. +91-112-583332123 2 5 IItaewon Dong Yongsan Gu 85299 BRATISLAVA 5 SWITZERLAND CANTON TICINO
Industriestrasse B 16 DUBAI Fax +49-30-86309999 IRAN SEOUL 140-200 Tel. +42-12-68839471 Valora Schweiz Ag
2345 Brunn Am Gebirge Jashanmal National Co.(L.L.C.) Decius Buchhandlung Gmbh Diyar Publishers Tel. +82-2-79006903 Fax +42-12-63839485 Hofackerstr. 40
Pirngruber R. Npp Division Marktstrasse 52 Po Box 14515 1138 Fax +82-2-7901723 SLOVENIA 4132 Muttenz (Svizzera)
Landstrasse 34 P.o. Box 1545 30159 HANNOVER TEHRAN LEBANON Distriest D.O.O. Tel. + 41 91 9309551
4020 LINZ DUBAI Tel. +49-511-3647683 Tel. +98-21-44221209 Messageries du Moyen Orient Partizanska 75/A Fax + 41 919366131
Tel. + 43-732-776376 Tel. +971-4-2665964 Fax +49-511-3647644 Fax +98-21-44216553 de la Presse e du Livre Sal 6210 SEZANA TAIWAN
Fax +43-732-784137 Fax +971-4-2650939 Delbanco F. ISRAEL B.P. 11 Tel.+386-5-7070250 Super Team Technology Co., Ltd
BELGIUM ESTONIA Intl. Books and Journals Teldan 6400 BEYROUTH Fax+386-5- 7300480 No.13, Alley 58 Lane 278 Yong
AMP Lehepunkt Ou Bessemerstrasse 3 P.o. Box 18094 Tel. +961-1-487999 SOUTH AFRICA Ji Rd.
Lenniksebaan 451 Route de Lennik Poikmae 2 Saku Vald 21304 LUENEBURG 61180 TEL AVIV Fax+961-1-488882 International Subscription Service TAIPEI
1070 ANDERLECHT 76406 TANASSILMA KULA Tel. +49-41-3124280 Tel. +972-3-6950073 LITHUANIA P.O. BOX 41095 Craighall Tel. +886-2-7685950
Tel. +32-2-5251409 Tel. +37-2-6336080 Fax +49-41-31242812 Fax+972-3-6956359 Impress Teva 2024 JOHANNESBOURG Fax +886-2-7654993
Fax +32-2-5251806 Fax +37-2-6833480 Goethe Buchhandlung JAPAN M. Slezeviciaus 7 Tel. +27-11-6466558 Chii Maw Enterprise Co. Ltd.
Librairie Universitarie Alpha Ke Subscription Ltd. Willstaetterstrasse 15 Kinokuniya Co Ltd 2035 VILNIUS Fax +27-11-6466565 No. 6, Lane 101, Sec. 1, DA AN Rd
Rue de Termonde 140/142 Uus 16 C 2 40549 DUESSELDORF Book Impt Dept Tel. +37-2-304402 SPAIN TAIPEI
1083 BRUXELLES 10111 TALLIN Tel. +49-211-52704174 3-7-10 Shimo Meguro Fax +37-2-304397 Iberpress Espana S.L. Tel. +886-2-27781768
Tel. +32-2-4683631 Tel. +37-26-411753 Fax +49-211-52704477 153-8504 Meguro-Ku Ir Knygos Avenida Sur del Aeropuerto de Fax +886-2-27782907
Fax +32-2-4683712 Fax +37-26-411754 Schweitzer Sortiment Ohg TOKYO Kauno Pilies Ziedas Barajas Nmero 38 - 2 planta Multi Arts Corporation.
Story-Scentia Pvba FINLAND Elsenheimerstrasse 41 43 Tel. +81-3-691005301 Jonavos Str 3 Centro de Negocios Eisenhower No.4 Lane 25 - Sung Chiang Rd
P.Van Duyseplein In 8 Akateeminen Kirjakauppa 80687 MUENCHEN Fax +81-3-691005301 44269 KAUNAS 28042 MADRID TAIPEI 104
9000 GENT P.o. Box 23 Tel. +49-89-55134238 hidai@kinokuniya.co.jp Tel. +37-3-7525299 Tel. +34-91-7481370 Tel. +886-2-25052288
Tel. +32-9-2650511 Stockmannintie 1 H Fax +49-89- 55134101 Asahiya Shoten Ltd MALTA Fax+34-91-746 2414 Fax +886-2-2516 8366
Fax +32-9-2650515 00381 HELSINKI Steinsche Buchhandlung Gmbh 17 Toyosaki Miller Distributors Ltd Diaz de Santos SA Super Channel Enterprise Corp.
BRAZIL Tel. +358-9-1214330 Steinerstrasse 10 3 Chome Kita-Ku Miller House Tarxien Road Airport Calle Balmes 417-419 P.o.Box 43478
B and White Livros e Revistas Fax +358-9-1214441 59457 WERL 531-0072 OSAKA Way 08022 BARCELONA TAIPEI 110
Ltda. Lehtimarket Oy Tel. +49-29-22958900 Tel. +81-6-63727251 LUQA Tel. +34-93-2128647 Tel +886-2-27298337
Rua Vespasiano 560 Villa Romana P.O. Box 16 Fax +49-29-22958909 Fax +81-6-63755650 Tel. +356-21664488 Fax +34-93-2114991 Fax +886-2-27298367
05016-000 SAO PAULO 01641 HELSINKI Toechle Mittler Gmbh Bookman's Co. Ltd. Fax+356-21676799 Libreria Cervantes Bookshop SL Forth information Inc.
Tel. +55-11-36736668 Tel. +358-9-8527880 Hindenburgstrasse 33 2-3-3 -401 Uenosaka Toyonaka MOROCCO Doctor Casal 3 Y 9 11F N 111 Hoping E Road Sec 2
Fax +55-11-36753573 Fax +358-9-8527990 64295 DARMSTADT OSAKA 560-0012 Sodipress 33001 OVIEDO TAIPEI 106
Hb Revistas Tecnicas Int. FRANCE Tel. +49-61-5133665 Tel. +81-6-68504107 10 Place Des Nations Unies Tel. +34-98-5212455 Tong Hsin Enterprise Co. Ltd
Rua Traipu 625 Pacaembu Presstalis Fax +49-61-51314048 Fax +81-6-68504108 20000 CASABLANCA Fax +34-98-5219255 Ellen Pan
01235 000 SAO PAULO SP 30 Rue Raoul Wallenberg Lehmanns Fachbuchhandlung Hakuriyo Co Ltd NETHERLANDS Publicaciones de Arquitectura 96 Lane 67 Lin Sheng North Road
Tel. +55-11-38266777 75019 PARIS Hardenbergstrasse 5 1-4-22 Shimanouchi Chuo-Ku Bruil & Van de Staaij y Arte TAIPEI 104
Fax +55-11-36666435 Tel. +33-1-49287042 10623 BERLIN OSAKA 542 Douwenmaat 6 General Rodrigo 1 THAILAND
Infotech Ltda Fax +33-1-49287622 Tel. +49-30-61791154 Tel. +81-6-2525250 7942 KD MEPPEL 28003 MADRID Asia Books Co. Ltd.
Av Sgt Geraldo Santana 683 Internationale Press Service Fax +49-30-61791162 Fax +81-6-2525964 Tel. +31-522-261303 Tel.+34 -91-5546106 Berli Jucker House, 14Th Floor, 99
AP 42-1 Ips Sarl GREAT BRITAIN Hokuto Corporation Fax +31-522-257827 Fax +34-91-5532444 Soi Rubia, Sukhumvit 42 Road,
04674-225 Sao Paulo SP 189 Rue dAubervilliers Comag Specialist Division 34 8 Yayoicho Erasmus Boekhandel Bv Alibri Llibreria S.L. Prakanong, Klongtoey, Bangkok
Tel. +55-11-55242538 75018 PARIS Tavistock Works 3 Chome Nakano-Ku PO Box 19140 Balmes 26 10110
Periodicals Publicacoes Tecnicas Tel. +33-1-46076390 Tavistock Rd. TOKYO 164-0013 1000 GC AMSTERDAM 08007 BARCELONA Tel. + 66 2 715 9000
AV Elmira Martins Moreira 455 Fax +33-1-46076590 WEST DRAYTON Maruzen Co Ltd Tel. +31-20-6276952 Tel. +34-93-3170578 Fax + 66 2 715 9197
12306 730 JACAREI SP Ebsco Information Services Middlesex UB7 7QX Po Box 671 Ginza Branch Fax +31-20-6206799 Libreria Camara TURKEY
Fax +55-123-9585110 Boite Postal 57 Tel. +44-1895-433811 TOKYO 100-8692 Swets Information Services Bv Eskalduna 6 Yab Yay Yayincilik Sanay Ltd
PTI 91871 PALAISEAU CEDEX Fax+44-1895-433801 Tel. +81-3-63676047 Heereweg 347 B 48008 BILBAO Besiktas Barbaros Bulvari 61
Rua Peixoto Gomide 209 Tel. +33-1-69104700 Central Books Fax +81-3-63676160 2161 SZ LISSE Tel. +34-94-4221945 Kat 3 D3
01409 901 SAO PAULO SP Fax +33-1-64548326 99 Wallis Road Meiji Shobo Co Ltd Tel. +31-252-435111 Fax +34-94-4217700 BESIKTAS ISTANBUL
Tel. +55-11-31592535 Lavoisier Abonnements LONDON E9 5LN 2-4 Surugadai Kanda Fax +31-252-415888 Sustec Outsourcing S.L. Tel. +90-212-2583913
Fax +55-11-31592450 14 Rue de Provigny Tel. +44-20-85258825 TOKYO 101-0062 Ilge Subscription Management Balmes 207 2 2 Fax +90-212-2598863
BULGARIA 94236 CACHAN CEDEX Fax +44-20-85335821 Fax +81-3-32910728 Postbus 87592 08006 BARCELONA Arti Perspektif Ltd
Pulsar Agency Tel. +33-1-47406700 DLJ Subscription Agency My Book Service Inc 1080 JN AMSTERDAM Tel. +34-93-3685539 Acibadem Mah Zeamet Sok
11 Yantra Street Fax +33-1-47406703 122 A Richmond Road P.o. Box 12 Koganei Tel. +31-20-6441842 Llibreria Altair SL 35 Demircan Sit B2 Blk 3A B
1124 SOFIA France Publications LONDON SW20 0PA TOKYO 184 8691 POLAND C Gran Via 616 34718 KADIKOY ISTANBUL
Tel. +35-92-8467479 40-42 Rue Barbes Tel. +44-208-9461616 Tel. +81-3-32950402 Pol Perfect Sp Z.O.O. 08007 BARCELONA Tel. +90-216- 3392233
Fax +35-92-9449373 92541 MONTROUGE CEDEX Fax +44-208-9465941 Fax +81-3-32946179 Ul. Stagiewna 2C Garmar Fax +90-216- 3277696
CANADA Tel. +33-1-49656000 R.D. Franks Ltd Pan Book Service 03-117 WARSZAWA Fundadores 5 1 5 U.S.A.
Speedimpex Canada Inc Fax +33-1-46576188 Kent House 5 32 17 Arai Nakano Ku Tel. +48-22-5193951/52/53 28028 MADRID Speedimpex Usa Inc
Unit 6 Prenax Sa Market Place Oxford Circus TOKYO 165 Fax +48-22-5193950 Tel. +34-91-3611388 35-02 48th Avenue
1040 Martingrove Road 73 Rue Segoffin LONDON W1W 8HY Tel. +81-3-33885081 Press Import Fax +34-91-3610750 LONG ISLAND CITY NY 11101-
TORONTO ONT M9W 4W4 92400 COURBEVOIE Tel. +44-171-6361244 Fax + 81-3-32287941 P.o. Box 116 SWEDEN 2421
Tel. +1-416-7417555 Tel. +33-1-55177735 Fax +44-171-4364904 Shimada & Co Inc Ul. Sienna 63/40 Svenska Interpress AB. Tel. +1-718-3927477
Fax +1-416-7414634 Fax +33-1-55177701 Prenax Consolidation Centre 601 5 12 3 Minami Aoyama 00820 WARSZAWA Byangsgrand 8 - Box 90170 Fax +1-718-3610815
Librairie Univ du Quebec Metro GERMANY Chapel Mill Minato-ku Tel. +48-22-8253145 120 22 STOCKHOLM Ebsco Subscription Services
Pavillon Maurice Pollack W.E. Saarbach GmbH 29 Tamworth Road Kyodo Bldg. Shin Ayoama 5F A.B.E. Marketing Tel. +46-8-50650618 P.O. Box 1943
2305 Rue de lUniversite Loc Hans Bckler Strae 19 HERTFORD SG13 7DD Minato-Ku Ul. Grzybowska 37 A Fax +46-8-50650750 BIRMINGHAM AL 35201-1943
0112 50354 HRT HERMLHEIM Tel. +44-20-74286017 TOKYO 107-0062 00855 WARSZAWA BTJ Subscription Service Tel. +1-205-9911234
QUEBEC QC G1V 0B4 Tel. +49-2233-79960 Fax +44-20-74286000 Tel. +81-3- 34073978 Tel. +48-22-6540675 P.o. Box 200 Fax +1-205-9911479
Tel. +1-418-6562600 Fax +49-2233-799610 GREECE Fax +81-3- 34997455 Fax +48-22-6520767 22182 LUND Fennel Reginald Subscriptions
Fax +1-418-6562665 Georg Buechner Buchladen Hellenic Distribution Agency Ltd The Midori Book Store Co PORTUGAL Tel. +46-46-180190 1002 West Michigan Avenue
COLOMBIA Lauteschlaegerstrasse 18 51 Hephaestou Street 1-4-2 Shinsenri-Higashimachi Inp International News Portugal Fax +46-46-307947 JACKSON 49202 MI
Revistas Tecnicas 64289 DARMSTADT 19400 KOROPI TOYONAKA 560-0082 Ed. Smart Alameda dos Oceanos Prenax AB Wolper Sales Agency Inc
Ed. Camacol Of. 1006 Tel. +49-6151-77424 Tel. +30-21-12114300 Tel. +81-6-68312847 Rua Polo Norte, Box 1080 Suite 202 6 Centre Square
Calle 49 B 63 21 Fax +49-6151-719398 Fax+30-21-09936043 Tokyo Book Center Co Ltd 1 Fraccao 1E Parque da Nacoes 16425 KISTA EASTON 18042 PA
MEDELLIN Graff Buchhandlung Gmbh Biblios Service 3-12-14 Sendagaya Shibuya-Ku 1990-075 LISBOA Tel. +46-8-56410100 Tel. +1-610-5599550
CIPRO Sack 15 7 Akarnanias Street TOKYO 151-0051 Tel. +351-21-8982010 Fax +46-8-56410109 Publiciencia Ltd
Kronos Press Distribution Ag Plc 38100 BRAUNSCHWEIG 11526 ATHENS Tel. +81-3-34041461 Fax +351-21-8982029 SWITZERLAND 5950 Lakehurst Drive Suite 246
Nissou Ind Area - Limassol Ave 345A Tel. +49-531-480890 HONG KONG Fax +81-3-34041462 Livraria Ferin Lda Valora AG ORLANDO 32819 FL
2571 Nissou, Nicosia Fax +49-531-4808989 Foreign Press Distributors Ltd Yurindo Co Ltd Tau Rua Nova do Almada 72 Hofackerstrasse 40 Wt Cox Subscriptions
Tel. + 357 22711111 Karl Krmer Fachbuchhandlung Unit 4&6, 7/F, Block A, Tonic Indus- 881 16 Shinano Cho Totsuka Ku 1200 LISBOA 4132 MUTTENZ 201 Village Road
Fax + 357 22323942 Rotebuehlstrasse 42 A trial Centre, 26 Kai Cheung Road YOKOHAMA 244-8585 Tel. +351-21-3424422 Tel. +41-61-4672020 SHALLOTTE 28470 NC
CROATIA 70178 STUTTGART Kowloon Bay - Hong Kong Tel. +81-45-8255894 Fax +351-21-3467084 Fax+41-61-467 2961 Tel. +1-800- 5719554229
Algoritam Tel. +49-711-669930 Tel. + 852 27568193 Fax +81-45-8255654 Marka Ltd Melisa SA W.R. Watson & Staff
P.O.Box 23 Fax +49-711-628955 Fax + 852 27998840 Laxuza International Hi Ltd Rua Dos Correiros 92 2 Esq Zona industriale 714 Creston Road
Harambasiceva 19 Konrad Wittwer GmbH HUNGARY 3 32 5 Minamidai Nakano-Ku 1100 167 LISBOA C.P.107 BERKELEY 94708 CA
10000 ZAGREB Postfach 10 53 43 Hungaropress Distribution TOKYO 164-0014 Tel. +35-121-3224040 6930 BEDANO Prenax Inc
Tel. +38-51-2359349 70046 STUTTGART Tablas Utca 32 Tel +81-3-32296551 Fax +35-121-3224044 Tel. +41-91-9366109 10 Ferry St Suite 429
Fax +38-51-2335956 Tel. +49-711-2507320 1097 BUDAPEST Fax +81-3-32296670 QATAR Fax +41-91-9366160 CONCORD 03301 NH
Dominovic Booksellers Fax +49-711-2507350 Tel. +36-1-3484043 Usaco Corporation Arabian Est. For Commerce Huber & Lang Tel. +1-603- 7170383
Trnjanska 54/A L. Werner Buchhandlung Fax +36-1-3484050 17-12 Higashi Azabu 2-Chome Distribution Division Laenggass Strasse 76
41000 ZAGREB Tuerkenstrasse 30 Librotrade Kft Minato-Ku P.o Box 52 3000 BERN 9
Tel. +38-51-6115949 80333 MNCHEN P.O. Box 126 TOKYO 106-0044 Doha - Qatar Tel. +41-31-3108484
Fax +38-51-6114240 Tel. +49-89-226979 1656 BUDAPEST Tel. +81-3-35053259 Tel: + 974 44424721 / 44310746 Fax +41-31-3108494
www.smeg.it
I NEWS domus 1016 Settembre / September 2017

NEWS
sommario
table
of contents
I Triennale di Milano
There is a Planet

II Festival del Paesaggio Anacapri


Anatomia del paesaggio /
Landscape anatomy

II Tecnoo
La nuova Maison di Tecno /
Tecnos new Maison

II Christian Boltanski
Anime. Di luogo in luogo /
One place after another

II Les rencontres de la photographie


Appuntamento con la fotograa /
Date with photography

III Paola Pivi, Galerie Perrotin Tokyo


Orsi con le piume /
Bears with feathers

III Yona Friedman, MAXXI


Architettura improvvisata /
Improvised architecture

III Edra
Paesaggio domestico /
Domestic landscape

III Premio Dedalo Minosse


I migliori committenti /
The best patrons

IV Barbican
Basquiat: boom for real

IV Tinguely Museum
Neogotico ammingo /
Flemish neogothic
There is a planet
V Premio Architettura Toscana
Cultura del progetto in Toscana /
Design culture in Tuscany Dopo le Stanze del Vetro di Venezia (aprile-luglio)
V Muse des arts dcoratifs, Paris e il Vitra Design Museum (14.727.9.2017), la
70 anni di Dior / Triennale di Milano a celebrare il centenario della
70 years of Dior nascita di Ettore Sottsass. There is a Planet
(15.9.201725.3.2018) curata da Barbara Radice
V Secco Sistemi
Dialogo nella storia / con allestimento di Michele De Lucchi e graca di
Dialogue in history Christoph Radl prende il titolo da un progetto di
Sottsass degli anni Novanta per leditore tedesco
VI illycaff, Robert Wilson
Wasmuth. Il libro, mai realizzato e ora edito da Electa,
Tazzine dartista /
Artist cups raccoglie le fotograe scattate da Sottsass nei suoi
viaggi intorno al mondo: architetture, case e persone
VI Zumtobel compongono una riessione visiva sullabitare e, in
La luce al servizio dellarte /
Light serving art
generale, sulla presenza delluomo sul pianeta.
La mostra si articola invece in nove stanze
VII Targetti tematiche, con brevi citazioni di scritti del poliedrico
Luce su misura / designer.
Customised lights

VII IOC After Stanze del Vetro di Venezia (AprilJuly) and


25 anni di concept per lufcio / the Vitra Design Museum (14.727.9.2017), the
25 years of ofce concepts Triennale di Milano now celebrates the 100th
VII Cartoonmuseum Basel anniversary of Ettore Sottsasss birth. There is
Metafore disegnate / a Planet (15.9.201725.3.2018) curated by
Drawn metaphors Barbara Radice with exhibition design by Michele De
Lucchi and graphics by Christoph Radl is named
VIII Palazzo Madama
Paesaggi a colori / after a project by Sottsass from the 1990s for the
Colour landscapes German publisher Wasmuth. The book (previously
unpublished; now issued by Electa) gathers the
VIII Linea Light photos taken by Sottsass during his travels around
Volumi di luce /
Volumes of light In alto: Ettore Sottsass, the world: architecture, homes and people compose
Disegno di architettura, a visual reection on living and, more in general, on
VIII Mutina 1988. 270 x 350 mm mans presence on the planet. The show unfolds
Refettorio Felix across nine themed rooms, with short quotations
Above: architecture from the versatile designers writings.
drawing by Ettore
Sottsass, 1988. 270 x 350
mm www.triennale.org
D E S I G N P O R T R A I T.

Tufty-Time, sistema di sedute disegnato da Patricia Urquiola. www.bebitalia.com

B&B Italia Store Milano, via Durini 14 - T. 02 764 441 - store.milano@bebitalia.it


II NEWS domus 1016 Settembre / September 2017

Anatomia del paesaggio La nuova Maison di Tecno

La piscina, nella sua dimensione LANDSCAPE ANATOMY Dallo scorso giugno, la residenza- offers classic pieces Osvaldo
metasica e senza tempo, il tema The pool, in a metaphysical and atelier progettata da Le Corbusier Borsanis icons and the Nomos table
affrontato questanno dal Festival timeless dimension, is the Festival del per il pittore Amde Ozenfant nel by Foster+Partners, just to name a
del Paesaggio di Anacapri (no al Paesaggios theme in Anacapri (until 1922 diventata la nuova casa few and the latest creations, like
30.9.2017). Nel chiostro di San Nicola, 30.9.2017). Works by Gianfranco parigina di Tecno. Pensata come luogo the io.T system which makes furniture
le opere di Gianfranco Baruchello, Baruchello, Marco Basta, Gregorio dincontro e confronto tra progettisti e intelligent; Clavis tool-free tables; and
Marco Basta, Gregorio Botta, Botta, Giovanna Silva, R di Martino addetti ai lavori alla ricerca di soluzioni Vela responsive chairs.
Giovanna Silva, R di Martino (sotto), (below), Marzia Migliora, Maurizio innovative sui modi di lavorare e
Marzia Migliora, Maurizio Nannucci e Nannucci, Gabriele Piccoi offer natural- abitare, licona modernista ospita il www.tecnospa.com
Gabriele Piccoi offrono un punto di articial, public-private landscape views. catalogo dell azienda: dai pezzi ormai
dellazienda:
vista personale sul paesaggio in bilico classici gli arredi di Osvaldo Borsani
naturale e articiale, pubblico e privato. www.festivaldelpaesaggio.com e il tavolo Nomos di Foster+Partners,
per citarne un paio alle ultime novit,
come il sistema io.T, che rende gli arredi
intelligenti; i tavoli tool-free Clavis; e la
famiglia di sedute responsive Vela.

TECNOS NEW MAISON


Since last June, the residence-atelier
designed by Le Corbusier for the
painter Amde Ozenfant in 1922
R di Martino, The swimmer #5, 2017

is now Tecnos new Parisian home.


Conceived as a space for encounters
with designers and eld professionals
in search of innovative solutions on
new ways of working and living, the
modernist icon hosts a vast catalogue:
the company in Mariano Comense

NEWS
Anime. Di luogo in luogo Appuntamento con la fotograa
Photo Matteo Monti

Vari interventi in diversi luoghi di ONE PLACE AFTER ANOTHER Venticinque siti per 250 artisti e un DATE WITH PHOTOGRAPHY
Bologna scandiscono il progetto Interventions around Bologna for the cartellone tto dincontri. I numeri 25 sites for 250 artists and lots of
speciale dedicato al lavoro di Christian special project on Christian Boltanskis delledizione numero 48 de Les events. Edition 48 of Rencontres de la
Boltanski curato da Danilo Eccher. work, curated by Danilo Eccher. In Rencontres de la photographie di photographie in Arles (until 24.9.2017)
Oltre alla grande antologica Anime. addition to the survey show Anime. Arles (no al 24.9.2017) continuano a is once again ambitious, just like the
Di luogo in luogo al MAMbo (no Di luogo in luogo at MAMbo (until essere ambiziosi. Cos come stimolante stimulating programme, from Latin
al 12.11.2017), lopera dellartista 12.11.2017), the French artists work il programma, che spazia dallAmerica America to Iran, the Bosphorus to
francese accessibile ai visitatori tra is accessible in the city streets: the Latina allIran, dal Bosforo al conne the Syrian border, Russia to Ukraine.
le vie della citt: con linstallazione installation Rserve (ex armoury- siriano e, ancora, al paesaggio russo Exhibitions, scattered across the city,
Rserve (nella ex polveriera bunker bunker at Giardino Lunetta Gamberini); e ucraino. Un percorso di mostre, on new landscapes (The Experience
al Giardino Lunetta Gamberini), con il special project Take Me (Im Yours) in diffuse per la citt approccia il tema of Territory): photos from the big Joel
progetto speciale Take Me (Im Yours) the ex Giuriolo parking lot; the series dei nuovi paesaggi (The experience Meyerowitz and Michael Wolf (above)
nellex parcheggio Giuriolo e, inne, Billboards (above), publicity events in of territory): dagli scatti dei big Joel to emerging talents Marie Bovo, Dune
con la serie Billboards (sopra), grandi the city outskirts. Meyerowitz e Michael Wolf (sopra) ai Varela, Christophe Rihet.
manifesti pubblicitari afssi in zone giovani talenti come Marie Bovo, Dune
periferiche della citt. www.mambo-bologna.org Varela e Christophe Rihet. www.rencontres-arles.com
III NEWS domus 1016 Settembre / September 2017

Orsi con le piume Architettura improvvisata

In occasione della sua partecipazione BEARS WITH FEATHERS dedicata al visionario Yona Friedman IMPROVISED ARCHITECTURE
alla Triennale di Yokohama, la For its participation in the Yokohama e alla sua ville spatiale la mostra MAXXI show Yona Friedman. Mobile
Galerie Perrotin di Tokyo ospita una Triennale, the Galerie Perrotin in del MAXXI Yona Friedman. Mobile Architecture, Peoples Architecture,
selezione di opere di Paola Pivi (no Tokyo hosts works by Paola Pivi Architecture, Peoples Architecture, curated by Gong Yan and Elena
al 7.10.2017). La mostra raggruppa (until 7.10.2017): various series, for a cura di Gong Yan ed Elena Motisi Motisi (until 29.10.2017), on the
diverse serie di lavori per un assaggio a sampling of the Milanese artists (no al 29.10.2017). Oltre a bozzetti, visionary Yona Friedman and his
del fantasmagorico universo dellartista phantasmagorical universe (she now modelli, animazioni e strutture mobili spatial villas. Improvised sketches,
milanese, ma attualmente di base lives in Anchorage, Alaska): polar improvvisate (complete distruzioni), models, animations, mobile structures
ad Anchorage (Alaska): orsi polari, bears, coloured with feathers and Friedman ha dato vita a uno street (with instructions), he gave life to
colorati e rivestiti di piume e ruote feathery wheels, nonchalantly coexist museum temporaneo con oggetti dei a temporary street museum with
(anche queste piumate) convivono in the new venue of the French gallery cittadini raccolti grazie a una open call inhabitants objects collected thanks
con leggerezza nel nuovo avamposto recently inaugurated in Japans capital. del museo. In mostra un grande murale to the museums open call. On show a
che la galleria francese ha di recente Plus, photographs of animals, which riassume con semplicit la sua visione large mural sums up his playful view of
inaugurato nella capitale giapponese. she loves and are the protagonists of giocosa e inclusiva dellarchitettura: architecture: Can I stay with you?, a
Non mancano le immagini fotograche her latest performances. Posso stare con te?, chiede un dot asks another dot. Welcome!
degli animali, a lei cari e protagonisti puntino a un altro puntino. Sei il
delle sue pi recenti perfomance. www.perrotin.com benvenuto!. www.maxxi.art
Photo Attilio Maranzano. Courtesy of Galerie Perrotin

Paesaggio domestico I migliori committenti

funzionale in una sorta di metafora Dopo la premiazione di giugno e la THE BEST PATRONS
transizionale: un divano confortevole mostra inaugurale a Vicenza, i vincitori After the June awards and the show
che ripensa alle posture, capace di del decimo Premio Internazionale in Vicenza, the winners of the 10th
accogliere e coccolare. Ma anche un Dedalo Minosse (alla committenza Premio Internazionale Dedalo Minosse
paesaggio domestico che diventa in architettura) comincia il suo tour. (architecture) kick off the tour. Monza
manifesto dei grandi cambiamenti Prima tappa: Monza (settembre), e poi (September), then Bologna (Cersaie,
epocali. Bologna (Cersaie, 2529.9.2017), 2529.9.2017), Bolzano (late October),
Bolzano (ne ottobre) e Buenos Aires Buenos Aires (Bienal de Arquitectura,
DOMESTIC LANDSCAPE (Bienal de Arquitectura, 921.10.2017). 921.10.2017). In November, Paris
Among the winners of the second In novembre, i progetti approderanno (Batimat, 610.11.2017), then Japan
edition of the Design Awards, a Parigi (Batimat, 610.11.2017), e and Egypt (March 2018).
announced in June at the Triennale di concluderanno il viaggio in Giappone ed
Milano, is the Pack sofa by Francesco Egitto (marzo 2018). www.dedalominosse.org
Binfar for Edra that won the best
furnishing product for 2017.
Jury motivation: Because it
transforms a functional object into
Tra i vincitori della seconda edizione a sort of transitional metaphor: a
dei Design Award, annunciati lo comfortable sofa that reconsiders
scorso giugno alla Triennale di Milano, posture, able to be inviting and
il divano Pack di Francesco Binfar embracing. But also a domestic
per Edra ha ricevuto il premio per il landscape that bears witness to the
migliore prodotto di arredamento del great changes of our age.
2017. Questa la motivazione della
giuria: Perch trasforma un oggetto www.edra.com

NEWS
SHADE
WINDOWS
SYSTEM

Ricerca e design continuano nella collezione SHADE, da oggi disponibile anche con vetrate scorrevoli e porte d'ingresso.
Un progetto di stile innovativo ad alto contenuto tecnologico firmato Giuseppe Bavuso.
Showroom Milano, via Maestri Campionesi 18 - ercofinestre.it
IV NEWS domus 1016 Settembre / September 2017

NEWS
Basquiat: Boom for Real

Il Barbican di Londra rende omaggio


al talento di Jean-Michel Basquiat
con la mostra Basquiat: Boom
for Real (21.9.201728.1.2018):
unindagine sulle relazioni dellartista
americano con la musica (bebop e
jazz), la scrittura, la performance e
la televisione. Attraverso pi di 100
opere accostate a lm, fotograe, brani
musicali e altri materiali darchivio,
lesposizione racconta liperbole veloce
di uno dei pi dotati talenti autodidatti
The Estate of Jean-Michel Basquiat, Licensed by Artestar, New York. Photo MFA, Douglas M. Parker

della scena underground d newyorkese


degli anni Ottanta.

Londons Barbican pays homage to


the talent of Jean-Michel Basquiat A sinistra: Jean-Michel
with the exhibition Basquiat: Boom Basquiat, A Panel of
for Real (21.9.201728.1.2018): an Experts, 1982. Courtesy
exploration of the American artists of The Montreal Museum
of Fine Arts. Sotto: due
relationship with music (bebop viste della mostra di
and jazz), writing, performance and Wim Delvoye al Museum
television. In over 100 works paired Tinguely di Basilea
with lms, photos, music and other
archive materials, the exhibition Left: Jean-Michel
Basquiat, A Panel of
narrates the meteoric trajectory of Experts, 1982. Courtesy
one of the most important self-taught of The Montreal Museum
artists on the New York underground of Fine Arts. Below:
installation views of the
art scene in the 1980s. Wim Delvoye exhibition
at the Museum Tinguely
www.barbican.org.uk in Basel

Neogotico ammingo
2017 ProLitteris, Zurich / Wim Delvoye. Photo Museum Tinguely, Basel / Stefan Schmidlin

2017 ProLitteris, Zurich / Wim Delvoye. Photo Museum Tinguely, Basel / Stefan Schmidlin

Nella grande retrospettiva che il FLEMISH NEOGOTHIC


Museum Tinguely di Basilea dedica In the major retrospective the Museum
a Wim Delvoye (no al 1.1.2018), la Tinguely (Basel) dedicates to Wim
tradizione si scontra con lutopia e Delvoye (until 1.1.2018), tradition
lartigianato con lalta tecnologia. il clashes with utopia, artisanry with
caso di Cement Truck, riproduzione in high technology. As in Cement Truck,
scala reale di una betoniera in Corten a real-life Corten steel cement mixer
intagliato al laser con decorazioni with laser-cut neogothic decorations.
neogotiche. O, ancora, del penumatico Or the carved tyre (Pneu, above) and
nemente intarsiato (Pneu, sopra). Per the most provoking work: Tim (right),
arrivare allopera forse pi provocatoria: with Tim Steiner, the 40-year-old
Tim (a destra), al secolo Tim Steiner, who in 2006 had his back tattooed
quarantenne svizzero che nel 2006 si by Delvoye and since then tours the
fatto tatuare la schiena dallartista world as a living sculpture.
belga e che, da allora, gira il mondo
come scultura vivente. www.tinguely.ch
Lariana 2015 / vasca, design Patricia Urquiola
Fez 1999 / rubinetteria, design Benedini Associati
Gemma 2016 / complemento, design Sebastian Herkner

www.agapedesign.it
V NEWS domus 1016 Settembre / September 2017

Cultura del progetto in Toscana

Si chiusa lo scorso luglio con oltre il concorso era articolato in cinque DESIGN CULTURE IN TUSCANY (won by the Piazza dellimmaginario
150 partecipanti, 20 opere selezionate e categorie: opera prima (vinto dalla With over 150 participants, 20 works by Studio Ecol, above left); new
la proclamazione dei 5 vincitori, la prima Piazza dellImmaginario di Studio Ecol, selected and 5 winners, the rst edition construction (Cantina Bulgari by Alvisi
edizione del PAT, Premio Architettura sopra a sinistra); nuova costruzione of PAT, Premio Architettura Toscana, was Kirimoto + Partners, above right);
Toscana, nato per diffondere la cultura (Cantina Bulgari a Podernuovo di held in July to spread design culture. restoration and salvage (Nuovo Museo
del progetto e organizzato dal Consiglio Alvisi Kirimoto + Partners, sopra a It was organized by the Consiglio degli Innocenti by Ipostudio); installation
Regionale Toscana, dallOrdine degli destra); restauro o recupero (nuovo Regionale Toscana, Ordine degli or interiors (Museo delle Statue Stele
Architetti di Firenze e da quello di Museo degli Innocenti di Ipostudio); Architetti di Firenze e Pisa, Federazione Lunigianesi by Canali Associati), public
Pisa, dalla Federazione degli Architetti allestimento o di interni (Museo delle degli Architetti della Toscana, space, landscape, renewal (urban
della Toscana, dalla Fondazione degli Statue Stele Lunigianesi di Canali Fondazione degli Architetti di Firenze requalication of Piazza dei Tre Re by
Architetti di Firenze e dallANCE Associati); spazi pubblici, paesaggio e and ANCE Toscana. Aimed at works Chiara Fanigliulo).
Toscana. Rivolto alle opere realizzate rigenerazione (riqualicazione urbana di realized in Tuscany in the past 5 years,
in Toscana negli ultimi cinque anni, Piazza dei Tre Re di Chiara Fanigliulo). its divided into 5 categories: rst work www.premio-architettura-toscana.it
NEWS

70 anni di Dior Dialogo nella storia

Nel progetto di riqualicazione dellex DIALOGUE IN HISTORY


Episcopio di Sutri (Viterbo) trasformato In the ex Episcopio of Sutri (Viterbo)
in Museo del Territorio Diocesano da project, now the Museo del Territorio
Romano Adolini, le aperture sono state Diocesano, by Romano Adolini, the
realizzate con i proli EBE 65 di Secco Corten-steel EBE 65 proles by
Sistemi in acciaio Corten. Questa Secco Sistemi allow form and dialogue
soluzione ha permesso continuit continuity with other materials and top
formale e dialogo con gli altri materiali performance with limited thickness: the
e prestazioni elevate pur con uno 65 mm prole depth can host glazing
spessore ridotto: la profondit dei up to 48 mm thick, to ensure insulation
Melvin Sokolsky

proli di 65 mm consente di alloggiare and weather-proong.


vetri isolanti no a 48 mm, garantendo
isolamento e tenuta. www.seccosistemi.it

Per celebrare il 70mo anniversario di


Dior, il Muse des arts decoratifs di
Parigi ha allestito una grande mostra In alto, da sinistra: ECOL,
(no al 7.1.2018): oltre 300 creazioni piazza dellImmaginario,
dalta moda, accanto a fotograe, Prato; Cantina Bulgari
documenti, schizzi, pubblicit, lettere a Podernuovo di Alvisi
Kirimoto + Partners.
e accessori per festeggiare il geniale Sopra a sinistra: Melvin
fondatore della Maison e i sei direttori Sokolsky, Fly Dior
creativi che ne hanno seguito le orme. (Harpers Bazaar, marzo
1965). A destra: Museo
del Territorio Diocesano a
70 YEARS OF DIOR Sutri di Romano Adolini
Celebrating Diors 70th anniversary, the
Muse des arts decoratifs in Paris holds Top, from left: ECOL,
a major show (until 7.1.2018): over 300 Piazza dellImmaginario,
Prato; Cantina Bulgari
high fashion creations, plus photos, at Podernuovo by Alvisi
documents, sketches, ads, letters, Kirimoto + Partners.
accessories to honour the brilliant Above left: Melvin
Maison founder and the 6 creative Sokolsky, Fly Dior
(Harpers Bazaar, March
directors who followed in his footsteps. 1965). Right: Museo del
Territorio Diocesano at
www.lesartsdecoratifs.fr Sutri by Romano Adolini
IL DESIGN HA IL SUO HABITAT.
Pavimenti e rivestimenti Polis. Collezione Stile Urbano.
Cersaie 2017, hall 26 stand B 54
www.polis.it
VI NEWS domus 1016 Settembre / September 2017

NEWS
Tazzine dartista

In occasione della Biennale dArte di


Venezia, illycaff ha festeggiato il 25
anniversario delle sue illy Art Collection
con uno speciale allestimento di
Robert Wilson ai Magazzini del Sale di
Venezia: un percorso in sette ambienti
e una grande variet di linguaggi
artistici, uno spazio onirico popolato
da animali (una tigre siberiana, lupi,
gru, scimmie e pantere, tra gli altri)
faceva da cornice alle iconiche
tazzine (la prima del 1991, a rma
di Matteo Thun), interpretate in un
quarto di secolo da artisti quali Marina
Abramovi, Jeff Koons, Anish Kapoor
e Daniel Buren. Conclusa la mostra lo
scorso luglio, lazienda triestina, leader
nel segmento del caff di alta qualit,
ha ampliato la collezione con lultimo
pezzo, rmato dallartista statunitense.

ARTIST CUPS
For the Venice Art Biennale, illycaff
celebrates the 25th anniversary of
its illy Art Collection with a special
installation by Robert Wilson at
the Magazzini del Sale in Venice:
an itinerary composed of seven
environments and a variety of artistic
languages, a dreamy space with A sinistra: la mostra
animals (a Siberian tiger, wolves, progettata da Robert
cranes, monkeys, panthers and Wilson a Venezia
much more) and the iconic cups (the dedicata ai 25 anni della
illy Art Collection. Sotto:
rst from 1991 by Matteo Thun), lAdorazione
dei Magi
interpreted over half a century by del Ghirlandaio al Museo
artists such as Marina Abramovi, degli Innocenti di Firenze
Jeff Koons, Anish Kapoor and Daniel
Buren. After the show last July, the Left: the Robert Wilson
exhibition in Venice
company from Trieste, a world leader dedicated to the 25th
in top-quality coffee, enriched its anniversary of the illy
collection with the latest piece, by the Art Collection. Below:
Adorazione dei Magi
American artist. by Ghirlandaio at the
Museo degli Innocenti in
www.illy.com Florence

La luce al servizio dellarte

Afdato interamente a sorgenti LED, LIGHT SERVING ART


il progetto illuminotecnico del nuovo Using only LED, the lighting design
Museo degli Innocenti a Firenze for the new Museo degli Innocenti
stato sviluppato da Zumtobel in in Florence was developed by
stretta collaborazione con Ipostudio. Il Zumtobel in close collaboration with
passaggio ai LED oltre ad abbassare i Ipostudio. In addition to an 85% drop
consumi dell85% garantisce una luce in energy use, LED lighting ensures
con unelevata resa dei colori in tutti i top quality in all shades
toni del bianco. Nella Pinacoteca, ogni of white. In the Picture Gallery,
opera illuminata in maniera morbida each work is lit softly and precisely:
e puntuale: i quadri pi grandi con larger paintings with projectors
proiettori a sei metri di altezza, dotati (6 m tall) and ad hoc lenses to
di ottiche ad hoc per calzare sulla perfectly outline the works and
sagoma delle opere ed evitare riessi avoid shininess and reection. For
e abbagliamenti. Per la stanza con the room hosting the Adoration of
lAdorazione dei Magi del Ghirlandaio the Magi by Ghirlandaio (right) the
(a destra) la luce stata pensata per lighting emphasises the way we
dare forza al cannocchiale percettivo perceive the work. Two softly blended
che inquadra lopera. Due le tonalit shades of white: a colder gradient at
di bianco miscelate in modo morbido: the top, which becomes softer as the
un gradiente pi freddo nella parte eye descends.
superiore, che si scalda man mano che
si scende verso il basso. www.zumtobel.com
LUNICO CON 21.000 MICROFORI
PER DIFFONDERE SOLO IL PIACERE DELLARIA
I climatizzatori Samsung contengono Gas Fluorurati ad effetto serra R410A. GWP = 2088

WindFree
fresco avvolgente, silenziosamente e con la comodit del .

samsung.it/windfree
SILENZIOSIT SMART GARANZIA GARANZIA
16dB(A) CONTROL SUL PRODOTTO* SUL COMPRESSORE *Dettagli su samsung.it/premiumservice
VII NEWS domus 1016 Settembre / September 2017

Luce su misura 25 anni di concept per lufcio

Composta da 141 apparecchi LED, CUSTOMISED LIGHTS In occasione dei 25 anni di attivit, IOC 25 YEARS OF OFFICE CONCEPTS
la nuova illuminazione del Salone dei Consisting in 141 LED devices, the (International Ofce Concept, parte For its 25th anniversary, IOC
Cinquecento a Firenze rmata da new lighting system for the Salone del Gruppo Lema), lo scorso maggio (International Ofce Concept, part of
Targetti Sankey e Sil, sotto la guida dei Cinquecento in Florence is by ha aperto una nuova sede a New Gruppo Lema) in May opened a new
della Fabbrica di Palazzo Vecchio. Il Targetti Sankey and Sil, under the York, dove ha presentato, in anteprima venue in New York, presenting, in
nuovo impianto asseconda le molteplici supervision of the Fabbrica di Palazzo internazionale, Brera25, un sistema world premiere, Brera25, a modular/
necessit di uno spazio polifunzionale, Vecchio. This new system satises componibile e integrato di arredi per integrated tailor-made ofce furnishing
nel rispetto dellarchitettura e delle the needs of a multipurpose space lufcio tailor made, progettato dallo system by Gensler. The strong point of
opere darte. Gli apparecchi concepiti while respecting the architecture studio Gensler. I punti di forza del this versatile system is customisation,
espressamente da Targetti sono una and artwork. The devices by Targetti sistema componibile e versatile sono la thanks to the intense research and
soluzione su misura. Per illuminare were made to measure: for Vasaris possibilit di personalizzazione, grazie development activity by a team of
gli affreschi e il softto vasariano, frescoes and ceiling special standard allintensa attivit di ricerca e sviluppo engineers and technicians who
sono stati realizzate particolari lamps were created with projectors di un team dingegneri e tecnici che created a system that can satisfy
piantane equipaggiate di proiettori that discretely blend in with the ha realizzato un sistema capace di technical and aesthetic expectations;
che sintegrano in modo discreto surroundings, while the high- soddisfare le aspettative tecniche plus the many nishings lacquer,
nellambiente, mentre la miscelazione performance LED devices at variable ed estetiche. Diverse le niture wood, leather uncommon for ofce
di sorgenti LED ad altissima resa temperatures accentuate the colours laccature, legni e pelli , di solito poco furniture and the countless colours/
cromatica in diverse temperaure and details of the space itself. usate nel mondo dellufcio, oltre alla materials to choose from.
di colore esalta colori e dettagli possibilit di svariati abbinamenti di
architettonici dello spazio. www.targetti.com colori e materiali. www.ioc.it

Metafore disegnate
NEWS
sperimentali usate dallartista alla
costante ricerca dei mezzi espressivi pi
idonei per dare forma a unidea.

DRAWN METAPHORS
Delicate, ironic, elegant and never banal,
Christoph Niemanns illustrations take
centre stage at the Cartoonmuseum in
Basel (until 29.10.2017). Thats How
Delicate, ironiche, eleganti e mai banali, gathers together 120 original works
le illustrazioni di Christoph Niemann drawings, prints, elaborated photos and
sono protagoniste al Cartoonmuseum animations that summarise his intense
di Basilea (no al 29.10.2017). Thats and poetic view of reality. Niemann, who
How raccoglie 120 originali disegni, currently resides in Berlin and actively
Christoph Niemann, Sunday Sketching, Abrams, New York 2016

stampe, fotograe manipolate e collaborates with the New Yorker,,


animazioni che ne riassumono lo Time and Wired, was called a master
sguardo acuto e poetico sulla realt. of metaphor, able to offer a simple,
Niemann, che attualmente vive a Berlino intelligible and oftentimes ironic form
e che collabora attivamente con il New to complex, many-sided matters. The
Yorker, Time e Wired, stato denito exhibition also investigates the great
un maestro della metafora, capace di variety of the experimental techniques
dare una forma semplice, intellegibile he uses in his constant search for the
e spesso ironica anche alle questioni most appropriate means to give shape
pi sfaccettate e complesse. La mostra to an idea.
permette inoltre una riconigizione
tra la grande variet delle tecniche www.cartoonmuseum.ch
Il bello della funzionalit.

Esperienza, entusiasmo,
desiderio di andare oltre
i luoghi comuni, ricreando
anche nellambiente
domestico la perfetta sintesi
di forma e funzione che
caratterizza i laboratori
dei grandi chef.
Abimis, un ritorno ai migliori
princpi della cucina.

www.abimis.com

ph Contratticompany / ad Designwork

Ego, design Alberto Torsello


VIII NEWS domus 1016 Settembre / September 2017

Paesaggi a colori

Appuntamento con la fotograa


dautore a Palazzo Madama di
Torino, dove la mostra curata da
Walter Guadagnini Franco Fontana.
Paesaggi raccoglie 25 immagini di
grande formato del maestro modenese
(no al 23.10.2017). Filo conduttore
del percorso il colore, che del resto
il vero soggetto della sua fotograa
di paesaggio antinaturalistica e
antidocumentaristica, insieme al
gioco delle cromie e delle luci, e al
taglio dellinquadratura.

COLOUR LANDSCAPES
A date with auteur photography at
Palazzo Madama in Turin, where
the exhibition curated by Walter
Photo Franco Fontana, Basilicata, 1978. UniCredit Art Collection

Guadagnini, Franco Fontana.


Paesaggi, gathers together 25
large-format images by this master
from Modena (until 23.10.2017).
The itinerary l rouge is colour,
which happens to be the true theme
of his anti-naturalistic and anti-
documentary landscape photography,
along with a play of colour and light,
and the type of framing.

www.palazzomadamatorino.it

NEWS
Volumi di luce Refettorio Felix

Le luci di Linea Light completano e VOLUMES OF LIGHT Food for Soul, lassociazione no-prot REFETTORIO FELIX
valorizzano il progetto di IFI Group Linea Light completes and enhances dello chef Massimo Bottura, ha unito Food for Soul, chef Massimo Botturas
a Ekali, sobborgo di Atene. Per un IFI Groups project at Ekali, outside le forze con The Felix Project, ente di non-prot, joins with The Felix Project,
lussuoso residence dai giochi di volumi Athens. Architects chose specic benecenza britannico per lanciare a British charity, for the Refettorio Felix.
squadrati e rigorosi, gli architetti solutions from the brands collections il Refettorio Felix a Londra. Mutina, Mutina, London, with Domus Tiles,
hanno scelto speciche soluzioni delle for a luxury residence with square insieme con Domus Tiles, ha contribuito provided the Mews collection by the
collezioni dellazienda: LED Strip per volumes: LED Strips for bedrooms fornendo la collezione Mews rmata London designers Edward Barber & Jay
le camere da letto, installate nei proli on the bookshelf proles; recessed dai londinesi Edward Barber & Jay Osgerby (below). Like the community
delle librerie; Mini-Outline installato Mini-Outline; Gypsum in the kitchen. Osgerby (sotto). Replicando il modello kitchen models in Milan and Rio, the
a incasso raso; Gypsum in cucina. Outdoors, Beret oor uplights light up delle mense di Milano e Rio, il Refettorio Refettorio will serve 2,000 meals per
Allesterno, gli uplight Beret installati the space and work table uniformly. servir 2.000 pasti alla settimana con week with surplus ingredients.
a pavimento illuminano ambiente e materie prime recuperate dal surplus
tavolo di lavoro in modo omogeneo. www.linealight.com alimentare e destinate alla discarica. www.mutina.it
Photo Mauro Davoli
concept+ad: romanoassociati.com

buona giornata! vismaravetro.it


le cabine doccia
HK4HYJV:WH[[PFNY9LK(WWSLFWO4H\YV*HZHNYHUKL

ZMVYaPUPSS\TPUHaPVULJVT
Affascinante, versatile, affidabile. E creativo.
Una gamma di colori vastissima, in grado di soddisfare ogni esigenza di stile.
Utilizzato con successo in tutto il mondo, nei pi diversi ambienti e applicazioni, in interni ed esterni.
Corian: soluzioni di alta qualit per interior design e architettura.
Vasca, rivestimento murale e chaise lounge in Corian Ash Concrete (Concrete una nuova estetica di Corian - corian.it/2017newcolours).

Corian 2017 - 50 ANNI Per informazioni su soluzioni e novit Corian: tel. 800 87 67 50 | corian.it
DI DESIGN E ARCHITETTURA

Corian un marchio commerciale registrato di E. I. du Pont de Nemours and Company o di sue societ affiliate. Solo DuPont produce Corian. Foto Riccardo Bianchi.
A. PADERNI  E YE
STUDIO MALISAN PH
AD

B E L E O S ( t a b l e ) G I U L I O I A C C H E T T I , PAT H ( c h a i r ) C A R L E S I T O N E L L I B R O S S I TA LY. C O M
LONDON

i i t r
I i ,
t
r I a ,

r I i .
,t i
is li i l .
ri ,
iitt t

CERSAIE
BOLOGNA, ITALY
4&15&.#&3

PAV. 14 STAND B31 C32


RAKCERAMICS.COM PAV. 30 STAND D42 E41
A new surface for new horizons

MATT
XTRA

Frutto della ricerca stilistica e tecnica di Abet Laminati, Polaris un prodotto


rivoluzionario, caldo e morbido al tatto, con caratteristiche straordinarie:
altamente resistente al graffio e al calore ed anti-impronta.
Unlimited selection Scopri i decori in collezione su abetlaminati.com/polaris

1987 2001
Abet Laminati rispetta gli standard Qualit e Ambiente con le Certicazioni ISO 9001 rilasciata da SGS e ISO 14001 rilasciata da Bureau Veritas. Premio Compasso dOro ADI
www.dieffebi.com

Primo Sliding Doors Acoustic


design Takiro Yuta
ad Designwork / photography Tiziano Sartorio
Styling Alessandro Pasinelli Studio

Dieffebi. Functional design


for working and living.
Showroom: Milano London
via Milazzo, 8 104/110 Goswell Road
T. +39 348 5816019 T. +44 7710 459516
MAPEFLOOR

COM
FORT
S Y ST E M
Materia liquida che si trasforma in soluzioni
continue, funzionali e di design per la
realizzazione di pavimentazioni fonoassorbenti, BUONA RIDUZIONE ELEVATO COMFORT BASSA EMISSIONE FACILE DA PULIRE
caratterizzate da elevatissimo comfort al capestio. DEL RUMORE AL CALPESTIO DI VOC E MANTENERE
AD: IKOS
Foto: Aldo Magnani

The Ceramic Crown _ Architettura realizzata a Casalgrande, Reggio Emilia, rivestita da 700 lastre di gres porcellanato.

La creativit progettuale di Daniel Libeskind


e il gres porcellanato di Casalgrande Padana,
un racconto tridimensionale tra architettura e ceramica.
casalgrandepadana.it
Natural RICHIEDI

Design IL NUOVO
CATALOGO:
WWW.CPPARQUET.IT
Parquet dagli eleganti giochi di
seduzione con le magniche
geometrie di posa a spina pesce e
ungherese, create attraverso processi
c mente i.

001
4001

C l, via Rosset 2,4,6,8 - Crespano del Grappa TV


T. +39 0423 53305 - info@cpparquet.it

ANTICO ASOLO 2 STRATI SPINA PESCE,


Rovere Europeo Select, Spazzolato Verniciato Natura.
PLANUS
Design Antonio Citterio

TRE Pi DOORS srl


www.trep-trepiu.com
A new perspective on tiles Puzzle Collection
design by Edward Barber & Jay Osgerby
CUSTOM MADE COLORS

Creativit, Passione, Personalizzazione

ENIGMA: il nuovo spazio gastronomico di Albert Adri creato par RCR Arquitectes (2017 Premi Pritzker) e Pau Llimona, nel quale NEOLITH ricrea un
paesaggio da sogno con un design unico applicato in tutti i rivestimenti, piani di lavoro e pavimentazione dal ristorante.
Scopri tutte le possibilit di design e caratteristiche straordinarie offerte par NEOLITH en www.neolith.com
Enrico Montecchi - Fabrizio Mariani
NABA - Nuova Accademia di Belle Arti, Milano.

25-29 SETTEMBRE 2017

promosso da

CONFINDUSTRIA CERAMICA

in collaborazione con

organizzato da

Biglietto omaggio: segreteria operativa


www.cersaie.it/biglietteria Promos srl
Villa in Alexander Valley, Sonoma County - California | Fredeerika Moller Landscape Architecture

porte e finestre Secco OS2


acciaio zincato

www.seccosistemi.it
- foto Fotorama

N
25-29 Settembre 2017 - Bologna
Vi aspettiamo HALL 22 / STAND A38

Il rivoluzionario sistema di posa per pavimenti ottanti, esclusivo


di Garbelotto, ideale sia per abitazioni che spazi commerciali e
pubblici. Le clip che si inseriscono nella fresatura sotto le tavole
rendono il pavimento ispezionabile: ogni tavola sostituibile
singolarmente in meno di un minuto! La posa inoltre veloce e
semplice senza colle o calamite.

. lii .iti

T +39 0438 580348 - info@garbelotto.it - www.garbelotto.it


La mia stanza del sole
FOTO: FILIPPO MOLENA (FRAGMENT.IT)
SANTACROCE DDC

www.gibus.com

Presso gli Atelier Gibus scopri Med Varia,


la pergola bioclimatica per il benessere all-inclusive, con chiusure avvolgibili completamente integrate.

chiusure 6 diversi colori musica bluetooth movimentazione ecobonus


integrate di illuminazione integrata telecomandata
Soluzioni domotiche.
Ovunque tu sia la tua casa sempre con te.

Pi efcienza Pi comfort Pi sicurezza Pi controllo


energetica

Le funzioni della casa dialogano tra loro per semplicarti la vita.

Soluzioni semplici per gestire in modo intuitivo e integrato tutte le funzioni della casa.
Efcienza energetica, sicurezza e comfort si gestiscono tramite App. La casa connessa
e lavora per te semplicandoti la vita e aiutandoti nelle grandi come nelle piccole azioni di
tutti i giorni. Con unassistenza tecnica capillare sul territorio e un servizio clienti con numero
verde dedicato. Tutto made in Italy e garantito 3 anni per offrire il massimo della qualit.
viega.it/Chi-siamo
Foto: Allianz Arena Mnchen Stadion GmbH

UN PROGETTO PRESTIGIOSO
PER I 90 MINUTI PI ATTESI
DELLA SETTIMANA.
E un sistema di tubazioni che gioca ogni giorno in serie A.

Nel cuore del tempio del calcio bavarese ci sono 8.000 metri di Viega Sanpress che assicurano la disponibilit
costante dellacqua sanitaria necessaria al perfetto funzionamento dello stadio. Infatti, il sistema di tubazioni di
acciaio inossidabile e bronzo Viega garantisce soluzioni igieniche sempre affidabili e durature, nonch semplici
e veloci nellinstallazione. Viega. Connected in quality.

AllianzArena, Monaco di Baviera, Germania


product NEWS
Sala da bagno
Bathroom
I AZZURRA CERAMICA S.p.A.
Il progetto su misura/
Bespoke project
UniKo, un piatto doccia su misura,
e la collezione di niture a basso impatto
ambientale Le MalteCeramiche
ideati per spazi unici/
UniKo, a customised shower tray,
and Le MalteCeramiche,
low environmental-impact ceramics
conceived for unique spaces

II DUKA S.p.A.
Lo spazio del corpo/Body space
Elegante geometricit per il nuovo
sistema di cabine doccia natura 4000
supportato da uno studio dei dettagli
per la massima funzionalit /
Elegant geometries for the new natura 4000
shower enclosure system based on research
of details for greatest performance

III DURAVIT ITALIA S.r.l.


Geometrie senza tempo/
Timeless geometries
Evoluzione per la serie Vero: Vero Air
accoglie la nuova tecnologia Rimless,
lo smalto HygieneGlaze 2.0 e il sedile
elettronico SensoWash Slim/
Evolution of the Vero series: Vero Air offers
new Rimless technology, HygieneGlaze 2.0
and SensoWash Slim electronic seats

IV GAVAZZI TESSUTI TECNICI S.p.A.


Nel regno del silenzio/
In the realm of silence
Con i tessuti tecnici Acustic possibile
correggere acusticamente e aumentare
il comfort degli spazi dedicati
al benessere e al relax/
Acustic tech bres can acoustically
correct and increase comfort for spaces
devoted to wellness and relax

V KALDEWEI
La rivoluzione dellacciaio/
The steel revolution
Ottanta combinazioni inedite e nuove
dimensioni, ma la vera protagonista la
linea Miena disegnata da Anke Salomon
e realizzata in acciaio smaltato/
Eighty new combinations and new sizes,
but the real protagonist is the Miena line
designed by Anke Salomon in steel enamel

VI MAMOLI S.r.l.
Proposta dautore/Auteur proposal
Le rubinetterie a stella ideata
da Gio Ponti nel 1953 rinasce in una linea
di prodotti fedele al progetto originale/
The star-shaped taps designed
by Gio Ponti in 1953 come alive again
in a series that recreates the original

VII VISMARAVETRO S.r.l.


Nuovi orizzonti/New horizons
Di serie e su misura, con grande attenzione
per dettagli e materiali; la produzione
italiana di cabine doccia conquista
i mercati internazionali/
Customised series, with great care for
details and materials: Italian shower
VIII
enclosures conquer international markets

VIII TUBES RADIATORI S.r.l.


Look metallico/Metal look
Sorprendente nitura galvanica in rame
spazzolato opaco per le serie Soho e Soho
Bathroom Version, gi disponibili nelle
versioni anodizzate argento, titanio e nero /
Surprising galvanised chromed copper look
for the Soho and Soho Bathroom Version
series, already available in anodised silver,
titanium and black
I AZZURRA CERAMICA S.p.A.
Tipologia/Product type Settore applicativo/Usage Caratteristiche tecniche/ Certificazioni ottenute/Certifications
Ceramica sanitaria/ Ambienti bagno domestici e contract/ Technical characteristics Le MalteCeramiche sono un prodotto
Bathroom ceramic Bathrooms in the private and contract UniKo: altezza del piatto doccia ridotta a soli tre brevettato/Le MalteCeramiche
sector centimetri. Le MalteCeramiche sono realizzate are a patented product
con elementi naturali e puri, con applicazione
manuale, priva di sostanze tossiche e a basso
impatto ambientale; processo di produzione in
monocottura con applicazione dello smalto a
1250 C/UniKo: the height of the shower tray
has been reduced to just three centimetres.
Le MalteCeramiche are made from pure and
natural elements, applied by hand, free from
toxic substances and with a low environmental
IL PROGETTO SU MISURA impact: a single-firing production process with
glaze applied at 1250 C

Il bagno contemporaneo un ambiente


in continua evoluzione nelle forme, nei
colori e nei materiali: fattori progettuali
che tradizionalmente ruotano attorno
allelemento cardine della ceramica.
Azzurra Ceramica fonda su questo
principio tutta la sua progettazione e,
avvalendosi di una esperienza
trentennale, riuscita a realizzare a
prodotti capaci di unire la funzionalit a
qualit estetiche del tutto rilevanti, ideali
per dare vita a bagni calibrati su misura
degli specici desideri. UniKo un
esempio virtuoso in questa direzione. Si
tratta del primo piatto doccia realizzato
unicamente in ceramica a essere
disponibile su misura e con altezza di soli
tre centimetri. Azzurra Ceramica ha cos
assicurato ai piatti doccia lo pavimento
lineguagliabile livello di prestazioni della
ceramica in termini di durata, resistenza,
facilit di pulizia e igiene. Grazie a queste
caratteristiche, Uniko ha ricevuto la
Menzione dOnore in occasione del
XXIV Compasso dOro ADI. Altra
proposta di rilievo di Azzurra Ceramica
costituita da Le MalteCeramiche: una
nitura inedita che coniuga labilit
manuale alle pi evolute sperimentazioni
nel settore. Le MalteCeramiche sono la
soluzione ideale per personalizzare al
massimo lambiente bagno, rispondendo
alle pi diverse esigenze di gusto e di
progettazione tailor made. Una proposta
che rispetta tutti i requisiti della
sostenibilit perch composta da
elementi naturali e puri, trasformati in
una nuova materia brevettata, applicata
in modalit totalmente manuale, priva
di sostanze tossiche e a basso impatto
ambientale. Il prodotto fa delleleganza
una delle caratteristiche principali, unita
alla rilevante resistenza ottenuta grazie
alla tecnica di applicazione realizzata
in monocottura. Una caratteristica,
questultima che accomuna tutte le
colorazioni Azzurra, dove lo smalto viene
applicato a 1250 C, diventando parte
integrante della materia, inalterabile nel
tempo. Le MalteCeramiche si
inseriscono nel pi ampio e articolato
progetto Azzurra Art, che rappresenta
per lazienda il futuro della decorazione
sulla ceramica, nonch la piena
espressione di innovazione ed estetica.
R
Sopra: piatto doccia caratterizzato dallo Top: a shower tray characterised by its
spessore ridottissimo (soli 3 centimetri), reduced thickness (just 3 centimetres),
UniKo frutto di una visione del bagno UniKo is the result of a vision of
Via Civita Castellana snc su misura in termini di design, niture a bathroom that is tailor-made in terms
01030 Castel S. Elia (VT) e dimensioni; una soluzione capace of design, nishes and dimensions;
di sfruttare in modo ottimale qualsiasi a solution that can exploit any space
T +39 0761 518155 spazio attraverso prodotti completamente to the full through the introduction

personalizzati. Con UniKo, Azzurra of completely customised products.


www.azzurraceramica.it
Ceramica propone cos un elemento With UniKo, Azzurra Ceramica proposes
perfettamente integrato, per una massima an element that is perfectly integrated to
valorizzazione dellambiente bagno make the most of any bathroom setting
BESPOKE PROJECT a height of just three centimetres. product made from natural and pure
Azzurra Ceramica have ensured elements, transformed into a new
The contemporary bathroom is an unrivalled levels of ceramic patented material, applied completely
environment that is continually evolving performance in their ush shower trays by hand and free from toxic substances
in terms of shapes, colours and in terms of durability, strength, ease with a low environmental impact.
materials: aspects of design that of cleaning and hygiene. Elegance is the key feature of this
traditionally revolve around the key Thanks to these features, Uniko product, combined with high levels
element of ceramic. Azzurra Ceramica received an Honourable Mention in the of resistance achieved thanks to the
bases all its design on this notion and, XXIV Compasso dOro organised by single-ring application technique.
drawing on thirty years of experience, ADI. Another key product from Azzurra This characteristic applies to all
has managed to create products that Ceramica is Le MalteCeramiche, Azzurra colours, where the glaze is
combine functionality with aesthetics a new kind of nish that combines applied at 1250 C, becoming an
that are of great signicance, ideal for manual skill with the most advanced integral part of the material, unalterable
creating calibrated bathrooms tailored innovations in the industry. over time. MalteCeramiche is part
to respond to specic desires. MalteCeramiche is the perfect of the larger and more articulated
UniKo is a particularly good example solution for making the most of the Azzurra Art project, which represents
of this approach. It is the rst shower bathroom environment, responding to the future of ceramic decoration
tray made exclusively in ceramic that diverse tastes and individual design and the full expression of innovation
is available made to measure with requirements. An eco-sustainable and aesthetics.

In alto: unaltra applicazione di UniKo Top another application of UniKo


in cui viene posta in risalto leleganza that draws attention to the elegance
dello spessore esiguo. Sopra: Luso of its reduced thickness.
de Le MalteCeramiche previsto in Above: Le MalteCeramiche can be
combinazione con tutte le collezioni used in combination with all the Azzurra
Azzurra Ceramiche e viene proposto in Ceramiche collections and come in four
quattro tonalit: grigio, bianco, nero, terra. colours: grey, white, black, earth.
Materiale brevettato, Le MalteCeramiche A patented material, Le MalteCeramiche
viene applicato manualmente, ed inoltre is applied by hand, is completely free
totalmente privo di sostanze tossiche from toxic substances as well as having
e a basso impatto ambientale a low environmental impact
II DUKA S.p.A.
Tipologia/Product type Settore applicativo/Usage Caratteristiche tecniche/ Certificazioni ottenute/Certifications
Cabina doccia/ Ambienti bagno domestici e contract/ Technical characteristics Iso 9001, TV, CE, Interseroh, RE
Shower enclosure Domestic and contract bathrooms Movimenti agevolati, maniglie
ergonomiche, cerniere incollate con
raggi UV, nuovi profili antiallagamento/
Ease of movement, ergonomic
handles, hinges glued with UV rays,
new anti-flooding profiles

LO SPAZIO DEL CORPO


La cabina doccia pu essere
interpretata non solo come un semplice
complemento darredo bagno ma come
una vera e propria micro-architettura,
nella quale ogni movimento e azione
del corpo deve diventare una variabile
costituente del progetto di spazi e
forme. Un esempio virtuoso di questo
tipo di approccio progettuale
testimoniato dalle soluzioni di natura
4000 di duka, un sistema componibile
e modulare di cabine doccia
caratterizzato dallergonomia di tutti
i componenti e dalla asciutta
geometricit dellimpianto spaziale.
Il progetto comprende due sistemi
di apertura: scorrevole e battente.
I modelli della prima tipologia risultano
ideali quando il progetto architettonico
richieda lassenza di ingombri esterni,
nel caso si disponga di unarea
doccia di grandi dimensioni oppure,
al contrario, quando lo spazio risulti
limitato al punto da imporre ingressi ad
angolo. Linserimento di un magnete
allinterno del prolo rende lo
scorrimento della porta stabile e sicuro.
Nello stesso tempo, lanta scorrevole
fornita di un meccanismo per lo
sganciamento semplice, ed regolata
dallo speciale sistema Automatic
Close & Stop, che ne accompagna il
movimento. Rilevante anche il prolo
antiallagamento di nuova concezione,
che aiuta lacqua a deuire verso
linterno. Tutti i meccanismi di
scorrimento dei modelli natura 4000 La tipologia con sistema a battente si Le particolari cerniere, incollate al vetro Anche in questo caso stata riservata
sono nascosti allinterno dei proli, che articola in modelli con porta a battente, con raggi UV senza lutilizzo di viti, una grande attenzione ai dettagli: dai
restano chiusi e lisci anche nella parte girevole e sofetto/battente, ideali per consentono di mantenere integra, proli dalle dimensioni ridotte - quelli
interna, per un risultato esteticamente chi desidera una cabina doccia e pi sicura, la supercie della lastra, orizzontali sono alti solo 16 mm - no
minimale, oltre che pi igienico. caratterizzata dallingresso agevole. rendendola anche pi facile da pulire. alle cerniere, anchesse ridotte negli
Nel modello ad angolo la giunzione In queste diverse soluzioni lapertura Nei modelli sofetto e battente, ingombri. Le maniglie di natura 4000,
dei proli orizzontali con taglio a 45 delle porte a 180 gradi, sia allinterno la maniglia ergonomica dotata inne, sono disponibili in differenti
gradi alleggerisce lestetica della sia allesterno, e la movimentazione di speciale inserti che evitano danni versioni, che variano in base al modello
cabina e ne esalta larmonia. agevolata dal sistema Automatic Close. in caso di urti con il vetro o il muro. e alla tipologia duso.

In questa pagina: diverse tipologie della In this page: images show the various
cabina doccia natura 4000 di duka, types of shower enclosure in Dukas
con apertura scorrevole
ape t a sco e ole e battente.
battente Natura
Nat ra 4000 series,
series with
ith sliding and
Via Ontani, 19
Come ogni progetto duka, anche natura hinged doors. Like every Duka design,
39042 Bressanone (Bolzano)

4000 nata con lo scopo di essere Natura 4000 has be conceived with the
T +39 0472 273100 anzitutto efciente e funzionale. aim of being above-all functional and
F +39 0472 273 270 La sda progettuale stata la efcient. The challenge was to come
realizzazione di modelli innovativi up with innovative models of shower
info@duka.it di cabine doccia nei quali la tecnica enclosures in which the technical aspects
www.duka.it e larmonia delle forme agevolassero and the harmony of the forms facilitate
i gesti naturali del corpo the natural movements of the body
BODY SPACE

The shower enclosure can be


interpreted not just as a mere piece
of bathroom furniture but as a true
element of micro-architecture,
in which every movement and action
of the body has to become a
constituent variable in the design
of spaces and forms.
A ne example of this kind of design
approach can be seen in Dukas
Natura 4000 solutions, a modular
system of shower enclosures
characterised by the ergonomic design
of all the components and the crisp
geometry of the spatial layout.
The design consists of two kinds
of opening: sliding and hinged.
The models in the rst type are ideal
for situations where the architectural
design requires the absence
of external protuberances, in the case
of providing a large shower area,
or conversely when space is limited
to the point of imposing corner entry.
The insertion of a magnet inside the
prole makes the sliding of the door
safe and stable.
At the same time, the sliding door
is tted with a simple release
mechanism and is regulated by the
special Automatic Close and Stop
system that accompanies the
movement.
Also signicant is the newly-conceived
anti-ooding prole which helps sleek appearance. The type with the The special hinges, glued to the or wall. Also in this case great attention
water ow towards the inside. hinged door is articulated in models glass with UV rays without the use has been given to the details:
All of the slider mechanisms in the with a hinged, swivel or folding door, of screws, enable the glass panel from the proles with their reduced
series are hidden inside the proles ideal for those looking for a shower to be maintained whole, making dimensions - the horizontal ones are
which remain closed and smooth enclosure with easy entry. it safer and easy to clean. just 16 mm - to the hinges, also
even inside, for a minimalist aesthetic In these various solutions, the door In the sliding-folding and hinged reduced in size.
and greater hygiene. opens 180, both inside and outside models, the ergonomic handle The Natura 4000 handles are available
In the corner model, the 45 cut and movement is accompanied features special inserts that avoid in different versions that vary according
gives the enclosure a lighter, more by the Automatic Close system. damage in case of blows to the glass to the model and type of use.

Dallalto: Altre versioni di Natura 4000. From the top: ther versions of Natura
Disponibile con le niture dei proli 4000. Available with proles nished
in argento lucido e opaco e con i in polished and matt silver and with
vetri in nitura trasparente, satinato, transparent, satined, screenprinted
serigrafato e grigio parsol, a catalogo and grey parsol glazing, also available
anche con vetro trattato ProCare, in glazing with ProCare treatment
che contrasta la formazione di aloni, that resists the formation of haloes
facilitando le operazioni di pulizia. making it easy to clean.
Molto ricercati i dettagli, come le Meticulous attention to details such
maniglie integrate nel prolo grazie as the handle integrated into the prole
a una particolare fresatura thanks to a special milled nish
US
III DURAVIT ITALIA S.r.l.
Tipologia/Product type Settore applicativo/Usage Caratteristiche tecniche/ Certificazioni ottenute/Certifications
Serie per il bagno completa con lavabi, Arredamento per il bagno di nuove Technical characteristics EWL, Classe 1 (per il vaso)/
bacinelle e sanitari sospesi in ceramica, costruzioni o ristrutturazioni/ Vaso con tecnologia di sciacquo senza EWL, Class 1 (for toilet)
vasche in acrilico e mobili/ Furnishings for new or renovated brida, smalto antibatterico HygieneGlaze,
Complete series for bathrooms with sinks, bathrooms sedile elettronico SensoWash Slim. Vasche
basins and wall-mounted toilets in ceramic, in acrilico in un'unica lastra termoformata.
acrylic tubs and furniture Lavabo consolle e mobile anche in versione
brevettata c-bonded che unisce ceramica
e legno in un unico componente/
Rimless toilet flushing, HygieneGlaze anti-
bacterial enamel, SensoWash Slim electronic
seat. Acrylic tubs in a seamless thermoshaped
slab. Basin consoles and furniture also
GEOMETRIE SENZA TEMPO in a patented c-bonded version that joins
ceramics and wood in a single component

Evoluzione della serie di successo Vero, TIMELESS GEOMETRIES


Vero Air di Duravit ne mantiene liconica
forma squadrata, unita a nuove An evolution of the successful Vero
caratteristiche tecniche. I lavabi e le series, Vero Air by Duravit keeps its
vasche della serie sono caratterizzati dai iconic square shape, joined with new
bordi sottili e da uno stile spiccato e technical features.
lineare. Ottimizzando i raggi e gli The washbasins and tubs from the
spessori, il design iconico del lavabo series are characterised by thin rims
riconoscibile anche nella monolitica and an unmistakable streamlined style.
vasca in acrilico, prodotta in ununica By optimising radii and thicknesses,
lastra senza fughe visibili e disponibile in the iconic design of the washbasins
versione centro stanza (con pannello can also be seen in the monolithic
integrato), angolare destro e sinistro, da acrylic tub, made from a single
appoggio a parete e da incasso in seamless slab and available
quattro dimensioni (da 170x70 no a in the versions: centre-room
190x90 cm). A richiesta pu essere (with integrated panel), right or left
dotata del nuovo sistema idromassaggio corner, wall-leaning or recessed in four
ad aria Air-System. Anche i vasi e i bidet sizes (from 170 x 70 to 190 x 90 cm).
riprendono la forma squadrata e Clients may request the new Air-
inconfondibile della serie, con la parte System whirlpool option. Toilets and
inferiore che si arrotonda leggermente bidets from the series imitate the
verso il basso. Mediante un tasto square, typical style, with their lower
laterale, il sedile del vaso si smonta sections rounding off slightly at the
facilmente, rendendo semplice la pulizia bottom. Thanks to a side button, the
della ceramica. Duravit ha ottimizzato il toilet seat can be easily disassembled,
sistema di sciacquo espressamente per making maintenance quite easy.
la forma geometrica squadrata del vaso: Duravit optimised the ushing system
linnovativa tecnologia Rimless senza specically for the seats square shape:
brida si segnala per le prestazioni Rimless innovative technology offers
rilevanti, fornendo uno sciacquo perfetto excellent performance, providing
di tutto il bacino interno. perfect total ushing.
Altre caratteristiche innovative che Other innovative features that allow
creano maggior comfort e igiene sono il for greater comfort and hygiene
nuovo smalto HygieneGlaze 2.0 e il are the new HygieneGlaze 2.0 and
sedile elettronico SensoWash Slim. the SensoWash Slim electronic seat.

Dallalto: Vero Air una serie From the top: Vero Air is a complete
per il bagno completa dalla forte bathroom series with an unmistakable
Via Faentina 207 F e immutata identit incentrata timeless style focused on streamlined
48124 Ravenna sullessenzialit e sulla versatilit. designs. It can be paired easily.
I lavabi sono disponibili in cinque The washbasins are available in ve
T +39 0544 509711 dimensioni, da 50 a 120 cm, le bacinelle sizes, from 50 to 120 cm; the basins,
F +39 0544 501694 da 50 e 60 cm, tutti abbinabili from 50 to 60 cm, and everything can be
alle serie di mobili Vero e L-Cube. paired with the Vero and L-Cube furniture
info@it.duravit.com Sopra, a destra: nella versione series. Top right: in the c-bonded version,
www.duravit.it c-bonded, ceramica e mobile si fondono ceramic and furniture unite in seamless
in un design purista di forte personalit design with a great personality
US
IV GAVAZZI TESSUTI TECNICI S.p.A.
Tipologia/Product type Settore applicativo/Usage Caratteristiche tecniche/ Certificazioni ottenute/Certifications
Tessuti tecnici fonoisolanti/ Ambienti domestici e contract/ Technical characteristics B-s1 (certificazione dei requisiti di
Sound-absorbing technical fabrics Domestic and contract environments Spessore: 3 mm. Coefficiente reazione al fuoco), d0 EN 13501-1:2010
di assorbimento acustico _w: 0,25 (H). (certificazione di resistenza al fuoco
Assorbimento acustico: classe E. secondo la norma DIN)/
Coefficiente di riduzione del rumore (NRC): B-s1 (certification for fire reaction
0,20. Conduttivit termica: requirements), d0 EN 13501-1:2010
valore h(10) = 0,040 [W/(m*K)]/ (certification of fire resistance according
Thickness: 3mm. Coefficient to DIN standards)
of acoustic absorption _w: 0,25 (H).
Acoustic absorption: Class E. Noise
Reduction Coefficient (NRC): 0.20.
Thermal conductivity: h(10) = 0,040
NEL REGNO DEL SILENZIO
Il comfort acustico uno degli che aggiunge alle notevoli propriet
elementi principali nella denizione tecniche ed estetiche comuni a tutti
del benessere ambientale e nel i tessuti Gavatex quella della fono-
miglioramento della vita di chi parla, assorbenza. Limpiego di Acustic alle
ascolta e vive lo spazio: non un pareti e/o a softto riduce il riverbero
caso che lisolamento acustico stia e assorbe leffetto eco, migliorando
assumendo unimportanza crescente sensibilmente la qualit acustica
nel progetto di interni contemporaneo. dellambiente. Lalta capacit
In tale ambito opera Gavazzi, azienda assorbente dello strato a muro
di riferimento nel suo settore, fornendo permette di ridurre i rumori provenienti
ai progettisti soluzioni innovative come dallesterno e la fuoriuscita di quelli
la nuova linea Acustic, uno strumento emessi allinterno. I tessuti Acustic
ideale per ottenere una correzione offrono una soluzione tecnica per
acustica in modo semplice e non rivestire le pareti interne degli edici
invasivo. Acustic un tessuto di bra pubblici, privati e business,
di vetro accoppiato a uno speciale velo insonorizzando in maniera discreta
alveolare per lassorbimento acustico, e rafnata ogni tipo di ambiente.

IN THE REALM OF SILENCE with a special honeycomb layer for


absorbing noise, thus adding sound-
Acoustic comfort is one of the key absorbency to the considerable
elements for establishing technical and aesthetic properties
environmental wellbeing and shared by all Gavatex fabrics.
enhancing the lives of those who talk, The use of Acustic in walls and/or
listen and live in a space: it is no ceilings reduces reverberation and
coincidence that acoustic insulation absorbs the echo effect, considerably
is assuming a growing importance improving the acoustic quality of the
in the design of contemporary environment.
interiors. The high absorbent capacity of the
One of the specialists in this eld is wall layer enables a reduction in noise
Gavazzi, a leading company in its coming from outside and the escape
sector, providing architects with of sounds emitted inside.
innovative solutions such as the new Acustic fabrics offer a technical
Acustic line, an ideal tool for achieving solution for interior wall cladding in
correct acoustics in a simple and public, private or commercial buildings,
non-invasive way. soundproong all kinds of spaces
Acustic is a breglass fabric coupled in a discreet and rened way.
In questa pagina: rafnato esteticamente In this page: esthetically rened
mm,
e dotato di uno spessore di soli 3 mm and with a thickness of just 3 mm,
Via Gavazzi, 3 il tessuto Acustic garantisce rilevanti Acustic fabric guarantees signicant
23801 Calolziocorte (LC) prestazioni in termini di fonoassorbenza performance in terms of sound
(coefciente di assorbimento acustico absorption (coefcient of acoustic
T +39 0341 641 051 pari a 0,25, in classe E; coefciente di absorption of 0.25; acoustic absorption
F +39 0341 633 004 riduzione del rumore: 0,20), proponendosi in Class E; noise reduction coefcient:
come efcace strumento di ottimizzazione 0.20), presenting itself as an efcient
www.gavazzispa.it delle caratteristiche acustiche degli spazi tool for optimising the acoustic
interni pi disparati characteristics of all kinds of spaces
V KALDEWEI
Tipologia/Product type Settore applicativo/Usage Caratteristiche tecniche/ Certificazioni ottenute/Certifications
Lavandini/Washbasins Arredo bagno/Bathroom furnishings Technical characteristics ISO 14025 (etichette ambientali ISO),
Lavabo a bacinella in acciaio smaltato, LEED (certificazione ambientale), DGNB
con copertura smaltata dello scarico/ System (certificazione German Sustainable
Washbasin bowl in steel enamel, Building Council), IBU - Institut Bauen
with enamel drain cover und Umwelt e.V. (dichiarazione ambientale
di prodotto), TV Rheinland/ISO 14025
(ISO environment labels), LEED
(environment certification), DGNB System
(German Sustainable Building Council
certification), IBU - Institut Bauen
und Umwelt e.V. (environment product
certificates), TV Rheinland
LA RIVOLUZIONE DELLACCIAIO
Linnovazione pu essere legata a nuovi
dispositivi di funzionamento o di utilizzo,
o magari a nuove forme.
Ma anche innovazione, nel senso pi
puro, lintroduzione di materiali inediti
o luso inconsueto di materiali esistenti.
A questultima categoria di innovazione
appartengono alcune proposte
presentate allultimo ISH da Kaldewei,
azienda di riferimento internazionale
nel settore dellarredo bagno.
In totale, sono 80 le nuove combinazioni
nelle quali rientrano sia ampliamenti
di gamma e nuove dimensioni delle
cinque serie gi esistenti (Centro,
Puro, Cono, Silenio ed Emerso) sia
la nuova linea Miena, disegnata
da Anke Salomon. La particolarit di
questultimo prodotto legata proprio
alle caratteristiche del materiale
utilizzato: lacciaio smaltato, soluzione
resistente e dal forte carisma, perfetta
sia per progetti residenziali sia in
ambito contract, dove i prodotti sono
pi sollecitati da usi frequenti e pulizie
accurate. Installati a parete, I lavabi
Miena coniugano elevati standard con
il design minimale e la qualit ricercata.
Collocabili liberamente su una console
o un piano di appoggio, le versioni
a bacinella non sono vincolate
alle misure dei mobili da bagno.
La variante a bacinella disponibile
nelle tipologie tonda e quadrata,
in due formati. Una ulteriore novit
la diversicazione cromatica: oltre
ai classici colori dei sanitari sono
a catalogo anche le tonalit esclusive
della Coordinated Colours Collection.
Ma le novit di Kaldewei allISH non si
fermano qui. Lampliamento di gamma
presentato comprende una scelta
che scelta spazia dai generosi
lavabi doppi ai lavandini compatti,
dai modelli sosticati a quelli classici.
Per la prima volta disponibili in
numerose declinazioni di colore,
i lavabi Kaldewei offrono opportunit
completamente nuove per la
progettazione del bagno, con una
grande variet di personalizzazioni.
Lazienda si rivolge cos a target
allargati, offrendo tra laltro soluzioni
per gli spazi pubblici, i bagni piccoli
e quelli per gli ospiti.
In alto: il nuovo modello Puro S con Above: the new Puro S model
pareti doppie. Sotto: le linee uide di with double walls. Below: the soft lines
Beckumer Strae, 33-35 Miena si distinguono per la leggerezza, of Miena stand out for their lightness,
D - 59229 Ahlen (Germany) mentre le caratteristiche dellacciaio while the qualities of steel enamel
smaltato rafforzano la sensazione accentuate the essential style.
T +49 2382 785 0 di essenzialit. La copertura smaltata The enamel-covered drain,
F +49 2382 785 200 dello scarico, caratteristica di molte a characteristic of many Kaldewei
serie di prodotti Kaldewei, offre product series, offers multiple
info@kaldewei.de molteplici possibilit di combinare possibilities to match Miena
www.kaldewei.com i lavabi Miena con le vasche da bagno washbasins with enamelled bathtubs
e i piatti doccia smaltati and shower trays
THE STEEL REVOLUTION They can be freely installed on
consoles or countertops, while the
Innovation can be related to new bowl versions do not depend on
functions or uses, or maybe to new the furnishing sizes.
forms. But innovation, in the purest The bowl version is available in round
sense of the word, also means and square shapes, in two formats.
introducing unique materials or an An additional novelty is the colour
unconventional use of existing ones. range: besides classic colours, the
In this latter category of innovation catalogue also presents exclusive
we nd some products presented shades from its Coordinated Colours
at this past ISH by Kaldewei, Collection.
a leading international bathroom But the Kaldewei novelties for ISH
furnishings company. dont end here.
In total, there are 80 new combinations Expanding the selection also ranges
that include expanding assortments/ from large-capacity double washbasins
new sizes for the existing 5 series to compact ones, from sophisticated
(Centro, Puro, Cono, Silenio and models to more traditional ones.
Emerso) and the new line Miena, For the rst time available in countless
designed by Anke Salomon. colours, Kaldewei washbasins offer
The peculiarity of this product totally new opportunities for bathroom
concerns the material used: steel design, with an impressive variety
enamel, a durable solution with of made-to-measure options.
a great personality, perfect for Thus the company widens its
residential buildings and for contract client base and offers solutions
projects, where there is more wear for public spaces, small bathrooms
and tear and frequent cleaning. and guest rooms.
The Miena washbasins join high
standards with minimal design and
outstanding g qquality.
y
In alto a sinistra: Miena nella versione Above, left: Miena in the City
City Anthrazit. In alto a destra: Miena Anthrazit version. Above, right: Miena
Oyster Grey. La scelta cromatica Oyster Grey. The Kaldewei colour range
Kaldewei offre unampia gamma di offers lots to choose from: in addition
opzioni: oltre che nei classici colori to traditional colours, the Miena
dei sanitari, i modelli Miena sono models are also available in elegant
disponibili anche nelle eleganti tonalit shades from the Coordinated Colours
della Coordinated Colours Collection. Collection.
Pi sotto: sobrio e compatto, Cono Below: essential and compact, Cono
Hand, anchesso in acciaio smaltato, Hand, in steel enamel, intended for
nasce per i bagni piccoli o per gli ospiti small bathrooms or guest bathrooms
US
VI MAMOLI S.r.l.
Tipologia/Product type Settore applicativo/Usage Caratteristiche tecniche/ Certificazioni ottenute/Certifications
Rubinetterie/Taps Ambienti bagno e cucina domestici Technical characteristics La produzione conforme alle Norme
e contract/ Bocca del rubinetto in ottone fuso, maniglie UNI EN 200/
Bathrooms in private and contract sector in metallo pressofuso e rosette in ottone Manufacturing complies with UNI EN 200
da barra. Finitura: cromo, oro 24K, ottone
spazzolato. Pressione minima di esercizio:
0,5 bar. Temperatura max acqua calda 80 C/
Spout in cast brass, handle in diecast metal
and rose in brass. Finish: chrome, 24K gold,
brushed brass. Minimum pressure: 0.5 bar.
Maximum temperature hot water 80 C

PROPOSTA DAUTORE

La capacit di una forma di essere versione batteria per lavabo a muro, AUTEUR PROPOSAL details have been studied with great
bella e di segnare uno stile pu essere sia ancora nella variante batteria da attention. Both with the sink group with
misurata in relazione alla permanenza incasso per vasca, completa di bocca The capacity of a form to be attractive 5/4 outlet and in the wall-mounted
delle sue qualit nei confronti del a parete e accessorio doccia, la bocca and to establish a style can be sink group and again in the bath group,
tempo che passa. questo il caso della del rubinetto realizzata ottone fuso, measured in relation to the complete with wall spout and shower
serie di rubinetterie ideata da Gio Ponti le maniglie sono in metallo pressofuso permanence of its qualities with attachment, the spout of the tap is
nel 1953, che rinasce oggi in una e le rosette in ottone da barra. respect to the passing of time. made from cast brass, the handles are
nuova linea di prodotti proposta Molto curate anche le niture, Such is the case with the taps in diecast metal and rose in brass.
da Mamoli, fedele nelle proporzioni disponibili a catalogo in tre eleganti designed by Gio Ponti in 1953, that Meticulous nishes, available in three
e nel disegno al progetto originale. declinazioni: cromo, oro 24K, ottone have been relaunched today in a new elegant versions: chrome, 24K gold,
Langolo tracciato da Ponti caratterizza spazzolato. Nella tipologia della doccia line of products by Mamoli, that remain brushed brass.
limpronta della maniglia a stella, il getto a pioggia e il sofone, faithful to the proportions and design In the shower the spray and rain head
concretizzando un sottile equilibrio tra ispezionabile, realizzato in ottone con of the original product. and shower head, accessible, are made
un originale senso della decorazione impugnatura nera. La versione con i The angle drawn by Ponti characterises in brass with black grip.
e una spiccata tendenza allastrazione, tradizionali tre fori con vitoni ceramici the appearance of the cross handle, The version with traditional three holes
tipicamente moderna. Nella riedizione declinata in unottica di risparmio creating a subtle equilibrium between with ceramic screws comes in an
proposta da Mamoli i materiali e i energetico grazie agli areatori Neoperl an original sense of decoration and energy saving model thanks to new
dettagli sono studiati con la massima di ultima generazione. a marked tendency to abstraction, generation Neopearl aerators.
attenzione. Sia nella batteria per lavabo Lapertura e la chiusura avvengono typically modern. In the reissue Opening and closing takes place with
a tre fori con scarico da 5/4, sia nella con una rotazione di 180 gradi. proposed by Mamoli the materials and a rotation of 180 degrees.
Limpronta a stella a tre punte The shape of the three-pointed
MILANO 1932
caratterizza il design senza tempo star characterises the timeless design
della serie di rubinetterie disegnata of the range of taps designed
Piazza S. Mamoli, 1 da Gio Ponti nel 1953 e oggi riproposta by Gio Ponti in 1953 and today reissued
20084 Lacchiarella (MI) da Mamoli. Nellimmagine in alto e by Mamoli. In the image top and the
nella prima immagine sotto a destra: rst image below right: the three-hole
T +39 02 36645299 la versione batteria per lavabo a tre sink group with 5/4 outlet; further

fori con scarico da 5/4; pi sotto, da down, from left, the wall-mounted
info@mamoli.com
sinistra, le versioni batteria per lavabo sink group and built -in bath group,
www.mamoli.com
a muro e da incasso per vasca, completa complete with wall spout and shower
di bocca a parete e accessorio doccia attachment
USM
VII VISMARAVETRO S.r.l.
Tipologia/Product type Settore applicativo/Usage Caratteristiche tecniche/ Certificazioni ottenute/Certifications
Cabine doccia/ Ambienti domestici e contract/ Technical characteristics UNI EN 14428:2015 (prodotto conforme
Shower enclosure Domestic and contract Cabine doccia in cristallo temperato alla norma Uni e marchiato CE); UNI EN
6/8 mm, con profili alluminio anodizzato 12150/1863 (Certificazione in merito al
o smaltato. Realizzazioni su misura/ trattamento termico del vetro piano - tempera
Shower enclosure in 6/8 mm toughened termica del vetro); ISO 14001 (Tutela
glass with anodised or painted aluminium ambientale); Sistema qualit ISO 9001:2008/
profiles. Made to measure UNI EN 14428: 2015 (product complies
with Uni standard, CE marking); UNI EN
12150/1863 (Certification regarding heat
treatment of flat glass - toughened glass);
ISO 14001 (Environmental Protection);
ISO 9001: 2008 Quality System
NUOVI ORIZZONTI
Vismaravetro unazienda italiana a NEW HORIZONS
vocazione internazionale, leader nella
produzione integrata di cabine doccia Vismaravetro is an Italian manufacturer
in vetro temperato, con prodotti di serie with an international vocation, a leader
e al tempo stesso essibili e su misura. in the integrated production of shower
Le sue attivit produttive si svolgono in enclosures in toughened glass, with mass-
due sedi (Giussano e Verano Brianza), produced items that are also can be made-
per un totale di 32.000 mq di supercie. to-meaure. The manufacturing is carried
Lazienda distribuisce i suoi prodotti out at two sites (Giussano and Verano
in 25 nazioni, operando in Francia Brianza), extending over a total of 32,000
attraverso il marchio VismaraFrance e square metres of oor area. The company
in Belgio con il marchio VismaraBelgio. distributes its products in 25 countries,
In Spagna presente con un ufcio operating in France under the name of
commerciale. Dal 2010 possibile VismaraFrance and in Belgium with the
visionare lintera gamma dei prodotti brand VismaraBelgio. In Spain it is present
Vismaravetro presso tre spazi espostivi: with a sales ofce. Since 2010 it has been
nella sede storica di Verano Brianza, possible to view the entire range of
a Parigi, al Parc dAffaires lnternational products at three showrooms: in the
Paris Nord 2 e a Barcellona. historic headquarters in Verano Brianza,
Nel 2013 stato inoltre inaugurato un in Paris, in the Parc dAffaires International
nuovo showroom ad Aalst, in Belgio. Paris Nord 2 and in Barcelona.
Dal 2016 lazienda partner In 2013 a new showroom opened at Aalst
di H2Otto, uno spazio nel centro in Belgium. Since 2016 the company has
di Milano dedicato allincontro con been a partner at H2Otto, a space in the
i professionisti: designer, architetti centre of Milan dedicated to bringing
dinterni, ingegneri, distributori, professionals together: architects, interior
rappresentanti del settore contract. designers, distributers and representatives
Ogni anno Vismaravetro produce circa from the contract sector. Every year
70.000 elementi doccia, utilizzando Vismaravetro produce around 70,000
650.000 mq di cristallo temperato shower products, using 650.000 sqm
(corrispondenti a 1.630.000 kg) of toughened glass (corresponding to
e 498.000 metri lineari di proli in 1.630.000 kg) and 498.000 linear metres
alluminio. Collabora con 2.800 clienti of aluminium proles. They collaborate
in Italia e 2.100 rivenditori esteri, with 2800 clients in Italy and 2100 sales
in 25 nazioni. outlets abroad, in 25 countries.

Le cabine doccia Vismaravetro sono Vismaravetro shower enclosures


veri elementi di arredo ingegnerizzati are true elements of engineered decor
con innovative soluzioni tecniche with innovative technical solutions
su scorrimenti, aperture, gestione with regard to sliding, opening and
Via Furlanelli, 29 dellacqua. Nelle immagini: al centro water management.
20843 Verano Brianza (MB) collezione Flare modello FA+FF con In the images: at the centre of the
apertura ad anta battente, a sinistra collection the Flare model FA+FF with
T +39 0362 992244 collezione Gliss modello DF+DQ+DG a hinged door, on the left the Gliss
con apertura ad ante scorrevoli, model DF+DQ+DG with sliding doors
info@vismaravetro.it a destra collezione Junior modello and on the right the Junior model
www.vismaravetro.it GN+GF con apertura ad ante pieghevoli GN+GF with folding doors
VIII TUBES RADIATORI S.r.l.
Tipologia/Product type Settore applicativo/Usage Caratteristiche tecniche/ Certificazioni ottenute/Certifications
Caloriferi, scaldasalviette/ Ambienti domestici e contract/ Technical characteristics Le versioni alimentate ad energia elettrica
Radiator, towel rail Domestic and contract spaces Soho: radiatori in alluminio, con una elevata sono certificate in merito alla sicurezza
velocit di risposta nello scambio termico, elettrica e in merito alla compatibilit
funzionamento a bassa temperatura elettromagnetica (TV Rheinland e IMQ Italia)/
e alta efficienza termica/ The electric versions carry certificates
Soho: Aluminum radiator with rapid with regard to electrical safety and
heat exchange response, able to work concerning electromagnetic compatibility
at low temps and high heating efficiency (TV Rheinland and IMQ Italia)

LOOK METALLICO
Sempre pi spesso la qualit del METAL LOOK
progetto degli interni prende corpo
attraverso la denizione delle Increasingly often the quality of interior
caratteristiche intangibili o delle design takes shape through the
propriet slegate dalla forma. In questa denition of intangible characteristics
direzione si muove Tubes, azienda or properties detached from form.
protagonista nel settore del progetto del Tubes, a leading company in the sector
calore, che oggi lancia una nuova of heating design, are moving in this
proposta che si lega anche allimmagine direction and are now launching a new
del materiale metallico. Da sempre proposal that is also connected to the
Tubes riserva una particolare attenzione look of the metal. Tubes have always
allequilibrio fra le alte performance paid particular attention to the
funzionali e laspetto formale dei propri equilibrium between high functional
prodotti: in molti casi assunti a nuove performance and the style and
icone e protagonisti del progetto appearance of their products: in many
estetico in ogni ambiente, residenziale cases they have become new icons
o collettivo. Lattenzione al design and protagonists of the aesthetic design
riservata da Tubes si riscontra tanto of all kinds of spaces, whether they
nella forma quanto nella pelle dei be residential or public. The attention
caloriferi, attraverso uno specico to design given by Tubes can be seen
progetto di messa a fuoco dei materiali, as much in the form as in the skin of
delle nitura e del colore (il cosiddetto the radiators, via a specic project that
CMF design) che rende ogni modello focusses on materials, nishes and
perfettamente inseribile nei pi svariati colour (otherwise known as CMF
contesti spaziali. La customizzazione del design) that makes each model suitable
prodotto non si concentra solo sul for placing in a range of spatial contexts.
colore attraverso pi di 260 varianti the customisation of the product is not
tonalit RAL, oltre a cromie speciali concentrated just on colour - with more
realizzate ad hoc per le collezioni Tubes than 260 RAL colours, as well as
ma comprende anche alcune special colours made specially for the
particolari niture, come la nuova Tubes collection - but also includes
versione galvanica in rame spazzolato particular nishes, such as the new
opaco, questultima oggi disponibile nei galvanic version in matt, brushed
modelli Kubik, Smart, Bath25 e T.b.t. copper, available for the models Kubik,
Altrettanto rilevante la nitura in Smart, Bath25 and T.b.t.
alluminio anodizzato bronzo, disponibile Another noteworthy nish is the bronze
solo per i modelli Soho e Soho anodised aluminium, available only for
Bathroom Version, in aggiunta alle models Soho and Soho Bathroom
versioni anodizzate argento, titanio e Version, in addition to the silver, titanium
nero degli stessi modelli. and black anodised versions for the
In Soho Bathroom Version le qualit same models. In the Soho Bathroom
materiche sono accentuate dallo Version, the material qualities are
speciale maniglione cromato di serie accentuated by the special chromed
che assolve alla funzione di handle that comes as standard that
portasalviette, posizionabile acts as a towel rail and can be placed
liberamente a qualsiasi altezza. at whatever height desired. As well as
Oltre a queste nuove versioni si these new versions, there are also
segnalano anche le altre niture other galvanic nishes available in the
galvaniche a catalogo: cromo lucido, catalogue: chrome polished, satined
nichel satinato, nichel nero, stagno nickel, black nickel, polished tin, 14K
lucido, oro 14K. Con questa ricerca gold. With this research into materials,
sui materiali, i colori e le niture, ancora colours and nishes, once again Tubes
una volta Tubes si distingue per la forte set themselves apart for their strongly
componente innovativa, capace innovative component, that establishes
di stabilire un nuovo standard. a new benchmark.
Sopra: Soho (qui in nitura anodizzata Above: Soho (here in anodised bronze
l estetica del
bronzo) ridenisce lestetica nish) redenes radiator aesthetics
C.P. 27B - Via Boscalto, 32 radiatore a partire dal singolo elemento. starting from the single element.
31023 Resana (Treviso) In questo archetipico progetto di In this archetypical design by Ludovica
Ludovica e Roberto Palomba lelemento and Roberto Palomba the radiator
T +39 0423 7161 radiante garantisce un consumo guarantees 75% less use of water
F +39 0423 715050 di acqua inferiore del 75% rispetto with respect to a traditional multicolumn
ad un calorifero tubolare tradizionale tubular heater
tubes@tubesradiatori.com multicolonna
www.tubesradiatori.com
In alto a sinistra: il radiatore Kubik Above, left: the Kubik radiator
in nitura rame spazzolato opaco e, in matt brushed copper and, below,
sotto, Soho Bathroom Version in nitura Soho Bathroom Version in anodised
anodizzata argento. silver nish.
Sopra: il modello Soho nelle quattro Above: Soho model in four nishes:
niture anodizzate nero, bronzo, titanio anodised black, bronze, titanium
e argento and silver
Informazione aziendale Manufacturers information

THE ITALIAN STONE THEATRE


MARMOMAC VERONAFIERE S.p.A. Viale del Lavoro, 8 - 37135 Verona T +39 45 8298111 F +39 045 8298288 www.marmomac.com

Sempre pi spesso negli ultimi anni la


pi pura ricerca progettuale passata
attraverso la sperimentazione sui
materiali. Ultimo intrigante capitolo in
questa direzione The Italian Stone
Theatre, il padiglione presentato da
Marmomac (27/30 settembre 2017)
e dedicato alla cultura, alla formazione
e alle sperimentazioni con la pietra e
le tecnologie. Curato dallarchitetto
Vincenzo Pavan e dal designer
Raffaello Galiotto, The Italian Stone
Theatre realizzato anche grazie
al Piano di promozione straordinaria
del Made in Italy, in collaborazione
con Ministero dello Sviluppo
Economico, ICE-Italian Trade Agency
e Conndustria Marmomacchine.
Photo Luca Morandini

Il progetto nasce come un polo di


cultura e sperimentazione, in cui le
aziende italiane di materiali, tecnologie
e macchinari possano dialogare
con architetti e designer di fama
mondiale e mostrare i risultati della Over the past years, the most hub, where Italian manufacturers production and sales, involving design
sinergia a una platea internazionale authentic design research unfolds of materials, technologies and and furnishing companies as well.
di visitatori (lo scorso anno 67mila more and more by experimenting with machines can dialogue with world- Soul of City, curated by Platform and
da oltre 145 nazioni). Tre le mostre materials. The latest intriguing chapter renowned architects and designers the architecture historian and critic
in programma. Territorio&Design in this direction is The Italian Stone and show the results of the synergy Luca Molinari, is a research project on
approfondisce le tematiche legate al Theatre, the pavilion presented by to an international audience of the use of stone, inspired by the UIA
progetto di design litico, evidenziando Marmomac (27/30 September 2017) visitors (last year 67,000 from over 2017 topic, to be held in September
le peculiarit dei materiali dei diversi and dedicated to the culture, education 145 countries). Three exhibitions in Seoul. The exhibition will engage
territori e bacini produttivi della and experimentation of stone and are scheduled: Territorio&Design well-known architecture studios from
penisola, valorizzandone i contenuti technologies. Curated by the architect analyses themes tied to designs with many countries that will work with
tecnici della tradizione e il patrimonio Vincenzo Pavan and the designer stone, highlighting the peculiarities Italian companies to create products
culturale. Macchine Virtuose si Raffaello Galiotto, The Italian Stone of the materials from varying areas that can accentuate the use of stone
rivolge alle aziende del settore alle Theatre also became a reality thanks and production centres across Italy, while representing a rich variety of
quali viene proposta la realizzazione to the National Made in Italy Industry enhancing the technical contents architectures. A Forum Area will also
di un prodotto capace di mettere in Plan, in collaboration with the Ministry of traditional and cultural heritage. be present at the exhibition and will
risalto le potenzialit della lavorazione of Economic Development, ICE-Italian Macchine Virtuose is aimed at host conferences, master classes and
con nalit produttive e commerciali, Trade Agency and Conndustria sector businesses that are offered the workshops in a rich line-up of events
coinvolgendo anche aziende di Marmomacchine. The project was realization of a product able to highlight also intended for professionals who
design e arredo. Soul of City, curato born as a culture and experimentation workmanship potentials aimed at may earn credits.
da Platform e dallo storico e critico
di architettura Luca Molinari, un
progetto di ricerca sullutilizzo della
pietra, ispirato al tema del Congresso
UIA 2017, a settembre a Seoul.
La mostra coinvolger noti studi di
architettura provenienti da vari paesi,
che lavoreranno con aziende italiane
dando vita a opere in grado di esaltare
luso della pietra e rappresentando
al contempo un paesaggio ricco di
architetture. Afancher le mostre la
Forum Area che ospiter convegni,
lectio magistralis e workshop in un tto
programma di incontri, nalizzati anche
allacquisizione di crediti formativi
dei professionisti.
Sopra: una vista dellinterno della Above: a view inside Hall 1, with an
Hall 1, con lallestimento realizzato installation made for the 2016 edition
per lEdizione 2016 di The Italian of The Italian Stone Theatre.
Stone Theatre. Nelle due immagini In the two small pictures, left and
piccole, rispettivamente a sinistra e a right, respectively, two previews
destra, due anticipazioni della mostra of the exhibition Macchine Virtuose,
Macchine Virtuose delledizione 2017; 2017 edition, and the works; Alveo,
le opere Alveo, di Industrie Montanari/ by Industrie Montanari/DDX/ADI tools,
DDX/ADI tools, e Genesi, di Mondo and Genesi, by Mondo Marmo design/
Marmo design/Prussiani Engineering Prussiani Engineering
Informazione aziendale Manufacturers information

Sopra: unaltra immagine Above: another photo of the


dellallestimento di The Italian Stone installation for The Italian Stone
Theatre nelledizione 2016. Theatre, 2016 edition.
Ledizione 2017 ospiter anche un Wine The 2017 edition will also host a Wine
Bar, luogo di incontro e di relax, e il Bar, a place for encounter and relax,
Ristorante dAutore, uno spazio dedicato plus the Ristorante dAutore, an area
al cibo italiano, interpretato da quattro dedicated to Italian cuisine, interpreted
chef stellati in una cornice scenograca by four award-winning chefs in a setting
ispirata alla pietra naturale a opera inspired by natural stone, by ADI
di ADI Delegazione Veneto Trentino Delegazione Veneto Trentino Alto Adige
Alto Adige
Informazione aziendale Manufacturers information

LA NUOVA PORTA DEL SUD/THE NEW SOUTHERN GATEWAY


FERROVIE DELLO STATO ITALIANE Piazza della Croce Rossa, 1 - 00161 Roma T +39 06 44101

Realizzata dopo quelle di Tiburtina


a Roma, Porta Susa a Torino
e Mediopadana a Reggio Emilia,
la nuova stazione di Napoli Afragola
costituisce un nodo essenziale del
Corridoio Scandinavo-Mediterraneo
che collega Helsinki a Malta passando
per il Brennero, la dorsale italiana AV/
AC e le principali citt siciliane. Entrata
in funzione lo scorso 11 giugno 2017
con la fermata di 36 treni al giorno,
linfrastruttura servir un bacino
potenziale di oltre 3 milioni di abitanti.
Nello stesso tempo ledicio progettato
da Zaha Hadid Architects rilancia il
ruolo delle Ferrovie dello Stato Italiane
come grande committente in grado di
realizzare la produzione di manufatti
architettonici di riferimento nel
panorama nazionale e internazionale,
come gi avvenuto con gli storici
episodi progettuali delle stazioni
di Firenze Santa Maria Novella, di
Giovanni Michelucci (1935), e Roma
Termini, di Angiolo Mazzoni (1950). Il
Photos Marco Introini

corpo centrale del fabbricato rmato


da ZHA costituito da una struttura
dalle forme uide e dinamiche, lunga
oltre 400 metri, che scavalca i binari
come un grande ponte, collegando
le aree attraversate dalla linea Built following on after Tiburtina cities. It began operating on 11 June architectural buildings in the national
ferroviaria e dando cos continuit in Roma, Porta Susa in Torino 2017 with 36 trains stopping there and international panorama, as was
alla rete viaria. I fronti del corpo di and Mediopadana in Reggio Emilia, a day, the infrastructure will serve the case in the past with for example
fabbrica sono contrassegnati da grandi the new Afragola station in Naples a potential 3 million inhabitants. in Firenze Santa Maria Novella, by
vetrate sostenute da pareti dacciaio constitutes an essential node of the At the same time the building designed Giovanni Michelucci (1935), and
e calcestruzzo a lo rivestito in Corian Scandinavian-Mediterranean corridor by Zaha Hadid Architects revitalises Roma Termini, by Angiolo Mazzoni
bianco, che conferisce continuit that connects Helsinki to Malta the role of Ferrovie dello Stato Italiano (1950). The main body of the building
tra superci opache e superci passing through Brennero, the AV/ as a major commissioning body designed by ZHA consists of a
trasparenti. Lo spazio che scaturisce AC backbone of Italy and Sicilys major able to fuel the production of key structure with dynamic and uid forms,
dallimpostazione progettuale
generato, come nella migliore
tradizione delle opere di Zaha Hadid
Architects, dallandamento dei percorsi
che vi si intrecciano e si costituisce
come un vero e proprio terreno
articiale aperto verso il territorio
circostante e pensato per muoversi
liberamente. Il progetto naturalmente
non si limita alla congurazione delle
forme architettoniche, ma denisce
lassetto del contesto urbano
circostante. La stazione sar cos
completata da 1.400 posti auto,
di cui 500 gi attivi, e 53 posti dedicati
a taxi e kiss&ride, che beneciano
anche di una corsia dedicata.
Sono inoltre previsti otto stalli, che
saranno ampliati no a 15 per la sosta
degli autobus urbani ed extraurbani.
La stazione di Napoli Afragola declina Napoli Afragola station is designed
il tema progettuale del ponte abitato, around the idea of the inhabited bridge,
indagato a pi riprese da Zaha Hadid, that has been explored several times
a partire dai suoi anni di studio alla A.A. by Zaha Hadid, starting back at her time
di Londra. Il basamento in calcestruzzo of studying at the A.A. in London.
a vista sorregge due corpi longitudinali The exposed concrete base supports
sinuosi che contengono gli spazi, two long curved blocks that contain the
la stazione e i loro annessi funzionali station areas and connected functions
e commerciali, rivestiti in pannelli and retail units, covered in Corian panels
di Corian, che si conformano ai volumi that follow the curved and irregular
curvilinei e irregolari delle facciate forms of the facades
Informazione aziendale Manufacturers information

over 400 metres long, that crosses


over the platforms like a great bridge,
connecting the areas crossed by the
railway lines and thus giving continuity
to the road network. The building
elevations are characterised by large
areas of glazing supported by steel
partitions and ush concrete clad in
white Corian that creates continuity
between matt surfaces and transparent
ones. The space that emerges from
the design layout is generated, like
all the best works by Zaha Hadid
Architects, by the movement of routes
that interweave and become a true
articial land open to the surrounding
landscape and conceived for moving
freely. The design naturally is not limited
to the conguration of architectural
forms but denes the layout of the
urban context that surrounds it.
The station will be completed by 1400
parking spaces, 500 of which are
already in place, and 53 places
dedicated to taxis and kiss&ride, that
also have the advantage of a dedicated
lane. There are also eight bus terminals
that will be increased to fteen for inner
city and outer city buses.
Gli interni della stazione enfatizzano la The station interiors emphasise the
matrice uida e dinamica delle forme, uid and dynamic matrix of the forms,
generate dallandamento dei ussi che vi generated by the movement of the
si intrecciano. I grandi lucernai dellatrio- pathways that intersect one another.
galleria che ospiteranno gli esercizi The large rooights of the atrium that
commerciali e le aree di sosta, ritmati will house retail outlets and rest areas,
dalla sequenza dei proli metallici articulated by the series of metal proles
intervallati da fasce vetrate, ricordano interspersed with glazed bands, recall
il motivo dominante dellarchitettura the dominant motif of the architecture
di Giovanni Michelucci nella stazione of Giovanni Michelucci at the station
di Santa Maria Novella a Firenze of Santa Maria Novella in Florence
blossoming.it
LA R I VO LU ZIONE
DEL L A VI TA OUT DOOR.
Dueacca cambia per sempre il modo di concepire
la rubinetteria da esterno e di vivere il rapporto con lacqua.

Solo 45 millimetri, per un piccolo cubo in acciaio inox 316 da interpretare e


modellare attraverso gli accessori e i diversi kit per outdoor. Lesclusivo Clip Kit con
molletta in acciaio, per esempio, permette di posizionare il miscelatore ovunque, su
una supercie o un oggetto, mantenendo sso il punto di alimentazione. Attraverso D U E A C C A .C O M
la semplicit del suo design, Dueacca ridenisce lidea di funzionalit e bellezza.
typeface: Shuriken Boy
Domus Rivista fondata nel 1928/Founded in 1928

Direttore/Editor Nicola Di Battista

Collegio dei Maestri/ David Chipperfield


The College of Masters Kenneth Frampton
Hans Kollhoff
Werner Oechslin
Eduardo Souto de Moura

101
Vicedirettore/Deputy editor Donatella Bollani

Art director Giuseppe Basile

Redazione/Editorial staff Rita Capezzuto


Elena Sommariva

Loredana Mascheroni
(supplementi/supplements)

Grafici/Graphics Elisabetta Benaglio


Franco Miragliotta

Coordinamento/Coordinator Miranda Giardino di Lollo

Segreteria/Administration Isabella Di Nunno


(assistente del direttore/assistant to the editor)

domusweb Simona Bordone


Marianna Guernieri
Salvatore Peluso

Centro Studi/Study Centre Massimo Curzi


Francesco Maggiore
Spartaco Paris
Andrea Zamboni

Progetti speciali/Special projects Giulia Guzzini

Redazione/Editorial staff T +39 02 824 721


F +39 02 824 723 86
per sottoporre proposte e per informazioni/
to submit projects and for general enquiries
redazione@domusweb.it

Sito/Website www.domusweb.it
Facebook www.facebook.com/domus
Twitter @domusweb

Titolare del trattamento dei dati personali raccolti nelle banche dati di uso redazionale Editoriale Domus S.p.A.
Gli interessati potranno esercitare i diritti previsti dal D.Lgs. 196/2003 in materia di protezione dei dati personali,
scrivendo a: responsabiledati@edidomus.it

Editoriale Domus

Editore e direttore responsabile Maria Giovanna Mazzocchi Bordone


Publisher and managing editor

Amministratore Delegato/ Sofia Bordone


Chief Executive Officer

Brand manager e Direttore estero/ Tommaso Vincenzetti


Brand manager and International director

Marketing manager Maria Ileana Guerrieri

Digital Business Director Nicola Licci

Licensing & Syndication Carmen Figini


T +39 02 82472487 figini@edidomus.it

Ufficio Stampa/Press Office Elisabetta Prosdocimi


T +39 338 3548515 ufficiostampa@edidomus.it

Pubblicit/Advertising T +39 02 82472253


F +39 02 82472385
pubblicita@ dom
d us.it

i ezione pubbl t Massim g Z a


Advertt
Adve tor

Promoz e romotion Vittorio r p e

Editor u isher Editorial D S A


Via Giann M zo oc i, 1/3
20089 zz o (M I))
T +39 02 824 721
F +39 02 575 001 32
editorialedomus@edidomus.it
typeface: Shuriken Boy
Agenti regionali per la pubblicit nazionale

PIEMONTE/VALLE DAOSTA: DueA Comunication S.a.s. di Aspesi Pia & C., Via S. Francesco dAssisi 22
10121 Torino, T 011 399 78 51, F 011 399 78 11.
LIGURIA: COMUNICARE di Alessandro Monti, Via M.Polo, 10/6 - 16136 Genova, monticomunicare@alice.it,
T. 010 218783.
VENETO, FRIULI V.G. e TRENTINO-ALTO ADIGE: Tiziana Maranzana, Via Santa Lucia, 74 - 35139 Padova,
T 049 660 308.
EMILIA ROMAGNA: Massimo Verni, Via San Pier Tommaso 18/3 40139 Bologna, T 051 544 145.
UMBRIA: Massimo Verni, Via San Pier Tommaso 18/3 40139 Bologna, T 051544 145.

101
MARCHE: Massimo Verni, Via San Pier Tommaso 18/3 40139 Bologna, T 051 544 145.
LAZIO, CAMPANIA: Interspazi S.n.c., Via Lorenzo Valla 38/A 00152 Roma, T 06 580 63 68.
PER LE RESTANTI REGIONI TELEFONARE A 02 82472372

Estratti/Reprints
Per ogni articolo possibile richiedere la stampa di un quantitativo minimo di 1.000 estratti a/Minimum 1,000
copies of each article may be ordered from: T +39 02 82 472 253 -502 F +39 02 82 472 385
email: grappone@edidomus.it

Servizio abbonamenti/Subscriptions
Numero verde 800-001 199 da luned a venerd dalle 8.45 alle 21.00, sabato dalle 8.45 alle 13.00,
F +39 02 92 85 61 10 email: uf.abbonamenti@edidomus.it

Ufficio vendite Italia


T 02 92 85 85 00, F 02 92 85 61 10 email: uf.vendite@edidomus.it

Un numero: 10,00. Fascicoli arretrati: 15,00.

Modalit di pagamento: contrassegno (contributo spese di spedizione 2,90). Carta di credito: American
Express, CartaS, Diners, Visa. Versamento sul c/c postale n. 668202 intestato a Editoriale Domus S.p.A.,
Via G. Mazzocchi 1/3 20089 Rozzano (MI), indicando sulla causale i numeri di DOMUS desiderati. Ai sensi
del D.Lgs. 196/2003 si informa che il Servizio abbonamenti e vendite completamente gestito da MMC
Service srl, Via Pietrasanta 14, Milano, che responsabile del trattamento dei dati. Titolare del trattamento
Editoriale Domus SpA, domiciliata in Rozzano (Mi), Via Gianni Mazzocchi 1/3 20089, T 02 824721.
Gli interessati possono esercitare i diritti previsti allarticolo 7 del D.Lgs. 196/2003 in materia di protezione dei
dati personali telefonando al 02 82472459. email: responsabiledati@edidomus.it.

Foreign Subscriptions dept.


T +39 02 824 725 29, email: subscriptions@edidomus.it

Foreign Sales
T +39 02 824 725 29, F +39 02 824 725 90, email: sales@edidomus.it
Back issues: 15.00 (postal charges not included). Payment method: by credit card American Express, Diners,
Mastercard, Visa, bank transfer to INTESA SANPAOLO S.p.A., Via Caboto 41/43, 20094 Corsico (MI)
IBAN IT26I 03069 33034 100000002749 Swift code BCITITMM

Distribuzione in edicola/Newsagent circulation


Distribuzione SO.DI.P. Angelo Patuzzi S.p.A.,
Via Bettola, 18 20092 Cinisello Balsamo MI T 02.660301 F 02.66030320

Distribuzione in libreria/Bookshop distribution


Joo Distribuzione, Via F. Argelati 35 20143 Milano,
T +39 02 8375671, F +39 02 58112324, www.joodistribuzione.it

Distribuzione allestero/Sole distribution agent


A.I.E. Agenzia Italia di Esportazione, Via A. Manzoni 12 20089 Rozzano (MI),
T +39 02 5753911, F +39 02 57512606

Edizioni locali di Domus/Local editions of Domus

Mexico, Central America and the Caribbean


Grupo Cerca
De la Rotonda de Multiplaza, 800 mts Norte Oficentro Plaza Colonial, Piso 3, Of.3-2 Escaz, San Jos Costa Rica
T +506 2288 0255, F +506 2228 9407 email: info@grupocerca.com
-
Boulevard Interlomas No. 5 Mezzanine 9, Centro Comercial Interlomas
San Fernando La Herradura, Mxico City, Zip Code 52787 - Mexico

China
Beijing Lintian Cultural Development Company Limited
Room 1004, Block 5, SOHO New Town, No. 88 Jianguo Road, Chaoyang District, Beijing. 100022 China
Tel: +86 10 6888 8588, Fax: +86 10 6557 5834

Germany
ahead media GmbH
Schlesische Strae 29-30, D -10997 Berlin
T +49 30 6113080, F +49 30 6113088 email: ahead.berlin@aheadmedia.com

India
Spenta multimedia
2nd Floor, Peninsula Spenta, Mathuradas Mill Compound, Senapati Bapat Marg, Lower Parel,
Mumbai - 400013 - India T +91 22 24811010

Sri Lanka
BT Options
536 R A De Mel Mawatha (Duplication Road) Colombo 3 - Sri Lanka
T +94 11 259 7991, F +94 11 259 7990 - info@btoptions.com

Fotolito/Prepress Editoriale Domus

Stampa/Printers ErreStampa, Orio al Serio (BG)

zione del Tribun d ilano n.


di n 125 del 14/8/1948.
etat riproduzione aale
e o parziia e contenuto della rivista senza lautorizzazione delleditore
e.
ll ts reser
es ved. o this
i pubbli i may be reproduced in any form without the permission
f rial D muss.

righ 2 al D s S. A i ano
ciat l I. ( ne Stamp P o ica Italiana)

In q e o numero
m la u l t non s p a 45%.
t iale nviato in d zzione, salvo acc
Il mater a o specifici, non verr restituito.

Led t e si chiara di p ibile a olare eventuali s tt


ttanze per quelle immagini
e tesst di c non sia s at possibile r ire la fo te.
he p ishe clar its willingne s to settle fees that may be owed for texts
a images whose sources could not be traced or identified.
domus 1016 Settembre / September 2017 SOMMARIO/CONTENTS IX

Autore / Author Progettista / Designer Titolo Title

Nicola Di Battista X Editoriale Editorial


I nodi al pettine The chickens have come home to roost

Coriandoli Confetti
Deyan Sudjic Hella Jongerius 1 Il respiro del colore Breathing colour
Paolo Giordano 8 Il disegno della continuit The design fo continuity
Carlo Olmo 12 Non voglio un cannibale felice! I dont want a happy cannibal!
Silvia Bodei 18 Ivrea: un grande patrimonio industriale tra Ivrea: a great industrial heritage
tutela e valorizzazione to be protected and promoted
Collaboratori / Pier Luigi Sacco Michael Kenna 24 Cos lontano, cos vicino So near, so far
Consultants
Cristina Moro Ferruccio Izzo 28 Il centro antico di Napoli come risorsa Capitalising on the old centre of Naples
Guido Musante Demetrio Paparoni Tadashi Kawamata 32 The Shower The Shower
API/Paola Zanacca
Michela Comba Carlo Mollino 33 Prima della scuola milanese Ahead of the milanese school
Traduttori /
Translators Tod Williams Billie Tsien 38 Obama Presidential Center, Chicago Obama Presidential Center, Chicago
Paola Adami Architects | Partners e/and
Paolo Cecchetto Interactive Design
Daniel Clarke Architects
Barbara Fisher
Emily Ligniti Carlo Melograni 42 Un esame di coscienza Soul-searching
Annabel Little
Miranda MacPhail
Dario Moretti
Richard Sadleir Progetti Projects
Rodney Stringer ODonnell + Tuomey 45 Central European University, Central European University,
Wendy Wheatley Budapest, Ungheria Budapest, Hungary
Fotografi / Paulo Martins-Barata Promontorio 60 Lubango Centre, Lubango, Angola Lubango Centre, Lubango, Angola
Photographers
Luca Artioli burkhalter sumi architekten 68 Edicio residenziale Wannenholz, Affoltern, Apartment building Wannenholz, Affoltern,
Tams Bujnovszky Svizzera Switzerland
Giuseppe Cappellani
Nanni Culotta Paolo Zermani 78 Cappella di preghiera, Fortezza da Basso, Prayer Chapel, Fortezza da Basso,
Donato Di Bello Firenze Florence
Fabrizio Fioravanti
Stphane Giraudeau Alfredo Taroni Ettore Sottsass 84 Trattato di Architettura Trattato di Architettura
Maurizio Gjivovich
Fernando Guerra | FG+SG Claudio Feltrin 94 Arper: la mia fabbrica diffusa verso il 4.0 Arper: my widespread factory towards 4.0
Luke Hayes
Michael Kenna
Irene Meneghelli Feedback Feedback
Igor Nicola
Riccardo Piccirillo Vincenzo Melluso 104 La Palermo di Vincenzo Melluso Vincenzo Mellusos Palermo
Heinz Unger
Roel van Tour
Daniel Vegel
Elzeviro Elzeviro
Si ringraziano / Pier Paolo Pasolini 111 Le mura di Sanaa The walls of Sanaa
With thanks to
Maria Grazia Chiarcossi
Alessandro Cucchi
Antonello Sanna Rassegna Rassegna
Ettore Sessa
Centro Studi Domus 114 Superci Surfaces
In copertina: elaborazione
grafica di un disegno di Enzo
Cucchi (sotto). Nel centenario 128 Autori Contributors
della nascita di Ettore Sottsass,
lartista e amico gli rende
omaggio proprio sulla sua
Domus con un disegno
Sottsass, 2017 (penna bic
su carta, 5,5 x 4,5 cm)
e con un pensiero: Si nasce
con la parola, che entra fin
dentro le pagine della rivista.

Cover: a graphic rendering


of an Enzo Cucchi drawing
(below). In the centenary
of Ettore Sottsass birth, the
artist and friend pays tribute
to him in his Domus with the
drawing Sottsass, 2017
(biro on paper, 5,5 x 4,5 cm),
a a thought: We are born
and
with the word which continues
inside the magazine.
X EDITORIALE/EDITORIAL domus 1016 Settembre / September 2017

I NODI AL PETTINE Nicola Di Battista

Di questa calda estate appena trascorsa resta in noi soprattutto da essere considerato dalla maggior parte delle persone come
una sensazione di forte disagio: il disagio di vivere in un Paese, denitivo, non pi modicabile e, di conseguenza, subto con
il nostro, estremamente fragile e indifeso, ormai incapace di far rassegnazione e vissuto come ineluttabile. In questa situazione,
fronte dignitosamente anche alle pi elementari esigenze di una quello che pi rattrista e preoccupa, per, dover vedere una
societ avanzata, come quella occidentale di cui facciamo parte. intera nazione come la nostra impotente e immobile, incapace
Ma su questo torneremo pi oltre. di trovare vie di uscita in grado di farci imboccare e percorrere
Fortemente e fermamente convinti, invece, che il tempo attuale di nuovo strade di progresso e di civilt. davvero triste e
fosse nalmente quello giusto perch la disciplina architettonica frustrante trovarsi nelle condizioni in cui siamo: tutti conoscono
esplicitasse di nuovo il proprio farsi in maniera da poter essere quello che non va, quello che non funziona, ma, al contempo,
compreso non solo dagli addetti ai lavori, abbiamo dedicato pi di nessuno sembra essere in grado di porvi rimedio.
un editoriale a delineare i fondamenti di una possibile e compiuta In realt, sono davvero poche le spiegazioni che si possono dare
teoria del progetto. Una teoria capace di sostenere il lavoro a questa imbarazzante situazione, e tra queste la pi plausibile
dellarchitetto che, pensando di poterne fare a meno, da molti anni potrebbe essere che la maggior parte dei cittadini italiani,
oramai non ne faceva pi uso. in questo momento, principalmente preoccupata e interessata
Ma, come ben sappiamo, se almeno allinizio tutto questo ha dato a preservare e a difendere il proprio status quo, a salvaguardare
a molti la sensazione di essere pi liberi nel fare il proprio lavoro, il tenore di vita raggiunto, ognuno con quello che ha, tanto
nel tempo, lassenza di un pensiero teorico chiaro, e soprattutto o poco che sia.
condiviso, da porre alla base del lavoro stesso, diventato un vero La situazione del nostro Paese nota a tutti da tempo, tutti
ostacolo alla sua stessa realizzazione, tanto che oggi si stenta sanno e ne parlano, ma questo, anzich generare una reazione
persino a riconoscerne la necessit. capace di opporsi al disastro con pensieri e azioni concrete,
Giunti a questo punto e forti del lavoro fatto allinterno della diretti a innescare un vero cambiamento, ha nella sostanza solo
disciplina, non possiamo per non occuparci, ora, anche di quanto alimentato un poderoso, interminato e interminabile ume
succede al di fuori di questa, nel mondo reale, e cercare in questo di parole e di immagini.
mondo cosa la sostiene o la osteggia. Proveremo ad approfondire pi oltre questa riessione, ma adesso
Conviene ricordare allora come gli ultimi anni siano passati vogliamo riportare lattenzione a quanto dicevamo allinizio
per tutti molto in fretta, vissuti pericolosamente con i nostri di queste note.
sensi sovraeccitati dalle mirabolanti innovazioni tecnologiche In tutto questo argomentare c stata la prepotente irruzione di
che la vita ci proponeva in grande quantit, salvo poi ritrovarci questa ultima estate che si assunta la grande responsabilit di
nudi e frastornati davanti alla complessit del mondo globale. rendere evidente al mondo intero linadeguatezza del nostro Paese
Frastornati e purtroppo non pi capaci di comprendere appieno a vivere il nostro tempo, e lo ha fatto in maniera magistrale, quasi
quanto accade intorno a noi, solo ora ci rendiamo nalmente teatrale, costringendolo a una dichiarazione universale di resa
conto di come sia stato allora devastante rinunciare a determinare allacqua e al fuoco, e quindi alla vita.
la realt che ci circonda, pensando che essa fosse solo un dato Che possano accadere eventi catastroci ed estremi, a volte
di fatto. crudeli, legati alla consistenza stessa della nostra terra, cosa
Oggi, di fronte ai vari disastri cui siamo costretti ad assistere, risaputa e nota, tuttavia non si pu tollerare che di fronte a tali
di carattere umanitario, religioso, nanziario e tanto altro ancora, accadimenti uno Stato, serio e moderno, non abbia altro da dire se
siamo pervasi da un forte e angosciante senso di impotenza non che sono purtroppo frutto di eccezionali avversit climatiche.
che ci obbliga a vivere il nostro tempo con rassegnazione. Si tratta di una scusa ingenua e non ricevibile; vero che non
Ebbene, noi non lo vogliamo. Vogliamo, per contro, poter essere possibile sapere prima cosa accadr domani, per contro, sappiamo
responsabili del nostro futuro, determinarlo e non subirlo. bene quello che facciamo o meno oggi nei nostri rispettivi ruoli - di
Di fronte alle aporie attuali, alle cattive prassi consolidate, semplici cittadini o di decisori e responsabili delle istituzioni -, e
alla insopportabile semplicazione della realt, non pi possibile sappiamo anche che gli effetti di questi eventi saranno pi o meno
rimanere inerti, insensibili, o peggio, far nta di non sapere nefasti a seconda di ci che si fatto prima del loro manifestarsi.
da dove provengano i problemi. Il fuoco e lacqua, lo sappiamo, sono da sempre elementi essenziali
La crescente riduzione della dimensione culturale del nostro tempo alla vita degli uomini su questa terra, ma sono anche protagonisti
la misura di quello che siamo diventati, ed allora proprio su di tante e drammatiche tragedie che non scopriamo certo ora;
questo che bisogna intervenire, chiedendoci se c ancora spazio per questo i popoli hanno imparato a dominarli, gestirli, regolarli
oggi per un mondo in cui sia di nuovo il pensiero a sottendere e soprattutto a mitigare i loro effetti distruttivi, con unattenta,
e sostenere il fare degli uomini. costante e puntigliosa prevenzione, studiata caso per caso.
Ora sappiamo che stata proprio questa riduzione ad aver Questo tanto pi vero se parliamo poi di un Paese avanzato
impedito una vera modernizzazione del nostro sistema Paese - o come il nostro, rispetto a tante altre parti del mondo; eppure le
per meglio dire non aver permesso che si portasse a termine quella emergenze di questa estate, causate da una parte dagli inniti
iniziata e mai nita -, costringendoci oggi a vivere con difcolt incendi, e dallaltra dalla mancanza di acqua, ci hanno precipitato
la nostra contemporaneit; e questo in quasi tutti i campi del di colpo in un incubo, restituendoci unimmagine penosa del nostro
vivere civile, obbligati ad assistere inermi al barbaro utilizzo territorio abbandonato a s stesso e di quello che siamo diventati.
del nostro territorio, a un uso inconsapevole e sconsiderato delle Il Paese Italia che va a fuoco e che non ha pi acqua per i suoi
risorse, sia naturali sia articiali, e soprattutto a uno scellerato cittadini, ha mostrato, in modo plateale ed evidente, che siamo
deterioramento delle nostre istituzioni. Ebbene, questo stato di ormai a un punto di non ritorno: ora non possiamo pi dire che
fatto, da tempo sotto gli occhi di tutti, si ormai talmente radicato prima o poi tutti i nodi verranno al pettine, per noi i nodi sono gi
domus 1016 Settembre / September 2017 EDITORIALE/EDITORIAL XI

al pettine e lo sono purtroppo in maniera denitiva e irreversibile. sostituendo lalgoritmo al pensiero, si connato dentro rigide
Conviene a questo punto, per, tornare alle nostre discipline norme questo antico mestiere e le sue regole.
del progetto, per cercare di capire come esse abbiano assecondato Tutto questo ha portato alla distruzione quasi totale della vecchia
o contrastato in questi ultimi anni quanto detto sin qui, e occorre maniera di lavorare, senza crearne una nuova, aggiornata
farlo prendendo due dei cardini principali che sostengono il nostro al nostro tempo, capace di perseguire con successo gli obiettivi di
lavoro: la formazione e la professione. sempre. Abbiamo, per contro, sempre pi societ di professionisti,
Cominciando dalla formazione, non esagerato dire che uno dei complesse e articolate, che si arrogano inconsapevolmente
contributi pi importanti, dati dal nostro Paese al Movimento il diritto di progettare i nostri territori, i nostri edici pubblici,
Moderno, stato quello dellinsegnamento stesso dellarchitettura, le nostre case, trattando la produzione architettonica come un
con lidea e la necessit di poter trasmettere e apprendere la qualsiasi altro prodotto commerciale che risponde solo alle regole
disciplina attraverso le scuole. Dopo la straordinaria esperienza del mercato. Cosa centra ora tutto questo con larchitettura, se
del Bauhaus tedesco, dellinizio del secolo scorso, al grandissimo non a estromettere miseramente proprio larchitettura stessa dalla
lavoro compiuto dalle facolt di architettura italiane che bisogna produzione architettonica? Quale pochezza nel voler trasformare
guardare per avere qualcosa di simile. larchitettura solo in una tecnica.
Ci riferiamo alla nascita e allaffermazione delle scuole Ma gli architetti, i professionisti, gli ordini professionali in questi
di Venezia, di Milano, di Roma, per citarne solo alcune: scuole anni doverano? Perch hanno rivolto lo sguardo altrove?
internazionalmente riconosciute che hanno formato tantissimi Perch sono diventati complici di questo stato di fatto?
bravi architetti e contribuito anche, in maniera determinante, Come per la formazione anche queste domande non avranno
a ricostruire il Paese distrutto dalla guerra. Dopo questa esaltante riscontro, ma anche in questo caso la risposta pi evidente
stagione, che non ha ancora pari nel mondo, ci si sarebbe aspettato la troviamo nei nostri territori e con quanto l si costruito.
un futuro certo e prospero per questa disciplina, invece cos Un Paese come lItalia che conta decine e decine di migliaia
non stato. di architetti abilitati alla professione, non pu subire questa
Con il decentramento delle sedi universitarie - che di per s non avvilente realt come ineluttabile; ci deve essere una via
era certo un male - cominciano a nascere altre scuole pubbliche duscita, bisogna solo cercarla, trovarla e perseguirla: si pu fare.
sul territorio nazionale. Lontano dalle grandi citt, altri Atenei A questo punto non possiamo non ricordare, precisamente, la
offrono corsi di laurea in architettura, in maniera per non sempre lucida e perentoria analisi fatta da Pier Paolo Pasolini, agli inizi
virtuosa, con poche cattedre per le materie portanti - come degli anni settanta del secolo scorso, sulle condizioni del nostro
la progettazione architettonica -, ma con tante altre che hanno Paese. Diceva Pasolini parlando di quel tempo stato una specie
al pi creato una miriade di piccoli potentati accademici. di incubo, in cui abbiamo visto lItalia intorno a noi distruggersi
In mancanza di uno sguardo pi ampio e rivolto al futuro, e sparire. Adesso, risvegliandoci forse da questo incubo e
in queste scuole ognuno ha pensato al proprio particolare settore, guardandoci intorno, ci accorgiamo che non c pi niente da fare,
cercando di cavarsela difendendo quel poco che aveva, con il (vedi Domus 974, novembre 2013).
risultato di generare solo una situazione disastrosa, imbarazzante Molti anni sono passati e rileggendo oggi le sue parole ci
e oltretutto parecchio onerosa. accorgiamo che i nostri problemi attuali vengono da lontano e che
Ma gli architetti, i professori, gli studenti in quegli anni doverano? gi allora le cose erano chiare per chi come lui aveva occhi per
Perch hanno accettato di diventare complici di questo stato vedere; su una cosa per non vogliamo oggi concordare: quella
di fatto? Perch non hanno sentito il bisogno di ribellarsi? drammatica conclusione del suo discorso, quel grido sussurrato
Domande retoriche le nostre, che sicuramente non avranno con un lo di voce che riecheggia sulle dune di Sabaudia Adesso
seguito, la cui risposta, per, comunque sotto gli occhi di tutti, non c pi niente da fare.
nel sistema formativo che abbiamo ereditato. Al contrario, oggi, c molto da fare, anzi moltissimo e non ci
davvero avvilente che un Paese come il nostro, che pu vantare resta che farlo; il nostro Paese chiede, invoca, supplica di essere
universit di primo piano, non riesca a riformarsi dal proprio ricostruito e non aspetta altro che qualcuno lo faccia, che qualcuno
interno. Non ci vorrebbe molto e sarebbe possibile, se solo si avesse si prenda cura di esso, lo riscatti da questa folle incuria di cui
voglia di farlo. stato vittima e lo risvegli nalmente dallinsano torpore che
Laltro tema su cui vogliamo a questo punto riettere quello per troppo tempo lo ha avvolto e soffocato. Non possiamo perdere
della professione. loccasione che abbiamo; la congiuntura attuale ci offre questa
Un mestiere, quello dellarchitetto, che si svolge da millenni inaspettata opportunit, lennesima dopo le tante avute nel
e che no agli anni ottanta del secolo scorso ha sempre messo al passato e non utilizzate, ed lo stesso Pasolini che ancora ci indica
centro dei propri interessi la citt delluomo, cio il bene comune. la strada da percorrere, quando magistralmente, in poche parole,
La professionalit dellarchitetto, basata soprattutto sulle proprie descrive cosa connota veramente il nostro Paese, parlando
capacit intellettive e materiali, organizzate allinterno del classico di quei vari modi di essere uomini che lItalia ha, che lItalia
studio di architettura, stata cos per lunghissimo tempo ha prodotto in modo storicamente molto differenziato.
al servizio della costruzione dei luoghi per la vita di tutti. proprio da qui allora che bisogna ripartire, da quanto
Negli ultimi anni invece, le grandi innovazioni tecnologiche ci appartiene; oggi abbiamo il dovere e lonore di riportare
entrate di forza nel nostro mondo, insieme a un sistema culturale allattenzione del nostro tempo quanto stato nascosto e
sempre pi subalterno, hanno completamente cambiato questa negletto ad arte, ridenendo e rinegoziando di nuovo la nostra
maniera di lavorare, rendendo di fatto obsoleto il vecchio studio appartenenza a questo Paese e lappartenenza del Paese a noi, per
e cos, passando dal tecnigrafo al computer, ci si occupati pi trasformare quel drammatico adesso non c pi niente da fare
delle performance degli strumenti che dei contenuti del lavoro e, in un potente c molto da fare. E noi vogliamo farlo. ndb
XII EDITORIALE/EDITORIAL domus 1016 Settembre / September 2017

THE CHICKENS HAVE Nicola Di Battista


COME HOME TO ROOST

This hot summer now over leaves us with an overriding sense of everybody and been lived dangerously, our senses overexcited by
malaise: that of living in Italy, our extremely fragile and defenceless the stunning ood of technological innovations thrust upon us, only
country now incapable of meeting with dignity even the most to nd ourselves naked and bewildered before the complexity of our
elementary needs of an advanced society such as that of the West global world.
in which we live. We shall come back to this later. Bewildered and, sadly, no longer fully able to grasp what is going
Firmly convinced that the time was, at last, right for the discipline on around us, only now have we come to realise how devastating
of architecture once again to explain itself in a manner that was our decision not to shape the reality around us, believing
is understood not only by those working in the sector, we have it to be simply a fact of life.
devoted several editorials to outlining the foundations of a possible Faced with all the disasters we are forced to witness today, be they
and accomplished theory of design; one that supports the work of humanitarian, religious, nancial or other, we are lled with a
architects who for years had set it aside, convinced they could do distressing sense of impotence that forces us to live our lives with
without one. resignation.
As we well know, whilst all this at rst gave many the feeling that We shall not succumb to it. We want to be responsible for our future,
they would be freer to get on with their work, the absence of clear shaping it and not enduring it. Faced with todays difculties, the
and shared theoretic thinking underpinning that work gradually consolidated malpractices and the unbearable simplication of
became an obstacle to it, such that it is hard now even reality, we can no longer remain inert and insensitive or, worse still,
to acknowledge its need. pretend not to know the origin of the problems.
Having reached this stage and on the strength of work done within The ever-smaller cultural dimension of our time is the measure
the discipline, we cannot ignore what is also happening beyond its of what we have become and this is precisely where we must start,
boundaries, in the real world, where we must look for what helps asking ourselves whether there is still room today for a world
or hinders the discipline. where it is once again the mind that subtends and supports human
It is worth remembering that recent years have passed quickly for endeavour.
A destra: veduta del
modello dellArena
dellarte, progetto
di Nicola Di Battista per
la Galleria Comunale
dArte Moderna e
Contemporanea di Roma,
2001, con un collage
di una performance
di Vanessa Beecroft,
VB37-Tokyo,1999
(al centro) e La grande
odalisque di Jean-
Auguste-Dominique
Ingres, 1814 (sulla destra)

Right: a model of the


Arena dellArte project
by Nicola Di Battista for
the Galleria Comunale
dArte Moderna e
Contemporanea in Rome,
2001, with a collage
of a performance by
Vanessa Beecroft , VB37-
Tokyo,1999 (centre), and
Jean-Auguste-Dominique
Ingres La Grande
Odalisque, 1814 (right)
Photo Fabrizio Fioravanti
domus 1016 Settembre / September 2017 EDITORIALE/EDITORIAL XIII

We now know that it was this very limitation that prevented a real knows and talks about it but instead of triggering a reaction
modernisation of our country-system or rather that stopped the to counter the disaster with thoughts and concrete actions that
completion of what had been started but was never nished, forcing will bring about real change, this has only fuelled a mighty,
us to struggle with our current times. This applies to nearly all the interminable and endless river of words and images.
elds of civilised living, obliged to witness defencelessly the brutal We shall try to take this reection further but, for the moment,
abuse of our land, the uninformed and ill-considered use let us return to what we were saying at the beginning of this piece.
of our resources, natural and articial, and, above all, the heinous Looming over this whole discussion has been this summers
deterioration of our institutions. This situation, long apparent to onslaught, responsible for revealing to the whole world Italys
all, is now so deep-rooted as to be regarded by most as permanent, incapacity to live in our times. It has done so in masterly, almost
unchangeable and consequently accepted with resignation and theatrical, fashion with a universal surrender to water and re,
taken as inescapable. In these conditions, what is most saddening and hence life.
and worrying is having to see our entire nation impotent and The possibility of catastrophic, extreme and, at times, cruel events
immobile, incapable of nding ways out that will lead to new paths linked to the very substance of our land is a well-known fact.
of progress and civilisation. It is indeed sad and frustrating to nd It is, however, intolerable to think that, in the face of such events,
ourselves in such a state, where everyone knows what is wrong and a modern and serious nation has nothing more to say than that
does not work but no one seems able to nd a remedy. they are, alas, the product of exceptional climate issues.
There are few explanations for this embarrassing situation and This is a nave and unacceptable excuse. Of course, it is not possible
the most plausible might be that the majority of Italian citizens to know what will happen tomorrow but we are well aware of what
today are mainly concerned with and interested in preserving and we have or have not done today in our roles as ordinary citizens
defending their status quo, safeguarding their standard of living, or decision-makers in charge of our institutions. We know, too, that
each with what they have, much or little as it may be. the effects of these events will be more or less pernicious depending
The state of our country has long been familiar to all; everybody on what was done prior to their arrival.
XIV EDITORIALE/EDITORIAL domus 1016 Settembre / September 2017

Fire and water have always been essential elements of human life traditional architectural ofce, served the construction of places
on this earth but they are also the protagonists of many, dramatic for everyones lives.
tragedies that are certainly not new to us. This is why populations Instead, in recent years, the great technological innovations that
have learnt to gain a hold over and manage them, controlling have erupted into our world and an increasingly secondary cultural
them and, above all, mitigating their destructive effects by means system have completely changed this work approach. They have
of constant, careful and persevering prevention, studied case by rendered the old practices obsolete and so, moving from drawing
case. This is even more so in a country such as ours, more advanced board to computer, more attention has been paid to the tools
than many other parts of the world. Yet, this summers emergencies, than the work contents. Algorithms have replaced thinking and
caused on the one hand by countless res and on the other by this ancient craft and its rules have been squeezed within strict
a lack of water, suddenly thrust us into a nightmare featuring standards.
a sorry image of our land left to its own devices and to what we have All this has led to the almost total destruction of the old way of
become. working but without creating a new one in step with the times and
Italy in ames and out of water for its population has shown, loudly capable of pursuing the same time-honoured aims. Instead, there
and clearly, that we have reached a point of no return. We can no are more and more complex professional rms claiming the right to
longer say that sooner or later the chickens will come home to roost, design our landscapes, our public buildings and our houses whilst
for our chickens have already come home to roost and alas unconsciously treating architectural output as any old commercial
conclusively and irreversibly. product that responds only to the rules of the market.
We had best go back now to our design disciplines and try to What does all this have to do with architecture other than woefully
understand how they have, in recent years, pandered to or countered banishing it from architectural production? How mean to try and
what we have just said. We shall do so by taking two of the turn architecture into mere technique!
cornerstones of our work: training and the profession. Where, in those years, were the architects, professionals and
Starting with training, it is no exaggeration to say that one of professional bodies? Why did they look away? Why did they become
the most important contributions made by Italy to the Modern accomplices to this state of affairs?
Movement lay in its teaching of architecture, with the idea and the As for the issue of training, these questions will have no answers
need to transmit and learn that subject in the schools. either but in this case, too, the most striking response is found on our
After the extraordinary experience of the German Bauhaus at the land and what has been built there. A country such as Italy with tens
beginning of the last century, we must look to the great work done and tens of thousands of qualied architects cannot be subjected to
by the Italian architecture faculties for anything comparable. this humiliating and inescapable reality. There must be a way out, it
We refer to the creation and rise of the schools of Venice, Milan only has to be sought, found and pursued. It can be done.
and Rome, to mention but a few, internationally recognised schools At this point, we must surely mention Pier Paolo Pasolinis clear and
that trained large numbers of good architects and made a key peremptory analysis of the state of our country in the early 1970s.
contribution to the reconstruction of a country destroyed by war. Speaking of that period, he said: It has been a sort of nightmare,
After this uplifting period, unmatched anywhere else in the world, in which we have seen Italy all around us busy destroying itself
we might have expected a sure and prosperous future for this and disappearing. Now, as we wake perhaps from this nightmare
discipline but that was not to be. and look around, we realise there is nothing we can do about it.
With the decentralisation of our universities not in itself a bad (Domus 974, November 2013).
thing other public schools sprang up across the country. Away from Many years have passed since then and, rereading his words today,
the major cities, other universities began to offer degree courses we realise that our current issues date way back and that, already
in architecture, although not always virtuously and with few chairs then, things were clear for people like Pasolini who could see them.
in such fundamental subjects as architectural design but many However, we cannot agree with one thing: his dramatic conclusion,
others that created numerous minor academic potentates. Without his whispered cry echoing across the dunes of Sabaudia: there is
a broader outlook on the future, everyone in these schools focused nothing we can do about it.
on their own sector while trying to muddle through, defending On the contrary, much can be done today, a great deal, it just needs
what little they had. The result was disastrous, embarrassing and to be done. Italy wants and implores reconstruction. It is dying for
onerous. So where were the architects, teachers and students in someone to do this, for someone to take it in hand, save it from the
those years? Why did they allow themselves to become accomplices mad neglect it has suffered and arouse it, at last, from the insane
to that state of affairs? Why did they feel no need to rebel? torpor that has enveloped and stied it for too long. We cannot
These rhetorical questions will not be answered but the reply squander the unexpected opportunity offered by the present state of
is there for all to see in the educational system we have inherited. affairs; the umpteenth opportunity after so many not seized upon.
It is truly sickening to see that a country such as ours, which boasts Again, it is Pasolini who shows the way when, in masterly fashion, he
excellent universities, has failed to reform itself from within. describes in a few words what really sums up our country, speaking
It would not take much and would be possible, if only there were of all the manifold ways of being human that Italy possessed and
a will to do so. which Italy has produced in such a historically differentiated way.
The other issue we want to address is that of the architectural This is precisely where we need to start again, from what belongs to
profession. us. It is our duty and honour to return the focus of our times to what
The architects craft has been practised for thousands of years has been skilfully hidden and neglected; to reshape and renegotiate
and, until the 1980s, it had always focused on the city of man, the the way we belong to Italy and it belongs to us. We must transform
common good. For a very long time, the architects professionalism, that dramatic there is nothing we can do about it. into a potent:
based mainly on intellectual and material abilities organised in the there is much to be done and we intend to do it! ndb
1 S
16 e t O I
OR TI 1

CORIANDOLI
CONFETTI
2 CORIANDOLI / CONFETTI domus 1016 Settembre / September 2017

IL RESPIRO DEL COLORE


Il direttore del Design Museum racconta a Domus lidea alla base
della mostra che il museo londinese dedica a Hella Jongerius
che, attraverso una serie di ricerche e sperimentazioni,
apre una nuova prospettiva sul colore, uno degli aspetti pi essenziali
del progetto. Il suo obiettivo? Contrapporre la forza
del colore a quella della forma

The Design Museum Director explains to Domus the idea behind


an exhibition commissioned to Hella Jongerius by the London museum
that, through a number of studies and experiences, makes
us look differently at colour one of the most elemental aspects
of design. The aim? To pit the power of colour against
the power of form.

Deyan Sudjic
Photo Roel van Tour

Pagina 1: Colour Vases (series 3) una Pagina a fronte, colonna di sinistra:


serie di 100 vasi (pezzi unici) disposti in Jongerius ha realizzato una serie di
cerchio. Il progetto, che risale al 2010 oggetti tridimensionali (colour catcher)
proviene dagli archivi di Jongeriuslab. pensati come uno strumento per
Foto Luke Hayes. studiare e capire il colore. Sono stati
Sopra e pagina a fronte in alto a costruiti piegando e incollando forme
destra: installazioni in tessuto e geometriche in cartone con unalternanza
intrecci di grandi dimensioni servono di superci concave e convesse che
a sperimentare la creazione di tonalit assorbono e riettono la luce e i colori
scure senza materiali neri (sezione tuttattorno
Evening).
domus 1016 Settembre / September 2017 CORIANDOLI / CONFETTI 3

uan o es n useum a
chiesto a Hella Jon erius di
ensare alla collaborazione er
n esposizione stato su ito c iaro
c e non e interessava ennesima
etrospettiva. Invece di mettere in
ostra uello che aveva gi fatto,
vo eva investire un po i tempo a
i ettere sul colore, un tema che lha
ascinata per tutta la sua carriera,
sando la ricerca per contribuire a
offrire al nostro ubblico una nuova
rospettiva su come lo percepiamo
e, forse, per usarlo in modo da
contribuire a dare orma al suo

Photo Roel van Tour


avoro futuro. i tratta di un tema
chiaramente im ortante nel s
ecente lavoro con Artek e con Vitra,
n cui, per esempio, gli accurati nuovi
colori che la designer ha scelto p
o sgabello 60 di Alvar Aalto sono perfetta nitura. La ricerca della pi positiva di imperfetto che
no ei oc i esercizi e genere er ezione ci che ha creato il ossono essere unici.
enamente convincenti. on i i ua io e o ernismo. Lim r ezione nel lavoro di
ana e tentativo i mo ernizzare Limper ezione una qualit pi ongerius in icata a uso i
n oggetto usan o co ori oggi i lusiva e pi difcile su cui lavorare, ottoni a tappezziere iversi tra
oda. Jongerius, anzi, ci ha offerto non solo perch pi difcile da oro, oppure a a ecostruzione e
n mo o origina e i guar are a misurare, ma anc e perc pu processo i pro uzione e icc iere
rogetto i a to non come cosmesi, ssere una qua it a trettanto in mo o a ren ere evi enti i segni
a come risposta alla sua orma positiva, in gra o i par are i e a mano. e tracce e te aio o i
nzia inguaggio e epoca pi agnostica segni tecnici ric iesti a a stampa a
co ore un terreno c e a e viviamo oggi, a paragone e e o ori ei tessuti possono anc essi
r am n u n nu ertezze etic e e i anni renta ssere sfruttati er un effetto
nteresse, tra a tro in personaggi Perseguire la per ezione nella positivo. C molta di questattenzione
diversi come Isaac Newton e oethe abbricazione signi ca sapere nellidea che Jon erius ha inserito
e Corbusier e Johannes Itten u che cosa puntare nel disegno
Photo Roel van Tour

r i ua e i corso e eutico i o i unto, ne a creazione a att zzata


au au ra un m nt i o ni scuretto e nella orma di respiro e co ore , per suggerire
essenziale. uello che cambiato gni super cie. Per giusti care le a sua ricerca su ci c e si pu
a a ora, secon o on erius, ualit positive dellimperfezione enire una prospettiva pi biologica
i sempre pi rigi o vinco o i n n ba ta afdar i i am nt r . ttrav r una ri
ni ormit introdotto dai colori di a un processo meccan co o a un i ricerc e e sperimentazioni
roduzione industriale, afdabilmente modello e attendersi lesito voluto fenomenologiche, la mostra ci porta
revedibili. Si potrebbe denire emp icemente tramite esercizio a interro are i co ore, uno e i
enomenolo icamente il colore e a competenza, e a costanza e aspetti pi essenzia i e progetto ,
ndu trial di nd h n nt ella coerenza. i vuole un differente ichiara. Il mio scopo ultimo
di ottenere una ecie di colore riterio di udizio ontra orre la forza del colore alla
perfetto, standardizzato e sempre Per un designer, la cosa pi difcile f rza d lla f rma
gua e a se stesso. ne a ricerca e e qua it positive Jongerius a erma di ribellarsi alla
a ongerius una progettista c e ellimper ezione lesigenza che piattezza cromatica e in ustria
ma avorare sug i aspetti positivi uestultima gli pone, di giusticare e co ore. aspetto pi importante
della qualit dellimperfezione, ni decisione estetica ella qualit di un colore sta nei suoi
h tata il t ma d lla ua ultima a mostra i ongerius a oijmans pigmenti, a ricetta c e sta ietro
ostra a museo oi mans an i ustrava a possi i it intro urre il colore. I sistemi perfettamente
euningen di Rotterdam nel 2010. ne progetto qua it tanto soggettive rganizzati e immaco ati e co ore
a per ezione pu non essere acile, uanto oggettive. Mostrava come industriale non rendono lintero
a per lo meno non difcile capire il tentativo di sfruttare le possibilit potenzia e e co ore. e ricette
n che cosa consista. La erfezion ellimperfezione, lavorando sui romatic e su cui g i in ustria
i pu raggiungere o meno, in misura processi i pro uzione in serie, esigner come me evono asarsi
risse loccasione di addolcire e sono pro otte a azien e c e
addomesticare gli oggetti odotti vann alla ri r a d lla tabilit
e e preoccupazioni ei progettisti, indu trialm nt di nf rir elluniformit. Tuttavia, linstabili
n da quando stato loro chiesto per in gra o i arricc ire i pro otti
a prima volta di lavorare su arte atti ellori inalit. uesto si nica i mig iorarne esperienza per
ro otti in serie con e macc ine. a affermare che un certo vaso un i utenti. i manca, ne a ma io
er ezione il aro di Dieter Rams e erto icc iere o una certa se ia non parte delle ormulazioni industriali
Photo Roel van Tour

di Jonathan Ive che, con i loro gruppi ono identici a tutti li altri e che, el verde, il pizzico di pigmento
i progettazione, investono energie uin i, possono essere consi erati rosso c e g i intensit e vita.
e sforzi senza limiti per ottenere un egnatamente personali ovvero per Mi mancano colori che respirino
er etto ra io di curvatura e una usare una aro a a a connotazione insieme con i mutare e a uce.
Page 1: Colour Vases (series 3) is This page, above left-hand column:
a series of 100 vases (all one-offs) Jongerius created a number of 3D
arranged in a circle. The project objects (Colour Catchers) as a means
dates from 2010 and comes from the to study and understand colour. They
Jongeriuslab archives. Photo Luke Hayes. were constructed by bending and
This page, top right and opposite gluing cardboard geometric forms with
page: fabric installations and large alternating concave and convex surfaces
weaves experimenting the creation of that absorb and reect the surrounding
dark shades without black materials light and colour
(Evening section).
4 CORIANDOLI / CONFETTI domus 1016 Settembre / September 2017

Mi mancano lintercambiabilit e la contemporaneamente di lavorare BREATHING COLOUR


possibilit di scelta che permettono con un gigante come la Olivetti e di
di leggere e rileggere un colore di creare opere di potente espressivit When the Design Museum asked
produzione industriale proprio come personale, anche Jongerius talvolta Hella Jongerius to think about
reinterpretiamo unopera darte. si cimenta in una gamma di lavori working with us on an exhibition, she
Discutendo del progetto con che vanno dallinterno della cabina was clear that she was not interested
Jongerius mi venuto in mente business class degli aeromobili della in another retrospective. Instead of
Ettore Sottsass, un designer per il KLM ai pezzi in edizione limitata per showing us what she has already
quale il colore era tutto, e che non la Galerie Kreo. done, she wanted to spend some
ha mai usato i codici Pantone n Il principio guida della mostra di time exploring colour, a subject that
alcuna della convenzioni scientiche Jongerius un fenomeno detto has fascinated her throughout her
che di solito deniscono un colore. metamerismo, cio il modo in career, to use that research to help
Uno degli ex associati di Sottsass, il cui i colori, se vengono percepiti give our audience a new perspective
designer inglese James Irvine, molto in condizioni differenti, possono on how we see colour and perhaps to
tempo dopo che si erano separati, sembrare identici anche se non lo use it to help shape her future work.
ricordava ancora una discussione sono. E, a dispetto dei produttori di It is a theme that has clearly been
a proposito del preciso colore che colori industriali, possono apparire important to her in her recent work
Sottsass desiderava per un certo differenti a diverse ore del giorno. with Artek and Vitra where the
progetto. Disse a Irvine che voleva Jongerius ha inserito in una sensitive new colours she has given
riprodurre lesatta sfumatura di un delle sale del Design Museum Alvar Aaltos stool 60 for example are
vestito che la sua prima moglie, uninstallazione che conduce i one of the few entirely convincing
Fernanda Pivano, a quanto ricordava visitatori attraverso una sequenza such exercises. It is not a banal
aveva indossato a una festa 10 anni che percorre varie gamme attempt to modernise an object
prima. Sottsass chiese a Irvine di cromatiche dal mattino, al by using present-day fashionable
andare a trovarla a casa sua e di mezzogiorno e alla sera. colours. Rather Jongerius has given
chiederle se ce laveva ancora. Tramite una gamma di materiali us a new way to look at Aaltos
Irvine ci and, le parl e Fernanda tessuti, vernici, vasi di ceramica original design not as a cosmetic but
Pivano acconsent a prestare e grazie agli speciali rilevatori as a response to its essential form.
labito per permettere allo studio di cromatici, elaborati dal suo gruppo Colour is territory that has
rilevarne il colore. di ricerca che a Berlino si dedicato preoccupied us throughout history,
La carriera di Jongerius ha altri alla mostra, i visitatori vedono not least such disparate gures
paralleli con quella di Sottsass. ribaltarsi le loro convinzioni in fatto as Isaac Newton and Goethe, Le
Come Sottsass, che era capace di colore. Corbusier and Johannes Itten, for
whose foundation course at the
Bauhaus colour studies were an
essential element. What has changed
since their day according to Jongerius
is the tightening grip of the uniformity
brought by industrially produced,
reliably predictable colours. One way
of describing this phenomenon of
industrial colour might be to suggest
that it allows for a kind of perfect
colour, standardised and always
the same. Jongerius however is a
designer who stands for working
with the positive aspects of the quality
of imperfection which was the
theme of her last museum exhibition
at the Boijmans Van Beuningen in
Rotterdam in 2010. Perfection may
not be easy but at least it is not hard
to understand what it is. Depending
on your degree of skill, to a greater
or a lesser extent you succeed or you
fail to achieve perfection. It has been
a preoccupation of designers ever
since they were rst asked to work
on machine-made mass-produced
artifacts.
Perfection is what drives Dieter
Rams and Jonathan Ive as they and
their teams invest limitless energy
and effort in achieving the perfect
radius curve and the perfect nish.
Photo Roel van Tour

Photo Roel van Tour

The search for perfection is what


created the language of modernism.
Imperfection is a more elusive and
q
more difcult quality y to work with,
In alto a destra: schizzo per una ruota Above right: sketch for the weave of
che organizza i colori in quattro mondi, a colour wheel based on four colour
rossi, verdi, chiari e scuri, 2014. Sopra: worlds: reds, greens, lights and darks,
la natura e il colore delle ombre sono 2014. Above left: the nature and colour
esplorati attraverso la replica di famosi of shadows are explored by replicating
arredi di Charles e Ray Eames, Jean famous furnishings by Charles and Ray
Prouv e Verner Panton (sezione Eames, Jean Prouv and Verner Panton.
Evening). Sopra a destra e pagina a (Evening section). Above right and
fronte: colour catcher grigi disposti su opposite page: Grey colour catchers set
superci chiare ne riettono i diversi on pale surfaces reect their various
colori (sezione Noon) colours (Noon section)
domus 1016 Settembre / September 2017 CORIANDOLI / CONFETTI 5

Photo Luke Hayes


6 CORIANDOLI / CONFETTI domus 1016 Settembre / September 2017

not least because it is harder to BREATHING COLOUR


measure, yet it can be an equally BY HELLA JONGERIUS
positive quality, one that speaks of Curatore/Curator
the more agnostic times that we Alex Newson
live in now, when compared with the Progetto allestimento e concept/Exhibition design
moral certainties of the 1930s. and content
Hella Jongerius e/and Jongeriuslab
Trying for perfection in
manufacturing is to know what to Mostra commissionata da/
Exhibition commissioned by
aim for in the design of every joint, the Design Museum
the creation of every seam and the
Date/Dates
shaping of every surface. To nd 28.624.9.2017
justications for the positive qualities
Sede/Venue
of imperfection, you cannot blindly the Design Museum, London
commit to a mechanical process or
to a template and expect the desired www.designmuseum.org
outcome simply through the exercise
of skill or persistence or consistency.
It demands a different kind of
judgement.
Photo Luke Hayes

For a designer the most difcult


thing about looking for the positive
qualities in imperfection is the
demand that it places on them to
justify every aesthetic decision they colour is in its pigments, the recipe expression, so Jongerius is unusual
make. that lies behind the colour. Perfectly in spanning a range of work that
Jongeriuss Boijmans exhibition arranged immaculate industrial goes from the business-class cabin
introduced the possibility of colour systems do not offer us the interior for KLM jets to limited-edition
subjective as well as objective full potential of colour. The colour pieces for Galerie Kreo. Jongeriuss
qualities in design. It showed recipe that industrial designers like guiding principle for the exhibition is a
how attempting to exploit the me must rely on are produced by phenomenon known as Metamerism,
possibilities of imperfection by companies who strive for stability which is to say the way in which
tinkering with mass production and uniformity. However instability when colours are viewed under
methods offered the opportunity to can enrich products and improve different conditions they can appear
soften and domesticate industrially our experiences of them. I miss the same, even though they are
made objects and to give them the dash of red pigments in (most) not. To the displeasure of industrial
the charisma of the individual and industrial recipes for green, This colour producers, they can also look
the original. It is to suggest that a gives the colour its intensity and its different at different times of day.
particular vase, glass or chair is not life. I miss colours that breathe with Jongerius has lled one of the
the same as all the others, and so the changing of the light. I miss the Design Museums galleries with
can be understood as distinctively changeability, the options that allow an installation which takes visitors
personal or, to use a word with more us to read and re-read an industrially through a sequence that moves
positive connotations than imperfect, produced colour just as we reinterpret through various groups of colour
to be unique. Imperfection in works of art. Discussing the project from morning to noon and evening.
Jongeriuss work can be suggested with Jongerius, made me think about Through a range of materials, textiles,
by the use of upholstery buttons that Ettore Sottsass, a designer for whom paints, ceramic vases and the special
do not match or by deconstructing colour was everything and who never colour catchers made by her research
the glass-making process in order used Pantone numbers or any of the team in Berlin for the show, visitors
to show the marks of the hand. The scientic conventions that usually nd their assumptions about colour
traces of the loom or the process dene colour. Long after they parted, overturned.
marks required by colour-printing one of Sottsasss former partners,
textiles can also be exploited to the British designer James Irvine,
positive effect. There is much remembers discussing the precise
of this sensibility in the thinking colour that Sottsass wanted for a
that Jongerius has brought to her project. He told Irvine that he wanted
installation in London. to reproduce the precise shade of a
She calls her installation Breathing dress that he remembered his rst
Colour, to suggest her search for wife, Nanda Pivano, wearing at a
what might be described as a more party a decade before.
organic approach to colour. Through Would he, Sottsass asked Irvine, go
a series of phenomenological studies to her apartment and ask her if she
and experiences, the exhibition still had it. Irvine went and talked to
makes us question colour, one of the her and Pivano duly lent the dress to
most elemental aspects of design, allow the studio to match the colour.
she says. My ultimate aim is to pit There are other ways in which
the power of colour against the Jongeriuss career parallels that of
power of form. Jongerius says she Sottsass. Like Sottsass who was
Photo Luke Hayes

is a rebel against the at colours able to simultaneously work with


of the colour industry. The most an industrial giant such as Olivetti,
important aspect in the quality of a and produce works of powerful self
I crystal stones (in alto) e i crystal beads Crystal Stones (above) and Crystal
(pagina a fronte) sono una serie di prismi Beads (opposite page) are a number
traslucidi e semi-traslucidi sospesi e of translucent and semi-translucent
illuminati da riessi frammentati che prisms, suspended and illuminated by
imitano i colori intensi e nitidi creati fragmented reections imitating the
dallaria fredda del mattino (sezione intense and clear-cut colours forged by
Morning). the cold morning air (Morning section).
Sopra a destra: Colour Vases (series 3) in Above right: Colour Vases (series 3) on
mostra e, appese alle pareti sullo sfondo, display. Colour studies by Jongeriuslab
le ricerche sul colore di Jongeriuslab hang back on the wall
domus 1016 Settembre / September 2017 CORIANDOLI / CONFETTI 7

Photo Luke Hayes


8 CORIANDOLI / CONFETTI domus 1016 Settembre / September 2017

IL DISEGNO DELLA CONTINUIT


Nella nostra ricognizione sullinsegnamento abbiamo In our perusal of higher education, we have spoken
principalmente parlato di progettazione architettonica. mainly of architectural design. This time, we take a look
Ci occupiamo questa volta del disegno di architettura at architectural drawing and the way it is taught
con la cattedra di Paolo Giordano presso lUniversit by Professor Paolo Giordano at the Universit della
della Campania che usa questa disciplina in maniera Campania, who uses the discipline as a design-related tool
squisitamente progettuale: il disegno che serve allarchitetto of utmost use to the architect
Sopra: ridisegno del piano rialzato Paolo Giordano Above: redesign of the piano nobile
dellAlbergo dei Poveri, Napoli. of the former hospital Albergo dei
Pagina a fronte. In alto: sopralluogo Poveri, Naples. Opposite page. Top:
alla Reggia di Caserta con gli studenti eld trip with fourth-year students to
del quarto anno. Al centro: critica del the Royal Palace of Caserta, north of
laboratorio di progettazione intensiva Naples. Centre: critique session for
Massullo 2.0, 2015. In basso, da the intensive design studio Massullo
sinistra: rendering dellOmaggio 2.0, 2015. Bottom, from left: rendering
architettonico ad Adalberto Libera e of an architectural homage to
Curzio Malaparte; tavola riassuntiva Adalberto Libera and Curzio Malaparte;
recapitulatory chart

continuit della scelta modicativa in una coerenti e adeguati. Predispongo da Girard Dsargues, che non vi
s.f. [dal latino continutas -atis]. prospettiva di connessione logica lezioni basate sulla descrizione alcuna differenza tra la maniera
Qualit desser continuo, estensione tra realt esistenti e quelle a critica dellarchitettura partendo di gurare, ridurre o rappresentare
non interrotta nel tempo, o anche venire rappresentano i presupposti dalla lettura graca delle impronte qualunque cosa in prospettiva, e
nello spazio: continuit dun concettuali per un disegno della tipologiche delle costruzioni del la maniera di gurare, ridurre o
atteggiamento; pratica che ha continuit. In tal senso, il messaggio passato, delle relative congurazioni rappresentare in geometrico, perch
carattere di continuit; continuit di che puntualmente trasmetto agli morfologiche e di tutto quanto, in geometrico e prospettiva non sono
pensiero, successione ininterrotta studenti, attraverso un approccio termini di linguaggio, esplicitano in che due specie del medesimo
di una tradizione di pensiero da un metodologico incentrato sul concetto essenzialit e chiarezza. Ovvero, in genere, che possono essere
periodo storico allaltro; discorso, di continuit, risulta fondamentale per riferimento alla disciplina del Disegno enunciate e dimostrate insieme, con
scritto o rappresentazione che indirizzare la didattica verso quella di architettura, cerco di trasferire le stesse parole .
esprime continuit, connessione necessaria sensibilit operativa tesa agli studenti la consapevolezza dei La completezza di lettura analitica
logica fra le varie parti. a rintracciare e a ridenire la perduta fondamenti scientici e culturali dei dellarchitettura fornita dai metodi
armonia di quei luoghi naturali e metodi di rappresentazione nalizzati di rappresentazione tradizionali e
La continuit tra cosa stato, ci articiali violentati dalla societ dei alla comprensione dellarchitettura: innovativi, ltrata dalloggettivit
che , nonch quello che sar, consumi. Laula diventa, in questa innanzitutto attraverso il disegno della razionale del disegno misurabile
rappresenta il personale preludio, prospettiva di lavoro, una sorta di pianta, della sezione e del prospetto; nonch dalla soggettivit ideale della
la riessione introduttiva, ai diversi baluardo difensivo contro le pratiche inoltre, tramite la tridimensionalit prospettiva, diventa il presupposto
corsi di Disegno dellarchitettura che, di consumo volgare del suolo nonch misurabile dellassonometria e, concettuale di una metodologia
dal 1991, propongo agli studenti di degrado del tessuto architettonico, inne, mediante la spazialit ideale operativa che induce gli studenti
del Corso di laurea magistrale primario e secondario, che si della prospettiva. In tal senso, a confrontarsi non solo con la
in Architettura: corsi o laboratori perpetua nella contemporaneit le doppie proiezioni ortogonali, conoscenza dellesistente attraverso
che hanno come obbiettivo la globalizzata. Nello specico, le proiezioni parallele e quelle il disegno di rilievo, ma anche e
rappresentazione critica e la sollecito gli allievi ad apprezzare il centrali, oltre al disegno a mano soprattutto di misurarsi con la sua
susseguente modicazione, reale o fascino dei luoghi straticati, dei libera, sono spiegate e descritte sia possibile trasformazione tramite il
ideale, di un sito o di unarchitettura. monumenti e delle architetture di mediante lesplicitazione dei propri disegno di modicazione.
I luoghi, naturali o articiali, qualit ereditate dal passato, sia caratteri scientici, sia attraverso Un percorso analitico e propositivo,
rappresentano sedimentazioni esso remoto o recente. Segnalo la loro intrinseca capacit a far in grado di costruirsi e sostenersi
di remote e recenti continuit e sottolineo, di queste ultime, emergere i contenuti tematici e ideali sul principio di continuit
trasformative evidenti o celate, lopacit delle pietre o del cemento dellarchitettura. Un uso a tutto tondo, attraverso la consapevolezza che,
presenti o scomparse che, armato, la uidit delle distribuzioni pratico e teorico, dei metodi e degli partendo dalla conoscenza delle
nel tempo e nel loro insieme, o lutilit delle funzioni, larmonia e strumenti disciplinari in grado di testimonianze architettoniche del
ne hanno congurato i relativi la bellezza delle loro congurazioni. superare anche loriginaria avversione passato e vericandone lo stato di
caratteri didentit. Il confronto Non solo. Evidenzio, nellarchitettura albertiana per la rappresentazione conservazione nel presente, si pu
con tali caratteri, la conoscenza di qualit, lintima capacit di prospettica, secondo il maestro anche proiettare, verso il futuro,
dei diversi strati sedimentari, il riassumere le caratteristiche di quattrocentesco maggiormente unadeguata proposta modicativa
riconoscimento dei valori testimoniali, un luogo e lintrinseca attitudine consona ai pittori piuttosto che agli in grado di valorizzare lambiente
la distinzione tra rilevante e nel disvelarle, utilizzando metodi architetti , nella piena convinzione, naturale e costruito, troppo spesso
irrilevante, la consapevolezza e tecniche di rappresentazione cosi come espresso successivamente negletto, abbandonato e degradato.
domus 1016 Settembre / September 2017 CORIANDOLI / CONFETTI 9

Paolo Giordano
architetto, professore ordinario di Disegno Giordano is an architect. He teaches architectural
dellarchitettura presso il dipartimento di drawing at the department of architecture and
Architettura e Disegno Industriale dellUniversit industrial design, Universit degli Studi della
de Campania Luigi Vanvitelli. He is a coordinator
coordinatore del dottorato di ricerca in of the doctorate degree course in architecture,
Architettura, Disegno Industriale e Beni Culturali. industrial design and cultural heritage.

STUDENTI/STUDENTS: F. BELLUCCI, G. FUNARO, I. GIOIA, E. MIRRA, B. TAMBARO, A. TREMATERRA TUTOR/TUTORS: CARLA MOTTOLA, VITO MARIA BENITO VOZZA
10 CORIANDOLI / CONFETTI domus 1016 Settembre / September 2017

STUDENTI/STUDENTS: FRANCESCO TEVERE, MARIO PAGLIARO, FRANCESCO CARPENTIERO

Sopra, da sinistra: spaccato Cimitero Above, from left: cross section of the
delle 366 fosse, Napoli; rendering della Cemetery of the 366 Fossae in Naples;
macchina funebre, del 1865. rendering of a cofn hoist from 1865.
Pagina a fronte: progetti per il giardino Opposite page: student projects for the
allinglese della Reggia di Caserta. In English landscape garden at the Royal
alto: disegni e rendering del Tempio Palace of Caserta. Top: drawings and
Italico, dellAperia Reale con nuove arnie rendering of the Tempio Italico, the
a totem e della Piramide con nuova Aperia Reale with new totemic beehives,
vasca esterna. In basso: collocazione di and the Pyramid with a new outdoor
un rifugio in marmo bianco per un cigno reection pool. Bottom: white-marble
nero nello specchio dacqua antistante shelter for a black swan in the gardens
la Venere pond, across from the statue of Venus

THE DESIGN OF CONTINUITY underpin the design of continuity. critical description of architecture guring, reducing or representing
continuity noun [from Latin The message that I promptly starting from a graphic reading something in perspective, and
continutas -atis]. convey to the students through a of the typological approaches the manner of guring, reducing
1. The state or quality of being methodological approach centred seen in buildings from the past, or representing something in
continuous; connectedness; on the concept of continuity is of their relative morphological geometry. This is because geometry
unbroken succession; logical essential to direct the teaching congurations, and of everything and perspective are merely two
sequence. 2. A continuous or towards the necessary operational that they express in essentialness species of the same genus, and
connected whole; an unbroken sensibility. and clarity in terms of visual they can be enunciated and
course or series. The aim is to retrace and redene language. demonstrated together in the same
the lost harmony of those natural With reference to the discipline words, as Girard Dsargues later
The continuity between what has and articial places violated by of architectural drawing, I try to writes.
been, what is and what will be consumer society. give students an awareness of the The completeness of the analytical
represents my personal prelude Seen in terms of this work, the scientic and cultural fundamentals reading of architecture provided
or introductory reection of the lecture theatre is a sort of defensive of methods of representation aimed by traditional and innovative
various masters degree courses bulwark against the practices of at understanding architecture. methods of representation, ltered
in architectural drawing that I have vulgar land use and against the This is done rstly by drawing plan, through the rational objectivity of a
been giving students since 1991. degradation of the primary and section and elevation; then through measurable drawing and the virtual
These courses or workshops aim secondary architectural fabric the measurable three-dimensionality subjectivity of perspective, is the
at the critical representation and perpetuated by our globalised of axonometric drawings; and nally conceptual assumption of a working
subsequent real or theoretical contemporaneity. by the virtual spatial quality of method that prompts students to
modication of a site or a building. Specically, I encourage students perspective drawings. The method explore their knowledge of existing
These places, whether natural or to appreciate the attractiveness of of double orthogonal projections, architecture through the survey
articial, are constituted by the stratied places, monuments and parallel and central projections, in drawing. It also prompts them to
layering of remote and recent quality architecture inherited from addition to freehand drawing, are explore its possible transformation
transformational continuity the past, whether remote or recent. described by the explanation of through modication drawings.
evident or concealed, present I point out and emphasise the their scientic features and their This analytical and purposeful
or lost. Over time and in their opacity of the stones or of the intrinsic ability to bring out the approach is built on and supported
entirety, continuity has shaped the reinforced concrete, the uidity thematic and theoretical contents by the principle of continuity.
relative features of their identity. of layouts, the utility of functions, of a building. The all-round, It includes the awareness that
Investigation of these features; the harmony and beauty of practical and theoretical use of the by starting from a knowledge
knowledge of the different congurations. methods and instruments of the of architectural works from the
layers; recognition of their value I do more. I underline quality discipline was even able to stie past and verifying their state of
as historical records; distinction architectures innermost ability the 15th-century architect Leon preservation in the present,
between relevance and irrelevance; to epitomise the characteristics Battista Albertis original aversion we can project into the future
and awareness of the modicatory of a place; its intrinsic capacity for perspective drawings, which an adequate proposal for
choice aimed at the logical to reveal them by using coherent he regarded as more suited to modication that will enhance
connectivity between existing and appropriate techniques and painters than architects. Alberti was the natural and built environment,
and future situations: these are methods of visualisation. fully convinced that there is no which is all too often neglected,
the conceptual assumptions that I prepare lectures based on the difference between the manner of abandoned and spoiled.
domus 1016 Settembre / September 2017 CORIANDOLI / CONFETTI 11

STUDENTI/STUDENTS: FRANCESCO SCIALLA, ANDREA IMPROTA TUTOR: LUIGI CORNIELLO

STUDENTE/STUDENT: GIANLUCA MANNA TUTOR: LUIGI CORNIELLO


12 CORIANDOLI / CONFETTI domus 1016 Settembre / September 2017

Quando si parla dimmaginari sociali e al discepolato, segnavano quegli


bisognerebbe averne gli strumenti e anni. Era, in realt, unintera societ
soprattutto argomentare le proprie che alimentava mitologie sociali, ma
prese di posizione. Senza entrare anche lelaborazione pi rafnata
nelle questioni di fondo che pongono proprio sulla produzione di metafore.
i frammenti postumi di Nietzsche su sufciente ricordare i lavori di
Verit e menzogna in senso extra Max Black e Hans Blumenberg. E
morale, forse, meditare almeno sul a questo processo di restituzione
signicato della prova, aiuterebbe metaforica della realt non si
a muoversi in un terreno in cui il sottraevano architetti e studenti
rapporto tra vero, falso e nto di architettura. Come negli anni
ancor pi problematico di quanto novanta, sempre del Novecento,
Carlo Ginzburg ripercorra in Il lo e la fortuna delle archistar fu
le tracce. Oggi non capita spesso determinata dalla crisi di legittimit
di fare della prova e dei rapporti di che riguard forze sociali, politiche
forza che su di essa si esprimono, e amministrazioni pubbliche. La
loggetto di una riessione quanto scorciatoia del nome, per bypassare
mai necessaria. Tra il convalidare processi burocratici, incapacit
e il tentare, come ricorda sempre decisionali, mancanza di strategie
Carlo Ginzburg in Rapporti di forza, si politiche, fu la strada intrapresa da
misura tutta lambiguit di un termine molti.
che tuttavia rimane imprescindibile Oggi a memoria di cosa hanno
per ogni ragionamento non solo realizzato Le Corbusier, Wright o
scientico, ma anche politico. A Mies un problema di conoscenza
iniziare dal meditare sulluso delle condivisa persino tra professori e
parole. Immaginario, professione, studenti. Sarebbe sin troppo facile
cittadinanza non sono certo parole dire quindi che non si tratta solo
che si possono usare senza la di un cambiamento della memoria
memoria dei rapporti di forza che ne collettiva di cui parla Maurice
hanno determinato le loro diverse Hallbwachs, di una sua modicazione
declinazioni. strutturale legata al mutato rapporto
Probabilmente, negli anni Cinquanta con le fonti secondarie che oggi non
e Sessanta limmaginario di chi solo sono di immediato accesso,
siscriveva alle facolt di Architettura ma anche difcilmente messe in
poteva essere popolato da Le discussione. Quella che avvenuta
Corbusier, Wright e Mies. La silenziosamente una sostituzione
retorica dei grandi maestri e il degli immaginari.
conseguente, quasi religioso e In effetti sono altri i naming without
weberiano riferimento al carisma necessity1 che alimentano immaginari
Sopra: Ludovico Quaroni (1911-1987) al Politecnico di Milano dove diventa
insegna in diverse universit e conclude professore solo nel 1964 no alla sua
la sua carriera accademica allUniversit prematura scomparsa.
La Sapienza di Roma nel 1981. Pagina a fronte, da sinistra: Giancarlo
Sotto, da sinistra: Giuseppe Samon De Carlo (1919-2005) insegna allo Iuav
(1898-1983) insegna allo Iuav di Venezia di Venezia dal 1955 al 1983; Adalberto
dal 1936 no al 1971 fondando la Libera (1903-1963) insegna alluniversit
cosiddetta Scuola di Venezia; Ernesto di Firenze dal 1954 al 1962 per trasferirsi
Nathan Rogers (1909-1969) insegna poi allUniversit La Sapienza di Roma

NON VOGLIO UN CANNIBALE FELICE!


Dopo aver affrontato la questione dellinsegnamento
dellarchitettura raccontando, mese dopo mese, le pi
importanti e prestigiose scuole del panorama internazionale,
abbiamo chiesto allautorevole gura di Carlo Olmo la sua
opinione sulla situazione italiana

After our monthly coverage on the teaching of architecture,


and our overviews of the most important and prestigious
schools worldwide, we asked the authoritative Carlo Olmo
for his opinion on the situation in Italy
Carlo Olmo
domus 1016 Settembre / September 2017 CORIANDOLI / CONFETTI 13

professionali e deniscono la produttiva che cambiata e cambia problema non Le Corbusier. Quella che si vive la crisi della
memoria collettiva degli studenti quasi di anno in anno, bisogna saper Il problema che oggi sono in via di cultura sociale e, se posso
che frequentano i dipartimenti di educare alla dimensione critica, al estinzione le professioni liberali che richiamare Milizia, civile del
Architettura. Il vero problema che lavorare in team, al dialogo tra saperi da met Settecento hanno segnato progetto, che non tocca solo le
sono immaginari desunti da altre relazionali e non solo tecnici. Il cuore la societ borghese: avvocati, facolt di Architettura. E le soluzioni
culture, non da quella architettonica. dellarchitettura, del suo essere un medici, ingegneri, commercialisti, possibili non sono davvero cos banali
Smart, sostenibilit, virtualit, sapere esperto e millenario, risiede architetti non sono pi individualit e tanto meno si possono ritrovare in
sicurezza, green e una visione in quello che anche il mestiere pi che devono rispondere di persona una delle cause della crisi stessa. In
dellarchitettura che tanto deve alle difcile per: non dare per scontata, a una committenza riconoscibile e maniera che dire infelice poco, a
installazioni artistiche, costruiscono ripetitiva e banale la distribuzione non anonima. Sono forme di lavoro partire dallinizio degli anni Novanta,
non solo gli immaginari delle pi dello spazio, di qualsiasi spazio. associativo. Basta entrare in uno per scelte che competevano anche
radicali culture secolarizzate, ma un allora che prova diventa tentativo e studio di avvocati o nel reparto di alle facolt di Architettura e a chi
primato paradossalmente rilanciato in assume tutto il suo valore cognitivo, una clinica medica per accorgersene. allora le presiedeva, si allargato
unepoca che evoca come un mantra non solo di convalida. Ma sono mutate anche le basi spropositatamente il numero delle
linterdisciplinarit del progetto. Le componenti tecniche hanno etiche di quelle professioni liberali: in sedi in cui si offriva una formazione
A essere messa in discussione creato per altro privilegi e nicchie primis la responsabilit. I problemi da architetto. E il grimaldello fu
cos una cultura, che le facolt professionali, oltre a demolire insisto che le culture politecniche il corso di laurea in Ingegneria
dIngegneria condividevano con lidea del progetto come cifra delle e larchitettura hanno davanti edile-Architettura, voluto in maniera
quelle di Architettura (non credo culture politecniche. Ma ricordiamoci laver accettato e diffuso saperi feroce dalle facolt dIngegneria, ma
occorra ricordare Freyssenet, Torroja, che dallinizio dellOttocento pseudotecnici, affollando scuole che anche da quelle di Architettura che
Nervi, Morandi; e ancor meno quelle culture erano tali perch hanno senso di esistere se sono volevano sfruttare lallora cultura del
risalire anche a Laugier, Milizia o sapevano benissimo che la tecnica in grado di rispondere a compiti decentramento e la normativa sui
al primo Quatremre de Quincy). anche una produzione sociale. progettuali, con saperi normativi, grandi atenei per moltiplicare posti
Oggi la frammentazione dei saperi sufciente leggere La Revue applicativi, con una cultura del e Caballeros. E oggi, con unironia
tecnici riempie le ore di chi studia ad Gnrale de lArchitecture et des problem solving senza che si sapesse della storia che richiama il cannibale
architettura, quasi sempre seguendo travaux publiques, non solo Carlo discutere della natura del problema felice di Montaigne, proprio i
minicorsi, iperspecialistici che Cattaneo, per accorgersene. E che da affrontare, prima che risolvere dati discrizioni e performance
hanno allontanato dalla formazione Le Corbusier usasse le metafore problemi che dovrebbero essere scientiche di quei corsi di laurea
dellingegnere e dellarchitetto della nave o della macchina contro discussi sul come sono posti. Con ci dicono della loro crisi. Con una
la stessa idea del progetto (di culture ripetitive e che riducevano la una, non insignicante, appendice. conseguenza. Lespungere dalle
macchine, motori, sistemi informatici, storia a etichette, ormai non lhanno Lesplosione di specializzazioni ha culture politecniche il progetto, che
impianti industriali, ospedali, scuole, solo scritto, nei lontani anni Ottanta, indotto ogni sapere a cercare sistemi era proprio dellingegnere meccanico
musei, case). Tim Benton, Giuliano Gresleri, Bruno di legittimit, che solo teorie e o chimico, non solo dellarchitetto,
Alle due facolt, in maniera Reichlin. Basta leggere davvero storie proprie potevano consolidare. non ha avvicinato Architettura a
diversa manca la percezione che Vers une architecure e ci si accorge Osservare quante pseudo-teorie Ingegneria: ha accompagnato la
larchitettura e lingegneria sono una che, per esempio, lo standard per e quanti nano-storie si producono china secolarizzante delle facolt
produzione sociale di senso, prima Le Corbusier si forma rileggendo la oggi a opera di punti di vista davvero dIngegneria. Avere in Italia circa 50
che di oggetti e per essere capaci di storia e le culture antropologiche, iper-settoriali genera una non vaga sedi in cui si formerebbero architetti
dominare una dimensione culturale e non certo per ragioni tecniche. Ma il inquietudine. ha dato lesito che lultima VQR e i
Opposite page. Top: Ludovico Quaroni Nathan Rogers (1909-1969) taught at the Per tutte le foto/All photos
(1911-1987) taught at a number of Milan Polytechnic from 1964 until his Casali Studio Archivio Domus
universities and concluded his academic premature death.
career at La Sapienza University in Rome, Below, from left: Giancarlo De Carlo
in 1981. (1919-2005) taught at the Iuav in Venice
Bottom, from left: Giuseppe Samon from 1955 to 1983; Adalberto Libera
(1898-1983) taught at the Istituto (1903-1963) taught at the University of
Universitario di Architettura di Venezia Florence from 1954 to 1962 and then
(Iuav) from 1936 to 1971, founding what transferred to La Sapienza in Rome
is known as the Venice School; Ernesto

1991
Facolt di Architettura /
Faculties of Architecture

11
2016
Atenei con corsi di laurea in Architettura
e Ingegneria Edile-Architettura /
Universities with degree courses
in architecture and in construction
engineering

48
14 CORIANDOLI / CONFETTI domus 1016 Settembre / September 2017

dati sulle iscrizioni ai corsi di laurea in Italia di una cultura dei concorsi, studiavano Le Corbusier o Norman stiano toccando quasi ogni prodotto
nel 2016 fotografano in modo senza guardare lontano, facendo Foster. Speriamo che questa lacuna delluomo, possono solo portare
impietoso. riferimento almeno alla realt che riguarda tutti, (dipartimenti, a banalizzare ancor pi citt e
In 40 di quelle sedi non solo non c francese. Ma se il mercato del scuole, ordini, parlamento, paesaggi italiani. E non ce ne
quasi traccia di attivit scientica, lavoro dellarchitetto si cos amministrazioni) possa essere davvero bisogno! Come non c
ma c anche una diminuzione degli contratto non solo per una crisi colmata. davvero bisogno di specializzazioni
studenti che ormai sta iniziando a dellindustria delle costruzioni che La funzione sociale (e civile) del che si autoalimentano e giustichino,
chiudere quelle cosiddette offerte non accenna a risolversi, ma anche lavoro dellarchitetto uno dei senza porsi mai il problema di
didattiche delle facolt di Architettura perch si sono create situazioni di pochi dati certi. Un ospedale mal convalidare la propria necessit di
che, da 11 nel 1991, sono oligopolio e presupposti per risposte distribuito, una scuola che ignora le esistere se non sperando che mai
diventate 25 nel 2006. E tali ancora che negavano le basi stesse nuove forme di didattica, ufci che ci si domandi come si risolve un
rimangono. Quelle realt stanno dellesistenza di una formazione non sanno cosa sia il telelavoro e problema distributivo. Daltronde,
spegnendosi come le lampadine dellarchitetto diversa da quella i mutamenti che la cultura digitale la redistribuzione ha a che fare
dellalbero di Natale dopo la Befana dellingegnere edile. E qui non sta apportando anche allo spazio con le diseguaglianze che stanno
non per lautocritica che sarebbe solo si ritorna alla riessione sulla del lavoro, un tempo di ufcio, radicalizzando la scena mondiale,
necessaria, ma per estenuazione di prova, che oggi tutte le istituzioni lignoranza di come mutata la non solo quella italiana: un virtuoso
unultima illusione di una crescita sembrano sfuggire, creando sempre composizione sociale della domanda circolo vizioso che ben pi
innita della domanda che non si pi sterili machine di verica o di residenza, la cultura abitativa, la dellossimoro di cui parla Cecilia
poneva il problema dellofferta! In se si vuole di valutazione. Forse struttura demograca delle famiglie Campironi.2
realt, quello che vissuto come ci vuole pi coraggio a dire che e di come questa domanda si Proporlo a partire da unarchitettura
un impoverimento, pu diventare tutta larmatura che si costruita distribuisca sul territorio, quanto che racconti di quanto non sia
una straordinaria occasione di sulluniversit dopo il 2007 non i processi di patrimonializzazione mai scontato il passaggio dalla
ripensamento: non solo delle pratiche solo deresponsabilizzante ma conoscenza alle decisioni, dal
accademiche. A essere rivisitate medievale, nella sua denizione sistema dei valori alle pratiche,
devono quasi ovviamente essere le volgare? dalla formulazione dei diritti alla
politiche di programmazione degli Semplicare e banalizzare la loro traduzione in norme, pu far
accessi alluniversit, i rapporti realt una malattia che viviamo ritrovare lincipit di una sua nuova
docenti studenti nei corsi e nei troppo spesso, una malattia necessit per il progetto. Il nuovo
laboratori, lapplicazione della Legge che aggrava i problemi che si diritto di cittadinanza oggi passa
270, la missione delluniversit devono affrontare: ce lo racconta anche, se non soprattutto, dal saper
(che solo in parte professionale, ogni giorno la cronaca politica e riconsiderare la prova, la complessa
per fortuna), il sistema contrattuale giudiziaria. E tra questi uno dei pi dialettica che esiste tra vero, falso
del lavoro autonomo, questione gravi lassenza di una discussione e nto e dal saper riconoscere che
che non riguarda certamente solo pubblica, trasparente, informata, le strade p prese hanno solo favorito
gli architetti, il sistema pubblico basata su una conoscenza storica frammentazione e oligopoli. curioso
che regola appalti e le catene approfondita e su dati confutabili, che nella crisi della democrazia,
di SantAntonio, premiando solo ma sicuri, sulla formazione a una assenza di capacit progettuali
e sempre cordate precostituite delle professioni pi complesse, e consolidamento degli oligopoli
dimprese e professionisti, lassenza oggi ancor pi che ai tempi in cui vadano a braccetto.
Sopra: Guido Canella (1931-2009) al 1977; Carlo Aymonino (1926-2010) 1
Joseph Almog, Naming without necessity in The
insegna presso la facolt di Architettura docente presso le facolt di Architettura Journal of Philosophy, no. 4, 1996, pp. 210-242.
2
del Politecnico di Milano dal 1970. di Palermo (1967), Venezia (1963-1981) e Cecilia Campironi, Che gura!, Quodlibet,
Sotto: Ignazio Gardella (1905-1999) Roma (1980-1993). rettore dello Iuav di Macerata 2016.
invitato da Giuseppe Samon a far parte Venezia tra il 1974 e il 1979.
dello staff dello Iuav di Venezia nel 1949 In basso: Aldo Rossi (1931-1997) inizia
professore ordinario dal 1962 al 1975. lattivit didattica nel 1963 presso la
Pagina a fronte. Colonna di sinistra, scuola di urbanistica di Arezzo.
dallalto: Carlo Scarpa (1906-1978) inizia Dal 1965 al Politecnico di Milano
la propria attivit didattica allo Iuav di e dal 1975 allo Iuav di Venezia chiamato
Venezia nel 1933 che porter avanti no da Carlo Aymonino

Atenei con corsi di laurea in Architettura/Universities with degree courses in architecture

2016 31
1 Politecnico di Bari 1 Palermo
1 della Basilicata 1 Parma
1 Bologna 2 Mediterranea
1 Cagliari di Reggio Calabria
1 Camerino 2 Roma La Sapienza
1 Catania 1 Universit degli
1 Chieti-Pescara Studi Roma Tre
1 Kore 1 Sassari
1 Ferrara 1 Politecnico di Torino
2 Firenze 1 Trieste
1 Genova 1 Udine
3 Politecnico 2 Universit IUAV
di Milano di Venezia
2 Napoli Federico II
1 Seconda Universit
di Napoli

Totale posti disponibili al primo anno / Totale iscritti al primo anno /


Number of available places for freshmen Number of enrolled freshmen

5577 5145
domus 1016 Settembre / September 2017 CORIANDOLI / CONFETTI 15

I DONT WANT A HAPPY iin architecture


hit t ffaculties
lti was substitution
b tit ti off iimaginaries.
i i
CANNIBAL! populated by Le Corbusier, Frank There are other instances of naming
Lloyd Wright and Mies van der Rohe. without necessity1 that feed
When we talk about social The great masters rhetoric and the professional imaginaries and dene
imaginaries, we ought to have the consequential almost religious and the collective memory of architecture
tools to do so, and above all we need Weberian reference to charisma students. The real problem is that
to motivate our standpoints. Without and discipleship marked those they are imaginaries deduced from
getting into the background issues years. In reality, the entire society other cultures, not from architectural
posited in Friedrich Nietzsches fostered social idolatry and, more culture.
posthumously published fragments renedly, the elaboration conducted They are smart, sustainable, virtual,
(On Truth and Lies in a Nonmoral upon metaphor production it secure and green. They are a vision
Sense, 1896), we might at least sufces to remember the work of of architecture that borrows from
meditate on the meaning of proof. the philosophers Max Black and art installations. This constructs
This would help us move around on Hans Blumenberg. Architects and not only imaginaries, but also the
terrain where the relation between architecture students were not domination of the most radical
true, false and ctive is even more exempt from the metaphorical secularised cultures, paradoxically
problematic than what Carlo Ginzburg rendition of reality. In the 1990s, the relaunched in an era whose mantra
describes in Threads and Traces: starchitects fortune was determined is interdisciplinarity in architectural
True, False, Fictive (2012). It doesnt by a crisis in legitimacy concerning design.
happen often nowadays that we the forces of society, politics and Hereby, one culture is called into
make proof and the relationships public administrations. To bypass question. Engineering faculties
of power expressed therein the bureaucratic processes, decisional used to share it with architecture
subject of our thought, although incapacity and the lack of political faculties. (Remember Freyssenet,
such thought is needed more than strategies, the short cut of the big Torroja, Nervi and Morandi. Let us
ever. As Ginzburg reminds us in name became a route taken by also remember Laugier, Francesco
History, Rhetoric, and Prooff (1999), many. Milizia and the early Quatremre
between validating and assaying, Nowadays, remembering what Le de Quincy.) The fragmentation of
we can measure all the ambiguity Corbusier, Wright and Mies built is technical science lls the hours of
of a term that remains nonetheless a knowledge problem shared even people studying architecture, who
essential to every line of reasoning by professors and students. So it almost always follow hyperspecialised
scientic as well as political. It is very easy to say that the issue mini-courses that have distanced
begins with meditating on the use of originates in a change underway in the idea of architectural design
words. For sure, imaginary, profession our collective memory (see Maurice from training in engineering and
and citizenship are not words that Hallbwachs) a modication of its architecture. I mean the design
can be used without remembering structure linked to our transformed of machines, motors, informatics
the relationships of power that relation with secondary sources that systems, industrial systems, hospitals,
determined their different variations. are not only immediately accessible, schools, museums and houses.
Maybe in the 1950s and 60s, the but also difcult to call into question. At both faculties, but in different
imaginary of people who enrolled What has silently happened is a ways, the perception is missing that
Opposite page. Top: Guido Canella from 1933 to 1977; Carlo Aymonino
(1931-2009) began teaching at the Milan (1926-2010) taught at the University of
Polytechnic Faculty of Architecture Palermo (1967), Venice (1963-1981) and
in 1970. Rome (1980-1993). He was the dean of
Bottom: Ignazio Gardella (1905-1999) the Iuav from 1974 to 1979.
was invited by Giuseppe Samon to Below: Aldo Rossi (1931-1997) began
become a faculty member of the Iuav di teaching in 1963 at the school of urban
Venezia in 1949 and was a full professor planning in Arezzo. From 1965, he was
there from 1962 to 1975. at the Milan Polytechnic, and in 1975 he
Left column, from top: Carlo Scarpa was invited to the Iuav in Venice by Carlo
(1906-1978) taught at the Iuav di Venezia Aymonino

Atenei con corsi di laurea in Ingegneria Edile Architettura/


Universities with degree courses in architecture and in construction engineering

2016 17
1 Bologna 1 Pavia
1 Brescia 1 Perugia
1 della Calabria 1 Pisa
1 Catania 1 Politecnica
1 LAquila delle Marche
1 Politecnico di Milano 1 Roma la Sapienza
1 Napoli Federico II 1 Roma Tor Vergata
1 Padova 1 Salerno
1 Palermo 1 Trento

Totale posti disponibili al primo anno / Totale iscritti al primo anno /


Number of available places for freshmen Number of enrolled freshmen

1414 1014
16 CORIANDOLI / CONFETTI domus 1016 Settembre / September 2017

architecture and engineering are a about history and anthropological pseudo theories and nanohistories trend at that moment and the
social production of sense rather cultures and certainly not for are produced today by truly hyper- regulations for multiplying student
than objects, and that in order to technical reasons. But the problem is sectorial viewpoints generates great capacity at large universities.
be capable of dominating a cultural not Le Corbusier. worry. We are experiencing the crisis Now, with an irony reminiscent of the
and production-related dimension The problem is that the learned of social and civic (again I refer to essay Of Cannibals (16th century)
that has changed almost by the year, professions that marked middle-class Milizia) architectural design culture, by Michel de Montaigne, precisely
we need to know how to educate society from the mid-18th century and not only at architecture faculties. the enrolment data and scientic
people in the critical dimension, onward are becoming extinct: lawyers, The possible solutions are neither performance of these bachelors
in teamwork, in dialogue between doctors, engineers, accountants banal nor can we nd them in one of degree courses tell us of their crisis.
relational types of knowledge that and architects. They are no longer the causes of the crisis. Unhappily, The consequence is this: Expunging
are not only technical. The heart of individualities that must answer from the early 1990s, through architectural design which used
architecture being an expert and in person to a recognisable, not choices taken by the architecture to be a fundamental part of being
ancient knowledge resides in what anonymous client. Nowadays, these faculties and the people who then a mechanical or chemical engineer,
makes it the most difcult craft: the are associative forms of work. If you headed them, the number of places not only an architect from the
layout of space, any space, must not just enter a lawyers ofce or a ward offering training in architecture polytechnic cultures did not bring
be taken for granted, repetitive or in a medical clinic, you will notice has augmented excessively. This engineering and architecture closer
banal. This is how proof becomes an this. Also the ethical bases of the was unleashed by instituting a together; it merely accompanied the
attempt and takes on all its cognitive learned professions have changed: bachelors degree course in building slippery secularising slope of the
value, in addition to being validation. above all, in the responsibility they engineering and architecture, engineering faculties.
Technical components have created carry. The problem that polytechnic ferociously promoted by the The existence of about 50 locations
professional privileges and niches. cultures and architecture are facing engineering faculties and architecture in Italy that claim to train architects
They have demolished the idea of is that they have accepted and faculties that wanted to take led to a result that is harshly
architectural design as the trademark diffused pseudotechnical knowledge. advantage of the decentralisation photographed by the last Valutazione
of polytechnic cultures. Let us recall Schools that should only have a right della Qualit della Ricerca (Quality
that in the early 19th century, those to exist if they are able to respond Research Assessment) on enrolment
cultures were such because it was to architectural design tasks with data concerning bachelors degree
well acknowledged that technology normative, applicative knowledge, by courses in 2016. In 40 of those
is a social production. It is enough to means of problem solving, are now locations, not only is there not a
read Revue gnrale de larchitecture populated with students unable to trace of scientic activity, but also a
et des travaux publiques and Carlo discuss the nature of the problem decrease in students that are now
Cattaneo to notice this. Le Corbusier at hand before resolving problems beginning to nish the so-called
used the metaphors of ships or that would need to be discussed educational offerings of architecture
machines against repetitive cultures regarding the way they are posed. faculties, which numbered 11 in
that reduced history to labels. In the The tail end of this is not insignicant. 1991 and grew to 25 in 2006, where
1980s, Tim Benton, Giuliano Gresleri The explosion of specialisations has they have remained.
and Bruno Reichlin wrote about this. induced every discipline to seek its Those locations are burning out
If you read Le Corbusiers Vers une own systems of legitimacy, which only like Christmas-tree lights after
architecture, youll notice for example its own theories and histories could the Epiphany, not due to much-
that his standard is formed by reading consolidate. To observe how many needed self-criticism, but due to
Sopra: Luciano Semerani (1933) stato 1993; Antonio Monestiroli (1940) ha
docente di Composizione Architettonica insegnato al Politecnico di Milano dal
allo Iuav di Venezia. 1970, presso la facolt di Architettura e
Sotto: Giorgio Grassi (1935) ha insegnato quella di Architettura Civile (di cui stato
a Pescara (1965-1977) e, dal 1977, presso preside 2000-2008); Vittorio Gregotti
la facolt di Architettura del Politecnico (1927) ha insegnato presso le facolt
di Milano. di Architettura di Milano e Palermo e,
Pagina a fronte, dallalto: Francesco successivamente, presso lo Iuav
Venezia (1944) ha insegnato di Venezia
Composizione Architettonica a Genova
dal 1987 e allo Iuav di Venezia dal

Atenei con corsi di laurea in Architettura/Universities with degree courses in architecture

2016
Politecnico di Bari Architettura
Posti/
Places
147
Immatricolati/
Enrolled freshmen
147
della Basilicata Architettura 85 72
Bologna Architettura Cesena 98 97
Cagliari Scienze dellArchitettura 100 99
Camerino Scienze dellArchitettura Ascoli Piceno 102 81
Catania Architettura Siracusa 100 96
Chieti-Pescara Architettura Pescara 209 166
Kore Architettura 80 30
Ferrara Architettura 131 131
Firenze Architettura 300 285
Firenze Scienze dellArchitettura 150 140
Genova Scienze dellArchitettura 162 146
Politecnico di Milano Progettazione dellArchitettura Mantova 91 91
Politecnico di Milano Progettazione dellArchitettura Milano 793 789
Politecnico di Milano Progettazione dellArchitettura Piacenza 81 71
Napoli Federico II Architettura 250 250
Napoli Federico II Scienze dellArchitettura 200 198
Seconda Universit di Napoli Architettura Caserta 160 134
Palermo Architettura 150 150
Parma Scienze dellArchitettura 125 92
Mediterranea di Reggio Calabria Architettura 128 89
Mediterranea di Reggio Calabria Scienze dellArchitettura 85 50
Roma La Sapienza Architettura 340 324
Roma La Sapienza Scienze dellArchitettura 145 139
Universit degli Studi Roma Tre Scienze dellArchitettura 230 229
Sassari Scienze dellArchitettura e del progetto Alghero 50 50
Politecnico di Torino Architettura 460 454
Trieste Architettura 51 32
Udine Scienze dellArchitettura 82 65
Universit IUAV di Venezia Architettura Costruzione Conservazione 246 204
Universit IUAV di Venezia Architettura tecniche e culture del progetto 246 244
v
domus 1016 Settembre / September 2017 CORIANDOLI / CONFETTI 17

the exhaustion of the latest illusion creating ever more sterile verication is distributed throughout the land;
of innite growth of demand, which machines, evaluation machines. Maybe how the processes of capitalisation
has been heedless of the problem more courage is needed to say that steer almost every product of
of offer. What is experienced as the entire armoury that has been built humankind, leading to Italian cities
an impoverishment could become around the university since 2007 not and countryside becoming banal:
an extraordinary opportunity for only removes responsibility but is also there is really no need for any of this!
the reconsideration of academic mediaeval (in the vulgar denition of Just as there is absolutely no need
practices and more. Almost obviously, the word). for self-referential specialisations
the programing policies of access to Simplifying and trivialising reality is an that are justied by people who
the universities need to be redrawn, illness we experience too often, an never ask themselves to validate
in addition to the relations between illness that exacerbates the problems the need for their existence. All
teachers and students during courses we need to face. Political and judiciary they do is just hope they are never
and studios; the application of Law news items tell us so every day. asked to resolve a layout problem.
270 on the autonomy of universities; Among these, one of the worst is the Redistribution is related to instances
the mission of universities (which absence of a public discussion that of inequality that are radicalising
luckily is only partly professional); is transparent, informed, based on the scene the world over, not just
the contract system of freelance in-depth historical knowledge and in Italy. There is much more to
work (which certainly does not refutable but sure data regarding the this virtuous vicious circle than is
only concern architects); the public training for one of the most complex described by Cecilia Campironi2. In
contract system regulating tenders professions more complex now order to nd a new beginning for
and the chain letters it has created, than in the days when Le Corbusier the need for architectural design,
always rewarding only preconstituted or Norman Foster were students. we could propose architecture that
networks of companies and Let us hope that this empty gap that illustrates how the passage from
professionals; the absence in Italy regards everyone (departments, knowledge to decisions should
of a competition culture without schools, orders, parliament and not be taken for granted also
looking too far away, we could at least administrations) can be lled. the passage from value systems
refer to the situation in France. If the The social and civil function of to practices, from the formulation
job market for architects is so tight, it the architects job is one of the of rights to their translation into
is not only because of a recession in few certain data. A badly laid-out norms. The new right of citizenship
the building industry that shows no hospital; a school that ignores new includes knowing how to reconsider
sign of letting up, but also because educational forms; ofces that do the proof, the complex dialectics of
oligopolies have been created, along not take telework into account or true, false, ctive, and being able
with the prerequisites for answers the changes that digital culture is to recognise that routes taken have
that negate the very basis by which bringing to the working environment only favoured fragmentation and
it makes sense that the education of (once called ofce space); ignorance oligopolies. It is curious how in the
architects be different from that of of how the social composition of crisis of the democracy, the absence
building engineers. Here, we return the housing demand has changed of architectural design capacity and
to thought on proof, which it seems along with the demographic structure the consolidation of oligopolies go
that all institutions want to avoid, of families, and how this demand hand in hand.
1
Joseph Almog, Naming without necessity in Opposite page. Top: Luciano Semerani Venezia from 1993; from 1970 Antonio
The Journal of Philosophy, no. 4, 1996, pages (1933) taught architectural composition Monestiroli (1940) taught at the Milan
210-242. at the Iuav di Venezia. Bottom: Giorgio Polytechnic Faculties of Architecture and
2
Cecilia Campironi, Che gura!, Quodlibet, Grassi (1935) taught at the University of of Civil Architecture, at the latter of which
Macerata 2016. Pescara (1965-1977) and from 1977 at the he was president from 2000 to 2008;
Milan Polytechnic Faculty of Architecture. Vittorio Gregotti (1927) taught at the
This page, from top: Francesco Venezia architecture faculties of Milan, Palermo
(1944) taught architectural composition and Venice
in Genoa from 1987 and at the Iuav di

Atenei con corsi di laurea in Ingegneria Edile-Architettura/


Universities with degree courses in architecture and in construction

2016
Posti/ Immatricolati/
Places Enrolled freshmen

Bologna 82 82
Brescia 66 40
della Calabria 78 39
Catania 100 69
LAquila 97 29
Politecnico di Milano Sede di Lecco 115 115
Napoli Federico II 82 55
Padova 97 79
Palermo 77 44
Pavia 64 48
Perugia 66 45
Pisa 66 64
Politecnica delle Marche 60 39
Roma La Sapienza 136 121
Roma Tor Vergata 60 31
Salerno 83 61
Trento 85 53
18 CORIANDOLI / CONFETTI domus 1016 Settembre / September 2017

1 Fabbrica in mattoni rossi e ampliamento/


Red-brick factory with extension (1908, 1918)
2 Luigi Figini, Gino Pollini: primo ampliamento
stabilimenti ICO/rst extension of the ICO
factory (1934-1939)
3 Luigi Figini, Gino Pollini: fascia dei servizi
sociali/Social services building (1954-1959)
4 Luigi Figini, Gino Pollini: secondo e terzo
ampliamento stabilimenti ICO/second and third
ICO factory extensions (1939-1942, 1947-
1949)
5 Luigi Figini, Gino Pollini: nuova ICO/new
ICO factory (1955-1960)
6 Eduardo Vittoria: centrale termoelettrica/
power plant (1956-1959)
7 Borgo Olivetti, asilo nido e 24 alloggi/Borgo
Olivetti: 24 dwellings and a kindergarten
(1939-1941)
8 Ignazio Gardella: mensa/canteen (1953-59)
9 Eduardo Vittoria: Centro studi ed esperienze/
Research and development centre (1951-54)

8
3

4
7

6
9

PLANIMETRIA ATTUALE DI VIA JERVIS


E VISTA ASSONOMETRICA
DEI PRINCIPALI EDIFICI OLIVETTIANI/
PLAN OF VIA JERVIS TODAY
WITH AXONOMETRIC DRAWINGS
OF THE MAIN OLIVETTI BUILDINGS

IVREA: UN GRANDE PATRIMONIO INDUSTRIALE


TRA TUTELA E VALORIZZAZIONE
La straordinaria utopia olivettiana, realizzata a Ivrea, ha lasciato al nostro
Paese e non solo un intero pezzo di citt moderna in cui pubblico e privato
hanno costruito insieme la citt delluomo. La tutela e valorizzazione di questo
immenso patrimonio oggi al centro della candidatura di Ivrea citt industriale
del XX secolo come sito Unesco, fortemente voluta dalla Fondazione Adriano
Olivetti, dal Comune di Ivrea e dal MIBACT

The extraordinary Olivetti utopia created in Ivrea has left Italy and beyond a
portion of modern city where public and private, together, have constructed the
city of man. The protection and promotion of this immense heritage is the focus
of the nomination of Ivrea Industrial City of the 20th Century as a UNESCO
World Heritage Site, championed by the Adriano Olivetti Foundation, the City of
Ivrea and MIBACT
Silvia Bodei
domus 1016 Settembre / September 2017 CORIANDOLI / CONFETTI 19

a na a ronte. n a to: v sta poss e ogg , ne erzo m enn o,


assonometrica di via Jervis ise a conci iare e azioni, e spesso e
omu 9 4, 014,
p. 29). In basso: il dossier di candidatura
imitazioni, dovute alle esi enze di
ute a i un atrimonio cu tura e
nella WHL UNES nestima e come i nostro, con un
iano di valorizzazione adeguato, che
pposite page. Top: axonometric view
f Via Jervis, drawing thanks to ilvia enga conto dello sviluppo sociale
omu 984, 2014, page 29). ed economico dei luoghi? Trovare
Bottom: the Ivrea Industrial City of n giusto rapporto tra la tutela e la
he 2 century nomination dossier in va orizzazione e ene su qua e
UNES WHL
interviene, riprogettan o o come una
arte viva della citt, pu e deve essere
na risposta possibile e adeguata, ma
ichiede capacit e un impegno forte
da parte dei politici e dellarchitettura
e urbanistica contemporanea. La
endenza purtroppo quella di usare
a testimonianza storica, dopo averl piani cazione urbanistica . ia ervis, senso e uso socia e i uesta
im a samata, per monetizzar a e o pensata a interno i un progetto ricc ezza arc itettonica e ur anistica.
idurla ad attrazione turistica. i urbano pi ampio, corrisponde ed i tratta di un patrimonio di circa
roviamo spesso avanti a parc i in sintonia con ea cu tura e, po itica di supercie costruita,
rc eo ogici e itinerari tematici , socia e i citt pensata a riano i cui so o i er cento a uso
co etamente se rati e non livetti, conuita oi nel movimento resi enzia e e a ma ior rte i
ntegrati con a struttura ur ana e i Comunit fondato nel 1947. Un propriet privata, ma ove ogni
prima proposta impianto e area er abbricato sottoposto a livelli diversi
citt n ustria e e seco o a in atti gi presente nel Piano di un i tute a e quasi a met i que i
atrimonio on ia e nesco nata uartiere nuovo a vrea , rea izzato ne non estinati a uso resi enzia e
u iniziativa e a on azione riano 1934 su incarico di Adriano livetti in di u Ri rendendo uindi la
livetti e sostenuta dal omune a interno e iano ego atore oman a inizia e, occorre capire
di Ivr a rmai ntrata n lla a e a a e osta. ee egate a ome sia possi e conci iare tute a e
nale , pu essere un occasione per itt o ivettiana, come que a e a va orizzazione i un uogo unico come
iettere su un tema cos im rtante. on razione licentrica dei vrea, e tener conto a o stesso tem
ar a a an atu una vas a uartieri resi enzia i, si ritrovano ne e o svi u o e a citt
estensione di circa 70.000 ettari Piano re olatore di Ivrea del 1 ome possibile allora conciliare
bicata nella parte sud-ovest della 1 41 e nella Proposta del 1 54, e azioni, e spesso le limitazioni,
citt, lun lasse viario di via Jervis, mai ovata. A artire dun e ovute alle es enze di tutela, con
e comprende 27 beni architettonici, a questa imensione, insieme un iano di valorizzazione adeguato,
ra complessi industriali ed edici u tura e arc itettonica e ur ana i e tenga conto e o svi uppo
che la livetti aveva destinato a ossier i can atura tiene conto socia e e economico i una citt ne
ervizi e a itazioni per operai e i aspetti egati a a conservazione erzo millennio? questa una delle
mpiegati, i cui mo ti rea izzati ai pi a mantenimento e area re ativi uestioni pi importanti c e intera
utorevoli architetti italiani dellepoca. al patrimonio industriale, alla pubblica amministrazione ha scelto
a sua con urazione, come viene ar it ttura m rna a a truttura i a rontare nel Piano di estione,
otto ineato anc e nei ocumenti morfolo ica del sito in relazione al avviato nel 2016 e il cui referente
resentati per la candidatura Dossier il Comune di Ivrea valorizzando
di candidatura com ensivo del ui rtatore area attraverso lutilizzo d li edici
iano di Gestione veramente onsi era questo uogo come un
artico are, perc si trova a inter progetto unico a ana izzare a iverse
e tessuto ur ano, ma ripren e sca e: a o stu io ne etta io i approvata nel 1 una variante
contemporaneamente tratti e gni singolo edi cio allestensione parzia e a iano rego atore genera e
m n ompany ow n m num r omunale in cui oltre a denire i
istemi in ustria i caratteristici ei patrimonio ur ano ne suo insieme, imiti recisi dellarea destinata
grandi agglomerati urbani. questo onsi eran o poi a pecu iarit ei atrimonio nesco, viene amp iata a
segno e ere it e progetto a ori e a citt e uomo o ivettiana estinazione uso eg i immo i, per
olivettiano, il cui rande valore risiede la sua trasmissione e ricezione nel a maggior parte ancora oggi uti izzati
on so o ne a qua it arc itettonica tempo. na continuit i memoria per attivit pro uttive, conce en o
e e singo e arc itetture, ma anc e non so o importante, ma necessar oro la ossibilit di assumere
ella loro articolazione dinsieme, rutto anche caratteri ibridi, usi essibili e
di una grande ducia riposta nella ontemporaneo e inamico nuovo emporanei festival, eventi culturali e
In questa pa ina. In alto: vista aerea su his page. Top: aerial view o Via Jervis
ia Jervis con li stabilimenti industriali,
il c ntro s rvizi il c ntro storico di centre w t t e o vrea c centre n
Ivrea sullo sfondo. S a: ertina the background. Above: cover o the
dellopuscolo del Piano re olatore di Ivrea city plan 1937) with a photograph
Ivrea (1937) con la foto del modello er o the model or the Plan or a new
il Piano di un quartiere nuovo a Ivrea neighbourhood in Ivrea Gino Pollini,
(Gino Pollini, Lui i Fi ini, 1934). Archivio Luigi Figini, 1934). Adriano Olivetti
Fondazione Adriano livetti. oun at on rc ves.
destra: erimetrazione dellarea di Le t: the boundaries o the nominated
candidatura attorno a via Jervis dal area around Via Jervi rom the Ivrea
Dossi r di candidatura Ivr a citt Industrial City of the 20th Century
ust s nomination dossie

Per tutte le foto/All photos:


dossier di candidatura di Ivrea Citt Industriale
del XX secolo nella World Heritage List Unesco.
Photo Maurizio Gjivovich, Igor Nicola.
Fondazione Guelpa
20 CORIANDOLI / CONFETTI domus 1016 Settembre / September 2017

cos via). Lidea di mixit, come chiave IVREA: A GREAT systems usually found in urban 1
Il processo di candidatura stato avviato
di volta del rinnovamento, viene scelta INDUSTRIAL HERITAGE agglomerations, it is part of the ufcialmente nel 2008, in occasione del
centenario della fabbrica Olivetti attraverso la
anche per luso frazionato degli spazi, TO BE PROTECTED urban fabric. creazione di un Comitato Nazionale.
soprattutto dei grandi contenitori AND PROMOTED This is the distinctive legacy of Il Comitato stato istituito dal ministero per i Beni
industriali, per attrarre realt come Olivettis design, which placed e le Attivit Culturali su proposta della Fondazione
Adriano Olivetti, in collaborazione con il Comune
quelle delle startup e piccole imprese, In this third millennium, is it great faith in urban planning. di Ivrea e il Politecnico di Milano. Grazie allimpulso
mentre al contrario ostacolato possible to combine the actions, The result produced remarkable iniziale della Fondazione Adriano Olivetti, che ha
linserimento nellarea di attivit and frequent constraints, needed quality not only in the architecture creduto sin dallinizio nella candidatura Unesco di
Ivrea, insieme con il Comune di Ivrea e con gli altri
commerciali di grandi dimensioni. to protect the priceless Italian of the single buildings but also in partner istituzionali che man mano sono entrati
Con il contributo del Consorzio cultural heritage with a promotion the overall effect4. a far parte del progetto, si costruito in quasi
Insediamenti Produttivi del Canavese, plan that takes the local social Via Jervis, conceived as part of 10 anni di lavoro un solido consenso culturale e
istituzionale. Nel 2012 Ivrea viene inserita nella
a partecipazione pubblica e privata and economic development into a far broader urban design, was lista propositiva nazionale. Segue poi la redazione
e partner nella stesura del Piano di account? in tune with Adriano Olivettis del Dossier di candidatura che comprende il Piano
gestione7, previsto il coinvolgimento Establishing a tting ratio of cultural, political and social idea of di gestione, con il coinvolgimento del ministero
dei Beni e delle Attivit Culturali e del Turismo,
di imprese che vogliano occupare preservation and asset promotion the city, later channelled into the la Regione Piemonte, la Citt metropolitana di
spazi attualmente in disuso, that redesigns it as a living part Community Movement founded in Torino, il Comune di Ivrea, il Comune di Banchette,
supportando la gestione delle loro of the city can and must be a 1947. la Fondazione Adriano Olivetti e la Fondazione
Guelpa. Nel febbraio 2016, lo Stato italiano
procedure di insediamento e i rapporti potential and good response but In fact, an initial layout proposal consegna la richiesta completa e, nello stesso
con le propriet. Precedentemente, it requires capability and iron for the area was already included anno, viene attivato il Piano di gestione, che ha
gi nel nuovo Regolamento oneri will on the part of politicians and in the 1934 Plan for a new per referente il Comune di Ivrea.
2
Oltre allarea selezionata per la candidatura,
e opere del 2015, per incentivare il contemporary architecture/urban- neighbourhood in Ivrea, drawn up denominata Nominated property, che si sviluppa
riuso del costruito, era stata prevista planning professionals. at the behest of Adriano Olivetti attorno a via Jervis, proposta unarea di rispetto
una riduzione delle spese per le Unfortunately, there is a and part of the Valle dAosta nella zona circostante, la Buffer zone, di circa
400.000 ettari, che comprende anche i quartieri
ristrutturazioni. Di particolare rilevanza tendency to mummify historical General Plan. olivettiani di Canton Vesco, Canton Vigna e
tra le iniziative in corso, per la capacit monuments and exploit them Meanwhile, ideas related to the Bellavista.
3
di garantire la conservazione dei for monetary gain and/or reduce Olivetti urban concept such as Silvia Bodei, Op. cit., 2014.
4
Silvia Bodei, Op. cit., 2014; Olmo Carlo (a cura
fabbricati e anche lampliamento them to tourist attractions. the polycentric conguration of di), Costruire la citt delluomo: Adriano Olivetti e
delle attivit legate a un settore molto Often, we see archaeology parks residential areas are found in the lurbanistica, Edizioni di Comunit, Torino 2001.
5
vitale come quello della formazione, and theme routes that are Ivrea City Plan of 1938-1941 Dossier di candidatura Ivrea citt Industriale del
XX secolo, p. 154.
linserimento nel Piano di gestione completely separate from and not and in the 1954 Proposal, never 6
Si tratta del 41% del totale.
di un progetto di collaborazione integrated into the urban structure approved. Given this cultural, 7
La Fondazione Guelpa ha incaricato il Consorzio
con la Fondazione Centro per la and its surrounding area. architectural and urban dimension, Insediamenti Produttivi del Canavese di redigere il
Piano di Gestione.
Conservazione e il Restauro dei Beni An opportunity to reect on this the UNESCO nomination le takes 8
Adriano Olivetti, Larchitettura la comunit e
Culturali La Venaria Reale di Torino. crucial topic comes with the into account aspects linked to the lurbanistica, in La citt delluomo, Edizioni di
passage of Ivrea Industrial City Comunit, Milano 1960, p. 85.
La collaborazione prevede che a Ivrea, conservation and maintenance
allinterno delledicio della Nuova of the 20th Century to the nal of the area with respect to
ICO, che attualmente ospita gi aule phase1 of the nomination process the industrial patrimony,
dellUniversit degli studi di Torino, for the UNESCO World Heritage modern architecture and sites
vengano sviluppate azioni legate alla List, launched at the initiative of morphological structure in relation
conoscenza, conservazione e restauro the Adriano Olivetti Foundation
dei beni materiali, e che vengano and backed by the City of Ivrea.
attivati corsi per la formazione di Extending over some 70,000
gure professionali esperte nel hectares, the nominated area2 is
restauro dellarchitettura moderna. Il located in the southwest sector of
progetto proposto si presenta dunque Ivrea, along the Via Jervis street
molto articolato e complesso, e un axis. The nomination le lists 27
adeguato riconoscimento del sito pieces of architecture, comprising
come Patrimonio Mondiale Unesco the Olivetti industrial complex and
aiuterebbe la sua prosecuzione, ma buildings that provided services
soprattutto contribuirebbe in maniera and homes to the industrys blue-
determinante alla valorizzazione di and white-collar workers.
un pezzo signicativo della storia del Many of these constructions were
moderno, capace di mostrare che designed and built by the foremost
la Comunit diventi un luogo dove Italian architects of the time3.
luomo possa coltivare il suo cuore, The nomination le highlights the
abbellire la sua anima, afnare sites special conguration and
lintelligenza; onde la citt delluomo although the complex presents
potr nalmente volgere verso la citt the typical features of both the
di Dio.8 company town and the industrial
In questa pagina. Sopra a destra: Salone This page. Above: the Salone dei 2000
dei 2000 negli stabilimenti ICO, progettati in the ICO factory, designed by Luigi
da Luigi Figini e Gino Pollini, nel 1939- Figini and Gino Pollini, in 1939-1942 and
1942 e nel 1947-1949 (secondo e terzo 1947-1949 (second and third expansion).
ampliamento). A destra: vista aerea di Left: aerial view of Via Jervis with, in the
via Jervis; in primo piano, lo stabilimento foreground, the Nuova ICO factory (by
della Nuova ICO (di Luigi Figini e Gino Luigi Figini and Gino Pollini, 1955-1960).
Pollini, 1955-1960). Opposite page. Top: view of Via Jervis
Pagina a fronte. In alto: vista su via Jervis showing the Olivetti factory expansion
con gli ampliamenti degli stabilimenti (1934-1960) and, on the opposite side of
Olivetti (1934-1960) e, sul lato opposto the street, a row of social services (both
della strada, la fascia dei Servizi sociali Luigi Figini and Gino Pollini designs of
(entrambi progetti di Luigi Figini e Gino 1954-1959). Bottom: Nuova ICO (Luigi
Pollini del 1954-1959). In basso: Nuova Figini and Gino Pollini, 1955-1960) and,
ICO (di Luigi Figini e Gino Pollini, 1955- in the background, the former Olivetti
1960) e, sullo sfondo, le ex-falegnamerie carpentry works
Olivetti.
domus 1016 Settembre / September 2017 CORIANDOLI / CONFETTI 21
22 CORIANDOLI / CONFETTI domus 1016 Settembre / September 2017

to the integrity and the intangible and economic development in the the property owners. 1
The initiative to nominate Ivrea began in 2008
values of which it is a carrier5. third millennium? Previous incentives to re-use with the creation of a special committee on the
centenary of the Olivetti factory. It was set up by
This approach considers the This is one of the fundamental built areas included reducing the the Ministry of Cultural Heritage at the suggestion
location as a single project to questions that the public sector in expense of refurbishment, as of the Olivetti Foundation, in collaboration with the
be examined on different levels: its entirety had to address when contained in the new regulations City of Ivrea and Milan Polytechnic.
Thanks to the initial impetus given by the Oli-
from the detailed study of each drafting the Management Plan7, on costs and works of 2015. vetti Foundation, which believed rmly in Ivreas
individual building to the extension commenced in 2016 for the City A particularly important current UNESCO nomination from the very rst, a solid
of the concept of monument to the of Ivrea. The plan calls for the area initiative for its ability to cultural and institutional consensus was built up in
collaboration with the City of Ivrea and the other
urban heritage as a whole, as well to be upgraded with re-use of the guarantee the conservation of institutional partners that gradually adhered to
as taking into consideration the buildings for new functions, thus the buildings and the expansion the project.
unique values of Olivettis city of stopping them from becoming of the activities linked to the In May 2012, the city was placed on Italys
tentative nomination list and, soon afterwards,
man and its communication and museums. This led to the approval, vibrant sector of training is the the Ministry of Cultural Heritage and Tourism,
appreciation over time. in 2016, of a partial modication inclusion of a project conducted Regione Piemonte, Metropolitan City of Turin, City
This continuity of the memory is of the citys general zoning plan, in collaboration with the CCR of Ivrea, Municipality of Banchette, Adriano Olivetti
Foundation and Guelpa Foundation prepared a
not only signicant but necessary to dene the precise boundaries Foundation in the Management nomination le complete with Management Plan.
and has also to consider the of the area nominated for the Plan. Based in Ivreas Nuova The Italian government submitted the nomination
contemporary and dynamic new UNESCO World Heritage List ICO building, which currently le to UNESCO In February 2016 and the City of
Ivrea implemented the Management Plan in the
social meaning and usage of and to extend the property uses houses lecture halls used by Turin same year.
this rich architectural and urban (mostly still production-based) to University, this partnership will 2
As well as the nominated property area around
heritage. allow for potential hybrid functions promote the study, conservation Via Jervis there is a Buffer Zone spread over
approx. 400,000 hectares comprising the Olivetti
It is a legacy comprising some with exible and temporary uses and restoration of material neighbourhoods of Canton Vesco, Canton Vigna
145,000 m2 of built area, of which (e.g. festivals, cultural events etc.). assets as well as courses to and Bellavista.
3
only about 17 percent given over The idea of diversity as the train professionals in the eld of Silvia Bodei, Op. cit., 2014.
4
Silvia Bodei, Op. cit., 2014; Ed. Carlo Olmo,
to mostly private residential use cornerstone of renewal also modern architectural restoration. Costruire la citt delluomo: Adriano Olivetti e
but where each building is subject informed the fragmented use The project is segmented and lurbanistica, Edizioni di Comunit, Milan 2001,
5
to different degrees of protection of spaces, especially the large complex and the sites inclusion See the nomination le Ivrea citt industriale del
XX secolo, page 154.
and almost half of the non-housing industrial ones, to attract start-ups on the UNESCO World Heritage 6
The gure refers to 41% of the total.
spaces are unused6. and small businesses and, on the List would certainly help it 7
The Guelpa Foundation hired the Consortium of
So, returning to our opening contrary, obstruct the installation move forward but, even more Manufacturers of the Canovese Area to draw up
the management plan.
question, we need to understand of large-scale businesses in importantly, it would allow Ivrea 8
Adriano Olivetti, Larchitettura la comunit e
how, in a unique place such as the area. With the aid of the to promote a signicant piece lurbanistica, in La citt delluomo, Edizioni di
Ivrea, to square preservation and public/private consortium of of modern history and show that Comunit, Milan 1960, page 85.

appreciation with the citys overall manufacturers of the Canovese the Community must become a
development. area and a partner in the drafting place where Man can cultivate his
So how can preservation, with of the Management Plan, heart, enrich his soul and rene
its necessary allowances and businesses keen to occupy the his intelligence so that the city of
limitations, be conciliated with a currently abandoned spaces will man may nally turn to face the
plan of suitable promotion, while receive help to sustain the cost of city of God, as stated by Adriano
keeping in mind the citys social their installation and relations with Olivetti8.

Sopra, da sinistra: casa unifamiliare per Above, from left: single-family housing
dirigenti (di Marcello Nizzoli e Giuseppe for directors (by Marcello Nizzoli and
Mario Oliveri 1948-1952); la copertina Giuseppe Mario Oliveri 1948-1952); the
del volume di Marco Peroni, Ivrea. Guida cover of Marco Peronis Ivrea. Guida
alla citt di Adriano Olivetti, Edizioni di alla citt di Adriano Olivetti, Edizioni di
Comunit, Roma-Ivrea 2016. A destra: Comunit, Rome-Ivrea 2016. Left: view
vista su via Jervis con il quartiere di via of Via Jervis and the Via Castellamonte
Castellamonte. neighbourhood.
Pagina a fronte. In alto: unit residenziale Opposite page. Top: west housing unit
ovest (di Roberto Gabetti e Aimaro Isola (by Roberto Gabetti and Aimaro Isola
1968-19 71). In basso: case per impiegati 1968-19 71). Bottom: housing for ofce
con famiglie numerose (di Luigi Figini e employees with large families (by Luigi
Gino Pollini 1940-1942) Figini and Gino Pollini 1940-1942)
domus 1016 Settembre / September 2017 CORIANDOLI / CONFETTI 23
24 CORIANDOLI / CONFETTI domus 1016 Settembre / September 2017

Michael Kenna, Distant Mountains, Passo delle Capannelle, Pizzoli, Abruzzo, 2015

COS LONTANO, COS VICINO ABRUZZO. FOTOGRAFIE


DI MICHAEL KENNA
In un momento storico nel quale siamo letteralmente Curatore mostra e catalogo/
Exhibition curator and catalogue editor
sopraffatti dalla produzione delle immagini, Vincenzo de Pompeis
il lavoro di Michael Kenna sullAbruzzo costituisce unillustrazione Promotore/Promoted by
esemplare e affascinante dellesperienza del ri-conoscere: Fondazione dei Musei Civici di Loreto
se stessi e questo territorio cos familiare Aprutino
e cos alieno al tempo stesso Casa editrice volume/Volume published by
Nazraely Press, Munich e/and
ShuppanKyodosha, Tokyo
At a time when we are so overwhelmed by the production Date/Dates
of images, Michael Kennas work on Abruzzo 8.78.9.2017
is an exemplary and fascinating illustration of the experience Sede/Venue
of re-discerning ourselves and this land, Palazzo Casamarte, Loreto Aprutino
(Pescara)
so familiar yet so alien
www.abruzzomichaelkenna.it
Pier Luigi Sacco
domus 1016 Settembre / September 2017 CORIANDOLI / CONFETTI 25

Michael Kenna, Homage to Giacomelli, Scanno, Abruzzo, 2016

Nel loro famoso progetto The A cosa si deve questa preferenza reiterazione di quellesperienza chiaramente lo stigma dellaltrove,
Most Wanted Paintings, gli artisti plebiscitaria per il paesaggio come del conoscere se stessi e laltro del bello, ma non ci vivrei.
concettuali russi Vitalij Komar e elemento imprescindibile della da s che si verica soltanto in Il suo sguardo sbriciola
Alexsandr Melamid si chiedevano rafgurazione? condizioni particolari e, a loro modo, letteralmente questa pigrizia visiva
ironicamente cosa sarebbe successo Tra le molte possibili risposte, eccezionali. e mentale. Il suo linguaggio sembra
applicando le tecniche della ricerca c quella della riconoscibilit: la Il lavoro di Michael Kenna richiamare la poetica dello Sturm
di mercato alle logiche della rappresentazione paesaggistica sullAbruzzo costituisce und Drang, ma allo stesso tempo
committenza artistica. sembra incarnare i caratteri di unillustrazione esemplare e se ne distacca per la straordinaria,
Servendosi di una societ di ricerche piacevolezza, rassicurazione, e affascinante dellesperienza del rinita asciuttezza delle immagini.
di mercato, Komar e Melamid soprattutto, appunto, la facilit ri-conoscere. Anche per chi, come me, nato
chiesero ad alcuni campioni di dindividuazione di riferimenti I paesaggi abruzzesi sono forse in Abruzzo e ha frequentato e
cittadini di vari Paesi del mondo, familiari, conosciuti, associabili a meno familiari e scontati, per amato quei paesaggi da quando
costruiti con una logica del tutto memorie personali piacevoli. losservatore generico, di quelli ha memoria, le fotograe di Kenna
analoga a quella seguita per testare Ma non tutti i paesaggi si lasciano di altri luoghi celeberrimi del rappresentano un momento
una nuova bibita gassata o un addomesticare da queste comode territorio italiano e anche di quelli straordinario di ri-conoscimento:
nuovo deodorante, quali fossero ritualit, naturalmente, e anzi delle colline umbro-marchigiane, di se stessi, di questo territorio cos
le caratteristiche che dovevano proprio nel paesaggio che il primo che stanno conquistando un familiare e cos alieno al tempo
comparire (o non comparire) Romanticismo rintraccia il luogo di piccolo, ma signicativo spazio stesso. Nei suoi scatti troviamo una
per rendere un possibile dipinto condensazione di quellesperienza nellimmaginario globale sotto magnicenza che ci costringe a
attraente (o, al contrario, repellente). del sublime che pone tragicamente linsidiosa, ma accattivante pensare che ci che si sembra vieto
Pressoch senza eccezioni, tutti i luomo di fronte al proprio limite e etichetta di seconda Toscana. e scontato lo perch siamo noi
campioni di tutti i Paesi interpellati alla propria fragile nitezza. Ma anche in questo caso e che abbiamo perso la capacit di
risposero che la conditio sine qua questa ambivalenza che tuttora, forse a maggior ragione in questo vedere altrimenti.
non per rendere un dipinto attraente in un momento storico nel quale caso difcile per il paesaggio E in questo senso di perdita,
era quella di contenere gli elementi siamo letteralmente sopraffatti abruzzese sfuggire alla trappola che ci costringe appunto a ri-
caratteristici del paesaggio: alberi, dalla produzione delle immagini, del pittoresco, ovvero della conoscerci in un limite che forse
corsi dacqua, montagne, pi qualche conferisce al paesaggio e alla sua paternalistica condiscendenza non pensavamo di avere, si celano
animale, gura umana, o magari la rappresentazione un potenziale con cui si guarda un paesaggio anche implicazioni importanti per
bandiera nazionale. di ri-conoscimento, ovvero di agreste o montano che possiede chi si occupa di sviluppo locale
26 CORIANDOLI / CONFETTI domus 1016 Settembre / September 2017

Michael Kenna, Approaching Clouds, Pizzoferrato, Abruzzo, 2016

e pensa che il potenziale di certi La visione delle immagini di Kenna SO NEAR, SO FAR What is the reason for this
luoghi sia valutabile unicamente in diventa allora unesperienza unanimous preference for the
rapporto con la compatibilit tra il immersiva nella quale lo shock In their famous project The Most landscape as an essential element
luogo e le parole dordine di modelli estetico apre un percorso di Wanted Paintings, the Russian of artistic representation?
che in questo momento vanno conoscenza e di scoperta. conceptual artists Vitaly Komar and One of the many possible reasons
inesorabilmente verso la citt, anzi LItalia di questi anni ha un bisogno Alexander Melamid ironically asked is familiarity: the depiction of a
la megalopoli globale, connando essenziale, quasi disperato di what would happen if market landscape seems to embody the
tutto ci che non conforme a ritrovare questo sguardo su se research techniques were applied characteristics of pleasantness,
una condizione di spiaggiamento, stessa, e non quindi casuale to the logic of art commissioning. reassurance and, above all, the
dinerme immobilit in un ambiente che una simile sollecitazione ci Through a market research easy recognition of points of
nel quale non si attrezzati a arrivi da un maestro straniero della company, Komar and Melamid reference which are recognisable,
muoversi, e forse pi nemmeno a fotograa contemporanea. asked a number of sample groups well-known and which can be
mantenere le proprie funzioni vitali. LItalia di questi anni si accontenta of citizens from various countries associated with happy personal
Ma arrendersi a questo facile di formule facili, crede di around the world, formed with the memories.
quanto superciale determinismo , poter costruire valore attorno same logic adopted to test a new However, not all landscapes are so
appunto, un limite dimmaginazione. allesperienza dei propri straordinari soft drink or deodorant, what were easily tamed by these convenient
Questi luoghi straordinari e ri- luoghi applicando formule the characteristics that a painting rituals. Indeed, the landscape
conosciuti possono e forse vogliono consunte e banali di un marketing should (or should not) have in is where the rst examples
ancora essere abitati, ma non territoriale ormai superato anche order to be appealing (or, on the of Romanticism identied the
semplicemente in modo nostalgico nei Paesi emergenti. contrary, unappealing). focus of that experience of the
e lologicamente tradizionale. Lo sviluppo locale prima di Almost without exception, all sublime which tragically places
qui che si gioca, in fondo, la tuto innovazione di sguardo e di the sample groups from all the mankind face to face with its
scommessa di uno sviluppo pensiero applicati a un territorio countries questioned responded limits and its fragile niteness.
locale nel quale credere e con cui che si conosce, si ama, che si vuole that the one essential aspect that It is this ambivalence which still,
identicarsi. far (ri-)vivere. Quanto pu dirci una made a painting appealing was at a time when we are literally
Ri-conoscere i luoghi, intuendone mostra di fotograa. the presence of typical landscape overwhelmed by the production
le possibilit latenti attraverso Se sappiamo vedere. Se sappiamo features: trees, water, mountains, of images, confers the landscape
lo straniamento dello sguardo e ascoltarci. Se siamo disposti a ri- plus a few animals, humans or and its depiction with a potential
soprattutto del pensiero. conoscerci. perhaps a national ag. for re-discernment, or rather the
domus 1016 Settembre / September 2017 CORIANDOLI / CONFETTI 27

Michael Kenna, Trabocco Punta Aderci, Study 2, Vasto, Abruzzo, 2016

reiteration of that experience of disintegrates this visual and evaluated in terms of compatibility leads the way to awareness and
discovering ourselves and others mental laziness. His language between the place and the key discovery. In this period, Italy
that occurs only in particular and seems to recall the poetry of words of models that are currently has an essential and almost
exceptional conditions. Sturm und Drang, but at the shifting relentlessly towards desperate need to rediscover this
The work of Michael Kenna in same time it stands apart from it the city, or rather the global way of seeing itself.
Abruzzo offers an exemplary and for the extraordinary and rened megalopolis, relegating all that It is therefore no accident that this
fascinating illustration of the sharpness of the images. Even does not conform to a condition provocation should come from a
experience of re-discernment. for those who, like me, were born of being stranded, to lying foreign master of contemporary
The landscape of Abruzzo is in Abruzzo and who have lived in immobile in an environment for photography. Italy has recently
perhaps a less familiar and obvious and loved these lands for as far which it is unequipped or where been content to accept simple
subject for the general observer as we can remember, Kennas it may die. However, surrendering formulae, believing itself capable
than other more better-known images are an extraordinary to this simple and supercial of creating value based on the
Italian locations, including those moment of re-discernment: both determinism is a sign of a limited experience of its extraordinary
of the Umbria and Marche hills, of ourselves and of these lands imagination. lands and with the application
which are conquering a small but which These extraordinary and re- of timeworn and banal local
signicant position in the global are so familiar and yet so alien. discerned places can and marketing formulae considered
imagination with the insidious We nd in his images a perhaps still want to be inhabited outdated even in developing
but captivating label of another magnicence which leads but not simply in a nostalgic and countries.
Tuscany. us to think what seems trite and philologically traditional manner. Local development is, above all,
But in this case too and perhaps predictable is so because we have This is where the challenge for innovation in the way things are
even more so it is difcult for the lost the ability to see differently. local development we can believe seen and considered, applied to
Abruzzo landscape to avoid the In this sense of loss, which forces in and identify with is played out. an area which is known, loved and
picturesque trap, or the patronising us to re-discern ourselves via a We must re-discern places, which people want to see revived.
gaze with which one examines limitation we perhaps did not think identifying their underlying This is how much a photographic
a countryside or mountain we had, there are also important potential by detaching our gaze exhibition can communicate to us
landscape which clearly bears implications for those who are and, above all, our thought. if we know how to look.
the stigma of being somewhere involved in local development Viewing Kennas images thus If we know how to listen and if
else, of nice, but I wouldnt want and who believe that the potential becomes an immersive experience we are willing to re-discern
to live there. His vision literally of certain locations can only be in which the aesthetic shock ourselves.
28 CORIANDOLI / CONFETTI domus 1016 Settembre / September 2017

In questa pagina. Sotto: schizzo di Caterina a Formiello e il suo contesto,


Tadashi Kawamata del suo lavoro in un dettaglio della Veduta di Napoli
per Made in Cloister, realizzato del XVII secolo di Bastiaen Stopendaal,
con la partecipazione degli abitanti 1653. Pagina a fronte: il chiostro
del quartiere. Il lavoro dellartista cinquecentesco della chiesa di Santa
giapponese in sintonia con il Caterina a Formiello, nel pieno centro
progetto di rigenerazione urbana storico di Napoli, recuperato dalla
della Fondazione. In basso a sinistra: fondazione Made in Cloister e che, dal
il complesso conventuale di Santa 2011, ne la sede

IL CENTRO ANTICO DI NAPOLI COME RISORSA


Allinterno di un ex chiostro cinquecentesco, in un contesto
densamente abitato e caratterizzato da un forte degrado
edilizio, sociale ed economico, la fondazione Made in Cloister
ha avviato un ambizioso programma di rigenerazione
urbana puntando sulla salvaguardia e valorizzazione del sito
attraverso la cultura, larte e gli antichi saperi artigianali

A former 16th-century cloister in a densely populated


context suffering from serious building, social and economic
decline is the focus of an ambitious urban-regeneration
programme by the Made in Cloister Foundation centred on
protecting and upgrading the site via culture, art and age-
old craft skills
Ferruccio Izzo
domus 1016 Settembre / September 2017 CORIANDOLI / CONFETTI 29

Opposite page. Bottom: the monastery Japanese artists work is in harmony with
of Santa Caterina a Formiello and its the Foundations urban regeneration
surrounding context in a detail from project.
Veduta di Napoli del XVII secolo by Below: the 16th-century cloister of the
Bastiaen Stopendaal, 1653. Top right: a church of Santa Caterina at Formiello,
sketch by Tadashi Kawamata of the work in the very heart of the Old Centre of
for Made in Cloister, produced with the Naples, refurbished by Made in Cloister
involvement of the local residents. The and its headquarters since 2011

Con il restauro e il riuso del chiostro


cinquecentesco della Chiesa di Santa
Caterina a Formiello, la fondazione
Made in Cloister ha recuperato un
episodio signicativo del patrimonio
storico del centro antico di Napoli. Il
monastero il risultato di unintensa
straticazione storica di corpi edilizi
e di usi, in un processo caratterizzato
da forme sia di continuit sia di
forte discontinuit. La destinazione
religiosa stata ininterrottamente
conservata dalla fondazione, sul
nire del Quattrocento, no al 1806
quando il complesso venne destinato
prima a padiglione degli ufciali della
Guarnigione e poi a opicio per la
produzione di lana e di divise militari.
Con lunit dItalia e lavvento di casa
Savoia vennero sospese le ordinazioni
e lopicio cess lattivit non
riuscendo a riconvertire la produzione.
La perdita degli insediamenti
produttivi e artigianali e il conseguente
frazionamento della propriet con
linserimento delle pi disparate
attivit diedero avvio a un inesorabile
processo di degrado e isolamento
del complesso dalla citt. Oggi il
suo contesto unarea densamente
abitata e di grande valenza storica,
urbana e architettonica
caratterizzato da condizioni di forte
degrado e di marginalizzazione
sociale ed economica. La storia
e le peculiarit del luogo hanno
denito il progetto di restauro e riuso
destinando il complesso monumentale
alla salvaguardia, alla valorizzazione
e allinnovazione di quelle tradizioni
e di quelle culture materiali che nel
centro antico hanno dato vita a saperi
e lavorazioni artigianali di grande
valore, tramandati per generazioni,
ma oggi a rischio di scomparire. Il
programma di rigenerazione urbana
avviato da Made in Cloister si
distingue per iI coinvolgimento sociale,
la partecipazione del mondo dellarte
e della cultura contemporanea, la
collaborazione con musei e istituzioni
educative e culturali a livello locale,
nazionale e internazionale. Tutte
queste azioni, tra loro fortemente
connesse, vengono difcilmente
impostate, avviate e portate a
termine con successo nei processi di
rigenerazione e spesso non vengono
addirittura considerate parte di un
progetto di riqualicazione urbana.
Made in Cloister non solo le ha
incluse, ma le ha sostenute attraverso
un lavoro attento, rigoroso e
continuo, che ha generato un lungo
processo dintenso dialogo e di
ampia e differenziata partecipazione,
Photos Luca Artioli

facendo s che la riqualicazione del


complesso avesse una ricaduta di pi
ampio impatto sul quartiere e su tutto
30 CORIANDOLI / CONFETTI domus 1016 Settembre / September 2017

Sotto: il chiostro stato trasformato da Tadashi Kawamata, a cura di Demetrio


Made in Cloister in spazio espositivo Paparoni, nellex chiostro rinascimentale
per larte contemporanea e le attivit di Santa Caterina a Formiello. Per
artigianali, diventando luogo dincontri, realizzarla, lartista ha impiegato 11
sperimentazione e produzione, dove giorni, coinvolgendo gli artigiani del
artisti e designer possono risiedere quartiere e i ragazzi del quartiere di Porta
e lavorare con i maestri artigiani Capuana grazie alla Cooperativa Sociale
napoletani. Ofcine Gomitoli e alla Cooperativa
In basso e pagina a fronte: The Shower Dedalus
la grande installazione site-specic di

il centro antico. Un atteggiamento che, them through an attentive, rigorous


opponendosi al sopravvento dinteressi and ongoing campaign prompting
particolari e creando sinergia tra much dialogue and broad-ranging
istituzioni e tra pubblico e privato, ha participation. As a result, the
cercato di rappresentare e sostenere regeneration of the complex has had
una dimensione sociale attraverso un a broader impact on the district and
fecondo rapporto con il luogo e la sua all the Old Centre.
comunit. Nellattuale appiattimento By blocking vested interests
delle differenze e delle peculiarit and creating a synergy among
delle nostre citt la collaborazione institutions and between public and
culturale messa in opera da Made in private spheres, this approach has
Cloister si congura come un mezzo sought to represent and endorse a
efcace per contrastare la patologia social dimension through a fruitful
della citt contemporanea, che non relationship with the place and its
si palesa solo nellappiattimento delle community.
differenze, ma anche nellindifferenza With todays levelling of the
Photo Luca Artioli

alla vita degli uomini. Con il recupero differences and peculiarities of our
e il riuso del chiostro, la Fondazione cities, the cultural collaboration
non si preoccupata solo del initiated by Made in Cloister
degrado delle strutture ma si presa effectively combats the malaise
cura allo stesso tempo del luogo CAPITALISING ON its isolation from the city. Today affecting the contemporary city, seen
e dei suoi abitanti, facendo s che THE OLD CENTRE OF NAPLES its context, a densely inhabited not only in their growing similarity but
alle azioni siche corrispondessero area of great historical, urban and also in the indifference to peoples
quelle culturali e che, insieme, queste The Made in Cloister Foundation has architectural interest, suffers from lives.
ambissero alla valorizzazione dellarea recovered a signicant portion of the severe decline and social and With the renovation and reuse of
e al miglioramento della vita dei suoi historic heritage of the Old Centre economic marginalisation. It was its the cloister, the Foundation has
abitanti. Vi uninevitabile e costante of Naples with the restoration and history and peculiarity that dened addressed not only the sorry state
interazione tra societ e tessuto reuse of a 16th-century cloister in the the restoration and reuse project. Its of its structures but also turned
urbano per la quale non possiamo Church of Santa Caterina in Formiello. aim was to protect the monumental its attention to the place and its
intervenire sulle nostre citt, senza che The monastery is the product of complex, boosting and innovating inhabitants. Its aspiration has been
in qualche modo non si operi anche the dense historical stratication of the traditions and material cultures to match physical measures with
una qualche trasformazione delle buildings and uses interspersed by passed down for generations in cultural ones, improving the area and
nostre comunit e cos viceversa. long dormant intervals. the Old Centre - enabling skills and the life of its residents. Given the
Made in Cloister ci ha evidenziato Its religious intent remained steadfast crafts to ourish but now at risk. inevitable and constant interaction
che oggi, pi che mai, per poter from its foundation towards the end The urban regeneration programme between society and its urban fabric,
aspirare a mantenere viva, recuperare of the 15th century until 1806 when launched by Made in Cloister stands we cannot act on our cities without
e rinnovare la qualit urbana non the complex was converted rst to out for its social involvement and that also, to some extent, transforming our
possiamo pensare di contare quarters for ofcers of the Garrison of the art world and contemporary communities and vice versa.
soltanto sul perseguimento di and later to a factory manufacturing culture as well as its collaboration Made in Cloister has shown that,
unidea estetica. Tale qualit deriva, wool and military uniforms. With with museums and local, national and today more than ever, if we want
innanzitutto, da un coinvolgimento Italian Unication and the advent of international educational and cultural to maintain, regain and innovate
delle comunit, delle loro strutture the Savoy monarchy, orders were bodies. Such strongly interconnected urban quality we cannot merely
sociali, economiche e politiche, delle suspended and, unable to convert activities often struggle to get pursue an aesthetic idea. The quality
loro istituzioni, dei sistemi culturali, its production, the factory ceased started and successfully establish stems primarily from community
nonch da un loro riconoscere to operate. The loss of production themselves, frequently not even involvement and a focus on its social,
lappartenenza a una tradizione, a una and craft facilities and the division of being considered part of an urban economic and political structures,
storia e a luoghi con i loro caratteri the property to introduce assorted regeneration project. the institutions and cultural systems
identitari, materiali e immateriali. activities led to the inexorable Not only has Made in Cloister as well as its identication with a
Levidenza di questo coinvolgimento degradation of the complex and embraced them, it has supported tradition and history, with places
e del disegno complessivo da esso and their distinctive material and
derivante la possiamo ritrovare immaterial traits.
nello stesso centro antico di Napoli Evidence of this involvement and an
che, nel tempo, si trasformato ensuing comprehensive design can
con continuit assicurando al suo be found in the Old Centre of Naples
interno lo svolgersi di una vita civile. itself, which has over time been
Questo coinvolgimento potrebbe steadily transformed without losing its
oggi essere ristabilito con condizioni, lively atmosphere.
forme e signicati del tutto diversi, ma The involvement could be repeated
soltanto se si riuscisse a promuovere today with very different terms,
un processo collettivo di resistenza forms and meanings but only by
che, come Made in Cloister ci ha promoting collective resistance which,
dimostrato, tenda a ricostituire nelle as Made in Cloister has proved,
nostre citt un senso didentit e tends to recreate a sense of identity
convivialit, costruito su unesperienza and warmth in our cities built on a
graduale di collaborazione attraverso gradual experience of collaboration
azioni siche e intellettuali, in un via physical and intellectual action, all
Photo Luca Artioli

dialogo e una pratica concentrati su in a dialogue and practice focused


obiettivi concreti, affrontati con un on concrete goals approached
approccio olistico. holistically.
domus 1016 Settembre / September 2017 CORIANDOLI / CONFETTI 31

Opposite page, top: the cloister installation by Tadashi Kawamata,


converted by Made in Cloister to an curated by Demetrio Paparoni, in the
exhibition space for contemporary art former Renaissance cloister of Santa
and craft activities. It is now a place Caterina a Formiello. It took the artist 11
of encounter, experimentation and days to create with the involvement of
production where resident artists and local artisans and young people from the
designers can work with Neapolitan Porta Capuana neighbourhood thanks to
master craftspeople. the Cooperativa Sociale Ofcine Gomitoli
Opposite page bottom and this page: and Cooperativa Dedalus
The Showerr is a large site-specic
Photos Luca Artioli
32 CORIANDOLI / CONFETTI domus 1016 Settembre / September 2017

Tadashi Kawamata, The Shower, Napoli di/by Demetrio Paparoni

Le installazioni monumentali di Tadashi sociale, unarte che non nasce per Tadashi Kawamatas monumental of international critics with
Kawamata non sono concepite come essere mercicata, che permette di installations are not conceived to be his ephemeral environmental
per essere inamovibili e si qualicano essere vista da tutti e fruita anche dal xed. Instead, they are traces left installations, many of which
come una traccia del nomade che suo interno. Nella realizzazione delle by a nomad who creates archaic are gigantic but always site-
crea strutture arcaiche abitabili sue installazioni, Kawamata coinvolge living structures with natural articles friendly. In the installation
con elementi naturali recuperati inoltre la gente del luogo, la cui salvaged from local scrap. expressly created for the Santa
tra gli scarti del luogo. Nel caso di partecipazione attiva d un contributo The material retrieved Caterina cloister in Formiello,
questa mostra, il materiale utilizzato che va oltre la mera esecuzione. for this exhibition consists in the entitled The Shower, the artist
sono cassette di legno usate nei Nel suo work in progress lopera wooden crates used in fruit and wanted to recreate how he felt
mercati ortofrutticoli. Kawamata si infatti risente della manualit di chi vegetable markets. when he rst entered the Cloister
imposto allattenzione della critica contribuisce alla sua costruzione. Kawamata caught the attention and was struck by a cascade of
internazionale con le sue installazioni light, seeming coming from the
ambientali efmere, molte delle quali church dome. Shown in numerous
gigantesche, sempre rispettose countries, Kawamatas installations
dellambiente che le accoglie. fall within a new approach
Nellinstallazione espressamente to social art an art not for
realizzata per lo spazio del Chiostro di commercialisation but to be seen
Santa Caterina a Formiello, intitolata by all and appreciated from inside,
The Shower, lartista ha voluto ricreare too. When making his installations,
la sensazione che ha avuto quando Kawamata involves local people
entrato per la prima volta nel Chiostro whose active participation makes
ed stato investito da una cascata a contribution extending beyond
di luce che sembrava provenire dalla mere execution. Indeed,
Photo Riccardo Piccirillo

cupola della chiesa. Presentate in molti as a work in progress the


Paesi del mondo, le installazioni di installation reects the manual
Kawamata sinseriscono nellambito labour of those helping with its
di un nuovo modo dintendere larte construction.
Sopra: Tadashi Kawamata (a sinistra) Above: Tadashi Kawamata (left) with
con il curatore Demetrio Paparoni. Sotto: the curator Demetrio Paparoni.
la copertura in legno realizzata nella Below: the timber roof created in the
parte centrale del Chiostro Piccolo, centre of the Chiostro Piccolo, another
ulteriore elemento di fascino che si fascinating feature in addition to the
aggiunge alla capriata lignea dimpianto timber truss roof of exceptional design
e dimensioni eccezionali. A destra e and size.
sotto: viste dellinstallazione The Shower Right and below: The Shower
Photo Luca Artioli

di Kawamata, per la quale sono state installation by Kawamata, produced


impiegate 4.000 cassette di legno, 15.000 with 4,000 wooden crates, 15,000 plastic
fascette in plastica e 800 m2 di rete connections and 800 m2 of mesh
Photo Luca Artioli
domus 1016 Settembre / September 2017 CORIANDOLI / CONFETTI 33

PRIMA DELLA SCUOLA MILANESE ammiratore di Le Corbusier e Luigi Cosenza e Fabrizio Clerici. La
collezionista di tutti i suoi testi, recezione americana della mostra
Quella che proponiamo ai lettori di Domus una lettura Mollino non ha sistematizzato la itinerante si legge attraverso le
inedita del lavoro di Carlo Mollino che, con i suoi studi propria visione con un palinsesto numerose segnalazioni e gli articoli
degli anni Trenta per la camera-studio-soggiorno, anticipa teorico e dogmatico, tanto meno pubblicati sulla stampa generica
la scuola milanese, imponendosi poi come simbolo del funzionalista.1 e specialistica (dal New Yorker a
design italiano nellAmerica degli anni Cinquanta Svilupp in particolare sul tema della Interiors). Qui si tendeva a spostare
stanza-soggiorno chiusa: una vera e lattenzione del pubblico dagli
Domus readers are given a fresh take on the work of Carlo propria tipologia con cui larchitetto, ambienti, per cui mobili e spazi erano
durante gli anni Trenta, ricercava stati pensati come tuttuno, ai singoli
Mollino. Ahead of the Milanese School with his 1930s
per i suoi ambienti e committenti oggetti; si valorizzava la vitalit, la
development of the bedroom-study-living room, he soon limpermeabilit con lesterno (la qualit delle lavorazioni manuali
came to epitomise Italian design in 1950s America politica di Stato e anche la natura) degli artigiani italiani libere da
e che, dopo il 1943, si trasforma formule preconcette (House and
Michela Comba nella camera versatile without Garden) , e loriginalit dei tessuti;
kitchen,2 messa in scena a New si sottolineava il funzionalismo di
York, Chicago e San Francisco tra il Mollino alla luce della variet degli
1950 e il 1951 con la mostra Italy stili e le sue afnit con il design di
Carlo Mollino, nellItalia appena at work. Questo tipo di ambiente Charles Eames (Art News). Il tipo
liberata, proponeva per larchitetto svela subito e inaspettatamente della camera versatile proposto da
il ruolo dinterprete di un concetto lefcacia degli arredi di Mollino Mollino era maturato in realt nella
di libert individuale opposto a come simbolo del design italiano e seconda met degli anni Trenta, in
quello propagandato dalla cultura rivela le potenzialit di questultimo una congiuntura critica per la cultura
politica nazionale: una libert di trasformarsi in un trend, assai architettonica italiana segnata
non legata ai consumi, ma a una utile per veicolare gusto e consumi dallo spostamento del dibattito dal
rivoluzione dei costumi sociali che anche allestero, in particolare nella tema della casa esatta a quello
avrebbe avuto avvio da un diverso patria del Piano Marshall. Italy at della casa ideale. Attraverso
utilizzo dellambiente domestico. Work comprendeva anche oggetti una serie di esercizi progettuali
Nonostante fosse un grande e ambienti disegnati da Gio Ponti, precedenti, Mollino ha coltivato
Sotto: studio di Carlo Mollino del Below: a 1937 study by Carlo Mollino
1937 per un appartamento in via for an apartment in Via Talucchi. The
Talucchi. Lidea iniziale dellambiente initial idea for a single white space,
unico e cangiante, sviluppata con la developed when he designed the Miller
realizzazione della cosiddetta Casa House, was behind all the apartments
Miller, lorigine di tutti gli appartamenti developed by the architect up to 1941 Per tutte le foto e i disegni/
progettati dallarchitetto no al 1941 e, and subsequently his post-WWII All photos and drawings
poi, delle riessioni sulla trasformazione considerations on the transformation of Archivio Mollino, Politecnico
dellambiente domestico da lui proposte the domestic space di Torino
nel secondo Dopoguerra
ACM_P9C_89_3
34 CORIANDOLI / CONFETTI domus 1016 Settembre / September 2017

i principi di intercambiabilit e di per il termine tipo era pi vicina dellimmagine della cultura come fossero lombra del
versatilit dellambiente domestico: al concetto di genere (e gender), italiana attraverso il design. La medesimo modello. Lesaltazione
lo studio-camera da letto della gi nel 1943, che non ai principi di fama improvvisa e fulminea di del valore estetico del corpo che le
Casa Miller e le sue varianti (1927- unicazione e industrializzazione questo architetto, sostenuto da caratterizzava era maturata in realt
1940)3; la camera da letto di una edilizia, discussi prima e subito dopo alcuni componenti dei CIAM, ma in modo occulto, durante la ne di
cascina in risaia; latrio-soggiorno la Seconda guerra mondiale.5 soprattutto dal coinvolgimento un morticante ventennio fascista,
della Casa sullaltura (1943) e In occasione del concorso per il dellENAPI nei programmi dellECA, mentre con la produzione bellica
poi Casa Orengo (1949). Con la mobile-tipo indetto quellanno da dallinteressamento di Edgar ha preso il via anche la produzione
realizzazione di questi ambienti Garzanti per la sezione dedicata Kauffmann, Bernard Rudofsky, in serie. Negli anni Venti e Trenta
truccati larchitetto ha formalizzato il a La camera dei gli, larchitetto di Enid Marx, di Alberto Sartoris, in quella citt ormai industriale
tipo della camera-studio-soggiorno ha insistito sullimportanza dellArt Institute di Chicago, delle del Nord Italia, ancora chiusa e
dove tutti gli elementi compositivi e dellintercambiabilit degli elementi, principali riviste specializzate sabauda nei costumi, si era avviato
i virtuosismi tecnici sono nalizzati a partire dalla constatazione dei francesi, inglesi e nlandesi, dalle un processo di sprovincializzazione
al culto dellindividualit. Nella Miller caratteri comuni di gli e glie mostre (non solo negli Stati Uniti, ma che nella sfera pubblica passava dai
House, per esempio, la garonniere (caratteri che si differenziano solo a anche a Londra, Napoli e Rabat)7 e movimenti di massa e nella sfera
che richiamava il fenomeno letterario partire dalladolescenza). La camera dalla forza di Gio Ponti allinterno del privata (come rivela il caso Mollino),
americano lilluminazione prevedeva per i gli doveva essere un po di gruppo Editoriale Domus, alla met attraverso lesaltazione della
un gruppo di lampade girevoli che tutto: studio, soggiorno, magazzino... degli anni Cinquanta rapidamente personalit, coltivata con larte e
scorreva su una rotaia da una parte Un piccolo mondo in evoluzione e perdeva terreno. Le magiche lerotismo allinterno di lite ristrette.
allaltra dello studio-soggiorno non una cella dalbergo.6 stanze di Mollino non rientravano Mollino stimolava con la
mosso da un sistema elettronico. Le forme di libert individuale nel modello italiano di societ fantasia lemancipazione dei
La versatilit di quellambiente pregurate da Mollino con i suoi solidale e interclassista proposto dal costumi, cauterizzandoli contro il
unico, camera-studio-soggiorno, si progetti presentati dalla critica pensiero cattolico sociale: chiuse conformismo borghese e il consumo
rivelata profetica se oggi la cultura come aristocratici e rafnati al mondo esterno, contrastavano di massa. Disinvolto e abile nel
architettonica, quando affronta esercizi di stile surrealista n con gli immaginari rassicuranti della maneggiare e discutere alcuni
il tema dello spazio lavorativo dal ventennio fascista nei famiglia tradizionale. Eppure, a elementi centrali della formazione
postindustriale, evoca il modello primissimi anni della Ricostruzione Torino, quelle stanze erano diventate della societ moderna (fotograa,
dellofce in the boudoir.4 (1946-1950) facilitavano il luoghi necessari ai mascheramenti tempo libero e spettacolo), negli
Laccezione proposta da Mollino processo dinternazionalizzazione dellintimit della ricca borghesia, anni Cinquanta e Sessanta,

Michela Comba
In basso: schemi sullambiente camera- Below: studies of the bedroom-study-
studio-soggiorno, prodotti da Carlo living-room, produced by Carlo Mollino
(1973) ricercatore e professore di Storia (1973) is a research associate and Professor Mollino in seguito al progetto presentato following the project presented at the
dellarchitettura contemporanea presso il of the History of Contemporary Architecture at alla mostra Italy at Work. Italy at Work exhibition.
Politecnico di Torino, dove si dottorata con Turin Polytechnic where she gained a Ph.D. in Pagina a fronte: in alto, cartolina di Joe Opposite page: top, a postcard from Joe
una tesi su Carlo Mollino nel 2004. Attualmente 2004 with a dissertation on Carlo Mollino. She Singer a Carlo Mollino del gennaio 1951; Singer to Carlo Mollino dated January
responsabile scientico del progetto di is currently the science manager of a project to allestimento dellambiente camera- 1951; bottom, the sleeping-living-dining-
valorizzazione dellarchivio Maire Tecnimont. upgrade the Maire Tecnimont Archive. soggiorno-pranzo di una Casa modesta room interior of a moderate-income
in mostra al Brooklyn Museum di New home displayed at the Brooklyn Museum
York in New York
ACM_P8B_35_191
domus 1016 Settembre / September 2017 CORIANDOLI / CONFETTI 35

pativa, insieme ai nuovi ritmi che Apelli e Varesio, perch piacciono


contraddistinguevano il lavoro molto in America, dove per (come
progettuale, la debolezza dello in Italia) la gente non pi alla
statuto professionale dellarchitetto ricerca di mobili lussuosi.9
italiano (combattuta con vane Le ditte americane offrivano buone
battaglie legali).8 condizioni visto il successo della
Dopo la guerra, Mollino riutava mostra itinerante, in particolare
la poetica wrightiana e la sua dellambiente molliniano nella tappa
strumentalizzazione, atteggiamenti allArt Institute di Chicago. Apelli,
dogmatici e impegnati, e la militanza per, non riesce ad abbassare i
politica e culturale. Nonostante prezzi e, alla ne del 1952, non
il successo di pubblico e di rinnova il contratto di esclusiva per
critica riscontrati, la progressiva la produzione dei mobili disegnati da
emarginazione del suo punto di Mollino, con la Compagnia Nazionale
vista, anche rispetto al modello Artigiana (CNA). LArt Institute di
produttivo della piccola industria, e Chicago, si adoperava con il CNA
un utilizzo minimo di macchinario, in per attrezzare le ditte intenzionate
alternativa allattivit consorziata di a incrementare una produzione
diversi artigiani specializzati facenti destinata allesportazione,
capo a pochi e grandi organismi soprattutto quando accettavano
nanziari, si compie anche in seguito limpiego di macchinari americani.
alla mancata commercializzazione La rinuncia di Apelli e Varesio
dei mobili presentati alla mostra precede di poco la decisione di
americana, e dei modelli realizzati Mollino di trasferirsi oltreoceano; ma,
ACM_C3_2_1951_SingerR

negli stessi anni per la Singer & Co, durante laffannosa ricerca di qualche
Joe Singer, con cui Mollino era in sistemazione accademica in Brasile,
ottimi rapporti, si era proposto come nel 1953 gli viene afdata la cattedra
mediatore e agente per la vendita di Composizione architettonica al
dei suoi tavoli, prodotti dagli artigiani Politecnico di Torino.
1 4 7
Michela Comba, De Humana sproportione, in E. Doleatto, in Torino. Rassegna mensile Mostra International Union of Architects a Rabat
Architetture di parole, cit., pp. XXI-CXVIII. municipale, 32, 1936. (1951), Mostra dOltremare e del lavoro italiano nel
2 5
Dolores Hayden, The Grand Domestic Claudio Gamba (a cura di), Giulio Carlo Argan, mondo a Napoli (1952), Mostra dellarchitettura
Revolution: A History of Feminist Designs for Progetto e oggetto: scritti sul design, Medusa, italiana moderna a Londra (RIBA, 1952).
8
American Homes, Neighborhoods and Cites, The Milano 2003, per il dibattito sulla produzione in Sergio Pace (a cura di), Carlo Mollino architetto,
MIT Press, Cambridge-London 1981. serie, che negli anni Cinquanta (1952-1954) Electa, Milano 2006.
3 9
Michela Comba, The Enchanted Rooms of Carlo passa dai temi costruttivi al design. Lettera di Singer & Sons del 27.6.1951,
6
Mollino. The Confrontation with Art in Company Concorso Garzanti (1943): Politecnico di Torino, Politecnico di Torino (Archivio Carlo Mollino, C 3.1).
Town, EAHN Congress in Turin, July 2015. Archivio Carlo Mollino (Pdv).
ACM_Neg_2.22.2
36 CORIANDOLI / CONFETTI domus 1016 Settembre / September 2017

AHEAD OF THE MILANESE and San Francisco in the Italy at of styles, and his afnities with phenomenon was lit by a set of
SCHOOL Work exhibition of 1950-1951. the design of Charles Eames (Art lamps electronically driven on a
This room-type immediately and News). track running from one side of the
In a freshly liberated Italy, Carlo surprisingly revealed how effectively The versatile bedroom-type study to the other.
Mollino called for architects to Mollinos furnishings symbolised proposed by Mollino was actually The versatility of that single
interpret the concept of personal Italian design, revealing its potential developed in the second half of bedroom-living-room-study space
freedom, quite the opposite of that as a trend that could help channel the 1930s, at a critical time for proved prophetic as todays
being promoted by the national Italian taste and consumptions the Italian architectural culture, architectural culture evokes the
political culture and a freedom not abroad, especially in the home of the marked by a shift in the debate ofce in the boudoir model when
bound to consumptions but to a Marshall Plan. from the exact to the ideal house. addressing the post-industrial
revolution in social customs that Italy at Work included objects and Via a number of previous design workspace4.
would begin with a different use of interiors designed by Gio Ponti, exercises, Mollino cultivated the Mollinos proposed meaning for
the domestic space. Luigi Cosenza and Fabrizio Clerici. principles of interchangeability the word type was, by 1943,
Although a great admirer of Le How well the Americans received and versatility in the domestic closer to the concepts of genre
Corbusier, collecting everything he this travelling exhibition is illustrated environment: the bedroom-study and gender than to any principles
wrote, Mollino never organised his by the numerous reviews in the in the Miller House and its variants of standardised and industrialised
own vision within a theoretical and specialist and mainstream press (1927-1940)3; the bedroom in construction methods discussed
dogmatic framework, much less a (from The New Yorker to Interiors). a farmhouse surrounded by rice before and after WWII5. At the time
functionalist one1. These tended to shift public paddies; the hallway-living room of the competition for standard
He worked in particular on the attention from the interiors, where in the Casa sullAltura (1943) and furniture held that same year by
theme of the closed living room, a the furnishings and spaces were then the Orengo House (1949). Garzanti, for the Childrens Room,
type in its own right that Mollino seen as a whole, to the single With the creation of these trick Mollino stressed the importance
researched in the 1930s for his own objects, highlighting the vibrancy spaces, the architect formalised the of interchangeable pieces, based
spaces and those of his clients and the quality produced by Italian type of the bedroom-study-living- on the common traits of boys and
in his quest to block out the outside artisans free of preconceived room, where all the compositional girls (which only start to differ with
world (from State politics and from forms (House and Garden) and features and technical inventions adolescence.).
nature). After 1943, this turned into their original textiles. served the cult of the personality. The childrens room was to be a
the versatile room without kitchen2 They focused on Mollinos In the Miller House, for example, a little bit of everything: study, living-
exhibited in New York, Chicago Functionalism, expressed in a variety garonniere referencing the literary room, storage... A little world in
A destra e sotto: lambiente camera- Right and below: the sleeping-living-
soggiorno-pranzo di una Casa modesta, dining-room in a moderate-income
allestito al Brooklyn Museum di New home, displayed at the Brooklyn Museum
York nel novembre 1950 e in planimetria. in New York in November 1950 and a
Pagina a fronte: viste dello stesso drawing of it.
ambiente dal lato maggiore (5 m) e sul Opposite page: the same interior shown
lato dingresso (2,5 m), elaborate in una on its longest side (5 m) and entrance
ACM_Diapo_1.3.16

prima fase di progettazione a gennaio side (2.5 m), as developed in the initial
del 1950 design phase in January 1950
ACM_P8B_35_187
domus 1016 Settembre / September 2017 CORIANDOLI / CONFETTI 37

evolution and not a hotel cell.6 the classless and fraternal society mass consumption. between and agent for his tables,
From the 20-year Fascist period championed by Catholic social Although relaxed and skilled when manufactured by the craftsmen
on, critics had treated the forms thinking. Shut off from the outside handling and discussing certain Apelli and Varesio, which go over
of personal freedom envisaged in world, they clashed with the core areas in the formation of very well in America, but really (as
Mollinos projects as aristocratic reassuring image of the traditional modern society (photography, in Italy) people are not looking for
and sophisticated exercises in family. Yet, in Turin, those rooms leisure-time and the performing luxury furniture any more.9
Surrealism but, in the very rst had become necessary to hide the arts), in the 1950s and 1960s The American companies offered
years of the Italian reconstruction cosiness of the rich bourgeoisie, Mollino was unhappy with the good terms following the success
(1946-1950), they helped further almost the shadow of that model. new pace of design work and the of the travelling exhibition and
the international image of the Their exaltation of the aesthetic weak professional status of Italian especially Mollinos interior at the Art
Italian culture via design. Mollinos importance of the body had actually architects (fought in fruitless legal Institute of Chicago.
unexpected and lightning rise to developed behind the scenes in the battles).8 After the war, he rejected Apelli however could not lower the
fame backed by several CIAM closing years of a mortifying Fascist the Frank Lloyd Wright poetic and its prices and, late in 1952, did not
members but mainly thanks to era, while the war effort had also exploitation, dogmatic and pro-active renew its exclusive contract for the
ENAPIs involvement in the ECA launched mass production. stances and political and cultural production of Mollino-designed
programmes, a personal interest In the 1920s and 1930s, what was activism. Despite his popularity with furniture with the Compagnia
taken by Edgar Kauffmann, Bernard by then an industrial northern Italian both critics and public, the gradual Nazionale Artigiana (C.N.A.).
Rudofsky, Enid Marx, by Alberto city still closed within its Savoy- isolation of his views including The Art Institute of Chicago worked
Sartoris of the Art Institute of inuenced mindset had begun to those on the production model of with the C.N.A. to equip companies
Chicago, leading French, English be less provincial as it saw worker minor industry and a minimal use of keen to increase their export
and Finnish specialist journals, movements in the public sphere and, machinery as an alternative to craft production, especially when they
exhibitions (not just in the United in the private sphere (as shown by consortiums answering to a few agreed to use American machinery.
States but also in London, Naples the Mollino example), experienced large nancial bodies came after Apelli and Varesios withdrawal came
and Rabat)7 and a strongly an exaltation of the persona, the failure to market the furniture shortly before Mollino decided to
positioned Gio Ponti within the cultivated via art and eroticism within presented in the American exhibition move overseas but during his frantic
Domus publishing group was fast small elite groups. and the models produced in those search for an academic position
losing ground in the 1950s. In his fantasies, Mollino stimulated same years for Singer & Co. Joe in Brazil he was given the chair of
Mollinos magical rooms did not social emancipation, cauterising it Singer, with whom Mollino was on Architectural Composition at Turin
respond to the Italian model of against bourgeois conformism and good terms, offered to act as a go- Polytechnic.
1 4 7
Michela Comba, De Humana sproportione, in E. Doleatto, in Torino. Rassegna mensile International Union of Architects exhibition in
Architetture di parole, op. cit., pp. XXI-CXVIII. municipale, 32, 1936. Rabat (1951), Mostra dOltremare e del lavoro
2 5
Dolores Hayden, The Grand Domestic Revolution: Giulio Carlo Argan, Progetto e oggetto: scritti sul italiano nel mondo in Naples (1952), Italian
A History of Feminist Designs for American design, edited by Claudio Gamba, Medusa, Milan Contemporary Architecture, London (RIBA, 1952).
8
Homes, Neighborhoods and Cities, The MIT Press, 2003, on the debate on mass production, which in Carlo Mollino architetto, edited by Sergio Pace,
Cambridge-London 1981 the 1950s (1952-1954) shifted from construction Electa, Milan 2006.
3 9
Michela Comba, The Enchanted Rooms of Carlo to design issues. Letter from Singer &Sons, 27.6.1951 (Turin
6
Mollino. The Confrontation with Art in Company Garzanti competition, 1943 (Turin Polytechnic, Polytechnic, Archivio Carlo Mollino, C 3.1).
Town, EAHN Congress in Turin, July 2015. Archivio Carlo Mollino, Pdv).
ACM_P8B_35_189
38 CORIANDOLI / CONFETTI domus 1016 Settembre / September 2017

Pi che un edicio o un museo, formazione e sale di riunione.


lObama Presidential Center di Le sedi del forum e della biblioteca
Chicago sar un centro dimpegno saranno risorse a disposizione
civile vitale e funzionante. del pubblico per la formazione
In omaggio a Frederick Law e per i programmi della Obama
Olmsted e Calvert Vaux, il Centro Foundation.
sar inserito nel Jackson Park, il Il forum e la biblioteca saranno
parco storico nel cuore del South strutture su un unico livello, con
Side di Chicago, per favorire la terrazze a verde sulla copertura.
OBAMA PRESIDENTIAL CENTER, CHICAGO completa realizzazione del suo Gli edici avranno collegamenti
potenziale di polo ricreativo e sotterranei e saranno rivestiti
Unarchitettura per una committenza speciale, pensata luogo dincontro, sia per le famiglie, in pietra dai colori vivaci, caldi
per ospitare un museo una biblioteca e un forum, diventa sia per i cittadini e i turisti. e variegati, con aperture vetrate
Inoltre, si vuole ricreare il collocate in modo da formare
espressione architettonica compiuta di un pensiero collegamento del South Side con cortili, segnare ingressi, inquadrare
totalmente progettuale devoto alla sostenibilit ambientale la Laguna e il Lago Michigan. vedute e dare accesso alla luce
e allo scambio con il prossimo. Il punto di vista progressista Il progetto di massima prevede naturale.
della ex coppia presidenziale si trasforma in forma costruita tre edici il museo, il forum e Le dimensioni complessive del
la biblioteca che formano un centro si aggireranno intorno
A project for a special client housing a museum, library organismo disposto intorno a una ai 19.000-21.000 m2 lordi, ma
and forum becomes the accomplished architectural piazza aperta al pubblico. il progetto di massima del sito
expression of an all-encompassing design thought centred Il complesso sar accessibile a prevede una ristrutturazione del
tutti e il centro comprender spazi parco che avr come risultato un
on environmental sustainability and interpersonal interni ed esterni per riunioni, aumento totale netto dello spazio a
exchange. The progressive ideas of the former Presidential formazione, attivit creative e di verde dellintero Jackson Park.
couple translated into the constructed form collaborazione. La Fondazione sta anche valutando
Il museo, il pi alto dei tre edici, la possibilit di ospitare nel sito
Tod Williams Billie Tsien Architects | Partners e/and conterr uno spazio espositivo, una sezione della Chicago Public
Interactive Design Architects spazi pubblici, ufci, aule di Library.
Sotto: larea di progetto posta a verde impiegate nei corpi bassi della
ridosso delle coste del Lago Michigan, Biblioteca e il Forum. In basso: una
nella parte sud di Chicago, allinterno veduta complessiva del modello dove
del Jackson Park, tra limponente si evidenzia il complesso sistema
edicio del Museo della scienza e di giardini-patio, di collegamenti,
dellindustria e il campo sportivo dei di piazze e di cortili. Il progetto
Jackson Park Hockey Fields. stato selezionato a seguito di una
Pagina a fronte. In alto: un dettaglio call promossa nel 2015 dallObama
del modello mette in evidenza Foundation
lingresso al Museo e le terrazze a
domus 1016 Settembre / September 2017 CORIANDOLI / CONFETTI 39

OBAMA PRESIDENTIAL spaces, ofces, and education and


CENTER, CHICAGO meeting rooms. The Forum and
Library buildings will be community
The Obama Presidential Center resources for study and Foundation
will be a living, working center for programming. The Forum will contain
engagement. Honoring the legacy Foundation ofces, an auditorium,
of Frederick Law Olmsted and restaurant, and public garden. The
Calvert Vaux, the Center is designed Forum and Library will be single
as a campus in historic Jackson story structures with planted roof
Park, a historic park in the heart terraces. The buildings will be
of the South Side of Chicago, to connected below grade and clad in
help unlock the full potential of the a lively, warm and variegated stone
park as a recreational destination while glass openings are deliberately
and center for gathering on the placed to form courtyards, mark
South Side for families, community entries, frame views, and bring in
members and visitors alike and natural light. The total size of the
to re-establish the South Sides Center will range between 200-
connection to the Lagoon and 225,000 gross square feet, but
Lake Michigan. The design concept the concept site plan imagines a
envisions three buildings the re-shaping of the Park that will result
Museum, Forum, and Library in a total net increase in green space
forming a campus surrounding a for Jackson Park. The Foundation
public plaza. The campus will be is currently exploring the possibility
open to the public and the Center of locating a Chicago Public Library
will include indoor and outdoor branch on the site but, as always,
spaces to gather, learn, create and will continue to solicit input from the
collaborate. The Museum, the community as to how the Library
tallest of the three buildings, building can best be used to meet
will hold exhibition space, public community needs.
Opposite page, bottom: the project and the planted roof-terraces on the Tutti i materiali di progetto
si riferiscono a una fase
site lies on the banks of Lake Michigan, lower Library and Forum buildings.
in Jackson Park on the South Side Below: overall view of the model preliminare, del maggio 2017/
of Chicago, between the imposing highlighting the complex system All project materials stem from
Museum of Science and Industry of gardens-patios, connections, plazas the preliminary design idea,
building and the Jackson Park Hockey and courtyards. May 2017
Fields. The project was chosen following an
This page. Above: detail of a model Obama Foundation call in 2015
showing the entrance to the Museum
40 CORIANDOLI / CONFETTI domus 1016 Settembre / September 2017

LA LENTEZZA DEL PROGETTO/SLOWNESS OF DESIGN di/by TOD WILLIAMS BILLIE TSIEN ARCHITECTS | PARTNERS

Nel nostro modo di progettare di solito sono forme piane molto There is no strategy for the way are usually very rough plan forms
non c nessuna strategia. rudimentali che mostrano lo that we design. It is so easy to which might demonstrate the
facile usare il materasso delle schema dei movimenti corporei use the cushion of past thoughts gesture of the bodys movement
vecchie idee per ammorbidire la e il modo di esprimerli in una to soften the terrifying free fall and how that is expressed by a
terricante caduta libera dellinizio massa in rapporto con il territorio. of starting a new project. It is mass in relationship to the land.
di un nuovo progetto. Le ripetizioni Mostriamo sempre al committente inevitable that, as we accumulate We always show these drawings to
inconsce, con il procedere della questi disegni perch vogliamo che a longer design history, we repeat the client because we want them
nostra storia di progettisti, capisca lintuizione e il gesto che things unconsciously. Still, perhaps to understand the intuition or
sono inevitabili. Per forse sono allorigine del progetto. Ed naively, but in earnest, we try to gesture that is the genesis of the
ingenuamente, ma seriamente anche un modo per dire Non so start each project with a blank design. It is also a way of saying,
cerchiamo di iniziare ogni progetto ancora quel che far, ma ne ho una slate. The design is incremental I dont know what I am doing yet,
da una tabula rasa. Il progetto un sensazione. small steps that are made in but I do have a feeling about it.
fatto incrementale: piccoli passi in Spesso, mentre lavoriamo a una response to the site, the client, the Often, as the plans are worked
risposta al sito, al committente, al pianta, ci sovvengono una sezione builder, and our own intuition. We through, an idea about a section or
costruttore e alla nostra intuizione. o un particolare, o una parte di try to ght through what we have a detail or a piece of cabinet work
Cerchiamo di combattere con quel armadio. E per un po si mettono learned, toward the freedom found will come to mind. And for a while
che abbiamo imparato, verso la da parte le piante e si segue il in innocence. the plans are put aside and the
libert dellinnocenza. Il progetto pensiero vagante. Si procede The design is a slow and often stray thought is pursued. Progress
unaccumulazione lenta e spesso brancolando, non marciando: uneven accumulation of stitches, is a stutter step, not a forward
ineguale di cuciture, sovente tre passi avanti, due di lato, uno that are often ripped out part way march: three steps forward, two to
in parte smagliate nel nostro indietro. Una coreograa che through while we struggle to make the side, and one step back. It is a
tentativo di chiarire, di capire come qualche volta trova una sintesi. clear, or to understand, what the choreography that somehow pulls
possano congurarsi lo schema e In ogni progetto ci sentiamo pattern and organization might itself together. With each project,
lorganizzazione, anche se evitiamo come bambini che imparano be, even as we avoid as much as it feels as though we are infants
il pi possibile di pregurarci a camminare. Ci tiriamo su, possible knowing what the nal learning how to walk. We pull
unimmagine nale. traballiamo, facciamo qualche image might be. ourselves up, wobble, take a few
Perci i primi disegni intuitivi passo e cadiamo gi. So, the rst intuitive drawings steps, and fall down.
Sotto: planimetria generale. Il progetto, Pagina a fronte. In alto: la pianta Below: the masterplan. Located in Opposite page. Top: the masterplan
situato nel grande parco sud di Chicago, generale di progetto mette in evidenza Chicagos large South Side park, the highlights the three main features of
vuole essere un omaggio ai due grandi i tre elementi principali, museo, project pays homage to two great the project: museum, library and forum.
paesaggisti americani Frederick Law biblioteca e forum, con lattestarsi American landscape architects It all stands on South Stony Island
Olmsted e Calvert Vaux. Buona parte dellintero progetto sulla South Stony Frederick Law Olmsted and Calvert Avenue. Bottom: a perspective view
del piano prevede una copertura verde Island Avenue. In basso: una veduta Vaux. Much of the design comprises featuring the compact construction
che tende a minimizzare limpatto del prospettica mostra il volume compatto planted roofs to minimise the impact of
complesso nel parco. e perentorio della torre del museo the complex on the park.

1 Piazza Obama Presidential


Center/Plaza Obama
Presidential Center
2 Museo/Museum
3 Foro/Forum
4 Biblioteca/Library
5 Giardino pubblico/
Community garden
6 Area giochi/
Childrens play area
7 Centro di Atletica/
Athletic Center
8 Campo di atletica/
Track & eld
12
2 9 Scuola superiore Hyde Park
Academy/High School
13 Hyde Park Academy
1 10 Sede sud YMCA/
South Side YMCA
11 Campo da golf Jackson
Park/Golf course Jackson
Park
12 Campo di allenamento/
Driving Range
13 Jackson Bark
14 Pista da bowling/
Bowling Green
15 15 Museo della scienza e
dellindustria/Museum of
science and industry
16 Bacino dacqua/
Water basin

6 8
7

9 10

PLANIMETRIA GENERALE/SITE PLAN

0 150M
domus 1016 Settembre / September 2017 CORIANDOLI / CONFETTI 41

Obama Presidential Center Team per il progetto espositivo/ LaSalle, McKissack & McKissack,
Jakson Park, Chicago, Illinois, USA Exhibition design team Ardmore Associates
Ralph Appelbaum Associates in
Progetto/Design collaborazione con/in partnership with Civic Committente/Client
Tod Williams Billie Tsien Architects | Projects e/and Normal, con gli artisti ed Obama Foundation
Partners e/and educatori/with the artists and educators Amanda Supercie lorda/Gross surface
Interactive Design Architects Williams, Andres Hernandez, 19-21,000 m2
Progettazione paesaggistica/ Norman Teague
Progetto/Design
Landscape design Gestione progetto e direzione lavori/ 2017
Michael Van Valkenburgh Associates; Project management and construction
Site Design Group; Living Habitats Center Consortium Jones Lang
42 CORIANDOLI / CONFETTI domus 1016 Settembre / September 2017

UN ESAME DI COSCIENZA
Contro la piaga italiana degli investimenti sconsiderati per
la realizzazione di nuove opere pubbliche: un richiamo etico
alla responsabilit degli amministratori della cosa pubblica
ma anche dei progettisti, per lavorare al miglioramento delle
condizioni dellabitare attraverso un uso o riuso di quanto gi
presente sul territorio

Against the Italian scourge of ill-advised investments in new


public works: an ethical call to responsibility on the part of
administrators responsible for public affairs and designers,
urging them to work on improving living conditions by using
or reusing what is already present in the territory
Carlo Melograni
domus 1016 Settembre / September 2017 CORIANDOLI / CONFETTI 43

Molti anni fa Douglas Haskell, allora dibattuto molto e fatto poco. Pi stati a essi afdati complessi edilizi dove 6.000 abitanti provengono
direttore della rivista americana di quattro milioni saranno impiegati che in Europa sono senza uguali, o da 20 nazioni oltre ad adattare
The Architectural Forum, invitato a Napoli per demolire le Vele cos quasi. E come mai i committenti non e destinare ad altro uso il vecchio
a dichiarare le sue opinioni vennero subito ribattezzate, appena siano stati consapevoli dei limiti delle mercato, ricordando quando in
sullarchitettura italiana della costruite una quarantina danni fa risorse, non solo economiche, delle quella zona andava a sentire jazz al
ricostruzione postbellica, rimprover nel quartiere di Scampia, tutte tranne quali disponevano e si siano lasciati Capolinea, al termine sperduto dove
fra laltro ai nostri progettisti di non una. Il responsabile del loro progetto trascinare in imprese tanto pi il tram 19 si fermava per ritornare
tenere in giusto conto i problemi avrebbe preferito denire a tenda grandi di loro. indietro.
economici e di non badare a le coppie di lunghi edici a ziggurat In un periodo di crisi, come questo Senza dubbio una delle prime cose
spese. Il tempo passato, ma non che, alti al vertice 43 m, digradano da che attraversiamo con fatica, tanto che servono alle periferie sono spazi
abbiamo perso il vizio. A Roma, per la 14 a quattro o due piani, lasciando pi necessario fare seriamente i conti che facilitino le relazioni tra gli abitanti.
cosiddetta Nuvola di Fuksas, nuovo tra loro uno spazio vuoto interno e vanno rivisti obiettivi, investimenti Strade da pedonalizzare, piazze da
palazzo dei congressi innalzato a dove sintersecano passerelle e e priorit. Si devono riparare con risistemare: non per pietricarle, ma
350 m di distanza da quello vecchio ballatoi che disimpegnano gli alloggi. urgenza le situazioni che hanno per renderle adattabili ad accogliere
progettato da Adalberto Libera 80 Modiche peggiorative introdotte maggiormente subito le conseguenze giochi di bambini, teatri di burattini,
anni fa, era stato preventivato per nella fase esecutiva dei lavori e delle difcolt sopravvenute. Occorre chioschi di bibite e panini, giostre,
lappalto un costo di 200 milioni di soprattutto il fatto, assolutamente fare un uso o riuso migliore di quanto girotondi, balli, esibizioni di complessi
euro; al consuntivo raddoppiato. prevedibile, che siano andate ad stato gi costruito. Non un caso e bande musicali, bancarelle di un
Abbiamo fatto conti sbilanciati anche abitarvi famiglie appartenenti ai ceti che il recupero di espansioni delle mercato. Servono scuole medie
con progettisti stranieri. Il costo del sociali pi disagiati hanno causato un citt avvenute negli ultimi decenni superiori che funzionino da centro
MAXXI, nuovo museo romano delle immediato rovinoso insopportabile torni a essere una delle questioni di culturale e sportivo del quartiere e,
arti del XXI secolo disegnato da degrado. Com scritto in una guida maggiore importanza. quando non si fa lezione, aprano alla
Zaha Hadid Architects, si triplicato dellarchitettura moderna di Napoli, Per Renzo Piano, nato a Genova in cittadinanza la biblioteca, lo spazio
rispetto al previsto, in una misura che il disegno astratto di una citt che un quartiere distante dal centro, tra per riunioni numerose, la palestra e i
la sopravvenuta decisione di costruire si pretendeva fosse migliore si acciaierie e mare, la rigenerazione campi di gioco. Si sa che nel nostro
strutture antisismiche non basta a trasformato in una versione post- delle periferie un chiodo sso: in sistema scolastico c molto da
giusticare. moderna de Il ventre di Napoli. Altri quanto architetto, si sente in debito migliorare; forse, pi di tutto, ledilizia.
Di nuovo vincitore di un concorso 15 milioni di euro sono la spesa con chi le abita. Assillato dalla Mettere in sicurezza le costruzioni non
(al quale, fra gli altri, aveva partecipato con la quale sipotizza di riqualicare volont di risarcimento, dichiara che basta. Bisogna formare un patrimonio
Rem Koolhaas con unidea la Vela superstite destinandola dobbiamo rimediare allo scempio di attrezzature che rispondano alle
progettuale di notevole interesse) prevalentemente a ufci e servizi, fatto e ricordarci che il 90 per cento esigenze attuali della didattica e della
lo studio Hadid autore anche ammesso che ci sia un ente della popolazione urbana vive nelle funzione sociale che la scuola deve
della stazione dellalta velocit di effettivamente disposto a rischiare zone marginali, dove c bisogno avere. Unimpresa impegnativa, per la
Afragola. Una costruzione cominciata di collocarli in un edicio del genere. dintervenire con lo stesso impegno quale si potrebbero utilizzare edici da
nel 2003 e nalmente inaugurata Secondo me, sarebbe molto meglio con il quale sono stati salvaguardati ristrutturare di propriet pubblica.
solennemente pochi mesi fa. Ne demolire anche questa, piuttosto i centri storici. Questi per per dirla La dimensione cos ridotta dinterventi
aveva parlato in una relazione annuale che !asciarla come simulacro di un tutta [] talvolta sono diventati centri per tanto necessari comporta
il procuratore generale della Corte errore madornale. commerciali a cielo aperto [] sazi anche per gli architetti pi dotati
dei Conti, giudicando che questopera Al di l delle responsabilit di chi ed appagati, mentre le periferie lopportunit di rinunciare, almeno
avesse richiesto un investimento stato direttamente coinvolto, vicende sono luoghi dove c ancora fame di in parte e almeno provvisoriamente,
eccessivo e domandandosi se sar come questa delle Vele a Napoli, e cose e di emozioni, dove si coltiva il alle ambizioni di lasciare un segno
davvero dimensionata al reale numero casi non troppo dissimili a Roma, desiderio, dove c energia. Se non nella storia e induce tutti a mettere al
di viaggiatori. Il sindaco della citt Genova, Trieste e altrove, che hanno diventeranno citt, saranno centro del proprio lavoro il proposito
ha intitolato alla Hadid il piazzale segnato la massima divaricazione guai grossi. di contribuire concretamente a
antistante alla stazione, ma con tra modalit degli interventi pubblici Lenergia pu trasformarsi in rabbia. migliorare le condizioni dellabitare.
pessimismo dichiara di temere che, e soluzioni delledilizia corrente, Con gli scarsi mezzi disponibili nei Sollecita a progettare ogni
senza adeguati collegamenti, resti imporrebbero un severo esame tempi che corrono, si pu tuttavia costruzione facendone unopera
come unastronave abbandonata di coscienza, sia da parte degli lanciare qualche segnale che che non debba distinguersi come
nei campi. Non un caso unico n esponenti pi in vista della categoria prometta il rinnovamento. Almeno eccezione elitaria ma come modello
raro. Opere incomplete o che, una dei progettisti, sia da parte dei piantare alberi che, cambiando destinato a incidere nella produzione
volta realizzate, restano inutilizzate o committenti. C bisogno di ragionare aspetto di stagione in stagione, edilizia corrente. Ancora una volta,
funzionano male, compongono una e indagare a fondo sulle cause che diano unimmagine del succedersi mi torna in mente un giudizio di
lista che non breve. hanno portato a concepire e realizzare delle alterne vicende della vita od Edoardo Persico che, nientemeno
Il costo della Nuvola supera il 60 architetture del genere con lesplicito organizzare un cinema allaperto nel 1935, affermava che in Italia la
per cento dei 500 milioni con i avallo di personalit molto autorevoli. in un cortile di case popolari, dove cultura progettuale risulter sempre
quali di recente si programmato Si dovrebbe arrivare a capire come gli spettatori si portino la sedia da inadeguata se i nostri architetti non
di nanziare interventi in tutta Italia mai, sebbene fossero ben note le casa loro. quello che ha fatto con si sottometteranno alle reali esigenze
per la rigenerazione delle periferie. situazioni degli enti che avrebbero i suoi collaboratori Renzo Piano nel del paese. Us proprio il verbo
Questione a proposito della quale si dovuto costruirli e poi gestirli, sono quartiere milanese del Giambellino sottomettere.
Pagina a fronte: Marco Petrus, M2, 2015.
Olio su tela, 170 x 150 cm.
In questa pagina: Marco Petrus, M14,
2015. Olio su tela, 100 x 200 cm

Opposite page: Marco Petrus, M2, 2015.


Oil on canvas, 170 x 150 cm.
This page: Marco Petrus, M14, 2015.
Oil on canvas, 100 x 200 cm

Le immagini che accompagnano questo


articolo riproducono alcune delle opere del
ciclo Matrici di Marco Petrus, in mostra no
al 3 settembre presso le Gallerie dItalia,
Palazzo Zevallos Stigliano, Napoli. I dipinti sono
dedicati alle Vele di Scampia.
44 CORIANDOLI / CONFETTI domus 1016 Settembre / September 2017

SOUL-SEARCHING country. These are matters on which despite the situation of these In the Milanese quarter of Giambellino
much is said and little is done. More organisations being well-known, as where the 6,000 inhabitants come
Many years ago, Douglas Haskell, than four million euros will be spent well as why the clients were unaware from 20 different nations as well as
the then director of the American in Naples on the demolition, save one, of the limits of resources, nancial adapting the old market for alternative
magazine The Architectural of the Sails in the Scampia quarter: and other, of these organisations, so uses, such initiatives have been
Forum, being asked his opinion the name that was given them just allowing themselves to be dragged carried out by Renzo Piano together
on Italian architecture in post-war after construction ended about forty into situations where they found with his collaborators, recalling when
reconstruction, answered by criticising years ago. The head of the project themselves way out of their depth. he came to this city to hear Jazz at
our designers for not giving due would have preferred to dene the In a period of crisis like the one Capolinea, the remote terminus where
weight to economic difculties or pairs of long ziggurat-style buildings we are currently struggling with, it the number 19 tram would stop
keeping an eye on expenses. Much as tents, 43 m high at the peak, is ever more important to carefully before making its return journey.
time has passed since then, but this decreasing in steps of fourteen, four consider costs and respect objectives, Undoubtedly, one of the rst things
particular bad habit continues. In and then two oors, with an empty investments and priorities. Urgent that the suburbs need is areas to
Rome, for Fuksass so-called Cloud, space between them, intersected action is required to resolve the facilitate relations between residents.
the new congress hall erected 350 m by walkways and galleries giving situations which have been most Streets to be pedestrianised, plazas to
away from the old one designed access to the apartments. Pejorative affected by the consequences of be repaired, not for petrication, but to
by Adalberto Libera 80 years ago, modications made in the executive the difculties faced. We need to be made suitable for childrens games,
a cost of 200 million euros was phase of works, and above all the better use or reuse what has already puppet shows, stands for drinks and
estimated during the contracting completely predictable fact that the been built. It is signicant that the snacks, fairground rides, roundabouts,
stage, a gure which was doubled in apartments were occupied by families recovery of city expansion which has dances, group performances and
the nal balance. We have had similar from the most disadvantaged classes, taken place over recent decades is music bands, market stalls. There
problems with foreign designers. The caused immediate and intolerable once again becoming an increasingly is a need for upper schools which
costs of the MAXXI, the new Rome deterioration. As written in a guide to important question. serve as cultural and sports centres
museum of 21st-century art designed modern architecture in Naples, the For Renzo Piano, born in Genoa for the quarter which, when lessons
by Zaha Hadid Architects tripled abstract design of a city which aimed in a suburban district between are over, open the library to residents,
compared to estimates, in a measure to be better was transformed into the steelworks and the sea, the or the hall for large-scale meetings,
that the sudden decision to construct a post-modern version of the Ventre regeneration of suburban areas is or the gym and the playing elds.
earthquake-proof structures hardly di Napoli (Belly of Naples). Another a xation: belonging as he does to It is a well-known fact that there is
justied. 15 million have been estimated the category of architects, he feels in much to be improved in our school
Once again winning a call for for upgrading the surviving Sail, debt to those who live in these areas. system; perhaps above all with regard
tender (which saw the participation, which will mainly contain ofces and Assailed by the desire to make good to buildings. But it is not enough to
amongst others, of Rem Koolhaas, services, supposing there is actually the situation, he states that we must render the buildings safe. There is a
with a very interesting design), an organisation willing to move into rectify the terrible mistakes made, need to create a collection of tools
Hadid is also responsible for the such a building. In my opinion, it would and bear in mind that 90 percent of which meet the current requirements
high-speed train station in Afragola. be a much better idea to demolish the urban population lives in marginal of didactics and the social function
Construction began in 2003, and this one as well, rather than leave it as areas, where there is a need to that schools should have.
the station was nally and solemnly an efgy to the terrible mistakes intervene with the same commitment The reduced scale of these
opened just a few months ago. It was of the past. that has been made for the interventions which are, however,
mentioned in an annual report by Beyond the responsibility of those safeguarding of city centres. However, so necessary, offers architects the
the public prosecutor for the Court directly involved, situations like that of to be honest [...] at times these have opportunity, at least partially and
of Auditors, who claimed that this the Sails in Naples, and other similar become open-air shopping malls [...], temporarily, to forgo the (often
work had required an excessive cases in Rome, Genoa, Trieste and replete and sated, while the suburbs misguided) ambition of making their
level of investment, and questioned elsewhere, which highlight the huge are places where there is still a mark in history, inducing everyone
whether it was really proportionate divide between the methodology of hunger for experiences and emotions, to focus their work on providing a
to the number of passengers. The public works and current construction where desire is cultivated, where concrete contribution to improving
citys mayor named the plaza in solutions, should lead to a serious there is energy. If these do not living conditions. It encourages them
front of the station after Hadid, but bout of soul-searching both by the become part of the city, it will to design each construction as a work
pessimistically claimed that without best-known designers and their lead to trouble. which does not have to stand out as
suitable communications, it would clients. What is needed is an in-depth This energy can become anger. an elitist exception but as a model
remain like a spaceship abandoned reasoning on, and examination of, With the scarce means currently destined to inuence current
in the elds. This case is not unique. the causes which led to the design available, it is however possible to building trends.
Works which are incomplete, or and construction of such examples of send a message which gives hope Once again, a comment by Edoardo
which, once nished, remain unused architecture, complete with the explicit for renewal. At the very least, planting Persico, which I have quoted many
or function badly, make up a list approval of very authoritative gures. trees which, as they change with times, comes to mind. As far back as
which is far from brief. We need to understand why certain the seasons, provide an idea of the 1935, he claimed that in Italy, design
The cost of the Cloud exceeded 60% organisations have been charged with passing of time, or organising an culture will always be inadequate if
of the 500 million euros recently the construction and management open-air cinema in a plaza among our architects do not submit to the
set aside to nance suburban of certain building complexes, which council housing, with spectators true needs of the country. He used
regeneration works throughout the have (almost) no equals in Europe, bringing their own chairs from home. the very verb to submit.
A sinistra: Marco Petrus, M5, 2015.
Olio su tela, 160 x 100 cm

Left: Marco Petrus, M5, 2015.


Oil on canvas, 160 x 100 cm

The images accompanying this article


reproduce some of the works from Marco
Petruss cycle Matrici, on display until 3
September at the Gallerie dItalia, Palazzo
Zevallos Stigliano, Naples. The paintings are
devoted to the Sails of Scampia.
PROGETTI
PROJECTS
46 PROGETTI/PROJECTS domus 1016 Settembre / September 2017

ODonnell + Tuomey
CENTRAL EUROPEAN UNIVERSITY,
BUDAPEST, UNGHERIA / HUNGARY
La prima parte di un complesso intervento nel centro
di Budapest mette in evidenza la capacit del duo
irlandese dintervenire in modo chirurgico in un
tessuto storico. Materiali della tradizione si coniugano
a spazialit contemporanee, in un tentativo riuscito
di trasformare un interno architettonico in autentico
frammento di citt

Phase one of a complex project in the centre of


Budapest showcases the Irish duos talent for surgical
interventions in a historic fabric. Traditional materials
are coupled with contemporary spaces in a successful
attempt to turn an architectural interior into an
authentic part of the city
Foto/Photos Tams Bujnovszky
48 PROGETTI/PROJECTS domus 1016 Settembre / September 2017

DALLA RELAZIONE DI PROGETTO

Questo lavoro rappresenta la prima fase


di realizzazione di un piano generale per il
campus della Central European University
(CEU), un progetto che intende cambiare il
rapporto tra listituzione e la citt. La prima
fase volta alla creazione di un volto pubblico
per la sede universitaria: un nuovo ingresso
in asse con il Danubio, una biblioteca e una
caffetteria aperte agli studenti ma anche Il layout funzionale consente una facile
a tutti i cittadini. Il campus sintegra cos comunicazione tra adiacenze e cluster collegati
nellambiente urbano. da spazi sociali, incoraggiando linterazione e
Il programma prevedeva la progettazione la collaborazione tra i dipartimenti accademici.
di un nuovo complesso di 35.000 m2 in una Abbiamo proposto una strategia a fasi,
zona centrale della citt riconosciuta come realizzando collegamenti tra le corti esistenti,
patrimonio dellumanit, unarea destinata ad demolendo le costruzioni inefcienti e
accogliere tutti i dipartimenti e le strutture progettando nuovi edici attorno a una serie
universitarie. Il piano generale riguarda la di corti provviste di coperture per fornire un
trasformazione radicale di cinque edici storici ambiente temperato, protetto dagli estremi
adiacenti, precedentemente scollegati, e la climatici invernali ed estivi. Le corti formano
costruzione di due nuovi edici. il campus, determinando un sistema di
Budapest una citt ricca di corti e vicoli di circolazione e uno spazio sociale.
passaggio. Il paesaggio urbano ripetitivo in Per fornire dei collegamenti visuali sono state
termini di dimensioni dei siti, con limitate praticate delle aperture, mentre una serie di
variazioni nellaltezza dei fronti. Lespressione scale aeree collega gli ufci dei dipartimenti
contemporanea del nuovo edicio in Nador agli spazi didattici.
Utca 15 concepita per stabilire un dialogo Il nuovo edicio su Nador Utca rappresenta
empatico con le costruzioni vicine. lingresso principale alluniversit. Ospita la
La facciata in pietra calcarea, proveniente biblioteca e le strutture didattiche comuni
dalla stessa cava da cui stato estratto il sopra un auditorium multifunzionale e
materiale della maggior parte dei palazzi strutture per conferenze. Ledicio adiacente
storici della citt. Si tratta del primo edicio stato ristrutturato in modo radicale per fornire
di recente realizzazione in questo contesto una corte coperta per eventi pubblici, con una
storico protetto. facolt di studi economici e spazi didattici ai
Il campus preesistente era formato da livelli superiori. Un giardino pensile si stende
costruzioni adiacenti, ognuna con il proprio a cavallo dei due manufatti aprendo ampie
ingresso, una situazione in cui la connessione visuali sullo skyline della citt.
era minima. Abbiamo cos individuato le La gamma dei materiali stata selezionata
opportunit per intervenire in questo isolato in base alla loro resistenza e qualit naturali,
del centro urbano trasformando ci che era che determinano il carattere dellaspetto
un insieme disgiunto e disparato di edici in complessivo. Pietra, legno, cemento e acciaio
un organismo aperto. Abbiamo impiegato un vanno a formare il tessuto degli spazi pubblici
processo di sottrazione e addizione selettiva interni, con arredi su misura in tutto ledicio.
per rendere il campus un incrocio metaforico. Le nuove facciate sono costruite con calcare
Inoltre, con una strategia chirurgica locale, progettate per enfatizzare la qualit
attentamente valutata, abbiamo collegato geometrica della costruzione e proseguire
strutture esistenti e nuovi edici attraverso la tradizione di solidit e permanenza
una sequenza leggibile di corti interconnesse. dellarchitettura in pietra di Budapest.
Pagina 46: schizzi Page 46: water-colour
acquarellati della facciata sketches of the main
principale e dello front and the layout,
schema planimetrico; the latter highlighting
questultimo mette in its proximity to the
evidenza la vicinanza con Hungarian Academy
lAccademia Ungherese of Sciences and St
delle Scienze e la Stephens Basilica
Basilica di Santo Stefano ( ODonnell + Tuomey).
( ODonnell + Tuomey). Page 47: the main front
Pagina 47: il prospetto on Nador Utca.
principale su Nador Utca. This page. Top: where
In questa pagina. In the building sits in
alto: localizzazione Budapests urban fabric.
delledicio nel tessuto Above: the street-front
urbano di Budapest. by night. Left: a model
Sopra: una vista notturna showing the complex
del fronte su strada. A spatial network of
sinistra: un modello che connections
permette di leggere la
complessa rete spaziale
degli elementi di
connessione
Photo ODonnell + Tuomey
domus 1016 Settembre / September 2017 PROGETTI/PROJECTS 49

Per tutti i materiali di progetto/ 1 Ingresso/Entrance 16 Ufcio biblioteca/


All project materials 2 Ricevimento/Reception Library ofce
ODonnell + Tuomey 3 Auditorium 17 Aula per lavori di
4 Palco/Stage gruppo/Groupwork
5 Caffetteria/Caf room
6 Corte per eventi/ 18 Scala biblioteca/
Event court Library stair
7 Guardaroba/Cloakroom 19 Sala lettura/
8 Aula/Classroom Reading room
9 Scala a spirale/Spiral stair 20 Locale fotocopie/
10 Sala riunioni/ Copy station
Meeting room 21 Terrazza piano
11 Atrio/Foyer copertura/Roof terrace
12 Ricevimento biblioteca/ 22 Vegetazione/Planter
Library reception 23 Postazioni studio/
13 Scala dingresso alla Study boxes
biblioteca/ Library 24 Pergola
entrance stair 25 Giardino comune/
14 Spazio di Community garden
socializzazione/ 26 Locale caldaia/
Social space Boiler room
15 Learning caf 27 Corte impianti tecnici/
Mechanical court
PLANIMETRIA. IN ROSSO LA PARTE REALIZZATA; IN MARRONE LE FASI FUTURE/
SITE PLAN. CONSTRUCTION PORTION IN RED; FUTURE PHASES IN BROWN

0 50M

13
23
12
22

23 21
15 11 8
22 22
9

8
2
27

10 10 22
22

8 22 21 24
14

26
14
25

PIANT
TA DEL SECONDO PIANO/SECOND FLOOR PLAN PIANTA DEL SETTIMO PIANO/SEVENTH-FLOOR PLAN

20

16
4 3
B B

8
19

17
2 9 5
1 18 16 8

14
7

10
8
8 14
8
6 8

10 14

A
PIANTA DEL PIANO TERRA/GROUND-FLOOR PLAN PIANTA DEL QUARTO PIANO/FOURTH-FLOOR PLAN

0 10M
50 PROGETTI/PROJECTS domus 1016 Settembre / September 2017

FROM THE ARCHITECTS PROJECT DESCRIPTION

This is the rst phase of a campus masterplan


for the Central European University. The
project changes the relationship between the
university and city. Phase One provides a public
face for the university, a new entrance on an
axis with the Danube, a library and learning
caf for citizens and students. The campus
becomes integrated with the urban realm.
Our brief was to design a new 35,000 m
campus on a World Heritage site in central
Budapest, incorporating all university
departments and facilities. The scheme involves
the radical transformation of ve adjoining and

Photo Daniel Vegel


previously disconnected historic buildings and
the construction of two new ones.
Budapest is a city of courtyards and
passageways. The streetscape is repetitive
in plot dimension and only slightly varied in
parapet height. The contemporary expression The courtyards are roofed over to provide a
of the new building at Nador 15 is designed tempered environment against the climatic
to be in sympathetic conversation with its extremes in winter and summer. The courtyards
neighbours. The limestone facade is locally are the campus, providing a circulation system
sourced from the same quarry as most of the and social space. Openings are cut through to
historic buildings in the city. This is the rst provide visual connections and ying staircases
new construction erected in recent times in this interconnect department ofces and teaching
historically protected context. spaces.
The existing CEU campus consisted of adjoining The new building on Nador Utca forms the
buildings, each with its own entrance and with main entrance to the university. It houses
minimal interconnectivity between them. We the library and learning commons over a
identied opportunities to intervene on this multi-purpose auditorium and conference
city-centre urban block and turn what was a facilities. The adjoining building was radically
disconnected and disparate set of buildings refurbished to provide a covered courtyard
into an open campus. We employed a process of for public events, with a business school and
selective subtraction and addition to transform teaching spaces at upper levels. A roof garden
the campus into a metaphorical crossroads. straddles both buildings to provide views over
Via a carefully considered surgical strategy, the city skyline.
we linked existing and new facilities through a The palette of materials was selected for
legible sequence of connected courtyards. The durability and natural material qualities that
functional layout provides easy communication give character to the overall appearance. Stone,
between interrelated adjacencies, clusters timber, concrete and steel form the fabric of the
connected by social spaces, encouraging internal public spaces, with bespoke furniture
interaction and collaboration between academic used throughout the building. The new
departments. facades are constructed with local limestone,
We proposed a phased strategy, making designed to emphasise the geometric quality
connections between existing courtyards, of the building and continue the tradition of
demolishing inefcient buildings and designing solidity and permanence of Budapests stone
new buildings around a series of courts. architecture.
In alto: il progetto Top: the project
ha comportato la required the demolition
demolizione di una of a poor-quality existing
struttura preesistente structure. Above and
di scarsa qualit. Sopra opposite page: two
e nella pagina a fronte: views of the main
due immagini della courtyard, their space
corte principale con le being dictated by the
spazialit determinate slanting metal and glass
dai volumi di copertura roofs. Terracotta red
inclinati a struttura ying bridges connect
metallica e vetro. In the department ofces
rosso terracotta, gli and teaching rooms.
attraversamenti spaziali Left: external view of
a ponte che collegano the large courtyard
in modo aereo gli ufci with roof plantings.
dei dipartimenti e le The roof gardens play
aule della didattica. a key role in reducing
A sinistra: una vista heat absorption in the
esterna della grande complex and increasing
corte con le presenze the environmental
verdi sulle coperture. I sustainability of the
tetti a giardino svolgono project
un ruolo importante
nella riduzione
dellassorbimento del
calore del complesso
e aumentano la
sostenibilit ambientale
del progetto
domus 1016 Settembre / September 2017 PROGETTI/PROJECTS 51

FASI FUTURE/FUTURE PHASES PARTE REALIZZATA/CONSTRUCTION PORTION

SEZIONE AA/SECTION AA

0 10M
52 PROGETTI/PROJECTS domus 1016 Settembre / September 2017

A sinistra e pagina a di scambio culturale


fronte: immagini dello delledicio universitario
spazio tra i due corpi con la citt di Budapest.
principali. La verticalit Sotto: uno spaccato
della stretta corte interna prospettico permette di
coperta evidenzia il comprendere meglio il
ruolo della scala dalle complesso programma
forme uide, autentica funzionale. In basso, a
promenade architecturale sinistra: unimmagine di
che collega gli ambiti cantiere.
pubblici delledicio: Pagine 54-55: le vetrate
lingresso principale su interne consentono
Nador Utca, lauditorum diverse connessioni visive
nella parte seminterrata tra le parti delledicio, in
e la caffetteria al piano particolare verso le sale di
terra tre funzioni che lettura della biblioteca
raccontano la volont

Above left and opposite exchanges between the


page: the space between university building and
the two main blocks. The the city of Budapest.
vertical nature of the Above, centre: a cross-
narrow inner covered section elevation better
courtyard highlights the illustrates the complex
role played by a uidly functional programme.
designed staircase, a real left: during construction.
architectural promenade Pages 54-55: the internal
linking the buildings glazing creates several
public areas: the main visual connections
entrance on Nador Utca, between parts of the
the basement auditorium building and with
and the rst-oor caf the reading room in
three functions narrating particular
the desire for cultural
56 PROGETTI/PROJECTS domus 1016 Settembre / September 2017

Central European University


Budapest, Ungheria/Hungary
Progetto/Design
ODonnell + Tuomey
Gruppo di progettazione/Design team
Sheila ODonnell e/and John Tuomey (direttori/directors);
Mark Grehan (associato/associate); Ciara Reddy (direzione
progetto/project architect); Anne Louise Duignan, Brian Barber,
Jitka Leonard, Geoff Brouder, Henrik Wolterstorff
(architetti/architects); Kevin OBrien, Jonathan Janssens,
Gary Watkin, Iseult OClery, Lauren Small, Edin Gicevic
(architetti assistenti/architectural assistants)

Architetto locale/Local architect


Teampannon Mt Hidasnmeti (direzione progetto/project
architect); Bence Varga, dm Kern, Andrea Szab, Eszter
Bagdy, Szabolcs Kriston, gnes Lgr, Gbor Palots,
Szandra Borsay (architetti/architects)
Gestione progetto/Project manager
Central European University Development Ofce
Strutture/Structural engineering
Kenese
Ingegneria elettrica/Electrical engineering
Kelevill FZ
Consulenza sistemi antincendio/Fire consultant
Takcs-Tetra
Acustica/Acoustics
Aqrate Akusztikai Mrnk Iroda
Progettazione paesaggistica/
Landscape design
Gardenworks
Estimo/Quantity surveyor
Tomlin
Committente/Client
Central European University
Supercie del sito/Site area
2,697 m2
Supercie costruita lorda/
Gross internal oor area
15,638 m2
Costo/Cost
21,5 milioni/million
Fase di progetto/Design phase
2011-2014
Fase di realizzazione/Construction phase
12.201510.2016

In alto: la zona ricavata Above left: the area


a lato della biblioteca beside the library on
al quarto piano, con un the fourth oor features
tavolo continuo in legno a continuous wooden
e una boiserie a lamelle desktop and slatted
che funge da schermo wooden panelling to
per la luce naturale. A screen the natural light.
sinistra: vista del grande Left: the large auditorium
auditorium seminterrato. in the basement.
Pagina a fronte in alto Opposite page top and
e pagine 58-59: la corte pages 58-59: the covered
coperta che ospita courtyard housing the
la biblioteca, con i library, with slatted
rivestimenti in listelli di wooden cladding that
legno che migliorano improves the acoustics in
lacustica della grande the large reading room.
sala di lettura. La The main environmental
strategia ambientale strategy was to cover the
principale stata coprire existing courtyards with
le corti esistenti con tetti intelligent glass roofs
in vetro intelligente that respond to seasonal
che rispondono alle weather conditions
condizioni climatiche and to use passive
nel corso delle heating/cooling and air
stagioni, utilizzando movement to create a
il riscaldamento e il comfortable environment
raffreddamento passivo
e il movimento dellaria
per creare un ambiente
confortevole
domus 1016 Settembre / September 2017 PROGETTI/PROJECTS 57

1 Auditorium
2 Palco/stage
3 Locale di controllo
9 9 dellauditorium/Auditorium
control room
4 Aula/Classroom
5 Atrio/Foyer
8 8 6 Aula a gradoni/
Tiered classroom
7 Learning caf
4
8 8 8 Biblioteca/Library
9 Terrazza al piano della
4 copertura/Roof terrace
8 8

4 8 8

4 5 7

4 5
6

SEZIONE BB/SECTION BB

0 10M
verii all
l int
i erno
o Top: details of the
fa ade facing east,
s the morning
f the
this si ,

w b n
PROMONTORIO LUBANGO CENTRE, LUBANGO, ANGOLA
La recente realizzazione a destinazione mista dello studio portoghese
in Africa conferma la possibilit dincidere sul caotico tessuto esistente
con unarchitettura rigorosa che riesce a stabilire un rapporto
di continuit con lo spazio pubblico

A recent mixed-use complex in Africa by Portuguese architects


shows it is possible to impact on a chaotic existing fabric with
rigorous architecture that forges continuity with public space
Testo/Text Paulo Martins-Barata
Foto/Photos Fernando Guerra | FG+SG
62 PROGETTI/PROJECTS domus 1016 Settembre / September 2017

In Angola, la pace seguita a un ventennio comprende abitazioni, ufci e negozi serviti robustezza, per far s che questo semplice e
di devastante conitto civile e la successiva da un ingresso comune e da un parcheggio solido edicio garantisca comodit e durata
stabilit economica hanno permesso linizio sotterraneo. con una manutenzione limitata. Il modulo
della ricostruzione urbana. Questultima, Dal punto di vista della sostenibilit, la a loggia, grazie alla profondit, fornisce
dapprima concentrata soltanto a Luanda, si destinazione mista non solo permette la ombra naturale, oltre a uno spazio tecnico di
gradualmente estesa a localit dellhinterland diversicazione del rischio nanziario, ma facciata accessibile e ventilato. Lo spessore
come Lubango, capitale della provincia di soprattutto impedisce la concentrazione di delle pareti di muratura massiccia che ne
Huila. Questo piccolo centro, fondato allinizio sistemi monofunzionali in un tessuto urbano risulta intercalato da lastre di calcestruzzo
del XX secolo, uno dei principali esempi per forza di cose ancora molto fragile. Perci che fungono da architrave continuo.
africani di urbanistica coloniale portoghese. ununica struttura in grado dintegrare Questa espressione tettonica rafforzata
Su un altopiano circondato dai monti, la le tre principali sfere funzionali della vita dallelemento materiale dei mattoni posati a
pianta della citt si sviluppa su una griglia cittadina residenza, ufci e commercio corsi in verticale e in orizzontale, che evoca la
ortogonale di isolati dotati dinfrastrutture, assicurandone la frequentazione costante per ricchezza di trame e colori della terra battuta
dove sono stati collocati strategicamente tutti tutto larco della giornata. e della terracotta africane.
i servizi pubblici e privati (municipio, ufcio Al piano terra, una galleria coperta a Speranza per lAfrica: con questa idea
postale, mercato, scuola, chiesa e banca) per ventilazione naturale, destinata alla vendita in mente particolarmente graticante
conferire allimpianto urbano una sorta di al minuto, crea uno spazio fresco che d constatare la qualit e la serenit che hanno
ordinamento gerarchico alla Sitte. accesso diretto ai negozi, alle abitazioni e agli permesso la costruzione di un edicio per
Ledicio a destinazione mista che abbiamo atri degli ufci, nonch alla piccola terrazza di la classe media della provincia africana.
progettato ubicato nel cuore di questo un caff collocato sul retro. Sopra il piano terra Realizzato da unimpresa edile locale, il
tessuto integrato, accanto alla principale ci sono, nellordine, quattro piani di spazi per progetto stato sostanzialmente rispettato,
piazza cittadina e circondato da alcuni esempi ufci, tre di appartamenti su livello singolo e, nonostante la brevit dei sopralluoghi inl
signicativi per quanto molto degradati ai due piani pi alti, unit su due livelli che cantiere. Non meno importante il concetto
delleredit modernista coloniale. Il piano comprendono varianti dallo studio a doppia del ritorno a un rapporto immediato e sociale
regolatore provinciale, allo scopo di rafforzare altezza allappartamento da tre camere da con la strada, a latitudini che conoscono
questo centro e contemporaneamente di letto. La terrazza sulla copertura ospita i soltanto le polarizzazioni estreme, dalle
contenere la caotica espansione della citt, solai dei residenti, servizi di lavanderia e riserve protette dei complessi di gran lusso,
richiede esplicitamente laumento della impianti tecnici. da un lato, allestrema povert delle iniziative
densit urbana. Ledicio di nove piani Lidea costruttiva si basa sul principio della umanitarie dallaltro.
Pagine 60-61: ledicio In questa pagina, Pages 60-61: the This page, above: the new
simpone nel paesaggio in alto: la nuova building stands out on construction in the urban
attraverso una volumetria architettura nel tessuto the cityscape, a compact fabric of Lubango with its
compatta e monolitica urbano di Lubango monolith expressing a haphazard presence of
restituendo unidea di caratterizzato dalla sense of solidity and predominantly low-rise
solidit e robustezza presenza disorganica robustness in contrast buildings of Portuguese
rispetto al fragile contesto di edici di matrice to a fragile surrounding colonial matrix
circostante segnato da 20 coloniale portoghese context marred by 20
anni di conitti civili. prevalentemente bassi years of civil strife.
domus 1016 Settembre / September 2017 PROGETTI/PROJECTS 63

PROSPETTO NORD-EST/NORTHEAST ELEVATION SEZIONE AA/SECTION AA

6
1 Ingresso principale/
Main entrance
2 2 2 Negozio/Shop
3 Ingresso ufci/
Ofces entrance
2 4 Ingresso residenza/
Residential entrance
2 5 Ingresso garage/
Parking entrance
6 Corte sul retro/Backyard 9 10
7 Pianerottolo residenze/
Residential foyer
4 n una 7
camera da letto/1-bedroom
apartment
9 Appartamento con due 8 8 8
camere da letto/2-bedroom
3 2 apartment
10 Appartamento con 3
camere da letto/3-bedroom
apartment

2
5 1

PIANTA DEL PIANO TERRA/GROUND-FLOOR PLAN PIANTA DEL PIANO-TIPO RESIDENZIALE/TYPICAL RESIDENTIAL FLOOR PLAN

0 5M

La regolarit geometrica A geometrically Per tutti i materiali di progetto/


dellimpianto planimetrico regular plan with central All project materials
con il blocco di vertical stair-block PROMONTORIO
distribuzione verticale allows a clear-cut spatial
centrale consente una development
chiara articolazione
spaziale
64 PROGETTI/PROJECTS domus 1016 Settembre / September 2017

Angolas pacication after 20 devastating nancial risk but, more importantly, prevents a The roof terrace accommodates residents
years of conict and the economic stability that concentration of mono-functional systems in an storage spaces, laundry services and technical
followed allowed for the beginning of urban inevitably fragile urban fabric. areas. The construction concept is based on a
reconstruction. Thus, a single building is able to incorporate principle of robustness that should allow this
At rst exclusively focused in Luanda, it has the three main functional spheres of urban simple, solid building to guarantee comfort,
gradually spread to hinterland cities such as life housing, ofce-space and retail allowing durability and low maintenance.
Lubango, capital of the Huila province. for its continuous occupation throughout The recessed-balcony module provides natural
This small city, founded in the early the day. On the ground oor, a covered and shade thanks to its depth, as well as an
20th-century, is one of the main examples naturally ventilated retail gallery generates a accessible and ventilated technical space.
of Portuguese colonial urbanism in Africa. cool space offering direct access to the shop- The resulting thickness of the solid masonry
Located on a plateau surrounded by mountains, fronts, apartments and ofce lobbies, and to walls is interspersed with concrete slabs, acting
the citys plan is based on an orthogonal grid of a small backyard coffee-shop terrace. Above as a continuous lintel. This tectonic expression
infra-structured blocks where all the public and ground-level are, in this order, four oors of is reinforced by the material texture of the
private amenities (city hall, post ofce, market, ofcespace, three of single-storey apartments brickwork laid in soldier-and-stretcher courses,
school, church, bank etc.) were strategically and, on the top two oors, duplex units ranging evocative of the rich textures and colours of
placed, giving the plan a Sitte-like hierarchy. from double-height studios to three-bedroom African rammed earth and pottery.
This mixed-use building is set in the heart of apartments. Hope for Africa. With this in mind, it is
the consolidated fabric, next to the citys main particularly gratifying to see the quality and
square and surrounded by remarkable, albeit equality with which we were able to develop
much-dilapidated, examples of the Modernist a ne middle-class building in the African
colonial legacy. hinterland. Built by a local contractor, the
The Provincial Plan specically calls for substance of the design was maintained,
densication of the city as a way to consolidate despite short site inspection visits. No less
the centre and simultaneously contain important is the concept of a return to an
indiscriminate urban sprawl. The nine-storey unmediated and civic relationship with the
building comprises housing, ofce-space and street in latitudes only accustomed to
retail, served by shared underground parking. extremes the luxury of private guarded
From a sustainable-development perspective, enclaves and the extreme poverty of
a mixed-use programme not only spreads the humanitarian operations.
In alto: la continuit della costruzione; la Top: the continuity soldier-and-stretcher
muraria della facciata facciata si caratterizza of the brick facade brickwork design. Above:
interrotta sia dalla inoltre per la posa is interrupted by the the buildings location in
presenza delle logge, dei mattoni a corsi presence of loggias the the urban fabric.
la cui profondit verticali e orizzontali. depth of which provides Opposite page: the
consente di avere Sopra: localizzazione natural shade to the building seen as a whole
ombra negli ambienti dellintervento nel tessuto interiors and the use of to show how it relates to
interni, sia dallimpiego urbano. concrete stringcourses the street
dei marcapiani in Pagina a fronte: vista running all around the
calcestruzzo che corrono delledicio e del suo buildings perimeter; the
lungo lintero perimetro rapporto con la strada facade also features a
domus 1016 Settembre / September 2017 PROGETTI/PROJECTS 65
66 PROGETTI/PROJECTS domus 1016 Settembre / September 2017

Edicio polifunzionale Lubango Centre/


Lubango Centre multifunctional building
Rua 14 de Abril, Lubango, Angola
Progetto/Design
PROMONTORIO Paulo Martins-Barata, Joo Lus
Ferreira, Paulo Perloiro, Pedro Appleton, Joo Perloiro
Gruppo di progettazione/Design team
Bruno Cardoso, Cladia Silva
Strutture/Structural engineering
Cenor
Ingegneria meccanica/Mechanical engineering
ProM&E
Direzione lavori/Site supervision
Ficope
Committente/Client
Gestimovel
Supercie del sito/Site area
550 m2
Supercie costruita/Total oor area
5,800 m2 (totale/total)
2,650 m2 (residenza/housing)
2,200 m2 (ufci/ofces)
950 m2 (commercio/retail)
Costo/Cost
5,5 milioni/million
Fase di progetto/Design phase
3.20107.2013
Fase di realizzazione/Construction phase
2.201410.2016

In alto: la copertura schermatura prodotto dal Top: an accessible roof covered ground-oor
praticabile offre unampia sistema di rivestimento offers sweeping views of gallery offers access to
vista panoramica della facciata. the surroundings. Above, the shops, ofces and
sullintorno. Sopra, a Pagina a fronte: la galleria left: detail of a dual- apartments. The ooring
sinistra: particolare coperta al piano terra height unit featuring a is treated to remain in
di ununit a doppia consente laccesso ai picture window. Above, continuity with the street
altezza contrassegnata negozi, agli ufci e alle right: an apartment
da unampia vetrata. abitazioni e, anche nella interior illustrating the
Sopra, a destra: veduta pavimentazione, trattata screen effect produced
dellinterno di un alloggio come spazio in continuit by the faade cladding.
in cui si nota leffetto di con la strada Opposite page: a
domus 1016 Settembre / September 2017 PROGETTI/PROJECTS 67
burkhalter sumi architekten EDIFICIO RESIDENZIALE
WANNENHOLZ, AFFOLTERN,
SVIZZERA / APARTMENT
BUILDING WANNENHOLZ,
AFFOLTERN, SWITZERLAND
Un edicio esemplare mostra il risultato di una ricerca decennale
condotta dal noto studio zurighese sulla tecnica del costruire in legno.
Lapproccio critico verso la tradizione edilizia svizzera e la tecnologia di
lavorazione di questo materiale generano un nuovo punto di vista, dove
la straticazione degli elementi determina il carattere dellarchitettura

An exemplary building is the outcome of a decades research into


timber construction methods by the famous Zurich ofce. A critical
take on Swiss building tradition and the technology of working
with this material generate a new approach that sees stratication
dictating a buildings character
Foto/Photos Heinz Unger
70 PROGETTI/PROJECTS domus 1016 Settembre / September 2017

DALLA RELAZIONE DI PROGETTO della prua di una nave. La straticazione a


piani e le sporgenze fra la prua e gli angoli
Gli edici in legno devono essere costruiti, laterali della costruzione si bilanciano no ad
quelli in pietra possono essere disegnati, annullarsi, rafforzando il carattere orizzontale
disse un giorno Paul Artaria, socio per molti delledicio. La facciata di legno concepita a
anni di Hans Schmidt. Sono laspetto costruito, strati, ventilata e si presenta come una sorta
standardizzato, e il rapporto fra le parti che di membrana. Al contrario, le testate risultano
ancora oggi ci affascinano degli edici in legno. quasi isolate, accentuando ulteriormente la
Per le nostre prime costruzioni (per esempio, ricercata plasticit del corpo di fabbrica.
per la Haus Brunner del 1987) ci siamo Il vano scala centrale, collegato al giardino
rifatti in modo esplicito alledilizia moderna retrostante, conduce a due alloggi per piano
in legno della Svizzera degli anni Venti e a al piano terra e a quello superiore dotati
Konrad Wachsmann. Ci che cinteressava di balconi rientranti. Sullattico si trova
maggiormente era la fusione di elementi lappartamento longitudinale con le due logge

marianne burkhalter
modernisti, come le facciate lisce e complanari, laterali e quattro terrazze.
con elementi tradizionali, come i classici I locali ciechi adibiti a servizi e localizzati
aggetti del tetto. Il sottile plurilinguismo nel nucleo centrale generano una sorta di
di queste costruzioni rappresentava per sequenza spaziale a enlade.
noi la risposta al linguaggio rumoroso del Allinterno, gli elementi a parete e softto
Postmoderno americano. non sono trattati e sono lasciati a vista, cos
Da allora, le realizzazioni in legno hanno fatto come le giunture dei singoli componenti
passi da gigante. Per esempio, nuovi elementi architettonici. Ne risulta uno spazio omogeneo
costruttivi prefabbricati, come le travi a caratterizzato da una struttura di fughe
cassone (box beam), sostituiscono le classiche nitida e geometrica. Lelegante pavimento
travi aggiuntive per softti e tetti (falso di legno scuro di rovere si distacca dalla
puntone), rendendo cos questultima rusticit delle assi di abete rosso a tre strati,
tipologia obsoleta. nodose e non trattate, e collega fra loro i
Nelledicio Wannenholz, gli elementi diversi spazi del piano attico.
costruttivi sporgenti e i volumi aggettanti La scelta mirata dei colori impiegati colori
vengono proposti, come nelle costruzioni in complementari: rosso, verde e nero rompe
muratura, in modo omogeneo e compatto, i volumi spezzandoli in superci, integrando
mentre le assi distanziate che ricoprono la le mensole-libreria dalla vernice scura che
facciata le conferiscono un aspetto arioso sporgono dalle pareti.

marianne burkhalter
e astratto, trasformandola in una sorta La facciata delledicio si presenta, invece, in
di velatura. In tal senso, questo progetto altre colorazioni. Le assi verticali verniciate in
rappresenta per il nostro studio la conclusione due diverse tonalit argentee con le ringhiere
transitoria di una ricerca nellambito delle di legno sporgenti costituiscono una sorta di
costruzioni di legno che prosegue da tre velatura in contrasto con gli interni dal sapore
decadi. pi grezzo.
Il nuovo edicio situato nel punto pi alto La scalinata simile a un molo uttuante
della catena collinare e funge da collegamento conduce allingresso attraverso un letto di
fra le costruzioni preesistenti e larea sabbia circondato da erba e vegetazione curata
destinata a parco. come una sorta di spiaggia articiale
Il volume simmetrico, dai contorni rievocando limmagine dellarca di No: del
leggermente convessi, sormontato dallattico resto, i committenti sono reduci da anni
arretrato, a pianta romboidale. Grazie trascorsi in giro per il mondo in barca a vela.
anche alle logge sottostanti situate sulle Lo spazio verde che si estende di fronte
testate, il corpo di fabbrica acquista una concepito nella tradizione del parco allinglese,
forte plasticit, richiamando limmagine con tanto di recinzione perimetrale.
Pagine 68-69: il fronte Pages 68-69: the south
sud delledicio front of the apartment
residenziale mostra la building clearly
chiara composizione a reveals its stratied
strati della facciata, con il composition, with dark
rivestimento al piano terra silver ground-oor
di colore argento scuro cladding highlighting the
a evidenziare la parte basement.
basamentale. This page: above, two
In questa pagina: project sketches; left, the
sopra, due schizzi di main front with a raised
progetto; a sinistra, il entrance accessed via
fronte principale con oating steps
lingresso sopraelevato,
cui si accede tramite
una scalinata a gradoni
sospesi
domus 1016 Settembre / September 2017 PROGETTI/PROJECTS 71

1 Ingresso carrabile/
Car entrance
2 Garage/Parking
3 Locali di servizio/
Service spaces
4 Rampa a gradoni/
Stepped ramp
5 Ingresso/Entrance
6 Uscita verso il giardino/
Garden exit
7 Ingresso appartamento/
Apartment entrance
8 Area cucina/Kitchen space
9 Camera da letto/Bedroom
10 Area soggiorno/Living room
11 Loggia interna/Internal
loggia
12 Balcone/Balcony
13 Guardaroba/Wardrobe
14 Ingresso-libreria/
Entrance-library
15 Terrazza/Terrace

PLANIMETRIA/SITE PLAN

C
B

11 8 15 15
8
10
7
12 10 14
A A 9

9 9 9 13
15 15

5
PIANTA DEL PIANO ATTICO/PENTHOUSE PLAN

4
B C

PIANTA DEL PIANO TERRA/GROUND-FLOOR PLAN

3 2

PIANTA DEL PRIMO PIANO/FIRST-

PIANTA DEL PIANO INTERRATO/UNDERGROUND PLAN

SEZIONE AA/SECTION AA SEZIONE BB/SECTION BB SEZIONE CC/SECTION CC

Per tutti i materiali di progetto/


All project
j t materials
t i l
burkhalter sumi architekten
0 5M
72 PROGETTI/PROJECTS domus 1016 Settembre / September 2017

FROM THE ARCHITECTS PROJECT DESCRIPTION

Timber buildings have to be constructed, stone


buildings can be drawn. So Paul Artaria, Hans
Schmidts longtime partner, declared one day.
It is the constructed and standardised aspect of
timber buildings and the relationship between
their parts that still fascinates us. In our early
works (e.g. Haus Brunner 1987), we explicitly
drew on modern Swiss timber buildings of the
1920s and on Konrad Wachsmann.

marianne burkhalter
What most interested us was the fusion of
Modernist features such as smooth facades
with traditional ones such as overhanging roofs.
The subtle multilingualism of these buildings
was our answer to the strident vocabulary of
American Postmodernism.
Since that time, timber buildings have made The central staircase leads from the garden
giant strides with new prefabricated elements to two apartments per oor. On the ground
such as box beams replacing the standard and top oors, these have recessed balconies.
rafters in ceilings and roofs, making this latter The penthouse level contains an apartment
roof-type obsolete. set lengthwise between two side loggias and
In the Wannenholz building the projecting four external spaces. The windowless service
structural elements and overhanging volumes, spaces in the centre of the building generate an
as in masonry constructions, are uniform and enlade.
compact, clearly visible in the gaps between Inside, the walls and ceilings are left unfaced,
the strata, while the spaced slats covering the as are the joints of the individual architectural
facade give it an airy, abstract look, turning it elements. This creates a robust and uniform
into a screen. In this respect, this project marks space with a clear and geometric pattern of
the provisional conclusion of our practices perspectives. Elegant dark-oak ooring offers
research into timber buildings, which has lasted a break from the more rustic quality of three-
three decades. ply, knurled and untreated spruce planks and
The building is set at the uppermost point of links the different spaces of the penthouse.
a range of hills and acts as a link between the The careful choice of colours complementary
existing buildings and the new outdoor area red/green and black breaks the whole up
landscaped as a park. The symmetrical building, into areas, integrating the dark-painted
slightly convex in the middle of the facade, is shelving applied to the walls. The facade, by
surmounted by a recessed rhomboid-shaped contrast, features different colours, the vertical
penthouse. With loggias on the front below, slats painted in two different silvery hues
this is a sculptural building resembling the with protruding wooden railings creating a
bow of a ship. The layering of the oors and screen that contrasts with the rawer feel of
protrusions between the bow and the side the interiors. A ight of steps, like a oating
Photo burkhalter sumi architekten

corners of the building are carefully balanced to pontoon, leads to the entrance across a bed of
cancel each other out, reinforcing the buildings sand surrounded by carefully tended grass and
horizontal feel. The timber facade is built in greenery an articial beach evoking the
layers, ventilated and conceived as a membrane. image of Noahs Ark. After all, the clients have
In comparison, the front parts appear almost spent years sailing the globe. The facing garden
detached, further accentuating the deliberately follows the tradition of the English garden and
sculptural quality of the building. is enclosed.
In alto: schizzo di studio. Top: study sketch.
Sopra: il modello di Above: a study model
studio di un dettaglio of a facade detail
della facciata mette in highlights research
evidenza la ricerca sulla into stratication
straticazione degli and sculptural forms.
elementi e la plasticit The slatted wooden
delle forme. Le superci surfaces feature differing
lignee a doghe verticali densities and the
presentano diverse parapets emerge in their
densit; i parapetti skeleton transparency.
emergono nella loro Left: the detail sections
trasparenza scheletrica. underscore the quest for
A sinistra: le sezioni di sculptural quality with
dettaglio sottolineano recessed facades and
la ricerca di plasticit screened loggias.
attraverso arretramenti Opposite page: the
di facciata e creazioni di entrance and oating
loggiati schermati. metal and timber steps
Pagina a fronte:
lingresso con la
scalinata uttuante in
metallo e legno

SEZIONI DI DETTAGLIO DELLA FACCIATA/DETAIL FACADE SECTIONS

0 2M
domus 1016 Settembre / September 2017 PROGETTI/PROJECTS 73
74 PROGETTI/PROJECTS domus 1016 Settembre / September 2017

A sinistra: vista del planimetrica al piano


vano scala centrale terra con i loggiati
allultimo livello. Sotto: rientranti. Pagina a
il setto in cemento che fronte: il vano distributivo
segna linizio della al piano terra, con la
scala condominiale al porta schermata a doghe
piano terra, con le luci di legno che d accesso
ambientali contenute al giardino. Per tutte le
nel suo spessore. superci stato svolto un
In basso: dettaglio attento studio dei colori e
dellarticolazione dei trattamenti

Above left: top-oor Opposite page: the


view of the central ground-oor hallway,
staircase. Above: the with a slatted-screen
concrete wall marking door leading to the
the start of the communal garden. All surface
staircase on the ground colours and treatments
oor with its recessed were the product of
wall lighting. Left: detail careful study
of the ground-oor layout
with recessed loggias.
domus 1016 Settembre / September 2017 PROGETTI/PROJECTS 75
76 PROGETTI/PROJECTS domus 1016 Settembre / September 2017

Edicio residenziale Wannenholz/


Apartment building Wannenholz
Affoltern, Canton Zurigo/Zurich Canton,
Svizzera/Switzerland
Progetto/Design
burkhalter sumi architekten
Gruppo di progettazione/Design team
Jonas Hertig, Carlotta Fumagalli, Gerg Vtyi,
Alessandra Bassi
Strutture/Structural engineering
Meichtry & Widmer Bauingenieure AG
Strutture in legno/Timber construction engineering
IHT Rafz Ingenieurholzbau + Holzbautechnik GmbH
Ingegneria meccanica/Mechanical engineering
3-Plan Haustechnik AG
Efcienza energetica/Building physics
Bakus Bauphysik + Akustik GmbH
Progettazione paesaggistica/Landscape design
Mavo GmbH
Direzione lavori/Site supervision
Renggli AG
Committente/Client
Privato/Private
Supercie del sito/Site area
1,483 m2
Supercie costruita/Total oor area
1,090 m2
Costo/Cost
4,5 milioni/million
Fase di progetto/Design phase
1.201310.2015
Fase di realizzazione/Construction phase
10.201512.2016

Sopra e pagina a fronte: Above and opposite


alcune viste degli interni page: interior views
mostrano larticolazione revealing the spatial
spaziale dellattico, con development of the
le partizioni e le pareti penthouse, with
attrezzate disposte partitions and furnished
ortogonalmente rispetto walls set at right angles
allandamento romboidale to the rhomboid design
dei muri perimetrali. of the outer walls. Left:
A sinistra: un loggiato a top-oor loggia has
esterno allultimo livello, timber screening for a
con le schermature lignee transparent perimeter
che ne derminano un
perimetro trasparente
Paolo Zermani CAPPELLA DI PREGHIERA,
FORTEZZA DA BASSO, FIRENZE /
PRAYER CHAPEL, FORTEZZA DA BASSO,
FLORENCE
Lincontro tra una forma architettonica preesistente e limmagine
della strada di francescana memoria genera un impianto, allinterno
dellantica polveriera della Fortezza da Basso, incentrato sullo spazio,
sulla luce, sui simboli posti in posizione determinante ai ni di una
sacralit atemporale che tiene assieme il tutto

The encounter between existing architecture and the Franciscan


image of the journey generate a design in the old Fortezza da Basso
gunpowder magazine centred on the space, the light and symbols
carefully arranged to produce a timeless sense of holiness that brings
the whole together
Foto/Photos Stphane Giraudeau
80 PROGETTI/PROJECTS domus 1016 Settembre / September 2017

DALLA RELAZIONE DI PROGETTO a risalire gradatamente dalle cose materiali a


quelle spirituali, o dalle cose minori a quelle
A 50 anni di distanza dal Concilio Vaticano II e maggiori, ma anche perch nelle cose sensibili
dalla sua istanza per una Chiesa nuova, non fosse pregurato quanto in seguito avrebbe
forse banale ricordare i fotogrammi in cui, nel misteriosamente compiuto.
1950, Roberto Rossellini sceglie di ambientare Lidenticazione con la sostanza materiale
nella strada che sale a Sovana, prima che nella da parte di Francesco talmente precisa che
chiesa, una delle scene pi signicative del suo Giotto, nelle sue rafgurazioni della vita del
lm dedicato a San Francesco. Santo, ce lo mostra allinterno della chiesa
Il regista enfatizza larrivo di Francesco e diroccata di San Damiano mentre riceve le
dei suoi frati che, percorrendo a piedi nudi la istruzioni del crocisso, un crocesso gi
strada bianca, giungono in paese per riformare allepoca antico e reale.
la cristianit in crisi, attraversando la porta Queste sequenze depositate nella memoria, ma
etrusca. La loro fede, praticata in mezzo alla non estranee al nostro stare presente, hanno
gente, allesterno degli spazi sacri deputati, accompagnato il progetto per la cappella di
si manifesta come frattura per ricondurre il preghiera realizzata in occasione della visita
proprio tempo a un tempo eterno, che rischiava di Papa Francesco a Firenze per il Convegno
di essere eluso. Ecclesiale Italiano del 2015.
La strada luogo e mezzo per applicare, dalla 0 100M Lo spazio sacro della cappella si compone
materia allo spirito, dal quotidiano allassoluto, allinterno dellantica polveriera della Fortezza
la disciplina dellanima, disponendo una colta realmente col corpo, con larco della da Basso conseguendo alla pianta della
regola che si basa e si baser per sempre, nella fronte, con lampiezza del petto, con lessere che stessa, che presenta tre entrate: due sullasse
vicenda francescana, su alcuni, pochissimi, la sente in modo vivo, avanzando attraverso longitudinale e una su quello trasversale.
punti fermi. lo spazio. Allora ti tocca con forza elementare Lidea concettuale quella di una strada che
Analogamente gi nel 1927, nel primo capitolo il modo in cui questa durezza ha forma e vede, al centro, in posizione appena rialzata,
del suo San Francesco, intitolato Il volto di straticazione. laltare, mentre sui due lati, in prossimit delle
una terra, Romano Guardini dedicandosi Il Santo nasce alla propria complessit dalla aperture, sono posti lambone e la custodia
interamente alla descrizione dellambiente forma esterna e interna del paesaggio. eucaristica, illuminati dalle rispettive luci.
architettonico e derivandone il senso della Da qui lindicazione del Crocisso di ricostruire Un percorso, quindi, una via, segnata da tre
presenza francescana, aveva individuato alcune chiese in rovina prima di compiere la cippi, punti assoluti e misura del cammino.
come decisivo il contesto materiale in cui si missione dello spirito e lurgenza della missione Al anco della stessa e al centro del percorso,
era costruita, n dalla giovinezza, la gura materiale come pratica quasi propedeutica. come unedicola stradale, applicato su un
del Santo: Sui declivi dellAppennino se si Secondo San Bonaventura, nella Legenda supporto metallico, posto, in corrispondenza
scende verso la Toscana, le case appaiono Maior, fu infatti per disposizione della Divina dellaltare, un crocisso antico di Baccio
sparse come chiari, nitidi cubi. Se ci si colloca Provvidenza, dalla quale il servo di Cristo da Montelupo, proveniente da una chiesa
completamente sullaltura di fronte a Perugia si lasciava dirigere in tutto, che allinizio di Firenze.
come se cristallo crescesse in altezza su dellOrdine e prima di predicare il Vangelo, egli Il tracciato della strada, nonch altare, ambone
cristallo. Si percepisce dapprima larchitettura ricostru tre chiese materiali. e custodia eucaristica, sono realizzati in marmo
con locchio, ma quello solo linizio. Essa Ci avveniva non solo perch egli apprendesse travertino.
Pagina 78-79: il anco Pages 78-79: the side
dellantica polveriera con of the old Polveriera
lingresso leggermente building; its slightly off-
decentrato che conduce centre entrance leads
allo spazio interno to an interior become
divenuto cappella di chapel of prayer.
preghiera. This page, top: the
In questa pagina, in alto: Fortezza da Basso layout.
planimetria della Fortezza The former Polveriera
da Basso. In grigio, lex building is marked in grey
polveriera

1 4 2 5 1
B B

SEZIONE AA/SECTION AA

PIANTA/PLAN
A

1 Ingresso/Entrance
2 Altare/Altar
3 Crocisso/Crucix
4 Ambone/Ambo
5 Custodia eucaristica/
Tabernacle

SEZIONE BB/SECTION BB

0 5M
domus 1016 Settembre / September 2017 PROGETTI/PROJECTS 81

Sopra: una pedana in su un supporto metallico. Above: a raised Below: detail of the
travertino conforma lo Sotto: dettaglio della travertine oor shapes raised oor, evoking
spazio centrale. Su di pedana che evoca un the central space. a pathway; laid at
essa poggiano i volumi, percorso e, articolata in Resting on it and also in staggered levels, it is at
anchessi in travertino, piani sfalsati, raggiunge il travertine stone are the its highest in the centre
dellambone, della livello pi alto al centro, ambo, the tabernacle where the altar stands,
custodia eucaristica e, al dove posto laltare, a and, in the centre, the underscoring the growing
centro, dellaltare. Sulla sottolineare la crescente altar. To the left, a crucix holiness of the space
sinistra, il crocisso in sacralit dello spazio in the form of a shrine is
forma di edicola ssato xed to a metal support.
82 PROGETTI/PROJECTS domus 1016 Settembre / September 2017

FROM THE ARCHITECTS PROJECT DESCRIPTION the Order, he preached the Gospel; thus not
only did he make progress in ordered course
Fifty years after the Second Vatican Council from things perceived by the senses unto
and its appeal for a modern Church, it things perceived by the understanding, and
is perhaps worth remembering Roberto from lesser things unto greater, but he did
Rossellini who, in 1950, decided to set one also pregure in mystic wise by his material
of the most important scenes of his lm on labours the work that should be wrought
St Francis on the road leading up to Sovana thereafter.
rather than in a church. So true was Francis ability to relate to
The lmmaker emphasises the arrival material substance that, when depicting
of Francis and his friars who, walking the Saints life, Giotto portrayed him inside
barefoot on an unpaved road, enter the town the dilapidated Church of San Damiano,
through the Etruscan gate, come to reform a receiving instructions from the Crucix, a
Christianity in crisis. Their faith, practised crucix at the time ancient and very real.
amidst the people and outside the proclaimed These sequences lodged in our memories
holy spaces, was seen as a rift, drawing their but not extraneous to our present lives
times back to those of eternity, at risk of accompanied the project for the Chapel
being lost. of Prayer built for Pope Franciss visit
The road was the place and means of to Florence for the National Ecclesial
applying the discipline of the soul from Convention in 2015.
matter to spirit, mundane to absolute The sacred space of the Chapel unfolds inside
offering a rule that, in the life and work of but that is just the beginning. It is really the old Polveriera (gunpowder magazine),
St Francis, rested and always would on a few grasped physically, with your brow, the following its layout and with three entrances:
certainties. breadth of your chest, with your being, that two along the longitudinal axis and one on
Similarly, in 1927, in the rst chapter feels it strongly, as it advances through the the diagonal axis.
entitled Il volto di una terra of his San space. Then, with elemental force, you are The concept behind the design is a path with
Francesco, Romano Guardini, wholly touched by the way this harshness is shaped an altar in a slightly raised central position;
centred on describing the architectural and layered. on either side, near the entrances, are the
environment and sensing the presence of The Saint was born in all his complexity out ambo and tabernacle, each illuminated by its
St Francis, realised the crucial importance of the inner and outer forms of the landscape. own light.
of the material context in which the gure The Crucix suggested he rebuild some It is an itinerary, a pathway, featuring three
of the Saint had been forged, ever since his churches in ruins before carrying out the absolute markers, measures of ones progress.
childhood: mission of the spirit and the urgency of the Beside it and midway along the pathway, like
If you descend the slopes of the Apennines material mission was almost a preparation. a roadside shrine, on a metal support and
towards Tuscany, the houses are scattered According to St Bonaventure, in the Legenda near the altar, is an old crucix by Baccio
like light, clear-cut cubes. Seen from the high Maior, at the bidding of the divine da Montelupo, brought from a church in
ground overlooking Perugia, they look like providence, by the which the servant of Florence.
pieces of crystal rising above more crystal. Christ was guided in all things, he built three The passage as well as the altar, ambo and
At rst, you catch sight of the architecture material churches before that, instituting tabernacle are all in Travertine marble.
In alto: uno dei due spessi muri della ex Top: one of the two thick walls of the former
ingressi posti sullasse polveriera. entrances on the gunpowder magazine.
longitudinale del Pagina a fronte: longitudinal axis of the Opposite page: overview
manufatto storico, in vista complessiva old construction, aligned of the design, showing
linea con la pedana in dellintervento, con la with the raised stone the sequence of steps
pietra. Sotto: particolare sequenza dei gradini oor. Below: detail of along the travertine
delleffetto chiaroscurale della strada di travertino the chiaroscuro effect pathway dotted with
creato dalla luce naturale punteggiata dagli created by natural light the symbols of a holy
che penetra attraverso elementi simbolici dello owing through the space
gli ingressi e le piccole spazio sacro entrances and small
aperture scavate negli windows hewn into the

Cappella di preghiera nellantica polveriera/


Prayer chapel in the former gunpowder magazine
Fortezza da Basso, Firenze/Florence, Italia/Italy
Progetto/Design
Paolo Zermani, Eugenio Tessoni
Collaboratori/Collaborators
Gabriele Bartocci, Rocio Fernandez Lorca
Committente/Client
CEI Comunit Episcopale Italiana
Supercie costruita totale/Total oor area
50.42 m2
Fase di progetto e realizzazione/Design and construction phase
2015
domus 1016 Settembre / September 2017 PROGETTI/PROJECTS 83
84 PROGETTI/PROJECTS domus 1016 Settembre / September 2017

Parlare di Ettore Sottsass su Domus


non cosa facile, avendo lui stesso
contribuito per decenni allideazione
e realizzazione della nostra rivista,
ma nel centenario della sua nascita
non potevamo non rendergli omaggio.
La fortuna ci venuta in aiuto e,
quando Enzo Cucchi suo grande
amico e compagno di viaggio , mi ha
presentato Alfredo Taroni, litografo in
Como, si aperto un mondo.
Nelle pagine che seguono lo sveliamo
ai nostri lettori, dicendo ancora una
volta: Grazie Ettore. ndb
It is not easy to write about
Ettore Sottsass in Domus, after he
contributed for decades to the conception
and creation of our magazine.
But we could hardly fail to pay homage
to him on the centenary of his birth.
Fortune came to our aid, and when
Enzo Cucchi his great friend and
companion on his travels introduced
me to Alfredo Taroni, lithographer in
Como, a whole new world opened up
before me. In the pages that follow we
reveal it to our readers, again saying,
Thank you Ettore. ndb

Ettore
Sottsass
Testo/Text Alfredo Taroni
Foto/Photos Donato Di Bello
86 PROGETTI/PROJECTS domus 1016 Settembre / September 2017
domus 1016 Settembre / September 2017 PROGETTI/PROJECTS 87
88 PROGETTI/PROJECTS domus 1016 Settembre / September 2017

Ho incontrato per la prima volta lopera di lui fondata nel 1988, ndr]era cos curata nella
Ettore Sottsass da studente di architettura qualit graca. Ettore era molto scrupoloso e
verso la ne degli anni Settanta. metodico, si preoccupava di ordinare in piccole
Osservavo curioso i suoi disegni e leggevo scatole
alcuni suoi articoli su riviste come Domus. di cartone tutte le matite e gli inchiostri che
Erano articoli e disegni che mi suscitavano gli portavo per il disegno delle litograe,
forti emozioni. In seguito, alla ne degli anni scrivendo sul coperchio cosa contenevano.
Ottanta, con alcuni amici fondai a Como Si discuteva della scelta delle carte, dei
una piccola casa editrice, dando vita a una pennelli, di segni e colori, del desiderio di far
fortunata collana di libri dartista che univa cogliere cosa cera dentro un segno.
graca e poesia, ma non avevo mai del tutto Mi raccontava storie, si emozionava molto.
dimenticato larchitettura. Piano piano, si Cos anchio. Diceva che i libri sui quali stava
svilupp lidea di dare il via a una serie di libri lavorando erano la cosa a cui pi teneva in quel
vicini allargomento. Su due piedi, si decise di momento. Erano molti i disegni che preparava
chiamare lo studio di Ettore Sottsass per una prima di passare al disegno della litograa.
consulenza. Diceva che la litograa di per s un mezzo
Ricordo bene il primo incontro con Ettore, nel di qualit speciale.
suo studio a Milano, dove mi disse: Da fanatico Ettore pensava a una collana di architetti-
della stampa, delle carte e dei libri dartista artisti o artisti-architetti che rappresentassero
non posso lasciare cadere nel vuoto questa aspetti della cultura contemporanea
possibilit di stampare edizioni speciali sul normalmente non documentati, intuizioni che
tema dellarchitettura. Il giorno successivo, andassero oltre il lavoro conosciuto. Inoltre, Tanto mi sono eccitato
aveva gi preparato un menab piccolissimo, con lo stesso trasporto emotivo, uscirono altri
di 9,5 x 7 cm, con accenni di schizzi, appunti e due libri con traduzioni dal sanscrito curate
a stampare libri che ho
disegni di quello che sarebbe poi diventato il da Barbara Radice: Kena upanishad, con testo continuato a stampare libri
primo volume della nuova collana. originale disegnato a mano da Ettore Sottsass
Da quel giorno, tra incontri di lavoro in studio, come opera devozionale, e Veda Inni, piccola tutta la vita. Sempre libri
a casa, in trattoria a Milano o sul Lago di
Como, inizi unintensa collaborazione e
antologia di testi Rgveda e Atharvaveda con
disegni anche di Sottsass.
che non si vendevano:
anche unaffettuosa amicizia. Cos sono nati Nella stessa collana di Epifanie brevi e del li chiamavano libri darte
i primi due libri dartista progettati e rmati Trattato di Architettura, tra il 1999 e il 2005,
da Sottsass: le Epifanie Brevi e il Trattato di uscirono gli altri volumi di: Michele De Lucchi,
e nch qualcuno di quelli
Architettura. Andrea Branzi, Enzo Cucchi, Mimmo Paladino che li hanno fatti vivo,
Questultimo era afancato da quattro e Roberto Baldazzini con testi di Nanni
litograe, sempre sul tema dellarchitettura. Balestrini. Tutti sotto la cura e appassionata non si vendono. Si deve
Nel lungo periodo (quasi due anni) dedicato
alla progettazione e allesecuzione di tutte
regia di Ettore e Barbara; era quello lo stato
danimo nel quale ci si muoveva in quegli anni.
aspettare che tutti siano
le fasi necessarie per la realizzazione, ci si Ricordo ancora con emozione un commento morti, morti completi,
trovava di frequente durante la settimana.
Era il suo tempo privato, pi intimo.
di Ettore mentre si lavorava al Trattato
di Architettura: Si gira dentro la cultura
come diceva Giovannino
Loccasione mi dava la possibilit di ascoltarlo interessante del tempo, ma con interessi Lopes, perch quei libri
con grande fascinazione e interesse. fuori anche del tempo oltre che delle cose.
Ricordo quando mi mostr con molto orgoglio Tutto quello che stato fatto e pensato siano battuti nelle aste
la bellissima e prestigiosa rivista darte Verve prevede osservazioni non soltanto grache, e diventino la causa di
che lui comperava da giovane perch era ma che riguardano argomenti come la politica,
incuriosito dalle litograe di Picasso o altri lonnipresente mistero dellesistenza, piccole guerre, per il loro
grandi interpreti. Mi faceva notare la qualit
della stampa e delle carte.
una visione poetica dellarchitettura-disegno
della vita, la vicinanza e i suggerimenti delle
possesso.
Forse anche per questo la rivista Terrazzo [da culture orientali. Non era nel programma.
Pagina 84. In alto: Page 84. Top: Epifanie Ettore Sottsass, Scritto di notte,
Epifanie brevi e Trattato brevi e Trattato di Adelphi, Milano 2010, pagina 134.
di Architettura sono i due Architettura are the two
volumi (con custodia) di volumes (in a slip case)
litograe originali, che of original lithographs
Sottsass ha realizzato con created by Sottsass with
Alfredo Taroni nel 1999. In Alfredo Taroni in 1999.
basso e in questa pagina At bottom and this page
a destra: il minuscolo at right: the tiny mock-up
menab (95 x 70 mm) (95 x 70 mm) Sottsass
realizzato da Sottsass per made for the new series
la nuova collana. of books.
Pagina 85: il frontespizio Page 85: the title
del Trattato di page of the Trattato
Architettura, con la di Architettura, with
dedica di Sottsass a Sottsasss dedication to
Taroni. Taroni.
Alle pagine 86-87: il Pages 86-87: the
Trattato di Architettura, Trattato di Architettura,
composto da 10 litograe comprising 10 original
originali a colori, riunite colour lithographs united
in volume a fogli sciolti. in a loose-leaf volume.
Ledizione, rmata e The edition signed and
numerata dallautore, numbered by the author,
stata realizzata da Lythos, issued by Lythos, Como,
Como, in 90 esemplari, in 90 copies not for sale.
fuori commercio. Opposite page: detail of a
Pagina a fronte: dettaglio page of the Trattato
di una litograa del
Trattato
90 PROGETTI/PROJECTS domus 1016 Settembre / September 2017

I rst came across Ettore Sottsasss work in 1988 ed] was so rened in its graphic
as a student of architecture in the late 1970s. qualities. Ettore was very scrupulous and
I observed his drawings with interest and methodical.
read some of his articles in magazines such as Whenever I brought him pencils and inks for
Domus. the lithographic design he always put them
His articles and drawings moved me deeply. away neatly in small cardboard boxes and
Then, in the late 1980s, with some friends I wrote what they contained on the lids. We
founded a small publishing house in Como would talk over the choice of different kinds
and produced a successful collection of of paper, the brushes, signs and colours, the
art books combining graphic design with desire to grasp everything that lay within a
poetry, but I had never altogether forgotten sign. He used to tell me stories, he was very
architecture. The idea gradually grew up of keyed up. So was I.
launching a series of books tat would touch on He said that the books he was working on were
the subject. Acting on impulse I decided to call the thing he cared most about at the time.
Ettore Sottsasss ofce for a consultation. He would make numerous drawings before
I clearly recall my rst meeting with Ettore going on to lithography. He said that
at his ofce in Milan. Among much else, lithography was in itself a medium of special
he said: Im wild about printing, paper quality. Ettore had in kind a series of books
and artists books. I could hardly let slip a by architect-artists or artist-architects
chance to print special editions dealing with representing aspects of contemporary culture
architecture. The next day he had already that were undocumented, insights going
prepared a small 9.5 x 7 cm mock-up with beyond the known work.
sketches, notes and drawings of what would Then, with the same emotional fervour, we
become the rst volume in the new series. issued two more books with translations I was so thrilled to be
That was the start of an intense collaboration from the Sanskrit by Barbara Radice: Kena printing books that Ive
and even an affectionate friendship, with upanishad, with an original text hand-drawn
meetings about the work in the ofce, at by Ettore Sottsass as a devotional work, and gone on printing books all
home, in a trattoria in Milan or on Lake
Como. This was how the rst two artists
Veda Inni, a small anthology of Rigveda and
Atharvaveda texts with drawings by Sottsass.
my life. Always books that
books designed and created by Sottsass came Issued between 1999 and 2005, in the same never sold: they were called
into existence: Epifanie Brevi and Trattato series as Epifanie brevi and the Trattato di
di Architettura. The Trattato was joined by Architettura, were other volumes by: Michele
art books and they will
a series of four lithographs, likewise on the De Lucchi, Andrea Branzi, Enzo Cucchi, never sell as long as some
theme of architecture. Mimmo Paladino, and Roberto Baldazzini
Over the long period (almost two years) it with texts by Nanni Balestrini. All were of those who made them
took to complete all the phases of the design
and printing it took to produce the books, we
carefully and passionately edited by Ettore
and Barbara. That was the mindset we had in
are still alive.
often used to meet during the week. those years. I still remember with deep feeling Well have to wait for
That would be his private, most intimate a comment made by Ettore when he was
time. It was a chance for me to listen to him working on the Trattato di Architettura: Were
them all to die, to be stone
with great fascination and interest. wandering through the interesting culture of dead, as Giovannino Lopes
I remember when he very proudly showed the time, but with interests that are outside
me the rened and prestigious copies of the time as well as things. said, for those books to be
art magazine Verve that he used to buy as Everything that has been done and thought sold at auction and become
a young man, because he was intrigued by involves not just graphic design, but also
Picassos lithographs or works by other great concerns topics like politics, the ever-present the cause of little battles to
artists. He would point out the quality of the
printing and the paper. Perhaps this is why
mystery of existence, a poetic vision of the
architecture-design of life, the closeness and
possess them. That wasnt
the magazine Terrazzo [which he founded inuences of oriental cultures. part of the programme.
A destra: il menab Right: the mock-up Ettore Sottsass, Scritto di notte,
realizzato da Sottsass per made by Sottsass for the Adelphi, Milan 2010, page 134.
il volume Epifanie brevi volume Epifanie brevi (95
(95 x 70 mm). x 70 mm).
Pagina a fronte: il ritratto- Opposite page: the
litograa che Ettore portrait-lithograph Ettore
Sottsass dedica alla Sottsass devoted to his
madre, allinterno del suo mother in the Trattato di
Trattato di Architettura. Architettura. The volume,
Il volume chiuso misura published by Lythos,
175 x 250 mm; Como, measures 175 x
il foglio aperto misura 250 mm closed; the open
invece 350 x 250 mm sheet measures 350 x 250
mm

Il testo tratto da una conversazione tra


Alfredo Taroni e Nicola Di Battista,
luglio 2017.

Taken from a conversation between


Alfredo Taroni and Nicola Di Battista,
July 2017.
92 PROGETTI/PROJECTS domus 1016 Settembre / September 2017

1 4

2 5

3 6

1 Frontespizio del 4 Mi piacerebbe 5 Il monumento. 9 Ho sognato la camera


Trattato di Architettura. disegnare una architettura 6 Mia madre seduta grande della seconda
2 Uomo primitivo. non dedicata a qualche davanti alla nestra Piramide di Giza.
3 Sono passate migliaia divinit, n antica, n piccola. Era contenta. 10 Stanno nella mia casa
di anni per inventare un moderna; una architettura 7 Non ho voglia di uscire. tutti gli amici che non so
muro tutto diritto. che non si guarda, non si Fuori fa troppo caldo. dove sono andati.
compera, non si vende, 8 La luce del giorno nella 11 Ma dove vai?
che non c Che . Mi madrasa di Salih Nagm 12 Colophon
piacerebbe disegnare una Al-Din.
architettura che si abita.
domus 1016 Settembre / September 2017 PROGETTI/PROJECTS 93

7 10

8 11

9 12

1 The title page of the 4 I would like to design an 5 The


he monument
monument. 9Iddrea ed d off the
th reatt
Trattato di Architettura. architecture not dedicated 6 My mother sitting by the chamber in the second
2 Early man. to any divinity, whether small window. She was Pyramid of Giza.
3 It took thousands of ancient or modern. An contented. 10 All my friends who I
years to invent a wall that architecture not to be 7 I do not feel like going do not know where they
stood upright. looked at, bought or sold, out. Its too hot outside. went are in my house.
and that isnt there... It just 8 The daylight in Salih 11 But where are you
is. I would like to design Nagm Al-Dins madrasa. going?
an architecture that is 12 Colophon
lived in.
Claudio Feltrin
LA MIA FABBRICA DIFFUSA
VERSO IL 4.0 /
MY WIDESPREAD FACTORY
TOWARDS 4.0
Il presidente di Arper racconta la storia
e la losoa di vita della sua azienda:
dagli esordi nel cuoio alla svolta nel contract
e alla decisione di diventare editori, leggeri
e senza troppi vincoli.
Una scelta che gli ha regalato la libert
di lavorare con qualsiasi tipo di materiale,
grazie alla fabbrica diffusa sul territorio
friulano, mescolando la maestria dei
migliori artigiani con le innovazioni
tecnologiche pi avanzate

Arpers president tells his companys


story and philosophy of life: from its
beginnings in leather to the contract
sector and the decision to become
editors, light and with few limitations.
A choice that has given them the freedom
to work with any material, thanks
to a widespread factory across Friuli,
combining the skills of the best artisans
with cutting-edge technologies
Foto/Photos Irene Meneghelli
96 PROGETTI/PROJECTS domus 1016 Settembre / September 2017

La mia famiglia non ha tradizioni sedie, abbiamo ricevuto un ordine sedie per un nostro cliente che dal 1989 no al 1999, con prodotti
nel settore dellarredo. Negli per un quantitativo inusitato di aveva gi la sua rete commerciale. di lavorazione del cuoio. Abbiamo
anni Sessanta, mio pap faceva il pelli. A quellepoca, vendere 5.000 In cambio, gli ho chiesto solo raggiunto una decina di miliardi
rappresentante di tende per poi piedi quadri in una settimana era la possibilit di produrle. In [di lire, ndr] di fatturato, mio
diventare piccolo commerciante gi un bellordine: ce ne chiesero un primo momento, se ne sono fratello si occupava dellestero,
di tessuti e pellami. Dopo tre anni mezzo milione. Ci raccontarono vendute tantissime. Quando io e mio pap dellorganizzazione
di scuola darte, il mio sogno era di una sedia con una struttura la vendita si fermata, quello e produzione interna; avevamo
disegnare fumetti, ma mi sono in tubolare e una seduta con due stesso cliente ci passava pezzi di come punto di riferimento
reso conto presto che in tanti lo pezzi di cuoio che in Germania lavorazione per altri prodotti suoi. aziende come Matteograssi. Il
sapevano fare meglio di me. Ho stava andando a ruba e, quindi, Ho scoperto solo in seguito che nostro era il mondo casa; per,
capito quindi che quello non era della loro decisione di produrne le sedie continuavano a vendere a un certo punto, il panorama
il mio mondo, per mi piaciuto una marea. Mio pap, che un bene, ma che non le facevano pi si era inazionato e cera meno
essermi avvicinato allarte e al inguaribile ottimista, sapendo fare a noi perch eravamo pi cari possibilit di espandersi e,
disegno. Finita la scuola darte, di non poter fornire tutta questa di altri. Quella stata la molla comunque, producendo sedie in
che mio padre non vedeva di buon pelle, propose loro di produrre per fondare la nostra azienda. cuoio, eravamo la nicchia della
occhio non sapevo che direzione parti di sedie. La storia di Arper Mi sono messo a disegnare una nicchia. Abbiamo anche capito che
prendere. Alla ne, mi sono iscritto cominciata cos. serie di sedie e a pensare al nome 10 miliardi di lire erano tanti e
a ragioneria, portandola a termine Erano anni in cui si poteva del marchio: doveva cominciare non eravamo in grado di gestirli:
in maniera rocambolesca, a 22 rischiare. Abbiamo cominciato per A, per essere in cima agli erano abbastanza per complicarci
anni, continuando a lavorare come terzisti, monocliente e elenchi; doveva essere corto, per la vita, ma non sufcienti per una
e a studiare. Il militare e il monoprodotto, ma abbiamo pagato non essere storpiabile allestero; gestione manageriale. La scelta
matrimonio mi hanno costretto a cara la mancanza di un mestiere; e doveva contenere al suo stata quella di cambiare settore,
concretizzare la mia vita quando i margini per fortuna ampi ci interno una storia, un pensiero, andando verso il contract, e questo
ero ancora giovanissimo. sono serviti solo da cuscinetto. Poi, unaspirazione. Non volevo usare ci ha permesso di essere liberi di
Mio padre mi propose di aiutarlo rapidamente, il mondo cambiato il cognome. Ho pensato a un realizzare qualsiasi tipo di seduta
a fare il rappresentante di pelli e e abbiamo capito che era meglio acronimo di arredamento per, con qualsiasi tipo di materiale,
tessuti. Per caso, nei primi anni creare unazienda nostra. Nel volendo intendere tutto quello basandoci su quello che offre il
Ottanta, andando a vendere le 1989, forte del fatto che mi piaceva che era possibile arredare. Da l nostro territorio. Ecco perch, oggi,
pelli in unazienda friulana di disegnare, avevo progettato due siamo partiti. Per i primi 10 anni, sento il dovere morale di ridare al
territorio quello che il territorio
stesso ci ha fornito in maniera
naturale. Labbiamo valorizzato
e usato per tutte le eccellenze
tappezzieri, ofcine, chi lavora la
plastica, chi il legno: una fabbrica
diffusa. Ci siamo concentrati
sul fatto di diventare editori:
incaricare gli architetti, lasciandoli
liberi di progettare, senza i
vincoli di una produzione interna.
Abbiamo avuto un incontro
fortunato con Alberto Lievore
che ha colto la nostra voglia di
trasformazione: volevamo dare vita
a unazienda contract di design
che non fosse vincolata a una
logica produttiva interna, ma a
un territorio che prevedeva la pi
ampia realizzazione di qualsiasi
prodotto. Ci mancava quella
che era la parte pi culturale.
Avevamo delle intuizioni, ma non
riuscivamo a concretizzarle: con
Alberto siamo riusciti a catalizzare
e fare la messa a terra di questa
idea. Continuavamo, ovviamente,
a trattare parallelamente il
cuoio perch era il nostro volano
economico, quello che ci dava la
Pagine 94-95: linhouse showroom Pagina a fronte. In alto: schizzi e
Arper allinterno della sede aziendale di fotograe della sedia Cila progettata
Monastier di Treviso mostra lampiezza da Lievore Altherr, 2017. Le sue linee
di gamma delle collezioni Arper. richiamano limmagine degli abiti
In questa pagina. Sopra: Claudio Feltrin in tessuto. La scocca in plastica
e Nicola Di Battista durante lintervista disponibile in diverse tonalit. La base
dello scorso luglio. A destra: copertina pu essere realizzata in legno o in
del volume Volevo fare il cowboy, sulla metallo. In basso: macchina da taglio
vita dellimprenditore Luigi Feltrin, laser per tessuti e pelli nellAtelier Arper
fondatore di Arper.
domus 1016 Settembre / September 2017 PROGETTI/PROJECTS 97

Photo Marco Covi

Pages 94-95: the Arper in-house This page. Above: sketches and photos
showroom at the companys of the Cila chair designed by Lievore
headquarters in Monastier di Treviso Altherr, 2017. Its lines call to mind
displays the vast selection of Arper images of clothing. The plastic frame is
collections. available in different colours. The base
Opposite page. Centre: Claudio Feltrin can be made in wood, with four legs,
and Nicola Di Battista during the or in metal, with four legs, sled legs or
interview last July. Bottom, right: cover swivel. Left: machine to laser cut fabric
of the volume Volevo fare il cowboy, on and leather in the Atelier Arper
the life of the entrepreneur Luigi Feltrin,
the founder of Arper.
98 PROGETTI/PROJECTS domus 1016 Settembre / September 2017

possibilit di cambiare. copiabile. Quello attuale un distinguere tra 12.000 diverse


Il problema era come interpretare momento straordinario di grande tipologie di tessuto, capendo
un materiale ricco e costoso, trasformazione e la globalizzazione il giusto livello di tensione
e come passare da un settore offre enormi possibilit. per ciascuno. Considero la
moderno classico verso un Oggi, il vero sforzo di esportazione tecnologia uno strumento che
prodotto di design non pi mono- diventato loltreoceano. pu far progredire unazienda,
materiale, ma multi-materiale. Le opportunit hanno regole salvaguardando per la sapienza
Un cambiamento, per noi, precise difcili da sopportare per dellartigiano, per i passaggi pi
epocale. La conferma sono stati unazienda da 20 milioni di euro. difcili; valorizzo, quindi, il lavoro
i fatturati: siamo partiti con 5 Ecco perch la crescita diventa delluomo e inserisco la macchina
milioni di euro puntando tutto obbligatoria. Andare oltreoceano dove possibile senza perdere
sulla casa, per arrivare oggi a 73 signica conquistare mercati qualit. Paradossalmente.
milioni tutti sul contract; in soli nuovi, in via di sviluppo, che non una valorizzazione del mestiere,
17 anni. Possiamo quindi dire hanno la capacit produttiva per la un innalzamento della sua
che stata una scelta fortunata qualit in cui noi ci posizioniamo. competenza.
e azzeccata. In questo processo La mia massima aspirazione Come sar la trasformazione nel
di trasformazione e crescita, la essere considerati un giorno prossimo futuro non lo so. Il 4.0
managerializzazione stata un unazienda di riferimento che ci far riettere, probabilmente
punto importante e complesso. riuscita a essere dispirazione per dovremo lavorare tutti meno.
Il segreto della nostra riuscita altri. Nella nostra produzione Il lavoro non sar semplicemente
potrebbe essere nel fatto che siamo riusciti, per esempio, di tipo produttivo, ma anche di
sono curioso e sempre disposto a a mescolare la maestria del costruzione di se stessi. Per questo,
mettermi nella situazione di poter tappezziere con le innovazioni ho intenzione di sviluppare concetti
cambiare e, soprattutto, preferisco tecnologiche pi avanzate. pi allargati legati al vivere bene.
lasciare fare a chi pi bravo di difcile insegnare a un computer Credo che non si debba restare
me le cose che devono essere fatte quello che il tappezziere fa in in attesa di aiuti dallesterno.
veramente bene. Lunica cosa di maniera naturale grazie alla Aspettare Godot inutile,
cui mi preoccupo di scegliere le sua grande esperienza. Abbiamo dobbiamo essere noi stessi gli
persone giuste. In questo senso, ottenuto che il robot riuscisse a arteci del nostro cambiamento.
credo che unazienda debba essere
leggera, senza eccessivi vincoli per
adattarsi velocemente alle cose
che cambiano. Con la crescita
necessario creare obiettivi a medio
e lungo termine per motivare la
squadra. Nel 2007, abbiamo deciso
di fare un piano industriale, una
cosa non usuale per una realt
che fatturava 25 milioni di euro.
Invece, ci servito veramente
a riallineare lintera azienda;
abbiamo realizzato tutto quello che
abbiamo preventivato.
Nel frattempo, oltre ad Alberto
Lievore, abbiamo coinvolto
altri designer: non tantissimi,
perch pensiamo che si debbano
instaurare un rapporto e un
legame forti tra le persone che
lavorano in Arper e con tutti
i collaboratori esterni. Non li
consideriamo semplici collaboratori
di servizio, ma condividiamo
con loro una losoa di vita, uno
stesso modo dintendere il lavoro,
che in tutte le parti del mondo
signica ducia e ci unisce. Tutto
ci va al di l del prodotto ed la
cifra di Arper: lidentit, che non
In questa pagina in alto e pagina a Sopra: nel reparto graffatura il lavoro
fronte, in alto: il tavolo Meety di Lievore delloperatore supportato da due
Altherr Molina, 2016 (qui nella variante robot. A sinistra: Claudio Feltrin e Nicola
fum del 2017) riprende la struttura Di Battista nellAtelier Arper. Pagina
architettonica dei ponti, robusta ma allo a fronte in basso: il reparto cucitura,
stesso tempo visivamente leggera. Le dove molte fasi della tappezzeria delle
gambe in alluminio garantiscono una collezioni sono eseguite a mano con
solida base dappoggio per le diverse elevata competenza artigiana
tipologie di piani.
domus 1016 Settembre / September 2017 PROGETTI/PROJECTS 99

Photo Marco Covi

My family doesnt have a past in a chair company in Friuli. They had his own sales network. Our turnover was around 10
the furnishings sector. placed such a huge order. In exchange, I asked him for the billion Italian lire.
In the 1960s, my dad was a At the time, selling 5,000 square opportunity to manufacture them. My brother was in charge of
curtain rep and later became a feet in a week was wonderful: they At rst, we sold a lot. foreign clients, and me and my
small-scale dealer in textiles and asked for half a million. But when sales slowed down, dad oversaw administration
leather.
l After three years in art They told us about a chair that same client asked us to work and production; companies like
school, my dream was to draw with a tubular structure and a on other products of his. Matteograssi were our reference
cartoons, but I quickly realised seat with two pieces of leather Only afterwards, I found out points. Ours was the home
many were more talented than that was selling like crazy in the chairs kept doing well, but world; but, at a certain point, the
myself. So, I understood Germany. Thats why they chose they chose others to make them, scene became oversaturated,
that wasnt my world, but to manufacture so many. because we were too expensive. with less room for growth.
I liked exploring art and drawing My dad, a die-hard optimist, knew That was the turning point that We were the niche of the niche in
anyway. he couldnt get all that leather but led us to open our own business. leather seating.
After
A art school, which my father suggested we manufacture parts I started designing some chairs We also understood that 10 billion
didnt approve of, I wasnt sure of the seats. and thinking about the brands Italian lire was a lot and we
about my future. Arpers story began here. name: it had to start with an A, couldnt handle it: it was enough
In the end, I got into accounting, Back then you could take risks. so it would be on top of the lists; to mess things up, but not quite
nishing
my studies at 22, We started as contractors, single it had to be short, so it wouldnt enough to managerialise us.
through many ups and downs, clients and single products, but be mangled abroad; and it had So we decided to change sector,
while
w working and studying at the our lack of experience came at a to represent a story, an idea, an and go towards contract, and this
same time. price; the margins which were aspiration. allowed us to make any kind of
Military service and marriage wide, luckily were only a buffer. I didnt want to use my last name. seating with any kind of material,
forced
f me to get my act together, Then, rather quickly, the world I thought about an acronym for on the basis of what our territory
even though I was a very young changed and we understood we arredamento per (furniture for), provides us.
man. My father suggested I help were better off creating our own meaning everything that could be Today, thats why I morally
him
h with his leather and textile company. furnished. feel obliged to give back to this
business.
b In 1989, bolstered by the fact that So we started from here. land that gave us so much in a
By chance, in the early 1980s, I liked drawing, I designed two For the rst 10 years, from 1989 natural way. We enhanced it and
we
w went to sell some leather to chairs for our client who already until 1999, with leather products. used it for all its excellence its

This page, above, and opposite page, Opposite page. Centre: in the seaming
top: the Meety table by Lievore Altherr department, the worker is supported by
Molina, 2016 (here in the fum version, two robots. Bottom: Claudio Feltrin and
2017), calls to mind the structure of Nicola Di Battista in the Atelier Arper.
bridges, robust but also visually light. This page, left: the sewing department,
T
The aluminium legs guarantee a solid where many upholstery phases of the
base for different tops. collections are done by hand with great
skill
100 PROGETTI/PROJECTS domus 1016 Settembre / September 2017

LIEVORE ALTHERR MOLINA, CATIFA 53, 2001 LIEVORE ALTHERR MOLINA, CATIFA 46, 2004 LIEVORE ALTHERR MOLINA,
LEAF, 2005

JEAN-MARIE MASSAUD, ASTON, 2006 SIMON PENGELLY, NUUR, 2009 ICHIRO IWASAKI, PIX, 2010
Photo Marco Covi

JAMES IRVINE, JUNO, 2012 LIEVORE ALTHERR MOLINA, SAYA, 2012 LIEVORE ALTHERR MOLINA,
KINESIT, 2014
Photo Marco Covi

Photo Marco Covi

LIEVORE ALTHERR MOLINA, LIEVORE ALTHERR MOLINA, LIEVORE ALTHERR MOLINA,


ZINTA, 2014 PARENTESIT, 2015 CATIFA 53, 2016

Pagina a fronte: la fotograa, realizzata Opposite page: the photo by


da Scheltens & Abbenes, della Scheltens & Abbenes of the Leaf chair
poltrocina Leaf fa parte del progetto di is part of the brand identity project
brand identity realizzato nel 2012 dallo from 2012 by the 24 studio of New
studio 24 di New York con lo studio York with the Spanish studio Lievore
spagnolo Lievore Altherr Molina e il Altherr Molina and the companys in-
team interno dellazienda house team
102 PROGETTI/PROJECTS domus 1016 Settembre / September 2017

ea o wor , w c aroun e
orld is synonymous with trust. ede/Head uarters
his unites us. All this oes Monasti r di Tr vis
e n t e ro uct an it s Anno di ondazione/Established
rper s sty e: an i entity, w ic 19
ant be copied. This is an atturato 2 1 /2 1 sales volume
xtraordinary moment of great 72,000,000
ransformation, and obalisation i endenti Italia ed estero
ees in It and abroa
ffers enormous possibilities. 230
oday, the true exportation istribuzione/Distribution
hallenge is overseas. ntries
O ortunities have recise rules x ort 2016
h r h r rf r 2
mi ion-euro company. onsociate/ ubsidiaries
hats why growth is mandatory. er Usa rper Middle East, er
Going overseas means conquerin er an
ew markets, develo in ones iliali/Bran h
hat are not able to manufacture rper weden, Arper in apore
ur kind of quality. howroom monomarca/
owrooms
y greatest aspiration is being, 11 Milano, London, Cologne, Stockholm,
ne ay, consi ere a ey p ayer, Amsterdam, Oslo, New York, Chica o, Tokyo,
up o sterers, wor s ops, t ose uck and made the ri ht choice. n ins iration for others. ubai, inHouse Showroom Trevis
w o wor wit p astic, or woo n t is process o trans ormation In our roduction, for exam le, esi ner/Desi ners
it s a wi esprea actory. n growt , manageria isation e were a e to com ine mastery Lievore Alther ievore Altherr Molina
We ocuse on ecoming e itors : as ot important an comp ex. n up o stery wit cutting-e ge James Irvine Ichiro Iwasaki Jean-Marie
Massaud, Antti Kotilainen, Metrica,
ntrusting arc itects, a owing e secret to our success cou echnolo ies. Its hard to teach a imon Pen ell
t em to esign ree y, wit out t e e t at I ve a ways een curious omputer w at comes natura y
Com asso dOro
imits o interna pro uction. nd willin to acce t chan e and, o the u holsterer, thanks to his uur di/b Simon Pe 011
We a a success u co a oration ove a , a ow t ose w o are reat exper ence. residente e amministratore dele ato/
wit erto Lievore w o graspe ore qua i e t an myse to o We were a e to ma e our ro ot resident and
ur esire or c ange: ings t at nee to e one t e istinguis etween 12,000 Claudio Feltri
we wanted to create a desi i ht wa . ifferent t es of textiles, residente donore/Honorary president
ontract company that did not he onl thin I worr about is nderstandin the ri ht level o Luigi Feltri
epend on internal production choosing the right people. In this ension for each. www.ar er.i
patterns but on a land that could ense, I e ieve a company must I consider technology a tool that
allow the vastest creation of any e light, without excessive limits, an advance a company,
pro uct. o it can uickl ada t to thin s hile safe uardin artisan skills,
e more cu tura part was s t ey c ange. or t ose more e icate steps;
missing. We a intuitions, ut s t ings grow, you nee to create o I va ue t e wor o man an
w r n r i m i - an ong-term goa s to nc u e mac ines w ere we can
Wit erto we were a e to ot vate our team. it out co romisi on a it
atalyse and to ground this idea. n 2007, we eci e to ma e ara oxica y.
Obviously, we still dealt in leather ndustrial plan, something tha Its enhancing the trade,
ecause it ept our usiness a ive asn t unusua or a company ncreasing, ne-tuning expertise.
and it ave us the o ortunit to it 25 mi ion euro in earnin s. I on t now w at t e near
ange. nstea , we rea y nee e to uture o s as ar as c anges are
e pro em was ow to interpret eali n the entire business; oncerned. Industr 4.0 will make
uc a ric an expensive e rea ise everyt ing we a o us re ect, an pro a y we
materia an ow to transition p anne . In t e meantime, esi es r
rom a mo ern c assic sector to a erto Lievor we a e ot er e wor won t simp e
esi n ro uct t at was no on er esi ners: not man , ecause we ro uction-t e, ut ui in
mono-materia ut mu ti-materia in it s im ortant to create urse ves, too. T at s w I inten
a momentous c ange or us. re ations ip an strong on o eve op vaster concepts re ate Il testo tratto da una conversazione tra
ur earnings prove us rig t: etween t ose w o wor in rper o iving we . Claudio Feltrin (presidente e amministratore
we e an wit 5 mi ion euro, n our ree ance co a orators. ou s ou n t wait or outsi e delegato di Arper) e Nicola Di Battista, luglio
2017.
etting on ome pro ucts, an But t e aren t ust servic e p, it as to come rom wit in.
to ay we ve reac e 73 mi ion, collaborators for us. Waitin for Godot is useless. Taken from a conversation between Claudio
a on contract, in just 1 ar a are t e s in c o Feltrin (president and CEO of Arper) and
o we can prou y say t a e wn an . Nicola Di Battista, July 2017.

In alto: laudio Feltrin e


Battista nellAtelier Ar e
n questa pa na a estr
fronte: l oltroncina A
ltherr, 2017, reinter reta il fa n
eometrico dello stile Art Dco,
riduc ndolo all ss nzial

Above: laudio Feltrin and Ni i


Battista in the Atelier
On this pa e, ri ht, and opposite pa e:
t e rcos c a r evore t err, 2017,
reinterprets the eometric charm of Art
Dco, in all its essentialit
Photo Marco Covi

Photo Marco ov
domus 1016 Settembre / September 2017 FEEDBACK 105

FEEDBACK
LA PALERMO
DI VINCENZO MELLUSO

VINCENZO MELLUSOS
PALERMO Archivio Storico del Comune di Palermo
106 FEEDBACK domus 1016 Settembre / September 2017

FEEDBACK:
LA PALERMO DI VINCENZO MELLUSO
043 PALERMO
VINCENZO MELLUSOS PALERMO

Pagina 104 e in questa pagina: vedute di Palermo di Felice Giarrusso, 1866.


di dettaglio, complessiva e di uno dei Stampa acquerellata, 115 x 165 cm.
due ingressi di Palazzo Amoroso in Pagina a fronte: due viste dei nuovi
piazzetta Santo Spirito, progettato dallo dipartimenti di Scienze dellUniversit
studio BBPR, 1967. Del palazzo barocco di Palermo, progetto di Vittorio Gregotti
che sorgeva sul sito e che era crollato e Gino Pollini, 1969-1984. Il complesso
sotto i bombardamenti del 1943, un costituito da sei padiglioni per la ricerca
portale superstite venne inglobato nel e lattivit didattica disposti lungo lasse
nuovo edicio residenziale che attraversa longitudinalmente il
Pagina 105: Piano Regolatore di parco universitario
Risanamento e Ampliamento della citt

Feedback: g. Effetto di unazione non sul destinatario, ma su chi lha Per il lavoro che faccio mi trovo costantemente a osservare,
compiuta. Interessante questo ribaltamento di prospettiva. Inversione nellinsegnare e nel fare architettura, passioni profondissime entrambe.
utilissima quando si parla di citt e dello scegliere dove e, soprattutto, Mi accorgo per che Palermo la osservo con il lieve e naturale distacco
come costruire. di chi ama profondamente questa citt, di chi lha vissuta e studiata,
Ci sono voluti 3.000 anni per fare Palermo. A compierla sono stati in ma non vi nato: in momenti demergenza, quando c da agire sul
molti: unumanit di costruttori sospinta in avanti da valori e ragioni limite del reversibile come a molti oltre che a me pare ci si trovi oggi,
mutevoli, differenti, e che l, approdata a un certo punto l, in un un lo di vantaggio. da questo piano di osservazione che diventa
anteatro immaginato dalla natura, ha iniziato a costruire. pi praticabile la prima, indispensabile presa di posizione: rendersi
Questo sovrapporsi arriva a chi ci vive oggi, in forma esplosiva. Non disponibili a non assegnare valore a cose che ne hanno avuto in
serve disporre di uno sguardo attrezzato, quello che sa indagare passato, ma che ora non ne hanno pi. E assumersi la responsabilit
la condizione insediativa, la variet dei caratteri, la funzionalit dindicarle, per aggregare le forze e gli interlocutori chiamati a operare
strutturale degli incroci tra spazi urbani e privati: camminate per per attivare l, prima che altrove, la trasformazione.
Palermo un quarto dora e lo vedrete. Per operare questa trasform-azione di citt e di linguaggi, lo strumento
Commentando lopera di lvaro Siza, Vittorio Gregotti afferma che quello di sempre: il progetto. In una citt con una storia importante e
uno dei pochissimi che dicono cose che si possono dire solo per mezzo che raccoglie quasi un milione di abitanti scegliere vuole dire escludere,
dellarchitettura. Estendendo il principio a quellautodeterminazione ma anche togliersi dagli alibi e dallimmobilit.
formale che le citt di storia tendono spontaneamente a imporre a chi Tre sono le aree che scelgo dintercettare in questo attraversamento.
le vive, questa diventa allora una delle faticose fortune di Palermo: le Per primo, il centro storico, che impone a chi lo avvicina la necessit
sue architetture pigiano una sullaltra e ancora parlano. di capire come tenerlo vivo, come gestire i suoi continui sommovimenti,
Esprimono un senso di esplosione, di dirompenza, che consente a noi le perdite e le usure. Palermo, scrive Gabriele Basilico, come
che siamo tra quelli chiamati a costruire, o meglio ad aggiungere, un tante citt italiane, ha il benessere e la malattia che si accompagna
residuo spazio per rintracciare lenergia con la quale provare ancora alla bellezza struggente legata al passato, cos come alle difcili
a dialogare: cercare un dialogo demergenza, che va rivolto oggi alle contaminazioni tra storia e contemporaneit rintracciabili non solo
incoerenze, alle disfunzionalit, soprattutto ristabilire quel dialogo nella storia recente dellItalia, ma di tutta lEuropa (in Palermo andata
interrotto tra spazi pubblici e spazi privati. e ritorno, a cura di Elisa Fulco, Edizioni di Passaggio, Bagheria 2007).
Bellezza e condizioni irrisolte, qui si incontra tanto di tutto. Arrivate a piazza Marina, proseguite poco oltre. L, a piazza Santo
Distinguere, selezionare, togliere, per poi scegliere con chiarezza Spirito, troverete un esempio di come in passato si scelto di
con quale priorit proporre le sde il primo tassello, il primo tratto ricostruire e accostare, come si inteso di poter intervenire dialogando
di matita. con empatia. Affrontando il tema della modernit, del progetto
domus 1016 Settembre / September 2017 FEEDBACK 107

Tutte le foto/All photos Vincenzo Melluso


Nanni Culotta (Messina, 1955) un (Messina, 1955) architect.
architetto. Ha studiato presso He studied at the Faculty of
la facolt di Architettura Architecture at the University
dellUniversit di Palermo, of Palermo, where he currently
dove attualmente professore holds the post of professor
ordinario di Progettazione of Architectural and Urban
architettonica e urbana. Design.

Page 104 and opposite page: detailed by Felice Giarrusso,1866. Watercolour


and overall views, and one of the print, 115 x 165 cm.
two entrances to Palazzo Amoroso This page: two views of the new
in Piazzetta Santo Spirito, designed Department of Science at the University
by BBPR, 1967. A surviving entrance of Palermo, designed by Vittorio
to the baroque building stood on the Gregotti and Gino Pollini, 1969-1984.
site and which was destroyed in the The complex is made up of six pavilions
1943 bombings forms part of the new for research and teaching placed along
residential building. the longitudinal axis of the University
Page 105: Plan for the Redevelopment campus
and Expansion of the City of Palermo,

contemporaneo chiamato a ricomporre una gura di edicio dove spazio urbano ben concepito offre per la vita delluomo, cos da
riprodurre il passato non doveva essere lunica opzione, lo Studio BBPR creare luoghi che suggeriscono grande empatia.
ha espresso il concetto di prossimit contemporanea. Quello che si legge Per ultimo, ma non meno strategico, il tema del paesaggio.
oggi una qualche innegabile forma di armonia, la nissima cura di A Palermo oggi, serve orientare lo sguardo in rapporto con il mare, che
materiali e dettagli che hanno saputo attrarre lo sguardo e dare conto a Palermo c, ma pochissimi vedono.
di quello che esiste e dialoga. Un progetto degli anni Sessanta, in cui Lo avevano fatto, con grande energia e intenzionalit, Pasquale Culotta
il dialogo empatico oggi ci pare essere stato soprattutto quello tra e Bibi Leone, a met degli anni Ottanta, affrontando la ridenizione
imprenditore, progettisti e amministrazione e portato a compimento degli spazi del Foro Italico: un vero e proprio ridisegno della morfologia
mentre in tanta altra parte di citt si spingeva su altri linguaggi e, del fronte mare.
soprattutto, con altri metodi. Il loro progetto il caso di ricordare sinseriva nellambito di
Camminando tra le vie del centro storico, la riessione che ne traggo uniniziativa del 1988, guidata proprio da Culotta, intorno a un
che la contemporaneit debba trovare nellesperienza della citt programma che avrebbe proiettato Palermo verso il 1991, centenario
antica le strategie, gli atteggiamenti, la sensibilit ai bisogni dei luoghi, dallEsposizione Nazionale del 1891 che fu ospitata proprio nel
cos da formulare nuove modicazioni altrettanto signicative ed capoluogo siciliano. In quelloccasione, architetti italiani e stranieri
equilibrate, con la sensibilit e la cultura progettuale del proprio tempo. furono impegnati nella stesura di nove progetti, dislocati in altrettanti
Spazi di dialogo per la citt nuova li hanno trovati anche Gregotti e punti nevralgici, lungo tutta la linea di costa della citt. Lobiettivo era,
Pollini, progettando e realizzando per intero, precisazione niente attraverso un unico ma articolato disegno, la creazione di un sistema
affatto pleonastica i dipartimenti di Scienze, negli anni Settanta, nel urbano di corrispondenza tra costa, tessuto insediativo e collina
Parco dOrlans. Il progetto costruisce quello spazio in un ragionato della Conca dOro.
integrarsi del sistema di volumi, piazze, gradoni, presenze denite su L per il dialogo intrapreso si interrotto. E oggi?
un rapporto sinergico tra spazio servito e spazio servente, sistema delle [] Linferno dei viventi non qualcosa che sar; se ce n uno,
relazioni. In quel frammento della cittadella universitaria, Gregotti e quello che gi qui, linferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo
Pollini offrono un esempio signicativo di come la citt della modernit stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce
dovrebbe atteggiarsi nel suo crescere e conformarsi ai luoghi e alle facile a molti: accettare linferno e diventarne parte no al punto di non
necessit delluomo. vederlo pi. Il secondo rischioso ed esige attenzione ed apprendimento
Se percorriamo il sistema delle piazze gradonate, osservando la citt continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo allinferno,
e il paesaggio delle montagne intorno, attraversiamo gli edici che non inferno, e farlo durare, e dargli spazio (Italo Calvino, Le citt
strutturano lintero complesso, rivelando e a volte svelando visioni e nascoste, in Italo Calvino, Le citt invisibili, Einaudi, Torino 1972).
relazioni tra le parti. Ci accorgiamo allora del grande valore che lo Feed forward.
108 FEEDBACK domus 1016 Settembre / September 2017

Sopra: progetto per lapprodo del Foro


S nellarea dellex conservatorio della
Italico con il Padiglione per le arti, di SS. Nunziata in piazza Casa Professa,
Pasquale Culotta e Giuseppe Leone con completati nel 2009. Da sinistra: i resti
A
Aldo Li Bianchi e Giovanni Sarta, 1988. della cappella annessa al complesso
A destra: veduta area del fronte mare restaurato; la corte interna della
del centro storico. Foto di Giuseppe residenza con la cupola della chiesa del
Cappellani. Dal volume Palermo Ges (o chiesa di Casa Professa) sullo
1991. Nove approdi per lEsposizione sfondo. Pagina 110: in primo piano, il
N
Nazionale, 1988. Pagina a fronte e corpo di fabbrica con gli alloggi; sullo
pagina 110: Pasquale Culotta e Tilde sfondo ledicio che ospita la hall
Marra, residenza universitaria e servizi dingresso e gli spazi comuni

Feedback: g. The effect of an action not on its recipient, but on the Due to my line of work, I constantly nd myself observing through
person who carried it out. This reversal of perspective is interesting. It teaching and architecture, which are both deep-rooted passions of mine.
is an inversion which proves to be particularly useful when speaking of However, I realise that I view Palermo with the light-hearted and natural
cities and the choice of where and, above all, how to construct. detachment of one who profoundly loves this city, who has lived here, who
It took 3,000 years to build Palermo. Its completion involved many: an has studied it, but who was not born here: in an emergency, when one has
entire population of constructors driven by volatile and differing values to act on the very brink of the reversible, as many, like myself, seem to
and motives who, having arrived at a certain point, in an amphitheatre nd themselves nowadays, this is a slight advantage. It is from this point
created by nature, began to build. of view that the rst, essential forming of an opinion becomes easier: you
This overlaying is sensed in an explosive manner by those who live there become open to not assigning value to things which once had it but which
today. One does not need a particularly trained eye, one that can examine no longer do. You accept the responsibility of bringing these things to
settlements, the variations in character, the structural functionality of light, in order to gather strength and unite the participants called on to
meeting points between urban and private space: just take a 15-minute work on that point, before going elsewhere, for the transformation.
stroll around Palermo and you will see. To carry out this transformation of city and language, the instrument is
Commenting on the work by lvaro Siza, Vittorio Gregotti claimed that the same as always: design. In a city with an important history, which
he was one of the few who says things that can only be said through brings together almost one million inhabitants, to choose means to
architecture. Extending the principle to that formal self-determination exclude, but also to distance oneself from alibis and immobility.
that historical cities tend to spontaneously impose on their inhabitants, There are three areas that I have chosen to examine on this journey.
this therefore becomes one of the trying fortunes of Palermo: its buildings First of all, the old centre, which imposes on those who visit the need to
jostle against each other and continue to communicate. understand how to keep it alive, how to manage its continuous turmoil,
They express a sense of explosion, of disruptiveness, allowing us, having the losses and wear.
been called upon to construct or rather add, to have a residual space Palermo, as Gabriele Basilico wrote, like many Italian cities, contains
in which to seek out the energy with which to try and communicate: the well-being and the sickness which comes with the tormenting
a dialogue of emergence, which nowadays is focused on incoherence, beauty of the past, as with the complex intermingling of history and
dysfunction and above all on the interrupted dialogue between public contemporaneity which can be found not only in the recent history
and private space. of Italy, but throughout Europe (excerpt from Gabriele Basilico,
Beauty and unresolved situations, here everything can be found in Palermo andata e ritorno, edited by Elisa Fulco, Edizioni di Passaggio,
abundance. Distinguish, select, remove, to then make a clear decision Bagheria (PA), 2007.
on which priority to apply to the challenges: this is the rst step, On arriving in Piazza Marina, go a little further on. There, in Piazza
the rst mark. Santo Spirito, an example of how the choice was made in the past to
domus 1016 Settembre / September 2017 FEEDBACK 109

Opposite page. Top: the project to residence and services in the ex-
connect the Foro Italico and the Arts conservatory of the SS. Nunziata in
Pavilion, by Pasquale Culotta and Piazza Casa Professa, completed in 2009.
Giuseppe Leone, with Aldo Li Bianchi and From left: remains of the chapel annexed
Giovanni Sarta, 1988. Centre: aerial view to the restored complex; the internal
of the sea-front of the old city centre. courtyard of the residence with the
Photo by Giuseppe Cappellani. From the dome of the church of Ges (or church
book Palermo 1991. Nove approdi per of Casa Professa). Page 110: in the
lEsposizione Nazionale, 1988. foreground, the residential building; in
This page and page 110: Pasquale the background, the building housing the
Culotta and Tilde Marra, university entrance hall and the communal spaces

reconstruct and add, how intervention through empathic dialogue was make up the entire complex, revealing and, at times unveiling, visions
interpreted. Examining the theme of modernity, of contemporary design and relationships between the parts. Thus, we understand the important
called upon to recompose the form of a building where a reproduction value that urban space when well-conceived can provide to human
of the past should not be the only option, BBPR expressed the concept life, creating places which transmit strong feelings of empathy.
of contemporary proximity. That which one can sense today is an Lastly, but no less strategic, the theme of landscape.
undeniable form of harmony, an extremely high level of attention for Nowadays in Palermo, there is a need to orient peoples perspectives
materials and detail which draws attention and takes into consideration towards the sea, which Palermo has, but which very few see. This was
that which exists and which communicates. A project from the 1970s, achieved, with great energy and deliberation, by Pasquale Culotta and
in which the empathic dialogue now seems to us to be, above all, that Bibi Leone in the mid-1980s, taking on the redenition of the areas of the
between client, designer and administration, led to completion while in Foro Italico: a veritable redesigning of the form of the sea-front.
many other parts of the city the focus was on other languages and, above It should be remembered that their project formed part of an initiative
all, other methods. in 1988, led by Culotta, with regards to a programme which was to carry
Walking through the streets of Palermos old city centre, the thought Palermo forward to 1991, the centenary of the National Exposition of
that comes to mind is that contemporaneity should identify through 1891, held in the Sicilian capital.
the experience of the ancient city, the strategies and attitudes, and a On that occasion, Italian and foreign architects were involved in the
certain sensitivity for the requirements of places, necessary to formulate creation of nine projects, located in as many focus points set along
new modications which are just as signicant and balanced with the the citys coastline. The objective was to create, through a single but
delicacy and the design culture of the times. articulated design, an urban system of communication between the coast,
Spaces for dialogue for the new city were also found by Gregotti and the city and the Conca dOro hill.
Pollini by designing and constructing, a detail which is by no means There however the dialogue was interrupted, and now?
pleonastic the Science Department in the Parco dOrlans in the 1970s. [...] The hell of the living is not something that will be. If there is one,
The design constructed that particular space as a well-considered and it is what is already here, the hell we live in every day, that we make by
integrated system of volumes, plazas, terraces and presences dened in a being together. There are two ways to escape suffering it. The rst is
harmonious relationship between served and functional spaces, a system easy for many: accept the hell, and become such a part of it that you can
of relationships. In that fragment of the University campus, Gregotti and no longer see it. The second is risky and demands constant vigilance and
Pollini offer a meaningful example of how the city of modernity should apprehension: seek and learn to recognize who and what, in the midst
behave in growing and conforming to the places and needs of mankind. of hell, are not hell, then make them endure, give them space (Italo
On moving through the system of terraced plazas, observing the city and Calvino, Hidden cities, in Italo Calvino, Invisible Cities, 1993).
the surrounding mountainous landscape, we traverse the buildings which Feed forward.
110 FEEDBACK domus 1016 Settembre / September 2017
domus 1016 Settembre / September 2017 ELZEVIRO 111

Le mura di Sanaa
Quello che mi stava pi a cuore,
in questi viaggi, era proprio il
tipo di citt, la configurazione
urbanistica, le strade, i cancelletti,
i muriccioli, le piccole casette sorte
a difesa dei campicelli di viti,
abitate normalmente dalla
povera gente...
ier Paolo Pasolini

The Walls of Sanaa


What I cared most about on
these trips was just the kind
of city, the layout of the city,
the roads, gates, low walls, the
little houses built in defence
of small vineyards, normally
inhabited by poor people.
er Paolo Pasolini Pier Paolo Pasolini
ologna, 1922 Ostia, (Bologna, 1922 Ostia,
ma, 1975) stato uno Rome, 1975) was one of the
i maggiori intellettuali leading intellectuals of the
ELZEVIRO l Dopoguerra. Artista di postwar period. An artist
aordinaria sensibilit of outstanding sensibility
ersatilit, stato and versatility, he was
ta, scrittore, regista, poet, writer, lm director,
neggiatore, attore, screenwriter, actor,
oliere, drammaturgo songwriter, playwright and
iornalista. I suoi journalist. His writings are
itti sono stati raccolti collected thematically in
aticamente nella the series of I Meridiani
ana I Meridiani di di Arnoldo Mondadori
oldo Mondadori Editore. The major lms
ore. Tra i lm pi he made as director
ortanti che ha include Accattone (1961),
tto, Accattone (1961), Uccellacci e Uccellini
ellacci e Uccellini (1965) and Medea (1970).
5) e Medea (1970).
112 ELZEVIRO domus 1016 Settembre / September 2017

on sono capace di esprimermi a livelli vergognandomi, che i Persiani debbano seguitare a


ufciali, quindi vi parler direttamente vivere in case vecchie, senza riscaldamento, senza una
di mie esperienze private e personali con ventilazione moderna e tutte le relative comodit. Sarebbe
tutte le angosce, i dispiaceri, le delusioni assurdo. Per tra questo e distruggere completamente, ci
e illusioni che comportano. Siamo qui in sar pure una via di mezzo. In Persia, chi al potere non
realt per vedere un documentarietto dovrebbe demagogicamente dire al popolo: s, vi diamo
che ho fatto grazie ad un surplus di qualcosa di moderno e buttiamo via le cose vecchie.
vitalit, di energia. Mi trovavo a Sanaa per un impegno Dovrebbe rendersi conto che Yazd un bene culturale
di lavoro ben preciso, con dei produttori e unintera passibile di diventare anche bene economico. E lo stesso
troupe, eppure ho trovato la forza, in un giorno di festa, di discorso vale per lo Yemen del Nord e del Sud, dove le
prendere la macchina da presa in mano e andare a girare ragioni per cui lantico mondo va in sfacelo sono un po
questo piccolo documentario molto cos... un po tirato diverse. Nello Yemen del Nord vi ancora uninstabilit
via stilisticamente, fatto proprio per pura passione. Di politica che non consente provvedimenti drastici e non si
che passione si tratta? Mah... di un desiderio diventato pone quindi, con chiarezza e precisione, il problema della
addirittura quasi patologico, tante sono state le delusioni salvaguardia, non dico dei monumenti che in qualche
che mi hanno esacerbato in questo periodo. Il desiderio modo verranno preservati, ma del prolo dinsieme di
di conservare certe forme della vita del passato. E non una realt urbanistica assolutamente originale, unica al
tanto che io mi riferisca ai monumenti, alle moschee, mondo. Mentre nello Yemen del Sud, cio Aden parlo
ai grandi palazzi, alle porte, no. Quello che mi stava senza peli sulla lingua a proposito di qualsiasi paese la
pi a cuore, in questi viaggi, era proprio il tipo di citt, situazione invece diversa.
la congurazione urbanistica, le strade, i cancelletti, i Qui lo spirito rivoluzionario che si fa distruttore. Per
muriccioli, le piccole casette sorte a difesa dei campicelli esempio, Mukalla una citt sul mare in parte ricostruita
di viti, abitate normalmente dalla povera gente... ecco, il cui disegno ancora perfetto: case come piccoli grattacieli
questo mi interessava. E tutto ci, in un disegno che stretti, alti e slanciati, ornati in maniera stupenda.
va scomparendo dalla faccia della terra, che in Italia Mukalla aveva una bellissima porta che dava verso
scomparso quasi completamente eccettuato in certi lentroterra e quando sono arrivato non cera pi perch
paeselli sui picchi degli Appennini o sui monti. [...] poche settimane prima lavevano fatta saltare con la
Ho girato, per Le Mille e una notte in quattro paesi: lo dinamite per far passare qualche autocarro in pi, diretto
Yemen del Sud, lo Yemen del Nord, la Persia e il Nepal. al porto. Ero sconvolto. Poi sono andato nellHadramaut, un
E in tutti questi paesi vivevo appunto in uno stato di lungo viaggio in land-rover di otto, nove ore attraverso il
angoscia vera e propria, perch questo mondo di cui vi sto deserto e l ho trovato un mondo veramente straordinario,
parlando, la congurazione urbanistica, il rapporto della rimasto intatto come due o tremila anni fa. Seyun e Shibam
citt con lambiente naturale circostante e cos via... si sta sono cittadine completamente intatte. Bene, come arrivo
dileguando, vanicando, sta per essere distrutto ovunque a Shibam, un insieme di strani grattacieli ammassati al
e per varie ragioni: nel Nepal e in Persia per una specie di centro di una oasi, mi perdo nella contemplazione della
snobismo occidentalizzante. porta, piuttosto straordinaria, non bellissima, ma molto,
Per esempio nella stupenda citt di Esfahn molto strana. Mentre la guardavo mi si avvicina uno dei
comple