Sei sulla pagina 1di 48

PROPOSTA educativa

PROPOSTA
EDUCATIVA

zialit
Anno XXIX - n. 1
13 gennaio 2003 - Settimanale
Spedizione periodico in abbona-
mento postale legge 662/96 art. 2
comma 20/c - Poste Italiane
DCO/DC - BO
essen
PROPOSTA educativa
Sommario
EDITORIALE Con il sorriso Stefano Costa 
ESSENZIALIT Beati voi Padre Stefano Roze 
Viaggiare leggeri nel mondo Graziella Landi 
Radicali in politica? Mario Moioli 
 oggetti Paola Incerti 
Ipocrisia piccolo borghese? No grazie! Gigi Ontanetti

Incisivit e qualit Francesco Silipo

Parole parole parole & documenti Elena Bonfigli

Di che parliamo? Mattia Cecchini

Progettare lessenzialit Paolo Martari Eddy Bellesini

Seppur con fatica Sergio Bottiglioni

Duri e puri fino a che punto? Paolo Natali

Problemi e spunti La redazione di PE

Ridiamoci su Sergio Bottiglioni Mattia Cecchini 

Hanno detto Paolo Natali 


Essenzialit in branca L/C L Lamma F Chiulli fra L Pastorello 
Essenzialit in branca E/G Mauro Bonomini 
Essenzialit in branca R/S Laura Galimberti Mimmo De Rosa 
Essenzialit e protezione civile Arturo Lagan 

INTERNAZIONALE Mangia con la testa combatti la fame! Pirani Canavesi Rappazzo Cavarocchi Silvi Boschin 
Campi in Africa Andrea Biglietti 

BRANCA E/G Appunti sparsi sul sentiero E/G Cesare Perotta 

BRANCA R/S Comunit aperta Francesco M Giuli Betty Fraracci 

R COSA FACCIAMO Il programma dellAgesci   Grazia Bellini Lino Lacagnina 


U
B RECENSIONI 
R UNO SGUARDO FUORI Rapporto Unicef   
I
C LAICI NELLA CHIESA Il Concilio Vaticano II 
H POSTA 
E
PIANO REDAZIONALE 2003 

Comunicazioni articoli foto disegni e materiali vanno In redazione: Sergio Bottiglioni Mattia Cecchini Federica
inviati a: Redazione SCOUT PROPOSTA EDUCATIVA Fasciolo Elisabetta Fraracci Paola Incerti Graziella Landi
c/o Agesci via Rainaldi  
Bologna Maria Manaresi Paolo Martari Mario Moioli Paolo Natali
Francesco Silipo Marco Zampese
Indirizzo e mail: pe@agesciit

Capo redattore: Stefano Costa Grafica: Giovanna Mathis e Gigi Marchitelli

2 P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
E d i t o r i a l e

Con il sorr iso


A
Attraverso lamore per laltissima povert,
luomo di Dio divenne cos florido
e ricco di santa semplicit che,
pur non avendo assolutamente nulla di proprio
tra le cose del mondo,
sembrava il possessore di tutti i beni

Vita breve di San Francesco, 1260


S.Bonaventura da Bagnoreggio

Essenzialit un modo di essere tipico dello scout, uno stile Stefano Costa
che passa da tantissime delle nostre attivit; essenzialit
anche uno stile tipicamente evangelico presentatoci nel
discorso delle Beatitudini ed incarnato dalla vita di tanti cri-
stiani di ogni epoca, di cui San Francesco appare il rappre-
sentante pi tipico.

Essenziale ci che costituisce lessenza intima di una cosa, sulla purezza dello stile e sulle piccole incoerenze che a
ci che indispensabile, necessario, ridotto alla massima volte snaturano la vera ricerca di ci che essenziale.
semplicit, conciso e sintetico.
In questo ci siamo anche divertiti convinti che questo atteg-
Spesso pensando alle scelte che nella nostra vita possono giamento sia essenziale per affrontare un tema che altrimen-
portare ad uno stile essenziale avvertiamo un senso di peso, ti risulta troppo teorico e inavvicinabile.
inadeguatezza, fatica ed possibile che questo ricada negati-
vamente sulla proposte che facciamo ai nostri bambini ed ai
nostri ragazzi.
Sul retro della copertina
Per questo abbiamo voluto in questo numero sviluppare trovate i nuovi temi
innanzitutto gli aspetti che stanno alla base delle motivazioni
e degli atteggiamenti sullessenzialit, partendo dalla radica- per tutto il 2003, una
lit del Vangelo e dalle conseguenze sociali e politiche che
derivano dallo stile proposto a tutti i cristiani.
breve descrizione del Piano
Redazionale e una nuova
Abbiamo quindi approfondito il concetto di essenzialit scout
in generale e di come alcune attivit ed esperienze di quali- modalit di coinvolgimento
t portino ad una maggiore incisivit della nostra proposta;
infine abbiamo chiesto agli Incaricati Nazionali delle tre
dei lettori sul tema
branche di riassumerci gli strumenti pi tipici di ogni fascia dei numeri successivi
di et per educare allessenzialit con il nostro metodo.
per cui vi invitiamo
Un attenzione fondamentale affrontare questo tema col sor- a leggere e a partecipare
riso, serenamente, convinti che porta davvero alla felicit;
per questo abbiamo voluto ironizzare sulle mille discussioni

P r o p o s t a
P r o p o s t a
E d u c a t i v a
E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
1 / 2 0 0 3 3
E s s e n z i a l i t
E s s e n z i a l i t

Beati voi...
Essenzialit evangelica
Padre Stefano Roze

Q
Abbazia di SantAntimo
Quando passano dei R/S al Centro Scout SantAntimo, mi capita provocarli,
chiedendo: Sei felice?. La risposta non sempre evidente! Invece sentiamo
tutti dentro di noi la nostalgia di felicit. Chi non vuol essere felice? Nessuno!

Di fronte alla felicit, in un certo modo, non siamo liberi. Siamo capi! A noi affidato il mandato di essere modelli di
La necessit della felicit spinge tutti a cercare, chi una felicit per i ragazzi che ci guardano. Voi siete la luce del
strada, chi unaltra strada. Alcuni la troveranno nella gioia mondo Cos risplenda la vostra luce davanti agli uomini
del dono, nellaccoglienza della vita, altri invece pense- (ai nostri ragazzi), perch vedano le vostre opere buone e
ranno trovarla nel divertimento, nel potere, nel lavoro, nella rendano gloria al vostro Padre che nei Cieli (Mt. 5, 13-
lussuria, nel denaro,fino al suicidio per scappare alla 16). Fantastica responsabilit che consiste nel guidare i
dura realt della vita. nostri piccoli o grandi verso la felicit. Ma non uno scher-

4 P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
E s s e n z i a l i t
E s s e n z i a l i t

zo! Forse occorre, prima di scendere nel mondo dei


ragazzi, metterci alla scuola di maestri di felicit.

Vedendo le folle, Ges sal sulla montagna e messosi a


sedere, gli si avvicinarono i suoi discepoli. Prendendo allora
la parola, li ammaestrava dicendo: BEATI!. la prima
parola che esce dalla bocca di Ges allinizio del suo mini-
stero pubblico. Fermiamoci, il tempo di questarticolo, per
riascoltare Ges che ci indica la strada della vera felicit.
Prima di ritrovare i nostri ragazzi, verifichiamoci se viviamo
il nostro servizio educativo nello spirito delle Beatitudini.

Beati i poveri in spirito perch di essi il regno dei


cieli. Se riducessi la mia povert a un solo problema eco-
nomico, rischierei di mutilare il messaggio evangelico. La
povert insegnata da Ges consiste non tanto nellAVERE
poco, quanto nellESSERE poco! Anche se avessi niente o
quasi, ma fossi pieno dorgoglio, questa beatitudine non
sarebbe per me. San Paolo lo conferma con le sue parole:
Non fate nulla per spirito di rivalit e per vanagloria, ma
ciascuno di voi, con tutta umilt, consideri gli altri supe-
riori a se stesso, senza cercare il proprio interesse.
(Filippesi 2, 3-4). Lessenzialit scout vissuta durante il
Campo estivo scomoda, ma un dono inestimabile che ci
impedisce di addormentarci nel benessere per rimanere
poveri in spirito, al servizio dei nostri ragazzi.

Beati gli afflitti perch saranno consolati. Chi afflitto


se non chi povero? Solo il povero vulnerabile. Non ha
difesa e soffre. Davanti alla sofferenza, il rischio di chiu-
dersi dentro di noi, con il pericolo di bestemmiare. Invece
la risposta alla sofferenza, la troviamo nellesempio di Cristo Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia perch
sulla croce. Ci invita a mettersi in stato d offerta a Dio saranno saziati. Vedere il pi piccolo calpestato sviluppa
affinch lo Spirito Santo, che trasforma tutto quello che un sentimento di rabbia! E questo buon segno perch lin-
tocca, possa cambiare la nostra afflizione in sacrificio gradito differenza da parte nostra sarebbe la prova che la sorte dei
a Dio: Vi esorto per la misericordia di Dio ad offrire i poveri non ci interressa pi! Davanti a tali situazioni non
vostri corpi come sacrificio vivente, santo e gradito a dio; c altra risposta che la violenza. Ma la violenza dei miti:
questo il vostro culto spirituale (Romani 12, 1). Chi ha vis- Dai giorni di Giovanni Battista fino ad ora, il regno dei
suto questa afflizione avr degli occhi nuovi per vedere Cieli soffre violenza e i violenti se ne impadroniscono
meglio lafflizione dei nostra cari ragazzi e consolarli. (Mt. 11, 12). Educare significa avere la passione del picco-
lo, del ferito, del giovane e questo non possibile senza
Beati i miti perch erediteranno la terra. Mite, non signi- una una sete di giustizia.
fica molle, ma forte e dolce. una qualit difficile perch
spesso rischiamo di cadere negli opposti: durezza o vigliac- Beati i misericordiosi perch troveranno misericordia.
cheria. Pi che mai, essere capo di ragazzi un invito ad C un brano evangelico che mi ha sempre molto impres-
essere mite. Ora per imparare a diventarlo, bisogna conosce- sionato. Lo lascio alla vostra meditazione: ero forestie-
re lafflizione (2 Beatitudine). Lo dice Ges chiaramente. ro e mi avete ospitato, nudo e mi avete vestitoQuando
Venite a me voi tutti che siete affaticati e oppressi, e io vi Signore? Ogni volta che avete fate queste cose a uno solo
ristorer. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da di questi miei fratelli pi piccoli. (Mt. 25, 31-46). Signore
me che sono mite e umile di cuore (Mt. 11, 28-29) dammi gli occhi per vedere e il cuore per amare il giovane

P r o p o s t a
P r o p o s t a
E d u c a t i v a
E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
1 / 2 0 0 3 5
E s s e n z i a l i t
E s s e n z i a l i t

che hai messo sul sentiero della mia vita e la forza di ser- Padre mio che nei Cieli (Mt.18,10). Sar il contatto con
virlo con costanza, come se fossi tu! la natura, durante le nostre uscite, che ci permetter di puli-
re i nostri cuori e scoprire la presenza di Dio nella purezza
Beati i puri di cuore perch vedranno Dio. Quante volte del creato.
siamo rimasti stupiti dalla bellezza dello sguardo di un
bambino! Occhi limpidi, cuore semplice, pronto a seguire il Beati gli operatori di pace perch saranno chiamati figli
nostro esempio. Invece quante volte siamo rimasti addolo- di Dio. Scegliere di diventare operatori di pace costa
rati di esserci sporcati a contatto con la sozzura del mondo. tanta fatica. la fatica della sentinella che deve stare ritta
Il Signore ci guarda di essere occasione di scandalo: giorno e notte per gridare e difendere dallingiustizia:
Guardatevi dal disprezzare uno di questi piccoli perch vi La sentinella ha gridato: al posto di osservazione, Signore
dico che i loro angeli nel cielo vedono sempre la faccia del io sto sempre, tutto il giorno, e nel mio osservatorio sto in
piedi, tutta la notte (Isaia 21,8).

Beati i perseguitati per causa della giustizia, perch di


essi il regno dei Cieli. Essere capo e servire gratuita-
mente diventa spesso segno di contraddizione. Tante
prese in giro, tante critiche anche dai vicini! Tutto que-
sto non persecuzione? Allora necessaria tutta la
forza del sacramento della Cresima per non mollare e
tenere fissa la direzione della generosit che far crescere
i nostri ragazzi.

Questa la proposta che ci fa Ges sulla montagna: Siete


beati!!. Questa la nostra Speranza in mezzo a tutti i pro-
blemi che un capo incontra nella sua vita quotidiana. Ma
come non sentire una grande emozione, scoprendo che il
messaggio di Cristo trova uneco in quello che ci ha lasciati
B.-P. Riascoltiamolo: Credo che il Signore ci ha messo in
questo mondo meraviglioso per essere felici e godere la vita.
Il vero modo per essere felici quello di procurare la felicit
agli altri Ho avuto una vita assai felice e desidero che cia-
scuno di voi abbia anchegli una vita altrettanto felice
Con il nostro servizio di capi abbiamo scelto una strada esi-
gente, ma una strada dove non siamo soli e soprattutto la
strada della felicit! Chi ci separer di questa felicit trovata
alla fine di un Campo o di una Route: la fatica? lo sporco
che abbiamo addosso? I sacrifici organizzativi o familia-
ri?Questa felicit non ha prezzo: luce! gioia! pace!

Scendiamo adesso dal monte delle Beatitudini per entrare


nel mondo dei ragazzi e portare la felicit nel cuore di uno,
due, tre bambini o pi che ci aspettano, e che non potranno
mai essere uomini/donne senza di noi, perch Dio ha voluto
metterli sul sentiero della nostra vita affinch ne diventiamo
responsabili. Non si tratta di fare grandi discorsi, si tratta di
verificarsi e migliorare per fiorire l dove il Signore ci ha
seminati. Su questa strada non siamo soli. Ges con noi
come amico fedele, sperando sentire anche noi, un giorno:
Beato quel servo che il padrone al suo ritorno trover ad
agire cos (Mt. 24, 46).

6 P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
E s s e n z i a l i t
E s s e n z i a l i t

I I cristiani non si distinguo-


no dagli altri uomini n per
territorio, n per lingua, n
per modo di vestire... si con-
formano agli usi locali...
pur manifestando un tipo di
condotta meravigliosa e a
detta di tutti paradossale...
sono nella carne, ma non

Graziella Landi
vivono secondo la carne.
Lettera a Diogneto

Viaggiare le gger i Non procuratevi oro, n


argento n bisaccia da

nel mondo
Questa per citare una delle molteplici esortazioni di Ges ai
viaggio,n due tuniche.
Mt.10,9-10
Tante volte le critiche che ci muovono gli atei sono legittime:
discepoli sulla radicalit della scelta che ognuno fa o deve anche tra loro ci sono persone che amano il prossimo come
fare per seguirLo. Spesso la difficolt a scegliere in maniera loro stessi. Anche tra loro ci sono persone che hanno fatto
radicale oggetto di discussioni pi o meno sensate, pi o scelte radicali, pensiamo a qualche rivoluzionario famoso (la
meno banali. Una volta cerano tanti preti. Eh, s ma oggi storia ce ne indica tanti!), ma non importante chi sia il pi
i giovani non vogliono fare sacrifici.. Anatemi simili si sen- bravo o il meno bravo. Contano la testimonianza e la coeren-
tono ovunque! Eppure lo stesso Ges che predicava tra perso- za, lumilt e la semplicit. E poi la centralit dellaltro:
ne semplici (forse non possedevano nemmeno la seconda chiunque ho davanti, mi interessa. Sono responsabile del suo
tunica!), aveva da fare un bel lavoro di persuasione! stato, devo impegnarmi per il suo miglioramento. La sua vita
Figuriamoci noi, comuni mortali che viviamo in una parte del ed il suo riscatto sociale contano quanto la mia vita, la mia
mondo che naviga nel superfluo! Eppure c qualcosa che in formazione, il mio benessere. Se vero che oggi difficile
un ambiente di lavoro, ad esempio, distingue il cristiano. Sar fare o veder fare scelte radicali, vero anche che il bene non
il disprezzo per il guadagno facile, sar lapproccio relaziona- fa notizia. Quanti di noi apprendono - dai quotidiani in edico-
le con i colleghi, sar il distacco dalle cose superflue Chi la - di professionisti impegnati in zone di guerra o di povert?
parte con un bagaglio leggero pu correre pi veloce e pi E di giovani che trascorrono le vacanze in campi di lavoro in
lontano. Il saper vivere con poco conferisce coraggio. Africa o in Slovenia? Chiss quanto ancora opportuno che
Coraggio a lasciar tutto, sapendo di poter ricominciare. radicalit coincida con silenzio. E se la gioia di partire leg-
Non essere schiavi della ricchezza, dellaccumulo, rende libe- geri fosse diffusa a voce alta? Scommetto che susciterebbe
ri. Questo per non coincide con lincoscienza, ma con la interesse e voglia di fare.
consapevolezza che ci che si ha un dono Pensiamo ai Certo il risultato potrebbe rivelarsi scomodo per lattuale
talenti: non vanno sotterrati. Il senso della produttivit modo di fare notizia e fare politica. Abbiamo paura pi di
riguarda anche il come si spende la propria vita. Questo questo o del mondo che stiamo preparando ai nostri figli?
non significa che solo i cristiani sono dei buoni colleghi, dei Laugurio che il loro giudizio sulle nostre scelte di oggi
buoni benefattori, tanto meno dei bravi padri di famiglia. non ci faccia mai arrossire!

P r o p o s t a
P r o p o s t a
E d u c a t i v a
E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
1 / 2 0 0 3 7
E s s e n z i a l i t
E s s e n z i a l i t

Radicali in politica?
Mario Moioli

F Fare politica una dei concetti dal contenuto pi insidioso che si conosca.
Tanti cervelli si sono scervellati, tante menti fini si sono consumate nel
tentativo di svelarne il senso. Non cosa semplice.

C di mezzo la Storia, gli uomini e le donne che lhanno


fatta, le strutture ed i politici che abbiamo eletto e non, le
scelte di campo e i valori che vi sono sottointesi, le culture,
Anche noi ci siamo chiesti e ci chiediamo cosa voglia dire
fare politica, e questa domanda ancora parzialmente
aperta, perch il contesto nel quale trovare risposta in evo-
le ideologie, leducazione, linformazione con tutti i loro bei luzione, quindi gli strumenti e le strategie sono da cambiare
contorni. Perch tanta riflessione? Forse perch capirci qual- o affinare di continuo. A tal proposito in Associazione ci si
cosa necessit di molti, dopo lo sconquasso del quadro chiede spesso se ci dobbiamo schierare politicamente oppure
politico italiano degli anni novanta e laffermarsi di nuove no, con tante definizioni e sfumature a chiarimento. Ma di
forme di socialit, espressione e partecipazione civile. E tra cosa dobbiamo gi ora essere certi? certo che il nostro
questi ci siamo anche noi, che siamo stati e siamo tra gli ani- fare politica sia educare e proporre i nostri valori e il
matori di questo nuovo scenario e che abbiamo nel nostro nostro stile, il desiderio di contribuire a lasciare un
d.n.a. costitutivo la scelta politica del Patto Associativo. mondo migliore di quello trovato. il nostro modo di
essere radicali, ovvero di servire con idee chiare, grandi
motivazioni e spinte interiori, con gratuit e sobriet, in ade-
sione fedele ai contenuti del Patto associativo. Ma, anche, di
guardare alle cose di tutti con attenzione e responsabilit,
con la capacit di accogliere, ascoltare, di porre dubbi e di
criticare, di suggerire percorsi differenti e di essere presidio
ai valori condivisi e fondanti della nostra democrazia.
Daltra parte B.-P. ci ha invitati ad essere sempre pronti, e
non credo parlasse solo di equipaggiamento in caso di piog-
gia Questo atteggiamento vigile lo spirito cristiano delle
sentinelle del mattino, che ci utile per darci capacit di
discernimento, spessore e sensibilit indispensabili per com-
prendere il valore e le conseguenze di tutte le scelte. Il
Cardinale Carlo Maria Martini1, si esprime addirittura in ter-
mini di etica del discernimento: chi attende il Signore si
sa chiamato a vivere responsabilmente ogni atto alla presen-
za del suo Dio e comprende il valore supremo di ogni scelta
morale sta nello sforzo di piacere a Dio e di santificare il
suo nome compiendo la sua volont. Alletica del discerni-
mento si accompagna pertanto unetica della responsabilit
che: mentalit prima ancora che una serie di compor-
tamenti concreti; un atteggiamento di responsabilit e di
attenzione per la cosa pubblica. Lassunzione di responsa-
bilit sia dunque non solo strumento formativo della perso-
nalit e del carattere, mezzo deducazione alla politica, ma
anche fondamento del nostro fare politica. Radicale.

1 C.M.Martini, Sto alla porta, Lettera per il biennio pastorale 1992-1994,


Centro Ambrosiano, Milano, 1992

8 P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
236 oggetti
Liberi di possedere poche cose e molto tempo

U
Un uomo ricco in proporzione alle cose di cui riesce a fare a meno
Henry David Thoreau

Thoreau uno scrittore americano vissuto nel 1800. Dopo


aver trascorso due anni in completa solitudine in una casetta
costruita da lui medesimo sul lago Walden, scrisse Walden o
la vita nei boschi (1854) da cui traspare un profondo amore
Paola Incerti

I maestri di saggezza orientale ed occidentale sono sostan-


zialmente daccordo nel suggerire di condurre una vita ispi-
rata al principio della semplicit, di quella che noi chiamia-
mo essenzialit. La via che conduce alla felicit difficilmente
per la vita a contatto con la natura, dalla quale riscopre i infatti passa per laccumulo di ricchezza. Quanto essi sugge-
principi fondamentali delleconomia privata e sociale. riscono non lelogio della privazione, ma piuttosto della
Non vivo in un capanno ai margini di un lago, abito in una semplicit come arte del vivere bene. Un eccesso di cose
casa confortevole, ma non possiedo un armadio guardaroba intasa la vita quotidiana, disperde lattenzione, sperpera le
del cosiddetto modello quattro stagioni. Ripongo i miei abiti energie e non permette di trovare il senso della vita. Il girare
in un armadio che lo stesso di quando avevo otto anni, ero a vuoto e lessere sommersi da oggetti inutili sono i nemici
decisamente pi piccola e possedevo senzaltro meno cose. della felicit.
Tutti gli anni per me una specie di incubo il famigerato Che cosa ci fa autenticamente uomini e donne? La nostra
cambio di stagione, vale a dire riporre maglioni e gonne capacit di scegliere, di immaginare, di amare, di stabilire
pesanti, giacche a vento e calzoni di panno per far posto a delle priorit, di decidere cosa bene e cosa viceversa
magliette mezza manica, camicette di cotone e tutti quegli male. Lessere in grado di distinguere tra ci che realmente
altri indumenti che rendono pi sopportabile il caldo afoso serve ad ognuno e quello che invece un bisogno imposto
dellEmilia. Ogni anno mi viene in mente questa pagina. dalla societ in cui viviamo, dalla pubblicit, da altri che pre-
Oltre un certo numero gli oggetti diventano ladri di tempo. tendono di decidere anche per noi, dalla nostra paura di non
In una cultura come quella dei Navajos, in cui erano noti essere adeguati, accettati, accolti per quel che siamo. la
solo 236 oggetti, il tempo era abbondante, ma in una societ capacit di prendere sul serio le esigenze dello spirito, del-
come la nostra, nella quale ogni casa dispone in media di lintelletto, dellaffetto.
10.000 oggetti per forza domina la scarsit di tempo. I beni, Allora la semplicit, lessenzialit hanno a che fare con la
grandi e piccoli, devono essere scelti, acquistati, collocati, nostra dignit di uomini e di donne, con lessere padroni dei
utilizzati, conosciuti, riordinati, spolverati, riposti, smaltiti; propri desideri, con laccettare la sfida di essere protagonisti
anche gli oggetti pi belli e preziosi corrodono inevitabil- del proprio crescere e del proprio tempo. Uomini e donne
mente la pi preziosa delle risorse: il tempo. che guardano alle cose con distacco perch hanno trovato le
Futuro sostenibile, EMI, Bologna, 1997. ragioni del proprio esistere.

P r o p o s t a
P r o p o s t a
E d u c a t i v a
E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
1 / 2 0 0 3 9
E s s e n z i a l i t
E s s e n z i a l i t

Spesso, corriamo
il rischio di sentirci
in colpa perch
mangiamo tutti
i giorni quando
in troppi muoiono
di fame dicendo a noi
stessi che DOBBIAMO
essere pi essenziali.
Ipocrisia piccolo Spesso, rischiamo
di cadere in
borghese? atteggiamenti che
con la scelta
NO grazie! dellessenzialit,
niente hanno
Gigi Ontanetti
Incaricato nazionale PNS a che fare.
10 P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
E s s e n z i a l i t
E s s e n z i a l i t

vero che i nostri frigoriferi, i nostri armadi e le brutta) essere essenziale, questo dovere che mi
scarpiere, sono troppo pieni e che siamo dei consu- porta a proibire il vino ai campi... proviamo a
misti che vivono a scapito dei poveri, vero che ribaltare la storia, diamo pi importanza alla-
sprechiamo energia e acqua. nima o a quel buono che dentro di noi,
vero che se potessimo consumeremmo piano piano allora, faremo esperienza che
tutto, anche i colori e gli odori della natura. far danzare lanima vale molto di pi che
Spesso, consumiamo anche lamore che sentirsi in colpa per il nostro mangiare
altri ci donano e se potessimo, consume- tutti i giorni.
remmo anche il cuore del Creato. Piano piano, scopriremo che la fedelt al
Spesso, corriamo il rischio di consumare giusto e al buono, accompagnata a una
anche le relazioni amicali, affettive e buona dose di autoironia, ci aiuter a
sessuali, come se per sentirsi vivi, sem- superare le tante paure che ci spingono
bri irrinunciabile il dover mangiare a mangiare e a consumare tutto.
sempre.
Non c festa senza una tavola ben Spesso corriamo il rischio di proporre
imbandita e senza musica ad alto volume, lavventura dello scautismo come un
non c festa se non siamo in tanti, non dovere: dobbiamo fare strada, dobbiamo
c festa se non si balla e le risate non fare comunit, dobbiamo fare servizio
devono mancare. voi c.sq. dovete, che scatole questo
dobbiamo fare i regali a Natale e chi pi ne ha, pi ne dovere! Propongo di abolire questa parola dal vocabola-
metta rio scout!
Spesso corriamo il rischio di preconfezionare tutto per paura
Ma come mai la guida e lo scout sorridono e cantano che i ragazzi non facendo mangiare ai nostri scout cose
anche nelle difficolt? buone o comunque non sgradevoli, additando quelli che di
Non certo perch siamo mentecatti o fuori dalla storia... e quel mangiare non ne vogliono sapere, negando a noi e a
B.-P. non certo uno fuori di testa! loro la possibilit di conoscere quella parte immortale di noi
Ho sempre pensato e ne sono convinto, che con questo arti- stessi, lunica capace di rendere questo mondo migliore.
colo della legge, ognuno di noi adulti, chiamato a svilup-
pare in modo forte la capacit dellautoironia... Quello che ho sperimentato in questi anni che lessenziali-
Il corpo e tutto ci che con il corpo facciamo e comunichia- t si raggiunge quando troviamo il coraggio di riconosce-
mo, laspetto esteriore, il costume con il quale rappresen- re il nostro limite dell essere umani, tutto ci che sem-
tiamo ci che siamo veramente dentro. un bene cos pre- brava indispensabile per una vita dignitosa, non lo pi,
zioso e unico, tanto che siamo chiamati a custodirlo al la parola dovere, non ha pi senso.
meglio perch propriet di tutti e tutto, ma non pu essere In questi lunghi anni ho imparato che lessenzialit non
il fine ultimo della nostra vita. frutto di rinunce doverose
Dentro di noi diventa cos quello che rende ogni essere ma la capacit di riuscire sempre pi, ad avere il corag-
umano collaboratore indispensabile di Dio. gio di vivere con LESSERE dando priorit al Grande
il dentro di noi lessenziale che rende possibile la sogno che in ognuno di noi.
lieta novella, che concretizza il satyaghra (fedelt al vero Ecco perch la guida e lo scout sorridono
e quindi al buono e al giusto; contatto con lEterno) che Ecco perch la guida e lo scout sono e non devono
rende possibile la forza dellamore. Ecco perch lo scautismo rivoluzionario nella nonviolenza.
Al centro delle nostre attenzioni c lessenza di ogni giova-
La formula del dovere per diventare essenziali non funzio- ne creatura, affinch assapori la libert dellessere e non del-
na perch il genere umano stato pensato libero. lavere.
Sta a noi scegliere la via non facile del viaggio che ci porta Lo scautismo un metodo e indica alcuni strumenti fonda-
sempre pi dentro alla nostra anima. un viaggio che non mentali nelle relazioni adulto-adolescente.
finisce mai, ma che ci da la possibilit di conoscerci sem-
pre meglio, tanto dal saper festeggiare il Natale anche con Buona caccia, buon volo e buona strada.
due uova sode e poco altro, tanto, da saper rendere la festa,
una vera festa... Non ha senso per me dovere (che parola Piccolo Uomo

P r o p o s t a
P r o p o s t a
E d u c a t i v a
E d u c a t i v a
1 / 2 0 0 3
1 / 2 0 0 3
11
E s s e n z i a l i t
E s s e n z i a l i t

Basta una tenda ed un fuoco acceso, per far vivere lAvventura.

Incisivit Per ancora pi importante il sogno che accompagna le-


sploratore e fa s che quel fuoco da campo riscaldi il suo
corpo, ma soprattutto il suo cuore.

e qualit Allora una tenda ed un fuoco acceso saranno sufficienti.


Anzi saranno essenziali perch avranno colpito al cuore.
Saranno essenziali se avranno portato con s esperienze
significative e profonde, di quelle cio che lasciano un segno
Se sono scarse le api... nel cuore, uno stimolo che una volta interiorizzato, fatto pro-
prio, diventa un ricordo attivo.
il sogno pu bastare Sono convinto che se ognuno ripensa al proprio cammino di
Francesco Silipo crescita, di bambino o ragazzo, ma anche attuale, di adulto,
Basta un trifoglio
E un ape potr vedere che le esperienze significative non sono neces-
A fare un prato sariamente quelle pi esplosive o sconvolgenti.
E il sogno Non parlo cio di situazioni eclatanti che ricordiamo semplice-
Il sogno mente; ma di esperienze che hanno provocato in noi un cambia-
Solo pu bastare mento, ci hanno fatto fare un passettino, pur piccolo, in avanti.
Se sono scarse le api. Spesso infatti, in ci che viviamo, cogliamo sfumature poste
(Emily Dickinson)

esperienze
Esper ienze L/C
L/C
Gli occhi fiammeggianti di Shere Khan una casa Facciamo che io ero un drago alimenta la Famiglia Felice: si vive la
quelli tondi e grandi della Civetta buono e tu il cavaliere cattivo io venivo fraternit si sente il calore il bene che
Tutto Mio Tutto Mio ripete la seconda; nel tuo castello e poi facevamo pace? si vogliono i fratellini e le sorelline i
Quel cucciolo mio sbraita il primo Lo stile nel vivere da Lupetti e Coccinelle Vecchi Lupi e le Coccinelle Anziane Il
Sono questi i racconti e le immagini che i bambini lo assimilano da quello che sentiero degli L/C sar pieno di grazie
risuonano i simboli di esperienze vere fanno e da quanto vedono da noi capi per le BA che avranno saputo offrire
che i bambini vivono ogni giorno Possiamo educare alla sobriet attraver La gratuit del Gioco che accoglie la
Esperienze di prepotenze invidie so le cerimonie della Promessa della con magia di far felici gli altri vero esem
Per gli L/C per non esiste mio segna dei distintivi: semplici senza troppi pio di essenzialit Colpisce il cuore di
tuo: il materiale i pennarelli di sesti simboli e troppe pomposit; giocando o chi la riceve ma anche il mio: sento di
glia la Tana sono l per tutti costruendo oggetti con materiali poveri; aver fatto una cosa che pur piccola
Scoprire i segreti delle cose: una scatola di frequentando spesso esperienze di vita importante Ed alla fine si scopre (ricor
cartone pu nascondere tanto pu esse allaperto alla scoperta della natura da fratellino che Bagheera ti ha voluto
re lo scrigno che contiene un grande teso Alle Vacanze di Branco e di Cerchio in bene) che le cose belle non sono quelle
ro pu diventare una nave da battaglia o otto giorni vissuti insieme cresce e si per cui gridano la Tigre e la Civetta

12 P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
E s s e n z i a l i t
E s s e n z i a l i t

in secondo piano, nascoste, in un primo momento invisibili. della paura di non essere in grado di farcela. un po come
Un trifoglio, unape ed un po di sogno possono lasciare il dire: questo sono io, eccomi! un modo di intendere lessen-
segno, essere essenziali. zialit non legato alle cose, al possesso, alla rinuncia, alla
Questo tipo di essenzialit permette di riscoprire continuamente se povert, alla ricchezza, allutile o al superfluo.
stessi, i propri tratti, le proprie qualit. In sintesi, voglio dire che si essenziali se si mira al cuore.
Mi riferisco a noi stessi, come persone; ma anche a ciascuno di Gi, il cuore; quello dei ragazzi dovrebbe essere lobiettivo
noi come Capo che utilizza ogni giorno gli strumenti del metodo. di ciascun capo. Nel cuore si costruiscono le relazioni con gli
Essere incisivi e di qualit nella proposta educativa con i ragaz- altri, essenziali, non superficiali.
zi la preoccupazione che accompagna il mestiere dei Capi. L ogni fatto banale e monotono, senza volto n valore,
Una preoccupazione che si traduce nellassillo del trovare diventa un evento, un momento magico e fondamentale della
sempre cose nuove, diverse, originali. vita, ogni episodio rivela un disegno e svela un progetto.
Credo che essere essenziali significhi invece stare in s, Uscire dalla banalit di quanto i nostri ragazzi vivono quoti-
guardarsi dentro, nel proprio cuore, prendere coscienza di dianamente, proporre esperienze travolgenti, vincere la noia
quello che si e, quanto allessere Capi, di ci che il metodo dei soliti giochi: sono scogli contro i quali si rischia di far
ci mette a disposizione. affondare il battello del nostro Servizio educativo.
Vuol dire riconoscersi e gustarsi, ovvero riconoscere e gusta- Ma il Gioco per i bambini, lAvventura per i ragazzi, il
re gli strumenti che usiamo ogni giorno con i ragazzi. Servizio per i giovani sono le armi che abbiamo in pugno:
In negativo potrebbe essere il rifiuto della fuga da se stessi, si tratta di usarle, mirando al cuore!

esperienze
Esper ienze E/G
E/G esperienze
Esper ienze R/S
R/S
Nellimmaginario della prima volta Quellanno in clan avevamo fatto un bel capitolo sulle
era il disegno su una rivista di un marginazione e al momento di agire avevamo organizza
ragazzo con un bastone una busso to una fruttuosa attivit di autofinanziamento il cui rica
la uno zainetto la scritta Hike e un vato ci aveva permesso di organizzare un pranzo per un
numero alto di chilometri che la buon centinaio di emarginati della nostra citt: piatto
memoria ha prudentemente cancel forte gulash con patate lesse A Bologna la domenica mat
lato Anni dopo in Clan ancora un tina presto quando molti ancora poltriscono nei letti
approccio diffidente: allimprovviso caldi ricorre un momento molto bello In una chiesetta del
in Route ecco una busta e un com centro vicinissima alle famose due torri celebrata una
pagno di strada e pensi: di che par Messa a cui confluiscono persone della citt che vivono
liamo per  giorni? esperienze diverse di emarginazione: senza fissa dimora
La strada portava su un monte ma extracomunitari o semplicemente persone povere o
da nessuna parte di preciso stato anziani soli Finita la Messa come per magia la chiesa si
bello ammattire con cartina e bus trasforma in mensa e viene servita una semplice colazione
sola; bello scoprire che in fondo a base di latte th e pane Quel giorno avevamo organiz
mi piaceva molto camminare nei zato un pranzo Tutti erano stati avvertiti per tempo e ci
grandi spazi di montagna; bello ritrovammo in un numero elevato di persone Fu unespe
scoprire che la strada fa diventare rienza travolgente Eravamo angosciati e preoccuparti per
amici svela affinit Bello anche tutto dagli aspetti logistici a come ci saremmo rapportati
perdersi ma dopo due metri e il con queste persone e come avremmo condiviso con loro
niente sinventa una strada asfalta lesperienza del pranzo Alla fine fu una bellissima festa
ta Allora senti che non sei solo riuscimmo a ricreare anche se per poco una atmosfera
galleggi in aria lo zaino pesa la familiare e spensierata La chiesa mensa era diventata
met Allora ti fermi e apri la luogo di preghiera vissuta e di comunione Fu una espe
temuta lettera traccia: vedi che rienza totale e coinvolgente Tornati a casa eravamo
fatta apposta per te da uno che ti distrutti e un po puzzolenti ma fortemente emozionati
conosce Sei a met dellopera per per quello che eravamo riusciti a fare e a creare con gli
ch da leggere davanti al fuoco di amici che avevano mangiato con noi La cosa ci cambi e
bivacco sotto le stelle c un sacco da quel giorno tutti quanti guardammo le persone di stra
di roba da con occhi diversi

P r o p o s t a
P r o p o s t a
E d u c a t i v a
E d u c a t i v a
1 / 2 0 0 3
1 / 2 0 0 3
13
E s s e n z i a l i t
E s s e n z i a l i t

Parole parole
parole & documenti
Elena Bonfigli

A Comunit Capi, a Zona, in assemblea regionale come al


Consiglio generale. Oggigiorno nei boy-scout ogni cosa va
discussa e poi scritta, verbalizzata per essere verificata e
quindi inevitabilmente ridiscussa e, alloccorrenza, riscritta.
Fiumi di parole e documenti scorrono quotidianamente nelle
nostre e-mail, nelle nostre sedi, nei nostri convegni, nelle
assemblee, nelle semplici riunioni e persino in uscita.
Nessun capo che si rispetti possiede meno di tre quaderni
strabordanti di carpette e carpettine con dentro fogli, post-it,
foglietti, scritti di proprio pugno, stampati, fotocopiati,
sottolineati, studiati, sconfessati, approfonditi. Quando va bene
lintervento di qualche pedagogista, il sunto di un convegno,
un articolo di PE, lultimo libro sul metodo, altrimenti il
progetto regionale, il semplice verbale dellultima riunione
di Co.Ca., la convocazione a una pattuglia di discussione
dellultimo comunicato stampa del Consiglio generale.
Eppure lo scautismo non qualcosa che si possa insegnare
descrivendolo in una conferenza o definendolo in un libro o in
un articolo. La sua felice applicazione dipende esclusivamente
dalla presa che lo spirito scout esercita sia sulleducatore
che sulleducando. Chi lo dice? B.-P.*

(* Taccuino, da Headquarters Gazette, luglio 1920)


14 P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
E s s e n z i a l i t
E s s e n z i a l i t

Di che parliamo?
Come legare essenzialit e P.P.
Mattia Cecchini

S
Se veramente saggio il maestro
non vi invita a entrare nella dimora della sua saggezza,
ma vi conduce piuttosto alla soglia della vostra stessa mente.

Anche la Progressione Personale legata allessenzialit. Ad


esempio, perch funziona di pi se gli impegni chiesti ai
ragazzi sono chiari, motivati, semplici e verificabili. Quando
coscrivo-
no il rag-
gio da-
Akela chiede a un Caposestiglia di chiamare un lupetto rima- zione:
sto a casa allultima riunione fa gi molte di queste cose. Ma Io e me
tenere insieme P.P. ed essenzialit significa soprattutto stesso,
fare proposte chiare e tangibili e discutere di cose concre- cio abitu-
te della vita dei ragazzi, incasellabili sotto alcuni grandi dini di vita,
temi come futuro, autostima, relazioni, libert, felicit. identit,
Una prima azione della P.P. dunque fare uscire (o inqua- corpo, storia,
drare) le questioni veramente essenziali che condizionano pensieri; Io e
la crescita di una persona e farne il centro della relazione Dio, quindi:
Capo-ragazzo. Il Capo accudisce: non parla solo in termini Fede,
comunitari- ha detto Vittorio Ghetti, uno dei fondatori dello Preghiera e
scautismo italiano- ha rapporti personali, profondi, attenti ascolto della Parola, vocazione, aiuto gli altri; Io e gli altri
per ognuno dei ragazzi. Sa farsi dire i loro problemi e li e dunque famiglia, vita di coppia, amici, ascolto e acco-
conosce. Non facile. Tanto un bimbo, quanto un ragazzo glienza; Io e il mondo volontariato, ambiente, scelta politi-
fanno fatica ad ammettere cosa li blocca. Si difenderanno, ci ca, lavoro. Potr capitare che lo stimolo lanciato non venga
gireranno attorno, mischieranno tanti aspetti. Vanno quindi raccolto. In quel caso bene che la P.P. sia essenziale anche
ascoltati, ma poi tocca al Capo riportare lattenzione sul- nella forma (non solo nel contenuto) e cio arrivi a dire: non
lessenziale, mettendo sul piatto 2-3 temi in modo netto. prendiamoci in giro, diciamoci che non vogliamo affrontare
Anche spingendosi a fare domande scomode (per noi e per un certo argomento, ma non diciamoci che in quel campo
loro) che si finisce talvolta per non toccare sotto la spinta di tutto va bene.
una sorta di istinto protettivo e che possono squarciare Senza dimenticare che la Progressione Personale non un
ambienti sereni e rapporti in equilibrio che garantivano una sistema in cui il Caposcout veste i panni dellamicone che
sorta di pax sociale della comunit. Quindi dare la possibili- sforna risposte a raffica a domande che i ragazzi non si sono
t, pur con rispetto dellintimit e riservatezza, di parlare di mai posti. un suscitare punti interrogativi corredati da kit
argomenti scottanti come la sessualit (ad esempio, rapporti di esperienze che aiutano a farsi unidea, unopinione, fino a
prematrimoniali), droga, illegalit, corse notturne con le scegliere. Educare accompagnare e non portare. Quindi una
auto, tanto per stare fra gli R/S. Ma non per forza vanno P.P. essenziale non si perde in 60 mila discorsi di pura forma
presi per le corna problemi eclatanti: P.P. ed essenzialit estetica o fuori tema (tipo lo sport). Al contrario pu voler
significa anche ragionare insieme a un L/C del Natale e dei dire accompagnare un ragazzo fin davanti a un Prete in
regali, della vita e dei compagni di scuola. Oppure insistere gamba, per una confessione; studiare una proposta di servi-
sullimportanza di avere amici che durano nel tempo e non zio vera, dura, per chi vive il Clan solo come un gruppo per
puntare solo a una vita in cui lunica ambizione di felicit il tempo libero; chiedere di leggere i giornali, di informarsi
data da una ricca professione. prima di un voto. Oppure accompagnare un lupetto a trovare
Importante anche il sapersi programmare. a casa un fratellino, portare un Branco in un campo profughi
Il metodo aiuta indicando quattro ambiti di lavoro che cir- che magari sta a soli due chilometri dietro la tana.

P r o p o s t a
P r o p o s t a
E d u c a t i v a
E d u c a t i v a
1 / 2 0 0 3
1 / 2 0 0 3
15
E s s e n z i a l i t
E s s e n z i a l i t

Progettare
lessenzialit
Paolo Martari

C
e Eddy Bellesini
Come ogni scelta, anche lessenzialit non pu essere frutto del caso o
dellistinto. Ma del lavoro, dellesperienza e della verifica.

La mia migliore abilit avere bisogno di poco


(Hanry David Thoreau).
Questa affermazione, frutto di un lungo cammino di ricer-
condividiamo con qualcuno a cui vogliamo bene (coppia,
comunit, ecc.).
Ma una verifica e, dunque, una scelta che non
ca, ci pone interrogativi inquietanti: perch mai dobbia- pu prescindere da un progetto. come farsi lo zaino.
mo accontentarci di poco? E poi, che cosa vuol dire Dopo ogni viaggio, dopo ogni campo scopriamo ci che
poco di questi tempi? veramente essenziale e ci che, invece, pensavamo che lo
Come scout, e prima ancora come cristiani, siamo chiama- fosse. Solo dopo lesperienza troviamo la risposta alla
ti a rispondere a queste domande. Da esse, infatti, inevita- domanda: Di che cosa ho realmente bisogno?, non
bilmente, muove la nostra scelta di essenzialit. certo prima.
Proviamo ad offrire degli spunti di riflessione, senza pre- Prima possiamo essere indotti ad una scelta di radicalit,
sunzione di esaustivit o di certezza assoluta: bene che quasi manichea: o tutto bianco o tutto nero. Ma poi, nella
ciascuno trovi allinterno della sua storia e del contesto quotidianit, siamo in grado di portarla avanti negli stessi
in cui vive le ragioni della propria scelta. termini?
Partiamo da un fatto: dire poco o tanto significa Noi crediamo che luomo non sia fatto esclusivamente per
esprimere un giudizio. Non esiste n poco n tanto se le rinunce: dobbiamo anche trovare qualche valvola di
non rispetto a un parametro di riferimento. sfogo.
Il problema tutto qui: trovare il nostro riferimento. Per questo la scelta di essenzialit deve essere fatta a
Noi siamo daccordo con la volpe che, svelando il suo nostra misura. Altrimenti unopzione castrante, e non un
segreto al Piccolo Principe, dice; Non si vede bene che sentiero che conduce alla felicit ed alla libert.
col cuore. Lessenziale invisibile agli occhi. La rinuncia si giustifica solamente se il di pi lo inve-
Attenzione, per: non si vuol dire che il materiale non stiamo in ci che per noi conta.
serva. Si tratta di capire quante cose materiali ci occorro- A ciascuno, dunque, valutare dove e come spendere il
no per edere felici. Ecco che la palla viene ributtata nel tempo, il denaro, i beni risparmiati. Dopo tutto, vale sem-
nostro campo: mia, tua questa verifica. Di nessun pre il precetto evangelico per cui non sappia la mano
altro. O meglio, per complicare le cose, nostra se la destra ci che fa la sinistra. Buona strada.

16 P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
E s s e n z i a l i t
E s s e n z i a l i t

Seppur con fatica:


storia di un monte e un flipper

C
Certo che visti da fuori facile che passiamo per una accozzaglia di matti. Buffi Sergio Bottiglioni
e carnevaleschi quando sfiliamo bellini, bellini in uniforme; novelli Robinson
Crusoe quando cuciniamo alla trappeur; improbabili nipotini di Messner quan-
do ci inerpichiamo su e gi per i monti. Simpatici ma un po matti.

Eppure se perseveriamo nel cercare di infilarci a muso duro no, eccome...


nelle fatiche un motivo ci dovr pur essere. Questa cosa vista Anche il nostro bisogno di essenzialit si inserisce in que-
da fuori molto difficile da capire e, a volte, anche dal di den- stottica. Non si tratta di rendersi la vita meno comoda e
tro nascono dei correntoni che promuovono un modo pi soft basta, ma di simboleggiare un modo diverso di fare le
e certamente pi comodo. Una volta nella vita scout ci siamo cose, sperimentare che posso stare bene se per 2 giorni
tutti sentiti dire da qualche parente prima di una uscita o cam- non bevo coca cola, anche se a casa ne ho il frigo pieno;
petto: Ma cosa ci vai a fare? Ma stai a casa che ti riposi! se non uso il cellulare, anche se a casa non faccio altro
Rafforzando la proposta con: che prendi freddoche vi ecc Non si tratta di prendersi in giro, ma calarsi in toto
bagnateche ti stanchi. Ma noi niente, cantanti e ridenti in una realt, vivendo quel momento. Se ho sete lacqua va
anche nelle difficolt se la pioggia cadraaa pi divertente benissimo, se mi voglio relazionare, ho tante persone intorno
ancor saraaa, imperterriti e incuranti delle fatiche ci lan- senza intasare letere di sms. In realt le difficolt vanno un
ciamo in sfide sempre nuove Sono finzioni? Beh, sapendo po coltivate e favorite, senza per questo mettere in piedi delle
che potremmo andare in albergo e al ristorante forse, ma scenografie svuotate di contenuti e senza operare inutili finzio-
sono assolutamente necessarie. ni. Ma certo che nelle nostre attivit la vita troppo comoda
La Squadriglia non accende il fuoco con la benzina, perch al di non vada bene. Ricordo un mio capo reparto che un giorno a
l dei costi lievitanti e degli oggettivi pericoli, pensiamo che un campo estivo disse, indicando un luogo non proprio vicino:
abbia un senso confermare la competenza del fuochista di squa- andiamo su quel monte e tutti noi a sputare sangue per arri-
driglia che grazie ad un sapiente uso di bastoncelli di vario dia- varci, pensando questo scemo e cercando di organizzare
metro, rigorosamente disposti, riesce ad accendere il fuoco con una rivolta. Ma visto che il fiato chi laveva
foglie secche o tuttal pi con uno scontrino I ragazzi certa- ancora se lo teneva e non lo sprecava, su
mente rispondono, siamo noi capi che a volte tiriamo un po quel maledetto monte ci arrivammo. Era
il freno a mano. bellissimo, ma tutti noi eravamo ingrugniti
Un po perch ci siamo gi passati, e non ce ne accorgevamo. Quando polemi-
e un po perch seguiamo una camente siamo andati dal capo a dirgli: e
legge della fisica comportamen- adesso che ci siamo arrivati? Lui banalmente
tale che, al contrario delluniver- ha risposto adesso possiamo tornare gi! E
so che muove inesorabilmente tutti noi ad imprecare e a maledire.
verso il caos, ci dice che con il tempo Ripensandoci oggi, mi viene da sorridere ma
noi tendiamo un po alla volta a quel monte uno dei miei ricordi pi nitidi di
semplificarci la vita e a ridurre al quegli anni; penso di avere capito, anche grazie a
minimo necessario le fatiche. E quellesperienza, il senso del sogno: faticare per
quindi ecco che scegliamo luoghi raggiungerlo, afferrarlo e poi prepararne un altro.
di uscita vicini e ben serviti dai Educare non come giocare a flipper che vedi
mezzi pubblici, che riduciamo al istantaneamente il risultato di una azione, ma
minimo il cammino (allessenzia- un lento seminare, con fiducia e speranza, a pre-
le appunto), che prefabbrichiamo le scindere da tutto e pensando che nessuno a
strutture da campo estivo, ecc.. Ma in priori perduto. Anche se a volte serve un po
realt un po di sforzo e fatica servo- di sforzo.

P r o p o s t a
P r o p o s t a
E d u c a t i v a
E d u c a t i v a
1 / 2 0 0 3
1 / 2 0 0 3
17
E s s e n z i a l i t
E s s e n z i a l i t

Duri e puri,
fino a che punto?
B Baden-Powell, nel Libro dei Capi, ammonisce cos: Per
quanto riguarda laddestramento militare per gli Scouts, ho
dovuto spesso ricordare ai Capi reparto che occorre evitare
di farne troppo. Oltrech dalle obiezioni di qualche genitore
che potrebbe vedervi del militarismo, la mia avversione
motivata dal rischio che qualche Capo reparto di secondo
ordine perda di vista il fine ultimo dello Scautismo (cio lo
Paolo Natali sviluppo della personalit dellindividuo)...
Addestramento militare! Con i dovuti adattamenti storici, lo B) Chi mi ama mi segua segua
leggiamo oggi come un ammonimento ad evitare eccessi nel- Il capo, con intenzionalit educativa, fornisce mezzi e occa-
lausterit, nel rigore della coerenza; e quindi anche noi pos- sioni di scelta in un clima di reciproca fiducia e di serena
siamo esserci trovati nella situazione. Si tratta di un errore testimonianza che evita ogni imposizione. [Patto
subdolo, perch lo compiamo mentre abbiamo in testa di far Associativo, la scelta scout]
del bene ai ragazzi: essere troppo poco elastici, invasati, men- Gennaio 2003. Arcanda non riesce a convincere i genitori
tre i nostri scout non sono ancora pronti a capirci. delle cocci che corretto che le bimbe partecipino anche alla-
dunque importante, nellintento di compiere le nostre scelte nimazione domenicale della Messa; nei giorni in cui il turno
di scout, e di cristiani, e di persone leali e cos via, chiederci tocca al Cerchio, infatti, non viene quasi nessuno. Ciascuna
quale sia il giusto atteggiamento da tenersi, per evitare risulta- poi scusata da impegni vari, sia chiaro! Allora viene scelta la
ti del tipo loperazione perfettamente riuscita tuttavia il linea dura: presenziere alla mano, chi salta pi di due Messe
paziente morto. di seguito rimane a casa fino alla fine dellanno. Lepilogo
Ma dove sta, questo punto di equilibrio? Cerchiamolo con un che qualche bimba in futuro non sar pi negli scout... pur non
paio di esempi. avendo, forse, maturato del tutto questa scelta.

A) T r adizione goliardica Testimoniare con lealt e dedizione, ascoltati o ignorati, le-


Le cerimonie scandiscono con parole, gesti e simboli ade- ducazione in cui crediamo un incarico che riassume quasi
guati lintera vita dellunit scout ed in particolare sottoli- per intero la legge scout. Ma pu capitare di lasciarci prende-
neano limportanza e fanno memoria delle varie tappe del re la mano, e B.-P. chiaro nel dire che ci accade quando per-
cammino di progressione personale dei ragazzi e delle ragaz- diamo di vista limportante, ossia lo sviluppo della persona-
ze. [Reg. Metod. IB, art. 15] lit, per restare bloccati su metodi o tradizioni non propria-
Agosto 2002. La tradizione del Clan vuole che colui che abbia mente conformi a questo scopo.
appena firmato la Carta, dopo essersi alleggerito di qualche Il limite oltre il quale fermarci lo possiamo dunque determinare
indumento davanti a tutti, vada poi presso una casa e chieda soltanto noi, cio ciascuno di noi nella propria realt concreta.
un vestito. Ma questanno la route si svolta allestero, dove Lequazione da risolvere si limita a una domanda a cui rispon-
per Silvia non stato facile spiegare le proprie ragioni al con- dere con sincerit: la linea dura che sto per usare con Luca il
tadino che le ha aperto la porta. Il Clan lha vista tornare di riflesso della mia vanit che vuole ostentare di essere il capo
corsa, piangendo, inseguita da mezzo paese, e non stata una del miglior Luca del mondo, o davvero qualcosa che ritengo
scena costruttiva. Silvia oggi non pi negli scout. sar nel lungo periodo utile per il suo futuro?

18 P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
E s s e n z i a l i t
E s s e n z i a l i t

Problemi e spunti
L
Lessenzialit fatta di piccole cose, non c dubbio, ed proprio sulle piccole
cose che spesso ci si scontra, che si fatica nella ricerca di soluzioni, compro-
messi o che si litiga per tenere duro ed ecco alcuni spunti nati da una chiac-
chierata di Redazione sui problemi pi comuni

Il cellulare non essenziale


La Redazione di PE

Attrezza tur a: sempre


pronti, sempre modernissimi
Il telefonino non essenziale superfluo e inutile
Passi alle riunioni (ma rigorosamente spento) Passi al Zaino fosforescente scarpe respiro piuma
massimo uno per lo staff; ma in uscita? Si fa strada o goretex pantaloni antipioggia traspiranti
attivit soffia il vento infuria la bufera e trilla la Tutto possibilmente di colore azzurro od
colonna sonora di Guerre Stellari No grazie: un cellulare nello elegante verde montagna: bravo vero?
zaino come portarsi dietro una Tv Prima di tutto e soprat Forse sullessenzialit di certe nostre
tutto non serve (se serve a chi si perde vuol dire che ci sono attrezzatura da strada dovremmo riflet
problemi pi gravi) rovina latmosfera il gusto di unavventu tere sui commenti che facciamo ai ragazzi
ra il bello dello staccare/del non farsi trovare o cercare espri sulle cose che compriamo e che soddisfat
me insicurezza e dipendenza mostra che si vorrebbe essere ti indossiamo
anche altrove manca di rispetto Chi lo carica nello zaino
lascia a casa qualcosa del suo essere scout Generazioni di
Discount o equosolidale?
scout ne hanno fatto meravigliosamente a meno e delle due
molto pi bello e divertente un vero walkie tolkie Dove fare la spesa per uscite e campi? Al
discount o nella bottega del commercio equo
Cellulare NO e solidale? Da un lato la legittima esigenza di
abbattere le quote per non gravare troppo
In uscita il cellulare non si porta Per le attivit in sede
sul bilancio delle famiglie del Nord del
passi Magari i ragazzi ce lhanno gi in tasca (spento of
mondo dallaltro garantire ai produttori del
course) perch cos i genitori sono tranquilli Ma ai campi o
Sud un equo compenso per il loro lavoro e
in uscita diverso Andare in uscita significa abbandonare
dunque una vita dignitosa alle loro famiglie
gli usati luoghi e quindi le quotidiane abitudini per speri
Chi deve risparmiare? Chi gi consuma oltre
mentare qualcosa di diverso che faciliti lincontro con se
l  delle risorse del pianeta o chi
stessi con gli altri e con Dio Tutto quello che facciamo
costretto ad accontentarsi di sopravvivere
deve servire a farci calare nel fantastico mondo dellavven
con il   che resta? Forse non solo una
tura Di cellulare ne basta uno in dotazione ai capi I ragazzi
questione di essenzialit ma di giustizia
probabilmente si convinceranno a fare a meno per un po di
SMS squillini ecc ma i genitori?
Coca Cola
Cellulare SI ma come
Vietata e mai essenziale tacciata di cor
Vietare in senso assoluto il telefonino durante le attivit mi rompere in modo inqualificabile lo stile
sembra controproducente: allontaniamo da noi il problema sar poi vero ? Sar vero che il vino o la
dellinessenzialit ma non lo risolviamo ai ragazzi meglio grappa sono pi in stile ? Cio pi saluta
averli con telefono appresso e spiegare loro che per stile ri e di esempio per i nostri ragazzi ? O
non devono utilizzarlo Magari con unattivit su B P che forse lessenzialit si insegnerebbe meglio
voleva scout passabili in un salotto (in cui non trilla un tele ottenendo che il ragazzo che ha portato la
fonino!) e indispensabili in una situazione demergenza temuta lattina la offra a tutti ? Tanto poi
(dove col telefono si hanno pi chances che col Morse) al termine delluscita capi e ragazzi tutti
con la testa nel frigo a bere

P r o p o s t a
P r o p o s t a
E d u c a t i v a
E d u c a t i v a
1 / 2 0 0 3
1 / 2 0 0 3
19
E s s e n z i a l i t
E s s e n z i a l i t

Autofinanziamento Tecnolo gia e na tur a


Le torte ed i campi Come fate Tecnologia e natura non sono
lautofinanziamento in Clan? un binomio inconciliabile giac
Vendendo torte sul sagrato della ch nel mondo dobbiamo usare
Chiesa o cose del genere Da la prima per salvare i guai che
Lista di nozze
chi vi arrivano i soldi per il infliggiamo alla seconda Come
Un bel matrimonio tutto secon campo allestero? Dalle mammi scout dobbiamo dunque inse
do le regole Lista di nozze fiori ne o da anziani impietositi da gnare che per godere il rappor
fotografi un bellabito lei molto sti bravi ragazzi coi calzoni corti to con la natura in uscita dob
elegante lui Le bomboniere per anche dinverno? Perch invece biamo rinunciare al rinunciabile;
gli invitati per non cerano il non vi trovate un impiego serio al contempo per dobbiamo evi
corrispondente era stato offerto in falegnameria o nei campi o in tare di confondere ai nostri
ad una associazione umanitaria negozio da fare tutti insieme o ragazzi le idee riguardo al fatto
Molto generoso ma perch non a gruppi? Per i nostri Clan zeppi che le tecnologie serviranno
sostituire ad una parte delle di studenti sarebbe un buon loro nella vita proprio per sal
pentole e dei piatti della lista modo di educare alletica alle vare quella natura che intanto
anche un microprogetto da rea fatiche alle soddisfazioni se avranno imparato ad amare
lizzare in un villaggio africano? arrivano del lavoro

Quanto costano Dopo fuoco? Si parte assieme


i campi scout? Me glio un pa tto Molte volte i ragazzi presi dal loro
triste dover fare i conti del Meglio concedere unoretta di vortice di attivit non possono parti
nostro fare educazione col vile dopofuoco di bivacco che fare re con lunit
danaro Eppure unattenzione cui il cane guardiano Meglio un Chiedono di essere accompagnati dai
non possiamo sottrarci noi ESSEN patto sulla fiducia della serie genitori direttamente sul posto
ZIALI ed ECONOMI Se ormai non Ok chiacchierate un po ma cos guadagnano tempo
esiste pi alcun posto per un poi tutti in tenda entro le Ecco da qui che inizia leducazione
pernottamento o campo in cui si Lesigenza dei ragazzi pi del alle scelte Oltretutto trovo che un
venga ospitati gratuitamente (per Clan che del Reparto a fer atteggiamento simile irrispettoso
ch dovrebbe poi?) vero marsi a parlare un po tra loro nei confronti degli altri ragazzi che
anche che lefficacia educativa di di sera legittima ma va puntuali allappuntamento in sede
quanto proponiamo non dipende gestita
) Non va inflaziona magari si caricano sulle spalle il
dai confort del luogo ta: pu non andare bene materiale dai pentoloni alla tenda
A volte a gravare sulla spesa sono i tutte le sere considerando la Oltretutto quanti hanno genitori
trasporti: trovare un posto incon stanchezza accumulata e gli disposti ad accompagnarli? E quali
taminato ci porta lontano dalla impegni di domani; ) Evitare sono i costi? Se vero che non biso
citt talvolta in zone malservite che qualche ragazzo magari gna essere stupidamente rigidi
dai mezzi pubblici Certo non tra i pi piccoli si senta esclu vero anche che queste occasioni
facile A volte fa anche rabbia Ci si so e il dopo fuoco diventa sono ingiuste anche sul piano rela
sforza tanto in staff in CoCa a tro roba da pochi eletti di un zionale I ragazzi iniziano luscita gi
vare le soluzioni pi economiche e gruppetto allora non pi un in sede alla stazione: si crea un
poi si assiste ad uno spreco di dana momento di comunit; ) clima tra i presenti e quindi una
ro da parte dei nostri ragazzi (e Garantire la tranquillit di chi dinamica di quel gruppo Volendo
delle loro famiglie) in volgari stupi sceglie comunque di andare a uscire da una visione pi radicale
daggini Questa una sfida educa riposare; ) Valutare con credo che una situazione del gene
tiva da cogliere non un alibi attenzione la possibilit che re vada almeno comunicata per
Oltretutto lessenzialit garantisce anche i Capi unit partecipino tempo a tutti gli altri ragazzi dellu
la creativit di inventarsi solu in relax a questo momento; nit perch ne siano preparati Il
zioni alternative forme di autofi ) Chiedere rispetto dellora principino potrebbe portarsi un po
nanziamento dignitose modalit di rio in cui si concordato di di materiale a casa gi allultima
risparmio da vere formiche! Tra andare a letto facendo leva riunione e quando arriva al luogo
laltro qualunque Campo ha inizio sulla responsabilit dei pi del pernottamento si potrebbe fare
sin dal momento della progettazio grandi un gioco che permetta un inseri
ne e dal preventivo di spese che mento pi immediato
rientra nei contenuti!

20 P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
E s s e n z i a l i t
E s s e n z i a l i t

Ridiciamoci su
Guida sragionata allinessenzialit

E
Essere (essenziali) o non essere (essenziali): this is the problem. Perch vuoi
mettere, cosa c di pi essenziale di una bella discussione sullessere essen-
zialmente scout? Cio esseri cos essenziali, la cui essenza dipende essenzial-
mente dal discutere dellessenza dellessenzialismo.

Eh gi: quanti ricordi, quante parole spese, quanti arrovella-


menti e discussioni per dire: questo scout questo non
Srg Bttgln & Mtt Ccchn
(le vocali non sono essenziali!)

Gli occhiali da sole sono consentiti purch non del tipo


specchiato e con lenti di area minore a 12 cm2 per le ragaz-
scout. Bene, sono finiti i problemi, ecco qui tanto una ze e 11,5 cm2 per i ragazzi.
bella lista non esaustiva (magari la cosa piace e facciamo una Le sigarette sono sempre bandite salvo casi speciali decisi
serie di fascicoli a tema) di cosa scout essential-stile o cosa dai capi (una commissione da anni sta studiando i casi e
no. Abbasso le interpretazioni e i caso per caso, evviva il confidiamo in maggiori specificazioni in futuro).
rigore e la chiarezza. Quando si va in route ai ragazzi consentito uno zaino
Mangiare il gelato in uscita essenziale solo se tutti pren- senza limiti di peso e alle ragazze max 12 kg (che poi
dono lo stesso e non si superano i due gusti. fanno gli occhi dolci se lo fanno portare).
Dire le bugie non mai scout salvo qualche leggero arro- Il consumo di snack al cioccolato alle VDB/C consentito
tondamento per difetto sui numeri dei biglietti dellautobus solo dopo averli lasciati esposti a 40 allombra cos si com-
o sulle persone che hanno effettivamente dormito in una prende che lessenziale nel contenuto e non nella forma.
determinata casa dove si paga a persona. Il coltellino svizzero essenziale, ma solo con il manico di
Puzzare non scout perch lo scout cura ligiene. corno o madreperla e solo con pi di 20 funzioni.
Profumare troppo non altrettanto scout, perch se ci si Arrivare puntuali alle riunioni consentito solo quando
rimbocca le maniche e si sgobba, i cedimenti ascellari sono tutti gli altri sono in ritardo e quindi si pu aprire una lunga
la misura dello sforzo perpetrato. discussione sullo stile, lattenzione alle piccole cose, la cor-
Bere acqua liscia sempre essenziale, lacqua frizzante rezione fraterna da concludersi rigorosamente dopo il nor-
consentita solo a quote inferiori ai 500 m sul livello del male orario di fine riunione.
mare, tutte le altre bevande analcoliche sono bandite, salvo Il capellone scout si pu portare solo con gli scarponi, le
il loro consumo in ambiente parrocchiale dove sono espres- racchette da neve, le ghette (tutto il resto dal ginocchio alla
samente favorite. nuca si pu omettere, perch non esiste il bello o cattivo
Il consumo del vino bandito salvo per ragazzi di et tempo, ma solo il buono e cattivo equipaggiamento essen-
superiore ai 16 anni (in parit con liter scolastico) e purch ziale); solo se lo si usa anche sotto la doccia, nel sacco a
il vino sia segnalato sulle guide pelo modello mummia.
del Gambero Rosso. I gavettoni sono in stile solo in
Il consumo di grappa consenti- Marmolada a dicembre (cos impa-
to a tutte le et purch si presenti rate a perdere tempo).
autorizzazione dei genitori con La maionese essenziale solo sul
evidente motivazione che il con- cardo al vapore; la Nutella solo con
sumo della bevanda rientra nelle le alici; il caff solo con la cannuc-
consuetudini familiari da almeno cia; la fuga al bar di nascosto dai
4 generazioni. ragazzi solo se fatta a piedi con i
La divisa mimetica consentita sandali infradito.
solo in coerenza storica, per gran- Saccheggiare la cambusa di notte
di giochi la cui ambientazione si al campo, si pu, ma solo in perfetta
rif ad un periodo successivo al uniforme.
1940. Fare costruzioni al campo va
P r o p o s t a
P r o p o s t a
E d u c a t i v a
E d u c a t i v a
1 / 2 0 0 3
1 / 2 0 0 3
21
E s s e n z i a l i t
E s s e n z i a l i t

A cura di
Hanno detto...
Paolo Natali Brani sullessenzialit Perci vi dico: per la vostra
vita non affannatevi di quello
che mangerete o berrete, e
neanche per il vostro corpo, di Forse, in un triste mattino
quello che indosserete; la vita di una triste giornata, ti
forse non vale pi del cibo e il dirai: Perch tutto questo?.
corpo pi del vestito? Guardate E poi ti ricorderai che una
gli uccelli del cielo: non semi- sera, davanti a questo fuoco
nano, n mietono, n ammas- tranquillo, nellora in cui le
sano nei granai; eppure il luci si velano e i rumori si
Padre vostro celeste li nutre. attutiscono, in mezzo a delle
Non contate voi forse pi di compagne che avevano i tuoi
loro? E chi di voi, per quanto stessi ideali, hai promesso di
si dia da fare, pu aggiungere servire Dio.
unora sola alla sua vita? E E non dirai pi: Perch
perch vi affannate per il vesti- tutto questo?, ma poich
to? Osservate come crescono i non hai che una parola, poi-
gigli del campo: non lavorano e ch la tua anima semplice
non filano. Eppure io vi dico e retta, poich non puoi ser-
che neanche Salomone, con vire due padroni, n obbedi-
tutta la sua gloria, vestiva re a due leggi che si con-
come uno di loro. traddicono, resterai fedele
Matteo, VI, 25-29 alla Promessa: servirai Dio,
aiuterai il tuo prossimo,
La scelta tra educare o ubbidirai alla Legge.
imporre la medesima che si Lzard, Il libro di Lzard
pone a chi desidera vendere
unauto scassata: egli pu ripa-
rarla, nel qual caso far felice In una buona giorna-
lacquirente, oppure tirarla a ta fredda, anche se piove e
lucido, nel qual caso il pollo che tira un po di vento, uno pu
la comprer si trover in mano camminare indefinitamente,
un catorcio imbellettato. respirando aria pulita e rav-
N. Paulson vivando il proprio sangue
con un salutare riscaldamen-
to in tutto il corpo che gli
Se non perdi la testa quan- impedir di sentirsi fiacco o
do tutti intorno a te la perdono infreddolito. E se luscita ha
e ne danno a te la colpa, allora uno scopo preciso, i chilome-
sarai un uomo, figlio mio! tri scivolano via senza che
Rudyard Kipling, If uno se ne accorga, e al termi-
ne si entra nello stato dani-
Che io faccia della mia mo del buon fabbro, che ha
vita unicamente una cosa sem- tentato qualcosa, compiuto
plice e retta, simile a un flauto qualcosa e si meritato il
di canna che tu possa riempire riposo di una notte.
di musica. Baden-Powell,
Tagore The Scouter, 1931

22 P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
E s s e n z i a l i t
E s s e n z i a l i t

Coloro che sono disposti a


rinunciare a libert essenzia-
Ai rover. Tutti voi che li per acquistare una piccola
avete continuato nel sentiero La comunit disciplinata
e temporanea sicurezza non
scout come Rovers avete la pi felice; ma la discipli-
meritano n libert, n sicu-
tenuto duro attraverso na deve esprimersi dallinti-
rezza.
quelli che molto spesso mo di ciascuno e non essere
Benjamin Franklin
saranno stati per voi tempi imposta dal di fuori. Alzati gli occhi, vide
estremamente deprimenti. Baden-Powell, La Strada alcuni ricchi che gettavano le
Ma quando me ne andr da verso il Successo loro offerte nel tesoro. Vide
Con la tua grazia,
qui, voglio che restiate nel Signore, anche una vedova povera che
Movimento scout con fortez- fa che io sia sempre loro di vi gettava due spiccioli e
za danimo pi salda che Allora il Signore disse a esempio e mai di inciampo disse: In verit vi dico: que-
mai. Mos: Ecco, io sto per far dalla Preghiera del Capo sta vedova, povera, ha messo
piovere pane dal cielo per pi di tutti. Tutti costoro,
Messaggio trovato tra le voi: il popolo uscir a racco- infatti, han deposto come
carte glierne ogni giorno la razio- Chi dunque trasgredir offerta del loro superfluo,
di B.-P. dopo la sua morte; ne di un giorno, perch io lo uno solo di questi precetti, questa invece nella sua mise-
probabilmente risale al metta alla prova, per vedere anche minimi, e insegner ria ha dato tutto quanto
settembre 1939, dopo se cammina secondo la mia agli uomini a fare altrettan- aveva per vivere.
lo scoppio della seconda legge o no. to, sar considerato minimo Luca, XXI, 1-4
guerra mondiale Esodo, XVI, 4 nel regno dei cieli.
Matteo, V, 19

senza dubbio per que- Voi avete certamente senti- Essenzialit scoprire I pastori che vegliano
sto che ho tanto bisogno della to parlare della mia condotta di ci che realmente importan- nella notte, facendo la guar-
tua amicizia, amico mio. Ho un tempo nel giudaismo, come te nella vita, al di la del super- dia al gregge, e scrutano lau-
sete di un compagno che, al d io perseguitassi fieramente la fluo, contro ogni consumismo. rora, vi diano il senso della
sopra dei contrasti della ragio- Chiesa di Dio e la devastassi, punto di partenza per lela- storia, lebbrezza delle attese,
ne, rispetti in me il pellegrino superando nel giudaismo la borazione di una scala di valo- il gaudio dellabbandono in
di quel fuoco che d quel calo- maggior parte dei miei coetanei ri in cui il servizio diventa cri- Dio. E vi ispirino il desiderio
re che tutti desiderano. Ho e connazionali, accanito comero terio di valutazione delle deci- profondo di vivere poveri che
bisogno di gustare qualche nel sostenere le tradizioni dei sioni personali. poi lunico modo per mori-
volta, anticipatamente, il calore padri. Ma quando colui che mi dal regolamento re ricchi.
promesso e di riposarmi, un scelse fin dal seno di mia madre metodologico, art. 27 Buon Natale! Sul nostro vec-
poco al di l di me, in quel con- e mi chiam con la sua grazia si chio mondo che muore, nasca
vegno che sar il nostro. Sono compiacque di rivelare a me suo la speranza.
cos stanco di polemiche, di Figlio perch lo annunziassi in Non procuratevi oro, n
Don Tonino Bello,
esclusivit, di fanatismi! A casa mezzo ai pagani, subito, senza argento, n moneta di rame
Auguri scomodi
tua posso entrare senza indos- consultare nessun uomo, senza nelle vostre cinture, n bisac-
sare uniformi, senza sottomet- andare a Gerusalemme da colo- cia da viaggio, n due tuniche,
n sandali, n bastone, perch Con la pioggia e con il
termi alla recitazione di un ro che erano apostoli prima di
loperaio ha diritto al suo vento, noi facciamo allena-
Corano, senza rinunziare a me, mi recai in Arabia e poi
nutrimento. mento.
nulla della mia patria interiore. ritornai a Damasco.
Matteo, X, 9-10 motto dellatleta
Antoine de Saint-Exupry Lettera ai Galati, I, 13-17

P r o p o s t a
P r o p o s t a
E d u c a t i v a
E d u c a t i v a
1 / 2 0 0 3
1 / 2 0 0 3
23
E s s e n z i a l i t
E s s e n z i a l i t

Essenzialit in Branca L/C


Essenzialit in Branca L/C
di Laura Lamma, Francesco Chiulli
e fra Luciano Pastorello
Scopriamola attraverso il gioco
Incaricati e Assistente Ecclesiastico Nazionali di Branca L/C Lessenziale invisibile agli occhi
Il Manuale di Branca nel capitolo e Coccinella deve poter fare. ed approcciare i significati ed i
dedicato al gioco, fa unafferma- valori proposti.
Cos dunque essenziale nelle-
zione forte: Il gioco dunque
sperienza L/C? Cosa vale la Ma sappiamo che lessenzialit
loccasione per educare e per
pena proporre sempre e un valore; una volta scoperto un
autoeducarsi; diventa semplice-
comunque ai bambini? IL metodo per proporla, vediamo
mente essenziale, non si pu
GIOCO! Il gioco , appunto, una quali sono le caratteristiche
proprio farne a meno: lespe-
grande occasione educativa, un peculiari delleducazione alles-
rienza concreta che ogni Lupetto
metodo per conoscere se stessi senzialit in Branca L/C:

Giocare con ci che davvero utile - molti di loro una grande scoperta
nella Giungla c una parola maestra vedere che gli oggetti pi semplici sono N ON S E R V E MA N O N SI B U T T A
molto bella e significativa che viene riutilizzabili per vari scopi ed in varie
rivolta a Mowgli: Caccia pure per sfa- situazioni, mentre quelli pi sofisticati Obiettivo Imparare a riutilizzare oggetti e
marti ma non per divertimento, cui fa molto spesso si possono usare solo per
altro materiale avanzato da altre attivit
eco nel Bosco quella delle formiche: uno scopo e divertendosi di meno!
Quando Sul finire delle VdB/C o di un
Raccogliamo solo ci che ci serve per Giocare nella natura , davvero il
vivere, non un seme di pi. Perch luogo in cui scoprire lessenza della campetto
quello che non ci serve non ci appartie- vita! il luogo dove si pu stare da Materiale
ne. Scopriremo assieme a lupetti e soli senza la protezione delle cose note Tutto il materiale avanzato da altre atti
coccinelle quali sono le cose importanti come la propria casa o la citt. vit che non pu essere ulteriormente
da tenere con noi e quali quelle cui pos- Vivendo in essa i bambini scopriranno utilizzato e altri oggetti ritrovati e non
siamo rinunciare. E lo faremo dalle due cose: la sua meravigliosa bellezza pi utilizzabili (cartoncino bottoni stof
cose pi semplici (cosa portare con noi e laiuto che pu dare alluomo se si
fa cartacrespa giornali ecc)
in caccia/volo? Qual luniforme del seguono le sue semplici regole. Bando
Carta da pacchi colla colori
lupetto/coccinella?) a quelle pi com- allora alle esperienze esclusivamente
plesse (come arredare la nostra in tana/sede, alle cacce/voli nelle quali Come si gioca
tana/sede? Di cosa possiamo privarci non potersi sporcare, alle attivit natu- Con un lancio opportuno si invitano i
per aiutare chi ha pi bisogno di noi?) ra fatte solo sui quaderni (come le bambini a raccogliere materiale avanza
Ci sar di aiuto, in questo lavoro, la ricerche scolastiche). to/inutilizzabile
figura del poverello di Assisi; di colui I lupetti/coccinelle devono poter vive- Una volta raccolto si mettono a disposi
che spogliandosi di tutto ha saputo re a contatto con la natura, compren- zione dei bambini (per gruppi o di sesti
acquistare il tutto della propria vita. E derne i cicli e le stagioni, poterla toc-
glia) dei fogli grandi di carta da pacchi
perch non andare a vedere i luoghi care con mano ed ammirarne la bellez-
della colla e dei colori
percorsi da Francesco? Fare esperienza za, sapercisi muovere con zampe che
diretta insegna pi di tanti discorsi e non fanno rumore e occhi che vedono I bambini vengono invitati a scegliere
omelie nelloscurit! un soggetto da rappresentare (es il
Giocare usando cose semplici le Essenzialit in Branca L/C vuol dire luogo delle VdB/C)
cose di tutti i giorni, magari quelle che scoperta delle regole semplici che ci I bambini disegnano i contorni e attac
avevamo pensato di buttare! Anzi inse- aiutano a vivere bene, significa ancora cano il materiale sulla carta da pacchi in
gnare ai bambini larte di riutilizzare e imparare il buon uso e riuso delle modo da comporre il tutto con fantasia
far vivere ancora le cose per altri cose. Per fare questo ci vuole allena-
Alla fine si ricompongono i vari disegni
scopi, li educa ad acquisire una giusta mento, bisogna stare con occhi aperti e
per lasciare un murales nel luogo che ci
mentalit nei confronti degli oggetti e orecchie tese perch, come insegna il
delle cose che utilizziamo. Tutto il con- Piccolo Principe, lessenziale invisibi- ha ospitato o riportarlo a casa per
trario dell usa e getta! Sapete, per le agli occhi! ricordo

24 P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
E s s e n z i a l i t
E s s e n z i a l i t

Essenzialit in Branca E/G


Essenzialit in Branca E/G
Mauro Bonomini
Redazione SCOUT Avventura

Essenzialit un termine che, special- punti della Legge scout. Con facilit terna nella squadriglia e nel reparto,
mente per let E/G, si sviluppa in questi possono essere presentati e rivisti alla semplice e significativa simbologia.
ambiti diversi. Se lo valutiamo nella durante un consiglio della Legge, durante La preghiera in squadriglia, la messa al
pratica essenzialit, significa usare solo una riunione di squadriglia, in consiglio campo e i momenti di riflessione prepa-
ci che necessario, quindi in assoluta capi. rati dai ragazzi diventano cos situazio-
antitesi con quanto ci propongono la Lultima dimensione quella spiri- ni privilegiate per coltivare e far cresce-
pubblicit e i media. La societ che si tuale, e ci riporta a una fede sincera, re la grazia che, con il battesimo,
basa sul consumo, un inno allinutile, che sappia ritrovarsi nella preghiera, stata posta in ognuno di noi. Sono
al superfluo, allesagerato. Anche individuale e comunitaria. Una fede essenziali (cio in questo caso indispen-
durante le attivit, le guide e gli esplo- che sappia portarci a essere sempre pi sabili) lascolto della Parola, la frequen-
ratori corrono il rischio di farsi condi- parte viva e stimolante della Chiesa, tazione dei sacramenti, lassiduit nella
zionare: nella scelta dellattrezzatura, con la nostra spiritualit legata alla carit e nel servizio (la buana azione, la
ad esempio, i ragazzi possono essere natura, alla pratica della comunione fra- disponibilit allaiuto reciproco in squa-
convinti a scegliere non il miglior com-
promesso tra qualit e costo, ma la
firma o il materiale sovrabbondante,
quando non completamente inadatto.
Questo vale anche per i capi di abbi-
gliamento, giacche a vento, scarponi,
saccoletto ecc. Essenzialit vuole
anche dire saper ben scegliere e uti-
lizzare le cose comuni, quali lattrez-
zatura di squadriglia e di reparto.
Soprattutto vuol dire buona manu-
tenzione del materiale, cura nel
riporlo e attenzione nelluso in modo
da non rovinarlo. Non comunque
una rinuncia di principio alluso
della tecnologia, visto che lo scopo
delle attivit scout e quello di abitua-
re alla vita comune e questultima
comprende anche la tecnologia avan-
zata (se B.-P. avesse inteso evitare a
tutti costi la tecnologia, avrebbe impo-
stato il suo lavoro utilizzando solo i
materiali delluomo della pietra).
La seconda dimensione dellessenzia-
lit quella morale: spostare latten-
zione dallavere (o dallapparire)
allessere. Significa andare oltre leste-
riorit, limmagine fasulla, la voglia di
possedere per dimostrare di essere
superiori. una ricerca di rapporti
semplici e significativi, di sincerit,
disponibilit, responsabilit, tutti
valori ricordati e ripresi pi volte nei

P r o p o s t a
P r o p o s t a
E d u c a t i v a
E d u c a t i v a
1 / 2 0 0 3
1 / 2 0 0 3
25
E s s e n z i a l i t
E s s e n z i a l i t

Essenzialit in Branca R/S


Essenzialit in Branca R/S
Laura e Mimmo
Incaricati Nazionali alla Branca R/S

Essenziale ci che rivela la verit della con lessenzialit. Avere nullaltro che se insostenibile uno sviluppo che ignora il
nostra vita, ci che siamo e vogliamo stessi da offrire, ci insegna che la pover- rispetto dellambiente, lequit nella
diventare e non ci che ci avvolge e t di beni non pi insostenibile che la distribuzione delle risorse, la giustizia
sembra possederci. La Branca R/S offre povert di spirito. Che possiamo vivere per luomo; agire nel quotidiano acqui-
occasioni per sperimentare questa verit. con poco. Con niente. Che essenziale stando consapevolezza nei consumi,
Il gioco dello scautismo si fa maledetta- la fiducia in se stessi e negli altri. Che semplicit nello stile di vita, attenzione
mente serio: in gioco la nostra vita. nessun percorso ha senso senza una al recupero. Essenzialit sobriet.
La route non solo metafora del cam- meta, essenziale il nostro fine. La Partenza infine il momento in cui
mino delluomo, ma strada, sudore, Il deserto nella vita del rover e della si individuano in modo esplicito le scelte
pioggia e precariet. Il superfluo pesa scolta ci ricorda che la vita vale pi del che segneranno il nostro stile di vita: la
sulle nostre spalle: lessenzialit una cibo e il corpo pi del vestito. Perci responsabilit, il servizio, la fede, i valo-
condizione di sopravvivenza e di benes- non state sempre in ansia nel cercare ri proposti dallo scautismo. Questo
sere ancora prima che una scelta. cosa mangerete e cosa berrete [] quello che abbiamo imparato essere la
Scopriamo che saper discernere sag- Cercate piuttosto il Regno di Dio e tutto nostra verit. Abbiamo imparato che
gezza indispensabile. La route ci insegna il resto vi sar dato in pi. [] essenziale anche il superfluo: il sorriso
a misurare le nostre forze e anche a fare Procuratevi un tesoro in cielo, dove i dei bambini, il dono di un amico, la
un passo in pi: essenzialit conoscere ladri non possono arrivare. Perch dove carezza del vento, i racconti intorno al
e saper abitare il limite, partendo dal il vostro tesoro, l sar anche il vostro fuoco. La bellezza della vita costruita
nostro. Ci insegna una cultura di sobrie- cuore. E solo questo, alla fine, essen- di tanti piccoli gesti apparentemente
t: la scarsit delle risorse le rende pre- ziale. inutili, ma essenziali. La festa riusci-
ziose. Non sprechiamole. Il capitolo pu essere il momento in cui ta se tutti hanno messo il vestito pi
Lhike un altro momento forte che vedere la realt del mondo e le contrad- bello. La Mensa offerta a Dio adorna
permette a Rover e Scolte di misurarsi dizioni del villaggio globale; giudicare di fiori. Il canto rallegra la vita, soprat-
tutto se accompagnato da uno strumen-
to musicale. La veglia coinvolgente se
tutti i lumini brillano nellacqua. Felicit
un aeroplanino di carta.
Esiste cosa pi sublime di un battuto
di cipolla, sedano e carote?
Inebriante per lolfatto, trascendente per
il palato, terapeutico per lumore...
Siamo sempre presi dalle cose impor-
tanti con il rischio di dimenticare o sof-
focare quelle pi quotidiane, futili, leg-
gere, che tengono viva in noi la curiosit
del bambino e la spensieratezza del
sogno. Il sogno essenziale per vivere,
come la poesia e lamore.
Quali attivit vogliamo proporre nel
cammino del rover e della scolta per aiu-
tarli a sognare?

Con loccasione ringraziamo Carlo


Gubellini che lascia il suo incarico di
Incaricato Nazionale alla Branca R/S e
gli auguriamo buona strada !

26 P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
E s s e n z i a l i t
E s s e n z i a l i t

Essenzialit e
Protezione civile
N
Nellimmaginario collettivo lo scout quella persona che si vede allangolo
della strada intento ad aiutare una vecchietta ad attraversare, carico di pacchi
fino allinverosimile, ma sempre sorridente nella sua uniforme blu.

certamente un luogo comune, che trova per le sue radici


in unidea, quella dello scout/ragazzo perbene ed affidabile,
Arturo Lagan
Pattuglia Nazionale E.P.C.

Cos non , perch lo scout in primo luogo una persona


di valore che testimonia una scelta ed un impegno quoti-
pronto a mettersi al servizio di chi ha bisogno. diano; una persona armata di buona volont, senno,
Effettivamente, si potrebbe dire, questa visione rispecchia un attenzione alle piccole cose, che sa stare vicino a chi soffre
modo dessere tipico e comune a quasi tutti gli scout, un con discrezione, che sa donare un sorriso a chi non ha pi
qualcosa radicato profondamente nel nostro D.N.A. che non il coraggio di darlo. Lo scout una persona umile, che
ci fa rimanere indifferenti alla chiamata, che ci spinge a riconosce i propri limiti al fine di superarli, una persona
superare i nostri limiti in ogni momento, ed in modo parti- vera che va in mezzo a gente vera, che sta accanto al pi
colare nellistante in cui altri necessitino del nostro aiuto. debole per aiutarlo, senza nulla chiedere in cambio.
Questo stile di vita, ispirato ad una logica di servizio gratuito Sembra difficile, in una realt come quella attuale, parlare di
ed appassionato, anche quello che spinge tutti noi, nel volontariato gratuito e disinteressato, vissuto lontano dalle luci
momento dellemergenza, ad attivarci e partire verso luoghi della ribalta, quando i mass-media non fanno che osannare lo-
in cui gente meno fortunata ha subito gravi perdite o lutti, al perato di tanti che intervengono in gran numero, anche quando
fine di prestare la nostra opera anche solo portando una paro- non vi sarebbe reale necessit, esibendo uniformi smaglianti e
la di conforto. mezzi ultramoderni. Proprio in questo contesto si pone lope-
Certo, spesso si vittima di visioni distorte dellintervento di rato della nostra Associazione, da sempre controcorrente
Protezione Civile in Agesci; qualcuno potrebbe anche arrivare rispetto alla moda di chi ritiene che il volontariato di
a pensare che lo scout che parte per la zona doperazioni sia o Protezione Civile sia solo tecnica e costose attrezzature.
debba essere una sorta di Rambo attrezzato di tutto punto, Arrivando, ad esempio, in una delle tante tendopoli che vengo-
che va a salvare innocenti bisognosi della sua forte mano. no piantate allindomani di un evento calamitoso, noi scout ci

P r o p o s t a
P r o p o s t a
E d u c a t i v a
E d u c a t i v a
1 / 2 0 0 3
1 / 2 0 0 3
27
E s s e n z i a l i t
E s s e n z i a l i t

troviamo spesso di fronte ad una distesa di mezzi delle varie


Associazioni posti in bella mostra, perfette macchine che
impressionano per la loro bellezza ed imponenza ed al cui
confronto il furgone occasionalmente concesso dal gruppo,
arrangiato allultimo istante, sembra ben misera cosa.
Poi, ci guardiamo intorno: alcuni camminano impettiti, orgo-
gliosi delle loro sfavillanti uniformi e degli elmetti tecnologi-
camente ed esteticamente perfetti; altri si affannano in sva-
riate attivit (non tutte necessarie, a dire il vero); altri ancora
pretendono di utilizzare costose attrezzature di cui non
immagineremmo neanche lesistenza.
E noi? Che cosa facciamo noi? Ci aggiriamo tra le tende,
nelle case dilaniate, tra la gente, indossando i nostri vecchi
pantaloncini ed il nostro maglione bucato, orgogliosi solo del
nostro fazzolettone, felici di esser l. Qualcuno ci chiama, ci
chiede qualcosa, ed il nostro compito essere al suo servi-
zio, fare del nostro meglio ed andare oltre i compiti assegna-
ti, con quel poco che portiamo con noi dalle nostre sedi,
armati gi, di cosa? Di quali grandi mezzi andiamo fieri,
noi scout? Quali impressionanti attrezzature possiamo esibire
alle telecamere?
Certamente, la nostra volont; la nostra voglia di fare; il
nostro desiderio dessere importanti, ma non invadenti;
di esserci, senza mostrarci ai pi; di affermare una presenza,
senza imporla; di far capire che, per svolgere un servizio, pi
della pala importante il cuore.
LAgesci una componente importante del volontariato di
P.C. e di certo stiamo tutti lavorando perch questo sia com-
lo scout in primo luogo una preso; ci vale, in modo particolare, nelle sedi istituzionali,
ove loperato dellAssociazione non solo non messo in
persona di valore che testimo- discussione, ma anzi apprezzato proprio per il suo stile di
nia una scelta ed un impegno rispetto ad una moderna concezione efficientista ed estetica
dellintervento nel corso di unemergenza.
quotidiano; una persona armata
Mettendo a confronto lAgesci con le tante Associazioni di
di buona volont, senno, attenzio- Protezione Civile oggi allopera, sempre pi specializzate e
ne alle piccole cose, che sa stare dotate di tecnologie e mezzi allavanguardia, parrebbe di
rivivere un moderno confronto tra Davide e Golia. La diffe-
vicino a chi soffre con discrezio- renza, oltre che nellobiettivo comune dato dalla volont di
ne, che sa donare un sorriso a chi portare aiuto a chi soffre, risiede nel modo con cui si inter-
viene, nello spirito con cui questa volont di essere al servi-
non ha pi il coraggio di darlo. Lo zio del prossimo si manifesta, nella versatilit dei nostri
scout una persona umile, che volontari capaci di far tutto, e nello stesso tempo di non esse-
re troppo specializzati. Un limite? Forse, ma anche un ben
riconosce i propri limiti al fine di preciso modo di affrontare lemergenza; e non detto che,
superarli, una persona vera che ancora una volta, non sia il piccolo Davide a vincere questa
moderna battaglia al servizio di chi meno fortunato.
va in mezzo a gente vera, che sta Quale pu essere, a questo punto, il legame tra i due concet-
accanto al pi debole per aiutarlo, ti, essenzialit e Protezione Civile? Di certo, per noi, dato
dallessere ci che siamo: volontari per vocazione;
senza nulla chiedere in cambio. essenziali per stile di vita; SCOUT, semplicemente

28 P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
I n t e r n a z i o n a l e
I n t e r n a z i o n a l e

22 febbraio 2003 - Thinking Day

Mangia con la testa,


combatti la fame!
I
Il Thinking Day 2003 articolato sulla nutrizione (cf. numero precedente di
P.E.): vogliamo qui offrire ai Capi spunti per attivit nelle unit. Non dimen-
ticate di consultare il sito della FAO: www.fao.org e www.feedingminds.org
per scaricare attivit sul tema. C anche www.melarossa.it della Societ
Italiana di Scienza dellAlimentazione.
Isabel Pirani,
Presidente FIS
Fabiola Canavesi e
Anna Rappazzo,
Incaricate Nazionali settore
Internazionale
Giovanna Cavarocchi,
Alessandra Silvi e
Alessia Boschin,
Rappresentanti WAGGGS c/o FAO

I problemi legati allalimentazione ci sono vicini: in Italia depressione. Ci sono centri che si occupano di disordini ali-
pi di 300.000 persone soffrono di disordini alimentari, di mentari (Milano: Centro Studi Disordini Comportamento
cui 65.000 giovani e soprattutto donne tra i 12 e i 25 anni. Alimentare Ospedale S. Raffaele, tel. 0226433206; Brescia:
Su un campione di 1.000 alunni di scuola elementare, un Centro per i Disturbi Alimentari Casa di Salute Moro, tel.
terzo delle bambine si sente grassa e ha pensato di mettersi a 03045919; Roma: Associazione per la ricerca sullanoressia,
dieta. Le cause? Genitori sempre a dieta, influenza della pub- bulimia e disordini alimentari, ABA, tel. 0670491912).
blicit, che propone una donna top-model, tipo Barbie Il
cibo pu rappresentare un sostegno psicologico per affronta- LAssociazione Mondiale delle Guide e delle Esploratrici
re emozioni negative, ansie. O si pu sviluppare unavversio- (WAGGGS), sulla scorta dei progetti realizzati dalle
ne per il cibo che sfocia nella magrezza a tutti i costi (ano- Associazioni nellambito della nutrizione, ha elaborato delle
ressia) o al contrario si pu mangiare senza limiti, salvo poi statistiche con dati ed analisi dei fattori che provocano alcuni
provocarsi il vomito (bulimia). Dalla met degli anni 50 alla fenomeni, nonch progetti realizzati dalle Associazioni e
met degli anni 70, i casi di anoressia sono aumentati del spunti di attivit per i nostri ragazzi su schede (sul sito:
300%; le ragazze sono 10 volte pi soggette dei ragazzi ad www.wagggsworld.org ed in Segreteria Agesci).
essere vittime di anoressia e bulimia, primo passo verso la Sintetizziamo alcune delle tematiche trattate:

P r o p o s t a
P r o p o s t a
E d u c a t i v a
E d u c a t i v a
1 / 2 0 0 3
1 / 2 0 0 3
29
I n t e r n a z i o n a l e
I n t e r n a z i o n a l e

V ITAMINE E MINERALI . 100 milioni di giovani hanno Quanto pesce consumano i nostri ragazzi e da dove provie-
carenze di vitamina A, che pu provocare la cecit e danneg- ne? Nei nostri mercati, quanto viene prodotto localmente e
gia il sistema immunitario. Le carenze di iodio danneggiano quanto importato? Cosa mangiavano i nostri nonni e quante
il cervello. Con i ragazzi, riflettiamo sul cibo che mangiamo, di quelle variet di piante non vengono pi prodotte? Molte
analizzando la presenza di minerali e vitamine, e di capire piante crescono in natura e sono commestibili: quanti di noi
quali alimenti introdurre per migliorare la nostra alimenta- conoscono la cicoria selvatica?
zione. Analizziamo la composizione degli alimenti e faccia-
mo un elenco dei loro principi nutritivi: forse il caso di N UTRIRSI PER STARE BENE . I casi di diabete passeranno
promuoverne altri. da 143 milioni nel 1997 a 300 milioni nel 2050. Lobesit
aumenta i rischi di malattie cardiovascolari, ipertensione, dia-
S ICUREZZA ALIMENTARE . Esistono ceppi di salmonella ora bete mellito, alcune forme di cancro, malattie gastro-intesti-
resistenti agli antibiotici. Negli USA i germi patogeni contenu- nali ed epatiche. Una dieta ricca di frutta e verdura previene
ti negli alimenti provocano 3.900 vittime lanno. Si potrebbero il 20% delle forme tumorali. Il 30% dei bambini obesi diven-
trattare anche problemi quali luso di prodotti chimici e di ali- tano adulti obesi. Le Guide del Guatemala hanno un progetto
menti transgenici. LAssociazione delle Guide della Nuova nutrizionale per ridurre il rischio di contrarre malattie croni-
Zelanda ha realizzato un progetto per la sicurezza nella mani- che: imparano ad elaborare men nutrienti, a consumare ver-
polazione e conservazione del cibo: hanno imparato norme dura e frutta, ecc. Quali merende consumano i nostri ragazzi?
igieniche, visitato cucine dei ristoranti, fatto ricerche in colla- E quanta frutta e verdura? Sanno che la prevenzione di malat-
borazione con ospedali, ecc. Possiamo chiedere ai nostri tie come losteoporosi comincia alla loro et?
ragazzi di esaminare gli incarti dei cibi per vedere quanti pro-
dotti chimici vi sono (coloranti, aromatizzanti, ecc.); stilare le E PER CONCLUDERE : UN GIOCO E UN A RICETTA
regole di igiene per il prossimo campo, ecc. DAL MONDO. (da World Games and Recipes, WAGGGS)
Chapati di banana (India)
A LIMENTARSI PER CRESCERE . I bambini nutriti in modo 500 gr. di farina, 1 bustina di lievito, 250 gr. di zucchero, 2
squilibrato crescono meno e rischiano di morire giovani; i uova, 125 ml. di latte, 250 gr. di banana schiacciata, sale,
bambini non allattati al seno hanno quozienti intellettivi infe- 125 gr. di burro, 125 gr. di frutta secca (opzionale).
riori di 8 punti rispetto a chi lo stato. LAssociazione delle Miscelare tutti gli ingredienti, aggiungendo altro latte se
Guide della Guyana ha lavorato su un progetto per migliora- necessario; in una padella friggere nel burro caldo il compo-
re i pasti scolastici. Per incoraggiare i ragazzi a conoscere gli sto a cucchiaiate, finch diventa dorato.
elementi di base per una buona nutrizione, possiamo infor-
marci sui benefici dellallattamento materno, far circolare L A BORSA DELLA SPESA (Nuova Zelanda)
nel quartiere questionari sul modo di mangiare in famiglia e La borsa della spesa con 10 oggetti presi dalla dispensa,
sul consumo di frutta e verdura a disposizione di ciascuna squadriglia/sestiglia per 3 minuti,
che deve poi rispondere per iscritto a 20 domande (quanto
L A DOMANDA DI CIBO E L AMBIENTE . Il 70% degli pesava il pacco di biscotti? Dove prodotto il t?, ecc.):
ambienti marini sottoposto a sfruttamento talmente intensi- vince chi indovina di pi.
vo da danneggiare la riproduzione del pesce, da cui si ricava
un quinto delle proteine animali che consumiamo. Molti
pesticidi proibiti in Europa vengono venduti ai paesi poveri. Cari capi, spazio ora alla vostra fantasia!

30 P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
I n t e r n a z i o n a l e
I n t e r n a z i o n a l e

Campi in Africa Andrea Biglietti


Referente Area Africa

Nel 1754 laccademia di Digione propone un tema problema- caratteristiche:


tico: Qual lorigine della disuguaglianza fra gli uomini e a) permette una collaborazione con gli scout e le guide
se questa autorizzata dalla ragione. delle associazioni locali sulla base di progetti da loro ela-
Rousseau presenta il suo Discorso sulle origini e i fonda- borati (animazione di minori a rischio, realizzazioni pra-
menti della disuguaglianza fra gli uomini (ma non ottiene il tiche come sedi scout, centri di alfabetizzazione, preven-
premio) e sostanzialmente egli afferma che allo stato di natu- zione sanitaria ecc. ecc.).
ra gli uomini nascono liberi ed uguali; solo il formarsi della b) Rapporto con i Padri Missionari che operano nelle zone
societ e in particolar modo della propriet rende gli uomini pi problematiche della Costa dAvorio, del Burkina
disuguali e di conseguenza alcuni, i pi poveri, non pi liberi, Faso e di altri paesi (vita nei villaggi e nelle periferie
ma asserviti ai pi ricchi e potenti. Egli conclude il discorso delle grandi citt).
con queste parole: ... manifestamente contrario alla legge c) Contatti con ONG e altre organizzazioni che operano in
naturale, (...) , che un bambino comandi ad un vecchio, che loco e possibilit di conoscere e capire le modalit con cui
un imbecille guidi un saggio, e che un pugno di uomini sia i progetti di collaborazione vengono pensati e realizzati.
pieno di cose superflue mentre la moltitudine affamata I criteri primari per poter PARTIRE sono:
manca del necessario (Origine della disuguaglianza, J.J. a) tempi di preparazione per poter conoscere il luogo
Rousseau, Feltrinelli Univ. Economica). dove si andr e progettare la tipologia di campo che si
Con queste ed altre parole Rousseau definisce chiaramente il vuole vivere: circa 1 anno.
concetto moderno di democrazia e contribuisce in modo con- b) Impegno a coinvolgere tutto il gruppo e la realt locale
siderevole a dare il via agli eventi che culmineranno nella in cui si opera (parrocchia, enti pubblici, altre associazio-
rivoluzione francese. Quello che prepariamo noi non certo ni, ecc.)
una rivoluzione, ma una esperienza che sia rivoluzionaria per c) Disponibilit a proseguire lesperienza secondo i tempi di
i nostri Clan/Fuoco ed i nostri capi. I campi in Africa posso- un progetto stabilito prima e che preveda di continuare il
no rappresentare questo tipo di esperienza se preparati e vis- rapporto con chi abbiamo incontrato e di mantenere il
suti nel modo giusto. Possono aiutarci a capire meglio il per- sostegno ai progetti che abbiamo promosso o appoggiato.
ch ancora oggi esistono delle differenze ingiuste tra gli Con questi presupposti il campo in Africa pu rappresentare
uomini e possono aiutarci soprattutto a cambiare stile di vita, realmente in una occasione privilegiata di crescita per gli
cambiando cos lambiente in cui viviamo. R/S, per tutta la Comunit di Clan/Fuoco e anche per tutto il
La tipologia di campi che proponiamo ha le seguenti Gruppo... pu essere lincontro che cambia la vita.

E tu?
stai pensando ad un
campo in Africa?
Per informazioni
scrivi prima possibile a
segrint@agesci.it
o a ANDREA BIGLIETTI
(Referente Area Africa)
abiglietti@tin.it
Affrettati, non c' molto tempo!

P r o p o s t a
P r o p o s t a
E d u c a t i v a
E d u c a t i v a
1 / 2 0 0 3
1 / 2 0 0 3
31
B r a n c a E / G
B r a n c a E / G

Appunti sparsi
sul sentiero E/G
Ovvero, sperimentiamo ma diamo acquisito che

L
Cesare Perrotta Larticolo di Cesare una focalizzazione, a partire da quello che dice il manuale,
sul sentiero e/g (in un contesto associativo che torna a parlare con rinnovata atten-
zione di progressione personale, sperimentazione del nuovo sentiero, PPU).

Su Scout notizie (periodico di formazione e informazione


della Fondazione San Giorgio ONLUS di Brescia), ho trova-
to una recensione sul Manuale di Branca che ho molto
apprezzato, poich essa racchiude - nel passaggio che indico
- il senso di questo mio intervento.

Anche sul tema della Progressione Personale, argomento


tra i pi difficili per ogni Capo, facilmente comprensibile
e anticipa gi alcune idee che circolano nella Branca e che
sono poi alla base della sperimentazione attualmente in
atto.

A ci dovrebbe assolvere anche il Manuale di Branca man


mano che questo far strada negli staff di unit e nei forma-
tori di branca. Ecco i punti oggetto della riflessione.

La semplificazione
semplificazione del passag passag gio
obiettivo-impresa
obiettivo-impresa (attivit)-v
(attivit)-ver erif
ifica
ica
Il manuale descrive quanto gi da tempo stato fissato
anche nella prima stesura del nuovo regolamento metodolo-
gico e portato in giro per lItalia in occasione dei Forum
di qualche anno fa.
Abbiamo semplificato eliminando le Mete (legate ai Filoni)
per parlare con gli esploratori e le guide solo di obiettivi
espressi nella forma di Posti dAzione, Incarichi di
Squadriglia, Specialit, Competenze,.
Oggetto della sperimentazione, chiamare Obiettivi agli
occhi dei Capi, ci che per i ragazzi costituiscono impe-
gni: Posti dAzione, Incarichi di Squadriglia, Specialit,
Competenze... Occorre aver chiaro questo passaggio per
legare allazione lobiettivo/la meta posta con il ragazzo/a.
Mi pare chiaro per che ci non elimini in alcun modo un
dialogo capo-ragazzo.

32 P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
La conclusione
conclusione del Sentiero La dura
dura ta del Sentiero
Ogni tanto si sente in giro unespressione del tipo: lesplo- Per me chiaro e acquisito che la durata del Sentiero scan-
ratore o la guida che ha gi la IV tappa e che ha raggiunto dita in quattro anni. Il processo di autonomia e responsabilit
gli obiettivi concludendo il Sentiero, cosa fa?. delladolescente, anche rispetto alla tendenza attuale di rinvio
Cosa vuol dire? La quarta tappa si riceve allinizio del cam- sempre pi prolungato nel tempo, va sollecitato in proposte di
mino; molto presumibilmente siamo nel corso dellultimo attivit/imprese avvincenti che aiutino il ragazzo e la ragazza,
anno. La conclusione per la verifica complessiva degli obiet- in piena crisi adolescenziale, a riscoprirsi persone in cambia-
tivi avverr nel Consiglio della Legge dellultimo campo mento alla ricerca di sicurezze e riferimenti certi, utili alla loro
estivo. Come si fa a parlare di un cammino completato in crescita.
precedenza: a vecchi obiettivi (Posti dAzione, Incarichi di un punto consolidato (rafforzato da motivazioni psico-peda-
Squadriglia, Specialit, Competenze,) se ne aggiungono - gogiche) attorno al quale chiediamo ai Capi ed alle Capo
in dialogo con lesploratore e la guida e attraverso nuove reparto di giocarsi con maggiore convinzione.
imprese - di nuovi.
vero, invece, che in qualche modo sia pure un semplice Tutto il resto
omerale, oltre alla cerimonia descritta nel regolamento meto- Simbolismo, accoglienza, tempo della Promessa, valorizza-
dologico va evidenziata la conclusione del Sentiero e il zione della specialit acquisite in branco/cerchio, nuove spe-
passaggio sulla Strada della branca rover/scolte. cialit, brevetti della competenza, non vengono modificati da
quanto stiamo sperimentando. Tuttaltro. Vengono resi pi
Alcune attenzioni
attenzioni alla parla
parlatata chiari a ragazzi, ragazze e capi con lintento di semplificare
Espressioni del tipo conquistare la tappa, fanno parte di un la parlata del Sentiero scout e rendere esploratori e guide
gergo arcaico, vecchio, superato. Si conquistavano le Classi maggiormente protagonisti dellavventura giocata in squadri-
(superando prove o si restava fermi) e i Livelli. glia, reparto, alta squadriglia.
La Tappa si vive camminando lungo il Sentiero: vissuta
osservandola dal punto di partenza (linizio del cammi- Mi fa piacere pensare che nel momento in cui ci rivolgia-
no) individuando in squadriglia, in reparto e nel colloquio mo ai Capi reparto in termini di sperimentazione del
con i Capi, Posti dAzione, Incarichi di Squadriglia, Sentiero, quanto gi patrimonio metodologico della
Specialit, Competenze,., che rendono questo cammino Branca anche se non di tutti i capi reparto, sia valorizzato
avventuroso, entusiasmante, avvincente. Come dire: ho in e non ritorni ad essere oggetto di discussione. Dal 1993,
mano la cartina del Sentiero da percorrere (lo strumento anno in cui si dette avvio alla riflessione sul regolamento
che mi orienta, mi da la direzione): nel momento in cui di branca, ogni articolo, cos come oggi lo abbiamo formu-
arrivo dove devo arrivare, questo punto segna linizio di lato, stato oggetto di ampio confronto e, talvolta, taluni
una nuova partenza (ecco perch non si conquista nessu- passaggi hanno costituito una vera e propria conquista. E
na meta definitivamente). non tutto si riusciti a fare

P r o p o s t a
P r o p o s t a
E d u c a t i v a
E d u c a t i v a
1 / 2 0 0 3
1 / 2 0 0 3
33
B r a n c a R / S
B r a n c a R / S

Francesco Maria Giuli e


Betti Fraracci

E
della Pattuglia Nazionale R/S

42
Erano assidui nellascoltare linsegnamento
degli apostoli e nellunione fraterna, nella frazio-
ne del pane e nelle preghiere.
43
Un senso di timore era in tutti e prodigi e segni
avvenivano per opera degli apostoli.
44
Tutti coloro che erano diventati credenti stava-
no insieme e tenevano ogni cosa in comune; 45 chi
aveva propriet e sostanze le vendeva e ne faceva
parte a tutti, secondo il bisogno di ciascuno.
46
Ogni giorno tutti insieme frequentavano il tem-
pio e spezzavano il pane a casa prendendo i pasti
con letizia e semplicit di cuore, 47
lodando Dio e
godendo la simpatia di tutto il popolo. 48 Intanto il
Comunit
Signore ogni giorno aggiungeva alla comunit
quelli che erano salvati.
(Atti 2, 42-48)
aperta
Dalla prima comunit cristiana ad una comunit che si nutre sentirsene parte attiva, sentirsi gli artefici della vita del grup-
dei propri componenti e cresce nellunione e nella condivi- po, della comunit.
sione, ma che poi esce da se stessa per annunciare la Parola e Il senso di appartenenza al gruppo rassicura gli adolescenti:
per arricchirsi ed arricchire ogni singolo individuo nel si fanno forza a vicenda nel riconoscersi gregge e talvolta nel
momento in cui si torna a riunire dopo le varie pellegrinazio- perdersi; sta alleducatore cogliere questo palese bisogno di
ni... Partire o restare? identificazione, per far affiorare le specifiche identit, che
con la loro originalit il gruppo fanno vivere.
La branca R/S si caratterizza per il forte senso della comuni- Il singolo per la comunit, la comunit per il singolo.
t, che, per i ragazzi che la vivono, diventa un valore impor-
tante nel momento stesso in cui riescono a superare il sem- Quali rischi? Quello dellauto-referenzialit per esempio:
plice e talvolta superficiale rapporto di amicizia, per arrivare rimanendo chiusi al proprio interno si rischia di non portare
ad una vera e fraterna condivisione. Condivisione di obietti- elementi di novit, vivendo in una dimensione comunitaria
vi, di esperienze, di valori. Non si fa strada o servizio dopo chiusa al nuovo non si fa altro che rimuginare e rimescolare
aver creato la comunit, ma si fa comunit facendo strada o sempre i problemi dei singoli, come in un circolo vizioso...
servizio.
Allora
Allora apr apriamo
iamo la comunit!
Cambiare e lasciarsilasciarsi cambiare Se la comunit cresce nellapporto di ogni specifica indivi-
Essere comunit significa crescere insieme, cambiare e dualit importante offrire ad ogni ragazzo lopportunit di
lasciarsi cambiare dagli altri, riconoscersi nello sguardo del- vivere esperienze entusiasmanti da riportare e condividere
laltro e cogliere nei suoi occhi le personali caratteristiche, le con tutto il gruppo. Esperienze vissute singolarmente o in
doti e i limiti o i difetti, significa appartenere ad un gruppo e piccole pattuglie, molte e variegate, proprio per permettere

34 P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
B r a n c a R / S
B r a n c a R / S

un confronto arricchente nel gruppo allargato. superficie e a sperimentare. Esplorare posti nuovi e lontani
larte del capo che sa poi evitare la frammentazione- unidea affascinante per dei ragazzi. Uscire dal noto, per
disgregazione della comunit, che sa fare sintesi, con lo stare in questo tempo, per andare incontro al nuovo!
sguardo sapiente di chi sa coordinare e interagire con i propri Strade al sole, strade e sentieri illuminati da questo spirito
ragazzi per aiutarli a crescere come singoli nella comunit. con la consapevolezza di doversi giocare in prima persona o
insieme a pochi altri e con la gioia di incontrare persone
Competenza, autonomia, confronto nuove, con le quali confrontarsi e condividere unesperienza
Uscire allesterno, avere lo sguardo attento e puntato sul che ci tocca tanto da vicino e ci costringe ad essere veramen-
mondo, agire gli spazi altri, toccare laltro, guardare negli te autentici.
occhi chi mi sta accanto.
Non facile far crescere una comunit in questa direzione, si
tratta di porsi con un nuovo punto di vista, quello degli edu- QUALI OCCASIONI CONCRETE
catori che fanno propria la sfida che il mondo offre loro: non DI SVILUPPARE LA COMUNIT APERTA?
possiamo chiedere ai ragazzi di rimanere chiusi in un clan
che si autoalimenta del gi noto, quando fuori c un mondo Questanno il Roverway in Portogallo: si parte
in continua evoluzione, in continuo movimento e nel quale i cipa in pattuglie Unesperienza che si aggiunge a
ragazzi per primi sono immersi e del quale devono essere quella della route di Clan o la completa
soggetti attivi di cambiamento. Durante lestate i Cantieri R/S e le Route dello
Spirito proposte dal nazionale Unoccasione di
progressione personale che aiuta a crescere
tempo di nuove idee, tempo di dialogo, di diversit, identi-
anche il Clan
t, curiosit, tolleranza, competenza; il tempo della proget-
Allestero: gli eventi Eurosteps per i singoli che
tualit, del viaggio, dellincontro, dellamore, della pace. vogliono crescere anche oltre confine Le infor
tempo di essere vagabondi e vedette, cio Rover e Scolte. mazioni in segreteria centrale
Nel corso dellanno i Workshop le Botteghe i
Partire o restare? Laboratori organizzati dalle regioni Competenze
La curiosit e lo sprito del pellegrino educano alla pace e al servizio della comunit
allamore, insegnano la progettualit, sviluppano nuove com- E poi ogni occasione che la Comunit R/S vorr
petenze ed inducono a sapersi adattare, a non fermarsi alla inventare

P r o p o s t a
P r o p o s t a
E d u c a t i v a
E d u c a t i v a
1 / 2 0 0 3
1 / 2 0 0 3
35
B r a n c a R / S
B r a n c a R / S

Roverway: una strada per i rover e le scolte


Stefano Tiberio Pattuglia Nazionale R/S
Avete presente il Jamboree? Ecco, il Roverway non un clan di formazione composto da altre 5 pattuglie di altret-
Jamboree. tanti paesi europei. Daranno vita ad una comunit prima vir-
tuale (con le possibilit offerte dal mondo del Web) e poi ad
unoccasione per migliaia di giovani: la prossima estate una comunit vera e propria che si incontrer il 31 luglio a
3000 rover e scolte provenienti da tutta lEuropa si trasfor- Lisbona e vivr insieme il progetto condiviso dal momento
meranno in un popolo in movimento per raggiungere il delliscrizione. I clan si ritroveranno dopo cinque giorni tutti
Portogallo, percorreranno strade diverse per convergere alla insieme per dar vita ad una grande comunit che si confronta,
fine del viaggio al lago di Ervideria, luogo magico che ospi- si scambia idee, si mette in gioco.
ter per cinque giorni una massa colorata di giovani che
vogliono fare la differenza. Educativamente questa esperienza ci offre nuovi stimoli.
Il Roverway un evento che nasce allinterno del program- Per prima cosa ci pone in dialogo con R/S e capi che vivono
ma WOSM Europe for You: un insieme di attivit nei loro paesi un roverismo che ha pochi contatti e molte dif-
pensate e proposte per promuovere la mobilit dei ragazzi e ferenze metodologiche con il nostro, ma che pu aiutarci ad
delle ragazze allinterno dellUnione Europea. allargare gli orizzonti educativi e stimolare riflessioni sul ser-
vizio, sulla presenza nelle Unit, sul ruolo dei capi, sulle atti-
Molti conosceranno la storia del nostro roverismo: uno svi- vit proposte. Levento ci offre poi loccasione di sviluppare
luppo che nel dopoguerra ha portato alla scelta di una propo- allinterno delle nostra comunit di Clan lautonomia dei
sta scout per i ragazzi che lasciavano il reparto indirizzata ragazzi. Le pattuglie, infatti, lavoreranno autonomamente.
verso una terza branca che, a differenza dellesperienza
inglese e americana, prevedeva in modo esplicito la frater- I capi educatori, che a volte hanno un atteggiamento iper-
nit dellaria aperta e del servizio e lo stile della strada. protettivo nei confronti dei ragazzi (gli anni passati in bran-
Era la proposta francese che nel tempo il roverismo/scoltismo ca L/C lasciano il segno?), sono chiamati a dare loro sempre
italiano ha sviluppato e adeguato ai tempi in cui viviamo. pi fiducia proponendo al clan un modello di comunit che
possiamo forse definire comunit aperta, in cui il
Oggi la necessit di proposte nuove e impegnative gruppo cresce nella condivisione delle
per rover e scolte unesigenza che si avverte in tutta esperienze dei singoli.
Europa. I giovani si muovono, si interrogano, vogliono pren-
dere posizione sui temi di attualit, hanno voglia di essere Il Programma Lautonomia, che premessa
veri protagonisti della loro vita in un mondo che sempre di Europe for You indispensabile per lassun-
pi globale. comprende gli zione di responsabilit, in
Eurostep (campi che branca R/S rappresenta
Ma le esperienze metodologiche di Branca R/S in si svolgono in tutta un cardine del metodo
Europa sono molte e diverse, ognuna con proprie Europa e anche in Italia), il che forse talvolta trala-
peculiarit interessanti per leducazione. Il programma Where to stay in sciamo, ma che mai
Roverway del 2003 stato preparato Europe (per girare lEuropa) e il pro- come questi anni siamo
dallAssociazione portoghese, gramma di Volontariato scout. Europe chiamati ad affrontare di
che sostiene oggi una proposta for You: fronte ai bisogni dei nostri
molto simile, per stile e contenu- www.scout.org/europe/foryou/index.html ragazzi. Ecco pertanto le pro-
ti, a quella della Branca R/S ita- poste dei cantieri nazionali,
liana. Per saperne di pi sul Roverway: delle le botteghe/workshop regio-
www.roverway2003.org nali, delle ROSS.
Come sar possibile vivere que- 50 ways: sono i 50 progetti proposti
sto evento? I ragazzi che parte- dal Roverway su altrettanti parti del Arricchire la comunit intera con la cre-
ciperanno al Roverway saranno Portogallo e su temi diversi: cultura, scita dei singoli rover e scolte che affron-
inseriti con la loro pattuglia ambiente, avventura, servizio, citta- tano momenti di vita diversi una delle
(8 persone) allinterno di un dinanza, spiritualit sfide educative nella branca R/S.

36 P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
c o s a f a c c i a m o
c o s a f a c c i a m o

Il programma
dellAgesci 2003
Ogni progetto nasce, in corso, si ristabilisce una Grazia Bellini e Lino Lacagnina
realt, come un ascol- rotta o si va verso Presidenti del Comitato Centrale
to, unattenzione, ed nuove prospettive,
perci pi che una con una sperimenta- Nella Rubrica
decisione di qualcu- zione, un progetto.
no o di molti unob- Per questo ogni ambi- Cosa facciamo
bedienza alla storia to ha momenti di abbiamo chiesto ai
per come siamo capaci incontri di pattuglie e
di leggerla. Questo il incontri seminariali, a Presidenti del Comitato
terzo, ed ultimo, anno di rea- volte scanditi in modo ricor-
lizzazione del PN, ed il suo titolo, rente, come l Indaba delle Centrale di raccontarci
Testimoni nel tempo, dice gi i due Specializzazioni o Agor del settore di cosa si occuper
ambiti principali di questo ascolto e di Internazionale, a volte invece determi-
questo progetto. Ogni anno, nella stesu- nati a fare il punto di un percorso, lAgesci al livello
ra del programma, il Consiglio come il seminario sulla Elaborazione
Nazionale (composto dai Responsabili del metodo al CFA, il seminario di
Nazionale questanno
ed AE di tutte le regioni) non stila solo studi internazionali sui Castorini, o ed ecco cosa
un elenco di cose da fare, ma soprattut- ancora il convegno per quadri tenuto in
to verifica che ci che si fa abbia la ottobre a Bassano Romano che ripren- ci hanno detto
luce, lattenzione, che il PN richiedeva;
che le cose siano fatte certo impor-
tante ma il modo di realizzarle pi che
la loro somma limpegno che ci
siamo dati quando insieme abbiamo
disegnato il progetto.
Cos anche questanno nel domandarci:
che fare? Abbiamo tenuto presenti que-
sti pensieri, per non fare solo un elenco
e per collocare anche tutto ci che fa
parte del nostro servizio ordinario nel-
lottica di questo progetto: il lavoro
delle branche, della formazione capi,
dei settori, dellorganizzazione, delle
relazioni, dei rapporti istituzionali, dei
consigli. Sono tutte le attivit ordina-
rie, cio quelle che facciamo sempre,
con la cura che riserviamo alle cose
preziose, alternando i momenti in cui si
fanno le cose, ad alcuni momenti in cui
si fa il punto, si ascoltano i pensieri di
tutti, si verifica landamento di un per-

P r o p o s t a
P r o p o s t a
E d u c a t i v a
E d u c a t i v a
7 / 2 0 0 2
7 / 2 0 0 2
37
c o s a f a c c i a m o
c o s a f a c c i a m o

deva il tema dellelaborazione del meto- una sfida sul piano educativo, sulla della Pace, ladesione alle sue iniziati-
do e dei rapporti di rete, coniugando relazione, sulla funzione e il valore ve, la collaborazione anche con altri
insieme presenza nella storia e compe- pedagogico delle regole che ci siamo soggetti che abbiano come noi a cuore
tenza metodologica dei capi. dati, sui linguaggi, sullautonomia. la pace , restano un impegno forte che
Questanno avremo il campo naziona- il CG del 2002 ha riconfermato.
le E/G, che si prepara da due anni e rap- Da questo punto di vista il campo un Sui temi della giustizia e della salvaguar-
presenta per certi versi un punto di arri- inizio, una tappa verso sentieri nuovi o dia del creato c la nostra presenza e la
vo, per molti altri un rilancio in avanti. meglio definiti e condivisi. Sar perci collaborazione con il gruppo Sentinelle
importante darci criteri di lettura e di del mattino, lorganizzazione di un
la realizzazione di un evento che verifica di questo evento, su diversi seminario sul futuro dellEuropa
segue un lungo lavoro di lettura dei piani. Gli iscritti sono molti, pi di insieme con Pax Christi, la rete di
bisogni dei ragazzi e delle ragazze, 20.000, anche per questo il campo sar Lilliput e altri, la presenza al SFE di
della realt dei reparti, delle diversit un osservatorio prezioso. Firenze nei seminari sul tema della
che esistono. stato un lungo lavoro C poi limpegno dellAGESCI nelle pace, del ruolo delle chiese nella
un po come in un laboratorio a cui reti di cui fa parte e che sono anche il costruzione dellEuropa, del dialogo
tutti i capi e le capo reparto sono stati. modo in cui i capi dellassociazione interreligioso. Sono stati impegni con-
anche una grossa sfida a tutti noi, rendono leggibili le scelte del PA, sistenti e preziosi che, come notato da
proprio tutti, perch un campo come come singoli e come associazione. Un molti capo e capi, ci hanno richiamato
questo un evento per tutta quadro pi dettagliato sar, come ogni alla testimonianza delle scelte del PA in
lAssociazione, non solo per la branca anno, nella relazione del Comitato modo concreto.
E/G, naturalmente, dal punto di vista Centrale al Consiglio Generale; vor- Anche il Jamboree di questanno ha
dei contenuti, della logistica, dellim- remmo qui ricordare ci che dicevamo una valenza di fraternit e di incontro
patto ambientale, dello stile scout; ed nel comunicato stampa Ci sta a speciale, per il tempo che stiamo viven-
importante che tutto venga fatto con cuore: limpegno per la pace con tutti do e per il paese in cui si realizza, la
cura, come quando ci si prepara per gli uomini e le donne di buona volont. Thailandia. C stata molta attenzione
una grande avventura. Ma soprattutto La nostra presenza attiva nella Tavola da parte di tutti perch da un lato i

38 P r o p o s t a E d u c a t i v a 7 / 2 0 0 2
P r o p o s t a E d u c a t i v a 7 / 2 0 0 2
c o s a f a c c i a m o
c o s a f a c c i a m o

nostri ragazzi partano un po disponibilit di servizio di alcuni capi


come ambasciatori, con un man- e attraverso un lavoro del settore
dato che chiederemo al Internazionale insieme con i presiden-
Presidente della Repubblica ti del CC abbiamo tessuto una fitta
nellincontro che avremo con rete di relazioni fra associazioni,
lui in dicembre, con una dele- scambi di materiali, riflessioni con-
gazione di ragazzi e ragazze; giunte sui temi del metodo, o delle-
dallaltro lato c stata cura ducazione alla fede, o della forma-
anche perch un incontro zione dei capi, o dellorganizzazione
cos ampio sia occasione della struttura. Sono vie aperte nelle
per una lettura capace di quali camminare per vivere la frater-
cogliere differenze e nit scout proprio nello scambio delle
potenzialit, di dire e di diverse realt.
ascoltare, di pensiero cri- Che cosa far allora questanno
tico e di accoglienza. lAgesci? Tante cose, tutte per
Continua il nostro impe- legate da questo filo: leggiamo il
gno nel movimento nostro tempo, ascoltiamo la storia, e
scout e nel movimento in questo tempo, in questa storia,
guide di cui siamo testimoniamo il nostro essere cri-
parte. Abbiamo offerto stiani, cittadini, scout.

ci sta a cuore
CI STA A CUORE
Comunicato dellAgesci per la partecipazione al Socialforum di Firenze

Se per un momento, lo spazio di preziosa: discutere con delegati questo un tempo in cui costrui-
un ragionamento, proviamo a di tutti i paesi europei e cercare re reti e ponti insieme con i
leggere i temi di cui si occuper di delineare orientamenti e solu- molti e diversi compagni di stra-
il Forum Sociale Europeo: la zioni. In modo pacifico. da, che la direzione e i modi
finanza etica, lo sviluppo sosteni- della globalizzazione possono
bile, il ruolo dellEuropa, la pace, Ci sta a cuore perci come cri- essere orientati dai governi ai
i diritti, la cittadinanza e la stiani, come cittadini, ma anche quali dobbiamo perci chiedere
democrazia, il ruolo delle Chiese, come educatori; un farsi carico scelte precise, che partecipare
linclusione sociale, le risorse ali- dei fratelli, imparare a mettersi con pienezza alla storia che scor-
mentari e molto altro, scopria- in gioco, accettare la responsabi- re anche farsi carico dei pro-
mo che si tratta di temi grandi lit del vivere in questo tempo, blemi della famiglia umana.
che da tempo ci stanno a cuore, costruendo insieme il discerni- Pensando ai ragazzi che parteci-
perch riguardano tante donne e mento necessario. Che dire altri- peranno a questo evento, vor-
uomini del pianeta , tante sorelle menti ai giovani che si interroga- remmo che incontrassero adulti
e fratelli e perch rappresentano no sui perch delle situazioni, su non impauriti, n barricati, ma
un enorme interrogativo rispetto ci che possiamo fare rispetto persone capaci di portare la loro
a come sappiamo e vogliamo alla pace, alla giustizia, al perdo- testimonianza di persone di
testimoniare la fraternit. E no individualmente ed unendoci buona volont, vorremmo che i
anche se limpegno di molte delle ad altri, sul ruolo prezioso della nostri giovani si sentissero
associazioni che parteciperanno politica, sulla fisionomia accompagnati con la generosit
non di oggi, e non si conclude- dellEuropa di cui siamo parte? che il tema richiede, con una
r certo con il Forum, tuttavia preoccupazione non di noi stessi
loccasione che attraverser Diciamo che un mondo migliore e delle nostre piccole strategie,
Firenze in novembre rappresenta possibile, e lo sar anche gra- ma dei fratelli e delle sorelle che
unopportunit che ci sembra zie allimpegno di ognuno, che ci stanno a cuore.

P r o p o s t a
P r o p o s t a
E d u c a t i v a
E d u c a t i v a
7 / 2 0 0 2
7 / 2 0 0 2
39
r e c e n s i o n i
r e c e n s i o n i

Nella rubrica
Recensioni
di questo numero
sullessenzialit
segnaliamo quattro libri
ed un film che possono
aiutare a trovare spunti
di riflessione sul tema.
IL LIBRO DI LEZARD LE AQUILE RANDAGIE
Nuova Fiordaliso, C. Verga, V. Cagnoni,
Roma, 2001 Nuova Fiordaliso,
Roma, 2002
Itinerari spirituali rifles
sioni esperienze di una A proposito di esperienze
capo come occasione di forti vere che vanno al
aiuto stimolo e guida per cuore delle cose questo
costruire e diffondere la libro narra azioni di corag
gioia gio e generosit che dav
Va al cuore della Legge vero sono alla base delles
Scout e la presenta con senzialit ed bello sapere
efficacia e semplicit che sono state alla base
Un libro non solo per della storia dello scauti
scout e guide ma per tutti smo italiano
quelli che hanno voglia di Queste pagine raccontano
spazi di sogni di tempo la storia avventurosa di un
per pensare gioire scopri gruppo clandestino di
re ed apprendere la vita scout che nonostante la
soppressione voluta dal
fascismo nel
 conti
nuarono a vivere il loro
ideale

40 P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
r e c e n s i o n i
r e c e n s i o n i

FILM: GANDHI

Pratica il Vangelo: sono le


cose semplici che mozzano
il fiato Sono parole di
Gandhi il padre maestro
della non violenza Alla
sua vita dedicato il film
GANDHI (
):

minuti a colori distribuito
dalla Columbia Tristar
Home Video (Winners)
Fin dalle prime sequenze
presenta la morte di
Gandhi Chi hanno ucciso?
La coscienza dellumanit:
VIENI E SEGUIMI, IO, FRANCESCO colui che lott per la non
REGOLA DI VITA Carlo Carretto, violenza fu ucciso dalla
CRISTIANA PER Ediz. Messaggero, 1980 violenza Il racconto della
I GIOVANI vita di Gandhi inizia nel
Alessandro Maggiolini,
 in SudAfrica: un poli
Ediz. Piemme, Casale un testo classico ormai ziotto lo getta dalla prima
Monferrato, 2002., datato ma ancora pieno di classe del treno e in quella
pp. 168, energia e utile per tutti notte Gandhi legge leven
formato tascabile. quelli che non lo conosces to pi significativo della
sero per avvicinare noi sua vita; la notte che
Uno solo linvito che il stessi ed i nostri ragazzi in coster allInghilterra un
Cristo ci fa per proporci modo appassionante alla impero
una vita piena e ricca in vita allo stile alle scelte
tutte le sue manifestazio ed ai combattimenti inte
ni: Vieni e seguimi riori di SFrancesco Una
Al giovane ricco agli apo lettura scorrevole e che
stoli e a tutti noi lascia molto
Attraverso le testimonian Bello in particolare il
ze dei giovani la lettura e brano sulla appartenenza
il commento di alcuni alla Chiesa
passi biblici i ragazzi sono
aiutati a valutare le scelte
e i comportamenti del pro
prio itinerario di crescita

P r o p o s t a
P r o p o s t a
E d u c a t i v a
E d u c a t i v a
1 / 2 0 0 3
1 / 2 0 0 3
41
u n o s g u a r d o f u o r i
u n o s g u a r d o f u o r i

Condizione dellinfanzia nel mondo:


Rapporto UNICEF 2002
Nel settembre 1990 si svolse a New al risultato globale.
Rubrica York, alla presenza di un numero senza Nel settore nutrizionale, lobiettivo
Uno sguardo precedenti di capi di Stato e di governo,
il Vertice mondiale per linfan-
principale era dimezzare il tasso di
malnutrizione dei bambini sotto i cin-

fuori zia; vennero sottoscritti obiettivi ambi-


ziosi mirati a ridurre la mortalit
que anni. Nonostante questo obiettivo
sia stato largamente raggiunto in
infantile, ad ampliare la protezione Sudamerica, nei paesi in via di svilup-
In questo numero vaccinale, a diffondere listruzione di po il tasso sceso soltanto del 17%. In
base insieme a tutta una serie di altri Asia, dove vivono pi dei due terzi di
sullessenzialit abbiamo obiettivi da raggiungere entro il 2000. tutti i bambini malnutriti, il calo stato
Oggi, a undici anni dal Vertice mondia- relativamente modesto, dal 36% al
scelto di presentare le, i governanti della Terra dovranno 29%, mentre nellAfrica subsahariana
esaminare la condizione dellinfanzia il numero di bambini malnutriti addi-
dei brani tratti dal nel mondo e per valutare gli anni tra- rittura aumentato. Il numero totale di
scorsi dalla Dichiarazione e dal Piano bambini malnutriti nei paesi in via di
Rapporto UNICEF 2002 dazione e dallattuazione di quegli sviluppo passato da 177 milioni a 149
obiettivi che avrebbero dovuto miglio- milioni.
sulla condizione rare la vita dei bambini. Dovranno fare Gli obiettivi posti dal vertice mondiale
i conti con la constatazione che i pro- entro il Duemila sullaccesso universa-
dellinfanzia nel mondo; gressi sono stati frammentari, in un mix le allacqua potabile e a impianti igie-
di successi e fallimenti. nici e fognari, invece, non sono stati
il collegamento col tema neppure sfiorati. In entrambi i casi si
Obiettivi ra ra ggiunti registrato un miglioramento della per-
del numero evidente e obiettivi mancati
mancati centuale di persone che ne fruiscono, dal
Lobiettivo primario fissato dal Vertice 79% all82% per lacqua potabile e dal
e ci richiama a fare scelte mondiale consisteva nella riduzione di 55% al 60% per gli impianti igienici e
un terzo, tra il 1990 e il 2000, dei tassi fognari. Rimangono per ancora 1,1
di vita e ad insegnarle di mortalit infantile e di mortalit miliardi di persone che non hanno
sotto i cinque anni. La riduzione com- disponibilit di acqua potabile e 2,4
ai nostri bambini plessiva stata del 14%: un migliora- miliardi di persone che vivono in aree
mento considerevole, che significa che prive di impianti igienici e fognari, tra i
e ragazzi sulla base oggi riescono ad arrivare al quinto quali la met degli abitanti dellAsia.
compleanno 3 milioni di bambini in pi Lobiettivo di garantire un accesso uni-
delle motivazioni rispetto a dieci anni fa. versale allistruzione di base anco-
In alcuni Stati ricchi lobiettivo stato ra lontano. Il tasso di iscrizione alla
di giustizia per garantire mancato, mentre paesi poverissimi, con scuola elementare salito in tutto il
impegni giganteschi e politiche effi- mondo, ma oltre 100 milioni di bambi-
cienti, sono riusciti nellintento. La tra- ni (di questi, circa il 60% bambine) non
a tutti condizioni di vita gedia dellHIV/AIDS, in particolar frequentano la scuola e molti di pi
modo in Africa, non solo ha fatto risali- ricevono unistruzione di scarsa quali-
che offrano reali re vertiginosamente i tassi di mortalit t. Sono principalmente bambini lavo-
infantile, dopo anni di miglioramento, ratori, disabili, affetti da HIV/AIDS o
possibilit di sviluppo ma ha anche agito da zavorra rispetto che vivono in situazioni di guerra,

42 P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
bambini di famiglie povere o di mino- igieniche adeguate e assistenza sanitaria. sono pi vulnerabili rispetto ad alcune
ranze etniche, di zone rurali, delle peri- Programmi efficaci di Assistenza alla minacce che mettono a repentaglio i
ferie degradate delle citt o di aree Prima Infanzia (API) si pongono tutti gli loro diritti lHIV/AIDS, lo sfrutta-
remote, e sono soprattutto bambine. obiettivi legati alla sopravvivenza di un mento sessuale, il lavoro minorile, le
bambino con cui lUNICEF tradizio- guerre o il reclutamento come soldati.
nalmente identificato. Gli adolescenti sono spesso costretti a
Interv
Interv enti confrontarsi con questi rischi senza le
per cambiare il mondo Questi programmi prendono in consi- informazioni, le competenze e la possi-
I paesi che detengono il potere nelle- derazione anche lo sviluppo mentale, bilit di usufruire dei servizi di soste-
conomia globale devono esser ei primi sociale, emotivo e spirituale del bambi- gno dei quali avrebbero bisogno.
a sostenere e salvaguardare i diritti dei no fin dai suoi primissimi anni di vita e Lintroduzione di provvedimenti speci-
bambini. Ma la povert non esonera i lassistenza che riceve sul piano fisico fici che rispondano alle necessit dei
governi dei paesi in via di sviluppo dal e psicosociale. Unaltra priorit assolu- giovani viene spesso accantonata a
porre attenzione ai problemi che riguar- ta su cui investire quella dellistruzio- favore delle pi incisive richieste e
dano linfanzia. I diritti dei bambini ne elementare. Degli oltre 100 milioni priorit degli adulti, i quali sono in
sono della massima importanza e di bambini che non frequentano la condizione di esercitare pressioni poli-
vanno garantiti in toto, senza eccezioni. scuola, 60 milioni sono femmine. tiche. Ma, ancora una volta, i governi
Lopportunit di investire nellistruzio- che hanno sottoscritto la Convezione
Le aree prior prioritar
itarie ie ne elementare di qualit in particolare sui diritti dellinfanzia devono ricono-
dinterv
dinterv ento per quanto riguarda le bambine scere che gli adolescenti hanno dei
per il prossimo decennio stata ampiamente assodata. Listruzione diritti inalienabili, al momento palese-
Limportanza fondamentale dello svilup- migliora la qualit della vita e aumenta mente ignorati. Hanno il diritto di rice-
po nella prima infanzia oggi molto le occasioni per tutti. I benefici che vere informazioni importanti e affidabi-
pi riconosciuta di quanto non lo fosse comporta sono facilmente riscontrabili. li da genitori, insegnanti, mezzi di
allepoca del Vertice mondiale del 1990. Laltra opportunit per investire in comunicazione e altri educatori. Hanno
Unassistenza adeguata nei primissimi modo oculato rappresentata dallado- il diritto di ricevere insegnamenti che li
anni di vita un diritto fondamentale. I lescenza. Gli anni delladolescenza preparino ad affrontare egli anni della-
governi dei diversi paesi devono garanti- rappresentano per ogni ragazzo un dolescenza, nei quali scopriranno la
re che tutti i bambini, senza eccezioni, periodo di crescita molto rapida, sul propria identit e lindipendenza, e a
vengano registrati alla nascita, che la piano fisico, emotivo, psicologico, sviluppare la capacit di negoziare,
loro vita inizia senza che conoscano vio- sociale e spirituale. Si tratta anche di risolvere conflitti, pensare in modo cri-
lenza e abusi, che ricevano unalimenta- una fase molto delicata e pericolosa. tico, prendere decisioni, comunicare e
zione appropriata, acqua potabile, misure proprio questa let in cui i ragazzi guadagnarsi da vivere.

P r o p o s t a
P r o p o s t a
E d u c a t i v a
E d u c a t i v a
1 / 2 0 0 3
1 / 2 0 0 3
43
l a i c i n e l l a c h i e s a
l a i c i n e l l a c h i e s a

Il Concilio Vaticano II
da 40 anni ad o ggi ancora attuale
Pronunzio innanzi a voi, certo tre- di Dio venga ricevuta in modo autentico
Rubrica mando un poco di commozione, ma e attuale dai cristiani di tutti i tempi e i
insieme con umile risolutezza di propo- luoghi. Questa apertura alla Parola di
Laici sito, il nome e la proposta della cele- Dio che si rivolge a noi attraverso la
brazione di un Concilio generale per la Bibbia e la Chiesa ci prepara ad acco-
nella Chiesa Chiesa universale: Giovanni XXIII
annuncia cos la decisione di convocare
gliere la parola di Dio fatta carne, il
Verbo di Dio fatto uomo.
un nuovo Concilio il 25 gennaio 1959. Perci la riforma liturgica avviata dalla
Nella convocazione il Papa dedic due Sacrosanctum concilium tutta tesa a
In questo numero abbiamo sole frasi agli scopi del Concilio: fare dellEucaristia il momento pi
Lume, edificazione e letizia di tutto il alto e la sorgente della vita cristiana
scelto di pubblicare alcuni popolo cristiano, e amabile e rinno- dei singoli e delle comunit: e in ci
vato invito ai fedeli delle Chiese sepa- aiuta, anzi pone il fondamento di quella
brani dedicati al Concilio rate a partecipare a questo convito di rivoluzione copernicana allinterno
apparsi su Famiglia grazia e di fraternit. della Chiesa che si espressa nella
Verso la fine daprile 59 papa Giovanni Lumen gentium, che definisce la
Cristiana per sottolineare formula lo scopo fondamentale del Chiesa come popolo di Dio, in cui ogni
Concilio. Accrescere limpegno dei cri- cristiano partecipa pienamente e attiva-
come i documenti che la stiani, dilatare gli spazi della carit., mente alla realt di Cristo e alla comu-
con chiarezza di pensiero e con gran- ne vocazione alla santit. Questa matu-
Chiesa approv in quel dezza di cuore. Questo significava non razione ha abbattuto le visuali riduttive
soltanto un Concilio eminentemente che vedevano la Chiesa come unica,
periodo non solo rappre- pastorale, ma anche unapertura verso effettiva possibilit di salvezza, ma ha
gli altri cristiani, lassunzione di un spinto ogni fedele e ogni comunit a
sentarono una rivoluzione impegno ecumenico. Il Papa prese sem- essere cos coerenti e trasparenti nella
pre pi frequentemente a indicare il loro vita di fede-speranza-carit da
per quei tempi, ma sono Concilio come Pentecoste nuova, che poter davvero risultare ispirazione e
ancora oggi un importante doveva chiudere unepoca di lotta tra stimolo verso il regno di Dio per tutti
cristiani e inimicizia con il mondo. gli uomini di buona volont, di ogni
punto di riferimento da Certo, tutti i documenti conciliari sono cultura e religione. E questa infatti la
importanti, ma le quattro Costituzioni prospettiva della quarta Costituzione, la
conoscere, ancora attuali offrono il nucleo essenziale e coerente. Gaudium e spes.
La Dei Verbum rimette nella mano e nel Fra gli esiti pi significativi del
perch in certe parti, cuore dei cristiani la Bibbia, prima quasi Concilio Vaticano II, e fra le intuizioni
temuta come possibile apripista del pro- che a quarantanni di distanza si rivela-
soprattutto inerenti il testantesimo e sostituita, nel predominio no pi feconde, vi stata la riscoperta
della tradizione, praticamente dal magi- della Chiesa come popolo di Dio,
ruolo dei laici, ancora non stero della Chiesa. In realt tradere non con la conseguente valorizzazione delle
vuol dire bloccare, ma trasmettere: Chiese locali e del ruolo e della
completamente attuati. la tradizione la garanzia che la Parola responsabilit dei fedeli laici.

44 P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
p o s t a
p o s t a

Il saluto di Don Sergio


Il nostro AE naz FoCa stato nominato dalla Cei
responsabile dellUfficio naz famiglie
Capi in situazioni quattro genitori (sui quaran
Quando progetti una route conosci gi la strada sulla eticamente difficili tanni) Gimmi Enzo Toni e
carta e ti attrezzi per arrivare alla fine portando a termine questanno anche Gigi che ad
tutti gli obiettivi che facevano parte del progetto ma Caro Dante un certo punto ma non ad
quando parti devi gi sapere che la strada comunque ho riletto varie volte la tua let punto certo della loro vita di
unavventura e che qualche volta succede che gli imprevi tera e cos varie volte ho letto persone disponibili in parroc
sti ti fanno prendere unaltra direzione E la legge scout ti larticolo a cui si riferiva chia hanno deciso di fare un
direbbe che devi comunque sorridere e procedere con Provo stupore in quanto se salto di qualit
coraggio larticolo sostanzialmente face Era da un paio di anni che
Mi sono accorto che questo non facile! Credevo di arri va notare come fosse necessa venivano coinvolti nelle vacan
vare fino in fondo al servizio che due anni fa ho accolto rio parlare e far decidere (cosa ze di branco in qualit di cam
con un po di incoscienza ma anche con fiducia nei compa gi di per se discutibile) alla busieri menestrelli attori sce
gni di viaggio; e invece arriva limprevisto totalmente CoCa se fosse idonea al ruolo nografi autisti ecc ecce
inatteso e non cercato Vi confesso che non ho saputo sor di educatore uno scout divor questa loro vicinanza con il
ridere subito: ho visto in primo piano la mia inadeguatez ziato tu vorresti una direttiva mondo scout e la complicit di
za il peso della responsabilit la fatica di cambiare cos nazionale a riguardo Credo un vecchio lupo del Masci
radicalmente il contesto delle relazioni che per me era che il divorzio sia una cosa per come Sandro De Rizzo ha
cos importante sonale e che una persona fatto loro maturare lidea di
Ma lungo la strada molti amici mi hanno aiutato a trovare la divorziata possa educare poter inserirsi nella CoCa
serenit e la fiducia ed ora sono qui al termine della mia ugualmente e forse meglio di Dopo un anno hanno chiesto
prima giornata romana alla CEI Sento che gli amici che ho persone single o sposate e fatto la promessa scout
incontrato nellavventura scout anche in questi ultimi due Non credo che lessere divor hanno partecipato al primo
anni non li perder; sento dentro la ricchezza che mi hanno ziato abbia influenza sulledu campo nazionale tenutosi a
dato e la porto con me per questaltra avventura cazione che noi impartiamo ai Spettine Quattro salti in
Grazie carissimi continuate la strada come io la conti ragazzi n quello che loro pen cambusa meravigliando tutti
nuo altrove sempre nello stesso spirito di servizio: sano di noi A volte specie per disponibilit competenza
Qualcuno ci accompagna e ci attende ad ogni nuovo oriz nelle CoCa si fanno troppe ed e simpatia
zonte E se lavventura ci riserver ancora la sorpresa di inutili parole In comunit capi per noi lo
incontrarci di nuovo sar come esserci appena lasciati e Francesco Staff Cambusa e sono inseriti a
condivideremo ancora la gioia di altri passi Buona strada Akela Ponticella
pieno titolo nelle attivit
don Sergio poeung@inwindit hanno presentato un loro pro
getto come segno di impegno
Cambusieri: lo scauti- e certezza per il gruppo
smo entra per la cucina Certe volte basta coinvolgerli
Campo bibbia basta chiedere e soprattutto
Mi chiamo Mauro e sono il aprire le porte a questi extras
In occasione della Pasqua di Resurrezione ti invitiamo a capo gruppo del SVito di sociativi e dar loro la possibili
vivere una settimana in compagnia della Parola da condivi Leguzzano
(VI) era da un t di entrare in CoCa
dere con nuovi amici in un clima di campo scout nei diver po di tempo che volevo scri Buona strada
si momenti della giornata fatta di incontri di ascolto di vervi per raccontare la storia di Mauro
scambio di esperienze di giochi di preghiera di espressio
ne di canto ecc
il Campo Bibbia che si terr in una abbazia della Toscana
(stiamo aspettando delle conferme) dal
 al  aprile con
la guida di Rinaldo Fabris che ci aiuter a fare insieme il
Passaggio dalle tenebre alla luce: un cammino di libera
zione
Sono invitati i Capi ei loro amici e parenti: chiunque abbia
desiderio di vivere intensamente la settimana santa del
prossimo anno Per informazioni tel   Maria
Teresa Spagnoletti
Per la iscrizione la scheda la trovate sul sito dellAgesci con
gli altri campi

P r o p o s t a
P r o p o s t a
E d u c a t i v a
E d u c a t i v a
1 / 2 0 0 3
1 / 2 0 0 3
45
p o s t a
p o s t a

Educatori alla fede saggio di Cristo e del suo Formare i genitori Diapositive scout
Vangelo importante qui sot
Quella che segue una mia tolineare che se ci troviamo in Approfitto della possibilit di
cercansi!
riflessione scaturita da una contrasto con una qualunque parlarvi per esternare una
serie di incontri con la mia affermazione di un vescovo o cosa che mi sta a cuore: la Una ditta di Varese sta
Comunit Capi e con altri gio di qualche sacerdote anche necessit di integrare la forma per editare una video
vani come me disposti ad fosse una posizione comune di zione che si sta dando ai ragazzi cassetta nella quale con
approfondire il proprio cammi tutta la socialit della Chiesa con una uguale attenzione ai diapositive fisse in dis
no di fede nelle scelte di ogni questa non pu essere usata genitori
solvenza si spiegano i
singolo capo come scusa per non vivere il Ho visto che se si fa un certo
Essere educatori in primo nostro personale cammino di lavoro continuativo e sistemati fondamentali dello
luogo essere testimoni; ma se fede che deve vedere sempre e co con i genitori il tasso di per scautismo : perch c
non si vive in prima persona comunque lEucarestia come severanza di ragazzi cresce luniforme e come si
quello che vogliamo comunica suo fulcro Dobbiamo cancella molto e comunque si indossa? Che significa il
re come potremo esserlo vera re dalle nostre menti quella ha la soddisfazione di vedere giglio? Che valore ha la
mente? Sarebbe inutile o per convinzione secondo la quale maturare anche gli adulti
promessa? ecc
lomeno da ipocriti saper predi la Chiesa pensata e voluta mia convinzione che bisogna
care bene il messaggio di dagli uomini; dobbiamo ricor prima o poi trovare qualche Tutto quanto sar spie
amore e di pace del Signore dare che stato Ges stesso capo a disposizione (o assimila gato con diapositive ed
Ges se poi sappiamo solo ad istituirla La Chiesa non to) per prendere a cuore la for un commento parlato
predicarlo necessario viver uninvenzione di qualche mazione scautistica dei genitori Volete che i vostri
lo e viverlo con convinzione prete Questo non vuol dire che si ragazzi compaiano in
Con la nostra scelta di diventa Da dove ricominciare allora? spieghino le cose che fanno i
questo video?
re capi in Agesci dobbiamo Come possiamo rimetterci in ragazzi: per una volta forse sar
dare anche testimonianza di cammino se ci accorgiamo di necessario ma solo per cortesia Se s inviatemi quante pi
quella C che significa non essere pi in sintonia con La vera scommessa quella di diapositive potete: forse
Cattolici: non si pu essere in la nostra Chiesa solo perch far capire che fare la qualcuna sar prescelta!
contrasto con la Chiesa non ci riconosciamo nelle Promessa indossare una unifor Limportante che siano
Cattolica se vogliamo essere dichiarazioni del Papa sulla me (almeno il fazzolettone) molto chiare e luminose!
educatori dei nostri ragazzi col borto o sulla sua politica porsi sotto una legge non
Visto che occorreranno
Vangelo che questa proclama sociale? rifuggire dal sacrificio manife
ormai da pi di duemila anni Un modo ci sarebbe ed alla stare espressamente la propria tempi lunghi non sono
Non voglio dire che dobbiamo portata di tutti in quanto convinzione su Dio sicuro di rimandarvele
accettare tutto ciecamente Ci presente in ogni citt o paese ecc una avventura bella che celermente
si pu anzi ci si deve mettere ogni giorno: la riscoperta vale la pena di vivere non Voi preoccupatevi di scri
in discussione e a volte persino dellEucaristia per imitare i ragazzi ma per se vere sopra ogni telaietto
in atteggiamento critico di Non sanno cosa si perdono stessa quanto diceva un
il vostro recapito
quello che ci viene proposto quelli che accampano scuse e pap: Se i nostri figli tornano a
come cammino di fede che corrono dietro ad altre voci e casa entusiasti delle uscite Don Romano Nicolini
comunque ricordo deve esse ad altre urgenze(mons Diego perch non possiamo divertirci viale Gramsci 
re fatto indistintamente da Coletti Andiamo alla messa anche noi facendo qualcosa di  Riccione (Rimini)
Capi e ragazzi; ma quello che pag
) simile? tel 
  
non si deve e non si pu fare Matteo Seu Credo sia bene intraprendere fax 


perdere di riferimento il mes Rosignano
questa strada non per calcolo
cell  


utilitaristico ma perch giu
sto che anche gli adulti possano e mail: rcnico@tinit
assaporare lo scautismo che Questa videocassetta
passa dai piedi e che ha reso ripresenta in maniera
felici tante persone Se volete visiva il mio libro:
conoscere esperienze che gra Primi passi sul sentiero
zie a Dio stanno dando molti
scout Edizione Scout
frutti telefonatemi
Don Romano Nicolini Agesci Nuova Fiordaliso
Riccione tel 
  
46 P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
P r o p o s t a E d u c a t i v a 1 / 2 0 0 3
p o s t a
p o s t a

Farememoria per il nale: bisogna invece che essa


Madagascar diventi un punto di partenza LIBERA
dialettico per intervenire sul Associazioni nomi e numeri contro le mafie
Gli amici di FareMemoria e loggi e contribuire a cambiare
quanti ne seguono con inte il mondo Se vero questo la 21 marzo 2003
resse le iniziative e il percorso memoria come ricostruzione Giornata della ricordanza e della gratitudine
di Educazione alla legalit storica libera da incrostazioni
continuano a crescere di ideologiche e da stereotipi di dedicata a tutte le vittime della mafia
numero e di considerazione comodo va intesa in modi di
Negli ultimi anni salito a pi volta in volta diversi ora vici Ricordati di ricordare
di trenta il numero di scuole na (la memoria della nostra coloro che caddero
mediamente coinvolte nelle famiglia della nostra terra lottando per costruire
manifestazioni del 
marzo del nostro stesso vissuto) unaltra storia
(il Giorno della ricordanza e ora dialetticamente lontana e unaltra terra
della gratitudine) che costi (la conoscenza e lamore di ricordali uno per uno
tuisce certamente il momento tempi e luoghi altri) In perch il silenzio
di maggiore visibilit dellas entrambi i casi noi tutti non chiuda per sempre
sociazione diventiamo i portatori di espe la bocca dei morti
rienze umane prive della visi
e dove non arrivata
Forse qualcuno tra quanti ci bilit della cronaca escluse
come sono persino da quella
la giustizia
conoscono si chieder come
mai unassociazione che basa globalizzazione che in Africa arrivi la memoria
il proprio motivo di esistere non arriva neanche LAfrica e sia pi forte
sulla volont di tener viva la muore e noi ricchi del mondo della polvere
memoria dei tanti morti per ci voltiamo da unaltra parte e della complicit
mafia decida adesso di appog
giare un progetto che riguar FareMemoria Umberto Santino
da un Paese lontano quasi (Coord Associazioni per la
sempre trascurato dallinfor Legalit e ore : Messa e lettura dei nomi delle vittime della
mazione: il Madagascar Nella Parenti Vittime della Mafia) mafia
scheda e nellaltro materiale farememoria@freemailit ore
: Manifestazione Versi per la memoria
informativo messo a disposi http://webtiscalinetit/scuola
zione dagli amici di Exodus chinnici/fare_memoria/main
htm
Inoltre alle ore
 proponiamo di osservare un minu
che ci hanno chiesto di aderire
a questo progetto troverete to di silenzio in tutte le case le strade e in tutti i luoghi
tanti motivi per credere nel di lavoro; i negozi e tutti i pubblici esercizi abbasseran
lurgenza di un intervento no le loro saracinesche; le chiese suoneranno le loro
attivo in aiuto di quella popo campane; fabbriche treni navi mezzi di soccorso e di
lazione sofferente ma qui pubblica sicurezza faranno sentire le loro sirene I
vorremmo rispondere a unal Consigli comunali e provinciali si riuniranno in seduta
tra domanda: cosa centra il straordinaria per leggere lelenco di tutte le vittime
Madagascar con lantimafia? della mafia senza alcun dibattito politico
Noi crediamo che la memoria
sia un dovere imprescindibile
di qualunque cittadino del
mondo e che essa non possa Lindirizzo telematico pe@agesciit
che essere esercitata in modo quello postale : redazione di Proposta educativa c/o Agesci
critico in relazione sempre al via Rainaldi  
Bologna
tempo presente Se la memo Vogliamo raccogliere e pubblicare quello che di bello facciamo come educatori nel nostro Paese
ria anche quella di donne e soprattutto le esperienze forti e significative Ci piacerebbe ricevere brevi articoli da parte dei
capi di tutta Italia che riguardino in particolare progetti di attivit educative sperimentali reso
uomini uccisi dalla mafia si
conti di belle attivit coraggiose e creative Per consentire a tutti di poter fornire contributi real
limitasse alla celebrazione di mente pubblicabili (lo spazio che abbiamo non poi tanto!) necessario che questi siano brevi
anniversari non uscirebbe compresi in circa
caratteri
dagli stretti ambiti del perso
P r o p o s t a
P r o p o s t a
E d u c a t i v a
E d u c a t i v a
1 / 2 0 0 3
1 / 2 0 0 3
47
PROPOSTA educativa Proposta
Educativa
piano redazionale, temi e novit
2003
Come per lo scorso anno il Piano Redazionale di Proposta 1. ESSENZIALIT, RADICALIT, ESTREMISMO
Educativa 2003 nasce dalla verifica dellanno passato e dal- (arrivo a fine gennaio)
lascolto programmatico che ha riguardato i Responsabili 2. EDUCAZIONE ALLAMORE E COEDUCAZIONE
Regionali (13 Regioni) e i Presidenti del Comitato Centrale (arrivo a fine febbraio)
oltre che diversi capi su cui stato eseguito un sondaggio a 3. CERIMONIE, RITI E SIMBOLI
campione a cura della Redazione su una trentina di capi di (arrivo a fine marzo)
diverse regioni con attenzione a tre tipologie: il capo giovane 4. VIVIBILIT E STRUTTURE (DALLE NECESSI-
inesperto, il capo con maggiore esperienza, il quadro. T DI FORMAZIONE PERMANENTE E DI STI-
Dal sondaggio dei Responsabili regionali emerge che in gene- MOLI DEI CAPI ALLE FUNZIONI DELLA
rale la rivista piace, la grafica migliorata, i temi scelti sono ZONA E DELLE ALTRE STRUTTURE)
stati interessanti e trattati in modo abbastanza esauriente (arrivo a fine marzo)
anche fornendo utili strumenti di lavoro per la CoCa. La rivi- 5. IL GIOCO (arrivo a met giugno)
sta risulta abbastanza pi letta che in passato ed letta da 6. PROGRESSIONE PERSONALE E RAPPORTO
diversi tipi di capi (sia giovani, sia anziani, sia quadri); il CAPO-RAGAZZO
sondaggio conferma la scelta del tema monografico che risul- (arrivo a fine settembre)
ta la parte pi seguita e pi usata dal lato pratico. 7. INTERDIPENDENZA FRA PENSIERO ED AZIONE
Proseguendo lanalisi dei temi del Progetto Nazionale e del (arrivo a fine ottobre)
Patto Associativo e seguendo le indicazioni pervenuteci dai 8. TESTIMONI NEL TEMPO
diversi livelli, abbiamo scelto i seguenti temi: (arrivo a fine novembre)

VOCE AL DIBATTITO: FATEVI SENTIRE!


UNO SPAZIO PER IL CONFRONTO
Abbiamo pensato ad uno spazio apposito sulla rivista (una-due Dico la mia su: cermionie riti e simboli
pagine in fondo assieme alle rubriche) di confronto sul tema in Manda il tuo parere, con nome e gruppo di appartenenza, a:
oggetto di un numero successivo, aperto a liberamente a tutti segreteriastampa@agesci.it entro il 7/2/2003.
coloro che vogliono contribuire, ma in particolare con linvito a
contribuire alle Regioni. Un dubbio sulle Cerimonie: il loro uso ormai discutibile per-
Per rendere concretamente possibile la cosa in uno spazio limi- ch da un lato si rischia di riproporre sempre le stesse cose,
tato pensiamo di elaborare per ogni numero una griglia di anali- senza che i ragazzi ne capiscano il significato, dallaltro c
si con alcune domande sul tema in oggetto da pubblicare prima anche il rischio di militarizzare o di dare spazio ad atteggia-
delluscita del numero; visti i tempi di stampa e postali, occorre menti di nonnismo.
lasciare una finestra temporale di due numeri della rivista; in
pratica su questo numero 1 di PE 2003 compaiono le doman- Riti e simboli: negli scout oggi che spazio c per i riti e per la
de sul numero 3 (Cerimonie, riti e simboli, arrivo a fine marzo) simbologia, cosa riusciamo a proporre con consapevolezza edu-
a cui i lettori avranno circa 15 giorni per rispondere per posta cativa, cosa raggiunge davvero i nostri ragazzi? Sono codici che
elettronica indirizzata a: segreteriastampa@agesci.it; conti- i giovani sono ancora in grado di cogliere? Sono necessari ade-
nueremo quindi nel numero 2 la domanda per il numero 4, nel guamenti? Abbiamo esperienze originali da raccontare?
numero 3 la domanda per il numero 5 ecc.

SCOUT - Anno XXIX - Numero 1 - 13 gennaio 2003 - Settimanale - Spedizione


periodico in abbonamento postale legge 662/96 art. 2 comma 20/c Poste
Italiane DCO/DC - BO - 0,51 - Edito dallAgesci - Direzione e pubblicit
Piazza Pasquale Paoli, 18 - 00186 Roma - Direttore responsabile Sergio Gatti
Registrato il 27 febbraio 1975 con il numero 15811 presso il Tribunale di Roma
- Stampa So.Gra.Ro., via I. Pettinengo 39, Roma - Tiratura di questo numero
copie 31.000 - Finito di stampare nel gennaio 2003
Associato all'Unione
Stampa Periodica
Italiana
La rivista stampata su carta riciclata sbiancata in assenza di cloro