Sei sulla pagina 1di 63

Sistemi & Tecnologie per la Sicurezza

CENTRALI MODULARI
ANTINCENDIO
AD INDIVIDUAZIONE SINGOLA

(modelli in versione da R 2.05 e successive)

MANUALE DINSTALLAZIONE
E
DIMPIEGO

STS ELETTRONICA S.r.l.


20010 CORNAREDO (MI) - Via G.B. Vico, 29
Tel. 02.93.56.17.40 Fax 02.93.63.194 e-mail: info@stselettronica.it
Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive) 12/99 Ediz. 07 Pag. 1 di 62

CONFIGURAZIONE DIMPIANTO

Per ogni linea RS-485:


gestione di 32 puntingresso/uscita; a linee bilanciate.
4/8 punti uscita
(rele' contatti liberi)
NA C NC

2 punti ingresso 2 punti uscita


(sensori a variazione (rel contatti liberi)
2 fuoriporta 1 punto ingresso
d'assorbimento o Pulsanti) 4/8 punti ingresso
1 uscita Allarme generale 1 uscita fuoriporta (sensori a variazione
NA C NC (segnal. luminoso)
Emergenza d'assorbimento o Pulsanti)

Emergenza

SD51TE
MODULO (RF01MB) MODULO
MODULO
CI12FU CI11FU CI14FU

linee seriali RS-485


4 per FU54LE, 8 per FU58LC

Collegamento con:
Nr 4 fili oppure
Nr 2 fili
(con alimentatore locale) Modulo Diramatore Modulo Diramatore
4 linee RS-485 4 linee RS-485
(linee 14) (linee 58)

Alimentatore
AL40W1220
Scheda
Controllo
+ Batteria
-
AR15PC

Centrale FU5xLx
Modulo Gestione Modulo Gestione
uscite C - J Uscite E - G
e preallarme (opzione FU02GJ)

preallarme
uscite C-J uscite E-G
Uscita C (EN54-1) Uscita J (EN54-1) Uscita E (EN54-1) Uscita G (EN54-1)
Dispositivi segnalazione Dispositivi trasmissione Dispositivi trasmissione Dispositivi protezione
allarme guasto allarme incendio
allarme incendio incendio

Combinatore CT12Mx Combinatore CT12Bx


(colleg. con TU55FU)
SU12FC

ALLARME INCENDIO
ABBONDANARE IL LOCALE

Combinatore CT12Bx (colleg. con TU55FU)


CL0xxx
colleg. con TU55FU (se utilizzate entrambe le uscite)
Pag. 2 di 6 2 12/99 Ediz. 07 Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive)

INDICE
Pagina

. DATI TECNICI................................................................................................................................................................................................................................................................................................4
2. CARATTERISTICHE........................................................................................................................................................................................................................................................................5
2.1. Apparecchiature opzionali.........................................................................................................................................................................................................................................................5
2.1.1. Apparecchiature opzionali (non coperte da certificato IMQ)...............................................................................................................................................................5
2.2. Funzioniopzionali con requisiti soddisfatte dal prodotto...........................................................................................................................................................................................6
2.3. Funzioni accessorie........................................................................................................................................................................................................................................................................6
3. SENSORE E INGRESSO - LINEA E ZONA..................................................................................................................................................................................................................6
3.1. Caratteristiche dei rivelatori di fumo fotoottici SD51TE o RFO1MB....................................................................................................................................................................6
4. EQUIPAGGIAMENTO....................................................................................................................................................................................................................................................................6
4.1. Equipaggiamento base................................................................................................................................................................................................................................................................6
4.2. Equipaggiamento opzionale.....................................................................................................................................................................................................................................................6
4.3. Requisiti costruttivi........................................................................................................................................................................................................................................................................7
5. INSTALLAZIONE...............................................................................................................................................................................................................................................................................7
5.1. Vista interna centrale.....................................................................................................................................................................................................................................................................8
6. COLLEGAMENTI.................................................................................................................................................................................................................................................................................8
7. ATTRIBUZIONE INDIRIZZI....................................................................................................................................................................................................................................................8
. DESCRIZIONE CONNESSIONI.........................................................................................................................................................................................................................................................11
8.1. Modulo Alimentatore...............................................................................................................................................................................................................................................................11
8.1.1. Descrizione morsettiere modulo Alimentatore..........................................................................................................................................................................................11
8.2. Modulo Controllo.......................................................................................................................................................................................................................................................................12
8.2.1. Descrizione morsettiera modulo Controllo ..........................................................................................................................................................................12
8.3. Modulo Diramatore linee fisiche 1-2-3-4 (centrale FU54LE-FU58LC)........................................................................................................................................................13
8.3.1. Descrizione morsettiere del modulo Diramatore linee fisiche 1-2-3-4........................................................................................................13
8.4. Modulo Diramatore linee fisiche 5-6-7-8 (centrale FU58LC)...........................................................................................................................................................................14
8.4.1. Descrizione morsettiere del modulo Diramatore linee fisiche 5-6-7-8........................................................................................................14
8.5. Modulo Attuazioni Obbligatorie per le uscite Sirena/Campana (C) e Guasto (J)......................................................................................................................................15
8.5.1. Descrizione morsettiere modulo Attuazioni Obbligatorie.....................................................................................................................................15
8.5.2. Modalit di gestione delle uscite Obbligatorie C-J-G-E.........................................................................................................................................................................16
8.6. Alcune tipologie di linee tra modulo Diramatore e sensori/ingressi..................................................................................................................................................................17
8.6.1. Collegamento tra modulo Diramatore - sensori SD51TE/RFO1MB moduli CI11/12/14FU...........................................................................................18
8.6.2. Variante per lalimentazione locale tra Diramatore SD51TE/ RFO1MB moduli CI11/12/14FU.................................19
8.7. Collegamento misto di sensori RFO1MB e SD51TE................................................................................................................................................................................................20
8.8. Esempi di realizzazione linee attestate a CI11FU/CI12FU/CI14FU......................................................................................................................................................................20
8.8.1. Collegamento di pi apparecchi ad uno stesso ingresso dei moduli CI11/CI12/CI14FU.......................................................20
8.8.2. Collegamento di un pulsante demergenza ai moduli CI11FU/CI12FU/CI14FU.....................................................................................................................21
9. LIVELLI DI ACCESSO..................................................................................................................................................................................................................................................................21
10. CONFIGURAZIONE INIZIALE DI FABBRICA ...............................................................................................................................................................................................23
11. STATI OPERATIVI DEFINITI DALLA CHIAVE...........................................................................................................................................................................................23
2. ACCENSIONE DELLA CENTRALE E ACQUISIZIONE AUTOMATICA SENS./INGR............................................................................................................................23
12.1. Attivazione Led incorporato nei sensori SD51TE/RFO1MB e nei moduli CI11/12/C14FU..............................................................................................................24
13. CONFIGURAZIONE ZONE - ASSEGNAZIONE SENS./INGR. PER ZONA (FUNZ. 95)...........................................................................................24
14. ABILITAZIONE FUNZIONI A LIVELLO 2...........................................................................................................................................................................................................26
14.1. Esclusione/reinclusione uscita "C" (funzione 21)....................................................................................................................................................................................................26
14.2. Esclusione/reinclusione uscita "G" (funzione 22)....................................................................................................................................................................................................26
14.3. Esclusione/reinclusione uscita "E" (funzione 23).....................................................................................................................................................................................................26
14.4. Esclusione/reinclusione uscita "J" (funzione 24)......................................................................................................................................................................................................27
14.5. Esclusione di uno o pi sensori/ingressi (funzione 25).........................................................................................................................................................................................27
14.6. Reinclusione di uno o pi sensori/ingressi (funzione 26).....................................................................................................................................................................................27
14.7. Esclusione delle zone (funzione 27).................................................................................................................................................................................................................................28
14.8. Reinclusione delle zone escluse (funzione 28)...........................................................................................................................................................................................................28
14.9. Modifica Codice Accesso del livello 2 (funzione 29)..............................................................................................................................................................................................28
14.10. Prova segnalazione di tutti i Led (funzione 30).........................................................................................................................................................................................................29
14.11. Modifica data/ora [interfaccia FU15SO per stampante eventi] (funzione 80)..........................................................................................................................................29
5. ABILITAZIONE FUNZIONI A LIVELLO 3..............................................................................................................................................................................................................................30
15.1. Esclusione sensori/ingressi per la prova d'allarme con reset automatico (funz. 31)................................................................................................................................30
15.2. Esclusione zone per la prova d'allarme con reset automatico (funzione 91)................................................................................................................................................31
15.2.1. Prova d'allarme sensori/ingressi e zone con reset automatico........................................................................................................................................................31
15.3. Esclusione sensori/ingressi per la prova d'allarme con reset manuale (funzione 32)..............................................................................................................................31
15.4. Esclusione zone per la prova dallarme con reset manuale (funzione 92).....................................................................................................................................................31
15.4.1. Prova d'allarme sensori/ingressi e zone con reset manuale .............................................................................................................................32
Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive) 12/99 Ediz. 07 Pag. 3 di 62

15.6. Reinclusione delle zone escluse per la prova d'allarme (funzione 93)..............................................................................................................................................................32
15.7. Attivazione/disattivazione prova uscita "C" (funzione 34)..................................................................................................................................................................................32
15.8. Disattivazione generale delle prove (funzione 35).....................................................................................................................................................................................................33
15.9. Programmazione/modifica tempo di Ritardo allarme sensore/ingresso (funzione 36)............................................................................................................................33
15.10. Programmazione/modifica tempo di Ritardo allarme zona (funzione 96).....................................................................................................................................................33
15.10.1. Allarme da sensore/ingresso e zona ritardati..............................................................................................................................................................34
15.11. Associazione/dissociazione tra sens./ingr. [coincidenza di rivelazione] (funzione 37)........................................................................................................................34
15.12. Associazione/dissociazione tra zone [coincidenza di rivelazione] (funzione 97)....................................................................................................................................35
15.13. Associazione tra uscita ausiliaria e sensore/ingresso (funzione 38).............................................................................................................................................................36
15.13.1. Dissociazione tra uscita ausiliaria e sensore/ingresso (funzione 38+subcodice 999).......................................................................................................37
15.14. Associazione tra uscita ausiliaria e zone (funzione 98).........................................................................................................................................................................................37
15.14.1. Dissociazione tra uscita ausiliaria e zone (funzione 98+subcodice 999)...........................................................................................38
15.15. Modifica Codice Accesso del livello 3 (funzione 39)............................................................................................................................................................................................39
15.16. Modifica configurazione di zone (funzione 95)........................................................................................................................................................................................................39
15.17. Descrizione ubicazione sensori (funzione 94)...........................................................................................................................................................................................................40
15.17.1. Procedura per descrivere lubicazione.......................................................................................................................................................................................................40
16. ABILITAZIONE FUNZIONI A LIVELLO 4...........................................................................................................................................................................................................42
16.1. Azzeramento coda eventi (funzione 40).........................................................................................................................................................................................................................43
16.2. Azzeramento di tutte le programmazioni (funzione 41)...........................................................................................................................................................................................43
16.3. Convalida numero inferiore di sens./ingr. rispetto a precedente acquisizione (funz. 42).......................................................................................................................43
16.4. Stampa configurazione (funzione 43)..............................................................................................................................................................................................................................43
16.5. Programmazione attuazione tipo "B" [campana/modulo TU55FU] (funzione 45)..................................................................................................................................43
16.6. Programmazione attuazione tipo "A" [sirena/combinatore telefonico] (funzione 46)............................................................................................................................44
16.7. Acquisizione sensori/ingressi (funzione 48)................................................................................................................................................................................................................44
16.7.1. Acquisizione e successiva convalida di un nuovo stato della configurazione (funz. 48+42)........................................44
16.8. Modifica Codice Accesso del livello 4 (funzione 49)..............................................................................................................................................................................................45
17. CONDIZIONI DI ALLARME GUASTO....................................................................................................................................................................................................................45
17.1. Note particolari attinenti i PL51CM - i CI11/CI12/CI14FU - la FU15SO..........................................................................................................................................................46
18. CONTROLLO USCITA "C"...............................................................................................................................................................................................................................................................46
19. SEGNALAZIONE ACUSTICA DELLA SUONERIA (BUZZER)...............................................................................................................................................................................46
20. SEGNALAZIONE MANCANZA DI RETE............................................................................................................................................................................................................46
21. CONTROLLO STATO BATTERIA.............................................................................................................................................................................................................................................47
22. ALCUNI ESEMPI DI COLLEGAMENTO PER LE USCITE "C-G-E-J".........................................................................................................................................48
22.1. Collegamento di una campana (uscita C), con uscita J non utilizzata.............................................................................................................................................................48
22.2. Collegamento di una campana e di un combinatore telefonico (uscite C - J)..............................................................................................................................................48
22.3. Collegamento di una opi campane e di un combinatore telefonico (uscite C - J)..............................................................................................................................49
22.4. Collegamento di un combinatore telefonico e di un modulo TU55FU (uscite E - G)..............................................................................................................................50
22.5. Collegamento di una sirena e di un combinatore telefonico (uscite C - J).....................................................................................................................................................51
23. ALCUNI ESEMPI DI MESSAGGI DEL VISUALIZZATORE (COME INTERPRETARLI).......................................................................................52
23.1. Alcuni esempi di casistiche messaggi che compaiono nella riga GUASTI - PROVE............................................................................................................................53
24. GUIDA RAPIDA DI PROGRAMMAZIONI E COMANDI....................................................................................................................................................................53
24.1. Per impianto equipaggiato con FU15SO (interfaccia stampante eventi)......................................................................................................................................................58
25. FUNZIONI DISPLAY..................................................................................................................................................................................................................................................................58
26. ELENCO DELLE ABBREVIAZIONI E SIGNIFICATI DEI MESSAGGI (EMESSI DALLA
STAMPANTE) NON IMMEDIATAMENTE INTERPRETABILI.............................................................................................................................................................................61
27. DISPLAY.......................................................................................................................................................................................................................................................................................................63
28. ESTRATTO NORME UNI 9795.......................................................................................................................................................................................................................................................64

a carico dellacquirente, l'onere relativo allapplicazione e rispetto dogni limitazione legale e norma di sicurezza nell'impiego dei
materiali forniti. anche esclusa ogni responsabilit della STS ELETTRONICA S.r.l. per qualsiasi danno, diretto o indiretto,
provocato a persone o cose dall'impiego dei materiali forniti, fatta salva la responsabilit per difetto di prodotto ai sensi e con le
limitazioni del D.P.R. 224 del 28.5.1988.

LA STS ELETTRONICA S.R.L. SI RISERVA IL DIRITTO DI MODIFICARE


SENZA PREAVVISO LE CARATTERISTICHE DELLE APPARECCHIATURE
Pag. 4 di 6 2 12/99 Ediz. 07 Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive)

CENTRALI MODULARI ANTINCENDIO


a Microprocessore - Individuazione Singola

FU54LE Centrale a 4 linee seriali RS-485- espandibile a 8 linee seriali RS-485.


FU58LC Centrale a 8 linee seriali RS-485.

1. DATI TECNICI
Modello FU54LE FU58LC

Tensione di alimentazione 230 V 10% 50 Hz


Assorbimento massimo in alternata 340 mA
Tensione in uscita stabilizzata in presenza di rete 13,8 V 2% 2 A
Ripple massimo 110 mV
Tensione duscita in assenza di rete 13,8V 10,5V
Corrente massima per carichi esterni 1,5 A
Assorbimento a riposo della sola centrale 270 mA 410 mA
Assorbimenti moduli/sensori (apparecchi non in dotazione) min max
Modulo identificazione CI11FU (a 13,8V) 19 mA 30 mA
Modulo identificazione CI12FU (a 13,8V) 29 mA 90 mA
Modulo identificazione CI14FU 85 mA 110 mA
CI14FU con modulo rel SR04FU 85 mA 190 mA
Modulo espansione ingressi EB04FU 25 mA 50 mA
CI14FU + EB04FU + modulo rel SR08FU 110 mA 320 mA
Sensore di fumo SD51TE / RFO1MB 6 / 9 mA 6,5 / 11mA
Linee seriali RS-485 4 8
Punti indirizzabili 128 ingressi / 128 uscite 256 ingressi / 256 uscite
Numero zone 0 31
Accumulatore incorporabile 18 Ah 12V (AR15PC)
Temperatura desercizio -5 oC +40 oC
Grado di protezione IP 40
Dimensioni L 325 - H 470 - P 82 mm
Peso 5,5 Kg ca.
Realizzazione nel rispetto delle Norme EN54-2 e Direttiva Europea 89/336 CEE.
Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive) 12/99 Ediz. 07 Pag. 5 di 62

2. CARATTERISTICHE
- Ogni linea pu gestire sino 32 punti ingresso/uscita (per uscite sintendono le Uscite Ausiliarie a rel disponibili su scheda
SR04FU o SR08FU connessa al modulo CI14FU, e quelle del modulo CI12FU).
- Gran flessibilit di gestione: libera suddivisione di tutti i sensori/ingressi su 32 zone anche se appartenenti a linee diverse.
- Led indicazione generale di preallarme.
- Led indicazione generale di allarme.
- Led indicazione generale di guasto.
- Led indicazione singola duscita obbligatoria attivata (C = sirena/campana, G = impianto estintori, E = trasmissione allarme
Incendio, J = trasmissione allarme guasto).
- Led indicazione esclusione/reinclusione singola per ogni uscita.
- Led indicazione singola duscita guasta/esclusa.
- Led indicazione anomalia di batteria (scarica/scollegata).
- Led indicazione anomalia tensioni (fusibili interrotti, guasto alimentazione moduli).
- Messaggio (visualizzatore) prima zona/sensore/ingresso in allarme con indicazione punto singolo.
- Messaggio (visualizzatore) ultima zona/sensore/ingresso in allarme con indicazione punto singolo.
- Messaggio (visualizzatore) prova/esclusione zona/sensore/ingresso con indicazione punto singolo.
- Messaggio (visualizzatore) guasto zona/sensore/ingresso con indicazione punto singolo.
- Prova efficienza di tutti i Led.
- Prova di ogni sensore/ingresso.
- Prova uscita C (sirena/campana).
- Tempi di ritardo programmabili per ogni zona/sensore/ingresso.
- Segnalazione acustica locale (buzzer) per guida programmazione e segnalazioni operative.
- Associazione programmabile tra sensori/ingressi (coincidenza di rivelazione).
- 4 Livelli operativi di accesso.
- Controllo suoneria locale con tasto immediato.
- Controllo sirena/campana con tasto immediato.
- Alimentatore di rete a commutazione: tensione 13,8 Vcc 2A (per centrale, dispositivi e carica batteria).
- Pannello operativo composto da:
- Visualizzatore (retroilluminato) di tipo a cristalli liquidi a 4 righe da 20 caratteri: 1 riga per indicazione primo allarme e
successivi - 2 riga per indicazione ultimo allarme - 3 riga per indicazione guasti/prove/esclusioni/informazioni - 4 riga
per indicazione associazione sensori/ingressi-uscite e per indicazione ubicativa dogni sensore/ingresso.
- Tastiera gestionale con 19 tasti a riscontro tattile ed acustico.
- Tasto emergenza (annulla ritardi).
- Chiave selezione funzioni: giorno, notte, programmazione.
- Possibilit di collegare, in parallelo, Nr 8 (max) Pannelli operativi ausiliari PL51CM.
- Possibilit di collegamento a stampante (CITIZEN mod. iDP-562RSL2) per la registrazione degli eventi, tramite modulo
interfaccia FU15SO.

2.1. Apparecchiature opzionali


CI11FU Modulo Identificazione 1 ingresso (1 uscita).
CI12FU Modulo Identificazione 2 ingressi {2 uscite fuoriporta + 2 uscite ausiliarie + 1 uscita ALG (allarme generale)}.
CI14FU Modulo Identificazione 4 ingressi (4 uscite).
TU55FU Modulo Attuazione/controllo per uscite controllate C-G-E-J.

2.1.1. Apparecchiature opzionali (non coperte da certificato IMQ)


EB04FU Modulo gestione Ingressi bilanciati 5-6-7-8 (espansione scheda CI14FU).
EB54FU Modulo Diramatore linee fisiche 5-6-7-8, per espansione centrale FU54LE alla massima capacit (FU58LC).
FU02GJ Modulo attuazioni Controllate delle uscite G-E.
FU15SO Modulo interfaccia porta seriale RS232 (per connessione stampante/personal computer).
PL51CM Pannello operativo ausiliario (accesso, a distanza, a tutte le funzioni della centrale).
SD51TE Rivelatore di fumo fotoottico a microprocessore e valutazione del Trend (Approvazione Ministeriale 3503/304).
SR04FU Modulo 4 rel per CI14FU (4 uscite per segnalazioni ausiliarie).
SR08FU Modulo 8 rel per CI14FU (8 uscite per segnalazioni ausiliarie).
TU56FU Modulo Attuazione/controllo per uscita allarme CI12FU.
SU12FC Campana.
CT12xx Combinatore telefonico (Approvazione Ministero P.T. N. IT/95/TS/020).
Pag. 6 di 6 2 12/99 Ediz. 07 Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive)

2.2. Funzioni opzionali con requisiti soddisfatte dal prodotto


Uscita verso dispositivi di allarme (C) come da EN 54-2 par.fo 7.8
Uscita verso dispositivi di allarme (E) come da EN 54-2 par.fo 7.9
Uscita verso dispositivi di protezione incendio (G) come da EN 54-2 par.fo 7.10.
Uscita verso dispositivi segnalazione guasto (J) come da EN 54-2 par.fo 8.9
Ritardi in uscita, come da EN 54-2 par.fo 7.11.
Coincidenza di rivelazione, come da EN 54-2 par.fo 7.12.
Prove , come da EN 54-2 par.fo 10.

2.3. Funzioni accessorie


Collegamento a stampante per registrazione degli eventi tramite scheda interfaccia FU15SO.

3. SENSORE E INGRESSO - LINEA E ZONA


molto importante distinguere, per queste centrali, il concetto di Sensore da quello dIngresso.
- Per Sensore sintendono, in genere, i rivelatori di fumo a microprocessore SD51TE o RFO1MB .
- Per Ingresso sintende ogni accesso dei moduli CI11FU-CI12FU-CI14FU {identificazione per: pulsanti demergenza,
rivelatori di fiamma, rivelatori combinati (fumo + temperatura), rivelatori di temperatura, barriere incendio}.

Generalmente i termini "linea" e "zona" sono usati indifferentemente uno al posto dellaltro per delimitare una parte dellimpianto;
per queste centrali occorre fare una precisazione:
per linea s'intendono i 4 conduttori (2 dalimentazione e 2 su cui transitano le informazioni d e per la centrale).
per zona s'intende un insieme di periferiche (sensori/ingressi) appartenenti anche a linee diverse.

3.1. Caratteristiche dei rivelatori di fumo fotoottici SD51TE o RFO1MB


Questi apparecchi, indirizzabili, possiedono la caratteristica di autosorveglianza. Lo stato della camera ottica sottoposto ad una
continua verifica, che calcola pi livelli (valutazione del Trend) del grado dimbrattamento.
vantaggi del Trend (analisi della tendenza) sono evidenti, infatti, questo particolare processo di autodiagnosi, riduce
notevolmente il rischio di falsi allarmi (compiendo in pratica unopera di prevenzione), sovente causati dalla presenza di sporcizia,
ed evita i periodici accertamenti della funzionalit. Tutto ci consente dintervenire tempestivamente per i provvedimenti necessari.
Funzionamento
Quando nel sensore viene superato il 1o LIVELLO DI SOGLIA, prefissato, dimbrattamento (superiore a 30 ma inferiore a 50), sul
display compare, sulla terza riga, la scritta TrdSg1 unitamente allindicazione della zona e dellindirizzo del sensore interessato dal
enomeno.
possibile informarsi, in ogni momento, del valore di Trend raggiunto nellambito del 1 Livello di Soglia. Selezionando con il tasto
GUASTI la voce TrdSg1 ed esplorando con i tasti ZONE e SENSORI, si perviene alla conoscenza di tutti i rivelatori che hanno
superato detto valore.
Quando nel sensore viene superato il 2o LIVELLO DI SOGLIA, prefissato, dimbrattamento (superiore a 50): si accendono i Led
GUASTO, GUASTO Attivo e sul display compare, sulla terza riga, la scritta Guasto unitamente allindicazione della zona e
dellindirizzo del sensore interessato dal fenomeno.
possibile informarsi, in ogni momento, del valore di Trend raggiunto. Selezionando con il tasto GUASTI la voce Trend ed
esplorando con i tasti ZONE e SENSORI si perviene alla conoscenza del valore dimbrattamento, del/i sensore/i interessato/i. La
misura rilevata indicata nella colonna ALTRI SENSORI in cui la scritta, come esempio, potrebbe essere: 060 per un sensore, 075 per
un altro e cos via. In quarta riga compare anche lubicazione, ovviamente se stata composta.

4. EQUIPAGGIAMENTO
4.1. Equipaggiamento base
Un modulo Diramatore con 4 linee RS-485 (2 moduli per centrale FU58LC). Ad ogni linea fa capo lindirizzamento di 32 punti
dingresso e 32 uscite (Ausiliarie). Pertanto un modulo Diramatore permette di indirizzare fino a 128 punti dingresso e 128
duscita.
Modulo per gestione uscite obbligatorie, con: uscita allarme generale ("C" della EN54-1); uscita guasto generale (J
della EN54-1). Uscita rel di preallarme (contatti liberi da potenziale).

4.2. Equipaggiamento opzionale


Modulo FU02GJ gestione uscite obbligatorie, con: uscita dispositivi protezione incendio ("G" della EN54-1) ed uscita dispositivi
rasmissione allarme incendio ("E" della EN54-1).
Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive) 12/99 Ediz. 07 Pag. 7 di 62

4.3. Requisiti costruttivi


Il prodotto stato realizzato applicando un sistema di controllo della qualit che comprende una serie di regole relative alla costruzione di tutti i componenti della
centrale; tutti i componenti della centrale sono idonei ad operare in accordo alle specifiche tecniche quando le condizioni ambientali allesterno dellinvolucro della
centrale sono in accordo a 3k5 di IEC721-3-3.

5. INSTALLAZIONE
AVVERTENZE

- Per linstallazione dell'apparecchiatura attenersi alle regole impiantistiche nazionali (vedi legge 46/90).
- Applicare i vari tipi di rivelatori, solo al momento della messa in funzione dellimpianto. Ci per evitare, che nel corso dei molteplici lavori nellambito
delledificio, possano imbrattarsi e quindi entrare, impropriamente, in stato dallarme quando vengono alimentati.
- Tanto per l'ancoraggio alla parete quanto per il passaggio cavi, non forare linvolucro ma utilizzare i fori predisposti,
impiegando raccordi tubo/cassetta con grado di protezione IP 40 o superiore. Inoltre il materiale del raccordo deve essere
- HB o migliore.
Limpianto va collegato alla rete dalimentazione tramite un circuito indipendente e con adeguato organo di protezione
elettrica (interruttore automatico bipolare), separato da altre linee (illuminazione, prese, ecc.). Si eviteranno cos erronee e/o
- indesiderate interruzioni.
- Utilizzare percorsi separati per il cavo di alimentazione 230 Vca ed i cavi di connessione tra centrale e apparecchi periferici.
- Saldare tutte le giunzioni, onde evitare ossidazioni che, lungo il decorso del tempo, creano falsi contatti.
- Non lasciare fili scoperti, sia nella centrale sia negli apparecchi periferici.
- Evitare di toccare le schede elettroniche con oggetti metallici.
- Eseguire prove e verifiche con batteria collegata.
Collegare/scollegare qualunque connessione soltanto a centrale NON ALIMENTATA (non devessere presente la
tensione di rete 230 Vca, n quella di batteria).

Lo zoccolo dei sensori SD51TE pu essere applicato - con 2 viti


autofilettanti 3,9 x 16 - ad uno specifico distanziale (facoltativo, codice
DS01EB) di fissaggio al soffitto {vedere figura qui a destra}.
Il distanziale provvisto sulla circonferenza di 4 aperture utili per
impianti con tubazione esterna a vista. possibile interporre fra il
distanziale e lo zoccolo, una linguetta su cui applicare unetichetta
numerata per lidentificazione (INDIRIZZO) del sensore.
A questo proposito, la centrale corredata di un foglio di etichette
autoadesive (Nr da 0 a 255).

necessario (oltre allutilizzo di cavi schermati)


predisporre ai capi del carico un circuito
spegniscintilla, costituito da una resistenza e da
un condensatore (non forniti) come indicato nella 220V Carico
R
figura qui a lato; allo scopo deliminare le possibili
induttivo
interferenze, qualora gli apparati dellimpianto di
R: resistenza 22 Ohm - 3W
C
sicurezza od i loro percorsi di connessione siano
nelle vicinanze di linee a 220V che pilotano carichi C: condensatore classe X2 - 250V 2,2 F
induttivi (motori - rel - trasformatori - lampade al
neon).
Pag. 8 di 6 2 12/99 Ediz. 07 Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive)

5.1. Vista interna centrale


TS FC FC LEGENDA
MC Modulo Controllo.
MD1 MD2
FF
MD1 Modulo Diramatore 4 linee (14) RS-485.
MC
MD2 Modulo Diramatore EB54FU 4 linee (58) RS-485
MAC MIS
(presente su centrale FU58LC).
MIS Modulo Interfaccia stampante FU15SO (opzionale).
MAC Modulo Attuazioni obbligatorie.
FC FC MA Modulo Alimentatore.
MA FC Fori Passacavi (altri 2 fori sono presenti sul lato
superiore e 2 sul lato inferiore).
FS FS
FF FF Fori per il Fissaggio della Centrale.
FF FS Feritoie dinserimento piastra di Supporto batteria.
SB Piastra Supporto batteria.
SB
TS Torretta per lancoraggio dello schermo.

6. COLLEGAMENTI
- Fissare la centrale alla parete utilizzando i fori indicati nella precedente figura.
- Posizionare la batteria sul supporto SB (preventivamente inserito nelle feritoie FS e disposto perpendicolarmente
rispetto al fondo della centrale).
- Verificare la terminazione delle linee prima di connetterle alla centrale: ai capi di quelle cui sono collegati i sensori di fumo
SD51TE/RFO1MB, si deve riscontrare il valore di 120 ; a quelle da collegare ai CI11/12/14FU, la misura deve dare 2200 .
Quindi procedere al collegamento dei conduttori ai morsetti dingresso della centrale provenienti dagli apparecchi,
utilizzando cavi schermati {unestremit dello schermo si deve collegare sullapposita torretta (vedere fig. precedente)
presente sul fondo della centrale, laltra estremit devessere lasciata libera}, attenendosi alle DESCRIZIONI
CONNESSIONI (cap. 8) ed alle istruzioni che corredano ogni singolo apparecchio.
- consigliabile ripartire equamente il numero di sensori/ingressi per ogni linea.
Esempio. Si consideri un impianto, con centrale FU54LE (4 linee fisiche), composto da 70 sensori SD51TE/RFO1MB:
collegare 18 sensori sulla linea 1, 18 sulla 2, 18 sulla 3 e 16 sulla 4.

7. ATTRIBUZIONE INDIRIZZI
La codificazione binaria, da eseguire tramite Dip-switch presenti su ogni sensore SD51TE o RFO1MB e su ogni modulo CI11FU -
CI12FU - CI14FU, permette alla centrale di riconoscerne esattamente lindirizzo.

Ogni sensore SD51TE o RFO1MB impegna un indirizzo. Ogni modulo CI11FU impegna un indirizzo. Ogni modulo CI12FU impegna
due indirizzi. Ogni modulo CI14FU impegna quattro indirizzi, oppure otto se equipaggiato con la scheda Espansione EB04FU. I
pannelli operativi ausiliari PL51CM ed il modulo interfaccia seriale FU15SO non impegnano indirizzi.

La prossima Tabella Attribuzione Indirizzi specifica la posizione dei Dip secondo lindirizzo prescelto.
noltre possibile consultare il libretto (a corredo) denominato PROGRAMMAZIONE INDIRIZZI PER SENSORI E MODULI
DENTIFICAZIONE delle CENTRALI FU54LE - FU58LC - FU62LE - FU64LC, che crediamo possa essere di notevole ausilio.

Alcune indicazioni sulla posizione dei Dip in funzione dellindirizzo prescelto:

Attribuzione dellindirizzo 001 [cfr. Tabella] ad un sensore SD51TE: dip 1 in OFF, dip da 2 a 8 in ON.
Attribuzione dellindirizzo 014 [cfr. Tabella] ad un sensore SD51TE: dip 1 in ON, 2-3-4 in OFF, dip da 5a 8 in ON.
Attribuzione dellindirizzo 212 [cfr. Tabella] ad un CI11FU: dip 1 e 2 in ON, dip 3 in OFF, dip 4 in ON, dip 5 in OFF, dip 6 in
ON, dip 7 e 8 in OFF.
Attribuzione dellindirizzo 168 [cfr. Tabella] ad un CI12FU (in questo caso il modulo impegner gli indirizzi da 168 a 169): dip
1-2-3 in ON, dip 4 in OFF, dip 5 in ON, dip 6 in OFF, dip 7 in ON, dip 8 in OFF.
Attribuzione dellindirizzo 016 [cfr. Tabella] ad un CI14FU (in questo caso il modulo impegner gli indirizzi da 016 a 019): dip
1 e 2 in ON, dip 3 in OFF, 4-5-6 in ON, 7 e 8 in OFF.
Attribuzione dellindirizzo 048 [cfr. Tabella] ad un CI14FU completo di EB04FU (in questo caso il modulo impegner gli
indirizzi da 048 a 055): dip 1 in ON, dip 2 e 3 in OFF, dip 4-5-6 in ON, dip 7 e 8 in OFF.

NOTA 1: nel cap. 13 riportato un esempio di prospetto nel quale, per avere una visione ordinata e pronta per ogni evenienza, SI
CONSIGLIA DI RIPORTARE GLI ELEMENTI CHE CONCORRONO ALLA CONFIGURAZIONE DELLIMPIANTO.
Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive) 12/99 Ediz. 07 Pag. 9 di 62

Tabella Attribuzione INDIRIZZI da 000 a 127 Dip in ON = 0 Dip in OFF = 1

CI14FU CI14FU RFO1MB o SD51TE RFO1MB o SD51TE RFO1MB o SD51TE RFO1MB o SD51TE
con EB04FU o CI11FU o CI12FU o CI11FU o CI11FU o CI12FU o CI11FU
Dip Dip Dip Dip Dip Dip
12345678 12345678 12345678 12345678 12345678 12345678
000 000 000 001 002 003
00000011 00000011 00000000 10000000 01000000 11000000
004 004 005 006 007
10000011 00100000 10100000 01100000 11100000
008 008 008 009 010 011
10000011 01000011 00010000 10010000 01010000 11010000
012 012 013 014 015
11000011 00110000 10110000 01110000 11110000
016 016 016 017 018 019
01000011 00100011 00001000 10001000 01001000 11001000
020 020 021 022 023
10100011 00101000 10101000 01101000 11101000
024 024 024 025 026 027
11000011 01100011 00011000 10011000 01011000 11011000
028 028 029 030 031
11100011 00111000 10111000 01111000 11111000
032 032 032 033 034 035
00100011 00010011 00000100 10000100 01000100 11000100
036 036 037 038 039
10010011 00100100 10100100 01100100 11100100
040 040 040 041 042 043
10100011 01010011 00010100 10010100 01010100 11010100
044 044 045 046 047
11010011 00110100 10110100 01110100 11110100
048 048 048 049 050 051
01100011 00110011 00001100 10001100 01001100 11001100
052 052 053 054 055
10110011 00101100 10101100 01101100 11101100
056 056 056 057 058 059
11100011 01110011 00011100 10011100 01011100 11011100
060 060 061 062 063
11110011 00111100 10111100 01111100 11111100
064 064 064 065 066 067
00010011 00001011 00000010 10000010 01000010 11000010
068 068 069 070 071
10001011 00100010 10100010 01100010 11100010
072 072 072 073 074 075
10010011 01001011 00010010 10010010 01010010 11010010
076 076 077 078 079
11001011 00110010 10110010 01110010 11110010
080 080 080 081 082 083
01010011 00101011 00001010 10001010 01001010 11001010
084 084 085 086 087
10101011 00101010 10101010 01101010 11101010
088 088 088 089 090 091
11010011 01101011 00011010 10011010 01011010 11011010
092 092 093 094 095
11101011 00111010 10111010 01111010 11111010
096 096 096 097 098 099
00110011 00011011 00000110 10000110 01000110 11000110
100 100 101 102 103
10011011 00100110 10100110 01100110 11100110
104 104 104 105 106 107
10110011 01011011 00010110 10010110 01010110 11010110
108 108 109 110 111
11011011 00110110 10110110 01110110 11110110
112 1 12 112 113 114 115
01110011 00111011 00001110 10001110 01001110 11001110
116 116 117 118 119
10111011 00101110 10101110 01101110 11101110
120 120 120 121 122 123
11110011 01111011 00011110 10011110 01011110 11011110
124 124 125 126 127
11111011 00111110 10111110 01111110 11111110
Pag.10 di 6 2 12/99 Ediz. 07 Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive)

Tabella Attribuzione INDIRIZZI da 128 a 255 Dip in ON = 0 Dip in OFF = 1

CI14FU CI14FU RFO1MB o SD51TE RFO1MB o SD51TE RFO1MB o SD51TE RFO1MB o SD51TE
con EB04FU o CI11FU o CI12FU o CI11FU o CI11FU o CI12FU o CI11FU
Dip Dip Dip Dip Dip Dip
12345678 12345678 12345678 12345678 12345678 12345678
128 128 128 129 130 131
00001011 00000111 00000001 10000001 01000001 11000001
132 132 133 134 135
10000111 00100001 10100001 01100001 11100001
136 136 136 137 138 139
10001011 01000111 00010001 10010001 01010001 11010001
140 1 34 0 141 142 143
11000111 00110001 10110001 01110001 11110001
144 144 144 145 146 147
01001011 00100111 00001001 10001001 01001001 11001001
148 148 149 150 151
10100111 00101001 10101001 01101001 11101001
152 152 152 153 154 155
11001011 01100111 00011001 10011001 01011001 11011001
156 156 157 158 159
11100111 00111001 10111001 01111001 11111001
160 160 160 161 162 163
00101011 00010111 00000101 10000101 01000101 11000101
164 164 165 166 167
10010111 00100101 10100101 01100101 11100101
168 168 168 169 170 171
10101011 01010111 00010101 10010101 01010101 11010101
172 172 173 174 175
11010111 00110101 10110101 01110101 11110101
176 176 176 177 178 179
01101011 00110111 00001101 10001101 01001101 11001101
180 180 181 182 183
10110111 00101101 10101101 01101101 11101101
184 184 184 185 186 187
11101011 01110111 00011101 10011101 01011101 11011101
188 188 189 190 191
11110111 00111101 10111101 01111101 11111101
192 192 192 193 194 195
00011011 00001111 00000011 10000011 01000011 11000011
196 196 197 198 199
10001111 00100011 10100011 01100011 11100011
200 200 200 201 202 203
10011011 01001111 00010011 10010011 01010011 11010011
204 204 205 206 207
11001111 00110011 10110011 01110011 11110011
208 208 208 209 210 211
01011011 01001111 00001011 10001011 01001011 11001011
212 212 213 214 215
10101111 00101011 10101011 01101011 11101011
216 216 216 217 218 219
11011011 01101111 00011011 10011011 01011011 11011011
220 220 221 222 223
11101111 00111011 10111011 01111011 11111011
224 224 224 225 226 227
00111011 00011111 00000111 10000111 01000111 11000111
228 228 229 230 231
10011111 00100111 10100111 01100111 11100111
232 232 232 233 234 235
10111011 01011111 00010111 10010111 01010111 11010111
236 236 237 238 239
11011111 00110111 10110111 01110111 11110111
240 240 240 241 242 243
01111011 00111111 00001111 10001111 01001111 11001111
244 244 245 246 247
10111111 00101111 10101111 01101111 11101111
248 248 248 249 250 251
11111011 01111111 00011111 10011111 01011111 11011111
252 252 253 254 255
11111111 00111111 10111111 01111111 11111111
Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive) 12/99 Ediz. 07 Pag. 11 di 62

8. DESCRIZIONE CONNESSIONI
ATTENZIONE
Il cavo di connessione alla rete 220 Vca, devessere di sezione non inferiore a 1,5 mm2 e deve avere una guaina supplementare per
garantire, in ogni caso, il doppio isolamento all'interno dell'apparecchiatura. Il conduttore di massa del cavo di alimentazione va terminato
con capocorda ad anello (adatto per vite da 4 MA) e collegato sulla stessa torretta di massa, dove gi collegato il morsetto di massa
dell'alimentatore.

La mancanza della connessione di terra sul contenitore, pu nuocere allincolumit di chi opera sullimpianto.

8.1. Modulo Alimentatore


20VOUT BATT 12OUT 12AX1 12AX2
PR CB AN
- + PS1 - + - + - + - + La connessione della tensione di rete 220 Vca avviene
M1 2 1 sullapposita morsettiera situata nella parte inferiore
11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 M2
dellalimentatore, utilizzando come fermo addizionale del
cavo di rete la clips adesiva e la fascetta a corredo.
F1 F2 F3
Il collegamento del conduttore della terra di protezione,
6,3A/F 3.15A/F 1,6A/F
proveniente dalla rete, deve avvenire sullapposita torretta
filettata (dov gi presente il conduttore proveniente
dallingresso 3 della morsettiera M3) presente sul fondo
del contenitore della centrale, contrassegnata
dalletichetta.

Il positivo della batteria va connesso allalimentatore


tramite lapposito cavo munito di portafusibile e fusibile
da 6,3A.
F5 1 2 3 M3
1,6A/F AC/L AC/N

LEGENDA
PS1 Pulsante di servizio che occorre premere per abilitare gli ingressi 10+ e 11- BATT (morsettiera M2) quando si connette la Batteria, mentre assente
la tensione primaria di rete 230 Vca.
F1..............Fusibile rapido (F - 6,3A) a protezione delle uscite 5+ e 6- 12OUT (morsettiera. M2).
F2..............Fusibile rapido (F - 3,15A) a protezione delle uscite 3+ e 4- 12AX1 (morsettiera M2).
F3..............Fusibile rapido (F - 1,6A) a protezione delle uscite 1+ e 2- 12AX2 (morsettiera M2).
F5..............Fusibile rapido (F - 1,6A) a protezione dellingresso 220 Vca.

8.1.1. Descrizione morsettiere modulo Alimentatore


M1 1 - 20V OUT Uscita tensione dalimentazione linee (negativo/massa di riferimento).
2 + 20V OUT Uscita tensione +20 Vcc per alimentazione sensori funzionanti a 2024Vcc.
M2 1 + 12 AX2 Uscita tensione dalimentazione +13,8 Vcc (protetta da fusibile F3).
2 - 12 AX2 Uscita tensione dalimentazione (massa di riferimento).
3 + 12 AX1 Uscita tensione dalimentazione +13,8 Vcc (protetta da fusibile F2).
4 - 12 AX1 Uscita tensione dalimentazione (massa di riferimento).
5 + 12 OUT Uscita tensione dalimentazione per la centrale +13,8 Vcc (protetta da fusibile F1).
6 - 12 OUT Uscita tensione dalimentazione per la centrale (massa di riferimento).
7 AN Uscita indicazione danomalia
8 CB Ingresso controllo batteria.
9 PR Uscita presenza rete.
10 + BATT Connessione batteria tampone (positivo).
11 - BATT Connessione batteria tampone (negativo/massa di riferimento).
NOTA 2: i morsetti da 5 a 11 sono gi collegati.
M3 1 AC/L Ingresso tensione di rete 220 Vca (fase).
2 AC/N Ingresso tensione di rete (neutro).
3 Ingresso terra di protezione.
Pag.12 di 6 2 12/99 Ediz. 07 Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive)

8.2. Modulo Controllo

CN1

Chiave
P10
Contrasto
M10

CHK
8 BAT

P13 7 PRETE

LIV.4
6 GND

5 +12V

4 GND
PS17
D47
3 +12V

2 GND

1 +12V

P12 POWER FAIL

CN2

LEGENDA

P10...............................Connessione chiave (gi collegata).


CONTRASTO.............Potenziometro per regolare il contrasto del visualizzatore.
P13...............................Connettore per inserimento attrezzo "specifico" abilitazione Livello 4.
POWER FAIL.............Potenziometro (NON TOCCARE!).
PS17.............................Pulsante riservato al collaudo di fabbrica.
D47 ..............................Led riservato al collaudo di fabbrica.
P12...............................Ponticello inserito (Terminazione di linea; NON Toccare!).
CN1..............................Connettore di collegamento del cavo multiplo proveniente dal connettore CN3 del modulo Diramatore
linee fisiche 14.
CN2..............................Connettore di collegamento del cavo multiplo proveniente dal connettore CN9 del modulo Attuazioni
Obbligatorie.

8.2.1. Descrizione morsettiera modulo Controllo

M10 1 + 12 Uscita tensione dalimentazione +13,8 Vcc.


2 - GND Uscita tensione dalimentazione (massa di riferimento).
3 + 12 Uscita tensione dalimentazione +13,8 Vcc.
4 - GND Uscita tensione dalimentazione (massa di riferimento).
5 + 12 Ingresso tensione dalimentazione +13,8 Vcc.
6 - GND Ingresso tensione dalimentazione (massa di riferimento).
7 PRETE Ingresso presenza rete.
8 CHKBAT Uscita controllo batteria.
Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive) 12/99 Ediz. 07 Pag. 13 di 62

8.3. Modulo Diramatore linee fisiche 1-2-3-4 (centrale FU54LE-FU58LC)

F1, F2, F3, F4: fusibili rapidi (F 500mA).


CN3
F1 F2 F3 F4
FI: protezione linea fisica 1 (positivo uscente dal
punto 3 di M2).
F2: protezione linea fisica 3 (positivo uscente dal
dal punto 11 di M2).
P1 P2 P3 P4 F3: protezione linea fisica 4 (positivo uscente dal
punto 15 di M2).
P5 F4: protezione linea fisica 2 (positivo uscente dal
LD VL LD VL
a b + - a b + - punto 7 di M2).
9 10 11 12 13 14 15 16

M1 1 2 3 4 5 6 M2 1 2 3 4 5 6 7 8
+12 +12 a b a b + - a b + -
GND GND LD LD VL LD VL

CN3 Connettore di collegamento del cavo multiplo proveniente dal connettore CN1 del Modulo Controllo.
P1 Ponticello: inserire se la centrale situata ad un'estremit della linea fisica 1.
P4 Ponticello: inserire se la centrale situata ad un'estremit della linea fisica 2.
P2 Ponticello: inserire se la centrale situata ad un'estremit della linea fisica 3.
P3 Ponticello: inserire se la centrale situata ad un'estremit della linea fisica 4.
P5 Ponticello: lasciare disinserito.
DL1 Led: acceso indica fusibile F1 efficiente.
DL2 Led: acceso indica fusibile F2 efficiente.
DL3 Led: acceso indica fusibile F3 efficiente.
DL4 Led: acceso indica fusibile F4 efficiente.

8.3.1. Descrizione morsettiere del modulo Diramatore linee fisiche 1-2-3-4


M1 1 + 12 Ingresso tensione dalimentazione +13,8 Vcc.
2 - GND Ingresso tensione dalimentazione (massa di riferimento).
3 + 12 Uscita tensione dalimentazione +13,8 Vcc.
4 - GND Uscita tensione dalimentazione (massa di riferimento).
5 a LD Ricetrasmissione dati (polo "a") a modulo Diramatore delle linee 58 (centrale FU58LC).
6 b LD Ricetrasmissione dati (polo "b") a modulo Diramatore delle linee 58 (centrale FU58LC).

M2 1 a LD Ricetrasmissione dati linea 1 (polo "a").


2 b LD Ricetrasmissione dati linea 1 (polo "b").
3 + VL Uscita tensione per la telealimentazione dei sensori/ingressi linea 1 (protetta da fusibile F1).
4 - VL Massa di riferimento della linea 1.
5 a LD Ricetrasmissione dati linea 2 (polo "a").
6 b LD Ricetrasmissione dati linea 2 (polo "b").
7 + VL Uscita tensione per la telealimentazione dei sensori/ingressi linea 2 (protetta da fusibile F4).
8 - VL Massa di riferimento della linea 2.
9 a LD Ricetrasmissione dati linea 3 (polo "a").
10 b LD Ricetrasmissione dati linea 3 (polo "b").
11 + VL Uscita tensione per la telealimentazione dei sensori/ingressi linea 3 (protetta da fusibile F2).
12 - VL Massa di riferimento della linea 3.
13 a LD Ricetrasmissione dati linea 4 (polo "a").
14 b LD Ricetrasmissione dati linea 4 (polo "b").
15 + VL Uscita tensione per la telealimentazione dei sensori/ingressi linea 4 (protetta da fusibile F3).
16 - VL Massa di riferimento della linea 4.
Pag.14 di 6 2 12/99 Ediz. 07 Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive)

8.4. Modulo Diramatore linee fisiche 5-6-7-8 (centrale FU58LC)

F1, F2, F3, F4: fusibili rapidi (F 500mA).


CN3
F1 F2 F3 F4
FI: protezione linea fisica 5 (positivo uscente dal
punto 3 di M2).
F2: protezione linea fisica 7 (positivo uscente dal
P1 P2 P3 P4
dal punto 11 di M2).
F3: protezione linea fisica 8 (positivo uscente dal
P5
punto 15 di M2).
LD VL LD VL
a b a b
F4: protezione linea fisica 6 (positivo uscente dal
+ - + -
punto 7 di M2).
9 10 11 12 13 14 15 16

M1 1 2 3 4 5 6 M2 1 2 3 4 5 6 7 8
+12 +12 a b a b + - a b + -
GND GND LD LD VL LD VL

CN3 Connettore di collegamento del cavo multiplo proveniente dal connettore CN3 del Modulo Diramatore linee fisiche 14.
P1 Ponticello: inserire se la centrale situata ad un'estremit della linea fisica 5.
P4 Ponticello: inserire se la centrale situata ad un'estremit della linea fisica 6.
P2 Ponticello: inserire se la centrale situata ad un'estremit della linea fisica 7.
P3 Ponticello: inserire se la centrale situata ad un'estremit della linea fisica 8.
P5 Ponticello: lasciare disinserito.
DL1 Led: acceso indica fusibile F1 efficiente.
DL2 Led: acceso indica fusibile F2 efficiente.
DL3 Led: acceso indica fusibile F3 efficiente.
DL4 Led: acceso indica fusibile F4 efficiente.

8.4.1. Descrizione morsettiere del modulo Diramatore linee fisiche 5-6-7-8

M1 1 + 12 Ingresso tensione dalimentazione +13,8 Vcc (proveniente da uscita 3, mors. M1 - Diramatore linee 14).
2 - GND Ingresso massa di riferimento (proveniente da uscita 4, morsettiera M1 del Diramatore linee 14).
3 + 12 Uscita tensione dalimentazione +13,8 Vcc (non utilizzata).
4 - GND Uscita massa di riferimento (non utilizzata).
5 a LD Ricetrasmissione dati (polo "a") da modulo Diramatore delle linee 14.
6 b LD Ricetrasmissione dati (polo "b") da modulo Diramatore delle linee 14.

M2 1 a LD Ricetrasmissione dati linea 5 (polo "a").


2 b LD Ricetrasmissione dati linea 5 (polo "b").
3 + VL Uscita tensione per la telealimentazione dei sensori/ingressi linea 5 (protetta da fusibile F1).
4 - VL Massa di riferimento della linea 5.
5 a LD Ricetrasmissione dati linea 6 (polo "a").
6 b LD Ricetrasmissione dati linea 6 (polo "b").
7 + VL Uscita tensione per la telealimentazione dei sensori/ingressi della linea 6 (protetta da fusibile F4).
8 - VL Massa di riferimento della linea 6.
9 a LD Ricetrasmissione dati linea 7 (polo "a").
10 b LD Ricetrasmissione dati linea 7 (polo "b").
11 + VL Uscita tensione per la telealimentazione dei sensori/ingressi della linea 7 (protetta da fusibile F2).
12 - VL Massa di riferimento della linea 7.
13 a LD Ricetrasmissione dati linea 8 (polo "a").
14 b LD Ricetrasmissione dati linea 8 (polo "b").
15 + VL Uscita tensione per la telealimentazione dei sensori/ingressi della linea 8 (protetta da fusibile F3).
16 - VL Massa di riferimento della linea 8.
Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive) 12/99 Ediz. 07 Pag. 15 di 62

8.5. Modulo Attuazioni Obbligatorie per le uscite Sirena/Campana (C) e Guasto (J)

CIRCUITO DI TERMINAZIONE PER


GND +12V +EJ -EJ +CG -CG C NA NC
LE USCITE "+EJ -EJ" e "+CG -CG"
M7 2 1 M8 4 3 2 1 3 2 1 M9
R2
FT
F1 F2
FT
D R1

+EJ -EJ
P11
P7 P8 R2
A A
B B
D R1
CN9 CN10

FT P6 P9 FT +CG -CG

LEGENDA

F1.................... Fusibile ritardato (T - 250 mA) a protezione delluscita GUASTO (3 e 4 della morsettiera M8).
F2.................... Fusibile ritardato (T - 250 mA) a protezione delluscita SIRENA (1 e 2 della morsettiera M8).
CN9................. Connettore di collegamento del cavo multiplo proveniente dal connettore CN2 del modulo Controllo.
CN10............... Connettore di collegamento del cavo multiplo proveniente dal connettore CN9 del modulo Attuazioni obbligatorie
FU02GJ (opzionale).
P6.................... Ponticello: lasciare INSERITO.
P7.................... Ponticello per uscita SIRENA: inserito in posizione A predispone per attuatore tipo "A"; inserito in posizione B
predispone per attuatore tipo "B" (vedere chiarimenti al par.fo 8.5.2. e le funzioni 45-46 dei par.fi 16.5.-16.6.).
P8.................... Ponticello per uscita GUASTO: inserito in posizione A predispone per attuatore tipo "A"; inserito in posizione B
predispone per attuatore tipo "B" (vedere chiarimenti al par.fo 8.5.2. e le funzioni 45-46 dei par.fi 16.5.-16.6.).
P9.................... Ponticello: lasciare INSERITO.
P11.................. Ponticello: lasciare INSERITO.
FT ................... Fori dinserimento delle colonnine, di tenuta e fissaggio, del modulo FU02GJ (opzionale).

8.5.1. Descrizione morsettiere modulo Attuazioni Obbligatorie

M7 1 + 12V Ingresso tensione dalimentazione +13,8 Vcc.


2 - GND Ingresso tensione dalimentazione (massa di riferimento).
M8 1 - CG Uscita massa di riferimento con luscita "C" (SIRENA) attiva (in allarme).
2 + CG Uscita +13,8 Vcc con luscita "C" (SIRENA) attiva (in allarme).
3 - EJ Uscita massa di riferimento con luscita "J" (GUASTO) a riposo (nessun guasto).
4 + EJ Uscita +13,8 Vcc con luscita "J" (GUASTO) a riposo (nessun guasto).
N.B. Collegare sempre il modulo TU55FU (in dotazione), rispettando le polarit (morsetti 3 e 4 rispettivamente
con 4 e 5 del TU) e P8 in posizione "B".
M9 1 NC Uscita contatto, normalmente chiuso, del rel di preallarme;
2 NA Uscita contatto, normalmente aperto, del rel di preallarme;
3 C Uscita contatto, comune, del rel di preallarme.
La tensione da applicare ai contatti della morsettiera M9 deve essere di tipo SELV (bassissima tensione
di sicurezza).
(I CONTATTI SONO LIBERI DA POTENZIALE PORTATA: 1A, MAX 24V).

ATTENZIONE! Terminare le uscite non utilizzate, realizzando il circuito sopra illustrato, in cui:
D = diodo 1N4004 o 1N4002,
R1 = resistenza 6800 ohm W, R2 = resistenza 560 ohm W (o 2 resistenze, in parallelo, da 1000 ohm W).
Inoltre: per luscita "C" lasciare P7 in posizione "B".
Pag.16 di 6 2 12/99 Ediz. 07 Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive)

n alternativa alla terminazione, le uscite C-J-(e G-E del modulo opzionale FU02GJ) si possono escludere (vedere i p.fi 14.1, 14.2, 14.3, 14.4).
Conseguentemente si accenderanno i Led ESCL. interessati, ed anche la segnalazione generale desclusione (Led ESCLUSIONI).

8.5.2. Modalit di gestione delle uscite Obbligatorie C-J-G-E

Le uscite C, J, G, E, (queste ultime 2 sono presenti sul modulo FU02GJ, equipaggiamento opzionale) sono "controllate", in altre parole in ogni
momento (uscita a riposo/uscita attivata) verificata lintegrit del percorso di connessione che esiste tra i morsetti di uscita e
attuatore/dispositivo (come richiesto dalla EN54-2).

La verifica dintegrit permette di segnalare unanomalia (lampeggio del Led GUASTO/ESCL. relativo) in caso di cortocircuito ed interruzione del
ollegamento.

Le uscite NON possono quindi essere considerate dei contatti. Qualora per esigenza dimpianto sia necessaria luscita a contatti liberi da
potenziale, si deve collegare alluscita il modulo TU55FU.

Quest'occorrenza pu nascere se limpianto deve attuare campane, sirene e combinatori daltri costruttori o impianti di spegnimento. In questo
aso sar controllata lintegrit del percorso di connessione tra il modulo gestione uscite ed il modulo TU55FU, la cui ubicazione dovr essere
l pi possibile vicino (od eventualmente inglobato) al dispositivo da comandare.

C: uscita allarme generale (modulo attuazioni principale - equipaggiamento base), utilizzata per la segnalazione dallarme incendio;
normalmente a quest'uscita si collegano le campane o sirene dallarme.

J: uscita guasto generale (modulo attuazioni principale - equipaggiamento base), utilizzata per segnalare una qualsiasi delle condizioni di
guasto dellimpianto; normalmente a quest'uscita si collega un dispositivo di "trasmissione allarme guasto", per esempio il combinatore
telefonico CT12xx. ATTENZIONE: venendo a mancare la tensione dalimentazione alla centrale (rete e batteria) si ha lattivazione
di quest'uscita, ossia lavora in sicurezza positiva.

G: uscita per dispositivi protezione incendio (modulo attuazioni FU02GJ, opzionale); normalmente utilizzata per attivare i dispositivi
automatici di spegnimento (impianto estintori).

E: uscita per dispositivi trasmissione allarme incendio (modulo attuazioni FU02GJ, opzionale) normalmente utilizzata per attivare i
dispositivi di trasmissione allarme verso i Vigili del Fuoco (esempio mediante combinatore telefonico CT12xx).

Alle uscite obbligatorie si possono fisicamente collegare soltanto i seguenti apparati STS:

Campana 12V SU12FC attuatore di tipo "B" Le due tipologie


Modulo rel TU55FU attuatore di tipo "B" differiscono tra loro
Sirena SA27xA attuatore di tipo "A" per le caratteristiche
Combinatore telefonico CT12xx attuatore di tipo "A" elettriche.

N.B. Alluscita J collegare sempre e soltanto il modulo TU55FU (tipo "B"), anche se non sono utilizzati i contatti del modulo stesso.

ATTENZIONE: la programmazione di fabbrica predispone tutte le uscite come tipo "B".

NEL CAP. 16 SONO DESCRITTE LE OPERAZIONI DI PROGRAMMAZIONE PER IL TIPO DI ATTUATORE SCELTO.
Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive) 12/99 Ediz. 07 Pag. 17 di 62

8.6. Alcune tipologie di linee tra modulo Diramatore e sensori/ingressi


N.B. Le linee di eventuali derivazioni stellari, non devono superare la lunghezza di 5 metri (vedere fig. seguente).

4 4 4 sensori da 1 a 16 SD51TE/RFO1MB

4 R
CI11/12/14FU CI11/12/14FU Diramatore 120 ohm

INSERIRE NON inserire NON inserire


i ponticelli i ponticelli i ponticelli
di terminazione di terminazione di terminazione
max
5m

4 Sensori da 1 a 24 SD51TE/RFO1MB

4 4
Diramatore CI11/12/14FU

INSERIRE il ponticello INSERIRE


di terminazione max i ponticelli
relativo alla linea fisica 5m di terminazione

4
Sensori da 1 a 32 SD51TE/RFO1MB
4
R
Diramatore
120 ohm

INSERIRE il ponticello max


di terminazione 5m
relativo alla linea fisica

La terminazione di linea (ponticelli o resistenza da 120 ohm), su entrambi gli estremi della linea, deve essere presente
solo se la linea stessa ha lunghezza superiore a 200 metri.
In caso contrario, una sola terminazione deve essere presente (sul diramatore, o sul modulo CI1xFU o resistenza da 120
ohm sul sensore).
Pag.18 di 6 2 12/99 Ediz. 07 Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive)

8.6.1. Collegamento tra modulo Diramatore - sensori SD51TE/RFO1MB moduli CI11/12/14FU


i ricorda che ad ogni linea fisica si possono collegare max 32 punti sensori/ingressi.
Utilizzare cavo schermato: 2 x 1,5 mm2 per la linea dalimentazione, 2 x 0,22 mm2 per la linea dati.
moduli CI11FU, CI12FU, CI14FU vanno installati in scatole di derivazione di materiale plastico.

Modulo DIRAMATORE Sensore 000 Sensore 000


(SD51TE) (SD51TE)
M2
D

D
LD VL LD VL
a b + - a b + -

+ - A B + - A B L + - A B + - A B L
9 10 11 12 13 14 15 16
1 2 3 4 5 6 7 8 9 1 2 3 4 5 6 7 8 9
M1 a b + - a b + -
LD VL LD VL

1 2 3 4 5 6 1 2 3 4 5 6 7 8
+12 +12 a b
GND GND LD
N

N
Resistenza
120 ohm di
L

L
terminazione
fine linea
A

A
CI11FU/CI12FU CI11FU/CI12FU
CI14FU
V

V
M4
G

G
La Lb La Lb ML0 La Lb La Lb
+
+

+
+12 GND +12 GND +24 GND

1 2 3 4 5 6 7 8 M1 2 1 1 2 3 4 5 6 1 2 3 4 5 6 7 8 M1
V
A

Agli altri moduli/sensori


(max 32 punti per ogni linea fisica)
L

Collegamento dei sensori RFO1MB


Sensore 000 Sensore 031

L 1 L 1
4 + 4 +
H 2 H 2
3 - 3 -
- 3 - 3
2 H 2 H
a b a b + 4 + 4
LD VL - LD + VL - 1 L 1 L

1 2 3 4 5 6 7 8

Resistenza 120 ohm


di terminazione
fine linea

N.B. Ai fini della connessione di sensori/ingressi al modulo CI14FU attenersi scrupolosamente, per quanto attiene il morsetto "MLO",
allo schema sopra riportato.

ATTENZIONE: nel rilancio delle connessioni tra i vari apparecchi, collegare tra loro le schermature, al fine di garantire la continuit su tutta la
inea di collegamento.
Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive) 12/99 Ediz. 07 Pag. 19 di 62

8.6.2. Variante per lalimentazione locale tra Diramatore SD51TE/ RFO1MB moduli CI11/12/14FU

Lalimentazione locale necessaria, qualora la tratta da coprire di lunghezza tale da non garantire (con tensione minima di centrale 12 Vcc) la
tensione minima di funzionamento (9,5 Vcc).

Modulo DIRAMATORE Sensore 000 Sensore 031


(SD51TE) (SD51TE)
M2
D

D
LD VL LD VL
a b + - a b + -
+ - A B + - A B L + - A B + - A B L
9 10 11 12 13 14 15 16
1 2 3 4 5 6 7 8 9 1 2 3 4 5 6 7 8 9
M1 a b + - a b + -
LD VL LD VL

1 2 3 4 5 6 1 2 3 4 5 6 7 8
+12 +12 a b
GND GND LD
N

Resistenza
120 ohm di
terminazione
L

fine linea
+ -
A

- Alimentatore
CI11FU/CI12FU Batteria locale
+ 12V (13,8V)
V
G

La Lb La Lb N.B. Per il collegamento dei


+
+

sensori RFO1MB, tra loro ed


1 2 3 4 5 6 7 8 M1
al modulo diramatore, vedere
il paragrafo 8.7.
V

Agli altri I conduttori d'alimentazione


moduli/sensori vanno connessi al gruppo
(max 32 punti alimentatore e batteria
per ogni come qui illustrato.
A

linea fisica)
L
Pag.20 di 6 2 12/99 Ediz. 07 Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive)

8.7. Collegamento misto di sensori RFO1MB e SD51TE

RFO1MB SD51TE

L A
L 1 + - A B + - A B L
M2 4 + H B
H 2 1 2 3 4 5 6 7 8 9
a 1 3 - - -
LD - 3
b 2 2 H
+ 4
+ 3 1 L + +
VL
- 4
A B - +

SD51TE Sensori 32 (max) RFO1MB


L H - +

+ - A B + - A B L + + L 1
4 +
1 2 3 4 5 6 7 8 9 - - H 2
Resistenza 3 -
- 3
da 120 ohm, 2 H
B H + 4
di terminazione 1 L
fine linea A L

Note: M2 una morsettiera del modulo Diramatore (la figura mostra, per semplificare, solo 4 dei 12 morsetti (ossia 1 linea).

8.8. Esempi di realizzazione linee attestate a CI11FU/CI12FU/CI14FU


Rivelatori di temperatura - Rivelatori combinati

B 1 2 3 4
+ - + -
A
4 3 2 1

Resistenza - Ingresso bilanciato


di terminazione + moduli CI11FU/CI12FU/CI14FU
fine linea

2,2 Kohm

8.8.1. Collegamento di pi apparecchi ad uno stesso ingresso dei moduli CI11/CI12/CI14FU


N.B. Collegando pi sensori ad un solo ingresso, come nellesempio seguente, lidentificazione di tipo collettivo.

Rivelatori di temperatura - Rivelatori combinati

B B B 1 2 3 4
1 2 3 4 1 2 3 4

+ - + - + - + - + - + -
A A A
4 3 2 1 4 3 2 1 4 3 2 1
Ingresso
bilanciato
-
moduli
+
CI11/12/14FU

2200 ohm (resistenza di terminazione fine linea)


Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive) 12/99 Ediz. 07 Pag. 21 di 62

8.8.2. Collegamento di un pulsante demergenza ai moduli CI11FU/CI12FU/CI14FU

Resistenza
Ingresso bilanciato -
2200 ohm
moduli CI11/12/14FU +
di terminazione
fine linea

Resistenza
di carico
820 ohm Pulsante
NA NC C di Emergenza

I punti manuali (pulsanti) di segnalazione NON possono essere collegati ai circuiti dei rivelatori automatici, se i rispettivi segnali non sono
univocamente identificabili (Norme UNI 9795 comma 6.2.8.). N.B.: la linea pulsanti deve dare allarme immediato.

9. LIVELLI DI ACCESSO
Con "Livello di Accesso" s'intende il grado di agibilit operativa (sia su Pannello centrale sia su Pannello/i ausiliario/i) di controllo della
centrale da parte dellutente o personale tecnico. I Livelli di Accesso sono 4.

Livello 1 - laccesso immediato e consente loperativit dei seguenti tasti:

EMERGENZA Attuazione istantanea dellallarme generale (annullamento di tutti i tempi di ritardo eventualmente programmati - vedere
funzioni 36 e 96).
SUONERIA Tacitazione della suoneria locale (buzzer) sino a nuovo evento dallarme e/o di guasto.
GUASTI Predispone per la verifica delle cause di guasto dei sensori/ingressi.
Premendolo ripetutamente si alternano le diverse causali danomalia:
Guasto Selezionando zona per zona e sensore per sensore, permette di discriminare se trattasi di guasto per:
mancata comunicazione (tra Guasto ed il numero della zona compare anche la lettera C), o problemi d'altra
natura.
G.Prov Permette di verificare i singoli sensori/ingressi guasti in prova.
TrdSg1 Permette di verificare quali sensori (SD51TE/RFO1MB) hanno superato il Io livello di soglia
dimbrattamento.
Trend Permette di verificare per ogni singolo sensore (SD51TERFO1MB) il livello raggiunto dimbrattamento.
PROVE ESCL Predispone per la visualizzazione di diversi stati informativi dei sensori/ingressi; premendolo ripetutamente si alternano
5 diverse condizioni.
Esclus Permette di verificare i singoli sensori/ingressi esclusi.
Prova Permette di verificare i singoli sensori/ingressi in prova.
Info1 Permette di verificare per ogni singola zona i sensori/ingressi presenti.
Nella colonna ALTRE ZONE indicato per ogni sensore/ingresso il tempo di ritardo (numero di mezzi
minuti).
Nella colonna ALTRI SENSORI indicato il numero totale dei sensori/ingressi (Installazione) rispondenti a
quellindirizzo (la situazione corretta indica: 001).
Info2 Permette di verificare per ogni singolo sensore/ingresso, nella colonna ALTRI SENSORI , luscita ausiliaria 2
associata.
Nella colonna ALTRE ZONE compare il codice delle uscite obbligatorie, eventualmente associate nellattesa
di coincidenza.
Info3 Permette di verificare per ogni singolo sensore/ingresso laltra zona associata in coincidenza, che compare
nella colonna ALTRE ZONE.
SENSORI Permette di verificare, in scansione, i sensori/ingressi per una determinata zona.
ZONE Permette di scegliere la zona sulla quale effettuare la scansione.

N.B. Il pannello che impegnato da una digitazione dei tasti GUASTI - PROVE ESCL - SENSORI - ZONE, inibisce loperativit di tutti
gli altri pannelli. EMERGENZA e SUONERIA sono abilitati in ogni caso su tutti.
Pag.22 di 6 2 12/99 Ediz. 07 Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive)

Livello 2

raggiungibile, da qualsiasi Pannello Operativo, ruotando la chiave in posizione "P" e digitando il Codice di Accesso del Livello 2.
Qualora il Codice Accesso di Livello 2 sia quello impostato in fabbrica ossia 222222, dopo la commutazione della chiave si accede direttamente
lle programmazioni; in caso contrario si dovr digitare il codice memorizzato a quel momento.

N.B. consentito laccesso al Livello da qualunque Pannello Operativo, purch sia presente la scritta L. 1G oppure L. 1N sul display di
quello su cui sintende operare. In altre parole, il Pannello Operativo che per primo accede al Livello, esclude (sino al momento in
cui la sua chiave permane in posizione "P") la possibilit di operare a tutti gli altri, sui quali presente la scritta Attendere.

Oltre alle prestazioni consentite a Livello 1 sono abilitati i seguenti tasti e funzioni:

Tasto SIRENA con cui si disattiva lattuazione delluscita controllata C (sirena/campana, cassonetto, ecc.) fino a nuova pressione del
tasto medesimo o sino al sopraggiungere di un nuovo evento d'allarme.
Tasto AZZERA (azzeramento di tutti gli allarmi sia dincendio sia di guasto), il quale predispone la centrale nello stato di riposo e
pronta per nuove acquisizioni DOPO CIRCA 4 SECONDI DALLAZIONAMENTO .
Tasti 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 0, *, #.
Esclusione/reinclusione per ogni uscita obbligatoria (C - G - E - J).
Esclusione/reinclusione di uno o pi sensori/ingressi.
Esclusione/reinclusione di una o pi zone.
Prova di tutti i Led.

Livello 3
l livello 3 raggiungibile ruotando la chiave in posizione "P" e digitando il Codice di Accesso del livello 3. Oltre alle prestazioni consentite ai
ivelli 1 e 2, sono abilitate le seguenti funzioni:
Prova di una o pi zone.
Prova di uno o pi sensori/ingressi.
Prova uscita "C" (sirena/campana).
Programmazione dei tempi di ritardo per ogni sensore/ingresso.
Programmazione dei tempi di ritardo per ogni zona.
Configurazione zone.
Programmazione associazione tra sensori/ingressi (coincidenza di rivelazione).
Programmazione associazione tra zone (coincidenza di rivelazione).
Programmazione associazione tra sensore/ingresso ed uscita ausiliaria.
Programmazione associazione tra zona ed uscita ausiliaria.
Descrizione ubicazione sensori/ingressi.

N.B. consentito laccesso al Livello da qualunque Pannello Operativo, purch sia presente la scritta L. 1G oppure L. 1N sul display di
quello su cui sintende operare. In altre parole, il Pannello Operativo che per primo accede al Livello esclude (sino al momento in cui
la sua chiave permane in posizione "P") la possibilit di operare a tutti gli altri, sui quali presente la scritta Attendere.

Livello 4
l livello 4 raggiungibile ruotando la chiave in posizione "P" e digitando il Codice di Accesso del livello 4 (o con specifico attrezzo fornito dalla
abbrica al personale qualificato). Oltre alle prestazioni consentite ai livelli 1-2-3, sono abilitate le seguenti funzioni:
Lazzeramento delle programmazioni e conseguente ritorno ai parametri di fabbrica.
Programmazione del tipo di attuazioni.
Acquisizioni sensori/ingressi.

N.B. consentito laccesso al Livello da qualunque Pannello Operativo, purch sia presente la scritta L. 1G oppure L. 1N sul display
di quello su cui sintende operare. In altre parole, il Pannello Operativo che per primo accede al Livello esclude (sino al momento in
cui la sua chiave permane in posizione "P") la possibilit di operare a tutti gli altri, sui quali presente la scritta Attendere.

Laccesso al livello 4 abilita automaticamente la centrale a cancellare tutti gli allarmi - guasti - anomalie (come quando si preme il tasto AZZERA)
E AD INIBIRE LACQUISIZIONE DEGLI EVENTI DALLARME E DI GUASTO PROVENIENTI DAI SENSORI/INGRESSI.
Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive) 12/99 Ediz. 07 Pag. 23 di 62

Loperativit ai livelli superiori abilita in ogni modo tutte quelle a livello inferiore. quindi possibile dal livello 2 eseguire le operazioni del
livello 1, dal livello 3 tutte quelle previste dai livelli 2 e 1 e dal livello 4 tutte quelle previste dai livelli 3, 2 e 1.
Quando si accede al livello 2 o 3 o 4, loperativit al livello selezionato perdura per tutto il tempo in cui la chiave rimane nella posizione "P".
Il ritorno della chiave in posizione "G" o "N" riporta alle condizioni di normale vigilanza (livello 1).
AD ECCEZIONE DEL LIVELLO 4, IN CUI LA CENTRALE NON IN CONDIZIONE DI SORVEGLIANZA, lo stato di vigilanza in ogni
caso presente, indipendentemente dal livello di accesso al momento selezionato. In caso dallarme incendio vengono attuate le normali
procedure di segnalazione ed attuazione previste.

10. CONFIGURAZIONE INIZIALE DI FABBRICA


La configurazione iniziale di fabbrica predispone la centrale nel seguente modo:
Codice accesso livello 2 .................................................................... 222222 (vedi Nota 4).
Codice accesso livello 3 .................................................................... 333333.
Codice accesso livello 4 .................................................................... 444444 (o con attrezzo di fabbrica, vedi Nota 5).
Uscite obbligatorie............................................................................ incluse.
Controllo uscita "C" ......................................................................... campana/modulo TU55FU (tipo "B").
Controllo uscita "J" .......................................................................... campana/modulo TU55FU (tipo "B").
Controllo uscita "G"......................................................................... campana/modulo TU55FU (tipo "B").
Controllo uscita "E".......................................................................... campana/modulo TU55FU (tipo "B").
Zone.................................................................................................. tutte immediate ed incluse.
Sensori/ingressi................................................................................. tutti immediati ed inclusi.
Associazione sensori/ingressi con uscite ausiliarie ........................... nessuna.
Associazione zona con uscite ausiliarie............................................ nessuna.
Coincidenze di rivelazione................................................................ nessuna.
Assegnazione sensori/ingressi alle zone............................................ tutti alla numero 0 (zero).

Nota 4 Qualora il codice del livello 2 sia quello iniziale (222222), dopo la commutazione della chiave in posizione "P" si accede
direttamente al livello (su display compare la scritta L. 2 P). In caso contrario (display con scritta L. 1 P) si dovr comporre il
codice memorizzato a quel momento.
Nota 5 Si rammenta che laccesso al livello 4 possibile anche con specifico attrezzo.

11. STATI OPERATIVI DEFINITI DALLA CHIAVE


La chiave pu rilevare 3 possibili stati ai quali sono associate le seguenti posizioni:
In posizione "N" .........= Notte...............................Impianto non presidiato (vedi Nota 6).
In posizione "G"..........= Giorno.............................Impianto presidiato.
In posizione "P"...........= Programmazione.

Nota 6: in questa posizione, vengono ignorati i tempi di ritardo eventualmente programmati (vedere funzioni 36 e 96).
La lettera "N" o "G" oppure "P", che compare sul display, indica lo stato della centrale, stabilito dallultimo operatore che ha manovrato la chiave.

12. ACCENSIONE DELLA CENTRALE E ACQUISIZIONE AUTOMATICA SENS./INGR.


- Collegare il modulo interfaccia FU15SO, qualora prevista la registrazione degli eventi tramite stampante ST16RE (CITIZEN mod. iDP-
562RSL2), come indicato nel relativo manuale duso.
Labbinamento "FU15SO - ST16RE" permette di registrare tutte le informazioni relative al funzionamento della centrale, associandole
allindicazione della data e dellora. Tutti gli eventi vengono stampanti, come per esempio: stato centrale, acquisizione indirizzi,
esclusioni indirizzi, caratterizzazioni, allarmi, preallarmi, guasti, esclusioni/reinclusioni, prove uscite obbligatorie, reset prove,
azzeramenti vari, associazioni/dissociazioni, coincidenze di rivelazione, variazioni di configurazioni, ecc. Nel cap. 26 riportato lelenco
delle abbreviazioni e significati dei messaggi non interpretabili univocamente.
- Collegare la tensione di rete 220 Vca: si accende il Led RETE.
Verificare che la tensione per la ricarica della batteria sia compresa tra i valori 13,7-13,8 Vcc, misurandola con un tester sui punti 5+ e 6-
della morsettiera M2 del modulo Alimentatore.
- Collegare la batteria rispettando le polarit: filo rosso "+" e nero "-" (sono quelli uscenti dai punti 10+ e 11- della morsettiera M2 del
modulo Alimentatore).

Ad ogni accensione della centrale avviene Automaticamente LACQUISIZIONE dei sensori/ingressi (sillumina il display, su cui
compare il messaggio Attendere).
A controllo configurazione terminato, dopo circa 60 secondi, compare in 4o riga la scritta Indirizzi instal: 125. Ossia il numero (125 ,
ovviamente, un esempio numerico) complessivo dei sensori/ingressi correttamente installati; quindi si spegne il display.
Pag.24 di 6 2 12/99 Ediz. 07 Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive)

Dopo lavvenuta acquisizione automatica o manuale (funzione 48), il Livello daccesso e lindicazione sul display (N-G-P) viene determinata dalla
posizione della chiave sul pannello centrale, prescindendo da quella delle chiavi sui pannelli ausiliari.

Se uno o pi sensori/ingressi hanno identici indirizzi: si accendono i Led GUASTO GUASTO Attivo e sul display appare
lindicazione Guasto per i sensori/ingressi che hanno il doppio indirizzo.
Sul display, premere il tasto PROVE ESCL e selezionare Info1; quindi con i tasti ZONE e SENSORI individuare sotto la voce ALTRI
SENSORI un numero maggiore di 1, che sta ad indicare quanti sono quelli che hanno lo stesso indirizzo.
I sensori/ingressi che risultano con il medesimo indirizzo, sono identificabili dal lampeggio del Led incorporato, acceso per 2 secondi,
spento per 1 secondo.
Dopo la 1o accensione, le successive verificano che il numero dei sensori/ingressi sia uguale (o maggiore) alla precedente; il display, in
ogni caso indica la quantit riscontrata (uguale o maggiore).
Se il numero, dei sensori/ingressi, inferiore rispetto al precedente riscontro, il display segnala la quantit accertata (minore), inoltre si
accendono i Led: GUASTO - GUASTO SISTEMA - GUASTO Attivo.
Volendo confermare il nuovo numero (inferiore), attenersi alla seguente procedura:
a) Chiave in posizione "P".
b) Comporre la combinazione numerica 4 4 4 4 4 4 # (sul display compare la scritta L. 4 P) Vedere NOTA 7.
c) Premere i tasti 4 2 # (si spengono i Led GUASTO - GUASTO SISTEMA GUASTO Attivo).
NOTA 7: se loperazione suddetta si compie quando si gi a livello 4, non necessario eseguire le prime due manovre.

Ogni qualvolta si desideri che avvenga il processo di ACQUISIZIONE, senza spegnere e quindi riaccendere la centrale, svolgere la seguente
procedura.
) Chiave in posizione "P".
b) Comporre la combinazione numerica 4 4 4 4 4 4 # (sul display compare la scritta L. 4 P) Vedere NOTA 8.
) Premere i tasti 4 8 #.

NOTA 8: se loperazione suddetta, si compie quando si gi a livello 4, non necessario eseguire le prime due manovre.
La centrale, dopo il collaudo di fabbrica, viene azzerata e predisposta secondo la configurazione "standard" (vedere Cap. 10).
onsigliabile in ogni caso, per avere la certezza che le programmazioni non siano influenzate da parametri preesistenti, compiere la
eguente operazione: commutare la chiave in posizione "P" ed in seguito comporre la combinazione numerica
4 4 4 4 4 4 # 4 1 * * #.

NOTE
- Il suono breve del buzzer indica il riscontro, alla pressione di un tasto, dopo una corretta sequenza.
- Il suono lungo del buzzer indica il riscontro negativo, alla pressione di un tasto, dopo una sequenza (codice o altro) non corretta.
- Lintervallo superiore a 30 secondi, tra lazionamento di un tasto e del successivo, non consente di continuare loperazione intrapresa.
Premendo qualsiasi tasto {esclusi AZZERA - SIRENA - SUONERIA (per questi tre, il display si accende solo per circa 5 secondi)} il
- display sillumina e si spegne circa 30 secondi dopo lultimo azionamento avvenuto.

12.1. Attivazione Led incorporato nei sensori SD51TE/RFO1MB e nei moduli CI11/12/C14FU
Sensore e moduli in Sorveglianza Acceso per 1 secondo Spento per 5 secondi.
Sensore e moduli in Allarme Acceso per 1 secondo Spento per 2 secondi.
Indirizzo Identico ad un altro Acceso per 2 secondi Spento per 1 secondo.
Indirizzo Non acquisito (non configurato) Acceso per 5 secondi Spento per 5 secondi.

13. CONFIGURAZIONE ZONE - ASSEGNAZIONE SENS./INGR. PER ZONA (FUNZ. 95)


loperazione che occorre eseguire allo scopo di assegnare alle zone uno o pi sensori/ingressi. Ad ogni zona si possono assegnare tutti i
ensori/ingressi (128 o 256, secondo il modello di centrale) che compongono limpianto. In ogni caso, come gi detto nel cap. 6, si consiglia
unequa ripartizione.

Ricordiamo che la configurazione di fabbrica aggiudica tutti i sensori/ingressi alla zona 0 (zero).

PROCEDURA
Chiave in posizione "P".
Comporre la combinazione numerica 3 3 3 3 3 3 #: sul display compare il messaggio L. 3 P.
Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive) 12/99 Ediz. 07 Pag. 25 di 62

Per ogni sensore/ingresso o gruppo di sensori/ingressi, premere i tasti seguenti:


a) 95 (codice funzione)
b) *
c) numero zona (da 0 a 31)
d) *
e) numero sensore/ingresso (da 0 a 127 per centrale FU54LE - da 0 a 255 per centrale FU58LC)
f) #

Es. 1) Si vuole assegnare alla zona 1, i sensori/ingressi 2 e 3; premere: 9 5 * 1 * 2 * 3 #. (N.B.: dopo loperazione, tutti gli altri
sensori/ingressi che equipaggiano limpianto, esclusi 2-3, restano aggiudicati alla zona 0).
Es. 2) Si vuole assegnare alla zona 2, i sensori/ingressi 1, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11, 27, 40.
Premere: 9 5 * 2 * 1 * 4 * 5 * 6 * 7 * 8 * 9 * 1 0 * 1 1 * 2 7 * 4 0 #.

La zona 0 (zero) pu definirsi come zona di "parcheggio" poich tutti i sensori/ingressi, non considerati nellesecuzione
della procedura con il codice 95, permangono nella configurazione di fabbrica. comunque una zona attiva a tutti gli effetti,
la centrale elabora in ogni caso gli allarmi che pervengono dai sensori/ingressi che vi appartengono.

Per verificare se la configurazione dellimpianto corrisponda a quanto desiderato, operare come segue:
Premere per tre volte il tasto PROVE ESCL: sul display appare in terza riga la scritta Info1.
Quindi ogni volta che si preme il tasto ZONE, il display enumera in ordine progressivo, le zone da 00 a 31 (anche se alla/e zona/e non sono stati
assegnati sensori/ingressi). Per ogni zona selezionata, premendo ripetutamente il tasto SENSORI, appaiono tutti gli indirizzi dei sensori/ingressi
attribuiti alla zona stessa, se presenti.
Se lassegnazione dei sensori/ingressi non corrisponde (per errore compiuto inavvertitamente) a quella prefissata, quindi possibile porvi rimedio
facilmente riandando alla procedura dettata allinizio del capitolo.

molto importante che la corrispondenza, tra lindirizzo di ogni sensore/ingresso e la sua dislocazione nellambito dellimpianto, sia
tenuta in debito conto in fase di progettazione; ci faciliter le operazioni di gestione e manutenzione.

Si consiglia di approntare un documento dimpianto, utilizzando il facsimile riportato nellultima pagina,


che potrebbe essere compilato come il seguente Prospetto.
SD51TE o moduli Nr Zona Ubicazione (descrizione) Attuatore ausiliario duscita usc. aus. 1 usc. aus. 2 AND Allarme
Indirizzo RFO1MB CI12FU ing./usc. sensore/ingresso (solo CI14FU con SR04/08FU indir. ass. indir. ass. (solo CI12FU)
e/o CI14FU
o con CI12FU) SI/NO
CI11FU
000 X 01 camera 101 008 009 X
001 X 01 camera 102 008 009
002 X 01 camera 103 008 009
003 X 02 camera 201 010 011
004 X 02 camera 202 010 011
005
006
007
008 CI14FU 1 01 pulsante 101 (pulsante piano 1) cassonetto luminoso piano 1 008 009
009 " 2 02 pulsante 201 (pulsante piano 2) sirena piano 1 010 011
010 " 3 ----- cassonetto luminoso piano 2
011 " 4 ----- sirena piano 2
012 " 5

013 " 6

014 " 7

015 " 8

016 CI12FU 1

017 " 2

018
Pag.26 di 6 2 12/99 Ediz. 07 Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive)

14. ABILITAZIONE FUNZIONI A LIVELLO 2


l livello 2 raggiungibile automaticamente, mediante chiave in posizione "P", se il codice daccesso al livello 2 identico a quello programmato in
abbrica; oppure digitando il codice daccesso memorizzato a quel momento.

Es. 1) Se il codice daccesso 222222 (quello di fabbrica), commutando la chiave in posizione "P" sul display compare il messaggio L. 2 P.
Pertanto si pu passare, senza compiere altre operazioni, allesecuzione di una o pi funzioni elencate in TABELLA 1.

Es. 2) Il codice daccesso stato sostituito da 268430 (perci con chiave in posizione "P" permane il messaggio L. 1). Per entrare al livello occorre
procedere come segue.
Premere in sequenza i tasti 2 6 8 4 3 0 #: sul display compare il messaggio L. 2 P. Pertanto si pu passare allesecuzione di una o pi
funzioni elencate in TABELLA 1.

TABELLA 1 FUNZIONI del LIVELLO 2

tipo di Funzione Codice Funzione


Esclusione/reinclusione uscita "C" (allarme generale) 21
Esclusione/reinclusione uscita "G" (impianto estintori) 22
Esclusione/reinclusione uscita "E" (trasmissione allarme incendio) 23
Esclusione/reinclusione uscita "J" (trasmissione allarme guasto) 24
Esclusione di uno o pi sensori/ingressi 25
Reinclusione di uno o pi sensori/ingressi 26
Esclusione delle zone 27
Reinclusione delle zone escluse 28
Modifica codice accesso del livello 2 29
Prova segnalazione di tutti i Led 30
Modifica data-ora {per centrale equipaggiata con FU15SO [interfaccia, opzionale, stampante eventi]} 80

NOTE
La segnalazione generale d'esclusione (Led ESCLUSIONI) viene attivata quando sono escluse una o pi Uscite (C-G-E-J), od una o pi zone,
od uno o pi sensori/ingressi.
Ogni Uscita in condizione di guasto escludibile.

14.1. Esclusione/reinclusione uscita "C" (funzione 21)


Questa funzione permette di escludere e reincludere luscita C (allarme generale: campana, sirena, ecc.). Il comando identico, sia per lesclusione
ia per la reinclusione (fa cambiare lo stato precedente) ossia la esclude se inclusa e viceversa.
Premere i tasti seguenti:
) 2 1 ............. (Codice Funzione)
b) #

Es. 1) Si vuole escludere luscita C; premere: 2 1 # (si accendono i Led ESCLUSIONI e SIRENA Guasto/Escl.).
Es. 2) Si vuole reincludere luscita C; premere: 2 1 # (si spengono i Led ESCLUSIONI e SIRENA Guasto/Escl.).

14.2. Esclusione/reinclusione uscita "G" (funzione 22)


Questa funzione permette di escludere e reincludere luscita G (impianto estintori). Il comando identico, sia per lesclusione sia per la
einclusione (fa cambiare lo stato precedente) ossia la esclude se inclusa e viceversa.
Premere i tasti seguenti:
) 2 2 ............. (Codice Funzione)
b) #

Es. 1) Si vuole escludere luscita G; premere: 2 2 # (si accendono i Led ESCLUSIONI e ESTINTORI Guasto/Escl.).
Es. 2) Si vuole reincludere luscita G; premere: 2 2 # (si spengono i Led ESCLUSIONI ed ESTINTORI Guasto/Escl.).

14.3. Esclusione/reinclusione uscita "E" (funzione 23)


Questa funzione permette d'escludere e reincludere luscita E (trasmissione allarme, es. Vigili del Fuoco). Il comando identico, sia per
esclusione sia per la reinclusione (fa cambiare lo stato precedente) ossia la esclude se inclusa e viceversa.
Premere i tasti seguenti:
) 2 3 .............. (Codice Funzione)
b) #
Es. 1) Si vuole escludere luscita E; premere: 2 3 # (si accendono i Led ESCLUSIONI e ALLARME Guasto/Escl.).
Es. 2) Si vuole reincludere luscita E; premere: 2 3 # (si spengono i Led ESCLUSIONI e ALLARME Guasto/Escl.).
Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive) 12/99 Ediz. 07 Pag. 27 di 62

14.4. Esclusione/reinclusione uscita "J" (funzione 24)


Questa funzione permette d'escludere e reincludere luscita J (trasmissione allarme guasto). Il comando identico, sia per lesclusione sia per la
reinclusione (fa cambiare lo stato precedente) ossia la esclude se inclusa e viceversa.
Premere i tasti seguenti:
a) 2 4 .............. (Codice Funzione)
b) #

Es. 1) Si vuole escludere luscita J; premere: 2 4 # (si accendono i Led ESCLUSIONI e GUASTO Guasto/Escl.).
Es. 2) Si vuole reincludere luscita J; premere: 2 4 # (si spengono i Led ESCLUSIONI e GUASTO Guasto/Escl.).

14.5. Esclusione di uno o pi sensori/ingressi (funzione 25)


Questa funzione permette d'escludere uno o pi sensori/ingressi (senza limite di quantit per sequenza), oppure tutti contemporaneamente.
Lesclusione del sensore/ingresso pu essere utile, per esempio, quando si presume che sia fonte di falsi allarmi, oppure quando lambiente in cui
dislocato sede di temporanea produzione controllata di fumo.
Ogni sensore/ingresso in condizione di guasto viene segnalato dallaccensione dei Led GUASTO e GUASTO Attivo. Tramite lazionamento
del tasto GUASTI, ed a seguire, dei tasti SENSORI e ZONE, si ottiene lindividuazione dei sensori/ingressi guasti.
PROCEDURA per escludere un SOLO sensore/ingresso.
Premere i tasti seguenti:
a) 2 5 ..........................(Codice Funzione)
b) *
c) Nr sens./ingr............(il numero corrispondente al sensore/ingresso, da 0 a 255)
d) #

PROCEDURA per escludere PI sensori/ingressi. Premere: 2 5 * Nr * Nr * Nr * ... #.


PROCEDURA per escludere TUTTI i sensori/ingressi. Premere: 2 5 #.

Es. 1) Si vuole escludere il sensore/ingresso 0; premere: 2 5 * 0 # (si accende il Led ESCLUSIONI).


Es. 2) Si vogliono escludere i sensori/ingressi 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11.
Premere: 2 5 * 1 * 2 * 3 * 4 * 5 * 6 * 7 * 8 * 9 * 1 0 * 1 1 #.

possibile interrogare il display per sincerarsi sulla globalit dei sensori/ingressi e zone per le quali si operato. Il procedimento, su cui non ci
dilunghiamo, semplice ed intuitivo; sufficiente premere il tasto PROVE ESCLUS e poi con i tasti SENSORI e ZONE si ottiene la
visualizzazione richiesta.

14.6. Reinclusione di uno o pi sensori/ingressi (funzione 26)


I sensori/ingressi possono essere reinclusi attenendosi alla procedura seguente. Sono reincludibili uno o pi (senza limite di quantit per
sequenza), oppure tutti contemporaneamente.
PROCEDURA per reincludere un SOLO sensore/ingresso.
Premere i tasti seguenti:
a) 2 6 ..........................(Codice Funzione)
b) *
c) Nr sens./ingr............(il numero corrispondente al sensore/ingresso, da 0 a 255)
d) #
PROCEDURA per reincludere PI sensori/ingressi. Premere: 2 6 * Nr * Nr * Nr * ... #.
PROCEDURA per reincludere TUTTI i sensori/ingressi. Premere: 2 6 #.

Es. 1) Sono esclusi i sensori/ingressi 0, 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11 e si vuole reincludere solo il sensore/ingresso 0.


Premere: 2 6 * 0 #.
Es. 2) Si vogliono reincludere anche i sensori/ingressi 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11.
Premere: 2 6 * 1 * 2 * 3 * 4 * 5 * 6 * 7 * 8 * 9 * 1 0 * 1 1 # (si spegne il Led ESCLUSIONI).
Pag.28 di 6 2 12/99 Ediz. 07 Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive)

14.7. Esclusione delle zone (funzione 27)


Questa funzione permette d'escludere uno o pi zone (senza limite di quantit per sequenza). Escludere una zona significa escludere globalmente
contemporaneamente tutti i sensori/ingressi ad essa appartenenti.
N.B. Lesclusione della zona non pregiudica la possibilit che uno o pi sensori/ingressi della zona stessa siano invece operativi, ossia
inclusi. sufficiente adottare la funzione 26 e reincludere quel sensore/ingresso o quei sensori/ingressi che si vuole rimangano nella
condizione di sorveglianza (vedere lesempio 3 di procedura in questo paragrafo).

PROCEDURA per escludere una SOLA zona.


Premere i tasti seguenti:
) 2 7 ...........................(Codice Funzione)
b) *
) Nr zona ...................(il numero corrispondente alla zona, da 0 a 31)
d) #
PROCEDURA per escludere PI zone. Premere: 2 7 * Nr * Nr * Nr * ... #.
Es. 1) Si vuole escludere la zona 0; premere: 2 7 * 0 # (si accende il Led ESCLUSIONI).
Es. 2) Si vogliono escludere anche le zone 1, 2, 3, 4, 5; premere: 2 7 * 1 * 2 * 3 * 4 * 5 #.
Es. 3) Alla zona 5 appartengono i sensori/ingressi, indirizzati da 54 a 70 e si vuole che il 67 ed il 68 rimangano inclusi.
Premere: 2 6 * 6 7 * 6 8 #.

14.8. Reinclusione delle zone escluse (funzione 28)


Sono reincludibili una o pi zone (senza limite di quantit per sequenza), attenendosi alla procedura seguente.
PROCEDURA per reincludere una SOLA zona.
Premere i seguenti tasti:
) 2 8 ...........................(Codice Funzione)
b) *
) Nr zona ...................(il numero corrispondente alla zona, da 0 a 31)
d) #
PROCEDURA per reincludere PI zone. Premere: 2 8 * Nr * Nr * Nr * ... #.
Es. 1) Sono escluse le zone 0, 1, 2, 3, 4, 5 e si vuole riportare in condizione operativa la zona 2; premere: 2 8 * 2 #.
Es. 2) Si vogliono riportare in condizione operativa anche le zone 0, 1, 3, 4, 5.
Premere: 2 8 * 0 * 1 * 3 * 4 * 5 # (si spegne il Led ESCLUSIONI).

14.9. Modifica Codice Accesso del livello 2 (funzione 29)


l Codice Accesso devessere composto da 4, 5 o 6 cifre e diverso da quello degli altri livelli.
l Codice diverso da quello iniziale (di fabbrica) non consente di passare automaticamente al livello 2.
Per modificare il Codice Accesso del livello 2 premere i tasti seguenti:
) 2 9 .............................................(Codice Funzione)
b) *
) Nuovo Cod. Acc. .......................(Nuovo Codice Accesso desiderato)
d) *
) Nuovo Cod. Acc. ........................(ripetizione di conferma)
) #

Es. 1) Il Codice Accesso 222222 (ossia quello iniziale di fabbrica) e si vuole sostituirlo con 271903.
Premere: 2 9 * 2 7 1 9 0 3 * 2 7 1 9 0 3 #.
Es. 2) Il Codice Accesso 271903 e si vuole sostituirlo con 151940; premere: 2 9 * 1 5 1 9 4 0 * 1 5 1 9 4 0 #.

14.10. Prova segnalazione di tutti i Led (funzione 30)


La seguente operazione prova laccensione in sequenza di tutti i Led (escluso il Led RETE gestito direttamente dal modulo Alimentazione).
Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive) 12/99 Ediz. 07 Pag. 29 di 62

ATTIVAZIONE DELLA PROVA


Premere i tasti seguenti:
a) 3 0 ............. (Codice Funzione)
b) #................. (si accendono ad intermittenza, uno dopo laltro, tutti i Led).

N.B. Eseguita da Pannello centrale: non viene attivata sui Pannelli ausiliari, sui quali si accende solo il Led PROVA.
Eseguita da Pannello ausiliario: viene attivata anche su Pannello centrale, ma non sugli altri Pannelli.

DISATTIVAZIONE DELLA PROVA


Premere i tasti seguenti:
a) 3 5 ............. (Codice Funzione)
b) #
N.B. Eseguita da Pannello centrale: non viene disattivata su/i Pannello/i ausiliari, se era stata attivata da uno di questi.
Eseguita da Pannello ausiliario: viene disattivata in ogni caso.

14.11. Modifica data/ora [interfaccia FU15SO per stampante eventi] (funzione 80)
Questa funzione, efficace soltanto se FU15SO presente, permette di modificare la data e lora che linterfaccia riversa alla stampante.
soprattutto necessaria quando lora legale subentra a quella solare e viceversa.
Premere i seguenti tasti:
a) 8 0 ....................................... (codice funzione)
b) *
c) Numero del giorno............... (nel formato 0131)
d) *
e) Numero del mese................. (nel formato 0112)
f) *
g) Numero dellanno................ {formato da due cifre (solo le ultime due), es. 1998 = 98} vedi NOTA
h) *
i) Numero dellora................... (nel formato 0023)
l) *
m) Numero dei minuti............. (nel formato 0059)
n) #

NOTA: anche se levento stampato non indica lanno, questultimo fa parte della procedura, perch lorologio datario considera,
automaticamente basandosi sulloperazione "g", lanno bisestile.

Es. Sono le ore 6,14 del giorno 26 ottobre dellanno 1997 (giorno in cui subentrata lora solare) e si vuole provvedere al cambio dellora
(la stampante "non essendo informata" cos scriverebbe la data/ora: 26-10 07:14).
Premere: 8 0 * 2 6 * 1 0 * 9 7 * 0 6 * 1 4 #.

15. ABILITAZIONE FUNZIONI A LIVELLO 3


Pag.30 di 6 2 12/99 Ediz. 07 Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive)

Es. 1) Il codice daccesso 333333 (quello di fabbrica), per accedere al livello operare come segue:
- Commutare la chiave in posizione "P".
- Comporre la combinazione numerica 3 3 3 3 3 3 #: sul display compare il messaggio L.3 P. Pertanto si pu passare, senza
compiere altre operazioni, allesecuzione di una o pi funzioni elencate in Tabella 2.
Es. 2) Il codice daccesso stato modificato e quello in vigore corrisponde, sempre per esempio, al numero352814, in questo caso occorre
procedere come segue. Premere in sequenza i tasti seguenti 3 5 2 8 1 4 #: sul display compare il messaggio L.3 P. Pertanto si pu
passare allesecuzione di una o pi funzioni elencate in TABELLA 2.

TABELLA 2 FUNZIONI del LIVELLO 3


tipo di Funzione Codice Funzione
Esclusione di uno o pi sensori/ingressi per la prova dallarme con reset automatico 31
Esclusione di uno o pi sensori/ingressi per la prova dallarme con reset manuale 32
Esclusione di una o pi zone per la prova dallarme con reset automatico 91
Esclusione di una zona per la prova dallarme con reset manuale 92
Reinclusione di uno o pi sensori/ingressi esclusi per la prova dallarme 33
Reinclusione di una zona esclusa per la prova dallarme 93
Attivazione e disattivazione prova uscita "C" (campana/sirena) 34
Disattivazione generale delle prove 35
Tempo di ritardo allarme sensore/ingresso 36
Tempo di ritardo allarme zona 96
Associazione tra sensori/ingressi (coincidenza di rivelazione) 37
Associazione tra zone (coincidenza di rivelazione) 97
Associazione tra sensore/ingresso e uscita ausiliaria 38
Dissociazione tra sensore/ingresso e uscita ausiliaria 38 + 999
Associazione tra zona e uscita ausiliaria 98
Dissociazione tra zona e uscita ausiliaria 98 + 999
Modifica codice accesso del livello 3 39
Configurazione/modifica di zona 95
Descrizione ubicazione sensori/ingressi 94

NOTE
DURANTE QUALSIASI PROVA LA CENTRALE DAR SEMPRE PRIORIT AD EVENTI NON DETERMINATI DALLE
PROVE (ALLARMI/GUASTI/ANOMALIE).
Laccensione del Led PROVA segnala lattivazione di qualsiasi genere di prova.

15.1. Esclusione sensori/ingressi per la prova d'allarme con reset automatico (funz. 31)
Questa funzione permette d'escludere uno o pi sensori/ingressi (senza limite di quantit per sequenza, oppure tutti contemporaneamente) sui
quali eseguire la prova, senza causare allarme generale.

PROCEDURA per escludere un SOLO sensore/ingresso.


Premere i tasti seguenti:
) 3 1 ..........................(Codice Funzione)
b) *
) Nr sens./ingr............(il numero corrispondente al sensore/ingresso, da 0 a 255)
d) #..............................(sul display, oltre ai numeri identificanti zona e sensore/ingresso, compare la scritta PROVA.

PROCEDURA per escludere PI sensori/ingressi. Premere: 3 1 * Nr * Nr * Nr * ... #.


PROCEDURA per escludere TUTTI i sensori/ingressi. Premere: 3 1 #.

Es. 1) Si vuole escludere il sensore/ingresso 1; premere: 3 1 * 1 # (si accende il Led PROVA).


Es. 2) Si vogliono escludere i sensori/ingressi 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 20, 27.
Premere: 3 1 * 2 * 3 * 4 * 5 * 6 * 7 * 8 * 9 * 2 0 * 2 7 # (il display indica che complessivamente i sensori/ingressi in prova sono 11
e quante sono le zone alle quali appartengono; linterrogazione, con i tasti PROVE ESCL SENSORI ZONE, conferma/specifica i
numeri di sensore/ingresso e zona interessati).

15.2. Esclusione zone per la prova d'allarme con reset automatico (funzione 91)
Questa funzione permette d'escludere le zone (senza limite di quantit per sequenza) sulle quali eseguire la prova dallarme senza causare quello
enerale. Escludere una zona significa escludere globalmente e contemporaneamente tutti i sensori/ingressi ad essa appartenenti.
Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive) 12/99 Ediz. 07 Pag. 31 di 62

N.B. Lesclusione della zona non pregiudica la possibilit che uno o pi sensori/ingressi, della zona stessa, rimangano nella condizione di
sorveglianza. sufficiente adottare la funzione 33 e reincludere quel sensore/ingresso o quei sensori/ingressi che si vuole siano in
grado di attivare lallarme generale al sopraggiungere di un allarme incendio (vedere lesempio 3 di procedura in questo paragrafo).

PROCEDURA per escludere una SOLA zona.


Premere i tasti seguenti:
a) 9 1 ..........................(Codice Funzione)
b) *
c) Nr zona ...................(il numero corrispondente alla zona, da 0 a 31)
d) #

PROCEDURA per escludere PI zone. Premere: 91 * Nr * NR * Nr * ... #.

Es. 1) Si vuole escludere la zona 1; premere: 9 1 * 1 #.


Es. 2) Si vogliono escludere le zone 2, 3 e 4; premere: 9 1 * 2 * 3 * 4 #.
Es. 3) Alla zona 4 appartengono i sensori/ingressi indirizzati da 43 a 52 e si vuole che il 43, il 44 ed il 45 siano disponibili per la
sorveglianza incendio; premere: 3 3 * 4 3 * 4 4 * 4 5 #.
15.2.1. Prova d'allarme sensori/ingressi e zone con reset automatico
- Causare lallarme su un sensore/ingresso programmato per la prova:
viene attivata ad intermittenza luscita "C", anche sui moduli CI12FU (suona ad intermittenza la campana/sirena e si accende in modo
intermittente il Led SIRENA Attivo). Il display sulla prima riga specifica levento, inoltre, accanto alla parola Alrm (Allarme) appare la
lettera P, confermando che si tratta d'allarme di prova.
Dopo circa 15 secondi interviene il reset automatico: viene disattivata luscita "C" (si spegne il Led SIRENA Attivo, si tacita la
sirena/campana).
Se il sensore/ingresso programmato con un tempo di ritardo (vedere par.fi 15.9. e 15.10.) per lattuazione dellallarme, il reset avviene
15 secondi dopo lo scadere di un tempo pari ad un decimo del tempo di ritardo programmato; esempio: con ritardo di 120 secondi, la
centrale abilita il reset dopo 27 secondi (12+15).
Il reset automatico non avviene se durante la prova subentra un allarme da un sensore/ingresso non escluso.
- Causare lallarme su uno o pi sensori/ingressi appartenenti ad una zona programmata per la prova: le conseguenze sono quelle descritte
per la prova su di un singolo sensore/ingresso.

15.3. Esclusione sensori/ingressi per la prova d'allarme con reset manuale (funzione 32)
Questa funzione permette d'escludere uno o pi sensori/ingressi (senza limite di quantit per sequenza, oppure tutti contemporaneamente) sui
quali eseguire la prova, senza causare allarme generale.
Lazzeramento avviene dopo aver premuto il tasto AZZERA.
PROCEDURA per escludere un SOLO sensore/ingresso.
Premere i tasti seguenti:
a) 3 2 ..........................(Codice Funzione)
b) *
c) Nr zona ...................(il numero corrispondente al sensore/ingresso, da 0 a 255)
d) #

PROCEDURA per escludere PI sensori/ingressi. Premere: 3 2 * Nr * Nr * Nr * ... #.


PROCEDURA per escludere TUTTI i sensori/ingressi. Premere: 3 2 #.

Es. 1) Si vuole escludere il sensore/ingresso 1; premere: 3 2 * 1 # .


Es. 2) Si vogliono escludere i sensori/ingressi 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10; premere: 3 2 * 2 * 3 * 4 * 5 * 6 * 7 * 8 * 9 * 1 0 #.

15.4. Esclusione zone per la prova dallarme con reset manuale (funzione 92)
Questa funzione permette d'escludere le zone (senza limite di quantit per sequenza) sulle quali eseguire la prova, senza causare allarme generale.
Lazzeramento avviene dopo aver premuto il tasto AZZERA. Escludere una zona significa escludere globalmente e contemporaneamente tutti i
sensori/ingressi ad essa appartenenti.
N.B. Anche per questa funzione, si possono escludere dalla prova uno o pi sensori/ingressi come riportato nel par.fo 15.1.

PROCEDURA per escludere un SOLA zona.


Premere i tasti seguenti:
a) 9 2 ..........................(Codice Funzione)
b) *
c) Nr zona ...................(il numero corrispondente alla zona, da 0 a 31)
d) #
Pag.32 di 6 2 12/99 Ediz. 07 Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive)

Es. 1) Si vuole escludere la zona 1; premere: 9 2 * 1 #.


Es. 2) Si vogliono escludere le zone 5 e 6; premere: 9 2 * 5 * 6 #.
15.4.1. Prova d'allarme sensori/ingressi e zone con reset manuale
Causare lallarme su un sensore/ingresso di una zona programmata per la prova:
viene attivata ad intermittenza luscita "C", anche sui moduli CI12FU (suona ad intermittenza la campana/sirena e si accende in modo
intermittente il Led SIRENA Attivo). Il display sulla prima riga specifica levento, inoltre, accanto al termine Alrm appare la lettera P,
confermando che si tratta d'allarme di prova.
Premere il tasto AZZERA: si disattiva luscita "C" (si spegne il Led SIRENA Attivo, si tacita la sirena/campana).
Causare lallarme su uno o pi sensori/ingressi appartenenti ad una zona programmata per la prova: le conseguenze sono quelle descritte
per la prova su di un singolo sensore/ingresso.

15.5. Reinclusione di uno o pi sensori/ingressi esclusi per la prova d'allarme (funzione 33)
Questa funzione permette di reincludere uno o pi sensori/ingressi (senza limite di quantit per sequenza) prima esclusi per lesecuzione della
prova dallarme.
PROCEDURA per reincludere un SOLO sensore/ingresso.
Premere i tasti seguenti:
) 3 3 ..........................(Codice Funzione)
b) *
) Nr sens./ingr............(il numero corrispondente al sensore/ingresso, da 0 a 255)
d) #

PROCEDURA per reincludere PI sensori/ingressi. Premere: 3 3 * Nr * Nr * Nr * ... #.

Es. 1) Sono esclusi i sensori/ingressi 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 14, 135 e si vuole riportare in condizioni operative il sensore/ingresso 2. Premere:
3 3 * 2 #.
Es. 2) Si vogliono reincludere tutti gli altri sensori/ingressi; premere: 3 3 * 1 * 3 * 4 * 5 * 6 * 7 * 8 * 1 4 * 1 3 5 #.

15.6. Reinclusione delle zone escluse per la prova d'allarme (funzione 93)
Questa funzione permette di reincludere le zone (senza limite di quantit per sequenza) prima escluse per lesecuzione dellallarme di prova.
Premere i tasti seguenti:
) 9 3 ..........................(Codice Funzione)
b) *
) Nr zona ...................(il numero corrispondente alla zona, da 0 a 31)
d) #

Es. 1) Sono escluse le zone 1, 2, 3, 4, 5, 32 e si vuole reincludere la zona 1; premere: 9 3 * 1 #.


Es. 2) Si vogliono reincludere le rimanenti zone; premere: 9 3 * 2 * 3 * 4 * 5 * 3 2 #.

15.7. Attivazione/disattivazione prova uscita "C" (funzione 34)


Questa funzione attiva luscita obbligatoria "C", anche sui moduli CI12FU, come se fosse presente un allarme di prova; in altre parole
permette di verificare il funzionamento della sirena/campana senza provocare alcun allarme.
Premere i tasti seguenti:
) 3 4 ............. (Codice Funzione)
b) #

Es. 1) Si vuole attivare la prova della sirena/campana; premere: 3 4 # (suona ad intermittenza la campana/sirena e si accende in modo
intermittente il Led SIRENA Attivo).
Es. 2) in corso la prova sirena/campana e si vuole disattivarla; premere: 3 5 # (si spengono i Led PROVA e SIRENA Attivo, si tacita la
sirena/campana).

15.8. Disattivazione generale delle prove (funzione 35)


il comando da eseguirsi affinch tutte le condizioni di prova al momento in corso vengano resettate contemporaneamente.
Premere i tasti seguenti:
) 3 5 ............. (Codice Funzione)
b) #................. (si spegne il Led PROVA).
Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive) 12/99 Ediz. 07 Pag. 33 di 62

15.9. Programmazione/modifica tempo di Ritardo allarme sensore/ingresso (funzione 36)


programmabile un tempo di ritardo (condizione di Preallarme) per ogni sensore/ingresso - senza limite di quantit per sequenza - prima che la
centrale attivi lallarme generale. Il tempo compreso tra 0 e 10 minuti (con 20 passi di 30 secondi ciascuno), ossia: 1 = 30", 2 = 60", 3 = 90", ...
20 = 600".
PROCEDURA per impostare il ritardo di un SOLO sensore/ingresso.
Premere i tasti seguenti:
a) 3 6 ..........................(Codice Funzione)
b) *
c) T..............................(il numero di mezzi minuti, da 1 a 20)
d) *..............................(compare, sul display, il valore in secondi corrispondente)
e) Nr sens./ingr............(il numero corrispondente al sensore/ingresso, da 0 a 255)
f) #
PROCEDURA per impostare il ritardo di DUE O PI sensori/ingressi. Premere: 3 6 * T * Nr * Nr * Nr * ... #.

Es. 1) Si vuole impostare un tempo di ritardo di 1 minuto per il sensore/ingresso 1; premere: 3 6 * 2 * 1 # (su display, dopo aver premuto
3 6 * 2 *, compare il messaggio 060s).
Es. 2) Si vuole impostare un tempo di ritardo pari a 8 minuti per i sensori/ingressi 26, 28, 30, 31, 40, 44, 51, 53, 70, 71.
Premere: 3 6 * 1 6 * 2 6 * 2 8 * 3 0 * 3 1 * 4 0 * 4 4 * 5 1 * 5 3 * 7 0 * 7 1 # (su display, dopo aver premuto 3 6 * 1 6 *, compare il
messaggio 480s).
Es. 3) Si vuole modificare da 8 in 5 minuti, il tempo di ritardo dei sensori/ingressi 30 e 71.
Premere: 3 6 * 1 0 * 3 0 * 7 1 # (su display, dopo aver premuto 3 6 * 1 0 *, compare il messaggio 300s).
Es. 4) Si vuole annullare il tempo di ritardo dei sensori/ingressi 1, 26, 40; premere: 3 6 * 0 * 1 * 2 6 * 4 0 # (su display, dopo aver
premuto 3 6 * 0 *, compare il messaggio 000s).

15.10. Programmazione/modifica tempo di Ritardo allarme zona (funzione 96)


programmabile un tempo di ritardo (condizione di Preallarme) per ogni zona - senza limite di quantit per sequenza - prima che la centrale
attivi lallarme generale.
Il tempo compreso tra 0 e 10 minuti (con 20 passi di 30 secondi ciascuno), ossia: 1 = 30", 2 = 60", 3 = 90", ...20 = 600".
Ritardare una zona significa ritardare lattivazione dellallarme generale per tutti i sensori/ingressi ad essa appartenenti.

N.B. Uno o pi sensori/ingressi possono essere programmati con un tempo di ritardo allarme diverso (maggiore, inferiore, od
anche per allarme immediato, in altre parole, tempo zero) da quello impostato per la zona cui appartengono.
sufficiente ricorrere alla funzione 36 per ogni sensore/ingresso interessato (vedere lesempio 5 in questo paragrafo).

Premere i tasti seguenti:


a) 9 6 ..........................(Codice Funzione)
b) *
c) T..............................(il numero di mezzi minuti, da 1 a 20)
d) *..............................(compare, sul display, il valore in secondi corrispondente)
e) Nr zona ...................(il numero corrispondente alla zona, da 0 a 31)
f) #

Es. 1) Si vuole impostare un tempo di ritardo di 90 secondi per la zona 1; premere: 9 6 * 3 * 1 # (su display, dopo aver premuto 9 6 * 3
*, compare il messaggio 090s).
Es. 2) Si vuole impostare un tempo di ritardo di 3 minuti per le zone 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11.
Premere: 9 6 * 6 * 2 * 3 * 4 * 5 * 6 * 7 * 8 * 9 * 1 0 * 1 1 # (su display, dopo aver premuto 9 6 * 6 *, compare il messaggio 180s).
Si vuole annullare il ritardo della zona 3; premere: 9 6 * 0 * 3 # (su display, dopo aver premuto 9 6 * 0 *, compare il messaggio
Es. 3) 000s).
Alla zona 2 (ritardata di 3 minuti) appartengono i sensori/ingressi indirizzati da 33 a 64 e si vuole che 46, 47, 48 siano ritardati di 30
Es. 4) secondi. Premere: 3 6 * 1 * 4 6 * 4 7 * 4 8 * # (su display, dopo aver premuto 3 6 * 1 *, compare il messaggio 030s).
Si vuole che il sensore/ingresso indirizzato 150 della zona 11 (ritardata di 3 minuti) dia allarme immediato.
Premere: 3 6 * 0 * 1 5 0 # (su display, dopo aver premuto 3 6 * 0 *, compare il messaggio 000s).
Es. 5)

15.10.1. Allarme da sensore/ingresso e zona ritardati


- Causare un allarme su un sensore/ingresso programmato con tempo di preallarme:
si accendono i Led PREALLARME, ALLARME; suona il buzzer, si eccita il rel di preallarme (uscita contatti su morsettiera M9 del
modulo Attuazioni Obbligatorie).
Dopo il tempo di ritardo programmato: si diseccita il rel di preallarme, si spegne il Led PREALLARME, viene attivata luscita "C"
(sirena/campana). Se la centrale equipaggiata con il modulo Attuazioni Obbligatorie opzionale, vengono attivate anche le uscite "G"
(impianto estintori) ed "E" (trasmissione allarme).
Pag.34 di 6 2 12/99 Ediz. 07 Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive)

acquisizioni.
Causare un allarme su un sensore/ingresso appartenente ad una zona programmata con tempo di preallarme: le conseguenze sono quelle
descritte per la prova su di un singolo sensore/ingresso.

ESEMPIO DI 2 SENSORI/INGRESSI RITARDATI O 2 ZONE RITARDATE CHE SI ALLARMANO IN TEMPI DIVERSI


Un primo sensore/ingresso, od una prima zona, entra in condizione d'allarme generando il ciclo di preallarme con il tempo programmato.
Dal momento che un secondo sensore/ingresso, od una seconda zona entrer in allarme, la centrale valuta se il tempo programmato sia minore
di quello gi in corso, se s, il tempo in corso viene aggiornato con il tempo minore, altrimenti prosegue.
NOTE Premendo il tasto EMERGENZA si annulla istantaneamente il ritardo (tempo di preallarme) e quindi si genera immediatamente il
ciclo d'allarme.
Con chiave in posizione "N" (impianto non presidiato), - quando sul display presente soltanto la scritta L.1 N - lallarme da
singolo sensore/ingresso ritardato o da sensore/ingresso appartenente ad una zona ritardata, sar gestito come nel caso d'allarme
immediato.

15.11. Associazione/dissociazione tra sens./ingr. [coincidenza di rivelazione] (funzione 37)


Questa funzione permette di subordinare la rivelazione d'allarme incendio di un sensore/ingresso, al ricevimento di conferma d'allarme da un altro
ensore/ingresso, CON LA POSSIBILIT D'ABILITARE LE USCITE OBBLIGATORIE (C-G-E) DESIDERATE durante lattesa per la
oincidenza di rivelazione.

Per alcune particolari esigenze (per esempio nel caso dei "tiranti bagno"), possibile programmare in coincidenza di rivelazione un
ensore/ingresso con se stesso. In altre parole, quando il sensore/ingresso determinato rivela il segnale non genera lallarme, ma abilita solo il
buzzer (vedere esempio 6).
noltre, il sensore/ingresso, se associato ad unuscita ausiliaria (vedi funzione 38) consente il pilotaggio dellapparecchiatura predisposta, per es.
un segnalatore fuoriporta.

Nel momento in cui il primo sensore/ingresso in coincidenza di rivelazione entra in stato d'allarme, vengono attuate le Uscite obbligatorie
programmate, suona il buzzer; questa situazione cos rimane sino alla coincidenza di rivelazione del sensore/ingresso associato che genera
lallarme generale.
Linsorgere di un allarme da sensore/ingresso non associato e non ritardato, genera immediatamente lallarme generale ma non resetta la
segnalazione di coincidenza di rivelazione.
La coincidenza di rivelazione prioritaria sulla programmazione del tempo di ritardo (preallarme).

Premere i tasti seguenti:


) 3 7 ..........................(Codice Funzione)
b) *
) Nr sens./ingr............(il numero del sensore/ingresso che deve essere associato ad un altro, da 0 a 255)
d) *
) Nr sens./ingr............(il numero del sensore/ingresso che si vuole associare al precedente, da 0 a 255)
) *
) Nr uscita..................(lidentificativo uscita/e da abilitare; 1 = uscita C, 2 = uscita G, 3 = uscita E)
h) #

Per visualizzare lassociazione (in qualsiasi momento) premere il tasto PROVE ESCL finch compare Info2, quindi per ogni zona e
ensori/ingressi ricercati (con i tasti ZONE e SENSORI), compaiono le associazioni. Per esempio, sono stati associati 016 e 017, della zona 02,
on le uscite G ed E, ecco cosa indica il display:

Info2 02 016 30 017

N.B. La visualizzazione delle uscite attivate in coincidenza, risponde ai seguenti codici:

10 = uscita E 20 = uscita G 30 = uscite E e G 40 = uscita C


50 = uscite C ed E 60 = uscite C e G 70 = uscite C e G ed E 00 = nessuna uscita attivata

Es. 1) Si vogliono associare i sensori/ingressi 9 e 10 e, durante lattesa per la coincidenza di rivelazione, devono essere abilitate le uscite C
(sirena/campana) ed E (trasmissione allarme); premere: 3 7 * 9 * 1 0 * 1 * 3 #.
Es. 2) Si vogliono associare i sensori/ingressi 11 e 12 ed abilitare le uscite C (sirena/campana) e G (impianto estinzione).
Premere: 3 7 * 1 1 * 1 2 * 1 * 2 #.
Es. 3) Riferendoci allesempio 1, si vogliono disabilitare le uscite C ed E (durante lattesa per la coincidenza di rivelazione). Premere: 3 7 *
9 * 1 0 #.
Es. 4) I sensori/ingressi 9 e 10 sono tra loro associati, i sensori/ingressi 11 e 12 sono tra loro associati; si vuole modificare lassociazione
come segue: 9 con 12 e 10 con 11 e nessun'uscita dev'essere abilitata.
Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive) 12/99 Ediz. 07 Pag. 35 di 62

Es. 5) Si vogliono dissociare i sensori/ingressi 11 e 12 (nellesempio 2 si erano associati). In pratica il sensore/ingresso 11 non deve essere
pi subordinato, per generale lallarme generale, alla rivelazione del sensore/ingresso 12, e questaltrettanto non deve pi attendere
che l11 entri nella condizione di rivelazione; premere: 3 7 * 1 1 * # 3 7 * 1 2 * #.
Es. 6) Si vuole associare a s stesso il sensore/ingresso 18; premere: 3 7 * 1 8 * 1 8 #.
Es. 7) Si vuole dissociare da s stesso il sensore/ingresso 18; premere: 3 7 * 1 8 * #.
Es. 8) Nellesempio 4, il sensore/ingresso 9 era stato associato con 12 e 10 con 11. Si vuole modificare, associando 10 con 12.
Premere: 3 7 * 1 0 * 1 2 #. Dopo questoperazione, lallarme generale sar generato secondo le coincidenze di rivelazione indicate
qui di seguito:
- Tra 10 e 12 in modo "bidirezionale" (vedere lesemplificazione nella figura seguente).
- Tra 9 e 12 in modo "unidirezionale"; allarme solo se dopo il sensore/ingresso 12, entra nello stato di rivelazione anche il 9, ma non
viceversa. Ossia: se dopo il sensore/ingresso 9, entra nello stato di rivelazione anche il 12, non viene generato lallarme (fig.
seguente).
- Tra 11 e 10 in modo "unidirezionale"; allarme solo se dopo il sensore/ingresso 10, entra nello stato di rivelazione anche l11, ma
non viceversa. Ossia: se dopo il sensore/ingresso 11, entra nello stato di rivelazione anche il 10, non viene generato allarme
(vedere Fig. seguente).

Coincidenze prima dell'operazione descritta nell'esempio 8

9 12 10 11

Coincidenze dopo l'operazione descritta nell'esempio 8

9 12 10 11

Es. 9) Si vuole annullare lassociazione (unidirezionale) tra 9-12 e tra 11-10; premere: 3 7 * 9 * # 3 7 * 11 * #.

15.12. Associazione/dissociazione tra zone [coincidenza di rivelazione] (funzione 97)


Questa funzione permette di subordinare la rivelazione d'allarme incendio di una zona, al ricevimento di conferma d'allarme da unaltra zona, CON
LA POSSIBILIT DI ABILITARE LE USCITE OBBLIGATORIE (C-G-E) DESIDERATE durante lattesa per la coincidenza di rivelazione
Associare una zona ad unaltra, vuol dire associare tutti i sensori/ingressi appartenenti ad una delle due zone con tutti i sensori/ingressi dellaltra
zona.
Quando la prima zona in coincidenza di rivelazione entra in stato d'allarme, suona il buzzer e vengono attuate le Uscite obbligatorie
programmate; questa situazione cos rimane sino alla coincidenza di rivelazione con la zona associata, dopodich viene generato lallarme
generale.
Linsorgere di un allarme da una zona non associata e non ritardata, genera immediatamente lallarme generale ma non resetta la segnalazione di
coincidenza di rivelazione.
La coincidenza di rivelazione prioritaria sulla programmazione del tempo di ritardo (preallarme).

N.B. Uno o pi sensori/ingressi appartenenti alla stessa zona si possono dissociare. In altre parole, possibile svincolarli per quanto
riguarda la coincidenza di rivelazione. sufficiente ricorrere alla funzione 37 per ogni sensore/ingresso interessato (vedere lesempio
5 di procedura in questo paragrafo).

Premere i seguenti tasti:


a) 9 7 ..........................(Codice Funzione)
b) *
c) Nr zona ...................(il numero di zona da associare ad unaltra, da 0 a 31)
d) *
e) Nr zona ...................(la zona che si vuole associata alla precedente, da 0 a 31)
f) *
g) Nr uscita..................(lidentificativo uscita/e da abilitare; 1 = uscita C, 2 = uscita G, 3 = uscita E)
h) #
i) 9 7...........................(Codice Funzione)
Pag.36 di 6 2 12/99 Ediz. 07 Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive)

m) Nr zona..................(il numero di zona impostato al precedente punto "e")


n) *
o) Nr zona...................(il numero di zona impostato al precedente punto "c")
p) *
q) Nr uscita/e...............(il/i numero/i impostato/i al precedente punto "g")
) #

Es. 1) Si vogliono associare tra loro le zone 1 e 2 e, durante lattesa per la coincidenza di rivelazione, devono essere abilitate le uscite G
(impianto estinzione) ed E (trasmissione allarme); premere: 9 7 * 1 * 2 * 2 * 3 # 9 7 * 2 * 1 * 2 * 3 #.
Es. 2) Si vogliono associare tra loro le zone 3 e 4 ed abilitare le uscite C (sirena/campana) e G (impianto estinzione).
Premere: 9 7 * 3 * 4 * 1 * 2 # 9 7 * 4 * 3 * 1* 2 #.
Es. 3) Le zone 1 e 2 sono associate, le zone 3 e 4 sono associate (vedere esempi 1 e 2). Si vuole modificare lassociazione come segue: 1
con 4 e 2 con 3.
Premere: 9 7 * 1 * 4 * 1 * 2 # 9 7 * 4 * 1 * 1 * 2 # 9 7 * 2 * 3 * 1 * 2 # 9 7 * 3 * 2 * 1 * 2 #.
Es. 4) Riferendoci allesempio 3, si vogliono disabilitare le uscite G ed E (durante lattesa per la coincidenza di rivelazione). Premere: 9 7 *
1 * 4 # 9 7 * 4 * 1 # 9 7 * 2 * 3 # 9 7 * 3 * 2 #.
Es. 5) Si vuole che il sensore/ingresso 19 (della zona 3, sempre per esempio) non sia subordinato, per generare lallarme generale, alla
rivelazione di un sensore/ingresso della zona 2; premere: 3 7 * 1 9 #.
Es. 6) Si vogliono dissociare le zone 2 e 3 (associate nellesempio 3); premere: 9 7 * 2 * # 9 7 * 3 * #.

Altra prestazione di questa funzione. Lassociazione di una zona con s stessa determina il seguente comportamento: in caso d'allarme rivelato
da un solo sensore/ingresso appartenente alla zona, la centrale non elabora lallarme generale fino a quando un altro sensore/ingresso, della stessa
zona, entra nello stato dallarme. In breve come se ogni sensore/ingresso della zona sia in coincidenza di rivelazione con ciascuno degli altri.

Es. 1) Si vuole associare la zona 7 con se stessa; premere: 9 7 * 7 * 7 #.


Es. 2) Si vuole dissociare da s stessa la zona 7 (in altre parole, riportarla nello stato precedente loperazione sopra eseguita). Premere: 9 7
* 7 * #.

15.13. Associazione tra uscita ausiliaria e sensore/ingresso (funzione 38)


Questa funzione consente d'associare due (max) Uscite Ausiliarie ad uno o pi sensori/ingressi.

Per Uscite Ausiliarie sintendono le uscite a rel delle schede SR04FU/SR08FU


gestite dal rispettivo modulo identificazione CI14FU, o le uscite a rel del modulo CI12FU.

PROCEDURA per associare le 2 uscite a 2 sensori/ingressi.


Premere i seguenti tasti:
) 3 8 ..........................(Codice Funzione)
b) *
) Nr uscita..................(numero corrispondente allindirizzo della 1o uscita ausiliaria, da 0 a 255) vedere NOTA 9
d) *
) Nr uscita..................(numero corrispondente allindirizzo della 2o uscita ausiliaria, da 0 a 255) vedere NOTA 10
) *
) Nr sens./ingr............(il numero corrispondente al sensore/ingresso, da 0 a 255)
h) *
) Nr sens./ingr.............(il numero corrispondente al sensore/ingresso, da 0 a 255)
) #

NOTA 9: per 1o uscita ausiliaria sintende la prima delle due uscite (max) presa in considerazione.
NOTA 10: per 2o uscita ausiliaria sintende la seconda delle due uscite (max) presa in considerazione.

Lattuazione della 1o uscita ausiliaria immediata ed conseguente allattivazione del sensore/ingresso associato, indipendentemente se questo a
ua volta in coincidenza o ritardato.
Lattuazione della 2o uscita, in seguito allattivazione del sensore/ingresso associato, in ogni caso subordinata (AND) allo stato dallarme
enerale.
Le uscite ausiliarie attivate, sono azzerabili premendo il tasto AZZERA.

PROCEDURA per associare le 2 uscite ad un solo sensore/ingresso. Premere: 3 8 * Nr 1o uscita * Nr 2o uscita * Nr sens./ingr. #.
PROCEDURA per associare una delle 2 uscite a due o pi sens./ingr. Premere: 3 8 * Nr uscita * * Nr sens./ingr. * Nr sens./ingr. ... #.
PROCEDURA per associare una delle 2 uscite ad un solo sensore/ingresso. Premere: 3 8 * Nr uscita * * Nr sensore/ingresso #.

Es. 1) Si vuole associare l'uscita Ausiliaria 1 allallarme del sensore/ingresso 27; premere: 3 8 * 1 * * 2 7 #.
Es. 2) Si vuole associare l'uscita Ausiliaria 5 allallarme dei sensori/ingressi 8 e 9; premere: 3 8 * 5 * * 8 * 9 #.
Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive) 12/99 Ediz. 07 Pag. 37 di 62

Es. 3) Si vuole modificare come segue: associare allAusiliaria 4, anzich allAusiliaria 1 (come nellesempio 1), il sensore/ingresso 27;
premere: 3 8 * 4 * * 2 7 #.
Es. 4) Si vogliono associare le uscite Ausiliarie 22-23 allallarme dei sensori/ingressi 12-13.
Premere: 3 8 * 2 2 * 2 3 * 1 2 * 1 3 #.
Es. 5) Si vuole modificare in 22-25 lassociazione 22-23 eseguita nellesempio 4; premere: 3 8 * * 2 5 * 1 2 * 1 3 #.
Es. 6) Si vuole associare alluscita ausiliaria 10, il sensore/ingresso 18 {associato a s stesso, vedere esempio 6 nel p.fo 15.12., [in caso
d'allarme viene attivata soltanto luscita Ausiliaria]}; premere: 3 8 * 1 0 * * 1 8 #.

15.13.1. Dissociazione tra uscita ausiliaria e sensore/ingresso (funzione 38+subcodice 999)


Questa funzione consente la dissociazione tra due (max) Uscite Ausiliarie ed uno o pi sensori/ingressi.
PROCEDURA per dissociare DUE uscite rispetto a DUE sensori/ingressi.
Premere i seguenti tasti:
a) 3 8 ..........................(Codice Funzione)
b) *
c) 9 9 9 ........................(subcodice dissociativo 1o uscita, da 0 a 255) vedere NOTA 11
d) *
e) 9 9 9 ........................(subcodice dissociativo 2o uscita, da 0 a 255) vedere NOTA 12
f) *
g) Nr sens./ingr............(il numero corrispondente al sensore/ingresso, da 0 a 255)
h) *
i) Nr sens./ingr.............(il numero corrispondente al sensore/ingresso, da 0 a 255)
l) #

NOTA 11: per 1o uscita ausiliaria sintende la prima delle due uscite (max) presa in considerazione nella fase di associazione.
NOTA 12: per 2o uscita ausiliaria sintende la seconda delle due uscite (max) presa in considerazione nella fase di associazione.

PROCEDURA per dissociare le 2 uscite rispetto ad uno o pi sensori/ingressi. Premere: 3 8 * 9 9 9 * 9 9 9 * Nr sensore/ingresso ... #.
PROCEDURA per dissociare luscita 1o rispetto ad un solo sensore/ingresso. Premere: 3 8 * 9 9 9 * * Nr sensore/ingresso #.
PROCEDURA per dissociare luscita 2o rispetto ad un o pi sensori/ingressi. Premere: 3 8 * * 9 9 9 * Nr sensore/ingresso ... #.

Es. 1) Si vuole dissociare il sensore/ingresso 27 dalluscita Ausiliaria 4; premere: 3 8 * 9 9 9 * * 2 7 #.


Es. 2) Si vogliono dissociare i sensori/ingressi 8 e 9 dall'uscita Ausiliaria 5; premere: 3 8 * 9 9 9 * * 8 * 9 #.
Es. 3) Si vogliono dissociare i sensori/ingressi 12-13 dalle uscite Ausiliarie 22-25; premere: 3 8 * 9 9 9 * 9 9 9 * 1 2 * 1 3 #.
Es. 4) Si vogliono dissociare i sensori/ingressi 12-13 solamente dalluscita Ausiliaria 25; premere: 3 8 * * 9 9 9 * 1 2 * 1 3 #.
Es. 5) Si vuole dissociare il sensore/ingresso 18 dalluscita Ausiliaria 10; premere: 3 8 * 9 9 9 * * 1 8 #.

15.14. Associazione tra uscita ausiliaria e zone (funzione 98)


Questa funzione consente d'associare due (max) Uscite Ausiliarie ad una o pi zone, nel caso in cui uno o pi sensori/ingressi della zona/e entrano
nella condizione dallarme.

Per Uscite Ausiliarie sintendono le uscite a rel delle schede SR04FU/SR08FU


gestite dal rispettivo modulo identificazione CI14FU, o le uscite a rel del modulo CI12FU.

Associare una zona ad un'uscita ausiliaria, vuol dire associare tutti i sensori/ingressi, appartenenti alla zona presa in considerazione, ad ununica
uscita ausiliaria.

N.B. Uno o pi sensori/ingressi appartenenti alla stessa zona, possono essere associati (o non avere associazione alcuna) ad uscite
ausiliarie diverse da quella programmata per la zona cui appartengono. sufficiente ricorrere alla funzione 38 per ogni
sensore/ingresso interessato (vedere gli esempi 7 e 8 di procedura in questo paragrafo).

PROCEDURA per associare 2 uscite a 2 zone.


Premere i tasti seguenti:
a) 9 8 ..........................(Codice Funzione)
b) *
c) Nr uscita..................(numero corrispondente allindirizzo della 1o uscita ausiliaria, da 0 a 255) vedere NOTA 13
d) *
e) Nr uscita..................(numero corrispondente allindirizzo della 2o uscita ausiliaria, da 0 a 255) vedere NOTA 14
f) *
g) Nr zona ...................(il numero corrispondente alla zona, da 0 a 31)
h) *
i) Nr zona....................(il numero corrispondente alla zona, da 0 a 31)
Pag.38 di 6 2 12/99 Ediz. 07 Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive)

NOTA 13: per 1o uscita ausiliaria sintende la prima delle due uscite (max) presa in considerazione.
NOTA 14: per 2o uscita ausiliaria sintende la seconda delle due uscite (max) presa in considerazione.

Lattuazione della 1o uscita ausiliaria immediata ed conseguente allattivazione della zona associata, indipendentemente se questa a sua volta
n coincidenza o ritardata.
Lattuazione della 2o uscita, in seguito allattivazione della zona associata, in ogni caso subordinata (AND) allo stato dallarme generale.
Le uscite ausiliarie attivate, sono azzerabili premendo il tasto AZZERA.
PROCEDURA per associare 2 uscite ad una sola zona. Premere: 9 8 * Nr 1o uscita * Nr 2o uscita * Nr zona #.
PROCEDURA per associare 1 uscita a due o pi zone. Premere: 9 8 * Nr uscita * * Nr zona * Nr zona ... #.
PROCEDURA per associare 1 uscita ad una sola zona. Premere: 9 8 * Nr uscita * * Nr zona #.

Es. 1) Si vuole associare l'uscita Ausiliaria 1 agli allarmi della zona 2; premere: 9 8 * 1 * * 2 #.
Es. 2) Si vuole associare l'uscita Ausiliaria 8 agli allarmi della zona 3; premere: 9 8 * 8 * * 3 #.
Es. 3) Si vuole associare l'uscita Ausiliaria 5 agli allarmi delle zone 5, 6, 7; premere: 9 8 * 5 * * 5 * 6 * 7 #.
Es. 4) Si vogliono associare le uscite Ausiliarie 10 e 11 agli allarmi delle zone 4, 18, 21.
Premere: 9 8 * 1 0 * 1 1 * 4 * 1 8 * 2 1 #.
Es. 5) Si vogliono associare le uscite Ausiliarie 24 e 25 agli allarmi delle zone 27, 28; premere: 9 8 * 2 4 * 2 5 * 2 7 * 2 8 #.
Es. 6) Si vuole modificare come segue: associare la zona 3 allAusiliaria 7, anzich allAusiliaria 8 (come nellesempio 2).
Premere: 9 8 * 7 * * 3 #.
Es. 7) Si vuole che il sensore/ingresso 14 della zona 3 sia libero da associazione; premere: 3 8 * 9 9 9 * * 1 4 #.
Es. 8) Si vuole che i sensori/ingressi 34 e 36 della zona 5 siano associati allAusiliaria 15 anzich allAusiliaria 5.
Premere: 3 8 * 1 5 * 9 9 9 * 3 4 * 3 6 #.
Es. 9) Si vuole associare la zona 1 (sensori/ingressi 1, 2, 3, 4) alluscita Ausiliaria 50; inoltre ad ogni singolo sensore/ingresso della zona in
questione, si vuole associare la rispettiva uscita.
Premere: 9 8 * 5 0 * * 1 # 3 8 * * 1 * 1 # 3 8 * * 2 * 2 # 3 8 * * 3 * 3 # 3 8 * * 4 * 4 #.
15.14.1. Dissociazione tra uscita ausiliaria e zone (funzione 98+subcodice 999)
Questa funzione consente la dissociazione tra due (max) Uscite Ausiliarie ed una o pi zone.
PROCEDURA per dissociare 2 uscite rispetto a 2 zone.
Premere i seguenti tasti:
) 9 8 ..........................(Codice Funzione)
b) *
) 9 9 9 ........................(subcodice dissociativo 1o uscita, da 0 a 255) vedere NOTA 15
d) *
) 9 9 9 ........................(subcodice dissociativo 2o uscita, da 0 a 255) vedere NOTA 16
) *
) Nr zona ...................(il numero corrispondente alla zona, da 0 a 31)
h) *
) Nr zona....................(il numero corrispondente alla zona, da 0 a 31)
) #

NOTA 15: per 1o uscita ausiliaria sintende la prima delle due uscite (max) presa in considerazione nella fase di associazione.
NOTA 16: per 2o uscita ausiliaria sintende la seconda delle due uscite (max) presa in considerazione nella fase di associazione.

PROCEDURA per dissociare 2 uscite rispetto ad una o pi zone. Premere: 9 8 * 9 9 9 * 9 9 9 * Nr zona ... #.
PROCEDURA per dissociare luscita 1o rispetto ad una zona. Premere: 9 8 * 9 9 9 * * Nr zona #.
PROCEDURA per dissociare luscita 2o rispetto ad una o pi zone. Premere: 9 8 * * 9 9 9 * Nr zona ... #.

Es. 1) Si vuole dissociare luscita Ausiliaria 1dalla zona 2; premere: 9 8 * 9 9 9 * * 2 #.


Es. 2) Si vuole dissociare l'uscita Ausiliaria 5 dalle zone 5, 6, 7; premere: 9 8 * 9 9 9 * * 5 * 6 * 7 #.
Es. 3) Si vogliono dissociare le uscite Ausiliarie 10-11 dalle zone 4, 18, 21; premere: 9 8 * 9 9 9 * 9 9 9 * 4 * 18 * 2 1 #.
Es. 4) Si vuole dissociare solamente luscita Ausiliaria 25 dalle zone 27 e 28; premere: 9 8 * * 9 9 9 * 2 7 * 2 8 #.

15.15. Modifica Codice Accesso del livello 3 (funzione 39)


l Codice Accesso devessere composto da 4 o 5 oppure 6 cifre e diverso da quello degli altri livelli.
Per modificare il Codice Accesso del livello 3, premere i tasti seguenti:
) 3 9 ...................................... (Codice Funzione)
Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive) 12/99 Ediz. 07 Pag. 39 di 62

c) Nuovo Cod. Acc. ................ (Nuovo Codice Accesso desiderato)


d) *
e) Nuovo Cod. Acc. ................. (ripetizione di conferma)
f) #

Es. 1) Il Codice Accesso 333333 (ossia quello iniziale di fabbrica) e si vuole sostituirlo con 305127.
Premere: 3 9 * 3 0 5 1 2 7 * 3 0 5 1 2 7 #.
Es. 2) Il Codice Accesso 305127 e si vuole sostituirlo con 725433; premere: 3 9 * 7 2 5 4 3 3 * 7 2 5 4 3 3 #.

15.16. Modifica configurazione di zone (funzione 95)


Questa funzione permette di apportare varianti alla configurazione delle zone, in altre parole assegnare uno o pi sensori/ingressi ad una zona
piuttosto che ad unaltra. Ad ogni zona si possono assegnare quanti sensori/ingressi si vogliono.
Qualora per esigenze dampliamento si voglia aggiungere dei sensori/ingressi, questi devono essere preventivamente indirizzati
(vedere i cap. 7 e 12).

Si rammenta che la configurazione di fabbrica assegna tutti i sensori/ingressi alla zona 0 (zero).

Premere i tasti seguenti:


a) 9 5 ..........................(codice funzione)
b) *
c) Nr zona ...................(numero corrispondente alla zona da cui deve dipendere il sensore/ingresso interessato, da 0 a 31)
d) *
e) Nr sens./ingr............(numero corrispondente al sensore/ingresso interessato, da 0 a 255)
f) #

Es. 1) Si vuole "trasferire" il sensore/ingresso 25 dalla zona 1 alla 2; premere: 9 5 * 2 * 2 5 #.


Es. 2) Si vuole che il sensore/ingresso 34 appartenga alla zona 1; premere: 9 5 * 1 * 3 4 #.
Es. 3) Si vuole che i sensori/ingressi 50-51-52-53-54-55-56-57-58-59-60 appartengano alla zona 3.
Premere: 9 5* 3 * 5 0 * 5 1* 5 2 * 5 3 * 5 4 * 5 5 * 5 6 * 5 7 * 5 8 * 5 9 * 6 0 #.
Pag.40 di 6 2 12/99 Ediz. 07 Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive)

15.17. Descrizione ubicazione sensori (funzione 94)


Questa funzione permette d'associare ad ogni punto d'ingresso (sensore/ingresso) la descrizione alfanumerica dellubicazione.
La descrizione componibile tramite 9 caratteri suddivisi in due campi distinti.
Il primo campo di 7 caratteri alfanumerici con 32 diverse possibilit descrittive.
Il secondo campo di 2 caratteri numerici con 100 diverse possibilit descrittive.
concetti sopra esposti sono sintetizzati nella figura seguente.

Secondo campo Esempio dimpianto di un albergo cos composto: 30 camere


Primo campo suddivise su 3 piani, sotterraneo con 5 vani per i servizi vari, salone
00
dingresso.
1 lettere e/o cifre (7 caratteri) Alle camere del 1o piano la descrizione pu essere la seguente:
99 CAMERA101, CAMERA102, CAMERA103 e cos via fino alla
CAMERA110. Alle camere del 2o piano la descrizione seguente:
00 CAMERA201, CAMERA202, ecc. Al 3 piano:
2 lettere e/o cifre (7 caratteri) CAMERA 301, ecc. Ai vani del piano sotterraneo: SOTTERR01,
99
SOTTERR02, ecc. Al salone dingresso: SALONE 00.
Lesempio sopra riportato comporter lutilizzo di solamente 5
diverse descrizioni, anche se gli ambienti identificati sono 36.

00 N.B. Le due descrizioni di seguito riportate (quale esempio), diverse


32 solamente per un carattere del primo campo, sono, a tutti gli effetti,
lettere e/o cifre (7 caratteri)
due ineguali descrizioni.
99

campo 1 CAMERA1 00 campo 2 campo 1 CAMERA2 00 campo 2

15.17.1. Procedura per descrivere lubicazione

Premere i tasti:
1) 9 4 Codice funzione.
2) *
3) Numero sensore/ingresso Il numero fisico del sensore/ingresso, assunto nel corso dellinstallazione.
4) *
5) Numero Numero di due cifre previsto nella descrizione del campo 2.
6) *
7) 5 oppure 8 Il visualizzatore, ad ogni azionamento del tasto, propone una serie di descrizioni (vocaboli), gi
previste tra le pi ricorrenti, dalla programmazione di fabbrica.
Trovata la descrizione desiderata, eseguire soltanto la manovra 10.
QUALORA TRA LE DESCRIZIONI GI PRESENTI, NON ESISTE QUELLA DESIDERATA, FAR
AVANZARE O RETROCEDERE LE DESCRIZIONI, DEL CAMPO 1, CON I TASTI 5 O 8 SINO
ALLA COMPARSA DI UN CAMPO "VUOTO" ED ESEGUIRE LE OPERAZIONI 8-9-10.
8) *
9) 8 o 5 La composizione si realizza nel seguente modo:
ed anche 4 o 1 i tasti 8 e 5, rispettivamente, fanno avanzare ed arretrare la selezione alfanumerica (nellordine
A...Z 0...9); i tasti 4 e 1, rispettivamente, spostano a destra ed a sinistra la selezione, tra i sette
caratteri del campo 1.
Azionare detti tasti fino al momento in cui si ritiene terminata la composizione descrittiva.
10) #
Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive) 12/99 Ediz. 07 Pag. 41 di 62

ALCUNI ESEMPI DI COMPOSIZIONE UBICATIVA

ESEMPIO 1: si vuole descrivere lubicazione del sensore/ingresso 1, ESEMPIO 2: si vuole descrivere lubicazione del sensore/ingresso
installato nella "Camera 05". 14, installato nella "Camera 05".
Premere i tasti seguenti: Premere i tasti seguenti:
1) 94 codice funzione. 1) 94 codice funzione.
2) * 2) *
3) 1 numero fisico del sensore/ingresso. 3) 14 numero fisico del sensore/ingresso.
4) * 4) *
5) 05 numero che configura il campo 2. 5) 05 numero che configura il campo 2.
6) * 6) *
7) 5 o 8 pi volte, finch compare Camera. 7) 5 o 8 pi volte, finch compare Camera.
8) # 8) #

ESEMPIO 3: si vuole descrivere lubicazione del sensore/ingresso ESEMPIO 4: si vuole modificare la descrizione del sensore/ingresso
27, installato nella "Camera 35". 27, perch ubicato nella "Camera 15", anzich nella "Camera 35".
Premere i tasti seguenti: Premere i tasti seguenti:
1) 94 codice funzione. 1) 94 codice funzione.
2) * 2) *
3) 27 numero fisico del sensore/ingresso. 3) 27 numero fisico del sensore/ingresso.
4) * 4) *
5) 35 numero che configura il campo 2. 5) 15 numero che configura il campo 2.
6) * 6) *
7) 5 o 8 pi volte, finch compare Camera. 7) 5 o 8 pi volte, finch compare Camera.
8) # 8) #
ESEMPIO 5: si vuole descrivere lubicazione del sensore/ingresso ESEMPIO 6: si vuole descrivere lubicazione del sensore/ingresso
18, installato nella "Camera 205". 225, installato nella "Studio 10".
Premere i tasti seguenti: Premere i tasti seguenti:
1) 94 codice funzione. 1) 94 codice funzione.
2) * 2) *
3) 18 numero fisico del sensore/ingresso. 3) 225 numero fisico del sensore/ingresso.
4) * 4) *
5) 05 numero che configura il campo 2. 5) 10 numero che configura il campo 2.
6) * 6) *
7) 5 o 8 pi volte, finch compare il campo 1 "vuoto". 7) 5 o 8 pi volte, finch compare il campo 1 "vuoto".
8) * 8) *
9) 5 premere pi volte sino alla comparsa della 9) 5 o 8 premere pi volte sino alla comparsa della
lettera C. lettera S.
10) 4 sposta verso destra il cursore. 10) 4 sposta verso destra il cursore.
11) 8 compare la lettera A, quindi premere 4. 11) 5 o 8 premere pi volte sino alla comparsa della
lettera T, quindi premere 4.
12) 8 premere pi volte sino alla comparsa della 12) 5 o 8 premere pi volte sino alla comparsa della
lettera M, quindi premere 4. lettera U, quindi premere 4.
13) 8 premere pi volte sino alla comparsa della 13) 5 o 8 premere pi volte sino alla comparsa della
lettera E, quindi premere 4. lettera D, quindi premere 4.
14) 8 premere pi volte sino alla comparsa della 14) 5 o 8 premere pi volte sino alla comparsa della
lettera R, quindi premere 4. lettera I, quindi premere 4.
15) 8 compare la lettera A, quindi premere due volte 15) 5 o 8 premere pi volte sino alla comparsa della
4. lettera O.
16) 5 premere pi volte sino alla comparsa della cifra 16) #
2.
17) #
Pag.42 di 6 2 12/99 Ediz. 07 Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive)

16. ABILITAZIONE FUNZIONI A LIVELLO 4


N.B. Laccesso al livello 4 abilita automaticamente la centrale a resettare tutti gli allarmi - guasti - anomalie e ad inibire lacquisizione
degli eventi dallarme e di guasto provenienti dai sensori/ingressi.

l livello 4 raggiungibile, mediante chiave in posizione "P", in 2 modi:


Digitando il codice daccesso del livello 4.
Inserendo uno Specifico Attrezzo nel connettore "P13" del modulo Controllo.

Es. 1) Il codice daccesso 444444 (quello di fabbrica) non stato modificato, per accedere al livello operare come segue:
- Commutare la chiave in posizione "P".
- Comporre la combinazione seguente 4 4 4 4 4 4 #: sul display compare il messaggio L.4 P. Pertanto si pu passare, senza
compiere altre operazioni, allesecuzione di una o pi funzioni elencate in TABELLA 3.
Es. 2) Il codice daccesso stato modificato e quello in vigore corrisponde, sempre per esempio, al numero 453621, in questo caso occorre
procedere come segue. Premere in sequenza i tasti seguenti 4 5 3 6 2 1 #: compare il messaggio
L.4 P. Pertanto si pu passare allesecuzione di una o pi funzioni elencate in TABELLA 3.
Es. 3) Si dispone dello Specifico Attrezzo, per accedere al livello operare come segue.
Inserire lAttrezzo nel connettore "P13" del modulo Controllo: compare il messaggio L.4 P. Pertanto si pu passare allesecuzione
di una o pi funzioni elencate in TABELLA 3.

LUSCITA DAL LIVELLO 4 SI OTTIENE COMMUTANDO LA CHIAVE IN POSIZIONE "G" O "N", SE LACCESSO SI ACQUISITO
MEDIANTE DIGITAZIONE DEL CODICE; SE INVECE LACCESSO SI OTTENUTO INSERENDO LATTREZZO SPECIFICO,
QUESTO SUFFICIENTE DISINSERIRLO.
Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive) 12/99 Ediz. 07 Pag. 43 di 62

TABELLA 3 FUNZIONI del LIVELLO 4

tipo di Funzione Codice Funzione


Azzeramento coda eventi. 40
Azzeramento delle programmazioni allo standard di fabbrica. 41
Convalida numero inferiore sensori/ingressi dopo un precedente riscontro di acquisizione. 42
Stampa configurazione. 43
Programmazione attuazione tipo "B" (campana/rel) per le uscite C-G-E-J. 45
Programmazione attuazione tipo "A" (sirena/combinatore) per le uscite C-G-E-J. 46
Acquisizione sensori/ingressi (senza spegnere e riaccendere la centrale). 48
Riconoscimento di un nuovo stato di fatto della configurazione in seguito a segnalazioni di guasto conseguenti a 48
mancanza, rimozione, o non comunicazione di apparati, quali: CI11FU-CI12FU-CI14FU-SD51TE/RFO1MB- seguita da
PL51CM-FU15SO - ecc. 42
Modifica codice accesso del livello 4. 49

16.1. Azzeramento coda eventi (funzione 40)


la funzione utilizzata per cancellare tutti gli eventi accumulati da FU15SO e non ancora stampati.
Premere i tasti seguenti:
a) 4 0 .....................(Codice Funzione)
b) *

16.2. Azzeramento di tutte le programmazioni (funzione 41)


Questa funzione permette di cancellare TUTTE le programmazioni effettuate, ripristinando cos i parametri iniziali di fabbrica.
Premere i tasti seguenti:
a) 4 1 ....................(Codice Funzione)
b) *
c) *
d) #

16.3. Convalida numero inferiore di sens./ingr. rispetto a precedente acquisizione (funz. 42)
Questa funzione, da eseguire solamente in seguito ad unacquisizione {automatica [o manuale, funzione 48]}, convalida il nuovo stato della
configurazione in seguito al riscontro di un numero inferiore, rispetto ad una precedente acquisizione, di sensori/ingressi/apparati vari.
Premere i tasti seguenti:
a) 4 2 ....................(Codice Funzione)
b) #........................(si spengono i Led GUASTO - GUASTO SISTEMA - GUASTO Attivo).

16.4. Stampa configurazione (funzione 43)


Questa funzione permette di attivare la stampa della configurazione complessiva dellimpianto.
Premere i tasti seguenti:
a) 4 3 ....................(Codice Funzione)
b) #........................(vedere alcuni esempi nel cap. 26)

16.5. Programmazione attuazione tipo "B" [campana/modulo TU55FU] (funzione 45)


Questa funzione consente di selezionare luscita/e (C-G-E-J) per apparato di attuazione di tipo "B" (campana o modulo rel TU55FU), e deve
essere accompagnata dalla presenza in posizione "B" del corrispondente ponticello {P7-P8 sul/i modulo/i attuazioni obbligatorie - uscite C e J
[modulo principale], uscite G ed E [modulo FU02GJ opzionale]}.

Allo scopo di chiarire ulteriormente quanto gi trattato nei par.fi 8.5 - 8.5.1 e 8.5.2, riepiloghiamo ci che segue:
Uscite C (sirena/campana) e G (estintori) collegate a combinatore telefonico CT12xx oppure sirena SA27xA: ponticello P7 in posizione "A" =
attuatore di tipo "A".
Uscite C e G collegate a campana (12V) SU12FC oppure modulo TU55FU: ponticello P7 in posizione "B" = attuatore di tipo "B".
Uscita J collegare solo a modulo TU55FU: ponticello P8 in posizione "B" = attuatore di tipo "B".
Uscita E (trasmissione allarme incendio) collegata a combinatore telefonico CT12xx oppure sirena SA27xA: ponticello P8 in posizione "A" =
attuatore di tipo "A".
Uscita E collegata a campana (12V) SU12FC oppure modulo TU55FU: ponticello P8 in posizione "B" = attuatore di tipo "B".

Attenzione: la programmazione di fabbrica predispone tutte le uscite come tipo "B".


Pag.44 di 6 2 12/99 Ediz. 07 Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive)

Premere i tasti seguenti:


) 4 5 ..........................(Codice Funzione)
b) *
) Nr uscita..................{il numero uscita si riferisce allordine con cui si presentano sul pannello display, 1 = SIRENA (C),
2 = ESTINTORI (G), 3 = ALLARME (E), 4 = GUASTO (J)}
d) #

Es. 1) Si vuole che le uscite 1 e 2 siano abilitate per apparati di attuazione di tipo "B"; premere: 4 5 * 1 * 2 #.
Es. 2) Si vuole che le 4 uscite siano tutte abilitate per apparati di tipo "B"; premere: 4 5 * 1 * 2 * 3 * 4 #.

16.6. Programmazione attuazione tipo "A" [sirena/combinatore telefonico] (funzione 46)


Questa funzione consente di selezionare luscita/e (C-G-E-J) per apparato d'attuazione di tipo "A" (sirena o combinatore telefonico), e deve
ssere accompagnata dalla presenza in posizione "A" del corrispondente ponticello {P7-P8 sul/i modulo/i attuazioni obbligatorie - uscite C e J
modulo principale], uscite G ed E [modulo FU02GJ opzionale]}.

Attenzione: la programmazione di fabbrica predispone tutte le uscite come tipo "B".

Premere i tasti seguenti:


) 4 6 ..........................(Codice Funzione)
b) *
) Nr uscita..................{il numero uscita si riferisce allordine con cui si presentano sul pannello display, 1 = SIRENA (C),
2 = ESTINTORI (G), 3 = ALLARME (E), 4 = GUASTO (J)}
d) #

Es. 1) Si vuole che le uscite 1 e 4 siano abilitate per apparati di tipo "A", anzich per quelli di tipo "B" come programmato nel par.fo
precedente; premere: 4 6 * 1 * 4 #.
Es. 2) Si vuole che le uscite 3 e 4 siano abilitate per apparati di tipo "A"; premere: 4 6 * 3 * 4 #.

16.7. Acquisizione sensori/ingressi (funzione 48)


Questa funzione - gi trattata nel cap. 12 - consente, senza ricorrere allo spegnimento e riaccensione della centrale, lacquisizione dei
ensori/ingressi.
A prescindere dalla considerazione che dovendo operare sullimpianto (per esempio: aggiungere, togliere, sostituire, ecc. degli apparecchi) occorre
ogliere lalimentazione alla centrale; unoperazione che in ogni momento, permette di sapere il numero dei sensori/ingressi correttamente
nstallati.
PROCEDURA
Premere i tasti seguenti:
) 4 8 ....................(Codice Funzione)
b) #........................(sul display compare il messaggio Attendere).

A controllo configurazione terminato, dopo circa 60 secondi, compare in 4o riga la scritta Indirizzi instal: 125. Ossia il numero (125 ,
ovviamente, un esempio numerico) complessivo dei sensori/ingressi correttamente installati; quindi si spegne il display.

16.7.1. Acquisizione e successiva convalida di un nuovo stato della configurazione (funz. 48+42)
La sequenza sottodescritta, va eseguita qualora si renda necessario il riconoscimento di un nuovo stato di fatto della configurazione in seguito a
egnalazioni di guasto conseguenti a mancanza, rimozione, o non comunicazione di apparati, quali: CI11FU-CI12FU-CI14FU-
SD51TE/RFO1MB-PL51CM-FU15SO-ecc.
Premere i tasti seguenti:
) 4 8 ....................(Codice Funzione)
b) #........................(sul display compare il messaggio Attendere)
Attendere (circa 60 secondi) la comparsa della scritta Indirizzi instal: ..., quindi premere i tasti seguenti:
(ATTENZIONE: vedere la Nota)
) 4 2 ....................(Codice Funzione)
d) #

Nota: Qualora loperazione si esegue su un PL51CM, limpianto, a fine acquisizione, torna al livello selezionato dalla posizione della
chiave della centrale. Quindi per compiere la funzione 42 necessario rientrare al livello 4 operando come segue: riportare la chiave
in posizione "G" e poi di nuovo in "N" ed infine digitare 4 4 4 4 4 4 # 4 2 #.
Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive) 12/99 Ediz. 07 Pag. 45 di 62

16.8. Modifica Codice Accesso del livello 4 (funzione 49)

Il Codice Accesso deve essere composto da 4, 5 o 6 cifre e deve essere diverso da quello degli altri livelli.

Per modificare il Codice Accesso del livello 4, premere i tasti seguenti:


a) 4 9 ...................................... (Codice Funzione)
b) *
c) Nuovo Cod. Acc. ................ (Nuovo Codice Accesso desiderato)
d) *
e) Nuovo Cod. Acc. ................. (ripetizione di conferma)
f) #

Es. 1) Il Codice Accesso 444444 (ossia quello iniziale) e si vuole sostituirlo con 405127.
Premere: 4 9 * 4 0 5 1 2 7 * 4 0 5 1 2 7 #.
Es. 2) Il Codice Accesso 405127 e si vuole cambiarlo con 546709; premere: 4 9 * 5 4 6 7 0 9 * 5 4 6 7 0 9 #.

17. CONDIZIONI DI ALLARME GUASTO


Il processo di sorveglianza e autodiagnostica dellimpianto, qualora rilevato lo stato di guasto, abilita le segnalazioni e attuazioni conseguenti.
Sono considerate condizioni di guasto i seguenti stati:

1) Corto circuito di una o pi linee dingresso moduli CI11FU/CI12FU/CI14FU.


2) Apertura di una o pi linee dingresso moduli CI11FU/CI12FU/CI14FU.
3) Alimentazione insufficiente centrale (inferiore a 12 V).
4) Alimentazione insufficiente al/i modulo/i CI11FU/CI12FU/CI14FU (inferiore a 9,5 V).
5) Interruzione fusibili modulo/i Diramatore.
6) Interruzione comunicazione con i sensori/moduli {SD51TE in versione V02 e successive - CI11FU/CI12FU in versione V01 e
successive (linea dati interrotta o in cortocircuito o mancanza alimentazione)}.
7) Batteria sconnessa, oppure deteriorata.
8) Anomalia sulle uscite obbligatorie "C-G-E-J".

Le segnalazioni/attuazioni, derivate dalle condizioni citate nei punti da 1 a 6, si azzerano automaticamente dopo la scomparsa della causa che ne ha
determinato lattivazione.
Tuttavia, per lanomalia vista al punto 6 (anche per conseguenza dellanomalia del punto 5), necessario riacquisire gli indirizzi {eseguire la
Funzione 48+42 [vedere par.fo 16.7.1.]}.
La segnalazione relativa al punto 7, viene azzerata premendo il tasto AZZERA (vedere cap. 21), oppure dopo circa unora nel prossimo test di
batteria.
Le segnalazioni relative al punto 8, vengono azzerate soltanto premendo il tasto AZZERA.

Non sono considerate le condizioni di guasto dalle linee quando anticipate da:
allarme incendio - zona esclusa - zona in prova - sensore/ingresso escluso - sensore/ingresso in prova.
Lo stato di guasto segnalato mediante lattivazione, entro 70 secondi, di:

- fissa del Led GUASTO;


- lampeggiante del Led GUASTO/ESCL. relativo alluscita (C-G-E-J) in condizione di guasto;
- messaggio, su display, di sensore/ingresso/i guasto/i;
- della suoneria (buzzer);
- uscita J (trasmissione allarme guasto), si accende il Led GUASTO Attivo.
Pag.46 di 6 2 12/99 Ediz. 07 Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive)

17.1. Note particolari attinenti i PL51CM - i CI11/CI12/CI14FU - la FU15SO

Lo spegnimento di uno o pi pannelli operativi ausiliari PL51CM (per guasto o per sconnessione), determina, sulla centrale e su altri
eventuali PL51CM, il messaggio Assen. PL51. Il messaggio si azzera automaticamente in seguito alla riattivazione.
La mancanza di rete sul/i PL51CM, determina, sulla centrale e su altri pannelli operativi, il messaggio Manca Rete PL51.
La rimozione, volutamente eseguita, di PL51CM-CI11FU-CI12FU-CI14FU, richiede (in seguito allovvia segnalazione del guasto) la
convalida (vedere Funzione 48+42 - par.fo 16.7.1.).
La mancanza di comunicazione (per qualsiasi motivo) di SD51TE/RFO1MB/CI11FU/CI12FU/CI14FU non rientra, anche se il
sensore/modulo viene rimesso in linea. necessario riacquisire gli indirizzi {eseguire la Funzione 48+42 [vedere par.fo 16.7.1.]}.
Il lampeggio dellindicatore di rete sul PL51CM segnala la mancanza rete della centrale o daltri PL51CM.
Lalimentazione insufficiente di un modulo CI11FU, genera il seguente messaggio G. Alim 01 005 00 000 (sempre come esempio =
zona 01 sensore/ingresso 005).
La stessa anomalia, qualora proveniente da un modulo con pi di un ingresso (CI12/14FU), si potr manifestare in diversi modi secondo
la configurazione dimpianto. Es. Alimentazione insufficiente da un CI14FU:
G. Alim 01 004 00 003 oppure G. Alim 01 004 02 001 oppure G. Alim 01 004 03 000, ecc.
Lalimentazione insufficiente di uno o pi PL51CM, determina il messaggio G. Alim PL51.
Lalimentazione insufficiente dellinterfaccia FU15SO, determina il messaggio G. Alim FU15.
La non comunicazione dellinterfaccia FU15SO, determina il messaggio Assen. FU15.

18. CONTROLLO USCITA "C"


Luscita d'allarme incendio C (sirena/campana) pu essere tacitata con lapposito tasto SIRENA (abilitato a partire dal livello 2). Il tasto quando
premuto tacita o riattiva la sirena solamente per lo stato in corso. Luscita si riattiva automaticamente al sopraggiungere di un nuovo allarme.

19. SEGNALAZIONE ACUSTICA DELLA SUONERIA (BUZZER)


La segnalazione acustica si attiva al sopraggiungere di una qualsiasi variazione (allarme, guasto, mancanza rete) che altera le normali condizioni di
orveglianza dellimpianto. Pu essere tacitata con lapposito tasto SUONERIA (che sempre abilitato). La segnalazione si riattiva
utomaticamente al sopraggiungere di un nuovo evento.

20. SEGNALAZIONE MANCANZA DI RETE


l manifestarsi della mancanza rete da un qualsiasi pannello operativo {della centrale o ausiliari [PL51CM]}, accompagnato dalla segnalazione
custica (buzzer).
Per ulteriori dettagli, vedere nel cap. 25 alla voce Led RETE.
Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive) 12/99 Ediz. 07 Pag. 47 di 62

21. CONTROLLO STATO BATTERIA


Dopo circa 15 minuti dallavvenuta alimentazione della centrale si attiva il controllo di presenza/stato della batteria tampone. Il test viene in
seguito attivato, regolarmente, ogni 15 minuti circa.
Il test di batteria viene eseguito anche ogni volta che si preme il tasto AZZERA (indipendentemente dallintervallo anzidetto).
Per esempio: se lultimo test automatico - in ordine di tempo - avvenuto alle ore 9.40, e si preme il tasto AZZERA (per lattivazione manuale
del test) alle ore 9.45, il prossimo test - attivato automaticamente dalla centrale - avverr alle ore 10.00 circa.
A seguito del controllo si potranno avere queste segnalazioni d'anomalia:

{Tensione di rete Presente [acceso il Led RETE]}

Tipo di segnalazioni (memorizzate) Causa possibile


Accesi fissi i Led: BATTERIA ANOMALIA GUASTO - GUASTO Attivo. Batteria sconnessa
Suona il Buzzer. o deteriorata

Tipo di segnalazioni (memorizzate) Causa possibile


Acceso lampeggiante il Led BATTERIA. Batteria
Suona il Buzzer. NON carica sufficientemente

Tipo di segnalazioni (NON memorizzate) Causa possibile


Acceso lampeggiante il Led BATTERIA. Sovraccarico
Accesi fissi i Led: ANOMALIA GUASTO GUASTO Attivo. sullalimentazione
Suona il Buzzer.

{Tensione di rete Assente [spento il Led RETE]}

Tipo di segnalazioni (NON memorizzate) Causa possibile


Acceso lampeggiante il Led BATTERIA. Tensione insufficiente
Accesi fissi i Led: ANOMALIA GUASTO GUASTO Attivo. (batteria scarica)
Suona il Buzzer.

Lalimentatore della centrale sconnette automaticamente la batteria, qualora la tensione di questa sia inferiore a 10,5V; ci per evitarne il
deterioramento.

NOTA 17: laccensione del Led GUASTO Attivo indica lattivazione delluscita "J", ossia "trasmissione allarme guasto".
Pag.48 di 6 2 12/99 Ediz. 07 Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive)

22. ALCUNI ESEMPI DI COLLEGAMENTO PER LE USCITE "C-G-E-J"


Attenzione: ricordarsi che la corrente massima, disponibile dalla centrale per carichi esterni, di 1,5 ampere.

Rammentiamo quanto detto nel Cap 5: collegare/scollegare qualunque connessione soltanto a centrale NON ALIMENTATA
(non devessere presente la tensione di rete 220 Vca, n quella di batteria).

22.1. Collegamento di una campana (uscita C), con uscita J non utilizzata
Campana SU12FC NOTE
(1 max) Il diodo, rappresentato,
deve essere del tipo
Modulo TU55FU
M8 4 3 2 1 1N4002 o equivalente.
+ + - -
D

Ponticelli P7 e P8: inseriti


+EJ +CG in posizione B.
-EJ -CG
IL MODULO TU55FU

6,8Kohm
DEVE ESSERE
P7 P8
ALLOGGIATO,
A A
MEDIANTE BIADESIVO
1 2 3 4 5 B B
(CHE LO CORREDA),
ALLINTERNO DELLA
Modulo Attuazioni (principale)
CENTRALE.
N

22.2. Collegamento di una campana e di un combinatore telefonico (uscite C - J)


NOTE
R

Modulo TU55FU
Campana SU12FC
T

Combinatore CT12Bx (1 max) Inserire i ponticelli P7 e P8 in


N

posizione B.
O

+ + - -
C
G
+

+
I

I
+

Si rammenta che il modulo


1 2 3 4 5 6 7 8 M2 TU55FU deve essere il pi
6,8Kohm

1 2 3 4 5 vicino possibile (od


eventualmente alloggiato
1

allinterno) allapparato da
N

comandare.

I contatti del rel del TU55FU


2

sono liberi da potenziale e la


loro portata di 2 ampere.

Il diodo rappresentato deve


essere del tipo 1N4002 o
equivalente.

IN QUESTAPPLICAZIONE,
M8 4 3 2 1 M2 IL CANALE 1 DEL
11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1
COMBINATORE INVIA IL
+EJ +CG - + - + - + - +
BATT
PR CB AN
12OUT 12AX1 12AX2 MESSAGGIO D'ALLARME
-EJ -CG
GUASTO.
V

P7 P8 Modulo Alimentatore
A A
B B

Modulo Attuazioni (principale)


Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive) 12/99 Ediz. 07 Pag. 49 di 62

N
22.3. Collegamento di una o pi campane e di un combinatore telefonico (uscite C - J)

R
T
Combinatore CT12Bx Modulo TU55FU Modulo TU55FU

N
O
C
G
+

+
+

1 2 3 4 5 6 7 8 M2

1 2 3 4 5 1 2 3 4 5
1

+
2

SU12FC SU12FC

-
V

M8 4 3 2 1 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 M2

+EJ +CG - + - + - + - +
PR CB AN
-EJ BATT 12OUT 12AX1 12AX2
-CG

P7 P8 Modulo Alimentatore
A A
B B

Modulo Attuazioni (principale)

NOTE

Inserire i ponticelli P7 e P8 in posizione B.


Si rammenta che il modulo TU55FU deve essere il pi vicino possibile (od eventualmente alloggiato allinterno) allapparato da comandare.
I contatti del rel del TU55FU sono liberi da potenziale e la loro portata di 2 ampere.
IN QUESTAPPLICAZIONE, IL CANALE 1 DEL COMBINATORE INVIA IL MESSAGGIO D'ALLARME GUASTO.
Qualora presente il modulo Attuazioni FU02GJ (opzionale), si pu utilizzare il 2o canale del combinatore per il messaggio Allarme Incendio.
D
Pag.50 di 6 2 12/99 Ediz. 07 Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive)

22.4. Collegamento di un combinatore telefonico e di un modulo TU55FU (uscite E - G)

Modulo TU55FU
N

Combinatore CT12Bx 1 2 3 4 5
T
N
O

Centrale
C
+

di
G
+

Estinzione
1 2 3 4 5 6 7 8 M2
1

Resistenza 10K ohm 1/4 W


N

N
2

M8 4 3 2 1 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 M2

+EJ +CG - + - + - + - +
PR CB AN
BATT 12OUT 12AX1 12AX2
-EJ -CG

P7 P8 Modulo Alimentatore
A A
B B

Modulo Attuazioni FU02GJ (opzionale)


V

NOTE

nserire il ponticello P7 in posizione B.

nserire il ponticello P8 in posizione A {ricordarsi che, per questapplicazione, necessario eseguire loperazione dettata nel par.fo 16.4, ossia: 4
6 * 3 # [selezione delluscita "E" (Trasmissione ALLARME INCENDIO)]}.

Si rammenta che il modulo TU55FU deve essere il pi vicino possibile (od eventualmente alloggiato allinterno) allapparato da comandare.

I contatti del rel del TU55FU sono liberi da potenziale e la loro portata di 2 ampere.

La resistenza da 10 K ohm di watt si deve collegare (a cura dellinstallatore) tra il morsetto dellingresso utilizzato (IN1 o IN2) e la massa.

N QUESTA APPLICAZIONE, IL CANALE 2 DEL COMBINATORE INVIA IL MESSAGGIO DALLARME INCENDIO.


Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive) 12/99 Ediz. 07 Pag. 51 di 62

22.5. Collegamento di una sirena e di un combinatore telefonico (uscite C - J)

Modulo TU55FU
Combinatore CT12Bx Sirena SA27xA

+M
+B
- +

C
G
+

+
I

I
+

1 2 3 4 5 6 7 8
1 2 3 4 5 6 7 8 M2
O
1 2 3 4 5
N
T
R

M8 4 3 2 1
+EJ +CG M2
-EJ -CG
11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1
- + P R CB AN - + - + - +
BATT 12OUT 12AX1 12AX2
P7 P8
A A
Modulo Alimentatore
B B

Modulo Attuazioni (principale)

NOTE

ATTENZIONE! Non utilizzare il filo di blocco della sirena (ingresso 2+B).

Inserire il ponticello P7 in posizione A {ricordarsi che, per questapplicazione, necessario eseguire loperazione dettata nel par.fo 16.4, ossia: 4
6 * 1 # [selezione delluscita "C" (SIRENA)]}.
Inserire il ponticello P8 in posizione B.

Si rammenta che il modulo TU55FU deve essere il pi vicino possibile (od eventualmente alloggiato allinterno) allapparato da comandare.

I contatti del rel del TU55FU sono liberi da potenziale e la loro portata di 2 ampere.

IN QUESTAPPLICAZIONE, IL CANALE 1 DEL COMBINATORE INVIA IL MESSAGGIO D'ALLARME GUASTO CENTRALE.


Pag.52 di 6 2 12/99 Ediz. 07 Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive)

23. ALCUNI ESEMPI DI MESSAGGI DEL VISUALIZZATORE (COME INTERPRETARLI)


in atto la segnalazione dallarme generale (suona la sirena/campana) e sul visualizzatore sono presenti le seguenti scritte:

EVENTO ZONA SENSORE ALTRE ALTRI


ZONE SENSORI
PRIMO / ALTRI Alarm 03 017 00 000
ULTIMO
GUASTI - PROVE
ESCLUSIONI 007 SALA
331
USCITA SENSORE ZONA CONTROLLO
ASSOCIAZIONE UBICAZIONE

Significa:
in allarme il sensore/ingresso 017 della zona 03. Altri sensori in allarme: nessuno.
Il sensore/ingresso, ubicato nella Sala 331, associato con luscita ausiliaria 007.

Suona il buzzer e sul visualizzatore sono presenti le scritte seguenti:

PRIMO / ALTRI Alarm 04 026 00 000


ULTIMO
GUASTI - PROVE
ESCLUSIONI CAMERA142
027
USCITA SENSORE CONTROLLO
ZONA
ASSOCIAZIONE UBICAZIONE

Significa:
in allarme sensore/ingresso 026 della zona 04. Altri sensori/ingressi in allarme: nessuno.
Il sensore/ingresso 026, ubicato nella Camera 142, associato (per la coincidenza di rivelazione) con il sensore/ingresso 027.

Qualora riveli lallarme anche il sensore/ingresso 027, sul visualizzatore si aggiungono altre tre scritte:

PRIMO / ALTRI Alarm 04 026 00 000


ULTIMO Alarm 04 027
GUASTI - PROVE
ESCLUSIONI
027 CAMERA142
USCITA SENSORE CONTROLLO
ZONA
ASSOCIAZIONE UBICAZIONE

in atto la segnalazione dallarme generale (suona la sirena/campana) e sul visualizzatore sono presenti le seguenti scritte:

PRIMO / ALTRI Alarm 03 021 03 001


ULTIMO Alarm 03 019
GUASTI - PROVE
ESCLUSIONI SALA
335
USCITA SENSORE CONTROLLO
ZONA
ASSOCIAZIONE UBICAZIONE

Significa: il sensore/ingresso 021, della zona 03, ha rivelato lallarme per primo. - Altri sensori/ingressi, appartenenti ad altre 3 zone, hanno
ivelato lallarme. - Ha rivelato lallarme un altro sensore/ingresso della zona 03. - Il sensore/ingresso 019 della zona 03 lultimo, in ordine di
empo, che ha rivelato lallarme. - Il sensore/ingresso 021 ubicato nella Sala 335.

PRIMA d'azzerare le segnalazioni, con il tasto AZZERA, si pu conoscere, al di l del primo e dellultimo gi evidenziati, quali e quanti
ensori/ingressi sono entrati in allarme. Ad ogni azionamento del tasto SENSORI, ecco, per es., cosa presenta il display:
Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive) 12/99 Ediz. 07 Pag. 53 di 62

sensore/ingresso 0l sensore/ingresso 012 - zona 02 - sensore/ingresso 019 - zona 03 -


Camera117 Ufficio224 Sala 335
sensore/ingresso 021 - zona 03 - sensore/ingresso 030 - zona 04 - sensore/ingresso 032 - zona 04 -
Sala 335 Camera146 Caldaia001
23.1. Alcuni esempi di casistiche messaggi che compaiono nella riga GUASTI - PROVE

IMPORTANTE: non basarsi soltanto sulla 1o indicazione che compare sul display, ma analizzare, mediante lazionamento dei tasti GUASTI-
SENSORI-ZONE, tutti i possibili messaggi in coda.

Sono accesi i Led ANOMALIA, GUASTO e GUASTO Attivo; suona il buzzer. Sul display sono presenti le seguenti scritte:

EVENTO ZONA SENSORE ALTRE ALTRI


ZONE SENSORI
GUASTI PROVE Guasto 02 009 00 007

Significa: la centrale non riesce a comunicare con il sensore/ingresso 009 pi altri 7 della zona 02 { interrotto il fusibile del modulo Diramatore
(evidenziato da Led ANOMALIA) di protezione sullalimentazione della linea fisica, dalla quale dipendono 8 sensori/ingressi, configurati nella
zona 02}. Premendo il tasto GUASTI ed a seguire il tasto SENSORI pi volte, il visualizzatore enumera, uno per uno i sensori/ingressi
interessati.

Sono accesi i Led GUASTO e GUASTO Attivo; suona il buzzer. Sul visualizzatore sono presenti le seguenti scritte:

GUASTI PROVE Guasto 02 009 00 007

Significa: la centrale non riesce a comunicare, con il sensore/ingresso 009 pi altri 7 della zona 02, perch la linea fisica interrotta (sia dati, sia
d'alimentazione). Oppure perch lalimentatore locale guasto (quello predisposto per alimentare i moduli CI/11/12/14FU o i sensori
SD51TE/RFO1MB, quando la tratta da coprire di lunghezza tale da non garantire la tensione minima di 9,5 Vcc).

NOTA: in questi 5 esempi, i numeri corrispondenti a zona-sensore-altre EVENTO ZONA SENSORE ALTRE ALTRI
zone-altri sensori, per ovvi motivi non sono precisati. ZONE SENSORI

Tensione insufficiente ad uno o pi sensori/ingressi G. Alim 00 000 00 000


gestiti dai moduli CI11/12/14FU (si accende il Led ANOMALIA).

Guasto (generico o per mancata comunicazione) da uno o pi Guasto 00 000 00 00


sensori/ingressi.

Guasto da sensore/ingresso escluso per prova manuale o automatica. G. Prov. 00 000 00 000

Superato il 1o Livello di Soglia dimbrattamento del sensore di fumo TrdSg1 00 000 00 000
SD51TE/RFO1MB (vedi par.fo 3.1.).

Note Lattivazione, dei Led e del buzzer, istantanea rispetto allevento, e precede di 90 secondi max lapparire delle scritte.
Per ulteriori dettagli, sulle tipologie di guasto, si rimanda a quanto gi riportato al cap. 17.

24. GUIDA RAPIDA DI PROGRAMMAZIONI E COMANDI


Significato delle abbreviazioni: CA = Codice Accesso; Liv. = Livello; Cod. = Codice funzione; Nr = numero.

Liv. Cod. FUNZIONE OPERAZIONE

4 48 Acquisizione sensori/ingressi [par.fo 16.5.] 48#


(questo comando svolge lacquisizione come allaccensione)

4 42 Convalida numero, sensori/ingressi, inferiore rispetto 42#


ad una precedente acquisizione
4 48 Acquisizione e successiva convalida di un nuovo stato della 48#
+ configurazione [par.fo 16.7.1.] attendere (circa 60 secondi) la comparsa
42 della scritta "Indirizzi instal ..."
42#
Pag.54 di 6 2 12/99 Ediz. 07 Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive)

Liv. Cod. FUNZIONE OPERAZIONE

3 95 Configurazione/modifica di zona 9 5 * Nr zona * Nr sens./ingr. * Nr sens./ingr. * ... #

2 30 Attivazione prova segnalazione di tutti i Led 30 #


3 34 Attivazione prova uscita "C" (allarme generale) 34 #

3 35 Disattivazione generale delle prove (funzioni 30 e 34) 35 #

2 21 Esclusione uscita "C" (allarme generale) 21 #


2 22 Esclusione uscita "G" (estintori) 22 #
2 23 Esclusione uscita "E" (trasmissione allarme) 23 #
2 24 Esclusione uscita "J" (trasmissione guasto) 24 #
2 25 Esclusione di un solo sensore/ingresso 2 5 * Nr sensore/ingresso (da 0 a 255) #
2 25 Esclusione di due o pi sensori/ingressi 2 5 * Nr sensore/ingresso * Nr sensore/ingresso * ... #
2 25 Esclusione di tutti i sensori/ingressi 25#
3 31 Esclus. di un solo sens./ingr. per prova allarme con reset autom. 3 1 * Nr sensore/ingresso #
3 31 Esclus. di due o pi sens./ingr. per prova allarme con reset autom. 3 1 * Nr sensore/ingresso * Nr sensore/ingresso * ... #
3 31 Esclusione di tutti i sensori/ingressi per prova con reset automat. 31#
3 32 Esclus. di un solo sens./ingr. per prova allarme con reset manuale 3 2 * Nr sensore/ingresso #
3 32 Esclus. di due o pi sensori/ingressi per prova con reset manuale 3 2 * Nr sensore/ingresso * Nr sensore/ingresso * ... #
3 32 Esclusione di tutti i sensori/ingressi per prova con reset manuale 32#
2 27 Esclusione di una sola zona 2 7 * Nr zona (da 0 a 31) #
2 27 Esclusione di due o pi zone 2 7 * Nr zona * Nr zona * Nr zona * ... #
3 91 Esclus. di una sola zona per la prova d'allarme con reset autom. 91 * Nr zona #
3 91 Esclus. di una o pi zone per la prova d'allarme con reset autom. 91 * Nr zona * Nr zona * Nr zona * ... #
3 92 Esclus. di una sola zona per la prova d'allarme con reset manuale 9 2 * Nr zona #
3 92 Esclus. di una o pi zone per la prova d'allarme con reset manuale 92 * Nr zona * Nr zona * Nr zona * ... #

2 21 Reinclusione uscita "C" (allarme generale) 21 #


2 22 Reinclusione uscita "G" (estintori) 22 #
2 23 Reinclusione uscita "E" (trasmissione allarme) 23 #
2 24 Reinclusione uscita "J" (trasmissione guasto) 24 #
2 26 Reinclusione di un solo sensore/ingresso 26 * Nr sensore/ingresso (da 0 a 255) #
2 26 Reinclusione di due o pi sensori/ingressi 2 6 * Nr sensore/ingr. * Nr sensore/ingr. * ... #
2 26 Reinclusione di tutti i sensori/ingressi 26#
3 33 Reinclusione di un solo sensore/ingresso escluso per prova allarme 3 3 * Nr sensore/ingresso #
3 33 Reinclusione di due o pi sensore/ingresso esclusi per prova allarme 3 3 * Nr sensore/ingresso * Nr sens./ingr. * ... #
2 28 Reinclusione di una sola zona 2 8 * Nr zona (da 0 a 31) #
2 28 Reinclusione di una o pi zone 28 * Nr zona * Nr zona * Nr zona * ... #
3 93 Reinclusione di una sola zona esclusa per la prova d'allarme 9 3 * Nr zona #
3 93 Reinclusione di una o pi zone escluse per la prova d'allarme 93 * Nr zona * Nr zona * Nr zona * ... #

3 38 Associazione tra sensori/ingressi e uscite ausiliarie 3 8 * Nr uscita * * Nr sensore/ingresso #


(le uscite ausiliarie fanno capo ai moduli: CI12FU; oppure (associazione di un'uscita ad un solo sensore/ingresso)
alle schede SR04/08FU connesse al modulo CI14FU) 3 8 * Nr uscita * * Nr sens./ingr. * Nr sens/ingr. * ... #
[par.fo 15.13] (associazione di unuscita a due o pi sensore/ingresso)
3 8 * Nr 1o uscita * Nr 2o uscita * Nr sensore/ingresso #
(associazione delle 2 uscite ad un solo sensore/ingresso)
3 98 Associazione tra zone e uscite ausiliarie 9 8 * Nr uscita * * Nr zona #
(le uscite ausiliarie fanno capo ai moduli: CI12FU; (associazione di unuscita ad una sola zona)
oppure alle schede SR04/08FU connesse al modulo CI14FU) 9 8 * Nr uscita * * Nr zona * Nr zona * ... #
[par.fo 15.14.] (associazione di unuscita a due o pi zone)
9 8 * Nr uscita * Nr uscita * Nr zona * ... #
(associazione delle due uscite ad una sola zona)
Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive) 12/99 Ediz. 07 Pag. 55 di 62

Liv. Cod. FUNZIONE OPERAZIONE

3 37 Associazione/dissociazione tra sensori/ingressi (coincidenza 37 * Nr sens./ingr. * Nr sens./ingr. da ass. * Nr usc. #


di rivelazione) e abilitazione, durante lattesa di coincidenza, Esempio: sensore/ingresso 30 da associare con 31
delle uscite C-G-E (C=1, G=2, E=3) [par.fo 15.12.] e con uscita C; 3 7 * 30 * 31 * 1 #
3 97 Associazione/dissociazione tra zone 9 7 * Nr zona * Nr zona assoc.* Nr uscita #
(coincidenza rivelazione) e abilitazione, durante lattesa di coincidenza, 9 7 * Nr zona assoc.* Nr zona * Nr uscita #
delle uscite C-G-E (C=1, G=2, E=3) Esempio: zona 3 da associare con 4 e con uscita C;
[par.fo 15.12.] 97 * 3 * 4 * 1 # 97 * 4 * 3 * 1 #

3 38 Dissociazione tra sensore/ingresso e uscite ausiliarie 3 8 * 9 9 9 * * Nr sens./ingr. # (dissoc. solo 1o usc.)


[par.fo 15.13.1.] 3 8 * * 9 9 9 * Nr sens./ingr. # (dissoc. solo 2o usc.)
3 8 * 9 9 9 * 9 9 9 * Nr sensore/ingresso #
(dissociazione di tutte e due le uscite)
3 98 Dissociazione tra zone e uscite ausiliarie 9 8 * 9 9 9 * * Nr zona # (dissoc. solo 1o uscita)
[par.fo 15.14.1.] 9 8 * * 9 9 9 * Nr zona # (dissoc. solo 2o uscita)
9 8 * 9 9 9 * 9 9 9 * Nr zona #
(dissociazione di tutte e due le uscite)

3 36 Programmazione/modifica tempo ritardo allarme di un solo 3 6 * Nr tempo * Nr sensore/ingresso #


sensore/ingresso (preallarme)
Programmazione/modifica tempo ritardo allarme di uno o pi 3 6 * Nr tempo * Nr sens./ingr. * Nr sens./ingr. ... #
sensori/ingressi (preallarme)
Identificazione del numero tempo: Identificazione del numero tempo:
1 = 30" 2 = 60" 3 = 90" 4 = 120" 5 = 150" 6 = 180" 7 = 210" 8 = 240"
9 = 270" 10 = 300" 11 = 330" 12 = 360" 13 = 390" 14 = 420" 15 = 450" 16 = 480"
17 = 510" 18 = 540" 19 = 570" 20 = 600" Es. ritardo di 5 minuti per sens./ingr. 7: 36 * 7 * 10 #
3 96 Programmazione/modifica tempo ritardo allarme di una sola zona 9 6 * Nr tempo * Nr zona #
(preallarme)
Programmaz./modifica tempo ritardo allarme di una o pi zone 9 6 * Nr tempo * Nr zona * Nr zona * Nr zona ... #
(preallarme)
Identificazione del numero tempo: Identificazione del numero tempo:
1 = 30" 2 = 60" 3 = 90" 4 = 120" 5 = 150" 6 = 180" 7 = 210" 8 = 240"
9 = 270" 10 = 300" 11 = 330" 12 = 360" 13 = 390" 14 = 420" 15 = 450" 16 = 480"
17 = 510" 18 = 540" 19 = 570" 20 = 600" Esempio, ritardo di 2 minuti per zona 3: 36 * 3 * 4 #

4 45 Programmazione attuazione tipo "B" 4 5 * Nr uscita #


(campana/modulo TU55FU) {Nr identificazione uscita: 1 = sirena (C),
2 = estinzione (G), 3 = allarme (E), 4 = guasto (J)}
4 46 Programmazione attuazione tipo "A" 4 6 * Nr uscita #
(sirena/combinatore telefonico) {Nr identificazione uscita: 1 = sirena (C),
2 = estinzione (G), 3 = allarme (E), 4 = guasto (J)}

3 94 Descrizione ubicazione sensori/ingressi vedere paragrafi: 15.18. - 15.18.1. - 15.18.2.

2 29 Modifica Codice Accesso del livello 2 2 9 * Nuovo CA * Nuovo CA #


3 39 Modifica Codice Accesso del livello 3 3 9 * Nuovo CA * Nuovo CA #
4 49 Modifica Codice Accesso del livello 4 4 9 * Nuovo CA * Nuovo CA #

4 41 Cancellazione di TUTTE le programmazioni/configurazioni, ecc. 41**#


e conseguente ripristino della configurazione di fabbrica
Pag.56 di 6 2 12/99 Ediz. 07 Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive)

24.1. Per impianto equipaggiato con FU15SO (interfaccia stampante eventi)

Liv. Cod. FUNZIONE OPERAZIONE

2 80 Introduzione/modifica data-ora 80 * GG * MM * AA * hh * mm #
[par.fo 14.11.] (Es. 1) Si vuole impostare la seguente data/ora: 4 gennaio -1998 -
ore 21 - minuti 5. Premere i tasti:
80 * 04 * 01 * 98 * 21 * 05 #
(Es. 2) Si vuole impostare la seguente data/ora: 10 marzo - 1998-
ore 24 - minuti 0. Premere i tasti:
80 * 10 * 03 * 98 * 00 * 00 #
4 43 Stampa configurazione 43 #
(si ottiene il riepilogo della configurazione dellimpianto)
4 40 Azzeramento coda eventi 40 #

25. FUNZIONI DISPLAY


LED
RETE Del Pannello Operativo della Centrale
- Acceso: segnala la presenza della tensione di rete 220 Vca.
- Spento: segnala lassenza della tensione di rete. Suona il buzzer.
Del Pannello Operativo ausiliario PL51CM
- Acceso: segnala la presenza della tensione di rete anche su tutti gli altri Pannelli e sulla Centrale.
- Lampeggiante: segnala lassenza rete su uno o pi Pannelli o sulla centrale. Suona il buzzer.
- Spento: segnala lassenza della tensione di rete del Pannello su cui indicato. Suona il buzzer.
La mancanza rete da uno o pi PL51CM indicata anche dal messaggio, su display, Manca Rete PL51.
BATTERIA - Acceso lampeggiante: segnala che la tensione di batteria insufficiente (scarica).
- Acceso lampeggiante e congiuntamente allaccensione dei Led ANOMALIA, GUASTO, GUASTO Attivo: segnala
sovraccarico sullalimentazione.
- Acceso fisso segnala: batteria sconnessa, oppure deteriorata.
Suona il buzzer in tutti i casi.
ANOMALIA Quando si accende singolarmente (non unitamente al Led BATTERIA), segnala che sono interrotti uno o pi fusibili
del modulo Diramatore. Suona il buzzer.
PREALLARME Si accende segnalando che un sensore/ingresso ritardato ha rilevato lallarme incendio, congiuntamente eccita il rel di
preallarme e si accende il Led ALLARME. Suona il buzzer.
Permane acceso per tutto il tempo di ritardo programmato, allo scadere di questo si spegne (diseccita il rel di
preallarme) e quindi vengono attivate tutte le segnalazioni d'allarme previste.
ESCLUSIONI Acceso segnala che sono esclusi uno o pi sensori/ingressi, od una o pi zone, o pi uscite obbligatorie
(C-G-E-J). Si spegne quando non c in essere alcuna esclusione.
ALLARME Accendendosi segnala che in atto un evento d'allarme incendio. Suona il buzzer.
Si spegne premendo il tasto AZZERA.
GUASTO Accendendosi segnala una o pi condizioni guasto (vedi Cap. 17).
PROVA Accendendosi segnala che in atto una qualsiasi funzione di prova.
Si spegne alla disattivazione generale delle prove.
GUASTO Accendendosi segnala che:
SISTEMA - Lautodiagnostica ha rilevato unanomalia che richiede un intervento tecnico (in questa condizione la centrale
fuori servizio).
- Il numero dei sensori/ingressi, inferiore rispetto allacquisizione precedente.
Eventuali altre segnalazioni presenti non sono da considerare.
SIRENA Acceso segnala lattivazione dei dispositivi ottici/acustici d'allarme incendio. Suona il buzzer.
Attivo Si spegne premendo il tasto AZZERA.
SIRENA - Acceso fisso segnala lesclusione delluscita Sirena. Si spegne alla reinclusione delluscita stessa.
Guasto/Escl. - Acceso lampeggiante segnala la condizione di guasto delluscita stessa. Suona il buzzer.
Congiuntamente si accendono i Led GUASTO e GUASTO Attivo.
Si spegne premendo il tasto AZZERA, se il guasto non pi in essere.
ESTINTORI Acceso segnala lattivazione del comando corrispondente. Suona il buzzer.
Attivo Si spegne premendo il tasto AZZERA.
Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive) 12/99 Ediz. 07 Pag. 57 di 62

ESTINTORI - Acceso fisso segnala lesclusione delluscita Estintori. Si spegne alla reinclusione delluscita stessa.
Guasto/Escl. - Acceso lampeggiante segnala la condizione di guasto delluscita stessa. Suona il buzzer.
Congiuntamente si accendono i Led GUASTO e GUASTO Attivo.
Si spegne premendo il tasto AZZERA, se il guasto non pi in essere.
ALLARME Acceso segnala lattivazione del comando corrispondente. Suona il buzzer.
Attivo Si spegne premendo il tasto AZZERA.
ALLARME - Acceso fisso segnala lesclusione delluscita Allarme. Si spegne alla reinclusione delluscita stessa.
Guasto/Escl. - Acceso lampeggiante segnala la condizione di guasto delluscita stessa. Suona il buzzer.
Congiuntamente si accendono i Led GUASTO e GUASTO Attivo.
Si spegne premendo il tasto AZZERA, se il guasto non pi in essere.
GUASTO Acceso segnala:
Attivo - Lattivazione del comando corrispondente. Si accende il Led GUASTO e suona il buzzer.
Si spegne alla rimozione della causa del guasto se lattivazione stata generata da uno o pi sensori/ingressi.
Se lattivazione stata causata da una o pi uscite, si spegne premendo il tasto AZZERA purch il guasto
non sia pi in essere.
- Il numero dei sensori/ingressi, inferiore rispetto al precedente riscontro.
GUASTO - Acceso fisso segnala lesclusione delluscita Guasto. Si spegne alla reinclusione delluscita stessa.
Guasto/Escl. - Acceso lampeggiante segnala la condizione di guasto delluscita stessa. Suona il buzzer.
Congiuntamente si accendono i Led GUASTO e GUASTO Attivo.
Si spegne premendo il tasto AZZERA, se il guasto non pi in essere.

TASTI
GUASTI Sempre abilitato, purch non sia presente la scritta Attendere sul display.
Predispone per la visualizzazione dei sensori/ingressi eventualmente guasti.
PROVE ESCL Sempre abilitato, purch non sia presente la scritta Attendere sul display.
Predispone per la visualizzazione dei sensori/ingressi esclusi/in prova/associati e della configurazione zone {dopo il
primo azionamento appare Esclus, dopo il secondo azionamento appare Prova, dopo il terzo azionamento appare
Info, vale a dire "informazioni" (a questo punto premendo i tasti SENSORI e ZONE possibile accertarsi dellesatta
configurazione delle zone)}.
SENSORI Sempre abilitato, purch non sia presente la scritta Attendere sul display.
Consente di visualizzare in scansione i sensori/ingressi in allarme/esclusi/guasti/in prova/ecc.
ZONE Sempre abilitato, purch non sia presente la scritta Attendere sul display.
Consente di visualizzare in scansione le zone in allarme/in guasto/in prova/escluse/ecc.
AZZERA Abilitato, a partire dal livello 2 (con chiave in posizione "P"), purch non sia presente la scritta Attendere sul
display.
Consente lazzeramento di tutti gli allarmi, ed inoltre lattivazione aggiuntiva del test "stato batteria".
SIRENA Abilitato, a partire dal livello 2 (con chiave in posizione "P"), purch non sia presente la scritta Attendere sul
display.
Consente di "tacitare" luscita C (sirena/campana) fino a nuova pressione (purch lallarme sia ancora in atto) o nuovo
evento.
SUONERIA Sempre abilitato.
Consente di tacitare il buzzer locale fino a nuova pressione (purch lallarme sia ancora in atto) o nuovo evento.
EMERGENZA Sempre abilitato. Consente lattuazione immediata dellallarme generale.
10 * # Abilitati con chiave in posizione "P" (programmazione), purch non sia presente la scritta Attendere sul display.
Si ricorda che:
Il suono breve del buzzer indica il riscontro alla pressione di un tasto o ad una corretta sequenza;
Il suono lungo del buzzer indica il riscontro negativo ad una sequenza (codice od altro) non corretta;
Lintervallo superiore a 30 secondi, tra lazionamento di un tasto e del successivo, non consente di continuare loperazione intrapresa.

CHIAVE

- In posizione N (notte) in caso d'allarme NON vengono considerati i tempi di ritardo programmati.
- In posizione G (giorno) i tempi di ritardo vengono rispettati.
- In posizione P (programmazione) predispone per laccesso ai livelli 2, 3 e 4.
N.B. A livello 4, la centrale non in grado d'acquisire gli allarmi, ed inoltre vengono azzerate tutte le segnalazioni (anomalie guasti -
allarmi).
Pag.58 di 6 2 12/99 Ediz. 07 Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive)

26. ELENCO DELLE ABBREVIAZIONI E SIGNIFICATI DEI MESSAGGI (EMESSI DALLA


STAMPANTE) NON IMMEDIATAMENTE INTERPRETABILI
NOTE Lelenco dei messaggi, qui riportato, in ordine alfabetico, e non rispetta le sequenze di stampa o eventuali abbinamenti a seguito
di comandi od eventi.
Sono ovviamente degli esempi tutti i numeri, eccetto quelli attinenti le funzioni.
I messaggi che si riferiscono ad eventi dallarme e di anomalie varie, anzich in nero vengono stampati in rosso, pertanto per
distinguerli sono rappresentati in grassetto.

TIPO DI MESSAGGIO SIGNIFICATO

Accensione FU15SO R.1.04 Alimentato il modulo interfaccia della stampante; indicata la versione (R.1.04).
Accensione FU5x uscite C J Alimentata la centrale. Equipaggiata con uscite obbligatorie C e J.
Accensione FU5x uscite CGEJ Alimentata la centrale. Equipaggiata con uscite obbligatorie C, G, E, J.
Acquisizione indirizzi Conseguente allaccensione della centrale, oppure in seguito alla funzione 48.
Allarme A 01 025 CAMERA200 Allarme dal sensore/ingresso 025, della zona 01, che associato (in coincidenza di
rivelazione) con altro sensore/ingresso.
Allarme P 01 025 CAMERA200 Allarme in prova dal sensore/ingresso 025 della zona 01.
Allarme R 01 025 CAMERA200 Allarme dal sensore/ingresso 025 con tempo di ritardo, della zona 01.
Allarme RP 01 025 CAMERA200 Allarme in prova dal sensore/ingresso 025 con tempo di ritardo, della zona 01.
Allarme 01 025 CAMERA200 Allarme dal sensore/ingresso 025 appartenente alla zona 01.
Annulla tutte le prove Eseguita la funzione 35.
Anomalia mancanza indirizzi Riscontrato un numero inferiore dindirizzi rispetto alla precedente acquisizione.
Ass. ingressi-uscite 027-*** Eseguita la funzione 38. Al sensore/ingresso 005, stata associato lindirizzo duscita 027
005 come 1o uscita aus., senza modificare leventuale 2o uscita aus. associata.
Ass. ingressi-uscite 027-azz Eseguita la funzione 38. Al sensore/ingresso 005, stata associato lindirizzo duscita 027
005 come 1o uscita aus., ed stata annullata leventuale 2o uscita aus. associata.
Ass. ingressi-uscite azz-*** Eseguita la funzione 38. Al sensore/ingresso 005, stata annullata lassociazione della 1o
005 uscita ausiliaria, senza modificare leventuale 2o uscita ausiliaria associata.
Ass. ingressi-uscite azz-azz Eseguita la funzione 38. Al sensore/ingresso 005, sono state annullate entrambe le
005 associazioni della 1o e 2o uscita ausiliarie associate.
Attendere stampa configur. Eseguita la funzione 43: avverr la stampa della configurazione impianto.
Attuazione A uscite GEJ Eseguita la programmazione tipo "A" (sirena o combinatore telefonico) uscite G-E-J.
Attuazione B uscite GEJ Eseguita la programmazione tipo "B" (campana o modulo TU55FU) uscite G-E-J.
Azzera allarmi e guasti Digitato il tasto AZZERA (di qualsiasi pannello operativo).
Azzeramento coda eventi Eseguita la funzione 40.
Batteria scarica In seguito al test periodico della batteria di centrale, la batteria stessa scarica.
Batteria sconnessa/deter. In seguito al test periodico della batteria di centrale, la batteria stessa sconnessa o
deteriorata.
Cambio data-ora 28-10 16:51 Eseguita la funzione 80.
Chiave in GIORNO Livello 1 Chiave in posizione "G".
Chiave in NOTTE Livello 1 Chiave in posizione "N".
Chiave in PROG. Livello 2 Chiave in posizione "P" (programmazione).
Coincid. ind. 002-azz Eseguita la funzione 37. Annullata lassociazione del sensore/ingresso 002.
Coincid. ind. 003-009 G Eseguita la funzione 37. Associati tra loro (in coincidenza di rivelazione) i sensori/ingressi
003 e 009. Durante lattesa di coincidenza sar attivata luscita obbligatoria G.
Coincid. ind. 007-011 Eseguita la funzione 37. Associati tra loro (in coincidenza di rivelazione) i sensori/ingressi
007 e 011. Durante lattesa di coincidenza non sar attivata alcuna uscita obbligatoria.
Coincid. zone 004-006 C E Eseguita la funzione 97. Associate tra loro (in coincidenza di rivelazione) le zone 004 e 006.
Durante lattesa di coincidenza saranno attivate le uscite obbligatorie C ed E.
Coincid. zone 004-azz Eseguita la funzione 97. Annullata lassociazione della zona 004.
Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive) 12/99 Ediz. 07 Pag. 59 di 62

Configurazione indirizzo 001 (questo un esempio di stampa della configurazione impianto a seguito della funzione 43).
Zona 02 - Rit. 000s - Incluso - UO C Il sensore/ingresso 001 della zona 02, non ha ritardo, associato (in coincidenza) con il
E sensore/ingresso 003. Qualora rilevato lallarme, attiva la 1o uscita ausiliaria allindirizzo 027.
Ind. associato 003 Ax1 027 - Ax2 - Durante lattesa di coincidenza, la centrale attiva le uscite obbligatorie (leggi: U = uscita, O =
015 obbligatoria) C ed E.
Ubicazione CALDAIA01 Inoltre lattivazione della 2o uscita ausiliaria allindirizzo 015, subordinata allo stato
dallarme generale (AND).
Configurazione indirizzo 002 Il sensore/ingresso 002 della zona 10, ha un ritardo di 60 secondi, non associato (in
Zona 10 - Rit. 060s - Incluso - UO coincidenza) con nessun altro sensore/ingresso. Qualora rilevato, lallarme non attiva alcuna
Ind. associato --- - Ax1 --- - Ax2 - --- uscita ausiliaria. Lubicazione non stata composta.
Ubicazione -------00
Configurazione indirizzo 005 La descrizione configurativa dellindirizzo 005 rispecchia per sommi capi quella
Zona 11 - Rit. 060s - Escluso - UO dellindirizzo 002, ma con le seguenti varianti: il sensore/ingresso appartiene alla zona 11, ed
Ind. associato --- - Ax1 --- - Ax2 - --- escluso. Lo stato desclusione conseguente allesecuzione della funzione 25, oppure 27.
Ubicazione -------00
Convalida acquis. indirizzi Eseguita la funzione 42.
Esclusione indirizzi Esclusi i sensori/ingressi 003, 004, 005, 006, 007, 008, 009, 010, 011 (funzione 25).
003 004 005 006 007 008 009 010
011
Esclusione totale indirizzi Esclusi tutti i sensori/ingressi (funzione 25).
Esclusione zone Escluse le zone 001 e 002 (funzione 27).
001 002
Esclusioni indirizzi Escluso il sensore/ingresso 000 (funzione 25).
000
Fine Gua P 00 164 SOLAIO 00 Fine dello stato di guasto dal sensore/ingresso 164 in prova, della zona 00.
Fine Guasto 00 164 SOLAIO 00 Fine dello stato di guasto dal sensore/ingresso 164 della zona 00.
Guasto 00 164 SOLAIO 00 Guasto dal sensore/ingresso 164 della zona 00.
Guasto P 00 164 SOLAIO 00 Guasto in prova dal sensore/ingresso 164 della zona 00.
Guasto Alim 00 163 CAMERA 02 Guasto dalimentazione su zona 00 - sensore/ingresso 163 sito nella camera 02.
Guasto Alim FU15 Guasto dalimentazione su FU15SO (modulo interfaccia stampante eventi).
Guasto Alim PL51 Guasto dalimentazione su PL51CM (su uno o pi).
Guasto Comunic. PL51 Mancanza di comunicazione da uno o pi PL51CM.
Guasto fusibile EB54 interrotto uno dei fusibili di un modulo Diramatore.
Ind. aggiunti in zona 001 Assegnato il sensore/ingresso 013 alla zona 001 (funzione 95).
013
Indirizzi installati: 030 Quantit dei sensori/ingressi riscontrati in seguito allacquisizione indirizzi.
Inizializzazione di fabbrica stata eseguita la funzione 41.
Mancanza Rete FU5x Mancanza tensione di rete alla centrale.
Mancanza Rete PL51 Mancanza tensione di rete al PL51CM (su uno o pi).
Nuovi ind. prova autom. Esclusi i sensori/ingressi 000, 001, 002 per la prova dallarme con reset automatico (funzione
000 001 002 31).
Nuovi ind. prova man. Esclusi i sensori/ingressi 000, 001, 002, 003 per la prova dallarme con reset manuale
000 001 002 003 (funzione 32).
Prova auto. totale indirizzi Prova con reset automatico di tutti i sensori/ingressi (funzione 31).
Prova leds pannello Eseguita la funzione 30 (da qualsiasi pannello operativo).
Prova man totale indirizzi Prova con reset manuale di tutti i sensori/ingressi (funzione 32).
Prova uscita obbligatoria C Eseguita la funzione 34.
Reinclusione totale indirizzi Reinclusi tutti i sensori/ingressi (funzione 26).
Reinclusione zone Eseguita la reinclusione delle zone 000 e 001 (funzione 28).
000 001
Ripristino Comunic. PL51 Ripristino di comunicazione con tutti i PL51CM.
Stato Centrale - Normale Centrale a riposo (Non in allarme - Non in guasto - ecc.).
Tacita Uscita C (Sirena) In condizione dallarme, digitato il tasto SIRENA (di qualsiasi pannello operativo).
Tasto Emergenza Digitato il tasto EMERGENZA (di qualsiasi pannello operativo).
Tempo rit. Allarme scaduto scaduto il tempo di preallarme.
Ubicazione ind 044 ATRIO 02 Eseguita la funzione 94 per descrivere lubicazione del sensore/ingresso 044.
Uscita obblig. esclusa C Eseguita la funzione 21.
Uscite obblig. esclusa G Eseguita la funzione 22.
Uscite obblig. escluse Nessun'uscita obbligatoria esclusa {in seguito ad una reinclusione [21-22-23-24] qualora non
Pag.60 di 6 2 12/99 Ediz. 07 Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive)

vi fosse almeno unuscita esclusa}.


Uscite obblig. escluse GE Eseguita la funzione 23.
Uscite obblig. escluse GEJ Eseguita la funzione 24.

27. DISPLAY

ALIMENTAZIONE

RETE BATTERIA ANOMALIA PREALLARME ESCLUSIONI

ALLARME GUASTO PROVA GUASTO SISTEMA

ATTIVO

SIRENA ESTINTORI ALLARME GUASTO

GUASTO / ESCL.

ALTRE ALTRI
EVENTO ZONA SENSORE ZONE SENSORI

PRIMO/ALTRI

ULTIMO

GUASTI-PROVE

ESCLUSIONI

USCITA SENSORE ZONA CONTROLLO


ASSOCIAZIONE UBICAZIONE

PROVE
SENSORI ZONE
GUASTI
ESCL

AZZERA
1 2 3 4
EMERGENZA
SIRENA
5 6 7 8
SUONERIA
* 9 0 #
FIRE
UNIT
G
FIVE
N P
Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive) 12/99 Ediz. 07 Pag. 61 di 62

28. ESTRATTO NORME UNI 9795

Sistemi fissi automatici di rivelazione e di segnalazione manuale dincendio

Esercizio del sistema

A 1. Generalit
Lutente responsabile del mantenimento delle condizioni di efficienza del sistema che restano affidate alla sua responsabilit e pertanto deve provvedere:

- alla continua sorveglianza del sistema;


- alla sua manutenzione, richiedendo, dove necessario, le opportune istruzioni al fornitore;
- a fare eseguire come minimo le ispezioni di seguito specificate.

Lutente deve tenere un apposito registro, firmato dai responsabili, costantemente aggiornato su cui devono essere annotati:

- i lavori svolti sul sistema o nellarea sorvegliata (per esempio: ristrutturazione, variazioni di attivit, modifiche strutturali, ecc.), qualora essi possano influire
sullefficienza del sistema stesso;
le prove eseguite;
- i guasti e, se possibile, le relative cause;
- gli interventi in caso dincendio precisando: cause, modalit ed estensione del sinistro, numero di rivelatori entrati in funzione, punti manuali di segnalazione utilizzati
- ed ogni altra informazione utile per valutare lefficienza del sistema.

Il registro deve essere tenuto a disposizione del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco.
Lutente deve tenere a magazzino la scorta dei pezzi di ricambio ragionevolmente consigliata dal fornitore.

A 2. Ispezioni periodiche
Ogni sistema in esercizio deve essere sottoposto almeno 2 volte lanno, con intervallo non minore di 5 mesi, ad unispezione allo scopo di verificarne lo stato di
efficienza.
Laccertamento deve essere formalizzato nellapposito registro ed eventualmente mediante certificato di ispezione evidenziando, in particolare:

- le eventuali variazioni riscontrate, sia nel sistema sia nellarea sorvegliata, rispetto alla situazione dellultima verifica precedente;
le eventuali deficienze riscontrate.
-

A 3. Operazioni occasionali
Dopo ogni guasto o intervento del sistema, lutente deve:

- provvedere alla sostituzione tempestiva degli eventuali componenti danneggiati;


- fare eseguire, in caso dincendio, un accurato controllo dellintera installazione al fornitore incaricandolo, nel contempo, di ripristinare la situazione originale, qualora
fosse stata alterata;
- ripristinare i mezzi di estinzione utilizzati.
Pag.62 di 6 2 12/99 Ediz. 07 Mod. FU54LE - FU58LC (versione R 2.05 e successive)

PROSPETTOCONFIGURAZIONEIMPIANTO

Indirizzo SD51TE moduli Nr Zona Ubicazione (descrizione) Attuatore ausiliario duscita usc. aus. 1 usc. aus. 2 AND Allarme
oRFO1MB CI12FU ing./usc. sensore/ingresso (solo CI14FU con SR04/08FU indir. ass. indir. ass. (solo CI12FU)
e/o CI14FU
o con CI12FU) SI/NO
CI11FU