Sei sulla pagina 1di 32

Gabriele Longhi

SCIENZE della TERRA PLUS


LA TERRA NELLO SPAZIO,
ATMOSFERA, IDROSFERA

CONTENUTI ZONA
LIBRO MISTO E-BOOK INTEGRATIVI SCIENZE INCLASSE APP
Scienze della Terra 1 PLUS
La terra nello spazio, atmosfera, idrosfera

Ambiente Educativo Digitale Un approccio personalizzato


alla didattica

Libro in versione cartacea


+
Contenuti Digitali Integrativi

Offline Online
INIZIARE SUBITO APPROFONDIRE SINCRONIZZARE GESTIRE LA CLASSE

Tutto ci che ti serve, SU DVD, SENZA CONNESSIONE e Gli approfondimenti che Per avere tutto (libro, esercizi, La tecnologia al servizio del
REGISTRAZIONE. Il modo pi facile e immediato per avere il tuo desideri, pronti per te. approfondimenti, audio, video, tuo lavoro per continuare a fare
libro in formato digitale, con preziose risorse multimediali: video, Per svolgere il tuo lavoro in animazioni) sul computer, il linsegnante, in modo semplice,
animazioni, audio, test ed esercizi interattivi, mappe concettuali. modo efficace, flessibile e tablet e lo smartphone. anche connesso da casa.
immediato.

+ Minisiti Portali VeriTest


+ eBook Biblioteca App
+ InClasse Classe
di prodotto tematici digitale virtuale

Easy eBook Easy eBook Minisiti di prodotto eBook InClasse


per linsegnante per lo studente Spazio web ad accesso Il libro digitale con risorse gi Creare e gestire la tua classe
riservato, per il libro adottato, pronte o da personalizzare. virtuale con semplicit
il libro che hai adottato Il libro di testo in formato con risorse integrative. Multidevice, multimediale, per condividere attivit,
in versione digitale. digitale, ricco di risorse sincronizzabile e aggiornabile, approfondimenti e monitorare
Lo puoi utilizzare multimediali, tutto su DVD. Portali tematici utile per la LIM. Particolarmente i progressi.
direttamente inserendolo I tuoi studenti possono Proposte didattiche aggiornate, efficace per i Bisogni Educativi
nel lettore DVD. usarlo a casa per sulle varie discipline. Speciali. Classe virtuale
Puoi usarlo in classe, studiare ed esercitarsi. Materiali aggiuntivi per creare
anche sulla LIM, per lezioni E possono verificare VeriTest Biblioteca digitale percorsi didattici diversificati.
coinvolgenti. i propri progressi in Archivio digitale di esercizi per Una collezione di eBook e Perfettamente integrato in
Contiene materiale dedicato: autonomia grazie a tanti creare e stampare verifiche di risorse digitali per area Classe virtuale.
approfondimenti, risorse esercizi autocorrettivi. personalizzate. disciplinare, con contenuti extra.
didattiche, attivit
e proposte di verifiche App
modificabili. Utili strumenti didattici a
supporto dellapprendimento.
Per tablet e smartphone.
Seguici su deascuola.it
LeBook dello studente online
Scopri la versione digitale del tuo libro di testo
che amplia le lezioni del corso con una serie
di rimandi a risorse multimediali interattive, che
potrai usare sia online che ofine.

Che cos? Come si usa?

LA VERSIONE MULTIMEDIALE ONLINE IN VERSIONE WEB


E INTERATTIVA DEL TUO LIBRO Lo consulti subito, direttamente dal tuo
Con risorse audio e video, contenuti gi browser, senza scaricarlo.
pronti, personalizzabili o personalizzati dal
tuo insegnante. ANCHE OFFLINE
Puoi consultarlo anche offline, scaricando lapp
Sar per te uno strumento per studiare in bSmart per il tuo device (PC/MAC, Tablet o
modo pi stimolante e coinvolgente, per Smartphone) decidendo tu cosa e quando
esercitarti e per stare in contatto con la scaricare, in base a quello che ti serve.
tua classe.
Puoi utilizzarlo sia online (anche senza Se vuoi usare il tuo eBook subito, puoi
scaricarlo) che offline, scegliendo scaricare velocemente solo il testo.
di scaricare, di volta in volta, ci che ti serve. Successivamente puoi scegliere di scaricare
le risorse che ti servono:
per capitolo
per tipologia (per esempio, solo i video)
per singola risorsa.
PERFETTO PER STUDIARE
Puoi scegliere il carattere, aumentarne
le dimensioni, impostare la spaziatura e
modificare lo sfondo della pagina che vanno
meglio per te.
Le mappe concettuali e tutto il testo in TOTALMENTE PERSONALIZZABILE
versione audio sono un aiuto in pi per
Grazie a semplici funzioni puoi intervenire
andare incontro a tutte le tue esigenze.
sulle lezioni da studiare: puoi ritagliare
e ricomporre i testi, evidenziare
SEMPRE A PORTATA DI MANO
e annotare le tue osservazioni.
Puoi utilizzarlo su tutti i tipi di dispositivo: Puoi aggiungere immagini e link a video
PC/MAC, netbook, tablet, smartphone. o siti esterni e prepararti le mappe
Il contenuto si adatta al device che concettuali che pi ti aiutano ad assimilare
stai usando per garantire la massima e ricordare ci che stai studiando.
leggibilit e la migliore esperienza
di studio. UTILE PER RESTARE SEMPRE
IN CONTATTO
TUTTO SINCRONIZZATO
Puoi condividere le tue attivit col docente
Ogni modifica o personalizzazione che e con i tuoi compagni di classe, anche in
apporti viene memorizzata e la ritrovi tempo reale.
su tutti i device. Scrivi note e svolgi
esercizi sul tuo smartphone e te li
ritroverai sul tuo pc o tablet.
ATTIVA IL TUO EBOOK
1 Registrati a deascuola.it

Clicca su attiva libro e inserisci


2 il codice nellapposito campo

3 Entra subito nel tuo eBook online


internet: deascuola.it
e-mail: info@deascuola.it

Redattore responsabile: Elisa Brunelli


Redazione: Claudia Borgioli
Redazione multimediale: Fabio Beninati, Elisa Brunelli, Fabrizio Carpine, Davide Gianetti, Marco Milano
Tecnico responsabile: Giovanni Cupelli
Progetto grafico: Andrea De Stefanis
Impaginazione : Grande Foredit (Monza)
Ricerca iconografica: Grande Foredit (Monza)
Ricerca iconografica per la copertina: Alice Graziotin
Copertina: Simona Corniola, Erika Barabino
Illustrazioni: Grafie, Luca Tible
Schede Storiche: Emanuele Coco

Art Director: Nadia Maestri

LEditore ringrazia per la consulenza didattica: Lucia Altobelli, Pier Maria Beccari, Maria Luana Belli, Paola Burani,
Simonetta Ciriaci, Cetty DArrigo, Concetta De Bellis, Carmen Giovannelli, Isabella Iezza, Rosanna La Torraca, Silvana
Leuzzi, Silvia Maria Lippo, Dora Lombardi, Roberta Lumetti, Elena Manara, Daniela Mancaniello, Mariada Muciaccia,
Giorgio Narducci, Valentina Nobile, Franca Pagani, Maria Rosaria Pisciotti, Franca Provasoli, Rita Restante, Adele
Riccetti, Ermelinda Rocca, Rossana Rosapepe, Gabriella Rotondo, Nicoletta Scattolin

LEditore ringrazia per la consulenza didattica: ANISN, Associazione Nazionale Insegnanti Scienze Naturali

Propriet letteraria riservata


2016 De Agostini Scuola SpA Novara
1a edizione: gennaio 2016

Fotografie: Thinkstock, Shutterstock, Istock, Science Photo Library.


Clip di Storia della Scienza: Emanuele Coco, Angelo Liotta, Marco Procopio, Michela Rampon.
Video: SEI Servizi s.r.l, Sterling Pixels, BBC Worldwide Learning, SPL Science Photo Library, AGF Agenzia Fotografica
Italiana.
Immagine in copertina: Lastronauta tedesco Alexander Gerst sulla Stazione Spaziale Internazionale, Alexander Gerst/
ESA/Getty Images.
Si ringrazia lUniversit del Colorado per aver consentito lutilizzo delle simulazioni interattive.

Leditore dichiara la propria disponibilit a regolarizzare eventuali omissioni o errori di attribuzione.


Nel rispetto del DL 74/92 sulla trasparenza nella pubblicit, le immagini escludono ogni e qualsiasi possibile intenzione o
effetto promozionale verso i lettori.
Tutti i diritti riservati. Nessuna parte del materiale protetto da questo copyright potr essere riprodotta in alcuna forma senza
lautorizzazione scritta dellEditore.

Il software protetto dalle leggi italiane e internazionali. In base ad esse quindi vietato decompilare, disassemblare,
ricostruire il progetto originario, copiare, manipolare in qualsiasi modo i contenuti di questo software. Analogamente le leggi
italiane e internazionali sul diritto dautore proteggono il contenuto di questo software sia esso testo, suoni e immagini (fisse
o in movimento). Ne quindi espressamente vietata la diffusione, anche parziale, con qualsiasi mezzo. Ogni utilizzo dei
contenuti di questo software diverso da quello per uso personale deve essere espressamente autorizzato per iscritto
dallEditore, che non potr in nessun caso essere ritenuto responsabile per eventuali malfunzionamenti e/o danni di
qualunque natura.
Eventuali segnalazioni di errori, refusi, richieste di chiarimento/funzionamento dei supporti multimediali o spiegazioni sulle
scelte ope-rate dagli autori e dalla Casa Editrice possono essere inviate allindirizzo di posta elettronica info@deascuola.it.
Presentazione
In queste prime pagine ti illustriamo com fatto
il tuo libro di Scienze della Terra.
Scoprire e comprendere i processi pi complessi
delle Scienze della Terra
Questo corso ti permetter di comprendere i processi
pi complessi del pianeta su cui viviamo e di
potenziare la padronanza del metodo scientifico.
Per raggiungere questo obiettivo, il corso ti aiuter
in tre modi:
fornendoti sempre una descrizione semplice
e logica dei fenomeni naturali, che parte
dallosservazione per giungere in maniera deduttiva
al modello;
offrendoti unampia serie di attivit, chiamate
strategie di indagine scientifica, che vanno
incontro a differenti attitudini e interessi (troverai
attivit per chi ama la lettura, per chi portato
per il calcolo e lelaborazione, per chi ha il pallino
dellinformatica, per chi vuole sperimentare in laboratorio).
mettendoti a disposizione strumenti multimediali per la comprensione del testo e di supporto allo studio (animazioni,
video, esercizi interattivi ecc.).

Potrai costruire una solida conoscenza dei processi fondamentali delle Scienze della Terra,
che ti permetter di ampliare la visione critica e globale dellambiente naturale e umano in cui vivi.

Lapertura dellUnit Per entrare in argomento


Un caso o una riflessione
su un aspetto della realt ti
introduce al tema dellunit,
ponendoti una serie di

6
interrogativi ai quali sarai

Le acque
in grado di rispondere
al termine dello studio
UNIT

continentali PER ENTRARE IN ARGOMENTO


PARLIAMO DI SCIENZA!

LOrganizzazione Mondiale della Sanit


ha stabilito
allanno
dellargomento.
la disponibilit minima di acqua potabile
per persona (per uso domestico, irriguo, agricolo,
50 l di acqua
industriale) in 1700 m . La quantit di
3
I PREREQUISITI
VERIFICA la quantit
potabile al giorno per persona ritenuta
la
minima necessaria per ligiene personale,
Verifica le tue Attualmente
preparazione del cibo, la pulizia e il bucato.
conoscenze in entrata circa 450 milioni di persone non possono
permettersi
l a testa per usi
1. Pi del 68% delle acque un consumo di acqua superiore a 20
su sei non ha
dolci contenuto: domestici, e circa un abitante del pianeta
nelle acque accesso allacqua potabile.
sotterranee
nei ghiacciai
nei fiumi e nei laghi
2. Lacqua piovana
acqua salmastra /dolce.
3. Le acque sotterranee
sono /non sono un
serbatoio idrico
naturale.

acqua potabile?
1. In quali macroregioni c scarsit di
a questa realt?
Quali sono i principali problemi legati
lacqua potabile
2. Quali sono i metodi per risparmiare
goccia
in casa? Come funziona il metodo dirrigazione
a goccia?
risposte a queste
Approfondisci largomento e scopri le
di fine unit.
domande con lattivit Parliamo di scienza

Verifica
i prerequisiti
Un breve test
per verificare
cosa devi sapere
per affrontare
largomento
dellunit.

V
La lezione Concetti unificanti
Limmagine interpretata attraverso uno dei sette
concetti trasversali unificanti.
Geo words
Letimologia
4
LEZIONE
I ghiacciai
dei principali e la loro formazion Sistema e modello
3. La conformazione
unit 6 LE ACQUE CONTIN
ENTALI

e
di un ghiacciaio alpino

termini scientifici La parte pi elevata


la
Bacino collettore

Bacino ablatore
La parte terminale del
fronte. In alcuni tipi di
il ghiacciaio formato
ghiacciaio chiamata
ghiacciai vallivi
solo dal bacino
GEO WORDS I ghiacciai zona di alimentazione, collettore e da una lingua

e la traduzione Collettore
Accumulation zone
Il ghiacciaio pi esteso
Ghiacciaio Aletsch
della catena alpina
nelle Alpi Bernesi
il
ricoprono lIslanda,
Artico, la Norvegia
alcune isole dellOc
e larcipelago canade
eano
si accumula la neve caduta
inverno che non fonde
dove
in
in estate;
chiamata bacino colletto
re.
Lingua glaciale
glaciale.

Concetti chiave
dal latino colliger che ha unestensione (Svizzera), I ghiacciai monta se.

in lingua inglese. raccogliere

Ablazione
e,
Attualmente i ghiacci
di kilometri quadra
di circa 350 km2 1
ai ricoprono circa
.
16 milioni
ti della superficie terrestr
elevate delle princip
continenti. Sono molto
ni occupano le zone
ali catene montuose
numerosi, ma hanno
pi
dei
Fronte
Per focalizzare i
Wastage zone il 10% del totale. Nel e, circa unestensione limitat
dal latino ablatus
participio passato
abferre portare
,

via
di
i ghiacciai si sono
in accordo con i cambia
recente passato geolog
ritirati e ampliati molte
ico
volte
menti climatici. Ricerch
delle calotte glacial
sono i ghiacciai alpini.
a, molto minore di
i. Tra i ghiacciai monta
quella
ni vi La parte a quote minori
dove la fusione della
la zona di ablazione,
concetti fondamentali
sui fossili hanno infatti e neve nelle stagioni calde

VIDEOLEZIONE
clima della Terra
estremo (glaciazioni)
evidenziato che il
passato da periodi
a periodi di caldo
di freddo
estrem
I ghiacciai sono grandi
dividono in ghiacci
masse di ghiaccio
ai continentali e montan
e si
i.
supera laccumulazione
bacino ablatore. La invernale; chiamata
linea delle nevi persiste
nti
il confine tra i due bacini.
di ogni paragrafo.
Esplora questo argome e viceversa. Lultim o
nto a glaciazione avvenu La formazione dei
21000 anni fa e i ghiacci ta circa ghiacciai I ghiacc
La fotosintesi ai si sono ritirati sulle formano dove cadono iai si
posizioni attuali circa precipitazioni nevose
6000 anni fa. e le temperature medie bassa, i cristalli di
I ghiacciai sono costitu sono molto basse. ghiaccio rimpicciolisco
iti da grandi masse Sulle montagne pi si compattano trasfor no e il basso con una lingua
ghiaccio che si muovo di alte o vicino ai poli mandosi in piccoli glaciale. Nel ghiacc
no sotto il proprio individuare una linea, si pu di ghiaccio (neve granuli possono distinguere iaio si
Lacqua intrappolata peso. detta granulare). tre zone 3 .
nei ghiacciai allonta permanenti, al di limite delle nevi Con le successive
dal ciclo idrologico nata sopra della quale nevicate i granuli Zona di alimen
anche per migliaia non tutta la tazione o bacino
di anni, neve caduta in invern sprofondano verso la parte del ghiacc collettore:
ma vi rientra quand o si scioglie durant la base del ghiacc iaio che si trova al
o si trasforma in acqua Le zone di formaz e lestate. pressione degli strati iaio e la disopra
fusione e defluisce di ione dei ghiacciai superiori li fa appiatt del limite delle nevi
verso il mare. In base si trovan originando un materi ire perenni. Qui la neve
origini e caratteristiche alle loro al di sopra di tale linea. o ale pi compatto trasforma in ghiacc si
i ghiacciai si suddiv La quota del limite io.
in ghiacciai contin idono delle nevi permanenti chiamato firn. Zona di ablazi
entali e ghiacciai monta varia con la latitud one o bacino ablato
ni. la temper atura ine, Una parte della al disotto del limite re: la parte
I ghiacciai contin e le precipitazioni neve si scioglie e lacqua delle nevi permanenti
entali (calotte glaciali polari si trova al livello . Nelle regioni fusione scende in di
trovano alle alte latitudi ) si profondit dove congel in cui si verifica la
ni e consistono in del mare, mentre a perdita di ghiaccio
estese lEquatore raggiun verso nuovamente cemen (principalmente per
coltri ghiacciate, situate ge le massime altezze tando i granuli. Si la fusione).
anche a bassa quota. di latitudine il limite . A parit ghiaccio compatto forma il Fronte: la parte
Nellemisfero settent scende nei versan del ghiacciaio. terminale verso valle.
rionale si trova la calotta montagne meno soleggi ti delle fronte si pu origina Dalla
glaciale che occupa ati e dove cade molta Al di sopra del limite re un torrente glacial
gran parte della Groenl neve che pu raggiun e.
Nellemisfero austral andia. delle nevi perman
e la calotta glaciale gere notevo li spessori. neve si trasforma enti la In un ghiacciaio si
copre lAntartide si che La trasformazione in ghiaccio compa distingue la zona
estende per circa 14 della neve in ghiacc un lento processo tto mediante alimentazione, dove di
milioni processo lento (decin io un che la trasforma prima la neve si trasforma
di km2 e il volume e o centinaia di anni) granulare, poi in firn in neve in
del ghiaccio pari La neve costitu 2. ghiaccio compatto,
29 milioni di km3. a circa ita da cristalli di ghiacc e infine in ghiacci
o. e la zona di ablazio
Calotte glaciali pi prevale la fusione ne dove
1. Il ghiacciaio dellAle piccole la neve si accumula io. Se del ghiaccio.
tsch e la temperatura
molto
I ghiacciai alpin
2. La trasformazione
della neve in ghiacci i
o I ghiacciai alpini sono
di dimensioni ridotte IMPARA A STUDIARE
p o e scorrono nelle parti
m superiori delle valli
e I fiocchi di neve verso Organizza le inform
azioni
si compattano 1. Completa lo schema Studia con le immag
ini
T

SCIENZE INTEGR FISICA dei concetti della


ATE lezione. 2.
Fiocchi collettore e spiega che
di neve Lacqua ghiacciata Ghiacciai cos.
Lacqua che si trova continentali Spiega a voce alta
Granuli alla temperatura
fondente, 0 C, si del ghiaccio
di neve contrae quando montani 3.
Con il riscaldamento riscaldata.
la sua temperatura continentali e montani.
fino a 4 C. Cresce aumenta ........................
ndo ancora la temper 4.
Ghiaccio lacqua inizia a dilatars atura,
i fino alla temper formazione 5.
Granul i ebollizione, 100 C. atura di
di ghiaccio Lacqua quindi ha
volume e la minima il massimo Conformazione dei
densit quando si ghiacciai
stato solido. Il ghiacci trova allo Studia in digitale
o galleggia sullacq ........................
la sua densit ua perch 6.
minore di quella bacino ablatore
dellacqua.
........................ I ghiacciai

Scienze integrate
Videolezioni Il collegamento con
Un personal tutor ti supporta le altre discipline Impara a studiare Studia in digitale
nella comprensione dei temi scientifiche per uno Queste attivit ti aiutano Con animazioni, filmati, gallerie
fondamentali del corso. studio integrato delle a studiare la lezione attraverso interattive e mappe interattive i
Scienze Naturali. schemi e domande sul testo contenuti del testo sono ampliati
e sulle immagini. e spiegati in dettaglio.

Prove dinterrogazione e mappe dellUnit


Sintesi AREA OPER
ATIVA
Per ripercorrere i principali LE MAPPE
DELLUNIT
concetti trattati nellunit. le

1.

scorrono
LE ACQUE
STUDIO
a causa di

AREA DI
SOTTERRAN
GAZIONE
EE filtrano in

TERRO
OVE DI IN
fuoriescono

SINTESI E
PR
SOTTERR
ANEE una fald a artesiana.
in in cui si accu
mulano form
ando una Mappe concettuali
LE ACQUE
........................
gna sche maticamente ............

1 si lasciano
attraversar
e dallacq
qua,
ua Schemi e
modelli Dise
........................
............
........................
........................
.....................
.....................
interattive
permeabili a satura dac fra strati
Le rocce
che scende
porose e
in profon
tica . Se
dit. Si form
lac qua si acc
a una zon
umula tra
a. Si pos
due strati
son o scavare
pozzi
........................
............
impermeabili contenuta
in un sovrastata
dalla
Il formato interattivo
la falda frea la falda artesian 2.

delle mappe ti permette


ili, ........................
impermeab acqua dalle falde. ............ ACQUIFERO
re
per preleva tica. ........................
............
falda frea
forma una ........................
i come si ua piovana
? .................
A. Descriv
Come sinf
Che cos
iltra nel terre
la superfici
fra
no lacq
e freatica?
fald a frea tica e artesian
a? delimitato
dalla
........................
............ alla
di visualizzarle
differenza e e il suo
dalla in un ........................
Qual la
e completarle on line.
............
I FIUMI onale un fum ........................ delimitato
presenta in modo pers ............
da due
che
modelli Rap scorre ........................
Schemi e ............
a forza grafco.
2 bacino idro REGIME
lazione dell
e e sotto ure
una sorgent trova la foce, opp

e ha origine in dov e si oglie le alimentato le cui variazioni
Un fium al mare, ino che racc IL FIUME trasporta annuali deter
scorre fino lago. Il bac idrografico dal una quantit minano il
di gravit e o in un il bacino dacqua
un altro fium fiume principale tteristiche modifica il paes che
aggio attraverso ne definisce la
sfocia in Tra le cara
........................
entrano nel rtiacque. ............
acque che a linea spa portata.
mitato dall denza e la minima
che deli o la pen
e vi son EROSIONE ........................
di un fium idro grafico DEPOSIZIO ............
ino NE
e il suo bac alla foce.
i un fiume dalla sorgente
3. massima
A. Descriv di un fiume di un fiume. ........................
il percorso tteristiche tiacque. ............
Descrivi enti e cara
principali elem la linea spar
Indica i ga che cos
grafica e spie
crivi la rete idro
Des
I LAGHI e un lago. form
e si estingu
forma e com above the GLACIERS
i come si are
A. Descriv ........................
un lago?
3
divided into ............. GLA
in una Che cos
di acqua lago? CIERS
ccumulo issari, dall
e ve acqua un
seguito alla ua dagli imm e acqua Come rice
forma in ........................
Un lago si . Riceve acq e, perd Come la
perde? are made up ............. GLA
del terreno superficial o sotterra
neo. nel tempo? of three parts CIERS
depressione nee e dal deflusso e il defluss trasforma
erra razi one Come si
acque sott levapo ono.
rso gli emissari, nel tem po si estingu ........................
attrave ini e
no varie orig
..............
i han ........................
I lagh ZIONE ........................ ..............
O FORMA .............. ........................
I E LA LOR ........................ ..............

Prove dinterrogazione I GHIACCIA


A. Come si
forma un
ghiacciaio?
la linea dell
e nevi perm
anenti?
a a una tem
peratura
4.
..............
Le mappe concettuali
4 Che cos si accumul
ndo la neve
avviene qua

Per esercitarti I ghiaccia


i sono gran
si muovo
di masse

ghiaccio che Si formano al di sop


di
no sotto il
ra
Che cosa a?
molto bass
Com e si forma il firn? patt o?
dellunit
ccio com
Per riconoscere e stabilire
o. forma il ghia
proprio pes e nevi permanenti Come si
nellesposizione in forma della linea
dove la nev
dell
e caduta in
in esta
inverno non
te. Si distingu
ono
B. Descriv
i i ghiaccia
i continental
conformazio
i.
ne di un ghia
cciaio cont
inentale?
ro nord?

orale e nel disegno


si scioglie
i ghiaccia
glaciali) e
i (o calotte
i continental i quali i
montani (tra cciaio
ghia
Qual la
Dove si
trova la
trova la
calo
calo
tta glaciale
tta
dellemisfe
glaciale dell
emisfero sud? connessioni tra i concetti,
alpini). Un ua Dove si
ghiacciai da una ling

di schemi e modelli. glaciale, un


tterizzato
alpino cara ino di alimentazion
bac
di ablazion
e e una fron
e,
te. sono proposte sia in italiano
un bacino

164
che in inglese.

VI
Conoscenze, abilit e competenze
INENTALI
unit 6 LE ACQUE CONT

AREA OPERAT
CONOSCENZE B massima in
inverno e minima in primav
era
o
primav era e minima in autunn
tto C massima in
letamento corre e minima in estate
CONCLUDI con il comp D massima in
inverno
onde
del sottosuolo corrisp
5. La zona vadosa icie freatica permanenti la linea:
sottostante la superf 11. Il limite delle nevi si scioglie mai
A allo strato di terreno quale la neve non
Esercizi interattivi a A al di sotto della in
B alla roccia porosa
intrisa dacqu parte della neve caduta
icie freatica quale si scioglie una

IVA
sovrastante la superf B al di sopra della
C allo strato di roccia inverno si trasforma in
D allacquifero una parte della neve
al di sotto della quale
Gli esercizi sono presenti 6. La superficie che
sarebbe raggiunta
dalle acque della
muoversi verso lalto
chiamata
falda artesiana
C
ghiaccio
D al di sopra della
quale la neve non
si scioglie mai
se fossero libere di C superficie freatic
a

anche sulleBook A livello piezom


etrico
B superficie terrest
re
D livello di satura
zione
VERO o FALSO ?
rsare dallacqua
rocce di lasciarsi attrave V F
si ghiacciai? 12. La capacit delle
per rendere il tuo studio 7. In quale situazi
A Alta quota ad
one non possono formar
alte latitudini
chiamata porosit
13. Una falda freatic
.
a una zona sotterr
anea satura di acqua.
strati rocciosi
V F

basse latitudini na delimitata da due V F


B Bassa quota a artesia
ancora pi dinamico. C Alta quota
D Bassa quota ad
a basse latitudini
alte latitudini
14. La falda
impermeabili.
15. Lo spartiacque
separa due bacini
idrografici.
verso la foce.
V
V
F
F
un fiume pi elevata
16. La pendenza di andia il ghiacciaio
8. Il bacino ablato
re di un ghiacciaio e che ricopre la Groenl V F
iaio montano 17. La calotta glacial
A la valle a U in
cui scorre un ghiacc ghiaccio montano. V F
verifica perdita di o verso il basso.
B la porzione di
ghiacciaio in cui si 18. I ghiacciai scorron o. V F
trasportati dallac
qua scorrimento plastic
ulo dei sedimenti ntali si muovono per V F
C larea di accum 19. I ghiacciai contine eabile.
iaio materiale imperm
di fusione del ghiacc
D la porzione di
ghiacciaio in
si trasforma in ghiacc
io
cui si accum ula la neve che 20. La ghiaia un
21. I laghi costieri
sono dovuti ai fiumi.
isce una fase della
vita di un lago.
V
V
F
F Conoscenze
e abrasiva 22. Uno stagno costitu

9. Quale condizione
del ghiacciaio?
rende particolarmen
te efficace lazion

di roccia
COMPLETA le frasi
iaio anche detta
.....................
Una serie di esercizi che
iaio ingloba detriti tazione di un ghiacc
A La base del ghiacc ante
B Lacqua di fusione
C La parte della
del ghiaccio partico
massa ghiacciata
larmen te abbond
a contatto con la roccia
priva
23. La zona di alimen
24. LAntartide ricoper
artesia no
ta da una ......................
scavato in una ...........
....................
............................... ti permettono di verificare
25. Un pozzo ...............................
di detriti rocciosi a delimita una ...........
D la velocit di movim
ento del ghiacc iaio elevata 26. La superficie freatic
27. I ghiacciai si muovo .........
no verso il basso sotto
.................................
lazione della ...........
.........
le conoscenze e il linguaggio
i la portata dei fiumi:
10. Nelle nostre region
A non varia mai scientifico che hai acquisito.
IONE
METTI IN RELAZ
.
28. Completa la tabella it di tempo.
Definizione sale dellalveo nellun
Termine rso una sezione trasver .......
che passa attrave .................................
il volume di acqua .................................
............................ .................................
................................. .................................
................................. delle principali catene
montuose.
pi elevate
I laghi occupano le zone .............................
........... ...... sono i ghiacciai che ........... ........... .................................
........... ........... ...........
................................. .................................
................................. .
ale delle piene fluviali
La porosit di un materi ono in parte le acque .................................
.......
sono bacini che raccolg .................................
............................ .................................
................................. ................................. 167
.................................
Gli argini di un fiume

AREA OPER
ATIVA
ABILIT E
COMPETENZ
E
ESPRIMI
con una fras
e la relazion
29. Bacino idrog e tra i due
rafico spart
iacque termini e la formazion
30. Strato rocci e di una falda RIFLETTI
oso impermea evidenziando freat
31. Velocit delle bile falda artes le propriet delle ica? Motiva la tua rispo e rispondi unit 6
iana acquifero. (mas rocce che poss sta, LE ACQUE
acque fluviali simo 15 righe ono ospitare 43. Un lago pu CONTINENTAL
32. Laghi palud pendenza della 38. Spiega come ) un ricevere o perde FORMULA
I
i lveo si form 44. Qual levo re acqua. Attra
33. Strati rocci permanenti. (mas ano i ghiacciai e desc luzione di un
lago nel temp
verso quali proce
ssi? unipotesi
osi falda artes simo 10 righe rivi il limite delle 45. Spiega come o? 51. Un lago
iana ) nevi la neve caduta privo di immi

AREA OPER
39. In che cosa delle nevi perm su un ghiacciaio ssario, ma non
RISPONDI consiste linqu anenti si trasf al di sopra del puoi fare sulla perde acqua.
(massimo 15 inamento delle orma in ghiac sua alimentazi Quale ipotesi
in forma scri righe) acque sotterrane 46. Spiega perch cio compatto. limite 52. Viene scava one?
tta utilizzan e? negativo urban to un
34. In che cosa
consiste la perm do i termini
indicati
47. Una rocci
a poros
izzare unarea
soggetta a piene puoi fare su ques pozzo e lacqua esce zamp
OSSERVA illando. Quale
roccia acqu eabil
a pori fessu it di una roccia? Da che e rispondi impermeabile. a non si lascia attraversa fluviali. to fenomeno? ipotesi
cosa dipende? Spiega per quale re dallacqua

Abilit e competenze 35. Qual la re granuli 40. Nello sche motivo. ed quindi FORMULA
conformazione ma A rappr una previsio
ghiacciaio alpin di un ghiacciaio freatica. Desc esentata la form ANALIZZA
53. Un tratto ne
o lingua glaci alpino? rivi il processo azione di una e interpre di un fiume
36. Spiega perch ale fronte completando falda ta ininterrottament in condizioni
torrente glaci 41. Localizza, il testo nei riqua 48. di piena
Attivit che ti consentono
le acque fluvia ale nella figura B dri. e. Che cosa preve e conti
sorgente. li sono pi veloc di essi. , gli elementi di che accadr? nua a piovere
i nel tratto vicin elencati e defin

ATIVA
sorgente veloc o alla argini alveo isci ciascuno
it alveo sezione trasv SCIENCE IN
pendenza ersale direz ENGLISH
42. Negli sche ione della corre

di applicare e rafforzare RISPONDI


37. Quali sono
in base alle
le rocce in cui
stensione
sono pi proba
richiesta a. Che cosa
mi C rappr
entrata una
sosta
esentato il fluss
nza inquinante
rappresentano
(A).
o di acqua sotterrane
nte portata

a in cui
Piave
4100 km 2
Complete
54. Use the corre
the sentenc
ct terms:
es

bili linfiltrazio b. Alla fine del le zone scure weight surfa

le tue abilit e competenze, A


1. Lacqua scen
de per 3. Lacqua si
accu
ne dellacqua
diminuito?
percorso che e le frecce?
cosa aumentato
e che cosa
Po
Adige
12 200 km 2

74 970 km 2:
The drainage
ce stream

........................
basin describes
. gathers wate
permeability
the area from
which a
gravit attraverso r.
strato impermea mula sopra lo Dora Baltea The water

attraverso lanalisi di modelli, la ........................


........................
...........
...........
........................ bile e riempie
........................
........................
........................
.........
B
Arno
8247 km 2
Reno Tanaro
7228
Adda 7979 km2
km
4322 km 2
4626 km 2 Ticino 8324 km2 2
................
table
the ground wate is the ......................... that
r.
......... is
marks the top
of
......... Oglio 4449 water flow throu the ability of a porous mate

comunicazione di informazioni, la
km 2 gh the material. rial to permit
A glacier is
Aterno - Pesc an accumulation
3188 km 2 ara under its own of ice that is
Ombrone ........................ thick enough to flow
neve 2480 km 2 .

formulazione di ipotesi. pioggia


Tevere
17 169 km 2
Volturno - Colo
5455 km 2 re
LAVORA IN DIGITALE
Tirso Lavora con
3100 km 2 Liri - Garigliano la
5020 km 2 i parametri SIMULAZIONE INTERATTIVA
mod ifica
ndo
55. Un ghiacciaio
avanza se lalim
altrimenti arret entazione supe
ra o rimane stazi riore allablazio
2. Lo strato impe a. Clicca su avan onario. ne,
impedisce allac rmeabile strato impe
rmeabile metrico, linea
zamento. Nel
riquadro Mos
qua ................ Simeto di equilibrio, tra spunta siste
........................ ..... ghiaccio, coord nevicata, vetto
........................ 4169 km 2 inate. re di flusso del ma
....... b. Nel riquadro
Clima poni segu
C t = 19 C, medi enti parametri:
a
tabella, scriv
endole in ordin In basso poni nevicata = 0,9.
e decrescente. la barra del temp
FLUSSO Il ghiacciaio o veloce e inizia
in .
FLUSSO 3 controllare se fase di avanzamento o arret
Elabora in form la ramento? Puoi
FLUSSO a scritta Grafico spun tua risposta corretta se
ti lunghezza del nel riquadro
FLUSSO equilibrio vs. ghiacciaio vs.
e sulla disponibili tempo. tempo e linea
FLUS
FLUSSSO
O t di acqua nel Commenta di
nostro territorio. il grafico bilan
a quale altez cio
SCHEMATIZZ
A za inizia lacc di massa vs. altezza, indic
trova la linea umul a
delle nevi persi azione e a quale altezza si
49. c. Nel riquadro stenti.
Clim
1 acqua per lungo osserva la situa a cambia solo il parametro
zione del ghiac media nevicata
2 Disegna sche tempo. Come conseguenza d. Nel riquadro ciaio. e
particelle maticamente la falda si abba Clima cambia
168 il processo. ssa. temperatura solo
di sedimento
4 e osserva la situa il parametro della
TROVA e. Cambia i param zione del ghiac
etri nel modo ciaio.
descrivi i grafi che ritieni pi
ci che ottieni. opportuno e
cambiando i Osse
parametri e spieg rva i risultati che hai otten
arretramento a le fasi di avan uto
di un zamento e di
della temperatu ghiacciaio in base alle
ra dellaria e varia
dellaltezza della zioni dei valori
Il ghiacciaio neve caduta.

169

Lavora in digitale
Nella sezione di fine Science in English
unit: documentari Esercizi in lingua
della BBC, filmati in 3D inglese.
e simulazioni interattive,
tutti proposti attraverso
esercizi guidati,
ti stimolano a sviluppare
le conoscenze e le abilit
acquisite.

VII
Strategie dindagine scientifica Esplorare la Storia della Scienza
Pillole di storia della scienza che
stimolano la tua curiosit e ti avvicinano
Formano un vero e proprio laboratorio delle competenze nel campo della ricerca
ai grandi scienziati e alle scoperte
e della comunicazione scientifica. scientifiche del passato.
Sono proposte 8 tipologie di strategia per venire incontro alle tue personali attitudini:
Parliamo di scienza SOLARE NEL
LUNIVERSO
IL SISTEMA
unit 1
Elaborare dati scientifici

STRATEGI
SCIENZA
Sperimentare in laboratorio E LA STOR
IA DELLA
ESPLORAR
Laboratorio IBSE tto il ciel
o

E DINDA
Occhi so della preistor
ia?
rispondere.
Non faci
le
ini e donne
savano uom impossibile li ominidi, 6 milioni
Che cosa pen quelle domande a cui
Esplorare la Storia della scienza indovinare
di
Sembra una li pensieri passaron
qua
allindoman
i della loro
o nella men
sepa razi one
te deg
dalla linea
Dallalba del
evoluzionis
pensier o uma
tica
no e
parivano
di anni fa, Curiosit? idee scom
ra? Gioia? escente: le enne qualcos
a
panz. Pau tutto evan

GINE SCIE
Lavorare sul campo degli scim
per lunghi
con la vita
lustri il pen
siero fu del
a avute. Poi,
di chi le avev Homo (che da un po
ere
circa 50.000

utensili)
anni fa, avv divenuto

com inci
gi
di tempo era iare segni delle
a lasc
questepoc
a Ricostruzione
delle pitture
rupestri della
caverna

nario: il gen avvalersi di abitativi di paleolitica di


Lascaux.
di straordi grad o di diam enti Que sti

Documentarsi e argomentare habilis, ovv


sue emozion
sono acco
ero in
i e dei
mpagnati
prop ri pensieri.
da ossa deco
Gli inse
rate, dise gni
o essere con
rupe

a noi posson sogni e visioni bale


stri, pietre
siderati i
incise.
fossili
nati nelle
dell e idee
menti dell
:
e popolaz
ioni
ogo tra la
prim itive
nostra era
.
e la preistor
o nella vall
ia.
e di Vzre.
giunti fino nuovo dial passeggiavan i di ci che pi colp

manufatti ciati aperto un
ngono trac Lascaux ha ragazzi che

NTIFICA
immagin
Leggere un brano scientifico tra le loro
linee rima
che la scop
per questo sotterraneo fu scop
gio
erta della
caverna di
erto in Fran
nti (risa lent i
avigliosi dipi serie ricchissima di
a
0, da quattro
cia, nel 194 30.000 anni fa) pres
circa
animali: cava lli,
entano le
cervi, orsi
, altri anim
ali e persino

e di caccia,
luro

uomini ferit
i,
Il lungo rifu e di mer ved ono scen era solo
ti una seri trova una racconti. Si rie emozion
i. E non
Sulle pare autori. Si to.
Professore per un giorno! limmaginar
io dei loro
auro ch), una specie
(in francese che sono stati analizz
gni
di bovino
ati dai
ormai estin
pale
va su pare
nte la tras
i rapprese
pos
ntano dei

do a quanto
ha sostenu
a delle prop
o-archeolog izione visiva e narrativ Franklin Edge, mat
to
ematico ame
ricano

costellazion
i.
I 1900 dise . Luomo fissa aginario, almeno stan
sinseguono
animali che ire il suo imm
logico a colp
il mondo zoo tate
solstizio des

scendere di
Percorso ambiente unit 6 LE ACQUE CONTINENTALI
solstizio des
tate. Da que
l momento,
i giorni ripr
endono a

Per accompagnarti LABORATORIO IBSE


RS
O AMB
PERCO

STRATEGIE DINDAGINE SCIENTIFICA


IEN
TE

nel processo educativo


E
IN DIGITAL
La permeabilit dei materiali LAVORA
li
Come varia la permeabilit di un materiale sciolto con le dimensioni dei granuli? Menti primordia
su tematiche Prerequisiti
1. odo scientif
ico
Indaga il mete rispondi alle domande:
Osserva la clip

interdisciplinari. conoscere la porosit di un materiale


conoscere la permeabilit di un materiale
sapere utilizzare un cilindro graduato imbuto
cilindro
misuratore
enti naturali
4. Quali elem a formare
contribuirono i pensieri
limmaginario
e
fa
2 mil. di anni
Hai bisogno di: o
Il genere Hom si
is:
diventa habil ili e
5. cosa aveva
un cilindro graduato la natura che
avvale di utens
tre contenitore per raccogliere i materiali 100 ml
strumenti. ispirato?
un imbuto sabbia
30 000
cotone 50 000
cotone 2 000 000
campioni di sabbia grossolana, sabbia fine, terra in 5 000 000
quantit tale da riempire limbuto per circa 2/3. beker
50 ml
41
Esperimento 50 di acqua
1. Colloca un batuffolo di cotone nellimbuto. 2.
2. Versa nellimbuto la sabbia grossolana fino a riempirlo per
due terzi. 3.
3. Metti limbuto nel becker e misura il tempo che 50 ml di
acqua impiegano a attraversa la sabbia; annota il valore
in una tabella.
4. Usa il cilindro graduato per misurare la quantit di acqua
che ha attraversato la sabbia (in ml); annota il valore nella
tabella 1.
5. Vuota e pulisci limbuto, il becker e il cilindro graduato.
6. Ripeti lesperimento altre due volte usando come
materiale la sabbia fine e la terra, annotando i valori
misurati nella tabella.

Analizza i dati e sviluppa i concetti Concludi rispondendo alla domanda iniziale.


1. Definisci la porosit. In base alle tue misure determina quale materiale il pi permeabile
e quale il meno permeabile. Che cosa concludi sul rapporto tra le
................................................................................................................
dimensioni e la forma dei granuli e la permeabilit?

Laboratorio IBSE ................................................................................................................


................................................................................................................
......................................................................................................................
......................................................................................................................
2. Definisci la permeabilit.
Unattivit sperimentale ................................................................................................................
................................................................................................................
......................................................................................................................
......................................................................................................................
......................................................................................................................
che consente di ................................................................................................................
3. Un materiale poroso permeabile?
......................................................................................................................
......................................................................................................................

comprendere fenomeni ................................................................................................................


................................................................................................................
......................................................................................................................
......................................................................................................................

e risolvere problemi 4. Descrivi le dimensioni e le forme dei granuli dei tre materiali.
................................................................................................................
......................................................................................................................
......................................................................................................................
................................................................................................................
procedendo come un vero
......................................................................................................................

173

scienziato. Le clip storiche


Seguendo le clip puoi ripercorrere
scoperte e aneddoti storici con
un pizzico di umorismo.

Lapp DeaLink 1
LEZIONE
La sfera ce
le
e le costell ste
azioni noi. Le cost
figure unic
ellazioni sem
amente perc
brano form
are particola unit 1 IL SISTEMA
proiettate sulla h le stelle ri SOLARE NELL
sfera celeste, appaiono Sistema e mode UNIVERSO
GEO WORDS visivo che ed questo llo 2. La sfera celes
Il cielo not le fa apparire effetto te, lEclittica
turno e la soprattutto collegate tra e lo Zodiaco
Stella sfera celest i Grec loro. Furono
Se osservia
mo il cielo e ma la Terr molte costellaz i a individuare e a bat
Star serena e senz notturno in a che gira su ioni: a loro tezz are
dal latino a Luna, abbi una notte se stessa in il Leone, Orio risalgono nom Mentre perco
stella, che la Terra amo limpres contrario a senso ne, lo Scor i quali rre lEclittica,
stella si trovi al cent sion quello del altri. Le stell pione, Cass il Sole transita
loro movimen
ro di una giga e Poich la Terr e di ogni cost iopea e davanti alle dodic

e grazie allapplicazione potrai consultarli Costellazione


Constellation
dal tardo latin
sfera di crist
per un effet
incastonate
allo, la Sfer
to dovuto alla
a celeste, sulla
prospettiva
ntesca
quale
appaiono
24 ore, le stell
completa prop
a compie il
e sembrano
rio
suo moto di
compiere una
in 24 ore. Nell
to apparent
e.
rotazione in
rotazion
reciprocamen
distanza, non
movimento.
te, ma, a caus
siamo in grad
ellazione si
a della loro
muovono

o di percepir
grande
Sfera celeste costellazioni
dello Zodiaco.
i

constellatio,
o
Immaginiamo
le stelle. lunica stell
a che emisfero bore e Per questo
le stelle ci
e tale
sem ale fisse le une
con tutta calma e comodit. stella col pref.
der. di di prolungare Stella Polare. bra ferma nel rispetto alle appaiono
co(n) questo inco lasse terre La rota cielo la cambiamenti altre e non
ntra la sfera stre: celeste pu zion e apparent notiamo
Zodiaco il Polo Nor celeste in due essere regis e della sfera nella forma
d celeste e punti, trata con una Delle 88 cost delle costellaz
che appaiono il Polo Sud fotografica macchina ellazioni oggi ioni.
Zodiac celeste, a lunga espo universalmen
allineati con sizione. te
dal greco
animale
zoion, Se prolung
spazio, tale
hiamo il pian
i poli geografic
o dellEquator i. Nellosserva
re il cielo nott
d
piano tagli e nello urno ci pare
circonferenza
chiamata Equ
a la Sfera cele
ste lungo una
essere al cent
la Sfera cele
ro di una sfer
a immagin
di
ine
b
Il Polo Nord atore celeste. ste. aria,
celeste si trov Leo
Stella pola
ruota intorno
re che la
a nei pressi
stella del
della ne a
al proprio asse Nord. La Terra Le costell Ca
Ovest verso muo vend azi
Est e quindi osi da oni nc
nellemisfero a un osservat Fin dallanti ro
settentrionale ore situato chit luomo
celeste e le (boreale) la gruppi di stell ha immagin
stelle sembran Sfera e formasse ato che
opposto, da o ruotare con guerrieri o ro figure di
Est verso Ove verso di eroi che animali, di
meridionale st. Nellemi raggruppame derivano dai
apparenteme
(australe) le
stelle ruotano
sfero
Nel nostro
nti sono stati suoi miti. Tali
chiamati cost Lungo lorb
` i
ell
nte da Ove cielo piut ellazioni.
punto della st verso Est le costellaz tosto facile riconosc apparente
ita percorsa3. Spiega che cosa rappresentato nella
dal Sole nel _
Gem
costellazione intorno a un ioni dellOrsa ere (Eclittica) sono Fig. 2 e indicasuo mot
quante sono
o le costellazioni.
La Sfera cele della Croce minore 1 . maggiore e Completa lo schemacost
dei concetti della lezione.
ellazioni che situate le dodi
ste e le stell del Sud. dellOrsa
e in realt Le stelle di compongono ci
e Toro
1. Le costellazio
ni dellOrsa
non ruotano, ogni costellaz Spiegaloa Zod voce iaco
alta
maggiore e tra loro e han ione sono mol
dellOrsa mino no anche dista to distanti 4. Spiega che cos lEclittica.
re nze diverse
rispetto a 5. Definisci e descrivi lo Zodiaco.
6. Indica e definisci lunit di misura
Rotazione apparente della sfera celeste
utilizzata per misurare le distanze
Eclittica
del Sistema Solare.
La costellazio
ne .........................
dellO Studia in digitale
maggiore, chiamrsa
ata 7. Approfondisci con la galleria dimmagini.
comunemente
Grande Carro LOrsa mino
re, L Le costellazioni
contiene circa , chiamata Picco
lo
150 Carro, forma Completa lo schem
stelle; di quest ta da 8. Investiga largomento con la scheda a dei concetti della
sono molto lumin e 7 una trentina
di stelle Basandoti sulla Fig. 1, verifica con il righello di approfondimento.
lezione.
ose con 7 stelle princ
e visibili a occhi laffermazione: Se si prolunga di quattro
nudo. Se si prolu o Alla punta del ipali. volte la linea che unisce le due stelle
La velocit della luce
nga timone
di quattro volte si trova la stella della parte posteriore del Grande Carro si
la pi luminosa
linea che unisc della
le due stelle e costellazione: Rotazione appa
della L rente della sfera celes
parte posteriore la Stella Pola te 6. Indica e defin
del re. isci lunit di
utilizzata per misur
Carro, si trova
la misurare le dista a
Stella Polare. del Sistema nze
Solare.
Mappe
14 Stella Polar
e

Le
Basandoti sulla
Fig. 1, verifica
con il righello

VIII 15
Sommario

Avviamento alle Scienze della Terra


1 Il metodo scientifico ................................................................................................................................................................ 4
2 I concetti scientifici trasversali .......................................................................................................................................... 6
3 La chimica della Terra .......................................................................................................................................................... 10

1
UNIT 1 Il Sistema Solare nellUniverso
La sfera celeste e le costellazioni .................................................................................................................................... 14
2 Le stelle e le loro caratteristiche ..................................................................................................................................... 16
3 Levoluzione delle stelle ....................................................................................................................................................... 18
4 Le galassie e lorigine dellUniverso .............................................................................................................................. 20
5 Il Sistema Solare ...................................................................................................................................................................... 22
6 Il Sole ............................................................................................................................................................................................ 24
7 Le leggi che regolano il moto dei pianeti .................................................................................................................... 26
8 I pianeti interni ........................................................................................................................................................................ 28
9 I pianeti esterni e i corpi minori ...................................................................................................................................... 30
AREA DI STUDIO Sintesi e prove di interrogazione ............................................................................................................ 32

AREA OPERATIVA
Le mappe dellunit ...................................................................................................................................................................... 34
Conoscenze ....................................................................................................................................................................................... 35
Abilit e competenze ................................................................................................................................................................... 36
SCIENCE IN ENGLISH ............................................................................................................................................................ 37
LAVORA IN DIGITALE ............................................................................................................................................................... 37
STRATEGIE DINDAGINE SCIENTIFICA
Parliamo di scienza
Lo spazio: osservazione ed esplorazione ........................................................................................................................... 38
Elaborare dati scientifici
La massa e la densit dei pianeti ........................................................................................................................................... 39
Un confronto tra i pianeti terrestri e i pianeti gioviani ................................................................................................ 39
Lavorare sul campo
Losservazione delle stelle ......................................................................................................................................................... 40
Esplorare la storia della scienza
Occhi sotto il cielo ......................................................................................................................................................................... 41
1
UNIT 2 La Terra e la Luna
La Terra e la sua forma ........................................................................................................................................................ 44
2 Il reticolato geografico .......................................................................................................................................................... 46
3 Le coordinate geografiche e i fusi orari ....................................................................................................................... 48
4 La rappresentazione della Terra ..................................................................................................................................... 50
5 Il moto di rotazione della Terra ........................................................................................................................................ 52
6 Il moto di rivoluzione della Terra intorno al Sole ..................................................................................................... 54
7 Conseguenze della rivoluzione terrestre ..................................................................................................................... 56
8 La Luna e i suoi moti ............................................................................................................................................................. 58
9 Le fasi lunari e le eclissi ...................................................................................................................................................... 60
AREA DI STUDIO Sintesi e prove di interrogazione ............................................................................................................ 62

AREA OPERATIVA
Le mappe dellunit ...................................................................................................................................................................... 64
Conoscenze ....................................................................................................................................................................................... 65
Abilit e competenze ................................................................................................................................................................... 66
SCIENCE IN ENGLISH ............................................................................................................................................................ 67
LAVORA IN DIGITALE ............................................................................................................................................................... 67
STRATEGIE DINDAGINE SCIENTIFICA
Parliamo di scienza
Losservazione della Terra ......................................................................................................................................................... 68
Elaborare dati scientifici
La latitudine di un punto ........................................................................................................................................................... 69
La longitudine di un punto ........................................................................................................................................................ 69
Laboratorio IBSE
Lalternanza del d e della notte ............................................................................................................................................. 70
Esplorare la storia della scienza
Il messaggero celeste .................................................................................................................................................................. 71

1
UNIT 3 Latmosfera e i venti
La composizione e la struttura dellatmosfera .........................................................................................................
O AMB
74
RS

2 Bilancio termico ed effetto serra .......................................................................................................................... 76


PERCO

IEN
TE

3 La temperatura dellaria e le isoterme ......................................................................................................................... 78


4 La pressione atmosferica .................................................................................................................................................... 80
5 I movimenti dellaria ............................................................................................................................................................. 82
6 I venti periodici ........................................................................................................................................................................ 84
7 La circolazione atmosferica globale ............................................................................................................................... 86
AREA DI STUDIO Sintesi e prove di interrogazione ............................................................................................................ 88

AREA OPERATIVA
Le mappe dellunit ...................................................................................................................................................................... 90
Conoscenze ....................................................................................................................................................................................... 91
Abilit e competenze ................................................................................................................................................................... 92
SCIENCE IN ENGLISH ............................................................................................................................................................ 93
LAVORA IN DIGITALE ............................................................................................................................................................... 93
STRATEGIE DINDAGINE SCIENTIFICA
Parliamo di scienza
La rosa dei venti e i venti che soffiano sullItalia ........................................................................................................... 94
Documentarsi e argomentare
Bertrand Piccard ............................................................................................................................................................................. 95
Lavorare sul campo
Temperature giornaliere e calcolo della temperatura media ................................................................................... 96
Esplorare la storia della scienza
Latmosfera? Non si mai vista .............................................................................................................................................. 97
1
UNIT 4 Precipitazioni e perturbazioni
Lumidit dellaria e le nuvole ......................................................................................................................................... 100
2 Le precipitazioni .................................................................................................................................................................... 102
3 Le perturbazioni atmosferiche ....................................................................................................................................... 104
4 Le osservazioni meteorologiche .................................................................................................................................... 106
5 Le previsioni del tempo .....................................................................................................................................................
O AMB
108
RS

6 Linquinamento dellatmosfera ........................................................................................................................... 110

PERCO

IEN
TE
AREA DI STUDIO Sintesi e prove di interrogazione .......................................................................................................... 112

AREA OPERATIVA
Le mappe dellunit .................................................................................................................................................................... 114
Conoscenze ..................................................................................................................................................................................... 115
Abilit e competenze ................................................................................................................................................................. 116
SCIENCE IN ENGLISH .......................................................................................................................................................... 117
LAVORA IN DIGITALE ............................................................................................................................................................. 117
STRATEGIE DINDAGINE SCIENTIFICA
Parliamo di scienza
I satelliti meteorologici .............................................................................................................................................................. 118
Elaborare dati scientifici
La meteorologia ............................................................................................................................................................................ 119
Laboratorio IBSE RS
O AMB

Le precipitazioni acide ................................................................................................................................................... 120


PERCO

IEN
TE

Lavorare sul campo


Lo stato del cielo .......................................................................................................................................................................... 121

1
UNIT 5 Le acque oceaniche
I serbatoi naturali dellacqua .......................................................................................................................................... 124
2 Gli oceani e i mari ................................................................................................................................................................. 126
3 Le caratteristiche delle acque oceaniche .................................................................................................................. 128
4 Le onde marine ...................................................................................................................................................................... 130
5 Le maree ................................................................................................................................................................................... 132
6 Le correnti oceaniche .........................................................................................................................................................
O AMB
134
RS

7 Linquinamento delle acque marine ................................................................................................................. 136


PERCO

IEN
TE

AREA DI STUDIO Sintesi e prove di interrogazione .......................................................................................................... 138

AREA OPERATIVA
Le mappe dellunit .................................................................................................................................................................... 140
Conoscenze ..................................................................................................................................................................................... 141
Abilit e competenze ................................................................................................................................................................. 142
SCIENCE IN ENGLISH .......................................................................................................................................................... 143
LAVORA IN DIGITALE ............................................................................................................................................................. 143
STRATEGIE DINDAGINE SCIENTIFICA
Parliamo di scienza RS
O AMB

Linquinamento delle acque ........................................................................................................................................ 144


PERCO

IEN
TE

Elaborare dati scientifici


Gli oceani ......................................................................................................................................................................................... 145
La salinit degli oceani ............................................................................................................................................................. 146
Laboratorio IBSE
Le soluzioni sature ...................................................................................................................................................................... 147
1
UNIT 6 Le acque continentali
Le acque sotterranee .......................................................................................................................................................... 150
2 I fiumi .......................................................................................................................................................................................... 152
3 I laghi .......................................................................................................................................................................................... 154
4 I ghiacciai e la loro formazione ...................................................................................................................................... 156
5 Il movimento dei ghiacciai ...............................................................................................................................................
O AMB
158
RS

6 Le piene fluviali e le inondazioni ....................................................................................................................... 160

PERCO

IEN
TE
O AMB
RS

7 Linquinamento delle acque continentali ...................................................................................................... 162

PERCO

IEN
TE
AREA DI STUDIO Sintesi e prove di interrogazione .......................................................................................................... 164

AREA OPERATIVA
Le mappe dellunit .................................................................................................................................................................... 166
Conoscenze ..................................................................................................................................................................................... 167
Abilit e competenze ................................................................................................................................................................. 168
SCIENCE IN ENGLISH .......................................................................................................................................................... 169
LAVORA IN DIGITALE ............................................................................................................................................................. 169
STRATEGIE DINDAGINE SCIENTIFICA
Parliamo di scienza
Il diritto allacqua ......................................................................................................................................................................... 170
Elaborare dati scientifici
Lanalisi della porosit ............................................................................................................................................................... 171
Il limite delle nevi permanenti .............................................................................................................................................. 172
Laboratorio IBSE
La permeabilit dei materiali ................................................................................................................................................. 173
1
UNIT 7 Il clima
La classificazione dei climi ............................................................................................................................................... 176
2 I climi umidi e i climi aridi ................................................................................................................................................ 178
3 I climi temperati e il clima dellItalia ........................................................................................................................... 180
4 I climi boreali e polari ......................................................................................................................................................... 182
5 Il cambiamento climatico e i feedback .......................................................................................................................
O AMB
184
RS

6 Il riscaldamento globale e le previsioni .......................................................................................................... 186

PERCO

IEN
TE
AREA DI STUDIO Sintesi e prove di interrogazione .......................................................................................................... 188

AREA OPERATIVA
Le mappe dellunit .................................................................................................................................................................... 190
Legenda delle icone
Conoscenze ..................................................................................................................................................................................... 191 degli strumenti digitali
Abilit e competenze ................................................................................................................................................................. 192
SCIENCE IN ENGLISH .......................................................................................................................................................... 193 Video
LAVORA IN DIGITALE ............................................................................................................................................................. 193
STRATEGIE DINDAGINE SCIENTIFICA Animazione
Parliamo di scienza RS
O AMB

Il riscaldamento globale ................................................................................................................................................ 194 Galleria di immagini


PERCO

IEN
TE

Elaborare dati scientifici


Il clima ............................................................................................................................................................................................... 195 Zoom delle immagini
con termini in inglese
La classificazione dei climi di Kppen ............................................................................................................................... 196
Esplorare la storia della scienza Approfondimento
Lambiente e levoluzione degli organismi ...................................................................................................................... 197
Esercizio interattivo

Timeline

Mappa concettuale

Simulazione interattiva
Avviamento alle
Scienze della Terra
1
LEZIONE
Il metodo scientifico

Fare scienza previsione, e quindi lipotesi formulata,


Per studiare i fenomeni naturali e ottenere corretta o errata.
risposte alle proprie domande, nel corso dei Quando unipotesi viene convalidata da pi
secoli lattivit di tutti coloro che si sono osservazioni e permette di formulare un certo
occupati di scienza ha portato allindividuazione numero di previsioni che si rivelano sempre
di un metodo specifico, il metodo scientifico. corrette, allora possibile enunciare una teoria.
Vediamo schematicamente la sequenza di fasi Una teoria quindi in grado di spiegare un
tipica di unindagine scientifica: gruppo di fatti o fenomeni che sono tra loro
1. lo scienziato conduce le sue osservazioni sul correlati; per esempio la teoria atomica spiega
fenomeno, documentandosi con la massima molte delle propriet della materia che oggi
precisione e raccogliendo il maggior numero conosciamo, cos come la teoria cellulare
di dati possibile; fondamentale per capire la struttura dei viventi.
2. in base ai dati raccolti formula una domanda
Prove ed errori: la storia del metodo
e avanza unipotesi, cio una spiegazione
scientifico La storia delle scienze naturali
plausibile del fenomeno in questione;
stata lunga e complessa, con numerosi
3. sulla base dellipotesi, egli formula una
periodi durante i quali nulla stato aggiunto
previsione accettabile di quello che
alla conoscenza delluomo e altri che hanno
accadrebbe in una situazione diversa;
invece mostrato un impetuoso sviluppo
4. per verificare la sua ipotesi, lo scienziato
della ricerca. Tutto ci che sappiamo deriva
compie ulteriori osservazioni oppure pianifica
da un lungo lavoro di osservazioni, ipotesi,
un esperimento (tenta cio di riprodurre il
previsioni e verifiche sperimentali compiute da
fenomeno in condizioni controllate);
migliaia e migliaia di scienziati, dai tantissimi
5. al termine dellesperimento, dallanalisi
errori commessi e dallimpegno con cui si
dei risultati possibile concludere se la
cercato di superarli. In questa storia un ruolo
fondamentale hanno avuto gli strumenti
1. Levoluzione degli strumenti scientifici scientifici, la cui evoluzione andata a passo
con quella delle elaborazioni teoriche e dei
A Un microscopio del XIX secolo B Un moderno microscopio elettronico
modelli interpretativi 1 .
Modelli, teorie e leggi Gli studiosi danno
diverse definizioni di modello. Per esempio:
un modello una rappresentazione parziale
e semplificata di una parte del mondo reale,
idonea a interpretarne le propriet e le
trasformazioni e a prevederne di nuove.
Questa definizione evidenzia che il modello
una rappresentazione della realt, quindi
unastrazione e non un oggetto reale.
Il modello unimmagine mentale, vale a dire
una creazione della mente avente lo scopo di
interpretare e comprendere la realt, che tuttavia
nella sua essenza pi profonda e nella sua
estrema complessit resta al di l della nostra
comprensione. Nessun modello sar mai in
grado di riprodurre appieno un qualsiasi oggetto
reale. Un albero fiorito, per la nostra scienza, in
ultima analisi solo un insieme di atomi disposti

4
AVVIAMENTO ALLE SCIENZE
DELLA TERRA

secondo determinate strutture: si tratta di un Nel XX secolo, con il riconoscimento del


modello molto lontano dallalbero reale con le fatto che alla base della struttura del mondo
sue foglie verdi, le radici e i fiori profumati. subatomico ci sono motivi matematici
La nostra definizione, infatti, sottolinea che il ben definiti, i fisici moderni hanno cominciato
modello fornisce la rappresentazione di una a seguire il percorso opposto. Hanno messo
parte limitata del mondo (detta sistema), che al primo posto i principi matematici
viene indagata solo nelle propriet considerate di simmetria, sostenendo che le leggi
essenziali dallo scienziato nellambito di ci che della natura e gli stessi costituenti fondamentali
sta studiando; quindi, a seconda delle propriet della materia dovrebbero seguire determinati
prese in considerazione, vi possono essere pi modelli, e da questi requisiti hanno dedotto
modelli dello stesso sistema. le leggi generali.
Il modello in relazione di analogia con il Il concetto di forme matematiche di simmetria
sistema (in parole pi semplici, simile al ha, in un certo senso, capovolto lintero
sistema), perch a ogni propriet del sistema procedimento scientifico.
corrisponde unanaloga propriet del modello.
Osservazioni qualitative
2. Le tappe del metodo
Per esempio, se il sistema un solido, alla sua scientifico
o quantitative (misure)
elevata densit corrisponde una piccola distanza e raccolta di dati e informazioni
fra le particelle del modello. sul fenomeno in esame
I modelli possono essere formali o figurativi.
I modelli formali consistono in equazioni
matematiche, in insiemi di simboli e in grafici Identificazione
di vario tipo. I modelli figurativi usano del problema da risolvere
immagini di diverso tipo: disegni, fotografie,
rappresentazioni tridimensionali statiche o
Disaccordo
in movimento, plastici. I modelli figurativi con le previsioni Formulazione di una ipotesi
si propongono di rendere pi familiari e (possibile spiegazione
del problema)
comprensibili concetti lontani dalla comune
esperienza.
Le teorie sono anchesse interpretazioni
Uso dellipotesi per la
astratte, ma si differenziano dai modelli formulazione di previsioni
perch interpretano un campo pi vasto sullandamento del fenomeno
della realt. Il modello particellare della materia in situazioni non ancora osservate
spiega in modo puramente qualitativo solo
gli stati fisici e le loro trasformazioni, ma non
fornisce spiegazioni, per esempio, per le reazioni Esecuzione di esperimenti
(riproduzioni del fenomeno
chimiche. Una teoria non mai certa: essa in condizioni controllate)
pu cambiare in presenza di nuovi dati o per per la verifica delle previsioni
intuizioni innovative.
Le leggi sperimentali (o leggi naturali)
consistono in una concisa asserzione riguardo
Analisi dei risultati
a una regolarit riscontrabile in natura. Le
leggi, diversamente dalle teorie, possono
essere confermate o confutate da esperimenti Accordo con le previsioni
e quindi con lipotesi
od osservazioni dirette. Le leggi sono spiegate
da una teoria o previste in base a essa. I vari Formulazione
passaggi del metodo scientifico sono illustrati di una legge
nella fig. 2 .
Per secoli, il percorso seguito per comprendere Spiegazione di pi leggi
Modifica
i meccanismi di funzionamento del cosmo era della teoria Enunciazione
cominciato con una raccolta di fatti sperimentali di una teoria (o modello)
e osservativi a partire dai quali gli scienziati,
procedendo per tentativi ed errori, cercavano
di formulare le leggi della natura. La procedura Acquisizione di nuovi dati
era quella di iniziare da osservazioni locali o nascita di concezioni
innovative
e di costruire il puzzle tassello per tassello.

5
2
LEZIONE
I concetti scientifici
trasversali
I sette concetti unificanti 2. Il carrelino si muove a causa della spinta della mano
Ogni ramo della scienza studia particolari effetto: il carrellino
si muove
aspetti e fenomeni del mondo naturale e utilizza causa:
la mano spinge
concetti e metodi propri. Esistono tuttavia il carrellino
concetti che costituiscono veri e propri ponti tra
le diverse discipline.
Tali concetti, detti concetti scientifici trasversali,
sono unificanti e mettono in luce lintima
connessione del sapere scientifico.
Lapplicazione dei concetti trasversali consente
di integrare le diverse discipline in modo da
ottenere una visione scientifica complessiva e
coerente del mondo naturale.
Sono stati individuati sette concetti scientifici
trasversali. Causa ed effetto: relazione
1. Pattern e previsione
2. Causa ed effetto: relazione e previsione
Quando uno scienziato studia un fenomeno una
3. Scala, proporzione e grandezza
delle prime domande che si pone : Perch
4. Sistemi e modelli di sistemi
il fenomeno si verifica?. Nel dare la risposta
5. Energia e materia: flussi, cicli e conservazione
stabilisce una relazione di causa-effetto tra il
6. Struttura e funzione
fenomeno e ci che lo genera 2 . La scoperta
7. Stabilit e cambiamento
dei collegamenti causali e dei loro meccanismi
permette di prevedere levoluzione del fenomeno.
Pattern
Nella vita pratica il trovare la causa di un
1. Schemi di fiocchi di neve Nel mondo naturale spesso possibile scoprire fenomeno pu essere molto utile. Per esempio,
e foto di girasole forme, strutture o fenomeni regolari e ripetuti. la causa dellinquinamento dellaria di una
Si possono scoprire regolarit Per questi modelli e schemi ricorrenti si grande citt rappresentata in primo luogo dalle
nelle strutture dei fiocchi usa ormai anche in italiano il termine inglese
di neve e dei girasoli. emissioni di gas da parte di veicoli e industrie. La
pattern, che riassume un insieme di situazioni conoscenza di questo fatto consente di prevedere
molto varie. che laumento di veicoli e industrie produrr pi
In ogni fiocco di neve, per esempio, si osserva gas inquinanti e di adottare quindi gli opportuni
lo schema di una simmetria centrale. Nelle provvedimenti.
disposizione delle foglie su un albero e in altri
aspetti delle architetture vegetali si riconosce Scoprire la relazione di causa-effetto nella
una configurazione a spirale 1 . Anche in alcuni scienza significa determinare qual la causa
eventi naturali si possono riscontrare regolarit. di un fenomeno naturale. La conoscenza della
Per esempio le stagioni si susseguono con un relazione causale tra due fenomeni consente
andamento ciclico che si ripete regolarmente di prevedere la loro evoluzione.
anno dopo anno.
I pattern aiutano a scoprire e definire alcune
Scala, proporzione e grandezza
importanti caratteristiche di strutture ed eventi, e
a mettere in evidenza le relazioni al loro interno. Le strutture e i sistemi naturali possono avere
dimensioni molto diverse. Vi sono sistemi di
I pattern mettono in evidenza regolarit nelle dimensioni estremamente piccole, come quelle
strutture e nel ripetersi degli eventi del mondo degli atomi di un minerale, di dimensioni pi
naturale. grandi, come quelle dei granelli di sabbia o delle
rocce, e ancora pi grandi come quelle delle
6
AVVIAMENTO ALLE SCIENZE
DELLA TERRA

3. La scala dello spazio


Nelle scienze della Terra si studiano strutture che hanno dimensioni molto diverse.
ATOMO RETICOLO MINERALE TERRA SISTEMA SOLARE GALASSIA
CRISTALLINO (VIA LATTEA)

montagne, della Terra, del Sistema Solare, delle esempio. Per studiare come avvengono le eruzioni 4. Cono di scorie
galassie e dellintero Universo. vulcaniche, uno scienziato decide di considerare In un cono di scorie il
Oltre alla lunghezza, unaltra grandezza che un solo vulcano in modo da rendere la ricerca materiale piroclastico
emesso si accumula intorno
caratterizza gli eventi naturali il tempo. Esistono meno estesa. Considera quindi un sistema reale al cratere formando depositi
fenomeni rapidissimi, come i processi nei caratterizzato da confini precisi, che in questo caso stratificati di forma conica.
computer, eventi pi lunghi, come quelli della possono comprendere una parte di territorio che
nostra vita quotidiana, e fenomeni lentissimi, circonda il vulcano, ledificio vulcanico e la parte
come la formazione delle montagne, dei pianeti e di atmosfera al disopra del territorio. Il sistema-
delle galassie. Le scale dello spazio e del tempo vulcano formato da componenti in relazione
sulle quali si misurano i fenomeni e gli eventi tra loro, come la camera magmatica, la bocca del
della Natura sono molto estese 3 . vulcano, il magma, la lava, i lapilli, laria ecc.
Nello studio di un fenomeno o di un processo Ogni sistema pu essere rappresentato con un
necessario misurare le grandezze che li modello che semplifichi la realt. Dato che lo
caratterizzano e descrivere con le opportune unit scienziato sta studiando solo il meccanismo
di misura le dimensioni, il peso, il tempo e le altre delle eruzioni, conveniente che costruisca Coni di scorie si trovano, ad esempio,
variabili. Un fenomeno spesso descritto attraverso un modello che non riproduca esattamente il nellisola di Lanzarote, nelle Canarie.
lordine di grandezza delle sue variabili. vulcano reale, ma solo i componenti del sistema
Fondamentali concetti matematici applicati che intervengono nellattivit vulcanica 4 . Pu depositi
nello studio delle grandezze sono i concetti di cos non inserire nel modello la vegetazione, la piroclastici
rapporto, per esempio la densit di una sostanza fauna, le rocce che coprono i fianchi del vulcano.
il rapporto tra la massa e il volume, e quello Il modello di un sistema descrive ovviamente
di proporzione, che nelle scienze della Terra la realt in modo meno preciso, ma uno
si utilizza nelle riduzioni in scala usate per strumento utile per l a comprensione dei
disegnare mappe e carte geografiche. fenomeni e dei processi che si stanno studiando.
Spesso un modello consente di prevedere
Le dimensioni dei sistemi e la durata degli eventi
levoluzione dei fenomeni, per esempio, nel caso
naturali si misurano su scale dello spazio e del
del vulcano, la conoscenza del processo eruttivo
tempo molto estese. Nella misurazione delle
pu consentire di determinare la probabilit che
grandezze variabili che caratterizzano sistemi ed
si verifichi uneruzione.
eventi sono applicati concetti matematici come
quelli di rapporto e proporzione. Un sistema una piccola parte del mondo
naturale. Un sistema reale ha confini precisi ed
formato da componenti in relazione tra loro e
Sistemi e modelli di sistemi con lesterno. Ogni sistema rappresentato con
Il mondo naturale troppo grande e complesso un modello che semplifica la realt. Il modello
per essere studiato nella sua interezza. del sistema non riproduce in modo preciso
Per questo motivo, spesso gli scienziati svolgono i fenomeni, ma ne facilita la comprensione
le loro ricerche solo su una piccola parte di e consente spesso di formulare previsioni sulla
una struttura o di un processo. Loggetto di loro evoluzione.
studio viene chiamato sistema. Esaminiamo un

7
Energia e materia: flussi, cicli rimane costante, e di conseguenza si conserva.
e conservazione La conservazione dellenergia e della materia
in un sistema sono regolate dalle leggi di
Allautomobile forniamo benzina. Questa viene in
conservazione.
parte trasformata in gas di scarico che si disperdono
nellaria. Nel motore la benzina produce lenergia Flussi di energia e materia sono scambiati
che fa muovere lautomobile. Parte di questa tra i componenti dei sistemi e tra i sistemi
energia trasformata in calore che si disperde e lesterno. Il flusso dellacqua nel sistema Terra
nellambiente. Tra lautomobile e lambiente che forma un processo ciclico o ciclo. Le leggi
la circonda c uno scambio di energia e materia. di conservazione regolano i flussi di energia
Se consideriamo lautomobile come un sistema, e materia allinterno dei sistemi.
possiamo dire che vi sono flussi di energia e
materia che entrano ed escono dal sistema.
Prendiamo adesso in esame il sistema Terra e i Struttura e funzione
suoi due componenti: latmosfera e la superficie. Il funzionamento di un sistema naturale o
Quando piove, lacqua si sposta dallatmosfera artificiale dipende dalla sua forma e dalla sua
alla superficie terrestre, dove entra nei fiumi, struttura e anche dai materiali di cui fatto.
negli oceani e penetra nel terreno. Quando Il collegamento tra struttura e funzionamento
evapora dai fiumi e dal mare, lacqua si sposta molto evidente nei sistemi meccanici, per
dalla superficie allatmosfera. Sulla Terra lacqua esempio la bicicletta. La struttura delle biciclette
che si muove tra latmosfera e la superficie da corsa pi aerodinamica di quelle normali e
forma un flusso continuo che alimenta un consente una maggiore velocit. Lo stesso scopo
processo ciclico o ciclo (ciclo dellacqua) 5 . si raggiunge con una bicicletta fatta con un
In generale lanalisi dei cicli permette di materiale pi leggero. La struttura e il materiale
scoprire in quale modo energia e materia sono influiscono sul funzionamento della bicicletta 6 .
5. Il ciclo dellacqua
trasferite allinterno di un sistema o si spostano Un generatore eolico che produce elettricit con
Un flusso di materia (acqua)
si sposta dalla superficie tra il sistema e lesterno. Nel caso del ciclo il vento formato da un palo molto alto e grandi
terrestre allatmosfera e dellacqua, questa si sposta allinterno del pale in modo da avere maggiore probabilit di
viceversa formano un ciclo. sistema, ma complessivamente la sua quantit essere colpito dal vento e muovere lingranaggio
con maggiore velocit. Anche in questo caso
esiste uno stretto collegamento tra struttura e
funzionamento del sistema. Lesame di questo
atmosfera legame consente di scoprire in molti casi tutte le
caratteristiche del sistema e le relazioni tra i suoi
componenti.
La forma e la struttura di un sistema naturale
o artificiale sono strettamente collegate al suo
funzionamento. Il primo passo per studiare
un sistema spesso la comprensione dei
collegamenti tra la sua struttura e il modo in cui
funziona.

Stabilit e cambiamento
Un sistema considerato stabile se non subisce
cambiamenti nel periodo che si sceglie per
losservazione. Per esempio, in un periodo di
alcuni decenni un sistema roccioso considerato
stabile se non si notano variazioni nella sua
terra struttura e nella sua composizione. La stabilit di
un sistema indica che le principali caratteristiche
oceani del sistema non variano significativamente in un
dato tempo.
fiumi La stabilit di un sistema pu assumere aspetti
diversi. Per esempio, un sistema pu trovarsi

8
AVVIAMENTO ALLE SCIENZE
DELLA TERRA

6. La bicicletta da corsa

La struttura di un
sistema influisce sul suo
funzionamento: struttura
e funzionamento sono
strettamente collegati.

in equilibrio statico. il caso di un oggetto in una popolazione quando iniziano ad


appoggiato su un tavolo. Un sistema pu anche aumentare le nascite. Laumento delle nascite
trovarsi in equilibrio dinamico. Un esempio porta a un aumento della popolazione, che a
pu essere un recipiente pieno dacqua in sua volta provoca un aumento delle nascite.
ebollizione in cui viene immessa una quantit si ha un feedback negativo se gli effetti
dacqua pari a quella persa con levaporazione. iniziali vengono smorzati e gradualmente
In condizioni dinstabilit invece le variabili del compensati. Il termostato di una stufa
sistema cambiano continuamente, come avviene elettrica un esempio di feedback negativo.
durante un temporale. Nella parte di atmosfera Il termostato regolato a una certa
interessata variano, per esempio, la temperatura temperatura. Se la stufa ha una temperatura
e la pressione. pi bassa, il termostato segnala alla stufa di
Anche un sistema in equilibrio pu allontanarsi riaccendersi; se la temperatura pi alta, la fa
dalla stabilit a causa di un cambiamento. Un spegnere. Il feedback negativo agisce in modo
cambiamento in un sistema in equilibrio pu che la situazione torni allequilibrio 7 .
provocare a sua volta un altro cambiamento.
Questo fenomeno chiamato retroazione o, con Un sistema in una fase di stabilit se si trova in
il termine inglese, feedback. In generale: equilibrio statico o dinamico. Un cambiamento
si ha un feedback positivo se gli effetti del lo pu allontanare dallequilibrio e a sua volta
cambiamento iniziale sono ampliati. Un pu generare un altro cambiamento (feedback).
esempio di feedback positivo ci che avviene

7. Esempi di feedback positivo e negativo


I cambiamenti nei sistemi possono provocare altri cambiamenti.
Aumenta la Temperatura
popolazione pi alta

Scatta il termostato Scatta il termostato


e la stufetta si accende. e la stufetta si spegne.
La temperatura La temperatura
aumenta. diminuisce.

Pi individui Pi nascite

Temperatura
pi bassa

Feedback positivo Feedback negativo

9
3 La chimica della Terra
LEZIONE

La materia formata da atomi differire per il numero di neutroni: in questo caso


Gli atomi sono le unit fondamentali della si parla di isotopi di un elemento chimico.
materia. Sono cos piccoli che occorre metterne in
fila qualche centinaio di milioni per ottenere un Gli elettroni ruotano intorno
segmento lungo 1 centimetro. al nucleo
Latomo formato da una parte centrale, Gli elettroni si muovono intorno al nucleo su
piccolissima rispetto alle dimensioni totali, il specifici livelli: i gusci elettronici. In base
nucleo, e da una parte periferica, molto grande, al numero di protoni del nucleo, ogni atomo
chiamata nube elettronica. possiede uno, due, tre o pi livelli.
Il nucleo costituito da due tipi di particelle: i Ogni guscio contiene uno specifico numero
protoni e i neutroni 1 . Protoni e neutroni hanno di elettroni 2 : il primo guscio due elettroni,
la stessa massa, ma differiscono per la carica
il secondo otto e via via a crescere. Gli elettroni
elettrica: mentre i neutroni non hanno carica, i
si dispongono prima nei gusci pi vicini al nucleo
protoni sono dotati di una carica positiva (+).
e poi in quelli pi lontani.
Nella nube elettronica si trovano gli elettroni,
Un atomo stabile solo quando ha tutti i suoi
particelle dotate di carica negativa (), che
gusci completi di elettroni. Se il guscio esterno
ruotano intorno al nucleo a velocit elevatissima.
non completo, invece, latomo instabile e
Gli elettroni sono attratti dal nucleo, carico
ha la tendenza a reagire con altri atomi per
positivamente. In un atomo il numero dei
protoni eguaglia il numero degli elettroni: quindi, completare il suo livello pi esterno.
complessivamente un atomo elettricamente Atomi che hanno perso o acquistato elettroni
neutro. Ogni tipo di atomo possiede uno specifico vengono denominati ioni: quando un atomo
numero di protoni, che prende il nome di acquista uno o pi elettroni non pi
numero atomico (Z). elettricamente neutro e si trasforma in uno ione
In natura esistono 90 tipi di atomi e a ciascuno negativo; se un atomo perde uno o pi elettroni
corrisponde un elemento chimico: sono si trasforma in uno ione positivo. Ioni dotati di
elementi chimici, ad esempio, lidrogeno (un cariche opposte si attraggono.
protone), lelio (due protoni), lossigeno (sei Gli atomi possono essere ordinati secondo il
protoni) e cos via. valore crescente del numero atomico (Z) in una
Atomi con uno stesso numero di protoni possono tavola chiamata sistema periodico.

1. Un atomo 2. I gusci elettronici

elettrone
orbita

nube
elettronica n
ne
nucleo

protone
protoni

neutroni

elettroni

10
AVVIAMENTO ALLE SCIENZE
DELLA TERRA

Nel sistema periodico gli elementi sono disposti Nel linguaggio della chimica un composto
in sette serie orizzontali, i periodi, e otto serie indicato con una formula chimica, che riporta
verticali, i gruppi. Gli elementi che appartengono simboli e numeri con uno specifico significato:
al medesimo gruppo hanno le stesse propriet i simboli sono gli elementi, i numeri indicano
chimiche. Ogni atomo di un determinato la quantit di atomi presenti nella molecola.
elemento chimico indicato con un simbolo di La molecola dellidrogeno ha come formula H2;
una o due lettere: Li il litio, H lidrogeno, quella del fosforo, formata da quattro atomi, P4
O lossigeno e cos via. (P il simbolo del fosforo); lidrossido di sodio
NaOH.
Legami ionici e legami covalenti
Fra tutti gli elementi solo i cosiddetti gas Lo scheletro della Terra
nobili sono stabili, perch posseggono il livello Il silicio e il carbonio sono gli elementi pi
pi esterno di elettroni completo. Il guscio importanti rispettivamente per la Terra e per la
pi esterno di tutti gli altri elementi invece vita.
incompleto e questa situazione li rende instabili. Gran parte della Terra formata da composti del
Questi atomi hanno la tendenza a completare i silicio (Si) detti silicati, i minerali pi diffusi nella
loro gusci esterni e lo fanno interagendo tra loro crosta terrestre. Nei silicati, un atomo di silicio
mediante reazioni chimiche. pu unirsi a quattro atomi di ossigeno mediante
Le interazioni tra atomi dipendono dalla quattro legami covalenti formando uno ione
loro configurazione elettronica. Elementi silicato (SiO4)4 che ha quattro cariche negative.
semplici si combinano a formare molecole con Lo ione silicato ha la forma di un tetraedro, il
caratteristiche chimiche proprie, che possono a solido formato da quattro triangoli equilateri
loro volta interagire con altre molecole formando congruenti, con il piccolo atomo di silicio al
composti pi complessi. centro e i quattro grandi atomi di ossigeno ai
Esistono due tipi di legame: vertici 4A . Due tetraedri possono unirsi tra loro
il legame ionico si forma tra ioni positivi e e formare un ponte di ossigeno mettendo in
ioni negativi, che si attraggono e formano comune un atomo di ossigeno 4B . Gli atomi di
un composto con carica neutra. Il cloruro di ossigeno non condivisi mantengono ciascuno una
sodio (NaCl), il sale da cucina, un esempio carica negativa e possono unirsi con ioni positivi
di composto ionico. I composti ionici formano di varie sostanze quali magnesio, ferro, calcio,
spesso strutture regolari chiamate reticoli sodio, potassio e alluminio. Nel quarzo invece
cristallini 3A ; ciascuna struttura a tetraedro unita ad altre
il legame covalente, in cui uno o pi atomi quattro nei vertici mediante ponti di ossigeno. Un
condividono con altri atomi gli elettroni pi cristallo di quarzo quindi ununica impalcatura
esterni, fa s che gli elettroni ruotino intorno continua di atomi di silicio e di ossigeno.
ai due nuclei. Due o pi atomi uniti da legami Pi tetraedri si uniscono tra loro con ponti di
covalenti formano una molecola. In una ossigeno e formano lunghissime catene che si
molecola gli atomi si trovano in condizioni di dispongono in vari modi: catene semplici o doppie,
maggiore stabilit 3B . strati o impalcature a due e a tre dimensioni.
Da queste combinazioni di silicio e ossigeno in
Nei legami covalenti le molecole sono diverse proporzioni hanno origine i silicati.
complessivamente neutre, perch presentano lo Come vedremo, nelle rocce terrestri oltre ai
stesso numero di protoni e di elettroni. silicati si trovano anche ossidi, carbonati e solfati.

3. Legami ionici e covalenti 4. Il silicio


A Legame ionico B Legame covalente A O B O O

+
Si Si Si
Na Cl O O O O O O O

O O O
molecola di ossigeno(O2)
ione sodio ione cloro
cloruro di sodio (NaCl)

11
UNIT

VERIFICA
1 I PREREQUISITI

Verifica le tue
Il Sistema Solare
nellUniverso
conoscenze in entrata
1. In generale ununit
di misura :
una grandezza
un numero
il rapporto tra
un numero
e una grandezza
2. Il volume della sfera si
calcola con la formula
4r 3/ 4 r 3.
3
3. Lidrogeno un
elemento chimico /
composto chimico.
PARLIAMO DI SCIENZA!
PER ENTRARE IN ARGOMENTO

Il cannocchiale, il telescopio, lo spettroscopio e tanti


altri strumenti astronomici hanno aumentato le
nostre conoscenze sul Sistema Solare e sullUniverso.
I telescopi spaziali operano negli strati esterni
dellatmosfera terrestre e ci forniscono immagini molto
nitide e non distorte di corpi lontanissimi. Il telescopio
spaziale Hubble, in attivit dal 1990, ha contribuito ad
aumentare le nostre conoscenze e favorito importanti
scoperte. Informazioni preziose sul Sistema Solare ci
sono fornite dalle esplorazioni spaziali come quelle che
hanno per obiettivo lesplorazione di Marte, un pianeta
roccioso come la Terra.

1. Qual lorigine del telescopio Hubble e quali sono


le principali scoperte fatte con il telescopio spaziale?
2. Quali sono gli obiettivi delle attuali e delle prossime
esplorazioni di Marte?
Approfondisci largomento e scopri le risposte a queste
domande con lattivit Parliamo di scienza di fine unit.
1
LEZIONE
La sfera celeste
e le costellazioni
WORDS Il cielo notturno e la sfera celeste ma la Terra che gira su se stessa in senso
GEO contrario a quello del loro movimento apparente.
Se osserviamo il cielo notturno in una notte
Stella serena e senza Luna, abbiamo limpressione Poich la Terra compie il suo moto di rotazione in
Star
che la Terra si trovi al centro di una gigantesca 24 ore, le stelle sembrano compiere una rotazione
dal latino stella, completa proprio in 24 ore. Nellemisfero boreale
stella sfera di cristallo, la Sfera celeste, sulla quale
per un effetto dovuto alla prospettiva appaiono lunica stella che sembra ferma nel cielo la
Costellazione Stella Polare. La rotazione apparente della sfera
incastonate le stelle.
Constellation celeste pu essere registrata con una macchina
dal tardo latino Immaginiamo di prolungare lasse terrestre:
constellatio, der. di questo incontra la sfera celeste in due punti, fotografica a lunga esposizione.
stella col pref. co(n) il Polo Nord celeste e il Polo Sud celeste,
Nellosservare il cielo notturno ci pare di
Zodiaco che appaiono allineati con i poli geografici.
essere al centro di una sfera immaginaria,
Zodiac Se prolunghiamo il piano dellEquatore nello
dal greco zoion, la Sfera celeste.
spazio, tale piano taglia la Sfera celeste lungo una
animale
circonferenza chiamata Equatore celeste.
Il Polo Nord celeste si trova nei pressi della
Stella polare che la stella del Nord. La Terra Le costellazioni
ruota intorno al proprio asse muovendosi da Fin dallantichit luomo ha immaginato che
Ovest verso Est e quindi a un osservatore situato gruppi di stelle formassero figure di animali, di
nellemisfero settentrionale (boreale) la Sfera guerrieri o di eroi che derivano dai suoi miti. Tali
celeste e le stelle sembrano ruotare con verso raggruppamenti sono stati chiamati costellazioni.
opposto, da Est verso Ovest. Nellemisfero Nel nostro cielo piuttosto facile riconoscere
meridionale (australe) le stelle ruotano le costellazioni dellOrsa maggiore e dellOrsa
apparentemente da Ovest verso Est intorno a un minore 1 .
punto della costellazione della Croce del Sud. Le stelle di ogni costellazione sono molto distanti
La Sfera celeste e le stelle in realt non ruotano, tra loro e hanno anche distanze diverse rispetto a

1. Le costellazioni dellOrsa maggiore e dellOrsa minore

LOrsa minore,
La costellazione chiamata Piccolo
dellOrsa Carro, formata da
maggiore, chiamata una trentina di stelle
comunemente con 7 stelle principali.
Grande Carro, Alla punta del timone
contiene circa 150 si trova la stella
stelle; di queste 7 pi luminosa della
sono molto luminose costellazione:
e visibili a occhio la Stella Polare.
nudo. Se si prolunga
di quattro volte la
linea che unisce
le due stelle della
parte posteriore del
Carro, si trova la Stella Polare
Stella Polare.

14
unit 1 IL SISTEMA SOLARE NELLUNIVERSO

noi. Le costellazioni sembrano formare particolari


Sistema e modello 2. La sfera celeste, lEclittica e lo Zodiaco
figure unicamente perch le stelle appaiono
proiettate sulla sfera celeste, ed questo effetto Mentre percorre lEclittica,
visivo che le fa apparire collegate tra loro. Furono il Sole transita davanti alle dodici
soprattutto i Greci a individuare e a battezzare costellazioni dello Zodiaco.
molte costellazioni: a loro risalgono nomi quali Sfera celeste
il Leone, Orione, lo Scorpione, Cassiopea e
altri. Le stelle di ogni costellazione si muovono
reciprocamente, ma, a causa della loro grande
distanza, non siamo in grado di percepire tale
movimento. Per questo le stelle ci appaiono
fisse le une rispetto alle altre e non notiamo
cambiamenti nella forma delle costellazioni. d c b
Delle 88 costellazioni oggi universalmente e Vergine
Bilancia
riconosciute e catalogate, 18 sono interamente
visibili dallemisfero boreale, 36 dallemisfero fo co rpion
e Leon
e a
S
australe e 34 dalla fascia equatoriale. Possiamo ari Ca
tt nc
osservare la disposizione nel cielo e la forma di gi ro
tutte le costellazioni in particolari carte, chiamate Sa
mappe celesti.
Nel suo moto apparente intorno alla Terra, il Sole
C
g ` li
sembra percorrere unorbita, chiamata Eclittica. ap
ric h el
Nel suo percorso lungo lEclittica, il Sole transita
o rno i _ Ge
m
in successione davanti a 12 costellazioni. Tali
Acqu ^
costellazioni formano lo Zodiaco 2 . a ri o Toro
Pesci Ariete
Lungo lorbita percorsa dal Sole nel suo moto
apparente (Eclittica) sono situate le dodici
costellazioni che compongono lo Zodiaco.
Eclittica
Costellazioni dello
La misura delle distanze Zodiaco

astronomiche
Il kilometro ununit di misura troppo piccola
e inadeguata a misurare le enormi distanze tra STUDIARE
IMPARA A
i corpi celesti. Le distanze astronomiche sono
espresse mediante unit di misura particolari, Organizza le informazioni 3. Spiega che cosa rappresentato nella
come lunit astronomica e lanno luce. Fig. 2 e indica quante sono le costellazioni.
1. Completa lo schema dei concetti della lezione.
Lunit astronomica (UA) corrisponde alla
distanza media Terra-Sole, pari a circa 150 La sfera celeste Spiega a voce alta
milioni di kilometri. Viene usata per misurare Poli celesti ed Equatore 4. Spiega che cos lEclittica.
le distanze tra i corpi del Sistema Solare. Stella polare e ......................... 5. Definisci e descrivi lo Zodiaco.
La Terra dista dal Sole 1 UA, mentre il pianeta 6. Indica e definisci lunit di misura
Rotazione apparente della sfera celeste
pi vicino al Sole, Mercurio, dista 0,387 UA e utilizzata per misurare le distanze
Nettuno, il pianeta pi lontano, 30,06 UA. Le costellazioni del Sistema Solare.
Lanno luce (a.l.) la distanza percorsa dalla Orsa Maggiore e Orsa .........................
luce in un anno. Dato che la velocit della luce Studia in digitale
Mappe .........................
nel vuoto circa 300 000 km/s, lanno luce 7. Approfondisci con la galleria dimmagini.
Eclittica e Zodiaco
corrisponde a circa 9500 miliardi di kilometri. Le costellazioni
Con lanno luce si misurano le distanze delle
Studia con le immagini 8. Investiga largomento con la scheda
stelle e delle galassie. Dopo il Sole, la stella
2. Basandoti sulla Fig. 1, verifica con il righello di approfondimento.
pi vicina alla Terra Proxima Centauri che
laffermazione: Se si prolunga di quattro
dista dalla terra 4 1013 km. Questa misura volte la linea che unisce le due stelle
La velocit della luce
corrisponde a circa 4 a.l. La stella Sirio dista della parte posteriore del Grande Carro si
circa 9 a.l. e la Stella polare circa 680 a.l. incontra la Stella Polare.

15
2
LEZIONE
Le stelle e le loro
caratteristiche
La luminosit delle stelle Luminosit assoluta la quantit di energia
GEO WORDS
Nel cielo notturno brillano le stelle, corpi celesti emessa nellunit di tempo da una stella e non
Luminosit che irradiano energia nello spazio sotto forma di dipende dalla distanza, ma solo dalle dimensioni
Luminosity
radiazioni elettromagnetiche. La luce visibile e dalla temperatura della stella. Per confrontare
dal latino luminosos,
solo una piccola parte di tutte le radiazioni la luminosit assoluta di stelle diverse si deve
der. di lumen, lume
emesse, ma proprio quella che consente tenere conto della distanza da noi e per questo
Magnitudine
allocchio umano di vedere 1 . si considera la magnitudine assoluta, cio la
Magnitude luminosit che avrebbe la stella se si trovasse
dal latino magnitudo, facile osservare, anche a occhio nudo, che alcune
grandezza stelle sono pi luminose di altre. Quando si parla alla distanza convenzionale di 32,6 anni luce.
della luminosit di una stella, occorre distinguere La magnitudine assoluta del Sole 4,7 e questo
fra luminosit apparente e luminosit assoluta. significa che, se la nostra stella si trovasse a
32,6 anni luce di distanza, apparirebbe come un
Luminosit apparente la luminosit di puntino sfocato di luce.
VIDEOLEZIONE una stella misurata dalla Terra e dipende dalle
Esplora questo argomento La luminosit apparente di una stella la
dimensioni della stella, dallenergia irradiata
Il colore delle stelle e dalla sua distanza da noi. La luminosit luminosit misurata dalla Terra, mentre la
apparente descritta da una grandezza detta luminosit assoluta la quantit di energia
magnitudine apparente. Secondo questa emessa nellunit di tempo dalla stella.
scala, maggiore il valore della magnitudine,
minore la luminosit di una stella. Una stella
di magnitudine 1 circa due volte e mezzo pi La composizione delle stelle
luminosa di una stella di magnitudine 2, questa Con uno strumento chiamato spettroscopio
due volte e mezzo pi luminosa di una stella possibile analizzare la composizione chimica
di magnitudine 3 e cos via. Corpi celesti molto di una sostanza. Come nel caso di un prisma
luminosi hanno valori negativi della magnitudine: triangolare di vetro attraversato dalla luce di
il Sole ha un valore pari a 26,8. A occhio nudo una lampadina, lo spettroscopio scompone la
possibile osservare stelle con magnitudine luce emessa dalla sorgente luminosa in base alla
inferiore a 6 e stimare la differenza di mezza lunghezza donda. Si forma una successione
magnitudine. continua di righe colorate, detta spettro di

Sistema e modello 1. Spettro elettromagnetico

Le onde elettromagnetiche radiazioni Lunghezza donda in metri radiazioni


formano lo spettro ad alta frequenza 12 10 8 7 7 4 2 2 4 a bassa frequenza
e alta energia 10 10 10 410 710 10 10 1 10 10 e bassa energia
elettromagnetico. La luce
visibile occupa solo una Raggi Raggi Ultravioletti Infrarossi Microonde Onde radio
parte dello spettro. Le stelle




gamma X
emettono anche radiazioni di FM Onda AM
corta
lunghezza maggiore e minore.

La posizione visibile dello


spettro elettromagnetico
uno spettro continuo di colori
dal violetto (4107m) al rosso
(7107m).
410 7 510 7 radiazione visibile 610 7 710 7

16
unit 1 IL SISTEMA SOLARE NELLUNIVERSO

Stella

Classe
O B A F G K M
spettrale

Temperatura
> 25 000 25 000-11 000 11 000-7500 7500-6000 6000-5000 5000-3500 3500-2200
(K)

emissione continuo. Ogni elemento chimico, simili e questo fatto indica che hanno la stessa 2. Classificazione delle
riscaldato ad alta temperatura, emette una precisa composizione chimica. Secondo una classificazione stelle in base alla
temperatura superficiale
riga dello spettro ed identificabile. che risale allOttocento, le stelle sono state
La causa del diverso colore
Gli spettri di emissione delle stelle, detti suddivise in sette classi spettrali principali, delle stelle la loro diversa
spettri stellari, mostrano molte righe oscure disposte per temperatura decrescente 2 . temperatura superficiale.
e sono spettri a righe di assorbimento. Le stelle pi calde sono di colore bianco-azzurro Come si osserva nella
I gas degli strati pi esterni delle stelle e quelle pi fredde di colore rosso cupo. Il Sole, tabella, la temperatura
assorbono particolari lunghezze donda della per esempio, una stella bianco-gialla e ha una espressa in gradi kelvin (K) e
si ha: T (C) = T(K) 273,15.
luce emessa e nello spettro appaiono righe temperatura superficiale di circa 5800 K.
Le stelle pi calde sono stelle
oscure in corrispondenza di tali lunghezze di tipo O e temperatura
La temperatura superficiale determina il colore
donda. Dallesame degli spettri stellari si pu superficiale di circa 25 000 K,
delle stelle, che varia dallazzurro delle stelle pi
dedurre quali sostanze dei loro strati esterni mentre le stelle pi fredde
fredde al rosso cupo di quelle pi calde. sono di tipo M e temperatura
hanno causato lassorbimento. In generale gli
spettri stellari forniscono informazioni sulla superficiale compresa tra
Le stelle variano per dimensione, composizione 3500 K e 2200 K.
composizione chimica di una stella.
e temperatura superficiale. Inoltre si osservano
Mediante gli spettri stellari stato possibile
stelle singole, come il Sole, o appartenenti a
verificare che una stella una sfera di gas
sistemi doppi, tripli o multipli. Alcune stelle sono
incandescente, formata da idrogeno per circa
variabili perch cambiano in modo abbastanza
il 70% ed elio per circa il 28%. Il resto circa
regolare la loro luminosit.
l1-2% composto da elementi chimici pi
pesanti. Nelle stelle la materia costituita da STUDIARE
IMPARA A
elettroni e ioni e si trova allo stato di plasma.
Organizza le informazioni 3. Considera la Fig. 2 e indica quale scala di
Le stelle sono sfere di gas incandescenti, unit di misura applicata per misurare
1. Completa lo schema dei concetti della lezione.
costituite da idrogeno ed elio, e in minima la temperatura superficiale delle stelle.
parte da altri elementi chimici. Gli spettri stellari Caratteristiche delle stelle A quanti gradi centigradi corrispondono
25 000 K?
forniscono informazioni sulla composizione luminosit
chimica delle stelle.
......................... Spiega a voce alta
assoluta 4. Spiega perch si usa la magnitudine
assoluta per confrontare la luminosit
Il colore delle stelle composizione chimica
di stelle diverse.
Se osserviamo le stelle con un binocolo, notiamo idrogeno 5. Illustra il funzionamento dello
che alcune appaiono rosse, altre arancioni, altre ......................... spettroscopio.
ancora gialle, azzurre o bianche. Da che cosa 6. Spiega che cosa sintende per classe
altri elementi spettrale di una stella.
dipende il colore delle stelle?
Collochiamo un pezzo di filo di ferro sopra una colore
fiamma. Il ferro si scalda progressivamente e classi spettrali Studia in digitale
diventa rosso, poi giallo e infine bianco-azzurro. temperatura ......................... 7. Studia il processo in movimento con
Questa esperienza fa comprendere che il colore di lanimazione.
una stella in relazione con la sua temperatura Studia le immagini Le stelle
superficiale. 2. Considera lo spettro elettromagnetico della
Stelle di uguale colore, e quindi con la temperatura Fig. 1 e indica tra quali lunghezze donda
superficiale simile, generano spettri stellari compresa la luce visibile.

17
3 Levoluzione delle stelle
LEZIONE

WORDS Il diagramma H-R Il ciclo di vita delle stelle


GEO
Gli astronomi E. Hertzsprung (danese) e Ogni stella nasce, si evolve e muore e ha un
Gigante rossa H.N. Russell (statunitense) hanno analizzato proprio ciclo di vita che pu durare miliardi di
Red giant
la relazione tra la luminosit assoluta delle anni. Gli astronomi hanno descritto le diverse
da greco gigas,
gigante stelle e la loro temperatura superficiale e, fasi della vita di una stella studiando astri che
indipendentemente uno dallaltro, hanno si trovano a stadi diversi del loro sviluppo e
Nebulosa
elaborato un diagramma, detto applicando il diagramma H-R. Il diagramma
Nebula
dal latino nebulosus, diagramma H-R 1 . infatti costituisce un valido strumento per
der. di nebula, Sullasse delle ascisse del diagramma H-R interpretare la loro evoluzione.
nebbia riportata la temperatura superficiale, che
Nascita ed evoluzione di una stella Nello
Nana bianca corrisponde a un determinato colore e classe
spazio cosmico presente materia interstellare
White dwarf spettrale della stella, espressa in unit solari, cio
dal latino nanus, costituita da gas e polveri, concentrata
ponendo la luminosit assoluta del Sole uguale a
nano in ammassi oscuri e freddi, di bassa densit,
1. Sullasse delle ordinate si trovano i valori della
chiamati nebulose. Le nebulose pi vicine
luminosit assoluta. Nel diagramma, la maggior
a noi sono composte in prevalenza da
parte delle stelle disposta lungo una fascia
idrogeno (circa 90%), elio e tracce di elementi
diagonale chiamata sequenza principale.
pesanti.
Il diagramma H-R rappresenta la relazione tra Allinterno delle nebulose si possono innescare
luminosit assoluta e temperatura superficiale di moti che fanno avvicinare e aggregare le particelle.
una stella. La materia si concentra e inizia un processo di
contrazione dovuto alla forza di gravit.

Pattern 1. Il diagramma H-R


Maggiore

Nella sequenza Al di fuori della


principale in alto SUPERGIGANTI
BLU
sequenza principale in
a sinistra sono alto a destra ci sono
disposte le stelle Rigel stelle giganti rosse
pi luminose e calde GIGANTI che hanno dimensioni
SUPERGIGANTI
(di colore blu). BLU Stella enormi.
ROSSE
Polare
SEQ
PRI UEN
NC Z
IPA A GIGANTI
LE Aldebaran ROSSE
Il Sole si trova nella Sirio Nella sequenza
parte mediana della Sole in basso a destra ci
sequenza ed una sono le stelle meno
stella bianco-gialla. luminose e fredde
(di colore rosso) con
NANE massa circa un decimo
NANE ROSSE di quella del Sole.
In basso a sinistra,
BIANCHE Proxima
esterne alla
Centauri
sequenza principale,
si trovano stelle
Minore

piccole e calde dette


nane bianche.
Maggiore Minore
Temperatura

18