Sei sulla pagina 1di 122

STONEX DATA MANAGER

Guida utente

Versione 3.072
Revisione E
Ottobre 2013

STONEX EUROPE srl | Via Zucchi 1 | 20900 Monza (MB) | Italy |


Phone +390392783008 | Fax +390392789576 | www.stonexpositioning.com
Stonex Data Manager - Indice

CAP 1 STONEX DATA MANAGER ............................................................... 1

1.1 Stonex Data Manager - Installazione ................................................ 1

1.2 Avvio del programma - codice di attivazione.................................... 2

1.3 Connessione USB ............................................................... ............... 2

CAP 2 AMBIENTE DI LAVORO E COMANDI GRAFICI ................................... 3

2.1 Elementi grafici in Stonex Data Manager.......................................... 3

2.2 Spazio di Lavoro ............................................................... ................. 4

2.3 Barra di disegno ............................................................ .................... 4

2.4 Barra informazioni grafiche .............................................................. 5

2.5 Penna Su-Penna Gi .......................................................................... 5

2.6 Arco ................................................................................................... 6

2.7 Arco raccordato................................................................................. 6

2.8 Circonferenza .................................................................................... 8

2.9 Polilinee............................................................................................. 8

2.10 Curve ................................................................................................. 8

2.11 Parallele-Prependicolari .................................................................... 9

2.12 Punto su elemento ............................................................................ 9

I
2.13 Chiude figura ................................................................................... 10

2.14 Coordinate-Distanza........................................................................ 10

2.15 Inserimento da tastiera ................................................................... 11

2.16 Apre lavoro...................................................................................... 11

2.17 Memorizza lavoro ............................................................... ............ 11

2.18 Info lavoro ....................................................................................... 12

2.19 Disegno su stampanate/plotter ...................................................... 12

2.20 Operazioni di zoom ......................................................................... 13

2.21 Impostazioni grafiche (piani linee colori) .................................. 13

2.22 Traccia scritture............................................................................... 15

2.23 Traccia simboli................................................................................. 16

2.24 Traccia punti quotati ....................................................................... 17

2.25 Sfondo Bianco/Nero ........................................................................ 18

2.26 Cattura ............................................................................................ 19

2.27 Sposta nodo .................................................................................... 21

2.28 Cattura distanza ............................................................... ............... 21

2.29 Cattura quota .................................................................................. 22

2.30 Cancellazioni ............................................................... .................... 22

2.31 Selezione ......................................................................................... 23

2.32 Lista elementi .................................................................................. 24

II
CAP 3 TRATTAMENTO DATI GPS ............................................................. 25

3.1 Scarico dati GPS............................................................................... 25

3.2 Importa file Stonex RW5 ................................................................. 26

3.3 Trasformazione di coordinate ......................................................... 27

3.4 Sistema locale ................................................................................. 27

3.5 Datum e proiezione......................................................................... 29

3.6 Caratteristiche dei punti ................................................................. 29

3.7 Calcolo punti per allineamento ....................................................... 31

3.8 Calcolo punti per intersezione ........................................................ 33

3.9 Pregeo ............................................................................................. 34

3.10 Esportazione file per GPS ................................................................ 35

CAP 4 ESPORTAZIONE LAVORI ................................................................ 37

4.1 Esportazione file CAD (dxf) ............................................................. 37

4.2 Esportazione ESRI Shapefile ............................................................ 39

4.3 Esportazione file Stonex RW5/CRD ................................................. 40

4.4 Esportazione file ASCII di coordinate .............................................. 41

4.5 Esportazione base raster georiferita ............................................... 42

4.6 Esportazione GPS Exchange Format (gpx) e Google Earth (kmz) . 43

CAP 5 IMPORTAZIONE FILES ................................................................... 44

5.1 Importa file dxf................................................................................ 44

III
5.2 Importa ESRI shapefile .................................................................... 45

5.3 Importa file Stonex RW5 ................................................................. 45

5.4 Importa file ASCII ............................................................... ............. 46

5.5 Sovrappone immagine raster .......................................................... 47

5.6 Importa Nuova immagine raster ..................................................... 47

CAP 6 TRASFORMAZIONE DI COORDINATE ............................................. 48

6.1 Trasformazioni-Creazioni Datum/Sistemi riferimento.................... 48

6.1.1 Apre un file esistente di coordinate geografiche/cartesiane ..... 50

6.1.2 Memorizza file coordinate geografiche/cartesiane .................... 51

6.1.3 Edita un punto manualmente ..................................................... 51

6.1.4 Stampa file lista coordinate ........................................................ 52

6.1.5 Disegno: cambia Datum/Sistema di riferimento ........................ 53

6.2 Disegno: Cambia Gauss/Catasto ..................................................... 54

6.3 Trasla e Ruota.................................................................................. 54

6.3.1 Input manuale ............................................................................. 55

6.3.2 Cattura punto quotato ................................................................ 55

6.4 Calcoli Geodetici.............................................................................. 56

CAP 7 MOSAICATURA TAGLIA LAVORO ................................................ 57

7.1 Taglia finestra .................................................................................. 57

7.2 Taglia in riquadri ............................................................................. 58

IV
CAP 8 PUNTI QUOTATI............................................................................ 60

8.1 Modello Matematico ...................................................................... 60

8.1.1 Piani linee discontinuit .............................................................. 60

8.1.2 Piani punti quotati....................................................................... 61

8.1.3 Contorni ............................................................... ....................... 61

8.1.4 Parametri modello ...................................................................... 62

8.1.5 Distanza limite............................................................................. 62

8.1.6 Conferma-Eseguire-Ripetere....................................................... 63

8.2 Curve di Livello ................................................................................ 64

8.2.1 Parametri curve di livello ............................................................ 65

8.2.2 Legge linee .................................................................................. 65

8.2.3 Esegue ......................................................................................... 66

8.3 Calcolo di volumi ............................................................................. 67

8.3.1 Calcolo su piano orizzontale ....................................................... 67

8.3.2 Calcolo su piano inclinato (tre punti) .......................................... 68

8.3.3 Numera triangoli ......................................................................... 68

8.3.4 Linee di intersezione ................................................................... 68

8.3.5 Eseguire calcolo di volumi ........................................................... 69

8.3.6 Stampa report calcolo volumi ..................................................... 69

8.4 Scritture punti quotati .................................................................... 71

V
8.4.1 Sposta scritture ........................................................................... 71

8.4.2 Ripristina posizione ..................................................................... 71

8.4.3 Traccia linea unione .................................................................... 71

8.4.4 Elimina linea unione .................................................................... 72

8.4.5 Riduce punti vicini ....................................................................... 72

CAP 9 ENTIT ......................................................................................... 73

9.1 Crea figura chiusa............................................................................ 73

9.1.1 Area interna ............................................................... ................. 74

9.2 Chiama figura chiusa ....................................................................... 74

CAP 10 ROTOTRASLAZIONE .................................................................... 75

10.1 Rototraslazione ............................................................................... 75

10.1.1 Coordinate locali ............................................................... .......... 76

10.1.2 Tipo di rototraslazione ................................................................ 77

10.1.3 Rototraslazione di unimmagine raster....................................... 78

10.1.4 Creare nuovo lavoro rototraslato ............................................... 79

CAP 11 FILE DI PUNTI .............................................................................. 80

11.1 Chiama file di punti ............................................................... .......... 80

11.2 Crea file di punti .............................................................................. 81

CAP 12 PROFILI ....................................................................................... 82

12.1 Cattura singolo elemento/Catena di elementi ............................... 82

VI
12.2 Elementi aggiuntivi.......................................................................... 85

12.2.1 Salto (m) ...................................................................................... 85

12.2.2 Profilo destro/sinistro ................................................................. 85

12.2.3 Informazione ripetitiva ............................................................... 86

12.2.4 Informazione associata al simbolo .............................................. 86

12.2.5 Altezza palo e informazione asociata.......................................... 86

12.2.6 Informazione aggiuntiva ............................................................. 87

12.2.7 Informazione di attraversamento ............................................... 87

12.2.8 Deviazione ................................................................................... 87

12.3 Disegna profilo ................................................................................ 88

12.3.1 Fincature ............................................................... ...................... 90

12.3.2 Impostazioni disegno .................................................................. 92

12.3.3 Configurazioni disegno ................................................................ 94

12.3.4 Salti di quota (quota fondamentale) ........................................... 94

12.3.5 Intestazioni .................................................................................. 95

12.3.6 Sovrappone profili ....................................................................... 96

12.3.7 Traccia profilo (Disegna) ............................................................. 96

12.4 Profilo di progetto ........................................................................... 98

12.5 Chiama profilo/Inserisce da tastiera ............................................... 99

Guida rapida alle funzioni di Stonex Data Manager ................................. 100

VII
CAP 1 STONEX DATA MANAGER

Stonex Data Manager un insieme di moduli software orientati alla gestione


di rilievi del territorio effettuati con strumentazione Stonex GPS e Stazioni
totali topografiche.
Stonex Data Manager supporta i sistemi operativi Windows XP/Vista/7, 32 e
64 bit.

1.1 Stonex Data Manager - Installazione

Dal CD di installazione attivare


Setup_SDM.exe.Seguire le indicazioni.

Qualora esista gi una precedente


installazione di Stonex Data Manager
viene richiesto se si desidera procedere con
la nuova installazione che andr a sostituire
la precedente.

Avanti: precedere con


lintsllazione.

Confermare o modificare
la cartella di installazione.

Confermare le successive
fasi della installazione.
Il sistema propone di
associare i file con estensione SXF

1
Terminata linstallazione licona di Stonex Data Manager sar visibile sul
Desktop del computer.

1.2 Avvio del programma - codice di attivazione

Al primo avvio di Stonex Data Manager


viene richiesto linserimento del codice
di attivazione.

Comunicare a Stonex Europe s.r.l.

- tel. 0392783008
- fax. 0392789576
- support@stonexpositioning.com

il codice di accesso generato nella prima riga della maschera mostrata in


figura per ottenere il codice di risposta necessario per attivare il programma.

Il codice richiesto durante la prima esecuzione del programma e tutte le


volte che Stonex Data Manager viene reinstallato o installato su un nuovo
computer.

1.3 Connessione USB

Il computer deve essere dotato degli utensile che consentono il collegamento


del registratore dati mediante porta USB.
Qualora il computer ne sia sprovvisto dal CD di installazione (cartella
Collegamento USB) si possono attivare le procedure di installazione degli
appositi driver per i diversi sistemi operativi.

2
CAP 2 AMBIENTE DI LAVORO E COMANDI GRAFICI
2.1 Elementi grafici in Stonex Data Manager

I lavori di Stonex Data Manager sono la rappresentazione grafica di


elaborazioni provenienti da procedure di topografia, di gestione dati da GPS o
di file di punti di varia natura.

La rappresentazione grafica composta da:

- linee
- archi
- circonferenze
- polilinee
- curve
- immagini
- testi
- simboli
- punti quotati

testo

immagine
curva

linea

Arco raccordato

polilinea
p.to quotato

simbolo
arco

circonferenza

3
2.2 Spazio di Lavoro

Lo spazio di lavoro appare cos

Barra di disegno Menu principale Barra informazioni grafiche

Cursore
Barra strumenti

Ambiente grafico

2.3 Barra di disegno

La barra dei comandi grafici contiene linsieme di comandi per selezionare il


tipo di elemento grafico e la modalit con cui viene tracciato.

Il movimento del mouse rappresentato dal cursore.


Il tipo di cursore selezionato dalle apposite icone della
barra dei comandi grafici.
Nel centro del cursore rappresentato un cerchio chiamato
snap. La dimensione (raggio) dello snap si imposta nella apposita casella
posta in alto a destra. Il valore pu essere imposto manualmente o con il
movimento delle frecce.
Il tasto sinistro del mouse determina la posizione di un punto o rende
operativa la funzione grafica attivata (cattura, cancellazione, ecc.).
4
Il tasto destro del mouse interrompe loperazione in corso.
Solo nel caso di cattura multipla di elementi grafici, il tasto destro del mouse
rende operativa la funzione.

2.4 Barra informazioni grafiche

Visualizza la funzione grafica in corso:

Coordinate cursore Scala del disegno Funzione grafica in corso Piano e tipo di linea

Azimuth in corso (gradi centesimali)

Ultimo azimuth (gradi centesimali)

2.5 Penna Su-Penna Gi

Definisce lo stato di tracciamento.

Penna su: mouse in movimento e non stato ancora cliccato il tasto sinistro
per definire un elemento grafico.

Penna gi: stato cliccato il tasto sinistro del


mouse ed stata definita una linea.

Il tracciamento lineare lo stato di default


del sistema ed rappresentato dalla apposita
icona nella barra di disegno.

Alla fine di qualsiasi funzione grafica, il sistema si


riporta nello stato di tracciamento lineare.

5
2.6 Arco

Necessita della definizione di 3 punti.


In stato di penna su attende la definizione del primo
punto.

Attende la definizione del secondo punto.

Attende la definizione del terzo punto.

Traccia arco e torna allo stato di penna su.

2.7 Arco raccordato

Prevede lidentificazione di due linee che possono avere un vertice in


comune.

Vertice in comune

- Identificare la linea 1
- Identificare la linea 2

Assegnare il valore del


raggio
nella tabella che subito dopo compare:
Viene tracciato larco raccordato tra le direzioni.
I punti di contatto dellarco sulle direzioni spezzano le
linee; in tal modo gli spezzoni di linea verso il vertice
possono essere cancellati.

6
linee senza vertici comuni

Identificare la linea l
Identificare la linea 2

Definire i parametri di traccia mento dell'arco


OAAora.c;cordato

Oteno 6
o T.-.gert"a1B pnqtlN NlleD onU
T e alaHI C Orldltle. a aleB O n ata

PnmetnPid del <"UOVO a=


.... NUll
2

TIPOii"lea l

,.".".'."., - 1 11.
O AKora.::tordato

Ctt-6t.lgenlB
o T""!jj!fte ...pi'IMba5eierlonlta
T.-.gerleal as ec o"ldai'lea.eleD On!ta

- 1 11. 2
O Arco raccordato
-

T.-.gcrte... h e NIIelior wltl

Nooda lapa ote do!Oponi h'clon'e l lliW O de ltn)

.
P..:ne at dllri.IOV'Daoo:

.... N\.U
TIPOii"lea 1

,.".".'.".","" 1 11.
0 Arcora ccordato

@ Ta"! Qa'Ual apri m ah a . zianala


TangertealaHIC Orldllne a . DOMta

Ol nwadel"areo tnl

O l>tr::ofs
Pnmdri clelruovo..:o
.... N\.U


TIPOba 1

""'""""
5pe a < n 1
-- 1 11.

7
2.8 Circonferenza

Definire il centro ed un punto della circonferenza

Definire 3 punti della circonferenza

2.9 Polilinee

un insieme sequenziale di linee.


Le linee tracciate vengono memorizzate in ununica entit che
potr essere catturata o cancellata.
Non potranno essere catturate o cancellate le singole linee che
compongono la polilinea.

2.10 Curve

Interpola una catena di linee.


Dimensione del tratto di interpolazione
(m): dimensione di tratti di linea di cui si
desidera sia composta la curva.

Grado di curvatura 0

Grado di curvatura 1

Pi alto il grado di curvatura pi la curva si avvicina alla spezzata originale.

8
2.11 Parallele-Prependicolari

1 Perpendicolarit
2 Parallelismo
3 Definisce direzione

Perpendicolare

Dopo avere definito la linea 1-2 cliccare


sullicona 1 nella barra dei comandi grafici.
Le successive linee tracciate saranno
perpendicolari alla linea precedente.
Linee perpendicolari

Parallelismo

Dopo avere definito il punto 3 cliccare


sullicona 3 della barra dei comandi grafici,
catturare la direzione 1-2 e successivamente
cliccare licona 2, la linea successiva sar parallela
alla direzione 1-2.

Se questi comandi sono selezionati senza avere


prima definito la direzione, significa che la linea da tracciare sar
parallela/perpendicolare alla direzione precedentemente tracciata.

2.12 Punto su elemento


2
Dopo il punto 3 cliccare nellicona nella barra dei
comandi grafici e cliccare un punto vicino
allallineamento 1-2.
Il nuovo punto sar posizionato sullallineamento
1-2. 3
Lelemento grafico potr inoltre essere spezzato 1
dal punto allineato sulla direzione.
La funzione punto su elemento pu essere
attivata anche in presenza di parallelismo o
perpendicolarit.
9
2.13 Chiude figura

Questo comando consente di chiudere sul punto di partenza una sequenza di


linee.
Con la funzione di perpendicolarit attivata il punto di chiusura verr
opportunamente spostato al fine di conservare la perpendicolarit degli
elementi grafici.

2.14 Coordinate-Distanza

Nello stato di default il


sistema visualizza con
continuit le coordinate
della posizione del cursore.

Il comando nella barra di


disegno consente di
visualizzare la distanza
dallultimo punto
posizionato con il mouse.

Le coordinate e la distanza sono visibili sulla sinistra della barra informazioni


grafiche.

10
2.15 Inserimento da tastiera

Il comando rappresentato dallicona attiva lintroduzione da tastiera di


coordinate o di valori utili allo svolgimento grafico in corso.

Nello stato di costruzione di circonferenza viene richiesto il raggio

Equivale a premere sulla tastiera i tasti Ctrl+T.

2.16 Apre lavoro

Il lavoro ha estensione SXF e


viene richiamato con la usuale
maschera di dialogo:

2.17 Memorizza lavoro

Il lavoro comprende i punti rilevati secondo le procedure descritte al cap 3 e


tutti gli elementi grafici di tracciamento che loperatore voglia inserire, le figure
chiuse create e eventuali mapper aster di sfondo.
Il nome del lavoro vien scelto con la usuale maschera di dialogo.

11
2.18 Info lavoro

Presenta una pagina in cui


viene riepilogato il numero di
elementi grafici presenti nel
lavoro, le coordinate minime
e massime.
Qualora siano presenti
immagini raster vengono
riepilogate le caratteristiche

2.19 Disegno su stampanate/plotter

Consente di stampare il
contenuto dello spazio grafico su
una stampante o su un plotter
con una scala definita dallutente

La maschera di dialogo consente


di selezionare la periferica di
stampa, la risoluzione di stampa,
il formato, il tipo di
posizionamento (orizzontale,
verticale, centramento nel
foglio), stampa colori o bianco
nero.
Una volta impostata la scala del
disegno e confermata, vengono
visualizzate le dimensioni di
occupazione.

12
2.20 Operazioni di zoom

Consentono ingrandimenti o riduzioni del contenuto grafico di quanto


rappresentato su video.
Le funzioni possono essere selezionate dal menu Zoom o dalle icone del
pannello che generalmente compare nella parte sinistra dello schermo
sposta
finestra (richiede la definizione dei due punti di estremi con il mouse)
zoom +/-
zoom tutto

Pu essere richiesto uno zoom introducendo le coordinate da tastiera (zoom


coordinate) o la scala di disegno (Scala)

In presenza di immagine raster di sfondo questa pu essere visualizzata o


eliminata dal disegno.

2.21 Impostazioni grafiche (piani linee colori)

Ogni elemento grafico si caratterizza con attribuzione


di caratteristiche grafiche. A questa funzione si
accede dal Menu Disegno (imposta grafica Piani
Linee Colori) o dalle icone del pannello di grafica

Impostazione grafica

Visualizza lelenco delle combinazioni Piano Linea Colore Spessore.


Loperatore pu selezionare la linea per imporre ai prossimi elementi grafici
da realizzare i parametri descritti nella linea selezionata.

13
Piani (Layer)

Visualizzazione di piani (Accendi/Spegni tutti i piani) o gli appositi


comandi
OK Creazione di nuovi piani
attribuzione o cancellazione di piani

Linee

Il tipo di linea pu
essere selezionato dalla
tabella contenente le
linee preesistenti.

Creazione nuove linee


Possono essere create
nuove linee riempiendo
una apposta tabella in
cui si identificano i tratti
a penna su e penna gi
che compongono la
linea.

14
Alla nuova linea viene
attribuito un nome
(Nume nuova linea) e
verr memorizzata con il
comando Memorizza
linea.

Colore

Il colore viene selezionato dalla apposita tabella


dei colori

2.22 Traccia scritture

Presenta la pagina con la preparazione del testo


da tracciare.
Oltre alle dimensione del testo pu essere

selezionata la fonte di caratteri.

La scrittura verr poi trascinata con


il mouse e confermata nel punto
desiderato.
Nel caso di scrittura con
cursore o estesa dovr essere
identificato il secondo punto di
orientamento o di fine della
scrittura.

15
Il testo potr essere:
proporzionale alla scala:
la dimensione varia
congruentemente agli
zoom eseguiti, altrimenti
avr dimensione sempre
uguale.

2.23 Traccia simboli

Deve essere definito il tipo di simbolo e le relative dimensioni

Il simbolo viene selezionato da una tabella preesistente.

Il simbolo pu essere:
proporzionale alla scala:
la dimensione varia
congruentemente agli
zoom eseguiti, altrimenti
avr dimensione sempre
uguale.

16
2.24 Traccia punti quotati

Il punto quotato
un elemento
grafico composto
di un simbolo
con associato un
nome e la quota.
Come nel caso
precedente il
simbolo viene
selezionato da
una tabella
preesistente che
compare
cliccando nella
casella di testo
Nome simbolo.

Il simbolo pu essere:
proporzionale alla scala: la dimensione varia
congruentemente agli zoom eseguiti,
altrimenti avr dimensione
sempre uguale.

Attivando il flag Traccia da


(Collegamento linea), i punti
possono essere concatenati con
una linea.

17
2.25 !londo Bianco/Nero
Cattura Cancella Entit
Impostazione dello sfondo Imposta grafica
Piani
DO
0.000
linee
Colori
Traccia scritture
Traccia simboli
Traccia puntiquotati

18
2.26 Cattura

La cattura pu essere fatta


con le seguenti modalit:

Cattura singolo elemento


grafico: cliccare su una
elemento catturandolo nello spazio
della dimensione snap.

Cattura elementi in finestra: cattura


gli elementi dentro un riquadro
definito dai punti estremi con il
mouse. Vengono catturati solo gli
elementi grafici allinterno della
finestra.

Cattura elementi intersecati da


finestra: cattura gli elementi dentro
ed intersecati da un riquadro
definito dai punti estremi con il
mouse.

Cattura catena di elementi grafici:


una volta catturata una linea
vengono ricercate e concatenate
tutte le linee che abbiano un
vertice in comune fino a che non
vi siano pi possibilit di
concatenamento a causa di
estremi liberi o con pi linee
concatenate.

19
La cattura pu essere fatta in modo selettivo selezionando gli elementi da
catturare dalla barra laterale dei comandi.
La cattura di uno o pi elemento consente la modifica delle caratteristiche
grafiche che devono essere inserire nella maschera e confermate con il
comando Modifica.

Un caso a parte la cattura del punto quotato. Per questo


elemento grafico oltre alle caratteristiche grafiche vengono
presentate tutte le caratteristiche acquisite nel rilievo, queste
ultime sono visualizzabili mediante la barro di scorrimento
destra.

20
2.27 Sposta nodo

Consente di catturare un punto (tasto


sinistro del mouse) su cui convergono pi
elementi lineari (linee, archi) e di
trascinarlo con il mouse, fissandolo in una
nuova posizione (tasto sinistro del mouse).
Qualora la nuova posizione sia fatta su un
punto preesistente, agli estremi degli
elementi lineari convergenti sul nodo verr
assegnata la quota del punto preesistente

2.28 Cattura distanza

Abilita la cattura di una distanza.

Con il comando Conferma si entra nella procedura di tracciamento della


scrittura precedentemente descritto (2.21).

21
2.29 Cattura quota

Prevede la
cattura di un
punto
quotato.
Viene subito
presentata la
procedura di
tracciamento
della
scrittura.

2.30 Cancellazioni

La procedura di cancellazione di un
elemento singolo prevede la cattura
dellelemento.
La procedura di cancellazione di
elementi allinterno di una finestra o
intersecati prevede lidentificazione degli
estremi di una finestra.
Il sistema chieder conferma della
cancellazione.

Il recupero delle cancellazioni


pu essere fatto per singolo
elemento cancellato (Recupera
ultima cancellazione), o per
tutti gli elementi cancellati
(Recupera tutti gli elementi
cancellati).

22
2.31 Selezione

La modifica di elementi grafici pu essere fatta selezionando una categoria di


elementi grafici.

La parte sinistra della


pagina di dialogo
contiene la selezione
del parametro grafico
da modificare. Questa
selezione pu essere
fatta per Tutti gli
elementi o accendendo
il flag corrispondente al
parametro di selezione.
La parte destra contiene
come devono essere
modificati gli elementi
selezionati.
Nellesempio sopra
riportato Tutti i vettori
avranno assegnato il
piano Punti.

La maschera di dialogo
differente per ogni
categoria di elementi
grafici.
Nellesempio riportato per
modifica di punti quotati si
impone che a tutti i punti di
colore Red vengano
attribuiti Base, Altezza,
Altezza testi e
Visualizzazione del nome.

23
2.32 Lista elementi

Il comando Lista elementi del men File


permette di visualizzare e modificare
tutti gli elementi grafici presenti nel
lavoro.

Possono essere listate diverse categorie di elementi grafici:

- Lista tutto
- Lista punti quotati
- Lista Simboli
- Lista Testi
- Lista Linee
- Lista Polilinee
- Lista Figure chiuse

La selezione di un elemento
equivale alla cattura di un
elemento singolo.
Viene infatti attivata la
procedura relativa alla
selezione di un elemento
grafico descritta al par 2.26.

Gli elementi selezionati


vengono aggiunti alla lista di
destra dove possono essere:

- Visualizzati/modificati
- Eliminati

24
CAP 3 TRATTAMENTO DATI GPS
3.1 Scarico dati GPS

Quando viene lanciato Stonex Data Manager verifica se la periferica di


registrazione dei dati GPS collegata. Qualora la verifica sia positiva il
sistema presenta il contenuto dei file di rilievo (*.rw5).
Nella parte sinistra vengono elencati i file presenti nella periferica.
Nella parte destra vengono elencati i file di rilievo presenti nel computer
nella cartella di lavoro corrente.

Alla stessa funzione si accede dal menu Connessione con periferica.

Attraverso un apposito comando si


accede alla possibilit di selezionarla
cartella di lavoro nella periferica. Questa
impostazione opportuno sia fatta al
primo collegamento.
La cartella in cui si trovano i file :
Program File Stonex Data.

Loperatore deve selezionare dalla lista


dei file rilevati presente nella periferica il
file (o i file) da scaricare.
I file selezionati vengono riportati nella
lista sottostante.

25
Il comando Copia da palmare a computer
provoca la copia dei file nella cartella
corrente del computer.
Dopo lavviso di Trasferimento terminato
viene proposta limmediata
rappresentazione su video del rilievo
attraverso il comando Disegna.

Il sistema prosegue con la richiesta del tipo


di trasformazione da attuare alle coordinate
geografiche WGS84 rilevate.

3.2 Importa file Stonex RW5

I file scaricati a computer


con la procedura
precedentemente descritta
o con il copia-incolla dalla
periferica, possono essere
successivamente
selezionati per la
elaborazione.
Viene richiesta la selezione
del file e successivamente il tipo di trasformazione
da attuare.

26
3.3 Trasformazione di coordinate

Vengono presentate le possibilit


di trasformazione dal sistema di
coordinate geografiche WGS84 .

Sistema locale e
Datum/Proiezione verranno
descritti di seguito.

Coordinate definite in campo: si


intende conservare il sistema
scelto in campo con cui sono stati rilevati i punti

Punti calcolati con calibrazione in campo: vengono rappresentati solo i punti


usati per la calibrazione.

Visualizza basi: attiva la visualizzazione dei punti usati come base (non
consigliata nel caso di collegamento a rete VRS, poich le basi possono essere
posizionate lontano dal luogo del rilievo).

3.4 Sistema locale

Viene proposta la
maschera nella quale
selezionare un punto di
origine ed attribuire ad
esso le coordinate
planimetriche e la quota.
Pu essere selezionato
lellissoide delle
coordinate geografiche.
Pu essere selezionato il
file contenente le
differenze di quota tra le
altitudini misurate ed il
geoide (in questo caso non

27
devono essere prese in considerazione le modalit di calcolo delle quote
descritte di seguito).
Sono selezionabili le seguenti modalit di proiezione:

Geodetiche rettangolari a quota zero


Definito con O il punto origine, le
coordinate rettangolari del punto P
corrispondono alla misura delle geodetiche
come rappresentato in figura (X,Y).
Le quote si intendono riferite alla
superficie dellellissoide.

Geodetiche rettangolari in quota


Come il precedente, ma le distanze tra i punti sono riportate su un piano ad
una quota media del punto origine O.

Piano tangente - proiezione polare


Le coordinate cartesiane sono riportate
su un piano tangente al punto origine
P0.
La quota del punto P definita dal
segmento P1-P

Punto tangente proiezione


rettangolare
Come il precedente, ma la quota del
punto P data da P2-P.

28
3.5 Datum e proiezione

Nella parte sinistra viene selezionato il Datum, nella parte destra la


proiezione cartografica, il file del geoide e lellissoide.
Con il comando Eseguire il sistema procede alla trasformazione.

3.6 Caratteristiche dei punti

Consente limpostazione dei simboli di


rappresentazione, dei colori e dei layer
dei punti.
Come impostazione di partenza i punti
vengono divisi in:
- punti generici
- punti con nome multiplo di 100
- punti base

29
Selezione del colore: cliccare nella casella di
testo con il nome del colore o nella casella alla
destra. Scegliere il colore e confermare con il
comando Conferma.

Selezione del simbolo: cliccare nella casella di


testo con il nome del simbolo.
Scegliere il simbolo e confermare con
il comando Conferma.

Selezione del layer (piano): cliccare


nella casella di testo con il nome del
layer. Selezionare un layer dalla lista
o definirne uno nuovo (casella Nuovo
piano OK). Quindi confermare con
lappositocomando a icona

Formazione disegno:
E richiesta lattribuzione del nome di
un lavoro.
In questo lavoro saranno memorizzati
tutti gli elementi grafici successivi che
verranno introdotti, compreso gli
eventuali sfondi raster.
Al lavoro viene assegnata
lestensione SFX. Questa
estensione associata
allapplicativo Stonex Data
Manager, pertanto
selezionando il file SFX in
risorse di computer verr
attivato automaticamente
lapplicativo con la
rappresentazione del lavoro.

30
Successivamente i punti rilevati verranno rappresentati nello spazio grafico.

3.7 Calcolo punti per allineamento

Si attiva da menu Punti quotati. Consente di


calcolare nuovi punti basandosi sulla direzione
definita tra due punti rilevati.
Nella successiva maschera devono essere
selezionati dalla lista dei punti quotati 2 punti sui
quali realizzare
lallineamento (101-105
nellesempio), quindi devono
essere definiti:

-Nome del nuovo punto


- Distanza dal punto 1 (101
nellesempio), positiva se
verso il punto 105,
negetiva se allopposto
- Angolo in gradi centesimali
rispetto allallineamento
- Distanza a squadro
dallallineamento, positiva
se a destra , negativa se a
sinistra dellallineamento.
- Dislivello del nuovo punto
rispetto al punto 1

31
Licona attua il calcolo
del punto, del quale
vengono rappresentate le
caratteristiche grafiche .

Il punto confermato viene


riportato nella lista in
basso a sinistra della
maschera precedente ed il
sistema si predispone ad
accogliere un nuovo
calcolo di punti.
La conferma definitiva
visualizzer i nuovi punti
calcolati.

32
3.8 Calcolo punti per intersezione

Si attiva da menu Punti quotati. Consente di calcolare nuovi punti calcolati


attribuendo la distanza a ciascuno di due punti rilevati.
Deve essere definito se il nuovo punto debba essere a destra o a sinistra
dellallineamento dei due punti selezionati (Angolo da punto 1
positivo/negativo).
Il punto viene calcolato con la stessa modalit definita nel paragrafo
precedente.

33
3.9 Pregeo

Dal Menu File Esporta Pregeo.


Si compone di due pagine.

Intestazioni
Devono essere inserire le
informazioni principali.

Base GPS
Deve essere definito il punto base
rispetto alquale dovranno essere
calcolare le coordinate geocentriche degli altri punti.

34
3.10 Esportazione file per GPS

Dal Menu File Esporta File


Stonex RW5/CRD

Questa funzione crea i file che


potranno essere utilizzati in
campagna mediante SurvCE1, il
software di controllo con cui
equipaggiato il GPS topografico
Stonex S9-GNSS.

Ogni singola procedura di esportazione genera due distinti tipi di file:

- nomelavoro.rw5
- nomelavoro.crd

necessario attribuire un
nome ai file.
Al fine di evitare una
pericolosa sovrapposizione di
file, Il sistema attribuisce un
nome composto dal nome del
lavoro attuale seguito da un
numero dordine. Loperatore
pu comunque inserire un
nome a suo piacimento.
Il sistema emette un avviso alla
fine della creazione dei file.

1
Carlson Software - www.carlsonsw.com

35
Questi file potranno poi essere copiati
nel palmare dopo averlo collegato alla
porta USB, attivando la funzione del
Menu Connessione con periferica.

Dovranno essere selezionati i file con estensione RW5 presenti nel computer.
Il comando Copia da computer a palmare provveder a copiare anche i
corrispondenti file CRD.

36
CAP 4 ESPORTAZIONE LAVORI
Stonex Data Manager permette
lesportazione dei lavori nei pi diffusi
formati del settore GIS e della
progettazione CAD.
Con Stonex Data Manager possibile
inoltre creare file di cartografia
numerica, immagini raster georiferite, files
per GPS Stonex, Pregeo, waypoints e
tracks per i pi comuni sistemi GPS
in commercio.

4.1 Esportazione file CAD (dxf)

Dalla finestra di dialogo richiestolinserimento del nome del file DXF da


creare. Successivamente verr richiesto di compilare la maschera con le
caratteristiche del file.

Trasferisce quota
Se il flag attivo il file DXF sar tridimensionale, altrimenti bidimensionale.

37
Cifre decimali: Il file DXF un file ASCII, pertanto necessario definire il numero
di cifre decimali con cui le coordinate degli elementi
grafici saranno analiticamente descritte.

Numero elementi spline: Le curve sono composte da piccoli tratti.


Il numero dei punti pu essere sfoltito per rendere meno pesante il file DXF
risultante. Ad esempio se viene imposto il valore 3, la curva nel file DXF sar
descritta da un punto ogni 3 punti.

Punti quotati Blocco/Point: Il punto quotato composto da un simbolo e


da eventuali scritture associate (nome del punto e quota del punto).
Il trasferimento in DXF eseguito ricopiando la rappresentazione del disegno
originale: punto singolo, simbolo con nome e quota, simbolo con nome, simbolo
con quota.
Il simbolo pu essere rappresentato da un Blocco che trascriva il simbolo
come rappresentato nel disegno o semplicemente da un punto (Point).

Scrive sempre Point: Il Blocco pu avere un punto (Point) centrato sotto il


simbolo per facilitare le operazioni di cattura con il sistema che legger il file
DXF.

Scritture separabili: Le scritture di nome del punto e/o quota possono essere
associate al simbolo (attribuzione) o separate come testi a se stanti.

Trasferisce codice (P,D,T): Qualora fosse richiesta la scrittura del nome del
punto, pu essere trasferito oppure no il codice iniziale del punto T,P,D.

Estensione piano nome punto/Estensione piano quota: Nel sistema al


simbolo e alle scritture associate viene attribuito lo stesso piano.
Se in DXF richiesto il trasferimento della scritture del nome e/o della quota,
il piano di queste scritture pu essere differenziato.

Decimali rappresentazioni quote: I testi delle quote dei punti quotati, se


richiesti, verranno rappresentati con il numero di cifre decimali richiesto.

38
Le icone laterali permettono di configurare nel dettaglio i seguenti parametri:

1 (1) Definisce i colori


2
(2) Definisce tipo di linea
3

4 (3) Definisce font caratteri

5 (4) Definisce simboli

(5) Esce dalla procedura

4.2 Esportazione ESRI Shapefile

Dalla finestra di dialogo richiestolinserimento del nome del file SHAPE da


creare. Successivamente verr richiesto di compilare la maschera con le
caratteristiche del file.

Vengono esportati gli elementi grafici linea, polilinea, punti quotati.


Ma soprattutto importante il trasferimento delle informazioni associate che
corrisponderanno al file DBF del pacchetto shape.
39
Il sistema prevede che nello stesso lavoro gli elementi grafici possano esse
associati a schede diverse e che un singolo elemento grafico possa avere
associate pi schede informative.
Dopo lattribuzione dl nome del file da craere, la maschera che appare, prima
della conferma definitiva, mostra nella lista Schede i gruppi di file SHP.
Verranno infatti realizzati tanti gruppi di file Shape tante quante sono le
schede; ciascun gruppo conterr gli elementi grafici a cui stata associata la
scheda rappresentata nel relativo file DBF.
Inoltre verranno realizzati gruppi di Shape con elementi a cui non sono state
associate schede.
Nellesempio sopra proposto la maschera di composizione SHP comunica che
saranno composti dei gruppi di file Shape di simboli relativi alle schede
AIUOLA e ALBERI.
Saranno composti anche gruppi Shape di Simboli, Polilinee, Linee e Aree ai
quali non sono state associate schede informative.
Le lunghezze dei campi delle informazioni che andranno nel file DBF sono
definite automaticamente dal sistema: come lunghezza di riferimento viene
presa quella della informazione pi lunga.
Loperatore potr per definire le lunghezze e memorizzarle.

Il comando Campi aggiuntivi PQ (1) permette di


aggiungere al database (file DBF) una serie di record
aggiuntivi che verranno automaticamente compilati e
inseriti nel file esportato. I Campi aggiuntivi verranno
inseriti nel database di tutti gli elementi point (punto
quotato) di cui composto il rilievo.

4.3 Esportazione file Stonex RW5/CRD

Si veda par. 3.10

40
4.4 Esportazione file ASCII di coordinate

Permette di comporre un
file ASCII di coordinate o
di cartografia numerica.

Inserire il Nome del file 8


2
da creare (1). 4 5
6
Utilizzare i comandi del
riquadro Composizione di
3
formato (2) per comporre i
campi del file, che vengono 1
visualizzati nel riquadro 10 9
sottostante.
Cliccare licona (3) per memorizzare la successione e aggiungerla allelenco.

Impostare il numero di cifre decimali a seconda che il file sia composto da


coordinate cartesiane (4) o geografiche (5).

Scegliere il carattere separatore (6) dei campi del file.

Nella finestra Contenuto del file (8), viene visualizzata lanteprima di come
verr composto il file.

possibile stampare il file creato mediante lapposita icona (9)

Cliccare Procede alla creazione del file (10) per memorizzare il file e uscire
dalla procedura.

41
4.5 Esportazione base raster georiferita

Questa funzione trasforma in


raster il disegno visualizzato
su monitor (che sia vettoriale 1
o raster con sovrapposti 2
elementi vettoriali). 5

Dopo avere assegnato il


nome del file raster da
generare (nei principali e pi 6
diffusi formati immagine),
necessario individuare una 3
scala (1) ed una risoluzione 4
adeguata ad una corretta
rappresentazione del disegno
(2).
In genere il denominatore della scala da inserire (Scala del raster 1:) deve
essere congruente con la scala che loperatore imposterebbe per avere una
corretta visione del lavoro qualora disegnasse su un plotter o su una stampante,
dipende quindi dalle dimensioni del disegno e dalla risoluzione (DPI = punti
per pollice).
Il variare di questi elementi provoca la modifica dei valori di Lunghezza ed
Altezza pixel e della Occupazione in byte e Mb (3).
Il raster pu essere generato in Bianco/Nero, 256 colori e True Color (4).
La parte destra della finestra consente lassegnazione di uno spessore ai
diversi colori del disegno (5). Con i valori dei Margini (6) si intende attribuire
uno spazio di bordo a cui verr assegnato colore bianco.

Il comando Prepara raster avvia la creazione del raster.

possibile la produzione di un raster la cui origine un raster con un


vettoriale sovrapposto. In questo caso, nella precedente maschera, la scala e
la risoluzione saranno disabilitate in quanto vengono conservate le
caratteristiche iniziali dellimmagine origine.

42
4.6 Espor tazio ne GPS Exc hange Form a t (g p x) e G oogl e Ea rth
(kmz)

Stonex Data Manager permette di creare waypoints e tracks per i pi comuni


sistemi GPS in commercio e anche di esportare i lavori creati in GoogleEarth,
permettendo una veloce ed intuitiva comunicazione e diffusione dei dati
raccolti.
In caso di lavori composti unicamente da punti GPS la conversione (in Datum
WGS84) avviene senza ulteriori passaggi.

Nel caso in cui il disegno sia pi complesso e composto anche da altri


elementi grafici (linee, polilinee, poligoni), sar invece necessario specificare
il Datum, la Proiezione e lEllissoide di
origine con i quali il lavoro stato
costruito.

43
CAP 5 IMPORTAZIONE FILES
5.1 Importa file dxf

Funzione richiamabile dal menu a tendina:


File Importa.

Dalla maschera di dialogo


viene richiesto il nome
del file dxf da importare.
Il file dxf pu contenere
delle sequenze di vettori
definite come Polilinee.

Queste possono essere


considerate in modo che
ogni singolo vettore di
esse sia trasformato in
vettore (Polyline in vettori), o essere lasciate come Curve (Polyline in spline).

Il file dxf pu contenere delle definizioni POINT. Queste possono essere


trasformate in punti quotati (Trasforma Point in punto quotato), in tal caso il
punto quotato viene trasferito con una numerazione a partire dal numero
definito da Inizio numerazione punti quotati.
Il punto quotato sempre accompagnato da un nome e dalla quota;
questi possono essere visibili o nascosti nella prima visualizzazione del
disegno (Scrive nome Scrive quota).

Le coordinate descritte in dxf possono essere trattate con un fattore di scala


(Fattore di scala coordinate Fattore di scala quote), ad esempio le coordinate
in dxf possono essere definite in millimetri, mentre nel sistema Stonex Data
manager sono definite in metri, in tal caso il fattore di scala deve essere
0.001.

44
Nellimportazione del file dxf devono essere previste le definizioni di Colori,
Tipi di linea, Fonti di caratteri, Simboli.

1
(1) Definisce i colori
2
(2) Definisce tipo di linea
3
(3) Definisce font caratteri
4
(4) Definisce simboli
5 (5) Esce dalla procedura

5.2 Importa ESRI shapefile

Uno Shape composto da tre file,


dello stesso nome ma di diversa
estensione:
SHP
SHX
DBF

Nella maschera di preparazione


possono essere definiti il colore,
linizio della numerazione di
eventuali punti (trasformati in
punti quotati) e il campo del
database da asscociare al nome
degli elementi importati.
Elementi shape definiti da punti possono essere trasformati in scritture.
Nell importazione vengono trasformati elementi grafici linee, polilinee, punti
quotati e scritture.

5.3 Importa file Stonex RW5

Si veda par. 3.2

45
5.4 Importa file ASCII

Viene visualizzata la finestra di composizione del file gi descritta al par 4.4.

Utilizzare i comandi del


riquadro Composizione di
formato (1) per comporre i
campi del file, che vengono 4
visualizzati nel riquadro
sottostante.
3
Cliccare licona (2) per 1
memorizzare la successione
e aggiungerla allelenco. 2
7
6 5

Scegliere il carattere separatore (3) dei campi del file.

Nella finestra Contenuto del file (4), viene visualizzata lanteprima di come
verr composto il file.

possibile stampare il file creato mediante lapposita icona (5)

Il flag Aggiungi al lavoro esistente (6) permette di aggiungere il contenuto del


file ASCII al l avoro corrente.

Cliccare Procede alla lettura del file (7) per memorizzare le impostazioni e
importare il file.

46
5.5 Sovrappone immagine raster

Pu essere richiamata una immagine in sovrapposizione al lavoro in corso.


In questo caso si d per scontato che limmagine sia georeferenziata e che il
sistema di riferimento sia identico a quello del lavoro presente su video.

Selezionare:
1
(1) La cartella dove si 2
trovano e mappe da
3
caricare.
(2) Lestensione del file
raster
(supportati: bmp, tif,
png, jpg, ecw, gif).
4
(3) Selezionare una o pi
mappe da importare.

6 5

Una volta selezionata, la mappa viene riportata nella casella Raster


selezionato (4).

Con la funzione Cerca raster pi vicino il programma cerca tra le mappe della
lista quella che si trova pi vicina al baricentro del lavoro in corso.
La mappa trovata viene trascritta nella casella Raster selezionato.

Disegna raster (6): il sistema importa le mappe come sfondo del lavoro in
corso.

5.6 Importa Nuova immagine raster

Il sistema consente limportazione di immagini raster (formati bmp, tif, png,


jpg, ecw, gif) che vengono visualizzate nella maschera di dialogo.
Il sistema si predispone a creare un nuovo lavoro sostituendo leventuale
lavoro presente sul video.
La nuova immagine pu essere georefenziata o da georeferenziare.

47
CAP 6 TRASFORMAZIONE DI COORDINATE
Questa funzione si attiva dal
menu a tendina File e consente
una serie di operazioni di
interscambio tra sistemi di
coordinate

Trasformazioni-Creazioni Datum/Sistemi riferimento:


Funzione per effettuare trasformazioni su Datum esistenti e/o crearne di
nuovi.

Disegno: Cambia Datum/Sistema di riferimento:


Funzione cambiare Datum o sistema di riferimento al lavoro corrente.

Disegno: Cambia Gauss/Catasto


Funzione di trasporto tra Sistema di riferimento Gauss-Boaga a sistema
catastale Cassini Soldner.

Trasla e ruota
Funzione per apprtare modifiche alla geometria del rilievo.

6.1 Trasformazioni-Creazioni Datum/Sistemi riferimento

La maschera principale si presenta con due finestre di rappresentazione delle


coordinate: Il riquadro superiore gestisce le coordinate geografiche, quello
inferiore le coordinate cartesiane.

Entrambe le finestre hanno a disposizione dei comandi, rappresentati da


icone, per la gestione del loro contenuto; ciascun comando agisce nel
riquadro superiore di pertinenza.

48
Apre un file esistente di coordinate geografiche/cartesiane

Memorizza file coordinate geografiche/cartesiane

Edita un punto manualmente

Cancella coordinata

Stampa file lista coordinate

Attiva funzioni di calcolo geodetico (par. 5.5)

Inverte ascisse/ordinate

Scelta delle operazioni con coordinate


geografiche (riquadro superiore).

Scelta delle operazioni con coordinate


cartesiane (riquadro inferiore).

49
6.1.1 Apre un file esistente di coordinate geografiche/cartesiane

- Coordinate geografiche -

Consente una scelta tra diverse estensioni.


Nel generico file ASCII (ad esempio con
estensione .asc) ogni record deve essere
composto come segue:

>Nome del punto


>Latitudine
>Longitudine
>Quota
>Informazione (opzionale)

Il carattere separatore tra gli elementi pu essere composto da uno o pi


spazi (carattere ASCII 32), da una virgola (carattere ASCII 44), o da un
tabulatore (carattere ASCII 9).

Esempio:
P1001 452502.5243069N
83800.0075661E 199.629 chiodo
Oppure: DVS,452502.7080774N,83800.04
66976E,199.565

- Coordinate Cartesiane -

Consente una scelta tra diverse estensioni.


Nel generico file ASCII (ad esempio con
estensione .asc) ogni record deve essere
composto come segue:

>Nome
>Est
>Nord
>Quota
>Informazione (opzionale)
Anche in questo caso il carattere separatore
50
pu essere rappresentato da uno o pi spazi, dalla virgola o dal tabulatore.

Esempio:
T118 1471517.190 5029619.300 150.495
Oppure: TDUE,1470815.450,5027478.430,14
0.610,palo

In ogni caso non necessario che i dati di ogni record siano incolonnati,
questo vale sia per i file di coordinate geografiche sia per i file di coordinate
cartesiane.

6.1.2 Memorizza file coordinate geografiche/cartesiane

Consente la memorizzazione delle coordinate contenute nelle relative


finestre. I formati disponibili sono di tipo ASCII (txt e asc) o csv.

6.1.3 Edita un punto manualmente

- Coordinate geografiche -

Permette di modificare o di inserire


una linea di coordinate geografiche.

Licona Lista informazioni permette


di inserire uninformazione aggiuntiva
creandola ex novo o selezionandola da
un apposito elenco.

51
- Coordinate cartesiane -

Consente la modifica o linserimento


di una linea di coordinate cartesiane.

Licona Lista informazioni permette


di inserire uninformazione aggiuntiva
creandola ex novo o selezionandola da un
apposito elenco.

6.1.4 Stampa file lista coordinate

Attiva la procedura di stampa sulla stampantedi sistema oppure cliccare il


nome della stampante per selezionarne una diversa (1).
La stampa verr prodotta con il numero di linee per pagina definito
dallutente (2).

52
6.1.5 Disegno: cambia Datum/Sistema di riferimento

Questa funzione permette di modificare il Datum al lavoro corrente.

I dati di Origine (1) vengono


caricati automaticamente in 1
base alle caratteristiche del
lavoro, ma possono essere
modificati.
2
I dati di Destinazione (2)
devono invece essere definiti
dallutente selezionandoli
dagli appositi menu a tendina. 3

La funzione Nuovo Datum/Proiezione (3) permette di definire:

Un nuovo Datum (4)


impostando i sette parametri
di rototraslazione. 4 5

Un nuovo sistema di
riferimento cartografico (5)

Trasferireeventualmente il
nuovo Datum/Sistema di
riferimento sul palmare GPS. 6

53
6.2 Disegno: Cambia Gauss/Catasto

Come noto il sistema Gauss Boaga fa riferimento allellissoide


Internazionale, mentre il sistema Cassini Soldner allellissoide di Bessel.
Pertanto il sistema richiede lattribuzione dellorigine catastale espressa in
Latitudine e Longitudine espresse nellellissoide di Bessel con origine a
Genova o Castanea delle Furie (1).

Alcune delle origini sono elencate


in una lista (2). La selezione del
2
nome provoca il riempimento dei 1
campi:
>Nome
>Latitudine Origine
>Longitudine Origine 3
>Falsa Origine EST
>Falsa Origine NORD

Loperatore pu creare una nuova origine inserendone i valori diLatitudine e


Longitudine con il comando Conferma nuovi valori (3).

6.3 Trasla e Ruota

Scelta di operazioni per la modifica delle coordinate di un lavoro.


La funzione consente anche di cambiare gli assi cartesiani. Ad esempio
tipica linversione che si deve attuare nel rilievo di facciate di fabbricati in cui
necessario sostituire lasse delle ordinate con la quota:
Ascissa Quota Ordinata

54
6.3.1 Input manuale

Le coordinate possono essere modificate


complessivamente attribuendo:

- Rotazione (gradi centesimali)


- Traslazioni (Est,Nord,Quota)
- Fattori di scala (Est, Nord, Quota)

Pu essere modificato uno solo dei parametri:


per esempio si pu attribuire solo la
Rotazione, oppure solo la Traslazione in
quota per modificare complessivamente le
quote di una lavoro.
Modifica: il sistema si predispone per la
rototraslazione della quale chiede conferma
alloperatore.

6.3.2 Cattura punto quotato

Prevede la cattura di un
punto.
1 2
Vengono visualizzate le
Coordinate catturate (1) che
vengono inserite nelle caselle
Nuove coordinate (2) che
loperatore potr modificare.

55
6.4 Calcoli Geodetici

Questa funzione attivabile sia per i punti di un file in coordinate geografiche


che un file di coordinate cartesiane.

Una volta selezionati due punti, attraverso il comando a icona (par. 5.1)
viene visualizzata una tabella contenente i parametri geodetici instaurabili tra i
due punti.
Naturalmente i parametri rappresentati in tabella sono differenti a seconda
che il file di origine sia in coordinate geografiche o cartesiane e cambiano in
funzione dellellissoide selezionato.

56
CAP 7 MOSAICATURA TAGLIA LAVORO
Consente di ritagliare un lavoro vettoriale e/o raster.
Dal menu principale selezionare File - Taglia e una delle seguenti funzioni:

Taglia finestra
Taglia in riquadri

7.1 Taglia finestra

Selezionare il comando Taglia


1
finestra e tracciare a video la
finestra desiderata.
2
Compare la maschera di dialogo
nella quale si definisce il nome del
nuovo lavoro da creare (1).
I valori di coordinate minime e
massime possono essere anche
modificati manualmente (2).

Traccia linea di taglio


La linea di taglio corrisponde al riquadro definito dalle coordinate minime e
massime. Se il flag viene attivato, il riquadro verr disegnato e alle linee
verranno assegnati i parametri:
- Colore linea di taglio
- Piano linea di taglio
- Spessore

Creazione file raster


Se nel lavoro presente una immagine raster e se il flag attivato,
limmagine raster sar interessata dalloperazione di taglio.
Il raster associato avr il nome del lavoro, a esso associato il file con
estensione TFW che contiene i parametri di georeferenziazione.

Taglia dentro/Taglia fuori


Il disegno risultante potr contenere gli elementi interni o esterni allarea di
taglio.

57
Cliccare licona per procedere alla formazione del nuovo lavoro tagliato.

7.2 Taglia in riquadri

Permette di suddividere il lavoro


in riquadri, secondo una griglia
definita dallutente. 1

Questa funzione pu risultare utile


al fine di preparare la base
cartografica da utilizzare sul
controller palmare del GPS,
qualora possibile.

Il Taglio in riquadri prevede linserimento del numero di parti (orizzontali e


verticali) in cui si desidera tagliare (1).

Il sistema assume come nomi dei lavori tagliati il nome del lavoro originale Parte
fissa dei nuovi nomi a cui viene aggiunto un numero (incrementale da Numero
primo elemento), loperatore potr cambiare il nome ed il numero di partenza.

Cliccando licona vengono visualizzati nella tabella a lato i nuovi elementi


con le relative coordinate minime e massime.

Traccia linee di taglio


Se attivato, i riquadri rettangolari sono contornati dalla linea di taglio a cui
viene attribuito Colore, Piano e Spessore.

Trasferisce raster
Leventuale immagine raster associata potr subire il taglio in riquadri.
Ogni taglio cos generato sar affiancato da un file che porta la stesso nome
con estensione TFW contenente i parametri di georeferenzazione.

Modifica elemento

58
Cliccando su una linea dellElenco riquadri possibile modificare le
coordinate nelle apposite caselle di testo e memorizzarle con licona

Chiede conferma se il lavoro esiste


Se attivato, il sistema interrompe la procedura qualora trovasse un lavoro
con il nome uguale, e chiede conferma prima di proseguire.
Il comando a icona avvia la creazione dei tagli.

59
CAP 8 PUNTI QUOTATI

8.1 Modello Matematico

Il modello matematico
del terreno
realizzabile da una
distribuzioni di
punti quotati. Consiste in una maglia fatta di triangoli costruiti con il criterio
della equilateralit.

La costruzione del modello matematico necessita che siano impostati alcuni


parametri preparatori

8.1.1 Piani linee discontinuit

Loperatore pu selezionare il piano o i piani assegnati ad elementi grafici che


rappresentano linee di discontinuit.
Le linee di discontinuit sono delle linee di vincolo nella costruzione del
modello matematico.
Possono essere ad esempio delle linee di cresta o di piede di una scarpata,
oppure il bordo di una strada.
Le linee di discontinuit sono delle linee preparate per appartenere al
modello matematico e che non saranno mai intersecate da altre linee
modello, infatti esse impongono un premodellamento sul quale si
appogger la costruzione automatica del modello.

60
8.1.2 Piani punti quotati

Qualora i punti quotati appartengano a pi piani, loperatore pu selezionare


solo i piani dei punti che dovranno essere coinvolti nella costruzione del
modello.
I punti quotati il cui nome termini con la lettera N o con le lettere NE
oppure la cui informazione contenga _QNT o _NVQ, non saranno coinvolti
nel calcolo del modello matematico.

Cliccando sul nome di piano della lista superiore, questo verr riportato nella
lista inferiore.
I piani presenti nella lista inferiore sono quindi soggetti ai comandi:

Annulla un piano: il piano selezionato viene cancellato

Annulla tutti i piani: la lista inferiore viene cancellata

Seleziona tutti: tutti i piani della lista superiore vengono trasferiti nella lista
inferiore.

8.1.3 Contorni

Il modello matematico
pu essere creato
allinterno di un
Linee di discontinuit
contorno chiuso;
pertanto la lista di
destra presenta lelenco
dei nomi dei contorni
creati (per le procedure di
Linee di contorno
creazione del contorno
si vedano il cap. 8).
Se loperatore seleziona
un contorno cliccando

sul nome, questo viene riportato nella casella di testo Contorno selezionato.
Il contorno pu contenere dei contorni chiusi interni.

61
Il modello matematico sar eseguito solo allinterno del contorno definito e
conterr dei buchi in corrispondenza degli eventuali contorni interni. Nei buchi
di modello non saranno eseguite le curve di livello.
Il contorno pu essere disabilitato con il comando Annulla contorno.

Il contorno pu essere tracciato con i vertici coincidenti con i punti quotati


oppure no.
Nel primo caso le linee di contorno coincideranno con delle linee di modello
ed il confine del modello coincider con il contorno assegnato. Nel secondo
caso il contorno avr la funzione di racchiudere il modello, ma il confine verr
creato automaticamente dal sistema e non potr essere controllato
dalloperatore.

8.1.4 Parametri modello

Piano modello e Colore modello vengono selezionati cliccando nella relativa


casella di testo. Dalle successive tabelle di piani e colori gi descritte si seleziona
il parametro desiderato.

8.1.5 Distanza limite

un valore che il sistema si calcola in modo empirico dopo lattivazione del


comando Conferma.
Rappresenta la massima distanza che potranno assumere le linee del modello
matematico. un valore modificabile dalloperatore prima di lanciare la
costruzione del modello.
Ad esempio, se la distribuzione dei punti quotati non omogenea (troppo
fitti in un luogo e troppo radi in un altro), il valore calcolato automaticamente
pu non essere idoneo, quindi il modello matematico potrebbe contenere
dei buchi (triangoli non chiusi).
Se loperatore sospetta che possano verificarsi casi del genere opportuno
che modifichi la distanza limite in modo appropriato.

62
8.1.6 Conferma-Eseguire-Ripetere

Esegue una prima analisi dei dati.


Determina la distanza limite (modificabile dalloperatore), ed individua i
punti che devono essere presi in considerazione per il calcolo del modello
matematico.
Il comando Conferma disabilita le possibilit di scelta dei piani.
Pu essere ripristinata la procedura con il comando Ripetere.
Il comando Eseguire crea il modello matematico secondo i parametri
impostati.

Quando la procedura terminata, il programma presenta le seguenti opzioni:

- Curve di livello: memorizza il


modello e prosegue con la creazione
delle curve di livello.
- Calcolo di volumi: memorizza il
modello ed attiva la procedura per
il calcolo dei volumi.
- Memorizza il modello: torna in
ambiente grafico dopo aver
memorizzato il modello.
- Esce senza memorizzare: torna in
ambiente grafico senza
memorizzare il modello appena
creato.

63
8.2 Curve di Livello

Si accede a questa
funzione dai
comandi indicati a
lato o direttamente
dopo la formazione
del modello
matematico come
illustrato nel
paragrafo
precedente.

In questultimo caso, nella maschera di inserimento dei parametri delle curve


di livello, la parte destra intitolata Selezione piani modello disabilitata in
quanto il piano del modello viene automaticamente selezionato dalla
procedura.

In caso contrario loperatore dovr selezionare dalla lista superiore i piani


degli elementi grafici che descrivono il modello.

Cancella il piano selezionato: il piano selezionato viene cancellato

Cancella tutti i piani: la lista inferiore viene cancellata

Seleziona tutti i piani: tutti i piani della lista superiore vengono trasferiti
nella lista inferiore.

64
8.2.1 Parametri curve di livello

Questa sezione contiene le


caratteristiche delle curve che il
sistema andr a creare.
Le curve saranno delle spline,
ovvero curve di terzo grado descritte
al cap. 2 par. 10.

Riferendosi a tale paragrafo, il


parametro Minima distanza punti
spline (m) corrisponde a Dimensione
del tratto di interpolazione ( m) mentre
il parametro Aspetto di curvatura
corrisponde al Grado di curvatura.
Per terreni con poco dislivello ed
andamento dolce potr essere
corretto un valore di Aspetto di curvatura uguale a 0, per terreni
normalmente accidentati sar opportuno il valore 1, per terreni molto
accidentati il valore 2 o superiore.

- Curve normali e curve fondamentali

Il sistema fa una distinzione tra questi tipi di curve a cui possono essere
attribuiti un piano ed un colore diversi.

- Quotatura delle curve fondamentali

Infine le curve fondamentali, che non siano chiuse, avranno tracciato agli
estremi la quota della curva di livello.

8.2.2 Legge linee

Legge linee: questo comando attivo se la funzione curve di livello viene


attivata dal menu principale o dallicona nel pannello strumenti. Esegue il
caricamento delle linee del modello appartenenti ai piani selezionati.

65
8.2.3 Esegue

Esegue: Inizia la costruzione delle curve di livello.

Durante la formazione delle curve di livello la procedura controllata da una


barra di avanzamento.
Alla fine della procedura il sistema richiede la memorizzazione delle curve di
livello calcolate.

Si: Memorizza curve

Il sistema torna in ambiente grafico


memorizzando le curve di livello.

No: Esce senza memorizzare

66
8.3 Calcolo di volumi

Il calcolo dei
volumi viene
eseguito sul
modello
matematico del
terreno.
Pertanto alla
funzione di calcolo si pu accedere
immediatamente dopo la formazione
del modello matematico o dai comandi
del menu.

Qualora il calcolo di volumi sia attivato


immediatamente dopo la formazione
del modello matematico, nella
maschera descritta a lato, la parte
destra intitolata Selezione piano modello disabilitata in quanto il piano del
modello viene automaticamente trasmesso dalla procedura di costruzione del
modello, ed il comando Legge linee sostituito dal comando Esegue.

Negli altri casi loperatore, prima di procedere al calcolo deve selezionare


quali piani compongono il modello matematico.

Di solito, per una corretta esecuzione del calcolo, il modello matematico


calcolato allinterno di un contorno.

Il calcolo pu essere sviluppato in due modalit:

8.3.1 Calcolo su piano orizzontale

Il volume viene calcolato rispetto ad un piano orizzontale. In questo caso


viene attivata solo la casella di inserimento della quota del piano. Viene
proposto il valore intero della quota minima interpolata allintero in difetto.

67
8.3.2 Calcolo su piano inclinato (tre punti)

In questo caso viene disabilitata la


casella di testo della quota orizzontale
ed attivate le altre caselle.
Linserimento delle coordinate dei tre
punti pu essere effettuato
manualmente o selezionandoli dalla
lista punti quotati.
Cliccando sul nome del punto, le
coordinate vengono selezionate e
trasferite nelle caselle superiori.

8.3.3 Numera triangoli

Ogni triangolo del modello pu essere


numerato con lo stesso numero che
comparir nei giustificativi di stampa.
Loperatore potr decidere le
caratteristiche della numerazione.
Il numero sar posizionato nel
baricentro del triangolo. Linea di intersezione

8.3.4 Linee di intersezione

Il piano rispetto al quale viene calcolato


il volume pu intersecare le linee di
modello (questo non accade solo Numerazione triangoli
quando la quota del piano inferiore
alla quota minima o superiore alla
quota massima).
possibile inoltre selezionare il colore e
il piano delle linee di intersezione.

68
8.3.5 Eseguire calcolo di volumi
Eseguire: il sistema procede al calcolo
dei volumi.

A seconda della posizione del piano di


riferimento verr indicato un volume di
sterro e/o un volume di riporto.

Larea inclinata rappresentata dalla


somma delle superfici inclinate dei
singoli triangoli ed riportata nelle
successive stampe

Esce: torna al menu precedente.

Il sistema torna in ambiente grafico originale. Se


sono stati aggiunti elementi grafici al disegno
(linee di intersezioni, numeri di triangoli), verr
chiesta la conferma per laggiunta di questi
elementi al disegno.

8.3.6 Stampa report calcolo volumi

Possono essere stampati i documenti giustificativi del calcolo.


La stampa inizialmente indirizzata su video, in modalit diversa a seconda di
ci che si desidera stampare.

- Stampa dati essenziali (volumi ed aree)

E la forma pi sintetica di stampa.


Vengono riportati i valori della quota di
riferimento o le coordinate dei 3 punti che
definiscono il piano di riferimento e i valori
di area e volume

69
- Stampa tutti gli elementi di ogni triangolo

Viene creata una tabella nella quale sono riportate per ogni linea il numero
del triangolo (verificabile con il disegno qualora sia stata richiesta la
numerazione dei triangoli), le coordinate dei suoi tre vertici, la differenza in
quota del baricentro del triangolo rispetto alla quota del piano di riferimento,
larea orizzontale e larea inclinata del triangolo, ed il volume.

I triangoli intersecati dalla linea di intersezione vengono divisi in tre. Al


numero viene aggiunta una lettera (nellesempio sopra riportato 359a, 369b,
359c).

- Stampa solo aree e volumi di ogni triangolo

Corrisponde ad un forma di stampa


ristretta solo alle aree ed ai volumi dei
triangoli.

70
8.4 Scritture punti quotati

Le scritture dei punti quotati sono:

Nome del punto


Quota del punto

Possono comparire insieme o anche solo


una delle due.

La loro posizione generalmente fissa in funzione delle dimensioni del


simbolo e delle scritture associate.
La posizione orizzontale X relativa al simbolo delle scritture la met della
dimensione orizzontale del simbolo.
La posizione relativa Y rispetto al centro del simbolo della scrittura superiore
di 1/3 dellaltezza della scrittura.
La posizione analoga della seconda scrittura di 4/3 della altezza della
scrittura.

8.4.1 Sposta scritture

La funzione Sposta scritture consente di catturare con il mouse la scrittura


del singolo punto quotato e di spostarla in una posizione ritenuta pi idonea
dalloperatore.

8.4.2 Ripristina posizione

Ripristina le scritture dei punti quotati nella posizione originale. Si pu


scegliere di ripristinare tutte le scritture precedentemente spostate, oppure
ripristinare solo la scrittura selezionata.

8.4.3 Traccia linea unione

Associa visivamente la scrittura (nome o quota) al punto


quotato mediante una linea che unisce la scrittura con il
centro del simbolo. Si pu scegliere di associare tutte le
scritture presenti, oppure solo la scrittura selezionata.

71
8.4.4 Elimina linea unione

Elimina la linea che unisce la scrittura con il centro del simbolo. Si pu


scegliere di eliminare tutte le associazioni presenti, oppure solo la linea della
scrittura selezionata.

8.4.5 Riduce punti vicini

Questa funzione provvede ad eliminare punti


vicini tra loro, mediando in un unico punto
coordinate planimetriche e quota, allinterno
della tolleranza inserita (Tolleranza
planimetrica (m)), oppure scegliendo il punto
pi vicino alla media planimetrica.

I punti allinterno della tolleranza inserita


vengono visualizzati in una tabella in cui
vengono riportate le coordinate, gli scarti, la
media, lo scarto quadratico medio.

72
CAP 9 ENTIT

9.1 Crea figura chiusa

Cliccando con il tasto sinistro del mouse


allinterno di un contorno chiuso si determina
larea ed il perimetro della superficie.
Gli elementi che compongono larea
vengono marcati in grassetto e compare la
maschera che riporta gli elementi
geometrici calcolati

Il sistema visualizza
un avviso se non in
grado di verificare la
chiusura dellarea.

Con licona si
accede alla pagina
Gestione aree in cui
possibile creare dei
contorni chiusi (entit).

Licona permette
di aggiungere lentit
precedentemente
selezionata alla Lista
contorni.

(1) cancella contorno 1 2 3 4 5


selezionato
(2) cancella tutti i contorni
(3) stampa
(4) memorizza ed esce
(5) esce senza memorizzare

73
9.1.1 Area interna

La figura chiusa pu essere composta


da un contorno esterno principale e
altre aree interne.
Il comando Area interna permette di
selezionare le aree interne al contorno
principale, semplicemente cliccando al
loro interno.

La Lista coordinate contiene


lelenco dei vertici dellarea,
con le rispettive coordinate.
Il segno = divide larea
principale dale aree interne.

9.2 Chiama figura chiusa

Questo comando richiama la pagina


Gestione Aree illustrata precedentemente.
Larea di interesse viene selezionata dalla
Lista contorni e le coordinate dei vertici
vengono visualizzate nella Lista coordinate.

74
CAP 10 ROTOTRASLAZIONE

10.1 Rototraslazione

Questa funzione consente il


passaggio da un sistema di
riferimento allaltro.
Lo stesso principio consente di
georeferenziare unimmagine
raster.

Affinch possa essere eseguita, la


rototraslazione necessita che il
disegno contenga dei punti
quotati. Ad alcuni di questi punti
quotati (punti noti) devono essere
assegnate le coordinate
planimetriche del nuovo sistema
di riferimento.
punto noto
Nel caso della georeferenzazione
di unimmagine raster (mappa
piana o fotografia) necessario
materializzare dei punti noti
inserendo dei punti quotati
(menu Disegno - Traccia punti
quotati) in luoghi opportuni a cui
assegnare delle coordinate.

I punti noti possono essere visibili sul disegno


(es. rototraslazione di un piano quotato),
oppure ricavati indirettamente attraverso linee
di parametratura.
necessario che i punti noti definiscano un
preciso sistema di riferimento.

75
I punti quotati presenti nel disegno vengono riassunti nella Lista punti
quotati. Loperatore deve selezionare quei punti che ritiene opportuno vengano
coinvolti nella rototraslazione e dei quali si conoscono le coordinate. I punti
selezionati vengono riportati nella tabella superiore con il loro nome e le
coordinate planimetriche (Coordinate locali).

I punti trasferiti nella tabella dalla lista dei punti quotati, possono essere:
Abilitati/Disabilitati dalla procedura di calcolo, oppure Cancellati

10.1.1 Coordinate locali

La casella che riporta le coordinate


originali dei punti selezionati deve essere
riempita manualmente con le coordinate
terreno del punto omologo.

76
Le coordinate terreno possono
anche essere contenute in un file
ASCII (txt, asc, csv), che pu essere
importato cliccando nella casella
File di punti.

Le coordinate terreno,
immesse manualmente o
lette da un file ASCII,
vengono visualizzate a lato
delle coordinate originali.

10.1.2 Tipo di rototraslazione

- Rototraslazione affine:
Generalmente usata per rototraslare un disegno vettoriale o una immagine
raster che rappresenta una mappa. Gli errori vengono distribuiti supponendo
una deformazione lineare lungo gli assi cartesiani.
Sono necessari almeno 3 punti noti.

- Rototraslazione omografica:
Usata per raddrizzare immagini piane rappresentate in proiezioni centrali
come ad esempio in una fotografia. Sono necessari almeno 4 punti noti.

- Rototraslazione con o senza fattore di scala


Usata per rototraslare soprattutto piani quotati da un sistema di riferimento
allaltro.
Con fattore di scala: oltre ad una rotazione e traslazione limpianto
originale viene deformato per adattarsi al meglio al nuovo sistema di
riferimento.
Senza fattore di scala: viene eseguita una rotazione ed una traslazione per
adattare al meglio il disegno al nuovo sistema di riferimento.
un metodo usato soprattutto nei casi in cui non si desideri deformare
limpianto originario delle coordinate.
Sono necessari almeno 2 punti noti.

77
Con il comando Eseguire viene effettuato il calcolo della rototraslazione con il
metodo dei minimi quadrati e prodotta la lista degli errori residui.
Gli errori residui rappresentano in metri lindice di precisione delloperazione.

Nel caso di rototraslazione di un lavoro da un sistema di riferimento ad un


altro, gli errori devono ovviamente essere quanto pi piccoli possibile.

10.1.3 Rototrasl azione di u n im m agine ras ter

Nel caso di rototraslazione di un


raster vengono trasformate
coordinate espresse in pixel (punti) in unit di misura metriche. Pertanto
devono essere fatte delle considerazioni diverse.
Ad esempio se il raster rappresenta una mappa la cui scala originaria
1:2000, errori residui dellordine di 0.2-0.4 metri sono tollerabili in quanto
corrispondono ad un errore grafico di 1/10-1/5 di millimetro. Errori di metri
dovrebbero invece indurre al sospetto che c qualcosa di errato.
Qualora la scala originaria sia di 1:25000 errori di 2.5/5 metri sono a loro
volta tollerabili, poich corrispondo ad un errore grafico di 1/10-1/5 di
millimetro.

La rototraslazione pu essere ripetuta pi volte disabilitando/abilitando


determinati punti per ottenere il risultato migliore.

- Denominatore scala del nuovo raster (solo per raster):


Alla nuova immagine pu essere attribuita opzionalmente una scala. Ad
esempio se viene attribuita una scala 1:100 significa che il raster generato e
trattato con un applicativo diverso, se disegnato secondo un rapporto 1:1
verr tracciato alla scala 1:100.

78
10.1.4 Creare nuovo lavoro rototraslato

Per poter terminare la procedura


necessario dare un nome al nuovo lavoro
rototraslato e confermare le modifiche
con licona Salva

79
CAP 11 FILE DI PUNTI

11.1 Chiama file di punti

Permette di caricare un file ASCII di coordinate


per poterlo elaborare.
I formati supportati sono *.txt, *.asc, *.csv
Nella finestra superiore viene visualizzato il
contenuto del file.

I comandi a icona sottostanti permettono di eleborare il file e/o creare un


nuovo file di punti a partire da quello
originale.
Con il comando i punti selezionati
vengono trasferiti nella finestra inferiore
per comporre e memorizzare un nuovo
file.Ricordarsi di selezionare il carattere
separatore (1) per creare un file tabulato.

Il comando permette di creare un nuovo


file ASCII a partire dal file originale.

80
11.2 Crea file di punti

possibile comporre manualmente un file


ASCII di coordinate compilando la maschera e
premendo il tasto Aggiunge (1).

Il punto viene aggiunto nella finestra


superiore della Lista punti (par. 10.1).

2 1

3 4

Per aggiungere altri punti utilizzare il comando nella finestra principale


Gestione File di Punti.

La funzione Sostituisce (2) permette di sostituire un punto precedentemente


inserito con uno nuovo.

La funzione Inserire Indietro (3) permette di inserire il punto nella posizione


precedente a quella selezionata.

La funzione Inserire avanti (4) permette di inserire il punto nella posizione


successiva a quella selezionata.

81
CAP 12 PROFILI
Il profilo pu essere composto da:

Cattura singolo elemento grafico


Cattura catena di elementi grafici

Il profilo viene composto lungo la/e direzione/i definita dallelemento o dal


concatenamento di elementi grafici. I punti significativi del profilo sono i
vertici degli elementi e le intersezioni trovate lungo la direzione.

12.1 Cattura singolo elemento/Catena di elementi

Con il comando Esegue viene formato il profilo secondo le scelte di


composizione indicate nella maschera di ingresso.

82
Il profilo viene rappresentato analiticamente secondo distanze parziali,
progressive e quote, mentre in uno spazio grafico ne viene rappresentato
landamento.

Il movimento del
cursore nello spazio
grafico pu essere
associato al punto
profilo mediante il
comando

Possono essere
eseguite operazioni di
zoom

E di cancellazione

83
Sono a disposizione i comandi:

Salva profilo in formato proprietario (*.pfl)

Salva profilo in formato ASCII (*.txt)

Inverte lordine dei


punti che compongono il
profilo

Cancella un riga
selezionata. Verr chiesto
conferma

Inserimento di punto da tastiera.


Viene generalmente attivata
selezionando una riga del profilo allo
scopo di modificarla o di inserire la
nuova linea avanti o indietro o
cancellarla.
Oppure per aggiungere una linea.

Stampa lelenco degli elementi del


profilo.

84
12.2 Elementi aggiuntivi

La singola linea di profilo pu essere descritta da elementi aggiuntivi che


andranno ad arricchire il disegno del profilo.

12.2.1 Salto (m)

Produce un tracciamento verticale in


corrispondenza del punto. Nella percorrenza del
profilo da sinistra a destra il valore positivo
corrisponde ad un salto in salita, negativo ad
una salto in discesa.

12.2.2 Profilo destro/sinistro

Rappresenta la differenza di quota di profili


posti a destra e/o a sinistra del profilo
principale, rappresentati generalmente in
diverso colore. Si intende che i profili destro
e sinistro sono posti a distanza prefissata dal

85
profilo principale secondo lintenzione di chi esegue il profilo.
12.2.3 Informazione ripetitiva

Si tratta di una informazione


generalmente associata al nome
della coltura attraversata dal
profilo.
E ripetitiva poich il testo scritto in
disegno si modifica solo quando
viene modificata la descrizione.

12.2.4 Informazione associata al


simbolo

I simboli inseribili sono:


- Strada
- Ferrovia
- Fosso

Al simbolo pu essere associata una


informazione che verr tracciata sotto
il simbolo

12.2.5 Altezza palo e informazione


asociata

Se identificata laltezza del palo, sul


punto del profilo verr tracciata la linea del
palo secondo la scala delle altezze di
disegno imposta. In cima al palo verr indicata
la quota, mentre alla base del palo verr
trascritta leventuale informazione.

86
12.2.6 Informazione aggiuntiva

Questa informazione viene trascritta sulla


mezzeria della linea di unione del profilo con
le fincature di descrizione delle misure.

12.2.7 Informazione di attraversamento

Linformazione viene trascritta sotto la


mezzeria della linea profilo con un
simbolo pallino.

12.2.8 Deviazione

Valore angolare che sta ad indicare la


deviazione del successivo tratto di
profilo rispetto al precedente.
Nelle descrizioni il valore di deviazione
viene introdotto in gradi centesimali.
Nel disegno sono riportati sia i gradi centesimali che sessagesimali.

87
12.3 Disegna profilo

IZJ Propone la maschera d dialogo della preparazione del disegno del


profilo. L'intera pagina vsble mediante la barra d scorrimento laterale.

-Palametfi gene1ali

1' -
Configu1a disegno J Saltidiquota ) Intestazioni) Sov1appone profili)

Colore Eordo este1no )Biack


Da Progressiva (m) 10.000
Quota minima (m)

1771.900
.


Colore linee inte1ne e scritture )Biack A progressiva (m) 11622.730 l.!UOta mass1ma
Colore profilo teueno )Biack rMl
Scala lunghezze (1:Jiii!I!I!E!
Colore profilo sinistro )Biack

Coloreprofilo destro )Biack

Altezza caratteri (mm) 11.20


l
Scala altezze (1:)1100.00

Q. londamentale partenza (mJI771.000


1969.500

)1.00
Rapporto )ase/altezza
Spazidescrizione .c
Forte di caratteri I PCM106
Descrizione Altezza (cm)
Formato di pegatura (cm) 121.00 r
spazio l )"Ettometriche lo.5o
Formato loglio terticale (cm) 129.70
spazio 2 )"Distanze parziali orizzontali lo.5o
Margire basso (cm) lo.50
spazio 3) "Distanze progressive orizzontali ILDo r
Margine alto (cm) 11.00
spazio 4 )"Quote ILDo
Margine inizo profilo (cm) )1.00 r
spazio 5)"Numerazione (verticale) lo.5o
Margine inte no alto (cm) )1.00
spazio 6
Margine intemo basso (cm) )0.50
spazio 7 .,
Lunghezza linee pegatura (cm) lo.50
spazio 8
Lungnezze linee Dassof)40.00
spazio 9
ustanza 11nea la ooraof Jo.50
spazio 10
:ifre decimali )2
spazio 11

P Pagina intestazicne P Eseaue saltiin auota spazio 12


P Scrive intestazione P Scrive informazione
r Intestazione utente P Scrive sempr
(")Descrizione predefinita dalla lista
..(}"l}

P Pagina ntestazione P Eseaue saltiin auota spatio 121 l


P Scrive intestazione P Scrive informazione (")Descrizione predefinita dalla lis:a
r lntesta2ione utente P Scrive sempr ..(}"l}
r Profilo cioroaetto
Ettcmetriche o
Distanze parzialioizzontali


lProlilo di p"getto Distanze parzialiirclinate
Distanze progressWe orizzontali
Colore Bordo esterno )A ed
Distanze progressWe inclinate 11
Diametro tubo (m) lo.oo Quote

88
Oi3lvcllo
l r. In asse r Sotto r Sopra Perdenza _l

e config.uazione

l onligurazione
l Rapporto base/altezza 11.00

Altezza caratterititoli (nm) )1.20


Il
om Fonte di carateri I PCM105
I li l"-

89
Il Formato verticale del foglio laltezza del contorno entro il quale deve essere
disegnato il profilo. La lunghezza del disegno funzione della scala assegnata
alle dimensioni lineari.
Formato di piegatura: ad una distanza definita dalloperatore vengono
tracciate delle tacche verticali di dimensione assegnate: chiamate Lunghezza
linee di piegatura: sul margine inferiore e superiore del bordo. Servono come
riferimento per la piegatura a soffietto.

Altezza caratteri di scritture, Rapporto base/altezza, Fonte di caratteri: sono


le caratteristiche grafiche dei testi con cui sono descritti gli elementi
geometrici del profilo.
Scala lunghezze e altezze
Titoli delle fincature

Margini alti

Pagina per le
intestazioni

Inizio profilo

Margine
basso

Margine interno
basso:

90
Lunghezze linee basso-alto

12.3.1 Fincature

Il disegno del profilo prevede la


descrizione geometrica degli
elementi nello spazio inferiore del
disegno.
Questo spazio pu essere
composto selezionando una serie di
descrizioni predefinite.
Il disegno comporr gli spazi delle
descrizioni con la numerazione dal
basso verso lalto.

Le descrizioni predefinite sono:

Ettometriche
Distanze parziali orizzontali
Distanze parziali inclinate
Distanze progressive orizzontali
Distanze progressive inclinate
Quote
Dislivello

91
Pendenza
Numerazione (verticale)
Numerazione (orizzontale)
Distanze tra vertici
Colture
Nome punto (verticale)
Nome punto (orizzontale)
Quote progetto
Dislivello progetto
Progr. progetto
Pendenza livelletta
Delta quota progetto
Quota profilo destro
Dislivello profilo destro
Quota profilo sinistro
Dislivello profilo sinistro

Queste funzioni sono elencate nella lista delle descrizioni predefinite.


La selezione della descrizione nello spazio deve essere fatta come segue

- cliccare nello spazio desiderato


- selezionare la descrizione dalla lista
- impostare la dimensione verticale dello spazio (Altezza) in centimetri

Il carattere * anteposto alla descrizioni significa che una descrizione


predefinita. Loperatore pu scrivere un testo di descrizione a suo
piacimento, in tal caso lo spazio di tale descrizione non sar riempito di testi
descrittivi.

Comandi per slittare verso il basso o verso lalto lelenco delle


fincature gi definite.

Le descrizioni grafiche Altezza caratteri titoli (mm), Rapporto base altezza,


Fonte di caratteri, si riferiscono alle caratteristiche dei testi delle descrizioni.

92
12.3.2 Impostazioni disegno

Pagina intestazione: nella parte iniziale del disegno viene lasciato uno spazio
di dimensioni orizzontali equivalente al valore impostato di Formato di
piegatura.

Scrive intestazioni: abilita la scrittura delle intestazioni.

Intestazione utente
Lintestazione utente viene
tracciata nellangolo inferiore
sinistro del disegno

Profilo di progetto: qualora sul profilo richiamato vi sia un profilo di progetto


ne viene abilitato il disegno secondo i parametri di seguito descritti.

Colore profilo progetto: il colore con cui verr tracciato il progetto

Diametro tubo (m): eventuale diametro della


tubazione inserita come progetto. Se il valore
del diametro tubo superiore a zero il valore
della quota di progetto inserita nelle
fincature sar modificata secondo le seguenti
scelte:

Sotto: la quota progetto riportata viene


diminuita della met diametro tubo

Sopra: la quota progetto riportata viene


incrementato di met diametro tubo

In asse: non viene apporta alcuna modifica

Esegue salti di quota: sono consentiti solo i


salti di quota naturali, non quelli impostati
manualmente nella tabella Salti di quota.

93
Scrive informazione: abilita la scrittura della informazione. Il testo viene
riportato in corrispondenza del punto profilo sopra le fincature.

Scrive sempre: lattivazione di questa funzione fa


s che il testo orizzontale nelle fincature sia
scritto sempre indipendentemente dallo spazio
di occupazione:

qualora la lunghezza del testo sia superiore allo


spazio destinatole, questo viene allargato
producendo una riduzione delle scritture
successive.

Nel caso in cui la funzione non sia attivata il


rapporto base/altezza del testo viene modificato
al fine di renderne la lunghezza inferiore
allo spazio destinatole.
Se la modifica del testo tale da renderlo
illeggibile, questo non viene tracciato.

93
12.3.3 Configurazioni disegno

I parametri di disegno
di un profilo possono
essere memorizzati in
un file testo in modo
che possano essere
richiamati anche per il tracciamento di altri profili.

12.3.4 Salti di quota (quota fondamentale)

Il profilo viene
disegnato nello spazio
disegno utile ricavato
dal formato verticale
depurato dalle
fincature sottostanti e
dai margini di
sicurezza.
Qualora non sia
possibile disegnare
lintero profilo nel
formato e nella scala
verticale assegnata il
sistema provvede ad
eseguire dei salti di
quota.

I salti di quota sono calcolati autonomamente dal sistema o possono essere


imposti nella apposita tabella.
Dalla lista dei punti profilo loperatore deve cliccare sulla linea desiderata e
modificare la quota in modo che diventi la quota fondamentale per quel
tratto di profilo.
La quota fondamentale viene in prima istanza calcolata come intero della
quota selezionata.

94
La linea di quota fondamentale viene
tracciata per ogni tratto di profilo in
corrispondenza dello spazio interno
profilo. E la linea di riferimento per il
tracciamento in scala verticale del profilo.

I salti quota composti manualmente sono


considerati solo se se attivata la
funzione Esegue salti di quota.

In caso contrario verranno eseguiti gli


eventuali salti di quota calcolati automaticamente.

12.3.5 Intestazioni

Le intestazioni sono una


serie di testi che vengono
tracciati nella pagina di
intestazione.

Naturalmente devono
essere attivate le funzioni:

- Pagina intestazione
- Scrive intestazioni

Lintestazione definita assegnando


le coordinate di posizionamento e il
relativo testo da tracciare.

Le coordinate sono intese dal punto


origine immediatamente sopra lo
spazio dedicato alle fincature.

95
12.3.6 Sovrappone profili

Al profilo principale possono


essere aggiunti dei profili
secondari da sovrapporre in
disegno.

12.3.7 Traccia profilo (Disegna)

Il comando Disegna avvia


la procedura di disegno vera
e propria.

Devono essere inseriti


i valori di:

- Scala delle lunghezze


- Scala delle altezze

Il sistema propone il disegno dellintero profilo. Pu essere richiesto il


disegno di un tratto attraverso la modifica dei valori:

- Da progressiva
- A progressiva

La procedura produce un disegno che verr memorizzato sotto forma di un


lavoro.
Pertanto dovr essere assegnato un nome al lavoro che sta per essere creato
attraverso lusuale maschera di dialogo.

96
Pu essere imposta la quota fondamentale
di partenza.

Le scritture di scala delle altezze e delle


lunghezze sono
indicate nella pagina intestazione.

Dopo lattribuzione di un nome al disegno


del profilo viene presentato il riepilogo delle
dimensioni

A seguito della conferma definitiva il sistema


avvisa che il disegno del profilo stato memorizzato.

97
12.4 Profilo di progetto
Il profilo in corso viene rappresentato in uno spazio disegno (colore nero).
Nella lista in alto a sinistra vengono elencati i punti del profilo.
I punti delle livellette di progetto devono essere impostate nelle caselle del
riquadro Elementi di progetto e confermati con il comando Conferma: il
punto livelletta viene cos riportato nella lista di destra che rappresenta gli
elementi geometrici del profilo di progetto. Nello stesso tempo la livelletta
viene tracciata nello spazio disegno in colore rosso .
Il punto di livelletta pu coincidere con un punto del profilo: cliccando su una
riga del profilo in corso, il nome del punto, la distanza parziale e la quota
vengono trasferiti nelle caselle di testo di Elementi di progetto.

98
12.5 Chiama profilo/Inserisce da tastiera

Il profilo precedentemente
salvato pu essere richiamato.
Verr presentato lelenco delle distanze
parziali, progressive e quote con il
tracciato provvisorio.

Pu essere richiesto linserimento di un nuovo profilo da tastiera:

99
Guida rapida alle funzioni di Stonex Data Manager
par. icone
File
Apre lavoro 2.16
Memorizza lavoro 2.17
Info lavoro 2.18
Disegno su stampante/plotter 2.19
Esporta
File DXF 4.1
File Shape 4.2
File Stonex RW5/CRD 3.10
Lista/File ASCII 4.4
Raster 4.5
Google earth 4.6
File GPX 4.6
Pregeo 3.9
Importa
File DXF 5.1
File Shape 5.2
File Stonex RW5 3.2
File ASCII (cartesiane,geografiche(WGS84) 5.4
Sovrappone immagine raster 5.5
Nuova immagine raster 5.6
Taglia
Taglia in finesta 6.1
Taglia in riquadri 6.2
Unisce
Rototraslazione 9.1
Trasformazione di coordinate
Trasformazione-Creazioni Datum/Sistema riferimento 5.1
Disegno: Cambia Datum/Sistema riferimento 5.2
Disegno: Cambia Gauss/Catasto 5.3
Trasla/Ruota 5.4
Manuale 5.4.1
Catturare punto quotato 5.4.2
Lista di elementi 2.32

100
Tutto 2.32
Punti quotati 2.32
Simboli 2.32
Testi 2.32
Linee 2.32
Polilinee 2.32
Figure chiuse 2.32
Fine lavoro
Zoom
Rigenera 2.20
Zoom cursore 2. 20
Zoom x 2. 20
x 2 2. 20
x 3 2. 20
x 4 2. 20
x5 2. 20
x 1 /2 2. 20
x 1 /3 2. 20
x 1 /4 2. 20
x 1 /5 2. 20
Zoom coordinate 2. 20
Ultimo zoom 2. 20
Zoom tutto 2. 20
Scala 2. 20
Visualizza raster 2. 20
Elimina raster 2. 20
Disegno
Imposta grafica 2.21
Piani 2.21
Linee 2.21
Colori 2.21
Traccia scritture 2.22
Traccia simboli 2.23
Traccia punti quotati 2.24
Sfondo 2.25
Cattura
Cattura elemento singolo 2.26
101
Cattura elementi in finestra 2.26
Cattura elementi intersecati da finestra 2.26
Cattura catena di elementi grafici 2.26
Sposta nodo 2.27
Cattura distanza 2.28
Cattura quota 2.29
Cancella
Cancella singolo elemento grafico 2.30
Cancella elementi in finestra 2.30
Cancella elementi intersecati da finestra 2.30
Cancella ultimo elemento 2.30
Recupera ultimo elemento 2.30
Recupera tutti gli elementi cancellati 2.30
Entit
Crea figura chiusa 9.1
Chiama figura chiusa 9.2
Punti quotati
Modello matematico 7.1
Curve di livello 7.2
Calcolo di volumi 7.3
Allineamento/Squadro 3.7
Intersezione 2 distanze 3.8
Scritture punti quotati 7.4
Sposta scritture 7.4.1
Ripristina posizione 7.4.2
Traccia linea unione 7.4.3
Elimina linea unione 7.4.4
Riduce punti vicini 7.4.5
Seleziona
Vettori 2.31
Scritture 2.31
Simboli 2.31
Punti quotati 2.31
Tutto 2.31
Connessione con periferica
Connessione (Active Sync attivato) 3.1
102
File di punti
Chiama file di punti 10.1
Crea file di punti 10.2
Profili
Formazione profilo 10.1
Cattura singolo elemento grafico 10.1
Cattura catena di elementi grafici 10.1
Chiama profilo esistente 10.5
Inserimento nuovo profilo (tastiera) 10.5
STONEX DATA MANAGER TABELLA COMPARATIVA
(v.3.072)

File
Apri lavoro
Salva lavoro
Informazioni lavoro SDM Lite
Disegno su stampante/plotter (free version)
Esporta
File DXF
File Shape SDM Full
File Stonex RW5/CRD
Lista/File ASCII SDM Lite
File di punti
Raster
Google Earth SDM Full
File GPX
Pregeo
Importa SDM Lite
File DXF
File Shape SDM Full
File Stonex RW5
File Stonex Cube SDM Lite
File ASCII
Sovrappone immagine raster
Nuova immagine raster
Taglia
SDM Full
Unisce
Rototraslazione
Trasformazione coordinate
Lista di elementi SDM Lite

Zoom
Rigenera SDM Lite
Stonex Data Manager Tabella comparativa_v.3.072 1/6
Zoom cursore
Zoom x
Zoom coordinate
Ultimo zoom
Tutto
Scala
Raater on/off
SDM Full
Elimina raster

Disegno
Imposta grafica
Piani
Linee
Colori
Traccia scritture SDM Lite
Traccia simboli
Traccia punti quotati
Sfondo

Cattura
Catturare singoli elementi grafici
Cattura elementi in finestra
Cattura elementi intersecati da finestra
Cattura catena di elementi grafici
SDM Lite
Sposta nodo
Cattura distanza
Cattura quota

Cancella
Cattura singolo elemento grafico
Cattura elementi in finestra
Cattura elementi intersecati da finestra
SDM Lite
Cancella lultimo elemento
Recupera ultima cancellazione
Recupera tutti gli elementi cancellati

Stonex Data Manager Tabella comparativa_v.3.072 2/6


Entit
Crea figura chiusa
SDM Full
Chiama figura chiusa

Punti quotati
Modello digitale del terreno
Curve di livello SDM Full
Calcolo di volumi
Allineamento / Squadro
Intersezione tra due distanze
Scritture punti quotati
Sposta scritture
Ripristina posizione
SDM Lite
Traccia linea di unione
Elimina linea di unione
Riduce punti vicini
Scambia Nome/Informazione

Seleziona
Vettori
Scritture
Simboli
Punti quotati
SDM Lite
Punti
Riempimenti
Tutti

Connessione con perifderica


Connessione SDM Lite

File di punti
Chiama file di punti
Crea file di punti SDM Lite

Stonex Data Manager Tabella comparativa_v.3.072 3/6


Profili
Formazione di un profilo
Cattura singolo elemento grafico
Cattura catena di elementi grafici SDM Full
Caricare profilo esistente
Inserimento nuovo profilo

Libretto
Lettura/Scrittura porta seriale
Lettura file
Survey Pro
GSI format
Nikon
Formato R5/R6
Formato R2
SDM Lite
Formato R2 Plus
Formato R2W Plus
Formato R1 e R1 Plus
Formato D4
Apre libretto
Codici informazioni

Stonex Data Manager Tabella comparativa_v.3.072 4/6


STRUMENTI SUPPORTATI

Strumenti Estensioni file


S9, S8, S7-G rw5, crd, cts
R1 Total Station dat
R1 Plus Total station dat
R2 Total station txt (gsi)
R2 Plus Total Station dat
R2W Plus Total Station raw
R5 Total station asc (gsi)
R6 Total station asc (gsi)
R9 Total station rw5, crd
Nivo (5C, 5M) Total station txt, nrw, raw
Focus30 Total station raw, txt
STS Total station txt (gsi)
D4 Digital level dat

Stonex Data Manager Tabella comparativa_v.3.072 5/6


TABELLA COMPARATIVA

Funzioni SDM Lite SDM Full


Trasferimento dati da strumenti Stonex X X
Creazione e salvataggio lavori X X
Funzioni grafiche per la gestione dei lavori X X
Apertura libretti di campagna di stazioni totali Stonex X X
Importazione DXF, RW5, ASCII files (txt,csv, asc) X X
Esportazione DXF, RW5/CRD, Pregeo, ASCII files, file di
X X
punti (STS, R2, R5, R6)
Importazione/Esportazione ESRI shape files X
Importazione immagini raster (bmp, tif, jpg, png, gif,
X
ecw)
Esportazione immagini raster (bmp, tif, jpg, png, gif,
X
wmf)
Esportazione formato Google Earth X
Esportazione GPX files X
Elaborazione di modelli digitali del terreno X
Elaborazione curve di livello X
Calcolo di volumi X
Database sistemi di riferimento internazionali X
Georeferenziazione lavori e immagini raster X
Estrazione profili X
Unione lavori X
Sovrapposizione di immagini raster ai lavori X
Taglio di immagini raster X

Stonex Data Manager Tabella comparativa_v.3.072 6/6


105