Sei sulla pagina 1di 14

DOMENICA III

del
TEMPO DI AVVENTO
ANNO A

A cura di Angelo Cannata

Il presente libretto divulgato a soli fini liturgici


vietata ogni forma di commercializzazione
Rallegratevi: la liberazione vicina
Gioia del ritorno in patria, gioia per il recupero della sanit, gioia per la libert
riconquistata: ecco il frutto dellintervento di Dio che salva. Annunciato dai profeti
(prima lettura) come nuovo esodo, il ritorno dallesilio visto come un atto della potenza
e dellamore di Dio per il suo popolo rappresentato da un piccolo resto di deportati.
Lintervento divino per alcuni, forse, non ha corrisposto del tutto alle aspettative. Ma
lannuncio rimane sempre valido, perch proiettato in un tempo in cui sar pienamente
compiuto. Cristo viene come colui che guida lumanit smarrita, sfiduciata e stanca, nel
ritorno a Dio; egli il capo dei redenti, sulla strada santa dellobbedienza e della fedelt.
Ma questo ritorno, di fatto, deve esplicitarsi nel corso delle generazioni; la liberazione
esige tempo e fatica, e la gioia piuttosto quella di un traguardo parziale raggiunto che
rimanda, nella speranza, alla mta finale.

Attesa paziente ed operante


Attuale, allora, il richiamo di Giacomo (seconda lettura) alla pazienza e alla perseveranza.
Egli si rivolge ai suoi fratelli (v. 7), i poveri, per chiedere loro la pazienza nellattesa
della venuta del Signore (vv. 8-1.1).
Lapostolo Giacomo esige da loro la pazienza; non li spinge alla rivolta. La pazienza non
rassegnazione: frutto dellamore, volont di scoprire laltro e di aiutarlo in tutti i
modi a liberarsi di ci che lo aliena compreso il denaro . Ci richiede tempo. La
pazienza che Giacomo chiede ai suoi fratelli, i poveri, consiste nel misurare i ricchi con la
misura del tempo che lamore impiega ad amare. Almeno lamore avesse il tempo di
amare, prima che lautodistruzione in cui si inseriscono i ricchi e i potenti non abbia
terminato il suo compito!
E la pazienza di chi sa che il regno di Dio si costruisce lentamente, anche se i profeti lo
intravedono e lo annunciano prossimo.
E quando, come per Giovanni il Battista (vangelo), viene un momento di scoraggiamento,
di oscurit e di sospetto (Sei tu colui che deve venire, o dobbiamo attenderne un
altro?), il rimando alla parola di Dio e ai segni che accompagnano la sua presenza
efficace basta a restituire fiducia.
Il processo di liberazione delluomo dalle sue schiavit e dai condizionamenti interni ed
esterni, rischia di essere fatto perdendo di vista la speranza ultima, tanto sono urgenti i
compiti di rivoluzionare le strutture disumanizzanti, di coscientizzare gli uomini e di
restituirli alla dignit e allautonomia di persone.
Daltra parte troppo spesso lignavia e legoismo dei cristiani oscura e mortifica
lannuncio della liberazione di Ges, i cui segni sono, oggi, limpegno verso i poveri, gli
emarginati, le minoranze; la difesa dei diritti della coscienza, il condividere realmente la
sorte di chi non ha speranza...
Non c evangelizzazione che non porti ad una liberazione. Il gioioso annuncio del Cristo
liberatore diventa credibile se i suoi messaggeri sanno pagare di persona ed essere
testimoni della gioia.

www.maranatha.it
3

INDICE:

Canto d'ingresso (G. Liberto) ........................................................... pag. 4

Salmo Responsoriale (S. Vivona) ............................................................. 6

Salmo Responsoriale (alternativo)(B. V. Modaro) ................................... 7

Canto al Vangelo (G. Geraci) ................................................................... 8

Canto alla presentazione dei doni (F. Zangh) .......................................... 10

Canto di Comunione (G. Ghisolfi) ............................................................ 11

Canto di Comunione (alternativo) (L. Ciaglia - D. M. Turoldo) .............. 13


4

Canto d'ingresso



Giuseppe Liberto



Ral- le - gra - te - vi sem - pre nel Si - gno - re: ve lo ri -





pe - to, ral - le - gra - te - vi il Si - gno - re vi - ci - no!

Solo


Cantateinnia Dio,cantate in - ni; cantatealvostro re,cantate in - ni.




PerchDio redituttala ter- ra, cantate inni, can - ta - te con ar - te!










Tutti: "Rallegratevi sempre..."



cer - ca con 2. Portate-offerte,
cuo re entrate
sin nei
- suoi
ce atri,
- ro. Il lo - ro


dal Signore in sacri ornamenti


Tremi davanti a Lui tutta la terra;


dite tra i popoli "Il Signore viene!"




gri - do sem - pre E - glia - scol - ta, il su - o sguar - do

Salmo Responsoriale
Salvatore Vivona




Vie - ni, Si - gno - re a sal - var - - - ci.

(dal salmo 145)


1.IlSignorerimanefe - de - le per sem - pre rendegiu - sti - zia a - gliop - pres - si,
2.IlSignoreridonala vi - sta si cie - chi, ilSignoreri - al - za chi ca - du - to,
3.Eglisostiene l'or -fa - noe la vedo-va, masconvolgele vi - e dei mal - va - gi.

1.dilpane a - gli af - fa - ma - ti. IlSignoreliberai pri - gio - nie - ri.


2.IlSignore a - ma i giu - sti, ilSignoreproteggei fo - re - stie - ri.
3.IlSignore re - gna per sem-pre, iltuoDio,oSion,digenerazionein ge - ne - ra zio - ne.

Salmo Responsoriale

alternativo


Bernardo V. Modaro



Vie - ni, Si - gno - re a sal - var - ci.

(dal salmo 145)


secondo il ritmo del testo
1.IlSignorerimanefedeleper sempre rendegiustiziaagliop - pressi,
2.IlSignoreridonalavistaai ciechi, ilSignorerialzachica - duto,


3.Eglisostienel'orfanoela vedova, masconvolgeleviedeimal - vagi.

1.dilpaneagliaffa - mati. IlSignoreliberaiprigio - - - - nieri

2.ilSignoreamai giusti, ilSignoreproteggeifore - - - - stieri.



3.IlSignoreregnaper sempre, iltuoDio,oSion,digenerazioneingenerazi - one.

Canto al Vangelo
Andante con gioia Giovanni Geraci


Introduzione





man.


Al - le - lu - - - ia, al - le - lu - ia, al - le - lu - ia!



/




ped.



Salmista o schola

Lo Spi- ri - to del Si - gno - re su di me: mi ha man-da - to, mi





ha man- da - to a por - ta - re ai po - ve -ri il lie - to an - nun - cio.

Al - le - lu - - - ia, al - le - lu - ia, al - le - lu - ia!



Al - le - lu - - - ia, al - le - lu - ia, al - le - lu - ia!



Al - - - le - lu - - - - ia, al - le - lu - ia!




Al-le - lu - ia, al - le - lu - ia, al - le - lu - ia!








10
Canto alla presentazione dei doni
Musica di Francesco Zangh
Testo di P. Nino Fazio






RIT. Be ne det to seitu,o Pa dre, per il Cri sto tuo fi glio, nello Spiri to d'a mo re.



1)Datoredi o - gni bene, noitibe ne - di - ciamo
2)Crediamo nel - l'a - more, chetunu - tri per noi


3)Trasforma pa - nee vino inci - bo di vita







Coro a 4 v.d ad libitum



RIT.

etiportiamo que - sti doni chetuci ha - i dato.


etiportiamo que - sti doni chetuci ha - i dato.




efacciun so - lo corpo uniti nel tuo Cristo.




11
Canto di Comunione
Testo: Morena Rinaldi
Musica: Graziano Ghisolfi

Antifona



An - da - tea ri - fe - ri - rea Gio - van - - - ni ci cheu-


3

di - te e ve - de - te: ai po - ve - ri an - nun - cia - toil Van - ge - lo.

Strofa


liberamente 3

1.Pa - zien - tee mi-se - ri - cor - dio - so il Si - gno - re, len - toal-l'i - ra e ric - co di






12

all'antifona

gra - zia. Buo - noil Si - gno-re ver -so tut - ti, te - ne - rez-za su tut - te le crea - tu - re.



liberamente


2.Il Si - gno - re so - stie - ne chi va - cil - la, ri - al - za chiun-que ca -


all'antifona

du - to. vi - ci - noa quan - ti loin-vo - ca - no a chi cer - ca con cuo - re sin - ce - ro.


liberamente

3.U - na ge-ne-ra - zi - o - ne nar - raal - l'al - tra le sue o - pe - re, an - nun-zia le sue me - ra -



all'antifona

vi - glie. La sua glo-ria ri-splen - den-te pro-cla-ma-ta e rac - con-ta-no i suoi pro - di - gi.

Rit. Andate a riferire a Giovanni 2. Il Signore sostiene chi vacilla,


ci che udite e vedete: rialza chiunque caduto. (Sal 145,14)
ai poveri annunciato il Vangelo. (Mt 11,4) vicino a quanti lo invocano
a chi lo cerca con cuore sincero. (Sal 145,18)
1. Paziente e misericordioso il Signore,
lento all'ira e ricco di grazia. (Sal 145,8) 3. Una generazione narra all'altra le sue opere,
Buono il Signore verso tutti, annunzia le sue meraviglie. (Sal 145,4)
tenerezza su tutte le creature. (Sal 145,9) Proclamano lo splendore della sua gloria
e raccontano i suoi prodigi. (Sal 145,5)
13
Canto alla Comunione
alternativo
Is. 35,4
Lupo Ciaglia (Graduale)


Coro


Tutti


Di - te a - gli sfi - du - cia - ti: "Co - rag - gio,











3 3


non ab - bia - te ti - mo - re. Ec - co il no - stro Di - o vie - nea sal - var - ci".

Solo


D.M. Turoldo (Chiesa che canta)

3
Ec - co, gi vie - ne, in fret -ta di - scen - de co - me por-
Fio - ri - sca nel can - to l'at-te - sa del mon - do e si con-
Qua-le ru - gia - da ri - tor - ni lo Spi - ri - to a fe - con-



14



3 3


ta - to daun ven - to d'a - mo - re ci sve - le -
ver - ta in pi - a pre - ghie - ra dio - gni crea -
da - re l'in - te - ro cre - a - to in buo - na



3 3


3
3


3
3


r i se - gre - ti dei cuo - ri e mu - te -
tu - ra il di - vi - no so - spi - ro e sia per


ter - ra si mu - tiil de - ser - to e la pa -


3 3



3 3 3


r in pie - no gior - no la not - te.
lu - i nuo - vo e - den la ma - dre.


ro - la ri - pren - daa fio - ri - re.