Sei sulla pagina 1di 1

1.

Bor sostantivo con il significato di pancia, ventre, soprattutto riferito a quello della
donna incinta.
1.1. Nel DER viene considerato come creazione espressiva derivata in parte dalla
consonanza brf, blr, che darebbe lidea di massa molle o flaccida, e dallaltra dalla radice
espressiva borh- (ghior-).
1.2. Il DAR suggerisce una derivazione attravverso lalb. bark a una radice indoeuropea
*bher- portare (cf. Meyer 27).
1.3. Secondo Ciornescu non possibile trattare separatamente bor e burt, considerando
questultimo un singolare regressivo, formato dal plurale bori ( > buri). Inoltre anche lui lo mette
vicino allalb. bark pancia, ventre addome(Orl 1998: 18)
1.4. Pascu, Arch. Rom. VII, 566, parte dal bul. trbuch ma si tratta di unipotesi sbagliata.
1.5. Densuianu, GS, I, 350, ritiene che la radice burd-(da burduf) si sia contaminata con
bute.
1.6. Giuglea, Dacor., IV, 1553, lo collega con burt e con .
1.7. Diculescu (177) e Gamillscheg pensano a un gepid. *baurthei.
1.8 Poghirc (ILR, 329) pensa che il rom. burt provvenga dal PIE *bher-, *bhor- portare.
Secondo lui dallo stesso radicale derivino anche bor, burduf etc.
1.9. Vinereanu (DEIE/DELR, 149) ricorda anche alb. bars incinta confrontandolo con
rom. boroas.

2. Burduf sacco fatto di pelle non conciata oppure dallo stomaco di un animale (capra,
pecora, bufalo), dove si conserva o si trasporta formaggio, farina, acqua etc.
2.1. Secondo Vinereanu (DEIE/DELR, 167) proviene dallo stesso radicale insieme a burt,
alb. burdh sacco, alb. bark pancia, arm. port pancia, ombelico, lat. bursa (dal grec. ).
Boisacq considera lo stesso come prestito ma non specifica da quale lingua, ma tenendo
presente le forme albanese e rumene non pu che trattarsi di unorigine traco-illira.
2.2. Per Cihac, II, 23, da collegare al rus. , rus. , pol. brzuch ma per
Ciornescu i termini non spiegano il fonetismo e sembrano derivare in parte al rom.
2.3. Secondo Densusianu, GS, I, 349 e Rosetti, II, 82, burduf da collegare con il tat.
burdak, az. burduk.
2.4. Per Diculescu, 176, si tratta di una parola germanica in relazione al dan. br e m.a.t.
burt.