Sei sulla pagina 1di 461

Magazine

internazionale
di design e
tendenze
arredamento

MILANO
e stili di vita
architettura
e arte

English text

DESIGN
SHOW
IL SALONE IN ANTEPRIMA

PROTAGONISTI Philippe Starck, Hella Jongerius, Carsten Hller


CITT DI DESIGN Losanna, Treviso, Eindhoven
INTERNI MADE IN ITALY Patricia Urquiola a Milano, Piero Lissoni
in Toscana, Gordon Guillaumier a Noto
V E R N IC I
RIS
P E TT O D ALLACQUA
LA
LITA N

CON
N
AT

DI ENERGIE
gie
ss e g RINNOVABILI COLORI PULITI
FUTURO MIGLIORE scarica i nuovi cataloghi da: www.giessegi.it
QUALITA E RISPARMIO
HANNO TROVATO CASA

Giessegi industria mobili s.p.a. - Appignano (Mc) - 0733/400811


Hearst Magazines Italia Spa
via R. Bracco 6, 20159 Milano - tel. 02.6619.1

Direttore responsabile
Livia Peraldo Matton
lperaldo@hearst.it

Caporedattori
Filippo Romeo (caporedattore centrale) fromeo@hearst.it
Flavia Giorgi fgiorgi@hearst.it
Bettina Rosso (caporedattore design e tendenze) erosso@hearst.it

Consulente alla direzione


Rosaria Zucconi (interni e travel) rzucconi@hearst.it

Direttore artistico
Valeria Settembre vsettembre@hearst.it

Redazione
Grazia Baccari gbaccari@hearst.it
Piera Belloni pbelloni@hearst.it
Francesca Benedetto (interni, travel, people) fbenedetto@hearst.it
Tamara Bianchini tbianchini@hearst.it
Murielle Bortolotto mbortolotto@hearst.it
Paola Carimati (design e tendenze) pcarimati@hearst.it

Redazione grafica
Mariapia Coppin (vice caporedattore) mcoppin@hearst.it
Elena Santangelo (caposervizio) esantangelo@hearst.it
Carlo DAmico (impaginazione) cdamico@hearst.it

Photoeditor
Vivetta Rozza vrozza@hearst.it

Segreteria
Elena Contardi (direzione, amministrazione) econtardi@hearst.it
Roberta Salvioni (redazione, produzione) rsalvioni@hearst.it
Emanuela Megliola emegliola@hearst.it

Collaboratori
Porzia Bergamasco, Marta Lavinia Carboni, Ana Cardinale, Sonia Cocozza, Chiara Di Pinto,
Laura Maggi, Arianna Lelli Mami, Francesco Marchesi, Elisa Ossino Studio, Sonia Pravato, Azalea Seratoni,
Studiopepe, Marco Tagliafierro, TDR Translation Company

Fotografi
Paul Barbera/2DM Management, Settimio Benedusi, Irina Boersma, Federico Cedrone,
Andrea Ferrari, Andrea Garuti, Kasia Gatkowska, Stefania Giorgi, Nathalie Krag,
Peter Krasilnikoff, Brigitte Lacombe, Stefano Pavesi, Mark Seelen, Ivan Serafino, Max Zambelli

Progetto grafico
Designwork

elledecor.it
Alessandro Valenti (consulting editor)
Chiara Chioda cchioda@hearst.it
Benedetta Lamberti blamberti@hearst.it

Direzione, redazione e amministrazione


via R. Bracco 6, 20159 Milano, tel. 02.6619.3375 02.6619.2774, fax 02.6619.3862
e-mail segreteria di redazione: econtardi@hearst.it rsalvioni@hearst.it
Direttore responsabile: Livia Peraldo Matton
Editore: 2012 Hearst Magazines Italia Spa via R. Bracco 6, 20159 Milano
Registrazione presso il Tribunale di Milano n. 530 del 16 luglio 1987
Pubblicato a Milano nel 1987

Elle Decoration Network 25 Edizioni Internazionali


CHINA CROATIA DENMARK FRANCE GERMANY GREECE
HOLLAND INDIA INDONESIA ITALY JAPAN KOREA MEXICO
MIDDLE EAST PHILIPPINES POLAND RUSSIA SOUTH AFRICA
SPAIN SWEDEN TAIWAN THAILAND TURKEY UK USA

ELLE DECOR ITALIA ISSN 1120-4400 is published 10 times per year (except February
& August) by HEARST MAGAZINES ITALIA Spa via R. Bracco 6, 20159 Milano - Italia
Hearst Magazines Italia Spa
via R. Bracco 6, 20159 Milano - tel. 02 6619 1

PUBLISHER ELLE DECOR Roberta Battocchio


BRAND MANAGER Francesca Scarpelli

ELLE DECOR un marchio di Hachette Filipacchi Presse (H.F.P.) e una testata di Hearst Magazines Italia Spa
Tutti i diritti riservati HEARST MAGAZINES ITALIA SPA P. IVA 12212110154 | Via Roberto Bracco 6, 20159 Milano - Italy

HEARST MAGAZINES ITALIA Spa pubblica: Gente, Gente Enigmistica, Gente Puzzle, Gente Puzzle Collection, Gente Speciali, Gioia!,
gioia.it, Cosmopolitan, cosmopolitan.it, Elle, Elle Sfilate, Elle Kids, Elle Luxe, Elle Spose,
Elle Spose Collezioni, Very Elle Beauty & Fit, Very Elle Shopping Accessori, elle.it, Elle Decor Italia, elledecor.it
HMC ITALIA Srl pubblica: Marie Claire, Marie Claire 2 Bellezza, Marie Claire Bis Sfilate, Marie Claire Enfants, Marie Claire Maison,
Marie Claire Maison Guida Design, Marie Claire #Likes, marieclaire.it

CONCESSIONARIA ESCLUSIVA PER LA PUBBLICIT Hearst Magazines Italia Spa


Direzione Generale Pubblicit: Via R. Bracco 6, 20159 Milano Tel. 02/6619.1 Fax 02/6619.2608

DIRETTORE GENERALE Marco Cancelliere, mcancelliere@hearst.it


VICE DIRETTORE GENERALE, MARKETING, INIZIATIVE SPECIALI Roberta Battocchio, rbattocchio@hearst.it
CHIEF DIGITAL OFFICER Biagio Stasi, bstasi@hearst.it
DIRETTORE COMMERCIALE MODA Roberta Gamba, rgamba@hearst.it
DIRETTORE COMMERCIALE BEAUTY Claudio Brenna, cbrenna@hearst.it
DIRETTORE COMMERCIALE ARREDO Enrico Vecchi, evecchi@hearst.it
DIRETTORE COMMERCIALE GRANDI MERCATI E CENTRI MEDIA Alberto Vecchione, avecchione@hearst.it
DIRETTORE VENDITE DIGITAL Carla Costa, ccosta@hearst.it

COORDINAMENTO SETTORE ARREDO Marta Pancin, mpancin@hearst.it

ITALIA DIREZIONE CENTRO NORD


TRIVENETO E MANTOVA. DIRETTORE COMMERCIALE: Massimiliano Fusi. Hearst Magazines Italia Spa, Strada Battaglia 71/c
35020 Albignasego (PD) Tel. 049/8172876 - Fax 049/8172879. PIEMONTE, LIGURIA E VALLE DAOSTA, Adv Spazio Erre Srl,
C.so Giovanni Lanza 105 - 10133 Torino - Tel. 011/6600.100 - Fax 011/6602875. EMILIA ROMAGNA, TOSCANA
E UMBRIA. DIRETTORE COMMERCIALE: Sisto Casalini. Hearst Magazines Italia Spa, Via Goito 8 - 40126 Bologna
Tel. 051/29631.11 - Fax 051/2963130.

ITALIA DIREZIONE CENTRO SUD


DIREZIONE COMMERCIALE: Massimo Scirocco. LAZIO E SARDEGNA, Hearst Magazines Italia Spa, Via della Camilluccia 535
00135 Roma -Tel. 06/688998.1 - Fax 06/68899824. MARCHE-ABRUZZO-MOLISE, Alessandro Fiorelli,
Via Garibaldi 47 - 61032 Fano (PU) - Tel. 335/6891463. CAMPANIA E CALABRIA, Valentina Paparo, Via Onofrio Fragnito 54
80131 Napoli - Tel. e Fax 081/5456386. PUGLIA-BASILICATA E SICILIA, G.S.P. SAS, Via Principe Amedeo 93 - 70122 Bari
Tel. 080/5045399 - Fax 080/5045401-5041691. SICILIA, Luigi Aco, Via Rocca Pirciata15, Makari - 91010 S.Vito Lo Capo (TP)
Tel. 336.549451 - Tel./Fax 0923.975368.

INTERNATIONAL ADVERTISING Robert Schoenmaker - TEL. 02/6269.4441

HEARST MAGAZINES INTERNATIONAL


Duncan Edwards (President, CEO)
Simon Horne (Senior Vice President, CFO and General Manager)
Gautam Ranji (Senior Vice President/Director of Licensing and Business Development)
Kim St. Clair Bodden (Senior Vice President, Editorial Director)

HEARST MAGAZINES ITALIA SPA


Duncan Edwards (Presidente)
Giacomo Moletto (Amministratore Delegato e Direttore Generale)
David Franklin Carey - Simon Horne - Marcello Sorrentino (Amministratori)

TRADEMARK NOTICE
The Elle and Elle Decor are used under license from the trademark owner, Hachette Filipacchi Presse.

LAGARDRE ACTIVE
Denis Olivennes (Chairman and CEO Lagardre Active)
Constance Benqu (CEO ELLE France & International)
Franois Coruzzi (CEO ELLE International Media Licenses)
Sylvie De Chire (Brand Management of Elle Decoration)
Cristina Romero (SVP/International Director of Elle Decoration)
Mickal Berret (SVP/Director of International Media Licenses, Digital Development & Syndication)
Linda Bergmark (Editorial Executive of Elle Decoration)
Flora Rgibier (Marketing Executive of Elle Decoration)
Audrey Schneuwly (Syndication Coordinator)

INTERNATIONAL AD SALES HOUSE: LAGARDERE GLOBAL ADVERTISING


Claudio Piovesana (CEO, claudio.piovesana@lagardere-active.com)
Lagardre Global Advertising, 10 rue Thierry le Luron - 92300 Levallois-Perret - France

STAMPA E DISTRIBUZIONE
NIIAG, viale Zanica 92, 24126 Bergamo
Per lItalia: m-Dis Distribuzione Media Spa, via Cazzaniga 19, 20132 Milano tel. 02.2582.1.
Per lestero: Johnsons International News Italia Srl, via Valparaiso 4, 20144 Milano - Tel. 02.43982263, fax 02.43976430.
E-mail: info@johnsons.it A causa di restrizioni doganali i gadget non vengono spediti in tutti i Paesi.
Hearst Magazines Italia Spa
via R. Bracco 6, 20159 Milano - tel. 02 6619 1

ELLE DECORATION CINA Room 2302, n. 193 Fu Jian Road (c) Shanghai P.R.C.
ELLE DECORATION CROAZIA Radnicka Cesta 39 10000 Zagreb
ELLE DECORATION DANIMARCA Aller Media A/S Postbox 420 DK-0900 Kbenhavn C
ELLE DECORATION FILIPPINE Summit Media 6th Floor Robinsons Cybergate Tower 3, Robinsons Pioneer
Complex, Pioneer St.Mandaluyong City, Manila, Philippines 1550
ELLE DECORATION FRANCIA 149, rue Anatole France, 92534 Levallois-Perret
ELLE DECORATION GERMANIA Arabellastrasse 23, 81925 Munich
ELLE DECOR GIAPPONE Minami-aoyama Tokyu Bldg 3-8-38 Minami-Aoyama Minato-ku Tokyo 107-0062
ELLE DECORATION GRECIA 5 Benaki Street 152 38 Chalandri
ELLE DECOR INDIA 201, Nirman Kendra Off Dr E Moses Road Famous Studio Lane Mahalaxmi, Mumbai 400 011
ELLE DECORATION INDONESIA Grand Wijaya Center Jl Wijaya II No. E16-17, Jakarta 12160
ELLE DECORATION KOREA Hearst Joongang 5F, Contentree Bldg, 6-13 Nonhyundong, Gangnam-gu Seoul
ELLE DECORATION MESSICO Grupo Expansion Av. Constituyentes 956 Col. Lomas Altas CP 11950, Mexico Df.
ELLE DECORATION MIDDLE EAST Mantra Communications, Saint Joseph Street, Irani Building, 2nd Floor,
99 999 Achrafieh, Monot, Beirut, Lebanon
ELLE DECORATION OLANDA Singel 468 1017 AW Amsterdam
ELLE DECORATION POLONIA UL. Warecka 11A 00-034 Warszawa
ELLE DECORATION RUSSIA 31 B Shabolovka str Entrance 6 Moscou 115162
ELLE DECOR SPAGNA C/Cardenal Herrera Oria 3 - 28034 Madrid
ELLE DECORATION SUDAFRICA 105-107 Hatfield Street (Picasso building) Gardens, Cape Town 8001
ELLE DECORATION SVEZIA Box 27 706 115 91 Stockholm
ELLE DECORATION TAILANDIA 7th Floor, Bangkok Post Building 136 Sunthomkosa Road Klong Toey Bangkok 10110
ELLE DECORATION TAIWAN Hearst Magazines Taiwan, 8F, No 90, Sec. 1, Jian Guo N. Road, Taipei 10491
ELLE DECOR TURCHIA Hurriyet Medya Towers 34212 Gunesli - Istanbul
ELLE DECORATION UK 72 Broadwick Street, London W1F 9EP
ELLE DECOR USA 300 West 57th Street, Floor 28, New York, NY 10019.

In Canada i marchi ELLE (denominazione e logo) sono di propriet di France Canada Editions e Publications Inc.

INTERNATIONAL COMMERCIAL NETWORK: INTERNATIONAL COMMERCIAL DIRECTOR Nelly STREICHENBERGER -


Mail: nelly.streichenberger@lagardere-active.com; LAGARDRE GLOBAL ADVERTISING, 124 rue Danton, 92300 Levallois- Perret,
France. CANADA: Franoise CHALIFOUR - Mail: francoise.chalifour@publicitas.com CINA: Wendy LIN - Mail: wendy.lin@publicitas.
com.cn COREA: Jung-Won SUH - Mail: sinsegi-2@sinsegimedia.info FRANCIA E BELGIO: Philippe LEONARD - Mail: philippe.
leonard@lagardere-active.com GERMANIA: Vanessa NTZEL - Mail: vanessa.noetzel@burda.com
GIAPPONE: Mayumi KAI - Mail: kai-pbi@gol.com GRECIA: Costis FRONIMOS - Mail: c.fronimos@global-media.gr INDIA: Rachna
GULATI - Mail: rachna.gulati@publicitas.com ITALIA: Robert SCHOENMAKER - Mail: rschoenmaker@hearst.it MALESIA: Audrey
CHEONG - Mail: audrey.cheong@publicitas.com OLANDA: Peter LANDSHEERE - Mail: peter.landsheere@publicitas.com
SCANDINAVIA: Karin SDERSTEN - Mail: karin.sodersten@aller.se SPAGNA: Melinda SNIDER - Mail: msnider@hearst.es
REGNO UNITO: Victoria JACOB LUCK - Mail: victoria.luck@hearst.co.uk STATI UNITI: Olivier BERTON - Mail: olivier.berton@
publicitas.com TAILANDIA: Steven FONG - Mail: steven.fong@publicitas.com
TURCHIA: Emin Tan BILGE - Mail: tanbilge@medialdt.com.tr

ABBONAMENTI: Per informazioni contattare il Servizio Clienti Hearst Magazines Italia Spa - Ufficio
Abbonamenti - c/o CMP BRESCIA - 25126 E-MAIL: abbonamenti@hearst.it
Fax 041.5099553 - Telefono dallItalia 199.11.55.44; dallestero 0039.041.5099049. Servizio attivo dal
luned al venerd dalle h. 09.00 alle h. 19.00; il costo della chiamata nazionale da telefono fisso di 0,12
al minuto + IVA, senza scatto alla risposta. Per chiamate dal cellulare i costi sono legati alloperatore
utilizzato. Servizio effettuato da Koin Brescia srl, via Val DAvio 9, 25132 Brescia. Gestione operativa:
Press Di Distribuzione Stampa e Multimedia srl, via Mondadori 1, 20090 Segrate (Mi). Labbonamento
partir dal primo numero raggiungibile. Per il rinnovo attendere lavviso di scadenza. Le copie in
abbonamento vengono consegnate direttamente agli uffici postali decentrati.

ARRETRATI: Per i numeri arretrati rivolgersi alla propria Edicola di fiducia, che pu richiederli attraverso il
Servizio Arretrati su www.primaedicola.it. Il prezzo degli arretrati pari al doppio
del prezzo di copertina. La disponibilit di copie arretrate limitata allultimo anno, salvo numeri esauriti.
Non possibile richiedere arretrati delle versioni con gadget.

Informativa privacy. Hearst Magazines Italia Spa, quale titolare del trattamento, ai sensi dellart. 13, D.Lgs.
196/2003, garantisce il trattamento dei dati personali nel rispetto della normativa sulla privacy. I dati dellinteressato
sono trattati, manualmente ed elettronicamente, da Hearst Magazines Italia Spa. Il trattamento dei dati finalizzato
allinvio delle riviste richieste in abbonamento e alle operazioni connesse. Hearst Magazines Italia Spa, solo previo
consenso dellinteressato, utilizzer i dati per finalit di marketing, attivit promozionali, offerte commerciali, analisi
statistiche e ricerche di mercato. Alle medesime condizioni i dati potranno essere comunicati ad aziende terze - ivi
comprese le societ in rapporto di controllo e collegamento con Hearst Magazines Italia Spa ai sensi dellart. 2359 c.c. -
per loro autonomi utilizzi aventi le medesime finalit. Ai sensi dellart. 7, D.Lgs. 196/2003, linteressato ha il diritto di
consultare i dati ovvero domandarne laggiornamento, la rettifica o la cancellazione. Non invece esercitabile il diritto
di conoscere lorigine dei dati personali trattati, ai sensi dellart. 138, D. Lgs. 196/2003.
Responsabile del trattamento Press Di Distribuzione Stampa e Multimedia srl, via Mondadori 1 - 20090 Segrate (Mi).

FEDERAZIONE ITALIANA ACCERTAMENTI


EDITORI GIORNALI DIFFUSIONE STAMPA
CERTIFICATO 7513
ISSN 1120-4400 DEL 10/12/2012
n. 42016

150

223
192
ATTUALIT+CULTURA 127 In Mostra/1 DESIGN+ARCHITETTURA 192 Architettura
A distanza di 20 anni torna La nuova Elbphilharmonie
56 Elledecor.it lEsposizione Internazionale 150 Green di Amburgo firmata
Gli extra del mese della Triennale di Milano Nei parchi darte pi Herzog & de Meuron
da approfondire online 137 In Mostra/2 creativi dEuropa. Tra verde 223 Tendenze
58 Elle Decor App Milano. A Palazzo Reale, e architettura Monitor. Quattro caratteri
La Milano Design Week uninstallazione di Attilio Stocchi 168 Icone per quattro modi di progettare
a portata di touch in partnership con Kartell Intervista a Philippe Starck, 271 Design/Future
61 Password 141 Elle Decor Incontra leclettico progettista francese La Silicon Valley italiana
Design Show: pensieri intorno Carsten Hller racconta 173 Design&Colour a Roncade, in unantica tenuta
alla settimana del Salone la sua mostra allHangarBicocca Nuovi lavori e installazioni agricola vicino a Treviso
64 Destinazione Musica 207 Anniversario di Hella Jongerius, tra 403 Inside Design
I suoni come fonte dispirazione I 50 anni di B&B Italia celebrati handmade e innovazione Gli ultimi trend intorno a
per architettura, arte, design da un libro, un film e una mostra 179 Design&Craft materiali, wellness, cucina & C.
97 Award 216 Backstage Alla scoperta del laboratorio E una rassegna di sedute
EDIDA 2016: i vincitori Baxter e Elle Decor Italia di Francesco Faccin e accessori cult per il living
della 14 edizione del premio presentano un nuovo corto 189 Design&Art
113 Elle Decor Eventi 445 n.b. Il mondo di Bethan Laura Wood.
Soft Home, la mostra interattiva I libri e gli appuntamenti da non Che ha trasformato
che racconta la casa di domani perdere a Milano e nel mondo se stessa in opera darte

53 ELLE DECOR
Aprile

328

340
127 Cover
STILE+DECOR 276 Itinerario 350 Site Specific Design
Treviso, Eindhoven e Losanna: Progetti dautore di ieri e di oggi
79 Decorscouting alla scoperta delle scuole in uninstallazione speciale
Curiosit, address, mobili, e delle citt di design 360 In Toscana
oggetti: tutto da scoprire pi prestigiose dEuropa La casa di campagna di Piero
247 Elle Decor Incontra Lissoni, espressione
Il fotografo Massimo Vitali INTERNI della sua profonda sensibilit
nella sua casa di Lucca 372 Milano
263 Design/Present 328 A Noto A due passi dal Duomo,
16 designer internazionali Una casa di vacanze firmata lHotel Giulia progettato
firmano la nuova collezione da Gordon Guillaumier di Patricia Urquiola
Servizio a pag. 372.
di porcellane 2016/ Arita 340 Copenhagen 384 A Bologna di Rosaria Zucconi
Il garage di una ex fabbrica Spazi contemporanei per foto di Max Zambelli
FOOD+TRAVEL diventa unabitazione il restyling di una villa anni 30 testo di Alessandro Valenti
con un giardino nascosto
255 Design/Past 443 Gli indirizzi
A Napoli, il nuovo bistrot della 451 English text
pasticceria Scaturchio

54 ELLE DECOR
elledecor.it
Elle Decor Italia anche sul web con news, video, photo
gallery, case, architettura, design, interior decoration.
In pi: reportage in tempo reale e speciali dalle principali
capitali del mondo

Extra su elledecor.it People Luoghi Design


Unapposita grafica Francesco Binfar racconta In Costa Azzurra, la seconda Reportage in tempo reale
segnala i contenuti speciali. il suo ultimo divano Essential per vita di unarchitettura anni 20 dal Salone del Mobile
Segui il simbolo + Edra (p. 82). Intervista a Kike grazie a un intervento di Odile di Milano: su elledecor.it
alla fine degli articoli. Sarasola, fondatore della Decq (p. 90). In crociera sul lo speciale online dedicato alla
Per trovarli basta aprire catena Room Mate, in occasione Mekong su un battello che offre Design Week pi importante
la home page e dellapertura dellhotel Giulia il massimo del comfort, tra del mondo. In primo piano,
cliccare sulla voce magazine a Milano (p. 372). Incontro natura e chef stellati (p. 92). In appuntamenti in fiera e in citt,
con Domitilla Dardi, special Giappone, in un parco nazionale, mostre, eventi, brand e designer
curator di una sezione dedicata trattamenti extra nellesclusivo protagonisti della kermesse
al design di Miart (p. 447). resort Amanemu (p. 412). in calendario dal 12 al 17 aprile.

Puoi sfogliare Elle Decor Italia anche su tablet, smartphone e dispositivi kindle fire.
Disponibile su app store, google play e amazon app-shop anche in versione full English

56 ELLE DECOR
Salone 2016

Segui in tempo reale la Milano Design Week


nello Speciale Salone del Mobile di elledecor.it.
News e foto in diretta dalla Fiera di Rho.
Focus sugli espositori e sugli appuntamenti del Fuorisalone

SCARICA LAPP SALONE DEL MOBILE


IN ITALIANO E IN INGLESE
Per la settimana del design allelenco delle pi interessanti
pi famosa del mondo, Elle Decor esposizioni del Fuorisalone.
Italia anche App! Per il terzo Dalla homepage la navigazione
anno consecutivo si rinnova davvero intuitiva: unagenda
lappuntamento con la guida segnala tutti gli eventi dal mattino
digitale di elledecor.it consultabile fino a tarda notte, con
dal menu dello Speciale Salone spiegazione del tema, location
2016. LApp, dedicata a chi il design e geolocalizzazione; un filtro
lo pensa, lo produce, lo ama, consente unulteriore selezione
ideale per orientarsi tra i tanti e permette di ricercare
eventi in programma dal 12 al 17 direttamente il nome di un brand
aprile, localizzare sulla mappa di o di un designer. Un motivo
Milano lindirizzo di uno showroom, in pi per scaricare la App?
seguire i suggerimenti della Non serve una connessione Internet
redazione sugli appuntamenti per consultarla, navigabile
da non perdere day-by-day. offline. Un plus particolarmente
Scaricabile gratuitamente utile, soprattutto per i visitatori
da App Store o Google Play, offre stranieri. Stay tuned!
a portata di touch un vademecum
con orari, padiglioni, espositori,
trasporti e ticket della Fiera oltre

FREE SU APP STORE E GOOGLE PLAY

58 ELLE DECOR
PASSWORD

04.16 [Design show]

Eccoci ad aprile, il mese pi importante dellanno per chi, come noi, si occupa di design.
ll momento in cui, in occasione del Salone del Mobile, per una settimana, Milano sfoggia il suo spirito
internazionale e si apre, non solo agli addetti ai lavori, ma anche a un pubblico sempre pi vasto
di design addict. Giornate in cui creativit e ricerca, perfezione industriale e cura artigianale, applicate
alluniverso domestico, propongono il meglio. Un aspetto che si riflette nelle pagine del numero,
che presenta le ultime novit raccontate dai protagonisti della Milano Design Week. Entrando negli
studi dei designer, per comprendere il processo che ha portato alla realizzazione di un
pezzo unico, alla progettazione di una collezione di arredi, al concept di uninstallazione. Visitando,
in anteprima, le mostre che gravitano intorno alla XXI Esposizione Internazionale della Triennale,
Design After Design, manifestazione che torna dopo ventanni di pausa. Ma anche esplorando,
a modo nostro, le connessioni fra il mondo del design e gli altri territori. Per scoprire che si pu dare
forma, colori e sostanza alla musica, con progetti sonori concepiti da sound designer, architetti
e artisti. E apprezzare la relazione fra interni, architettura e paesaggio, mostrando gli interventi pi
affascinanti delle stelle del progetto. Ma non finisce qui, perch le passioni di Elle Decor sconfinano
oltre le pagine del magazine e del sito, e vanno in mostra nel milanese Palazzo Bovara (dal 12 al 24
aprile) con Soft Home, esposizione nella quale raccontiamo levoluzione dei nuovi modi di abitare:
interattivi, relazionali, sempre pi connessi in rete. I nostri ospiti entreranno in una casa, confortevole
e coinvolgente, che si apre alle tecnologie pi innovative e le utilizza per amplificare la relazione
tra gli oggetti e le persone. Attraversando le stanze disegnate per noi da Marcante Testa/UdA
Architetti, e animate dalle esperienze digitali elaborate da H-Art, vivremo unesperienza immersiva
totale. In un viaggio emozionante che proietta linterior design nel mondo di domani.

61 ELLE DECOR
DESTINAZIONE MUSICA

Visioni sonore
Dalle scenografie firmate Steven Holl alle performance
di Francesco Vezzoli. I suoni stimolano la creativit
e sono fonte dispirazione per architetture e progetti di design.
Perch la musica da vedere
testo di Azalea Seratoni ha collaborato Piera Belloni
Foto Todd Rosenberg
Tesseracts of Time Linguaggio
architettonico e linguaggio del corpo
si mixano a ritmo di musica nella scenografia
firmata da Steven Holl con la coreografa
Jessica Lang per lHarris Theater di Chicago.
Dancers: Eve Jacobs, Kana Kimura,
John Harnage. www.stevenholl.com

65 ELLE DECOR
DESTINAZIONE MUSICA

Jean Nouvel, Candida Hfer, Maarten Baas Architetti, artisti


e designer si confrontano con il mondo dei suoni. Dai set agli strumenti

[1]

1. Le nozze di Figaro Jean Nouvel [2]


ha firmato un set contemporaneo per lopera
di Mozart, con costumi di Azzedine Alaa, in
scena alla Disney Concert Hall di Los Angeles.
www.laphil.com 2. Staged! Una mostra a
cura di Sammlung Goetz sul fascino che opera,
teatro e danza esercitano sugli artisti visual
(foto, Thtre municipal Calais I di Candida
Hfer). Kunsthalle Monaco, dal 19/8 al 6/11.
www.kunsthalle-muc.de 3. Fendi Guitar
La Gibson rivisitata dal light designer Moritz
Waldemeyer per una performance del gruppo

Foto Genaro Molina/Los Angeles Times/Contour - Candida Hfer, Kln/VG-Bild-Kunst, Bonn, Courtesy Sammlung Goetz, Mnchen
americano OK Go, durante Design Miami.
www.designmiami.com 4. Smoke Pleyel
Il pianoforte secondo Maarten Baas: bruciato
con fiamma ossidrica, ma con meccanica
perfetta. In ed. limitata da Pianos Pleyel, con
Carpenters W. Gallery. www.piano.pleyel.fr

Foto John Parra/Getty Images - Adrien Millot, Courtesy Carpenters Workshop Gallery/Pleyel

[3] [4]

66 ELLE DECOR
68
ELLE DECOR
DESTINAZIONE MUSICA

Cleste Boursier-Mougenot. Courtesy the Artist and Paula Cooper Gallery, New York
DESTINAZIONE MUSICA

[1] Installazioni sonore


Da Carsten Nicolai a Mariko Mori
fino a David Bowie. Sound
designer, artisti e pop star hanno
dato immagine al suono

[2]

1. Concert Hall Jordanki A


Torun, Polonia, una sala da concerti
progettata dallarchitetto spagnolo
Fernando Menis avvolta allinterno
da una texture di mattoni, come le
facciate del centro storico: un modo
per ricollegare il progetto al tessuto
antico della citt. www.menis.es
2. Madama Butterfly Progetto
speciale per la 55 Biennale dArte,
lopera di Puccini stata

Foto Jakub Certowicz - Michele Crosera - Courtesy PHB, - Nicol Rastrelli - Courtesy Jonathan Barnbrook
rappresentata con scene e costumi
dellartista Mariko Mori al Teatro
La Fenice. www.teatrolafenice.it
3. Unidisplay Alva Noto
(pseudonimo di Carsten Nicolai)
durante la performance tenuta
al Pirelli HangarBicocca. www.
hangarbicocca.org 4. Blackstar
La art cover dellultimo disco di
Bowie, del graphic designer Jonathan
Barnbrook. www.barnbrook.net

[3]

CARSTEN NICOLAI
Professione: artista e compositore
Anno di nascita: 1965
Nazionalit: tedesca
Segni particolari: il suo pseudonimo
Alva Noto
Ultimi progetti: A (alpha) pulse,
installazione sonora e luminosa
proiettata in occasione di Art
Basel Hong Kong 2014 sulla torre [4]
dellInternational Commerce Centre
Sito: www.carstennicolai.de

70 ELLE DECOR
DESTINAZIONE MUSICA

Les Nuits Silhouette


arabeggianti, fatte di nastri elastici,
si intrecciano in un gioco di luci
e ombre: il set creato dalla designer
francese Constance Guisset
per il balletto di Angelin Preljocaj,
ispirato a Le mille e una notte.
www.constanceguisset.com

Foto JC Carbonne

72 ELLE DECOR
DESTINAZIONE MUSICA

Auditorium itineranti e citt della musica


Gli spazi dedicati a concerti e spettacoli
parlano un nuovo linguaggio: scenografico,
leggero, internazionale

[1]

CHIARA LUZZANA
Professione: sound designer & artist
Data di nascita: 1980
Nazionalit: italiana
Segni particolari: vive tra Italia e Cina
Ultimi progetti: creare la colonna sonora
di ogni citt. Dopo Shanghai e Milano,
Las Vegas, Miami, New York, Londra...
Sito: www.chiaraluzzana.com
[2]

[3]

[4]

Foto Andreas G. Waldschuetz - Michele Crosera - Shigeru Ban, Jean de Gastines Architectes
1. The Sound of City il nome
dellinstallazione sonora, con i rumori della citt di
Milano, creata dalla sound artist Chiara Luzzana
per Brera Design District, dal 12 al 17/4.
www.thesoundof.city 2. Norma
La tragedia di Bellini attualizzata dallartista
americana Kara Walker con la trasposizione
in Africa. A La Fenice di Venezia, da agosto.
www.teatrolafenice.it 3. Ark Nova La sala
Yu Terayama/Lucerne Festival Ark Nova - ROLI Ltd. 2016
da concerti gonfiabile, by Anish Kapoor e Arata
Isozaki con il Lucerne Festival, dopo il Giappone
attesa questanno in Europa. www.ark-nova.com
4. Cit musicale A Parigi, lauditorium
sullle Seguin firmato Shigeru Ban e Jean
de Gastines Architectes inaugura nel 2017.
cite-musicale-ile-seguin.hauts-de-seine.fr
5. Seaboard GRAND Ha una superficie soft e
continua linnovativa tastiera di Roli. www.roli.com

[5]

74 ELLE DECOR
DESTINAZIONE MUSICA

Minuetto contemporaneo Arte, moda, musica e danza compongono


lopera di Francesco Vezzoli per lultima biennale Performa 15

Fortuna Desperata Performance live di ispirazione


rinascimentale, ideata dallartista Francesco Vezzoli con la
coreografa Deda Cristina Colonna, il ballerino David Hallberg,
e costumi di Prada. 15.performa-arts.org

I suoni abitano le nostre citt e compongono una colonna Boursier-Mougenot, al Muse des Beaux Arts di Montral.
sonora ininterrotta alla quale non facciamo pi caso. I motori La prima versione stata presentata al MoMA PS1 di New York.
delle auto, le frenate dei tram, gli avvisi nella metropolitana, ma Da allora lartista francese ha concepito, ogni volta riadattandolo
anche la musica alla radio, nelle sale dattesa e nelle piazze in al luogo in cui era ospitato, un paesaggio crudo, quasi desertico,
occasione dei festival rock. Ma possiamo vederli? Possiamo dar di sabbia e cespugli utilizzati dai volatili per costruire i loro nidi,
loro una forma? La musica, come larchitettura, unesperienza al suono degli amplificatori. Uninfinita variazione di azioni e
immersiva. Il corpo che si muove nello spazio e nel tempo reazioni che provocano echi, tracce, risonanze e contribuiscono
unesperienza cruciale sia nellarchitettura sia nella danza, a disegnare uno spazio fisico e sonoro magico e cangiante.
spiega Steven Holl. Nasce da qui Tesseract of Time - A Dance Ma non finisce qui. Proprio come i passi di danza eseguiti
for Architecture, il lavoro del progettista americano e della da Hallberg, il suo abito sembra la versione fantascientifica di un
coreografa Jessica Lang commissionato dallHarris Theater, quadro di Beato Angelico. Cos Francesco Vezzoli descrive
in scena allultima Biennale di Architettura di Chicago. Una il costume di scena disegnato dal design director di Prada e Miu
straordinaria opportunit per sperimentare la contaminazione Miu, Fabio Zambernardi, per la sua performance Fortuna
tra queste due arti, i modi diversi di percepire le relazioni tra Desperata che ha aperto, a New York, lultima edizione della
suoni, luce e movimento. Larchitettura si fa mobile e diventa biennale Performa 15. Cucito addosso a David Hallberg, il primo
un dispositivo per produrre, trasportare, riprodurre la musica ballerino del Bolshoi Ballet e dellAmerican Ballet Theatre,
e ridare senso alle illusioni di un popolo intero. Lartista anglo- il costume diventa metafora della nuova produzione dellartista
indiano Anish Kapoor ha progettato con larchitetto nipponico italiano che ragiona sulle origini della danza nelle corti del
Arata Isozaki Ark Nova, una bolla di poliestere color porpora Rinascimento e sulla sua attualizzazione. Parla al presente anche
che ha attraversato il territorio di Fukushima devastato dallo lallestimento della Norma di Vincenzo Bellini al Teatro La
tsunami e porter il suo messaggio culturale anche in Occidente, Fenice, in scena il prossimo agosto. La regia, le scene e i costumi
previsto questanno larrivo in Europa. Con la stessa qualit sono di Kara Walker. Lartista afro americana stravolge lopera
progettuale, in una logica di sostenibilit che ragiona a stretto originaria e ambienta in Africa la storia damore tra Norma
contatto con il contesto, Shigeru Ban ha costruito edifici e Pollione. Perch i temi della conquista e del potere, sempre pi
Foto Brad Barket/Getty Images

temporanei con strutture di cartone che sono diventati modelli allordine del giorno, grazie alla potenza della musica e delle
di una diversa idea di architettura. A Parigi, sulla Senna sta immagini possano essere raccontati con maggiore risalto.
per nascere una cittadella della musica, sullle Seguin, firmata
dal progettista giapponese. Maarten Baas suoner qui un giorno
il suo pianoforte bruciato? Intanto possiamo godere dei riverberi
di chitarre elettriche e bassi pizzicati dallo stormo di uccellini
nellinstallazione From here to ear v. 19 dellartista Cleste

76 ELLE DECOR
Piegature dautore, oggetti funny-glam tra arte
e design, indirizzi darchitettura e vintage la page
a cura di Bettina Rosso, Murielle Bortolotto e Marta Lavinia Carboni

Quando il Giappone
incontra la Finlandia, nasce
Pause for Harmony.
Ovvero una collezione di 30
pezzi dedicata agli interior
pi una borsa, risultato della
collaborazione tra Issey
Miyake e il mitico marchio
Iittala. Americani, cuscini,
tovaglioli caratterizzati
dalla classica plissettatura
degli abiti couture del maestro
giapponese, vetri e ceramiche
che interpretano la forma
pentagonale. La palette colori,
invece, prende ispirazione
direttamente dalla natura.
www.iittala.com
+elledecor.it

79 ELLE DECOR
DECORSCOUTING

Costanza turns 30!


Il 2016 un anno
speciale per la storica
lampada disegnata nel
1986 da Paolo Rizzatto
per Luceplan. Verr
festeggiata con eventi
glamour, tra cui uno
scatto celebrativo con
150 Costanza
a formare il numero 30.
www.luceplan.com

Mapplethorpe Worldwide: una pubblicazione


(Mapplethorpe Flora: The Complete Flowers,
Edizioni Phaidon) ed esposizioni in tutto il mondo,

Foto Robert Mapplethorpe, Nick Marden (1980), Artist Rooms, Tate National Gallery of Scotland
tra cui The Perfect Medium al LACMA e al The Getty
di L.A. (che termina a fine luglio), e The Magic
in the Muse al Bowes Museum di Barnard Castle
no al 24/04). www.mapplethorpe.org

Vetrate p
Robert Mapplethorpe Foundation

per Credenza,
di piccoli mobi
Pontaccio da P
e Federico Pep
riprendono la t
a piombo e reg
di custodire un
www.spaziopontaccio.com

80 ELLE DECOR
DECORSCOUTING

City Jungle Un living contemporaneo negli interior, mentre fuori natura selvaggia.
Non resta che accomodarsi e ammirare lo spettacolo in technicolor
[3]

[2]

[1]

1. Francesco Binfar fa il tris con il sistema di


Essential disegnate per Edra. Semplicit del segno,
e massimo comfort grazie allo schienale pieghevole
da bracciolo. Qui nella versione notturno velvet. ww
+elledecor.it 2. Il Parc De Bagatelle, alla periferi
di Parigi, stampato sul raso di cotone di Christian
Designers Guild. www.designersguild.com. 3. Lette
luminoso per Seletti con Alphafont, cm 30h. www.s
Foto Mat

4. Day-By-Day di MischerTraxler per Nodus, il tappeto in lana


e seta di bamb, rigorosamente handmade. www.nodusrug.it

82 ELLE DECOR
DECORSCOUTING

ppuntamento dance:
i Cumbia by Marni
Umbria 42 durante
della Design Week
e. Una balera dove
e la tradizionale
i coppia colombiana,
, lampade e tavolini
nti fili di PVC: nuova
limitata di design
www.marni.com
cor.it

rigorosa, geometrica
e qui in verde bosco la
madia di Alf del sistema Loft,
programma di credenze
modulari che lasciano spazio
a una grande libert
di configurazione. Chiusura
push-pull o con maniglie
squadrate che completano
le linee in rovere
laccato opaco. www.alf.it
+elledecor.it

100% sughero e 100% riciclabili


i nuovi arredi outdoor di Paola Navone
per Gervasoni presentati allultimo
Salone del Mobile di Milano.
Qui Cork 05, poltroncina dalle linee
bombate e il tavolino Cork 45.
www.gervasoni1882.it +elledecor.it

84 ELLE DECOR
DECORSCOUTING

Nuovo address a Milano: ledificio delle


storiche Cavallerizze (1855) annesso al Museo
della Scienza e della Tecnologia rinasce grazie
al progetto di restauro tra antico e moderno
dello Studio Ar.ch.it di Luca Cipelletti. In foto,
il suggestivo gioco architettonico della luce
che filtra dalle pareti in legno. www.ar.ch.it

Ritmica armonia
di colori per Lattice,
nuovo tappeto di Ronan
& Erwan Bouroullec
by Nanimarquina,
dove irregolarit e
movimento si
susseguono con attenta
cura per equilibrio e
proporzioni. 100% lana
afgana filata a mano.
www.nanimarquina.com

784 il numero di profili in alluminio oro uniti


per comporre la seduta con cui Carlo Colombo si affaccia
Foto Henrik Blomqvist

al mondo dellarte. In mostra, a cura di Vittorio Sgarbi,


il 17/4 alla Triennale di Milano durante il Salone del Mobile.
E il prossimo settembre, a Miami, alla galleria Valli Fine Art
nel distretto di Wynwood. www.carlocolombo.ch

86 ELLE DECOR
DECORSCOUTING

Diana B, design Konstantin Grcic, foto Shirana Shahbazi

Classic Grcic. ClassiCon e Konstantin Grcic festeggiano i 25 anni di collaborazione. Era il 1991
e da questo fortunato incontro (dieci anni dopo) nasce una collezione di mobili-icona realizzati
in lamiera piegata, tra cui il tavolino Diana. Durante la Design Week di Milano, i pezzi firmati dal designer
tedesco sono presentati da Spotti in viale Piave, in una serie monocroma che vede protagonista
il nero, opaco o lucido, in uninterpretazione fotografica by Shirana Shahbazi. www.classicon.com

88 ELLE DECOR
DECORSCOUTING

Ingo Maurer e Michel Sempels presentano


Walking Bulb. Una lampada da tavolo,
cm 25x64h, dallironico outline antropomorfo in
acciaio, ottone e alluminio. Lilluminazione a Led,
al centro della lampadina, ruota a 360. Un
moderno ciclope illuminato. www.ingo-maurer.com

Per giovani cavallerizzi in erba.


Al trotto o al galoppo con la Rocking
Horse Chair (di design) disegnata dal
duo svedese Front per Gebrder Thonet
Vienna. In faggio tinto nero curvato
e con la seduta in pelle rossa, blu o
verde. www.gebruederthonetvienna.com
+elledecor.it

Nuove vibranti tonalit. Quelle


scelte da Odile Decq per il restyling
della Maison Bernard (nota come
Palais Bulles), vicino a Cannes.
Allinterno i nuovi colori, audaci,
conferiscono a ogni spazio
unidentit diversa e rivoluzionano
in chiave 2.0 il progetto
di Antti Lovag degli anni 20
per il filantropo Pierre Bernard.
Finalmente aperta al pubblico
in date particolari, da verificare sul
sito. www.fonds-maisonbernard.com
+elledecor.it
Foto Yves Gellie for Fonds De Donation Maison Bernard

90 ELLE DECOR
DECORSCOUTING

Da sempre un punto di riferimento per i milanesi e gli appassionati di modernariato,


Spazio900 cambia look e apre il negozio online. 5.000 pezzi tra mobili, accessori
e complementi dal 1950 al 1980, firmati da Borsani, Castiglioni, Colombo, Jacobsen
(e molti altri). Da comprare sul web o, per chi passa da viale Campania 51
a Milano, vedere dal vivo, in una nuova cornice colorata e con un nuovo setting per
i suoi oggetti pi importanti. www.spazio900.com +elledecor.it

Per chi ama vacanze alternative


eccone una, di lusso. Si salpa il 26
agosto per una crociera sul Mekong
o a novembre per il Rio delle
Amazzoni. Il tutto organizzato
da Aqua Expeditions, in compagnia
di due chef stellati: David Thompson
e Pedro Miguel Schiaffino.

Vista da designer.
Marcel Wanders ha creato
per Safilo una collezione
di occhiali, sia per lui
sia per lei, ultra light
e impreziositi allinterno
della montatura
da un pattern in metallo.
www.safilo.com

92 ELLE DECOR
AWARD

97 ELLE DECOR
x O y
p o

106 ELLE D R
ELLE DECOR EVENTI

Milano, Palazzo Bovara


Il percorso si snoda nelle stanze
delledificio settecentesco, costellato
di molteplici sorprese esperienziali,
attivate dalla presenza dei visitatori.

Soft Home
Rendering di progetto di Marcante Testa/UdA Architetti

Confortevole e connessa. Tecnologica e morbida.


Con una mostra interattiva e digitale, Elle Decor Italia
racconta la casa di domani. Una riflessione sullabitare,
sugli stili di vita, in un mondo che cambia
di Laura Maggi

113 ELLE DECOR


ELLE DECOR EVENTI

La Galleria
Squillante Unoriginale
playroom che invita alla
scoperta attraverso il tatto
e il suono. Come in un
laboratorio tattile, permette
di esplorare i materiali
trasformati in strumenti
musicali grazie a Mogees,
un device innovativo.
www.mogees.co.uk

Con un forte contenuto di ricerca, la Soft Home integra


un progetto di interaction e visual design firmato H-Art
nellallestimento di Marcante Testa/UdA Architetti. Coinvolgendo
tutti i sensi, dal tatto alla vista, alludito

Il Salot
Smemorato
di questo spaz
collezionati ve
trasformati in d
di memoria. S
si attivano 12
a parete, dove
immagini e mi
legati al tema
di famiglia e d

Rendering di progetto di Marcante Testa/UdA Architetti

114 ELLE DECOR


ELLE DECOR EVENTI

Il Bagno Lezioso Lo specchio


uninterfaccia sensibile che aiuta
a iniziare al meglio la giornata con
messaggi motivazionali o suggerendo
mood personalizzati di colore
per il trucco e labbigliamento.

Il percorso immersivo attraverso le stanze affronta i temi


del vivere contemporaneo. Offrendo stimoli ed esperienze conoscitive
con effetti sonori attivati dalla presenza dei visitatori, immagini
animate e video di Davide Rapp e Francesca Molteni/Muse

Mentre nel mondo sta avanzando una rivoluzione epocale Molteni) ed effetti sonori attivati dalla presenza del visitatore.
degli stili di vita, accelerata da fattori quali la diffusione Accolti da un Giardino Domestico indoor, possiamo attraversare
capillare della connessione wireless, la realt virtuale stanze dai nomi evocativi come il Salotto Ispirato (legato al tema
e aumentata, lInternet of Things, la stampa 3D, in occasione del collezionismo darte digitale), la Galleria Squillante
della Milano Design Week 2016 Elle Decor Italia presenta (dove ascoltare il suono dei materiali), la Camera Onirica
una mostra-installazione frutto di una riflessione sullabitare, (una stanza da letto con flash-back sulla giornata dei proprietari),
sui cambiamenti in atto nella casa, offrendo una propria visione il Bagno Lezioso (con specchio parlante) e la Cucina Croccante
sul domani che verr. Il titolo Soft Home rimanda alla doppia (spazio kitchen con menu virtuali). Ogni esperienza coinvolge
accezione del termine, sia come abbreviazione di soft tech, sia i diversi sensi, dal tatto (materiali, texture, finiture) alla vista
come attributo di una casa accogliente, morbida e confortevole. e alludito (video, sound), in una palette cromatica che abbraccia
Il percorso immersivo, che conduce il visitatore a vivere una vera il blu Capri, il giallo limone e il rosa pesca. Da non perdere
e propria esperienza, tra stanze arredate con pezzi di design la galleria di immagini digitali Design Portfolio, veri e propri
e animate da una tecnologia sofisticata ma intuitiva, si snoda ritratti di oggetti e arredi dautore trasmessi da schermi a Led.
negli spazi storici di Palazzo Bovara. Ledificio neoclassico Per un percorso coinvolgente destinato a un pubblico interessato
che nellOttocento ospita Stendhal e, nel secondo dopoguerra, e curioso di immergersi, in prima persona, nei modi di abitare
viene restaurato da Piero Portaluppi, lo scenario ideale per che guardano al domani. Le digital experience saranno attive
presentare questo racconto. Con il sottotitolo Interiors and Digital anche nel mondo digitale, perch il progetto della Soft Home
Rendering di progetto di Marcante Testa/UdA Architetti

Experience abbiamo scelto di indicare le infinite possibilit inizia a Palazzo Bovara e prosegue in rete, in un sito dedicato,
di applicazione di tecnologie di ultima generazione, studiate creando una piattaforma perfettamente integrata on-off-live.
e messe a punto da H-Art, atelier creativo di Roncade (TV), Per tutta la durata della mostra un Salotto open-air con arredi
e integrate in un progetto di interior design firmato da Marcante di design, allestito nel cortile affacciato sul giardino interno,
Testa/UdA Architetti. La mostra ha lobiettivo di coinvolgere offre al pubblico occasioni dincontro e pause relax.
il pubblico per sperimentare le tendenze pi innovative
dellabitare, in atto o in divenire, e far riflettere sullidea
di domesticit in un mondo che ha nella connettivit h 24, Soft Home, Palazzo Bovara, corso Venezia 51, Milano.
7 giorni su 7, il suo punto di forza. Un percorso socio-culturale Ingresso gratuito, apertura tutti i giorni fino al 24/4.
sui temi del vivere contemporaneo ricco di stimoli ed esperienze Orari: luned 11 aprile, h. 15.00-20.00;
conoscitive attive, grazie a immagini animate e video (firmati da marted 12 a domenica 17 aprile, h. 10.00-20.00;
da Davide Rapp e da Muse - Factory of Projects di Francesca da luned 18 a domenica 24 aprile h. 9.00-19.00.

116 ELLE DECOR


IN MOSTRA/1

127 ELLE DECOR


IN MOSTRA/1

Il design al femminile disordinato e caotico. Ma anche morbido,


accogliente e fertile. Meno improntato al problem solving maschile
Silvana Annicchiarico

Cristina Celestino, Atomizers, 2012 Seletti

Rendering del progetto di allestimento di Margherita Palli per TDM9

W. Women in Italian
Design Dal ponte di ingresso
al Triennale Design Museum,
allestito con diaframmi eterei che
ricordano le ali di una farfalla,
entriamo nella prima stanza
della mostra curata da Silvana
Annicchiarico. Una sorta
di Origine du monde di Courbet,
che ricorda la parte pi intima
del corpo femminile. Al centro, la
tenda di Carla Accardi del 1965,
il primo gesto di una donna che Johanna Grawunder, XX, 2009, Glas Italia
rivendica lo spazio per s. Attorno Paola Besana, Quel chiodo fisso, 1979
tutto dedicato allintreccio,
al tramare, al ricamare (azioni
che includono il verbo amare).
Poi lintera curva dellemiciclo
si snoda come un fiume: timido
allinizio del 900, epoca con
una scarsa presenza femminile,
per poi diventare travolgente.
Ai lati gli argini: da una parte
10 sante protettrici delle
professioni ritratte con i loro arnesi
e illustrate da altrettante creative,
dallaltra una costellazione Ionna Vautrin, Binic, 2010, Foscarini
dove a ogni stella corrisponde
una donna. Alcuni dei piedistalli
sui quali sono esposti gli oggetti
in mostra ruotano a simboleggiare
la creativit in costante
movimento. A chiudere il percorso,
una stanza luminosa che raccoglie
un repertorio di documenti
e ricerche condotti sulla posizione
delle donne nella societ.
Franca Helg, Primavera, 1967, Vittorio Bonacina

Raffaella Crespi, Disco Volante, 1959, Vittorio Bonacina

128 ELLE DECOR


IN MOSTRA/1

21st Century. Design After Design accoglie un ricco palinsesto


di eventi diffusi in tutta Milano. LEsposizione Universale non fa previsioni
sul futuro, ma analizza la nuova drammaturgia del progetto

a Palazzo dellArte. Entrambe recuperano il filo rosso di


A Milano, fino al 12 settembre, la citt protagonista esperienze italiane del passato per affrontare temi di estrema
del dibattito internazionale sullo stato del design. A coordinare attualit. La prima riparte dal lavoro della storica del design
le energie, Triennale, che a distanza di ventanni presenta Anty Pansera, mentre la seconda dalle esposizioni Il Progetto
la XXI Esposizione Internazionale dal titolo 21st Century. Domestico (Triennale, 1986) e Stanze e Segreti (Rotonda
Design After Design. 19 le location diffuse in citt (incluse lArea della Besana, 2000). Lidea riportare lattenzione sugli interni
Expo e la Villa Reale di Monza), 23 le mostre ospitate italiani partendo dal legame con larchitettura. Parafrasando
e circa 40 le partecipazioni dei Paesi stranieri, per un totale Design After Design, una mostra sugli interni declina il Design
di oltre 40.000 mq. Senza dimenticare workshop, concerti, Before Design, puntualizza Beppe Finessi. Perch negli interni
rappresentazioni teatrali, proiezioni cinematografiche e molto domestici, luoghi di sperimentazione, che si ritrovano
altro ancora. Lobiettivo cercare di comprendere la complessit i primi oggetti poi entrati in produzione.
del presente, senza velleit di immaginare il futuro, e individuare interessante vedere come i due curatori abbiano
i cambiamenti che influiscono sullo stato di salute del mondo scardinato la tradizionale metodologia narrativa. Insieme
del design. LEsposizione Internazionale parte dalla mappatura a Margherita Palli, per raccontare gli oltre 600 oggetti di circa
dei fenomeni di mutamento: quello che vede protagonista 350 donne, abbiamo scelto la metafora del fiume carsico,
non pi solo il prodotto in serie, ma anche lautoprodotto, sottolinea Silvana Annicchiarico. Lallestimento un corso
indipendente, specchio di una trasformazione antropologica dacqua che dalla stanza di ingresso uno spazio che riporta
e sociale che nella sperimentazione di nuove tecnologie al corpo femminile e alla sua parte pi intima scorre lungo
e materiali trova i suoi complici. Cos come la formazione tutto lemiciclo: timido, come la presenza delle donne allinizio
spontanea di nuove generazioni di creativi il cui segno del Novecento, e in piena prima di immettersi nel mondo, spiega
da autoriale diventa espressione di uninclusivit sempre la curatrice. Una soluzione che ci ha permesso di abbandonare
pi allargata e partecipata. Ma anche la riscoperta del valore la scansione autoriale e prendere le distanze da un modo
dello spazio architettonico, in passato interlocutore prediletto tipicamente maschile, che invece preferisce classificare. In mostra
del design e oggi crocevia di nuovi flussi domestici; troveremo rappresentata tutta la filiera del nostro sistema, perch
il superamento del modello fordista, legato alla catena fare design oggi vuol dire anche produrre, comunicare
di montaggio, da parte di un nuovo capitalismo diffuso; e il tema e valorizzare. Metafora che ben rappresenta la fase fluida nella
del modello patriarcale che sfuma confrontandosi con quale viviamo e ci restituisce limmagine di un presente intricato,
la questione sempre pi attuale dellidentit di genere. opaco, enigmatico. Occorre riconoscere che il Novecento
il momento di trovare altre modalit per poter operare. ha promosso la rimozione del femminile, loccultamento
Abbiamo scelto di parlare di questi temi cos complessi con della presenza e del contributo delle donne, la sottomissione
Silvana Annicchiarico e Beppe Finessi, rispettivamente curatori
della nona edizione del Triennale Design Museum intitolata
W. Women in Italian Design e della mostra Stanze.
Altre filosofie dellabitare (main partner Il Salone del Mobile),
IN CITT: LE MOSTRE ITALIANE
SEMPERING: la mostra concentra lattenzione su alcuni modi
di fare del progetto contemporaneo partendo dal processo
di realizzazione. A cura di Luisa Collina e Cino Zucchi,
al Mudec. NEO PREISTORIA - 100 VERBI: dalle origini
ai giorni nostri, un viaggio nella storia in 100 strumenti.
A cura di Andrea Branzi e Kenya Hara, in Triennale.
NEW CRAFT: il nuovo artigianato, a cura di Stefano Micelli,

1T
alla Fabbrica del Vapore. ARCHITECTURE AS ART: lidea di
indurre i visitatori a guardare larchitettura in modo diverso.
Di Pierluigi Nicolin con Nina Bassoli allHangarBicocca.

Sempering Neo Preistoria - 100 Verbi New Craft Architecture as Art

130 ELLE DECOR


IN MOSTRA/1

Larchitettura dinterni stata il


luogo dove in passato i progettisti hanno
sperimentato per la prima volta il design:
oggetti poi entrati in produzione
Beppe Finessi

ni
Intro di Fabio Novembre

Stanze. Altre filosofie


dellabitare A cura di Beppe
Finessi, la mostra occupa la parte
dellemiciclo al piano terra con
11 moduli abitativi di circa 25 mq
interpretati liberamente
da altrettanti autori italiani.
Allingresso del percorso, allestito
da Gianni Filindeu con la grafica
di Leonardo Sonnoli, scopriamo
le riflessioni critiche di Francesco
Cataluccio. Il filosofo ha scelto
di commentare ogni stanza
partendo da una selezione di testi
di riferimento degli ultimi ventanni. Lift - Bit di Carlo Ratti
Lungo il percor
creativa di Dui
ha inventato un
di artigianalit
due cariatidi d
nella testa di
un iconico uov
distante, la pr
Mendini (il suo
modo di celeb rsus di Duilio Forte
per la decoraz
di Carlo Ratti,
il pavimento in
mobile e intera
dobbligo lo
maestro Umbe
il curatore ha c
modo autoriale
Corbusier. Un

132 ELLE DECOR


IN MOSTRA/1

allegemonia delluomo. Sono 56 i generi individuati da recenti sta anche nel contributo di Francesco M. Cataluccio. Per ogni
studi di ricerca: lurgenza resettare lo scenario passato stanza progettata, che un po il suggerimento di un locale per
e riportare la parit, chiude con fermezza Annicchiarico. il futuro, il filosofo ha selezionato alcuni dei testi pi significativi
Nel product design come nellinterior, la figura femminile degli ultimi ventanni. Per aprire finestre al cuore e al cervello.
ha sempre sofferto, rimanendo spesso allombra di grandi uomini. Ma perch solo oggi si torna a parlare di interior?
Ci sono voluti pi di ottantanni per riconoscere e dimostrare Larchitettura degli interni sempre stata considerata una parte
che Daybed, lettino-icona del 1930, non di Mies van der Rohe, minore o marginale della disciplina madre. Anche se
ma della sua discreta compagna Lilly Reich. Mettendo in fila a ben guardare tutti i grandi architetti italiani del Novecento da
tutti i lavori, emersa una progettualit al femminile sommersa Ponti ad Albini, da Scarpa a Mollino, da Savioli a Vigan
e fortemente connotata: magari pi disorganizzata, disordinata la insegnavano alluniversit. in questa dimensione che
e caotica, per anche pi morbida, dolce, accogliente e fertile. in passato si sperimentavano per la prima volta gli oggetti
Gli oggetti non sono definitivi e lapidari. Possono essere minimi di arredo che poi sarebbero entrati in produzione. Per esempio,
e meno razionali, senza grandi connotazioni tecnologiche, Franco Albini nel 1938 disegna per villa Pestarini a Milano una
meno improntati al problem solving tipicamente maschile, poltroncina che perfeziona sino a entrare pi tardi nel catalogo
definitivo e assoluto. Tutte caratteristiche necessarie per operare di Poggi e nel 1955 vincere il Compasso dOro. La sedia
nel XXI secolo, conclude la curatrice. Carimate di Vico Magistretti nata per un interno preciso della
Anche Beppe Finessi, insieme a Gianni Filindeu e Leonardo citt brianzola, fatta, disegnata e costruita ad hoc, poi messa
Sonnoli, autori di allestimento e grafica, ha scelto di far dialogare in produzione da Cassina. Tutto ci accadeva un po perch le
in maniera originale progetti e idee in scena nellemiciclo al aziende erano poche e un po perch la professione si imparava
piano terra. La stanza la prima unit abitativa, il primo luogo nelle scuole di architettura. Il legame si spezzato quando
dellarchitettura. Stanze. Altre filosofie dellabitare la scoperta ventanni fa sono nate le scuole di design, chiude Finessi.
di 11 moduli abitativi di 25 mq interpretati liberamente da In questo doppio binario in cui le facolt di architettura
altrettanti autori italiani testimoni di tre generazioni. Tutti diversi e gli architetti sono tornati a occuparsi prevalentemente di edifici
per modi, stili, atteggiamenti, approcci e linguaggi, conferma e il mondo del design sempre pi alimentato da giovani
Finessi. Ma tutti ugualmente architettonici. Ci sono il tecnologico formati in scuole dedicate, il territorio degli interior finalmente
Carlo Ratti e un grande maestro di tradizione scarpiana come libero di esprimere se stesso. Cos come le donne sono libere
Umberto Riva, c lironia decorativa di Alessandro Mendini di togliersi i pantaloni e rivendicare la dolcezza, la morbidezza,
e la follia iconica di Fabio Novembre. Ma anche la sofisticazione la fertilit della natura femminile. +elledecor.it
di Manolo de Giorgi, Marta Laudani e Marco Romanelli,
linterpretazione raffinata di Andrea Anastasio. Lapproccio Triennale di Milano, Palazzo dellArte, viale Alemagna 6,
artigianale di Duilio Forte convive con la ricerca tecnica www.21triennale.org
di Lazzarini Pickering, lastrazione di Elisabetta Terragni con
la ricercatezza di Francesco Librizzi, erede di Franco Albini.
Il valore aggiunto di questa mostra rispetto alle precedenti
IN CITT: LE PARTECIPAZIONI STRANIERE
HAITI: La casa come diritto. Dalla lamiera al mattone
larchitettura in risposta ai bisogni delluomo, a cura
di Fondazione Francesca Rava NPH Italia Onlus
and Gi Forma, al Museo Diocesiano. REGNO UNITO:
Adventures in Design, a cura del V&A Museum of Design
Dundee, con il supporto di British Council e del Governo
Scozzese, in Triennale. REPUBBLICA DI COREA:

1T
Making is Thinking is Making, a cura di Hong Bo-Ra,
in Triennale. SVIZZERA: Meditation Spaces, a cura
di C.R. Lin & Y.F. Ling, alla Triennale.

Haiti Regno Unito Repubblica di Corea Svizzera

134 ELLE DECOR


IN MOSTRA/2

Dettaglio dellinstallazione,
realizzata con 400 tubolari di
metallo laccati di rosso. Ai piedi
dellopera, stesso colore per le
poltrone Joe Colombo di Kartell,
partner del progetto e azienda
leader del sistema industriale
che ruota intorno alla citt.

Nuvola rossa
A Palazzo Reale uninstallazione multisensoriale all red di Attilio Stocchi
rende omaggio allatmosfera di Milano, al dinamismo della citt che
lavora. Ricordando Boccioni, il Futurismo e il dipinto del cavallo vermiglio
di Flavia Giorgi

137 ELLE DECOR


IN MOSTRA/2

Ral 2002, rosso vermiglio. il codice cromatico che risolve


lenigma, il fil rouge di un progetto che mette in connessione
frammenti di mondi diversi, per strutturarli in unopera a met strada
tra architettura e arte. Rosso il colore del movimento, dello sforzo,
dellenergia. Vermiglio il cavallo che domina un celebre dipinto
di Boccioni. Rossa, infine, la nuvola di tubolari metallici, lunga 20
metri, che per 5 mesi stazioner sulla corte di Palazzo Reale, facendo
poca ombra ma mettendo in luce un valore: loperosit meneghina.
A concepire lintreccio da cui nascono la scultura Vermiglia e la
mostra Labor, ovvero il Padiglione Milano voluto dalla Triennale e
dallAssessorato alle politiche per il lavoro e il design in collaborazione
con Kartell, Attilio Stocchi. Per un evento come la XXI Esposizione
Internazionale della Triennale, che torna a proporsi dopo unassenza
di ventanni, non poteva mancare uno spazio per illustrare la citt,
dice larchitetto. Ma Milano gi in s una casa che accoglie, non
serviva un altro contenitore. Era pi interessante rappresentarne
il clima, latmosfera attiva e operosa. dallaria che qui si respira che
nasce lidea di un padiglione-nuvola allaperto. Ma ricorre anche
un altro anniversario, il centenario della morte di Umberto Boccioni,
che allo scorrere impetuoso della vita urbana ha dedicato quadri
di grande forza espressiva, come Il lavoro. Protagonista dellopera,
colto nello sforzo del trainare, un cavallo color vermiglio. Lidentit
di Milano si pu leggere anche nel movimento e nella potenza
di quel cavallo, osserva Stocchi. Un altro simbolo e soggetto
di ispirazione che in omaggio allartista ho trasfigurato nella massa
dinamica della nuvola. Milanese per nascita e per convinzione,
imprenditore attivo nel sostenere la sua citt, Claudio Luti non ha fatto
mancare lappoggio di Kartell alliniziativa. Un progetto che
esalta il saper fare di Milano, la sua capacit di interpretare i valori
di un sistema industriale unico: per vocazione al design, abilit
nel confrontarsi con i creativi di tutto il mondo e per la qualit di una
filiera produttiva che affronta con successo le realizzazioni pi
complesse, spiega il patron di Kartell. La mostra di Palazzo Reale
racconta il lavoro con le immagini dei mestieri di ieri, oggi e domani,
ma soprattutto con la modalit innovativa dellascolto, diffondendo
i rumori tipici delle fabbrica, degli uffici, conclude Luti. Mentre anche
il campanile di San Gottardo, dietro ai tetti, sillumina di rosso.

Labor, Palazzo Reale, Milano, dal 12/4 al 12/9.

In alto, dal dipinto alla scultura:


dallo studio del cavallo vermiglio,
al centro della tela Il lavoro/La
citt che sale di Umberto Boccioni,
allelaborazione finale di Attilio
Stocchi, che trasfigura lanimale in
una nuvola di tubi metallici rossi,
simbolo dellenergia che anima
la citt. Qui a lato, linstallazione
nella corte di Palazzo Reale:
rappresenta il Padiglione Milano
della XXI Triennale.

138 ELLE DECOR


ELLE DECOR INCONTRA

Carsten Hller
tra gli artisti pi sorprendenti della scena internazionale. Fino al 31
luglio, nel milanese HangarBicocca, presenta Doubt, ultima grande
personale con installazioni effetto Luna Park. Che ci racconta in anteprima
di Marco Tagliafierro ritratti di Brigitte Lacombe

141 ELLE DECOR


ELLE DECOR INCONTRA

Le installazioni di Carsten Hller


prevedono il coinvolgimento del pubblico.
Provocando reazioni emotive differenti

Foto Attilio Maranzano. Courtesy the artist and Thyssen-Bornemisza Art Contemporary, Vienna

Y, 2003 (dettaglio) Collocata allingresso della mostra,


linstallazione costituita da una passerella delimitata da cerchi
dacciaio luminosi. La forma a Y genera una biforcazione e comporta
una scelta. Il visitatore potr decidere da quale lato iniziare il percorso.

142 ELLE DECOR


ELLE DECOR INCONTRA

Aquarium, 1996
Come in molte opere
di Carsten Hller anche qui
importante la fruizione
del pubblico, invitato
a sdraiarsi su piccoli letti
per immergersi con
la mente in un mondo
sommerso: quello
dellacquario circolare nel
quale infilare la testa.

Quello che cerco di fare, almeno


nelle grandi mostre, lavorare su livelli
molto diversi: destinati a un bambino
o a un esperto darte contemporanea,
ma anche a chi non ne sa niente

Foto Elzbieta Bialkowska. Courtesy the artist and Gagosian Gallery - Stefan Frank-Jensen. Courtesy the artist
Foto Benoit Pailley. Courtesy the artist and Massimo de Carlo, Milano/London

Two Flying Machines,


2015 Queste macchine
per volare, realizzate
con bracci meccanici mossi
da motori elettrici, simulano
le evoluzioni nellaria
Phi Wall II, 2002 Un muro psichedelico costituito di due deltaplani. I visitatori
da dischi luminosi e multicolor che si spengono e accendono pi arditi, previa liberatoria,
generando una sensazione spiazzante. Ancora un lavoro che possono sperimentare
mette alla prova le percezioni visive e mentali del visitatore. emozioni dalta quota.

144 ELLE DECOR


ELLE DECOR INCONTRA

Giostre luminose, pareti psichedeliche


e macchine per volare. Lo spazio sembra
trasformato in un Luna Park al coperto

Courtesy the artist, Enel Contemporanea & MACRO Roma

Double Carousel with Zllner Stripes, 2011 Due giostre allinterno


dellHangarBicocca creano una sorta di effetto Luna Park ma, come spiega lartista,
lintenzione non di generare divertimento puro, ma di attivare processi mentali
ulteriori, come quelli suscitati dal movimento rallentato delle due installazioni.

146 ELLE DECOR


ELLE DECOR INCONTRA

Carsten Hller (Bruxelles 1961) uno degli artisti pi


singolari emersi nei primissimi anni Novanta (studi in Scienze
agronomiche allUniversit di Kiel in Germania e un dottorato
in Comportamento degli insetti). Il suo lavoro prevede
il coinvolgimento diretto del pubblico con lopera, suscitando
diversi stati danimo gioia, euforia, allucinazioni , dando vita
a nuovi possibili interpretazioni della realt. La spettacolarit
delle sue installazioni carica di energia ogni spazio espositivo,
ma non sono in gioco soltanto valori percettivi perch subentrano
anche stimolazioni emotive e inconscie. Doubt il titolo della
personale nel milanese HangarBicocca, fino al 31 luglio. Noi lo
abbiamo incontrato, in anteprima, durante le fasi di allestimento.
La scelta delle opere e la disposizione sono in funzione
delle particolari caratteristiche dello spazio dellHangar.
Quali sono state le suggestioni offerte dal luogo?
Quello che cerco di fare, almeno nelle grandi mostre pubbliche,
lavorare su livelli molto diversi: destinati a un bambino
o a un intenditore darte contemporanea, ma anche a chi non
ne sa niente. Ho voluto dividere le due navate dello spazio
in aree accessibili da ingressi differenti per avere
un doppio percorso: fin dallinizio i visitatori avranno cos
una duplice possibilit dinterpretazione del lavoro.
Come nata lidea di concepire la mostra sul tema
del dubbio?
da un po che mi interessa lidea di dubbio come componente
della condizione umana. Linstallazione Y, formata da
lampadine che si accendono a intermittenza, e percorribile nella
sua interezza, pone il dubbio sulla direzione da scegliere.
Le opere sono al centro dello spazio, messe come muro divisorio
che permette di vedere solo una met della mostra.
Cos il pubblico spinto a ricordare frammenti di installazioni
da ricomporre mentalmente solo alla fine del percorso.
Two Flying Machines, Double Carousel, Y e ancora
labirinti, giochi di luce e interazione. LHangar sembra
trasformato in un Luna Park al coperto...
Il mio obiettivo, pi che realizzare un parco dei divertimenti,
produrre una sorta di intrattenimento radicale. vero
che nei Luna Park alcune giostre sollecitano emozioni forti come
la paura e il divertimento, ma nel caso delle mie installazioni
mi interessano pi i processi mentali che possono generare
sui visitatori, ecco perch le giostre si muovono molto lentamente.
Tutte le opere esposte hanno in comune il fatto di essere
macchine o dispositivi che interagiscono con gli ospiti.
Quanto delle tue opere lascia massima libert al fruitore
e quanto pilotato da te?
Molte persone pensano che i miei lavori debbano essere usati,
sperimentati, ma non solo questo. C anche una componente
Attento, ironico, meditativo,
tre componenti del contemplativa: costruisco opere pubbliche fatte per
carattere di Carsten Hller il pubblico, cos mi interessa vedere come la gente si relaziona
nellinterpretazione con le installazioni. E il risultato visivo fa parte dellopera.
della fotografa francese Tra le installazioni in mostra c anche Two Roaming
Brigitte Lacombe. Beds, due letti che si muovono in modo apparentemente
casuale. Perch, tra tutti gli arredi, hai scelto questo?
Il letto il re degli arredi. Ed il re della casa...

Doubt, a cura di Vicente Todol, dal 7/4 al 31/7,


HangarBicocca, via Chiese 2, Milano,
www.hangarbicocca.org

148 ELLE DECOR


GREEN
Foto JontyWilde

150 ELLE DECOR


Oltre il giardino
Tour in nove
tappe alla
scoperta dei
parchi pi
creativi dEuropa.
Non solo
verde ma anche
installazioni
darte,
microarchitetture
e workshop.
A stretto contatto
con la natura
di Filippo Romeo e Piera Belloni

YSP Yorkshire Sculpture Park (Gran Bretagna) Tra i primi parchi darte open air ha aperto i battenti nel 1977 e da allora prosegue la
sua missione culturale e ricreativa con un fitto programma di eventi. 500 acri di campi, boschi, colline, laghi e giardini caratterizzano un paesaggio
green dove si mescolano architetture settecentesche e pi di 100 opere di artisti contemporanei. Da Lucy + Jorge Orta a Niki de Saint Phalle,
da Tracey Emin a Marc Quinn (nella foto, Wilder Shores of Desire). Fino al 12/6, in corso una mostra di maxi sculture dellamericano Kaws,
allaperto e nella Underground Gallery; dal 21/5 sar la volta dello svizzero Not Vital. West Bretton, Wakefield, UK, www.ysp.co.uk
152
GREEN

ELLE DECOR
Studio Olafur Eliasson, 2016
Foto J.C. Lett Carlos Cruz-Diez, Courtesy Domaine du Muy
GREEN

Franois Mchain

154 ELLE DECOR


156
GREEN

ELLE DECOR
Foto Sergio Tenderini, Courtesy of Meg Webster, Paula Cooper Gallery, New York and Anne Mosseri-Marlio Galerie, Basel
Foto Anders Norrsell, Courtesy of Robert Wilson - Anders Norrsell, Courtesy of Maya Lin
GREEN

Foto Demian Dupuis

158 ELLE DECOR


160
GREEN

ELLE DECOR
Foto Charles Duprat VG Bild - Kunst Bonn 2016, Tony Cragg
Foto Andrew Pattman Tom Shannon 2016
Philippe Starck rit
Royalton, il divan
per Driade. Il nom
unespressione di
e sottolinea come
sia il tema centra

168 ELLE DECOR


ICONE

169 ELLE DECOR


ICONE

Come mia moglie continua a ripetermi,


concepisco migliaia di idee al minuto.
Per quanto mi riguarda, sino a quando le mie
proposte funzioneranno, continuer a farne

Il design uno strumento che serve per aiutare gli altri. da ricondurre la storia del brand a un sintetico quanto efficace
Non mi interessa il progetto fine a se stesso, ma limpatto di ci before and after Starck. La mia idea di living? Nomade:
che disegno sulle persone. Ma per buono che sia, non salva il posto giusto per un sof la cucina, dove bere un bicchiere di
la vita. la riflessione di un saggio Philippe Starck, guru vino, chiacchierare e vivere la convivialit. Uninterpretazione
indiscusso di questa disciplina, sul mondo per il quale lavora. decisamente avveniristica che non rinuncia al calore
Lo incontriamo a Milano, nello showroom di Driade, per ritrarlo delle relazioni umane. La casa assume sempre di pi una
su uno dei suoi ultimi progetti al Salone del Mobile: il divano connotazione temporanea: andiamo verso la smaterializzazione,
Wow Royalton, una reinterpretazione del modello firmato nel e le cose di cui ci circondiamo migrano sempre pi
1990 per lhotel di New York. Look pijamato, anfibi e giubbotto frequentemente da una stanza allaltra. Gli oggetti si muovono
sportivo, ci racconta disinvolto e divertito come ha lavorato perch seguono i ritmi delluomo e nascono per stimolare
in questi ultimi mesi e cosa presenter di nuovo. Oltre il prodotto linterazione. Cinemascope, la poltrona girevole con ottomano,
c sempre qualcosaltro. Chi ama il mio segno in grado ma anche la serie Lou per Driade hanno lobiettivo di
di comprendere il messaggio oltre lapparenza. un invito a incoraggiare lempatia tra le persone, che riscoprono cos
osservare con attenzione le novit: tutte ruotano attorno al tema il piacere di conversare. Anche le novit proposte con altre
dellessenzialit, del ritorno alla vera identit delle cose. Per aziende ruotano attorno al tema dellessenzialit. Torno agli
Driade punta su comfort ed empatia. Wow il nome del divano, archetipi dei luoghi pubblici per declinare una nuova idea di
ma anche lesclamazione che sfugge tuffandocisi sopra. Cuscini sedia domestica per Kartell. Il concept trae ispirazione da due
generosi e tessuti morbidi sono gli elementi perfetti per dare mondi distinti: commissariati, uffici pubblici e ospedali da una
forma a un sistema che unisce le funzioni di letto e scrivania: una parte, e le atmosfere dei caff dallaltra. Per Glas Italia esploro
tipologia sulla quale ci si pu addormentare lavorando. Perch la forza poetica del vetro, puntando su know-how e tecnologia,
un imbottito scomodo un paradosso, racconta il creatore e per Cassina leleganza di uno charme senza tempo. Il futuro?
di umani desideri, come ama definirlo David Chipperfield, Mi piacerebbe progettare qualcosa in grado di salvare
da un anno art director dellazienda. Larchitetto ha chiesto la vita della gente. Che abbia una forte valenza politica, oppure
la collaborazione di una squadra eclettica e internazionale sostenga unonesta realt ecologica o una nuova identit
di designer, tra i quali spiccano anche i nomi di Konstantin Grcic, sessuale. Io sono come Faust, ho venduto la mia anima a questa
Fredrikson Stallard, Naoto Fukasawa e Jasper Morrison, deviazione mentale chiamata creativit. Ma come mia moglie
per contribuire alla definizione di Driade Livingroom. Pare che ama ripetermi, sino a quando le mie idee miglioreranno la
il cuore del Lord inglese batta per il designer francese, al punto qualit della vita, io continuer a proporle. www.starck.com

Lou Read

Lou Eat

Lou Think

170 ELLE DECOR


DESIGN&COLOUR

Hella Jongerius
Foto Magdalena Lepka

Le novit della designer olandese alla Milano Design Week sono progetti
e installazioni in equilibrio tra hand made e innovazione. Il racconto di un viaggio
nel mondo dei colori e dei tessuti guidato dallintuito. E da un pizzico di magia
di Paola Carimati

173 ELLE DECOR


DESIGN&COLOUR

Con A Search
Behind Appearances
io e Louise Schouwenberg
vogliamo svelare al pubblico
cosa si nasconde oltre
le apparenze. Lincanto del

Tre immagini scattate nello studio della


designer olandese che raccontano il making
of del progetto-manifesto allestito
in occasione del Fuorisalone nelle vetrine
de La Rinascente di Milano. Il concept
ruota attorno alla forza evocativa
di immagini proiettate su schermi di tessuto.

174 ELLE DECOR


DESIGN&COLOUR

da Hella Jongerius, art director dellazienda


svizzera. Disponibile anche I dont have
a favourite colour, il libro che attraverso
colori e tessuti racconta i 10 anni con Vitra.

Olandese di nascita, nel 2008 lascia Rotterdam (la sua dalla considerazione che il valore del design non quello
citt) per Berlino, dove trasferisce il suo studio-laboratorio. che corrisponde al mercato, ma ci che spesso non visibile
Stiamo parlando di Hella Jongerius, art director di Vitra al primo sguardo. necessario quindi imparare ad andare
e Danskina, protagonista indiscussa sulla scena del design oltre le apparenze. Il nostro obiettivo offrire agli spettatori
internazionale. Libera da retaggi e condizionamenti afferma gli strumenti utili a riconoscere e superare i pregiudizi.
di aver coltivato negli anni una sensibilit eclettica. Mobili, Suggerire loro di non fermarsi davanti alle impressioni
ceramiche, lampade e tessuti: la creativit della Jongerius migra superficiali: cambiare punto di vista talvolta necessario per
di tipologia in tipologia sfidando spazi e cambi di scala. scoprire il vero significato delle cose. Una riflessione ad alto
Guidata da un intuito unico che le consente di vedere i colori tasso concettuale, che solo un poetico gioco di ombre in grado
come esperienza e non come dettaglio decorativo. In occasione di spiegare in maniera efficace. Tutto ruota attorno alla
del Salone del Mobile la vediamo impegnata nellinstallazione proiezione in loop di lettere e piccoli oggetti su schermi in tessuto
Colour Machine, allinterno del pop up store Casa Vitra (in via (installati in sei delle otto nicchie): forme e colori in continuo
Pietro Maroncelli 14, Milano) dove verr presentato anche movimento si trasformano in parole, frasi e storie che ci svelano
il libro I dont have a favourite colour che raccoglie 10 anni cosa si cela oltre lapparenza. Per poi tornare ci che erano.
di sperimentazione condotta con lazienda svizzera proprio sui Un concept di prestigio che riporta alla luce la magia del fare
colori; nella collaborazione con lazienda olandese Danskina, design. Entrambe le parole, ombra e tessuto, hanno diversi
per la quale, in qualit di direttore creativo, firma Cross e significati. La prima riflette, distorce e rivela, mentre la seconda
Cocoon, due collezioni di tappeti dal forte impatto tattile e visivo. unisce e crea coesione. Le texture poi, realizzate appositamente
E nellinstallazione A Search Behind Appearances il racconto da Jongeriuslab, sono particolarmente strutturate e celebrano
manifesto realizzato per La Rinascente con Serpentine Galleries. la sintesi tra il fatto a mano e le tecnologie di tessitura
Il progetto, firmato insieme a Louise Schouwenberg, docente pi avanzate. Un lavoro appassionato che intende riportare
di Contextual Design alla Design Academy di Eindhoven, le vede lattenzione di tutti sul ruolo etico del fare design: una ricchezza
vestire il duplice ruolo di designer e performer e mettere in scena delluomo e per luomo. www.jongeriuslab.com
nelle 8 vetrine del grande magazzino di Piazza Duomo il dietro
le quinte del complesso mondo del design. Linstallazione nasce

176 ELLE DECOR


DESIGN&CRAFT

A modo suo
Ospiti nel laboratorio di
Francesco Faccin: due vetrine
su strada nella Milano dei
primi del 900. Dove talento
e rigore prendono forma
di Paola Carimati foto di Stefania Giorgi

Il designer milanese, classe 1977, ritratto davanti al computer seduto su Pelleossa, disegnata per Miniforms.

179 ELLE DECOR


DESIGN&CRAFT

Credo nel progetto utile e negli oggetti che


contribuiscono a creare relazioni virtuose. Ho una visione
etica del design, che mette al centro luomo

In alto, sulla panca in legno


recuperato, 4 sculture della serie
Assemblaggi e la foto di Honey
Factory, larnia esposta nel 2015 in
Triennale. Sopra, insegna degli anni
30 sulla vetrina dello studio.
Accanto, in un angolo dello studio,
Pet Lamp di Alvaro Cataln de Ocn
e, attorno al tavolo, sedie Stratos
e Pelleossa di Francesco Faccin.

180 ELLE DECOR


DESIGN&CRAFT

i tavolini Riad
on il designer Alvaro
Ocn e presentati
Design Week nella
Rossana Orlandi.
un progetto
ma la cementina,
he tradizionalmente
come rivestimento,
appoggio.

182 ELLE DECOR


DESIGN&CRAFT

Accanto, il secondo spazio su strada


del laboratorio di Francesco Faccin
con le macchine da lavoro. Sotto,
la gallina in legno di ulivo della
collezione WoodyZoody. In basso
il bancone con lo stampo in silicone
e le prove colore realizzate sul
bronzo per la mostra Bronzification,
in via Stilicone 10, Milano.

Con Serial Planks realizzata con la Fonderia


Artistica Battaglia esploro le potenzialit del bronzo.
Lobiettivo traghettarlo nel mondo del design

184 ELLE DECOR


DESIGN&CRAFT

Francesco Faccin un tipo schivo e determinato. Classe


1977, un diploma in Disegno Industriale allo Ied di Milano,
ha lavorato duro nel corso degli anni, mettendo pi volte
in discussione il risultato del suo lavoro. Ma non ha mai perso
di vista la meta, nemmeno dopo essersi misurato con la fermezza
di Enzo Mari, con il quale ha collaborato al progetto della
sedia Mariolina per Magis. Non stupisce quindi che sia anche
un appassionato alpinista: ama arrampicarsi soprattutto sulle
cordigliere boliviane dellAmerica Latina, ma anche viaggiare
in solitaria e perdersi nei suq alla ricerca di oggetti che accumula
in maniera quasi maniacale. Tutte passioni che da quando
diventato padre di Giulio e Pietro sono in modalit stand-by.
Nel suo studio di Milano, in via Lomazzo 26, guardandosi
attorno si ha la netta sensazione che tutto gli sia accaduto perch
la passione che nutre nei confronti del design a volte radicale
e intransigente lo ripaga in termini di relazioni, lo predispone
al buono. Mi sono trasferito qui lanno scorso insieme
a Emanuele Magenta, ho risposto a un annuncio sul giornale,
racconta il designer. Sin qui nulla di straordinario. Curioso per
il fatto che proprietario dellimmobile, due vetrine su strada
che portano ancora le insegne di una drogheria e bottiglieria
degli anni 30, sia Cesare Stevan. Lex preside della facolt
di Architettura di Milano si innamora della sua storia e del suo
lavoro e sposa questo modello dimpresa. Ho voluto realizzare
un laboratorio con affaccio diretto su strada dove chiunque
voglia entrare incuriosito dal luogo il benvenuto. Una delle tre
stanze una piccola falegnameria, dove dallesterno sono ben
visibili un trapano a colonna, una levigatrice orbitale e una sega
a nastro. Regali di Michele De Lucchi. Ho collaborato con lui
per 5 anni. in quel periodo che con il tavolo Centrino
e la sedia Stratos vinco il Design Report Award. E siamo
alloggi, ai progetti per la Milano Design Week. Serial Planks
una collezione di 6 arredi in bronzo realizzati con la Fonderia
Artistica Battaglia della quale sono art director: protagonisti,
insieme a un tavolo e a una console per Nilufar di
Bronzification, mia personale in via Stilicone 10. Tutto ruota
attorno alla produzione seriale di un modulo in bronzo ottenuto
con la tecnica della fusione a cera persa: da unasse madre
in legno di larice (cm 150x7 e 7mm di spessore) si realizza
lo stampo utile a replicare allinfinito le barre metalliche.
Il resto lo fanno gli abili artigiani della fonderia milanese che le
trasformano in elementi unici e irripetibili. Il processo produttivo
piuttosto lento, servono circa tre settimane. Finiture incluse:
possiamo scegliere tra una palette di 200 patine, le cui sfumature
sono frutto di calcolate reazioni chimiche. Lintento di portare
Cavalletto e il tavolino: due dei sei il bronzo fuori dal territorio dellarte e dentro il mondo
pezzi in bronzo della collezione del design. Pi etnico il taglio della collezione di tavolini Riad
Serial Planks per Fonderia Artistica realizzati con il designer Alvaro Cataln de Ocn ed esposti
Battaglia. In qualit di art director,
il designer ha invitato a collaborare
nello spazio di Rossana Orlandi. Riad un progetto che ruota
Lex Pott, Formafantasma e Alvaro attorno alla produzione della ceramica idraulica, quella usata
Cataln de Ocn. In alto, il lavabo per formare le cementine: abbiamo trasformato una piastrella
Wunder Wasser per Alfa Marmi. in piano di appoggio. Tutto nato in Marocco, ma prodotto
tra Madrid, Siviglia e la Val Camonica. Ancora un viaggio,
questa volta a sud del Mediterraneo. E pi vicino a casa.
www.francescofaccin.it

186 ELLE DECOR


DESIGN&ART

Ossessione creativa
Un viaggio nel mondo firmato da Bethan Laura Wood,
Foto Anthony Lycett

designer inglese che ha trasformato se stessa in opera darte.


Partendo da Guadalupe, la nuova serie di vasi di ceramica
di Paola Carimati

189 ELLE DECOR


DESIGN&ART

Mi piace lavorare con


le mani, sporcarmi con la materia.
cos che riesco a cogliere
linespresso e a dargli forma.
Viviamo in un mondo pieno
di oggetti con i quali interagiamo:
plasmandoli possiamo capirli

Look eccentrico, piglio deciso e sorriso morbido: lo stile tra loro. Li mescolo come fossero ingredienti, li accosto
inconfondibile di Bethan Laura Wood. La designer inglese, sovvertendo gli assi spazio-temporali. I miei pezzi, siano essi unici
classe 1983, si nutre di contaminazioni e flirta con gli eccessi o in piccola serie, si prestano a molteplici interpretazioni:
senza mai scadere nel banale perch nulla nel suo lavoro ricordano le atmosfere degli anni ruggenti come quelle del pop
lasciato al caso. Ogni dettaglio scelto e studiato in maniera americano, i colori dellAfrica come i profumi indonesiani.
quasi maniacale, nella vita come nella professione. Il taglio Un modo di procedere che ritroviamo anche in Guadalupe, la
degli occhiali che spicca sotto la tesa del cappello di paglia serie di vasi realizzati per Bitossi Ceramiche, storica manifattura
appoggiato su un turbante di foulard; il disordine calcolato di di Montelupo Fiorentino. Ho iniziato a pensare a cosa disegnare
piume di struzzo arcobaleno e frange hippy. Non stiamo dopo aver visto il MAIB (Museo artistico industriale Bitossi):
parlando di un semplice outfit, ma di un progetto del fotografo sono pi di 7.000 i lavori raccolti in archivio. Quelli di Aldo Londi
Anthony Lycett che lha trasformata in opera darte: interpretando (ceramista art director della manifattura) mi hanno totalmente
la sua immagine iper creativa come una vera e propria scultura rapito: ho trovato il suo modo di incidere e plasmare largilla
vivente. Il suo un linguaggio eclettico che spazia dallarte alla molto contemporaneo e vicino alla mia sensibilit. I segni e le
moda per dare forma a quella che diventata una piacevole sfumature in stile Fifties (o forse Seventies) di questa collezione ci
ossessione per pattern e colori. Nel passato recente, dopo fanno viaggiare in Messico e ci portano davanti alle vetrate della
il diploma in Product Design al Royal College of Art di Londra Basilica di Nostra Signora di Guadalupe. Il pattern nasce dalla
e prima di fondare il suo studio, Bethan Laura Wood collabora ripetizione (ossessiva) di moduli che vengono cuciti sul corpo
con Jurgen Bey e Martino Gamper. Con loro impara a esplorare di argilla come fossero scampoli di tessuto. Il tipo di incisione poi
il design nelle sue pieghe pi inedite ed estreme. cos che vedo viene scelto in relazione alle dimensioni del vaso. Ancora una
il mondo, ricco di minuzie e particolari che mi diverto a collegare personalissima declinazione di outfit. www.woodlondon.co.uk

Foto Delfino Sisto Legnani

I vasi della collezione Guadalupe disegnati da Bethan Laura Wood per Bitossi Ceramiche: colori,
dimensioni e sequenza dei pattern sono strettamente correlati a forma e dimensione del corpo ceramico.

190 ELLE DECOR


Prova dorchestra
il nuovo landmark di Amburgo. Disegnata dalle superstar
Herzog & de Meuron, la Elbphilharmonie un edificio
multifunzionale che accoglie concert hall, ristoranti, un hotel.
E 45 residenze, panoramiche, esclusive
foto di Mark Seelen testo di Filippo Romeo

192 ELLE DECOR


Mattoni e vetro i materiali di unarchitettura unica
che riconverte e amplia un ex deposito dell800
nel porto di Amburgo, con vista sulla citt.
La nuova facciata composta da 1.100 lastre
curve che rendono mutevole la pelle delledificio.
Grandi spazi continui caratterizzano gli appartamenti.
La cucina (in primo piano visibile il bancone in marmo)
divisa dal living da elementi scorrevoli trasparenti. Nella
zona pranzo, tavolo disegnato da Heijden Hume, sedie di
Paulo Antunes con tessuti Rubelli e chandelier CTO Lighting.

194 ELLE DECOR


ARCHITETTURA

195 ELLE DECOR


Sopra e sotto, langolo studio
e la zona relax nel living di una delle
residenze il cui progetto dinterior
design firmato da Kate Hume:
nel living, divani Minotti e coffee table
disegnato da Heijden Hume.
A sinistra, la vetrata curvilinea
dellingresso alla Concert Hall
disegnata da Herzog & de Meuron.
Pagina accanto, sul balcone finestre
a Y si ispirano al diapason riflettendo
la vocazione musicale del building.

Ho voluto portare lambiente esterno in casa,


attraverso le texture e i colori del fiume e del
cielo. Scegliendo i toni del blu cobalto dellElba,
il verde rame dei tetti e il porpora dellorizzonte
Foto Oliver Heissner (1)

Kate Hume

196 ELLE DECOR


197 ELLE DECOR
ARCHITETTURA

In alto, barche e traghetti ormeggiati in un canale del porto di Amburgo.


Siamo nella zona dei Docks, riconvertita a uffici e a edifici residenziali. Sul fondo
della banchina svetta la costruzione firmata Herzog & de Meuron. Ledificio
multifunzionale, per la sua spettacolarit gi un punto di riferimento per la citt.

Manca poco pi di un anno alla fine dei lavori che guardaroba. Per la decorazione dinterni Kate Hume
porteranno al completamento della Elbphilharmonie, ex deposito si ispirata al paesaggio che circonda ledificio.
costruito alla fine dellOttocento nel porto di Amburgo Ho voluto portare lesterno in casa, attraverso le texture
e riconvertito in unarchitettura multifunzionale dalle star Herzog e i colori del fiume e del cielo, ci dice la progettista.
& de Meuron. In quello che, ancor prima della sua definitiva Scegliendo i toni del blu cobalto dellElba, il verde rame
realizzazione, appare come il nuovo landmark della citt dei tetti di Amburgo e il porpora che si scorge nellorizzonte
tedesca, intorno a una sala concerti da 2.100 posti nel cuore allimbrunire. Una ricerca che si nota nei tessuti di rivestimento
delledificio, ci saranno un hotel di lusso, Spa, ristoranti degli arredi e nella selezione degli accessori del living,
e 45 residenze. Fuori, la facciata costituita da oltre un migliaio allinsegna del mix and match, compresa una poltroncina dorata
di lastre di cristallo riflette i colori del cielo, dellElba, delle navi nella zona relax sensibile alle variazioni della luce durante
e dei container che, in continuo movimento, animano il giorno. Abbiamo privilegiato materiali naturali come il legno
il terzo porto fluviale dEuropa. Noi visitiamo, in anteprima, per gli arredi fissi, la seta per alcuni rivestimenti e creato mobili
la residenza firmata dalla interior decorator di Amsterdam su misura che fossero in linea con lunicit di questa architettura.
Kate Hume, mentre il cantiere ancora in fermento. Da ogni punto di vista della casa scopriamo vedute sorprendenti
Alla base delledificio, in quello che originariamente sul porto e sulla porzione industriale della citt a sud, a ovest
era lantico deposito Kaispeicher, parte una scala mobile curva sul fiume e a nord verso la parte antica di Amburgo con
che taglia il volume in mattoni fino a raggiungere la piazza le guglie delle chiese e gli edifici storici. E una relazione
sopraelevata a 37 metri daltezza. La Elbphilharmonie tra dentro e fuori che la componente principale del progetto,
consentir a tutti di godere della vista sullintera citt, resa concreta dalle vetrate che portano il paesaggio allinterno
spiega Pierre de Meuron. Ogni cittadino di Amburgo conosce di ogni singolo ambiente. Uno spettacolo unico per i fortunati
bene questo luogo ma, finora, larea era accessibile solo a chi padroni di casa, ma un privilegio possibile anche agli amanti
lavorava nel porto. Il terrazzo panoramico collegato della musica che, dallopening della Concert Hall, potranno
alla sala concerti, ancora off limits, e alle residenze, disegnate godere del panorama dalla piazza affacciata sullElba.
come uno spazio fluido, scandito da volumi con funzioni precise. Inaugurazione prevista: gennaio 2017.
Lidea stata sviluppata posizionando strategicamente cubi
allinterno dei quali collocare cucina, servizi e ambienti

198 ELLE DECOR


ANNIVERSARIO

UP di Gaetano Pesce, 1969


Lazienda inventa un nuovo modo
di comunicare il design. Come
nella campagna pubblicitaria
firmata da Klaus Zaugg
per il lancio della Serie UP.

Unaltra storia
N best seller n medagliere
olimpico. Il libro che celebra i 50 anni
di B&B Italia indaga i motivi
di un successo. Non solo industriale
testo di Porzia Bergamasco

207 ELLE DECOR


ANNIVERSARIO

Piero Ambrogio Busnelli, 1970


Il capitano dazienda agli esordi di C&B che nel
1973 cambier nome in B&B Italia.

Salone del Mobile, 1972


Piero Ambrogio Busnelli mostra Le Bambole
al presidente Manlio Armellini.

A S

Un volume importante, non solo per formato e foliazione.


Non un catalogo dongiovannesco per madamine
n una collezione di best seller e neppure un medagliere
olimpico dei pur molti successi B&B Italia, premette lautore,
ma semmai uninvestigazione sul perch di quei successi,
sulle ragioni di chi a essi ha contribuito e su cosa c
da imparare da loro. Tutto chiaro. Cos, al primo sfoglio,
viene subito voglia di imbarcarsi in una macchina del tempo
per rivivere il fermento, la frenesia, gli azzardi degli anni
O
che hanno dato il via alla storia dellazienda nata nel cuore
della Brianza, con la visione spiccatamente industriale
di Piero Ambrogio Busnelli, esattamente cinquantanni fa.
La ragione del libro La lunga vita del design in Italia. B&B Italia
50 anni e oltre, scritto da Stefano Casciani con i camei
di Ferruccio de Bortoli, Renzo Piano e Deyan Sudjic , proprio
limportante anniversario festeggiato anche con una mostra,
The Perfect Density, a cura di Migliore+Servetto Architects,
alla Triennale, e un film, La poesia nella forma, a cura
di Didi Gnocchi, dal 12 al 17 aprile, presso lo store di Milano.
Rapiti dalla grande quantit di immagini e parole, si accantona
la macchina del tempo per tornare nelle pagine, a scoprire
episodi e persone. Renzo Piano rievoca come nato, nel 1970,
ledificio degli uffici aziendali, quando ancora non era stato
aperto il cantiere parigino del Centre Pompidou
(lopera che lo ha presentato al mondo con Richard Rogers
A e che tanto somiglia alla costruzione sorta a Novedrate):
Attraverso lintuizione di questuomo, che sempre stato in grado

208 ELLE DECOR


ANNIVERSARIO

Le belle avventure nascono


sempre con dei buoni compagni di
viaggio. Come nel caso del
progetto per gli uffici B&B Italia
Renzo Piano

210 ELLE DECOR


ANNIVERSARIO

di mettere assieme le capacit di una tecnica di evolversi


e di diventare espressione. Busnelli aveva questa grande abilit:
era un imprenditore, un industriale, ma era al tempo stesso
un grande artigiano. I tasselli lentamente si compongono,
con il cannocchiale della ricostruzione storico-sociale.
il punto di forza del libro e di unazienda capace di sollecitare
il cambiamento anche attraverso lideazione di campagne
pubblicitarie disinibite, firmate da Oliviero Toscani.
Un dato di cui B&B Italia perfettamente consapevole, precisa
Deyan Sudjic. Un mobile fatto per essere usato. Riflette
il modo in cui vive la gente e il modo in cui la gente cambia
col tempo. Osservare levoluzione cronologica del design,
attraverso la lente della produzione B&B Italia nellarco di questi
cinquantanni, significa vedere una storia sociale e architettonica
della nostra epoca, un costante processo danalisi dei modi
in cui il vivere si evoluto e dei modi in cui ridefinirne
gli strumenti. Il poliuretano, utilizzato dapprima per gli imbottiti
di Afra e Tobia Scarpa, e poi le resine sono fra questi strumenti.
Materiali di cui lindustriale Busnelli aveva visto in anticipo
applicazioni e sviluppi, coronati da indimenticabili invenzioni
e da successi dal sapore pop condivisi con alcuni fra i pi eclettici
designer e architetti dellepoca. Ricordiamo, su tutti, Mario Bellini
e Gaetano Pesce, fin dai tempi della C&B (il marchio fondato
nel 1966 con Cesare Cassina, trasformato nel 1973 in quello
attuale). Seguendo la traccia importante della costituzione
del Centro Ricerche & Sviluppo che da allora a oggi individua
in particolare con Rolando Gorla le strategie di progetto
per la ricerca sui materiali pi innovativi e per lindustrializzazione
dei processi che portano al prodotto, Casciani ci accompagna

212 ELLE DECO


ANNIVERSARIO

il momento della
riflessione su passato
e futuro di questa
esperienza industriale
innovatrice
Giorgio Busnelli

fra gli anni 70 e 80 nellincontro con altre figure nodali, come


Antonio Citterio. La dinamica vicenda dellinnovatore
e sperimentatore Busnelli, affiancato nel percorso da Giorgio
e poi dagli altri figli, si dirama di pari passo nella Maxalto,
contraddistinta dalluso del pi rassicurante legno:
Una scelta di sostenibilit ante litteram, che riprende un certo
filone del design organico di tradizione mitteleuropea e nordica,
rivista secondo la poetica scarpiana. Per poi trasformarsi
ancora con lo stesso Citterio: Il designer per antonomasia
che lavora per i Busnelli e le loro aziende. A questo punto,
la pausa nel concatenarsi di date e fatti che portano
agli anni 90 la concede lavventura in mare, dapprima
con la Costa Crociere e quindi con una nuova azienda,
la B&B Italia Marine, nata intorno a concetti costruttivi, tecnologici
e industriali del tutto innovativi. La macchina del tempo
non serve davvero pi, arriviamo agli anni 2000 e gli arredi
concepiti dai nuovi progettisti sono noti quanto le icone
del passato, degni di proseguire la storia che nel 2014 ha avuto
un brusco sussulto con la scomparsa di Piero Ambrogio Busnelli.
Il mio grande pap, lo descrive semplicemente il figlio Giorgio
che guida lazienda di famiglia. Unindustria da cui sono passati
e passano i migliori talenti del design e dellarchitettura
internazionale, per realizzare con noi le loro idee e i loro sogni.

Il libro: La lunga vita del design in Italia. B&B Italia 50 anni

Foto tratte dal libro La lunga vita del design in Italia. B&B Italia 50 anni e oltre
A e oltre, Skira, 360 pp. La mostra: The Perfect Density,
fino al 17 aprile, alla Triennale. Il film: La poesia
nella forma, dal 12 al 17 aprile, presso il B&B Italia Store,
via Durini 14, Milano. www.bebitalia.com

N
Husk di Patricia
Urquiola, 2011
Scocca in materiale
plastico e imbottitura
effetto capitonn per
una seduta di successo
dalla quale nasceranno
un letto e, nel 2014,
un divano.

214 ELLE DECOR


Locchio del regista Alessandro
Sampaoli inquadra il set:
protagonista un masterpiece di
Baxter, il divano Tactile, design
Vincenzo De Cotiis, abbinato
al tavolino Loren. Sulla parete,
opere di Fabio Favelli e, a
destra, lattrice Pia Engleberth.
217 ELLE DECOR
BACKSTAGE

Al posto suo un cortometraggio prodotto


con il laboratorio OffiCine e il sostegno di Baxter. Uniniziativa
che promuove i giovani talenti del cinema italiano

Ancora cinema. Ancora un interno, da raccontare oltre


le pagine del giornale, attraverso locchio della cinepresa.
Per descrivere dettagli ed emozioni non solo con gli scatti
fotografici ma con il movimento, lazione. Un tema che ci
appassiona da sempre e che prosegue, dopo la felice esperienza
dellanno scorso, con una nuova produzione. Sempre con
OffiCine laboratorio nato dalla collaborazione tra IED Istituto
Europeo di Design e Anteo Spazio Cinema , sempre con
un giovane regista, questa volta Alessandro Sampaoli seguito
dalla direzione artistica di Silvio Soldini, sempre con un tema
dinterior. Consulente deccezione, per la fotografia, Luca
Bigazzi. Cos, dopo le dieci borse di studio messe in palio per
sostenere la realizzazione dei due corti Marina e Swing,
questanno Elle Decor Italia passa il testimone a Baxter che
sostiene, con la nostra collaborazione, i nuovi talenti del cinema
producendo Al posto suo, nuovo mini film che contribuir
a costruire una personalissima cineteca dinterior. Da quando
abbiamo inaugurato il nuovo showroom di Milano nella storica
location dellex cinema President, il legame tra il brand
e il grande schermo diventato fortissimo. Cos ci sembrato
naturale sostenere questa iniziativa e i giovani talenti italiani, ci
racconta Paolo Bestetti, Ceo di Baxter. La comunicazione video
molto pi efficace delle foto alle quali abbiamo sempre
dedicato grande attenzione nel trasmettere emozioni profonde,
uno degli obiettivi irrinunciabili dei nostri progetti, allestimenti
e strategie di comunicazione. Il corto una commedia degli
La troupe, formata da aiuto regista, direttori della fotografia, equivoci ambientata a casa di un collezionista darte, Leone
attori, tecnici e truccatori, nel corso delle riprese. In alto,
lattrice Martina De Santis mentre fa meditazione al centro (interpretato da Paolo Briguglia), che per una serie di circostanze
di unopera di Marco Andrea Magni. Accanto, Silvio Soldini, chiede alla cameriera Svetlana (Dalia Bucur) di fingersi la sua
direttore artistico, col protagonista Paolo Briguglia. fidanzata (Martina De Santis). Arriva il momento di presentarla

218 ELLE DECOR


BACKSTAGE

Panoramiche dello spazio, dettagli darredo e piano


sequenze descrivono latmosfera di una location
scelta con cura. E includono gli interni tra gli attori del film

alla suocera e tutto deve essere perfetto... La scelta della location


stata basilare. Tra le residenze pubblicate nel nostro magazine,
abbiamo selezionato la pi adatta, per latmosfera colta
e coinvolgente: la casa milanese di Luca Bombassei, architetto
e collezionista darte amico di Elle Decor, che ha ben compreso
lo spirito del progetto. Vedere come un filmmaker e gli attori
hanno interpretato il carattere della mia abitazione stato
interessante, ci dice. Assistere alle riprese da un backstage
privilegiato stato un altro modo di conoscere il luogo in cui vivo
da nuovi punti di vista. Una troupe formata da attori,
sceneggiatore (Jacopo Cazzaniga), aiuto regista e montaggio
(Monica Chiari), direttore della fotografia (Raffaele Alicino)
ha invaso la casa, in un palazzo ottocentesco. Lo story board
pronto, i microfoni e le luci si accendono: ciak si gira. Centro
dellazione il soggiorno. A parete e sul pavimento spiccano le
collezioni del proprietario (nella finzione di scena e nella realt),
che hanno contribuito ad arricchire il racconto di piccole trovate.
Come la sequenza in cui Sofia, prima di scappare indispettita,
medita al centro di uninstallazione darte. Protagonista assoluto
un grande divano di design che, nel racconto improvvisato
dai due pseudo-fidanzati alla suocera snob (Pia Engleberth), ha
avuto il ruolo di Cupido. Proprio intorno al sof, firmato Vincenzo
De Cotiis per Baxter, si svolgono le relazioni tra i personaggi
della commedia, in unalternanza di battute, giochi di sguardi,
colpi di scena ed efficaci momenti di sospensione. Buona visione.
Dallalto, Paolo Briguglia e Pia Engleberth in una scena. Il progetto viene presentato durante la Milano Design
Lorenzo De Lellis, fonico, e vicino alla porta Fabiana Maria
Lavezzi, produzione. Larchitetto Luca Bombassei, padrone Week, dal 12/4, al Baxter Cinema di l.go Augusto. www.baxter.it
di casa, con Livia Peraldo, direttore di Elle Decor e Francesca E a Palazzo Berri Meregalli, nel nuovo studio dellarchitetto Luca
Molteni di Baxter. Nel living, la Cabana dei F.lli Campana. Bombassei, via Cappuccini 8, Milano, www.lucabombassei.com

220 ELLE DECOR


TENDENZE

MO
NI
TOR
Quattro caratteri per quattro modi
di progettare: il filosofo che non
cede alle apparenze e i complici
che non amano stare da soli.
Il primitivo, un uomo di poche
parole, e i custodi, collezionisti
della memoria. Testimonial
deccezione Oki Sato, Raw Edges,
Max Lamb, Analogia Project.
Protagoniste le ultime novit della
Milano Design Week
di Paola Carimati

223 ELLE DECOR


TENDENZE

mille domande:
che afferma
ofondo

Foto Akihiro Yoshida

OKI SATO (STUDIO NENDO). Un ritratto che ferma in uno scatto


la genialit del designer giapponese. Ma volendo sfatare
il luogo comune del marmo come materiale pesante, cosa mi posso
inventare? Semplice: sufficiente sbilanciare la forma e trasformare
lapparente instabilit in un gesto agile. Oltre lo sgabello, lironia
allo stato puro di Sway per Marsotto Edizioni. Allo Spazio Bigli.

224 ELLE DECOR


TENDENZE

Progetti filosofici La metafora il loro territorio dazione.


Dalla lampada installazione alla sedia in movimento.
Interpretazioni concettuali che vanno oltre le apparenze

[1]

[2]

[8]

[5]

[7]

Foto Manga Chair di Kenichi Sonehara

1. Nellappendiabiti dei GamFratesi per Thonet ogni modulo di legno curvato un passo di Waltz(er). In fiera. www.
gamfratesi.com 2. Mood Clock di Valerio Ciampicacigli suggerisce un altro modo di usare il tempo. www.allaboutpaula.com 3. Full
di Sebastian Bergne: collezione di ciotole per pietanze parche. Fanno riflettere sullo spreco alimentare. www.sebastianbergne.com
4. Akiko Kuwahata veste di vetro il sideboard di legno Breath e gioca con la trasparenza. In Mindcraft al Circolo Filologico Milanese.
www.akikokenmade.dk 5. Le forme pure della lanterna Enviro di Apparatus enfatizzano il potere ipnotico del fuoco. In via Santa
Marta 14, www.apparatusstudio.com 6. Un souvenir per incoraggiare. www.theflowmarket.com 7. Una delle 50 Manga Chairs
di Nendo. Alla Facolt Teologica dellItalia Settentrionale, www.nendo.jp 8. Equilumen di MischerTraxler: le sfere della lampada
a sospensione si accendono solo quando sono in equilibrio. In Back Ahead a Villa Necchi, www.mischertraxler.com

226 ELLE DECOR


TENDENZE

mantica
ima. Progettano
soli

YAEL MER e SHAY ALKALAY (RAW EDGES). Coppia nella vita


Foto Olivier Hess

e nel lavoro, sono testimoni di un modo di fare che ibrida gli opposti,
di generi e cultura. Alla Milano Design Week sono protagonisti
a Palazzo Cusani con Swarovski e a Spazio Sanremo dove con 5vie
allestiscono Herringbones, un laboratorio in movimento perpetuo.

228 ELLE DECOR


TENDENZE

Progetti complici Pensati in coppia o in gruppo,


in rete come nella vita reale, nascono da reazioni sinergiche.
Una sola mente non riuscirebbe a stupire cos

[2]

[3]

[1]

[7]

[6]

[5]

1. Dalla liaison fra Gufram & Paul Smith nasce Psychedelic Cactus, la nuova edizio rocco
e Mello. In fiera, www.gufram.it 2. Tra i designer coinvolti nel progetto Atelier Swarovski Home, i Raw Edges: ciotole e vasi in
Foto Akihiro Yoshida

cristallo stampato. In via Cusani 5, www.raw-edges.com 3. La cucina Air di Daniele Lago disegnata per favorire il dialogo
e la condivisione: il piano del tavolo integra i fuochi per la cottura del cibo. A Eurocucina, www.lago.it 4. Una pallina dispenser
di cibo per gli amici a quattro zampe. Di Nendo per by I n., www.sogo-seibu.jp 5. Deal with it, tessuti di Rosa Tolnov Clausen con
lIstituto dei ciechi, Copenhagen. In Mindcraft, al Circolo Filologico Milanese, www.rosatolnovclausen.dk 6. Lola, della coppia
Marco Zavagno ed Enrica Cavarzan (Zaven), in legno per Atipico. In fiera, www.zaven.net 7. Un progetto tra padre e figlio:
Aledyn, la lampada in plastica disegnata da Alberto e Francesco Meda per Kartell. In fiera, www.francescomeda.com

230 ELLE DECOR


TENDENZE

mood spettinato,

oche parole

Foto Claudia Zalla/5vie District

MAX LAMB un appassionato di sedie: ha realizzato pi di 40


prototipi per indagare il rapporto tra forma e materiale. Il designer
inglese incarna il ruolo di artigiano moderno, testimone di una
progettualit ibrida, che mescola manualit e tecnica. Alla Milano
Design Week lo vediamo in The Nature of Motion, il progetto di
Nike, via Orobia 15, e in Ice Cream Social di Hem, via Varese 12.

232 ELLE DECOR


TENDENZE

Progetti primitivi Fatti di pietra, legno e materiali grezzi


sono testimoni di una vera rivoluzione contro stereotipi e clich.
Sembrano citare lEt della Pietra ma guardano avanti

2]

[3]

[1] [4]

[8]

[5]

Foto Francisco Nocito Design Academy Eindhoven Dario De Sirianna


[7]

[6]

1. Libreria della serie Clay Furniture di Maarten Baas che, con la mostra New, Now, Here!, festeggia 10 anni. In via
Savona 33, www.maartenbaas.com 2. Sole nascosto sul tappeto Eclissi di Wieki Somers per Nodus. Al Chiostro della Facolt
Teologica dellItalia Settentrionale, www.nodusrug.it 3. Tactile Corpsules di Sanne Muiser per Touch Base, mostra della Design
Academy di Eindhoven. In via Privata Cletto Arrighi 10, www.designacademy.nl 4. Skyline alpino nella luce Mountain View
di Dima Loginoff per Axo Light, www.dimaloginoff.com 5. Pastizal Isa, il prato-tappeto in lana riciclata di Alexandra Kehayoglou.
www.alexkeha.com 6. FurNature di Sovrappensiero: tavolino in acciaio, piano in Mdf e base in pietra. Alla Dodo Gallery in via
Muratori 11, www.sovrappensiero.com 7. Macro fiammifero in ceramica di Marianne Krumbach, www.mariannekrumbach.dk
8. Splatter, sgabello in metallo di Max Lamb per Hem. AllIce Cream Social, Accapi (H+), via Varese 12, www.maxlamb.org

234 ELLE DECOR


TENDENZE

e con la citazione.
e. Il loro lavoro
ro segni del passato

ANDREA MANCUSO ed EMILIA SERRA (ANALOGIA PROJECT)


I loro sono progetti densi che pescano immagini e suggestioni nella
storia per dare forma a unidea di design che strizza locchio allarte
contemporanea. Il mondo che disegnano ricco di citazioni raffinate,
sicuramente da galleria. Durante la Milano Design Week li troviamo
da Nilufar, Camp Design Gallery, Fratelli Boffi e Driade.

236 ELLE DECOR


TENDENZE

Progetti custodi Edizioni limitate, interpretazioni uniche


in bilico fra ieri e oggi, arte e design, eclettismo e rigore. Non sono
oggetti da acquistare ma opere da collezionare

[4]

[3]

[2]

[5]

[1]

[8]

[6]

[7]

1. Osforth, il trono di Emanuele Magini per Jcp. In via Solferino di fronte al 22, www.jcp.design 2. Plumage di Cristina
Celestino per BottegaNove: un mosaico evocativo. Da Ladies & Gentlemen in via C. Correnti 14, www.designattico.com
3. Un Quadro Celeste per esplorare la lana. Di Studio Pepe per CC-Tapis, via San Simpliciano 6, www.studiopepe.info 4. Il piatto
The White Snow Luminaire di Analogia Project per Driade: un omaggio alle luminarie. In via Borgogna 8, www.analogiaproject.com
5. Le geometrie del Pantheon sul paravento Where the rain stops di Analogia Project. Da Camp Design Gallery, via G. Segantini 71,
www.campdesigngallery.com 6. Awaiting di Coralla Maiuri e Giorgia Zanellato per Secondome: una poltroncina che parla di
attesa. Da Ladies & Gentlemen, www.secondome.biz 7. A Trip to the Moon di Matteo Cibic per Scarlet Splendour. Da Rossana
Orlandi, www.rossanaorlandi.com 8. Bassanio di Matteo Cibic per BonottoEditions. In via Durini 24, www.matteocibicstudio.com

238 ELLE DECOR


ELLE DECOR PER SAMSUNG

Freestanding Concepito
per essere parte integrante
dellarredo domestico, Serif TV,
qui con schermo 40 pollici,
dotato di gambe tubolari
smontabili che consentono
di posizionarlo a piacimento
in ogni ambiente e zona della
casa, anche a centro stanza.
disponibile nei colori ivory
white (per tutte le dimensioni),
dark blue (nella versione
large, in foto, e medium),
rosso nel modello mini.
DESIGN A 360
Disegnato da Ronan & Erwan Bouroullec, il nuovo
Serif TV di Samsung trasforma il concetto di televisore.
Un oggetto di design pensato per dialogare con lambiente
domestico e destinato a diventare unicona. Lo presentiamo
in quattro scatti dautore firmati Giovanni Gastel

High-tech e stile Design


unico per il nuovo Serif TV.
Il primo progetto nel campo
dellelettronica firmato
dai fratelli Bouroullec coniuga
la tecnologia sofisticata
di Samsung con un approccio
legato al mondo dellabitare
contemporaneo. In foto, la
versione dappoggio ivory white
da 32 pollici. Sullo schermo,
lorologio in modalit curtain
segna il passare del tempo.
Styling a cura di Micaela Sessa.
Oggetto-scultura Cornice
rosso intenso e piccolo formato
per il Serif TV mini 24 pollici.
Pu essere inserito in una
libreria piena di oggetti come
unopera darte tecnologica.
Lopzione curtain mode filtra
le immagini sullo schermo
disegnando un pattern effetto
pixel. Ulteriori funzioni sono
lorologio, la gallery fotografica
a scorrimento (accessibile con
chiavetta usb) e lutilizzo come
diffusore acustico Bluetooth.
ELLE DECOR PER SAMSUNG

Design dcor Il profilo


del televisore svela un segreto:
la cornice, qui nella versione
ivory white, modellata con
la forma di una I del carattere
tipografico Serif. Una
modanatura che delimita lo
schermo e ha la funzione di
mensola dappoggio per piccoli
oggetti di uso quotidiano. La
cover tessile magnetica sul retro
nasconde cavi e prese di
connessione. www.seriftv.com
www.samsung.com/it/serif-tv
ELLE DECOR INCONTRA

Massimo Vitali
A Lucca, in unantica
chiesa sconsacrata, la casa
del grande fotografo. Che
con sguardo neutro riprende
dallalto quadri di umanit
di Rosaria Zucconi e Francesca Benedetto
foto di Paul Barbera/
2DM Management for MrPorter.com

Massimo Vitali ritratto in un momento


di lavoro al desk. Grazie alla sua tecnica,
nelle fotografie scattate dallalto anche
i dettagli pi piccoli e distanti sono a fuoco.

247 ELLE DECOR


Un sistema di librerie e scale in ferro occupa
le pareti perimetrali della casa
di Massimo Vitali, nel centro storico
di Lucca. Per il living lartista ha scelto
pezzi di Edra, la poltrona Aguap
di Fernando e Humberto Campana,
le chaise longue Damier di Francesco Binfar
e le poltrone Sponge di Peter Traag.

248 ELLE DECOR


ELLE DECOR INCONTRA

249 ELLE DECOR


Dallalto in senso orario, una spiaggia
di Massimo Vitali in grande formato,
lartista al lavoro e il dettaglio di unopera.
Allingresso, Damier Chaise Longue
in pelle, di Francesco Binfar per Edra.

250 ELLE DECOR


ELLE DECOR INCONTRA

251 ELLE DECOR


ELLE DECOR INCONTRA

Il regalo che vorrei? Piante nuove per il giardino che sta crescendo
sul retro della mia casa al posto del parcheggio di 900 mq. Ne vado fiero

Un intenso ritratto di Massimo Vitali


davanti alla zona pranzo della sua casa,
unex chiesa con ambienti open space.

Massimo Vitali sicuramente uno dei pi celebri esponenti a met del percorso, hai un pezzo di carta che vale in quanto
italiani della fotografia contemporanea. Le sue inconfondibili tale. Quello che d valore allopera il percorso dellartista,
opere che ritraggono spiagge affollate e paesaggi animati il formato, il montaggio, la giusta distanza dal muro. Il suo
ripresi dallalto hanno attratto collezionisti e gallerie di tutto sguardo. neutro. Guardo da lontano, partecipo poco.
il mondo. Lartista ha scelto di vivere a Lucca, in una chiesa I colori sono chiari, non saturi e la distanza dei soggetti amplifica
sconsacrata del XIV secolo, ristrutturata su progetto il senso di neutralit. Non giudico, non denuncio, faccio solo
dellarchitetto Paola Sausa, dello studio Momus. Amo molto una constatazione. Mi ritrovo nella definizione di fotografo che
questo luogo perch, un po come le mie foto, resiste al tempo ritrae la gente dallalto senza sentirsi superiore. La tecnica.
pur conservando i segni delle varie epoche e dellutilizzo che Uso un trabattello che mi fa salire di 5 metri e le macchine
negli anni ne stato fatto, racconta Vitali . Avrei potuto inserire a pellicola, di medio e grande formato. Un giovane ingegnere di
lo studio in questo spazio ma, per una forma di ordine mentale, Sassuolo me ne ha appena consegnata una, fatta su misura per
preferisco non rinunciare alle mie piccole abitudini, me. Adopero anche il digitale, mi consente una libert maggiore.
come la sosta al bar per il caff prima di andare al lavoro. Mi ha entusiasmato il lavoro di Emmanuel Lubezki, direttore
Gli inizi. Un giorno, per provare una nuova macchina, della fotografia e premio Oscar per Revenant, che ha ottenuto
ho fotografato un lido a Marina di Pietrasanta. Ho colto in quella risultati sorprendenti lavorando in digitale senza illuminazione.
prima immagine momenti di libert, ozio, attesa e meditazione; Il presente. Sempre pi spesso eseguo lavori su commissione
sulla spiaggia non accade nulla di importante. La serie delle per riviste americane. Recente il lavoro sui profughi al confine
spiagge mi ha dato visibilit e riconoscibilit, nel momento in cui ungherese per il magazine Time. Avevo un pulmino con una
larte contemporanea si accorta della fotografia, o meglio, piccola balconata sul tettuccio che mi consentiva di muovermi
di un certo genere di fotografia. Lesordio nel mondo continuando a fotografare dallalto. Non mi dispiace dovermi
dellarte. La mia prima gallerista di New York acquist a met adattare, purch le mie foto restino sempre riconoscibili.
degli anni Novanta due foto e mi chiese di presentarle. Allinizio Progetti. Sogno un cassetto dove contenere in formato
fui risentito, poi ho capito. Lopera qualcosa in pi rispetto cartolina tutti gli scatti di questi 22 anni. Un archivio comodo,
alla foto: quando hai scattato e sviluppato limmagine, sei solo accessibile a tutti gli appassionati. www.massimovitali.com

252 ELLE DECOR


DESIGN/PAST

Napoli
da gustare
La tradizione rivive in versione
contemporanea. Nel nuovo bistrot, firmato
Giuliano Andrea dellUva, della storica
pasticceria Scaturchio
foto di Nathalie Krag testo di Sonia Cocozza

Nel piano nobile, langolo


bistrot con lo specchio
su disegno che riflette gli
affreschi depoca.
Lampada String Lights
di Michael Anastassiades
per Flos e sedute vintage.

255 ELLE DECOR


DESIGN/PAST

Assaggiare il Ministeriale, specialit di Scaturchio, come


celebrare un rito. Servito su piatti depoca, rigorosamente spaiati,
che portano a tavola una storia centenaria

Dallalto, pareti black and


white negli ambienti bistrot.
Sedie Luigi Filippo e Thonet
dialogano con pezzi
vintage. La sala da t
arredata con le poltrone
Veranda di Vico
Magistretti, Cassina,
a sinistra. Sulla parete,
a destra, una applique
di Caccia Dominioni.

256 ELLE DECOR


DESIGN/PAST

Giuliano Andrea dellUva


con limprenditrice Anna
Normale. Tavolini a
specchio su disegno.
A parete, foto di Mimmo
Jodice e lampada 265
di Paolo Rizzatto per Flos.

Foto ritratto Luciano Romano

258 ELLE DECOR


DESIGN/PAST

Vista sullobelisco di San


Domenico e Palazzo Saluzzo
di Corigliano. Accanto, uno
scorcio della stanza degli
specchi, adibita a bistrot, con
lampade di Flos, tavolini
su disegno e sedie Thonet.

Giochi di contrasti black and white, arredi su disegno,


pezzi vintage e sedute rococ compongono il mix creativo
fra ieri e oggi del progetto di Casa Scaturchio

C aria di casa negli ex uffici della Pasticceria Giovanni doppia anima: una ruvida, segnata dal tempo e una pi asciutta,
Scaturchio. A Napoli, al piano primo di un palazzo storico contemporanea. Il progettista si ispirato alle dimore della
affacciato sulla monumentale piazza San Domenico Maggiore, nobilt napoletana. In quelle case ogni stanza aveva un tema.
nel centro antico della citt, c un luogo speciale che sembra Da qui lidea di sviluppare mood diversi, spiega dellUva.
assecondare unantica leggenda. Si racconta che in queste Con la stanza degli specchi ho voluto portare allinterno dello
stanze, tra affreschi, stucchi e modanature abbia vissuto agli inizi spazio riflessi di frammenti della citt e regalare a chi vi sosta
del secolo scorso la famiglia Scaturchio. Da casa a laboratorio, la piacevolezza di un ambiente affrescato, solo in apparenza
da laboratorio a ufficio, da ufficio a pasticceria-bistrot, lo spazio rtro. La palette cromatica vira verso il rosso pompeiano
come sospeso tra due epoche. Tutto ha inizio dalla storia e le tonalit di blu intenso che richiamano il mare del golfo
damore di Francesco Scaturchio per una sciantosa. Per e le sue profondit. Ho voluto, con questo restyling, raccontare
conquistarla inventa un cioccolatino fondente dal cuore morbido, lidea di lusso contemporaneo contaminato da colori sofisticati
ma per una legge ministeriale dellepoca, sullomologazione e da scatole doppie che irrompono luna nellaltra.
dei cibi, costretto a una trafila burocratica, passando di Nella sala da t, per esempio, il bianco esalta la scelta materica
ministero in ministero, ci raccontano gli imprenditori e fratelli del legno e dellottone, ripresi dalla vecchia boiserie che
Paolo e Anna Normale che, come veri padroni di casa, cinvitano rivestiva le pareti della storica pasticceria a piano terra. Nelle
a entrare nelle pieghe pi intime di questo spazio gourmet. stanze di Casa Scaturchio il cibo unoccasione social. Una
Nel 2013 abbiamo rilevato il marchio della celebre pasticceria sorta di tappa moderna del Grand Tour, dove viaggiatori, artisti
dal fallimento, salvando il personale e con loro, la ricetta segreta e giovani possono incontrarsi per bere un caff e assaggiare una
del famoso cioccolatino: il Ministeriale. In pi abbiamo deciso sfogliatella. Senza rinunciare al rito assoluto del Ministeriale.
di riconcepire gli spazi affidando lintervento allarchitetto
Giuliano Andrea dellUva che a breve si concentrer anche Casa Scaturchio, piazza San Domenico Maggiore 19,
sullantica pasticceria al piano terra. Al cliente riservata Napoli, tel. 081.5517031, www.scaturchio.it
lemozione di sentirsi accolto in una vecchia casa privata della
Napoli dei Decumani, dove gli spazi sembrano avere una

260 ELLE DECOR


DESIGN/PRESENT
Foto Kenta Hasegawa

263 ELLE DECOR


DESIGN/PRESENT

La storia di Arita ha inizio nel 1616 con


larrivo a Kyushu, Giappone meridionale,
di un artigiano coreano di straodinaria
abilit. Da allora sullisola si moltiplicano
fabbriche e laboratori e nei secoli
successivi la manifattura di porcellana
del luogo si afferma in tutto il mondo
per la bellezza dei suoi prodotti.
Qui a lato, frammenti di argilla davanti
a una fabbrica. Al centro, da sinistra,
serie di piatti firmati da Scholten & Baijings
e la smaltatura in giallo di una ciotola.
In basso, disegni per una brocca
di Ingegerd Rman e il direttore artistico
Teruhiro Yanagihara, accanto ai designer
olandesi Carole Baijings e Stefan Scholten.

Un incontro tra Oriente e Occidente iniziato quattro anni fa


con la collaborazione del duo di designer olandesi Scholten & Baijings

Foto Kenta Hasegawa (4) - Scheltens & Abbenes (1) - TAF (1)

264 ELLE DECOR


DESIGN/PRESENT

Lobiettivo della collezione 2016/ stato di far tornare la manifattura


di Arita allo status originario. Dai musei allutilizzo nella vita quotidiana

La nascita di 2016/ segna linizio di una


nuova generazione di porcellane di Arita.
Suddivisa in 16 sottocollezioni (una
per ogni designer), fa capo a due
Foto Kenta Hasegawa (4) - Anneke Hymmen (2)

tipologie principali: la serie Standard,


accessibile a tutti e adatta a un uso
quotidiano, e la Edition, la serie di punta
che esprime in ogni dettaglio leccellenza
del marchio. In alto, esemplari di Kirstie
Van Noort, tre ciotole rosa di Christian
Haas e il designer impegnato nella scelta
dei colori insieme a un artigiano della
fabbrica di Housengama. Al centro,
pittura di un pezzo della collezione
di Shigeki Fujishiro e la serie ideata
dallamericano Leon Ransmeier. In basso,
la tedesca Saskia Diez in un laboratorio.

266 ELLE DECOR


DESIGN/PRESENT

Ognuno dei 16 designer chiamati a collaborare ha interpretato con linguaggi


e tecniche inedite le forme e i colori storici, reinventando lanima di Arita

cola citt incastonata tra le colline occidentali


Kyushu. Siamo nel Giappone meridionale, ad Arita,
el quale, allinizio del XVII secolo, nasce
a della porcellana nipponica. qui che, dopo 400
ordi, la tradizione rivive allinsegna della
eit e della ricerca. E dellincontro fra Oriente
partito quattro anni fa con la collaborazione
e creativo Teruhiro Yanagihara e il duo olandese
aijings, una sinergia confermata anche questanno
one 2016/, che vede tra gli artefici 16 designer
i, in mostra durante la Milano Design Week e
su queste pagine. Tra i protagonisti, lo spagnolo
o, gli svizzeri Big-Game, i tedeschi Saskia e Stefan
desi Wieki Somers Studio e Christien Meindertsma.
cultura del luogo e global appeal nata a partire
olto ai designer di pensare la propria collezione
er interiorizzato lanima di Arita. Unesperienza
una serie di workshop a stretto contatto con
le fabbriche locali che popolano la valle. Per
, nel profondo, i fasti e i momenti bui della storica
avorando insieme per traghettare uneredit cos
el prossimo futuro. Lobiettivo stato quello di far
nifattura di Arita allo status originario. Finora la
e della gente ha potuto apprezzare le qualit dei
ammirandoli nei musei, spiega Yanagihara. Ma
l XXI secolo, cos stato fondamentale aggiornare
e alle esigenze di oggi. Ed stato questo il tema
condotta dai designer guidati in ogni fase della
e. Abbiamo incoraggiato i progettisti a combinare
o con le nuove tecnologie. Con la finalit di
gianato di tradizione a tecniche innovative finora
, confermano Scholten & Baijings. Per esempio
metodi di produzione che utilizzano macchinari
umerico e tecniche di stampaggio a iniezione.
ostituito da pi di 300 pezzi fra accessori per
la tavola, piatti, brocche, ciotole, vasi, contenitori di porcellana,
declinati in 16 mini collezioni suddivise in due tipologie: la serie
Standard, fatta di oggetti per tutti i giorni dal costo accessibile
in grado di aprire la porcellana di Arita a un mercato pi vasto;
la Edition, che esprime la potenza espressiva, la raffinatezza
e la cura del dettaglio maturata nel corso dei secoli. Per riuscire
a combinare tradizione e innovazione, la ricercatezza del piccolo
brand con un appeal internazionale. Il risultato emozionante.
Ognuno dei designer coinvolti ha reinterpretato con il proprio
linguaggio le forme e i colori storici reinventandoli. Per ritrovare
la palette cromatica della manifattura con una nuova anima,
Foto Scheltens & Abbenes

che rilegge il rosa catturato dai ciliegi, lazzurro del cielo


Sopra, pezzi della collezione e il bianco unico della porcellana. E scoprire nuove forme che
disegnata da Scholten & Baijings. portano con s i segni della memoria. +elledecor.it
Insieme al direttore creativo
di Arita, hanno selezionato
i designer per il progetto 2016/ 2016/ (dal 13 al 17 aprile), via delle Erbe 2, Milano
e creato i team con gli artigiani. www.2016arita.com

268 ELLE DECOR


DESIGN/FUTURE

Silicon Valley
in laguna
A Roncade, poco distante da Treviso,
unantica tenuta agricola si trasforma in un
incubatore di idee (geniali)
di Laura Maggi foto di Nathalie Krag

Tra i sette edifici che compongono


il complesso c anche la Serra.
Uno spazio verde di confronto
creativo, dove si serve anche
Good food for beautiful minds.

271 ELLE DECOR


DESIGN/FUTURE

Sopra e a destra, ambienti di lavoro nel grande parallelepipedo


vetrato che ospita H-Art, tra maxi spazi per la condivisione
e nicchie per scambi di vedute one-to-one. Qui sotto, gli esterni
suggestivi dellantica tenuta di Ca Tron con il vecchio silo.

272 ELLE DECOR


DESIGN/FUTURE

Abbiamo radici profonde


a Ca Tron. Ne abbiamo raccontato
lincredibile storia e bellezza a tutti
gli ospiti che ci hanno visitato
Riccardo Donadon

Ci si arriva da stradine perse nei campi coltivati, lasciandosi


alle spalle un mare speciale, quello della laguna veneta, e si
approda in una tenuta agricola storica (con ancora il vecchio silo)
popolata da container/incubatori neri, ognuno casa di una
micro-azienda innovativa. Siamo a Roncade, in provincia
di Treviso, nella Tenuta Ca Tron, lambita dal fiume Sile, dove
abita il futuro, proprio nella sede di H-Farm, un grande centro
per la creativit a sostegno e sviluppo di start-up che guardano
al domani. Dove la H sta per Human, a sottolineare lobiettivo
di realizzare iniziative a misura duomo. H-Farm si pu descrivere
ancora meglio come una piattaforma digitale, fondata nel 2005
da Riccardo Donadon, attuale Ceo, e Massimiliano Ventimiglia,
con lo scopo di aiutare giovani imprenditori nel lancio diniziative
innovative, supportare la trasformazione delle aziende italiane
in unottica digitale e fare formazione. Contemporaneamente
nasceva H-Art, di cui Ventimiglia fondatore e Ceo, che con la sua
rete di artisti internazionali riesce a produrre contenuti e progetti
tailor-made. La sua sede un lungo parallelepipedo vetrato
ai margini del campus: linterno arredato con pezzi di design
H-Art lunica agenzia di dautore, nicchie/alcova per scambi di vedute a tu per tu e grandi
spazi per la condivisione. Tra i progetti work in progress,
marketing e comunicazione a dare lo sviluppo della piattaforma digitale del Gruppo Molteni, di cui
un ruolo centrale allarte, con verr lanciato a breve il nuovo sito. Attraversiamo una sequenza
di open-space ed entriamo nellarea di Contemporary H-ART,
unenorme rete di artisti digitali divisione nata con lo scopo di creare nuove esperienze tra
Massimiliano Ventimiglia pubblico, brand e artisti che utilizzano tecnologie digitali, di cui
Francesca Veronesi creative director. Con loro abbiamo
sviluppato le esperienze digitali di Soft Home, la mostra di Elle
Decor Italia per la Milano Design Week (servizio a pag. 113).
A Roncade oggi lavorano oltre 500 creativi nei sette edifici che
compongono il complesso immerso nella natura, progettato da
Zanon Architetti Associati, risultato di un lungo lavoro di restauro,
ricostruzione e nuova edificazione che ha portato alla nascita
di una struttura che riflette il carattere in continua evoluzione della
logica di H-Farm, compresa una serra/ristorante che offre Good
food for beautiful minds e dove su grandi tavoli, in mezzo
a un foresta pluviale indoor, avvengono incontri e condivisioni.
Girando tra le strutture si ricevono messaggi motivazionali come
Do something that has never never been done before (motto
dellalpinista Stefan Glowacz), scritti a caratteri cubitali sulle
vetrate o Larte ricerca continua, assimilazione delle esperienze
passate, aggiunta di esperienze nuove, nella forma, nel contenuto,
nella materia, nella tecnica, nei mezzi (citazione di Bruno
Munari). Difficile restare impassibili. Qualcosa dentro risuona.

H-Farm/H-Art, Tenuta Ca Tron, via Sile 41, Roncade (TV),


tel. 0422.789611, www.h-farm.com, www.h-art.com

In alto, Riccardo Donadon, attuale Ceo e cofondatore


della piattaforma digitale H-Farm. Qui a lato, Massimiliano
Ventimiglia, che ha creato H-Art, fucina virtuale di artisti
internazionali, di cui anche amministratore delegato.

274 ELLE DECOR


LL
ITINERARIO

278 ELLE DECOR


ITINERARIO TREVISO

Sam Baron, direttore del Design Department


di Fabrica dal 2006 Francese, sempre
on the road tra Treviso (dove lavora e insegna),
Parigi e Lisbona (dove vive con la moglie
e dove ha il suo studio), ha partecipato come creative
consultant allinterior design del Montebelo Vista
Alegre Hotel, sulle rive del Rio Boco (Aveiro-
Portogallo). Come ogni anno, porta alla Milano
Design Week 2016 i lavori di Fabrica, in spazi e in
allestimenti sempre sorprendenti, insieme ai pezzi
firmati da lui. Ecco i suoi consigli per visitare Treviso.

Architettura: oltre a Fabrica, dove lavoro, firmata


da Tadao Ando, il Museo Luigi Bailo, riaperto a ottobre
2015 dopo la ristrutturazione di Studiomas architetti
e Heinz Tesar (borgo Camillo Benso di Cavour 24).
Arte: Museo di Santa Caterina, il mio preferito
(piazzetta M. Botter 1); Fondazione Benetton per le
mostre temporanee e la biblioteca dedicata al paesaggio
(via Cornarotta 7). Dove dormire: Maison Matilda,
solo 5 camere e una suite, attorno a un grande salotto
e alla sala per la colazione. Per sentirsi veramente
a casa (via J. Riccati 44). Ristoranti: non c
che limbarazzo della scelta. Acquasalsa, con vista
sul mercato del pesce (via Pescheria 41); Le Beccherie,
dietro la Piazza dei Signori dove nato il tiramis
(piazza Ancilotto 9); Equilibri, con veranda (viale
Burchiellati 48). Per nombra de vin, uno spritz: Fabrica, centro di ricerca
Al Botegon, bar icona dei Fabricanti (viale Burchiellati sulla comunicazione a 360.
7). Shopping: Home Design, per chi cucina volentieri Workshop e progetti, riservati
(via Cornarotta 19); Sisley (via XX Settembre 11); a ricercatori da tutto il mondo
Slash, moda ultraselezionata con flair Japan (via con borsa di studio annuale,
Filodrammatici 15); Tredicizerosei, capi handmade (via riguardano design, grafica,
S. Francesco 12). E per chi ama i vetri, Seguso, fotografia, interaction, video,
un micro-negozio con due vetrine/finestra (via Palestro musica, editoria, campagne
7). Da provare: un hair stylist deccezione, sociali. Fondata a Treviso
Kami (via A. Manzoni 24). nel 1994 da Luciano Benetton,
Fabrica ha sede in una villa
del XVII secolo restaurata
e ampliata da Tadao Ando
nel 2000. In alto, Sam Baron
con i suoi Fabricanti
di design (www.fabrica.it).

280 ELLE DECOR


ITINERARIO TREVISO

[4]

1-2. Maquette e work in progress di Beyond, The Veuve Clicquot Journey by Fabrica, percorso
esplorativo tra paesaggi fisici e immaginati al Padiglione Reale della Stazione Milano Centrale (solo
il 14/4). 3. Baron con, a sinistra, linglese Daniel Rous, autore di Earl Collection, sedia (nella foto)
e arredi di Fabrica/Piaval per il Salone 2016. A Milano presenta anche Tribute to Domus, per
il n1.000 di Domus, nelle 10 vetrine di United Colors of Benetton di p.zza Duomo. 4. Gallerie, atrii
e lagor sono luoghi di comunicazione e incontro tra le persone e la storia o la natura, secondo
Ando. 5. Il ristorante Equilibri (www.ristorantecentro.treviso.it). 6. La facciata del Museo Luigi Bailo,
[2]
ristrutturato di recente (www.museicivicitreviso.it). 7. Shopping da Home Design (www.home-design.it).

[5] [6] [7]

282 ELLE DECOR


ITINERARIO TREVISO

[3]

1. Per la moda handmade, abiti e accessori da Tredicizerosei (via S. Francesco 12). 2. LHair stylist preferito dai Fabricanti
Kami (www.kamicapelli.com). 3. Il Museo di Santa Caterina, in un ex convento, con la mostra di Escher (www.museicivici
treviso.it). 4. Le Beccherie, ristorante e wine bar: cucina della tradizione e rivisitata (www.lebeccherie.it). 5. Ispirazione
jap per Slash, boutique di tendenza (www.slashtreviso.com). 6. Maison Matilda, bed & breakfast luxury, arredi di design
e vintage, una collezione di oggetti darte (www.maisonmatilda.com). 7. La zona della Pescheria, con vista sul
mercato del pesce, dalla Casa dei Carraresi, galleria darte: un vero salotto a filo dacqua (www.casadeicarraresi.it).

[4]

[7]

[6]

284 ELLE DECOR


ITINERARIO

Eindhoven La Design Academy


strettamente connessa alla citt: in autunno,
per il Graduation Show, diventa epicentro
della Dutch Design Week, con presenze da tutto
il mondo ed eventi dislocati ovunque

La galleria di Piet Hein Eek allinterno


della sua factory polifunzionale con
ristorante e shop. In scena la personale
I due mondi di Olaf Mooij
fino al 19/6/2016 (www.pietheineek.nl).

286 ELLE DECOR


ITINERARIO EINDHOVEN

DAE, Design Academy


Eindhoven. Nasce nel 1947
come Accademia di Disegno
e Progettazione Industriale.
Dalledificio De Witte Dame, dove
ha sede dal 1997, sono usciti
designer oggi star, Studio Job,
Formafantasma, Maarten Baas,
Nacho Carbonell. Nelle grandi
aule-laboratorio (foto) si studiano
arte, architettura, progettazione
grafica e industriale. Al Fuorisalone
Thomas Widdershoven, dal 2013 chairman 2016 presenta Touch Base,
e direttore creativo della DAE, Design Academy mostra curata da Ilse Crawford
Eindhoven Graphic designer di formazione, e da Thomas Widdershoven, alla
ha fondato nel 1993 con Nikki Gonnissen lo studio Laundry House, via C. Arrighi 10:
Thonik di Amsterdam. Intende portare la DAE un invito a riconnettersi con
a essere la pi forte delle scuole olandesi di design la realt attraverso la tattilit
e a implementarne laspetto tecnologico. (www.designacademy.nl).
A Eindhoven consiglia di non perdere questi luoghi.

Architettura: Strijp-S, un quartiere a 10 minuti dal


centro, dove artisti, designer, stilisti e musicisti sono stati
chiamati a riutilizzare i vecchi edifici dellenorme ex
fabbrica di apparecchi radio. Arte contemporanea
e design: Van Abbemuseum, arte moderna
e contemporanea con caff affacciato su uno specchio
dacqua (Bilderdijklaan 10); MU, un mix di arte, design,
cultura pop e new media (Torenallee 40-06);
Onomatopee, arte contemporanea, grafica e libri
(Willemstraat 27). Ristoranti: Radio Royaal, negli spazi
dellex Philips (Ketelhuisplein 10). Bar: Kazerne,
allinterno di uno spazio multifunzionale di 2.500 mq,
nato da un progetto di riqualificazione dellex caserma
della polizia (Paradijslaan 2-8). Shopping: Piet Hein
Eek, la factory del designer olandese con showroom,
ristorante e art gallery (Halvemaanstraat 30); You Are
Here, moda multi brand (Kleine Berg 32a). Quartieri:
Sectie-C un vero e proprio villaggio dove hanno fondato
i propri studi circa 80 tra designer, artisti e creativi.
Da non perdere: due studi di giovani designer, usciti
dalla DAE, aperti al pubblico (su appuntamento):
Atelier NL, in unex chiesa (Bergmannstraat 76)
e Alissa + Nienke (NRE-terrein / building 7/ Nul Zes
Nachtegaallaan 15).

288 ELLE DECOR


ITINERARIO EINDHOVEN

[1]

[2] [3]

1. Linterno dellArt Hotel, nella zona artsy della citt, in parte ricavato nella Philips Light Tower
(www.inntelhotelsarteindhoven.nl). 2. Da MU, la mostra di Olia Lialina, My boyfriend
came back from the war (www.mu.nl). 3. Pastry Club di Jurgen Koens, laboratorio di dolci
e cioccolatini negli ex edifici con macchinari della Philips sempre in zona Strijp-S (www.pastryclub.nl).
4. Il ristorante Ketelhuis nel quartiere Strijp-S (www.ketelhuis.com). 5. Atelier NL, Nadine
Sterk & Lonny van Ryswyck, design e ricerca sulla ceramica in una ex chiesa (www.ateliernl.com).
6. Il bagno del caf/restaurant Usine, nella ex sede Philips Light Tower (www.usine.nl).

[4]

290 ELLE DECOR


ITINERARIO EINDHOVEN

[1] [3]

1-4. Il bar/ristorante e uno degli spazi di Kazerne, dove mangiare, bere e ispirarsi,
nellex caserma della polizia (www.kazerne.com). 2. You are Here, fashion shop che promuove
anche brand olandesi (www.youarehere.nl). 3. De Blob di Massimiliano Fuksas: in vetro
e cemento d accesso al centro commerciale De Admirant. 5. Van Abbemuseum, arte moderna
e contemporanea nelledificio progettato da Abel Cahen, con un giardino di sculture, vicino
al fiume Dommel. 6. Uno scorcio del ristorante Radio Royaal (www.radioroyaal.be). 7. La sala
con la collezione del Costruttivismo Russo del Van Abbemuseum (www.vanabbemuseum.nl).

[6]

[5]

292 ELLE DECOR


ITINERARIO

Foto Getty Images

294 ELLE DECOR


ITINERARIO LOSANNA

Alexis Georgacopoulos, direttore dellECAL


dal 2011 Francese, con origini greche, a soli 24
anni dirigeva il dipartimento di Industrial Design
della scuola, parallelamente al suo studio di product
and exhibition design. Oggi, a 39, il suo tempo
assorbito dalla scuola che negli anni ha conquistato
una dimensione internazionale, e organizza
mostre e partnership. Ecco i suoi indirizzi cult.

Architettura: Villa Le Lac di Le Corbusier, piccola


gemma dingenuit e funzionalismo, manifesto
architettonico dove si possono trovare le idee chiave del
programma elaborato negli anni 20 per le sue famose
case bianche. Ne Conservatore Patrick Moser (route
ECAL, Ecole Cantonale dArt de Lavaux 21, Corseaux). Arte contemporanea e
de Lausanne data al 1821 ed design: Mudac, o Muse de design et darts appliqus
una delle 10 migliori scuole darte contemporains, perfetto per scoprire i nuovi trend
e design del mondo. I suoi 600 (place de la Cathdrale 6); Galleria elac (a lECAL),
studenti occupano unex fabbrica 550 mq per larte contemporanea, la grafica e il design
di calze di nylon riprogettata (avenue du Temple 5, Renens). Dove dormire: a Vevey,
dallo svizzero Bernard Tschumi lHtel des Trois Couronnes, fronte lago (rue dItalie 49).
con pavimenti di cemento, tubature Ristoranti: Caf du Grtli, nel segno della tradizione
a vista, colori primari. Super in uno tra i pi vecchi edifici cittadini (rue de la Mercerie
professionali i laboratori. Per 4). Caff/teatro: Le Bourg, live DJs, performances,
il Salone 2016, presentano When proiezioni in un ex cinema (rue de Bourg 51). Shopping:
Objects Dream, sperimentazioni Chic Cham, design e arts&crafts in unex fonderia
interattive allo Spazio Orso 16; (route de Prilly 2); Camille, dal nome dal proprietario
ECAL per Punkt, proposte che conosce tutto quello che c da sapere sulla moda
di prodotti elettronici innovativi internazionale ma anche svizzera (rue Caroline 5).
per semplificare la vita, a Palazzo Landscape: Lavaux, con i suoi vigneti a terrazza
Litta; ECAL per e15, arredi collega Losanna a Vevey-Montreux per oltre 14 km.
omaggio allo sgabello Sito Unesco World Heritage Centre e un paesaggio
Backenzahn nello showroom culturale vivente, testimonianza di una civilt
di e15 (www.ecal.ch). autentica e dinamica.

296 ELLE DECOR


ITINERARIO LOSANNA

[1] [2]

1-6. Due edifici del Flon, zona totalmente rigenerata: fino a pochi decenni fa era occupata da depositi per le merci dello
scalo ferroviario. 2-3. Orologi a cuc e la coperta dellesercito svizzero tra gli elementi curiosi dellHotel Agora Swiss
Night, nella zona trendy della citt (www.byfassbind.com). 4. Il Rolex Learning Center, progetto del 2010 di SANAA:
in vetro e cemento, occupa 20.000 mq (www.rolexlearningcenter.epfl.ch). 5. Chic Cham, arredi design, pezzi vintage,
textile di propria produzione, un caff allaperto in unex fonderia (www.chiccham.com). 7. Linterno di Villa
Le Lac a Corseaux, vicino a Losanna: un progetto del 1923 di Le Corbusier, pensato per i genitori (www.villalelac.ch).

[4]

[7]
Foto [4] Getty Images

[5]

[6]
298 ELLE DECOR
ITINERARIO

e creativit in armonia con una vera qualit della vita.


La molteplicit delle culture, delle capacit e dei talenti
internazionali che Fabrica raccoglie sta generando un contrasto
interessante con la vita locale del Nord Italia e il suo savoir-faire
industriale e artigianale. Collocati non in una capitale,
ma nel mezzo di una pianura tra i monti e il mare, i Fabricanti
trascorrono un anno intenso facendo progetti che hanno
caratteristiche uniche che li differenzieranno anche in futuro da
altri giovani designer. Losanna ha una scala diversa: affacciata
sul lago Lemano, la Capitale Olimpica per eccellenza perch
qui dal 1914 ha sede il Comitato dei Giochi, contraddistinta da
centri universitari di alta formazione, ha presenze architettoniche
importanti, come il Rolex Learning Center firmato dallo studio
SANAA, uno spazio di aperta circolazione dove studiare
in piena libert. La si percorre in su e in gi, costruita su colline
con il dislivello di quasi 500 metri, attraversando quartieri che
Uno studente del Master hanno subito riconversioni virtuose, come il Flon, da negletto ex
di Contextual Design della Design
Academy di Eindhoven
deposito ferroviario a zona della movida. In fieri la realizzazione
mentre lavora a un prototipo. di un nuovo polo museale che riunir arti visive, decorative
Ciascuno ha la propria e fotografia in un unico complesso abbracciando il Muse
scrivania e spazio dedicato. cantonal des Beaux-Arts, il MUDAC e il Muse de llyse, su
disegno dello studio Aires Mateus. A pochi chilometri, una vera
gemma: Villa Le Lac, nella vicina Corseaux, di Le Corbusier,
dove, in 64 mq, ha messo a punto principi costruttivi poi adottati
in cantieri molto pi vasti, affidata alle cure del conservatore
il design, nel suo significato pi ampio di progetto a Patrick Moser. DellECAL di Losanna, il direttore Alexis
360, il fil rouge che lega tre hub creativi Fabrica, ECAL e DAE Georgacopoulos ricorda il Dna, caratterizzato da creativit,
geograficamente lontani perch dislocati tra Italia, Svizzera curiosit, energie e humour, la mission di aprire delle nuove
e Olanda, ma che ogni anno si ritrovano contemporaneamente prospettive e offrire una formazione per lindustria, di dare agli
in scena sul grande palcoscenico della Milano Design Week. studenti gli strumenti necessari che permettano loro di tradurre
Portando ciascuno idee, proposte ed esperienze diverse, come il pensiero in progetti di qualit. Lolandese Eindhoven segue
diverse sono le anime delle rispettive scuole e quelle delle citt un altro paradigma: culla del colosso Philips fin dal 1891, deve
che li ospitano: Treviso, Losanna e Eindhoven. Centri che non al glorioso passato industriale uneredit culturale importante,
sono capitali e con una popolazione dagli 80.000 ai 220.000 la convinzione che design e tecnologia devono essere al servizio
abitanti. Siamo andati sul campo per incontrare i direttori, della comunit. Ma la citt ricca di sorprese anche per un
gli insegnanti e gli studenti provenienti da tutto il mondo, per pubblico di non addetti ai lavori: le tante ex fabbriche e vecchie
esplorare aule, laboratori, biblioteche, luoghi dincontro e caserme sono state trasformate in ristoranti, spazi polivalenti,
conversazione, per raccontare il dietro le quinte di tanti progetti atelier, gallerie, mantenendo a volte la presenza di macchinari
di interactive design, installazioni, oggetti innovativi. Allargando e strumentazioni, facendoci toccare con mano il valore
lo sguardo sul territorio dove vivono e lavorano per capire dellarcheologia industriale. Alla DAE di Eindhoven, ricorda
che tipo di sinergia si generi e scoprire non solo gallerie Thomas Widdershoven, creative director e chairman,
e architetture dautore, ma anche gli indirizzi degli insider perfetti insegniamo ai designer a connettersi con il mondo che
per un viaggiatore che cerca laltrove. Citt dacqua, Treviso li circonda, vogliamo che il loro impegno sia costante, ma con
caratterizzata da una fitta rete di rogge e canali. Acqua una visione ottimista. Urge un cambiamento, ma non
che lambisce gli edifici che hanno visto lintervento degli Scarpa, interamente compito dei nostri studenti attuarlo, devono
gloriosa famiglia di architetti; che si distende nel grande invece studiare alternative nel campo della progettazione
specchio intorno al vecchio mercato del pesce o davanti alla e lasciare lo step successivo, quello della realizzazione,
Fondazione Benetton. Nel suo cuore pi antico, un labirinto alla societ e al pubblico.
di strade nasconde musei ricavati in ex conventi, eccellenze
artigiane, locali da gourmet. Sam Baron, direttore del www.comune.treviso.it; Svizzera Turismo, numero verde
Dipartimento Design di Fabrica, sottolinea: Nel mio ruolo 00800.10020030, www.svizzera.it; Lausanne Tourisme,
di creative director consultant, divido il mio tempo tra Paesi www.lausanne-tourisme.ch; Ente Nazionale Olandese,
diversi: considero Treviso un crocevia dove convergono ricerca www.holland.com; HV365, www.eindhoven365.nl

300 ELLE DECOR


ELLE DECOR PER FRETTE

RACCONTI NOTTURNI
Un anticipo della nuova collezione autunno-inverno
2016 di Frette. Fra pattern geometrici e preziosi motivi dcor,
per una nuova estetica del riposo

Vestire la stanza da letto: Frette lo fa


da pi di 150 anni, con eleganza e creativit.
E per il prossimo autunno-inverno
propone una collezione couture che esalta
lo jacquard. La particolare tecnica di
tessitura, un must della Maison, crea i tanti
e diversi disegni che danno unimpronta
fortemente decorativa a tutta la linea.
Come il motivo geometrico astratto che
caratterizza Abstract, uno dei tre nuovi
copriletti, dove i toni del blu e dellazzurro
si accendono con tocchi di sfumature dorate.
Sul filo della contemporaneit, anche
il raso lucente di Pixel, a piccoli grafismi,
e il minimalismo soft di Relief, con pattern
in rilievo. Non mancano in collezione
preziose fantasie come, fra gli altri, il raso
stampato a fiori di Flair o il gioco di luci
e ombre di Contradiction; o lispirazione
green di Feuillage e del sontuoso Autumn,
dai toni metallici in triplice tessitura.
E ancora, le note luxury di un copripiumino
in tessuto tinto filo, di una stola in cashmere
e camoscio e di una coperta in visone rasato
con intarsi di pizzo. eu.frette.com

Il copriletto Abstract, una sofisticata realizzazione jacquard. Qui abbinato ai grafismi dei cuscini Pixel e ai motivi a rilievo di Relief.
SPECIAL ADVERTORIAL SECTION

DE
SIGN
PORT
FOLIO
DE
SIGN
PORT
FOLIO
Raccontare in un clic la vera natura
delle cose. Con la rassegna
Design Portfolio Elle Decor sceglie
gli oggetti del nostro quotidiano.
Li pone davanti allobiettivo
in un set semplice e surreale
e, superando il loro lato tangibile,
ne scandaglia lidentit interpretandola
in uno scatto dalla modalit
espressiva unica, quasi psicanalitica
e a tratti ironica. Capace di svelare
lanima pi o meno segreta
che ogni oggetto possiede
di Bettina Rosso foto di Andrea Garuti
hanno collaborato Tamara Bianchini e Murielle Bortolotto

Costruzioni by Spazio 65, Milano. Si ringraziano Cos, Churchs e Panizza 1879


LETTURA MON AMOUR
Yak, design LucidiPevere per De Padova: divano da 2 o 3 posti e poltrona con gambe solide inclinate in legno che sostengono
lo schienale e i fianchi in cuoio. Cuscini supersoft in piuma, cm 192x92x82h. www.depadova.com
SEATING TIME
Social, design Patrick Jouin per Pedrali. Sistema di sedute modulari da comporre in linea o ad angolo, con o senza schienale,
anche pouf. Nella foto la soluzione 3 posti in tessuto Kvadrat Sunniva 2, cm 178x66x78h. www.pedrali.it
MAGNIFICA PRESENZA
Pipe, design Sebastian Herkner per Moroso. Grintosa e gentile la poltrona bassa con lo schienale arrotondato rivestito
in tessuto Argo/Raf Simons di Kvadrat, cm 100x82x71h. www.moroso.it
LA LEGGEREZZA
Piuma, design Piero Lissoni per Kartell. Sedia super leggera in polimero termoplastico, 2.200 grammi di peso, in bianco,
grigio, verde salvia, senape, ruggine o nero. www.kartell.com
UN TRICOT LUMINOSO
Kabuki, design Ferruccio Laviani per Kartell. Lampada da terra effetto pizzo, leggera e dalla verve scenografica:
crea un forte impatto formale e giochi di luce nella stanza; diametro cm 50x170h. www.kartell.com
PRENDERE FORMA
Run Personal, design Antonio Citterio per Technogym. Materiali ricercati e tecnologia davanguardia per il tapis roulant superconnesso, con
maxi schermo touch screen e collegamento diretto ai propri apparati elettronici e non solo. Cm 201x80x147h. www.technogym.com
TEMPO SOSPESO
Ora In/Ora Out, design Giulio Iacchetti per Alessi. In due versioni, ad angolo o a spigolo, il sorprendente orologio in resina
termoplastica bianca o arancio che reinventa la tipologia da parete, diametro cm 21. www.alessi.com
TOTEM IN BLACK
Clay, design Marc Krusin per Desalto. Forte e semplice il tavolo scultura formato da due volumi puri ritratto nella suggestiva
versione in pietra lavica. Quattro misure e 5 finiture, diametro cm 140x74h. www.desalto.it
IN ABITO DA SERA
Mad chaise longue, design Marcel Wanders per Poliform. La sofisticata seduta con schienale asimmetrico, qui in velluto blu
con piedi in rovere naturale, cm 183x91x106h. www.poliform.it
VOLUMI DI LUCE
Je Suis, design Carlo Colombo per Penta. Lampada da tavolo dallappeal scultoreo, con base in marmo bianco Carrara oppure in legno,
e diffusore in vetro soffiato bicolore bianco/argento o trasparente/argento, diametro cm 35x60h. www.pentalight.it
THINKING OF BEAUTY
Easy Lipp, design Piero Lissoni per Living: proporzioni delicate per il divano a due posti della collezione che propone soluzioni fisse
o componibili, su sottili gambe dacciaio brunito a sezione quadrata, cm 235x82x71h. www.livingdivani.it
SHINING RELAX
Nido, di Imperfettolab. Ampia su gambe sottili in metallo la poltrona/scultura che gioca su contrasti e sproporzioni a effetto.
Scintillante la scocca in vetroresina color rame (anche oro, bianco, nero, cromo e iridescente), cm 130x97x66h. www.imperfettolab.com
IL GIORNO E LA NOTTE
Frame, design Monica Graffeo per Twils. Letto da centro stanza, nella testiera alta accoglie una struttura attrezzabile
con appendiabiti, porta oggetti o libreria. Biancheria Twils. www.twils.it
VIEW [Aprile 2016]

328 LETTURE SICILIANE. A Noto, la casa per le vacanze firmata Gordon Guillaumier si nutre
della ricchezza del territorio e ripropone in chiave attuale la forza decorativa delle maioliche
di Caltagirone. 340 GARAGE PRIV. Copenhagen. Larchitetto David Thulstrup ha trasformato
in abitazione lautorimessa di unex fabbrica. E al suo interno ha nascosto un giardino.
350 SITE SPECIFIC DESIGN. La suggestione di un deserto di sale in versione indoor. lhabitat
per uninstallazione di progetti dautore di ieri e di oggi. Che si raccontano in una collettiva
dallappeal contemporaneo. 360 IL SENSO DELLA MISURA. Una forma architettonica elementare,
pura, poetica. Un progetto semplice ma in realt complesso, studiato in ogni dettaglio, sostenibile,
rispettoso del territorio. Elegante espressione della profonda sensibilit di Piero Lissoni.
372 HAPPY GUEST. Milano, a due passi dal Duomo, il nuovo hotel Giulia ideato da Patricia
Urquiola trova la formula della qualit accessibile. E declina nel gioco e nel design i temi della
memoria e della milanesit. 384 CONTRASTI E ARMONIE. Il rigore di nuovi volumi e il sapore
di una villa anni Trenta. Sulle colline bolognesi, nel progetto firmato dallarchitetto Luca Zanaroli.

327 ELLE DECOR


Una pensilina in ferro lunga
trenta metri crea giochi
dombra mutevoli nella corte
esterna, attrezzata con
soggiorno, pranzo e cucina
allaperto. La lampada
basculante, integrata nel
progetto, illumina i tavoli in
ferro laccato bianco su
disegno, con poltroncine di
Roda firmate Rodolfo Dordoni.
LETTURE
SICILIANE

A Noto la casa per


le vacanze firmata Gordon
Guillaumier si nutre della
ricchezza del territorio
e ripropone in chiave attuale
la forza decorativa
delle maioliche di Caltagirone
di Rosaria Zucconi foto di Andrea Ferrari
330 ELLE DECOR
333 ELLE DECOR
Oltre le grandi vetrate, che invitano a un dialogo
continuo tra interni ed esterni, si apre un panorama di mare e di terre.
E la povert dellarchitettura rurale diventa fonte dispirazione

La cucina-pranzo si apre verso lampia corte esterna,


affacciata sul paesaggio, che ne raddoppia lo spazio al di l
della vetrata. Pagina accanto, la piscina rivestita con lastroni
di pietra lavica circondata da un piano terrazzo a doghe di
legno. Di legno anche i lettini prendisole e i tavolini di Roda.
In Sicilia Gordon Guillaumier, progettista e designer, Nel progetto, il legame con il paesaggio continuo, i volumi
ritrova ricordi della sua vita nellisola di origine, Malta, ma sono tagliati per legare interno ed esterno, i muri a secco
anche tanto di pi e di diverso. un piccolo continente che ogni proteggono dal vento le tipiche corti mediterranee. Pavimenti
volta mi sorprende con le sue contraddizioni e con lenorme in cemento industriale lucidato a cera e muri a intonaco civile,
ricchezza di luoghi e persone. La campagna e il mare, la cultura mescolato con pigmenti per ottenere leffetto terroso della pietra
greca e quella normanna, il Barocco, ma soprattutto il fascino locale, trasportano la natura in casa, in forte contrasto con
dellarchitettura rurale, quella dei contadini che costruivano per il rigore dei telai degli infissi in ferro micaceo. Lelemento di
necessit: una forma di razionalismo nato dalla povert, in cui sorpresa nel soggiorno unintera parete di piastrelle maiolicate,
ogni scelta mirava a una precisa, indispensabile funzione. dipinte a mano su disegno grafico-decorativo del progettista,
I materiali poveri lavorati con amore raggiungono unautentica dove inserito il camino, una semplice scatola in pietra lavica.
eleganza, che amo definire onest del progetto. La conoscenza Lidea nasce dalla tradizione, tipica degli anni 50, di rivestire
approfondita della vera sicilianit ha permesso a Gordon di il focolare con formelle di ceramica in modo da facilitarne
coniugare la propria cultura del contemporaneo, dalle inflessioni la pulizia, ma interpretato qui in modo originale. Il gioco
quasi nordiche, con le eccellenze del territorio. Nei dintorni di ottico del decoro genera movimento, smorza la linearit
Noto, sopra una collina che guarda il mare, viene chiamato da dellarchitettura e scalda un ambiente legato a toni neutri.
un committente, impegnato nel mondo della moda, a formulare Ho scelto la maiolica, legata storicamente alla cultura arabo-
un nuovo concetto di casa vacanze: calda e avvolgente siciliana, per laspetto luminoso e sensoriale della materia.
ma essenziale, radicata nel paesaggio, funzionale ma ricca La superficie lucida mette in risalto lirregolarit artigianale e allo
di emozioni. Una trama che il progettista svolge con successo stesso tempo la riflessione trasmette una sensazione di frescura e
e con lappoggio di manodopera locale. Sono orgoglioso pulizia. Ancora maioliche artigianali di Caltagirone sulla parete
del rapporto maturato nel tempo con artigiani e imprese, come della cucina-pranzo: qui il linguaggio diventa architettonico,
Buscemi di Avola, che hanno dimostrato sensibilit e apertura influenzato dalluso del klinker in voga negli anni 60.
mentale nel realizzare progetti innovativi rispetto allo standard
locale, condividendo criteri di qualit un tempo inimmaginabili.

337 ELLE DECOR


Armonia di grigi per la camera da letto monacale, disegnata
da tessuti di lino naturale pesante, tagliati al vivo.
Pagina accanto, dietro al muro di pietre a secco, al riparo
dal vento, un angolo relax con tripoline di Segno Italiano.
Piante mediterranee del vivaio Valentino, di Sampieri.
Filo diretto tra interni ed esterni attraverso le vetrate
alte pi di quattro metri che delimitano il piccolo
giardino. Pagina accanto, per la facciata della casa
larchitetto ha scelto doghe di jatoba, un legno
africano resistente alle intemperie, che ingrigisce
con il tempo dando maggior carattere allingresso.

340 ELLE DECOR


GARAGE

PRIV
A COPENHAGEN, LARCHITETTO
DAVID THULSTRUP HA TRASFORMATO IN ABITAZIONE
LAUTORIMESSA DI UNEX FABBRICA.
E AL SUO INTERNO HA NASCOSTO UN GIARDINO
di Ana Cardinale foto di Peter Krasilnikoff e Irina Boersma
Nel cuore dellarchitettura trasparente, loasi centrale
la sorpresa green. Pagina accanto, nella sala
da pranzo, tavolo in quercia e lampadario su disegno
dello studio di David Thulstrup, sedie CH47 di Hans J.
Wegner, Carl Hansen & Sn. Le tende sono in velluto
di Kvadrat, le due foto sul fondo di Peter Krasilnikoff.
343 ELLE DECOR
Convertire in abitazione contemporanea una fabbrica di matite degli
anni 30 a Islands Brygge, quartiere dei docks di Copenhagen diventato
negli ultimi anni di assoluta tendenza, corrispondeva perfettamente alle
aspirazioni del fotografo Peter Krasilnikoff, attratto dai grandi spazi e dalle
situazioni inconsuete. La storia comincia nellanno zero del terzo millennio,
quando il protagonista, che abita ancora in un ex laboratorio situato
nel medesimo quartiere, allepoca del tutto marginale, decide di acquistare
lofficina dismessa dove attualmente vive. Pensavo che sarebbe
stata la location ideale per uno studio fotografico, con quel suo look
industriale stile New York, cosa assai rara in questa citt, racconta
il proprietario, che per non d inizio immediato al progetto. Passa qualche
anno, ma lidea sempre viva. Innamorato dello spazio, attratto dalla
struttura anticonvenzionale e sfidante, incarica larchitetto David Thulstrup
di costruire la sua abitazione privata in quello che era il garage del
fabbricato. Thulstrup ha appena aperto uno studio in citt, dopo avere
collaborato per pi di due anni con Jean Nouvel a Parigi e successivamente
con Peter Marino a New York come responsabile di progetto delle nuove
boutique Chanel. Per realizzare la casa, larchitetto coniuga con talento
passato industriale e presente residenziale, privilegiando il libero

Raccolta, la zona conversazione animata dalla poltrona gialla Visiteur di Pierre


Paulin, Artifort; sul divano su disegno, a parete Hong Kong, foto scattata dal
padrone di casa. Lampade Parentesi di Achille e Piergiacomo Castiglioni per Flos.
Pagina accanto, un angolo della cucina con unopera di Bent Rej.

345 ELLE DECOR


passaggio della luce. Ci vogliono due anni per portare a termine i lavori.
Del building originale resta poco. Non sarebbe stato possibile costruire un
terrazzo sulledificio esistente, per questioni di peso. Dunque ho mantenuto
solo tre muri di mattoni, che danno carattere e che hanno rappresentato
la mia prima fonte di ispirazione, spiega Thulstrup. Linsieme concepito
intorno a un atrio, luminoso e aperto a una vegetazione lussureggiante
selezionata ad hoc. Lidea era proprio quella di creare unoasi centrale,
conferma larchitetto, che ha prolungato le pareti vetrate fino al tetto-
giardino, piantumato con pini, meli ed erbe aromatiche. Spazio speciale
anche quello della cucina, dove la luce piove da unapertura zenitale
e lingresso avviene attraverso una strategica porta a lamelle di legno:
si liberi di guardare fuori, ma dallesterno la vista top secret. Sul tema
della privacy, alquanto delicato in un open space dai muri trasparenti,
il progettista ha dato anche risposte soft. Per esempio con tendaggi di
velluto a tutta altezza, che creano zone pi intime e protette, portando note
di colore a contrasto con il bianco delle pareti e il grigio dei pavimenti
in cemento. I mobili, rari ma scelti con cura, sposano semplicit e linee
pulite. Firmato Rietveld o Paulin, non manca qualche pezzo icona.
Iconica anche lauto di Peter. Che non trova pi posto nellex garage.

In cucina, sulla parete di mattoni, una collezione di maschere africane e pentole


di rame. Sul piano di lavoro a isola, in materiale composito, lavello con rubinetteria
di Dornbracht. Pagina accanto, tutti gli elettrodomestici sono nascosti dietro
lelegante mobile nero. La tenda di velluto scherma la vista su strada.

346 ELLE DECOR


Vista notturna del giardino: lilluminazione artificiale
degli interni fa di ogni vetrata un quadro luminoso.
Al centro, la scala di metallo che attraversa lo spazio
outdoor. Portefinestre fisse e superfici scorrevoli
caratterizzano larchitettura della casa fino allultimo
piano, dove stato ricavato un giardino pensile.
349 ELLE DECOR
DESIGN
Eleganza di ieri e di oggi: disegnata da cromata e gambe in massello verniciato
Charles Pollock nel 1960 e rieditata da lucido (cm 245x100, da 4.560);
Knoll Int. la Pollock Arm Chair (a sinistra), davanti, lo scultoreo tavolino in marmo
in acciaio cromato, alluminio nero e cuoio In Primis di Zaven per Recycled Stone
(da 1.630); del 2015 la poltroncina (da 400), e sgabello Clessidra in cedro
bassa SamSon di Konstantin Grcic per nero, di Mario Botta per Riva 1920
Magis ( 439); accanto, lampada Captain ( 960). In fondo, un classico in edizione
Flint di Michael Anastassiades per Flos, limitata, la Spaghetti Chair by
con base in marmo ( 1.250). Al centro, Giandomenico Belotti rivisitata da Alfredo
proporzioni inedite per Oskar, tavolo Hberli per Alias; lampada Flag#1
disegnato da Vincent Van Duysen per B&B di Servomuto con paralume in cotone.
Italia, nella versione in vetro cattedrale
dalla texture irregolare, con struttura
Concept preziosi e apparente semplicit. Oum, in primo piano, di Vincent
Base a razze finitura oro e piano in vetro Dupont-Rougier per Philippe Delcourt,
per il tavolo Catlin, disegnato da Rodolfo la poltrona Wint in fondo, in acciaio
Dordoni per Minotti (cm 220x120, canna di fucile rivestita in tessuto, di Carlo
5.830), linee rigorose per due sedute Colombo per Trussardi Casa
cult: a sinistra Red and Blue nella (da 3.470), lo specchio con scala
sofisticata versione Black, di Gerrit T. Narciso, di Sebastiano Tosi
Rietveld, 1920, per Cassina I Maestri per Officinanove (cm 235h, 595).
( 2.710), a destra D.270.2 di Molteni & INDIRIZZI A PAG. 443
C, progetto di Gio Ponti 1970,
in frassino laccato nero con rivestimento
in pelle (da 573). Interpreti della
contemporaneit, il tavolino in ceramica
360 ELLE DECOR
Sullacqua della piscina, una vasca stretta e lunga al posto
del vecchio abbeveratoio, si riflette la casa. La struttura
in cemento armato pigmentato con ossidi inerti della zona
e poi sabbiato per una nuova matericit. A rivestire lo
specchio dacqua pietra lavica, non levigata, di Salvatori.
362 ELLE DECOR
Le aperture sul paesaggio sono continue. Vetrate a tutta
parete che sembrano schermi dove il film cambia ogni ora
un tema sempre interessante quello di conciliare sul territorio italiano
passato e presente, tradizione e innovazione. Per di pi usando un linguaggio
originale, come quello scelto dallarchitetto Piero Lissoni in Toscana.
Non ho mai pensato di progettare una casa, ma La Casa, unarchitettura pura,
elementare, semplice. Come quella che disegnano i bambini. Dichiaratamente
contemporanea, epurata da ogni accenno vernacolare ma con la volumetria
tradizionale delle case della zona, inserita con naturalezza nel paesaggio.
Larchitetto Andrea Piazzalunga, che ha collaborato al progetto, entra nei
dettagli: Ledificio stato realizzato in cemento armato, il materiale che pi
si addiceva al disegno, un volume nitido, con il tetto a capanna privo di sporti
di gronda inseriti allinterno del profilo esterno. I muri e il tetto in calcestruzzo
armato sono stati pigmentati con ossidi e inerti della zona per integrarsi meglio
con i colori locali. E ancora con i segni del cassero appena visibili e la superficie
sabbiata da una macchina ad alta pressione guidata da una mano esperta
che lha accarezzata per darle una nuova, ruvida matericit. Con grandi vetrate,
dai profili in ferro quasi invisibili, come grandi occhi sul paesaggio.
Un progetto che ha preteso tempi lunghi, una full immersion in una regione che ha
riservato proficui incontri con maestranze locali, vissuto intensamente tra momenti
di euforia e stanchezza perch, come spiega Piero Lissoni, larchitettura
un gioco appassionante, difficile, complicato, bisogna avere senso della misura
e senso di responsabilit. Poteva essere unarchitettura provocatoria. Ma tanti
dettagli, tante attenzioni lhanno radicata nel territorio: la volumetria discreta,
il colore rosato appena accennato, linserimento in una campagna abbandonata
da anni, riportata a nuovo splendore. Il progetto di landscape comporta
salti di quota, piccoli terrazzamenti, muretti, un recinto di verde intorno alla casa

364 ELLE DECOR


Terrazza con pergola in ferro zincato e doghe di iroko,
con divani Pallet di Bonacina e tavolini in ceramica di
Gervasoni. In basso, la zona lavaggio e cottura in acciaio
della cucina di Boffi, anche nella pagina accanto. Nella
libreria di Porro una collezione di oggetti per la tavola.

365 ELLE DECOR


Vetrata a tutta parete anche in bagno, con lavabo in
marmo di Carrara. Pagina accanto, letto Ile di Living Divani,
sedia Superleggera di Gio Ponti, Cassina, lampada di Isamu
Noguchi, Vitra. Inquadrati dalle vetrate, le dolci colline
e il cielo diventano protagonisti di un film sempre nuovo.

e il recupero di alberi preesistenti. Come il fico, le sughere, gli ulivi, reimpiantati


in un luogo meno umido della valletta dove stentavano a produrre,
arricchiti da nuovi cipressi, arbusti, graminacee, un boschetto di melograni,
e limmancabile orto. Gli interni sono immacolati grazie a contropareti
in cartongesso che nascondono tutti gli impianti e in cui scorrono gli scuri dal
disegno a doghe orizzontali, che lasciano filtrare fessure di luce alternate,
realizzate da un fabbro di Siena, in ferro, zincato e verniciato a forno con effetto
Corten. I pavimenti sono tutti in rovere industriale a listelli molati, spazzolati
e sbiancati, la scala in ferro un puro segno grafico sulla parete bianca
e nuda. E con una sola camera da letto a guardia di una rilassante solitudine.
Eppure la casa un luogo aperto a una convivialit calda, sincera,
di un proprietario che condivide con gli ospiti il piacere di preparare e consumare
il cibo in una cucina da chef, disegnata per Boffi, dal tratto maschile,
superattrezzata, qui testata in fase di prototipo. Conclude larchitetto Lissoni:
In campagna il silenzio denso, pesante, il tempo passa incredibilmente
veloce, nel cielo grandi nuvole vengono spazzate dal vento, scrosci dacqua
violenti irrompono improvvisi, lalba, il tramonto, le stelle, la luna colorano
i giorni e le notti. Le vetrate a tutta parete sono schermi dove il film cambia ogni
ora. Mi concedo il lusso di leggere, tanto e di tutto, e di disegnare,
finalmente felice di usare pastelli, matite e acquerelli su carte speciali che mi
diverto a cercare in tutto il mondo. Vivo la campagna da uomo di citt:
da architetto e designer ho scelto ogni cosa, pezzi di design miei o di altri,
tappeti, un vecchio tavolo da lavoro, oggetti africani, fotografie di
amici, comodi divani e nessun mobile invadente per non interrompere il senso
di trasparenza tra gli ambienti e la natura intorno. Elegante e curioso
intellettuale, Piero Lissoni mette luomo al centro della progettualit.
Il suo design, le sue architetture, e naturalmente La Casa in Toscana, sono
silenziosi, semplici e insieme complessi.

368 ELLE DECOR


Lingresso a doppia altezza con la vetrata esposta a sud.
La scala in ferro, realizzata su disegno da un fabbro locale,
un segno secco e pulito sulla parete in cartongesso. Panca
Porro, lampada Flos, tavolo A.G. Fronzoni per Cappellini.
Accanto, di notte larchitettura ancora pi espressiva.
371 ELLE DECOR
A DUE PASSI DAL DUOMO, IL NUOVO HOTEL GIULIA
FIRMATO PATRICIA URQUIOLA TROVA LA FORMULA DELLA QUALIT
ACCESSIBILE. E DECLINA NEL GIOCO E NEL DESIGN I TEMI
DELLA MEMORIA E DELLA MILANESIT
di Rosaria Zucconi foto di Max Zambelli testo di Alessandro Valenti
Nella reception dellhotel, sopra
il bancone in acciaio tropicalizzato,
sono incorniciate opere di Sandro
Fabbri. Il sistema di illuminazione
su disegno di Patricia Urquiola.

HAPPY GUEST

373 ELLE DECOR


Nella lounge, sullo sfondo della
parete a mattoni rossi, sono
firmati Urquiola il divano Love me
tender, Moroso, e il tavolino
Shimmer, Glas Italia. Per Cassina,
poltrona Tre Pezzi e Cicognino
di Franco Albini, di fronte
Lady Chair di Marco Zanuso.
Lampada (custom made)
di Joe Colombo per Oluce.

374 ELLE DECOR


Nella zona lettura, sulle mensole-
boiserie, sono allineate campane
di vetro con miniature del Duomo.
In primo piano, intorno al tavolo
sedie Zantilam-Zant di Very
Wood by Patricia Urquiola come
il coffee table cangiante di Glas
Italia. Al centro poltrona Tre
Pezzi di Franco Albini, Cassina.
377 ELLE DECOR
Un nome di donna, una posizione strategica, un interior
design allinsegna dellunderstatement, 85 camere di dimensioni
generose e una hall accogliente come un salotto degli anni 50.
Si presenta cos il nuovo hotel Giulia disegnato a Milano da Patricia
Urquiola per la catena Room Mate. Aperto da poco, gi un luogo
di culto, vuoi per la filosofia del fondatore, per il quale lospite
un amico in visita, vuoi per il progetto che propone un concetto
di htellerie alternativo che fonde contemporaneit e memoria
in una prova dautore che anche un omaggio alla citt. Per la
designer spagnola, che ha firmato hotel esclusivi come il Mandarin
Oriental di Barcellona e sta ultimando un resort sul Lago di Como,
si trattato di una interessante deviazione, il cui risultato
una riflessione non banale sul tema degli alberghi urbani di nuova
generazione. A parlarcene, guidandoci tra le stanze dellhotel,
lei stessa durante le prove generali dellopening. Il progetto
nato dallamicizia con Kike Sarasola, imprenditore spagnolo
illuminato, che anni fa ha iniziato a investire nellhtellerie di fascia
media, lanciando un concept innovativo che oggi una catena
internazionale. Con Kike era da un po che si parlava di lavorare
insieme alla definizione di un modello di ospitalit accessibile
ma di qualit. Si trattava di trovare un compromesso, una formula
che esprimesse lidentit di un albergo di citt frequentato
da un pubblico molto vario, magari pi giovane, aperto alle novit.
Loccasione arrivata con la decisione di aprire un hotel a due
passi dal Duomo, sperimentando una tipologia di albergo che a
Milano mancava. Entrando nella hall si ha limpressione di trovarsi
in una casa privata con una vaga atmosfera di dj vu, tra arredi
e soprammobili che in qualche modo sono gi nei nostri ricordi.
Lhotel nasce dal riuso di un edificio depoca piuttosto severo, che
ospitava gli uffici di una banca. Sin dallinizio abbiamo voluto
rendere meno austera larchitettura, introducendo in maniera
Milano protagonista con il suo giocosa il tema della milanesit. Anche con i materiali: i seminati
massimo simbolo, in una gallery tipici dei caff, i vetri cannettati, le finiture tipo ottone, il ceppo
che espone diverse maquette lombardo posato in diagonale come nei palazzi del centro.
della cattedrale sotto altrettante Poi ci sono i pezzi dei maestri del design italiano, luso del colore
campane di vetro. Nella pagina
accanto, Patricia Urquiola nella il verdone dei velluti e il cotto dei mattoni e una serie di oggetti
lounge. Larchitetto ha riconvertito domestici tra cui souvenir del Duomo e cartoline messe qua e l per
in hotel gli uffici di una banca rievocare gesti familiari. E le stanze? Sono grandi, comode e con
allinterno di un palazzo depoca. un sapore vintage. Ci siamo divertiti a mescolare le boiserie di una
volta con una carta da parati a quadretti che ricorda i quaderni
di matematica. I letti hanno testate importanti. Il quadrettato torna
nei tessuti e nelle tende, usate anche come chiusure degli armadi a
giorno realizzati con intelaiature metalliche di tipo industriale. Piani,
mensole e tavolini, lucidi o in vetro, riprendono invece i materiali
degli interni milanesi. Le camere sono eleganti ma anche spartane.
La crudezza degli arredi contenitori ricorda quella dei casiers
standard di Le Corbusier. Ovunque c un uso non convenzionale
del colore. E cos spiega Patricia: Per i mobili di servizio abbiamo
lavorato con la divisione contract di Cassina puntando
sulla leggerezza del sistema. La designer diventata art director
del brand dallo scorso settembre. Da qui la scelta di coinvolgere
lazienda nella realizzazione di pezzi ad hoc. Niente a che
vedere con le camere minimali degli hotel di lusso. Lo spirito
diverso, la ricerca della qualit passa attraverso un comfort che
oltre che tattile anche visivo e mentale. +elledecor.it

URQUIOLA HA INTERPRETATO GLI SPAZI ATTRAVERSO


UNO SCHEMA NARRATIVO RICCO DI RIFERIMENTI AL LUOGO
378 ELLE DECOR
LOSPITE UN AMICO IN VISITA. KIKE SARASOLA,
FONDATORE DELLA CATENA ROOM MATE, PROPONE UN CONCETTO
ALTERNATIVO DI HTELLERIE

Dallalto, seduto nella lounge,


limprenditore spagnolo Kike
Sarasola, fondatore della catena
di htellerie Room Mate. Gioco
di cromie in uno dei bagni, dove
i quadretti della carta da parati
sono riproposti graficamente con
le fughe colorate delle classiche
piastrelle bianche di piccolo
formato. Zona relax in una delle
camere: in primo piano, poltrona
Foliage di P. Urquiola per Kartell.
Nella pagina accanto, azzurro,
verde e rosso mattone sono i colori
dominanti nelle stanze, declinate
con arredi e dettagli sempre
diversi. Da notare, in alto, il mobile
che separa zona notte e giorno,
realizzato con intelaiature
metalliche e chiuso da tendaggi.
In basso, larea per il breakfast.

380 ELLE DECOR


382 ELLE DECOR
Boiserie colorata e una spiritosa
carta da parati a quadretti, che
sembra strappata da un quaderno
di matematica, sono gli elementi
a contrasto che caratterizzano
le pareti delle camere. I mobili, su
disegno di Urquiola, sono realizzati
dalla divisione Contract di Cassina.
www.giulia.room-matehotels.com
Ante in vetro e ferro scorrevoli
tra living e ingresso. Per
il pranzo, tavolo e panca
di Fioroni, sedie di Gavina.
A terra lopera Maternit
di Silvia Zagni, sul piano una
maschera ancestrale di Gaia
Bernasconi. Lampade di Flos.
R
386 ELLE DECOR
Ante scorrevoli che non
lasciano tracce sul parquet
in rovere e il caminetto
sospeso di Focus danno
un senso di leggerezza.
Accanto, larchitetto Luca
Zanaroli in cucina. Su
disegno la maestosa isola
in marmo e larmadiatura.
A parete, sculture di Silvia
Zagni e un dipinto antico.

Vista dallesterno conserva il fascino della classica villa anni Trenta immersa in
un giardino sulle prime colline bolognesi. Il posto pi rassicurante, fuori dal tempo e romantico
che si possa immaginare. Il secondo piano con terrazza stato scelto come abitazione
dallarchitetto Luca Zanaroli, che lo ha ridisegnato come un appartamento cittadino,
decisamente contemporaneo, dal segno rigoroso, essenziale. Intervenire in contesti storici con
caratteri ben definiti, dai trulli alle masserie in Puglia dove il linguaggio architettonico di Luca
ha fatto scuola e tendenza, una sua specifica attitudine. stato un istintivo ritorno a casa,
non voluto n compreso allinizio. In questa stessa via ho abitato fino allet di 5 anni. Troppo
poco per conservarne ricordi, ritrovati nella foto di un bambino che gioca sulla neve e nei
racconti dei miei fratelli maggiori. Ho scelto questo spazio perch mi ha consentito di disegnare
una nuova architettura in contrasto con un involucro che conserva intatti gli elementi stilistici
dellepoca. Come le 20 finestre, due riaperte, che si susseguono lungo il perimetro con gli
infissi originali, la classica lunetta a semicerchio, tapparelle a visiera perfette per ombreggiare
e ventilare in estate. E gli stucchi sul soffitto, la terrazza con vista attraverso alberi secolari su
altre ville Liberty, unarchitettura sorprendentemente modernista. Liberati i 145 metri quadrati,
da pareti che frantumavano lo spazio in tante stanze, ho disegnato nuovi volumi realizzati
in lamiera di ferro naturale trattato a cera, dalla matericit calda ma dal segno prepotente.
Il bagno, doppio, con antibagno, una scatola in ferro nero dalle superfici a tutta altezza.
Su una parete, suggestivi tagli di colore orizzontali e verticali in cristallo bronzato, acceso sul
retro da una gelatina color ambra, come quella usata nelle luci di teatro, spezzano il monotono
disegno delle ante di contenimento. Ancora lo stesso materiale nel corridoio della zona notte

389 ELLE DECOR


La libreria nel corridoio
della zona notte in ferro
naturale trattato a cera
e include le porte sulle
stanze dei figli. Il bagno,
doppio con antibagno,
una scatola nera illuminata
da una linea di colore
in vetro ambrato. Lavabo,
sotto-finestra, in quarzite,
lampada di Martinelli Luce.

per la libreria-divisorio che smaterializza, includendole, le porte delle stanze dei figli.
Nella camera da letto padronale cambia il materiale, ma non la negazione della porta, inserita
lateralmente nella parete daccesso, lunica senza finestre, sostituita da unarmadiatura nata
dallopera di Stefano Ricci, composta da 9 pannelli da 65x65 cm applicati sulle ante centrali.
Al centro della stanza una quinta che non arriva al soffitto, su cui si appoggia il letto, nasconde
un piccolo studio e lascia passare la luce tutto intorno. La ricerca del contrasto tra leggerezza
e matericit, rispetto del passato e voglia di figurazioni attuali, comprende anche il disegno delle
ante scorrevoli in vetro dal sottile profilo in ferro, agganciate in alto, che liberano dalle guide
il pavimento, dando un deciso senso di leggerezza. Ho compreso lesigenza dei precedenti
abitanti che avevano murato due finestre per avere almeno una parete sulla quale appoggiare
la classica mobilia da salotto! Ostacolo che ho superato attraverso i nuovi volumi, e la scelta
di pochi arredi di altezza minima, come i contenitori da ufficio in soggiorno e cucina, e del lungo
piano in quarzite, un elemento monolitico, ma leggero perch sollevato da terra, a disegnare
una linea continua tra pranzo e salotto. Da quella che io amo chiamare la collezione
della mamma provengono arredi vintage di design innovativo, come i divani Le Bambole
di Mario Bellini rieditati da B&B Italia nel 2007, le lampade cocoon di Bruno Munari e Tobia
Scarpa, alcuni pezzi di Gavina e Arteluce. La passione per larchitettura e il design mi stata
trasmessa da lei tra le cinque donne laureate a Roma negli anni 50, professionista di successo
nella capitale, trasferita a Bologna per amore che fin da piccolo mi portava nei cantieri.
Dove scoprivo una mamma diversa, che con piglio maschile metteva tutti in riga.

392 ELLE DECOR


Una casa confortevole e allavanguardia, che scopre
le tecnologie pi innovative nel campo della decorazione
e le utilizza per migliorare la qualit della vita. Questa la filosofia
di Marazzi che ha sempre puntato alla ricerca nel campo
dei materiali ceramici e allo sviluppo di nuove metodologie.
Per ottenere risultati estetici e funzionali che un tempo
sembravano irraggiungibili. Unattitudine che stata premiata
con il Ceramics Design Award, conferito da ADI (Associazione
per il Disegno Industriale) a Materika di Marazzi, grazie alla
decorazione 3D realizzata su uno spessore di soli 6 millimetri.
Un rivestimento che rielabora, in versione tridimensionale, la
matericit del cemento nelle varianti Dune, ispirata al movimento
della sabbia, e Spatula, che evoca la stesura manuale. Ma
linnovazione anche nel recupero della memoria con Progetto
Triennale, reinterpretazione contemporanea della piastrella-icona
firmata da Gio Ponti e Alberto Rosselli per Marazzi nel 1960:
una ceramica con quattro curve, giocata tra forma, design
e colore, ideale espressione del comfort 2.0. Da scoprire anche
alla mostra Soft Home di Elle Decor Italia, nel milanese
Palazzo Bovara, dal 12 al 24/4. www.marazzi.it
ELLE DECOR PER MARAZZI

EFFETTI SPECIALI
Le collezioni Materika
e Progetto Triennale
di Marazzi trasformano le
superfici allinsegna dello stile
e del comfort. Coniugando
ricerca tecnologica e futuro

Una parete decorata da un motivo creato con la ceramica Progetto


Triennale di Marazzi Tecnica, scelta in Bianco, Grigio e Cemento.
Pagina accanto, un dettaglio della sala da bagno rivestita con Materika
di Marazzi superficie Spatula, dal prestigioso formato di cm 40x120.
SCULTURE HOT
Radicalmente diversi. I camini di Focus sono presenze
di carattere, segni darte e di fuoco che si impongono
negli interni e riscaldano la casa con tecnologie davanguardia.
Lo dimostrano, ancora una volta, al Fuorisalone 2016

Sopra, Slimfocus, primo camino


sospeso con focolare ermetico e
condotto a flusso bilanciato. Pagina
accanto, Cubifocus, la novit 2016.
ELLE DECOR PER FOCUS

Il fascino primordiale del ferro e del fuoco in un oggetto voler scoprire lanima delle cose. con Antefocus, prototipo creato
di design. La funzione primaria del riscaldare contenuta in agli esordi per suo uso personale e poi riprodotto in numerosi
un elemento darredo che con la sua forza espressiva caratterizza esemplari, che lartista francese trova per la prima volta ci
lambiente. Le creazioni di Focus hanno dato una risposta diversa, che cerca: la bellezza nel quotidiano. La stessa armonia tra estetica
del tutto originale, al modo di concepire il camino, liberandolo e pratica ha ispirato, da allora, una gamma di oltre 60 modelli.
dai vincoli di una collocazione strutturale, nascosta allinterno Lultimo nato Cubifocus, una forma singolare dalle linee tronche
della parete, e ponendolo al centro del progetto dinterni. che sembra penetrare nella parete; compatto, unisce design e resa
Sono linee di forte carattere quelle che vengono forgiate nel metallo elevata. A un grande classico come Gyrofocus invece, il primo
dentro le officine del marchio francese fondato mezzo secolo camino sospeso e girevole a 360, lazienda rende omaggio con
fa da Dominique Imbert, oggetti che oggi trovano posto allinterno la Milano Design Week. Un allestimento al Superstudio di via
di musei prestigiosi come il Guggenheim di New York o il Museo Tortona lo mette a confronto con la pi recente opera dellAtelier,
dArte Moderna di Stoccolma. Prodotti che nascono da una lunga Slimfocus. Silhouette minimale che scende dal soffitto, focolare
esperienza artigianale e che coltivano la ricerca sui materiali ermetico a legna e condotto a flusso bilanciato, una nuova prima
abbinata alle soluzioni tecnologiche pi avanzate. mondiale ad alto contenuto tech, perfettamente compatibile
Scultore e artista, non classico designer, Imbert ha una passione con gli edifici a basso impatto ambientale. Tradizione e avanguardia
per lacciaio che ha cominciato a lavorare fin da ragazzo, un talento ripartono da qui. E il dialogo continua, nel linguaggio dellarte.
innato per lo studio delle forme e una determinazione assoluta nel www.focus-creation.com
PROGETTO
TOTALE
La competenza nel design dinterni,
leleganza di gusto, lassistenza offerta
ai clienti in ogni fase del percorso
tecnico e creativo. Lexpertise di Sag 80
nellarredare un punto fermo da
pi di trentanni nel panorama milanese

Un angolo di living dove bello immaginare


Sopra, una scultura aerea, leggerissima:
il lampadario Wireflow disegnato da Arik Levy. il proprio relax, una camera da letto che fa sognare, una
Sotto, una preziosa credenza in rovere dagli cucina che accende il desiderio di possederla. Da pi
interni in pelle e liconico divano di Le Corbusier. di trentanni, la lunga fila di vetrine che si affaccia su via
Boccaccio offre ai milanesi spaccati di interni domestici,
quadri mutevoli, in costante evoluzione come gli stili
di vita che rappresentano e nei quali il pubblico, attratto,
viene invitato a identificarsi. Proposte di design aperte
alle ultime tendenze, ma sempre improntate a
quellequilibrio, a quel senso della misura che sinonimo
di eleganza e di aderenza alla realt. La cultura dellabitare
contemporaneo radicata in Sag 80. Si esprime nella
ricerca dei pezzi pi interessanti che i big del design
creano stagione dopo stagione, e nellalleanza con i brand
pi prestigiosi dellarredamento e dellilluminazione,
da Cassina a Molteni&C., da Boffi a Moroso, da Porro a
Flos, da Minotti a Cappellini, B&B Italia e Maxalto, per non
citarne che alcuni. Punto di forza dello showroom sono
la vasta gamma di servizi e la professionalit dello staff.
Architetti, interior designer ed esperti di prodotto seguono
i clienti lungo tutto il percorso che la progettazione di una
casa richiede: dallo studio degli spazi alla consulenza in
tema di materiali con il loro impiego nella ristrutturazione,
dalla scelta degli elementi darredo pi appropriati
alla messa a punto dellilluminazione e degli schemi degli
impianti elettrici e idraulici. Direzione dei lavori
e coordinamento si applicano anche al settore del contract,
con soluzioni ad hoc per arredo di uffici, alberghi e
residence in tutta Italia e nel mondo. Con la certezza di un
risultato sicuro, di uno spazio da abitare chiavi in mano.
Sag 80, via Boccaccio 4, Milano, tel. 02.4815380
info@sag80.com, www.sag80.com

A destra, sfumature di grigio e note di colore per


una proposta di living. Il divano componibile
firmato Rodolfo Dordoni. Sul fondo, un grande
classico la libreria Infinito di Franco Albini.
ELLE DECOR PER SAG 80
Primo piano su nuovi rivestimenti, progetti
outdoor, proposte hi-tech in cucina e sala da bagno
a cura di Bettina Rosso, Tamara Bianchini e Murielle Bortolotto testi di Grazia Baccari

one By You
sili
chio svedese
hi Levien
nuovi pattern
umerosi
n una palette
e:
rosso mattone,
ww.bolon.com
Foto Magnus Torsne

403 ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/KITCHEN&FOOD

Dal design ai materiali, soluzioni tecnologiche


e idee smart recuperano il valore della tradizione. Il lifestyle 2.0
gioca con la semplicit e la fantasia

Riunisce in un unico mobile di cm 180 o di cm 240 le principali funzioni,


reinterpretando la cucina buffet tradizionale: SieMatic 29 di SieMatic,
declinata nello stile Urban, con finitura in laminato, laccato, legno e in tutte
le tinte del Color System del brand. La nicchia, da attrezzare su misura,
illuminata sotto ai pensili e offre anche una porta Usb. Vincitrice del
Linee elementari e materiali German Design Award 2016, da vedere durante la Design Week milanese
naturali nei progetti nel nuovo showroom monomarca di viale Monte Santo. www.siematic.com
dellolandese Daphna
Laurens per Areaware.
Qui il tappo Bottle House,
in faggio e gomma,
a forma di casetta con
il tetto da scegliere
in tre colori. Da acquistare
anche in set sul sito
www.areaware.com

Acqua fredda, calda o caldissima


a 98 gradi direttamente
dal rubinetto: il futuribile 3N1
di InSinkErator, che permette
di prepararsi un t o scottare
il calore le verdure semplicemente
azionando una leva, si veste
tura? di nuovi colori, per un lampo
La risposta della designer May di allegria in cucina. Arancione,
bianco perla o pietra naturale.
Kukula sono gli hotpot (cachepot) www.insinkerator.it
in porcellana o sughero:
nascono per contenere la pentola
Copyright SieMatic

in modo elegante, terminare


la cottura e sostituire i piatti
di portata. www.maykukula.de

404 ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/MATERIALI

Il futuro entra in casa con tessuti,


luci e rivestimenti. Da scoprire, i pavimenti
pi creativi di Barcellona

Un rivestimento continuo
a tre strati per pavimento
e parete, che unisce cemento,
calce, terre naturali e cere
per un effetto liscio, non
uniforme: Cementocrudo
nella collezione Kerakoll
Design House firmata
da Piero Lissoni per Kerakoll. ecnica,
Dalla texture vellutata,
lavorato a mano, ideale per erni,
pavimenti e stanze da bagno e
(tavolini Living Divani). ione
www.kerakolldesignhouse.com g
da Ramn beda & Otto
Canalda. Realizzata
a mano. www.metalarte.com

Effetto continuo. Si mimetizza nella facciata il sistema di tende motorizzate a rullo


Dallas 110 di Resstende. In foto, tessuto Sunscreen 5500 in fibra di vetro e Pvc, per riparare
da sole e luce. In diversi colori, crea intimit con alte prestazioni tecnologiche;
da cm 100 a cm 400 di larghezza, da cm 140 a cm 400 di altezza. www.resstende.com

Ispirazione. Pavimenti
storici di palazzi antichi, Corona dalloro per Condor
hotel, chiese, sempre e Calabrone.
intarsiati, colorati,
a mosaico hanno Le sospensioni di Martinelli
affascinato il fotografo Luce si sono aggiudicate
tedesco Sebastian Erras.
liF Design Award 2016,
Styling Elisa Ossino Studio, foto Tommaso Sartori

Che ha deciso di
fotografarli e riunirli in un riservato a progetti che
progetto abbracciato
dallazienda Pixartprinting,
puntano su ricerca progettuale
sponsor delle prime e tecnologica. Entrambe
Federico Cappellina Architetto

due tappe, Venezia e a Led, per unottima luminosit.


Barcellona (foto, Generator
Hostel Barcelona). www.martinelliluce.it
In mostra su www.
pixartprinting.co.uk/
content/barcelona-floors/

406 ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/ANNIVERSARIO

I primi 50 anni di Kettal, brand spagnolo


con uno sguardo sul futuro e sulla sostenibilit

e innovazione:
Manuel Alorda
a, nel 1966,
tti, le collezioni
and produce
o su funzionalit
anche nei
one. I mobili
o, legno, fibre
rattati per
ati esclusivamente
a combinazione
cializzata
otti di alta qualit
to per lambiente.
lo studio di design
ge il top dei
zionali. Oltre a
autore di Village,
o, in alluminio
tura mat,
Rodolfo Dordoni.
a.
com

408 ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/PROGETTI

La nuova stagione da vivere en plein air vede protagonisti


un rifugio inatteso, contenitori multifunzionali. E qualcosa per lui

Una casetta dove vuoi.


proprio quella
che tutti i bambini sognano,
perch la disegnano
cos: Shelt^r di TradeWinds
una tenda in tela
impermeabile da montare
facilmente in qualsiasi
luogo, senza bisogno di pali
o tiranti. Un rifugio
di cm 250x250x300h
con o senza pareti,
a seconda del luogo
e del momento. Anche per
esploratori, per stare
in mezzo alla natura
selvaggia da un punto
di osservazione
riparato, ma wild.
www.trade-winds.be

ArchichefNight news. Prossimo


imperdibile appuntamento
il 4 maggio a Roma. E naturalmente
continuano gli ArchitectsParty,
a Milano, durante il mese di maggio.
Per scoprire le date, www.towant.eu

da Lo Scalzo Moscheri, un contenitore


in alluminio a listelli orizzontali,
ideale allesterno. I moduli sono accostabili,
ma si possono utilizzare anche
singolarmente. Le misure: cm 60/80x35x44h.
www.varaschin.it

Il mondo di Foof. Tutto dedicato al nostro amico peloso:


Foof museo (il primo in Europa), parco, allevamento,
rifugio, laboratorio didattico per i padroni, scuola
E in pi, Dog&People, by Studio Irvine, collezione di prodotti
e giochi per loro. In foto, Cico, pupazzo che rotola
e rimbalza, da mordere, che pu contenere anche cibo.
A Mondragone, in provincia di Caserta. www.foof.it

410 ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/WELLNESS&BEAUTY

Protagonista il benessere: accessori mirati alla remise


en forme, stanze comfort e note di colore
Versatilit nella stanza
dellacqua. Enjoy la nuova
collezione di Cielo creata
da Karim Rashid, dalla linea
essenziale, nellinedita
gamma di 13 colori Terre
di Cielo. I lavabi sono
da appoggio o semincasso
tondi, rettangolari o
quadrati, e in quattro misure.
www.ceramicacielo.it

Nella collezione Wellness


by Bongio, soffione per doccia
OClock di linea tonda, realizzato
in 12 finiture, tra cui cromo,
ottone lucido e satinato e 6 colori.
Anche da soffitto. www.bongio.com

Spa in suite. Nei 2.000 mq del centro benessere del nuovo resort
Amanemu, nel parco nazionale di Ise-Shima, in Giappone,
i trattamenti si fanno nelle super esclusive suite dedicate anche
a Watsu, Idroterapia e Aqua Movement. E la sera, raffinate
specialit giapponesi. www.aman.com/resorts/amanemu +elledecor.it
Studio Yoga. Morbido,
in gomma, con una
superficie matelass
che rende ogni
esercizio confortevole:
tappetino Yoga Mat
di NO KAOI, sul sito,
a 130. www.
shopnokaoi.com, www.
nokaoi-apparel.com o luminoso una
nuove tinte di Simplo,
o freestanding
oniolupi reinterpretato
ario Ferrarini.
izzato in Flumood,
ale ecologico,
oroso, facilmente
rabile in caso di
da scegliere nella
e di 31 colori esclusiva
and. Misura
45x85h.
antoniolupi.it

412 ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/LIVING

Zone conversazione king size, poltroncine


taglia small o rilassanti day bed. Focus su novit, pezzi
dautore e accessori cult per living su misura
di Tamara Bianchini testi di Marta Lavinia Carboni

Comfort e finiture sartoriali per la zona conversazione composta dal


divano Yang seating system dai preziosi pouf in pelle intrecciata
con cerniere a contrasto. In pi, i coffee table Catlin, a sinistra, con piano
in vetro fum, e Joy, a destra, in marmo; la poltrona Leslie: tutto di
Rodolfo Dordoni per Minotti. Tappeto Landfield, Minotti. www.minotti.com

415 ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/LIVING

Toni caldi e linee avvolgenti per ambienti


trs chic impreziositi da legni naturali e lavorazioni antiche,
tra tessuti materici e dettagli strutturali
[2]

[1]

[3]

[4]

[5]

1. Hideout Lounge Chair di Front per Gebrder Thonet, seduta e schienale imbottiti, struttura in faggio curvato a vapore
e laterali in paglia di Vienna. www.gebruederthonetvienna.com 2. Biblio, libreria in noce canaletto di T. Colzani per
Porada; cm 120x40x184h. www.porada.it 3. Hopeland: 150 nodi in lana himalayana filata a mano per il tappeto di
Reuber&Henning da Alberto Levi Gallery; cm 280x225, 9.200. www.albertolevi.com 4. Urban, divano di C. Colombo
per Giorgetti con schienale e braccioli in noce e inserti in metallo nero lucido; cm 240x93x74h. www.giorgetti.eu
5. Reverse, madia di Nova Mobili dal sapore anni 50, qui in laccato opaco rosso; a partire da 700. www.novamobili.it

417 ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/LIVING

[2]

[1]

[3]

[4]

[5]

1. Newton, lampada da terra di Ideal Lux con montatura e diffusore in metallo e braccio regolabile. www.ideal-lux.com
2. Signature Chair: disegnata da Frits Henningsen per Carl Hansen & Sn nel 1954, ha linee curve e sinuose in legno di
quercia o noce; cm 66x89x101h. www.carlhansen.com 3. X Chair, poltroncina di Richard Hutten per Moroso nata da un
incrocio in legno che unisce seduta e schienale; cm 72x61x73h. www.moroso.it 4. Chelsea, di Rodolfo Dordoni per
Molteni&C, accoglie con una seduta dalle forme avvolgenti sostenuta da un telaio in legno massello. www.molteni.it 5. Yak,
di LucidiPevere per De Padova, ha una struttura in frassino con braccioli e schienale in morbido cuoio. www.depadova.com

418 ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/LIVING

Sofci imbottiture, forme scultoree, rivestimenti


bicolori per daybed dalle molte personalit, allegramente
pop o in preziosa pelle, sempre very glamour
[1]

[2]

[3]

[4]

[5]

1. Liza Floor, di E. Giovannoni per Slamp con snodo per la lettura e paralume in Lentiflex; cm 45x170h. www.slamp.com
2. DC1513, arredo scultoreo di Progetto Domestico di Vincenzo De Cotiis con struttura in argento placcato ottone;
cm 250x100x43h. www.progettodomestico.it 3. Turn Daybed, panca con piedini in metallo e cuscini bicolore impreziositi
da doppia cintura in pelle; cm 190x80x42h, 1.699. www.fermliving.com 4. William, morbida dormeuse di Damian Williamson
per Zanotta, con struttura in acciaio e rivestimento in stoffa o pelle, cm 190x78x43h, 2.545. www.zanotta.it 5. Steeve, sistema
modulare dalle infinite combinazioni di Jean-Marie Massaud per Arper; qui panca cm 231x77x44h, 2.131. www.arper.com

421 ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/LIVING

[1]

[2]

[3]

[4]

[5]

[6]

1. Trix, di Piero Lissoni per Kartell, design minimal dal look pop grazie al tessuto Letraset di Ettore Sottsass, qui in fucsia, 870.
www.kartell.com 2. Onn Carpet di U. Trevisan per Saba: tappeto, rotondo o quadrato, e tavolino che ricarica smartphone e
tablet. www.sabaitalia.it 3. Yard: daybed di F. Rota per Lema, qui in preziosa pelle; 2.871, cm 202x91x26h. www.lemamobili.
com 4. Social, sistema modulare di Patrick Jouin per Pedrali; 1.691. www.pedrali.it 5. Up15, panca di Paola Navone
per Gervasoni, con piedini in noce o faggio e rivestimento sfoderabile; da 843, cm 170x48x63h. www.gervasoni1882.it
6. Traveller, di GamFratesi per Porro, con struttura a cavalletto in metallo e schienali laterali in cuoio; da 6.492. www.porro.com

422 ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/LIVING

Spazi in continuo mutamento, crossing


di colori e forme, tessuti e materiali per ambienti
freestyle dove vivere nel comfort totale
1. Moss, divano dalla grande
[1] versatilit grazie a schienali liberi
dalla base e facilmente posizionabili,
con i quali possibile creare
ogni configurazione desiderata;
struttura in legno e sfoderabilit
totale del rivestimento. Modulo
cm 242x122x38h. www.divanidea.it
2. Rod di Piero Lissoni per Living
Divani, scocca leggera e ricchi
cuscini, ora anche componibile
e regala la libert di accostare
armoniosamente chaise longue,
elementi centrali o angolari.
www.livingdivani.it 3. Lounge,
disegnato da Stefano Cavazzana
per Calligaris, un divano dalle
molteplici configurazioni grazie
alla grande variet di elementi
che lo possono comporre (elementi
centrali, angolari e open-end).
www.calligaris.it 4. Tribeca, divano
componibile di Jean-Marie Massaud
per Poliform, dalla seduta versatile
formata da ampi cuscini per un
home project totale. Tocco
di stile gli eleganti piedini in metallo
bronzato. www.poliform.it

[2]

[3]

[4]

425 ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/LIVING

[1]

[2]

[3]

[4]

[6]
[5]

1. Slide, moduli a trapezio per una grande libert compositiva nel divano in cotone naturale di
Daniele Lago per Lago. www.lago.it 2. Lario 88, divano componibile di Antonio Citterio per Flexform
con bracciolo contenitore in metallo rivestito in cuoio. www.flexform.it 3. Wanda, poltroncina
modulare di Lazzarini & Pickering per Marta Sala ditions; cm 95x55x75h, www.martasalaeditions.it
4. Slice, di Pierre Charpin oggi rivisitata da Ligne Roset nelle forme e nei colori; cm 92x88x80h.
www.ligne-roset.it 5. Counterbalance, nuova versione da terra per la lampada di Daniel Rybakken,
compasso doro ADI 2014. www.luceplan.com 6. Palette table, di Jaime Hayon per &Tradition,
un incrocio di tre piani in ottone, marmo Marquina e frassino nero. www.andtradition.com

426 ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/LIVING

Arredi-gioiello: sedute dalle niture ricercate


con impunture artigianali e lavorazioni tailor made, luci in vetro
sofato e librerie dai dettagli in cuoio e legno

[1] 1. Lloyd, sistema di librerie e contenitori


disegnato da Jean-Marie Massaud
per Poltrona Frau: un delicato gioco
di pieni e vuoti creato da sottili bacchette
verticali in massello di rovere su montanti
in mdf rivestito in Cuoio Saddle.
www.poltronafrau.com 2. Fold, divano
compatto e funzionale disegnato
da Jimenez&Cumini per Verzelloni,
impunture sottolineate a punto cavallo
con disegno ispirato ai sistemi di chiusura
delle buste; da 2.478 cm 229x85x
73h. www.verzelloni.it 3. Odea, di
Tapinassi&Manzoni per Roche Bobois
una poltroncina dalle linee organiche
che ricordano la corolla di un tulipano;
cm 87x84x84h. www.roche-bobois.com
4. Moony Loveseat, di Fendi Casa,
seduta romantica dalle linee dolci
e circolari che creano un nido in cui
raccogliersi e riposare. www.fendi.com
5. Club, mobile bar di Armani Casa
realizzato in 50 pezzi numerati
creati artigianalmente. Base in legno
di noce e pannelli in lacca motivo
Oceano. www.armanicasa.com

[2]

[3]

[4]
[5]

429 ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/LIVING

[1]

[3]

[2]

[4]

[5]

[6]

1. Janette, divano avvolgente disegnato da Roberto Lazzeroni per Baxter, qui in preziosa pelle Kashmir
Nuage. Misura cm175x94x76h. www.baxter.it 2. Sunny, poltroncina di Alessandro La Spada
per Visionnaire, in Materiko, resina polimorfica high-tech con texture 3D che compone il decoro dello
schienale. www.visionnaire-home.com 3. Aella, lampada da tavolo disegnata nel 1968 da Toso&Massari,
prod. Leucos, arricchita da una nuova tecnologia a Led che sposa il diffusore in vetro soffiato.
www.leucos.it 4. Arena, tappeto della collezione Lune nata dalla collaborazione tra larchivio Gio Ponti
e Amini che li realizza a mano in Sardegna. www.amini.it 5. Platner Lounge Chair, qui in elegante
finitura oro 18 carati per celebrare i 50 anni della collezione dellArchitetto Warren Platner per Knoll.
www.knoll.com 6. Richard, nuovo sistema di sedute disegnato da Antonio Citterio per B&B Italia,
dallestrema flessibilit compositiva; in foto la versione di cm 263x93x77h. www.bebitalia.it

430 ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/LIVING

Divani dal piglio sartoriale in compagnia


di lampade e arredi daltri tempi per interni delicatamente
vintage, dalleleganza rafnata
1. Duke, di Andrea Parisio per
Meridiani, con rivestimento
sfoderabile e struttura in legno;
cm 240x115x100h. www.
meridiani.it 2. Cobra, lampada
da tavolo di Elio Martinelli
per Martinelli Luce stampata
interamente in resina, qui in
edizione limitata all black; 1.075.
www.martinelliluce.it 3. Alambra,
sistema di contenitori di G. Bavuso
per Rimadesio caratterizzato
dalla pi totale trasparenza
e configurabile in 5 diverse altezze
e larghezze. www.rimadesio.it
4. White, di R. Dordoni per Minotti,
un sistema di sedute versatile
e flessibile per creare spazi
conviviali. www.minotti.com
5. Elsa, elegante divanetto 2 posti
di Luca Scacchetti per Amura; cm
233x97x87h. www.amuralab.com

[2]

[3]

[4]

[5]

433 ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/LIVING

[1]

[2]

[3]

[4]

[5]
1. Loft Collection, di Studio Vigan per Twils, abaco compositivo di 9 elementi (2 sedute, 2 schienali,
3 angolari, 2 braccioli) per sedute super componibili; in foto divano cm 240x95x70h. www.twils.it
2. G406, elegante libreria in legno laccato, disponibile in bianco e in seppia opaco, arreda con
ordine le pareti del soggiorno; cm 335x40x259h. www.giessegi.it 3. Sightly: paravento di Bolzan Letti
formato da un telaio in legno massiccio rivestito in tessuto (realizzabile ad hoc per il cliente),
disponibile a 3, 4 o 5 moduli; a partire da 1.024. www.bolzanletti.it 4. Brera, di Max Divani,
ha un look vintage e ricercato grazie alla cucitura che ne rifinisce tutto il perimetro. www.maxdivani.it
5. Evelyn, di David Chipperfield per Driade, una lampada da terra dal mood anni 50
con base, braccio e paralume in alluminio anodizzato; cm 27x45x145h. www.driade.com

434 ELLE DECOR


DOVE & COME

A D Golran Meridiani (Lu), tel. 0584.769200,


Alias Danese via Panzeri 11, Milano, via Birago 16, Misinto (Mi), www.salvatori.it
via dei Videtti 21, via Canova 34, Milano, tel. 02.89405725, tel. 02.9669161, Servomuto
Grumello del Monte (Bg), tel. 02.34939534, www.golran.com www.meridiani.it per informazioni,
tel. 035.4422511, www.danesemilano.com Minotti www.servomuto.com
www.aliasdesign.it H via Indipendenza 152, Studio Nomad
Artek E Hay Meda (MB), per informazioni,
www.artek.fi e15 Harsens (Dk), www.hay.dk tel. 0362.343499, www.studio-nomad.com
Artifort distribuito da Canova, Herms www.minotti.com
per informazioni, via Tortona 31, Milano, via Pisoni 2, Milano, Molteni&C T
www.artifort.com tel. 02.83249690, numero verde 800.548155 via Rossini 50, Giussano Toyo Kitchen & Living
Axor-Hansgrohe www.e15.com, www.hermes.com (MB), tel. 0362.3591, per informazioni,
s.s. 10 km 24,4, www.canovamilano.com n. verde 800.387489, www.toyokitchen.co.jp/en
Villanova dAsti (At), Edra I www.molteni.it Trussardi Casa
tel. 0141.931111, via Livornese Est 106, Imperfettolab Moroso per informazioni,
www.hansgrohe.it Perignano (Pi), via Luciano Lama 32/34, via Nazionale 60, Cavalicco www.luxurylivinggroup.com
tel. 0587.616660, Longiano (Fc), di Tavagnacco (Ud),
B www.edra.com tel. 0547.57167, tel. 0432.577111, U
B&B Italia www.imperfettolab.com n. verde 800.016811, Usm
Strada Provinciale 32, F www.moroso.it in vendita da Spotti,
Novedrate (Co), Fioroni Design K Mutina viale Piave 27, Milano
numero verde 800.018370, via Sambuco, Ardenno (So), Kartell via Ghiarola Nuova 16, tel. 02.781953,
www.bebitalia.com tel. 0342.662224, via delle Industrie 1, Fiorano (Mo), www.usm.com
Baxter www.fioronidesign.it Noviglio (Mi), tel. tel. 0536.812800,
via Costone 8, Flexform 02.900121, www.kartell.it www.mutina.it V
Lurago dErba (Co), via Einaudi 23/25, Meda Knoll International Valerie Objects
tel. 031.35999, (MB), tel. 0362.3991, p.zza Luigi Bertarelli 2, O Veldkant 21, Kontich (B),
www.baxter.it www.flexform.it Milano, tel. 02.7222291, Officinanove www.valerie-objects.com
Bisazza Flos www.knoll-int.com Onfactory, Salita Santa Very Wood
viale Milano 56, Alte via A. Faini 2, Bovezzo (Bs), Kvadrat Caterina 2, Genova, per informazioni,
di Montecchio Maggiore tel. 030.24381, corso Monforte 15, Milano, tel. 010.7981044, www.verywood.it
(Vi); showroom via Senato 2, www.flos.com tel. 02.76280946, www.officinanove.it
Milano, tel. 02.76000315, Focus Creation kvadrat.dk I progettisti
www.bisazza.com www.focus-creation.com P
Fontana Arte L Poliform ED INCONTRA
C Alzaia Trieste 49, Corsico Living Divani via Montesanto 28, MASSIMO VITALI
Cappellini (Mi), tel. 02.45121, Strada del Cavolto, Inverigo (Co), Momus Architetti,
via Busnelli 5, Meda (MB), www.fontanaarte.com Anzano del Parco (Co), tel. 031.761466, via delle Conce 10, Lucca,
tel. 031.759111, tel. 031.630954, www.poliform.it tel. 0583.582808
www.cappellini.it G www.livingdivani.it Porro www.momusarchitetti.it/
Carl Hansen & Sn Gebrder Thonet Vienna Luceplan via per Cant 35, studio/
distribuito da Canova, via Torino, 550/L, Brandizzo via Moneta 44/46, Milano, Montesolaro (Co),
via Tortona 31, Milano, (To), tel. 011.0133330, n.verde 800.800169, tel. 031.783266, LETTURE SICILIANE
tel. 02.83249690, www.gebruederthonetvien- www.luceplan.it www.porro.com Gordon Guillaumier,
www.canovamilano.com, na.com Lucia Massari via Bramante 29, Milano,
www.carlhansen.com Gervasoni Castello 4877, Venezia, R tel. 02.33104689,
Cassina viale del Lavoro 88, www.luciamassari.com Recycled Stones www.gordon-guillaumier.com
via Busnelli 1, Meda (MB), Pavia di Udine (Ud), via Alpiano Inferiore 3,
tel. 0362.3721, tel. 0432.656611, M Crodo (Vb), tel. 0324.61295, GARAGE PRIV
www.cassina.it www.gervasoni1882.com Magis www.recycledstones.it David Thulstrup, Aarhusgade
Christophe Delcourt Glas Italia z.i. Ponte Tezze, via Triestina Rimadesio 128, Copenhagen (Dk),
47 rue de Babylone, Paris via Cavour 29, Macherio Accesso E, Torre di Mosto via Furlanelli 96, Giussano tel. +45.33.118076,
(F), tel. +33.1.42713484, (MB), tel. 039.2323202, (Ve), tel. 0421.319600, (Mi), tel. 0362.3171, studiodavidthulstrup.com
www.christophedelcourt.com www.glasitalia.com www.magisdesign.com www.rimadesio.it
Riva 1920 IL SENSO DELLA MISURA
via Milano 137, Cant Lissoni Associati,
(Co), tel. 031.733094, via Goito 9, Milano,
www.riva1920.it tel. 02.6571926,
Roda www.lissoniassociati.com
via Tinella 2, Gavirate (Va),
GENTE n. 17 in edicola dal 23 aprile tel. 0332.7486, HAPPY GUEST
con il ricettario Verdure, che passione!: sane, www.rodaonline.com Patricia Urquiola Studio,
poco caloriche, ma soprattutto buone, sono via Eustachi 45, Milano,
le protagoniste ideali del menu di tutti i giorni. S tel. 02.36768401,
Stuzzicanti ricette per antipasti, pizze e torte Saba Italia www.patriciaurquiola.com
salate, zuppe e minestre, pasta e riso, insalate, via dellIndustria 17,
contorni, e anche per preparazioni originali come San Martino di Lupari (Pd), CONTRASTI E ARMONIE
succhi e centrifugati, burger vegetali, dolci e gelati: tel. 049.9462227, Luca Zanaroli, via Sebastiano
tanti piatti golosi, nuovi, creativi e ricchi di sapore! www.sabaitalia.it Serlio 18, Bologna,
IN EDICOLA CON GENTE A SOLI 8,90 IN PI Salvatori tel. 051.19980164,
via Aurelia 395/e, Querceta www.lucazanaroli.com

443 ELLE DECOR


n.b.
Aprile Nuovi libri di design, architettura, arte & Co.
a cura di Francesco Marchesi

Making Design Copertina fosforescente, da scegliere in tre colori, per raccogliere solo alcuni dei 210.000 pezzi della collezione
di design storico e contemporaneo proposti (a rotazione) dal Cooper Hewitt Museum di New York, recentemente rinnovato (Cooper
Hewitt, 1.060 pp., 54, da LArabesque, tel. 02.781104). Monteverdi: un paese in Toscana Totale rispetto del paesaggio e il
lusso dellautenticit: il borgo medievale di Castiglioncello del Trinoro con il progetto filologico della designer Ilaria Miani recupera
la storia del luogo e si apre a unospitalit al centro della natura (Idea Books, 160 pp., 49, www.ideabooks.com). The Kinfolk
Home Sotto il segno della rivista americana, 35 interni dedicati allo slow living. Funzionali, semplici e fotografati nei diversi
momenti di vita quotidiana (Ouur, 370 pp., 40, distr. Books Import, tel. 02.29400478). The Maker I materiali contemporanei
per la decorazione degli interni interpretati con utilizzi creativi e foto di grande impatto (Murdoch Books, 280 pp., 33, da Books
Import). Kelsey Brookes Psychedelic Space Colori che si compenetrano o si frantumano, prospettive ultraelaborate e giochi
tridimensionali: larte psichedelica dellartista californiano Kelsey Brookes protagonista di un volume ricco di sorprese (Ginkgo
Press, 220 pp., 68, da LArabesque). The Architecture of Jacques Ferrier Prima e doverosa monografia dedicata a uno dei
maggiori ma non ancora celebrati architetti francesi contemporanei. Tra i suoi progetti pi interessanti, il volume delimitato da una
facciata reticolare ideato per il padiglione francese dellExpo di Shanghai (Thames&Hudson, 260 pp., 64, thamesandhudson.com).

Making Design

The Maker

The Kinfolk Home

Kelsey Brookes Psychedelic Space


Foto Ivan Serafino

Monteverdi: un paese in Toscana

The Architecture of Jacques Ferrier

445 ELLE DECOR


Max Papeschi - Welcome

n.b.
to North Korea

Aprile A Milano,
mostre, fiere, vernissage Ca Brtta 1921 - Giovanni Muzio Opera Prima
a cura di Piera Belloni

Welcome to North Korea Un falso comunicato stampa, false


opere, e un vero progetto dartista: quello di Max Papeschi, che
ha ideato la denuncia del regime di Pyongyang attraverso lironia
in collaborazione con Amnesty International (foto, Concetto
Spaziale con Leader). Silbernagl Undergallery, fino al 31/7.
www.welcometonorthkorea.org Ca Brtta 1921 Inaugura
al Castello Sforzesco il 15/4 la mostra-omaggio a Giovanni Muzio
centrata sulla Ca Brtta, emblema della visione tra edificio e citt
dellarchitetto. Con disegni e foto di 29 autori, come Berengo
Gardin, Gastel, Campigotto (qui, il suo scatto). www.cabrutta.it
Herv Van der Straeten Lartista-designer sceglie la galleria
Robilant + Voena per la sua prima volta a Milano, dal 12/4
al 31/5. Con una selezione di 26 pezzi (foto, Lampadaire Epines),
oltre a 4 nuove creazioni, in dialogo con opere di Klein e Warhol.
www.robilantvoena.com Miart Dall8 al 10/4 la fiera dellarte
contemporanea dagli stand dilaga in tutta la citt. 154 le gallerie
divise in 5 sezioni, fra cui Object, dedicata al design (foto, Living
in a chair di Federico Peri, presentato da Nilufar). Fra gli highlight, Herv Van der Straeten
i Miartalks e un lavoro site-specific di Sarah Lucas co-prodotto da
Fond. Trussardi. www.miart.it +elledecor.it Studio Azzurro Le
installazioni pi significative, pi una con protagonista Milano, sono
a Palazzo Reale fino al 4/9 per la retrospettiva dedicata al celebre
gruppo di videoart (foto, Tarkovsky, 1998). In un dialogo tra spazio
e spettatore, che dura da 35 anni. www.palazzorealemilano.it

Studio Azzurro. Immagini sensibili


Foto Max Papeschi - Luca Campigotto - Courtesy Studio Azzurro

Miart - Object

447 ELLE DECOR


n.b.
Aprile Nel mondo, mostre,
appuntamenti, vernissage
a cura di Piera Belloni
o
immaginato

Un museo immaginato a Francoforte 2052, larte


Allan McCollum Photo. Centre Pompidou, MNAM-CCI, Dist. RMN-Grand Palais/Georges Meguerditchian - Courtesy Matthew Barney and Regen Projects, Los Angeles

in estinzione: per salvarne la memoria, viene creato un museo


transnazionale temporaneo. lo spunto per la collettiva allMMK,
con opere dalla propria collezione e da altre due grandi istituzioni,
linglese Tate e il francese Pompidou (foto, Allan McCollum, Plaster
Surrogates, 1985). Fino all11/9. www.mmk-frankfurt.de Matthew
Barney a Oslo Sculture e installazioni dal 1991 al 2015 sono
allAstrup Fearnley Museum fino al 15/5 (foto, Water Cast 12: White
Dwarf, 2015) in una personale che racconta lintero percorso artistico
dello scultore americano. www.afmuseet.no Albini a Parigi Fino
al 30/5 lIstituto Italiano di Cultura rende omaggio al maestro del Matthew Barney - Bildungsroman
design e dellarchitettura, con unampia panoramica sulle opere e la
vita privata. Con il supporto di Cassina, che di Albini ha rieditato una
selezione di progetti (foto, tavolo Cavalletto, 1950). www.iicparigi.
Franco Albini - La sostanza della forma
esteri.it/ +elledecor.it Magali Reus a Torino Debutta in Italia,
alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, la giovane artista olandese
(foto, Kestnergesellschaft, 2014). Fino al 12/6, in mostra i suoi lavori
dove sono rielaborati oggetti di design e uso comune. www.fsrr.org
Cavalletto, design Franco Albini, Collection Cassina I Maestri - 2016 Eames Office, LLC

Gli Eames a Bruxelles Per la sua inaugurazione, il nuovo Art &


Design Atomium Museum indaga un aspetto poco noto dellattivit
della coppia di designer: quella di fotografi sui set hollywoodiani
(foto, con Billy Wilder, 1957). Fino al 4/9. www.adamuseum.be

Eames & Hollywood

Quarters. Magali Reus

449 ELLE DECOR


Elle Decor Italia
International
subscription
Starting from today, you can finally subscribe
to Elle Decor Italia and bring italian style
& design into your home wherever you are...

5 good reasons to make


your choice...
1. Every month you will receive your favourite magazine.
2. It will be despatched directly to your home.
3. No more distances; wherever you live, hundreds or thousands
kilometers away, any place becomes easy to reach.
4. You can take a glance at Italian style, color and warmth.
5. You are constantly informed on ideas, trends, curiosities, news
about design and interior design. But there is more:
new life-styles, famous people and emerging personalities,
art and whatever is related to interiors.

NEW! The subscription also includes browsable digital edition.


So you can now read Elle Decor Italia, including back
issues and enclosures, even online on PCs, MACs and tablets

The unique Elle Decor Italia style


has no boundaries
35% discount if you subscribe to Elle Decor italia online
Starting from today, you can simply click on the Elle Decor Italia cover on the site
www.abbonamentionline.com and you can easily subscribe online.

35% discount:
1 year
10 issues for only 29,25
plus shipping charges.
APRIL 2016

The cover

by Rosaria Zucconi
photos by Max Zambelli
words by Alessandro Valenti
The new Hotel Giulia in Milan,
designed by Patricia Urquiola.
In the lounge, against the
backdrop of the red brick wall,
are the Love me tender sofa,
from Moroso, and the Shimmer
side table, from Glas Italia,
both designed by Urquiola.
The Lady armchair is by
Marco Zanuso for Cassina, and
the custom-made lamp is
by Joe Colombo for Oluce.

English text
97 Elle Deco International Design Awards. 113 Soft Home. 127
Keep an eye on these two. 137 Red clouds. 141 Carsten Hller. 168
Call me Faust. 173 Hella Jongerius. 207 Another story. 216 Camera,
action again! 247 Massimo Vitali. 263 Global appeal. 276 From
Treviso to Eindhoven. 328 Sicilian interpretations. 340 Private garage.
360 A sense of proportion. 372 Happy guest. 384 Contrast
and harmonies. Austere new spaces and the aura of a Thirties villa.
451 ELLE DECOR
CONTENTS OF THE ISSUE

p. 64 A nine-stage tour discovering p. 216 appeal, and ever present in Milan


SOUND AND VISION the most creative parks in Europe. CAMERA, ACTION AGAIN! Design Week. A journey to three
words by Azalea Seratoni Not just plants but also art by Francesca Benedetto creative hubs of Europe discovering
with contribution from installations, micro-architecture photos by Stefano Pavesi their DNA,the personality behind
Piera Belloni and workshops. In close contact words by Filippo Romeo them, the identity of their land
with nature
From the sets by Steven Holl to the Elle Decors film archives p. 328
performances of Francesco Vezzoli. p. 168 of interiors have acquired a new film. SICILIAN INTERPRETATIONS
Sounds stimulate creativity CALL ME FAUST A comedy of errors, set in the elegant by Rosaria Zucconi
and are a source of inspiration for styling by Bettina Rosso interiors of an art collector, with photos by Andrea Ferrari
architecture, performance and design. photos by Settimio Benedusi artistic direction by Silvio Soldini.
Because music is there to be seen words by Paola Carimati A project now on release in Milan The holiday home designed
by Gordon Guillaumier
p. 97 Meeting with Philippe Starck. p. 223 in Noto draws on the richness
ELLE DECO INTERNATIONAL The eclectic French designer reveals MONITOR of the surrounding territory,
DESIGN AWARDS whats new for Milan Design Week. by Paola Carimati with the decorative impact
by Elisa Ossino Studio And confesses: Ive sold my soul of traditional Caltagirone Majolica
photos by Federico Cedrone to design 4 characters, 4 ways of designing: presented in a contemporary way
words by Flavia Giorgi the philosopher who does not yield to
p. 173 appearances and accomplices who p. 340
The designers of the year and the HELLA JONGERIUS dont like to be alone. The PRIVATE GARAGE
top projects in each category. by Paola Carimati neanderthal, a man of few words, by Ana Cardinale
Here are the winners of the 14th and caretakers, memory collectors. photos by Peter Krasilnikoff
edition of the EDIDA prize, New from the Dutch designer at Exceptional ambassadors Oki Sato, and Irina Boersma
awarded by the 25 editions in the Milan Design Week, projects and Raw Edges, Max Lamb, Analogia
Elle Decor network installations that find a balance Project. The protagonists are the Copenhagen. Architect David
between handmade and innovation. new arrivals at Milan Design Week Thulstrup has converted the garage
p. 113 The story of a journey into the world of a former factory into a home.
SOFT HOME of colours and fabrics guided by p. 247 And in the middle, he has grown
by Laura Maggi intuition. And with a sprinkle of magic MASSIMO VITALI a secret garden
by Rosaria Zucconi and
Comfortable and connected. p. 179 Francesca Benedetto p. 350
Technological and soft. IN HIS OWN WAY photos by Paul Barbera/ 2DM SITE SPECIFIC DESIGN
With an interactive exhibition, by Paola Carimati Management for MrPorter.com by Arianna Lelli Mami
Elle Decor Italia presents the home photos by Stefania Giorgi and Chiara Di Pinto/Studiopepe
of the future. A reflection on living The great photographer lives in photos by Andrea Ferrari
and lifestyles in a changing world In the workshop of Lucca, in a deconsecrated church. with the collaboration of
Francesco Faccin: two windows A neutral viewpoint of pictures Sonia Pravato
p. 127 onto the streets of early 1900s of humanity from above
KEEP AN EYE ON THESE TWO Milan. Where talent and rigour Set in a rarefied desert of salt,
by Paola Carimati take strength p. 255 an installation of designer projects
photos by Andrea Garuti NAPLES WITH FLAVOUR from yesterday and today.
p. 189 photos by Nathalie Krag Narrated in a sort of collective
Getting past the 20th century to CREATIVE OBSESSION words by Sonia Cocozza exhibition of contemporary appeal
understand the complexity of the by Paola Carimati Tradition is revived in contemporary
present. The 21st Milan Triennale style in the new bistro, designed by p. 360
as seen in exhibitions by Silvana A journey through the world Giuliano Andrea dellUva, inside A SENSE OF PROPORTION
Annicchiarico and Beppe Finessi designed by Bethan Laura Wood, the famous Scaturchio confectioners by Rosaria Zucconi
the English designer photos by Max Zambelli
p. 137 who transformed herself p. 263
RED CLOUDS into a work of art. Starting GLOBAL APPEAL An elementary, pure, poetic
by Flavia Giorgi with Guadalupe, words by Filippo Romeo architectural form. A project
the new series of pottery vases that appears simple but is complex,
In Palazzo Reale, an all-red After four centuries of history, studied in every detail, sustainable,
multi-sensorial installation by p. 192 Aritas Japanese manufacturing respectful of the surrounding area.
Attilio Stocchi pays homage to the ORCHESTRAL MANOEUVRES confirms an international spirit, An elegant expression of the
atmosphere of Milan, to the photos by Mark Seelen calling 16 designers from sensitivity of Piero Lissoni
dynamism of the working city. words by Filippo Romeo all over the world to work.
Recalling Boccioni, Futurism and the The result is the 2016/ collection, p. 372
painting of the vermilion horse It is the new landmark blending memory and innovation HAPPY GUEST
in Hamburg. Designed by superstars by Rosaria Zucconi
p. 141 Herzog & de Meuron, the p. 271 photos by Max Zambelli
CARSTEN HLLER Elbphilharmonie is a SILICON VALLEY IN THE VENETIAN words by Alessandro Valenti
by Marco Tagliafierro multi-function building that houses LAGOON
portraits by Brigitte Lacombe concert halls, restaurants by Laura Maggi Just a stones throw from
and a hotel. And 45 exclusive photos by Nathalie Krag the Duomo, the new Hotel Giulia
He is one of the most surprising artists residences with a view with interior design by
on the international scene. Until 31 In Roncade, not far from Treviso, Patricia Urquiola embraces
July, HangarBicocca in Milan is the p. 207 an old farm is being turned into an the accessible quality formula.
venue for his presentation of Doubt, ANOTHER STORY incubator for ingenious ideas It translates the themes of memory
his latest great solo with Funfair words by Porzia Bergamasco and Milan-ness into fun and design
effect installations. He gives us a P. 276
sneak preview here Neither a bestseller nor an Olympic FROM TREVISO TO EINDHOVEN p. 384
medal collection. The book by Laura Maggi CONTRASTS AND HARMONIES.
p. 150 celebrating 50 years photos by Nathalie Krag AUSTERE NEW SPACES AND
BEYOND THE GARDEN of B&B Italia investigates THE AURA OF A THIRTIES VILLA
by Filippo Romeo and the reasons behind a success. Via Lausanne: three cities and three by Rosaria Zucconi
Piera Belloni Not just industrial design schools of international photos by Kasia Gatkowska

452 ELLE DECOR


ENGLISH TEXT

Elle Deco International Design All three. The English city of Leicester, where we live, has a wealth
of factories and laboratories. We are proud to support it. It is also
Awards p. 97 true that direct contact with the makers makes it easier to develop
by Elisa Ossino Studio photos by Federico Cedrone ideas and prototypes and the solution for technical problems.
words by Flavia Giorgi Producing in small quantities also limits the consequences of any
errors, while it extends the possibility to freely experiment with
The designers of the year and the top projects in each colours and finishes. What importance do awards play in the
category. Here are the winners of the 14th edition career of young designers? Winning an award gives you
of the EDIDA prize, awarded by the 25 editions in the confidence, confirms you are on the right path. And the greater
Elle Decor network visibility may encourage new clients to believe in your work.
WALL COVERING/ Numi by Konstantin Grcic for Mutina
DESIGNER OF THE YEAR Special, but not brazen, effects, covering the walls in Mutinas
Jaime Hayon/ Already a winner of the EDIDA, this exuberant mood. Konstantin Grcic delivered a collection of porcelain
Spanish designer who creates by playing with real and surreal is stoneware tiles in six pale colours to the Modena-based company:
back in the limelight. His recent projects for &Tradition, Cassina each one partially glazed for a glossy/matte finish that defines its
and Fritz Hansen met with approval. We talk about them with him. geometries. In relief on the matte base, on the other hand, we find
Art, architecture, people and places Where do you get your the patterns of the miniature formats, small sculptures that seem to
inspiration from? From all these sources. Design, art and reflect the designers training as a cabinet-maker. A sophisticated,
architecture are crucial worlds for me. Many of my projects are logical project.
the result of free artistic installations. Behind the lightness and the TABLEWARE/ Voyage en Ikat by Herms
sensation of movement of my Palette Tables (&Tradition), made up The charm of Ikat fabrics, the nuances typical of a dyeing
of different forms, measures and materials, Calder and his mobiles technique that willingly entrusts the final effect to chance,
can be glimpsed. The Raction Potique collection of trays and has crossed centuries and countries and is now reflected in a wide
centrepieces for Cassina celebrates Le Corbusier and is inspired by and refined tableware collection that presents a variety
Villa Le Lac. The use of just one material, black-tinted ash wood, of patterns and sizes. From bowls to plates, teapots to cups,
was an almost religious challenge. But it served to evoke what I the unmistakable style of Herms expresses itself in unusual colour
wanted: the wood of the trees, the breeze off the lake on the combinations, in the golden details that make each piece
leaves, the song of the birds. How has your design evolved over a precious one. L art de la table is made in France.
the years? The essence has remained constant: boldness, a search FLOOR COVERING/ Cementiles by India Mahdavi for Bisazza
for original perspectives, the storytelling behind every object, Oversized graphics, inspired by optical art and the 1970s,
respect for tradition and manual skills - they are all cornerstones for to be put together like a jigsaw, creating new designs and new
my works. But the style has definitely changed: less aggressive and variants. Unusual colours, pastel and liquorice shades mixed
rebellious, more serene, mature and precise. How important is with petrol blue and olive green. India Mahdavi dusts
receiving an award for Jaime Hayon? It is an honour I am proud off the nostalgic effect of classic cement tiles and delivers
of. Much of my work is communicating something: a feeling, an them to the 21st century in sparkling form. Side effect:
idea, a sensation. An award is the proof that you have been a poor material like cement comes again in the collections of a
listened. And appreciated. leading manufacturer of glass mosaics, the ultimate floor covering.
YOUNG DESIGNER TALENT OUTDOOR/ Palissade by Ronan & Erwan Bouroullec for Hay
&New/Jo Wilton and Mirka Grohn/ What do an English sculptor With this collection, consisting of 13 pieces ranging from dining
and a Finnish psychologist have in common? Their admiration for chairs to lounge chairs, tables to benches, the Bouroullecs
Yrj Kukkapuro, Greta Grossman and Eileen Gray. A love for have come up with a complete outdoor furniture system, suitable
quality traditional craftsmanship, a desire to follow it through in a for a wide variety of environments, both public and private.
modern, personal key. This is what led to the creative joint venture While the inspiration is Parisian and comes from the classic outdoor
of Jo Wilton and Mirka Grohn, aka &New, who debut with a chairs by Jardins du Luxembourg, the style is modern, strong
delightful series of steel furniture, already published on Elle Decor and light at the same time, while the material boasts the robustness
Italia n.2/2016: light, playful and in soft colours, a mix of Nordic of steel and the extra protection of a powder coating.
simplicity and British spirit. Design today is often a joint effort. FURNITURE/ Kaari by Ronan & Erwan Bouroullec for Artek
What is the strong point of yours? We dont have the classic There are references to the technique of Alvar Aalto and his famous
training of the designer, our pieces express a naf quality that we L-Leg in the Bouroullecs first collection for Artek. But it is above
try to cultivate. We dislike the superfluous and focus on minimal, all the result of a study into the combination of materials that gives
universal aesthetics. Fun and curiosity are the matrix for our pieces, rise to this new construction system, based on the hybridisation
which we then perfect from a form and function point of view. of solid wood and steel bands. Starting from an angle bracket
Colour plays a primary role in your projects. Why do you think that embraces the contours of the wood and supports its weight,
it is important? Because it breathes life into design. We are always the result is tables, desks, consoles and shelves. Innovation in the
looking for inspiration for new colours in our everyday. We make mood of a long-standing company.
impulse choices so that our colour range is never predictable. You SEATING/ Targa by GamFratesi for Gebrder Thonet Vienna
use local labour for small-series production. A technical, ethical The Italian/Danish duo consisting of Stine Gam and Enrico Fratesi
or economic choice? manages a perfect balancing act, taking the DNA of Gebrder

453 ELLE DECOR


Thonet Vienna and adding two new, interesting links to the chain. On the occasion of Milan Design Week 2016, Elle Decor Italia presents
Curved beech and Vienna straw characterise the Targa sofa and an exhibition/installation resulting from a reflection on living, on the
armchair, developing the typical traditional elements in a changes taking place in the home, offering its own vision of the future to
contemporary form. The painstaking craftsmanship and delicate come. The title Soft Home refers to the double meaning of the term,
colour palette complete the sweet look of a successful project. both as an abbreviation for soft tech and as an attribute of a welcoming
BATHROOM/ Axor One by Edward Barber & Jay Osgerby for and comfortable home. The subtitle Interiors and Digital Experience
Axor-Hansgrohe indicates the endless ways in which latest-generation technology can be
An innovative all-in-one solution. Barber&Osgerby have worked on used, designed and developed by H-Art, a creative studio in Roncade
aesthetic subtraction to concentrate every function necessary for (TV), and integrated into an interior design project by Marcante Testa/
controlling water in the shower in a single interactive element. The UdA Architetti. The route, which winds around Palazzo Bovara, is
temperature and flow volume can be adjusted using the central dial. immersive and highly stimulating thanks to animated images and videos
On the sides, there are three buttons that can also be pressed using (designed by Davide Rapp and Muse Factory of Projects by
the elbow or the back of the hand, activating specific jets (water on Francesca Molteni) and sound effects triggered by the presence of
the head, at the sides). One by Axor is a pure monolithic form. A visitors. Greeted by an indoor Home Garden, we can cross rooms with
personal card for entering the bathroom of the future. evocative names such as Galleria Squillante (where you can listen to the
FABRICS/ Kvadrat/Raf Simons by Raf Simons for Kvadrat sound of the materials), or Cucina Croccante (a real kitchen with virtual
The fashionable touch of Raf Simons and the expertise menus). Dont miss the Design Portfolio digital image gallery, veritable
of Danish company Kvadrat, a leading manufacturer of design portraits of designer objects and furnishings transmitted on LED screens.
textiles, result in a brilliant, sophisticated, high-quality collection. And the Soft Home project also continues on the web, as part of a site
The Belgian fashion designer draws on great classics such as integrated within elledecor.it with a digital catalogue.
tweed and boucl and reinterprets them in a truly original way
through the use of colours and textures. Suitable for use in a wide
variety of indoor environments and creative combinations, they are Keep an eye on these two p. 127
a fresh alternative in the world of fabrics for furnishing. by Paola Carimati photo by Andrea Garuti
BEDDING/ Majal by Carlo Colombo for Flou
The outstanding weave of an XXL ribbon. Or the soft-touch inlays of Getting past the 20th century to understand the complexity of
modern wood panelling. Fabric becomes a source of inspiration the present. The 21st Milan Triennale as seen in exhibitions by
for Carlo Colombo, who designs Majal focusing on the decorative Silvana Annicchiarico and Beppe Finessi
effect of the headboard. An element available in two formats,
aligned at the base in the compact version or extended on the Until 12 September, Milan will be at the forefront of the
sides for greater dramatic emphasis. A project that enhances Flous international debate on the state of design, on the occasion of the
vocation for textiles, without forgetting the practical implications. 21st Triennale International Exhibition titled 21st Century. Design
Such as easy, fully-removable covers. After Design. The aim is to try to understand the complexity of the
LIGHTING/ Superloon by Jasper Morrison for Flos present and identify the changes that are affecting the state of
The clear-cut shape of a disc that diffuses a magical luminous aura health of the world of design. We talked to Silvana Annicchiarico
thanks to LED technology. Like the moon, the projects muse, this and Beppe Finessi, curators respectively of the 9th edition of the
floor lamp rotates 360 degrees around its own axis. But unlike the Triennale Design Museum titled W Women in Italian Design and
night-time satellite, it is not insensitive to human desires: intensity the exhibition Rooms. Novel living concepts, at the Palazzo
and temperature can be adjusted with a dimmer, thanks to an dellArte. The idea is to focus attention again on Italian interiors,
optical sensor on the tripod. Jasper Morrison and his Superloon starting with their bond with architecture. Because it is in the
are light years ahead in terms of class. domestic interiors, these places of experimentation, that you find
KITCHEN/ Finesse by Tokujin Yoshioka for Toyo Kitchen Style the first objects that went on to be manufactured, explains Beppe
From kitchen for storing to kitchen for showing. Tokujin Yoshioka Finessi. For this exhibition, we chose the metaphor of the karstic
captures the hedonistic ambition of the kitchen of the future, which river. It is set up like the course of a river that flows from the
aspires to show itself off in its entirety. The practical need for entrance room for the whole length of the semi-circle: timid, like the
storage is resolved by the designer with a linear, completely presence of women at the beginning of the 20th century, and in full
transparent unit, and through the smoked glass, the gaze is free to flood before it pours out into the world, underlines Silvana
roam over dishes and cooking utensils. Container and contents Annicchiarico, continuing: We need to recognize that the 20th
share the stage, co-stars in an extremely beautiful project. century has fostered the removal of the female. We urgently need
to re-set the past scenario and to bring back equality. Beppe
Finessi has also chosen to bring designs and ideas together in an
Soft Home p. 113 original way in his display in the semi-circle on the ground floor.
by Laura Maggi The room is the foremost living unit, the foremost place of
architecture. Rooms. Novel living concepts is the display of 11
Comfortable and connected. Technological and soft. living modules freely interpreted by 11 Italian designers, different in
With an interactive exhibition, Elle Decor Italia style, approach and language, Finessi points out. But why are we
presents the home of the future. A reflection on living and only now coming back to the subject of interiors? The architecture
lifestyles in a changing world of interiors has always been considered a less important part of the

454 ELLE DECOR


ENGLISH TEXT

mother subject. Although, actually youll find that all the great offering two different ways of interpreting the work. Where did the
Italian architects of the 20th century taught design at university. In idea of an exhibition on doubt come from? For a while now I
the past, it was in this dimension that people first experimented with have been interested in the idea of doubt as a component of the
furniture objects that later went into production. For example, the human condition. Formed by bulbs that light up intermittently, the
Carimate chair by Vico Magistretti was created for an interior, Y installation can be followed all the way, causing doubt about
before being put into production by Cassina. All this happened the direction to take. All the pieces on show share the fact of being
partly because there werent many companies and partly because devices that interact with the visitors. How much of what you do
you learned the design trade in the schools of architecture. The link leaves the user free to choose and how much is piloted by you?
was broken when the first schools of design were set up twenty Many people think that my works must be experimented, but thats
years ago. With this dual track scenario, whereby the faculties of not the whole story. There is also a contemplative component:
architecture and architects have gone back to focusing mainly on I build public installations for the public; I am interested in seeing
buildings, while the design world is increasingly being supplied by how people relate to them. And the visual result is all part and
young designers trained in dedicated schools, the territory of parcel. www.hangarbicocca.org
interior design is finally free to express itself. 21triennale.org

Call me Faust p. 168


Red clouds p. 137 styling by Bettina Rosso photos by Settimio Benedusi
by Flavia Giorgi words by Paola Carimati

In Palazzo Reale, an all-red multi-sensorial installation by Meeting with Philippe Starck. The eclectic French designer
Attilio Stocchi pays homage to the atmosphere of Milan, to the reveals whats new for Milan Design Week. And confesses:
dynamism of the working city. Recalling Boccioni, Futurism and Ive sold my soul to design
the painting of the vermilion horse
Design is a tool to help others. I dont care about the project in
Red is the colour of movement, energy, effort. Vermilion is the itself, but rather the impact that what I design has on people.
horse dominating one of Boccionis famous paintings. Red, This is the reflection of Philippe Starck on the world he works in.
finally, is the cloud of metallic tubes that will be placed in the We meet him in Milan, in the Driade showroom, with one of his
square of Palazzo Reale, putting a spotlight on Milanese latest projects at the Salone del Mobile: the Wow Royalton sofa.
industriousness. Behind the interweaving that gives life to this He tells us how he has worked in recent months and what new
installation-exhibition and the Milan Pavilion is Attilio Stocchi. For things he will be presenting. Everything revolves around the theme
an event like the XXI Triennale International Exhibition, there had to of essentiality, a return to the true identity of things. For Driade,
be an area that illustrated the City, representing its active and he focuses on comfort and empathy. Wow is the name of the sofa,
industrious atmosphere, the architect says. But there is also but also the exclamation you make when you dive onto it.
another anniversary at the same time: one hundred years since the My idea of living is nomadic: the right place for a sofa is the
death of Umberto Boccioni, who dedicated to the impetuous kitchen, where you can drink a glass of wine, have a chat and
fluidity of urban life works such as Work, featuring a vermilion socialise. A decidedly futuristic interpretation that does not
horse. The identity of Milan can also be read in the movement and sacrifice the warmth of human relations. Cinemascope, the swivel
power of that horse, Stocchi observes. And the owner of Kartell, armchair with ottoman, but also the Lou series for Driade, aim to
Milan-born Claudio Luti, gave the initiative the companys full encourage empathy. The new creations produced with other
support. A project that exalts the savoir faire of Milan, its ability companies also revolve around the theme of essentiality.
to interpret the values of a unique industrial system, he explains. I go back to the archetypes of public places to create a new chair
for Kartell. For Glas Italia, I explore the poetic power of glass and
for Cassina, the elegance of a timeless charm.
Carsten Hller p. 141 The future? Id like to design something that can save peoples
by Marco Tagliafierro portraits by Brigitte Lacombe lives. Im like Faust. Ive sold my soul to this mental deviation
called creativity. www.starck.com
He is one of the most surprising artists on the international
scene. Until 31 July, HangarBicocca in Milan is the venue for
his presentation of Doubt, his latest great solo with Funfair Hella Jongerius p. 173
effect installations. He gives us a sneak preview here by Paola Carimati

Work by Carsten Hller (Brussels 1961) entails direct engagement New from the Dutch designer at Milan Design Week, projects
of visitors with the exhibits, arousing different states of mind and and installations that find a balance between handmade and
bringing alive new takes on reality. Doubt is the title of his solo in innovation. The story of a journey into the world of colours
HangarBicocca in Milan, running until 31 July. We met him while it and fabrics guided by intuition. And with a sprinkle of magic
was being set up. What ideas did you get from the location?
I decided to divide the two aisles in here into sections accessible Dutch but with a studio/workshop in Berlin, Hella Jongerius, art
through different entrances to give a dual visitor route: in this way director of Vitra and Danskina, is an undisputed star on the

455 ELLE DECOR


international design scene. On the occasion of the Salone del Camera, action again! p. 216
Mobile, we see her involved in the Colour Machine installation by Francesca Benedetto photos by Stefano Pavesi
in the Casa Vitra pop up store, in the collaboration with the Dutch words by Filippo Romeo
company Danskina, for which she designs the Cross and Cocoon
rug collections, and in the A Search Behind Appearances Elle Decors film archives of interiors have acquired a new film.
installation produced for La Rinascente with Serpentine Galleries, A comedy of errors, set in the elegant interiors
with which she showcases the behind the scenes of the world of of an art collector, with artistic direction by Silvio Soldini.
design in the department stores windows. The installation came A project now on release in Milan
about from the idea that the value of design is not that which
corresponds to the market, but that which is often not visible at Another film. Another interior to describe, not in the pages of our
first glance. Everything revolves around the projection of letters magazine, but through the eye of the movie camera. To follow last
and objects onto screens made of fabric: shapes and colours in years experience with the short films Marina and Swing, here is
constant motion are transformed into words, phrases and stories a new production. Its by OffiCine again, this time with the young
that reveal what is behind appearances. Then go back to how director Alessandro Sampaoli, and with artistic direction by Silvio
they were. The textiles, made by Jongeriuslab, celebrate the Soldini. The new mini-film, produced in collaboration with Baxter,
synthesis between handmade and the most advanced weaving has the title Al posto suo.
technology. A labour of love whose aim is to bring attention to Ever since we opened our new showroom in the former President
the role played by ethics in designing. www.jongeriuslab.com cinema in Milan, the bond between our brand and the silver screen
has become really strong, and it seemed natural to support this
initiative, Paolo Bestetti, Baxters CEO tells us. The short film is a
Another story p. 207 comedy of errors set in the home of an art collector, who asks the
words by Porzia Bergamasco maid to pretend to be his fiance.
The choice of location was crucial. From the homes covered in our
Neither a bestseller nor an Olympic medal collection. magazine, we chose the Milan home of Luca Bombassei, architect
The book celebrating 50 years of B&B Italia investigates and art collector.
the reasons behind a success. Not just industrial The centre of action is the living room, featuring the master of the
houses striking collection of pieces (both in fiction and reality),
An important volume, an investigation into the reasons behind the with a sofa designed for Baxter by Vincenzo De Cotiis playing a
success of B&B Italia, the motives of those who contributed to it and central role. The story develops in a series of witty scenes and in all
what there is to learn from them, the author starts by saying. The the sequences, the interiors are themselves actors in the film.
reason for the book La lunga vita del design in Italia. The project can be seen from 12/4 at the Baxter Cinema in L.go
B&B Italia 50 anni e oltre, written by Stefano Casciani with Augusto, Milan, www.baxter.it and at Palazzo Berri Meregalli in
cameos from Ferruccio De Bortoli, Renzo Piano and Deyan Sudjic Luca Bombasseis new studio, Via Cappuccini 8, www.
is the 50th anniversary of the company established in the heart of lucabombassei.com
the Brianza area, the result of the distinctly industrial vision of Piero
Ambrogio Busnelli. An anniversary also celebrated with Massimo Vitali p. 247
The Perfect Density exhibition at the Milan Triennale, until 17 by Rosaria Zucconi and Francesca Benedetto photos by Paul Barbera/
April. Renzo Piano recalls how, in 1970, the building that is home 2DM Management for MrPorter.com
to the companys offices came into existence, before work even got
underway on the Centre Georges Pompidou in Paris, which The great photographer lives in Lucca, in a deconsecrated
resembles the building in Novedrate so closely. Deyan Sudjic, on church. A neutral viewpoint of pictures of humanity from above
the other hand, points out: Observing the chronological evolution
of design, through the lens of B&B Italia production over these fifty One of the most famous contemporary Italian photographers,
years, means looking at a social and architectural story of our time, Massimo Vitali lives in Lucca, in a deconsecrated fourteenth-
an analysis of the ways in which living has evolved and ways in century church, renovated by the architect Paola Sausa, from
which we can redefine its tools. Polyurethane and resins are two Momus. I love this place because, rather like my photos, it stands
such tools. Materials for which the industrialist Busnelli previewed up to the test of time while preserving traces from the various eras
applications and developments, crowned by unforgettable and the use made of it in the past, says Vitali. The beginning.
successes. Casciani accompanies us through the 70s and 80s in One day I took a photo of a beach in Marina di Pietrasanta. That
meeting such nodal figures as Antonio Citterio. We then come to first image of mine captured moments of freedom, leisure,
the 21st century with the decor created by new designers worthy of expectation. My beach series brought me visibility and
continuing the story which in 2014 felt a sharp jolt with the death of recognition.
Piero Ambrogio Busnelli. My great dad, is the simple description The viewpoint. Neutral. I look on from afar. The colours are pale,
from Giorgio who is now at the helm of the family business. not intense. I can relate to a definition of a photographer who takes
The book: La lunga vita del design in Italia. B&B Italia 50 anni e photos of people from above without feeling superior. The
oltre. The exhibition: The Perfect Density at the Triennale, until 17 technique. I stand on a 5-metre tall rolling scaffold and use film
April. The video: La poesia nella forma, from 12 to 17 April, at cameras. I also use digital cameras, which give me greater
B&B Italia Milan Store. www.bebitalia. com freedom. The present. I am doing more and more work

456 ELLE DECOR


ENGLISH TEXT

commissioned by American magazines. A recent example Italy. Furthermore, the peaceful surroundings encourage focus on
are my photos of refugees at the Hungarian border for Time. the development of a personal language on an international
Projects. I dream of a drawer to hold all the photos I have scale. Alexis Georgacopoulos, manager of the ECAL in
taken in 22 years. A user-friendly archive accessible to all Lausanne, talks about the schools DNA, characterised by
aficionados. www.massimovitali.com creativity, curiosity, energy and humour, the mission to offer
training for the industry and to give students the necessary tools
to translate thought into high quality projects. In the DAE in
Global appeal p. 263 Eindhoven, Thomas Widdershoven, creative director and
by Filippo Romeo chairman, remembers we teach designers how to connect with
the world around them. It spurs change, our students have to
After four centuries of history, Aritas Japanese manufacturing study alternatives in the field of design and leave the next step of
confirms an international spirit, calling 16 designers from all creation to society and the public.
over the world to work. The result is the 2016/ collection, For information: www.comune.treviso.it, www.svizzera.it, www.
blending memory and innovation lausanne-tourisme.ch, www.holland.com, www.eindhoven365.nl

A small city on the island of Kyushu, in southern Japan. It was here,


in Arita, that the manufacture of Japanese porcelain began in the Sicilian interpretations p. 328
17th century. And it is here that now the tradition has been revived, by Rosaria Zucconi photos by Andrea Ferrari
with a focus on contemporaneity and research. And on an
encounter between East and West, which started out four years The holiday home designed by Gordon Guillaumier in Noto
ago with the collaboration between the creative director Teruhiro draws on the richness of the surrounding territory,
Yanagihara and the Dutch duo Scholten & Baijings, and is with the decorative impact of traditional Caltagirone Majolica
confirmed this year with the 2016/ collection, on show during presented in a contemporary way
Milan Design Week with a preview on the pages that follow. The
fusion between the culture of the place and a global appeal came Sicily reminds designer and architect Gordon Guillaumier of his
about as a result of an invitation extended to 16 international native island of Malta, but he also finds much that is different. Its
designers to come up with their collection only after having a small continent that always surprises me with its contradictions
internalised the soul of Arita. Experience gained thanks to a series and its enormous wealth of places and people. He was asked to
of workshops in close contact with local craftsmen and factories. come up with a new concept of holiday home in the vicinity of
We encouraged the designers to combine handmade articles with Noto: warm and inviting but essential, practical but exciting. Its
new technologies, to fuse together traditional craftsmanship and a combination of elements that the designer has succeeded in
innovative techniques, confirm Scholten & Baijings. This gave rise achieving, with the use of local labour which managed to show
to more than 300 pieces (table accessories, plates, jugs, bowls, sensitivity and an open mentality in creating innovative projects.
vases, containers) available in 16 mini collections divided into two The bond with the landscape is uninterrupted, with spaces carved
types: the Standard series, everyday objects at an affordable cost, out so that they link interior and exterior. In the living room, the
and the Edition pieces, which express sophistication and attention surprise element is an entire wall of majolica tiles, hand-painted
to detail acquired over the centuries. www.2016arita.com with Gordons own designs, in which the fireplace is set. The
visual interplay of the decoration generates movement, softens
the linearity of the architecture and adds warmth to an
From Treviso to Eindhoven p. 276 environment of predominantly neutral tones. I chose majolica,
by Laura Maggi photos by Nathalie Krag with its links to the Arab-Sicilian culture, for its bright, sensory
aspect. Hand-crafted Caltagirone majolica is also used in the
Via Lausanne: three cities and three design schools of kitchen-dining-room: here the style is more architectural,
international appeal, and ever present in Milan Design Week. influenced by the use of clinker tiles, in vogue during the 1960s.
A journey to three creative hubs of Europe discovering their
DNA, the personality behind them, the identity of their land
Private garage p. 340
Design is the common theme linking the three creative hubs - by Ana Cardinale photos by Peter Krasilnikoff and Irina Boersma
Fabrica, ECAL and DAE which each year participate in Milan
Design Week. We went there to meet the managers, teachers and Copenhagen. Architect David Thulstrup has converted the
students, to explore classrooms and laboratories, to report on the garage of a former factory into a home. And in the middle
backstage goings-on of a number of projects. Broadening our he has grown a secret garden
view over the territory in which they live and work. Sam Baron,
manager of Fabricas design department, tells us: I consider Converting a 1930s pencil factory into a contemporary home in
Treviso a crossroads where research and creativity mix in a Islands Brygge, a district of Copenhagen that has become trendy
harmonious blend with a real quality of life. The multiplicity of in recent years, corresponded perfectly to the aspirations of
cultures and international talents that Fabrica brings together is photographer Peter Krasilnikoff, attracted by unconventional
generating an interesting contrast with the local life of Northern situations. The story began in 2000, when Krasilnikoff decided

457 ELLE DECOR


ENGLISH TEXT

to buy the abandoned factory where he currently lives. I quality formula. It translates the themes of memory and
thought that it would be the ideal location for a photography Milan-ness into fun and design
studio, explains the owner, who however did not begin the
project immediately. After a few years, he commissioned A womans name, a strategic position, interior design that is all
architect David Thulstrup to build his private home in what was about understatement, spacious rooms and a welcoming lobby:
once the buildings garage. To build the house, Thulstrup this is the new hotel in Milan designed by Patricia Urquiola for
skilfully wove together an industrial past and a residential the Room Mate chain. She tells us about it herself. The project is
present, focusing on the free passage of light. The result is the outcome of my friendship with Kike Sarasola, a Spanish
designed around a bright, open atrium and lush vegetation. businessman who has launched an innovative hotel concept,
The idea was precisely to create a central oasis, confirms the which today has become an international chain. We had been
architect. The furniture, chosen with care, blends simplicity and talking for a while about working together on definition of an
clean lines. Designed by Rietveld or Paulin, there are of course accessible yet quality hospitality model. The hotel is housed in a
some iconic pieces. And iconic is an adjective that also applies fairly austere-looking period building, formerly a banks offices.
to Peters car. Which no longer fits in the former garage. We wanted to jolly up the architecture a little, introducing the
theme of Milan-ness. Also through use of materials: the typical
terrazzo floor of the cafs, the ribbed glass windows, brass-effect
A sense of proportion p. 360 details. And then there are pieces by the maestros of Italian
by Rosaria Zucconi photos by Max Zambelli design, the use of colour, and a series of household objects
including souvenirs of the Duomo and postcards here and there.
An elementary, pure, poetic architectural form. A project that And the rooms? Big, comfy, with a vintage feel. We had fun
appears simple but is actually complex, studied in every detail, mixing panelling from the past with checked wallpaper that looks
sustainable, respectful of the surrounding area. An elegant like maths exercise books. And she adds: For the furnishings we
expression of the profound sensitivity of Piero Lissoni worked with Cassina, focusing on the lightness of the system. The
designer became art director for this brand last September and
In Tuscany, architect Piero Lissoni has brought together past and has chosen to involve it in the creation of bespoke pieces.
present, tradition and innovation, using an original language. I
have never thought about designing just any house, but The
House, a pure, elementary, simple architectural form. Architect Contrasts and harmonies.
Andrea Piazzalunga, who collaborated on the project, goes into
detail: The building is a neat volume, with a gable roof. The Austere new spaces and the aura
reinforced concrete walls and roof have been pigmented with
oxides from the surrounding area to blend in with the local of a Thirties villa p. 384
colours. The project took a long time to complete and was an by Rosaria Zucconi photos by Kasia Gatkowska
intense experience, alternating moments of euphoria and
tiredness because, as Piero Lissoni explains, architecture is a From the outside it has the charm of the classic 1930s villa,
thrilling, complicated game, you have to have a sense of standing in a garden in the Bologna hills. Architect Luca Zanaroli
proportion and responsibility. The interiors are immaculate chose the second floor with terrace for his home, and has
thanks to plasterboard wall linings hiding the systems and with redesigned it as a contemporary city apartment, austere and
sliding shutters inside. The floors are all made from industrial oak. essential in character. I chose this space because it allowed me
And there is only one bedroom, guarding over relaxing solitude. to design a new architecture in contrast with an outer shell that
And yet the house is a place that is open to conviviality, with a preserves all the stylistic features of the period intact. Such as the
chefs kitchen designed for Boffi by the owner himself. Who ends sequence of 20 windows running along the external walls.
by saying: In the countryside, the silence is dense, time goes by Having removed the walls that broke up the space into many
quickly. From the floor to ceiling windows, I enjoy the sunrise, the different rooms, I designed new spaces using natural iron
sunset, the stars, the moon, which bring colour to the days and sheeting. The bathroom is a box of black iron. The same material
nights. As an architect and designer, I chose every object, rugs, is used in the corridor for the dividing bookcase, that also
photographs, sofas and no intrusive furniture so as not to interrupt incorporates the doors of the childrens rooms. And again, the
the sense of transparency between the rooms and the surrounding glass sliding doors have a slender iron frame that gives them a
nature. The house in Tuscany, like all the architecture designed sense of lightness. The previous inhabitants had walled up two
by Piero Lissoni, is silent, simple and complex at the same time. windows in order to have at least one wall where they could
stand the classic living-room furniture! I overcame the obstacle
though creating the new spaces and choosing a few low pieces
Happy guest p. 372 of furniture, such as office units in the living-room and kitchen.
by Rosaria Zucconi photos by Max Zambelli There are some vintage pieces of furniture with innovative designs
words by Alessandro Valenti from what I like to call Mums collection, such as the
Le Bambole sofas by Mario Bellini, reissued by B&B Italia, and
Just a stones throw from the Duomo, the new Hotel Giulia with some items by Gavina and Arteluce. My mother was the one who
interior design by Patricia Urquiola embraces the accessible gave me my passion for architecture and design.

458 ELLE DECOR